Archivi categoria: SALUTE

Belle e sane, sport, prevenzione, salviamo i nostri occhi…erboristeria, salute prima dei 40 anni, salute dopo i 50… allergie, anoressia, antibiotici con cautela, anziani e depressione, aspirina “tuttofare”, calvizie curabili, denti sani, diabete, dolore e cura, fibrillazione atriale, ictus, malattie tropicali, novità farmacologiche, omeopatia, ospedali pericolosi?, problemi di coppia, sordità, smog un grande pericolo, …vedi anche terme & spa alla categoria: VIAGGI

28 aprile – 1 maggio: il benessere a Tisana Lugano

BENESSERE  in tutte le sue forme

Novità della ventesima edizione di Tisana Lugano è anche il programma di attività gratuite Experience .. SPECIALE: ’Area Bimbi e  Street Food: vegetariano e vegano, crudista … 

In palio tra tutti i visitatori una bici elettrica di grande valore e contenuto tecnologico offerta da Z-Bike.ch

Disponibile per tutti, su www.tisana.com, il biglietto a metà prezzo

Dal 28 aprile al 1 maggio 2017, Tisana festeggia i 20 anni con la nuova edizione della manifestazione a Lugano.

La più importante fiera del benessere in Canton Ticino si appresta ad offrire una nuova emozionante esperienza di puro benessere.

Tisana compie il suo ventesimo compleanno con una nuova coinvolgente edizione della Fiera del benessere olistico, della medicina naturale e del vivere etico.

Lugano si trasforma nel tempio riservato a tutti coloro che cercano soluzioni per migliorare il proprio benessere e vogliono vivere un’esperienza ricchissima di stimoli.

In mostra le eccellenze del mercato in un percorso ispirato a 9 aree tematiche:

Armonia, Alimentazione sana, Bimbi sani, Casa e ambiente, Luoghi del benessere, Salute e medicina naturale, Scienze di confine, Sport in salute e Vivere Etico.

Un viaggio alla scoperta di novità e di discipline millenarie, degli ultimi ritrovati in fatto di medicina e cosmesi naturale, di prelibatezze per un’alimentazione sana.

E, ancora, filosofie alternative, tecniche e metodi per prendersi cura di corpo e spirito, destinazioni per viaggi e soggiorni pieni di benessere.

La ventesima edizione di Tisana riserva al pubblico un programma così ricco da invogliare i visitatori a trascorrere molte ore in fiera tra Conferenze, Experience, Corsi, Centro Olistico, Street Food, Cinema.

Il tradizionale palinsesto di Conferenze gratuite “Percorsi di consapevolezza”:

propone decine di approfondimenti sui più rilevanti temi attinenti il benessere psicofisico. Relatori d’eccezione, esperti professionisti, sono pronti a raccontare le loro esperienze e competenze e a rispondere alle domande del pubblico.

Tra i diversi temi affrontati, ad esempio:

-la salute della colonna vertebrale con Angelo Bigontina,

-la dieta macrobiotica con Chiara Pelossi Angelucci,

-l’agopuntura in ambito ostetrico con Milko Radicioni,

la salute e l’intestino a cura di Greta Rondini e Severino Iuliano,

-la numerologia Vedica con Antonio Pacetti,

vivere senza rabbia con Gen Kelsang Gyalchog,

-la purificazione energetica degli ambienti con Dunja La Tegola, i principi del Pranic Healing con Fabio Ciceri, Il mal di schiena con Daniele Raggi, la medicina energetica con Susanne Joy Rothmund e tantissimi altri.

Il programma completo delle Conferenze è disponibile su www.tisana.com.

Tisana Lugano offre l’emozione di provare trattamenti di benessere presso il suo Centro Olistico: un’area della manifestazione completamente dedicata alla sperimentazione delle più diverse tecniche olistiche praticate da esperti professionisti.

Una proposta che ha grande successo proprio perché è una preziosa occasione per dedicarsi una pausa estremamente benefica durante la visita della manifestazione. Tutti i trattamenti sono disponibili e prenotabili su www.tisana.com.

Grande novità della ventesima edizione di Tisana Lugano è anche il programma di attività gratuite Experience.

Durante l’arco di tutto il weekend, il visitatore di Tisana ha la possibilità di svolgere pratiche che fanno bene a corpo e spirito: yoga, campane tibetane, meditazione, om chanting, tango benessere, tecniche di respirazione, aikido x2, ipnosi regressiva.

Quindi, a Tisana, non solo teoria ma anche vera e propria pratica. Il programma completo delle Experience è disponibile su www.tisana.com.

A disposizione di appassionati e curiosi anche due Corsi per rafforzare o avviare la conoscenza di tematiche rilevanti per il nostro benessere: I primi rudimenti di Fitoterapia e Il potere delle emozioni nel linguaggio.

La prenotazione ai corsi è disponibile su www.tisana.com.

A grande richiesta torna a Tisana Lugano anche lo Street Food.

Una varietà di proposte piene di gusto per tutti gli appetiti: etnico, vegetariano e vegano, crudista accompagnati da birra artigianale e succhi di frutta. Un’area gastronomica che arricchirà ulteriormente l’esperienza del pubblico della manifestazione.

Come sempre, grande attenzione alle famiglie: a loro è dedicata l’Area Bimbi dove piccoli e grandi potranno condividere l’esperienza di giochi per sviluppare e stimolare creatività e fantasia.

Dopo il grande successo della passata edizione, anche il Cinema torna a Tisana Lugano.

Sia domenica 30 aprile sia lunedì 1 maggio, i visitatori potranno assistere alla proiezione del documentario “Alla ricerca di un senso”.

Opera di due giovani francesi che ha ricevuto numerosissimi premi internazionali e suscitato grande emozione per l’invito a riconsiderare il nostro rapporto con la natura, con la felicità e il senso della vita. È considerato da critica e pubblico “un’opera da non perdere”. Informazioni e trailer del documentario sono disponibili su www.tisana.com

Tisana compie 20 anni ma i regali sono per i nostri visitatori. Il compleanno di Tisana viene, infatti, festeggiato con un ricco Concorso a premi per il pubblico.

In palio tra tutti i visitatori una bici elettrica di grande valore e contenuto tecnologico offerta da Z-Bike.ch e un soggiorno presso LifeClass Hotels & SPA. Per partecipare al concorso non bisogna fare altro che visitare Tisana e compilare la scheda che verrà consegnata in cassa. I dettagli sui premi sono disponibili su www.tisana.com.

Tisana, da 20 anni, è il luogo dove si raccolgono energie positive che migliorano il benessere psicofisico. Il luogo dove conoscere ed acquistare, per se e i propri cari, i migliori prodotti e i servizi che fanno bene.

Tisana è una pura esperienza di benessere.

Data: dal 28 aprile al 1 maggio 2017
Dove: Centro Esposizioni di Lugano, Via Campo Marzio
Orari:
Venerdì 28 aprile 14.00 – 22.00
Sabato 29 aprile 10.30 – 22.00
Domenica 30 aprile 10.30 – 22.00
Lunedì 1 maggio 10.30 – 20.00
Biglietto: 10 CHF

Disponibile per tutti, su www.tisana.com, il biglietto a metà prezzo

Info: www.tisana.com

MANTENERSI IN FORMA CON IL TAI CHI WALKING; FACILE A OGNI ETA’. ANTISTRESS.

Tai Chi walking

Rounds_450 of_Tai_Chi

Segnaliamo questo articolo in quanto conosciamo personalmente i benefici dell’antica arte del Tai Chi e questo nuovo approccio, camminando, ci sembra adatto anche alle persone molto pigre o con diversi problemi motori; anche  per motivi di età.

-Chiunque dopo avere letto quanto segue, anche solo quanto segnalato in grassetto, può comprendere come è possibile aumentare la percezione del proprio movimento del camminare, semplicemente rallentando il movimento; meglio se in salita o terreno sconnesso; ascoltando ogni movimento al rallentatore.

-Inoltre potrete anche limitarvi a soli pochi minuti al giorno, nei giorni che vi farà più piacere. Non conta tanto il tempo, ma camminare a lungo fa sempre meglio, quanto la concentrazione sui movimenti e il contemporaneo rilassamento muscolare; pe quanto è possibile durante un movimento.

Provate e se non sarete troppo esigenti con voi scoprirete un nuovo modo di muovervi e di benessere generale.

Tai-chi1 600

tai chi 600 24form

COSA E’ IL TAI CHI WALKING.

È una nuova disciplina rilassante, caratterizzata da movimenti molto lenti che abbinano i benefici dell’antica ginnastica cinese a quelli della classica camminata.

