Archivi categoria: viaggiare con i figli

Festival nazionale di cucina per bambini – 7 e 8 ottobre 2017

“Cuochi per un giorno”: torna a Modena il 00

Sabato 7 e domenica 8 ottobre Modena è ancora una volta la capitale della cucina 0-12 con la sesta edizione di Cuochi per un giorno, il Festival nazionale di cucina per bambini. Decine gli eventi, gli stand e i laboratori in programma: grandi chef come Ascanio Brozzetti, Franco Aliberti, Carlo Alberto Borsarini insegneranno ai piccoli cuochi a cucinare numerose ricette, dagli antipasti ai dolci. L’appuntamento è presso il club la Meridiana, alle porte della città. Parte del ricavato andrà a Dynamo Camp, un luogo di vacanza per bambini con gravi patologie

Cucinare coinvolge i cinque sensi, migliora concentrazione, manualità e precisione, arricchisce il vocabolario e allena al rispetto delle regole e alla pazienza, ecco perchè vale la pena cominciare da piccoli: torna a ottobre “Cuochi per un giorno” (www.cuochiperungiorno.it), il Festival nazionale di cucina per bambini. Cinque edizioni, un grande successo: per il 2017 l’appuntamento è sabato 7 e domenica 8 ottobre a Modena, presso il club la Meridiana (Via Sant’Ambrogio 66, a Casinalbo): una villa settecentesca e un parco secolare faranno da sfondo alle creazioni culinarie dei piccoli cuochi. L’evento è ideato da Laura Scapinelli e dallo staff de La Bottega di Merlino, libreria per ragazzi e laboratori creativi di Modena.

Due giornate, decine di appuntamenti e laboratori in cui gli chef in erba potranno annusare, toccare, dosare, impastare, miscelare, modellare, cuocere e mettersi alla prova, imparando tante cose nuove. Non mancheranno vere e proprie lezioni di cucina con chef stellati da tutta Italia, per incuriosire anche mamma e papà: tra gli altri hanno  già confermato la loro presenza Ascanio Brozzetti, pastry chef del ristorante Le Calandre di Padova, Franco Aliberti, chef del ristorante La Presèf a La Fiorida in Valtellina e Carlo Alberto Borsarini del ristorante La Lumira di Castelfranco Emilia (MO); a loro si aggiungeanno molti altri nomi importanti.

Ogni piccolo partecipante potrà cimentarsi in fantasiose ricette con la supervisione di uno chef e di un’animatrice, vivendo un’esperienza ludica ma allo stesso tempo formativa e con la possibilità di imparare le regole del mangiar sano. Non mancheranno attività interattive collaterali: al Festival saranno presenti numerosi stand per avvicinarsi alla cucina attraverso diversi linguaggi espressivi. Ci sarà una libreria golosa spettacoli e storie in cucina, angoli sensoriali e giochi.

“Cuochi per un giorno” è un’occasione per tutti gli uder 12: ” I bambini posseggono le doti giuste per cucinare: passione, creatività e curiosità – spiega Laura Scapinelli,ideatrice del festival – Stare ai fornelli coniuga il fare davvero con il desiderio di imitare l’adulto e realizza quelli che Maria Montessori definiva esercizi di vita pratica, cioè azioni concrete con scopi precisi, che aiutano il corpo e la mente a crescere. Nei due giorni del festival i bambini si divertono a mescolare con le mani, spianare, dar forma alla frolla o alla sfoglia, tramandare le ricette locali. Il nostro, poi, è un festival ecosostenibile: insegnamo ai piccoli chef anche a cucinare con gli avanzi, proponendo diverse attività legate al recupero e al riuso. Ma c’è molto di più, perché cucinando s’impara: tra pentole e ingredienti i bambini, infatti, imparano a mangiare e ad avere un rapporto sano con il cibo.

Inoltre, attraverso la loro partecipazione, i bambini aiutano altri bambini: parte del ricavato della manifestazione verrà infatti devoluto a Dynamo Camp, l’unica struttura italiana di Terapia Ricreativa pensata per ospitare bambini affetti da patologie gravi o croniche nel periodo di post ospedalizzazione e/o in fase di remissione dalla cura; qui minori che convivono con la malattia possono praticare attività ludiche e sportive: è un’esperienza di svago, divertimento, relazione e socialità in un ambiente naturale e protetto.

Dove e quando: sabato 7 e domenica 8 ottobre dalle 10.00 alle 20.00 alle porte di Modena, presso il club la Meridiana, Via Sant’Ambrogio 66, a Casinalbo.
Quanto: Il prezzo del biglietto varia a seconda delle attività a cui si sceglie di partecipare. Tutte le informazioni e il regolamento si trovano sul sito www.cuochiperungiorno.it.
Infoline e prenotazioni: La Bottega di Merlino, tel. 059.212221 www.cuochiperungiorno.it

 

Camminate facili in montagna e trekking – “hikeTicino”

“HIKE TICINO” CRESCE E DIVENTA SEMPRE PIU’ INTELLIGENTE

Un’applicazione permette di scoprire i punti di interesse in prossimità degli itinerari percorsi e di orientarsi grazie al GPS: camminate facili, trekking impegnativi, rifugi di montagna, natura, architettura, gastronomia locale ecc …

a porata di telefonino.

Image

Successo per il progetto di valorizzazione degli itinerari cantonali lanciato nel 2015 da Ticino Turismo. In due anni di vita il portale internet ha superato quota 500’000 visualizzazioni, mentre l’applicazione “hikeTicino” è stata scaricata da più di 30’000 persone. Oltre alla tematizzazione degli itinerari secondo gli interessi del singolo escursionista, di recente è stata siglata una nuova collaborazione con Google volta a una continua espansione e a un miglioramento qualitativo dei contenuti.

Architettura, cultura e arte, natura, itinerari con rifugi alpini e consigliati da Svizzera mobile.

Sono cinque le categorie tematiche nelle quali sono stati suddivisi gli oltre 150 sentieri che fanno parte di “hikeTicino”, il progetto di promozione e valorizzazione degli itinerari escursionistici lanciato nel 2015 da Ticino Turismo.

Si tratta di un vero e proprio ecosistema di canali di comunicazione, fisici e digitali, rivolto agli escursionisti.

