Archivi categoria: salviamo il pianeta

safe the planet, salviamo il pianeta, futuro, il nostro futuro,

INQUINAMENTO E SALUTE

Tanta confusione, come è già accaduto negli Stati Uniti.

Basta guardare quanto si deposita su di una auto non lavata ! Tutto questo arriva nei nostri polmoni.

I CASI DI CANCRO AUMENTANO EPPURE DIMINUISCONO I FUNATORI .. !!! CIO’ VUOL DIRE CHE L’INQUINAMENTO E I VELENI CHE EMETTONO LE AUTO, VEDI ANCHE SCANDALO VOLKSWAGHEN … del quale nessuno più parla .., SIANO  UNA REALTA’ INNEGABILE !

I titoli dei giornali sono diversi secondo l’orientamento politico !

SI PENSA ALLA PROPRIA IDEOLOGIA POLITICA , INVECE DI AVERE COME OBBIETTIVO IL BENE DEI CITTADINI.

E’ evidente a tutti che un tasso di inquinamento alto, a causa del traffico (lo abbiamo visto e sentito, con il naso, tutti nei giorni precedenti il Natale caratterizzati da un’enorme traffico cittadino), DANNEGGIA LA NOSTRA SALUTE E ANCORA DI PIU’ QUELLA DEI BAMBINI.

LE POLVERI SOTTILI PASSANO DIRETTAMENTE NEL SANGUE, con tutti i loro veleni !

Quanto sopra è sostenuto dai più autorevoli medici specialisti.

L’EUROPA NON FAREBBE LEGGI ANTI SMOG SE NON CI FOSSERO DELLE SERIE MOTIVAZIONI.

Basta mettere un tessuto bianco fuori da una finestra vicino al traffico ed ecco che intuiamo cosa entra nei nostri polmoni.

Eppure c’e’ ancora chi fa dell’inquinamento un problema politico !

Gli alberi aiutano ad eliminare lo smog, lo sostengono tutti gli scienziati indipendenti di tutto il mondo; l’ Amazzonia è universalmente conosciuta come IL POLMONE DLE MONDO !

Certo non sono pochi alberi, un bosco in più o meno, che possano migliorare l’impressionante inquinamento delle grandi città ! Questo lo capisce anche un bambino, soprattutto in inverno quando non ci sono le foglie che trasformano l’anidride carbonica in ossigeno ed assorbono moltissimi veleni!!!

Vedi informazioni sugli effetti del traffico sulla salute, anche dei bambini, al  link :

http://www.donnecultura.eu/?p=27511

 ——

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

SALUTE – 10.000 decessi all’anno per Diesel – Senza Diesel … 2/3 dei morti in meno

Senza Diesel i morti per le conseguenze del suo uso diminuirebbero moltissimo !!! Esattamente i 2/3

L’Italia è prima per inquinamento !!!

10.000 morti in Europa per le auto Diesel

In ITALIA,  SOLO le emissioni dei veicoli diesel, non dichiarate dalle case automobilistiche per dimostrare che gli autoveicoli erano a norma (quando NON era vero), causano 1250 morti all’anno

Secondo uno studio norvegese, l’ ITALIA è il Paese più colpito d’Europa: secondo lo Istituto meteorologico norvegese e l’istituto internazionale Iiasa, studio pubblicato sulla rivista Environmental Research Letters.

LE VITTIME DELLA GUERRA DELL’INQUINAMENTO DELLE NOSTRE CITTA’ PER IL TRAFFICO

In Italia, in un anno, muoiono per inquinamento dell’aria 87.ooo persone.

L’Italia è il Paese con il più alto numero di morti premature riconducibili alle polveri sottili generate dai veicoli diesel: 2810 all’anno.

Di cui, 1250 sono strettamente legate al surplus di emissioni rispetto a quanto certificato dalle case automobilistiche nei test di laboratorio. Seguono la Germania, con 960 decessi annui correlati agli ossidi di azoto in eccesso, e la Francia con 680.

” … La situazione molto negativa dell’inquinamento è riscontrata soprattutto nel Nord Italia, tanto densamente popolato”, dice l’autore della ricerca, Jan Eiof Jonson dell’Istituto norvegese di meteorologia.

In cinque anni e mezzo ( periodo della seconda guerra mondiale) sono 478.000 morti per INQUINANTI DA DIESEL 

Una guerra vigliacca, perchè colpisce più i bambini che gli adulti.

Nella seconda guerra mondiale in Italia, in cinque anni e mezzo, sono morti  444.000 persone.

 

VEDI PRECISAZIONI SUGLI  EFFETTI DEL TRAFFICO SULLA SALUTE AL LINK: http://www.donnecultura.eu/?p=47934

Diesel addio

il viale del tramonto

Tra 14 anni la quota del gasolio sarà quasi nulla (9%).

Le case europee si preparano a lasciare i motori a gasolio.

DRASTICI PROVVEDIMENTI CONTRO IL DIESEL IN EUROPA A PARTIRE DAL 2020 – 2025

L’auto elettrica, entro la fine del decennio ridurrà drasticamente l’uso si motori diesel (prima per le city car poi per tutti i modelli).

Parigi vuole bloccare i Diesel  a partire dal 2020;  Londra prevede una tassa giornaliera di 20 sterline.

L’Olanda sta per vietarne la vendita a partire dal 2025.

La Norvegia,  è già leader del mercato delle auto elettriche con il 24 per cento di quota (l’Italia è allo 0,1 per cento) e vuoe anullare i Diesel entro il 2050.

La Germania intende chiudere il mercato delle auto diesel e a benzina a partire dal 2030 per passare all’ auto elettrica.

 

Terremoti ed ecologia – Cosa ci aspetta nell’immediato futuro ? – I CONSUMI SONO PIU’ ALTI DELLE RISORSE DEL PIANETA !!!

Potranno i nostri nipoti vivere a contatto con la natura e bere acqua pura o sarà solo un lusso riservato alla casta dell’1%; che già oggi possiede quasi tutte le ricchezze del mondo ???

Quello che vorremo spiegare a Trump

COME STA IL NOSTRO PIANETA?

ECOLOGIA PER VIVERE MEGLIO: TUTTI !

O forse è un sogno che dobbiamo almeno, per ora, accantonare ?

TERREMOTI E PRELIEVI DI IDROCARBURI

SCARICHI DELLE AUTO – DIMOSTRATE LE STRETTE RELAZIONI CON IL CANCRO; vedi al link:

http://www.donnecultura.eu/?p=39475

Da uno studio di Nature Geosciencie firmato dal geofisico P.Gonzalez, Univ. Western Ontariofirmato dal geofisico P.Gonzalez, Univ. Western Ontario:

il sisma a Lorca, Spagna, dell’11 maggio 2011, è stato causato dal prelievo di acqua sotterranea a fini agricoli, ciò avrebbe destabilizzato la faglia tettonica.

