Archivi categoria: qualità/prezzo

Weekend e vacanze a Lisbona per “chicche” gastronomiche poco note

LISBONA, CAPITALE DEI BUONGUSTAI

Mini tips per gustare delle “chicche” gastronomiche poco note della cucina lusitana

– Quando si pensa a Lisbona vengono subito in mente tre costanti:

il sole, i magnifici panorami e…la qualità del cibo!

Ottima meta per chi si avventura armato di macchina fotografica e partner a braccetto per scoprire i segreti che nasconde ogni antico rione e perfetta per passeggiare su e giù per i 7 colli su cui poggia la città dopo un bel pranzo sostanzioso che solo in Portogallo ci si può concedere di fare.

I portoghesi iniziano il pranzo e la cena con una serie di piccoli antipasti, come formaggi, gamberetti e verdure , accompagnati da buonissimo pane fresco, o dal più famoso bolo do caco, pane servito con del burro e condito con aglio e prezzemolo .

Uno dei piatti più gustosi che introducono alle portate principali è quello delle vongole à bulhão pato (dal nome del poeta del 19° secolo Raimundo António de Bulhão Pato); una ricetta semplice che porta tutto il sapore fresco dei frutti di mare. Servito con crostini di pane caldo, il sapore delle vongole si sposa benissimo con il limone, il vino bianco e il prezzemolo e lo rende l’inizio perfetto per il pasto.

Un altro piatto tipico della tradizione gastronomica portoghese, che potrete gustare in molti dei ristoranti di Lisbona e che vi permetterà di assaggiare il re della cucina lisboeta in una variante sfiziosa e piena di gusto è rappresentato dai Pasteis de bacalhau: bocconcini di baccalà impanato e fritto, crocchette dal cuore tenero e dal sapore delicato, ma dalla impanatura dorata e saporita, che mette subito l’acquolina.

Il baccalà a Lisbona viene cucinato in numerosissime varianti e tradizione vuole ci sia una ricetta diversa a base di baccalà per ogni giorno dell’anno.

Saporita la variante del Bacalhau á gomes da sá , un filetto di baccalà cotto in casseruola con cipolle, patate e uova, oppure una ricetta più tradizionale: il Bachalau á Brás, con patatine fritte tenuti insieme da uova, prezzemolo e cipolla.

Altro emblema della cucina lusitana sono le sardine, soprattutto se cucinate alla griglia e degustate sul pane mentre ci si perde nel loro aroma gironzolando tra un vicolo e l’altro.

Le più famose sono quelle che vengono dalla cittadina di Setúbal, ma Lisbona ne è invasa soprattutto nel mese di giugno, durante le celebrazioni dei Santos Populares, con gran clou nelle giornate del 12 e del 13. Le sardine vengono arrostite sulla brace e servite con verdure, oppure disposte semplicemente su fette di pane bianco e mangiate con le mani.

Altra ricetta tipica da provare è l’ Arroz de Marisco, un piatto a metà strada fra il cremoso risotto italiano e la più asciutta paella spagnola.

Viene preparato con molluschi, crostacei e verdure, prima di essere servito fumante, con una spolverata di prezzemolo tritato. Altra variante portoghese è il riso al pomodoro con sardine.

Tradizionale e più ricercato il Polvo à Lagareiro, polipo stufato in pentola e grigliato, così tenero che si può tagliarlo con la forchetta. Viene servito con una salsa a base di olio, prezzemolo e aglio e comunemente accompagnato da patate novelle cotte al forno.

Giocando di contrasto al “pescado” per chi vuole fare un tuffo nelle tradizioni culinarie portoghesi il formaggio di Azeitão è una specialità DOP.

Formaggio di latte di pecora portoghese, gustato sul pane o cracker è un ottimo aperitivo da accompagnare con del vino rosso.

Ma il viaggio alla scoperta del gusto è solo all’inizio: la città Setúbal, sempre nella zona di Lisbona, offre un altro piatto di portata che vale la pena sperimentare … le seppie fritte! Servite con patatine fritte e insalata, avvolte da una fine pastella, si degustano con del succo di limone e non sono tipiche al 100% se non sono accompagnate dalla meravigliosa vista che si gode sul porto della cittadina rigorosamente all’ombra delle montagne di Arrábida.

A i palati più golosi dedichiamo dei sapori unici che provengono da antiche ricette medievali: il pastel de nata e i dolci conventuali.

Il pastel de nata è tanto emblematico quanto buono, e si deve gustare rigorosamente alla portoghese: caldo, con un pizzico di cannella e una spolverata di zucchero a velo, senza eccezione alcuna. Immaginatevi in un bar al sole, mentre state ordinando una bica (il tipico espresso di Lisbona) e di fronte a voi questo magnifico e delizioso cestino di pasta sfoglia ancora fumante a base di uova. Impossibile non innamorarsene all’istante.

I dolci conventuali, anch’essi a base di uova, sono particolari per i loro gusti tutti diversi e ancor di più dalla loro storia: dovete sapere che nel XV secolo nei conventi femminili portoghesi, per passare le giornate e vincere la noia, s’inventavano e si producevano una svariata quantità di dolci, ciascuno di essi con una consistenza propria e dal gusto unico. A Lisbona ne esistono di svariati, tra cui: i Fradinhos di Mafra, i Pasteis de Belém, le Nozes di Cascais, la Marmelada Branca e il Toucinho do Céu di Odivelas, solo per citarne alcuni.

Da accompagnare ad ogni piatto non ci si può dimenticare dei vini della regione, che dispone di etichette di alta qualità e possiede diverse zone DOC dalle caratteristiche più disparate, abbinabili perfettamente ai diversi sapori e alle delizie che riserva la capitale portoghese. Per accompagnare un pasto gustoso durante il vostro soggiorno a Lisbona è d’obbligo provare un buon bicchiere di Bucelas, un vino della zona giovane e fruttato, non forte e molto piacevole.
E a fine pasto non vi lasceranno mai alzare se ammetterete di non aver ancora provato il liquore di amarene, il Ginjinha, tipicissimo e immancabile soprattutto nelle taverne, da provare freddo o a temperatura ambiente, con o senza ciliegia, e per i più golosi si può richiedere in un bicchiere di cioccolato. Provare per credere!

Per maggiori informazioni visitate il sito Turismo de Lisboa: www.visitlisboa.com
O seguiteci su Facebook

Weekend a Palermo – Leggendo anche Goethe

Nel corso della seconda metà del Cinquecento e per tutto il Seicento, Palermo fu una delle più importanti mete del Grand Tour. Il viaggio, necessario e sognato, per completare gli studi; da parte di tutta l’aristocrazia europea.

