Archivi categoria: fiere gastronomiche

fiere

Weekend gourmet e Gubbio – STAGIONE DEL TARTUFO

Gubbio ospita la MOSTRA MERCATO DEL TARTUFO BIANCO

36esima edizione della Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco

CHE LA STAGIONE DEL TARTUFO ABBIA INIZIO!

Dal 26 ottobre al 2 novembre 2017, il tartufo bianco locale sarà il protagonista all’interno di uno dei borghi medievali più suggestivi d’Italia!

Dal 26 ottobre al 2 novembre Gubbio ospita la MOSTRA MERCATO DEL TARTUFO BIANCO e di tutti i prodotti agro-alimentari autoctoni, un’occasione unica e imperdibile che offre a tutti gli avventori la possibilità di scoprire le ricchezze, le risorse e le tipicità del territorio, dall’ambiente all’artigianato, dalla cultura all’arte, dall’agricoltura alla gastronomia.

Per l’occasione, Park Hotel Ai Cappuccini si prepara ad accogliere i foodies di tutto il mondo: circondato da splendidi paesaggi naturali l’ex convento di frati cappuccini è il luogo ideale per assaporare i piatti della tradizione umbra fra cui il tartufo.

Si tratta di un appuntamento di assoluto rilievo tra le rassegne autunnali, sia per la straordinaria qualità del tartufo bianco locale (Tuber Magnatum Pico) e delle altre prelibatezze presenti negli spazi espositivi (formaggi di pascolo, norcinerie, carni selezionate, olio, miele, dolci tradizionali etc…), sia per la prestigiosa collocazione nel cuore del centro storico di Gubbio.

La 36esima edizione della Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco è dedicata al gusto, alla cultura, e all’artigianato e rappresenta un’occasione imperdibile per gli amanti del travel food.

Le 8 giornate prevedono numerosi appuntamenti imperdibili, fra cui degustazioni guidate, dimostrazioni, la mostra dell’artigianato artistico locale, concerti e spettacoli.

::::::::::::::::::::::::::

Per chi vuole

DORMIRE NEL LUSSO 

Immerso nella quiete di un vasto parco di alberi secolari, Park Hotel ai Cappuccini è il luogo dove passato e futuro si fondono in un connubio unico e indimenticabile.

Un tempo antico monastero di frati cappuccini, oggi è uno splendido Resort & SPA che accoglie i suoi ospiti in un ambiente unico avvolto in un’atmosfera di pace.

Pacchetti 2 notti a partire da € 374 per persona comprende:

  • 2 pernottamenti in camera doppia con piccola colazione a buffet
  • 1 cena gourmand tipica con proposte di piatti al tartufo
  • 1 Ingresso al “Cappuccini Wellness & SPA” con libero accesso, piscina Acque emozionali, vasca baby e nuoto controcorrente, area idromassaggio a 30°, palestra con area cardio-fitness e power-training. Percorso con saune finlandesi, bagno turco, bagno mediterraneo, docce emozionali, wasser paradise, area relax con angolo tisane

• percorso Acque: sala vasche idromassaggio con vasca a forma di arca con acqua addizionata di potassio e magnesio, vasca circolare idrojet e vasca talasso
• 1 trattamento corpo detossinante “Terre d’Umbria” della durata di 1 ora ( un impacco speciale preparato con fanghi ricchi di proprietà nutritive che viene applicato su tutto il corpo dopo un’accurata stimolazione della microcircolazione)

Info: www.parkhotelaicappuccini.it
Indirizzo: Via Tifernate, 06024 Gubbio (Perugia) Tel: 075 9234

Street food Castel Gandolfo 15-16-17 settembre 2017

CastelliExperience presenta Food Truck Festival
I furgoncini dello street food, le birre artigianali e tante musica animano il lungo lago di Castel Gandolfo dal 15 al 17 settembre


Settembre a tutto gusto ai Castelli Romani! Nel weekend del 15-16-17 settembre, Castel Gandolfo ospiterà la prima edizione di Food Truck Festival, un grande evento per tutte le età che celebra lo street food in tutte le sue declinazioni e coniuga i sapori della tradizione ad altri più innovativi da assaporare in libertà, mentre si passeggia e si gode dell’incantevole vista del lago Albano.

La manifestazione è targata Castelli Experience e realizzata in collaborazione con il Comune di Castel Gandolfo, e la Stanza delle Meraviglie e osserverà i seguenti orari: dalle 18 alle 24 del 15 settembre e nelle giornate del 16 – 17 dalle 11 alle 24, tutto sul Lungolago di Castel Gandolfo.

Il Festival esalta le eccellenze culinarie a 360 gradi: 16 food truck con un menu ricco e variegato. Ad accompagnare le degustazioni dei prodotti gastronomici ci sarà una vasta selezione di birre chiare e scure tutte provenienti dai birrifici del territorio locale.

Le sorprese non finiscono , infatti, accanto all’area del Food Truck Festival, ci sarà un’area lunapark per vivere emozioni che vi lasceranno senza fiato. Come in ogni festival che si rispetti non può di certo mancare la buona musica, sono, infatti, previsti tre appuntamenti musicali con live concert e dj set.

La product manager di Castelli Experience, Tiziana Micheli, si dichiara soddisfatta della prima edizione di quest’evento: “Sono entusiasta dell’iniziativa e voglio ringraziare il sindaco e il comune di Castel Gandolfo per la proficua collaborazione nella realizzazione di un evento giovane e innovativo come il Food Truck Festival. Una manifestazione “young” che riesce a coniugare gusto e divertimento in una cornice straordinaria come il lungo lago di Castel Gandolfo.”.

Il sindaco di Castel Gandolfo, Milvia Monachesi dichiara: “Un evento innovativo per la realtà di Castel Gandolfo, un “esperimento” che ci auguriamo raccolga il gradimento di un target giovane e non solo unendo l’accoglienza turistica e gastronomica per ammirare le bellezze del luogo, con la possibilità di avere la vista privilegiata di un panorama mozzafiato lungolago.”.

Il responsabile dell’associazione “La Stanza delle meraviglie”, SimoneCanestri conclude: “La produttiva sinergia tra CastelliExperience e la Stanza delle Meraviglie, entrambe realtà molto legate al mondo dei Castelli Romani, ha permesso la realizzazione di eventi davvero innovativi che mettono in luce e coinvolgono i luoghi più suggestivi della realtà castellana.”.
Un appuntamento che ha delle ottime premesse e da non perdere per trascorrere un weekend davvero indimenticabile.

Evento imperdibile per golosi – Castel Gandolfo ospiterà prima edizione di Food Truck Festival

UN WEEKEND DAVVERO INDIMENTICABILE

CastelliExperience presenta Food Truck Festival 

I furgoncini dello street food, le birre artigianali e tante musica animano il lungo lago di Castel Gandolfo dal 15 al 17 settembre.

Settembre a tutto gusto ai Castelli Romani! Nel weekend del 15-16-17 settembre, Castel Gandolfo ospiterà la prima edizione di Food Truck Festival, un grande evento per tutte le età che celebra lo street food in tutte le sue declinazioni e coniuga i sapori della tradizione ad altri più innovativi da assaporare in libertà, mentre si passeggia e si gode dell’’incantevole vista del lago Albano.

La manifestazione è targata Castelli Experience e realizzata in collaborazione con il Comune di Castel Gandolfo, e la Stanza delle Meraviglie e osserverà i seguenti orari: dalle 18 alle 24 del 15 settembre e nelle giornate del 16 – 17 dalle 11 alle 24, tutto sul Lungolago di Castel Gandolfo.

