Archivi categoria: I miei libri preferiti

libri di viaggio, libri scritti da donne, libri che parlano di donne…

LIBRI – Un libro da leggere per amare la vita – “ Gratitudine ” – Oliver Sacks

 “… un senso di gratitudine… sono stato un animale pensante su questo pianeta bellissimo ” Garbo e semplicità nel libro

“ Gratitudine ”.

Un’ottimistica lezione di vita.

Scrittore e neurologo in un reparto di ammalati dimenticati da tutti, Oliver Sacks inizia a scrivere con “ Risvegli ”, ma forse il suo più grande capolavoro è l’ultimo libro, scritto quando già sa di dover morire, “ Gratitudine ”.

Un libro da leggere per non avere paura di affrontare i più gravi problemi della vita.

Gli ultimi scritti di Oliver Sacks sono usciti sul New York Times ed hanno il pregio di fare emozionare il lettore; un pregio assai raro.

“ Gratitudine ” è un libro che tutti dovremmo leggere; per imparare ad amare la vita al di là di tutto.

Nel libro Sacks affronta, con unica semplicità e grande garbo, il tema dell’età che avanza, della malattia e della morte, della quale “non può fingere di non averne paura”.

“ Gratitudine ”, di Oliver Sacks, editore Adelphi, 9 euro.

LIBRI – Cercare un senso alla vita ecco cosa ci insegna “ L’Outsaider ” di Colin Wilson

Scava nelle biografie di famosi scrittori, artisti e filosofi, capaci di vedere “troppo e troppo lontano” e cerca una soluzione al conflitto tra società e singolo individuo …

Saggio scritto di getto da Colin Wilson, durante il Natale del 1954;  rifugiandosi nel British Museum per sfuggire al freddo.

La situazione attuale rende, la maggioranza della popolazione mondiale, più povera e infelice; lontana dalla bellezza del vivere,

E’ sempre più necessario accontentarsi di quello che si ha.

Una bella lezione ci arriva dal libro “ L’Outsaider ” ( Lo straniero ) di Colin Wilson.

Solo e squattrinato, Colin Wilson ha 24 anni e vive le sue notti estive in un sacco a pelo per risparmiare poi, ai primi freddi, trova un rifugio diurno nella sala di lettura del British Museum.

Aveva mangiato solo pomodori in scatola nella sua umida stanza a sud di Londra, ma quando arrivò al British Museum iniziò a scrivere quello che diventerà un capolavoro.

Gli eroi di Wilson erano Emma Bovary e i suoi personaggi d’appendice, ma anche eroi estremi come i personaggi di Dostoevskij e Rijke.

Il suo saggio scava nelle biografie di famosi scrittori, artisti e filosofi, capaci di vedere “troppo e troppo lontano” e cerca una soluzione al conflitto tra società e singolo individuo.

Cosa è il nostro vero io? Quale mistero sta dietro quello che percepiamo ?

Il successo del libro fu immediato e Wilson si trovò improvvisamente ricco.

La prima versione di questo libro, in Italia si intitolò “ Lo straniero ”; il titolo originale “ Outsider ” era una parola troppo sconosciuta, all’epoca, per essere utilizzata. Fu pubblicato da Lerici nel 1958.

Oggi “ L’Outsaider ” di Colin Wilson, ha come editore Antartide, 35 euro.

Libro – Armi di distruzione di matematica – Carthy O’Neil

Come i big data aumentano le disuguaglianze e minacciano la democrazia (Saggi Bompiani)

Gli algoritmi, anche se non lo abbiamo ancora capito bene,  dominano la nostra quotidianità iperconnessa

Sono definiti:

modelli matematici oggettivi e trasparenti [!?],

ma sarebbe bene rifletterci sopra perché questo è il mondo che stimo consegnando a figli e nipoti che ci potrebbero maledire ...