Palermo merita più di un weekend, ma anche in breve tempo si può cominciare a farsi un’idea di quanto questa città abbia da offrire.

Non a caso Palermo fu la meta ideale per moltissimi scrittori, scienziati, filosofi e pittori, che qui trovarono la realizzazione dei loro luogo ideale.

Correva l’anno 1787, quando il poeta e drammaturgo tedesco Goethe, arrivava al porto di Palermo, dopo un soddisfacente, ma sicuramente anche faticoso viaggio dal nord Europa.

Ecco cosa scriveva Goethe nel suo diario a Palermo:

«Nel giardino pubblico vicino al porto, trascorsi tutto da solo alcune ore magnifiche. E’ il posto più stupendo del mondo».

E alla fine dle viaggio in Italia scrisse: «L’Italia senza la Sicilia non lascia immagine alcuna nello spirito»

Fontana Pretoria

Chiesa e convento di S. Giovanni degli Eremiti; arte siculo-normanna, uno dei monumenti simbolo di Palermo.

Questo monastero si trova vicino alla residenza regia e fu destinato anche alla sepoltura degli alti dignitari della corte normanna.

Preziosi e indimenticabili gli effetti della luce che penetra nella chiesa attraverso la struttura architettonica.

La luce, che penetra all’interno della chiesa, è affidata ad un sapiente uso delle aperture ogivali.

Reggia dei Normanni.

Cattedrale

Ex convento Mercedari Scalzi.

Dove abbiamo mangiato: molto bene e spendendo veramente poco. Un luogo storico; nato dalla donazione di un nobile al suo cuoco.

Uno splendido palazzo in abbandono a fianco della Fontana Pretoria.

Hotel Borsa; dove abbiamo dormito; comodissimo pe rgrare in centro. La sua storia si dipana nei secoli, dal convento alla borsa, alla banca e poi la mirabile ristrutturazioen come albergo. Eccellente la frittura mista e dolci indimenticabili.

Quattro Canti, di lato alla Stazione Centrale.

Fontana Pretoria.

Antico convento, poi borsa –  banca; ora elegante Hotel di lusso centralissimo. Hotel Borsa.

San Francesco.

Soffitti Liberty di una parte dell’ex convento e poi banca; ora Hotel Borsa.

Cattedrale; particolare.

I gradiosi e numerosi giadini.

Teatro Massimo Vittorio Emanuele di Palermo, il più grande edificio teatrale lirico d’Italia; uno dei più grandi d’Europa.

Monumento ai caduti della mafia.

Hotel Borsa

Hotel Borsa.

Interni dell’Hotel Borsa.

Crociere di lusso e vacanze con programma di benessere gratuito sul mare

Oceania Cruises presenta il più completo programma di benessere gratuito sul mare

Da yoga a pilates e molto altro, gli ospiti possono scegliere tra oltre 24 attività tenute da professionisti del settore

– Oceania Cruises, la compagnia di crociere leader per i suoi itinerari incentrati sulle esperienze gastronomiche e sulle destinazioni più affascinanti in tutto il mondo, propone ai viaggiatori alla ricerca di esperienze wellness una nuova e unica gamma gratuita di attività per il benessere a bordo delle sue sei navi, che navigano verso oltre 370 porti in tutto il mondo.

Bob Binder, Presidente e CEO di Oceania Cruises ha dichiarato: “Oceania Cruises offre il più ampio e completo programma wellness sul mare.

I menu vegani recentemente introdotti e le esperienze di destinazione uniche offerte sui nostri Tour Wellness ispirati a Canyon Ranch Spa Club, Oceania Cruises e Canyon Ranch hanno stabilito un nuovo punto di riferimento per l’eccellenza nel campo del benessere proprio come realizzato con la cucina del Canyon Ranch Spa Cuisine per colazione, pranzo e cena”.

Kathleen Shea, Chief Marketing Officer di Canyon Ranch Spa Club ha a sua volta dichiarato: “Questo nuovo programma a bordo di Oceania Cruises permette ai nostri ospiti di vivere l’approccio olistico al wellness applicato da Canyon Ranch Spa Club e rappresenta il nostro impegno per portare in crociera il benessere in tutte le sue sfaccettature”.

Oltre all’uso gratuito della palestra e dell’area fitness all’interno di Canyon Ranch Spa Club, Oceania Cruises introduce una grande novità rendendo disponibili senza costi aggiuntivi anche le lezioni di fitness e wellness.

Ci sono più di ventiquattro diverse opzioni a scelta per gli ospiti, tutte con istruttori professionali;  dal Sunrise Stretch and Relax al Sunrise Yoga sul ponte, all’Indoor Cycling o programmi più completi come Boot Camp, Full Body Strength Training o Core Conditioning, in cui gli istruttori guideranno i participanti con consigli e suggerimenti utili.

“Sia gli esperti che i neofiti delle vacanze all’insegna del benessere scopriranno una sorprendente gamma di opzioni salute per migliorare la loro esperienza di crociera. Vogliamo offrire una combinazione unica di ringiovanimento, scoperta personale e piacevolezza ai nostri ospiti in viaggio verso le destinazioni più esotiche in tutto il mondo” ha aggiunto Binder.

Highlights lezioni gratuite

 Morning Stretch – tecniche di stretching base – 25 minuti

Stretch and Relax – 25 minuti

Sunrise Stretch and Relax – 25 minuti

Sunset Stretch – 25 minuti

Walk a Mile – 25 minuti

Indoor cycling – 45 minuti

Boot Camp – 45 minuti

Strength Body Training – allenamento per tutto il corpo (con manubri) – 45 minuti

Full Body Strength Training – allenamento completo – 45 minuti

Body Weight Training – allenamento per tutto il corpo (con pesi) – 45 minuti

Upper Body Strength Training – 25 minuti

Upper Body Strength Training – 45 minuti

Total Tubes – allenamento per tutto il corpo con il supporto di bande elastiche – 45 minuti

Pilates – 45 minuti

Mat Pilates – Pilates con materassino (livello medio) – 45 minuti

Introduction to Yoga – 45 minuti

Yoga – 45 minuti

Sunrise Yoga – 45 minuti

Awesome Legs – allenamento per gli arti inferiori con pesi e manubri – 45 minuti

Awesome Legs – 25 minuti

Stronger Legs – 45 minuti

Fit Ball Body Workout – esercizi con fit ball – 45 minuti

Stronger Legs – allenamento per gli arti inferiori – 25 minuti

Sole Energizer Class – esercizi  per i piedi con Sole Energizer – 45 minuti

Sole Energizer Class – esercizi  per i piedi con Sole Energizer – 25 minuti

Awesome Abs – esercizi con tappetino per tonificare gli addominali -25 minuti

Six-pack Challenge – esercizi con tappetino per tonificare gli addominali – 25 minuti

Total Abs – esercizi con tappetino per tonificare gli addominali – 25 minuti

Fit Ball for Your Core – allenamento focalizzato sugli addominali con fit ball – 45 minuti

Core Conditioning – 45 minuti

Le navi del benessere

Ospitando a bordo il famoso Canyon Ranch SpaClub e le sue proposte gastronomiche da quasi un decennio, Oceania Cruises ha una vasta esperienza nelle crociere che permettono di mantenere uno stile di vita sano ed equilibrato, all’insegna di fitness e benessere. Con l’espansione dell’offerta vegetariana e senza glutine, la recente aggiunta di Tour Ispirati a Canyon Ranch e il debutto dei menu vegani, Oceania Cruises offre programmi benessere ancora più completi sul mare.

