Archivi categoria: archeologia

5 scoperte archeologiche – International Archaeological Discovery Award 2017

Annunciate le 5 scoperte archeologiche candidate alla vittoria della 3ª edizione dell’International Archaeological Discovery Award “Khaled al-Asaad”

Promosso dalla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico e da Archeo.


Le prime cinque scoperte archeologiche del 2016, candidate sono:

·              Egitto – L’edificio della barca di Sesostri III e i graffiti di 120 navi ad Abido

·              Francia – La prima opera architettonica dei Neanderthal in una caverna di Bruniquel

·              Iraq – La grande città dell’Età del Bronzo presso il piccolo villaggio curdo di Bassetki

·              Pakistan – La città indo-greca di Bazira

·              Regno Unito – Le 400 tavolette di epoca romana ritrovate nella City di Londra

I Premi saranno consegnati venerdì 27 ottobre – in occasione della XX BMTA, nell’area archeologica della città antica di Paestum dal 26 al 29 ottobre – alla presenza dei Direttori delle testate che intervisteranno i protagonisti.
Il Direttore della Borsa Ugo Picarelli e il Direttore di Archeo Andreas Steiner hanno condiviso questo cammino in comune, consapevoli che “le civiltà e le culture del passato e le loro relazioni con l’ambiente circostante assumono oggi sempre più un’importanza legata alla riscoperta delle identità, in una società globale che disperde sempre più i suoi valori”. Il Premio, dunque, si caratterizza per divulgare uno scambio di esperienze, rappresentato dalle scoperte internazionali, anche come buona prassi di dialogo interculturale e cooperazione tra i popoli.

Per informazioni sulle scoperte: www.borsaturismoarcheologico.it/premio-khaled-al-asaad   

MUSEO EGIZIO – L’AVVENTURA DELL’ARCHEOLOGIA – SINO AL 10 SETTEMBRE 2017

L’avventura archeologica M.A.I. raccontata

da non perdere

Le storie dei protagonisti della missione si intrecciano ai reperti e ai quaderni degli scavi

Esposizione dedicata alla storia della ricerca e degli scavi italiani in Egitto nel primo Novecento.

L’avventura di Schiaparelli.

Trentamila oggetti portati al Museo Egizio di Torino dal 1903 al 1920, dalla Missione Archeologica Italiana guidata da Ernesto Schiaparelli; direttore del museo.

Missione Egitto 1903-1920.

L’avventura archeologica M.A.I. raccontata, la nuova mostra temporanea del Museo Egizio.

Giovanni Marro, psichiatra e antropologo, con Schiaparelli si occupò di organizzare le ricerche antropologiche in Egitto con una accurata raccolta di mummie e scheletri interi, in parte ora al Museo di Antropologia ed Etnografia ed ora presenti in mostra.

Il Museo Egizio è il più antico museo al mondo dedicato alla civiltà del Nilo, ma anche il secondo al mondo come numero di reperti.

Un anno fa, la prima mostra temporanea di questo museo, realizzata con il Museo Archeologico di Napoli, Il Nilo a Pompei, portò 256mila visitatori.  Ecco i dati che ci provengono dalla Presidente Evelina Christillin.

MODA E PUBBLICITA’ – INCANTARE LE MASSE -NON dimentichiamo il passato e la storia per capire cosa sta sucecdendo oggi in Italia e nel mondo

L’ARTE E LA SUA CAPACITA’ DI INCANTARE LE MASSE.

Il popolo fu ingannato: Augusto professava umiltà, ma viveva con la sua famiglia nel lusso e nella corruzione …

Da Dario ad Alessandro Magno ai romani … breve storia che ci aiuta a capire quello che accade oggi e forse accadrà domani …

 OGGI: L’ARTE E’ PASSATA DALLA SUGGESTIONE POLITICA ALLA SUGGESTIONE DI MASSA.

 TUTTO QUESTO CI CONDIZIONA, TANTO PROFONDAMENTE DA INFLUIRE SU DI NOI ANCHE SE NE CONOSCIAMO I MECCANISMI.

 TRASFORMARE LA MENZOGNA IN VERITA’ (La pubblicità ci vende prima di tutto un sogno: il bianco più bianco, la nostra magrezza e salute in un bicchiere d’acqua, di una certa marca !…; una schiera di artisti-grafici-pubblicitari-registi sono al servizio dell’IMMAGINE che farà il successo del prodotto)

DARIO ARCHEOLOGIA 300px-Bisotun_Iran_Relief_Achamenid_Period

A ROMA 40 ANNI PRIMA DI CRISTO, 

-ROMA ERA VICINA ALLA CATASTROFE A CAUSA DELLA GUERRA CIVILE PER LE DIVISIONI TRA POLITICI E NOBILI CHE RAPPRESENTAVANO LA CULTURA; gli uni erano diffidenti rispetto agli altri, come, ormai ieri,  in Italia tra destra e sinistra.

-ANCHE NELL’ANTICA ROMA CI SI VESTIVA IN MODI DIVERSI SECONDO LA FAZIONE ALLA QUALE SI APPARTENEVA.

L’appartenenza politica era visibile anche solo dall’abbigliamento.

-Due campi opposti; ognuno con una propria “divisa”.

I repubblicani volevano il potere delle grandi famiglie ed avevano  abiti austeri e tradizionali: oggi si direbbe classici o conformisti alla moda.

Gli anticonformisti erano i monarchici; indossavano abiti sgargianti per ostentare tendenze esotiche, senso di libertà e fantasia.

-Ed ecco che appare, consapevole del potere dell’immagine, Ottaviano, passato alla storia come Cesare Augusto appartenente al campo monarchico.

-La Roma repubblicana era molto sospettosa e Ottaviano la doveva rassicurare; garantendo che non avrebbe minacciato il potere tradizionale dei repubblicani.