Un’applicazione permette di scoprire i punti di interesse in prossimità degli itinerari percorsi e di orientarsi grazie al GPS, mentre un sito internet e totem con display interattivi distribuiti sul territorio supportano l’utenza nella scelta del sentiero più affine ai propri desideri. Il prodotto è impreziosito da una selezione di immagini ad alto impatto evocativo e filmati realizzati con la tecnica dei droni

Nel corso dell’ultimo anno “hikeTicino” è stato ulteriormente perfezionato: dall’ampliamento e aggiornamento delle mappe proposte all’utente fino all’introduzione di nuove videocamere sperimentali. “Nei mesi scorsi siamo riusciti a siglare un nuovo partenariato con Google grazie al quale oggi siamo in grado di offrire un nuovo punto di vista delle maggiori attrattive del nostro Cantone con fotografie a 360° degli interni delle strutture – spiega Elia Frapolli, direttore di Ticino Turismo –. Oltre a questa novità, la tematizzazione degli itinerari ci consente di aiutare ancora di più il turista nella scelta del percorso maggiormente adatto a lui. Le escursioni sono spesso concepite su più tappe: in questo modo riusciamo a favorire lo spostamento dei turisti e a generare indotto”.

In due anni dal suo lancio sono state più di 500’000 le visualizzazioni di pagina totali e 30’000 le applicazioni scaricate. Numerosi gli articoli apparsi su riviste specialistiche e testate giornalistiche. Da segnalare anche la candidatura del progetto a diversi concorsi internazionali di UX e Service Design. Per citare un esempio quello di New York dove “hikeTicino” è entrato nella shortlist 2015 classificandosi tra i primi dieci progetti al mondo ed è stato esposto alla Global Conference.

L’escursionismo rappresenta una delle attività più apprezzate sia dal turista che giunge in Ticino che dalla popolazione locale. Ed è anche ai residenti che si rivolge il progetto di valorizzazione degli itinerari turistici cantonali. Il nostro Cantone vanta infatti oltre 4’000 chilometri di sentieri regolarmente curati dalle squadre di manutenzione. Per maggiori informazioni: newexperience.ticino.ch/hike.

Per ulteriori informazioni:

TICINO TURISMO
Cecilia Brenni
Press Office
Tel: +41 (0)91 821 53 30
e-mail: cecilia.brenni@ticino.ch

Mete insolite – Azzorre sono state nominate per “Leader Europee …

“DESTINAZIONE INTERNAZIONALE IN EUROPA 2017”

– Le Azzorre sono state nominate

 “Leader Europea come Isola Destinazione 2017

Per informazioni turistiche vedi al link: http://www.donnecultura.eu/?p=32285

da World Travel Awards 2017 (WTA), Fondato nel 1993 per aumentare la qualità della concorrenza in tutti i settori dell’industria del turismo, World Travel Awards – il programma di premi più prestigioso e completo nel mondo del turismo e del turismo – festeggerà il suo venticinquesimo anniversario.

I candidati sono stati già annunciati e la votazione è aperta: tra i candidati, ci sono diverse destinazioni, aziende e alberghi portoghesi.

Le Azzorre sono incluse in un elenco di 11 candidati della categoria

“Destinazione d’imbarco dell’Isola d’Europa 2017” e stanno competendo con destinazioni isole riconosciute e prestigiose quali Isole Baleari, Isole Canarie, Creta, Cipro, Guernsey, Jersey, Madeira , Malta, Sardegna e Sicilia.

La presenza delle Azzorre in questa lista, per il secondo anno consecutivo, li ricompensa per i loro sforzi per offrire una destinazione sostenibile, con un patrimonio culturale rilevante, un’incredibile bellezza naturale e un’alta qualità ambientale.

Le Azzorre sono anche rappresentate in World Travel Awards 2017 tramite Terra Nostra Garden Hotel, nella categoria Leading Boutique Hotel di Europa e il Portogallo’s Leading Boutique Hotel.

La votazione aperta al pubblico termina il 6 agosto 2016.

Per mettere il tuo voto, vai a https://www.worldtravelawards.com/vote

Per ulteriori informazioni, contattare Turismo dos Açores: marketing@visitazores.com

www.visitazores.com

Facebook – https://www.facebook.com/Visit-Azores-159818184071534/

Twitter – https://twitter.com/visitingazores Instagram – https://www.instagram.com/visitazores/

Youtube – https://www.youtube.com/user/TurismoAzores

 ASSOCIAÇÃO DE TURISMO DOS AÇORES:

Turismo dos Açores / ATA ha la missione di promuovere la regione autonoma delle Azzorre come destinazione turistica di natura, basata su una forte politica esperienziale, nei mercati di emissione strategici e prioritari, affinché la quantità di pernottamenti in tutte le isole Azzorre aumenti in modo sostenibile, nonché aumentino le entrate per tutte le parti interessate del mercato.

Nuova attrazione della Norvegia dei Fiordi

VisitNorway

 I Vichinghi nei Fiordi – Viking Valley, la nuova attrazione della Norvegia dei Fiordi

Il Nærøyfjord, uno dei due fiordi che fanno parte del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, ha nuova attrazione: il villaggio vichingo di Njardarheim, conosciuto anche come Viking Valley, inaugurato a fine maggio 2017.

A Gudvangen, da quasi due decenni, si teneva ogni estate un mercato vichingo. Ora al suo posto è stato costruito questo villaggio permanente che, con le sue attività sia culturali che ludiche, dà un’idea di quella che era la cultura vichinga del passato e ha il pregiodi testimoniare la vita di tutti i giorni dei Vichinghi. Un museo all’aria aperta, pensato per ogni età.

Un’esperienza da vichinghi

Nel villaggio, i visitatori possono partecipare a un viaggio emozionante e incredibile che li riporta a più di mille anni indietro nel tempo. Da non perdere il cantastorie che racconta chi erano i Vichinghi e da dove provenivano, la loro comunità, i loro viaggi, le loro imbarcazioni e come l’età vichinga abbia lasciato un segno profondo nella storia.

Esplora e impara

Nel Njardarheim, che tradotto significa “casa del Dio Njord”, i visitatori possono vivere la storia dei vichinghi attraverso tutti i 5 sensi.

Sentire l’adrenalina del tiro con l’arco e il lancio dell’ascia, oppure imparare i tradizionali giochi vichinghi. L’odore del catrame e del fuoco si uniscono alle attività della vita quotidiana dei Vichinghi.
Cibo e bevande

Il cibo dell’età Vichinga era sorprendentemente “avanzato” in quanto utilizzava una varietà di erbe come la cannella, timo e basilico (molte delle quali importate dai loro viaggi in tutta Europa) sia per insaporire le pietanze che per produrre medicinali.

