Archivi categoria: SALUTE

Belle e sane, sport, prevenzione, salviamo i nostri occhi…erboristeria, salute prima dei 40 anni, salute dopo i 50… allergie, anoressia, antibiotici con cautela, anziani e depressione, aspirina “tuttofare”, calvizie curabili, denti sani, diabete, dolore e cura, fibrillazione atriale, ictus, malattie tropicali, novità farmacologiche, omeopatia, ospedali pericolosi?, problemi di coppia, sordità, smog un grande pericolo, …vedi anche terme & spa alla categoria: VIAGGI

Salute a Monza – Convegno – gratuito – aperto a tutti

NUOVE FRONTIERE IN MEDICINA: SI PARLERA’ DI APPROCCI “PAZIENTE-
Convegno – gratuito – aperto a tutti

CENTRICI” IL 3 E 4 OTTOBRE, AL SYNLAB CAM MONZA

Due incontri rivolti a pubblici differenti, ma uniti da un obiettivo comune: approfondire una nuova tipologia di medicina, capace di indagare il passato e il presente del singolo paziente, al fine di orientare in maniera personalizzata prevenzione e cure.

C’è grande fermento presso la sede di Viale Elvezia di SYNLAB CAM Monza, in vista del 3 e 4 ottobre, date in cui la struttura ospiterà due appuntamenti, uno rivolto ai medici e l’altro al pubblico, finalizzati a indagare le più attuali frontiere della medicina e, più precisamente, di quella medicina cosiddetta “paziente-centrica”.

Le nuove medicine – omiche per il Benessere” è il titolo del convegno gratuito e aperto a tutti che si terrà mercoledì 4 ottobre alle ore 19:30 presso l’Auditorium della sede monzese di Viale Elvezia.

Al centro dell’attenzione una “nuova medicina”, che consente di essere più consapevoli del proprio stato di salute e di conoscere le proprie suscettibilità individuali per modificare di conseguenza i quotidiani stili di vita.

Il paziente diviene così protagonista del proprio percorso di miglioramento e responsabile del proprio benessere, grazie a un approccio totalmente personalizzato: discipline emergenti come la Genomica, la Metabolomica, la Microbiomica e la Proteomica permettono oggi di cogliere la complessità e specificità del singolo, per costruire un iter di salute unico e irripetibile.

Durante il convegno si rifletterà sugli attuali strumenti diagnostici e predittivi, sulle applicazioni pratiche ad aspetti di vita quotidiana, fino ad approfondire “IO Medicina su Misura”: un servizio innovativo di medicina personalizzata presentato da SYNLAB CAM Monza in anteprima a giugno qualennpercorso unico sul territorio, dedicato a chi desidera diventare protagonista della propria salute.

La serata sarà avviata dal dr. Maurizio G. Biraghi – Specialista in Oncologia e Responsabile Medico delservizio “IO Medicina su Misura”, Synlab-CAM Monza e dalla dr.ssa Cristina Varesi – Medico Chirurgo Specialista in Idrologia Medica, Synlab-CAM Monza. Si proseguirà con la “lettura magistrale” del prof.Vassilios Fanos – Ordinario di Pediatria e Direttore della Scuola di Specializzazione in Pediatria dell’Università degli Studi di Cagliari, ritenuto oggi uno dei maggiori esperti di Metabolomica Clinica e Microbiomica. Prenderà parola poi la dr.ssa Cristina Lapucci – Responsabile Genetica e Biologia Molecolare Synlab Italia-, che approfondirà l’esperienza di Synlab nella genetica predittiva per il benessere. La serata si concluderà con un approfondimento del nuovo servizio “IO Medicina su Misura”.

Per partecipare al convegno, gratuito e aperto a tutti, è richiesta la conferma della propria presenza alla Segreteria Organizzativa, via email all’indirizzo sara.casati@synlab.it oppure telefonicamente al numero 039 2397450.

L’incontro del 4 ottobre sarà preceduto da un convegno scientifico accreditato per la formazione continua in Medicina che si svolgerà il giorno precedente e sarà rivolto ai Medici di Famiglia e ad altri specialisti. “Dal genoma alla metabolomica attraverso il microbiota”: questo il titolo del corso ECM patrocinato dall’OMCeOMB – Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Monza e della Brianza che si terrà martedì 3 ottobre dalle 19:00. Un momento di formazione mirato ad approfondire il nuovo paradigma scientifico che si sta profilando all’orizzonte della pratica clinica e che chiama tutti gli addetti ai lavori a confrontarsi con una nuova tipologia di medicina: non più solo epidemiologica, ma personalizzata; non solo descrittiva, ma predittiva, capace di essere prospettica e preventiva, piuttosto che solo reattiva e, soprattutto, “partecipata”.