-Secondo il prof.M.Ortolani, Univ. Federico II  di Napoli, in Italia corriamo un rischio analogo.

-Secondo il prof. Ortolani l’Italia ha centinaia di falde che rischiano di essere destabilizzate dall’estrazione di idrocarburi e conseguente immissione di liquidi per mantenere la produzione.

-I liquidi si insinuano nelle fratture rocciose lubrificandole e rendendo più probabile un sisma (terremoto) distruttivo  !

INQUINAMENTO.

IL PROBLEMA DELL’INQUINAMENTO E’ STRETTAMENTE LEGATO ANCHE A QUELLO DELLA SOVRAPPOPOLAZIONE E DELLA POVERTA’.

NESSUNO SI OCCUPA DI INQUINAMENTO SE DEVE PENSARE, TUTTI I GIORNI, A COME SOPRAVVIVERE o se e’ abbastanza ricco da avere a disposizione tutto quello che è rimasto di acqua pura e paesaggi naturali nel mondo.

IL PIANETA E’ UNO E NOI OGGI VIVIAMO COME SE FOSSERO 4  !!!

Aggiornati sul clima che cambia: www.italiaclima.org

SOS OCEANI: dopo il disastro del Golfo del Messico, le compagnie petrolifere continuano ad estrarre petrolio dagli oceani e preparano lucrosi contratti, alcuni già firmati, per l’Artico dove i ghiacci stanno ritirandosi!

L’ecosistema marino, sino ad ora, è stato il maggior compensatore della crescita dei gas serra: ben la metà delle emissioni di CO2 sono state assorbite dalle acque e dalle foreste.

Dall’industrializzazione ad oggi: 250 anni, il livello di acidificazione degli oceani è aumentato del 30%!

In assenza di correttivi nel 2060 sarà salito al 120%! Insostenibile per la vita di molti esseri viventi.

Inoltre le acque subiscono una vera iniezione di metalli pesanti, pesticidi, diossine, pcb, ftalati ecc… che si concentrano nei grandi pesci e nei mammiferi marini!

I DATI SCIENTIFICI E IL PROBLEMA DELLA SOVRAPOPOLAZIONE MONDIALE ( da Storia minima della popolazione mondiale, di M.L. Bacci, ed. Il Mulino )

-1 milione gli abitanti della terra nel Paleolitico

-10 milioni nel Neolitico

-100 milioni nell’Età del Bronzo

-750 milioni all’inizio della rivoluzione industriale

-2 miliardi alla fine della Prima Guerra Mondiale

-più di 7 miliardi oggi con una credibile prospettiva  di raggiungere i 10 milairdi alla fine del secolo.

GLI INCREMENTI ANNUI :

-0,1 per mille dal Paleolitico al Neolitico

-0,6  per mille nei 17 secoli precedenti l’avvento delle macchine a vapore

-6 per mille sino al 150

-18 per mille dal 150 ad oggi

ALTRI DATI IMPRESSIONANTI SONO QUELLI SULLA CONCENTRAZIONE URBANA CHE HA RAGGIUNTO IL 50,5% NEL 2010

Il nostro cervello funziona bene per interagire con gruppi di 100-150 individui in comunità gerarchiche, ma molto solidali tra loro

-Oggi, al contrario di quanto detto qui sopra, viviamo in sovraffollate comunità claustrofobiche ed alienanti!

-Tutto questo e l’introduzione del p.c. e robot causano: minore necessità di manodopera, rilancio della natalità (Cina e Francia) per proteggere l’identità nazionale o religiosa, problemi ecologici, problemi economici e lavorativi, squlibri razziali ed estremismi religiosi,

anziani che non lasciano il lavoro non favorendo il ricambio generazionale,  gestione di anziani che sopravvivono a lungo anche con gravi patologie, ma che non sono più autosufficienti in un mondo che non ne rispetta l dignità, problemi economici nazionali per il pagamento di pensioni prolungato, oltre ogni previsione, a causa di una impennata della longevità (anche se ristretta alla popolazione dei benestanti), popolazioni sempre più povere per carestie e cambiamenti climatici…grandi movimenti migratori ecc…

-Non dobbiamo dimenticare che, ancora oggi, tendiamo per istinto ad una alimentazione supercalorica, utile solo quando eravamo cacciatori predatori.

La popolazione dell’Africa sta aumentando in modo esponenziale, nel 2050 saremo in 10 milardi!

-Ci saranno più indiani che cinesi, che stanno limitando le nascite.

La Nigeria sarà la nazione più popolosa del mondo.

-Non è difficile prevedere le masse di migranti, ma i governi non stanno facendo nulla, mentre i protestanti fondamentalisti americani, ricchi e potenti, mandano in Africa missionari che predicano contro l’uso dei sistemi di controllo delle nascite e non sono i soli.

VECCHI ERRORI DA NON DIMENTICARE!!!

IL NOBEL RUBBIA IN SPAGNA PER IL SOLARE, E L’ITALIA SE LO E’ LASCIATO SFUGGIRE  !!!

-Perché il solare e non l’idrogeno? Secondo il premio Nobel Rubbia esistono solo due fonti di energia che ci permetteranno di abbassare la temperatura del pianeta.

-Il nuovo solare ed il nuovo nucleare

-Il nuovo nucleare deve essere in grado di eliminare il problema dei rifiuti e separare il rapporto tra energia nucleare ed usi militari, a questo proposito Rubbia pensa alla fissione fatta sul torio e non sull’uranio.

-L’idrogeno andrebbe bene, ma produrre idrogeno partendo dal gas naturale e dal carbone non serve a nulla perché rilascia la medesima quantità di anidride carbonica

-L’idrogeno secondo Rubbia deve essere prodotto dall’energia solare per essere” pulito”. In questo modo si produce ossigeno che si mette nell’aria e l’idrogeno recuperato può divenire un gas naturale sintetico da utilizzarsi nelle case.

in Italia è stato lanciato quello che si chiama “solare termodinamico”, non quello attualmente più conosciuto, ovvero il fotovoltanico, ma un sistema molto più efficicente. Il premio Nobel Carlo Rubbia avrebbe voluto mettere in piedi con la collaborazione di Enea ed Enel a Priolo, vicino a Siracusa.

Si sarebbe così realizzata un’idea partita da Archimede, quella degli specchi ustori, per produrre calore che successivamente genera energia. Il progetto non richiedeva dal Governo grandi somme, perché finanziato in gran parte dalle banche.

Purtroppo trattandosi di nuova tecnologia nessuno del Ministero delle Attività produttive e dell’Ambiente ha voluto esprimersi alla fine di un anno e mezzo lasciato per la risposta.

