Archivi categoria: SALUTE

Belle e sane, sport, prevenzione, salviamo i nostri occhi…erboristeria, salute prima dei 40 anni, salute dopo i 50… allergie, anoressia, antibiotici con cautela, anziani e depressione, aspirina “tuttofare”, calvizie curabili, denti sani, diabete, dolore e cura, fibrillazione atriale, ictus, malattie tropicali, novità farmacologiche, omeopatia, ospedali pericolosi?, problemi di coppia, sordità, smog un grande pericolo, …vedi anche terme & spa alla categoria: VIAGGI

Salute – APNEE NOTTURNE – È italiana la tecnica per sconfiggerle definitivamente

CHIRURGIA: È ITALIANA LA TECNICA PER SCONFIGGERE DEFINITIVAMENTE LE APNEE NOTTURNE E FARÀ RISPARMIARE ALLO STATO 1,5 MILIARDI DI EURO

Le apnee notturne colpiscono 1 adulto su 4 e causano il 22% degli incidenti stradali

 – L’eccellenza del “made in Italy”, amata ed esportata in tutto il mondo, non riguarda soltanto la moda, la gastronomia o il design, ma anche la medicina. È questo il caso dell’innovativa tecnica chirurgica dei disturbi respiratori ostruttivi del sonno (russamento e apnea), apprezzata e diffusa in tutto il mondo, ideata da Mario Mantovani, otorinolaringoiatra, chirurgo plastico e chirurgo maxillo-facciale.

Questa rivoluzionaria tecnica tutta italiana, chiamata Barbed Snore Surgery (BSS) si rivolge a coloro che soffrono di apnee ostruttive nel sonno (OSAS), un disturbo molto diffuso che colpisce un italiano su 4 e si manifesta solitamente con un forte russamento e delle “pause” respiratorie nel sonno. Queste apnee comportano microrisvegli continui, brevi e inconsapevoli, e sono associate a una pericolosa riduzione di ossigeno nel sangue.

Si tratta di una patologia poco conosciuta ma molto insidiosa che tocca decine di milioni di persone nel mondo: chi soffre di apnee nel sonno ha un rischio maggiore di sviluppare ipertensione arteriosa, infarto o ictus cerebrale, oltre che obesità e diabete. A questo si accompagna un senso continuo di affaticamento e un’eccessiva sonnolenza diurna, che aumentano il rischio di venire coinvolti in incidenti lavorativi e stradali.

“Fino a poco tempo fa per trattare le apnee notturne si poteva contare solo su alcune soluzioni chirurgichemolto invasive e non sempre efficaci o su terapie valide ma non gradite alle persone, di cui la ventilazione notturna in maschera a pressione positiva (CPAP) è la più diffusa. In quest’ottica la Barbed Snore Surgery si pone come una vera e propria rivoluzione – spiega Mario Mantovani – risultando efficace e poco invasiva perché non prevede asportazione o taglio di tessuti muscolari, ma solo il sollevamento di alcune parti del palato molle e della pareti laterali della faringe realizzando una sorta di “lifting palatale e faringeo”. Ma perché questa tecnica è chiamata Barbed Snore Surgery? La spiegazione è semplice: per effettuare questo lifting viene utilizzato un nuovo filo di sutura, chiamato Barbed Suture,capaci di agire sui tessuti senza necessità di essere annodato. Pur essendo utilizzato con soddisfazione da vari anni da Chirurghi Plastici, Ginecologi, Traumatologi e Chirurghi generali mai nessuno prima di noi aveva pensato di utilizzare questo speciale filo autobloccante fabbricato negli USA a livello della cavità orale e della faringe e men che meno per la cura di russamento ed apnee: è stato davvero sorprendente scoprire la sua duttilità, tollerabilità ed efficienza in seno ai tessuti orali e faringei!

Questa nuova tecnica “made in Italy” è apprezzata a livello mondiale grazie ai numerosi vantaggi che offre rispetto agli approcci chirurgici precedenti: la BSSinfattiè reversibile entro le prime settimane, è ripetibile,nonha mai procurato complicanze o sequele disfunzionali di rilievo ed è risultata molto ben tollerata. L’intervento – che ha dimostrato di possedere una comprovata efficacia – è oltretutto modulabile caso per caso, una peculiarità assolutamente esclusiva in questo tipo di chirurgia.

La questione non è di poco conto: si tratta di una soluzione definitiva ed efficace di un problema che colpisce moltissime persone, che russano e vanno in apnea (spesso senza saperlo) durante la notte. Oltre ai problemi di salute direttamente collegati già ricordati, le apnee nel sonno costituiscono un problema rilevante anche per i costi sanitari, aziendali e per la sicurezza sulle strade: l’eccessiva sonnolenza diurna, tipica di questa patologia, solo nel 2014 ha causato 7.360 sinistri, 231 morti e 12.180 feriti, per una spesa di 1,5 miliardi di euro.

Le apnee nel sonno sono un problema che incide sulla popolazione a livello globale: proprio per questo la Barbed Snore Surgery interessa tutti. La tecnica è infatti già materia di “esportazione” in tutto il mondo grazie al lavoro di Mario Mantovani, autore con il suo gruppo di ricerca di Milano di pubblicazioni scientifiche su prestigiose riviste internazionali e relatore in molti corsi e congressi internazionali. “Abbiamo già operato pazienti arrivati dall’Asia, dal Medio Oriente e stiamo ricevendo richieste di consulenza da pazienti di ogni parte del mondo”, precisa l’ideatore della nuova tecnica.

