Archivi categoria: febbre…

SALUTE: CONTRORDINE LA FEBBRE NON SEMPRE FA BENE ELIMINARLA !

Siamo in piena stagione di malattie da raffreddamento.

Premesso che se abbiamo la febbre molto alta, bronchiti, polmoniti e altre malattie importanti, è solo il medico che deve decide cosa fare.

Purtroppo, il più delle volte, siamo abituati ad un abuso di certi medicinali, anche quando NON sono STETTAMENTE NECESSARI,  che causano più conseguenze negative che positive.

A tutti piace stare bene subito, ma a volte il nostro organismo ha solo bisogno di caldo e riposo e ce lo dice anche con le malattie da raffreddamento o leggere influenze. Dobbiamo imparare ad ascoltarlo di più, come facevano i nostri nonni.

Secondo gli studi condotti dalla McMaster University di Hamilton in Canada, e grazie al lavoro di ricercatori come David Earn,

eliminare velocemente la febbre con appositi farmaci non sempre è la soluzione migliore, anzi…

Il grande uso di farmaci per

-ridurre la febbre può causare più danni che vantaggi; se visto in una prospettiva “sociale”.

Il nuovo studio della McMaster University, pubblicato sui Proceedings of the Royal Society, sostiene che il ricorso a farmaci per

abbassare la febbre come l’ibuprofene, il paracetamolo o l’aspirina provoca un aumento del numero di contagi.

Stando ai calcoli del dott.David Earn , solo nel Nord America, ci sarebbero

-decine di migliaia i casi di influenza in più e più di un migliaio di morti per cause correlate all’abuso di prodotti che abbassano la febbre artificialmente.

-David Earn sostiene: “quando le persone hanno l’influenza spesso prendono questi farmaci per ridurre i sintomi, ma i nostri risultati rivelano che il beneficio individuale dell’assunzione ha un costo notevole per

gli altri che rischiano di essere così maggiormente infettati. Questo accade perché

la febbre contribuisce a ridurre la la quantità di virus nel corpo della persona malata, diminuendo la possibilità di trasmissione esterna.

Evviva il buonsenso dei nostri nonni e dei medici-di-una-volta che dicevano: caldo e riposo per curare le malattie da raffreddamento.

Oggi invece ricerchiamo la medicina naturale o naturopatia o altre “medicine alternative” come l’omeopatia, solo dopo avere intossicato il fegato anche di bimbi piccoli; con anni di abusi di antibiotici. Ricordiamo che le “medicine alternative”; a volte anche molto più costose della medicina tradizionale (non sempr eefficaci) e del GRATUITO BUON SENSO !

-La logica ha sempre suggerito che se ci siamo ammalati per un colpo di freddo/stress in genere, stare a riposo al caldo ci farà guarire.

Dobbiamo REIMPARARE ad ASCOLTARE IL NOSTRO ORGANISMO che ci dice, come può e quindi anche con la febbre, NON CE LA FACCIO PIU’ RIPOSATI, HO BISOGNO DI CALDO E CALMA.

Ai bambini piccoli si metteva una striscia di tessuto immerso regolarmente nell’acqua fredda per contrastare la febbre. Certo prendere una pastiglia è più comodo. Comunque nei casi di febbre alta è necessario prendere le apposite medicine, ma un conto è il caso di necessità e un conto è l’abuso per risolvere prima il problema e magari, solo per rimandare il bambino più in fretta all’asilo nido.

Era così che si guariva una volta, con metodi naturali; sempre che non si tratti di malattie importanti, e potremmo farlo anche oggi, senza stress per il sistema nervoso, il nostro fisico in genere e a vantaggio del borsellino e del nostro FEGATO !

———————

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti   ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici.

SALUTE CHE FUNZIONA – Non più attese per visite mediche e … costa meno del tiket – Santagostino Poliambulatorio Specialistico

Basta code e attese di mesi per avere un esame o una visita medica ... funziona benissimo e … costa meno di un tiket E’ POSSIBILE ?

— SI

Il Centro Medico Santagostino è una realtà sanitaria innovativa, che offre salute accessibile e di qualità in oltre 40 specialità.

SENZA FONDI PUBBLICI: si tratta solo di una gestione dove tutti guadagnano e accettano delle regole economiche moralmente ragionevoli (anche per il cliente).

Un’offerta di qualità in cui il prezzo è un ulteriore elemento di valore. Qualche esempio? Visite specialistiche a 60 euro!

NIENTE ATTESE COSTA MENO DEL TIKET; qui è possibile accorpare diversi esami e/o visite specialistiche, per risolvere tutto  in una sola volta.

NE HA PARLATO ANCHE IL PROGRAMMA REPORT della brava giornalista Milena Gabbianelli.

Merita più di un’occhiata il sito  dei Centri Polispecialistici Santagostino a Milano, Sesto San Giovanni, Bologna …  http://www.cmsantagostino.it

NUMEROSI SEDI A MILANO (anche Sesto san Giovanni) E BOLOGNA.

