Archivi categoria: SALUTE

Belle e sane, sport, prevenzione, salviamo i nostri occhi…erboristeria, salute prima dei 40 anni, salute dopo i 50… allergie, anoressia, antibiotici con cautela, anziani e depressione, aspirina “tuttofare”, calvizie curabili, denti sani, diabete, dolore e cura, fibrillazione atriale, ictus, malattie tropicali, novità farmacologiche, omeopatia, ospedali pericolosi?, problemi di coppia, sordità, smog un grande pericolo, …vedi anche terme & spa alla categoria: VIAGGI

Ospedale di Cremona – Nuovo punto accoglienza dedicato ONCOLOGIA

“I malati saranno indirizzati al reparto e presi in cura da un team multidisciplinare deputato a inquadrare e rispondere meglio ai loro bisogni assistenziali, in un’ottica centrata a facilitare i percorsi, ridurre il carico burocratico e i tempi di attesa …

ACCOGLIENZA E ACCETTAZIONE PER L’ONCOLOGIA

All’Ospedale di Cremona è attivo un nuovo punto accoglienza dedicato ai pazienti oncologici. Lo scopo? Facilitare la prenotazione di tutte le prestazioni utili alla diagnosi e alla terapia, sulla base di un percorso di cura (integrato e multidisciplinare) definito dallo specialista. L’ordine cronologico delle prestazioni verrà stabilito dalle priorità sanitarie (urgenze) di ogni singolo caso.

“L’attivazione del punto Accoglienza e Accettazione per l’oncologia – al quarto piano dell’ospedale di Cremona – risponde alla strategia aziendale di attenzione alla persona e replica il modello dell’AREA DONNA” spiega Camillo Rossi (Direttore Generale dell’ASST di Cremona). Il paziente può prenotare subito – dopo la prima visita o la visita di controllo e in post-dimissione – tutte le prestazioni necessarie al suo percorso di cura, in un luogo dedicato e vicino al reparto e agli ambulatori. E’ un ulteriore passo verso la realizzazione del Cancer Center e – in prospettiva – verso implementazione del Centro Servizi che, sulla base del medesimo principio, consentirà di programmare ed erogare tutte le prestazioni e i servizi necessari alla presa in carico dei pazienti cronici”

“L’attivazione del punto Accoglienza e Accettazione dell’Oncologia, decentrato rispetto al CUP aziendale – aggiunge Alessandra Bruschi (Direttore Amministrativo ASST di Cremona) – è la prova concreta del lavoro che stiamo facendo e di come l’attività amministrativa non sia più da intendere quale mero adempimento burocratico, bensì come una parte fondamentale e integrante del percorso di cura del paziente in applicazione della anche della legge regionale 23”.

 

COSA CAMBIA?

“Per i pazienti oncologici che si rivolgono all’Ospedale di Cremona cambia il modo con cui saranno accolti e il modo con cui sarà organizzato il loro percorso di cura – aggiunge Rodolfo Passalacqua (Direttore del Dipartimento Oncologico dell’ASST di Cremona). Il nuovo puntoAccoglienza e Accettazione sarà lo snodo principale per tutti i nuovi pazienti oncologici che arrivano per la prima volta in Ospedale.

COSA ACCADE?

I malati saranno indirizzati al reparto e presi in cura da un team multidisciplinare deputato a inquadrare e rispondere meglio ai loro bisogni assistenziali, in un’ottica centrata a facilitare i percorsi, ridurre il carico burocratico e i tempi di attesa a vantaggio del migliorar esito delle cure e, soprattutto, della loro qualità di vita – continua Passalacqua. Tutto questo accadrà in collaborazione con i medici di famiglia, i servizi territoriali e le altre unità operative ospedaliere (come ad esempio Pronto Soccorso, Chirurgia, Medicina, Radiologia, Radioterapia, ecc)”.

QUAL E’ L’ATTIVITA’ DEL NUOVO punto ACCOGLIENZA E ACCETTAZIONE?

Il nuovo sportello non va scambiato per Centro Unico di Prenotazione (CUP) in senso stretto, ossia per uno sportello che fissa gli appuntamenti in base ai posti disponibili. In questo luogo si cercherà di mettere la persona a proprio agio e trattare anche la parte burocratica con umanità. Il momento della prenotazione sarà interpretato e vissuto come il momento in cui si accoglie un bisogno specifico.  

LA NOVITA’ PRINCIPALE?

La principale novità è rappresentata dalla stretta collaborazione fra il punto Accoglienza e Accettazione e il medico specialista curante, che definisce cosa è urgente fare per quel singolo paziente. Lo specialista, infatti, richiede le prestazioni, in base alle necessità sanitarie (e non a liste di attesa). Nella pratica significa che la cronologia degli appuntamenti sarà definita dai percorsi diagnostici stabiliti e validati dagli specialisti, che seguono il paziente e tengono conto dei bisogni e delle urgenze di ogni singolo caso.

