Archivi categoria: Alzheimer

Alzheimer

Salute – Allarme al G7 dagli scienziati – Urgenza di affrontare l’epidemia di Alzheimer

Rapidissima crescita dell’Alzheimer …

L’Italia è un paese particolarmente a rischio…

Gli scienziati dei principali paesi del mondo, riuniti all’Accademia dei Lincei, hanno lanciato un allarme al G7 dei Capi di Stato e di Governo che si riuniranno a Taormina il 26 e 27 maggio, sulla urgenza di affrontare l’epidemia di Alzheimer.

“Nel mondo ci sono attualmente oltre 40 milioni di malati che – avvertono gli scienziati – diventeranno 135 milioni nel 2050” a causa della rapidissima crescita di questa patologia legata all’invecchiamento della popolazione. “Il costo per l’assistenza aumenterebbe da 6 a 8 trilioni di dollari l’anno, e il peso per le famiglie sarà devastante”, gli scienziati, in un documento intitolato “The challenge of neurodegenerative diseases” sollecitano quindi i Grandi della Terra che si riuniranno nel G 7 ad affrontare il problema con “una decisione politica risoluta e globale per prevenire uno tsunami neurologico”.

L’Italia, con 1,2 milioni di persone colpite da malattie neurodegenerative di cui 800mila sono affette da Alzheimer, è un paese particolarmente a rischio, avendo una delle popolazioni più vecchie del mondo assieme con la Corea e il Giappone.

L’Alzheimer è una patologia insidiosa, che lavora silente per 10 – 15 anni e distrugge lentamente i neuroni del cervello senza dare sintomi, quindi chi è malato non se ne accorge fin quando il corredo neuronale non è devastato ma quel punto non c’è più molto da fare.

Per questo motivo è molto importante la prevenzione, fare dei controlli anche sulle persone che non hanno sintomi, e individuare i soggetti a rischio prima che cadano nella patologia conclamata.

Per contrastare questa malattia, che attualmente non ha possibilità di cura, il Neurofisiologo Prof. Lamberto Maffei, già Presidente dell’Accademia dei Lincei, che ha lavorato con la Prof.ssa Rita Levi Montalcini, ha realizzato al CNR il protocollo clinico Train the brain, non farmacologico, che ha dato risultati positivi nell’80% dei casi trattati, rallentando la patologia e aiutando nella prevenzione e nel recupero. Il protocollo,

La diffusione del protocollo, i cui risultati sono stati pubblicati su Scientific Report di “Nature”, è curata dalla Fondazione IGEA Onlus www.fondazioneigea.it in collaborazione con l’Università di Roma.

SALUTE – ALZHEIMER E MORBO DI PARKINSON – La scienza spiega e prepara nuove cure

PARKINSON E ALZHEIMER UNA CURA IN COMUNE ?

DEPRESSIONE CAMPANELLO DI ALLARME
La depressione sarebbe il segnale per la malattia
LA DOPAMINA E’ ALLA BASE DELL’ORIGINE DI PARKINSON E ALZHEIMER
La morte dell’area del cervello che produce la dopamina, sarebbe la causa dell’Alzheimer

Se manca la dopamina la memoria se ne va.

Lo rivela uno studio dell’Università Campus Bio-Medico di Roma in collaborazione con Irccs Santa Lucia e Cnr

Scoperta l’origine dell’Alzheimer e del Parkinson ?

Cosa è la dopamina ?

La dopamina è un neurotrasmettitore indispensabile per il funzionamento dell’ippocampo; da essa dipende la memoria.

La dopamina è un neurotrasmettitore che controlla: il movimento, la sensazione di piacere, la ricompensa, la produzione di prolattina, i meccanismi di regolazione del sonno, alcune facoltà cognitive e la capacità di attenzione.

La depressione sarebbe un potenziale segnale della malattia a causa del legame, dimostrato scientificamente, tra l’assenza di dopamina e le disfunzioni dell’area neuronale che riguarda i disturbi della gratificazione e dell’umore.

