Archivi categoria: salviamo il pianeta

safe the planet, salviamo il pianeta, futuro, il nostro futuro,

Evento a Trento – MUSE-Museo delle Scienze – Inaugura sabato 15 luglio 2017

ARCHIMEDE. L’invenzione che diverte

16 luglio 2017 – 08 gennaio 2018
Inaugurazione: sabato 15 luglio, ore 18.30
MUSE-Museo delle Scienze (ARCHIMEDE E LEONARDO: ne parliamo più sotto)

Il gigante incatenato
La battaglia delle dighe sul Mekong
16 luglio – 10 settembre 2017
Inaugurazione: sabato 15 luglio, ore 18.30

Inaugura sabato 15 luglio alle 18.30 al MUSE-Museo delle Scienze di Trento, la mostra fotografica

Il gigante incatenato. La battaglia delle dighe sul Mekong”, venti scatti che testimoniano gli effetti della costruzione, lungo il corso del fiume, di trentanove mega-dighe.

Nessuna di queste imponenti strutture è stata realizzata conducendo indagini d’impatto ambientale e la mostra racconta le conseguenze di questi colossi sulla natura, sulle persone, e sulla sicurezza alimentare di un’intera regione.

Il gigante incatenato è una testimonianza incisiva e toccante realizzata dai fotografi del collettivo Ruom, composto dal trentino Thomas Cristofoletti e Nicolas Axelrod, insieme a Emanuele Bompan, ideatore del progetto “Watergrabbing”. La mostra è inserita nel progetto “Capitali Trentini – Trentino Global Network” per valorizzare le esperienze dei trentini all’estero ed è sostenuta dalla Provincia autonoma di Trento – Ufficio emigrazione.

Il sud east asiatico e in particolare modo la Cambogia, è una delle zone che più sta soffrendo gli effetti del cambiamento climatico e che ha meno risorse per difendersi” racconta il fotografo Thomas Cristofoletti.

“I suoi abitanti sono quotidianamente esposti a eventi meteorologici sempre più incontrollati e la loro dipendenza dalle risorse naturali, specialmente il riso e pesce, li rende terribilmente vulnerabili. Parte del materiale esposto in questa mostra è il frutto di un lavoro collettivo durato quasi 4 anni: dal 2013 insieme al collega Nicolas Axelrod ed a altri membri del collettivo Ruom, abbiamo cercato di raccontare i cambiamenti e gli effetti dello sviluppo economico e sociale incontrollato di questa i regione dell’Asia.

Abbiamo visitato Laos, Cambogia e Vietnam lavorando per organizzazioni come il WWF, UNDP, CARE e OXFAM ma anche, e soprattutto, investendo risorse, viaggiando e documentando questi territori”.

Il Mekong (“Madre delle acque” in Lao) è la linfa vitale del sud-est asiatico.

Il fiume si snoda per 4mila chilometri tra le strette gole del Tibet attraverso i monti della Birmania e del Laos, prendendo forza attraverso le pianure di Thailandia e Cambogia, fino a sfociare nell’immenso delta lungo le coste del Vietnam nel mare Cinese Meridionale.

Nelle sue acque vivono oltre 1000 specie di pesci, che integrano l’alimentazione di una popolazione di oltre 60 milioni di persone, che dal Mekong trae quindi sostegno. Storie e tradizioni raccontano di un’armonia millenaria tra i popoli dell’Indocina e il grande fiume.

Oggi, trentanove mega-dighe sono state pianificate lungo il fiume dagli stati rivieraschi.

Impianti colossali, alcuni già in costruzione che potrebbero frammentare gli ambienti naturali e avere impatti rilevanti in tutta la regione da un punto di vista ambientale e sociale.

Undici sbarramenti sono stati messi in programma nella sola sezione laotiana-cambogiana, costruita da società tailandesi, malesi, cinesi e vietnamite. Laos, il più povero tra gli stati della regione, ha dichiarato che il suo obbiettivo è diventare la “batteria del Sud-est asiatico”, realizzando nove dighe idroelettriche.

«Il tema dell’accaparramento e controllo delle risorse idriche – spiega Emanuele Bompan giornalista ambientale e geografo – è un tema centrale nello sviluppo globale del XXI secolo.

L’acqua, il bene primario più importante dell’uomo, a causa di cambiamento climatico, sovrappopolazione e forti interessi economici e politici, è una risorsa sempre più contesa.

La mostra racconta uno dei lavori sul tema che stiamo svolgendo all’interno del progetto Watergrabbing.it, sottolineando gli impatti che può avere la cattiva pianificazione degli sbarramenti idrici. La situazione è così delicata che, nel sud-est asiatico, il controllo del Mekong tra gli stati rivieraschi potrebbe diventare presto la scintilla di nuove tensioni politiche»

La domanda di corrente elettrica, negli stati attraversati dal fiume, è al centro dello sviluppo di economie in forte crescita.

Lo sviluppo sociale, infatti, porta sempre più cittadini a fare parte della classe media, domandando così energia a basso costo per i propri bisogni primari, luce e conservazione al fresco del cibo.

Per questa ragione, gli impianti idroelettrici di grandi dimensioni possono essere una soluzione strategica per generare energia pulita, al posto degli impianti a carbone.

