Archivi categoria: influenza

SALUTE: CONTRORDINE LA FEBBRE NON SEMPRE FA BENE ELIMINARLA !

Siamo in piena stagione di malattie da raffreddamento.

Premesso che se abbiamo la febbre molto alta, bronchiti, polmoniti e altre malattie importanti, è solo il medico che deve decide cosa fare.

Purtroppo, il più delle volte, siamo abituati ad un abuso di certi medicinali, anche quando NON sono STETTAMENTE NECESSARI,  che causano più conseguenze negative che positive.

A tutti piace stare bene subito, ma a volte il nostro organismo ha solo bisogno di caldo e riposo e ce lo dice anche con le malattie da raffreddamento o leggere influenze. Dobbiamo imparare ad ascoltarlo di più, come facevano i nostri nonni.

Secondo gli studi condotti dalla McMaster University di Hamilton in Canada, e grazie al lavoro di ricercatori come David Earn,

eliminare velocemente la febbre con appositi farmaci non sempre è la soluzione migliore, anzi…

Il grande uso di farmaci per

-ridurre la febbre può causare più danni che vantaggi; se visto in una prospettiva “sociale”.

Il nuovo studio della McMaster University, pubblicato sui Proceedings of the Royal Society, sostiene che il ricorso a farmaci per

abbassare la febbre come l’ibuprofene, il paracetamolo o l’aspirina provoca un aumento del numero di contagi.

Stando ai calcoli del dott.David Earn , solo nel Nord America, ci sarebbero

-decine di migliaia i casi di influenza in più e più di un migliaio di morti per cause correlate all’abuso di prodotti che abbassano la febbre artificialmente.

-David Earn sostiene: “quando le persone hanno l’influenza spesso prendono questi farmaci per ridurre i sintomi, ma i nostri risultati rivelano che il beneficio individuale dell’assunzione ha un costo notevole per

gli altri che rischiano di essere così maggiormente infettati. Questo accade perché

la febbre contribuisce a ridurre la la quantità di virus nel corpo della persona malata, diminuendo la possibilità di trasmissione esterna.

Evviva il buonsenso dei nostri nonni e dei medici-di-una-volta che dicevano: caldo e riposo per curare le malattie da raffreddamento.

Oggi invece ricerchiamo la medicina naturale o naturopatia o altre “medicine alternative” come l’omeopatia, solo dopo avere intossicato il fegato anche di bimbi piccoli; con anni di abusi di antibiotici. Ricordiamo che le “medicine alternative”; a volte anche molto più costose della medicina tradizionale (non sempr eefficaci) e del GRATUITO BUON SENSO !

-La logica ha sempre suggerito che se ci siamo ammalati per un colpo di freddo/stress in genere, stare a riposo al caldo ci farà guarire.

Dobbiamo REIMPARARE ad ASCOLTARE IL NOSTRO ORGANISMO che ci dice, come può e quindi anche con la febbre, NON CE LA FACCIO PIU’ RIPOSATI, HO BISOGNO DI CALDO E CALMA.

Ai bambini piccoli si metteva una striscia di tessuto immerso regolarmente nell’acqua fredda per contrastare la febbre. Certo prendere una pastiglia è più comodo. Comunque nei casi di febbre alta è necessario prendere le apposite medicine, ma un conto è il caso di necessità e un conto è l’abuso per risolvere prima il problema e magari, solo per rimandare il bambino più in fretta all’asilo nido.

Era così che si guariva una volta, con metodi naturali; sempre che non si tratti di malattie importanti, e potremmo farlo anche oggi, senza stress per il sistema nervoso, il nostro fisico in genere e a vantaggio del borsellino e del nostro FEGATO !

———————

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti   ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici.

Raffreddore – influenza e malattie tipiche della stagione fredda – Cure naturali o medicine che ci guariscano il più in fretta possibile ?

CIBI BASICI PER LA NOSTRA SALUTE

Aiuti dalla natura contro i malanni invernali.

Premesso che se abbiamo la febbre alta dobbiamo ricorrere al medico e se ci troviamo di fronte a bronchiti e broncopolmoniti, ovvero a qualunque sintomo di malattia grave, è indispensabile una adeguata cura con medicinali, vediamo come curare i malanni più comuni.

A volte bastano una o più giornate a letto al caldo. Come prescriveva il vecchio dottore.