Al corso ECM prenderanno parte in veste di relatori
il prof. Vassilios Fanos – Professore ordinario di Pediatria e Direttore della Scuola di Specializzazione in Pediatria dell’Università degli Studi di Cagliari;

Editor-in-Chief del Journal of Pediatric and Neonatal Individualized Medicine; il prof. Lorenzo Drago –

Professore Associato di Microbiologia Clinica, Università degli Studi di Milano e Responsabile del

Laboratorio di Microbiologia Clinica nella medesima struttura, il dr. Maurizio Biraghi – Specialista in

Oncologia e Responsabile Medico del servizio “IO Medicina su Misura” Synlab-CAM Monza; il dr. Stefano

Fortinguerra – Specialista in Tossicologia e Responsabile del Servizio di Medicina Personalizzata Gruppo

Data Medica-Synlab Padova e il prof. Vittorio Sironi – Professore di Storia della Medicina e della Sanità,

Direttore del Centro studi sulla storia del pensiero biomedico, Scuola di Medicina e Chirurgia – Università degli Studi di Milano Bicocca e Medico di Medicina Generale Distretto di Seregno (MB).

L’iscrizione al corso ecm avviene attraverso il portale www.ecmlive.it
Per informazioni
SYNLAB CAM Monza Federica Gironi | +39 039 23971 | www.cam-monza.com

Problemi respiratori e polmonari raddoppiato il rischio in soli 30 anni.

CNR di Pisa:

30 anni fa si respirava meglio

la ricerca è basata su 3.000 persone, 3 generazioni monitorate, per capire l’incremento delle patologie respiratorie.

Più che raddoppiato il rischio di avere patologie polmonari negli ultimi 30 anni.

Doppio rischio di contrarre patologie respiratorie per chi non vive in zone circondate dal verde.

Questa è la prova inconfutabile che lo smog, l’inquinamento, è sicuramente la causa di molti comuni problemi di salute (anche per chi non fuma !!!).

INQUINAMENTO E SALUTE

Tanta confusione, come è già accaduto negli Stati Uniti.

Basta guardare quanto si deposita su di una auto non lavata ! Tutto questo arriva nei nostri polmoni.

I CASI DI CANCRO AUMENTANO EPPURE DIMINUISCONO I FUNATORI .. !!! CIO’ VUOL DIRE CHE L’INQUINAMENTO E I VELENI CHE EMETTONO LE AUTO, VEDI ANCHE SCANDALO VOLKSWAGHEN … del quale nessuno più parla .., SIANO  UNA REALTA’ INNEGABILE !

I titoli dei giornali sono diversi secondo l’orientamento politico !

SI PENSA ALLA PROPRIA IDEOLOGIA POLITICA , INVECE DI AVERE COME OBBIETTIVO IL BENE DEI CITTADINI.

E’ evidente a tutti che un tasso di inquinamento alto, a causa del traffico (lo abbiamo visto e sentito, con il naso, tutti nei giorni precedenti il Natale caratterizzati da un’enorme traffico cittadino), DANNEGGIA LA NOSTRA SALUTE E ANCORA DI PIU’ QUELLA DEI BAMBINI.

LE POLVERI SOTTILI PASSANO DIRETTAMENTE NEL SANGUE, con tutti i loro veleni !

Quanto sopra è sostenuto dai più autorevoli medici specialisti.

L’EUROPA NON FAREBBE LEGGI ANTI SMOG SE NON CI FOSSERO DELLE SERIE MOTIVAZIONI.

Basta mettere un tessuto bianco fuori da una finestra vicino al traffico ed ecco che intuiamo cosa entra nei nostri polmoni.

Eppure c’e’ ancora chi fa dell’inquinamento un problema politico !

Gli alberi aiutano ad eliminare lo smog, lo sostengono tutti gli scienziati indipendenti di tutto il mondo; l’ Amazzonia è universalmente conosciuta come IL POLMONE DLE MONDO !

Certo non sono pochi alberi, un bosco in più o meno, che possano migliorare l’impressionante inquinamento delle grandi città ! Questo lo capisce anche un bambino, soprattutto in inverno quando non ci sono le foglie che trasformano l’anidride carbonica in ossigeno ed assorbono moltissimi veleni!!!

Vedi informazioni sugli effetti del traffico sulla salute, anche dei bambini, al  link :

http://www.donnecultura.eu/?p=27511

 ——

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

SALUTE – Batteri intestinali resistenti – Clostridium difficile

QUALE E’ LA CAUSA DEI DISTURBI da Clostridium difficile ?

Il Clostridium difficile è un batterio che può sopravvivere nel nostro intestino, senza dare problemi; ma in alcuni casi, come dopo forti trattamenti con antibiotici, può ” risvegliarsi e moltiplicarsi “.

Il Clostridium difficile diventa un problema quando qualcosa sconvolge il normale equilibrio intestinale, in questo caso il batterio può proliferare in modo incontrollato, rilasciando tossine che attaccano la mucosa intestinale.  Questa è la causa dell’’infezione da Clostridium difficile.

