Archivi categoria: donne che pensano

cultura generale, riflessioni, dove va il mondo?, dove stiamo andando?, quale futuro?

Cambiamenti climatici – Intervenire subito

“Cambiamenti climatici, intervenire subito … le leggi fisiche non perdonano, non aspettano i nostri indugi … “; lo ha detto il famoso divulgatore scientifico

Luca Mercalli *.

I dati scientifici incontestabili:

– i ghiacciai delle Api si sono dimezzati in un secolo

– nel medesimo periodo il mare è salito di 20 cm.

– in Europa, stiamo vivendo frequenti ondate di calore mai registrati in tempi così brevi

Ognuno degli eventi di cui sopra, causa a cascata, gravi alterazioni degli ecosistemi.

ALCUNI EFFETTI:

temperature altissime, terreni secchi e poi piogge devastanti

l’accelerazione delle temperature si è accentuata velocemente negli ultimi 30 anni

trombe d’aria devastanti dove non se ne erano mai viste di tanta intensità e così frequentemente

il fiume Po ha diminuito enormemente la sua portata di acqua; soprattutto nel periodo estivo

l’acqua per irrigare i campi agricoli è sempre più scarsa

– nuovi parassiti per l’agricoltura

– nuove malattie tropicali anche nelle nostre zone

– nuove e pericolose zanzare che invadono le nostre aree abitative

anche se intervenissimo subito e pesantemente, i risultati si vedrebbero tra 30 anni ( quale politico investe in risultati a 30 anni ?? ).

NEL NORD EUROPA DA MOLTI ANNI, ANCHE A SCUOLA, SI INSEGNA CHE DOBBIAMO IMPARARE A RISPETTARE IL NOSTRO PIANETA

Nel sud Europa ci lamentiamo quando fa caldo, durante le catastrofi, ma nessuno prende provvedimenti seriamente e rapidamente incisivi.

COSA POSSIAMO FARE ?

– in realtà moltissimo

– basterebbe solo modificare, anche di poco, le nostre abitudini

– usare l’acqua solo per quanto è indispensabile e non lasciarla scorrere senza usarla

– usare in dosi minori ogni tipo di detergente: dagli sciampo ai detersivi per la biancheria (le dosi consigliate sono sempre eccessive), NON USARE MAI GLI AMMORBIDENTI (scrub gratuito quotidiano e la vostra pelle è più morbida)

– mangiare MENO CARNE, BASTA RIDURRE, ANCHE DI POCO, LA QUANTITA’ CONSUMATA DA TUTTI E I RISULTATI SAREBBERO ENORMI !

– introdurre nell’alimentazione cibi economici e sani come lenticchie, ceci ecc…

– mangiare MENO ed evitare sprechi; fa bene alla salute

– dividere seriamente l’ immondizia e limitare l’uso di contenitori di plastica e le plastiche in generale

– non usare mille prodotti per pulire la casa, non serve disinfettare (anzi favorisce le allergie), basta pulire bene con semplici prodotti come acqua e aceto, acqua e bicarbonato, detersivi che dichiarano di essere ecologici, ammoniaca e acqua …

– non indossare indumenti aderenti in tessuti sintetici, molto economici e quindi sospetti; che passano sostanze nocive all’interno del nostro corpo

-comprare solo quello che serve e, se possibile, di buona qualità

* L’intera intervista a Luca Mercalli al link: www.slowfood.it (11.9.17)

 

INQUINAMENTO E SALUTE

Tanta confusione, come è già accaduto negli Stati Uniti.

Basta guardare quanto si deposita su di una auto non lavata ! Tutto questo arriva nei nostri polmoni.

I CASI DI CANCRO AUMENTANO EPPURE DIMINUISCONO I FUNATORI .. !!! CIO’ VUOL DIRE CHE L’INQUINAMENTO E I VELENI CHE EMETTONO LE AUTO, VEDI ANCHE SCANDALO VOLKSWAGHEN … del quale nessuno più parla .., SIANO  UNA REALTA’ INNEGABILE !

I titoli dei giornali sono diversi secondo l’orientamento politico !

SI PENSA ALLA PROPRIA IDEOLOGIA POLITICA , INVECE DI AVERE COME OBBIETTIVO IL BENE DEI CITTADINI.

E’ evidente a tutti che un tasso di inquinamento alto, a causa del traffico (lo abbiamo visto e sentito, con il naso, tutti nei giorni precedenti il Natale caratterizzati da un’enorme traffico cittadino), DANNEGGIA LA NOSTRA SALUTE E ANCORA DI PIU’ QUELLA DEI BAMBINI.

LE POLVERI SOTTILI PASSANO DIRETTAMENTE NEL SANGUE, con tutti i loro veleni !

Quanto sopra è sostenuto dai più autorevoli medici specialisti.

L’EUROPA NON FAREBBE LEGGI ANTI SMOG SE NON CI FOSSERO DELLE SERIE MOTIVAZIONI.

Basta mettere un tessuto bianco fuori da una finestra vicino al traffico ed ecco che intuiamo cosa entra nei nostri polmoni.

Eppure c’e’ ancora chi fa dell’inquinamento un problema politico !

Gli alberi aiutano ad eliminare lo smog, lo sostengono tutti gli scienziati indipendenti di tutto il mondo; l’ Amazzonia è universalmente conosciuta come IL POLMONE DLE MONDO !

Certo non sono pochi alberi, un bosco in più o meno, che possano migliorare l’impressionante inquinamento delle grandi città ! Questo lo capisce anche un bambino, soprattutto in inverno quando non ci sono le foglie che trasformano l’anidride carbonica in ossigeno ed assorbono moltissimi veleni!!!

Vedi informazioni sugli effetti del traffico sulla salute, anche dei bambini, al  link :

http://www.donnecultura.eu/?p=27511

 ——

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

Dal 23 settembre a Roma – Settimana della Scienza dal 23 al 30 settembre 2017

Si comincia il 23 settembre a Roma all’’interno del parco dell’Ex Cartiera Latina

Dal 23 al 30 settembre alla scoperta del sapere scientifico con la Settimana della Scienza:

Laboratori, visite guidate nei centri di ricerca italiani, aperitivi scientifici, incontri con i ricercatori
Dal 18 settembre aperte le iscrizioni al pubblico e alle scuole

Aspettando la Notte Europea dei Ricercatori – 29 settembre – l’evento dedicato alla ricerca scientifica più importante d’Europa


In Italia il progetto coordinato da Frascati Scienza con 25 città italiane e 370 eventi

Cresce in Italia l’attesa per la Settimana della Scienza dal 23 al 30 settembre 2017; eventi, aperitivi scientifici, incontri con i ricercatori, conferenze e visite nei più autorevoli centri di ricerca italiani aperti al grande pubblico e alle scuole di ogni ordine e grado. L’appuntamento precede un altro importante evento, la Notte Europea dei Ricercatori – 29 settembre, la più importante manifestazione europea di comunicazione scientifica che coinvolge 340 città europee in 27 stati e più di 17.500 ricercatori.

In Italia l’evento coordinato dall’Associazione Frascati Scienza apre il 18 settembre le iscrizioni a tutti gli appuntamenti.

La manifestazione ha l’’obiettivo di avvicinare ricercatori e cittadini di tutte le età ed evidenziare l’importanza e l’impatto positivo della ricerca nella vita quotidiana.

Un’’opportunità per creare un legame tra scienza e società, per un confronto/dibattito continuo su temi cruciali della ricerca scientifica.

