Archivi categoria: salviamo il pianeta

safe the planet, salviamo il pianeta, futuro, il nostro futuro,

LE BARRIERE CORALLINE RISCHIANO DI SPARIRE !

RIFLESSIONI SULLO STATO MONDIALE DELLE BARRIERE CORALLINE.

Quello che le agenzie di viaggio non vi dicono.

E’ con vero dolore che mi accingo a scrivere le mie personali  e recenti esperienze di viaggio su diverse barriere coralline e relativo inquinamento delle acque: dai Caraibi all’isola di Mauritius, alle Maldive, sino a Sry Lanka, Bali, Isole Gili e Lombok, comprese.

A differenza di quanto scritto, dallo stesso Corriere della Sera, le Isole Gili, ad esempio, non sono affatto da paragonare a quello che furono le Maldive 35 anni fa, quando il mare, anche a riva, era un solo immenso acquario.

Certamente per i sub, che vanno in profondità, non mancano grandi possibilità di soddisfazione anche oggi.

Rimane il dolore e la preoccupazione di una persona che è cresciuta leggendo i libri di Jaques Cousteau e facendo foto alla barriera corallina, soprattutto in apnea.

Come Cousteau aveva previsto, molte barriere coralline, in tutto il mondo, sono già quasi totalmente morte a causa di vari fattori.

-Inquinamento umano dovuto, in parte, semplicemente all’aumento della popolazione; anche turistica e acidificazione delle acque (porta alla dissoluzione dei gusci calcarei delle conchiglie di molluschi, echinodermi, alghe, coralli e plancton calcareo)

-Distruzione fisica dovuta al camminamento sopra la barriera, ancoraggio e passaggio delle barche.

-Distruzione totale dovuta alle sostanze chimiche utilizzate per ottenere, per esempio,  banane perfette senza macchie o marcescenza e parassiti;

queste sostanze, in Costa Rica, furono distribuite con gli aerei e causarono anche sterilità nel sesso maschile dei lavoratori.

Inoltre,  le stelle marine che divorano velocemente le madrepore, mentre queste ultime hanno una crescita lentissima, si stanno spaventosamente moltiplicando e crescendo di volume, non solo perché indifferenti all’inquinamento, ma addirittura in quanto ne traggono vantaggio; esattamente come aveva previsto Jaques Cousteau.

MARE STELLA MARINA VARIO JN

L’ultimo grande innalzamento della temperatura dell’acqua, nell’Oceano Indiano, a causa del fenomeno climatico chiamato El Niño ha lasciato tracce molto evidenti: i coralli, anche alle Maldive, sono morti sino a 17 metri di profondità.

Chi non ha mai visto una barriera corallina in ottima salute  si emoziona egualmente ammirando i pochi pesci colorati sopravvissuti e magari qualche chiazza colorata di madrepora ancora viva o appena rinata, ma vi assicuriamo che si tratta di scenografie completamente differenti.

Va detto, però, che negli ultimi tempi si registra un leggerissimo recupero, ma i tempi di crescita del corallo sono centenari; sempre nella speranza che i cambiamenti climatici non ci “regalino” altri passaggi del Niño per i prossimi anni.

Alcuni esempi di quello che abbiamo verificato personalmente negli ultimi 5-10 anni:

-le madrepore di superficie, che erano ancora vive all’isola di Tobago 21 anni fa, ora sono completamente morte e distrutte dal passaggio dei turisti e barche;

-anche nel Costa Rica abbiamo trovato abbondanza di inquinamento nelle acque; almeno nelle zone dove sorgono i centri turistici più noti della costa occidentale;

-nel parco protetto di Sharm, sul Mar Rosso, una breve apnea ha permesso di verificare che, pur continuando una notevole vita della barriera, la situazione attuale, che entusiasta tutti i turisti, è solo un pallido ricordo di quello che c’era quando la zona era sconosciuta al turismo;

-per onor del vero va precisato che in Egitto, in  generale, si può ancora ammirare una delle barriere più ricche che esistano sulla terra; ed è anche facilmente raggiungibile da riva;

alle Maldive, sino a 17 metri di profondità,  abbiamo trovato il corallo tutto grigio, con qualche pallido tentativo di ricrescita; parliamo sempre di madrepore in superficie;

-Sry Lanka, dopo 35 anni, ci è apparsa un’isola diversa; arricchita dal turismo, con intere colline di foresta vergine distrutte, prima dai venditori di legnami ormai rari e poi per far spazio ad un popolazione che cresce vertiginosamente a causa di una parvenza di benessere;

-sempre a Sry Lanka abbiamo constatato un visibile inquinamento delle acque nella parte sud ed est, anche se totalmente ignorato dalla maggioranza dei turisti assai distratti al riguardo;

non esistono impianti fognari, la popolazione cresce a dismisura insieme ai turisti, intanto il mare non riesce più a smaltire quanto prodotto dai  numerosi esseri umani presenti;