Nel cortile centrale, si possono assaggiare cibi e bevande, il tutto nella migliore tradizione vichinga.Alcune pietanze tipiche sul menù sono: zuppa con pane, salsiccia, insalata di cavolo, pane appena sfornato con salmone o salsiccia e crema acida insaporita con aglio.
“Njardarheim” è dal 31 maggio fino al 1 ottobre 2017
Prezzi: Adulti NOK 195, bambini (4-15): NOK 98
https://www.uk.vikingvalley.no/
https://www.visitnorway.com/media/news-from-norway/chieftain-olafr-has-waited-for-a-viking-town-for-22-years-it-is-finally-open/

Innovation Norway – Ufficio Norvegese per il Commercio e il Turismo.

Innovation Norway è il più importante ente governativo norvegese per la promozione, lo sviluppo e la crescità delle aziende e dell’industria norvegese.

Innovation Norway fa capo al Ministero Norvegese per l’Industria e il Commercio, e’ nata nel 2004 dalla fusione tra il Norwegian Trade Council e l’Ente Norvegese per il Turismo. E’ presente in più di 30 paesi del mondo e in tutte le regioni della Norvegia.
La missione di Innovation Norway e’ di promuovere lo sviluppo industriale e socio-economico presso i mercati esteri e di sviluppare le potenzialita’ imprenditoriali dei singoli distretti.
Innovation Norway supporta, attraverso servizi consulenziali e finanziari, le aziende, i centri di ricerca e le organizzazioni industriali nei processi di internazionalizzazione, innovazione e promozione.
Share on social media

VACANZE A PIEDI IN OLANDA DI ISOLA IN ISOLA E molto altro …

Esperienze uniche nella natura selvaggia

Ambienti naturali rimanenti su larga scala

Con un po’ di fortuna, si possono incontrare le foche …

Texel
Con una lunga spiaggia di 30 km …

Le Isole olandesi da scoprire (anche a piedi)

Per fuggire su un’isola deserta non occorre fare lunghe ore di volo.

Per chi può fare a meno della tintarella, ma cerca natura, pace e lunghe spiagge, i Paesi Bassi hanno molte isole incantevoli e raggiungibili facilmente in traghetto.

Alcune sono riserve naturali integrali, regno incontrastato di uccelli migratori e fauna marina, dove l’uomo non può entrare.

Il Mare di Wadden è infatti un delicato e prezioso ecosistema di sabbia, fango e maree protetto dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità.

Uno degli ultimi ambienti naturali rimanenti su larga scala, dove i processi naturali continuano a funzionare in gran parte indisturbati.

Alcune delle isole Frisone Occidentali (Ameland, Schiermonnikoog, Rottumerplaat, Terschelling e Texel) si possono raggiungere anche a piedi dalle coste settentrionali. Basta aspettare la bassa marea e avere una buona guida.

Gli olandesi le chiamano “wadlopen” – passeggiate nel fango che. L’acqua può arrivare anche al torace e lungo il percorso, con un po’ di fortuna, si possono incontrare le foche, che amano farsi un pisolino sulle secche. Consigli e indirizzi per organizzare l’escursione sul sito: www.holland.com/it

ISOLE FRISONE OCCIDENTALI (Wadden Islands)
Terschelling

Seconda isola in ordine di grandezza delle Isole Frisone Occidentali e la più grande e più visitata isola del mare di Wadden, offrendo circa 20000 possibilità di alloggio per turisti.

Se si lascia a est il centro della città principale West Terschelling, si possono vivere esperienze uniche nella natura selvaggia tra paludi formate dalla bassa marea e foreste e godere delle lunghissime spiagge. Ad accogliere i visitatori sull’isola, il Brandaris, il più vecchio faro dei Paesi Bassi, risalente al 1594.

Vlieland

E’ tra le Isole Frisone Occidentali quella più lontana dalla terraferma, raggiungibile in 90 minuti di battello, la più piccola delle isole del Mare di Wadden e con meno abitanti.

Lunga 12 km e larga non più di 2 km. Questa bellissima isola che attira i visitatori grazie alla sua natura intatta ricca di foreste, dispone di un estesissimo network di piste ciclabili con al centro un unico villaggio.

Unica di quest’isola, la duna Vuurboetsduin alta 40 metri con un faro rosso in cima.

Texel
Con una lunga spiaggia di 30 km, sette villaggi caratteristici e molti ambienti naturali diversi, l’isola è un paradiso per una vacanza rilassante immersi nella natura.

Da non perdere una passeggiata fino all’antico faro sulla spiaggia più settentrionale dell’isola e una visita al centro Ecomare, che accoglie molti animali marini ed è un centro di riabilitazione per le foche ferite (www.ecomare.nl – in olandese, tedesco e inglese).

Facile da raggiungere da Den Helder in soli 20 minuti di traghetto, ha una superficie di circa 500 km quadrati e circa 14mila abitanti.

E’ anche famosa per le numerose greggi di pecore ( la carne di agnello qui è particolarmente prelibata per via dell’erba salata dei pascoli), la birra locale Texel Skuumkoppe, i formaggi e i liquori alle erbe.

Ovviamente c’è una ottima rete di piste ciclabili, che permette di raggiungere in sella anche l’unica area dei Paesi Bassi dove il mare del Nord ancora affluisce liberamente, la riserva naturale “De Slufter”.

Lungo la strada si può fare una sosta al curioso museo “Schipbreuk- en Juttersmuseum Flora”, situato tra Den Burg e De Koog, dove sono esposti gli oggetti bizzarri portati sulle coste dal mare, compresi molti messaggi in bottiglia. 
Sito ufficiale dell’isola: www.texel.net

Ameland


Foche in libertà …

Con una popolazione di circa 3.500 abitanti, circa 60 specie di uccelli e una vegetazione rigogliosa, quest’isola è una meta perfetta per gli amanti della vita all’aria aperta e della natura.

Molto apprezzata dagli amanti della pesca sportiva allo sgombro, consente anche di osservare le foche in libertà, grazie alle escursioni in barca fino a una secca vicino alla costa dove vive una grande colonia.

Stretta e lunga, ha una superficie di circa 60 km quadrati (solo 3 km nel suo punto più largo) e una popolazione di 3.500 abitanti.

Punti privilegiati per osservare l’isola dall’alto sono l’Oerdblinkert, una duna di sabbia alta 24 metri, e il suo faro che misura ben 56 metri.

