Archivi categoria: per nostri bambini

salute dei bambini

Salute in casa – Allergie – Mal di testa – Dermatiti – Mal di gola ?

Avete la mania di disinfettare ogni angolo della vostra casa ?

Amate diffondere profumi insieme ai detergenti o, peggio, con spray o liquidi appositi ?

 Credete che questo sia un bene per la salute ?

La casa deve essere pulita, non disinfettata, non è una sala operatoria.

I bambini a contatto con un numero normale di germi sviluppano dei sani anticorpi.

Quasi tutti i prodotti che vi vendono per disinfettare – pulire e profumare la casa (peggio ancora per i vestiti; che tenete a contatto con la pelle !), CONTENGONO sostanze TOSSICHE !

Monossido di carbonio, biossido di azoto, idrocarburi policiclici aromatici, naftalene, composti clorurati … ecco cosa respiriamo a casa nostra, negli uffici e sulle scale del condominio …

La maggioranza degli italiani non è mai stata molto sensibile ai problemi dell’inquinamento, perlomeno e ne è interessata poco, mentre si lascia suggestionare da quello che gli viene detto nelle pubblicità martellanti … che hanno il solo scopo di vendere più prodotti; meglio se più costosi di quelli già in vendita.

Dietro ogni pavimento appena lavato con i prodotti più disinfettanti e profumati, c’è la diffusione di veleni nell’aria …

Anche l’uso di certi detersivi che garantiscono, da oltre mezzo secolo, di lavare più bianco del precedente prodotto …. non fa bene alla nostra pelle.

Ricordate che le case suggeriscono sempre un uso esagerato nei quantitativi, per vendere di più.

Ricordate che basterebbe aggiungere un poco di bicarbonato e il quantitativo del detersivo si può diminuire di molto.

Ricordate anche che le nuove lavatrici a risparmio d’ acqua, semplicemente sciacquano meno bene !!!

Il consiglio è quello di scegliere prodotti che dichiarano di non danneggiare l’ambiente, evitare di disinfettare qualunque cosa, in qualunque caso.

La verdura va lavata NON disinfettata; mettete un cucchiaio di bicarbonato nell’acqua di lavaggio e non porcherie chimiche !!

Il biberon, meglio di vetro, si può bollire, non immergere in velenose sostanze, pure molto care e che arrivano nell’intestino del piccolissimo bambino…

Informiamoci, leggiamo le etichette e pensiamo sempre che la pubblicità NON FA INFORMAZIONE, MA SEMPLICEMENTE USA OGNI MEZZO PER ASSOGGETTARCI ALLA SUA VOLONTA’ FACENDOCI SENTIRE IGNORANTI …

Dalla pubblicità non avremo MAI informazioni, ma solo suggerimenti, a volte anche prepotenti, che ci tolgono soldi dal portafoglio e possono anche fare molto male a noi e alla nostra famiglia; bambini per primi !

 

SALUTE GRAVE PERICOLO FTALATI PVC PER BAMBINI E ADULTI – REPORT lo ha spiegato con molti dettagli

SALUTE NUOVA PATOLOGIA OFTALMICA DANNI DA LUCE BLU

0Il “disturbo da luce blu” colpisce anche i bambini, in età prescolare e scolare.

La causa è l’uso continuo di dispositivi elettronici.

La sovraesposizione alla luce blu può dare origine a disturbi anche molto gravi:

-insonnia

-irritabilità

-cali di attenzione

-patologie gravi come:

-alterazioni qualitative e quantitative del film lacrimale

-fotofobia

-bruciore

-congiuntiviti croniche e ricorrenti

-cataratta precoce

-degenerazione maculare.

In commercio esistono occhiali speciali per questo tipo di luce e schermi protettivi per i computer

un aiuto importante può’ arrivare anche dalla dieta se ricca di antiossidanti ( frutta e verdura: carciofi, uva nera, mele, frutti rossi, peperoni, prugne, broccoli, cavolo rosso, pomodori, carote, patate dolci, zucca, melograno prezzemolo…spezie, cioccolato amaro…).ed in particolare di luteina ( la luteina è presente soprattutto nella verdura a foglie verdi, ma  è anche in vendita in farmacia).