-a proposito di Sry Lanka non si può ignorare il grande inquinamento che ha investito e investe, da anni, tutta la costa occidentale

-al momento della nostra visita, era prevista un’enorme crescita di alberghi sulla zona dove si è abbattuto l’ultimo tsunami…alla faccia della sicurezza. I locali emigrati e arricchiti hanno acquistato quasi per nulla i terreni abbandonati dalle povere donne vedove che avevano visto mariti pescatori e figli morire a causa dell’onda di Tzunami e non volevano più rimanere sulla costa;

-comuni a moltissimi luoghi, ch efurono incontaminati, sono gli incendi quotidiani per smaltire i rifiuti e/o l’uso della plastica per ravvivare il fuoco dove la legna è bene prezioso e di faticoso e/o costoso reperimento;

le Maldive dispongono di un’intera isola di solo rifiuti che aversano nel mare ogni genere di prodotto introdotto dai facoltosi turisti, dalle pile esauste ai frigoriferi e apparecchi per aria condizionata rotti, computer e tutto il materiale di scarto dai lussuosi resort; torrentelli di liquidi putrescenti e assolutamente maleodoranti attraversano l’isola/pattumiera, situata di fronte alla  capitale Male;

-va precisato che il Governo Maldiviano dice di avere intenzione di prendere provvedimenti a breve da ormai 20 anni ; aspettiamo!

-alle famose isole Gili di Bali, non abbiamo trovato il paradiso acquatico che ci aspettavamo, l’isola più piccola e lontana che abbiamo visitato aveva le acque contaminate dal mercurio proveniente dalla vicina costa dalla quale per anni hanno estratto l’oro, scaricando enormi quantità di questo pericolosissimo minerale (usato nel processo dell’estrazione dell’oro) che vien assorbito dai pesci, mangiati dagli abitanti e quindi diventa un veleno per tutta la popolazione circostante.

-a Gili Travangan, paragonabile ormai a Ibiza, e sulle altre più tranquille isole, si vede ancora qualche tartaruga e pesce colorato, ma la barriera rimane grigia, almeno in superficie;

-la vicina isola di Lombok non è totalmente incontaminata come ci si aspetterebbe;

-noi abbiamo verificato acque non pulite anche sull’isola di Gili Nango, a sud ovest di Lombok;

FOTO DI COPERTINA DI Lill-Haugen- Sub e fotografa professionista.

RICICLARE – Non buttarlo riparalo – Un succeso in Europa – Sfida dei restailer

Riparano tutto – dai lettori MP3 ai frullatori

IFIXT la più grande comunità on line di riparatori del mondo

LA LORO GUIDA DI RIPARAZIONI GRATUITA: https://it.ifixit.com

In Francia e Germania una legge vieta l’obsolescenza programmata (obsolescenza programmata = dopo un tot di tempo l’oggetto non funziona più e va ricomprato).

In Italia la legge  è IMPANTANATA IN PARLAMENTO !!!

Per contrasto è tutto italiano il merito del Restart Project di Londra.

Le multinazionali non hanno alcun interesse a produrre oggetti riparabili, ma ora con la crisi economica e con la maggiore consapevolezza ecologica, un gruppo sempre più numeroso di persone ha deciso di spingere verso il riutilizzo di tutto quello che è possibile. Compreso l’acquisto indirizzato verso prodotti riparabili.

Aiutano la diffusione di questa filosofia i Restart Party  ed i Repair Cafè, ora diffusi in tutta Europa; meno in Italia !!

I Restarter point in ITALIA:

AOSTA

FIRENZE

LANGHE- ROERO

MILANO

TORINO

Obama a Milano – Fiera Milano Rho – Seeds&Chips – Tutta la settimana: Tutto Food Seeds&Chips Milano

Oggi eravamo presenti alla conferenza di Barak Obama a Seeds&Chips – Tutto Food Milano

Con

Tuttofood e Seed&Chips: Milano vuol diventare l’Hub dell’agro-rivoluzione globale

Alla fiera MILANO RHO:

Seeds and Chips con Ttutto Food è un’occasione unica per conoscere da vicino quanto, oggi, il mondo del cibo sia variegato, complesso, affascinante e internazionale.

Dalle produzioni di nicchia locali, una particolare attenzione meritano le aziende sopravvissute al recente terremoto del centro Italia, sino al pesce che proviene da pesca sostenibile, alle acque minerali più pure, ai consigli degli chef  degli show cooking.

::::::::

OGGI CONFERENZA DI OBAMA

Ecco cosa è emerso dal discorso di Obama durante la sua conferenza.

