Archivi categoria: qualità/prezzo

VACANZE OPEROSE; PAGARSI LE VACANZE LAVORANDO NELLE FATTORIE.

SI CHIAMA WWOOF, WORLD WIDE OPPORTUNITIES ON ORGANIC FARMS.

www.wwoof.net

Si tratta di una rete mondiale di fattorie biologiche che accettano aiuti, concreti, al posto della solita tariffa per il soggiorno.

Si tratta di fare lavori agricoli; come aiutare a raccogliere il fieno (assai gravoso), ma anche aiutare  a preparare le marmellate ( e se sono grandi quantitativi non è solo divertimento, ma anche fatica).

Premesso questo, basta mettere bene in chiaro, prima, le ore di lavoro e il tipo di lavoro che siamo disposti ad accettare. Magari chiedendo una foto della camera dove saremo alloggiati e del suo bagno; meglio essere prudenti, come per le ragazze alla pari è sempre possibile incappare in veri sfruttatori di queste opportunità che pretendono orari e ritmi da lavori forzati.

SE vi informate bene e siete prudenti, potreste trovare una soluzione per molte vacanze attive ed economiche !

VIAGGI META INSOLITA; CITTA’ CHE SORPRENDE: ASTANA IN KAZAKHSTAN

UNA META INSOLITA; UNA CITTA’ CHE SORPRENDE: ASTANA.
VIAGGIARE PER SCOPRIRE DOVE VA IL MONDO.

UNA CITTA’ DA VISITARE; MODERNA, ANZI FUTURISTICA, RICCA E SICURA.

Un aeroporto disegnato dal giapponese Kisho Kurokawa, è la degna introduzione a questa città futuristica, dove sono presenti le grandi firme dell’architettura del mondo globalizzato.

Kazakhstan 672 astana2

Kazakhstan thumb_133984546239_tour

Kazakhstan 450 phoca_thumb_l_7664530

Kazakhstan thumb_133397032725_tour

La scenografia è indimenticabile, soprattutto per quanto riguarda le luci notturne che creano un paesaggio molto suggestivo.

Non solo Astana, ma anche tutto il Kazakhstan riserva al viaggiatore e al turista tantissime insolite sorprese.

Da qui passava l’antica Via della Seta.

Altre info in inglese: http://visitkazakhstan.kz/en/page/book/#

Nel Kazakhstan Centrale (la regione di Karaganda) si trova uno dei piu grandi laghi del mondo, il lago Balkhash e l’unica oasi forestale del Karkaralinsk.

Chi ama il contatto con la natura ancora vergine, qui può ancora trovare  l’antica foresta intatta.

Astana è una delle più fredde città al mondo con minime di – 50; ma molto piacevole da visitare in estate ed in inverno, se si regge il freddo, molto suggestiva.

Enormi somme di denaro – ricavate dalle esportazioni petrolifere – sono state spese per realizzare infrastrutture e ed edifici nella nuova capitale, che ha una posizione centrale, potenzialmente strategica, di tutta dell’Asia Centrale.

Come la vicina Mongolia, questa terra fu abitata da popolazioni nomadi, per le quali il cavallo era condizione indispensabile.

ANTICHE TRADIZIONI INTATTE

Le festività offrono ancora la possibilità di vedere un pezzo d’Asia con tutte le sue tradizioni intatte; giochi e gare con i cavalli, abiti tradizionali e molto altro.

Qui esiste ancora il rito della caccia con l’aquila: conigli selvatici, volpi, pernici, tassi ed altro.

Non a tutti gli occidentali può piacere questo spettacolo, che dobbiamo comunque rispettare come segno della tradizione.

Anche il levriero qui viene ancora utilizzato pe rla caccia ai lupi, alle antilopi ecc…, che qui ancora abbondano esperiamo per ancora molto tempo.

Il turismo dovrebbe portare anche delle leggi che tutelano la selvaggina; secondo noi è solo questione di tempo; speriamo avvenga presto.

STORIA

Il termine Astana, dal persiano Astane (persiano : آستانه), significa “soglia sublime” o “porta reale”; termine usato per una città capitale o città-santuario.

La città fu fondata nel 1824 da cosacchi siberiani, come fortezza sul fiume Išim; divenuta poi città di Akmolisin.
Nel XX secolo, la città fu un importante nodo ferroviario; il che segnò una grande espansione economica, durata sino alla guerra civile russa.

All’epoca di Stalin il Kazakistan ospitò 11 campi di lavoro (gulag); tra questi l'”ALZHIR” (campo per le mogli dei traditori della madrepatria di Akmolinskii), è nominato nel saggio “Arcipelago gulag”.

L’indipendenza kazaka, arriva nel1990.

Il nuovo nome di Astana viene ufficialmente adottato nel 1998.

Gli effetti dei violenti venti della steppa, si fanno sentire particolarmente nella nuova area di sviluppo sulla riva sinistra.

7 monumenti antichi, rispecchiano le diverse tappe della storia del Kazakhstan: il mausoleo di Karakhan (XI sec.), il mausoleo di Aisha Bibi (XI-XII sec.), il mausoleo di Alasha khan (XII sec.), il mausoleo di Dgiuci khan e ecc.

E’ sorprendente il numero dei turisti dall’estero che arrivano in Kazakhstan per visitare il Museo Nazionale “Azret-Sultan”; il mausoleo e la moschea del famoso poeta mediovale Khodja Akhmet Yassawi.

Nel Kazakhstan funzionano 372 alberghi di livelli diversi con una disponibilità per 32276 persone.

COME OTTENERE IL VISTO:
KAZAKHSTAN (KZ)

CAPITALE: ASTANA (TSE)
FESTA NAZIONALE 25 OTTOBRE
DOCUMENTI: PASSAPORTO VALIDO 6 MESI CON VISTO

A partire dal 15/07/2014 , i cittadini italiani possono prendere il visto in arrivo fino ad un massimo di 15 giorni di permanenza , per motivi di affari o turismo.

Resta l’obbligo del visto , da richiedere in consolato per motivi non citati o permanenza superiore.

VISTO PER AFFARI
:

PASSAPORTO ORIGINALE VALIDO 6 MESI CON 2 PAGINE LIBERE ATTIGUE
LETTERA DITTA ITALIANA
2 FORMULARI SCARICABILE A FONDO PAGINA
1 FOTO
TEMPO DI RILASCIO 8 GIORNI
VISTO PER TURISMO
PASSAPORTO VALIDO 6 MESI CON 2 PAGINE LIBERE ATTIGUE
CONFERMA HOTEL
LETTERA FERIE DELLA DITTA PER CUI SI LAVORA ,
2 FORMULARIO SCARICABILE NEL SITO A FONDO PAGINA
1 FOTO
TEMPO 8 GIORNI
VISTO PER VISITA PRIVATA
PASSAPORTO VALIDO ALMENO 6 MESI CON 2 PAGINE LIBERE ATTIGUE
NOME , INDIRIZZO E TELEFONO DEL CONTATTO IN KAZAKISTAN
LETTERA FERIE DELLA DITTA PER CUI SI LAVORA ,
2 FORMULARIO SCARICABILE NEL SITO A FONDO PAGINA
1 FOTO
TEMPO 8 GIORNI
ATTENZIONE : Per i bambini che viaggiano con la madre cittadina del kazakhstan devono presentare anche l’invito in originale emesso dalla polizia locale in kazakhstan anche per soggiorni inferiori a 30 giorni.
PER IL COSTO DEI VISTI SIA TURISTICI CHE PER AFFARI CONTATTATECI
LA NOSTRA AGENZIA PUO ASSISTERVI NELLA RICHIESTA DI VISTI DOPPIO INGRESSO , MULTIPLO INGRESSO 6 MESI O ANNUALE.

CONSOLATO

L’Ufficio Consolare dell’Ambasciata della Repubblica del Kazakhstan in Italia (Roma) è aperto al pubblico tutti i giorni lavorativi ad eccezione di mercoledi. Mercoledi l’Ufficio Consolare è chiuso.
Ricevimento dei cittadini per il rilascio dei visti:
Accettazione dei documenti – dalle ore 10:00 alle 11:30
Rilascio dei documenti – dalle ore 15:00 alle 16:30
Appuntamenti con il Console – dalle ore 09:00 alle 12:00
(l’ora esatta dell’appuntamento si fissa telefonicamente)
Ricevimento dei cittadini per le questioni personali:
martedi, mercoledi, giovedi dalle ore 09:00 alle 12:00
Indirizzo: Via cassia 471, 00189 – Roma, Italia
tel. 06 36 30 84 76
fax 06 36 29 26 12
sito internet: http://www.embkaz.it/
CONSOLATO ITALIANO
via cosmonavtov 62
473000 Astana Microraion chubary
tel 0073172 910307 910314 910315 fax 007 3172 910312
E-mail: ambalma@nursat.kz
INFORMAZIONI UTILI :
http://www.viaggiaresicuri.it/?kazakhstan

LUSSO . UN’ISOLA PER POCHI FORTUNATI: SYLT .

www.sylt.de

SYLT nm

Sylt dc

Sylt dc

Sylt n

CIBO 672 PESCE CROSTACEI RISTORANTI

Spiagge bianche;

-2.000 ore di sole all’anno, le più lunghe di tutta la Germania, natura incontaminata,

-dune dove in estate fa caldo come sul mediterraneo,

-ristoranti a tre stelle, ma anche bistrot sulla spiaggia e

-club di golf esclusivi.

Sylt sta ai tedeschi come la Toscana sta agli Italiani, Saint-Tropetz ai francesi, Martha’s Vineyard agli americani e le zone più sconosciute delle Baleari agli spagnoli.

