Archivi categoria: SALUTE

Belle e sane, sport, prevenzione, salviamo i nostri occhi…erboristeria, salute prima dei 40 anni, salute dopo i 50… allergie, anoressia, antibiotici con cautela, anziani e depressione, aspirina “tuttofare”, calvizie curabili, denti sani, diabete, dolore e cura, fibrillazione atriale, ictus, malattie tropicali, novità farmacologiche, omeopatia, ospedali pericolosi?, problemi di coppia, sordità, smog un grande pericolo, …vedi anche terme & spa alla categoria: VIAGGI

Salute – Eccellenza italiana in Sicilia i trapianti

ISMETT IRCCS (Istituto Mediterraneo per i trapianti)

E’ in Sicilia l’ospedale di eccellenza per trapianti dell’area mediterranea

ISMETT IRCCS (Istituto Mediterraneo per i trapianti) lavora in diretta relazione con l’ UPMC (University of Pittsburgh Medical Center)

Un centro italiano dove si rispettano i paramentri dei migliori centri mondiali come, in questo caso, lo University of Pittsburgh Medical Center

Qui per la prima volta si è fatto, tra l’altro,  un trapianto di fegato associato ad un innovativo intervento all’intestino; per salvare un bambino con una rara gravissima patologia

Sempre qui è stata eseguita, anni fa per la prima volta in Europa, una gastro-entero-anastomosi per via ecoendoscopica e molto altro…

Scegliere di destinare il 5×1000 a ISMETT è semplice e non costa nulla. Basta inserire il codice fiscale dell’Istituto 04544550827 nella casella della vostra dichiarazione dei redditi riservata al “Finanziamento alla Ricerca Sanitaria” e poi firmare.

Altre informazioni su questo centro al link https://www.ismett.edu/it/

Oggi ISMETT è il primo ospedale italiano dedicato interamente ai trapianti di tutti gli organi solidi (fegato, rene, cuore, polmome, pancreas).

1997-2017, ISMETT (Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione) festeggia 20 anni di successi e lo fa con l’ampliamento della struttura per curare più pazienti, garantire più servizi,  e aumentare ancora di più l’efficienza.

Sono passati 20 anni da quando, nel 1997, nasce ISMETT IRCCS (Istituto Mediterraneo per i trapianti) frutto di una partnership fra la Regione siciliana e UPMC (University of Pittsburgh Medical Center).

Anch i bambini, qui vengono curati nell’eccellenza.

Il nuovo Dipartimento di Pediatria, dispone di 10 ampie stanze di degenza singole, un’area ambulatorio e Day-Hospital, due ludoteche una pei i pazienti ricoverati e l’altra per i pazienti ambulatoriali, , una medicheria, oltre uffici e servizi generali di reparto

“L’Istituto – sottolinea Angelo Luca direttore di ISMETT è un ospedale per acuti, dove il 21% dei posti letto sono di terapia intensiva, che offre cure avanzate e promuove innovazione e ricerca e dove da sempre si sperimentano nuovi modelli organizzativi e gestionali. ISMETT è pienamente integrato nella rete del Sistema sanitario regionale ed è un riferimento internazionale per molti paesi del bacino del mediterraneo e non solo. Fin dal 1999 abbiamo investito in ICT, sviluppato un sistema di telemedicina che ci collega con Pittsburgh ma anche con il territorio, e implementato un sistema di Business intelligence che ci consente di aumentare l’efficienza e la qualità delle cure. Internamente abbiamo sviluppato 46 applicativi, l’ultimo dei quali è stato brevettato ed ha ricevuto il premio Innovazione Digitale in Sanità 2017 del Politecnico di Milano”.

Direttore Sanitario: Cinzia Di Benedetto (ad interim)

Direttore Amministrativo: Giuseppe Alongi

Direzione Attività Infermieristica: Giuseppe Arena

Dott. Mario Traina; Chief of Endoscopy Unit at ISMETT IRCCS

Lavora in ISMETT fin dalla sua apertura. Grazie alla sua esperienza ha contribuito allo sviluppo di attività di formazione e ricerca presso l’Istituto. Ha condotto diversi progetti di ricerca su pazienti cirrotici trapiantati con complicanze sulle vie biliari e ha sviluppato terapie innovative per il trattamento delle lesioni neoplastiche del colon, per il trattamento di pazienti obesi e diabetici e di pazienti con complicanze di pancreatiti acute. Ha partecipato a trial multicentrici italiani ed è autore di più di 130 articoli pubblicati su riviste con peer-review e di 16 capitoli di libri.

Recente visita all’ ISMETT IRCCS, del gruppo di giornalisti UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici).

Il Dott. Antonio Arcadipane è il Direttore del Dipartimento di Anestesia e terapia intensiva presso ISMETT, ruolo che ricopre dal 2003.

Persegue le sue finalità operative e di assistenza secondo le linee guida delle maggiori società scientifiche, curando l’aggiornamento continuo e la formazione dei medici e del personale non medico.