Un’’occasione, inoltre, per far incontrare i giovani e i ricercatori, per comprendere da vicino questo affascinante mestiere in grado di cambiare concretamente le nostre vite, diventare anche solo per un giorno ricercatore divertendosi e scoprendo discipline scientifiche e, perché no, restare affascinati dalla carriera scientifica pensando un giorno di intraprenderla.

Il filo conduttore della manifestazione organizzata da Frascati Scienza è il Made in Science, per una scienza intesa come vera e propria ‘filiera della conoscenza’. Tutto quello che ci circonda è scienza e lo strumento essenziale per conoscere, spiegare e interpretare il mondo è proprio il metodo scientifico.

Frascati Scienza, oltre a coordinare tutte le attività dell’area tuscolana e nella regione Lazio che apre molte delle infrastrutture di ricerca più importanti d’Italia, sarà presente in tantissime città da nord a sud della penisola, isole comprese: Bari, Cagliari, Carbonia, Cassino, Caserta, Catania, Cave, Cosenza, Ferrara, Frascati, Frosinone, Gorga, Isnello, Lecce, Milano, Monte Porzio Catone, Napoli, Palermo, Parma, Pavia, Pula, Roma, Sassari, Trieste, Viterbo.

Si comincia il 23 settembre a Roma all’’interno del parco dell’Ex Cartiera Latina; con la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura e Politiche Giovanili della Regione Lazio, verrà inaugurato il “Luna Park della Scienza” che aprirà ufficialmente la Settimana della Scienza, dando inizio ai numerosi eventi in programma.

Frascati
sarà pacificamente “invasa” da ricercatori di ogni disciplina con le due location, le Mura del Valadier e le Scuderie Aldobrandini che già si preparano ad accogliere migliaia di curiosi da tutta la provincia. Tra gli 80 eventi organizzati direttamente dall’associazione a Frascati da segnalare la presenza della scrittrice e astrofisica Licia Troisi che accompagnerà il pubblico in un vero e proprio viaggio tra mondi inventati che spesso hanno poi trovato corrispondenza nelle scoperte dell’astronomia. Nella “Fisica di Interstellar” l’astrofisico e divulgatore Luca Perri racconterà su quali solide teorie scientifiche si basa il film di Christopher Nolan, vincitore di diversi premi Oscar. E ancora la biologa e divulgatrice LisaVozza con le vignette di Andy Ventura ne “I Vaccini dell’era globale” parleranno di vaccini e di come si costruiscono mentre l’autore Lorenzo Monaco in “Jules Verne, Viaggi straordinari nella scienza” presenterà una game-conference che metterà in scena una selezione di libri di Verne, ognuno dei quali ospiterà all’interno un prodotto della ricerca scientifica del 1800, un secolo che parte a cavallo e si chiude coi cavalli vapore.

Il Luna Park della Scienza sarà poi replicato tra le strade del centro storico di Frascati durante la Notte Europea dei Ricercatori.

Come ogni anno una grande attenzione sarà riservata alle scuole di ogni ordine e grado con un calendario di eventi dedicato esclusivamente ai più piccoli. E anche quest’anno sarà possibile portare la Notte Europea dei Ricercatori direttamente dentro le scuole! Basta prenotare Partendo dalle basi: il DNA, Geofisica e Vulcanologia, Da zero a Mille zampe: gli animali delle nostre città e Fisica per Esperimenti per portare i ricercatori direttamente nella vostra struttura.

Di seguito i principali eventi della Settimana della Scienza e della Notte Europea dei Ricercatori nei principali Centri di Ricerca italiani:

ASI – Agenzia Spaziale Italiana aderisce all’iniziativa con seminari, laboratori, mostre, attività per i bambini e famiglie ed apre i suoi laboratori il 29 settembre con un’originale esposizione fotografica per mostrare il nuovo spirito della ‘conquista’ spaziale delle donne raccontata dall’occhio fotografico di artiste. Si potrà conoscere da vicino la sede dell’ASI grazie alle visite guidate oltre a poter osservare il sole, la luna e avere un incontro ravvicinato con il Pianeta Rosso. Accompagno il caffè letterario con Le letture sotto le stelle, La Scienza va a Teatro, il Corner dei Ricercatori, Vieni a conoscere le Ket al KetLab e i Laboratori ludici sulla scienza.

CINECA: il 29 settembre l’Ente organizzerà eventi dedicati alle scuole come Il Supercalcolo e la Ricerca, dove sarà presentato il supercalcolo come un nuovo strumento di indagine della natura che non sostituisce, ma che espande quanto già a disposizione della scienza. Sarà spiegato in modo chiaro e comprensibile anche ai non addetti ai lavori cosa è un supercalcolatore.

CREA-AA nel corso della Settimana organizzerà una serie di seminari dal titolo Per fare un frutto ci vuole….Il progetto mira ad incentivare il consumo di frutta e verdura nei bambini e migliorare le loro abitudini alimentari, per avere adulti sani. Si parlerà dell’importanza della stagionalità di questi alimenti e dei problemi di salute che possono derivare da una dieta poco equilibrata.

ESA-ESRIN –European Space Research Institute offrirà attraverso conferenze e seminari la possibilità di conoscere da vicino Il Programma Europeo di osservazione della terra Copernicus, dell’Unione Europea o attraverso laboratori e giochi scientifici sarà possibile studiare gli altri pianeti del sistema solare e programmare i Lego Mindstorms per provare cosa significa essere un ingegnere che lavora a un programma spaziale. Oltre a conoscere i materiali di cui sono composte le astronavi o i satelliti.

Nel Parco Astronomico GAL – Hassin di Insnello (PA) appuntamento con I due cieli delle Madonie, permostrare i due cieli del Parco: quello reale e quello virtuale del Planetario digitale di 10 metri, capace di simulare una visione del cielo, sia a occhio nudo che nelle profondità dell’universo, viaggiare tra i pianeti e proiettare video full-dome.

Un altro interessante ed originale evento è organizzato dal GARR – Rete italiana dell’università e della ricerca che realizzerà Suonare a distanza su filo della fibra ottica, unospettacolare concerto a distanza con il Conservatorio di Cosenza.Per i bambini, inoltre, a Frascati ci sarà Internet 4 kids per conoscere come funziona la rete Internet attraverso un’esperienza di gioco interattiva e, per i visitatori di tutte le età, la possibilità di scoprire da vicino come viaggiano i dati sulla rete con Inside the Net, una rete in miniatura perfettamente funzionante dove gli esperti GARR sapranno rispondere a domande e curiosità attraverso un laboratorio interattivo.

Il Gruppo Astrofili Monti Lepini organizza un interessante ‘viaggio’ alla scoperta è appassionato di comete e asteroidi, l’appuntamento da non perdere è presso l’Osservatorio Astronomico di Gorga. Sarà, infatti, possibile vedere come è fatta una cometa utilizzando un modello stampato in 3D della cometa 67P/Churyumov- Gerasimenko, osservata dalla sonda Rosetta e visitata dal Lander Philae.

Monte Porzio Catone va in scena Astro Talk Show. I ricercatori INAF–OAR incontreranno il pubblico presso l’Osservatorio Astronomico di Roma e organizzeranno un vero e proprio talk show con ricercatori a rispondere alle domande più svariate del pubblico, secondo le loro curiosità, spaziando dal Sistema Solare al Big Bang fino ai buchi neri. Alla fine della conferenza, meteo permettendo, si potranno effettuare osservazioni astronomiche ai telescopi dell’Osservatorio.
INAF organizza, inoltre, a Frascati, presso le Mura Valadier,  Pianeti in una stanza, il simulatore di pianeti gestito da INAF-IAPS in collaborazione con l’Associazione Speak Science, che propone nella settimana precedente alla Notte e nella notte stessa, una serie di coinvolgenti conferenze/spettacolo sui temi di frontiera della ricerca scientifica.

