Archivi categoria: SALUTE

Belle e sane, sport, prevenzione, salviamo i nostri occhi…erboristeria, salute prima dei 40 anni, salute dopo i 50… allergie, anoressia, antibiotici con cautela, anziani e depressione, aspirina “tuttofare”, calvizie curabili, denti sani, diabete, dolore e cura, fibrillazione atriale, ictus, malattie tropicali, novità farmacologiche, omeopatia, ospedali pericolosi?, problemi di coppia, sordità, smog un grande pericolo, …vedi anche terme & spa alla categoria: VIAGGI

COSMETICI LOW COST PER LA PRIMAVERA – SCRUB facciamoli in casa

E’ arrivata la primavera e la pelle ha bisogno di un “risveglio” dopo lo smog e le costrizioni invernali, come?

La base di una bella pelle è lo scrub; ovvero l’asportazione delle cellule morte che ingrigiscono la carnagione.

Questo vale per il viso e per il corpo.

Inoltre solo con una pelle perfettamente pulita, potremo ottenere il massimo da ogni tipo di crema.

Fare uno scrub è anche come fare un buon massaggio; un toccasana per la salute e bellezza del nostro corpo.

Se non potete rivolgervi a serissimi specialisti ed acquistare prodotti senza i famigerati parabeni e tutte le altre sostanze velenose derivate dal petrolio, usate cosmetici fatti in casa; almeno per quello che potete o scegliete marchi seri che garantiscono, leggete gli ingredienti, sostanze naturali, come Clarins e la più economica YVES ROCHER (la Francia ha una legge più seria della nostra che ha eliminato sostanze pericolose per la salute).

Paesi come la Francia hanno proibito per legge parabeni & C., ma non l’Italia … che evidentemente appoggia gli interessi che NON sono del consumatore (non è questione di essere esterofili, ma di sapere cosa fa MOLTO male alla salute).

Ecco alcune ricette facili (che potete mescolare a piacimento) per gli scrub e MASCHERE DOPO-SCRUB:

-zucchero e yogurt naturale

-argilla verde (in erboristeria e farmacia) e olio di ottima qualità

-sale fino mescolato con olio e caffè macinato

-polvere di nocciole e olio di Argan (leggere che sia PURO)

-zucchero a velo con olio di germe di grano e peperoncino

-succo di arancio o limone mescolati con argilla o puri sulla pelle imbevendovi il cotone idrofilo che andrà applicato alla pelle per 15 – 20’

-bicarbonato di sodio e olio di mandorle dolci (leggete bene l’etichetta che sia PURO)

INDISPENSABILE UN GUANTO DI CRINE O SPUGNA DI KONJAC PER MASSAGGIO FINALE

Altre maschere per distendere le rughe e ringiovanire la pelle del viso:

-albume d’uovo leggermente sbattuto e tenuto almeno 15’, tira la pelle e distende le rughe, nutre perché contiene molte proteine

-rosso d’uovo per capelli secchi; come impacco

Altre informazioni sui cosmentici sani al link http://www.donnecultura.eu/?p=19468http://www.donnecultura.eu/?p=19468

Per le sostanze pericolose per la salute, contenue in molti cosmetici vedi al link: http://www.donnecultura.eu/?p=8148http://www.donnecultura.eu/?p=8148

Abbigliamento sportivo e non senza PFC e sostenibile – No al PFC dannoso per la nostra salute

PFC – per l’eliminazione di queste sostanze pericolose dai capi di abbigliamento sportivo

Purtroppo, i più resistenti ed efficaci trattamenti impermeabilizzanti (vedi anche tutto l’abbigliamento sposrtivo) contengono sostanze chimiche conosciute come PFC (DANNOSI ALLA SALUTE) e impiegate in particolar modo nei prodotti destinati all’outdoor.

——————–

Be Nordic a Milano

EVENTO CHE RIGUARDA TUTTO IL MONDO DEL NORD EUROPA: dal cibo all’abbigliamento al turismo ecc…

Dal 24 al 26 marzo 2017 presso UniCredit Pavilion, piazza Gae Aulenti – Milano!  #BENORDIC17

———————-

ABBIGLIAMENTO SENZA PFC E SOSTENIBILE: se ne parla sabato 25 marzo alle 14.45
a Be Nordic con Fjällräven

In occasione di Be Nordic, l’evento organizzato da Visit Denmark, Visit Finland, Visit Norway e Visit Sweden all’Unicredit Pavillion a Milano, il marchio svedese Fjällräven presenterà la conferenza “The Fjällräven Way – in viaggio con la sostenibilità” a cura di Aiko Bode, capo della sostenibilità dell’azienda svedese.

In una giacca shell, vi siete chiesti come mai l’acqua si raggruppa in perle e poi scivola via velocemente?

È l’impermeabilizzazione che rende questo possibile.

Purtroppo, però, i più resistenti ed efficaci trattamenti per le superfici contengono sostanze chimiche conosciute come PFC e impiegate in particolar modo nei prodotti destinati all’outdoor.

Il marchio svedese Fjällräven, specializzato nella produzione e fornitura di capi di abbigliamento, accessori e attrezzature outdoor nel rispetto dell’uomo, degli animali e dell’ambiente, già nel 2012 si è profondamente attivato per l’eliminazione di queste sostanze pericolose. Ma è nel 2015 che si è reso protagonista della svolta, bandendo completamente dalla sua produzione l’utilizzo di nocivi PFC.

Decidere di non utilizzare quest’impregnante così efficace, ma gravemente dannoso per l’ambiente, impone la necessità di re-impregnare l’indumento con un trattamento privo di fluorocarburi ogni volta che lo si lava; un compromesso ragionevole che non intacca l’efficienza del prodotto, ma evita la diffusione di tossine nocive nell’ambiente e nel nostro organismo.

Per scoprire di più su questo tema e sulla via della sostenibilità tracciata da Fjällräven per consentire ai viaggiatori di tutto il mondo di fare escursioni in qualunque luogo e in ogni condizione climatica senza lasciare tracce del proprio passaggio, l’appuntamento è fissato per sabato 25 marzo alle ore 14.45 presso l’Unicredit Pavillion a Milano.