Ad Ameland ci sono molti alberghi e campeggi, ma l’agricoltura è ancora una voce importante della sua economia. Coltivata per circa un terzo, soprattutto nella parte meridionale sotto il livello del mare, si conserva selvaggia sul versante est, frequentato punto di passaggio dagli uccelli migratori.

Il centro storico è Nes, dove si trovano numerosi edifici antichi, fra cui un mulino del 1880 e la chiesa di San Clemente, costruita nel 1878 su progetto del famoso architetto Cuypers, lo stesso della Stazione Centrale di Amsterdam e del Rijksmuseum.
Sito ufficiale: www.vvvameland.nl

Schiermonnikoog

anche inverno non è raro avvistare la famiglia reale olandese …

300 specie di uccelli, varie piante rare (incluse 9 specie di orchidee


Il suo nome si può tradurre letteralmente come “L’isola dei monaci grigi” e si riferisce ai cistercensi, che abitarono l’Abbazia di Santa Maria di Chiaro Campo fino a quando furono costretti ad abbandonarla durante la Riforma Protestante, a seguito della quale la maggior parte dei monasteri e degli edifici ecclesiastici cattolici nel nord dei Paesi Bassi furono espropriati.

Dal 1989 è stato istituito un parco nazionale dove oggi vivono circa mille persone, molto fortunate se si pensa che gli olandesi hanno votato Schiermonnikoog come il luogo più bello dei Paesi Bassi.

Racchiude una grande varietà di paesaggi – dune, spiagge, pinete e paludi – che accolgono circa 300 specie di uccelli, varie piante rare (incluse 9 specie di orchidee), e molti visitatori, soprattutto durante i mesi estivi.

Si raggiunge in traghetto da Lauwersoog e può essere esplorata a piedi o in bicicletta, perché soltanto gli abitanti sono autorizzati a portare un’auto sull’isola (ma c’è anche un servizio di trasporto pubblico). Numerose le possibilità di pernottamento, fra case private e alberghi. Molti gli hotel romantici ed eleganti, aperti anche in inverno, dove non è raro avvistare la famiglia reale olandese o qualche celebrità. 
Sito ufficiale dell’isola: www.vvvschiermonnikoog.nl (in olandese e tedesco)

LE ISOLE FRISONE

Griend


Nel medioevo una colonia di monaci visse nel monastero fortificato, ma oggi questa piccola isola, 12 km a sud di Terschelling, è completamente disabitata.

E’ il regno dei beccapesci (Thalasseus sandvicensis), una delle sterne più grandi, facilmente distinguibile da un gabbiano per le ali sottili a falce e il ciuffo nero sulla nuca. Divenuta ormai piuttosto rara, qui si trova invece la colonia più grande dell’Europa Occidentale.

ISOLE PARADISO NATURALE, RISERVA INTEGRALE O NON ACCESSIBILI


Rottumerplaat è un’isola santuario, che protegge le numerose specie di uccelli che la abitano ed è la terra più a nord dei Paesi Bassi. Paradiso dei birdwatchers è accessibile soltanto dopo aver ottenuto un permesso delle autorità forestale.

Spostandosi verso est, Zuiderduintjes appare come una goccia di sabbia nel mare. Sembra quasi un atollo maldiviano ed è una minuscola oasi per foche, spatole e garzette, vietata all’uomo.

La più piccola fra le isole olandesi è sicuramente il Rif, poco più di una duna di sabbia fra Ameland e Schiermonnikoog, amato rifugio di foche e uccelli marini. Sta progressivamente scomparendo, invece, Rottumeroog, disabitata e minacciata dal cambio delle correnti nell’estuario del fiume Ems.

NEI DINTORNI DI AMSTERDAM


Pampus


Un’isola artificiale realizzata nel tardo diciannovesimo secolo nel lago di IJmeer, in prossimità della costa di Durgerdam, non lontano da Amsterdam. Ospita un forte militare (uno dei 42 forti commissionati come parte dello Stelling van Amsterdam o Linea di Difesa di Amsterdam) che poteva accogliere fino a 200 persone, ma fu utilizzata a pieno soltanto durante la Prima Guerra Mondiale. Pampus rientra quindi nell’anello difensivo di 135 km che circonda Amsterdam, realizzato fra il 1880 e il 1920 e dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco nel 1996. L’isola dal punto di vista militare è in disuso dagli anni Cinquanta, ma la fortezza è stata in parte restaurata e aperta al pubblico da aprile a ottobre. Si raggiunge in traghetto da Muiden. Essendo in Olanda, non mancano le piste ciclabili per esplorare l’intera Stelling van Amsterdam in bicicletta.

Per maggiori informazioni sui numerosi itinerari possibili: www.stellingvanamsterdam.nl (olandese, inglese, francese e tedesco).
 Per maggiori informazioni sulla Linea Difensiva di Amsterdam: www.stelling-amsterdam.nl

PRIMO ITINERARIO TURISTICO NELLA PROVINCIA DEL FLEVOLAND
Il nuovo itinerario nella provincia olandese del Flevoland collega le città di Lelystad ad Almere, una valida alternativa per i turisti all’autostrada A6. La ‘Route Touristique Flevoland’ può essere percorsa in due sensi diversi: partendo da Lelystad verso Almere e viceversa. Il percorso attraversa le principali attrazioni che offre la provincia: l’area naturalistica dell’Oostvaardersplassen, alcune spiaggie, la stazione di pompaggio De Blocq van Kuffeler, l’outlet Batavia Stad e il bosco Belevenissenbos. Con questo nuovo percorso i viaggiatori possono scoprire questa provincia in modo alternativo e originale.

Durante il tragitto si possono godere numerosi panorami del Markermeer e altre riserve naturali. Al momento la route è disponibile su applicazione scaricabile dal sito www.RouteTouristique.nl in tre lingue: inglese, tedesco e olandese.

Le cosiddette “Routes Touristiques” sono un fenomeno già conosciuto in Francia, dove sono stati tracciati interessanti percorsi come alternativa alle strade principali che permettono di scoprire le bellezze della provincia.
Per maggiori informazioni: www.toerismeflevoland.nl

A l’Aia varie realtà culinarie riunite nel nuovo Hofhouse

Nel cuore della città diplomatica, accanto alla stazione centrale di Den Haag, è stato appena inaugurato un nuovo centro dal nome ‘Hofhouse’dove si riuniscono differenti realtà culinarie.