Sono pericolosi perché:

-non tengono conto di variabili fondamentali, incorporano pregiudizi (tutto sta in una media matematica tra comportamenti diversi, anche se non sempre prevedibili; invece, la vita ci ha abituato a trovarci di fronte a problemi e situazioni che nemmeno avevamo immaginato) e se sbagliano non offrono possibilità di appello

-queste armi “micidiali”,  giudicano (senza possibilità di appello) insegnanti e studenti, vagliano Curriculum Vitae, decidono se concedere o negare prestiti, valutano l’operato dei lavoratori, influenzano gli elettori; promuovendo magari  il politico che può permettersi la campagna elettorale più costosa, decidono e decideranno sempre di più per la nostra salute.

Armi di distruzione matematica. Come i big data aumentano la disuguaglianza e minacciano la democrazia, Carthy O’Neil, Saggi Bompiani, 15,30 euro.

 

Concorso per nuovi talenti nella narrativa di viaggio – Bruce Chatwin in edizione limitata Vintage – Moleskine

Nuovo concorso internazionale rivolto a nuovi talenti nella narrativa di viaggio

Bruce Chatwin, fu un grande viaggiatore capace di  scrivere di viaggi fuori dai soliti schemi e banalità.

The Bruce Chatwin Project

Dedicata all’uomo che reinventò la scrittura di viaggio negli anni ’80, parte un’iniziativa internazionale per esplorare le evoluzioni del racconto di viaggio oggi, con un concorso e un’edizione limitata del libro Le Vie dei Canti.

Image

 

“Perdere il passaporto era l’ultima delle preoccupazioni. Perdere un taccuino era una catastrofe.”

Bruce Chatwin, The Songlines (Le Vie dei Canti) 1987, Edizioni Vintage.

Per celebrare i 30 anni dall’uscita della pietra miliare nella lettura di viaggio Le Vie dei Canti (titolo originale: The Songlines) di Bruce Chatwin, Vintage ne pubblica un’edizione speciale a tiratura limitata in collaborazione con Moleskine.

Nell’occasione, Vintage annuncia un nuovo concorso internazionale rivolto a nuovi talenti nella narrativa di viaggio, in tutte le sue forme. Intitolato all’autore che reinventò il racconto di viaggio negli anni ’80, il concorso vuole incoraggiare gli spiriti nomadi dei nostri giorni a esplorare nuove strade per raccontare e dare un senso al proprio viaggiare.

Il concorso si chiuderà giovedì 7 settembre e l’annuncio del vincitore è previsto per i primi di ottobre 2017.

Bruce Chatwin ha rivoluzionato e rivitalizzato la narrazione di viaggio come la conosciamo oggi: una personalità complessa, in cui convivevano l’esteta e l’antropologo, il fotografo e lo scrittore, che mise l’irrequietezza del viaggiatore al centro del racconto, uscendo dall’oggettivismo. Il concorso si propone di scandagliare il salto evolutivo che la narrazione di viaggio ha fatto negli ultimi 30 anni, dopo Chatwin.

 

The Songlinessarà ripubblicato da Vintage Classics in un’edizione speciale creata da Moleskine: un volume in forma di taccuino Moleskine large, stampato in tiratura limitata di 2.000 esemplari, abbinato ad un taccuino con pagine bianche ancora da scrivere, per la scrittura di viaggio del lettore, disponibile in librerie selezionate d’Europa e Australia, sull’ecommerce ufficiale di Moleskine e in Moleskine Store selezionati nelle città d’Europa.

 

COME FUNZIONA IL CONCORSO. Il concorso rimarrà aperto per tutta l’estate.

Le candidature devono includere un testo di 1.500 parole su un’esperienza di viaggio.

Il testo può essere scritto a mano o in forma digitale, enunciato a voce e registrato in video o audio ed eventualmente accompagnato da immagini.

Non sono imposte restrizioni di formato  e di media: potrà essere anche una serie Instagram, un video YouTube o una serie di post su un blog. Maggiori informazioni sul premio e sulle modalità di partecipazione su: www.chatwinproject.co.uk. La giuria privilegerà i racconti originali che meglio rappresentano lo stato e il significato del viaggio nel 2017 e che guardano al futuro di questo genere narrativo, sulle orme di Chatwin.