A presentare l’impegno dell’azienda svedese ai fini della diffusione di una cultura aperta alla vita outdoor, ma con l’impegno di agire rispettosamente nei confronti dell’uomo, della natura e degli animali, sarà Aiko Bode, direttore della sostenibilità di Fjällräven.

La presentazione si inserisce all’interno di Be Nordic, la manifestazione unica in Italia dedicata al grande Nord e organizzata da Visit Denmark, Visit Finland, Visit Norway e Visit Sweden. Dal 24 al 26 marzo Milano sarà infatti protagonista di eventi, workshop ed esperienze rigorosamente nordiche, per portare i visitatori, grandi e piccoli, in viaggio verso queste meravigliose mete alla scoperta di usi e costumi, tradizioni e innovazioni.

Fjällräven – www.fjallraven.com
Nel 1960, Ake Nordin fonda Fjällräven nello scantinato di casa a Örnsköldsvik, nel nord della Svezia.

Oggi i capi outdoor dell’azienda – intramontabili, funzionali e robusti – sono apprezzati in tutto il mondo e distribuiti in oltre trenta Paesi.

La gamma di prodotti Fjällräven propone capi di abbigliamento e accessori outdoor per uomo e donna, zaini, tende e sacchi a pelo.

Per Fjällräven è prioritario agire responsabilmente nei confronti delle persone, degli animali e della natura, incoraggiare e sostenere l’interesse per le attività all’aria aperta.

L’azienda è promotrice di due famosi eventi outdoor, Fjällräven Classic e Fjällräven Polar, che ogni anno attirano migliaia di partecipanti.

Salute e sono sono legati – SONNO : 10 SEGRETI PER MIGLIORARLO

Esistono dei trucchi per migliorare la respirazione …

SONNO: 10 SEGRETI PER MIGLIORARE LA RESPIRAZIONE NOTTURNA E PREVENIRE LE APNEE

 – Un terzo della nostra vita lo passiamo dormendo. Il sonno è un bisogno umano fondamentale, esattamente come mangiare e bere, ed è basilare per la nostra salute e per il nostro benessere.

Ma dormire è difficile.

Lo dimostrano le ultime stime che in Italia parlano di almeno 4 milioni di persone affette da insonnia cronica e di circa 9 con qualche forma di disturbo del sonno.

Il sonno, come l’esercizio fisico e la nutrizione, è essenziale per la regolazione del metabolismo:

non dormire abbastanza è una delle cause dell’obesità, così come di diverse altre patologie, già in età infantile.

Ma c’è un altro aspetto che viene spesso sottovalutato e che è fondamentale per un sonno realmente ristoratore:

— la respirazione.

Respirare regolarmente durante il sonno è fondamentale per riuscire a dormire.

Se il sonno si interrompe più volte durante la notte per problemi legati alla respirazione siamo di fronte a una patologia grave e sottovalutata, quella delle apnee del sonno, un disturbo pervasivo e comune che colpisce almeno il 4% degli uomini e il 2% delle donne.

Le apnee del sonno provocano, fra le altre cose, sonnolenza diurna e stanchezza, e possono essere causa di altre patologie come ipertensione, cardiopatie, ictus, diabete, oltre a causare un generale indebolimento del sistema immunitario.

La mancanza di sonno inoltre parrebbe essere legata anche a molte condizioni psicologiche come la depressione, l’ansia e alcune psicosi.

Non dimentichiamo poi gli incidenti stradali: secondo uno studio condotto dal team del dottor Sergio Garbarino dell’Università di Genova, e pubblicato sulla più prestigiosa rivista scientifica del settore, Sleep,  Inquasi il 22% degli incidenti stradali sia attribuibile al fattore sonnolenza. cifre, si tratta di 7.360 sinistri, per una spesa di 1,5 miliardi di euro l’anno.

“Parlare di sonno oggi in una società che spinge le persone a dormire il meno possibile e considera il sonno una perdita di tempo e di possibilità di godersi la vita non è facile.

Resta comunque il fatto che non si può vivere senza dormire e anche per godersi la vita la qualità del sonno è fondamentale”, commenta il dottor Marco Baroni, responsabile area pneumologia di Sonnomedica, centro medico nato nel 2006 a Milano per l’iniziativa di alcuni specialisti del settore della medicina del sonno,

Esistono dei trucchi per migliorare la respirazione e prevenire così il problema delle apnee notturne, quindi per riuscire a dormire meglio. Il dottor Baroni indica i principali:

1. fare moto, camminare  e correre, in primis, o anche palestra o piscina: la famosa “stanchezza sana” è il miglior sonnifero, come quando si era bambini e si giocava fino allo sfinimento;

2. cercare di essere regolari negli orari aiuta a prendere sonno: se possibile quindi meglio non modificare ogni giorno il momento di coricarsi;

3. insonorizzare il più possibile il locale nel quale dormiamo;

4. utilizzare un diffusore di essenze rilassanti, alla orientale;

5. buio ma non totale per favorire un risveglio naturale;

6. un cuscino per amico, qualsiasi esso sia: deve cullare i nostri sogni. È bene cercare quindi il migliore per la nostra conformazione;

7. ritualizzare il momento di coricarsi, con latte caldo e miele, tisane (finocchio, camomilla, melissa, ecc.) o un po’ di ginnastica dolce;

8. non fumare in camera da letto;

9. non bere troppi alcolici. Un goccetto va bene, ma tre sono troppi;

10. e poi, se possibile non condividere il letto con un partner che russa rumorosamente. Ma questa è un’altra storia!

Per dormire bene devono entrare in campo la fantasia e le nostre attitudini.

Non esistono rimedi uguali per tutti.

Il corpo acquisisce questi ritmi e li interiorizza attraverso complicatissime cascate ormonali – aggiunge Baroni, che prosegue –

Se nessuno di questi rimedi si dimostrasse efficace il medico può suggerire una semplice terapia comportamentale o posizionale, basata principalmente sulla riduzione del peso.