Il prof. Salvatore Gruttadauria, lavora in ISMETT fin dalla sua apertura. E’ stato il primo chirurgo siciliano ad eseguire un trapianto di fegato in Sicilia. Da maggio del 2017 si occupa del Dipartimento per la Cura e lo studio delle patologie addominali e dei trapianti addominali. Da aprile del 2016 ricopre anche il ruolo di Responsabile dell’Unità di Chirurgia Addominale e dei Trapianti Addominali di ISMETT.
Dall’aprile del 2016 è responsabile dell’Unità di Chirurgia Addominale e dei Trapianti Addominali di ISMETT.

 

Salute – EPATITE C POTRA’ ESSERE SRADICATA

Portata rivoluzionaria delle ultime novità mediche emerse negli ultimi 3 anni nella cura dell’Epatite C

L’Italia è il Paese con il più alto tasso di questa patologia

IN UN FUTURO NON TROPPO LONTANO L’EPATITE C IN ITALIA POTRA’ ESSERE SRADICATA

L’argomento è stato affrontato, in occasione della presentazione del libro “La terapia dell’epatite cronica C nel 2017” a cura del Prof. Gaetano Ideo, organizzata da SYNLAB Italia.

Dal 1989 (anno in cui fu identificato il virus dell’Epatite C) ad oggi, i passi avanti sono stati tanti, contraddistinti però da altrettanti fallimenti.

Per arrivare a un vero cambio di rotta, occorre guardare a qualche anno fa, al presente e a un futuro prossimo: è in atto una vera rivoluzione terapeutica, che sta portando a risultati quasi strabilianti, mediante l’utilizzo di antivirali che permettono di trattare tutti i genotipi del virus, con risultati ottimali in chi presenta Epatite cronica, cirrosi compensata e avanzata, nei coinfettati con HIV e in tante altre categorie di pazienti.

Come ricordato ieri, vi è stato per molto tempo un grande ostacolo nell’accesso di questi farmaci: il costo.

L’inserimento di tali farmaci nel SSN, ha rilevato il prof. Ideo, è l’unica soluzione per permettere a tutti di curarsi e a partire da marzo 2017 questo auspicio si è in parte avverato.

Sono stati, infatti, ridefiniti i criteri di trattamento per la terapia dell’Epatite C cronica con il SSN dalle Società scientifiche insieme alla Commissione Tecnico Scientifica (CTS) dell’AIFA (Agenzia Italiana dei Farmaci), con il risultato di garantire il trattamento con il SSN anche a chi ha una fibrosi F2 (moderata) e a chi presenta una fibrosi F1 (lieve) insieme ad altre patologie (come l’Epatite B o un diabete o un’ipertensione arteriosa, etc.).

Il Prof. Ideo ha ricordato quanto le attuali strutture SYNLAB di Monza e Como (il CAM di Monza e il San Nicolò di Como e Lecco) abbiano da sempre investito in ricerca e garantito elevati livelli di innovazione e aggiornamento in queste aree. Tesi confermata dal dr. Luca Germagnoli – CMO (Chief Medical Officer) SYNLAB Italia, che, nel suo intervento, ha evidenziato l’attenzione profusa dai laboratori SYNLAB -il più grande gruppo di diagnostica medica in Italia e in Europa- nell’assicurare a medici e pazienti le opportunità diagnostiche più all’avanguardia anche nell’ambito delle malattie epatiche, attraverso test innovativi, nati dalle più recenti scoperte scientifiche a livello mondiale.

 

 All’interno dello spazio eventi di Bellavite Nonsolocarta, si è tenuta la presentazione del libro “La terapia dell’epatite cronica C nel 2017”, organizzata da Synlab Italia.

Sono intervenuti, oltre al Prof. Gaetano Ideo, diversi rappresentanti del Centro Diagnostico Synlab San Nicolò di Lecco e Como, il dr. Andrea Buratti – Direttore SYNLAB Lombardia, il dr. Pierfranco Ravizza – Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Lecco, il dr. Paolo Rubera – in rappresentanza del Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Como dr. Gianluigi Spata e una folta platea di medici interessati all’argomento.

Dopo il benvenuto di Paolo Bellavite, il saluto di Andrea Buratti – Direttore SYNLAB Lombardia, che ha sottolineato l’importanza di tale confronto su un tema tanto delicato e attuale quale quello dell’Epatite C. Il testimone è passato quindi al Prof. Ideo, che ha presentato il suo libro evidenziando la portata rivoluzionaria delle novità mediche emerse negli ultimi 3 anni nella cura dell’Epatite C.

Nel mondo occidentale, l’Italia è il Paese con il più alto tasso di questa patologia (sono circa 1,5 milioni gli italiani portatori del virus) che, purtroppo, non presentando in tanti casi sintomi specifici, può evolvere criticamente prima che l’individuo possa rendersi conto di esserne malato.

Durante la serata ha preso parola anche il dr. Pierfranco Ravizza – Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Lecco, sottolineando quanto, su questa tematica, la medicina si sia dimostrata reattiva, segnando la storia e superando limiti economici

oggettivi. Il Dr. Paolo Rubera – in rappresentanza dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Como si è concentrato sull’importanza di proporre con regolarità incontri come quello di ieri ai tanti medici operanti sul territorio, affinché ogni professionista possa aggiornarsi sulle continue novità da fonti autorevoli, incrementando la propria formazione e credibilità.

