Archivi categoria: storia dell’ambra

LA STORIA DELL’AMBRA ORIGINI E USI.

AMBRA, AMBAR.

Ambra dall’arabo AMBAR, per indicare l’ambra grigia dello stomaco dei capodogli. I tedeschi la chiamarono glaesum o glaes, da qui la parola inglese glass.

Qui di seguito trattiamo dell’ambra derivante da antiche resine fossili.

Una nota che può interessare:

non esiste in commercio ambra con inserimenti di insetti,

il valore è tanto alto che la si trova solo nei musei.

Purtroppo oggi si spaccia per ambra anche un manufatto in semplice plastica, oppure formato da scadenti residui fusi a cui è stata poi data una forma.

Minacciare di voler fare la prova con un accendino, può sbugiardare il venditore di ambra falsa o ricostruita.

L’ambra proviene da numerosi Paesi.

Con l’esame spettrografico, è sempre possibile risalire all’origine della vera ambra.

L’ambra più comune proviene dal Mar Baltico, ma vi sono molte ambre anche di Santo Domingo (di 25 milioni di anni fa) l’ambra blu, dal Messico, Birmania, Cina, Pakistan, Belucistan… ed anche dalla Sicilia; quest’ultima denominata SIMETITE; piuttosto scura.

Alcune ambre rare sono state datate sino a 300 milioni di anni fa  e sono considerate un preziosissimo laboratorio di studi per gli scienziati.

Dove oggi si trova l’ambra del Baltico, 40/45 milioni di anni fa esisteva una foresta pluviale.

Quando la piattaforma del nord Europa si è spaccata (sprofondata) è arrivato il mare.

L’ambra è così finita sotto il livello del mare, mentre una parte è rimasta in superficie.

Il mare, ancora oggi, spacca l’ambra nei suoi fondali e i movimenti del mare la riportano  sulle spiagge del mar Baltico; anche se se ne trova sempre meno.

L’ambra deriva dalla vischiosissima resina delle antiche conifere, che vivevano nell’area tropicale, la cui densità e  vischiosità è dovuta ai miliardi di bollicine d’aria che vi sono intrappolate; qualche volta insieme a insetti, piccoli anfibi…

L’ambra in natura è opaca, ma poiché l’uomo la preferisce trasparente, essa viene cotta in olio di rapa colorato artificialmente, l’assorbimento di quest’ultimo, che occupa il posto delle bollicine d’aria, da all’ambra la sua particolare trasparenza.

L’ambra si trova dove esistevano foreste pluviali di almeno 5 milioni di anni; qui la resina si è accumulata in depositi dove si è poi creato un ambiente stagno che ha favorito la perdita dei suoi olii essenziali, le molecole si sono ricompattate e l’ambra è divenuta densa.

Molte piante producono resina: pruno, ciliegio… che intrappola ancora il medesimo tipo di insetti che si trovano nell’ambra antica.

La storia dell’ambra si può comprendere immaginando l’uomo primitivo quando scoprì una “roccia” (ambra) trasparente, che brillava al sole e che attirava piccoli pezzetti di alcuni materiali; per quest’ ultima caratteristica all’ambra furono attribuiti poteri magici.

Vedendo che l’ambra aveva il medesimo colore del sole, l’uomo primitivo quasi sicuramente la identificò subito con  qualcosa di sacro e raro; quindi di valore.

Nacque così il commercio dell’ambra.

Le popolazioni di: Polonia, Lituania, Prussia orientale e di tutte le coste del Mare del Nord erano culturalmente molto arretrate rispetto alle popolazioni del Mediterraneo, ma possedevano la ricchezza  dell’ambra che divenne merce di scambio con i Fenici i quali, già nel 2/3.000 a. C.,  circumnavigavano l’Europa.

Il commercio dal Baltico avveniva anche attraverso i fiumi, i passi alpini, la pianura Padana per giungere sino ad Aquileia (Venezia) che fu il principale centro di lavorazione dell’ambra.

Utilizzata sin dal Paleolitico, l’ambra era già uno status-simbol.

L’ambra veniva scambiata con utensili e diffusa non solo dai Fenici e tra di loro, ma anche presso gli Egizi, gli Assiri, Babilonesi, Etruschi e Romani…

Grande importanza ebbe l’ambra per le donne, come monile e portafortuna.

Per le donne romane,  particolarmente superstiziose e ambiziose, l’ambra divenne simbolo di ricchezza e fortuna.

La maggior produzione mondiale (90%), attuale, di ambra proviene dalla miniera di Kalingra (ex Unione Sovietica), mentre nel Baltico viene asportata con appositi strumenti dal fondo del mare in acque basse.