Questo nuovo luogo trendy offre otto esperienze culinarie diverse, di cui sei fisse: SLA, Toastable, Mad Mex, Noomi, Burgerz e Da Portare VIA. Ad aggiungersi anche due ristoranti pop-up che cambiano in base alla stagione.

Hofhouse è un ritrovo innovativo, spazioso e luminoso, dove gustare svariate prelibatezze, dalla colazione fino all’aperitivo o la cena. Seduti ad un unico tavolo, è possibile ordinare pietanze di ristoranti diversi in base alle proprie esigenze. Così si possono assaggiare le patatine fritte di Burgerz, le pizzette dell’italiano Da Portare via, le tortilla con salse piccanti del messicano MadMex ed i bocconcini asiatici di Noomi.

All‘hotspot non poteva mancare un grande bar dove ordinare birre artigianali, cocktail e vini pregiati.

Di Hofhouse colpisce anche l’aspetto architettonico: le sue pareti sono infatti interamente di vetro, particolarità che fa di questo luogo una serra luminosa con uno spazio di ben 1000m2 con tanto di terrazza all‘aperto. I coperti del locale sono circa 350 ma il cibo è anche d’asporto.

Al momento i 2 indirizzi pop up sono: ” Lekkernijs”, per gustare „gelati del futuro“ e dove, grazie ad una tecnica speciale con l’azoto, i frullati di frutta vengono trasformati in gelato e cocktail a base di sorbetto.

PESCE

Il secondo pop-up store è invece dedicato al pesce: presso lo stand di Zilt en Zalig si possono assaporare le ostriche durante la stagione estiva.

Ulteriori informazioni
Orari di apertura: 
Lunedì-mercoledì 07:30-21:30 
Giovedì-venerdì: 7:30-23:00 
Sabato: 09:00-23:00
Domenica: 10:00-21:30
Indirizzo : Rijnstraat 10, 2515 XP Den Haag
Website : www.hofhouse.nl
Facebook : www.facebook.com/HofhouseDenHaag
Instagram : www.instagram.com/hofhouse_denhaag

Early Droog:

una mostra sui primi anni di Droog Design

Dal 22 settembre al 3 dicembre 2017 il Centraal Museum di Utrecht presenta cinquanta pezzi con la temporanea “Early Droog: i primi anni di Droog Design”.


Il Centraal Museum acquistò i primi oggetti Droog Design vent’anni fa.

Oggi possiede la più grande collezione museale al mondo di oggetti Droog Design. Allo stesso tempo, l’anno 2017 segna 100 anni di De Stijl, celebrato in tutto il paese con il tema “Da Mondriaan a Dutch Design”.

Due buone ragioni per visitare la mostra “Early Droog: i primi anni di Droog Design”. 
Droog Design è un famoso collettivo di designer olandesi che progetta e produce articoli di arredamento e prodotti di design industriale. Ha reso celebri designer come Marcel Wanders, Hella Jongerius, Tejo Remy, Richard Hutten e Jurgen Bey. Droog Design è stato fondato ad Amsterdam nel 1994 da Renny Ramakers e Gijs Bakker, dopo che i due avevano ottenuto un riscontro positivo in occasione di una esposizione di prodotti di giovani designer, durante il Salone Internazionale del Mobile di Milano. I disegni di Ramakers e Bakker, risalenti a quegli anni, sono innovativi e originali, con elementi di sorpresa e di umorismo, essendo questa la mentalità che il collettivo esprimeva nella selezione di oggetti. Droog Design è stato rapidamente associato al termine “Dutch Design”, non sempre giustificato perché le collaborazioni con designer non olandesi sono state numerose. Tuttavia, il collettivo ha contribuito in maniera significativa alla diffusione della nozione di Dutch Design, che è ormai diventato un marchio di qualità, riconosciuto in tutto il mondo.
 Ulteriori informazioni: 
www.centraalmuseum.nl
Indirizzo: Agnietenstraat 1, 3512 XA Utrecht 
telefono: +31 (0)30 2362362 
email: info@centraalmuseum.nl
contatto per la stampa: pers@centraalmuseum.nl

Una mostra dedicata al film “Loving Vincent”, il primo film di animazione basato sui quadri di Van Gogh

Dal 14 ottobre, il Noordbrabants Museum di Den Bosch dedicherà un’esposizione alla famosa pellicola di animazione “Loving Vincent”, offrendo un punto di vista molto speciale, da dietro le quinte, su come è stato realizzato il film. “Loving Vincent”, che uscirà in tutto il mondo il prossimo autunno, è il primo film di animazione dipinto e prodotto ispirandosi alle opere di Van Gogh.

Alla sua realizzazione hanno partecipato oltre 125 artisti che hanno dato vita al famoso pittore con le sue pennellate, dipingendo a mano tutti i fotogrammi della pellicola. Tutti i fotogrammi sono dipinti a mano, ogni secondo di film contiene almeno dodici tele. Gli autori Hugh Welchman e Dorota Kobiela di Breakthru Productions hanno impiegato quattro anni per la realizzazione di questo film.


“Loving Vincent. La mostra” raccoglie 70 fra i dipinti utilizzati nella sequenza di animazione ed è attualmente l’unica esposizione dedicata al film e alla sua realizzazione. Oltre a vedere una parte della pellicola, i visitatori proveranno l’emozione di entrare dentro un quadro di Van Gogh attraverso uno schermo.

Senza dubbio la visita alla mostra del Noordbrabants arricchirà l’esperienza della visione del film. Rimarrà aperta fino al 28 gennaio 2018 e può essere completata da una visita alle sale dell’esposizione permanente del museo dedicate a Van Gogh e al suo periodo nella provincia del Brabante. Tutte le opere esposte sono state realizzate a Nuenen, dove Van Gogh trascorse il periodo più lungo della sua vita artistica.
In occasione dell’uscita del film di animazione Loving Vincent, l’Olanda, il paese natale di Vincent van Gogh, organizza una serie di eventi e mostre incentrati sul film, sull’opera e sulla vita del famoso pittore.

Nella vicina provincia del Gelderland, a circa 70 chilometri ad est di Amsterdam, la première di Loving Vincent avrà luogo il 19 ottobre. Presso il Cinemec Ede, nei pressi dell’eccezionale Kröller-Müller Museum nel Parco nazionale De Hoge Veluwe, verrà presentata una piccola selezione delle 1400 opere realizzate appositamente per il film. “Le opere sono troppo belle per non essere mostrate al pubblico del film”, sottolinea Lies Boelrijk del Museo Kröller-Müller. Questo museo immerso nella natura ospita la seconda più grande collezione di opere di Van Gogh al mondo.