 

GRAZIE A MEDEA CHE HA DONATO GLI ARREDI

Come sempre l’associazione MEDeA è presente a sostenere tutto quello che è utile per i malati oncologici. Anche in questo caso ha finanziato l’acquisto di tutti gli arredi del punto Accoglienza e Accettazione con la progettazione e supervisione di Donatello Misani, presidente di MEDeA.

I volontari dell’Associazione saranno vicini ai malati anche all’interno di questo nuovo servizio, garantendo ascolto e supporto a chi ha bisogno, sia al mattino che al pomeriggio.

 

Orari di apertura al pubblico e recapiti

Il Punto Accoglienza e Accettazione è aperto dal lunedì al venerdì, dalle 8.00 alle 16.00.

Tel. 0372 405246; e-mail: accoglienzacancercenter@asst-cremona.it.

Terme & SPA a Milano – “ TURISMO DEL BENESSERE ” – 20 – 22 settembre 2017

A Settembre il primo evento dedicato al

“ TURISMO DEL BENESSERE ”
HUB TURISMO – TERME & BENESSERE

Offerta termale e “wellness” a livello europeo

dal 20 al 22 settembre al Palazzo delle Stelline – Milano

Unica fiera italiana in questo campo

Il mondo delle Terme, degli Hotel e delle  Spa s’incontra a Milano

– L’appuntamento con il mondo del Turismo del benessere è dal 20 al 22 settembre al Palazzo delle Stelline dove si svolgerà Hub Turismo – Terme & Benessere interamente dedicata ad un mercato in forte e costante crescita in un contesto europeo ed italiano.

Cosa s’intende per mercato del Turismo del benessere?

“Si tratta di forma di turismo che nel muovere le persone verso destinazioni turistiche punta l’attenzione su un tipo di vacanza esperienziale la cui finalità è ritrovare un rinnovato equilibrio di corpo e spirito per un sostanziale migliore stile di vita”, secondo una definizione di Cinzia Galletto – giornalista esperta di Turismo del benessere, concept and communication designer dell’eventoorganizzato da Rete System Srl.

Il Turismo del Benessere, infatti, può declinarsi in diversi modi  e coinvolgere attori della recettività differenti:

-in primis gli Hotel e gli alberghi che negli ultimi anni hanno fatto a gara nel realizzare la spa più attraente, innovativa e originale.

Una domanda crescente, quella dei servizi spa, da parte del turista che, seguendo un trend internazionale, al momento della prenotazione dell’hotel, richiede sempre di più la possibilità di usufruire di trattamenti e massaggi in una Spa.

Nel settore lusso, la spa è andata a sostituirsi all’idea di Suite e si concretizza in una serie di rituali e trattamenti personalizzati e in luoghi riservati “Private Spa”; ci sono poi le Medical Spa e le Terme che nel cavalcare l’onda di un approccio verso il “benessere” hanno adeguato le esistenti strutture mediche interne agli hotel, non solo pensando ad una clientela affetta da disagi e problemi fisici, ma rivolgendosi anche ad ospiti sensibilmente più giovani attenti al loro stato di salute, soprattutto in termini di prevenzione da un lato e di rilassamento e anti stress dall’altro.

Rientrano in questa categoria anche le Clinical Spa ovvero le mete destinate ad un turismo medicale vero e proprio la cui specializzazione può riguardare aree circoscritte del corpo: come ad esempio le cliniche dentali dell’est Europa, la chirurgia plastica e i microinterventi  di chirurgia con finalità cosmetiche, o ancora le cliniche dedicate ai problemi di fertilità femminile e per la procreazione assistita.

Una terza categoria di turismo con finalità il “benessere” riguarda i più giovani, ovvero una popolazione che va dai 18 ai 22 anni che ricercano una vacanza rilassante in centri Yoga  e resort con spa a contatto con la natura .

Da questa breve analisi della “Vacanza Benessere” ci si può facilmente rendere conto di quanto variegato sia questo segmento di turismo che è diventato un trend negli ultimi anni .

“Non solo una moda, afferma Cinzia Galletto – ma piuttosto una necessità appartenente ad una società stressata e stritolata dentro tempi sempre più veloci e stili di vita a volte “tossici”.

Da qui nasce il bisogno di ritrovare, durante un periodo di vacanza, la possibilità di rilassarsi, di trovare nuovi equilibri e apprendere anche nuovi stili di vita”.

Alla luce di questa premessa si può comprendere come sia facile in una tale varietà di modi di intrepretare la Vacanza del Benessere entrare in una miriadi di termini, definizioni che a volte possano disorientare il turista che fra day spa, medical spa, centro termale, resort olistico spesso non riesce ad individuare la vacanza giusta per le sue esigenze.

