Archivi categoria: Senza categoria

Arte a Napoli – Roberto Coda Zabetta Cantiere 1 / Terrazzo

Roberto Coda Zabetta
Cantiere 1 / Terrazzo
a cura di Maria Savarese
 
Opening
venerdì 22 settembre | ore 16.00
 
Complesso SS. Trinità delle Monache, ex Ospedale Militare, Napoli
Il terrazzo di copertura dell’ex ospedale militare | Foto Fabio Donato
Uno studio artistico a cielo aperto in un luogo pubblico, ma accessibile solo da alcuni punti della città. Cantiere 1 / Terrazzo è il nuovo progetto di Roberto Coda Zabetta per il complesso della SS. Trinità delle Monache, poi ex Ospedale Militare di Napoli, promosso dal Comune di Napoli-Assessorato alla Cultura e Turismo, in collaborazione con l’ Assessorato all’Urbanistica e ai Beni Comuni e con l’ Unità di progetto interdirezionale “Coordinamento progetti URBACT e Reti per lo Sviluppo di Politiche Urbane Integrate” nell’ambito della rete europea 2nd Chance del programma URBACT III, di cui il Comune di Napoli è capofila. Cantiere 1 / Terrazzo ha ricevuto il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee.
Roberto Coda Zabetta -FILM#28 – 2014 – 200×300 – Color ink and pigment paste on canvas
Prima tappa di un lavoro che toccherà altre città in Italia e nel mondo, alla cui base vi è un rapporto di reciproca implicazione tra pittura, architettura e territorio, il progetto – a cura di Maria Savarese – inteso come un percorso itinerante, sarà inaugurato il 22 settembre 2017, alle ore 16 in uno dei luoghi più suggestivi del centro storico di Napoli il Complesso della SS. Trinità delle Monache, attualmente oggetto di un processo di progettazione partecipata che coinvolge cittadini e amministrazione comunale con l’impegno di realizzare un piano di azione per il recupero, la rifunzionalizzazione e la gestione del complesso.
Roberto Coda Zabetta lavorerà alla realizzazione di un grande intervento pittorico sul terrazzo di copertura dell’ex ospedale militare, esperienza inedita che viene realizzata per la prima volta.
I giorni in cui l’azione e lo svolgimento dell’opera, a campiture di colore concentriche, saranno seguiti e documentati dal fotografo e filmaker Henrik Blomqvist, con contributi video, oltre che della curatrice, di Ilaria Bonacossa (già direttrice del Museo di Villa Croce, Genova, e attuale direttrice di ARTISSIMA, Torino), di Nino Daniele (Assessore alla Cultura e Turismo del Comune di Napoli) e Andrea Viliani (direttore del museo Madre di Napoli).
L’opera sarà visibile fino al 14 ottobre 2017 da tutta la zona collinare di Napoli retrostante il complesso architettonico, interagendo quindi con la città stessa di cui diviene elemento tissutale. Un intervento di arte pubblica per la città, che vede coinvolto un intero edificio del suo patrimonio architettonico.
L’intera struttura e la cifra astrattiva con cui l’artista ha scelto di esprimersi, fornendo un luogo d’incontro tra sensi e intelletto, mira a produrre un rimando senza soluzioni di continuità tra percezione e pensiero consentendo così l’accesso a una dimensione altra da quella governata dalla semplice prospettiva con cui solitamente s’identifica il nostro rapporto con la realtà esterna.
Il video del progetto sarà poi presentato in anteprima nazionale a Napoli e a seguire nelle principali sedi museali e istituzionali internazionali.
BIOGRAFIA
Roberto Coda Zabetta (1975, Biella, IT) è stato assistente presso lo Studio di Aldo Mondino dal 1995 al 2005. Le sue opere sono state esposte in gallerie e musei nazionali e internazionali, fra cui il Museo di Villa Croce di Genova (2016), Fondazione Mudima, Milano (2015), Palazzo Barbarigo Minotto, Venezia (2015), The Shit Museum in Piacenza (2015), MAC-Museo d’Arte Contemporanea, Rio de Janeiro (2012), PAN, Napoli (2010), Certosa di Capri (2011). L’artista è stato selezionato per vari premi, fra cui quelli promossi da Città dell’Arte-Fondazione Pistoletto, Dena Foundation, American Academy in Rome.
SCHEDA INFORMATIVA
Autore: Roberto Coda Zabetta
Titolo: Cantiere 1 / Terrazzo
A cura di: Maria Savarese
Sede: Complesso della SS. Trinità delle Monache, ex Ospedale Militare, Napoli
Opening: 22 settembre 2017 ore 16
Date: fino al 14 ottobre 2017
Orari: Da martedì a venerdì 8.30 – 18.30; sabato e domenica dalle 8.30 alle 13.30; lunedì chiuso
 
 
Partner: progetto promosso dal Comune di Napoli Assessorato alla Cultura e Turismo, in collaborazione con l’Assessorato all’Urbanistica e ai Beni Comuni, e con l’ Unità di progetto interdirezionale “Coordinamento progetti URBACT e Reti per lo Sviluppo di Politiche Urbane Integrate” – Progetto 2nd Chance Programma URBACT III. Il progetto ha ricevuto il Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee
Video: regia di Henrik Blouquist
Produzione video: BlackMamba MILANO
Contributi video: Ilaria Bonacossa, Nino Daniele, Maria Savarese, Andrea Viliani
 
Collaboratori di progetto: Ciro Delfino, Paolo Gambardella, Edoardo Mirabella Roberti, Carla Savarese
Fotografia: Fabio Donato
Graphic designer: Matteo Blandford

Museo Guggenheim Bilbao – Chasmata è un evento gratuito – 9 ottobre 2017

Un viaggio nello spazio attraverso le immagini mai visto prima del pianeta Marte … In Chasmata: l’arte contemporanea e il pianeta Marte 

Il Museo Guggenheim Bilbao, in collaborazione con l’ESA, presenta Chasmata, un concerto che unisce Mars e la musica.

Il 9 ottobre il Museo Guggenheim Bilbao presenta Chasmata, uno spettacolo che unisce arte e scienza in modo totalmente nuovo e una delle caratteristiche principali delle celebrazioni del 20 ° anniversario del Museo.

Chasmata è un evento gratuito offerto in collaborazione con BBK, con la collaborazione dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA).

Il pubblico sarà portato in un viaggio nello spazio attraverso le immagini mai visto prima del pianeta Marte e la partecipazione dell’ESA astronauta Pedro Duque, l’unico spagnolo a partecipare a due missioni alla Stazione Spaziale Internazionale.

Pedro Duque sarà il maestro delle cerimonie in uno dei momenti più importanti della sera prima dell’ultimo pezzo musicale e condivide con tutto il mondo un messaggio audiovisivo molto speciale sull’anniversario del museo dell’apostolato Paolo Nespoli, che è attualmente presso l’ISS.

In Chasmata, l’arte contemporanea e il pianeta Marte uniranno forze attraverso la fusione di discipline come l’astrogeologia, la musica strumentale, la musica elettronica e le arti visive.

Lo farà attraverso il mondo del sassofono e delle nuove tecnologie, ispirandosi al cosmo, all’architettura di Frank Gehry e alla “Matter of Time” di Richard Serra.

È un concerto unico e immersivo per il quale sei pezzi contemporanei per sassofono sono stati creati ad hoc e con più di 120 sassofonisti appollaiati a diverse altezze che interagiranno con i dispositivi elettronici. Durante l’intero concerto, le pareti curve dell’atrio, che raggiungono più di 25 metri, serviranno da sfondo per proiezioni artistiche ispirate all’astronomia e ad immagini ad alta definizione mai vista prima di Marte.

Il pubblico che parteciperà a Chasmata, troverà i  biglietti sul sito del museo o presso il suo ufficio di ammissione al 20 settembre, parteciperà anche allo spettacolo in maniera molto innovativa: attraverso i loro telefoni cellulari.

Questi dispositivi interagiranno con la musica in uno dei pezzi, chiamando Higgs, grazie ad un’applicazione sviluppata solo per questa occasione. Tutto quello che devono fare è scaricarlo in anticipo dal sito del museo, nella sezione Attività – Chasmata, e farlo funzionare per tutto il concerto. Questa applicazione è gratuita e disponibile per i sistemi operativi Android e iOS

Museo Guggenheim Bilbao – 9 ottobre 2017

www.guggenheim-bilbao.eus

Novità a Milano weekend – Treno a vapore parco del Ticino – 8 ottobre 2017

“A TUTTO VAPORE NEL PARCO DEL TICINO”

VIAGGIO A BORDO DI UN CONVOGLIO D’EPOCA

DA MILANO AL PARCO DEL TICINO

 

DOMENICA 8 OTTOBRE

 

“Tra passato e presente per un turismo sostenibile e lontano dalla frenesia della città”

Milano, settembre 2017 – Con le belle giornate di questo inizio autunno, sono ancora numerose le opportunità per un’escursione con il treno storico a vapore, ancora attivo sui binari lombardi.

