Archivi categoria: viaggiare con i figli

BELIZE seconda barriera corallina al mondo

Stagione secca: dicembre-maggio; piogge: giugno-novembre;

Belize Tourist Board New Horizon Investiment Building, 31/2 Miles, Northen Highway, Belize city; info@travelbelize.org; www.travelbelize.org

Ambasciata: Roma 06.691 90 776

http://www.travelbelize.org

l Belize offre uno dei più spettacolari reef del mondo.

BELIZE Vbest-beach-placencia-01-big

ANIMALI pesce reef viola

CayoMarket-san-ignacio-02-big

I primi ad arrivare furono i Maya.

Le maya Mountains sono attraversate dal suggestivo rumore

delle grandi cascate tra foreste di pini.

Le rovine di Caracól sono impressionanti: tra tappeti di fiori selvatici e liane che giungono a terra dalla sommità degli alberi. Qui si incontra il più alto edificio del Belize: il Canaa, ovvero il Palazzo del Cielo.

Sul fiume New River si è circondati da tunnel di mangrovie e bellissime orchidee.

-Le Caves Branch sono il più esteso sistema di grotte del Belize.

-I cayes sono bellissimi microsistemi ecologici ricchi di fauna e flora sottomarine. Ambergris è il più turistico, altri sono hotel o privati; un paradiso per i sub.

I voli aerei dall’Italia passano attraverso gli USA. Continental Airlines: 0666 05 3030, www.continental.com, via New York.

Purtroppo in una zona tanto ricca di

vegetazione vergine non possono mancare gli insetti;

-è molto consigliato l’uso di repellenti e un abbigliamento adeguato.

Una rilassante vacanza invernale nelle calde acque tropicali che circondano l’isola di Ambergris in Belize è davvero indimenticabile

Qui si incontrano

– la barriera corallina più lunga dell’Emisfero Occidentale,

– una popolazione multietnica dal carattere caloroso ed ospitale,

-una storia plurimillenaria che affonda le proprie radici nelle primissime forme di civilizzazione Maya.

BELIZE con i Maya in casa loropartner_42_page_304_gallery_aquacate_02-big

Il Belize, è un’ex-colonia britannica in centro-america.

Il clima è dolce e gradevole tutto l’anno, ma particolarmente favorevole durante la stagione secca da novembre a febbraio, è la destinazione ideale per una fuga invernale tra tiepide acque turchesi, paesaggi tropicali e antiche rovine Maya.

Belize può anche essere un rilassante soggiorno sull’isola di Ambergris, la maggiore di un vasto arcipelago situato a poca distanza dalla costa settentrionale del paese centroamericano. Proprio in quest’area si distende la lunghissima barriera corallina, che arriva quasi a lambire Ambergris presso Mexico Rocks, a Nord dell’isola.

-Sulla costa occidentale si trova l’unico villaggio, San Pedro, noto per le sue “cantinas” che sembrano uscite da un fumetto e per l’omonima laguna collegata al Mar dei Caraibi da un piccolo fiume salato ed accessibile in barca o kayak.

-Sull’isola non mancano neppure le vestigia dei Maya, che qui giunsero circa 1500 anni fa. Si ritiene che in quel tempo Ambergris fosse collegata direttamente alla penisola dello Yucatan e che i Maya abbiano scavato un canale per separare l’isola dalla terraferma.

-Non molto lontano da Ambergris si trova, infine, il

Blue Hole”: una fossa quasi perfettamente circolare di acque cristalline situata al centro dell’atollo corallino di Lighthouse. Per il suo diametro di 300 metri e  profondità oltre i 125 metri il Blue Hole , acquistò notorietà grazie ad un celebre documentario di Jacques Costeau ed è uno dei siti più amati dai subacquei di tutto il mondo per le sue pareti verticali ricoperte di stalattiti lunghe anche 12 metri. La spettacolarità dell’isola è completata da verdeggianti foreste di mangrovie, savane tropicali e candide spiagge bianche.

Ad Ambergris: sistemazioni di charme in boutique hotel e piccoli resort dalle atmosfere uniche e caratteristiche.

-Il Mata Rocks Resort è un tre stelle di qualità, dall’ambiente conviviale. Offre la possibilità di escursioni in canoa, in kayak ed in barca. Il Sunbreeze Beach è, invece, un tre stelle superiore dall’architettura coloniale, arredato con uno stile semplice ma elegante. Qui è possibile visitare una galleria d’arte, partecipare a gite ed escursioni o dedicarsi un massaggio rilassante.

– Il Portofino, infine, è un 4 stelle davvero particolare: accessibile unicamente in traghetto, accoglie i suoi ospiti in caratteristiche capanne che ricordano le tradizionali dimore Maya. Un servizio di navetta è previsto da e per San Pedro. Anche qui gli ospiti possono godersi massaggi ritempranti. I tre hotel sono tutti dotati di spiaggia privata ed offrono la possibilità di effettuare immersioni e snorkeling. I primi due hanno anche una piscina ed organizzano battute di pesca d’altura. Questi hotel sono disponibili a partire da 69,- € per notte a persona in camera doppia con trasferimenti da e per l’aeroporto inclusi.

Il soggiorno si abbina splendidamente, magari in chiusura di viaggio, con il tour “Il meglio del Belize”, un  itinerario alla scoperta delle radici Maya del paese, quando il Belize contava fino a 2 milioni di abitanti – oggi ne ha ca. 270.000 -.

-Il viaggio permette anche di conoscere la società multietnica del paese centroamericano, che annovera popolazioni Creole, Meticcie, Garifuna – un mix di etnie indios, caraibiche e africane -, Maya, Indiane Orientali, Cinesi, e Mennoniti – una singolare rappresentanza di una chiesa protestante/anabattista -.

 -Dormire:

Radisson Fort George amindredge@radisson.com

Maruba resort & Jungle spa maruba@btl.net oasi di pace nella giungla, molto “in”

Creek Cottage reservations@chaacreek.com, 79€ per 2 pax , 45€ per eleganti tende per 2 pax; oltre s. Ignacio.

Dirigetevi verso la costa centrale per maya , scimmie e cultura .

 -Home per le scimmie urlatrici e molte specie rare di uccelli, Centrale Belize è perfetto per coloro che vogliono entrare nel selvaggio .

 -I templi Maya a Altun Ha sono l’ideale per gli amanti degli uccelli che vogliono vedere amici pennuti e check-out cultura antica .

-Belize City è conosciuta per l’architettura dei nostri giorni coloniali , la sua cultura ” Kriol ” prospera ancora oggi. Già che ci sei , chiedere ad un locale per insegnare un po ‘di Kriol . Anche se Belize è un paese di lingua inglese , parliamo ancora che a modo nostro .

T-shirt , scarpe e le preoccupazioni sono opzionali .

 ” Perfetto Barefoot “: Penisola Placencia

 Conosciuto localmente come “A piedi nudi perfetta” la Penisola Placencia ospita

le uniche spiagge di sabbia dorata sulla terraferma Belize.

-Dopo la spiaggia,

-lo snorkeling e le immersioni subacquee, una  visita per avere un’idea di quello che un tradizionale villaggio di pescatori Kriol. Ci sono anche ristoranti del villaggio , bar e gallerie d’arte. L’unica cosa che Placencia non offre è lo stress .

Barefoot perfetto “

Un gruppo eterogeneo di persone buone e buoni tempi .