Per ulteriori informazioni su Oceania Cruises visitare www.oceaniacruises.com o contattare un’agenzia di viaggio.

###

A proposito di Oceania Cruises

Caratterizzata da una flotta di navi di lusso, Oceania Cruises offre un’esperienza di vacanza impareggiabile, rinomata per la cucina raffinata e i suoi itinerari in tutto il mondo. I viaggiatori più esperti sono attratti dalle proposte di viaggio ideate con estrema cura da Oceania Cruises; esse coprono più di 365 porti in Europa, Asia, Africa, Australia, Nuova Zelanda, Sud Pacifico e Americhe.

Le ampie ed eleganti sistemazioni a bordo di Regatta, Insignia, Nautica e Sirenada 684 ospiti – e Marina e Rivierada 1.250 passeggeri – invitano a esplorare il mondo con soluzioni di comfort e uno stile senza eguali.

WEEKEND LOW COST A SOFIA

Veloce controllo su internet ed ecco che la meta più “sicura”, interessante a minor prezzo ci appare Sofia (Bulgaria).

Abbiamo prenotato per ottobre: buoni prezzi, anche nei voli, buoni alberghi e ottima cucina con ristoranti niente affatto cari (alcune informazioni le abbiamo avute da amici che ci sono stati).

Volo Rayanair da Milano Malpensa: 42 euro andata giovedì e ritorno lunedì.

La Bulgaria fa parte dell’Unione Europea, ma non è Schengen; in aeroporto ci sarà sempre il controllo passaporti o carta d’identità per gli Italiani.

L’aeroporto è collegato dalla metropolitana e un bus navetta gratuito collega i due Terminal aeroportuali ogni 30 minuti.

Biglietto metropolitana, comodissima e nuovissima: 1.60 Lev (circa 0,80 euro).

In centro:

-Ponte dei Leoni (1889), ponte sul fiume Vladaya, collega la stazione centrale con il centro della città; costruito in pietra, il suo nome si deve alle quattro sculture in bronzo di leoni (da ricordare: la sera non è consigliabile frequentare questa zona) .

-Attraversato il ponte procedendo per il Boulevard Maria Louiza si arriva alla zona della Sinagoga, mercato coperto e Moschea. La Sinagoga Centrale di Sofia (1905) è in stile ispano-moresco con elementi di Art Nouveau (tra le più grandi d’Europa).Non lontano l’unica Moschea Musulmana del periodo Ottomano, la Moschea Basi Bania (1556) (in restauro).

-Da non perdere:
Tsentralni Hali (1911); mercato coperto in stile neo-rinascimentale, con elementi neo-barocchi. Famosa la torre dell’orologio. Questo Mercato Centrale di Sofia offre bancarelle di ogni genere anche fast food, oltre ad alimentari, abbigliamento, accessori e bigiotteria.

-Central Mineral Bath (1913), con elementi bizantini; sino al 1986 ospitò le terme municipali, oggi è stato ristrutturato ed è sede del Museo Storico di Sofia.

-Proseguendo, si incontrano gli scavi archeologici affiorati durante la costruzione della linea metropolitana (tazione Serdika), di fronte, dentro un edificio monumentale, si trova TZUM (1955); grande magazzino decisamente esclusivo e interessante solo per il suo interno elegante e raffinato.

-Dentro la zona degli scavi archeologici e vicino alle entrate della metropolitana, si trova la Chiesa di Santa Petka (XVI sec), piccola chiesa medievale ortodossa. All’interno: pitture murali dal XIV secolo raffiguranti scene bibliche.

-La statua di Santa Sofia (2001), monumento simbolo della Capitale bulgara, si trova al posto della statua che raffigurava Vladimir Lenin durante il comunismo.

-Ed ecco la Sveta Nedelya Cathedral (1933), fine ‘800; nel 1925 fu distrutta parzialmente da una bomba utilizzata pe run attentato terroristico.
All’ interno iconostasi in legno scolpito del1865 e moderni affreschi. Presenti i resti del Re Serbo Stefan Milutin.

-Non lontano, il Palazzo di Giustizia;

DA RICORDARE:

ogni giorno alle 11 e alle 18, alcuni studenti sotto il patrocinio della municipalità, organizzano un tour gratuito a piedi nel centro storico in inglese; si suggerisce sempre di dare una mancia.

-L’ area pedonale Vitosha Boulevard è ricca di negozi, bar, ristoranti e finisce termina nel verde di un bellissimo parco: lo Yuzhen Park. Al suo interno: il Palazzo Nazionale della Cultura (NDK), è un edificio con interni molto decorati che ospita esposizioni d’arte, festival cinematografici e concerti.

DOVE MANGIARE ?

-la Lonely Planet RACCOMANDA il ristorante Manastirska Magernica; le loro ricette provengono dagli archivi di vari monasteri di tutta la Bulgaria. Si può cenare con mano di 50 lev (25 euro); mangiando abbondantemente, bene e bere, in due.

Quando torneremo dal viaggo, pubblicheremo altre informazioni (anche i prezzi) e tutte le foto.

Vacanze invernali 2017 / 2018 al caldo – Tempo di prenotare per low cost – Guadalupa

Vacanze invernali al caldo

GUADALUPA da prenotare per il prossimo inverno !!!

Non solo spiagge affollate di turisti e per turisti, non solo ristoranti cari e insoddisfacenti, ma anche lusso di gran livello (potendo e volendo), o low cost di ottimi servizi.

– E’ già ora di programmare e  prenotare almeno l’aereo.

Volo low cost Milano-Parigi Easyjet (attenzione al peso del bagaglio; da ricordare per i Caraibi servono pochi vestiti leggeri))

Air Caribes da Parigi ; ottimo  circa 540 euro + low cost Easyjet Milano Parigi)

 Due scali e 16 ore di volo per tratta con 2 scali 567 ,47  da Milano andata e ritorno, 
— + comodo + costoso 909 ,79 € 1 scalo 12 ore volo andata e ritorno con Air France da Milano
Da ricordare:

Non dimenticate la maschera per lo snorkeling e le scarpette per gli scogli.

