Archivi categoria: CULTURA

Cultura: mostre d’arte, libri, art from women…la donna nella storia, donne che pensano.

Migranti o clandestini ONLUS – Paghiamo 4.5 miliardi di euro all’anno

Migranti o clandestini per loro paghiamo 4,5 miliardi di euro all’anno

4,5 miliardi di euro è la cifra che il governo ha stabilito di mettere a disposizione, nell’annuale prossimo bilancio, per far fronte all’arrivo e al mantenimento dei “ migranti “, che pretendono asilo politico; anche se per la maggioranza non ne ha diritto (come affermano Francia, Ungheria e tutte le altre nazioni d’Europa).

Ricevere una grande massa di giovani intorno ai vent’anni che arrivano in Europa con lo scopo, prevalente, di trovare una migliore sistemazione economica può essere positivo per l’Italia ?

O serve per avere garantito il pagamento delle PENSIONI D’ORO ???  Che tolgono fondi alle pensioni modestissime ?

-l’Italia paga pensioni d’ORO che nessun ex dirigente o ministro o capo di governo percepisce in Europa e questo influisce sul bilancio della spesa totale e quindi, anche se indirettamente, sui soldi a disposizioni per scuole, cure mediche, ricostruzioni per terremoti o catastrofi varie, pensioni per il resto dei cittadini ecc…

-l’Italia ha anche una popolazione di pensionati che riceve e 450 euro al mese (ai pretendenti asilo paghiamo con le nostre tasche, oltre vitto e alloggio, anche 35 euro al giorno che moltiplicati per 30 giorni superano i 1.000 euro al mese)

-l’ITALIA STA AFFRONTANDO LA PIU’ GRAVE CRISI ECONOMICA DEL DOPOGUERRA

-molti pensionati non hanno soldi per curarsi adeguatamente

-i ” migranti ” che riceviamo in Italia sono quelli a più basso livello culturale; gli altri stati europei puntano solo su MIGRANTI LAUREATI O SPECIALIZZATI 

-l’Italia non ha spazio per ricevere i MILIONI DI AFRICANI CHE STANNO PER SPOSTARSI NEI PROSSIMI ANNI SULLE NOSTRE COSTE (visto che abbiamo firmato per ricevere solo nei nostri porti le navi delle “ ONLUS ” che, per legge, non sono tenute a rendere conto pubblicamente dei loro bilanci)

l’Italia ha una superficie abitabile molto più affollata di tutto il resto d’Europa (dobbiamo togliere molti territori impervi e non abitabili tra le Alpi e gli Appennini)

-giovani ventenni nullafacenti chiedono elemosina ad ogni angolo di strada (chiedere l’elemosina agli italiani poveri è sempre stato vietato dalla legge; ora è tutto cambiato ?)

-migranti “ che passeggiano dotati di telefonini e cuffie audio ,anche molto costosi, non sono un incentivo alla fratellanza nei confronti dei cittadini più poveri

-dove i “ migranti ” non sono ammassati come animali per gli immensi guadagni di ORGANIZZAZIONI CHE RICEVONO FINANZIAMENTI PUBBLICI, donne italiane sono pagate (a parte le volontarie) per cucinare per loro, per rifare loro i letti, pulire i loro gabinetti … senza che a loro venga chiesto nessun contributo attivo; anzi viene loro riconosciuta una paga di 35 euro al giorno

-il giorno che a questa massa di giovanissimi abituati a vivere decisamente meglio di ogni ragazzo italiano di periferia, verrà comunicato che la loro richiesta d’asilo non è stata accettata cosa faranno ???

-se è vero che solo moltissimi e onesti immigrati in questo momento stanno lavorando molto duramente in tutte le attività economiche italiane più faticose, è anche vero che una parte dei nuovi arrivati non sarà disposta a cambiare vita da nullafacente con tutto a disposizione, a lavorare duramente con ritmi pesantissimi come fa la minoranza che li ha preceduti.

DI TUTTA QUESTA SITUAZIONE se ne avvantaggiano solo i datori di lavoro, perché MAGGIORE E’ IL NUMERO DEI RICHIEDENTI LAVORO, MINORE E’ IL COSTO DEL LAVORO.

QUALE FUTURO SI PREPARA PER L’ITALIA ?

Possiamo accettare il fatto che questi bravi migranti, che dichiarano di avere diritto d’asilo (e sappiano che non è vero), DOMANI SARANNO DISPOSTI A LAVORARE DURO E ONESTAMENTE PER PAGARE, soprattutto,  LE PENSIONI D’ORO DI POCHI PRIVILEGIATI ???

 

ARTE – A Documenta 14 a una replica del Partenone

Documenta-2017-Beau-Dick-672-selezione-di-sue-maschere-in-materiali-vari.
Documenta-2017-Marta-Minujin The-Parthenon-of-books-2017-acciaio-libri-cellophane – PARTICOLARE
Documenta-2017-Andreas-Angelidakis-Polemos-2017-particolare
Vija-Celmons-Documenta-14a 2017 particolare

ARTE – A Documenta 14 a una replica del Partenone con 100.000 libri censurati dai nazisti
Documenta 14 a edizione
KASSEL (Germania)
Sino al 17 settembre 2017

THE PARTHENON OF BOOKS è l’opera più emblematica della più importante rassegna, al mondo, di arte contemporanea che non abbia una diretta connessione con le vendite ( come invece è, nel suo immenso successo, ART BASEL ).

L’autrice di THE PARTHENON OF BOOKS, si chiama Marta Minujin ed è argentina.

L’opera si trova nella medesima piazza dove i nazisti bruciarono i testi considerati “degenerati”.

Una replica fu realizzata con 20.000 volumi, a Buones Aires nel 1983, con il nome di PANTENON DE LIBROS PROHIBIDOS.

Tra i libri dell’opera troviamo, ad esempio: 1984 di George Orwell, il Decameron di Boccaccio, La teoria della Relatività di Albert Einstein, Le metamorfosi di Franz Kafka e poi alcuni scritti Voltaire, Macchiavelli, Thomas Mann ecc…

Non dimentichiamo che negli anni ’70, la dittatura militare argentina aveva vietato la lettura di Karl Max e Fidel Castro e Il piccolo principe di Antoine de Saint-Exupéry.

Tra le tante opere segnaliamo il lavoro di Guillermo Galindo; con partiture musicali rappresentate a struttura di mosaico di pixel e i relitti di barche di migranti trasformati in strumenti musicali.

Nella sede storica della manifestazione, il Museum Fredericianum, viene proposta anche una riadattata versione della collezione dell’EMST Museo Nazionale di Arte Contemporanea in Grecia; che era stata presentata ad Atene in aprile.

All’ingresso della mostra, un gigantesco mosaico di Nikos Alexiou è proiettato sul pavimento.

Tra i pezzi in mostra anche opere dei famosi: Bill Viola e Jan Fabre e l’installazione dell’iracheno Hiwa K che propone il tema dell’accoglienza ricostruendo ambienti casalinghi in grandi tubi di argilla.

Arte a Montecarlo – La città proibita – Reperti dal mondo

 

Sino al 10 settembre 2017

La vita alla corte degli imperatori e imperatrici cinesi, in particolare l’ultima dinastia imperiale Qing

Il progetto espositivo pone speciale attenzione  alla personalità degli imperatori Qing; in particolare sui sovrani Kangxi (1662‐1722), Yongzheng (1723‐1735) e Qianlong (1736­‐1795), che rappresentano il punto più alto della cultura cinese.