Punta Gorda è il gateway per tutto, dalla pesca off -shore , per escursioni sul fiume , così come la speleologia , birdwatching e Maya siti archeologici . Per non parlare, alcune delle persone più belle che si possano incontrare.

-Qui  Maya, Garifuna e gli indiani Belizeans vivono in armonia pur mantenendo le loro singole culture.

Vai a ovest; per il giovane viaggiatore .

Il Belize occidentale è sede di

numerosi siti archeologici , come Cahal Pech .

-Quando hai finito di conoscere il passato,

-visita la Butterfly Farm e

-i sentieri della foresta pluviale con piante medicinali.

Quindi, puoi andare al Nachuch Che’em Park.

 Qui, c’è molto da fare. Basta fare in modo di trovare il tempo per relax.

 San Ignacio ( Cayo ) è vicino  un poco a tutto .

 -Sia che stiate visitando gli antichi templi Maya, o percorsi di speleologia, trekking, kayak, canoa o andando a cavallo, San Ignacio è un ottimo posto per rilassarsi, prendere un cibo e bevande  e preparavi per un altro giorno.

– E se volete trascorrere la giornata qui, ci sono un sacco di negozi e persone amichevoli per passare il tempo.

suggerimenti / salienti

• Scoprire Carocal e vedere la splendida vista dalla cima .

• Fai speleologia nelle grotte .

• Per alcuni dei migliori BBQ del web è imprendibile provare il Rodriguez barbecue a Santa Elena .

• Vai a Sweet Ting per i migliori dolci della città .

• Burns Avenue. per le bevande e la conversazione con i locali .

• canoa lungo il fiume Mopan .

Beach o Jungle ? Cinque stelle o sotto le stelle ?

Allo stesso modo ci sono molte cose da fare qui troverete un sacco di opzioni diverse per luoghi di soggiorno .

Con tutto dai resort di lusso agli hotel per famiglie, case vacanze, condomini, alberghi, campeggi e vita a bordo di navi.

Con le spiagge della costa caraibica , o vicino mistici templi Maya , ogni località in Belize offre numerosi e unici posti in cui stare .

Ci sono alloggi adatti a tutti , comprese le persone in cerca di avventura , subacquei , vacanzieri da spiaggia, eco -turisti , famiglie, viaggi di nozze e altro ancora.

Per maggiori informazioni , si prega di chiamare 1-800-624-0686 .

Dova vado in vacanza ? La Croazia sfida i viaggiatori a creare una vacanza perfetta

Avventure o di relax, di nautica o di escursioni in montagna, musei o feste …

Dal 19 al 30 aprile le persone di tutto il mondo sono invitate a creare la loro vacanza dei sogni scegliendo sette delle 101 cose da fare in Croazia.

Epic week – una settimana straordinaria in Croazia” la nuova campagna dell’Ente Nazionale Croato per il Turismo, invita i viaggiatori di tutto il mondo a creare la loro vacanza perfetta e di trascorrerla in Croazia.

Che siano alla ricerca di avventure o di relax, di nautica o di escursioni in montagna, musei o feste… la Croazia ha molto da offrire.

– Che vi piaccia navigare in un parco nazionale, volare come un drago mentre andate in deltaplano, andare a tartufi, abbracciare la più alta quercia in Europa o visitare la più piccola città del mondo... ora potete crearvi una vacanza perfetta , la vostra straordinaria settimana in Croazia.

La Croazia ha molto da offrire per tutte le tipologie di viaggiatori.

Dal 19 al 30 aprile le persone di tutto il mondo sono invitate a creare la loro vacanza dei sogni scegliendo sette delle 101 cose da fare in Croazia.

Possono partecipare sul sito Epic Week http://feeds.croatia.hr/epic-week/it/ ideato appositamente.

I viaggiatori possono scegliere le località, i luoghi storici e le città che desiderano visitare e scegliere le esperienze e i sapori nei quali vogliono immergersi per creare dei ricordi straordinari di questo bellissimo Paese.

Dopo aver selezionato le loro sette esperienze, i viaggiatori entrano in competizione condividendo la loro lista dei desideri sui loro profili Facebook o Twitter.

I concorrenti con il maggior numero di “mi piace” entreranno in finale.

Un ultimo passo per i finalisti sarà quello di scrivere perché dovrebbero vincere una vacanza in Croazia, mentre una giuria sceglierà la persona che ha presentato gli argomenti più convincenti.

Il premio principale vale lo sforzo perché il vincitore/la vincitrice conquisterà una settimana straordinaria in Croazia: un viaggio all-inclusive per due persone, vivendo le destinazioni, le attività e i sapori che hanno elencato nella loro lista dei desideri.

I viaggiatori devono essere certi di aver scelto con il cuore le sette esperienze prescelte tra le 101 cose da fare in Croazia perché ricorderanno questo viaggio per il resto della loro vita.

Per tutti coloro che non riescono a decidere quale sarebbe la cosa più interessante, più divertente, più emozionante da fare in Croazia, possono trovare più informazioni sul sito Croatia Feeds .

Ad esempio, nel caso in cui siate appassionati di musica e amanti del mare la Croazia offre entrambe le cose contemporaneamente.

Mentre state creando la vostra straordinaria settimana in Croazia, potete scegliere di godere della musica “eseguita” vicino al mare dall’organo marino con le sue 35 canne sistemate sotto un frangiflutti di marmo, visitando Zara.

Se preferite esplorare la storia, forse gradireste una visita al più antico teatro pubblico in Europa.

Oppure desiderate visitare la casa del primo vampiro del mondo soggiornando a Kringa, che è il luogo di nascita di Jure Grando , la prima persona realmente esistita e descritta come un vampiro già nel XVI secolo…

O potete soltanto rilassarvi e prendere un caffè sulla Riva di Spalato o in qualsiasi città costiera della Croazia.

Insomma, la Croazia vanta un’incredibile diversità naturale e architettonica, da spiagge soleggiate a siti archeologici dell’antica Roma sulla costa dell’Adriatico agli splendidi parchi naturali nell’entroterra.

A prescindere da ciò che preferite, che sia saltare da un’isola incontaminata all’altra, esplorare luoghi antichi, assaporare il migliore cibo locale, le bevande o praticare lo sport – la Croazia ha molto da offrire durante tutto l’anno.

Il concorso “Epic week -una settimana straordinaria in Croazia” è legato alla campagna pubblicitaria Croatia Feeds su piattaforme digitali in quasi 20 mercati e in 12 mercati con attività di p.r.

Per ulteriori informazioni consultare la pagina Facebook dell’Ente Nazionale Croato per il Turismo e il sito http://feeds.croatia.hr/epic-week/it/

Sulla Croazia
Distesa lungo il Mare Adriatico, vicina all’Europa Centrale, la Croazia è un Paese che vanta un ricco patrimonio culturale. Oggi, la storia si combina alla perfezione con uno spirito giovane e un’energia vibrante, che la rendono irresistibile a coloro che cercano un’esperienza di soggiorno diverso. Per tutto l’anno, si può godere di una bellezza naturale mozzafiato, di coste sconfinate, di una gastronomia variegata, di avventura, sport e wellness. Che si esplori il centro storico di Dubrovnik, Sito del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, si passi da un’isola all’altra nell’arcipelago di Spalato, si vada a caccia di tartufi in Istria, si voli con il parapendio intorno ai Laghi di Plitvice, ci si addentri per le stradine e i passaggi nascosti di Zagabria, si faccia birdwatching a Kopacki rit, si faccia festa per tutta la notte sulla spiaggia Zrce di Novalja o si passi del tempo in famiglia sulla spiaggia di Zlatni Rat a Bol , la Croazia soddisfa davvero ogni esigenza di vacanza.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito: http://croatia.hr

Ticino Turismo – Trasmessi su smartphone o stampati dei veri e propri programmi personalizzati

È un vero e proprio viaggio…nel viaggio quello che Ticino Turismo proporrà ai turisti d’Oltralpe dal 21 aprile fino al 28 ottobre 2017.