CAUSE:

uso di antibiotici, specie quelli ad ampio spettro (quelli cioè che sono in grado di eliminare diversi tipi di batteri), anche protratto nel tempo,
-interventi chirurgici a carico dell’apparato digerente,
-interventi all’addome che coinvolgono l’intestino,
-ricovero in ospedale,
-permanenze in asilo, in asilo nido o in casa di riposo,
-problemi al colon, ad esempio sindrome del colon irritabile o tumore del colon-retto,
-immunodeficienza,
-precedenti infezioni da Clostridium difficile,
-età superiore ai 65 anni.

COME SI EVITA ?

Lavarsi sempre le mani quando si è stati in locali molto frequentati: ospedali, scuole, treni, alberghi ecc…

Usare disinfettanti a base di cloro per pulire le superfici o gli oggetti che possono essere entrati in contatto con un paziente infetto.

Usare il sapone e un disinfettante a base di cloro per lavare le mani entrate in contatto con le feci.

Non usate gli antibiotici se non sotto prescrizione medica. USARE GLI ANTIBIOTICI SOLO SE STRETTAMENTE NECESSARI E NON INTERROMPERE MAI LA CURA.

Se siete stati infettati lavatevi le mani con acqua e sapone prima di mangiare e dopo essere andati in bagno. Usate un disinfettante a base di cloro per pulire le superfici con cui siete entrati in contatto (ad esempio maniglie, telefoni, telecomandi, sanitari del bagno..) per evitare di diffondere l’infezione.

SINTOMI:

-diarrea acquosa e frequente (tre o più volte al giorno, per diversi giorni),
-mal di pancia o dolore addominale.

SINTOMI IN CASO DI INFEZIONE GRAVE: 

-dissenteria acquosa e frequente (anche sino a 15 scariche al giorno)
-mal di pancia o dolore addominale intenso,
-diminuzione dell’appetito,
-febbre lieve, fino a 38 °C nei bambini o da 37 °C a 39 °C negli adulti,
-sangue o pus nelle feci.

COME SAPERE SE NE SIAMO AFFETTI ?

Un esame delle feci è normalmente sufficiente capire se è in corso un’infezione da Clostridium difficile.

A volte sono necessari ulteriori esami per confermare la diagnosi.

Per alcuni casi il medico potrebbe prescrivervi una radiografia o una TAC del colon.

CURA

Antibiotico prescritto dal medico.

Alcuni probiotici (fermenti lattici), come il Saccharomyces boulardii, possono essere utili per combattere le infezioni da Clostridium. LA CURA NON PUO’ FUNZIONARE SE ASSUNTA IN CONTEMPORANEA CON L’ANTIBIOTICO.

ALZHEIMER Cosa è ? – Domani a Cremona infromazioni per il pubblico

ALZHEIMER: UNA MALATTIA DA NON DIMENTICARE

QUI SOTTO ALCUNE INFORMAZIONI SULL’ ALZHEIMER

Domani 21 settembre è la Giornata Mondiale della Malattia di Alzheimer, patologia più diffusa di demenza senile che nel nostro paese interessa oltre 600mila persone.

Presso la Neurologia dell’ASST di Cremona un Centro per curare i disturbi cognitivi e le demenze.

Come spiega il dott. Luciano Abruzzi (Neurologia Aziendale, Ospedale di Cremona) non esistono cure risolutive alla malattia, ma è possibile fare prevenzione per ridurre il rischio di ammalarsi.

ALZHEIMER: COS’E E COSA COMPORTA

La Malattia di Alzheimer è la forma più diffusa di demenza senile. Comporta non solo la progressiva perdita di memoria, ma anche una graduale compromissione di tutte le funzioni cognitive come la capacità di orientarsi, di riconoscere i luoghi, gli oggetti e le persone, di organizzare le proprie azioni e di prevederne le conseguenze. La persona colpita da questa patologia non riesce più a svolgere correttamente le elementari azioni della vita, dal fare la spesa, eseguire commissioni, fino al lavarsi o vestirsi. Modifica il proprio comportamento e, a volte, anche il proprio carattere, arrivando anche ad atteggiamenti di aggressività. Spesso il sonno è agitato e, soprattutto nelle ore notturne, possono insorgere atteggiamenti deliranti.

INCIDENZA SULLA POPOLAZIONE: LE PROSPETTIVE PER IL FUTURO

Sono oltre 600mila gli italiani che soffrono di questa patologia.

La prevalenza della demenza è di circa l’8% dopo i 65 anni e sale ad oltre il 20% dopo gli 80 anni.

Recenti studi indicano un’incidenza in calo anche se il numero dei pazienti è in aumento a causa dell’invecchiamento della popolazione. Il calo più marcato è fra gli uomini: fra i 70 e i 74 anni i nuovi malati annui sono scesi da 13 su mille a meno di 9; fra i 65 e i 69 anni il tasso si è più che dimezzato.