Esempio di una sede di  Milano:

Piazza Sant’Agostino, 1,
Telefono:02 8970 1702
Orari: Oggi aperto · 08–21

CENTRO PRENOTAZIONI

Telefoni:

02 89 701 701

02 89 701 702

Dal lunedì al venerdì
dalle 8.00 alle 20.00.
Sabato dalle 8.30 alle 15.30.

PRENOTA VIA SMS

366 5860316

PRENOTA VIA WHATSAPP

344 1003172

PRENOTA VIA EMAIL

prenotazioni@cmsantagostino.it

INFORMATI VIA EMAIL

informazioni@cmsantagostino.it

SALUTE COS’E’ LA MONONUCLEOSI INFETTIVA ?

Nota anche come malattia del bacio.

La mononucleosi,  si contrae attraverso lo scambio di saliva infetta.

La monucleosi infettiva è una malattia molto comune, soprattutto tra giovani e adolescenti.

il responsabile della mononucleosi è il virus di Epstein-Barr ( EBV ): Human herpesvirus 4 ( HHV-4 ), un virus a DNA appartenente alla famiglia degli herpesvirus.

Il virus di Epstein-Barr è anche il responsabile  della genesi di alcuni tumori epiteliali e di alcuni tipi di linfoma, per esempio: il Linfoma di Hodgkin e il carcinoma del rinofaringe.

MA NON SPAVENTATEVI, PER LA MAGGIORANZA DEI CASI LA MONONUCLEOSI SI GUARISCE VELOCEMENTE E SENZA GRAVI COMPLICAZIONI.

COME SI CONTRAE  LA MONONUCLEOSI ?

– per contatto sia diretto o indiretto

-con bacio oppure un rapporto sessuale

-con l’uso di oggetti contaminati, quindi con contatto indiretto; salviette non sterilizzate, bicchieri…spazzolini, posate…

NON  è una malattia pericolosa, ma può avere raramente gravi complicazioni (rare), tra le quali  la rottura della milza causata dall’ingrossamento dell’organo, a causa di attività fisica pesante o da traumi addominali, questo può accadere anche  molto tempo dopo il contagio.

Chi ha contratto il virus diviene portatore e quindi a rischio di contagio per almeno sei mesi.

COME SI CURA LA MONONUCLEOSI ?

Il riposo pare sia  lo strumento più importante per combattere la mononucleosi.

Di solito bastano una decina di giorni a riposo.

La terapia è farmacologica o naturale.

Riposo, calore,  frutta e verdura ed una buona idratazione.

CHI COLPISCE LA MONONUCLEOSI ?

In alcuni casi la malattia è asintomatica, ovvero non da sintomi.

I soggetti più colpiti da mononucleosi siano i giovani.

La malattia del bacio dà problemi  solo nei soggetti particolarmente debilitati.

I sintomi non si rilevano  nelle persone dal sistema immunitario forte.

QUALI SONO GLI EFFETTI DELLA MONONUCLEOSI ?

GENERALMENTE: appare come faringite o sindrome influenzale.

PIU’ RARAMENTE:

-ghiandole del collo particolarmente gonfie

-febbre

-ingrossamento della milza

-eruzione cutanea di pustole, vescicole e bolle…

-faringite

-ittero

-mal di gola

-mal di testa

-sudorazioni intense specialmente di notte

-stanchezza frequente

-perdita di peso.

COMPLICAZIONI MOLTO RARE, MA POSSIBILI:

-encefalite

-epatite fulminante

-orchite

-miocardite

-pericardite

-ulcere genitali

-neutropenia

-polmonite interstiziale.

—-

In caso di gravidanza, la mononucleosi non è problematica e non comporta problemi al feto; comunque meglio fare un controllo adeguato.

—-

QUALI GLI ESAMI PER RICONOSCERE LA MONONUCLEOSI ?

Analisi del sangue specifiche, con la constatazione di presenza di linfociti nel sangue.

In caso negativo anche attraverso specifici esami immunologici.

——

MEDICINALI COMUNEMENTE CONSIGLIATI

Farmaci antinfiammatori ed analgesici

Farmaci anti infiammatori non steroidei

Antipiretici, escluso l’acido acetilsalicilico che può causare una grave complicanza chiamata sindrome di Reye.

Gli antibiotici sono generalmente sconsigliati, potrebbero anche addirittura essere nocivi.

L’antibiotico è indicato solo in  casi specifici, per sovrainfezione faringotonsillare batterica.

Solo quando lo specifica il medico, per grave necessità ( come problemi di respirazione, piastrinopenia o soppressione midollare), si possono assumere i farmaci corticosteroidei, oppure Aciclovir, un farmaco dall’efficacia ancora dubbia.

SALUTE ARRIVERA’ L’INVERNO COME COMBATTERE L’INFLUENZA ?