Il progetto “On Board Concierge Service”, presentato lo scorso 12 aprile a Biasca, prevede di offrire ai visitatori sui treni una consulenza itinerante al termine della quale verranno trasmessi su smartphone o stampati dei veri e propri programmi personalizzati.

Con questa iniziativa si conclude la campagna triennale “Entdecke die andere Seite” dedicata all’apertura della Galleria di base del San Gottardo.

Trasformare il viaggio in treno in un momento privilegiato durante il quale assistere i turisti, facendo in modo che inizino a pregustare l’atmosfera che li attenderà una volta giunti a destinazione.

È con questo obiettivo che Ticino Turismo, in collaborazione con le Ferrovie federali svizzere (FFS), ha ideato il progetto innovativo denominato “On Board Concierge Service”.

Dal 21 aprile fino al 28 ottobre 2017, ogni venerdì e sabato su due treni che da Lucerna e Zurigo arriveranno in Ticino, nove promotrici turistiche saranno a disposizione dei turisti per aiutarli a pianificare al meglio le proprie vacanze.

Al termine della consulenza itinerante, grazie all’ausilio di supporti tecnologici (iPad e piccole stampanti portatili), ai visitatori verrà trasmesso su smartphone o stampato un vero e proprio programma personalizzato.

Con il progetto “On Board Concierge Service” si conclude la campagna triennale dedicata all’apertura della Galleria di base del San Gottardo promossa da Ticino Turismo grazie a un credito straordinario di due milioni di franchi votato dal Gran Consiglio.

Lo slogan “Entdecke die andere Seite” ha voluto fare leva, più che sulla rapidità del nuovo collegamento ferroviario, sulla curiosità del turista.

I visitatori sono stati invitati a scoprire un Ticino nuovo, all’avanguardia, con un’offerta turistica che si è molto ampliata rispetto ai tradizionali clichés. “L’obiettivo del progetto “On Board Concierge Service” è di fare in modo che il viaggio verso la destinazione diventi esso stesso un’esperienza turistica coinvolgente e unica – afferma Elia Frapolli, direttore di Ticino Turismo -.

L’esigenza è emersa già nel corso del 2015 quando abbiamo organizzato due workshop aperti al pubblico alle stazioni FFS di Zurigo e Locarno. I circa 600 interpellati hanno espresso in modo chiaro il desiderio di poter beneficiare di una comunicazione su misura che fornisca loro un ventaglio di offerte mirate rispetto alle proprie esigenze”.
In totale saranno più di un centinaio i treni sui quali sarà attivo il nuovo servizio. Le nove promotrici turistiche, che nei mesi scorsi hanno partecipato a una formazione specifica, garantiranno assistenza a circa 7.000 visitatori. Tra i loro compiti, oltre a quello di aiutare i turisti a pianificare meglio le loro vacanze, vi è anche quello di raccogliere informazioni sul visitatore stesso con il quale in futuro sarà possibile stabilire un contatto duraturo. Per maggiori informazioni su questa iniziativa e su tutte le attività legate alla campagna promozionale, è consultabile il sito internet www.alptransit.ticino.ch.

Le FFS: “Un viaggio ancora più attrattivo”

L’apertura della Galleria di base del San Gottardo rappresenta una grande opportunità per il Ticino turistico.

Grazie al nuovo tunnel ferroviario i tempi di percorrenza tra Zurigo e il Sud delle Alpi sono diminuiti di circa mezz’ora, mentre dal 2020 la riduzione sarà di circa 50 minuti. Le FFS si complimentano con Ticino Turismo per aver reso il viaggio verso il Sud delle Alpi ancora più attrattivo dando la possibilità ai passeggeri di ottenere consigli personalizzati in vista del loro soggiorno.

Da tempo le FFS si impegnano per la promozione del turismo in Ticino e nella regione del San Gottardo. Il 1° gennaio 2017, unitamente al Governo ticinese e a Ticino Turismo, hanno lanciato Ticino Ticket, il biglietto che permette al turista che pernotta in un albergo, in un ostello o in un campeggio di muoversi liberamente con i mezzi pubblici per tutta la durata del suo soggiorno. Dal 14 aprile è entrato in servizio il Gotthard Panorama Express, un treno panoramico che percorrerà la tratta storica del massiccio.

Weekend gastronomico nelle Marche – 22 aprile – 1° di maggio 2017 – Fritto misto

Le Marche sono molto di più che una festa per il fritto misto, ma la festa potrebbe essere l’occasione per conoscere meglio la regione.

ASCOLI PICENO

FRITTO MISTO 2017, CASINI: “RICCA E ARTICOLATA LA PARTECIPAZIONE DELLA REGIONE CON IL PSR MARCHE 2014/2020”

Dal 22 aprile al 1° di maggio, la Regione Marche sarà tra i protagonisti dell’edizione 2017 di Fritto Misto:

la kermesse dedicata alle più importanti fritture delle tradizioni regionali italiane e internazionali, che si svolgerà nella splendida cornice del centro storico di Ascoli Piceno.

La rassegna, giunta ormai alla sua tredicesima edizione, è stata caratterizzata, negli anni, da un significativo successo di pubblico (le presenze dell’edizione 2016 hanno superato i 90.000 partecipanti, registrando la vendita di circa 150.000 assaggi), che ha premiato una formula semplice ed efficace, il cui obiettivo principale è quello di presentare la più ampia carrellata possibile sulle specialità fritte partendo da materie prime di qualità, sempre provenienti dalle regioni di origine. “Il legame con il territorio è una peculiarità dell’agricoltura italiana da valorizzare.

A Fritto Misto questo connubio viene esaltato con la dovuta attenzione e con l’originalità di una manifestazione che ha saputo ritagliarsi una propria identità nel panorama nazionale”, commenta la vice presidente Anna Casini, assessore regionale all’Agricoltura.

La Regione Marche, oltre a patrocinare l’evento, parteciperà con uno stand istituzionale dedicato al Programma di Sviluppo Rurale Marche 2014/2020, “che sarà allestito – anticipa Casini – con le immagini della nuova campagna istituzionale e animato da un calendario di appuntamenti all’insegna della convivialità, dell’approfondimento e della degustazione, realizzati grazie alla collaborazione con i produttori delle eccellenze agroalimentari regionali”.

Inoltre saranno organizzati due seminari di approfondimento, sempre “a firma” PSR Marche: il giorno di apertura, sabato 22 aprile alle ore 15.30, presso l’Area Eventi si terrà “L’IGP MARCHE: un nuovo inizio per l’olivicoltura regionale – Una risorsa per il PSR Marche 2014/2020” dedicato a illustrare questo importante traguardo raggiunto dall’olivicoltura regionale marchigiana, comparto d’eccellenza.

Una nota dolente: nonostante la gentilezza e competenza della persona che rappresentava la stampa alla BIT 2017 (fiera del turismo a Milano), i comunicati e il materiale stampa ricevuto NON hanno MAI una foto allegata !!!