L’IMPORTANZA DI UNA DIAGNOSI CORRETTA

La malattia di Alzheimer si esprime con modalità e risvolti clinici che sono diversi da persona a persona. Ecco quindi l’importanza non solo di una diagnosi corretta, ma anche della necessità di seguire il paziente nel tempo, con un costante confronto con i familiari, per affrontare di volta in volta i problemi che emergono.

 

ALZHEIMER E PREVENZIONE: ATTENZIONE AGLI STILI DI VITA

Cambiando alcune abitudini possiamo ridurre il rischio.

Smettere di fumare, fare attività fisica aerobica, seguire una dieta mediterranea, curare la salute del cuore (ipertensione, colesterolo) e tenere sotto controllo il peso, sono i principali consigli per sostenere il proprio corpo.

Per quanto riguarda la mente, mantenere una buona vita sociale e attività intellettive coinvolgenti (hobby o attività professionali) aiutano a contrastare il decadimento cognitivo.

IL CENTRO PER LA CURA DELL’ALZHEIMER A CREMONA

Presso la Neurologia dell’ASST di Cremona è operativo un Centro per Disturbi Cognitivi e Demenze (CDCD) che prevede la presenza del neurologo e della neuropsicologa. L’ambulatorio si trova al secondo piano dell’ospedale di Cremona, nei locali attigui al reparto.

COME PRENOTARE LE VISITE

Le visite vengono svolte al lunedì e la prenotazione deve essere fatta al CUP specificando prima visita o controllo.

I recapiti sono:

Numero verde 800.638.638attivodal lunedì al sabato, dalle 8 alle 20

CUP Ospedale di Cremona

c/o palazzina n. 12, ingresso da Largo Priori (a fianco del Centro Prelievi)

Orari: dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 18 – sabato dalle 8 alle 12

 

WEEKEND PER TERME RELAX GASTSRONOMIA ED ARTE IN ROMAGNA

19” TERME DELLA FRATTA ” (Forlì)

La zona di Forlì è un’interessante meta per un fine settimana di terme – relax – cultura e gastronomia.

0 forli hotel

Qui i prezzi sono ancora accettabili, ragionevoli, come è rispettata la vera tradizionale ospitalità e genuinità gastronomica. Non finte trattorie, ma genuine paste fatte in casa, a volte ancora dalla medesima padrona del ristorante.

La cura termale è particolarmente conveniente e fisiologicamente più valida nella mezza stagione. Da ottobre e prima di giugno, le tariffe scendono e non è difficile trovare numerose offerte speciali anche per soggiorni lunghi necessari per le cure più o meno gratuite; a seconda delle convenzioni con il Sistema Sanitario Nazionale.

Noi abbiamo cenato al ristorante ” IL RUSTICHELLO ” e non lo dimenticheremo; ottimi salumi, tagliolini veramente fatti in casa e funghi porcini, verdure alla griglia con castrato e salsicce al forno, ottimi anche la panna cotta e il vino della casa. Chiuso lunedì e martedì, via Vittorio Veneto 7, tel. 0543. 49 52 11 Meldola (Forlì).

L’offerta alberghiera è varia e accontenta ogni esigenza.

LA ZONA E’ RAGGIUNGIBILE DALLE VARIE PARTI D’ITALIA ANCHE CON LA FERROVIA: FRECCIA ROSSA SINO A BOLOGNA E POI I VARI TRENI LOCALI SUFFCIENTEMENTE FREQUENTI. L’ALBERGO, A VOLTE, SI PRESTA CON UN SERVIZIO DI NAVETTA PER IL COLLEGAMENTO.

Il pregio più grande forse, oltre alla speciali qualità delle acque, è la sicurezza di trovare sempre una calda accoglienza.

Le acque termali locali offrono piscine, quasi sempre nel medesimo albergo, dove il corpo si rilassa e assorbe i principi curativi delle stesse. Rrelax e cibo buono fanno il resto.

Non mancano le ormai onnipresenti saune, di vario tipo, le docce per la cromoterapia, i percorsi in acqua per la riattivazione della circolazione sanguigna delle gambe in particolare, i bagni turchi e la gigantesca offerta di soluzioni personalizzate di massaggi, fanghi, cure medico estetiche e quant’altro offrono oggi le terme; a partire dai pacchetti speciali.

I dintorni di Forlì sono una meta che merita la nostra attenzione; grazie alla sua particolare concentrazione di luoghi termali, di eccellente gastronomia ( quella vera, dove ancora si serve la pasta fatta nel ristorante e non comprata da produzioni industriali ad hoc; come ormai accade sempre più frequentemente, soprattutto nei ristoranti “alla moda” ) e d’ arte.

WEEKEND ALLE ” TERME DELLA FRATTA ” IN Emilia Romagna

A 15 minuti da Forlì trovate un angolo speciale dove vi attende cordialità italiana, ottimi ristoranti, o dieta speciale e gradevole, ma anche un angolo dove rigenerarsi e dimenticare lo stress quotidiano.

La cornice è quella di un Grand Hotel, con tutti i confort.

