Archivi categoria: CULTURA

Cultura: mostre d’arte, libri, art from women…la donna nella storia, donne che pensano.

Arte a Lugano – LAC – Focus India

Focus India

Ad aprire la terza stagione del LAC ( Lugano CH ) un progetto trasversale fra arti visive, musica, danza, cinema e tanti appuntamenti dedicati ai molteplici aspetti della cultura indiana.

Grande mostra Sulle vie dell’illuminazione.

 

Il mito dell’India nella cultura occidentale 1808-2017, in programma dal 24 settembre 2017 al 21 gennaio 2018
24 settembre 2017 – 21 gennaio 2018 LAC Lugano Arte e Cultura

Focus India è un progetto esteso che, fino al 21 gennaio 2018, vedrà il centro culturale incentrato sull’India e sull’influenza che essa ha profondamente esercitato sulla cultura e l’arte occidentale.

Un’ampia e inedita programmazione, pensata per abbracciare in maniera interdisciplinare l’arte visiva, la musica, la danza e il cinema, e le altre numerose sfaccettature della cultura indiana fra cui la medicina, la meditazione e la cucina.

A fianco della regolare programmazione delle rassegne di teatro, danza e musica, la nuova stagione artistica autunnale è arricchita e declinata su questo grande tema, sviluppato e approfondito attraverso assoli e reciproche contaminazioni fra arti diverse.

Focus India racconterà una cultura, quella indiana, che tanto ha affascinato e influenzato il mondo occidentale nei più svariati ambiti culturali con numerosi appuntamenti: una grande mostra, una rassegna cinematografica e momenti di richiamo, con alcuni fra i massimi protagonisti della scena artistica indiana, si alterneranno ad altre attività e appuntamenti, fra cui workshop, laboratori per bambini, conferenze sulla medicina, sessioni di yoga, eventi musicali, la cucina e tanto altro ancora sulla tradizione indiana.

In collaborazione con i suoi Partner artistici – MASI Lugano, LuganoInScena e LuganoMusica – il LAC darà vita a un’intensa programmazione di quattro mesi pensati per soddisfare la curiosità e gli interessi di un pubblico eclettico lungo un viaggio affascinante alla scoperta del mito e della cultura indiana.

Highlights
Arte | Danza | Musica | Cinema
Focus India: Arte
Tra le diverse anime portanti di Focus India, l’arte è in primo piano con la grande mostra Sulle vie dell’illuminazione. Il mito dell’India nella cultura occidentale 1808-2017, in programma dal 24 settembre 2017 al 21 gennaio 2018. L’esposizione si estende su due piani del museo, offrendo uno sguardo ampio e diversificato sul modo in cui, dall’inizio dell’Ottocento ad oggi, la realtà indiana – con le sue tradizioni, religioni, paesaggi, culture e forme artistiche – ha affascinato in maniera crescente il mondo occidentale. Non tanto l’India in se stessa quindi, ma l’influenza che essa ha profondamente esercitato sulla cultura e l’arte internazionale. È questo il tema centrale, che si sviluppa lungo il percorso espositivo attraverso una molteplicità di materiali e opere, dalla letteratura di Schopenhauer ed Hermann Hesse, alla fotografia di reportage di Henri Cartier Bresson, dall’avanguardia artistica di Le Corbusier e Alexander Calder all’arte contemporanea di Francesco Clemente, Luigi Ontani, Robert Rauschenberg, Damien Hirst, Maurizio Cattelan e Thomas Ruff, dalla fotografia contemporanea di Sabastião Salgado, Ferdinando Scianna, Steve McCurry e Martin Parr a cinesti come Roberto Rossellini e Louis Malle, fino agli stessi Beatles per la musica.
LAC
Lugano Arte e Cultura Piazza Bernardino Luini 6 CH-6901 Lugano
+41(0)58 866 4200 info@luganolac.ch www.luganolac.ch
1/3



Focus India: Danza

Una delle massime espressioni della cultura indiana è da sempre la danza, che al LAC vede esibirsi l’11 novembre una protagonista d’eccezione, Shantala Shivalingappa, tra le maggiori interpreti contemporanee del Kuchipudi, uno dei sette stili di danza classica indiana.

Il 16 dicembre è invece il momento di Rising, lo spettacolo con coreografie di Russell Maliphant, Sidi Larbi Cherakoui e Akram Kahn, e l’interpretazione di Aakash Odedra, ballerino e coreografo inglese di origine indiana, tra i più richiesti e premiati internazionalmente, il cui stile è un perfetto mix tra la danza classica tradizionale indiana e le più interessanti forme di danza contemporanea.

Focus India: Musica

La rassegna dedicata alla grande tradizione musicale indiana vede come momento clou l’appuntamento del 18 novembre con Nishat Khan, un riferimento mondiale per il sitar. Grazie alla sua tecnica straordinaria, oltre che alla profondità e complessità del suo linguaggio musicale, Nishat Khan ha collaborato con Philip Glass e John McLaughlin ed è stato invitato a suonare con altri mostri sacri delle corde come Eric Clapton e Carlos Santana. Diversi e con svariati approcci gli appuntamenti con la musica, disciplina che insieme alla mostra apre Focus India con un doppio evento il 23 e il 24 settembre: un percorso musicale e performativo dedicato alla scoperta delle connessioni e delle influenze che la musica indiana ha esercitato su quella occidentale, a partire dall’ambito classico per arrivare a quello pop contemporaneo. Durante i tre programmi previsti in settembre e dicembre (il 15) si ascolteranno in diverse postazioni dislocate sui tre livelli della Hall tablas, sintetizzatori, violini e sassofoni, loop machines, sitar, … con anche alcuni interventi di danza. Non mancherà un excursus nel mondo dell’elettronica e di Bollywood in un evento dedicato – India/MOVEMENTS – la notte del 4 novembre nel quale la Hall si trasformerà in un “Bollywood Club” londinese.

Focus India: Cinema

Le affinità elettive. Il cinema e le altre arti è il titolo della rassegna cinematografica, curata dal critico, produttore e direttore di festival Marco Müller, che indagherà i numerosi e mutevoli aspetti del continente indiano attraverso la settima arte. 20 programmi dal 9 novembre al 5 dicembre con diverse proiezioni al giorno, ospiti e tavole rotonde permetteranno di esplorare un continente di “scambi di senso” ancora ignoto in Europa: il rapporto fra il cinema modernista e quello visionario dell’India contemporanea e i linguaggi espressivi della tradizione. Un ciclo di film sulle arti visive, l’architettura, la musica, il teatro e la danza con opere che coprono il periodo 1948-2017, alcune delle quali rimaste inedite fuori dall’India oppure dimorate invisibili per vent’anni, restaurate e sottotitolate in inglese, per l’occasione.

Rendez-vous

Workshop | Conferenze | Letture | Atelier creativi | Yoga
Accanto agli highlights, il progetto Focus India propone una serie di appuntamenti aperti a tutti che guideranno il pubblico alla scoperta delle diverse e affascinanti sfaccettature della cultura indiana. Le attività variano per temi e formati: conferenze, atelier per i più giovani, concerti gratuiti, master class con gli artisti presenti, sessioni di yoga, letture e workshop approfondiranno aspetti quali la “danza narrativa indiana”, l’iconografia, la meditazione, la medicina ayurvedica, ecc. Protagonisti saranno relatori di riferimento nei rispettivi campi, tra i quali la Professoressa Urmila Chakraborty, la Professoressa Marilia Albanese, il Dottor Gianluigi Marini, l’artista Roberto Mucchiut, l’attrice/coreografa Lucrezia Maniscotti e tanti altri ancora.

Il programma completo e aggiornato con tutti gli appuntamenti di Focus India è consultabile da settembre sul sito india.laclugano.ch.

LAC
Lugano Arte e Cultura Piazza Bernardino Luini 6 CH-6901 Lugano
+41(0)58 866 4200 info@luganolac.ch www.luganolac.ch
2/3



Informazioni pratiche

Sede:
LAC Lugano Arte e Cultura
Piazza Bernardino Luini 6, 6901 Lugano +41 (0)58 866 4200
www.luganolac.ch
Orari:
Martedì–domenica: 10:00–18:00 Giovedì aperto fino alle 20:00 Lunedì chiuso

LAC Lugano Arte e Cultura

LAC Lugano Arte e Cultura è il nuovo centro culturale della Città di Lugano dove le arti visive, la musica e le arti sceniche interagiscono in un unico spazio: un luogo pensato per vivere al meglio l’arte in ogni sua forma. Il LAC è concepito come uno spazio dinamico, aperto sulla città e sul lago. Il nuovo cuore pulsante di Lugano, crocevia culturale tra il nord e il sud dell’Europa. Sposano e sostengono l’ambizioso progetto Credit Suisse e UBS, partner principali del LAC.

LAC
Lugano Arte e Cultura Piazza Bernardino Luini 6 CH-6901 Lugano
+41(0)58 866 4200 info@luganolac.ch www.luganolac.ch

Cambiamenti climatici – Intervenire subito

“Cambiamenti climatici, intervenire subito … le leggi fisiche non perdonano, non aspettano i nostri indugi … “; lo ha detto il famoso divulgatore scientifico

Luca Mercalli *.

I dati scientifici incontestabili:

– i ghiacciai delle Api si sono dimezzati in un secolo

– nel medesimo periodo il mare è salito di 20 cm.

– in Europa, stiamo vivendo frequenti ondate di calore mai registrati in tempi così brevi

Ognuno degli eventi di cui sopra, causa a cascata, gravi alterazioni degli ecosistemi.

ALCUNI EFFETTI:

temperature altissime, terreni secchi e poi piogge devastanti

l’accelerazione delle temperature si è accentuata velocemente negli ultimi 30 anni

trombe d’aria devastanti dove non se ne erano mai viste di tanta intensità e così frequentemente

il fiume Po ha diminuito enormemente la sua portata di acqua; soprattutto nel periodo estivo

l’acqua per irrigare i campi agricoli è sempre più scarsa

– nuovi parassiti per l’agricoltura

– nuove malattie tropicali anche nelle nostre zone

– nuove e pericolose zanzare che invadono le nostre aree abitative

anche se intervenissimo subito e pesantemente, i risultati si vedrebbero tra 30 anni ( quale politico investe in risultati a 30 anni ?? ).

NEL NORD EUROPA DA MOLTI ANNI, ANCHE A SCUOLA, SI INSEGNA CHE DOBBIAMO IMPARARE A RISPETTARE IL NOSTRO PIANETA

Nel sud Europa ci lamentiamo quando fa caldo, durante le catastrofi, ma nessuno prende provvedimenti seriamente e rapidamente incisivi.

