Archivi categoria: varie: scuole, manifestazioni…

varie d’arte scuole, manifestazioni ecc..

Lago di Como eventi – Fiori e piante spontanee nell’erbario – Villa Carlotta

I colori del bosco.
Fiori e piante spontanee nell’erbario Fabani
Villa Carlotta
16 settembre -5 novembre 2017

In occasione del Novantesimo anniversario, Villa Carlotta – (www.villacarlotta.it) – bene demaniale dello Stato Italiano gestito e valorizzato dall’Ente Villa Carlotta – ospita la mostra I colori del bosco. Fiori ed erbe spontanee nell’erbario Fabani, realizzata in collaborazione con la Fondazione Centro Rusca e curata da Augusto Pirola, professore emerito di Botanica presso Università degli studi di Pavia.

Recentemente studiato e digitalizzato, l’erbario Fabani è composto da circa 3000 tavole di piante e fiori raccolte tra il 1907 e il 1938 dal medico Giuseppe Fabani nel territorio comasco, valtellinese ed elvetico.

L’erbario è organizzato in 25 cartelle e dotato di un indice manoscritto e ogni tavola presenta un ricco cartiglio dove viene data scrupolosa indicazione della famiglia, della specie, del determinatore, della data e del luogo di raccolta (con le caratteristiche del terreno), del periodo di fioritura ed infine delle proprietà officinali.

Per la realizzazione della mostra sono state selezionate 60 tavole attraverso le quali si intende illustrare la composizione del bosco tipico delle aree prealpine della Provincia di Como, individuando alcune specie che colonizzano le fasce caratterizzanti questo tipo di ambiente da un punto di vista fitosociologico.

Le tavole in mostra sono suddivise in diverse sezioni in base all’ambiente naturale di provenienza: il sottobosco, il mantello e il margine. Il visitatore ha così modo di scoprire quanto influiscono luce e tipologia del terreno sulla crescita delle singole specie. Viene inoltre costruito un legame tra le specie illustrate nelle tavole e analoghi campioni o collezioni presenti in vivo presso le collezioni di Villa Carlotta, creando un rimando a piante vive e invitando quindi i visitatori a ritrovarle negli ambienti naturali. Una ulteriore sezione è dedicata alle specie usate dalla popolazione a scopo alimentare e officinale.

I pannelli esplicativi realizzati per la mostra spiegano inoltre l’importanza degli erbari storici nello studio della biodiversità e introducono al pubblico dei visitatori la figura di Giuseppe Fabani, medico condotto di Cernobbio, appassionato di botanica.

In occasione della mostra, Villa Carlotta ha altresì attivato una collaborazione con il Giardino alpino della Valcava di Madesimo e con lo chef pasticcere Stefano Franzi che il giorno dell’inaugurazione illustreranno al pubblico come riconoscere le erbe spontanee che possono essere utilizzate in cucina e come ottenerne gustosi piatti. L’attività verrà riproposta alle famiglie e alle scolaresche durante il periodo di apertura della mostra. Dal progetto è nato anche un piccolo ricettario che il pubblico troverà in mostra e potrà portare a casa per sperimentare in prima persona la cucina con le erbe spontanee.

Giuseppe Fabani, figlio di Luigi e Rosa Nessi, nasce a Como, nella parrocchia di San Donnino, il 18 maggio 1861. Frequenta a Milano il Liceo Beccaria dove emerge subito la sua passione e la sua predisposizione per la storia naturale. Nel 1880 si iscrive alla Facoltà di medicina e chirurgia dell’Università di Pavia. Il primo anno accademico frequenta le lezioni di botanica del comasco Santo Garovaglia (1805-1882), oltre ai corsi di anatomia umana, fisica, zoologia, protistologia, mineralogia e antropologia con altri docenti dai nomi illustri. Trasferitosi a Palermo per il servizio militare, si laurea nel capoluogo siciliano nel 1889. L’ anno successivo, rientra a Como e diviene medico condotto di Cernobbio. L’11 ottobre 1893 sposa a Milano, nella parrocchia di S. Giorgio al Palazzo, Maria Gorla. Nel 1909, nonostante le richieste di ripensamento da parte della Giunta municipale e dei suoi assistiti, improvvisamente presenta le dimissioni adducendo motivi personali, non documentati ma probabilmente dovuti a problemi di salute suoi o della moglie.
Gli ultimi anni della sua vita furono interamente dedicati alla raccolta di piante e fiori per l’erbario, a cominciare da quelle che incontrava sulla strada di casa fino ad arrivare al Monte Spluga, al Lago Ritom (Canton Ticino) e alla Val Brembana. Muore all’Ospedale Valduce di Como il 6 giugno 1939 ed è sepolto al Cimitero Monumentale di Como nella tomba di famiglia.

La Fondazione -Centro studi “Nicolò Rusca” onlus costituita nel 2003 e con sede a Como, cura la conservazione e la valorizzazione del patrimonio documentale e librario dell’Archivio storico della diocesi di Como e della Biblioteca del seminario vescovile, nonché –tramite l’Ufficio inventariazione beni culturali ecclesiastici –la catalogazione del patrimonio artistico conservato presso le parrocchie diocesane. Tra i materiali conservati al centro studi vi è l’erbario di Giuseppe Fabani (1861-1939), medico condotto di Cernobbio. L’erbario conserva in 25 cartelle circa 3000 tavole di piante e fiori essiccati raccolti tra il 190’7 e il 1938 nel territorio comasco e valtellinese.

Ente Villa Carlotta di Tremezzina (CO) La villa venne realizzata alla fine del ‘600 in una bellissima conca naturale del lago di Como, nel XIX secolo la famiglia Sommariva la trasformò in una delle più belle e prestigiose dimore del territorio, ricca di opere d’arte di Antonio Canova, Bertel Thorvaldsen, Francesco Hayez e con un invidiabile parco romantico. Dal 1927 viene gestita da un ente privato, dopo la requisizione da parte dello Stato Italiano all’ultima famiglia proprietaria, i Sassonia Meiningen. L’Ente Villa Carlotta, dopo 90 anni, continua nel suo lavoro di conservazione e miglioramento del bene, che è oggi è una struttura museale riconosciuta, dove le storiche collezioni artistiche e il fantastico giardino botanico con centinaia di specie si offrono al vasto pubblico internazionale.