LA CITTÀ PROIBITA A MONACO. LA VITA ALLA CORTE DEGLI IMPERATORI E DELLE IMPERATRICI DELLA CINA

Dopo il grande successo della mostra “La Cina del Primo Imperatore” del 2001, il Grimaldi Forum ha organizzato per l’estate 2017 una nuova mostra sulla Città Proibita.

La Città Proibita a Monaco. La vita alla corte degli imperatori e delle imperatrici della Cina, nasce dalla collaborazione tra i due curatori:

-Jean‐Paul Desroches, Conservatore generale onorario del Patrimonio, e Wang Yuegong, Direttore della sezione delle Arti del Palazzo, per il Museo del Palazzo Imperiale.

Oltre 250 oggetti d’eccezione provenienti dall’antico palazzo dei sovrani cinesi e da grandi collezioni europee ed americane: Musée Cernuschi, Musée du Louvre, Victoria & Albert Museum di Londra, Musées royaux d’Art et d’Histoire di Bruxelles, Arthur M. Sackler Gallery di Washington.

IL VISITATORE RIMANE STUPITO

Il visitatore è trsaportato attraverso le sale del Palazzo, sino ai giardini della Città Proibita; dal Tempio del Cielo, alla sala del trono, dal tempio buddista al padiglione del té…. Una vera immersione nel cuore della storia di una civiltà plurimillenaria.

LA CITTA’ PROIBITA

La Città Proibita è uno dei complessi storico-artistici più prestigiosi al mondo e il sito più visitato in assoluto con circa 10 milioni di visitatori all’anno; palazzo e al tempo stesso un museo.

La Città Proibita, fu eretta tra il 1406 e il 1420 per volontà del terzo imperatore della dinastia Ming e fu, per tre secoli,   culla del potere per gli imperatori Manciù.
Il pubblico potrà ammirare i pregevoli oggetti esposti che attestano i vari ruoli dell’imperatore: ritratti, costumi di apparato, arredi, oggetti preziosi, strumenti scientifici, alcuni dei quali annoverati tra i “tesori nazionali”.
Per ricordare un aspetto importante della cultura del popolo Manciù, il cui potente esercito delle Otto Bandiere conquistò la Cina a partire dal 1644, anche le imprese militari degli imperatori Qing saranno evocate attraverso 6
diversi oggetti e incisioni che documentano le loro campagne vittoriose.
La dinastia Qing si distinse in particolar modo in ambito culturale. A illustrare il senso estetico dei sovrani di una delle epoche in cui la civiltà cinese era al suo apogeo, vengono messe in risalto le diverse forme di espressione dell’arte cinese che come è noto ebbe grande influenza a quei tempi sull’Occidente: l’arte del pennello, attraverso la calligrafia e la pittura, l’universo delle arti decorative con lo studiolo delle porcellane e quello degli oggetti in lacca e infine la musica e la lirica.
Il percorso si articola in quattro sezioni espositive: I MANCIÙ; CIELO-TERRA-UOMINI; LA CITTÀ PROIBITA, “CITTÀ-PALAZZO”; IL GIARDINO.

 

Abusi sessuali  su bambini dal 1945 sino agli anni ’90 – Coinvolto il fratello di papa Benedetto XVI : Georg Ratzinger

ABUSI SESSUALI  DAL 1945 SINO AGLI ANNI ’90 !!!

Nello scandalo è coinvoltao anche il fratello di papa Benedetto XVI, Georg Ratzinger, che fu direttore del coro dei “Passeri del Duomo”, tra il 1964 e il 1994.

Le parole di Ulrich Weber, avvocato che ha guidato l’inchiesta: «All’ex direttore del coro va rinfacciato di non aver fatto nulla nonostante sapesse»

Almeno 547 sono i bambini del coro maschile del Duomo di Ratisbona, vittime di abusi fisici e psicologici tra il 1945 e i primi anni ’90

Ma il numero effettivo delle vittime potrebbe salire fino a 700;  quarantanove sono invece gli accusati.

Le prime denunce a partire dal 2010.

“18 schiaffi i faccia di fronte a tutta la classe e poi in punizione contro il muro – ha affermato Franz Bittenbrink (una delle vittime) – Le violenze continuavano nella stanza del direttore, quando venivamo spogliati nudi e sottoposti a enormi umiliazioni”.

Ulrich Weber,  ha spiegato che le vittime subirono abusi da preti ed insegnanti della scuola definita come “una prigione, un inferno ed un campo di concentramento”.

L’avvocato precisa che le vittime, intervistate per il rapporto, descrivono gli anni trascorsi nel coro “come i peggiori della loro vita, caratterizzati da paura, violenza e mancanza di aiuto”.

Quanto sopra emerge dal rapporto finale di una inchiesta avviata nel 2015 presentato dall’avvocato Ulrich Weber.

Lo scandalo riguarda il Regensburg Domspatzen; famoso coro della cattedrale cattolica della città tedesca.

300 ex allievi  si sono fatti avanti per avere un risarcimento per le violenze subite; a loro sono riconosciuti solo 20 mila euro a testa.

La maggior parte dei casi, purtroppo,  è prescritta e I PRESUNTI AUTORI DELLE VIOLENZE IDENTIFICATI NEL RAPPORTO NON SONO PIÙ PERSEGUIBILI !!!

Ecco cosa precisa Euronews: “I principali responsabili delle violenze e degli abusi sono stati individuati nel direttore della scuola e nel suo vice, ma nel rapporto si punta il dito contro una “cultura del silenzio” che ha spinto molti della gerarchia ecclesiastica a tacere sulle aggressioni nei confronti dei minori per difendere il nome dell’istituzione.

Scienza cancelata – Si studia la ‘jihad’ – Turchia la nuova ” scuola “

Educare “generazioni che non facciano domande”

Il ministro dell’Educazione turco presenta i nuovi programmi scolastici:

cancellato il darwinismo (la scienza che spiega, anche, come l’uomo derivi dalla scimmia) e focalizzazione sul concetto di ‘jihad’.

Lo ha annunciato  il ministro dell’Educazione, Ismet Yilmaz.

La teoria dell’evoluzionismo, è definita “al di là del livello degli studenti e non direttamente rilevante“.

Ecco cosa ha detto il Ministro turco Yilmaz:

“Quello che dice il profeta (Maometto) è che quando si ritorna da una guerra, passiamo da una piccola jihad a una grande jihad. Ma cos’è questa grande jihad? È servire la società, migliorare il benessere, assicurare la pace”

Tra i compiti della scuola: “correggere le cose che sono percepite in modo sbagliato”.

COSA DICE L’OPPOSIZIONE ?

L’accusa di Mehmet Balik, leader del sindacato della scuola Egitim-Is

“Le nuove politiche che bandiscono l’insegnamento dell’evoluzionismo e impongono a tutte le scuole di avere una stanza per la preghiera distruggono i principi scientifici e di laicità dell’educazione

per educare :“generazioni che non facciano domande”.

