Archivi categoria: viaggiare con i figli

DOVE VADO IN VACANZA LA PROSSIMA ESTATE ? – PAFOS CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2017 – A Cipro mare – cultura – gastronomia e natura

Scopri, assapora… sogna: To Hani Lounge Bar & Ristorante

Ospitalità: Londa Beach Hotel – Limassol
Soggiorno in casa tradizionale: Aperanti Agrotourism
Pafos Capitale Europea della Cultura 2017

Collegamenti aerei

Buone curiosità: il sale nero di Cipro

News dalla natura: birdwatching sul lago di Larnaka
Da Cipro con stile: Matthew Zorpas, maestro di stile tra gli uomini meglio vestiti al mondo

PAFOS CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2017

Dopo tanta attesa, il 28 e 29 gennaio 2017, con un’intensa due giorni di appuntamenti, ha preso ufficialmente il via “Pafos – Capitale europea della cultura 2017”, che per un anno, con la danese Aahrus, trasformerà la città cipriota in uno straordinario laboratorio a cielo aperto.

Letteralmente creata attorno al concetto di apertura, elemento fondante di Pafos2017, la manifestazione sarà suddivisa in tre macro aree – “Myth and Religion”, “World Travellers” e “Stage of the Future” – e offrirà alla popolazione locale e ai visitatori uno straordinario calendario di eventi che riflette il motto “Linking Continents – Bridging Cultures”.

Nel suo essere laboratorio en plein air, l’area di Pafos vedrà animarsi di nuova luce, in quello che può essere descritto come uno straordinario meccanismo di “democratica creatività”, piazze, templi, monumenti medioevali, siti archeologici, il quartiere di Mouttalos, il restauro di Ibrahim’s Khan, il santuario di Aphrodite, il porto e le comunità costiere.

Per Pafos2017, tutti questi luoghi diventeranno preziose pietre miliari che offriranno agli artisti coinvolti nella manifestazione nuove opportunità per esprimere la loro creatività. Riassumere il programma è pressoché impossibile.

Quasi giornalmente ci saranno differenti appuntamenti che interesseranno differenti discipline e ambiti.

Senza stabilire necessariamente una scala di priorità, dopo il nutrito programma dei giorni di inaugurazione, si può provare ad abbozzare un breve percorso che, mese dopo mese, restituisca la preziosa idea di apertura e incontro tra mondi diversi di Pafos2017.

Tra i primi eventi figurano: 8 febbraio, concerto a quattro mani del pianista portoghese Ricardo Vieira e del pianista giapponese Tomohiro Hatta, 12-18 febbraio, Mostra fotografica “Tales of Two Cities” che attraverso un percorso di immagini di David Pisani metterà in connessione Cipro e Malta,

Capitale della Cultura 2018, Febbraio – Marzo – “Tour and Traces – Pafos City and District”, un tour insolito che dà la possibilità di scoprire Pafos e i dintorni da un punto di vista differente. www.pafos2017.eu

BUONE CURIOSITÀ: IL SALE NERO DI CIPRO

Il sale, delizia e – attualmente, a volte – piccola croce della cucina, è un elemento fondamentale per dare quell’imprescindibile “non so che” a numerose ricette. Tra i sali più pregiati del mondo è presente quello nero di Cipro, estratto per evaporazione mediante un antico processo di lavorazione e arricchito con carbone ottenuto dalla combustione di cortecce di legno dolce. Oltre che buonissimo – insuperabile, in particolare, con piatti vegetariani, pesce, uova e zuppe – è anche molto bello da vedere con i sui fiocchi simili quasi a preziose gemme dal brillante colore antracite metallescente. E, nonostante, appunto, il sale figuri un po’ tra i nemici di uno stile di vita salutare, se consumato senza attenzione, quello nero di Cipro può essere di buon grado inserito tra quelli più amici: è ricco di sostanze minerali naturali “buone” quali il carbone attivo e la struttura unica dei suoi cristalli piramidali, che lo rende croccante e con un’ottima solubilità, inganna il palato, trasmettendogli un’intensa sensazione di sapidità. Di fatto, la rapidità con cui questa informazione arriva al cervello spinge a dosare meglio il sale e, quindi, a farsi del bene… con gusto!

NEWS DALLA NATURA: BIRDWATCHING SUL LAGO DI LARNAKA

Rimanendo in tema di sale, non si può non menzionare il lago salato di Larnaka, che figura tra le attrattive di questa località nota anche per le sue spiagge.

Meta perfetta per ammirare da un punto di vista davvero particolare il vicino complesso della moschea Hala Sultan Tekke (raggiungibile attraverso un percorso panoramico che segue il profilo del lago), il bacino lacustre di Larnaka è molto amato dai birdwatcher di tutto il mondo, poiché, da novembre a marzo, ospita una colonia di fenicotteri rosa.

Questi eleganti volatili lo hanno scelto come loro dimora e lo abitano in compagnia di numerose altre specie di uccelli acquatici che vivono stabilmente a Cipro – la monachella e la bigia di Cipro non sono presenti in alcun altro luogo del mondo e molti appassionati visitano l’isola unicamente per avvistarli – o che sostano a Cipro lungo i loro percorsi migratori da nord a sud: gambecchio frullino, Silvia di Cipro, tarabusino comune, moretta tabaccata… Nel programmare una visita, oltre a pianificare di portare con sé un binocolo, vale la pena mettere in conto di attendere l’imbrunire, quando al tramonto i raggi del sole calante si riverberano intensamente sulle antiche pietre della moschea e sullo specchio formate dalle acque del lago. Impossibile non emozionarsi!

SCOPRI, ASSAPORA… SOGNA:

TO HANI, LEMESOS (LIMASSOL) – www.tohani.com.cy
Raffinato lounge bar e ristorante, vincitore del premio“Best Leisure Interior Cyprus 2015-2016, ubicato al centro di Limassol e scenograficamente affacciato sul suo castello medioevale. Molto suggestiva la ripartizione su due piani, coperta da un tetto trasparente che dà la sensazione cenare en plein air sotto il cielo di Cipro. Perfetto per una pausa in una posizione strategica per visitare la città o per una cena accompagnata da musica dal vivo. Oltre al pesce, una nota di merito spetta al rito gastronomico cipriota per eccellenza, il meze, specialità locale, che va apprezzata “siga, siga”, lentamente, e che si compone di piccole porzioni di prelibatezze a base di verdure, pesce, carne, salse e… che può contare fino a 30 piatti.

OSPITALITÀ:

LONDA BEACH HOTEL, LEMESOS (LIMASSOL) Boutique hotel 5* parte di Small Luxury Hotels of the World. La sua posizione sul lungomare e le sue dotazioni lo rendono la location ideale per vivere con charme Cipro praticamente tutto l’anno. Caratterizzato da un raffinato design in perfetto equilibrio tra atmosfere di contemporaneo urban style e rimandi stilistici autoctoni, conta tra i suoi plus la SPA (con linee di prodotti Elemis e Thalgo), il ristorante Caprice, il bar a bordo piscina con vista mare e un raffinato lounge bar. 68 le camere suddivise in differenti tipologie – alcune con vista mare – che includono anche romantiche honeymoon suites.

