Archivi categoria: qualità/prezzo

Crociere ai Caraibi – MSC grandi novità per novembre 2018

Una destinazione unica nei Caraibi che ospiterà in esclusiva i passeggeri di MSC Crociere
da novembre 2018

MSC CROCIERE, INIZIANO I LAVORI ALLA RISERVA MARINA DI OCEAN CAY

– MSC Crociere,  ha dato il via oggi ai lavori alla Riserva Marina di Ocean Cay. Situata a sud di Bimini nelle Bahamas, l’isola è destinata a diventare – da novembre 2018 – un paradiso naturale eslcusivo per gli ospiti di MSC Crociere.

Gianluca Suprani , Head of Global Port Development and Shore Side Activities di Msc Crociere, ha aggiunto:

  • Situata a sole 65 miglia ad est di Miami, in Florida, Ocean Cay MSC Marine Reserve ha 3.8 chilometri di litorale con acque cristalline e un ecosistema marino unico.
  • L’isola ha alcune delle più belle spiagge di aragonite in tutto il mondo e, una volta che avremo completato i lavori, le acque circostanti potranno essere nuovamente la casa di coralli e di una ricca varietà di specie aquariche.
  • Ocean Cay Marine Reserve, diventerà una meta davvero esclusiva permettendo agli ospiti di MSC Crociere di vivere il meglio che i Caraibi hanno da offrire.”

A completare il tutto, il piano paesaggistico vedrà la piantumazione più di 80 alberi, erbe, fiori e arbusti tipici dei Caraibi, che consentiranno di ricreare un habitat naturale lussureggiante.

Lo sviluppo della Riserva Marina Ocean Cay fa parte del piano industriale di MSC Crociere del valore di 9 miliardi di euro, che prevede la costruzione di fino a 11 navi nuova generazione la cui entrata in servizio è prevista tra il 2017 e il 2026. La prima fase di sviluppo del riserva marina prevede la demolizione delle infrastrutture industriali esistenti così da poter ricreare nuovamente una riserva marina incontaminata.

Parlando alla cerimonia inaugurale, Pierfrancesco Vago , Executive Chairman di MSC Crociere, ha commentato: ” Lavorando a stretto contatto con il Governo delle Bahamas, il nostro obiettivo è quello di trasformare un deserto industriale in un ambiente accogliente sia per l’uomo che per la natura, riportando l’isola e le acque circostanti al loro stato originale. In questo modo, potremo rafforzare l’importante investimento del nostro Gruppo per l’economia delle Bahamas, offrendo anche opportunità di lavoro a lungo termine per la popolazione locale .

“A testimonianza della nostra capacità innovativa, il molo appositamente costruito consentirà alle nostre navi da crociera di attraccare direttamente a Ocean Cay MSC Marine Reserve. L’isola diventerà così una vera e propria estensione della nave”.

MSC Seaside e le altre navi di MSC Crociere operative ai Caraibi inseriranno regolarmente Ocean Cay MSC Marine Reserve nei loro itinerari da novembre 2018. Per maggiori informazioni sugli itinerari e la destinazione, è possibile visitare il sito https://www.msccrociere.it/it-it/Destinazioni-Crociera/Caraibi-Cuba-Antille/Bahamas/Ocean-Cay-MSC-Marine-Reserve.aspx

TRAGHETTI E’ ORA DI PRENOTARE !!! – Corsica Sardinia Elba Ferries è tempo di prenotare … a rate !

Corsica Sardinia Elba Ferries: con tre rate per pagare è tempo di prenotare!

Un servizio semplice, sicuro, conveniente e senza interessi.

Savona-Vado, 16 gennaio 2017 – Corsica Sardinia Elba Ferries conferma il pagamento in 3 rate del biglietto: Corsica, Elba e Sardegna sono a portata di click!

Più in dettaglio: il pagamento in 3 rate è possibile, al momento della prenotazione, a condizione che l’importo del biglietto sia superiore a 200 euro, che la data di partenza sia superiore ai 70 giorni e che si sia in possesso di una carta di credito (Visa, Mastercard o American Express). Nessun costo aggiuntivo per i biglietti a tariffa Flex; negli altri casi, per accedere al servizio, viene addebitato un importo di 6 euro.

Queste le scadenze delle rate:
1° scadenza – Il giorno dell’acquisto, alla conferma della prenotazione;
2° scadenza – 30 giorni dopo la data d’acquisto;
3° scadenza – 60 giorni dopo la data d’acquisto.

“Questo servizio è molto apprezzato dai nostri clienti, poiché è semplice, sicuro, conveniente e senza interessi. La nostra politica commerciale è sempre stata orientata alla soddisfazione dei passeggeri e con questa soluzione rendiamo più conveniente l’acquisto delbiglietto per Corsica, Sardegna e Isola d’Elba” commenta Raoul Zanelli Bono, Direttore Commerciale di Corsica Sardinia Elba Ferries.

Maggiori dettagli e condizioni su www.corsica-ferries.it

§§§

Dal 1968 Corsica Sardinia Ferries è la prima Compagnia di navigazione privata per il numero di passeggeri trasportati, che serve tutto l’anno Corsica e Sardegna.
La Corsica è collegata da Tolone, Nizza, Savona e Livorno; la Sardegna è collegata da Livorno, Nizza e Tolone e, in estate, da Piombino. L’isola d’Elba è collegata da Piombino e da Bastia (Corsica) nella stagione estiva.
Corsica e Sardegna sono unite da collegamenti annuali.
Corsica Sardinia Ferries gestisce una flotta di 13 navi e si occupa direttamente di tutti i servizi all’utenza: dalla prenotazione, all’imbarco, all’accoglienza, al servizio di catering a bordo.
Tutte le attività di Corsica Sardinia Ferries sono certificate ISO 9001:2008.
A Savona Vado, in un’area di 50.000 mq in concessione alla Compagnia, sono concentrate le attività organizzative, amministrative e logistiche della società che nel 2016 ha trasportato oltre 3.700.000 passeggeri.

