Archivi categoria: insonnia

Salute e sono sono legati – SONNO : 10 SEGRETI PER MIGLIORARLO

Esistono dei trucchi per migliorare la respirazione …

SONNO: 10 SEGRETI PER MIGLIORARE LA RESPIRAZIONE NOTTURNA E PREVENIRE LE APNEE

 – Un terzo della nostra vita lo passiamo dormendo. Il sonno è un bisogno umano fondamentale, esattamente come mangiare e bere, ed è basilare per la nostra salute e per il nostro benessere.

Ma dormire è difficile.

Lo dimostrano le ultime stime che in Italia parlano di almeno 4 milioni di persone affette da insonnia cronica e di circa 9 con qualche forma di disturbo del sonno.

Il sonno, come l’esercizio fisico e la nutrizione, è essenziale per la regolazione del metabolismo:

non dormire abbastanza è una delle cause dell’obesità, così come di diverse altre patologie, già in età infantile.

Ma c’è un altro aspetto che viene spesso sottovalutato e che è fondamentale per un sonno realmente ristoratore:

— la respirazione.

Respirare regolarmente durante il sonno è fondamentale per riuscire a dormire.

Se il sonno si interrompe più volte durante la notte per problemi legati alla respirazione siamo di fronte a una patologia grave e sottovalutata, quella delle apnee del sonno, un disturbo pervasivo e comune che colpisce almeno il 4% degli uomini e il 2% delle donne.

Le apnee del sonno provocano, fra le altre cose, sonnolenza diurna e stanchezza, e possono essere causa di altre patologie come ipertensione, cardiopatie, ictus, diabete, oltre a causare un generale indebolimento del sistema immunitario.

La mancanza di sonno inoltre parrebbe essere legata anche a molte condizioni psicologiche come la depressione, l’ansia e alcune psicosi.

Non dimentichiamo poi gli incidenti stradali: secondo uno studio condotto dal team del dottor Sergio Garbarino dell’Università di Genova, e pubblicato sulla più prestigiosa rivista scientifica del settore, Sleep,  Inquasi il 22% degli incidenti stradali sia attribuibile al fattore sonnolenza. cifre, si tratta di 7.360 sinistri, per una spesa di 1,5 miliardi di euro l’anno.

“Parlare di sonno oggi in una società che spinge le persone a dormire il meno possibile e considera il sonno una perdita di tempo e di possibilità di godersi la vita non è facile.

Resta comunque il fatto che non si può vivere senza dormire e anche per godersi la vita la qualità del sonno è fondamentale”, commenta il dottor Marco Baroni, responsabile area pneumologia di Sonnomedica, centro medico nato nel 2006 a Milano per l’iniziativa di alcuni specialisti del settore della medicina del sonno,

Esistono dei trucchi per migliorare la respirazione e prevenire così il problema delle apnee notturne, quindi per riuscire a dormire meglio. Il dottor Baroni indica i principali:

1. fare moto, camminare  e correre, in primis, o anche palestra o piscina: la famosa “stanchezza sana” è il miglior sonnifero, come quando si era bambini e si giocava fino allo sfinimento;

2. cercare di essere regolari negli orari aiuta a prendere sonno: se possibile quindi meglio non modificare ogni giorno il momento di coricarsi;

3. insonorizzare il più possibile il locale nel quale dormiamo;

4. utilizzare un diffusore di essenze rilassanti, alla orientale;

5. buio ma non totale per favorire un risveglio naturale;

6. un cuscino per amico, qualsiasi esso sia: deve cullare i nostri sogni. È bene cercare quindi il migliore per la nostra conformazione;

7. ritualizzare il momento di coricarsi, con latte caldo e miele, tisane (finocchio, camomilla, melissa, ecc.) o un po’ di ginnastica dolce;

8. non fumare in camera da letto;

9. non bere troppi alcolici. Un goccetto va bene, ma tre sono troppi;

10. e poi, se possibile non condividere il letto con un partner che russa rumorosamente. Ma questa è un’altra storia!

Per dormire bene devono entrare in campo la fantasia e le nostre attitudini.

Non esistono rimedi uguali per tutti.

