Archivi categoria: donne che pensano

cultura generale, riflessioni, dove va il mondo?, dove stiamo andando?, quale futuro?

LAVORO ALLARMANTE FUTURO O NO ? – Vivremo meglio o sempre peggio ?

Qui riportiamo solo dati ufficiali controllabili, le conclusioni le trarrete voi stessi.

9 lavori su 10, offerti nel futuro, secondo gli ultimi dati di previsioni scientificamente serie, saranno:

badante e infermiere.

Gli altri lavori (pochi posti rispetto alla massa disoccupata) ricercati saranno:

avvocati specializzati in problemi e divergenze on line

assistenti sociali per emarginati dai social  e pochi altri, sempre di grande specializzazione in settori legati all’informatica e problemi sociali.

OCCUPATI IN ITALIA

CHI TROVA PIU’ FACILMENTE LAVORO ?

Oggi, l’87% di coloro che escono dall’Università “Foro Italico” a Roma e l’87% ,circa, di chi esce dal Politecnico di Torino trova subito lavoro.

Al centro di ricerca della Fondazione Bruno Kessler, Trento, hanno registrato un notevole incremento di posti di lavoro.

COSA SOCCEDE NEGLI USA ?

Le aziende nate dopo il 2000, hanno assunto, a oggi, lo 0,5% della totale forza lavoro degli Stati Uniti.

——-

Forse abbiamo già i dati per immaginare il futuro che ci aspetta  … e se cominciassiomo a ragionarci sopra ? Invece di raccontarci che sarà tutto risolto con la specializzazione ?

OGGI MOLTI MUNICIPI E PRIVATI ABBASSERANNO LE LUCI – “M’illumino di meno”

“M’illumino di meno” è lo slogan, divulgato egregiamente dalla trasmissione radiofonica Caterpillar
Limitiamo l’uso inutile della luce

Giornata per il risparmio luminoso – Troppa luce danneggia la visione di stelle e pianeti nel cielo, a volte la luce viene lasciata inutilmente accesa; sprecando soldi e petrolio (che serve con carbone altro, per produrre energia elettrica)

Oggi chi vuole spegnerà le luci, o le abbasserà il più possibile, dalle 18 alle 19. hanno aderito numerosi comuni (che abbasseranno o spegneranno quanto possibile), ma è importante che anche il cittadino comune campanella l’utilità del progetto; fosse solo per educare figli e nipoti che erediteranno TUTTI I DANNI CHE NOI STIAMO COMMETTENDO CONTRO IL NOSTRO PIANETA: INQUINAMENTO DELLE ACQUE,, DELL’ARIA, DISTRUZIONE DELLE FORESTE ecc..

Semplici consigli:

1. spegnete le luci quando non servono
2. spegnete e non lasciate in stand by gli apparecchi elettronici
3. sbrinate sovente il frigorifero; pulire spesso la serpentina, perché la polvere riduce la sua efficienza e tenerla a una certa distanza dal muro in modo che possa circolare l’aria
4. mettete il coperchio sulle pentole quando si porta l’acqua a ebollizione; evitate che la fiamma sia più ampia del fondo della pentola perché di lato non scalda; fate bollire al minimo, tanto la temperatura di ebollizione non cambia
5. abbassate i termosifoni e non aprite le finestre se avete troppo caldo
6. riducete gli spifferi degli infissi riempiendoli di materiale che non lascia passare aria
7. utilizzate le tende per creare intercapedini davanti ai vetri, gli infissi, le porte esterne
8. non lasciate tende chiuse davanti ai termosifoni
9. inserite apposite pellicole isolanti e riflettenti tra i muri esterni e i termosifoni

Potete aumentante l’efficienza energetica con eletrodomestici di classe alta (A, A+ e A++) ed ecolampadine.

il 16 febbraio di un anno fa entrava in vigore il protocollo di Kyoto, un impegno importante finalizzato ad evitare il riscaldamento globale.

SCANDALO MODERNO – La schiavitù dei bambini – LADRI DI BAMBINI – Associazione ONLUS italiana intasca soldi …

DOPO LA PUBBLICAZIONE DI QUESTE INFORMAZIONI ABBIAMO RICEVUTO UNA LETTERA CHE PUBBLICHIAMO E CHE CI RICORDA, IN BREVE,  CHE LA ONLUS NON E’ STATA ANCORA CONDANNATA E QUINDI HA TUTTI I DIRITTI DI NON ESSERE DICHIARATA COLPEVOLE

MA NOI ABBIAMO SOLO RIPORTATO QUANTO  scrive in un articolo il giornalista Fabrizio Gatti (Espresso del 21 luglio 2016).

Famiglie che versano soldi per adottare un bambino e poi vengono informati che il futuro figlio è stato rapito … Bambini che formano il nuovo mercato degli schiavi lavorando come tali nelle case di ricchi arabi, come schiavi sessuali o come fonte di organi giovani … per trapianti a personaggi molto ricchi.

Molti bambini africani rapiti con varie scuse alle famiglie (lavoro sicuro, scuole ecc…) …

…. migliaia di euro, dato all’AIBI per le pratiche di adozione …

—- deciso a Roma con la collaborazione delle autorità congolesi per presunte gravi mancanze dell’ente Aibi sulle procedure di adozione sulle falsità raccontate alle famiglie italiane sul rapimento dei loro futuri figli …

VEDI ANCHE AL LINK http://www.donnecultura.eu/?p=42379

—————

Il presidente dell’Aibi, Associazione di San Giuliano Milanese, la butta sul ridere … lo scrive in un articolo il giornalista Fabrizio Gatti (Espresso del 21 luglio 2016).

Il giornale l’Espresso ha riportato più di un articolo sulle adozioni di bambini tolti ai genitori in Africa e le presunte irregolarità dell’organizzazione Aibi.

L’Aibi è la più potente organizzazione dle genere in Italia, dice sempre l’Espresso, tanto che ha sponsor anche dentro il Parlamento.

Marco Griffini è il presidente dell’Aibi, fondatore di questo ente autorizzato dallo Sato Italiano.