L’ INFN – Istituto Nazionale di Fisica Nucleare è grande protagonista della manifestazione con tante città appartenenti al progetto e centinaia di eventi in programma.  A Bari i fisici della sezione di Bari apriranno il laboratorio Facciamo Scienza, a Monserrato (Cagliari) Open Night ai laboratori di Ricerca, a Catania verranno organizzate delle visite guidate all’interno delle sale sperimentali dei Laboratori Nazionali del Sud, a Ferrara‘Fisici senza frontiere’, a Lecce si terrà la mostra Dalla scala subatomica alla scala intergalattica, a Milano un calendario ricco eventi, fra questi la mostra Extreme, alla ricerca delle particelle realizzata in collaborazione con il CERN.
A Napoli all’interno della stazione della metro Municipio verranno presentati al pubblico alcune delle attività di ricerca più rilevanti che coinvolgono i ricercatori napoletani. Presso la Reggia di Caserta invece ci sarà l’evento pubblico “Spettri a Corte”.

A Pavia sei giorni all’insegna della scienza e della conoscenza. Si comincia con un Aperiscienza e “Botta di Coulomb – Rispondi e sei campione in CARICA” fino al gran finale con stand di fisica alla Cupola Arnaboldi e un open day al CNAO.  A Trieste, apriranno le porte dei loro laboratori ai cittadini per illustrare le principali attività di ricerca, dalla fisica delle particelle alla fisica nucleare, dalle astroparticelle alla fisica medica, passando per le ricerche in fisica teorica.


Presso l’INGV – Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Un Pianeta vivo, viaggio all’interno della Terra,
visite guidate alla scoperta dei terremoti, dei vulcani, dei maremoti e del geomagnetismo con visite anche alla sala di monitoraggio sismico e allerta tsunami.

Tra gli eventi organizzati da ISPRA – Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, Il consumo di suolo e le dinamiche di trasformazione del territorio e del paesaggio in Italia, un seminario dove saranno analizzate le principali dinamiche di trasformazione degli ultimi decenni, sarà illustrato lo stato del nostro territorio e del consumo di suolo e ne saranno valutate le conseguenze sui fenomeni di dissesto, sui cambiamenti climatici, sulla produzione agricola, sugli habitat naturali, sulla qualità della vita urbana e sul sistema economico.

L’Istituto Superiore di Sanità parteciperà alla Notte Europea dei Ricercatori con una serie di appuntamenti, tra gli altri: Sperimentazione animale e sanità 80 anni di storiail progetto intende mostrare il contributo che l’utilizzo degli animali in ISS ha apportato sia in termini di conoscenza scientifica, sia nell’ambito della salute pubblica; Vaccini e falsi miti: prendendo spunto dall’attuale epidemia di morbillo, saranno affrontati gli aspetti legati ai vaccini e alle malattie prevenibili da vaccinazione, facendo riferimento ad alcuni esempi significativi per l’opinione pubblica.

La LUMSA parteciperà con le sue due sedi di Roma e Palermo e con una serie di incontri; tra i tanti i dottorandi del Corso di dottorato in Scienze dell’Economia Civile illustrano ai presenti i loro progetti di ricerca, sia mostrando dei cartelloni riassuntivi dei risultati raggiunti, sia rispondendo a specifiche richieste del pubblico.

Presso Sapienza Università di Roma sarà affrontato il delicato e quanto mai attuale tema della radioattività, saranno presentati i punti fondamentali della scoperta della radioattività. La scoperta dei componenti degli atomi, il ruolo dell’Italia, i premi Nobel, l’evoluzione della Seconda Guerra Mondiale e il significato delle esplosioni di Hiroshima e Nagasaki saranno approcciati con rigore scientifico e storico, ma adottando un linguaggio anche per non esperti.

Durante la Notte Europea dei Ricercatori sarà possibile, inoltre, visitare gli impianti e i laboratori del Centro RicercheSotacarbo, presso Carbonia. Si tratta principalmente di impianti che vengono impiegati per test di gassificazione di biomasse e/o carbone o per il trattamento di reflui da essi derivanti.

L’Università di Cassino e del Lazio Meridionale insieme a Sapienza Università di Roma e all’Università degli Studi di Roma ‘Tor Vergata’ presenta HeritageGo. Il progetto HeGO-HeritageGO si propone l’analisi e la conoscenza dei BBCC (tecnologie applicate ai Beni Culturali) con un processo partecipato che coinvolge ampie fasce di utenza, senza diversificarle per età o competenza, e farle contribuire (mediante totem dedicati) alla costruzione di modelli grafici tridimensionali scientifici di Beni architettonici, archeologici o urbani, attraverso l’acquisizione in loco tramite app delle immagini digitali da essi riprese con l’uso dei più comuni mezzi digitali oggi utilizzati. A Frosinone si “giocherà” con Donne in Gioco. Dal 1946 a oggi.


L’Università degli Studi di Roma ‘Tor Vergata’
organizzerà degli incontri nel segno della biodiversità, presso l’Orto Botanico, gli Operatori dell’Orto Botanico accompagneranno gli ospiti in un percorso nella natura in cui i visitatori potranno entrare in contatto con l’ambiente, conoscerne i segreti e capirne il funzionamento. Durante la visita si potranno ammirare le collezioni di specie vegetali e i vari ambienti dell’Orto Botanico.

L’Università Roma Tre partecipa alla Notte dei Ricercatori e alla Settimana della Ricerca con un programma molto denso. Ci saranno Science Trips, visite guidate ai laboratori, Astrogarden, attività interattive e Mostre. Ma non solo: si parlerà (e si giocherà) anche di geologia, di elettromagnetismo, di crittografia e… di birre.

L’Università della Tuscia partecipa alla Notte con iniziative che vanno dalle visite guidate all’Orto Botanico ‘Angelo Rambelli’ di Viterbo a diverse conferenze organizzate dalla stessa università, che inizieranno con l’incontro dal titolo: Dal grande schermo allo smartphone, che intende analizzare i mutamenti dati dai dispositivi mobili hd e piattaforme digitali di distribuzione dei contenuti che hanno stravolto in pochi anni il panorama della narrazione audiovisiva.

L’Università di Cagliari
metterà in scena lo spettacolo La magia della chimica, una serie di reazioni chimiche e fenomeni fisici dagli effetti sorprendenti per un pubblico non addetto ai lavori, studiate per generare stupore e curiosità, per dimostrare che la Chimica non è solo formule e problemi, ma può anche essere divertente e coinvolgente.

Numerose anche le iniziative dell’Università di Parma, tra queste: Laboratorio di Internet delle cose: come si è evoluto internet e qual è la relazione con i Big Data? Per scoprire come tutto ciò che forma il mondo che ci circonda può avere un’identità elettronica, come il Rfid (Identificazione a radio frequenza) e altre tecnologie (come il più noto il QR code). Spazio anche ad aperitivi scientifici con Eat&Drink but THINK. Attraverso lo strumento dei Caffè Scientifici e delle Pillole di Scienza, verranno organizzati alcuni momenti di “dialogo” con la città, in diversi punti quali librerie, bar, cortili e spazi normalmente non adibiti a questo tipo di attività.

A Pula presso la sede di Sardegna Ricerche Smartphonica – La scienza in tasca intende mostrare come oggi innovazione, creatività e arte siano sempre più concetti legati alle nuove tecnologie digitali e in particolare alle potenzialità di utilizzo di smartphone e tablet.