Non è semplice trovare il wi fi, ma la situazione migliora ogni anno; come accade in molte isole del mondo. Funziona bene il wi-fi di Mc Donald (a Pointe a Pitre) e di Marie Galante al ristorante ManMan’dlo.

POSIZIONE STRATEGICA PER DORMIRE SULL’ISOLA DI GUADALUPE:

affitto di appartamento in casa privata con piscina a Sainte Anne, Grande Terre; vivace e situata in posizione strategica sia per la visita sia di Grande Terre che per quella di Basse Terre. simonato.location@hotmail.fr telefono 0590226492; sicuro anche per noleggio auto.

SE AMATE LA TRANQUILLITA’ ASSOLUTA:

dal porto di Saint Francois potete prenotare il traghetto per l’isola di Marie Galante, 1 ora di mare mosso. Il noleggio auto non garantisce il massimo della funzionalità delle auto, ma serve per muoversi indipendenti.

Prenotato dall’Italia: appartamento a Capesterre; Tropic Beauty; 50 euro a notte. Bello e panoramico sulla collina. (http://www.bungalows-marie-galante.com/).
Spiaggia bianche, deserte, natura ricca e atmosfera colonia
Si mangia bene ovunque.
Ottimo il ristorante dell’Hotel La Rose du Bresil (ManMan’dlo – La Sirene).
Playa (lieu-dit Bernard, Capesterre 97140) ottimo pesce; ordinato un piatto tipico con: aragosta e gamberoni. Obbligatorio prenotare.

DA NON PERDERE:

Route del la Traversè: cascate non spettacolari, poi si entra nella foresta. Il Parc des Mammelles è imperdibile per i bambini: percorso nella foresta pluviale che sembra più un giardino botanico e zoologico (procioni, puma, coccodrilli, scimmie, leopardi, ecc), percorsi sospesi sui ponti tibetani. Tempo totale: due ore. Può piovere e fare anche fresco portare felpa e scarpe chiuse: non sandali o infradito!!

Spiagge: molte sono troppo frequentate dai turisti e non molto pulite; attenzione anche ai ristoranti (possono deludere quasi tutti quelli vicini alle spiagge famose)

Nord ovest (quasi sulla punta) di Basse Terre: Anse de La Perle (meglio di Grand Anse), meno turisti, 3 ristoranti, ultimo a destra, non è visibile prima di avere superato il primo dei ristoranti sul lato destro (guardando il mare). Nome del ristorante: Madras 2,menù fisso sui 15 euro.

Grand Anse (nei pressi di Deshaies. Basse Terre). Splendida spiaggia e bella vegetazione tropicale.Molti i ristoranti dietro la spiaggia,“Chez Liline” è, il più conosciuto e buono. Giganti porzioni di pesce freschissimo, spartano, semplice e servizio molto molto lento. Indispensabile prenotare appena arrivato al mattino.

Plage de Bois Jolan Qui; mare splendido e tranquillo. Barriera corallina è a meno di 100 mt con piscine naturali.
Se ci sono le vacanze (calendario francese) ovunque tende da campeggio. Camminando si arriva ai punti più solitari. Meglio avere un pranzo al sacco; sempre ombra disponibile, grazie alla bella vegetazione sulla spiaggia.

Nord ovest: Anse Souffleur; forse la migliore. A 100 mt la barriera corallina. Niente punti di ristoro; portate tutto; ombra OK. Alla fine della spiaggia trovate un cimitero sul mare, dopo il quale trovate Anse Lovelain, con spiaggia fantastica con piscine naturali e snorkeling da riva.

Desahies: nella Basse Terre, merita solo per la boulangerie sulla strada principale.

Plage de la Caravelle (vicino Saint-Anne): Il parcheggio può essere un problema. Dopo un pezzo a piedi si trova una spiaggia libera. si gira sulla destra ed comincia la parte del Club MED con splendida laguna dai colori spettacolari.

Pointe de Chateaux: merita arrivare alla punta estrema, solo per il panorama sul mare. Fonte al mare, sulla sinistra si trova la plage des salines, non ombreggiata, ma con colori stupendi, sabbia bianchissima la una prima baia è per famiglie con bambini, e si può fare snorkeling. Rocrdate le scarpette perché ci sono i ricci. La seconda baia è incredibilmente vasta ed ha la barriera a 50 metri di distanza.

Estremo nord: Porte d’Enfer e Pointe de la Grande Vigie, bei panorami con le scogliere a picco. A Porte d’Enfer si trova una piccola spiaggia e un ristorantino.

Anse de la Chappelle; bei colori, barriera a 100 metri, mare mosso perfetto per surfisti.

RISTORANTI DA NON PERDERE:

– Sainte Anne (Grande Terre; sud est): Kote Sud, route de Rotabas, pesce freschissimo, buoni anche i dolci; raffinato.

– Saint Francois (Grande Terre sud est prima della punta); economico Les Pieds dans l’eau (Rue de la Republique, Saint Francois), spartano, pesce fresco, ottime aragoste (solo se prenotate in anticipo).

Vacanze con i bambini – Valencia come migliore città del 2017 da visitare con i bambini

BIMBOINVIAGGIO.COM ASSEGNA IL “TOP DESTINATION FAMILY AWARD ®”
A VALENCIA COME MIGLIORE CITTÀ DEL 2017
DA VISITARE CON I BAMBINI

Dormire con gli squali e … cimentarsi nei primi esperimenti con la scienza …

Dormire con gli squali, indossare il camice bianco, cimentarsi nei primi esperimenti con la scienza, costruire case con le gru giocattolo. Divertimento, arte, ironia e occasioni di crescita: ecco tutti i motivi del riconoscimento di Bimboinviaggio.com.

Image

Valencia è la migliore città europea del 2017 da visitare con i bambini.

Ad assegnare il riconoscimento è l’Osservatorio di Bimboinviaggio.com, portale leader nelle vacanze delle famiglie, a oggi visitato mensilmente da oltre 280.000 genitori. Bimboinviaggio.com incoraggia a scoprire l’Italia, l’Europa e il mondo perché ha capito che il saper vivere che nasce e si sviluppa durante un viaggio aiuta a trovare momenti di vera felicità.

Purché si scelga la destinazione giusta nella struttura più adatta e nel periodo migliore.

