Archivi categoria: CULTURA

Cultura: mostre d’arte, libri, art from women…la donna nella storia, donne che pensano.

Arte evento a Venezia – HAPPYSPRITZ@GUGGENHEIM Lunedì 29 maggio

HAPPYSPRITZ@GUGGENHEIM
Lunedì 29 maggio
ore 19-21

#HappySpritz17

C’è l’arte, c’è la musica, ci sono tanti giovani, e c’è la magica cornice di Venezia al tramonto. Questi sono gli ingredienti per una ricetta di successo. Non manca altro. Il risultato? Ovvio, Happyspritz@guggenheim! I cancelli della Collezione Peggy Guggenheim tornano ad aprirsi per ospitare la nona edizione dell’evento più “social” della laguna, realizzato grazie alla ormai consolidata collaborazione con Aperol Spritz, storica azienda parte del gruppo Guggenheim Intrapresae. L’aperitivo “ad arte” che da ormai 9 anni anima il museo veneziano è un evento che conferma il legame di Aperol Spritz con il suo territorio di origine e con la Collezione stessa.

Lunedì 29 maggio, dalle 19 alle 21 vi aspettiamo a casa di Peggy, tra i suoi tanti capolavori, per una serata alternativa, in compagnia degli amici, e poi di Picasso, Magritte, Kandinsky, Pollock, Warhol, e dei lirici segni grafici delle opere di Mark Tobey, espressionista astratto americano a cui il museo dedica un’attesa retrospettiva, la prima mai realizzata in Italia. Il tutto sarà accompagnato dai trascinanti ritmi dei dj Lorenzo Bitw e Palm Wine che si alterneranno alla consolle per animare il giardino delle Sculture Nasher. Il programma musicale è a cura di Alessandro Picunio e dell’Associazione Culturale Do Not Friday Venezia.

#happyspritz17 sarà l’hashtag da utilizzare su Facebook, Twitter e Instagram per comunicare e condividere con tutti l’evento Happyspritz@guggenheim.

Il biglietto d’accesso al museo è di 13 euro, ridotto a 5 euro con corsia d’accesso preferenziale per i possessori di Young Pass, la membership Guggenheim per gli under 26.

I biglietti sono acquistabili anche online direttamente sul sito guggenheim-venice.it, il mercoledì precedente ciascun appuntamento. Ingresso al museo fino a esaurimento posti.

Prossimo appuntamento lunedì 12 giugno.

Arte a Milano – Prima conferenza sulla mostra – C’era una volta in Giappone

Gli incontri sono a ingresso gratuito, fino a esaurimento dei posti disponibili.

Prima conferenza sulla mostra

C’era una volta in Giappone. Fotografie e netsuke del XIX secolo

La fotografia della Scuola di Yokohama

Moira Luraschi

In occasione della mostra C’era una volta in Giappone. Fotografie e netsuke del XIX secolo, in corso al Museo Poldi Pezzoli fino al 31 luglio 2017, la casa museo di via Manzoni organizza due incontri di approfondimento sui temi dell’arte e della cultura giapponese del XIX secolo.
La fotografia della Scuola di Yokohama è il titolo della prima conferenza, tenuta da Moira Luraschi, ricercatrice del Museo delle Culture di Lugano, in programma giovedì 25 maggio alle ore 18.00.

La conferenza introduce il pubblico alla storia, alle tecniche di realizzazione e all’estetica delle fotografie all’albumina colorate a mano tipiche del fortunato evento artistico e commerciale noto come “Scuola di Yokohama”, dal nome del suo principale centro di propagazione.

Le fotografie, diffusesi rapidamente in tutto il Giappone tra il 1860 e il 1910, amatissime dai turisti occidentali che lì si recavano e da loro portate in Occidente, illustrano magnificamente il sentimento della nostalgia che tutti, fotografi occidentali e giapponesi, provavano di fronte al mondo del vecchio Giappone, feudale e campagnolo, che andava rapidamente dissolvendosi sotto i colpi della modernizzazione dell’epoca Meiji.

Si ringraziano Milano Asian Art, Paolo Gerini, Amici del Museo Poldi Pezzoli, BIG / CiaccioArte – Insurance Services e iGuzzini illuminazione.
Digital imaging partner: Canon Italia S.p.a.

Il prossimo incontro:
Giovedì 8 giugno, ore 18.00
L’era Meiji. Dal feudalesimo alla rinascita del Giappone nella modernità Keiko Ando, direttrice del Centro di Cultura giapponese di Milano

Gli incontri sono a ingresso gratuito, fino a esaurimento dei posti disponibili.

Museo Poldi Pezzoli
Via Manzoni 12, 20121 Milano
Tel. 02 794889 | 02 796334
Apertura: da mercoledì a lunedì, dalle 10.00 alle 18.00 Chiuso il martedì – Ingresso: 10 € | 7 € ridotto www.museopoldipezzoli.it

LE MACCHINE PRENDERANNO IL POSTO DEGLI UOMINI

In molti casi le macchine  già preso il posto dell’uomo; a Genova in ospedale i pazienti dispongono di un fisioterapista robot che, ad esami scientifici, è risultato migliore dell’uomo, ma questo è solo un caso delle milgiaia  già esistenti.

I recenti progressi dell’intelligenza artificiale e della robotica, non danno scampo al lavoro dell’uomo comune.

QUESTE NON SONO AFFERMAZIONI A CASO, MA CONFERMATE DA UN IMPRENDITORE E SCRITTORE DELLA SILICON VALLEY E ALTRI VERI ESPERTI; spiegati con argomenti e dati scientifici.

Chi sostiene che si formeranno tanti nuovi lavori abbastanza per tutti, dice VOLONTARIAMENTE IL FALSO.

Non dimentichiamo che chi parlava di surriscaldamento del clima, fino a poco tempo fa era definito solo un fanatico e che non c’erano evidenze scientifiche…

– Nella scienza e nel giornalismo i Rolex d’oro e le regalie trovano sempre terreno fertile, come in politica …

E questa volta NON sarà una rivoluzione industriale come a fine Ottocento, il lavoro sarà solo per pochi specializzatissimi; ma i posti di lavoro saranno sempre meno.

Per saperne di più, dal punto di vista scientifico e non politico:

Il futuro senza lavoro

Questo libro, vincitore del Financial Times and McKinsey Business Book of the Year Award, dimostra che oggi dobbiamo affronatre un problema di mancanza di lavoro come MAI E’ AVVENUTO NELLA STORIA DELL’UOMO.

L’autore è Martin Ford, imprenditore della Silicon Valley e futurologo.
Ha già pubblicato The Lights in the Tunnel: Automation Accelerating Tacnology and the Economy of the Future.
Il futuro senza lavoro, di Martin Ford, 24 euro.

–Il gene. Il viaggio dell’uomo al centro della vita.

Oggi disponiamo di insperate possibilità di sconfiggere malattie, ma siamo di fronte anche a cruciali interrogativi di carattere etico che riguardano il nostro futuro prossimo.

Questo libro è una salutare riflessione sui dubbi che sorgono dall’indagine scientifica e che rischiano di cambiare per sempre la nostra vita e anche i nostri cervelli; per chi potrà sostenere le spese economiche…

Il libro è scritto da Shiddartha Mukherjee, medico e saggista, ha vinto il Pulitzer nel 2011 con Una biografia del cancro.