Quali sono i fatti più importanti per il futuro dell ‘uomo ?

Il 99% degli scienziati dicono che  il surriscaldamento globale sarebbe incontrovertibile.
Ma la velocità di riscaldamento è  contenibile con seri interventi ed il progresso velocissimo della scienza ci fa ben sperare.

I FATTI:

-oggi e previsto aumento di innalzamento di almeno un metro nei livelli degli oceani.

-le città più importanti sono costiere.

-pensiamo ai monsoni in India; oggi centinaia di milioni di persone si trovano di fronte a situazioni al limite della sopravvivenza; per non parlare della desertificazione che porta a canenza non solo di cibo, ma anche di acqua.

PER MIGLIORARE LA SITUAZIONE:

-per sopravvivere al meglio, noi dobbiamo mantenere nel range minimo tutti i parametri.

Se non ci impegnamo a controllare questi problemi, se non prendiamo provvedimenti, abbiamo davanti problemi anche irrisolvibili.

Ma la scienza sta facendo passi da gigante, oggi la produzione di energie alternative aumenta, e prossimamente si arriverà anche ad uno stoccaggio di energia; prodotta in modo alternativo.

È importante che USA, Europa, Cina, siano di esempio ai paesi in pieno sviluppo per cercare di risolvere il problema energetico.

È importantissima la sensibilizzazione ai problemi: quali sono i migliori cibi per evitare sprechi e sfruttamento ? Tutti devono porsi questo problema.

CONTRADDIZIONI

Contraddizione del secolo: paesi con eccesso di cibo e relative malattie e paesi che non hanno cibo a sufficienza.

Sappiamo che è possibile risolvere i problemi che ci aspettano. Le sfide partono dai cambiamenti climatici, gli USA affrontano terribili tempeste devastanti che distruggono case e aziende, questo è un buon motivo per darsi da fare nel contenere le produzioni di veleni.; dal cibo all’ energia.

Combattere malnutrizione e fame nel mondo.

Centinaia di milioni di persone oggi sono uscite dalla povertà con piccoli aiuti economico-solidali.

Non c’è niente che la scienza non possa fare.
Anche il cambiamento climatico si può invertire.

Non si può mai dire che è troppo tardi.

Per la prima volta in 30 anni, abbiamo invertito la crescita del numero di obesi negli USA.

OBAMA HA ANCHEE RICORDATO CHE: sta scrivendo il suo terzo libro e un’ istituzione, negli USA, per formare  una nuova classe di leader.

I giovani non sono ascoltati abbastanza.

Obama vuole creare una rete globale di giovani giornalisti e studiosi, imprenditori ecc..

HA DETTO OBAMA: “La cosa più bella che posso dare è aiutare i giovani di 20 25 anni ad arrivare più in alto a livello internazionale…

Tutto dipenderà dalle generazioni future…

Da giovane non sono sempre stato il migliore studente…

Quando sono andato a Chicago ho imparato che il buon leader e capace di dare potere ai sottoposti.

Ora Obama si impegna ad insegnare come acquisire leadership.

I politici possono guidare, ma il cambiamento verrà dalla gente da imprenditori illuminati da studiosi geniali…

La gente ha la  tendenza a dare la colpa ai politici, ma si hanno i politici che si meritano.

Ecologia e ricerca scientifica – Airbank – Dai frigoriferi usati la polvere assorbente ecologica

Assorbe l’olio anche in acqua, rendendola limpida e decontaminata al 95%

Economia circolare:

dai frigoriferi usati la polvere assorbente ecologica che rispetta l’ambiente.

Dal recupero del poliuretano dei frigoriferi, Airbank ha creato OKO-PUR,  l’assorbente ecologico per oli e benzine più utilizzato in Europa.

Per produrne 1 Kg si evita l’emissione di 250 kg di CO2 nell’atmosfera, risparmiando su energia e materie prime.

OKO-PUR fornisce un importante contributo nelle situazioni di inquinamento idrico: è studiato per assorbire oli, grassi, benzina, gasolio, vernici e prodotti chimici presenti sul suolo degli ambienti di lavoro ed è certificato come assorbente per sedi stradali trafficate.

Assorbe l’olio anche in acqua, rendendola limpida e decontaminata al 95%.

Recuperare RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) per ottenere un prodotto in grado di rispettare l’ambiente e assicurare l’assorbimento di oli, grassi, benzina, gasolio, vernici e prodotti chimici presenti sul suolo degli ambienti di lavoro.

È quanto fa Airbank, azienda emiliana leader in Italia nel settore della sicurezza ambientale, con OKO-PUR, l’assorbente ecologico per oli e idrocarburi più utilizzato in Europa, realizzato dal riciclo del poliuretano, materiale ricavato dalla parte isolante dei frigoriferi in rottamazione.