Raymond Tulinabo aveva portato al sicuro, al di fuori del controllo dell’AIBI e del giudice, 4 bambini adottati da famiglie italiane. E per questo ha avuto un mare di guai.

Il trasferimento dei bimbi era stato deciso a Roma con la collaborazione delle autorità congolesi per presunte gravi mancanze dell’ente Aibi sulle procedure di adozione sulle falsità raccontate alle famiglie italiane sul rapimento dei loro futuri figli; bambini che dovevano essere adottati e in procinto di partire per l’Italia.

Le famiglie avevano speso migliaia di euro, dato all’AIBI per le pratiche di adozione.

La storia del sequestro dei bimbi era una messinscena, pianificata in Congo e condivisa dai vertici dell’Aibi: quei bambini NON sono orfani e NON sono mai stati rapiti (come invece era stto detto alle famiglie che li volevano adottare) ….

Quanto sopra si evince dalle segnalazioni inviate alla Commissione per le adozioni internazionali che sta indagando.

Su questi fatti è stata costruita una trama che protegge i LADRI DI BAMBINI.

”  Quando in Italia le famiglie chiedono chiarimenti , all’AIBI prima prendono tempo e poi decidono di non dire la verità “. (Espresso del 21 luglio 2016).

Non ci dilunghiamo ulteriormente su questa questione in particoilare, ma vorremmo passare il messaggio che NON SAREMO MAI ABBASTANZA PRUDENTI NELL’AFFIDARE I NOSTRI SOLDI A MOLTE ASSOCIAZIONI CHE RISULTANO POI LEGITTIMAMENTE SOSPETTABILI DI TRAFFICI NON CHIARI.

LA MALAFEDE E’ RAGIONEVOLE PER IL FATTO CHE LA LEGGE, IN ITALIA, NON OBBLIGA LE ONLUS A PUBBLICARE UFFICIALMENTE I PROPRI CONTI.

Negli USA,  dove sia i Clinton che Trump sono stati sospettati di frodi relativamente alle proprie onlus, almeno i conti sono, per legge, di dominio pubblico.

——–

LADRI DI BAMBINI in CONGO E GHANA .

Una rete congolese, ma non solo, sottrae i bambini alle famiglie dicendo di mandarli a studiare o a lavorare dignitosamente.

In realtà molti  bambini africani rapiti con varie scuse alle famiglie (lavoro sicuro, scuole ecc…), finiscono come schiavi a lavorare nei Paesi dle Golfo Arabo o come schiavi sessuali o peggio come fonte di organi giovani per (vecchi, ma non solo) malati ricchi occidentali … … !!!!!

Migranti – SCAFISTI E INDAGINI SULLE ONG – Collusione per le associazioni umanitarie ?

QUELLO CHE I TELEGIORNALI NON DICONO

Vogliamo capire che c’è dietro tutte queste associazioni umanitarie che sono proliferate in questi utimi anni, da dove vengono tutti questi soldi che hanno a disposizione e soprattutto che gioco fanno … stiamo cercando di monitorare tutte queste ONG che hanno dimostrato di avere grande disponibilità finanziaria. E’ ovvio che non mettiamo in discussione organizzazioni umanitarie di chiara fama”, 

-sono parole del procuratore di Catania Carmelo Zuccaro che conferma l’apertura di un’indagine conoscitiva.

L’indagine muove accuse alla Frontex con un rapporto prsentato all’Unione Europea dove si precisa che ai migranti “verrebbero date chiare istruzioni prima della partenza sulla direzione da seguire per raggiungere le imbarcazioni delle ONG“.

Come riporta oggi il quotidiano La Repubblica “… le navi umanitarie si presterebbero a fare da taxi portando i migranti in salvo poche miglia dopo la partenza …”.

Le Ong si difendono: “… salviamo solo vite … nostri finanziamenti al novanta per cento sono libere donazioni di privati” !!!

IMMIGRAZIONE UN BLOG RIPORTA DA LE MONDE E DA LES OBSERVATEURS …ciò che non dicono i media italiani

Lo avevamo già scritto lo scorso anno, ora si sta cercado di fare qualche modifica, ma non abbiamo notizie di GRANDI CAMBIAMENTI.

VORREMMO AVERE LA CERTEZZA CHE I COLPEVOLI DELLA GRANDE TRATTA UMANA DELLA MIGRAZIONE SIANO CONSEGNATI ALLA GIUSTIZIA … ma gli interessi in ballo sono davvero troppo allettanti, evidentemente per tutti… ,  e la corruzione dilaga …

Migrazioni di massa e l’ente che le “promuove”

Ognuno di voi avrà la sua opinione al riguardo, ma noi riteniamo giusto dare spazio anche a chi  fa  i conti con i fatti  sottaciuti.

Quanto scritto sotto è riportato da fonti sicure e controllabili; compresi i quotidiani LE MONDE e LES OBSERVATEUR.

“… Manovra un budget di 1 miliardo e 675 milioni di dollari, ha 8400 dipendenti presenti in oltre 100 paesi… (vedi più sotto).

il benemerito ente dichiara ripetutamente di “assistere gli Stati” in tutti i modi possibili per ingoiare i necessari milioni di clandestini (pardon: “migranti”, è lo IOM che ha fatto circolare la parola corretta che tutti i media ripetono), io credo che il nostro governo, prima ancora che ai Kommissari Ue, dovrebbe bussare alla porta dello IOM. L’indirizzo è:
17, Route des Morillons, CH-1211 Geneva
19, Switzerland
Tel: +41.22.717.9111 (VEDI ALTRO PIU’ SOTTO)”.

DAL SITO : http://www.maurizioblondet.it/migrazioni-di-massa-e-lente-che-le-promuove/

” Maurizio Blondet 15 giugno 2015 30
Qualche giorno fa’ ho segnalato come le masse di clandestini imbarcati dalla Libia non solo sono quasi tutti negri sub-sahariani … ma che alcuni di questi hanno raccontato all’inviato di Le Monde di essere stati presi per le strade libiche. Domanda: ci sono organizzazioni   in Libia che fanno incetta di negri per spedirceli?