Un sicuro effetto antistress è la caratteristica che accomuna due discipline molto diverse, prodotte da culture lontanissime l’una dal- l’altra e solo in apparenza prive di punti di contatto: il Tai Chi e il walking.

Il Tai Chi e il walking.

• La prima è un’arte antichissima di origine cinese, una forma di ginnastica dolce e fluida per il benessere del corpo e dello spirito, nata in origine con valenze marziali (vedi il box a pag. 33 “Che cosa è il Tai Chi”). La seconda è l’attività fisica più naturale e alla portata di tutti: il cammino, consigliato da medici e preparatori atletici come un vero e proprio metodo di allenamento per mantenersi tonici e in buona salute.

• Nella loro azione antistress il Tai Chi e il walking possono essere complementari e potenziare l’uno gli effetti dell’altro. Parecchie regole e principi della nobile disciplina cinese, infatti, se applicati a una semplice passeggiata in un bosco o al parco, la rendono ancora più proficua e rigenerante.

Regole pratiche
Il Tai Chi walking come attività rigenerante si può praticare a qualsiasi età e non richiede preparazione fisica particolare.

Si può camminare dovunque, in un parco cittadino o su un percorso pianeggiante o scosceso. Se si sceglie un terreno irregolare o impervio, è possibile allenare maggiormente il proprio equilibrio e affinare la proprioccettività: si impara cioè a “sentire” meglio le asperità del suolo per aumentare la stabilità.

• Durante la pratica è bene indossare abiti comodi, evitando tutto ciò che stringe: per la medicina cinese, infatti, è importante che il flusso energetico possa scorrere liberamente in ogni parte del corpo.

• Per evitare tensioni muscolari eccessive, asimmetrie e squilibri nell’assetto corporeo, è consigliabile evitare di appesantirsi con grossi zaini, ma soprattutto di sbilanciarsi con borse portate con una sola mano o su una spalla.

Passi eseguiti “al rallentatore”
La pratica del Tai Chi può essere preparatoria a una benefica camminata fitness, perchè insegna e abitua a muoversi con maggiore consapevolezza e quindi in modo più funzionale.

Quando si cammina nella vita quotidiana, per lo più a velocità sostenuta, si utilizzano in prevalenza le grandi fasce muscolari delle gambe, che danno la spinta necessaria e proiettano il corpo in avanti. La peculiarità del Tai Chi, invece, è l’estrema lentezza nell’esecuzione dei movimenti. Anche le varie tipologie di camminata previste dalle sequenze di esercizi vengono effettuate “al rallentatore”.
Avanzando molto lentamente, si mettono in gioco tutti i muscoli del corpo, anche i più piccoli, perchè in ogni singola frazione del movimento è necessario mantenere l’equilibrio e la stabilità e contrastare la forza di gravità.

In forma e felici

Camminare è già di per se un’attività perfetta per mantenersi in salute. I suoi benefici sono infatti numerosissimi.

Per aumentare la resistenza, il tono muscolare, lo smaltimento dei grassi

Dal punto di vista puramente estetico, tonifica i muscoli e aiuta a smaltire i grassi di deposito, quindi snellisce la figura.
-• Aumenta poi la resistenza del cuore e la capacità polmonare, contribuisce a mantenere la pressione del sangue entro valori normali, migliora la “pompa muscolare” nelle gambe, facilitando il ritorno venoso e contrastando l’insorgere di disturbi circolatori agli arti inferiori.
• Inoltre lubrifica le articolazioni e le conserva in efficienza più a lungo, senza traumatizzarle, e previene I’osteoporosi.

Per recuperare il sorriso.


Come tutte le attività fisiche, ha un effetto rasserenante perchè stimola la produzione di endorfine e serotonina, sostanze che migliorano l’umore e fanno sentire vitali ed euforici.

Per svuotare la mente
Oltre a tutti questi benefici, una camminata eseguita rispettando i principi del Tai Chi offre un ulteriore vantaggio: l’attenzione si concentra a tal punto sull’ascolto di se stessi e sulla corretta esecuzione dei movimenti, che ci si dimentica dei propri problemi.
Si “svuota la mente” da pensieri e preoccupazioni e si trova uno spazio di evasione per ricaricarsi.

Un esempio pratico
Per avere un’idea dei ritmi del Tai Chi, basta pensare ai gesti necessari durante l’attraversamento di un ruscello: si appoggia un piede su un ciottolo scivoloso, si cerca l’equilibrio, poi si appoggia delicatamente l’altro piede su un ciottolo vicino, se ne tasta la stabilità e, con grande lentezza, si sposta tutto il peso su questa seconda base d’appoggio. Analogamente si procede con il passo successivo.

Abituarsi a camminare (ma anche a compiere qualunque altro gesto ) “al rallentatore” è molto utile, perchè permette di prendere coscienza di come si sviluppa il movimento, di ciò che avviene in ogni sua più piccola fase e di come il fisico si attiva per portare a compimento l’azione desiderata.

Imparare a conoscersi e capire come ci si muove rende padroni del proprio movimento, consente cioè di controllarlo e di gestirlo meglio in qualsiasi situazione, anche nella vita di tutti i giorni.

Fluidità ed equilibrio
Una perfetta consapevolezza di come si cammina; acquisita grazie al Tai Chi, porta maggiore fluidità nell’azione e migliore equilibrio anche quando si passeggia all’aperto, soprattutto se il terreno è scosceso. Ad esempio in un bosco in salita, magari con il sentiero coperto di foglie bagnate, la padronanza del gesto porta a una maggiore stabilità.

Quando camminare
Non esiste una regola precisa sulla quantità di tempo da dedicare al Tai Chi walking. Lo si può praticare un’ora tutti i giorni ma anche solo due volte a settimana.

È importante ricordare che è meglio privilegiare la qualità dell’esercizio piuttosto che la sua

quantità: meglio camminare per un breve tratto applicando correttamente tutti i principi del

Tai Chi, anziché percorrere molti chilometri distrattamente.

L’antica “ginnastica di lunga vita”
Il Tai Chi nacque in Cina nel 1200. la leggenda narra che il suo ideatore, il monaco taoista Chan Sang Fen, assistendo un giorno a un combattimento fra una gazza e un serpente, notò che la sinuosità dei movimenti del rettile era proprio la “forza” che gli permetteva di difendersi attacchi diretti della gazza.

• Diede quindi vita a un’arte marziale basata non tanto sulla violenza dei colpi e sulla potenza, quanto sulla concentrazione, sull’energia interiore, sulla fluidità dei gesti e sulla capacità di intuire le mosse dell’avversario. Sotteso al Tai Chi, infatti, c’è il concetto che “la morbidezza vince la durezza”.

• Nel corso dei secoli si affermò tuttavia una seconda valenza dell’arte del Tai Chi: quella di “ginnastica di lunga vita”. Come strumento di benessere psicofisico, infatti, lo si pratica ancora oggi.

• Nel Tai Chi si eseguono sequenze di movimenti molto lenti, dette Forme, accompagnate da un’attenta respirazione diaframmatica (cioè si gonfia l’addome) e da un costante autoascolto: si percepiscono così tutti i cambiamenti che si verificano nel corpo e in questo modo si accresce la conoscenza di se stessi.

• Molti sono i benefici psicofisici derivanti dalla pratica: muscoli tonici ed elastici, grande mobilità, aumento dell’equilibrio, miglioramento della funzionalità degli organi interni, raggiungimento di uno stato di relax.

• Secondo i principi della medicina tradizionale cinese, infine, l’esecuzione delle Forme stimola i canali in cui scorre l’energia corporea (detti meridiani), riequilibrando il flusso energetico.

I principi del Tai Chi da applicare al walking
Chi si dedica con costanza al Tai Chi è senz’altro avvantaggiato anche nel compiere una normale camminata, grazie alla maggiore conoscenza di sé.
• Ci sono tuttavia alcuni semplici principi, presi a prestito dall’antica arte cinese, che chiunque può applicare alla pratica abituale del walking.

1-Corretta postura
Camminando è importante evitare qualsiasi tensione muscolare eccessiva.

• La schiena è eretta ma non forzatamente allungata, le spalle sono rilassate, le braccia oscillano avanti e indietro lungo i fianchi, il bacino accompagna i movimenti delle gambe ma non ruota eccessivamente a ogni passo che si compie.

• Anche l’equilibrio è importante: tutto deve avvenire in scioltezza, senza gesti superflui o troppo ampi, che richiederebbero un inutile dispendio di energia per ripristinare il giusto assetto corporeo.

2-Controllo costante dei movimenti
Secondo la filosofia taoista, che sta alla base del Tai Chi e che si fonda sul principio di equilibrio degli opposti, durante una camminata è necessario che spontaneità e controllo razionale siano bilanciati.