COSA POSSIAMO FARE ?

– in realtà moltissimo

– basterebbe solo modificare, anche di poco, le nostre abitudini

– usare l’acqua solo per quanto è indispensabile e non lasciarla scorrere senza usarla

– usare in dosi minori ogni tipo di detergente: dagli sciampo ai detersivi per la biancheria (le dosi consigliate sono sempre eccessive), NON USARE MAI GLI AMMORBIDENTI (scrub gratuito quotidiano e la vostra pelle è più morbida)

– mangiare MENO CARNE, BASTA RIDURRE, ANCHE DI POCO, LA QUANTITA’ CONSUMATA DA TUTTI E I RISULTATI SAREBBERO ENORMI !

– introdurre nell’alimentazione cibi economici e sani come lenticchie, ceci ecc…

– mangiare MENO ed evitare sprechi; fa bene alla salute

– dividere seriamente l’ immondizia e limitare l’uso di contenitori di plastica e le plastiche in generale

– non usare mille prodotti per pulire la casa, non serve disinfettare (anzi favorisce le allergie), basta pulire bene con semplici prodotti come acqua e aceto, acqua e bicarbonato, detersivi che dichiarano di essere ecologici, ammoniaca e acqua …

– non indossare indumenti aderenti in tessuti sintetici, molto economici e quindi sospetti; che passano sostanze nocive all’interno del nostro corpo

-comprare solo quello che serve e, se possibile, di buona qualità

* L’intera intervista a Luca Mercalli al link: www.slowfood.it (11.9.17)

 

Lago di Como eventi – Fiori e piante spontanee nell’erbario – Villa Carlotta

I colori del bosco.
Fiori e piante spontanee nell’erbario Fabani
Villa Carlotta
16 settembre -5 novembre 2017

In occasione del Novantesimo anniversario, Villa Carlotta – (www.villacarlotta.it) – bene demaniale dello Stato Italiano gestito e valorizzato dall’Ente Villa Carlotta – ospita la mostra I colori del bosco. Fiori ed erbe spontanee nell’erbario Fabani, realizzata in collaborazione con la Fondazione Centro Rusca e curata da Augusto Pirola, professore emerito di Botanica presso Università degli studi di Pavia.

Recentemente studiato e digitalizzato, l’erbario Fabani è composto da circa 3000 tavole di piante e fiori raccolte tra il 1907 e il 1938 dal medico Giuseppe Fabani nel territorio comasco, valtellinese ed elvetico.

L’erbario è organizzato in 25 cartelle e dotato di un indice manoscritto e ogni tavola presenta un ricco cartiglio dove viene data scrupolosa indicazione della famiglia, della specie, del determinatore, della data e del luogo di raccolta (con le caratteristiche del terreno), del periodo di fioritura ed infine delle proprietà officinali.

Per la realizzazione della mostra sono state selezionate 60 tavole attraverso le quali si intende illustrare la composizione del bosco tipico delle aree prealpine della Provincia di Como, individuando alcune specie che colonizzano le fasce caratterizzanti questo tipo di ambiente da un punto di vista fitosociologico.

Le tavole in mostra sono suddivise in diverse sezioni in base all’ambiente naturale di provenienza: il sottobosco, il mantello e il margine. Il visitatore ha così modo di scoprire quanto influiscono luce e tipologia del terreno sulla crescita delle singole specie. Viene inoltre costruito un legame tra le specie illustrate nelle tavole e analoghi campioni o collezioni presenti in vivo presso le collezioni di Villa Carlotta, creando un rimando a piante vive e invitando quindi i visitatori a ritrovarle negli ambienti naturali. Una ulteriore sezione è dedicata alle specie usate dalla popolazione a scopo alimentare e officinale.

I pannelli esplicativi realizzati per la mostra spiegano inoltre l’importanza degli erbari storici nello studio della biodiversità e introducono al pubblico dei visitatori la figura di Giuseppe Fabani, medico condotto di Cernobbio, appassionato di botanica.

In occasione della mostra, Villa Carlotta ha altresì attivato una collaborazione con il Giardino alpino della Valcava di Madesimo e con lo chef pasticcere Stefano Franzi che il giorno dell’inaugurazione illustreranno al pubblico come riconoscere le erbe spontanee che possono essere utilizzate in cucina e come ottenerne gustosi piatti. L’attività verrà riproposta alle famiglie e alle scolaresche durante il periodo di apertura della mostra. Dal progetto è nato anche un piccolo ricettario che il pubblico troverà in mostra e potrà portare a casa per sperimentare in prima persona la cucina con le erbe spontanee.

Giuseppe Fabani, figlio di Luigi e Rosa Nessi, nasce a Como, nella parrocchia di San Donnino, il 18 maggio 1861. Frequenta a Milano il Liceo Beccaria dove emerge subito la sua passione e la sua predisposizione per la storia naturale. Nel 1880 si iscrive alla Facoltà di medicina e chirurgia dell’Università di Pavia. Il primo anno accademico frequenta le lezioni di botanica del comasco Santo Garovaglia (1805-1882), oltre ai corsi di anatomia umana, fisica, zoologia, protistologia, mineralogia e antropologia con altri docenti dai nomi illustri. Trasferitosi a Palermo per il servizio militare, si laurea nel capoluogo siciliano nel 1889. L’ anno successivo, rientra a Como e diviene medico condotto di Cernobbio. L’11 ottobre 1893 sposa a Milano, nella parrocchia di S. Giorgio al Palazzo, Maria Gorla. Nel 1909, nonostante le richieste di ripensamento da parte della Giunta municipale e dei suoi assistiti, improvvisamente presenta le dimissioni adducendo motivi personali, non documentati ma probabilmente dovuti a problemi di salute suoi o della moglie.
Gli ultimi anni della sua vita furono interamente dedicati alla raccolta di piante e fiori per l’erbario, a cominciare da quelle che incontrava sulla strada di casa fino ad arrivare al Monte Spluga, al Lago Ritom (Canton Ticino) e alla Val Brembana. Muore all’Ospedale Valduce di Como il 6 giugno 1939 ed è sepolto al Cimitero Monumentale di Como nella tomba di famiglia.

La Fondazione -Centro studi “Nicolò Rusca” onlus costituita nel 2003 e con sede a Como, cura la conservazione e la valorizzazione del patrimonio documentale e librario dell’Archivio storico della diocesi di Como e della Biblioteca del seminario vescovile, nonché –tramite l’Ufficio inventariazione beni culturali ecclesiastici –la catalogazione del patrimonio artistico conservato presso le parrocchie diocesane. Tra i materiali conservati al centro studi vi è l’erbario di Giuseppe Fabani (1861-1939), medico condotto di Cernobbio. L’erbario conserva in 25 cartelle circa 3000 tavole di piante e fiori essiccati raccolti tra il 190’7 e il 1938 nel territorio comasco e valtellinese.

Ente Villa Carlotta di Tremezzina (CO) La villa venne realizzata alla fine del ‘600 in una bellissima conca naturale del lago di Como, nel XIX secolo la famiglia Sommariva la trasformò in una delle più belle e prestigiose dimore del territorio, ricca di opere d’arte di Antonio Canova, Bertel Thorvaldsen, Francesco Hayez e con un invidiabile parco romantico. Dal 1927 viene gestita da un ente privato, dopo la requisizione da parte dello Stato Italiano all’ultima famiglia proprietaria, i Sassonia Meiningen. L’Ente Villa Carlotta, dopo 90 anni, continua nel suo lavoro di conservazione e miglioramento del bene, che è oggi è una struttura museale riconosciuta, dove le storiche collezioni artistiche e il fantastico giardino botanico con centinaia di specie si offrono al vasto pubblico internazionale.

I colori del bosco. Fiori ed erbe spontanee nell’erbario Fabani

Sede Villa Carlotta, Via Regina, 2 – 22016 Tremezzina – Loc. Tremezzo, Como – www.villacarlatta.it tel. (+39) 0344 40405 segreteria@villacarlotta.it
Periodo 16 settembre – 5 novembre 2017
Curatela Prof. Augusto Pirola professore emerito, cattedra di Botanica, Università degli studi di Pavia
Fondazione –Centro studi “Nicolò Rusca” onlus di Comodon Agostino Clerici, Direttore – dott.ssa Francesca Ferraris, Bibliotecaria
Ente Villa Carlottadott.ssa Maria Angela Previtera, Direttore – dott. Ssa Mara Sugni Responsabile dei Servizi Educativi e dei

Orari FINO AL 1 OTTOBRE
APERTURA: 9.00-19.30 (chiusura biglietteria ore 18.30) (chiusura museo ore 18.30)

DAL 2 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE
APERTURA: 09.30 – 17.00 (chiusura biglietteria ore 16.00)

Biglietto comprensivo di visita alla Villa e ai giardini
Adulto € 10,00
Over 65 € 8,00 (con carta di identità)
Studente € 5,00 (da 6 a 26 anni con tesserino scolastico/universitario)
Bambini (da 0 a 5 anni) Ingresso gratuito
Famiglia (2 adulti + bambini da 6 a 18 anni): € 20,00
Comitive oltre 20 persone € 8,00
Scolaresche oltre 20 persone € 4,00

Orchidee e orchimania – Continuiamo ad aggiungere foto delle orchidee più rare di FLORMART

Tra poco pubblicheremo nuove foto di orchidee rare

Alliceara-Peggy-Ruth-Carpenter-Mornig-Joy-

Cattaleya-aclandiae

Vanda-luzconica
Vanda-Pescama-x-Risri-Gold-alba
Miltonia-regnellii-
Zygopetalum-Ibrido

Vanda-Rhynchostiylis-gigantea-x-vanda-tesselata
Ascocenda-ibrido.

Renanthera-imschootiana

 

Panama: rara orchidea Dracula Vampira

Dovreste viaggiare per tutti i giardini botanici del mondo e, forse, non riuscireste a vedere tutte le rarissime orchidee che trovate alla fiera di Padova !

68/a edizione di Flormart

 

ORCHIDEE A FLORMART – Orchidee stupende

Viaggio in Equador per vedere le sue 4.200 specie di orchidee.

Abbiamo visitato la 68a edizione di FLORMART a Padova; 21 – 23 settembre 2017 e ne siamo usciti entusiasti.

Per nostro interesse personale ci siamo occupati soprattutto del reparto orchidee; anche se gli altri erano certamente molto interessanti.

Ad attirare la nostra attenzione è stato il simposio con la presenza di alcuni dei massimi esperti di orchidee al mondo.

