Archivi categoria: LIBRI

libri, libro, il mio libro, i libri più belli, libri di viaggio, libri di donne,

LIBRI – Un libro da leggere per amare la vita – “ Gratitudine ” – Oliver Sacks

 “… un senso di gratitudine… sono stato un animale pensante su questo pianeta bellissimo ” Garbo e semplicità nel libro

“ Gratitudine ”.

Un’ottimistica lezione di vita.

Scrittore e neurologo in un reparto di ammalati dimenticati da tutti, Oliver Sacks inizia a scrivere con “ Risvegli ”, ma forse il suo più grande capolavoro è l’ultimo libro, scritto quando già sa di dover morire, “ Gratitudine ”.

Un libro da leggere per non avere paura di affrontare i più gravi problemi della vita.

Gli ultimi scritti di Oliver Sacks sono usciti sul New York Times ed hanno il pregio di fare emozionare il lettore; un pregio assai raro.

“ Gratitudine ” è un libro che tutti dovremmo leggere; per imparare ad amare la vita al di là di tutto.

Nel libro Sacks affronta, con unica semplicità e grande garbo, il tema dell’età che avanza, della malattia e della morte, della quale “non può fingere di non averne paura”.

“ Gratitudine ”, di Oliver Sacks, editore Adelphi, 9 euro.

LIBRI – Cercare un senso alla vita ecco cosa ci insegna “ L’Outsaider ” di Colin Wilson

Scava nelle biografie di famosi scrittori, artisti e filosofi, capaci di vedere “troppo e troppo lontano” e cerca una soluzione al conflitto tra società e singolo individuo …

Saggio scritto di getto da Colin Wilson, durante il Natale del 1954;  rifugiandosi nel British Museum per sfuggire al freddo.

La situazione attuale rende, la maggioranza della popolazione mondiale, più povera e infelice; lontana dalla bellezza del vivere,

E’ sempre più necessario accontentarsi di quello che si ha.

Una bella lezione ci arriva dal libro “ L’Outsaider ” ( Lo straniero ) di Colin Wilson.

Solo e squattrinato, Colin Wilson ha 24 anni e vive le sue notti estive in un sacco a pelo per risparmiare poi, ai primi freddi, trova un rifugio diurno nella sala di lettura del British Museum.

Aveva mangiato solo pomodori in scatola nella sua umida stanza a sud di Londra, ma quando arrivò al British Museum iniziò a scrivere quello che diventerà un capolavoro.

Gli eroi di Wilson erano Emma Bovary e i suoi personaggi d’appendice, ma anche eroi estremi come i personaggi di Dostoevskij e Rijke.

Il suo saggio scava nelle biografie di famosi scrittori, artisti e filosofi, capaci di vedere “troppo e troppo lontano” e cerca una soluzione al conflitto tra società e singolo individuo.

Cosa è il nostro vero io? Quale mistero sta dietro quello che percepiamo ?

Il successo del libro fu immediato e Wilson si trovò improvvisamente ricco.

La prima versione di questo libro, in Italia si intitolò “ Lo straniero ”; il titolo originale “ Outsider ” era una parola troppo sconosciuta, all’epoca, per essere utilizzata. Fu pubblicato da Lerici nel 1958.

Oggi “ L’Outsaider ” di Colin Wilson, ha come editore Antartide, 35 euro.

Libro scritto da Marinella Gagliardi Santi – Le allegre messe funebri

 Marinella Gagliardi Santi

Le allegre messe funebri

Marinella Gagliardi Santi è al suo quarto libro

Se il titolo vi lascia perplessi, è perché genera una contraddizione nella vostra mente. I due concetti si scontrano, apparentemente incompatibili. Ci vuole poco, però, per trasformare la dicotomia in ossimoro.

È per capire cosa significhi che servono un bel po’ di pagine.

“Allegre messe funebri”? Possibile? Altroché se è possibile.