Il corpo acquisisce questi ritmi e li interiorizza attraverso complicatissime cascate ormonali – aggiunge Baroni, che prosegue –

Se nessuno di questi rimedi si dimostrasse efficace il medico può suggerire una semplice terapia comportamentale o posizionale, basata principalmente sulla riduzione del peso.

Per le forme medio-severe di apnee notturne potrebbe essere invece necessaria una terapia ventilatoria con CPAP, un piccolo ventilatore che aiuta la respirazione durante il sonno, o l’uso di dispositivi odontoiatrici da applicare durante la notte (simili a bite).

In altri casi la scelta migliore è invece un intervento chirurgico, risolutivo e mininvasivo. In ogni caso, per diagnosticare il disturbo e identificare la terapia giusta occorre evitare il ‘fai-da-te’ e rivolgersi sempre ad un medico specializzato in medicina del sonno”.

AUTISMO – IPERTENSIONE – ALZHEIMER – OBESITA’ – PATOLOGIE OCULARI curare con il cibo secondo la Nutraceutica

Scoperta una cura per l’autismo

di Valeria Feramonte

Il tentativo di combattere le malattie attraverso la nutrizione è, si può dire, vecchio come il mondo: sembra infatti la strada più semplice e logica da seguire anche se talora è difficile da tradurre in evidenza scientifica.

La Società Italiana di Nutrizione (SINUT) promuove per l’appunto l’uso di integratori alimentari per la cura di patologie anche gravi come l’ipertensione, l’Alzheimer e l’autismo.

E’ stata fondata, in memoria del padre Giorgio, nel 2009 dal professor Cesare Sirtori (famoso tra le altre cose per aver scoperto in un gruppo di abitanti di Limone del Garda il segreto del ‘colesterolo buono’).

“Il numero di molecole che si rivelano efficaci in diverse patologie è in continua crescita”, dice il professor Sirtori. Per verificare l’efficacia di questi prodotti, proprio come si fa per i farmaci di sintesi sono state condotte ricerche i cui risultati sono stati presentati a Milano in un importante workshop che si è tenuto al Padiglione Italia dell’EXPO.

Ecco i risultati più sorprendenti:

AUTISMO: è un problema sanitario silente ma molto grave. Oggi nasce un bambino autistico ogni 68 nascite, e nei bambini nati con parto cesareo l’incidenza è addirittura doppia.

Come mai?

L’osservazione della maggior frequenza di autismo dopo i parti cesarei ha suggerito che una delle cause possa essere un alterato microbioma del neonato dovuto anche all’uso di antibiotici durante il parto, che impediscono alla madre di trasferire al neonato dei batteri intestinali sani come avviene più di frequente nel parto naturale.

All’università di Harvard (USA, Boston) un gruppo di ricercatori si è messo a tritare broccoli per estrarne una sostanza, – il sulforafano – che ha poi somministrato ad adulti autistici. Quasi tutti sono migliorati moltissimo e il 10% è quasi guarito.

Un risultato quasi trionfale, commenta il professore, e anche un po’ inatteso.

Forse per questo nell’ultimo congresso mondiale sull’autismo che si è tenuto a Salt Lake City non ne è stato ancora preso atto.

Se questo è finora il risultato più eclatante, data la gravità della malattia, ci sono altri settori in cui l’azione degli integratori alimentari si è dimostrata molto efficace.

Nell’IPERTENSIONE.

Da oltre 10 anni il cioccolato amaro è noto come un potente prodotto per la pressione alta. Il motivo è che dentro il cioccolato ci sono delle molecole note come flavanoli che dilatano le arterie e riducono la pressione.

Sempre ad Harvard per 4 anni è stato fatto uno studio, detto Cosmos trial – su 18mila persone ad alto rischio vascolare e si è visto che nei consumatori di flavanoli il rischio di complicanze si riduce del 12% e migliora anche il tono muscolare, la salute delle ossa e le capacità cognitive.

In Svizzera vendono specifiche tavolette di cioccolato (10 grammi con 200 milligrammi di flavanoli) che sono utilissime per abbassare il colesterolo senza gli effetti collaterali di altri farmaci.

Purtroppo in Italia il prodotto non c’è ed occorre andare a Lugano per procurarselo.

Il nome commerciale è Acticoa.