• È quindi importante la naturalezza del gesto, che non deve essere rigido e misurato come quello di un manichino o di un automa, ma nello stesso tempo l’ascolto continuo del corpo, per sentire come lavora, capire come si sposta il peso, “guidare” la camminata ed evitare inutili sforzi. A prima vista sembra complicato, ma dopo un po’ di pratica tutto diventa invece semplice e istintivo.

3-Radicamento con il terreno
Nel Tai Chi è molto importante sentirsi sempre “un tutt’uno” con il terreno su cui si cammina.

• Muoversi e camminare stando perfettamente aderenti al suolo, infatti, aumenta la stabilità e l’equilibrio e questo si rivela utilissimo se ci si trova, ad esempio, su un pendio ripido o su un sentiero in cresta a un monte, perchè non si corre il rischio di cadere o scivolare.

• Per radicarsi bene al terreno, gli insegnanti di Tai Chi insegnano a tenere il bari centro del corpo basso. Questa condizione non si raggiunge piegando le gambe e abbassando il sedere, come si potrebbe credere, ma rilassandosi il più possibile, fino a sentire il proprio corpo più pesante e quasi “incollato” al suolo.

4-Movimento dal centro
Secondo la medicina cinese il corpo ha un bari centro energetico, situato poco al di sotto dell’ombelico: si chiama Dantian ed è un “serbatoio” da cui l’energia si diffonde in tutto il corpo.

• Nel Tai Chi gli allievi imparano a eseguire tutti i movimenti facendoli partire da questo centro energetico: muovendo, infatti, nella direzione voluta il punto Dantian, prima del resto del corpo, si mantiene una postura corretta e lo sforzo si distribuisce in modo equilibrato e armonioso fra tutti i muscoli del corpo.

• In pratica, durante la camminata si deve immaginare che il punto Dantian si sposti progressivamente in avanti, come se fosse agganciato a una corda tesa che lo tira.

• Tutto il movimento diventa più armonioso e le potenzialità motorie del corpo sono sfruttate meglio. No quindi a testa e busto proiettati in avanti, ne a slanci scomposti delle gambe nella direzione di marcia.

5-Respirazione tranquilla
Come in tutta la pratica del Tai Chi, la respirazione deve, essere calma, profonda e di tipo diaframmatico: si inspira cioè abbassando al massimo ; il diaframma e gonfiando l’addome, si espira sgonfiandolo.

Questo tipo di respirazione, infatti, migliora la funzionalità polmonare nell’ossigenazione del sangue e di conseguenza nell’ossigenazione dei tessuti e degli organi con una diminuzione del senso di affaticamento.
Inoltre induce uno stato di rilassamento e di tranquillità, perchè i movimenti completi del diaframma rallentano il battito cardiaco e placano gli eventuali stati d’ansia.

Articolo pubblicato nel Dicembre 2004

Emanuela Bruno Consulenza di Francesco Curci, insegnante di Tai Chi presso l’Associazione Energia e Forma di Ternate (Varese).

Per approfondimenti: http://www.energiaeforma.it/p.php?PAG=silhouette-donna—tai-chi-walking-rassegna-stampa-associazione&pagina=321&ambito=scuola&s-argomento=83

Tv e giornali – Vaccino morbillo e Papilloma Virus –

Premesso che siamo a favore dei vaccini, riportiamo quanto emerge da questa esagerata polemica.

Polemica sulla puntata di Report: “Falsità intollerabili”
Replica di Alessandra Borella, autrice del servizio : “Mai detto che non serve..

Non siamo contrari ai vaccini. Abbiamo però voluto dimostrare in maniera inoppugnabile come le reazioni avverse vengano sottovalutate.

A Report si voleva, probabilmente, solo mettere in dubbio la sereità e completezza di alcuni controlli sui farmaci, ma non si diceva di non vaccinarsi.

L’argomento, purtroppo, si è ben adattato ad un mare di polemiche e rivalse; anche di personaggi importanti, assai impreparati tecnicamente e culturalmente per dare guidizi sull’argomento.  

Inoltre, come riporta questa mattina, la trasmissione  Omnibus, de La7, la maggioranza dei politici intervistata da loro sulla trasmissione di Report, ha ammesso di non avere visto la puntata o cercato di ascoltarla in streeming prima di rilasciare dichiarazioni, ma solo sentito alcune frasi estrapolate dall’intera trasmissione.

LA POLITICA STA USANDO UN TEMA DI SUCCESSO SUI SOCIAL PER FARSI PUBBLICITA’ E CAMPAGNA ELETTORALE ?

VACCINI SULLA PELLE DELLE PERSONE

Secondo noi una enorme montatura per ottenere il consenso anche su altri temi; come quello politico.

Ribadito che, riconosciamo l’immensa importanza scientifica dei vaccini; anche se aperti ad ascoltare  le opinioni contrarie, ma non per questo disposti ad accettarle supinamente; ecco i fatti.

Vaccino Hpv, polemica sulla trasmissione di Report; tutti oggi condannano la trasmissione, ma forse sarebbe bene rivedere l’intera puntata.

Il conduttore Ranucci ha detto: “Mai messa in dubbio utilità (dei vaccini)”.

Estrapolando alcune frasi si può male interpretare l’idea della trasmissione; che comunque potrebbe avere sbagliato o semplicemente essere stata male interpretata o addirittura STRUMENTALIZZATA PER ALTRI SCOPI, ANCHE POLITICI ….

VACCINI USATI DALLA POLITCA A FINI ELETTORALI ?

STRUMENTALIZZAZIONE PER METTERE LE MANI SULLA RAI ? (se lo domanda la trasmissione Omnibus del 19.4.17)

Vaccino di destra e sinistra; solo perché sui social la polemica sull’argomento impazza e crea audience !!

E’ GIUSTO CHE LA POLITICA USI UN TEMA DI SUCCESSO SUI SOCIAL PER FARSI PUBBLICITA’ E CAMPAGNA ELETTORALE ? (se lo sono domandato sulla TV La7 nel programma OMNIBUS).

Ministro della Salute (non laureato e senza curriculum scientifico):

“Diffondere paura con tesi prive di fondamento”

Grillo: attacco alla libera informazione.

La storia della medicina dimostra che, è già successo che un medicinale positivo per molti può avere effetti collaterali, per alcuni. Ovviamente questo non fa piacere alle potentissime e ricchissime case farmaceutiche.

Lo stato a volte è sottomesso dal potere economico delle case farmaceutiche.

LA SOLUZIONE sarebbe NEL FINANZIARE UNA RICERCA “SUPER PARTES”, ovvero indipendente pagata dallo stato (ricerca pubblica indipendente su tutti i farmaci), comunque ribadiamo, nel frattempo è bene vaccinarsi per avere, nella popolazione, una maggioranza vaccinata; per non diffondere malattie che avevamo dimenticato.

ALTRO, E CONDANNABILE, E’ STRUMENTALIZZARE A PROPRI SCOPI POLITICI UN ARGOMENTO SERIO QUALE E ‘ LA NOSTRA SALUTE.

Soluzione SERIA: MENO PRIVATIZZAZIONE DELLA RICERCA E DELLA SANITA’ PER AVERE UNA RICERCA PIU’ INDIPENDENTE DAGLI INTERESSI ECONOMICI DELLE GRANDI MULTINAZIONALI DEL FARMACO.

Intanto gli Usa riportano oggi sui giornali:

“Se andate in Italia, fatevi il vaccino contro il morbillo”. …

 

ALLENATI AL MASSIMO PER UN FISICO DA SPIAGGIA

NIENTE DI MEGLIO PER DIMAGRIRE 

Ecco il modo migliore per bruciare calorie, senza sudare !!!

Prepararsi alle vacanze 

Il nuoto è il miglior modo per bruciare in fretta i grassi in eccesso; il nostro corpo deve mantenere una temperatura interna di 36 °, immerso nell’acqua della piscina  ( di circa 26 °) deve bruciare molte calorie non solo per nuotare, ma anche per mantenere il calore interno.

Per una remise en forme in vista delle vacanze estive, il nuoto è la disciplina ideale perché aiuta a bruciare i grassi e a rafforzare la muscolatura e l’apparato cardio-circolatorio.

L’estate si avvicina e per prepararsi alla prova costume, gli allenamenti in piscina possono fare la differenza.

Il nuoto è infatti uno sport completo e aiuta a tonificare i muscoli, migliorare la circolazione e bruciare i grassi. Per dare uno sprint in più alle sessioni in piscina, Speedo propone una linea di accessori e supporti studiati appositamente per il training.

Per potenziare gli allenamenti in piscina e migliorare così il tono muscolare, Speedo propone accessori e supporti di alta qualità che aiutano al raggiungimento dell’obiettivo: un fisico invidiabile da sfoggiare in spiaggia.

