Archivi categoria: MOSTRE D’ARTE

mostra d’arte, arte, art, art from Italy,

Arte a Lugano – Dall’ 11 ottobre 2017 – STUDIO DABBENI

AUTUMN 2017

UGO LA PIETRA

TEXTURED FIELD 

Signs and the Urban 1964/1972

Curator Marco Scotini

From 11 October to 9 December 2017

Opening Tuesday, 10 October, from 6 to 8 p.m.

Back to the Future – Artissima 2017

27 museum-quality solo shows dedicated to the rediscovery of the 1980s

curated by Anna Daneri (coordinator), Zasha Colah, Dora Garcia, Chus Martinez

LUCIANO BARTOLINI

STUDIO DABBENI – Stand n.16 Hal GRAY

3 – 5 November 2017

Mercoledì – Venerdì: 10.30 – 12.30 15.00 – 18.30

Sabato: 10.30 – 12.00 15.00 – 17.00

Lunedì – Martedì su appuntamento

Wednesday – Friday: 10.30 – 12.30 15.00 – 18.30

Saturday: 10.30 – 12.00 15.00 – 17.00

Monday – Tuesday by appointment

Arte a Bellano – Legambiente mostra ArteFatti “ Saranno le donne a salvare la terra ” di Chiara Corio

Artefatto – 97 vittime di femminicidio. 24 novembre 2015 Corriere della Sera.

Chiara Corio

photoeditor e artista milanese.

All’inizio di agosto si è tenuta a Bellano, nell’ex Chiesa di S.Nicolao, una mostra dell’artista Chiara Corio interamente dedicata alle donne.

Chi è Chiara Corio ?

Chiara Corio è un’artista che lavora con intelligenza e ironia; anche sul tema della violenza contro le donne.

La sua arte è fatta di  ritagli di giornali, collage, disegni e oggetti riciclati. Una donna che si occupa attivamente del mondo al femminile e delle sue problematiche.

La sua prima mostra al link: http://www.mybesthalf.eu

ARTE A MILANO ORA E’ A LAMBRATE – GALLERIE E NON SOLO

LAMBRATE CUORE DELL’ARTE A MILANO COME A BERLINO ! ”

” MADE IN LAMBRATE ”  E’ UN’ASSOCIAZIONE DI VARIE REALTA’, CULTURALI-ARTISTICO-COMMERCIALI, DELLA ZONA CHE SI PRESENTA SUL WEB COME:

un laboratorio aperto ad essere contaminato, senza mai perdere la propria identità, un luogo dove lavorare e non dormire… Made in Lambrate è un progetto sano e lungimirante per un quartiere che vive, crea e produce 365 giorni l’anno.

Con un obiettivo dichiarato: far rinascere definitivamente Lambrate, a Milano, in Italia e nel mondo come quartiere della creatività applicata al business e del business applicato alla creatività, zona del sapere fare, luogo del lavoro che fa bene.

—-

E’ stata una donna: Francesca Minini a credere nello sviluppo dell’arte a Lambrate e ha fatto centro.

Francesca Minini, 41 anni, bresciana ha, da 10 anni,   la sua galleria a Lambrate in via Massimiliano 25.

Francesca Minini è figlia d’arte, suo padre era gallerista, ma ha fatto la sua brava gavetta nei posti che contano: da Barbara Gladstone a New York alla famosissima Lisson Gallery di Londra.

Metà degli artisti della sua galleria sono giovani italiani, ma continua a cercare ( fa scouting la sorella Alessandra).

L’orgoglio della Galleria Minini è il fatto che curatori e collezionisti stranieri, quando sono a Milano, non mancano mai un passaggio da Lambrate. E si stratta di grandi nomi: Vicente Todolì, l’art advisor dell’Hangar Bicocca,

Cosa offre oggi Milano?

-materia prima a Brera e al Naba, curatori, riviste, fondazioni, spazi no profit,  gallerie, nuovi collezionisti …

Senza negare le piazze internazionali più famose come Hong Kong, Miami, Basilea, New York …  ora anche Milano ha i suoi spazi e curatori e direttori di musei di chiara fama e che attirano visitatori.