-Il gene. Il viaggio dell’uomo al centro della vita, Shiddartha Mukherjee, Mondadori editore,

Musica a Cremona – Terza edizione del CremonaJazz

CREMONA – la terza edizione del CremonaJazz è in corso e prevede ancora una grande serata: sabato 27 maggio, sempre ospitate in quell’incredibile gioiello di architettura e acustica che è l’Auditorium Giovanni Arvedi all’’interno del Museo del Violino.
CremonaJazz ha presentato anche quest’’anno un cartellone composto da proposte di assoluto livello artistico, prestigiosi nomi della musica internazionale.

Sabato 27 maggio 2017 ore 18:30
Iguazù Acoustic Trio
Fabio Gianni (pianoforte)
Marco Mistrangelo (basso)
Alex Battini de Barreiro (batteria)

La visione generale che caratterizza la direzione artistica di Gianni Azzali in relazione alla rassegna CremonaJazz è un’’idea di manifestazione dove la musica jazz ha un respiro ampio, slegato da etichette e stereotipi che possano imbrigliarne le scelte. Si tratta di Jazz, ovviamente, ma in un’’ottica che per prima cosa pone il luogo dove si svolgeranno i concerti, l’Auditorium Giovanni Arvedi, come punto di riferimento guida delle scelte artistiche; questo per l’’estrema bellezza delle sue linee architettoniche, curve che richiamano la sinuosità e la perfezione della liuteria cremonese, ma soprattutto per la sua perfetta acustica, affidata in fase di costruzione dall’’architetto Giorgio Palù all’ingegner Yasuhisa Toyota.

Le scelte artistiche cadono volentieri su musicisti e progetti squisitamente acustici, che possano integrarsi con l’’ambiente che li ospita, il quale diviene “complice” del suono, enfatizzandone in qualche modo la capacità comunicativa e la fruizione. Il Cremonajazz è stato inaugurato dal violoncello di Morelenbaum, si è poi passatialla passione argentina degli Aires Tango con Ralph Towner. Prossimi protagonisti della scena saranno gli archi del Kronos Quartet e infine la straordinaria creatività degli ottantuno anni di un’artista come Carla Bley chiuderà la terza edizione della rassegna.

CremonaJazz è organizzato dalla società Unomedia e si avvale del Patrocinio del Comune e della Provincia di Cremona, ha come partner Air Liquide e Willis Towers Watson, gli MdV friends –network di Imprese che sostengono l’attività del Museo del Violino – la collaborazione dei Media partner e dei Local Partners Locanda Torriani, Chiave di Bacco, Carini, Cartel, RGS ed altre importanti realtà imprenditoriali del territorio.

Biglietti
Biglietterie Teatro Amilcare Ponchielli e Museo del Violino.
Online: www.vivaticket.it

Costo dei biglietti:
Intero   30,00 euro
Ridotto (*)  20,00 euro

(*) Riduzione applicata agli under 20, agli over 65 e ai soci del Piacenza Jazz Club

BIGLIETTERIE
Teatro Amilcare Ponchielli
, Cremona
Tel. 0372 022001 e tel. 0372 022002
Dal lunedì al sabato: 10:30 – 13:30 / 16:30 – 19:30

Museo del Violino, Cremona
Tel. 0372/080809
Dal martedì alla domenica: 10.00 – 18.00

Online sul sito www.vivaticket.it
Per ricevere tutte le informazioni sui concerti di Cremona Jazz, si può scrivere una e-mail a info@cremonajazz.it, mentre per mantenere i contatti e ricevere tutti gli aggiornamenti si può visitare il sito www.cremonajazz.it oppure seguire sui social la pagina Facebook e Twitter.

Arte – Cultura – Natura – Biella e Fondazione Zegna

Mostra alla Fondazione Zegna

Bandiere a strisce di Daniel Buren sui tetti della fabbrica Zegna.

OASI ZEGNA: Chalet-Bielmonte, un weekend tra aria buona e natura 

Oasi Zegna: chiesa di Rosazza (Località Rosazza: a partire dal 1870 il senatore-filantropo del Regno d’Italia Fedrico Rosazza Pistolet (1813-1899), membro della Giovane Italia mazziniana e Gran Maestro Venerabile della massoneria biellese, finanziò e fece costruire su progetto dell’artista Enrico Maffei: palazzi, ville, giardini, la Parrocchiale, il cimitero, strade, fontane, acquedotti e una galleria).

Molte foto, informazioni e indirizzi per l’Oasi Zegna al link: http://www.donnecultura.eu/?tag=rosazza-e-maffei-nelloasi-zegna

::::::::::::::::

Biella medioevale.

UN WEEKEND NELLA NATURA E NELLA CULTURA

BIELLA

Le mostre di SELVATICA e i suoi palazzi

FONDAZIONE ZEGNA – Trivero -Biella e OASI ZEGNA – Un tuffo nella natura incontaminata e nella cultura

Mecenatismo ambientale e sociale, ancora oggi ad uso delle comunità locali e non solo

La Fondazione Zegna nasce nel 2000 per volontà della quarta generazione Zegna con l’obiettivo di migliorare la qualità di vita di comunità e individui in diverse parti del mondo.

Una missione le cui origini derivano dallo spirito del fondatore del gruppo, Ermenegildo, per il quale etica, imprenditorialità ed estetica convivono collegati.

Negli anni ’30, Ermenegildo, lungimirante visionario, attraverso la riforestazione dell’area montana intorno all’omonimo lanificio e la creazione di strutture socio-assistenziali, realizzò uno dei primi esempi industriali italiani di mecenatismo ambientale e sociale, ancora oggi ad uso delle comunità locali e non solo.

Oasi Zegna: fiori, prati e boschi.

Con questo spirito la Fondazione Zegna ha supportato e finanziato – anche nel territorio di origine – progetti sostenibili in cooperazione con organizzazioni non-profit attive in vari campi in Italia e in diverse parti del mondo.

La Fondazione Zegna ha individuato quattro aree di attività entro le quali raggruppa e coordina le iniziative umanitarie internazionali:

– Conservazione e valorizzazione delle risorse ambientali.

– Promozione dello sviluppo sostenibile nelle comunità locali, in Italia e all’estero.

– Salute e Benessere

– Cultura ed educazione per i giovani.

La Fondazione Zegna ha sede a Trivero, in provincia di Biella, dove si trovano anche CASA ZEGNA, archivio storico e polo di aggregazione culturale, e OASI ZEGNA, ”laboratorio all’aria aperta” che copre un’area di 100 km2 e valorizza la relazione tra uomo, cultura di montagna e natura. Qui si può visitare una parte della mostra “ SELVATICA “ 2017

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

UN WEEKEND NELLA NATURA E NELLA CULTURA:

BIELLA E OASI ZEGNA

La città di Biella merita la nostra attenzione per la sua architettura e l’antica parte alta; comodamente raggiungibile.

Se amate l’arte non perdete l’attuale rassegna “Selvatica”; un’occasione unica per una visita ai bei palazzi della città e ai suoi giardini. Una splendida mostra dalle mille sfaccettature, dalla fotografia di grade livello alla pittura di artisti degni di questo nome.

Sempre a Biella, pure la Fondazione Pistoletto – Cittadellarte, merita la visita; sia per ammirare un grande esempio di archeologia industriale, sia per vedere l’arte italiana contemporanea, in una delle sue più note sfaccettature.