La manifestazione HUB Turismo Terme & Benessere, vuole essere un momento d’incontro fieristico rivolto ad un confronto fra l’offerta termale e “wellness” a livello europeo. 

Tre giorni (mercoledì- venerdì) destinati a far conoscere l’eccellenza del prodotto termale e turistico al pubblico dei curiosi e dei professional. Nell’ambito della manifestazione si svolgerà anche la BTTB – Borsa del Turismo Terme & Benessere, giunta alla sua quarta edizione, che rappresenta l’appuntamento promo commerciale più atteso dagli operatori turistici italiani ed esteri che vi parteciperanno.

“Stiamo registrando interesse ed adesioni da diverse Regioni italiane, ma anche, da Slovenia, Austria, Germania, Malta, Russia, Francia” – afferma Nicola Ucci, patron della manifestazione.

L’evento è l’occasione concreta per affermare l’importanza del settore termale e wellness in Europa e soprattutto in Italia, che come si legge nel Rapporto di Federterme 2013-2104 : “… è di gran lunga il più importante nel panorama europeo”.

La manifestazione focalizzerà l’interesse dei media e del pubblico considerando che si tratta di un evento unico nel suo genere in Italia e alla sua prima edizione.

Eventi analoghi si svolgono già in Galizia a Parigi e a Berlino.

Il Form prevede il coinvolgimento di Enti turistici, Destinazioni Termali, realtà legate al mondo del termalismo e del turismo del Benessere.

All’interno della manifestazione sarà ospitata anche la prima Borsa internazionale del Turismo Termale e del Benessere che vede la partecipazione come ospiti fissi, buyer, italiani ed esteri, e  giornalisti della stampa specializzata di settore.

HUB Turismo Terme & Benessere è l’unica fiera italiana in questo campo, un’occasione per ampliare le potenzialità del comparto sia per le politiche della salute che per la promozione turistica, ma anche di attrarre un pubblico curioso, desideroso di novità e notizie specifiche ad esempio intorno a temi come l’utilizzo delle acque minerali, la massoterapia, la fitoterapia, la cosmesi naturale e molto altro.

HUBTURISMO “TERME & BENESSERE”, patrocinata da Federterme e che vede la collaborazione di partner come Luiss e Spa Industry, si basa su un format innovativo che vede riunite le eccellenze imprenditoriali, professionali e culturali del turismo del benessere, in un sistema integrato di relazioni e scambi, con il  fine di sviluppare business attraverso un approccio relazionale, collaborativo e di reciproca conoscenza. L’evento sarà una vetrina per l’eccellenza del settore termale e delle Spa sia italiano sia estero .
La sede è quella prestigiosa e centrale, nel cuore di Milano, Il Centro Congressi Palazzo delle Stellinehttp://www.stelline.it/it/centro-congressi/home/centro-congressi.html

La manifestazione sarà articolata in grandi aree tematiche: un’area espositiva dedicata all’eccellenza delle destinazioni termali e turistiche, sale conferenze per business meeting a disposizione degli espositori, workshop e corsi di aggiornamento rivolti a Spa manager e all’industria del “benessere”, laboratori tematici rivolti agli ambiti specifici della comunicazione e al marketing di Terme e Spa, Borsa del turismo Termale e del benessere, press tour per Vip ospiti e stampa di settore e Cena di Gala riservato ai partecipanti, un’area speciale sarà rivolta all’industria del benessere ai fornitori di servizi e materiali per spa e all’industria cosmetica.

http://www.retesystem.it/eventi/milano-20-22-settembre-2017/
www.blu-communication.com
www.turismodelbenssere.com

LA MACULA SENILE PORTA ALLA CECITA’, MA SI PUO’ PREVENIRE.

IMG_1429

MACULA SENILE E RISCHIO CECITA’

Fino a pochi anni fa non esistevano cure per questa malattia

Due prodotti per la cura della macula:

– Avastin costa 20 euro;

-Lucentis (della casa farmaceutica Novartis e clone di Avastin) costa 1200 euro

Avastin dopo anni di controversie, per fortuna torna nella lista dei farmaci a carico del Ssl.

In Italia 200 mila persone sono a rischio di cecità o se andrà bene metà di loro potranno ancora vedere mentre il resto potrà solo sentire alla radio i commenti delle partite di calcio.

E’ questo l’allarme che la Società Oftalmologica Italiana lanciò in occasione della presentazione del libro bianco di denuncia sul trattamento della degenerazione maculare senile, una malattia che colpisce 1 persona su 3 dopo i 75 anni.

Fino a 8 anni fa non esistevano cure per questa malattia gravemente invalidante ma, improvvisamente e casualmente, si scoprì che un farmaco utilizzato per la cura del cancro del colon – l’Avastin – aveva effetti positivi sull’evoluzione della maculopatia nei pazienti che oltre alla presenza del tumore del colon soffrivano anche della impegnativa malattia oculare.

