Archivi categoria: fiere gastronomiche

fiere

Emilia e Romagna tre appuntamenti gastronomici imperdibili !!! Porcini scalogno cipolla

Cipolla, Scalogno e Porcino: la natura ci delizia

dal 6 al 9 luglio a Medicina (BO) prenderà vita “Medicipolla”

dal 20 al 23 luglio a Riolo Terme (RA)

19 e 20 e il 26 e 27 agosto a Castel del Rio (BO)

In luglio e agosto, fra Emilia e Romagna tre appuntamenti gastronomici con altrettanti prodotti eccellenti

 A cavallo fra Emilia e Romagna, nell’area compresa fra i comprensori di Imola (BO) e quello di Faenza (RA), dove è da poco attiva la società di promozione IF Imola Faenza Tourism Company, c’è un territorio ricco di eccellenze gastronomiche.

Nei mesi di luglio e agosto ne verranno celebrate 3, nel corso di altrettanti eventi gustosi: dal 6 al 9 luglio a Medicina (BO) prenderà vita “Medicipolla”, dal 20 al 23 luglio a Riolo Terme (RA) si celebrerà la “Fiera dello Scalogno IGP di Romagna”, il 19 e 20 e il 26 e 27 agosto a Castel del Rio (BO) doppio weekend con la “Sagra del Porcino”.

Dal 6 al 9 luglio a Medicina si celebrerà la “Antica Fiera di luglio” e la XVII° edizione di “Medicipolla”, un omaggio gustoso a sua Maestà la Cipolla di Medicina, che per l’occasione sarà proposta in tutte le sue varianti e in numerosi menù a tema. Nel corso dell’evento, inoltre, ci saranno l’esposizioni di macchine agricole d’epoca e moderne, spettacoli d’intrattenimento, mercatini e specialità gastronomiche da degustare…

Fra i tanti appuntamenti, quelli di maggior interesse sono: “Cipolla d’autore”, la cena a tema a cura dello chef Riccardo Facchini (6 luglio ore 20.30, prenotazione obbligatoria al 345.3865090); il 14° Simposio della Confraternita della Magnifica Cipolla di Medicina (7 luglio ore 21.15); symposium sulla canapa e le sue straordinarie lavorazioni, con relatrice Manuela Pierobon, e a seguire degustazione di crostini (8 luglio ore 18.45); laboratori di cosmesi utilizzando prodotti tipici del territorio come la cipolla, il foraggio e la Patata di Medicina (8 luglio dalle 19)

Per informazioni: Pro Loco Medicina tel. 051 857529; info@prolocomedicina.net

Lo Scalogno IGP di Romagna, che non è un aglio né una cipolla, è un piccolo bulbo che appartiene sempre della famiglia delle Liliacee.

Una prelibatezza enogastronomica tutta locale e assolutamente unica nel panorama nazionale.

A Riolo Terme (Ra),cuore produttivo di questa meraviglia per il palato, dal 20 al 23 luglio si svolgerà la Fiera dello Scalogno IGP di Romagna.

Nelle vie centrali del paese ci sarà la mostra mercato dello Scalogno di Romagna dove, per tutte e quattro le giornate, saranno presenti i produttori di questa prelibatezza. I ristoratori del paese non mancheranno di proporre pietanze a base di Scalogno mentre al Parco Pertini ci sarà lo stand gastronomico della Pro Loco tutto dedicato al piccolo bulbo, con ricchi menù a tema. Si potranno assaggiare, tra le varie pietanze: riso allo Scalogno, tagliolini allo Scalogno, frittata allo Scalogno, arrosto aromatizzato allo Scalogno. E poi tutte le sere: musica, spettacoli e intrattenimento.

Da sempre coltivato in Romagna, la Pro Loco di Riolo Terme nel 1992 decise di organizzare una festa ad hoc per promuovere questo prodotto tipico della tradizione locale, che nel 1997 ha anche ottenuto il riconoscimento IGP (Indicazione Geografica Protetta).

Per informazioni: IAT Riolo Terme tel. 0546 71044

Il porcino è sicuramente uno dei funghi più celebri e apprezzati. Le colline dell’imolese, lungo la dorsale ai confini con la Toscana, ne sono ricche.

Ecco allora che il comune appenninico di Castel del Rio nel mese di agosto dedica un doppio fine settimana a questo prelibato fungo. Il 19 e 20 e poi il 26 e 27 agosto tra gastronomia, musica e intrattenimento si svolgerà la 32esima edizione della “Sagra del Porcino”.

Per informazioni: 338 3384123 www.prolococasteldelrio.it

Divertente weekend con i bambini – “Cuochi per un giorno” – Festival nazionale di cucina per bambini

“Cuochi per un giorno”: torna a Modena il Festival nazionale di cucina per bambini. Appuntamento il 7 e 8 ottobre
"Cuochi per un giorno": torna a Modena il Festival nazionale di cucina per 
bambini. Appuntamento il 7 e 8 ottobre

 

Sabato 7 e domenica 8 ottobre Modena è ancora una volta la capitale della cucina 0-12 con la sesta edizione di “Cuochi per un giorno”, il Festival nazionale di cucina per bambini.

Decine gli eventi, gli stand e i laboratori in programma: grandi chef come Ascanio Brozzetti, Franco Aliberti, Carlo Alberto Borsarini insegneranno ai piccoli cuochi a cucinare numerose ricette, dagli antipasti ai dolci. L’appuntamento è presso il club la Meridiana, alle porte della città.

Parte del ricavato andrà a Dynamo Camp, un luogo di vacanza per bambini con gravi patologie

Cucinare coinvolge i cinque sensi, migliora concentrazione, manualità e precisione, arricchisce il vocabolario e allena al rispetto delle regole e alla pazienza, ecco perchè vale la pena cominciare da piccoli: torna a ottobre “Cuochi per un giorno”(www.cuochiperungiorno.it), il Festival nazionale di cucina per bambini. Cinque edizioni, un grande successo: per il 2017 l’appuntamento è sabato 7 e domenica 8 ottobre a Modena, presso il club la Meridiana (Via Sant’Ambrogio 66, a Casinalbo): una villa settecentesca e un parco secolare faranno da sfondo alle creazioni culinarie dei piccoli cuochi. L’evento è ideato da Laura Scapinelli e dallo staff de “La Bottega di Merlino”, libreria per ragazzi e laboratori creativi di Modena.

Due giornate, decine di appuntamenti e laboratori in cui gli chef in erba potranno annusare, toccare, dosare, impastare, miscelare, modellare, cuocere e mettersi alla prova, imparando tante cose nuove. Non mancheranno vere e proprie lezioni di cucina con chef stellati da tutta Italia, per incuriosire anche mamma e papà: tra gli altri hanno  già confermato la loro presenza Ascanio Brozzetti, pastry chef del ristorante Le Calandre di Padova, Franco Aliberti, pastry chef del ristorante Evviva di Riccione e Carlo Alberto Borsarini del ristorante La Lumira di Castelfranco Emilia (MO); a loro si aggiungeanno molti altri nomi importanti.

Ogni piccolo partecipante potrà cimentarsi in fantasiose ricette con la supervisione di uno chef e di un’animatrice, vivendo un’esperienza ludica ma allo stesso tempo formativa e con la possibilità di imparare le regole del mangiar sano. Non mancheranno attività interattive collaterali: al Festival saranno presenti numerosi stand per avvicinarsi alla cucina attraverso diversi linguaggi espressivi. Ci sarà una libreria golosa spettacoli e storie in cucina, angoli sensoriali e giochi.