Fuori Biella, a Trivero. Ingresso gratuito la prima domenica di ogni mese.
La mostra “Soft life” è presentata negli spazi della Fondazione Zegna. Qui farete un viaggio nelle origini dei vari, sofisticatissimi, filati naturali che servono per produrre i tessuti; poi acquistati dai più facoltosi uomini e donne del mondo.

Un cappotto di preziosa lana pregiata, può costare anche 30.000 euro.

Le misure del Principe Carlo d’Inghilterra; cliente Zegna.

Eleganza Zegna

Tra le migliaia di tessuti a disposizione dei clienti, una seta lavorata con effetto cashmere (nome inglese) o cachemire (in francese) ; fantastica !!!

Sottosci in pregiatissime lane.

OASI ZEGNA

Riforestazione delle pendici della montagna con 500.000 conifere, molte centinaia di rododendri ed ortensie e la costruzione di una strada, “la Panoramica Zegna”, per consentire alla popolazione locale ed ai turisti di godere dell’ambiente naturale montano.

La storia
Le radici dell’Oasi Zegna risalgono agli anni ’30 quando Ermenegildo Zegna, dopo aver creato a Trivero, in provincia di Biella, un’azienda – il Lanificio Ermenegildo Zegna – in grado di affermarsi sui principali mercati internazionali grazie al grande pregio dei suoi tessuti, si dedicò a dare nuova vita al suo paese natale, Trivero, nelle Alpi biellesi.

Oltre alla costruzione di case per i dipendenti e di un Centro dedicato alla salute, alla formazione, allo sport e al tempo libero dei suoi concittadini, il suo progetto ha compreso la riforestazione delle pendici della montagna con 500.000 conifere, molte centinaia di rododendri ed ortensie e la costruzione di una strada, “la Panoramica Zegna”, per consentire alla popolazione locale ed ai turisti di godere dell’ambiente naturale montano.

Il Progetto
Partendo da questo grande patrimonio di idee e realizzazioni concrete, le nuove generazioni della famiglia nel 1993 hanno dato vita al progetto Oasi Zegna che interessa il territorio montano esteso attorno i primi 26 Km della strada “Panoramica”, per un’area di circa 100 Km2. Primo esempio italiano di mecenatismo ambientale, l’Oasi Zegna ha come obiettivo il mantenimento della presenza dell’uomo in montagna e lo studio, la tutela e la valorizzazione dell’area interessata, comunicando con i visitatori attraverso un sistema segnaletico di “alfabeto visivo” che descrive animali, piante e minerali che popolano la montagna e illustra la storia locale, trasmettendo ai visitatori le conoscenze per sensibilizzarli al rispetto per l’ambiente.

Il progetto dell’Oasi Zegna come ambiente comunicante si è sviluppato su due piani strettamente collegati tra loro: l’individuazione di attività a contatto diretto con la natura (sport ecologici e soft tourism) e la promozione dell’educazione ambientale.

Grazie alle peculiarità del territorio e alla notevole presenza di infrastrutture eco-compatibili, l’Oasi Zegna è un “laboratorio dal vivo” per gli amanti della natura e per i giovani, e gli sportivi è un luogo ideale dove praticare attività all’aria aperta, rispettose della natura – escursionismo, trekking d’altura, mountain bike, equitazione, arrampicata su palestre di roccia, percorsi avventura sugli alberi (treeclimbing), aquilonismo, sport invernali etc.

L’accoglienza è garantita da numerose strutture: alberghi, ristoranti e aziende agrituristiche, offrono l’ospitalità tipica della montagna.
L’Oasi Zegna è inoltre una delle cellule dell’Ecomuseo del Biellese, istituito per raccogliere e testimoniare il patrimonio di tradizioni, storia, cultura ed economie tipiche del territorio montano.

Il 20 settembre 2014 l’Oasi Zegna ha ricevuto, unico in Italia, il patrocinio del FAI Fondo Ambiente Italiano, come esempio di tutela e valorizzazione del nostro patrimonio ambientale e culturale.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

I PROGETTI IN CORSO
FONDAZIONE ZEGNA

– CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE AMBIENTALI

FAI – FONDO AMBIENTE ITALIANO
Italia: salvaguardare il patrimonio culturale e l’ambiente naturale e il paesaggio.
Fondazione Zegna e FAI condividono da sempre il rispetto della cultura, della natura, dell’arte, della storia e delle tradizioni, a tutela di un patrimonio che è parte fondamentale delle nostre radici e della nostra identità. Negli anni sono stati avviati progetti per la salvaguardia e valorizzazione di importanti luoghi come Villa della Porta Bozzolo a Casalzuigno, il Castello di Masino a Caravino e il Bosco di San Francesco ad Assisi. Nel 2013 la collaborazione si è ulteriormente intensificata con un importante progetto di messa in sicurezza e valorizzazione di un’ampia porzione di territorio delle Cinque Terre attorno a Punta Mesco, tra Levanto e Monterosso a forte rischio di dissesto idrogeologico. Con un piano triennale di messa in sicurezza e recupero di Podere Case Lovara – 45 ettari di macchia mediterranea con vecchie tracce di coltivazioni e 3 fabbricati in forte stato di degrado, nel giugno 2016, dopo attenti e impegnativi lavori, è stato inaugurato un compendio agricolo che servirà come modello per interventi futuri e assicurerà stabilità al terreno e un punto di ristoro e contemplazione per chi passeggerà sugli splendidi sentieri di questa incantevole porzione d’Italia.
Nel 2014, proprio per gli intenti comuni, l’Oasi Zegna ha ottenuto – unico esempio in Italia – il Patrocinio FAI e, sempre dal 2014, FAI e Fondazione Zegna hanno istituito la Giornata del Panorama, per sensibilizzare all’osservazione consapevole dei paesaggi più belli d’Italia e comprenderne le trasformazioni.
Dal 2009 Anna Zegna è membro del Consiglio di Amministrazione del Fondo Ambiente Italiano.

ERMENEGILDO ZEGNA
Italia e Cina: progetto Baby Forest
Per ogni nuovo nato dai 7.000 dipendenti del Gruppo Zegna, la Fondazione Zegna pianta ogni anno un nuovo albero nell’Oasi Zegna per i nuovi nati in Europa e in Cina per i dipendenti che lavorano in oriente. In rappresentaza dei neonati degli anni precedenti, nell’Oasi Zegna, sono stati messi a dimora 180 alberi nel 2011, 190 nel 2012 e così via fino ai giorni nostri. L’opera di rimboschimento ha già aiutato il territorio a contrastare il dissesto idrogeologico e le slavine nella stagione invernale.

WWF
Cina: progetto Corridoio del Panda
Il Progetto Corridoio del Panda è il più grande di WWF Cina e richiede un ampio sforzo per proteggere i panda nelle montagne del Qinling (fonte del Fiume Giallo e del Yangtze) una delle aree con la maggiore biodiversità della Cina. Il turismo smisurato degli ultimi anni ha minacciato l’equilibrio ecologico del territorio e non ha dato alcun beneficio alla popolazione locale. Il Progetto Corridoio del Panda promuove una combinazione di eco-turismo e conservazione, per sviluppare attività che siano sostenibili sia dal punto di vista ambientale, sia sociale ed economico. Fondazione Zegna ha contribuito con il sostegno al Progetto Corridoio del Panda WWF Cina a portare a termine il programma di conservazione e valorizzazione dell’area del Qinling, a supporto della sopravvivenza del panda e delle comunità locali. E’ di questi giorni la notizia che il Panda, grazie proprio alle opere di rimboschimento e salvaguardia del suo habitat, è una specie non più in via di estinzione.

