Tutti gli articoli di DonneCultura

The director of the school and the teachers suggested the study of art and architecture, but the family would not allow it. Begins studying phisical education and presents the thesis on nutrition in collaboration with the rector of the Università Statale of Milan: prof. Rodolfo Margaria. Subsequently different experiences in the field of travel and tourism and a course at the University Bocconi lead to a job as an official at the office of the Spanish Ministry of Tourism, in Milan. In 1988 the author started working with the publisher De Agostini for the encyclopedia "Knowing The World" as a journalist. Below are other collaborations with various newspapers and magazines: Orobie Corriere del Ticino, Ticino Donna Manager, Como rivista, Il Borgo, Le Scienze ... In 2011 the author obtained a Diploma of Second Level in Techniques of Engraving-Graphic Art, at the Academy of Fine Arts of Brera, Milan. So she continued her studies and works of art which, however, had never left out though the different occupations . Today is editor and publisher of www.donnecultura.eu. At the link http://www.donnecultura.eu/?p=382 of www.donnecultura.eu, his works of art and a list of exhibitions.

Arte a Berlino – Juegen Teller –


Juergen Teller.
Goditi la vita!

Chi è Juegen Teller ?

53 anni, tedesco.

Juergen Teller è un eclettico come pochi.

Moltissime celebrità della musica o della moda sono passate davanti al suo obiettivo; dai Nirvana a Kate Moss.

Le sue immagini sono considerate:  sconcertanti, imprevedibili, clichédefying, intime, apparentemente trasgressive…

La mostra Juergen Teller. Enjoy Your Life è aperta al pubblico sino al 3 luglio 2017 all’interno del Martin-Gropius-Bau.

Arte a New York – Metropolitan – Cina – L’età degli imperi

“Age of the Empires, quattro secoli di storia della Cina”

Al Metropolitan Museum di New York.

162 oggetti da 32 musei cinesi; una  sintesi di 50 anni di scavi archeologici: sculture monumentali, dipinti, tessuti, metallurgia, calligrafia, modelli architettonici.

Imperdibili, i 5 guerrieri, che fatto parte di quelli scoperti nel 1974 da un contadino.

La mostra permette di ammirare anche la straordinaria bellezza della scultura di un acrobata. Scoperta meno di 5 anni fa, ha la caratteristica di riuscire e dimostrare i contatti con l’arte dell’epoca di Alessandro Magno.

 

 

Arte a Milano – Rosa Barba – Hangar Bicocca

Dal 05 Maggio 2017 al 08 Ottobre 2017

MILANO

Pirelli HangarBicocca presenta la mostra personale di Rosa Barba “From Source to Poem to Rhythm to Reader”, a cura di Roberta Tenconi, un progetto espositivo che raccoglie quattordici opere realizzate dal 2009 a oggi, tra film in 35 e 16mm, sculture cinetiche e interventi site specific.

La mostra, allestita nello spazio dello Shed di Pirelli HangarBicocca, crea un serrato dialogo tra il display delle opere e l’anima industriale della struttura espositiva che le ospita.

I cinque film presentati sono ancora inediti in Italia, tra cui The Empirical Effect (2009) – un’indagine sul paesaggio del Vesuvio, per Rosa Barba una metafora delle complesse relazioni tra società e politica in Italia – e i due ultimi lavori dell’artista: Enigmatic Whisper (2017), film girato all’interno dello studio dell’artista Alexander Calder, e From Source to Poem(2016), una narrazione audiovisiva densamente stratificata, in cui, come in un rumore bianco, ogni elemento si sovrappone e si condensa progressivamente. Il film è stato realizzato nel centro di conservazione audio-video della Library of Congress a Culpeper, Virginia, il più grande archivio multimediale al mondo.