E Bimboinviaggio.com, con oltre 300 strutture recensite in Italia e nel mondo, da hotel indipendenti a catene alberghiere fino a sistemazioni in villaggi, campeggi, residence e agriturismi, propone consigli, esperienze e informazioni per organizzare un soggiorno perfetto. È composto da persone innamorate degli Hotel di qualità. Delle loro storie, delle tradizioni, delle donne e degli uomini che li organizzano, dei posti in cui questi nascono e si rinnovano, dei bambini che in quei luoghi si divertono. Viaggiare con i bambini rafforza il senso di famiglia e aiuta a capire nuovi punti di vista sin dalla giovanissima età. E allora, perché Valencia?

Dormire con gli squali, indossare il camice bianco e cimentarsi nei primi esperimenti con la scienza, costruire case con le gru giocattolo. Ma anche fare yoga all’aria aperta, perdersi tra specchi e figure dalle strane forme, visitare la Casa dei gatti,arrampicarsi come i lillipuziani su un Gulliver gigante di 70 metri. Valencia è questo e anche altro: è una città in cui attraversare con tutta la famiglia la savana africana, vedere oltre 500 specie dell’ecosistema marino, diventare cavalieri e principesse. Se non è un enorme gioco a cielo aperto o una favola diventata realtà, poco ci manca.

Valencia è una città per bambini, il cui divertimento passa anche dall’acquisizione di confidenza con gli spazi e le forme che stanno attorno. Sempre in un’atmosfera di gioco, intendiamoci. Ed è da queste basi che il Centre del Carme ha deciso di fare da apripista e diventare il primo centro spagnolo di arte a dedicare un’area creativa permanente per i bambini. E allora, dopo aver messo piede in questo spazio culturale (calle Museo, 2) è indispensabile andare subito alla ricerca dell’Espai de telles ovvero la sala di questo speciale progetto per i bambini fino ai 3 anni di età.

Si tratta di un invito per i più piccoli alla scoperta, alla partecipazione, all’ascolto e all’osservazione dello spazio che li circonda con l’aiuto di tavoli, specchi, figure poliedriche e particolari oggetti di cartone con cui costruire, esplorare e toccare la creatività con mano. Familiarizzare con l’arte è un modo intelligente per lo sviluppo intellettuale nell’infanzia. Mai come in questa età, le menti dei bambini sono aperte alla fantasia e all’armonia e allora l’idea è di stimolare in modo attivo l’immaginazione. Insomma, se non è questo un buon modo per le famiglie di visitare i musei insieme ai bambini, cos’altro può essere? Pollice in su.

A proposito: nella via che conduce al Centre del Carme si incontra uno degli angoli più curiosi della città di Valencia: la Casa dei gatti. L’indirizzo? Questa volta non lo indichiamo e suggeriamo di andare alla sua ricerca. Scoprirla e vedersela apparire d’improvviso, mano nella mano con i propri bambini, è una meraviglia nello spettacolo.

Quando si dice che Valencia è una città per piccoli turisti le ragioni sono tante. Il Giardino Botanico dell’Università (Quart, 80) ospita ad esempio sessioni collettive di yoga per bambini in un contesto di gioco e relax accompagnato da musiche e storie. In realtà Valencia dispone di molti parchi e giardini in cui trascorrere piacevoli giornate in famiglia. In fin dei conti è la terza città della Spagna. Il Parco Gulliver è un classico, ma è realmente divertente perché i bambini si trasformano in felici lillipuziani che si arrampicano sul gigante Gulliver per poi lanciarsi a tutta velocità dai tantissimi scivoli allestiti sul suo enorme corpo.

Il Museo delle Scienze Príncipe Felipe (Av Profesor López Piñero, 7) è un’altra di quelle visite obbligatorie per chi viene qui a Valencia. E anzi, è una delle ragioni per cui accorrere con la famiglia. Pochi spazi come questi offrono occasioni di divertimento e di scoperta sia per genitori e sia per bambini. Qui si parla, si guarda e si respira la scienza ed è vietato non toccare, non sentire, non pensare. Il museo è uno strumento reale di educazione alla capacità critica. E chissà se dopo un’approfondita visita i bambini non scoprano una vocazione per il futuro.

Qui si trova anche l’Espai dels Xiquets, un’area per soli bambini da 3 a 6 anni. Affiancati da istruttori, imparano a costruire la loro prima casa con gru giocattolo o a esplorare il corpo umano, a scoprire i segreti del mondo degli animali e quelli degli elementi. La chiave per catturare la loro attenzione è lo stimolo della curiosità con giochi e concorsi, dialoghi tra scienziati famosi e passeggiate, simulazioni ed esperimenti, trucchi di magia e indovinelli. Viene voglia di tornare piccini o magari di intrufolarsi nel gruppo dei bambini.

E siccome qui a Valencia nulla è lasciato al caso, l’Oceanogràfic non è solo il più grande acquario d’Europa e non consente solamente di scoprire le differenze tra lo squalo toro e lo squalo grigio, tra il pesce serra e il pesce luna, ma anche di trascorrere una notte con loro, dormendo circondati dalle specie più spettacolari che popolano la Torre Oceanos. L’esperienza in questo enorme acquario con corridoi di vetro è unicae, crediamo noi, ogni tanto non si resisterà alla tentazione di aprire un occhio. Almeno per essere sicuri che i denti taglienti degli squali siano al loro posto.

Ma i bambini (e i genitori) avranno questo coraggio? L’Oceanogràfic si trova in Carrer Eduardo Primo Yúfera, 1.

 Referenze: Homepage www.bimboinviaggio.com

Bimboinviaggio.com, portale leader nella prenotazione di Hotel per famiglie con oltre 300 strutture recensite in Italia e nel mondo, da hotel indipendenti a catene alberghiere fino a sistemazioni in villaggi, campeggi, residence e agriturismi, propone consigli, esperienze e informazioni per organizzare un soggiorno perfetto.
Bimboinviaggio.com è composto da persone innamorate degli Hotel di qualità. Delle loro storie, delle tradizioni, delle donne e degli uomini che li organizzano, dei posti in cui questi nascono e si rinnovano, dei bambini che in quei luoghi si divertono.

Finnair – Trattamento top e prezzi low cost per i voli verso India – Tokyo – Hong Kong – Pechino – Singapore – Shanghai

L’estate di Finnair arriva prima!

 – Fino al 16 maggio sono in vendita i biglietti Finnaircon tariffe davvero sorprendenti per volare verso l’Asia sia in Economy Class sia in Business Class.

Fra le tante fantastiche offerte, un ventaglio completo di tariffe speciali per viaggiare in molte delle destinazioni asiatiche del network della compagnia.

 Per la prossima estate Finnair aumenterà la frequenza dei voli fra Helsinki e Tokyo-Narita aggiungendo a quelli operati quotidianamente con l’A330, quattro voli supplementari settimanali operati con il nuovo A350.