Posizionato a 45 minuti di auto circa dagli aeroporti di Pafos e Larnaka. www.lhondahotel.com

AGRITURISMO APERANTI: IL “CUORE VERDE” DI CIPRO, CON UN’ANIMA ITALIANA

Spesso, dietro ai luoghi con un carattere, si cela una bellissima storia
e così è per l’agriturismo Aperanti, situato nell’incantevole borgo di
Pera Oreinis – a soli 15 minuti dal complesso montuoso di Machairas e a 20 minuti da Lefkosia (Nicosia) – e nato dal desiderio di Sara e Tassos di dare vita a una modalità di ospitalità capace di unire lo spirito più autenticamente agricolo di Cipro e le attrattive di quella parte di entroterra dell’isola che ha saputo conservare una speciale integrità, basata sul rispetto del territorio e delle tradizioni. Sara è nata in Liguria e ha vissuto a Milano dove si è laureata in biotecnologie mediche. A Londra, dove risiedeva per seguire un dottorato in ematologia, ha conosciuto Tassos, originario di Cipro. E dopo qualche anno insieme hanno iniziato a pensare di cambiare radicalmente vita e di trasferirsi a Cipro, in campagna, per coltivare la terra e costruire anche un progetto di turismo sostenibile. Ce l’hanno fatta e hanno vinto addirittura vinto il premio Agriturismo: reinventare l’esperienza a Cipro! L’atmosfera di Aperanti comunica immediatamente l’amore di cui è frutto e un soggiorno in questa bellissima parte dell’isola, grazie alla preziosa capacità di Sara e Tassos di condividere con gli ospiti il loro progetto, permette di mettere veramente le mani in pasta, per imparare, ad esempio, come si fanno gli squisiti formaggi locali halloumi e anari e a produrre l’olio al frantoio locale. Una menzione speciale va anche ai corsi di cucina e alla varietà della loro produzione agroalimentare biologica che, oltre a olio e formaggi, conta profumatissime marmellate alle erbe aromatiche, paté di olive, ortaggi e… ricette speciali come quella dei ravioli con la menta. Tra le attività proposte, trekking, passeggiate a cavallo, kayaking. www.aperantiagrotourism.com

 

DA CIPRO CON STILE: MATTHEW ZORPAS, MAESTRO DI ELEGANZA TRA GLI UOMINI MEGLIO VESTITI AL MONDO

“Il principio dell’eleganza oggi è racchiuso nella scoperta di un dettaglio sbagliato”. Questa frase descrive alla perfezione il senso per lo stile di Matthew Zorpas, cipriota di nascita e, dai tempi dell’università, londinese di adozione (laurea alla London College of Communication e master alla London School of Economics), inserito da numerose classifiche tra gli uomini più eleganti del pianeta (nel 2011 “Esquire” l’ha messo al secondo posto) e da “GQ” tra i 5 fashion influencer da tenere d’occhio nel 2017.

Le sue dieci regole per diventare un gentleman rimbalzano sui siti di tutto il mondo e i marchi più prestigiosi se lo contendono in qualità di testimonial e consulente. Un viaggio tra le immagini del suo www.thegentlemanblogger.com e sui suoi profili social è letteralmente un’esperienza a stretto contatto con la bellezza. Intesa non tanto come qualcosa di strettamente legato al dato meramente estetico, ma come insieme armonico di differenti fattori. Vale la pena quindi di consultarlo per ispirarsi, trovare un consiglio, fugare un dubbio o semplicemente solo per farsi incantare da immagini e outfit. Tra le attività di Zorpas ci sono anche le numerose lezioni in differenti università in qualità di esperto di nuovi media e web marketing. A dicembre 2015, ne ha tenuta anche una a “casa sua”, all’università di Lefkosia (Nicosia).

Seguitissima, ça va sans dire!

COLLEGAMENTI AEREI (stagione autunno-inverno)
Easyjet mantiene i due voli settimanali diretti da Milano Malpensa su Larnaka Ryanair, da fine marzo, vola da Roma Ciampino verso Pafos, con due voli settimanali Aegean Airlines vola da Milano Malpensa, Roma Fiumicino e Napoli verso Larnaka , con scalo ad Atene.

Austrian Airlines vola da Milano Malpensa, Roma Fiumicino, Bologna, Venezia, Pisa e Napoli verso Larnaka, con scalo a Vienna.

CIPRO PER L’ITALIA

L’Ente Nazionale dl Turismo di Cipro, nel corso del 2017, prenderà parte a numerosi eventi fieristici.
I primi appuntamenti dell’anno prevedono:

dall’1 febbraio al 16 marzo, Travel Open Days, in differenti città italiane:
1/2 Roma, 2/2 Napoli, 8/2 Palermo, 9/2 Catania, 14/2 Milano, 17/2 Bergamo, 22/2 Verona, 28/2 Varese, 28/2 Como, 1/3 Genova, 8/3 Lecce, 9/3 Bari, 15/3 Monza, 16/3 Novara.

Dal 17 al 19 febbraio, a Firenze, TourismA, Salone Internazionale dell’Archeologia dal 24 al 26 marzo, a Napoli, BMT, Borsa Mediterranea del Turismo.

A VVERTENZE

L’Ente Nazionale per il Turismo di Cipro si impegna da anni strenuamente, anche tramite la voce dell’Ambasciata, ad informare i turisti, gli operatori e la stampa italiana sulla meta “Cipro Nord”. Invitiamo pertanto a leggere quanto dichiarato sul sito http://www.turismocipro.it dall’Ambasciata della Repubblica di Cipro:

http://www.turismocipro.it/file/A1)_TURISMO_NELLA_ZONA_OCCUPATA_DI_CIPRO_- _Comunicato_dell’Ambasciata_della_Repubblica_di_Cipro.pdf
e il comunicato ufficiale di Viaggiare sicuri della Farnesina: http://www.turismocipro.it/file/A2)_COMUNICATO_UFFICIALE_www.viaggiaresicuri.it_%20( Farnesina).pdf

Seguici su

Scarica qui la Mappa di Cipro http://www.turismocipro.it/file/Mappa_di_Cipro.jpeg

CONTATTI

Ente Nazionale per il Turismo di Cipro

Via A. Solari 13 – 20144 Milano
Tel. 02 58303328—Fax. 02 58303375
E-mail: info@turismocipro.it – Web: www.turismocipro.it
Orari d’apertura: dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 17.00 orario continuato Sito ufficiale per informazioni turistiche: www.visitcyprus.com
Sito Governativo ufficiale: www.cyprus.gov.cy

www.facebook.com/visitcyprus.italy/

Meta originale per la prossima estate ? Oceano – Paesaggi – Natura – Gastronomia

Se amate i grandi paesaggi atlantici, il cibo di mare, fare tante foto al tramonto e le passeggiate in bici, l’idea di andare su un’isola potrebbe essere vincente o meglio su più isole.