OTTAVIANO, IL FUTURO CESARE AUGUSTO, DEVE REINVENTARE LA SUA IMMAGINE PER CONQUISTARE IL POTERE.

-Ottaviano deve conquistare i repubblicani; per farlo decide di reinventare se stesso con un’immagine discreta capelli corti.  Riproduce l’immagine in centinaia di copie e la fa distribuire in tutto l’impero.

Così crebbe la fama di Augusto nell’Impero, ma non a Roma, sospettato di voler emarginare il patriziato e accentrare in se tutte le cariche.

Nella capitale Augusto  doveva disarmare i nemici con una sua immagine.

-Doveva convincere repubblicani.

-Ecco come Augusto usa l‘arte come strumento politico.

Arma raffinata per un periodo di pace, ma il cui successo avrà sinistre conseguenze.

CON UNA STAUTA RISOLVE IL PROBLEMA DELLA SUA IMMAGINE.

L’immagine è una statua in apparenza di un  generale vittorioso, ma inoltre indossa la corazza militare, ma non deve apparire lo spirito battagliero e si mostra con un un gesto di serena autorità, non ha i sandali del legionario, ma i piedi sono nudi.

Un capolavoro di arte política o immagine pubblica.

-Tutto questo per significare: unita più che potenza.

-Per persuadere.

– Il suo potere militare viene presentato da quella immagine come attraente anche per i repubblicani .

-Appare forte ma non  arrogante; così propone (impone) una  nuova età dell’oro con la pax augustea.

-Riunifica Roma e il mondo intorno con il potere dell’arte  dell’apparenza!

-Augusto si pone come eroe inviato dagli dei per salvare Roma : per un futuro di pace.

-Tutto questo basato sulla menzogna; il popolo è stato  ingannato: Augusto professava umiltà, ma viveva con la sua famiglia nel lusso e nella corruzione.

-Augusto crea così un sistema dittatoriale che durerà  4 secoli.

—–

-Con un’immagine si può anche spingere a odiare il nemico persuadendo il popolo, che il nemico è diverso, non degno di umana pietà.

-Questo è il potere di persuasione insito nell’arte.

L’arte è un’ arma potente per promuovere se stessi.

-Oggi facciamo le medesime cose che fecero Dario, Alessandro Magno, Augusto fino a Mao e tutti gli altri,

-ma usando la   tecnologia digitale.

-Vedi, ad esempio, le guerre con i robot ed i droni alle quali ci stanno abituando con le play staton  e tanti film ! !

-i twitt scritti con semplici parole che vengono facilmente ricordate e ripetute …

 -TUTTI dovremmo riflettere un poco di più.

—————-

UN PASSO INDIETRO NELLA STRIA: RE DARIO

DARIO ARCHEOLOGIA DISEGNO 192px-DariusRE DARIO I

COMINCIAMO DA CHI PER PRIMO COMPRESE IL POTERE POLITICO NASCOSTO NELL’ARTE: RE DARIO I° DI PERSIA.

 DARIO (Dārayawuš in antico persiano, Colui che possiede il bene) fu capace di centralizzare e stabilizzare l’immenso impero persiano fondato da Ciro II il Grande; ne ampliò i confini rendendo così più sicuri i territori del suo impero; che si stava espandendo verso occidente.

Dario salì al trono nel 522 a.C., mentre re Cambise aveva lasciato la Persia per sottomettere l’Egitto e l’improvvisa e morte di Cambise, durante il ritorno in Persia, favorì non poco Dario che si trovò solo alla testa dell’Impero.

Gaumata, della casta sacerdotale dei magi, usurpò il trono di Persia approfittando dell’assenza di Cambise, allora impegnato nella campagna di conquista dell’Egitto (525 a. C.), facendosi passare  per Smerdi, il fratello e luogotenente del re fatto uccidere in segreto da questi. Morto Cambise nel ritorno dalla campagna d’Egitto, l’inganno di Gaumata fu scoperto da sette nobili congiurati (fra i quali  vi era Dario), e l’usurpatore fu ucciso (522). Alcuni sostengono che sia stato lo stesso Dario a causare la morte di Gaumata.

-Noi preferiamo credere a quanto fatto incidere  dallo stesso Dario sul rilievo di Behistun (Bisutun: “con l’aiuto di altri sorprese Gautama in una delle sue fortezze”.

archeologia 200px-tomb_of_Darius_I

-Erodoto stesso ci riporta i nomi dei commilitoni grazie ai quali riuscì ad “uccidere l’usurpatore Gaumata” e prendere quindi il trono.

Anche Dario è visto da alcuni storici come un usurpatore,  costretto a giustificare il suo potere con la discendenza da un ramo della dinastia degli Achemenidi, collegandosi così con la linea familiare di Ciro II il Grande. Altri sostengono che effettivamente era discendente degli Achemenidi.

-Dario per consolidare il suo prestigio sposò Atossa, figlia del re Ciro II, padre di Cambise, e vedova di Gaumata.

-Tra il 520 e il 519 Dario dovette far fronte a numerose rivolte di nuovi usurpatori nel suo immenso impero, ma ne uscì vittorioso; comandando un piccolo esercito composto da Persiani, da Medi e un ristretto numero di generali fedeli.

-Dario nelle sue iscrizioni appare come un fervente seguace della religione monoteistica di Zaratustra.

-Indubbiamente fu valentissimo statista e riorganizzò l’impero grazie a lungimiranti leggi civili e penali.

-Dario rivoluzionò le leggi relative al commercio degli schiavi; leggi sulle testimonianze e sui prestiti e la corruzione.