I colori del bosco. Fiori ed erbe spontanee nell’erbario Fabani

Sede Villa Carlotta, Via Regina, 2 – 22016 Tremezzina – Loc. Tremezzo, Como – www.villacarlatta.it tel. (+39) 0344 40405 segreteria@villacarlotta.it
Periodo 16 settembre – 5 novembre 2017
Curatela Prof. Augusto Pirola professore emerito, cattedra di Botanica, Università degli studi di Pavia
Fondazione –Centro studi “Nicolò Rusca” onlus di Comodon Agostino Clerici, Direttore – dott.ssa Francesca Ferraris, Bibliotecaria
Ente Villa Carlottadott.ssa Maria Angela Previtera, Direttore – dott. Ssa Mara Sugni Responsabile dei Servizi Educativi e dei

Orari FINO AL 1 OTTOBRE
APERTURA: 9.00-19.30 (chiusura biglietteria ore 18.30) (chiusura museo ore 18.30)

DAL 2 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE
APERTURA: 09.30 – 17.00 (chiusura biglietteria ore 16.00)

Biglietto comprensivo di visita alla Villa e ai giardini
Adulto € 10,00
Over 65 € 8,00 (con carta di identità)
Studente € 5,00 (da 6 a 26 anni con tesserino scolastico/universitario)
Bambini (da 0 a 5 anni) Ingresso gratuito
Famiglia (2 adulti + bambini da 6 a 18 anni): € 20,00
Comitive oltre 20 persone € 8,00
Scolaresche oltre 20 persone € 4,00

Orticolario INVITO DALL’ARTISTA  AGNES DUERRSHNABEL

Orticolario

INVITO DALL’ARTISTA

 AGNES DUERRSHNABEL

Orari:

Venerdì 29 settembreore 9.00 – 19.30

Sabato 30 settembreore 9.00 – 19.30

Domenica 1 ottobreore 9.00 – 19.00

(La biglietteria chiude un’ora prima)

Japanese tea ceremony setting on old wooden bench

Sabato 30.9. e domenica  01.10.17

dalle 15.30 – 18.30

ritorna TéRIMONIA:

nelle tazze dell’Atelier verrà servito un assaggio

del prezioso tè verde Matcha,

in collaborazione con

“Frescoadarte”.

www.agnesduerrschnabel.it

+39 3492412583

www.frescoadarte.it

Vi aspettiamo

Cultura a Venezia – 5 film ingresso libero – PALAZZO GRASSI 22 – 23 settembre 2017

 Ingresso libero sino a esaurimento posti
TEATRINO DI PALAZZO GRASSI
22 – 23 settembre 2017
 Heidi Bucher e Gordon Matta-Clark
in scena al Teatrino
 
Cinque proiezioni di film d’artista
in collaborazione con lagalleria ALMA ZEVI.
Heidi Bucher working in the Borg, Zurich (circa 1977).  Courtesy The Heidi Bucher Estate
  Venerdì 22 settembre, dalle ore 18.30  
 
. Sabato 23 settembre, ore 10.00, 13.00, 14.30, 16.00, 17.30
 
 
Film proiettati:
Le prison, Le Landeron(1985, 4’02”) diHeidi Bucher
Räume sind Hüllen, sind Häute(1981, 33’36’’) di Heidi Bucher
Splitting(1974, 10’50”, muto) di Gordon Matta-Clark
Bingo/Ninths(1974, 9’40”, muto) diGordon Matta-Clark
Substrait (Underground Dailies)(1976, 30′, sonoro) diGordon Matta-Clark
 
 Ingresso libero sino a esaurimento posti.
 
In occasione dell’opening di FLOORS, bipersonale di Heidi Bucher (1926 – 1993) e Gordon Matta-Clark (1943 – 1978) presentata dalla galleria ALMA ZEVI di Venezia da sabato 23 settembre a giovedì 21 dicembre, il Teatrino di Palazzo Grassi ospita Venerdì 22 e sabato 23 settembre la proiezione di una selezione di cinque film firmati dai due artisti.
Le pellicole: Le prison, Le Landeron(1985, 4’02”), Räume sind Hüllen, sind Häute(1981, 33’36’’) di Heidi Bucher eSplitting (1974, 10’50”, muto), Bingo/Ninths(1974, 9’40”, muto), Substrait (Underground Dailies) (1976, 30′, sonoro) di Gordon Matta-Clark andranno in scena in sequenza dalle 18.30, venerdì 22 settembre e dalle 10.00 alle 17.30, sabato 23 settembre.
Accumunati dal difficile percorso artistico e dalla costante indipendenza intellettuale, sia la svizzera Bucher – ingiustamente oscurata in vita dal marito, l’artista Carl Bucher – che l’americano Matta-Clark hanno a lungo riflettuto sulla messa in discussione dell’architettura come spazio prestabilito, rendendola un qualcosa di estremamente fluido, un concetto manipolabile sulla base delle interazioni che essa esercita sull’essere umano.
 
Tutti gli appuntamenti del Teatrino sono comunicati e costantemente aggiornati sul sito di Palazzo Grassi alla voce “calendario”.

3 ottobre il termine per iscriversi al Premio GammaDonna

PER GIOVANI DONNE IMPRENDITRICI

Prorogato fino al 3 ottobre il termine per iscriversi al Premio GammaDonna, riconoscimento all’imprenditoria innovativa di donne e giovani

Tra le novità dell’edizione 2017, il QVC Next Award per il prodotto più innovativo

Torino, 20 settembre 2017Soft skill come antidoto alla robotizzazione. Di fronte alla prospettiva – tracciata dal rapporto McKinsey sull’automazione dello scorso maggio – di vedere fagocitati nell’immediato 1,2 miliardi di posto di lavoro, una delle risposte forti possibili sta nella capacità delle imprese di mettere a capitale il fattore umano. Creatività, intelligenza emotiva e relazionale, capacità di analisi critica come di acquisizione di nuove conoscenze e nuove competenze: in una parola re-skilling.

C’è chi si muove già in questa direzione: a queste imprese, e a quella parte tra loro guidata da donne e giovani, è rivolto il 9° Premio GammaDonna, che da 14 anni premia storie di innovazione poco conosciute e le porta alla ribalta.

Il Premio si rivolge a imprenditrici di ogni età e a giovani imprenditori under 35 che si siano distinti per aver introdotto innovazioni all’interno della propria azienda, costituita non dopo il 31 dicembre 2014. Piccole imprese che hanno saputo adattarsi con successo alle nuove e mutevoli esigenze del mercato, adottando gli strumenti tecnologici a disposizione e sperimentando attività, ruoli e modelli organizzativi nuovi.