Noi abbiamo sopperito con nostre foto fatte al loro catalogo; peccato, con tutti i soldi che le Regioni spendono per il turismo …  (e non solo) fa benissimo il suo mestiere e invia e mette a disposizione foto di grandi fotografi, spesso riceviamo foto, da regioni e istituzioni italiane, che è evidente come siano maldestramente aggiornate con un poco di Photoshop … impresentabili, nemmeno foto fatte da bambini  (almeno oggi con i telefonini ..)

EVENTO sul lago di COMO a Lecco – Bici elettrica protagonista per tutti – Da non perdere dal 12 al 14 maggio 2017

Corsi di e-mtb

Test ride e prove

Anche speciali eventi riservati ai più piccoli; dai 18 mesi in su !!!

Dal 12 al 14 maggio 2017

E-BIKE ANCORA PROTAGONISTE
A LECCO
UN FINE SETTIMANA RICCO DI EVENTI

Novità del 2017:
TrailUP e-powered by Bosch: escursioni di mezza giornata
in compagnia di una guida alla scoperta del territorio

WOW: escursione in bicicletta solo per ragazze con pausa relax nel boutique hotel Casa sull’albero

Mamma Sprint, divertente iniziativa tra birilli.

RideUp, lessons di e-mountain bike con la Gravity School

La bicicletta elettrica sarà ancora protagonista dal 12 al 14 maggio di Bike-Up il primo festival europeo interamente dedicato alla bicicletta a pedalata assistita.

Molte le novità di questa 3 giorni.

Il calendario infatti degli appuntamenti si presenta molto ricco e la manifestazione sarà un’occasione unica per appassionati, sportivi e famiglie per “toccare con mano” e sperimentare, attraverso test ride e prove, cosa significhi utilizzare una bicicletta a pedalata assistita.

Ci saranno attività per tutte le età… a partire dai 18 mesi!

Unico requisito richiesto: la curiosità di provare.

CALENDARIO DEGLI APPUNTAMENTI:

TrailUP e-powered by Bosch
È l’iniziativa che ha l’obiettivo di dare a tutti la possibilità di esplorare il territorio, visitare aree d’interesse culturale e paesaggistico senza eccessivo sforzo o allenamento grazie all’utilizzo delle biciclette elettriche.

Escursioni di mezza giornata guidati da una guida esperta alla scoperta del territorio sia dal punto di vista culturale e paesaggistico che enogastronomico. L’obiettivo è quello di estendere l’esperienza dell’escursione in bicicletta anche a chi non è ciclista grazie all’ausilio dell’assistenza alla pedalata.
Quando: sabato e domenica con una partenza la mattina (ore 10.30) e una il pomeriggio (ore 14.30)
Costo: guida, noleggio e-bike, degustazione, 25€

Up-E cicloraduno elettrico
Sarà organizzato UP-E il cicloraduno elettrico che invita tutti i proprietari di biciclette a pedalata assistita a partecipare. Un’escursione in compagnia sulle rive del Lago di Como.
Quando: domenica mattina alle ore 10

RideUP lesson by Gravity School
Durante BikeUP saranno realizzati anche dei corsi di e-mtb (per imparare a sfruttare le potenzialità delle mtb elettriche) aperti sia a principianti sia a biker di livello avanzato in possesso già di una e bike. Si svolgerà su percorsi con salite scorrevoli e tecniche e discese non impegnative ma complete. Si potrà apprendere o migliorare la postura in sella e l’assetto di guida, l’uso dei freni, come affrontare le curve. Inoltre si apprenderà come gestire il motore, le modalità e l’uso dell’assistenza. Ogni corso ha la durata di 3 ore con un massimo di 15 persone e 2 Coach.
Quando: sabato e domenica, ore 10 e 15
Costo: 35€

Mamma Sprint
Uno slalom pensato ad hoc per tutte le mamme che vorranno cimentarsi in sella a una e-bike, munita di un cestino pieno di generi alimentari. L’obiettivo di ogni mamma è terminare l’insidioso percorso senza perdere la propria spesa. Mamma Sprint è un modo per testare l’abilità delle donne cicliste e mamme allenatissime nei mille impegni quotidiani. Al termine della gara la mamma che avrà fatto il tempo migliore riceverà un premio… sorprendente!
Quando: domenica mattina dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 17

WOW
“Woman on Wheels” è nuovo format di eventi pensato appositamente per le biker e per tutte le donne che vogliono avvicinarsi al mondo della bicicletta. L’appuntamento pensato durante Bike Up prevede un tour in bicicletta che porterà il gruppo, sino a Malgrate, dove nella suggestiva location del boutique design hotel “Casa sull’albero”, ci si rilasserà nella spa dell’hotel, gustando un (meritato!) aperitivo.
Quando: sabato mattina alle ore 10

Bike UP www.bikeup.eu
QUANDO 12 – 14 MAGGIO 2017
DOVE LECCO
Festival Piazza Cermenati, XX Settembre e Piazza Garibaldi
Workshop e conferenze Sala Conferenze presso Palazzo delle Paure – Piazza XX Settembre, 22

Vacanze e weekend in montagna – Sul sentiero “Castelronda” Bolzano – Quindici chilometri tra storia e natura

Nasce il sentiero “Castelronda”, quindici chilometri tra storia e natura nel territorio di Bolzano

Ad arricchire il già ampio ventaglio di itinerari del territorio bolzanino, questa primavera sarà inaugurato il nuovo tracciato “Castelronda”, di cui faranno parte cinque imperdibili castelli.

E il 10 e 11 giugno torna anche l’omonima manifestazione

 – Una proposta per scoprire un patrimonio artistico e un paesaggio unico in un modo diverso, slow, camminando a braccetto con la storia: questo è il nuovo sentiero “Castelronda”, che collegherà il capoluogo altoatesino a Terlano, passando per i castelli Roncolo, Rafenstein, Greifenstein, Helfenberg e Neuhaus.

In tutto 15 km di comodo sentiero, percorribile in singoli step dalla primavera fino all’autunno inoltrato, adatto anche a famiglie con bambini, illustrato con una segnaletica zeppa di spunti curiosi e informazioni sulla storia e sulle leggende di ogni dimora.

Tantissime le cose da non perdere: dagli splendidi affreschi a soggetto profano di Castel Roncolo – che narrano scene di vita cortese, episodi di caccia, tornei cavallereschi e momenti di vita quotidiana – fino ai severi e un po’ spettrali spalti dell’antico Castel Rafenstein.

E poi ancora, in posizione dominante sopra Terlano, si potrà visitare Castel Greifenstein, conosciuto anche come il “castello del porco” (Sauschloss): il soprannome è legato all’assedio del 1420, durante il quale uno degli assediati, viste le scorte quasi esaurite, ebbe l’idea di non uccidere l’ultimo maiale rimasto, ma di gettarlo dall’alto con atteggiamento di sfida al nemico, il Duca Federico d’Austria.

Si narra che gli assedianti, non appena videro una tale ostentazione di ingenti provviste, persero ogni velleità di conquista e si ritirarono.

Sopra il borgo di Settequerce, si ergono invece le rovine del maniero Helfenberg, che offrono un eccezionale scorcio panoramico sulla Valle dell’Adige.

Infine si raggiungerà la roccaforte di Castel Neuhaus, appollaiata su un ripido sperone roccioso: la sua fama è legata a Margarethe Maultasch (attributo che fa riferimento alla bocca informe o, forse, alla sua “linguaccia”), duchessa della Carinzia e del Tirolo, che vi soggiornò spesso, conducendo uno stile di vita fatto di lussi ed eccessi.