Il dubbio è venuto anche all’ottimo sito elvetico Les Observateurs. Che indica un possibile sospetto.
http://lesobservateurs.ch/2015/06/13/la-migration-est-elle-vraiment-le-fait-de-desesperes/

“Se credete ancora che la migrazione sia fatta di disperati – esordisce – ricredetevi. E’ un’azione voluta e organizzata, fra gli altri, da « L’organisation internationale pour les migrations » …”.

E’ questa una organizzazione intergovernativa che pare [IL TESTO NON CONFERMA] collegata alle Nazioni Unite. Andatene a vedere il sito, ed apprenderete cose interessati.

Direttore generale dell’Organizzazione è un tal ambasciatore americano William Lacy Swing, che ha una carriera di diplomattico in paesi come la Nigeria.

Costui è stato continuamente confermato e riconfermato a quella carica: è sulla poltrona dal 2008, e ci resterà fino al 2017 almeno (se non smetteranno di riconfermarlo).

Manovra un budget di 1 miliardo e 675 milioni di dollari,  ha 8400 dipendenti presenti in oltre 100 paesi;

il quartier generale è a Ginevra.

Strano che di un simile titano, io non avessi mai sentito parlare, nè incontrato nelle aree di crisi o scoperto qualcuno dei suoi agenti riconoscibili.

Fra le cose che IOM fa’ è “organizzare elezioni per i rifugiati fuori dalla loro patria, per esempio in Afghanistan nel 2004 e le elezioni in Irak nel 2005” .

Quindi: ad occhio e croce è una delle benefiche entità global-americane per l’espansione della demokràtia  nei paesi dopo che gli Usa li hanno devastati (pardon, volevo dire: aperti alla civiltà occidentale).

Lo IOM dichiara la sua missione senza giri di parole: “E’ impegnato nell’affermare il principio che una migrazione umana e ordinata fà bene ai migranti e alle società”.

“In un’epoca di mobilità umana senza precedenti – ci istruisce – si constata che è particolarmente urgente far comprendere appieno i legami che esistono tra la migrazione e lo sviluppo [ !!!!] , prendere misure pratiche perché la migrazione serva di più gli interessi dello sviluppo, ed elaborare soluzioni durevoli alle situazioni migratorie che sollevano l’umanità dalle difficoltà.

In questo campo, la filosofoia dello IOM è che le migrazioni internazionali, se gestite correttamente, contribuiscano alla crescita e alla prosperità dei paesi d’origine e di destinazione, [ !!!!!!!!]  e PORTANO PROFITTO  agli immigrati stessi”.

In base a questa bellissima convinzione che le migrazioni   in carrette del mare “fanno bene alle società” dove arrivano, lo IOM si occupa, a quanto dichiara, di:

° Assistere i paesi ad essere pari alle crescenti sfide della gestione delle migrazioni.

° Far progredire   la comprensione delle questioni dell’immigrazione.

° Incoraggiare lo sviluppo economico e sociale attraverso l’immigrazione [ !!!!!!!!!! ]

° Sostenere la dignità umana e il benessere dei migranti [ !!!!!!!].

Non so, ma ho l’impressione che questa descrizione dei compiti dei missionari si possa tradurre  con la parola promozione.

Lo IOM “promuove” le emigrazioni di massa.

Perché ha fede che queste   facciano bene all’economia delle società che li ricevono, o ovviamente a quella globale.

E’ una tesi tipica del mondialismo dei poteri forti.
http://www.iom.int/mission

Siccome il benemerito ente dichiara ripetutamente di “assistere gli   Stati”  in tutti i modi possibili per ingoiare i necessari milioni di clandestini (pardon: “migranti”, è lo IOM che ha fatto circolare la parola  corretta che tutti i media ripetono), io credo che il nostro governo,  prima ancora che ai Kommissari Ue, dovrebbe bussare alla porta dello IOM. L’indirizzo è:
17, Route des Morillons, CH-1211 Geneva
19, Switzerland
Tel: +41.22.717.9111

E’ la porta giusta. Il signor ministro Alfano alzi il telefono e chieda assistenza all’ambasciatore Swing e i suoi 8400 buoni samaritani, che fremono dal darci assistenza della loro competente filantropia.

Non posso esserne certo perché le pagine sulle riunioni e le decisioni sono segretate (pardon: “accesso ristretto solo agli stati membri”).

L’Italia essendo stato membro, sicuramente saprà cosa ha deciso lo IOM nella consultazione informale del 16 giugno, che non è ancora avvenuta mentre scrivo..
Il sito è molto bello ed umano. Pieno di foto di clandestini che scendono dai barconi a Lampedusa, che dormono alla Centrale di Milano o alla Tiburtina di Roma.

Didascalia: “oltre 100 mila migranti salvati in mare”: come se fossero stati Swing e gli ottomila suoi dipendenti a salvarli, e non   la marina ….

“Circa 102 mila migranti sono arrivati via mare in Europa quest’anno, secondo lo IOM. Il numero è lievemente superiore a quello raggiunto nel 2014”.

Il grande contributo dell’ambasciatore Lacy Swing, oggi direttore generale, sta in una frase che ha detto poco fa alla Conferenza dell’Asia Sud-Orientale:

“Il direttore generale dello IOM ha sfidato la comunità globale a ‘coniugare il rompicapo di un’efficace gestione delle frontiere cone le migrazioni su larga scala”.

Illuminati dalla sua sentenza le diciamo grazie, ambasciatore!  Senza di lei non ci saremmo arrivati: è proprio un rompicapo! …

E’ una frase che per acutezza mentale, originalità e impegno …. Grazie, ancora grazie.

Qualche suggerimento per risolvere il rompicapo no, vero? Ma   stimolati dalla sua alta intelligenza, il titolo del comunicato IOM che segue ci fa’ venire un’idea. Il titolo:

–“Lo IOM fa’ appello per la raccolta di 80 milioni di dollari onde fornire sostegno alle famiglie di profughi sparse per l’Irak. Perchè, sapete, 3 milioni di iracheni sono stati cacciati dalle loro caso da conflitti violenti”.

