Archivi categoria: informazioni per viaggi sicuri

VACANZE di Pasqua weekend e vacanze estive SICURE e TRANQUILLE – evitiamo gli aeroporti che creano più problemi di cancellazioni – smarrimento bagagli ecc…

Partire – viaggiare – rilassarsi

Quando il viaggio non va come dovrebbe …

Quali sono gli aeroporti da evitare ?

300.000 i passeggeri con volo cancellato o con ritardo superiore alle 3 ore che avrebbero diritto a circa 98 Milioni di Euro in rimborsi

Quasi 11 milioni di Italiani. Il periodo della Pasqua è, da sempre, tra i preferiti dagli Italiani per partire, viaggiare e rilassarsi.

I problemi nascono quando il viaggio non va come dovrebbe, nel caso di chi prende un aereo, specialmente durante la settimana di Pasqua, non è una rarità.

AirHelp (www.airhelp.it), società che ha aiutato oltre 2.000.000 di passeggeri ad essere risarciti per i loro voli in ritardo o cancellati, ha voluto analizzare i dati dello scorso anno durante la settimana di Pasqua ed ha individuato i 6 peggiori aeroporti dove arrivare, partire o semplicemente far scalo.

Nella scorsa Pasqua, solo in Europa, sono stati quasi 300.000 i passeggeri con volo cancellato o con ritardo superiore alle 3 ore che avrebbero diritto a circa 98 Milioni di Euro in rimborsi.

Ma quali sono gli aeroporti da evitare ?

Londra Heathrow: Lo scalo londinese è il peggiore in assoluto con 21.898 passeggeri rimasti a terra in attesa del loro volo ed oltre 8 milioni di euro di rimborsi dovuti ai viaggiatori per i disagi subiti;

Madrid Barajas: L’aeroporto della capitale spagnola sorprendentemente tra i peggiori a causa dei 130 voli con più di tre ore di ritardo o cancellati per i quali i passeggeri avrebbero diritto a quasi 5 Milioni di Euro;

Parigi Charles de Gaulle: 13.312 passeggeri hanno visto le loro vacanze rovinate e con diritto a 4 milioni ed 815 mila Euro;

Bruxelles National: 90 voli cancellati o con ritardo superiore alle 3 ore e 3 milioni e 200 mila euro di rimborsi dovuti ai passeggeri;

Amsterdam Schiphol: Quasi 3 milioni di rimborsi dovuti ai passeggeri e 61 voli con problemi direttamente riconducibili alle compagnie aeree;

Francoforte Flughafen: Utilizzato in particolare come scalo per voli destinazioni intercontinentali, i suoi 66 voli in ritardo o cancellati hanno fatto perdere numerose coincidenze. 9.901 i passeggeri coinvolti e 4 e 126 mila euro di rimborsi dovuti a passeggeri.

Lorenzo Asuni, Responsabile di AirHelp, sottolinea:

“Sono ancora troppo pochi i viaggiatori che conoscono le leggi che li tutelano contro i disagi subiti negli ultimi 3 anni durante i voli”.

Asuni conclude: “Solo l’1% degli aventi diritto reclama i soldi dei rimborsi, è ora di smettere di lamentarsi ed iniziare a farsi rispettare maggiormente come viaggiatori e cittadini

Prima di viaggiare a Pasqua sarebbe utile informarsi e conoscere questi diritti per un volo più sereno e delle scelte più consapevoli.

 AirHelp (www.airhelp.it)

ZONE A RISCHIO TERRORISMO O SALUTE – DOVE ANDARE E COSA EVITARE – Informazioni per turisti

In questo momento la Russia è sicuramente tra le mire del fondamentalismo; a causa della forte azione di Putin contro il terrorismo. In particolare in Siria. Ma rimane sempre molto remoto il rischio di finire proprio nel centro di un attentato.

Gli ultimi sviluppi ci dimostrano che ogni città Europea, ma non solo, può essere  oggetto di attentato terroristico. Anche se ogni luogo è potenzialmente a rischio, per questo non dobbiamo cadere nella trappola di vivere nel terrore e modificare esageratamente la nostra vita normale.

Tra i luoghi considerati a rischio vi è  la bellissima città di Istambul; soprattutto se siete donne sole, non è il momento.

Premesso che dopo gli ultimi sviluppi della situazione internazionale,  dovremmo sempre più imparare a comportarci  e pensare come gli israeliani che, da moltissimi anni convivono con il terrorismo, ma continuano a vivere una vita normale.

Gli israeliani, sanno dalla prima infanzia che si devono adottare molte piccole cautele e un minimo livello di attenzione, dopo di che pensare di capitare nel mezzo di un attentato è, nel calcolo delle probabilità, molto più basso di avere un incidente statale. 

Non dimentichiamo che, a differenza di quanto molti pensano, per i turisti Israele è più sicura di qualunque città europea. Nessun attentato ha mai coinvolto gruppi di turisti.

Dicembre 2016: purtroppo l’Europa è ancora stata minacciata. Più a rischio sono i Paesi della Coalizione Internazionale che combattono l’Isis: Francia, Gran Bretagna, Danimarca, Belgio, Paesi Bassi, Canada, Australia e Giordania. Alle unità militari curde e irachene giungono anche gli aiuti militari inviati da Albania, Bulgaria, Repubblica Ceca, Germania e Italia.

——–

Dato per scontato che vivere è un continuo rischio; nel senso che non esiste un luogo sicuro; ci si può fare molto male anche stando in casa …

Chi non fosse andato all’estero per l’estate 2016 (per timore di atti terroristici), ma poi fosse finito in vacanza nella zona italiana di Matriciana e dintorni, ha rischiato la vita.

NESSUNO POTEVA PREVEDERLO.

D’ALTRA PARTE I VARI MINISTERI DEGLI ESTERI FANNO IL LORO DOVERE SEGNALANDO QUALI SIANO LE ZONE PIU’ A RISCHIO, MA OVVIAMENTE SI TRATTA SOLO DI INFORMAZIONI. OGNUNO POI NE DEVE TRARRE LE PROPRIE CONCLUSIONI; secondo il proprio punto di vista.

———-

PREMESSO CHE NEL CALCOLO MATEMATICO DELLE PROBABILITA’ E’ MAGGIORE IL RISCHIO DI UN INCIDENTE SU DI UN’ AUTOSTRADA ITALIANA, CHE INCAPPARE IN UN ATTENTATO TERRORISTICO DURANTE LE NOSTRE VACANZE; ecco quanto possiamo dedurre dai dati in nostro possesso.

Farnesina: 

” Negli ultimi anni lo scenario internazionale ha fatto registrare un progressivo mutamento. Nuovi fattori di rischio hanno fatto la loro comparsa su scala globale dando origine a minacce molteplici e difficilmente prevedibili … “.

Vedi http://www.viaggiaresicuri.it/home.html

NON VOLGIAMO TERRORIZZARE NESSUNO, NE DANNEGGIARE IL TURISMO; RIPORTIAMO SOLO DATI UFFICIALI E CONOSCIUTI.

Vedi anche al link http://www.donnecultura.eu/?p=25860 per conoscere i Paesi più pericolosi per le donne.

—–

PREMESSA:

Gli ultimi sviluppi dei fatti e il conseguente incremento di rischio terrorismo nel mondo, ci suggeriscono di imparare dagli israeliani come convivere con gli attentati.

Noi Europei non siamo abituati a convivere con la violenza sin da bambini, come succede da sempre agli israeliani.

Dobbiamo imparare a vivere senza avere terrore addosso, altrimenti, la nostra vita e di quelli che ci stanno vicino diventerebbe un inferno.

Per fare un esempio, i bambini israeliani, sono abituati a leggere, nelle loro scuole, i manifesti che danno le regole da seguire quotidianamente. Piccole attenzioni da mettere in atto, per essere vigili, ma non ossessionati.

Speriamo che il nostro governo si attivi in questo senso; basta poco per dimostrare, vera e concreta, buona volontà.

Quindi dobbiamo imparare a vivere stando più attenti a quello che ci succede intorno; questa è la prima regola per difendersi meglio.

—–

E’ anche evidente che alcuni Paesi siano, almeno nel calcolo delle probabilità, più sicuri di altri. Certamente i paesini di montagna, sperduti sulle Alpi, sull’Appennino o sui Pirenei, a meno che non siano un luogo di assembramento di rifugiati, danno più tranquillità di una grande città. Più sotto altre precisazioni.

———-

NON ANDATE IN EUROPA E STATE LONTANI DA GRANDI CITTA’ E ASSEMBRAMENTI SPORTIVI ; questo è quanto consigliano le autorità degli USA ai loro cittadini, DA MESI !!!

DATA LA SITUAZIONE ATTUALE: è impossibile prevedere dove, anche un solo individuo, possa colpire per fanatismo; propagandato dai terroristi internazionali. Ovviamente i grandi assembramenti di persone, fanno più gola al terrorismo che cerca un grande impatto mediatico.

Ecco cosa dice, DA MESI,  un comunicato USA: “Gruppi terroristici continuano a pianificare attacchi a breve termine attraverso l’Europa, avendo come obiettivo eventi sportivi, siti turistici, ristoranti, e trasporti”.

E’ SCONSIGLIABILE, ovviamente, PROGRAMMARE VIAGGI E VACANZE IN TURCHIA, EGITTO, TUNISIA,  E PAESI CIRCOSTANTI.