Salute ed esami di medicina nucleare – Aiutare bambini e adulti ad affrontare gli esami di medicina nucleare

Questo materiale educativo non si rivolge solo ai lettori più giovani, ma può aiutare anche gli adulti con scarse conoscenze in materia a scoprire  i metodi e gli obiettivi della medicina nucleare

Modi innovativi per educare alla salute: cartoni animati divertenti per aiutare i bambini ad affrontare gli esami di medicina nucleare

 Gli esami di medicina nucleare sono motivo di stress per i pazienti, specialmente per i bambini.

Ora però sarà più facile per loro affrontare gli esami grazie all’aiuto di Sunny the Isotope, Tim the Tracer e Rob the Receptor. Questi personaggi da cartone animato sono opera di Ronald van Rheenen, specialista dell’Associazione Europea di Medicina Nucleare (EANM). Il progetto Educazione visiva da cui sono nati fornisce ai pazienti più giovani informazioni adattate alla loro età sugli esami di imaging. I bambini possono così capire con facilità e un pizzico di allegria e avventura le varie fasi della somministrazione degli esami.

Sottoporsi a un esame di medicina nucleare può creare forte disagio. Alcuni durano più di un’ora, durante la quale il paziente deve rimanere completamente immobile sul lettino da imaging, in quanto il minimo movimento potrebbe rendere inutili alla diagnosi le immagini realizzate. Per evitare questo rischio, a volte si richiede al paziente anche di non assumere cibo prima dell’esame. Tutto questo rappresenta un arduo sforzo per i bambini, oggetto di circa il 10% di tutti gli esami di medicina nucleare. I pazienti più giovani, inoltre, si sentono spesso intimiditi dall’ambiente anomalo e dalle grandi fotocamere di medicina nucleare, i cui rivelatori sono posti molto vicino al corpo, quando non addirittura sopra la testa. Questo potrebbe costituire un’ulteriore fonte di ansia per i più piccoli. I genitori non sempre sono in grado di rasserenare i figli, in quanto sono loro stessi in ansia per l’incognita dei risultati degli esami.

Alla ricerca di Rob the Receptor

Per alleviare questi timori e migliorare la precisione della diagnosi attraverso una più proficua collaborazione fra medici e giovani pazienti, il Dott. Ronald van Rheenen, specialista di medicina nucleare all’ospedale universitario di Groningen (Paesi Bassi), ha avviato il progetto no-profit Educazione visiva. I suoi “eroi” sono Sunny the Isotope e Tim the Tracer, personaggi da cartone animato che appaiono in tre diverse storie dove rappresentano rispettivamente la sostanza radioattiva e il tracciante, che insieme compongono il radiofarmaco somministrato per iniezione al paziente. Tim guida Sunny in un viaggio attraverso il corpo per raggiungere Rob the Receptor, l’organo target dove il radiofarmaco si accumula. Qui Sunny emana la sua “luce speciale”, che rappresenta la radiazione emessa, e permette al “Dottore delle foto” di scattare delle immagini delle aree malate.

Oltre a queste storie sulle metodiche diagnostiche, ne è stata realizzata un’altra che affronta la terapia medico- nucleare: Sunny e Tim sono stavolta in compagnia di Sam the Demolisher, che risolve il problema con le maniere forti.

È possibile vedere gratuitamente i cartoni su YouTube o acquistare i libri illustrati (per i link, vedi sotto). Il Dott. van Rheenen, che si dedica a queste attività educative nel tempo libero, collabora strettamente con il graphic designer Floris de Jonge, che ha dato vita ai personaggi e alle storie ideati dal Dott. van Rheenen. Insieme hanno realizzato altre tre storie, che trattano degli esami di imaging radiologico.

Favorire la trasmissione di conoscenze

Le storie avventurose, raccontate in modo semplice con l’aiuto di illustrazioni accattivanti, non solo aiutano a superare l’ansia, ma preparano anche fattivamente i bambini alla somministrazione dell’esame.