Infine, per la Notte Europea dei Ricercatori, l’Università di Sassari organizzerà eventi all’insegna della Promozione della cultura scientifica a Sassari, numerosi laboratori, giochi scientifici e conferenze volte a presentare il metodo scientifico come strumento di interpretazione della realtà. Attraverso attività laboratoriali, seminariali e tavole rotonde tematiche, gli eventi mirano a far comprendere come la scienza sia fonte di risposta alle problematiche comuni nelle società moderne. Una delle tante novità di quest’anno è il luogo della manifestazione, che avrà epicentro nella suggestiva cornice di piazza Castello, nel cuore della città di Sassari.

La Notte Europea dei Ricercatori, che quest’anno compie 12 anni, è promossa dalla Commissione Europea.
Il progetto coordinato da Frascati Scienza è realizzato con il supporto della Regione Lazio in collaborazione con Comune di Frascati, ASI, CINECA, CREA, ESA-ESRIN, GARR, INAF, INFN, INGV, ISPRA, ISS, Sapienza Università di Roma, Sardegna Ricerche, Università di Cagliari, Università di Cassino, Università LUMSA di Roma e Palermo, Università di Parma, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Università degli Studi Roma Tre, Università di Sassari, Astronomitaly, Associazione Tuscolana di Astronomia, Explora, G.Eco, Ludis, Osservatorio astronomico di Gorga (RM), Sotacarbo.
L’evento vede inoltre la partecipazione di: Associazione Eta Carinae, Cicap Lazio, Consorzio di Ricerca Hypatia, Engineering, Fondazione GAL Hassin di Isnello (PA), GEA, Giornalisti nell’Erba, FVA New Media Research, ICBSA, Istituto Nazionale Tumori Regina Elena e Istituto Dermatologico San Gallicano – IRCSS Roma, Matita Animata, Museo Geopaleontologico “Ardito Desio” di Rocca di Cave, Osservatorio Malattie Rare, Museo Tuscolano delle Scuderie Aldobrandini, STS Multiservizi, Ass. Speak Science, Ass. ScienzImpresa, Tecnoscienza.it srl, The Document Foundation, Unitelma Sapienza, Università della Tuscia.

Altri partner di Frascati Scienza: Accatagliato, Associazione culturale Arte e Scienza, Associazione culturale Chi sarà di Scena, Associazione Amici di Frascati, Res Castelli Romani, MaCSIS, AGET Italia, Comune di Grottaferrata, Istituto salesiano di Villa Sora, Pro Loco Frascati 2009.

Con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Regione Lazio, Parco Regionale dei Castelli Romani, Comunità Montana dei Castelli Romani e Prenestini, Roma Capitale, Comune di Monte Porzio Catone.

La Notte Europea dei Ricercatori di Frascati Scienza è finanziata dalla Commissione Europea nell’ambito della call MSCA-NIGHT-2016/2017 (Grant Agreement No. 722952).

Per il programma completo della manifestazione con il dettaglio dei giorni, orari e luoghi, visitare il sito: HYPERLINK “http://www.frascatiscienza.it/”www.frascatiscienza.it/

 

Torino Spiritualità è PICCOLO ME – Da giovedì 21 a lunedì 25 settembre

LE PAROLE DELLE DONNE
a Torino Spiritualità

Restare o diventare bambini? Rifiutarsi di crescere oppure ritrovare da grandi un tesoro che si pensava perduto?

La XIII edizione di Torino Spiritualità è PICCOLO ME, da giovedì 21 a lunedì 25 settembre, cinque giorni di incontri, dialoghi, lezioni, letture e spettacoli per riflettere sulle tracce d’infanzia presenti ancora nell’età adulta e su come e perché recuperarle. Al festival si intrecciano voci di donne, che, dalla propria prospettiva, guardano l’età bambina, dimensione silenziosa che ritorna nella timidezza che anche da adulti fa capolino, nelle fragilità mai risolte, nelle paure che non vanno via, ma anche nella curiosità, nel desiderio di creare, nella capacità di meravigliarsi. In ogni incontro, un peculiare tratto dell’infanzia viene preso in esame, un gesto o una postura, da ritrovare per vivere pienamente.

CHIARA GUIDI E LO SGUARDO BAMBINO.
Per la fondatrice della Socìetas Raffaello Sanzio, eccellenza del teatro internazionale, «l’infanzia è una categoria del pensiero, nel senso antico di accusa. E di fronte allo sguardo impotente di un bambino io sento che qualcosa viene contro di me». Da questa riflessione, il dialogo dell’attrice e regista con Lucia Amara, venerdì 22 settembre, ore 11all’Auditorium Quazza (Palazzo Nuovo), ingresso libero. Al festival porta anche La terra dei lombrichi. Una tragedia per bambini, spettacolo nato all’interno della riflessione tecnica sul teatro infantile chiamata Metodo errante, forma teatrale aperta, che ha bisogno dei bambini per comporsi e per compiersi.

ANI ZONNEVELD, IMAM DONNA E MADRE.
Ha detto che la sua associazione – Muslims for Progressive Values – ha come obiettivo di contrastare le ideologie radicali, nate sotto la bandiera dell’Islam. Si chiama Ani Zonneveld, vive a Los Angeles, dove guida la preghiera del venerdì per uomini e donne, celebra matrimoni interreligiosi, etero e omosessuali. Il dialogo di venerdì 22 settembre, ore 18.30 al Teatro Gobetti con Luciana Capretti e Farian Sabahi è un confronto tutto femminile dal titolo I bambini nel futuro dell’Islam liberale. Ingresso gratuito.

ISABELLA GUANZINI E LA TENEREZZA DA RECUPERARE.
«Quando è autentica, non sopporta facili definizioni: si insinua con delicata tenacia tra le grandi virtù civili e la retorica del potere, è ciò che ci manca per poter vivere e sentire in un mondo finalmente comune. Per questo parlarne è un’impresa ardua e bellissima». Parola di Isabella Guanzini, a Torino Spiritualità in dialogo con Luciano Manicardi, priore della comunità di Bose, venerdì 22 settembre, ore 21 alla Chiesa di Gesù Nazareno, ingresso libero. La tenerezza è il primo sentimento incontrato una volta venuti al mondo, quello che ha dato forma alla nostra singolarità ancora priva di forza. Ingresso gratuito.

JAYA ROW E I BAMBINI DEL VEDANTA.
Insigne studiosa indiana di scritture vediche, ha rinunciato alla carriera manageriale per dedicarsi a testi di millenaria saggezza. Il suo obiettivo è insegnarne la conoscenza rapportandola al quotidiano, accompagnando le persone alla felicità, alla crescita personale e al successo. «Un adulto non desidera più i giocattoli perché è cresciuto», afferma, e ci conduce in un viaggio tra figure come Prahlada, Nachiketa e Krishna, fanciulli simbolo di virtù nella tradizione vedica. La lezione è venerdì 22 settembre, ore 21 al Teatro Gobetti, ingresso gratuito.

ELENA LUPO E (L’ECCESSIVA) SENSIBILITÀ.
«Vivere da persona altamente sensibile significa cogliere 1000 sfumature in ogni dettaglio, sentirsi sommersi dalla stimolazione del mondo esterno ma anche da quello interno. Significa avere una particolare propensione all’osservazione profonda, all’elaborazione delle associazioni tra concetti e situazioni, soprattutto sociali, significa commuoversi facilmente o sentirsi facilmente stanchi e irritabili quando si è sovraccarichi; significa sentire tutto e più intensamente». Elena Lupo è psicologa e psicoterapeuta e si occupa di Adulti altamente sensibili. Al festival porta un laboratorio per contattare il proprio “bambino interiore” e vivere le sfumature positive di questa caratteristica. Sabato 23 settembre, ore 10.30 – 13 al Circolo dei lettori (Ingresso € 12, ridotto Amici di Torino Spiritualità € 8)

ANGELA TERZANI STAUDE RICORDA TIZIANO TERZANI.
L’incontro è sabato 23 settembre, ore 11.30 all’Aula Magna Cavallerizza Reale, tra i ricordi legati a Tiziano Terzani, giornalista e viaggiatore, eternamente bambino perché sempre proteso alla scoperta senza preconcetti. Sono quelli della moglie Angela Terzani Staude, che afferma: «Tiziano si preoccupava molto per i giovani perché nessuno aveva voglia di parlare con loro, di raccontare come vanno le cose, di trasmettere loro i saperi», e quelli del figlio Folco Terzani, in collegamento Skype, conduce Leonardo Caffo, ingresso gratuito.