Ma, per essere realmente energia verde, le dighe dovrebbero essere costruite secondo criteri di sostenibilità e attraverso accordi internazionali per la gestione transfrontaliera delle acque.

Interessi corporativi, scarsa competenza e generale disinteresse dalla classe dirigente hanno fatto sì che le prime dighe a essere realizzate avessero pochissimi se non alcun elemento di sostenibilità. Niente passaggi per i pesci, sistemi insufficienti per il flusso di elementi nutrienti, scarsa considerazione degli impatti sulle comunità rurali lungo le rive.

La mostra, che resterà visitabile fino al 10 settembre, è un importante momento di riflessione sul tema della sostenibilità e dell’attenzione alla salvaguarda della natura, condotta su scala globale, e un invito a estendere lo sguardo oltre i propri confini.

ARCHIMEDE. L’invenzione che diverte

16 luglio 2017 – 08 gennaio 2018
Inaugurazione: sabato 15 luglio, ore 18.30
MUSE-Museo delle Scienze

Il nome di Archimede, geniale inventore e matematico della classicità, è famosissimo. Tutti ne hanno sentito parlare e il suo mito – sorto fin dall’epoca romana durante la quale ne è stato celebrato il “divino ingegno” – è alimentato da numerose leggende, che lo vedono brillare tanto per acume, quanto per bizzarria. Sembra infatti che, al grido di “Eureka” (“ho trovato!”), percorresse di corsa le strade di Siracusa e affermasse, tra lo stupore dei suoi contemporanei, di poter sollevare la Terra se gli avessero dato un punto di appoggio. Se la sua fama è notevole, il contenuto delle sue opere e delle sue invenzioni, oggi, non è così conosciuto e spesso i suoi scritti sono appannaggio di pochi specialisti di storia della matematica. La mostra “Archimede. L’invenzione che diverte” presenta al pubblico la figura di Archimede quale massimo protagonista della cultura universale. L’esposizione, già ai Musei Capitolini a Roma, giunge ora al MUSE – Museo delle Scienze di Trento dal 16 luglio 2017 all’ 8 gennaio 2018.

Tra exhibit interattivi, ricostruzioni di macchinari e video multimediali, il percorso al museo racconta le sue intuizioni nel campo della tecnologia meccanica – tanto fenomenali da renderlo l’antesignano del genio e dell’inventore – e offre testimonianze della civiltà tecnico-scientifica del III secolo a.C., periodo durante il quale visse lo scienziato: sullo sfondo, le relazioni tra Siracusa e Alessandria d’Egitto, la città in cui Archimede e numerosi uomini di cultura soggiornarono in quell’epoca.
Dopo un excursus storico e un focus sulle principali invenzioni e ricerche, l’esposizione approfondisce anche la seconda rinascita di Archimede, che avviene a partire dal XIII secolo con la progressiva riscoperta dei suoi scritti, e l’influenza esercitata su studiosi e geni rinascimentali del calibro di Leonardo da Vinci e galileo Galilei.

La mostra è ideata dal Museo Galileo – Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze e organizzata da Zètema Progetto Cultura e Opera Laboratori Fiorentini – Civita Group.

IL PERCORSO
Grazie a postazioni interattive, ricostruzioni di macchinari e video multimediali, la mostra approfondisce numerosi temi quali il contesto storico, i rapporti con la città di Siracusa, le relazioni tra Archimede, Roma e l’Islam, l’ammirazione Leonardesca per Archimede. Una breve introduzione sarà dedicata al ruolo che Archimede riveste nell’immaginario collettivo: la figura di inventore capace di dar vita ad un immaginario collettivo molto forte con una curiosa panoramica con oggetti di design e uso comune legati al suo nome. Interattività e multimedialità condurranno il pubblico in un percorso entusiasmante fatto di scienza, intuizioni e tecnologia.

LA MOSTRA

Il contesto storico
Sul finire del III secolo a.C. Roma e Cartagine si contendono la supremazia nel Mediterraneo Occidentale. E’ una sorta di “guerra mondiale”, le cui sorti decideranno sotto quale dei due popoli vivranno le genti che si affacciano sul Mediterraneo. Siracusa resiste all’assedio dei Romani anche grazie ad Archimede e alle sue macchine. Storici dell’epoca sottolineano il contributo dato dal grande Siracusano per la difesa della sua città. Nel 212 a.C. Siracusa cade per tradimento e lo stesso Archimede viene ucciso.

Siracusa, la città di Archimede
Siracusa, la città in cui Archimede vive fra il 287 e il 212 a.C. e che due secoli dopo Cicerone ancora definisce “la più bella e la più ornata”, è nel III secolo a.C. la capitale di un regno piccolo per territorio ma importante nell’ambito degli stati ellenistici del Mediterraneo per la centralità della sua posizione, il volume dei traffici, la ricchezza economica fondata sull’agricoltura e sul commercio, la vivacità della sua cultura e la qualità delle relazioni internazionali. Al suo interno, vive e opera Archimede, autore di alcune di apprezzate invenzioni.

Archimede e l’Islam
Punto di riferimento nel campo della matematica, il Siracusano era considerato autore di numerosi altri scritti. Le società islamiche conobbero Archimede anche come straordinario inventore di strumenti e apparati meccanici: a quelli già noti nell’antichità si aggiunsero la bilancia idrostatica e un orologio ad acqua di notevole complessità.

