Archivi categoria: varie: scuole, manifestazioni…

varie d’arte scuole, manifestazioni ecc..

LETTERATURA – L’omero di Santa Lucia Derek Walcott e il suo ultimo canto

Premio Nobel per la letteratura nel 1992, Derek Walcott ci ha lasciati a 87 anni, dopo avere vissuto sempre nella splendida isola di Santa Lucia, nei Caraibi.

Guadava il mondo “ con occhi di polipo”, un invertebrato che ha dimostrato grande intelligenza.

Derek Walcott, aveva sangue inglese, tedesco e nero; un cocktail travolgente, tanto che nessuna traduzione può rendere la bellezza dell’originale.

Dai critici americani è stato definito “ black writer of the Caribbean ”, ma lui si definisce non abbastanza nero per l’orgoglio degli africani; tanto che i neri non lo hanno mai riconosciuto come uno dei loro.

Di se diceva Sono un nero, rosso (di capelli), che ama il mare e che ha avuto una buona istruzione coloniale ”. I suoi nonni erano schiavi e la mamma che gli leggeva Shakespeare quando ancora era bambino.
Derek Walcott Era già noto nel 1962 per la collezione di poesie
“ The green night ”. Monumentale opera che comprende una rielaborazione dell’Odissea in 8.000 versi, dal titolo “Omeros ”.
Tradotto in italiano da Adelphi.

80 sono i titoli delle sue opere teatrali, non conosciute in Europa.

Accusato di soffrire di complesso di “ negritudine ”, rispose (in polemica con un collega): “ Sono stato morso, devo evitare l’infezione /altrimenti potrei essere morto …”.

Arte e floricultura a Milano – Brera una rosa per la nuova Brera ad Orticola 2017

5 – 7 maggio sono le date di Orticola che, ai Giardini Montanelli, presenterà un’idea di Philippe Daverio per James Brandburne, quest’ultimo direttore della Pinacoteca di Brera: una nuova rosa creata espressamente per promuovere la NUOVA GRANDE BRERA.

Dalla tonalità bicolore, rossa e gialla, la Rosa di Brera quando si apre vira verso i colori viola e crema. Resistente e dalla lunga fioritura si presenta come un soggetto interessante per tutti gli amanti dei giardini.

La rosa sarà coltivata nell’Orto botanico di Brera a partire dal mese di maggio e sarà messa in vendita dall’autunno 2018; dal vivaio Barni di Pistoia.

Non solo la rosa è la novità di Brera,  con 6.500 mq. dedicati all’arte moderna di inizio ‘900; con l’esposizione di due gradi collezioni quali la Jesi e la Vitali.

Vi saranno esposti per due anni, anche 26 pezzi del collezionista Mattioli.

————-

Weekend a Milano – Evento danza – Poesia e funambulismo con Luciana Savignano

Evento danza a Milano – Poesia e funambulismo con Luciana Savignano nel restaurato Teatro Gerolamo – 24 – 26 marzo 2017
“Funambolia” e “Luminare Minus”:

sulle tracce di una donna dalla pelle bianchissima; da un frammento di luna si fondono poesia, movimento, ricerca scientifica e nuove tecnologie. Da non perdere.

Teatro Gerolamo, Pzza Beccaria 8; orari diversi – entrata da 8 a 60 euro.

Home Slider Full Width

Dopo più di trent’anni riapre il Gerolamo, gioiello dei teatri milanesi, l’unica ribalta europea appositamente costruita sulla misura degli spettacoli di marionette, per decenni attrazione e appuntamento privilegiato per un pubblico colto e appassionato e per generazioni di piccoli spettatori.

Musica classica jazz e musical a Venezia – TEATRINO DI PALAZZO GRASSI – Entrata libera a Le Salon Idéal

Domenica 26 marzo 2017 alle ore 18.00 – Al  Teatrino di Palazzo Grassi  una serata aperta gratuitamente al pubblico

TEATRINO DI PALAZZO GRASSI

Le Salon Idéal

Il Teatrino di Palazzo Grassi presenta un progetto musicale inedito che unisce musica classica, jazz, musical annullando la distanza tra musicisti e pubblico.

Le Salon Idéal, 2017. Marion Rampal – cantante, Irina Gurevich de Baghy – soprano, Ismaël Margain – pianoforte e saxofono,
Leslie Boulin Raulet – violino, Pierre-François Blanchard – pianoforte, Matteo Pastorino – clarinetto basso, Juliette Salmona – violoncello, Noëmi Waysfeld – cantante

Per il secondo anno consecutivo, Palazzo Grassi – Punta della Dogana invita Le Salon Idéal per due esclusivi appuntamenti: uno aperto liberamente al pubblico e uno dedicato ai titolari della Membership Card di Palazzo Grassi.

Sabato 25 marzo 2017 alle ore 17.00 i possessori della Membership card di Palazzo Grassi potranno assistere a un concerto privato all’ora del tè, condotto da Le Salon Idéal presso un appartamento affittato appositamente per loro e per questa incredibile occasione.