Il 10 e 11 giugno un’avventura a spasso nel tempo

Il nome è lo stesso, ma la manifestazione Castelronda è qualcosa di diverso da una semplice escursione di castello in castello.

L’edizione 2017, che si svolgerà nelle giornate di sabato 10 e domenica 11 giugno, conferma infatti la formula che l’ha resa un appuntamento di successo:

— un’esperienza originale, valorizzata da appuntamenti speciali, visite guidate e momenti di intrattenimento, dove stimoli culturali e artistici si coniugano con una full immersion nella natura.

Questa edizione toccherà sei tra i più spettacolari castelli nei dintorni di Bolzano.

Nei pressi di Bolzano, sosta imprescindibile è Castel Firmiano, sede dell’MMM Firmian, cuore pulsante dei cinque musei dedicati alla montagna voluti da Reinhold Messner dove sarà lo stesso alpinista altoatesino ad accogliere i visitatori.

Non lontano, a Castel Roncolo, si rivivranno le scene narrate dal grande ciclo di affreschi medievali a tema profano, grazie a racconti a tema e particolari workshop.

Altre visite guidate a Castel Mareccio, sempre nei pressi del capoluogo e, spostandosi verso Appiano, a Castel Moos-Schulthaus, con una particolare attenzione agli ospiti più giovani.

Imperdibile anche l’imponente fortezza di Castel Trostburg, a Ponte Gardena, scrigno di saloni storici perfettamente conservati e ancora arredati e del più grande torchio esistente in Alto Adige.

Infine, a Castel Boymont di Appiano, degustazione gratuita di vini per i grandi e istruttive esperienze per i più piccoli.

Appositi servizi navetta consentiranno gli spostamenti tra le varie tappe di Castelronda, in un fitto intreccio di eventi pensati per tramutare la storia in una piacevole esperienza alla portata di tutti.

Residenze di charme e locali gourmet, le piacevoli sorprese di manieri e fortezze

Oltre a essere meta di interessanti escursioni, alcuni dei castelli che punteggiano il territorio di Bolzano e dei suoi dintorni offrono anche la possibilità di romantici soggiorni.

Soprattutto nei pressi di Appiano sono davvero tante le dimore storiche trasformate in alberghi di charme.

Per chi, ad esempio, vuole vivere una notte da cavaliere (o dama) c’è Castel Englar, il maniero gotico meglio conservato di tutto l’Alto Adige, la cui ala ovest ospita un hotel dall’atmosfera chic, impreziosita da arredi e decorazioni d’epoca.

Altre romantiche occasioni di soggiorno sono offerte da Castel Paschbach, con le sue fascinose suite, dal fiabesco Schloss Warth, ovvero Castel Guardia, nascosto tra frutteti e vigneti, con la scenografica torre dominante l’Oltradige o dalla residenza di charme Tschindlhof, sempre nei dintorni di Appiano.

Per chi è invece più interessato all’aspetto gourmet, imperdibile lo Schloss Hotel Korb di Missiano dove, oltre alla possibilità di gustare un menu genuino e insaporito con le spezie dell’orto, si può contare sulla sensazionale scelta di bottiglie della cantina del proprietario Fritz Dellago.

Nei pressi di Bolzano ottimi piatti della tradizione a Castel Roncolo, in una location che riecheggia una taverna medioevale, e a Castel Flavon-Haselburg, al cospetto di antiche mura.

A Caldaro, invece, si trovano Castel Ringberg, magnifico palazzo immerso tra i vigneti (perfetto per una break veloce o uno spuntino freddo), e le cantine di Castel Sallegg, con il meglio della produzione vitivinicola altoatesina.

Infine a Cortaccia, sulla Strada del Vino dell’Alto Adige, Castel Turmhof-Tiefenbrunner, è ideale per una gustosa sosta, con tipica merenda sudtirolese a base di Speck, formaggi locali e Schüttelbrot (pane di segale) servita nell’accogliente stube in legno.

Ulteriori informazioni: www.bolzanodintorni.info

Muoversi green. Le proposte per chi vuole lasciare a casa l’auto

· In treno, con le Ferrovie Austriache e Tedesche
Con i treni DB-ÖBB EuroCity si raggiunge comodamente Bolzano da Verona a partire da soli 9 € (da Bologna e Venezia SL a partire da 19 €). I bambini fino a 14 anni viaggiano gratis, se accompagnati da un genitore o da un nonno. Per maggiori informazioni: www.megliointreno.it
· Mobilcard Alto Adige
Con Mobilcard, si possono utilizzare tutti i mezzi pubblici del Trasporto Integrato per scoprire l’Alto Adige. Biglietto valido per 7 giorni a 28 €, oppure 3 giorni a 23 € e 1 giorno a 15 €. Mobilcard Junior (sotto i 14 anni) costa la metà, mentre i bambini fino a 6 anni viaggiano gratis.

· Winepass PLUS
Abbina museumobil Card e l’offerta lungo la Strada del Vino. Il WinePass PLUS è incluso nel prezzo di pernottamento di strutture scelte e apre le porte al mondo affascinante della Strada del Vino dell’Alto Adige. Per informazioni: www.stradadelvino-altoadige.it

Informazioni:
Consorzio Turistico Bolzano Vigneti e Dolomiti
tel. 0471 633 488
info@bolzanodintorni.info
www.bolzanodintorni.info

Weekend da non perdere a Como – Dal 28 aprile al 14 maggio Festival delle Luci 2017 – Ingressi gratuiti

4a edizione del Festival della Luce a Como

Rapporto tra luce e colore

La sera Como si illumina di luci, un motivo in più per visitare di sera la città e godere delle sue suggestioni.

Un ricco programma di incontri, mostre e laboratori.

Tutto a ingresso gratuito

Sabato 6 maggio: dalle ore 22 – Piazza Grimoldi, conferenza scientifica “Dentro il colore. Viaggio dentro il colore e la visione “. Conferenza e teatro moltimediale di artisti di strada. Un viaggio attraverso la luce e il colore, con sfere colorate, effetti luminosi, farfalle illuminate sui trampoli ecc…

Venerdì 28 aprile – domenica 14 maggio dalle 9.30 alle 18 la mostra interattiva “Colori” in Piazza Broletto con anche un omaggio al grande artista Gerard Richter.

Domenica 14 maggio, ritrovo a Villa Olmo pe rla passeggiata “Ai bordi della città sulle orme del divo Volta”

L’ISCRIZIONE SUL SITO E’ OBBLIGATORIA PER PARTECIPARE

Per saperne di più: http://www.festivaldellaluce.it

Vacanze 2017 dove ? – In SLOVENIA: 10 must do – must see ! – Terme mare cultura gastronomia sport …

Vacanze eco-sostenibili

VACANZE ESTATE 2017 DOVE ?

SLOVENIA SE VOLETE: natura, aria buona, sport, mare, arte, gastronomia, terme ecc…

Il cuore verde d’Europa sorge tra Alpi, Mediterraneo, il misterioso Carso, e le sue 11.000 grotte, e la pianura Pannonica, ricca di sorgenti termali.

Benvenuti in Slovenia, l’unico Paese al mondo il cui nome racchiude
la parola LOVE!

E’ uno dei paesi più piccoli d’Europa ma, allo stesso tempo, uno di quelli con la maggiore biodiversità del mondo.