La gamma dei Fastskin training aids, realizzati da Speedo Aqualab e sviluppati in collaborazione con i migliori atleti del mondo, è costituita da supporti particolarmente innovativi pensati per le diverse esigenze dei nuotatori: ogni strumento è infatti destinato al coinvolgimento di precisi gruppi muscolari e serve per migliorare il livello di forza, resistenza e tecnica e aumentare il consumo calorico.

Gli occhialini Vue per lui e Futura Biofuse per lei sono gli alleati ideali per le sessioni di nuoto e assicurano una vestibilità ottimale, senza mai segnare il contorno occhi, per focalizzarsi solo sui propri obiettivi di training.

SUPPORTI PER IL POTENZIAMENTO DELLE GAMBE
Speedo Fastskin kickboard
La tavoletta Speedo aiuta a isolare la parte bassa del corpo per concentrarti esclusivamente sul potenziamento delle gambe ed è progettata per aiutarvi a ottenere il massimo dal vostro allenamento di nuoto. Realizzata in materiali di alta qualità grazie alla collaborazione tra Speedo Aqualab e gli atleti del Team Speedo, è disegnata appositamente per i bisogni dei nuotatori per puntare ad aumentare la forza, la resistenza o il tono muscolare.
Prezzo consigliato al pubblico: 39,90 Euro

Speedo Fastskin kick fin
Speciali pinne, dotate di particolari scanalature ai lati, per migliorare gli allenamenti in piscina e rinforzare i muscoli delle gambe. Realizzate in materiali di alta qualità da Speedo Aqualab in collaborazione con atleti del Team Speedo.
Prezzo consigliato al pubblico: 63,90 Euro

SUPPORTI PER IL POTENZIAMENTO DELLE BRACCIA E DELLA PARTE SUPERIORE DEL CORPO

Speedo Fastskin pullbuoy
Il Pullbuoy Speedo è un supporto di allenamento che aiuta a bilanciare la parte bassa del corpo, permettendoti di concentrarti sulla tecnica di bracciata. Realizzato in materiali di alta qualità da Speedo Aqualab in collaborazione con atleti del Team Speedo per le sessioni di training in piscina.
Prezzo consigliato al pubblico: 29,90 Euro

Speedo Fastskin hand paddle
Hand Paddle firmate Speedo per creare maggiore resistenza in acqua migliorando la tecnica e permettendo di allenare maggiormente i muscoli delle braccia, schiena e spalle. Realizzate in materiali di alta qualità da Speedo Aqualab in collaborazione con atleti del Team Speedo.
Prezzo consigliato al pubblico: 33,90 Euro

OCCHIALINI
Speedo Vue e Vue mirror
Occhialini progettati da Speedo per ogni sessione di allenamento in piscina. Dalla forma ergonomica e dalla vestibilità perfetta, gli occhialini Vue offrono massimo comfort e una tenuta ottimale all’acqua, senza mai segnare il contorno degli occhi. Garantiscono inoltre massima resistenza all’usura e sono dotati di lenti molto ampie, per un’ottima visione periferica, fattore che rende questo modello adatto anche al nuoto in acque libere. Le lenti sono trattate con sistema di anti-appannamento che garantisce un’eccellente trasparenza e con filtro anti UV. Inoltre, tutti i materiali usati per la produzione e l’imballo sono 100% riciclabili, 100% PVC ed eco-sostenibili. Il modello Vue è disponibile anche con lenti specchiate che permettono una visibilità perfetta contro i riflessi della luce sull’acqua.

Prezzo consigliato al pubblico: 57,00 Euro
Prezzo consigliato al pubblico – modello Mirror: 70,00 Euro
Speedo Futura biofuse 2 female
Disegnati sulla conformazione del viso femminile, i Futura Biofuse 2 Female firmati Speedo garantiscono un comfort elevato grazie all’ampia e soffice guarnizione. Adattamento perfetto e massima stabilità sul volto durante gli allenamenti in piscina.
Disponibili anche con lenti polarizzate, ideali per il nuoto outdoor o in acque libere.
Prezzo consigliato al pubblico: 23,90 Euro
Prezzo consigliato al pubblico – modello Polarised: 32,90 Euro

Informazioni: www.speedo.it

About Speedo
SPEEDO, la sua storia, la storia del costume da bagno, la storia del nuoto. Nel 1914 il giovane scozzese Alexander MacRae, emigrato in Australia nel 1910, apre una fabbrica di abbigliamento intimo dal nome Manifatture MacRae Hosiery. Ben presto l’azienda cresce anche grazie alla produzione di costumi da bagno, e il nome cambia in MacRae Knitting Mills. Negli anni 20 il mercato del costume da bagno cresce rapidamente, grazie al riconoscimento del nuoto come disciplina sportiva, ed è in questi anni che MacRae presenta il costume Racerback, che permette maggiore libertà di movimento e consente a chi lo indossa di nuotare più velocemente. Tutto ciò ispira un membro dello staff, il capitano Parsons, che conia lo slogan “Speed on in your Speedos” e nel 1928 vengono prodotti i primi costumi a marchio Speedo. Dopo la fine della Seconda Guerra mondiale si gettano le basi per l’espansione internazionale: la Speedo Knitting Mills (Holdings) Ltd nel 1951 diventa una società quotata alla borsa di Sydney. La crescita globale di Speedo continua per tutti gli anni ’60 e nel vecchio continente nasce Speedo Europe, con sede a Londra. Le Olimpiadi in Messico, nel 1968, registrano il dominio del brand: 27 delle 29 medaglie d’oro sono vinte da atleti vestiti Speedo. Negli anni 70 Speedo inizia a produrre costumi in Nylon Elastane, ancora oggi un tessuto tra i più utilizzati. Prima che il secondo millennio finisca, Speedo lancia tre tessuti innovativi: il S2000, il primo tessuto al mondo ad ottimizzare l’idrodinamicità in vasca, l’endurance, che al contrario del Nylon non si degrada a contatto con il cloro della piscina e l’Aquablade, un tessuto utilizzato per i costumi da competizione. Speedo inizia il nuovo secolo con i fuochi d’artificio, lanciando un costume rivoluzionario: il Fastskin. La caratteristica vincente del design, ispirato alla pelle dello squalo, viene accolta con entusiasmo da nuotatori come Michael Phelps che in tre edizioni dei Giochi Olimpici (Atene 2004, Pechino 2008 e Londra 2012) conquista 22 medaglie di cui 18 d’oro. Attualmente Speedo è di proprietà di Pentland Group Plc, e opera dal quartiere generale di Nottingham, Inghilterra. Attualmente, il marchio SPEEDO® è registrato in 112 nazioni, di cui 7 distribuite da Oberalp SpA, con sede a Bolzano.

SALUTE in cucina – Eliminare gli eccessi di proteine animali – Brodo per purificarsi – disintossicarsi – migliorare lo stato di salute

Molte persone onnivore, oggi, decidono, se non di smettere, almeno di diminuire il consumo di proteine animali.

Questo brodo aiuta a purificare l’organismo dagli eccessi di pasti abbondanti e ricchi di grassi.

Abbiamo provato un brodo, dalla ricetta semplice, che cerca di riunire gli ingredienti sani della cucina giapponese.

La ricetta è facile e non ha certo la raffinatezza della cucina più ricercata, ma ci è parsa abbastanza buona e sana; da preparare senza troppe complicazioni.

Semplice e breve cura disintossicante; da copiare per tre sere la settimana; sino all’estate.

Questo brodo potrà sostituire, per almeno tre giorni, il primo piatto serale e potrà essere seguito da un secondo leggero con verdura e frutta per terminare (meglio se cotta).

Ovviamente chi mangia poco il mezzogiorno e poco a colazione non potrà rinunciare ad un secondo piatto più nutriente, almeno la sera.

INGREDIENTI PER IL BRODO

500 gr. di acqua

200 gr.  di alga Kombu (nei supermercati ben forniti)

1 cipolla tritata

1 cipollotto tritato

2 carote tritate

2 gambi di sedano tritati

se siete carnivori:

-1 osso con nervi e carne (senza grasso); oppure un pezzo di carne da bollito

se siete vegetariani o vegani:

-100/150 gr. di legumi vari ammollati la sera precedente, sia quelli di soia sia i comuni fagioli borlotti  mescolati con lenticchie  e/o ceci a piacimneto.

-un paio di chicchi di pepe

  • da aggiungere a fuoco spento: uno o due cucchiai di miso (oggi in tutti i supermercati ben forniti); secondo il votro gusto, assaggiate e decidete la quantità di sapore che preferite.

-Solo se ne sentite la mancanza aggiungete anche un poco di sale.