L’isola fu scoperta dai facoltosi mercanti di Amburgo a metà Ottocento e nel Novecento fu meta del meglio della cultura tedesca.

La maggior parte dell’isola è parco naturale e le autorità locali sorvegliano molto scrupolosamente l’edilizia e l’urbanistica.

-Sylt: ricchissima  di sentieri per le passeggiate e di piste ciclabili.

-Syl: rinomata anche per la talassoterapia.

-Sylt: l’isola scelta da Roman Polansky per  ambientare “The Ghostwriter” e da Thomas Mann per ambientarvi il suo più famoso romanzo.

Dall’ aereo, in una soleggiata giornata estiva, l’isola ha i medesimi colori delle isole tropicali, ma con acque ben più fredde.

Qui si sono tenuti i campionati mondiali di wind-surf e i viaggiatori (tanti) o turisti (meno), prendono il sole e trascorrono il tempo in spiaggia avvolti dalla protezione dei mitici sofà di vimini con la tettoia in  tela a strisce bianche e blu.

Qui si viene anche per mangiare dell’ottimo pesce, ostriche e aragoste, ma anche fantastiche aringhe ben cucinate o affumicate.

Ovunque troverete conigli selvatici che corrono lungo le distese di erica.

Nella parte più a nord dell’isola; la più esclusiva, le ville antiche hanno ancora i tetti di paglia; un  vero lusso e tanto romanticissimo.

Solo la capitale Westerland ha l’aspetto della tipica città frequentata da turisti; il resto dell’isola è frequentata più da viaggiatori che da turisti.

Chi vuole raggiungere Sylt in macchina deve caricare la macchina sul treno (sulla terraferma, a Niebüll) che, attraverso la diga, arriva  fino al centro dell’isola; a Westerland.

VIAGGIO:

-in aereo con Air Berlin volo diretto, minimo  250 euro a/r; oppure con scalo ad Amburgo con Easy Jet , Ryan Air…(da 45 euro)

-da Amburgo in treno o traghetto.

DORMIRE:

-THE A-ROSA www.resort.a-rosa.de da 250 euro, sulla spiaggia, spa con talassoterapia; un ristorante  due stelle Michelin per gustare frutti di mare e crostacei. Il secondo ristorante, giapponese,  vanta una stella.

MANGIARE:

-BUHNE 16, pesce pescato al mattino, tavoli sulla spiaggia.

-GOSCH, si ordina al banco e si paga secondo il peso: scampi, aragoste, sogliole, tonno, aringhe ecc..

-SANSIBAR, 45 mila etichette da tutto il mondo in cantina, sulla spiaggia, tutto freschissimo.

SYLT INFORMAZIONI: 

-nord-sud: 38 km

-est-ovest: 12,5 km max larghezza

-abitanti: 21.200

-turisti:   780.000 c.a.

-pecore:  3.000

-capoluogo: Westerland (9.000 abitanti)

-lunghezza della diga che collega l’isola alla terraferma: 11 km

-la duna più alta: 53 m

-da Sylt ad Amburgo: 235 km

Viaggio low cost sulle isole greche più economiche

Viaggio low cost sulle isole greche più economiche; da memorizzare anche per il prossimo anno.

Lati negativi: è tardi per spuntare i prezzi più bassi e in luglio e agosto le temperature posso essere molto alte.

Mangiare molto bene e spendere poco, sulle isole di:

-Kos, Lipsi, Patmos e Nissiri.

In alternativa suggeriamo PATMOS, NAXOS; detta anche Hawaii della Grecia o FOLEGANDROS l’isola greca più incontaminata (vedi più sotto i particolari della scelta).

PER KOS E ISOLE VICINE
I voli disponibili per quest’anno: si parte da Milano con un volo di circa 4 / 5 ore, con uno scalo.

Se preferite i voli diretti Easyjet, dovrete prenotare con mesi di anticipo per avere buone tariffe; i voli terminano il 2 settembre.

Le isole Kos, Lipsi, Patmos e Nissiri, sono facilmente raggiungibili via nave partendo da Kos.

Vi ricordiamo che Kos si trova vicino alla costa turca; da chi vi soggiorna non ci viene segnalato nessun problema in relazione a problemi con  migranti.

KOS
Terza isola più grande nel Dodecaneso (dopo Rodi e Karpathos).

A Kos l’atmosfera della vera isola greca è ancora intatta.

Nell’antichità vi operò Ippocrate, padre della Medicina.

Numerosi sono i siti archeologici: dal Tempio di Asclepio alle fortezze medievali.

Le spiagge sono deserte, il mare incontaminato e il cibo indimenticabile e a basso costo.

::::::::::::::::::::::::::

PATMOS

34 km quadrati, coste molto frastagliate con piccole spiaggette, a volte raggiungibili solo a piedi o in barca.

Numerosi monasteri e chiesette.

L’isola è molto mondana e turistica, frequentata da molti giovani soprattutto nei mesi estivi.

Chora, fatta di pittoresche case bianche tradizionali, è un Patrimonio Mondiale dell’Unesco e uno dei pochi insediamenti medievali in Grecia.

Per raggiungere Patmos bisogna arrivare ad Atene o a Kos e da qui prendere un traghetto.

:::::::::::::::::::::::::::

Naxos

lontano dal turismo di massa

solitudine, tanto sport, buona cucina e archeologia ….

Una miriade di taverne e ristoranti; per chi ama la cucina greca.

L’isola più grande dell’arcipelago delle Cicladi

Le sue caratteristiche sono il verde e le spiagge incontaminate molto grandi.

100 chilometri di spiagge bianche e un mare trasparentissimo.

Qui c’è uno sport per tutti: windsurf, kitesurf, diving, snorkeling, trekking, passeggiate a cavallo ed altro.

La leggenda ci dice che Dioniso si fosse innamorato di Arianna, abbandonata sull’isola da Teseo.

Diversi i siti da visitare: il portale di Apollo, simbolo dell’isola, il tempio di Dioniso, il tempio di Demetra, 500 chiese, moltissime torri antiche ecc…

::::::::::::::::::::::::::::::::::

Folegandros

La Grecia più autentica.

Intatta, splendida e ancora poco frequentata, ma non in altissima stagione.
Paesaggio meraviglioso e cordialità della gente.

Cucina come una volta …. !!!

Non c’è aeroporto, il più vicino è a Santorini (oppure da Atene e poi un traghetto.

 

Tariffe speciali per l’ Asia – Finnair le vacanze non finiscono mai

I voli in partenza da Helsinki, percorrono la rotta polare, garantendo così un tempo di volo ridotto

Con Finnair le vacanze non finiscono mai

 – Fino al 1° agosto sono in vendita i biglietti Finnair con tariffe davvero sorprendenti per volare verso l’Asia e la Finlandia sia in Economy Class sia in Business Class.
Per prolungare le vacanze estive o per programmare già quelle invernali, Finnair offre un ventaglio completo di tariffe speciali per viaggiare in molte delle destinazioni del network della compagnia.

La strategia di crescita di Finnair ha portato all’espansione del proprio network a lungo raggio. A partire dall’inverno 2017, infatti, sarà possibile volare verso:

— Puerto Vallarta in Messico, L’Avana a Cuba, Goa in India e Puerto Plata nella Repubblica Dominicana.

Finnair aumenterà anche la capacità di posti sui i voli verso la Thailandia durante l’inverno 2017. Due frequenze settimanali supplementari saranno aggiunte alla tratta Helsinki Bangkok, portando il numero totale di voli a 16 alla settimana. Anche gli orari dei voli per Krabi e Phuket sono stati rettificati per abilitare connessioni più efficienti.
Con l’inizio della stagione invernale 2017, verranno aggiunte: due nuove frequenze sulla tratta per Singapore rendendola così meta quotidiana per tutto l’anno e tre frequenze settimanali aggiuntive per Hong Kong portando così a 10 i collegamenti settimanali.

Per volare verso Cina, Corea, Thailandia, India e Singapore, Finnair propone tariffe scontate già acquistabili e valide fino al 1° agosto. Le tariffe sono fruibili per voli dal 1° settembre fino al 31 marzo 2018.

Come sempre, i voli in partenza da Helsinki, percorrono la rotta polare, garantendo così un tempo di volo ridotto e collegamenti agevoli per i passeggeri di tutta Europa.

BUSINESS CLASS ASIA
Voli di Business Class per l’Asia (via Helsinki da Milano e Roma) validi per viaggi fino a marzo 2018* su alcune destinazioni:
Delhi, a partire da 1.299 € a/r**
Chongqing, a partire da 1.399 € a/r**
Canton, Xi’an e Bangkok a partire da 1.499 € a/r**
Singapore a partire da 1.599 a/r**
Pechino, Shanghai a partire da 1.699 € a/r**
Hong Kong e Seoul a partire da 1.799 € a/r** (Black out Seoul 20.12.2017 – 7.1.2018)

ECONOMY CLASS DESTINAZIONI ASIA – (Black out 20.12.2017 – 7.1.2018)
Voli per l’Asia (via Helsinki da Milano e Roma): validi per viaggi fino a marzo 2018* su alcune destinazioni:

Pechino a partire da 415 € a/r**
Delhi a partire da 419 € a/r**
Shanghai a partire da 429 € a/r**
Chongqing, Xi’an e Canton a partire da 449 € a/r**
Bangkok a partire da 455 € a/r**
Singapore e Seoul a partire da 459 € a/r**
Hong Kong a partire da 469 € a/r**

E per tutti gli amanti della Finlandia che quest’anno festeggia il suo centenario dell’indipendenza, Finnair permette di raggiungere Helsinki con l’offerta speciale per partenze da Milano, Roma e Venezia. La Finlandia è stata eletta Best in Travel 2017 da Lonely Planet.
ECONOMY CLASS DESTINAZIONE HELSINKI

Voli da Milano e Roma a Helsinki dal 14 luglio fino al 30 novembre 2017 a partire da 199 € a/r**
Voli da Venezia a Helsinki dal 14 luglio fino al 12 agosto 2017 a partire da 199 € a/r**

*Per maggiori dettagli sulle condizioni, le destinazioni e sui periodi di viaggio visitare il sito www.finnair.it.
**Tariffe tasse incluse, soggette a restrizioni e disponibilità, posti limitati. La compagnia si riserva di modificare i termini dell’offerta senza preavviso.

