Tutti gli articoli di DonneCultura

The director of the school and the teachers suggested the study of art and architecture, but the family would not allow it. Begins studying phisical education and presents the thesis on nutrition in collaboration with the rector of the Università Statale of Milan: prof. Rodolfo Margaria. Subsequently different experiences in the field of travel and tourism and a course at the University Bocconi lead to a job as an official at the office of the Spanish Ministry of Tourism, in Milan. In 1988 the author started working with the publisher De Agostini for the encyclopedia "Knowing The World" as a journalist. Below are other collaborations with various newspapers and magazines: Orobie Corriere del Ticino, Ticino Donna Manager, Como rivista, Il Borgo, Le Scienze ... In 2011 the author obtained a Diploma of Second Level in Techniques of Engraving-Graphic Art, at the Academy of Fine Arts of Brera, Milan. So she continued her studies and works of art which, however, had never left out though the different occupations . Today is editor and publisher of www.donnecultura.eu. At the link http://www.donnecultura.eu/?p=382 of www.donnecultura.eu, his works of art and a list of exhibitions.

Salute a Monza – Convegno – gratuito – aperto a tutti

NUOVE FRONTIERE IN MEDICINA: SI PARLERA’ DI APPROCCI “PAZIENTE-
Convegno – gratuito – aperto a tutti

CENTRICI” IL 3 E 4 OTTOBRE, AL SYNLAB CAM MONZA

Due incontri rivolti a pubblici differenti, ma uniti da un obiettivo comune: approfondire una nuova tipologia di medicina, capace di indagare il passato e il presente del singolo paziente, al fine di orientare in maniera personalizzata prevenzione e cure.

C’è grande fermento presso la sede di Viale Elvezia di SYNLAB CAM Monza, in vista del 3 e 4 ottobre, date in cui la struttura ospiterà due appuntamenti, uno rivolto ai medici e l’altro al pubblico, finalizzati a indagare le più attuali frontiere della medicina e, più precisamente, di quella medicina cosiddetta “paziente-centrica”.

Le nuove medicine – omiche per il Benessere” è il titolo del convegno gratuito e aperto a tutti che si terrà mercoledì 4 ottobre alle ore 19:30 presso l’Auditorium della sede monzese di Viale Elvezia.

Al centro dell’attenzione una “nuova medicina”, che consente di essere più consapevoli del proprio stato di salute e di conoscere le proprie suscettibilità individuali per modificare di conseguenza i quotidiani stili di vita.

Il paziente diviene così protagonista del proprio percorso di miglioramento e responsabile del proprio benessere, grazie a un approccio totalmente personalizzato: discipline emergenti come la Genomica, la Metabolomica, la Microbiomica e la Proteomica permettono oggi di cogliere la complessità e specificità del singolo, per costruire un iter di salute unico e irripetibile.

Durante il convegno si rifletterà sugli attuali strumenti diagnostici e predittivi, sulle applicazioni pratiche ad aspetti di vita quotidiana, fino ad approfondire “IO Medicina su Misura”: un servizio innovativo di medicina personalizzata presentato da SYNLAB CAM Monza in anteprima a giugno qualennpercorso unico sul territorio, dedicato a chi desidera diventare protagonista della propria salute.

La serata sarà avviata dal dr. Maurizio G. Biraghi – Specialista in Oncologia e Responsabile Medico delservizio “IO Medicina su Misura”, Synlab-CAM Monza e dalla dr.ssa Cristina Varesi – Medico Chirurgo Specialista in Idrologia Medica, Synlab-CAM Monza. Si proseguirà con la “lettura magistrale” del prof.Vassilios Fanos – Ordinario di Pediatria e Direttore della Scuola di Specializzazione in Pediatria dell’Università degli Studi di Cagliari, ritenuto oggi uno dei maggiori esperti di Metabolomica Clinica e Microbiomica. Prenderà parola poi la dr.ssa Cristina Lapucci – Responsabile Genetica e Biologia Molecolare Synlab Italia-, che approfondirà l’esperienza di Synlab nella genetica predittiva per il benessere. La serata si concluderà con un approfondimento del nuovo servizio “IO Medicina su Misura”.

Per partecipare al convegno, gratuito e aperto a tutti, è richiesta la conferma della propria presenza alla Segreteria Organizzativa, via email all’indirizzo sara.casati@synlab.it oppure telefonicamente al numero 039 2397450.

L’incontro del 4 ottobre sarà preceduto da un convegno scientifico accreditato per la formazione continua in Medicina che si svolgerà il giorno precedente e sarà rivolto ai Medici di Famiglia e ad altri specialisti. “Dal genoma alla metabolomica attraverso il microbiota”: questo il titolo del corso ECM patrocinato dall’OMCeOMB – Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Monza e della Brianza che si terrà martedì 3 ottobre dalle 19:00. Un momento di formazione mirato ad approfondire il nuovo paradigma scientifico che si sta profilando all’orizzonte della pratica clinica e che chiama tutti gli addetti ai lavori a confrontarsi con una nuova tipologia di medicina: non più solo epidemiologica, ma personalizzata; non solo descrittiva, ma predittiva, capace di essere prospettica e preventiva, piuttosto che solo reattiva e, soprattutto, “partecipata”.

Al corso ECM prenderanno parte in veste di relatori
il prof. Vassilios Fanos – Professore ordinario di Pediatria e Direttore della Scuola di Specializzazione in Pediatria dell’Università degli Studi di Cagliari;

Editor-in-Chief del Journal of Pediatric and Neonatal Individualized Medicine; il prof. Lorenzo Drago –

Professore Associato di Microbiologia Clinica, Università degli Studi di Milano e Responsabile del

Laboratorio di Microbiologia Clinica nella medesima struttura, il dr. Maurizio Biraghi – Specialista in

Oncologia e Responsabile Medico del servizio “IO Medicina su Misura” Synlab-CAM Monza; il dr. Stefano

Fortinguerra – Specialista in Tossicologia e Responsabile del Servizio di Medicina Personalizzata Gruppo

Data Medica-Synlab Padova e il prof. Vittorio Sironi – Professore di Storia della Medicina e della Sanità,

Direttore del Centro studi sulla storia del pensiero biomedico, Scuola di Medicina e Chirurgia – Università degli Studi di Milano Bicocca e Medico di Medicina Generale Distretto di Seregno (MB).

L’iscrizione al corso ecm avviene attraverso il portale www.ecmlive.it
Per informazioni
SYNLAB CAM Monza Federica Gironi | +39 039 23971 | www.cam-monza.com

Arte a Novara – Dal Rinascimento al Neoclassico – Le stanze segrete di Vittorio Sgarbi

Castello di Novara

Mostra Dal Rinascimento al Neoclassico.

Le stanze segrete di Vittorio Sgarbi in cui saranno  esposti oltre 120 capolavori della storia dell’arte italiana dal Quattrocento all’Ottocento della collezione Cavallini-Sgarbi che comprende, tra gli altri, artisti come Niccolò dell’Arca, Lorenzo Lotto, Guercino, Guido Cagnacci, Baciccio, Artemisia Gentileschi, Lorenzo Bartolini, Francesco Hayez.