Programmare un WEEKEND o vacanza a CATANIA per la FESTA DI SANT’AGATA

Catania 2 500  Palazzo bBscheri

Palazzo Biscari

CATANIA Etna bocca laterale 350 km

catania Etna 500

Il vulcano Etna in inverno.

Catania la folla Sant'Agata 450 j

La folla per Sant’Agata.

CATANIA 672 Etna e Mare panorama k

Dall’Etna si vede la città di Catania e golfi verso sud-est

catania 500 Duomo tramonto h

Duomo.

Catania dintorni castello lm

Dintorni di Catania.

Catania sant'Agata Candelori hj

Sant’Agata.

Catania 672 ok notte Duomo folla

La processione di Sant’Agata.

CATANIA

“…l’impressione di questo giardino incantato…lo stesso odore tutto particolare di mare vaporante, tutto mi richiamava…l’isola beata dei Feaci. Andai subito ad acquistare un Omero, lessi con ineffabile rapimento quel canto e ne improvvisai una traduzione per Kniep…” Così scrive il grande Goethe della Sicilia.

Di Catania, guardando le antiche rovine, immagina le “…ripetute distruzioni della città per opera di lave, dei terremoti…”

Perché la storia di Catania, è scritta soprattutto dal grande vulcano che la sovrasta; l’Etna.

Il nostro weekend a Catania.

Montagna che a noi è apparsa nella sua veste più suggestiva; quella invernale. Un manto di neve ne riveste le parti più alte, ma il fumo continua ad uscire, creando qualcosa di magico.

Magico come la capacità dell’antica lava di concimare e favorire la crescita di profumatissimi limoni, aranci, mandarini, anche verdura e viti che producono un’uva irripetibile.

Ma Catania è anche la sua popolazione con tutte le sue vivaci tradizioni; come la festa di Sant’Agata.

Catania Sant0Agata Candele 450 l

Grandissime e pesanti candele sono portate a spalla dai devoti vestiti di bianco

Catania Candele 300 k

S.Agata è, per partecipazione, la seconda festa della cristianità al mondo!

I devoti restano in attesa della messa dall’aurora del quattro febbraio, per rivedere, dopo un anno, la “Santuzza” ricoperta di preziosissimi gioielli; doni dei credenti dai tempi più antichi.

E’ difficile spiegare l’atmosfera creata dalla partecipazione collettiva di tutta la popolazione; colore e vita, credo e folclore.

Una festività da vedere per emozionarsi insieme a tutta la popolazione che vive per due giorni nelle strade, anche di notte.

Da vivere nella piazza del Duomo, da dove cominciano le visite guidate della città e da dove è iniziata la ricostruzione della città; dopo il disastroso terremoto del 1693. Questo è il centro dei poteri Domo e palazzo del Municipio. Due monumenti da visitare; entrambi parti importanti della storia della città.

Nel settecento, i più capaci architetti, artisti e artigiani provenienti da tutta la Sicilia, hanno disegnato e realizzato lo splendido barocco della città; che oggi è divenuto Patrimonio dell’Umanità Unesco.

Non può sfuggire, al centro della piazza del Duomo, la Fontana dell’Elefante; simbolo di Catania.

Qui nel sottosuolo, si trovano le terme Achilliane, e dietro la Fontana dell’Amenano. In zona, anche la Pescheria, a pochi passi dal mare; pittoresco mercato giornaliero della frutta e del pesce.

Tornando alla festa di Sant’Agata, nelle chiese si tengono speciali funzioni religiose e per le strade sfilano le candelore (immense e pesanti tipiche costruzioni), accompagnate da allegre bande musicali. Non possono mancare i dolci tipici e le olivette in pasta reale. Perché qui il cibo è una cosa seria; quasi sacra.

Nessuno potrà lasciare Catania senza il suo pacchetto di frutta o verdura fatta di marzapane, di deliziosi arancini al ragù ed almeno qualche cannolo e l’ ”Iris” un dolce fritto … speciale.

Come non si può lasciare Catania senza averne visitato il Municipio. detto: Il Palazzo degli Elefanti e costruito dopo il terremoto del 1693 in sostituzione del  cinquecentesco Palazzo Senatorio; opera di diversi architetti: tra i quali Giovan Battista Vaccarini, che ha progettato molti dei più pregevoli edifici del centro storico. All’ingresso due carrozze del Senato; usate il 3 febbraio dalle autorità cittadine, durante i festeggiamenti di S.Agata, per raggiungere la chiesa di S. Biagio in piazza Stesicoro ed offrire la cera alla Santa.

Sempre nella piazza del Duomo si incontra il primo Seminario dei Chierici; fondato nel 1572 e che si trovava nell’antica Platea Magna, oggi corrispondente a Piazza Duomo.
Dopo il terremoto del 1693 venne ricostruito in parte sulle antiche mura ed in parte su un’area occupata dall’antico Vescovado; i lavori furono iniziati   dall’architetto Alonzo di Benedetto e proseguirono con Francesco Battaglia.

Salendo verso il culmine di una piccola collina, si raggiunge il nucleo originale di Catania; storia che si perde nei tempi più antichi,.

Qui si trova il Castello Ursino; costruito per volere di Federico II di Svevia, tra il 1239 e il 1250. Il primo castello difensivo, sorgeva vicino al mare; circondato da un fossato. Durante l’eruzione del 1669 fu circondato dalla lava; una lunga campagna di scavi lo ha riportato al suo aspetto originario; in altra sede.
Nel ‘400 il castello fu abitazione dei reali aragonesi, poi fu adibito a vari usi. Dal 1934 è diventato Museo Civico cittadino, con reperti d’età greca, romana e di varie epoche; compresa una parte della produzione artistica catanese. L’opera più interessante è la “Madonna con bambino” di Antonello da Saliba (1466-1535).
Sempre al Castello, si alternano importanti mostre d’arte, come la mostra “CHAGALL. LOVE AND LIFE” Opere dalla Collezione dell’Israel Museum
Dal 18 ottobre 2015 –  3 aprile 2016.

