Archivi categoria: Senza categoria

Evento gourmet da non perdere – Cheese 2017

Chef: Regis_Marcon

Gli Appuntamenti a Tavola di Cheese 2017

Italia, Francia e Spagna per un tris di stelle e novità che va letteralmente a ruba

  Sono già quasi esauriti e mancano ancora due mesi a Cheese 2017, a Bra dal 15 al 18 settembre.

Gli Appuntamenti a Tavola, le cene Slow Food preparate da grandi chef e ospitate per l’occasione nell’elegante cornice del ristorante dell’Albergo dell’Agenzia di Pollenzo, sono letteralmente andate a ruba, come molti Laboratori del Gusto del programma che la manifestazione propone quest’anno. Ecco da chi saranno allietati i palati dei fortunati che sono riusciti ad assicurarsi un posto in prima fila!

Si comincia venerdì 15 con Giuseppe Rambaldi -per 18 anni luogotenente di Davide Scabin, al Combal.Zero di Rivoli – che ha appena salutato il suo generale e tutta la brigata, spinto dalla voglia di guidare un ristorante tutto suo, tant’è che si vocifera di un’apertura entro fine 2017 da qualche parte in Piemonte. In occasione di Cheese 2017 Beppe vi porta dal Piemonte all’Emilia, terra natale, attraverso la tradizione del menù e l’innovazione della forma, in un percorso in cui nulla o poco è ciò che sembra e viceversa.

Sabato 16 è l’occasione giusta per esplorare la cucina catalana contemporanea, saldamente legata alla tradizione e allo stesso tempo attenta alle tecniche e ben disposta nei confronti delle innovazioni. A proporla è Sergi De Meià, dell’omonimo ristorante a Barcellona, nel cuore del quartiere dell’Eixample. L’Appuntamento a Tavola che lo vede protagonista comprende alcuni dei suoi piatti più acclamati, abbinati ai vini Triple A proposti da Velier.

Grande attesa per l’appuntamento di domenica 17, dove in tavola ci sono i piatti provenienti da Saint Bonnet le Froid, Alta Loira.

È da questo piccolo ma vivissimo centro, a più di 1000 metri di altitudine, che Régis e Jacques Marcon hanno conquistato e mantengono saldamente tre stelle Michelin. Un riconoscimento importantissimo, conferito a una cucina che parla di territorio e di prodotti locali a partire dai funghi, che nel menù dello chef sono diventati uno degli ingredienti principali.

I frutti del territorio – Appuntamento a Tavola con Régis Marcon

Il navigatore ci dice che siamo in Alta Loira, nella regione francese dell’Auvergne, e precisamente nel piccolo ma ridente paesino di Saint-Bonnet-le-Froid.

Saint-Bonnet-le-Froid, un altopiano verdeggiante dell’Alta Loira e un tre stelle Michelin che ne porta in tavola i frutti migliori, tra cui innumerevoli varietà di funghi trasformati in deliziose ricette. Régis Marcon è uno degli ospiti d’onore di Cheese 2017.

La ricetta

Funghi porcini in foglia di castagno
Tempo di realizzazione: 30 minuti
Tempo di cottura: 10 minuti

Ingredienti per quattro persone
4 bei porcini (edulis, aerus, pinicola)
8 foglie di castagno
4 fette sottili di lardo semi salato
sale, pepe

Preriscaldate il forno a 200°C.

Lavate i funghi e tagliateli a metà. Con l’aiuto di un coltello, fate un’incisione nel gambo e inserite una fettina di lardo. Avvolgete i funghi in una foglia di castagno e manteneteli saldi con l’aiuto di uno stuzzicadenti. Metteteli in una pentola con un po’ d’acqua. Cuoceteli nella pentola in forno per 10 minuti. Posizionate i funghi su un piatto accompagnati dal sugo che hanno rilasciato.
Facoltativo: serviteli con uno zabaglione ai funghi.

Visita www.slowfood.it per il programma completo e la possibilità di prenotare.

L’edizione 2017 di Cheese è possibile grazie all’impegno di aziende che credono nei valori e negli obiettivi della manifestazione, tra queste gli Official Partner: Cassa di Risparmio di Bra, Egea, Lurisia, Parmigiano Reggiano, Pastificio Di Martino, Quality Beer Academy, Velier. Official Sparkling Wine: Consorzio Alta Langa.