Il successo è testimoniato anche dalle presenze sempre più assidue di Mantovani nei più importanti eventi internazionali dedicati a questo tema, in particolare a corsi e convegni di rilievo internazionale di cui vale la pena citare il più recente:

· “Eurosas Surgery up to date 2016”, organizzato da Bhick Kotecha di Londra, Nico De Vries di Amsterdam e Claudio Vicini di Forlì, svoltosi nel mese di Settembre di quest’anno a Rimini, che ha riunito i più prestigiosi esponenti della comunità mondiale degli specialisti del settore.

Sono invece in calendario per il 2017:

· Spagna, presentazione della BSS al prossimo convegno del 9-11 Febbraio a Madrid “IV Workshop on OSAS, DISE and Pharingoplasty”

· India, presentazione della BSS alla IASSACON 2017, la 5° Conferenza annuale della Associazione Indiana dei Chirurghi della Sleep Apnea, che si terrà a New Dehli nel periodo 31/3 – 2/4/2017 (con interventi in diretta)

· USA, uscita della nuova edizione di uno dei più prestigiosi trattati internazionali sull’argomento “Sleep Apnea & Snoring” di Michael Friedman (Chicago) in cui è illustrata la nuova chirurgia BSS a cura di Mario Mantovani e Lorenzo Pignataro.

La BSS è una procedura chirurgica fondata su due fattori assolutamente innovativi: il primo strumentale (l’uso della barbed suture) e il secondo concettuale (la visione del primo tratto delle vie respiratorie, della faringe in particolare, immaginato contornato da appigli anatomici naturali assai saldi a cui ancorare le parti molli e collassabili, costituite da muscoli e mucosa, mediante una tensostruttura realizzata su misura con le barbed sutures). Con questi due semplici ingredienti, paragonabili al filo ed alla stoffa con cui il sarto confeziona il suo modello, il chirurgo è in grado di realizzare per il suo paziente l’intervento di cui ha bisogno.

Tutti i servizi chirurgici innovativi, fra cui la BSS Surgery, sono disponibili presso Sonnomedica, il Centro di Medicina del Sonno di Milano, così come le più moderne terapie per la cura del russamento e delle apnee nel sonno.

IL VALORE DEI FARMACI DI AUTOMEDICAZIONE

I dati rilevati mostrano che la tendenza all’automedicazione risulta ben presente tra i giovani: il 60% afferma di risolvere i comuni disturbi o sintomi lievi in autonomia, ricorrendo ai farmaci senza obbligo di ricetta, e riconoscendo nel medico e nel farmacista dei professionisti.

Uno sviluppo responsabile e appropriato dell’automedicazione può avere vantaggi anche per la sostenibilità economica.

Secondo i dati emersi da uno studio condotto nel corso del 2016 da CERGAS Bocconi, e presentato in occasione del Self Care Forum, un ampliamento dell’offerta terapeutica disponibile in automedicazione, maggiormente allineata a quanto avviene in Europa, porterebbe a un potenziale alleggerimento dei conti del SSN di circa 844 milioni di euro l’anno.

Affermare una cultura dell’automedicazione vorrebbe dire, quindi, innescare un meccanismo virtuoso in grado di liberare risorse a vantaggio delle terapie destinate ad altre patologie, ottimizzando la spesa farmaceutica rimborsata dal SSN.

FEDERCHIMICA ASSOSALUTE
LANCIA IL PRIMO SELF CARE FORUM
PER COMUNICARE IL VALORE DEI FARMACI DI AUTOMEDICAZIONE

Una proposta di Consensus Document per dare inizio a un percorso condiviso a favore dell’Automedicazione responsabile

 – E’ stato presentato  al Palazzo delle Stelline di Milano il primo Self Care Forum che Federchimica ASSOSALUTE ha realizzato grazie alla presenza di aziende, istituzioni, mondo della ricerca e con la partecipazione attiva di Cittadinanzattiva, Federfarma, Fenagifar, FIMMG, FNPI, FOFI e SIMG.

La proposta di Consensus Document, presentata nel corso dell’evento “Farmaci di automedicazione: consapevolezza e responsabilità per la salute del Sistema”, sottolinea la necessità di affermare l’importanza dell’automedicazione – e del ricorso ai farmaci senza obbligo di prescrizione, di automedicazione – come pratica appropriata per il trattamento dei più comuni disturbi di salute. Questo in un quadro sempre più complesso e di crescente attenzione e richiesta di autonomia e responsabilità da parte dei cittadini, anche per quanto riguarda le scelte sulla propria salute, e di complessiva attenzione ai profili di appropriatezza e sostenibilità del nostro Servizio Sanitario Nazionale.
Informazione, comunicazione, responsabilità e collaborazione sono le parole chiave di un percorso che dovrà coinvolgere tutti gli operatori del sistema salute, e che mette al centro le esigenze e i bisogni dei cittadini in un’azione comune di coinvolgimento, supporto e attenzione.

“Il Forum inaugurato oggi – afferma Agnès Regnault, Presidente di Federchimica ASSOSALUTE – vuole diventare un appuntamento annuale che rafforzi il dialogo con tutti gli stakeholder del sistema salute. Ci auguriamo di poter costruire una collaborazione di valore con tutti gli attori del sistema che conduca ad una posizione congiunta a favore della corretta automedicazione. Sono certa che i punti contenuti nel Consensus Document del Self Care Forum possano divenire progettualità concrete che aiutino i cittadini a operare scelte informate e guidate, e rappresentare un passo importante verso la valorizzazione economica e sociale del settore a sostegno della salute individuale e del SSN”.