L’organizzazione di Flormart, per il settore orchidee, comprendeva la partecipazione di:

Federazione Italiana Orchidee con Associazione Trentina Orchidee, e Amici Orchidee Altoatesini

https://www.federazioneitalianaorchidee.it/ ; segreteria: segreteriafio@gmail.com

http://www.associazionetrentinorchidee.com/

http://www.freundederorchideen.com/home-it.html

Da questa edizione di Flormart, parte una programmazione decennale; specifica per le orchidee.

Cosa ci ha interessato di più ?

Dopo la conferenza e i numeri ascoltati, abbiamo deciso di programmare un viaggio in Equador (abbiamo appena visitato la famosa Finca Dracula a Panama; 2450 specie diverse di orchidee nella zona).
Vedi filmato sulla Finca Dracula: https://www.youtube.com/watch?v=WQpC3CB3MgY

L’Equador offre ben 4.200 specie di orchidee (molte endemiche).

E’ possibile partecipare ad una visita delle orchidee nella foresta utilizzando delle jeep; quindi niente fatiche fisiche, adatto a tutti.

Si potrà anche entrare nella foresta confinante del Venezuela.

Vedi tutto su: www.ecuagenera.com
Ecuagenera Cia. Ltda. Ochidee dell’Equador.

TOUR in occasione della conferenza internazionale – 8 al 12 novembre 2017:
12 giorni e 11 notti, da 1.800 dollari, compresi transfer hotel, cibo e bibite non alcoliche, acqua, trasporto, guida. Non è compreso l’albergo a Guadalquivir.

QUANDO PARTIRE ?

I mesi migliori comprendono gennaio – giugno (il viaggio in jeep da marzo a luglio). Ma anche altri mesi offrono differenti e specifiche fioriture.

Dall’8 al 12 novembre 2017, a Guadalquivir, Equador

SE VOLETE CONOSCERE LE ORCHIDEE ITALIANE:

Appuntamento a Osoppo (30 km. a nord di Udine)

OSOPPO LA CITTA’ DELLE ORCHIDEE

Sono ben 30 le specie di orchidee che potete incontrare camminando nella zona di Osoppo.

Si tratta di orchidee spontanee, facilmente accessibili.

La fioritura va, principalmente, da aprile a giugno.

Le bellissime orchidee selvatiche si incontrano camminando nei seguenti luoghi: il Forte, nel Parco del Tagliamento, nel Rivellino e lungo il percorso CAI.

Da Osoppo passa anche la famosa pista ciclabile che arriva dall’Austria; Ciclovia Alpe Adria.

Festa delle orchidee: 3o fine settimana di maggio di ogni anno.
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

I NUMERI DI FLORMART 2017

Nuova proprietà, nuove idee: società GEO spa; Luca Griggio a.d.

A Flormart 2017, erano presenti 316 espositori; provenienti da 15 Paesi diversi.

Un appuntamento con una marcia in più.

Dalle nuove pareti tutte rivestite di piante, alle rose più rare, alle piante verdi, senza tralasciare tutto il resto del settore; piante fruttifere comprese.

La manifestazione ha presentato anche numerosi dibattiti, incontri, start up e altro, con la presenza di molti ospiti internazionali.

 

Cultura a Venezia – 5 film ingresso libero – PALAZZO GRASSI 22 – 23 settembre 2017

 Ingresso libero sino a esaurimento posti
TEATRINO DI PALAZZO GRASSI
22 – 23 settembre 2017
 Heidi Bucher e Gordon Matta-Clark
in scena al Teatrino
 
Cinque proiezioni di film d’artista
in collaborazione con lagalleria ALMA ZEVI.
Heidi Bucher working in the Borg, Zurich (circa 1977).  Courtesy The Heidi Bucher Estate
  Venerdì 22 settembre, dalle ore 18.30  
 
. Sabato 23 settembre, ore 10.00, 13.00, 14.30, 16.00, 17.30
 
 
Film proiettati:
Le prison, Le Landeron(1985, 4’02”) diHeidi Bucher
Räume sind Hüllen, sind Häute(1981, 33’36’’) di Heidi Bucher
Splitting(1974, 10’50”, muto) di Gordon Matta-Clark
Bingo/Ninths(1974, 9’40”, muto) diGordon Matta-Clark
Substrait (Underground Dailies)(1976, 30′, sonoro) diGordon Matta-Clark
 
 Ingresso libero sino a esaurimento posti.
 
In occasione dell’opening di FLOORS, bipersonale di Heidi Bucher (1926 – 1993) e Gordon Matta-Clark (1943 – 1978) presentata dalla galleria ALMA ZEVI di Venezia da sabato 23 settembre a giovedì 21 dicembre, il Teatrino di Palazzo Grassi ospita Venerdì 22 e sabato 23 settembre la proiezione di una selezione di cinque film firmati dai due artisti.
Le pellicole: Le prison, Le Landeron(1985, 4’02”), Räume sind Hüllen, sind Häute(1981, 33’36’’) di Heidi Bucher eSplitting (1974, 10’50”, muto), Bingo/Ninths(1974, 9’40”, muto), Substrait (Underground Dailies) (1976, 30′, sonoro) di Gordon Matta-Clark andranno in scena in sequenza dalle 18.30, venerdì 22 settembre e dalle 10.00 alle 17.30, sabato 23 settembre.
Accumunati dal difficile percorso artistico e dalla costante indipendenza intellettuale, sia la svizzera Bucher – ingiustamente oscurata in vita dal marito, l’artista Carl Bucher – che l’americano Matta-Clark hanno a lungo riflettuto sulla messa in discussione dell’architettura come spazio prestabilito, rendendola un qualcosa di estremamente fluido, un concetto manipolabile sulla base delle interazioni che essa esercita sull’essere umano.
 
Tutti gli appuntamenti del Teatrino sono comunicati e costantemente aggiornati sul sito di Palazzo Grassi alla voce “calendario”.

Cultura gratuita a Milano – Programma Politecnico di Milano settembre 2017

Desideriamo segnalare alcuni dei prossimi eventi organizzati dal Politecnico di Milano nel mese di settembre 2017 e un’anticipazione di ottobre:

Per i visitatori di ogni età interessati al mondo dell’Ingegneria Elettrica, Automatica, Bioingegneria, Informatica, Elettronica e delle Telecomunicazioni e alle loro applicazioni.

Esperimenti in piazza e un Computer Science Village con dimostrazioni informatiche.

Talk e viste guidate alla scoperta del lavoro svolto nei laboratori di ricerca scientifica del Politecnico di Milano.
Per dettagli e iscrizioni agli eventi, vi invitiamo a visitare il sito www.eventi.polimi.it

We wish to point out some of the upcoming events organized by the Politecnico di Milano in the month of September 2017, and an October anticipation:

ICT4ALL Saturday, October 7th
For visitors of all ages interested in the world of Electrical Engineering, Automation, Bioengineering, Computing, Electronics and Telecommunications and their applications.
Experiments in Piazza Leonardo da Vinci and a Computer Science Village with demo.
Talks and guided tours to discover the research laboratories work of the Politecnico di Milano.
For details and event registration, please visit the site.

Concerto Paolo Fresu & Gianluca Petrella
20 settembre
Politecnico di Milano, Piazza Leonardo da Vinci
Boom | Gli oggetti del miracolo economico tra vita, passione e lavoro. Con letture di Fabrizio Gifuni
28 settembre
Politecnico di Milano, Aula De Donato

MOSTRE

EXHIBITIONS

O. M. UNGERS. Progetti programmatici
Fino al 29 settembre
Politecnico di Milano, Archivi Storici
Valentino Parmiani. Paesaggi di Architettura
Dal 19 settembre al 13 ottobre
Politecnico di Milano, Spazio Mostre Guido Nardi

SEMINARI
E CONVEGNI

SEMINARS
AND CONFERENCE

Thermophysical Property Research at NIST
20 settembre
Politecnico di Milano, Sala Consiglio DAER
La salute inizia dalla tavola
21 settembre
Politecnico di Milano – Auditorium

Per il ciclo Arte e scienza
Maurizio Nichetti e Luigi Bellavita
2 ottobre
Politecnico di Milano, Aula Castiglioni
Luca Missoni e Alba Cappellieri
4 ottobre
Politecnico di Milano, Aula Castiglioni
The demand for mobility and system integration
Incontro con R. Mazzoncini  AD del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane
22 settembre
Politecnico di Milano, aula L12
La mobilità nel turismo e nel tempo libero. Esperienze internazionali, nazionali, regionali
22 settembre
Politecnico di Milano, Aula Gamma
Nuove prospettive per l’impiantistica energetica
28 settembre
Politecnico di Milano, Aula Carassa Dadda
La lunga percorrenza passeggeri: mercato, pianificazione e innovazione
28 e 29 settembre
Politecnico di Milano
MEETmeTONIGHT 2017
29 e 30 settembre
Giardini Pubblici “Indro Montanelli”
Premio Ambrogio Lorenzetti per il buon governo d’impresa
2 ottobre
Politecnico di Milano, Aula Carassa Dadda

INQUINAMENTO E SALUTE

Tanta confusione, come è già accaduto negli Stati Uniti.

Basta guardare quanto si deposita su di una auto non lavata ! Tutto questo arriva nei nostri polmoni.

I CASI DI CANCRO AUMENTANO EPPURE DIMINUISCONO I FUNATORI .. !!! CIO’ VUOL DIRE CHE L’INQUINAMENTO E I VELENI CHE EMETTONO LE AUTO, VEDI ANCHE SCANDALO VOLKSWAGHEN … del quale nessuno più parla .., SIANO  UNA REALTA’ INNEGABILE !

I titoli dei giornali sono diversi secondo l’orientamento politico !

SI PENSA ALLA PROPRIA IDEOLOGIA POLITICA , INVECE DI AVERE COME OBBIETTIVO IL BENE DEI CITTADINI.

E’ evidente a tutti che un tasso di inquinamento alto, a causa del traffico (lo abbiamo visto e sentito, con il naso, tutti nei giorni precedenti il Natale caratterizzati da un’enorme traffico cittadino), DANNEGGIA LA NOSTRA SALUTE E ANCORA DI PIU’ QUELLA DEI BAMBINI.

LE POLVERI SOTTILI PASSANO DIRETTAMENTE NEL SANGUE, con tutti i loro veleni !

Quanto sopra è sostenuto dai più autorevoli medici specialisti.

L’EUROPA NON FAREBBE LEGGI ANTI SMOG SE NON CI FOSSERO DELLE SERIE MOTIVAZIONI.

Basta mettere un tessuto bianco fuori da una finestra vicino al traffico ed ecco che intuiamo cosa entra nei nostri polmoni.

Eppure c’e’ ancora chi fa dell’inquinamento un problema politico !