Da quel momento Avastin venne utilizzato in tutto il mondo. Ed ancora oggi viene utilizzato su milioni di pazienti.

SONO STATE FINALMENTE SUPERATE LE difficoltà di impiego di Avastin che si sono sorprendentemente venute a creare solo nel nostro Paese.

Matteo Piovella Presidente della Società Oftalmologica Italiana ha affermato:  “…è per questo che abbiamo redatto un documento di denuncia e di indicazioni che abbiamo sottoposto alle principali Associazioni di consumatori italiani quali Adiconsum e  Altroconsumo.

Finalmente grazie agli sforzi sopra citati, il farmaco è tornato mutuabile in Italia.

Appoggiamo l’iniziativa della SOI  a tutela dei pazienti affetti dalla maculopatia – dichiara Pietro Giordano, Segretario Generale Adiconsum – ha chiesto all’AIFA di attivarsi e di fare chiarezza; finalmente gli sforzi hanno avuto il loro frutto il farmaco Avastin è mutuabile.

La rilevanza scientifica dell’Avastin  ha indotto, addirittura, la FDA americana a ridurre il percorso temporale di osservazione normalmente adottato prima di poter utilizzare un farmaco, in modo da garantire alla popolazione l’accesso a questa cura in quanto unica ed insostituibile per efficacia terapeutica. Una recente survey di Retina la rivista scientifica più importante al mondo nel campo delle malattie oculari della retina conferma che 9 oculisti su 10 in tutto il mondo utilizzano normalmente Avastin.

Negli Stati Uniti, Avastin viene utilizzato nel 60% dei pazienti. In Inghilterra e Germania nel 40% in Spagna ed in Italia (fino ad oggi) nel 90% dei casi.

Invero l’unica differenza tra i due farmaci per la cura della maculopatia è che il Lucentis presenta un prezzo al pubblico 60 volte maggiore rispetto ad Avastin: a parità di quantità Avastin costa 20 euro mentre Lucentis ne costa 1200 euro. 

IL DIGIUNO CI RENDE PIU’ SANI E FORTI. COME LIBERARCI DALLE TOSSINE.

Saltare i pasti, 2 o 4 giorni ogni 6 mesi,, serve a

rendere il sistema immunitario più forte.

Il gerontologo Valter Longo, della South California University, attraverso esperimenti fatti su topi e volontari umani, ha dimostrato che il digiuno “rigenera” il nostro sistema immunitario.

Il digiuno

obbliga in nostro corpo a “sciogliere” i grassi per alimentare il cervello.

Il nuovo esperimento dimostra come l’organismo, in condizioni di scarsità di alimenti, distrugga anche i globuli bianchi; partendo da quelli più vecchi e poco efficienti.

Alla fine del digiuno succede che il midollo osseo venga stimolato a

produrre miliardi di nuovi globuli bianchi.

Se ne può dedurre che brevi digiuni possano aiutare chi ne necessita, come gli anziani e chi è in chemioterapia, a rendere più forte il sistema immunitario.

Di conseguenza, anche le tossine verranno eliminata più facilmente.

Ovviamente questo meccanismo funziona benissimo anche sulle persone sane che posso trarne grande giovamento e migliorare il proprio stato di salute generale; pure dimagrendo.

 

Salute e ospedali che funzionano – CENTRO DI CARDIOCHIRURGIA DI PADOVA

COMPLESSI TRATTAMENTI CHIRURGICI SUL CUORE NEI TEMPI ATTESI

La cardiochirurgia è annoverata come primo Centro in Italia per numero di trapianti (39) effettuati nel 2016

ABBATTERE LA LISTA D’ATTESA

REGIONE DEL VENETO
AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA

FORTE AFFLUSSO DI PAZIENTI REGISTRATO PRESSO IL CENTRO DI CARDIOCHIRURGIA DI PADOVA.

L’AZIENDA OSPEDALIERA HA RIORGANIZZATO IL SISTEMA E IN ALCUNI MESI E’ RIUSCITA AD ABBATTERE LA LISTA D’ATTESA PER FORNIRE AI NUMEROSI PAZIENTI I COMPLESSI TRATTAMENTI CHIRURGICI SUL CUORE NEI TEMPI ATTESI.

Luciano Flor, Direttore Generale dell’A.O. di Padova ha come obiettivo la riduzione dei tempi d’attesa in chirurgia. “Il paziente deve essere la centralità per quanti operano in questa complessa organizzazione. La nostra offerta è ampia, essendo un Centro Hub ma dobbiamo migliorare con l’obiettivo di ridurre i tempi d’attesa di chi si rivolge a questa struttura”.