-Ogni sua provincia viveva secondo leggi e tradizioni proprie, mentre veniva mantenuta la nobiltà locale. In questo modo i sottomessi potevano continuare le loro tradizioni, anche religiose; al fine di ridurre il rischio di rivolte.

-Permise agli ebrei di riedificare il tempio di Gerusalemme.

-Il nome di Dario appare in Egitto nei templi di Menfi ed Edfu.

-All’epoca di Dario,  tributi venivano pagati in oro e argento e questo, probabilmente, fu uno dei motivi del declino di Babilonia.

-Moli storici sostengono che le guerre combattute da Dario (Grecia compresa: l’unione della Grecia all’Impero persiano avrebbe reso sicura la porzione più debole del confine occidentale) ebbero solamente lo scopo di garantire la stabilità dei confini dell’impero.

Le guerre persiane furono  la conseguenza dell’aiuto militare dato da Atene ed Eretria ai ribelli delle città ionie e carie.

Sempre per motivi di difesa, secondo molti storici,  assoggettò le popolazioni delle zone montuose del Ponto e dell’ Armenia, estese il potere persiano fino al Caucaso, combatté contro gli Saka e le altre tribù delle steppe iraniane  che vivevano oltre il fiume Oxus.

Dario in campo militare svolse una profonda azione innovativa introducendo la coscrizione obbligatoria, la paga per i soldati, un addestramento codificato e rinnovò l’organizzazione dell’esercito e della marina.

Anche Dario usa l’arte per rafforzare il suo potere.

Dario ebbe comunque l’ingegno di rafforzare il suo prestigio ricorrendo all’arte: immagini spettacolari, rilievi, iscrizioni rupestri e regge sfarzose.

-Ne è un esempio il rilievo di Behistun (Bisutun), scolpito su una grande parete rocciosa, dove Dario è raffigurato mentre sconfigge i suoi nemici, concepiti come “il male”. L’iscrizione riporta il medesimo testo in tre lingue: antico persiano, elamico e babilonese (da quest’opera G.F.Grotefend decifrò la scrittura cuneiforme).

-Nell’iscrizione Dario è presentato come inviato dal dio Ahura Mazda con lo scopo di ordinare il mondo.

-La medesima monumentalità spettacolare sarà voluta da Dario anche per la sua sepoltura a Naqsh-e-Rostam, vicino a Persepoli, scavata nella roccia. Accanto si faranno seppellire anche i re Achemenidi che gli succedettero ed anche altre dinastie di re.

Tomba di Dario

Dario fece erigere spettacolari e splendidi palazzi in tutta la Persia: da Persepoli a Pasargade, da Susa a Ecbatana (storica capitale dei Medi).

-Le mura di Persepoli erano alte 20 metri e larghe 11, questa costruzione rappresentò, per l’epoca, un enorme sforzo ingegneristico.

-Nelle varie province crebbe un’intensa attività edilizia per la realizzazione di nuove strade; al fine di collegare meglio l’Impero.

-Le strade, sotto il domino di Dario, disponevano di stazioni di posta e locande ed erano protette da guarnigioni militari per rendere sicuro il traffico, anche postale.

-In Egitto, Dario portò a compimento il progetto di allargamento del canale navigabile tra il Nilo e il Mar Rosso; un’iscrizione geroglifica ricorda le navi del re che dal Nilo arrivavano fino alla mitica Saba, passando per il Mar Rosso.

Tutti i palazzi avevano splendidi giardini (parola che in persiano deriva da paradiso).

-Dario ebbe la lungimiranza di chiamare i migliori artisti e far arrivare i materiali più pregiati da tutto l’impero.

-FECE TRASFERIRE LA CAPITALE DELL’IMPERO DA PASARGADE ALLA NUOVISSIMA  PERSEPOLI.

-La storia e l’archeologia ci tramandano un’immagine di Persepoli ricca di arte raffinata e amministrata con giustizia.

-Alcuni testi di storia sostengono che Dario soffocasse nel sangue le rivolte che, successivamente, scoppiarono in tutto l’impero (ogni storico sostiene la sua tesi).05

Dario comprese l’importanza di introdurre la moneta (coniandovi la propria immagine), usanza inventata in Lidia (piccola regione centro-occidentale dell’attuale Turchia). Fissò il valore, in peso, delle monete e coniò il Darico aureo,  per creare un sistema uniforme adatto alle transazioni commerciali per tutto l’impero.

-Dario introdusse anche un’unità di misura standardizzata (il cubito reale) che favorì i commerci e il loro sviluppo.

-La moneta serviva come “promozione” dell’immagine ed era importantissima per il pagamento dei tributi e per accentrare ulteriormente l’amministrazione dell’Impero.

-Istituì anche un efficientissimo sistema postale.

-Dario si spinse sino in Europa fissando i confini sul Danubio; dopo la sconfitta subita da parte degli Sciti (popolazione seminomade a nord del Mar Nero).

Il tentativo di Dario di conquistare la Grecia fu affossato dall’eroismo della battaglia di Maratona da parte dei greci.

-Dario morì nel 486 a.C. mentre preparava una grande spedizione contro la Grecia.

 DARIO INTRODUSSE UN NUOVO STILE DI GOVERNO.

– CREO’ IL PRIMO LOGO POLITICO DELLA STORIA 

– VEICOLO’ AI SUDDITI L’IMMAGINE DEL GRANDE RE RAFFIGURATO CON ARCO IN PUGNO, OVVERO  IL BRAVO ARCERE.

-Tutti i potenti sfrutteranno la sua intuizione: fino ad oggi con la  statua della Libertà di New York.

Dario aveva unificato un impero vastissimo sino al Mediterraneo e all’India, anche  per i 150 suoi successori che ne sfruttarono i simboli.   


ALESSANDRO MAGNO

ALESSANDRO MAGNO NON ERA CONOSCITORE DELL’ARTE; ma ne comprese il potere.