La Spagna nel frattempo ha fatto, VELOCEMENTE!!, una legge che afferma che il solare termodinamico è verde e quindi interessante perciò è stato permesso a Rubbia di sviluppare il suo lavoro lontano dall’Italia.

Si tratta di un impianto di rilevanza mondiale che porterà anche posti di lavoro alla nazione che lo sviluppa, in questo caso la Spagna.

EFFETTO SERRA QUALCUNO CI VUOLE IMBROGLIARE…E CI GUADAGNA PURE!

“Private Empaire”, 700 pagine, è il libro-denuncia da poco uscito negli Stati Uniti. L’autore è Steve Coll, grande firma che ha già vinto 2 premi Pulizer, e un libro-inchiesta su Bin Laden e uno sulle guerre di Georg Bush.

-“Private Empaire” è frutto di anni di ricerche e 400 interviste, comprese numerose fonti interne della compagnia Exxon (petrolio)

-Più volte le Organizzazioni Internazionali a Scopo Umanitario hanno denunciato la Exxon per legami con despoti, come (in passato) in Indonesia, Venezuela, Guinea Equatoriale, Ciad e la Russia di Putin.

-E’ capitato anche che la stessa politica estera degli Stati Uniti sia stata sabotata dalla stessa Exxon!

-Lo stesso Bush disse al premier indiano: “Nessuno riesce a influenzare le scelte della Exxon” !!!

-Il dittatore del Ciad fu messo sotto pressione da Bush  e dalla Banca Mondiale perché dedicasse almeno una parte degli introiti del petrolio all’istruzione e alle cure mediche del popolo, invece di acquistare solo armi. In quel caso la Exxon lasciò 700 milioni di dollari al dittatore Déby perché potesse permettersi di ignorare le richieste di Busch e della Banca Mondiale.

-Comunque l’argomento centrale del libro di Coll è la guerra della Exxon contro la scienza e le prove di tale guerra condotta in segreto, utilizzando come schermo dei non precisati “Centri di Studio”, in realtà potenti agenzie di Lobbing con scopi di finanziamenti politici.

-L’organizzazione di questa guerra contro la scienza seria ebbe un carattere militare, con tali regole di sicurezza da poterle paragonare alle “scatole nere” delle intellicence delle super-potenze.

-E quanto detto sopra non è fantasia, ma tutto dimostrato da uno dei più conosciuti giornalisti americani e riportato anche, in Italia, dal Corriere della Sera nelle pagine “R2 L’ambiente” del 4.5.12

-Lo Chief executive fu Lee Raymond, un ingegnere chimico, “convinto di avere personalmente le conoscenze sufficienti per giudicare gli scienziati climatologi”

-Con mezzi economici quasi illimitati si organizzò una campagna di DISINFORMAZIONE, DEPISTAGGIO, DENIGRAZIONE; cercando di imporre una NUOVA SCIENZA utilizzando una serie di pseudo-esperti ben pagati dalle compagnie petrolifere (giornalisti, scienziati..) che accettarono di assecondare gli interessi delle compagnie petrolifere

-La prima campagna fu organizzata nel 1997, durante gli accordi di Kioto, che infatti videro gli USA starsene in disparte e non accettare le regole proposte

-La Exxon attraverso l’American Petroleum Instiute ( una sorta di Confindustria dei petrolieri) finanziò una serie di piccole e grandi associazioni neo-liberiste per diffondere il dubbio sulla validità dell’annunciato cambiamento climatico e mettendo in  dubbio la relazione tra inquinamento industriale e riscaldamento da CO2

-Coll, nel libro, porta le prove che vennero usate tecniche e tattiche simili a quelle usate per discreditare l’industria del tabacco. Addirittura vennero usate anche le medesime persone della campagna antitabacco.

-La Exxon mobilitò e finanziò scienziati scettici privi di adeguate competenze, offrendo campagne di comunicazione e relazioni pubbliche ben pagate.

-Il risultato fu, ed è ancora, brillante, l’opinione pubblica americana è ancora molto divisa e incerta sulla serietà delle motivazioni che accusano l’industria di catastrofismo ecologico, insomma non riescono più a capire chi ha ragione e chi ha torto; che è proprio l’obbiettivo della Exxon

-Anche con Obama la Exxon si è rivelata capace di non far passare alcuna norma ecologica per la limitazione del CO2

-Coll osserva come gli USA abbiano una Compagnia Petrolifera di Stato capace di condizionare prepotentemente la politica del Paese medesimo!

-La tragica sorpresa è che ora sappiamo che la Exxon e le compagnie petrolifere in genere, hanno già fatto degli accordi con Putin per trarre beneficio, in produzione di petrolio, dal ritiro dei ghiacci artici

-Negli USA, in alcuni Stati, è passata la regola per la quale nelle scuole si deve parlare imparzialmente delle due teorie sugli effetti dell’industria e del petrolio sul pianeta: sia quello negativo che quello che lo mette in dubbio, il tutto al 50%

-Come se i ghiacci, i ghiacciai non si stessero ritirando o alcune isole non fossero già quasi sommerse per il riscaldamento del pianeta e per l’eccesso di produzione di CO2 !!

-Nessuna azienda, nella storia, ha mai avuto tali disponibilità economiche come la Exxon-Mibil per depistare: politici, giornalisti, imprenditori e cittadini

-Greenpeace è riuscita a vedere un documento nel quale si parlava di campagna per il “foraggiamento” di scienziati e centri-studio per mettere in dubbio le basi scientifiche della necessità di riduzione delle emissioni di gas (Corriere della Sera pag. 41 del 4.5.12)

LIBRI:

A QUALCUNO PIACE CALDO, prof. Stefano Caserini (docente di mitigazione dei cambiamenti climatici, Politecnico di Milano), Edizioni Ambiente, € 20. Per capire come il clima stia cambiando.

GLOBAL WORMING: alla domanda gli scienziati sono convinti del cambiamento climatico in atto? Il 97% ha risposto positivamente. Altre informazioni scientifiche su: www.italiaclima.org

“IL DILEMMA DELL’ONNIVORO” di M.Pollan editore Adelphi per sapere tutto sul cibo che mangiamo e come salvare le future generazioni dai problemi relativi all’approvvigionamento di cibo e acqua per tutti, ma anche di un clima che continui a permettere la vita sulla terra senza immense catastrofi, di cui abbiamo già le prime avvisaglie.