Tutte le candidature ritenute idonee avranno uno spazio sulla piattaforma GammaDonna (www.gammaforum.it) che, dal 2004, racconta e diffonde storie di innovazione, leadership, visione. Una rosa di 6 finaliste aprirà il GammaForum – Forum Nazionale dell’Imprenditoria Femminile e Giovanile, in programma il prossimo 16 Novembre a Milano con il titolo “Intelligenze e competenze nuove per fare impresa nell’era digitale”.  Una giuria formata da personaggi di spicco del mondo dell’impresa, del venture capital e dell’innovazione digitale[1] decreterà il vincitore del Premio GammaDonna, chiarendo le proprie scelte durante un dibattito aperto. In palio, un Master della 24Ore Business School, un percorso d’incubazione in Polihub – Politecnico di Milano, sei mesi di mentoring affiancati da un manager selezionato ValoreD. Anche quest’anno, tra le candidature sarà assegnato il Giuliana Bertin Communication Award, speciale riconoscimento per eccellenze nel campo della comunicazione on/offline (in premio, un Master della 24Ore Business School).

Tra le novità dell’edizione 2017, il QVC Next Award per il prodotto più innovativo, finalizzato alla semplificazione o al miglioramento della vita quotidiana. L’impresa vincitrice di questo Award si aggiudicherà un percorso di mentoring con un Senior Buyer QVC e l’ammissione all’edizione 2018 del QVC Next Lab, percorso di formazione dedicato a startup al femminile con forte focus sulla fase del go-to-market, promosso dalla piattaforma multimediale di shopping TV, ecommerce e social media QVC. Il Lab nasce a seguito del lancio, nel 2016, del programma QVC Next a sostegno delle imprese appena nate, piccole e medie, con particolare attenzione a quelle femminili.

Candidature entro il 3 ottobre 2017. Info e regolamento sul sito www.gammaforum.it

Il 9° GammaForum – promosso dall’AssociazioneGammaDonna® con il Patrocinio di Regione Lombardia e il contributo di Banca Mediolanum, QVC Italia, Facebook, Studio Torta, IBM e Cisco– sarà una giornata di dibattito e confronto sull’evoluzione necessaria nelle aziende per far fronte alle sfide della quarta rivoluzione industriale, con particolare riferimento al cammino che i piccoli imprenditori dovranno intraprendere per guidare questo processo e al contributo che donne e giovani sono in grado di fornire. Sarà un’occasione per stimolare il pensiero, ispirare l’azione, ma anche per ampliare la propria rete di relazioni di affari, nel cuore della business community italiana.                                                                            

[1]LA GIURIA 2017:Presidente: Mariarita Costanza, Co-Founder e CTO Macnil Gruppo Zucchetti; Marina Cima, rappresentante Federmanager Minerva Nazionale; Gianluca Dettori, Executive Chairman Primomiglio SGR; Alessandro Enginoli, Vice Presidente Assolombarda; Riccardo Luna, Direttore Agenzia Italia; Stefano Mainetti, CEO Polihub – Startup, District & Incubator; Sandra Mori, Presidente ValoreD e General Counsel Coca-Cola Europe; Paolo Penati, CEO QVC Italia.

Arte e magia per i soci della Family Card della Collezione Peggy Guggenheim

ARTE E MAGIA SI INCONTRANO
NEL NUOVISSIMO CICLO DI LABORATORI BE MAGIC!

 

Da ottobre, 6 appuntamenti “magici” per i soci della Family Card della
Collezione Peggy Guggenheim, con il sostegno del Gufo
Quando si tratta di magia essere chiari vuol dire anzitutto essere caotici, poiché all’origine le due cose sono una sola.
André Breton, “L’arte magica”, 1957

A partire da ottobre la Collezione Peggy Guggenheim presenta un nuovissimo calendario di attività dedicate ai soci della Family card, declinato in sei appuntamenti, in altrettanti luoghi, fino a marzo 2018, e incentrato sulle tematiche di magia e mistero. Una serie di laboratori, originali e creativi, coinvolgeranno diverse realtà cittadine, facendo vivere ai partecipanti un’esperienza unica all’insegna di meraviglia e stupore. Partendo dall’incanto della lavorazione del vetro nella Fornace Berengo Studio 1989 di Murano, si passerà poi a sperimentare alchemiche pozioni nell’antica farmacia di Ca’ Rezzonico, dalle prodigiose illusioni ottiche che si potranno vivere a casa di Peggy Guggenheim, ci si immergerà nel fantastico mondo del Teatro Goldoni. E ancora, si impareranno le tecniche che si celano dietro lo sviluppo di una fotografia nel Centro di ricerca fotografica ISOLAB, per arrivare infine a scoprire i tanti misteri che avvolgono la storia di Venezia, svelati dallo scrittore-viaggiatore Alberto Toso Fei. Un iter magico e ricco di suggestioni, lungo sei mesi, reso possibile grazie al supporto del Gufo, nota azienda italiana di abbigliamento per bambini, che sarà a fianco del museo quale sostenitore del progetto Be Magic!

Il senso di meraviglia, ovvero il senso dello stupore e dell’incredibile, unito al senso del mistero, cioè l’attrazione verso ciò che è ignoto e sconosciuto, sono i primi impulsi che spingono l’uomo ad approfondire le proprie conoscenze e a indagare il mondo che lo circonda. Meraviglia e mistero sono elementi che possiamo ritrovare anche nella definizione di magia intesa come pratica in grado di controllare le forze della natura, quale capacità di incantare e come avvenimento sorprendente e imprevisto. La magia è stata d’ispirazione per numerosi artisti che, nei secoli, hanno incluso nelle proprie opere simboli cabalistici e misteriosi o contenuti magico-alchemici. Nel Novecento, il movimento Surrealista individua nel Surreale, inteso come il superamento della realtà, l’obiettivo della propria ricerca. Diversi artisti appartenenti a questo movimento riconoscono nel sogno, nell’inconscio, nella fantasia i mezzi utili al raggiungimento di questa super-realtà situata oltre il mondo materiale e l’esperienza empirica. Nel disincanto seguito alle due Guerre Mondiali, i surrealisti abbracciano magia e alchimia come strade opposte al progresso e alla logica e come alternative volte al rinnovamento culturale e spirituale. L’interesse nei confronti della magia affiora negli scritti e nell’opera tarda di Salvador Dalí, nella sperimentazione tecnica di Max Ernst, nei soggetti ritratti da Victor Brauner, Leonora Carrington, Leonor Fini, e nel testo L’arte magica (1957) nel quale André Breton traccia le origini delle arti magiche e individua nel Surrealismo il punto culminante delle stesse.