 

Fanno parte della giuria del premio:

– Nicholas Shakespeare (autore della casa editrice Vintage e biografo di Bruce Chatwin)

– Rosa Park (editor del magazine dedicato ai viaggi CEREAL)

– Charlotte Knight (senior editor di Vintage Classics)

– Maria Sebregondi (co-fondatrice della marca Moleskine)

– Alessandro Timpanaro (fotografo di viaggio, fondatore di Collater.al)

 

“Moleskine disegna oggetti per nomadi contemporanei. Chatwin fu il primo a parlarci dei piccoli taccuini neri usati in passato dagli artisti d’avanguardia come loro dispositivi mobili ante litteram, per disegnare o scrivere agilmente per le strade, nei caffè o in viaggio. Oggi quest’esigenza di creatività in movimento è cresciuta a dismisura. Mai prima d’ora il viaggiare e il racconto di viaggio sono stati così diffusi. Internet è il più grande archivio di racconti di viaggio che sia mai esistito. In questo panorama così variegato però rischiamo di cedere alla banalizzazione e di perdere il senso profondo dell’esperienza di viaggio. Il bisogno di un’arte del raccontare ricca d’inventiva e di significato è più impellente che mai.”Maria Sebregondi, co-fondatrice della marca Moleskine.

 

“Siamo entusiasti di avere Moleskine al nostro fianco per celebrare Chatwin, scrittore tra i più rappresentativi della letteratura del viaggio. L’edizione speciale del volume The Songlines, con la sua inconfondibile copertina Moleskine, è uno splendore e siamo impazienti di ascoltare le storie di viaggiatori vicini e lontani che parteciperanno al nostro concorso incentrato sul duplice tema del viaggio e della sua narrazione. Charlotte Knight, Vintage Classics.

 

Il concorso si chiuderà giovedì 7 settembre e l’annuncio del vincitore è previsto per i primi di ottobre 2017.

 

L’opera del vincitore verrà pubblicata su readcereal.com e mostrata sui canali ufficiali dei promotori del concorso. Il vincitore riceverà in premio un kit da viaggio Bruce Chatwin comprendente: una raccolta dei racconti di Chatwin editi da Vintage e accessori di scrittura di viaggio Moleskine. Le condizioni generali del concorso sono disponibili su: http://www.chatwinproject.co.uk.

Image

Image

Image

Image

Image

Image

Image

Image

VINTAGE e BRUCE CHATWIN.

VINTAGE è una delle maggiori case editrici letterarie del Regno Unito, parte del gruppo Penguin Random House. Vintage è specializzata nella scoperta di illustri esponenti del pensiero e della scrittura di ogni  lingua e provenienza. L’ascesa di Bruce Chatwin nell’olimpo dei grandi scrittori britannici del dopoguerra venne prematuramente interrotta dalla sua morte nel 1989. Chatwin conquistò fama e rispetto nel 1977 con il sorprendente e originalissimo “In Patagonia”, seguito nel corso della sua carriera da altre cinque opere di straordinario spessore che mettono in luce la vastità e la ricchezza del suo talento. Le pubblicazioni Vintage comprendono:

In Patagonia (speciale edizione celebrativa a 40 anni dalla prima uscita, in arrivo a ottobre 2017)

The Viceroy of Ouidah (Il viceré di Ouidah)

On the Black Hill (Sulla collina nera)

The Songlines (Le Vie dei Canti, edizione celebrativa in collaborazione con Moleskine pubblicata il 29 giugno 2017)

Utz

What Am I Doing Here (Che ci faccio qui?)

The Novels (una raccolta completa di tutte le novelle di Chatwin con prefazione di Hanya Yanagihara, in uscita a ottobre 2017)

 

MOLESKINE.