    ******************************************

Il Centro Diagnostico San Nicolò nasce nel 1970 come laboratorio di analisi mediche; negli anni seguenti vengono attivati i reparti di Diagnostica per Immagini, Fisioterapia e Poliambulatorio specialistico. Nel 2007 il San Nicolò diventa Casa di Cura e nel 2010 entra a far parte di SYNLAB, oggi il più grande gruppo europeo di diagnostica medica.

ISMETT IRCCS festeggia e amplia

PALERMO 16.05.2017 – VENTENNALE ISMETT.
© MICHELE NACCARI/ STUDIO CAMERA

SICILIA ECCELLENZA E AVANGUARDIA NEI TRAPIANTI 

ISMETT è il primo ospedale italiano dedicato interamente ai trapianti di tutti gli organi solidi (fegato, rene, cuore, polmome, pancreas)

Nuovo Dipartimento di Pediatria, dispone di 10 ampie stanze di degenza singole, un’area ambulatorio e Day-Hospital, due ludoteche

ISMETT IRCCS festeggia i primi vent’anni con l’ampliamento della struttura

Sono stati anni di grandi successi e riconoscimenti per l’Istituto Mediterraneo dei Trapianti che si prepara ad affrontare un futuro di sfide e nuovi traguardi da sempre impegnato con le più innovative terapie ad alta specializzazione. Al via i nuovi spazi di cardiochirurgia e chirurgia pediatrica.

1997-2017, ISMETT (Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione) festeggia 20 anni di successi e lo fa con l’ampliamento della struttura per curare più pazienti, garantire più servizi,  e aumentare ancora di più l’efficienza. Sono passati 20 anni da quando, nel 1997, nasce ISMETT IRCCS (Istituto Mediterraneo per i trapianti) frutto di una partnership fra la Regione siciliana e UPMC (University of Pittsburgh Medical Center).

Nel corso di questi primi venti anni la struttura si è accreditata quale centro di eccellenza nel settore dei trapianti ed è diventata punto di riferimento nel bacino del mediterraneo, ricevendo nel 2014, dal Ministro della salute, l’accreditamento come Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS).

Oggi ISMETT è il primo ospedale italiano dedicato interamente ai trapianti di tutti gli organi solidi (fegato, rene, cuore, polmome, pancreas).

I numeri sui trapianti effettuati da ISMETT IRCCS in questi anni, infatti, parlano chiaro: dal primo trapianto di fegato in Sicilia (1999) sono stati effettuati oltre 1900 trapianti di cui 207 trapianti pediatrici e oltre 300 da donatore vivente, di fegato e rene. Anche i posti letto nel corso degli anni sono aumentati arrivando agli attuali 114 rispetto ai 20 posti di quando ISMETT IRCCS è nato.

Ogni anno oltre un terzo dei pazienti viene ricoverato in modalità d’urgenza, circa il 18% viene trasferito da altri ospedali, il 4,5% viene da fuori regione e l’1,5% sono pazienti internazionali.

“L’Istituto – sottolinea Angelo Luca direttore di ISMETT è un ospedale per acuti, dove il 21% dei posti letto sono di terapia intensiva, che offre cure avanzate e promuove innovazione e ricerca e dove da sempre si sperimentano nuovi modelli organizzativi e gestionali. ISMETT è pienamente integrato nella rete del Sistema sanitario regionale ed è un riferimento internazionale per molti paesi del bacino del mediterraneo e non solo. Fin dal 1999 abbiamo investito in ICT, sviluppato un sistema di telemedicina che ci collega con Pittsburgh ma anche con il territorio, e implementato un sistema di Business intelligence che ci consente di aumentare l’efficienza e la qualità delle cure.

Internamente abbiamo sviluppato 46 applicativi, l’ultimo dei quali è stato brevettato ed ha ricevuto il premio Innovazione Digitale in Sanità 2017 del Politecnico di Milano”

I NUOVI SPAZI

Per migliorare ulteriormente i servizi offerti ai pazienti che scelgono ISMETT quale struttura dove affidare la propria salute, oggi sono stati inaugurati i nuovi spazi, realizzati grazie ad un progetto PO FESR 2007-2013 costato complessivamente 17,5 milioni di euro, di cui 6,5 circa da cofinanziamento regionale e 400.0000 euro da fondi di bilancio ISMETT..

I lavori sono iniziati nel 2012. Il progetto generale è stato suddiviso in 3 lotti funzionali, ciascuno completamente autonomo. I tre lotti di costruzione, pur essendo distinti, si integrano completamente, costituendo un complesso unico armonico e molto funzionale.

A questi si aggiunge il Lotto 4, che riguarda la sola fornitura di apparecchiature mediche altamente specialistiche ed in particolare un avanzato sistema di monitoraggio dei parametri vitali e un apparecchiatura digitale per la telepatologia e altre apparecchiature. Per collegare i nuovi spazi con l’edificio principale di ISMETT, è stato realizzato un avveniristico ponte di collegamento che potrà essere utilizzato per il transito dei pazienti, anche allettati, e dello staff.