Altro edificio da non perdere, nella visita della città di Catania, è Il Monastero dei Benedettini; fondato nel 1558.

Catania 2 500 Monastero Benedettini dn

Monastero dei Benedettini.

Catania 2 Monastero benedettini caffé js

Catania 2 450 Benedettini dove si mangiava

Il refettorio, dove mangiavano i monaci figli delle più importanti famiglie di Catania.

Catania 2 Benedettini scavi archeologici k

Reperti archeologici romani; nelle cantine del monastero.

catania Monastero Benedettino 450 j

Dopo l’eruzione dell’Etna del 1669 e del successivo terremoto del 1693 buona parte dell’edificio viene distrutto.
La ricostruzione inizia nel 1702, ad opera dei maggiori architetti siciliani: Ittar, Battaglia, Battaglia Santangelo, Palazzotto e Giovan Battista Vaccarini; il più famoso tra gli architetti del barocco siciliano settecentesco. Al Monastero si aggiungeranno un nuovo Chiostro, un giardino, il Caffeaos, la biblioteca, le cucine, l’ala del noviziato, i refettori, il coro di notte.

Visitando i piani interrati si scoprono interessanti reperti romani; uno dei Cardines  e il Decumanus Maximus e resti di domus di età tardo ellenistica e di epoca imperiale. Inoltre si vedono bene i resti delle colate laviche; che furono opportunamente deviate dai monaci.

Il Monastero è uno dei conventi più grandi d’Europa.

Tutti i secondogeniti delle famiglie più prestigiose della zona furono qui accolti e il loro alto ceto è ben dimostrato dagli imponenti scaloni all’ingresso, dalla grandiosa cucina e dall’imponente refettorio, ma non solo.

San Nicolò

La chiesa di San Nicolò si ispira ai modelli architettonici romani; iniziata nel 1687 su disegno di G.B. Contini, dopo il terremoto del 1693 i lavori proseguirono con l’ausilio di diversi architetti come Francesco Battaglia e Stefano Ittar; quest’ultimo realizzò la cupola alta 62 metri. Il progetto rimase, comunque, incompiuto (1796); per difficoltà di ordine tecnico e gravi problemi economici.

Da notare: la grandiosità delle partizioni architettoniche e la luce diffusa proveniente dagli alti finestroni.

Il grande altare maggiore è stato realizzato con materiali molto preziosi.

Celeberrimo l’organo realizzato dall’abate Donato del Piano; 72 registri, cinque ordini di tastiere, 2.916 canne.

DOPO IL GRANDE TERREMOTO LA VIA ETNEA DIVIENE LA VIA DEI PALAZZI NOBILIARI; MENTRE LA VIA CROCIFERI LA SEDE RISERVATA ALLE AUTORITA’ ECCLESIASTICHE (3 monasteri, 1 collegio e 4 chiese; in soli 200 mt.). Negli anni successivi la via Crociferi è anche punto di incontro per cerimonie e cortei religiosi.

La prospettiva offerta dalla zona è tanto bella che fu usata come “location” per molti film; tra i tanti nomi: Zeffirelli “Storia di una capinera”, “I Vicerè” di Faenza e “Il bell’Antonio” di Bolognini.

QUI SI TROVA UNO DEI LUOGHI PIU’ SUGGESTIVI DELLA FESTA DI SAN’AGATA: durante la mattinata, le suore benedettine intonano per la santa canti soavi.

SEMPRE IN VIA CROCIFERI:

Il monastero delle Benedettine; fondato nel 1355.
Alla fine del XVII sec. una ricostruzione determinò l’inglobamento dell’odierna badia piccola; grazie alla costruzione dell’arco, 1704. Quest’ultimo, fu considerato abusivo dal governo vigente; abusivismo che fu bellamente ignorato dai religiosi dell’epoca, tanto che oggi è diventato un simbolo per la città di Catania.
La leggenda racconta che, per allontanare il popolino da questa zona; allora assai trafficata di notte, si raccontasse di una leggenda di fantasmi. Chi osò presenziare per appendere inchiodo, come scommessa, fu egli stesso trovato morto e appeso al chiodo il mattino successivo.

Al monastero appartiene anche la chiesa di San Benedetto, interamente affrescata da Tuccari fra il 1726 ed il 1729.

Chiesa S.Francesco Borgia
La Chiesa di S.Francesco Borgia (santo spagnolo nato nel 1510, parente di Carlo V),  è opera dell’architetto frate Angelo Italia ed all’interno custodisce il pulpito con il prezioso drappeggio in legno ad imitazione della stoffa, la cappella di S.Ignazio e la cappella di S.Francesco Saverio rivestita di marmi di pregio.

Chiesa di San Giuliano

Secondo alcuni studiosi la chiesa di S. Giuliano può essere attribuita al Vaccarini (1739 e il 1751). La facciata, concava al centro, è movimentata da una loggia che si dispone all’altezza del secondo ordine della facciata.
Le religiose, molte provenienti da famiglie della nobiltà catanese, da qui potevano vedere la processione della festa di S. Agata, durante la notte del giorno 5 febbraio, mentre saliva lungo la via Sangiuliano per svoltare, poi, in via Crociferi.

Badia di S. Agata

Sulla via V. Emanuele, di fronte alla Cattedrale, si incontra la chiesa della Badia di S. Agata la quale, insieme all’annesso ex monastero,  occupa un intero isolato. L’edificio odierno poggia sulle rovine dell’antica chiesa e convento, dedicati a S. Agata; poi crollati.
La chiesa  è un capolavoro architettonico di G.B. Vaccarini (1735-1767): ha la pianta a croce greca allungata inscritta in un ovale. Da notare: l’alternanza di superfici convessa-concava-convessa; caratteristica del Barocco.
Risalta la decorazione interna; semplice ed essenziale, stucchi bianchi alle pareti, statue, altari preziosi e ricami di marmo sul pavimento.