Nell’ALZHEIMER. Si è visto che il ‘caprilidene’ stimola il consumo di zucchero nel cervello e migliora le funzioni cerebrali.

Ma più sorprendente è il caso della Melatonina, di solito impiegata per il jet-lag nei viaggiatori.

E’ efficace infatti in un sintomo assai fastidioso dell’Alzheimer, l’alterato sonno veglia per cui il paziente dorme di giorno e cammina per casa la notte. Con la melatonina questo fenomeno si normalizza e migliora anche la funzione cerebrale.

Anche la curcumina, componente del curry, è efficace come è dimostrato dal fatto che dove si consuma curry l’Alzheimer è raro.

Ma ancora non si hanno dati certi.

Nell’OBESITA’
Ci sono due nuove molecole molto promettenti, la betulina, estratta dalla betulla e la berberina , che interferisce nella formazione del grasso.

Infine nelle PATOLOGIE OCULARI.

Nel caso di malattie come la degenerazione maculare e il meno grave glaucoma, sostanze come l’astaxantina, la luteina e altri prodotti pigmentati sono efficacissime nel prevenire le complicanze della degenerazione maculare.

In USA si è concluso di recente lo studio AREDS, che ha fornito conferme convincenti sull’utilità di questi prodotti.

Nutraceutica è un neologismo coniato nel 1990 dal farmacologo americano Stephen De Felice unendo i termini ‘nutrizione’ e ‘farmaceutica’. Sta ad indicare i componenti alimentari o i principi attivi negli alimenti che determinano effetti positivi per la salute.

Ricadono quindi nella nutraceutica i principi attivi di orgine naturale, gli alimenti funzionali, gli integratori alimentari e di erboristeria.
In pratica tutto ciò che viene comunemente definito ‘supplemento alimentare’.

L’agenzia Europea per la sicurezza alimentare che ha sede a Parma, (EFSA) ha ora anche il delicato compito di verificare la validità dei nutraceutici.

L’Italia guida anche un importante progetto chiamato PLANTLIBRA per migliorare le conoscenze sull’uso della piante medicinali.

Il settore è comunque in continua espansione ( in Italia è aumentato del 7% in pochi anni nonostante la crisi). Occupa diecimila addetti per un totale di 540 aziende e un fatturato annuo di circa due miliardi e mezzo di euro. In pratica, più della FIAT…

SALUTE CHE FUNZIONA – Non più attese per visite mediche e … costa meno del tiket – Santagostino Poliambulatorio Specialistico

Basta code e attese di mesi per avere un esame o una visita medica ... funziona benissimo e … costa meno di un tiket E’ POSSIBILE ?

— SI

Il Centro Medico Santagostino è una realtà sanitaria innovativa, che offre salute accessibile e di qualità in oltre 40 specialità.

SENZA FONDI PUBBLICI: si tratta solo di una gestione dove tutti guadagnano e accettano delle regole economiche moralmente ragionevoli (anche per il cliente).

Un’offerta di qualità in cui il prezzo è un ulteriore elemento di valore. Qualche esempio? Visite specialistiche a 60 euro!

NIENTE ATTESE COSTA MENO DEL TIKET; qui è possibile accorpare diversi esami e/o visite specialistiche, per risolvere tutto  in una sola volta.

NE HA PARLATO ANCHE IL PROGRAMMA REPORT della brava giornalista Milena Gabbianelli.

Merita più di un’occhiata il sito  dei Centri Polispecialistici Santagostino a Milano, Sesto San Giovanni, Bologna …  http://www.cmsantagostino.it

NUMEROSI SEDI A MILANO (anche Sesto san Giovanni) E BOLOGNA.

Esempio di una sede di  Milano:

Piazza Sant’Agostino, 1,
Telefono:02 8970 1702
Orari: Oggi aperto · 08–21

CENTRO PRENOTAZIONI

Telefoni:

02 89 701 701

02 89 701 702

Dal lunedì al venerdì
dalle 8.00 alle 20.00.
Sabato dalle 8.30 alle 15.30.

PRENOTA VIA SMS

366 5860316

PRENOTA VIA WHATSAPP

344 1003172

PRENOTA VIA EMAIL

prenotazioni@cmsantagostino.it

INFORMATI VIA EMAIL

informazioni@cmsantagostino.it

SALUTE – INSONNIA; 12 MILIONI DI ITALIANI NE SOFFRONO.