L’organizzazione ospedaliera in accordo con la Regione del Veneto e in sinergia con il team cardiochirurgico che dispone di 2 sale operatorie, 35 posti letto, 12 posti in terapia intensiva e 7 in terapia sub-intensiva per i trapianti, oltre a 198 figure professionali tra medici e sanitari, ha potenziato la struttura e riorganizzato il sistema allungando l’orario di attività nelle sale operatorie passando da 80 a 100 ore/sett. dalle 8/14 alle 8/18 con almeno 6/7 sedute in più a settimana. Sono stati aumentati inoltre i posti letto di terapia intensiva da 7 a 12 e inseriti nel team che contava già 110 infermieri, ulteriori 18 collaboratori professionali infermieristici garantendo sempre nei turni di tutto il personale, l’orario di 38 ore settimanali.

In pochi mesi da settembre 2016 la lista d’attesa, stimata in 8/9 mesi di tempo, ha raggiunto i 30 giorni previsti al netto delle emergenze.

La Cardiochirurgia dell’Azienda Ospedaliera/Università di Padova diretta dal Prof. Gino Gerosa è intervenuta in soli 6 mesi su più di 200 pazienti in lista scongiurando così pregiudizio alla prognosi sul 90% delle persone in classe di priorita’ A: casi clinici con possibilità di aggravamento al punto da diventare emergenti.

Il trend della Cardiochirurgia nel 2017 è di 1296 ricoveri e di 1532 atti cardiochirurgici.

La cardiochirurgia è annoverata come primo Centro in Italia per numero di trapianti (39) effettuati nel 2016, dati riportati dal CNT – Centro Nazionale Trapianti, e primo Centro in Italia per numero di impianti VAD effettuati (100) dal 2010 al 2015 – dati ITAMACS registro italiano delle assistenze meccaniche e cuore artificiale totale. Due primati che conferiscono a Padova il ruolo di Centro leader nel trattamento dell’insufficienza cardiaca

terminale, patologia ad elevata complessità assistenziale che, in assenza di trattamenti specifici, è a prognosi infausta.

Da anni in prima linea nell’impiego di VAD e cuori artificiali, la Cardiochirurgia dell’Azienda Ospedaliera/Università di Padova, ha visto il Prof. Gino Gerosa all’opera con numerosi primati:

2002 – trapianto di cellule staminali nel cuore;
2007 – 1° trapianto di cuore totale artificiale 70 cc in Italia;
2012 – 1° trapianto al mondo di Jarvik 2000 (LVAD) con rivoluzionaria tecnica mini-invasiva chirurgica e di perfusione;
2014 – nuovo intervento mininvasivo impianto di Neocorde mitraliche TOP-MINI per riparazione valvola mitrale a cuore battente, unico Centro in Italia;
2015 – 1° Cardiowest 50 cc impiantato in Italia e per la prima volta al mondo su giovane trapiantato di 26 anni;
2015 – 1° intervento al mondo combinato, microinvasivo, dalla punta del cuore, senza aprirlo. In contemporanea correzione delle valvole aortica e mitralica sempre a cuore battente;
2016 – 1° intervento al mondo di riparazione della valvola mitrale con anello rigido inserito a cuore battente per via trans catetere.

Il Centro di Cardiochirurgia di Padova è annoverato tra i più all’avanguardia del mondo e offre trattamenti chirurgici per la totalità delle cardiopatie (circa 800 TAVI dal 2007 ad oggi, 150 plastiche mitraliche TOP-MINI dal 2014 ad oggi – maggior casistica al mondo; 3 casi di anello mitralico trans apicale Amend) ed è attrezzato di ECMO macchina cuore-polmone anche trasportabile per pazienti extra Regione, consentendo l’utilizzo a pazienti in arresto cardiaco.
912 sono i trapianti eseguiti ad oggi in questo Centro.

La Cardiochirurgia di Padova sta attualmente sviluppando nuove prospettive terapeutiche di medicina rigenerativa, tessuti e organi riprodotti in vitro. Vengono utilizzate le tecniche di ingegneria tissutale e il ripopolamento con IPS (cellule staminali pluripotenti) con possibilità di testare in questi modelli nuovi farmaci. Nel Centro vengono impiegate le stampanti 3D per planning chirurgico.

Dal 2 al 5 dicembre 2017 (50 anni dopo il primo trapianto di cuore al mondo effettuato dal Prof. Christian Barnard) a Città del Capo, Sud-Africa – le celebrazioni ufficiali. Padova è stata invitata a portare un contributo: “Padova ancora pioniera” per il merito che la Cardiochirurgia patavina ha esportato nell’innovazione sul cuore.

Visto, si autorizza la diffusione ai Media – il Capo Ufficio Stampa dr.ssa Luisella Pierobon

COSA FARE QUANDO UNA MEDUSA…

Tempo di mare di bagni e di …meduse.

Medisa 672 vario mare esotico IMG_0399

Belle da vedere galleggianti nell’acqua; non piacevoli per un incontro ravvicinato.