Ma non potete rendervene conto fino a quando non conoscerete Emanuele “Lele” Salini, un tornado di grinta, di simpatia e di vitalità imprevedibile. A cosa serve una messa funebre, se non a rivolgere un saluto? E come può essere salutato un uomo così? Con lacrime e disperazio- ne? Meglio con sorrisi e ricordi avventurosi, sono molto più adeguati. Se poi è la penna di Marinella Gagliardi Santi a raccontare quegli stravaganti episodi, allora forse si può rendere giustizia a quell’essenza vitale che palpitava forte nel cuore di Lele. Ed ecco che lo straziante addio che ci si aspetta (a volte quasi si pretende) in una circostanza come questa lascia il posto ad uno stato d’animo decisamente sorprendente nel suo essere in qualche modo sereno… perfino allegro. Ecco, ora che avete capito il titolo, potete smettere di perdere tempo, aprire il libro e iniziare il viaggio. Perché questo libro è un viaggio indimenticabile. Non si parte senza di voi.

Marinella Gagliardi Santi è al suo quarto libro: Milanese di nascita ma ligure d’adozione, dalla passione per il mare e per la navigazione è nato il suo primo libro, autobiografico, Non comprate quella barca, presentato al Salone Nautico di Genova, nonché una collaborazione con il Notiziario della Guardia Costiera tramite i racconti delle sue avventure per mare.

Laureata in lettere classiche e insegnante di liceo, dalla tesi di laurea in epigrafia greca sulla magia, ha tratto ispirazione per il romanzo Defixiones il mistero delle tavolette magiche ed Armando Curcio, ambientato nell’antica Pompei (risultato finalista al Nabokov e secondo al Concorso Priamar di Savona).

È uscito poi il seguito, Defixiones Dimenticare Pompei (ancora edito da Curcio) con i medesimi personaggi coinvolti nel suspense di continui intrighi e colpi di scena sullo sfondo di Ostia, di Roma, della regione colpita dal Vesuvio…

Il romanzo ha vinto il primo premio al Concorso Internazionale Città di Recco, il secondo premio al concorso Priamar dei Lions di Savona, e il quarto (scelto tra 600 autori) con premiazione in Campidoglio da parte dell’Associazione Albero Andronico.

Il suo quarto lavoro, Le allegre messe funebri, è un’opera varia e multiforme, che si differenzia dalle precedenti: è un romanzo, una storia d’avventure e di viaggi, ma anche di momenti di vita familiare, che ha più protagonisti. Uno, in assoluto il più importante, è una personalità ricca di ingegno, forte e fuori dalle righe, presente direttamente o indirettamente per tutta l’opera, ed è l’elemento di fondo, il trait d’union di tutto il libro.

Euro 15,90

Marinella Gagliardi Santi

Le allegre messe funebri

Nuovo libro di Salman Rushdie The Golden House

The Golden House, per ora sarà reperibile a breve, solo in Inghilterra.

Il nuovo libro non è all’ altezza del capolavoro I figli della mezzanotte, ma merita comunque la lettura.

Uno spaccato della storia americana; dalle promesse di Obama, alla vittoria di Trump.

Per capire meglio dove sta andando il mondo.

Sempre interessante  la serie personaggi che affollano il testo, dove si alternano sorprese e vicende collaterali.

La storia è ambientata a New York, ma riprende la storia degli USA degli ultimi otto anni ed è occasione di riflessione sui temi centrali della cultura e politica dei nostri tempi.

Tanti i riferimenti; da La finestra sul cortile, che qui è un elegante giardino per veri ricchi dove si spia il dirimpettaio, alle ricchezze di un  Grande Gatsby, che qui è indiano ma sempre dal passato misterioso.

Eroine che lottano contro il sessismo

Età di lettura. da 12 anni.

Si chiama Fraces Hardinge ed è una delle scrittrici più amate dai ragazzi.

Le sue eroine lottano e vincono contro il sessismo.