– PROMOZIONE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE NELLE COMUNITA’ LOCALI

CARE & SHARE
India: nutrizione/educazione per i bambini.
Grazie al finanziamento continuativo dal 2004, la Fondazione Zegna supporta Care&Share in India, nello Stato di Andrha Pradesh. Gli obiettivi principali del progetto sono:
– migliorare la qualità di vita delle persone nelle comunità indiane svantaggiate attraverso progetti che incoraggino l’auto-sostentamento.
– garantire educazione e cure per i bambini indiani bisognosi, spesso orfani o abbandonati, soprattutto nelle aree rurali e nei sub-quartieri urbani, dove le condizioni risultano peggiori, come il Distretto di Krishna e lo Stato di Andhra Pradesh.

CESVI
Italia: formazione e inserimento professionale per minori non accompagnati.
La collaborazione tra Cesvi, la onlus siracusana AccoglieRete e Fondazione Zegna, accoglie un piccolo numero di giovani immigrati che attraverso il progetto “Un tutore per ogni minore” garantisce velocemente una formazione in grado di dotarli di capacità comportamentali e relazionali, competenze linguistiche, formative e professionali.

OXFAM
Palestina: un aiuto concreto alle comunità beduine.
Fondazione Zegna promuove le attività tradizionali legate alla lavorazione della lana presso le comunità beduine nei Territori Palestinesi al fianco di Oxfam, storico partner con il quale sono stati realizzati in passato altri progetti nelle Filippine, nelle isole Vanuatu e in Nepal. L’iniziativa, definita “cronica” e di “emergenza”, vuole fornire un aiuto concreto alle comunità beduine attraverso attività volte a differenziarne le fonti di reddito, mantenendo allo stesso tempo vive le tradizioni locali.

SAN PATRIGNANO
Italia: insieme per rinascere.
La tessitura a mano è praticata a San Patrignano da oltre trent’anni e fa parte di quei mestieri artigiani antichi che si sono sempre insegnati nella Comunità. Attraverso la manualità, i ragazzi si confrontano con valori importanti: il saper fare, la disciplina richiesta per raggiungere l’obiettivo, la ricerca della perfezione nella realizzazione e la conseguente abitudine al bello, che li aiuta a recuperare la loro bellezza interiore e l’amore per se stessi. Nel settore tessitura di San Patrignano, 30 ragazze quotidianamente tessono e cuciono i prodotti destinati al mondo esterno e, quindi, a supportare l’indipendenza economica della Comunità. Da quattro anni, Fondazione Zegna sostiene il laboratorio della comunità con l’obiettivo di valorizzare questo mestiere artigianale antico, attualizzandolo secondo i gusti del mercato, della moda e del design.

– SALUTE E BENESSERE

AMREF
Africa: Acqua e Sanità e prevenzione delle morti materne
In Africa, quattro morti su cinque sono legate alle malattie dovute alla contaminazione dell’acqua. Il Progetto Acqua e Sanità Amref / Fondazione Zegna ha consentito di costruire pozzi e cisterne d’acqua per i villaggi rurali nell’Africa Orientale e proteggerne la qualità, garantendo alla popolazione locale una fornitura costante. L’accesso a questa risorsa ha ridotto significativamente i rischi sanitari, soprattutto per i bambini, ed ha contributio allo sviluppo sociale ed economico delle comunità locali.
In Mozambico, la Fondazione Zegna, per contrastare la mortalità materna, ha avviato un processo di formazione professionale di giovani ostetriche che, nell’ottica più ampia del raggiungimento della propria emancipazione sociale, sono destinate a diventare le attrici principali del cambiamento. Due le principali attività previste:
– erogazione di corsi di formazione e aggiornamento per ostetriche, e programmi di educazione di qualità a 275 giovani studentesse
– rafforzamento delle competenze degli istituti di formazione sanitaria statali impegnati nell’erogazione dei corsi, attraverso la dotazione di materiale e attrezzature, e la formazione diretta di 180 formatori di ostetriche.
– CULTURA ED EDUCAZIONE PER I GIOVANI

FONDAZIONE PISTOLETTO – CITTADELLARTE
Italia: Università delle idee UNIDEE e progetto VISIBLE
Fondazione Zegna ha intrapreso da diversi anni una collaborazione creativa con Cittadellarte – Fondazione Pistoletto. Ne è nato un innovativo modello di investimento culturale basato su un impegno condiviso di creatività responsabile, tra arte e business. Il lavoro creativo di Cittadellarte e la strategia di Zegna, un’impresa responsabile per natura, impegno, tradizione e visione, sono complementari e basati su obiettivi condivisi. Ogni anno, Ermenegildo Zegna inoltre finanzia una borsa di studio tramite UNIDEE – Università delle Idee di Cittadellarte, che ospita giovani creativi da tutte le parti del mondo.

ALL’APERTO
Italia: progetto di arte contemporanea in situ
Il progetto ALL’APERTO (a cura di Andrea Zegna e Barbara Casavecchia) nasce con l’intento di rendere più fruibile l’accesso all’arte contemporanea e ai suoi valori. Dal 2008 il Progetto sviluppa, nell’area attorno a Trivero, una serie di opere permanenti site specific di pubblica fruizione, realizzate “su misura” da autori di calibro internazionale. Per il debutto, la scelta è caduta sul francese Daniel Buren (Boulogne-Billancourt, 1938), che ha incorniciato il perimetro delle terrazze panoramiche del Lanificio Zegna con l’installazione “Le banderuole colorate, lavoro in situ, 2007, Trivero”: un arcobaleno di 135 bandiere, fluttuante tra verdi e azzurri di sette tonalità diverse, che sembrano fondersi in un unico colore, inedito e variabile a seconda delle condizioni di luce. Le edizioni successive hanno visto interventi di Alberto Garutti, Stefano Arienti, Roman Signer, Marcello Maloberti, Dan Graham, Liliana Moro.

TEATRO REGIO DI TORINO
Italia: promuovere la musica, i messaggi, i valori e le eccellenze
Fondazione Zegna è impegnata a sostenere lo sviluppo artistico dell’Orchestra del Regio attraverso un contributo per il sostegno del vincitore del Concorso per Prima viola. Nato nel 2012, il progetto vuole offrire un contributo concreto a quel percorso di costante miglioramento che, grazie al lavoro e alla passione del Direttore musicale Gianandrea Noseda, ha permesso al Teatro Regio di ottenere numerosi riconoscimenti in campo internazionale, diventando un vero e proprio ambasciatore nel mondo dell’eccellenza italiana. Una formula già diffusa nel mondo anglosassone ma del tutto nuova per il mondo musicale italiano, che nel 2012 ha portato al sostegno del vincitore del “Concorso per Prima viola dell’Orchestra del Teatro Regio”, Enrico Carraro.

Per maggiori informazioni www.fondazionezegna.org
+39 0289077394

Una bella mostra in una bella città – Weekend di cultura – Biella Selvatica 17

Quest’aquila sembra che stia volando verso di voi.