Qui vengono esposti anche alcuni dei famosi quadri che prendono vita nel film Loving Vincent, come ad esempio ‘Terrazza del caffè la sera, Place du Forum, Arles’, ‘Seminatore al tramonto’, ‘Il ponte di Langlois’ e ‘Il postino Joseph Roulin’, uno dei personaggi principali del film di animazione.
Informazioni: www.hetnoordbrabantsmuseum.nl/topmenu/english/

Rotterdam

A Rotterdam, il primo deposito d’arte aperto al pubblico nel mondo.

Sono iniziati i lavori del Collectiegebouw: è questo il nome del primo deposito di opere d’arte aperto al pubblico, nel mondo. È noto che solo una parte del patrimonio artistico mondiale è esposto nei musei accessibili al pubblico: molte opere, anche di artisti ragguardevoli, non trovano adeguato spazio e finiscono nei magazzini dei musei stessi, dagli Uffizi di Firenze al Prado di Madrid al Mauritshuis de L’Aja. Il principale museo di Rotterdam, il Boijmans van Beuningen, ha colto questa opportunità e ha presentato il progetto Collectiegebouw, il primo deposito di opere d’arte aperto al pubblico.

Progettato dall’architetto Winy Maas, del rinomato studio MVRDV (come il Markthal, altro edificio creato da MVRDV a Rotterdam), avrà un aspetto e dimensioni tali (oltre 40 metri di altezza, collocato nel Museumspark, accanto al museo Boijmas van Beuningen) da non lasciare indifferenti.

“Non esiste niente di paragonabile al mondo” sostiene Sjarel Ex, direttore del Boijmas van Beuningen, che ha supervisionato l’operazione, che aggiunge: “Con l’arrivo del Collectiegebouw ci avviciniamo alle collezioni del futuro: i musei verranno visitati in forme e modalità sempre nuove”. Il vice sindaco di Rotterdam, Aadrian Visser: “La presenza del deposito rinforza il carattere del Museumspark e contribuisce inoltre ravvivare il centro città. È altrettanto importante che la collezione d’arte, appartenente alla nostra città, sia preservata e accessibile a tutti.”

Il Collectiegebouw sarà organizzato in modo diverso dall’adiacente museo, non ci sarà un’esposizione, ma il visitatore potrà immergersi da solo o accompagnato da una guida nelle 70.000 opere d’arte accessibili. Ci sarà inoltre la possibilità di scoprire le origini, la conservazione e il restauro delle opere d’arte. Ai 300.000 visitatori che il Boijmas van Beuningen attira già annualmente, se ne aggiungeranno 90.000 col Collectiegebouw.

L’itinerario aperto al pubblico attraversa l’edificio, cominciando dall’entrata nel giardino delle sculture per poi terminare nella terrazza sul tetto. Nel Collectiegebouw sono previsti quattro atelier, comprendenti il restauro professionale, delle cabine cinema, uno spazio educativo. Una parte del deposito (circa 1.900 m2) sarà destinato a collezionisti privati. L’accesso alla terrazza sul tetto sarà libero.
www.depot.boijmans.nl/

MULINI

I 19 mulini pittoreschi di Kinderdijk; patrimonio mondiale dell’UNESCO

In una zona ricca d’acqua, situata nei pressi dell’antica città di Dordrecht e del parco nazionale “De Biesbosch”, si trova il suggestivo borgo di Kinderdijk: 19 mulini, oltre a idrovore, chiuse e bacini, inseriti in un contesto paesaggistico tipicamente olandese. Un vero spettacolo che, non a caso, è annoverato nell’elenco dei siti patrimonio mondiale dell’Umanità dell’UNESCO.
I mulini, disposti uno di fronte all’altro, creano uno spettacolo di stampo decisamente olandese, testimone di come il popolo di questa terra interagisce con l’acqua dominandola.
Un esempio di come gli olandesi gestiscono le risorse idriche.
La maggior parte dei mulini collettori fu costruita tra il 1738 e il 1740, con lo scopo di mantenere asciutto il territorio sotto il livello dell’acqua dell’Alblasserwaard. Tuttavia, già prima di allora esistevano mulini che servivano al prosciugamento dell’acqua dai polder. È possibile visitare ancora due di questi mulini e un’idrovora a vapore oggi in disuso.

Il borgo di Kinderdijk – che in quegli anni si chiamava ancora Elshout –, con i suoi tanti corsi d’acqua, dighe, mulini e chiuse, è testimone di come gli olandesi, da circa 1000 anni, affrontano la potenza dell’acqua sfruttandola a proprio vantaggio.

In tempi più recenti la funzione dei mulini è stata rilevata dagli impianti idrovori. Prima tra tutti, l’idrovora a vapore di Wisboom, in cui oggi è stato predisposto un centro visitatori e che ospita all’interno un impianto idrovoro diesel e uno elettrico.
Per chi visita Kinderdijk si consiglia una visita all’interno dei due mulini museo e guardare il filmato dell’idrovora di Wisboom. All’interno delle officine del mulino sono inoltre disponibili guide che spiegano il funzionamento e la manutenzione dei mulini.
Cosa vedere e cosa fare
In bicicletta tra mulini e borghi idilliaci.
La bicicletta è il modo più bello per raggiungere Kinderdijk. Si può percorrere lo splendido itinerario ciclabile della “Molenroute” (l’itinerario dei mulini), che consente di ammirare idilliaci borghi secolari, antichi mulini e un paesaggio unico.

A piedi al Mulino storico di Nederwaard.

Assolutamente da non perdere è la splendida passeggiata lungo i mulini della Kinderdijk. Nel Mulino storico di Nederwaard, i visitatori possono osservare come funzionano e come vengono costruiti e mantenuti in efficienza i mulini a vento.
Navigare lungo i mulini di Kinderdijk.
Chi desidera ammirare i mulini dall’acqua – un’esperienza da non farsi certamente sfuggire – può optare per un giro sul Canal Hopper “Prins Friso”, che dà la possibilità di salire e scendere in quattro diversi punti del percorso: il giro dura circa mezz’ora.
www.kinderdijk.nl

 

UN WEEKEND TRANQUILLO A OSTENO E PORLEZZA SUL LAGO DI LUGANO

Osteno piazza lago

Osteno: la tranquilla piazza centrale.

Osteno Grotte di Rescia rocce verdi

Osteno le grotte.