Domenica 26 marzo 2017 alle ore 18.00 la formazione si esibirà presso il Teatrino di Palazzo Grassi per una serata aperta gratuitamente al pubblico all’insegna della musica e della condivisione, che spazierà tra generi ed epoche differenti toccando le corde della sensibilità di ciascun spettatore.

Il programma, immaginato appositamente per il pubblico veneziano, si intitola Venise au fil de l’eau e omaggia la città dei dogi proprio in occasione del suo compleanno il 25 marzo, giorno in cui, secondo la tradizione, ricorre la consacrazione della Chiesa di San Giacometo a Rialto nel 421. La prestigiosa selezione musicale proposta da Le Salon Idèal include alcuni brani di compositori come Luigi Rossi (1597 – 1653), Antonio Vivaldi (1678 – 1741), Felix Mendelssohn (1809 – 1847), Jules Massenet (1842 – 1912) e Franz Liszt (1811 – 1886), le cui opere intramontabili si alterneranno a pezzi jazz originali e a testi tratti dalla cultura sonora contemporanea.

Nato a Parigi nel gennaio 2015, Le Salon Idéal è un happening musicale concepito e organizzato dalla giornalista francese Arièle Butaux che coinvolge artisti di primo piano, provenienti da differenti ambiti sonori.
I concerti de LeSalon Idéal sono momenti intimi, in cui i musicisti e il pubblico si incontrano in un’atmosfera rilassata, lontani dall’ambiente formale delle sale da concerto. In questo “salotto ideale” gli artisti possono sperimentare liberamente, senza frontiere, lasciando spazio al confronto e alla contaminazione tra generi. Concerto dopo concerto, i protagonisti cercano di instaurare una relazione sempre più vicina e diretta con gli spettatori, in un contesto che ricorda quello di una famiglia riunita a suonare e ascoltare.

Classica, jazz e musical si incontrano quindi con nuovi arrangiamenti sorprendenti e personali all’interno di un programma inedito, concepito per essere inclusivo e non elitario in grado di spaziare tra diverse proposte storiche e contemporanee.

VENISE AU FIL DE L’EAU

Sabato 25 marzo, ore 17.00 – Tea Time Musicale
Riservato ai possessori della Membership Card di Palazzo Grassi – Punta della Dogana.
Per info e prenotazioni: membership@palazzograssi.it | +39 041 2401347 (Lun – Ven dalle 9.00 alle 15.00)

Domenica 26 marzo, ore 18.00 – Le Salon Idéal
Teatrino di Palazzo Grassi
Ingresso libero sino a esaurimento posti.

Formazione
Pierre-François Blanchard – pianoforte
Leslie Boulin Raulet – violino
Irina Gurevich de Baghy – soprano
Ismaël Margain – pianoforte e saxofono
Matteo Pastorino – clarinetto basso
Marion Rampal – cantante
Juliette Salmona – violoncello
Noëmi Waysfeld – cantante

Tutti gli appuntamenti del Teatrino sono comunicati e costantemente aggiornati sul sito di Palazzo Grassi alla voce “calendario”.

www.palazzograssi.it

Cultura a Milano – Progetto Di Casa in Casa – QUATTRO CASE MUSEO PER UNA CITTÀ

DI CASA IN CASA

QUATTRO CASE MUSEO PER UNA CITTÀ

Le quattro case museo di Milano

– Museo Bagatti Valsecchi, Casa Boschi di Stefano, Villa Necchi Campiglio e Museo Poldi Pezzoli, in partenariato con la Fondazione Adolfo Pini e il suo progetto Storie Milanesi

presentano la nuova iniziativa Di Casa in Casa, realizzata grazie al contributo di Fondazione Cariplo per il bando “Cultura e aree urbane”, in collaborazione con il Comune di Milano.

“Dopo il grande successo di Museocity che ha spalancato le porte di tante case museo, atelier d’artista e musei d’impresa, svelando a cittadini e turisti luoghi e collezioni ‘nascoste’ e ignote ai più, questo nuovo progetto ci porta alla scoperta di quattro case museo milanesi che hanno trovato modi nuovi per proporsi al pubblico, anche a quello più giovane, con un ventaglio di opportunità: dalle più tradizionali e sempre apprezzate visite guidate al digitale e interattivo chatbot game.

Una vera e propria caccia al tesoro che ci accompagna in giro per la città mostrandoci percorsi inediti e nuovi itinerari nel segno della bellezza”, dichiara l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno.

Il progetto Di Casa in Casa, una passeggiata tra gli affascinanti quartieri di Milano, che ci permette di conoscere la città in modo diverso, propone itinerari integrati che uniscono temi artistici e architettonici alle esigenze del nuovo turismo milanese e internazionale, promuovendo una più aggiornata diffusione delle tradizioni culturali e produttive ambrosiane.

A disposizione del pubblico vi sono diverse modalità di fruizione: consultando in autonomia il sito internet o partecipando a visite guidate organizzate o, per gli utenti più giovani, utilizzando l’avventura digitale del chatbot game.

Il visitatore, collegandosi al nuovo sito casemuseo.it – realizzato dalla web agency Beecreative, totalmente rinnovato nei contenuti e con una nuova veste grafica accattivante e ricca di immagini – e consultando la mappa geolocalizzata Di Casa in Casa, può scegliere uno dei percorsi tematici proposti, ideati da Stefano Zuffi, individuando la zona di Milano, la durata della visita e la tipologia, tra architettura, arte, artigianato, bambini, design, gusto e musei.

Le quattro istituzioni museali propongono quindi una prima selezione di eccellenze cittadine, negozi, botteghe storiche, gallerie d’arte e ristoranti...inseriti in tredici percorsi, quali ad esempio: tra Manzoni e Verdi, alla scoperta della letteratura e della musica milanese; dimore e giardini, il cuore verde di Milano; design nella Milano del Novecento; percorsi dedicati alle famiglie con bambini, come Passeggiare con i bimbi.

Si tratta di una serie di percorsi inediti, che uniscono la cultura alla tradizione, la creatività artistica a quella artigianale, la grande architettura urbana all’area verde, permettendo ai visitatori di diverse fasce di età di orientarsi con consapevolezza tra le offerte culturali della città in tema di arte e musica, ma anche in ambiti commerciali legati ad esempio al design, al cibo, all’educazione.

Inoltre, il visitatore può scegliere di essere accompagnato grazie ad un programma di visite guidate realizzato da Art in the City: con cadenza mensile, questi itinerari narrati hanno l’obiettivo di valorizzare i nessi e i rimandi che legano le quattro case museo tra di loro e alle diverse realtà storiche e di quartiere, con la possibilità di offrire i percorsi anche in lingua inglese per i turisti.

Gli itinerari alla scoperta della città di Milano si arricchiscono con i percorsi proposti da Storie milanesi, un progetto della Fondazione Adolfo Pini, complementare a Di Casa in Casa.

La piattaforma digitale storiemilanesi.org, lanciata nel 2014, è consultabile sia in italiano sia in inglese, con diverse chiavi di lettura e filtri tematici che consentono di scoprire 15 case museo, atelier d’artista, studi di architetti e designer e i loro quartieri.

I personaggi di Storie Milanesi trovano voce nei racconti scritti da Gianni Biondillo, fruibili anche attraverso l’ascolto. Numerosi gli approfondimenti storici, culturali e architettonici che accompagnano il viaggiatore in un percorso urbano inedito per guardare alla città, ai suoi quartieri, con lo sguardo di quei cittadini che hanno lasciato un patrimonio di cultura, di saperi e di bellezza.

Una grande novità del progetto Di Casa in Casa, che conferisce alla rete delle case museo un vero e proprio primato in ambito di didattica museale, è il chatbot game messo a punto da InvisibleStudio: un gioco articolato su quattro itinerari, uno per ciascuna casa museo, in cui un personaggio virtuale dialoga con i visitatori tramite l’app Facebook Messenger. Chiamati a risolvere enigmi relativi alle dimore e alla porzione di città in cui si trovano, gli utenti sono coinvolti attraverso un meccanismo serrato di domanda e risposta che li attira in un territorio di connessioni e rimandi. Il gioco è rivolto al pubblico dei più giovani, invitandolo all’osservazione attenta delle case museo e dei luoghi della città.

Il progetto è inoltre arricchito da un breve documentario, a cura di TVN Mediagroup, con la voce narrante di Lella Costa, e da un trailer che verrà diffuso nei cinema del circuito Spazio Cinema e negli spazi del Comune.

Anche la grafica del circuito case museo di Milano è stata rinnovata a cura di MStudio ed è coordinata con il sito, i materiali promozionali e il video.

Il circuito delle quattro case museo di Milano è ora anche presente sui canali social Facebook e Instagram, che vedono la collaborazione di Esterni per la promozione del progetto.

Importante: ora è possibile acquistare on line la Casa museo card al costo di 20 euro intero e di 10 euro ridotto, che consente l’ingresso nella quattro dimore, con la validità di un anno.


Fondazione Artistica Poldi Pezzoli «Onlus»

Museo: Via A. Manzoni, 12 – 20121 Milano
Centralino: 02 45473800
Fax: 02 45473811 www.museopoldipezzoli.it
P.IVA 04265690158 CF 80068270158
Orari apertura museo:
da mercoledì a lunedì ore 10.00 – 18.00 orario continuato. MARTEDI’ CHIUSO.