Per le forme medio-severe di apnee notturne potrebbe essere invece necessaria una terapia ventilatoria con CPAP, un piccolo ventilatore che aiuta la respirazione durante il sonno, o l’uso di dispositivi odontoiatrici da applicare durante la notte (simili a bite).

In altri casi la scelta migliore è invece un intervento chirurgico, risolutivo e mininvasivo. In ogni caso, per diagnosticare il disturbo e identificare la terapia giusta occorre evitare il ‘fai-da-te’ e rivolgersi sempre ad un medico specializzato in medicina del sonno”.

SALUTE e CIBO – Pesticidi legalmente ammessi anche nel bio …. !!!

MUSE – Museo delle Scienze di Trento

Uno studio del MUSE prende in considerazione
i pesticidi ammessi anche in agricoltura biologica:
che effetti hanno sull’ambiente acquatico?

Tra questi il rame e azadiractina sono pesticidi “naturali” il cui uso è autorizzato in agricoltura biologica in Italia e nel resto d’Europa.

È di recente pubblicazione sulle prestigiose riviste scientifiche internazionali Chemosphere e Science of the Total Environment della casa editrice Elsevier (il maggior editore mondiale in ambito medico e scientifico), uno studio condotto dal MUSE-Museo delle Scienze di Trento in collaborazione con il CNR – Istituto di Biofisica di Povo (Trento) che prende in considerazione l’effetto di rame e azadiractina – due pesticidi legalmente ammessi anche nelle coltivazioni biologiche – sugli insetti che popolano il Rio Gola, un torrente trentino che attraversa una valle coltivata dove i due pesticidi sono regolarmente e legalmente utilizzati secondo il Disciplinare Provinciale.

Entrambi i pesticidi entrano per dilavamento nell’ecosistema acquatico e, a oggi, poco si sa sugli effetti che hanno sugli animali che vivono nei canali e nei torrenti in cui questi pesticidi finiscono.

I dati raccolti nel corso del lavoro dimostrano che entrambi sono tossici – il rame più dell’azadiractina – e che le popolazioni esposte sono sofferenti.

Il lavoro condotto sarà utile alle autorità che si occupano di valutare la qualità delle acque superficiali, per prendere in considerazione l’opportunità di una revisione del limite di legge di utilizzo di questi pesticidi, nonché ai produttori stessi cui si chiede di valutare sempre un’alternativa o proporre formule più eco-sostenibili.

La ricerca è stata svolta sulle acque del torrente Rio Gola, in Trentino.

Come specie modello è stato scelto il Dittero Chironomide Chironomus riparius, una specie di insetto molto comune, resistente a basse concentrazioni di ossigeno ed elevato inquinamento organico, naturalmente presente nel torrente e mantenuto in allevamento in laboratorio durante i test sperimentali.

La prima parte del lavoro ha valutato gli effetti della presenza di questi pesticidi – a concentrazioni crescenti – sulla sopravvivenza delle larve.

Partendo dalla concentrazione ambientale (quella rinvenuta nel torrente al momento della raccolta), si è stabilita in più step la concentrazione massima tollerabile dall’animale, ovvero quella a cui si registra il 10%, 50% e 100% delle morti.

Sulla base dei risultati dei test di tossicità acuta, il rame sembra essere più tossico dell’azadiractina per questi animali, che sono rappresentativi dell’intera comunità vivente nel torrente.

In un secondo tempo, il lavoro ha preso in considerazione gli effetti molecolari dei due pesticidi, ovvero gli effetti sull’espressione di cinque geni, appartenenti a due famiglie di proteine.

Entrambe le famiglie di proteine vengono coinvolte in risposte a stress chimico, le prime con azione di “protezione” verso proteine complesse essenziali – che altrimenti potrebbero perdere la loro struttura e funzione compromettendo la vita stessa dell’animale – mentre le seconde come enzimi ossidativi coinvolti nel processo di detossificazione, in grado di agire sia nei confronti di farmaci e tossine di origine esterna, sia su prodotti di scarto dell’organismo.

Lo studio dimostra che il Dittero Chironomide Chironomus riparius è molto resistente a questi due pesticidi, grazie alle due proteine che vengono sintetizzate in risposta all’aumento di concentrazione dei tossici.

La presenza di queste due proteine in alte concentrazioni nella popolazione selvatica indica però una condizione di stress fisiologico (i due pesticidi stressano le popolazioni animali presenti nel torrente). E se le popolazioni naturali sono stressate, sono anche più vulnerabili.

In conclusione, i due pesticidi naturali non sono innocui, e lo dimostra lo stato di stress fisiologico in cui gli animali acquatici vivono in acque in cui questi tossici arrivano per dilavamento dei terreni agricoli.

Diventano letali a concentrazioni da 30 a 500 volte più elevate rispetto a quella che abbiamo misurato in natura, in primavera, prima dell’inizio dei trattamenti intensivi.

Possiamo continuare, quindi, a utilizzarli?

Secondo uno degli autori dello studio, Valeria Lencioni (MUSE) il rame andrebbe sostituito, come suggeriscono le normative europee. Per quanto riguarda l’azadiractina”, invece, meglio non abusarne, infatti non è innocuo.

***
Il rame è utilizzato principalmente come fungicida per controllare la peronospera nei vigneti causata dall’oomicete Plasmopara viticola (Berk e Curt) Berl. et de Toni, il più devastante patogeno dell’uva in Nord America e in Europa.

L’inquinamento da rame dei terreni agricoli e delle acque superficiali, dove arriva per drenaggio dei terreni trattati col pesticida o ancora da scarichi industriali, sta destando preoccupazione soprattutto nei paesi in via di sviluppo dove ne viene fatto un uso eccessivo, non regolamentato.

E se da un lato è un metallo indispensabile per alcuni meccanismi biologici delle piante- gioca infatti un ruolo chiave nella fotosintesi e nella sintesi delle proteine – dall’altro però non ne va sottovaluta la tossicità.