Osteno Porlezza 500 passeggiata

Porlezza; la nuova passeggiata a lago.

Osteno località Folla mulino

Claino con Osteno; la ruota del mulino in località Folla.

Osteno Porlezza dalla passeggiata 500

Porlezza.

Osteno 500 j

Da Claino con Osteno, località Folla si vedono i Denti della Vecchia (noto picco della svizzera italiana).

Osteno Dente della Vecchia Lago di Lugano Montagna 672

I Denti della Vecchia.

———————————————

OSTENO – PORLEZZA E DINTORNI

Sul lago di Lugano, versante italiano.

Siamo partiti per un weekend e ci siamo fermati una settimana; per riposare, leggere, camminare, nuotare e mangiare nei crotti.

Abbiamo mangiato bene anche al Camping Darna; ideale se avete uno o più bambini.

Indirizzo: Via Osteno, 50, 22018 Porlezza CO
Telefono:0344 61597 ; http://campingdarna.com

Ovunque è facile trovare un B&B dove dormire.

La colazione e l’aperitivo direttamente sul lago; solo al gentilissimo bar di piazza Ugo Ricci 9, Claino Con Osteno.

I prodotti alimentari li abbiamo acquistati da Fumagalli a Osteno; ha tutto quello che è indisensabile.

Osteno orrido antico

L’antico orrido di Osteno, oggi non più visitabile.

Conosciuto e apprezzato dal premio Nobel Pirandello che ne scrisse: “Ecco, a la gente piace ancora Valsolda / e Val d’Intelvi e l’Orrido d’Osteno”.

Questi luoghi furono cari anche a Fogazzaro, che ne scrisse nel: “Piccolo mondo antico” ed in “Malombra”.

Mario Soldati portò sul grande schermo questi luoghi con l’attrice Isa Miranda (mescolandoci anche la famosa Villa Pliniana del Lago di Como).

Osteno dalla cattedrale

Osteno, chiesa santi Pietro e Paolo.

Osteno chiesa Santi

Osteno chiesa uij

Osteno case 1a

Osteno strade del centro.

Osteno 300 acqua fiume torrente

Claino con Osteno; località Folla.

Osteno ruota mulino località Folla

Folla la ruota del mulino.

Osteno scalinata alal chiesa

Osteno centro

Osteno scalinate chiesa

————-

CLAINO CON OSTENO

Osteno Claino strada 1b

Osteno Claino chiesa 1a

————–

Osteno al lago

Osteno panorama dalla spiaggia pubblica.

OSTENO 672 ormeggio porto

Osteno il piccolo porto privato.

Osteno Grotte di Rescia cascata

Osteno Grotte di Rescia

Cicogne 672 Osteno Grotte Rescia

Osteno Grotte di Rescia 1a

Osteno grotte di Rescia verde

Varie 672 Acqua  roccia verde 2w

———–

Osteno San Rocco interno generale

Osteno-San-Rocco

Osteno San Rocco altare scagliola

San Rocco- Altare in scagliola

Osteno San Rocco altare

San Rocco a Osteno

————–

Viaggio in Cina per veri viaggiatori – Non dimenticate di visitare lo Yunnan – Partiamo dallo Yunnan

cibo cucina molecolare bellagio copy

acqua lago cascata montagna

COGNE CASCATA ARCOBALENO

Lo Yunnan, che significa a sud delle nuvole, si trova nel Sud-Ovest della Cina. 270 milioni di anni fa era inondato dal mare; oggi è una zona ricca di montagne, tradizioni e gastronomia.

Suggestivi i paesaggi da fotografare; come gli splendidi tramonti e albe sulle immense risaie (patrimonio UNESCO) e Kumning, detta anche città dell’eterna primavera.

La provincia dello Yunnan, grande poco più dell’Italia, conserva ben 25 minoranze etniche ed anche una popolazione di elefanti asiatici selvaggi; 300 esemplari protetti dalle autorità cinesi (al confine con il Laos).

Oggi anche gli abitanti dell’inquinatissima Pechino, quando vogliono prendersi una vacanza, volano sovente verso lo Yunnan.

La città di Kumning, capitale della provincia dello Yunnan a 2.000 metri sopra il mare, è riparata dalle catene montuose ed a queste montagne deve il suo clima di eterna primavera; una benedizione per i cinesi abituati ai terribili freddi invernali e caldi estivi o ai climi torridi del sud.

La zona delle risaie, si trova a 300 chilometri a sud di Kumning ed è il capolavoro ingegneristico della popolazione locale Hani. 17 mila ettari di terrazzamenti a vari livelli, sino a raggiungere i 1.800 metri di altitudine.

Qui non ci sono gli ultramoderni aeroporti della Cina più nota, né linee ferroviarie ad altissima velocità, ma potete trovare la Cina più autentica; quella che non vedrete mai in un classico viaggio organizzato.

Preparatevi anche, come ogni vero viaggiatore, a pullman su strade tortuose. Da Kunming a Yuanyang ci vogliono minimo otto ore di bus.

Bellissime le terrazze di puro giallo; coltivate a colza nella zona di Lousitian, regione di Luoping (fioritura tra febbraio e aprile).

Autentica meraviglia è la foresta di pietra di Shilin Yi, a due ore di bus a est di Kunming. In un’area di 50 chilometri quadrati, tronchi pietrificati altri anche 30 metri. La gelosia ci spiega che 270 milioni di anni fa, qui c’era il mare e quando le acque si ritirarono rimase un fondo calcare che l’erosine ha elegantemente scolpito.

Lo Yunnan confina con Vietnam, Laos e Myammar e vi si trovano influenze delle antiche colonie francesi e inglesi.

Famosa è anche una zona, ai piedi dell’Himalaya, denominata Shangri-La (nella contea di Zhongdian). Questo territorio ha ispirato James Hilton per il romanzo “ Orizzonte perduto ”. Divenuto film nel 1933, grazie al regista Frank Capra.

Inoltre una delle più famose case francesi di vini, vi ha portato le proprie viti tra i 2.550 e i 2.700 metri di altezza; qui produce un rosso che si chiama Ao Yun ( Sacra nuvola ). Prezzo 300 euro a bottiglia.

Per organizzare un viaggio consultare: turismocinese.it
Passaporto valido ameno 6 mesi con visto da chiedere all’Ambasciata Cinese o al Consolato (06.44 25 0240 // 02. 83 20 13 85).