Seguici su
Follow us on
Facebook: Museo Poldi Pezzoli
Twitter: @PoldiPezzoli

Nuova design destination nel cuore di Milano

Salvioni-Milano-Durini

SALVIONI MILANO DURINI
Aperta al pubblico una nuova design destination nel cuore di Milano

Inaugurato il nuovo concept store di Via Durini 3, in presenza di Cristina Tajani – Assessore alle Politiche del Lavoro, commercio moda e design del Comune di Milano, Ercole Salvioni – Presidente e Amministratore Delegato Salvioni Design Solutions e Riccardo Rocchi, Architetto progettista e Art Director dello store.

Lo store di Via Durini – un intero palazzo storico di inizio ‘900 completamente ristrutturato – interpreta in sei diversi piani tematici e attraverso un originale percorso espositivo su 1100 mq le eccellenze del design Made in Italy.

Un format innovativo nel multimarca di design, che supera le consuete soluzioni espositive e offre servizi “tailor made” nella progettazione d’interni.

Lo spazio accoglie anche opere d’arte contemporanea per un mix inedito, tutto da esplorare.

MOSTRE D’ ARTE 2017 – Cosa non perdere nel 2017 tra le mostre d’arte ? Italia ed Europa


2017 – Mostre e novità le nostre preferite  in Italia e all’estero

ARTE FOTOGRAFICA A BRESCIA – BRESCIA PHOTO FESTIVAL 2017 – 7 – 12 MARZO

Imperdibile se amate la fotografia; MAGNUM, ovvero chi ha fatto la storia della fotografia

Brescia, Museo di Santa Giulia, MOCA e altre sedi
7 – – 12 marzo. Grandi mostre sino al 3 settembre 2017

Mostra

Magnum’s First

Brescia, Museo di Santa Giulia
7 marzo – – 3 settembre 2017

Altre info al link http://www.donnecultura.eu/?p=42572http://www.donnecultura.eu/?p=42572


ARTE A MILANO PALAZZO REALE ” KEITH HARING – ABOUT ART ” – CURATA DA GIANNI MERCURIO
24 FEBBRAIO 2017 DONNECULTURA LASCIA UN COMMENTO

Keith Haring a Milano:

-opere inedite o mai esposte in Italia

Palazzo Reale di Milano fino al 18 giugno.

110 opere, molte in dimensioni monumentali, sono presenti alla mostra Keith Haring, About Art, curata da Gianni Mercurio, promossa e prodotta dal Comune di Milano-Cultura e 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE.

La mostra propone i lavori di Haring, ma anche le sue fonti di ispirazione:

–archeologia classica, arti precolombiane, figure archetipe delle religioni, creazioni dei nativi americani e i maestri del Novecento.

“Dipingo immagini che sono il risultato delle mie esplorazioni personali- scrive Haring – e lascio ad altri il compito di decifrarle, di capirne i simbolismi e le implicazioni. Io sono il tramite.

Altre info al link: http://www.donnecultura.eu/?p=42562http://www.donnecultura.eu/?p=42562


 MANET A MILANO
2 MARZO 2017

MANET E LA PARIGI MODERNA

aperta al piano nobile di Palazzo Reale di Milano

dall’8 marzo al 2 luglio 2017

La mostra, si presenta con oltre 50 capolavori di Manet, Renoir, Degas e altri maestri della Parigi di fine Ottocento.

CHI ERA MANET ?

Edouard Manet nacque in una ricca famiglia che lo ostacola nel suo divenire artista, ma che fu poi costretta a cedere davanti all’ostinazione e al talento del giovane figlio.

Manet si distingue per lo stile assolutamente originale e moderno, provocatorio, in anticipo sui propri tempi; lontano dalle regole dell’epoca.

Altre info al link: http://www.donnecultura.eu/?p=40011http://www.donnecultura.eu/?p=40011


 

Arte a Torino – BRUNO MUNARI ARTISTA TOTALE – Museo Ettore Fico –


Arte a Milano – “VS Arte” apre a Milano nella storica sede “Appiani Arte” inaugurazione giovedì 9 marzo 2017


Arte a Venezia – Jheronimus Bosch e Venezia


Arte a Milano – MUDEC-Museo delle Culture di Milano – Mostra “Kandinskij

Arte a Milano – Conferenza aperta al pubblico per la MOSTRA “Jean-Michel Basquiat” MUDEC – Museo delle Culture di Milano Domenica 26 febbraio ore 11.00 appuntamento al MUDEC

ARTE – Imperdibile evento a Milano miart 2017 – 31 MARZO – 2 APRILE

 

ARTE A BOLOGNA

 

Dal 25 Gennaio 2017 al 17 Aprile 2017

Il MAMbo – Museo d’Arte Moderna di Bologna

Prima personale in Italia dell’artista tedesco Jonas Burgert.

Lotsucht / Scandagliodipendenza, curata da Laura Carlini Fanfogna rende visibili negli ampi spazi della Sala delle Ciminiere 38 dipinti, prevalentemente di grandi dimensioni, creati nell’ultimo decennio.

Jonas Burgert, con ogni composizione, con ogni singola pennellata, dipinge veri e propri scenari.

Le sue opere raffigurano la sua visione della rappresentazione teatrale che costituisce l’esistenza umana, dell’inesauribile bisogno dell’uomo di dare un senso, una direzione e uno scopo alla propria vita.

Laura Carlini Fanfogna, curatrice della mostra ” … turbanti michelangioleschi e i colori manieristici reinterpretati in chiave postmoderna… Le opere in mostra al MAMbo utilizzano sia ampie superfici di grande impatto visivo,”.

David Anfam, autore di uno dei testi critici inclusi nel ricco catalogo Edizioni MAMbo che accompagna la mostra, “(…) Burgert sfida la logica delle immagini realistiche in un modo che lo colloca in un contesto molto (più) attuale.

Da un punto di vista poetico molti dei titoli di Burgert evitano i luoghi comuni e tendono ad essere elusivi/allusivi invece che esplicativi”.


Palazzo Albergati – Bologna

Sino al 26 marzo 2017

La collezione Gelman. Arte messicana del XX secolo

Bologna presenta la Collezione Gelman, importante raccolta di opere d’arte messicana ben rappresentata da: Siqueiros, Zàrraga, Isquierdo, Tamayo e dai grandi: Diego Rivera e Frida Kahlo.

Mantra di Frida Kahlo potrebbe essere “Viva la vida”; la sua arte è un’irruente cascata di colori e figure che rappresentano sempre la gioia del vivere.

L’artista Diego Rivera, vero e proprio bambino prodigio di Città del Messico e attivista politico, fu definito da Frida uno dei due più gravi incidenti della sua vita.

Frida, pur essendo lei un simbolo di femminilità deciso ed esuberante, quando parlava di Diego Rivera dimenticava il suo orgoglio e faceva parlare solo il sentimento.

Per la maggior parte della sua vita Frida è solo la signora Rivera, che ammira i successi, soprattutto in America, ma sarà lei, grazie ad Andrè Breton nel 1939 ad esporre le sue opere a Parigi,

———–

Arte a Torino INGRESSO LIBERO – Opening giovedì 2 marzo 2017 – Silvio Cocco CONTEMPORARY ARISTOCRACY | Constantly Connected

Arte a Prato – Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci


——————-

A CATANIA APRE LA SEZIONE STACCATA DEL MUSEO EGIZIO DI TORINO:

In aprile, i reperti del Museo Egizio di Torino e destinati ai depositi (solo per mancanza di spazio), saranno in mostra a Catania nel nuovo Museo Egizio in 1.000 mq. di esposizione.

—————————

BOLOGNA

NEL 2017, APRIRA’ IL NUOVO CENTRO ARTE E SCIENZE FINDAZIONE GOLINELLI:

-progettatto da Mario cucinalla studio.

————————

A FINE 2017 INIZIERANNO I LAVORI PER IL MUSEO ETRUSCO  DI MILANO:

-nel palazzo bocconi-rizzoli-carraro.

————————

DA NON PERDERE, SE AMATE L’ARTE CONTEMPORANEA:

-documenta 14 (2017): si festeggia la quattordicesima edizione: sessant’anni di storia e coinvolgerà per la prima volta anche Atene (8 aprile-16 luglio), oltre alla storica Kassel (10 giugno-17 settembre). L’artista turca Ayse Erkemen, costruirà un ponte appena sotto il pelo dell’acqua, i visitatori camminandoci sopra, evidenzieranno la struttura. La compagnia aerea Aegean Airlines, che ha annunciato l’intenzione di programmare due voli diretti settimanali tra le due città, a aprtire da aprile 2017, per favorire i viaggi dei visitatori di documenta 14. L’Ente Nazionale Greco per il Turismo, la Città di Atene, la Città di Kassel, l’Aeroporto di Kassel, e in particolare l’Athens Development and Destination Management Agency, insieme a the City of Athens Convention & Visitors Bureau, si stanno occupando di creare pacchetti turistici e informazioni personalizzate . https://translate.google.it/translate?hl=it&sl=en&u=http://www.documenta14.de/&prev=search

BIENNALE DI VENEZIA “Viva arte viva” dall’interiorità all’infinito …: dal 13 maggio 2017. Un Partenone di 100mila libri  censurati, sarà costruito dall’artista Marta Minujin.

Altre info :

BIENNALE di VENEZIA 2017 – Una Biennale che guarda all’” Arte ” con Christine Macel

INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO SULLA BIENNALE DI VENEZIA 2017 al link http://www.donnecultura.eu/?p=42337

—————————

-SKULPTUR PROJECTE A MUENSTER10 giugno – 1 ottobre il 2017
Nell’estate 2017, Münster sarà, per la quinta volta, sede per lo “Skulptur Projekte”. Si tratta ormai di una grande mostra  in scena ad intervalli regolari di dieci anni. Il team di curatori comprende: Kasper König, Britta Peters e Marianne Wagne. https://www.skulptur-projekte.de/#/

——————————

LA MOSTRA PIU’ IMPORTANTE ALL’ESTERO:

Il MoMA di New York festeggia i 150 dalla nascita dell’architetto Frank Lloyd Wright.

Dal 12 giugno al primo ottobre 2017

Sarà evidenziata la sua passione per il paesaggio e il suo impatto sull’uomo; un messaggio attualissimo.

—————————-

TATE BRITAIN: Londra

David Hockney festeggia 80 anni.

Dal 9 febbraio 2017 al 29 maggio.

160 opere della sua produzione.

La mostra si sposterà poi al Centro Pompidou di Parigi e poi al Metropolitan di New York.

——————————-

OPERAZIONE DA 650 MILIONI DI DOLLARI

Chi poteva se non gli arabi ?

Ecco il nuovissimo LOUVRE

Sarà inaugurato ad Abu Dhabi nel 2017; in data da decidere.

Al nuovo LOUVRE, verrà affiancato anche un nuovo: GUGGENHEIM di Frank Frank Gehry.

——————————

Chi è la nuova Vanessa Beecroft ?

Si chiama Anne Imhof, 38enne di Francoforte, ed è la nuovissima supermusa dell’arte contemporanea internazionale.

Nel 2017 sarà protagonista del Padiglione tedesco alla Biennale di Venezia.

ESTERO MOSTRE

SVIZZERA – Canton Ticino

Arte a Lugano – Museo Lac – Oppenheim – La mostra al femminile da non perdere

Arte a Mendrisio – Rancate – Quattro mostre da non perdere – ALLA PINACOTECA GIOVANNI ZÜST

ARTE a BASILEA 

Il padre dell’Impressionismo a Basilea

dal 22 gennaio al 28 maggio 2017

Claude Monet. Light, Shadow and reflexion

Fondazione Beyeler – Basilea

Luci e colori di sessantadue capolavori del grande maestro dell’Impressionismo:

-paesaggi mediterranei, ninfee, cattedrali, la Senna in tutte le stagioni, i ponti nella nebbia.

Le opere provengono dalla collezione della Fondazione Beyeler, dai maggiori musei del mondo come il Musée d’Orsay di Parigi, il Metropolitan Museum di New York e l’Art Institute di Chicago; 15 dipinti arrivano da collezioni private.

Una sala della mostra è dedicata ai dipinti che raffigurano La Senna.

Una sezione è dedicata a Londra, città in cui l’artista si rifugiò durante la guerra franco-prussiana del 1870-71.


Londra 

MOSTRA A LONDRA

REVOLUTION: RUSSIAN ART 1917 – 1932

Pittura, scultura, fotografia e film negli anni delle avangiardie di tutto l’Occidente.

sino al 7 aprile 2017

presso la Royal Accademy.

Da Marc Chagall a Kazimir Malevich, da Vasily Kandisky a Vladimir Tatlin ed i meno conosciuti del realismo socialista come: Kuzma Petrov-Vodkin e Alexander Deineka.

Il sogno di un cambiamento radicale politico e artistico,

www.royalaccademy.org.uk


Wolfang-Tillmans-Iguazu-2010-particolare.

Wolfang-Tillmans-Astro crusto-2012-particolare.

MOSTRE A LONDRA Tate Modern

Nature morte e ritratti, di immagini; per affrontare questioni politiche fondamentali.

Cosa ce ne facciamo del mondo in cui ci troviamo oggi?

Wolfgang Tillmans alla Tate Modern – Londra

FINO AL 11 GIUGNO 2017

Prima mostra di Wolfgang Tillmans alla Tate Modern, che riunisce lavori utilizzando un’entusiasmante varietà di media: fotografie, video, proiezioni di diapositive digitali, pubblicazioni, progetti curatoriali e musica registrata.

L’artista rivela tutto il suo caratteristico e innovativo stile.

Ritrattistica, paesaggio e nature morte; Tillmans spinge i confini della forma fotografica in opere d’arte astratta che spaziano sino alla scultura.

 

Arte a l’Aia – MONDRIAN – Grandi mostre

Arte a Parigi al Louvre – ” Vermeer e i maestri della pittura di genere ” – Mostre da non perdere

Arte ad Amsterdam – Enrico Baj – Play as protest

GERMANIA COLONIA 

Foto: particolare; 2016.

GERHARD RICHTER. NEW PAINTINGS (nuove immagini)

9 Febbraio – 1 maggio il 2017

Curatore: Rita Kersting

Le immagini astratte dominano l’opera di Gerhard Richter.

Richter è tra i più famosi artisti del nostro tempo, affascinato dalla tensione, tra figurazione e astrazione, tra significato e banalità.

Il museo Ludwig presenta i primi 26 quadri astratti: colori vivaci e sofisticati e composizioni stratificate. Con pennello, spatola, coltello e lama, l’artista vi ha lavorato in diversi strati composti; usando la pittura ad olio.

Nella mostra sono presenti TUTTI i lavori pionieristici di Gerhard Richter.

Gerhard Richter è nato il 9 febbraio 1932 a Dresda e vive a Colonia dal 1983,


——

GERMANIA DUSSERDORF

Otto Dix – The Evil Eye
Febbraio 11 – 14 maggio 2017

K20 Grabbeplatz – Düsseldorf

Per la prima volta, il Kunstsammlung Nordrhein-Westfalen presenta, con la mostra di Otto Dix – The Evil Eye, una mostra monografica che si concentra negli anni cruciali (1922-1925) per lo sviluppo artistico di Dix.

Successivamente la mostra sarà esposta alla Tate Liverpool.

Dal 1922 al ’24, spinto da singolare ambizione e grande perseveranza, Dix si è evoluto da un artista Dada espressivo-realista in ritrattista che rappresentava la Neue Sachlichkeit (Nuova Oggettività) senza pietà, fissando le caratteristiche dei suoi contemporanei su tela.

Quando nel 1925 si trasferì a Berlino, era già maturato come uomo e come artista, infatti venne preceduto dalla sua fama di duro critico della società.

Otto Dix (1891 – 1969)

Pittore e enfant terrible, trascorse gli anni più creativi, dal 1922-1925, a Düsseldorf.

Durante questo periodo, come membro del gruppo del pittore rivoluzionario Das Junge Rheinland (Young Rhineland), ha sviluppato la scrittura critica che lo ha reso una figura inconfondibile all’interno dell’arte del 20 ° secolo.

Otto Dix visse settantotto anni e dipinse per oltre sessanta.

Per tutta la vita Dix, figlio di un operaio fonditore, ebbe il culto degli antichi maestri tedeschi, ma anche fiamminghi e italiani del ‘500.

Nel suo tempo, più d’ ogni altro, ebbe modo di vivere e vedere movimenti e tendenze molto diversi tra loro, ma lui rimase sempre se stesso.

Nessun artista tedesco del suo secolo, neppure Beckmann, Grosz o Schad, può meglio rappresentare la Germania fra le due guerre; comprese tutte le tensioni, contraddizioni, violenze, rifiuti, lacerazioni e sofferenze.

———————–

MOSTRA TERMINATA

2017- LA MOSTRA AL FEMMINILE CHE PIU’ HA SUSCITATO LA NOSTRA CURIOSITÀ  

JOANA VASCONCELOS – REXTURES OF LIFE

Joana Vasconcelos è un’artista che merita tutta la nostra attenzione per la particolarità, l’ironia e la giocosità dei suoi lavori.

Energia al femminile
Un bombardamento dei sensi
Bombardamento giocoso
Artigianato e il processo creativo

Esplosione di colori, linguaggio esuberante

Stravaganza visiva con richiamo popolare

Così è stato definito il lavoro dell’artista potoghese Joana Vasconcelos; un’artista che ci ha sempre entusiasmato.

Tra le cose da segnalare in questa mostra: l’elicottero ricoperto di piume rosa, un elegante lampadario gigante costruito con assorbenti interni ecc…

Ironia e riflessione, energia al femminile per restituire dignità anche a materiali e processi artigianali come uncinetto e cucito; tipiche occupazioni femminili di un passato non poi così tanto lontano.

TERMINATA il 19 febbraio 2017

Aartus (Danimarca)

———————-

Arte – Omaggio a Kounellis – Il maestro dell’arte povera

Jannis  Kounellis chi era ???

-A chi gli chiedeva di spiegare la sua arte, rispondeva che voleva “uscire dal quadro“-.

Lasciò i pennellI e le tele per USCIRE DAL QUADRO.

Un uomo piccolo dall’inarrestabile forza artisitca e vitale.

Kounellis è l’arte povera; arte fatta con terra, piante, animali, lana,carbone, ferro, fuoco, legno, piombo …

Nel frebbraio 2017, si è spento a Roma all’età di 80 anni.

Nato in Grecia, al Pireo nel 1936, a vent’anni si trasferì a Roma per studiare all’Accademia delle Belle Arti e vi rimase.

Ombroso di carattere e amante delle tonalità scure dei quadri di Goya, visse il suo studio come il suo teatro.

Kounellis sarà ricordato soprattutto come l’autore di installazioni e performance scenografiche, memorabili e discusse, che hanno influenzato l’arte contemporanea.

Tra le mostre più note della sua prima fase creativa si deve citare l’esposizione-performance nel 1969 di cavalli vivi; nella galleria romana di Fabio Sargentini a Roma.

Negli anni Ottanta sconvolse la nostra sensibilità mostrando quarti di bue macellati a Barcellona.

Tra gli interventi  dela sua ultima fase, luglio 2016, alla Pescheria Pesaro pose un cavallo vivo che attraversava una stanza dove giacevano sul pavimento corpi ricoperti da teli bianchi.

Nel 2011 era alla Biennale di Venezia e in Cina per una serie di mostre dove presentò una scrittura fatta con frammenti di antica porcellana, come ideogrammi che si inseguono linea dopo linea in venti lamiere monumentali.

Nel 2016, era a le Monnaie di Parigi che ha ospitato una sua ampia retrospettiva.

 Le sue opere, oggi, sono esposte nei musei di tutto il mondo.

Evento a Cernobbio – Como – 1 aprile 2017 Villa Bernasconi valorizzata da Wikipedia

Villa Bernasconi in puro stile Liberty a Cernobbio – Como.

Iscriversi per l’occasione

Scrivere nuove voci dedicate alla Villa, al suo proprietario …

Villa Bernasconi come gli Uffizi: un’editathon per valorizzarla su Wikipedia

Sabato 1 aprile 2017 la dimora liberty di Cernobbio ospiterà
una giornata per la creazione e l’approfondimento
di voci dell’enciclopedia on-line

Sabato 1 aprile 2017 Villa Bernasconi a Cernobbio ospiterà la sua prima editathon per la compilazione e la revisione di voci di Wikipedia, la più grande enciclopedia gratuita della rete internet.

Si tratta di una maratona di scrittura in cui volontari wikipediani esperti insieme a nuovi utenti, che si potranno iscrivere per l’occasione, lavoreranno alla creazione di nuove voci dedicate alla Villa, al suo proprietario, l’industriale tessile Davide Bernasconi ed alla sua azienda, le Tessiture Bernasconi.

Si tratta di un format già sperimentato più volte da Wikimedia Italia: tra gli appuntamenti più recenti, quello alle Gallerie degli Uffizi di Firenze, al Politecnico e all’Università Statale di Milano.

L’evento è organizzato da Wikimedia Italia, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Cernobbio e la Cooperativa Sociale Mondovisione, nell’ambito del progetto Liberty Tutti, finanziato da Fondazione Cariplo che ha l’obiettivo di rendere Villa Bernasconi una struttura strategica per il territorio e il suo sviluppo turistico, attraverso il coinvolgimento dei giovani e l’applicazione delle moderne tecnologie. In particolare, il progetto Liberty Tutti mira a consolidare il ruolo della Villa come centro per lo sviluppo culturale e per l’innovazione per un bacino di utenti sempre più ampio.

Il programma prevede al mattino, dalle ore 10.00 alle ore 12.30, un workshop di formazione per i nuovi redattori e dopo pranzo, dalle ore 13.30 alle ore 17.30, l’editathon vera e propria, durante la quale ci si concentrerà anche su altri monumenti di Cernobbio, come la Chiesa di San Vincenzo, e su voci inerenti ad alcune delle ville più famose della città, quali Villa Erba e Villa d’Este.

«Cernobbio è una località turistica nota in tutto il mondo, ma purtroppo Wikipedia non ha ancora un’ampia copertura degli edifici di valore architettonico presenti nella città” – commenta Maurizio Codogno, portavoce di Wikimedia Italia -. Siamo lieti che i contatti col Comune di Cernobbio, avviati in occasione di Wiki Loves Monuments e proseguiti con una Wikigita, portino ora a questa iniziativa: le conoscenze tecniche dei wikipediani e quelle storiche dei cernobbiesi produrranno un risultato fruibile da chiunque, in tutto il mondo.»

Con questo evento il comprensorio del lago di Como conferma l’impegno a valorizzare il proprio territorio attraverso i progetti wiki, già mostrato ospitando il raduno di Wikimania ad Esino Lario e altri importanti appuntamenti per la comunità.

Informazioni utili

La partecipazione all’Editathon è gratuita ed è riservata a 20 persone con iscrizione obbligatoria on-line, fino ad esaurimento dei posti disponibili, sul sito https://www.eventbrite.it/e/biglietti-editathon-a-villa-bernasconi-32649441358

Per maggiori informazioni è possibile contattare l’Ufficio Cultura del Comune di Cernobbio al numero 031.343250 dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 14.00.

Arte a Napoli – Fondazione Plant – Franco Mello

Dal 9 marzo al 3 giugno 2017

La Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee e la Fondazione Plart, nell’ambito di PROGETTO XXI (ed. 2017), presentano la mostra

— PROVOCAZIONI E CORRISPONDENZE.

Franco Mello tra arti e design

a Acura di Giovanna Cassese

Presso Fondazione Plart in via Martucci 48 a Napoli.

La mostra PROVOCAZIONI E CORRISPONDENZE. Franco Mello tra arti e design, è dedicata alle principali e più radicali realizzazioni di Franco Mello.

Merlo è l’autore dell’indimenticabile icona  Cactus; un geniale esempio di design all’italiana per un bellissimo e ironico attaccapanni. Progettato nel 1972 insieme a Guido Drocco per l’azienda Gufram.

Nato a Genova nel 1945, Mello, fu maestro nel disegnare gioielli, grafica, nella fotografo e in molto altro.