Archivi categoria: CULTURA

Cultura: mostre d’arte, libri, art from women…la donna nella storia, donne che pensano.

ARGENTINA VIOLENTA CON LE DONNE – UN FEMMINICIDIO OGNI 30 ORE

Il mondo sta diventando un luogo meno sicuro per le donne ?

Pare proprio di si.

A parte molti paesi mussulmani dove, negli ultimi decenni, le donne sono a volte obbligate a coprirsi il capo o coprire completamente il corpo (anche se si muore dal caldo o stanno facendo il bagno), una donna sola in viaggio oggi, incontra più problemi di quanto accadeva trent’anni fa. Lo scrive chi viaggia da oltre quarant’ anni in tutto il mondo.

Sarà anche colpa del mondo che è diventato più violento; è cresciuta esponenzialmente la disuguaglianza economica, le tensioni religiose si sono accentuate e di pari passo i furti, ma anche gli stupri.

Sta di fatto che anche nella lontana Argentina il governo locale ha proibito fare commenti a voce alta alle signore; la mulata è di 60 euro.

Una volta in Argentina era tradizione, per strada, fare un commento galante ad una donna, ma evidentemente ora i commenti sono diventati troppo pesanti e violenti. Inoltre, ogni 30 ore una donna viene uccisa da un uomo per gelosia o altri motivi del genere.

DAVOS FORUM 2017 – La democrazia è in pericolo ? – Il sistema non funziona come si pensava ?

l’1% dei più facoltosi al mondo possiede quanto il restante 99%.

Otto super miliardari detengono la stessa ricchezza netta (426 miliardi di dollari) di meta’ della popolazione piu’ povera del mondo, ovvero 3,6 miliardi di persone.

Il quotidiano Il Sole 24 Ore scrive: ” Pessimismo in crescita nei Ceo italiani … I Ceo italiani …sono tra i più pessimisti sulla crescita globale: il 36% si attende una ripresa nel 2017, in forte calo rispetto al 55% del 2016″.

E’ necessario un profondo ripensamento, secondo Oxfam, dell’attuale sistema economico.

Rischio democratico
E’ il titolo di una delle sezioni del Global risk report, durante la quale si prenderà atto dell’impoverimento dei cittadini causato dalla globalizzazione.

Il LIBERO MERCATO GLOBALIZZATO, che avrebbe dovuto garantire sviluppo per tutti, ora MOSTRA IL SUO FALLIMENTO.

Tutto questo ora a Davos viene percepito come “rischio democratico” e instabilità sociale, pericolosa per la stessa economia globale.

L’annuale appuntamento del World Economic Forum a Davos, prevede anche una petizione a tutti i governi per chiedere una serie di interventi in favore di una economia più umana.

Speriamo non siano le solite belle parole !!!

Otto i punti segnalati:

-arginare la concentrazione di ricchezza;

-stop alla concorrenza fiscale al ribasso;

-sostegno a modelli di business non orientati solo a massimizzare il profitto;

-incoraggiamento di innovazioni tecnologiche a vantaggio di tutti;

-una transizione verso l’uso di energie rinnovabili;

-la promozione dello sviluppo su indicatori relativi al benessere dei cittadini e non solo relativamente al Pil.


AIR INDIA – ANCHE IN VOLO LE DONNE MOLESTATE

Dopo le molte lamentele per le persistenti molestie sessuali di cui sono oggetto i passeggeri di sesso femminile.

Anche questa misura dimostra come l’India, negli ultimi anni, abbia un pessimo record per le molestie alle donne.

I membri dell’equipaggio riceveranno una dotazione di manette di plastica da utilizzare per limitare i movimenti dei passeggeri “totalmente fuori controllo”.

 Meenakshi Mali, portavoce di Air India, ha dichiarato:

“sentiamo, come vettore nazionale, il dovere di migliorare il livello di conforto per la nostra clientela femminile. Ci sono molte donne che viaggiano da sole e quei posti sono pensati per loro”.

Sull’ultimo numero di Cosmopolitan, la giornalista Hannah Smothers  ha scritto che: “prendere tutte le donne e riunirle da qualche parte non risolve il problema dei passeggeri maschi che sono stronzi“.

Nessuna sicurezza on line – Precauzioni on line – Come difendere i nostri dati on line ? – La legge italiana ti punisce se non difendi i tuoi dati !!!

E’ il colmo !

La legge italiana prevede la colpa per chi, anche se vittima di un furto di dati, non ha previsto e attuato una DIFESA ADEGUATA !!!

E’ molto poco credibile, ma è quello che oggi prevede la legge italiana.

Lo ha spiegato alla televisione un funzionario della nostra nazione.

Se non avete segreti e non avete un conto on line, non preoccupatevi.