PER AGGIORNAMENTI E APPUNTAMENTI vedi anche http://www.madeinlambrate.com

PROGETTO #LAMBRATE365

 Sabato, 13 Febbraio 2016
SONIDO CLASSICS
Quando: da sabato 13 febbraio alle 18.00 a domenica 14 febbraio alle 6.00
Dove: Via Ventura 6 + Ex Bazzi: via Gaetano Crespi 24

Arte a Milano – Visite guidate gratuite al Museo Poldi Pezzoli

Ingresso ridotto: 7 euro. Visita guidata gratuita.

Ad agosto il Museo organizza due visite guidate gratuite alle collezioni per tutti i visitatori, che per l’occasione hanno diritto al biglietto di ingresso ridotto (7 euro anziché 10).

Giovedì 17 agosto alle ore 11.00 è in programma il primo appuntamento alla scoperta della mostra I tappeti persiani del Museo Poldi Pezzoli e delle collezioni.

Prossimo appuntamento: giovedì 31 agosto, ore 11.00

Didascalia immagine:

Museo Poldi Pezzoli, visita alla collezione di tappeti persiani

© Roberta De Palo

____________________________________

Fondazione Artistica Poldi Pezzoli «Onlus»
Museo: Via A. Manzoni, 12 – 20121 Milano
Centralino: 02 45473800
Fax: 02 45473811  www.museopoldipezzoli.it
P.IVA 04265690158  CF  80068270158
Orari apertura museo: 
da mercoledì a lunedì ore 10.00 – 18.00 orario continuato. MARTEDI’ CHIUSO.

Seguici su
Follow us on
Facebook: Museo Poldi Pezzoli
Twitter: @PoldiPezzoli

 

Eventi d’ agosto a Venezia – PALAZZO GRASSI e PUNTA DELLA DOGANA

AGOSTO 2017
PALAZZO GRASSI e PUNTA DELLA DOGANA
 
Estate al museo!
Una nuova collaborazione con Ca’ Pesaro
e tante attività per chi trascorrerà agosto in città.
 
Andromeda and the Sea Monster: tra le opere più fotografate e condivise sui social.
Palazzo Grassi – Punta della Dogana propone molteplici iniziative per affrontare questa estate: laboratori, visite guidate, accessi gratuiti per i residenti, assistenza alla fruizione del percorso espositivo e una nuova importante collaborazione avviata con Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro.
In occasione delle esposizioni di due tra i massimi rappresentanti dell’arte contemporanea inglese – Damien Hirst con Treasures from the Wreck of the Unbelievable (visitabile sino al 3 dicembre 2017) a cura di Elena Geuna che per la prima volta occupa entrambe le sedi espositive della Pinault Collection, e David Hockney, con David Hockney. 82 ritratti e una natura morta (visitabile sino al 22 ottobre), presso la Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro – i due musei veneziani propongono un biglietto speciale a tariffa ridotta dedicato ai rispettivi pubblici.
 
Mediatori culturali accompagnano i visitatori alla scoperta della mostra
La mostra Treasures from the Wreck of the Unbelievable rimarrà aperta tutti i giorni, tranne il martedì, dalle 10 alle 19 (ultimo ingresso alle 18). Ogni mercoledì l’ingresso alla mostra è gratuito per i residenti nella città di Venezia, su presentazione della carta d’identità, e per gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Venezia, IUAV e Ca’ Foscari, su presentazione del tesserino universitario.
I mediatori culturali, studenti formati dal team curatoriale del museo e dai loro docenti del dipartimento di Filosofia e Beni culturali di Ca’ Foscari saranno a disposizione dei visitatori per assisterli durante la visita.
 A udioguida da scaricare con il Wi-fi gratuito
Per chi preferisce scoprire il percorso espositivo, l’ audio-guida di Treasures from the Wreck of the Unbelievable è a disposizione del pubblico che potrà scaricarla gratuitamente grazie al wi-fi gratuito attivo nelle sale di Palazzo Grassi e Punta della Dogana.
 Laboratori per bambini ogni sabato pomeriggio su prenotazione
Proseguono i laboratori per i più piccoli: tutti i sabati del mese a Palazzo Grassi alle ore 17, i bimbi tra i 5 e gli 11 anni potranno prendere parte a Agosto come antichità.
Tutte le attività sono supportate dalla presenza di un operatore di lingua LIS, dunque accessibili anche a non udenti.
1 atelier: 8€, carnet 5 atelier: 35€.
Per info e prenotazioni: t. 041 2401373 (dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 18), education@palazzograssi.it.
Visite gratuite il sabato pomeriggio durante tutta l’estate e il mercoledì ingressi gratuiti
per i residenti a Venezia e attività per i Members
Continuano anche le visite guidate gratuite alla mostra ogni sabato del mese con partenza alle ore 15 dal Punta della Dogana e 17 da Palazzo Grassi.
Tutti gli appuntamenti del Teatrino sono comunicati e costantemente aggiornati sul sito di Palazzo Grassi alla voce “calendario”.
 