Ovviamente, il massimo sarebbe in bassa stagione; giugno o settembre (poca gente, prezzi più bassi; sarete trattati al meglio), ma questo non sempre è possibile.

Isola di Noirmoutier un luogo speciale.

L’Isola di Noirmoutier, è un’isola francese del dipartimento della Vandea vino a Nantes.
Un’incredibile varietà di paesaggi: spiagge, foreste, dune, paludi, caratterizza questa isola.

Per arrivarci, si prende il ponte o si aspetta la bassa marea.

Se siete golosi, qui trovate ottimi piatti a base di: patate di Noirmoutier, finocchio e sale marino, ma anche pesce, ostriche e crostacei.

Se siete golosi e intenditori:
La Marine
Guida MICHELIN 2016
3 r. Marie-Lemonnier, 85330 Noirmoutier-en-l’Île
Creativa|Pesce e frutti di mare
Da 68 EUR a 150 EUR Telefono +33251392309
Sito web http://www.alexandrecouillon.com

Anche altre isole della zona meritano una visita

Isola di Yeu; la più distante dal continente. Qui non perdetevi un caffè sul lungomare, poi noleggiate una bicicletta per visitare il resto dell’isola; sentieri sabbiosi portano verso la costa, le falesie irrompono sulla costa a sud dell’isola, bianche casupole e tanto altro …

Quattro altre isole indimenticabili (cinque con Fort Boyard).

Ré, chiamata “la bianca”, per i suoi paesini dalle case immacolate con le imposte verdi, ma anche le piste ciclabili.

Oléron, è un concentrato di natura e prodotti d’eccezione (le famose ostriche di Marennes Oléron).

L’isola di Aix è accessibile solo per mare.
Tranquillità assicurata; da visitare a a piedi o sulle due ruote.

Isola Madame; la costa nord accoglie delle palafitte in legno per pescare durante l’alta marea.

L’Isola di Ré è collegata al continente (La Rochelle) grazie a un ponte che permette l’accesso durante tutto l’anno.
Il suo numero delle ore di sole che non ha niente da invidiare a quello della Costa Azzurra.
Il paesaggio pianeggiante offre: natura, foreste e dune, meglio se in bici.
Ci si può spostare anche in carrozza.

Isola d’Oléron; è la più grande delle isole francesi dopo la Corsica. Oléron è collegata alla terraferma da un ponte maestoso di ben 3.027 m di lunghezza!
L’aspetto pianeggiante dell’isola la rende ideale per la bicicletta; 80 km di piste ciclabili vi attendono.
Case basse, persiane colorate, muri bianchi di calce, i profumi della flora, la varietà dei paesaggi e la dolcezza del clima, sono le caratteristiche di questa isola che è già fiorita a febbraio.
Oléron è uno dei centri più importanti per la produzione delle ostriche.

Da non perdere: una visita alla vicina città di Nantes e, se avete tempo, una puntata ai  non lontano Castelli della Loira.

Crociere ai Caraibi – MSC grandi novità per novembre 2018

Una destinazione unica nei Caraibi che ospiterà in esclusiva i passeggeri di MSC Crociere
da novembre 2018

MSC CROCIERE, INIZIANO I LAVORI ALLA RISERVA MARINA DI OCEAN CAY

– MSC Crociere,  ha dato il via oggi ai lavori alla Riserva Marina di Ocean Cay. Situata a sud di Bimini nelle Bahamas, l’isola è destinata a diventare – da novembre 2018 – un paradiso naturale eslcusivo per gli ospiti di MSC Crociere.

Gianluca Suprani , Head of Global Port Development and Shore Side Activities di Msc Crociere, ha aggiunto:

  • Situata a sole 65 miglia ad est di Miami, in Florida, Ocean Cay MSC Marine Reserve ha 3.8 chilometri di litorale con acque cristalline e un ecosistema marino unico.
  • L’isola ha alcune delle più belle spiagge di aragonite in tutto il mondo e, una volta che avremo completato i lavori, le acque circostanti potranno essere nuovamente la casa di coralli e di una ricca varietà di specie aquariche.
  • Ocean Cay Marine Reserve, diventerà una meta davvero esclusiva permettendo agli ospiti di MSC Crociere di vivere il meglio che i Caraibi hanno da offrire.”

A completare il tutto, il piano paesaggistico vedrà la piantumazione più di 80 alberi, erbe, fiori e arbusti tipici dei Caraibi, che consentiranno di ricreare un habitat naturale lussureggiante.

Lo sviluppo della Riserva Marina Ocean Cay fa parte del piano industriale di MSC Crociere del valore di 9 miliardi di euro, che prevede la costruzione di fino a 11 navi nuova generazione la cui entrata in servizio è prevista tra il 2017 e il 2026. La prima fase di sviluppo del riserva marina prevede la demolizione delle infrastrutture industriali esistenti così da poter ricreare nuovamente una riserva marina incontaminata.

Parlando alla cerimonia inaugurale, Pierfrancesco Vago , Executive Chairman di MSC Crociere, ha commentato: ” Lavorando a stretto contatto con il Governo delle Bahamas, il nostro obiettivo è quello di trasformare un deserto industriale in un ambiente accogliente sia per l’uomo che per la natura, riportando l’isola e le acque circostanti al loro stato originale. In questo modo, potremo rafforzare l’importante investimento del nostro Gruppo per l’economia delle Bahamas, offrendo anche opportunità di lavoro a lungo termine per la popolazione locale .

“A testimonianza della nostra capacità innovativa, il molo appositamente costruito consentirà alle nostre navi da crociera di attraccare direttamente a Ocean Cay MSC Marine Reserve. L’isola diventerà così una vera e propria estensione della nave”.

MSC Seaside e le altre navi di MSC Crociere operative ai Caraibi inseriranno regolarmente Ocean Cay MSC Marine Reserve nei loro itinerari da novembre 2018. Per maggiori informazioni sugli itinerari e la destinazione, è possibile visitare il sito https://www.msccrociere.it/it-it/Destinazioni-Crociera/Caraibi-Cuba-Antille/Bahamas/Ocean-Cay-MSC-Marine-Reserve.aspx

TRAGHETTI E’ ORA DI PRENOTARE !!! – Corsica Sardinia Elba Ferries è tempo di prenotare … a rate !

Corsica Sardinia Elba Ferries: con tre rate per pagare è tempo di prenotare!

Un servizio semplice, sicuro, conveniente e senza interessi.

Savona-Vado, 16 gennaio 2017 – Corsica Sardinia Elba Ferries conferma il pagamento in 3 rate del biglietto: Corsica, Elba e Sardegna sono a portata di click!

Più in dettaglio: il pagamento in 3 rate è possibile, al momento della prenotazione, a condizione che l’importo del biglietto sia superiore a 200 euro, che la data di partenza sia superiore ai 70 giorni e che si sia in possesso di una carta di credito (Visa, Mastercard o American Express). Nessun costo aggiuntivo per i biglietti a tariffa Flex; negli altri casi, per accedere al servizio, viene addebitato un importo di 6 euro.