Si deposita infatti nei primi strati del terreno, influenzando negativamente la vita microbica e lo sviluppo di batteri, alghe, funghi e lombrichi. dal terreno, può raggiungere e inquinare le falde acquifere, determinando gravissimi rischi ambientali ed ecotossicologici su un ampio spettro di organismi e microrganismi.

Il rame si trova in natura in tutte le acque del mondo e, se alti livelli di concentrazione possono essere dannosi per gli esseri umani e l’ambiente, il rame è un micronutriente essenziale per la vita e una certa quantità è fondamentale per il benessere degli animali, incluso gli esseri umani.

Il rame può divenire altamente tossico in elevate concentrazioni, per esempio influenzando negativamente il consumo di ossigeno e interferendo negativamente con il trasporto e/o il metabolismo del ferro.

La sua sostituzione come fungicida è una priorità dichiarata nella legislazione biologica della Comunità Europea (UE, Reg. 473/2002), ma non sono ancora state trovate alternative (CE,2014).

L’azadiractina (C35H44O16) è un bio-insetticida, ottenuto dai semi e dalle foglie dell’albero neem indiano Azadirachta indica Juss(Meliaceae).

Ha un ampio spettro di azione – viene utilizzato per tenere sotto controllo l’invasione in frutteti di afidi, insetti e nematodi. L

’azadiractina è molto efficace contro l’afide grigio del melo, l’afide del pero e il tripide americano.

L’azadiractina agisce con diversi meccanismi, da un lato funge da repellente e dall’altro arresta lo sviluppo del parassita che si trova a perire nel suo stato larvale senza poter concludere il suo ciclo biologico (quindi, senza potersi riprodurre).

Diversamente dai pesticidi a base di rame, l’azadiractina soddisfa molti dei criteri di un insetticida “sostenibile, ecologico”: ha una tossicità molto bassa per i mammiferi, è biodegradabile (si degrada entro 100 h quando esposto alla luce e acqua) anche se è stato recentemente stimato che il tempo necessario per dissipare il 90% del residuo di azadiractina in un mesocosmo d’acqua sia di 66 giorni.

***

I riferimenti dello studio
Bernabò P., Gaglio M., Bellamoli F., Viero G., Lencioni V., 2017 – DNA damage and translational response rule the detoxification from copper exposure in a wild population of Chironomus riparius. Chemosphere, 173: 235–244.
Lencioni V., Grazioli, V., Rossaro B., Bernabò P., 2016 – Gene expression profiling of responses induced by pesticides employed in organic agriculture in a wild population of the midge Chironomus riparius. Science of the Total Environment, 557–558: 183–191.

SALUTE – Occhi danneggiati da tablet e smartphone – Campagna prevenzione occhio secco

Dal 3 aprile 2017

Grande campagna di Prevenzione e Cura dell’Occhio Secco

L’occhio secco in Italia colpisce il 90% delle donne in menopausa e il 25% della popolazione over 50.

Fra le cause acquisite dell’occhio secco, sta assumendo un ruolo sempre più importante, soprattutto fra adolescenti e bambini, l’utilizzo troppo assiduo di smartphone, tablete computer.

Sotto accusa l’uso di tablet e smartphone

il Centro Italiano Occhio Secco (CIOS) promuove dal 3 aprile la campagna della Prevenzione e della Cura della Sindrome dell’Occhio Secco (www.centroitalianoocchiosecco.it) una patologia che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha recentemente definito “tra i più ignorati e sottovalutati disturbi della società moderna”.

La campagna nazionale di screening gratuiti promossa dal CIOS, la prima struttura completamente dedicata alla cura di questa patologia, è sostenuta e promossa anche da altri centri di eccellenza di Catania, Napoli, Roma, Varese.

Al riguardo si terrà una apposita conferenza stampa alla quale parteciperanno:

Dr Lucio Buratto – Direttore Scientifico del Centro Ambrosiano Oftalmico

Dr. Giuseppe di Meglio – CIOS- Centro Italiano Occhio Secco

Prof. Vincenzo Orfeo – Direttore Clinica oculistica Mediterranea Napoli

Dr.sa Alessandra Balestrazzi –Responsabile patologie corneali Oftalmico di Roma

Con il patrocinio della Società Oftalmologica Italiana (SOI), del Comune di Milano, dell’Azienda Socio Sanitaria Territoriale (ASST) Sette Laghi della Regione Lombardia, dell’Università degli Studi dell’Insubria,

Salute psoriasi – Nuove risposte per la propria pelle

PSORIASI

I progressi compiuti dalla ricerca clinica

Volontà di ridurre il disagio e la sfiducia denunciati dai pazienti

“ Non lasciare che la psoriasi ti allontani da ciò che ami ”

www.lapelleconta.it

· L’iniziativa, patrocinata da A.DI.PSO., ADOI e SIDeMaST, vuole invitare i pazienti a rivolgersi al dermatologo per chiedere nuove risposte per la propria pelle

· A supporto della campagna il sito www.lapelleconta.ite i relativi i canali Facebook e Instagram

– Entrano nello studio del dermatologo e chiedono un tuffo in piscina, una partita a calcetto e una vestito scollato.

Questi i gesti al centro della campagna “Chiedi al tuo dermatologo”, un progetto di Novartis, con il patrocinio dell’Associazione per la Difesa degli Psoriasici (A.DI.PSO.) e delle Società Scientifiche ADOI (Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani) e SIDeMaST (Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse), che

invita le persone affette da psoriasi a non accontentarsi e a chiedere al dermatologo nuove risposte per la propria pelle.

Quelle citate sono solo alcune delle situazioni della vita quotidiana in cui la psoriasi può essere un ostacolo.

Queste circostanze sono uno spunto per parlare di una patologia che non resta a “fior di pelle”, ma che, al contrario, ha significativi risvolti psicologici su quanti sono chiamati a conviverci.

A confermarlo sono i dati emersi da “Clear About Psoriasis”, la recente indagine che Novartis ha condotto su un campione di 8.300 pazienti provenienti da 31 Paesi in tutto il mondo*, tra cui l’Italia, con 639 intervistati.