L’appuntamento, all’insegna della natura, della cultura e dei prodotti tipici del territorio, è per Domenica 8 ottobre, per avere l’occasione di viaggiare a bordo di un originale convoglio d’epoca trainato da una vaporiera del 1922 (ormai quasi centenaria!), una degli ultimi esemplari rimasti in Italia e oggi facente parte del parco storico della Fondazione FS.

La meta del viaggio sarà il Centro Visite del Parco Regionale del Ticino recentemente istituito presso la “Cascina Montediviso” a Gallarate.

Il programma della giornata prevede la partenza dalla stazione ferroviaria di Milano Centrale alle ore 8,45, transitando da Rho (ore 9,10) e Legnano (ore 9,25) per arrivare poi a Gallarate alle ore 9,50.

Dopo il viaggio con l’anziana ma ancora arzilla locomotiva e le sue carrozze degli anni ’30 con i classici sedili di legno che ricordano tempi ormai passati, per i viaggiatori sono previsti due programmi in alternanza, con un primo gruppo che, con pullman navetta, si dirigerà verso il parcheggio del Centro Visite, raggiungibile poi con una camminata di poco più di un quarto d’ora.

Per il secondo gruppo è invece prevista una visita guidata al centro storico di Gallarate, al termine della quale ci sarà il trasferimento, sempre con pullman navetta, al parcheggio da cui proseguire a piedi per il Centro Visite del Parco.

Alla “Cascina Montediviso” per tutti sono in programma laboratori ambientali con itinerari guidati nel bosco, presentazione dei prodotti tipici del territorio protetto (con possibilità di acquisti diretti), animazione per bambini e successivo pic-nic sull’erba con il cestino da viaggio fornito dall’organizzazione.

Nel pomeriggio i due gruppi si altereranno nelle attività in modo che tutti abbiano l’opportunità di completare i laboratori e di visitare Gallarate.

Alle 15.00 spettacolo e animazione teatrale.

I pullman navetta riporteranno alla stazione di Gallarate da dove si ripartirà alle 16,20 con fermata sempre anche a Legnano (16,45), Rho (17,00) ed infine nuovamente in Centrale alle 17,30.

Per informazioni e dettagli: www.ferrovieturistiche.it

Ferrovie Turistiche Italiane / Cell. 338 8577210 / e-mail: fti@ferrovieturistiche.it

 

Evento a Mendrisio – 16 settembre Stramendrisio (CH)

DA NON PERDERE !!!

Cari Amici del Museo d’arte di Mendrisio,

Il prossimo 16 settembre si terrà la tradizionale Stramendrisio che è  giunta alla sua 33esima edizione.

La manifestazione vuole essere la risposta della Città di Mendrisio alla promozione della salute e  movimento alla portata di tutti.

La Stramendrisio propone da sempre un percorso pedestre  che attraversa principalmente boschi, zone vignate ed aree verdi del comprensorio cittadino.

Da qualche anno si è affiancata alla camminata una corsa cittadina di 10 km per rispondere alle esigenze di chi apprezza un movimento più dinamico e veloce.

Quest’anno l’offerta è stata ulteriormente ampliata con la proposta di una percorso culturale guidato che si snoderà lungo le vie del Borgo di Mendrisio.

Attraverso una tranquilla passeggiata, accessibile a tutti, sarà possibile scoprire le bellezze architettoniche ed artistiche presenti nel  cuore di Mendrisio.

Grazie alle collaborazione con Anastasia Gilardi (storica dell’arte) e Flavio Medici (storico), che hanno sviluppato il percorso, si avrà quindi l’occasione di abbinare il sano movimento alla cultura.

Le iscrizioni avverranno direttamente alla partenza (Mercato coperto), per questioni organizzative vi invitiamo a volervi pre-iscrivere inviando  una mail a sport@mendrisio.ch

Museo d’arte Mendrisio Città di Mendrisio

Piazzetta dei Serviti 1

CH-6850 Mendrisio

T. +41 58 688 33 50

museo@mendrisio.ch

www.mendrisio.ch/museo

ARTISSIMA 2017 dal 2 novembre

ARTISSIMA 2017
VENTIQUATTRESIMA EDIZIONE
2 novembre 2017 |Presentazione alla stampa, preview, vernissage
3-4-5 novembre 2017 |Apertura al pubblico
Oval, Lingotto Fiere Torino
Artissima, Internazionale d’arte contemporanea2016  © Perottino-Alfero-Tardito/ Artissima 2016
Artissima 2017 verrà inaugurata giovedì 2 novembre, accogliendo il pubblico da venerdì 3 a domenica 5 novembre all’OVAL di Torino. La ventiquattresima edizione della fiera si svolgerà per la prima volta sotto la guida di Ilaria Bonacossa, nominata direttrice a dicembre 2016.
Artissima si conferma un appuntamento unico nel panorama culturale europeo, capace di attrarre gallerie, artisti, collezionisti e professionisti del settore da tutto il mondo.
Riconosciuta a livello internazionale per la sua attenzione alle pratiche sperimentali e per la capacità di innovarsi a ogni edizione, nel 2017 la fiera introduce una serie di novità che investono trasversalmente il suo programma e la sua struttura.
Le innovazioni dell’edizione 2017 sottolineano la vocazione della fiera alla scoperta e alla valorizzazione di talenti, riconfermandone il ruolo di autorevole laboratorio di ricerca per il futuro dell’arte.
Artissima si arricchisce della nuova sezione Disegni tra le sezioni curate che si aggiunge alle storiche sezioni Present Future, nata nel 2001 e dedicata ai talenti emergenti, e Back to the Future, inaugurata nel 2010 e dedicata ai grandi pionieri dell’arte contemporanea, due format che si sono affermati come must nel panorama fieristico internazionale.
Artissima 2017 rivolge una particolare attenzione alla crescita di un collezionismo giovane, al rafforzamento della rete di collezionisti internazionali ospiti a Torino e al sostegno attivo all’arte italiana, valorizzando le migliori risorse creative del territorio per individuare gli artisti italiani del futuro.
In occasione del cinquantenario della nascita dell’Arte Povera, la ventiquattresima edizione rinsalda anche il legame della fiera con la città che la ospita, attraverso il recupero e la valorizzazione delle fondamenta culturali che, in quegli anni, resero Torino la capitale italiana dell’arte contemporanea.
La vitalità di Artissima e la sua forza innovatrice si riverbera su tutta la città, attraverso collaborazioni con le numerose istituzioni museali e con i progetti culturali del territorio.
La fiera è da sempre considerata un evento fondamentale per Torino grazie alla capacità di attrarre pubblici ampi e internazionali e di attivare processi economici, culturali e di accoglienza incisivi. In occasione dell’edizione 2017, l’indotto cittadino e regionale verrà analizzato attraverso un’indagine puntuale che la Camera di commercio di Torino, confermando il suo interesse per la fiera, ha commissionato al Dipartimento di Management dell’Università di Torino. I risultati verranno presentati nel 2018.
Ancora una volta Artissima si conferma un progetto unico, in grado di sostenere la ricerca curatoriale con un approccio dinamico in continua evoluzione.
La fiera è gestita da Artissima srl, società che afferisce alla Fondazione Torino Musei.
 