 

Evento alla Venaria – Corsa da Re – Domenica 15 ottobre 2017

Eco-corsa podistica

La Venaria Reale 2017

Una Corsa da Re VI edizione

Domenica 15 ottobre 2017 Reggia di Venaria Parco della Mandria Città di Venaria Reale

VI edizione

Domenica 15 ottobre 2017

Una Corsa da Re è ormai un appuntamento consolidato nel programma della Reggia di Venaria, così come nel calendario italiano del running, giunto quest’anno alla sua sesta edizione.

Dopo i grandi successi delle passate edizioni, oltre 7.000 partecipanti nel 2016, torna domenica 15 ottobre, a partire dalle ore 9.30 Una Corsa da Re, la manifestazione podistica di 4, 10, 21 (mezza Maratona) e 30 km nel magnifico scenario dei Giardini della Reggia di Venaria, del Parco La Mandria e della Città di Venaria Reale.

L’eco-corsa podistica dedicata a tutti gli appassionati di sport, bellezza e natura, in occasione del quinto anno di collaborazione fra il Parco La Mandria e il Consorzio La Venaria Reale, prevede per il 10° Anniversario della Reggia di Venaria, alcune novità, prima fra tutte l’introduzione di una nuova distanza: la 30 chilometri.

La manifestazione è organizzata dal Consorzio La Venaria Reale, dal Parco La Mandria, dalla Città di Venaria Reale, in collaborazione con Base Running ASD.

Sabato 14 ottobre, La Corsa del Principino apre la due giorni dedicata allo sport.

La Corsa del Principino, che ha una distanza totale di 500 metri, partirà da Piazza Vittorio Veneto a Venaria Reale e percorrendo tutta la lunghezza della via principale del borgo storico, via Andrea Mensa, vedrà l’arrivo dei piccoli corridori nella Corte d’onore della Reggia, passando dall’imponente ingresso della Torre dell’Orologio.

Domenica 15 ottobre, in occasione dell’importante compleanno della Reggia di Venaria, sarà inoltre possibile visitare le mostre Giovanni Boldini, con oltre 100 capolavori tra olii e pastelli della produzione di Boldini e di altri artisti a lui contemporanei, Peter Lindbergh.

A different vision on fashion photography, un’esposizione di 220 dei migliori scatti, dedicata ad uno dei più importanti fotografi di moda viventi e Lady Diana. Uno spirito libero, con fotografie che rendono omaggio alle diverse anime di Lady Diana, allestita in uno speciale spazio architettonico: le Sale dei Paggi.

Sarà anche possibile godere dei Giardini della Reggia con un giro in carrozza e sul trenino ed ammirare lo spettacolo del Teatro d’Acqua della Fontana del Cervo nella Corte d’onore, oltre che passeggiare nell’incontaminata natura del Parco La Mandria.

Presso il Borgo Castello del Parco La Mandria saranno visitabili gli Appartamenti Reali di Vittorio Emanuele II, 20 ambienti preservati nei loro splendidi arredi originali.

Domenica 15 ottobre – Una Corsa da Re

Una Corsa da Re prevede quest’anno, per la prima volta, quattro differenti percorsi.

• 4 km: si sviluppa interamente all’interno dei Giardini della Reggia. Una passeggiata che si snoda tra Parco basso e Parco alto, costeggiando il Canale dell’Ercole, per arrivare fino ai resti del Tempio di Diana; la partenza, alle ore 10.00 sarà dall’Allea Centrale dei Giardini, mentre l’arrivo è previsto nel Gran Parterre.

Domenica 15 ottobre – Una Corsa da Re

• 10 km: “sia competitiva che non”, con partenza dai Giardini della Reggia, per proseguire nel Parco la Mandria costeggiando il Borgo Castello, residenza settecentesca sabauda, dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, per proseguire poi nel Borgo Antico della Città di Venaria Reale ed arrivare nuovamente alla Reggia, per la prima volta, nel Gran Parterre.

Domenica 15 ottobre – Una Corsa da Re

• 21 km: la mezza Maratona per tutti i runner più allenati e pronti a percorrere gli incantevoli viali del Parco della Mandria, tra cervi ed alberi secolari, partirà dall’Allea centrale del Parco basso della Reggia di Venaria alle ore 9.30, per concludersi, dopo aver percorso le vie cittadine, nel Gran Parterre del Parco alto della Reggia. Come per le altre distanze, anche questa sarà sia “competitiva che non”.

Domenica 15 ottobre – Una Corsa da Re

La Corsa da Re quest’anno si arricchisce di una nuova competizione:

• 30 km: questa nuova distanza darà la possibilità ai partecipanti, non professionisti, di mettersi alla prova con un nuovo percorso ed è perfetta per gli atleti che stanno preparando la propria partecipazione alle maratone autunnali, tradizionalmente programmate a novembre, rappresentandone l’allenamento ideale. Anche in questo caso, la gara sarà sia “competitiva che non”.

Sabato 14 ottobre – La Corsa del Principino

La Corsa del Principino – 500 metri

Per la prima volta quest’anno La Corsa del Principino partendo dal borgo di Venaria Reale, vedrà l’arrivo sotto la Torre dell’Orologio, nella spettacolare Corte d’onore della Reggia di Venaria. I bambini potranno percorrere i 500 metri in tutta sicurezza, lungo la pedonale via Andrea Mensa.

PACCHETTI TURISTICI

In occasione della Corsa da Re 2017, sono previsti speciali pacchetti pensati appositamente per i runner.
Proposte complete di soggiorno ed iscrizione alla corsa, per vivere un weekend da top runner ed assecondare le esigenze di chi vuole unire sport e visite culturali, alla scoperta di un gioiello unico come la Reggia di Venaria, i suoi Giardini e la meraviglia della natura del Parco La Mandria.

Per maggiori informazioni: sport@torinoemotion.it

Sponsor

Un ringraziamento speciale agli sponsor dell’edizione 2017: Diadora, sponsor tecnico della manifestazione; Battaglio, importatore e distributore di frutta; Valmora, acqua minerale, per il ristoro; Named Sport, produttore di integratori per sportivi; Sport Town, palestra i cui istruttori contribuiranno al riscaldamento dei partecipanti; Eclectik per la comunicazione.

Orari e prezzi

Alla sezione competitiva, per tutte le distanze, possono partecipare tutti i tesserati FIDAL/ RUNCARD in regola con il tesseramento 2017, per la 21 e la 30 km non competitiva è necessario il certificato medico di attività agonistica per l’atletica leggera.