MOLESKINE nasce nel 1997 per far rivivere i piccoli taccuini neri, da tempo introvabili, usati da celebri scrittori e artisti delle avanguardie storiche che frequentavano Parigi. È lo stesso Chatwin a celebrare la storia di questi taccuini ne Le Vie dei Canti (The Songlines), quando racconta della sua visita a una cartoleria in Rue de l’Ancienne Comédie. Oggi la marca Moleskine abbraccia una serie di proposte pensate per assistere la registrazione e l’organizzazione delle idee e del tempo dei moderni nomadi urbani: taccuini, agende, quaderni, borse, strumenti analogici e digitali per la scrittura, oggetti per leggere, app e cover per dispositivi digitali. La sede principale si trova a Milano, con affiliate a New York, Parigi, Colonia, Hong Kong, Shanghai, Singapore.

Un libro che merita di essere letto e ri – letto – Bagliori a San Pietroburgo – Jan Brokken

Foto di San Pietroburgo

San Pietroburgo,Ermitage.
San Pietroburgo, nelle notti bianche dalla cattedrale di Sant’Isacco.
San Pietroburgo, Ermitage.

San Pietroburgo, chiesa dei SS. Pietro e Paolo.
San Pietroburgo, chiesa del salvatore sul Sangue Versato.
San Pietroburgo, monumento a Pietro il Grande..

 

«A ogni passo in questa città mi viene in mente un libro o mi risuona in testa una musica. È una scoperta continua.»

Sono le parole di Jan Brokken, autore di Bagliori a San Pietroburgo, quando viene folgorato dalle strade di San Pietroburgo, allora Leningrado, patria di poeti, folli, geni, ribelli agli zar e successivamente al regime sovietico; il tutto in nome della libertà.

Leggendo Bagliori a San Pietroburgo si incontrano, nelle strade di San Pietroburgo, famosi artisti, filosofi, intellettuali, musicisti e poeti, se ne conosce la storia, grazie all’abilità letteraria dell’autore.

Jan Brokken, ama e conosce molto bene le strade e le storie di San Pietroburgo; una delle più affascinanti dl mondo.

E’ bello lasciarsi prendere la mano dalle righe del libro ed iniziare a camminare tra le vie, dove si potrebbe incontrare, con la fantasia, anche il protagonista de Il Cappotto di Vasil’evič Gogol’.

Brokken ci accompagna nelle sue passeggiate in un alternante presente-passato attraverso strade, teatri, case e musei sulle tracce di Anna Achmatova, donna famosa per la sua raffinatezza e bellezza, per poi passare all’avventura umana e poetica di Dostoevskij, Gogol’ e Solženicyn.

E poi: Stravinskij, Malevič, Čajkovskij, Šostakovič, Brodskij, Rachmaninov e Nabokov e l’inquieto Esenin, che conquistò Isadora Duncan, il principe dandy Jusupov, che assassinò Rasputin e fuggì a Parigi con un Rembrandt sottobraccio.

Tra gli altri si incontrerà anche la pianista Marija Judina; ebrea e dissidente, la quale, grazie alla sua musica, godette comunque del favore di Stalin.

Jan Brokken, (1949), giornalista, viaggiatore, scrittore olandese. Grande conoscitore della storia dei Paesi che descrive, come pure dei personaggi.
In una intrevista ha dichiarato: “ Sono stato guidato fin da principio dalle storie delle famiglie. Il mio modo di raccontare si propone di ricostruire la storia di un paese attraverso quella della gente che vi abita o vi ha abitato”.

Bagliori a San Pietroburgo, di Jan Brokken, Felitrinelli, 17 euro.

UTOPIA di Thomas More compie 500 anni – ancora attuale

500 anni fa, nel 1516, Thomas More scrisse Utopia.

Utopia non è un libro facile, ma riflette le condizioni dell’Inghilterra dell’epoca  e le idee di un uomo molto lungimirante; ma la perfezione, si sa, non è di questo mondo…

More, in anticipo sui tempi, parla di una società dove il lavoro è onorato.

In Utopia si parla di un giorno lavorativo di sei ore e del tempo libero per lo svago dei lavoratori.

Vi si parla di tempo per i rapporti affettivi, sociali e culturali.