Arte a Milano entrata gratuita 9 agosto 2017 dalle 10.00 alle 18.00

GIORNATA A INGRESSO GRATUITO

AL MUSEO POLDI PEZZOLI

 Mercoledì 9 agosto, dalle 10.00 alle 18.00, la casa museo di via Manzoni offre l’ingresso gratuito per tutti coloro che rimangono in città e per i turisti che desiderano visitare il Museo.

Un’occasione per scoprire i capolavori della collezione permanente e la mostra temporanea I tappeti persiani del Museo Poldi Pezzoli.

Non le solite vacanze – Viaggiare anche per l’arte …

Per chi non si accontenta delle “solite” vacanze, ecco alcune proposte davvero speciali, dove la straordinarietà è data dai luoghi ma anche da ciò che quei luoghi offrono in questi mesi.

Cominciamo dalla vicina Svizzera, ed esattamente da Verbier, nel cuore delle Alpi. In questo affascinante ambiente il (bel) mondo internazionale si da appuntamento per il grande Festival musicale: 56 concerti, Master class & una amplissima programmazione Off. Ancora per pochissimi giorni, visto che il Festival 2017 si conclude il 6 agosto.

Molto più intima, ma non per questo meno affascinante, la proposta di visita ai sette Sacri Monti del Piemonte, Patrimonio Unesco. Immerse nel silenzio di grandi boschi, queste sette “città del sacro” vigilano dalle alture su cui vennero innalzate a partire dal ‘400. Lungo i sentieri che conducono ai grandi Santuari, non case ma cappelle. A popolare queste città non sono uomini ma statue: migliaia e migliaia per ricreare, nel silenzio delle montagne, le grandi storie sacre.

Nel cuore di un’’altra terra mitica, la Val d’’Orcia, ecco Pienza, città ideale del Rinascimento. D’estate Pienza diventa luogo di incontri per un turismo di qualità proveniente da tutto il mondo. Quest’anno Pienza offre, tra le molte altre attività di rilievo (basti citare le proposte del Teatro Povero di Monticchiello), anche una sezione della grande mostra sul Seicento Senese. Le altre due sezioni sono a Montepulciano e San Quirico d’Orcia.

Pistoia, infine, è Capitale italiana della Cultura. Alle attrattività storiche della città, al suo essere epicentro dell’’immenso “giardino” creato dal polo vivaistico pistoiese, in questi mesi si unisce la possibilità di scoprire la città e il territorio sulle orme di Marino Marini, scultore cui, a partire dal 16 settembre, sarà dedicata a Palazzo Fabroni una grande retrospettiva. Epicentro di questi itinerari, Palazzo del Tau, sede del Museo e della Fondazione dedicata al protagonista della scultura europea del Novecento.

Dal sacro al profano, con un soggiorno nelle Alte Terre del Prosecco, tra Valdobbiadene e Conegliano, dove le vigne del celeberrimo vino modellano colline punteggiate da castelli, monasteri, antichi borghi. Un territorio, quello delle Alte Terre del Prosecco, candidato a Patrimonio dell’Umanità. E cosa di meglio, nella calura di quest’estate, di un fresco bicchiere di Prosecco doc, centellinato là dove quel vino nasce?

Al di qua della frontiera, sul Lago Maggiore, ecco i “Paradisi Borromeo”: la Rocca di Angera, sul versante lombardo, e le mitiche Isola Bella e Isola Madre. Sintesi, uniche al mondo, di arte, natura, bellezza. Qui alla attrattività delle fioriture estive, al piacere di entrare in ambienti da sogno, si aggiunge una importante novità: la proposta di “Week end da Principi”, per vivere, all’Isola Bella, l’’emozione di sentirsi Principi almeno per un momento della propria vita.