PREPARAZIONE

Solo il miso va aggiunto alla fine della cottura.

Cuocere tutto nell’acqua; almeno un’ ora e 1/2.

Con la pentola a pressione consigliati 60′.

Se non vi piacciono i pezzi di verdura e i fagioli interi, toglieteli con una schiumarola e frullateli con l’alga.

La carne, se c’è,  è meglio servirla a piccoli pezzi nel brodo.

Servire in una fondina; se avete molta fame aggiungete un uovo sodo, meglio se  BIO, a fette (le proteine dell’uovo e della carne vi aiuteranno a smorzare la fame).

FARE IL SAPONE COME ? – Sapone in casa il meglio per la vostra salute

La ricetta per fare in casa il sapone

Avrete così a disposizione, per almeno 2 anni, del sapone che deterge VERAMENTE e aiuta a togliere quotidianamente le cellule morte, senza spendere in scrub e altro.

Inoltre sarà occasione per graditissimi regali.

Senza dimenticare che questo sapone, usato puro sulle macchie  strofinando un poco, le toglie ZENZA DANNEGGIARE IL TESSUTO E SENZA ARRICCHIRE L’AMBIENTE E IL VOSTRO CORPO DI SOSTANZE CHIMICHE DANNOSE.

Servono:

utensili vecchi che non si riutilizzeranno per cucinare (la pentola di acciaio può essere recuperata dopo lungo lavaggio, accurato, anche con aceto)
guanti sicuri di gomma NO ai guanti in lattice; troppo sottili e non coprono gli avambracci !!!

occhialini da piscina

foulard per riparare bocca e naso

cucchiaio di legno

caraffa in pirex

pentola di acciaio

termometro da forno

plastica robusta per numerosi stampi
——–
1 kg.olio extra vergine o altro grasso

300 gr acqua distillata

128 gr di soda caustica

300 gr di infuso di fiori di lavanda o latro

10 ml di olio di lavanda o altro diluito con 1 cucchiaino di amido di riso o di mais

——-

Iniziare ben bardati con il necessario

Far sciogliere la soda nell’acqua.
La soda a contatto conl’acqua 8o qualunque liquido) provoca una reazione chimica che porta il liquido a scaldarsi molto velocemente, anche oltre 80°; sono possibili degli schizzi di acqua calda o pezzetti di soda.

E’ molto importante versare la SODA nell’ACQUA e NON VICEVERSA

In caso di contatto accidentale con la soda caustica sulla pelle mettere la parte colpita sotto abbondante acqua corrente.

Poi mettere in pentola di acciaio i grassi e la soda a 40 /50°

mescolare molto bene

quando si addensa, piano piano, si arriva allo stadio detto “nastro”.

Solo ora si possono aggiungere gli olii essenziali, i coloranti e altro, mescolare.

Versare negli stampi.

Coprire il tutto con vecchie coperte

Riposo per 4/5 settimane

8 settimane se si usa solo olio d’oliva.

ECCELLENZE GASTRONOMICHE – ZAFFERANO e proprieta’ salutistiche – Ricette

LO ZAFFERANO

Più sotto trovate alcune nuove ricette

Zafferano 672 sd

Nome scientifico Crocus sativus;  si tratta di una piccola pianta erbacea appartenente alla famiglia delle Iridacee. La parte commestibile sono gli stimmi, raccolti con grande cura dal fiore.

ZAFFERANO E I SUOI BENEFICI PER LA SALUTE

Lo zafferano fu inizialmente utilizzato come antidepressivo.
Furono le popolazioni arabe che scoprirono, per prime, le proprietà terapeutiche dello zafferano che si può anche definire come una specie di antidepressivo naturale. La parola araba “za’faran”, significa giallo.

MINERALI CONTENUTI NELLO ZAFFERANO: 

-calcio,fosforo, sodio, potassio, ferro, magnesio e manganese, rame, zinco e selenio.

LO ZAFFERANO CONTIENE ANCHE PREZIOSE VITAMINE:

-vitamina A, B1, B2, B3, B6 e vitamina C. Inoltre: beta-carotene e alfa-carotene.

Vengono attribuite allo zafferano anche proprietà rilassanti che aiutano a combattere i sintomi della sindrome premestruale; come gli sbalzi di umore e la tensione nervosa.

Quale antinfiammatorio lo zafferano è consigliato anche per le infiammazioni delle vie respiratorie (così frequenti nelle nostre città inquinate); l’asma in particolare. Questa spezia aiuta a liberare le vie respiratorie e ne riduce l’infiammazione (vedi più sotto come preparare il tè o il latte allo zafferano).

UN GRANDE BENEFICIO PER LA PELLE

Gli antiossidanti dello zafferano sono benefici per la pelle, tantio che ne rallentando l’invecchiamento cellulare. Ottimo aggiungere un poco di acqua di zafferano a qualunque crema per il viso (l’acqua di zafferano si ottiene mettendo 3/4 pistilli in un cucchiaio di acqua tiepida e lasciandoveli per una notte intera); efficacissimo anche aggiunto alla papaya, che aiuta ad eliminare le cellule morte del viso (frullare la papaya con 3 o 4 pistilli; utilizzare come maschera per un’intera settimana; lasciandola in frigorifero).

UN NATURALE TRANQUILLANTE PER LA NOTTE
Prima di dormire bere un tè preparato con 3 pistilli di zafferano; oppure bollire i pistilli nel latte e bere il tutto, anche i pistilli.

ALTRE PROPRIETA’

Lo zafferano è usato pure come cura per la psoriasi e per eliminare i gas prodotti dallo stomaco e dall’intestino; bevendo l’acqua o il tè di zafferano

GLI EFFETTI DELLO ZAFFERANO SONO TALMENTE POTENTI CHE E’ NECESSARIO FARE ATTENZIONE ALLE DOSI: 10 GRAMMI (ma è una dose quasi impossibile da ingerire; dato l’alto costo) possono causare aborto in una donna in gravidanza.

NESSUNO DOVREBBE MAI ASSUMERE PIU’ DI 1,5 GRAMMI DI ZAFFERANO PURO AL GIORNO.

Riassumendo
LE PROPRIETA’ SALUTARI DELLO ZAFFERANO
Lo zafferano è un potente antiossidante; ovvero aiuta l’organismo ad eliminare le tossine che sono la maggior causa di invecchiamento dell’organismo.
Inoltre lo zafferano è molto ricco, in particolare, di vitamina A; la vitamina A è tanto più presente, quanto più il colore è intenso.

DA DOVE PROVIENE LA MAGGIOR PARTE DELLO ZAFFERANO, E POLVERE, VENDUTO UN ITALIA

Oggi la maggior parte dello zafferano venduto in Italia proviene dall’Iran. Qui la manovalanza è pagata cifre irrisorie.
Il costo dello zafferano Iraniano è intorno ai 5 euro al grammo.

UN PRODUTTORE NOSTRANO DI ZAFFERANO VICINO AL LAGO DI COMO

Lo zafferano prodotto dall’ Azienda Agricola Collina d’ Oro, è un’eccellenza tutta Italiana, un prodotto puro di alta qualità; con grandi proprietà salutistiche.
Il proprietario si chiama Germani Rolando.

ZAFFERANO 450 SIG p

E’ possibile acquistare il prodotto via internet o sul posto e godere di una visita della produzione, su richiesta, recandosi in via delle Vigne 2, Faloppio, a circa 10 km. dal lago di Como.
Il signor Rolando Germani è un perito agrario che, con grande coraggio, ha iniziato un’attività di nicchia che punta sull’eccellenza del prodotto.

Ecco cosa ci spiega, sullo zafferano italiano, il proprietario dell’azienda: “Abbiamo notato che lo zafferano prodotto in Italia ha un potere colorante e aromatico, più alto di quello d’importazione.
Lo zafferano Collina d’Oro è venduto solo in pistilli. Questo garantisce che nulla sia stato aggiunto.
Per raccogliere un chilogrammo di zafferano sono necessarie 500 ore di lavoro.
Questo giustifica il costo attuale di 28/30 euro al grammo”.

Dopo un’attività di produzione di latticini e formaggi, il signor Germani ha deciso di affrontare con coraggio e decisione un nuovo lavoro: la produzione dello zafferano.
Due anni sono serviti per la sola sperimentazione, a partire dal 2013, dopo avere seguito un corso specifico nelle Marche.

Ecco le parole del sig. Germani: “Da una piccola coltivazione di un centinaio di bulbi, oggi sono arrivato a 145.000 bulbi.
Nel 2015 è arrivata la bellissima sorpresa; la raccolta di ben un chilogrammo di zafferano; venduto a clienti che lo sanno apprezzare; chef di livello e negozi specializzati”.