Nell’ala sud è ubicata la nuova area dedicata alla chirurgia pediatrica addominale.

Il nuovo Dipartimento di Pediatria, dispone di 10 ampie stanze di degenza singole, un’area ambulatorio e Day-Hospital, due ludoteche una pei i pazienti ricoverati e l’altra per i pazienti ambulatoriali, , una medicheria, oltre uffici e servizi generali di reparto. Nell’ala nord una degenza adulti con 23 posti letto (11 stanze di degenza doppie ed una singola), soggiorno, medicheria, uffici e servizi generali di reparto.

“E’ stata una gara contro il tempo – sottolinea Angelo Luca – perché avevamo tempi strettissimi dettati dalla scadenza del finanziamento della comunità europea. Ringrazio tutti i professionisti di ISMETT e UPMC ed i funzionari degli Assessorati coinvolti che in questi mesi hanno lavorato in piena sinergia e con grande impegno. Oggi è un giorno di festa per i cittadini utenti, le istituzioni regionali e nazionali e tutti gli operatori sanitari dell’Istituto che ogni giorno si impegnano per garantire qualità e assistenza ai nostri pazienti .

Salute in casa – Allergie – Mal di testa – Dermatiti – Mal di gola ?

Avete la mania di disinfettare ogni angolo della vostra casa ?

Amate diffondere profumi insieme ai detergenti o, peggio, con spray o liquidi appositi ?

 Credete che questo sia un bene per la salute ?

La casa deve essere pulita, non disinfettata, non è una sala operatoria.

I bambini a contatto con un numero normale di germi sviluppano dei sani anticorpi.

Quasi tutti i prodotti che vi vendono per disinfettare – pulire e profumare la casa (peggio ancora per i vestiti; che tenete a contatto con la pelle !), CONTENGONO sostanze TOSSICHE !

Monossido di carbonio, biossido di azoto, idrocarburi policiclici aromatici, naftalene, composti clorurati … ecco cosa respiriamo a casa nostra, negli uffici e sulle scale del condominio …

La maggioranza degli italiani non è mai stata molto sensibile ai problemi dell’inquinamento, perlomeno e ne è interessata poco, mentre si lascia suggestionare da quello che gli viene detto nelle pubblicità martellanti … che hanno il solo scopo di vendere più prodotti; meglio se più costosi di quelli già in vendita.

Dietro ogni pavimento appena lavato con i prodotti più disinfettanti e profumati, c’è la diffusione di veleni nell’aria …

Anche l’uso di certi detersivi che garantiscono, da oltre mezzo secolo, di lavare più bianco del precedente prodotto …. non fa bene alla nostra pelle.

Ricordate che le case suggeriscono sempre un uso esagerato nei quantitativi, per vendere di più.

Ricordate che basterebbe aggiungere un poco di bicarbonato e il quantitativo del detersivo si può diminuire di molto.

Ricordate anche che le nuove lavatrici a risparmio d’ acqua, semplicemente sciacquano meno bene !!!

Il consiglio è quello di scegliere prodotti che dichiarano di non danneggiare l’ambiente, evitare di disinfettare qualunque cosa, in qualunque caso.

La verdura va lavata NON disinfettata; mettete un cucchiaio di bicarbonato nell’acqua di lavaggio e non porcherie chimiche !!

Il biberon, meglio di vetro, si può bollire, non immergere in velenose sostanze, pure molto care e che arrivano nell’intestino del piccolissimo bambino…

Informiamoci, leggiamo le etichette e pensiamo sempre che la pubblicità NON FA INFORMAZIONE, MA SEMPLICEMENTE USA OGNI MEZZO PER ASSOGGETTARCI ALLA SUA VOLONTA’ FACENDOCI SENTIRE IGNORANTI …

Dalla pubblicità non avremo MAI informazioni, ma solo suggerimenti, a volte anche prepotenti, che ci tolgono soldi dal portafoglio e possono anche fare molto male a noi e alla nostra famiglia; bambini per primi !

 

SALUTE GRAVE PERICOLO FTALATI PVC PER BAMBINI E ADULTI – REPORT lo ha spiegato con molti dettagli

Salute – Allarme al G7 dagli scienziati – Urgenza di affrontare l’epidemia di Alzheimer

Rapidissima crescita dell’Alzheimer …

L’Italia è un paese particolarmente a rischio…

Gli scienziati dei principali paesi del mondo, riuniti all’Accademia dei Lincei, hanno lanciato un allarme al G7 dei Capi di Stato e di Governo che si riuniranno a Taormina il 26 e 27 maggio, sulla urgenza di affrontare l’epidemia di Alzheimer.

“Nel mondo ci sono attualmente oltre 40 milioni di malati che – avvertono gli scienziati – diventeranno 135 milioni nel 2050” a causa della rapidissima crescita di questa patologia legata all’invecchiamento della popolazione. “Il costo per l’assistenza aumenterebbe da 6 a 8 trilioni di dollari l’anno, e il peso per le famiglie sarà devastante”, gli scienziati, in un documento intitolato “The challenge of neurodegenerative diseases” sollecitano quindi i Grandi della Terra che si riuniranno nel G 7 ad affrontare il problema con “una decisione politica risoluta e globale per prevenire uno tsunami neurologico”.