——

VIRUS ZIKA

L’ULTIMO PROBLEMA SANITARIO  RIGUARDA IL VIRUS ZIKA

IL MINISTERO DEGLI ESTERI ITALIANO SCONSIGLIA I VIAGGI NON INDISPENSABILI NELLE ZONE DI CONTAGIO: il pericolo è che, una volta tornati in Europa coloro che hanno il virus senza i sintomi, potranno trasmetterlo agli altri tramite la zanzara tigre o contatti sessuali.

PAESI DA EVITARE PER un  turista che non vuole, quasi, nessun rischio, ma …. (lo stesso fatto che stiamo vivendo vuole dire che rischiamo di morire in mille modi diversi; ovunque noi siamo):

-Messico

-Guatemala

-El Salvador

-Panama

-Colombia-

Equador

-Repubblica Dominicana

-Haiti

-Venezuela

-Guyana

-Suriname

-Bolivia

-Paraguay

Trovate tutte le info  riguardo il virus ZIKA al link http://www.donnecultura.eu/?p=28505

——-

DATA LA SITUAZIONE ATTUALE DI RISCHIO TERRORISMO, MA NON SOLO … per chi cerca i luoghi più tranquilli e sicuri

Premettiamo che, data la situazione attuale, ci sono alcune destinazioni e metodi di viaggio più  sicuri.

Un semplice esempio: raggiungere, dall’Italia, in auto, una destinazione di montagna in Svizzera è, nel calcolo delle probabilità, estremamente sicuro.

Tutta L’Italia di piccoli paesi molto lontani dalle città, è più sicura di altre destinazioni: pensiamo alla campagna toscana, alle colline e montagne del Veneto o Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Val d’Aosta.. per scendere sugli Appennini, piccole località liguri o umbre e poi via verso tutto il sud, sino alla punta estrema della Sicilia, Sardegna e piccole isole [Ovviamente nessuno potrà MAI prevedere gli atti di squilibrati e/o individui isolati o cellule dormienti che si attivano].

Eliminiamo le città più grandi (perché è più facile, nel calcolo delle probabilità, che nel grande numero si annidi qualcuno con cattive intenzioni).

Ognuno di voi, dopo avere letto quanto riportiamo più sotto, saprà comprendere quale può essere la destinazione che più lo rassicura; partendo dalla propria località di residenza.

I PAESI PIU’ SICURI DAL PUNTO DI VISTA DEL TERRORISMO SONO:

-LA SVIZZERA,

-VIETNAM,

-LE ISOLE DEI CARAIBI,

-CUBA,

-POTO RICO,

-COSTA RICA,

-SANTO DOMINGO…

-SINGAPORE,

-PANAMA.

-TAIWAN (Taiwan: attenzione ai monsoni; estati calde e umide, da maggio a settembre temperature medie di 28 °C, e “miti” stagioni invernali, da dicembre a febbraio, con temperature medie di 18 °C; nel periodo estivo l’isola è a volte colpita da violenti tifoni);

ovviamente rimangono i rischi, sempre presenti nel calcolo delle probabilità, di attentati negli aeroporti di scalo o sugli aerei; che, tuttavia,  sono inferiori ai rischi che corriamo tutti i giorni sulle nostre strade guidando un’auto o una moto (come già precisato più sopra).

————-

PARTICOLARMENTE A RISCHIO, IN QUESTO MOMENTO, sono:  PARIGI E ROMA, MA ANCHE LONDRA BRUXELLES, ISTAMBUL …MILANO soprattutto le metropolitane affollate, le stazioni ferroviarie; sempre gli aeroporti.

NON DIMENTICATE DI inserire i vostri dati e spostamenti al link del Ministero degli esteri: Dove siamo nel Mondo : https://www.dovesiamonelmondo.it/dovemondo/index.php?id=2&tipol=1

Il parere più autorevole riguardo alle situazioni pericolose nel mondo  lo trovate sul FOREIGN OFFICE INGLESE: https://www.gov.uk/foreign-travel-advice/greece/safety-and-security

VIAGGIARE

PERICOLI NEL MONDO

-Ora anche le Maldive sono sconsigliate, considerate pericolose le soste a Male.
Le agenzie di viaggio rassicurano, ma le Maldive non sono più quel paradiso che noi personalmente avevamo fotografato 35 anni fa, anche sott’acqua, quando la barriera corallina era viva anche in superficie. Quando nelle grandi e piccole isole non galleggiavano pezzi di plastica.

OGGI ALLE MALDIVE:  un’intera isola di rifiuti fronteggia la capitale e versa nelle acque tonnellate di pericolosissimi liquami rilasciati da computer, frigoriferi, televisori, telefonini ecc.. ammassati ormai da decenni. (Ma i turisti più distratti nemmeno se ne accorgono; anche se sono costretti a passarci vicino per raggiungere le varie destinazioni).

L’EGITTO, purtroppo, NON E’ TRA I  PAESI SICURI, ANCHE SE  IL GOVERNO EGIZIANO SI IMPEGNA MOLTISSIMO PER GARANTIRE I TURISTI .

ALTRO PAESE DA EVITARE IN QUESTO MOMENTO IL VENEZUELA.

RICORDARE SEMPRE CHE IL MESSICO,  sicuro se con gruppi turistici organizzati, RICHIEDE PER I TURISTI SINGOLI UNA GRANDE ATTENZIONE; COME PURE PARTE DEL CENTRO E SUD AMERICA ( vedi altre info più sotto ).

Crimine

Il furto di portafogli e borse è comune in tutte le metropolitane  e bus  o strade affollate del mondo; escludendo Singapore.

Lasciare gli oggetti di valore in un luogo sicuro; al vostro hotel o appartamento, ma state attenti fotografate tutto in modo che si veda dove sono localizzati in albergo, per eventuali denunce.

CI RISULTA CHE IN MOLTI PAESI NEMMENO LA CASSETTA DI SICUREZZA SIA SICURA; LASCIARE SEMPRE UN BIGLIETTO CON LA  CIFRA E L’ELENCO O FOTO DI QUANTO INSERITO (e tenetene una copia con voi); pare sia comune, in alcuni Paesi, sottrarre piccole cifre o solo un oggetto, in modo che il proprietario possa avere dei dubbi sul furto o non accorgersene…

-REGOLA GENERALE. Alcune zone di confine sono militarmente sensibili. Anche se è possibile visitare queste aree, si dovrebbe evitare di scattare fotografie o video. Si dovrebbe anche evitare di avvicinarsi o fare fotografie o riprese video di installazioni militari e aeroporti.

STRADE

Prestare particolare attenzione quando si viaggia su strada. All’estero in alcuni Paesi la guida è veramente pericolosa come in Centro America, Messico, Bali, Indonesia in genere, India ecc.. come minimo, se avete un incidente, avrete dei problemi anche molto gravi da risolvere.

IN CASO DI INCIDENTE E EVENTUALE TRASFUSIONE SANGUIGNA; IN MOLTI PAESI NON E’ AFFATTO CONSIGLIABILE (Paesi con grande diffusione di AIDS), IDEM SE ANDATE DAL DENTISTA; per non parlare dei contatti sessuali.

Assicurarsi che ogni veicolo che si noleggia sia in buone condizioni e verificare che ci sia un’assicurazione casco, fotografare eventuali segni prima di firmare il contratto

QUESTA NOTA DERIVA DALLA NOSTRA ESPERIENZA PERSONALE :

-noleggiare solo con compagnie di fama internazionale, costano di più ma danno migliori garanzie, oppure state bene attenti al contratto e ai particolari.

leggere ACCURATAMENTE IL CONTRATTO di noleggio !. ATTENZIONE PRETENDETE UNA FIRMA CHE ATTESTI CHE AVETE CONSEGNATO L’AUTO CON IL PIENO DI BENZINA, ALTRIMENTI POTRESTE TROVARVI DEI SOLDI SCALATI DALLA VOSTRA CARTA DI CREDITO COME SPESE DI BENZINA; questo vale in tutto il mondo.

A volte chiedono il passaporto come forma di sicurezza. Non consegnare il passaporto in nessun caso. Controllare i termini e le condizioni riguardanti i danni al veicolo.

Se avete intenzione di noleggiare un motorino avrete bisogno di una patente di guida valida  almeno per la categoria A1 – ‘motociclo leggero’. Categoria P,   valido per la Gran Bretagna per i ciclomotori  fino a 50cc, non è valida per la Grecia…INFORMATEVI BENE.

Per legge è necessario indossare un casco su uno scooter, ciclomotore o motociclo. I ciclisti devono indossare un casco integrale (o casco non integrale, più gli occhiali). Il mancato uso del casco potrebbe invalidare la vostra assicurazione di viaggio.

Nuoto

Seguire i consigli locali ; possono essere  presenti meduse o sqauli o correnti pericolose.

In Australia i pericoli sono moltissimi: dalle correnti improvvise anche vicino a riva, alle onde anomale; anche quando il mare è calmo, alle punture, anche mortali, di alcune meduse …

La conchiglia del Conus Textile contiene un mollusco con un pungiglione in grado di provocare anche la morte; non toccate grandi conchiglie, se possono contenere il mollusco vivo…

Sulle Barrire Coralline il pesce Pietra (sembra un pezzo della Barriera Corallina, fermo e immobile) può essere mortale, non accarezzate lo Pterois Volitans, detto anche  Pesce Leone o Scorpione; bellissimo per le sue pinne come piume.