Le terme di Fratta offrono numerosi trattamenti ed acque minerali bicarbonate, alcaline, sulfuree ipertermali; alla temperatura di 45°. Piscina termale con acqua fluente.

Qui trovate tutto il relax che volete, ogni tipo di cura o massaggio; secondo le vostre necessità.

Se non alloggiate al Grand Hotel Terme della Fratta, 4 stelle con prezzi interessanti per la qualità offerta, potete sempre pagare un abbonamento od un biglietto giornaliero o ad ore E USUFRUIRE DELE TERME.

Durante un fine settimana o un periodo più lungo, potrete sperimentare decine di varie soluzioni, studiate per il vostro benessere; tra le tante:

-bagni nelle piscine termali, percorso Kneipp, saune, docce colorate, idromassaggi ai piedi ecc…

-bagno di olio al corpo personalizzato (34′; 34 euro)
-idromassaggio in acqua termale con oli essenziali
-peeling corpo al ceffé, miele ecc…
-pulizia viso (49 euro)
-linfodrenaggio
e tanti altri trattamenti e massaggi speciali (i massaggi partono da € 37 per 30′).

INOLTRE:

-visita medica estetica
-chek up cutaneo
-chek up completo
-dieta personalizzata
-peeling
-mesoterapia estetica
-tattamenti rughe, filler, botulino
-peeling medici ecc…

NUMEROSI I PACCHETTI SPECIALI E LE OFFERTE.

Sono possibili anche cicli di cura, a carico delle S.S.N., con pagamento dell’eventuale ticket.

Si va dai cicli di cure inalatorie a quelle per la sordità rinogena, ai fanghi-bagni terapeutici, ma anche vasculopatie, irrigazioni, cicli di stufe o grotte. Non mancano nemmeno le cure per l’apparato digerente.

SE VOLETE SOGGIORNARE NEL GRAND HOTEL TERME DI FRATTA; DOVE E’ SITUATA LA PISCINA TERMALE:

mezza pensione

-da 54 euro, in bassa stagione (2.11-29.12) camera doppia, minimo 3 notti, tariffa giornaliera a persona
-da 69 euro come sopra, dal 2.1.al 6.1.2016
-GIORNI SPECIALI:
7 gennaio-2aprile-7-23 aprile; 1-17 dicembre dalla domenica al giovedì; sconto di 15 euro al giorno

SPECIALE SINGLE
NESSUN SUPPLEMENTO NELLA FASCIA A 7.1-2.4 // 2.11-29-12

La stessa qualità delle acque la trovate nella splendida località di Bagni di Romagna; in questo caso l’hotel gemello al Terme della Fratta, si chiama “Grand Hotel Terme Roseo”.

——————————

BAGNO DI ROMAGNA

Bagno di Romagna è la meta ideale per chi ricerca: autentico relax, ottima cucina, migliorare il proprio stato di salute e qualche giorno fuori dal quotidiano.

-Una sana attività fisica, bagni termali, saune, massaggi e molto altro, ci aiuteranno a smaltire non solo tossine e centimetri, ma ci permetteranno anche qualche strappo alla regola per godere dei deliziosi prodotti di questa terra.

-Bagno di Romagna era già noto ai romani per le sue acque che sgorgano a 45°ricche di preziose sostanze naturali.

-Tra Firenze e San Marino, Bagno di Romagna è al centro di altre mete culturali indimenticabili come: Siena, Perugia, Assisi, Gubbio, Urbino e non lontano dalla riviera adriatica dove si possono fare delle indimenticabili puntate gastronomiche a base di pesce.

-Quaranta minuti di auto per raggiungere il mare, un’ora per Assisi, Perugia, Arezzo ecc…
I fedeli frequentatori di questa località, apprezzano anche la cordialità dei locali e le numerose feste tradizionali.
-Tornare a Bagno di Romagna è come tornare in un luogo amico, dove ci si incontra volentieri per vivere momenti profondamente rilassanti, che la vita moderna vuole farci dimenticare.
-Le grandi arterie di traffico non passano da qui ed anche l’aria è salutare; proprio come i tagliolini fatti in casa.
-Alberghi, B&B e appartamenti, accontentano tutti per un buon rapporto qualità prezzo.

Grand Hotel Terme Roseo; Hotel a 4 stelle; un classico che accontenta sempre anche il cliente esigente.
Indirizzo: Piazza Ricasoli, 47021 Bagno di Romagna FC
Tel.:0543 911016.

-A noi è piaciuto anche l’Hotel Ròseo Euroterme Wellness;
http://www.euroterme.com
OFFERTA SPECIALI SINO AL 30.4.2015

——————
COSA OFFRE L’EMILIA -ROMAGNA OLTRE ALLA STORICA OSPITALITA’, TREME E BUONA CUCINA?

-100 chilometri di costa
-10 grandi città d’arte e moltissimi centri minori, dove troverete storia e cultura millenarie
-più di 25 grandi campi da golf
-13 porti attrezzati
-percorsi cicloturistici e  naturalistici per un vero contatto con la natura.