Questa è anche una grande occasione per la città, perché finalmente dopo oltre un decennio di restauro il castello visconteo, vero fiore all’occhiello di Novara, è stato riaperto e ridonato ai suoi cittadini.

Dal 21 Settembre 2017 al 14 Gennaio 2018

Dopo aver acquisito, dal 1976, 2800 titoli dei 3500 elencati da Julius von Schlosser nella sua La letteratura artistica, Vittorio Sgarbi capisce “che quadri e sculture potevano essere più convenienti e divertenti del libro più raro”.
Questa illuminazione scaturisce dall’incontro con Mario Lanfranchi, collezionista maestro perfetto, il primo dei tanti da lui incontrati dopo aver abbandonato il dogma universitario che lo aveva indotto a “guardare le opere d’arte come beni spiritualmente universali ma materialmente indisponibili”.

Così, dal 1983, incrociando il San Domenico di Niccolò dell’Arca, Sgarbi decide che non avrebbe “più acquistato ciò che era possibile trovare, di cui si poteva presumere l’esistenza, ma soltanto ciò di cui non si conosceva l’esistenza, per sua natura introvabile, anzi incercabile.” Come lui stesso afferma “la caccia ai quadri non ha regole, non ha obiettivi, non ha approdi, è imprevedibile. Non si trova quello che si cerca, si cerca quello che si trova. Talvolta molto oltre il desiderio e le aspettative”.

Da questo irrefrenabile impulso, strettamente connesso all’irrinunciabilità della bellezza e al profondo amore per la propria terra, da questo collezionismo “rapsodico, originale, che ambisce a rapporti esclusivi con le opere come persone viventi”, è sorta, incontro dopo incontro, una vera e propria summa dell’arte italiana, tra pittura e scultura, dal XIII secolo ai giorni nostri: un coltivato assortimento (e accanimento) che riflette la cultura ampia e multiforme di chi ha rintracciato, acquisito, studiato e in ultimo protetto i preziosi tasselli che lo compongono.

Come osserva il curatore della mostra Pietro Di Natale:l’arte ha una funzione culturale, è autenticamente cultura animi, e per questo non è solo utile, ma anche necessaria nel percorso di ogni uomo. Una collezione d’arte privata è dunque la fondazione di un sistema simbolico, la creazione di una palestra per l’anima, un luogo dove si materializzano scelte intime, meditate e, talvolta, sofferte. Sovente si dimentica che la sua più alta vocazione sia quella di accogliere il pubblico, di offrirsi agli sguardi, di raccontare la propria storia”.
Questo accade dunque al Castello di Novara, dove saranno esposte oltre 120 opere, tra dipinti, disegni e sculture, dalla fine del Quattrocento all’Ottocento.

La mostra, dedicata a Rina Cavallini, madre di Vittorio Sgarbi, vuole dar conto in primis della peculiare e complessa “geografia artistica” della nostra nazione; saranno rappresentate infatti le principali “scuole” italiane: lombarda (Giovanni Agostino da Lodi, Morazzone, Schivenoglia, Francesco Hayez), marchigiana (Johannes Hispanus, Cola dell’Amatrice, Battista Franco, Giovanni Francesco Guerrieri, Simone Cantarini, Andrea Lilio, Sebastiano Ceccarini, Giovan Battista Nini, Francesco Podesti), veneta (Pietro Liberi, Johann Carl Loth, Simone Brentana, Enrico Merengo), ferrarese (Nicolò Pisano, Garofalo, Giovanni Battista Benvenuti detto l’Ortolano, Sebastiano Filippi detto Bastianino), emiliana e romagnola(Niccolò dell’Arca, Francesco Marmitta, Ferraù Fenzoni, Guercino, Matteo Loves, Guido Cagnacci, Anna Morandi Manzolini, Giacomo Zampa, Mauro Gandolfi), toscana (Giovanni Martinelli, Giacinto Gimignani, Pietro Paolini, Simone Pignoni, Alessandro Rosi, Onorio Marinari, Giuseppe Moriani, Pietro Balestra, Giovanni Duprè), romana (Cavalier d’Arpino, Artemisia Gentileschi, Pseudo Caroselli, Bernardino Nocchi, Giuseppe Cades, Antonio Cavallucci, Innocenzo Spinazzi, Agostino Masucci).
L’avvincente percorso offrirà al visitatore un’ampia panoramica sulla natura e sulla funzione di dipinti e sculture (pale d’altare, quadri “da stanza”, miniature, bozzetti e cartoni preparatori, etc…), nonché sui soggetti affrontati dagli artisti, da quello sacro, alle raffigurazioni allegoriche e mitologiche (Ignaz Stern, Simone Pignoni, Filippo Comerio, Vincenzo Morani), dal ritratto (Lorenzo Lotto, Luciano Borzone, Philippe de Champaigne, Ferdinand Voet, Baciccio, Pier Leone Ghezzi, Giorgio Domenico Duprà, Giovanni Antonio Cybei, Giacomo de Maria, Lorenzo Bartolini, Raimondo Trentanove, Vincenzo Vela), al paesaggio e la veduta (Jan de Momper, Giuseppe Bernardino Bison, Antonio Basoli, Giuseppe Bernardino Bison), alla scena di genere (Eberhart Keilhau detto Monsù Bernardo, Matteo Ghidoni detto dei Pitocchi).

NOVARA

LUOGO: Castello di Novara

CURATORI: Pietro di Natale

ENTI PROMOTORI:

  • Comune di Novara
  • Fondazione Castello

COSTO DEL BIGLIETTO: Intero € 10, Ridotto € 7 (Over 65, Under 26; Gruppi 15-25 persone, studenti universitari), Scuole € 5. Gratuito Bambini fino a 6 anni; diversamente abili (invalidi e grandi invalidi) e un accompagnatore per chi lo necessiti; giornalisti professionisti e pubblicisti mediante presentazione della tessera dell’Ordine solo previo accreditamento presso l’ufficio stampa della mostra (SECPR), guide turistiche mediante presentazione del patentino

TELEFONO PER INFORMAZIONI: +39 0321.394059

E-MAIL INFO: info@turismonovara.it

SITO UFFICIALE: http://www.lestanzesegretedivittoriosgarbi.it

 

Arte a Lugano – LAC – Focus India

Focus India

Ad aprire la terza stagione del LAC ( Lugano CH ) un progetto trasversale fra arti visive, musica, danza, cinema e tanti appuntamenti dedicati ai molteplici aspetti della cultura indiana.

Grande mostra Sulle vie dell’illuminazione.

 

Il mito dell’India nella cultura occidentale 1808-2017, in programma dal 24 settembre 2017 al 21 gennaio 2018
24 settembre 2017 – 21 gennaio 2018 LAC Lugano Arte e Cultura

Focus India è un progetto esteso che, fino al 21 gennaio 2018, vedrà il centro culturale incentrato sull’India e sull’influenza che essa ha profondamente esercitato sulla cultura e l’arte occidentale.