———

Ecco il link più serio e aggiornato su quanto succede nel mondo per chi viaggia: https://www.gov.uk/foreign-travel-advice

Sulla base della nostra esperienza e di quella, ben più autorevole, di grandi viaggiatori per professione, questo è l’unico sito sul quale si può fare affidamento, gli altri sono generici e  scandalosamente imprecisi, per ignoranza dei fatti e incapacità professionale e perché un eccesso di prudenza  protegge chi conosce male quello di cui sta parlando.

—–

RIPORTIAMO QUI SOTTO DIVERSI PARERI AUTOREVOLISSIMI, COSI’ CHE POSSIATE FARVI UN’IDEA IL PIU’ PRECISA POSSIBILE DELLA SITUAZIONE ATTUALE

 

quasi tutto il nord/centro Africa e il Medio Oriente a partire da Istanbul  e TUTTA LA TURCHIA.

LA  FRANCIA, in questo momento, è sicuramente un obbiettivo possibile; visti gli ultimi avvenimenti. IDEM per il Belgio e Londra, ma anche le più vicine Roma o Milano.

Anche gli STATI UNITI, rientrano tra i possibili obbiettivi del terrorismo; lo ha detto recentemente un’autorità locale.

——-

La società  britannica che studia i rischi naturali ed umani, la Maplecrocroft, ha recentemente stilato una classifica dei paesi più a rischio di attentati, ponendo al primo posto la Somalia.

Ecco i risultati che interessano il turista

Per quanto riguarda gli Stati Uniti d’America, si deve affermare che il rischio attentati è medio. Dopo l’attentato alle Twin Towers, infatti, è aumentata notevolmente la soglia di attenzione, e di conseguenza anche il livello di sicurezza generale. Comunque sia, il rischio di attentati, negli Usa, è sempre possibile.

PURTROPPO DOPO GLI ULTIMISSIMI AVVENIMENTI LA TURCHIA E’ IL PAESE PIU’ A RISCHIO DI ATTENTATI, MA  NESSUN PAESE E’ SICURO AL 100%.

E’ chiaro, quindi, che chi vuole fare un viaggio dovrà sapere che una volta arrivato a destinazione, i controlli saranno sempre più minuziosi .

———

L’autorevole giornale “The Guardian” ha redatto una lista dei 20 posti  dove non è assolutamente consigliato recarsi.

Elenco dei più pericolosi…

RECENTEMENTE SI E’ AGGIUNTA LA TUNISIA

1) Iraq: particolarmente alta la percentuale di sequestri di stranieri

2) Afghanistan: nessuna zona può essere considerata tranquilla ma è  fortemente sconsigliato qualsiasi viaggio a Kabul

3) Cecenia, Ingushetia e Dagestan nel Caucaso settentrionale: pericolosità ai massimi vertici nella zona di Kabardino-Balkaria

4) Sudafrica: i percorsi turistici sono abbastanza al sicuro mentre al di fuori dei circuiti convenzionali c’è un alto rischio di furto d’auto, rapina ed omicidio

5) Giamaica:  i luoghi più pericolosi sono quelli che raramente i turisti frequentano, nelle periferie e nelle zone isolate; anche le spiagge deserte e le aree rurali sono da evitare anche nelle ore diurne

6) Sudan: sconsigliatissimi i viaggi in qualunque zona

7) Thailandia:  la zona lungo il confine con la Cambogia e nelle province del sud, Pattani, Yala, Narathiwat e Songkhla

8) Colombia rapimenti di bambini e sequestri in molte zone nelle aeree rurali e pericoli a causa dei campi minati. La Colombia sta ora andando verso una pacificazione e punta al turismo, ma si devono sempre seguire regole di buona prudenza.

9) Haiti: problemi di violenza e rapimenti di bambini in generale in tutto il Paese

10) Eritrea: pericoloso oltermodo i viaggi lungo i confini (sempre volatili a causa della guerra) con l’Etiopia e Gibuti

11) Repubblica democratica del Congo: basso rischio di terrorismo ma situazione instabile, sconsigliato recarsi nelle regioni orientali e nord-orientali

12) Liberia:  qualsiasi viaggio fuori dalla capitale è sconsigliato. Anche a Monrovia la situazione non è tranquilla per l’alto tasso di crimini armati e  dimostrazioni

13) Pakistan: pericolo in tutto il Paese specialmente nelle zone in cui sono in atto la guerra e le attività militari. Sotto attacco tutte le strutture frequentate da stranieri.

14) Burundi: alto rischio, anche nella capitale Bujumbura dove sono frequenti i crimini per strada, furti e assalti armati.

15) Nigeria: alto rischio di sequestri sul delta del Niger. Terrorismo generalizzato e crimini violenti soprattutto nel sud, incluso a Lagos

16) Zimbabwe: la situazione instabile sconsiglia qualsiasi viaggio

17) India: resta alta la pericolosità a Mumbai ,ma il resto del Paese è considerato sicuro ad eccezione delle aree rurali di Jammu, del Kashmir e del confine con il Pakistan. Rimane alto in tutto il Paese il rischio terrorismo e il rischio per le donne di subire violenze ( a meno che non conosciate bene quali sono le zone sicure ).

18) Messico: mentre il rischio terrorismo rimane basso, risulta alta e in crescita la violenza per le strade e nei mezzi pubblici. Segnalati anche recenti attacchi di squali ai surfers lungo le coste (problema che riguarda molti Paesi nel mondo)

19) Israele e i territori occupati palestinesi: alto il rischio di terrorismo e di sequestro. 5000 persone uccise dall’Intifada dal 2000 ad oggi… ma i servizi segreti sono tra i migliori del mondo ed è molto difficile che possa accadere un attentato contro i turisti.

20) Libano: continua la violenza a Beirut e in generale in tutto il Paese per cui è altamente scondigliato ogni viaggio

—-

Ecco cosa riporta la Farnesina:

per aggiornamenti in tempo reale vedi al link: http://www.viaggiaresicuri.it/home.html

Tra le zone più a rischio ci sono:

-TURCHIA

-BIELORUSSIA

-GUINEA

-UCRAINA

– Libia

 Israele  il ministero sconsiglia di recarsi soprattutto nelle aree situate entro 40 km dalla Striscia di Gaza

Egitto meglio evitare i viaggi, se non indispensabili, in località diverse dai resort; molti italiani continuano a tornare in Egitto con voli charter e rimanendo nelle strutture degli hotel che garantiscono una buona sicurezza. Il paese è economico, il clima eccellente e il Mar Rosso rimane un mare balneabile quasi tutti i mesi dell’anno escludendo, ma non sempre, dicembre gennaio e metà o fine febbraio (secondo le annate climatiche).

Marocco, qui il ministero dell’Interno locale ha recentemente segnalato un crescente rischio della minaccia terroristica. La polizia è molto attenta che nulla accada ai turisti.

Sono pericolosi i viaggi via terra dal Marocco verso la Mauritania e il Mali

-Ucraina

-Nigeria, in particolare nel nord-est per il rischio terroristico legato a Boko Haram.

Kenya; gli attacchi terroristici a Nairobi, Mombasa e zona costiera di Lamu, dimostrano che il Kenya non è un Paese sicuro a causa del progressivo e crescente attivismo di al Shebaab e gruppi locali; particolarmente  nella contea di Lamu

Indonesia  resta attuale il rischio di attacchi terroristici in tutto il territorio, in particolare nella capitale Giacarta e nelle altre maggiori aree urbane, si raccomanda la massima prudenza e cautela negli spostamenti; rimane possibile la ripetizione di un attentato a Bali nelle aree più affollate, come i ritrovi per giovani. Tranquille le spiagge.

Malaysia : la costa orientale del Sabah, da Kudat a Tawau, è teatro di gravi episodi di violenza a danno di turisti

Taiwan  rischio di tifoni anche di notevole intensità nel periodo estivo/autunnale sull’isola,

-idem sulle coste della Cina sud-orientale.

VACANZE SICURE E ZONE A RICHIO TERRORISMO – PAESI DA EVITARE

Continuano gli attacchi terroristici anche in Europa, ma questo NON deve terrorizzarci; teniamone conto con buon senso.

In questo momento la Russia è sicuramente tra le mire del fondamentalismo; a causa della forte azione di Putin contro il terrorismo. In particolare in Siria. Ma rimane sempre molto remoto il rischio di finire proprio nel centro di un attentato.

Gli ultimi sviluppi ci dimostrano che ogni città Europea, ma non solo, può essere oggetto di attentato terroristico. Anche se ogni luogo è potenzialmente a rischio, per questo non dobbiamo cadere nella trappola di vivere nel terrore e modificare esageratamente la nostra vita normale.

Tra i luoghi considerati a rischio vi è la bellissima città di Istambul; soprattutto se siete donne sole, non è il momento.

Premesso che dopo gli ultimi sviluppi della situazione internazionale, dovremmo sempre più imparare a comportarci e pensare come gli israeliani che, da moltissimi anni convivono con il terrorismo, ma continuano a vivere una vita normale.

Gli israeliani, sanno dalla prima infanzia che si devono adottare molte piccole cautele e un minimo livello di attenzione, dopo di che pensare di capitare nel mezzo di un attentato è, nel calcolo delle probabilità, molto più basso di avere un incidente statale.

Non dimentichiamo che, a differenza di quanto molti pensano, per i turisti Israele è più sicura di qualunque città europea. Nessun attentato ha mai coinvolto gruppi di turisti.