I laboratori sono riservati ai Soci Family Card della Collezione Peggy Guggenheim, per bambini dai 6 ai 10, e per i loro genitori. Per informazioni e prenotazioni, a partire dal mercoledì della settimana precedente ciascun appuntamento: membership@guggenheim-venice.it; 041.2405429/412/440.

Performance a Milano- Ingresso libero – Museo del Novecento e Fondazione Furla

Ingresso libero fino a esaurimento posti

Museo del Novecento e Fondazione Furla

presentano 

 
SIMONE FORTI

To Play the Flute 

21, 22 e 23 settembre 2017  

Sala Fontana, Museo del Novecento, Milano

Primo appuntamento di FURLA SERIES #01

Time after Time, Space after Space 

A cura di Bruna Roccasalva e Vincenzo de Bellis

Museo del Novecento e Fondazione Furla presentano Simone Forti. To Play the Flute, una selezione di performance dell’artista, coreografa e performer italoamericana che per tre giorni animerà la Sala Fontana del Museo del Novecento.

Simone Forti. To Play the Flute è il primo appuntamento di Furla Series #01 – Time after Time, Space after Space, un programma dedicato alla performance che, attraverso cinque focus su altrettanti artisti di generazioni e provenienze differenti, presenterà una pluralità di approcci a questa forma espressiva.

Simone Forti è da oltre cinquant’anni una delle figure di riferimento della danza postmoderna. Dai movimenti minimali e prosaici dei suoi primi lavori, alle improvvisazioni che coniugano parola e movimento, la sua ricerca ha profondamente influenzato la danza e le pratiche performative contemporanee.

To Play the Flute consiste nel reenactment di quattro performance storiche che rappresentano tappe fondamentali nel percorso artistico di Simone Forti: da Huddle e Censor (entrambe del 1961) fino a Cloths (1967) e Sleepwalkers (1968), la selezione restituisce alcuni degli elementi chiave che contraddistinguono il suo approccio alla performance, come la combinazione di azioni e oggetti e il ruolo fondamentale del suono.

È in particolare con le celebri Dance Constructions – oggi parte della collezione permanente del Museum of Modern Art di New York – che Simone Forti si afferma sulla scena artistica degli anni Sessanta come innovatrice e sperimentatrice del linguaggio del corpo. Presentate per la prima volta nel 1961 come parte delle Five Dance Constructions and Some Other Things durante una serie di eventi organizzati da La Monte Young nello studio di Yoko Ono a New York, queste performance ripensano la relazione tra corpo e oggetto, movimento e scultura, rispetto delle regole e improvvisazione. Si tratta di azioni costituite da movimenti semplici o dall’interazione con oggetti, in cui l’espressione personale e l’improvvisazione vengono sempre precluse dagli sforzi richiesti per svolgere determinati movimenti o seguire delle regole.

Lavoro tra i più noti di questa serie, Huddle consiste nel gesto collettivo di un gruppo di persone che, strette le une alle altre, creano una sola entità strutturale. Un insieme disuniforme di braccia, gambe, busti e teste prende forma sotto gli occhi degli spettatori, diventando una scultura fatta di corpi che ad uno ad uno scalano questa massa per poi rientrare a farne parte.

Presentato nel 1961 all’interno dello stesso contesto, Censor è invece uno scontro tra suoni: una pentola piena di chiodi viene scossa vigorosamente mentre una canzone è intonata ad alta voce, un’estenuante competizione acustica che all’interno di To Play the Flute viene ripetuta più volte fungendo da intermezzo tra una performance e l’altra.

In Cloths, realizzata per la prima volta nel 1967 alla School of Visual Arts di New York, tre tele nere occupano lo spazio celando altrettanti performer che rovesciano su di esse una serie di drappi a formare una stratificazione di superfici colorate, mentre cantano sovrapponendo le loro voci a brani preregistrati di altre canzoni. Il corpo scompare per lasciare completamente la scena a due elementi fondamentali nella ricerca dell’artista: il movimento – in questo caso quello dei tessuti – e la musica.

Infine Sleepwalkers, a Milano interpretato dalla performer e danzatrice Claire Filmon, è uno dei lavori più noti di Simone Forti ed è legato alla sua esperienza in Italia negli anni Sessanta. La performance fu infatti eseguita per la prima volta alla Galleria L’Attico di Roma nel 1968, dopo che l’artista trascorse giorni a osservare e disegnare la fauna dello zoo della città. Il risultato è un lavoro meditativo, basato sui comportamenti abituali che gli animali sviluppano in risposta all’ambiente confinato in cui si trovano, restituiti nell’azione performativa tramite movimenti minimi che indagano il complicato equilibrio tra restrizione e libertà.

Performer: Claire Filmon con Barbara Boiocchi, Rossana Bossini, Martina Brembati, Camilla De Siati, Diego Giannettoni, Leonardo Maietto, Carolina Mancini, Jacopo Martinotti, Luna Paese, Marco Resta, Floida Skraqi.

La programmazione di Time after Time, Space after Space include altri quattro appuntamenti con artisti internazionali che si alterneranno a cadenza bimestrale: Alexandra Bachzetsis (novembre 2017), Adelita Husni-Bey (gennaio 2018), Paulina Olowska (marzo 2018) e Christian Marclay (aprile 2018).

Il progetto prevede inoltre, a partire dal mese di settembre, un ricco calendario di workshop, laboratori, conferenze e visite guidate.

Simone Forti. To Play the Flute

21-22-23 settembre 2017

Sala Fontana, Museo del Novecento

Orari: primo ingresso ore 18.30, con inizio performance ore 19.00; secondo ingresso ore 20.00 con inizio performance ore 20.30

Ingresso libero fino a esaurimento posti

Cultura a Milano – MANZONI CULTURA PROGRAMMA 4a EDIZIONE

PROTAGONISTI DELLA RASSEGNA GRANDI NOMI DEL MONDO DELLO SPETTACOLO, DELLO SPORT E DELLA CULTURA. IL PRIMO APPUNTAMENTO È CON DAVIDE VAN DE SFROOS

Dopo il successo delle passate edizioni, ritorna Manzoni Cultura proponendo al pubblico degli imperdibili confronti tra l’attore e regista Edoardo Sylos Labini, ideatore della rassegna, e i personaggi più amati del panorama culturale italiano.