Ecologia – No Grandi Navi di Venezia

il comitato No Grandi Navi di Venezia vi invita a partecipare alla conferenza stampa di presentazione delle 
Due giornate europee per la difesa dei territori, la giustizia ambientale e la democrazia 
che si terranno a Venezia sabato 23 e domenica 24 settembre. 
L’incontro con la stampa si svolgerà a Venezia
sabato 16 alle ore 11
nella sede del comitato, Cannaregio 2873 
(il baracchino ai piedi del ponte sul campo del Ghetto Novo)
Parteciperanno i portavoce del comitato No Grandi Navi e delle associazioni ambientaliste veneziane che hanno sostenuto l’iniziativa.
Il punto focale della Due Giorni sarà la festa/manifestazione che si svolgerà domenica 24 alle ore 15, “par tera e par mar”, lungo la fondamenta delle Zattere, sul canale dove transitano le Grandi Navi ciascuna delle quali inquina come 14 mila  automobili. Sul palco galleggiante si esibiranno i 99 Posse, Cisco dei Modena City Ramblers, i Pharmakos, i Bim Bum Balaton e altri. 
All’appello ai movimenti europei lanciato lanciato dal comitato No Grandi Navi – che potete leggere in questa pagina – hanno aderito  i maggiori movimenti europei  che si battono contro le Grandi Opere e che parteciperanno alla Due Giorni  con proprie delegazioni .
L’elenco spazia dai No Tav della Val di Susa ai No Tap del salento, dai tedeschi del movimento contro Stuttgard 21 a Ciutat per a qui l’habita Palma delle isole Baleari, dai portoghesi di Academia Cidadã al Comitè francese contre la construction de l’aereporte de Notre Dame des Landes. E ancora: Stop Biocidio, Terre in Moto, No Muos, No Tap sino all’adesione formale della municipalità di Venezia Murano Burano. 
questo link potete leggere la lista in continuo aggiornamento delle adesioni.
L’iniziativa si propone di stimolare il Governo a prendere finalmente una decisione sulla questione delle Grandi Navi e di spingerlo a tutelare l’ecosistema lagunare, allontanando il devastante passaggio di questi sproporzionati giganti del mare, senza effettuare altri scavi in una laguna già martoriata. Così come hanno chiesto i cittadini di Venezia che hanno partecipato in massa la referendum autogestito del 18 giugno scorso. 
Grazie per l’attenzione

CHI DICEVA CHE I CAMBIAMENTI CLIMATICI ERANO UNA BUFALA ?

I fatti di questi giorno, purtroppo, stanno purtroppo dimostrando, anche ai più scettici, che i cambiamenti climatici non sono frutto di qualche partito di sinistra o qualche fanatico dei verdi, ma un fatto scientifico evidente.

:::::::::

Potranno i nostri nipoti vivere a contatto con la natura e bere acqua pura o sarà solo un lusso riservato alla casta dell’1%; che già oggi possiede quasi tutte el ricchezze del mondo ???

Oggi rimane solo il 30% delle foreste che un tempo ricoprivano la terra.

COME STA IL NOSTRO PIANETA?

ECOLOGIA PER VIVERE MEGLIO: TUTTI !

TERREMOTI E PRELIEVI DI IDROCARBURI

SCARICHI DELLE AUTO – DIMOSTRATE LE STRETTE RELAZIONI CON IL CANCRO; vedi al link:

http://www.donnecultura.eu/?p=39475

Da uno studio di Nature Geosciencie firmato dal geofisico P.Gonzalez, Univ. Western Ontariofirmato dal geofisico P.Gonzalez, Univ. Western Ontario:

il sisma a Lorca, Spagna, dell’11 maggio 2011, è stato causato dal prelievo di acqua sotterranea a fini agricoli, ciò avrebbe destabilizzato la faglia tettonica.

-Secondo il prof.M.Ortolani, Univ. Federico II  di Napoli, in Italia corriamo un rischio analogo.

-Secondo il prof. Ortolani l’Italia ha centinaia di falde che rischiano di essere destabilizzate dall’estrazione di idrocarburi e conseguente immissione di liquidi per mantenere la produzione.

-I liquidi si insinuano nelle fratture rocciose lubrificandole e rendendo più probabile un sisma (terremoto) distruttivo  !

INQUINAMENTO.

IL PROBLEMA DELL’INQUINAMENTO E’ STRETTAMENTE LEGATO ANCHE A QUELLO DELLA SOVRAPPOPOLAZIONE E DELLA POVERTA’.

NESSUNO SI OCCUPA DI INQUINAMENTO SE DEVE PENSARE, TUTTI I GIORNI, A COME SOPRAVVIVERE o se e’ abbastanza ricco da avere a disposizione tutto quello che è rimasto di acqua pura e paesaggi naturali nel mondo.

IL PIANETA E’ UNO E NOI OGGI VIVIAMO COME SE FOSSERO 4  !!!

Aggiornati sul clima che cambia: www.italiaclima.org

SOS OCEANI: dopo il disastro del Golfo del Messico, le compagnie petrolifere continuano ad estrarre petrolio dagli oceani e preparano lucrosi contratti, alcuni già firmati, per l’Artico dove i ghiacci stanno ritirandosi!

L’ecosistema marino, sino ad ora, è stato il maggior compensatore della crescita dei gas serra: ben la metà delle emissioni di CO2 sono state assorbite dalle acque e dalle foreste.

Dall’industrializzazione ad oggi: 250 anni, il livello di acidificazione degli oceani è aumentato del 30%!

In assenza di correttivi nel 2060 sarà salito al 120%! Insostenibile per la vita di molti esseri viventi.

Inoltre le acque subiscono una vera iniezione di metalli pesanti, pesticidi, diossine, pcb, ftalati ecc… che si concentrano nei grandi pesci e nei mammiferi marini!

I DATI SCIENTIFICI E IL PROBLEMA DELLA SOVRAPOPOLAZIONE MONDIALE ( da Storia minima della popolazione mondiale, di M.L. Bacci, ed. Il Mulino )

-1 milione gli abitanti della terra nel Paleolitico

-10 milioni nel Neolitico

-100 milioni nell’Età del Bronzo

-750 milioni all’inizio della rivoluzione industriale

-2 miliardi alla fine della Prima Guerra Mondiale

-più di 7 miliardi oggi con una credibile prospettiva  di raggiungere i 10 milairdi alla fine del secolo.

GLI INCREMENTI ANNUI :

-0,1 per mille dal Paleolitico al Neolitico

-0,6  per mille nei 17 secoli precedenti l’avvento delle macchine a vapore

-6 per mille sino al 150

-18 per mille dal 150 ad oggi

ALTRI DATI IMPRESSIONANTI SONO QUELLI SULLA CONCENTRAZIONE URBANA CHE HA RAGGIUNTO IL 50,5% NEL 2010

Il nostro cervello funziona bene per interagire con gruppi di 100-150 individui in comunità gerarchiche, ma molto solidali tra loro

-Oggi, al contrario di quanto detto qui sopra, viviamo in sovraffollate comunità claustrofobiche ed alienanti!