EMANUELA FOGLIADINI E IL BAMBINO NATO PER NOI.
La nascita di Gesù ha sconvolto la storia dell’umanità con l’idea che un Dio, nel pensiero delle grandi religioni trascendente e diverso, possa farsi carne diventando un bambino come gli altri. Questo evento è al centro del dialogo tra Emanuela Fogliadini, teologa e storica del cristianesimo, e François Boespflug, storico dell’arte e teologo, sabato 23 settembre, ore 15 al il Circolo dei lettori, nell’ambito di Se non diventerete come bambini (Ingresso € 5).

CÉLINE ALVAREZ E LE LEGGI NATURALI DEI BAMBINI.
«La mia esperienza di alunna e di adolescente nei quartieri disagiati di Argenteuil mi ha profondamente indignata: vedevo che il nostro sistema educativo soffocava ogni anno il lume intellettuale e i talenti unici di tanti miei compagni». Esordisce così Céline Alvarez, nel suo saggio Le leggi naturali del bambino, appena uscito in Italia per Mondadori. Secondo la sua tesi, ognuno nasce con il potenziale per apprendere e amare, tuttavia, non sempre il sistema educativo tradizionale rispetta i meccanismi che governano l’apprendimento e lo sviluppo degli esseri umani. L’incontro di sabato 23 settembre, ore 17 al Circolo dei lettori è con la linguista che ha unito i precetti di Maria Montessori e le moderne teorie cognitiviste, elaborando un rivoluzionario sistema educativo, in dialogo con Cristina De Stefano. Ingresso gratuito.

GABRIELLA CARAMORE RACCONTA LA STORIA CORAGGIOSA DI JANUSZ KORCZAK.
Non ci è concesso lasciare il mondo così com’è è il titolo del reading che vede protagonisti l’autrice della trasmissione di Radio 3 Uomini e Profeti, l’attore Sax Nicosia, e l’Orchestra Beethoven della Scuola Popolare di Musica. Insieme, sul palco del Teatro Carignano, raccontano della Polonia della prima metà del Novecento, dove visse un medico, educatore e scrittore che ha dedicato la vita a comprendere l’infanzia e a liberarla. Janusz Korczak creò infatti la “Casa dell’orfano” per bambini ebrei e, al momento della deportazione, nonostante avesse la possibilità di fuggire, rimase con loro, fino al lager. È sabato 23 settembre, ore 18.30, ingresso € 5.

SILVIA VEGETTI FINZI E LA MEMORIA
Ricordati di essere stato un bambino è il titolo e l’invito rivolto da Silvia Vegetti Finzi a tutti noi. Tra i maggiori psicologi italiani, tiene la sua lezione domenica 24 settembre, ore 17 al Circolo dei lettori. Non è facile, infatti, recuperare la nostra parte bambina, così fragile e segreta. È fatta di immagini più che di parole. Ma tutto ciò che siamo si trova là, nei sedimenti della memoria che, del denso fluire del tempo, trattiene l’essenziale.

CHIARA GAMBERALE E I VUOTI E PIENI DELLA VITA
La Principessa Qualcosa di Troppo è esagerata in tutto quello che fa. Ma quando un vero dolore la sorprende si ritrova «un buco al posto del cuore». Come fare pace con il vuoto che ognuno si porta dentro? Il romanzo Qualcosa di Chiara Gamberale diventa un reading che vede sul palco, insieme alla scrittrice, Emanuele Trevi, Marcello Spinetta e la partecipazione “in voce” di Luciana Littizzetto. La regia è di Roberto Piana, le illustrazioni di Tuono Pettinato. Domenica 24 settembre, ore 18.30, al Teatro Carignano lo spettacolo di chiusura del festival, gratuito per gli Amici di Torino Spiritualità, € 5 per le Carte Plus del Circolo dei lettori, intero € 8.

E ancora, Debora Spini, docente di Filosofia politica e sociale alla Syracuse University of Florence, tiene la lezione Una fede matura, riflessione sulla coscienza protestante, venerdì 22 settembre, ore 18 alla Chiesa Valdese, ingresso gratuito; Rev. Elena Seishin Viviani, monaca della tradizione Zen Soto, riflette sull’innocenza perduta, sabato 23 settembre, 16.30 al MAO Museo di Arte Orientale, è Dallo Zhuang-Zi al Grande Lebowski, passando dal Buddha, ingresso gratuito; Barbara Frandino, sceneggiatrice e insegnante di yoga, dialoga con Paolo Legrenzi di paura e coraggio, sabato 23 settembre, ore 19 al Circolo dei lettori, ingresso gratuito; domenica 24 settembre, ore 10.30 al MAO Museo di Arte Orientale, Svamini Hamsananda Ghiri e Emanuela Nava, si confrontano su miti, fiabe, metafore, da Mercurio a Nachiketas, è Sulla spiaggi di mondi sconfinati, ingresso gratuito. Inoltre, Emanuela Bartolini, conduce il laboratorio di yoga La vita è una lila, sabato 23 settembre, ore 15 – 17, al Circolo dei lettori e domenica 23 settembre, ore 15 – 17, è la volta di Laura Bianchetto e Noella Barison, counselor, con Torna bambino, chiedi ancora, laboratorio per giocare con le sensazioni e l’immaginazione. Entrambi gli appuntamenti fanno parte della Scuola di Otium (Ingresso € 12, ridotto Amici di Torino Spiritualità € 8).

La biglietteria per gli eventi a pagamento è al Circolo dei lettori (Via Bogino 9), dalle 9.30 alle 21.30, dal lunedì al sabato e domenica 24 settembre è aperta dalle 9.30 alle 19. I biglietti sono acquistabili online su Vivaticket.
I biglietti per la Scuola di Otium sono acquistabili esclusivamente al Circolo dei lettori.
Per maggiori informazioni: 334 1809224

www.torinospiritualita.org

Terremoti ed ecologia – Cosa ci aspetta nell’immediato futuro ? – I CONSUMI SONO PIU’ ALTI DELLE RISORSE DEL PIANETA !!!

Potranno i nostri nipoti vivere a contatto con la natura e bere acqua pura o sarà solo un lusso riservato alla casta dell’1%; che già oggi possiede quasi tutte le ricchezze del mondo ???

Quello che vorremo spiegare a Trump

COME STA IL NOSTRO PIANETA?

ECOLOGIA PER VIVERE MEGLIO: TUTTI !

O forse è un sogno che dobbiamo almeno, per ora, accantonare ?

TERREMOTI E PRELIEVI DI IDROCARBURI

SCARICHI DELLE AUTO – DIMOSTRATE LE STRETTE RELAZIONI CON IL CANCRO; vedi al link:

http://www.donnecultura.eu/?p=39475

Da uno studio di Nature Geosciencie firmato dal geofisico P.Gonzalez, Univ. Western Ontariofirmato dal geofisico P.Gonzalez, Univ. Western Ontario:

il sisma a Lorca, Spagna, dell’11 maggio 2011, è stato causato dal prelievo di acqua sotterranea a fini agricoli, ciò avrebbe destabilizzato la faglia tettonica.