Queste le scadenze delle rate:
1° scadenza – Il giorno dell’acquisto, alla conferma della prenotazione;
2° scadenza – 30 giorni dopo la data d’acquisto;
3° scadenza – 60 giorni dopo la data d’acquisto.

“Questo servizio è molto apprezzato dai nostri clienti, poiché è semplice, sicuro, conveniente e senza interessi. La nostra politica commerciale è sempre stata orientata alla soddisfazione dei passeggeri e con questa soluzione rendiamo più conveniente l’acquisto delbiglietto per Corsica, Sardegna e Isola d’Elba” commenta Raoul Zanelli Bono, Direttore Commerciale di Corsica Sardinia Elba Ferries.

Maggiori dettagli e condizioni su www.corsica-ferries.it

§§§

Dal 1968 Corsica Sardinia Ferries è la prima Compagnia di navigazione privata per il numero di passeggeri trasportati, che serve tutto l’anno Corsica e Sardegna.
La Corsica è collegata da Tolone, Nizza, Savona e Livorno; la Sardegna è collegata da Livorno, Nizza e Tolone e, in estate, da Piombino. L’isola d’Elba è collegata da Piombino e da Bastia (Corsica) nella stagione estiva.
Corsica e Sardegna sono unite da collegamenti annuali.
Corsica Sardinia Ferries gestisce una flotta di 13 navi e si occupa direttamente di tutti i servizi all’utenza: dalla prenotazione, all’imbarco, all’accoglienza, al servizio di catering a bordo.
Tutte le attività di Corsica Sardinia Ferries sono certificate ISO 9001:2008.
A Savona Vado, in un’area di 50.000 mq in concessione alla Compagnia, sono concentrate le attività organizzative, amministrative e logistiche della società che nel 2016 ha trasportato oltre 3.700.000 passeggeri.

Stanchi del freddo – Voliamo al caldo – Almeno con il pensiero – USA – Florida Sanibel Island

DCIM101GOPRO

Inverno al caldo – USA – Florida Sanibel Island – Spiagge da sogno e incontaminate – Tra Miami e Tampa sulla costa occidentale della Florida

Sanibel è l’isola “paradisiaca”, cantata da Crosby, Stills, Nash & Young.

Potete volare su Miami o su Tampa; secondo i vostri gusti, i prezzi e i tempi degli aerei che trovate.

L’isola di Sanibel, è caratterizzata da una bellissima spiaggia di conchiglie, disseminate ovunque, mare limpidissimo e caldo.

CAMMINANDO ALL’ALBA:
si possono incontrare esemplari di conchiglie di dimensioni veramente considerevoli, ma anche la concorrenza di altri raccoglitori è notevole.

SPLENDIDI I TRAMONTI

Non solo Sanibel, ma anche la vicina isola di Captiva, offre magnifiche spiagge di sabbia e tanta tranquillità.

Entrambe le isole sono collegate a Fort Myers da una strada di 5 km; molto bella da percorrere.

Captiva vanta due stazioni balneari ben strutturate e numerose gallerie d’arte, mentre Sanibel dispone di diverse possibilità di visite culturali e ricreative; il faro che risale al 1884, il Matthews Shell Museum, il Museo di Storia, il Parco di Tarpon Bay (noleggio di kayak e canoe)e la Riserva Nazionale di JN.

Ancora poco frequentate queste due isole offrono riparo a molti animali selvatici come: alligatori, aironi e egrette.

Sanibel e Captiva sono molto apprezzate dagli appassionati di birdwatching.

NOTA NEGATIVA PER CAPTIVIA: parcheggi inesistenti, solo sulla punta nord dell’isola.

CALABRIA TERRA DI MARE MONTAGNA E GASTRONOMIA

Mare, montagna e cibi genuini.

G mare  b verde

animali MONTAGNA CIVETTA LEGNO HJV VARIO

Programmare le prossime vacanze estive in Calabria potrebbe essere un’idea vincente.

Meglio ancora le vacanze pasquali o la bassa stagione.

Avrete tutto a disposizione: mare, montagna e cibi genuini.

Oltre alle bellezze e frescure della Sila, che vi rinfresca con i suoi laghi cristallini e fitte foreste di conifere,

-il mare vi offre spiagge bianche ed escursioni gastronomiche come Rocca Imperiale, interessante per la fortezza, l’antico campanile e la sua storia, ma soprattutto per una produzione di particolari limoni (detti l’oro di Federico) di qualità pregiatissima.

Limoni ad elevata percentuale di limonene, apirene e  terpinene, che danno un sapore indimenticabile al frutto. www.consorziolimonerocca-imperialeigp.it Roccaimperiale, provincia di Cosenza.
Roccaimperiale ( a 200 metri di altitudine sul livello del mare), si trova nell’arco che circoscrive il Golfo Tarantino, spiagge di ciottoli, si alternano a spiagge di sabbia con un mare sempre pulito.

La Valle del Crocchio, Cropani, Andali e dintorni (provincia di Cosenza), offre soggiorni a Cropani Marina direttamente sul mare.

Poco conosciuta è l’area compresa tra Catanzaro e Crotone, qui si trova la bella montagna della Sila Piccola.

-L’area comprende foreste incontaminate e villaggi ricchi di tradizioni.
Bei panorami, cascate e canyon sono ricchi di tesori botanici; sino a raggiungere il Mare Ionio.

-Qui si trovano ancora veri prodotti alimentari tradizionali e, sul mare, spiagge senza insediamenti turistici.

L’ideale per godersi il mare è l’area tra Catanzaro Lido e Crotone.
Qui si trovano B&B, hotel e camping.

–Parchi acheologici e musei sono sparsi nella zona a testimonianza dell’antica importante civiltà importata dai greci.

DOLCI E SALATI – ACQUISTI, MA A PREZZI RAGIONEVOLI

L’AZIENDA AGRICOLA ROMANO, produce squisiti salumi veramente genuini, biologici e argianali, con l’antico maiale nero che si ciba anche delle olive che cadono a terra e che non sono usate per fare l’olio o i fichi che sono apprezzati dai maiali e contribuiscono all’ottoneimento di un prodotto sopraffino

NERO DI CALABRIA: a nostro parere troppo  cari, in proporzione a quanto da noi pagato quali normali acquirenti (come rapporto qualità prezzo), salumi da maiali neri autoctoni.

CIBO 450 salumi h

Peccato,  noi abbiamo acquistato un capocollo del quale, come da foto allegata, quasi il 50%, tutto disposto da una sola parte era puro grasso ! Non ben distribuito nella carne, come invece messo dalla società nelle foto in internet. Siamo ovviamente in grado di capire i problemi della piccola produzione artigianale, ma in questo caso siamo a un 50% di grasso; troppo per quello che abbiamo pagato.

Miele: Apicoltura Lucanto Diego, località San Nicola, Zona Ind.; Mesoraca (KR) apiculturalucanto@alice.it Una produzione artigianale che punta alla qualità. Le api vivono solo in zone selvagge, non coltivate, quindi non soggette a trattamenti. Il miele proviene solo da fioriture selvatiche. Gli alveari sono trasportati nelle varie zone selvatiche secondo le fioriture e quindi il tipo di miele che si vuole ottenere.