Orari

Sabato 14 ottobre – Race Village – piazza dell’Annunziata e Piazza Vittorio Veneto a Venaria Reale – Reggia di Venaria
Dalle ore 10.00 alle ore 19.00
consegna pettorali e pacchi gara presso il Race Village

Ore 11.00
Ritrovo per La Corsa del Principino presso il Race Village
Ore 12.00
partenza Corsa del Principino da piazza Vittorio Veneto a Venaria Reale

Domenica 15 ottobre – Reggia di Venaria – Parco La Mandria – Città di Venaria Reale

Ore 7.30
Ritrovo presso il Race Village in piazza dell’Annunziata a Venaria Reale
Ore 9.30
partenza delle corse 21 e 30 km dall’Allea Centrale dei Giardini della Reggia di Venaria Ore 10.00
partenza delle corse 4 e 10 km dall’Allea Centrale dei Giardini della Reggia di Venaria Ore 12.30
Premiazioni nel Gran Parterre dei Giardini della Reggia di Venaria

Costi di iscrizione

Corsa del Principino: 3 euro;
Corsa da Re – 4 km: euro 5 fino al 24 settembre, euro 8 dal 24 settembre al 11 ottobre, euro 10 dal 12 al 14 ottobre;
Corsa da Re – 10 km: euro 15 fino al 24 settembre, euro 20 dal 24 settembre al 11 ottobre, euro 25 dal 12 al 14 ottobre;
Corsa da Re – 21 km: euro 25 fino al 24 settembre, euro 30 dal 24 settembre al 11 ottobre, euro 35 dal 12 al 14 ottobre;
Corsa da Re – 30 km: euro 30 fino al 24 settembre, euro 35 dal 24 settembre al 11 ottobre, euro 40 dal 12 al 14 ottobre.

La quota di iscrizione comprende:

T-shirt tecnica Diadora per i primi 5.000 iscritti alle 3 distanze di 10/21/30 km complessivi; t-shirt in cotone per i primi 2.000 iscritti alla 4 km.

Modalità di iscrizione

– entro mercoledì 11 ottobre: presso la palestra Sport Town Lingotto (via Nizza 262, Torino), la biglietteria della Reggia di Venaria (piazza della Repubblica 4, Venaria Reale), Base Running (corso Cairoli 28/C, Torino), Base Running (Corso Trapani 233, Torino) e online sul sito web www.baserunningteam.it/unacorsadare;

– giovedì 12 e venerdì 13 ottobre: solo presso Base Running (corso Cairoli 28/C, Torino);
– sabato 14 e domenica 15 ottobre (solo per la 4 km): solo presso il Race Village (piazza dell’Annunziata a Venaria Reale).

Evento a Trento – MUSE-Museo delle Scienze – Inaugura sabato 15 luglio 2017

ARCHIMEDE. L’invenzione che diverte

16 luglio 2017 – 08 gennaio 2018
Inaugurazione: sabato 15 luglio, ore 18.30
MUSE-Museo delle Scienze (ARCHIMEDE E LEONARDO: ne parliamo più sotto)

Il gigante incatenato
La battaglia delle dighe sul Mekong
16 luglio – 10 settembre 2017
Inaugurazione: sabato 15 luglio, ore 18.30

Inaugura sabato 15 luglio alle 18.30 al MUSE-Museo delle Scienze di Trento, la mostra fotografica

Il gigante incatenato. La battaglia delle dighe sul Mekong”, venti scatti che testimoniano gli effetti della costruzione, lungo il corso del fiume, di trentanove mega-dighe.

Nessuna di queste imponenti strutture è stata realizzata conducendo indagini d’impatto ambientale e la mostra racconta le conseguenze di questi colossi sulla natura, sulle persone, e sulla sicurezza alimentare di un’intera regione.

Il gigante incatenato è una testimonianza incisiva e toccante realizzata dai fotografi del collettivo Ruom, composto dal trentino Thomas Cristofoletti e Nicolas Axelrod, insieme a Emanuele Bompan, ideatore del progetto “Watergrabbing”. La mostra è inserita nel progetto “Capitali Trentini – Trentino Global Network” per valorizzare le esperienze dei trentini all’estero ed è sostenuta dalla Provincia autonoma di Trento – Ufficio emigrazione.

Il sud east asiatico e in particolare modo la Cambogia, è una delle zone che più sta soffrendo gli effetti del cambiamento climatico e che ha meno risorse per difendersi” racconta il fotografo Thomas Cristofoletti.

“I suoi abitanti sono quotidianamente esposti a eventi meteorologici sempre più incontrollati e la loro dipendenza dalle risorse naturali, specialmente il riso e pesce, li rende terribilmente vulnerabili. Parte del materiale esposto in questa mostra è il frutto di un lavoro collettivo durato quasi 4 anni: dal 2013 insieme al collega Nicolas Axelrod ed a altri membri del collettivo Ruom, abbiamo cercato di raccontare i cambiamenti e gli effetti dello sviluppo economico e sociale incontrollato di questa i regione dell’Asia.

Abbiamo visitato Laos, Cambogia e Vietnam lavorando per organizzazioni come il WWF, UNDP, CARE e OXFAM ma anche, e soprattutto, investendo risorse, viaggiando e documentando questi territori”.

Il Mekong (“Madre delle acque” in Lao) è la linfa vitale del sud-est asiatico.

Il fiume si snoda per 4mila chilometri tra le strette gole del Tibet attraverso i monti della Birmania e del Laos, prendendo forza attraverso le pianure di Thailandia e Cambogia, fino a sfociare nell’immenso delta lungo le coste del Vietnam nel mare Cinese Meridionale.

Nelle sue acque vivono oltre 1000 specie di pesci, che integrano l’alimentazione di una popolazione di oltre 60 milioni di persone, che dal Mekong trae quindi sostegno. Storie e tradizioni raccontano di un’armonia millenaria tra i popoli dell’Indocina e il grande fiume.

Oggi, trentanove mega-dighe sono state pianificate lungo il fiume dagli stati rivieraschi.

Impianti colossali, alcuni già in costruzione che potrebbero frammentare gli ambienti naturali e avere impatti rilevanti in tutta la regione da un punto di vista ambientale e sociale.

Undici sbarramenti sono stati messi in programma nella sola sezione laotiana-cambogiana, costruita da società tailandesi, malesi, cinesi e vietnamite. Laos, il più povero tra gli stati della regione, ha dichiarato che il suo obbiettivo è diventare la “batteria del Sud-est asiatico”, realizzando nove dighe idroelettriche.

«Il tema dell’accaparramento e controllo delle risorse idriche – spiega Emanuele Bompan giornalista ambientale e geografo – è un tema centrale nello sviluppo globale del XXI secolo.

L’acqua, il bene primario più importante dell’uomo, a causa di cambiamento climatico, sovrappopolazione e forti interessi economici e politici, è una risorsa sempre più contesa.

La mostra racconta uno dei lavori sul tema che stiamo svolgendo all’interno del progetto Watergrabbing.it, sottolineando gli impatti che può avere la cattiva pianificazione degli sbarramenti idrici. La situazione è così delicata che, nel sud-est asiatico, il controllo del Mekong tra gli stati rivieraschi potrebbe diventare presto la scintilla di nuove tensioni politiche»

La domanda di corrente elettrica, negli stati attraversati dal fiume, è al centro dello sviluppo di economie in forte crescita.

Lo sviluppo sociale, infatti, porta sempre più cittadini a fare parte della classe media, domandando così energia a basso costo per i propri bisogni primari, luce e conservazione al fresco del cibo.

Per questa ragione, gli impianti idroelettrici di grandi dimensioni possono essere una soluzione strategica per generare energia pulita, al posto degli impianti a carbone.

Ma, per essere realmente energia verde, le dighe dovrebbero essere costruite secondo criteri di sostenibilità e attraverso accordi internazionali per la gestione transfrontaliera delle acque.

Interessi corporativi, scarsa competenza e generale disinteresse dalla classe dirigente hanno fatto sì che le prime dighe a essere realizzate avessero pochissimi se non alcun elemento di sostenibilità. Niente passaggi per i pesci, sistemi insufficienti per il flusso di elementi nutrienti, scarsa considerazione degli impatti sulle comunità rurali lungo le rive.