QUANTO ABBIAMO SCRITTO NEL 2016 E’ ANCORA VALIDO

Dicembre 2016: purtroppo l’Europa è ancora stata minacciata; numerosi gli arresti e gli attentati evitati grazie alle polizie di vari Paesi. In primis. Francia e Inghilterra.

Più a rischio sono i Paesi della Coalizione Internazionale che combattono Daesh (Isis): Francia, Gran Bretagna, Danimarca, Belgio, Paesi Bassi, Canada, Australia e Giordania. Alle unità militari curde e irachene giungono anche gli aiuti militari inviati da Albania, Bulgaria, Repubblica Ceca, Germania e Italia.

Dato per scontato che vivere è un continuo rischio; nel senso che non esiste un luogo sicuro; ci si può fare molto male anche stando in casa

Chi non fosse andato all’estero per l’estate 2016 (per timore di atti terroristici), ma poi fosse finito in vacanza nella zona italiana di Matriciana e dintorni, ha rischiato la vita.

NESSUNO POTEVA PREVEDERLO.

D’ALTRA PARTE I VARI MINISTERI DEGLI ESTERI FANNO IL LORO DOVERE SEGNALANDO QUALI SIANO LE ZONE PIU’ A RISCHIO, MA OVVIAMENTE SI TRATTA SOLO DI INFORMAZIONI. OGNUNO POI NE DEVE TRARRE LE PROPRIE CONCLUSIONI; secondo il proprio punto di vista.

Farnesina: 

” Negli ultimi anni lo scenario internazionale ha fatto registrare un progressivo mutamento. Nuovi fattori di rischio hanno fatto la loro comparsa su scala globale dando origine a minacce molteplici e difficilmente prevedibili … “.

Vedi http://www.viaggiaresicuri.it/home.html

PREMESSA:

Gli ultimi sviluppi dei fatti e il conseguente incremento di rischio terrorismo nel mondo, ci suggeriscono di imparare dagli israeliani come convivere con gli attentati.

Noi Europei non siamo abituati a convivere con la violenza sin da bambini, come succede da sempre agli israeliani.

Dobbiamo imparare a vivere senza avere terrore addosso, altrimenti, la nostra vita e di quelli che ci stanno vicino diventerebbe un inferno.

Per fare un esempio, i bambini israeliani, sono abituati a leggere, nelle loro scuole, i manifesti che danno le regole da seguire quotidianamente. Piccole attenzioni da mettere in atto, per essere vigili, ma non ossessionati.

Speriamo che il nostro governo si attivi in questo senso; basta poco per dimostrare, vera e concreta,  buona volontà.

Quindi dobbiamo imparare a vivere stando più attenti a quello che ci succede intorno; questa è la prima regola per difendersi meglio.

—–

PREMESSO CHE NEL CALCOLO MATEMATICO DELLE PROBABILITA’ E’ MAGGIORE IL RISCHIO DI UN INCIDENTE SU DI UN’ AUTOSTRADA ITALIANA, CHE INCAPPARE IN UN ATTENTATO TERRORISTICO DURANTE LE NOSTRE VACANZE; ecco quanto possiamo dedurre  dai dati in nostro possesso.

E’ anche evidente che alcuni Paesi sono, almeno nel calcolo delle probabilità, più sicuri di altri. Sicuramente i paesini di montagna, sperduti sulle Alpi o sui Pirenei,  danno più tranquillità di una grande città. Più sotto altre precisazioni.

———-

Questo dicevano le autorità USA, prima degli ultimi attentati in Europa: NON ANDATE IN EUROPA E STATE LONTANI DA GRANDI CITTA’ E ASSEMBRAMENTI SPORTIVI.

DATA LA SITUAZIONE ATTUALE: è impossibile prevedere dove, anche un solo individuo, possa colpire per fanatismo e perché crede nella vendetta religiosa; propagandata dai terroristi internazionali.  Ovviamente i grandi assembramenti di persone fanno più gola al terrorismo che cerca un grande impatto mediatico.

Ecco cosa diceva il comunicato USA: “Gruppi terroristici continuano a pianificare attacchi a breve termine attraverso l’Europa, avendo come obiettivo eventi sportivi, siti turistici, ristoranti, e trasporti”.

——–

ULTIMA INFORMAZIONE RIGUARDA IL VIRUS ZIKA:

Sconsigliati dal nostro Ministero degli Esteri i viaggi nei Paesi colpiti, per evitare la diffusione del virus in Europa; poiché già da Marzo, in alcuni Paesi della fascia tropicale, inizia la diffusione della zanzara tigre, uno dei trasmettitori del virus. Ora è stata dimostrata anche la trasmissione per via sessuale.

Paesi sconsigliati:

1° il BRASILE dove il virus si  è diffuso a macchia d’olio, tanto che nel 2016, alcuni carnevali sono addirittura stati cancellati; molto si sta facendo, ma il rischio rimane

-ANCHE IN ALCUNE PARTI DELLA FLORIDA E’ STATO DATO L’ALLARME VIRUS ZIKA

Per precisazioni sul virus ZIKA vedi anche al link http://www.donnecultura.eu/?p=28505

—–

PAESI DOVE SI POSSONO INCONTRARE PROBLEMI DI VARIO GENERE, DALLA SALUTE AL TERRORISMO

Premesso che l’industria turistica è una delle più importanti, in molti Paesi del mondo e che smettendo di viaggiare e lasciandoci prendere dal panico, contribuiamo al crollo della nostra economia turistica; che è quello che i terroristi vogliono.

Premesso che il rischio terrorismo, per il viaggiatore, è enormemente inferiore, nel calcolo matematico delle probabilità,  del mettersi in auto e attraversare le autostrade italiane; soprattutto in tempo di grande traffico, vi riportiamo i dati relativi ai Paesi più a rischio.

Vedi anche ulteriori recenti precisazioni al link: http://www.donnecultura.eu/?p=25860

PER SERI E COSTANTI AGGIORNAMENTI VEDI https://www.gov.uk/foreign-travel-advice , in inglese, l’UNICA vera fonte di informazioni  precise per veri viaggiatori. IN INGLESE, ma si può usare Google traduttore.

VIAGGI E  PERICOLI DA EVITARE :

RICORDATE SEMPRE CHE OGNI GRANDE ASSEMBRAMENTO DI PERSONE E’ UNA TENTAZIONE PER I TERRORISTI: GRANDI EVENTI ECC …

Premesso che nessuno, di questi tempi, può fare previsioni sicure al 100% :

-tra i pochi Paesi dove il terrorismo, a oggi, non ha possibilità di svilupparsi, troviamo: Islanda e Vietnam;

-relativamente sicura anche la Svizzera e ogni località di montagna, italiana e non, fuori dalle mete più famose e affollate

-con più la località è piccola e poco rinomata, più è difficile che diventi oggetto di interesse per i terroristi; si tratta di un calcolo delle probabilità, non di una certezza.

————

SECONDO IL QUOTIDIANO THE WEEK I PAESI PIU’ PERICOLOSI NEL MONDO SONO:
Syria
Iraq
Afghanistan
South Sudan
Central African Republic
Somalia
Sudan
Democratic Republic of Congo
Pakistan
North Korea

—-

In questo momento, in particolare, è poco sicuro il Venezuela; paese comunque da sempre DIFFICILE COME SICUREZZA.

—–

ANCHE HAITI RIMANE UN PAESE PERICOLOSO; secondo le informazioni del governo USA; vedi al link (IN  INGLESE;  ma potete usare Google traduttore per avere una discreta traduzione immediata) https://travel.state.gov/content/passports/en/country.html

Nessun problema per chi viaggia con i gruppi organizzati, ma il MESSICO, se si viaggia da soli, richiede molte precauzioni; come ben sanno i veri viaggiatori; anche per molti altri Paesi.

—-

I PAESI, INDICATIVAMENTE, PIU’SICURI ( ma alla luce degli ultimi fatti, anche gli aeroporti potrebbero essere a rischio ):

-VIETNAM 

-ISLANDA

-SVEZIA

-AUSTRIA

-NUOVA ZELANDA

-FINLANDIA

-SVIZZERA-

-CANADA

-GIAPPONE

-AUSTRALIA

-REPUBBLICA CECA

Ma nessuno può garantire nulla in questo momento di dilagante terrorismo.

—–

RIPORTIAMO QUI SOTTO DIVERSI PARERI AUTOREVOLISSIMI, COSI’ CHE POSSIATE FARVI UN’IDEA DELLA SITUAZIONE ATTUALE

La Francia aveva avvisato da mesi, segnalando le zone sconsigliabili per i turisti, dopo l’ultimo attentato a Parigi:

quasi tutto il nord/centro Africa e il Medio Oriente a partire da Istanbul

——-

EGITTO

SCONSIGLIABILE in generale, ma ci sono zone meno rinomate e più sicure.

TUTTE LE ZONE INTORNO ALLE aree CONQUISTATE DA Daesh   (SI CONSIGLIA SEMPRE DI SCRIVERE DAESH E NON ISIS; che sarebbe un riconoscimento ufficiale per lo Stato Islamico) DOVREBBERO ESSERE CONSIDERATE PERICOLOSE (al nord), VISTO CHE HANNO INIZIATO AD UTILIZZARE ANCHE RAZZI CHE COLPISCONO GLI AEREI .

——————

La società britannica che studia i rischi naturali ed umani, la Maplecrocroft, ha  stilato una classifica dei paesi più a rischio di attentati, ponendo al primo posto la Somalia.