Lo zafferano Collina d’Oro è anche in vendita on line sul sito www.zafferanoacomo.com.

Chiunque può ordinare, senza alcun quantitativo minimo.

Per l’Italia le spese di spedizioni sono di 10 euro, ma chi abita nelle zona, può fare una scampagnata e acquistarlo direttamente telefonando al numero cellulare 335.706.11.65. Acquistare lo zafferano Collina d’Oro sul posto, vuol dire anche usufruire di una visita guidata in un panorama incontaminato e circondati dal bel panorama alpino.

La confezione più piccola, per chi lo volesse testare, costa 7,40 euro.

Chiediamo al proprietario dell’azienda Collina d’Oro come usare lo zafferano puro.
I pistilli di zafferano per un risotto corrispondono a 6 pistilli per persona. Lo zafferano va messo in ammollo in acqua tiepida, per almeno 6/7 ore, ma anche più. Solo in questo modo è possibile apprezzare appieno gli aromi e il colore dello zafferano Collina d’Oro.
Ma lo zafferano si può utilizzare come ingrediente per moltissimi piatti che diventano così molto più salutari.
Per esempio anche la pasta è ottima se condita con lo zafferano (sempre previo ammollo in acqua tiepida, basta un cucchiaio, per almeno 6 o 7 ore) e fiori di zucca saltati, meglio ancora se la pasta è accompagnata da un sugo fatto saltando qualche porcino affettato sottilmente e un poco di panna.
Si può aggiungere lo zafferano al crème caramel, al tirami su, ai biscotti ecc…sempre previo ammollo in acqua come spiegato sopra”.

COME PREPARARE UNA BEVANDA ALLO ZAFFERANO
Una ricetta della nonna con lo zafferano puro:
1 litro di acqua più 6 pistilli di zafferano; lasciare macerare per 10 ore circa e bere come dissetante o digestivo. Si mantiene perfetto per qualche giorno IN FRIGORIFERO. Ottimo in esatte con il ghiaccio.

Nel sito www.zafferanoacomo.com trovate molte ricette che esaltano il sapore del vero zafferano puro dell’Azienda Collina d’ Oro.

ECCO ALCUNE DELLE RICETTE

Risotto con zafferano e broccoli
Ingredienti:
Per 4 persone

350 g di riso carnaroli
1 broccolo
1 scalogno
1 bicchiere di vino bianco
Zafferano Collina d’Oro (4 stimmi)
parmigiano
Olio Evo
sale e pepe

Preparazione:
Dividete le cime dei broccoli, lavateli e lessateli in acqua bollente salata. Scolateli ancora al dente e lasciate l’acqua di cottura sul fuoco basso, se occorre insaporitela con del brodo granulare vegetale.
Tritate sottilmente lo scalogno e fatelo appassire in una padella con dell’olio. Versati i broccoli, pepate e fateli cuocere per 5 minuti, quindi trasferitene i 3/4 in una boule.

Versate il riso nella padella, fatelo tostare, bagnatelo con il vino fino a evaporazione.
Continuate la cottura del riso bagnandolo un po’ alla volta con l’acqua dei broccoli, a metà cottura aggiungete gli stimmi di zafferano, che avrete lasciato in infusione nel brodo caldo per almeno 12 ore. Mescolate.

Due minuti prima di spegnere, unite il resto dei broccoli, mescolate ancora, quindi aggiungete il parmigiano. Prima di servire fatelo riposare per 1 minuto.

Impiattate e servite.

Millefoglie di zucchine allo zafferano
Ingredienti:
Per 6 persone

800 g di zucchine
2 uova
100g di latte
70g di farina
20g di burro fuso e freddo
11g di lievito in polvere
10g di sale
Zafferano Collina d’Oro (4 stimmi)
parmigiano grattugiato fresco

Preparazione:
Ridurre lo zafferano in polvere nel mortaio e mescolarlo con il latte intiepidito, nel quale dovrete lasciarlo in infusione per almeno 30 minuti.

Setacciare insieme farina e lievito in polvere, aggiungendo poi il sale.
Nel frattempo, sbattere le uova in una ciotola. Aggiungere prima il burro fuso, poi il latte profumato allo zafferano e mescolare. Aggiungere poco alla volta la miscela di farina, meglio se setacciata.
Preriscaldate il forno a 200 ° C.

Tagliare le zucchine a fettine sottili e immergerle nella crema appena preparata. Versare l’impasto uno stampo imburrato e infarinato (20×20) e scuoterlo leggermente per appiattire le zucchine, quindi spolverare con parmigiano grattugiato ed infornare a 200°C per 40minuti.

Lasciar raffreddare completamente prima di sformarlo e servitelo preferibilmente tiepido.

 

Torta salata vegan allo zafferano
Ingredienti:
Per 8 persone

1 rotolo di pasta brisé vegan
700 gr patate
250 gr di piselli sgocciolati (equivalente a 1 scatola)
3 carote medie
300 ml latte di soia
1 confezione di panna di soia
Zafferano Collina d’Oro (4 stimmi)
prezzemolo
olio evo
sale
pepe

Preparazione:
Mettete a cuocere le patate in una pentola – a voi la scelta se cuocerle già pelate – nella quale metterete anche le carote tagliate a dadini.

Quando le patate saranno cotte, mettetele in una ciotola e incominciate a ridurle in poltiglia, con l’aiuto di una forchetta, mentre le carote resteranno da parte. Quando avrete ottenuto una polpa omogenea, lasciate raffreddare per 15 minuti. Nel frattempo, in un piccolo contenitore, unite gli stimmi di zafferano che avrete sminuzzato in un mortaio e lasciato in infusione in acqua calda per almeno 30 minuti. Quindi aggiungete la panna liquida e continuate a mescolare, finché lo zafferano non si sarà amalgamato completamente.

Nella boule con le patate aggiungete le carote a dadini, i piselli sgocciolati, il prezzemolo, il sale il pepe e un filo di olio evo. Incominciate a mescolare amalgamando bene e se il composto è troppo compatto, aggiungete olio Evo.

Ora stendete la pasta brisé vegan nella teglia e bucherellate il fondo con una forchetta. Versate quindi il composto nella teglia e copritelo con panna e zafferano.

Chiudete i lembi e infornate a 180 per 40 minuti.

ANZIANI E ASSISTENZA – Vademecum per scegliere la badante ideale

ANZIANI E ASSISTENZA: LE RICHIESTE CAMBIANO,

-NO ALLA BADANTE ‘SMARTPHONE DIPENDENTE’,

-BANDITE LE URLATRICI

-LE GIOVANI TROPPO AVVENENTI.

Il vademecum per scegliere la badante ideale secondo Progetto Famiglia Network

 – Grazie ai progressi della medicina e della ricerca, la popolazione mondiale di età superiore ai 60 anni raddoppierà entro il 2050, passando dai 900 milioni di individui di oggi a quasi 2 miliardi, e supererà il numero dei bambini di età inferiore a 5 anni entro il 2020.

È quanto emerge dall’ultimo Rapporto sull’Invecchiamento e la Salute dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Secondo le stime dell’Oms, a livello globale, la popolazione aumenta a ritmi sempre più veloci: oggi, per la prima volta nella storia, la maggior parte delle persone raggiungono e superano i 60 anni, mentre 125 milioni di persone nel mondo raggiungono gli 80.

L’Italia,  si attesta al secondo posto per popolazione più anziana al mondo: il 21,4% dei cittadini è over 65 e il 6,4% è over 80, seconda solo al Giappone, e medaglia d’oro d’Europa, seguita da Germania e Portogallo.

In Italia sono 2 milioni gli anziani ad aver bisogno di una badante, per una spesa media annua di 14mila euro in Lombardia,fino ai circa 9.000 del Piemonte

Ma quando ci si trova di fronte alla necessità di scegliere una persona che si prenda cura del proprio caro ammalato, quali sono i criteri di scelta?

Il colloquio per scegliere il o la badante è fondamentale per verificare i requisiti del candidato, il livello di empatia, la disponibilità e la motivazione – sostiene Lorenti Francesco Lorenti, CEO e Founder di Progetto Famiglia Network, – Chi necessita di un care giver di solito ha in mente un profilo ‘ideale’ e delle richieste ben precise”. Quali sono queste caratteristiche?

1. Le competenze: la persona selezionata deve avere almeno un paio d’anni di esperienza nel settore e un attestato di un corso di formazione in area sociosanitaria (OSS, OSA). Fondamentale poi, ancor prima di verificare le referenze, è che tutti i documenti siano in regola e che se il candidato è straniero, sia in possesso di regolare permesso di soggiorno.