Da Davide Van De Sfroos, che aprirà il cartellone il 2 ottobre, ad Alex Zanardi, da Selvaggia Lucarelli a Lorella Cuccarini, fino a Vincenzo Salemme, sono tanti gli ospiti che si racconteranno in modo inconsueto, spontaneo e sincero

La rassegna Manzoni Cultura inaugura la sua 4° edizione con un cartellone inedito capace di appassionare un pubblico in costante crescita, curioso ed eterogeneo. Dalla musica al cinema, passando per lo sport e il teatro, sono otto gli appuntamenti coni volti noti che si sottoporranno alle interviste dell’eclettico artista Edoardo Sylos Labini, ideatore della rassegna, che per l’occasione smetterà i panni dell’attore per indossare quelli del conduttore in un avvincente faccia a faccia accompagnato da immagini, video inediti e musiche live di Alice Viglioglia. Non mancheranno le incursioni OFF del direttore de IlGiornaleOFF.it Giovanni Terzi, media partner della rassegna, e la partecipazione attiva del pubblico chiamato ad interfacciarsi con gli ospiti.

“Anche quest’anno il Manzoni Cultura presenta un programma vario e ricco – spiega Edoardo Sylos Labini, ideatore della rassegna – Tanti sono i grandi nomi della cultura italiana che si racconteranno in modo inconsueto, spontaneo e sincero. Musica, spettacolo, sport e creatività, con un focus sull’attualità, saranno i temi principali che legheranno i protagonisti della rassegna al grande pubblico con il quale condivideranno emozioni, curiosità e performance dal vivo. Importante novità di questa edizione è la suggestiva location presso il Mondadori Megastore di Piazza Duomo che, insieme al Teatro Manzoni, accoglierà gli ospiti”.

Ben due saranno infine i luoghi deputati a raccogliere le storie, le rivelazioni e gli aneddoti dei personaggi più amati del mondo della cultura: il palcoscenico del Teatro Manzonidi Milano, trasformato per l’occasione in un salotto, e il terzo piano del Mondadori Megastoredi Piazza Duomo, grazie alla nuova partnership con Mondadori Store, il network di librerie del Gruppo Mondadori. “Abbiamo trovato nella rassegna Manzoni Cultura un progetto che si sposa con la nostra mission, quella di favorire la diffusione di cultura ed emozioni. Il nostro Megastore di piazza Duomo, punto di riferimento a Milano anche per la sua ricca offerta di eventi che spaziano dalla letteratura all’arte contemporanea, diventa ora anche teatro, grazie a un format nuovo che alterna otto appuntamenti, al Teatro Manzoni e in libreria. Sarà l ‘occasione per scoprire grandi personaggi del mondo dello spettacolo, dello sport e della cultura. Un’iniziativa che speriamo possa piacere al pubblico e che vorremmo esportare anche in altre città italiane”, ha dichiarato Francesco Riganti, direttore marketing di Mondadori Retail.

Ad aprire la rassegna, lunedì 2 ottobre alle 20.45,sarà DavideVan De Sfroos che incontrerà il pubblico al Teatro Manzoni. Ospite d’eccezione,reduce dal grande successo al Meazza che ha entusiasmato oltre 20 mila fan accorsi per ascoltare le ballate blues in dialetto comasco, Davide Bernasconi, in arte Van De Sfroos, è una delle voci più originali della scena musical-letteraria italiana. “Cantastorie”, chitarrista e scrittore con forti radici culturali ha vinto due Premi Tenco e si è classificato quarto a Sanremo 2011. Gli appuntamenti proseguono con il popolare artista napoletano Vincenzo Salemme che il 18 dicembre si rivelerà al pubblico del Manzoni in occasione dello spettacolo teatrale Una festa esagerata…! Dopo aver lavorato al fianco di Eduardo De Filippo, si è avviato ad una brillante carriera segnata da grandi successi.

Ad inaugurare il nuovo anno sarà l’atleta pluripremiato Alex Zanardi, l’8 gennaio. Alcuni anni dopo l’esordio nella Formula 1, l’automobilista bolognese subisce un grave incidente che gli costa l’amputazione delle gambe. Esempio di inaudita forza e positività, debutta nel paraciclismo dove consegue numerosi titoli mondiali. A chiudere gli appuntamenti nel salotto meneghino sarà la donna più influente e temuta dal web italiano, la scrittrice Selvaggia Lucarelli, accompagnata per l’occasione dal musicista Lorenzo Biagiarelli, il 12 marzo.

Ma la rassegna prosegue parallelamente nell’affascinante spazio al terzo piano del Mondadori Megastore di Piazza Duomo dove verranno indagati i retroscena degli spettacoli in programma al Manzoni raccontati direttamente dalle parole degli artisti in scena. Si inizia il 22 novembre con Ambra Angiolini che da icona della trasmissione cult Non è la rai veste i panni di moglie obbediente nel coinvolgente spettacolo La guerra dei Rosesdi Warren Adler, a fianco dell’attore vicentino Matteo Cremon impegnati in una commedia straordinaria, raffinata e caotica al tempo stesso sotto la regia di Filippo Dini.

L’1 febbraio sarà il turno dello scrittore, giornalista e storico italiano Giordano Bruno Guerri, Presidente del Vittoriale degli Italiani,che ribadisce il suo interesse per i grandi personaggi del passato patrocinando lo spettacolo teatrale D’Annunzio Segreto di Edoardo Sylos Labini. Gli appuntamenti proseguono l’11 aprile con una delle coppie più amate e apprezzate del panorama italiano: dopo vent’anni Lorella Cuccarini e Giampiero Ingrassia tornano insieme nello spettacolo Non mi hai più detto ti amo commedia agrodolce scritta e diretta da Gabriele Pignotta. Infine il 9 maggio sarà la volta del conduttore televisivo e attore Corrado Tedeschi, protagonista di Quel pomeriggio di un giorno da star, commedia di Gianni Clementi diretta da Ennio Coltorti, che chiuderà la rassegna. Oltre a Mondadori Store, main sponsor, si rinnova per il quarto anno consecutivo la collaborazione con Elior e, da quest’anno, anche con Unibell, partner ufficiali della rassegna.