Rosa Barba (Agrigento 1972, vive e lavora a Berlino), vincitrice di numerosi premi e presente in mostre e rassegne internazionali, ha fatto del film il suo mezzo espressivo privilegiato. Da anni Barba porta avanti un lavoro di ricerca e sperimentazione che attraversa il linguaggio cinematografico e scultoreo, riflettendo sulle qualità poetiche del paesaggio naturale e umano, sui luoghi come archivio della memoria e scardinando il concetto di tempo lineare. Immagini dall’esito potente, ritratti di architetture obsolete e paesaggi naturali, riprese di deserti remoti ricorrono costantemente nel suo lavoro, uniti a frammenti di testi e a scenari in cui passato e presente si intrecciano.

Attraverso i miei film intendo esprimere l’idea che il tempo sia fatto di storie di individui e di piccole comunità, e che sia un fenomeno flessibile e malleabile. Nei miei film ci sono diverse linee temporali che corrono parallele. Utilizzo un punto di vista da osservatore esterno, senza pregiudizi. Ritengo che la realtà sia un’invenzione, generata dall’interpretazione individuale di eventi reali. I miei film giocano con l’idea che ogni scena possa avvenire nel futuro così come nel passato, in un tentativo di manifestarsi come una soluzione utopica.
(Rosa Barba in conversazione con Mirjam Varadinis e Solveig Øvstebø, in “Time as Perspective”, Hatje Cantz, Ostfildern 2013).

Rosa Barba è nata ad Agrigento nel 1972. Ha studiato all’Academy of Media Arts di Colonia e alla Rijksakademie van Beeldende Kunsten di Amsterdam; attualmente vive e lavora a Berlino. Numerose istituzioni le hanno dedicato mostre personali, tra cui: Secession, Vienna; Malmö Konsthall, Malmö (2017); NBK, Berlino; CACP musée d’art contemporain de Bordeaux; Schirn Kunsthalle, Francoforte (2016); MIT List Visual Arts Center, Cambridge, MA; EMPAC, Rensselaer Polytechnic Institute, Troy, US (2015); Bergen Kunsthall, Bergen (2013); Kunsthaus Zürich, Zurigo; Jeu de Paume, Parigi (2012); MART Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, Rovereto (2011); Tate Modern, Londra; Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía, Madrid (2010).
Rosa Barba ha partecipato a diverse rassegne internazionali, tra cui tre edizioni della Biennale di Venezia (2015, 2009, 2007), la Biennale di San Paolo (2016), la Biennale di Sydney e di Berlino (2014) e la Biennale di Liverpool (2010). Nella primavera del 2016 il MoMA PS1 di New York le ha dedicato una serata speciale di proiezioni e performance.
I suoi film, installazioni e sculture hanno vinto numerosi premi, molti dei quali presso diversi festival cinematografici come il Curtas Vila do Conde International Film Festival, Ann Arbor Film Festival (2016) e CPH:DOX Copenhagen (2015), al PIAC Prix International d’Art Contemporain della Fondation Prince Pierre de Monaco (2015), al Nam June Paik Award (2010).
Oltre alla personale in Pirelli HangarBicocca, a maggio 2017 è prevista l’inaugurazione di un progetto speciale per il Palacio de Cristal, Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Pirelli HangarBicocca

Curatore: Roberta Tenconi

Tel. +39 02 66 11 15 73

Mail per info: info@hangarbicocca.org

Home

Salute e antibiotici – Bambino muore per otite

Lo abbiamo scritto da sempre: con gli antibiotici non si deve ESAGERARE, ma sono FONDAMENTALI  per combattere alcune malattie da infezione batterica.
Gli antibiotici hanno salvato e salvano migliaia di malati in tutto il mondo e, proprio per questo, NON si deve abusarne per continaure a mantenere al loro efficacia.
Gli antibiotici sono sostanze capaci di uccidere i batteri o di impedirne la crescita.
Nessuna altra preparazione può sostituire l’antibiotico per combattere i batteri; ovviamente quando è veramente necessario e questo lo decide il medico.
L’antibiotico può essere indispensabile e decidere tra la vita e la morte del paziente, ma l’antibiotico appena si ha un accenno di influenza è, quasi sempre, inutile (lo decide un medico esperto ed onesto); nel piatto (nella carne, nei pesci …) è dannoso alla salute.
Per sapere di più sugli antibiotici e loro uso e abuso, vedi al link:
::::::::::::::::::
L’articolo è stato scritto da un giornalista iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti  ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); tra l’altro, l’autrice, ha presentato una delle sue tesi presso l’ Università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”; tesi firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