-Tutto questo e l’introduzione del p.c. e robot causano: minore necessità di manodopera, rilancio della natalità (Cina e Francia) per proteggere l’identità nazionale o religiosa, problemi ecologici, problemi economici e lavorativi, squlibri razziali ed estremismi religiosi,

anziani che non lasciano il lavoro non favorendo il ricambio generazionale,  gestione di anziani che sopravvivono a lungo anche con gravi patologie, ma che non sono più autosufficienti in un mondo che non ne rispetta l dignità, problemi economici nazionali per il pagamento di pensioni prolungato, oltre ogni previsione, a causa di una impennata della longevità (anche se ristretta alla popolazione dei benestanti), popolazioni sempre più povere per carestie e cambiamenti climatici…grandi movimenti migratori ecc…

-Non dobbiamo dimenticare che, ancora oggi, tendiamo per istinto ad una alimentazione supercalorica, utile solo quando eravamo cacciatori predatori.

La popolazione dell’Africa sta aumentando in modo esponenziale, nel 2050 saremo in 10 milardi!

-Ci saranno più indiani che cinesi, che stanno limitando le nascite.

La Nigeria sarà la nazione più popolosa del mondo.

-Non è difficile prevedere le masse di migranti, ma i governi non stanno facendo nulla, mentre i protestanti fondamentalisti americani, ricchi e potenti, mandano in Africa missionari che predicano contro l’uso dei sistemi di controllo delle nascite e non sono i soli.

VECCHI ERRORI DA NON DIMENTICARE!!!

IL NOBEL RUBBIA IN SPAGNA PER IL SOLARE, E L’ITALIA SE LO E’ LASCIATO SFUGGIRE  !!!

-Perché il solare e non l’idrogeno? Secondo il premio Nobel Rubbia esistono solo due fonti di energia che ci permetteranno di abbassare la temperatura del pianeta.

-Il nuovo solare ed il nuovo nucleare

-Il nuovo nucleare deve essere in grado di eliminare il problema dei rifiuti e separare il rapporto tra energia nucleare ed usi militari, a questo proposito Rubbia pensa alla fissione fatta sul torio e non sull’uranio.

-L’idrogeno andrebbe bene, ma produrre idrogeno partendo dal gas naturale e dal carbone non serve a nulla perché rilascia la medesima quantità di anidride carbonica

-L’idrogeno secondo Rubbia deve essere prodotto dall’energia solare per essere” pulito”. In questo modo si produce ossigeno che si mette nell’aria e l’idrogeno recuperato può divenire un gas naturale sintetico da utilizzarsi nelle case.

in Italia è stato lanciato quello che si chiama “solare termodinamico”, non quello attualmente più conosciuto, ovvero il fotovoltanico, ma un sistema molto più efficicente. Il premio Nobel Carlo Rubbia avrebbe voluto mettere in piedi con la collaborazione di Enea ed Enel a Priolo, vicino a Siracusa.

Si sarebbe così realizzata un’idea partita da Archimede, quella degli specchi ustori, per produrre calore che successivamente genera energia. Il progetto non richiedeva dal Governo grandi somme, perché finanziato in gran parte dalle banche.

Purtroppo trattandosi di nuova tecnologia nessuno del Ministero delle Attività produttive e dell’Ambiente ha voluto esprimersi alla fine di un anno e mezzo lasciato per la risposta.

La Spagna nel frattempo ha fatto, VELOCEMENTE!!, una legge che afferma che il solare termodinamico è verde e quindi interessante perciò è stato permesso a Rubbia di sviluppare il suo lavoro lontano dall’Italia.

Si tratta di un impianto di rilevanza mondiale che porterà anche posti di lavoro alla nazione che lo sviluppa, in questo caso la Spagna.

EFFETTO SERRA QUALCUNO CI VUOLE IMBROGLIARE…E CI GUADAGNA PURE!

“Private Empaire”, 700 pagine, è il libro-denuncia da poco uscito negli Stati Uniti. L’autore è Steve Coll, grande firma che ha già vinto 2 premi Pulizer, e un libro-inchiesta su Bin Laden e uno sulle guerre di Georg Bush.

-“Private Empaire” è frutto di anni di ricerche e 400 interviste, comprese numerose fonti interne della compagnia Exxon (petrolio)

-Più volte le Organizzazioni Internazionali a Scopo Umanitario hanno denunciato la Exxon per legami con despoti, come (in passato) in Indonesia, Venezuela, Guinea Equatoriale, Ciad e la Russia di Putin.

-E’ capitato anche che la stessa politica estera degli Stati Uniti sia stata sabotata dalla stessa Exxon!

-Lo stesso Bush disse al premier indiano: “Nessuno riesce a influenzare le scelte della Exxon” !!!

-Il dittatore del Ciad fu messo sotto pressione da Bush  e dalla Banca Mondiale perché dedicasse almeno una parte degli introiti del petrolio all’istruzione e alle cure mediche del popolo, invece di acquistare solo armi. In quel caso la Exxon lasciò 700 milioni di dollari al dittatore Déby perché potesse permettersi di ignorare le richieste di Busch e della Banca Mondiale.

-Comunque l’argomento centrale del libro di Coll è la guerra della Exxon contro la scienza e le prove di tale guerra condotta in segreto, utilizzando come schermo dei non precisati “Centri di Studio”, in realtà potenti agenzie di Lobbing con scopi di finanziamenti politici.

-L’organizzazione di questa guerra contro la scienza seria ebbe un carattere militare, con tali regole di sicurezza da poterle paragonare alle “scatole nere” delle intellicence delle super-potenze.

-E quanto detto sopra non è fantasia, ma tutto dimostrato da uno dei più conosciuti giornalisti americani e riportato anche, in Italia, dal Corriere della Sera nelle pagine “R2 L’ambiente” del 4.5.12

-Lo Chief executive fu Lee Raymond, un ingegnere chimico, “convinto di avere personalmente le conoscenze sufficienti per giudicare gli scienziati climatologi”

-Con mezzi economici quasi illimitati si organizzò una campagna di DISINFORMAZIONE, DEPISTAGGIO, DENIGRAZIONE; cercando di imporre una NUOVA SCIENZA utilizzando una serie di pseudo-esperti ben pagati dalle compagnie petrolifere (giornalisti, scienziati..) che accettarono di assecondare gli interessi delle compagnie petrolifere

-La prima campagna fu organizzata nel 1997, durante gli accordi di Kioto, che infatti videro gli USA starsene in disparte e non accettare le regole proposte

-La Exxon attraverso l’American Petroleum Instiute ( una sorta di Confindustria dei petrolieri) finanziò una serie di piccole e grandi associazioni neo-liberiste per diffondere il dubbio sulla validità dell’annunciato cambiamento climatico e mettendo in  dubbio la relazione tra inquinamento industriale e riscaldamento da CO2

-Coll, nel libro, porta le prove che vennero usate tecniche e tattiche simili a quelle usate per discreditare l’industria del tabacco. Addirittura vennero usate anche le medesime persone della campagna antitabacco.