Siracusa e Roma: lo scontro
Il console Marcello assediò la città di Siracusa dal 214 al 212 a.C.

A difesa di Siracusa non vi era solo l’esercito, ma anche Archimede con le sue macchine belliche, quali artigli meccanici, catapulte e specchi ustori, con i quali respingere gli attacchi provenienti dal mare. Siracusa si difese strenuamente e capitolò solo per opera di alcuni traditori che aprirono le porte urbiche, permettendo ai Romani di entrare nottetempo e prendere la città. La caduta di Siracusa costituirà un evento di rilievo epocale per tutta la civiltà mediterranea.

LA RISCOPERTA DI ARCHIMEDE IN OCCIDENTE
Fino al XIII secolo Archimede fu poco noto in Occidente; l’unica opera in circolazione era la Misura del cerchio. Nel 1269 Guglielmo di Moerbeke, un domenicano che risiedette a lungo presso la corte papale di Viterbo, eseguì la prima traduzione latina di molte delle opere di Archimede, raccolte in un codice oggi conservato alla Biblioteca Vaticana.

LEONARDO E ARCHIMEDE
Nel corso della propria esistenza Leonardo dimostrò più volte ammirazione per Archimede.

Il Vinciano è affascinato dal mito del Siracusano come inventore di macchine belliche portentose, ma anche dalla capacità di affrontare proficuamente problemi di statica e di geometria da cui trarre applicazioni pratiche.

Interessato al perfezionamento delle armi da fuoco, Leonardo lavora a un particolare cannone a vapore (l’architronito), di cui attribuisce la paternità ad Archimede e dimostra analoga ammirazione quando si sofferma sulle proprietà degli specchi ustori. Nel campo della statica, infine, studia a fondo il trattato Sull’equilibrio dei centri di gravità.

GALILEO E ARCHIMEDE
Secondo uno dei primi biografi, Niccolò Gherardini, Galileo cominciò prestissimo a studiare Archimede sotto la guida di Ostilio Ricci, insegnante presso l’Accademia del Disegno a Firenze. La forte influenza del Siracusano, che pochi anni prima della morte Galileo definì “il mio maestro” (Opere, XVI, p. 399), è testimoniata dagli studi galileiani d’esordio, che riprendono e approfondiscono motivi di ascendenza archimedea. Punto di riferimento costante, l’opera di Archimede offre esempi di applicazione di rigorose dimostrazioni. Particolarmente apprezzati, soprattutto, i trattati Sui galleggianti e Sull’equilibrio dei piani, il cui studio ha contribuito a ispirare un nuovo approccio matematico per la spiegazione dei fenomeni fisici.

LE INSTALLAZIONI INTERATTIVE: LE GENIALI INVENZIONI DI ARCHIMEDE
Al fine di rendere accessibile le sorprendenti intuizioni geometriche e meccaniche di Archimede al grande pubblico, una serie di modelli funzionanti illustra gli aspetti salienti delle ricerche compiute dal Siracusano e gli straordinari obiettivi raggiunti anche sul piano delle applicazioni pratiche.

La leva
Nei due libri del trattato sull’Equilibrio dei piani, opera che ha esercitato una grande influenza sulla nascita della scienza moderna, Archimede dimostra la fondamentale legge della leva, che è al centro di tutta la statica: in una leva si ha equilibrio quando i pesi sono inversamente proporzionali alle distanze dal fulcro.
È possibile che una persona più leggera stia in equilibrio con una più pesante? Lo scopriamo con questa installazione, attraverso un gioco che permette di scoprire in modo divertente le leggi fisiche sull’equilibrio.

Gli specchi parabolici che riflettono il suono
Fonti tarde attribuiscono ad Archimede l’invenzione di specchi ustori, mediante i quali avrebbe incendiato le navi romane che assediavano Siracusa: è ampiamente dimostrato l’impossibilità, per l’epoca, di realizzare una tecnologia simile ma il ragionamento scientifico alla sua base è corretto. Con uno specchio a forma di parabola è possibile concentrare i raggi del Sole, essenzialmente paralleli, in un punto vicino alla parabola, chiamato fuoco: alla stessa maniera possiamo farlo con le onde sonore.
Nell’installazione la prima grande parabola riflette le onde emesse da una sorgente sonora posta nel fuoco facendole diventare parallele, mentre la seconda le concentra di nuovo nel fuoco. In questo modo due visitatori molto lontani tra loro possono udire le proprie voci come se si trovassero vicini.

Le carrucole
La carrucola è un dispositivo che consente di sollevare un carico pesante impiegando una piccola forza. Lo sforzo compiuto varia a seconda del numero di carrucole impiegato: se con una è necessario impiegare una forza uguale al peso da sollevare, aumentandone il numero decresce proporzionalmente lo sforzo da compiere.
Il modello consente di sperimentare questa legge con diversi sistemi di carrucole: la forza necessaria è uguale al peso nel primo caso, alla metà del peso nel secondo e a 1/4 nel terzo.