Particolare attenzione è stata data alla presentazione dei risultati di un’indagine che ha fotografato le abitudini di salute e autocura di un campione di popolazione compresa tra 18 e 28 anni. Una scelta non casuale quella di indagare il mondo dei giovani, in quando saranno questi i cittadini del futuro su cui investire per un appropriato e sostenibile sviluppo del nostro sistema sanitario.

I dati rilevati mostrano che la tendenza all’automedicazione risulta ben presente tra i giovani: il 60% afferma di risolvere i comuni disturbi o sintomi lievi in autonomia, ricorrendo ai farmaci senza obbligo di ricetta, e riconoscendo nel medico e nel farmacista dei professionisti cui chiedere consiglio in caso di bisogno. È stata, inoltre, rilevata una elevata tendenza a informarsi su argomenti relativi alla salute (64% del campione).

“La corretta informazione sui medicinali di automedicazione – ha dichiarato la Dr.ssa Marcella Marletta, Direttore Generale della Direzione Generale dei Dispositivi Medici e del Servizio Farmaceutico del Ministero della Salute – è un elemento cruciale per assicurare ai cittadini le basi e gli strumenti per affrontare in modo responsabile le scelte di salute anche autonome laddove opportuno. Il Ministero è da sempre impegnato su questi fronti e occorre investire ancora in questa direzione affinché, da un lato, l’informazione sia realmente corretta e appropriata e, dall’altro, risponda ai mutamenti di scenario, alle nuove forme di comunicazione e alla crescente attenzione ai problemi di salute della popolazione”.

“L’atteggiamento mostrato dalle giovani generazioni – ha proseguito Agnès Regnault – conferma quanto da tempo afferma Federchimica ASSOSALUTE, e cioè la necessità di adottare misure che rispondano effettivamente a questa maggiore e migliore conoscenza, senza dimenticare naturalmente il supporto dei professionisti – medici e farmacisti -, ma altresì investendo nello sviluppo, miglioramento e ampliamento di una risorsa a pieno titolo inserita e riconosciuta nel panorama terapeutico a disposizione dei cittadini”.

Obiettivo non secondario del Self Care Forum è stato quello di portare a conoscenza delle Istituzioni l’importanza di una corretta automedicazione, e la necessità di adottare politiche sanitarie che consentano un corretto sviluppo di questo comparto, che molto potrebbe dare anche in termini di appropriatezza e sostenibilità del sistema, in un quadro sempre più complesso e impegnativo di gestione delle risorse a disposizione.

In questo quadro, infatti, uno sviluppo responsabile e appropriato dell’automedicazione può avere vantaggi anche per la sostenibilità economica. Secondo i dati emersi da uno studio condotto nel corso del 2016 da CERGAS Bocconi, e presentato in occasione del Self Care Forum, un ampliamento dell’offerta terapeutica disponibile in automedicazione, maggiormente allineata a quanto avviene in Europa, porterebbe a un potenziale alleggerimento dei conti del SSN di circa 844 milioni di euro l’anno. Affermare una cultura dell’automedicazione vorrebbe dire, quindi, innescare un meccanismo virtuoso in grado di liberare risorse a vantaggio delle terapie destinate ad altre patologie, ottimizzando la spesa farmaceutica rimborsata dal SSN.

“Il processo di empowerment e responsabilizzazione del cittadino nell’impiego corretto dei farmaci di automedicazione, come di tutti i medicinali – ha commentato il Prof. Mario Melazzini, Direttore Generale AIFA – deve essere gestito dagli operatori sanitari. AIFA ha fatto molto utilizzando per i foglietti illustrativi, principale strumento di informazione per il cittadino, un linguaggio più semplice, che ha bisogno di essere ancora più diretto quando parliamo di farmaci pensati per un utilizzo autonomo. Stiamo lavorando inoltre per definire una linea guida Aifa sull’individuazione di criteri di valutazione per “ingannevolezza” dei messaggi promozionali.  Iniziative, come quella odierna, di confronto e collaborazione tra i diversi attori del Sistema Salute rappresentano una risposta concreta ai bisogni di salute espressi dai cittadini e un contributo al miglioramento degli outcome terapeutici e alla riduzione degli sprechi”.

Anche Cittadinanzattiva ha espresso il proprio supporto all’iniziativa promossa da Federchimica ASSOSALUTE. Le due associazioni collaborano da tempo su progetti indirizzati ad aumentare l’informazione al cittadino e la sua capacità di operare scelte consapevoli.
“La formazione di cittadini consapevoli, soggetti forti, attivi nella scelte per la propria salute è uno dei nostri obiettivi principali – ha affermato Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva-Tribunale dei diritti del malato – per questo abbiamo molto apprezzato il Self Care Forum che ha fatto dell’informazione corretta e dell’educazione uno dei principali temi di discussione. In tempi in cui l’informazione è rapidamente accessibile e viaggia incontrollata su tutti i mezzi di comunicazione è quanto mai importante favorire una relazione stabile con il professionista della salute affiche i cittadini siano costantemente ben informati”.

Per maggiori informazioni sui farmaci di automedicazione e i piccoli disturbi vai su www.semplicementesalute.it il portale dell’automedicazione.

Ufficio Stampa Assosalute

DIOSSINA NEI SALMONI DI ALLEVAMENTO – MA COSA MANGIAMO ?

Lo dice uno studio della Commissione Europea:

il 41,6 % è la quantità di diossina contenuta nei salmoni di allevamento.

Va precisato che il livello di tolleranza diossina per la nostra salute è il 15%.

NOTA:

-il secondo alimento più inquinato, di diossina, è il latte crudo: 5%

-la carne rossa è sotto il 4% (stiamo parlando solo di percentuali di diossina).

Altro che cibo salutare:

il salmone risulta essere tra le 7 e le 32 volte più inquinato di altri alimenti !!!