Quale sarà la causa di questi conflitti violenti, ambasciatore? Chissà.   Forse il Pentagono ne sa qualcosa. Forse i sauditi, i turchi e gli americani potrebbero smettere di fornire armamenti ed assistenza dal cielo al Califfato da loro foraggiato? E’ un’idea che ci è frullata per la testa così..Scusate.

Sarebbe bello sapere dall’ambasciatore Lacy Swing o da uno dei suoi ottomila apostoli, qualche informazione in più sulla enorme migrazione dall’Africa nera verso la Libia, e poi da noi.

Lui che ha passato una vita in Africa da diplomatico, avrà qualche opinione sul perché essa è aumentata brutalmente – proprio dal 2008 – e con essa, aumentati gli annegamenti di massa? Una dinamica migratoria raggiunge simili picchi solo se un evento catastrofico la giustifica, come appunto guerre, carestie, genocidi. Ne sa qualcosa?

Non ci sarà per caso, in quei paesi, una certa “promozione” dell’esodo? Nella convinzione che fa’ bene all’economia globale?

Le motivazioni di una tale promozione tendono a sfuggirci. a meno che non sia nel titolo di un’altra informazione del sito:

“Sette miliardi di sogni, un solo pianeta. Consumiamo con moderazione – Giornata mondiale dell’ambiente 2015”.

Ecco qui. Siamo in troppi: sette miliardi, su un solo pianeta. Le barcate di clandestini possono convincerci meglio che siamo in troppi in questo solo pianeta, che la popolazione va’ un po’ accorciata”….

Testo di http://www.maurizioblondet.it/migrazioni-di-massa-e-lente-che-le-promuove/

INTELLIGENZA ; COS’ E’ L’INTELLIGENZA ? E’ POSSIBLE CLASSIFICARE L’INTELLIGENZA ? SI CHIAMA MENSA L’ASSOCIAZIONE CHE RIUNISCE CHI HA UN QUOZIENTE INTELLETTIVO SUPERIORE ALLA MEDIA

L’INTELLIGENZA CLASSIFICATA DAL QUOZIENTE DI INTELLIGENZA ( QI ), E’ STATA RIPETUTAMENTE E UFFICIALMENTE CRITICATA.

Alcuni accusano questi test di favorire solo l’intelligenza logico- matematica e chi si allena a questo tipo di test.

Diversi libri hanno pubblicato alcuni test e danno suggerimenti su come affrontarli.

In ogni caso, pare che sia favorito chi si è  abituato allo studio tramite test; un metodo di studio di tipo americano.

Molti si “allenano” prima di affrontare i test e questo da risultati più favorevoli a coloro che godono di ottima memoria (che nulla a a che vedere con l’intelligenza).

Chi poi ha fatto più volte i test è ovviamente favorito (anche se le domande sono differenti, si conosce meglio cosa ci aspetta).

Ma la cosa più importante è che oggi si parla di diversi tipi di intelligenza e quindi molto difficilmente classificabile con semplici test.

Oggi si parla di intelligenza:
-linguistica
-logico-matematica
-emotiva (essere consapevoli delle emozioni proprie e di quelle degli altri).

Secondo uno studio pubblicato, nel 2014, su “Neutron” da neuroscienziati della University of Western Ontario, l’intelligenza è costituita da multiple componenti.

-Ogni componente corrisponde ad un circuito cerebrale dedicato.

-L’intelligenza nasce dalle complesse interazioni tra i vari circuiti.

-La conclusione degli studiosi è che E’ PRATICAMENTE IMPOSSIBILE MISURARE L’INTELLIGENZA CON ESATEZZA ASSOLUTA.

—————

UN’ASSOCIAZIONE RIUNISCE CHI HA UN QUOZIENTE INTELLETTIVO SUPERIORE ALLA MEDIA.

Comunque, tutti noi possiamo mettere alla prova la nostra intelligenza rispondendo ai test per essere ammessi al Mensa; un’associazione che riunisce persone con un quoziente di intelligenza sopra la media.

Tra i soci molti hanno lasciato la scuola prestissimo e vivono di modesti lavori, altri sono scienziati e professori universitari o ricercatori.
Alcuni sono poveri, altri milionari.

VEDI PIU’ INFORMAZIONI AL LINK:
http://www.mensa.it/cos-e-il-mensa/iscriversi-al-mensa/test-intelligenza-preliminari

CHI HA CAUSATO QUESTA CRISI ECONOMICA e BANCARIA ? – L’avevamo scritto anni fa e vale anche per oggi

NON DIMENTICHIAMO CHE IN ITALIA ABBIAMO IL 3° PIU’ GRAVE DEBITO DEL  MONDO (lo ha appena ricordato il telegionale dellla TV la7)

Articolo del 2014 che rimane attualissimo.

L’attuale crisi globale che stiamo attraversando è indubbiamente stata causata, in larga parte, dalla deregolamentazione finanziaria.

Quindi bando alle ciance e non dimentichiamo i nomi di chi ha deliberato la deregolamentazione; a loro dobbiamo l’attuale crisi.

Una distribuzione del reddito assai disuguale, la perdita di capacità di acquisto delle classi medie e basse, l’acquisto compulsivo di beni considerati, dai più spinti dalla pubblicità, quasi indispensabili per una normale vita sociale, ha portato ad un indebitamento insostenibile.

L’Italia, sino ad ora, si è in parte salvata solo grazie ai cospicui risparmi familiari depositati nelle banche che, comunque, si stanno sempre più assottigliando a causa della diminuzione della capacità di acquisto dei salari e della grande precarietà diffusa tra i giovani, e non solo.

Indubbiamente si sta smantellando tutta quella rete di sicurezze economiche che hanno fatto dell’Europa un, forse, inimitabile esempio storico di benessere quasi generale.

Le prime vistose avvisaglie si sono avute, per l’Italia, quando in brevissimo tempo i prezzi dalla Lira all’Euro sono di fatto raddoppiati. Riducendo, in pochi mesi, della metà stipendi e pensioni. Ma la colpa non è dell’euro, ma dei meccanismi che i politici hanno permesso di mettere in atto in contemporanea, o quasi, con l’arrivo dell’euro.