SOGGIORNARE
Mille e più soluzioni sono possibili; dall’agriturismo, al lussuoso albergo, al campeggio.

— Campeggio, appartamenti e case mobili su di una spiaggia bianca ed invitante a Cropani Marina in provincia di Catanzaro. www.campinglungomare.com
Camping, case vacant: Lungomare a Cropani Marina (CZ), www.campinglungomare.it.
Residence: L’Agave, Cropani Marina, www,residencelagave.it
Agriturismo: Il Vescovo, Andali, provincia di Cosenza. www.agrivescovo.it
Con piscina panoramica, vista mare, residenze private o trattamento alberghiero con ottima cucina.
Il giusto punto per esplorare mare e monti.

Programmare un WEEKEND o vacanza a CATANIA per la FESTA DI SANT’AGATA

Catania 2 500  Palazzo bBscheri

Palazzo Biscari

CATANIA Etna bocca laterale 350 km

catania Etna 500

Il vulcano Etna in inverno.

Catania la folla Sant'Agata 450 j

La folla per Sant’Agata.

CATANIA 672 Etna e Mare panorama k

Dall’Etna si vede la città di Catania e golfi verso sud-est

catania 500 Duomo tramonto h

Duomo.

Catania dintorni castello lm

Dintorni di Catania.

Catania sant'Agata Candelori hj

Sant’Agata.

Catania 672 ok notte Duomo folla

La processione di Sant’Agata.

CATANIA

“…l’impressione di questo giardino incantato…lo stesso odore tutto particolare di mare vaporante, tutto mi richiamava…l’isola beata dei Feaci. Andai subito ad acquistare un Omero, lessi con ineffabile rapimento quel canto e ne improvvisai una traduzione per Kniep…” Così scrive il grande Goethe della Sicilia.

Di Catania, guardando le antiche rovine, immagina le “…ripetute distruzioni della città per opera di lave, dei terremoti…”

Perché la storia di Catania, è scritta soprattutto dal grande vulcano che la sovrasta; l’Etna.

Il nostro weekend a Catania.

Montagna che a noi è apparsa nella sua veste più suggestiva; quella invernale. Un manto di neve ne riveste le parti più alte, ma il fumo continua ad uscire, creando qualcosa di magico.

Magico come la capacità dell’antica lava di concimare e favorire la crescita di profumatissimi limoni, aranci, mandarini, anche verdura e viti che producono un’uva irripetibile.

Ma Catania è anche la sua popolazione con tutte le sue vivaci tradizioni; come la festa di Sant’Agata.

Catania Sant0Agata Candele 450 l

Grandissime e pesanti candele sono portate a spalla dai devoti vestiti di bianco

Catania Candele 300 k

S.Agata è, per partecipazione, la seconda festa della cristianità al mondo!

I devoti restano in attesa della messa dall’aurora del quattro febbraio, per rivedere, dopo un anno, la “Santuzza” ricoperta di preziosissimi gioielli; doni dei credenti dai tempi più antichi.

E’ difficile spiegare l’atmosfera creata dalla partecipazione collettiva di tutta la popolazione; colore e vita, credo e folclore.

Una festività da vedere per emozionarsi insieme a tutta la popolazione che vive per due giorni nelle strade, anche di notte.

Da vivere nella piazza del Duomo, da dove cominciano le visite guidate della città e da dove è iniziata la ricostruzione della città; dopo il disastroso terremoto del 1693. Questo è il centro dei poteri Domo e palazzo del Municipio. Due monumenti da visitare; entrambi parti importanti della storia della città.

Nel settecento, i più capaci architetti, artisti e artigiani provenienti da tutta la Sicilia, hanno disegnato e realizzato lo splendido barocco della città; che oggi è divenuto Patrimonio dell’Umanità Unesco.

Non può sfuggire, al centro della piazza del Duomo, la Fontana dell’Elefante; simbolo di Catania.

Qui nel sottosuolo, si trovano le terme Achilliane, e dietro la Fontana dell’Amenano. In zona, anche la Pescheria, a pochi passi dal mare; pittoresco mercato giornaliero della frutta e del pesce.

Tornando alla festa di Sant’Agata, nelle chiese si tengono speciali funzioni religiose e per le strade sfilano le candelore (immense e pesanti tipiche costruzioni), accompagnate da allegre bande musicali. Non possono mancare i dolci tipici e le olivette in pasta reale. Perché qui il cibo è una cosa seria; quasi sacra.

Nessuno potrà lasciare Catania senza il suo pacchetto di frutta o verdura fatta di marzapane, di deliziosi arancini al ragù ed almeno qualche cannolo e l’ ”Iris” un dolce fritto … speciale.

Come non si può lasciare Catania senza averne visitato il Municipio. detto: Il Palazzo degli Elefanti e costruito dopo il terremoto del 1693 in sostituzione del  cinquecentesco Palazzo Senatorio; opera di diversi architetti: tra i quali Giovan Battista Vaccarini, che ha progettato molti dei più pregevoli edifici del centro storico. All’ingresso due carrozze del Senato; usate il 3 febbraio dalle autorità cittadine, durante i festeggiamenti di S.Agata, per raggiungere la chiesa di S. Biagio in piazza Stesicoro ed offrire la cera alla Santa.

Sempre nella piazza del Duomo si incontra il primo Seminario dei Chierici; fondato nel 1572 e che si trovava nell’antica Platea Magna, oggi corrispondente a Piazza Duomo.
Dopo il terremoto del 1693 venne ricostruito in parte sulle antiche mura ed in parte su un’area occupata dall’antico Vescovado; i lavori furono iniziati   dall’architetto Alonzo di Benedetto e proseguirono con Francesco Battaglia.

Salendo verso il culmine di una piccola collina, si raggiunge il nucleo originale di Catania; storia che si perde nei tempi più antichi,.

Qui si trova il Castello Ursino; costruito per volere di Federico II di Svevia, tra il 1239 e il 1250. Il primo castello difensivo, sorgeva vicino al mare; circondato da un fossato. Durante l’eruzione del 1669 fu circondato dalla lava; una lunga campagna di scavi lo ha riportato al suo aspetto originario; in altra sede.
Nel ‘400 il castello fu abitazione dei reali aragonesi, poi fu adibito a vari usi. Dal 1934 è diventato Museo Civico cittadino, con reperti d’età greca, romana e di varie epoche; compresa una parte della produzione artistica catanese. L’opera più interessante è la “Madonna con bambino” di Antonello da Saliba (1466-1535).
Sempre al Castello, si alternano importanti mostre d’arte, come la mostra “CHAGALL. LOVE AND LIFE” Opere dalla Collezione dell’Israel Museum
Dal 18 ottobre 2015 –  3 aprile 2016.

Altro edificio da non perdere, nella visita della città di Catania, è Il Monastero dei Benedettini; fondato nel 1558.