Infatti: la degenerazione dei neuroni che producono dopamina, aumenta le possibilità di andare incontro ad una progressiva perdita di iniziativa; che è poi il segnale di alterazione patologica dell’umore (depressione).

PARKINSON E ALZHEIMER

I fenomeni depressivi nella diagnosi di Alzheimer, potrebbero andare di pari passo con la perdita della memoria ed essere la causa anche del Parkinson; a causa della  morte dei neuroni che producono la dopamina.

Tutto questo fa pensare a strategie terapeutiche comuni; ovvero una sola cura per Parkinson e Alzheimer.

Lo studio scientifico è pubblicato su Nature Comunication al link: http://www.nature.com/articles/ncomms14727

Malati di Alzheimer la retta pagata dal Servizio sanitario regionale

Un diritto purtroppo ancora sconosciuto ai piu’

Rette chieste illecitamente alle famiglie

I malati di Alzheimer e i loro familiari devono sapere che possono interrompere i pagamenti

Malati o i loro eredi che hanno pagato per loro, possono chiedere la restituzione di quanto corrisposto

Fin dal primo grado di giudizio è ormai confermato che la retta per i malati di Alzheimer deve essere pagata dal Servizio sanitario regionale.

Un diritto esteso a tutti i malati di demenza senile.

Oggi solo il 16% dei 600.000 malati di Alzheimer viene assistito in strutture pubbliche, dato in diminuzione per l’insostenibilità delle rette chieste illecitamente alle famiglie.

La sentenza emessa l’1 marzo scorso dal Tribunale di Monza, ottenuta dall’avvocato Giovanni Franchi di Parma è la prima pronunciata da giudici di merito sulla base della nuova normativa introdotta dal DPCM 14 febbraio 2011, sul quale neppure la Cassazione si era mai pronunciata.

Della Cassazione accoglie invece l’ indirizzo -confermato dalla sentenza 22776/16 – ribadendo che i costi delle attività assistenziali del malato di Alzheimer, quando vi sia la prevalenza delle prestazioni sanitarie ( il che è sempre così per i malati in stato avanzato) sono a carico del Servizio Sanitario Regionale.

Un diritto che, fatto importantissimo, la 22776/16 estende dai malati di Alzheimer a tutte le persone affette da demenza senile.

In pratica chi, affetto da Alzheimer o da altre forme di demenza senile, viene ricoverato in RSA e, oltre alla permanenza assistita in struttura, riceve anche cure mediche, non deve pagare nulla, né la famiglia deve farlo in sua vece.

Un diritto purtroppo ancora sconosciuto ai piu’, cui viceversa la giurisprudenza è sempre più sensibile. E questa sentenza ne è conferma.

In Italia, secondo il Censis, vi sono 600.000 malati di Alzheimer ed i costi diretti dell’assistenza ammontano a oltre 11 miliardi di euro, di cui il 73% tuttora a carico delle famiglie malgrado debbano essere sostenute dalle Regioni così come per le persone.

In tutto gli affette da demenza senile sono più di 1.200.000.

E’ importante che gli interessati siano informati – ha dichiarato l’avvocato Giovanni Franchi – perché molto spesso i Comuni, se le RSA sono pubbliche, presentano ai familiari conti molto salati, che mettono in seria difficoltà economica le famiglie. Non per niente è in costante diminuzione il ricorso ai servizi pubblici di assistenza: oggi solo il 16,6% dei malati ricorre alle strutture riabilitative mentre, solo lo scorso anno, erano circa il 20%.

Sono, invece, i malati o i loro eredi che hanno pagato per loro, a poter chiedere la restituzione di quanto corrisposto. E la sentenza ottenuta a Monza lo conferma, perché non solo è stata respinta la richiesta di pagamento delle rette che erano rimaste insolute, ma la RSA è stata pure condannata a restituire ciò che fino ad allora era stato pagato.

I malati di Alzheimer e i loro familiari devono sapere che possono interrompere i pagamenti e chiedere la restituzione di quanto fino ad oggi pagato, con l’unica condizione che il paziente abbia avuto abbia tuttora bisogno, anche e in maggior misura, di prestazioni sanitarie, rispetto a quelle assistenziali ”.