Molte meduse, anche piccolissime, possono iniettare migliaia di arpioni sulla nostra pelle; ognuno  fa esplodere una vescica carica di liquido altamente tossico.

COSA FARE?

-NON FARSI PRENDERE DAL PANICO se si è in acque profonde, si deve raggiungere la riva continuando a nuotare, non fossennatamente, imponendosi di sopportare il dolore.

UNA VOLTA A RIVA:

-in caso di malessere generalizzato, palpitazioni cardiache ecc… subito da un medico; si potrebbe essere ipersensibili ed avere una crisi anafilattica

-in caso solo di bruciore forte localizzato, sedersi sdraiarsi all’ombra ; coprirsi se si ha freddo

-gli impacchi di ghiaccio leniscono il dolore

-NON usare ACQUA DOLCE per lavare la parte dolorante !!

-Non mettere DISINFETTANTI

-NON mettere TINTURA DI IODIO: a contatto con la sostanza irritante può provocare necrosi nei tessuti!

Con UNA CARTA DI CREDITO o similare, raschiare la superficie della pelle dolorante per rimuovere i frammenti dei tentacoli rimasti nella pelle

Solo su ordinazione medica usare: pomate antistaminiche (DIMINUISCONO IL GONFIORE, ARROSSAMENTI E BRUCIORI); potreste avere delle controindicazioni

Filtri solari meglio saperne di più – Eruzioni cutanee e pori ostruiti – I filtri solari fanno bene ?

La paraffina liquida (paraffinum liquidum o olio di vaselina = olii minerali) è il primo ingrediente riportato su parecchi olii spray (ultimamente tanto di moda).

La combinazione di olii minerali con gli emulsionanti (indispensabili per avere un prodotto omogeneo) e radiazioni UVA (radiazioni solari sempre presenti anche in inverno), può provocare una fotodermosi e l’eruzione cutanea è quasi garantita.

Per proteggerci da tutto questo, ci hanno insegnato di usare filtri solari ad alta protezione.

Ma, qui sta il problema, più il filtro è alto, più i filtri chimici sono contenuti in grande quantità.

E i filtri chimici sono sempre sostanze chimiche che la nostra pelle assorbe e che si disperdono nell’ambiente, nell’acqua dove facciamo il bagno e che poi ci tornano attraverso i pesci che mangiamo e l’acqua che beviamo ( perché prima o poi arrivano agli strati più profondi della terra dove si forma l’acqua delle sorgenti ).

Inoltre è bene sapere che esistono due gruppi di filtri solari chimici: gli interferenti endocrini e irritanti ed altri che non lo sono, ma sono molto più cari.

00 costano, all’industria cosmetica, circa 10 euro al chilo. Ecco alcuni loro nomi: octocrylene, avobenzone e l’eletesi metossicinnamato.

Gli altri filtri, assai meno dannosi, hanno un prezzo intorno ai 45-100 euro al chilo … è chiaro che il prezzo del prodotto finale ne risentirà notevolmente.

La soluzione ? Semplice, prendere il sole poco alla volta e non esporsi nelle ore centrali della giornata. Come facevano le nostre nonne. Avremo una bella abbronzatura dorata, non rovineremo la pelle e non inquineremo il nostro pianeta; ma spenderemo anche molti soldi in meno !!! E non dovremo acquistare altri prodotti chimico-farmaceutici per curare le irritazioni.

DA EVITARE SEMPRE

creme che contengano:

-profumi

-oli minerali

-emulsionanti

-siliconi

-PEG/PPG

-ethylhexyl methoxcinnamate

-octocrylene

-BMDM

-composti di alluminio

-conservanti.

SALUTE – Intossicazioni alimentari – MENU’ AVVELENATO – Mangiare fuori casa a caso può essere pericoloso

VINO A DUE SOLDI, PUO’ ESSERE VINO D’ UVA ???

Menù avvelenato
Siete stati vittima di un’intossicazione alimentare in un ristorante ?

Purtroppo il fatto  non è poco frequente.

Andare a cena in un ristorante e uscirne con una bella intossicazione alimentare e magari anche un conto salato.

Ancora più frequente è l’intossicazione per panini conditi con salse rimaste troppo al caldo, ma anche carne scaduta, uova di dubbia provenienza, pesce surgelato di pessima qualità spacciato per fresco (magari con la dicitura: surgelato solo nel caso il fresco non sia disponibile; un bel trucco)  ecc..

Vomito, diarrea, dolori e per riprendersi servono gli antibiotici, ma a volte rimangono delle spiacevoli conseguenze che continuano, a tratti alterni, nel tempo; questo significa che il battere è ancora vivo nel nostro stomaco o tratto intesinale.

PURTROPPO E’ BUONA REGOLA PORSI DELLE DOMANDE O INFORMARSI BENE  PRIMA DI ENTRARE A CASO IN UN RISTORANTE O BAR CHE SERVE CIBO.