Non è l’uccello australiano Kiwi, ma una stranissima protuberanza di una mangrovia !

 

Una rana al centro di un colletto di “camicia” con “papillon” …

SE AMATE L’ARTE,  LA FOTOGRAFIA E LA NATURA

NON POTETE PERDERE

la sesta edizione di Selvatica. Arte e Natura in festival

Ogni anno sempre più interessante

da sabato 6 maggio a domenica 2 luglio 2017
IMERDIBILE anche per gli interessanti esempi di architettura in città e i magnifici dintorni ricchi di spunti come la collina di rododendri e molto altro …

:::::::::::

Per leggere e vedere le foto su Biella e dintorni vedi al link: http://www.donnecultura.eu/?p=6319

 
La Fondazione Cassa di Risparmio di Biella presenta,
da sabato 6 maggio a domenica 2 luglio 2017,
la sesta edizione di Selvatica. Arte e Natura in festival, la manifestazione che unisce Natura e Cultura per raccontare la bellezza del pianeta tramite le arti visive.
Il festival, giunto alla sua sesta edizione, torna ad affrontare il tema, più che mai attuale, della responsabilità umana verso la salvaguardia del patrimonio naturalistico e ambientale e lo fa creando un dialogo con le arti visive contemporanee che diventano un filtro con cui osservare il mondo.
Attraverso un insieme di proposte che coniugano mostre di pittura, fotografia, scultura e laboratori didattici rivolti ai più giovani, la manifestazione riunisce secondo un’unica coerente progettualità artisti, intellettuali, creativi e ricercatori provenienti da differenti ambiti del sapere, tutti accomunati dall’aver fatto del mondo naturale il centro della loro poetica o del loro lavoro.
Stefano Bombardieri – Gaia e la balena ferro e bronzo mt.20 totali  balena 13 mt
Selvatica. Arte e Natura in Festival
– a cura di Alessandra Redaelli per la parte artistica e di Fabrizio Lavaper la parte fotografica – animerà la città di Biella e il territorio biellese. Il cuore pulsante dell’iniziativa si focalizzerà intorno alle sedi di Palazzo Gromo Losa, Palazzo Ferrero e il Museo del Territorio Biellese e coinvolgerà anche l’ Oasi Zegna dove sarà possibile vivere un’esperienza naturalistica outdoor.
 
Palazzo Gromo Losa, con i suoi giardini all’italiana, sarà uno dei luoghi cardine del festival e farà da scenario a tre delle mostre più significative della manifestazione.
Le sale del Palazzo ospiteranno le opere di Marzio Tamer (nato a Schio nel 1964), pittore molto amato in Italia e all’estero che con i suoi ritratti di animali, a figura intera o in primissimi piani fotografici, riesce a trascendere il concetto di verosimiglianza andando verso un mondo ulteriore che ha il sapore della metafisica.
Nella sezione fotografica di quest’anno saranno esposte 90 immagini delle più di 20.000 arrivate per il Glanzlichter, uno dei concorsi di fotografia naturalistica più importanti d’Europa, patrocinato dal Ministero Federale dell’Ambiente tedesco, che torna a Biella per la terza volta.

© Gabi Marklein | Relazione
——
I sontuosi roseti nel giardino all’italiana di Palazzo Gromo Losa faranno invece da cornice alla possente scultura di Stefano Bombardieri,Gaia e la Balena , un’installazione imponente di 20 metri di lunghezza. Opera ambivalente che regala al pubblico diverse letture: la bambina che trascina la balena rappresenta infatti la forza dei sogni e della fantasia che appartengono al bambino, ma in una chiave diversa la balena diventa simbolo dell’enorme peso delle difficoltà che i bambini devono sopportare nel corso della loro giovane vita.
Passaggio Elefanti è un’altra opera che Bombardieri porta a Selvatica, meno imponente ma dal messaggio altrettanto forte; i due elefanti qui riprodotti compaiono da una quinta invisibile per scomparire subito dopo, sul corpo dei due pachidermi appare un display che riporta il numero di elefanti rimasti in vita sul pianeta.
Palazzo Ferrero ospiterà le ampie e sciolte pennellate dell’artista Mark Adlington (nato in Inghilterra nel 1965), che con le sue tele porterà a Selvatica il particolarissimo cavallo di Przewalski, sottospecie selvaggia quasi estinta negli anni Sessanta, poi salvata con una intelligente strategia di ripopolamento.
Sempre all’interno di Palazzo Ferrero una seconda esposizione presenta la mostra I colori del Bianco a cura di Marcello Libra, un viaggio fotografico verso i gelidi e remoti luoghi del nord, dove il protagonista assoluto è il bianco, “non colore” per eccellenza, che allo stesso tempo racchiude ed esprime tutti i colori dello spettro.
©Yuan Minghui | Colletto e Papillon
Al Museo del Territorio Biellese sarà esposta una selezione dei lavori realizzati per la prima edizione del Concorso Nazionale di Pittura Be Natural/Be Wild, promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, indirizzato ad artisti tra i 18 e i 35 anni invitati a raccontare la loro idea di natura, oltre agli scatti del concorso fotografico “NORD OVEST NATURAE Photo Contest”, un progetto che permette di gettare uno sguardo sulla natura e sui variegati ambienti del nord-ovest d’Italia.  
Le sette mostre principali dislocate tra Palazzo Gromo Losa, Palazzo Ferrero e Museo del Territorio Biellese, saranno accompagnate da diverse esposizioni collaterali che coinvolgeranno alcuni tra i più suggestivi luoghi del Biellese oltre a diversi spazi istituzionali e gallerie d’arte.
Tra queste spicca sempre al Piazzo la mostra di Palazzo La Marmora, dove trova spazio, nella splendida sala del Galliari, una personale di Giuseppe Bartolozzi e Clara Tesi, scultori pistoiesi che usano il marmo bianco di Carrara come loro cifra artistica. Uova a tuttotondo e chiocciole, dalle evocazioni primordiali, popolano le loro opere. ” …come nella musica, i due scultori, hanno trovato l’armonia nella realizzazione dell’opera a quattro mani… (Vittorio Sgarbi).
Altrettanto suggestiva è la personale di Stefano Zagaglia nello Spazio Cultura della Fondazione Cassa di Risparmio di Biella. Viaggiatore appassionato e grande amante della natura, nei suoi dipinti Zagaglia riesce a restituire tutta la suggestiva bellezza e la dignità degli animali che ritrae.

INFORMAZIONI

Selvatica. Arte e Natura in Festival è realizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Biella in collaborazione con E20 Progetti, che cura l’allestimento e il catalogo.
Selvatica. Arte e  Natura in Festival – 6° Edizione
6 maggio – 2 luglio 2017  
Biella e Provincia
 
Biglietto principale presso la biglietteria di Palazzo Groma Losa, da euro 5,00 (ridotto 4.00).
Il biglietto dà diritto alla riduzione sulle mostre collaterali laddove a pagamento.
 