Lo dice la biologa canadese Alexandra Morton; che conbatte da trent’anni contro i danni degli allevamenti di salmoni nella British Columbia. Distruggono e riducono gli spazi che sono sempre appartenuti ai salmoni selvaggi che servono per la catena alimentare di orche, orsi ecc… ma non possiamo dimenticare anche gli enormi danni che fanno al mare e alla nostra salute gli allevamenti di gamberi dell’Oceano Indiano ….!

TUTTO BEN VISIBILE SUL FILMATO DI YOU TUBE: ” Hard evidence  ” https://youtu.be/fSCoBG8W3NQ

Tonno e pesce spada non stanno meglio dei salmoni.

Sempre meno quelli selvatici.

Sempre più inquinanti e inquinati i pesci di allevamento; dove è regola usare abbondanza di antibiotici per preveniore le malattie; per non parlare della scarsa qualità del cibo che si distribuisce in buona parte degli allevamenti; lo dimostra il sapore di questi pesci (se ci siete abituati non ve ne accorgerete; la stessa differenza che troviamo tra pollo ruspante e pollo che costa 3 euro al chilo).

Ma rimane pur sempre una logica domanda; cosa diavolo possiamo mangiare ? C’è qualcosa di assolutamente sicuro ?

La risposta è sempre più difficile e il cibo buono sta diventando sempre più caro e quindi solo per pochi. Anche questo è effetto della globalizzazione ?

E’ sicuramente l’effetto delle leggi troppo permissive che tutelano più l’interesse dei produttori che quello dei consumatori (se vi consola negli USA sono messi molto peggio di noi).

 

SALUTE – Alcalinizziamoci ! – Equilibrio tra acido e basico – Pericolo acidosi

SALUTE – La base è l’equilibrio tra acido e basico – Pericolo acidosi

L’acidità rallenta le attività biologiche; favorisce la malattia. Lo dice la moderna ricerca, confermando l’antica medicina cinese che si basa sull’ equilibrio tra acido e basico.

L’acidità favorisce ANCHE i tumori.

Tutte le proteine animali favoriscono l’acidità.

Cibo acidificante per eccellenza: il Parmigiano e altri formaggi (questo non vuol dire non mangiarne più, ma evitarli nei momenti di eccessiva acidità)..

Come sapere se abbiamo un eccesso di acidità ?

Acquistare in farmacia una cartina tornasole o stik misuratori del PH; bagnare la punta della striscia con pipì e confrontando con la scala di colori di riferimento, si capisce se si ha eccesso di acidità. Fare 2 prove al giorno per almeno 3 giorni.

Sotto il 7 l’acidità è troppa.

DEACIDIFICANTI:
gli spinaci molto deacidificanti.

Uva:  7 volte più deacidificante degli spinaci.

Mela cotta.

Prugne.

Frutta e verdura in genere; meglio se cotta (in questo caso).

Legumi come fagioli, lenticchie, ceci ecc…

I vecchi facevano una giornata mangiando solo uva.

L’organismo acidificato è predisposto anche ad artrosi.

In caso di eccesso di acidità:

Il nostro organismo si difende dall’eccesso di acidità prelevando calcio dalle ossa e favorendo processi di indebolimento e malattie alle ossa.

L’INTESTINO PULITO E’ ESSENZIALE PER UNA VITA SANA

Più dannosi di tutto sono i fecalomi che occludono l’orifizio anale (ammassi di feci non espulse).

Nell’intestino ci possono essere fecalomi; depositati da anni e che favoriscono l’infiammazione.

Quando si infiamma l’intestino diviene poroso e lascia passare porcherie nei vasi sanguigni che portano in circolo sostanze che favoriscono intolleranze e malattie.

ARTROSI E ARTRITI – Curarasi anche con lo stile di vita

Artrosi e artriti

Le artrosi e artriti sono  difficilmente curabili.
Si può migliorare la situazione, ma non eliminare il problema.

DA RICORDARE:

Alimentazione corretta con poche  proteine animali (soprattutto poche carni rosse e insaccati in particolare);
Controllo dell’acidosi tessutale
Controllo dell’igiene intestinale
Integratori alimentari.

MOVIMENTO
Importante è il movimento, con prudenza e costanza, seguendo i consigli di un fisiatra.

ALIMENTAZIONE
L’alimentazione è al centro di ogni terapia

  •  alcuni cibi hanno effetto infiammatorio (es. quelli che contengono troppi grassi saturi o un eccesso di omega-6). Anche l’eccesso di zuccheri e di proteine animali, soprattutto da carni rosse e salumi, è infiammatorio;
  • altri cibi hanno un potente effetto antiossidante e antinfiammatorio (alcune famiglie di verdure, il pesce, etc);
  • male i “cibi spazzatura” o preparati industrialmente o con prodotti indistriali.

Ogni pasto:
– verdure crude e verdure cotte
– proteine e carboidrati
– olio extravergine di oliva consumato crudo.

Possono aggravare i sintomi:
pomodori (soprattutto crudi), patate, e le altre solanacee (melanzane, peperoni, ecc.)
occorre verificare anche la tolleranza dei cereali contenenti glutine (grano, segale, orzo) e di alcune verdure della famiglia dei cavoli.

INTEGRATORI

Gli integratori alimentari non sostituiscono la corretta alimentazione, ma possono aiutare 

1 cucchiaio e mezzo di semi di lino + 1 cucchiaio di cereali bio crudi (grano saraceno, riso, orzo, avena, ecc.) macinati al momento è meglio.

2 capsule da 1 gr circa di olio di pesce, nei giorni in cui non si mangia pesce;

olio di borragine, meglio ogni giorno, anche solo 1 cucchiaino.