Catania 2 500 Monastero Benedettini dn

Monastero dei Benedettini.

Catania 2 Monastero benedettini caffé js

Catania 2 450 Benedettini dove si mangiava

Il refettorio, dove mangiavano i monaci figli delle più importanti famiglie di Catania.

Catania 2 Benedettini scavi archeologici k

Reperti archeologici romani; nelle cantine del monastero.

catania Monastero Benedettino 450 j

Dopo l’eruzione dell’Etna del 1669 e del successivo terremoto del 1693 buona parte dell’edificio viene distrutto.
La ricostruzione inizia nel 1702, ad opera dei maggiori architetti siciliani: Ittar, Battaglia, Battaglia Santangelo, Palazzotto e Giovan Battista Vaccarini; il più famoso tra gli architetti del barocco siciliano settecentesco. Al Monastero si aggiungeranno un nuovo Chiostro, un giardino, il Caffeaos, la biblioteca, le cucine, l’ala del noviziato, i refettori, il coro di notte.

Visitando i piani interrati si scoprono interessanti reperti romani; uno dei Cardines  e il Decumanus Maximus e resti di domus di età tardo ellenistica e di epoca imperiale. Inoltre si vedono bene i resti delle colate laviche; che furono opportunamente deviate dai monaci.

Il Monastero è uno dei conventi più grandi d’Europa.

Tutti i secondogeniti delle famiglie più prestigiose della zona furono qui accolti e il loro alto ceto è ben dimostrato dagli imponenti scaloni all’ingresso, dalla grandiosa cucina e dall’imponente refettorio, ma non solo.

San Nicolò

La chiesa di San Nicolò si ispira ai modelli architettonici romani; iniziata nel 1687 su disegno di G.B. Contini, dopo il terremoto del 1693 i lavori proseguirono con l’ausilio di diversi architetti come Francesco Battaglia e Stefano Ittar; quest’ultimo realizzò la cupola alta 62 metri. Il progetto rimase, comunque, incompiuto (1796); per difficoltà di ordine tecnico e gravi problemi economici.

Da notare: la grandiosità delle partizioni architettoniche e la luce diffusa proveniente dagli alti finestroni.

Il grande altare maggiore è stato realizzato con materiali molto preziosi.

Celeberrimo l’organo realizzato dall’abate Donato del Piano; 72 registri, cinque ordini di tastiere, 2.916 canne.

DOPO IL GRANDE TERREMOTO LA VIA ETNEA DIVIENE LA VIA DEI PALAZZI NOBILIARI; MENTRE LA VIA CROCIFERI LA SEDE RISERVATA ALLE AUTORITA’ ECCLESIASTICHE (3 monasteri, 1 collegio e 4 chiese; in soli 200 mt.). Negli anni successivi la via Crociferi è anche punto di incontro per cerimonie e cortei religiosi.

La prospettiva offerta dalla zona è tanto bella che fu usata come “location” per molti film; tra i tanti nomi: Zeffirelli “Storia di una capinera”, “I Vicerè” di Faenza e “Il bell’Antonio” di Bolognini.

QUI SI TROVA UNO DEI LUOGHI PIU’ SUGGESTIVI DELLA FESTA DI SAN’AGATA: durante la mattinata, le suore benedettine intonano per la santa canti soavi.

SEMPRE IN VIA CROCIFERI:

Il monastero delle Benedettine; fondato nel 1355.
Alla fine del XVII sec. una ricostruzione determinò l’inglobamento dell’odierna badia piccola; grazie alla costruzione dell’arco, 1704. Quest’ultimo, fu considerato abusivo dal governo vigente; abusivismo che fu bellamente ignorato dai religiosi dell’epoca, tanto che oggi è diventato un simbolo per la città di Catania.
La leggenda racconta che, per allontanare il popolino da questa zona; allora assai trafficata di notte, si raccontasse di una leggenda di fantasmi. Chi osò presenziare per appendere inchiodo, come scommessa, fu egli stesso trovato morto e appeso al chiodo il mattino successivo.

Al monastero appartiene anche la chiesa di San Benedetto, interamente affrescata da Tuccari fra il 1726 ed il 1729.

Chiesa S.Francesco Borgia
La Chiesa di S.Francesco Borgia (santo spagnolo nato nel 1510, parente di Carlo V),  è opera dell’architetto frate Angelo Italia ed all’interno custodisce il pulpito con il prezioso drappeggio in legno ad imitazione della stoffa, la cappella di S.Ignazio e la cappella di S.Francesco Saverio rivestita di marmi di pregio.

Chiesa di San Giuliano

Secondo alcuni studiosi la chiesa di S. Giuliano può essere attribuita al Vaccarini (1739 e il 1751). La facciata, concava al centro, è movimentata da una loggia che si dispone all’altezza del secondo ordine della facciata.
Le religiose, molte provenienti da famiglie della nobiltà catanese, da qui potevano vedere la processione della festa di S. Agata, durante la notte del giorno 5 febbraio, mentre saliva lungo la via Sangiuliano per svoltare, poi, in via Crociferi.

Badia di S. Agata

Sulla via V. Emanuele, di fronte alla Cattedrale, si incontra la chiesa della Badia di S. Agata la quale, insieme all’annesso ex monastero,  occupa un intero isolato. L’edificio odierno poggia sulle rovine dell’antica chiesa e convento, dedicati a S. Agata; poi crollati.
La chiesa  è un capolavoro architettonico di G.B. Vaccarini (1735-1767): ha la pianta a croce greca allungata inscritta in un ovale. Da notare: l’alternanza di superfici convessa-concava-convessa; caratteristica del Barocco.
Risalta la decorazione interna; semplice ed essenziale, stucchi bianchi alle pareti, statue, altari preziosi e ricami di marmo sul pavimento.

Basilica
S. Maria dell’Elemosina
(Collegiata)

Sul luogo dell’attuale chiesa, nella prima epoca cristiana, sorgeva un’ edicola dedicata alla Madonna dell’Elemosina.
Frequentato dai re aragonesi e dalla loro corte; nel 1396 ebbe il titolo di “Regia cappella”. A seguito del terremoto del 1693 venne ricostruita, ma con la facciata disposta lungo la via Etnea; la via più importante della Catania risorta dopo eruzioni e terremoti. La chiesa settecentesca è dell’architetto Antonio Amato su progetto del gesuita Angelo Italia. La facciata, di Stefano Ittar (1758), mostra le concavità e convessità tipiche del barocco e della sua ricerca di armonia.

———

PALAZZO BISCARI

Catania 2 550 Palazzo Biacheri jn

Catania scala Palazzo Biscari 2

Scala interna di Palazzo Biscari

Palazzo Biscari
Il più bel palazzo barocco catanese.
Recentemente inserito nell’elenco dei beni del patrimonio dell’UNESCO.
Conta circa settecento stanze.
www.palazzobiscari.com info@palazzobiscari.com per prenotare visite, congressi, meeting e matrimoni.
Imperdibile per le sue bellezze; fu visitato anche da Goethe e dalla regina Elisabetta.