Un primo avviso di pericolo lo abbiamo visto nella pubblicità che invoglia ad acquistare pagando l’anno successivo: un invito all’indebitamento; senza speranza per i molti che perdono il lavoro e non lo ritrovano! Le stesse tentazioni che avevano già portato gli Stati Uniti quasi alla bancarotta bancaria e immobiliare nel 2008.

Iniziavano i primi contratti CoCoCo…. e il DEPREZZAMENTO DEL LAVORO; CHE E’ ARRIVATO anche a 5  EURO L’ORA NETTE … !!!

E gli inviti ad aprire un’impresa in proprio. In un momento in cui si sapeva benissimo, ci sarebbe stato, uno sterminio di fallimenti di piccole imprese strozzate dalle imposte; imposte dai politici per favorire, anche, i grandi supermercati e  i grandi centri commerciali e i loro prodotti molte volte decisamente più scadenti; come materia prima, ma quanti ora possono permettersi del buon cotone puro, della seta o della lana pura VERA, del bel pellame per le scarpe ???

La liberalizzazione dei mercati, tanto sbandierata come futuro dove tutti sarebbero stati più ricchi, ha permesso l’ingresso di prodotti non solo di qualità scadentissima, ma anche pericolosi per la nostra salute.

Ed ha favorito il fallimento delle piccole aziende produttrici che creavano prodotti di OTTIMA qualità senza il marchio famoso in vista, ma con stoffe, pellami, o prodotti agricoli di grande qualità.

Oggi si sa si è rispolverata la produzione agricola di nicchia venduta con il marchio SLOW FOOD e quindi a prezzi inaccessibili alla maggioranza della popolazione. Anche se il presidente dello Slow Food disse che i  ristoranti del loro marchio erano per tutti bastava andare fuori a mangiare meno frequentemente.

Chissà come argomenterebbe oggi i prezzi dei prodotti Slow Food e relativi ristoranti ai pensionati che guadagnano meno di 600 euro al mese o ai giovani che sono pagati, in regola, dalla regione 6 euro all’ora ?

Quanto detto sopra è facilmente dimostrabile da qualunque brava massaia che non può avere dimenticato come, all’improvviso il costo della frutta più economica (e così, in parte più lentamente, anche il resto della spesa),  sia passato da 1.000 lire al chilo ad 1 euro; ovvero 2.000 lire. E oggi siamo a 1,70 come media della frutta più economica; salvo offerte speciali o spesa oculata al mercato, ma sempre accontentandosi della frutta più piccola, per fortuna non sempre la meno buona e nutriente.

Alla faccia di tutti quei personaggi che sostenevano, e sostengono, l’inutilità di continuare a ragionare in Lire.

E non dimentichiamo che se ci fosse rimasta la lira avremmo affrontato i medesimi problemi di gigantesca inflazione dell’Argentina . NON POSSIAMO DIMENTICARE CHE SIAMO UN PAESE PIENO DI DEBITI E NESSUNO FA AFFARI CON UN PAESE CHE SVALUTA LA MONETA PER NON PAGARE IL SUO DEBITO …

Oggi l’Argentina è sul baratro, non ha più soldi per pagare e le nazioni che aveva ignorato quando era fallita senza pagare i creditori, oggi non intendono certo aiutarla.

Se noi eliminassimo l’euro sarebbe una fortuna solo per i grandi ricchi e i grandi debitori, ma sarebbero anni di privazioni per la maggioranza della popolazione; per non parlare delle possibilissime perdite per i vari piccoli risparmiatori.

Sarebbe come se tutti i nostri, pochi rimasti risparmi, all’improvviso servissero per acquistare qualche chilo di carne e dopo?

In Argentina è già successo, basta guardare la storia.

MODA E PUBBLICITA’ – INCANTARE LE MASSE -NON dimentichiamo il passato e la storia per capire cosa sta sucecdendo oggi in Italia e nel mondo

L’ARTE E LA SUA CAPACITA’ DI INCANTARE LE MASSE.

Il popolo fu ingannato: Augusto professava umiltà, ma viveva con la sua famiglia nel lusso e nella corruzione …

Da Dario ad Alessandro Magno ai romani … breve storia che ci aiuta a capire quello che accade oggi e forse accadrà domani …

 OGGI: L’ARTE E’ PASSATA DALLA SUGGESTIONE POLITICA ALLA SUGGESTIONE DI MASSA.

 TUTTO QUESTO CI CONDIZIONA, TANTO PROFONDAMENTE DA INFLUIRE SU DI NOI ANCHE SE NE CONOSCIAMO I MECCANISMI.

 TRASFORMARE LA MENZOGNA IN VERITA’ (La pubblicità ci vende prima di tutto un sogno: il bianco più bianco, la nostra magrezza e salute in un bicchiere d’acqua, di una certa marca !…; una schiera di artisti-grafici-pubblicitari-registi sono al servizio dell’IMMAGINE che farà il successo del prodotto)

DARIO ARCHEOLOGIA 300px-Bisotun_Iran_Relief_Achamenid_Period

A ROMA 40 ANNI PRIMA DI CRISTO, 

-ROMA ERA VICINA ALLA CATASTROFE A CAUSA DELLA GUERRA CIVILE PER LE DIVISIONI TRA POLITICI E NOBILI CHE RAPPRESENTAVANO LA CULTURA; gli uni erano diffidenti rispetto agli altri, come, ormai ieri,  in Italia tra destra e sinistra.

-ANCHE NELL’ANTICA ROMA CI SI VESTIVA IN MODI DIVERSI SECONDO LA FAZIONE ALLA QUALE SI APPARTENEVA.

L’appartenenza politica era visibile anche solo dall’abbigliamento.

-Due campi opposti; ognuno con una propria “divisa”.

I repubblicani volevano il potere delle grandi famiglie ed avevano  abiti austeri e tradizionali: oggi si direbbe classici o conformisti alla moda.

Gli anticonformisti erano i monarchici; indossavano abiti sgargianti per ostentare tendenze esotiche, senso di libertà e fantasia.

-Ed ecco che appare, consapevole del potere dell’immagine, Ottaviano, passato alla storia come Cesare Augusto appartenente al campo monarchico.