Un’ampia e inedita programmazione, pensata per abbracciare in maniera interdisciplinare l’arte visiva, la musica, la danza e il cinema, e le altre numerose sfaccettature della cultura indiana fra cui la medicina, la meditazione e la cucina.

A fianco della regolare programmazione delle rassegne di teatro, danza e musica, la nuova stagione artistica autunnale è arricchita e declinata su questo grande tema, sviluppato e approfondito attraverso assoli e reciproche contaminazioni fra arti diverse.

Focus India racconterà una cultura, quella indiana, che tanto ha affascinato e influenzato il mondo occidentale nei più svariati ambiti culturali con numerosi appuntamenti: una grande mostra, una rassegna cinematografica e momenti di richiamo, con alcuni fra i massimi protagonisti della scena artistica indiana, si alterneranno ad altre attività e appuntamenti, fra cui workshop, laboratori per bambini, conferenze sulla medicina, sessioni di yoga, eventi musicali, la cucina e tanto altro ancora sulla tradizione indiana.

In collaborazione con i suoi Partner artistici – MASI Lugano, LuganoInScena e LuganoMusica – il LAC darà vita a un’intensa programmazione di quattro mesi pensati per soddisfare la curiosità e gli interessi di un pubblico eclettico lungo un viaggio affascinante alla scoperta del mito e della cultura indiana.

Highlights
Arte | Danza | Musica | Cinema
Focus India: Arte
Tra le diverse anime portanti di Focus India, l’arte è in primo piano con la grande mostra Sulle vie dell’illuminazione. Il mito dell’India nella cultura occidentale 1808-2017, in programma dal 24 settembre 2017 al 21 gennaio 2018. L’esposizione si estende su due piani del museo, offrendo uno sguardo ampio e diversificato sul modo in cui, dall’inizio dell’Ottocento ad oggi, la realtà indiana – con le sue tradizioni, religioni, paesaggi, culture e forme artistiche – ha affascinato in maniera crescente il mondo occidentale. Non tanto l’India in se stessa quindi, ma l’influenza che essa ha profondamente esercitato sulla cultura e l’arte internazionale. È questo il tema centrale, che si sviluppa lungo il percorso espositivo attraverso una molteplicità di materiali e opere, dalla letteratura di Schopenhauer ed Hermann Hesse, alla fotografia di reportage di Henri Cartier Bresson, dall’avanguardia artistica di Le Corbusier e Alexander Calder all’arte contemporanea di Francesco Clemente, Luigi Ontani, Robert Rauschenberg, Damien Hirst, Maurizio Cattelan e Thomas Ruff, dalla fotografia contemporanea di Sabastião Salgado, Ferdinando Scianna, Steve McCurry e Martin Parr a cinesti come Roberto Rossellini e Louis Malle, fino agli stessi Beatles per la musica.
LAC
Lugano Arte e Cultura Piazza Bernardino Luini 6 CH-6901 Lugano
+41(0)58 866 4200 info@luganolac.ch www.luganolac.ch
1/3



Focus India: Danza

Una delle massime espressioni della cultura indiana è da sempre la danza, che al LAC vede esibirsi l’11 novembre una protagonista d’eccezione, Shantala Shivalingappa, tra le maggiori interpreti contemporanee del Kuchipudi, uno dei sette stili di danza classica indiana.

Il 16 dicembre è invece il momento di Rising, lo spettacolo con coreografie di Russell Maliphant, Sidi Larbi Cherakoui e Akram Kahn, e l’interpretazione di Aakash Odedra, ballerino e coreografo inglese di origine indiana, tra i più richiesti e premiati internazionalmente, il cui stile è un perfetto mix tra la danza classica tradizionale indiana e le più interessanti forme di danza contemporanea.

Focus India: Musica

La rassegna dedicata alla grande tradizione musicale indiana vede come momento clou l’appuntamento del 18 novembre con Nishat Khan, un riferimento mondiale per il sitar. Grazie alla sua tecnica straordinaria, oltre che alla profondità e complessità del suo linguaggio musicale, Nishat Khan ha collaborato con Philip Glass e John McLaughlin ed è stato invitato a suonare con altri mostri sacri delle corde come Eric Clapton e Carlos Santana. Diversi e con svariati approcci gli appuntamenti con la musica, disciplina che insieme alla mostra apre Focus India con un doppio evento il 23 e il 24 settembre: un percorso musicale e performativo dedicato alla scoperta delle connessioni e delle influenze che la musica indiana ha esercitato su quella occidentale, a partire dall’ambito classico per arrivare a quello pop contemporaneo. Durante i tre programmi previsti in settembre e dicembre (il 15) si ascolteranno in diverse postazioni dislocate sui tre livelli della Hall tablas, sintetizzatori, violini e sassofoni, loop machines, sitar, … con anche alcuni interventi di danza. Non mancherà un excursus nel mondo dell’elettronica e di Bollywood in un evento dedicato – India/MOVEMENTS – la notte del 4 novembre nel quale la Hall si trasformerà in un “Bollywood Club” londinese.

Focus India: Cinema

Le affinità elettive. Il cinema e le altre arti è il titolo della rassegna cinematografica, curata dal critico, produttore e direttore di festival Marco Müller, che indagherà i numerosi e mutevoli aspetti del continente indiano attraverso la settima arte. 20 programmi dal 9 novembre al 5 dicembre con diverse proiezioni al giorno, ospiti e tavole rotonde permetteranno di esplorare un continente di “scambi di senso” ancora ignoto in Europa: il rapporto fra il cinema modernista e quello visionario dell’India contemporanea e i linguaggi espressivi della tradizione. Un ciclo di film sulle arti visive, l’architettura, la musica, il teatro e la danza con opere che coprono il periodo 1948-2017, alcune delle quali rimaste inedite fuori dall’India oppure dimorate invisibili per vent’anni, restaurate e sottotitolate in inglese, per l’occasione.

Rendez-vous

Workshop | Conferenze | Letture | Atelier creativi | Yoga
Accanto agli highlights, il progetto Focus India propone una serie di appuntamenti aperti a tutti che guideranno il pubblico alla scoperta delle diverse e affascinanti sfaccettature della cultura indiana. Le attività variano per temi e formati: conferenze, atelier per i più giovani, concerti gratuiti, master class con gli artisti presenti, sessioni di yoga, letture e workshop approfondiranno aspetti quali la “danza narrativa indiana”, l’iconografia, la meditazione, la medicina ayurvedica, ecc. Protagonisti saranno relatori di riferimento nei rispettivi campi, tra i quali la Professoressa Urmila Chakraborty, la Professoressa Marilia Albanese, il Dottor Gianluigi Marini, l’artista Roberto Mucchiut, l’attrice/coreografa Lucrezia Maniscotti e tanti altri ancora.

Il programma completo e aggiornato con tutti gli appuntamenti di Focus India è consultabile da settembre sul sito india.laclugano.ch.