Dal sondaggio è emerso che il 33% dei pazienti ritiene di non sopportare lo sguardo degli altri e 1 paziente su 3 si sente inadeguato come partner.

Anche per il campione italiano, la qualità di vita è fortemente influenzata dalla patologia, confermando il dato mondiale. L’84% dei pazienti ha infatti risposto di essere stato vittima di umiliazioni e discriminazioni, il 43% si sente osservato in pubblico e al 41% è stato chiesto se la malattia fosse contagiosa.

Gli intervistati italiani hanno inoltre raccontato le proprie sensazioni associate alla patologia: circa il 40% si sente in imbarazzo; 1 paziente su 3 si vede poco attraente e si vergogna della propria pelle.

Più di ogni cosa, colpisce il dato secondo cui meno della metà degli intervistati (solo il 45%) crede che la clear skin, cioè la pelle libera o quasi libera da lesioni, sia un obiettivo possibile1.

La campagna “Chiedi al tuo dermatologo” nasce dalla volontà di ridurre il disagio e la sfiducia denunciati dai pazienti.

E’ qualcosa di più di una campagna di informazione: è un “appello” che incoraggia le persone con psoriasi a rivolgersi al proprio dermatologo per ricevere nuove risposte per la propria pelle.

“Una clear skin – ha affermato Giampiero Girolomoni, Professore Ordinario di Dermatologia dell’Università di Verona– è un obiettivo raggiungibile.

I progressi compiuti dalla ricerca clinica hanno consentito un miglioramento della qualità di vita per quanti sono chiamati a convivere con questa patologia impattante e spesso oggetto di discriminazioni.

Oggi aumentano le possibilità di raggiungere una pelle quasi esente (PASI 90) o del tutto esente dalle lesioni (PASI 100)”.

Il nome della campagna “Chiedi al tuo dermatologo” richiama fortemente l’alleanza tra medico e paziente.

In uno scenario in cui il peso della malattia spesso porta a consultare “falsi profeti” o a curarsi da soli, rivolgersi al proprio dermatologo è il primo passo da compiere.

–. La psoriasi non è una problematica ‘estetica’ ma è una patologia cronica e talora invalidante.

Solo in Italia colpisce circa 1 milione e mezzo di persone che riportano lesioni cutanee che causano prurito, rossore, desquamazione e spesso si associano a dolori articolari e alterazioni metaboliche, con pesanti conseguenze sulla qualità della vita e sui rapporti sociali e familiari”.

“Noi dermatologi – ha dichiarato Antonio Cristaudo, Presidente ADOI -, ci impegniamo a creare un’alleanza con i pazienti psoriasici. Non ci aspettiamo infatti che chi si rivolge a noi ci racconti solo i sintomi della propria patologia, ma lavoriamo affinché si instauri un clima di fiducia tale da permettere al paziente di condividere anche speranze e aspettative. Una campagna come questa ribadisce l’importanza di un dialogo positivo tra il medico e il suo paziente”.

L’iniziativa, già avviata in altri Paesi europei, tra cui Austria, Germania, Grecia, Svezia e Svizzera, sbarca ora in Italia attraverso la radio, il web e i social network.

Il sito www.lapelleconta.it è a disposizione degli utenti per offrire maggiori informazioni sulla campagna, sulla clear skin, sul PASI e per individuare i centri specializzati. Inoltre i pazienti, se lo desiderano, possono scaricare una “traccia di colloquio” con indicazioni utili per gestire l’incontro con il dermatologo.

“Novartis ha lanciato questa campagna in sinergia con l’associazione di pazienti e le società scientifiche – ha aggiunto Angela Bianchi, Head of Communications, Patient Relations & Public Affairs di Novartis -. Riteniamo infatti sia fondamentale continuare a costruire insieme iniziative di questo tipo per coniugare l’innovazione scientifica all’ascolto attivo delle esigenze del paziente”.

Per maggiori informazioni, visita il sito www.lapelleconta.it e i social:
La Pelle Conta

*Il sondaggio ha coinvolto 8.300 persone provenienti da 31 Paesi: Argentina, Australia, Austria, Belgio, Brasile, Bulgaria, Canada, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Ungheria, India, Irlanda, Israele, Italia, Giappone, Messico, Paesi Bassi, Norvegia, Portogallo, Romania, Russia, Corea del Sud, Svezia, Svizzera, Taiwan, Turchia, Regno Unito e Stati Uniti.
Novartis

Novartis fornisce soluzioni terapeutiche innovative, in grado di far fronte alle esigenze in continua evoluzione dei pazienti e della società.

Con sede a Basilea, in Svizzera, Novartis offre un portfolio diversificato, per meglio rispondere a queste esigenze: farmaci innovativi, generici a costi competitivi e biosimilari, prodotti per la cura dell’occhio.

Novartis è la sola azienda al mondo a detenere una leadership in tutte queste aree. Nel 2016, le attività del Gruppo hanno registrato un fatturato di 48,5 miliardi di dollari, mentre circa 9 miliardi di dollari sono stati investiti in Ricerca & Sviluppo.Le società del Gruppo Novartis contano circa 118.000 collaboratori.

I prodotti Novartis sono disponibili in oltre 155 paesi del mondo. Ulteriori informazioni nei siti www.novartis.it e www.novartis.com. Novartis è anche su Twitter @novartisitalia

Riferimenti bibliografici

1. Dati sondaggio Novartis. Giugno 2016.

2. International Federation of Psoriasis Associations (IFPA) World Psoriasis Day website. “About Psoriasis.” http://www.worldpsoriasisday.com/web/page.aspx?refid=114 . Ultimo accesso settembre 2015

3. Mrowietz, U. Implementing treatment goals for successful long-term management of psoriasis. Journal of the European Academy of Dermatology and Venereology, 26:12-20. Doi: 10.1111/j. 1468-3083.2011.04411.