In una notte buia la protagonista del libro Triss, cade nell’acqua di un fium. Di quei momenti non ricorda nulla, ma quei minuti passati sott’acqua l’hanno trasformata. La sorellina di nove anni, ora ha paura di lei. Anche i genitori si sono accorti dei cambiamenti nella figlia più grande e bisbigliano di sospetti e misteri.

Intanto Triss ha continuamente fame, una fame insaziabile.

Triss scopre l’esistenza di un cattivo architetto che vive tra il reale e l’Altronde; una dimensione di sole malevole creature …

Una ragazza senza ricordi, Frances Hardinge, Mondadori, 18 euro.

Perché? – Cosa anima la voglia di sapere ?

 Perché vogliamo sapere?

Lo spiega il libro Curiosi

Quando siamo curiosi attiviamo le medesime aree cerebrali della fame; lo dicono le più nuove ricerche scientifiche.

La curiosità, ha guidato il processo dell’evoluzione umana dalle caverne alla conquista della Luna.

Un percorso suggestivo che intreccia la letteratura alla scienza.

Uno dei padri del telescopio Hubble, Mario Livio astrofisico israeliano, in un saggio indaga su cosa alimenti il sapere; qualcosa come la fame.

Nel quadro Lezione di anatomia del dottor Tulpi (1632), si può trovare una risposta alla voglia di conoscenza; tutti i dottori sono rivolti a carpire, da quel cadavere, il massimo possibile e i loro volti sembrano protendersi come affamati verso l’ambito cibo per la mente.

Nello stesso modo, i moderni astrofisici si affacciavano verso gli schermi con le bocche aperte; per vedere cosa sarebbe successo alla cometa Shoemaker-Levy 9 mentre collassava su Giove.

Leonardo da Vinci passava dalla matematica al disegno, dall’anatomia alla fisica; la sua era una vera sete di sapere senza vincoli intellettuali (non aveva case farmaceutuche che lo finanziavano  e pretendevano  risultati utili al mercato …)

Oggi, che il mercato ci vuole tutti specializzati in qualche cosa, perdiamo il senso dell’insieme e forse anche l’istinto verso il sapere puro; quello che ha permesso all’uomo di progredire e arrivare ad una certa qualità della vita che forse potremmo perdere … come la libertà di essere curiosi per progredire e non solo per imparare ad utilizzare l’ultimo telefonino !

Tradotto in italiano, il libro sarà nelle librerie il prossimo ottobre 2017.

Curiosi, Mario Livio, Rizzoli, 17 euro.

Libro – Armi di distruzione di matematica – Carthy O’Neil

Come i big data aumentano le disuguaglianze e minacciano la democrazia (Saggi Bompiani)

Gli algoritmi, anche se non lo abbiamo ancora capito bene,  dominano la nostra quotidianità iperconnessa

Sono definiti:

modelli matematici oggettivi e trasparenti [!?],

ma sarebbe bene rifletterci sopra perché questo è il mondo che stimo consegnando a figli e nipoti che ci potrebbero maledire ...

Sono pericolosi perché:

-non tengono conto di variabili fondamentali, incorporano pregiudizi (tutto sta in una media matematica tra comportamenti diversi, anche se non sempre prevedibili; invece, la vita ci ha abituato a trovarci di fronte a problemi e situazioni che nemmeno avevamo immaginato) e se sbagliano non offrono possibilità di appello

-queste armi “micidiali”,  giudicano (senza possibilità di appello) insegnanti e studenti, vagliano Curriculum Vitae, decidono se concedere o negare prestiti, valutano l’operato dei lavoratori, influenzano gli elettori; promuovendo magari  il politico che può permettersi la campagna elettorale più costosa, decidono e decideranno sempre di più per la nostra salute.

Armi di distruzione matematica. Come i big data aumentano la disuguaglianza e minacciano la democrazia, Carthy O’Neil, Saggi Bompiani, 15,30 euro.