Gli alberi aiutano ad eliminare lo smog, lo sostengono tutti gli scienziati indipendenti di tutto il mondo; l’ Amazzonia è universalmente conosciuta come IL POLMONE DLE MONDO !

Certo non sono pochi alberi, un bosco in più o meno, che possano migliorare l’impressionante inquinamento delle grandi città ! Questo lo capisce anche un bambino, soprattutto in inverno quando non ci sono le foglie che trasformano l’anidride carbonica in ossigeno ed assorbono moltissimi veleni!!!

Vedi informazioni sugli effetti del traffico sulla salute, anche dei bambini, al  link :

http://www.donnecultura.eu/?p=27511

 ——

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

3 ottobre il termine per iscriversi al Premio GammaDonna

PER GIOVANI DONNE IMPRENDITRICI

Prorogato fino al 3 ottobre il termine per iscriversi al Premio GammaDonna, riconoscimento all’imprenditoria innovativa di donne e giovani

Tra le novità dell’edizione 2017, il QVC Next Award per il prodotto più innovativo

Torino, 20 settembre 2017Soft skill come antidoto alla robotizzazione. Di fronte alla prospettiva – tracciata dal rapporto McKinsey sull’automazione dello scorso maggio – di vedere fagocitati nell’immediato 1,2 miliardi di posto di lavoro, una delle risposte forti possibili sta nella capacità delle imprese di mettere a capitale il fattore umano. Creatività, intelligenza emotiva e relazionale, capacità di analisi critica come di acquisizione di nuove conoscenze e nuove competenze: in una parola re-skilling.

C’è chi si muove già in questa direzione: a queste imprese, e a quella parte tra loro guidata da donne e giovani, è rivolto il 9° Premio GammaDonna, che da 14 anni premia storie di innovazione poco conosciute e le porta alla ribalta.

Il Premio si rivolge a imprenditrici di ogni età e a giovani imprenditori under 35 che si siano distinti per aver introdotto innovazioni all’interno della propria azienda, costituita non dopo il 31 dicembre 2014. Piccole imprese che hanno saputo adattarsi con successo alle nuove e mutevoli esigenze del mercato, adottando gli strumenti tecnologici a disposizione e sperimentando attività, ruoli e modelli organizzativi nuovi.

Tutte le candidature ritenute idonee avranno uno spazio sulla piattaforma GammaDonna (www.gammaforum.it) che, dal 2004, racconta e diffonde storie di innovazione, leadership, visione. Una rosa di 6 finaliste aprirà il GammaForum – Forum Nazionale dell’Imprenditoria Femminile e Giovanile, in programma il prossimo 16 Novembre a Milano con il titolo “Intelligenze e competenze nuove per fare impresa nell’era digitale”.  Una giuria formata da personaggi di spicco del mondo dell’impresa, del venture capital e dell’innovazione digitale[1] decreterà il vincitore del Premio GammaDonna, chiarendo le proprie scelte durante un dibattito aperto. In palio, un Master della 24Ore Business School, un percorso d’incubazione in Polihub – Politecnico di Milano, sei mesi di mentoring affiancati da un manager selezionato ValoreD. Anche quest’anno, tra le candidature sarà assegnato il Giuliana Bertin Communication Award, speciale riconoscimento per eccellenze nel campo della comunicazione on/offline (in premio, un Master della 24Ore Business School).

Tra le novità dell’edizione 2017, il QVC Next Award per il prodotto più innovativo, finalizzato alla semplificazione o al miglioramento della vita quotidiana. L’impresa vincitrice di questo Award si aggiudicherà un percorso di mentoring con un Senior Buyer QVC e l’ammissione all’edizione 2018 del QVC Next Lab, percorso di formazione dedicato a startup al femminile con forte focus sulla fase del go-to-market, promosso dalla piattaforma multimediale di shopping TV, ecommerce e social media QVC. Il Lab nasce a seguito del lancio, nel 2016, del programma QVC Next a sostegno delle imprese appena nate, piccole e medie, con particolare attenzione a quelle femminili.

Candidature entro il 3 ottobre 2017. Info e regolamento sul sito www.gammaforum.it

Il 9° GammaForum – promosso dall’AssociazioneGammaDonna® con il Patrocinio di Regione Lombardia e il contributo di Banca Mediolanum, QVC Italia, Facebook, Studio Torta, IBM e Cisco– sarà una giornata di dibattito e confronto sull’evoluzione necessaria nelle aziende per far fronte alle sfide della quarta rivoluzione industriale, con particolare riferimento al cammino che i piccoli imprenditori dovranno intraprendere per guidare questo processo e al contributo che donne e giovani sono in grado di fornire. Sarà un’occasione per stimolare il pensiero, ispirare l’azione, ma anche per ampliare la propria rete di relazioni di affari, nel cuore della business community italiana.                                                                            

[1]LA GIURIA 2017:Presidente: Mariarita Costanza, Co-Founder e CTO Macnil Gruppo Zucchetti; Marina Cima, rappresentante Federmanager Minerva Nazionale; Gianluca Dettori, Executive Chairman Primomiglio SGR; Alessandro Enginoli, Vice Presidente Assolombarda; Riccardo Luna, Direttore Agenzia Italia; Stefano Mainetti, CEO Polihub – Startup, District & Incubator; Sandra Mori, Presidente ValoreD e General Counsel Coca-Cola Europe; Paolo Penati, CEO QVC Italia.

Corsi antiche civiltà a Milano

Accademia delle Antiche Civiltà – Milano

In cammino verso il nuovo anno accademico 2017-2018

I corsi programmati per il prossimo anno accademico

I corsi costano 270 / 380 euro oltre iscrizione per 10 o 15 lezioni. Iscrizione: + 120 euro come quota non soci

Corso civiltà egizia 70 euro

Quota associativa intera per socio ordinario 50 euro.

Con il mese di giugno si è concluso il corrente anno accademico. Il corso che ne ha caratterizzato le attività didattiche per i suoi aspetti innovativi e di ricerca sperimentale è stato quello dal titolo:

“Laboratorio di elamico e antico persiano con prove di ricostruzione testuale a partire da frammenti inediti”

tenuto dal prof. Gian Pietro Basello  docente di elamico all’Università di Napoli.

Il corso si è svolto in collaborazione con il dipartimento di Antichità Orientali del Louvre e con il progetto DARIOSH dell’Università di Napoli.

L’Accademia delle Antiche Civiltà (AdAC) ringrazia la dott.ssa Marielle Pic (direttrice del Dipartimento delle Antichità Orientali, Museo del Louvre), il dott. Julien Cuny (conservatore per le antichità achemenidi, Museo del Louvre),  il prof. Adriano V. Rossi (direttore del progetto DARIOSH, Università “L’Orientale”, Napoli) e naturalmente il prof. Gian Pietro Basello, docente del corso, per aver avuto la possibilità di tenere nella sua sede di Milano questo corso innovativo su frammenti inediti del Louvre e si augura che anche con il prossimo anno accademico questa esperienza possa avere un seguito.

SEDE :

Per informazioni telefoniche: cell.  335 5419687
cell. 333 9725757  cell. 338 4493020 

Milano – Via Gherardini – MM 1 e 2: fermata Cadorna Triennale

 tram n.1( da Piazza Cadorna):  fermata Arco della Pace .

I corsi programmati per il prossimo anno accademico

( nella seconda parte del notiziario saranno presentati  gli altri corsi che completano la nostra proposta culturale)

Tutti i corsi inizieranno a gennaio 2018: sono aperte le iscrizioni, scrivere a info@antichecivilta.it .

Laboratorio di elamico e antico persiano con prove di ricostruzione testuale a partire da frammenti inediti.

Dal frammento al testo II:
la Casa delle Colonne e l’Apadana di Susa nelle iscrizione reali achemenidi.

Il corso si presenta come un laboratorio epigrafico che offre la possibilità di lavorare su frammenti inediti, messi a disposizione dei partecipanti in foto ad alta risoluzione grazie alla collaborazione tra il Dipartimento delle Antichità Orientali del Louvre, il Progetto DARIOSH e l’Accademia delle Antiche Civiltà.

I frammenti, ritrovati a Susa (La più longeva sede reale dell’iran sud-occidentale, nota anche dalla Bibbia) nei primi decenni del 1900, appartengono a diversi esemplari delle iscrizioni achemenidi DSd e A2Sa, originariamente scolpite su basi di colonna. Ambedue le iscrizioni fanno riferimento alla costruzione di edifici da parte dei sovrani achemenidi, rispettivamente Dario 1(521-486 a.C.) e Artaserse Il (404-359 a.C.). Tra gli edifici menzionati c’è la Casa (o Palazzo) delle Colonne, evidentemente caratterizzata da vasti ambienti colonnati, e l’Apadana, un termine antico-persiano oggi comunemente usato per indicare due grandi sale ipostile messe in luce a Susa e Persepoli.

L’analisi morfologica, sintattica e lessicale verrà svolta in un’ottica interlinguistica confrontando in particolare i testi in babilonese ed elamico.

La corretta lettura e identificazione dei frammenti porterà a nuove ricostruzioni di dettaglio del testo originario.

Attraverso questo lavoro sarà possibile individuare joins (ricongiungimenti) tra frammenti, aiutando gli esperti di restauro del Louvre nella ricomposizione dei vari esemplari. L’associazione di queste iscrizioni con i resti di palazzi achemenidi individuati a Susa sarà discussa nel corso del laboratorio attraverso l’analisi di rapporti di scavo, planimetrie e fotografie.

Il corso prosegue e completa l’esperienza del laboratorio di epigrafìa achemenide

Dal frammento al testo tenuto all’Accademia delle Antiche Civiltà nell’anno accademico 2016-2017, in cui sono stati analizzati i testi in antico-persiano ed elamico di DSd e in elamico di A2Sa.

La partecipazione al precedente laboratorio non è un requisito in quanto i testi babilonesi saranno affrontati dal principio.

Le lezioni presuppongono una conoscenza di base di babilonese ed elamico, tuttavia anche chi ne è sprovvisto potrà fruire delle parti pratiche fin da subito e imparare gradualmente gli aspetti linguistici, svolgendo un minimo di studio individuale con il supporto del docente (disponibile anche tramite posta elettronica e twitter.corn/elamici).

docente: prof. Gian Pietro BASELLO
Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”
In collaborazione con il  Dipartimento di Antichità Orientali del LOUVRE e il progetto DARIOSH / ISMEO .

Corso di storia e archeologia del
Vicino Oriente antico

La storia delle scoperte archeologiche nel Vicino Oriente antico

La storia dell’archeologia orientale è una storia abbastanza recente che nasce e si sviluppa nell’arco degli ultimi due secoli. Seguiremo i suoi sviluppi, dai primi resoconti dei viaggiatori seicenteschi, ai primi esordi degli scavatori di Ninive, Babilonia e Persepoli, con uno sguardo anche alle scoperte di Troia e Cnosso, per poi passare agli scavi sistematici di Hattusa, Ebla, Mari, Ugarit e Megiddo, solo per indicare alcune delle città più conosciute.