Lago di Como – Passeggiata “Sulle orme di Volta” che si terrà domenica 23 luglio

Ancora pochi posti disponibili per la quinta passeggiata “Sulle orme di Volta” che si terrà domenica 23 luglio a Gravedona.
La passeggiata, dal titolo “Honeymoon in Gravedona”, sarà guidata da Pietro Berra, giornalista e scrittore che ha ideato la serie di Passeggiate creative, e da Caterina Bongiasca della Pro Loco di Gravedona ed Uniti. Accompagna l’intero percorso Andrea Pizzamiglio con la sua fisarmonica.
Ricordiamo che il ritrovo è fissato alle ore 16.00 presso Palazzo Gallio, in via Regina Levante, con tappa finale la chiesa di Santa Maria del Tiglio, dove chi vorrà potrà fermarsi per assistere al concerto del Duo D’Imperia (Giovanni Sardo & Sergio Scappini – violino e fisarmonica).
Iscrizione gratuita e obbligatoria sulla pagina www.passeggiata23luglio.eventbrite.it
INGRESSO GRATUITO:

CONCERTO “ROMANTIC MASTERPIECES FOR VIOLIN AND PIANO” (Capolavori romantici per violino e pianoforte)

  

Nell’ambito delle iniziative e degli incontri aperti al pubblico organizzati dalla Fondazione Alessandro Volta, venerdì 28 luglio alle ore 19 nel Foyer del Teatro Sociale di Como si terrà un concerto di musica classica con Christina Wright-Ivanova al pianoforte e Emma Arizza al violino.
Il programma del concerto, dal titolo “Romantic masterpieces for Violin and Piano (Capolavori romantici per violino e pianoforte)”, prevede la Sonata per violino e pianoforte n. 1 in A minore, Op. 105 e un assolo di pianoforte, le “Harmonies du soir” di Franz Liszt; la sonata di violino e pianoforte in A maggiore di Cesar Franck, e due brevi opere virtuose di Fritz Kreisler, “Liebesleid” e “Marche Miniature Viennoise”.

L’ingresso al concerto, organizzato in collaborazione con il Teatro Sociale di Como, è gratuito.

Da non perdere per bambini e adulti – NOVITA’ ALL’ ACQUARIO DI GENOVA

Animazione dei modelli 3D degli animali preistorici

Sino al 31 marzo 2018

Prima mostra dedicata ai rettili marini del Giurassico

I ” mostri ” che hanno ispirato Loch Ness;  un’immersione nell’era giurassica alla scoperta dei rettili che oltre 300 milioni di anni nuotavano negli abissi: lucertoloni di 5 metri, super-squali (avevano denti di 17 centimetri) e molto altro.

Al “Paleoaquarium”: 500 metri quadrati di cui 300 con vetrofanie.

Esposizione di cinque ricostruzioni in scala reale, di rettili marini che vivevano all’epoca dei dinosauri, ma non erano dinosauri.

Inoltre, seduti sulle poltrone dinamiche del teatro  Paleoaquarium e indossando gli speciali visori, sarà possibile immergersi in suoni, vibrazioni e immagini 3D.

La mostra inizia all’esterno: nella zona  del Porto Antico, con alcuni animali marini preistorici che “spuntano” dal suolo.

Plesiosauro Cryptoclidus dal lungo collo, ittiosauro Ophthalmosaurus, Dunkleosteus e Charcharocles megalodon; lo  squalo più grande mai esistito… creano una sensazione di stupore, interesse e ammirazione, soprattutto tra i bambini, ma piacciono anche agli adulti.

 

Eventi a Venezia – Palazzo Grassi – LEE “SCRATCH” PERRY

Palazzo Grassi – Punta della Dogana
presenta
 
LEE “SCRATCH” PERRY
al Teatrino di Palazzo Grassi
 
in collaborazione con il Padiglione della Francia alla 57. Biennale di Venezia.
 
Giovedì 20 luglio 2017
Ore 15.30
Sessione live presso il Padiglione della Francia della 57. Biennale di Venezia
con Lee Scratch Perry e Starkee.
 
Ingresso libero per i visitatori della Biennale.
 
Ore 21.00
 Concerto presso il Teatrino di Palazzo Grassi
con Lee Scratch Perry e Starkee.
 
Ingresso libero sino a esaurimento posti.
 