Questo materiale educativo non si rivolge solo ai lettori più giovani, ma può aiutare anche gli adulti con scarse conoscenze in materia a scoprire  i metodi e gli obiettivi della medicina nucleare. “La nostra idea di trasmettere informazioni sotto forma di storie visive nasce dal fatto che in gran parte le informazioni fornite per iscritto o a voce prima di somministrare i nostri esami o terapie non vengono, nel migliore dei casi, ricordate in modo corretto”, afferma il Dott. van Rheenen. Il progetto, avviato tre anni fa a Groningen come iniziativa locale, ha già visto un’ampia diffusione del suo materiale. È possibile infatti scoprire o vedere queste animazioni sui siti web dell’EANM, di diversi ospedali europei e di piattaforme di pazienti. Con il sostegno dell’EANM, il progetto è ora sul punto di svilupparsi come iniziativa globale. Attualmente sono in preparazione le versioni in tedesco, spagnolo, francese e cantonese, e il Dott. van Rheenen sta discutendo di ulteriori possibilità di diffusione con diverse società di medicina nucleare nazionali.

“È fondamentale adattare le spiegazioni alla capacità di comprensione dei bambini. Presentare la medicina nucleare pediatrica al paziente attraverso il progetto Educazione visiva e spiegare la metodologia con personaggi da cartone animato rappresenta un valido aiuto per superare timori e ansie e trasformare l’esame di medicina nucleare in un’esperienza più piacevole. Un migliore vissuto del paziente porta a una migliore collaborazione, che dà come esito esami di qualità tecnica più elevata e pertanto una maggiore precisione diagnostica”, dichiara il Dott. Zvi Bar-Sever, presidente del comitato pediatrico dell’EANM.

Photo-Download 1,5 MB

Sunny & Tim fanno parte di una grande squadra di personaggi da cartone animato, creati dal Dott. Ronald van Rheenen, specialista di medicina nucleare, e da Floris de Jonge, graphic designer

Per maggiori informazioni:

Sito web: www.sunnyandtim.com
Opuscolo informativo digitale: tinyurl.com/INVOLVED-EN
YouTube: www.youtube.com/c/sunnyandtim
Pagina Facebook: www.facebook.com/sunnyandtim
App Sunny & Tim: apps.appmachine.com/sunnytim

Che cos’è la medicina nucleare?

La medicina nucleare è una specialità medica che usa sostanze radioattive (radiofarmaci) per la diagnosi e il trattamento di specifiche malattie. Molti associano l’espressione “medicina nucleare” all’idea di pericolose radiazioni. Questi timori sono infondati. Le dosi di radiazioni a cui è esposto il paziente sono così basse secondo l’EANM (European Association of Nuclear Medicine) che non mettono in discussione i vantaggi delle possibilità diagnostiche e terapeutiche della medicina nucleare.

www.whatisnuclearmedicine.com
www.facebook.com/officialEANM

Salute – Gengive sanguinanti e speculazione pubblicitaria –

Secondo la pubblicità basta un dentifricio per risolvere quello che nello spot sembra un problema gravissimo che potrebbe portare a conseguenze pericolose …

Certo che ogni piccolo problema, se trascurato, o in certi casi può diventare anche qualcosa di grave, ma acquistare un certo dentifricio se sanguinano le gengive, non è la soluzione più intelligente, né la più saggia, né economica. 

Una alimentazione sana ed equilibrata (non carente di vitamina A e C; nel caso di sanguinamento dei denti), assieme ad una PERFETTA E SERIA pulizia dei denti eseguita con un buon spazzolino, risolve ogni piccolo, occasionale, sanguinamento di gengive.

Cominciamo dalle vitamine

La vitamina A, si trova nel tuorlo dell’uovo (cibo demonizzato, ingiustamente, dalla moderna alimentazione; meglio acquistare uova bio e ricodare che ogni cibo pronto che mangiate contiene più colesterolo di un uovo. Anche la pizza, cucinata con mozzarelle scadenti e condita con olio molto economico, contiene  grassi dannosi alla salute più del colesterolo di un tuorlo).

Viatamina A anche in: fegato,  olio di fegato di merluzzo, latte intero, burro, uova, carote, pomodori, verdure a foglia verde (spinaci, verza, cavoli, broccoli, bieta ecc…), frutta gialla e arancione.

Meglio sempre assumere vitamine dall’alimentazione, le pastiglie di vitamine pare non possano sempre dare il medesimo risultato.