Ma se avete un conto on line e non avete una adguata protezione per il vostro computer o telefonino … oltre alla beffa potreste subire un doppio danno; furto di dati e/o soldi e condanna per non avere difeso adeguatamente i vostri dati …. !!! ???

Chi è del settore ha anche spiegato che non è impossibile che ci siano furti di soldi di pochissimi euro, per assurdo anche un solo euro per conto, il che moltiplicato per centinaia o migliaia di conti violati da origine ad un  furto molto redditizio.

Insomma siate prudenti.

Informate i vostri figli, sin dalla più tenera età che far sapere che siete in vacanza a tutti … favorisce un qualunque ladro.

Far sapere a tutti che fate delle lussuose vacanze, avete una macchina costosa, orologi di pregio ecc… può informare i ladri che a casa vostra si possono trovare facilmente oggetti di valore.

Mandare foto con lo sfondo di una casa di pregio, può ingolosire molti dleinquenti.

Comunque sappiate che le foto che pubblicate, anche solo una volta nella vita, potrebbero essere usate contro di voi anche dopo decenni.

Informate i vostri figli che qualunque messaggio o foto pubblicati potrebbero essere guardati da un futuro datore di lavoro e potrebbero diventare l’ago della bilancia per il vostro futuro … !!!

Le foto che pubblicate dei vostri figli sono già usati regolarmente nei trbunali in caso di divorzio

SIATE PRUDENTI ! Senza farne un’ossessione, ma usate la vostra logica mentale per distinguere da cosa stare lontani.

Se siete persone che parlano al telefono di affari che possono interessare la concorrenza, usate un telefono protetto o almeno uno di quelli più difficilmente aggredibili: il costoso Iphone.

Arte a Milano – Retrospettiva dedicata a Renato Mambor apre la stagione espositiva 2017 del Gruppo Credito Valtellinese

renato-mambor

Sarà un’ampia retrospettiva dedicata a Renato Mambor ad aprire la stagione espositiva del 2017 del Gruppo Credito Valtellinese.

9 febbraio 2017 – 27 marzo

Gruppo cui fanno riferimento, oltre alla Galleria di Corso Magenta a Milano, Refettorio delle Stelline, dove appunto sarà allestita la mostra su Mambor, gli spazi espostivi di Sondrio, storica sede del gruppo bancario, la Galleria Credito Siciliano ad Acireale, marchio territoriale del Gruppo Credito Valtellinese ed infine quelli di Fano, Galleria Carifano e Spazio XX Settembre.

Il programma definito per il 2017 viene sviluppato per il tramite della Fondazione che opera per il medesimo Gruppo bancario nel campo del sociale, della cultura e dell’orientamento ai giovani.
Comprende una decina di mostre, tutte connotate da due precisi obiettivi : alta qualità e assoluta originalità.

Il campo di indagine continua ad essere quello tradizionale per le Gallerie del Gruppo : il contemporaneo storico, nelle sue diverse espressioni, dall’arte alla grafica, alla fotografia alle arti applicate, arricchito da un nuovo filone di esplorazione: quello dei remake.

Il presidente del gruppo Miro Fiordi sottolinea l’importanza dell’attività della Fondazione sui territori in cui opera. Attività rivolta a tutti, gratuita e avente come unica finalità la diffusione della cultura e dell’orinetamento ai giovani.

La retrospettiva su Renato Mambor, affidata alla curatela di Dominique Stella, rientra pienamente nel Progetto Culturale delle Gallerie del Gruppo Credito Valtellinese, da alcuni anni dirette da Cristina Quadrio Curzio e Leo Guerra.
Indaga infatti una personalità tra le più originali e complesse del secondo Novecento Italiano e lo fa mettendo in luce, a tutto tondo,la poliedrica figura dell’uomo e dell’artista.

« Voglio fare di tutto, ballare, cantare, scrivere, recitare, fare il cinema, il teatro, la poesia, voglio esprimermi con tutti i mezzi, ma voglio farlo da pittore perchè dipingere non è un modo di fare ma un modo di essere». In una frase Mambor così offre una precisa immagime del suo essere artista.

Protagonista della ricerca nelle arti visive dagli ultimi anni ’50, é uno dei primi a sconfinare dalla pittura verso altri linguaggi: fotografia, cinema, performance, installazioni e il teatro, per tornare comunque sempre alla pittura.

Continuando a lavorare sul linguaggio e sugli elementi costitutivi dell’arte, ha avviato una sperimentazione sul rapporto tra organismo e ambiente, tra arte e vita, sul cambiamento dello sguardo e dei punti di vista, sulle relazioni interne ed esterne, su separazione e unità.