Salute – Eccellenza italiana in Sicilia i trapianti

ISMETT IRCCS (Istituto Mediterraneo per i trapianti)

E’ in Sicilia l’ospedale di eccellenza per trapianti dell’area mediterranea

ISMETT IRCCS (Istituto Mediterraneo per i trapianti) lavora in diretta relazione con l’ UPMC (University of Pittsburgh Medical Center)

Un centro italiano dove si rispettano i paramentri dei migliori centri mondiali come, in questo caso, lo University of Pittsburgh Medical Center

Qui per la prima volta si è fatto, tra l’altro,  un trapianto di fegato associato ad un innovativo intervento all’intestino; per salvare un bambino con una rara gravissima patologia

Sempre qui è stata eseguita, anni fa per la prima volta in Europa, una gastro-entero-anastomosi per via ecoendoscopica e molto altro…

Scegliere di destinare il 5×1000 a ISMETT è semplice e non costa nulla. Basta inserire il codice fiscale dell’Istituto 04544550827 nella casella della vostra dichiarazione dei redditi riservata al “Finanziamento alla Ricerca Sanitaria” e poi firmare.

Altre informazioni su questo centro al link https://www.ismett.edu/it/

Oggi ISMETT è il primo ospedale italiano dedicato interamente ai trapianti di tutti gli organi solidi (fegato, rene, cuore, polmome, pancreas).

1997-2017, ISMETT (Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione) festeggia 20 anni di successi e lo fa con l’ampliamento della struttura per curare più pazienti, garantire più servizi,  e aumentare ancora di più l’efficienza.

Sono passati 20 anni da quando, nel 1997, nasce ISMETT IRCCS (Istituto Mediterraneo per i trapianti) frutto di una partnership fra la Regione siciliana e UPMC (University of Pittsburgh Medical Center).

Anch i bambini, qui vengono curati nell’eccellenza.

Il nuovo Dipartimento di Pediatria, dispone di 10 ampie stanze di degenza singole, un’area ambulatorio e Day-Hospital, due ludoteche una pei i pazienti ricoverati e l’altra per i pazienti ambulatoriali, , una medicheria, oltre uffici e servizi generali di reparto

“L’Istituto – sottolinea Angelo Luca direttore di ISMETT è un ospedale per acuti, dove il 21% dei posti letto sono di terapia intensiva, che offre cure avanzate e promuove innovazione e ricerca e dove da sempre si sperimentano nuovi modelli organizzativi e gestionali. ISMETT è pienamente integrato nella rete del Sistema sanitario regionale ed è un riferimento internazionale per molti paesi del bacino del mediterraneo e non solo. Fin dal 1999 abbiamo investito in ICT, sviluppato un sistema di telemedicina che ci collega con Pittsburgh ma anche con il territorio, e implementato un sistema di Business intelligence che ci consente di aumentare l’efficienza e la qualità delle cure. Internamente abbiamo sviluppato 46 applicativi, l’ultimo dei quali è stato brevettato ed ha ricevuto il premio Innovazione Digitale in Sanità 2017 del Politecnico di Milano”.

Direttore Sanitario: Cinzia Di Benedetto (ad interim)

Direttore Amministrativo: Giuseppe Alongi

Direzione Attività Infermieristica: Giuseppe Arena

Dott. Mario Traina; Chief of Endoscopy Unit at ISMETT IRCCS

Lavora in ISMETT fin dalla sua apertura. Grazie alla sua esperienza ha contribuito allo sviluppo di attività di formazione e ricerca presso l’Istituto. Ha condotto diversi progetti di ricerca su pazienti cirrotici trapiantati con complicanze sulle vie biliari e ha sviluppato terapie innovative per il trattamento delle lesioni neoplastiche del colon, per il trattamento di pazienti obesi e diabetici e di pazienti con complicanze di pancreatiti acute. Ha partecipato a trial multicentrici italiani ed è autore di più di 130 articoli pubblicati su riviste con peer-review e di 16 capitoli di libri.