 
 
 
 
In occasione della 57. Esposizione Internazionale d’Arte della Biennale di Venezia, Palazzo Grassi – Punta della Dogana presenta una speciale collaborazione con il Padiglione francese. Giovedì 20 luglio Palazzo Grassi – Punta della Dogana partecipa alla programmazione ideata per Studio Venezia di Xavier Veilhan: una “staffetta” musicale che parte con la sessione live presso il Padiglione della Francia alle ore 15.30, per continuare al Teatrino di Palazzo Grassi alle ore 21.00.
Protagonista la leggenda del reggae Lee “Scratch” Perry (Kendal, 1936) in una performance d’eccezione affiancato da Starkee (1972).
L’ingresso è libero, sino a esaurimento posti.
Il Padiglione nazionale francese 2017 è stato affidato all’artista Xavier Veilhan (Lione, 1963) che ha dato vita al progetto espositivo di natura musicale Studio Venezia. Un vero e proprio studio di registrazione scultoreo, ispirato al Merzbau (1920 – 1936) di Kurt Schwitters (Hannover, 1887 – Kendal, 1948), a cura di Christian Marclay (San Rafael, 1965) e Lionel Bovier (Ginevra, 1970).
Il dispositivo creato da Veilhan prevede una successione di appuntamenti con musicisti di portata internazionale afferenti ai più svariati generi musicali. I concerti sono organizzati in sinergia con importanti istituzioni italiane ed estere e costituiscono delle esperienze creative collettive a cui il pubblico è chiamato ad assistere.
Lee “Scratch” Perry, musicista giamaicano con all’attivo anche una brillante carriera come produttore discografico con l’etichetta Upsetter Record – che vanta tra i suoi artisti anche il celebre Bob Marley (Nine Mile, 1948 – Miami, 1981) – è uno dei personaggi più importanti per la storia della musica elettronica, in particolare per il considerevole apporto dato alla definizione del nuovo genere Dub.
Xavier Veilhan così commenta l’invito rivolto a Lee “Scratch” Perry in occasione di Studio Venezia:
Lee Scratch Perry è una figura importante nella storia della musica del XX Secolo: il suo uso innovativo della tecnologia ha portato la musica giamaicana dall’essere solo folklore locale a fenomeno mondiale. L’uso spregiudicato che egli fa dello studio di registrazione, lontano dalle convenzioni, ha addirittura portato all’invenzione di un nuovo genere musicale: la Dub.
Ho avuto la fortuna di incontrare Lee alla fine del 2014 a Londra, quando ha accettato di partecipare al mio progetto dedicato ai produttori musicali (Esposizione “Music”, galleria Perrotin). È stato un momento straordinario e oggi sono molto contento di poterlo ritrovare a Venezia. Spero che questa esperienza lo conquisti, al punto di diventare una sorta di padre putativo del progetto, accanto a Nigel Godrich.
Tutti gli appuntamenti del Teatrino sono comunicati e costantemente aggiornati sul sito di Palazzo Grassi alla voce “calendario”.
Contatti per la stampa
PCM Studio via Goldoni, 38 | 20129 Milano
Paola C. Manfredi | paola.manfredi@paolamanfredi.com | M. +39 335 54 55 539
Per richieste immagini:press@paolamanfredi.com  | T. +39 02 87286582
Studio Venezia
#studiovenezia
Mercoledì 7 giugno presso il Teatrino di Palazzo Grassi è in programma I Boreali , il più grande festival italiano interamente dedicato alla cultura nordeuropea, ideato e organizzato dalla c

Il libro contro la morte – Elias Canetti

Elias Canetti contro la morte

Elias Canetti fu insignito del Nobel per la letteratura nel 1981

Il libro contro la morte

Elias Canetti per la sua opposizione al potere, scelse la scrittura come arma, quasi lancia di Don Chisciotte, per combattere: ingiustizie, sopraffazioni, violenze e tutti i mali e gli orrori della nostra epoca.

L’autore conosce la morte a soli sette anni, quando la mamma gli comunica la tragica morte del padre per infarto.

Ora lui, Elias, è sepolto a Zurigo accanto a Joyce.

Il libro contro la morte; un libro al quale il grande scrittore  lavorò per mezzo secolo.

Canetti non accetta la morte e i soprusi, non vuole elaborare il lutto. Canetti si ribella verso qualsiasi tipo di lutto, ma non solo.

E’ contro la morte, non solo quella delle persone care, ma la morte di chiunque e i soprusi verso chiunque; è questa scelta che lo spingerà a diventare uno scrittore; ovvero, secondo la sua definizione, Der Todfeind ( il nemico della morte ).

Il libro contro la morte, Elias Canetti, Adelphi, pp.400, euro 18.