-Secondo il prof.M.Ortolani, Univ. Federico II  di Napoli, in Italia corriamo un rischio analogo.

-Secondo il prof. Ortolani l’Italia ha centinaia di falde che rischiano di essere destabilizzate dall’estrazione di idrocarburi e conseguente immissione di liquidi per mantenere la produzione.

-I liquidi si insinuano nelle fratture rocciose lubrificandole e rendendo più probabile un sisma (terremoto) distruttivo  !

INQUINAMENTO.

IL PROBLEMA DELL’INQUINAMENTO E’ STRETTAMENTE LEGATO ANCHE A QUELLO DELLA SOVRAPPOPOLAZIONE E DELLA POVERTA’.

NESSUNO SI OCCUPA DI INQUINAMENTO SE DEVE PENSARE, TUTTI I GIORNI, A COME SOPRAVVIVERE o se e’ abbastanza ricco da avere a disposizione tutto quello che è rimasto di acqua pura e paesaggi naturali nel mondo.

IL PIANETA E’ UNO E NOI OGGI VIVIAMO COME SE FOSSERO 4  !!!

Aggiornati sul clima che cambia: www.italiaclima.org

SOS OCEANI: dopo il disastro del Golfo del Messico, le compagnie petrolifere continuano ad estrarre petrolio dagli oceani e preparano lucrosi contratti, alcuni già firmati, per l’Artico dove i ghiacci stanno ritirandosi!

L’ecosistema marino, sino ad ora, è stato il maggior compensatore della crescita dei gas serra: ben la metà delle emissioni di CO2 sono state assorbite dalle acque e dalle foreste.

Dall’industrializzazione ad oggi: 250 anni, il livello di acidificazione degli oceani è aumentato del 30%!

In assenza di correttivi nel 2060 sarà salito al 120%! Insostenibile per la vita di molti esseri viventi.

Inoltre le acque subiscono una vera iniezione di metalli pesanti, pesticidi, diossine, pcb, ftalati ecc… che si concentrano nei grandi pesci e nei mammiferi marini!

I DATI SCIENTIFICI E IL PROBLEMA DELLA SOVRAPOPOLAZIONE MONDIALE ( da Storia minima della popolazione mondiale, di M.L. Bacci, ed. Il Mulino )

-1 milione gli abitanti della terra nel Paleolitico

-10 milioni nel Neolitico

-100 milioni nell’Età del Bronzo

-750 milioni all’inizio della rivoluzione industriale

-2 miliardi alla fine della Prima Guerra Mondiale

-più di 7 miliardi oggi con una credibile prospettiva  di raggiungere i 10 milairdi alla fine del secolo.

GLI INCREMENTI ANNUI :

-0,1 per mille dal Paleolitico al Neolitico

-0,6  per mille nei 17 secoli precedenti l’avvento delle macchine a vapore

-6 per mille sino al 150

-18 per mille dal 150 ad oggi

ALTRI DATI IMPRESSIONANTI SONO QUELLI SULLA CONCENTRAZIONE URBANA CHE HA RAGGIUNTO IL 50,5% NEL 2010

Il nostro cervello funziona bene per interagire con gruppi di 100-150 individui in comunità gerarchiche, ma molto solidali tra loro

-Oggi, al contrario di quanto detto qui sopra, viviamo in sovraffollate comunità claustrofobiche ed alienanti!

-Tutto questo e l’introduzione del p.c. e robot causano: minore necessità di manodopera, rilancio della natalità (Cina e Francia) per proteggere l’identità nazionale o religiosa, problemi ecologici, problemi economici e lavorativi, squlibri razziali ed estremismi religiosi,

anziani che non lasciano il lavoro non favorendo il ricambio generazionale,  gestione di anziani che sopravvivono a lungo anche con gravi patologie, ma che non sono più autosufficienti in un mondo che non ne rispetta l dignità, problemi economici nazionali per il pagamento di pensioni prolungato, oltre ogni previsione, a causa di una impennata della longevità (anche se ristretta alla popolazione dei benestanti), popolazioni sempre più povere per carestie e cambiamenti climatici…grandi movimenti migratori ecc…

-Non dobbiamo dimenticare che, ancora oggi, tendiamo per istinto ad una alimentazione supercalorica, utile solo quando eravamo cacciatori predatori.

La popolazione dell’Africa sta aumentando in modo esponenziale, nel 2050 saremo in 10 milardi!

-Ci saranno più indiani che cinesi, che stanno limitando le nascite.

La Nigeria sarà la nazione più popolosa del mondo.

-Non è difficile prevedere le masse di migranti, ma i governi non stanno facendo nulla, mentre i protestanti fondamentalisti americani, ricchi e potenti, mandano in Africa missionari che predicano contro l’uso dei sistemi di controllo delle nascite e non sono i soli.

VECCHI ERRORI DA NON DIMENTICARE!!!

IL NOBEL RUBBIA IN SPAGNA PER IL SOLARE, E L’ITALIA SE LO E’ LASCIATO SFUGGIRE  !!!

-Perché il solare e non l’idrogeno? Secondo il premio Nobel Rubbia esistono solo due fonti di energia che ci permetteranno di abbassare la temperatura del pianeta.

-Il nuovo solare ed il nuovo nucleare

-Il nuovo nucleare deve essere in grado di eliminare il problema dei rifiuti e separare il rapporto tra energia nucleare ed usi militari, a questo proposito Rubbia pensa alla fissione fatta sul torio e non sull’uranio.

-L’idrogeno andrebbe bene, ma produrre idrogeno partendo dal gas naturale e dal carbone non serve a nulla perché rilascia la medesima quantità di anidride carbonica

-L’idrogeno secondo Rubbia deve essere prodotto dall’energia solare per essere” pulito”. In questo modo si produce ossigeno che si mette nell’aria e l’idrogeno recuperato può divenire un gas naturale sintetico da utilizzarsi nelle case.

in Italia è stato lanciato quello che si chiama “solare termodinamico”, non quello attualmente più conosciuto, ovvero il fotovoltanico, ma un sistema molto più efficicente. Il premio Nobel Carlo Rubbia avrebbe voluto mettere in piedi con la collaborazione di Enea ed Enel a Priolo, vicino a Siracusa.

Si sarebbe così realizzata un’idea partita da Archimede, quella degli specchi ustori, per produrre calore che successivamente genera energia. Il progetto non richiedeva dal Governo grandi somme, perché finanziato in gran parte dalle banche.

Purtroppo trattandosi di nuova tecnologia nessuno del Ministero delle Attività produttive e dell’Ambiente ha voluto esprimersi alla fine di un anno e mezzo lasciato per la risposta.

La Spagna nel frattempo ha fatto, VELOCEMENTE!!, una legge che afferma che il solare termodinamico è verde e quindi interessante perciò è stato permesso a Rubbia di sviluppare il suo lavoro lontano dall’Italia.

Si tratta di un impianto di rilevanza mondiale che porterà anche posti di lavoro alla nazione che lo sviluppa, in questo caso la Spagna.

EFFETTO SERRA QUALCUNO CI VUOLE IMBROGLIARE…E CI GUADAGNA PURE!

“Private Empaire”, 700 pagine, è il libro-denuncia da poco uscito negli Stati Uniti. L’autore è Steve Coll, grande firma che ha già vinto 2 premi Pulizer, e un libro-inchiesta su Bin Laden e uno sulle guerre di Georg Bush.