“Cuochi per un giorno” è un’occasione per tutti gli uder 12: ” I bambini posseggono le doti giuste per cucinare: passione, creatività e curiosità – spiega Laura Scapinelli, ideatrice del festival – Stare ai fornelli coniuga il “fare davvero” con il desiderio di imitare l’adulto e realizza quelli che Maria Montessori definiva “esercizi di vita pratica”, cioè azioni concrete con scopi precisi, che aiutano il corpo e la mente a crescere. Nei due giorni del festival i bambini si divertono a mescolare con le mani, spianare, dar forma alla frolla o alla sfoglia, tramandare le ricette locali. Il nostro, poi, è un festival ecosostenibile: insegnamo ai piccoli chef anche a cucinare con gli avanzi, proponendo diverse attività legate al recupero e al riuso”. Ma c’è molto di più, perché cucinando s’impara: tra pentole e ingredienti i bambini, infatti, imparano a mangiare e ad avere un rapporto sano con il cibo.

Inoltre, attraverso la loro partecipazione, i bambini aiutano altri bambini: parte del ricavato della manifestazione verrà infatti devoluto a Dynamo Camp, l’unica struttura italiana di Terapia Ricreativa pensata per ospitare bambini affetti da patologie gravi o croniche nel periodo di post ospedalizzazione e/o in fase di remissione dalla cura; qui minori che convivono con la malattia possono praticare attività ludiche e sportive: è un’esperienza di svago, divertimento, relazione e socialità in un ambiente naturale e protetto.

Dove e quando: sabato 7 e domenica 8 ottobre dalle 10.00 alle 20.00 alle porte di Modena, presso il club la Meridiana, Via Sant’Ambrogio 66, a Casinalbo.
Quanto: Il prezzo del biglietto varia a seconda delle attività a cui si sceglie di partecipare.

Tutte le informazioni e il regolamento si trovano sul sito www.cuochiperungiorno.it.
Infoline e prenotazioni: La Bottega di Merlino, tel. 059.212221 www.cuochiperungiorno.it

Carbonara con guanciale o pancetta ? Penne o rigatoni? Festival della carbonara

Chiunque potrà  cimentarsi nella preparazione della sua carbonara …

SOLO PER VERI GOLOSI !!!

Prima regola per una buona carbonara:

evitare che il tuorlo si rapprenda e assuma la consistenza dell’uovo strapazzato … più sotto la ricetta della Cucina Italiana.

Con l’uovo a crudo o in cottura?

Guanciale o pancetta? 

Con un tocco di latte per renderla più cremosa, pecorino fresco a volontà o parmigiano?

Penne o rigatoni?

Con il pesce o con le verdure di stagione? Stiamo parlando della carbonara.

NON ESISTE UNA REGOLA, MA MILLE VARIANTI; alcune ottime, altre meno.

Tutti vi diranno che la loro è la unica vera carbonara ….

Rimangono invece degli obblighi come: L’UOVO NON DEVE ESSERE TROPPO COTTO !!!

LA RICETTA DELLA CUCINA ITALIANA:

Per la ricetta della carbonara classica, tagliate il guanciale a fette spesse circa 0,5 cm, dunque a listerelle lunghe 5 cm.

Mescolate i tuorli con i formaggi grattugiati e un pizzico di pepe. A piacere potete aggiungere 2 cucchiai di latte per rendere ancora più cremoso il risultato finale.

Scaldate in una padella un cucchiaio di olio e rosolatevi il guanciale a listerelle per circa 2’, fino a che non sarà croccante, spegnete il fuoco e lasciate intiepidire.

Cuocete la pasta in abbondante acqua salata; tenete da parte un mestolo di acqua di cottura, quindi scolate la pasta al dente.

Versate l’acqua calda tenuta da parte nella padella con il guanciale intiepidito: questa operazione manterrà la pasta umida.

Trasferite la pasta nella padella e mescolate.

Unite alla pasta anche il composto di tuorli e formaggio

amalgamando velocemente.

La padella ancora tiepida e la pasta calda cuociono leggermente le uova rendendole cremose. È importante compiere queste operazioni velocemente per evitare che il tuorlo si rapprenda e assuma la consistenza dell’uovo strapazzato.

Insaporite con il pepe nero macinato e servite immediatamente nei piatti ben caldi.

Sino al 25 giugno Eataly Roma ospita il Festival della carbonara.

Gara tra ristoranti, ma non solo:

chiunque potrà  cimentarsi nella preparazione della sua carbonara mentre i più piccoli potranno sbizzarrirsi, guidati da Rossella Nalin, nella realizzazione del Corn Dog, una rivisitazione, con gli ingredienti della carbonara, della pietanza americana.

Il piatto per eccellenza della tradizione culinaria laziale, nato come ricetta popolare, caratterizzato da ingredienti poveri e diventato negli anni un piatto pregiato, riguardo la cui preparazione è stato scritto e sperimentato tantissimo.

Dalle origini alle rivisitazioni

A Roma ogni trattoria ha la «sua» carbonara.

Sino al 25 giugno Eataly Roma ospita il Festival della carbonara: con contest e sfide a colpi di uova e guanciale (ma non solo) per aggiudicarsi il titolo di «miglior carbonara».

Da: http://www.lacucinaitaliana.it/ricetta/primi/carbonara-classica/#step-1 

Weekend da veri golosi intenditori – MANTOVA GOLOSA – Dal tortello al lambrusco a Matilde di Canossa

MANTOVA GOLOSA 

Fiera Millenaria di Gonzaga

https://www.fieramillenaria.it

Storica manifestazione agricola che si terrà a Gonzaga

dal 2 al 10 settembre 2017

da non perdere !

Abbiamo assistito all’ anteprima presso la Factory House del famoso chef toscano  Simone Rugiati

Abbiamo visto preparare  alcuni cibi mantovani e li abbiamo assaggiati insieme a  salumi, formaggi, mostarde, salse e vini; non li dimenticheremo !

Siamo riusciti anche ad apprendere molto, anche per la nostra salute.

Ora è anche possibile viaggiare nella cultura mantovana, con tour organizzati o magari seguire le strade del Parmigiano (www.parmigiano-reggiano.it), ma anche quelle del riso, del vino ….  e scoprire perché i Gonzaga furono amanti dell’arte, ma anche della buona tavola.

APPUNTAMENTO A MANTOVA DAL 2 SETTEMBRE 2017; da segnare subito in agenda

::::::::::::::::::::::::

Risotto alla zucca amntovana con zenzero, spuma di Parmigiano Reggiano e spalla cotta; ricetta ed esecuzione di Simone Rugiati

Ecco lo chef Simone Rugiati, che mescola il riso nella pentola facendolo “volare”.

::::::::::::::::::::::::

TORTELLI DI ZUCCA

Pasta e sfoglia lavorati a mano !

1 uovo per ogni 100 gr. di farina è la regola base.

Un maestro pastaio con mani esperte impasta rapidamente.

La sfoglia di pasta si può colorare con verdura varia.

:::::::::::::::::::

PANE – PANE – PANE – VERO – VERO – VERO -VERO !!

Il pane fatto  con il lievito madre, la lunga lievitazione e una farna senza adittivi, è un pane che ci aiuta a vivere sani.