Basilica
S. Maria dell’Elemosina
(Collegiata)

Sul luogo dell’attuale chiesa, nella prima epoca cristiana, sorgeva un’ edicola dedicata alla Madonna dell’Elemosina.
Frequentato dai re aragonesi e dalla loro corte; nel 1396 ebbe il titolo di “Regia cappella”. A seguito del terremoto del 1693 venne ricostruita, ma con la facciata disposta lungo la via Etnea; la via più importante della Catania risorta dopo eruzioni e terremoti. La chiesa settecentesca è dell’architetto Antonio Amato su progetto del gesuita Angelo Italia. La facciata, di Stefano Ittar (1758), mostra le concavità e convessità tipiche del barocco e della sua ricerca di armonia.

———

PALAZZO BISCARI

Catania 2 550 Palazzo Biacheri jn

Catania scala Palazzo Biscari 2

Scala interna di Palazzo Biscari

Palazzo Biscari
Il più bel palazzo barocco catanese.
Recentemente inserito nell’elenco dei beni del patrimonio dell’UNESCO.
Conta circa settecento stanze.
www.palazzobiscari.com info@palazzobiscari.com per prenotare visite, congressi, meeting e matrimoni.
Imperdibile per le sue bellezze; fu visitato anche da Goethe e dalla regina Elisabetta.

Il palazzo è appartenuto alla famiglia Paternò Castello, principi di Biscari, dal XVIII al XIX secolo ed agli eredi indiretti Moncada Paternò Castello a partire dal XIX secolo.

Negli ultimi decenni la famiglia ha aperto le porte, di una parte dei saloni, a catanesi, viaggiatori e turisti.

Catania palazzo Bischeri 300 proprietario

L’attuale proprietario, che apre le porte del suo palazzo per visitatori ed importanti eventi.

Fu voluto da Ignazio Paternò Castello principe di Biscari, per sua dimora. I primi lavori iniziarono nel 1702; a quell’epoca il palazzo comprendeva un solo piano, ma già esisteva il museo, con i reperti archeologici raccolti dal principe nelle terre dei suoi latifondi.
Lo  stile del palazzo è barocco e fu costruito sulle mura cinquecentesche di Catania. Per la sua ampiezza occupa un intero isolato.

Il palazzo si affaccia sul porto e sugli Archi della Marina; qui, fino agli anni Venti, il mare lambiva i bastioni sottostanti.

Oggi, vi si svolgono anche numerosi eventi di grande prestigio; alcuni saloni sono oggetto fotografico di sfarzosi matrimoni internazionali.

Teatro Romano
Il teatro è stato realizzato dal I al IV secolo d.c., è addossato al versante meridionale della collina dove sorgeva l’antica acropoli di Catania. Poteva ospitare circa 7.000 spettatori.

Anfiteatro Romano
Al centro di piazza Stesicoro si nota una grande apertura che lascia intravedere una parte dei resti dell’anfiteatro romano di Catania. Si tratta di uno degli anfiteatri più grandi d’Italia; purtroppo è nascosto quasi interamente sotto le moderne abitazioni. Si è calcolato che poteva contenere 15.000 spettatori seduti e quasi il doppio, con apposite impalcature, per i posti in piedi.
Fu costruito intorno alla metà del II secolo a.C. All’epoca di Teodorico il monumento era già in stato di abbandono. Ruggero il Normanno lo utilizzò per ricavarne pietre per innalzare la cattedrale.
——-

UNO DEI MONUMENTI PIU’ BELLI E CARATTERISTICI DI CATNIA E’ IL TEATRO BELLINI
IMPERDIBILE !

Il TEATRO BELLINI si affaccia sull’omonima piazza. Fu inaugurato il 31 maggio del 1890 con la rappresentazione della Norma di Vincenzo Bellini.

Opera di Carlo Sada è in stile eclettico francese, del “secondo impero”, reso di moda a Parigi da Charles Garnier con l’Opéra di Parigi.

Carico di ornamenti e allegorie; è molto elegante in tutte le sue sfaccettature e particolari.

Il teatro è famoso, a livello internazionale, per la sua eccellente acustica.

Affreschi del soffitto di Ernesto Bellandi. Il pittore Giuseppe Sciuti, nel 1883, vi dipinse un antisipario che narra la leggendaria vittoria dei Catanesi sui Libici.
——

AFFASCINANTE VISITA AL VULCANO

La stagione migliore per visitare il vulcano Etna è sicuramente l’inverno. La neve e i funi che sprigiona il vulcano creano un paesaggio fiabesco.

Sono possibili escursioni di ogni genere e livello, secondo le capacità dei turisti. Dalla tranquilla visita con un piccolo bus, alle faticose arrampicate a piedi, alle visite con le jeep.

STORIA DI CATANIA E DEL SUO VULCANO

La storia di Catania è segnata da diversi cataclismi: terremoti, eruzioni, tsunami.
In breve le più antiche.
Eruzione del 693 a. C. distrusse l’antica Catania (Katane).
Eruzione del 396 a. C. la cui colata lavica arrivò in mare.
Eruzione del 1169 la cui lava arrivò ad Aci Castello.
Eruzione del 1329 ebbe origine presso Rocca Musarra, in Valle del Bove (si formarono numerosi coni secondari).
Eruzione del 1381; la lava raggiunse Catania, arrivò al mare a Ognina coprendo lo storico porto Ulisse.
Eruzione del 1408 la lava raggiunse i settori di Pedara e Trecastagni.
Eruzione del 1444 minacciò Catania.
Eruzione del 1556 la lava giunse fino a Linguaglossa.

4 febbraio 1169, vigilia del giorno di Sant’Agata, adorata Patrona della città. Verso le ore 21 la prima forte scossa sismica, magnitudo stimata intorno a 6.6, Catania è devastata. La cattedrale, piena di fedeli raccolti per la funzione dedicata a Sant’Agata, crolla: muoiono almeno cento persone. L’evento è seguito da uno tsunami che colpisce la città e l’intera costa ionica, da Messina alla foce del fiume Simeto. Le scosse proseguono per diversi giorni e provocano danni e vittime anche a Modica, Lentini, Aci Castello, Siracusa e Piazza Armerina. Circa10mila le vittime stimate. La scossa sismica fa crollare la parte orientale dell’Etna, potenti colate laviche si dirigono verso sud-est, giungono fino al mare ad Aci Castello.