-La Roma repubblicana era molto sospettosa e Ottaviano la doveva rassicurare; garantendo che non avrebbe minacciato il potere tradizionale dei repubblicani.

OTTAVIANO, IL FUTURO CESARE AUGUSTO, DEVE REINVENTARE LA SUA IMMAGINE PER CONQUISTARE IL POTERE.

-Ottaviano deve conquistare i repubblicani; per farlo decide di reinventare se stesso con un’immagine discreta capelli corti.  Riproduce l’immagine in centinaia di copie e la fa distribuire in tutto l’impero.

Così crebbe la fama di Augusto nell’Impero, ma non a Roma, sospettato di voler emarginare il patriziato e accentrare in se tutte le cariche.

Nella capitale Augusto  doveva disarmare i nemici con una sua immagine.

-Doveva convincere repubblicani.

-Ecco come Augusto usa l‘arte come strumento politico.

Arma raffinata per un periodo di pace, ma il cui successo avrà sinistre conseguenze.

CON UNA STAUTA RISOLVE IL PROBLEMA DELLA SUA IMMAGINE.

L’immagine è una statua in apparenza di un  generale vittorioso, ma inoltre indossa la corazza militare, ma non deve apparire lo spirito battagliero e si mostra con un un gesto di serena autorità, non ha i sandali del legionario, ma i piedi sono nudi.

Un capolavoro di arte política o immagine pubblica.

-Tutto questo per significare: unita più che potenza.

-Per persuadere.

– Il suo potere militare viene presentato da quella immagine come attraente anche per i repubblicani .

-Appare forte ma non  arrogante; così propone (impone) una  nuova età dell’oro con la pax augustea.

-Riunifica Roma e il mondo intorno con il potere dell’arte  dell’apparenza!

-Augusto si pone come eroe inviato dagli dei per salvare Roma : per un futuro di pace.

-Tutto questo basato sulla menzogna; il popolo è stato  ingannato: Augusto professava umiltà, ma viveva con la sua famiglia nel lusso e nella corruzione.

-Augusto crea così un sistema dittatoriale che durerà  4 secoli.

—–

-Con un’immagine si può anche spingere a odiare il nemico persuadendo il popolo, che il nemico è diverso, non degno di umana pietà.

-Questo è il potere di persuasione insito nell’arte.

L’arte è un’ arma potente per promuovere se stessi.

-Oggi facciamo le medesime cose che fecero Dario, Alessandro Magno, Augusto fino a Mao e tutti gli altri,

-ma usando la   tecnologia digitale.

-Vedi, ad esempio, le guerre con i robot ed i droni alle quali ci stanno abituando con le play staton  e tanti film ! !

-i twitt scritti con semplici parole che vengono facilmente ricordate e ripetute …

 -TUTTI dovremmo riflettere un poco di più.

—————-

UN PASSO INDIETRO NELLA STRIA: RE DARIO

DARIO ARCHEOLOGIA DISEGNO 192px-DariusRE DARIO I

COMINCIAMO DA CHI PER PRIMO COMPRESE IL POTERE POLITICO NASCOSTO NELL’ARTE: RE DARIO I° DI PERSIA.

 DARIO (Dārayawuš in antico persiano, Colui che possiede il bene) fu capace di centralizzare e stabilizzare l’immenso impero persiano fondato da Ciro II il Grande; ne ampliò i confini rendendo così più sicuri i territori del suo impero; che si stava espandendo verso occidente.

Dario salì al trono nel 522 a.C., mentre re Cambise aveva lasciato la Persia per sottomettere l’Egitto e l’improvvisa e morte di Cambise, durante il ritorno in Persia, favorì non poco Dario che si trovò solo alla testa dell’Impero.

Gaumata, della casta sacerdotale dei magi, usurpò il trono di Persia approfittando dell’assenza di Cambise, allora impegnato nella campagna di conquista dell’Egitto (525 a. C.), facendosi passare  per Smerdi, il fratello e luogotenente del re fatto uccidere in segreto da questi. Morto Cambise nel ritorno dalla campagna d’Egitto, l’inganno di Gaumata fu scoperto da sette nobili congiurati (fra i quali  vi era Dario), e l’usurpatore fu ucciso (522). Alcuni sostengono che sia stato lo stesso Dario a causare la morte di Gaumata.

-Noi preferiamo credere a quanto fatto incidere  dallo stesso Dario sul rilievo di Behistun (Bisutun: “con l’aiuto di altri sorprese Gautama in una delle sue fortezze”.

archeologia 200px-tomb_of_Darius_I

-Erodoto stesso ci riporta i nomi dei commilitoni grazie ai quali riuscì ad “uccidere l’usurpatore Gaumata” e prendere quindi il trono.

Anche Dario è visto da alcuni storici come un usurpatore,  costretto a giustificare il suo potere con la discendenza da un ramo della dinastia degli Achemenidi, collegandosi così con la linea familiare di Ciro II il Grande. Altri sostengono che effettivamente era discendente degli Achemenidi.

-Dario per consolidare il suo prestigio sposò Atossa, figlia del re Ciro II, padre di Cambise, e vedova di Gaumata.

-Tra il 520 e il 519 Dario dovette far fronte a numerose rivolte di nuovi usurpatori nel suo immenso impero, ma ne uscì vittorioso; comandando un piccolo esercito composto da Persiani, da Medi e un ristretto numero di generali fedeli.

-Dario nelle sue iscrizioni appare come un fervente seguace della religione monoteistica di Zaratustra.

-Indubbiamente fu valentissimo statista e riorganizzò l’impero grazie a lungimiranti leggi civili e penali.

-Dario rivoluzionò le leggi relative al commercio degli schiavi; leggi sulle testimonianze e sui prestiti e la corruzione.

-Ogni sua provincia viveva secondo leggi e tradizioni proprie, mentre veniva mantenuta la nobiltà locale. In questo modo i sottomessi potevano continuare le loro tradizioni, anche religiose; al fine di ridurre il rischio di rivolte.

-Permise agli ebrei di riedificare il tempio di Gerusalemme.

-Il nome di Dario appare in Egitto nei templi di Menfi ed Edfu.