 

Alzheimer a Cremona – Ambulatorio dedicato – consulenze – percorsi terapeutici

Presso l’UO di Neurologia dell’ASST di Cremona è attivo un ambulatorio dedicato, dove gli operatori offrono consulenze, percorsi terapeutici personalizzati

VEDI FILMATO E iNFORMAZIONI SU YOU TUBE: : https://youtu.be/IGjHek2GoAU

Alzheimer
con Luciano Abruzzi (UO Neurologia ASST di Cremona)

La malattia di Alzheimer è la forma più comune di demenza: nel nostro paese interessa più di un milione di persone, in Lombardia più di 100.000.

Non è solo una patologia della vecchiaia: può colpire anche persone prima dei 65 anni. Si manifesta con la perdita di memoria e di altre capacità cognitive con una progressiva perdita di autonomia nelle attività quotidiane della vita

Presso l’UO di Neurologia dell’ASST di Cremona è attivo un ambulatorio dedicato, dove gli operatori offrono consulenze, percorsi terapeutici personalizzati in un Team multidisciplinare e integrato.

ASST di Cremona
Viale Concordia n 1, 26100 Cremona
www.asst-cremona.it

AUTISMO – IPERTENSIONE – ALZHEIMER – OBESITA’ – PATOLOGIE OCULARI curare con il cibo secondo la Nutraceutica

Scoperta una cura per l’autismo

di Valeria Feramonte

Il tentativo di combattere le malattie attraverso la nutrizione è, si può dire, vecchio come il mondo: sembra infatti la strada più semplice e logica da seguire anche se talora è difficile da tradurre in evidenza scientifica.

La Società Italiana di Nutrizione (SINUT) promuove per l’appunto l’uso di integratori alimentari per la cura di patologie anche gravi come l’ipertensione, l’Alzheimer e l’autismo.

E’ stata fondata, in memoria del padre Giorgio, nel 2009 dal professor Cesare Sirtori (famoso tra le altre cose per aver scoperto in un gruppo di abitanti di Limone del Garda il segreto del ‘colesterolo buono’).

“Il numero di molecole che si rivelano efficaci in diverse patologie è in continua crescita”, dice il professor Sirtori. Per verificare l’efficacia di questi prodotti, proprio come si fa per i farmaci di sintesi sono state condotte ricerche i cui risultati sono stati presentati a Milano in un importante workshop che si è tenuto al Padiglione Italia dell’EXPO.

Ecco i risultati più sorprendenti:

AUTISMO: è un problema sanitario silente ma molto grave. Oggi nasce un bambino autistico ogni 68 nascite, e nei bambini nati con parto cesareo l’incidenza è addirittura doppia.

Come mai?

L’osservazione della maggior frequenza di autismo dopo i parti cesarei ha suggerito che una delle cause possa essere un alterato microbioma del neonato dovuto anche all’uso di antibiotici durante il parto, che impediscono alla madre di trasferire al neonato dei batteri intestinali sani come avviene più di frequente nel parto naturale.

All’università di Harvard (USA, Boston) un gruppo di ricercatori si è messo a tritare broccoli per estrarne una sostanza, – il sulforafano – che ha poi somministrato ad adulti autistici. Quasi tutti sono migliorati moltissimo e il 10% è quasi guarito.

Un risultato quasi trionfale, commenta il professore, e anche un po’ inatteso.

Forse per questo nell’ultimo congresso mondiale sull’autismo che si è tenuto a Salt Lake City non ne è stato ancora preso atto.

Se questo è finora il risultato più eclatante, data la gravità della malattia, ci sono altri settori in cui l’azione degli integratori alimentari si è dimostrata molto efficace.

Nell’IPERTENSIONE.

Da oltre 10 anni il cioccolato amaro è noto come un potente prodotto per la pressione alta. Il motivo è che dentro il cioccolato ci sono delle molecole note come flavanoli che dilatano le arterie e riducono la pressione.

Sempre ad Harvard per 4 anni è stato fatto uno studio, detto Cosmos trial – su 18mila persone ad alto rischio vascolare e si è visto che nei consumatori di flavanoli il rischio di complicanze si riduce del 12% e migliora anche il tono muscolare, la salute delle ossa e le capacità cognitive.