L’insonnia è in crescita in tutto il mondo.

Sino alla metà del secolo scorso la vita del cittadino era abbastanza regolare e al divertimento era riservato il sabato sera; a volte solo la domenica.

Poi le cose sono cambiate si è cominciato a parlare di week-end, poi di  aperitivi quotidiani, uscite sempre più frequenti, anche durante la settimana.

Questa civiltà dei consumi ha scoperto che ci può fare spendere anche di notte,  meno dormiamo più spendiamo, e ha fatto di tutto per sfruttare la scoperta.

Ormai le nuove generazioni, soprattutto la fascia più abbiente, ma non solo, sono travolte da un vortice di impegni: aperitivo, poi cinema, poi cena- birre-doscoteca… e il giorno dopo al lavoro.

Le nuove generazioni dormono, in media, almeno 2/3 ore in meno delle consigliate 8 ore.

Il problema è che moltissimi altri cittadini, dormono poco e non per scelta e questo è tremendamente stressante e dannoso per la salute.

Secondo gli studi della University of Wisconsin School of Medicine il cervello, durante un ciclo di sonno completo, spazza dalla mente i ricordi inutili; tattenendo solo quelli importanti lascino il cervello pronto per apprendere cose nuove il giorno successivo.

Quando manca il ciclo completo di sonno questo meccanismo non funziona; si creano problemi di memoria, di stress e di salute.

Ora si affaccia una novità per gli insonni cronici, intossicati da ipnotici e  benzodiazepine.

Il nuovo farmaco è a base di suvorexant, dai meccanismi assolutamente diversi da ipnotici e benzodiazepine.  

Agisce sull’orexina, un neuropeptide prodotto dall’ipotalamo, la cui grave carenza provoca un eccesso di sonnolenza. Il suvorexant blocca, per il tempo necessario, l’azione dell’orexina e così facilita il sonno.

Secondo i trial clinic negli USA con questo nuovo medicinale ci si addormenta, in media, mezz’ora prima e si dorme un’ora in più.

Per contro, l’Fda, ente controllo farmaci USA, ha evidenziato pericolosi occasionali effetti collaterali a dosaggi elevati: sonnolenza diurna e pensieri suicidi.

RIMANGONO I DIBBI, COME PER TUTTI I NUOVI FARMACI: hanno veramente un minor numero di effetti collaterali? Daranno assuefazione? Faranno cambiare la qualità del sonno in che modo?

Dobbiamo anche tenere conto che chi soffre di disturbi del sonno ha 4 volte più probabilità di soffrire di depressione e ansia.

La melatonina che regola il sonno naturalmente, senza effetti collaterali, ora, per legge, non può più essere venduta al banco del farmacista con più di 1 milligrammo di sostanza pura.

Chi vorrà continuare a usare la melatonina ad un dosaggio maggiore dovrà ricorrere alla ricetta medica e ad un prodotto medicinale ! (probabilmente ad un costo maggiorato).

Oggi la medicina ufficiale ritiene che l’insonnia vada curata con i farmaci solo se si tratta di un problema occasionale.

Per l’insonnia cronica, secondo al medicina ufficiale, oggi ci si deve rivolgere ad una terapia psicologica (sperando di non avere a che fare con uno psicologo insonne…..!!!)

L’insonnia si cura, soprattutto,  in ospedali specializzati; dopo esami clinici adeguati.

Peccato, la melatonina con più di un milligrammo per noi funzionava benissimo….

MEMORIA MIGLIORAMENTO DELLE CAPACITA’ MENTALI . DORMENDO BENE

CAPACITA’ MENTALI MIGLIORI ; SOLO SE IL VOSTRO E’ UN SONNO PROFONDO

SONNO SCARSO…E IL RENDIMENTO OTTIMALE DEL NOSTRO CERVELLO SUBISCE DELLE SPAVENTOSE POSSIBILI CARENZE FUTURE

Internet, film, TV, discoteche, impegni sociali e culturali; nella nostra società stanno diminuendo le ore di sonno e, di conseguenza, anche il RENDIMENTO OTTIMALE DEL NOSTRO CERVELLO RISCHIA DI SUBIRE DELLE SPAVENTOSE POSSIBILI CARENZE PRESENTI E FUTURE

La dimostrazione scientifica è del primatologo David Samson, ricerca antropologica presso la Duke University di Durham, nella Carolina del Nord, USA.