Recente visita all’ ISMETT IRCCS, del gruppo di giornalisti UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici).

Il Dott. Antonio Arcadipane è il Direttore del Dipartimento di Anestesia e terapia intensiva presso ISMETT, ruolo che ricopre dal 2003.

Persegue le sue finalità operative e di assistenza secondo le linee guida delle maggiori società scientifiche, curando l’aggiornamento continuo e la formazione dei medici e del personale non medico.

Il prof. Salvatore Gruttadauria, lavora in ISMETT fin dalla sua apertura. E’ stato il primo chirurgo siciliano ad eseguire un trapianto di fegato in Sicilia. Da maggio del 2017 si occupa del Dipartimento per la Cura e lo studio delle patologie addominali e dei trapianti addominali. Da aprile del 2016 ricopre anche il ruolo di Responsabile dell’Unità di Chirurgia Addominale e dei Trapianti Addominali di ISMETT.
Dall’aprile del 2016 è responsabile dell’Unità di Chirurgia Addominale e dei Trapianti Addominali di ISMETT.

 

Ricette gourmet e veloci ? Da ” La Cucina Italiana “

Solo 30′ per cucinare ?

20 ricette veloci e con risultato garantito anche per i più esigenti.

Le propone ” La Cucina Italiana “; una garanzia da oltre un secolo e sempre al ritmo giusto con i tempi e i gusti.

http://www.lacucinaitaliana.it/news/cucina/50-ricette-veloci-da-preparare-in-meno-di-30-minuti/?utm_source=lci&utm_medium=NL&utm_campaign=daily

Salute – EPATITE C POTRA’ ESSERE SRADICATA

Portata rivoluzionaria delle ultime novità mediche emerse negli ultimi 3 anni nella cura dell’Epatite C

L’Italia è il Paese con il più alto tasso di questa patologia

IN UN FUTURO NON TROPPO LONTANO L’EPATITE C IN ITALIA POTRA’ ESSERE SRADICATA

L’argomento è stato affrontato, in occasione della presentazione del libro “La terapia dell’epatite cronica C nel 2017” a cura del Prof. Gaetano Ideo, organizzata da SYNLAB Italia.

Dal 1989 (anno in cui fu identificato il virus dell’Epatite C) ad oggi, i passi avanti sono stati tanti, contraddistinti però da altrettanti fallimenti.

Per arrivare a un vero cambio di rotta, occorre guardare a qualche anno fa, al presente e a un futuro prossimo: è in atto una vera rivoluzione terapeutica, che sta portando a risultati quasi strabilianti, mediante l’utilizzo di antivirali che permettono di trattare tutti i genotipi del virus, con risultati ottimali in chi presenta Epatite cronica, cirrosi compensata e avanzata, nei coinfettati con HIV e in tante altre categorie di pazienti.

Come ricordato ieri, vi è stato per molto tempo un grande ostacolo nell’accesso di questi farmaci: il costo.

L’inserimento di tali farmaci nel SSN, ha rilevato il prof. Ideo, è l’unica soluzione per permettere a tutti di curarsi e a partire da marzo 2017 questo auspicio si è in parte avverato.

Sono stati, infatti, ridefiniti i criteri di trattamento per la terapia dell’Epatite C cronica con il SSN dalle Società scientifiche insieme alla Commissione Tecnico Scientifica (CTS) dell’AIFA (Agenzia Italiana dei Farmaci), con il risultato di garantire il trattamento con il SSN anche a chi ha una fibrosi F2 (moderata) e a chi presenta una fibrosi F1 (lieve) insieme ad altre patologie (come l’Epatite B o un diabete o un’ipertensione arteriosa, etc.).