DI SEGUITO ALCUNE ALTRE POSSIBILI SCELTE IN EMILIA-ROMAGNA: vedi anche http://www.emiliaromagnaterme.it

19 località con 26 Centri Termali, distribuiti nelle 8 provincie della regione.

-Terme della Salvarola; antico stabilimento termale di 2300 m²
-Terme di Castel San Pietro, qui l’origine delle cure termali  risale al 1337
-Hotel delle Terme di Santa Agnese; l’uso termale della sorgente di S.Agnese è documentato sin dal 1° secolo d.C. in epoca romana
-ecc…
Una visita nei dintorni, durante le cure termali o per un solo weekend, vi permetterà di scoprire tanti luoghi dove tornare la volta successiva.

Salute – Controlli gratuiti in Veneto per sovrappeso

Settembre mese del metabolismo, viste gratuite in tutto il Veneto.
In Veneto troppi in sovrappeso, oltre media nazionale. Ma per almeno il 71% contano le disfunzioni metaboliche.
 In Veneto il sovrappeso degli adulti è un dato preoccupante, addirittura superiore, seppure di poco, alla media nazionale, ma significativamente superiore a quella delle altre regioni del nord Italia:35,5%, rispetto ad una media nazionale: 35,3%. Una tendenza che parrebbe essere purtroppo in aumento, sopratutto nelle fasce più giovani: dai 18 ai 30 anni negli ultimi 5 anni si registra un + 9%.
Da un panel di 100 persone in sovrappeso dai 18 ai 50 anni, la percentuale per i quali si riscontra una disfunzione o lentezza metabolica è del 71%, un elemento estremamente significativo anche per spiegare l’aumento del peso, spesso anche a fronte di attività sportiva o diete (dati Aziende Sanitarie, Regione Veneto e trattamentimetabolismo.com).
“Il Veneto è una regione attenta alla sua salute, con stili di vita più salutari rispetto ad altre aree del paese, ad esempio per le persone che fanno sport o per la costante riduzione dei fumatori. Ma il sovrappeso, ancora più dell’obesità, è un elemento che occorre comprendere, proprio anche per il fatto di essere in controtendenza. – ha dichiarato Barbara Allegro, di trattamentimetabolismo.com, centri specializzati proprio nella diagnosi e cura del Metabolismo. – Nel nostro panel, abbiamo potuto riscontrare frequenti casi di disfunzioni nel metabolismo, di solito non gravi, ma molto diffuse. Avere un metabolismo molto lento, può comportare una serie di problemi di vario genere, come stanchezza frequente, riduzione dell’attenzione, ma sopratutto un aumento di peso non legato direttamente alle abitudini alimentari. Anche se ovviamente ci sono delle correlazioni sopratutto ad esempio con il consumo eccessivo di alcool, in particolare tra i più giovani.”.
Cosa si può fare allora? “E’ evidente che seppure molto utili, le diete possano servire a poco se il metabolismo non funziona al meglio. Ed abbiamo ragione di credere che quel dato inusuale sulle persone adulte in sovrappeso in Veneto sia dovuto almeno in parte ad una maggiore diffusione di disfunzioni metaboliche leggere, più difficile da individuare.”.
“Il metabolismo, se non vi sono problematiche di salute, può essere riattivato in breve tempo, sia seguendo alcuni accorgimenti nel propri stile di vita, sia con l’aiuto di specialisti.” – ha aggiunto Barbara Allegro – Per questo nel mese di settembre tutti i nostri Centri in Veneto saranno a disposizione per delle visite gratuite, che permetteranno di verificare il proprio metabolismo.”.
L’elenco dei Centri aderenti e il form per le prenotazioni delle visite gratuite si trova su www.trattamentimetabolismo.com

SALUTE – 10.000 decessi all’anno per Diesel – Senza Diesel … 2/3 dei morti in meno

Senza Diesel i morti per le conseguenze del suo uso diminuirebbero moltissimo !!! Esattamente i 2/3

L’Italia è prima per inquinamento !!!

10.000 morti in Europa per le auto Diesel

In ITALIA,  SOLO le emissioni dei veicoli diesel, non dichiarate dalle case automobilistiche per dimostrare che gli autoveicoli erano a norma (quando NON era vero), causano 1250 morti all’anno

Secondo uno studio norvegese, l’ ITALIA è il Paese più colpito d’Europa: secondo lo Istituto meteorologico norvegese e l’istituto internazionale Iiasa, studio pubblicato sulla rivista Environmental Research Letters.

LE VITTIME DELLA GUERRA DELL’INQUINAMENTO DELLE NOSTRE CITTA’ PER IL TRAFFICO

In Italia, in un anno, muoiono per inquinamento dell’aria 87.ooo persone.

L’Italia è il Paese con il più alto numero di morti premature riconducibili alle polveri sottili generate dai veicoli diesel: 2810 all’anno.