Un alleato nella prevenzione dell’influenza e delle malattie da raffreddamento: le vitamine B

L’autunno è per antonomasia la “stagione della ripresa”: della scuola, del lavoro con le attività correlate, ma anche dei focolai di malattie da raffreddamento di cui l’influenza è espressione paradigmatica.

Giornate con temperature che si abbassano,  inducono a pensare alla prevenzione dalle malattie di stagione per evitare disturbi fisici e disagi, anche economici, che comportano.

Quale prevenzione adottare?

Innanzitutto seguendo basilari norme igieniche quali il lavaggio delle mani e l’abitudine di starnutire e tossire nel fazzoletto,  da insegnare ai bambini piccoli.

Inoltre, è opportuno precisare che il sistema immunitario, per operare in piena efficienza e reagire prontamente alle aggressioni microbiche, necessita di alcuni componenti che devono essere introdotti con l’alimentazione VARIA E SANA: frutta (tante spremute; NON SUCCHI !!! ricchi solo di zuccheri |!), verdura…. ecc… Ottime le capsule di olio di fegato di merluzzo, assolutamente insapori.

Importanti le vitamine del gruppo B: un apporto adeguato di acido folico, riboflavina (B2) e altre vitamine del gruppo, quali la B6 e la B12 (banane, latte, yogurt, riso, pasta, legumi, uova, verdure, minestre di verdure, passati, noci, mandorle  ecc… POCHI PRODOTTI PRE-CUCINATI, BISCOTTI, MERENDINE… MEGLIO PANE E MARMELLATA, CEREALI GUARDANDO QUANTI GRASSI CONTENGONO E SCEGLIENDO QUELLI PIU’ MAGRI… ), sono indispensabili per mantenere un perfetto equilibrio funzionale necessario alla sana risposta immunitaria.

La “preparazione” alla nuova stagione epidemica comincia con un’alimentazione sana ed equilibrata.

La supplementazione con vitamine del gruppo B, spesso suggerita nei periodi di convalescenza o in caso di inappetenza, può essere d’aiuto anche nella prevenzione dell’influenza.

Il ricorso a un integratore che le contenga nella giusta misura è utile sia a compensare la perdita di queste vitamine, dovuta alla conservazione e alla cottura dei cibi, che a soddisfare i giusti fabbisogni in quei bambini e adulti costretti a pasti rapidi o per lo più legati a una dieta monotona, selettiva o ripetitiva (DA EVITARE OGNI VOLTA CHE CI E’ POSSIBILE)..

Consideriamo quanti bambini l’influenza coinvolge: alla fine di gennaio la rete di sorveglianza nazionale ha documentato un picco di 28,7 casi per 1000 nella fascia di età da 0 a 4 anni, notoriamente la più colpita; di 20,9 casi per 1000 tra i 5 e i 14 anni a fronte del 10,87 per mille nella popolazione generale.

Questi dati svelano una realtà più complessa: per ogni 100 bambini affetti da influenza si stima un aumento di 7-12 visite mediche e di 5-7 prescrizioni di antibiotici1; ogni adulto che si ammala, spesso contagiato proprio da bambini2, perde in media da 0,6 a 2,5 giorni di lavoro il cui costo per la società è di oltre 900 euro3.

L’influenza, come il raffreddore e le altre malattie, si trasmette con estrema rapidità soprattutto nei luoghi chiusi e affollati: dopo lo starnuto di una persona infetta, in un metro cubo di aria si possono ritrovare fino a 16mila particelle di virus disseminate in un raggio di 1,8 metri4.

Nessuno lo scrive, ma i supermercati e ipermercati, con i loro giganteschi impianti di aria condizionata sono un PERFETTO VEICOLO PER LE MALATTIE CONTAGIOSE (anche perché cambiare regolarmente i filtri comporta costi notevolissimi e non ci risultano controlli frequenti e seri).

Il vaccino è una strategia di primaria importanza e va consigliato in particolare ai portatori di malattie croniche (asmatici, diabetici, cardiopatici).

È bene però ricordare che la protezione vaccinale è limitata ai soli virus inclusi nella composizione annuale: restano inevitabilmente “scoperte” tutte le malattie causate dagli altri patogeni5, stagionali e non, quali rhinovirus, adenovirus, virus parainfluenzali e così via, che spesso favoriscono l’insediamento secondario di batteri (quando non sono questi ultimi a prendere il sopravvento).

Suggestive le conclusioni di un’indagine condotta in Sicilia di recentissima pubblicazione6: in età prescolare fino al 50% delle infezioni delle alte vie aeree, tipiche della stagione fredda, si sviluppano a partire da un’otite media, la cui incidenza oscilla dal 6% al 64% e in 3-4 bambini su 10 è ricorrente.

E la compresenza di asma, tosse e naso che cola, in questa casistica si associa a un aumento di oltre il 70% del rischio di recidiva di otite.