-La Exxon mobilitò e finanziò scienziati scettici privi di adeguate competenze, offrendo campagne di comunicazione e relazioni pubbliche ben pagate.

-Il risultato fu, ed è ancora, brillante, l’opinione pubblica americana è ancora molto divisa e incerta sulla serietà delle motivazioni che accusano l’industria di catastrofismo ecologico, insomma non riescono più a capire chi ha ragione e chi ha torto; che è proprio l’obbiettivo della Exxon

-Anche con Obama la Exxon si è rivelata capace di non far passare alcuna norma ecologica per la limitazione del CO2

-Coll osserva come gli USA abbiano una Compagnia Petrolifera di Stato capace di condizionare prepotentemente la politica del Paese medesimo!

-La tragica sorpresa è che ora sappiamo che la Exxon e le compagnie petrolifere in genere, hanno già fatto degli accordi con Putin per trarre beneficio, in produzione di petrolio, dal ritiro dei ghiacci artici

-Negli USA, in alcuni Stati, è passata la regola per la quale nelle scuole si deve parlare imparzialmente delle due teorie sugli effetti dell’industria e del petrolio sul pianeta: sia quello negativo che quello che lo mette in dubbio, il tutto al 50%

-Come se i ghiacci, i ghiacciai non si stessero ritirando o alcune isole non fossero già quasi sommerse per il riscaldamento del pianeta e per l’eccesso di produzione di CO2 !!

-Nessuna azienda, nella storia, ha mai avuto tali disponibilità economiche come la Exxon-Mibil per depistare: politici, giornalisti, imprenditori e cittadini

-Greenpeace è riuscita a vedere un documento nel quale si parlava di campagna per il “foraggiamento” di scienziati e centri-studio per mettere in dubbio le basi scientifiche della necessità di riduzione delle emissioni di gas (Corriere della Sera pag. 41 del 4.5.12)

LIBRI:

A QUALCUNO PIACE CALDO, prof. Stefano Caserini (docente di mitigazione dei cambiamenti climatici, Politecnico di Milano), Edizioni Ambiente, € 20. Per capire come il clima stia cambiando.

GLOBAL WORMING: alla domanda gli scienziati sono convinti del cambiamento climatico in atto? Il 97% ha risposto positivamente. Altre informazioni scientifiche su: www.italiaclima.org

“IL DILEMMA DELL’ONNIVORO” di M.Pollan editore Adelphi per sapere tutto sul cibo che mangiamo e come salvare le future generazioni dai problemi relativi all’approvvigionamento di cibo e acqua per tutti, ma anche di un clima che continui a permettere la vita sulla terra senza immense catastrofi, di cui abbiamo già le prime avvisaglie.

:::::::::::::

Secondo il rapporto del WWF  “Saving forests at risk“,

-se, entro il 2030 la deforestazione non si fermerà perderemo sino a 170 milioni di ettari di foreste,

-e ben 230 milioni entro il 2050.

LE CAUSE DELLA DEFORESTAZIONE SELVAGGIA:

-l’agricoltura, che ha sempre bisogno di più terreni

-moltissimi ettari di foresta tropicale vengono sacrificati per la coltivazione di palma da olio o della soia,

-anche l’allevamento commerciale partecipa in modo detreminante alla distruzione della foresta (per produrre gli hamburger, da decenni si sacrifica la foresta tropicale dell’Amazzonia; con il sistema degli incendi, seguiti dalla coltivazione a prato per l’allevamento); negli incendi si bracia tutto anche tutti gli animali che vivono in quel luogo !!!

-il taglio della legna pregiata; usata per parquet e mobili di lusso (palissandro, tek ecc…) distrugge le foreste vergini, ma anche le foreste del civilissimo Canada !!!

COSA PROVOCA IL TAGLIO DELLE FORESTE ?

-TOGLIE OSSIGENO,

-AUMENTA ENORMEMENTE IL QUANTITATIVO DI ANIDRIDE CARBONICA NELL’ARIA

-CAMBIA IL CLIMA .

UN ESEMPIO DI SCEMPIO …

Il Parco di Dzanga Sangha, è situato nel Bacino del Congo, qui negli ultimi anni sono in atto: deforestazione, bracconaggio e attività illegali di estrazione di materiali come il coltan.

INOLTRE IL TUTTO E’ CAUSA DI RECENTI CONFLITTI ARMATI:  causati dalle varie forze in gioco, per avere più potere nello sfruttamento delle risorse del Paese.

Questa situazione che mette a rischio l’esistenza dei 700 mila ettari di foresta.

Non se ne parla abbastanza – Mortara i cittadini ” Ci stanno uccidendo “

Gli abitanti ” Questa è la LOMELLINA DEI FUOCHI ” i genitori temono per i figli.

Qui si concentrano inceneritori e raffinerie e vogliono anche portarvi un deposito di fanghi pericolosi …

Una zona dove i fuochi sono diventati la “norma” !!!

” Ci stanno facendo morire lentamente … tutti zitti perché hanno tanti soldi sotto il cuscino … i nostri figli e nipoti pagheranno .… ” Così si è espresso un abitante della zona.

Mortara

ancora la colonna di fumo dalla Eredi Bertè

Il fumo dalla Eredi Bertè di Mortara proviene dall’incendio  nei rifiuti stoccati in azienda.

RIFIUTI, ANCHE MOLTO PERICOLOSI, BRUCIANO E TUTTO FINISCE NEI POLMONI E NELLE FALDE ACQUIFERE.

Per impedire l’ennesima catastrofe ambientale

Per impedire l’ennesima catastrofe ambientale
C’è tempo solo fino al 12 settembre per firmare l’appello su salvailsuolo.it e chiedere finalmente all’Europa una legge sul suolo che ci protegga da nuove catastrofi e da un futuro incerto. Questa è la più grande iniziativa portata avanti dalle principali associazioni italiane ed europee a tutela di ambiente e cittadini.
 
L’Italia sta consumando ogni giorno il suo bene più prezioso: il suolo.
Il bene ambientale da cui tutti noi dipendiamo per ricavare cibo, salute, protezione, è sotto continua minaccia a causa dello sfruttamento selvaggio.
Solo salvando il nostro suolo possiamo impedire nuovi disastri ecologici, alluvioni, frane, contaminazioni.

E impedire che la cementificazione prosegua come nei decenni passati, senza riguardo per le risorse naturali e mettendo a rischio la sicurezza e la vita delle persone. Serve una legge che tuteli il suolo, subito, non possiamo aspettare ancora.