-“Private Empaire” è frutto di anni di ricerche e 400 interviste, comprese numerose fonti interne della compagnia Exxon (petrolio)

-Più volte le Organizzazioni Internazionali a Scopo Umanitario hanno denunciato la Exxon per legami con despoti, come (in passato) in Indonesia, Venezuela, Guinea Equatoriale, Ciad e la Russia di Putin.

-E’ capitato anche che la stessa politica estera degli Stati Uniti sia stata sabotata dalla stessa Exxon!

-Lo stesso Bush disse al premier indiano: “Nessuno riesce a influenzare le scelte della Exxon” !!!

-Il dittatore del Ciad fu messo sotto pressione da Bush  e dalla Banca Mondiale perché dedicasse almeno una parte degli introiti del petrolio all’istruzione e alle cure mediche del popolo, invece di acquistare solo armi. In quel caso la Exxon lasciò 700 milioni di dollari al dittatore Déby perché potesse permettersi di ignorare le richieste di Busch e della Banca Mondiale.

-Comunque l’argomento centrale del libro di Coll è la guerra della Exxon contro la scienza e le prove di tale guerra condotta in segreto, utilizzando come schermo dei non precisati “Centri di Studio”, in realtà potenti agenzie di Lobbing con scopi di finanziamenti politici.

-L’organizzazione di questa guerra contro la scienza seria ebbe un carattere militare, con tali regole di sicurezza da poterle paragonare alle “scatole nere” delle intellicence delle super-potenze.

-E quanto detto sopra non è fantasia, ma tutto dimostrato da uno dei più conosciuti giornalisti americani e riportato anche, in Italia, dal Corriere della Sera nelle pagine “R2 L’ambiente” del 4.5.12

-Lo Chief executive fu Lee Raymond, un ingegnere chimico, “convinto di avere personalmente le conoscenze sufficienti per giudicare gli scienziati climatologi”

-Con mezzi economici quasi illimitati si organizzò una campagna di DISINFORMAZIONE, DEPISTAGGIO, DENIGRAZIONE; cercando di imporre una NUOVA SCIENZA utilizzando una serie di pseudo-esperti ben pagati dalle compagnie petrolifere (giornalisti, scienziati..) che accettarono di assecondare gli interessi delle compagnie petrolifere

-La prima campagna fu organizzata nel 1997, durante gli accordi di Kioto, che infatti videro gli USA starsene in disparte e non accettare le regole proposte

-La Exxon attraverso l’American Petroleum Instiute ( una sorta di Confindustria dei petrolieri) finanziò una serie di piccole e grandi associazioni neo-liberiste per diffondere il dubbio sulla validità dell’annunciato cambiamento climatico e mettendo in  dubbio la relazione tra inquinamento industriale e riscaldamento da CO2

-Coll, nel libro, porta le prove che vennero usate tecniche e tattiche simili a quelle usate per discreditare l’industria del tabacco. Addirittura vennero usate anche le medesime persone della campagna antitabacco.

-La Exxon mobilitò e finanziò scienziati scettici privi di adeguate competenze, offrendo campagne di comunicazione e relazioni pubbliche ben pagate.

-Il risultato fu, ed è ancora, brillante, l’opinione pubblica americana è ancora molto divisa e incerta sulla serietà delle motivazioni che accusano l’industria di catastrofismo ecologico, insomma non riescono più a capire chi ha ragione e chi ha torto; che è proprio l’obbiettivo della Exxon

-Anche con Obama la Exxon si è rivelata capace di non far passare alcuna norma ecologica per la limitazione del CO2

-Coll osserva come gli USA abbiano una Compagnia Petrolifera di Stato capace di condizionare prepotentemente la politica del Paese medesimo!

-La tragica sorpresa è che ora sappiamo che la Exxon e le compagnie petrolifere in genere, hanno già fatto degli accordi con Putin per trarre beneficio, in produzione di petrolio, dal ritiro dei ghiacci artici

-Negli USA, in alcuni Stati, è passata la regola per la quale nelle scuole si deve parlare imparzialmente delle due teorie sugli effetti dell’industria e del petrolio sul pianeta: sia quello negativo che quello che lo mette in dubbio, il tutto al 50%

-Come se i ghiacci, i ghiacciai non si stessero ritirando o alcune isole non fossero già quasi sommerse per il riscaldamento del pianeta e per l’eccesso di produzione di CO2 !!

-Nessuna azienda, nella storia, ha mai avuto tali disponibilità economiche come la Exxon-Mibil per depistare: politici, giornalisti, imprenditori e cittadini

-Greenpeace è riuscita a vedere un documento nel quale si parlava di campagna per il “foraggiamento” di scienziati e centri-studio per mettere in dubbio le basi scientifiche della necessità di riduzione delle emissioni di gas (Corriere della Sera pag. 41 del 4.5.12)

LIBRI:

A QUALCUNO PIACE CALDO, prof. Stefano Caserini (docente di mitigazione dei cambiamenti climatici, Politecnico di Milano), Edizioni Ambiente, € 20. Per capire come il clima stia cambiando.

GLOBAL WORMING: alla domanda gli scienziati sono convinti del cambiamento climatico in atto? Il 97% ha risposto positivamente. Altre informazioni scientifiche su: www.italiaclima.org

“IL DILEMMA DELL’ONNIVORO” di M.Pollan editore Adelphi per sapere tutto sul cibo che mangiamo e come salvare le future generazioni dai problemi relativi all’approvvigionamento di cibo e acqua per tutti, ma anche di un clima che continui a permettere la vita sulla terra senza immense catastrofi, di cui abbiamo già le prime avvisaglie.

Ecologia – No Grandi Navi di Venezia

il comitato No Grandi Navi di Venezia vi invita a partecipare alla conferenza stampa di presentazione delle 
Due giornate europee per la difesa dei territori, la giustizia ambientale e la democrazia 
che si terranno a Venezia sabato 23 e domenica 24 settembre. 
L’incontro con la stampa si svolgerà a Venezia
sabato 16 alle ore 11
nella sede del comitato, Cannaregio 2873 
(il baracchino ai piedi del ponte sul campo del Ghetto Novo)
Parteciperanno i portavoce del comitato No Grandi Navi e delle associazioni ambientaliste veneziane che hanno sostenuto l’iniziativa.
Il punto focale della Due Giorni sarà la festa/manifestazione che si svolgerà domenica 24 alle ore 15, “par tera e par mar”, lungo la fondamenta delle Zattere, sul canale dove transitano le Grandi Navi ciascuna delle quali inquina come 14 mila  automobili. Sul palco galleggiante si esibiranno i 99 Posse, Cisco dei Modena City Ramblers, i Pharmakos, i Bim Bum Balaton e altri. 
All’appello ai movimenti europei lanciato lanciato dal comitato No Grandi Navi – che potete leggere in questa pagina – hanno aderito  i maggiori movimenti europei  che si battono contro le Grandi Opere e che parteciperanno alla Due Giorni  con proprie delegazioni .
L’elenco spazia dai No Tav della Val di Susa ai No Tap del salento, dai tedeschi del movimento contro Stuttgard 21 a Ciutat per a qui l’habita Palma delle isole Baleari, dai portoghesi di Academia Cidadã al Comitè francese contre la construction de l’aereporte de Notre Dame des Landes. E ancora: Stop Biocidio, Terre in Moto, No Muos, No Tap sino all’adesione formale della municipalità di Venezia Murano Burano. 
questo link potete leggere la lista in continuo aggiornamento delle adesioni.
L’iniziativa si propone di stimolare il Governo a prendere finalmente una decisione sulla questione delle Grandi Navi e di spingerlo a tutelare l’ecosistema lagunare, allontanando il devastante passaggio di questi sproporzionati giganti del mare, senza effettuare altri scavi in una laguna già martoriata. Così come hanno chiesto i cittadini di Venezia che hanno partecipato in massa la referendum autogestito del 18 giugno scorso. 
Grazie per l’attenzione

Per tutte le future Mamme a Roma 20 settembre un invito importante

Per una futura mamma la gravidanza è un’esperienza che dovrebbe essere vissuta con tranquillità per godere di uno dei momenti più belli e emotivamente intensi della sua vita.