Dalle terme ai castelli, dalle grotte carsiche all’orso bruno nel suo habitat naturale, la Slovenia riserva piacevolissime sorprese!

Scoprite insieme a noi cosa non dovete assolutamente perdere durante il vostro soggiorno in questa meravigliosa gemma color smeraldo… ci sono infinite cose da fare, vedere ma, soprattutto, da vivere! #feelsLOVEnia

1 – Anima eco-sostenibile

Con quasi il 60% del territorio coperto di foreste incontaminate, la Slovenia è uno dei Paesi più ricchi di biodiversità del mondo e può vantare oltre 24.000 specie di animali, tra cui circa 600 esemplari di orso bruno, una delle più grandi popolazioni in Europa.

DA RICORDARE CHE L’ORSO BRUNO DELLA SLOVENIA, NON E’ PERICOLOSO COME QUELLI AMERICANI. Basterà avere a portata di mano un campoanellino e gli orsi si allontanano subito.

La sua capitale, Lubiana, è stata insignita del titolo di Capitale Verde Europea 2016 ed il paese ha recentemente vinto un ambito premio assegnato da National Geographic alle destinazioni che incoraggiano il turismo eco-sostenibile.

2 – Lubiana e l’architettura

Jože Plečnik (1872-1957), il più grande architetto sloveno, è considerato uno dei più importanti pionieri dell’architettura moderna al mondo.

Il suo lavoro creativo ha segnato profondamente l’aspetto di tre città dell’Europa centrale: Vienna, Praga e soprattutto la sua nativa Lubiana, che ha dedicato il 2017 a questo grande artista, con numerosi eventi a lui rivolti.

Il segno che l’architetto ha lasciato è così distintivo e indelebile che la Lubiana di Plečnik come specialità urbana unica si posiziona tra le opere più originali e più complete d’arte del XX secolo in tutto il mondo. Se amate il design, il Vander Hotel vi lascerà senza parole!

Foto: Lubiana di notte

3 – Bled e la campana dei desideri

In cima ai 99 scalini che s’innalzano dalla riva del lago sull’unica isola del territorio sloveno, si trova la famosa chiesetta della campana dei desideri.

Secondo la leggenda, un’inconsolabile vedova fece fondere tutto il suo oro e il suo argento per realizzare una campana in memoria del suo sposo ucciso ma, a causa di una tempesta, la preziosa campana non arrivò mai a destinazione, affondando nelle acque del lago. La donna si ritirò quindi in convento e il papa fece fondere una nuova campana che venne collocata nel campaniletto sul tetto della chiesetta. I viaggiatori, suonando tre rintocchi, possono esprimere un desiderio alla misericordiosa signora del lago… cosa aspettate?

4 – Acque benefiche

Sapevate che la Slovenia è uno dei paesi più ricchi d’acqua in Europa?

Oltre ai tanti fiumi, tra cui l’Isonzo, il fiume color smeraldo, e alle acque sotterranee, alcune navigabili attraverso le grotte carsiche, il paese vanta numerose sorgenti termali e minerali.

Sono più di 20 le stazioni termali, 14 delle quali appartenenti all’Associazione dei centri termali e di cura naturale sloveni. Ognuna di esse offre un diverso tipo di soggiorno in base alle esigenze di ogni singolo cliente, dai tradizionali trattamenti curativi agli innovativi programmi di bellezza e relax.

5 – La prima fontana di birra

A Zalec, a nord-est della capitale Lubiana, nella valle della Bassa Savinja, nota anche come “la valle dell’oro verde” per via delle piantagioni di luppolo, è stata inaugurata la Pivska Fontana, ovvero la prima fontana pubblica di birra in Europa che distribuisce birra ai passanti grazie ai suoi 5 rubinetti. Per attivare la curiosa struttura è necessario un apposito boccale dotato di microchip, acquistabile in loco al prezzo di 6 euro.
Pronti a fare il pieno di nettare biondo?

6 – Cucina stellata al femminile

 

E’ slovena la World Best Female Chef 2017: Ana Roš è stata premiata quale migliore al mondo dalla classifica 50 Best Restaurants di Londra, il magazine che ogni anno stila la classifica dei migliori 50 ristoranti del mondo. Siete curiosi di gustare i suoi capolavori culinari? Ana vi aspetta al Hiša Franko di Kobarid, Caporetto, sul confine con l’Italia.

7 – La vite più antica del mondo

La tradizione vinicola nel nord-est della Slovenia è caratterizzata da eccellenti vini bianchi di fama mondiale. Qui, nel centro di Maribor, la seconda città slovena, cresce la vite più longeva al mondo, risalente a più di 400 anni fa. Si tratta dell’unica pianta che vanta un museo proprio, la Casa della Vecchia Vite, e diverse manifestazioni in suo onore. Imboccate le strade del vino nei dintorni della città e divertitevi a scoprire le antiche tradizioni locali, tra agriturismi e cantine d’eccellenza!

8 – Il Drago del Carso

Nelle cavità carsiche slovene vivono oltre 150 specie animali, tra cui il Proteo, simile ad un piccolo drago, l’unico vertebrato europeo che vive esclusivamente nel mondo sotterraneo, si pensa anche fino a 100 anni.

Le Grotte di Postumia, le grotte turistiche più visitate in Europa, ospitano un vivaio dove poter ammirare questa creatura misteriosa e trovare maggiori informazioni su questa specie rara e in via di estinzione. Nel 2016, per la prima volta nella storia, alcune uova di drago si sono schiuse nel vivaio ed un piccolo di drago ha visto per la prima volta il buio del mondo carsico!

9 – Le grotte di San Canziano, primo sito Unesco

Le Grotte di San Canziano si distinguono fra le oltre settemila grotte della Slovenia per la grandezza delle sale e della gola sotterranea.

Si articolano, infatti, in maniera a dir poco eccezionale, in undici stanze collegate le une alle altre, con doline, ponti naturali ed inghiottitoi. All’interno delle grotte si possono ammirare splendide stalattiti e stalagmiti dalle meravigliose forme e dai molteplici colori, ma a rendere il tutto ancora più interessante è la presenza del fiume Reka che continua a scorrere in un percorso sotterraneo, reso ancor più emozionante dalla presenza di cascate e dal rimbombo delle rapide. Non a caso queste meravigliose grotte sono state il primo sito sloveno incluso nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO!

10 – I cavalli bianchi dell’imperatore

Lipica, sul Carso sloveno, a due passi da Trieste, è il regno di una delle razze equine più pregiate al mondo, quella lipizzana appunto.

Si tratta della più antica scuderia europea, con una storia di oltre 400 anni legata a quella della corte asburgica.

A fondare l’allevamento, nel 1580, fu, infatti, il figlio dell’imperatore Ferdinando I d’Austria che per primo aveva notato la bellezza di questi esemplari, il loro portamento elegante ed il manto candido che incarna alla perfezione l’idea del cavallo nobile. Non solo: docile, mansueto, incredibilmente predisposto all’apprendimento, è il protagonista indiscusso di parate, numeri di dressage e spettacoli a suon di musica!

TUTTI PAZZI PER MELANIA (TRUMP)

la città di Sevnica, a est della capitale Lubiana, è molto orgogliosa di aver dato i natali a Melania Trump, tanto che la first lady americana può ormai vantare tutta una serie di prodotti creati in suo onore: dal miele al vino rosso in edizione limitata, dal cioccolato agli insaccati, dalle creme alle pantofole modello “White House”. E se volete scoprire di più sul suo passato, niente paura! L’agenzia turistica locale ha creato il tour “Seguendo le orme di Melania”.