Grande eruzione dell’Etna del 1669, l’evento più catastrofico degli ultimi 500 anni; la lava addirittura raggiunse il mare. Iniziò l’11 marzo e finì il 15 luglio.
Nei pressi di Nicolosi un imponente squarcio formò diverse bocche esplosive (oggi Monti Rossi) ed effusive. Un mese dopo raggiunse Catania.
In totale la lava si portò via le case di oltre 27.000 persone.

Eruzioni dopo il 1669: 1755, con lave nella Valle del Bove, 1763 si formarono i Monti Nuovo e Mezza Luna, sul versante Ovest, e la Montagnola, su quello Sud, 1766: responsabile della formazione dell’apparato eruttivo dei Monti Calcarazzi, 1792-1793, 1811-1812,1819, 1832, 1843,1852-1853, che formò l’apparato eruttivo dei Monti Centenari in Valle del Bove, 1865,1879,1883… e così di seguito con una frequenza impressionante. Per fortuna, normalmente, la lava scende senza esplosioni e quindi la gente ha il tempo di porsi al sicuro e, nel migliore dei casi, anche di deviare la lava dalle abitazioni.
IL TERRIFICANTE TERREMOTO DI CATANIA DEL 1963
1693 un terribile terremoto colpì Catania con due gravi scosse successive; la seconda fu devastante e trovò i fedeli nella Cattedrale a ringraziare Santa Rosalia per essere sopravvissuti; alla prima scossa. Circa 54.000 i morti, se si comprendono anche tutte le zone circostanti; sino a Ragusa e Modica. Successive scosse, nei mesi a seguire, arrecarono altri danni.

Continuate a seguirci, nelle prossime puntate vi parleremo dei dintorni e di tanti indirizzi di alberghi, ristoranti, bar, sedi di congressi, eventi varisono possibili e curiosità.

WEEKEND LOW COST A CRACOVIA – Polonia

Cracovia, ex capitale della Polonia, è una delle città più antiche e belle città della Polonia.

Il suo centro storico è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

Merita la visita perché città di altissimo valore artistico e per il rapporto qualità prezzo; assolutamente conveniente.

La cucina è ottima e i ristoranti costano molto meno ch ein Italia.

Molte persone vanno a Cracovia anche per visitare il vicino ex campo di concentramento nazista di Auschwitz.

AEREO

Cracovia è collegata con l’Italia anche da voli low cost (costano poco, ma attenti al peso, alle dimensioni del bagaglio e al suo numero; salvo pagare cifre esagerate di extra).

Per chi ha tempo il BUS

È possibile raggiungere Cracovia dall’Italia grazie alle numerose compagnie internazionali di autobus: Agat, Bermuda, Eurolines, Europa Express, Jordan, Orbis Transport, Radtur, Wactur.

Per chi programma una vacanza itinerante: AUTO

In auto, per raggiungere Cracovia  dall’Italia si devono attraversare: Austria e Repubblica Ceca, o la Slovacchia; 1300 Km da Milano.

L’aeroporto dista circa 10 km. dal centro, che si raggiunge con bus o treno.

Cambiare in aeroporto solo il necessario per bus o taxi; è poco conveniente. Meglio cambiare negli appositi locali del centro antico della città.

Il taxi costa meno che da noi: 20 euro per raggiungere l’Hotel Columbus (3 stelle, perfettamente centrale per visitare Cracovia; l’hotel è anche a pochi passi dal fiume Vistola, la passeggiata più nota a Cracovia) ; link hotel: https://translate.google.it/translate?hl=it&sl=pl&u=http://www.hotelcolumbus.pl/&prev=search) .

Da non perdere al centro di Cracovia la SPLENDIDA chiesa di Santa Maria (continue modifiche hanno lasciato l’impronta di vari stili, fino all’Art Nouveau; l’altare maggiore è un polittico composto da cinque pannelli in legno scolpiti), la chiesa si trova in piazza Rynek Główny (“Piazza Grande”) e  la sua stutttura è in stile gotico.

Anche la Torre del Municipio, la piazza del Mercato( la più grande piazza medievale d’Europa), la chiesa di Sant’Alberto, il Collegium Maius (bello il cortile interno con ingresso gratuito) e relativo famoso orologio e la Chiesa di Sant’Anna, non si possono tralasciare.

Una meta tra le più usuali sono le Miniere di Sale di Wieliczka (da prenotare la visita solo organizzata).

 

 

 

MONTAGNA E SCI LOW COST DOVE ? – Da 275 euro per 4 giorni in pensione completa 4 stelle hotel Schneeberg

4 stelle Wellness & Family Hotel Schneeberg di Ridanna in Alto Adige.

Per coppi e bambini, per single giovani e anziani.

Vacanze – wellness con area di 8.000m² , Spa, sport, numerose attività e un programma per le famiglie e i bambini.

-Area benessere e piscine unica e insuperabile.

-Ottima cucina.

Ma anche una vacanza rilassante all’insegna del benessere e tante escursioni.

Da 275 euro per 4 giorni in pensione completa.

Offerta per un soggiorno di 3 (GI-DO) o 4 (DO-GI) notti allo Schneeberg, comprensiva di un buono wellness di 20 €:

Inverno: sci alpino, sci di fondo, slittate, escursioni con le ciaspole nella natura incontaminata.
Nelle immediate vicinanze: la pista di fondo e biathlon di Ridanna, la città di Vipiteno e l’impianto sciistico di Racines-Giovo.