Il Festival esalta le eccellenze culinarie a 360 gradi: 16 food truck con un menu ricco e variegato. Ad accompagnare le degustazioni dei prodotti gastronomici ci sarà una vasta selezione di birre chiare e scure tutte provenienti dai birrifici del territorio locale.

Le sorprese non finiscono , infatti, accanto all’area del Food Truck Festival, ci sarà un’area lunapark per vivere emozioni che vi lasceranno senza fiato. Come in ogni festival che si rispetti non può di certo mancare la buona musica, sono, infatti, previsti tre appuntamenti musicali con live concert e dj set.

La product manager di Castelli Experience, Tiziana Micheli, si dichiara soddisfatta della prima edizione di quest’evento: “Sono entusiasta dell’iniziativa e voglio ringraziare il sindaco e il comune di Castel Gandolfo per la proficua collaborazione nella realizzazione di un evento giovane e innovativo come il Food Truck Festival. Una manifestazione “young” che riesce a coniugare gusto e divertimento in una cornice straordinaria come il lungo lago di Castel Gandolfo.”.

Il sindaco di Castel Gandolfo, Milvia Monachesi dichiara: “Un evento innovativo per la realtà di Castel Gandolfo, un “esperimento” che ci auguriamo raccolga il gradimento di un target giovane e non solo unendo l’accoglienza turistica e gastronomica per ammirare le bellezze del luogo, con la possibilità di avere la vista privilegiata di un panorama mozzafiato lungolago.”.

Il responsabile dell’’associazione “La Stanza delle meraviglie”, SimoneCanestri conclude: “La produttiva sinergia tra CastelliExperience e la Stanza delle Meraviglie, entrambe realtà molto legate al mondo dei Castelli Romani, ha permesso la realizzazione di eventi davvero innovativi che mettono in luce e coinvolgono i luoghi più suggestivi della realtà castellana.”.
Un appuntamento che ha delle ottime premesse e da non perdere per trascorrere un weekend davvero indimenticabile

Weekend imperdibile per golosi e gourmet – Comacchio torna la Sagra dell’Anguilla

Prime anticipazioni sul programma della XIX edizione

A Comacchio torna la Sagra dell’Anguilla:

… sarà presente anche lo chef Hiroshi Ogata – uno dei massimi esperti giapponesi

la ‘regina delle valli’ in tavola….e non solo

 Dal 29 settembre al 15 ottobre tante occasioni gourmet

… per tre week end sarà un susseguirsi di numerosissimi appuntamenti ed iniziative …

ma anche escursioni, mercatini, tour e regate nei canali

 Se ‘sua maestà la regina delle Valli’ è certamente la protagonista assoluta, anche l’edizione 2017 della XIX Sagra dell’Anguilla – in programma a Comacchio dal 29 settembre al 15 ottobre – si annuncia ricca di appuntamenti ed iniziative non soltanto per gli appassionati gourmet.

Accanto alle golose tentazioni del grande stand gastronomico allestito a pochi passi da Argine Fattibello – le cui cucine (aperte anche il venerdì sera con menu speciali) ogni sabato e domenica proporranno un po’ tutti i più tipici piatti della tradizione locali (marinati alla comacchiese con sarde € 8,00, insalata di mare € 8,00, bragiolette d’anguilla in agro-dolce € 11,00, sedanini al sugo d’anguilla € 7,50, pennette alla pescatora € 7,00, anguilla ai ferri con polenta € 14,50, brodetto d’anguilla “a bec d’aesen” con polenta € 12,00, fritto di valle alla comacchiese € 7,50, fritto di mare € 9,00, seppie con piselli e polenta € 7,00) – il cartellone della kermesse prevede infatti per i tre week end il susseguirsi di numerosissimi appuntamenti ed iniziative con la buona tavola ed il buon bere e non solo: dalle escursioni a piedi, in bici ed in barca alle visite guidate del centro storico navigando lungo i canali, dalle spettacolari gare dei vulicepi, la tipica e velocissima imbarcazione utilizzata dai pescatori di frodo, ai gemellaggi enogastronomici che vedranno approdare a Comacchio specialità e must agroalimentari provenienti non soltanto da altri territori italiani, ma anche da altri continenti.

Per chi si muove in camper, da non perdere in concomitanza con il primo week end di Sagra (29 settembre 1 ottobre) il grande raduno organizzato da Arcer con il patrocinio di Confedercampeggio (info e programma www.arcerbo.it).

Mentre nei pressi di Argine Fattibello (coordinate GPS 44.691583  12.183572) saranno attivate – a pochi passi da stand gastronomico e centro storico – aree riservate per la sosta dotate di pozzetto per lo scarico di acque nere alle quali si potrà accedere fruendo della tariffa speciale week end (euro 23,00 ad equipaggio, con possibilità di arrivo già fra le 17 e le 22 del venerdì – info 345 5684017) preaccreditandosi sul sito www.comacchio.it.

Aggiornamenti sul programma – insieme a proposte di soggiorno e info dedicate – consultando il sito www.sagradellanguilla.it

Di seguito alcune prime anticipazioni su appuntamenti ed iniziative in programma

(aggiornamento al 23 agosto 2017)

 Ogni sabato e domenica – Fra i canali in Batana

Suggestive escursioni in barca attraverso i canali cittadini, con partenza da piazzetta Trepponti di fianco all’Antica Pescheria, dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 18,30. Offerta libera.

Ogni sabato e domenica – Mercatino ‘mon amour’

Tante coloratissime bancarelle di alimentari, artigianato, manufatti artistici, cose d’altri tempi, opere dell’ingegno, articoli da collezione e curiosità ‘invadono’ strade e piazze del centro storico.

Ogni sabato e domenica – Gemellaggi EnoGastronomici

Sagra sempre più internazionale fra show cooking, degustazioni guidate e laboratori dedicati a specialità alimentari locali ma anche provenienti da altre province, regioni, paesi e continenti. Insieme allo chef Hiroshi Ogata – uno dei massimi esperti giapponesi nella cucina dell’anguilla (primo week end) – saranno a Comacchio anche delegazioni provenienti da Croazia, Polonia e non solo.

Ogni sabato e domenica (mattino e pomeriggio) – Nel regno dell’Anguilla

Escursione in Valle Campo (8 km. da Comacchio) con navigazione a bordo di imbarcazione tipica e breve passeggiata lungo sentiero naturalistico. Costo: adulti € 15,00; bimbi (da 4 a 10 anni) € 9,00. Info: tel. 320 7803565.

Ogni sabato (mattino) – Pedalata Gourmet dell’Anguilla

Bici-escursione guidata slow nelle Valli e Salina di Comacchio (km. 18 complessivi) conclusa con pranzo allo stand gastronomico della Sagra (menu: primo piatto a scelta; fritto di valle alla Comacchiese o seppie con piselli e polenta+bicchiere di vino e mezzo litro d’acqua). Costo: € 20,00 a persona Offerta Famiglia (due adulti+1 under 13) € 50,00 Info: tel. 329 9341581.

Ogni sabato (pomeriggio) – Storia&Storie di Comacchio

Aneddoti, curiosità vicende e leggende della ‘piccola Venezia delle Valli’ passeggiando fra strade e piazze del centro storico di Comacchio in compagnia del giornalista e scrittore locale, Luciano Boccaccini.

Sabato 30 settembre (pomeriggio) – Urban Walking sulle tracce dell’Anguilla

A passeggio con i bastoncini nella ‘piccola Venezia delle Valli’: in occasione e nell’ambito della tappa comacchiese del ‘Nordic Walking in Tour’, uno straordinario e curiosissimo ‘urban walking’ fra ponti, piazze e stradine della città dei Trepponti ed i numerosi e suggestivi ‘luoghi del cibo’ che la caratterizzano. Costo € 3,00 a persona. Info: tel. 347 0835343.