Ente Sloveno per il Turismo in Italia Tel: + 39 02 29511187 – 02 29514157
Galleria Buenos Aires, 1 – 20124 Milano
milano@slovenia.info – www.slovenia.info

Vacanze con i bambini dove ? – In montagna è tutta un’altra cosa !!!

LA MONTAGNA A PORTATA DI BAMBINO: PASSEGGIATE ED ESCURSIONI PER LA FELICITA’ DEI PIU’ PICCOLI

Trentino Alto Adige, Veneto, Valle d’Aosta, Friuli Venezia Giulia: tanti buoni motivi per scegliere le migliori escursioni per famiglie selezionate da Bimboinviaggio.com…anche con passeggino!
Image

Passeggiate per famiglie in montagna, di un’ora o di una giornata.

Nel cuore delle Dolomiti o sulle sponde del Lago di Garda, tra gli alpeggi della Valle d’Aosta o seguendo il corso di rii e il richiamo di boschi fatati.

Escursioni facili e per tutte le gambe, perfino per le mamme (e i papà) con passeggino.

Quali sono i migliori sentieri per le famiglie che desiderano trascorrere un fine settimana in montagna?

Per migliori si intendono quelli attrezzati con aree di sosta e segnaletica, curati e senza il passaggio di veicoli a motore e privi di pericoli oggettivi come strapiombi o punti scoscesi.

Ma soprattutto sentieri in grado di accendere la fantasia e l’interesse dei più piccoli.

C’è un piccolo segreto per scoprire se le passeggiate fanno la felicità dei bambini. Basta leggere i segni del viso una volta tornati alla base.

Se, inevitabilmente un po’ stanchi dopo il cammino, si abbandonano sulla sedia o sul divano e incrociando il nostro sguardo sollevano leggermente gli angoli della bocca per formare un piccolo spontaneo sorriso, allora ne è valsa la pena. Una piccola miniera di ricordi li accompagnerà per molto tempo.

I bei panorami e gli orizzonti senza fine piacciono a tutti, certo, ma le storie dei segreti dei boschi, i racconti di gnomi e folletti, le favole degli abitanti della natura, le gare a chi avvista più animali offrono quella spinta in più per passeggiare senza pensare troppo alla fatica.

Perché anche camminare è una forma di divertimento, insegnamolo (fin da piccolissimi) ai nostri figli e sapranno apprezzarlo.

Se i percorsi di una giornata sono da preferire per le piccole gambe, la Valle d’Aosta fornisce un ampio ventaglio di opportunità di vita all’aria aperta tra prati e boschi, cascate d’acqua e rocce scoscese (solo da ammirare!).

Basta un’oretta di facile cammino per raggiungere la diga di Place Moulin fiancheggiando il lago artificiale dalle acque color verde giada. Naturalmente questa strada è solo per camminatori: è vietata ai veicoli. Il sentiero dalla chiesa di La Magdeleine a Chamois unisce invece l’utile al dilettevole: è una passeggiata tematica per i bambini che ha come filo conduttore il tema dell’energia. Fa parte della Gran balconata del Cervino e lungo il sentiero sono collocate sette installazioni su acqua, fuoco, terra e sole.

E se le gambe fanno un po’ male, la doppia funicolare offre la possibilità di volare per 20 metri.

Andare in montagna con altri bambini ovvero con famiglie amiche con piccoli al seguito dà una spinta in più perché si presentano nuove occasioni di gioco. E così un’altra piacevole passeggiata di gruppo è quella tra le praterie e gli alpeggi sulla collina soleggiata da Saint-Vincent a Emarèse.

Ovunque si vada è sempre meglio preferire percorsi semplici e larghi evitando quelli scoscesi. E l’Alto Adige ha molto da offrire. Una interessante escursione per tutta la famiglia è quella che da Obereggen arriva al famoso Lago di Carezza detto il Lago dell’Arcobaleno, casa della bella ninfa ondina, di cui si era innamorato lo stregone Latemar.

È una bella storia da farsi raccontare così come quelle che accompagnano le Tre Cime di Lavaredo, da raggiungere anche con i bambini.

Per aumentare il tasso di divertimento si può partecipare alla caccia al tesoro al Rifugio Lee muovendosi da San Leonardo (Badia) con tanto di visita alla grotta della neve. T

ra sogno, mistero e spazi infinti è la passeggiata alla scoperta dell’Alpe Seceda da Santa Cristina in Val Gardena. Lo sguardo di grandi e piccoli viene inevitabilmente catturato dalle imponenti Odle con le cime svettanti, i prati verdi e le caratteristiche malghe. Tutto molto facile e tutto molto bello.

Ma poi, diciamola tutta, se un bambino confessa di essere stanco, molte volte è solo annoiato.

Non si capisce altrimenti perché in pochi secondi riesce a passare dai capricci alle corse a perdifiato.

Succede anche in Trentino dove i più piccoli hanno chilometri di sentieri da percorrere e centinaia di metri quadrati di prati senza fine dove camminare e correre senza una meta, ma solo per il piacere di essere bambini.

Come amano ripetere da queste parti, chi dice che per far respirare l’aria buona al nuovo arrivato, tu debba restare senza fiato?

Una passeggiata comoda è allora quella panoramica tra i campi coltivati della Val di Gresta fino a Malga Somator. Avviandosi da Passo Bordala (siamo a 1.253 di altezza), ci si incammina lungo un percorso in falsopiano costeggiando i prati coltivati a ortaggi bio: patate, carote, cavoli cappucci, radicchio. E poi, giungendo verso la malga, si presenta una doppia possibilità: il bel bosco sulla destra o il grande prato a sinistra?

Qui le mamme e i papà possono proseguire con il passeggino, i bambini sbizzarrirsi all’aria aperta e tutta la famiglia gustare i piatti tipici della tradizione trentina.

Un secondo itinerario consigliato percorre il borgo di Frapporta, nel cuore del paese di Tenno, proprio la parte più antica. Qui si trovano grandi case in pietra percorse da stradine strette e caratteristiche.

Il borgo è dominato dal castello, ideale conquista per i piccoli camminatori.

Nella zona archeologica di Fiavé c’è invece un piccolo sentiero che oltrepassa il Doss dei Gustinacci, dove riposano i resti di abitazioni in pietra risalenti a oltre tremila anni fa: è uno dei 111 siti palafitticoli preistorici dell’arco alpino, Patrimonio mondiale dell’umanità dell’Unesco.

E che dire dell’itinerario delle streghe, dalla località Le Cross, poco sopra il paese dipinto di Balbido e caratterizzato da murales sulle pareti delle case? Sorprenderà (e spaventerà) i più piccoli? Qui, nel 1656, vennero erette cinque croci in ferro per tenere lontane le streghe che importunavano i contadini alla ricerca di legna e fieno.

Ovunque si vada, un altro piccolo segreto per rendere partecipi i bambini dell’esperienza del cammino è coinvolgerli in quello che si fa, dalla preparazione dello zainetto fino all’illustrazione della mappa passando per la spiegazione del significato dei cartelli e delle indicazioni.

È naturalmente importante che le aree di montagna siano adeguatamente attrezzate e il Veneto recita una parte da protagonista.

Le Cinque Torri, speroni rocciosi che dominano Cortina d’Ampezzo, sono visitabili anche dai bambini con un facile percorso ad anello: si ritorna sempre al punto di partenza.