ALESSANDRO MAGNO SCONFISSE E CONQUISTO’ POESEPOLI, mettendo a ferro e fuoco UN ESEMPIO DI CULTURA DELLA QUALE NON ERA IN GRADO DI RICONOSCERNE IL VALORE, ALESSANDRO(barbaro rispetto alla cultura raffinata della corte di Persepoli) AVEVA IMPARATO DAL PADRE CHE AVREBBE DOVUTO  UNIFICARE L’IMPERO PERSIANO SOTTO DI SE PER AVERE IL POTERE MONDIALE (del mondo allora conosciuto).

ALESSANDRO aveva compreso  la  manipolazione delle immagini inventata da Dario, ma aveva bisogno di creare un’ immagine tutta sua.

-come riuscì  Alessandro Magno a consolidare la pace; dove prese quell’immagine?

Dalla Macedonia: nel nord della Grecia oggi, ma allora regno indipendente di spietati guerrieri

-Del palazzo di Alessandro ci rimangono poche rovine; tombe di re macedoni,  scoperte e razziate da ladri e profanatori.

-Nel 1978 gli  archeologi greci trovarono una tomba intatta che portava a un cunicolo a grande profondità e all’ingresso di una cripta ancora intatta.

-Questa era la Tomba segreta di Filippo il Macedone (padre di Alessandro Magno) con un’enorme sala del tesoro dove erano depositati molto oro lavorato e un enorme sarcofago dorato con il simbolo dei re macedoni:  il sole.

-Incredibili ricchezze furono trovate nel il corredo funebre;  tra la polvere del pavimento si scoprì una scultura d’avorio di fattezze delicate, piccoli frammenti ricomposti formavano scena di caccia, un volto spiccava su tutti: era apparso su busti e dipinti in tutta l’area mediterranea. Si trattava del volto reale di Alessandro Magno; immagine non idealizzata, prima raffigurazione realistica di un re.

-Quel ritratto cattura il potere di Alessandro e la sua capacità di suggestione.

-Quella immagine fu scolpita prima che Alessandro diventasse re quindi il suo potere fu accuratamente preparato, anche attraverso l’immagine, era stata studiata dagli artisti come vincente per che avrebbe dominato il mondo.

I ROMANI, SOTTO IL VESUVIO

-Sotto il Vesuvio i romani amavano l’arte greca; qui si trova un mosaico dell’epoca di Alessandro, oggi al museo archeologa di Napoli, che raffigura la  battaglia dove Alessandro sconfigge l’ armata persiana. Alessandro fissa lo sguardo sul mortale nemico, sul re persiano raffigurato già perdente, Alessandro ha i capelli scompigliati di chi rappresenta un popolo di conquistatori, di vitalità e forza fisica.

-Il re persiano,invece, è rappresentato come pietrificato, come cattivo, come  codardo.

Alessandro e suo padre, avevano capito che l’immagine  convinceva i sudditi del  valore del capo.

-Poteva anticipare la vittoria sul re di Persia semplicemente con un’ immagine di vincente; ancora prima di vincere.

-Doveva  poi fare arrivare l’immagine ai nuovi sudditi; come?

-VOLEVA E DOVEVA ricordare ogni giorno ai sudditi chi comandava; come? La risposta è: il volto su una moneta con un’immagine quanto più possibile simile alla sua; per generazioni i successori coniarono monete con il suo volto.

– Idea geniale usata da tutti i leader successivi, sino a oggi.

-Il volto umano rimane ancora oggi una potente  arma nell’arena della politica.

-Dario e Alessandro Magno compresero  quanto la mente umana fosse disponibile a ricevere e accettare le immagini come ideale.

-Vedi la propaganda di Hitler e di Mussolini, di Mao e oggi lo stesso dello stesso Putin, ma non solo…

ARMANI, PRADA, ROBERTO CAVALLI, DOLCE E GABBANA, LACOSTE, MONCLER, BMW, AUDI …MA ANCHE COCA COLA, MAC DONALD, ADIDAS, BOSS, NESTLE’, EBAY… molti di noi acquistano, anche magari a rate, pur di dimostrare agli altri che possono permettersi quella marca che per loro è simbolo di quello che vorrebbero essere …è la triste storia della persona non abbiente  che lavora di più  per acquistare le scarpe NIKE per il figlio, (fabbricate  con immensi sacrifici da persone e, non solo qualche volta anche da bambini,  in altre parti del mondo; ai quali noi non amiamo pensare), figlio che altrimenti non sarebbe accettato dai compagni….ECCO IL POTERE DELL’IMMMAGINE…

MA NON ERAVAMO UOMINI PENSANTI ?

O NON LO SIAMO MAI STATI PIU’ DI TANTO ?

Mostre 2017 da non perdere – I segreti dei Maya – Archeologia a Verona

09maya-maschera-ok-400-ok-archeologia-messico

La maschera di giada che, da sola, merita la visita.

maya-mostra-verona-messico-archeologia-5t

maya-mostra-verona-2016-7

maya-mostra-verona-2016-7y

maya-300-mostra-verona-2016

Una grande mostra da mettere in calendario.

I Maya. Il linguaggio della bellezza

Palazzo della Gran Guardia di Verona

Sulla grande e misteriosa civiltà dei Maya

Dal 08/10/2016 al 05/03/2017

I Maya, furono tra le civiltà più ricche di storia e di mistero, dal 2000 a.C. al 1542 d.C.

Inventarono e svilupparono sistemi matematici, calendari, spirito artistico, misurazioni del tempo e molto altro.

L’arte dei Maya è fiorita attraversando il periodo preclassico, classico e postclassico.