Durante il corso si prenderà in esame la storia delle indagini archeologiche nel Vicino Oriente significativa delle avventure e dell’intraprendenze dei primi pionieri, dei problemi che essi affrontarono, dei metodi di scavo che gli archeologi applicarono e dei forti condizionamenti politici che determinarono nell’esplorazione delle lunghe pause, proficue intensificazioni e ancora oggi regioni inaccessibili.

docente: d.ssa Elena Asero
Accademia delle Antiche Civiltà

Investitura di Zimri-Lim, affresco – Palazzo Reale di Mari – Museo del Louvre

Il corso di ittitologia

tra le lingue e le culture anatoliche del II millennio a.C., si afferma prepotentemente quella ittita: una popolazione di caratteristiche indoeuropee che per prima fissò la sua lingua su tavolette d’argilla in caratteri cuneiformi. L”Accademia delle Antiche Civiltà propone per il prossimo anno accademico un interessante corso volto all’apprendimento delle strutture fondamentali della lingua su documenti originali.
continua la lettura
Argomento del corso:
Inni e preghiere dei sovrani ittiti per apprendere la prima lingua indoeuropea scritta in caratteri cuneiformi.

“Tra le tante tavolette scoperte presso il sito della capitale ittita Hattusa, vi è una serie molto interessante e utile per comprendere il pensiero religioso degli Ittiti: le preghiere, pronunciate dai sovrani in varie occasioni. L’analisi di queste preghiere infatti permette di entrare in qualche modo nell’anima di un individuo antico, della sua ricerca del bene, del suo senso di precarietà, insomma dell’essere UOMO.
D’altra parte, la struttura grammaticale di questa tipologia testuale ne fa uno strumento ideale per approfondire la conoscenza della lingua”.

docente: Prof.ssa  Marie-Claude Trémouille

emerita di culture anatoliche del Consiglio Nazionale delle Ricerche

Rricostruzione dell’acropoli di Hattusa

Il  Corso di lingua e cultura ACCADICA :

“Accadico” è il termine con cui si designa la lingua semitica degli antichi abitanti della Mesopotamia (corrispondente pressappoco all’attuale Iraq) tra la fine del III e la fine del I millennio a. C. Infatti, le due diramazioni più importanti dell’accadico sono l’assiro e il babilonese, parlati dalle due omonime popolazioni semitiche.

Accadico 1: argomento del corso*

 La morte di Enkidu (Gilgameš tavole VII e VIII)

L’episodio della morte di Enkidu rappresenta un momento chiave del poema epico di Gilgameš. Idealmente è il punto di svolta della narrazione, in cui si svela la debolezza dell’eroe urukita e la presa di coscienza della sua mortalità e limitatezza, dopo che nella prima parte  della narrazione erano emerse prevalentemente le sue qualità di sovrano e guerriero pressoché invincibile. Immediatamente dopo il rituale funebre – esemplare di altri mesopotamici – Gilgameš comincerà il suo cammino alla ricerca dell’immortalità e verso il raggiungimento della saggezza.

*(gli iscritti al corso di cultura potranno usufruire del corso “lezioni di grammatica accadica”).

docente: dr. Salvatore Viaggio
Accademia delle Antiche Civiltà

Corso di cultura del vicino oriente ellenizzato

La rivolta giudaica del 135 d.C con lettura di documenti ebraici e greci

Laharut Yerushalaim per la liberazione di Gerusalemme: la rivolta di Bar Kokhba nel 135 e le reazioni del governo romano e dell’imperatore Adriano. Questa rivolta che accese parte del Mediterraneo orientale fu un combattimento per la gehulah, la ‘redenzione’ di Israele. Il corso verterà sull’esame delle fonti greche ed ebraiche (monete, lettere, papiri) naturalmente con l’ausilio di una traduzione italiana riportabili a questa terribile guerra che ancora parla e innalza interrogativi per gli uomini del 2017: fondamentalismo zelota o spirito ellenico erodiano? Si cambia religione, non i dilemmi.

Tetradramma d’argento della rivolta ebraica, raffigurante il Tempio e l’Arca dell’Alleanza all’interno.

docente: dr. Stefano Fumagalli
Accademia delle Antiche Civiltà

Introduzione alla lingua egizia e alla scrittura geroglifica

Il corso introduttivo allo studio della “lingua egizia” si prefigge di fornire le strutture morfologiche-sintattiche dell’egiziano secondo un’interpretazione critica attuale.
La lingua egizia può essere distinta in due grandi periodi, a loro volta suddivisi in sotto-periodi: l’egiziano, che all’inizio del III millennio a.C. diede origine alla scrittura, ed il neoegiziano, che subentrò verso la seconda metà del II millennio a.C. Noi ci occuperemo del primo, in particolare di quella fase nota come Medio Egiziano, la cosiddetta lingua classica, che segna la fioritura di una raffinata letteratura riconducibile al Primo Periodo Intermedio e al Medio Regno (2150-1780 a.C.).
Il corso s’incentrerà sulla lingua espressa dalla grafia classica geroglifica, ovvero la lingua sacra, in contrapposizione a quella utilitaria, lo ieratico, caratterizzato da forme non figurate dei segni- di natura essenzialmente corsiva.
Verranno presi in considerazione l’origine, il contenuto figurativo, l’evoluzione grafica, i suoni e le funzioni delle diverse categorie di segni geroglifici, a cui si accompagnerà la lettura di brevi frasi, man mano sempre più articolate, tratte da opere originali.

docente: dr. Ruggero Pucci
Accademia delle Antiche Civiltà

AI SOCI, AGLI AMICI E AI SIMPATIZZANTI
 
Rinnovate la quota sociale annuale* SE SIETE SOCI oppure aderite all’associazione se non lo siete: il vostro contributo è fondamentale per continuare questa avventura culturale che non ha riscontri nel tessuto culturale milanese e lombardo. Ma soprattutto per consolidare questa scuola universitaria di alta specializzazione iscrivetevi numerosi ai corsi proposti unico modo per rendere sostenibile la loro attivazione!!!.
vai alla pagina specifica del sito: www.antichecivilta.it

CHI E’ IN GRADO DI FARLO E VUOLE SUPPORTARE, OLTRE  ALLA QUOTA SOCIALE, LE ATTIVITA’ CULTURALI DELL’ ACCADEMIA delle ANTICHE CIVILTA’,
ASSOCIAZIONE SENZA FINI DI LUCRO,
PUO’ FARE UNA  DONAZIONE DIVENTANDO
SOCIO BENEMERITO.

Si ricorda che la quota sociale annuale scade con il 31 Ottobre prossimo. Si ricorda inoltre che essere in regola con il versamento della quota sociale dà diritto all’iscrizione gratuita ai seminari che saranno programmati nel prossimo anno accademico.

* La quota annuale ordinaria di associazione è sempre di
€ 50.
I versamenti vanno effettuati sul cc/p con IBAN:
IT58M0760101600001002010591
Intestato a:  Accademia delle Antiche

Lago di Como – ORTICOLARIO 2017 LIBRARSI VERSO LA LUNA

LIBRARSI VERSO LA LUNA

Dal 29 settembre al primo ottobre a Villa Erba sul lago di Como, quest’anno anche in versione notturna

 

Nella sempre accogliente casa Ethimo a Milano, Moritz Mantero, fondatore e presidente di Orticolario, svela l’essenza della nona edizione dell’evento culturale dedicato alla passione per il giardino e alle sue capacità di trasmettere emozioni e bellezza.

Dal 29 settembre al primo ottobre a Villa Erba sul lago di Como, quest’anno anche in versione notturna

Librarsi, alleggerirsi, andare oltre. Oltre i confini del giardinaggio, oltre quei rami del lago di Como, oltre la Terra. Fino sulla luna, per guardare il nostro pianeta da lassù. Liberi di superare i confini della forma e dello spazio. Questo è il senso di Orticolario 2017: librarsi puntando alla luna”. Con queste parole Moritz Mantero, fondatore e presidente di Orticolario, presenta la nona edizione dell’evento, in programma da venerdì 29 settembre a domenica 1 ottobre nel parco storico di Villa Erba a Cernobbio (CO), villa Ottocentesca affacciata sulle sponde del lago di Como, già dimora del regista Luchino Visconti.

Orticolario 2017 ribadisce la sua identità: dedicato alla passione per il giardino e alle sue capacità di trasmettere emozioni e bellezza, vuole essere un autentico omaggio alla natura attraverso una concezione evoluta di giardino, e offrire al visitatore un percorso sensoriale tra giardinaggio, botanica, paesaggio, arte e design.

Ben definite le sembianze della nona edizione: il titolo è “Librarsi”, il tema è la luna, il fiore protagonista è la Fuchsia.

La Luna, musa ispiratrice di miti e leggende, danza intorno a noi dalla notte dei tempi svelando ai nostri sensi un mondo diverso dal giorno: nel chiarore della sua luce riflessa giardini e boschi si animano di ombre, movimenti, rumori e profumi, le piante si risvegliano, i fiori si schiudono.

La Fuchsia, ballerina da giardino, fiore dalle mille colorazioni e dalle notevoli sfumature sia nei fiori sia nelle foglie, esempio perfetto dell’amore tra l’uomo- giardiniere e la pianta. Già dall’800 la febbre per le fucsie ha portato a cercare nuove varietà fino alle isole più esotiche delle Americhe: guidati dagli astri e anche dalla luna, marinai esperti e impavidi cercatori di piante hanno donato al mondo una primizia per il giardino.

Indissolubilmente legato alla luna è l’ospite d’onore di Orticolario 2017, Gilles Clément, scrittore e paesaggista francese che riceverà il premio “Per un Giardinaggio Evoluto 2017”.

Per celebrare la vita notturna del mondo vegetale e per vivere i giardini sotto altra luce, novità assoluta di questa edizione è l’apertura serale fino a mezzanotte nei giorni di venerdì e sabato 29 e 30 settembre, con un calendario di iniziative ad hoc.