EGOISMO, AVIDITA’ E OPPORTUNISMO, che tanto sono ancora diffusi nella nostra societa’, IN UTOPIA SONO CONDANNATI. QUESTA TESI verrà poi sfruttata per giustificare pulizie etniche ed altri orrori… insomma l’ideale esiste, ma è quanto mai difficile, per non dire, impossibile ottenerlo …

In Utopia la legge è uguale per tutti.

La giustizia non si rifà ad alcuna appartenenza di classe.

La vita pubblica nega la retorica, perché apportatrice di menzogne.

Infine il popolo non è una massa di esseri addomesticati dai pochi che detengono il potere.

In Utopia si promuove la cultura, come arte, musica e letteratura a disposizione di tutti.

I cittadini vengono educati secondo il metodo sperimentale; quello dell’illuminismo (che nel 1500 deve ancora venire).

In Utopia si parla del bel vivere collettivo e privato rispettando le leggi della natura umana.

UTOPIA PER QUESTI MOTIVI E’ LA MATRICE DELLE MODERNE COSTITUZIONI.

CHI ERA THOMAS MORE ?

Erasmo da Rotterdam definì Thomas More come: ansioso di una fede nemica di ogni superstizione.

I bolscevichi, poi, lo immortalarono in un monumento davanti al Cremlino e di fianco a Tommaso Campanella.

Thomas More, dopo la stesura di Utopia, seguì una brillante carriera politica lo portò a divenire cancelliere di Enrico VIII.

Il successivo divorzio di re Enrico VIII causò all’Inghilterra la rottura con Roma e segnò la fine della carriera del cardinale cattolico More; il quale fu giustiziato nel 1535 e santificato da Pio XI nel 1935.

Thomas More è stato dichiarato da papa Giovanni Paolo II protettore dei politici..

UN LIBRO PER CAPIRE LA MALATTIA.

Un libro che tutti dovrebbero leggere.

CANCRO, INFARTO, MA ANCHE UNA SEMPLICE INFLUENZA; SONO UN MESSAGGIO DEL NOSTRO CORPO PER DIRCI CHE QUALCOSA NON VA NELLA NOSTRA VITA.

UN INSIGNE SPECIALISTA CI SPIEGA IL PERCHE’ DELLA MALATTIA; ALLA LUCE DELLE PIU’ NUOVE RICERCHE SCIENTIFICHE.

Il cervello anachico,  di Enzo Soresi.

-LEGGIAMO QUESTO LIBRO PER CAPIRE L’ORIGINE DELLE MALATTIE,  MIGLIORARE LA NOSTRA SALUTE E LA NOSTRA VITA.

“In tutti gli uomini è la mente che dirige il corpo verso la saliute o verso la malattia, come verso tutto il resto”: Antifonte.

“C’è più ragione nel tuo corpo che nella tua migliore sapienza”: Friedrich Nietzsche.

Fare a meno della psicologia, psichiatria e psicanalisi, recuperando il concetto originario di corpo, così come ce lo insegna il mondo della vita. Umberto Galimberti spiega in questo modo il libro del prof. Soresi.

— Enzo Soresi è un medico specialista in anatomia patologica, ex direttore dell’Ospedale Niguarda.

Mai un libro fu più utile a chi lo legge; capire l’origine della malattia è il primo grande passo per capire come mantenerci in salute.

Un libro che tutti, anche i medici, dovrebbero leggere; meglio studiare.

Non lasciatevi ingannare da eventuali parole scientifiche e specialistiche, il libro è scritto con un linguaggio comunque comprensibile; l’importante è comprenderne il concetto principale: come favorire la nostra salute evitando gli eccessi di stress, da qualunque parte provengano.

Ovvero: la malattia parte da uno stato di disagio, di sofferenza; di eccessivo stress.

POESIA – bellissima poesia – ” ITACA “

ITACA di Costantino Kavafis

 

“Tienila sempre in mente, Itaca.

La tua meta è approdare là.

Ma non far fretta al tuo viaggio.