Il palazzo è appartenuto alla famiglia Paternò Castello, principi di Biscari, dal XVIII al XIX secolo ed agli eredi indiretti Moncada Paternò Castello a partire dal XIX secolo.

Negli ultimi decenni la famiglia ha aperto le porte, di una parte dei saloni, a catanesi, viaggiatori e turisti.

Catania palazzo Bischeri 300 proprietario

L’attuale proprietario, che apre le porte del suo palazzo per visitatori ed importanti eventi.

Fu voluto da Ignazio Paternò Castello principe di Biscari, per sua dimora. I primi lavori iniziarono nel 1702; a quell’epoca il palazzo comprendeva un solo piano, ma già esisteva il museo, con i reperti archeologici raccolti dal principe nelle terre dei suoi latifondi.
Lo  stile del palazzo è barocco e fu costruito sulle mura cinquecentesche di Catania. Per la sua ampiezza occupa un intero isolato.

Il palazzo si affaccia sul porto e sugli Archi della Marina; qui, fino agli anni Venti, il mare lambiva i bastioni sottostanti.

Oggi, vi si svolgono anche numerosi eventi di grande prestigio; alcuni saloni sono oggetto fotografico di sfarzosi matrimoni internazionali.

Teatro Romano
Il teatro è stato realizzato dal I al IV secolo d.c., è addossato al versante meridionale della collina dove sorgeva l’antica acropoli di Catania. Poteva ospitare circa 7.000 spettatori.

Anfiteatro Romano
Al centro di piazza Stesicoro si nota una grande apertura che lascia intravedere una parte dei resti dell’anfiteatro romano di Catania. Si tratta di uno degli anfiteatri più grandi d’Italia; purtroppo è nascosto quasi interamente sotto le moderne abitazioni. Si è calcolato che poteva contenere 15.000 spettatori seduti e quasi il doppio, con apposite impalcature, per i posti in piedi.
Fu costruito intorno alla metà del II secolo a.C. All’epoca di Teodorico il monumento era già in stato di abbandono. Ruggero il Normanno lo utilizzò per ricavarne pietre per innalzare la cattedrale.
——-

UNO DEI MONUMENTI PIU’ BELLI E CARATTERISTICI DI CATNIA E’ IL TEATRO BELLINI
IMPERDIBILE !

Il TEATRO BELLINI si affaccia sull’omonima piazza. Fu inaugurato il 31 maggio del 1890 con la rappresentazione della Norma di Vincenzo Bellini.

Opera di Carlo Sada è in stile eclettico francese, del “secondo impero”, reso di moda a Parigi da Charles Garnier con l’Opéra di Parigi.

Carico di ornamenti e allegorie; è molto elegante in tutte le sue sfaccettature e particolari.

Il teatro è famoso, a livello internazionale, per la sua eccellente acustica.

Affreschi del soffitto di Ernesto Bellandi. Il pittore Giuseppe Sciuti, nel 1883, vi dipinse un antisipario che narra la leggendaria vittoria dei Catanesi sui Libici.
——

AFFASCINANTE VISITA AL VULCANO

La stagione migliore per visitare il vulcano Etna è sicuramente l’inverno. La neve e i funi che sprigiona il vulcano creano un paesaggio fiabesco.

Sono possibili escursioni di ogni genere e livello, secondo le capacità dei turisti. Dalla tranquilla visita con un piccolo bus, alle faticose arrampicate a piedi, alle visite con le jeep.

STORIA DI CATANIA E DEL SUO VULCANO

La storia di Catania è segnata da diversi cataclismi: terremoti, eruzioni, tsunami.
In breve le più antiche.
Eruzione del 693 a. C. distrusse l’antica Catania (Katane).
Eruzione del 396 a. C. la cui colata lavica arrivò in mare.
Eruzione del 1169 la cui lava arrivò ad Aci Castello.
Eruzione del 1329 ebbe origine presso Rocca Musarra, in Valle del Bove (si formarono numerosi coni secondari).
Eruzione del 1381; la lava raggiunse Catania, arrivò al mare a Ognina coprendo lo storico porto Ulisse.
Eruzione del 1408 la lava raggiunse i settori di Pedara e Trecastagni.
Eruzione del 1444 minacciò Catania.
Eruzione del 1556 la lava giunse fino a Linguaglossa.

4 febbraio 1169, vigilia del giorno di Sant’Agata, adorata Patrona della città. Verso le ore 21 la prima forte scossa sismica, magnitudo stimata intorno a 6.6, Catania è devastata. La cattedrale, piena di fedeli raccolti per la funzione dedicata a Sant’Agata, crolla: muoiono almeno cento persone. L’evento è seguito da uno tsunami che colpisce la città e l’intera costa ionica, da Messina alla foce del fiume Simeto. Le scosse proseguono per diversi giorni e provocano danni e vittime anche a Modica, Lentini, Aci Castello, Siracusa e Piazza Armerina. Circa10mila le vittime stimate. La scossa sismica fa crollare la parte orientale dell’Etna, potenti colate laviche si dirigono verso sud-est, giungono fino al mare ad Aci Castello.

Grande eruzione dell’Etna del 1669, l’evento più catastrofico degli ultimi 500 anni; la lava addirittura raggiunse il mare. Iniziò l’11 marzo e finì il 15 luglio.
Nei pressi di Nicolosi un imponente squarcio formò diverse bocche esplosive (oggi Monti Rossi) ed effusive. Un mese dopo raggiunse Catania.
In totale la lava si portò via le case di oltre 27.000 persone.

Eruzioni dopo il 1669: 1755, con lave nella Valle del Bove, 1763 si formarono i Monti Nuovo e Mezza Luna, sul versante Ovest, e la Montagnola, su quello Sud, 1766: responsabile della formazione dell’apparato eruttivo dei Monti Calcarazzi, 1792-1793, 1811-1812,1819, 1832, 1843,1852-1853, che formò l’apparato eruttivo dei Monti Centenari in Valle del Bove, 1865,1879,1883… e così di seguito con una frequenza impressionante. Per fortuna, normalmente, la lava scende senza esplosioni e quindi la gente ha il tempo di porsi al sicuro e, nel migliore dei casi, anche di deviare la lava dalle abitazioni.
IL TERRIFICANTE TERREMOTO DI CATANIA DEL 1963
1693 un terribile terremoto colpì Catania con due gravi scosse successive; la seconda fu devastante e trovò i fedeli nella Cattedrale a ringraziare Santa Rosalia per essere sopravvissuti; alla prima scossa. Circa 54.000 i morti, se si comprendono anche tutte le zone circostanti; sino a Ragusa e Modica. Successive scosse, nei mesi a seguire, arrecarono altri danni.

Continuate a seguirci, nelle prossime puntate vi parleremo dei dintorni e di tanti indirizzi di alberghi, ristoranti, bar, sedi di congressi, eventi varisono possibili e curiosità.

WEEKEND LOW COST A CRACOVIA – Polonia

Cracovia, ex capitale della Polonia, è una delle città più antiche e belle città della Polonia.