 

Concorso per nuovi talenti nella narrativa di viaggio – Bruce Chatwin in edizione limitata Vintage – Moleskine

Nuovo concorso internazionale rivolto a nuovi talenti nella narrativa di viaggio

Bruce Chatwin, fu un grande viaggiatore capace di  scrivere di viaggi fuori dai soliti schemi e banalità.

The Bruce Chatwin Project

Dedicata all’uomo che reinventò la scrittura di viaggio negli anni ’80, parte un’iniziativa internazionale per esplorare le evoluzioni del racconto di viaggio oggi, con un concorso e un’edizione limitata del libro Le Vie dei Canti.

Image

 

“Perdere il passaporto era l’ultima delle preoccupazioni. Perdere un taccuino era una catastrofe.”

Bruce Chatwin, The Songlines (Le Vie dei Canti) 1987, Edizioni Vintage.

Per celebrare i 30 anni dall’uscita della pietra miliare nella lettura di viaggio Le Vie dei Canti (titolo originale: The Songlines) di Bruce Chatwin, Vintage ne pubblica un’edizione speciale a tiratura limitata in collaborazione con Moleskine.

Nell’occasione, Vintage annuncia un nuovo concorso internazionale rivolto a nuovi talenti nella narrativa di viaggio, in tutte le sue forme. Intitolato all’autore che reinventò il racconto di viaggio negli anni ’80, il concorso vuole incoraggiare gli spiriti nomadi dei nostri giorni a esplorare nuove strade per raccontare e dare un senso al proprio viaggiare.

Il concorso si chiuderà giovedì 7 settembre e l’annuncio del vincitore è previsto per i primi di ottobre 2017.

Bruce Chatwin ha rivoluzionato e rivitalizzato la narrazione di viaggio come la conosciamo oggi: una personalità complessa, in cui convivevano l’esteta e l’antropologo, il fotografo e lo scrittore, che mise l’irrequietezza del viaggiatore al centro del racconto, uscendo dall’oggettivismo. Il concorso si propone di scandagliare il salto evolutivo che la narrazione di viaggio ha fatto negli ultimi 30 anni, dopo Chatwin.

 

The Songlinessarà ripubblicato da Vintage Classics in un’edizione speciale creata da Moleskine: un volume in forma di taccuino Moleskine large, stampato in tiratura limitata di 2.000 esemplari, abbinato ad un taccuino con pagine bianche ancora da scrivere, per la scrittura di viaggio del lettore, disponibile in librerie selezionate d’Europa e Australia, sull’ecommerce ufficiale di Moleskine e in Moleskine Store selezionati nelle città d’Europa.

 

COME FUNZIONA IL CONCORSO. Il concorso rimarrà aperto per tutta l’estate.

Le candidature devono includere un testo di 1.500 parole su un’esperienza di viaggio.

Il testo può essere scritto a mano o in forma digitale, enunciato a voce e registrato in video o audio ed eventualmente accompagnato da immagini.

Non sono imposte restrizioni di formato  e di media: potrà essere anche una serie Instagram, un video YouTube o una serie di post su un blog. Maggiori informazioni sul premio e sulle modalità di partecipazione su: www.chatwinproject.co.uk. La giuria privilegerà i racconti originali che meglio rappresentano lo stato e il significato del viaggio nel 2017 e che guardano al futuro di questo genere narrativo, sulle orme di Chatwin.

 

Fanno parte della giuria del premio:

– Nicholas Shakespeare (autore della casa editrice Vintage e biografo di Bruce Chatwin)

– Rosa Park (editor del magazine dedicato ai viaggi CEREAL)

– Charlotte Knight (senior editor di Vintage Classics)

– Maria Sebregondi (co-fondatrice della marca Moleskine)

– Alessandro Timpanaro (fotografo di viaggio, fondatore di Collater.al)

 

“Moleskine disegna oggetti per nomadi contemporanei. Chatwin fu il primo a parlarci dei piccoli taccuini neri usati in passato dagli artisti d’avanguardia come loro dispositivi mobili ante litteram, per disegnare o scrivere agilmente per le strade, nei caffè o in viaggio. Oggi quest’esigenza di creatività in movimento è cresciuta a dismisura. Mai prima d’ora il viaggiare e il racconto di viaggio sono stati così diffusi. Internet è il più grande archivio di racconti di viaggio che sia mai esistito. In questo panorama così variegato però rischiamo di cedere alla banalizzazione e di perdere il senso profondo dell’esperienza di viaggio. Il bisogno di un’arte del raccontare ricca d’inventiva e di significato è più impellente che mai.”Maria Sebregondi, co-fondatrice della marca Moleskine.