——————
————-

CAMBIARE I RITMI DI VITA

La malattia è frutto di
-fattori esterni (batteri, virus)
-stress generale, fisico e psichico: superlavoro, crisi esistenziali,
-grandi dolori, lutti, isolamento, cattivi rapporti umani, sensazione di fallimento.

Miglorare il proprio stile di vita è determinante per conbattere qualunque patologia: 

più spazi per il nostro  riposo
ridurre le situazioni che creano tensione
-curare le amicizie e le relazioni interpersonali
-contatto con la natura.

Salute – IL CERVELLO UMANO – Capace di riprendersi da traumi anche pesanti

Il cervello umano è capace di riprendersi da lesioni e traumi in modo sorprendente.

La scienza ha dimostrato come il cervello non sia una scatola impenetrabile, ma un organo in grado di connettersi al mondo esterno tramite i sensi e, spesso, sono proprio questi i canali sfruttati per intervenire in modo non invasivo e del tutto sicuro sulle strutture neuronali, così da recuperarne la funzione. In concreto, se un evento (un trauma, un ictus, un’infezione ecc.) causa una lesione ad un’area cerebrale, altri neuroni cercano di attivarsi per vicariare la funzione persa.

IL CERVELLO UMANO: UN VERO MIRACOLO. A UN ANNO DA UN TRAUMA CEREBRALE, TORNA A RICONOSCERE SUA MAMMA GRAZIE ALLA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA

Dopo un gravissimo incidente, la diagnosi per Giovanni, un bambino di tre anni, sembrava senza appello: tetraparesi spastica. Ma, con un mirata riabilitazione, è passato dallo stato vegetativo a riuscire a riconoscere il volto di sua madre. E non solo.

Dietro queste piccole grandi conquiste c’è il lavoro del Serafico di Assisi, centro di riabilitazione all’avanguardia, in particolare sugli studi sulla plasticità cerebrale.

Il cervello umano è capace di riprendersi da lesioni e traumi in modo sorprendente.

Per questo Giovanni, un bambino di 3 anni, è tornato a riconoscere il volto di sua mamma a un anno da un trauma cranico che gli ha provocato un grave danno cerebrale. Non appena la vede, sorride. Un’azione semplice come un sorriso è una grandissima conquista per Giovanni. A seguito dell’incidente, la diagnosi era impietosa: tetraparesi spastica; il suo quadro clinico era sovrapponibile ad uno stato vegetativo. Incapace di seguire con lo sguardo gli stimoli visivi e con la mancanza del controllo del capo, Giovanni accennava saltuariamente solo piccoli movimenti degli arti superiori non finalizzati; spesso dormiva e non era risvegliabile neanche se stimolato.

I suoi genitori erano disperati quando lo hanno portato al Serafico, centro di riabilitazione per disabili gravi, convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale per trattamenti riabilitativi residenziali, semiresidenziali ed ambulatoriali. Oggi le sue condizioni di salute restano gravi, ma i progressi in questi 12 mesi lasciano ben sperare e riempiono il cuore dei suoi genitori e di tutti gli operatori dell’Istituto di Assisi. “Solo una mamma può capire cosa posso aver provato nell’attimo in cui mio figlio è tornato a riconoscermi. Non ci sono parole, certe emozioni si vivono e si conservano nel cuore per sempre”, racconta la madre di Giovanni. “La strada davanti a noi resta in salita e piena di curve, ma oggi la percorriamo con la consapevolezza di poterla percorrere senza paura”.

Oggi Giovanni è capace di seguire con gli occhi non solo lo sguardo della persona che ha davanti, ma, se stimolato verbalmente, gira anche la testa verso la fonte. Oltre alla ripresa della capacità di controllo del capo, riesce anche in movimenti finalizzati degli arti, sia quelli spontanei che quelli su richiesta, come quando ad esempio gli viene detto: “dammi un abbraccio”, “dai un pugno” o “dai un calcio alla palla”. A questi progressi motori si accompagna anche un graduale miglioramento dello stato di coscienza, della capacità di riconoscimento delle voci, della modulazione delle emozioni e della capacità di ricercare il contatto delle persone. “Il sorriso di Giovanni alla mamma non è la risposta generica ad un’interazione sociale, in quel momento lui riconosce davanti a sé una persona significativa e manifesta la sua gioia con un sorriso”, spiega Miguel un educatore del Serafico.

Dietro queste conquiste c’è il lavoro riabilitativo-abilitativo-educativo che ha fatto registrare una graduale ripresa dello stato di coscienza, della capacità di riconoscimento delle voci e modulazione delle emozioni, della risposta motoria degli arti superiori verso oggetti e persone, di orientare gli occhi e controllare la testa (non ancora sincronizzati, ma entrambi presenti) e della capacità di ricercare il contatto delle persone con valenza affettivo-relazionale. Un cammino tutto in salita quello del piccolo Giovanni, che però ha trovato al Serafico un’equipe multidisciplinare capace di accompagnarlo e guidarlo in questo percorso. “Al suo arrivo al centro, è stato delineato un progetto personalizzato, inizialmente incentrato soprattutto su un lavoro di maternage e stimolazioni corporee basali, finalizzate a favorire la relazione terapeutica e l’interazione con l’ambiente”, dichiara Sandro Elisei, Direttore sanitario del Serafico. “Successivamente – aggiunge – sono stati attivati percorsi riabilitativi-abilitativi quotidiani dell’area motoria per il potenziamento, in particolare, delle abilità oculo motorie di base, dell’attenzione visiva, dell’inseguimento dello sguardo e dell’orientamento del capo verso l’oggetto proposto”. Contemporaneamente Giovanni ha seguito percorsi dell’area sensoriale con pluristimolazioni corporee con il metodo Snoezelen strutturate sia per incrementare l’attività motoria spontanea, sia per evocare stimoli propriocettivi per la percezione del corpo. Un ruolo fondamentale lo ha avuto anche l’introduzione di un percorso di musicoterapia, quale mediatore e facilitatore di risposte motorie spontanee.

