Archivi categoria: pasta; quali le origini?

storia della pasta; chi ha inventato la pasta?

PASTA: DA CHI FU INVENTATA? CINESI? ARABI? ITALIANI?

Tutto dipende da cosa si intende per pasta.

La disputa su chi ha il diritto di dichiararsi l’inventore della pasta è antica.

Ovviamente tutto dipende da cosa si intende per pasta.

Pasta secca tipo spaghetti o pasta fresca, pasta fatta unendo acqua e farina di cereali o pasta fatta con il frumento?

Inoltre va detto che i cinesi non conoscevano il frumento

Il frumento è utilizzato dall’uomo da c.a. 10.000 anni; quando qualcuno, frantumando i chicchi, ne ricavò la farina.

Da allora iniziarono i primi impasti  cotti su pietre roventi per produrre sottili pani-focacce.

Sappiamo di una prima annotazione storica riguardante un tipo di pasta cotta nell’acqua nel V secolo a.C. a Gerusalemme (Talmud in lingua Aramaica).

Aristofane (450-385 a.C. c.a.) e Orazio (65-8 a.C.)utilizzano termini come làganon (greco) e laganum (latino) che indicano un’impasto di acqua e farina, tirato e tagliato a striscie; antesignano delle tagliatelle.

Pianatoia, mattarello e rotella per tagliare appaiono raffigurate in una tomba etrusca di Cerveteri nel IV secolo a.C.

Il libro di cucina “Ibn ‘al Mibrad” del IX secolo d.C. parla di “Rista“, specie di maccheroni essiccati e conditi con lenticchie.

Probabilmente, la pasta arrivò in Italia ai tempi della conquista Araba della Sicilia; infatti era un’ottima scorta secca di cibo per l’esercito.

 Il Libro di Ruggero, pubblicato nel 1154 da Al-Idrisi, geografo di Ruggero II di Sicilia, parla della località di Trabia, villaggio a 30 km da Palermo, ricca di  molti mulini per fabbricare un tipo di pasta filiforme chiamata itrya (dall’arabo itryah: “focaccia tagliata a strisce”), spedita con le navi in tutto il Mediterraneo; sia musulmano che cristiano.

La parola maccheroni pare derivi dalla parola siciliana “maccaruni” che vuole dire “trasformare la pasta con la forza”.

Grazie ai commerci liguri, la pasta viene diffusa in tutta Italia, infatti i  trattati gastronomici del Trecento e Quattrocento parlano di  ricette di tria (pasta) come “genovesi”(itrija in siciliano antico significa pasta da tria  grano in arabo).

Solo nel 1500 si parla di maestri di paste alimentari che formavano corporazioni a Roma, Napoli, Palermo, Milano e Savona.

Finalmente nel  1554 venne importato il pomodoro dal Perù, ma la coltivazione su ampia scala iniziò nel XVII secolo, ed eccoci arrivati alla pasta al pomodoro.

Per quanto riguarda la leggenda che Marco Polo introdusse la pasta è ormai dimostrato che fu solo l’interpretazione errata di un giornalista americano.

Ma la vera prima origine della pasta ci è stata rivelata dalla moderna  archeologia.

Nella cittadina di Laja, nei pressi del fiume Giallo, nella zona nord ovest della Cina; gli archeologi dell’Istituto di Geologia e Geofisica dell’Accademia delle Scienze Cinese, insieme ai colleghi dell’Istituto di Archeologia hanno  trovato un piatto di spaghetti che è risultato avere circa 4.000 anni.

Pare che il pasto fu interrotto per un terremoto o  altro evento simile, tanto che il piatto è stato ritrovato capovolto e ricoperto da tre metri di sedimenti.

La prestigiosa, e internazionalmente riconosciuta, rivista scientifica Nature, ha pubblicato foto e testimonianze dell’avvenimento.

Possiamo consolarci con le parole del giornalista Beniamino Natale, corrispondente da Pechino dell’agenzia di stampa italiana Ansa:

-“L’argomento è da sempre presente nelle discussioni a cena tra italiani e cinesi, ma se loro hanno sempre sostenuto di averli inventati, noi italiani abbiamo risposto che li abbiamo sempre cucinati meglio “.