 

“Siamo entusiasti di avere Moleskine al nostro fianco per celebrare Chatwin, scrittore tra i più rappresentativi della letteratura del viaggio. L’edizione speciale del volume The Songlines, con la sua inconfondibile copertina Moleskine, è uno splendore e siamo impazienti di ascoltare le storie di viaggiatori vicini e lontani che parteciperanno al nostro concorso incentrato sul duplice tema del viaggio e della sua narrazione. Charlotte Knight, Vintage Classics.

 

Il concorso si chiuderà giovedì 7 settembre e l’annuncio del vincitore è previsto per i primi di ottobre 2017.

 

L’opera del vincitore verrà pubblicata su readcereal.com e mostrata sui canali ufficiali dei promotori del concorso. Il vincitore riceverà in premio un kit da viaggio Bruce Chatwin comprendente: una raccolta dei racconti di Chatwin editi da Vintage e accessori di scrittura di viaggio Moleskine. Le condizioni generali del concorso sono disponibili su: http://www.chatwinproject.co.uk.

Image

Image

Image

Image

Image

Image

Image

Image

VINTAGE e BRUCE CHATWIN.

VINTAGE è una delle maggiori case editrici letterarie del Regno Unito, parte del gruppo Penguin Random House. Vintage è specializzata nella scoperta di illustri esponenti del pensiero e della scrittura di ogni  lingua e provenienza. L’ascesa di Bruce Chatwin nell’olimpo dei grandi scrittori britannici del dopoguerra venne prematuramente interrotta dalla sua morte nel 1989. Chatwin conquistò fama e rispetto nel 1977 con il sorprendente e originalissimo “In Patagonia”, seguito nel corso della sua carriera da altre cinque opere di straordinario spessore che mettono in luce la vastità e la ricchezza del suo talento. Le pubblicazioni Vintage comprendono:

In Patagonia (speciale edizione celebrativa a 40 anni dalla prima uscita, in arrivo a ottobre 2017)

The Viceroy of Ouidah (Il viceré di Ouidah)

On the Black Hill (Sulla collina nera)

The Songlines (Le Vie dei Canti, edizione celebrativa in collaborazione con Moleskine pubblicata il 29 giugno 2017)

Utz

What Am I Doing Here (Che ci faccio qui?)

The Novels (una raccolta completa di tutte le novelle di Chatwin con prefazione di Hanya Yanagihara, in uscita a ottobre 2017)

 

MOLESKINE.

MOLESKINE nasce nel 1997 per far rivivere i piccoli taccuini neri, da tempo introvabili, usati da celebri scrittori e artisti delle avanguardie storiche che frequentavano Parigi. È lo stesso Chatwin a celebrare la storia di questi taccuini ne Le Vie dei Canti (The Songlines), quando racconta della sua visita a una cartoleria in Rue de l’Ancienne Comédie. Oggi la marca Moleskine abbraccia una serie di proposte pensate per assistere la registrazione e l’organizzazione delle idee e del tempo dei moderni nomadi urbani: taccuini, agende, quaderni, borse, strumenti analogici e digitali per la scrittura, oggetti per leggere, app e cover per dispositivi digitali. La sede principale si trova a Milano, con affiliate a New York, Parigi, Colonia, Hong Kong, Shanghai, Singapore.

Un libro che merita di essere letto e ri – letto – Bagliori a San Pietroburgo – Jan Brokken

Foto di San Pietroburgo

San Pietroburgo,Ermitage.
San Pietroburgo, nelle notti bianche dalla cattedrale di Sant’Isacco.
San Pietroburgo, Ermitage.