Il Prof. Ideo ha ricordato quanto le attuali strutture SYNLAB di Monza e Como (il CAM di Monza e il San Nicolò di Como e Lecco) abbiano da sempre investito in ricerca e garantito elevati livelli di innovazione e aggiornamento in queste aree. Tesi confermata dal dr. Luca Germagnoli – CMO (Chief Medical Officer) SYNLAB Italia, che, nel suo intervento, ha evidenziato l’attenzione profusa dai laboratori SYNLAB -il più grande gruppo di diagnostica medica in Italia e in Europa- nell’assicurare a medici e pazienti le opportunità diagnostiche più all’avanguardia anche nell’ambito delle malattie epatiche, attraverso test innovativi, nati dalle più recenti scoperte scientifiche a livello mondiale.

 

 All’interno dello spazio eventi di Bellavite Nonsolocarta, si è tenuta la presentazione del libro “La terapia dell’epatite cronica C nel 2017”, organizzata da Synlab Italia.

Sono intervenuti, oltre al Prof. Gaetano Ideo, diversi rappresentanti del Centro Diagnostico Synlab San Nicolò di Lecco e Como, il dr. Andrea Buratti – Direttore SYNLAB Lombardia, il dr. Pierfranco Ravizza – Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Lecco, il dr. Paolo Rubera – in rappresentanza del Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Como dr. Gianluigi Spata e una folta platea di medici interessati all’argomento.

Dopo il benvenuto di Paolo Bellavite, il saluto di Andrea Buratti – Direttore SYNLAB Lombardia, che ha sottolineato l’importanza di tale confronto su un tema tanto delicato e attuale quale quello dell’Epatite C. Il testimone è passato quindi al Prof. Ideo, che ha presentato il suo libro evidenziando la portata rivoluzionaria delle novità mediche emerse negli ultimi 3 anni nella cura dell’Epatite C.

Nel mondo occidentale, l’Italia è il Paese con il più alto tasso di questa patologia (sono circa 1,5 milioni gli italiani portatori del virus) che, purtroppo, non presentando in tanti casi sintomi specifici, può evolvere criticamente prima che l’individuo possa rendersi conto di esserne malato.

Durante la serata ha preso parola anche il dr. Pierfranco Ravizza – Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Lecco, sottolineando quanto, su questa tematica, la medicina si sia dimostrata reattiva, segnando la storia e superando limiti economici

oggettivi. Il Dr. Paolo Rubera – in rappresentanza dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Como si è concentrato sull’importanza di proporre con regolarità incontri come quello di ieri ai tanti medici operanti sul territorio, affinché ogni professionista possa aggiornarsi sulle continue novità da fonti autorevoli, incrementando la propria formazione e credibilità.

    ******************************************

Il Centro Diagnostico San Nicolò nasce nel 1970 come laboratorio di analisi mediche; negli anni seguenti vengono attivati i reparti di Diagnostica per Immagini, Fisioterapia e Poliambulatorio specialistico. Nel 2007 il San Nicolò diventa Casa di Cura e nel 2010 entra a far parte di SYNLAB, oggi il più grande gruppo europeo di diagnostica medica.

Casa per artisti – Nuovo programma di residenza per artisti

Grazie alla vittoria di due importanti bandi, Kaninchen-Hausannuncia la nascita del programma internazionale di residenza per artisti ViadellaFucina16 che darà vita alla prima collezione al mondo d’arte condominiale.

Un esperimento di rigenerazione urbana e trasformazione collettiva attraverso il potere dell’arte e della bellezza.

viadellafucina16 è un nuovo programma di residenza per artisti nel condominio di via La Salle 16 (già via della Fucina), nel quartiere torinese di Porta Palazzo.

Tramite open call internazionale, aperta a proposte di qualsiasi disciplina, gli artisti saranno invitati a trascorrere periodi di residenza nello stabile, durante i quali realizzare interventi e opere negli spazi comuni al fine di attivare il dialogo tra le diverse comunità che lo abitano e favorire la riqualificazione del maestoso edificio ottocentesco, oggi in stato di trentennale degrado e abbandono.