-All’epoca di Dario,  tributi venivano pagati in oro e argento e questo, probabilmente, fu uno dei motivi del declino di Babilonia.

-Moli storici sostengono che le guerre combattute da Dario (Grecia compresa: l’unione della Grecia all’Impero persiano avrebbe reso sicura la porzione più debole del confine occidentale) ebbero solamente lo scopo di garantire la stabilità dei confini dell’impero.

Le guerre persiane furono  la conseguenza dell’aiuto militare dato da Atene ed Eretria ai ribelli delle città ionie e carie.

Sempre per motivi di difesa, secondo molti storici,  assoggettò le popolazioni delle zone montuose del Ponto e dell’ Armenia, estese il potere persiano fino al Caucaso, combatté contro gli Saka e le altre tribù delle steppe iraniane  che vivevano oltre il fiume Oxus.

Dario in campo militare svolse una profonda azione innovativa introducendo la coscrizione obbligatoria, la paga per i soldati, un addestramento codificato e rinnovò l’organizzazione dell’esercito e della marina.

Anche Dario usa l’arte per rafforzare il suo potere.

Dario ebbe comunque l’ingegno di rafforzare il suo prestigio ricorrendo all’arte: immagini spettacolari, rilievi, iscrizioni rupestri e regge sfarzose.

-Ne è un esempio il rilievo di Behistun (Bisutun), scolpito su una grande parete rocciosa, dove Dario è raffigurato mentre sconfigge i suoi nemici, concepiti come “il male”. L’iscrizione riporta il medesimo testo in tre lingue: antico persiano, elamico e babilonese (da quest’opera G.F.Grotefend decifrò la scrittura cuneiforme).

-Nell’iscrizione Dario è presentato come inviato dal dio Ahura Mazda con lo scopo di ordinare il mondo.

-La medesima monumentalità spettacolare sarà voluta da Dario anche per la sua sepoltura a Naqsh-e-Rostam, vicino a Persepoli, scavata nella roccia. Accanto si faranno seppellire anche i re Achemenidi che gli succedettero ed anche altre dinastie di re.

Tomba di Dario

Dario fece erigere spettacolari e splendidi palazzi in tutta la Persia: da Persepoli a Pasargade, da Susa a Ecbatana (storica capitale dei Medi).

-Le mura di Persepoli erano alte 20 metri e larghe 11, questa costruzione rappresentò, per l’epoca, un enorme sforzo ingegneristico.

-Nelle varie province crebbe un’intensa attività edilizia per la realizzazione di nuove strade; al fine di collegare meglio l’Impero.

-Le strade, sotto il domino di Dario, disponevano di stazioni di posta e locande ed erano protette da guarnigioni militari per rendere sicuro il traffico, anche postale.

-In Egitto, Dario portò a compimento il progetto di allargamento del canale navigabile tra il Nilo e il Mar Rosso; un’iscrizione geroglifica ricorda le navi del re che dal Nilo arrivavano fino alla mitica Saba, passando per il Mar Rosso.

Tutti i palazzi avevano splendidi giardini (parola che in persiano deriva da paradiso).

-Dario ebbe la lungimiranza di chiamare i migliori artisti e far arrivare i materiali più pregiati da tutto l’impero.

-FECE TRASFERIRE LA CAPITALE DELL’IMPERO DA PASARGADE ALLA NUOVISSIMA  PERSEPOLI.

-La storia e l’archeologia ci tramandano un’immagine di Persepoli ricca di arte raffinata e amministrata con giustizia.

-Alcuni testi di storia sostengono che Dario soffocasse nel sangue le rivolte che, successivamente, scoppiarono in tutto l’impero (ogni storico sostiene la sua tesi).05

Dario comprese l’importanza di introdurre la moneta (coniandovi la propria immagine), usanza inventata in Lidia (piccola regione centro-occidentale dell’attuale Turchia). Fissò il valore, in peso, delle monete e coniò il Darico aureo,  per creare un sistema uniforme adatto alle transazioni commerciali per tutto l’impero.

-Dario introdusse anche un’unità di misura standardizzata (il cubito reale) che favorì i commerci e il loro sviluppo.

-La moneta serviva come “promozione” dell’immagine ed era importantissima per il pagamento dei tributi e per accentrare ulteriormente l’amministrazione dell’Impero.

-Istituì anche un efficientissimo sistema postale.

-Dario si spinse sino in Europa fissando i confini sul Danubio; dopo la sconfitta subita da parte degli Sciti (popolazione seminomade a nord del Mar Nero).

Il tentativo di Dario di conquistare la Grecia fu affossato dall’eroismo della battaglia di Maratona da parte dei greci.

-Dario morì nel 486 a.C. mentre preparava una grande spedizione contro la Grecia.

 DARIO INTRODUSSE UN NUOVO STILE DI GOVERNO.

– CREO’ IL PRIMO LOGO POLITICO DELLA STORIA 

– VEICOLO’ AI SUDDITI L’IMMAGINE DEL GRANDE RE RAFFIGURATO CON ARCO IN PUGNO, OVVERO  IL BRAVO ARCERE.

-Tutti i potenti sfrutteranno la sua intuizione: fino ad oggi con la  statua della Libertà di New York.

Dario aveva unificato un impero vastissimo sino al Mediterraneo e all’India, anche  per i 150 suoi successori che ne sfruttarono i simboli.   


ALESSANDRO MAGNO

ALESSANDRO MAGNO NON ERA CONOSCITORE DELL’ARTE; ma ne comprese il potere.

ALESSANDRO MAGNO SCONFISSE E CONQUISTO’ POESEPOLI, mettendo a ferro e fuoco UN ESEMPIO DI CULTURA DELLA QUALE NON ERA IN GRADO DI RICONOSCERNE IL VALORE, ALESSANDRO(barbaro rispetto alla cultura raffinata della corte di Persepoli) AVEVA IMPARATO DAL PADRE CHE AVREBBE DOVUTO  UNIFICARE L’IMPERO PERSIANO SOTTO DI SE PER AVERE IL POTERE MONDIALE (del mondo allora conosciuto).

ALESSANDRO aveva compreso  la  manipolazione delle immagini inventata da Dario, ma aveva bisogno di creare un’ immagine tutta sua.