I collegamenti aggiuntivi saranno disponibili tra il 5 giugno e il 27 ottobre 2017 e porteranno a 11 i collegamenti settimanali da Helsinki all’aeroporto Narita di Tokyo, proposti da Finnair. Finnair vola anche a Osaka, Nagoya e Fukuoka (rotta stagionale per l’estate 2017), con un totale di 35 voli settimanali per il Giappone.

Sempre grazie all’entrata in flotta di altri A350 Finnair aumenterà la frequenza sulla rotta per Hong Kong con tre voli settimanali supplementari tra il 6 giugno e il 28 ottobre 2017.  Attualmente Finnair vola a Hong Kong tutti i giorni con partenze notturne. Grazie alle frequenze aggiuntive, opererà 10 voli settimanali e sarà in grado di offrire ai propri clienti un volo con partenza pomeridiana da Helsinki e un volo di mattina da Hong Kong. Tutti i collegamenti di Finnair per Hong Kong sono operati con l’A350

Per volare verso Cina, Thailandia, India e Singapore, Finnair proponetariffe scontate già acquistabili e valide fino al 16 maggio. Le tariffe sono fruibili per voli dal 4 maggio fino al 30 novembre 2017.

Come sempre, i voli in partenza da Helsinki, percorrono la rotta polare, garantendo così un tempo di volo ridotto e collegamenti agevoli per i passeggeri di tutta Europa.

ECONOMY CLASS DESTINAZIONI ASIA – Black out 1.7.2017-31.08.2017

Voli per l’Asia(via Helsinki da Milano e Roma): validi per viaggi fino a novembre 2017 per alcune destinazioni.

Delhi a partire da 429 € a/r**

Pechino a partire da 439 € a/r**

Chongqing, Shanghai, Xi’an Bangkok Singapore e Canton a partire da 449 € a/r**

Hong Kong a partire da 479 € a/r**

BUSINESS CLASS ASIA

Voli di Business Class per l’Asia(via Helsinki da Milano e Roma) validi per viaggi fino a novembre 2017*:

Delhi, a partire da 1.299 a/r**

Chongqing, a partire da 1.399 a/r**

Canton, Xi’an e Bangkok  a partire da 1.499 a/r**

Singapore a partire da 1.599 a/r**

Pechino, Shanghai a partire da 1.699 € a/r**

              Hong Kong  a partire da 1.799 € a/r**

*Per maggiori dettagli sulle condizioni, le destinazioni e sui periodi di viaggio visitare il sito www.finnair.it.

**Tariffe tasse incluse, soggette a restrizioni e disponibilità, posti limitati. La compagnia si riserva di modificare i termini dell’offerta senza preavviso.

Finnair

Finnair vola attraverso Asia, Europa e Nord America con rapidi collegamenti via Helsinki, trasportando oltre nove milioni di passeggeri all’anno e connettendo 17 città asiatiche e 4 del Nord America con più di 60 destinazioni in Europa. Pioniere del volo ecosostenibile, Finnair sarà il primo vettore europeo a operare con gli ecologici Airbus A350 XWB di ultima generazione e ha i punteggi più alti a livello mondiale nel Carbon Disclosure Project. Compagnia aerea nordica con i più alti punteggi Skytrax (4 stelle), Finnair ha anche vinto il World Airline Award come Miglior Compagnia del Nord Europa negli ultimi sei anni consecutivi. Finnair è membro oneworld, l’alleanza delle compagnie leader a livello mondiale nel garantire ai viaggiatori internazionali i più elevati standard di servizio e di comfort.

Foto straordinarie dalla più grande riserva al mondo di narcisi – Fioriscono a maggio in Ucraina

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

UCRAINA TURISMO

Narciso il fior di maggio: è in Ucraina la più grande riserva al mondo. La leggenda vuole qui la nascita del Mito di Narciso, e qui ad ogni anno si rinnova la stupefacente fioritura di quasi trecento ettari di narcisi nella biosfera.

 Maggio non solo rose: è anche il mese del narciso. Incantevole e ancora poco conosciuta è la valle dei narcisi in Ucraina, a Khust.

 Nella regione della Carpazia, a pochi chilometri dalla cittadina di Khust, sorge la “Valle dei Narcisi”, un’area di incomparabile bellezza, unica nel suo genere. La valle occupa un immenso territorio, duecentosettanta ettari dove la vastissima fioritura di narcisi fa rivivere ogni anno proprio il Mito di Narciso che, secondo la leggenda, qui si innamorò perdutamente del suo riflesso fino al punto di morire nel tentativo di raggiungere la propria immagine. Si narra poi che al suo posto fu trovato lo splendido fiore bianco che da lui ne prese il nome.

La valle è la più grande riserva naturale in Europa e nel mondo ed è situata sulla pianura alluvionale che si affaccia sull’antica terrazza del fiume Tysa. La riserva è protetta dal 1970 quando le autorità locali, con un decreto, decisero di preservare la bellezza del luogo.

Inserito all’interno della “Lista Rossa IUCN (International Union for Conservation of Nature)” tra le piante in via di estinzione, il narciso è un fiore molto raro la cui fioritura avviene solamente una volta l’anno.

Maggio è il mese ideale per ammirare la bianca e selvatica fioritura del narciso, detto anche fior di maggio, la cui bellezza è sempre stata fonte di ispirazione per musicisti e poeti. Il dolce profumo di questi fiori si diffonde nell’aria ogni anno dal primo al venti di maggio, e attira nella valle ucraina di Khust turisti da ogni parte del mondo che si recano ad ammirare la spettacolare fioritura.

La riserva, unica nel suo genere, situata a soli duecento metri sopra il livello del mare è l’ultimo habitat pianeggiante di narciso di tutta l’Europa, un fenomeno assai raro poiché questo fiore solitamente cresce a quote molto elevate.

La riserva ospita, inoltre, oltre 400 specie di piante, ma il narciso è il re assoluto di questa valle!

BELIZE seconda barriera corallina al mondo

Stagione secca: dicembre-maggio; piogge: giugno-novembre;

Belize Tourist Board New Horizon Investiment Building, 31/2 Miles, Northen Highway, Belize city; info@travelbelize.org; www.travelbelize.org

Ambasciata: Roma 06.691 90 776

http://www.travelbelize.org

l Belize offre uno dei più spettacolari reef del mondo.

BELIZE Vbest-beach-placencia-01-big

ANIMALI pesce reef viola

CayoMarket-san-ignacio-02-big

I primi ad arrivare furono i Maya.

Le maya Mountains sono attraversate dal suggestivo rumore

delle grandi cascate tra foreste di pini.

Le rovine di Caracól sono impressionanti: tra tappeti di fiori selvatici e liane che giungono a terra dalla sommità degli alberi. Qui si incontra il più alto edificio del Belize: il Canaa, ovvero il Palazzo del Cielo.