NEUROPLASTICITÀ E RIABILITAZIONE, ECCO COME SI SPIEGANO I SUCCESSI DI GIOVANNI

Negli ultimi secoli la medicina ha considerato il cervello come un organo immutabile e incapace di guarire. Le malattie neurologiche e degenerative erano viste come una condanna senza appello per il malato, i trattamenti farmacologici e riabilitativi poco efficaci o inutili. Ma la visione introdotta dalla neuroplasticità, ossia la capacità del cervello di modificare la propria struttura e il proprio funzionamento, ha aperto la strada a possibilità terapeutiche rivoluzionarie. Nessuna falsa speranza, la storia di Giovanni e di tante altre persone, oltre a numerosi studi e ricerche scientifiche, dimostrano come il cervello non sia una scatola impenetrabile, ma un organo in grado di connettersi al mondo esterno tramite i sensi e, spesso, sono proprio questi i canali sfruttati per intervenire in modo non invasivo e del tutto sicuro sulle strutture neuronali, così da recuperarne la funzione. In concreto, se un evento (un trauma, un ictus, un’infezione ecc.) causa una lesione ad un’area cerebrale, altri neuroni cercano di attivarsi per vicariare la funzione persa. La neuroplasticità ha cambiato radicalmente l’approccio riabilitativo: non più concentrato solo sul deficit del paziente, ma anche alla ricerca di percorsi che interessano aree cerebrali sane o quiescenti e di tutte quelle capacità che possono favorire il miglioramento di una funzione compromessa o la guarigione.

“L’approccio neuroplastico riprende l’antica eredità lasciata da Ippocrate e ci richiama alla consapevolezza che ogni percorso riabilitativo e di cura della persona, richiede il coinvolgimento attivo del paziente nella sua totalità:mente, cervello, corpo e ambiente”, osserva Sandro Elisei, Direttore sanitario del Serafico. “L’aspetto più stupefacente, al di là delle tecniche, è che oggi abbiamo la possibilità di dimostrare il modo in cui si è evoluto il cervello, maturando sofisticate capacità neuroplastiche in grado di guidare un processo unico di crescita e guarigione”.

L’esercizio fisico e mentale e le stimolazioni neurosensoriali rappresentano due elementi centrali nei percorsi riabilitativi e nei processi di guarigione neuroplastica. Le moderne tecniche di neuroimaging funzionali, infatti, mettono in evidenza come l’attività mentale non sia solo il prodotto del cervello, ma a sua volta un’attività che plasma il cervello: in questo senso, la neuroplasticità restituisce alla mente il suo ruolo nella medicina moderna e nella vita umana. Il ricorso a stimolazioni sensoriali, ricevute in varie forme fra cui il suono, la vibrazione, la luce, l’elettricità e il movimento, forniscono canali naturali e non invasivi che passano attraverso i sensi o il corpo per riattivare le capacità del cervello di guarire.

“Siamo consapevoli che l’innovazione nel campo della riabilitazione e la ricerca ad essa collegata rappresentino oggi una grande sfida”, dichiara Francesca Di Maolo, presidente del Serafico. “L’incontro tra le problematiche cliniche e le recenti conoscenze scientifiche della neuroplasticità stanno già ispirando le future soluzioni innovative, che dovranno essere indirizzate a migliorare la qualità dell’assistenza e delle nostre prassi quotidiane nel difficile compito di prendersi cura della persona”.

Salute – Colesterolo come abbassarlo ?

Colesterolo alto ? Sappiate che sino a 20 anni fa a 50 anni avere un  valore di 250 come colesterolo era considerato nella norma.

Oggi, la moderna medicina, i “maligni”  dicono per vendere più medicine, ha stabilito che il colesterolo cattivo, HDL, non deve superare la misura di 200.

Comunque, avere i valoro di colesterolo HDL bassi fa molto bene alla salute.

Il problema è il rapporto tra colesterolo totale e colesterolo HDL.

Controllare solo il livello ematico di colesterolo non è sufficiente.

Per abbassare il colesterolo HDL non basta diminuire, anche se in grande quantità, i grassi saturi nell’alimentazione.

In caso di ipercolesterolemia può essere utile comportarsi come segue (saranno il medico e i risultati degli esami a dirvi se questo metodo funziona)..

ESAMI DA CONTROLLARE OGNI 6 MESI
Colesterolo totale, colesterolo HDL, trigliceridi, VES, proteina C reattiva, omocisteina.
(l’omocisteina, se inferiore a 10 per due volte di seguito, va controllata solo una volta all’anno).
ALIMENTAZIONE
• molte verdure crude e cotte
• niente formaggi (tranne qualche rara spolverata di grana)
• niente insaccati; permessi solo prosciutto crudo, bresaola e prosciutto cotto senza proteine del latte e polifosfati (senza parti grasse);
• diminuire molto le carni bovine e suine. Preferire le carni bianche (cotte senza la pelle), cavallo, uova (non più di 4 alla settimana, meglio alla coque o occhio di bue);
• prodotti animali non più di una volta al giorno; nell’altro pasto: legumi molto variati come qualità
• pesce tre o quattro volte alla settimana
• Condimento: olio extravergine di oliva usato a freddo.
INTEGRATORI
• un cucchiaio di lecitina di soia al giorno);
• 2 gr di omega 3 nei giorni quando non si mangia il pesce
• 1 cucchiaio di crusca di avena in due pasti della giornata
• i cucchiaio di semi di lino macinati al momento al mattino o nella giornata.