4. Guideline on clinical investigation of medicinal products indicated for the treatment of psoriasis. European Medicines Agency Web site.
5. Sito web International Federation of Psoriasis Associations (IFPA) World Psoriasis Day. “About Psoriasis.” http://www.worldpsoriasisday.com/web/page.aspx?refid=114. Accesso: agosto 2013.

6. Stern RS, Nijsten T, Feldman SR, Margolis DJ, Rolstad T. Psoriasis Is Common, Carries a Substantial Burden Even When Not Extensive, and Is Associated with Widespread Treatment Dissatisfaction. J Investig Dermatol Symp Proc 2004; 9(2):136-9.

7. Langley RGB, Krueger GG, Griffiths CEM. Psoriasis: epidemiology, clinical features, and quality of life. Ann Rheum Dis 2005; 64(suppl 2):ii18-ii23.
8. Nestle FO, Kaplan DH, Barker J. Psoriasis. N Engl J Med 2009; 361(5):496-509.
9. Herrier R. Advances in the treatment of moderate-to-severe plaque psoriasis. Am J Health-Syst Pharm 2011; 68:795-806.
10. Mrowietz U, Kragballe K, Reich K, et al. Definition of treatment goals for moderate to severe psoriasis: a European consensus. Arch Dermatol Res; 303(1):1-10.
11. Finlay AY. Current severe psoriasis and the rule of tens. Br J Dermatol 2005; 152(5):861-7.

Salute diabete – SVOLTA EPOCALE PER IL DIABETE

Vera e propria “rivoluzione” nella gestione del monitoraggio della glicemia

Il sistema Eversense invia allarmi, avvisi e notifiche relativi ai valori del glucosio visibili in qualsiasi momento sull’app

Attraverso suoni e/o vibrazioni avvisa l’utilizzatore quando i livelli di glucosio raggiungono valori troppo elevati o troppo bassi

EVERSENSE: UNA SVOLTA EPOCALE PER IL DIABETE
Roche Diabetes Care annuncia il primo impianto di Eversense-Senseonics in Italia, la rivoluzione nel monitoraggio della glicemia

– Roche Diabetes Care annuncia l’arrivo in Italia di Eversense, il primo sensore per il monitoraggio continuo della glicemia (CGM) impiantabile, progettato per la misurazione dei valori di glucosio fino a 90 giorni senza necessità di sostituzione del sensore ogni settimana.

Il sistema di monitoraggio continuo del glucosio Eversense misura h24 i livelli di glucosio.

I dati sul glucosio acquisiti dal sistema vengono automaticamente inviati al dispositivo mobile.

Il sistema Eversense invia allarmi, avvisi e notifiche relativi ai valori del glucosio visibili in qualsiasi momento sull’app.

Gli algoritmi predittivi avvertono il paziente di probabili episodi di ipo o iperglicemia.

Il paziente può condividere questi dati con il proprio diabetologo in ogni momento attraverso il portale dedicato.

Il sistema Eversense viene inserito durante una seduta ambulatoriale di pochi minuti.

Il sensore viene impiantato a livello sottocutaneo sulla parte superiore del braccio. È sufficiente un’incisione millimetrica per l’inserzione del sensore.

La prima grande novità del sistema Eversense è la sua capacità di monitorare costantemente i livelli glicemici per un periodo di 90 giorni, rispetto ai 7 o 14 giorni dei sistemi CGM non impiantabili disponibili sul mercato fino a questo momento.

La seconda grande novità è che il sensore è sottocutaneo e non necessita di alcun ago che lo colleghi al trasmettitore ricaricabile, che è interamente rimovibile in modo semplice e senza rischi.

I dati e l’andamento glicemico sono poi visibili sull’app di Eversense. Il trasmettitore attraverso suoni e/o vibrazioni avvisa l’utilizzatore quando i livelli di glucosio raggiungono valori troppo elevati o troppo bassi.

Questo è un aspetto fondamentale soprattutto per coloro che soffrono di ipoglicemia inavvertita. Poiché essere avvisati in caso si determini il rischio di ipoglicemia contribuisce a evitare complicanze acute gravi e aiuta i familiari ad acquisire uno stato di maggiore serenità nella gestione quotidiana della malattia.

I pazienti impiantati con Eversense nella prima settimana di marzo sono in tutto 5.

Tre sono stati impiantati a Padova dal team della Dr.ssa Bruttomesso dell’Unità Operativa Complessa di Malattie del Metabolismo diretta dal professor Avogaro e due sono stati impiantati a Olbia presso il centro di Diabetologia dell’Ospedale San Giovanni di Dio di Olbia diretto dal Dr. Giancarlo Tonolo. L’impianto è indolore, infatti, i primi pazienti al termine della seduta hanno dichiarato di non aver avuto alcun dolore o problemi di altro tipo, sono consapevoli e felici di essere attori di un cambiamento importante.

L’impianto di per sé è molto semplice fatto in anestesia locale con un taglio microscopico, la procedura occupa solo qualche minuto – ha affermato il Dr. Giancarlo Tonolo. – Si tratta di un’evoluzione molto interessante, lo strumento è molto preciso, rispetto ai sistemi tradizionali ha il vantaggio che il sensore non rischia di staccarsi in quanto è impiantato sotto cute. A mio avviso l’evoluzione del sistema permetterà in un prossimo futuro di condurre una vita ancora migliore”.

Stiamo assistendo ad una vera e propria trasformazione nella gestione del diabete. Essere i primi in Italia a poter contribuire a questo cambiamento epocale ci riempie di orgoglio e di soddisfazione. Credo di esprimere il pensiero di tutte le persone che in Roche Diabetes Care Italy hanno lavorato con impegno e dedizione per la riuscita di questa vera e propria “rivoluzione” nella gestione del monitoraggio della glicemia dicendo che siamo certi di aver portato in Italia un enorme beneficio per le persone con diabete – ha affermato Massimo Balestri, General Manager di Roche Diabetes Care Italy. – Questa tecnologia garantisce un livello elevato di accuratezza delle rilevazioni, i primi riscontri da parte dei pazienti, recentemente impiantati, ci dicono che abbiamo imboccato la strada giusta”.