Meglio che duri molti anni;

e che ormai vecchio attracchi all’isola,

ricco di ciò che guadagnasti per la via,

senza aspettarti da Itaca ricchezze.

 

Itaca ti ha donato il bel viaggio.

Non saresti partito senza di lei.

Nulla di più ha da darti.

 

E se la trovi povera, Itaca non  ti ha illuso.

Sei diventato così esperto e saggio,

e avrai capito che vuol dire Itaca.

———————–

UNA POESIA CHE SI COMMENTA DA SOLA.

Splendida, secondo noi  !!!

Costantino Kavafis, ( 1863-1933 ), Itaca, in Le poesie, a cura di Nicola Crocetti, testo a fronte, Einaudi, 14,00 euro.

Antico libro per le difficoltà della vita – L’arte della guerra

L’arte della guerra (Mondadori) (Oscar varia Vol. 1825)
di Sun Tzu, M. Rossi, Amarillis Monica Rossi

Composta in Cina ben trecento anni prima della nascita di Cristo, l’Arte della guerra è uno dei più antichi trattati di strategia militare; il suo autore è noto col nome di Sun Tzu, ma si tratta in realtà di più filosofi che hanno rielaborato un testo frutto probabilmente di un’unica mano. Il contenuto di quest’opera ha influenzato ampiamente nei secoli la filosofia orientale, ma non solo, tanto che oggi essa viene utilizzata nelle scuole di management in tutto il mondo. Perché Sun Tzu non si limita a dare precetti per sconfiggere i nemici sul campo di battaglia, ma ci insegna a gestire i conflitti in modo profondo e non distruttivo: anche nella vita quotidiana, infatti, la miglior battaglia è quella che vinciamo senza combattere.

L’Arte della guerra è un capolavoro assoluto del pensiero, ora disponibile al pubblico occidentale in questa nuova, scrupolosissima edizione a cura di un gruppo di esperti orientalisti.

In vendita anche su Amazon.

Ebook a soli 4 euro c.a.

Un libro da leggere per capire l’aria che tira – Il ritorno delle tribù – Di Maurizio Molinari

“un vento della disgregazione che non solo travolge il mondo arabo ma spazza l’Europa spingendosi oltre la Manica e l’Atlantico, mettendo in crisi anche la stabilità del sistema liberale”.

NUOVI CLAN E ORDINE MONDIALE
Una nuova mutazione verso il tribalismo

Isis: guerra come status permanente fino alla vittoria finale; ecco dove vogliono arrivare.
Ciò che conta per gli estremisti islamici è reclutare combattenti per colpire ovunque e aumentare così la loro zona di influenza.

Primo obbiettivo dei jiadisti sunniti: uccidere TUTTI i 120 milioni di sciiti del mondo arabo (gli sciiti sono una minoranza tra i mussulmani e si concentrano in Iran e nel sud ovest dello Yemen; dove sono attualmente combattuti dall’Arabia Saudita e suoi alleati), per poi sottomettere ebrei e cristiani.

I sunniti, si trovano soprattutto in Turchia, Arabia Saudita, Nord – Centro Africa, Indonesia, Bangladesh.

Gli estremisti più rigorosi si chiamano wahabiti-sunniti e si trovano in Arabia Saudita, parte del Qatar, Emirati Arabi Uniti.

Medioriente – Europa – America – Asia:

– nuovi leader che si rifanno all’antico tribalismo del mondo arabo-musulmano; dove gli Stati nazionali non hanno più peso

-mentre in Occidente: scontento dilagante, crisi economica, diseguaglianze …

E’ urgente sanare le ferite socio-economiche provocate dalla globalizzazione:

-ma chi è all’altezza di affrontare una simile crisi ?

Il libro avverte che anche l’Italia, molto presto, dovrà prendere atto di quanto sopra e fare i conti con questa crisi di valori e non solo … [ aggiungiamo noi: non serve fare come gli struzzi]

Maurizio Molinari è direttore de La Stampa, noto giornalista di chiara fama.

Il ritorno delle tribù, Maurizio Molinari, Rizzoli, 19 euro.