San Pietroburgo, chiesa dei SS. Pietro e Paolo.
San Pietroburgo, chiesa del salvatore sul Sangue Versato.
San Pietroburgo, monumento a Pietro il Grande..

 

«A ogni passo in questa città mi viene in mente un libro o mi risuona in testa una musica. È una scoperta continua.»

Sono le parole di Jan Brokken, autore di Bagliori a San Pietroburgo, quando viene folgorato dalle strade di San Pietroburgo, allora Leningrado, patria di poeti, folli, geni, ribelli agli zar e successivamente al regime sovietico; il tutto in nome della libertà.

Leggendo Bagliori a San Pietroburgo si incontrano, nelle strade di San Pietroburgo, famosi artisti, filosofi, intellettuali, musicisti e poeti, se ne conosce la storia, grazie all’abilità letteraria dell’autore.

Jan Brokken, ama e conosce molto bene le strade e le storie di San Pietroburgo; una delle più affascinanti dl mondo.

E’ bello lasciarsi prendere la mano dalle righe del libro ed iniziare a camminare tra le vie, dove si potrebbe incontrare, con la fantasia, anche il protagonista de Il Cappotto di Vasil’evič Gogol’.

Brokken ci accompagna nelle sue passeggiate in un alternante presente-passato attraverso strade, teatri, case e musei sulle tracce di Anna Achmatova, donna famosa per la sua raffinatezza e bellezza, per poi passare all’avventura umana e poetica di Dostoevskij, Gogol’ e Solženicyn.

E poi: Stravinskij, Malevič, Čajkovskij, Šostakovič, Brodskij, Rachmaninov e Nabokov e l’inquieto Esenin, che conquistò Isadora Duncan, il principe dandy Jusupov, che assassinò Rasputin e fuggì a Parigi con un Rembrandt sottobraccio.

Tra gli altri si incontrerà anche la pianista Marija Judina; ebrea e dissidente, la quale, grazie alla sua musica, godette comunque del favore di Stalin.

Jan Brokken, (1949), giornalista, viaggiatore, scrittore olandese. Grande conoscitore della storia dei Paesi che descrive, come pure dei personaggi.
In una intrevista ha dichiarato: “ Sono stato guidato fin da principio dalle storie delle famiglie. Il mio modo di raccontare si propone di ricostruire la storia di un paese attraverso quella della gente che vi abita o vi ha abitato”.

Bagliori a San Pietroburgo, di Jan Brokken, Felitrinelli, 17 euro.

Libro – Letteratura di viaggio e triller stravolgente – Otto mesi a Gazzah Street

Un libro che parte dalla solitudine di una donna, da un marito assente, da un ambiente ostile … una situazione che, assomigia anche a molte altre meno “esotiche” e più nostrane.

Un’occasione per conoscere un paese lontano, diviso in tre caste:

-i sauditi: ricchi, potenti e assoluti padroni delle loro donne elegantissime sotto i veli neri.

-gli asitici: operai e domestici silenziosi, ricattati, obbligati al silenzio pena anche la sparizione dalla faccia della terra

-gli occidentali: ben pagati, più o meno ipocriti, disonesti, con mogli annoiate.

La trama

Frances Shore è una cartografa, ma il lavoro del marito la porta in Arabia Saudita.

Qui la donna si sente prigioniera, sperduta, impossibilitata ad orientarsi; tutto è così diverso dalle sue abitudini …

In Arabia, le strade non sono il posto adatto per le donne.

Vuoti e di silenzi, interrotti soltanto dai misteriosi rumori del piano superiore, che dovrebbe essere disabitato; ecco una distrazione, un mistero tutto da sciogliere.

Ma le conseguenze di questa scoperta saranno tragiche …

Otto mesi a Ghazzah Street,  Mantel Hilary, pubblicato da Fazi, 9,9 euro.