La vite idraulica
La vite idraulica di Archimede, detta anche còclea, è un dispositivo usato spesse per sollevare un liquido, così come sabbia o ghiaia. È un’invenzione sorprendente per la sua semplicità e longevità: ancora oggi è usata in molte situazioni dove, per la mancanza di altre tecnologie, è necessario usare sistemi meccanici semplici e di immediata manutenzione.

Il torchio a doppia vite
Il torchio di Archimede costituì un’importante evoluzione dei dispositivi per la spremitura. Caratterizzato dalla possibilità di avere uno o due alberi a vite verticali e paralleli, inseriti in una struttura lignea, il torchio a vite esercitava una pressione continua e costante tanto sugli acini d’uva che sulle olive.

PER LA MOSTRA ARCHIMEDE SI RINGRAZIA:
Main sponsor: Zobele Holding spa, Itas Mutua, Innova srl
Sponsor: Conad, Hoermann srl
Special Exhibitor: Ghidini, RI.CAR., Cantina Endrizzi srl

 

Architettura in Cina – La prima città foresta – Progetto Made in Italy

A Liuzhou Forest City, il Master Plan di Stefano Boeri Architetti per combattere l’inquinamento atmosferico anche con il verde su tutte le case

Per la prima volta in Cina e nel mondo

Il progetto è Made in Italy

La città-foresta, sarà terminata nel 2020 e prevede: uffici, case, alberghi, ospedali, scuole e ogni tipo di struttura tutti ricoperti di alberi e piante.

Questa rivoluzionaria città avrà 30.000 abitanti  e assorbirà circa 10.000 tonnellate di CO2 e 57 tonnellate di polveri sottili, mentre produrrà circa 900 tonnellate di ossigeno.

Liuzhou Forest City si sta costruendo a nord di Liuzhou, nella provincia meridionale dello Guangxi.

Vi circoleranno solo auto elettriche.

Inoltre la città,  sarà pienamente autosufficiente dal punto di vista energetico; geotermia per il condizionamento degli interni e uso dei pannelli solari sui tetti per le energie rinnovabili.

Liuzhou Forest City ospiterà 40.000 alberi e circa 1 milione di piante di più di 100 specie differenti.   Luoghi adatti alla vita di: uccelli, insetti e  piccoli animali che abitano il territorio.

Dieta vegana – La vita è come andare in bicicletta … – Antonella Bellutti

Autobiografia alimentare di una vega – atleta

Scritta da Antonella Bellutti, due volte campionessa olimpionica: due medaglie d’oro olimpiche come ciclista e poi con il bob a due; settima nel 2002 a Salt Lake City

Nel mondo sportivo, l’alimentazione può diventare una vera ossessione

Antonella Bellutti, sin da giovanissima, forzatamente onnivora e concentrata sulle calorie, si trasforma in una matura donna vegana, rispettosa del proprio corpo e di tutte le forme di vita e ne va orgogliosa.

Si può essere vegani e in ottima forma fisica; da leggere per capire e poi … ovviamente liberi di scegliere, ma con cogniziona di causa.

Un’atleta che ha trovato il coraggio di sfidare l’ovvio, il collaudato, in un ambiente esageratamente rigido per seguire la propria inclinazioan naturale, decidendo di condividere la sua scelta  con tutti i lettori.

Antonella Bellutti, Sonda edizioni, pp.116, 14 euro.

LANCIO DI UNA TECNOLOGIA DI RICICLO UNICA E “MADE IN ITALY”

Eccellente  esempio di Economica Circolare

UNA NUOVA ERA DELL’ECONOMIA CIRCOLARE 

Aumenterà il valore aggiunto del riciclo

IL LANCIO DI UNA TECNOLOGIA DI RICICLO UNICA E “MADE IN ITALY” CHE TRASFORMA QUASI IL 100% DEI PANNOLINI USATI

 La tecnologia di riciclo sviluppata da Fater SpA, unica nel suo genere, pulisce, sterilizza ed asciuga i pannolini ed i prodotti assorbenti per la persona usati, riciclandoli e trasformandoli in materie prime secondarie come plastica, cellulosa e materiale super-assorbenti.EMBRACED consentirà un ulteriore salto di qualità, consentendo il riciclo di prodotti assorbenti usati in bio-polimeri, fertilizzanti e prodotti chimici ad alto valore aggiunto

– Presentato oggi a Roma un nuovo, eccellente, esempio di Economica Circolare: il consorzio EMBRACED. L’iniziativa, finanziata dall’UE, è volta alla valorizzazione del processo di riciclo di pannolini e di altri prodotti assorbenti per la persona, attraverso la trasformazione dei prodotti usati in materiali ad alto valore aggiunto come  bio-plastiche e fertilizzanti.

EMBRACED nasce da una tecnologia già sperimentata a livello industriale da Fater SpA, Joint Venture italiana fra P&G e il Gruppo Angelini.

La tecnologia già sviluppata da Fater consente il riciclo dei pannolini in plastica, cellulosa e polimeri super-assorbenti.

Il progetto EMBRACED aumenterà il valore aggiunto del riciclo, consentendo anche la produzione di fertilizzanti e prodotti chimici ad alto valore aggiunto.

Il progetto, nato dalla collaborazione di un consorzio composto da Fater ed altri 12 partners, è altamente innovativo ed in piena sintonia con i principi dell’Economia Circolare, tanto da aver ottenuto un finanziamento dall’Unione Europea (Bio Based Industries Joint Undertaking (BBI JU) under Horizon 2020).