L’Italia, con 1,2 milioni di persone colpite da malattie neurodegenerative di cui 800mila sono affette da Alzheimer, è un paese particolarmente a rischio, avendo una delle popolazioni più vecchie del mondo assieme con la Corea e il Giappone.

L’Alzheimer è una patologia insidiosa, che lavora silente per 10 – 15 anni e distrugge lentamente i neuroni del cervello senza dare sintomi, quindi chi è malato non se ne accorge fin quando il corredo neuronale non è devastato ma quel punto non c’è più molto da fare.

Per questo motivo è molto importante la prevenzione, fare dei controlli anche sulle persone che non hanno sintomi, e individuare i soggetti a rischio prima che cadano nella patologia conclamata.

Per contrastare questa malattia, che attualmente non ha possibilità di cura, il Neurofisiologo Prof. Lamberto Maffei, già Presidente dell’Accademia dei Lincei, che ha lavorato con la Prof.ssa Rita Levi Montalcini, ha realizzato al CNR il protocollo clinico Train the brain, non farmacologico, che ha dato risultati positivi nell’80% dei casi trattati, rallentando la patologia e aiutando nella prevenzione e nel recupero. Il protocollo,

La diffusione del protocollo, i cui risultati sono stati pubblicati su Scientific Report di “Nature”, è curata dalla Fondazione IGEA Onlus www.fondazioneigea.it in collaborazione con l’Università di Roma.

Cos’è l’osteoporosi ? Nuove cure per il futuro – For Women’s Wellness (FWW) ha assegnato il Premio Salute delle Donne all’italiano Riccardo Gottardi

Cos’è l’osteoporosi ? 

Nuove cure per il futuro

L’osteoartrosi è caratterizzata dalla progressiva erosione della cartilagine articolare, il tessuto che ricopre le estremità delle ossa nelle articolazioni.

Dopo la menopausa le donne hanno un rischio doppio rispetto agli uomini di sviluppare questa particolare malattia degenerativa e diversi studi sembrano indicare che questa più elevata incidenza sia dovuta proprio alla diminuzione dei livelli ormonali dopo la menopausa.

Uno dei principali ostacoli nella comprensione dei meccanismi dell’osteoartrite è che osso e cartilagine interagiscono fra loro e non possono essere analizzati separatamente.

Ad oggi però le terapie ormonali sostitutive sono focalizzate solo sul miglioramento della salute ossea e non intervengono sulla cartilagine.

Diverso il punto di vista del Dott. Gottardi: “La mia ipotesi è che il risultato ottenuto con le attuali terapie dipenda dal fatto che le concentrazioni di estrogeno e progesterone durante il ciclo mestruale variano nel tempo e si ripetono ciclicamente ogni 28 giorni, mentre nelle terapie ormonali sostitutive vi è una continua somministrazione di estrogeno (o estrogeno e progesterone) senza variazioni nel tempo.

Il mio obiettivo è identificare quali combinazioni di concentrazioni ormonali siano efficaci nella protezione della cartilagine”.

Per far ciò, il team di Gottardi ha sviluppato un modello in vitro – già sottoposto a brevetto – per la generazione di cartilagine ingegnerizzata. “Il modello in vitro che ho ideato replica da vicino le condizioni che si osservano in vivo negli esseri umani, permette di coltivare per lunghi periodi e in ambienti controllati i tessuti osteocondrali umani e supera la necessitá di fare ricerca su cavie animali, che, tra l’altro, hanno un ciclo ormonale molto diverso da quello umano.” Questa ricerca potrà fornire nuove linee guida per l’uso di terapie ormonali sostitutive che non danneggino la cartilagine, nonché identificare i meccanismi di influenza degli ormoni sull’osteoartrosi; una volta definiti, tali meccanismi potranno essere utilizzati come nuovi target terapeutici.

 

La ricerca scientifica per le donne: la Fondazione statunitense For Women’s Wellness (FWW) ha assegnato il Premio Salute delle Donne all’italiano Riccardo Gottardi, ricercatore Ri.MED.

Uomini vs donne: le specificità di genere influiscono anche sulla salute, con una maggiore incidenza di alcune patologie e una differente risposta alle terapie.

Di questo si occupa la Fondazione For Women’s Wellness (FWW), un’organizzazione no-profit statunitense che da 20 anni è impegnata a sostenere e diffondere la ricerca scientifica di genere, attribuendo borse di studio ai ricercatori che si distinguono per la qualità degli studi rivolti al superamento delle patologie tipicamente femminili, ma anche al miglioramento della salute della donna nelle diverse età: dal ruolo degli ormoni in gravidanza e menopausa, all’osteoporosi, ai tumori del seno, etc.