NOVITÀ DELL’EDIZIONE 2017
Disegni: la nuova sezione di Artissima, curata da Luís Silva e João Mourão. Oltre a valorizzare una pratica artistica in grado di catturare l’immediatezza processuale e di pensiero del gesto creativo, Disegni nasce per sostenere la nascita di un nuovo collezionismo.
Un rinnovato team di curatori delle sezioni curate, attraverso il coinvolgimento di personalità italiane e internazionali attive in prima persona nelle trasformazioni del mondo dell’arte contemporanea.
Il Deposito d’Arte Italiana Presente: il nuovo progetto espositivo e culturale di Artissima, curato da Ilaria Bonacossa e Vittoria Martini, dedicato all’arte italiana dal 1994 a oggi. Il Deposito ospiterà importanti prestiti dalle istituzioni piemontesi e opere provenienti dalle gallerie presenti in fiera.
“PIPER. Learning at the discotheque”: il nuovo programma di incontri a cura di the classroom pensato per raccontare l’arte contemporanea in maniera non convenzionale in uno spazio ispirato alla storica discoteca Piper di Torino.
Tre nuovi Premi da assegnare ad artisti e gallerie presenti in fiera: L’ OGR Award è il nuovo premio della Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT finalizzato all’acquisizione di un’opera che si aggiunge alla propria Collezione, e destinata alle neonate OGR – Officine Grandi Riparazioni di Torino. Refresh Premio Irinox, promosso da Irinox e dedicato nel 2017 alla nuova sezione Disegni, celebra l’artista che “reinventa conservando”, esalta ovvero in chiave contemporanea l’immediatezza espressiva del disegno. Il Campari Art Prize, in collaborazione con Gruppo Campari, premierà un artista under 35 anni che incentri la sua ricerca sul potere evocativo del racconto nelle sue molteplici declinazioni.
La piattaforma digitale: Artissima trasforma il suo catalogo in una piattaforma digitale in costante aggiornamento per offrire alle gallerie una vetrina non solo fisica ma virtuale in cui caricare in autonomia i propri contenuti per entrare in contatto con un pubblico più vasto di appassionati.
Il progetto di allestimento: lo studio Vudafieri Saverino Partners di Milano firma il nuovo allestimento per valorizzare gli spazi del padiglione e i diversi progetti della fiera.
La #SocialRoom: uno spazio di #ArtissimaLive in cui il pubblico digitale della fiera potrà ricaricare i propri dispositivi e non solo, trovando un ambiente ricco di stimoli, suggestioni e ispirazioni digitali.
La nuova immagine coordinata: il progetto grafico scelto per rappresentare l’identità della fiera, a cura di Studio Sonnoli, racconta lo spirito trasformativo dell’arte contemporanea che Artissima da sempre promuove.
Nuova attenzione al food e alla ricerca enogastronomica: il vigore e l’inventiva della Chef stellata Mariangela Susigan, del Gardenia di Caluso, accoglieranno gli ospiti nel ristorante sulla balconata della Vip Lounge per offrire loro un’esperienza intensa e fantasiosa, mentre il bistrot sarà a cura di Piaceri d’Italia, realtà gastronomica attenta alla qualità e all’autenticità, grazie alla vicinanza con i presidi Slow Food.
After Artissima: lo storico circolo torinese Società Canottieri Esperia organizzerà “After Artissima”, una lounge “chill, drink and dance” da giovedì 2 a sabato 4 novembre dalle 22.30 alle 03.00 (l’ingresso sarà consentito agli ospiti muniti di badge espositore, vip, press).
Artissima quest’anno collabora con lo stilista austriaco Arthur Arbesser (Vienna, 1982) che vestirà Ilaria Bonacossa durante la fiera (arthurarbesser.com).
Ilaria Bonacossa © Silvia Pastore
Nelle parole di Ilaria Bonacossa “Il 2017 segna una ricorrenza importante, non solo per Torino, ma per tutto il mondo dell’arte: 50 anni dalla prima mostra dell’Arte Povera (1967), la più rivoluzionaria, emozionante e poetica avanguardia artistica del dopoguerra che sancì la vocazione contemporanea di questa città. Per celebrare oggi quell’energia creativa, Artissima richiama negli spazi dell’Oval due esperienze sorprendenti, ma ancora poco conosciute, di quegli anni: il Piper Club di Torino (1966–69), e il Deposito dell’Arte Presente (1967–68). La storia della discoteca Piper, culla di una fervente subcultura, viene rievocata dal progetto PIPER. Learning at the discotheque, in cui un palinsesto di lezioni-conferenze si trasforma in scuola non convenzionale. La rivoluzionaria esperienza del Deposito, uno spazio industriale aperto per presentare fuori dagli spazi “borghesi” le opere della nascente Arte Povera, è invece ispirazione per il progetto Deposito d’Arte Italiana Presente in cui un magazzino si trasforma in spazio espositivo per presentare una selezione di opere create tra il 1994 e il 2017 da artisti italiani di diverse generazioni.
 
Dirigere Artissima è, per una curatrice, l’occasione non solo per riscoprire il passato ma per spiare il futuro dell’arte e metterne in discussione lo status quo. Le fiere d’arte contemporanea si distinguono per la dimensione non gerarchica della loro offerta in cui la molteplicità delle ricerche artistiche ridefinisce il sistema globale dell’arte contemporanea. La fiera si sviluppa orizzontalmente come un rizoma, affiancando in una struttura diffusa e reticolare, acentrica, le opere di settecento artisti presentati da più di duecento gallerie. Come il rizoma è un anti-albero, un’anti-radice, così la fiera è un’anti-struttura capace nella sua molteplicità di aprire spiragli sulle trasformazioni future della società contemporanea. Se l’arte da sola non può cambiare il mondo, ci auspichiamo che l’incontro con opere sorprendenti ed emozionanti possa cambiare il modo in cui ciascuno guarda la realtà”.
NUMERI
206
gallerie da 31 paesi
62% di espositori stranieri
20.000 mq di esposizione
Più di 700 artisti presentati
Più di 2.000 opere in mostra
Oltre 46 curatori e direttori di museo nelle giurie e iniziative speciali
Oltre 40.000 € di premi per artisti e gallerie
400.000 € di acquisizioni istituzionali (2016)
50.000 visitatori (2016)    
LE SEZIONI 
 
Le sezioni di Artissima sono sette.
Quattro sono selezionate dal comitato delle gallerie della fiera:
  • Main Section, raccoglie le gallerie più rappresentative del panorama artistico mondiale. Quest’anno ne sono state selezionate 95 di cui 46 straniere.
  • New Entries, sezione riservata alle gallerie emergenti sulla scena internazionale, quest’anno avrà 13 gallerie di cui 8 straniere.
  • Dialogue, novità dell’edizione 2016, è una sezione dedicata a progetti specifici in cui le opere di uno, due o tre artisti vengono messe in stretta relazione tra loro, con 33 gallerie di cui 26 straniere.
  • Editions & Publishing, inaugurata nel 2012, ospita edizioni, stampe e multipli di artisti contemporanei di 10 gallerie e librerie.  
Comitato Main Section, New Entries, Dialogue,  Editions & Publishing
Isabella Bortolozzi , galleria Isabella Bortolozzi, Berlin
Paola Capata, galleria Monitor, Roma
Guido Costa, galleria Guido Costa Projects, Torino
Martin McGeown, galleria Cabinet, London
Gregor Podnar, galleria Gregor Podnar, Berlin
Jocelyn Wolff, galleria Jocelyn Wolff, Paris
Tre sono sezioni curate da board di curatori e direttori internazionali:
  • Present Future
  • Back to the Future
  • Disegni 
PRESENT FUTURE 
 
Present Future è la sezione di Artissima dedicata ai talenti emergenti. Per l’edizione 2017 il nuovo board di giovani curatori internazionali è coordinato da Cloé Perrone. Gli artisti sono presentati dalle loro gallerie di riferimento attraverso una selezione studiata ad hoc dal team di curatori. Le opere degli artisti invitati includono proposte inedite realizzate per la fiera e progetti alla loro prima esposizione nel contesto europeo e italiano. Nel 2017 Present Future propone i progetti di 20 artisti presentati da 23 gallerie ( 17 straniere e 6 italiane).
Il Premio illy Present Future, sostenuto da illycaffè dal 2001, sarà assegnato all’artista la cui ricerca sarà considerata la più innovativa da una giuria internazionale. Dal 2012, il Premio, in collaborazione con il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, offre al vincitore l’eccezionale opportunità di una mostra negli spazi del Museo.
Grazie alla visione contemporanea di illycaffè e all’attiva partnership con il Castello di Rivoli, il Premio illy Present Future offre un contributo importante all’affermazione degli artisti emergenti e conferma il ruolo innovatore di Artissima.
Nel 2016 il premio è stato assegnato all’artista americana Cécile B. Evans (Cleveland, 1983) con l’opera What the heart wants (2016). Una sua personale sarà presentata presso il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea in concomitanza con Artissima 2017 (Inaugurazione venerdì 3 novembre alle ore 11:00).
Comitato Present Future
Cloé Perrone (coordinatrice), curatrice indipendente, Roma, New York  
Samuel Gross, curatore capo Istituto Svizzero di Roma
João Laia, curatore indipendente e scrittore, Lisbon
Charlotte Laubard, storica d’arte e curatrice indipendente, Geneva
Giuria Premio illy Present Future
Mary Ceruti, direttore esecutivo e curatrice, Sculpture Center, New York
Carolyn Christov-Bakargiev, direttrice, Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea e GAM, Torino
Luigi Fassi, curatore arti visive, Steirischer Herbst festival, Graz
I vincitori delle ultime edizioni:
2016: Cécile B. Evans, Galerie Barbara Seiler, Zurich
2015: Alina Chaiderov, Galleria Antoine Levi, Paris
2014: Rachel Rose, Galleria High Art, Paris
2013: Caroline Achaintre, Galleria Arcade, London e Fatma Bucak, Galleria Alberto Peola, Torino
2012: Vanessa Safavi, Galleria Chert, Berlin; Santo Tolone, galleria Limoncello, London e Naufus Ramírez-Figueroa, galleria Proyectos Ultravioleta, Guatemala City
Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea
illy Present Future 2016 Prize Exhibition
Piazzale Mafalda di Savoia, Rivoli, Torino
Mostra Personale di Cécile B. Evans
BACK TO THE FUTURE 
 