2. Le referenze: chi sceglie una persona per badare ai propri cari si sente infinitamente più tranquillo se può verificare l’incarico svolto in precedenza e il livello di soddisfazione dei precedenti datori di lavoro

3. “Un altro requisito da cui non si prescinde è la lingua – specifica Lorenti – La persona deve saper parlare l’italiano. In taluni casi mi è stato chiesto, un po’ ingenuamente, se fossi in grado di fornire badanti che capissero e parlassero il dialetto, poiché spesso l’anziano parla solo il dialetto locale”.

4. La cucina è un aspetto ugualmente fondamentale: “Non mi è mai capitata una richiesta che escludesse questa capacità: la badante deve saper cucinare, così come deve essere in grado di assistere fisicamente e psicologicamente l’anziano, curarne l’igiene personale ecc.”, prosegue Lorenti.

5. I tempi cambiano e neanche le badanti sono più quelle di una volta: “Le famiglie richiedono esplicitamente e sempre più spesso care giver non ‘smartphone – dipendenti’ – aggiunge Lorenti – Spesso la badante è straniera e passa molto del suo tempo sui social network per comunicare con parenti o amici lontani, ma questo tempo viene sottratto al malato o alla persona da assistere, che si sente di conseguenza abbandonata a se stesso”.

6. Anche l’aspetto fisico ha una valenza, ma nel caso della scelta della badante avviene il contrario di ciò che ci si aspetterebbe: “Se la care giver è donna le famiglie spesso richiedono esplicitamente che non sia troppo avvenente. Vogliono evitare il rischio che l’anziano perda la testa e chieda alla badante di sposarlo, con conseguente perdita dell’eredità”.

7. Infine c’è un aspetto a cui si inizia a dare maggiore importanza, evidentemente per alcune differenze di abitudini fra un popolo e l’altro. “Da qualche tempo mi viene richiesto che il/la badante non abbia un tono di voce troppo alto. Molti anziani infatti sono ‘scombussolati’ dalla modulazione molto squillante di alcuni care giver, di provenienza soprattutto dell’Est Europa o dall’Asia”.

A volte però l’istinto di chi sceglie conta più di un buon curriculum nella scelta della persona. Anche per chi cerca un care giver di professione.

Progetto Famiglia Network è una rete nazionale di servizi alla persona, dedicata agli anziani, ai malati e alle loro famiglie. Progetto Famiglia Network è nata nel 2010 e conta su 30 filiali in Italia, dalla Lombardia alla Sicilia. I professionisti di progetto Famiglia Network si occupano, 24 ore su 24 per 365 giorni l’anno, di assistenza familiare e ospedaliera, servizi socio-educativi, sostituzione e integrazioni di badanti, oltre che di gestione globale di servizi residenziali attraverso l’organizzazione ed erogazione di prestazioni professionali, da quelle infermieristiche a quelle di riabilitazione, di assistenza sociale, di sostegno psicologico e di supporto medico.

Per informazioni, http://www.progettofamiglianetwork.com/.

COSA E’ IL FILM LACRIMALE SANO ? – Occhio secco e le allergie da pollini

Più sotto i consigli per evitare o limitare i problemi dell’occhio secco

S.O.S. primavera:
la sindrome da occhio secco e le allergie da pollini

La primavera può essere accompagnata da infiammazione cronica della superficie oculare, instabilità lacrimale e sofferenza dell’epitelio corneale e congiuntivale.

COSA E’ IL FILM LACRIMALE SANO ?

Un film lacrimale “sano” è costituito da una miscela di lipidi, acqua e mucine.

La secrezione di muco, lipidi e acqua è dunque essenziale per l’idratazione dell’occhio, a sua volta importante per la fisiologia e le funzioni ottiche.

La componente lipidica gioca un ruolo importante nel prevenire l’evaporazione e nello stabilizzare il film lacrimale: quindi, qualsiasi alterazione delle secrezione lipidica si traduce in una più facile evaporazione del film lacrimale e in una sua destabilizzazione. Questa conduce all’occhio secco. 

La componente acquosa costituisce la massa maggiore del film lacrimale e veicola nutrienti e ossigeno alla cornea (che è priva di vasi); inoltre, contribuisce alla rimozione dei detriti, protegge la superficie oculare grazie a enzimi dotati di proprietà antibatteriche e idrata la superficie dell’occhio.

Ovviamente, una diminuita produzione della componente acquosa o una sua eccessiva evaporazione porta alla sindrome dell’occhio secco.
Può anche accadere che l’alterazione del film lacrimale (e il conseguente sviluppo di una sindrome da occhio secco) si verifichi in presenza di una normale produzione e composizione delle lacrime, ciò può avvenire per esempio in seguito a problemi alle palpebre, come per esempio una lassità della palpebra inferiore, un margine palpebrale ectopico, una chiusura palpebrale incompleta, ma anche ad una ridotta frequenza di ammiccamento o a un ammiccamento incompleto.

UN TEST CHE TUTTI POSSONO FARE

SMART TEST PER INDIVIDUARE I SINTOMI DELLA SINDORME DA OCCHIO SECCO
Il questionario DEQ-5 (Dry Eye Questionnaire) per l’individuazione dei possibili casi di occhio secco può essere autosomministrato. La sua compilazione può essere suggerita a tutti coloro che presentino secchezza o fastidi oculari; permette di riconoscere i pazienti in cui sospettare la presenza del disturbo e che dovranno fare riferimento allo specialista.

NELL’ULTIMO MESE CON QUALE FREQUENZA HA PERCEPITO FASTIDIO OCULARE1
0 1 2 3 4
Mai Sempre
IN CASO DI FASTIDIO OCULARE, QUALE ERA L’INTENSITA’ DI TALE FASTIDIO AL TERMINE DELLA GIORNATA?
0 1 2 3 4 5
Nullo Molto forte
CON QUALE FREQUENZA HA AVVERTITO SECCHEZZA OCULARE?
0 1 2 3 4
Mai Sempre
IN CASO DI SECCHEZZA OCULARE, QUALE ERA L’INTENSITA’ DI TALE SENSAZIONE AL TERMINE DELLA GIORNATA, NELLE DUE ORE PRECEDENTI AL MOMENTO DI CORICARSI?
0 1 2 3 4 5
Nullo Molto forte
CON QUALE FREQUENZA LE SEMBRA CHE I SUOI OCCHI SOFFRANO DI LACRIMAZIONE ECCESSIVA ?
0 1 2 3 4
Mai Sempre
Si considera positivo un punteggio complessivo superiore a 6. Nel caso di un punteggio superiore a 12 è necessario considerare la possibilità di una sindrome di Sjogren2

CONSIGLI PRATICI

Dal gruppo P.I.C.A.S.S.O.* alcuni consigli pratici che possono essere utili per limitare i disturbi in chi soffre di occhio secco:

  • idratare l’occhio adeguatamente con sostituti lacrimali/colliri ad azione completa;
  • evitare di stare a lungo in ambienti secchi (riscaldamento, aria condizionata) che peggiorano i sintomi;
  • evitare l’esposizione diretta a fonti di aria o di calore;
    ricordarsi di chiudere gli occhi per qualche secondo quando si legge, si lavora al computer o si è molto concentrati in qualche attività;
  • umidificare gli ambienti in cui si abita e si lavora;
    evitare l’utilizzo di lenti a contatto finché non si ristabilizza la salute della superficie oculare.

 L’arrivo della primavera coincide in Italia con un appuntamento fisso con le allergie da pollinazione per quasi una persona su 5 (il 19,5% della popolazione). Le allergie sono in continuo aumento, secondo la fotografia scattata da Assosalute, l’Associazione nazionale farmaci di automedicazione. Questa costante crescita è da correlare al processo di industrializzazione e a quello di urbanizzazione, che ha trasformato le comuni allergie stagionali in fenomeni perenni e persistenti.

A rimetterci sono molto spesso gli occhi: i gas inquinanti e il microparticolato si depositano sulla congiuntiva innescando una reazione infiammatoria. La persistenza dell’infiammazione altera la barriera epiteliale e attiva le cellule del sistema immunitario.