Finnair
Finnair vola attraverso Asia, Europa e Nord America con rapidi collegamenti via Helsinki, trasportando oltre nove milioni di passeggeri all’anno e connettendo 17 città asiatiche e 4 del Nord America con più di 60 destinazioni in Europa. Pioniere del volo ecosostenibile, Finnair sarà il primo vettore europeo a operare con gli ecologici Airbus A350 XWB di ultima generazione e ha i punteggi più alti a livello mondiale nel Carbon Disclosure Project. Compagnia aerea nordica con i più alti punteggi Skytrax (4 stelle), Finnair ha anche vinto il World Airline Award come Miglior Compagnia del Nord Europa negli ultimi otto anni consecutivi. Finnair è membro oneworld, l’alleanza delle compagnie leader a livello mondiale nel garantire ai viaggiatori internazionali i più elevati standard di servizio e di comfort.

LOW COST NICARAGUA: UN VIAGGIO FANTASTICO.

10NICARAGUA 300 IMG_0028

Surf sul vulcano.

Se volgiamo fare un viaggio immersi nella natura ci è facile pensare al Costa Rica.

Ma è bene sapere che il Nicaragua offre spettacoli naturalistici molto più incontaminati e spettacolari del Costa Rica; dove ormai il turismo ha inquinato molte delle baie più belle e i prezzi sono saliti.

CR 13 potrero IMAG1030

CR FIORI 87 IMG_4929

NICARAGUA 672 IMG_0026

NICARAGUA IMG_0027

NICARAGUA

NICARAGUA IMG_0016

Il Nicaragua è:

-un paese dove ancora si può fare del turismo veramente low-cost

-una popolazione allegra e sempre pronta a fare festa

-natura allo stato puro; mare, foreste, laghi e spettacolari vulcani

-folclore ancora vivissimo

-architettura coloniale

-mercati di artigianato locale, deliziose spremute di frutta tropicale, spezie e cacao e caffè

-cucina che si avvicina a quella messicana; ricca di sapori

-possibilità di praticare sport tranquilli come il trekking e la canoa, ma anche sport estremi e pesca

-il Paese è diventato un Paese sicuro; bastano le normali precauzioni che ogni saggio viaggiatore deve seguire:

-viaggiare sempre con le fotocopie di tutti i documenti,

-soldi in un posto sicuro

-meglio avere due borsellini, ma questo è un consiglio valido per tutti i veri viaggiatori, ovunque nel mondo).

CR 13 FIORE IMAG1108

CR 13 FRUTTA IMAG1092

NICARAGUA IMG_0005

NICARAGUA IMG_0017

NICARAGUA IMG_0018

NICARAGUA IMG_0025

ARTE:

-precolombiana, barocco-gotico; la Fondazione Ortiz Guardian, a León,  rappresenta uno dei musei privati più belli del Centroamerica www.fundacionortizguardian.org

NATURA:

-quando visitate  León non perdete la laguna di Asososca con il vulcano Chorotega (posto dove abbonda l’acqua)

-da non perdere anche la Riserva Naturale dell’isola “Juan Venado” a 22 km, a nord-est di  León

-lo spettacolo più grandioso vi attende sull’immenso lago Nicaragua e la sua isola Zapatera (pappagalli, scimmie, giaguari, tucani, tartarughe, martin pescatore, falchi, numerose specie di pesci ecc…) circondata da numerose altre isole in uno scenario dominato da due vulcani.

NICARAGUA IMG_0004

FOLCLORE:

-Il 7 dicembre  si festeggia “LA PURISSIMA” in tutte le regioni del Pacifico: tutta la popolazione è coinvolta in un caleidoscopio di colori

– a  León, nel quartiere di Sutiaba, si festeggia il venerdì Santo con i “tappeti della passione” fatti di segatura dai forti colori

NICARAGUA IMG_0021

Tappeti della Passione.

SPORT E MARE:

– a Chinandega incontrerete una popolazione allegra e festaiola che incarna l’essenza dello spirito del NIcaragua, mentre il suo porto Corinto offre spiagge circondate da palme da cocco, possibilità di fare surf e il caldo è mitigato da una costante brezza.

-a Chinandega non perdete la chiesa di Santa Ana con il suo spettacolare altare in legno (Rococò 1776, allora tutto ricoperto in oro), oggi più modestamente colorato di indaco; in memoria dalle grandi piantagioni dell’epoca spagnola.

NICARAGUA IMG_0024

-Chorotega-Nicarao Museum (Betania): la più grande collezione nicaraguense di arte pre-colombiana (sabato e domenica aperto solo su appuntamento).

PESCARE O SOLO MANGIARE CUCINA A BASE DI PESCE?

-Il Río San Juan (al confine nord-est con il Costa Rica)è un paradiso naturalistico, anche per i pescatori.

-Qui si trovano specie di acqua dolce e salta; da qui passarono colonizzatori, pirati e grandi tesori. Oggi rimane uno spettacolo naturale incomparabile tra il delta e il gran lago Cocibolca.

-Presso il rifugio naturalistico ricco di fiumi e lagune “Los Guatuzos” (Municipio San Carlo) si può fare birdwatching, incontrare allevamenti e coltivazioni di tartarughe, orchidee e pernottare presso la comunità dei Papaturo.

-I fortunati vedranno squali toro e pesce sega, ma non si possono pescare in quanto specie protette.

Per quanto riguarda i costi, dipende dal livello di alberghi che volete prenotare, dalle distanza che volete coprire, dal fatto che potete utilizzare un comodo viaggio organizzato o divertirvi ad organizzarvelo da soli; comunque spenderete molto meno che in moltissimi altri paesi.

A León potete dormire in una pousada di buon livello spendendo 40 euro a notte in doppia.

-PURA ADENALINA: Sul vulcano Cerro Negro si fa surf

CON QUESTI APPUNTI ABBIAMO SOLO VOLUTO SUGGERIRVI ALCUNI MOTIVI PER VISITARE IL NICARAGUA.

NON VOLGIAMO ESSERE E NON SIAMO GUIDE TURISTICHE CHE, PERALTRO, SONO SCRITTE DA SPECIALISTI.

Dove andranno in vacanza gli italiani ? – Dove vado in vacanza ? Grecia Karpathos – Malta St. Paul’s Bay

Foto: Karpatos

San Vito lo Capo

Malta St.-Julian; spiagge  e palme come a Miami …

Isole del Mediterraneo sold out, ecco dove andranno in vacanza gli italiani
Le vacanze estive secondo i dati TravelFool saranno all’insegna di spiagge da sogno su isole non troppo lontane, alla ricerca di relax, ma anche vita notturna.

— meravigliosa San Vito Lo Capo che ha raggiunto quasi 20.000 persone sui social, rapisce per la sua spiaggia incantevole

— Una meta molto amata e ricercata dagli utenti di ogni età è quella di Karpathos, la famosa “isola dei delfini” adatta al relax, ma perfetta per surf, windsurf …

Malta, in particolare la città cosmopolita di St. Julian con un mare cristallino, un centro animato da bar, pub, ristoranti che di notte …  le spiagge più tranquille di St. Paul’s Bay e Bugibba con la loro atmosfera che ricorda vagamente Miami con litorali di sabbia bianca, le palme e la beach life più esclusiva


Mediterraneo sold out per l’’estate 2017. Secondo i dati rilevati da HYPERLINK “http://www.travelfool.it/”
TravelFool.it portale del Network HYPERLINK “http://www.valica.it”Valicaleader per le offerte i viaggi e vacanze, sulla base delle preferenze dei propri utenti, in molti orientano le proprie preferenze verso isole non troppo lontane, alla ricerca di spiagge bianche e panorami mozzafiato, immersi in acque cristalline, ma che offrano anche un ventaglio di proposte interessanti per la vita notturna.

Prime in classifica, super richieste e gettonate tra gli utenti sono le Isole Canarie, con oltre 50.000 persone raggiunte, centinaia di reactions e condivisioni, in particolare la bellissima meta di Lanzarote con i suoi colori accesi, la sua natura incontaminata data dalla vegetazione sub tropicale in contrasto con le rocce laviche che sprofondano nelle sue meravigliose spiagge dove si infrangono le onde dell’oceano. Altre proposte sono le isole di Maiorca e Minorca con il loro mare da sogno e coste bianchissime, lontani dal tran tran giornaliero e all’insegna del riposo e del relax, luoghi privilegiati per chi non vuole immergersi totalmente nella movida, in particolare, dagli over 35.

Si contendono lo scettro altre mete che non rinunciano alla bellezza di paesaggi incontaminati, ma sono più movimentate, tra feste in spiaggia, scelte principalmente dagli under 30, o dai “forever young” che non vogliono smettere di scegliere la formula vacanza-vita notturna. Tra questi, Formentera è il luogo ideale per conciliare luoghi di grande splendore, movida e la grande libertà dello spirito ancora hippy di quest’isola che conquista sempre il cuore di ogni turista. Un altro “tempio del divertimento” e immancabile in questa classifica è Ibiza, la famosa “Isola Bianca” con le sue coste rocciose, sabbiose, quasi incontaminate dove potersi dedicare allo snorkeling, alle immersioni al kayak, o semplicemente godersi, la bellezza di questi paradisi naturali. La notte a Ibiza è viva, piena di party esclusivi da non perdere che terminano solo alle prime luci dell’alba, che la rendono la meta preferita dai partygoers di tutto il mondo.