LAC
Lugano Arte e Cultura Piazza Bernardino Luini 6 CH-6901 Lugano
+41(0)58 866 4200 info@luganolac.ch www.luganolac.ch
2/3



Informazioni pratiche

Sede:
LAC Lugano Arte e Cultura
Piazza Bernardino Luini 6, 6901 Lugano +41 (0)58 866 4200
www.luganolac.ch
Orari:
Martedì–domenica: 10:00–18:00 Giovedì aperto fino alle 20:00 Lunedì chiuso

LAC Lugano Arte e Cultura

LAC Lugano Arte e Cultura è il nuovo centro culturale della Città di Lugano dove le arti visive, la musica e le arti sceniche interagiscono in un unico spazio: un luogo pensato per vivere al meglio l’arte in ogni sua forma. Il LAC è concepito come uno spazio dinamico, aperto sulla città e sul lago. Il nuovo cuore pulsante di Lugano, crocevia culturale tra il nord e il sud dell’Europa. Sposano e sostengono l’ambizioso progetto Credit Suisse e UBS, partner principali del LAC.

LAC
Lugano Arte e Cultura Piazza Bernardino Luini 6 CH-6901 Lugano
+41(0)58 866 4200 info@luganolac.ch www.luganolac.ch

Bali 75 mila evacuati per vulcano Agung

75mila sfollati sull’isola di Bali.

L’aeroporto Ngurah Rai, a circa 75 chilometri dal monte Agung, è ancora completamente operativo.

L’ordine di evacuazione è entro i 8/12 chimoletri dalla sommità del monte Agung.

Il monte Agung è considerato dagli abitanti dell’isola di Bali, come l’Olimpo dell’antica Grecia.

Negli ultimi giorni al suo interno sono state registrate molte centinaia di scosse sismiche vulcaniche.

Non si può sapere con certezza se e quando il monte Agung erutterà.

Allerta eruzione al livello 3, ma sono pronti ad innalzarlo a 4.

Si teme che il vulcano possa riprendere l’attività dopo oltre mezzo secolo di tranquillità.

L’ultima eruzione, nel 1963, causò la morte di un migliaio di persone.

Monte Agung:

3,142 metri di altezza sul livello del mare.

Foto di copertina:

nella foto is vede la sommità del monte Agung (considerato dai locali come l’Olimpo per i greci), la punta mancante è tutta la roccia sollevatasi durante l’esplosione del 1963.

Weekend a Bra – Per formaggi e famiglie

Siamo stati a Bra per la fiera Cheese e abbiamo scoperto una località ricca di interessi dove torneremo al più presto; fosse solo per soggiornarvi prima di andare a gustare il famoso ” Bue grasso” di Carrù e la sua  fiera di dicembre; vedi informazioni più sotto.

Bra-Municipio

Girando per la fiera abbiamo scoperto che Bra ha tanto da offrire anche per un weekend di cultura e gastronomia ed enologia.

Bra:  Santa Maria degli Angeli
Bra:  Santa Maria degli Angeli

 

Imperdibile a Bra:  Santa Maria degli Angeli, Convento di Frati Minori Osservanti di San Francesco, fondato nel 1602. La chiesa è prospicente la piazza XX Settembre.

A pochi chilometri da Bra: la bella cittadina di San Damiano merita la visita.

San-Damiano-interno-Cattedrale
San-Damiano-MUNICIPIO
San Damiano (Cuneo)

 

LA FIERA CHEESE 2017 E IL FORMAGGIO DI LATTE CRUDO

Cheese 2017 (15-18 settembre), ha celebrato i suoi vent’anni con l’esaltazione del formaggio NON pastorizzato e delle sue pregevoli caratteristiche.

Casari e pastori di tutto il mondo resistono alla pressione dell’industrializzazione e spiegano i grandi pregi delle loro produzioni.

UNA GRANDE RIVINCITA PER LA BIODIVERSITA’

IL FORMAGGIO DI LATTE CRUDO PRODOTTO DA MUCCHE AL PASCOLO

CARATTERISTICHE:

-il latte da animali da pascolo ha una protezione all’ossidazione che può arrivare a venti volte superiore a quella degli animali che mangianoil cibo delle stalle

-i preziosi  omega 3 provengono dalla grande varietà delle erbe e gli omega 6  da quella dei semi (varietà che non esistono nel foraggio da stalla)

-il cibo da stalla contine solo il 40% di erba …

-per saperne di più: asyoucheeseit.com

-un formaggio a pasta dura ben stagionato, contiene sino a 25/28 grammi di proteine ogni 100 grammi (un alimento prezioso per anziani, bambini e sportivi, che contiene anche sostanze che combattono il colesterolo; a differenza del formaggio industriale). Ne bastano due porzioni a settimana per garantirsene tutti i benefici.

Riportiamo qui sotto solo alcuni dei meravigliosi prodotti che abbiamo assaggiato e acqustato:

  • Parmigiano Reggiano di montagna
  • Parmigiano Reggiano della Latteria Sociale Moderna, Bibbiano (RE), via A.Secchi 77; spedizioni ovunque
  • Formaggi stagionati di Beppino Occelli, Farigliano (CN), Regione Scarrone,2
  • Luigi Guffanti, affinatore anch edi gorgonzola, via Milano 140, Arona (Novara)
  • formaggi da latte di pascolo e stagionati da La Bottega nel Pascolo, via Berenini 151, Fidenza (Parma)
  • Bussu; formaggi Bio dalla Sardegna, Macomer (NU), www.fomaggidebbene.it
  • impossibile scriverli tutti, ma abbiamo assaggiato meravigliosi formaggi stagionati di montagna di mucca, capra, pecora e freschissime mozzarelle e burrate … !
  • tra gli stranieri:
  • il VERO Ceddar, non è industriale, ed è buono e sano; marianna.giancola@nealsyarddairy.co.uk lo sitrova ad Arona (No); da Luigi Guffanti 1876
  • Vacherin friburghese a latte crudo, prodotto nel cantone Friburgo, tipico formaggi d’alpeggio, Cooperativa produttori La Tzintre, 53, Charmey www.formage-alpage.ch
  • Marcel Petite, piccolo caseificio del Giura (Francia) ,Granges  Narboz; formaggi solo di piccole produzioni di montagna affinati in cantina
  • Campo Capela, Os Calzados, A Capela- Coruna www.coopocapela.com
  • Cerro Tejarejo D.O. Queso Manchego; per conservare le razze autoctone spagnole
  • Quesos Cerron, di una donna Lucia Cerdan Garcia, Fuente Alamo , Albacete, Spagna
  • Sbrinz DOP, 36 mesi, www.gourmino.ch
  • Dagli USA una donna produce: SMOKEY BLUE, sapore affumicato creato da fumo freddo sulle conghiglie di nocciole dell’Oregon, note di noci, caramello e sapori di funghi; Rouge Creamery 311 Front Street, Central Point, Oregon P.O. Box 3606
  • non possiamo scrivere di più, ma possiamo invitarvi a visitare Cheese 2018.
  • :::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

DOVE ABBIAMO ALLOGGIATO A BRA:

Un B&B molto speciale che offre tutta la cultura della zona anche  a famiglie e bimbi.