NON DIMENTICHIAMO CHE IL NOSTRO ORGANISMO CI MANDA MESSAGGI IMPORTANTI: LA FEBBRE CHE CI COSTRINGE A LETTO CI PUO’ AVVISARE CHE ABBIAMO MESSO SOTTO STRESS IL NOSTRO CORPO (per un colpo di freddo, per eccesso di lavoro, per una sofferenza psicologica ecc…) E QUINDI E’ NECESSARIO PRENDERE UN MOMENTO DI RIPOSO.

SE VOGLIAMO MANTENERE IL CORPO IN SALUTE E NON ARTIFICIALMENTE SENZA FEBBRE.

Oggi, per mandare subito i bambini all’asilo o a scuola, per non fare assenze sul lavoro, ecco che si chiede al medico di darci al medicina che ci guarisca il più in fretta possibile.

Dalla natura:

Echinacea e Astragalo, sono veri e proprio alleati del nostro sistema immunitario; ovvero ci aiutano a tenere lontane le malattie (troviamo gli estratti di queste piante in tutte le farmacie).

L’Echinacea è utilizzata in fitoterapia per le sue grandi proprietà immunostimolanti e capacità di aumentare la resistenza alle infezioni; specialmente da malattie da raffreddamento e da stati influenzali.

L’Astragalo è una pianta della famiglia delle Fabaceae conosciuta per le sue proprietà immunostimolanti e disintossicanti; ottimo per evitare le malattie da raffreddamento.

COSA CONSIGLIAVA LA NONNA ?

STARE A LETTO, AL CALDO, sino a che passano la febbre e la stanchezza.

Bere spremute di arancio e mangiare frutta fresca; NO A QUALUNQUE TIPO DI SUCCO (contengono molto zucchero, acqua e comunque, almeno i conservanti, che provocano i bruciori allo stomaco).

PER GUARIRE E MANTENERSI SANI:

Cibi alcalini (ph maggiore di 7),  cibi acidi (con ph minore di 7); non si devono eliminare del tutto i cibi acidi, ma preferire i cibi basici; detti anche  alcalini.

SEGUIRE UNA DIETA CHE ABBIA PIU’ CIBI BASICI CHE ACIDI

Il PH acido è fortemente dannoso perché:

-rallenta il metabolismo (bruciate meno calorie e quindi tenderete ad ingrassare)
favorisce la conservazione del grasso e l’aumento dell’appetito.

Seguire una dieta alcalina:

70-80% di cibi alcalini
20-30% di cibi acidi

Cibi basici:

-frutta, anche mandorle

-verdura

-yogurt

-olio di ottima qualità

CIBI MOLTO ALCALINI: asparagi, pepe di cayenna, meloni e angurie, cetrioli.

Cibi acidi;

acidificano il sangue e sottraggono all’organismo i sali minerali  (solo se hanno la prevalenza sui cibi basici, ovvero: si mangiano più cibi acidi che basici):

-bibite alcoliche, dal vino alla birra

-BIBITE GASATE

-pizza

-scatolame

-cibi pronti

-cereali (pasta, pane, riso, farine  …)

formaggi lavorati con prodotti chimici, come le sottilette (contengono conservanti)

-dolci e gelati (con conservanti, addensanti, coloranti, aromi allergenizzanti e grassi che non favoriscono uno stato di buona salute)

-insaccati

-biscotti…

CIBI POCO ACIDI: carne, pesce, legumi, frutta secca, latticini .

NOTA: Il limone, per esempio, ha un pH molto basso ed è considerato un alimento alcalino, poiché le sue parti acide sono di natura organica e quindi vengono facilmente metabolizzate dall’organismo, mentre quelle basiche e inorganiche permangono nel nostro organismo più a lungo.

Come curarsi e prevenire:

-PRIMO IN ASSSOLUTO; NON FARSI MAI MANCARE UN SONNO RISTORATORE

-evitare, per quanto possibile, ogni situazione che comporta uno stress eccessivo e prolungato nel tempo

-mangiare regolarmente e sano

-evitare di mangiare fuori casa regolarmente; meglio un panino, ma che sia preparato da noi con ottimi ingredienti e magari pane di segale (evitare piatti pronti- espressi, tipo lasagne e pizza che sono di fabbricazione industriale; è difficile che in pizzeria troviate dell’ottima mozzarella e dell’ottimo olio o pomodoro; di solito sono di qualità molto scadente per aumentare i guadagni)

Al mattino sempre un cucchiaio di miele e un frutto o un cucchiaio di buona marmellata (su di una fetta di pane).