Sabato 30 settembre (pomeriggio) – Comacchio. La Città e le sue leggendarie Valli

A Palazzo Bellini presentazione del libro di Andrea samaritani e Lucia Felletti (Minerva Edizioni – Bologna). Sarà presente lo scrittore Marcello Simoni.

Ogni domenica (pomeriggio) – Gara dei Vulicepi

L’arte di condurre imbarcazioni nei canali si fa gara: nel pomeriggio dell’1 ed 8 ottobre i migliori barcaioli comacchiesi si sfidano in batterie eliminatorie per conquistare l’accesso alla regata di finale che – nell’ultima giornata della XIX Sagra dell’Anguilla – decreterà il ‘miglior paradello di Comacchio 2017’.

Domenica 1 ottobre (mattino) – Nordic Walking in Tour nelle Valli di Comacchio

Il “Nordic Walking in Tour’, circuito di manifestazioni organizzate appositamente per gli appassionati delle camminate con i bastoncini, fa tappa per la prima volta alla Sagra dell’Anguilla. Con una passeggiata non competitiva (km. 15 complessivi) con possibilità di ristoro finale che, partendo da Comacchio attraverso le Valli raggiungerà l’antica Salina per poi rientrare nella città dei Trepponti. Costo: € 5,00 (solo passeggiata); € 12,00 (passeggiata+pasta party Sagra: primo piatto a scelta/bicchiere vino/0,5 lt. acqua); €  17,00 (passeggiata+menu Sagra: primo piatto a scelta/fritto di valle alla Comacchiese o seppie con piselli e polenta/bicchiere di vino/mezzo litro d’acqua). Info: tel. 347 0835343.

Domenica 1 e 8 Sabato 14 ottobre (pomeriggio) – Gli antichi mestieri e tradizioni comacchiesi (in bicicletta)

Bicipasseggiata guidata – con aperitivo finale – fra piazze, strade e storici laboratori dove si fabbricano alcuni dei più tipici manufatti locali: la forcola, la nassa e gli altri attrezzi per la pesca in valle e, naturalmente, la lavorazione dell’anguilla. Costo: € 10,00 a persona. Info: tel. 329 9341581.

Domenica 1 ottobre (sera) – Sing&Sound: la finale

Aspiranti cantanti di tutti gli stili ed età – selezionati nel corso dell’estate attraverso appuntamenti itineranti ai Lidi organizzati da Agua Do Mar ed accompagnati dall’animazione di Radio Sound 98.1 Fm – si contendono il titolo di miglior voce nuova della costa comacchiese 2017.

Domenica 15 ottobre (mattino) – Magnalonga (in bici) dell’Anguilla

Cicloescursione guidata (km. 30 complessivi) con transfer in bus da Comacchio a Goro e bici-itinerario fra natura e cultura con soste enogastronomiche a Lido Volano (cozze alla marinara), Lido delle Nazioni (pasta del pescatore) e Porto Garibaldi (fritto del marinaio) prima dell’arrivo allo Stand Gastronomico della Sagra (trancio di anguilla ai ferri con polenta). Costo € 38,00 a persona. Info: tel. 329 9341581.

Musei e Valli

 

Museo Delta Antico

via Pescheria, 2 – tel. 0533 311316

orario: domenica dalle 9,30 alle 18,30; dal martedì al sabato dalle 9,30 alle 13 e dalle 15 alle 18,30. Chiuso il lunedì. Tariffe: intero € 6,00 – ridotto € 3,00 (11-18 anni, over 65) – gratuito per minori di 11 anni accompagnati.

Manifattura dei Marinati

via Mazzini, 200 – tel. 0533 81742

orario: sabato e domenica dalle 9 alle 20; dal martedì al venerdì dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 15 alle 19. Chiuso il lunedì. Tariffe: intero € 2,00 – ridotto € 1,00 (11-18 anni, over 65, gruppi min. 25 pax) – gratuito per minori di 11 anni accompagnati. Ogni sabato e domenica alle 10,30 e 16 visita guidata compresa nel prezzo del biglietto e, dalle 12 fino ad esaurimento, degustazione di pesce fritto di valle: € 5,00.

Casa Museo Remo Brindisi

via Nicolò Pisano 51 (Lido di Spina) – tel. 0533 330963

orario: venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 12,30 e dalle 15 alle 17,30.Tariffe: intero € 4,50 – ridotto € 2,50 (11-18 anni, over 65) – gratuito per minori di 11 anni accompagnati.

In Barca nelle Valli di Comacchio

Stazione Foce – tel. 340 2534267

Escursione in barca e itinerario guidato lungo i canali interni dello specchio vallivo, con sosta agli antichi casoni da pesca. Orario: tutti i giorni, con partenza Stazione Foce (a 4 chilometri da Comacchio) alle ore 11 e 15; domeniche di Sagra ogni ora dalle 10 alle 17; durata 1 ora e 45 minuti. Tariffe: intero € 12 – ridotto € 9 (7-16 anni) – gratuito per minori di 7 anni accompagnati.

 

Weekend autunno per golosi o gourmet – Fiera tartufo bianco pregiato Acqualagna 

52^ FIERA NAZIONALE
DEL TARTUFO BIANCO PREGIATO

ACQUALAGNA (Pesaro e Urbino)
29 ottobre/ 1. 4. 5. 11. 12 novembre

UN EVENTO DAL SAPORE UNICO E INCONFONDIBILE

Acqualagna, capitale del tartufo fresco tutto l’anno, crocevia internazionale della produzione, del commercio e della degustazione del prezioso tubero, è già pronta per una nuova grande edizione: la 52° Fiera Nazionale del Tartufo Bianco in programma il 29 ottobre, 1, 4, 5, 11 e 12 novembre 2017.

Nel cuore dell’Appennino marchigiano, in provincia di Pesaro e Urbino, nella splendida cornice della Riserva naturale della Gola del Furlo, Acqualagna è un vero giacimento tartufigeno: detiene il primato italiano nella vendita del tartufo, patrimonio fondamentale dell’economia e della cultura gastronomia dell’area. Qui si concentrano, infatti, i due/terzi della produzione nazionale, destinati nei luoghi più lontani e diversi del mondo.

Tra i più importanti appuntamenti del settore a livello internazionale, la Fiera del Tartufo di Acqualagna può vantare un’offerta ampia e innovativa: all’eccellenza del tartufo (sia dal punto di vista commerciale che gastronomico) si uniscono le altre preziosità italiane attraverso un calendario ricco di eventi, performance gastronomiche e culturali, super ospiti del mondo dello spettacolo insieme ai Maestri che hanno fatto grande la cucina italiana, a celebri cuochi divenuti veri personaggi televisivi che qui trovano la location perfetta per esprimere il meglio di sé attraverso l’oro della Terra nonché il re della tavola, il Tartufo Bianco Pregiato, tanto amato dai gourmand di tutto il mondo.

Una Kermesse dal sapore unico, quello del celebre Tuber Magnatum Pico, e dai grandi numeri per un territorio che ha saputo distinguersi al mondo come distretto economico del prezioso tubero. Si contano duecentocinquanta tartufaie coltivate (di tartufo nero e una decina di tartufaie sperimentali controllate di Bianco pregiato), dieci punti vendita specifici di tartufo e otto aziende (la prima del 1961, l’ultima del 2014) che lo trasformano e lo commercializzano in tutto il mondo.

A partire da domenica, per un totale di sei giorni, Acqualagna si apre all’Italia e al modo e invita i visitatori italiani e stranieri a immergersi in una tradizione secolare attraverso la grande mostra mercato, il salotto da gustare tra cooking show con chef stellati, esibizioni, sfide tra vip in cucina, spettacoli e degustazioni, percorsi, mostre, laboratori didattici e creativi per adulti e bambini, esperienze sensoriali, visive e olfattive insieme a momenti di grande passione nell’assaggio di un sapore unico, il più prezioso di questa terra.

Vediamo le diverse mete del sapore e del sapere dove potere assaggiare e acquistare il prezioso tubero: piazza Enrico Mattei, cuore pulsante della cittadina e anima dell’evento con gli stand dei commercianti di tartufo fresco e dei ristoratori alle prese con ricette prelibate.

Altre mete imperdibili sono il Palazzo del Gusto, antica dimora restaurata e utilizzata come base per gli itinerari del gusto della Repubblica Gastronomica di Acqualagna, dove il cibo di qualità è protagonista indiscusso. Il palazzo è sede di degustazioni enologiche e birre artigianali da abbinare all’Olio DOP di Cartoceto, il Prosciutto di Carpegna, la Casciotta di Urbino, i salumi del Nino e, ovviamente, l’immancabile tartufo nero e bianco di Acqualagna.

E poi ancora il Salotto da gustare, un teatro di sapori unico, un palcoscenico esclusivo e un’importante occasione di conoscenza del tartufo attraverso l’aiuto di validi esperti. Sono i Cooking show con protagonisti le superstars italian chef e poi ancora assaggi di cucina dei famosi in tv insieme alle chef celebrity dal mondo oppure attraverso la simpatica sfida ai fornelli di personaggi noti che vestiranno per un giorno i panni da cuochi. Ospite affezionatissimi sono due ambasciatori di Gambero Rosso: Giorgione (Orti e Cucine) e Max Mariola che fanno tappa ogni anno ad Acqualagna.

Altra meta da non perdere è il Palatartufo, per scoprire le migliori produzioni legate al tartufo, tipiche del territorio e per conoscere da vicino i produttori artigiani.  Sono grandi e piccole realtà commerciali provenienti dalle altre regioni italiane che mettono in mostra e in vendita i propri prodotti, alimenti preziosi che raccontano le proprie esperienze e differenze di un territorio ricco e variegato come quello italiano.

La Fiera di Acqualagna è un grande contenitore per turisti che vogliono vivere un’esperienza unica e indimenticabile. Sarà possibile acquistare il Profumo al Tartufo, un profumo fresco e intenso che si apre con una nota di Tartufo Bianco, ambasciatore del made in Italy sempre più forte. Una fragranza d’ambiente creata appositamente da MUMO, spinoff dell’Università di Camerino con una nota di Tartufo Bianco di Acqualagna. Un modo nuovo e assolutamente originale per raccontare la natura e la storia di questo territorio.
Vivere l’appassionante ricerca del tartufo, scoprirne i segreti, gli aneddoti con i tartufai di Acqualagna che guideranno i turisti all’interno delle tartufaie con il loro cani per simulare la caccia all’oro bianco. Un’esperienza che potranno vivere anche i bambini dai 4 ai 14 anni in pieno centro, dove sorge il Parco della Repubblica. Ai bambini sarà consegnato vanghino e giubbottino del tartufaio. Trovare il tartufo è diventato anche un gioco da tavolo. Si chiama Dig It Out ed è stato inventato da tre giovani acqualagnesi (THM Games).

Con l’iscrizione gratuita al “Club Amici di Acqualagna Capitale del Tartufo”, si possono ricevere info  e suggerimenti utili come il pratico “Ricettario del tartufo” oppure le quotazioni del mercato del Tartufo. Per essere sempre informati sui prezzi esiste, infatti, la Borsa del Tartufo online, unica in Italia e consultabile al sito del comune.

Informazioni complete sul programma dell’edizione 2017 saranno presto disponibili sul sito del comune: www.acqualagna.com

 

La 52° edizione si aprirà, domenica 29 ottobre, a Teatro Antonio Conti, con la cerimonia inaugurale e la tradizionale consegna della Ruscella d’Oro 2017 (il vanghino con il quale si estrae il tartufo e, in questo caso, quello d’oro rappresenta simbolicamente la faticosa attività del cavatore e il valore di un prodotto unico e prelibao). Le ultime in ordine di tempo sono state: Arrigo Sacchi, Al Bano Carrisi, Gian Marco Tognazzi, Oscar Farinetti, Enzo Iacchetti, il Maestro della cucina italiana Gualtiero Marchesi e Alessandro Borghese.

Tra gli ospiti d’onore hanno brillato le stelle Michelin Errico Recanati, Cristiano Tomei, Massimo Bottura, Mauro Uliassi, Davide Oldani, Stefano Ciotti del Nostrano di Pesaro, Alessandro Borghese e il celebre giudice di Master Chef, Carlo Cracco alle prese con il tartufo bianco di Acqualagna.

Verrà assegnato per la seconda volta, il Premio biennale Enrico Mattei nato per promuovere l’impegno di imprenditori innovativi che operano nel territorio. Vuole altresì rendere tributo alla gloriosa memoria di Enrico Mattei, al cui coraggio e alla cui tenacia devono molto sia i marchigiani che l’Italia intera”. Nato ad Acqualagna il 29 aprile 1906, Enrico Mattei, fondatore e presidente di Eni, è stato grande protagonista della storia del sistema industriale nazionale ed internazionale.

Per contattare l’Ufficio del Turismo:
Tel. (+39) 0721 796741 –  turismo@acqualagna.com
www.acqualagna.com

Cheese 2017 – Bra centro del pianeta formaggio

Cheese 2017: a poco più di un mese dall’evento segnali molto positivi da espositori e visitatori

Bra, tornerà a essere il centro di gravità del pianeta formaggio

 E intanto il programma si arricchisce con le Storie di Pizza: 13 incontri con gli ambasciatori di quella bandiera tricolore in forma rotonda

Dal 15 al 18 settembre prossimi la capitale mondiale di Slow Food, Bra, tornerà a essere il centro di gravità del pianeta formaggio, come accade ogni due anni sin dal 1997.

Per celebrare i 20 anni dall’esordio, Slow Food Italia e Città di Bra vogliono fare le cose in grande, a partire dalla scelta di riservare gli spazi espositivi del Mercato esclusivamente ai formaggi a latte crudo.

In realtà il latte crudo è il protagonista principale di Cheese sin dalla prima edizione, ma fino al 2015 si era sempre esercitata una certa tolleranza verso le produzioni a latte pastorizzato che in alcuni casi sono comunque prodotte da piccole realtà con interessanti storie alle spalle.

Non sarà così quest’anno, con un salto di qualità che intende rafforzare e definitivamente affermare la necessità di difendere, esaltare e valorizzare quei formaggi che, proprio perché prodotti a latte crudo, rappresentano il luogo da cui provengono, la razza animale da cui si raccoglie la materia prima, il modo in cui l’animale è stato alimentato, l’arte del casaro. In poche parole, sono l’espressione più autentica di quella biodiversità la cui difesa è la prima missione di Slow Food.

E la scelta di alzare l’asticella nella selezione degli espositori (farà eccezione alla regola ferrea del latte crudo il Gorgonzola, che per disciplinare può essere prodotto solo a latte pastorizzato), ha premiato l’organizzazione anche più di quanto ci si potesse attendere: l’edizione 2017 registra infatti un incremento delle presenze estere (con la crescita più rilevante registrata dalla Spagna) e una chiusura anticipata delle adesioni da parte degli espositori.

Complessivamente gli espositori di Cheese 2017 saranno oltre 300 (in linea con le presenze del 2015, dal momento che gli spazi disponibili sono i medesimi e dunque si registra anche quest’anno il tutto esaurito). A questi si affiancheranno 36 birrifici artigianali indipendenti nella Piazza della Birra, che sarà contornata da 15 Cucine di Strada e Food truck, oltre agli spazi degli Official Partner e sponsor di Cheese 2017.

Sulla stessa onda anche gli appuntamenti in prevendita, dalle degustazioni guidate da casari ed esperti alle cene con i grandi chef ospitate dal ristorante dell’Albergo dell’Agenzia di Pollenzo: 18 dei 43 eventi messi in vendita a fine giugno sono già andati esauriti, facendo registrare un incremento delle adesioni sia in termini percentuali che in termini assoluti. Molto positivi anche i dati sulla provenienza degli iscritti: il 44% è italiano(praticamente da ogni angolo dello Stivale) mentre ben il 56% proviene da 24 Paesi, dagli Stati Uniti, con la presenza più numerosa, fino all’Australia, passando per la vecchia Europa e nuove presenze come l’Iran.

Visti questi numeri, per chi non avesse ancora scelto un evento dal programma ufficiale di Cheese, gli organizzatori hanno deciso di aumentare i posti a disposizione in alcuni dei Laboratori del Gusto che avevano già registrato il “sold out” e negli Appuntamenti a Tavola. Inoltre, da oggi ci sono 13 nuovi eventi che si vanno ad aggiungere ai 25 ancora in vendita. Si tratta delle Storie di Pizza per celebrare un’eccellenza nazionale in compagnia degli alleati della biodiversità alimentare e anima di quelle pizzerie in cui si può mangiare una buona pizza in ogni regione italiana, secondo le identità territoriali. E non finisce qui: la Piazza della Pizza è sempre aperta per gustare le diverse sfaccettature della pizza nazionale a qualsiasi ora.

Sempre in questi ultimi giorni sono stati messi in vendita online anche i biglietti per lo spettacolo di Luca Mercalli e Banda Osiris Non ci sono più le quattro stagioni, dedicato al cambiamento climatico. L’evento, che si terrà domenica 17 settembre alle 21 al Teatro Politeama di Bra, mostra come letteratura, arte e musica possono anche aiutare a comprendere i cambiamenti climatici: i pittori fiamminghi e Le quattro stagioni di Antonio Vivaldi, ad esempio, ci raccontano la piccola età glaciale fra Seicento e Settecento, che fu un capriccio naturale. Il ricavato della vendita dei biglietti di ingresso (5 euro posto unico) sarà devoluto alla campagna internazionale di Slow Food sul cambiamento climatico, che verrà lanciata proprio in occasione di Cheese 2017.

In ogni caso e come sempre, al di là degli appuntamenti a pagamento ricordiamo che Cheese è una manifestazione a ingresso libero che, oltre al Mercato italiano e internazionale, alla Via degli affineurs e dei selezionatori e ai Presìdi Slow Food, presenta decine di occasioni per conoscere tutti gli aspetti (e non solo quello gustativo) dei latticini e di tutto ciò che gli gira intorno: la Gran Sala dei Formaggi e l’Enoteca, la Piazza della Birra, le Cucine di Strada e i Food truck e, tra le novità di quest’anno, la Piazza del Gelato con Alberto Marchetti e lo Spazio Libero (con formaggi a latte crudo liberi da fermenti industriali, salumi liberi da nitrati e nitriti e ancora pane e pizza con lievito madre e birra Lambic a fermentazione spontanea). E poi ancora le Conferenze (il programma 2017 è di grandissimo spessore per contenuti e autorevolezza dei relatori) e le novità proposte da Slow Food Editore, gli aperitivi della Casa della Biodiversità, gli appuntamenti organizzati in Casa Slow Food per i soci, le scolaresche, i bambini in visita con la famiglia e dagli Official Partner.

A proposito, volete farvi venire l’acquolina in bocca con alcuni tra i formaggi più curiosi di questo Cheese? Ecco la nostra guida teorico-pratica agli 8 formaggi di cui non potrete più fare a meno!

L’edizione 2017 di Cheese è possibile grazie all’impegno di aziende che credono nei valori e negli obiettivi della manifestazione, tra queste gli Official Partner: Cassa di Risparmio di Bra, Egea, Lurisia, Parmigiano Reggiano, Pastificio Di Martino, Quality Beer Academy, Velier. Official Sparkling Wine: Consorzio Alta Langa.

Visita www.slowfood.itper il programma completo e la possibilità di prenotare.

Per gourmet – Bere bene – consapevole a Cheese 2017

A ogni formaggio la sua bevanda

8 occasioni per bere bene, originale, consapevole a Cheese 2017

Vini, bollicine, birre, rhum e addirittura cocktail…

l’abbinamento di una bevanda, che rappresenta un pezzo della tradizione materiale e della cultura gastronomica di un Paese o una regione, con il proprio formaggio ha sempre avuto un posto in prima fila in queste undici edizioni di Cheese. E non poteva essere altrimenti, viste le origini di Slow Food Italia e il territorio che ospita la manifestazione, quella Città di Bra a metà tra le colline di Langa e Roero, entrambe patria di grandi vini.

In questa edizione dei 20 anni però abbiamo superato anche le nostre più ottimistiche aspettative e, per assicurarsi il miglior abbinamento di sempre, abbiamo pensato di redigere la seconda guida teorico-pratica di Cheese 2017, quella alle 8 occasioni per bere bene, originale e consapevole.

1 – Con i grandi classici non si sbaglia mai: Brunelli e Parmigiano Reggiano

Image

Ai soci Slow Food (e a chi coglierà l’occasione per far parte dell’associazione) è riservato il Laboratorio del Gusto Brunelli a confronto: l’importanza del terroir, che accompagna due fantastiche docg ilcinesi ad alcune stagionature del Parmigiano Reggiano di vacca bianca modenese, Presidio Slow Food. Stiamo parlando di Poggio al Vento Col d’Orcia e Vigneto Manachiara di Nardi 1999, 2006, 2010: tre grandi millesimi dei due grand cru delle rispettive aziende per capire l’importanza del terroir. L’appuntamento è domenica 17 settembre alle 16 nella Banca del Vino di Pollenzo, a sei chilometri da Bra, con navette speciali che fanno la spola tra Bra e Pollenzo.

2 – Migrazioni enologiche: degustazioni in libertà dal Nord al Sud Italia nella Banca del Vino di Pollenzo e dell’Enoteca di Bra

Image

Se non avete fatto in tempo a prenotare o non volete limitarvi alle proposte dei Laboratori del Gusto, allora ci sono due luoghi di Cheese 2017 che fanno al caso vostro!

Restiamo in Banca del Vino, il luogo in cui Slow Food costruisce la memoria storica del vino italiano, che nei giorni di Cheese propone un percorso guidato in compagnia di tre grandi vini e altrettanti formaggi del Nord, Centro e Sud Italia, semplicemente passeggiando lungo le suggestive cantine sotterranee dell’ottocentesca Tenuta dei Savoia. Costo del tour con degustazione: 10 euro.

Se preferite degustare e abbinare in libertà allora dovete prendere la navetta e tornare a Bra, e più precisamente in Via Garibaldi che ospita la Gran Sala dei Formaggi e l’Enoteca, rispettivamente con 130 caci e 600 etichette che rappresentano il meglio della cultura enologica italiana. Fanno la parte del leone i formaggi italiani, francesi e spagnoli, ma ce ne sono anche statunitensi (Paese cui Cheese 2017 dedica il focus), portoghesi, inglesi, irlandesi… e poi rumeni, bulgari, belgi, olandesi, polacchi e svizzeri. Insomma, a ogni formaggio il suo bicchiere e via di abbinamenti in libertà!

3 – Il giro del mondo in 80 caci: note d’Oriente con i vini Triple A

Image

Se quello che succede a Est dell’Italia vi intriga, gli appuntamenti alla Casa della Biodiversità sono quelli che fanno al caso vostro! Come quello con le Triple A di Velier, storico importatore e distributore genovese di vini naturali e distillati e Sostenitore Ufficiale di Slow Food Italia. Ai piedi del vulcano Hasan Dag, nell’Anatolia Centrale, crescono varietà autoctone di uve su piede franco a 1500 metri sul livello del mare, vigne antiche di 200 anni coltivate in piccoli giardini e vinificate con fermentazioni spontanee in anfore millenarie. Udo Hirsch, di origine tedesca ma da anni in Turchia, proprietario di Gelveri-Manufactur presenta i suoi vini in abbinamento a formaggi turchi. Non mancano i vini georgiani di Iago Bitarishvili, della regione di Kartli, vicino a Tiblisi, Presidio Slow Food. L’appuntamento è alla Casa della Biodiversità venerdì 15 settembre alle ore 13.30.

 

4 – Una “enclave” di sapori, profumi e consistenze di Langa

Image

Se volete una full immersion di Langa, il posto giusto è l’area lounge allestita nella piazza del Mercato di Cheese a cura del Consorzio Alta Langa Docg – Official Sparkling Wine della manifestazione – dove si potrà vivere un’esperienza di gusto che ha origine interamente nelle famose colline piemontesi: insieme alle bollicine del metodo classico si potrà degustare la morbida robiola di Roccaverano Agrilanga unita alla croccante nocciola Tonda Gentile selezionata dall’Associazione Regina Nocciola. L’Alta Langa Docg (brut o pas dosé, bianco o rosato) è prodotto con uve Pinot Nero e Chardonnay coltivate sulle colline tra Astigiano, Cuneese e Alessandrino e affinato per almeno trenta mesi sui lieviti. Le sue bollicine delicate sposano perfettamente la robiola primaverile, ricca di sentori di erba fresca, ciliegia e nocciolo, o di fine estate, quando il latte si arricchisce di grassi e il formaggio raggiunge la massima estensione sensoriale, e il croccante tostato della nocciola per regalare tre consistenze in un unico assaggio.

 

5 – A tutta birra! – I Laboratori del Gusto

Image

Solo vino in abbinamento ai formaggi di Cheese 2017? No ovviamente! Ormai da anni Slow Food segue il grande fermento che c’è intorno alle birre artigianali, in Italia e oltre confine, grazie alle guide e ai manuali pubblicati da Slow Food Editore, i Laboratori del Gusto e la Piazza della Birra durante i grandi eventi. Tra i più curiosi segnaliamo La regina delle bevande naturali: il Lambic tradizionale (Presidio Slow Food), una birra unica al mondo e sempre più rara, spesso definita come l’anello mancante tra la birra e il vino. Non perdetelo, sabato 16 settembre alle ore 13 a Bra, presso il Cortile delle scuole maschili.

 

E poi come non ricordare il focus di Cheese 2017 sugli Stati Uniti, Raw in the USA: formaggi a latte crudo e birre artigianali, il 17 settembre alle 19 sempre a Bra presso il Liceo scientifico G. Giolitti-G. B. Gandino. Dal 1980, negli Stati Uniti si è assistito a una rinascita del tema delle fermentazioni naturali: dai formaggi alle birre artigianali fino ad arrivare alla produzioni di eccellenti prosciutti e salumi. In questo Laboratorio vi presentiamo alcuni tra i migliori produttori “born in the USA“: Jasper Hill Farm dal Vermont, Meadow Creek Dairy dalla Virginia, Rogue Creamery dall’Oregon e Uplands Cheese dal Wisconsin. La storia dei formaggi si intreccia a quella delle birre grazie alla presenza di Adrian Walker, del birrificio Firestone Walker, nato nel 1996 in California, tutt’oggi uno dei più apprezzati nel territorio statunitense.

 

6 – La cultura brassicola di QBA, La Piazza della Birra e Birrificio Antoniano

Image

Official Partner dei grandi eventi organizzati da Slow Food, Quality Beer Academy nel suo stand in Piazza XX Settembre accoglie tutti gli appassionati con 35 vie di birra alla spina e un ricco programma di degustazioni guidate dai beer sommelier. Anche dal punto di vista brassicolo, il focus di QBA saranno le birre americane di Firestone Walker, con lo stesso Adrian Walker a raccontare segreti e aneddoti del birrificio. E in tema di formaggi non saranno trascurati gli abbinamenti che vedono come protagonista il Belgio, con le sue fermentazioni miste e spontanee di Rodenbach e Boon.

 

Sono addirittura 36 i birrifici artigianali indipendenti della Piazza della Birra. A farla da padrone le realtà brassicole piemontesi e lombarde che condivideranno i calici con i microbirrifici del resto d’Italia e con realtà estere. Obiettivo? Trovare l’abbinamento perfetto con le stuzzicherie delle vicine Cucine di Strada e dei Food Truck e passeggiare tra le bancarelle del Mercato sorseggiando un buon bicchiere.

 

Nella Via dei Presìdi Slow Food, non a caso è presente Birrificio Antoniano che tra le sue proposte presenta le birre realizzate con prodotti tutelati da Slow Food: la Ponte Molino, con grano Timilia del pane nero di Castelvetrano (Trapani), la Torlonga con grano Solina dell’Appennino abruzzese e la Borgo della Paglia con mais biancoperla della pianura veneta centro-orientale.

 

7 – Paloma e Negroni sbagliato per una shakerata da urlo

Image

Un vero e proprio cocktail bar con i migliori bartender selezionati da Velier che vi aspettano con gli abbinamenti più sfiziosi tra formaggi e arte della mixology. Per darvi un esempio, abbiamo chiesto al bartender Angelo Canessa di anticiparci qualcosa ed ecco le sue proposte: il Paloma, con le note amare del Tequila e del succo di pompelmo, è perfetto se abbinato a una robiola di Roccaverano. Mentre ai fan del Negroni sbagliato consigliamo un abbinamento con un Parmigiano Reggiano 36 mesi: le note officinali di bitter e vermouth si sposano perfettamente con la sapidità della Dop. A Cheese 2017 potrete trovare questi e altri drink al cocktail bar Velier, in Piazza XX Settembre a Bra, aperto tutti i giorni a partire dalle ore 16.

 

8 – Rhum: il gusto esotico della vita

Image
Haiti è l’ultima frontiera del rhum e i Clairin sono i rhum di Haiti: varietà di canna originarie, nessuna chimica in agricoltura, fermentazioni spontanee senza lieviti selezionati, distillazioni “arcaiche” e nessuna filtrazione. I rhum più autentici e scalpitanti dei Caraibi incontrano formaggi ricchi e complessi come il gruyère d’alpeggio, il piacentinu ennese e il puzzone di Moena. Chi vincerà la sfida? Per un assaggio di Clairin non mancate la visita allo stand di Velier, in Piazza XX Settembre a Bra.

L’edizione 2017 di Cheese è possibile grazie all’impegno di aziende che credono nei valori e negli obiettivi della manifestazione, tra queste gli Official Partner: Cassa di Risparmio di Bra, Egea, Lurisia, Parmigiano Reggiano, Pastificio Di Martino, Quality Beer Academy, Velier. Official Sparkling Wine: Consorzio Alta Langa.

 

Visita www.slowfood.itper il programma completo e la possibilità di prenotare.

Per golosi e gourmet in Alto Adige – Festa della zucca a Lana (BZ) anche per i bambini

Festa della zucca a Lana e dintorni dal 22 al 24 settembre 2017.
Laboratori per i bambini

Da venerdì 22 a domenica 24 settembre a Lana di Sotto si celebra la zucca, protagonista in autunno delle specialità proposte nei ristoranti tipici e nelle bancarelle allestite per l’occasione. La “via Bolzano” della piccola località altoatesina si colora dell’esposizione di zucche ornamentali e offre un ricco programma di intrattenimento per grandi e piccini.

Lana e dintorni (BZ) 8 agosto 2017 – A settembre la bacca più grande del mondo è protagonista per un intero fine settimana a Lana e dintorni, località turistica nel cuore dell’Alto Adige. Da venerdì 22 a domenica 24 settembre 2017 via Bolzano a Lana di Sotto ospita la 14 ˆedizione della Festa della zucca: in questi giorni i ristoranti propongono menù tipici con specialità culinarie a base di zucca coltivata in numerose varietà, sia per l’utilizzo in cucina che come elemento ornamentale.

Gli ospiti di Lana e dintorni trovano in questi tre giorni di festa una vasta scelta di pietanze a base di zucca, ingrediente fondamentale nel menu di fine estate della cucina locale, protagonista di molte ricette nate dall’incontro fra arte culinaria italiana e tirolese.

Dalla zucca arancione alla zucchina fino a quella dolce siamese, questo frutto si dimostra un versatile ingrediente utilizzato in cucina in tutte le sue varianti, per la preparazione di piatti salati ma anche di dolci tipici, proposti nei ristoranti e nelle bancarelle allestite per l’occasione.

Ad arricchire le giornate di festa a Lana ci pensa anche un ricco programma di musica e danza; inoltre sabato 23 settembre la sfilata di moda autunnale dei negozi di Lana in collaborazione con l’agenzia di moda Smile and Walk e domenica 24 la sfilata rinascimentale del Gruppo Arzberg Valle di Non in cui sarà possibile provare i costumi d’epoca.

Durante la Festa della zucca la via principale di Lana s i colora delle mille varietà di zucche ornamentali e intagliate, esposte negli stand all’aperto, dove sarà possibile degustare ed acquistare prodotti tipici a base del prelibato ortaggio. Inoltre per l’occasione un ricco programma di intrattenimento attende i più piccoli con tantissimi giochi, teatrino di burattini e naturalmente laboratori per avvicinare i bambini all’arte dell’intaglio della zucca.

Per informazioni: www.lana.info/it
Programma dettagliato: bit.ly/2vBGNgl

Fiera per gourmet a Pavia – Enogastronomia d’Oltrepò – OLTREGUSTO

OLTREGUSTO

Grande ritorno per la miglior espressione

dell’enogastronomia d’Oltrepò

Enoteca Regionale Lombardia – Broni – loc. Cassino Po (PV)  

Sabato 16 e Domenica 17 settembre 2017

Dopo il debutto dello scorso anno torna OLTREGUSTO, l’evento dedicato all’agroalimentare tipico del territorio organizzato dall’Associazione Strada del Vino e dei Sapori dell’Oltrepò Pavese in collaborazione con il Consorzio Tutela vini Oltrepò Pavese ed Enoteca Regionale di Lombardia.

La seconda edizione già annuncia un positivo segnale di crescita, si estende infatti su due giornate, sabato 16 e domenica 17 settembre2017 presso la sede di Enoteca Regionale di Lombardia a Broni – Loc. Cassino Po (Pavia).  L’intento è quello di dare un concreto avvio alla manifestazione consolidando la collaborazione con l’Ente Enoteca e rendendolo uno degli appuntamenti di riferimento per la promozione del territorio dell’Oltrepò Pavese e della provincia di Pavia.

Il programma si aprirà sabato 16 settembre alle ore 20.00 con “A Cena con l’Opera”, una speciale serata di anteprima ospitata nella Corte dell’Enoteca Regionale Lombardia. In un’atmosfera di grande eleganza si assisterà ad un originale connubio tra due eccellenze italiane; la musica lirica e il cibo.

Alle 20.45 i prodotti tipici dell’Oltrepò Pavese, della provincia di Pavia e della regione Lombardia saranno abbinati da Emanuele Mascherini, talentuoso chef del ‘Bistrot dell’Enoteca Regionale’ alle più celebri arie liriche scritte dai più famosi compositori italiani e interpretate da professionisti come Angiolina Sensale, dal 1995 organizzatrice del Festival Musicale Ultrapadum, il soprano Susie Georgiadis, il tenore Carlos Antonio De Lucia e la pianista Irina Kravchenko.

Domenica 17 settembrela sede dell’Enoteca Regionale Lombardia sarà aperta al pubblico dalle 9.30 alle 19.30. Numerose le proposte che si succederanno nell’arco della giornata.

‘Sapori Oltrepò’Sala delle Travi – primo piano.

Due momenti di show cooking con due nomi di spicco della ristorazione milanese.

Al mattino alle ore 11.00 Claudio Sadler – ristorante SadlerMilano cucinerà la “Zuppa pavese come la vedo io” Nel pomeriggio alle 15.00 Fabrizio Ferrari – ristorante Unico – Milano, presenterà il “Risotto ai porcini con polvere di Santoreggia e ristretto di Pinot Nero”.

I piatti verranno serviti al pubblico in abbinamento a un vino del territorio.

La partecipazione ad entrambi gli show cooking è valida per un massimo di 50 persone e prevede l’acquisto del calice di degustazione. Prenotazioni direttamente in loco domenica 17 settembre.

‘A Pranzo con l’Oltrepò’dalle 12.30 alle 14.00 – Bistrot dell’Enoteca Regionale

Il Bistrot dell’Enoteca Regionale proporrà un menù a base di materie prime delle filiere agricole del territorio  abbinate ai vini e spumanti delle cantine.  Partecipazione euro 25 – Prenotazioni allo 0385 833820

‘Degusta Oltrepò’ – ore 17.00 – Sala Meeting – in collaborazione con A.I.S. Pavia

A.I.S. Pavia condurrà una degustazione dedicata al Pinot Nero dell’Oltrepò Pavese nelle sue tre declinazioni: bianco, rosso e rosé. Alla degustazione sarà abbinata una pietanza cucinata dall’esperto enogastronomo e scrittore locale Valerio Bergamini.

La partecipazione è valida per un massimo di 50 persone e prevede l’acquisto del calice di degustazione. Prenotazioni direttamente in loco domenica 17 settembre.

Mostra Agroalimentare – Corte dell’EnotecaRegionale – intera giornata

I produttori esporranno in degustazione le tipicità gastronomiche e i prodotti agricoli del territorio, abbinati alle cantine per permettere al pubblico di apprezzare anche l’abbinamento cibo vino. Possibilità di acquistare i prodotti. 