-come riuscì  Alessandro Magno a consolidare la pace; dove prese quell’immagine?

Dalla Macedonia: nel nord della Grecia oggi, ma allora regno indipendente di spietati guerrieri

-Del palazzo di Alessandro ci rimangono poche rovine; tombe di re macedoni,  scoperte e razziate da ladri e profanatori.

-Nel 1978 gli  archeologi greci trovarono una tomba intatta che portava a un cunicolo a grande profondità e all’ingresso di una cripta ancora intatta.

-Questa era la Tomba segreta di Filippo il Macedone (padre di Alessandro Magno) con un’enorme sala del tesoro dove erano depositati molto oro lavorato e un enorme sarcofago dorato con il simbolo dei re macedoni:  il sole.

-Incredibili ricchezze furono trovate nel il corredo funebre;  tra la polvere del pavimento si scoprì una scultura d’avorio di fattezze delicate, piccoli frammenti ricomposti formavano scena di caccia, un volto spiccava su tutti: era apparso su busti e dipinti in tutta l’area mediterranea. Si trattava del volto reale di Alessandro Magno; immagine non idealizzata, prima raffigurazione realistica di un re.

-Quel ritratto cattura il potere di Alessandro e la sua capacità di suggestione.

-Quella immagine fu scolpita prima che Alessandro diventasse re quindi il suo potere fu accuratamente preparato, anche attraverso l’immagine, era stata studiata dagli artisti come vincente per che avrebbe dominato il mondo.

I ROMANI, SOTTO IL VESUVIO

-Sotto il Vesuvio i romani amavano l’arte greca; qui si trova un mosaico dell’epoca di Alessandro, oggi al museo archeologa di Napoli, che raffigura la  battaglia dove Alessandro sconfigge l’ armata persiana. Alessandro fissa lo sguardo sul mortale nemico, sul re persiano raffigurato già perdente, Alessandro ha i capelli scompigliati di chi rappresenta un popolo di conquistatori, di vitalità e forza fisica.

-Il re persiano,invece, è rappresentato come pietrificato, come cattivo, come  codardo.

Alessandro e suo padre, avevano capito che l’immagine  convinceva i sudditi del  valore del capo.

-Poteva anticipare la vittoria sul re di Persia semplicemente con un’ immagine di vincente; ancora prima di vincere.

-Doveva  poi fare arrivare l’immagine ai nuovi sudditi; come?

-VOLEVA E DOVEVA ricordare ogni giorno ai sudditi chi comandava; come? La risposta è: il volto su una moneta con un’immagine quanto più possibile simile alla sua; per generazioni i successori coniarono monete con il suo volto.

– Idea geniale usata da tutti i leader successivi, sino a oggi.

-Il volto umano rimane ancora oggi una potente  arma nell’arena della politica.

-Dario e Alessandro Magno compresero  quanto la mente umana fosse disponibile a ricevere e accettare le immagini come ideale.

-Vedi la propaganda di Hitler e di Mussolini, di Mao e oggi lo stesso dello stesso Putin, ma non solo…

ARMANI, PRADA, ROBERTO CAVALLI, DOLCE E GABBANA, LACOSTE, MONCLER, BMW, AUDI …MA ANCHE COCA COLA, MAC DONALD, ADIDAS, BOSS, NESTLE’, EBAY… molti di noi acquistano, anche magari a rate, pur di dimostrare agli altri che possono permettersi quella marca che per loro è simbolo di quello che vorrebbero essere …è la triste storia della persona non abbiente  che lavora di più  per acquistare le scarpe NIKE per il figlio, (fabbricate  con immensi sacrifici da persone e, non solo qualche volta anche da bambini,  in altre parti del mondo; ai quali noi non amiamo pensare), figlio che altrimenti non sarebbe accettato dai compagni….ECCO IL POTERE DELL’IMMMAGINE…

MA NON ERAVAMO UOMINI PENSANTI ?

O NON LO SIAMO MAI STATI PIU’ DI TANTO ?

VIOLENZE DOMESTICHE IN RUSSIA ORA SONO DEPENALIZZATE !!! – Maltrattamenti in famiglia ora sono solo illecito amministrativo

DEPENALIZZATE LE VIOLENZE DOMESTICHE DECLASSATE A ILLECITO AMMINISTRATIVO.

CON SOLO 3 VOTI CONTRARI.

Oggi 380 deputati russi si sono espressi a favore della proposta di legge.

La Duma  ha approvato un progetto di legge che depenalizza i maltrattamenti in famiglia e li abbassa a semplice illecito amministrativo.

UN PASSO INDIETRO PER TUTTE LE DONNE DEL MONDO !

 

GIORNO DELLA MEMORIA – Le stragi della storia NON vanno dimenticate – Per non ripetere gli errori e le violenze della storia

Milioni di persone non hanno fatto nulla per fermare l’orrore…

Il 27 gennaio 1945, le truppe dell’Armata Rossa entrarono ad Auschwitz

Non dimentichiamo, perché le stragi continuano a succedere nel mondo e potrebbe ripetersi anche nel mondo che si considera ” civile “.

La lezione è stata recepita sino in fondo ?

Il pericolo è cancellare la memoria storica, non sapere, non ricordare, DIMENTICARE…  tutto questo porta al rischio che gli orrori del passato si possano ripetere.

Per questo motivo ogni volta che si parla di dimenticare, di pensare solo al futuro e non al passato, DOVREBBE FUNZIONARE COME UN PERICOLOSO CAMPANELLO DI ALLARME .

Studiare la storia, serve ed è indispensabile per migliorare il futuro dei nostri figli e nipoti.

Non dimentichiamo che l’attuale momento storico europeo ha numerose analogie con il momento storico di carenza di lavoro, povertà ecc… che portò alla votazione a favore di Hitler (che prometteva lavoro a tutti e l’uscita dalla crisi con l’autarchia …).

A questo proposito si è espresso anche Papa Francesco che ha una diretta esperienza dei poteri forti del sud America che portarono alla morte di migliaia di giovani che si battevano per la libertà.

Usare la memoria per una prospettiva di speranza per il futuro.