Ovviamente se il problema persiste e si dimostra grave, allora andate dal dentista.

Molte volte le gengive sanguinano perché non si alvano bene i denti.

Bloccare la naturale perdita di sangue in modo innaturale non è la soluzione al problema.

Ma non regalate i vostri soldi ad una pubblicità che sembra fatta per persone che si lasciano facilmente INCANTARE DALLE PAROLE, DAI TONI DI VOCE, DALLA SCENOGRAFIA ecc…

Salute – UROLOGIA: CALCOLOSI – CURA AL POLICLINICO SAN DONATO ANCHE PER BAMBINI

“cibo spazzatura” un pericolo !

La calcolosi pediatrica si presenta in bambini anche piccolissimi …

LA CURA AL POLICLINICO SAN DONATO È ANCHE PER I BAMBINI

L’Urologia, diretta dal Professor Luca Carmignani, offre un servizio per il trattamento di questa rara ma sempre più rilevante patologia pediatrica

La calcolosi pediatrica, endemica in Paesi come la Turchia, il Pakistan, l’India e altre aree meridionali dell’Asia, a causa di problemi diffusi come la scarsità di acqua e la malnutrizione, si può considerare ancora rara nel mondo occidentale, dove è però in progressivo aumento.

Pericolo: “cibo spazzatura”

Una delle concause risiede nel sempre più diffuso consumo di “cibo spazzatura” e nel conseguente incremento di disturbi metabolici che colpiscono i bambini sin dalla prima infanzia.

In alcuni casi la calcolosi pediatrica può essere anche correlata a una malattia genetica chiamata cistinuria, caratterizzata dall’accumulo di calcoli di cistina (un particolare aminoacido) nel rene, nell’uretere o nella vescica

Il dottor Pietro Acquati, da poche settimane entrato a fare parte dell’équipe di Urologia, vanta una solida esperienza nel trattamento della calcolosi urinaria, con particolare attenzione all’ambito prettamente pediatrico.

“Il nostro team conta su un approccio multidisciplinare, tecniche chirurgiche avanzate e mininvasive, stretta sinergia con gli esperti anestesisti rianimatori della divisione di cardiochirurgia pediatrica: queste le solide basi, insieme alla nuova professionalità del dottor Aquati, ci permettono di porci come centro di riferimento per la cura della calcolosi, specialmente guardando ai bambini.” – ha commentato il professor Luca Carmignani, direttore dell’Unità di Urologia dell’IRCCS Policlinico San Donato.

Febbre, perdita di appetito, mancato aumento di peso, urine torbide e maleodoranti, coliche renali ricorrenti sono i sintomi con cui la calcolosi pediatrica si presenta in bambini anche piccolissimi e nei neonati: non sempre, però, viene riconosciuta ed è per questo che una diagnosi accurata da parte di un urologo specializzato diventa fondamentale per trattarla e inquadrarla correttamente.

Di importanza strategica è il ruolo di supporto di altri specialisti, dal pediatra all’endocrinologo, per identificare con la massima precisione le cause del problema e seguire al meglio il paziente durante tutto il trattamento.

“La tecnica chirurgica più indicata per la cura della calcolosi pediatrica è rappresentata da un intervento endoscopico definito con l’acronimo anglosassone “RIR” (litotrissia retrograda intrarenale). É effettuata con strumenti mininvasivi e flessibili digitali, che, grazie all’ausilio di fibre laser dello spessore di un capello, polverizzano i calcoli mediante l’erogazione di energia pulsata (Holmium laser) – commenta il dottor Pietro Acquati –

Questa tecnica si sta imponendo come valida alternativa alla tradizionale litotrissia percutanea, molto più invasiva in quanto prevede l’accesso di strumenti direttamente nel rene”.

L’intervento si effettua in anestesia generale, ma al Policlinico San Donato la divisione di Urologia può contare sul supporto e la consolidata esperienza del team di anestesisti rianimatori che già da tempo opera nella struttura occupandosi dei pazienti pediatrici del reparto di Cardiochirurgia, primo in Italia per volume di attività.