Mercoledì 20 settembre 2017, alle ore 10.30, presso il Palazzo delle Esposizioni, a Roma.

Tuttavia, per molte donne la nascita del loro bambino è stata vissuta come un trauma riconducibile a una forma di violenza ostetrica.

Maltrattamenti fisici o verbali, violazione della privacy, procedure mediche non autorizzate sono alcuni dei trattamenti non rispettosi perpetrati ai danni delle donne da parte del personale medico.

Per far luce su una forma di abuso e violenza sommersa e di cui non si parla ancora troppo poco, ma che accomuna molte donne italiane, l’Osservatorio sulla Violenza Ostetrica (OVO Italia) è lieta di invitarla alla presentazione della prima ricerca nazionale sulla violenza ostetrica nel nostro Paese dal titolo “Le donne e il parto”.

La presentazione dell’indagine avverrà mercoledì 20 settembre 2017, alle ore 10.30, presso il Palazzo delle Esposizioni, a Roma.

BERGAMOSCIENZA dal 30 settembre 2017

E’ ONLINE IL NUOVO SITO WWW.BERGAMOSCIENZA.IT 

CON IL PROGRAMMA DELLA

XV EDIZIONE DEL FESTIVAL 2017

Inaugurazione manifestazione

30 settembre ore 17.30
Luogo in via di definizione


Prenotazione Scuole

da mercoledì 20 settembre
per tutti gli eventi


Prenotazione Privati

da mercoledì 27 settembre
per eventi dal 2 al 6 ottobre

da mercoledì 4 ottobre
per eventi dal 7 al 13 ottobre

da mercoledì 11 ottobre
per eventi del 14 e 15 ottobre


Per effettuare le prenotazioni è necessario registrarsi.

 

Il programma cartaceo sarà disponibile presso l’Infopoint
dal 20 settembre

Associazione BergamoScienza
c/o BergamoScienceCenter

Viale Papa Giovanni XXIII, 57
24121 – Bergamo

035 215992
info@bergamoscienza.it

***ATTENZIONE***

TUTTE LE PERSONE REGISTRATE PRIMA DEL 30/08

DEVONO EFFETTUARE UNA NUOVA REGISTRAZIONE

SARA’ POSSIBILE PRENOTARE GLI EVENTI
DAL 20 SETTEMBRE PER LE SCUOLE E 
DAL 27 SETTEMBRE PER I PRIVATI.

Una triste storia di cui non si vuole parlare

Se, quanto scritto sotto, non provenisse dall’ufficio stampa di una organizzazione internazionale come AVAAZ; non ci avremmo creduto !!!
Riceviamo quanto segue, da avaaz@avaaz.org
Del Ruanda abbiamo sentito parlare solo dopo che 800mila persone erano morte.
E in questo momento sta succedendo di nuovo in Birmania: una vera e propria pulizia etnica contro i Rohingya, uccisi sommariamente da bande di militari.

È orribile. Ci sono perfino testimonianze di bambini decapitati.

Ma la cosa più assurda è che i militari che controllano il Paese sono accolti con il tappeto rosso anche in Italia: solo pochi mesi fa, il generale Min Aung Hlaing è stato portato in visita nelle nostre fabbriche di armi e si è incontrato con i vertici dell’esercito. E Gran Bretagna, Germania e altri contribuiscono addirittura ad addestrare le truppe birmane!

I generali birmani hanno impiegato anni a costruire queste alleanze.

Chiediamo ai nostri governi ed eserciti di interromperle immediatamente! Non appena avremo abbastanza sostegno, compreremo pagine sui giornali per appellarci ai governi chiave, prima di un cruciale vertice internazionale:

Basta sostegno ai responsabili del massacro in Birmania

Negli anni scorsi i governi di tutto il mondo hanno tentato di fare pressione sulla Birmania per prevenire massacri come quello in corso. È evidente che quella strada ha fallito, ma possono ancora fare un’enorme pressione interrompendo il loro sostegno ai militari.

I Rohingya sono uno dei popoli più poveri del mondo. Da decenni viene negata loro la cittadinanza birmana e sono perseguitati perché hanno la pelle più scura e un’altra religione. È vero che alcuni si sono ribellati e hanno attacco le forze di sicurezza, ma quello che sta succedendo è una vera e propria pulizia etnica ed è la crisi peggiore mai affrontata da questa comunità. Firma ora e condividi ovunque:

Basta sostegno ai responsabili del massacro in Birmania

Abbiamo già aiutato i Rohingya: quando a migliaia sono dovuti fuggire per mare da un’altra persecuzione la nostra comunità ha donato per finanziare missioni di soccorso. Ora hanno di nuovo e più che mai bisogno di noi. Rispondiamo al loro appello ed evitiamo un altro Ruanda.

Con speranza,

Bert, Rewan, Ana Sofia, Danny e tutto il team di Avaaz

Maggiori informazioni:

Rohingya in fuga da Myanmar: 300mila in Bangladesh in 15 giorni (ASKAnews)
http://www.askanews.it/video/2017/09/09/rohingya-in-fuga-da-myanmar-300mila-in-bangladesh-in-15-giorni-20170909_video_12262340/

Onu, contro Rohingya pulizia etnica (ANSA)
http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/asia/2017/09/11/onu-contro-rohingya-pulizia-etnica_1791f760-7f9f-47f5-a1b5-d3e43f6c64ae.html

Ai generali birmani piacciono le armi Finmeccanica (Epresso)
http://espresso.repubblica.it/attualita/2016/12/01/news/ai-generali-birmani-piacciono-le-armi-finmeccanica-1.289919

L’Italia vende armi alla Birmania nonostante l’embargo? (East West)
http://eastwest.eu/it/opinioni/open-doors/l-italia-vende-armi-alla-birmania-nonostante-l-embargo

Birmania, mine antiuomo al confine, per impedire il ritorno dei Rohingya (La Stampa)
http://www.lastampa.it/2017/09/07/esteri/birmania-mine-antiuomo-al-confine-per-impedire-il-ritorno-dei-rohingya-9BGChndzZbrloit7BivalO/pagina.html

Picchiata – rapinata – stuprata a Termini da Bengalese

BENGALESE in possesso di un

regolare permesso di soggiorno per motivi UMANITARI !!!????

Ha minacciato di morte la donna, dopo averla picchiata con una grossa pietra, l’ha costretta a seguirlo per violentarla.

Colpevole un bengalese di 23 anni; presente in Italia  come rifugiato !?  S.K., è nato in Bangladesh nel novembre 1994.

E’ accaduto a una giovane turista finlandese.

Dopo averla percossa con una grossa pietra e rapinata l’ha violentata !!!

La ragazza finlandese, dopo una serata in compagnia di alcune amiche, aveva cercato un taxi per rientrare a casa.

Il bengalese aveva avvicinato la turista con gentilezza; si era offerto insistentemente di accompagnarla a casa con la propria auto, parcheggiata in una via vicina.

l 23enne non ha rinuciato nemmeno quando una donna, udite le grida della ragazza dal proprio appartamento, si è affacciata alla finestra, urlando e dando poi  l’allarme.

Il fatto è avvenuto da diversi giorni, ma solo oggi i media ne sono stati informati !!!