Arte a Torino – Hiroshi Sugimoto

Hiroshi-SugimotoVilla-Mazzacorati-
Hiroshi-Sugimoto-Villa-Mazzacorati-Bologna-2015-Le-notti-bianche-

HIROSHI SUGIMOTO

ALLA FONDAZIONE SANDRETTO RE REBAUDENGO

“Le Notti Bianche”

personale dell’artista giapponese Hiroshi Sugimoto

A cura di: Filippo Maggia e Irene Calderoni.

Nuova serie fotografica, dedicata ai teatri storici italiani, che prosegue questo tipo di  ricerca tematica del maestro.

La produzione fotografica di Hiroshi Sugimoto è un’esplorazione del rapporto fra tempo e spazio, ma soprattutto si riferisce alla percezione che l’umanità ha  di questa relazione.

La serie inedita di 20 opere presentata a Torino è stata interamente realizzata in Italia.

Teatri fotografati:

Teatro dei Rinnovati, Siena; il Teatro dei Rozzi, Siena; il Teatro Scientifico del Bibiena, Mantova; il Teatro Comunale di Ferrara; il Teatro Olimpico, Vicenza; Villa Mazzacorrati, Bologna; il Teatro Goldoni, Bagnacavallo; il Teatro Comunale Masini, Faenza; il Teatro all’Antica, Sabbioneta; il Teatro Sociale, Bergamo; il Teatro Farnese, Parma; il Teatro Carignano, Torino e altri.

Orario: giovedì dalle 20 alle 23 (ingresso libero); venerdì, sabato e domenica dalle 12 alle 19. Chiuso dal 7 al 25 agosto.

Ingresso: intero 5 euro; ridotto 3 euro;

gratuito con Abbonamento Musei. Info: 011.3797600 – www.fsrr.org

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::

HIROSHI SUGIMOTO

PREZZI:

Record d’asta dell’artista: 1,888.000 dollari.

I suoi lavori partono da circa 10.000 dollari.

Arte a Rovereto – Un’eterna bellezza. Il canone classico nell’arte italiana del primo Novecento

Alberto-Savinio-Tombeau-dun-roi-maure-1929

Mart Rovereto

02 LUGLIO 2017 / 05 NOVEMBRE 2017
Al Mart di Rovereto la grande e attesa mostra dedicata a uno dei momenti più ricchi dell’arte italiana del Novecento.
In collaborazione con Fundación MAPFRE, Madrid.
Dopo la Prima Guerra Mondiale, in un clima europeo di ritorno all’ordine, si affermano le ricerche e i movimenti quali: Metafisica, “Valori Plastici”, Novecento italiano e  Realismo magico.
Capolavori assoluti del primo Novecento per Un’eterna bellezza, che propone un percorso tra le opere dei maestri dell’arte italiana, articolato in sette sezioni:
Metafisica del tempo e dello spazio; Evocazioni dell’antico; Paesaggi; Poesia degli oggetti; Ritorno alla figura. Il ritratto; Il nudo come modello; Le stagioni della vita.
In mostra oltre cento opere di:
Carrà, Casorati, de Chirico, de Pisis, Savinio, Severini, Sironi ma anche Bucci, Cagnaccio, Donghi, Dudreville, Funi, Malerba, Martini, Marussig, Oppi e Wildt.
Rovereto
MART
Orario: 10-18 V 10-21 chiuso L

Arte a Wolfsburg – Op de Beek

Hans-Op-de-Beek-The-settlement-2013

Kunstmuseum – Wolfsburg

Hans Op de Beek. Out of the ordinary.

Sino al 3 settembre 2017

L’atmosfera è la cosa più importante“, ha affermato Hans Op de Beeck. “Dovresti entrare nella stanza e subito sentire un mantello … “.  Cerco di fare l’insolito con le cose ordinarie“.

Tutto è significativo anche la caducità: l’intuizione di Op de Beeck per tutte le sue opere.

Op de Beeck, artista belga, crea sculture realistiche; solo in grigio.

Il fascino seducente di Hans Op de Beeck che non ha bisogno delle 50 sfumature di grigio. Il suo è un grigio uniforme che copre tutte le superfici, ma con un uso sofisticato della luce e delle ombre che sottolineano naturali gradazioni di grigio.

Questo colore, fa sembrare le scenografie congelate o  pietrificate. Come se il tempo si fosse fermato.

www.kunstmuseum-wolburg.de