“Il nostro obiettivo, oggi – commenta il Professor Luca Carmignani – è diventare a nostra volta un punto di riferimento per i piccoli pazienti affetti da calcolosi e per le loro famiglie, puntando su un approccio diagnostico e terapeutico accurato e corretto, spazi dedicati, approccio multidisciplinare, tempi di attesa brevi, strumenti chirurgici all’avanguardia e alta qualità nel trattamento. Puntiamo inoltre a “fare rete” con altri ospedali nazionali, collaborando con loro così che si possano sviluppare in modo capillare le competenze legate a questa patologia, ancora rara ma in crescita”.

IRCCS Policlinico San Donato
L’IRCCS Policlinico San Donato è l’ospedale capofila del Gruppo Ospedaliero San Donato.

Conosciuto come “l’Ospedale del Cuore” è il primo centro di cardiochirurgia in Italia per numero e complessità degli interventi ed è un centro di riferimento a livello internazionale per le patologie cardiache congenite dell’adulto e del bambino.

Unico ospedale italiano a vantare l’affiliazione di quattro cardiochirurghi presso l’American Association for Thoracic Surgery, nel 2015 il Policlinico San Donato ha superato il numero eccezionale di 20.000 pazienti trattati con by-pass per patologie ischemiche.

Riconosciuto dal Ministro della Salute come Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) per lo studio e la cura delle “Malattie del cuore e dei grandi vasi nell’adulto e nel bambino”, è un ospedale polispecialistco accreditato con il Servizio Sanitario Nazionale e un polo didattico della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Milano.

Per informazioni

POLICLINICO SAN DONATO

Piazza Edmondo Malan, 1, 20097 San Donato Milanese MI
Telefono:02 527741

 info.psd@grupposandonato.it

Salute occhi – OCCHIO SECCO E MENOPAUSA – Inquinamento da PM10 e salute anche dei bambini

OCCHIO SECCO E MENOPAUSA

PERICOLO INQUINANTI PER LA NOSTRA SALUTE E QUELLA DEI BAMBINI

La letteratura scientifica mostra una correlazione tra ormoni sessuali e organo della vista; l’effetto degli ormoni sessuali si manifesta a molteplici livelli, che interessano in senso quantitativo e qualitativo la secrezione lacrimale, i processi accomodativi di messa a fuoco delle immagini, la pressione dell’occhio, la formazione della cataratta.

Nella società moderna le modificazioni a carico del film lacrimale e della superficie oculare sono statisticamente in forte aumento, tuttavia i sintomi nella donna possono comparire anche anni prima in seguito alle modifiche ormonali pre o menopausali.

D’altra parte basti pensare che le attuali generazioni femminili hanno in media uno sviluppo ormonale molto anticipato, intorno ai 12- 13 anni, rispetto a solo una decina di anni fa: dal momento che la vita ormonale ha comunque, in termini temporali, un limite, significa che queste ragazze si avvicineranno all’età menopausale verso i 45-48 anni, con conseguenze disidratative che coinvolgono vari distretti, fra cui anche quello oculare.

Il benessere dell’organo della vista è strettamente correlato al tasso ematico degli estrogeni, ma questo dato lo si è solo scoperto solo recentemente, poiché i ginecologi non si occupano di occhi, e gli oculisti non si interessano, in genere, dei problemi ormonali delle loro pazienti.

Già dal periodo pre-menopausale e  dopo la classica  menopausa, ben  il 45% delle donne si lamenta di avere sintomi  come l'”occhio arrossato”, la difficoltà di messa a fuoco, fenomeni di transitorio offuscamento visivo, la sensazione di “occhio secco”, riduzione della tolleranza alle lenti a contatto: si tratta di sintomi talmente comuni e persistenti  da essere stati classificate con il nome di “discomfort syndrome”, che sta ad indicare l’aspetto cronico di un persistente fastidio e disagio oculare.

Il film lacrimale rappresenta una specie di barriera liquida e dinamica, che nutre e protegge la superficie dell’organo della vista dalla polvere, dal vento, dalla disidratazione, dai mille fattori esterni che possono creare problemi.

Le variazioni ormonali legate al periodo menopausale possono facilitare l’insorgenza di cataratta, del glaucoma e delle degenerazioni maculari anche in età precoce, e rendere clinicamente evidenziabili patologie su base immunologia come alcune infiammazioni della tiroide o tiroiditi autoimmuni.