In Svizzera vendono specifiche tavolette di cioccolato (10 grammi con 200 milligrammi di flavanoli) che sono utilissime per abbassare il colesterolo senza gli effetti collaterali di altri farmaci.

Purtroppo in Italia il prodotto non c’è ed occorre andare a Lugano per procurarselo.

Il nome commerciale è Acticoa.

Nell’ALZHEIMER. Si è visto che il ‘caprilidene’ stimola il consumo di zucchero nel cervello e migliora le funzioni cerebrali.

Ma più sorprendente è il caso della Melatonina, di solito impiegata per il jet-lag nei viaggiatori.

E’ efficace infatti in un sintomo assai fastidioso dell’Alzheimer, l’alterato sonno veglia per cui il paziente dorme di giorno e cammina per casa la notte. Con la melatonina questo fenomeno si normalizza e migliora anche la funzione cerebrale.

Anche la curcumina, componente del curry, è efficace come è dimostrato dal fatto che dove si consuma curry l’Alzheimer è raro.

Ma ancora non si hanno dati certi.

Nell’OBESITA’
Ci sono due nuove molecole molto promettenti, la betulina, estratta dalla betulla e la berberina , che interferisce nella formazione del grasso.

Infine nelle PATOLOGIE OCULARI.

Nel caso di malattie come la degenerazione maculare e il meno grave glaucoma, sostanze come l’astaxantina, la luteina e altri prodotti pigmentati sono efficacissime nel prevenire le complicanze della degenerazione maculare.

In USA si è concluso di recente lo studio AREDS, che ha fornito conferme convincenti sull’utilità di questi prodotti.

Nutraceutica è un neologismo coniato nel 1990 dal farmacologo americano Stephen De Felice unendo i termini ‘nutrizione’ e ‘farmaceutica’. Sta ad indicare i componenti alimentari o i principi attivi negli alimenti che determinano effetti positivi per la salute.

Ricadono quindi nella nutraceutica i principi attivi di orgine naturale, gli alimenti funzionali, gli integratori alimentari e di erboristeria.
In pratica tutto ciò che viene comunemente definito ‘supplemento alimentare’.

L’agenzia Europea per la sicurezza alimentare che ha sede a Parma, (EFSA) ha ora anche il delicato compito di verificare la validità dei nutraceutici.

L’Italia guida anche un importante progetto chiamato PLANTLIBRA per migliorare le conoscenze sull’uso della piante medicinali.

Il settore è comunque in continua espansione ( in Italia è aumentato del 7% in pochi anni nonostante la crisi). Occupa diecimila addetti per un totale di 540 aziende e un fatturato annuo di circa due miliardi e mezzo di euro. In pratica, più della FIAT…

SALUTE CHE FUNZIONA – Non più attese per visite mediche e … costa meno del tiket – Santagostino Poliambulatorio Specialistico

Basta code e attese di mesi per avere un esame o una visita medica ... funziona benissimo e … costa meno di un tiket E’ POSSIBILE ?

— SI

Il Centro Medico Santagostino è una realtà sanitaria innovativa, che offre salute accessibile e di qualità in oltre 40 specialità.

SENZA FONDI PUBBLICI: si tratta solo di una gestione dove tutti guadagnano e accettano delle regole economiche moralmente ragionevoli (anche per il cliente).

Un’offerta di qualità in cui il prezzo è un ulteriore elemento di valore. Qualche esempio? Visite specialistiche a 60 euro!

NIENTE ATTESE COSTA MENO DEL TIKET; qui è possibile accorpare diversi esami e/o visite specialistiche, per risolvere tutto  in una sola volta.

NE HA PARLATO ANCHE IL PROGRAMMA REPORT della brava giornalista Milena Gabbianelli.

Merita più di un’occhiata il sito  dei Centri Polispecialistici Santagostino a Milano, Sesto San Giovanni, Bologna …  http://www.cmsantagostino.it

NUMEROSI SEDI A MILANO (anche Sesto san Giovanni) E BOLOGNA.