Il piacere di dormire, spartano, ma comodi e di conoscere un ospite che sa tutto della zona e fabbrica giocattoli, ma non solo!

Un prezzo ragionevole per dormire con prima colazione.

http://www.ibageta.com/#!/it/ita-famiglie

Varie e interssanti le proposte pe ri weekend degli adulti.

Mentre  le famiglie, qui trovano il meglio per il gioco e l’educazione dei figli; rispettosa e conoscitrice della natura:

Dal gioco che aiuta a conoscere, al museo dei lavori antichi, alle escursioni nel ricco territorio circostante per conoscerne le peculiarità.

ESCURSIONI A TEMA AL LINK
EASY TREK PROGRAM
PERSONAL TRAINER:
TREK PERSONAL TRAINER

Il Parco Didattico : giocare per scoprire

Il  Parco Didattico ( LE COLLINE DI GIUCA http://www.ibageta.com/ita/bambini ) un parco  attrezzato  con dodici stazioni di gioco dove i bambini scoprono il Territorio, giocando con il Territorio.

Bambini e genitori possono cimentarsi in simpatiche sfide con  giochi dislocati lungo un percorso segnalato e immerso nel verde delle colline del Roero.

Completa l’offerta del nostro Parco didattico, la proposta di laboratori manuali dove i bimbi possono cimentarsi nel travaso di fiori e nella realizzazione di piccoli oggetti in legno.

La nostra idea era far conoscere il nostro Territorio ai bambini attraverso  il gioco , perché siamo convinti che si può imparare giocando, ma non siamo riusciti a trovare sul mercato dei giocattoli lo rappresentassero nella sua completezza;  non ci rimaneva soluzione che inventarceli e costruirceli artigianalmente.

PARCO DIDATTICO
IL Parco Didattico LE COLLINE DI GIUCA  si trova in Loc. Sigola Alta N° 36 a Baldissero d’Alba  ed è agibile su prenotazione al seguente numero 335 1301912  info al seguente indirizzo : info@sinergiaoutdoor.com
Giuca è  un ragazzino impertinente (in realtà è un abile affabulatore, costruttore di giochi ed egregio ospite)

Ha pensato anche alle famiglie che  vogliono  fermarsi a pernottare allestendo delle camere a quattro letti singoli e alle scolaresche che vogliono organizzare le loro giornate didattiche.
Nel parco ha realizzato delle  piattaforme di gioco  dove grandi e piccini giocando  possono conoscere i prodotti tipici e la cultura del nostro territorio…
Nel giardino ha creato un’area attrezzata per chi vuole semplicemente rilassarsi godendosi il panorama o per chi volesse organizzare mangiate conviviali cucinando col barbecue.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

FESTA DEL BUE GRASSO DI CARRU’ (CUNEO)

La 107^ fiera nazionale del bue grasso si terrà venerdì 8 dicembre 2017.

Ma se volete mangiare il meglio, con calma, prenotate un weekend diverso presso il famoso Vascello d’Oro a Carrù; imperdibile il carrello dei bolliti.

Per informazioni al riguardo:

• dei pranzi, delle cene e del bollito no stop, alla Pro Loco di Carrù, telefono 3385866132, telefax 0173750220, e-mail: info@prolococarru.it , sito www.prolococarru.it

Arte a venezia – Fondazione Querini Stampalia

Elisabetta Di Maggio
Natura quasi trasparente
a cura diChiara Bertola

Fondazione Querini Stampalia, Venezia
prorogata al 26 novembre 2017

T Fondaco dei Tedeschi, Venezia
«Fili» incontro con Elisabetta Di Maggio
in conversazione con Chiara Bertola e Bianca Tarozzi
25 ottobre, ore 18.30

La Fondazione Querini Stampalia e Krizia hanno il piacere di annunciare la proroga della mostra Natura quasi trasparente di Elisabetta Di Maggio, visibile fino a domenica 26 novembre 2017 negli spazi del Museo della Querini Stampalia a Venezia.

L’esposizione, a cura di Chiara Bertola, è stata realizzata in occasione della Biennale Arte da Fondazione Querini Stampalia e Krizia, in collaborazione con T Fondaco dei Tedeschi — DFS e Laura Bulian Gallery.

Elisabetta Di Maggio ha trascorso molto tempo nella casa museo della Querini Stampalia per il progetto site specific Natura quasi trasparente.

Qui nel Portego l’intervento dell’artista invade lo spazio e crea una relazione con il tempo passato e quello presente, ponendo lo spettatore all’interno di uno straniamento visivo.

La natura che ora ‘occupa’ il museo si presenta come un elemento vivo e germinativo all’interno di uno spazio congelato dalla storia. Come nelle grandi superfici di carta, anche nelle fragili foglie, Elisabetta Di Maggio ripete il rito della vita e del suo diffondersi ineluttabile.

Come dice l’artista stessa: “Sul concetto di tempo declinato in tutte le sue forme ho basato la mia ricerca, tanto da far diventare il tempo stesso la vera materia del mio lavoro.
La memoria e le sue stratificazioni sono sempre fonte di ispirazione per la nostra esistenza, ci danno delle indicazioni preziose e provocano cortocircuiti mentali da cui nascono le idee…”.

Natura quasi trasparente è parte del programma della Querini Stampalia ‘Conservare il futuro’, che coinvolge artisti contemporanei nella creazione di opere site-specific ispirate al confronto con la storia, gli spazi e le collezioni della Fondazione, con l’obiettivo di proporre sguardi inediti capaci di scardinare le consuete categorie di conservazione, esposizione e fruizione museale dell’opera d’arte.

Un’iniziativa, questa, che ha molte affinità con ciò che è oggi il T Fondaco dei Tedeschi, proprio grazie al progetto promosso dal gruppo DFS: il restauro di Rem Koolhaas e il design interno di Jamie Fobert sono stati realizzati nel cinquecentesco edificio mantenendo vive le testimonianze della sua storia attraverso i secoli.

Il dialogo tra antico e contemporaneo lo trasforma in un luogo al contempo legato al passato e proiettato nel futuro, in cui memoria e innovazione si incontrano e creano a loro volta tracce di storia.

A un anno della sua riapertura al pubblico, è proprio a queste numerose testimonianze del lavoro del tempo che T Fondaco dei Tedeschi dedica il suo nuovo calendario culturale intitolato «Diamoci del tempo».  Attraverso una serie di incontri con artisti, musicisti e scrittori che hanno messo il tempo al centro della loro ricerca, i visitatori sono invitati a interrogarsi su questo tema nell’era dell’immediatezza, dell’effimero e dell’accelerazione del ritmo della vita.