Mambor, negli oltre 55 anni di impegno artistico, ha rinnovato instancabilmente le forme e approfondito la conoscenza di sé, inventando dispositivi di comunicazione che coinvolgessero lo spettatore, lasciando opere, anche inedite, di grande valore per la contemporaneità.

Dominique Stella, con Cristina Quadrio Curzio e Leo Guerra, ha selezionato per questa retrospettiva circa 80 pezzi, datati dai primi anni sessanta e sino al 2014, con le ultimissime creazioni. Sono opere che documentano le diverse espressioni, i molteplici linguaggi di Mambor: pittura, fotografia, performances installazioni. testimonianze fotografiche del suo teatro sperimentale.

Il Progetto Mambor delle Gallerie del Credito Valtellinese è completato dalla proiezione di un documentario sull’artista e da una performance teatrale con Paola Pitagora e Igor Horvat.

Orari e ingressi
Galleria Gruppo Credito Valtellinese
da martedì a sabato 13.30-19.15
chiuso domenica e lunedì, 2 giugno e dal 2 agosto al 5 settembre
INGRESSO LIBERO
Aperture straordinarie per le scuole su prenotazione

Informazioni al pubblico
Galleria Gruppo Credito Valtellinese
galleriearte@creval.it – www.creval.it

Ci vogliono distrarre dai nomi dei creditori di Monte dei Paschi ? – Tutti parlano di cyberspionaggio

A NOI NON INTERESSANO I NOMI DEGLI SPIATI, MA …

Tutti parlano dei nomi degli spiati  da Giulio e Maria Francesca Occhionero e della sicurezza, ma noi comuni cittadini NON abbiamo segreti di stato da nascondere (a parte il diritto, ormai regolarmente  elegalmente violato, di non far sapere i nostri gusti e scelte al mercato globale).

A noi questi nomi non interessano, come invece quelli che ci hanno rubato i soldi che dobbiamo pagare al Monte die Paschi.

I NOMI DEI CREDITORI (ladri) CHE NON HANNO RESTITUITO I SOLDI PRESI A PRESTITO DAL MONTE PASCHI E ALTRE BANCHE

In TV hanno ben precisato che, comunque, non verremo mai a sapere i nomi di tutti i più importanti creditori del Monte dei Paschi di Siena.

La spiegazione sta nel grande numero di società che proteggono i nomi dei reali colpevoli.

A noi risulta che , se si vuole, una società porta all’altra e se si indaga seriamente si può scoprire chi sta alla base …

NESSUNA LEGGE SULLA PRIVACY PUO’ BLOCCARE IL DIRITTO DEMICRATICO DEI CITTADINI CHE STANNO PAGANDO OLTRE 100 EURO A TESTA PER I FURTI DEI SOLITI RICCHI AL BANCO DEI PASCHI DI SIENA E DI TANTE ALTRE BANCHE …

DUBAI – NUOVO MUSEO – Etihad Museum

L’Etihad Museum gestito da Dubai Culture

Il nuovo Etihad Museum trova sede in una struttura collocata proprio sotto l’iconica asta portabandiera degli EAU (Emirati Arabi Uniti) alta 123 metri, posta su Jumeirah Beach Road nell’area di Dar Al Etihad, location storica in cui i leader degli emirati si riunirono per dichiarare la formazione della nuova nazione, 45 anni fa.

L’Etihad Museum ospiterà mostre e programmi educativi che esplorano la cronologia di un evento importante, a partire dalla firma di un accordo che ha portato alla formazione dell’Unione degli Satti Arabi; utilizzando foto, film e documenti, a partire dal 1968 fino al 1974, che mostrano i primi momenti cruciali della storia della nazione.

L’Etihad Museum è stato progettato a forma di manoscritto, con sette colonne che hanno le sembianze di una penna, la stessa che venne usata per firmare la dichiarazione di unione nel 1971.

L’apertura dell’Etihad Museum è stata rivelata alla stampa da Sua Altezza Shaikh Mohammad Bin Rashid Al Maktoum, Vice-Presidente e Primo Ministro degli EAU e sovrano di Dubai.

Abdul Rahman Mohammad Al Owais, Ministro della Salute e della Prevenzione e Chairman di Dubai Culture, ha affermato in una dichiarazione ufficiale che “L’Etihad Museum celebra la devozione e il patriottismo dei fondatori della nostra nazione e invita tutte le persone, di qualsiasi provenienza, a seguire il loro esempio nella creazione di una nazione. Il museo focalizza l’attenzione sulla storia politica e sui percorsi personali legati ad uno dei maggiori eventi della costituzione della nazione — quello dell’unione degli emirati nel 1971”.