Kumning: Green Lake Hotel 160 euro la doppia; storico hotel appena ristrutturato.

Janshui: Zhu Family Garden hotel, da 80 euro, antica dimora del XIX secolo, camere con grandi letti a baldacchino. Custodisce una mostra fotografica che narra la storia degli Zhu e della Cina del secolo scorso.

Lijang: Banyan Tree Lijang, da 200 euro, Sulle rive del lago Lugu, è forse l’indirizzo più elegante della regione. Le camere sono molto grandi ed il ristorante offre una raffinata scelta di piatti cinesi. La miglior vista è quella che da sui Monti del Drago di Giada.

Viaggio organizzato; I Viaggi dell’Elefante, viaggidellelefante.it 11 giorni 2.500 euro; compresa la visita alla zona di produzione del pregiatissimo tè rosso (a Pu’er).

New York – Eventi estivi a Central Park

Aer Lingus offre il servizio doganale statunitense per i viaggiatori in partenza per gli Stati Uniti evitandovi  lo stres all’arrivo.

Eventi estivi a Central Park, polmone verde della Grande Mela
Con Aer Lingus è facilissimo raggiungere New York!

 – Central Park, il più grande parco nel distretto di Manhattan conosciuto come il polmone verde di New York, è uno dei parchi cittadini più conosciuti del mondo.

Come ogni estate il parco è al centro di una ricca programmazione di eventi musicali, teatrali, artistici e dedicati al food ed è la location ideale per lasciarsi alle spalle la frenesia della città.

Raggiungere New York è semplice con i voli Aer Lingus, via Dublino, in partenza dagli aeroporti italiani di Milano Linate, Roma Da Vinci, Venezia, Pisa e Napoli.

Direttamente dal sito della compagnia, www.aerlingus.com, è possibile acquistare i biglietti e scoprire le migliori offerte. Attualmente, la compagnia offre voli a partire da 219 Euro per volare in Nord America dal 1 settembre 2017 al 31 marzo 2018.

Ogni estate Central Park è teatro di diversi eventi come gli spettacoli teatrali gratuiti nella suggestiva cornice nel Delacorte Theater a cura del Teatro Pubblico di New York.

Tra questi, dall’11 luglio al 13 agosto andrà in scena uno degli attesi appuntamenti del New York Shakespeare Festival con la rappresentazione di “Sogno di una notte di mezza estate”.

Non solo teatro ma anche la musica classica sarà protagonista della stagione estiva. Diversi sono gli appuntamenti presso lo spazio Great Lawn del parco con l’Orchestra filarmonica di New York  e le rappresentazioni a cura del Metropolitan Opera presso il Rumsey Playfield.

Ancora da non perdere la serie di concerti della Naumburg Orchestral che si tengono nella struttura Naumburg Bandshell all’interno del parco.

Ogni estate il parco offre anche una ricca programmazione di musica che va al di là di quella classica.

Presso il Rumsey Playfield, area estesa del parco dove si svolgono le più diverse performance musicali, di danza, dialogo e presentazioni di film, si svolgono grandi concerti dove si esibiscono le star più celebri a livello mondiale.

Ne sono un esempio la serie di eventi del SummerStage e la serie di concerti a cura del ABC GMA (Good Morning America).

Volare verso gli Stati Uniti via Dublino è ancora più confortevole perché Aer Lingus offre il servizio doganale statunitense per i viaggiatori in partenza per gli Stati Uniti che hanno la possibilità di sbrigare le procedure di dogana e immigrazione già prima dell’imbarco, ancora in terra irlandese, evitando lo stress all’arrivo.

Aer Lingus offre voli annuali e stagionali dall’Italia per raggiungere la città irlandese di Dublino, le città americane di New York, Boston, Chicago, Los Angeles, Miami e la città canadese di Toronto.

Direttamente da www.aerlingus.com, è possibile non solo volare con le tariffe più economiche*, ma anche acquistare un voucher regalo, prenotare il proprio albergo, prenotare l’assicurazione di viaggio e noleggiare un’auto.

*Termini e condizioni
Le tariffe sono soggette a termini, condizioni e disponibilità.

###

Aer Lingus
Aer Lingus è la compagnia irlandese che unisce convenienza, attenzione al passeggero e affidabilità mantenendo un elevato standard di qualità e comfort.

POMPEI SUONI E LUCI – Da non perdere – Sino al 24 agosto

Pompei, percorsi notturni di suoni e luci

‘Una notte a Pompei’

–  fino al 24 agosto gli scavi campani, grazie al nuovo impianto di illuminazione, offrono uno specialissimo spettacolo notturno di luci molto suggestive.

Templi ed edifici illuminati, per rivivere attraverso voci, rumori e suoni la vita quotidiana di un tempo lontano.

 Le visite sono possibili il martedì e il giovedì, dalle ore 21 in sei turni per gruppi di 50/60 persone.

Il costo della visita, che dura un’ ora e un quarto, è di 11 euro.

COSA FARE QUANDO UNA MEDUSA…

Tempo di mare di bagni e di …meduse.

Medisa 672 vario mare esotico IMG_0399

Belle da vedere galleggianti nell’acqua; non piacevoli per un incontro ravvicinato.

Molte meduse, anche piccolissime, possono iniettare migliaia di arpioni sulla nostra pelle; ognuno  fa esplodere una vescica carica di liquido altamente tossico.

COSA FARE?

-NON FARSI PRENDERE DAL PANICO se si è in acque profonde, si deve raggiungere la riva continuando a nuotare, non fossennatamente, imponendosi di sopportare il dolore.

UNA VOLTA A RIVA:

-in caso di malessere generalizzato, palpitazioni cardiache ecc… subito da un medico; si potrebbe essere ipersensibili ed avere una crisi anafilattica

-in caso solo di bruciore forte localizzato, sedersi sdraiarsi all’ombra ; coprirsi se si ha freddo

-gli impacchi di ghiaccio leniscono il dolore

-NON usare ACQUA DOLCE per lavare la parte dolorante !!

-Non mettere DISINFETTANTI

-NON mettere TINTURA DI IODIO: a contatto con la sostanza irritante può provocare necrosi nei tessuti!

Con UNA CARTA DI CREDITO o similare, raschiare la superficie della pelle dolorante per rimuovere i frammenti dei tentacoli rimasti nella pelle

Solo su ordinazione medica usare: pomate antistaminiche (DIMINUISCONO IL GONFIORE, ARROSSAMENTI E BRUCIORI); potreste avere delle controindicazioni