———————————————————————————————————————-

CGM
Il CGM, acronimo di “Continuous Glucose Monitoring” ovvero monitoraggio in continuo della glicemia, è considerato la maggiore innovazione nella gestione del diabete degli ultimi anni.

Può fornire alle persone affette da diabete e sottoposte a terapia insulinica preziose informazioni aggiuntive per un controllo glicemico ottimale, oltre a contribuire a ridurre il rischio di grave ipo/iperglicemia. I dispositivi CGM trasmettono letture frequenti dei livelli glicemici da un piccolo sensore inserito sotto la cute che misura la glicemia del fluido interstiziale. Il CGM ha il vantaggio di fornire utili informazioni in tempo reale su pattern e tendenze nei livelli di glucosio nel corso della giornata. I dispositivi CGM possono essere programmati per avvisare l’utente quando i livelli glicemici raggiungono valori troppo alti o troppo bassi.

Senseonics
Senseonics Holdings, Inc. è una società di tecnologia medica incentrata sulla progettazione, lo sviluppo e la commercializzazione di prodotti per il monitoraggio glicemico destinati ad aiutare le persone affette da diabete a vivere la propria vita in modo più facile e in sicurezza. La prima generazione del sistema per il monitoraggio in continuo della glicemia (CGM), Eversense®, comprende un piccolo sensore, un trasmettitore intelligente e un’app per dispositivi mobili. Basandosi sulla tecnologia di rilevazione della fluorescenza, il sensore è progettato per essere inserito sotto cute e comunicare con il trasmettitore intelligente per trasmettere in modalità wireless i livelli di glicemia a un dispositivo mobile. Dopo l’inserimento, il sensore è progettato per misurare in modo costante e accurato i livelli glicemici.

Per maggiori informazioni su Senseonics, visitare il sito web http://www.senseonics.com.


Roche
Roche è un gruppo internazionale pionieristico nella farmaceutica e nella diagnostica dedicato al progresso della scienza per migliorare la vita delle persone. L’unione degli elementi di forza della farmaceutica e della diagnostica all’interno della stessa organizzazione ha portato Roche a essere leader nella medicina personalizzata, una strategia che mira a fornire il trattamento più appropriato per lo specifico paziente nel miglior modo possibile.

Roche è la più grande azienda biotech al mondo con un portafoglio davvero diversificato di medicinali in oncologia, ematologia, immunologia e sistema nervoso centrale. Roche è anche leader mondiale nella diagnostica in vitro, nella diagnostica oncologica su tessuti ed è all’avanguardia nella gestione del diabete.

Fondata nel 1896, Roche continua a ricercare migliori soluzioni per prevenire, diagnosticare e trattare le malattie e dare un contributo sostenibile alla società. Roche punta a migliorare l’accesso alle innovazioni mediche da parte dei pazienti attraverso la collaborazione con tutti gli stakeholder rilevanti. Ventinove farmaci sviluppati da Roche compaiono negli elenchi dei medicinali essenziali dell’Organizzazione Mondiale della Sanità tra cui farmaci oncologici, antimalarici e antibiotici salvavita. Roche è riconosciuto Gruppo Leader per la sostenibilità nel settore Farmaceutici, Biotecnologie & Scienze della Vita secondo gli Indici di Sostenibilità Dow Jones (DJSI) da otto anni consecutivi.

Il Gruppo Roche ha sede centrale a Basilea, in Svizzera, ed è attivo in oltre 100 Paesi.
Nel 2016 il Gruppo Roche contava oltre 94.000 addetti nel mondo, ha investito 9,9 miliardi di franchi svizzeri in R&S e registrato un fatturato pari a 50,6 miliardi di franchi svizzeri. Genentech, negli Stati Uniti, è una società interamente controllata del Gruppo Roche. Roche è l’azionista di maggioranza di Chugai Pharmaceutical, Giappone. Ulteriori informazioni sul sito www.roche.com.

Roche Diabetes Care
Roche Diabetes Care, parte del Gruppo Roche, è pioniere nello sviluppo di sistemi di monitoraggio della glicemia e leader mondiale nell’offerta di sistemi e servizi per la gestione del diabete. Da oltre 40 anni, il brand Accu-Chek® è sinonimo di impegno volto a consentire alle persone con diabete di condurre una vita il più possibile normale e attiva, oltre che ad agevolare i professionisti del settore sanitario nella gestione ottimale dello stato di salute dei loro pazienti.

Oggi, il portafoglio Accu-Chek® propone alle persone con diabete e ai professionisti del settore sanitario prodotti innovativi e soluzioni di impatto per una gestione pratica, efficiente ed efficace del diabete, che spaziano dal monitoraggio della glicemia alla gestione dei dati, fino all’erogazione dell’insulina. Roche Diabetes Care sviluppa e fornisce misuratori della glicemia, sistemi di somministrazione dell’insulina, lancette pungidito, sistemi di gestione dati e programmi educativi, realizzati con l’obiettivo di contribuire a migliorare la cura del diabete.

Per ulteriori informazioni www.roche.it oppure www.accu-chek.it

Tutti i marchi commercializzati o citati in questo comunicato sono protetti a livello legale.

INFERTILITA’ MASCHILE – BAMBINI DESTINATI AD AVERE PROBLEMI ORMONALI – I COLPEVOLI SONO ….

INFERTILITA’ MASCHILE UN PROBLEMA DILAGANTE 

I COLPEVOLI SONO LE SOSTANZE CHE UTILIZZIAMO QUOTIDIANAMENTE

L’Italia è uno dei paesi meno sensibili a questo argomento; rispetto ad altre nazioni europee.
NELL’UOMO CI SONO GIA’ MODIFICAZIONI ANTROPOMORFE; SI VA VERSO UNA FEMMINILIZZAZIONE DELL’UMANITA’

LA CAUSA SONO LE SOSTANZE CHIMICHE PERICOLOSE, MA NON RICONOSCIUTE COME TALI DALLA LEGGE, CHE NON CALCOLA GLI EFFETTI GRAVI DOVUTI ALL’USO CONTEMPORANEO DI MOLTE SOSTANZE CHIMICHE

Da un servizio di Presadiretta Rai 3, sabato 18 marzo 2017

I bambini prima di nascere hanno già definito molto delle loro future caratteristiche riproduttive.