Al Owais ha inoltre aggiunto: “Il nostro mandato a Dubai Culture ha lo scopo di arricchire la scena artistica e culturale di Dubai e di preservare l’eredità degli Emirati in modo unico ed innovativo, attraverso la creazione, le attività e la gestione dei musei, in partnership con i maggiori stakeholder degli EAU — in ultimo, anche di contribuire al raggiungimento degli obiettivi previsti nel Dubai Plan 2021, che mira a posizionare Dubai come la dimora di persone creative ed autorizzate, che celebrano con orgoglio le loro identità culturali”.

Arte fotografica a Torino – Pirelli exhibition fotografica a Settimo Torinese «Pirelli in 100 immagini»

Pirelli si racconta con una mostra  fotografica a Settimo Torinese.

«Pirelli in 100 immagini»

BIBLIOTECA ARCHIMEDE
da mercoledì 18 gennaio a lunedì 1 maggio 2017

6 diverse sezioni con fotografie di Bruce Weber, Helmut Newton, Herb Rritts, Annie Leibovitz, solo per citarne alcuni, e un incredibile inedito di Peter Lindbergh scattato a Settimo Torinese.

È morto Zygmunt Bauman – COS’ E’ LA SOCIETA’ LIQUIDA – Teorizzò sulla solitudine e le violenze del mondo globale

Zygmunt Bauman, scomparso all’età di 91 anni, è considerato un grande filosofo e sociologo polacco.

Il suo nome fa parte dell’Olimpo dei massimi intellettuali contemporanei.

Bauman, nato a Poznan in Polonia nel 1925, viveva e insegnava a Leeds, in Inghilterra.

Per Bauman, la società contemporanea sociale e politica, è “liquida”, ovvero sfuggente a ogni catalogazione di destra o sinistra.

Gli attuali problemi dell’uomo, per Bauman, sono  dovuti alla globalizzazione, alle dinamiche consumistiche, al crollo delle ideologie.

Il risultato è un assoluto spaesamento dell’individuo e la sua esposizione a tutte le “violenze” della società contemporanea, una paurosa incertezza del futuro, che portano alla “solitudine del cittadino globale” (titolo di un suo libro).

Ecco alcune sue parole di una recente intervista a La Repubblica: “Sono tutti segnali: stiamo precipitando, in maniera graduale ma inarrestabile, in una sorta di stanchezza della catastrofe”.

Le ossessioni dell’uomo moderno secondo Bauman di fronte ai grandi cambiamenti; senso di inadeguatezza, ignoranza, impotenza, abuso della ricchezza e della tecnologia, grandi ingiustizie  … come già aveva annunciato Marcuse.

La tecnologia è così potente che possiamo agire a grande distanza di tempo e spazio; ma la nostra immaginazione è ancora a livello di Adamo ed Eva… quindi non siamo in grado di capire le conseguenze future di quello che facciamo ora. Ci sentiamo schiacciati da forze che sono oltre la nostra portata.

L’opinione pubblica è portata a chiedere leader populisti: la voglia di trovare qualcuno che sappia dove è la paura e sostenga di poterla governare. Così, nasce il populismo.

COS’ E’ LA SOCIETA’ LIQUIDA: 

Società e modernità liquida; siamo persone moderne nel senso che siamo trasgressivi, vogliamo cambiare le cose, siamo dipendenti compulsivamente dalla modernizzazione, la modernità spinta all’estremo … liquido in chimica è il corpo che non mantiene la propria forma… da qui l’atmosfera di incertezza.

Quello in cui credevi ieri non conta più, devi ricreare una strategia di vita, sempre più frequentemente … questa costante caccia alla nuova realtà impone di reimparare il nuovo in continuazione … reiventarsi il lavoro, lo stile di vita; imposizione di un cambiamento continuo … crollo dei principi in cui abbiamo creduto … porta a incertezza e insicurezza, paura e isolamento.

———–

Bauman non piaceva a molti. Infatti Bauman fu un intellettuale in prima linea a favore dell’accoglienza dei profughi e dei migranti scappati dall’orrore.

Marrakech e New York – Avvenimenti artistici del 2017

 

A Marrakech, aprirà una nuova struttura di 4mila metri quadrati; si tratta del nuovo museo dedicato a Yves Sanint Laurent.

5.000 abiti e 15.000 accessori di grande pregio; ormai parte della storia della moda.

Nel museo anche un ristorante, un auditorium e 5.000 volumi.

——————

NEW YORK – ARLEM

Un nuovo campus sarà inaugurato a primavera, ne fanno parte il Lenfest Center for the Arts e il Jeronime L. Greene Science Center; due delle  quattro strutture previste dal masterplan della Columbia University.

Il campus porta la firma di Renzo Piano.

Caratteristici saranno gli spazi a terra con accesso libero e gratuito, per rivitalizzare la vita culturale della zona.

——————