Dopo essere stato partner della Fondazione Querini Stampalia nella realizzazione della mostra Natura quasi trasparente e aver reso possibile il restauro e l’apertura di una stanza ‘segreta’ del Museo, prima chiusa al pubblico, T Fondaco dei Tedeschi ospita nell’Event Pavilion mercoledì 25 ottobre, alle 18.30, «Fili», un incontro con Elisabetta Di Maggio  – che ha fatto del tempo la materia prima del suo lavoro – in conversazione con Chiara Bertola, curatrice della mostra, e Bianca Tarozzi, poetessa e scrittrice italiana.
Come tutti gli appuntamenti organizzati all’interno dell’Event Pavilion, l’incontro sarà aperto al pubblico gratuitamente, su prenotazione scrivendo a fondaco.culture@dfs.com.

Elisabetta Di Maggio
Natura quasi trasparente
Fondazione Querini Stampalia | Museo Querini Stampalia
in collaborazione con T Fondaco dei Tedeschi — DFS e Laura Bulian Gallery

luogo: Fondazione Querini Stampalia. Campo Santa Maria Formosa, Castello 5252, Venezia
mostra: 10 maggio – 26 novembre 2017
orario:  10 – 18. Chiuso il lunedì
biglietti: la visita alle mostre è inclusa nel biglietto d’ingresso alla Fondazione Querini Stampalia. Intero €10; ridotto €8

Per informazioni
Fondazione Querini Stampalia
Santa Maria Formosa, Castello 5252, 30122 Venezia
Tel. +39 041 2711411 / Fax +39 041 2711445
www.querinistampalia.org

Cambiamenti climatici – Intervenire subito

“Cambiamenti climatici, intervenire subito … le leggi fisiche non perdonano, non aspettano i nostri indugi … “; lo ha detto il famoso divulgatore scientifico

Luca Mercalli *.

I dati scientifici incontestabili:

– i ghiacciai delle Api si sono dimezzati in un secolo

– nel medesimo periodo il mare è salito di 20 cm.

– in Europa, stiamo vivendo frequenti ondate di calore mai registrati in tempi così brevi

Ognuno degli eventi di cui sopra, causa a cascata, gravi alterazioni degli ecosistemi.

ALCUNI EFFETTI:

temperature altissime, terreni secchi e poi piogge devastanti

l’accelerazione delle temperature si è accentuata velocemente negli ultimi 30 anni

trombe d’aria devastanti dove non se ne erano mai viste di tanta intensità e così frequentemente

il fiume Po ha diminuito enormemente la sua portata di acqua; soprattutto nel periodo estivo

l’acqua per irrigare i campi agricoli è sempre più scarsa

– nuovi parassiti per l’agricoltura

– nuove malattie tropicali anche nelle nostre zone

– nuove e pericolose zanzare che invadono le nostre aree abitative

anche se intervenissimo subito e pesantemente, i risultati si vedrebbero tra 30 anni ( quale politico investe in risultati a 30 anni ?? ).

NEL NORD EUROPA DA MOLTI ANNI, ANCHE A SCUOLA, SI INSEGNA CHE DOBBIAMO IMPARARE A RISPETTARE IL NOSTRO PIANETA

Nel sud Europa ci lamentiamo quando fa caldo, durante le catastrofi, ma nessuno prende provvedimenti seriamente e rapidamente incisivi.

COSA POSSIAMO FARE ?

– in realtà moltissimo

– basterebbe solo modificare, anche di poco, le nostre abitudini

– usare l’acqua solo per quanto è indispensabile e non lasciarla scorrere senza usarla

– usare in dosi minori ogni tipo di detergente: dagli sciampo ai detersivi per la biancheria (le dosi consigliate sono sempre eccessive), NON USARE MAI GLI AMMORBIDENTI (scrub gratuito quotidiano e la vostra pelle è più morbida)

– mangiare MENO CARNE, BASTA RIDURRE, ANCHE DI POCO, LA QUANTITA’ CONSUMATA DA TUTTI E I RISULTATI SAREBBERO ENORMI !

– introdurre nell’alimentazione cibi economici e sani come lenticchie, ceci ecc…

– mangiare MENO ed evitare sprechi; fa bene alla salute

– dividere seriamente l’ immondizia e limitare l’uso di contenitori di plastica e le plastiche in generale

– non usare mille prodotti per pulire la casa, non serve disinfettare (anzi favorisce le allergie), basta pulire bene con semplici prodotti come acqua e aceto, acqua e bicarbonato, detersivi che dichiarano di essere ecologici, ammoniaca e acqua …

– non indossare indumenti aderenti in tessuti sintetici, molto economici e quindi sospetti; che passano sostanze nocive all’interno del nostro corpo

-comprare solo quello che serve e, se possibile, di buona qualità

* L’intera intervista a Luca Mercalli al link: www.slowfood.it (11.9.17)

 

Lago di Como eventi – Fiori e piante spontanee nell’erbario – Villa Carlotta

I colori del bosco.
Fiori e piante spontanee nell’erbario Fabani
Villa Carlotta
16 settembre -5 novembre 2017

In occasione del Novantesimo anniversario, Villa Carlotta – (www.villacarlotta.it) – bene demaniale dello Stato Italiano gestito e valorizzato dall’Ente Villa Carlotta – ospita la mostra I colori del bosco. Fiori ed erbe spontanee nell’erbario Fabani, realizzata in collaborazione con la Fondazione Centro Rusca e curata da Augusto Pirola, professore emerito di Botanica presso Università degli studi di Pavia.

Recentemente studiato e digitalizzato, l’erbario Fabani è composto da circa 3000 tavole di piante e fiori raccolte tra il 1907 e il 1938 dal medico Giuseppe Fabani nel territorio comasco, valtellinese ed elvetico.

L’erbario è organizzato in 25 cartelle e dotato di un indice manoscritto e ogni tavola presenta un ricco cartiglio dove viene data scrupolosa indicazione della famiglia, della specie, del determinatore, della data e del luogo di raccolta (con le caratteristiche del terreno), del periodo di fioritura ed infine delle proprietà officinali.

Per la realizzazione della mostra sono state selezionate 60 tavole attraverso le quali si intende illustrare la composizione del bosco tipico delle aree prealpine della Provincia di Como, individuando alcune specie che colonizzano le fasce caratterizzanti questo tipo di ambiente da un punto di vista fitosociologico.

Le tavole in mostra sono suddivise in diverse sezioni in base all’ambiente naturale di provenienza: il sottobosco, il mantello e il margine. Il visitatore ha così modo di scoprire quanto influiscono luce e tipologia del terreno sulla crescita delle singole specie. Viene inoltre costruito un legame tra le specie illustrate nelle tavole e analoghi campioni o collezioni presenti in vivo presso le collezioni di Villa Carlotta, creando un rimando a piante vive e invitando quindi i visitatori a ritrovarle negli ambienti naturali. Una ulteriore sezione è dedicata alle specie usate dalla popolazione a scopo alimentare e officinale.

I pannelli esplicativi realizzati per la mostra spiegano inoltre l’importanza degli erbari storici nello studio della biodiversità e introducono al pubblico dei visitatori la figura di Giuseppe Fabani, medico condotto di Cernobbio, appassionato di botanica.