Il Premio 2016 Salute delle Donne “Iris Klarman” della Fondazione FWW è stato assegnato al dott. Riccardo Gottardi, da 5 anni nel team scientifico dalla Fondazione Ri.MED, per il suo innovativo studio nel campo della medicina rigenerativa ortopedica. Lo studio, finanziato da Ri.MED e condotto presso la Scuola di medicina dell’Università di Pittsburgh, esamina le differenze di genere riscontrabili nell’osteoartrite e nel danno articolare, con particolare attenzione all’interazione tra ormoni sessuali e cartilagine nelle donne in menopausa, categoria che presenta un’elevatissima incidenza della malattia.

Il Dott. Padova, Direttore Generale della Fondazione Ri.MED, si dice “molto orgoglioso dei successi dei nostri ricercatori: questo nuovo riconoscimento internazionale conferma la capacità di Ri.MED di lavorare come canale di innovazione su programmi di ricerca fortemente orientati alla pratica clinica, una ricerca che promette quindi di migliorare concretamente la qualità di vita di pazienti affetti da patologie ad oggi senza rimedi.

Riccardo Gottardi si è laureato in Fisica all’Università di Pisa nel 2003, con una tesi sulla caratterizzazione della batteriorodopsina. Dal 2004 al 2007 ha svolto il dottorato di ricerca tra il Dipartimento di Ingegneria Biofisica ed Elettronica dell’Università di Genova (supervisore: Prof. Ing. Roberto Raiteri) e il Biozentrum di Basilea in Svizzera (supervisori: Prof. Ueli Aebi e dr. Martin Stolz) nell’ambito di un progetto collaborativo. Il focus della tesi è stato la validazione del microscopio a forza atomica come strumento per la caratterizzazione micro e nanomeccanica della cartilagine articolare a fine diagnostico. Dopo il dottorato ha continuato a lavorare all’Università di Genova sviluppando nuove metodologie per lo studio delle proprietà strutturali e micro- e nanomeccaniche di cellule e tessuti.

Dal 2011 è Ri.MED supported scientist presso l’Università di Pittsburgh dove lavora nel Center for Cellular and Molecular Engineering al McGowan Institute of Regenerative Medicine diretto dal dr. Rocky S. Tuan e nei Little Laboratories della Scuola di Ingegneria del dr. Steven R. Little. Quando il Centro di Ricerche per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica della Fondazione Ri.MED sarà operativo, Riccardo vi si trasferirà in qualità di principal investigator.

SALUTE NUOVA PATOLOGIA OFTALMICA DANNI DA LUCE BLU

0Il “disturbo da luce blu” colpisce anche i bambini, in età prescolare e scolare.

La causa è l’uso continuo di dispositivi elettronici.

La sovraesposizione alla luce blu può dare origine a disturbi anche molto gravi:

-insonnia

-irritabilità

-cali di attenzione

-patologie gravi come:

-alterazioni qualitative e quantitative del film lacrimale

-fotofobia

-bruciore

-congiuntiviti croniche e ricorrenti

-cataratta precoce

-degenerazione maculare.

In commercio esistono occhiali speciali per questo tipo di luce e schermi protettivi per i computer

un aiuto importante può’ arrivare anche dalla dieta se ricca di antiossidanti ( frutta e verdura: carciofi, uva nera, mele, frutti rossi, peperoni, prugne, broccoli, cavolo rosso, pomodori, carote, patate dolci, zucca, melograno prezzemolo…spezie, cioccolato amaro…).ed in particolare di luteina ( la luteina è presente soprattutto nella verdura a foglie verdi, ma  è anche in vendita in farmacia).

Cioccolato gourmet ?? E cibi che amiamo – Tanto fumo e poco arrosto

 – L’industria ci fa dimenticare il vero gusto di tutto
PASTA DI CIOCCOLATO: questa è la base di tutti i cioccolati che comprate normalmente.

Anche se vi sembrano sempre più cari e sempre più “raffinati”; in realtà HANNO TUTTI LA STESSA BASE INDUSTRIALE: PASTA DI CIOCCOLATO

QUASI LA META’ E’ GRASSO SCADENTE E MOLTO ECONOMICO !!!

COSA CONTIENE LA PASTA DI CIOCCOLATO: la legge non obbliga, e nessuno lo fa, alla dichiarazione degli ingredienti che compongono questo preparato industriale; SICURAMENTE MOLTO ECONOMICO PER CHI LO VENDE.

Leggete le etichette: la quantità di grassi totali del cioccolato che comprate è intorno al 40 % !!!

STATE PAGANDO CARO UN PRODOTTO CHE E’ QUASI LA META’ GRASSO SCADENTE E MOLTO ECONOMICO !!!

Poi i cioccolati vengono differenziati con un poco di: vaniglia (ma non è anche vanillina; ovvero vaniglia sintetica che può provocare allergie ??), peperoncino, pistacchi, cacao di nota provenienza ecc…

IL PEGGIO SONO I CIOCCOLATI RIPIENI (con il cuore MORBIDO !!): ovvero un gran quantitativo di grasso a basso costo (magari olio di palma) e aromi e/o piccoli quantitativi di lampone, fragola ecc…

Leggete le etichette e vedrete che la maggioranza dei cioccolati in vendita dichiara un quantitativo totale di grassi che si aggira sul 40 /45 % !!!