Straordinari i capolavori come:

-il Portastendardi, pregiata scultura risalente all’XI secolo e realizzata da un maestro di Chichen Itza (inserito nel 2007 fra le sette meraviglie del mondo),

-la Testa raffigurante Pakal il Grande che visse dal 603 al 683 dopo Cristo e fu il più importante re di Palenque

-la Maschera funeraria a mosaico di giada raffigurante un re divinizzato.

mayaverona.it

La città di Nimrud – Iraq rivela i danni provocati da Daesh (Isis)

nimrud-antica-panorama

nimrud-distruzione-daesh-isis

nimrud-antica-sdf

nimrud-distrutta-bomba

nimrud-foto-i

La città di Nimrud in Iraq, recentemente liberata dallo Stato Islamico, ora rivela tutte le piaghe della devastazione da parte degli uomini in nero che nella furia iconoclasta hanno distrutto e venduto a caro prezzo, sul mercato nero e anche in occidente, tesori di enorme valore.

SE prevedono decenni di interventi per restaurare i danni provocati dagli islamisti.

Queste importanti rovine sono state protette dagli iracheni per secoli .

Oggi, agli abitanti della zona è stata ri-affidata la loro protezione.

Ecco cosa riporta Euronews, come parole di un militare iracheno: “Con la caduta del regime di Saddam e l’intervento degli Americani, l’Iraq è rimasto senza Governo. Abbiamo quindi deciso di chiedere alle tribù locali di proteggere questi resti e poi abbiamo inviato nostro personale a creare posti di controllo e pattugliare la zona”.

La città di Nimrud fu fondata intorno al XIII secolo a.C. da Salmanassar I.

Fu fiorente crocevia di scambi commerciali e poi capitale dell’Impero assiro nell’880 a.C.;  sotto re Assurnasirpal II.

Continua l’intervistato da Euronews: “Non sappiamo con esattezza quanti reperti sono stati distrutti dagli estremisti e quanti siano stati rubati, ma sappiamo per certo che alcuni pezzi sono stati contrabbandati”.

Non è una novità che i miliziani islamisti distruggano opere d’arte e pezzi del patrimonio artistico e culturale dei luoghi conquistati.

In passato distrussero le gigantesche statue di Buddha a Bamiyan in Afghanistan e devastarono le rovine di Palmira in Siria.

E’ loro caratteristica contrabbandare pezzi archeologici di grande valore e rivenderli sul mercato nero per aumentare il loro capitale, ma si sospetta, anche per arricchire personalmente alcuni leader.

Giordania cultura e caldo – Nuove scoperte archeologiche

Giordania: magnifica scoperta archeologica nel nord del paese, ma anche Paese sicuro che merita la nostra attenzione per scegliere una meta invernale.

E’ più sicuro cammonare di sera ad Amman piuttosto che  in città italiane come Milano o europee come Parigi e Londra.

I crimini qui sono quasi inesistenti:

-50 crimini ogni 10000 persone; compresi gli affitti non pagati!

Qui tira ancora l’aria dei racconti biblici, di città scomparse e di Lawrence d’Arabia.

Tra le mete imperdibili:

Petra IMG_0070

-Petra è la meta per eccellenza del vero viaggiatore; imperdibile !!!

Vedi foto e informazioni al link http://www.donnecultura.eu/?p=14812

-Mar Morto; prezzi invidiabili ed alto livello nei servizi. Il luogo migliore dove avere ottimi risultati dalle terme nel mondo.

E molto altro …

i colori e le suggestioni di

Tomba con affreschi della prima epoca romano-bizantina ritrovata a Beit Ras, l’antica Capitolias della Decapoli romana.

Un’antica tomba è stata recentemente scoperta a Beit Ras, nel nord della Giordania, nel corso di un progetto di scavo per espandere una rete di risanamento delle acque reflue locali.

La tomba comprende una caverna con due camere sepolcrali.

La camera più grande contiene una tomba di basalto decorata con incisioni, due teste di leoni, e contenente diverse ossa umane.

Il ritrovamento di questa tomba è tuttavia sensazionale per gli affascinanti affreschi in olio che decorano le pareti della camera.

Gli affreschi raffigurano figure umane, cavalli e altre scene mitologiche, alcune delle quali sono erose dal tempo, ma che per la maggior parte sono intatte, dandoci ricche informazioni sui riti di sepoltura del passato. La seconda camera contiene due ulteriori tombe scavate nella roccia senza artefatti.

Questi affreschi mozzafiato, appartengono all’Età Classica e comprendono figure di di viti che rappresentano la vita sociale e agricola dell’epoca risalente con tutta probabilità al primo periodo romano-ellenistico.

Le iscrizioni e alcuni reperti trovati nella tomba sono stati analizzati per approfondire il periodo esatto in cui è stata eretto questo sepolcro .

Sua Eccellenza, il Ministro del Turismo e delle Antichità Lina Annab, dopo una visita al sito, ha confermato che il Dipartimento delle Antichità continuerà a scavare, ampliare e preparare il sito per renderlo fruibile ai visitatori. Il Ministro ha inoltre confermato che, tenuto conto del valore archeologico della scoperta, il sito è stato chiuso al pubblico e che sono in corso ulteriori studi per proteggere l’integrità archeologica della tomba e per reperire ulteriori informazioni sulle sue origini.

Il Direttore Generale per il Dipartimento delle Antichità della Giordania, Dr. Munther Jamhawi, ha sottolineato il fatto che la città di Beit Ras è una delle antiche città ellenistico-romane che facevano parte della Decapoli, nota a quei tempi come Capitolias.

Questa città, menzionata, nella poesia araba, era situata in una posizione geografica strategica e comprendeva un teatro risalente al II° secolo e i resti di una chiesa bizantina, il cui stile architettonico è stato in seguito utilizzato durante l’epoca islamica e in particolare nel primo periodo della dinastia omayyade.