INOLTRE
• Fare molto movimento: camminate o nuoto o palestra
• Evitare stress fisici ed emozionali
• Tenere sotto controllo il peso.

ALLERGIE DEI BAMBINI – Arachidi ai piccolissimi come prevenzione

CAMBIO DI MARCIA SUI CIBI ALLEGENIZZANTI

Una ricerca chiamata Leap aveva stabilito che dare il burro di arachidi precocemente ai bambini riduceva drammaticamente il rischio di allergia

Lo afferma un editoriale sul New England Journal of Medicine, riportando i risultati di uno studio su 1300 neonati.

Burro di arachidi con le prime pappe ( già a quattro-cinque mesi di vita.), per il nuovo approccio che aiuta a combattere l’eccesso di allergia tra i bimbi delle nuove generazioni.

E’ vero che il burro di arachidi non fa parte della cucina nostrana italiana, ma la nuova scoprta è tutta aamericana; da qui il consiglio delle arachidi.

Quello che vale per gli arachidi, è positivo anche per pesce, latte, uova (considetati ultimamente altamnete allergenizzanti).

Le arachidi erano considerate altamente allegenizzanti e quindi proibite, insieme ad altri cibi allegenizzanti (che favorirebbero le allergie); il nuovo studio americano dimostra che si puà diminuire dell’80% l’allergia tra i piccoli, basterebbe abituarli precocemente ad un cibo considerato allergneizzante.

Caduto così un tabù che si avvicina ai principi delle nostre nonne; condannato dalla moderna pediatria alla ricerca di sempre nuove regole per imporre, a volte molto criticabili, nuove abitudini.

 

 

 

Salute a Milano e check-up- Prevenzione e consigli dal 18 al 22 gennaio 2017 www.ondaosservatorio.it

“Villaggio della salute” che sarà allestito dal 18 al 22 gennaio 2017 a Milano nell’area tra Via Mario Pagano e Via del Burchiello; aperto gratuitamente alla popolazione per offrire ai visitatori conoscenze e consigli sulle abitudini e stili di vita.

Fai un check-up

Cardiologo, Diabetologo, Esperto di ipertensione, Medico di Medicina Generale, Oftalmologo, Psichiatra, Urologo e Igienista dentale saranno a disposizione dei visitatori per consulti gratuiti e consigli  sui corretti stili di vita.

La salute passa attraverso un’attenta prevenzione.

Inoltre uno spazio sarà dedicato ad incontri e conferenze sulle principali tematiche di salute e benessere,

Ma anche consulenza di igiene dentale e vicino una pista di ghiaccio per i più piccoli.

Precisazioni e informazioni su:

www.ondaosservatorio.it

SALUTE – Inquinamento aumenta casi di demenza lo dice la rivista Lancet – Come difenderci dall’inquinamento ? –

A quanto già scritto più sotto, possiano aggiungere l’utima conferma, data dalla prestigiosa rivista Lancet, sugli effetti riguardo la demenza  per chi abita vicino a strade con traffico intenso (fino a un caso su dieci di Alzheimer potrebbe essere imputabile a questa causa; per chi vive a meno di 50 metri dalle strade più trafficate).

Ma soprattutto, sono i bambini quelli che pagano il prezzo più caro per l’inquianmento atmosferico.

DA LEGGERE, con calma,  SE TENETE ALLA VOSTRA SALUTE E A QUELLA DI FIGLI; NEONATI – BAMBINI O RAGAZZI ED ANCHE NIPOTI 

CONSIGLI DA ESPERTI MEDICI SPECIALISTI – L’inquinamento causa  o peggiora le seguenti condizioni di salute:

-allergie

-bronchite cronica

-tumore polmonare

-mortalità

-sclerosi multipla

-Alzheimer

-demenza senile.06060606

——

Gli inquinanti sono la somma delle particelle sospese nell’aria.

Il micro-particolato è anche inferiore a 0,1 micron; per la maggioranza da combustione dei veicoli.

Il 60% degli ossidi di azoto nelle aree metropolitane è da traffico veicolare.

Il 72% dell’inquinamento nelle città è da traffico veicolare; ovvero: le auto in circolazione inquinano per il 72%.

I più pericolosi sono i motori a diesel e benzina (1/3 – 1/4 dell’inquinamento è dovuto ai motori diesel).

L’ESTATE E’ IL MOMENTO DI MAGGIOR CONCENTRAZIONE DELL’ OZONO, MA ORMAI IN TUTTE LE STAGIONI L’INQUINAMENTO RAGGIUNGE PICCHI PERICOLOSI.

L’ozono, aggiunto all’inquinamento peggiora gravemente la situazione: No2 + O2 = NO + 03. Molto presente nelle autostrade americane in estate, ma anche al centro del Mediterraneo e sulla Pianura Padana.

L’allerta è in questo momento particolarmente alta per le microparticelle.

Nei nostri polmoni entrano ENORMI QUANTITA’ DI PICCOLE PARTICELLE INQUINANTI A OGNI NOSTRO RESPIRO.

I tipi di particolato sono tanti ed hanno una pericolosità diversa; la situazione peggiora, grazie all’aggregazione con altri gas, come il biossido di azoto.

Metalli, endotossine, chinoni, aldeidi sono particolarmente pericolosi.