Esempio di una sede di  Milano:

Piazza Sant’Agostino, 1,
Telefono:02 8970 1702
Orari: Oggi aperto · 08–21

CENTRO PRENOTAZIONI

Telefoni:

02 89 701 701

02 89 701 702

Dal lunedì al venerdì
dalle 8.00 alle 20.00.
Sabato dalle 8.30 alle 15.30.

PRENOTA VIA SMS

366 5860316

PRENOTA VIA WHATSAPP

344 1003172

PRENOTA VIA EMAIL

prenotazioni@cmsantagostino.it

INFORMATI VIA EMAIL

informazioni@cmsantagostino.it

SALUTE ANZIANI – DEMENZA – PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UN PERCORSO INTERATTIVO

INSIEME PER LA DEMENZA: PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UN PERCORSO INTERATTIVO RIVOLTO ALLA CITTADINANZA PER CAPIRE COS’E’ LA DEMENZA

Un metodo innovativo per far comprendere cos’è la demenza e come aiutare le persone che vivono questa condizione.

Nel mondo ogni 3 secondi viene diagnosticato un nuovo caso di demenza.

Nel 2015 circa 46,8 milioni di persone convivevano con una forma di demenza e questa cifra è destinata a raddoppiarsi nel 2030 poiché in Italia e, in generale nel mondo occidentale, si sta verificando un invecchiamento della popolazione.

L’esigenza di saper entrare in relazione e supportare nella vita quotidiana una persona con demenza diventa sempre più importante.

L’Associazione InsiemeAte Onlus apre per la prima volta in Italia a tutta la popolazione “Viaggio nel cuore della demenza”, un percorso interattivo nella fragilità e nella demenza che nasce con l’obiettivo di far vivere in prima persona, attraverso un percorso esperienziale, le percezioni, il vissuto e le emozioni che la persona con demenza vive quotidianamente.

Il percorso dura un’ora e trenta minuti ed è composto da 3 fasi: introduzione (10 minuti), esperienza interattiva (20 minuti) e discussione e suggerimenti pratici (1 ora).

La Dottoressa Marta Zerbinati, Presidente e Responsabile della Formazione dell‘Associazione InsiemeAte Onlus, spiega: “Durante il percorso interattivo, ideato e gestito da psicologi specializzati nell’invecchiamento, le persone devono svolgere delle simulazioni di situazioni di vita quotidiana (es. accoppiare dei calzini, pagare una bolletta, etc), indossando degli appositi ausili (es. occhiali, cuffie, guanti).
La contemporanea esposizione a suoni, rumori, effetti visivi, nello svolgimento delle suddette azioni, darà come risultato la sensazione provata dalle persone affette da demenza“.

La Dottoressa Giorgia Monetti, Responsabile Organizzazione e Sviluppo dell‘Associazione InsiemeAte Onlus, afferma: “L’Associazione InsiemeAte Onlus si impegna a diffondere sul territorio nazionale una diversa percezione della demenza e della condizione di fragilità per combattere la mancanza di comprensione e conoscenza, che porta chi vive questa condizione alla solitudine e all’isolamento“.

La Dottoressa Paola Brignoli, Direttore Operativo dell’Associazione InsiemeATe Onlus, afferma: “Noi crediamo fortemente che sia possibile vivere bene con la demenza, ma affinchè questo si possa realizzare è importante che non solo i caregivers e i familiari siano di aiuto e di supporto nella vita quotidiana, ma anche il contesto sociale in cui vive la persona con demenza“.

Per maggiori informazioni sull’Associazione InsiemeAte e sul progetto Insieme per la demenza,

contattare il Numero Verde 840.000.640

ASSOCIAZIONE INSIEMEATE ONLUS
L’Associazione InsiemeAte Onlus è un’impresa sociale che fornisce assistenza domiciliare a favore di persone fragili e delle loro famiglie, per garantire benessere e qualità della vita all’interno della propria casa.
Il metodo di InsiemeAte è basato sull’approccio Person Centred Care (PCC), ossia Cura Centrata sulla Persona, che è un modello di intervento psicosociale, diffuso in tutto il mondo, che pone al centro del processo di cura la persona, indipendentemente dall’età e dal suo stato di salute, valorizzando la sua prospettiva di vita e dando un’importanza fondamentale alle relazioni.