In media ogni frigorifero contiene 4 kg di poliuretano, che corrisponde a circa il 15% del materiale di cui è composto l’elettrodomestico. In questo modo, OKO-PUR è l’unico assorbente che ha anche un effetto positivo sul clima: per produrne 1 Kg si evita infatti l’emissione di 250 kg di CO2 nell’atmosfera, risparmiando su energia e materie prime e contribuendo a proteggere l’ambiente.

Studiato appositamente per l’assorbimento di oli, grassi, benzina, gasolio, vernici e prodotti chimici presenti sul suolo degli ambienti di lavoro, OKO-PUR è un prodotto di facile impiego, da utilizzare come comune segatura, ma con caratteristiche che lo rendono unico al mondo: è in grado di assorbire l’olio anche in acqua, rendendola limpida e decontaminata al 95% e formando grandi grumi che possono essere poi facilmente recuperati.

Disponibile sia in polvere che in granuli, OKO-PUR ha una capacità di assorbimento molto elevata, che va da 3,7 a 10 volte il proprio peso: con il contenuto di un sacco da 6,8 kg si assorbono 30/80 kg di liquidi.

Le possibilità di utilizzo del prodotto, inoltre, non si limitano agli ambienti di lavoro: OKO PUR può fornire un importante contributo nelle situazioni di inquinamento idrico confinato e in più è stato certificato come ottimo assorbente per sedi stradali trafficate.

“Idrorepellente, antiderapante, non produce fanghi e non solidifica, non assorbe l’acqua in caso di pioggia e ha un costo di smaltimento notevolmente ridotto:

OKO-PUR è un prodotto innovativo che esemplifica il concetto di economia circolare, pensa all’ambiente ed ha una serie di caratteristiche che lo rendono vantaggioso anche dal punto di vista economico”, sottolinea Gloria Mazzoni, presidente di Airbank.

Airbank
Airbank è l’azienda leader in Italia nel settore dell’antinquinamento e della sicurezza ambientale, ma soprattutto un’azienda a bassissimo impatto ambientale. Grazie al suo impianto fotovoltaico, infatti, è autonoma dal punto  di vista energetico.
Da sempre percorre le vie della ricerca, dell’innovazione tecnologica e della qualità con l’unico obiettivo di produrre articoli in grado di elevare gli standard qualitativi del lavoro dell’uomo. Tra i suoi clienti la Protezione Civile, Enel, Erg, Parmalat, Amsa e Trenitalia.

Maggiori informazioni sul sito istituzionale www.airbank.it

ECOLOGIA – Plastica riciclata come bitume – La scienza moderna lo permette, le leggi italiane sono in ritardo ….

UNA STRADA FATTA DI PALSTICA

In Cumbria (Contea inglese) la McRebur ( start-up ) realizza asfalto dall’immondizia della plastica.

La start-up MacRebur è di un ingenere scozzese, ed ha avviato la produzione di polimeri per asfalto.

Ora le strade si possono asfaltare usando le plastica riciclata (la plastica sostituisce gran parte del bitume richiesto per l’asfalto).

Il prof. Mario Malinconico, dell’Istituto per i polimeri e biomateriali del CNR di Napoli, parla, per l’Italia di “ impedimenti normativi “.

La complessità delle nostre leggi, fatte per la gioia degli avvocati AZZECCAGARBUGLI, l’ignoranza scientifica, l’incompetenza e la colpevole disattenzione, di chi deve prendere decisioni !!!, impedisce anche alle ottime idee e innovazioni di essere messe in pratica velocemente; come invece accade in Paesi più efficienti ( vedi paesi anglosassoni ).

Già in passato le leggi italiane impedirono al premio Nobel Carlo Rubbia di realizzare un’innovativo sitema di sfruttamento dell’energia solare; dopo l’attesa di un anno, andò in Spagna; accolto a braccia aperte (avevano modificato la legge con grande velocità per permettergli di lavorare sul suolo spagnolo).

In molti Paesi Europei, c’è più elasticità che in Italia; è così possibile rendere subito disponibile le novità tecnologiche o scientifiche.

Le imprese italiane sono terrorizzate di entrare in conflitto con la complessità delle norme statali e quindi preferiscono non innovare; continuare lo status quo, protegge da guai che possono danneggiare l’azienda, ma non porta al successo in un mondo tecnologico e globalizzato.

Barriera corallina – Cosa rimane ? E’ ancora viva ??

Foto di Lill-Haugen; donna fotografa sub grande professionista.

GUSCIO DI TARTARUGA; ARROSTITA DAGLI UOMINI… a Boa Vista.

LA STELLA MARINA CHE UCCIDE LA BARRIERA CORALLINA: QUESTA STELLA MARINA CRESCE PIU’  VELOCEMENTE CON LE ACQUE CALDE E INQUINATE
Qui c’era la barriera corallina, ma lo TZUNAMI l’ha spazzata via.