Per informazioni: www.visitjordan.com

JORDAN TOURISM BOARD ITALY
italy@visitjordan.com

Archeologia egizia a Napoli – Il Museo archeologico riapre la sezione Egizia

Un nuovo percorso al Museo Archeologico di Napoli. Piano interrato.

Nuovo percorso di visita tra sarcofagi, statue e gioielli dell’antico Egitto, la collezione egizia esposta più antica d’Europa.

Presente anche un fumetto ispirato al museo, opera di un disegnatore Disney.

La collezione, chiusa dal 2010, è stata completamente risistemata.

La sezione Egizia di Napoli è una tra le più antiche d’Europa, perché formatasi prima di quella del Louvre e di quella del Museo ‘Egizio di Torino.

Cinque sale dedicate a singoli argomenti: Uomini e Faraoni, La Tomba e il Corredo Funerario, La Mummificazione, Il Mondo magico e religioso, La Scrittura, I Mestieri e l’Egitto in Campania.

MANN Museo Archeologico Nazionale Napoli
Prezzo biglietto: intero : € 12.00 (può subire variazioni in caso di mostre)
Contatti e informazioni: 081 4422149 / 081 4422273

Arte a Roma – Al Colosseo capolavori distrutti dall’Isis e ricostruiti

arte-roma-rinascere-dalle-distruzioni-elbia-nimrud-palmira-colosseo-sino-all11-dicembre-2016

Foto: toro androcefalo di Nimrud; prima della distruzione da parte di Daesh ( Isis ).

“Rinascere dalle distruzioni – Ebla, Nimrud, Palmira”

Colosseo, Roma

Dal 7 ottobre all’11 dicembre 2016

L’arte in 3D

I tesori del Medio Oriente, in fedeli riproduzioni  a grandezza naturale in materiale plastico e ricoperti di polvere di pietra.

Ricostruiti con tecnologie digitali e materiali che simulano gli originali,  i capolavori distrutti dall’Isis da Palmira all’Iraq, ora sono esposti al Colosseo.

La visita  a questa speciale mostra permette di rivedere i tesori di Palmira, Ebla e Nimrud distrutti o danneggiati dalla furia dell’estremismo islamico.

 Tre capolavori distrutti, danneggiati dalle guerre e ricostruiti per questa specialissima mostra:

Il Toro alato di Nimrud (Iraq), con la testa dalle fattezze umane, è stato completamente raso al suolo a marzo 2015 dal fondamentalismo islamico

il Tempio di Bel a Palmira, in Siria,  gravemente danneggiato nell’agosto 2015; restano solo dei frammenti

la sala dell’archivio di Stato del Palazzo di Ebla, Siria,  custodiva 17.000 tavolette cuneiformi, versa invece in grave stato di abbandono.

LE ORIGINI DELLA CULTURA EUROPEA. Secondo Marija Gimbutas.

Poco si studia sulle vere origini della cultura europea: i tempi dell’uomo preistorico. 

ARTE archeologia dea-in-trono--Bulgaria--4500-a.-C-jpg

Dea-in-trono-Bulgaria-4500-a.-C.

Periodo  7.000 al 3.500 a.C.;  paleolitico ed  neolitico in tutta Europa  e Mediterraneo, sino a gran parte dell’età del bronzo.

ARTE archeologia Grande-Dea--Malta

Grande-Dea- conservata a Malta.

Questa parte della nostra storia si studia poco perché l’Europa fu dominata da una importante e pacifica cultura MATRIARCALE ? !

Una cultura millenaria e pacifica, con una struttura sociale egualitaria e matrilineare, legata a simbolismi religiosi coniugati al femminile, a cui poi seguì una cultura assolutamente differente, patriarcale, bellicosa, di matrice indoeuropea.

Dal testo “IL LINGUAGGIO DELLA DEA” dell’archeologa lituana Marija Gimbutas.

“Le donne erano considerate e valorizzate – regine, sacerdotesse, artigiane,  anziane del clan e la società aveva un  carattere egualitario”.

Lo dimostrano i numerosi reperti di raffinato artigianato, monili compresi, che raffigurano la dea-madre.

Poi dall’oriente arrivarono UOMINI ARMATI A CAVALLO e la civiltà della Dea Madre venne sconfitta a vantaggio di una cultura patriarcale e guerrafondaia.

Queste teorie sono sostenute e dimostrate nel testo “IL LINGUAGGIO DELLA DEA” e negli altri  libri di Marija Gimbutas.

Grande studiosa e teorica della CULTURA DELLA GRANDE MADRE, Marija Gimbutas 1921-1984.

Marija Gimbutas, fu archeologa e lingusita lituana. Studiò le culture del neolitico e del bronzo nell’antica Europa. I suoi lavori furono pubblicati tra il 1946 e il 1971 ed introdussero nuovi punti di vista nell’ambito della linguistica e riguardo all’interpretazione della mitologia.

La Gimbutas scoprì, nelle rappresentazioni femminili che rinvenne del Paleolitico e del Neolitico, l’espressione di una unica Grande Divinità universale e  come manifestazione di una varietà di dività femminili rappresentanti una società matriarcale (teoria molto contestata da archeologi di sesso maschile).

 Nel settembre/ottobre 2008 si è tenuta a Roma una mostra sulla cultura diCucuteni-Trypillia che conferma l’ipotesi di Marija Gimbutas sul carattere pacifico, sulla struttura sociale egalitaria e sull’importanza del ruolo femminile di questa cultura dell’EUROPA ANTICA.