Alzheimer capirlo e curarlo con l’aiuto di un libro; anche per i medici.

Stupefacente libro, dal tocco lieve e amorevole.

Lo stesso psicanalista torinese Paolo Roccato lo apprezza e ne raccomanda la lettura.

“ELIZABETH E’ SCOMPARSA” è un libro da leggere per tutte quelle persone che hanno a che fare con l’Alzheimer: parenti, medici e operatori.

L’autrice entra nella mente malata di Maud e ne racconta la malattia -da dentro-.

“…mi tolgo il terriccio dalle mani, mi metto in piedi dopo averle strofinate sul tappeto verde. Il tappeto verde, non il muschio, quell’altra cosa, e sento ancora l’impulso di cercare qualcosa nel terreno.  Ma cosa? Ci ho messo qualcosa? E me ne sono dimenticata?”.

L’autrice è Emma Ealey e pare impossibile che una donna di soli 27 anni riesca ad immedesimarsi tanto bene, ma lei lo ha vissuto da molto vicino.

PREVENZIONE DI ICTUS PARKINSON SCLEROSI MULTIPLA CON NEUROPLASTICITA’

Ogni danno al cervello appariva irrecuperabile, ma oggi la scienza ha scoperto come RIPARARE IL CERVELLO.

Oggi si è scoperto che il cervello può cambiare  e ripararsi.

Per ora, si tratta di studi pubblicati su riviste autorevoli.

Norman Doidge, docente di psichiatria  alla Columbia University Psychoanalitic Center di NY e alla University of Toronto, è convinto che grazie alla sua capacità plastica, il cervello può riprendere le redini del corpo; almeno in parte.

Infatti afferma: “…quando certe aree cerebrali sono morte, altre possono supplirle…ma non sempre il tentativo ha effetto a causa delle grandi variabili da soggetto a soggetto”.

E’ come se avessimo un’orchestra  nel cervello, i singoli componenti si possono ammalare, ma se  si rimpiazzano con altri,  l’orchestra può continuare a funzionare.

In caso di ictus, gli studi dicono che immaginare di muovere l’arto colpito aiuti il recupero.

Per riprendere un movimento a volte basta pensare diversamente: Non “vado in cucina”, ma “mi alzo, alzo il piede sinistro e lo appoggio poi il destro…verso la cucina”.

Tutto nel libro: “Le guarigioni del cervello” di Norman Doidge, Ponte alle Grazie,

SALUTE : nuove strategie di cura contro il morbo di Alzheimer

Secondo le ultime scoperte scientifiche, l’Alzheimer potrebbe dipendere anche dalla carenza di una sostanza molto importante per il cervello: l’amminoacido arginina.

Questo aminoacido viene ‘divorato’ dalle cellule di difesa (sistema immunitario) del paziente.

Lo sostiene il Journal of Neuroscience, riferendo di studi su animali.
La scoperta potrebbe portare a nuove strategie di cura contro il morbo di Alzheimer.

Un eccessivo consumo di arginina, da parte delle cellule immunitarie, è risultato fondamentale nella causa di progresso della malattia.

I ricercatori sperano che, impedendolo si potrebbe curare l’Alzheimer, malattia sino a oggi ancora senza una vera cura.

Gli esperti che hanno studiato la malattia dell’Alzheimer su topi hanno notato che, in concomitanza con la perdita di memoria e con l’accumularsi di placche tossiche nel cervello, cresce una carenza dell’amminoacido arginina, eliminato dall’azione anomala delle cellule immunitarie (microglia) presenti in sede.

Bloccando questo processo anomalo di ”digestione” dell’arginina, sugli animali, con l’uso sperimentale di un farmaco (DFMO, usata sino ad oggi per la sperimentazione clinica di alcuni tumori), si ottiene una riduzione dell’accumulo di placche e della perdita di memoria.