Ecco i risultati che interessano il turista:

USA

Per quanto riguarda gli Stati Uniti d’America, si deve affermare che il rischio attentati è medio. Dopo l’attentato alle Twin Towers, infatti, è aumentata notevolmente la soglia di attenzione, e di conseguenza anche il livello di sicurezza generale.

E’ chiaro, quindi, che chi vuole fare un viaggio negli Usa, dovrà sapere che una volta arrivati a destinazione, si troverà davanti a continui ed incisivi controlli, soprattutto nelle zone sensibili.

FRANCIA -BELGIO- GRAN BRETAGNA 

Con la Gran Bretagna, ANCHE LA FRANCIA E IL BELGIO , DOPO GLI ULTIMI EPISODI, RIMANGONO PESI NEL MIRINO DEI TERRORISTI.

ORA ANCHE LA GERMANIA POTREBBE DIVENTARE UN BERSAGLIO (lo è stato negli accerchiamenti e violenze verso le donne, durante il Capodanno 2015-2016 e lo è diventato anche il 23.7.16, nel dicembre 2016 una donna è stata spinta e fatta cadere, di proposito, dalle scale della metropolitana; mentre il gruppo di uomini, da cui è partito l’aggressore, stava a guardare)

COMUNQUE E IN QUALUNQUE LUOGO, A NOSTRO PARERE, LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE E’ SEMPRE UN ATTO;  la situazione rischia di peggiorare con l’aumento di CULTURE E MASCHILISTI (anche in casa nostra) ostili alla LIBERTA’ DELLE DONNE.

-Il rischio violenza, obbliga le donne a vivere nella paura ogni volta che si ritrovano sole, anche andando al lavoro in orari di poco traffico o, da ora, in ogni assembramento per festeggiamenti. QUESTO E’ UN MODO DI TOGLIERE ALLE DONNE LA TRANQUILLITA’ E LA LIBERTA’.

—————

AGGIUNGIAMO COME  DESTINAZIONI ALTAMENTE PERICOLOSE:

ISTANBUL

Bellissima città, ricca di storia e arte; senza tralasciare gli indimenticabili colori e suggestioni dei tramonti sul Bosforo. Qui l’ Oriente incontra l’ Occidente, ne sono testimonianza le bellezze architettoniche, ma anche l’eccellente cucina, Istanbul è meravigliosa, ma purtroppo sempre più pericolosa, soprattutto per donne sole.

KENYA

Bellissimo Paese, purtroppo ultimamente oggetto di diversi attacchi terroristici.

ZANZIBAR

In passato non sono mancati episodi di violenza contro i turisti occidentali. E’ stato anche buttato dell’acido contro una turista donna (anni fa).

LA SITUAZIONE MONDIALE SUGGERISCE CHE ORMAI A RISCHIO SONO TUTTI GLI OBBIETTIVI TURISTICI; GRANDI CITTA’ CHE ATTIRANO GRANDI NUMERI DI TURISTI, PER DARE AGLI ATTACCHI TERRORISTICI UN GRANDE IMPATTO MEDIATICO.

———

L’autorevole giornale “The Guardian” ha redatto una lista dei 20 posti dove non è assolutamente consigliato recarsi.

ELENCO DEI PIÙ PERICOLOSI…SECONDO L’AUTOREVOLE QUOTIDIANO THE GUARDIAN

1) Iraq: particolarmente alta la percentuale di sequestri di stranieri

2) Afghanistan: nessuna zona può essere considerata tranquilla, ma è fortemente sconsigliato qualsiasi viaggio a Kabul

3) Cecenia, Ingushetia e Dagestan nel Caucaso settentrionale: pericolosità ai massimi vertici nella zona di Kabardino-Balkaria

4) Sudafrica: i percorsi turistici sono abbastanza al sicuro, mentre al di fuori dei circuiti convenzionali c’è un alto rischio di furto d’auto, rapina ed omicidio

5) Giamaica: i luoghi più pericolosi sono quelli che raramente i turisti frequentano, nella periferia e nelle zone isolate; anche le spiagge deserte e le aree rurali sono da evitare anche nelle ore diurne

6) Sudan: sconsigliatissimi i viaggi in qualunque zona

7) Thailandia; ora le tensioni sono rientrate

8) Colombia si spera che la riconciliazione con le bande delal droga porti a un periodo di pace (Sino a ieri: rapimenti di bambini e sequestri in molte zone nelle aeree rurali a causa anche dei campi minati, crimine organizzato e traffico di droga rimangono i problemi più seri)

9) Haiti: problemi di violenza e rapimenti di bambini in generale in tutto il Paese

10) Eritrea: pericolosi oltermodo i viaggi lungo i confini (sempre volatili a causa della guerra) con l’Etiopia e Gibuti

11) Repubblica democratica del Congo: basso rischio di terrorismo ma situazione instabile, sconsigliato recarsi nelle regioni orientali e nord-orientali

12) Liberia: qualsiasi viaggio fuori dalla capitale è sconsigliato. Anche a Monrovia la situazione non è tranquilla, per l’alto tasso di crimini armati e le dimostrazioni

13) Pakistan: pericolo in tutto il Paese specialmente nelle zone in cui è in atto la guerra e le attività militari. Sotto attacco tutte le strutture frequentate da stranieri

14) Burundi: alto rischio, anche nella capitale Bujumbura dove sono frequenti i crimini per strada, furti e assalti armati.

15) Nigeria: alto rischio di sequestri sul delta del Niger. Terrorismo generalizzato e crimini violenti soprattutto nel sud, incluso a Lagos

16) Zimbabwe: la situazione instabile sconsiglia qualsiasi viaggio

17) India: resta alta la pericolosità a Mumbai, ma il resto del Paese è considerato sicuro ad eccezione delle aree rurali di Jammu, del Kashmir e del confine con il Pakistan. Rimane alto in tutto il Paese il rischio terrorismo COME IL PERICOLO DI VIOLENZE CONTRO LE DONNE.  Nessun rischio per i viaggi organizzati da T.O.  esperti.

18) Messico: NESSUN PERICOLO PER I VIAGGI ORGANIZZATI, mentre il rischio terrorismo rimane basso, risulta alta e in crescita la violenza per le strade e nei mezzi pubblici.

19) Israele e i territori occupati palestinesi: alto il rischio di terrorismo e di sequestro. 5000 persone uccise dall’Intifada dal 2000 ad oggi… TUTTAVIA LE VIOLENZE NON SONO QUASI MAI CONTRO I TURISTI CHE SONO MOLTO PROTETTI DALLA SICUREZZA LOCALE

20) Libano: continua la violenza a Beirut e in generale in tutto il Paese per cui è altamente scondigliato ogni viaggio

21) INDONESIA: il grande numero di mussulmani estremisti, fa considerare questo Paese ad alto rischio terrorismo; anche se le autorità sono molto severe al riguardo.

Bali rimane il luogo più sicuro dove vigono controlli molto seri da parte delle autorità locali PER PROTEGGERE I TURISTI 

Il turismo a Bali; base dell’economia; ma non si può escludere che facinorosi sbarchino dalle isole vicine per ripetere un attentato dopo quello che avvenne, anni fa, in una discoteca per ” vendicare ” i costumi  ” dissoluti ” (per gli estremisti islamici) dei turisti australiani, in particolare; ma a rischio sono sempre i grandi assembramenti, molto meno la quotidianità del turista che viaggia e sta in spiaggia.

Dobbiamo segnalare un RECENTE attentato a Jakarta, la capitale sulla costa nordoccidentale dell’isola di Giava.

Come pure nel  BANGLADESH.

Ecco cosa riporta la Farnesina (tutto estremamente generico):

Negli ultimi anni lo scenario internazionale ha fatto registrare un progressivo mutamento. Nuovi fattori di rischio hanno fatto la loro comparsa su scala globale dando origine a minacce molteplici e difficilmente prevedibili. Oggi, più che in passato, appare dunque necessario verificare e comprendere preventivamente il contesto nel quale ogni cittadino verrà a trovarsi nel corso della sua permanenza all’estero, utilizzando le fonti d’informazione disponibili e, soprattutto, quelle messe a disposizione dalla Farnesina, frutto di un qualificato lavoro di analisi volto a favorire scelte di viaggio consapevoli e responsabili. Tra le fattispecie di rischio che possono coinvolgere i cittadini italiani fuori dai confini nazionali, la più pericolosa oggi è certamente quella della crescente aggressività di nuovi gruppi terroristici che compiono attentati o sequestri di persona anche in aree considerate sinora sicure. Le azioni delle formazioni terroristiche non colpiscono solo obiettivi istituzionali ma anche i c.d. “soft target” (come eventi sportivi, teatri, ristoranti, hotel, club, scuole, centri commerciali e installazioni turistiche, oltre che mezzi di trasporto aerei, marittimi e terrestri) in particolare quelli con elevata presenza di cittadini stranieri. Questi attacchi, seppur effettuati in maggior misura in Paesi e aree in situazioni belliche o notevole criticità come Siria, Libia, Iraq o Afghanistan, non hanno tuttavia risparmiato capitali europee e di altri Paesi. Anche a fronte dell’intenso lavoro di monitoraggio e analisi degli organi preposti è molto difficile prevedere tali eventi, come dimostrano recenti tragici episodi. E’ in ogni caso opportuno che prima di ogni spostamento all’estero i connazionali tengano conto delle indicazioni messe a loro disposizione, valutando attentamente la situazione del Paese che intendono visitare. Una volta assunta responsabilmente la decisione di intraprendere un viaggio, si raccomanda ai connazionali di mantenere comunque un atteggiamento vigile e un comportamento adeguato alle località visitate, soprattutto laddove la situazione è precaria.