Back to the Future è la sezione speciale di Artissima dedicata alla riscoperta, attraverso mostre personali, di pionieri dell’arte contemporanea. L’edizione 2017 si concentrerà sulla riscoperta di talenti dell’arte contemporanea attivi negli anni ’80 ed è curata da un board coordinato da Anna Daneri.
La sezione, giunta alla sua ottava edizione, mira a riportare al centro della storia dell’arte internazionale artisti che hanno avuto un ruolo fondamentale nella trasformazione dei linguaggi formali e il cui lavoro ha influenzato le pratiche contemporanee. Per il grande pubblico, Back to the Future offre un’opportunità unica di scoprire importanti opere degli anni ’80 e valutarne l’impatto sulle sperimentazioni attuali. Nel 2017 partecipano a Back to the Future 27 artisti, presentati da 29 gallerie ( 12 italiane, 17 straniere).
Durante Artissima, una giuria internazionale assegnerà alla galleria con il progetto più interessante in termini di rilevanza storica e di presentazione il Premio Sardi per l’Arte Back to the Future, nato dalla partnership con la Fondazione Sardi per l’Arte.
Comitato Back to the Future
Anna Daneri (coordinatrice), curatrice indipendente, Genova e fondatore di Peep-Hole, Milano
Zasha Colah, curatrice indipendente, Mumbai e curatrice Pune Biennale 2017
Dora García, artista e professoressa Oslo National Academy of Arts, Oslo e HEAD, Geneva
Chus Martinez, curatrice, direttrice FHNW Art Institute, Basilea e membro dell’advisory board del Castello di Rivoli, Torino
Giuria Premio Sardi per l’Arte Back to the Future
Eva Fabbris, curatrice e storica dell’arte, curatrice Fondazione Prada, Milano
Francesco Manacorda, direttore, V-A-C Foundation, Moscow
Andrea Viliani, direttore, MADRE, Napoli
Lisa Parola, curatrice, Fondazione Sardi per l’Arte, Torino
 
I vincitori delle ultime edizioni:
2016: Galerie in situ – Fabienne Leclerc, Paris, che ha presentato i lavori dell’artista Lars Fredrikson.
2015: Gallerie Ellen De Bruijne, Amsterdam e Dan Gunn, Berlin, che hanno presentato i lavori dell’artista Michael Smith.
2014: Galleria François Ghebaly, Los Angeles, che ha presentato i lavori dell’artista Channa Horwitz.

 

DISEGNI
 
Con Artissima 2017 nasce la nuova sezione Disegni, dedicata alle peculiarità di questa forma espressiva classica ma ancora attuale. La sezione intende valorizzare una pratica artistica in grado di catturare l’immediatezza processuale e di pensiero del gesto creativo, vivendo in uno spazio sospeso tra idea e opera finita. Disegni nasce per sostenere la nascita di un nuovo collezionismo.
Disegni per la sua prima edizione presenta i lavori di 26 artisti, rappresentati da 26 gallerie ( 10 italiane, 16 straniere) e è curata da Luís Silva e João Mourão direttori della Kunsthalle Lissabon, Lisbona.
A Disegni è dedicata la prima edizione del  Premio Refresh promosso da Irinox, leader nella produzione di abbattitori di temperatura. Dall’incontro tra un’azienda che da sempre si caratterizza per la capacità di specializzarsi, innovare e anticipare il mercato e l’identità di Artissima, è nata una collaborazione triennale che si concretizza al suo esordio con un premio d’arte. Refresh Premio Irinox intende celebrare l’artista che attraverso il disegno “reinventa conservando”, riesce ovvero ad esaltare in chiave contemporanea l’immediatezza espressiva di un mezzo che da sempre rappresenta la via più semplice alla trasformazione del pensiero in forma visiva.
Comitato Disegni
Luís Silva e João Mourão, direttori della Kunsthalle Lissabon, Lisbon
 
Giuria Refresh Premio Irinnox
Claire Gilman, curatrice, The Drawing Center, New York  
Katharine Stout, vice direttrice, ICA, London  
Irina Zucca Alessandrelli, curatrice, Collezione Ramo, Milano
Artissima, Internazionale d’arte contemporanea2016  © Perottino-Alfero-Tardito/ Artissima 2016
TUTTI I PREMI DI ARTISSIMA
 
Artissima organizza in collaborazione con sponsor e istituzioni 6 premi per artisti e gallerie, assegnati da giurie internazionali: oltre al Premio illy Present Future, al Premio Sardi per l’Arte Back to the Future, al nuovo Refresh Premio Irinox e allo storico Premio Fondazione Ettore Fico, la fiera si arricchisce dei nuovi OGR Award e del Campari Art Prize.
L’ OGR Award è il nuovo premio della Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT finalizzato all’acquisizione di un’opera che si aggiunge alla propria Collezione e che verrà destinata alle nuove OGR – Officine Grandi Riparazioni di Torino, centro di arti visive e performative e unico esempio in Europa di riconversione industriale finalizzato a far convivere la ricerca artistica, in tutte le sue declinazioni, e la ricerca in ambito tecnologico, unendo le idee e i valori della creatività con gli strumenti e i linguaggi delle nuove tecnologie digitali.
Giuria OGR Award
Fawz Kabra, curatrice indipendente e scrittrice, New York
Abaseh Mirvali, curatrice indipendente di arte contemporanea e architettura, progettista, Mexico City, Berlin
Nicola Ricciardi, direttore artistico, OGR – Officine Grandi Riparazioni, Torino
Il Campari Art Prize, alla sua prima edizione, segna l’inizio di una partnership triennale tra Artissima e Gruppo Campari.
Nel 2017 il premio sarà assegnato ad un artista under 35 tra quelli presentati nelle diverse sezioni della Fiera, che incentri la sua ricerca sul potere evocativo del racconto nelle sue molteplici declinazioni e sulla dimensione comunicativa dell’opera.
Il premio conferma la storica apertura del brand a nuovi e inediti linguaggi e la fusione tra uno spirito imprenditoriale d’avanguardia e la ricerca artistica più sperimentale.
Giuria Campari Art Prize
Adam Budak, direttore collezioni e mostre, National Gallery,   Prague  
Francesco Stocchi, curatore arte moderna e contemporanea, Museum Boijmans Van Beuningen, Rotterdam  
Carina Plath, vice direttrice, Sprengel Museum Hannover  
 
 
Refresh Premio Irinox, dedicato alla neonata sezione Disegni, il nuovo premio promosso da Irinox celebra l’artista che attraverso il disegno “reinventa conservando”, riesce ovvero ad esaltare in chiave contemporanea l’immediatezza espressiva di un mezzo che da sempre rappresenta la via più semplice alla trasformazione del pensiero in forma visiva.
 
Giuria Refresh Premio Irinox
Claire Gilman, curatrice, The Drawing Center, New York
Katharine Stout, vice direttrice, ICA, Londra
Irina Zucca Alessandrelli, curatrice, Collezione Ramo, Milano
           
Il Premio Fondazione Ettore Fico è finalizzato alla valorizzazione e promozione di un giovane artista. Oltre al premio, la Fondazione porterà avanti il suo importante programma di acquisizioni di opere ad Artissima per arricchire la collezione del MEF – Museo Ettore Fico di Torino.
 
Giuria Premio Ettore Fico
Renato Alpegiani, collezionista, consigliere, Fondazione Ettore Fico, Torino
Andrea Busto, direttore, MEF – Museo Ettore Fico, Torino
Simone Menegoi, curatore indipendente, Verona e Milano
Letizia Ragaglia, direttrice, Museion, Bolzano
Il Premio illy Present Future, sostenuto da illycaffè dal 2001, è assegnato all’artista la cui ricerca sarà considerata la più innovativa. Dal 2012, il Premio, in collaborazione con il Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, offre al vincitore l’eccezionale opportunità di una mostra negli spazi del Museo.
           