In occasione della mostra, Villa Carlotta ha altresì attivato una collaborazione con il Giardino alpino della Valcava di Madesimo e con lo chef pasticcere Stefano Franzi che il giorno dell’inaugurazione illustreranno al pubblico come riconoscere le erbe spontanee che possono essere utilizzate in cucina e come ottenerne gustosi piatti. L’attività verrà riproposta alle famiglie e alle scolaresche durante il periodo di apertura della mostra. Dal progetto è nato anche un piccolo ricettario che il pubblico troverà in mostra e potrà portare a casa per sperimentare in prima persona la cucina con le erbe spontanee.

Giuseppe Fabani, figlio di Luigi e Rosa Nessi, nasce a Como, nella parrocchia di San Donnino, il 18 maggio 1861. Frequenta a Milano il Liceo Beccaria dove emerge subito la sua passione e la sua predisposizione per la storia naturale. Nel 1880 si iscrive alla Facoltà di medicina e chirurgia dell’Università di Pavia. Il primo anno accademico frequenta le lezioni di botanica del comasco Santo Garovaglia (1805-1882), oltre ai corsi di anatomia umana, fisica, zoologia, protistologia, mineralogia e antropologia con altri docenti dai nomi illustri. Trasferitosi a Palermo per il servizio militare, si laurea nel capoluogo siciliano nel 1889. L’ anno successivo, rientra a Como e diviene medico condotto di Cernobbio. L’11 ottobre 1893 sposa a Milano, nella parrocchia di S. Giorgio al Palazzo, Maria Gorla. Nel 1909, nonostante le richieste di ripensamento da parte della Giunta municipale e dei suoi assistiti, improvvisamente presenta le dimissioni adducendo motivi personali, non documentati ma probabilmente dovuti a problemi di salute suoi o della moglie.
Gli ultimi anni della sua vita furono interamente dedicati alla raccolta di piante e fiori per l’erbario, a cominciare da quelle che incontrava sulla strada di casa fino ad arrivare al Monte Spluga, al Lago Ritom (Canton Ticino) e alla Val Brembana. Muore all’Ospedale Valduce di Como il 6 giugno 1939 ed è sepolto al Cimitero Monumentale di Como nella tomba di famiglia.

La Fondazione -Centro studi “Nicolò Rusca” onlus costituita nel 2003 e con sede a Como, cura la conservazione e la valorizzazione del patrimonio documentale e librario dell’Archivio storico della diocesi di Como e della Biblioteca del seminario vescovile, nonché –tramite l’Ufficio inventariazione beni culturali ecclesiastici –la catalogazione del patrimonio artistico conservato presso le parrocchie diocesane. Tra i materiali conservati al centro studi vi è l’erbario di Giuseppe Fabani (1861-1939), medico condotto di Cernobbio. L’erbario conserva in 25 cartelle circa 3000 tavole di piante e fiori essiccati raccolti tra il 190’7 e il 1938 nel territorio comasco e valtellinese.

Ente Villa Carlotta di Tremezzina (CO) La villa venne realizzata alla fine del ‘600 in una bellissima conca naturale del lago di Como, nel XIX secolo la famiglia Sommariva la trasformò in una delle più belle e prestigiose dimore del territorio, ricca di opere d’arte di Antonio Canova, Bertel Thorvaldsen, Francesco Hayez e con un invidiabile parco romantico. Dal 1927 viene gestita da un ente privato, dopo la requisizione da parte dello Stato Italiano all’ultima famiglia proprietaria, i Sassonia Meiningen. L’Ente Villa Carlotta, dopo 90 anni, continua nel suo lavoro di conservazione e miglioramento del bene, che è oggi è una struttura museale riconosciuta, dove le storiche collezioni artistiche e il fantastico giardino botanico con centinaia di specie si offrono al vasto pubblico internazionale.

I colori del bosco. Fiori ed erbe spontanee nell’erbario Fabani

Sede Villa Carlotta, Via Regina, 2 – 22016 Tremezzina – Loc. Tremezzo, Como – www.villacarlatta.it tel. (+39) 0344 40405 segreteria@villacarlotta.it
Periodo 16 settembre – 5 novembre 2017
Curatela Prof. Augusto Pirola professore emerito, cattedra di Botanica, Università degli studi di Pavia
Fondazione –Centro studi “Nicolò Rusca” onlus di Comodon Agostino Clerici, Direttore – dott.ssa Francesca Ferraris, Bibliotecaria
Ente Villa Carlottadott.ssa Maria Angela Previtera, Direttore – dott. Ssa Mara Sugni Responsabile dei Servizi Educativi e dei

Orari FINO AL 1 OTTOBRE
APERTURA: 9.00-19.30 (chiusura biglietteria ore 18.30) (chiusura museo ore 18.30)

DAL 2 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE
APERTURA: 09.30 – 17.00 (chiusura biglietteria ore 16.00)

Biglietto comprensivo di visita alla Villa e ai giardini
Adulto € 10,00
Over 65 € 8,00 (con carta di identità)
Studente € 5,00 (da 6 a 26 anni con tesserino scolastico/universitario)
Bambini (da 0 a 5 anni) Ingresso gratuito
Famiglia (2 adulti + bambini da 6 a 18 anni): € 20,00
Comitive oltre 20 persone € 8,00
Scolaresche oltre 20 persone € 4,00

MOSTRE IN EUROPA le più importanti del 2017

ELENCO MOSTRE IN EUROPA 2017

Gran Bretagna

LONDRA

British Museum

Picasso: grafica
(fino all’1 marzo
)
Il sogno americano: dal Pop a oggi
(9 marzo– 18 giugno 2017)
Hokusai. Beyond the Great Wave
(25 maggio – 13 agosto 2017)

Tate Modern

ROBERT RAUSCHENBERG
(fino 2 aprile 2017)
The radical Eye: fotografi moderni dalla collezione di Elton Jhon
(fino al 7 maggio 2017)

National Gallery

Australia’s Impressionists
(7 dicembre 2016 – 26 marzo 2017)
The Credit Suisse Exhibition: Michelangelo & Sebastiano
(15 marzo – 25 giugno 2017)
Van Eyck e i Preraffaelliti
(4 ottobre- 2 aprile 2018)

Victoria and Albert Museum

Pink Floyd
(13 maggio – 1 ottobre 2017)
Opus Anglicanum: Capolavori. I ricambi medievali inglesi.
(1 ottobre 2016 – 5 febbraio 2017)

:::::::::::::

Francia

PARIGI

Museo d’Orsay

Frédéric Bazille (1841-1870). Agli albori dell’impressionismo.
(15 novembre 2016 – 5 marzo 2017)
Oltre le stelle. Il paesaggio mistico da Monet a Kandinsky
(14 marzo – 25 giugno 2017)


Ritratti di Cézanne
(13 giugno – 24 settembre 2017)

Louvre

Eugène Delacroix and George Sand. Un’amicizia in parole e immagini
(fino al 27 febbraio 2017)

PARIGI ,DELACROIX, Salone: 1827 “Morte di Sardanapale” si rifà al testo di Byron; forte dello scandalo suscitato con “MASSACRI DI SCIO” il recedente, all’epoca, lavoro al Salone.