Di cui, 1250 sono strettamente legate al surplus di emissioni rispetto a quanto certificato dalle case automobilistiche nei test di laboratorio. Seguono la Germania, con 960 decessi annui correlati agli ossidi di azoto in eccesso, e la Francia con 680.

” … La situazione molto negativa dell’inquinamento è riscontrata soprattutto nel Nord Italia, tanto densamente popolato”, dice l’autore della ricerca, Jan Eiof Jonson dell’Istituto norvegese di meteorologia.

In cinque anni e mezzo ( periodo della seconda guerra mondiale) sono 478.000 morti per INQUINANTI DA DIESEL 

Una guerra vigliacca, perchè colpisce più i bambini che gli adulti.

Nella seconda guerra mondiale in Italia, in cinque anni e mezzo, sono morti  444.000 persone.

 

VEDI PRECISAZIONI SUGLI  EFFETTI DEL TRAFFICO SULLA SALUTE AL LINK: http://www.donnecultura.eu/?p=47934

Diesel addio

il viale del tramonto

Tra 14 anni la quota del gasolio sarà quasi nulla (9%).

Le case europee si preparano a lasciare i motori a gasolio.

DRASTICI PROVVEDIMENTI CONTRO IL DIESEL IN EUROPA A PARTIRE DAL 2020 – 2025

L’auto elettrica, entro la fine del decennio ridurrà drasticamente l’uso si motori diesel (prima per le city car poi per tutti i modelli).

Parigi vuole bloccare i Diesel  a partire dal 2020;  Londra prevede una tassa giornaliera di 20 sterline.

L’Olanda sta per vietarne la vendita a partire dal 2025.

La Norvegia,  è già leader del mercato delle auto elettriche con il 24 per cento di quota (l’Italia è allo 0,1 per cento) e vuoe anullare i Diesel entro il 2050.

La Germania intende chiudere il mercato delle auto diesel e a benzina a partire dal 2030 per passare all’ auto elettrica.

 

SALUTE – PERICOLO PESCE CONGELATO ESTERO – PESCE FRESCO PERICOLOSO

Ischia 672 pesce cibo mercato 8

Il pesce può essere pieno di additivi e di sostanze ignote.

PRIMA REGOLA SE VOLETE RICONOSCERE IL PESCE AZZURRO FRESCO:

-guardare l’occhio non deve essere incavato, ma deve sporgere ben sodo, come una semisfera 

– attenti al pesce troppo economico

– attenzione  anche a come viene venduto: se  sardine o acciughe sono immerse in una soluzione acquosa e ghiaccio NON COMPRATE: fossero fresche, non  avrebbero bisogno di quella soluzione acquosa.

PERICOLOSO: l’utilizzo massiccio di alcuni additivi chimici che i pescatori usano per “rinfrescare” il pesce: in sostanza, un liquido dannoso alla salute viene usato per dare più lucentezza al prodotto non fresco.

L’agenzia di sicurezza alimentare dell’Unione Europea ha segnalato:

presenza di batteri in molluschi italiani,

cadmio in calamari congelati spagnoli,

salmonella nei gamberi congelati del Bangladesh e confezionati in Italia

infestazione da larve di nematodi in nasello congelato dalla Spagna,

-mercurio in filetti congelati di squalo blu  e nel pesce spada sotto vuoto dalla Spagna

-pericoloso anche il pesce proveniente dal in  Vietnam; qui permesso il trattamento con antibiotici che da noi è vietato perché pericoloso

———————-

E’ SUCCESSO AD UNO SPECIALISTA TOSSICOLOGO:

Del tonno, acquistato come prodotto freschissimo, in una pescheria; in cucina a luci spente  è diventato fluorescente. La colpa è di un additivo che, oggi, è utilizzato per sbiancare il pesce e renderlo brillante; si tratta del medesimo prodotto usato per i detersivi delle camice, quelli che restituiscono brillantezza ai colori… e non è una barzelletta ! 

PERICOLI: mangiando pesce vecchio si ingeriscono alte quantità di istamina che possono provocare un avvelenamento acuto

RISCHI CONCRETI:

-allergia violenta

-problemi più gravi per  i cardiopatici, ma non solo !

———————–

A Bari, a Torino e in Liguria … :  in ospedale una decina di persone dopo aver mangiato alici al cafodos.

Cosa è il Cafados ?

– sostanza chimica vietata in Italia e TOSSICA; permette di mantenere un aspetto fresco  a sardine, acciughe, sgombro, merluzzo,  anche a distanza di una settimana.

———————-

L’acqua ossigenata mantiene l’aspetto brillante e rende più bianche le carni dei molluschi come seppie, calamari e totani.

L’acido borico, che è tossico, conserva il colore rosso dei gamberoni.

———————

RICORDIAMOCI CHE ( gli effetti del cafados ):

all’interno del pesce, con il passare delle ore dal momento della pesca,  si produce istamina; per la normale conseguenza del deperimento dell’animale.