:::::

Rimane molto seria la qualità del cioccolato di MODICA e pochi altri di alta gamma artigianale; ma il cioccolato di Modica, che non ha burro di cacao e grassi vari, risulta un poco granuloso, ma i veri intenditori apprezzano questo come un pregio.

Calcolate che un sacchetto cacao puro, non di cioccolato, di VERA OTTIMA qualità, oggi costa anche oltre 6 euro per 250 gr.

E noi ci facciamo una bella cioccolata, con un minimo di sforzo e tanta gioia per il gusto, il borsellino e la salute !!!

Poi quando andiamo al bar, quasi sempre, la cioccolata che ci viene servita sa solo di zucchero e surrogato di cacao … ma la maggioranza dei clienti non se ne accorge e paga, anche caro perché magari è aromatizzata con i soliti aromi naturali (di solito in quantità infinitesimale) e SINTETICI (tutto mescolato tanto chi legge le informazioni; quando ci sono ?!).

Per ultimo non dimentichiamo che le materie prime, cacao, caffé ecc.., che sono tanto aumentate sui nostri mercati, sono sempre PAGATI MENO AI POVERI CONTADINI CHE LI PORDUCONO !!

MA NON E’ SOLO IL GUSTO E LA QUALITA’ DEL CIOCCOLATO CHE E’ SEMPRE PIU’ SCADENTE.

L’industria ha interesse a standardizzare il nostro gusto sin da piccoli, su sapori esageratamente dolci o comunque forti, per cui non percepiamo più le sfumature … e il gioco loro è fatto: questa persona mangerà tutta la vita prodotti idustriali anche di scarsa qualità, ma che al gusto lo rassicurano.

Attenti agli yogurt alla frutta;

di un dolce spaventoso e con “futta aggiunta” che è, soprattutto, piccoli o grandi, ma con TANTI AROMI ARTIFICIALI ! La percentuale di frutta aggiunta è ridicola, il resto sono aromi e zucchero … alla faccia della dieta SANA!!!

ATTENTI A TUTTI I SUCCHI DI FRUTTA, THE e bevande varie CHE, in buona fede, SI DANNO ANCHE AI BAMBINI:

sono ricchi di zuccheri e concentrati di frutta; il resto è acqua … TANTA …!!!

Contengono conservanti, che causano acidità di stomaco

I succhi e le bibite varie:

— NON contengono le vitamine della frutta (gli antiossidanti) e  la quantità di fibre che aiutano la nostra salute.

UN LIBRO PER CAPIRE MEGLIO:

  • Bread, Wine, ciocolate. La lenta scomparsa dei cibi che più amiamo, di Simran Sethi, 12 euro c.a.

ARTRITE REUMATOIDE ORA SI CURA CON FARMACI… BIOTECNOLOGICI

L’Artrite Reumatoide (AR), è un’infiammazione cronica, causata dalla fine dell’equilibrio tra proteine pro-infiammatorie e anti-infiammatorie.

L’Artrite Reumatoide (AR) è caratterizzata da dolore, tumefazione e rigidità articolare.

Per la maggioranza delle persone questa artrite porta ad alterazioni invalidanti delle articolazioni, con notevole peggioramento della qualità della vita.

L’infiammazione cronica porta anche al precoce invecchiamento delle arterie (aterosclerosi).

Questo genere di artrite (AR) causa enormi costi dovuti alle cure :

-ricoveri, visite, farmaci, contributi di invalidità

-perdita di giornate lavorative

-precoci abbandoni del posto di lavoro.

Con l’aggravarsi della malattia e l’aumento della disabilità, si aggravano anche gli impegni per la famiglia.

E’  possibile cambiare il decorso della malattia e prevenire, o quantomeno ritardare, l’evoluzione di questa malattia.

Il segreto è la  diagnosi precoce e l’ impostazione di una corretta terapia con farmaci anti-reumatici (ma sono medicinali con pesanti effetti collaterali).

Nella cura devono essere coinvolti i Medici di Medicina Generale e gli Specialisti che avranno cura di sorvegliare l’evoluzione della malattia e gli effetti tossici dei farmaci.

Ecco i nuovi farmaci biologici:

-Roactemra (Tocilizumab) assai potente nei casi di elevata infiammazione e anemia secondaria;

-Orencia (Abatacept) pare abbia un un buon profilo di tollerabilità;

-Simponi (Golimumab)  si impiega sottocute una volta al mese;

-Cimzia (Certolizumab) medicinale di  ultima generazione.

 Alcuni farmaci sono attivi solo sui sintomi:

-cortisone e anti-infiammatori non steroidei (con effetti collaterali anche molto pesanti) e NON CURANO; non vanno impiegati da soli.

PER ORA I FARMACI BIOLOGICI SOLO DOPO CHE GLI LATRI FARMACI RISULTANO INUTILI

E’ possibile impiegare i farmaci biologici, SOLO DOPO NUMEROSI TENTATIVI DI ASSOCIAZIONE DI ALTRI FAMACI FALLITI.