Sul fiume New River si è circondati da tunnel di mangrovie e bellissime orchidee.

-Le Caves Branch sono il più esteso sistema di grotte del Belize.

-I cayes sono bellissimi microsistemi ecologici ricchi di fauna e flora sottomarine. Ambergris è il più turistico, altri sono hotel o privati; un paradiso per i sub.

I voli aerei dall’Italia passano attraverso gli USA. Continental Airlines: 0666 05 3030, www.continental.com, via New York.

Purtroppo in una zona tanto ricca di

vegetazione vergine non possono mancare gli insetti;

-è molto consigliato l’uso di repellenti e un abbigliamento adeguato.

Una rilassante vacanza invernale nelle calde acque tropicali che circondano l’isola di Ambergris in Belize è davvero indimenticabile

Qui si incontrano

– la barriera corallina più lunga dell’Emisfero Occidentale,

– una popolazione multietnica dal carattere caloroso ed ospitale,

-una storia plurimillenaria che affonda le proprie radici nelle primissime forme di civilizzazione Maya.

BELIZE con i Maya in casa loropartner_42_page_304_gallery_aquacate_02-big

Il Belize, è un’ex-colonia britannica in centro-america.

Il clima è dolce e gradevole tutto l’anno, ma particolarmente favorevole durante la stagione secca da novembre a febbraio, è la destinazione ideale per una fuga invernale tra tiepide acque turchesi, paesaggi tropicali e antiche rovine Maya.

Belize può anche essere un rilassante soggiorno sull’isola di Ambergris, la maggiore di un vasto arcipelago situato a poca distanza dalla costa settentrionale del paese centroamericano. Proprio in quest’area si distende la lunghissima barriera corallina, che arriva quasi a lambire Ambergris presso Mexico Rocks, a Nord dell’isola.

-Sulla costa occidentale si trova l’unico villaggio, San Pedro, noto per le sue “cantinas” che sembrano uscite da un fumetto e per l’omonima laguna collegata al Mar dei Caraibi da un piccolo fiume salato ed accessibile in barca o kayak.

-Sull’isola non mancano neppure le vestigia dei Maya, che qui giunsero circa 1500 anni fa. Si ritiene che in quel tempo Ambergris fosse collegata direttamente alla penisola dello Yucatan e che i Maya abbiano scavato un canale per separare l’isola dalla terraferma.

-Non molto lontano da Ambergris si trova, infine, il

Blue Hole”: una fossa quasi perfettamente circolare di acque cristalline situata al centro dell’atollo corallino di Lighthouse. Per il suo diametro di 300 metri e  profondità oltre i 125 metri il Blue Hole , acquistò notorietà grazie ad un celebre documentario di Jacques Costeau ed è uno dei siti più amati dai subacquei di tutto il mondo per le sue pareti verticali ricoperte di stalattiti lunghe anche 12 metri. La spettacolarità dell’isola è completata da verdeggianti foreste di mangrovie, savane tropicali e candide spiagge bianche.

Ad Ambergris: sistemazioni di charme in boutique hotel e piccoli resort dalle atmosfere uniche e caratteristiche.

-Il Mata Rocks Resort è un tre stelle di qualità, dall’ambiente conviviale. Offre la possibilità di escursioni in canoa, in kayak ed in barca. Il Sunbreeze Beach è, invece, un tre stelle superiore dall’architettura coloniale, arredato con uno stile semplice ma elegante. Qui è possibile visitare una galleria d’arte, partecipare a gite ed escursioni o dedicarsi un massaggio rilassante.

– Il Portofino, infine, è un 4 stelle davvero particolare: accessibile unicamente in traghetto, accoglie i suoi ospiti in caratteristiche capanne che ricordano le tradizionali dimore Maya. Un servizio di navetta è previsto da e per San Pedro. Anche qui gli ospiti possono godersi massaggi ritempranti. I tre hotel sono tutti dotati di spiaggia privata ed offrono la possibilità di effettuare immersioni e snorkeling. I primi due hanno anche una piscina ed organizzano battute di pesca d’altura. Questi hotel sono disponibili a partire da 69,- € per notte a persona in camera doppia con trasferimenti da e per l’aeroporto inclusi.

Il soggiorno si abbina splendidamente, magari in chiusura di viaggio, con il tour “Il meglio del Belize”, un  itinerario alla scoperta delle radici Maya del paese, quando il Belize contava fino a 2 milioni di abitanti – oggi ne ha ca. 270.000 -.

-Il viaggio permette anche di conoscere la società multietnica del paese centroamericano, che annovera popolazioni Creole, Meticcie, Garifuna – un mix di etnie indios, caraibiche e africane -, Maya, Indiane Orientali, Cinesi, e Mennoniti – una singolare rappresentanza di una chiesa protestante/anabattista -.

 -Dormire:

Radisson Fort George amindredge@radisson.com

Maruba resort & Jungle spa maruba@btl.net oasi di pace nella giungla, molto “in”

Creek Cottage reservations@chaacreek.com, 79€ per 2 pax , 45€ per eleganti tende per 2 pax; oltre s. Ignacio.

Dirigetevi verso la costa centrale per maya , scimmie e cultura .

 -Home per le scimmie urlatrici e molte specie rare di uccelli, Centrale Belize è perfetto per coloro che vogliono entrare nel selvaggio .

 -I templi Maya a Altun Ha sono l’ideale per gli amanti degli uccelli che vogliono vedere amici pennuti e check-out cultura antica .

-Belize City è conosciuta per l’architettura dei nostri giorni coloniali , la sua cultura ” Kriol ” prospera ancora oggi. Già che ci sei , chiedere ad un locale per insegnare un po ‘di Kriol . Anche se Belize è un paese di lingua inglese , parliamo ancora che a modo nostro .

T-shirt , scarpe e le preoccupazioni sono opzionali .

 ” Perfetto Barefoot “: Penisola Placencia

 Conosciuto localmente come “A piedi nudi perfetta” la Penisola Placencia ospita

le uniche spiagge di sabbia dorata sulla terraferma Belize.

-Dopo la spiaggia,

-lo snorkeling e le immersioni subacquee, una  visita per avere un’idea di quello che un tradizionale villaggio di pescatori Kriol. Ci sono anche ristoranti del villaggio , bar e gallerie d’arte. L’unica cosa che Placencia non offre è lo stress .

Barefoot perfetto “

Un gruppo eterogeneo di persone buone e buoni tempi .

Punta Gorda è il gateway per tutto, dalla pesca off -shore , per escursioni sul fiume , così come la speleologia , birdwatching e Maya siti archeologici . Per non parlare, alcune delle persone più belle che si possano incontrare.