Giovanni Teodorani Fabbri – Fater AHP Recycling General Manager ha commentato: “ In Fater crediamo fortemente nel potenziale dell’economia circolare del riciclo dei pannolini, così come testimoniato dai molteplici riconoscimenti ottenuti sia in Italia che in sede Europea.

Abbiamo iniziato a sperimentare su scala industriale il riciclo dei pannolini nel 2015. EMBRACED è un progetto strategico, un notevole passo in avanti ed un ulteriore incoraggiamento ad impegnarci e a investire nell’Economia Circolare. Un percorso che passa anche attraverso il potenziamento del nuovo stabilimento di riciclo a Treviso, presso la sede del nostro partner Contarina”

 

I partner del consorzio EMBRACED si sono riuniti oggi a Roma per dare inizio al progetto. Fra i temi discussi la preparazione ed il trasporto dei rifiuti, la conversione in nuovi materiali, il quadro normativo e lo sviluppo della tecnologia di riciclo.

Philippe Mengal, Bio Based Industries JU Executive Director ha annunciato: “L’impresa comune Bio-based Industries (BBI JU) è stata creata per contribuire a sviluppare un’industria biologica sostenibile e competitiva in Europa.

Crediamo fermamente nella capacità delle nostre industrie europee nello svolgere un ruolo di primo piano in questo settore.”.

Stefano Ciafani, Direttore Generale Legambiente ha detto: “Dopo le emergenze rifiuti del passato, al centro delle procedure d’infrazione europee ancora aperte, il nostro Paese oggi può vantare anche tante esperienze di successo. Il progetto EMBRACED  nasce proprio dalla sinergia della nostra associazione con un campione italiano dell’Economia Circolare, Fater, su un progetto di bioraffineria che valorizzi al massimo i prodotti assorbenti usati per alimentare le filiere della chimica verde.”

 

L’annuncio di oggi è frutto di una partnership pubblico-privata fra i diversi membri del consorzio EMBRACED, sostenuti dal contributo decisivo degli azionisti di Fater SpA: Procter & Gamble, e il Gruppo Angelini.

Roberto Marinucci, P&G Vice President Global Baby Care, Wipes, and Sustainability e Membro del Comitato Esecutivo di Fater ha annunciatoIn Procter & Gamble forniamo a circa 5 miliardi di persone in tutto il mondo prodotti e servizi in grado di migliorare la qualità della vita dei consumatori. Per questo, crediamo e ci siamo impegnati pubblicamente a fare ciò che è giusto per diventare una realtà aziendale responsabile e sostenibile. Il progetto Fater di riciclo dei pannolini e dei prodotti assorbenti per la  persona è in piena sintonia con la nostra visione e per questo ci siamo impegnati a sostenerne lo sviluppo a livello globale.”

 

Jordi Ballesté –  CEO Angelini Consumer Goods e Membro del Comitato Esecutivo di Fater ha commentato: “Siamo molto orgogliosi di essere parte di questo importante progetto e di tutti i riconoscimenti ottenuti da Fater sia in Italia sia a livello europeo. Questa nuova tecnologia Made in Italy rappresenta una innovazione di eccellenza, ed il riconoscimento dell’Unione Europea premia i nostri sforzi e gli investimenti fatti da Fater al fine di sviluppare l’economia circolare, a favore dell’ambiente, della società e dei nostri consumatori”.

* Pannolini per bambini, prodotti per l’incontinenza adulti, salviettine e articoli per l’igiene femminile

FATER SpA

Fater, è un’azienda italiana, joint venture paritetica fra Procter & Gamble e Gruppo Angelini. Produce e distribuisce in 39 Paesi, nei mercati EMEA, i prodotti a marchio Ace Neoblanc e Comet; in Italia ha ampliato fin dagli anni 60 i mercati dei prodotti assorbenti per la persona, oggi produce e commercializza per l’Italia i prodotti a marchio Pampers, LINES, LINES Specialist, Tampax. Fater è un’azienda dinamica che investe in innovazione circa il 4% del fatturato annuo. Conoscenza del consumatore e dei mercati, competenze condivise, ricerca dell’efficienza sono i driver della crescita nel lungo periodo. La sede è a Pescara; gli stabilimenti di produzione in Italia sono a Pescara e Campochiaro (cb), all’estero sono in Portogallo, a Porto, in Marocco, presso Mohammedia e in Turchia a Gebze.

EMBRACED

EMBRACED è un consorzio internazionale composto da diversi partner: FATER S.P.A, LEGAMBIENTE, NOVAMONT S.P.A., CONTARINA S.P.A., FRAUNHOFER, FUNDACION CIRCE, EDIZIONI AMBIENTE, AEB Amsterdam, TERRACYCLE, PROCTER & GAMBLE, SAPONIA, FERTINAGRO, S.L., WITTENBURG.

 

Salviamo le Farfalle d’Italia con le nostre FOTO

 Ripopolamento di specie in pericolo

Un progetto di Friend of the Earth con la collaborazione scientifica di Polyxena

Chiunque può contribuire al primo censimento di farfalle in Italia, fotografando le farfalle avvistate ed inviandole a info@friendoftheearth.org o via whatsapp a +39 3441580067 o +39 3485650306

In Italia sono presenti più di 280 specie di farfalle diurne, più che in qualsiasi altra nazione d’Europa?