I farmaci biologici inducono un soddisfacente controllo dell’artrite e della sua evoluzione .

Salute – GIORNATA MONDIALE CONTRO L’ IPERTENSIONE

20 maggio 2017, open day dalle 9 alle 16

Cremona, Piazza Roma gazebo angolo Galleria XXV Aprile

 

Sabato 20 maggio 2017, dalle 9 alle 16, l’ASST di Cremona in collaborazione con ATS della Val Padana, organizza a Cremona iniziative di sensibilizzazione e prevenzione rivolte ai cittadini.

Impara a conoscere la tua pressione arteriosa” è lo slogan della XIII Giornata Mondiale contro l’Ipertensione, ma anche una raccomandazione rivolta alla società civile per smuovere le coscienze e orientarle verso una corretta prevenzione della patologia cardiovascolare.  In Italia oltre 15 milioni di persone sono ipertese, ogni anno in 280 mila perdono la vita per malattie cardiovascolari riconducibili alla pressione alta.

Per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dell’ipertensione arteriosa e delle patologie ad essa correlate, sabato 20 maggio l’ASST di Cremona aderisce alla giornata, promossa da SIIA (Società Italiana per l’Ipertensione Arteriosa), organizzando una giornata aperta ai cittadini, grazie alla sinergia dell’Ambulatorio per l’Ipertensione e altri fattori di rischio cardio-vascolare (UO Medicina Generale – Presidio Ospedaliero di Cremona) e dell’Ambulatorio per la Diagnosi e Terapia dell’Ipertensione Arteriosa (UO Nefrologia – Presidio Ospedaliero di Cremona). Questo per testimoniare l’importanza dell’approccio multidisciplinare al paziente.

Alle iniziative aderisce anche ATS della Val Padana, i suoi operatori infatti si occuperanno di prevenzione e promozione della salute,distribuendo inoltre ai partecipanti pane a basso contenuto di sale offerto dal Gruppo Provinciale Panificatori Cremona,

Nel corso della giornata a tutti i partecipanti verrà effettuata una breve visita medica, nel corso della quale saranno date indicazioni su:

  • le corrette modalità di auto-misurazione della pressione arteriosa. Sarà effettuata anche un’eventuale verifica della taratura delle apparecchiature domiciliari oltre, ovviamente, alla misurazione della pressione dal parte del personale sanitario
  • le conseguenze di valori pressori elevati
  • i fattori di rischio per ipertensione arteriosa (es. sovrappeso, sedentarietà, eccessivo consumo di sale etc.)
  • prevenzione (evitare l’eccesso di sale, svolgere attività fisica, limitare l’uso di alcol, etc.)
  • quando rivolgersi al medico di famiglia o allo specialista in Ipertensione Arteriosa.

 

Come nei precedenti anni, inoltre, l’Ambulatorio Ipertensione della Nefrologia effettuerà gratuitamente il dosaggio della microalbuminuria (MAU) su un campione estemporaneo delle urine a tutti coloro che si presenteranno alla nostra iniziativa. Il dosaggio di tale sostanza individua la nefropatia diabetica in fase precoce e ancora reversibile, permettendo una serie di interventi di prevenzione (migliore controllo della glicemia, riduzione della pressione arteriosa e del colesterolo, abolizione del fumo, aumento dell’attività fisica) per rallentarne la progressione a insufficienza renale e per ridurre eventuali altri fattori di rischio per malattie cardiache.

Delle 286 persone valutate lo scorso anno, la microalbuminuria è risultata presente nel 10.5% dei casi, percentuale in linea ai dati della letteratura mondiale sull’argomento.

 

L’iniziativa si svolge con il patrocinio di Associazione Volontari Robecco d’Oglio CR e Gruppo Provinciale Panificatori Cremona.

 

—-

L’obiettivo della Giornata è quello di diffondere un messaggio sociale sull’importanza di tenere sotto controllo i valori pressori, imparando anche a conoscere i sintomi della condizione ipertensiva, per una prevenzione che parta dalla consapevolezza che con alcuni accorgimenti è possibile limitarne consistentemente i danni.

L’ipertensione arteriosa è la principale causa di malattie cardiovascolari come infarto del miocardio, ictus cerebrale e scompenso cardiaco. In Italia è presente in circa il 30% della popolazione adulta e, nonostante la disponibilità di terapie efficaci per la grande maggioranza dei casi, solo un paziente iperteso su quattro segue una terapia adeguata.

 

PROGRAMMA

20 maggio 2017, dalle 9 alle 16

CREMONA

Piazza Roma gazebo angolo Galleria XXV Aprile

 

MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA

Come misurarla correttamente? Lo insegnano gli operatori

DOSAGGIO DELLA MICROALBUMINURIA

Esame che individua precocemente persone ipertese ad alto rischio

PREVENZIONE E PROMOZIONE ALLA SALUTE

Distribuzione pane a basso contenuto di sale

 

A cura di

UO Medicina Generale e UO Nefrologia e Dialisi – ASST di Cremona

Area Promozione della Salute – ATS della Val Padana

 

Informazioni

URP Cremona tel 0372 405 550 urp@asst-cremona.it