Spostandosi un po’, ma restando sempre nell’area mediterranea, un’altra destinazione che è stata apprezzata a furor di social è la Grecia, evergreen per ogni estate con il suo connubio vincente di paesaggi incantevoli e atmosfere incredibili.

— Una meta molto amata e ricercata dagli utenti di ogni età è quella di Karpathos, la famosa “isola dei delfini” adatta al relax, ma perfetta per surf, windsurf, grazie alla sua posizione strategica. 20.000 utenti hanno scelto questa meravigliosa isola per la sua natura incontaminata, le sue calette e il mare cristallino, per una vacanza a stretto contatto con la natura.

Un’’altra protagonista della stagione estiva è Creta,seconda classificata per la Grecia, è una delle isole più grandi, prediletta dagli amanti della storia e della cultura per i suoi imponenti siti archeologici, ma anche per i suoi paesaggi brulli, quasi incontaminati.

Un’’isola che si trova a due passi dall’I’talia e che mette d’accordo i gusti di adulti e giovani è proprio Corfù, traluoghi meravigliosi considerati Patrimonio dell’’Umanità UNESCO e una vita notturna vivace e cosmopolita che la rende una delle mete più affollate, soprattutto durante il periodo estivo. Concludiamo questa rassegna delle migliori isole elleniche preferite dagli utenti con Rodi, con le sue spiagge accoglienti e incantevoli in cui potersi dedicare al windsurf, kitesurf o allo snorkeling petr le sue acque trasparenti.

Molto amata è anche Malta, che ogni anno registra un gran numero di presenze, ormai un’istituzione per le vacanze all’insegna del mare e del divertimento.

Con 18.000 utenti raggiunti, centinaia di reactions e condivisioni, l’isola di Malta, in particolare la città cosmopolita di St. Julian con un mare cristallino, un centro animato da bar, pub, ristoranti che di notte diventa una grande festa che continua non stop fino all’alba, per questo molto frequentata e amata dagli under 20 e dagli over 30 che vogliono vivere una vacanza senza troppe complicazioni e senza limiti. I cultori di un soggiorno più tranquillo, apprezzeranno, invece, le spiagge più tranquille di St. Paul’s Bay e Bugibba con la loro atmosfera che ricorda vagamente Miami con litorali di sabbia bianca, le palme e la beach life più esclusiva.

Un’’altra città molto amata è quella di Sliema, la meta per eccellenza dello shopping, tra negozi di lusso, centri commerciali, ma anche hotel stellati e una vita notturna davvero interessante con tantissime discoteche per tutti i gusti. Non solo divertimento sfrenato e shopping, ma anche parchi, spiagge da sogno per rilassarsi, insomma un’ offerta completa che trova il consenso degli utenti di TravelFool dagli under 20 agli over 50.

A queste perle del Mediterraneo, si aggiunge un’isola davvero eccezionale, vanto italiano che, sicuramente, non ha nulla da invidiare paesaggisticamente, sempre amata dai turisti di ogni parte del mondo: la Sicilia. La destinazione più richiesta, seguita e amata dagli utenti è la meravigliosa San Vito Lo Capo che ha raggiunto quasi 20.000 persone sui social, rapisce per la sua spiaggia incantevole, circondata dalla vegetazione, circondata da acque limpide che mostrano tutte le sfumature del blu.

È una meta ideale per una vacanza total relax o per un soggiorno con bambini per la sua posizione geografica che ripara le sue acque da forti correnti. I mille colori del mare limpido, la morfologia dei suoi fondali, invece, la rende il paradiso per gli appassionati di snorkeling e delle immersioni.

 

Vacanze – Sole – mare – cultura – storia – benessere – piaceri della tavola – grandi città

PORTOGALLO DEL NORD

Sole e mare, cultura e storia, benessere e piaceri della tavola, grandi città e scorci suggestivi.

Poche altre nazioni offrono un mix tanto attraente come il Portogallo, meta densa di sorprese da scoprire – se possibile – on the road, certi di trovare ovunque angoli carichi di fascino.

Per chi è stanco delle “solite” sistemazioni in albergo, ma ha voglia di qualcosa di comunque comodo ma più charmant, la soluzione ideale è data dalle pousadas.

Antichi palazzi, edifici di interesse storico, conventi e castelli convertiti in hotel di charme, luoghi speciali in cui vivere momenti indimenticabili.

Le Vie del Nord suggerisce di iniziare da Vila Viçosa, ubicata nel Convento das Chagas ad Alentejo, caratterizzata dal senso di pace e di calma tipico dei luoghi di culto.

Altra struttura incantevole è la Pousada Marvão, che sorge nell’omonima cittadina, situata all’interno di 2 piccole case tradizionali imbiancate, con vista mozzafiato sulle montagne circostanti, ma non da meno è la Pousada de Belmonte, sulle pendici del monte Serra da Esperança, nel monastero medievale di Nossa Senhora da Esperança, con le camere affacciate sulla Riserva Naturale della Serra de Estrèla.

Le ultime due tappe, vi permetteranno di soggiornare dapprima nella Pousada de Condeixa, ospitata in una pittoresca struttura recentemente rinnovata, con piscina all’aperto e arredi in stile classico e infine la Pousada Castelo de Ourém, situata in edifici medievali con una vista mozzafiato sulla valle del fiume Seiça.

CHECK IN: Portogallo in pousadas – fly&drive (8 giorni/7 notti)
Periodo: partenze quotidiane, tutto l’anno
Itinerario: Italia, Lisbona, Évora, Estremoz, Vila Viçosa, Elvas, Portalegre, Marvão, Idanha, Belmonte o Manteigas (secondo disponibilità), Covilhã, Condeixa, Coimbra, Ourém, Nazare, Obidos, Lisbona, Italia.
Quota: a partire da € 1.230 a persona in doppia (voli di linea e auto a noleggio inclusi, trattamento B&B)

Non dimentichiamo che il Portogallo è un territorio che vanta una vasta gamma di vini rinomati. Iniziamo dalla regione di Setúbal, a sud del fiume Tejo, dove si produce il famoso Moscatel di Setúbal, uno dei più noti del Portogallo, da degustare visitando la cantina JMP di Azeitão: il consiglio è quello di proseguire, poi, verso il nord del Paese per visitare la valle del Douro, considerata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO e conosciuta soprattutto per il Porto.

Dirigendovi verso Régua non potrete perdere l’occasione di visitare una delle aziende vitivinicole della regione, come la Quinta da Pacheca e, infine, il magnifico centro storico di Óbidos, circondato da mura merlate, un labirinto di strade lastricate e di case imbiancate a calce, adornate di fiori e ravvivate da macchie di colori nei toni del giallo e del blu … ma prima di lasciare questo posto incantevole, assaggiate il tipico ginjinha, un liquore a base di amarena!

CHECK IN: Lungo la strada dei vini – fly&drive (8 giorni/7 notti)
Periodo: partenze quotidiane, tutto l’anno
Itinerario: Italia, Lisbona, Setubal, Azeitao, Lisbona, Santarem, Tomar, Coimbra, Mealhada, Porto, Regua, Pinhao, Porto, Batalha, Nazare, Obidos, Sintra, Cascais, Lisbona, Italia.
Quota: a partire da € 955 a persona in doppia (voli di linea e auto a noleggio inclusi, trattamento B&B)

Se invece state pensando ad una vacanza ricca di incanto, Le Vie del Nord ha pensato ad un tour a Lisbona e Madeira, fra preziosa architettura, vedute spettacolari e fenomenali paesaggi.

Lisbona è una città da scoprire con calma. Seguendo il corso del fiume Tago, la capitale si sviluppa su sette colli, come Roma: un susseguirsi di scalinate, discese vertiginose, ripidi vicoli e punti panoramici che lasciano senza fiato.

Ogni quartiere ha una sua anima, una sua storia: la Baixa, uno dei pochi in piano, è il cuore del centro storico, in cui si concentrano le attività diurne. A est i vecchi rioni popolari del Castelo, Alfama e Graçaconservano ancora intatto tutto il carattere moresco della città, a ovest Chiado, Carmo, Bairro Alto e Mangragoa animano le notti con i loro ristoranti e bar. Salendo verso nord, lungo la costa, si trova invece Belém, l’antico borgo di pescatori, ricco di monumenti storici e artistici di assoluta bellezza.

Lasciata Lisbona, si raggiunge Funchal, capitale dell’isola di Madeira con 500 anni di storia.

Oltre a visitare le molte chiese storiche e ammirare i loro magnifici dipinti e la bellissima architettura, non potete farvi mancare il mercato, i musei, i giardini e le enoteche.

L’operatore però suggerisce anche di visitare l’isola nota come “il giardino galleggiante” o “Perla dell’Atlantico” perché le coste e l’entroterra offrono una diversità di panorami unica per le dimensioni stesse dell’isola: un arcipelago tropicale vulcanico nella sua natura, ripide scogliere, mare e cieli azzurri, imponenti vallate, verdi montagne e la più sensazionale flora.

CHECK IN: Lisbona e Madeira (8 giorni/7 notti)
Periodo: partenze quotidiane, tutto l’anno
Itinerario: Italia, Lisbona, Funchal, Italia.
Quota: a partire da € 1.065 a persona in doppia (voli di linea inclusi, sistemazione in hotel CLASSIC cat. 4 stelle, trattamento B&B)

Informazioni e prenotazioni:

LE VIE DEL NORD S.r.l. tel. +39 0141 904927

W: www.leviedelnord.com – @: info@leviedelnord.com; gruppi@leviedelnord.com; booking@leviedelnord.com 

Weekend sorprendente – culturale – gastronomico ? A Francoforte

Una città da scoprire

FRANCOFORTE

UNA CITTA’ TUTTA DA VISITARE A PIEDI

con un’ interessante CITY BEACH all’ultimo piano di un grattacielo (entrata libera la domenica, 4 euro gli altri giorni); sabbia, piscine e panorama !!!