Siamo nel cuore delle Dolomiti bellunesi e un altro itinerario da segnare sul taccuino va dritto alla scoperta del Lago Sorapis, uno degli specchi d’acqua più belli della zona e tra i più apprezzati dalle famiglie per le numerose possibilità di risorse.

Quella da Col Drusciè al lago Ghedina, tra boschi incantati e paesaggi fiabeschi, è un’altra facile camminata nelle vicinanze di Cortin. Così come quella all’interno della profonda gola dei Serrai di Sottoguda: lo spettacolo della natura lascia felicemente interdetti.

Una facile escursione nel Friuli Venezia Giulia è quella intorno al rifugio Giaf, proprio all’ingresso delle Dolomiti friulane.

Le ragioni sono due: c’è tanta natura che aspetta di essere conosciuta e la stanchezza accumulata viene compensata con tante delizie gastronomiche.

Il Bosco Romagno a Cividale del Friuli è un parco naturale ricreativo gestito dalla Direzione delle Foreste e della Caccia della Regione Friuli Venezia Giulia.

Perché visitarlo con i bambini?

Semplicemente perché, come suggerisce il nome, è un Parco ricreativo ovvero un luogo di conoscenza, di esplorazione e di divertimento.

Dall’entrata nord sono due le strade percorribili. La prima conduce passo dopo passo in un’area giochi attrezzata. La seconda segue il corso del rio Cornizza e porta verso il Centro Visite, sempre accompagnati dai rassicuranti pannelli didattici sulla flora e la fauna della zona.

Da tenere in considerazione anche i laghi di Fusine con tanto di gita in barca e quel presepe reale rappresentato dal borgo nel comune di Tarvisio sul Monte Lussari.

Se il secolare santuario dà un senso di pace e il panorama che si ammira è una finestra a cielo aperto sulla bellezza delle Alpi Giulie, i passeggini che spuntano rassicurano di come questo sia un angolo di mondo per le famiglie.

Referenze: Homepage www.bimboinviaggio.com

Bimboinviaggio.com, portale leader nella prenotazione di Hotel per famiglie con oltre 300 strutture recensite in Italia e nel mondo, da hotel indipendenti a catene alberghiere fino a sistemazioni in villaggi, campeggi, residence e agriturismi, propone consigli, esperienze e informazioni per organizzare un soggiorno perfetto.
Bimboinviaggio.com è composto da persone innamorate degli Hotel di qualità. Delle loro storie, delle tradizioni, delle donne e degli uomini che li organizzano, dei posti in cui questi nascono e si rinnovano, dei bambini che in quei luoghi si divertono.
Image

PONTI DI PRIMAVERA NEL LUSSO – Amsterdam tulipani e cibo giapponese gourmet – Hotel Okura

Hotel-Okura-Amsterdam-Ciel-Bleu-Restaurant-Langoustine

Hotel-Okura-Amsterdam-Yamazato-Restaurant-Shokado-Bento-Box-

AMSTERDAM IN SALSA WASABI

– Hotel Okura

Per i ponti primaverili la città dei tulipani è una meta imperdibile.

Un indirizzo originale e raffinato è il giapponese Hotel Okura, 5 stelle lusso, l’unico hotel in Europa ad avere un totale di 4 stelle Michelin ed un Bib Gourmand per i suoi 4 ristoranti.

Farsi trasportare in battello per i canali ammirando le case dalla suggestiva architettura; visitare musei magnifici come quello dedicato a Van Gogh; vedere la casa di Rembrandt o di Anna Frank; girovagare per il Red Light District o per le boutique di design delle 9 Straatjes: Amsterdam è tutto questo e ancora di più.

E per il soggiorno perché non scegliere un albergo che sicuramente detiene un record mondiale?

L’Hotel Okura, i cui quattro ristoranti sono stati tutti premiati dalla Guida Michelin, offre un’esperienza davvero speciale.

Il famoso Ristorante Ciel Bleu ha due stelle Michelin, il Sazanka e lo Yamazato una stella rispettivamente, e il Serre è segnalato come Bib Gourmand, cioè quelle tavole che vantano un ottimo rapporto qualità prezzo.

Il magnifico Ristorante Ciel Bleu, situato al 23° piano dell’hotel, ha due stelle Michelin dal 2007 ed è condotto dai Master Chef Onno Kokmeijer e Arjan Speelman.

Il soffitto color blu ghiaccio, decorato da un fantastico lampadario moderno in vetro di Murano, è uno degli elementi più attraenti del design d’interni.

Ma ciò che lascia senza fiato è la vista spettacolare sulla città dalle ampie vetrate.

I due chef offrono un percorso gastronomico innovativo che dona un’esperienza indimenticabile e sono costantemente alla ricerca di piatti per stuzzicare la curiosità visiva dei commensali. Il “tavolo dello chef” accanto alla cucina è disponibile per un massimo di 10 ospiti.

Oltre al Ciel Bleu, l’hotel dispone di altri tre ristoranti.

Al piano terra, circondato da un tipico giardino di roccia, si trova il Ristorante Yamazato, che ha ricevuto la sua stella nel 2002, diventando così il primo ristorante giapponese di alta cucina classica in stile “kaiseki” ad essere premiato con una stella Michelin in Europa.

La prestigiosa guida ha elogiato il Ristorante Sazanka per gli anni di qualità costante: “Sazanka vi conduce ad un’avventura in Giappone. I sobri interni impostano il tono; poi entra lo chef, che prende con orgoglio il suo posto dietro il tavolo e dà spettacolo cucinando direttamente sulla piastra “teppanyaki” davanti agli ospiti.

Egli dimostra con sicurezza le sue abilità ed utilizza ottimi ingredienti per creare sapori che forniscono contrasto, ma sono sempre ben equilibrati”.

Il Ristorante Serre offre un menù internazionale e la guida Michelin gli ha conferito il Bib Gourmand, riconoscimento che premia i ristoranti che offrono cibo di qualità ad un prezzo conveniente.

L’Hotel Okura dispone inoltre di due bar, di cui il Twenty Third è noto per essere il miglior cocktail bar d’Olanda.

Nel centro gastronomico ‘Taste of Okura’ gli chef danno lezioni di cucina, mentre i sommelier spiegano come abbinare il vino e il sake con le creazioni culinarie preparate sul posto.

L’Hotel Okura di Amsterdam offre 300 camere e servizi di alta qualità oltre ad un Centro Fitness e alla Nagomi Spa & Health con piscina interna.

È situato vicino al quartiere dei musei ed a poca distanza dalle attrazioni turistiche della città.

Pezzo della camera doppia in primavera a partire da euro 260 inclusa prima colazione.

È l‘unico hotel in Europa di una catena giapponese che vanta più di 80 alberghi di lusso in tutto il mondo.

Il gruppo include gli Okura Hotels & Resorts, JAL Hotels e Nikko Hotels International. I Paesi Bassi hanno una lunga tradizione di stretti rapporti con il Giappone: la Compagnia Olandese delle Indie Orientali, fondata nel 1602, grazie al commercio con l’Asia diventò la più grande impresa commerciale del XVII secolo. A partiredal 1640 detenne il monopolio del commercio con il Giappone. Fino al 1854 gli olandesi furono l’unica finestra del Giappone sul mondo occidentale.

Hotel Okura Amsterdam
Ferdinand Bolstraat 333
1072 LH Amsterdam
Tel. +31.20.6787111 – e-mail info@okura.nl