NON sono solo le modifiche delle spighe (per adattarle alle nuove trebbiatrici), NEMMENO solo l’eccesso di glutine (sempre per adattarlo alle macchine che preparano la pasta industriale), ma è anche IL LIEVITO DI BIRRA il COLPEVOLE di tutte quelle “intolleranze”, gonfiori, ma anche salute cagionevole …

Perché il lievito di Birra? E’ l’unico modo per poter preparare il pane il giorno prima e poi cuocerlo la notte per servirlo fresco al mattino.

Il lievito madre, invece, obbliga a lunghissimi tempi di preparazione.

Il maestro del pane presente alla manifestazione ci ha spiegato che il Lievito di Birra contiene quantità di lievito enormemente superiori rispetto al lievito madre.

Il Lievito di Birra nello stomaco e nell’intestino distrugge tutta la flora batterica presente (la flora serve per digerire e ben assimilare i cibi); da qui problemi digestivi e intestinali, ma anche di salute in generale.

Nello stomaco, la giusta quantità di succo gastrico, composto dall’enzima pepsina, acido cloridrico e muco; digerisce bene se le sostanze addette alla digestione NON vengono DISTRUTTE (come fa il lievito di birra).

Nell’intestino umano SANO dovrebbero albergare infatti circa 400 specie batteriche. Inoltre, nel nostro intestino sono presenti miceti, clostridi e virus che non sono affatto pericolosi; se tutto funziona come dovrebbe. Se la flora batterica e l’organismo vivono in armonia si può anche parlare di buona salute e facile digestione e assorbimento dei primncipi nutrienti, con conseguente sana e regolare espulsione di quanto non serve.

Vedi e acquista farina e pane da: http://molinomagri.com

IL SEGRETO PER MIGLIORARE LA DIGESTIONE: mangiare sano !

Molino Magri S.r.l. Strada Mantova 13, Marmirolo MN, 46045 Marmirolo MN

Produzione e Vendita Farine

Tel. +39 0376 466022 – Fax +39 0376 467981

::::::::::::::::::::::

I SALUMI …

Ciccioli

La cipolla di Sermide e il suo museo

www.prodottoinfattoria.it

www.agriturismomantova.it

::::::::::::::::::::::::

VINO – LAMBRUSCO – LAMBRISCO – VINO 

Da troppo tempo sottovalutato e non conosciuto nelle sue qualità migliori

Durante la manifestazione abbiamo bevuto un Lambrisco di alta qualità e lo stesso chef  Simone Rugiati ha auspicato che tutti i ristoranti conoscano e propongano il Lambrusco di qualità. Un vino dal prezzo non alto; peccato non servirlo. Invece di propore Lambrischi scadenti; come spesso accade !!!

Lambruschi di alta qualità.

Consorzio vini mantovani, www.vinimantovani.it

Cantine di Quistello (MN), www.cantinasocialequistello.it

::::::::::::::::::

DELIZIOSI FORMAGGI e MOSTRADE

Di capra, di pecora, di mucca, stagionati, freschi e “speciali”, ma sempre sicuri della alta qualità; vera!

Proposti da COSE BUONE; un luogo dove assaggiare e comprare specialità e formaggi; non solo per l’aperitivo, Piazza  Mazzini 13, Polesine (Mantova).

I formaggi da noi assaggiati si trovano da: allevamentocaprino@invind.it

:::::::::::::::::::::::

WEEKEND ORGANIZZATI  

Due o più girorni guidati nella cultura e nella gastronomia mantovane.

I VIAGGI DEL GUSTO

Dalla strada del riso, alla splendida Sabbioneta, da Castel Goffredo, ma sempre passando dalla splendida e golosa MANTOVA.

Prenotazioni: www.ontheroadtravel.it 

MANTOVA GOLOSA

Evento gastronomico a Forlimpopoli – città natale di Pellegrino Artusi

Festa Artusiana XXI Edizione

24 giugno – 2 luglio 2017

“Gli apocalittici e gli integrati in cucina”

Casa Artusi, cuore della Festa

Anche un’insolita passeggiata alla scoperta dei principali monumenti della città con degustazione di prodotti tipici !

Forlimpopoli, città natale di Pellegrino Artusi, festeggia il suo illustre concittadino con

-150 appuntamenti,

-una ventina di incontri sul cibo,

-60 ristoranti, spettacoli, cucine del mondo e tanto altro.

E ancora, le celebrazioni del ventennale della morte dello studioso Piero Camporesi, colui che coniò la celebre frase “l’Artusi ha fatto per l’unificazione nazionale più di quanto non siano riusciti a fare i Promessi sposi”.

 Forlimpopoli (Fc) – Gli apocalittici e gli integrati della cucina si danno appuntamento a Forlimpopoli, città natale di Pellegrino Artusi. Lo fanno nella XXI edizione della Festa Artusiana, nove giorni (24 giugno – 2 luglio) di degustazioni, spettacoli, concerti, incontri, mostre, dove le strade vengono rinominate e i vicoli e le piazze si caratterizzano come veri e propri percorsi gastronomici. Imponenti i numeri di questo appuntamento: oltre 150 appuntamenti fra laboratori e degustazioni; una ventina di incontri imperniati sulla cultura del cibo; una serie di mostre sul tema del cibo; il coinvolgimento di una sessantina di ristoranti del tipico per circa 2800 posti a sedere. Non male per una cittadina di 13mila abitanti.

Particolarità della Festa Artusiana è l’affiancamento alla proposta gastronomica di qualità, secondo un disciplinare ben preciso, di tanti momenti di confronto e riflessione sul cibo, insieme ai protagonisti della cultura gastronomica italiana. Tema di questa edizione, il celebre saggio di Umberto Eco del 1964: “Apocalittici e integrati”. Se nel libro di Eco gli apocalittici e gli integrati erano quelli che guardavano al presente (e al futuro) rispettivamente con pessimismo e con ottimismo, nell’attuale quadro della cucina, caratterizzata dalla sovraesposizione mediatica e dalla figura dello chef divo e “maître à penser”, gli integrati e gli apocalittici appartengono alle opposte tribù degli entusiasti acritici e dei catastrofisti.

Il dibattito sul tema si ritrova nel convegno “Integrati e apocalittici in cucina”, sabato 24 giugno alle 17,00 a Casa Artusi per celebrare il ventennale della morte di Pietro Camporesi.

Lo studioso forlivese, morto nel 1997, ebbe il merito di accreditare il manuale artusiano nel mondo accademico con la prestigiosa introduzione per l’edizione Einaudi de La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene” (1970), quella che coniò la celebre frase secondo il quale il libro dell’Artusi “ha fatto per l’unificazione nazionale più di quanto non siano riusciti a fare i Promessi sposi”.

A dibattere il gotha della cultura gastronomica italiana: gli storici Alberto Capatti e Massimo Montanari, la storica della letteratura italiana Elide Casali, gli scrittori Piero Meldini e Giuseppe Lo Russo. Ad introdurre e coordinare l’incontro sarà lo storico Massimo Montanari.

Casa Artusi, cuore della Festa

Casa Artusi, il centro di cultura gastronomica che ogni giorno si prodiga per valorizzare l’opera del padre della cucina domestica italiana, in occasione della festa si apre ai tanti visitatori con percorsi di conoscenza e degustazione, insieme ai protagonisti dell’enogastronomia nazionale e internazionale.