Più sotto tutto sulla gastronomia a Francoforte

FRANCOFORTE è piena di sorprese:

-panorami spettacolari e piscine di giorno e di notte dall’alto dei grattacieli,

-30 musei raggiugibili a piedi

-un centro che si visita bene in poco tempo,

-il fiume che aumenta la scenografia e permette anche brevi escursioni sull’acqua con spelndide prosepttive per le vostre foto.

Riva dei Musei (“Museumsufer”), una serie di 26 musei sul lungofiume o nelle dirette vicinanze del Meno, che Francoforte gode fama di importante città culturale.

I musei del Museumsufer di Francoforte si susseguono uno accanto all’altro.

Tredici si trovano direttamente lungo la riva del Meno, altri tredici nelle immediate vicinanze del fiume.

Grazie alle verdi rive del Meno e ai numerosi parchi e giardini dei musei, il Museumsufer di Francoforte offre un’eccezionale combinazione di arte e cultura, svago e relax.  Molti altri musei sono distribuiti in tutta la città.

Classica è la visita della casa natale del più famoso figlio di Francoforte: Johann Wolfgang von Goethe che nacque nella città sul Meno nel 1749. La Casa di Goethe fornisce un’immagine fedele di come si viveva ai tempi del famoso poeta.

Nella Paulskirche (Chiesa di San Paolo) si vive invece da vicino la storia tedesca più recente: nel 1848 fu infatti luogo delle sedute del primo parlamento tedesco. A pochi passi, nel Kaiserdom, furono prese già nel Medioevo importanti decisioni per la Germania: la cattedrale fu sede dell’elezione dei re e delle cerimonie di incoronazione degli imperatori del Sacro Romano Impero.

Sempre nelle vicinanze si trova il simbolo storico della città, la facciata del Römer con i suoi tre frontoni. La casa patrizia divenne municipio della città di Francoforte già nel 1405 e ospita ancora oggi la sede del sindaco. Nel municipio stesso, nelle cosiddette Römerhallen e sul Römerberg, la piazza antistante il municipio, si svolgevano fiere già ai tempi del Medioevo. Oggi il Römerberg rappresenta il cuore del centro storico e polo di attrazione per i turisti, dove si svolgono spesso svariati eventi, sia manifestazioni sportive come l’IRONMAN European Championship che feste open-air come il Mainfest.

SHOPPING:

Francoforte ha un fascino particolare, anche come metropoli dello shopping. Dalle marche di lusso nella Goethe-Straße alle griffe più in voga nel prestigioso centro commerciale MyZeil o ai tipici mercati rionali settimanali: a Francoforte si può trovare tutto ciò che si desidera. Anche piccole boutique di giovani stilisti, il mercatino delle pulci e i negozi di specialità culinarie nella Freßgass’ non aspettano altro che essere scoperti.

Che sia per un’occasione speciale, al termine di una giornata di shopping o nel corso di una semplice serata tipica a Francoforte si beve Apfelwein, il sidro che da oltre 250 anni è considerato la bevanda tipica di Francoforte. Il vino di mele esalta la convivialità e lo si può gustare soprattutto in uno dei tanti locali tradizionali nel quartiere di Sachsenhausen.

:::::::::::

PER SAPERNE DI PIU’:

MUSEI:

Ogni anno d’estate, per tre giornate consecutive, i musei di Francoforte e il lungofiume sono al centro di uno dei principali festival culturali europei, il Museumsuferfest. L’ultimo fine settimana di agosto i musei sono aperti fino a tarda notte con un variegato programma, mentre sulle rive del Meno e nei giardini dei musei si ascolta musica dal vivo gustando specialità gastronomiche internazionali.

TUTTO SULLA CULTURA E SUI  MUSEI DI FRANCOFORTE: 

Francoforte è in grado di soddisfare i gusti più esigenti degli appassionati di ogni genere artistico, dalle arti figurative a quelle rappresentative.

Uno dei più significativi musei è quello di Storia naturale (Naturmuseum Senckenberg) vicino all’università in zona Bockenheim. Si annovera tra i più grandi musei di scienze naturali in tutta la Germania. La sua collezione di scheletri di dinosauri e balene di epoca preistorica è una delle più importanti in Europa.

Il visitatore può approfondire le sue conoscenze di popoli e culture nel Museo delle Culture del Mondo (Museum der Weltkulturen / Galerie 37), che si estende su tre antiche ville. Il museo presenta grandi esposizioni a tema che illustrano la diversità di popoli del mondo, delle loro religioni e culture e trattano problemi e tematiche attuali. Il museo ospita la più grande raccolta europea di arte contemporanea del Terzo Mondo che conta oltre 70.000 oggetti esposti. La Galleria 37 presenta opere di artisti poco conosciuti provenienti da India, Africa, Oceania e Indonesia.

Il Museo Städel, fu fondato nel 1878 come Istituto d’arte e Galleria civica (Städelsches Kunstinstitut e Städtische Galerie). La galleria presenta dipinti di artisti europei del periodo tra il XIII ed il XX secolo, tra cui pittori famosi come Dürer, Rembrandt, Botticelli, Beckmann o Picasso. Esposizioni speciali di spicco e il ristorante del museo Holbein’s vanno a completare l’interessante offerta. Dall’inizio del 2012 un edificio annesso, costruito negli ultimi anni, offre un ampio spazio espositivo per la collezione di opere successive al 1945.

Procedendo più avanti si arriva al Museo Städel, fondato nel 1878 come Istituto d’arte e Galleria civica (Städelsches Kunstinstitut e Städtische Galerie). La galleria presenta dipinti di artisti europei del periodo tra il XIII ed il XX secolo, tra cui pittori famosi come Dürer, Rembrandt, Botticelli, Beckmann o Picasso. Esposizioni speciali di spicco e il ristorante del museo Holbein’s vanno a completare l’interessante offerta. Dall’inizio del 2012 un edificio annesso, costruito negli ultimi anni, offre un ampio spazio espositivo per la collezione di opere successive al 1945.

Il Museo delle Icone (Ikonen-Museum, Deutschordenshaus – Brückenstraße 3-7) conclude la serie di musei sulla riva meridionale del Meno. Il contrasto tra gli interni progettati dall’architetto Oswald Mathias Ungers e la facciata barocca dell’edificio crea un’interessante ambientazione per le opere esposte. La collezione di icone e immagini sacre di origine russa, bulgara, jugoslava e greca è il risultato, come in molti altri musei della città, di una donazione privata e conta ormai oltre 1.000 pezzi esposti.

:::::::::::::

SULLE TRACCE DI GOETHE

Venni al mondo il 28 agosto del 1749, in quel di Francoforte sul Meno, a mezzogiorno, giusto mentre la campana batteva il dodicesimo rintocco. La costellazione era favorevole ….”.

Così Johann Wolfgang von Goethe descrive il giorno della sua nascita nell’opera autobiografica “Poesia e verità”.

Anche se Goethe avrebbe poi avuto un rapporto conflittuale con la sua città natale, è dove trascorse gli anni dell’infanzia e adolescenza.

È qui che girava per le strade del centro, dove visse da vicino i preparativi e le emozioni delle elezioni e incoronazioni di re e imperatori, di cui scrisse poi nelle sue opere. E fu sempre a Francoforte dove il giovane Goethe rimase profondamente colpito dal destino di Susanna Margaretha Brandt, che venne processata in quel periodo. È infatti proprio la giovane infanticida che anni dopo diventa la protagonista (Gretchen, in italiano Margherita) della sua opera più famosa, il dramma poetico Faust. Sono quindi numerosi i momenti vissuti a Francoforte che lo hanno ispirato per i suoi scritti. Un po’ di atmosfera di quei tempi la si può respirare ancora oggi, passeggiando per Francoforte.
Casa di Goethe

Meta d’obbligo a Francoforte per gli appassionati di Goethe è la casa natale del poeta e scrittore, all’indirizzo Großer Hirschgraben 23-25. Fu lo stesso Johann Wolfgang, all’età di circa cinque anni, a porre la prima pietra, quando suo padre fece ristrutturare le case ereditate, tipico esempio di una residenza borghese. La Casa di Goethe fornisce una viva immagine della vita tipica ai tempi del poeta. Sembra quasi di vedere la madre di Goethe cucinare ancora davanti ai fornelli al piano terra. Le stanze di rappresentanza sono situate al primo piano e venivano chiamate “Peking” (Pechino) per via della carta da parati con fantasie cinesi. Dal 1759 al 1761, durante l’occupazione di Francoforte da parte delle truppe francesi, il padre di Goethe fu costretto a dare queste stanze il comandante Conte di Thoranc. Mentre il padre di Goethe non andava molto d’accordo con il conte, il piccolo Johann Wolfgang strinse amicizia con il luogotenente francese. Da lui Goethe imparò un po’ di francese e fu proprio Thoranc a notare il talento del ragazzo per il disegno e la pittura. Negli anni successivi le tre stanze del “Peking” furono usate per celebrare le feste di famiglia, il Natale o anche il matrimonio di Cornelia, sorella di Goethe. Particolarmente interessanti sono i ritratti dei nonni di Goethe, Johann Wolfgang e Anna Margareta Textor, appesi nella stanza che si affaccia a nord. Nella stanza dei dipinti al secondo piano sono invece esposte opere di artisti di Francoforte che il padre di Goethe stimava e collezionava. Nella stanza della madre del poeta sono esposti anche i ritratti dei genitori di Goethe, che illustrano anche la personalità di Goethe:

Di mio padre ho la statura morale,
il modo vigoroso e serio di comportarsi nella vita.
Di mia madre ho la natura gioiosa
e il mio piacere di raccontare le storie.