Purtroppo diverse cause, tra le quali la sottrazione ed il degrado degli habitat, minacciano la loro sopravvivenza.

Friend of the Earth, organizzazione per la certificazione di prodotti da agricoltura sostenibile, sviluppa, con la collaborazione scientifica dell’Associazione Polyxena un progetto di conservazione delle farfalle italiane in pericolo di estinzione.

Il progetto consiste nella riproduzione ex-situ di alcune specie, in una ‘Casa delle Farfalle’ vicino a Monopol, in maniera di favorirne le chances di sopravvivenza e la reintroduzione in natura in aree consone alle loro esigenze.

Friend of the Earth inoltre sensibilizza il pubblico sul tema attraverso il coinvolgimento e la partecipazione ad un primo censimento italiano delle farfalle.

Il progetto

L’associazione Polyxena è nata nel 2009 con l’obiettivo di promuovere e tutelare la biodiversità attraverso la ricerca scientifica, l’educazione ambientale e il turismo sostenibile.

Dal 2011 è partner per l’Italia della Butterfly Conservation Europe, network europeo per la tutela delle farfalle e dei loro habitat, fondato dal celebre documentarista inglese della BBC David Attenborough.

Nel giugno del 2016, l’Associazione Polyxena ha aperto “Farfalia”, la Casa delle Farfalle, i cui obiettivi sono quelli di incrementare le conoscenze su alcune specie di farfalle autoctone in via di estinzione, individuare gli elementi di minaccia e trovare misure di protezione adeguate per evitarne la scomparsa, fornendo uno strumento innovativo per l’educazione ambientale.

Il progetto di Friend of the Earth con la collaborazione scientifica di Polyxena ha come importante obiettivo di sperimentare l’allevamento di specie minacciate come Zerynthia polyxena e Melanargia arge per il rilascio in natura, presentando un importante potenziale applicativo in futuri progetti di ripopolamento.

Infatti, le farfalle allevate saranno in parte liberate in ambienti adatti alla loro presenza, in parte resteranno nella struttura per garantire il susseguirsi delle generazioni nel tempo.

La Casa delle Farfalle consiste in una struttura di 90 m2 dove al suo interno è ricreato un habitat a macchia mediterranea, ideale per la riproduzione di farfalle autoctone. La struttura è progettata per proteggere piante e farfalle da predatori, parassiti ed agenti atmosferici e per impedire la fuga di bruchi e farfalle.

Il popolamento iniziale è stato effettuato con esemplari allo stadio larvale, minimizzando l’impatto sulle popolazioni campionate. Le specie considerate comprendono sia quelle più comuni, sia specie minacciate a livello europeo a causa di minacce quali la sottrazione e la frammentazione degli habitat, i cambiamenti di uso del suolo o i cambiamenti climatici.

Durante l’attività di campionamento sono stati raccolti dati per il monitoraggio delle popolazioni.

Ad oggi, sono state ospitate circa 27 specie diverse di farfalle, a differenti stadi di sviluppo. Molte di queste specie, tra cui esemplari di Gonepteryx cleopatra, Artogeia rapae, Papilio machaon, Pieris brassicae, hanno completato il loro intero ciclo vitale all’interno della Casa.

Oltre a fornire valido supporto alla ricerca scientifica per fornire una conoscenza la più accurata possibile dei lepidotteri della Puglia, questo progetto prevede anche la divulgazione ambientale con il coinvolgimento dei cittadini, attraverso il primo censimento delle farfalle italiane.

“Le farfalle sono un importante indicatore della salute dell’ambiente: la diminuzione del loro numero va combattuta con progetti come questi, volti alla salvaguardia dell’equilibrio degli ecosistemi“ afferma Paolo Bray, direttore e fondatore di Friend of the Earth. “Ognuno di noi può aiutare l’ambiente con delle scelte di consumo sostenibilie, scegliendo prodotti certificati Friend of the Earth, e con un coinvolgimento attivo in progetti di conservazione”.

Chiunque può contribuire al primo censimento di farfalle in Italia, fotografando le farfalle avvistate ed inviandole a info@friendoftheearth.org o via whatsapp a +39 3441580067 o +39 3485650306 .

Gli avvistamenti verranno catalogati ed inseriti nella mappa delle farfalle.

Il servizio è totalmente gratuito ed assicura la confidenzialità. Il censimento delle farfalle consentirà di sensibilizzare le amministrazioni locali relativamente all’esigenza di tutelare il territorio.

Per approfondire il progetto, è possibile visionare il video ufficiale del progetto a questo link : https://www.youtube.com/watch?v=LzRz5p4UAec&t=23s

Friend of the Earth

Friend of the Earth è un progetto non-profit per la certificazione dei prodotti da agricoltura e allevamento sostenibili.