PROGRAMMA

2 OTTOBRE 2017 – ORE 20.45

DAVIDE VAN DE SFROOS

Teatro Manzoni – Posto unico € 10

Una delle voci più originali della scena musical-letteraria italiana, Davide Van De Sfroos è vincitore di due Premi Tenco. Celebre per i testi in dialetto comasco, il “cantastorie” ha entusiasmato gli spettatori in un concerto-evento a San Siro.

22 NOVEMBRE 2017 – ORE 18.30

AMBRA ANGIOLINI e MATTEO CREMON

Mondadori Megastore – Ingresso libero

Da icona della trasmissione cult Non è la rai a moglie obbediente nel coinvolgente spettacolo La guerra dei Roses di Warren Adler, che la vede protagonista a fianco dell’attore vicentino Matteo Cremon di una commedia straordinaria, raffinata e caotica al tempo stesso

18 DICEMBRE 2017 – ORE 20.45

VINCENZO SALEMME

Teatro Manzoni – Posto unico € 10

Napoletano, Vincenzo Salemme è attore, autore, regista teatrale e cinematografico, sceneggiatore e doppiatore. Dopo aver lavorato al fianco di Eduardo De Filippo, si è avviato ad una brillante carriera segnata da grandi successi.

8 GENNAIO 2018 – ORE 20.45

ALEX ZANARDI

Teatro Manzoni – Posto unico € 10

Fin da piccolo Alex Zanardi sogna la Formula 1 e rende realtà il suo sogno. Alex vince, ma nel 2001 il destino gli tende un agguato: subisce l’amputazione delle gambe. Si rialza, vince ancora. Ora è plurimedagliato ed è un mito.

1 FEBBRAIO 2018 – ORE 18.30

GIORDANO BRUNO GUERRI

Mondadori Megastore – Ingresso libero

Scrittore, giornalista e storico italiano, Giordano Bruno Guerri, Presidente del Vittoriale degli Italiani, ribadisce il suo interesse per i grandi personaggi del passato patrocinando lo spettacolo teatrale D’Annunzio Segreto di Edoardo Sylos Labini.

12 MARZO 2018 – ORE 20.45

SELVAGGIA LUCARELLI

Teatro Manzoni – Posto unico € 10

Scrittrice, editorialista, protagonista in tv, Selvaggia Lucarelli è la donna più influente e temuta del web italiano. Con Rizzoli ha pubblicato Che ci importa del mondo e Dieci piccoli infami. Accompagna la serata il musicista Lorenzo Biagiarelli.

11 APRILE 2018 – ORE 18.30

LORELLA CUCCARINI e GIAMPIERO INGRASSIA

Mondadori Megastore – Ingresso libero

Una delle coppie più amate e apprezzate del panorama teatrale italiano. Dopo vent’anni Lorella Cuccarini e Giampiero Ingrassia tornano insieme sul palcoscenico con lo spettacolo Non mi hai più detto ti amo commedia agrodolce scritta e diretta da Gabriele Pignotta.

9 MAGGIO 2018 – ORE 18.30

CORRADO TEDESCHI

Mondadori Megastore – Ingresso libero

Protagonista insieme a Brigitta Boccoli di Quel pomeriggio di un giorno da star, commedia di Gianni Clementi diretta da Ennio Coltorti, Corrado Tedeschi è da sempre diviso tra la passione per il calcio e il teatro.

 

Arte a Roma – GALLERIA BORGHESE e FENDI

La partnership triennale
tra la GALLERIA BORGHESE e FENDI
 
Per esportare con Caravaggio
la bellezza italiana nel mondo
 
  Dopo la mostra Matrice presso il Palazzo della Civiltà Italiana e l’installazione in Largo Goldoni dell’opera Foglie di pietra, entrambe dell’artista Giuseppe Penone, FENDI rafforza ulteriormente il proprio legame con Roma e con il mondo dell’arte e annuncia una partnership triennale con la Galleria Borghese, un progetto ambizioso che prevede la costituzione del centro di ricerca Caravaggio Research Institute, promosso e divulgato attraverso un programma espositivo internazionale sull’artista, da Los Angeles all’Estremo Oriente, e il sostegno per tre anni consecutivi alle mostre che avranno luogo presso la Galleria Borghese.
La Galleria Borghese conserva nella sua collezione il corpus pittorico più consistente e cronologicamente meglio rappresentato di Caravaggio, che costituisce il paradigma ideale per lo studio di tutta la sua carriera pittorica. Da questa condizione di eccezionalità collezionistica preservatasi nei secoli è nato il progetto Caravaggio Research Institute, ideato da Anna Coliva, Direttore della Galleria Borghese e supportato da FENDI.
Il piano di lavoro prevede la costituzione presso la Galleria Borghese di un centro di studi, diagnostica e ricerca storico-artistica su Caravaggio e sulla sua opera, che sia il più completo esistente così da proporsi come il riferimento primario per la ricerca caravaggesca a livello mondiale. Il progetto si completa con la creazione di una piattaforma digitale che rappresenti la più esaustiva banca dati online relativa al Caravaggio, per informazioni e aggiornamenti bibliografici, documentari, archivistici, filologici, storiografici, iconografici, dotata di un corredo diagnostico in forma digitale.
Per divulgare tale progetto innovativo di ricerca, la Galleria Borghese e FENDI hanno concepito un programma espositivo sull’artista che approderà, nel corso di tre anni, in luoghi di massima importanza ed eccellenza: dai riflettori prestigiosi degli Stati Uniti alle latitudini estreme dell’Oriente asiatico.
La prima tappa della mostra sarà a novembre 2017 al Getty Museum di Los Angeles, istituzione di grande prestigio per l’orientamento della cultura in un continente che guarda al futuro ma possiede un legame profondo con le proprie radici europee. A partire dal 21 novembre il Getty Museum ospiterà infatti per la prima volta tre opere di Caravaggio provenienti dalla Galleria Borghese: il San Girolamo, il Giovane con canestro di frutta e il David con la testa di Golia.
La prima mostra della Galleria Borghese che FENDI supporterà sarà la grande monografica dedicata a Gian Lorenzo Bernini, genio tutelare del luogo e la figura più rappresentativa del Barocco a Roma. La mostra Bernini, con cui la Galleria Borghese prosegue le celebrazioni per i venti anni dalla sua riapertura nel 1997, ha un respiro internazionale e un riconoscimento di unicità colto anche dalle più grandi istituzioni museali, che hanno concesso prestiti eccezionali.
Solo per citarne alcuni: Louvre, National Gallery e Victoria&Albert Museum di Londra, Thyssen Bornemisza di Madrid, Staatliche Museum di Berlino, Statens Museum for Kunst di Copenhagen, Kunsthalle di Amburgo, Metropolitan Museum of Art di New York, Art Gallery of Ontario, Getty Museum e LACMA di Los Angeles, Kimbell Art Museum di Forth Worth.
La mostra Bernini sarà inaugurata il prossimo 31 ottobre e sarà aperta al pubblico dal 1 novembre 2017 al 4 febbraio 2018.
La partnership triennale con la Galleria Borghese si inserisce all’interno di un progetto di mecenatismo avviato da FENDI con il restauro della Fontana di Trevi nel 2015 e del complesso delle Quattro Fontane, seguito dal restauro e dalla manutenzione delle Fontane del Gianicolo, del Mosè, del Ninfeo del Pincio e del Peschiera e dall’apertura al pubblico del primo piano (ora anche spazio espositivo) del Palazzo della Civiltà Italiana all’EUR.
Siamo orgogliosi di sostenere la Galleria Borghese, che è tra i più importanti e prestigiosi musei al mondo. È sempre più un valore fondante, oltre che morale, per FENDI, valorizzare, sostenere ed esportare l’arte italiana nel mondo, la sua eccellenza ed i suoi talenti.”
Pietro Beccari, Presidente e Amministratore Delegato di FENDI
Il Caravaggio Research Institute è un progetto ambizioso che vuole reintrodurre nei musei la ricerca più avanzata per farne dei produttori di cultura e non dei mostrifici. Siamo orgogliosi che un così innovativo e non facile progetto abbia avuto la fiducia di una grande azienda come FENDI; proprio perché FENDI è un’impresa che ha basato la sua eccellenza sulla ricerca delle tecniche e dei materiali.”
Anna Coliva, Direttore della Galleria Borghese
Al fondo di questo impegno di FENDI c’è infatti la convinzione che la bellezza debba essere testimoniata e diffusa, e che l’incomparabile ricchezza della Galleria Borghese sia un potente passe-partout cosmopolita per promuovere una sensibilità culturale raffinata, contemporanea e universale, la stessa che FENDI propone nelle proprie collezioni, veri testimoni di ricerca estetica.
Il progetto di ricerca scientifica Caravaggio Research Institute e la piattaforma digitale
 
La Galleria Borghese conserva nella sua collezione il corpus pittorico più consistente e cronologicamente meglio rappresentato di Caravaggio, costituendo il paradigma ideale per lo sviluppo di un progetto organico di studio di tutta la carriera del pittore.
Le sei opere conservate presso il Museo vanno dai primi dipinti certi della fine del Cinquecento, realizzati presso la bottega del Cavalier d’Arpino: l’Autoritratto in veste di Bacco e il Giovane con canestro di frutta (1593-1594), che attraverso la fase più matura rappresentata dal San Girolamo e dalla Madonna dei Palafrenieri(1605), arrivano alle ultime opere, David con la testa di Golia e San Giovanni Battista, realizzate durante la sua drammatica fuga in attesa della grazia di papa Paolo V Borghese, giunta purtroppo tardi nel 1610, dopo le interminabili traversie tra Napoli, la Sicilia e Malta.
Da questa condizione di eccezionalità collezionistica preservatasi nei secoli è nato il progetto Caravaggio Research Institute, che prevede la costituzione di un centro internazionale di studi, che avrà sede alla Galleria Borghese in quanto luogo ideale e paradigmatico per lo studio dell’intera opera di Caravaggio.
L’obiettivo del centro studi Caravaggio Research Institute è quello di costituire la più completa banca dati su Caravaggio attraverso la creazione di una piattaforma digitale e diventare la risorsa organica primaria, a livello internazionale, per gli studi umanistici e scientifici sull’artista.
La banca dati comprenderà la bibliografia completa ed aggiornata, i dati storiografici, filologici, iconografici, documentari, archivistici e un completo corredo diagnostico in forma digitale.
La validità scientifica è assicurata dal Comitato Scientifico di altro profilo, costituito da diverse professionalità scelte tra le punte di eccellenza nell’ambito degli studi caravaggeschi, con il fine di renderlo un valido strumento ad uso degli specialisti del settore per una corretta lettura attributiva.
Il centro Caravaggio Research Institute attiverà dei partenariati scientifici con tutti i musei, le pinacoteche, fondazioni, chiese e collezioni private nel mondo che ospitano i dipinti di Caravaggio, creando dunque un prolifero network di partner nazionali e internazionali.
Il progetto si rivolge a storici dell’arte, restauratori, conservatori, professionisti museali, diagnosti, storici, studenti universitari, amatori, ma soprattutto impiegherà nelle varie fasi di raccolta ed analisi dei dati un importante numero di giovani ricercatori.
La platea degli studiosi potrà accedere alla banca dati attraverso vari livelli e modalità di consultazione, anche personalizzate.
La consultazione del database attraverso un’innovativa piattaforma digitale espressamente concepita prevede livelli di accesso differenziati: ai dati generali e pienamente condivisibili potranno accedere tutti; alle informazioni di interesse strettamente specialistico potranno accedere studiosi e tecnici che facciano richiesta motivata; si prevede infine un terzo livello di accesso, riservato esclusivamente agli operatori e ai partner nazionali e internazionali del progetto.
Il centro di ricerca scientifica Caravaggio Research Institute diviene in tal modo il collettore ultimo di un impegno inter-istituzionale, il suo formato digitale offrirà intrinsecamente l’opportunità di una conoscenza sinottica e integrata di dati che altrimenti, svolti in senso lineare e consecutivo, non darebbero con la stessa esattezza e densità la combinazione voluta di elementi.
Consultando il database caravaggesco alla ricerca di informazioni, si potrà conoscere per ciascuna opera, in tempi rapidissimi, foto, tecnica esecutiva, datazione, dimensioni, provenienza, mostre in cui sia stata esibita, bibliografia, scheda sulla storia conservativa, immagini e reports scritti su molteplici esami diagnostici nonché data dell’ultimo aggiornamento effettuato sui dati riportati.
La struttura integrata del database sarà costruita osservando le due seguenti macro sezioni: la prima accoglierà tutte le opere inserite nella banca dati; per ciascuna di esse si riportano immagine, titolo/nome, datazione, luogo di conservazione e inventario; dalla scheda di ciascun dipinto si accede per mezzo di link alle sezioni specifiche su provenienza, storia espositiva e conservativa (con movimentazione pregressa, dati sui restauri e sulle mostre) e documentazione tecnica e materica (documenti storici, bibliografia, analisi scientifiche, altre immagini).
La seconda accoglierà, invece, tutta la documentazione storica (fonti di archivio, studi, bibliografia, fotografie) e tecnica (mappature delle tracce di esecuzione, analisi di leganti e pigmenti, analisi dei supporti e della cornice, radiografie, fotografie ai raggi infrarossi, esami allo stereomicroscopio, analisi ai raggi UVA, etc.) relativa ai dipinti inseriti nel database ed è consultabile per singola opera o per tipologia documentaria, al fine di favorire analisi comparate.
La Galleria Borghese e FENDI insieme per esportare la bellezza italiana nel mondo. Un omaggio a Caravaggio
 