Si suggerisce di comunicare gli spostamenti attraverso il sito www.dovesiamonelmondo.it (QUESTA E’ L’UNICA NOTA VERAMENTE SERIA E SPECIFICA) del Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Questo sito  ci è apparso chiaro solo ricco di GIA’ NOTISSIMI dati generici. ASSOLUTAMENTE VAGO,  per dati specifici e aggiornamento in tempo reale.

— DECISAMENTE MEGLIO IL SITO https://www.gov.uk/foreign-travel-advice ; aggiornato, chiaro  e ben fatto; solo in inglese, ma potete usare Google traduttore con copia e incolla. Entrate nel sito e cliccate il Paese che vi interessa; troverete SERIE AGGIORNATE INFORMAZIONI.

Ottimo anche il sito USA : https://travel.state.gov/content/passports/en/country.html IN INGLESE (usate Google traslator per leggere in italiano).

Le zone più a rischio, secondo la nostra Farnesina:

– Libia

– Israele il ministero sconsiglia di recarsi soprattutto nelle aree situate entro 40 km dalla Striscia di Gaza

-Egitto meglio evitare i viaggi, se non indispensabili, in località diverse dai resort situati a Sharm el-Sheik, sulla costa continentale del Mar Rosso, nelle aree turistiche dell’Alto Egitto e in quelle del Mar Mediterraneo (dopo il recente attacco a Hurgada, anche le zone turistiche sono a rischio).

-Marocco, qui il ministero dell’Interno locale ha recentemente segnalato un crescente rischio della minaccia terroristica

– Sono pericolosi i viaggi via terra dal Marocco verso la Mauritania e il Mali

-Ucraina

-Nigeria, in particolare nel nord-est per il rischio terroristico legato a Boko Haram.

-IL PERICOLO Ebola sconsiglia i viaggi in Sierra Leone, ( NOSTRO AGGIORNAMENTO: dopo la Liberia, anche la Sierra Leone, è ‘Ebola free’: l’Organizzazione mondiale della sanità ha annunciato la fine della trasmissione del virus Ebola nel paese ),

-Kenya ha da poco subito attacchi terroristici a Nairobi, Mombasa e zona costiera di Lamu per il progressivo aumento del rischio per il crescente attivismo di al Shebaab e gruppi locali particolarmente attivi nella contea di Lamu

-Indonesia resta attuale il rischio di attacchi terroristici in tutto il territorio, in particolare nella capitale Giacarta e nelle altre maggiori aree urbane, si raccomanda la massima prudenza e cautela negli spostamenti. BALI: un nuovo attacco terroristico è sempre possibile.

-Malaysia : la costa orientale del Sabah, da Kudat a Tawau, è teatro di gravi episodi di violenza a danni di turisti

-Taiwan rischio di tifoni anche di notevole intensità nel periodo estivo/autunnale sull’isola,

-idem sulle coste della Cina sud-orientale

—————

SALVADOR :

481 omicidi nel mese di marzo 2015, con una media di 15 al giorno: questo è il, poco invidiabile, record del Salvador.

Il Paese stava cercando di introdursi nel business mondiale del turismo, un Paese che avrebbe molto da offrire anche al viaggiatore più attento ed esigente; peccato che con questo record si sia mangiato questa allettante possibilità.  Anche se, è bene precisare, le zone pericolose sono abbastanza circoscritte.

La causa di tanta violenza è da attribuirsi alla rottura della tregua tra le gang locali.

Con questo “record” il Salvador ha superato l’Honduras quale paese, senza guerre, più letale del mondo.

——-

Volo cancellato ? Come avere il rimborso ? – rimborsoalvolo.it è gratuito

E’ semplice e immediato; fai tutto dal tuo smartphone.

Puoi avere diritto sino a 600 euro di rimborso; secondo la tratta e il ritardo.

Basta scaricare la app e inserire i dati personali e quelli del volo.

Non si paga alcun servizio e non si deve sbrigare nessuna pratica, rimborsoalvolo pensa a tutto. Il costo della procedura è a carico della compagnia aerea.

Scarica gratuitamente la app:

rimborsoalvolo.it

 

Classifica aeroporti con più e meno ritardi – SOS ritardi: gli aeroporti da evitare durante le festività natalizie

Per organizzare al meglio i propri viaggi per le vacanze di Natale KAYAK.it rivela quali aeroporti vantano la minor percentuale di ritardi

● Negli ultimi due anni l’8% dei voli in partenza da aeroporti italiani durante le festività natalizie ha subito ritardi superiori a 30 minuti;

A Roma Ciampino la maglia nera tra i principali aeroporti italiani, con la maggior percentuale di voli in partenza in ritardo (14%) durante il periodo natalizio;

Gli aeroporti di Milano i più puntuali in Italia: inferiore o pari al 7% la percentuale di voli in partenza in ritardo durante le vacanze di fine anno.

– Viaggiare durante i periodi festivi spesso implica la possibilità di incorrere in ritardi, soprattutto quando di mezzo ci sono dei voli.

Dover aspettare per ore all’aeroporto, soprattutto a Natale, non è certamente il modo migliore di iniziare una vacanza.

I passeggeri in partenza dall’aeroporto di Roma Ciampino hanno maggiori probabilità che il loro volo subisca dei ritardi: con una percentuale del 14% di voli in ritardo, infatti, questo è l’aeroporto più a rischio anche nel periodo festivo, con una media di 74 minuti di ritardo.

Dovendo viaggiare su Roma, è consigliabile optare per l’aeroporto di Fiumicino, che registra una percentuale di voli in ritardo minore sia per le partenze (10% contro il 14% di Ciampino) sia per gli arrivi (8% contro il 13% di Ciampino).

Gli altri due aeroporti italiani che si distinguono per la maggior percentuale di voli in ritardo sono Napoli (11%) e Pisa (10%). Quest’ultimo aeroporto, inoltre, registra anche la media più alta di minuti di ritardo, ovvero 95.

Ci sono però anche buone notizie: gli aeroporti di Milano – che si annoverano tra gli scali più importanti in nel nostro Paese – si distinguono per la puntualità.

Linate e Bergamo, infatti, sono in cima alla classifica che prende in considerazione i migliori tra i principali aeroporti italiani, mentre Malpensa occupa la sesta posizione.

I dati mostrano che negli ultimi due anni nel periodo natalizio Linate e Bergamo hanno registrato “solo” il 4% di voli in partenza dopo l’orario previsto, con una media di circa 60 minuti di ritardo per entrambi. 7% è invece la percentuale di voli che decollano in ritardo dal più grande scalo milanese – Milano Malpensa – con una media di 87 minuti.

Ritardi negli aeroporti internazionali più popolari

A LONDRA I MAGGIORI RITARDI

Gli aeroporti di Londra sono tra quelli che durante il periodo natalizio registrano la maggior percentuale di voli in partenza in ritardo: infatti, ben 5 dei suoi scali rientrano nella classifica che prende in considerazione gli aeroporti popolari nel resto del mondo.

Gli italiani che pianificano di visitare questa città per Natale dovrebbero scegliere gli aeroporti di Londra-Luton (7% di voli in ritardo) oppure di Londra-City (7% di voli in ritardo) per massimizzare le possibilità di volare secondo l’orario previsto.

Secondo la ricerca, anche gli aeroporti di New York risultano particolarmente soggetti a ritardi: tra questi conviene scegliere l’Aeroporto Internazionale John F. Kennedy poiché è quello che riscontra il minor numero di voli in ritardo (16%) e una media di 89 minuti.

L’aeroporto di San Francisco, infine, è quello che mostra la maggior percentuale di voli in partenza fuori orario: ben il 19%.

Per aiutare i viaggiatori che durante le vacanze di Natale dovessero incappare in ritardi, KAYAK.it ha inoltre raccolto interessanti informazioni sui servizi, sui negozi e sulle opportunità di intrattenimento disponibili in alcuni degli aeroporti citati.

In caso di ritardi Londra-Gatwick può regalare interessanti esperienze alternative.

Per un’attesa all’insegna del relax gli amanti del whisky possono scegliere tra 20 diverse tipologie presenti al World of Whiskies, oppure scegliere opzioni più classiche, come lo shopping locale presso la famosa Harrods Gatwick boutique.

Per questo KAYAK.it mette a disposizione degli italiani utili informazioni per pianificare al meglio le proprie vacanze.

Assistenza medica e assicurativa in vacanza – Quali Paesi sono meno sicuri per la salute ? – Come e perché ? – Quali le malattie più frequenti in vacanza ?

Le principali caratteristiche delle richieste di intervento degli italiani in vacanza

I Paesi verso cui ci si assicura di più e quelli da cui arrivano le maggiori richieste di assistenza

Se da sedici anni, grazie al Barometro Vacanze, Europ Assistance indaga le intenzioni di viaggio dei cittadini europei offrendo un primo outlook sulle ferie estive, con la prima analisi dei Travel Health Dossier ovvero le assistenze sanitarie in viaggio, la Compagnia leader dell’assistenza del Gruppo Generali, ha voluto approfondire le principali caratteristiche delle richieste di intervento degli italiani in vacanza.