Digital Camera

PORT GALIB, Egitto, Mar Rosso, in superficie sopravvivono le Tridacne (i molluschi che possono raggiungere dimensioni impressionanti e usati come acquasantiere nelle chiese del Medioevo) e qualche madrepora rosa. Il resto delle madrepore è morto.
Mar Rosso, PORT GALIB (vicino a Mars Salam), qualche madrepora (rosa) sopravvive in superficie pe rla gioia dei nuotatori.
Barriera corallina morta senza colore, con qualche pesce sopravvissuto; ormai è così in tutto il mondo.

 

Gli splendidi panorami dellle zone dove la barriera corallina ancora vive sotto i 17 metri, ma è quasi oviunque morta in superficie.

Barriera corallina vista dal cielo; uno spettacolo meraviglioso.

ANCHE IL NATIONAL GEOGRAPHIC HA ANNUNCIATO UFFICIALMENTE LA MORTE DI GRANDE PARTE DELLE BARRIERE CORALLINE IN TUTTO IL MONDO

Immaginate un quadro vivente con chiazze di giallo e vicino uno squillante rosa che “confina” con un bellissimo tono di viola e poi verde smeraldo, blu cobalto … e via di seguito ….

Tra questi meravigliosi colori, formati da strutture rigide ( le madrepore con all’interno migliaia di piccolissimi polipetti ) ed altri mossi dall’acqua, ecco dispiegarsi una flotta di pesci bellissimi dalle forme più svariate. Anche qui i colori non mancano, anzi raggiungono splendide sfumature.

Coloratissimi i becchi dei pesci pappagalli, mentre il pesce “ scorpione” (Pterois Volitans) si pavoneggia con le sue grandi piume mosse dalla corrente marina e poi pois sulle pance dei pesci più belli e tante tante sfumature di ogni colore e dalla grafica dalla fantasia inesauribile … Tanto belle da non poterle raccontare; nessun filmato può trasmettere la gioia e il piacere di trovarsi circondati da tanta bellezza.

Quando la temperatura dell’acqua supera i 27°, le madrepore della barriera corallina (chiamate comunemente coralli) muoiono.

Purtroppo, in tutto il mondo questo accade da troppo tempo e il colore grigio (colore delle madrepore morte) regna sovrano; almeno in superficie.

Chi non ha visto la bellezza delle barriere completamente vive non se ne accorge e torna raccontando delle poche tartarughe avvistate (quando le vedono) e del colore dei pochi pesci e madrepore sopravvissuti.

Jaques Cousteau lo aveva previsto nel secolo scorso, i suoi libri furono letti da pochi appassionati e tutto proseguì come questo illustre oceanografo aveva previsto. Compresa l’indifferenza della maggioranza dell’umanità; occupata a raggiungere, non sempre una migliore qualità di vita, ma solo una ricchezza sufficiente solo per rendersi conto che si dovrà “ correre ” di più e lavorare di più, per raggiungere un risultato che apparirà sempre più lontano.

Oggi, purtroppo, la barriera corallina, in tutto il mondo subisce le devastanti conseguenze di riscaldamento e inquinamento globale; in superficie ormai rimangono ancora, in pochi luoghi, un 35% di madrepore (dette comunemente coralli) vive e colorate, il resto è GRIGIO !

SOPRAVVIVONO solo pochi dei numerosissimi pesci che abitano la barriera corallina; molti sono stati pescati e mangiati, i più belli e rari sono stati sterminati per venderli ai proprietari di acquari incapaci di tenerli vivi (molti sono morti nei viaggi di trasferimento).

Comunque noi che avevamo fotografato le barriere coralline di diversi oceani, quando erano ancora vive, non riusciamo a dimenticare, né a privarci della visione di quello che, comunque, ci appassiona ancora.

DURANTE L’ULTIMA VISITA ALLA BARRIERA CORALLINA DEL MAR ROSSO ABBIAMO SCRITTO QUANTO SEGUE:

Esequie alla barriera corallina

Cara barriera e cari pesciolini, tartarughe e dugonghi,

siete stati sempre i miei compagni preferiti, la tavolozza dei vostri colori e la vostra compagnia mi hanno rallegrato durante tutti gli anni più belli della mia vita.

Vi ho inseguito nei vari oceani e sempre vi ho trovato allegri e vivaci compagni delle mie nuotate.

Avevo letto sui libri del grande pioniere oceanografo Jaques Cousteau che la vostra vita era appesa ad un filo, quello della devastazione umana: inquinamento, uccisioni per diletto e per portarvi negli acquari dove una manutenzione di incapaci vi avrebbe presto ucciso; quando non morivate nel viaggio di trasferimento.