Giuria Premio illy Present Future
Mary Ceruti, direttore esecutivo e curatrice, Sculpture Center, New York
Carolyn Christov-Bakargiev, direttrice, Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea e GAM, Torino
Luigi Fassi, curatore arti visive, Steirischer Herbst festival, Graz
Il Premio Sardi per l’Arte Back to the Future, nato dalla partnership con la Fondazione Sardi per l’Arte, premia la galleria con il progetto più interessante in termini di rilevanza storica e di presentazione dello stand nella sezione Back to the Future.
Giuria Premio Sardi per l’Arte Back to the Future
Eva Fabbris , curatrice e storica dell’arte, curatrice Fondazione  Prada, Milano
Francesco Manacorda, direttore, V-A-C Foundation, Moscow
Andrea Viliani, direttore, MADRE, Napoli
Lisa Parola, curatrice, Fondazione Sardi per l’Arte, Torino  
 
 
I PROGETTI SPECIALI
 
DEPOSITO D’ARTE ITALIANA PRESENTE
 
Curato da Ilaria Bonacossa e Vittoria Martini , il Deposito d’Arte Italiana Presente è il nuovo progetto espositivo e culturale di Artissima dedicato all’arte italiana. Il Deposito ospiterà prestigiosi prestiti dalle istituzioni piemontesi e opere provenienti delle gallerie presenti in fiera, riconoscendo loro il ruolo di spicco che hanno avuto e hanno nella produzione della storia dell’arte contemporanea nel nostro paese.
Per questo nuovo progetto, Artissima si è ispirata ad una delle esperienze espositive più innovative della Torino degli anni Sessanta, quando Torino era una delle capitali internazionali della ricerca artistica: il Deposito d’Arte Presente (1967–68). Luogo di produzione ed esposizione di opere di artisti emergenti voluto da Gian Enzo Sperone il Deposito era, nelle parole dello storico Robert Lumley, “una raccolta estemporanea, non permanente… uno spazio per il presente, per un tipo di arte connessa all’ hic et nunc e spogliata di qualsiasi sacralità”.
Con il Deposito d’Arte Italiana Presente, Artissima riprende quel format, traslandolo all’oggi e utilizzandolo come cornice concettuale per un progetto che ne assorbe la modalità operativa. Il Deposito non è una mostra, ma uno spazio dinamico di esposizione e di approfondimento dal quale iniziare una narrazione dell’arte italiana degli ultimi venti anni per fotografarla oggi immaginando gli sviluppi futuri. Il Deposito vuole essere luogo di aggiornamento e informazione per curatori, collezionisti e appassionati.
Con il sostegno di Camera di commercio di Torino
THECLASSROOM@ARTISSIMA
 
PIPER. Learning at the discotheque è il titolo del programma di talk di Artissima a cura di the classroom, un centro di arte e formazione diretto da Paola Nicolin che reinventa le relazioni tra pratiche educative ed espositive. Il progetto sviluppa i suoi contenuti dalla riflessione sul Piper di Torino, la discoteca progettata da Pietro Derossi con Guido Ceretti, attiva dal 1966 al 1969. Trasformando le temperature popolari della “sala da ballo” in un centro culturale autogestito, il Piper rimane un modello internazionale di spazio non istituzionale per l’arte contemporanea.
Al Piper di Torino molte personalità eclettiche e creative tra cui Michelangelo Pistoletto, Alighiero Boetti, Piero Gilardi, Mario e Marisa Merz, Gianni Piacentino, Carlo Colnaghi, Carlo Quartucci, Patty Pravo, Living Theater, Carmelo Bene, Massimo Pellegrini, Pietro Gallina, si incontravano e lavoravano attraversando discipline, identità, codici, linguaggi e comportamenti. Di questo luogo si ripropone una ricostruzione evocativa, una aula-discoteca realizzata in collaborazione con il collettivo artistico Superbudda.
Il programma si apre con un corso tenuto dall’artista Seb Patane e prosegue con lezioni e testimonianze votate alla produzione artistica contemporanea.
Con il sostegno di Fondazione per l’Arte Moderna e Contemporanea CRT
ARTISSIMA GOES DIGITAL 
 
Catalogo digitale e Agenda
Importanti novità in campo digitale caratterizzeranno l’edizione 2017 della fiera: il catalogo da cartaceo diventa virtuale, con lancio della piattaforma  www.artissima.art  in cui i visitatori potranno esplorare gallerie, artisti e opere in modo interattivo, salvando i propri contenuti preferiti. Un’anteprima dei profili delle gallerie partecipanti sarà online a partire dal 7 settembre, mentre dal 16 ottobre ogni visitatore potrà scoprire la versione completa della piattaforma, con artisti e opere, per preparare al meglio la propria visita in fiera. All’ingresso dell’OVAL poi apposite postazioni consentiranno di sfogliare il catalogo online su iPad, per ricercare informazioni last-minute.
Per rendere l’esperienza fiera il più completa possibile, Artissima affiancherà al catalogo digitale un’ agenda online che permetterà di fruire degli eventi calendarizzati in modo rapido e immediato. Interagendo con la wishlist, l’agenda consentirà ai visitatori registrati di salvare nella propria area personale gli eventi preferiti: talk, visite guidate e incontri al meeting point, ma anche gli eventi in città organizzati dai partner della fiera.
Con il sostegno di Compagnia di San Paolo
#ArtissimaLive
Nel 2017 la fiera ripropone #ArtissimaLive, una redazione dal vivo composta da riviste on-line, blogger, siti web di settore che collaborano alla creazione di contenuti prodotti in fiera. Il progetto è coordinato da Elena Bordignon, fondatrice di ATP Diary.
Partecipano con ATP Diary:
– Art Dependence, Antwerp
– Aujourd’hui Magazine, Lisbon
– Fruit of the forest, Miami / Milano
– Kabul Magazine, Milano
– The Exhibitionist, New York
#SocialRoom
Accanto all’area dedicata ai blogger e in continuità con essa, Artissima introduce per la prima volta nel 2017 anche la #SocialRoom, uno spazio fisico in cui il pubblico digitale della fiera potrà ricaricare i propri dispositivi e, trovando un ambiente ricco di stimoli, suggestioni e ispirazioni digitali, diventare protagonista dei canali social della fiera.
 
 
ALTRE INIZIATIVE IN FIERA
 
Walkie Talkies by Lauretana
Tra gli appuntamenti di grande successo per il pubblico di Artissima tornano i Walkie Talkies, conversazioni informali che attraversano liberamente gli spazi della fiera.
Coppie di guide d’eccezione accompagnano i visitatori in esplorazioni mirate tra gli stand delle gallerie alla scoperta di opere, artisti o linguaggi specifici. I Walkie Talkies sono dialoghi brevi, quasi degli intermezzi tra coppie di curatori e collezionisti: un’opportunità di conoscere e discutere il meglio di Artissima.
Il programma, coordinato da Abaseh Mirvali, sarà presto disponibile.
 
Ypsilon St’Art Tour by Lancia
Inaugurata nell’edizione 2015, Ypsilon St’Art Tour, è un programma di visite guidate attraverso gli stand e le sezioni speciali promosso da Lancia Ypsilon e pensato per offrire approfondimenti e nuove chiavi di lettura al pubblico che si avvicina al mondo dell’arte contemporanea. L’edizione 2017 presenterà sei nuovi percorsi tematici volti ad “inquadrare il contemporaneo” fotografando la natura dinamica della fiera. Anche quest’anno è confermata la guida di giovani professionisti nella mediazione culturale grazie alla partecipazione di Arteco, associazione attiva nel campo della ricerca artistica e della formazione al contemporaneo. Le visite saranno sei al giorno a partire dal venerdì̀ e aperte al pubblico generico con un limite di 15 persone per ciascuna visita.
L’iscrizione agli Ypsilon St’Art Tour sarà attiva sul sito di Artissima a partire da metà ottobre. Le visite avranno inizio presso lo stand Lancia Ypsilon dove i partecipanti avranno modo di interagire tra loro in uno spazio attivo e trasformabile.
 
Meeting Point by La Stampa
Un’area speciale della Fiera riservata alla presentazione di progetti, ricerche ed eventi o a conversazioni e dibattiti su alcune tematiche fondamentali della contemporaneità, promossi e curati da musei, istituzioni e realtà dell’arte: un’occasione unica di incontro e confronto con alcuni dei protagonisti della scena artistica contemporanea.
UniCredit Art Advisory 
UniCredit presenta per il terzo anno consecutivo il servizio di Art Advisory, una consulenza gratuita e indipendente, rivolta a chi già colleziona ma soprattutto a chi, affascinato dall’arte, non sempre si sa orientare in fiera e sceglie di farsi accompagnare anche negli aspetti legali, fiscali e assicurativi del collezionismo. Consulenti esperti saranno disponibili su appuntamento nello speciale spazio UniCredit in fiera.   
EVENTI DEI PARTNER
 
EDIT
→Aldo Mondino. Food for thought
a cura dell’Archivio Aldo Mondino
Edit Kitchens
Via Cigna 104/a, Torino
dal 31 ottobre al 7 novembre
su appuntamento
giorgia.zerboni@edit-to.com
 
 
FONDAZIONE SARDI PER L’ARTE
→Fatma Bucak. Remains of what has not been said
Biblioteca Arturo Graf, Rettorato dell’Università degli Studi di Torino
via Po 19, Torino
2–3 novembre, 7–11 novembre, 9.00–19.00;
4 novembre, 9.00–20.00;
5 novembre, 12.00–24.00;
6 novembre, 12.00–20.00
 