La sera, quando fa freddo, coricarsi con un bicchiere di latte e miele (ma dovete togliere qualcosa alla vostra cena, altrimenti aggiungete calorie alla dieta).

Oggi si demonizza il latte perché costa poco e poi si consigliano i vari latti di soia o altro, la maggioranza di questi, SE LEGGETE BENE L’ETICHETTA, contiene molti zuccheri e acqua … e anche se non lo dicono, sempre contengono antiossidanti come conservanti che provocano bruciori allo stomaco …

SALUTE CHE FUNZIONA – Non più attese per visite mediche e … costa meno del tiket – Santagostino Poliambulatorio Specialistico

Basta code e attese di mesi per avere un esame o una visita medica ... funziona benissimo e … costa meno di un tiket E’ POSSIBILE ?

— SI

Il Centro Medico Santagostino è una realtà sanitaria innovativa, che offre salute accessibile e di qualità in oltre 40 specialità.

SENZA FONDI PUBBLICI: si tratta solo di una gestione dove tutti guadagnano e accettano delle regole economiche moralmente ragionevoli (anche per il cliente).

Un’offerta di qualità in cui il prezzo è un ulteriore elemento di valore. Qualche esempio? Visite specialistiche a 60 euro!

NIENTE ATTESE COSTA MENO DEL TIKET; qui è possibile accorpare diversi esami e/o visite specialistiche, per risolvere tutto  in una sola volta.

NE HA PARLATO ANCHE IL PROGRAMMA REPORT della brava giornalista Milena Gabbianelli.

Merita più di un’occhiata il sito  dei Centri Polispecialistici Santagostino a Milano, Sesto San Giovanni, Bologna …  http://www.cmsantagostino.it

NUMEROSI SEDI A MILANO (anche Sesto san Giovanni) E BOLOGNA.

Esempio di una sede di  Milano:

Piazza Sant’Agostino, 1,
Telefono:02 8970 1702
Orari: Oggi aperto · 08–21

CENTRO PRENOTAZIONI

Telefoni:

02 89 701 701

02 89 701 702

Dal lunedì al venerdì
dalle 8.00 alle 20.00.
Sabato dalle 8.30 alle 15.30.

PRENOTA VIA SMS

366 5860316

PRENOTA VIA WHATSAPP

344 1003172

PRENOTA VIA EMAIL

prenotazioni@cmsantagostino.it

INFORMATI VIA EMAIL

informazioni@cmsantagostino.it

SALUTE ARRIVERA’ L’INVERNO COME COMBATTERE L’INFLUENZA ?

Un alleato nella prevenzione dell’influenza e delle malattie da raffreddamento: le vitamine B

L’autunno è per antonomasia la “stagione della ripresa”: della scuola, del lavoro con le attività correlate, ma anche dei focolai di malattie da raffreddamento di cui l’influenza è espressione paradigmatica.

Giornate con temperature che si abbassano,  inducono a pensare alla prevenzione dalle malattie di stagione per evitare disturbi fisici e disagi, anche economici, che comportano.

Quale prevenzione adottare?

Innanzitutto seguendo basilari norme igieniche quali il lavaggio delle mani e l’abitudine di starnutire e tossire nel fazzoletto,  da insegnare ai bambini piccoli.

Inoltre, è opportuno precisare che il sistema immunitario, per operare in piena efficienza e reagire prontamente alle aggressioni microbiche, necessita di alcuni componenti che devono essere introdotti con l’alimentazione VARIA E SANA: frutta (tante spremute; NON SUCCHI !!! ricchi solo di zuccheri |!), verdura…. ecc… Ottime le capsule di olio di fegato di merluzzo, assolutamente insapori.

Importanti le vitamine del gruppo B: un apporto adeguato di acido folico, riboflavina (B2) e altre vitamine del gruppo, quali la B6 e la B12 (banane, latte, yogurt, riso, pasta, legumi, uova, verdure, minestre di verdure, passati, noci, mandorle  ecc… POCHI PRODOTTI PRE-CUCINATI, BISCOTTI, MERENDINE… MEGLIO PANE E MARMELLATA, CEREALI GUARDANDO QUANTI GRASSI CONTENGONO E SCEGLIENDO QUELLI PIU’ MAGRI… ), sono indispensabili per mantenere un perfetto equilibrio funzionale necessario alla sana risposta immunitaria.