In seguito alla positiva esperienza del programma di certificazione Friend of the Sea per la pesca e l’acquacoltura sostenibili, Friend of the Earth sta rapidamente diventando marchio leader a livello internazionale per la certificazione agricola sostenibile. I requisiti per la certificazione Friend of the Earth si basano sulle linee guida SAFA della FAO per l’agricoltura e l’allevamento sostenibili. I siti produttivi certificati non possono svilupparsi su habitat critici e i produttori devono avere implementato un sistema di gestione sociale e ambientale, essere conformi alle leggi ambientali nazionali, mantenere gli ecosistemi esistenti e ridurre l’impatto del loro operato a un livello sostenibile.

www.friendoftheearth.org

info@friendoftheearth.org

Salute – Il glifosato può alterarne il mosto e non fa bene alal salute

Finora l’impatto dell’erbicida sul potenziale fermentativo del mosto d’uva non era mai stato indagato.

Il glifosato è il principio attivo del Round-Up, l’erbicida più utilizzato al mondo perché tiene puliti i filari dalle piante parassitarie.

L’erbicida può rivelarsi utile per la vita del campo.

Ma il suo impiego non resta senza effetti perché, oltre ad inquinare il terreno e ad avere potenziali effetti negativi sulla salute dell’uomo, richiede la programmazione di trattamenti supplementari in vigna con lo scopo di limitare i suoi effetti negativi anche sul mosto dell’uva.

Ricerca sul Gewürztraminer: il controllo delle malerbe con glifosato può alterarne il mosto.

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto.

È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Facoltà di Scienze e Tecnologie dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer.

 La ricerca è stata effettuata dal gruppo di ricerca del prof. Matteo Scampicchio, professore di Scienze e Tecnologie alimentari alla Facoltà di Scienze e Tecnologie, in collaborazione con il gruppo di chimica agraria – diretto dai prof. Stefano Cesco e Tanja Mimmo – che ha ideato la prova e realizzato i trattamenti con il glifosato in campo. Finora, l’impatto dell’erbicida sul potenziale fermentativo del mosto d’uva non era mai stato indagato.

Quattro filari di Vitis vinifera L. cv Gewürztraminer sono stati trattati in maniera distinta:

uno con glifosato,

uno con glifosato e urea,

uno esclusivamente con urea

-e l’ultimo in cui non è stato aggiunto nulla e usato come controllo.

Dopo la raccolta, le uve sono state torchiate con una pressa da laboratorio e ai mosti ottenuti è stato quindi aggiunto il lievito.

“Normalmente, i lieviti trovano nel mosto d’uva tutte le fonti di azoto e carbonio necessarie per la loro crescita e per condurre la fermentazione”, afferma Scampicchio, “Tuttavia, quando il mosto d’uva è carente di alcuni amminoacidi essenziali, il lievito va in difficoltà e la fermentazione fatica maggiormente a partire”.

In questo lavoro sono state studiate le cinetiche di fermentazione dei mosti mediante una tecnica innovativa che si chiama “calorimetria isotermica”. “In laboratorio, abbiamo 24 micro-reattori che permettono di misurare il calore sprigionato dai lieviti durante la fermentazione nel mosto.

Dal confronto dei tracciati, possiamo individuare in quali condizioni il lievito cresce più velocemente e, invece, in quali è in maggiore difficoltà”, sottolinea il docente.

Ciò che i ricercatori del laboratorio di Scienze e Tecnologie alimentari della Libera Università di Bolzano hanno potuto osservare è che nei mosti ottenuti da uve trattate con l’erbicida, il calore sprigionato durante la fermentazione si riduce notevolmente. “Il glifosato è il principio attivo del Round-Up, l’erbicida più utilizzato al mondo perché tiene puliti i filari dalle piante parassitarie. Tuttavia ha un effetto devastante sulla qualità dell’uva perché interrompe la sintesi degli amminoacidi essenziali aromatici quali la fenilalanina, tirosina, e triptofano”, spiega Scampicchio, “I risultati delle nostre misurazioni mostrano l’effetto negativo che l’uso dell’erbicida ha sulla composizione in amminoacidi della bacca d’uva e sulla fermentabilità del mosto risultante”.

Lo studio ha però anche dimostrato che questi effetti indesiderati possono essere bilanciati dai trattamenti d’urea che vengono effettuati in vigna.

L’erbicida può rivelarsi utile per la vita del campo. Ma il suo impiego non resta senza effetti perché, oltre ad inquinare il terreno e ad avere potenziali effetti negativi sulla salute dell’uomo, richiede la programmazione di trattamenti supplementari in vigna con lo scopo di limitare i suoi effetti negativi anche sul mosto d’uva”, aggiunge Scampicchio.

In moltissime coltivazioni, la pratica agronomica basata sull’impiego di erbicidi quali il glifosato ha rimpiazzato il controllo meccanico delle malerbe e ha portato indubbi effetti positivi sui livelli delle rese dei raccolti. “Poiché per la nostra prova le foglie delle piante di vite non sono entrate in contatto diretto con l’erbicida, appare evidente la possibilità che il composto chimico, tal quale o parzialmente metabolizzato, possa influenzare l’uva passando dalle malerbe alla vite attraverso un processo di trasferimento pianta-suolo-pianta, influenzando, di conseguenza, l’uva”, precisano Stefano Cesco e Tanja Mimmo.

La ricerca è stata condotta al Freisingerhof di Termeno (Bolzano) che ha permesso ai ricercatori di applicare la pratica agronomica del controllo delle malerbe con glifosato su alcune file di vite.