Metalli di transizione, metalli virus, nitrati … sono tra numerosissimi i componenti del PM10 (micoparticelle).

PIU’ SONO PICCOLE PIU LE PARTICELLE INQUINANTI SONO PERICOLOSE:
-a seconda della grandezza le particelle possono o non possono entrare direttamente nei polmoni e nel sangue; le particelle piccole, solo per sedimentazione, possono raggiungere i bronchi inferiori; le ULTRAFINI 0,1 possono diffondersi dagli alveoli e circolare direttamente nel sangue danneggiando i mitocondri delle nostre cellule. La rivista Lancet ha ben evidenziato anche gli effetti sulla demenza senile e Alzheimer, ma anche di sclerosi multipla. Come pure sono stati confermati pericolosi danni per i più piccoli.

Sostiene Ray Copes, uno degli autori dell’articolo di Lancet: “Gli inquinanti entrano nel flusso sanguigno e provocano infiammazione che sono legati a problemi cardiovascolari e a diabete. Lo studio suggerisce che possono entrare anche nel cervello e causare problemi neurologici“.

Il microparticolato di 10 micron più espandersi; fino a 10 metri dal luogo di produzione.

Ma l’inquinamento da microparticolato; ancora più sottile, 10 micron, può essere portato a centinaia di chilometri; dalla Mongolia è finito Los Angeles.

Nel Pacifico c’è un’isola di inquinanti galleggianti, che causa un problemi a tutto il mondo; per la capacità di trasporto di alcuni inquinanti attraverso l’acqua e l’aria.

Alcuni EFFETTI dell’inquinamento a LUNGO TERMINE:
bronchite cronica
tumore polmonare
mortalità
sclerosi multipla
Alzheimer
demenza senile.

Dopo 10 15 anni di esposizione agli agenti inquinanti si rilevano DANNI CRONICI.

Ogni 10 microgrammi in più di PM10, aumentano dell’ 1 -2% i ricoveri per patologie respiratorie.

RISULTATI SU 10-15 ANNI di esposizione ad elementi inquinanti:

mortalità aumenta per ogni 10ug/m3 di PM10 del 14,2,%; la mortalità aumenta in modo vertiginoso rispetto al tempo di esposizione agli agenti inquinanti del PM10.

Conta molto dove si vive.

Il microparticolato può rallentare la crescita respiratoria dei bambini; due studi scientifici lo dimostrano.

Vivere vicino ad una strada di alto scorrimento è ESTREMAMENTE PIU’ PERICOLOSO CHE VIVERE IN UN LUOGO CIRCONDATO DAL VERDE E SENZA FORTI PUNTE DI TRAFFICO, ma anche vivere a soli due isolati lontani dalla strada molto trafficata, può fare la differenza tra salute e malattia.

Dal 2 al 40% dei soggetti colpiti da cancro al polmone, anche non non fumano, deriva da inquinamento da masse biologiche bruciate per cucinare. Questo effetto colpisce anche bambini e donne e possono danneggiare gravemente anche chi non ha mai fumato; come nei paesi del terzo mondo dove si bruciano prodotti diversi di vari origine in piccole cucine, magari senza finestre).

ARIEGGIARE RIMANE IL MIGLIOR ANTINQUINATE, SEMPRE CHE NON SI VIVA A CONTATTO CON UNA STRADA TRAFFICATA (AI PIANI BASSI VICINO ALLA STRADA) O VICINO AD UN IMPIANTO INQUINANTE.

Gli ultimi studi dimostrano:

-I fattori ambientali giocano moltissimo sulla salute dell’individuo, ma anche alcuni batteri intestinali possono esaltare la risposta infiammatoria: DIPENDE TUTTO DALLA FLORA BATTERICA DEL SOGGETTO.

Il microparticolato (detto anche POLVERI SOTTILI) trasporta anche batteri.

L’inquinamento può provocare anche modificazioni del DNA; ovvero MUTAZIONI ONCOLOGICHE PERMANENTI E TRASMISSIBILI ALLE GENERAZIONI SUCCESSIVE.

In compenso gli esperti del settore precisano anche che trasferendosi in campagna si possono, con il tempo, addirittura eliminare i rischi da inquinamento.

Abbiamo enzimi riparanti; alcuni soggetti hanno forti capacità riparative, altri hanno un deficit nelle capacità riparanti dell’organismo, quindi sono enormemente più esposti alle patologie di cui sopra e vanno maggiormente incontro a danni da stress ossidativo.

MALATTIE CARDIOVASCOLARI:

-l’infiammazione si può diffondere dal polmone alle parti circostanti; inducendo malattie cardio vascolari e aumentando PCR nel fegato; tutto questo favorisce arteriosclerosi, trombosi, fino all’infarto acuto del miocardio.
Lo stress ossidativo accelera anche il processo di arteriosclerosi.

Mamme esposte a elevate concentrazione di PM10, possono generare bambini con scarse difese antiossidanti; ovvero scarsi geni che bloccano i processi ossidativi che sono il primo passo verso la malattia.

Molti studi sono stati fatti a Città del Messico, dove si trova un altissima concentrazione di inquinanti e di traffico, ed è sempre risultato evidente l’effetto dell’inquinamento sulla salute umana.

Cosa si può fare per contrastare le gravissime patologie da inquinamento e quindi lo stesso ossidativi delle nostre cellule ?

Dieta ricca di ossidanti e esercizio fisco lontano da strade ad alto scorrimento.

In queste condizioni si può anche recuperare la funzione respiratoria danneggiata;
dopo 4 – 5 anni il rischio di mortalità si azzera come nella popolazione del luogo senza inquinanti.

———-

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’Ordine dei Giornalisti e all’UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici).