Archivi categoria: varie: scuole, manifestazioni…

varie d’arte scuole, manifestazioni ecc..

Casa per artisti – Nuovo programma di residenza per artisti

Grazie alla vittoria di due importanti bandi, Kaninchen-Hausannuncia la nascita del programma internazionale di residenza per artisti ViadellaFucina16 che darà vita alla prima collezione al mondo d’arte condominiale.

Un esperimento di rigenerazione urbana e trasformazione collettiva attraverso il potere dell’arte e della bellezza.

viadellafucina16 è un nuovo programma di residenza per artisti nel condominio di via La Salle 16 (già via della Fucina), nel quartiere torinese di Porta Palazzo.

Tramite open call internazionale, aperta a proposte di qualsiasi disciplina, gli artisti saranno invitati a trascorrere periodi di residenza nello stabile, durante i quali realizzare interventi e opere negli spazi comuni al fine di attivare il dialogo tra le diverse comunità che lo abitano e favorire la riqualificazione del maestoso edificio ottocentesco, oggi in stato di trentennale degrado e abbandono.

I progetti vincitori saranno selezionati dagli stessi abitanti del condominio (oltre 200 inquilini di ogni nazionalità distributi in 53 appartamenti) con la mediazione di un board curatori e di addetti ai lavori, sulla base della capacità di coinvolgere la comunità dello stabile e del quartiere nella progettazione e nella realizzazione delle opere, di interpretarne i desideri,  di attivare nuove e durevoli forme di socialità attraverso percorsi di co-creazione e cura collettiva degli spazi.

Il condominio – luogo in cui si esercita la prima forma di democrazia e punto di intersezione tra dominio pubblico e privato – si apre alla pratica artistica come fattore di rigenerazione estetica, sociale e culturale, divenendo così un luogo simbolico attraverso cui la comunità rappresenta se stessa, così come un tempo i palazzi signorili – decorati dagli artisti – rappresentavano il prestigio delle singole casate.

Lo spazio, sempre visitabile e aperto alla cittadinanza, definirà il primo esperimento internazionale di condominio-museo.

 

L’ex-portineria del palazzo, riaperta e presieduta da un team di giovani sociologi e antropologi, grazie alla collaborazione dell’Università degli Studi di Torino, si trasforma in “portineria artistica” per accogliere i visitatori e raccogliere i desideri degli abitanti.

Il programma si completa con mostre, eventi e talk organizzati nello spazio indipendente Idiòt, con l’attivazione di un servizio di ricezione turistica nonché del laboratorio di creazione Fucina16, gestito da artisti torinesi, all’interno del giardino comune.

L’intero progetto sarà studiato e monitorato da un gruppo di giovani sociologi e antropologi dell’Università degli Studi di Torino, così da rendere il modello replicabile.

viadellafucina16 costituirà un inedito innesto della pratica artistica nel tessuto vitale di una comunità circoscritta che intende dimostrare, attraverso un esperimento condotto in un contesto ridotto, come l’arte e la cultura possano diventare strumenti efficaci nella risoluzione dei conflitti e per una trasformazione collettiva.
IL BANDO è ON LINE su http://viadellafucina16.kaninchenhaus.org

Deadline per partecipare: 25 Giugno

 

viadellafucina16 è un progetto di Kaninchen-Haus con il sostegno di SIAE e MiBACT nell’ambito di “Sillumina – Copia privata per i giovani e la cultura” e del Programma Housing di Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando “Abitare una casa, vivere un luogo”.

Con il Patrocinio della Città di Torino e di GAI Giovani Artisti Italiani.

Con la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura della Città di Torino – Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea – Dipartimento Culture Politica Società dell’Università degli Studi di Torino – a.titolo – Liberitutti – The GatePorta Palazzo – Ass. Idiòt.

Segui il progetto su facebook

Arte evento a Venezia – HAPPYSPRITZ@GUGGENHEIM Lunedì 29 maggio

HAPPYSPRITZ@GUGGENHEIM
Lunedì 29 maggio
ore 19-21

#HappySpritz17

C’è l’arte, c’è la musica, ci sono tanti giovani, e c’è la magica cornice di Venezia al tramonto. Questi sono gli ingredienti per una ricetta di successo. Non manca altro. Il risultato? Ovvio, Happyspritz@guggenheim! I cancelli della Collezione Peggy Guggenheim tornano ad aprirsi per ospitare la nona edizione dell’evento più “social” della laguna, realizzato grazie alla ormai consolidata collaborazione con Aperol Spritz, storica azienda parte del gruppo Guggenheim Intrapresae. L’aperitivo “ad arte” che da ormai 9 anni anima il museo veneziano è un evento che conferma il legame di Aperol Spritz con il suo territorio di origine e con la Collezione stessa.

Lunedì 29 maggio, dalle 19 alle 21 vi aspettiamo a casa di Peggy, tra i suoi tanti capolavori, per una serata alternativa, in compagnia degli amici, e poi di Picasso, Magritte, Kandinsky, Pollock, Warhol, e dei lirici segni grafici delle opere di Mark Tobey, espressionista astratto americano a cui il museo dedica un’attesa retrospettiva, la prima mai realizzata in Italia. Il tutto sarà accompagnato dai trascinanti ritmi dei dj Lorenzo Bitw e Palm Wine che si alterneranno alla consolle per animare il giardino delle Sculture Nasher. Il programma musicale è a cura di Alessandro Picunio e dell’Associazione Culturale Do Not Friday Venezia.

#happyspritz17 sarà l’hashtag da utilizzare su Facebook, Twitter e Instagram per comunicare e condividere con tutti l’evento Happyspritz@guggenheim.

Il biglietto d’accesso al museo è di 13 euro, ridotto a 5 euro con corsia d’accesso preferenziale per i possessori di Young Pass, la membership Guggenheim per gli under 26.

I biglietti sono acquistabili anche online direttamente sul sito guggenheim-venice.it, il mercoledì precedente ciascun appuntamento. Ingresso al museo fino a esaurimento posti.

Prossimo appuntamento lunedì 12 giugno.

Arte per grandi e piccoli alla Pinacoteca cantonale Giovanni Züst

eventi – visite guidate e atelier per ragazzi – organizzati a corredo delle mostre 

RAFFAELLA COLUMBERG (1926-2007)

Ceramista

26 marzo – 20 agosto 2017

LE STANZE SVELATE

La collezione d’arte di Ivo Soldini

dai Vela a Marino Marini

7 maggio – 27 agosto 2017

 Pinacoteca cantonale Giovanni Züst

Rancate (Mendrisio), Svizzera

La Pinacoteca Züst rimane aperta durante tutta l’estate ed è pronta ad accogliervi per trascorrere delle ore piacevoli in allegria, accompagnati dalle nostre animatrici. Dopo il successo degli scorsi anni, vi proponiamo un’intera settimana durante la quale, giorno per giorno, scoprirete una nuova tecnica artistica e vi divertirete con laboratori pratici che vi consentiranno di applicare subito quanto appreso. Ci sarà anche tempo per una merenda tutti insieme!

12 – 16 anni
Biglietto per ogni appuntamento: CHF 15.-.
Biglietto cumulativo per tutta la settimana: CHF 40.- (sconto fratelli: solo CHF 25.- ciascuno) Comprende: visita guidata, laboratorio, materiale, merenda

Genitori o accompagnatori sono benvenuti e possono partecipare alle attività acquistando il biglietto allo stesso prezzo. Se desiderano invece tornare durante i successivi weekend, usufruiranno di uno sconto di CHF 2.- per ciascun ragazzo iscritto all’attività.
ISCRIZIONE OBBLIGATORIA: decs-pinacoteca.zuest@ti.ch; 091 8164791

______________

Settimana 1: ALLA SCOPERTA DELLA CERAMICA
da lunedì 3 a giovedì 6 luglio – Iscrizione obbligatoria entro lunedì 26 giugno Orario: 14.30 – 17.00
Settimana 2: NELLA BOTTEGA DI…
da lunedì 10 a giovedì 13 luglio – Iscrizione obbligatoria entro lunedì 3 luglio Orario: 14.30 – 17.00
Settimana 3: ALLA SCOPERTA DELLA CERAMICA
da lunedì 17 a giovedì 20 luglio – Iscrizione obbligatoria entro lunedì 10 luglio Orario: 14.30 – 17.00

In caso di esigenze particolari e previo accordo possiamo anticipare l’arrivo o posticipare il rientro dei ragazzi.

::::::::::

ADULTI:

VISITA GUIDATA GRATUITA
ALLE MOSTRE “RAFFAELLA COLUMBERG” E “LE STANZE SVELATE” RISERVATA ALLA POPOLAZIONE DELLA GRANDE MENDRISIO
In collaborazione con il Municipio

Per tutti gli eventi, lʼiscrizione è obbligatoria e da effettuarsi presso la segreteria della Pinacoteca entro
2 giorni dalla data prevista:
Tel. 0041 (0)91 816 47 91; decs-pinacoteca.zuest@ti.ch.

Qualora non si raggiungesse il numero minimo di iscritti gli eventi verranno annullati. I partecipanti verranno avvisati tempestivamente. Info: www.ti.ch/zuest

Arte a Como – Workshop previsto per sabato 27.05.2017

“LA TEIERA SBILENCA” 2

workshop previsto per sabato 27.05.2017

Partecipanti: minimo 3 e massimo 6

orario: 10 – 16.30 circa, con breve pausa pranzo

Prenotazioni per e-mail entro giovedì 25.05.2017

---

Un altro appuntamento per la ” Sbilenca “, teiera fantasiosa e funzionale!

Modelliamo una teiera completa di tutti i suoi componenti (beccuccio, coperchio, manico …) – il risultato del nostro lavoro sarà individuale e irresistibile !

Lavoreremo in gres, in modo che la teiera potrà essere smaltata ad alto fuoco e lavata tranquillamente in lavastoviglie.

Pensato per chi ha già un pò di confidenza con il materiale.

Costo: a) 5 o 6 partecipanti:  95,– Euro a persona 

b) 3 o 4 partecipanti: 110,– Euro a persona.

Sconto del 10 % agli affezionati (= alle persone che hanno partecipato a dei workshop precedenti).

Compreso: materiale, 1. cottura (biscotto),  e spuntino pranzo.

Per la smaltatura, con un contributo cottura, sarà fissato una data successiva

Tedesca di origine, vivo da 30 anni in provincia di Como, e ad ancora più tempo risale la mia passione per la ceramica. Nel 2012 ho concluso un corso quinquennale presso la Staatl. Fachschule für Keramikgestaltung Höhr-Grenzhausen (Istituto di Stato per il Design delle Materie Ceramiche), con la qualifica di  Designer di Materie Ceramiche e formatrice professionale nel settore. Il mio atelier a Como in Via Borsieri 16 è aperto dal 2013, nell’edificio dell’antico monastero di Santa Margherita.

Cell.: 349 241 2583

Tokyo e l’architettura moderna e contemporanea

Sumida_Hokusai_Museum

Tokyo è sinonimo di tradizione ma è anche innovazione e futuro, per questo, la metropoli nipponica è anche caratterizzata da un considerevole skyline di edifici e grattacieli moderni e contemporanei, a volte caratterizzati da forme particolari o bizzarre. E mentre il governo di Tokyo, in vista del 2020, ha intenzione di proseguire con lo sviluppo di numerosi nuovi grattacieli, si dice decine, presentiamo il nucleo di edifici di richiamo culturale e turistico della capitale giapponese.

Il suggerimento per i visitatori è di inserire nei loro piani di visita alcune, se non tutte, le architetture di maggiore interesse, realizzate da Architetti di fama mondiale.

Sumida_Hokusai_Museum

Tra gli edifici più nuovi in città, il nuovissimo e particolare Sumida Hokusai Museum, aperto da pochissimi mesi proprio nel quartiere di Sumida, dove nacque nel 1760 il più famoso artista ukiyo-e giapponese al mondo, Katsushika Hokusai, famoso in Occidente per il suo contributo alla nascita e diffusione del Giapponismo in Europa.

Oltre all’importanza culturale del museo come collettore di numerose opere originali che illustrano il percorso artistico dell’artista, il museo è esso stesso un edificio di rilevanza architettonica contemporanea. Il progetto è a cura di Kazuyo Sejima, una delle architetto donna più famose del mondo e vincitrice del premio Pritzker nel 2010 che ha insegnato in numerose università nel mondo tra cui il Politecnico di Milano, il Politecnico di Losanna e Università delle Arti applicate a Vienna.

La struttura dell’edificio rispecchia strutture angolari tanto care all’artista Hokusai e anche al suo interesse per angoli obliqui e ai contrasti, come vicino-lontano e naturale-artificiale. L’edificio è pensato inoltre per fondersi al meglio con l’ambiente circostante, grazie ad una struttura con multipli accessi su più lati e una superficie esterna riflettente che lo mimetizza ulteriormente con l’ambiente circostante.

Un altro edificio di Tokyo degno di nota si trova a Ginza, il quartiere delle boutique e del lusso per definizione, che accoglie la maggior concentrazione di edifici architettonici sperimentali della capitale giapponese, spesso commissionati da famosi brand internazionali.

MIKIMOTO_Ginza2

Tra questi il Mikimoto Ginza 2, l’edificio del brand giapponese Mikimoto, specializzato in perle per le quali il Giappone è noto nel mondo. Il brand fu fondato da Kokichi Mikimoto, il primo uomo a perfezionare la tecnica di coltivazione delle perle, che nel 1899 aprì il primo negozio proprio a Ginza, Tokyo, fino a crescere e diventare fornitore delle case reali mondiali, da quella imperiale giapponese fino alla Casa Reale Britannica.

L’edificio, ideato dallo studio Toyo Ito, uno degli architetti più influenti al mondo, vincitore anch’egli del premio Pritzker nel 2013 e architetto di importanti progetti anche in Europa, è composto da 9 piani e 56 metri di altezza e, sorprendentemente, non presenta colonne al suo interno, ed è sostenuto dalle sue stesse mura. Mura che presentano una delicata colorazione, con aperture apparentemente casuali e che, di notte, si illuminano di colori diversi.

Poco distante dal quartiere di Ginza si trova il quartiere di Aoyama, considerato un centro in grado di unire cultura e moda, anch’esso caratterizzato da numerose boutique e palazzi icona, come ad esempio i meravigliosi Prada, Dior e Tod’s Building. Durante una passeggiata di shopping, sarà impossibile non notare come sul paesaggio urbano del quartiere si staglia il complesso di negozi e uffici AO Building, con i suoi 16 piani e 90 metri di altezza.

AO Building

L’edificio è stato progettato dallo studio di architettura Nihon Sekkei, uno studio con più di quattrocento ingegneri e architetti, ed ospita numerosi brand di alto livello. La configurazione dell’edificio è unica nel suo genere, con una torre dalla base e cima più ampie rispetto ai piani intermedi, a creare un profilo distintivo, quasi come se l’edificio avesse subito una torsione.

National-Art-Center-Tokyo

Se vi trovate invece a visitare il quartiere di Minato, dove si trova la celeberrima Tokyo Tower, vale la pena proseguire verso la zona di Roppongi per visitare anche il National Art Center, uno degli spazi mostre più grande del suo genere in Giappone, che insieme al Mori Art Museum e il Suntory Museum forma il cosiddetto “triangolo dell’arte”.

Il museo nasce come spazio espositivo innovativo, non dotato di una collezione permanete e votato ad eventi e mostre speciali. Negli anni ha accolto anche mostre itineranti di grandi artisti internazionali come Renoir, Salvador Dalì e Alfons Mucha e molti altri.

L’edificio del museo è opera di Kisho Kurokawa, uno dei maggiori architetti della scena giapponese, il primo a divenire Membro Onorario del Royal Institute of British Architects e anche Medaglia d’Oro dell’Accademia per l’Architettura francese. L’architettura dell’edificio è votata alla funzionalità: uno spazio espositivo di oltre 14 mila metri quadrati con una facciata una sinuosa facciata trasparente ad onde con struttura in acciaio, che gli ha permesso di ricevere premi tra cui il Chicago Athenaeum International Architecture Award nel 2006.

Durante un viaggio a Tokyo, da non dimenticare anche una visita al Museo Nazionale di Arte Occidentale, il cui edificio principale fu completato nel 1959 ad opera del maestro del razionalismo Le Corbusier e nel 2016 è stato iscritto nella lista dei Patrimoni dell’Umanità UNESCO.

Il museo è il punto di riferimento per l’arte occidentale a Tokyo. Si trova all’interno del parco di Ueno, e vale la pena di visitarlo perché custodisce opere di arte occidentale che vanno dal Tardo Medioevo sino ai grandi maestri dei primi del Ventesimo Secolo, tra cui le ninfee di Monet e importanti sculture di Rodin.

Arte a Milano – Prima conferenza sulla mostra – C’era una volta in Giappone

Gli incontri sono a ingresso gratuito, fino a esaurimento dei posti disponibili.

Prima conferenza sulla mostra

C’era una volta in Giappone. Fotografie e netsuke del XIX secolo

La fotografia della Scuola di Yokohama

Moira Luraschi

In occasione della mostra C’era una volta in Giappone. Fotografie e netsuke del XIX secolo, in corso al Museo Poldi Pezzoli fino al 31 luglio 2017, la casa museo di via Manzoni organizza due incontri di approfondimento sui temi dell’arte e della cultura giapponese del XIX secolo.
La fotografia della Scuola di Yokohama è il titolo della prima conferenza, tenuta da Moira Luraschi, ricercatrice del Museo delle Culture di Lugano, in programma giovedì 25 maggio alle ore 18.00.

La conferenza introduce il pubblico alla storia, alle tecniche di realizzazione e all’estetica delle fotografie all’albumina colorate a mano tipiche del fortunato evento artistico e commerciale noto come “Scuola di Yokohama”, dal nome del suo principale centro di propagazione.

Le fotografie, diffusesi rapidamente in tutto il Giappone tra il 1860 e il 1910, amatissime dai turisti occidentali che lì si recavano e da loro portate in Occidente, illustrano magnificamente il sentimento della nostalgia che tutti, fotografi occidentali e giapponesi, provavano di fronte al mondo del vecchio Giappone, feudale e campagnolo, che andava rapidamente dissolvendosi sotto i colpi della modernizzazione dell’epoca Meiji.

Si ringraziano Milano Asian Art, Paolo Gerini, Amici del Museo Poldi Pezzoli, BIG / CiaccioArte – Insurance Services e iGuzzini illuminazione.
Digital imaging partner: Canon Italia S.p.a.

Il prossimo incontro:
Giovedì 8 giugno, ore 18.00
L’era Meiji. Dal feudalesimo alla rinascita del Giappone nella modernità Keiko Ando, direttrice del Centro di Cultura giapponese di Milano

Gli incontri sono a ingresso gratuito, fino a esaurimento dei posti disponibili.

Museo Poldi Pezzoli
Via Manzoni 12, 20121 Milano
Tel. 02 794889 | 02 796334
Apertura: da mercoledì a lunedì, dalle 10.00 alle 18.00 Chiuso il martedì – Ingresso: 10 € | 7 € ridotto www.museopoldipezzoli.it

Arte – Cos’è l’ HUGO BOSS PRIZE ?

Il premio Hugo Boss è universalmente inteso come uno dei più prestigiosi premi di arte contemporanea.

Il premio è gestito dal Guggenheim Museum di New York e sponsorizzato dal marchio Hugo Boss.

Non ci sono limiti di età e di nazionalità.

Cedenza Biennale; il prossimo nel 2018

Una giuria di curatori, critici e direttori di museo e nomina una lista di sei o sette artisti; quindi, nei mesi seguenti, la medesima giuria elegge il vincitore del premio.

SEDE Solomon R. Guggenheim Museum, 1071 Fifth Avenue (at 89th Street), New York, NY 10128 0173

LINK www.hugobossprize.com

Musica a Cremona – Terza edizione del CremonaJazz

CREMONA – la terza edizione del CremonaJazz è in corso e prevede ancora una grande serata: sabato 27 maggio, sempre ospitate in quell’incredibile gioiello di architettura e acustica che è l’Auditorium Giovanni Arvedi all’’interno del Museo del Violino.
CremonaJazz ha presentato anche quest’’anno un cartellone composto da proposte di assoluto livello artistico, prestigiosi nomi della musica internazionale.

Sabato 27 maggio 2017 ore 18:30
Iguazù Acoustic Trio
Fabio Gianni (pianoforte)
Marco Mistrangelo (basso)
Alex Battini de Barreiro (batteria)

La visione generale che caratterizza la direzione artistica di Gianni Azzali in relazione alla rassegna CremonaJazz è un’’idea di manifestazione dove la musica jazz ha un respiro ampio, slegato da etichette e stereotipi che possano imbrigliarne le scelte. Si tratta di Jazz, ovviamente, ma in un’’ottica che per prima cosa pone il luogo dove si svolgeranno i concerti, l’Auditorium Giovanni Arvedi, come punto di riferimento guida delle scelte artistiche; questo per l’’estrema bellezza delle sue linee architettoniche, curve che richiamano la sinuosità e la perfezione della liuteria cremonese, ma soprattutto per la sua perfetta acustica, affidata in fase di costruzione dall’’architetto Giorgio Palù all’ingegner Yasuhisa Toyota.

Le scelte artistiche cadono volentieri su musicisti e progetti squisitamente acustici, che possano integrarsi con l’’ambiente che li ospita, il quale diviene “complice” del suono, enfatizzandone in qualche modo la capacità comunicativa e la fruizione. Il Cremonajazz è stato inaugurato dal violoncello di Morelenbaum, si è poi passatialla passione argentina degli Aires Tango con Ralph Towner. Prossimi protagonisti della scena saranno gli archi del Kronos Quartet e infine la straordinaria creatività degli ottantuno anni di un’artista come Carla Bley chiuderà la terza edizione della rassegna.

CremonaJazz è organizzato dalla società Unomedia e si avvale del Patrocinio del Comune e della Provincia di Cremona, ha come partner Air Liquide e Willis Towers Watson, gli MdV friends –network di Imprese che sostengono l’attività del Museo del Violino – la collaborazione dei Media partner e dei Local Partners Locanda Torriani, Chiave di Bacco, Carini, Cartel, RGS ed altre importanti realtà imprenditoriali del territorio.

Biglietti
Biglietterie Teatro Amilcare Ponchielli e Museo del Violino.
Online: www.vivaticket.it

Costo dei biglietti:
Intero   30,00 euro
Ridotto (*)  20,00 euro

(*) Riduzione applicata agli under 20, agli over 65 e ai soci del Piacenza Jazz Club

BIGLIETTERIE
Teatro Amilcare Ponchielli
, Cremona
Tel. 0372 022001 e tel. 0372 022002
Dal lunedì al sabato: 10:30 – 13:30 / 16:30 – 19:30

Museo del Violino, Cremona
Tel. 0372/080809
Dal martedì alla domenica: 10.00 – 18.00

Online sul sito www.vivaticket.it
Per ricevere tutte le informazioni sui concerti di Cremona Jazz, si può scrivere una e-mail a info@cremonajazz.it, mentre per mantenere i contatti e ricevere tutti gli aggiornamenti si può visitare il sito www.cremonajazz.it oppure seguire sui social la pagina Facebook e Twitter.

Arte a Como – Non solo ceramica: 2 incontri creativi per lavorare sull’incisione e stampa

Non solo ceramica: 2 incontri creativi per lavorare sull’incisione e stampa di lastre di nylon

lunedì 29.05.17  dalle 20 – 22.30 circa
lunedì 05.06.17 dalle 20 – 22.30 circa

Nel mio laboratorio di ceramica, fra i soliti attrezzi del mestiere, si trova anche un torchio manuale a rullo che utilizzo per la stampa di incisioni di lastre di nylon  – una tecnica che mi diverte molto e che mi piacerebbe condividere con voi!
Tutto ciò che dovrete portare è una bella foto o un vostro disegno (di un formato relativamente piccolo, non più grande di una cartolina, altrimenti il tempo a disposizione non basterà per completare l’incisione della matrice).
Ricordatevi di vestire in modo comodo e di portare un grembiule (i colori di stampa macchiano!).

Durante il primo incontro inciderete ciò che desiderate (una foto, un vostro disegno preparato prima o “al momento”) nella matrice in nylon, con un ago da incisione a freddo.

Durante il secondo incontro stampiamo diverse copie con le vostre matrici, dopo aver preparato prima i fogli di carta per la stampa (colorati o bianchi, saranno messi a mollo!).
Potete portare i vostri lavori con voi la sera stessa in una busta, assieme alla matrice. Se le stampe dovessero risultare ancora troppo umide per il trasporto potete ritirarle nei giorni successivi o riceverle per posta.

Partecipanti: minimo 3 e massimo 5
Costo per persona e serata: 3 partecipanti: 40 Euro;
da 4 – 5 partecipanti: 30 Euro
Compreso: lastra di nylon per l’incisione, diversi colori di stampa, supporti di stampa in pregiata carta fatta a mano + la carta necessaria per le stampe di prova. Utilizzo dell’attrezzo di incisione (se desiderate averne uno tutto vostro posso procurarvelo successivamente).
Adatto a tutte le persone con un pò di pazienza e una discreta manualità nel disegno (incidere è un pò come disegnare…!)

Agnes Duerrschnabel – atelier di ceramica e design
via Borsieri, 16 – Como – ITALY
info@agnesduerrschnabel.it -www.agnesduerrschnabel.it –

ARTE dOCUMENTA 2017 – Prima volta anche in Grecia

ARTE – SOCIETA’ – POLITICA 

XIV edizione di Documenta

Atene sino al 16 luglio 2017

Kassel (Germania): sino al 17 settembre 2017

Foto: Kunellis-Tragedia-civile-1975-presentata-a-Documenta-7-nel-1982-particolare.

dOCUMENTA 14 a2017

la mostra PIÙ IMPORTANTE d’EUROPA per l’ arte contemporanea

Documenta 2017 si amplia da Kassel ad Atene

Curatore:

Diretta da Carolyn Christov-Bakargiev

ATENE 8 aprile-16 luglio 2017

Una straordinaria opportunita’ pe rvisitare anche i preziosi musei della città di Atene

Storica sede di KASSEL 10 giugno-17 settembre 2017

La Aegean Airlines farà voli diretti fra le due sedi

– Quattordicesima edizione
– Sessant’anni di storia
-Doppia collocazione
– Per la prima volta anche ad Atene (8 aprile-16 luglio)
– Rimane la storica sede di Kassel (10 giugno-17 settembre).
Per tutte le domande relative per visitare  Documenta:
visitors@documenta.de – telefono +49 (0) 561 7072770o
The Visitor serve per avere risposte a tutte le questioni organizzative; sia per i biglietti d’ingresso, che per orari o domande sulle visite.
La compagnia aerea Aegean Airlines, ha annunciato la programmazione di due voli diretti settimanali tra le due città, per facilitare gli spostamenti dei visitatori di documenta 14.

“… 00prendersi del tempo, permettendo una pausa durante il viaggio tra le due postazioni. La mostra diventa così un agente di cambiamento e un’esperienza di trasformazione per il suo pubblico e i partecipanti in entrambi i luoghi, e oltre”.

Vedi anche ai link ufficiali :

https://translate.google.it/translate?hl=it&sl=de&u=https://www.documenta.de/&prev=search

https://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.documenta14.de/&prev=search