Elias Canetti (Ruse, 25 luglio 1905 – Zurigo, 14 agosto 1994) fu: scrittore, saggista e aforista bulgaro naturalizzato britannico.

CULTI MILANO celebra la rosa di Brera

CULTI MILANO celebra la rosa di Brera con una fragranza dedicata

ABOUT la rosa di Brera

La rosa di Brera appartiene al gruppo dei rosai a cespuglio a mazzi, vegetazione folta e lucida, assai resistente alle malattie. I fiori, prodotti in abbondanza da maggio fino all’autunno inoltrato, mostrano in boccio una tonalità bicolore rossa e gialla che durante l’apertura evolve in un color magenta con risvolti crema nella parte inferiore del petalo. Questa varietà si presta bene alla formazione di aiuole mono- o poli-cromatiche, per conferire effetti massivi di colore, ma si accosta bene anche ad altre essenze perenni o arbustive.

 – In accordo con la Pinacoteca di Brera, CULTI MILANO marchio storico nel mondo dei profumi d’ambiente, leader per ricerca e qualità delle materie prime, dedica una fragranza alla rosa di Brera.

ROSA DI BRERA è un profumo che esalta i sensi con note antiche di cassis, osmanthus, rosa del Marocco e un sottofondo boisée di vetiver.

Nel luglio 2016 il direttore della Pinacoteca di Brera James Bradburne ha visitato il vivaio Barni e selezionato una rosa cluster, creata da uno specialista francese, che è stata successivamente protetta da copyright come “rosa di Brera”.

Annunciata nel maggio 2017 nell’ambito della manifestazione Orticola, la rosa di Brera è anche il simbolo del premio promosso da Brera e assegnato annualmente durante il Ballo di Brera (21 giugno 2017).

In occasione della presentazione ufficiale del nuovo ibrido all’Orto Botanico di Brera il 19 giugno 2017, CULTI MILANO ha preso parte alla cerimonia del battesimo svelando in anteprima questo inaspettato connubio con la prestigiosa istituzione milanese.

Ambasciatore del lusso negli spazi privati e nel mondo dell’interior design, CULTI MILANO crea fragranze riconoscibili per la loro delicatezza e l’originalità delle alchimie olfattive che sprigionano. Immergersi nel giardino incantato di ROSA DI BRERA, significa risvegliare ogni giorno sensazioni di benessere e serenità.

www.culti.com

 

LA CHIRURGIA TORACICA DI ISMETT OTTIENE L’ACCREDITAMENTO DA PARTE DELLA SICT

L’unità di Chirurgia Toracica e Trapianto di Polmone di ISMETT (Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione) di Palermo ha ottenuto l’accreditamento della Società Italiana di Chirurgia Toracica (SICT). L’ISMETT è la prima struttura del Centro Sud ad avere ottenuto l’importante riconoscimento. Per ottenere l’accreditamento è necessario rispondere a circa 100 standard di qualità, suddivisi fra requisiti che riguardano l’organizzazione generale del reparto (“Di sistema”), requisiti incentrati sui percorsi integrati di cura del paziente (“Percorso paziente”), e requisiti specifici riferiti ai percprsi per tipo di patologia, con particolare riferimento ai tumori del polmone (“Indicatori e Standard Neoplasie Polmonari”).

Il processo di accreditamento è volontario e deve essere rinnovato annualmente. Si tratta di un processo che la SICT ha intrapreso ai fini di garantire la qualità delle cure ai pazienti di chirurgia toracica sul territorio nazionale e per censire in modo ufficiale le strutture in grado di offrire gli standard di qualità di cura più elevati.

“Siamo orgogliosi – commenta Alessandro Bertani, responsabile dell’Unità di Chirurgia Toracica e Trapianto di Polmone – di questo atteso riconoscimento che ci arriva da un ente autorevole certificatore. La certificazione dimostra gli alti standard di cura offerti ai pazienti che si rivolgono presso la nostra Unità, garantendo che presso ISMETT è possibile essere sottoposti a processi di cura di qualità e sicuri”.

ISMETT offre fin dal 2005 programmi di cura integrati per tutte le malattie che possono richiedere un intervento chirurgico di alta specializzazione sugli organi toracici. La maggior parte degli interventi chirurgici possono essere eseguiti con un approccio mini-invasivo (toracoscopia) per garantire minore stress, minore dolore, ridotta degenza in ospedale.