La mostra, che resterà visitabile fino al 10 settembre, è un importante momento di riflessione sul tema della sostenibilità e dell’attenzione alla salvaguarda della natura, condotta su scala globale, e un invito a estendere lo sguardo oltre i propri confini.

ARCHIMEDE. L’invenzione che diverte

16 luglio 2017 – 08 gennaio 2018
Inaugurazione: sabato 15 luglio, ore 18.30
MUSE-Museo delle Scienze

Il nome di Archimede, geniale inventore e matematico della classicità, è famosissimo. Tutti ne hanno sentito parlare e il suo mito – sorto fin dall’epoca romana durante la quale ne è stato celebrato il “divino ingegno” – è alimentato da numerose leggende, che lo vedono brillare tanto per acume, quanto per bizzarria. Sembra infatti che, al grido di “Eureka” (“ho trovato!”), percorresse di corsa le strade di Siracusa e affermasse, tra lo stupore dei suoi contemporanei, di poter sollevare la Terra se gli avessero dato un punto di appoggio. Se la sua fama è notevole, il contenuto delle sue opere e delle sue invenzioni, oggi, non è così conosciuto e spesso i suoi scritti sono appannaggio di pochi specialisti di storia della matematica. La mostra “Archimede. L’invenzione che diverte” presenta al pubblico la figura di Archimede quale massimo protagonista della cultura universale. L’esposizione, già ai Musei Capitolini a Roma, giunge ora al MUSE – Museo delle Scienze di Trento dal 16 luglio 2017 all’ 8 gennaio 2018.

Tra exhibit interattivi, ricostruzioni di macchinari e video multimediali, il percorso al museo racconta le sue intuizioni nel campo della tecnologia meccanica – tanto fenomenali da renderlo l’antesignano del genio e dell’inventore – e offre testimonianze della civiltà tecnico-scientifica del III secolo a.C., periodo durante il quale visse lo scienziato: sullo sfondo, le relazioni tra Siracusa e Alessandria d’Egitto, la città in cui Archimede e numerosi uomini di cultura soggiornarono in quell’epoca.
Dopo un excursus storico e un focus sulle principali invenzioni e ricerche, l’esposizione approfondisce anche la seconda rinascita di Archimede, che avviene a partire dal XIII secolo con la progressiva riscoperta dei suoi scritti, e l’influenza esercitata su studiosi e geni rinascimentali del calibro di Leonardo da Vinci e galileo Galilei.

La mostra è ideata dal Museo Galileo – Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze e organizzata da Zètema Progetto Cultura e Opera Laboratori Fiorentini – Civita Group.

IL PERCORSO
Grazie a postazioni interattive, ricostruzioni di macchinari e video multimediali, la mostra approfondisce numerosi temi quali il contesto storico, i rapporti con la città di Siracusa, le relazioni tra Archimede, Roma e l’Islam, l’ammirazione Leonardesca per Archimede. Una breve introduzione sarà dedicata al ruolo che Archimede riveste nell’immaginario collettivo: la figura di inventore capace di dar vita ad un immaginario collettivo molto forte con una curiosa panoramica con oggetti di design e uso comune legati al suo nome. Interattività e multimedialità condurranno il pubblico in un percorso entusiasmante fatto di scienza, intuizioni e tecnologia.

LA MOSTRA

Il contesto storico
Sul finire del III secolo a.C. Roma e Cartagine si contendono la supremazia nel Mediterraneo Occidentale. E’ una sorta di “guerra mondiale”, le cui sorti decideranno sotto quale dei due popoli vivranno le genti che si affacciano sul Mediterraneo. Siracusa resiste all’assedio dei Romani anche grazie ad Archimede e alle sue macchine. Storici dell’epoca sottolineano il contributo dato dal grande Siracusano per la difesa della sua città. Nel 212 a.C. Siracusa cade per tradimento e lo stesso Archimede viene ucciso.

Siracusa, la città di Archimede
Siracusa, la città in cui Archimede vive fra il 287 e il 212 a.C. e che due secoli dopo Cicerone ancora definisce “la più bella e la più ornata”, è nel III secolo a.C. la capitale di un regno piccolo per territorio ma importante nell’ambito degli stati ellenistici del Mediterraneo per la centralità della sua posizione, il volume dei traffici, la ricchezza economica fondata sull’agricoltura e sul commercio, la vivacità della sua cultura e la qualità delle relazioni internazionali. Al suo interno, vive e opera Archimede, autore di alcune di apprezzate invenzioni.

Archimede e l’Islam
Punto di riferimento nel campo della matematica, il Siracusano era considerato autore di numerosi altri scritti. Le società islamiche conobbero Archimede anche come straordinario inventore di strumenti e apparati meccanici: a quelli già noti nell’antichità si aggiunsero la bilancia idrostatica e un orologio ad acqua di notevole complessità.

Siracusa e Roma: lo scontro
Il console Marcello assediò la città di Siracusa dal 214 al 212 a.C.

A difesa di Siracusa non vi era solo l’esercito, ma anche Archimede con le sue macchine belliche, quali artigli meccanici, catapulte e specchi ustori, con i quali respingere gli attacchi provenienti dal mare. Siracusa si difese strenuamente e capitolò solo per opera di alcuni traditori che aprirono le porte urbiche, permettendo ai Romani di entrare nottetempo e prendere la città. La caduta di Siracusa costituirà un evento di rilievo epocale per tutta la civiltà mediterranea.

LA RISCOPERTA DI ARCHIMEDE IN OCCIDENTE
Fino al XIII secolo Archimede fu poco noto in Occidente; l’unica opera in circolazione era la Misura del cerchio. Nel 1269 Guglielmo di Moerbeke, un domenicano che risiedette a lungo presso la corte papale di Viterbo, eseguì la prima traduzione latina di molte delle opere di Archimede, raccolte in un codice oggi conservato alla Biblioteca Vaticana.

LEONARDO E ARCHIMEDE
Nel corso della propria esistenza Leonardo dimostrò più volte ammirazione per Archimede.

Il Vinciano è affascinato dal mito del Siracusano come inventore di macchine belliche portentose, ma anche dalla capacità di affrontare proficuamente problemi di statica e di geometria da cui trarre applicazioni pratiche.

Interessato al perfezionamento delle armi da fuoco, Leonardo lavora a un particolare cannone a vapore (l’architronito), di cui attribuisce la paternità ad Archimede e dimostra analoga ammirazione quando si sofferma sulle proprietà degli specchi ustori. Nel campo della statica, infine, studia a fondo il trattato Sull’equilibrio dei centri di gravità.

GALILEO E ARCHIMEDE
Secondo uno dei primi biografi, Niccolò Gherardini, Galileo cominciò prestissimo a studiare Archimede sotto la guida di Ostilio Ricci, insegnante presso l’Accademia del Disegno a Firenze. La forte influenza del Siracusano, che pochi anni prima della morte Galileo definì “il mio maestro” (Opere, XVI, p. 399), è testimoniata dagli studi galileiani d’esordio, che riprendono e approfondiscono motivi di ascendenza archimedea. Punto di riferimento costante, l’opera di Archimede offre esempi di applicazione di rigorose dimostrazioni. Particolarmente apprezzati, soprattutto, i trattati Sui galleggianti e Sull’equilibrio dei piani, il cui studio ha contribuito a ispirare un nuovo approccio matematico per la spiegazione dei fenomeni fisici.