Tra le tante iniziative, dalle ore 19 alle 20, Casa Artusi propone gli App-eritivi, App per il buonessere: buone letture e buon cibo, spazio ideale per presentare libri ed autori che parlano di cibo.

Tra gli autori presenti la storica Elide Casali, la scrittrice inglese Kathryn Hughes con la biografia di Isabella Beeton, personaggio singolare dell’epoca vittoriana. A cui aggiungono: Questa non è l’America di Alan Friedman, e dal junkfood al cibo vegano proposto da Alberto Capatti, al Sapore Marino di Casa Moretti di Cesenatico senza dimenticare di celebrare il 750 anniversario della nascita di Giotto, con un evento in collaborazione con l’Associazione nazionale Case della memoria e il Comune di Vicchio, per percorrere la vita del grande personaggio non solo dal punto di vista artistico, ma anche intimo e quotidiano. Gli incontri sono accompagnati dalla degustazione di un prodotto a marchio della Regione Emilia-Romagna e da un calice di vino.

 

Premio Marietta

La città natale dell’Artusi omaggia le Mariette di oggi. Uomini o donne non fa differenza, l’importante è essere cuochi dilettanti animati dal sacro fuoco per i fornelli e realizzare un primo piatto ispirato al celebre manuale artusiano. Tutto questo è il Premio Marietta, il concorso nazionale promosso dal Comune di Forlimpopoli, in collaborazione con Casa Artusi e l’Associazione delle Mariette, dedicato alla celebre governante del gastronomo.

Una giuria di esperti selezionerà, fra tutte le ricette pervenute, le cinque finaliste. I cuochi finalisti saranno invitati a cucinare i loro piatti, come di tradizione, durante la Festa Artusiana. Per il vincitore, che sarà proclamato nella serata di domenica 25 giugno a Casa Artusi, in palio un premio di 1.000 euro offerti da Conad; tutti gli altri finalisti riceveranno 5 Kg di pasta, messi a disposizione da Conad.

Nel corso della Festa saranno consegnati anche i Premi Marietta ad Honorem a Patrizio Roversi e alla cuoca Giuliana Saragoni.

Ristorazione

In un’epoca di “disimpegno” pressoché generalizzato, la Festa Artusiana da sempre si caratterizza per essere un evento militante in difesa e a tutela dei prodotti di qualità. Dai sapori ‘made in Italy’ a quelli del mondo, ciò che li unisce è il rispetto della tradizione e della tipicità. L’offerta ristorativa va in questa direzione, intimamente legata col territorio, nell’ambito di una produzione agro-alimentare rispettosa dell’ambiente naturale e culturale d’origine.

Una sessantina i ristoranti allestiti in occasione della Festa, per un totale di 2800 posti a sedere, che si aggiungono ai punti di ristoro della cittadina già presenti.

Spettacoli

La Festa Artusiana da sempre si caratterizza come un grande teatro a cielo aperto che unisce i generi e le proposte artistiche più diverse: dalle performance di strada ai concerti, agli spettacoli per i bambini, dalla musica popolare passando per il blues e il jazz.

Nell’ambito dell’evento si ripropone ArtusiJazz, il festival organizzato dall’Associazione Culturale “Dai de Jazz” di Forlimpopoli che negli anni, grazie al suo Direttore Flavio Boltro, è diventato un appuntamento immancabile per gli appassionati e per tutti coloro che vogliano ascoltare dal vivo i nomi più importanti del panorama jazzistico italiano.

E ancora un denso cartellone di oltre 50 spettacoli di arte e musica di strada, che alternano l’intrattenimento itinerante allo spettacolo in postazione fissa, palco o pedana. Musica itinerante ogni sera con la Artusi Street Band, spettacoli teatral-gastronomici, giocoleria, acrobazia e illusionismo, mimica, teatro per ragazzi, cantautorato e musica popolare. Il tutto sotto la direzione artistica di Stefano Bellavista dell’associazione culturale Cult.

Il Maf per la Festa Artusiana

In occasione della Festa Artusiana, il MAF-Museo Archeologico “T. Aldini” di Forlimpopoli, offre al pubblico della straordinarie aperture in orario serale, oltre ai consueti orari di visita. Tra le iniziative in programma visite guidate gratuite a tema e degustazione di vino delle cantine del territorio e Forlimpopoli da assaggiare, un’insolita passeggiata alla scoperta dei principali monumenti della città con degustazione di prodotti tipici. E ancora due conversazioni tematiche accompagnate da degustazioni in compagnia del cuoco Claudio Cavallotti e dell’archeologo Giuseppe Lepore, laboratori didattici per ‘giocare’ con l’archeologia, laboratori artigianali di tessitura e stampa su tela.

Sempre in occasione della Festa Artusiana, grazie alla mostra “L’antico e la modernità” della pittrice forlivese Miria Melandri l’arte contemporanea fa il suo ingresso al MAF, secondo un programma di divulgazione e di promozione già avviato dal Museo che si fonda anche sulla più felice ‘contaminazione’ della struttura museale con la realtà del nostro tempo e le sue multiformi espressioni culturali e artistiche.

 A Forlimpopoli sapori da tutto il mondo

La Festa Artusiana si conferma crocevia di sapori di diverse parti del mondo. In questa edizione saranno presenti importanti realtà del nostro paese, insieme agli amici artusiani da oltreconfine: i francesi di Villeneuve Loubet patria natale del grande Escoffier e dei Pays Beaujolais con la loro cucina e pasticceria della regione Rhone-Alpes e il mercato contadino della città austriaca di Traun.

La collaborazione tra il comune di Forlimpopoli e la cittadina francese di Villeneuve Loubet suggellerà il legame di amicizia sabato 1 luglio alle 18,00 alla Chiesa dei Servi. Nell’occasione i sindaci di Forlimpopoli Mauro Grandini e di Villeneuve Loubet Lionnel Luca si incontreranno per festeggiare il XVII anniversario di gemellaggio.

Informazioni.

Ufficio Cultura tel. 0543-749234-5 (orario 8-13; durante la Festa 16-21).

Mail: info@festartusiana.it  promozione@comune.forlimpopoli.fc.it

Siti: www.festartusiana.it  www.forlimpopolicittartusiana.it

Golosi non mancate – “Sagra del Cinghiale” – 30 giugno al 2 luglio 2017

info@pierluigipapi.com

Fra gastronomia e intrattenimento a Modigliana arriva il cinghiale
Dal 30 giugno al 2 luglio la seconda edizione della sagra

Dopo il successo dello scorso anno, Modigliana (provincia di Forlì-Cesena in Emilia-Romagna) si appresta a rinnovare l’appuntamento col gusto con la seconda edizione della “Sagra del Cinghiale”, al piazzale Ferrari nei giorni 30 giugno e 1 e 2luglio (tutte le sere dalle ore 19 e domenica anche pranzo dalle ore 12).

Protagonista indiscusso dell’evento sarà ovviamente il cinghiale nel suo aspetto gastronomico.

Sarà quindi possibile degustare: tagliatelle, tortelli e polenta con ragù di cinghiale, spezzatino e straccetti di cinghiale, grigliata mista con maiale e cinghiale.

In ogni giornata verrà anche proposto un piatto speciale: venerdì stinco al forno, sabato paella, domenica arrosticini.