Dai paesi verso cui gli italiani sentono maggiormente la necessità di sottoscrivere una polizza sanitaria, a quelli da cui proviene il numero più alto di richieste di assistenza ai principali problemi riscontrati, questi sono i dati che emergono dallo studio di oltre 15.000 richieste di assistenza esaminate dai sistemi di Analytics Solution del Gruppo.

Un importante lavoro di selezione e analisi che solo una compagnia con l’esperienza e la capillarità internazionale come il leader dell’assistenza Europ Assistance è oggi in grado di poter generare. Un’indagine che, nella sua interezza, ha potuto tracciare oltre 400 malattie, 120 sintomatologie differenti, e decine di interventi sanitari di natura diversa.

I Paesi verso cui ci si assicura di più e quelli da cui arrivano le maggiori richieste di assistenza

USA,  PRIMI PER RICHIESTE

Partendo dalle analisi delle sottoscrizioni emerge che gli Stati Uniti d’America rimangono di gran lunga la meta principale in fatto di emissione polizze di assistenza in viaggio con il 23% delle assicurazioni sul totale analizzato, complici evidentemente gli alti costi della sanità.

TAILANDIA AL SECONDO POSTO

Segue la Thailandia (5%) – in cui sembra prevalere una incertezza riguardo le strutture sanitarie.

TERZO POSTO GRECIA

La prima meta europea è la Grecia, dove la crisi economica che ha colpito la penisola ellenica, lascia ancora molto spazio all’insicurezza (4% di polizze sul totale).

Più in basso, ma con un dato significativo, l’Italia che si ferma al 2% sul totale delle polizze sottoscritte insieme a Francia dove gli episodi legati al terrorismo internazionale non sembrano aver creato un effetto visibile sulla stipula di polizze di assistenza in viaggio, Messico, Brasile – nonostante la minaccia del virus Zika, Canada e Gran Bretagna.

INFORMAZIONI SUL VIRUS ZIKA E PAESI ” SICURI ” ai link:

http://www.donnecultura.eu/?p=28505

http://www.donnecultura.eu/?p=19655

Se gli Stati Uniti sono il paese, nel computo totale della ricerca, in cui si registra il numero più alto di richieste, l’Italia evidenzia volumi importanti piazzandosi come seconda nazione in fatto di interventi di assistenza.

Fanno seguito la Thailandia e, a poca distanza, Cina e Brasile. Interessante sottolineare come proprio alcune delle mete più in alto nella classifica delle richieste di assistenza tra cui proprio Cina e Brasile, risultino in realtà molto più in basso nella lista dei Paesi verso cui ci si assicura di più.

In particolare il Brasile è solo al quindicesimo e la Cina addirittura al ventunesimo posto nella classifica dei paesi a più alto tasso di protezione sanitaria.

Stando ai dati raccolti la Compagnia suggerisce di non sottovalutare l’importanza di sottoscrivere una polizza quando si programma un viaggio in questi Paesi: BRASILE E CINA.

Le patologie più sofferte in vacanza

Ma quali sono le ragioni per cui i viaggiatori chiedono assistenza sanitaria alla propria Compagnia? Quali, dunque, le patologie più sofferte in viaggio e in quali paesi?

I MAGGIORI  PROBLEMI CHE POSSONO ROVINARE UNA VACANZA

QUALI SONO ?

L’analisi di Europ Assistance evidenzia che i problemi maggiormente riscontrati in assoluto nel computo totale dell’indagine sono infezioni di varia natura:

-bronchite,

-otite,

-dermatite

-gastroenterite.

Considerando le mete con la percentuale più alta di sottoscrizioni di polizze i casi che si riscontrano con maggiore frequenza sono, per gli Stati Uniti, infezioni (circa l’8,2% dei casi), bronchite (6,84%) e otite (5,07%).

In Thailandia, ad un numero importante di casi di gastroenterite (quasi il 10% sul totale delle richieste in questo paese), seguono, anche in questo caso, infezioni, otite e bronchite.

Infezioni che colpiscono i turisti Italiani anche in quelle mete in cui, come abbiamo visto, c’è un’alta incidenza di richieste di assistenza sanitaria pur non essendo tra quelle verso cui ci si assicura di più.

Come ad esempio in Cina dove la patologia pesa il 9,3% del totale di richieste e il Brasile, in cui le infezioni sono la patologia più riscontrata (8,9% del totale).

Il paese carioca ha anche uno dei più alti indici di dermatiti (quasi il 4%) registrati dalla ricerca.

Discorso analogo alla Thailandia quello dell’India, paese verso cui ci si assicura poco (solo ventesimo piazzamento) ma che presenta molte richieste di assistenza prevalentemente per gastroenterite (14% del totale) cui seguono, anche in questo caso, le infezioni.

Per i viaggi entro i confini nazionali le richieste di assistenza sono allineate a quanto accade per quelli all’estero. Gli interventi sanitari in Italia sono infatti relativi a casi di infezione (oltre il 10% dei casi), bronchite (8%) e dermatite (6%).

Dall’analisi delle richieste di assistenza per costi correlati, emerge un nuovo primato per gli Stati Uniti d’America: è il paese in cui si è verificato l’evento più costoso relativo ad un caso di emorragia con un costo finale superiore ai 400.000€.

Viaggiare in tutto il mondo è oggi una possibilità che nessuno dovrebbe precludersi, meglio però essere consapevoli dei possibili contrattempi che si possono verificare nei diversi paesi e prendere le giuste tutele. Affidarsi ad un partner che, oltre ad essere presente in tutto il mondo e al nostro fianco in qualsiasi momento, può garantirci una copertura con una vasta gamma di servizi e in grado di intervenire tempestivamente, come avviene con Europ Assistance, anche grazie a nuovi mezzi di comunicazione quali la live chat di Facebook Messanger o l’App per dispositivi mobile, è la soluzione per salvaguardare la nostra serenità mentre ci troviamo lontano da casa.

Europ Assistance: “you live we care”

Il Gruppo Europ Assistance è tra i leader mondiali nel settore dell’assistenza privata. Fondato a Parigi nel 1963, è in grado di intervenire in più di 200 Paesi sia nel quotidiano che nelle situazioni di emergenza offrendo servizi di assistenza personalizzati e coperture assicurative nelle aree della mobilità – Viaggio e Auto – e in quelle della Salute e della Casa&Famiglia.
Europ Assistance è sinonimo di sicurezza e tranquillità perché è al fianco dei suoi clienti sempre e ovunque, grazie a una centrale operativa attiva 24h, un network di assistenza di oltre 425.000 centri nel mondo e uno staff medico in grado di intervenire anche nelle situazioni più critiche.
Il pay off “you live we care” traduce chiaramente la mission del Gruppo che vuole fornire una risposta concreta in tutte le circostanze della vita e diventare il punto di riferimento per tutti i bisogni della famiglia. Vicinanza, attenzione, servizio e disponibilità sono i suoi primari impegni, oggi sempre più spesso concretizzati attraverso lo sviluppo di una nuova generazione di servizi di assistenza personalizzati: i “Care Services” .
Europ Assistance è una realtà globale con 34 sedi, 35 Centrali Operative, corrispondenti diretti in 208 paesi e 8.380 dipendenti.

La Holding, il cui capitale sociale è interamente detenuto da Generali France Holding, ha sede a Parigi e ha chiuso l’esercizio 2014 con un fatturato pari a 1,3 miliardi di euro.
In Italia, dove è presente da oltre 40 anni, Europ Assistance ha chiuso l’esercizio 2015 con un fatturato di 301 milioni di euro, conta uno staff di più di 900 persone e più di 8.900 centri di assistenza.

VACANZE ROVINATE ? RIMBORSI COME OTTENERLI E QUANDO ?

In caso di aeroporti bloccati per scioperi e maltempo, la compagnia deve rimborsare il biglietto ENTRO 7 GIORNI o proporre l’imbarco su di un volo alternativo non appena possibile o in ALTRA DATA (regola che svantaggia il passeggero e avvantaggia la compagnia aerea).

RITARDI:

-dopo 5 ore è obbligatorio, per la compagnia aerea, pagare: PASTI, TELEFONATE E PERNOTTAMENTI; se il ritardo supera le due ore per tratte sino a 1.500 Km e tre ore per tratte oltre i 1.500 sino a 3.500.

VACANZA ROVINATA:

-la Corte di Giustizia della Comunità Europea ha stabilito che quando la vacanza diviene fonte di stress, il viaggiatore ha DIRITTO A CHIEDERE RISARCIMENTO DEI DANNI MORALI. 

-FINDAMENTALE AVERE FOTO E/O FILMATI PE RDOCUMENTARE IL TUTTO.

SISTEMAZIONE ALBERGHIERA DIVERSA DA QUANTO PRENOTATO 

-quando il livello della sistemazione alberghiera non è adeguato a quanto scritto nel contratto, si devev SUBITO SEGNALARE ALL’ AGENZIA CHE HA ORGANIZZATO IL VIAGGIO O AL TOUR OPERATOR; attenzione il rimborso va chiesto ENTRO 10 GIORNI LAVORATIVI DALLA DTA DEL RIENTRO.

ATTENZIONE ALLE VALIGE:

-Se viaggiate con oggetti di un certo valore economico è possibile  ottenere un rimborso superiore a 1223 euro, purché si faccia apposita istanza alla compagnia aerea al momento del check-in. La “dichiarazione di valore”, è valida solo per i viaggi interamente effettuati con la stessa compagnia. Va inoltrata sul modulo predisposto dal proprio vettore,

-è importante conservare tutti i documenti di viaggio, vale a dire il biglietto aereo che indichi l’’aeroporto di partenza e quello di arrivo, nonché il talloncino adesivo che reca impresso il numero identificativo assegnato al bagaglio.