La “preparazione” alla nuova stagione epidemica comincia con un’alimentazione sana ed equilibrata.

La supplementazione con vitamine del gruppo B, spesso suggerita nei periodi di convalescenza o in caso di inappetenza, può essere d’aiuto anche nella prevenzione dell’influenza.

Il ricorso a un integratore che le contenga nella giusta misura è utile sia a compensare la perdita di queste vitamine, dovuta alla conservazione e alla cottura dei cibi, che a soddisfare i giusti fabbisogni in quei bambini e adulti costretti a pasti rapidi o per lo più legati a una dieta monotona, selettiva o ripetitiva (DA EVITARE OGNI VOLTA CHE CI E’ POSSIBILE)..

Consideriamo quanti bambini l’influenza coinvolge: alla fine di gennaio la rete di sorveglianza nazionale ha documentato un picco di 28,7 casi per 1000 nella fascia di età da 0 a 4 anni, notoriamente la più colpita; di 20,9 casi per 1000 tra i 5 e i 14 anni a fronte del 10,87 per mille nella popolazione generale.

Questi dati svelano una realtà più complessa: per ogni 100 bambini affetti da influenza si stima un aumento di 7-12 visite mediche e di 5-7 prescrizioni di antibiotici1; ogni adulto che si ammala, spesso contagiato proprio da bambini2, perde in media da 0,6 a 2,5 giorni di lavoro il cui costo per la società è di oltre 900 euro3.

L’influenza, come il raffreddore e le altre malattie, si trasmette con estrema rapidità soprattutto nei luoghi chiusi e affollati: dopo lo starnuto di una persona infetta, in un metro cubo di aria si possono ritrovare fino a 16mila particelle di virus disseminate in un raggio di 1,8 metri4.

Nessuno lo scrive, ma i supermercati e ipermercati, con i loro giganteschi impianti di aria condizionata sono un PERFETTO VEICOLO PER LE MALATTIE CONTAGIOSE (anche perché cambiare regolarmente i filtri comporta costi notevolissimi e non ci risultano controlli frequenti e seri).

Il vaccino è una strategia di primaria importanza e va consigliato in particolare ai portatori di malattie croniche (asmatici, diabetici, cardiopatici).

È bene però ricordare che la protezione vaccinale è limitata ai soli virus inclusi nella composizione annuale: restano inevitabilmente “scoperte” tutte le malattie causate dagli altri patogeni5, stagionali e non, quali rhinovirus, adenovirus, virus parainfluenzali e così via, che spesso favoriscono l’insediamento secondario di batteri (quando non sono questi ultimi a prendere il sopravvento).

Suggestive le conclusioni di un’indagine condotta in Sicilia di recentissima pubblicazione6: in età prescolare fino al 50% delle infezioni delle alte vie aeree, tipiche della stagione fredda, si sviluppano a partire da un’otite media, la cui incidenza oscilla dal 6% al 64% e in 3-4 bambini su 10 è ricorrente.

E la compresenza di asma, tosse e naso che cola, in questa casistica si associa a un aumento di oltre il 70% del rischio di recidiva di otite.

INFLUENZA E VACCINO; vaccinarsi si o no ? TROPPO PRESTO PER PENSARCI ? NOI PENSIAMO DI NO

Influenza: preparare il sistema immunitario a difendersi con il gruppo delle vitamine B, zinco, Echinacea e Acerola

L’influenza merita attenzione non solo da parte delle categorie a rischio (bambini, anziani, immunodepressi, obesi, adolescenti, malati cronici e personale sanitario) ma di ciascuno di noi.

Fondamentale è la vaccinazione: in Italia dal 2009 è in atto un calo continuo della copertura vaccinale antinfluenzale che lo scorso anno, per motivi di varia natura,e in particolare il timore di effetti collaterali, ha registrato un’ulteriore riduzione complessiva del 5,5% rispetto a quella del 2013-2014 (più contenuta in Lombardia 3,3%; massima in Abruzzo, dove ha toccato il 28%).