Clima impazzito ed ecologia – Rimane solo il 30% delle foreste poi …

Oggi rimane solo il 30% delle foreste che un tempo ricoprivano la terra.

Secondo il rapporto del WWF  “Saving forests at risk“,

-se, entro il 2030 la deforestazione non si fermerà perderemo sino a 170 milioni di ettari di foreste,

-e ben 230 milioni entro il 2050.

LE CAUSE DELLA DEFORESTAZIONE SELVAGGIA:

-l’agricoltura, che ha sempre bisogno di più terreni

-moltissimi ettari di foresta tropicale vengono sacrificati per la coltivazione di palma da olio o della soia,

-anche l’allevamento commerciale partecipa in modo detreminante alla distruzione della foresta (per produrre gli hamburger, da decenni si sacrifica la foresta tropicale dell’Amazzonia; con il sistema degli incendi, seguiti dalla coltivazione a prato per l’allevamento); negli incendi si bracia tutto anche tutti gli animali che vivono in quel luogo !!!

-il taglio della legna pregiata; usata per parquet e mobili di lusso (palissandro, tek ecc…) distrugge le foreste vergini, ma anche le foreste del civilissimo Canada !!!

COSA PROVOCA IL TAGLIO DELLE FORESTE ?

-TOGLIE OSSIGENO,

-AUMENTA ENORMEMENTE IL QUANTITATIVO DI ANIDRIDE CARBONICA NELL’ARIA

-CAMBIA IL CLIMA .

UN ESEMPIO DI SCEMPIO …

Il Parco di Dzanga Sangha, è situato nel Bacino del Congo, qui negli ultimi anni sono in atto: deforestazione, bracconaggio e attività illegali di estrazione di materiali come il coltan.

INOLTRE IL TUTTO E’ CAUSA DI RECENTI CONFLITTI ARMATI:  causati dalle varie forze in gioco, per avere più potere nello sfruttamento delle risorse del Paese.

Questa situazione che mette a rischio l’esistenza dei 700 mila ettari di foresta.

WWF si occupa di una raccolta fondi, alla quale si può aderire dal sito http://criminidinatura.wwf.it/foreste.wwf.it/.

Un video che non potete perdere – Le Maldive non sono il paradiso che ci dicono

MALDIVE LE ISOLE PIU’ INQUINATE … ? Guardate il filmato per credere.

Le Maldive vengono vendute come il paradiso, ma la barriera corallina è morta in molti punti sino a 17 metri, e l’inquinamento ha raggiunto livelli altissimi, grazie ad un’isola, di fronte alla capitale, che è un ammasso di TV, frigoriferi, cellulari, vernici tossiche, sostanze pericolosissime … ed elettrodomestici che da più di 30 anni scaricano liquami velenosi nell’oceano … guardate per credere !!!

ALDABRA UN FILMATO SULLA NATURA PIU’ INCONTAMINATA E … L’ISOLA DI QUEIMADA

VEDRETE IN POCHI SECONDI IL MEGLIO DELLA NATURA DI TUTTO IL MONDO; ALMENO QUELLA DELLE ISOLE DELLA BARRUIERA CORALLINA ANCORA VIVA

Guarda al link: http://www.film.it/films/o/aldabra-cera-una-volta-unisola/

COME CONTRASTO AL PARADISO DEL FILMATO SU ALDABRA, ECCO L’ISOLA PIU’ PERICOLOSA AL MONDO

” QUEIMADA “

IN BRASILE CI VIVONO ….

Vedi al link: http://www.turismo.it/oltreconfine/articolo/art/video-queimada-grande-lisola-pi-letale-del-mondo-id-14493/

Una chicca trovata nel sito: http://www.turismo.it/oltreconfine/articolo/art/aldabra-cera-una-volta-unisola-irraggiungibile-alle-seychelles-id-14364/

I campi italiani bruciano – caldo record – poca acqua

Caldo record e scarse piogge;

già si parla di alti costi per i prodotti agricoli e poi ci sarà il solito aumento che comprende anche la solita speculazione al rialzo (la speculazione è sempre pronta ad aumentare i costi, anche più del dovuto) … è evidente da tempo che chi dovrebbe controllare non lo fa in modo sufficientemente serio.

La Primavera 2017 è la seconda più calda; da quando si rilevano le temperature (1800 ).

GIUGNO 2017:

-temperatura media 25,4 °, ovvero la massina mai raggiunta a livello nazionale.

+ 2,2°, rispetto alla media delle temperature, nel corso degli anni,  nel mese di giugno.

PRECIPITAZIONI (rispetto alla media):

-Marzo: – 40,3%

-Aprile: -52,3%

-Maggio: 51%

-Giugno (parziale): 52%

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Forse i problemi eocnomici che investiranno le grandi aziende agricole, potrebbero spingere a prendere seriamente in considerazione i problemi.

Accettando i suggerimenti della maggioranza degli scienziati seri che parlano di gravi rischi climatici per tutto il mondo.

D’altra parte è innegabile che i ghiacciai si stanno ritirando ad una allarmante velocità, anche sulle Alpi.

Come è innegabile che al Polo Nord, negli ultimi anni, transitano grandi navi che, anni fa, non avrebbero potuto passare a causa dei ghiacci persistenti anche in estate.