Purtroppo tutto si è avverato ancora più in fretta di quanto avevo potuto immaginare.

Oggi fate ancora la felicità di chi, non avendovi visto nel vostro splendore, si accontenta di qualche sprazzo di madrepora ancora viva e dei pochissimi pesci, tartarughe ed altri sopravvissuti, nel grigiore generale ( più facile vedere la barriera viva sotto i 17 metri, dove il calore superficiale non arriva ancora; gioia riservata ai sub ).

Io, ora semplice nuotatrice apneista, posso posso solo godere del ricordo di quel brulichio di vita che ho tanto ammirato.

Pace all’anima di tutti i morti immolati da un’umanità sempre più aggressiva e devastante.

E’ stato bellissimo passare ore in acqua guardando i gialli, i rossi, i viola, gli azzurri, i verdi e tutte le loro sfumature possibili.

Come un appassionato d’arte guarda un grande capolavoro dell’artista, io guardavo a voi come ad uno dei più gradi capolavori della natura; superiore, per me, ad ogni artista.

Che la pace sia con voi; amen !!!

P.S. Quest’anno, la corrente fredda dell’Oceano Pacifico, che avrebbe dovuto formarsi lungo le coste del Perù è caldissima … una temperatura assassina che si disperderà nell’oceano causando altri danni. Ma c’è ancora chi sostiene che il cambiamento climatico è solo una fissazione della mente malata degli ecologisti.

Ricordate che bastano pochi gradi per bloccare le correnti marine che ci danno la vita; se si bloccasse il giro di correnti dell’Atlantico, l’Europa sprofonderebbe in un clima glaciale …e non sono storielle di pessimisti.

 

OGGI MOLTI MUNICIPI E PRIVATI ABBASSERANNO LE LUCI – “M’illumino di meno”

“M’illumino di meno” è lo slogan, divulgato egregiamente dalla trasmissione radiofonica Caterpillar
Limitiamo l’uso inutile della luce

Giornata per il risparmio luminoso – Troppa luce danneggia la visione di stelle e pianeti nel cielo, a volte la luce viene lasciata inutilmente accesa; sprecando soldi e petrolio (che serve con carbone altro, per produrre energia elettrica)

Oggi chi vuole spegnerà le luci, o le abbasserà il più possibile, dalle 18 alle 19. hanno aderito numerosi comuni (che abbasseranno o spegneranno quanto possibile), ma è importante che anche il cittadino comune campanella l’utilità del progetto; fosse solo per educare figli e nipoti che erediteranno TUTTI I DANNI CHE NOI STIAMO COMMETTENDO CONTRO IL NOSTRO PIANETA: INQUINAMENTO DELLE ACQUE,, DELL’ARIA, DISTRUZIONE DELLE FORESTE ecc..

Semplici consigli:

1. spegnete le luci quando non servono
2. spegnete e non lasciate in stand by gli apparecchi elettronici
3. sbrinate sovente il frigorifero; pulire spesso la serpentina, perché la polvere riduce la sua efficienza e tenerla a una certa distanza dal muro in modo che possa circolare l’aria
4. mettete il coperchio sulle pentole quando si porta l’acqua a ebollizione; evitate che la fiamma sia più ampia del fondo della pentola perché di lato non scalda; fate bollire al minimo, tanto la temperatura di ebollizione non cambia
5. abbassate i termosifoni e non aprite le finestre se avete troppo caldo
6. riducete gli spifferi degli infissi riempiendoli di materiale che non lascia passare aria
7. utilizzate le tende per creare intercapedini davanti ai vetri, gli infissi, le porte esterne
8. non lasciate tende chiuse davanti ai termosifoni
9. inserite apposite pellicole isolanti e riflettenti tra i muri esterni e i termosifoni

Potete aumentante l’efficienza energetica con eletrodomestici di classe alta (A, A+ e A++) ed ecolampadine.

il 16 febbraio di un anno fa entrava in vigore il protocollo di Kyoto, un impegno importante finalizzato ad evitare il riscaldamento globale.

SALUTE – RENDIAMO L’ARIA PIU’ PULITA – Tutti possono basta impegnarsi per un futuro migliore per figli e nipoti

Oramai lo hanno capito tutti, anche i non ecoclogisti, che l’aria inquinata fa male, anzi malissimo;

-soprattutto a bambini ed anziani.

In moltissimi, negli ultimi anni, hanno smesso di fumare, ma i casi di cancro continuano ad aumentare in modo esponenziale; questa è la più gradiosa prova di quanto l’aria che respiriamo e quello che mangiamo determina molte delle malattie più diffuse.

Inutile ripetere che chi paga di più sono i più deboli:

-bambini

-anziani.