ESSENZA

Essenza di Orticolario:

i giardini allestiti nel parco, ispirati al tema dell’anno e selezionati tramite il concorso internazionale “Spazi Creativi” da una giuria appositamente costituita, composta da membri di diverse nazionalità; il vincitore si aggiudica il premio “La foglia d’oro del Lago di Como”. Come sempre l’evento è arricchito da un’ampia esposizione di piante e fiori (tra cui piante rare, insolite e da collezione) proposti da selezionati vivaisti nazionali e internazionali, oltre che da artigianato artistico, design, installazioni d’arte. Nel tempo, inoltre, il programma di incontri culturali e di laboratori didattico-creativi per i bambini si è molto arricchito ponendo Orticolario come il principale evento dedicato alla cultura del bello. Cultura che partendo dal giardino arriva a coinvolgere tutti gli aspetti dell’uomo e del suo stile di vita. Tra gli argomenti principali spicca, infatti, la promozione della cultura delle api, dell’importanza del loro ruolo in giardino anche in ambito urbano. Api che non solo sono indicatore di biodiversità ma che sono anche tra le principali alleate dell’uomo e del suo benessere.

Informazioni dettagliate sulle proposte e le iniziative di Orticolario 2017 sul sito continuamente aggiornato (e nella app di Orticolario nei prossimi mesi): http://orticolario.it/category/visitatore/

Orticolario, infine, dedica una particolare attenzione alla solidarietà: sin dalla prima edizione, nel corso della tre giorni vengono raccolti contributi poi devoluti ad associazioni del territorio lariano impegnate nel sociale, attive nella realizzazione della manifestazione.

Orticolario 2017 è convenzionato con il FAI – Fondo Ambiente Italiano nazionale e svizzero.

ORTICOLARIO IN NUMERI

25.000 visitatori attesi di cui 3.000 bambini 20% dei visitatori alla prima visita
270 espositori coinvolti
Età di riferimento dei visitatori 35-50 anni

GILLES CLÉMENT, GIARDINIERE PLANETARIO

“È in seguito alla pubblicazione delle prime foto della Terra vista dalla Luna che Gilles Clément cominciò a riflettere sul tema del Giardino Planetario”. L’ispirazione per Orticolario 2017 è nata proprio da questa frase custodita nelle pagine del libro Piccola pedagogia dell’erba. Riflessioni sul Giardino Planetario di Gilles Clément, a cura di Louisa Jones (DeriveApprodi, 2015).

Gilles Clément, la luna, librarsi: tutti elementi di un mosaico in divenire. E Moritz Mantero, con parole emozionate e grate, annuncia la presenza di Gilles Clément a Orticolario 2017: “Mettendoci sulla luna e guardando la terra, Gilles Clément si interrogherà con noi venerdì 29 settembre nel Padiglione Centrale di Villa Erba. L’occasione di avere ospite a Orticolario colui che è considerato un vero maestro per molti miei amici paesaggisti, mi rende orgoglioso e felice”.

In occasione della sua partecipazione, il 29 settembre (alle ore 11) gli verrà assegnato il premio “Per un Giardinaggio Evoluto 2017”, realizzato da Francesco Mazzola di FDM F.lli Mazzola, attribuito lo scorso anno al paesaggista Fernando Caruncho.
Clément proseguirà poi la giornata premiando l’installazione vincitrice del concorso internazionale “Spazi Creativi” e, alle ore 16, parteciperà a un incontro con Marco Martella, scrittore e direttore della rivista francese Jardins. L’incontro sarà introdotto da Moritz Mantero e moderato da Emanuela Rosa-Clot, direttore della rivista Gardenia. La presenza di Gilles Clément a Orticolario 2017 sarà anche l’occasione per vedere un’anteprima del film Gilles Clément – Le jardin en mouvement di Olivier Comte.

CENNI BIOGRAFICI

Gilles Clément è un giardiniere, scrittore di paesaggio, di botanica e di entomologia. Con la sua forza e il suo lavoro ha formato e continua a coltivare le menti di migliaia di persone in tutto il mondo. È nato il 6 ottobre 1943 ad Argenton-sur-Creuse, nel centro della Francia, dove da piccolo guardava il padre e lo zio dare la caccia alle talpe nel giardino di casa. Nel 1977 si è trasferito a Crozant, nel dipartimento della Creuse nel Limousin, in una piccola proprietà nascosta in fondo a una valle, alla quale nel 1991 ha dedicato il libro La Vallée.

Dopo la formazione come ingegnere agricolo (1967) e come paesaggista (1969), si è dedicato alla creazione di parchi, giardini pubblici e spazi privati insegnando all’École Nationale Supérieure de Paysage di Versailles. Ha perseguito il lavoro teorico e pratico in tre aree di ricerca:

Il giardino in movimento, il concetto nato dalla propria esperienza di giardino nella Creuse viene applicato allo spazio pubblico in Francia e all’estero a partire dal 1983. La prima pubblicazione

OSPITE D’ONORE

su questo tema in Francia risale al 1991. La prima realizzazione in uno spazio pubblico avviene nel 1986 al Parc André Citroën di Parigi.
Il giardino planetario, un progetto politico di ecologia umanistica, un concetto portato all’attenzione del pubblico attraverso un romanzo, Thomas e il Voyageur nel 1996 e poi da una grande mostra nella Grande Halle de la Villette nel 1999 oltre che in numerosi studi tra cui Il giardino planetario di Shanghai, la Carta dei paesaggi di Vassivière in Limousin e Il giardino planetario, colloquio di Chateauvallon.

Il terzo paesaggio, concetto sviluppato in occasione di un’analisi del paesaggio nel Limousin, definito come “frammento indeciso del Giardino Planetario” riguarda tutti gli spazi trascurati o non sviluppati considerati da lui come i principali paesi d’asilo per la biodiversità.

BIBLIOGRAFIA ITALIANA

Il giardiniere planetario (22 publishing, 2008) Elogio delle vagabonde (DeriveApprodi, 2010) Piccola pedagogia dell’erba (DeriveApprodi, 2015) Presso Quodlibet sono usciti:

Manifesto del terzo paesaggio, 2005
Il giardino in movimento, 2011
Breve storia del giardino, 2012
Giardini, paesaggi e genio rurale, 2013 Ho costruito una casa da giardiniere, 2014 L’alternativa ambiente, 2015

“SPAZI CREATIVI” NEL PARCO

La cura di ogni singolo dettaglio è un principio imprescindibile per Orticolario. È cuore e testa dell’evento. È quello che si aspettano i visitatori varcando i cancelli del parco: dettagli che nell’insieme inneggiano al bello e all’eleganza. A partire dall’alta qualità delle proposte culinarie del Ristorante Tarantola o dall’installazione realizzata come sempre da Rattiflora all’interno di Villa Erba, quest’anno intitolata “In punta di fucsie”, ballerine dalle fiorite gonne pronte ad accogliere il pubblico.

Ma nell’anima di Orticolario dimora anche la competizione. E anche nel 2017 numerosi progettisti del paesaggio e dei giardini, architetti, designer, artisti e vivaisti hanno partecipato al concorso internazionale “Spazi Creativi”. Gli otto progetti selezionati saranno realizzati nel parco e concorreranno al premio “La foglia d’oro del Lago di Como”, attualmente esposta a Villa Carlotta. Nel 2016 è stato premiato il paesaggista giapponese Satoru Tabata con il giardino Spazio Floema “Vedere con le orecchie, ascoltare con gli occhi”.

Si tratta di spazi originali e innovativi, giardini vivibili e fruibili, rispettosi del “Genius loci” e capaci di svelare ai visitatori ciò che un giardino può raccontare.

I PROGETTI SELEZIONATI

1. Spazio Materia Mista “Che fai tu luna in ciel, dimmi che fai…?”

Progetto di Gheo Clavarino Giardini e Terrazzi . Milano . gheoclavarino.it
Ritrovarsi in un boschetto di bambù e accomodarsi sotto una grande e luminosa luna per contemplarla e domandarsi che fa, lassù in ciel… Circondati dai primi versi della poesia “Canto notturno di un pastore errante nell’Asia” che fra loro si rincorrono.

2. Spazio Archiverde “Moonlight Garden”

Progetto di Leonardo Magatti . Cernobbio (CO) . archiverde.it
Un giardino intuitivo dove le piante diventano protagoniste di un piacevole disordine controllato. Affacciati su uno specchio d’acqua, originali arredi in pietra sono immersi tra fioritura dedicate alla tinta candida della Luna come Aster ‘Monte Cassino’, anemoni ed altre meraviglie in bianco. Un progetto creato ascoltando la “Sonata al chiaro di luna” di Beethoven e unendo la bellezza della melodia a una visione di pace e leggerezza.

3. “Dark Side of the Moon”

Progetto e realizzazione di Rateni Costruzioni . Campobasso . FB: Marco Rateni (Architecture) Una notte di molti anni fa fui svegliato da una canzone. Mio padre fissava l’oscurità, ascoltando

GIARDINI

“The great gig in the sky” e sognava a occhi aperti. Questo progetto, che unisce musica e giardino, vuole riprodurre lo stesso effetto onirico. L’album dei Pink Floyd ispira la scelta delle piante che con le loro naturali fioriture ricreano la policromia del raggio di luce disperso dal prisma della copertina.

4. Spazio Green Bricks “Allunaggio”

Progetto di Monica Botta . Bellinzago Novarese (NO) . monicabotta.com
La luna atterra e su di lei alluniamo.
“Allunaggio” è un quadro di Vassily Kandisky che diventa giardino e nel quale la luna rotola, grande e piena, per riflettere e in cui riflettersi. Lei è crescente e accomodante, ospite di un mondo vegetale trasformato: sbiancato, arrossato, scorticato, cresciuto in verticale.

5. “Profusion”

Progetto e realizzazione di DAMD . Aarhus (Danimarca) . FB: Bob Trempe
Ispirato dal fiore della Fuchsia, “Profusion”, con il movimento a spirale dei petali, forma una serie di cupole sotto le quali sedersi. Così come in natura i petali sono uno accanto all’altro, anche in “Profusion” gli spazi sono vicini e invitano al dialogo tra le persone che vi si accomodano.

6. Spazio Garden Lignano “Ciclicità lunare”

Progetto di Roberto Landello . Lignano Sabbiadoro (UD) . FB: Roberto Landello
Un microcosmo in cui l’osservatore “vola” tra Terra e Luna, portandolo alla riscoperta dei legami che intercorrono tra loro e ricordando l’importanza che il nostro satellite ha sia sulla natura, sia sulla nostra vita, anche come fonte di riflessione del nostro Io. Senza la Luna non ci sarebbe la Terra e senza la Terra non ci saremmo noi. Contrapposte alle fucsie e alle altre perenni dal portamento scomposto, l’eleganza del bosso e del tasso ‘Fastigiata’.