Offerta prenotabile nei seguenti periodi:
– 08.01 – 23.02.2017 da € 275,-
– 05.03 – 06.04.2017 da € 275,-

PRENOTAZIONE HOTLINE
+39 0472 656232
info@schneeberg.it

http://www.schneeberg.it/it

AL CALDO IN INVERNO – VACANZE SICURE – CUBA anche per il viaggiatore più esigente – Isole paradisiache fuori dai soliti itinerari

maldive tramonto palme ok

Gili Travangan 672 spiaggia esotico ok ok 2s

trinidad-cuba-classic-american-car-and-blue-colonial-building-in-streets-of-trinidad-253778359

CUBA … anche una crociera tra piccole isole per scoprire che non tutto è inquinato … il mare più  pulito è qui.

“ISLA JUANA”: CUBA

– Scoperta da Cristoforo Colombo nel 1492, nel suo primo viaggio verso le Indie, Cuba divenne parte del Regno di Spagna e fu chiamata “Isla Juana” in onore di Juan Principe delle Asturie. Nel 1555 l’isola fu conquistata dai francesi, nel 1762 dai britannici per poi ritornare agli spagnoli.

Terra natale di Italo Calvino, Cuba è un arcipelago che si compone di un’isola principale e di oltre un migliaio di isole e isolette (cayos), che fanno tutte parte della Repubblica di Cuba, a parte la baia di Guantanamo, che è stata data in “prestito” agli Usa nel 1903 come punto di rifornimento per le navi americane e ceduto definitivamente nel 1934.

Ecco qualche proposta  su Cuba:

CROCIERA NEI GIARDINI DELLA REGINA

Lungo la costa dell’isola di Cuba si trovano, protetti dalla terza barriera corallina del mondo per estensione, Los Jardines de la Reina è un arcipelago composto da centinaia di isolotti assolutamente vergini (cayos) che rimangono senza nome anche sulle migliori carte geografiche locali.

L’acqua è limpidissima e il paesaggio di una bellezza che toglie il respiro: tunnel, canyon profondi ricoperti di coralli, gorgonie e spugne di ogni colore, ci fanno sentire parte integrante di questo mondo meraviglioso.

Per il dormire si può scegliere tra l’albergo galleggiante Tortuga e le barche da crociera, La Reina, Halcon, Caballones e Avalon Fleet I.Tortuga è una barca in acciaio, ancorata in un canale ben protetto, di circa 1.000 metri quadrati divisi su 2 piani, con 7 cabine per gli ospiti; La Reina è uno yacht a motore di 65 piedi con 4 cabine doppie; l’Halcon è uno yacht a motore di lusso di 75 piedi, con 6 cabine doppie; Caballones è uno yacht a motore di 60 piedi 6cabine doppie con bagno; Avalon Fleet I è uno yacht di lusso, a motore, di 108 piedi, con 8 cabine doppie/triple. Il soggiorno di 7 giorni/6 notti parte da 2.292 euro per persona in cabina doppia, in pensione completa con trasferimenti nautici e 15 immersioni.

L’AVANA & CAYO COCO
L’Avana e Cayo Coco, per conoscere la capitale cubana e godere del mare in una delle più belle spiagge del paese.

Situata nella parte orientale di Cuba, Cayo Coco è un’isola che fa parte dell’arcipelago detto Jardines del Rey ed è collegata alla terra ferma da una strada costruita sull’acqua lunga 17 chilometri.

L’hotel Sol Cayo Coco (4 stelle) si trova su una spiaggia di fine sabbia bianca, circondata da palme da cocco. Le camere si affacciano sul giardino, sulla piscina o sul mare. Tre i ristoranti a disposizione degli ospiti e tre i bar. Completano l’offerta le due piscine (con sezione per bambini), ampia gamma di sport (vela, catamarano, canoa, pedalò, windsurf, tennis, ping-pong, beach-volley, aerobica, water polo, tiro con l’arco, snorkeling, ecc.), baby e mini club, palestra, sauna, idromassaggio e massaggi, un centro internazionale d’immersioni vicino all’hotel. Il soggiorno di 9 giorni/7 notti parte da 1.760 euro per persona, in camera doppia (2 notti all’Avana in b&b e 5 a Cayo Coco in all inclusive), voli e trasferimenti.

lavana-centro-storico-patrimonio-unesco-2

TOUR CON AUTO D’EPOCA IN CASE PARTICULAR
A spasso per Cuba, con l’autista, a bordo di una cabriolet degli anni ‘50 per conoscere il Paese e la sua popolazione e dormire nelle Case Particular, selezionati b&b. Si comincia da L’Avana (la cui parte “vecchia”, Habana Vieja” è Patrimonio UNESCO) con la visita del centro città (Vedado), il Capitolio, la Plaza de la Revolucion, il Malecon, Plaza de Armas, Plaza de San Francisco de Asis, Plaza Vieja e Plaza de la Catedral. Quindi Pinar del Rio, dove viene coltivato il famoso tabacco Cubano (con visita di una fabbrica di sigari), poi la valle di Viñales per ammirare la bellezza dei mogotes (montagne di pietra tipiche di questa zona), il Parco Montemar e la città di Cienfuegos per visitare il Parco Marti, il Teatro Terry, il boulervard e il lungomare. Si prosegue per Trinidad (Patrimonio UNESCO) per camminare lungo le stradine in ciottolato e ammirare le sontuose residenze dei ricchi coltivatori che erano padroni della città (lasciate quasi integre dopo la decadenza a causa dell’abolizione della schiavitù nel 1883 e il successivo abbandono), il museo Historico Municipal, la Piazza Maggiore, il Museo Romantico, la Chiesa della Santissima Trinidad, il Bar la Canchánchara. Si prosegue per la Valle de Los Ingenios (Valle dei Mulini), quindi per Santa Clara con visita del mausoleo dedicato a Ernesto Che Guevara. L’itinerario di 10 giorni/8 notti parte da 1.380 euro per persona, in camera doppia in b&b, con voli, in auto d’epoca con autista.