“Ci sono 4 forme di congiuntivite: la congiuntivite allergica stagionale (SAC), la congiuntivite allergica perenne (PAC), la cheratocongiuntivite Vernale (VKC) e la cheratocongiuntivite atopica (AKC).” – sottolinea la dott.ssa Pierangela Rubino, specialista in oculistica della Sezione di Oculistica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, Direttore Prof. S. A. Gandolfi. – La SAC e PAC sono le congiuntiviti allergiche più comuni e si riscontrano nel 15-20% della popolazione. Sono quasi sempre presenti le IgE specifiche per l’allergene perenne o stagionale e interessano i giovani adulti tra i 20-40 anni, senza predilezioni di sesso, e sono spesso associate a malattie atopiche.”
La cronica stimolazione del sistema immunitario si accompagna al rilascio di istamina e di altri mediatori dell’infiammazione, che sono responsabili della: vasodilatazione e aumento della permeabilità vascolare, e quindi del rossore oculare  stimolazione nervosa, che si traduce nel prurito  ipersecrezione a carico della ghiandola lacrimale, con conseguente lacrimazione

“La terapia delle congiuntiviti allergiche è quella di evitare l’agente nocivo che le causa, ma questo può risultare difficile per gli allergeni perenni e perché la superficie oculare è troppo ampia per evitare i comuni allergeni (per esempio quelli presenti nell’aria). Tra i principali trattamenti che sono utili per allontanare l’allergene ricordiamo i sostituti lacrimali che hanno la funzione duplice di diluire l’allergene e i mediatori dell’infiammazione e di rimuoverlo dalla superficie; tali trattamento sono coadiuvanti dei trattamenti specifici per le allergie cioè dei colliri antistaminici, di quelli con gli stabilizzatori di membrana e di quelli con il cortisone che sono usati nei casi più gravi di allergia.” – conclude la dott.ssa Rubino.
Per indirizzare verso un corretto percorso diagnostico la dott.ssa Rubino assieme al Gruppo P.I.C.A.S.S.O.* ha promosso, con il contributo di Thea Farma, lo smart test, grazie al quale è possibile misurare la probabilità di soffrire di occhio secco, che spesso è presente nelle congiuntiviti allergiche. E per una corretta gestione della problematica si ribadisce l’importanza dell’oculista come esperto cui fare riferimento.
Proprio nei casi più comuni di secchezza oculare, quali quelli legati alle allergie, è utile l’uso di un sostituto lacrimale che, oltre a diluire e allontanare l’allergene, vada ad agire sull’instabilità lacrimale, il danno epiteliale e l’infiammazione, grazie all’azione del trealosio (un disaccaride con proprietà protettive, antiossidanti e idratanti), e dell’acido ialuronico (ialuronato sodico, un polisaccaride con proprietà di ritenzione dell’acqua) che è in grado di prevenire la denaturazione delle proteine, la degradazione dei lipidi, e di idratare e lubrificare la superficie corneale.

Le lacrime artificiali ad ampio spettro sono efficaci nel ripristinare il film lacrimale e la qualità dell’epitelio.

* Partners Italiani per la Correzione delle Alterazioni del Sistema di Superficie Oculare:
prof. Pasquale Aragona – Professore Ordinario di Oftalmologia, Università di Messina, Dipartimento delle Scienze Biomediche
dott.ssa Emilia Cantera – Ospedale Israelitico, Roma
dott.ssa Rita Mencucci – Clinica Oculistica di Firenze
prof. Maurizio Rolando – Centro Superficie Oculare, IsPre Oftalmica, Genova
dott.ssa Pierangela Rubino – Dirigente Medico, AOU di Parma

UNA SOLUZIONE AL PROBLEMA DELL’OCCHIO SECCO

Forma:
soluzione oftalmica acquosa in flaconcino multidose, da somministrare mediante instillazione nell’occhio o su lenti a contatto.

Principi attivi:
trealosio 3%, un disaccaride con proprietà protettive, antiossidanti e idratanti (stabilizzante delle membrane cellulari, previene la denaturazione delle proteine e la degradazione dei lipidi);
ialuronato sodico 0,15%, un polisaccaride con proprietà di ritenzione dell’acqua (idratazione e lubrificazione della superficie corneale).

Indicazione d’uso:
è utilizzabile in caso di fastidio, bruciore o irritazione degli occhi. Tali sintomi possono essere causati da fattori esterni come vento, fumo, inquinamento, polvere, esposizione al sole o al freddo, caldo secco, aria condizionata, viaggi in aereo, lavoro protratto di fronte allo schermo del computer, ecc. Protegge, idrata e lubrifica a lungo la superficie oculare in tutti questi casi, per un rapido comfort.

Prezzo:
€ 20,00

È un dispositivo medico CE nr. 0459, leggere attentamente le istruzioni d’uso.
Autorizzazione ministeriale del 04.03.2016.

IL GRUPPO THEA E LA FILIALE ITALIANA THEA FARMA

Laboratoires Théa è il primo laboratorio farmaceutico indipendente in Europa specializzato nella ricerca, nello sviluppo e nella commercializzazione di prodotti oftalmici.
La sua storia è da sempre legata alla famiglia Chibret, dinastia nota nell’oftalmologia francese, che negli anni e attraverso le generazioni della famiglia ha condiviso la passione per l’oftalmologia ed ha introdotto grandi novità dal punto di vista dei trattamenti in campo oftalmico.

Il gruppo Théa infatti è da sempre impegnato nella ricerca e nello sviluppo di prodotti e tecnologie innovative. La missione principale del gruppo è quella di soddisfare le esigenze di tutti gli oculisti e dei loro pazienti, offrendo una gamma di prodotti di alta qualità e tecnologie all’avanguardia.
In Italia, il gruppo Théa arriva nel 2002 con l’acquisizione di Farmila, società privata nata nel 1946 e specializzata nella produzione di prodotti oftalmici e prodotti in ORL. In seguito all’acquisizione, Farmila ha subito una riorganizzazione profonda, sia dal punto di vista delle attività commerciali, affidate a Thea Farma, sia dal punto di vista della produzione, dominio di Farmila-Théa, diventando oggi uno dei siti produttivi più performanti d’Europa.
Thea Farma offre agli oculisti un ampio portfolio prodotti coprendo diverse aree terapeutiche: la secchezza oculare, il glaucoma, le infezioni e le infiammazioni oculari, prodotti per il trattamento e la prevenzione della DMLE, le allergie, prodotti utilizzati nella chirurgia oftalmica. Offre tecnologie all’avanguardia (sistema ABAK) che garantiscono la conservazione dei prodotti senza l’utilizzo di conservanti e di conseguenza senza danneggiare la superficie oculare.

In forma per l’estate – Facile e salutare mangiando bene secondo il metodo di Frank Laporte Adamski

” Per vivere più a lungo e in forma occorre avere il tubo digerente pulito “

Non è la solita dieta, ma segue i principi delle medicine tradizionali; con un’intestino in ordine anche i chili scendono e si guadagna in salute

Ridurre il gonfiore addominale, ma anche migliorare la circolazione sanguigna, contro la stanchezza e l’insonnia.

Un libro da leggere tutto d’un fiato che vi porterà dritti all’estate e ad un buono stato di salute

Per vivere più a lungo e in forma occorre avere il tubo digerente pulito” – ripete da più di trent’anni Frank Laporte –Adamski, naturopata, osteopata, Heilpraktiker, creatore di una regolazione alimentare che fa funzionare meglio l’organismo migliorando la salute e la forma fisica.

Il benessere fisico e psichico deriva da un apparato digerente pulito

Tutto ciò che mangiamo lascia dei residui nelle pareti del tubo digerente, che finisce per irritarsi o, nel peggiore dei casi, intasarsi.

Pertanto il corpo si ritrova appesantito, meno reattivo e più esposto a disturbi come mal di schiena, emicrania, insonnia e problemi circolatori.

Da oltre trent’anni il naturopata e osteopata Frank Laporte-Adamski promuove unmetodo alimentare finalizzato a trattare nel modo migliore il «secondo cervello» il nostro intestino, da cui dipendono non solo la digestione, ma anche il 70% delle funzioni del nostro sistema immunitario.

Qual è il principio alla base del Metodo Adamski?

Alimentarsi tenendo separati cibi a caduta veloce (30 minuti) e cibi a caduta lenta (4-5 ore).

L’educazione alimentare Adamski si rivela una soluzione efficace non solo nella riduzione del gonfiore addominale ma anche in dermatologia, per la circolazione sanguigna, contro la stanchezza e l’insonnia.

Il Metodo Adamski si sta diffondendo a macchia d’olio e sono già diversi i personaggi dello spettacolo, come Francesca Neri e Claudio Santamaria, che lo seguono con enormi benefici.

«C’è chi dice che per essere felici bisogna ascoltare il proprio cuore e agire di conseguenza, e probabilmente è vero. Ma fidatevi di me quando affermo che il vostro intestino ha cose altrettanto importanti da dirvi. La strada verso la felicità comincia dal luogo più familiare di tutti: il bagno di casa vostra!»
Frank Laporte-Adamski.

NUOVO LIBRO di Frank Laporte Adamski IN DISTRIBUZIONE NELLE MIGLIORI LIBRERIE ITALIANE

LA DIETA ADAMSKY

disponibile anche IN VERSIONE E-BOOK

14,90 euro