Basterebbe che tutti noi decidessimo, quando dobbiamo cambiare l’auto, di sceglierne una più eoclogica.

All’improvviso nelle strade i livelli di inquinamento si abbasserebbero e tutti godremmo di una migliore slaute !!!

Perché nessuno ci pensa ?

L’uso del metano al posto die carburanti tradizionali poterebbe ad una diminuzioen del 40% di anidride carbonica CO2.

Diminuzine del 94% di NANO PARTICELLE (che entrano direttamente nel sangue,  causando cancro e altre malattie pericolose; sono prodotte soprattuto dai diesel EURO3).

DIMINUZIONE DEL 95% DEL PM (particolato, causa di cancro).

I dati di cui sopra sono stati pubblicati da SNAM.

Ecologia – 31 esperti internazionali lanciano un appello – estinzione dei primati ?

31 esperti internazionali lanciano un appello per fronteggiare la crisi di estinzione dei primati

Uno studio pubblicato sulla rivista Science Advances racconta perché questi animali sono importanti per l’uomo. Tra gli autori due ricercatori del MUSE.

Scimpanzé, gorilla e oranghi hanno vissuto per centinaia di migliaia di anni nelle loro foreste, vivendo vite meravigliose, senza mai sovrappopolarle o distruggerle. Direi che, in un certo senso, sono stati molto più abili di noi specialmente rimanendo in armonia con il loro ambiente naturale”
Jane Goodall

È di nuova pubblicazione sulla rivista Science Advances, un articolo che porta la firma di 31 esperti di fama internazionale – tra cui Claudia Barelli e Francesco Rovero del MUSE di Trento – e che invita urgentemente a un’azione di tutela delle popolazioni mondiali di primati, in forte diminuzione.

Dati sempre più allarmanti, infatti, ci riferiscono che il 60% delle oltre 500 specie di primati conosciute oggi nel mondo sono a rischio di estinzione e che il 75% presenta, inoltre, un numero di popolazioni in forte riduzione. Tramite questo studio gli autori si appellano a funzionari governativi, ricercatori, organizzazioni internazionali, ONG, imprese e alla cittadinanza per mobilitare e sensibilizzare l’opinione pubblica riguardo alla situazione dei primati in tutto il mondo, ponendo l’accento sui costi della loro perdita per la salute dell’ecosistema, la cultura umana e la sopravvivenza stessa dell’uomo.

I primati non umani (lemuri, lorisidi, galagoni, tarsi, piccole e grandi scimmie) sono i nostri “parenti” più stretti, quelli a noi più vicini geneticamente, in grado di offrire spunti fondamentali per interpretare la nostra evoluzione, biologia, comportamento, ma anche il rischio sempre più consistente dell’aumento di nuove patologie in ambito sanitario.

I primati sono, inoltre, una componente importantissima per la tutela della diversità biologica tropicale.

Contribuiscono in primo luogo alla rigenerazione forestale, così come alla salute degli ecosistemi. Rivestono inoltre un ruolo importante in ambito sociale, basti pensare che trovano collocazione nella cultura e nella religione di molte etnie, così come fanno parte del loro sostentamento alimentare.

“La perdita di biodiversità – afferma Claudia Barelli, primatologa e ricercatrice del MUSE – è preoccupante a vari livelli. In primo luogo per la riduzione drastica del numero di individui. In secondo luogo, per lo stato di salute degli stessi, che risulta in parte compromesso, a causa dello sfruttamento non sostenibile delle risorse naturali da parte dell’uomo, che ha ripercussioni sulla loro dieta e quindi incide sul loro stato fisico.

Pertanto, le popolazioni di primati che vivono in habitat degradati – come ad esempio alcune delle foreste nei Monti Udzungwa in Tanzania dove il MUSE lavora da più di 10 anni – mettono a rischio la loro salute e quella di altri esseri viventi.

Questa situazione è il risultato dell’intenso impatto antropico e dello svolgimento di attività non sostenibili per l’ambiente e chi lo popola.

Esempi lampanti sono la perdita di foresta primaria, che avviene in risposta alle richieste del mercato globale, l’espansione delle agricolture industriali, degli allevamenti intensivi di bestiame, del taglio degli alberi, delle trivellazioni petrolifere, delle estrazioni, delle costruzioni di dighe e reti di nuove strade per l’estrazione delle risorse.

Tutto ciò avviene proprio nei paesi dove vive la stragrande maggioranza delle popolazioni di primati.

La crescita repentina di questa pressione anticipa solo scenari ben peggiori di quelli riscontrati fino ad ora, prevedendo un numero sempre maggiore di estinzioni nei prossimi 50 anni, a meno che non si adottino immediatamente misure di contenimento a livello globale, che sono ciò che i firmatari dello studio auspicano e che vanno dal miglioramento delle condizioni di salute degli abitanti delle zone coinvolte, all’accesso al sistema educativo, allo sviluppo di iniziative sostenibili dell’uso del suolo, con un’attenzione particolare alla tutela del sostentamento tradizionale.