-Qui  Maya, Garifuna e gli indiani Belizeans vivono in armonia pur mantenendo le loro singole culture.

Vai a ovest; per il giovane viaggiatore .

Il Belize occidentale è sede di

numerosi siti archeologici , come Cahal Pech .

-Quando hai finito di conoscere il passato,

-visita la Butterfly Farm e

-i sentieri della foresta pluviale con piante medicinali.

Quindi, puoi andare al Nachuch Che’em Park.

 Qui, c’è molto da fare. Basta fare in modo di trovare il tempo per relax.

 San Ignacio ( Cayo ) è vicino  un poco a tutto .

 -Sia che stiate visitando gli antichi templi Maya, o percorsi di speleologia, trekking, kayak, canoa o andando a cavallo, San Ignacio è un ottimo posto per rilassarsi, prendere un cibo e bevande  e preparavi per un altro giorno.

– E se volete trascorrere la giornata qui, ci sono un sacco di negozi e persone amichevoli per passare il tempo.

suggerimenti / salienti

• Scoprire Carocal e vedere la splendida vista dalla cima .

• Fai speleologia nelle grotte .

• Per alcuni dei migliori BBQ del web è imprendibile provare il Rodriguez barbecue a Santa Elena .

• Vai a Sweet Ting per i migliori dolci della città .

• Burns Avenue. per le bevande e la conversazione con i locali .

• canoa lungo il fiume Mopan .

Beach o Jungle ? Cinque stelle o sotto le stelle ?

Allo stesso modo ci sono molte cose da fare qui troverete un sacco di opzioni diverse per luoghi di soggiorno .

Con tutto dai resort di lusso agli hotel per famiglie, case vacanze, condomini, alberghi, campeggi e vita a bordo di navi.

Con le spiagge della costa caraibica , o vicino mistici templi Maya , ogni località in Belize offre numerosi e unici posti in cui stare .

Ci sono alloggi adatti a tutti , comprese le persone in cerca di avventura , subacquei , vacanzieri da spiaggia, eco -turisti , famiglie, viaggi di nozze e altro ancora.

Per maggiori informazioni , si prega di chiamare 1-800-624-0686 .

Ticino Turismo – Trasmessi su smartphone o stampati dei veri e propri programmi personalizzati

È un vero e proprio viaggio…nel viaggio quello che Ticino Turismo proporrà ai turisti d’Oltralpe dal 21 aprile fino al 28 ottobre 2017.

Il progetto “On Board Concierge Service”, presentato lo scorso 12 aprile a Biasca, prevede di offrire ai visitatori sui treni una consulenza itinerante al termine della quale verranno trasmessi su smartphone o stampati dei veri e propri programmi personalizzati.

Con questa iniziativa si conclude la campagna triennale “Entdecke die andere Seite” dedicata all’apertura della Galleria di base del San Gottardo.

Trasformare il viaggio in treno in un momento privilegiato durante il quale assistere i turisti, facendo in modo che inizino a pregustare l’atmosfera che li attenderà una volta giunti a destinazione.

È con questo obiettivo che Ticino Turismo, in collaborazione con le Ferrovie federali svizzere (FFS), ha ideato il progetto innovativo denominato “On Board Concierge Service”.

Dal 21 aprile fino al 28 ottobre 2017, ogni venerdì e sabato su due treni che da Lucerna e Zurigo arriveranno in Ticino, nove promotrici turistiche saranno a disposizione dei turisti per aiutarli a pianificare al meglio le proprie vacanze.

Al termine della consulenza itinerante, grazie all’ausilio di supporti tecnologici (iPad e piccole stampanti portatili), ai visitatori verrà trasmesso su smartphone o stampato un vero e proprio programma personalizzato.

Con il progetto “On Board Concierge Service” si conclude la campagna triennale dedicata all’apertura della Galleria di base del San Gottardo promossa da Ticino Turismo grazie a un credito straordinario di due milioni di franchi votato dal Gran Consiglio.

Lo slogan “Entdecke die andere Seite” ha voluto fare leva, più che sulla rapidità del nuovo collegamento ferroviario, sulla curiosità del turista.

I visitatori sono stati invitati a scoprire un Ticino nuovo, all’avanguardia, con un’offerta turistica che si è molto ampliata rispetto ai tradizionali clichés. “L’obiettivo del progetto “On Board Concierge Service” è di fare in modo che il viaggio verso la destinazione diventi esso stesso un’esperienza turistica coinvolgente e unica – afferma Elia Frapolli, direttore di Ticino Turismo -.

L’esigenza è emersa già nel corso del 2015 quando abbiamo organizzato due workshop aperti al pubblico alle stazioni FFS di Zurigo e Locarno. I circa 600 interpellati hanno espresso in modo chiaro il desiderio di poter beneficiare di una comunicazione su misura che fornisca loro un ventaglio di offerte mirate rispetto alle proprie esigenze”.
In totale saranno più di un centinaio i treni sui quali sarà attivo il nuovo servizio. Le nove promotrici turistiche, che nei mesi scorsi hanno partecipato a una formazione specifica, garantiranno assistenza a circa 7.000 visitatori. Tra i loro compiti, oltre a quello di aiutare i turisti a pianificare meglio le loro vacanze, vi è anche quello di raccogliere informazioni sul visitatore stesso con il quale in futuro sarà possibile stabilire un contatto duraturo. Per maggiori informazioni su questa iniziativa e su tutte le attività legate alla campagna promozionale, è consultabile il sito internet www.alptransit.ticino.ch.

Le FFS: “Un viaggio ancora più attrattivo”

L’apertura della Galleria di base del San Gottardo rappresenta una grande opportunità per il Ticino turistico.

Grazie al nuovo tunnel ferroviario i tempi di percorrenza tra Zurigo e il Sud delle Alpi sono diminuiti di circa mezz’ora, mentre dal 2020 la riduzione sarà di circa 50 minuti. Le FFS si complimentano con Ticino Turismo per aver reso il viaggio verso il Sud delle Alpi ancora più attrattivo dando la possibilità ai passeggeri di ottenere consigli personalizzati in vista del loro soggiorno.

Da tempo le FFS si impegnano per la promozione del turismo in Ticino e nella regione del San Gottardo. Il 1° gennaio 2017, unitamente al Governo ticinese e a Ticino Turismo, hanno lanciato Ticino Ticket, il biglietto che permette al turista che pernotta in un albergo, in un ostello o in un campeggio di muoversi liberamente con i mezzi pubblici per tutta la durata del suo soggiorno. Dal 14 aprile è entrato in servizio il Gotthard Panorama Express, un treno panoramico che percorrerà la tratta storica del massiccio.