Samson ha studiato, per 4 mesi, il comportamento nel sonno di 5 oranghi e 12 babbuini; registrandone le fasi del sonno, i movimenti del corpo e oculari e la loro attività cerebrale.

L’orango dorme su piattaforme, che costruisce sugli alberi, con tanto di bordi per non scivolare in basso; in questo modo può permettersi di raggiungere un sonno profondo e rispettarne tutte le fasi, come l’uomo.

Il babbuino, quando dorme, deve rimanere seduto su di un ramo e quindi non può mai rilassare completamente la muscolatura, altrimenti potrebbe cadere; il suo sonno rimane leggero e frammentato.

Con questo tipo di sonno “vigile”, il babbuino non può godere dei benefici del sonno profondo; ovvero ripristinare efficacemente le funzioni del cervello, anche rafforzando la memoria.

Secondo alcuni studi 18-14 milioni di anni fa, gli ominidi ( ovvero: genere Homo, oranghi,gorilla e scimpanzé) iniziarono a costruire piattaforme di rami e foglie per dormire sdraiati.

Secondo le più recenti ricerche scientifiche questo fu il momento del grande e importante passaggio al sonno profondo: ovvero il sonno che rispetta tre fasi: sonno leggero (prime fasi), sonno profondo (che precede la fase REM) e sonno REM (con tanto di movimenti oculari e sogni).

Il babbuino salta la fase 2; quella del sonno profondo alla quale è legata l’evoluzione delle capacità cognitive (dove si consolida la memoria di quanto appreso il giorno precedente).

Un forte miglioramento del sonno umano avvenne anche quando l’Homo “scese dagli alberi” per dormire su di un giaciglio a terra e cominciò a proteggersi dagli animali feroci rifugiandosi nelle caverne o sulle palafitte.

Alla fine degli studi è emerso che un sonno di qualità migliore sarebbe la condìzione che ha promosso l’evoluzione delle capacità cognitive.

Da qui si può dedurre la fondamentale importanza di un sonno regolare e con il giusto numero di ore, perché il nostro cervello possa continuare a lavorare nelle migliori condizioni.

Dato di fatto che è esattamente il contrario di quanto sta avvenendo nei paesi più evoluti dove, tra serate al bar, discoteche, impegni sociali e culturali, il sonno sta diventando la vittima sacrificale e, di conseguenza anche il RENDIMENTO OTTIMALE DEL NOSTRO CERVELLO SUBISCE DELLE SPAVENTOSE POSSIBILI CARENZE FUTURE.

INSONNIA : PATENTI A RISCHIO ! ! !

Informazioni su insonnia e cure al link: http://www.donnecultura.eu/?p=9010

INSONNIA “OSAS”…un impatto socio-sanitario simile al diabete, con importanti risvolti medico legali e assicurativi…

“Il 22% degli incidenti stradali in Italia è causata da problemi di sonnolenza diurna alla guida, prevalentemente originati d all’OSAS”.

La direttiva europea del 1° luglio 2014, n. 2014/85/UE obbligherà a breve l’Italia ad attuare interventi mirati per coloro che soffrono di patologie legate al sonno e che dovranno rinnovare o conseguire la patente di guida. A Roma il Convegno “V° RomaSonno” risponderà alle criticità e alle novità sul tema.

POCHI NE SONO INFORMATI

 In pochi sono informati che da qualche mese nel nostro Paese sono in corso incontri serrati tra istituzioni locali e centrali, medici e associazioni di categoria per definire metodi e norme attuative da adottare per recepire, entro il 31 dicembre 2015, la direttiva europea n. 2014/85/UE che rivoluzionerà il mondo dei trasporti di tutti gli Stati membri.