“LA CHIAVE DEL GOLFO”
“La Chiave del Golfo”: così fu definita Cuba dai colonizzatori spagnoli per la sua posizione strategica, posta all’imboccatura del golfo del Messico, in un punto dove convergono le tre Americhe. L’itinerario parte da L’Avana e arriva a Santiago de Cuba, per scoprire l’architettura coloniale, la natura, il folklore e la vita quotidiana di un popolo assolutamente unico. Si visita L’Avana: la parte coloniale passeggiando per il centro storico (Patrimonio UNESCO), il Castello della Reale Forza, il Campidoglio, il Palazzo dei Governatori, la Piazza della Cattedrale e il Mercatino d’artigiani, la Bodeguita del Medio e il Palazzo dell’Artigianato; la parte moderna: la Piazza della Rivoluzione, la Rampa e il lungomare. Si parte per Viñales, la valle caratterizzata dai “Mogotes”, massicci rocciosi con pareti verticali e cime arrotondate, considerati le più antiche formazioni rocciose di Cuba, visita al Murale delle Preistoria (una grande pittura rupestre moderna che rappresenta l’evoluzione geologica e biologica dell’uomo e della specie). Quindi Santa Clara, con visita della città e della piazza della Rivoluzione (dove si trova il Mausoleo del “Comandante Ernesto Che Guevara”). Si prosegue per Trinidad (Patrimonio UNESCO), conosciuta come città museo, avendo conservato intatte le sue case, le strade e le piazze come erano secoli fa. Si prosegue per Sancti Spiritus per arrivare a Camaguey, uno dei primi sette villaggi fondato a Cuba dagli spagnoli, il cui centro storico è Patrimonio UNESCO, un insieme di diversi stili architettonici: dal neoclassico all’art déco, dall’art nouveau al razionalismo. Si riparte per la cittadina di Bayamo con Parque Cespedes, la piazza principale su cui si affacciano la casa del Poder Popular, la Casa de la Trova, il Museo Historico e la Casa de la Cultura. Quindi il Santuario de la Virgen de la Caridad del Cobre (Madonna del Rame, patrona di Cuba), che si trova nel villaggio del Cobre, in cima a una collina panoramica, di fronte alle antiche miniere di rame. Si arriva a Santiago per visitare il centro storico, con la caratteristica piazza della cattedrale, la Piazza Centrale Carlos Manuel de Céspedes, con i palazzi più celebri e le strade più importanti, con visita alla Caserma Moncada e al Morro di Santiago. L’itinerario di 9 giorni/7 notti parte da 2.087 euro per persona in camera doppia, in pensione completa, voli, trasferimenti e tour in pullman.

I PREZZI SI RIFERISCONO AL T.O. EVOLUTION TRAVEL

http://cuba.evolutiontravel.it

www.evolutiontravel.it

Dove vado in Europa ? Città non turistica SIBU – Come Praga – ma senza tanti turisti

SIBU E’ UNA MITTELEUROPA A PREZZI ANCORA CONVENIENTI: città frequentata da re, imperatori e artisti come Brahams, Liszt, Strauss…

Sibu, ha tutte le caratteristiche culturali di Praga, ma non le folle di turisti ed è una città low cost.

Sibu si trova in Romania ed ha:

-un teatro urbano di splendidi palazzi barocchi

-chiese a guglie acutissime o tondeggianti come cipolle

-è la più bella delle ” sette città ” fondate dai coloni sassoni nella Transilvania rumena

-un restailing che l’ha fatta nominare Capitale della cultura europea nel 2007

-palazzi austroungarici dai colori pastello

-il museo Bruckental che fu fondato prima del Louvre

-la Torre dell’Orologio; circondata da caffé e ristoranti  d’atmosfera.

Nella Città Alta

 3 piazze:

la Piata Mare, o Piazza Grande, con la chiesa barocca romano-cattolica, la Torre del Consiglio e il Palazzo Brukenthal: stile tardo barocco, la Piazza Piccola, o Piata Mica: ideale se cercate negozi e caffetterie, e Piaaza Huet per vedere diversi edifici gotici e la Cattedrale evangelica.

La Città Bassa è meno lussuosa ed è collegata alla parte superiore dal Ponte delle Bugie, il primo ponte in ferro battuto della Romania.

A 30 chilometri da Sibiu si trova il villaggio Sibiel,:

– da non perdere per il suol museo Zosim Oancea dove è custodita la più grande collezione di icone religiose su vetro,

Tutto a prezzi low cost, rispetto a Praga, Vienna …

 

VOLI LOW COST – Come cercare i voli più economici ?

Google Flight è il motore di ricerca, integrato con mappe, che rivela l’andamento temporale dei prezzi dei voli nel mondo.

Altri consigli:

i prezzi migliori, nella media, si ottengono 56 giorni prima della partenza (poco meno di 2 mesi)

-prenotare voli per martedì sera tardi, può abbassare il prezzo anche di molto

-cercate voli navigando in incognito (i cookies portano a prenotazioni affrettate)

-NON usare computer del posto di lavoro ( evitate ogni segnale che mostra fretta ai logoritmi )

-NON cercare voli di mattina presto

-VOLI INTERNI A UN PAESE: acquistate i voli nel Paese dove viaggiate

-pagate in valuta locale (anche se siete a casa) e state ATTENTI ALLE COMMISSSIONI DELLA CARTA DI CREDITO

-tra poco  le agenzie di viaggio avranno a diposizione un programma: Sabre Travel Network, per evitare che un cliente su tre paghi più della media delle tariffe disponibili

PER AUMENTARE LA CLASSE DI VOLO SENZA PAGARE: vestitevi molto eleganti e chiedete con grande cortesia agli addetti al chek in se è possibile un upgrade.

Sciare – snowboard – freeride – sci alpinismo – passeggiate nella neve – terme DOVE ? – In Austria – Carinzia SKI PLUS

Qui, anche una vacanza a piedi sulla neve

Austria  /  Carinzia

SKI PLUS: MOMENTI DI FELICITÀ DENTROFUORI DALLE PISTE DA SCI DELLA CARINZIA

La Carinzia è perfetta per chi cerca una vacanza invernale attiva.