PALAZZO GROMO LOSA E PALAZZO FERRERO
Biglietto ridotto:
Soci Touring Club, Soci FAI, Soci WWF, Soci Legambiente, Soci Plein Air, Tessera Abbonamento Musei Torino e Piemonte, gruppi di almeno 12 persone, Amici di Castelli Aperti, Associazione Nazionali Alpini, possessori biglietto Giardino Botanico di Oropa (esibendo il biglietto di Selvatica presso il Giardino Botanico di Oropa verrà applicato uno sconto sull’ingresso).
Biglietto gratuito:
Under 25, studenti universitari con tesserino, disabili + 1 accompagnatore, insegnanti se accompagnano una classe, giornalisti con patentino, guide turistiche con patentino.
Possibilità di visite guidate su prenotazione.
 
Scuole: visite didattiche gratuite (info e prenotazioni: 015 0991868)
 
Catalogo
Costo: 20 €
Sconto 50% se acquistato insieme al biglietto di Palazzo Gromo Losa
Fondazione Cassa di Risparmio di Biella 
©Stefano Zagaglia | Big arms of Ruaha – oil on canvas – 60×60
Fondazione CR Biella
 
@Fondazione CR Biella
 
IN COLLABORAZIONE CON
WWF Oasi e Aree Protette Piemontesi – Legambiente Circolo Biellese “Tavo Burat” – Palazzo La Marmora – Fotoclub Biella – Fotogruppo Riflessi – Città di Candelo – Casa Zegna – Oasi Zegna – Rivista Oasis – ACLI Biella – Centro Educazione Ambientale “Andirivieni” di Legambiente – Associazione della Trappa onlus – Biblioteca Civica di Biella – Salamon & C. Arte contemporanea – Galleria Zaion – Galleria Punto sull’Arte – Galleria Moitre – BiBox Art Space – Centro Documentazione Aree Protette del Comune di Sondrio – Progetto Biellese in Transizione – Fondazione Clelio Angelino – Bi Young – Biella Jazz Club – Città Studi – ATL Biella – Eco Museo Valle Elvo e Serra – UPBEduca Università Popolare Biellese – Ente di gestione delle aree protette del Ticino e del lago Maggiore – Fondazione Funivie Oropa.
 
 
Le mostre principali
 
PALAZZO GROMO LOSA
 
Marzio Tamer
Natura Metafisica
Dal 6 maggio al 2 luglio 2017.
Padrone di una tecnica pittorica straordinaria per precisione ed esattezza fotografica, Tamer si rivela un artista unico e prezioso per la capacità di andare oltre il dato reale. I suoi animali si fanno icone agli occhi dello spettatore, non solo per la forte carica emotiva, ma anche per l’ambientazione nella quale l’artista li colloca, sottraendoli dal dato reale e lasciandoli sospesi in una dimensione indecifrabile.
Glanzlichter
90 fotografie da tutto il mondo che ritraggono la natura.
Dal 6 maggio al 2 luglio 2017.
Il più grande concorso di fotografia naturalistica della Germania e uno dei più importanti d’Europa, a cui ogni anno partecipano migliaia di fotografi, è un viaggio in tutto il mondo, con una selezione unica di magnifiche immagini, dal paesaggio agli animali in natura. Il vincitore dell’edizione 2016 è il fotografo naturalista Thomas Kolenbrander con uno scatto straordinario del cielo dell’Islanda occidentale. Saranno esposte un centinaio di immagini delle 20.000 inviate per il concorso fotografico che è sotto il patrocinio del Ministero Federale Tedesco dell’Ambiente.
 
Stefano Bombardieri
Gaia e la Balena.
Dal 6 maggio al 2 luglio 2017. 
I favolosi giardini all’italiana di Palazzo Gromo Losa faranno da cornice alle possenti sculture di Stefano Bombardieri che porta a Biella Gaia e la Balena, la celebre scultura in cui un’esile bambina trascina un immenso cetaceo di 13 metri, metafora dell’enorme peso delle difficoltà che i bambini devono sopportare durante la loro giovane età, ma altresì allusione alla forza dei sogni e della fantasia che appartengono all’infanzia. In Passaggio Elefanti su due pachidermi che appaiono solo a metà campeggia invece un display con il numero di elefanti rimasti in vita, tragico messaggio legato al rischio di estinzione di molte specie sul pianeta.
 
Palazzo Gromo Losa
Corso del Piazzo, 24 Biella
www.fondazionecrbiella.it
 
Orari
Venerdì: 15.00-19.00
Sabato: 15.00-19.00
Domenica 10.00-13.00 e 15.00-19.00 | Venerdì 2 giugno 10.00-13.00 e 15.00-19.00
 
PALAZZO FERRERO
Mark Adlington
Incontri selvaggi. Il cavallo Przewalski.
Dal 6 maggio al 2 luglio 2017.
Con il suo approccio leggero e il suo sguardo amorevole, l’artista britannico porta a Selvatica un progetto profondamente legato allo spirito del festival. Protagonista della serie di tele e carte in mostra è infatti il particolarissimo cavallo di Przewalski. Caratterizzato da un corpo massiccio e muscoloso, era quasi estinto cinquant’anni fa ed è stato salvato grazie a una precisa strategia di ripopolamento. Riconosciuto come l’effettivo protagonista delle pitture rupestri, questa sottospecie di cavallo è portata a Selvatica dalla pennellata ampia e sciolta di Adlington.
I colori del Bianco
Marcello Libra
Dal 6 maggio al 2 luglio 2017.
Un modo del tutto unico di immortalare luoghi incredibilmente remoti, spazi vastissimi e gelidi, uno sguardo inedito alla selvaggia Antartide. Le fotografie di Marcello Libra suscitano meraviglia perché rivelano i colori che nel bianco si celano e che dal bianco emergono più nitidi e intensi che mai. Le fotografie de I colori del bianco sono qualcosa di più di semplici immagini: sono, a tutti gli effetti, veri e propri sguardi che ci regalano gli squarci di realtà che solo un occhio pieno di passione poteva cogliere e solo la mano di un fotografo esperto poteva restituire.
 
Palazzo Ferrero – Miscele culturali
Corso Piazzo, 25 Biella
www.palazzoferrero.it
335 5945235 | info@palazzoferrero.it
 
Orari
Venerdì: 15.00-19.00
Sabato: 15.00-19.00
Domenica 10.00-13.00 e 15.00-19.00 | Venerdì 2 giugno 10.00-13.00 e 15.00-19.00
MUSEO DEL TERRITORIO BIELLESE
Be Natural/Be Wild.
Concorso Nazionale di Pittura dedicato alla natura – Prima edizione. 
Dal 6 maggio al 2 luglio 2017.
La Fondazione Cassa di Risparmio di Biella ha lanciato un concorso artistico per dare spazio all’arte che racconta la Natura, nell’ambito dell’edizione 2017 di Selvatica. Con il concorso Be Natural/Be Wild, la Fondazione si è rivolta a giovani pittori e disegnatori, italiani e stranieri, residenti in Italia, di età compresa tra i 18 e i 35 anni, desiderosi di dar voce al mondo naturale che li circonda.
Dei quasi 200 progetti arrivati a Biella ne è stata selezionata una ventina da una giuria di critici, giornalisti e galleristi, i progetti spaziano dalla più classica declinazione del paesaggio montano alla resa del cielo in monocromie appena mosse dal gioco delle sfumature.
Nord Ovest Naturae Photo Contest
Dal 6 maggio al 2 luglio 2017.
Al Museo del Territorio saranno esposte le fotografie del concorso fotografico nazionale “NORD OVEST NATURAE Photo Contest”, un’opportunità per conoscere e valorizzare la natura e i variegati ambienti che caratterizzano il Nord-Ovest d’Italia.
 