Il catalogo della mostra, “Cucuteni-Trypillia: una grande civiltà dell’Antica Europa“, Palazzo della Cancelleria, Roma-Vaticano, 16 settembre-31 ottobre 2008, fu curato dal Ministero della cultura e degli affari religiosi di Romania nonché dal Ministero della cultura e del turismo di Ucraina, e sostiene quanto segue:

pag.40: 

“-Non vi erano differenze tra le varie tipologie abitative. Dunque non è possibile stabilire quali case appartenessero a persone ricche e quali a persone povere. Le variazioni nelle dimensioni delle abitazioni potrebbero essere attribuite al numero dei membri della famiglia che vi risiedeva, o dipendere dalle tecniche di costruzione delle case.

 –Pertanto non è possibile parlare di ineguaglianza sociale (come nelle società in cui vigeva la schiavitù), ma solo di esistenza di una naturale gerarchia all’interno di ciascuna comunità.

Non si può sostenere che esistesse una categoria di guerrieri, in quanto la maggior parte degli abitanti era dedito all’agricoltura. Gradualmente iniziarono ad emergere gli artigiani (ceramisti, addetti alla lavorazione dei metalli, intagliatori del legno e della pietra, costruttori), così come dei personaggi con un ruolo specifico nel campo della religione. L’abbondanza di statuine antropomorfe femminili e la parallela scarsità di sculture a soggetto maschile sembra suggerire l’importanza del ruolo delle donne all’interno di queste comunità.

-pag.70: La civiltà Cucuteni-Trypillia non era una società schiavista, come la civiltà Sumera e L’Egitto, ma il risultato di relazioni comunitarie. Era compatibile con i moderni ideali di democrazia e autogoverno.

-pag.15: All’interno di una Antica Europa (termine felicemente coniato dalla grande scienziata americana, di origine lituana, Marija Gimbutas), che era ancora alla ricerca della sua identità di espressione, al di qua dei Carpazi nacque una civiltà di innegabile originalità“.

La vita di Marija Gimbutas in breve.

A 16 anni partecipò alla sua prima spedizione etnografica, ed ebbe l’occasione di registrare più di 5 mila canti popolari tradizionali legati alle origini della cultura più antica.

-Nel ‘39 vede l’invasione tedesca e poi quella sovietica.

-La visione comunista  materialistica non coincide con la cultura lituana e di Marija Gimbutas basata sull’arte e le lettere.

-E’ poi costretta a vedere le deportazioni di massa in Siberia dove spariscono 25 membri della sua famiglia.

-Marija si unisce alla resistenza ed alla lotta politica, ma nel ’42 riesce egualmente a laurearsi in archeologia.

-Fugge in Austria.  Con una figlia, nata da poco ,ottiene il dottorato in filosofia dell’archeologia presso l’università di Tubingen, in Germania.

-Fugge negli Usa (1949)  e nel ’47 nasce la seconda figlia.
-Mentre il marito lavora come ingegnere a Boston, Marija diviene  ricercatrice alla Harvard University.

Nel 1963 accetta la cattedra di Archeologia all’Università di Los Angeles dove rimarrà sino alla pensione.

DA: http://www.enciclopediadelledonne.it/index.php?azione=pagina&id=882

“Marija scopre che i popoli arcaici utilizzano un complicato simbolismo religioso e che la forma femminile riflette la centralità delle donne nella vita culturale e religiosa. Le immagini di Dee femminili e Dei maschili, sia antropomorfi che zoomorfi, esprimono una partecipazione sacra nei grandi cicli naturali di fertilità; nascita, morte e rigenerazione.
La concezione del tempo è ciclica, non lineare. Questa civiltà non conosce l’uso delle armi, pur avendo già sviluppato la metallurgia. Gli insediamenti sono posti in pianura e lungo i corsi d’acqua; nelle sepolture non vi sono distinzioni di rango: se ne deduce quindi una società che si sviluppa in grandi centri – anche di 15.000 abitanti- tendenzialmente egualitaria.
«È stata una rivelazione vedere che una cultura successiva sia stata meno avanzata di una più antica. L’arte è incomparabilmente inferiore a quella che c’era prima, ed è esistita una civilizzazione di tremila anni almeno, prima che fosse distrutta».

Infatti, ad un certo punto, a partire dal V millennio A.C., ha inizio l’arrivo della prima ondata di popoli indoeuropei provenienti dal bacino del Volga, nel sud della Russia, quella che Marija definisce cultura Kurgan (dal russo “tumulo”, perché i morti venivano sepolti in tumuli circolari che coprivano le dimore funebri dei maschi importanti).

La struttura sociale di queste genti è gerarchica, patriarcale, patrilineare e guerriera.

Sono popolazioni semi-nomadi, possiedono armi letali (arco e freccia, lancia e daga) e cavalli addomesticati.

In varie ondate, nel corso dei millenni, avviene l’ibridazione dell’antica cultura europea, sedentaria, pacifica, gilanica (termine proposto da Riane Eisler per le strutture sociali in cui c’è uguaglianza tra i sessi, gy-, da gynè, donna e an- da aner, uomo ed L come legame tra le due metà dell’umanità) che termina tra il 4300 e il 2800 a.C. con la sua trasformazione da matrilineare a patrilineare e androcratica.

I temi principali relativi a queste ricerche su arte, simbologie e religione dell’Europa Antica sono contenuti nel libro Il Linguaggio della Dea 1989.

La visione di Marija Gimbutas ha provocato una spaccatura nel mondo accademico e non. E fortemente influenzato il pensiero femminista, il mondo artistico e moltissimi storici e archeologici, anche se non mancano i detrattori che negano in parte o del tutto la sua teoria.