Perché si firma:

1) Per impedire la cementificazione selvaggia, l’abusivismo e la costruzione di ecomostri
Non vogliamo che la ripresa economica porti con sé una nuova corsa al cemento facile e brutto, non vogliamo vedere il nostro territorio costellato di nuove generazioni di ecomostri, abusivi e non, perché sappiamo quanto sia facile vederli spuntare e quanto invece sia difficile farli scomparire, come per fortuna è avvenuto per l’albergo di FUENTI a Vietri sul Mare, per Punta Perotti a Bari, per l’albergo dei Mondiali a Milano. Ma per ogni ecomostro demolito ce ne sono decine, centinaia che continuano a deturpare il nostro paesaggio e a rendere la vita delle comunità peggiore e anche più pericolosa, come Ischia ci ha dolorosamente mostrato: mai più mostri! mai più suolo perso per edificazioni eccessive, brutte, pericolose!

Mai più indulgenza o connivenza con l’abusivismo! Vogliamo che l’Italia tracci la road map per la repressione e prevenzione di ogni abusivismo, che l’industria delle costruzioni sia impegnata nella messa in sicurezza e riqualificazione dell’esistente, ma sappiamo che ciò non avverrà fintanto che il suolo libero continua ad essere un facile terreno di conquista

2) Per impedire l’ennesima catastrofe ambientale
Dobbiamo impedire la cementificazione del nostro territorio, perché cementificare equivale a impermeabilizzare il suolo, cioè privare il suolo di una delle sue funzioni più preziose, quella di trattenere le acque, delle piogge come dei nubifragi, sempre più frequenti anche a causa dei cambiamenti climatici. E soprattutto dobbiamo smettere di costruire a ridosso dei corsi d’acqua. O addirittura sopra i fiumi e i torrenti, come avvenuto Milano, in cui quasi ogni anno il torrente Seveso risorge dai tombini, o a GENOVA, città che ad ogni evento atmosferico deve fare la conta di danni e, spesso, anche di vittime, come avvenuto per l’alluvione del 2011 e per quelle del 2014. E purtroppo la conta delle vittime in questa città è drammatica: sono quasi 100 le vittime di alluvioni negli ultimi cinquant’anni. Ma è assurdo prendersela con Giove Pluvio: non sono vittime del maltempo, ma vittime del cemento.

E se non sono alluvioni, sono frane: l’Italia è il Paese europeo che ne soffre di più, e le cause degli eventi più funesti anche in questo caso non sono naturali: parliamo di frane che avvengono con modalità tragiche e per nulla naturali, a causa di incuria del territorio, degrado del suolo e insediamenti sorti nei posti sbagliati, come avvenuto per SARNO nel 1998, dove le colate di fango fecero 159 vittime, o per le 37 vittime delle frane di Giampilieri nel 2009. Solo la conoscenza dei suoli e la gestione corretta del territorio può impedire il ripetersi di eventi come questi. Per non dire dei terremoti, che a scadenze sempre più ravvicinate ci ricordano il costo in vite umane dell’edilizia di cattiva qualità qual è purtroppo quella degli anni della grande colata di cemento sul nostro Paese.

3) Per impedire l’avvelenamento della terra e la nascita di nuove discariche abusive
In questo momento nel nostro Paese esistono oltre 24.000 siti, con contaminazioni accertate o in via di caratterizzazione. Lo dice il censimento dell’ISPRA (Istituto Superiore per la Ricerca Ambientale). Non ci sono solo la Caffaro a Brescia, la Valle del Sacco in Lazio, Bagnoli in Campania, Porto Marghera in Veneto o uno degli altri tra i 40 siti di interesse nazionale che, da soli, rappresentano una superficie di suolo avvelenata pari a quasi 100.000 ettari. Ma in ogni regione ci sono altre centinaia, migliaia di altri siti, oggi se ne stimano quasi 25.000 in tutta Italia, anche molto estesi, il cui suolo porta con sé pesanti fardelli di veleni, frutto della storia industriale del nostro Paese, ma anche di tante attività illegali che ancora oggi si consumano, nella TERRA DEI FUOCHI ma non solo. Sono tante, troppe minacce per la nostra salute, spesso del tutto sconosciute e portate alla ribalta della cronaca da attività investigative o da ritrovamenti casuali. Il suolo è lo scrigno della vita, non uno spazio per imboscare veleni! Occorre dare maggior impulso alle attività di bonifica, che oggi riguardano solo una minoranza dei siti contaminati, perché dobbiamo poterci fidare della terra su cui camminiamo e dei frutti che ci dona.

Oltre ai tanti casi in cui la contaminazione è frutto di discariche abusive e abbandoni illegali di rifiuti tossici, il suolo è stato a lungo aggredito anche da fenomeni di inquinamento diffuso, molti ancora in corso e molti altri interrotti da molto tempo, arrivati dall’aria o trascinati dall’acqua, come nel caso dell’AREA CAFFARO a Brescia, dove molecole pericolose e non biodegradabili, i PCB-policlorobifenili, hanno avvelenato centinaia di ettari di aree agricole, ben al di fuori dello stabilimento. Ma non è il solo caso: pensiamo a tante molecole tossiche che continuano a essere trovate nel nostro ambiente sebbene siano state da tempo messe al bando: dall’insetticida DDT prodotto in Piemonte a Pieve Vergonte alla diossina della nube tossica di Seveso, ai radionuclidi dell’incidente di Chernobyl. E come sta avvenendo ancora, in Veneto, per l’inquinamento da perfluorurati (PFAS). Il suolo conserva ancora molti di questi inquinanti, l’unico modo per metterlo al sicuro è smettere di produrre e di impiegare sostanze chimiche tossiche e persistenti.

4) Per impedire disastri economici e sociali globali
Il consumo e il degrado del suolo sono problemi di dimensioni globali, le Nazioni Unite stimano che sia il 30%, a livello globale, la quota di suoli agricoli persi o degradati: in un mondo sovrappopolato, non possiamo davvero permetterci di lasciar deperire il suolo. Anche l’Europa ha sue grosse responsabilità: infatti i suoli coltivati in Europa, ridottisi a causa del consumo di suolo e dell’abbandono, e minacciati dal degrado, non sono sufficienti a soddisfare la domanda di materie prime richieste dall’agroindustria, l’Europa ha fame di terre coltivate in altre parti del mondo. E per farlo non si limita ad importare prodotti, ma le grandi compagnie europee arrivano ad acquisire terre, spogliando le popolazioni locali, in accordo con governi spesso corrotti, dei loro tradizionali diritti. Ciò avviene ad esempio in Africa Subsahariana, dove sono molti milioni gli ettari di terre acquisiti da compagnie estere per trasformarle in coltivazioni intensive per il mercato europeo. Ma attenzione: perché milioni di piccoli contadini e loro familiari, a cui il ‘land grabbing’ ha sottratto la terra da cui dipendevano, sono altrettanti migranti ‘economici’, che cercano rifugio altrove, magari in quella stessa Europa la cui agroindustria ha tolto loro la terra da sotto i piedi. Oggi molti Paesi europei dicono di non volere ingressi di migranti economici: ma se si scava nella vita di queste persone e delle loro famiglie, si potrebbe scoprire che all’origine del loro migrare c’è una precisa responsabilità di compagnie europee. Fermiamo il degrado del suolo in Europa, per non doverlo contendere a Paesi che ne hanno più bisogno di noi.