I genitori non capiscono quanti veleni mettono nel corpo del figlio e nel loro, con saponi, dentifrici, shampoo, detergenti per bucato, pellicole trasparenti, carte da forno, cartoni per trasportare la pizza ecc…

Le mamme trasmettono al bambino, prima che nasca, elementi molto dannosi che cambiano la messaggistica ormonale come bisfenolo, ftalati ecc… TUTTE SOSTANZE PERICOLOSE, MA L’EUROPA NON RIESCE A LEGIFERARE PERCHE’ NON ESISTE ANCORA UN ELENCO DI SOSTANZE PERICOLOSE (nessuna legge europea regola i prodotti e i pericoli di interazione nell’uso di tanti prodotti chimici pericolosi)

Donne gravide che assumono dosi consistenti di antidolorifici come il paracetamolo, rischiano di far nascere figli con problemi ormonali e di fertilità ecc…

Si assumono sostanze pericolose anche tramite scarpe e pantaloni colorati con coloranti non sani.

Il Bisfenolo A si trova anche nei sigillanti dentali per i bambini (per evitare la carie)
Anche le scatole per alimenti (tonno in scatola, sughi, pelati ecc…) all’interno hanno una pellicola fatta di bisfenolo A, MOLTO PERICOLOSO.

La legge italiana, a differenza della Francia, non considera il bisfenolo A pericoloso.

FLUORURATI: carta da forno, pacchetti di pop corn, cartone per trasportare la pizza, ecc… contengono PFC che danneggia e compromette il DNA e la qualità dello sperma negli uomini.

DERIVATI DEL PETROLIO SONO CONTENUTI NELLE CAPSULE DEL CAFFE’ … quelle non costruite con derivati dal petrolio costano di più … a concentrazioni diverse tutte le capsule in vendita in Italia per caffè contengono Ftalati.

Le donne che hanno alte concentrazioni di sostanze nominate sopra hanno avuto più aborti rispetto alla media.

Salute – VINCERE ANSIA E STRESS – a pagamento prezzo ” calmierato ” – AL CAM DI MONZA UN CORSO – 18 marzo e 1 aprile 2017

I fattori che, se non gestiti, danneggiano organismo e mente umana.

AL CAM DI MONZA UN CORSO

SU COME VINCERE ANSIA E STRESS

“Ed è subito calma” è il titolo del corso che il CAM di Monza ha presentato ieri sera a oltre 70 persone interessate a trovare una soluzione per affrontare costruttivamente stress, panico e ansia Monza, 7 marzo – È stato presentato ieri sera presso l’Auditorium CAM-

Synlab il corso “Ed è subito calma”, in programma per il 18 marzo e 1

aprile nella struttura monzese.

Oltre settanta persone hanno seguito con interesse la presentazione delle tecniche di benessere emotivo che saranno insegnate durante il seminario.

Con il corso “Ed è subito calma”, condotto dalla dottoressa Enrica Des Dorides, Psicologa e Psicoterapeuta esperta in ipnosi, terapia cognitivo-comportamentale, EMDR e tecniche di benessere, i partecipanti potranno apprendere le modalità grazie alla quali assumere il controllo del propria mente, riequilibrando il proprio stato mentale, fisico, emotivo e relazionale.

La decisione di proporre questo workshop viene dalla consapevolezza del cambiamento che negli ultimi decenni ha impattato il quotidiano di ognuno di noi:

— il ritmo vitale è diventato frenetico, spesso difficile da sostenere.

Può capitare (ed è frequente) che le richieste di una società così convulsa, complessa e implacabile generino un forte senso di disagio, che può sfociare in ansia e stress.

Fattori che, se non gestiti, danneggiano organismo e mente umana.

Alla luce di queste dinamiche, gli specialisti del CAM di Monza hanno scelto di proporre il corso “Ed è subito calma” per supportare le persone nel vincere ansia, panico e stress al fine di ritrovare il proprio equilibrio.

Per conoscere le modalità di iscrizione al corso, chiamare il numero 039.2397450 oppure scrivere a sara.casati@synlab.it.

Per informazioni
CAM – Centro Analisi Monza
Federica Gironi – T. +39 039 23971 – www.cam-monza.com

DENUNCE per la salute dei cittadini – Sostanze tossiche negli imballaggi alimentari di pizzerie efast food – Epatite C: possibile abuso di posizione dominante – Un prezzo del tutto sproporzionato

Epatite C: segnalato all’Antitrust possibile abuso di posizione dominante

L’epatite C è una malattia grave molto diffusa in Italia.

Gilead – azienda che commercializza due farmaci essenziali per la cura Sovaldi e Harvoni – ha imposto ad AIFA un prezzo del tutto sproporzionato rispetto ai costi sostenuti per portare il proprio farmaco sul mercato.

Questo ha fatto sì che solo una minima percentuale di malati abbia avuto accesso al farmaco tramite il Servizio Sanitario Nazionale.
Altroconsumo ha segnalato Gilead all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato affinchè accerti l’esistenza di un possibile abuso di posizione dominante.
segnalazione antitrust_epatite c.pdf

INVIATA A: Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato
Sostanze tossiche negli imballaggi alimentari. Le richieste a tutela dei consumatori
02 mar 2017
Le analisi di laboratorio di 65 campioni di imballaggi alimentari che Altroconsumo ha condotto per l’Italia con altre quattro associazioni indipendenti europee hanno documentato la presenza di sostanze indesiderate nei contenitori utilizzati in fast food e pizzerie.

L’organizzazione chiede al ministero della Salute un incontro urgente e ai Parlamentari europei e al Beuc di intervenire a garanzia della sicurezza dei consumatori dando seguito alla risoluzione espressa dal Parlamento Europeo sull’applicazione del Regolamento sui materiali destinati al contatto con gli alimenti.