L’accreditamento della Chirurgia Toracica è l’ultimo in ordine cronologico dei riconoscimenti – in ambito di qualità – ottenuti da ISMETT. Dal 2009 ad oggi, l’Istituto Mediterraneo ha ottenuto l’accreditamento da parte della Joint Commission International (JCI) per il percorso assistenziale del paziente, la certificazione ISO per i servizi diagnostici ed i laboratori, la certificazione OHSAS (Occupational Health and Safety Assessment Series) per il sistema di gestione ambientale, è entrato a far parte del Registro Internazionale della Society of Thoracic Surgeons (STS).

Caldo molto pericoloso per gli anziani – Nel 2003 migliaia di morti in Europa

PREPARIAMOCI AD AFFRONTARE UNA CALDISSIMA ESTATE 

Entro breve pubblicheremo un articolo con i consigli degli esperti su come affrontare le giornate più calde.

Il caldo, nella torrida estate del  2003, raggiunse il suo apice nei primi quindici giorni di agosto.

In Italia, le temperature raggiunsero e/o superarono, per settimane i 40 °C in molte città (41° a Firenze). 

L’Istituto Nazionale di Statistica ufficializzò che le morti durante l’estate del 2003 furono 18.000 in più rispetto all’anno precedente (Il Ministero della Salute ridimensionò i dati (ma noi crediamo agli istituti scientifici e statistici, più che a un Ministero che ha anche il dovere di tranquillizzare il popolo).

Ecco cosa scrisse La Repubblica il 2 agosto 2004; rifacendosi ai dati del 2003: “Le temperature alte, unite alla solitudine, hanno fatto tanti morti quanti in Francia, dove un intero governo è stato messo sotto accusa per il decesso di 11.435 anziani e per quella che è stata definita una “catastrofe umanitaria”. In Italia, cifre esatte non ne sono state fornite”. Estratto da: http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2004/08/02/estate-2003-la-strage-degli-anziani-noi.html

Fate un paragone tra le diverse cifre fornite e capirete quanto, comunque, fu grave la situazione.

:::::::::::::::::::::::

Ricordiamo i record dell’estate del 2003:

In Spagna

Andalusia 46,2 °C a Cordova

45,2 °C a Siviglia

45,1 °C a Jerez in Estremadura

5,0 °C a Badajoz.

Como eventi d’ arte – luglio 2017 – Fondazione Antonio Ratti Villa Sucota

XXII CSAV – Artists Research Laboratory
1-23 luglio 2016

7 luglio 2016
Renée Green – Conferenza
Other Planes of There

18.30, ingresso libero
Sala Conferenze FAR (Villa Sucota)

7 luglio 2016
Renée Green – Proiezione
Endless Dreams and Water Between?
(2009)
21.00, ingresso libero
Evento nel programma Lake Como Film Festival 2016
Parco Villa del Grumello, via per Cernobbio 11, Como
In caso di mal tempo l’evento verrà spostato presso la
Sala Conferenze della FAR, Villa Sucota, via per Cernobbio, 19, Como

14 luglio 2016
Renée Green – Inaugurazione mostra personale
Tracing
19.00, ingresso libero
15 luglio 2016 – 10 settembre 2016
Spazio Culturale Antonio Ratti
Ex chiesa San Francesco, largo Spallino 1, Como

20 luglio 2016
Aperto – One evening event
17,30, ingresso libero
Villa Grumello, via per Cernobbio 11, Como

21 luglio 2016
Kobena Mercer – Conferenza
The image in migration
19.00, ingresso libero
Sala Conferenze FAR, via per Cernobbio 19, Como

:::::::::::::::::::::::

Vedi al link: http://www.fondazioneratti.org

Fondazione Antonio Ratti

Villa Sucota
Via per Cernobbio, 19
22100 Como – Italia
tel. +39.031.3384976
info(at)fondazioneratti.org

AEROPORTI
Milano Malpensa
Milano Linate
Lugano – Agno – Svizzera
Bergamo Orio al Serio

TRENI
Da Milano
F.N.M. Cadorna – Como Lago
F.S. Milano Centrale o P.ta Garibaldi  – Como S. Giovanni
Dalle stazioni: autobus 6 o 11 fermata Villa Sucota (tra Villa Olmo e Tavernola pontile)

AUTOSTRADA
Da Milano
Autostrada A8 e poi A9 – Uscita Como Monte Olimpino, seguire indicazioni per Cernobbio
Da Lugano
Autostrada E35 direzione Milano – Uscita Como Nord, seguire indicazioni per Cernobbio