– lo smarrimento del bagaglio è evento è da attribuirsi al vettore ai sensi degli artt. 1681 e 1693 c.c.

– quanto è il rimborso ? il viaggiatore ha diritto a ottenere un risarcimento fino a circa 1220 euro da compagnie aeree Ue in tutto il mondo. Idem per  valigia  rovinata o  consegnata in ritardo. Per i vettori che non aderiscono alla Convenzione di Montreal del 1999, in caso di smarrimento o danneggiamento del bagaglio, è previsto un indennizzo fino a 20 euro per kg. Con un tetto massimo di 388 euro.

-il risarcimento si ottiene con apposita richiesta alla Compagnia Aerea con la quale si è effettuato il viaggio, allegando la copia del biglietto aereo, il talloncino di identificazione del bagaglio smarrito, la denuncia al competente ufficio lost and found e l’ inventario completo dei beni contenuti nella valigia.

– Per bagagli di valore è bene stipulare una polizza di assicurazione contro il furto e la perdita di valigie e bagagli a mano, PRIMA DI PARTIRE.

-comunque; il viaggiatore può ottenere un rimborso fino a 1200 euro dalla compagnia aerea, vale anche anche nel caso la valigia arrivi a destinazione danneggiata o in ritardo. Occhio a sporgere reclamo nei tempi previsti.

-COSA FARE ? dirigersi all’ufficio oggetti smarriti dell’aeroporto (lo sportello “Lost and found”, presente in ogni scalo), CON il biglietto aereo e lo scontrino bagagli. Compilare l’apposito modulo Pir (Property irregularity report),  descrivendo nel dettaglio  le valigie smarrite: dimensione, colore, marca.

-l’80% dei bagagli smarriti viene ritrovato in 24 ore, il restante 20% entro 3 giorni.

-se ci troviamo in una località lontana da casa, trascorse 24 ore, e non abbiamo ancora il bagaglio smarrito, è possibile chiedere un mini rimborso. Alcune compagnie sono solite ricompensano  il disagio con una cifra forfait  per le spese urgenti (rasoio, pigiama, rasoio, colazione). IMPORTANTISSIMO: conservare gli scontrini per dimostrare gli acquisti effettuati.

-Nel caso il nostro bagaglio sia stato danneggiato, la segnalazione va presentata alla compagnia aerea entro sette giorni dalla ricezione della valigia. Non è sicuro che il vettore ci rimborsi, perché:  la compagnia non è responsabile se ha adottato tutte le misure possibili per evitare il danno, o se non era possibile evitare in nessun modo l’incidente o difetto dello stesso bagaglio.

-Per le valigie arrivate in ritardo, il termine per sporgere reclamo è di massimo 21 giorni.

-Ci sono invece due anni di tempo dalla data di consegna del bagaglio per azioni legali.

Assopasseggeri consente di ottenere il suddetto risarcimento GRATUITAMENTE E SENZA SORPRESE, avvalendosi di avvocati, affiliati all’associazione, affidabili ed altamente specializzati nel settore del diritto della navigazione aerea. Vedi al link http://www.assopasseggeri.com

COSA FARE QUANDO UNA MEDUSA…

Tempo di mare di bagni e di …meduse.

Medisa 672 vario mare esotico IMG_0399

Belle da vedere galleggianti nell’acqua; non piacevoli per un incontro ravvicinato.

Molte meduse, anche piccolissime, possono iniettare migliaia di arpioni sulla nostra pelle; ognuno  fa esplodere una vescica carica di liquido altamente tossico.

COSA FARE?

-NON FARSI PRENDERE DAL PANICO se si è in acque profonde, si deve raggiungere la riva continuando a nuotare, non fossennatamente, imponendosi di sopportare il dolore.

UNA VOLTA A RIVA:

-in caso di malessere generalizzato, palpitazioni cardiache ecc… subito da un medico; si potrebbe essere ipersensibili ed avere una crisi anafilattica

-in caso solo di bruciore forte localizzato, sedersi sdraiarsi all’ombra ; coprirsi se si ha freddo

-gli impacchi di ghiaccio leniscono il dolore

-NON usare ACQUA DOLCE per lavare la parte dolorante !!

-Non mettere DISINFETTANTI

-NON mettere TINTURA DI IODIO: a contatto con la sostanza irritante può provocare necrosi nei tessuti!

Con UNA CARTA DI CREDITO o similare, raschiare la superficie della pelle dolorante per rimuovere i frammenti dei tentacoli rimasti nella pelle

Solo su ordinazione medica usare: pomate antistaminiche (DIMINUISCONO IL GONFIORE, ARROSSAMENTI E BRUCIORI); potreste avere delle controindicazioni

VIAGGI E BREXIT QUALI CONSEGUENZE ? – Cambia qualcosa per chi viaggia in aereo verso la Gran Bretagna

Il 23 Giugno e’ stato un giorno storico per l’Europa, la Gran Bretagna ha votato per uscire dall’UE.

Le vacanze estive sono dietro l’angolo e i turisti in partenza o arrivo in Gran Bretagna si chiedono se sia cambiato qualcosa a livello di diritti dei passeggeri aerei.

Nel Regno Unito e’ previsto un decremento dei passeggeri del 3-5% entro il 2020 come predice lo “ IATA Brexit report”, Danilo Campisi (Manager di AirHelp) si esprime cosi’ sul voto:

“Anche se sono deluso dal voto del popolo britannico, UE261 continuerà a proteggere i passeggeri che volano dentro e fuori del Regno Unito per gli anni a venire ancora, e noi continueremo a lottare per il loro compenso legittimo in caso di problemi con i loro voli”.

Per rendere piu’ comprensibile la situazione abbiamo risposto a 2 domande fondamentali.

1. Ho ancora diritto ad avere un risarcimento in caso di partenza o arrivo nel Regno Unito ?

Assolutamente si !

Nonostante il voto infatti ci vorranno almeno 2 anni perche’ la situazione diventi esecutiva e quindi efficace. Per maggiori certezze sui vostri voli provate a compilare il nostro form online su www.airhelp.com ci vogliono 2 minuti per verificare l’idoneita’ del vostro volo.

2. Che cosa accadra’ ai diritti dei passeggeri una volta che Brexit sara’ ufficiale ?

Difficile saperlo con cosi’ tanto anticipo, abbiamo provato a fare diverse ipotesi ed e’ piu’ che probabile che verra’ mantenuta una certa tutela per i passeggeri.

Inoltre, quei passeggeri che viaggiano dall’Italia verso il Regno Unito e viceversa su una compagnia aerea con sede nell’UE – come Ryanair, Alitalia, Air France, KLM, Lufthansa, ecc – continueranno ad essere coperti dalle tutele dell’UE26.

Secondo la legge, se si vola all’interno o all’esterno di un paese non UE con una compagnia aerea dell’UE, si ha diritto al risarcimento da parte della compagnia aerea se il volo è in ritardo, cancellato o in overbooking.

Conclusioni:

Mentre il Brexit solleva molte domande per gli inglesi che si recano all’estero e per gli europei che viaggiano nel Regno Unito, al momento con assoluta certezza non c’è bisogno di preoccuparsi per la perdita dei diritti dei passeggeri aerei nel Regno Unito.

Per coloro che viaggiano all’interno o all’esterno del Regno Unito questa estate, tenere a mente che è meglio conoscere i propri diritti prima della partenza per poter essere pienamente consapevoli delle vostre opzioni nel caso in cui il volo sia in ritardo o cancellato.

ZIKA E OLIMPIADI – CAMPIONE DI GOLF NON PARTECIPARA’ ALLE OLIMPIADI PERCHE’ VUOLE UN FIGLIO SANO

IL VIRUS ZIKA IN BREVE:

-è trasmesso dalla puntura di una zanzara

-accertata anche la trasmissione sessuale

-causa gravissime menomazioni al cervello del nascituro

-chi ha contratto il virus, se non fa appositi esami, non è riconoscibile

GRAVE PERICOLO DI PROVOCARE DANNI AL CERVELLO DEL NASCIUTURO ANCHE A DISTANZA DI TEMPO

-grave pericolo di diffusione in Europa dopo le Olimpiadi

——–

Si chiama Rory McIlroy, campionissimo del golf mondiale e fidanzato della tennista Caroline Wozniacki, ed ha dichiarato che non parteciperà alle Olimpiadi in Brasile perché intende avere un figlio e non vuole correre rischi.

Evidentemente l’atleta, come molti altri sportivi, ha compreso il serio rischio che il virus Zika comporta.

UNA ULTERIORE PROVA DI QUANTO IL RISCHIO ZIKA SIA UNA COSA SERIA.

IN UN NOSTRO PRECEDENTE ARTICOLO AVEVAMO SEGNALATO: 

Appello di 125 scienziati all’Oms: “Rinviare le Olimpiadi di Rio”; lettera a Margaret Chan, direttrice generale dell’Organizzazione mondiale della sanità.

“Le segnalazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e le nuove scoperte scientifiche mettono in evidenza quanto sia serio questo problema – scrivono 125 esperti – . Per questo i Giochi di Rio del 2016 dovrebbero essere rinviati o organizzati altrove per una questione di Salute pubblica“.

Ulteriori precisazioni al link: http://www.donnecultura.eu/?p=34556