 
TOSETTI VALUE
Walter Niedermayr. Iran: Antica Persia e industrializzazione  
Corso Marconi 10, Torino
da novembre a febbraio
su appuntamento
ilfamilyoffice@tosettivalue.it
PARTNER 
Main Partner UniCredit 
Partner  Art Defender, Edit, Gruppo Campari, illycaffè, Irinox, K-Way, Lancia, Lauretana, Montblanc, Nino Franco Prosecco, Fondazione Sardi per l’Arte, Torino Outlet Village, Tosetti Value  
In-kind partner  Artek, Cappellini, Carioca, Cassina, Dedar, Driade, Edra, F/ART, Gebrüder Thonet Vienna, GL Events Italia – Lingotto Fiere, Golran, Guido Gobino, Lago Design, Magis, Metalsistem, Moroso, Nemo Lighting, Pastiglie Leone, Torino Airport | Sagat, Trenitalia, Vitra
Official Carrier Arterìa
Official Insurance Art Defender Insurance  
Media Partner  La Stampa, Artsy  

Media Coverage  Sky  Arte HD

GALLERIE
 
Main Section
401CONTEMPORARY , Berlin; AB/ANBAR , Tehran; LUIS ADELANTADO , Valencia, Mexico City; ADN , Barcelona; SABRINA AMRANI , Madrid; APALAZZO , Brescia; ARTERICAMBI , Verona; ALFONSO ARTIACO , Napoli; ENRICO ASTUNI , Bologna; PIERO ATCHUGARRY , Pueblo Garzón; AURAL , Alicante; BALICE HERTLING , Paris; :BARIL , Cluj-Napoca; BENDANA | PINEL , Paris; ISABELLA BORTOLOZZI , Berlin; THOMAS BRAMBILLA , Bergamo; BRAVERMAN , Tel Aviv; CABINET , London; CARDELLI & FONTANA , Sarzana, S. Stefano di Magra; GALLERIA DEL CEMBALO , Roma; CHARIM , Vienna; CHERTLÜDDE , Berlin; ANTONIO COLOMBO , Milano; CONTINUA , San Gimignano, Beijing, Les Moulins, Havana; RAFFAELLA CORTESE , Milano; GUIDO COSTA PROJECTS , Torino; RICCARDO CRESPI , Milano; CURRO , Guadalajara; MONICA DE CARDENAS , Milano, Zouz, Lugano; DE’ FOSCHERARI , Bologna; UMBERTO DI MARINO , Napoli; ERMES-ERMES , Vienna; RENATA FABBRI , Milano; FRITTELLI , Firenze; FUORICAMPO , Siena; CHRISTOPHE GAILLARD , Paris; HÄUSLER , Zurich, Munich, Lustenau; ANTONIA JANNONE , Milano; GEORG KARGL , Vienna; KOW , Berlin; LAVERONICA , Modica; LOOM , Milano; LUCE , Torino; MADRAGOA , Lisbon; MAGAZZINO , Roma; NORMA MANGIONE , Torino; PRIMO MARELLA , Milano; MARSO , Mexico City; MASSIMODELUCA , Mestre-Venezia; MAZZOLENI , Torino, London; MAZZOLI , Berlin; GRETA MEERT , Brussels; FRANCESCA MININI , Milano; MASSIMO MININI , Brescia; VICTORIA MIRO , London, Venezia; MONITOR , Roma, Lisbon; FRANCO NOERO , Torino; LORCAN O’NEILL , Roma; OSART , Milano; OTTO , Bologna; P420 , Bologna; PACI , Brescia, Porto Cervo; PAPILLON , Paris; ALBERTO PEOLA , Torino; RAFAEL PÉREZ HERNANDO, Madrid; GIORGIO PERSANO , Torino; PHOTO&CONTEMPORARY , Torino; PODBIELSKI , Berlin; GREGOR PODNAR , Berlin; PROFILE , Warsaw; PROGETTOARTE ELM , Milano; PROMETEOGALLERY , Milano, Lucca; PROYECTOS MONCLOVA , Mexico City; REPETTO , London; RIBOT , Milano; MICHELA RIZZO , Venezia; RODEO , London; ROSSI & ROSSI , London, Hong Kong; LIA RUMMA , Milano, Napoli; RICHARD SALTOUN , London; ROSA SANTOS , Valencia; SMAC , Cape Town, Johannesburg, Stellenbosch; SOMMER , Tel Aviv; SPAZIOA , Pistoia; SPROVIERI , London; TAIK PERSONS , Berlin, Helsinki; TEGA , Milano; TUCCI RUSSO , Torre Pellice; UNTILTHEN , Rosny-sous-Bois; UNTTLD , Vienna; VARTAI , Vilnius; VISTAMARE , Pescara; HUBERT WINTER , Vienna; JOCELYN WOLFF , Paris; ZAK | BRANICKA , Berlin

 

 
Dialogue
SAMY ABRAHAM , Paris; AIKE DELLARCO , Shanghai; ANNEX14 , Zurich; ROLANDO ANSELMI , Berlin, Roma; THOMAS BERNARD – CORTEX ATHLETICO , Paris; JACOB BJØRN , Aarhus; BOCCANERA , Trento; BWA WARSZAWA , Warsaw; CAR DRDE , Bologna; CARBON 12 , Dubai; COLLICALIGREGGI , Catania; COPPERFIELD , London; EX ELETTROFONICA , Roma; FOLD , London; MARIANE IBRAHIM , Seattle; IRAGUI , Moscow; JOSH LILLEY , London; EVA MEYER , Paris; ANI MOLNÁR , Budapest; OPERATIVA , Roma; ALBERTA PANE , Paris, Venezia; PM8 , Vigo; ANCA POTERASU , Bucharest; PSM , Berlin; REVOLVER , Lima; RIZZUTOGALLERY , Palermo; SERVANDO, Havana; STEINEK , Vienna; THE ROOSTER , Vilnius; RITA URSO , Milano; VITRINE ,London, Basel; WALDEN , Buenos Aires; WORKPLACE , Gateshead

 

New Entries
A-LOUNGE(A-L) , Seoul; ACAPPELLA , Napoli; ART+TEXT BUDAPEST , Budapest; BAD REPUTATION , Los Angeles; CLIMA , Milano; ESPACIO EL DORADO , Bogotà; FRANCISCO FINO , Lisbon; KASIA MICHALSKI , Warsaw; PLACENTIA ARTE , Piacenza; ROEHRS & BOETSCH , Zurich; EDUARDO SECCI , Firenze; VIASATERNA , Milano; MAXIMILLIAN WILLIAM , London
 