Cosa guardare ?

Per prima cosa evitate i bar e ristoranti sulle vie più frequentate delle città turistiche (a meno che non abbiate buone e sicure informazioni); grande passaggio e la gente NON torna. Guadagni sicuri e poche lamentele.

Se il prezzo è ridicolmente basso, anche la qualità lo potrebbe essere; con una buona probabilità.

Può sembrare assurdo, ma è meglio un Mac Donald, con tutti i controlli che deve subire, di qualunque altra scelta economicissima.

Guardate il locale, sentite se odora di buono o di fritto scadente o ha odori di birra o vino che sono rimasti sul pavimento …

Oggi internet vi può aiutare con le recensioni.

Cercate di andare a mangiare in posti noti e frequentati regolarmente da gente che conoscete.

Vedi altro ai  link:

 http://www.donnecultura.eu/?p=7829

http://www.donnecultura.eu/?p=35642

—————-

VINO A DUE SOLDI, PUO’ ESSERE VINO D’ UVA ???

Sugli scaffali più bassi del supermercato, ecco i prezzi più bassi.

Uno o due euro per una bottiglia di vino rosso italiano, francese, spagnolo, sudamericano…

Se l’uva costa intorno ai 2 euro al chilo, come si può produrre del vino a questi prezzi ?

Anche tenendo conto che all’ingrosso i prezzi sono molto più bassi; la bottiglia, il tappo, l’etichetta hanno un costo, magari c’è anche la pubblcità e allora come si può produrre un vino  vero a questi prezzi ?

Sul mercato c’è davvero di tutto: vini di cui spesso non si conosce affatto la provenienza.

Quando il vino costa così poco, sono anche poche le informazioni.

E questo, nell’epoca della tracciabilità, non può che farci riflettere.

” Un’amica sommellier mi ha spiegato che un vino passabile, fatto con l’uva e senza altre aggiunte, non può costare meno di 7-8 euro la bottiglia “101000.

Da: VINI LOW COST | PUNTATA INTERA DEL 14.10.2016

Malati immaginari di intolleranze ! ? – Tutti celiaci & c. ? O è molto business ?

Un rapporto dell’Isitituto Superiore di Santà, spiega che in Italia ci sono circa 5 MILIONI di malati immaginari, che comprano prodotti privi di glutine, senza averene un valido motivo.

Sono solo 180.000 i VERI celiaci, intolleranti al glutine, in Italia ( lo dice Marco Silano, direttore del Dipartimento di Sicurezza Almentare all’Iss ).

Gino Roberto Corazza, del Policlinico di Pavia, ha riunito 60 consumatori di prodotti senza glutine e ha somministrato loro una pastigia, senza specificarne il contenuto, solo due persone hanno dichiarato di avere avuto problemi. La pastiglia era un concentrato di glutine.

Il tema è quasi scabroso; in un momento in cui va di moda parlare di intolleranze, noi vi riportiamo alcuni dati scientifici per aiutarvi a guardare questo problema nella giusta dimensione.

Le persone con il colon irritabile vengono spesso invogliate a seguire una dieta gluten free che, sempre secondo  Marco Silano, non ha nessuna spiegazione scientifica valida.

Inoltre va detto che moltissime persone soffrono di digestione lenta, ma per mille motivi diversi, anche se il glutine, in questo caso, può veramente peggiorare la situazione. Ma sono le cause della digestione lenta che andrebbero individuate; non usare un palliativo per alleggerire un disturbo, comunque presente e causato da altro.

 

 

DETOX MANIA – I ” BEVERONI ” SERVONO DAVVERO ?

E’ DI MODA PURIFICARSI CON I ” BEVERONI “, MA QUANTO SONO SALUTARI E QUANTO SOLO MODA ?

Più sotto varie ricette; una delle dive di Hollywood degli anni ’50:

MANGARE BENE E BERE CIBI SANI E’ IL SEGRETO DELLA SALUTE.

Quindi benevenuti  “beveroni ” ?

——-

Non dimentichiamo che, già nella prima metà del secolo scorso, le attrici di Hollywood avevano questi beveroni nella loro dieta !

La prova è in quanto scritto nelle ultime pagine di una vecchia edizione de ” Il cucchiaio d’argento “, uno dei classici libri della cucina italiana. Libro, presente in tutte le cucine delle signore che se lo potevano permettere; perché negli anni 50′ non erano molti gli italiani che potevano spendere dei soldi per un costoso libro di cucina.

Oggi si vende, con grande successo, la medesima idea, anche se non è originale, ma scopiazzata. Magari aggiungendo qualche novità che segua le mode del momento.

In breve, qualunque tipo di spremuta di frutta e/o verdura fresca non può fare che bene alla nostra salute; anche se non è una scoperta moderna !