Di maggiore importanza storica è tuttavia il “Dichterzimmer” (studio del poeta) al terzo piano, dove Johann Wolfgang Goethe abitò durante la sua infanzia e adolescenza. Qui scrisse le opere “Götz von Berlichingen” e “I dolori del giovane Werther” che lo resero famoso. Alle pareti è appesa, come allora, una silhouette di Charlotte Buff, primo amore di Goethe. La vicenda narrata nel Werther è chiaramente ispirata all’amore per la ragazza (Lotte nel romanzo).
Museo di Goethe
Direttamente collegato alla Casa di Goethe si trova il Museo di Goethe, che raccoglie una vasta collezione di dipinti e testimonianze della vita di Goethe e della sua epoca. Oltre a manoscritti e ritratti del poeta, sono esposte anche opere di artisti contemporanei di Goethe che hanno influenzato la sua vita e la sua opera.

Indirizzo: Goethe-Haus e Goethe-Museum
Freies Deutsches Hochstift
Frankfurter Goethe-Museum
Großer Hirschgraben 23-25
60311 Frankfurt am Main
Tel. + 49 (0)69 / 13 88 00
Fax + 49 (0)69 / 13 88 02 22
www.goethehaus-frankfurt.de
Orari di apertura: Dal lunedì al sabato 10:00 – 18:00
Domenica e giorni festivi 10:00 – 17:30

Gerbermühle
Dopo la Casa di Goethe, l’antico edificio Gerbermühle sul lungofiume è uno dei principali luoghi legati allo scrittore e poeta. Costruito originariamente come mulino per conceria, da cui prende il nome, il Gerbermühle divenne la residenza estiva del banchiere Johann Jakob von Willemer che Goethe visitò nel 1815 per più di quattro settimane. In quell’occasione l’allora 65enne Goethe conobbe la giovane Marianne von Willemer di cui si innamorò. Da un rapporto affettuoso nacque un amore profondo. Hatem e Suleika, gli pseudonimi che Goethe e Marianne Willemer usavano nelle loro lettere, divennero i protagonisti de “Il divano occidentale-orientale” (West-Östlicher Diwan). L’opera tarda di Goethe contiene anche le lettere d’amore di Marianne scritte al poeta dopo il suo ritorno a Weimar. Oggi l’edificio del Gerbermühle ospita un accogliente albergo e un ristorante. Nei mesi estivi si può sedere all’ombra dei castagni del grande giardino e godere della splendida veduta sul Meno e sullo skyline di Francoforte.

Indirizzo: Gerbermühle
Gerbermühlstraße 105
60594 Frankfurt am Main
Tel. + 49 (0)69 / 689 7779 0
www.gerbermuehle.de
Willemer-Häuschen
La casetta a torre, costruita nel 1810 dal banchiere Johann Jakob von Willemer, si trova immersa nel verde sul Mühlberg nel quartiere Sachsenhausen, oggi esclusiva zona residenziale. Cosa successe esattamente nella notte del 18 ottobre 1814, quando Goethe e Marianne von Willemer guardarono insieme i fuochi d’artificio per la ricorrenza della battaglia di Lipsia, lo lasciamo alla nostra immaginazione. In ogni caso, sembra che proprio da quel giorno Marianne von Willemer divenne musa e coautrice di Goethe. Oggi si sa per certo che 15 poesie de “Il divano occidentale-orientale” sono uscite dalla penna di Marianna von Willemer.

Indirizzo: Willemer-Häuschen
Hühnerweg 74
60599 Frankfurt am Main
Tel. + 49 (0)69 / 21 23 39 52 (Lun – Ven)
Orari di apertura: Dalla domenica di Pasqua a metà ottobre
Tutte le domeniche dalle 11:00 alle 16:00
ingresso libero
Il centro storico del quartiere Frankfurt-Höchst
Da giovane Goethe si recava spesso con amici a Höchst, a bordo della barca del mercato, per trascorrere la serata in uno dei numerosi locali della piazza del Castello o per visitare la manifattura di porcellana di Höchst. Il centro storico di Höchst si presenta ancora oggi come ai tempi di Goethe. I tradizionali locali intorno alla piazza del Castello, le antiche mura di cinta lungo il Meno, il Castello del XVI secolo, la chiesa romanica del VIII secolo (Justinuskirche) e la manifattura di porcellana invitano a visitare la zona occidentale di Francoforte.
Höchster Porzellan-Manufaktur
Fondata nel 1747, la Höchster Porzellan-Manufaktur è una delle più antiche manifatture di porcellana ancora esistenti in Europa. Esattamente come 200 anni fa, vengono modellati, dipinti e cotti a mano servizi di porcellana in stile classico-borghese o pregiate statuine, come per esempio la famosa “Mohrenkapelle” (la banda dei mori). Come sua madre, anche Johann Wolfgang Goethe era un ammiratore della manifattura di Höchst nonché grande amico del mastro modellatore Johann Caspar Melchior, tanto da fare da padrino al battesimo del figlio. Ancora oggi la manifattura produce il ritratto di Goethe creato un tempo da Melchior. I visitatori sono invitati a fare un giro della fabbrica: l’atelier dei modellatori e dei pittori è certamente il clou di ogni visita guidata in quanto si possono osservare da vicino gli artisti al lavoro. La prestigiosa collezione esposta nella cantina della manifattura raccoglie una selezione di porcellane decorative e servizi del periodo del Rococò e pezzi del Classicismo.

Indirizzo: Höchster Porzellan-Manufaktur GmbH
Palleskestraße 32
65929 Frankfurt am Main
Tel. +49 (0)69 / 30 09 02 0 
 Fax +49 (0)69 / 30 09 02 24
www.hoechster-porzellan.de
Visite guidate: Martedì alle 10:00 e alle 15:00

Petersfriedhof
Il Petersfriedhof (Cimitero di San Pietro) si trova al centro di Francoforte, tra la Bleichstraße e la Stephanstraße. È stato luogo di sepoltura della città fino al 1828. Il cimitero ospita le tombe del padre di Goethe, Johann Caspar Goethe (1710-1782), e di suo nonno. A causa di una riduzione delle dimensioni del cimitero, la madre di Goethe (1731-1808) fu invece sepolta nella tomba della famiglia Textor, nella vicina Liebfrauenschule, circondata da una colonnata semicircolare.
Goethestraße
La Goethestraße è la via principale per lo shopping più esclusivo. Qui si possono trovare griffe internazionali come Kenzo, Montana, Laura Ashley, van Laack, Jil Sander e altri famosi stilisti, ma anche le eleganti collezioni di pelle di Lous Vuitton o i preziosi gioielli di Cartier e Tiffany. Non mancano neanche negozi esclusivi di vestiti e accessori per neonati e bambini. In nessun altro posto si susseguono così tante marche di lusso in uno spazio così ridotto.
Contatto a Francoforte:
Anke Haub, Tourismus+Congress GmbH Frankfurt am Main,
Kaiserstraße 56, 60329 Frankfurt, Germania
Tel.: +49 (0) 69 / 21 23 03 98, haub@infofrankfurt.de, www.frankfurt-tourismus.de

::::::::::::

OPERA – DANZA MODERNA – CINEMA e altri musei: 

L’Opera di Francoforte è stata insignita più volte del titolo di miglior teatro dell’opera della Germania e gode di un’ottima reputazione e prestigio anche a livello internazionale.

I Teatri Comunali (Städtische Bühnen) sono stati fondati oltre 100 anni. Da allora l’offerta teatrale di Francoforte è diventata ancora più varia e articolata: oltre allo schaupiel frankfurt, la città conta complessivamente circa venti istituzioni teatrali, tra cui l’English Theatre (il più grande teatro in lingua inglese in Europa) e il teatro di varietà Komödie. Il teatro indipendente di Francoforte, che conta ormai 30 compagnie formatesi soprattutto a partire dagli anni ‘70, è senza pari in Germania.

Gli appassionati di danza moderna possono ammirare nel Bockenheimer Depot le rappresentazioni della rinomata Forsythe Company, compagnia fondata dal famosissimo coreografo William Forsythe. Anche il Künstlerhaus Mousonturm propone regolarmente produzioni contemporanee. Danza, teatro, performance, letture teatrali e musica di artisti tedeschi ed internazionali entusiasmano il pubblico.

Francoforte ha molto da offrire anche ai cinefili e agli amanti della cultura cinematografica. Tre cinema comunali e numerose moderne sale cinematografiche garantiscono agli abitanti e ai visitatori internazionali una vasta offerta cinematografica di alto livello e da tutto il mondo. Il Museo del Cinema tedesco (Deutsches Filmmuseum) è il primo del suo genere in Germania. I visitatori possono ripercorrere la storia del cinema, di registi e attori in un’esposizione permanente completata da varie mostre temporanee e serie di film nel cinema del museo.

Anche il Museo del Cinema tedesco si trova sulla Riva dei Musei, dove si concentra un’offerta culturale di altissimo livello, che con la sua particolare architettura rappresenta il luogo ideale per passeggiare sul lungofiume da un museo all’altro. Grazie all’eccezionale combinazione di arte, cultura, svago e tempo libero, la Riva dei Musei è una meta amata dagli abitanti di Francoforte e dai suoi visitatori.