Inoltre, ogni sera è previsto un intrattenimento. Venerdì 30 giugno ci sarà il concerto della cover bend Euforika. Sabato 1 luglio si balla con l’Orchestra Maria Grazia e Gigi. Domenica 2, infine, spettacolo con i ballerini di Giorgio e le Magiche fruste di Romagna.

La manifestazione si terrà anche in caso di maltempo sotto apposita area coperta.

Per informazioni: cell. 338 2827099. facebook.com/prolocomodigliana

Evento imperdibile a Roma: FOOD TRUCK FESTIVAL

FOOD TRUCK FESTIVAL

Weekend – Venerdì 9 – Sabato 10 – Domenica 11 giugno 2017

P.le Madre Teresa di Calcutta
Fabrica di Roma (VT)

Orari:
Venerdi e Sabato dalle ore 17
Domenica tutto il giorno

Ingresso libero (prezzi a consumazione)

A Fabrica di Roma, nel cuore della Tuscia viterbese, è in arrivo il primo FOOD TRUCK FESTIVAL!

Nel week-end di 9-10 e 11 giugno l’Associazione Festeggiamenti SS. Matteo e Giustino, con il patrocinio del Comune, ha deciso di offrire ai convenuti una manifestazione che in qualche modo rappresenta un mini-giro d’Italia (e non solo) in sapori locali, con nuove tendenze veg e dolcezze artigianali.

A bordo di vetture mobili, divise per specialità gastronomiche, ogni giorno, a partire dalle ore 17 (domenica tutto il giorno) nella piazza antecedente il centro storico del Paese, sarà possibile degustare prelibatezze in formato street food, piatti semplici o proposte a base di menu differenziati,  a prezzi contenutissimi.

Dalla Sicilia arancini, cannoli, pane e milza, dalla Toscana la chianina, da quel di Sardegna il rinomato porceddu, dall’Abruzzo olive ascolane, e pizze napoletane e pizzette fabrichesi, grigliate argentine, picanha brasiliani e molto altro per incorniciare una festa condita di musica e divertimento, che in qualche modo anticiperà la rinomata sagra della pecora, la cui prossima edizione è in programma a metà luglio.

Estate da sogno a Brisighella – Eventi da non perdere dai primi di luglio al 15 agosto 2017

Un’estate da sogno a Brisighella

Brisighella (RA), borgo medioevale e termale.

Nel borgo collinare molti gli eventi in programma fino al 15 agosto

La Romagna è sicuramente molto famosa per la sua Riviera.

La Romagna sa però offrire molto di più. Nel suo entroterra può sfoggiare alcune perle dove natura, architettura, gastronomia e cultura si fondono per regalare emozioni uniche.

E’ questo il caso di Brisighella (RA), il borgo medioevale e termale incastonato nel Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola, nell’Appennino Tosco-Romagnolo tra Ravenna e Firenze.

Qui dai primi di luglio a Ferragosto sono in programma molti eventi che animeranno le serate estive.

Eventi con cadenza settimanale che esalteranno l’atmosfera romantica del borgo associata alle sue bellezze architettoniche e naturalistiche (dalla suggestiva Via degli Asini, strada porticata sopraelevata, ai tre pinnacoli rocciosi su cui poggiano la Rocca Manfrediana, la Torre dell’Orologio ed il Santuario del Monticino e tutto intorno un mare di verde e di colline di ulivi), alla qualità dei ristoranti a quella dei prodotti tipici del territorio e dell’artigianato artistico.

 

Il “Sogno d’estate” entra nel vivo da inizio luglio al 15 agosto e Brisighella si offrirà come meta ideale per una promenade serale con una serie di appuntamenti con cadenze settimanali.

 

Tutti i mercoledì dalle 21.15, nel Chiostro del Convento dell’Osservanza, “La Magia del Borgo: Chitarra e altro…”, raffinati appuntamenti di musica classica che porteranno a Brisighella grandi maestri contemporanei;

Tutti i venerdì dalle ore 19, nel centro storico, “Brisighella Borgo d’Arte” lungo le vie del paese mostra mercato serale di arte, antichità e brocantage; alle ore 21.15, ne Teatro all’Aperto di via Spada, “Teatro Ragazzi al Borgo”, rassegna delle migliori produzioni di spettacoli rivolti ai più piccoli e alle loro famiglie; alle ore 21.30 proiezioni delle migliori pellicole d’autore in piazza Carducci con “Cinema sotto i 3 colli”.

Tutti i sabati e le domeniche dalle ore 21, nel centro storico, “Cene nel Borgo”, per cenare e degustare negli anfratti più suggestivi del borgo.

Altre due notti speciali coloreranno il borgo di Brisighella durante il Sogno d’Estate.

Sabato 22 luglio Brisighella Vintage, la notte fucsia, una serata glam per il borgo di Brisighella, dove il vintage non è la nostalgia del passato, ma un divertente modo per mescolare gli stili che hanno connotato qualche decennio fa.

Per tutto il centro storico si potrà passeggiare fra cene open air, degustazioni di vini, bancarelle, mostra-mercato vintage, concerti: in piazza Marconi grazie ai Nadimobil un viaggio tra melodie popolari dell’Italia degli anni 30′ fino al boom economico, mentre in piazza Carducci due grandi concerti che faranno ballare tutti gli appassionati della dance anni ‘70 grazie agli ABBAdream, tribute band degli ABBA, e a seguire i MUPPETS cover band che proporrà i migliori brani dance di sempre.

Sabato 5 agosto, Brisighella prosegue la collaborazione con il Festival Strade Blu e ripropone la notte blu dedicata agli amanti delle emozioni dei “Calici sotto i Tre Colli: le Stelle nel Borgo” dove l’armonia del cibo e del vino si uniscono alla grande anima della musica.

Il borgo medioevale diventa una cantina a cielo aperto dove poter gustare cibo di strada e i calici delle migliori produzioni vinicole delle colline locali, mentre il palco in piazza Carducci la programmazione del Festival ci stupirà come sempre con uno sguardo attento sui confini della musica folk internazionale.

ll “Sogno d’ Estate” si concluderà ufficialmente mercoledì 15 agosto alle ore 21 con concerto di musica classica alla pieve di S.Maria Assunta in Tiberiaco, sulla vetta più alta della Vena del Gesso Romagnola, la cima di Monte Mauro.

Per informazioni:

Pro Loco Brisighella tel. 0546 81166 iat.brisighella@racine.ra.itwww.brisighella.org

PER ALTRE INFORMAZIONI SU BRISIGHELLA VEDI ANCHE AL LINK

EVENTO GASTRONOMICO SULLE COLLINE ROMAGNOLE – 28 marzo -Salumi stagionati e tartufo marzolino si gustano a Brisighella

SI CONCLUDE SEEDS&CHIPS 2017

Assegnati 13 premi alle startup più innovative nella food innovation

L’annuncio per l’edizione 2018: John Kerry tra gli ospiti d’onore

 

Milano, 12 maggio 2017– Si è svolta ieri mattina la Cerimonia conclusiva dell’edizione 2017 di Seeds&Chips-The Global Food Innovation Summit, che ha visto la consegna dei Seeds&Chips 2017 Awards, i premi alle startup più innovative a livello globale nel settore food e ag tech. Al termine della cerimonia, l’ideatore di Seeds&Chips, Marco Gualtieri, ha fatto un bilancio dell’edizione appena conclusa, che ha visto la straordinaria partecipazione dell’ex Presidente USA Barack Obama, e ha annunciato il primo dei grandi ospiti della prossima edizione 2018: l’ex Segretario di Stato degli Stati Uniti John Kerry.