Non solo sci, snowboard, freeride o sci alpinismo, ma anche molte altre proposte che fanno la gioia di tutti.

Lo scenario non potrebbe essere migliore: paesaggi alpini incantati, panorami meravigliosi, laghi ghiacciati e un clima invernale mite e illuminato da tantissime giornate di sole. Una meta ideale per una vacanza invernale indimenticabile!

Su e giù dagli sci

Principianti o esperti, discesisti provetti o sciatori più tranquilli: chiunque scelga di sciare in Carinzia trova ciò che fa per lui. Le 30 zone sciistiche della Carinzia e del Tirolo orientale garantiscono varietà e divertimento su circa 800 chilometri di piste in alta quota, larghe e facili per le famiglie o a cunette e halfpipe. Da non dimenticare, poi, i pendii incontaminati tanto apprezzati dagli sci alpinisti, dai freerider e per chi ama l’attività in neve fresca. Diverse le facilitazioni, tra cui il Topskipass Carinzia Tirolo orientale Gold e i vari skipass e forfait regionali.

Una vacanza a piedi sulla neve

Le vacanze invernali in Carinzia sono una meraviglia anche fuori dalle piste da sci. Mentre in montagna gli sciatori si scatenano, i fondisti scoprono gli itinerari panoramici più belli e i pattinatori si godono il paesaggio invernale sul ghiaccio naturale dei laghi. Il Lago Weissensee è la pista di pattinaggio naturale più grande d’Europa.

Chi vuole caricare le batterie e liberare l’anima può godere di passeggiate invernali nel paesaggio innevato o rilassarsi comodamente su una carrozza trainata dai cavalli sulla neve. Una delle esperienze più suggestive è l’escursione al chiaro di luna con le ciaspole sul Dobratsch, che permette di ammirare la volta stellata.

Un’altra località molto adatta per gli amanti della natura e per gli spiriti più romantici è la Valle Lesachtal, un angolo di natura incontaminata fra le Dolomiti di Lienz e le Alpi Carniche, che si può scoprire attraverso itinerari meravigliosi. Chi vuole tornare bambino e volare a valle sulla slitta, deve assolutamente provare la pista naturale da slittino lunga 8,4 chilometri sul Monte Dreiländereck.

Dalle piste alle terme

Bad Kleinkirchheim ha dato i natali a grandi campioni dello sci austriaco, come l’olimpionico Franz Klammer, ma è anche molto rinomata per la sua offerta termale.

A pochi passi dalle piste si trova il centro Thermal Römerbad, davvero perfetto per riprendersi da una giornata sulla neve.

Anche le Kärnten Therme di Villach sono ricche di fascino: l’area divertimenti con fantastici scivoli o il nuoto della sirena sono molto apprezzati soprattutto dai bambini. Assolutamente da provare è la sauna con la luna piena. Chi vuole fare il bagno nei laghi carinziani anche d’inverno, lo può fare non solo in occasione del tuffo di Capodanno a Velden am Wörthersee.

Ultime, ma non per importanza, le “Kärntner Badehäuser“ (case dei bagni carinziani) di Millstatt e Pörtschach, che uniscono il wellness sui laghi a vedute mozzafiato anche d’inverno.

Coccolati anche a tavola

La gastronomia in Carinzia occupa un posto speciale.

Nella cucina carinziana dell’Alpe Adria freschi ingredienti locali, antiche tradizioni culinarie e moderne interpretazioni si fondono creando un insieme deliziosamente gustoso.

Come si addice a una cucina davvero autentica, la gamma dei piatti è determinata sia dalle diversità regionali, sia dal corso delle stagioni. Assolutamente da non perdere i tortelloni carinziani al formaggio (“Kärntner Käsnudel”), il tipico dolce “Reindling”, la trota di lago “Kärntner Laxn”, lo speck della Gailtal e la grappa di pino cembro (“Zirbenschnaps”). Fra i piatti tipici della cucina carinziana invernale ci sono il “Ritschert” (un piatto unico a base di orzo, fagioli e carne affumicata) e altre specialità a base di carni d’agnello del Glockner e di manzo della Nockalm.

Informazioni per il pubblico: www.carinzia.at

Carinzia

La regione della Carinzia è la parte più meridionale dell’Austria e confina con l’Italia attraverso la linea di frontiera condivisa con il Friuli Venezia Giulia. Un territorio esteso che offre ampie e variegate soluzioni turistiche tutto l’anno sci e snowboard, ma anche sci di fondo, ciaspole, trekking, gite su slitte trainate dai cani, pattinaggio su ghiaccio e tanto altro. Imperdibili i mercatini di Natale.

Durante l’estate gli oltre 200 laghi balneabili e con acqua potabile (con temperature fino i 28 gradi) diventano meta per gli amanti del campeggio e della vita all’aria aperta, dell’escursionismo e dinumerosisport acquatici come vela, windsurf e canoa. La Carinzia è composta da 14 destinazioni turistiche: il lago Wörthersee, Villach-Warmbad/Lago di Faak/Lago di Ossiach, Nassfeld-Hermagor-Presseger See/Weissensee/Lesachtal – Arena Naturale della Carinzia, Lago Millstätter See, Hohe Tauern – Parco Nazionale Alti Tauri; Klopeiner See – Carinzia del sud, Bad Kleinkirchheim, la Carinzia centrale, i Monti Nockberge, Lieser-Maltatal-La Valle per le famiglie, Katschberg-Rennweg, Carnica – la Valle Rosental, la Valle Lavanttal, e Klagenfurt, che è la città capoluogo della Regione con circa 90.000 abitanti. Per informazioni: www.carinzia.at

 

. Ideale per le vacanze delle famiglie grazie a una lunga tradizione di accoglienza, la

Carinzia vanta un interessante patrimonio culturale e folkloristico. Ma è nella “vacanza attiva” che la regione si contraddistingue. D’inverno