Come si firma la petizione
Per firmare l’appello e chiedere all’Europa di dare un diritto al suolo basta visitare il sito salvailsuolo.it e inserire i propri dati. IMPORTANTE: tenere pronto un documento di identità per rendere valida la propria firma a livello europeo.

Sostenitori
People4Soil è una rete europea di ONG europee, istituti di ricerca, associazioni di agricoltori e gruppi ambientalisti, nata proprio con l’obiettivo di promuovere una Iniziativa dei cittadini europei (ICE) per introdurre una legislazione specifica sul suolo in Europa. In Italia la raccolta firme è parte della campagna #SALVAILSUOLO, promossa da una task force di associazioni tra cui ACLI, Coldiretti, FAI, Istituto Nazionale di Urbanistica, Legambiente, LIPU, Slow Food, WWF.

Progetto “La foresta di Trump” – Ecologia in Nuova Zelanda

L’iiniziativa è neozelandese:

piantare dieci miliardi di alberi per compensare le politiche sul clima del presidente Usa

La campagna trumpforest.com chiede a TUTTI di piantare alberi direttamente o finanziare progetti di rimboschimento e mandare la ricevuta della spesa sostenuta a trumpforest.com.

Hanno già aderito all’appello 1644 persone, che pianteranno circa 464’000 alberi; per un investimento di circa 60’000 dollari

Dieci miliardi di alberi, per compensare l’aumento di emissioni di anidride carbonica (CO2) per compensare le politiche, a favore delle fonti fossili, del presidente americano Donald Trump.

Questa campagna internazionale “Trump Forest” (La foresta di Trump) è stata lanciata da tre attivisti ambientalisti neozelandesi: Daniel Price, Adrien Taylor e Jeff Willis.

I tre attivisti hanno calcolato che l’uscita degli Stati Uniti dall’Accordo di Parigi sul clima, voluta dal presidente Trump, provocherà l’emissione di 650 milioni di tonnellate di CO2 in più da qui al 2025.

 

 

SANA – Salone Internazionale del Biologico e del Naturale di Bologna

8 all’11 settembre 2017

SANA : Salone Internazionale del Biologico e del Naturale di Bologna

Alimentazione biologica, Tessuti naturali e altri prodotti
naturali per il tempo libero e hobby, proposte alternative per l’abitazione ecologica.

http://www.sana.it/home-page/1229.html

Tariffe Online

Ingresso giornaliero € 8,00

SANA Pass (4 giorni): € 20,00 (non disponibile alle casse in Fiera).

Presso le Casse in Fiera (ingresso Ovest Costituzione – Ingresso Nord) sarà disponibile solo l’acquisto dell’ingresso giornaliero, del valore di € 10.00.

;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;

Dall’8 all’11 settembre, Pam Panorama sarà presente al Salone Internazionale del Biologico e del Naturale (Sana) di Bologna, dove presenterà la sua filosofia biologica attraverso i suoi prodotti a marchio Pam Panorama.
L’assortimento biologico disponibile presso tutti i punti vendita dell’azienda è composto sia da prodotti alimentari che da prodotti dedicati alla cura del corpo.

I prodotti alimentari della linea Bio Pam Panorama provengono da agricoltura biologica e sono simbolo di un’alimentazione genuina, sicura e ricca dei sapori più autentici della terra. Dalla colazione al dopocena, Pam Panorama garantisce prodotti biologici di altissima qualità. L’ampio assortimento soddisfa le esigenze di tutti: prodotti ideali per preparare i pasti tutti i giorni, prodotti pensati per chi adotta una dieta vegetariana e vegana, prodotti in linea con i trend più attuali come la pasta al kamut e le bevande vegetali.
Anche all’interno della linea Semplici & Buoni, dedicata a chi vuole stare attento alla linea senza rinunciare al gusto e anche a chi soffre di intolleranze alimentari, è disponibile una selezione di prodotti biologici, come plumcake integrali, gnocchi e pasta di lenticchie, di piselli e di farro.
Arkalia Bio Pam Panorama invece è la linea per il corpo di prodotti biologici formulati con materie prime e sostanze delicate di origine vegetale, nel rispetto dell’equilibrio della pelle. Tutti i prodotti sono impreziositi con ingredienti biologici: oli ed estratti vegetali biologici, tutti sottoposti a nichel test e certificati secondo il disciplinare Bios naturcosmetics. La linea Arkalia Bio Pam Panorama è stata declinata anche in versione baby, ideale per prendersi cura dei più piccoli in modo sicuro e delicato grazie ad ingredienti come la calendula, il fiordaliso e l’olio di mandorla.
Per quattro giorni i visitatori potranno prendere parte alla Bio Experience firmata Pam Panorama, dove qualità della vita e della spesa vanno di pari passo: il biologico è infatti uno stile di vita, caratterizzato da gesti consapevoli e scelte quotidiane orientate al benessere. Lo stand della fiera sarà animato da un esclusivo palinsesto di eventi: 9 Bio Workshop, durante i quali saranno serviti degli assaggi di prodotti biologici Pam Panorama e si potrà conoscere meglio la linea Arkalia Bio, e 4 special events, che avranno come protagonisti degli ospiti d’eccezione.
Qui di seguito il programma dei Bio Workshop:
Bio Workshop Colazione: tutti i giorni dalle 10.00 alle 11.00
Bio Workshop Pranzo: venerdì e lunedì dalle 13.00 alle 14.00
Bio Workshop Merenda: venerdì, sabato e domenica dalle 16.00 alle 17.00
E infine il programma degli special events:
Sabato 9 settembre dalle 12.00 alle 13.00: “Oggi lunch-box: come affrontare il pranzo in ufficio”
Sabato 9 settembre dalle 15.00 alle 16.00: “Il rituale della buonanotte”
Domenica 10 settembre dalle 12.00 alle 13.00 “1.000 modi di dire veg burger: ricette e consigli”
Domenica 10 settembre dalle 15.00 alle 16.00: “I segreti per una pelle luminosa tutto l’anno”
Pam Panorama vi aspetta al Sana, Padiglione 26, Stand A83 – B82.

Informazioni su Pam Panorama
Pam Panorama, società che opera con le insegne Pam, Panorama e Pam local, fa parte di Gruppo Pam, gruppo di riferimento nel mondo della grande distribuzione italiana da quasi 60 anni.
Gli oltre 170 punti vendita che compongono la rete Pam Panorama sono presenti in Piemonte, Lombardia, Liguria, Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Lazio e Abruzzo.