7. Spazio Green Service “Metamorfosi”

Progetto di Il papavero blu . Longone al Segrino (CO) . TW: @robertoducoli
Uno specchio d’acqua a forma di falce di luna, fiori che fioriscono alla sera e altri che sbocciano al mattino, abbracciano un padiglione in cui si osserva il cielo diviso in meridiani e paralleli come se si fosse in un planetario. Al suo interno un’altalena appesa al cielo invita a vedere con lo spirito di un bambino ciò che ci circonda, con occhi nuovi e la meraviglia della scoperta, dando alla luna e alla natura il modo di risvegliare in noi il nostro lato più sensitivo.

8. “Dentro alla Luna”

Progetto e realizzazione di Daniela Piazza . Balerna (Svizzera) . dentroallaluna.tumblr.com Una volta di Lunaria è sospesa tra faggi e fili di seta sopra un parterre circolare di Stipa tenuissima. Ed è ancora la Lunaria, traslucida e argentea, che disegna l’invito verso una presenza calda e sensuale: un fiore di Fuchsia. Una grande scultura di maglia sospesa al centro della volta, evocatrice di un immaginario esotico, che nel cuore racchiude una luce, una lanterna luminescente.

Oltre a “La foglia d’oro del Lago di Como”, la giuria assegnerà anche altri premi: premio “Empatia” per uno spazio che racconta, comunica ed emoziona; premio “Stampa” per l’innovazione dei materiali e l’ecosostenibilità; premio “Arte” per uno spazio in cui convive l’equilibrio fra arte e natura, dove diversi linguaggi trovano efficace sintesi; premio “Grandi Giardini Italiani” per uno spazio di luci e forme che comunica tradizione e innovazione; premio “Essenza” per lo spazio che meglio ha saputo cogliere il tema dell’edizione; oltre al premio “Visitatori” per il giardino o l’installazione artistica votata dal pubblico.

TUTTI AL “LUNA-PARK”

Il padiglione centrale è la piazza di Orticolario, dove l’evento ha inizio e dove tutti passano. Per il terzo anno sarà allestito da Vittorio Peretto, paesaggista socio fondatore di Hortensia Garden Designers, che ha accettato in modo creativo la sfida lanciata da Moritz Mantero, con un uso geniale della materia umana e vegetale che, come il giorno e la notte, si confrontano e si alternano in un gioco eterno.

Così, partendo dal tema dell’anno, la luna, Peretto, in collaborazione con gli studenti della Fondazione Minoprio e con il sostegno di Brianza Design, trasformerà il padiglione centrale di Orticolario 2017 in “Luna-Park”.

Un piccolo passo per l’uomo, un grande passo per l’umanità, ed eccoci sulla Luna di Orticolario! L’ironia è parte centrale di questo progetto, quindi, sorridendo scopriamolo: la fisionomia dell’allestimento nel suo complesso è semplice, tonda come la luna e come il padiglione centrale. Dei raggi cosmici interrompono il disegno puntando direttamente agli accessi dei corridoi.

Un “cratere centrale” ospita lo spazio per concerti e conferenze, sovrastato da uno Sputnik, vero pioniere dell’avventura spaziale umana. Attorno al cratere centrale, una cintura di Cedrus atlantica ‘columnaris’ rappresenta i missili in partenza. Motori accesi che sbuffano vapori e fiamme di Thuya plicata ‘whipcord’, Carex e Imperata cylindrica ‘red baron’. A terra, lapillo vulcanico per dare l’idea del calore sprigionato dalle roventi partenze.

Tutto intorno si estende la superficie lunare, caratterizzata dai crateri piccoli e grandi, ricavati nella pietra pomice e cosparsi di ampolle di vetro, espressamente riferite al viaggio di Astolfo sulla Luna, secondo il racconto di Ludovico Ariosto nell’Orlando furioso. Astolfo, paladino di Carlo Magno, desideroso di rendere il senno perduto all’amico Orlando si avventura in un viaggio sulla Luna a cavallo dell’Ippogrifo. Astolfo, raggiunta la luna trova, racchiuso in ampolle sparse sulla superficie, il campionario di tutto ciò che gli uomini hanno perso sulla Terra. Trova così le ricchezze e le glorie dei Regni perduti, i sospiri e le lacrime degli innamorati, il tempo perso e i sogni infranti, i progetti mai realizzati e la fama, i tumulti e le grida, ma anche il senno degli uomini. Tra queste, il coraggioso Astolfo, trova anche l’ampolla con il senno di Orlando, e nota con sagacia che essa era più pesante di quanto potesse sembrare. Guardando le ampolle di Orticolario 2017, cerchiamo anche qualcosa di nostro. E osservando con attenzione potremo anche riconoscere le impronte lasciate sul suolo lunare da Neil Armstrong il 21 luglio 1969 alle ore 02:56.

Il racconto delle fasi lunari, che si susseguono senza fine, avviene nelle otto Lune vegetali disposte con regolarità nella fascia più esterna dell’allestimento. Le fasi scure sono di Ophiopogon

PADIGLIONE CENTRALE

planiscapus nigrescens, Heuchera micrantha ‘Palace purple’, Sedum sunsparkler ‘Blue Pearl’ e Tradescantia pallida ‘purpurea’ accolte in lapillo vulcanico scuro. Per le fasi chiare, troviamo: Dichondra argentea ‘silver falls’, Convolvulus cneorum, Acorus gramineus ‘variegatus’ e Senecio candicans ‘Angel wings’, con pietra pomice chiara.

In traiettorie improbabili, quanto impazzite, 20 vettori intergalattici orientati in tutti i modi, precipitano dal soffitto. Un vero Luna-Park o un Parco Lunare.

Inoltre, in occasione della prima apertura notturna di Orticolario, il padiglione centrale sarà teatro di “Una sera al Luna Park”, evento in programma venerdì 29 settembre dalle ore 19 alle 24. Nel corso della serata si terrà anche il concerto “Outside the moon” a cura del gruppo strumentale AB Quartet.

OLTRE IL GIARDINO, SENZA CONFINI

Orticolario è sempre più orientato verso l’arte e il design. Numerosi gli artisti e i designer che espongono nelle varie aree interessate dall’evento: nei sotterranei di Villa Erba, nelle ali del centro espositivo, nel parco. Qui di seguito gli artisti e i designer coinvolti nella nona edizione. Informazioni dettagliate sul sito http://orticolario.it/

ARTE

Arte con Dario Ghibaudo e il “Museo di Storia Innaturale” – Nei sotterranei della Villa Antica museodistoriainnaturale.com
L’arte di Ghibaudo analizza il rapporto tra uomo e natura, dove l’influenza dell’uno può far soccombere l’altra e viceversa. Un ambiguo rapporto sul quale l’artista imposta la selezione delle sue opere per Orticolario 2017: esemplari unici modellati in porcellana che rappresentano il percorso evolutivo più breve che separa l’uomo dalle altre creature.

Arte con Roberto Visani e “Genesi” – Nei sotterranei della Villa Antica
robertovisani.it
L’universo millimetrico dei semi che gli occhi dell’artista osservano e che le sue mani, la sua ricerca, la sua passione interpretano, rendendolo a noi visibile. Sculture in bronzo, pietra e terracotta. Fra le opere, l’artista presenta a Orticolario tre nuovi semi: Medicago in bronzo lucidato a specchio, Aristolochia odoratissima in onice, e “My Love”, un seme di Halicacabum cardiospermum in bronzo bianco patinato.

Arte con Giovanni Tamburelli e “La pelle della Luna” – Nel Parco, Laghetto delle carpe giovannitamburelli.it
“La pelle della Luna” è l’opera inedita di Giovanni Tamburelli per Orticolario 2017. Ferro, alluminio, bronzo dalle superfici materiche, forgiate dal fuoco. Quell’antico fuoco che ha plasmato la Luna prima ancora che fosse Luna.

Arte con Stefano Prina e “Alta marea” – Nel Parco, Golfo platani
stefanoprina.com
Una chance alla natura, al mondo degli oceani, dove le acque danzano con la Luna. L’artista e architetto Stefano Prina immagina e crea l’installazione “Alta marea”: sospesi nel colonnato naturale dei platani secolari di Villa Erba, grandi capodogli e megattere in legno.

ARTE E DESIGN

Mostra fotografica “Contemplation of Nature” di Paolo Pagani – Ala Lario, Serra Platani paolopagani.com
L’idea della mostra nasce dal desiderio di rappresentare il mondo vegetale e la sua capacità di emozionare attraverso la fotografia. Un’esposizione di 34 fotografie in bianco e nero in vari formati suddivisa in due parti: la prima propone una serie di opere in un gioco visivo in cui la figura umana e gli elementi botanici interagiscono fino a fondersi tra loro, una metamorfosi dove la fotografia non rappresenta la realtà ma entra in un mondo totalmente immaginato; la seconda parte, ispirata dall’opera del grande artista Botanico Karl Blossfeld, è una vera e propria contemplazione della natura in macrofotografia.

DESIGN
Orticolario si espande: nascono gli spazi “DehOr. Design your horizon” in cui il design convive e dialoga con la natura. Un invito a ri-disegnare il nostro personale orizzonte. Il progetto coinvolge numerosi designer e dà vita ad aree espositive e di relax che diventano una vera e propria mostra di idee e di oggetti di design in linea con lo spirito di Orticolario.
Partecipano a DehOr: Ethimo, Green Design, Hortensia Garden Designers, Marco Gaviraghi Calloni, Riva 1920, Studio Zero, Tillandsia, UN pizzo.

DI GIORNO E DI NOTTE

Un ampio programma tra sperimentazioni, incontri, attività, presentazioni di libri, show floreali e dimostrazioni botaniche, spettacoli, performance e il “Cinesalotto” nei sotterranei della Villa Antica con la proiezione di cortometraggi e lungometraggi sulla natura. Si tratta di incontri unici nel loro genere: pur essendo tenuti da illustri esperti del settore ed eccellendo nel livello tecnico- scientifico, si caratterizzano per l’approccio non accademico, bensì passionale ed emotivo, un approccio che invita a “leggere” le storie dietro alle foglie.

TRA GLI OSPITI, OLTRE A GILLES CLÉMENT
Adriano Gaspani, archeoastronomo
Eva Boasso, naturalista, ricercatrice ed esperta collezionista di ortensie, autrice di libri
Patrizia Ianne, biologa, docente in corsi specialistici per floricoltori, collezionista e ibridatrice di fucsie Claudia Zanfi, storica dell’arte e appassionata di giardini
Conapi, Consorzio Nazionale Apicoltori, la più importante cooperativa di apicoltori in Italia e una delle più autorevoli al mondo
Roberto Ferrari, entomologo, lavora come ricercatore nel settore della lotta biologica, esperto di malattie delle piante ornamentali
Giorgio Baracani, perito agrario, apicultore autodidatta e nomade per la produzione di miele Maurizio Gallo, apicultore d’esperienza
Judith Baehner, progetta straordinarie green experiences ed è redattrice e stylist
Pietro Testori, medico ed esperto conoscitore della vegetazione del territorio comense e della sua storia
Valerio Gaeti, scultore
Clark Anthony Lawrence, giardiniere per caso e per passione

Prossimamente online il programma completo.