Museo del Territorio Biellese
Via Quintino Sella 54b, Biella
www.museodelterritorio.biella.it
Tel. 015 2529345 | museo@comune.biella.it
 
Orari:
Da mercoledì a venerdì: 10.00-12.30 e 15.00-18.30
Sabato e domenica: 15.00-18.30 | Venerdì 2 giugno 15.00-18.30
Spazio Cultura
The call of the wild.
Stefano Zagaglia
Lo Spazio Cultura di via Garibaldi si trasformerà in un colorato bestiario grazie ai ritratti di Stefano Zagaglia. Viaggiatore appassionato e grande amante della natura, nei suoi dipinti Zagaglia riesce a restituire tutta la suggestiva bellezza e la dignità degli animali che ritrae. La sua pittura è ricerca tecnica portata ad altissimi livelli e allo stesso tempo un’analisi introspettiva, curiosa di scoprire il profondo rapporto che unisce l’uomo alla natura.
Spazio Cultura – Fondazione Cassa di Risparmio di Biella
Via Giuseppe Garibaldi 14, Biella
www.fondazionecrbiella.it
Tel. 015 0991868 | spazio.cultura@fondazionecrbiella.it
 
Orari:
Da lunedì a venerdì: 10.30-12.30 e 16.00-17.30
Sabato e domenica: 16.00-19.00 | Venerdì 2 giugno 16.00-19.00
Fondazione Cassa di Risparmio di Biella
La Fondazione Cassa di Risparmio di Biella rappresenta la continuazione ideale della Cassa di Risparmio di Biella, nata nel 1856 su iniziativa del Vescovo Mons. Giovanni Losana. Nel 1992 è stata scorporata l’attività creditizia, conferita alla società bancaria Cassa di Risparmio di Biella S.p.A. – successivamente confluita in Biverbanca S.p.A. – mentre la Fondazione ha iniziato a svolgere appieno la propria attività secondo gli scopi statutari.
Il patrimonio della Fondazione è frutto di decenni di relazioni economiche con la comunità locale – tramite la Cassa di Risparmio di Biella – e da qui deriva la sua vocazione pubblica dell’Ente. La Fondazione svolge un ruolo di supporto attivo di tutte quelle iniziative volte a favorire la crescita culturale, economica e sociale della Provincia di Biella e a salvaguardarne il patrimonio artistico, storico e ambientale.
Mission della Fondazione è quella di promuovere e sostenere le iniziative artistiche con lo scopo di valorizzare il territorio biellese e le sue eccellenze facendo rete e catalizzando interessi e risorse atte a salvaguardare l’immenso patrimonio artistico e ambientale del territorio.
E20Progetti
Dal 1992 E20PROGETTI è specializzata nelle strategie di promozione, nella realizzazione di materiali e nell’ideazione di eventi, mostre e libri per enti pubblici e aziende private. Un’attività che da sempre svolge dedicando grande attenzione al territorio piemontese nel suo insieme produttivo e culturale.
Esperta nel fornire una consulenza personalizzata e completa grazie ad uno staff di professionisti costantemente aggiornati sulle nuove tecnologie e sulle strategie di lavoro, E20PROGETTI garantisce un’assistenza a 360° nella promozione del territorio o dell’immagine aziendale attraverso project management, organizzazione di eventi, grafica, ufficio stampa, allestimenti, web e fundraising.

Non solo agenzia di comunicazione ma anche casa editrice qualificata nella pubblicazione di libri, riviste e altri materiali editoriali legati al territorio ed agli aspetti storico-culturali, oltre che naturalistici, che lo contraddistinguono. L’agenzia fa della progettazione il suo punto di forza fondendo creatività e metodo insieme all’esperienza e all’entusiasmo di chi ama il proprio mes

Evento anche per i bambini VIVALDI a Venezia

In una Venezia fantasmagorica

Immagini, musica e architetture si: “animano”  !!!

Il 13 maggio, a Venezia, esordisce un modo nuovo di fruire dei beni culturali

Nelle sale del Museo diocesano di Venezia, a pochi passi dalla Basilica di San Marco

Vedi la musica ed ascolta le immagini

Un grande affresco di segni, forme e colori

Un sorprendente viaggio seguendo le musiche del compositore delle Quattro stagioni.

Prete, impresario, virtuoso del violino, compositore, educatore…
Ma chi era veramente Antonio Vivaldi?

Antonio Vivaldi, il Prete Rosso

Compositore veneziano (1678-1741), autore de Le Quattro Stagioni, una delle opere più eseguite al mondo. Ha composto quasi 600 tra concerti, opere e sonate.

Questa pietra miliare dell’offerta culturale si chiama “VivaVivaldi” ed è una mostra immersiva e multisensoriale dedicata al musicista veneziano Antonio Vivaldi (Venezia 1678-Vienna 1741), massimo esponente del barocco italiano, celebre per le sue “Quattro Stagioni”, il concerto più eseguito al mondo. VivaVivaldi aprirà al pubblico da sabato 13 maggio nelle sale del Museo diocesano di Venezia, a pochi passi dalla Basilica di San Marco.

Novità assoluta e inedita nel panorama dell’industria culturale internazionale, “VivaVivaldi The Four Season Mystery” è un format artistico con il quale viene coniata una forma espressiva che si serve del linguaggio dell’immagine – ma anche del suono, dell’esperienza olfattiva e della percezione d’ambiente – per raccontare la musica.

L’avvio di quest’esperienza culturale è nello spettacolare chiostro di S. Apollonia, dove si viene accompagnati nella vita del musicista veneziano dalle parole del poeta Davide Rondoni, direttore artistico del progetto. «Una religiosità inquieta dinanzi al mistero stupendo della natura e della vita: questo – sostiene Rondoni – è ciò che può comunicare, ancora oggi, il genio di Vivaldi. Ed è proprio da questa inquietudine che scaturisce la sua creatività».

Poi si giunge alle sale nel primo piano del museo diocesano e si inizia un percorso immersivo di luci e musica. Qui il visitatore entra nell’immagine, viene rivestito da essa e si ritrova quasi nella mente del Prete rosso. Vive cioè quel che Vivaldi aveva in mente e sperimentava nel momento in cui componeva: i colori, gli odori, i rumori, i suoni della sua Venezia…: il remo che solca l’acqua, il ritmo della gondola, il chiacchiericcio in calle…

Un passaggio nel linguaggio cinematografico è riservato ad un’altra delle sale: il video è del regista Marco Pozzi. Nel suo racconto, attraverso i simboli di un bambino e di una giovane donna, la potenza immaginifica e creativa di Vivaldi, sospeso tra paura e meraviglia. «Del musicista – afferma Pozzi – ho voluto raccontare i vincoli ma anche il sogno, la vita compressa dalla fatica ma anche la voglia di scardinare tutto e di volare».