 

L’edizione 2017 di SaC ha visto la partecipazione di oltre 200 speakers internazionali, investitori, policy maker e startup da tutto il mondo, dall’Italia aIsraele, dagli Stati Uniti alla Giordania fino all’Iraq.

“Questa straordinaria edizione di Seeds&Chips, e la partecipazione di Barack Obama, hanno confermato Milano e l’Italia come capitale e punto di riferimento mondiale del food, ma anche come laboratorio per trovare le soluzioni alle grandi sfide globali, dalla produzione alla nutrizione, dall’uso sostenibile delle risorse ai cambiamenti climatici”,ha commentato Marco Gualtieri, fondatore di Seeds&Chips. “Oggi più che mai esistono strumenti e competenze tecnologiche, soprattutto tra le nuove generazioni, per permetterci di affrontare e superare queste sfide. È nostro compito investire e supportare i giovani e l’innovazione, in particolare in un settore chiave come quello del cibo, per garantire un miglioramento della nostra vita e di quella dell’intero pianeta. Il Presidente Obama mi ha personalmente chiesto di collaborare sui temi dei giovani, del cibo e dell’innovazione. Una grande opportunità per Milano e per il nostro Paese e un impegno per la prossima edizione di Seeds&Chips, che vedrà un grande keynote speaker ogni giorno: il primo confermato è l’ex Segretario di Stato John Kerry”.

I Seeds&Chips 2017 Awards

13 i Premi conferiti suddivisi in altrettante categorie. Tra i vincitori, progetti italiani e internazionali che rappresentano il meglio dell’innovazione di oggi nel food.  La cerimonia ha visto la partecipazione dell’ideatore di Seeds&Chips, Marco Gualtieri, e della giornalista Rula Jebreal che ha annunciato i nomi dei vincitori.

12 startup hanno ricevuto il riconoscimento dalla propria azienda “sponsor” che ha contribuito a sostenere e promuoverne il progetto. Al vincitore del Nextfood Award by Image Line il riconoscimento da parte degli ideatori del contest, capofila del network che riconoscerà il premio. I vincitori sono stati selezionati da una giuria composta da membri di Seeds&Chips, dalle aziende, e dal CNR come consulente scientifico.

 

L’elenco dei Premi e dei vincitori:

1.“SEEDS&CHIPS VISIONARY AWARD”

Vincitore: Ingredient Optimizedby Plasma Nutrition (USA), premiati da Alessandro Russo, Presidente Gruppo CAP

Plasma Nutrition sta trasformando le prestazioni di polveri proteiche attraverso uno speciale ingrediente in attesa di brevetto: un processo di ottimizzazione per aumentare la sostenibilità e migliorare la salute.

2.PREMIO “BEST DISRUPTIVE STARTUP”

VINCITORE: Food Pairing and Tailor Made (Belgio) premiati da Marcello Pincelli, Italy General Manager, PepsiCo

Foodpairing è un’azienda di automazione specializzata nel settore delle ricerche di mercato, che identifica le combinazioni di sapori del futuro, attraverso la combinazione di intuizioni scientifiche e dati sui consumi.

  1. PREMIO “FUTURE FOOD AWARD”

VINCITORE: Flatev (Svizzera), premiato da Fabio Ziemssen, Head of Food Innovation and Foodtech, Metro Group

Flatev Artisanal Bakery e Flatev Dough sono sistemi di cottura personalizzati (PBS). Il sistema di cottura chiuso provvede alla preparazione di singoli porzioni di tortillas fresche, rotis, flatbreads, biscotti e molto altro. Il consumatore deve solo aprire un contenitore di pasta monouso riciclabile nella Flatev Artisanal Bakery, selezionare le impostazioni desiderate e godere di una deliziosa e fresca delizia in pochi secondi.

 

4.PREMIO “BEST FOOD EXPERIENCE”

VINCITORE: The Vegetarian Butcher (Italia), premiato da Niccolo Longoni, Innovation Manager di Just Eat

Entro il 2022, il valore del mercato dei prodotti sostitutivi della carne sarà di circa 6 miliardi di dollari. Dopo una ricerca di dieci anni, The Vegetarian Butcher, ispirata dal fondatore Jaap, ha sviluppato e trovato innovativi sostituti di carne con un’ottima consistenza e texture. Obiettivo è che gli amanti della carne sperimentino e apprezzino anche i prodotti sostitutivi, e che gli animali siano rsparmiati. Facendo ciò si punta anche a ridurre l’impronta di anidride carbonica causata dall’allevamento intensivo.

 

  1. PREMIO “EAT HEALTHY – BEST HEALTH AND DIET SOLUTIONS”

VINCITORE: INDI (Israele), premiato da Gabriella Bartoccelli, Responsabile comunicazione e relazioni esterne, CAMST

INDI è la prima formula al mondo di non-soia non a base di latte, sviluppata da una squadra di esperti nutrizionali infantili con oltre 60 anni di esperienza. Prodotto sia in polvere che in forme liquide, INDI è una soluzione completa per i neonati allergici, sensibili e vegani (0-36m). La formula è vegetale al 100% (2 composizioni vegetali), senza ormoni, senza OGM, senza antibiotici, con un gusto ottimo e a prezzo competitivo. INDI è stato approvato dal Ministero della Salute israeliano, approvato dai principali esperti medici nutrizionali per l’alimentazione infantile, in quanto conforme alle rigorose norme internazionali per la nutrizione infantile. La formula è brevettata in 85 paesi in tutto il mondo.

 

6.PREMIOBEST MORNING SOLUTION”

VINCITORE: RISE Products (USA), premiato da Franck Bocquet, direttore generale Délifrance Italia

RISE è una start up green verde che ricicla le rimanenze di orzo dei piccoli birrifici trasformandole in farina per prodotti da forno, producendo una farina sostenibile, organica, altamente proteica, nutriente e poco costosa, con una vasta gamma di utilizzi, dai biscotti alla pasta.

 

  1. 7. PREMIO “INCREDIBLE GROWTH – FASTEST GROWING STARTUP”

VINCITORE: Blue Cart (USA), premiati da Francesco Spadaro e Giovanni Rebay, Partner di KPMG

BlueCart è una piattaforma mobile SaaS di approvvigionamento chiavi in mano che collega gli acquirenti all’ingrosso con la loro rete esclusiva di fornitori nel settore dell’hospitality. Ogni giorno, gli acquirenti all’ingrosso, i ristoranti, gli alberghi, ecc trascorrono ore, mandando ordini a ciascuno dei loro fornitori tramite e-mail o messaggi di testo. BlueCart consente di comunicare questi ordini con un semplice clic sul cellulare. I distributori ricevono quindi tutti gli ordini su un’unica piattaforma senza la necessità di immettere dati manuali. Questa organizzazione digitale del lavoro garantisce trasparenza, efficienza e affidabilità nel processo di approvvigionamento all’ingrosso.

 

  1. PREMIO “FARMING OF TOMORROW – BEST INNOVATION IN FARMING”

VINCITORE: Agrologies (Grecia), premiati da Anders Nilsson, Partner di GROW IT UP

I prodotti e servizi di Agrologies offrono soluzioni per il settore agricolo. Agrologies ha sviluppato una piattaforma di irrigazione automatica che combina un dispositivo basato su Internet of Things, il Cloud e una app per consentire agli agricoltori di pianificare l’irrigazione delle loro colture a seconda delle condizioni meteorologiche. Inoltre, in occasione di Seeds&Chips, growITup in partnership con New Holland Agriculture apre la #CallForGrowth sul Precision Farming: una chiamata per tutte le startup e PMI italiane impegnate nello sviluppo di soluzioni innovative nella catena del valore dell’agro-alimentare. Per aderire alla call, startup e PMI devono avere attività rilevanti in Italia e presentare la loro candidatura entro il 6 giugno sul sito www.growITup.it.

 

  1. PREMIO “SMARTER RETAIL EXPERIENCE”

VINCITORE: Coffee Hat (Italia), premiati da Federica Palermini – Head of Brand&Communication and Digital Innovation, CARREFOUR

Coffee Hat nasce per distribuire le migliori specialità di caffè con caratteristiche innovative. La capsula di Coffee Hat rappresenta la sintesi tra eccellenza degli aromi, genuinità e tracciabilità dei chicchi di caffè.

 

  1. PREMIO “BEST VERTICAL FARMING INNOVATION”

VINCITORE: Robonica (Italia), premiati da Association for Vertical Farming (AVF)

Linfa è la serra domestica intelligente dal bellissimo design realizzata da Robonica, che può incidere fortemente sulle abitudini delle persone. Permette infatti di far crescere ogni tipo di vegetale, come erbe aromatiche, peperoncino o insalata, pronti da mangiare in soli 5 giorni. Linfa è un sistema di coltura idroponica che prevede l’illuminazione a luce LED in sostituzione della luce naturale, dove il micro ambiente ricreato è totalmente controllato.

 

  1. PREMIO “BEST SMART CITY VISION”

VINCITORE: AeroFarms (USA)premiati da Ingegner Marco Moretti, A2A

AeroFarms produce deliziosi ortaggi a foglia e erbe aromatiche senza luce solare, terreno o pesticidi. I raccolti ottengono la quantità perfetta di umidità e sostanze nutritive direttamente sulle loro radici in un ambiente completamente controllato. Grazie ad una tecnologia brevettata, AeroFarms è in grado di portare l’agricoltura verticale al coperto ad un nuovo livello di precisione e produttività con un minimo impatto ambientale e senza rischi.

 

  1. NEXTFOOD AWARD by Image Line”

VINCITORE: Seamore Food, premiati da Roberto Ghioni, Socio e Graphic Designer, 63De-Sign e Paolo Rumi, Direttore Creativo, 63De-Sign

Seamore Food vince un percorso completo di accompagnamento verso il posizionamento e l’industrializzazione del prodotto. Con il loro prodotto – I SEA PASTA, tagliatelle 100% vegetali da alghe -, si è distinta tra tutti i partecipanti a questa 1^ edizione internazionale di NEXTFOOD AWARD sul tema Food Innovation, le innovazioni dal campo al piatto, tenuto in concomitanza di Seeds&Chips e rivolto a tutte le start up che si misurano in questo ambito con almeno un prodotto a proprio marchio. NEXTFOOD AWARD è voluto da 63DE-SIGN, un team di communication designers con esperienza in settori differenti e convergenti. Con Seeds&Chips e la partecipazione del Politecnico di Torino, Dip. di Architettura e Design, e l’Osservatorio Ecopak (OEP). Nextfood Award by Image Line è realizzato con il contributo del main sponsor Image Line, dal 1988 mani sulla tastiera del computer, piedi in campo e occhi rivolti al presente e al futuro dell’agricoltura. In quest’ottica l’azienda sviluppa soluzioni digitali per i professionisti del settore: da innovativi software per la gestione sostenibile delle aziende agricole, a motori di ricerca verticali e portali per la condivisione di conoscenze tecniche.

 

  1. PREMIO “BEST SOLUTION FOR A BETTER WORLD”

VINCITORE: Impact Vision (UK) premiati da Hugo Doyle, Head of International Public Affairs, Intesa Sanpaolo

La missione di Impact Vision è costruire un sistema alimentare globale più trasparente e sicuro, utilizzando la tecnologia iperspettrale. La piattaforma software di ImpactVision fornisce informazioni rapide e non invasive sulla qualità e le caratteristiche dei diversi alimenti, utilizzando il riconoscimento delle immagini e l’apprendimento predittivo. Con Impact Vision, basta una foto di un prodotto alimentare per comprendere i contenuti nutrizionali, i livelli di freschezza e il contenuto in proteine, grassi, zuccheri o umidità. Un’innovativa soluzione per ridurre gli scarti, aumentando qualità e sicurezza.

 

Weekend goloso a Milano – Tutto Food – Anche per veri gourmet – Evento imperdibile – Intervento di OBAMA

TUTTO FOODSeeds&Chips

Fiera Milano RHO e in tutta le città – moltissimi gli eventi

Abbiamo visitato per voi la fiera TUTTO FOOD

Impossibile riferire di tutto; impossibile anche  visitare tutti gli stad; data la vastità della fiera.

Qui di seguito segnaliamo chi ci ha più colpito

Un piccolo esempio di quello che potete trovare

Presenti sia le grandi industrie che acquistano materia prima anche dall’estero, sia i produttori locali, i consorzi che si affidano, alcuni, solo alla produzione locale

è stato come fare una caccia la tesoro … buonissimo !!!!

COMINCIAMO CON UN’OMAGGIO AD AMATICE; città martoriata dal terremoto. Invitando i visitatori a visitare tutti gli stand delle zone terremotate in segno di solidarietà e magari acquistare poi via internet …

Caseificio Amatrice, “Il pecorino per l’amatriciana”;www,caseificiostoricoamatrice.com

::::::::::::

Salame, ma non solo salame, di suino nero di Calabria: fantastico. MADEO Tenuta Corone, una ditta di una donna che fa lavorare tante, bravissime, donne !!! Informazione e spedizioni info@filieramadeo.it www.suinonerodicalabria.it – www.madefood.com – Abbiamo deciso che qui ordineremo anche alcuni regali per il prossimo Natale.

:::::::::::

Fantastico pecorino stagionato da Catania

IL GAETELLO, Maria Angela Catania, anche questa volta una ditta gestita da una donna. www.ilgaetello.com Anche qui faremo un ordine pe ril pecorino stagionato.

::::::::::::

Dal latte della zona sabaudia

Venduta anche presso Coop e Natura si.

:::::::::::::::

La carne irlandese viene solo dai pascoli liberi; mai nelle stalle.

Alimentazione naturale degli animali.

NATURALE, BUONA E SOSTENIBILE: LA CARNE DI MANZO IRLANDESE.

:::::::

Non tralasciate di visitare le provenienze di nicchia come il consorzio alimentare di Cypro

Genuinità e bontà assolute; anche nei dolci e una novità con l’avocado.

Prodotti da avocado; creme-salse, olio, guancamole, salsa con feta,  ecc… www.avoel.com info@avoel.com

Prodotti caseari: Gypas, petros@gyparaki.gr www.gypas.gr e molto altro.

:::::::::::

LATTE TRENTO

Tutto e solo latte trentino, da piccoli produttori.

www.lattetrento.it

:::::::

INGALAT

burrate e mozzarelle

consegne due volte  la settimana anche a Milano Eataly Smeraldo

::::::

PANEMBORIKI

alimentari di origine greca

www.panemboriki.com


DOLCI GRECI BUONISSIMI CON INGREDIENTI ECCELSI: CHRISANTHIDIS

www.chrisanthidis,gr

::::::::::

Fanatstici alcuni yogurt greci e formmaggi feta: provate e cercate.

:::::::::

TUTTO FOOD è anche: Seeds&Chips

Il cibo ai tempi dei millennials

Sempre più connessi, informati e on the go: le scelte dei nativi digitali

 

I millennials al centro di Seeds&Chips, tra startup innovative e conferenze aperte dagli under 18

 – I millennials – i nativi digitali – stanno rivoluzionando il modo in cui si acquista, si ordina, si cucina, si consuma e si condivide il cibo, lanciando nuove tendenze a livello globale. L’affermazione di internet e l’avvento delle nuove tecnologie hanno infatti stravolto le abitudini alimentari dando il via ad una vera food revolution.

Nell’ambito della terza edizione di Seeds&Chipsthe Global Food Innovation Summit (8-11 maggio a Fiera Milano Rho), saranno esaminati questi i nuovi trend di acquisto e consumo, influenzati dalle abitudini della generazione dei millennials, e si potranno toccare con mano i progetti più interessanti di aziende e start up, in questo campo.

“Tra le sfide che l’industria del cibo si trova ad affrontare oggi – commentaMarco Gualtieri, ideatore di Seeds&Chipsc’è quella di dare una risposta concreta alle esigenze di un nuovo pubblico, i Millennials. Sono loro, che con nuove abitudini di consumo e di acquisto e, grazie ai potenti mezzi tecnologici a disposizione, stanno dando vita ad una food revolution globale e tutti noi dobbiamo essere consapevoli e pronti al cambiamento.”

“How millennials are changing the food industry” è iltitolo della conferenza che l’8 maggio aprirà Seeds&Chips e che vedrà la partecipazione di due millennials diventate guru internazionali nel settore foodtech: Danielle Gould, CEO di Food+Tech Connect, la più grande community al mondo dedicata a tecnologia alimentare e innovazione e Deepti Sharma Kapur, CEO e fondatrice di FoodtoEat, servizio online che permette di ordinare cibo dai migliori ristoranti locali, food truck, chioschi e ristoratori, nato per avvicinare i piccoli venditori alle potenzialità della tecnologia.

La generazione Y sarà la vera protagonista di Seeds&Chips e per ogni conferenza sarà presente almeno un relatore che abbia meno di 30 anni.

Ogni sessione, inoltre, sarà aperta da un “teenovator” under 18 che presenterà la propria visione di innovazione in campo alimentare.

Sempre ai giovani è dedicato lo spazio ‘Give me five’, che consentirà agli startupper di incontrare un leader per 5 minuti, al quale potranno illustrare le proprie idee e strategie.

Oggi i millennials rappresentano un pubblico sempre più attento alla qualità, alla salute, alla sostenibilità e alla novità: rispetto alle generazioni precedenti, i nativi digitali spendono di più in cibo – la spesa annua negli USA è di 1,4 trilioni di dollari – ma sono anche più informati su ciò che mangiano.

Una generazione molto esigente e consapevole, che rivolge grande attenzione alla qualità del prodotto e alle proprietà benefiche e nutrizionali degli alimenti, l’80% vuole infatti sapere di più sulla provenienza e la tracciabilità del cibo che consuma. Tra i food trend: l’alto gradimento di alimenti organici, biologici e a Km zero, l’attenzione per la sostenibilità ma anche la richiesta di un’offerta più ampia di prodotti.

4 start up di successo presenti a Seeds&Chips2017

 

Robonica (http://robonica.it/), giovane startup milanese, con il suo progetto Linfa, un elettrodomestico micro-farm connesso, una sorta di serra in miniatura dal design ricercato, che permette di far crescere ogni tipo di vegetale, come erbe aromatiche, peperoncino o insalata, pronti da mangiare in soli 5 giorni.

Linfa è un sistema di coltura idroponica che prevede l’illuminazione a luce LED in sostituzione della luce naturale, dove il micro ambiente ricreato è totalmente controllato. Una app monitora i tempi di crescita fino alla completa maturazione mentre ogni malfunzionamento del sistema è segnalato direttamente sul cellulare insieme alla tipologia di intervento da effettuare. In questo progetto si incontrano tecnologia, design e food innovation, un mix di ingegno tutto italiano che genera un oggetto tecnologicamente avanzato, sostenibile e anche bello.

Foodpairing (https://www.foodpairing.com/en/home), azienda con sede a Bruges e New York, rappresenta un innovativo approccio alla tecnologia alimentare, uno sguardo nuovo sui cibi del futuro. Foodpairing dispone di uno dei più grandi database di ingredienti e sapori provenienti da tutto il mondo che un algoritmo combina grazie all’elaborazione di dati scientifici. La sua mission è creare cibi e bevande uniche, proporre accoppiamenti sorprendenti, nel rispetto di una dieta bilanciata, per promuovere uno stile di vita sano e sostenibile.

Winnow (http://www.winnowsolutions.com/) società londinese specializzata nella realizzazione di tecnologie all’avanguardia per le cucine professionali.

Lo scopo di Winnow è aiutare gli chef a misurare, controllare e ridurre gli sprechi alimentari.

Grazie al suo utilizzo è possibile sapere esattamente cosa si sta gettando via, tramite un tablet touch screen, e il costo del cibo che finisce in spazzatura.

Un software cloud fornisce dati e analisi degli scarti per dare agli chef le informazioni necessarie per migliorare i propri processi, risparmiando e riducendo l’impatto sull’ambiente.

The Sage Project (https://sageproject.com/), team newyorkese di designer, dietologi e tecnologi creativi con una semplice mission: rielaborare i dati relativi agli alimenti rendendoli smart, chiari e personalizzati. The Sage Proget è quindi un archivio dati che aiuta a tracciare e conoscere i prodotti alimentari fornendo dettagli non solo su ingredienti, allergeni, proprietà nutritive, apporto calorico ma anche su origine e distribuzione.

Per dettagli sul programma: www.seedsandchips.com

Seeds&Chips, The Global Food Innovation Summit, è uno degli eventi di riferimento a livello mondiale nel campo della Food Innovation. Una vetrina d’eccezione interamente dedicata alla promozione di soluzioni e talenti, tecnologicamente all’avanguardia, provenienti da tutto il mondo.  Un’area espositiva e un palinsesto di conferenze per presentare, raccontare e discutere sui temi, sui modelli e sulle innovazioni che stanno cambiando il modo in cui il cibo è prodotto, trasformato, distribuito, consumato e raccontato. La III edizione di Seeds&Chips svolgerà dall’8 al 11 maggio 2017 presso Rho Fiera Milano in forte sinergia con TuttoFood, con l’obiettivo comune di portare a Milano il meglio del Food e dell’innovazione mondiale legata al settore. 

Il Summit è stato scelto dal Presidente Barack H. Obama per una tra le prime uscite pubbliche dopo il suo mandato.

Il Presidente è quindi l’ospite d’onore di Seeds&Chips, a cui prenderà parte con un keynote speech, insieme a Sam Kass, lo chef e consulente nutrizionale della Casa Bianca sotto l’Amministrazione Obama.