Il suo centro storico è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

Merita la visita perché città di altissimo valore artistico e per il rapporto qualità prezzo; assolutamente conveniente.

La cucina è ottima e i ristoranti costano molto meno ch ein Italia.

Molte persone vanno a Cracovia anche per visitare il vicino ex campo di concentramento nazista di Auschwitz.

AEREO

Cracovia è collegata con l’Italia anche da voli low cost (costano poco, ma attenti al peso, alle dimensioni del bagaglio e al suo numero; salvo pagare cifre esagerate di extra).

Per chi ha tempo il BUS

È possibile raggiungere Cracovia dall’Italia grazie alle numerose compagnie internazionali di autobus: Agat, Bermuda, Eurolines, Europa Express, Jordan, Orbis Transport, Radtur, Wactur.

Per chi programma una vacanza itinerante: AUTO

In auto, per raggiungere Cracovia  dall’Italia si devono attraversare: Austria e Repubblica Ceca, o la Slovacchia; 1300 Km da Milano.

L’aeroporto dista circa 10 km. dal centro, che si raggiunge con bus o treno.

Cambiare in aeroporto solo il necessario per bus o taxi; è poco conveniente. Meglio cambiare negli appositi locali del centro antico della città.

Il taxi costa meno che da noi: 20 euro per raggiungere l’Hotel Columbus (3 stelle, perfettamente centrale per visitare Cracovia; l’hotel è anche a pochi passi dal fiume Vistola, la passeggiata più nota a Cracovia) ; link hotel: https://translate.google.it/translate?hl=it&sl=pl&u=http://www.hotelcolumbus.pl/&prev=search) .

Da non perdere al centro di Cracovia la SPLENDIDA chiesa di Santa Maria (continue modifiche hanno lasciato l’impronta di vari stili, fino all’Art Nouveau; l’altare maggiore è un polittico composto da cinque pannelli in legno scolpiti), la chiesa si trova in piazza Rynek Główny (“Piazza Grande”) e  la sua stutttura è in stile gotico.

Anche la Torre del Municipio, la piazza del Mercato( la più grande piazza medievale d’Europa), la chiesa di Sant’Alberto, il Collegium Maius (bello il cortile interno con ingresso gratuito) e relativo famoso orologio e la Chiesa di Sant’Anna, non si possono tralasciare.

Una meta tra le più usuali sono le Miniere di Sale di Wieliczka (da prenotare la visita solo organizzata).

 

 

 

MONTAGNA E SCI LOW COST DOVE ? – Da 275 euro per 4 giorni in pensione completa 4 stelle hotel Schneeberg

4 stelle Wellness & Family Hotel Schneeberg di Ridanna in Alto Adige.

Per coppi e bambini, per single giovani e anziani.

Vacanze – wellness con area di 8.000m² , Spa, sport, numerose attività e un programma per le famiglie e i bambini.

-Area benessere e piscine unica e insuperabile.

-Ottima cucina.

Ma anche una vacanza rilassante all’insegna del benessere e tante escursioni.

Da 275 euro per 4 giorni in pensione completa.

Offerta per un soggiorno di 3 (GI-DO) o 4 (DO-GI) notti allo Schneeberg, comprensiva di un buono wellness di 20 €:

Inverno: sci alpino, sci di fondo, slittate, escursioni con le ciaspole nella natura incontaminata.
Nelle immediate vicinanze: la pista di fondo e biathlon di Ridanna, la città di Vipiteno e l’impianto sciistico di Racines-Giovo.

Offerta prenotabile nei seguenti periodi:
– 08.01 – 23.02.2017 da € 275,-
– 05.03 – 06.04.2017 da € 275,-

PRENOTAZIONE HOTLINE
+39 0472 656232
info@schneeberg.it

http://www.schneeberg.it/it

La Repubblica Dominicana protegge i coralli.

Importanti programmi di tutela e conservazione della barriera corallina

hanno preso il via nella destinazione caraibica.

REPUBBLICA DOMINICANA REEF n coralli

Dopo avere visitato, a distanza di 20 anni, diverse zone dei caraibi ed avere verificato il pietoso stato della barriera corallina, ci pare assai apprezzabile che il governo della Repubblica Domenicana intraprenda una doverosa campagna rivolta a proteggere ed implementare uno dei beni più affascianati che la natura ci ha donato e che l’uomo, con le sue numerose attività, ha distrutto per tanti anni; con tanta efficacia.

  – Per la tutela delle suoi ricchi fondali e delle bellissime spiagge di sabbia bianca note in tutto il mondo, la Repubblica Dominicana ha avviato diversi programmi volti alla protezione delle barriere coralline e alla conservazione dei coralli che popolano le zone turistiche costiere.

– Sono stati creati infatti dei “Vivai di Coralli” che riproducono e reimpiantano sul fondo marino le specie più minacciate dall’estinzione e ha avviato attività di sensibilizzazione sulle comunità locali al fine di proteggere questi organismi.

Oggi ci sono ben 8 i vivai di corallo, tra i quali il più grande è quello della Fundación Ecológica Puntacana (del Gruppo Puntacana)

nel sud est dell’isola, segue a Bayahibe il Centro de Estudios Costero-Marinos, gestito dalla Fundación Dominicana de Estudios Marinos e

a nord est e nella penisola di Samanà, ritroviamo le Fondazioni Tropigas Natural y Reef Check che operano nella tutela di queste specie.

La Fundación Ecológica Puntacana è stata la prima a introdurre in Repubblica Dominicana dei programmi di protezione e riproduzione del corallo, che poi ha contribuito a estendere ad altre zone costiere. Il programma della Fundación Ecológica Puntacana, Vivai di Coralli, ha come obiettivo quello di

educare la collettività e promuovere i trapianti di coralli. Con questa iniziativa la Fondazione ha riunito i gruppi interessati alla gestione sostenibile e alla conservazione delle barriere coralline e ha realizzato anche

piani per migliorare le condizioni di vita dei pescatori nella regione orientale.

A Bayahibe il Centro de Estudios Costero-Marinos, gestito dalla Fundación Dominicana de Estudios Marinos (FUNDEMAR), ha impiantato due Vivai di Coralli, uno a venti metri di profondità e l’altro a dodici e ha già realizzato trapianti di grande successo sulla costa di Bayahibe, di fronte all’Hotel Viva Wyndham Dominicus Beach e in altre aree vicine.

A Samaná, le Fondazioni Tropigas Natural y Reef Check svolgono un programma di protezione e trapianti di coralli a Las Galeras, Samaná. I vivai ospitano esemplari delle specie Acropora palmata e Acropora cervicornis, considerate in pericolo d’estinzione.

Sempre più forte è l’impegno della destinazione nella tutela del suo ampio patrimonio naturalistico, non solo per quello che riguarda i coralli ma anche nei confronti di specie animali in via d’estinzione e verso le sue aree di maggiore importanza ambientale.

Per maggiori informazioni:

Ente del Turismo della Repubblica Dominicana

Piazza Castello, 25

20121 Milano

Tel. 02 8057781

www.godominicanrepublic.com