 

L’ingresso alla manifestazione è libero

Il pubblico potrà assaggiare i piatti preparati dagli chef durante gli show-cooking, degustare i vini e i prodotti tipici nonché acquistare. Per gli assaggi dei vini si può acquistare il calice da degustazione a Euro 5.00

 

Per il concerto e la cena del sabato : euro 40.00 su prenotazione vini inclusi

Per maggiori informazioni:

Segreteria Associazione Strada del Vino e dei Sapori dell’Oltrepò Pavese

mobile: +39 349 1088317 – mail: stradaoltrepo@gmail.com

Sito ufficiale: www.oltregusto.org

*** *** ***

 

Associazione Strada del Vino e dei Sapori dell’Oltrepò

Via Riccagioia, 48

27050 Torrazza Coste (PV)

E-mail: stradaoltrepo@gmail.com

 

GOLOSI o GOURMET – 8 formaggi di cui non potrete più fare a meno

Gli 8 formaggi di cui non potrete più fare a meno

Guida teorico-pratica alle curiosità di Cheese 2017

Formaggi a forma di spirale, ricoperti di muffa naturale o avvolti da foglie di vite imbevute di brandy alla pera. A Cheese 2017 c’è solo l’imbarazzo della scelta tra oltre 150 espositori italiani e internazionali del Mercato,affineurs e selezionatori, Presìdi Slow Food e prodotti dell’Arca del Gusto, ognuno con le proprie proposte, tutte rigorosamente a latte crudo, come vuole il regolamento della manifestazione!

Per non perdersi di fronte a tutta questa bontà abbiamo pensato di stilare una guida teorico-pratica agli 8 formaggi più curiosida assaggiare a Bra (Cn) dal 15 al 18 settembre.

Image

1 – Born in the Usa

 

Iniziamo con un bel formaggio dagli Stati Uniti, Paese al quale è dato ampio spazio in questa edizione di Cheese. Da Oltreoceano arriva il Rogue River Blue, fatto solamente d’autunno quando il latte di vacca dà il meglio di sé. Questo formaggio pluripremiato si presenta avvolto in una foglia di vite in precedenza imbevuta nel brandy alla pera. Le venature blu al suo interno conferiscono sapori di nocciole e frutta, mentre la sua pasta si cristallizza con l’invecchiamento. Per assaggiarlo è sufficiente attraversare la Via degli affineurs e selezionatori, il luogo migliore dove sperimentare nuovi gusti e conoscere storie curiose.

2 – Saudade de Cuco

 

Nella stessa Via troviamo altri due formaggi internazionali degni di nota: il primo di questi è il Cuco, un formaggio Dop fatto con il latte crudo delle pecore di Serpa, nell’Alentejo portoghese. Questo cacio è la gioia dei vegetariani: infatti il latte è coagulato tramite un caglio vegetale estratto dal cardo. La produzione artigianale, poi, conta su un drenaggio molto lento del latte e sulla spremitura a mano. Il Cuco ha vinto nel 2015 la medaglia d’argento ai mondiali del formaggio di Tours.

Image
Image

3 – Bodega: queso de volcanos y de la mar

 

Il secondo è il Bodega, dalle Isole Canarie, più precisamente da Lanzarote. Un latticino che tiene in alta considerazione il benessere degli animali da cui proviene il latte: sono diversi gli allevamenti in cui le capre ascoltano pure la musica! La crosta di questo formaggio è lavata con olio d’oliva e il suo sapore dolce e leggermente acido restituisce tracce di frutta secca.

Ma in quanto a stranezze, i formaggi italiani non hanno niente da invidiare. In fase di preparazione e affinamento sono diverse le elaborazioni sperimentate, che danno vita a formaggi eccentrici, curiosi e rari. È il caso dei pecorini al vino, alla salsa di pomodoro, alle erbe aromatiche.

4 – Dalle Alpi con furore

 

Tutti questi si concentrano al Mercato nazionale dove troviamo pure la Toma del lait brusc (Arca del Gusto), prodotta da tempi molto antichi nelle valli piemontesi di Susa, Sangone e Lanzo ma oggi sempre meno diffusa e difficilmente reperibile. Per la sua produzione si utilizza il latte della mungitura acidificato della sera prima, in sostituzione parziale del caglio. Il risultato è un formaggio dalla pasta priva di occhiatura e caratterizzata da una notevole gessosità – o friabilità – della pasta. I sapori che emergono più distintamente sono l’acido e l’amaro, presentando gradevoli sensazioni piccanti se le forme sono stagionate a lungo.

Image
Image

5 – Dalla Sicilia un formaggio più unico che raro

 

Dall’altro lato dell’Italia, i formaggi siciliani rappresentano bene la varietà della lavorazione italiana. Nella Via dei Presìdi troviamo la Vastedda della valle del Belìce, l’unico formaggio di pecora a pasta filata italiano. Lo stile di lavorazione varia a seconda delle abitudini del casaro: quelli più esperti riescono a stabilire empiricamente e manualmente l’esatta maturazione della pasta facendo delle prove di filatura. Una volta raggiunta la giusta consistenza, la pasta viene tagliata e collocata in porzioni all’interno di piatti fondi di ceramica, che in breve tempo conferiscono la tipica forma ovoidale appiattita chiamata vastedda, simile a una pagnotta piatta.

6 – Slovacchia: il formaggio dedicato alla Chiocciola

 

Usciamo di nuovo dai confini nazionali e spostiamoci a Est dove troviamo i Monti Tatra, un’area poco conosciuta della Slovacchia. È in questo paesaggio incontaminato che si producono tre ambasciatori dell’Arca del Gusto tra cui il Parenica, preparato con latte crudo di razze ovine locali, cotto al vapore e dalla tipica forma a spirale. Per conoscerli, l’unica è prendere parte al Laboratorio del Gusto Slovacchia: tra formaggi e birre, pascoli e fiori.

Image
Image

7 – L’erborinato naturale che piace

 

Dalla Slovacchia ci spostiamo a Sud verso la Penisola balcanica, da sempre terra di pastorizia e transumanza. Dalla Bulgaria, Cheese ospita nel Laboratorio del Gusto Balcani: pascoli e formaggi tra oriente e occidente il formaggio verde di Tcherni Vit: durante la stagionatura in alpeggio i recipienti di legno vengono aperti per consentire all’aria umida di penetrare nel formaggio e favorire la fioritura di muffe nobili, verdi, trasformando questo prodotto in uno dei pochissimi erborinati naturali presenti al mondo.

8 – L’importanza di chiamarsi Cheddar

 

Infine, il Cheddar, quello vero. Vi chiederete: ma è un formaggio conosciutissimo, cosa può avere di così particolare? Certo, il Cheddar oggi è uno dei formaggi più diffusi al mondo ma è anche diventato sinonimo di prodotto industriale e omologato. Oggi soltanto tre casari inglesi conservano la tecnica tradizionale, lottando per il riconoscimento del loro lavoro che prevede l’innesto del latte con fermenti lattici tradizionali provenienti dalla zona di Somerset (i cosiddetti pint starters) e l’aggiunta di caglio di vitello, elementi che contribuiscono a donare al formaggio un sapore piacevole e pulito. Nessun Cheddar è uguale all’altro e perfino formaggi prodotti dalla stessa mano in giorni diversi della settimana hanno profili aromatici distinti, altro che omologazione. Il Cheddar artigianale del Somerset, Presidio Slow Food, ha pure una crosta ricca di muffa. Insomma, non il solito Cheddar!

Image

L’edizione 2017 di Cheese è possibile grazie all’impegno di aziende che credono nei valori e negli obiettivi della manifestazione, tra queste gli Official Partner: Cassa di Risparmio di Bra, Egea, Lurisia, Parmigiano Reggiano, Pastificio Di Martino, Quality Beer Academy, Velier. Official Sparkling Wine: Consorzio Alta Langa.

 

Visita www.slowfood.itper il programma completo e la possibilità di prenotare.