Secondo Joseph Campbell, studioso di mitologia comparata e religione comparata, il valore dell’opera della Gimbutas si può paragonare alla decifrazione della Stele di Rosetta, grazie alla quale si riuscì ad interpretare il pensiero religioso dell’antico Egitto: «Marija Gimbutas è stata in grado non soltanto di elaborare un repertorio basilare di elementi figurativi ricorrenti quali chiavi interpretative della mitologia di un’epoca mai documentata, ma anche di fissare, sul fondamento di questi segni decodificati, le linee peculiari ed i principali contenuti di una religione che venerava sia l’universo in quanto vivente corpo della Dea-Madre Creatrice, sia tutto ciò che vive al suo interno perché partecipe della sua divinità».

Merito della Gimbutas è di aver riportato alla luce la presenza femminile nella visione del sacro, che per molte donne ha avuto, per usare le parole di Luciana Percovich «l’effetto insieme destabilizzante e potentemente energico dell’irruzione del rimosso».

Nel 1991 esce il suo ultimo libro, La civilizzazione della Dea, compendio di tutta la sua opera.”

—————————————————

Tutti i diritti sono riservati e la proprietà

intellettuale appartiene a G.Seregni, ex legge

633/41 e successive modifiche.

Reg. Tribunale di Como il 7.6.10 n°7/10

Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico e da Archeo – Paestum dal 27 al 30 ottobre

La Tomba di Lavau vince la seconda edizione dell’International Archaeological Discovery Award “Khaled al-Asaad”, il premio dedicato alle più significative scoperte archeologiche promosso dalla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico e da Archeo

La XIX BMTA si svolgerà nell’area archeologica della città antica di Paestum dal 27 al 30 ottobre

L’International Archaeological Discovery Award “Khaled al-Asaad”, il Premio intitolato all’archeologo di Palmira che ha pagato con la vita la difesa del patrimonio culturale, èl’unico riconoscimento a livello mondialededicato al mondo dell’archeologia e in particolare ai suoi protagonisti, gli archeologi, che con sacrificio, dedizione, competenza e ricerca scientifica affrontano quotidianamente il loro compito nella doppia veste di studiosi del passato e di professionisti a servizio del territorio.
La Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico e Archeo, la prima testata archeologica italiana, hanno inteso dare il giusto tributo alle scoperte archeologiche attraverso un Premio annuale assegnato in collaborazione con le testate internazionali, tradizionali media partner della Borsa: Current Archaeology (Regno Unito), Antike Welt (Germania), Dossiers d’Archéologie (Francia), Archäologie der Schweiz (Svizzera).

Le cinque scoperte dello scorso anno che si sono contese la vittoria del Premio sono:

la Tomba celtica di Lavau (Francia),
i 22 relitti sottomarini nell’arcipelago di Fourni (Grecia),
il Monumento sotterraneo nei pressi di Stonehenge (Inghilterra),
la Tomba etrusca di Città della Pieve (Italia),
le Tombe della Necropoli di Khalet al-Jam’a (Palestina).

La seconda edizione dell’International Archaeological Discovery Award “Khaled al-Asaad” è stata assegnata alla Tomba di Lavau in Francia, quale scoperta più significativa del 2015: il Premio sarà consegnato all’INRAP Institut National de Recherches Archéologiques Préventives, nella persona del Presidente Dominique Garcia, venerdì 28 ottobre in occasione della XIX BMTA alla presenza di Fayrouz Asaad archeologa e figlia di Khaled al-Asaad.

La tomba, risalente al V sec. a.C. e ospitante i resti di un principe celtico, è stata scoperta a Lavau nella regione di Champagne, a 100 chilometri da Parigi. Al centro di un tumulo di 40 metri di diametro, il defunto e il suo altare riposano in una vasta camera funeraria di 14 mq, una delle più ampie rinvenute intorno alla fine della prima età del ferro. La tomba contiene depositi funerari di una ricchezza degna delle più alte élite del tempo: bacini, un cesto in bronzo, una ceramica decorata, un coltello nella sua custodia. Il pezzo principale è un calderone in bronzo, di circa un mt di diametro, ornato accanto alle quattro maniglie da alcune raffigurazioni della testa di Acheloo, un dio fluviale greco, qui rappresentato cornuto, barbuto, con orecchie taurine e tripli baffi; inoltre, il bordo del calderone è decorato con otto teste di leoni.

Lo “Special Award”, il Premio alla scoperta con il maggior consenso sulla pagina Facebook della BMTA, è assegnato alla Tomba etrusca di Città della Pieve: una scoperta di fondamentale valore per il territorio pievese, che entrerà così a far parte della rete delle Città Etrusche.

La Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, considerata sin dal suo inizio da Unesco e Unwto “best practice di dialogo interculturale”, ha voluto dedicare a Palmira la XIX edizione, in programma a Paestum da giovedì 27 a domenica 30 ottobre.

La tragedia che insanguina il Vicino Oriente sta mettendo in pericolo l’esistenza, non solo delle persone, uccise o costrette alla fuga e all’esilio, ma anche di patrimoni culturali, che rappresentano allo stesso tempo identità e storia di importanti civiltà.

La Siria è la regione dove si è sviluppata la civiltà urbana e la straordinaria città carovaniera di Palmira, all’interno di un’oasi rigogliosa e verdeggiante, è il simbolo dell’incontro di culture.

#Unite4Heritage (Uniti per il patrimonio culturale) è l’hashtag lanciato dall’Unesco, affinché anche i social network contribuiscano a creare una sensibilità diffusa sull’importanza di proteggere, tutti insieme, il patrimonio culturale dell’umanità.

Pertanto, oltre a promuovere l’International Archaeological Discovery Award “Khaled al-Asaad”, la Borsa accoglierà nell’immagine coordinata l’hashtag #Unite4Heritage for Palmyra, inserito in una foto del sito, ospiterà una conferenza dallo stesso titolo e dedicherà a Palmira uno spazio nel salone espositivo.