LE INSTALLAZIONI INTERATTIVE: LE GENIALI INVENZIONI DI ARCHIMEDE
Al fine di rendere accessibile le sorprendenti intuizioni geometriche e meccaniche di Archimede al grande pubblico, una serie di modelli funzionanti illustra gli aspetti salienti delle ricerche compiute dal Siracusano e gli straordinari obiettivi raggiunti anche sul piano delle applicazioni pratiche.

La leva
Nei due libri del trattato sull’Equilibrio dei piani, opera che ha esercitato una grande influenza sulla nascita della scienza moderna, Archimede dimostra la fondamentale legge della leva, che è al centro di tutta la statica: in una leva si ha equilibrio quando i pesi sono inversamente proporzionali alle distanze dal fulcro.
È possibile che una persona più leggera stia in equilibrio con una più pesante? Lo scopriamo con questa installazione, attraverso un gioco che permette di scoprire in modo divertente le leggi fisiche sull’equilibrio.

Gli specchi parabolici che riflettono il suono
Fonti tarde attribuiscono ad Archimede l’invenzione di specchi ustori, mediante i quali avrebbe incendiato le navi romane che assediavano Siracusa: è ampiamente dimostrato l’impossibilità, per l’epoca, di realizzare una tecnologia simile ma il ragionamento scientifico alla sua base è corretto. Con uno specchio a forma di parabola è possibile concentrare i raggi del Sole, essenzialmente paralleli, in un punto vicino alla parabola, chiamato fuoco: alla stessa maniera possiamo farlo con le onde sonore.
Nell’installazione la prima grande parabola riflette le onde emesse da una sorgente sonora posta nel fuoco facendole diventare parallele, mentre la seconda le concentra di nuovo nel fuoco. In questo modo due visitatori molto lontani tra loro possono udire le proprie voci come se si trovassero vicini.

Le carrucole
La carrucola è un dispositivo che consente di sollevare un carico pesante impiegando una piccola forza. Lo sforzo compiuto varia a seconda del numero di carrucole impiegato: se con una è necessario impiegare una forza uguale al peso da sollevare, aumentandone il numero decresce proporzionalmente lo sforzo da compiere.
Il modello consente di sperimentare questa legge con diversi sistemi di carrucole: la forza necessaria è uguale al peso nel primo caso, alla metà del peso nel secondo e a 1/4 nel terzo.

La vite idraulica
La vite idraulica di Archimede, detta anche còclea, è un dispositivo usato spesse per sollevare un liquido, così come sabbia o ghiaia. È un’invenzione sorprendente per la sua semplicità e longevità: ancora oggi è usata in molte situazioni dove, per la mancanza di altre tecnologie, è necessario usare sistemi meccanici semplici e di immediata manutenzione.

Il torchio a doppia vite
Il torchio di Archimede costituì un’importante evoluzione dei dispositivi per la spremitura. Caratterizzato dalla possibilità di avere uno o due alberi a vite verticali e paralleli, inseriti in una struttura lignea, il torchio a vite esercitava una pressione continua e costante tanto sugli acini d’uva che sulle olive.

PER LA MOSTRA ARCHIMEDE SI RINGRAZIA:
Main sponsor: Zobele Holding spa, Itas Mutua, Innova srl
Sponsor: Conad, Hoermann srl
Special Exhibitor: Ghidini, RI.CAR., Cantina Endrizzi srl

 

CORTINA – CULTURA  

CORTINA: SORGENTE DI CULTURA

Incontri, esposizioni, visite guidate, esibizioni teatrali: una cascata di eventi culturali tra le vette della Regina delle Dolomiti, rinfrescante per mente, anima e corpo. Perché la cultura, in estate, va in vacanza a Cortina.Cortina d’Ampezzo, 11 luglio 2017_D’estate, a Cortina, si soddisfa anche la sete di sapere.

Dagli incontri in centro agli appuntamenti in quota, un evento culturale tira l’altro all’ombra dei Monti pallidi, dove anche la mente e lo spirito possono ancora respirare e trovare ristoro. Spesso cultura e bellezza naturale vivono in simbiosi, nutrendosi l’una dell’altra.

Appuntamenti in centro:

Domenica 16 luglio si inizia con Una Montagna di Libri. Alle ore 18.00, presso il Museo d’Arte Moderna Mario Rimoldi, Rosemary Nyirumbe racconterà le storie di oltre duemila bambine-soldato catturate dai miliziani dell’Esercito di Resistenza del Signore in Africa centrale e presenterà il libro Cucire la speranza, edito da Emi. Con quasi 50 incontri sino al 15 settembre, la XVI edizione – dedicata al tema Oltre Cortina – porterà tra le Dolomiti d’Ampezzo autori quali Hanif Kureishi, Camilla Läckberg e Alessandro Piperno, maestri dell’informazione come Bill Emmott e voci della cultura come Robert Pogue Harrison (www.unamontagnadilibri.it).

Dal 19 luglio sino al 6 settembre tornano i Mercoledì della cultura ladina che l’Union de i Ladis d’Anpezo propone gratuitamente a ospiti e concittadini per conoscere e approfondire la storia, l’arte e la cultura di Cortina e del popolo ladino in compagnia del professor Paolo Giacomel (www.cortinadolomiti.eu | www.ulda.dolomiti.org).

Venerdì 21 luglio alle ore 20.30 si terrà, all’Hotel Concordia, il primo incontro del Soroptimist Club Cortina sul tema Vaccini: incontro informativo; l’11 agosto alle ore 20.45, presso l’Alexander Girardi Hall, il Concerto di beneficenza in collaborazione con il Corpo musicale di Cortina a favore della onlus The Game Never Ends e il 12 agosto alle ore 18.00, presso il Grand Hotel Savoia, Adolescenti nella rete: Le insidie delle nuove tecnologie e l’immaginario prigioniero. Cyberbullismo, Blue Whale, Generazione H, Millennials: quali strumenti per le nuove famiglie? con Maria Rita Parsi – Psicoterapeuta. Membro Comitato ONU per i Diritti dei fanciulli e delle fanciulle – Elena Donazzan – Assessore all’Istruzione, formazione, lavoro e pari opportunità della Regione Veneto – Cristiana Clementi – Formatore Emotivo-Relazionale – e un rappresentante della Polizia di Stato (www.soroptimist.it/club/Cortina-D-Ampezzo/).

Sempre al Grand Hotel Savoia tornano ad agosto, alle ore 11.00, gli Aperitivi con l’autore a cura di Luciano Lucarini e Ennio Rossignoli, con protagonisti Maurizio Belpietro, Alessandro Sallusti, Marina Ripa di Meana, Magdi Cristiano Allam, Rosanna Lambertucci e molti altri ancora; alle ore 17.30, poi, gli appuntamenti con il professor Barilli e la Professoressa Serra, per conoscere alcuni argomenti d’arte e scrittura, in compagnia di grandi esperti quali Bernard Aikena (www.cortinadolomiti.eu | www.grandhotelsavoiacortina.it).