 
Present Future
SALVATORE ARANCIO , FEDERICA SCHIAVO , Milano, Roma; OMAR BA , DANIEL TEMPLON , Paris, Bruxelles; BERTILLE BAK , THE GALLERY APART , Roma + XIPPAS , Paris, Geneva, Montevideo, Punta del Este; TODD BIENVENU , SEBASTIEN BERTRAND , Geneva; TINA BRAEGGER , WEISS FALK , Basel; VON CALHAU! , PEDRO ALFACINHA , Lisbon; COCO CRAMPTON , BELMACZ , London; DAVID DOUARD , CHANTAL CROUSEL , Paris; ELIZA DOUGLAS , AIR DE PARIS , Paris; GENUARDI/RUTA , FRANCESCO PANTALEONE , Palermo, Milano; PAKUI HARDWARE , EXILE , Berlin; INVERNOMUTO , PINKSUMMER , Genova; NICOLÁS LAMAS , SABOT , Cluj-Napoca; MIRIAM LAURA LEONARDI , MARIA BERNHEIM , Zurich; NIKLAS LICHTI , EMANUEL LAYR , Vienna, Roma; CAROLINE MESQUITA , CARLIER | GEBAUER , Berlin + T293 , Roma; CATHERINE PARSONAGE , HOUSE OF EGORN , Berlin; JOANNA PIOTROWSKA , MADRAGOA , Lisbon; MARTA RINIKER-RADICH , FRANCESCA PIA , Zurich; CALLY SPOONER , GB AGENCY , Paris + ZERO… , Milano
Back to the Future
SANTI ALLERUZZO , SPAZIOA , Pistoia; RASHEED ARAEEN , ROSSI & ROSSI , London, Hong Kong; LUCIANO BARTOLINI , STUDIO DABBENI , Lugano; MARION BARUCH , ANNE-SARAH BÉNICHOU , Paris + LAURENCE BERNARD , Geneva; JUDY BLUM REDDY, TWELVE GATES ART , Philadelphia; ANNA VALERIA BORSARI , STUDIO G7 , Bologna; PHILIP CORNER , UNIMEDIAMODERN , Genova; JAQUELINE DE JONG , DÜRST BRITT & MAYHEW , Den Haag; AMALIA DEL PONTE , GALLERIA MILANO , Milano; NATHALIE DU PASQUIER , APALAZZO , Brescia; JEAN DUPUY , LOEVENBRUCK , Paris; MARIANNE EIGENHEER , VON BARTHA , Basel, S-chanf; JORGE FERRÉ , SENDA , Barcelona; ESTHER FERRER , ÀNGELS BARCELONA , Barcelona; VERA ISLER-LEINER , BALZER PROJECTS , Basel; VIVIENNE KOORLAND , RICHARD SALTOUN , London; CORRADO LEVI , RIBOT , Milano; SERGIO LOMBARDO , 1/9UNOSUNOVE , Roma; ELISA MONTESSORI , MONITOR , Roma, Lisbon; BEVERLY PEPPER , KAYNE GRIFFIN CORCORAN , Los Angeles; NICOLA PONZIO , RICCARDO COSTANTINI , Torino; MARILENA PREDA-SÂNC , EASTWARDS PROSPECTUS , Bucharest; ÀNGELS RIBÉ , ANA MAS PROJECTS , Barcelona, San Juan; DIET SAYLER , 418 CONTEMPORARY , Bucharest; JOACHIM SCHMID , P420 , Bologna; ROBERTO TURNBULL , TIRO AL BLANCO, Guadalajara; JAN VERCRUYSSE , TUCCI RUSSO , Torre Pellice + VISTAMARE , Pescara
Disegni
CHARLES AVERY + CLAUDIA WIESER, STUDIO SALES DI NORBERTO RUGGERI, Roma; VANESSA BEECROFT, LIA RUMMA, Milano, Napoli; ULLA VON BRANDENBURG, PRODUZENTENGALERIE HAMBURG, Hamburg; GUGLIELMO CASTELLI, FRANCESCA ANTONINI, Roma; MARIANA CASTILLO DEBALL, PINKSUMMER, Genova; CÉLINE CONDORELLI, VERA CORTÊS, Lisbon; TOMASO DE LUCA, MONITOR, Roma, Lisbon; PATRIZIO DI MASSIMO, T293, Roma; MARK DION, IN SITU – FABIENNE LECLERC, Paris; JAN FABRE, MARIO MAURONER, Vienna, Salzburg; ROKNI HAERIZADEH, ISABELLE VAN DEN EYNDE, Dubai; DAVID HAINES, UPSTREAM, Amsterdam; GARY KUEHN, HÄUSLER, Zurich, Munich, Lustenau; LUCIA NOGUEIRA, ANTHONY REYNOLDS, London; DANIEL OTERO, SKETCH, Bogotà; TONY OURSLER, IN ARCO, Torino; SEB PATANE, FONTI, Napoli; FERDINAND PENKER, DANIEL MARZONA, Berlin + NÄCHST ST. STEPHAN ROSEMARIE SCHWARZWÄLDER, Vienna; WILFREDO PRIETO, NOGUERAS BLANCHARD, Barcelona, Madrid; JORGE QUEIROZ, 3+1, Lisbon; CAMILO RESTREPO, STEVE TURNER, Los Angeles; NICOLAS ROBBIO, VERMELHO, Sao Paulo; ANDREA ROMANO, VISTAMARE, Pescara; SUSANNE S.D. THEMLITZ, ÁNGELES BAÑOS, Badajoz; JULIÃO SARMENTO, GIORGIO PERSANO, Torino  
 
 
Editions & Publishing  
ARCHIPELAGO PROJECTS, London; COLOPHONARTE, Belluno; DERBYLIUS, Milano; EDITALIA, Roma; JOHAN&LEVI, Milano; L’ARENGARIO S.B., Gussago; MARTINCIGH, Udine; MILANO STYLE ART, Milano; DANILO MONTANARI, Ravenna; STUDIO MONTESPECCHIO, Montespecchio
Magazine
ARTE CAIRO, Milano; ARTE E CRITICA, Roma; ARTFORUM INTERNATIONAL, New York; ART REVIEW, London; ARTRIBUNE, Roma; CURA., Roma, EXIBART, Roma; FLASH ART / FLASH ART INTERNATIONAL, Milano; FRIEZE MAGAZINE, London; IL GIORNALE DELL’ARTE, Torino; LOOK LATERAL, Mantova; CONTEMPORARY LYNX MAGAZINE, London; MOUSSE, Milano; L’OFFICIEL, Milano; SEGNO, Pescara
Bookshop
LIBRERIE CORRAINI
, Mantova
***********
 
INFORMAZIONI PRATICHE   
ARTISSIMA 2017
Internazionale d’Arte Contemporanea
3-4-5 novembre 2017
OVAL – Lingotto Fiere
Opening: 2 novembre 2017   
Anteprima stampa dalle ore 12.00
Anteprima collezionisti dalle ore 12.00 (su invito)
Inaugurazione ore 18.00-21.00 (su invito)
 
Apertura al pubblico: 3-4-5 novembre 2017
ore 12.00-20.00
Biglietti:
Intero: € 15,00
Ridotto: € 10,00 *
Abbonamento 3 giorni: € 30,00
* Ragazzi 12-18 anni. Over 65. Studenti universitari su presentazione del libretto universitario. Militari in divisa. Biglietto ridotto su presentazione dell’abbonamento Torino Musei e della Torino Card dal 3 al 5 novembre. Ingresso gratuito per i disabili con accompagnatore.
ARTISSIMA SRL
www.artissima.it
info@artissima.it
Facebook: Artissima Fair
Twitter: @ArtissimaFair
Instagram: ARTISSIMAFAIR
Pinterest: Artissima
Youtube: Artissima Fair
#artissima #artissima2017 #followthepink
L’immagine e il progetto grafico di Artissima sono a cura dello Studio Sonnoli

Torna a Cantù la Festa del Legno

Dal 23 settembre all’8 ottobre in centro mostre,

eventi e laboratori per bambini

Dopo la grande partecipazione registrata lo scorso anno, torna a Cantù dal 23 settembre fino all’8 ottobre la Festa del Legno, la manifestazione che celebra la tradizione canturina della lavorazione del legno e della produzione di elementi di arredo, organizzata dal Comune di Cantù in collaborazione con la Camera di Commercio di Como, l’Associazione Qualità Cantù 2001, Fondazione Enaip Lombardia, l’Ordine degli Architetti di Como e l’Accademia di Belle Arti di Brera.

 Anche nel 2017, infatti, la Festa del Legno si propone come occasione per incontrare innovazione e tradizione, cultura e design, eventi di piazza e convegni tematici, botteghe aperte e laboratori per i bambini, mostre permanenti e i maestri del design.

Nell’ambito di un format ormai ben consolidato, che coinvolge i rappresentanti di tutto il territorio sia a livello economico che sociale e culturale, tornano le iniziative collegate al programma di “Shopping & Design – la vetrina è mobile”, mirate a consolidare la sinergia tra due settori quali quello produttivo-artigianale e quello commerciale valorizzando le vetrine nel percorso dello shopping. Di tipo differente l’evento “Botteghe aperte”, che punta ad offrire ai visitatori la possibilità di andare alla scoperta del mondo dell’artigianato, seguendo percorsi specifici nei luoghi di produzione al fine di avvicinarsi e toccare con mano l’arte, la professionalità e la passione degli artigiani nella produzione degli elementi di arredo.

Numerose le mostre ospitate, come di consueto, nelle location più rappresentative della città: all’interno della prestigiosa Villa Calvi, “Bella Scoperta!” si propone di presentare e far scoprire ai bambini alcuni oggetti di design tramite laboratori didattici, parte integrante della mostra. Sempre a Villa Calvi sarà possibile ammirare, grazie alla collaborazione con il Circolo Filatelico Canturium, i francobolli di legno e sulla storia di Cantù, e ancora visitare la manifestazione libraria organizzata in collaborazione con Confesercenti ed Associazioni del territorio, l’esposizione di alcuni lavori eseguiti dagli studenti del Corso di studi in Urban Design dell’anno 2016/2017 dall’Accademia di Belle Arti di Brera, e la mostra “Le finestre di Irkutsk. Le porte di Venezia” organizzata in collaborazione con la rivista Ozero Komo e con l’associazione RussiA Como.

Dedicato al tema dello sviluppo di prodotti di design e dell’ingegnerizzazione dei processi produttivi l’allestimento presso la Corte San Rocco, mentre nella suggestiva cornice della sede storica della Permanente Mobili, l’Architetto Tiziano Casartelli, in collaborazione con l’Associazione Qualità Cantù, proporrà la mostra “Gio Ponti a Cantù 1926–1973: Dal gruppo del Labirinto alla Decima Selettiva”. Altre Mostre saranno poi visitabili nelle sedi di Enaip Factory (Collezione Bruno Munari, Razionalismo e Neo Liberty) e presso la sede del Liceo Melotti che ospita il “Museo della Scuola d’Arte”.

Nutrita anche la proposta relativa ai convegni tematici organizzati, tra gli altri, da Enaip Lombardia e dall’Ordine degli Architetti di Como, inoltre non mancheranno spettacoli teatrali, momenti di intrattenimento musicale, estemporenee di pittura, il tutto all’insegna della collaborazione con le realtà del territorio e della contaminazione di generi ed interessi.