I progetti vincitori saranno selezionati dagli stessi abitanti del condominio (oltre 200 inquilini di ogni nazionalità distributi in 53 appartamenti) con la mediazione di un board curatori e di addetti ai lavori, sulla base della capacità di coinvolgere la comunità dello stabile e del quartiere nella progettazione e nella realizzazione delle opere, di interpretarne i desideri,  di attivare nuove e durevoli forme di socialità attraverso percorsi di co-creazione e cura collettiva degli spazi.

Il condominio – luogo in cui si esercita la prima forma di democrazia e punto di intersezione tra dominio pubblico e privato – si apre alla pratica artistica come fattore di rigenerazione estetica, sociale e culturale, divenendo così un luogo simbolico attraverso cui la comunità rappresenta se stessa, così come un tempo i palazzi signorili – decorati dagli artisti – rappresentavano il prestigio delle singole casate.

Lo spazio, sempre visitabile e aperto alla cittadinanza, definirà il primo esperimento internazionale di condominio-museo.

 

L’ex-portineria del palazzo, riaperta e presieduta da un team di giovani sociologi e antropologi, grazie alla collaborazione dell’Università degli Studi di Torino, si trasforma in “portineria artistica” per accogliere i visitatori e raccogliere i desideri degli abitanti.

Il programma si completa con mostre, eventi e talk organizzati nello spazio indipendente Idiòt, con l’attivazione di un servizio di ricezione turistica nonché del laboratorio di creazione Fucina16, gestito da artisti torinesi, all’interno del giardino comune.

L’intero progetto sarà studiato e monitorato da un gruppo di giovani sociologi e antropologi dell’Università degli Studi di Torino, così da rendere il modello replicabile.

viadellafucina16 costituirà un inedito innesto della pratica artistica nel tessuto vitale di una comunità circoscritta che intende dimostrare, attraverso un esperimento condotto in un contesto ridotto, come l’arte e la cultura possano diventare strumenti efficaci nella risoluzione dei conflitti e per una trasformazione collettiva.
IL BANDO è ON LINE su http://viadellafucina16.kaninchenhaus.org

Deadline per partecipare: 25 Giugno

 

viadellafucina16 è un progetto di Kaninchen-Haus con il sostegno di SIAE e MiBACT nell’ambito di “Sillumina – Copia privata per i giovani e la cultura” e del Programma Housing di Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando “Abitare una casa, vivere un luogo”.

Con il Patrocinio della Città di Torino e di GAI Giovani Artisti Italiani.

Con la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura della Città di Torino – Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea – Dipartimento Culture Politica Società dell’Università degli Studi di Torino – a.titolo – Liberitutti – The GatePorta Palazzo – Ass. Idiòt.

Segui il progetto su facebook

Arte evento a Venezia – HAPPYSPRITZ@GUGGENHEIM Lunedì 29 maggio

HAPPYSPRITZ@GUGGENHEIM
Lunedì 29 maggio
ore 19-21

#HappySpritz17

C’è l’arte, c’è la musica, ci sono tanti giovani, e c’è la magica cornice di Venezia al tramonto. Questi sono gli ingredienti per una ricetta di successo. Non manca altro. Il risultato? Ovvio, Happyspritz@guggenheim! I cancelli della Collezione Peggy Guggenheim tornano ad aprirsi per ospitare la nona edizione dell’evento più “social” della laguna, realizzato grazie alla ormai consolidata collaborazione con Aperol Spritz, storica azienda parte del gruppo Guggenheim Intrapresae. L’aperitivo “ad arte” che da ormai 9 anni anima il museo veneziano è un evento che conferma il legame di Aperol Spritz con il suo territorio di origine e con la Collezione stessa.

Lunedì 29 maggio, dalle 19 alle 21 vi aspettiamo a casa di Peggy, tra i suoi tanti capolavori, per una serata alternativa, in compagnia degli amici, e poi di Picasso, Magritte, Kandinsky, Pollock, Warhol, e dei lirici segni grafici delle opere di Mark Tobey, espressionista astratto americano a cui il museo dedica un’attesa retrospettiva, la prima mai realizzata in Italia. Il tutto sarà accompagnato dai trascinanti ritmi dei dj Lorenzo Bitw e Palm Wine che si alterneranno alla consolle per animare il giardino delle Sculture Nasher. Il programma musicale è a cura di Alessandro Picunio e dell’Associazione Culturale Do Not Friday Venezia.