Il 19 agosto TEDxCortina sarà per la prima volta tra le vette della Regina delle Dolomiti. L’incontro seguirà un tema portante: “What’s Next”. TED – acronimo per Technology, Entertainment, Design – nasce nel 1984 in California (USA) come conferenza dedicata alla diffusione di idee meritevoli di condivisione. Speaker affermati a livello mondiale sono invitati a divulgare le loro idee con l’obiettivo di ispirare il pubblico.

I TEDx sono eventi locali, organizzati in modo indipendente su licenza, che ne ripropongono la forma nel pieno rispetto del tessuto sociale e culturale che li accoglie: oggi si contano oltre 14.000 iniziative locali in oltre 165 paesi (www.tedxcortina.org).Continuano le conferenze di Cortina Stelle al Planetario Nicolò Cusano, che sabato 29 luglio alle ore 18.00 vedranno il dottor Stefano De Vido (presidente Serere) parlare di Astronomia e fenomeni celesti nella Bibbia e sabato 5 agosto sempre alle ore 18.00 il professor Antonio Bianchini (Università di Padova) spiegare le relazioni tra Il clima e il potere del Sole (ingresso libero | www.cortinastelle.eu).

Inoltre, il 13 e 20 luglio e il 31 agosto, proseguono le Visite al Planetario alle ore 18.00 con rappresentazione dei movimenti del cielo, dei pianeti e delle principali costellazioni al Planetario Nicolò Cusano e, dalle ore 21.30, osservazione del cielo stellato a occhio nudo e con i telescopi dell’Osservatorio del Col Druscié “Helmut Ullrich” grazie al supporto tecnico e didattico di esperte guide dell’Associazione Astronomica Cortina.

L’Associazione organizza, inoltre, tutti i martedì e i venerdì d’estate Visite diurne all’Osservatorio dopo una piacevole passeggiata lungo i sentieri dell’Astroring (Ritrovo ore 11.00 a Col Druscié | Per maggiori informazioni rivolgersi al +39 348 3346585; +39 338 6163428 o info@cortinastelle.it).

Anche il 16 luglio, in occasione del Tofana Day, dopo la tradizionale Santa Messa a Cima Tofana delle ore 11.00, si avrà l’opportunità di conoscere il Sentiero dei pianeti e visitare l’Osservatorio (ritrovo alle ore 12.30 e alle ore 14.30) e di godere, dalle ore 13.00, di spettacoli circensi e musica a Cima Tofana e a Col Druscié (www.freccianelcielo.com).

Cibo per la mente:Il 27 luglio e il 3, 12, 17 e 24 agosto tornano le Astrocene al Rifugio Col Druscié.

Ritrovo ore 18.00 al Planetario per la lezione didattica; aperitivo in Rifugio alle ore 20.45 e, a seguire, cena con osservazione del cielo estivo e di Saturno grazie ai telescopi dell’Osservatorio (Per info e prenotazioni: Rifugio Col Druscié | +39 0436 862372).Domenica 6 agosto – durante l’inaugurazione dell’ampliamento del Museo all’aperto della Grande Guerra – il Rifugio Averau propone la rievocazione dei fatti bellici del 1917, in compagnia del professor Paolo Giacomel, esperto di storia locale.

Nel corso dell’evento verranno distribuiti il “Caffè di Guerra” (surrogato di caffè a base di fichi secchi, inventato dall’esercito imperiale austriaco) e il rancio militare nelle gavette fornite dal comando generale truppe alpine di Bolzano: il cibo verrà servito da una cucina da campo dell’Imperiale e Regio Esercito austro-ungarico, denominata “Gulaschkanonen” (Per info e prenotazioni: Rifugio Averau | + 39 0436 4660; +39 335 6868066).Sempre il professor Paolo Giacomel accompagnerà gli interessati in una visita guidata serale al Museo della Grande Guerra delle 5 Torri – a partire dalle ore 19.00 – in occasione delle Serate alternative del l 4, 11 e 18 agosto che offrono, inoltre, la possibilità di cenare presso i Rifugi Scoiattoli e Averau per poi scendere in seggiovia (seggiovia delle 5 Torri attiva dalle ore 19.00 alle ore 23.00 | Per info e prenotazioni: Rifugio Scoiattoli | +39 0436 867939 – +39 333 8146960; Rifugio Averau | + 39 0436 4660 – +39 335 6868066).Mostre ed esposizioni:Il Collezionista.

Innamorarsi del Contemporaneo. 1941-2017

Dal 24 giugno al 15 ottobre

L’esposizione presso il Museo d’arte moderna Mario Rimoldi rievoca la prima “Mostra Italiana del Collezioni d’Arte Contemporanea”, voluta e supportata dal Ministero dell’Educazione Nazionale, che si svolse a Cortina d’Ampezzo nell’agosto del 1941.

L’organizzazione di tale importante evento spettò al collezionista Mario Rimoldi, il quale da sempre aveva incoraggiato i giovani pittori. Secondo il bando di concorso emesso dal Ministro dell’Educazione Giuseppe Bottai, infatti, i collezionisti poterono prendervi parte esclusivamente con opere di autori italiani contemporanei. Furono selezionate 526 opere di 76 artisti su 854 pervenute.

La qualità delle opere confermò il meglio delle possibilità artistiche dell’Italia di quegli anni e documentò il rinato interesse del collezionista privato nei confronti dell’arte italiana moderna (chiuso il lunedì; ad agosto, aperto tutti i giorni dalle ore 10.30 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 20.00 | www.musei.regole.it).Creazioni Veneziane a Cortina d’Ampezzo

Dal 24 giugno al 15 ottobre

Al Museo Etnografico delle Regole d’Ampezzo Rosanna Basilio espone arazzi, vetri, sculture e pitture: teorie d’arte assimilate, rivissute e ricomposte in una prassi che è tipica dell’arte veneziana.

Il colore veneto è allusivo come le distanze lagunari, eppur sempre smagliante di vita. Rosanna Basilio si è applicata nella drapperia di alto stile, nell’arazzo anche con materiali preziosi e metallici ottenendo splendidi effetti cromatici e materici. Per anni ha dato vita a particolari vasi di vetro policromi e poliformi.

È inoltre una fine interprete di nudo femminile e nature morte sia in grafica, sia in acquerello. Alcune opere dell’artista sono esposte anche all’entrata del Museo paleontologico (chiuso il lunedì; ad agosto, aperto tutti i giorni dalle ore 10.30 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 20.00 | www.musei.regole.it).

Museo Paleontologico “Rinaldo Zardini”Dal 24 giugno al 15 ottobre

Ogni giovedì, alle ore 17.30, sarà presente un esperto per effettuare alcune visite guidate presso il Museo che racchiude milioni di anni di storia. Si tratta di una delle più consistenti collezioni di fossili oggi esistenti: gusci di invertebrati marini, coralli, spugne.

Si deve al ricercatore ampezzano Rinaldo Zardini la sistematica raccolta dei fossili in tutta l’area dolomitica, la loro catalogazione e organizzazione in una collezione, che testimonia l’evoluzione geologica delle Dolomiti.