Sulla riva meridionale del Meno, a pochi passi dal ponte pedonale Holbeinsteg, è situato il Museo di Arte Regionale Haus Giersch dedicato alla storia dell’arte di Francoforte e della regione del Reno-Meno. Ogni anno il museo propone due mostre temporanee con le opere di artisti del XIX e XX secolo, la cui vita e le cui opere erano fortemente legate alla regione e alla città di Francoforte.

Direttamente accanto si trova il Museo di scultura antica Liebieghaus. Le opere sono esposte all’interno di una villa immersa in uno splendido parco. Merita una menzione particolare anche il caffè del museo, dove il visitatore può rifocillarsi con piccole insalate, torte fatte in casa e bevande calde e fredde. Oltre a piccoli oggetti scultorei di ogni genere, il Liebighaus presenta un’ampia collezione di sculture antiche e moderne.

Segue poi, sempre sulla riva del Meno, un’altra istituzione culturale, il Museo della comunicazione di Francoforte (Museum für Kommunikation Frankfurt). È situato in una villa costruita nel 1891 a cui si è aggiunto, nel 1990, un nuovo edificio con una particolarissima struttura architettonica in vetro. Il museo ospita collezioni e documenti inerenti la storia della comunicazione. L’esposizione spazia dall’epoca della dinastia di principi Thurn und Thaxis all’era della telecomunicazione più moderna. Il museo raccoglie sia apparecchiature storiche che dispositivi di telecomunicazione altamente tecnologici, ma anche opere artistiche che riflettono il tema della comunicazione.

Pochi metri più avanti, in una splendida casa patrizia del 1912, l’architetto Oswald Mathias Ungers ha progettato il Museo dell’Architettura tedesca (Deutsches Architektur Museum). Ospita una vasta raccolta di progetti, disegni, schizzi e modelli dell’architettura del XIX e XX secolo nonché la cosiddetta “casa nella casa”, un’opera architettonica integrata nel museo stesso. Varie mostre temporanee vanno a completare il museo che vuole fungere come forum di presentazione dell’architettura moderna e fornire un importante contributo alla discussione internazionale su tematiche inerenti all’architettura.

Direttamente accanto, anch’esso collocato in una casa patrizia costruita nel 1910, troviamo il Museo del Cinema tedesco (Deutsches Filmmuseum), dove i visitatori possono toccare con mano le opere esposte e giocare in maniera interattiva con quanto di più interessante il mondo del cinema abbia da offrire. Una mostra permanente ripercorre la storia del cinema. Il cinema comunale all’interno del museo propone ogni giorno, eccetto il lunedì, un interessante programma di film di notevole importanza storica, retrospettive e forum cinematografici.

Dietro al parco della Riva dei Musei è situata la Casa della Bibbia (Bibelhaus) che, con la sua formula di museo interattivo, informa i visitatori sulla storia del “libro dei libri”, dai tempi dei nomadi all’era multimediale di oggi.
L’architetto newyorkese Richard Meier è colui che ha progettato la cosiddetta “casa bianca sul Meno”, capolavoro architettonico del Museumsufer. L’edificio, inaugurato nel 1985, è andato ad ampliare la Villa Metzler, risalente al 1804, per ospitare il Museo delle Arti Applicate (Museum Angewandte Kunst). Con un patrimonio di oltre 30.000 oggetti e manufatti, è considerato uno dei più importanti musei del mondo dedicato alle arti applicate. Suddiviso in quattro sezioni (arte europea, arte islamica, arte asiatica e arte del libro e della calligrafia), presenta artigianato artistico di ogni genere: nel museo sono esposti oggetti e monili in vetro, porcellana, ceramica, bronzo, avorio e pietre preziose, ma anche tappeti, mobili, manoscritti medioevali e oggetti d’arte tipografica. Una nuova sezione è inoltre dedicata all’arte digitale (Digital Craft). Nella casa del tè giapponese (Teehaus), installata dall’architetto Kengo Kuma nel grande parco del museo, i visitatori possono scoprire il piacere del tè giapponese e le tradizioni e i riti legati a questa bevanda.

Attraversando il fiume sul ponte Alte Brücke, direttamente di fronte al Museo delle Icone, si passa davanti al Neuer Portikus. L’edificio si erge direttamente su un’isola del Meno e funge da spazio espositivo per lavori d’arte contemporanea realizzati dagli studenti dell’accademia d’arte Städelschule.

Chi decide di attraversare il Meno sul vicino Eiserner Steg, ponte pedonale di ferro inaugurato nel 1869, arriva direttamente al Museo storico (Historisches Museum), sulla riva settentrionale. Riaperto al pubblico nel 2012, il museo presenta diverse collezioni permanenti sulla storia della città, ospita mostre temporanee e offre una vista panoramica sul Meno dalla Rententurm, imponente torre tardo gotica.

A pochi passi dal Museo storico, attraversando il Römerberg, cuore del centro storico di Francoforte, si giunge a una delle gallerie d’arte più rinomate della Germania, la Schirn Kunsthalle. Qui si possono ammirare esposizioni temporanee con opere di artisti famosi di varie epoche e provenienti da tutto il mondo nonché mostre fotografiche. Kandinsky, Miró, Picasso, Chagall e altre mostre hanno già attirato migliaia di visitatori.

Il vicino Leinwandhaus ospita il museo Caricatura – Museo di Arte Comica con una collezione della Franfurter Neue Schule, gruppo dei più importanti vignettisti satirici e illustratori tedeschi.

Un po’ più a nord, tra le strade Berliner Straße e Braubachstraße, il visitatore potrà scoprire il museo più moderno di Francoforte, battezzato simpaticamente “fetta di torta” dagli abitanti della città per la sua forma triangolare. Progettato dall’architetto viennese Hans Hollein, ospita il Museo di Arte Moderna (Museum für Moderne Kunst). Su una superficie espositiva di 5.000 metri quadri propone opere d’arte realizzate dopo il 1945, dalla pop art all’arte contemporanea. Tra gli artisti rappresentati nel Museo di Arte Moderna figurano nomi come Roy Lichtenstein, Andy Warhol e Joseph Beuys.

Poco lontano dalla riva del Meno si trova il Convento carmelitano (XIII – XV secolo), dove, in tra antico e moderno, è ospitato l’Istituto di storia cittadina (Institut für Stadtgeschichte), mentre nella chiesa del convento affiancata da un edificio di nuova costruzione, si trova il Museo archeologico (Archäologisches Museum Frankfurt). Tra le sezioni più significative del museo figura una collezione quasi completa di reperti archeologici dell’antica città romana di Nida, nell’attuale quartiere Heddenheim nella zona nord di Francoforte. L’esposizione permanente raccoglie testimonianze preistoriche della regione di Francoforte risalenti fino all’età neolitica e reperti dell’Alto Medioevo. Il museo propone artigianato artistico del Mediterraneo e del Vicino Oriente.

Proseguendo sul lungofiume, i visitatori arrivano al Museo ebraico (Jüdisches Museum) situato nell’antico palazzo della famiglia Rothschild risalente al 1821. Il museo è dedicato interamente alla storia e cultura della comunità ebraica di Francoforte e ne illustra usi e costumi, feste e tradizioni. Particolarmente interessante è il modello della Judengasse, ricostruito in scala 1:50 secondo i progetti originali, in cui i visitatori possono entrare. Le fondamenta originali degli edifici della Judengasse si trovano nel Museum Judengasse, una dépendance del Museo ebraico.

Con la visita del Museo ebraico si conclude la passeggiata lungo la famosa Riva dei Musei ma il paesaggio museale di Francoforte non finisce qui. Sono numerosi i piccoli e grandi musei sparsi nei vari quartieri della città.

Al suo più importante cittadino e “figlio”, Francoforte ha fatto un monumento. La Casa di Goethe (Goethe-Haus), all’indirizzo Großer Hirschgraben, è la casa natale del sommo poeta ed è aperta al pubblico. L’edificio, completamente restaurato, illustra la vita quotidiana dei Goethe, una tipica famiglia borghese del XVIII secolo. Al suo interno trova posto anche il Museo di Goethe che raccoglie documenti storici della vita e delle opere dello scrittore e dei suoi contemporanei.

L’Heinrich-Hoffmann-Museum è dedicato a un altro famoso cittadino di Francoforte, il neurologo Dr. Heinrich Hoffmann, autore ed illustratore del libro per bambini “Pierino Porcospino” (in tedesco “Struwwelpeter”). I bambini possono rivivere le storie della piccola peste, mentre gli adulti possono informarsi sulla vita e l’opera dell’autore. Il museo raccoglie edizioni originali e parodie del libro degli ultimi 150 anni nonché documenti dell’eredità di Hoffmann, che evidenziano il suo impegno come medico neurologo e riformatore della psichiatria.

:::::::::::::

GASTRONOMIA A FRANCOFORTE

Dallo street food all’alta cucina, una Francoforte tutta da gustare!

Per gli amanti della cucina moderna, regionale, tradizionale o internazionale, la città di Francoforte offre piatti per tutti i gusti.

La salsa verde Frankfurters, il formaggio tradizionale Handkäse o il dolce tipico: sono questi i piatti tradizionali che Francoforte ama e a cui dedica annualmente dei veri e propri festival.

Il primo, in ordine di tempo, è il Grüne Soße Festival (Festival della Salsa Verde), che si tiene al Roßmarkt, nel centro della città, dal 13-20 Maggio. Durante tutta la settimana dell’evento, dedicato a quello che era anche il piatto preferito di Goethe, i migliori chef di tutta la città si riuniranno per preparare la propria ricetta della salsa verde a base di ben sette erbe aromatiche. Alla fine del festival, una giuria indipendente verrà chiamata a incoronare la migliore salsa verde di Francoforte.
Una curiosità che riguarda questo piatto tipico è che, secondo quanto riporta una legge dell’Unione Europea entrata in vigore a marzo 2016, la salsa verde deve essere preparata a mano con ingredienti provenienti tassativamente dalla zona di Francoforte. Preservandone così genuinità e tradizione.