Studi scientifici hanno dimostrato che il virus influenzale, al di là della propria azione patogena, predispone le vie aeree all’ingresso di altri microrganismi, tra cui pneumococco (responsabile di otiti e polmoniti), adenovirus e virus respiratorio sinciziale.

Ciò comporta un maggior rischio di infezioni “collaterali” che allungano il decorso dell’influenza, possono far comparire nuovamente febbre, tosse e spossatezza e negli allergici spesso inducono l’insorgenza di episodi di bronchite asmatica.

Ogni stagione influenzale può riservare imprevisti ed è caratterizzata da virus diversi di anno in anno, ragion per cui i vaccini vengono continuamente aggiornati; il vaccino influenzale 2015-2016 contiene già una variante del virus H3N2, A/Switzerland/9715293/2013 che ha accompagnato l’ultimo periodo della passata stagione; il ceppo A/California/7/2009 (H1N1), già presente nel vaccino 2014-2015, e la nuova variante B/Phuket/3073/2013(lineaggio B/Yamagata).

Le controindicazioni alla vaccinazione antinfluenzale sono davvero limitate: il suo consapevole rifiuto non esime da una doverosa attenzione nel mantenere in piena efficienza le difese immunitarie soprattutto in un periodo dell’anno costellato da un’ampia varietà di patogeni (adenovirus, rhinovirus, virus parainfluenzali), che possono mimare l’influenza e contro i quali non sono purtroppo disponibili vaccini.

Anche chi si protegge dall’influenza, è comunque esposto al corteo di nemici che ci accompagna durante la stagione fredda.

Una strategia efficace per combatterli consiste nel garantire al proprio sistema immunitario i componenti di cui ha particolare bisogno.

In Italia produciamo due grandi concentrati di vitamina C :

i limoni e le arance;

in inverno NON facciamoceli MAI mancare ed usiamoli in abbondanza.

Premesso che in un regime alimentare normalmente vario, non dovrebbero mai mancare gli elementi che ci aiutano, naturalmente, a difendere la nostra salute, molte persone per vari motivi limitano il loro cibo a poche varietà e a grande monotonia il che può creare delle carenze.

Lo zinco e le vitamine del gruppo B giocano un ruolo di primaria rilevanza: il primo è determinante nella differenziazione dei linfociti e nella modulazione di numerosi mediatori (è stato dimostrato che un deficit di zinco si associa a un aumento dei processi infiammatori);

le vitamine B sono fondamentali nell’organizzazione delle cellule difensive e nella regolazione del loro metabolismo energetico, inclusa la produzione di anticorpi. Altri elementi utili sono l’Echinacea e l’Acerola.

La prima è una pianta originaria del Nord America le cui radici contengono principi (oli essenziali, flavonoidi, glicosidi) che stimolano le difese immunitarie, hanno azione antiossidante e inibiscono la diffusione e l’attecchimento degli agenti patogeni, favorendone la distruzione ad opera dei globuli bianchi. L’Acerola, i cui frutti sono simili alle ciliegie, è ricchissima in vitamina C, che contribuisce a ridurre gravità e durata delle infezioni, in particolare quelle delle vie aeree.

Una categoria che difficilmente si potrebbe considerare esposta, e invece risulta dalla letteratura scientifica sorprendentemente più vulnerabile, è quella degli adolescenti obesi: è stato dimostrato che il loro sistema immunitario, per quanto riguarda l’assortimento di alcune cellule (in particolare i linfociti T), è meno preparato ad affrontare le infezioni virali.

A dispetto dell’aspetto florido essi subiscono le conseguenze di un regime alimentare monotono e povero di alimenti vegetali (a deficit di vitamine B, in particolare B12 e acido folico), per le loro abitudini sono posti a stretto contatto con gli agenti infettivi e, in considerazione dell’età, richiedono ancora attenzione nell’impiego dei farmaci.

Una ragione in più per proteggerli in maniera naturale e supportare le loro funzioni difensive, con l’obiettivo di potenziare i meccanismi fisiologici e, nell’auspicabile eventualità della vaccinazione, di favorire anche una pronta ed efficace risposta a quest’ultima.

Un ausilio prezioso per tutti sarà la Guida, distribuita gratuitamente in farmacia, “Influenza a 36 (0)° – tutto quello che c’è da sapere per stare bene” che, divisa in quattro capitoli per un’agevole comprensione, contiene consigli sempre utili e accorgimenti da non dimenticare.