#happyspritz17 sarà l’hashtag da utilizzare su Facebook, Twitter e Instagram per comunicare e condividere con tutti l’evento Happyspritz@guggenheim.

Il biglietto d’accesso al museo è di 13 euro, ridotto a 5 euro con corsia d’accesso preferenziale per i possessori di Young Pass, la membership Guggenheim per gli under 26.

I biglietti sono acquistabili anche online direttamente sul sito guggenheim-venice.it, il mercoledì precedente ciascun appuntamento. Ingresso al museo fino a esaurimento posti.

Prossimo appuntamento lunedì 12 giugno.

Arte per grandi e piccoli alla Pinacoteca cantonale Giovanni Züst

eventi – visite guidate e atelier per ragazzi – organizzati a corredo delle mostre 

RAFFAELLA COLUMBERG (1926-2007)

Ceramista

26 marzo – 20 agosto 2017

LE STANZE SVELATE

La collezione d’arte di Ivo Soldini

dai Vela a Marino Marini

7 maggio – 27 agosto 2017

 Pinacoteca cantonale Giovanni Züst

Rancate (Mendrisio), Svizzera

La Pinacoteca Züst rimane aperta durante tutta l’estate ed è pronta ad accogliervi per trascorrere delle ore piacevoli in allegria, accompagnati dalle nostre animatrici. Dopo il successo degli scorsi anni, vi proponiamo un’intera settimana durante la quale, giorno per giorno, scoprirete una nuova tecnica artistica e vi divertirete con laboratori pratici che vi consentiranno di applicare subito quanto appreso. Ci sarà anche tempo per una merenda tutti insieme!

12 – 16 anni
Biglietto per ogni appuntamento: CHF 15.-.
Biglietto cumulativo per tutta la settimana: CHF 40.- (sconto fratelli: solo CHF 25.- ciascuno) Comprende: visita guidata, laboratorio, materiale, merenda

Genitori o accompagnatori sono benvenuti e possono partecipare alle attività acquistando il biglietto allo stesso prezzo. Se desiderano invece tornare durante i successivi weekend, usufruiranno di uno sconto di CHF 2.- per ciascun ragazzo iscritto all’attività.
ISCRIZIONE OBBLIGATORIA: decs-pinacoteca.zuest@ti.ch; 091 8164791

______________

Settimana 1: ALLA SCOPERTA DELLA CERAMICA
da lunedì 3 a giovedì 6 luglio – Iscrizione obbligatoria entro lunedì 26 giugno Orario: 14.30 – 17.00
Settimana 2: NELLA BOTTEGA DI…
da lunedì 10 a giovedì 13 luglio – Iscrizione obbligatoria entro lunedì 3 luglio Orario: 14.30 – 17.00
Settimana 3: ALLA SCOPERTA DELLA CERAMICA
da lunedì 17 a giovedì 20 luglio – Iscrizione obbligatoria entro lunedì 10 luglio Orario: 14.30 – 17.00

In caso di esigenze particolari e previo accordo possiamo anticipare l’arrivo o posticipare il rientro dei ragazzi.

::::::::::

ADULTI:

VISITA GUIDATA GRATUITA
ALLE MOSTRE “RAFFAELLA COLUMBERG” E “LE STANZE SVELATE” RISERVATA ALLA POPOLAZIONE DELLA GRANDE MENDRISIO
In collaborazione con il Municipio

Per tutti gli eventi, lʼiscrizione è obbligatoria e da effettuarsi presso la segreteria della Pinacoteca entro
2 giorni dalla data prevista:
Tel. 0041 (0)91 816 47 91; decs-pinacoteca.zuest@ti.ch.

Qualora non si raggiungesse il numero minimo di iscritti gli eventi verranno annullati. I partecipanti verranno avvisati tempestivamente. Info: www.ti.ch/zuest