Museo delle Scienze
Corso del Lavoro e della Scienza, 3
I – 38122 TRENTO (Italy)
www.muse.it

Como pericolo inquinamento ma vale per tutta la Pianura Padana … – INQUINAMENTO – PIU’ PERICOLOSO DELLE SIGARETTE !!!

Il 2017 inizia con i livelli record del Pm10; tre volte oltre i limiti di legge

In 25 giorni a gennaio, nove città lombarde, hanno già superato di ben 15 volte il limite giornaliero di 50 microgrammi per metro cubo (ma ricordiamo che quando il limite è a 49-45 ecc… microgrammi ... si tratta sempre di valori pericolosi per la salute).

Como  ha registrato 213 microgrammi !!!

Il quotidiano La Stampa, scrive che il superamento dei limiti di inquinamento nel 2012 ha causato morte prematura a 84.400 italiani (gli anni successivi non sono ancora contabilizzati .. ).

L’Unione europea, ha in corso due procedure di infrazione contro il nostro Paese, riguardanti i limiti di biossido di azoto (avviata nel 2015) e di Pm10 (in mora da anni). Se si arriverà alla Corte di Giustizia Ue, la condanna porterebbe a una multa che potrebbe arrivare ad un miliardo di euro

INQUINAMENTO DA TRAFFICO – RISCALDAMENTO – INDUSTRIA – SIGARETTE ???

E’ il traffico che fa ammalare, prima di tutto i bambini piccoli e gli anziani, e uccide con il cancro, ha il suo nemico peggiore nei Diesel euro 3, ma sopprimerli sarebbe IMPOPOLARE.

Come IMPOPOLARE sarebbe una decisione a livello regionale, vedi Regione Lombardia, che preferisce demandare ai sindaci che non vogliono farsi malvolere dai cittadini con misure drastiche …

SE TANTI HANNO SMESSO DI FUMARE

PERCHE’ IL CANCRO CONTINUA AD AUMENTARE ???

Lo avevamo scritto e riscritto; vedi i nostri articolo precedenti sull’argomento.

Finalmente, anche un allegato di un popolare quotidiano lo conferma con il titolo: “L’inquinamento uccide, più delle sigarette”.

-l’Organizzazione Mondiale per la Sanità sostiene che l’inquinamento abbia superato la sigaretta come pericolo per la salute.

-600.000 europei sono morti nel 2012 per esposizione ad agenti inquinanti !

-di cui: 482.000 per inquinamento ambientale

117.000 per inquinamento domestico.

-La Direttrice del Dipartimento di Salute Pubblica ed Ambinetale dell’ONU, Maria Neira, sostiene come i rischi dell’inquinamento siano, oggi, di  molto superiori di quanto si stimasse; soprattutto per ictus e ischemie  cardiache.

-Seguono, in ordine di importanza, disturbi ostruttivi cronici ai polmoni (11 %),

infezioni respiratorie acute nei bambini: 3%

morti da tumore: 6%.

—————————

-Un recente studio dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (Iarc), ha definito

sicuramente cancerogeno il cocktail di combustioni da traffico, riscaldamento degli edifici ed emissioni industriali.

A livello mondiale, invece, l’inquinamento più pericoloso risulta essere quello domestico:

-a causa dei combustibili solidi come legna  e carbone;

noi ci permettiamo di ricordare che anche

il nostro gas domestico non  CI DA  affatto UNA MANO… come recitava un cero slogan, almeno dal punto di vista dei veleni prodotti (non a caso la legge impone cappe aspiranti e fori per il ricambio dell’aria!!!).

Anche le allergie aumentano con l’inquinamento: secondo l’Anses, Agenzia di Sicurezza Sanitaria  e Alimentare Francese,

le persone che soffrono oggi di allergie sono  raddoppiate nell’ultimo ventennio !

-30% degli adulti

-7-20% nei bambini

Anche il riscaldamento globale, aumentando il periodo di impollinazione, prolunga i tempi di esposizione agli allergeni.

I media, sino ad oggi, ci hanno spiegato che

-la sigaretta è il male assoluto, senza parlare mai di quanto respiriamo semplicemente vivendo in città inquinate come Milano.

Da tempo gli scienziati hanno calcolato che una giornata a Milano vale, in termini di sostanze dannose all’organismo,

-come il fumo di 80 sigarette….!!

-nel 2012, gli scienziati hanno calcolato che 7 milioni di morti sono legati alle combustioni tossiche e allo smog (che fa aumentare anche le allergie soprattutto nei bambini) !!