La normativa in questione- denominata normativa europea su “OSAS – sonnolenza diurna e idoneità alla guida” -, una volta recepita dallo Stato Italiano, renderà obbligatori gli interventi diagnostici, terapeutici e di follow-up richiesti per il conseguimento dell’idoneità psico-fisica alla guida per tutti i conducenti di veicoli a motore con sospetta OSAS (Sindrome delle Apnee Ostruttive del Sonno).

Una direttiva che mira, quindi, a migliorare considerevolmente la sicurezza stradale.

Il vero problema è rappresentato dal fatto che gli Stati membri hanno l’obbligo di conciliare gli obiettivi della direttiva con le modalità di rilascio delle patenti, con il rischio concreto di determinare gravi disservizi nei trasporti pubblici e privati, con ovvie ripercussioni sull’economia reale.

Ma cosa è esattamente l’OSAS?

L’OSAS è una malattia respiratoria del sonno causata da ricorrenti episodi di ostruzione completa o parziale delle alte vie respiratorie (rino-orofaringe). Tali episodi determinano frammentazionedel sonno a cu i consegue una sonnolenza diurna inappropriata.

L’OSAS, in sostanza, è determinata da crisi di soffocamento durante il sonnonon percepiti dal soggetto.

Poco si parla di questa malattia che è facilmente diagnosticabile e curabile e che ha una prevalenza ed un impatto socio-sanitario simile al diabete, con importanti risvolti medico legali e assicurativi.

Pensate che circa il 22% degli incidenti stradali in Italia”- dichiara il Prof. Sergio Garbarino neurologo e rappresentante per l’Italia della Commissione Europea di esperti preposta ad approfondire il tema – “è causata da problemi di sonnolenza diurna alla guida, prevalentemente originati d all’OSAS; quest’ultima determina un costo di circa di 1 miliardo di euro l’anno (tra costi diretti ed indiretti) per l’intera comunità…”

”Stiamo parlando di numeri altissimi” – aggiunge la Dottoressa Loreta Di Michele, pneumologo esperto in disturbi del sonno, direttore scientifico del Convegno RomaSonno assieme al Prof. Garbarino – “se solo pensiamo al fatto che sono circa 4.400.000 i soggetti affetti da apnee notturne di cui oltre 2.000.000 quelli in cui la malattia si presenta con sonnolenza diurna.

E’ importante sottolineare che la patologia si manifesta nella fascia di età maggiormente pr oduttiva ed interessa soprattutto il sesso maschile.Lo scandalo è che quasi nessuno ne parla!” Tradotto in cifre, in base alle ultime statistiche Istat, si tratta di 40.000 sinistri in Italia e circa 240.000 in tutta l’Unione Europea.

Un vero e proprio bollettino di guerra, poiché frequentemente questi incidenti sono gravi con esiti talora fatali.

Medici specialisti ed esperti la definiscono una “epidemia silente” dagli effetti poco conosciuti, considerando che l’OSAS non è una malattia causa solo di eccessiva sonnolenza, ma rappresenta anche un fattore di rischio e spesso associata alle principali patologie del mondo occidentale, come obesità, infarto del miocardio, ictus, fibrillazione atriale, sindrome metabolica, disturbi cognitivi e lo stesso diabete.

Principali cause di mortalità della nostra società. Le implicazioni sul rilascio/rinnovo della patentedi guida, quindi, dovranno essere adeguatamente valutate nel corso della visita di idoneità alla guida a partire dalla ricerca dei principali sintomi e delle più frequenti patologie associate all’OSAS.

Ad oggi però non esiste un protocollo medico unico in Europa per la valutazione della malattia.

E’ proprio per questi motivi che il Ministero della Salute si è attivato per la prima volta con ben due commissioni tecniche di esperti con il coinvolgimento del Ministero dei Trasporti per l’inserimento legislativo, specificamente dedicato, nel codice della strada dopo l’approvazione delle Istituzioni.

Le prime risposte sullo stato dell’opera di questa piccola “rivoluzione copernicana” nell’ambito della salute e dei trasporti saranno oggetto del programma della V° edizione della Convention Nazionale “RomaSonno”, che si terrà a Roma nei giorni 23 e 24 maggio 2015 presso il Crown Plaza Hotel in Via Aurelia, 415.

Nel dibattito del convegno sono chiamati ad intervenire, tra gli altri relatori, il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin ed il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Del Rio.