Vermeer e la pittura di genere
(22 febbraio-22 maggio 2017)

Centre Pompidou

Jean-Luc Moulène
(fino al 20 febbraio 2017)
C Twombly
(fino al 24 aprile 2017)
André Derain 1904-14
(4 ottobre- 29 gennaio 2018)

::::::::::::::

LIONE

Musée des Beaux-Arts

Matisse in bianco e nero
(fino 6 marzo 2017)

::::::::::::::

Germania

BERLINO

Pergamonmuseum

L’eredità di antichi re. Ctesifonte e le fonti persiane di arte islamica
(15 novembre-2 aprile 2017)

Altes Museum
Dangerous Perfection. Antichi vasi funerari dal sud Italia
(17 giugno al 18 giugno 2017)

Alte Nationalgalerie

Un paesaggio urbano – A 360° Panorama di Roma di Friedrich Loos
(5 agosto 2016-12 marzo 2017)

DUSSELDORF

Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen K20
Otto Dix
(11 febbraio-14 maggio 2017)

Otto-Dix-Ragazza-di-sera-al-caffè-1923-

 

Otto-Dix-Ritratto-del-fotografo-1926-particolare

Surrealismo in Egitto
(15 luglio-15 ottobre 2017)

:::::::::::::

Spagna

MADRID

Museo del Prado

Meta-Painting. Un viaggio alla idea della pittura
(15 novembre-19 febbraio 2017)

Museo Thyssen-Bornemisza

Renoir: Intimità
(18 ottobre- 22 gennaio 2017)
Bulgari e Roma
(30 novembre – 26 febbraio 2017)
Capolavori da Budapest. Dal Rinascimento al Avanguardia
(18 febbraio – 28 maggio 2017)
Picasso / Lautrec
(17 ottobre 2017-21 gennaio 2018)

Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia
Pietà e terrore in Picasso
(4 aprile- 4 settembre 2017)

BARCELLONA

Museu Nacional d’Art de Catalunya

Pere Torné Esquius
(15 marzo-9 luglio 2017)
Ismael Smith
(22 giugno – 17 settembre 2017)

BILBAO

Guggenheim Museum Bilbao

La collezione di Hermann e Magrit Rupf
(fino al 23 aprile)
Espressionismo astratto
(3 febbraio- 4 giugno 2017)
Signac, Redon, Toulouse-Lautrec e coetanei
(12 maggio- 10 settembre 2017)
Bill Viola
(30 giugno – 5 novembre 2017)
Georg Baselitz Eroi
(14 luglio- 22 ottobre 2017)
Arte e spazio
(1 dicembre- 8 aprile 2018)

:::::::::::::::

Olanda

AMSTERDAM

Hermitage Amsterdam

Maestri olandesi
(14 ottobre-27 maggio 2018)
Jean Tinguely macchina Spectacle
(1 ottobre 2016-5 Aprile 2017)
Jordan Wolfson: maniacale / amore / verità / amore
(27 Nov 2016-23 Apr 2017)
Style in the City
(3 dicembre 2016 – 21 maggio 2017)

Van Gogh Museum

Immagini a Parigi: da Bonnard a Toulouse Lautrec
(3 marzo- 7 gennaio 2018)
Olandesi a Parigi: Breitner, van Gogh, Mondrian
(6 ottobre- 7 gennaio 2018)

L’AIA

Gemeentemuseum Den Haag

Piet Mondrian e Bart van der Leck: una nuova arte
(11 febbraio- 21 maggio 2018)
L’architettura e l’arredamento De Stijl
(10 giugno- 17 settembre 2017)

::::::::::::::

Austria

VIENNA

Leopold Museum

IMMAGINI FEMMINILI. Opere della collezione Leopold dal Biedermeier al Modernità
(7 luglio-18 settembre 2017)

:::::::::::::::::

MONACO

Alte Pinakothek


Albert Renger-Patzsch. PAESAGGI Ruhrgebiet
(16 dicembre 2016- 23 aprile 2017)
Cy Twombly: in the studio
(31 maggio 2016-26 agosto 2018)

::::::::::::::

Svizzera

BERNA

Kuntmuseum Bern
Terry Fox
(3 marzo-5 giugno 2017)
La rivoluzione è morta. Da Malevic alle Pussy Riot
(13 aprile-9 luglio 2017)

BASILEA

Foundation Beyeler

Monet
(fino al 28 maggio)
Ernst Beyeler e la sua collezione (I)
(5 febbraio- 7 maggio 2017)
Ernst Beyeler e la sua collezione (II)
(11 giugno- fine settembre 2017)
Paul Klee
(1 ottobre- 21 gennaio 2018)
Ernst Beyeler e la sua collezione (III)
(15 ottobre- 1 gennaio 2018)

Museum fur Gegenwartskunst
Richard Serra
(20 maggio- 15 ottobre 2017)

::::::::::::::

Belgio

BRUXELLES

Museo Reale di Belle Arti

Bruegel. Capolavori mai visti. Quando l’arte incontra la tecnologia
(16 marzo 2016- 16 marzo 2020)
Rik Wouters. Retrospettiva
(10 marzo –  02 luglio 2017)

:::::::::::::

Irlanda

DUBLINO

Galleria nazionale d’Irlanda

Beyond Caravaggio
(11 febbraio- 4 maggio 2017)

::::::::::::::

Ungheria

BUDAPEST

Galleria nazionale ungherese

SHADOW ON STONE. L’arte di  Lili ORSZÁG (1926–1978)
(17 dicembre – 26 marzo 2017)

::::::::::

Grecia

ATENE

Benaki Museum

Antichità liquida
(30 marzp- 30 luglio 2017)

:::::::::::::::

Finlandia

HELSINKI

Klasma Museum of Contemporary art

Mona Hatoum, Ars17. Hello Word! (1 e 2)
(26 febbraio-31 marzo 2017)

::::::::::::::

Portogallo

LISBONA

Museu Calouste Gubenkian

José de Almada Negreiros
(3 febbraio- 5 giugno)

::::::::::::

Svezia

STOCCOLMA

Moderna Museet

Marina Abramovic
(fino al 21 maggio 2017)
Malmo is Burning
(8 aprile – 22 ottobre 2017)

::::::::::

OSLO -Norvegia-

Munch Museet 

Testa a testa: Cronqvist, Bjorlo, Munch
(28 novembre-28 gennaio 2018)
The National Gallery
Il grande boom grafico: Immagini americane 1960-1990
(3 marzo-28 maggio 2018)

 

Problemi respiratori e polmonari raddoppiato il rischio in soli 30 anni.

CNR di Pisa:

30 anni fa si respirava meglio

la ricerca è basata su 3.000 persone, 3 generazioni monitorate, per capire l’incremento delle patologie respiratorie.

Più che raddoppiato il rischio di avere patologie polmonari negli ultimi 30 anni.

Doppio rischio di contrarre patologie respiratorie per chi non vive in zone circondate dal verde.

Questa è la prova inconfutabile che lo smog, l’inquinamento, è sicuramente la causa di molti comuni problemi di salute (anche per chi non fuma !!!).