“È a pochi giorni dal mio insediamento che vengo con piacere travolto dall’entusiasmo che la Festa del Legno 2017 porta con sé. – ha dichiarato Matteo Ferrari, vicesindaco di Cantù – Una miscela di emozioni, professionalità, cultura e tradizione, preludio di una delle manifestazioni più importanti per la nostra città. Una vetrina di indubbia potenzialità, che merita il costante ed annuale impegno di tutti i Partners, Collaboratori, Studenti, Amici e Sostenitori. Il legno, simbolo della nostra cultura produttiva e del tessuto economico della città, acquisterà nei prossimi giorni un ruolo ancor più centrale, grazie alle sinergie messe in campo dall’Amministrazione comunale e da tutto il Comparto del legno-arredo canturino, cui va sin da ora il mio personale ringraziamento. La città si trasformerà in un meraviglioso palcoscenico, sul quale si celebrerà altresì lo storico legame ‘Legno & Territorio’: un binomio che ancora oggi rappresenta Cantù nel mondo! Nel rinnovarvi il consueto cordiale invito, mi rivolgo quest’anno in particolare a tutto l’universo ‘giovanile’, presidio futuro della nostra amata tradizione, con l’auspicio di una sua crescente e fattiva partecipazione”.

Info e programma in aggiornamento sul sito del Comune di Cantù e sulla pagina Facebook dedicata alla manifestazione “Festa del Legno – Cantù”.

Corpo mutilato giornalista svedese – Donne sempre più in pericolo

Foto di copertina: tomba dell’unica donna  faraoneAshepsut

Giornalista svedese di 30 anni scomparsa da una decina di giorni; ritrovato il corpo orrendamente mutilato.

Kim Wall è stata uccisa? Da chi? Perché è stata decapitata e mutilata?

Il tronco del corpo di una donna mutilata, senza testa, né braccia, né gambe è stato rinvenuto in mare.

La giornalista svedese fu data per dispersa l’11 agosto scorso, mentre stava realizzando un servizio sul sottomarino ‘fatto in casa’ dall’“inventore” Peter Madsen e chiamato “UC3 Nautilus”. Lo stesso Madsen aveva detto di avere riaccomoagnato la giornalista al porto di Copenhagen, poi ha cambiato versione parlando di incidente a bordo dello scafo …

Terrorismo, violenze da uomini che hanno amato, obbligo di portare abiti coprenti ogni parte del corpo in molti paesi …

Per le donne l’emancipazione sembra un ricordo …

Bollettino di guerra dei femminicidi italiani e ora anche i terroristi si rivolgono alle donne, come avvenuto in Finlandia

Nel 2017 una vittima ogni due giorni

I FATTI SI COMMENTANO DA SOLI

Agosto 2017

Donne aggredite e uccise in Finlandia da terrorista e in Francia a Marsiglia da un folle … – Femminicidi, 4 casi in poche ore in luglio ….

Sette milioni di donne hanno subito qualche forma di violenza nel corso della loro vita. L’analisi dell’Istat e del Ministero della Giustizia ci rivela i numeri di un massacro.

Ecco solo qualche episodio degli ultimi due mesi:

Pavia, donna strangolata: il corpo fatto trovare dopo venti giorni dal figlio.

Un pulmino, lanciato a tutta velocità contro due fermate dell’autobus a Marsiglia, ha ucciso una donna di 42 anni ed un’altra, di 29, è stata gravemente ferita alle gambe.

Una donna di 72 anni è stata trovata morta giovedì sera nella sua abitazione di Rho. Giaceva a terra, sul collo più ferite da taglio e da punta

I resti smembrati di una donna, sono stati trovati in due cassonetti a Roma, nel quartiere Parioli.

Marianne Obrist, una donna altoatesina di 39 anni trovata uccisa

Luglio 2017:

A Montepulciano, un operaio di 56 anni ha ucciso l’ex moglie a coltellate alla vigilia dell’udienza per la separazione.

Donatella De Bello, è stata uccisa a Bari. Il corpo della donna sarebbe stato trovato con ferite di arma da taglio all’addome, al collo e al torace.

E’ stata accoltellata a morte, il figlio avrebbe provato di togliersi la vita con lo stesso coltello usato per il delitto.

DONNA MASSACRATA DA ROM SULLA METRO a ROMA:
a picchiarla e ridurla ad una maschera di sangue è stata una rom di appena 9 anni, una delle tante che si incontrano nei corridoi delle metropolitane capitoline e che possono agire indisturbate, senza che nessuno intervenga
.
Cecenia: “Stava facendo un’inchiesta sulla corruzione nel suo Paese e, per questo, è stata picchiata: la storia di Tetyana Chornovil sta facendo il giro del mondo”. Da: rainews.it

Ucraina, Kiev: la giornalista ucraina Tetyana Chornovil, molto conosciuta per europeista, è stata picchiata selvaggiamente dopo dopo che la sua auto è stata speronata. La cronista ha scritto articoli molto critici nei confronti del presidente Viktor Yanukovich e dei suoi più stretti alleati.

Prossimo obiettivo è Italia – Lo dice Daesh ( Isis )

Un canale della piattaforma Telegram, legato all’Isis, dichiara l’Italia come il prossimo obiettivo per i loro attacchi terroristici.

Non è la prima volta che arrivano queste minacce; come agli inizi di aprile di due anni fa, 2016, fu presa di mira Roma, senza che nulla accadesse. Ora i tempi sono cambiati, i terroristi e i loro attacchi si sono moltiplicati.

PERSONE DEBOLI CHE VENGONO FACILMENTE INDOTTRINATE

Il terrorista che causò la strage a Nizza aveva una vita dissoluta tra droghe e frequentazioni intime maschili, poi all’improvviso la svolta. Qualcuno via internet o no, gli aveva prospettato un significato e un “ ideale ” per la sua vita senza senso ….

Molti terroristi si sono rivelati personaggi sbandati e senza uno scopo preciso nella vita; ottimo bersaglio per chi cerca di arruolare deboli personalità alle quali offrire una prospettiva; un “ significato ”.

MA ALCUNI TERRORISTI AVEVANO UNA VITA ” NORMALE ”

Una parte dei circa 12 terroristi del piano di Barcellona, avevano una vita normalissima e nessuno dei consocenti spagnoli ha dichiarato che fossero persone anche minimamente sospette. Ma alcuni andavano e venivano dal nord Africa da circa 10 anni.

:::::::::::::::

A Milano si rafforzano le misure di sicurezza.

Operanti già le prime barriere anti-sfondamento in centro.

A Roma saranno installate presto le nuove barriere in punti sensibili della città.

Sono allo studio ulteriori misure di sicurezza anche per garantire chi vive e visita Firenze.

Foto di copertina: Luciano-Fabro-Italia-d’oro-1971-Mostra alla Galleria-Palatina-di-Palazzo-Pitti

Non dimenticare – Dieci anni fa Lehman Brothers & c.

Secondo il rapporto Liikanenpubblicato nel 2012:

la netta separazione tra trading e risparmio è indispensabile per prevenire futuri terremoti finanziari.

La legge che separava le banche per investimenti speculativi e per i risparmiatori, fu abrogata in USA nel 1999 da Clinton.

Dieci anni fa la bufera  ” subprime ”

La tempesta finanziaria definita: la «crisi del secolo»

I subprime, varie diavolerie finanziarie con sigle incomprensibili come: Abs, Cdo, Clo, etc ;  mutui concessi troppo facilmente alle famiglie con entrate poco sicure negli Stati Uniti,  propagazione del virus di prodotti finanziari inqualificabili venduti anche a piccoli risparmiatori ingenui … per fare carriera e soldi, ma acquistati anche da nostri uffici pubblici e non solo. Ecco cosa portò al crollo finanziario nel 2008 (ma i segni c’erano già un anno prima).

Perché si arrivò a quella tragedia ?

Cancellazione della divisione (voluta dai saggi uomini del ‘900 dopo il crack del 1929)  per favorire la speculazione di chi”  doveva ” arricchirsi velocemente.

Speculazioni senza regole morali

Eccessivo ottimismo dei manager e gravi colpe delle Banche nella valutazione della situazione.

::::::::::::::

Dieci anni dopo la crisi può ripetersi?

” … la prossima crisi finanziaria sarà probabilmente differente e la supponenza del mercato e dei banchieri si manifesterà in un modo diverso», avverte Lucy O’Carroll; capo economista di Aberdeen, anche lei tra i coinvolta nei fatti che seguirono lo scandalo (lo scrive Il Sole 24 ore “: http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2017-03-17/tutti-ricordano-lehman-ma-bufera-subprime-e-iniziata-10-anni-fa-tre-lezioni-grande-crisi-210339.shtml?uuid=AE1bTpo)