APPUNTAMENTI

ORTICOLARIO COLTIVA PICCOLI GIARDINIERI

Trasmettere l’amore e il rispetto per la natura ai più piccoli. Un vero impegno per Orticolario, che sin dall’esordio, nel 2009, ha sempre dedicato progetti e spazi per i giardinieri del futuro. E anche la nona edizione, in programma da venerdì 29 settembre a domenica 1 ottobre a Villa Erba, a Cernobbio sul lago di Como, sarà arricchita da un programma ad hoc.

Il venerdì, come di consueto, sarà dedicato alle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie del territorio lombardo: seguendo un itinerario ludico-didattico ideato appositamente per l’occasione, gli alunni toccheranno con mano cosa significhi pensare, progettare e realizzare un giardino, e si immergeranno completamente nel mondo della natura, avvicinandosi alle sue regole e alle sue caratteristiche. Basti dire che per venerdì 29 settembre 2017 sono attesi circa 550 tra bambini e ragazzi.

Nei giorni di sabato e domenica, invece, sarà attivo uno spazio nell’Ala Regina dedicato ai bambini dai 3 ai 13 anni in visita con la famiglia, una vera officina creativa dove verranno organizzati laboratori didattico-creativi tematici per far scoprire loro la magia della natura: animatori ed educatori qualificati allieteranno i bambini con attività creative e sensoriali, solleticandone la fantasia e la curiosità, e facendo scoprire quante storie si nascondano dietro le foglie. Come sempre, il ricavato dei laboratori sarà devoluto ad associazioni benefiche del territorio impegnate nel sociale, attive nella realizzazione di Orticolario.

Questo spazio, tra l’altro, consente ai genitori di visitare l’esposizione in autonomia e in tutta tranquillità. Nel 2016 sono stati accolti ben 640 bambini, un numero che fa comprendere il successo dei laboratori di Orticolario.

Il programma è ampio e vario e comprende attività da svolgersi per lo più al coperto: nel complesso i laboratori sono circa una dozzina, ripetuti più volte nel corso dei due giorni. Fil rouge, il legame con la natura. Tra i temi principali, la luna, la Fuchsia e l’importanza delle api e dell’impollinazione, in sintonia con le tematiche portanti della nona edizione. Giusto per fare qualche esempio, sarà possibile effettuare un vero trapianto di Fuchsia o conoscere da vicino le “piante vagabonde” così care all’ospite d’onore dell’edizione 2017, Gilles Clément. Non mancheranno una speciale caccia al tesoro e un’avventurosa arrampicata sugli alberi del parco. Tra i momenti clou anche lo spettacolo di burattini tradizionali a cura del Teatro dei Burattini di Como.

BAMBINI

Infine, come ogni anno, anche nel 2017 sarà allestita la biblioteca dei bambini “Fiori da leggere”, realizzata in collaborazione con la Biblioteca comunale di Brunate, con letture dedicate alla natura: e proprio in questo spazio domenica 1 ottobre, Paola Mascolo presenterà il suo ultimo libro Un bosco di fiabe in tasca, edito da Carthusia e realizzato in collaborazione con ABIO Como Onlus.

Il programma completo sarà presto disponibile online sul sito http://orticolario.it/

INFORMAZIONE PER IL PUBBLICO

I laboratori sono a numero chiuso. La prenotazione online (a partire dall’inizio di settembre fino a giovedì 28 alle ore 20) garantisce il posto e l’accesso alla corsia preferenziale per l’iscrizione, evitando code.

IN MOSTRA ELEGANZA E BELLEZZA

Fin dalla sua prima edizione, nel 2009, Orticolario ha incontrato il favore del pubblico grazie a un grande numero di espositori, ben 161 nel primo anno. Una crescita costante, che ha coinvolto non solo il settore delle piante, ma anche quello dell’artigianato, dell’arte e della ristorazione. Una crescita che ha contribuito a far ottenere a Orticolario la qualifica di Manifestazione Nazionale già dal 2013. La scorsa edizione ha visto la presenza di 270 espositori provenienti da 17 regioni italiane e da nove Paesi d’Europa e del Mondo.

La guida che indica la strada agli espositori è la particolarità delle proposte così come l’assortimento, ma soprattutto la condivisione dello spirito di Orticolario, ossia lavorare per un giardinaggio evoluto.

TRA I PARTECIPANTI
Numerose sono le collezioni presenti a Orticolario, tra cui le ortensie di cui ancora si parla.

Il giardino delle essenze perdute

Marta Stegani ha curato la collezione di Fuchsia rustiche per Orticolario 2017. Un lavoro di ricerca e di coltivazione che Marta compie già da diversi anni e che, approfittando del fatto che la Fuchsia è la pianta di questa edizione, ha voluto condividere con Orticolario. Nei giorni di esposizione sarà possibile acquistare le piante e anche parte della collezione esposta in modo che la febbre per le fucsie sia sempre più contagiosa.

Pepiniere Braun

Il secondo tema di Orticolario 2017 è la luna. E le piante che fioriscono di notte sono state lo spunto per collaborare anche quest’anno con Pepiniere Braun. Un vivaio del Sud della Francia con una grande passione per le liane e le fioriture insolite, spesso scelte tra piante mediterranee. Una grande passione che si trasmette da padre in figlia e che spesso porta a inconsuete scoperte. Quest’anno il contributo della famiglia Braun a Orticolario si incentra sull’Ipomoea alba, una pianta rampicante sempreverde originaria dell’America tropicale dai fiori bianchi e profumati. Fiorisce di notte verso la fine dell’estate attirando insetti notturni e certamente affascinerà anche i “nottambuli” di Orticolario.

Giussani Floricultura

Cecilia da tempo è amica di Orticolario e quest’anno animerà l’ombra del monumentale Ginkgo del parco di Villa Erba con una installazione nuova e creativa. Da sempre la ricerca e la passione

ESPOSITORI

portano Cecilia a viaggiare e a raccontare con i suoi lavori cosa vede con gli occhi della sua fantasia. I lavori, così come i prodotti proposti da Floricoltura Giussani hanno come cifra distintiva il nuovo e l’inconsueto. Semi, cortecce, bucce e contenitori insoliti regalano a Orticolario suggestive emozioni. Quest’anno il parco e la luna ispireranno certamente Cecilia facendoci scoprire un’installazione “stellare”.

Green Service

Nel parco di Villa Erba da due edizioni si muove un ragazzo taciturno ma molto entusiasta. Daniele Spinelli racconta le sue collezioni di piante minime, semplici. Carex e Pennisetum, Andropogon e Salvia. Piante da prateria, da giardino in movimento, le predilette di Gilles Clément. L’ospite d’onore di Orticolario 2017 ci ha insegnato a lasciare che le piante e gli altri elementi del giardino si sviluppino e crescano con i loro modi e tempi. Anche Daniele con grande sensibilità partecipa a Orticolario per portare non solo le sue piante ma il suo modo gentile di prendersi cura di esse.

Artefeltro di Monica Paulon

Chi è l’artigiano e qual è il suo valore? L’arte di usare le mani è uno degli elementi distintivi di Orticolario che vedono nella collaborazione con Monica Paulon il compiersi del rapporto tra arte e giardino. Tra tessuto e natura. Rapporti storici e primordiali che sfociano in vere e proprie opere d’arte che abbracciano la moda e il vivere bene. Come proteggersi poi dai raggi di luna lo si deve chiedere a Monica Paulon.

Agnes Duerrschnabel

È dai paesaggi visti con gli occhi e con il cuore che nascono molti dei lavori di Agnes, tedesca di nascita e comasca di adozione, che da alcuni anni porta la sapienza del cesello a Orticolario. Un lavoro duro e artistico che trasforma la terra in arte. Vasi per contenere fiori, gioielli per abbellire visi, case in ceramica per il ricordo di emozioni e di luoghi conosciuti. Arte e natura fusi come terra e fuoco dove la materia si forma e si trasforma. In questo modo anche Orticolario diventa occasione per mostrare e disegnare il proprio percorso e la propria storia. Agnes è una delle risorse legate al territorio di Orticolario, il lago di Como con le sue forme e la sua gente.

GALP – Galleria La Perla

Capace di fare rete con molti esponenti delle arti figurative, GALP è la galleria d’arte che nel 2016 ha regalato a Orticolario l’installazione “Ritorno alle origini”, curiosi ippopotami nati dalla collaborazione con Deodato Arte. In Ala Lario numerosi oggetti attendono gli ospiti di Orticolario ormai abituati a lasciarsi colpire e stupire. L’elemento artistico è espressione del genio dell’uomo, stesso genio che convince uomini e donne volenterosi a dedicarsi al bello. Per Orticolario aver passato l’orizzonte tra dentro e fuori, tra arte plastica e arte domestica, significa che il giardino sia casa e che nel giardino e dal giardino si trovi pace e giovamento.

COLPO D’OCCHIO ORTICOLARIO 2017

29 settembre – 1 ottobre 2017 Villa Erba, Cernobbio (CO), sul Lago di Como

Orari

Venerdì 29 settembre
ore 9.00 – 24.00 (dalle ore 19.30: no espositori)

Sabato 30 settembre
ore 9.00 – 24.00 (dalle ore 19.30: no espositori)

Domenica 1 ottobre ore 9.00 – 19.00

IL BATTELLO

Un servizio di battelli-navetta gratuiti per e da Villa Erba sarà attivo nelle giornate di sabato 30 settembre e domenica 1 ottobre, con partenza da Como.

INGRESSO

Alle tre biglietterie: Euro 17,00 intero – ridotto e convenzioni Euro 14,00
Euro 15,00 se acquistato online entro le ore 24 del 24.09
Ridotto speciale Euro 12,00 (tutti i giorni a partire dalle ore 17.00 fino alle 24.00) Ingresso fino a 14 anni offerto da Chicco Artsana Group
Bus navetta gratuito dai parcheggi di Cernobbio e Maslianico

Info visitatori:

tel. +39 031 3347503, mail: info@orticolario.it Website: www.orticolario.it
Facebook: http://www.facebook.com/Orticolario
Twitter: http://twitter.com/Orticolario

Pinterest: http://www.pinterest.com/orticolario13
YouTube: Orticolario
Instagram: https://instagram.com/orticolariocomo/
LinkedIn: https://www.linkedin.com/company/orticolario?trk=top_nav_home