Per promuovere e divulgare il progetto di ricerca Caravaggio Research Institute, la Galleria Borghese e FENDI hanno concepito un progetto espositivo sull’artista che approderà, nel corso di tre anni, in luoghi di massima importanza ed eccellenza: dai riflettori prestigiosi degli Stati Uniti alle latitudini estreme dell’Oriente asiatico.
La prima tappa della mostra sarà a novembre 2017 al Getty Museum di Los Angeles, istituzione di grande prestigio per l’orientamento della cultura in un continente che guarda al futuro ma possiede un legame profondo con le proprie radici europee. A partire dal 21 novembre il Getty Museum ospiterà infatti per la prima volta tre opere di Caravaggio provenienti dalla Galleria Borghese: il San Girolamo, il Giovane con canestro di frutta e il David con la testa di Golia.
Al fondo di questo impegno di FENDI c’è la convinzione che la bellezza debba essere testimoniata e diffusa, e che l’incomparabile ricchezza della Galleria Borghese sia un potente passe-partout cosmopolita per promuovere una sensibilità culturale raffinata, che sia contemporanea e universale, la stessa che FENDI persegue nelle proprie collezioni, veri testimoni di ricerca estetica e all’insegna assoluta del Made in Italy.

Art Basel Cities: Buenos Aires

Art Basel Cities: Buenos Aires:

 Cecilia Alemani, Direttore Artistico.

Art Basel e la città di Buenos Aires sono lieti di condividere i dettagli della prima iniziativa Art Basel Cities.

Una collaborazione a lungo termine, Art Basel Cities: Buenos Aires è stata creata per sostenere l’ecosistema culturale della città, tra cui artisti, gallerie, spazi senza scopo di lucro e istituzioni pubbliche e per evidenziare la sua vibrante scena culturale, promuovendola a un pubblico globale e la vasta rete di Art Basel.

Nel 2017 la partnership si concentrerà sulla fornitura di un sostegno strutturale alla comunità locale dell’arte con il lancio dello scambio Art Basel Cities, che comprende diverse iniziative volte a facilitare le collaborazioni professionali, a catalizzare il sostegno a progetti culturali ea rafforzare l’arte artistica locale. L’anno prossimo a settembre, Art Basel Cities: Buenos Aires lancerà una settimana di programmazione d’arte pubblica diretta da Cecilia Alemani, che avrà luogo in tutta la città

Lago di Como – Weekend a Villa Carlotta

SABATO 16 settembre, ORE 9

INAUGURAZIONE MOSTRA “CENT’ANNI DI FIORI TRA LAGO E MONTAGNA. ERBE SPONTANEE E COLORI NELL’ERABRIO FABANI” (16 settembre – 5 novembre)

 

La mostra fa parte della rassegna BOTANICA SULA CARTA

Recentemente studiato e digitalizzato, l’erbario Fabani è composto da circa 3000 tavole di piante e fiori raccolte tra il 1907 e il 1938 dal medico Giuseppe Fabani nel territorio comasco, valtellinese ed elvetico.

L’erbario è organizzato in 25 cartelle e dotato di un indice manoscritto e ogni tavola presenta un ricco cartiglio dove viene data scrupolosa indicazione della famiglia, della specie, del determinatore, della data e del luogo di raccolta (con le caratteristiche del terreno), del periodo di fioritura ed infine delle proprietà officinali.

Per la realizzazione della mostra sono state selezionate 60 tavole attraverso le quali si intende illustrare la composizione del bosco tipico delle aree prealpine della Provincia di Como, individuando alcune specie che colonizzano le fasce caratterizzanti questo tipo di ambiente da un punto di vista fitosociologico

 

SABATO 16 settembre, ORE 18

Concerto dedicato a Beethoven del pianista Christian Leotta

Villa Carlotta ospiterà il secondo dei quattro imperdibili concerti che concludono il ciclo delle 32 sonate di Beethoven interpretato dal giovane pianista comasco di fama internazionale Christian Leotta.

Prenotazione posti, prevendita, informazioni: biglietteria Villa Carlotta, tel. 0344.40405.

Ingresso: Euro 20.

SABATO 16  e DOMENICA 17 settembre,

MOSTRA “DI ERBE E DI ORTO – ACQUARELLI BOTANICI DI SILVANA RAVA” (13 settembre – 1 ottobre).

 

La mostra fa parte della rassegna BOTANICA DELLA CARTA

 

La bellezza delle erbe spontanee viene fissata sulla carta dalla tecnica meticolosa dell’artista Silvana Rava, che con i suoi lavori riesce a cogliere lo stupore e il dettaglio delle essenze selvatiche, che nascono e crescono senza sottostare a nessuna regola

SABATO 16 e DOMENICA 17 SETTEMBRE

MOSTRA ARCHIVIO BELLONI – ZECCHINELLI

Uno scrigno di saperi creato dai due ricercatori che per oltre 50 anni hanno studiato la storia dell’arte, l’archeologia, le tradizioni e i costumi del territorio lariano.

DOMENICA 17 SETTEMBRE, DALLE ORE 15 ALLE 17

Laboratorio per famiglie “Facciamo un erbario”

Il laboratorio fa parte della mostra BOTANICA SULLA CARTA

Prenotazioni a eventi@villacarlotta.it
Costo: bambino 10,00 euro e adulto 15,00 euro (visita al giardino e al museo con partecipazione all’evento prenotato)