In un’altra sala l’emozionante spettacolo di videomapping. Per la prima volta al mondo viene applicato ad un ambiente interno, attraverso l’uso combinato di 12 proiettori, del suono dolby surround e di alcuni effetti speciali. Sono riprodotti e fanno parte dell’esperienza del visitatore anche le sensazioni d’ambiente e i profumi delle quattro stagioni. Registi e artefici, due tra i massimi esperti internazionali nell’utilizzo dell’hi-tech a supporto della creazione artistica spettacolare: i francesi Jean-François Touillaud e Gilles Ledos. «Abbiamo cercato – dicono – di tradurre un genio in luce e immagini. La tecnologia oggi consente di accendere l’emozione, unendo musica e natura. Perché questa è stata la vita di Antonio Vivaldi. E perché questa è Venezia: un’emozione, un feeling».

Ad accompagnare questo viaggio alla scoperta della vita e dell’opera del grande virtuoso del violino, che in tutto ha una durata di circa 40 minuti, c’è la musica, una fusione di brani del “Prete rosso” secondo un percorso musicale originale, con “zone di cesura inedite” create dal compositore Cristian Carrara. «Ho cercato di individuare – spiega – le pagine musicali che meglio si adattavano alle situazioni umane sottolineate dallo storyboard di Davide Rondoni. Per cui chi viene alla mostra non entra in un museo vivaldiano, ma vive l’interpretazione che abbiamo dato della musica di Vivaldi, collegata al suo essere uomo. La musica, insomma, parla di Vivaldi stesso.

VivaVivaldi è prodotta da Emotional Experiences, il cui presidente è Francesco Bernardi, ingegnere con la passione per l’arte e per la sua comunicazione. «La cultura – spiega Bernardi – è di tutti, perciò Viva Vivaldi è una mostra pop. Non un’alternativa alle mostre d’arte che celebrano le opere originali degli autori. Vuole invece dare all’uomo d’oggi le ragioni per andare a vedere anche le altre mostre o per assistere ad un concerto».

La realizzazione del nuovo format dedicato al Prete rosso si avvale della competenza e dell’esperienza di un ampio team, guidato dal generale manager di Emotional Experiences, Gianpiero Perri, che nella sua storia professionale ha tra l’altro operato al fianco del tre volte premio Oscar Carlo Rambaldi. «Con “Viva Vivaldi four season mystery” – afferma Perri – abbiamo inteso presentare sulla scena nazionale ed internazionale una nuova proposta di fruizione culturale, un’esperienza capace di incuriosire ed introdurre ad una maggiore conoscenza della figura e dell’opera di questo grande musicista, avvalendoci di una chiave poetica e, al contempo, di una illustrazione artistica e spettacolare».

Da segnalare la collaborazione dello storico del cinema e studioso della comunicazione Gianni Canova; inoltre la consulenza sulla figura e la personalità di Vivaldi fornita da Francesco Fanna, direttore dell’Istituto italiano Antonio Vivaldi presso la Fondazione Cini, e dalla musicologa Micky White.

Sponsor della mostra è Illumia, operatore attivo nel mercato libero dell’energia elettrica e del gas naturale, da sempre attento a valorizzare creatività ed innovazione.

Un po’ come il passaggio dall’analogico al digitale in tanti ambienti della vita di ogni giorno, VivaVivaldi è un cambio di marcia di cui non si potrà non tenere conto nel prossimo sviluppo dell’offerta culturale italiana e internazionale.

La mostra sarà aperta tutti i giorni dalle 10 alle 22 (da maggio ad ottobre) e dalle 10 alle 20 (da novembre ad aprile).

Tutte le informazioni su www.vivavivaldivenezia.com

 

Donne; ancora un passo indietro ? Rivoluzione della Cassazione per l’assegno di divorzio

Se è vero che molte donne hanno approfittato del divorzio e delle leggi italiane, per permettersi una vita tra cuscini d’oro, è anche vero che migliaia di donne ( anche la moglie di Barak Obama,  Michelle), HANNO LASCIATO UNA CARRIERA BRILLANTISSIMA O COMUNQUE PROMETTENTE, PER DEDICARSI ALLA FAMIGLIA E AI FIGLI. 

A noi pare che per colpa di tante “furbette “, altre donne serie e impegnate nella famiglia siano,  da oggi, condannate a subire un processo di riduzione di conquiste verso una presunta parità di trattamento economico tra donna e uomo.

Con una evidentissima VITTORIA DI UOMINI RICCHISSIMI CHE ORA SI POTRANNO PERMETTERE DI DIVORZIARE SENZA CONSEGUENZE.

Divorzi senza conseguenze, ANCHE DA COLEI CHE FU OTTIMA MADRE E MOGLIE (riconosciamo che l’ottimo non vale per tutti sia uomini che donne), ma è la moglie che di solito ha il ” difetto ” di essere invecchiata (quasi sempre meglio, invecchiata, del “panzuto ” marito).

Musica a Mantova – Mantova Chamber Music Festival – 31 maggio – domenica 4 giugno

Mantova Chamber Music Festival_Trame Sonore a Palazzo_30 maggio_
Palazzo Ducale; Galleria dei Fiumi.

EVENTO IMPERDIBILE SE AMATE AL MUSICA

Mantova Chamber Music Festival Trame Sonore

V edizione – mercoledì 31 maggio/domenica 4 giugno 2017

-5 giorni,

-180 eventi,

-400 musicisti da tutto il mondo nei più bei luoghi d’arte di Mantova

Palazzo Ducale, Palazzo Te, Teatro Bibiena, Palazzo D’Arco, Rotonda di San Lorenzo, Palazzo della Ragione, Palazzo Castiglioni, Biblioteca Teresiana, Museo Archeologico e le piazze del centro storico aprono le porte alla musica

Inaugurazione con l’Orchestra da Camera di Mantova che si fonde con la Simon Bolivar Sinfonietta, espressione europea del Sistema di Abreu, qui al debutto.

Una tavola rotonda fra operatori e associazioni musicali.

La prima data dei concerti estivi di Ezio Bosso, che torna dopo anni di assenza dalle fila dell’Orchestra da Camera di Mantova nella veste di direttore.

Un campus per bambini e progetti per le scuole a Palazzo Ducale.

Cicli di concerti dedicati alla musica contemporanea, antica e di confine.

Focus su Monteverdi nei 450 anni della nascita.

Con “Trame Sonore” tutta la città risuona!

Visualizza e condividi il trailer della V edizione https://www.youtube.com/watch?v=qNDZZNWIJpA

Programma dettagliato su www.mantovachamber.com

 www.mantovachamber.com

Salone Internazionale del Libro di Torinodal 18 al 22 maggio – Audible da Amazon

AUDIBLE, società Amazon leader nell’audio entertainment di qualità, vi invita al Salone Internazionale del Libro di Torinodal 18 al 22 maggio – PAD 1 stand D25/C26.

 Cosa troverete?

  Uno studio di registrazione che ospiterà alcuni narratori, attori e doppiatori che registreranno dal vivo i prossimi audiobook disponibili su Audible.it

  Un palinsesto di ospiti, che insieme ad Audible esploreranno il tema della “Voce alle Parole”. Tra gli altri:

   Gianrico Carofiglio, scrittore e politico, autore e narratore de L’estate Fredda

   Gino La Monica, attore e “voce italiana” di celebri attori tra cui Richard Gere, Harrison Ford e Jack Nicholson

   Massimo Carlotto, scrittore e autore della serie audio Lovers Hotel

   Lella Costa, attrice, scrittrice e doppiatrice

   Luca Vecchi dei The Pills e Claudio Di Biagio, autori dell’audiocast Original “Voce del Verbo Internet”,  reporter d’eccezione dell’evento