OCCHIO SECCO E INQUINAMENTO
L’inquinamento atmosferico è l’alterazione delle condizioni naturali dell’aria, dovuta alle emissioni dei gas di scarico di autoveicoli, caldaie, centrali elettriche, fabbriche, impianti di incenerimento.

Contaminanti gassosi importanti sono: il monossido di carbonio, il benzopirene e il benzene, sospetti cancerogeni; l’ozono e l’anidride solforosa che hanno effetti a carico del sistema respiratorio come bronchiti, tracheiti, spasmi bronchiali; l’ossido di azoto che causa infiammazione acuta delle mucose respiratorie e dell’occhio e può contribuire all’insorgenza dell’occhio secco.

Tra gli inquinanti particolati il Pm10 (derivante soprattutto dai diesel euro3 che circolano nelle nostre strade), che è un aerosol di piccole particelle solide, è uno degli inquinanti più pericolosi per l’uomo e più diffusi nelle città; uno studio realizzato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stimato che nei grandi centri italiani, quando ci sono concentrazioni superiori ai 20 nanogrammi per m3, muoiono oltre 8 mila persone ogni anno.

Il Pm10 è inoltre responsabile di problemi oculari come occhio secco e congiuntivite.

Secondo uno studio pubblicato sul British Journal, a causa dell’inquinamento, il 42% dei bambini abitanti in città con alto livello di polveri sottili soffre di rossore e prurito oculare, ammiccamento, dolori agli occhi, anomalie della lacrimazione e secrezione oculari (colpevole anche l’uso indiscriminato di piccoli schermi come il telefonino, ma anche computer ecc…).

Milano e Roma sono le città italiane più colpite dallo smog.

I telerilevamenti da satellite mostrano come l’inquinamento nella pianura padana sia il più grave di tutta Europa.

Screening eseguiti nelle città di New York e Chicago hanno riportato una proporzione 4 volte maggiore di pazienti affetti da secchezza oculare rispetto a zone con minor tasso di inquinamento dell’aria.

L’IMPORTANZA DELLE PIANTE IN CASA

Un dato interessante per contrastare l’inquinamento nelle nostre case in città viene dal dipartimento di scienze ambientali dell’Università di Parma, dove hanno testato una settantina di specie di piante da appartamento e stanno preparando un database sulle capacità anti-smog della natura.

Foglie e fusti sarebbero predisposti ad assumere sostanze nell’aria e in alcuni casi a modificarle e disintossicarle.

SALUTE BAMBINI – Pericoli per gli occhi con tablet – telefonini – pc

Tablet – telefonini – computer … portano alla miopia e a molte altre spiacevoli conseguenze

I bambini che non hanno manifestato alcun tipo di disturbo sono stati quelli che passavano molto più tempo impegnati in attività all’aria aperta anziché davanti al cellulare.

BAMBINI IN PERICOLO DI OCCHIO SECCO

Un bambino su cinque in Italia prende contatto con cellulari e tablet nel primo anno di vita.

Fra 3 e 5 anni di età, l’80% è in grado di usare il telefonino di mamma e papà.

Questi i dati in sintesi di un grande studio realizzato dal Centro per la Salute del Bambino di Trieste in collaborazione delI’Associazione culturale Pediatri.

Un’altra grande indagine realizzata fra gli adolescenti dal “Net Children Go Mobile” dell’Università Cattolica di Milano, ha dimostrato che oltre il 50% tiene il cellulare acceso giorno e notte; e già a 9-10 anni il 26% ha un proprio computer portatile, l’11% uno smartphone e il 4% un tablet personale.

Sono dati preoccupanti dal punto di vista medico: e infatti l’American Academy of Pediatrics ha lanciato subito un allarme: l’uso prolungato e indifferenziato di smartphone o tablet può causare l’insorgenza della sindrome dell’occhio secco nei bambini.

La sindrome dell’occhio secco (www.centroitalianoocchiosecco.it) è un disturbo oculare piuttosto frequente, che può comportare arrossamento, prurito, bruciore o sensazione di corpo estraneo nell’occhio di chi ne è affetto.