 

L’istamina, prodotta nei processi di degradazione del pesce, è rischiosa per il nostro corpo, soprattutto per chi soffre di disfunzioni cardiache; né il congelamento né  la cottura la distruggono.

IL CAFADOS AUMENTA LA CONCENTRAZIONE DI ISTAMINA E PUO’ AVERE GRAVISSIME CONSEGUENZE PER I CARDIOPATICI.

——————–

La televisione oggi ha mostrato un filmato dove si vede pesce scaricato come pescato fresco italiano, ma che arriva dalla Grecia.

Il pericolo maggiore è nel pesce congelato che arriva dall’estero; questo pesce può essere trattato chimicamente per ridare colore, sapore e aspetto accettabili a pesce che sarebbe da buttare.

Anche le date di scadenza possono essere falsificate; a noi è successo di ritrovare uova che, una volta aperte nel piatto, il tuorlo si schiacciava come capita quando l’uovo ha superato le due settimane; ma la data di produzione indicava che erano appena state deposte dalla gallina … questo è accaduto più di una volta in un notissimo e, generalmente, ottimo, supermercato.

———————–

E’ bene che tutti conoscano le conseguenze della pesca intensiva :

Pescando a 400 metri di profondità si butta in mare il 60 per cento del pescato.

Pescando a 200 metri di profondità si può arrivare a buttare in mare anche più del 90 per cento del pescato

SALUTE – Weekend d’autunno alle terme di Abano per affronatre l’inverno

CON L’AUTUNNO E L’INVERNO ARRIVERANNO:

FREDDO, UMIDITA’ e STRESS

Le acque termali hanno proprietà

-antiinfiammatorie,

-fluidificanti,

-stimolanti per la produzione di immunoglobuline A,

-drenanti per le sostanze nocive (aiutano ad eliminare le TOSSINE che sono l’equivalente dell’invecchiamento del nostro corpo) 

-sedative e broncodilatatrici.

Terme, da sempre: salute e stile!

Autunno: cambiamenti climatici, abbassamento delle temperature, vita d’ufficio, posizioni poco corrette e sedentarietà.

Così aumentano i  livelli di stress e delle TOSSINE

Conseguenze:

– infiammazioni delle vie respiratorie

  • maggiore vulnerabilità verso gli  attacchi virali, come  raffreddore, bronchiti ecc…
  • Anche i muscoli diventano più soggetti alle contratture ed ai dolori di vario genere.

IL RAFFREDDORE

Starnuti, congestione nasale, mal di gola, tosse, mal di testa, stanchezza: è lamalattia umana più diffusa.

INFLUENZA

Febbre, brividi  e dolori muscolari.

CERVICALE E REUMATISMI 

I lavori sedentari sono la causa di stress e conseguenti dolorose contratture muscolari.

LE ACQUE TERMALI SONO LA PREVENZIONE PIÙ COMPLETA PERCHÉ FAVORISOCONO IL RILASSAMENTO, CON EFFETTI DURATURI NEL TEMPO.

Le cure termali e loro derivati: fanghi, vapori, nebulizzazioni, hanno una efficacia riconosciuta dai tempi più antichi.

I benefici delle cure termali sono riconosciuti dal  Sistema Sanitario Nazionale con il diritto per ogni assistito di usufruire di un solo ciclo di cure (12 sedute) nell’anno legale (1° gennaio-31 dicembre).

Basta farsi rilasciare la prescrizione dal medico di famiglia.

E’ previsto il pagamento di un ticket.

Il ciclo di terapia termale deve durare 12 giorni in un arco temporale massimo di 60 giorni.

Le acque termali hanno proprietà:

antiinfiammatorie

fluidificanti

stimolanti per la produzione di immunoglobuline A

drenanti per le sostanze nocive (TOSSINE)

componente sedativa broncodilatatrice.

Possono essere effettuate come: inalazioni, aerosol, humage. Consigliabile anche l’immersione nei bagni termali e/o fanghi; per il rilassamento di tutto il corpo e la cura e prevenzione di artrite, artrosi  e disintossicazione generale (eliminazione TOSSINE).

:::::::::

ABANO TERME 

 Le treme riconosciute da secoli di cure e milioni di affezionati clienti

::::::::::::::::::

Ufficio di Informazione e Accoglienza Turistica (I.A.T.)
 Isola Pedonale, via Pietro D’Abano 18/ 35031 ABANO TERME (PD) VENETO

tel. 049 8669055

L’ufficio osserva il seguente orario di apertura al pubblico:
da lunedì a venerdì 9.00-13.00 / 14.30-18.00
sabato e festivi (in stagione) 9.00-13.00
E’ possibile contattare l’ufficio all’indirizzo di posta elettronica infoabano@turismotermeeuganee.it
::::::::::::::::::

Tutte le informazioni necessarie per poter progettare un soggiorno nel Bacino Termale più grande d’Europa

https://www.visitabanomontegrotto.com/chi-siamo/