Tutti i piatti di Francoforte vengono accompagnati da una bevanda tipica molto conosciuta, il sidro. Si tratta di una bevanda tradizionalmente servita in una brocca di terracotta color blu-grigio, chiamata “Bembel”, e bevuta in un bicchiere decorato, il”Gerippte”.
I posti migliori dove assaggiare del buon sidro sono gli Apfelweingärten situati nella zona di Francoforte chiamata Alt-Sachsenhausen o durante l‘Apfelweinfestival, che si svolgerà ad Hauptwache dal 11 al 20 agosto 2017. Durante l’evento, i visitatori avranno l’opportunità di degustare numerose varietà diverse di sidro, nonché nuove creazioni a base di succo di mele, come cocktail speciali e altre bevande analcoliche.

Nonostante Francoforte resti molto legata alle sue tradizioni enogastronomiche, è anche aperta a nuove contaminazioni, dimostrandosi così una vera e propria metropoli. Infatti, i numerosi mercati agricoli della città, particolarmente rinomati tra buongustai e intenditori, offrono una varietà infinita di prodotti freschi come erbe aromatiche, spezie, specialità internazionali e street-food da gustare al momento.

Primo fra tutti, “Markt im Hof” (mercato nel cortile), organizzato ogni sabato dal 2013, che attira numerosi visitatori amanti del cibo buono e del divertimento. Il mercato si trova nel pittoresco quartiere di Brückenviertel, famoso per i numerosi studi d’arte, boutique alla moda e bistrot. Tra le bancherelle dei produttori locali si trovano: allevatori, coltivatori, fornai, produttori di marmellate o birrai di micro-birrifici locali. E, oltre ai prodotti, è possibile anche provare i piatti di cucine di varie parti del mondo come, Africa, Vietnam, India o Francia.

Per rendere ancora più interessante il viaggio culinario, da non perdere è il quartiere Frankfurter Bahnhofsviertel, nei pressi della stazione ferroviaria. Vibrante e internazionale, questa zona della città è un vero e proprio melting pot culinario. In particolare, in Münchener Straße si trovano innumerevoli ristoranti, che offrono un panorama completo delle cucine di tutto il mondo.

Qui, commercianti turchi di pesce, commercianti di spezie indiane, sushi bar giapponesi, negozi di dolci pakistani convivono in perfetta armonia.

Per coloro che invece preferiscono ristoranti di alta cucina, imperdibili sono il Maxie Eisen, Club Michel o Walon & Rosetti. Questi ristoranti, e non solo, sono in grado di soddisfare i palati più esigenti presentando piatti curati anche dal punto di vista estetico.

Copyright 
Frankfurt Salsa Verde © Tourismus+Congress GmbH Frankfurt, Holger Ullmann
Apfelweinfestival © Tourismus+Congress GmbH Frankfurt, Holger Ullmann
Frankfurt Bahnhofsviertel © Tourismus+Congress GmbH Frankfurt, Holger Ullmann

www.frankfurt-tourismus.de, haub@infofrankfurt.de

::::::::::::

QUANTO COSTA un weekend a Francoforte ?

Quanto spenderete dipenderà dalle vostre scelte; tra voli low cost e B&B o grandi alberghi e voli di linea, ristoranti di lusso o semplice street food, ma qualunque sia la vostra scelta non rimpiangerete di avere visitato Francoforte.

Vacanze dove ? Top 5 attività – Dalla cultura ai doci all’adrenalina in COSTA DAURADA – Catalunya

ALLA SCOPERTA DELLA COSTA DAURADA

… mare e archeologia … ma anche per gli appassionati di gastronomia ed amanti del vino e cultura

Le Top 5 attività da non perdere tra storia, mare e divertimento

– La Costa Daurada, che abbraccia la Catalunya tra le località di Cunit e Alcanar, propone itinerari inediti, ricchi di esperienze. Grazie alla sua posizione privilegiata che comprende panorami costieri e montagne rigogliose, il territorio è una delle principali destinazioni da scoprire nel Mediterraneo tra archeologia, esperienze gastronomiche, itinerari artistici e spiagge.

1.Sulle antiche orme romane
Tarragona, capitale della Costa Daurada e antica capitale dell’Impero Romano, conserva ancora molti siti archeologici risalenti all’epoca, come le mura del II secolo a.C., il foro provinciale istituito dall’Imperatore Vespasiano intorno al 73 d.C., il

Circo Romano risalente alla fine del I secolo d.C., l’Anfiteatro (restaurato nel 221), il Teatro Romano dedicato ad Augusto e la Basilica Civile. È inoltre possibile visitare la necropoli e il Museo Paleocristiano o ancora la torre di Pilats (o del Pretori) da dove si governava la politica della regione, ed il complesso monumentale di Tàrraco che è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Per proseguire sulle orme del retaggio storico, si può percorrere il Camino di Ronda che dalla piazza di Sardana, attraversando per 9km i paesaggi della Costa Daurada tra tratti costieri e oliveti passando per il borgo di Roc di Sant Gaietà, permette di raggiungere l’Arc de Berà, importante vestigia del passato romano della regione.

2. A tutto mare
La Costa Daurada conta sessanta spettacolari spiagge lungo gli 81km di costa, tutte caratterizzate da una fine sabbia dorata e un accesso poco profondo al mare, perfette per il relax in spiaggia di grandi e piccoli.

Nel 2003, Salou è stata la prima destinazione della Costa Daurada ad ottenere la certificazione di Turismo Familiare da parte del Governo della Catalunya, ricevuta in seguito anche da Cambrils, Vila-Seca, La Pineda Platja, Calafell, El Vendrell, garantendo in tutte le località la presenza di servizi e strutture adatte alle famiglie.
Le spiagge del Vendrell a circa 3,5km dalla città, fanno parte della riserva marina Masia Blanca che, con una profondità dai 4 ai 16 metri, ospita una grande biodiversità di flora e di fauna sottomarina, un tesoro naturalistico sommerso per gli amanti dello snorkeling.

3. PortAventura World: dolci e adrenalina

Novità assoluta della Costa Daurada nel 2017, l’apertura dell’appassionante Ferrari Land, unico parco tematico europeo dedicato al Cavallino Rampante, a PortAventura World. Offre ai suoi visitatori oltre 60.000 metri quadrati di puro divertimento con attrazioni come l’acceleratore verticale, le montagne russe più alte d’Europa e le torri d’accelerazione verticale per un’esperienza a tutta adrenalina.
Non solo: per i prossimi tre anni, PortAventura World ospiterà anche la Escribà Academy, un laboratorio di pasticceria creativa che vedrà la collaborazione con prestigiose personalità come Patricia Schmidt.

La Escribà Academy realizzerà delle master class durante le quali saranno presentate tecniche avanzate di pasticceria tradizionale.

4.La Costa Daurada a tavola
Il territorio è anche un must per gli appassionati di gastronomia ed amanti del vino: la zona del Priorat conserva oltre 3.800 ettari di vigneti che producono i rinomati vini di Denominazione di Qualità Priorat e

Denominazione d’Origine Montsant.

Il percorso tra le cantine alla scoperta dei prodotti locali è stato candidato per diventare Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.

La città di Cambrils propone inoltre un ricco calendario gastronomico con numerosi appuntamenti legati ai principali prodotti del territorio a seconda della stagione,

-dalle Jornades de la Galera a febbraio che hanno come protagonista la galera uno dei più gustosi crostacei del Mediterraneo, le tapas in primavera,

la Mostra de Vi i Gastronomia a novembre

-e le Jornades dels Fideus Rossos (tipico piatto catalano a base di pasta -vermicelli – pesce, crostacei e verdure) e la Festade l’oli nou, che promuovono il celebre olio di Siurana.

5. Alla scoperta del Modernismo

Da sempre la Costa Daurada ha catturato l’interesse dei grandi geni dell’arte:

-Gaudí, Miró e Pablo Picasso hanno tutti lasciato un’impronta artistica e allo stesso tempo tratto ispirazione dal territorio. A Reus da non perdere il percorso modernista che include il GaudíCentre, tributo all’opera dell’architetto catalano da parte della sua città natale, e la visita a due gioielli architettonici come il padiglione signorile de l’Institut Pere Mata e Casa Navàs, realizzati da Lluís Domènech i Montaner.
I paesaggi di Mont-roig del Camp hanno invece ispirato tutta l’opera artistica di Mirò: un itinerario turistico porta alla scoperta di questi luoghi ritratti nelle opere del pittore, in primis l’eremo della Mare de Déu de la Roca da cui si gode una vista spettacolare. Horta de Sant Joan, in Terres de l’Ebre, è stata anche nel cuore di Picasso, che vi soggiornò due volte dando il suo nome al centro della città.

Catalan Tourist Board
Il CATALAN TOURIST BOARD (CTB) è l’organismo ufficiale della Generalitat de Catalunya responsabile della promozione e aiuto alla commercializzazione delle risorse turistiche della Catalunya sia all’estero che nel resto della Spagna. Il suo obiettivo è consolidare l’immagine del paese come destinazione turistica diversa e di qualità. Il CTB promuove le diverse esperienze e i prodotti turistici suddivisi per categorie:
• Vacanze allo stile mediterraneo sulla costa catalana
• Attività di svago in Catalunya
• Itinerari alla scoperta di un paese con una grande cultura
• Soggiorni con focus natura, avventura, montagna, gastronomia e ambiente rurale
• Opportunità di eventi MICE
• Viaggi d’interesse specifico
Per maggiori informazioni:
www.catalunya.com
Seguici su Facebook