L’importante è imparare a farselo da soli, se non si vuole spendere eccessivamente.

Perché le sane abitudini costano; devono essere quotidiane, magari anche due volte al giorno.

Il cibo crudo, NON i succhi pronti che contengono ANTIOSSIDANTI ACIDI per conservarli, fa benissimo alla salute e apporta anche microrganismi utili alla digestione ed aiuta ad eliminare le tossine; ovvero a  mantenere giovane l’organismo

RICETTE

Noi vi suggeriamo la più semplice e veloce che conosciamo.

Tutti avrete in casa un frullatore.

1 grossa mela

2 arance

1 tazza da tè, scarsa, di acqua

se volete aggiungete a piacere anche al posto della mela:

-banana, lamponi, fragole, mirtilli, pera ecc.. anche un avocado, un mango (attenzione a usare solo la parte morbida e non quella filamentosa)… quello che preferite

Pelate e tagliate a piccoli pezzi una grossa mela, due arance e, se li avete, 2 mandarini (ma benissimo anche con banane, limone, pere, fragole, lamponi, mirtilli ecc… ), aggiungete un poco di acqua e, se volete migliorare il sapore 4 gocce di dolcificante liquido o altro dolcificante da voi preferito; miele, zucchero…

Frullate tutto per qualche minuto.

Bevete.

Questa bevanda aiuta l’organismo a mantenersi sano, grazie alla sua ricchezza in vitamina C e al grande apporto di fibre e altri minerali e vitamine preziosi per la  salute.

SE VOLETE ESSERE SCURI DI BERE QUALCOSA DI RICOSTITUENTE; RICCO DI PROTEINE, SALI MINERALI E VITAMINE. Meglio di quanto in commercio, perché si tratta di sostanze fresche e quindi vive; irripetibili con sostanze conservate!!!

BIBERONE NUTRIENTE PROTEICO, RICCO DI VITAMINE E SALI MINERALI

-4 cucchiai di latte fresco INTERO

-1 uovo

-frutta a scelta: dalla mela (piccola) ai mirtilli, lamponi, alla frutta esotica (anche un fico secco o due cucchiai di uvetta secca per dolcificare il tutto senza usare lo zucchero)

-1 o 2  cucchiai di bacche Goji, se le avete (oggi le vendono anche nei supermercati). Sulle loro specialissime proprietà vedi al link: http://www.donnecultura.eu/?p=27528

3 cucchiai di latte in polvere (proteine, sali minerali come il calcio, vitamine); prodotto pronto, ma in questo caso indispensabile per concentrare tanto nutrimento in un solo bicchiere; ma abbinato  una grande prevalenza di prodotti freschi.

-1 cucchiaio di miele, che sia di alta qualità (altrimenti potrebbe essere zucchero aromatizzato, con un poco di miele.. !!!)

Frullare tutto e bere subito; entro 10′.

Da consumarsi, almeno una volta al giorno: al mattino o nella pausa pranzo o come merenda o appena tornati a casa la sera (per avere il tempo di smaltire le calorie prima di andare a dormire; la cena sarà sempre e comunque, se volete anche dimagrire, a base di zuppe di verdura, un piatto di proteine carne o pesce o formaggio, NON MOLLE, meglio formaggi di sicura composizione come il  Parmigiano, l’ Emmentaler svizzero originale … mai più di 50 grammi); insalata o verdura cotta condita con 1 cucchiaio di olio e limone e sale. Oppure saltata in olio con uno spicco d’aglio.

Ma ricordatevi anche di mangiare cibo buono, che vi piace  e soddisfi il palato, ma non in quantitativo eccessivo.

Una ricetta delle dive di Hollywood degli anni ’50:

2 arance

2 cucchiai di spinaci crudi

qualche foglia di prezzemolo

1 cucchiaio di miele

Frullare bene e  bere: DONA UN MERAVIGLIOSO INCARNATO, NOI LO ABBIAMO VERIFICATO, MA DOVETE PROSEGUIRE PER UN ANNO E VEDRETE GLI OTTIMI RISULTATI.


Il frico, per esempio, ogni tanto, è un cibo veloce da preparare e sano.

FRICO: formaggio duro a pezzetti piccoli o grattugiato (35-50 gr a testa), cipolle a velo ( 1 a testa), vino bianco o cognac o altro del genere.

Rendere trasparente la cipolla sottile, 1 cucchiaio di olio extra vergine a testa in padella antiaderente, aggiungendo dopo un  primo rosolamento 1|2 bicchiere di vino o acqua per terminare la cottura della cipolla.

Aggiungere il formaggio quando la cipolla è cotta ed il liquido è evaporato.

Sciolto il formaggio, servire subito su piatti caldi. E’ un piatto ideale per i climi freddi.

Potete aggiungere quello che preferite: anche due fette di speck, tartufo …

 

_________________

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.