Nel corso degli anni la raccolta si è arricchita per merito di altri appassionati, che hanno portato alla luce nuovi e assai preziosi esemplari di fossili, anche vegetali. Questi interessantissimi ritrovamenti tengono aperta la strada della conoscenza scientifica: il Museo Paleontologico risulta così un’entità viva e in continua evoluzione (chiuso il lunedì; ad agosto, aperto tutti i giorni dalle ore 10.30 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 20.00 | www.musei.regole.it).La negazione della disciplina della ragione

Dal 17 luglio al 17 settembre

Nella nuova mostra fotografica presso l’Ikonos Art Gallery, Stefano Zardini trasfigura i paesaggi dolomitici in spazi onirici e surreali, espressione del desiderio e della tensione verso mondi immaginari e conturbanti.

Il 25 agosto, alle ore 18.00, il cocktail e l’incontro con l’autore (aperto tutti i giorni dalle ore 11.00 alle 13.00 e dalle ore 17.00 alle 20.00 | ingresso gratuito | www.stefanozardini.com).

L’Eredità di Falcone e BorsellinoDal 19 luglio al 15 ottobre

La mostra fotografica dedicata ai giudici Falcone e Borsellino, a cura dell’ANSA in collaborazione con Miur e Associazione nazionale magistrati, giunge a Cortina all’Alexander Girardi Hall dopo aver toccato 20 Capoluoghi di Regione ed essere stata allestita in 20 scuole, creando un “percorso di educazione alla legalità”.

Attraverso circa 150 foto e 26 pannelli, l’esposizione racconta la storia di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino dall’adolescenza a Palermo alle stragi del 1992.

Le immagini sono affiancate da riproduzioni dei “dispacci” ANSA relativi ai fatti che hanno contrassegnato drammaticamente quegli anni. Foto, notizie di agenzia e testi in mostra hanno trovato posto all’interno di un libro, curato da ANSA in collaborazione con il MIUR, con 110 fotografie in 140 pagine. Inaugurazione il 19 luglio alle ore 18.00 presso l’Alexander Girardi Hall (www.ansa.it).

Teatro delle Dolomiti:Dopo il grande successo delle scorse edizioni, la Compagnia (S)legati e il Comune di Cortina d’Ampezzo presentano la terza edizione del Teatro delle Dolomiti. Dal 19 al 31 luglio, Mattia Fabris e Jacopo Maria Bicocchi presenteranno gli spettacoli “Un alt(R)o Everest” e “(S)legati” nei Rifugi Lagazuoi, Dibona, Mietres, Scoiattoli oltre che all’Hotel Villa Argentina e in piazza Angelo Dibona.

Quest’anno la Compagnia avvierà, inoltre, una nuova attività in collaborazione con le Guide Alpine Cortina: il Teatrekking, un trekking, intervallato da quattro momenti di racconto teatrale attorno ai grandi temi della montagna e dell’alpinismo (www.compagniaslegati.com).

L’Antico nelle Dolomiti:

la manifestazione dedicata all’antiquariato, collezionismo e artigianato, organizzata dall’Associazione Cortina For Us con la collaborazione di Gianni Brandozzi e con il patrocinio del Comune di Cortina d’Ampezzo, si svolgerà dal 28 al 30 luglio in via Marconi. Il Mercatino coinvolgerà numerosi professionisti del settore, con oggetti in grado di affascinare gli appassionati di antichità o di modernariato, di rigatteria ed artigianato artistico.

Dai mobili ai dipinti, alle ceramiche, agli orologi, agli strumenti, musicali e scientifici; dagli argenti ai gioielli, ai vetri, ai libri, alle vecchie riviste e ai giocattoli; dalle radio, alle chiavi da collezione, alla biancheria antica: un mondo di oggetti che attraversano secoli per raccontare una, cento, mille storie e accendere la speranza di trovare l’occasione favolosa (www.mercatiniantiquari.com).

 

POMPEI SUONI E LUCI – Da non perdere – Sino al 24 agosto

Pompei, percorsi notturni di suoni e luci

‘Una notte a Pompei’

–  fino al 24 agosto gli scavi campani, grazie al nuovo impianto di illuminazione, offrono uno specialissimo spettacolo notturno di luci molto suggestive.

Templi ed edifici illuminati, per rivivere attraverso voci, rumori e suoni la vita quotidiana di un tempo lontano.

 Le visite sono possibili il martedì e il giovedì, dalle ore 21 in sei turni per gruppi di 50/60 persone.

Il costo della visita, che dura un’ ora e un quarto, è di 11 euro.

Musei . Google ve li mostra gratis !

Oggi già possiamo visitare le mostre d’arte più importanti, a costo zero, attraverso il Google Cultural Institute.

Con il Google Cultural Institute, possiamo vedere moltissime mostre online: dal British Museum al Museo Galilei di Firenze

QUESTO LINK MERITA LA VISITA DA PARTE DI OGNI APPASSIONATO D’ARTE:

http://www.google.com/culturalinstitute/home?hl=it

all’interno World Wonders per visitare i palazzo più famosi al mondo, con la possibilità di ingrandire i particolari e dovizia di foto storiche in occasioni di visite di monarchi e presidenti.

-57.000 opere d’arte digitalizzate

-430.000 gallerie personali create dagli utenti

-7,4 milioni di iscritti alla pagina Google+ dedicata all’arte project

-400 musei aderenti di 50 Paesi, tra cui: National Gallery, British Museum  e Tate Museum di Londra, Metropolitan di New York, Uffizi di Firenze, Musei Capitolini, Ermitage di San Pietroburgo e poi musei cinesi, giapponesi, coreani ecc… tutti di importanza internazionale.

Google Cultural Institute, conta oltre 6 milioni di fotografie, filmati e documenti tutti di altissimo livello.

Il Google Cultural Institute offre a tutti la possibilità di “visitare” ( a costo zero !) le ultime mostre d’arte dei musei più importanti  ed essere aggiornati sulle più recenti scoperte archeologiche.

Provate questo link sui più importanti musei del mondo: http://www.google.com/culturalinstitute/collections?projectId=art-project&hl=it

British Museum

Il British Museum è stato uno dei primi siti ad intuire l’importanza e le infinite possibilità del web.

In questo modo il British Museum è divenuto  il sito turistico più popolare del Regno Unito e quarto museo al mondo per numero di visitatori.

Imperdibile è la visita alla tomba di Sutton Hoo, intatta per 1.400 anni fino alla scoperta nel 1939.

Ci piace ribadire che la a visita “ON LINE”  alla mostra  Sutton Hoo sia gratuita, come tutto il sito.

Sutton Hoo, fu la una nave funeraria anglosassone; l’esposizione svela i retroscena del ritrovamento:  filmati degli scavi e foto del celeberrimo elmo e della fibbia per cintura in oro massiccio.

WORLD WONDERS; per vedere le scenografie naturalistiche più impressionanti del

mondo intero:

DA NON PERDERE ANCHE LO SCENOGRAFICO E INTERESSANTISSIMO WORLD WONDERS:

LINK: http://www.google.com/intl/en/culturalinstitute/worldwonders/

Molto altro potrete scoprire da soli, secondo i vostri interessi, navigando su:      http://www.google.com/culturalinstitute/home?hl=it

Forse un giorno anche i viaggi li faremo da casa, senza bruciare il carburate degli aerei; certamente è una possibilità

interessante per chi, per costi, età, tempo a disposizione o problemi fisici, non può muoversi.