Archivi categoria: Helicobacter Pylori

Salute – HELICOBACTER PYLORI – Infetto un adulto su tre – La maggioranza ignora questo grave problema che riguarda al nostra salute

Bruciori di stomaco o difficoltà di digestione, gonfiori o sonnolenza dopo i pasti … potrebbero essere causati dalla presenza di Helicobatter pylori.

GRAVI PATOLOGIE GASTRICHE, SE NON CURATO IN TEMPO

HELICOBACTER PYLORI

Oggi, purtroppo la medicina propone delle terapie che non risultano essere più efficaci come un tempo. La causa sta nei nuovi gruppi di batteri resistenti.

L’ Helicobatter pylori è un battere che si localizza nello stomaco e che può essere trasmesso da un individuo all’altro con un semplice scambio di saliva o attraverso il consumo di acqua o alimenti contaminati (via oro-fecale).

Questo battere si ancora negli strati sottostanti la parete interna allo stomaco e non è facilmente raggiunto dal sistema immunitario; deputato ad uccidere tutto ciò che è pericoloso  per il nostro organismo.

Si è dimostrato che l’alimentazione e l’uso di Farmaci Antinfiammatori Non Steroidei FANS, possono stimolare la produzione di succhi gastrici e danneggiare la mucosa.

Il sale, i composti nitrosilati e l’alcol, causano danni alla mucosa e promuovono la colonizzazione da parte di questo battere.

Senza la protezione del muco, i succhi digestivi arrivano in contato con la mucosa e la danneggiano progressivamente.

Frequentemente la presenza dell’ Helicobatter pylori, è asintomatica; ovvero non provoca bruciori o difficoltà di digestione, gonfiori o sonnolenza dopo i pasti.

Purtroppo se non riconosciuta, non viene curata e si sviluppa sempre più. Nel tempo può anche causare problemi di salute molto gravi come:

-linfoma MALT

-cancro.

Quindi resta molto importante diagnosticare pee tempo questa patologia.

La gastroscopia è un pochissimo amato mezzo di indagine sicura.

Ma  esiste anche l’ Urea Breath Test (o test del respiro); purtroppo il costo di questa diagnosi è molto elevato e se il campione non è raccolto correttamente l’esame può essere un falso negativo.

Esiste anche la ricerca nelsangue di anticorpi diretti contro l’ Helicobatter pylori, ma non è considerata una tecnica adatta perché segnala anche la presenza di Helicobatter pylori, anche dopo molti anni che il problema è stato risolto.

La soluzione più semplice è un esame che si può trovare anche in farmacia, a pagamento, che ricerca l’antigene HpSA. Questo è uno strumento diagnostico considerato valido.

ERADICARE L’ HELICOBACTER PYLORI

Le cure più comuni segnano un gran numero di insuccessi.

Il medico inizialmente prescrive: antibiotici e farmaci che riducono l’acidità gastrica. I benefici sono immediati, ma frequentemente il problema si ripresenta.

Dopo varie ricadute, al paziente vengono prescritti farmaci che hanno schemi di assunzione giornaliera complessi e si associano a PESANTI EFFETTI COLLATERALI.

La tentazione di sospendere anticipatamente il trattamento porta all’insorgenza di ceppi batterici resistenti agli antibiotici.

IL RIPRISTINO DELL’EQUILIBRIO DELL’AMBIENTE GASTRICO RAPPRESENTA UNA CONDIZIONE OBBLIGATA PER ELIMINARE L’INFEZIONE ED EVITARE RECIDIVE.

Esiste un trattamento completamente naturale:

-l’estratto di semi di pompelmo (GSE)

Questo estratto  ha potente attività:

– battericida

-batteriostatica naturale ad ampio spettro.

-ottimo anche come antivirale e antiparassitario

-funziona contro la Candida albicans

A DIFFERENZA DELL’ANTIBIOTICO DISTRUGGE SOLO I BATTERI PATOGENI, SALVANDO QUELLI CHE CI AIUTANO A GUARIRE.

L’azione dell’ estratto di semi di pompelmo (GSE), può essere potenziata con l’aiuto di altri attivi vegetali come:

-Melaleuca alternifolia (Tee Tree Oil)

-Aloe vera gel

-Centella asiatica

-Ananas (potente digestivo pe ri suoi enzini, otttimo dopo la carne) inolte favorisce il riassorbimento degli agenti infiammatori

-Coriandolo (ottimo per disturbi digestivi in genere)

-Cardamomo: da secoli usato per disturbi gasto intestinali, ideale in caso di difficoltà digestive.

———-

LA STORIA DELLA SCOPERTA DELL’HELICOBACTER PYLORI E DELLA CURA

Sino a trent’anni fa i testi di medicina sostenevano che era impossibile, in un ambiente acido come lo stomaco nessun battere poteva sopravvivere.

Invece due ricercatori, Barry Marshall e Robin Warren, dimostrarono, avendo prima contro tutta la comunità scientifica, che  era possibile farvi attecchire i batteri. Uno dei due si auto-iniettò una cultura del microrganismo e si ammalò di gastrite, che si trasormò in ulcera.

Riuscì poi ad isolare il batterio dall’ulcera che si era formata.

Questa fu la prima dimostrazione ch ea formare gastriti e ulcere era un bactere; ovvero un’infezione.

I ricercatori poi, nel 2005, vinsero il Nobel per questa scoperta.

———–

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti   ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici.
L’autrice, ha presentato una delle sue tesi, presso l’ Università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”; tesi firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.