La secchezza oculare è dovuta ad una insufficiente produzione di liquido lacrimale o ad una eccessiva evaporazione di esso, e può avere origini congenite, involutive (cioè legate all’invecchiamento) oppure acquisite.

Oltre che negli adulti le nuove tecnologie digitali quando vengono utilizzate con frequenza e quotidianità stanno assumendo un ruolo sempre più importante tra i fattori scatenanti della sindrome dell’occhio secco.

L’ultimo studio in merito è stato effettuato dal College of Medicine del Chung Ang University Hospital di Seul e pubblicato su Bmc Ophtalmology.

Fra i bambini presi in esame, il 10% quelli che vivono in città ed utilizzano assiduamente strumenti come lo smartphone hanno presentato i sintomi della sindrome dell’occhio secco.

Gli stessi sintomi sono stati riscontrati solo nel 2,8% dei bambini che vivono in zone più rurali.

I bambini che non hanno manifestato alcun tipo di disturbo sono stati quelli che passavano molto più tempo impegnati in attività all’aria aperta anziché davanti al cellulare.

L’utilizzo prolungato di smartphone, tablet, computer o TV può causare l’insorgenza della sindrome dell’occhio secco in quanto durante queste attività i nostri occhi, e quelli dei più piccoli, tendono a sbattere le palpebre molto meno frequentemente del normale, generando un’eccessiva evaporazione ed una ridotta produzione del liquido lacrimale.

Secondo studi adeguati si è dimostrato che l’occhio normalmente sbatte le palpebre quindici volte al minuto, ma se sottoposto a una visione prolungata con le nuove tecnologie digitali l’occhio sbatte la metà delle volte necessarie.


L’occhio, inoltre, tende a stancarsi a causa del continuo sforzo accomodativo a cui viene sottoposto, dovuto alla distanza troppo ravvicinata a cui vengono tenuti questi device.

La soluzione per i più piccoli c’è ed è molto semplice: 

limitare l’uso di questi strumenti ad un massimo di mezz’ora al giorno e preferire ad essi attività ricreative alternative e più stimolanti, possibilmente all’aperto.

Insegnate ai bambini di fare comunque pause regolari nell’uso di questi dispositivi.


Vale la regola suggerita dalla Società di Oftalmologia americana del “20-20-20”: cioè ogni 20 minuti di uso di PC o Tablet fare una pausa di 20 secondi e focalizzare lo sguardo su un punto a 20 piedi (circa sei metri) di distanza.

Salute occhi e tecnologie – Visite gratuite realizzate da medici specialisti – CAMPAGNA NAZIONALE PREVENZIONE DELLA SINDROME DELL’OCCHIO SECCO


Dal lunedì 3 aprile a venerdì 7.

In collaborazione con la Clinica Oculistica dell’Università dell’Insubria di Varese e con il patrocinio del Comune di Milano, dell’Azienda Socio Sanitaria Territoriale Sette Laghi della Regione Lombardia, della Società Oftalmologica Italiana (SOI), il Centro Italiano Occhio Secco (CIOS) promuove la Campagna nazionale di Prevenzione e delle Cura della Sindrome dell’occhio Secco. All’iniziativa hanno aderito Centri ospedalieri di eccellenza di Catania, Napoli, Roma, Milano e Varese.

La campagna promuove visite gratuite realizzate da medici specialisti, mirate a individuare e curare questa patologia nei soggetti interessati.

Le visite si rivolgono a tutti coloro che sospettano una secchezza oculare o che già ne soffrono e desiderano una visita di approfondimento.

Ecco i dettagli della Campagna

Quando
Dal lunedì 3 aprile a venerdì 7.

Dove
Le visite si potranno effettuare presso le seguenti strutture:
Centro Italiano Occhio Secco – piazza della Repubblica 21 – 20124 –

Milano
Tel: 02 63611970 Email: info@centroitalianoocchiosecco.it
Ambulatorio per le patologie corneali dell’ospedale Oftalmico Roma
 via Cipro 3 – 00136 – Roma
Tel: 06 68351 Email dip.oculistica@aslroma1.it
La Clinica oculistica dell’Università dell’Insubria – Ospedale di Circolo, Fondazione Macchi – Viale Borri 57 – 21100 – Varese 
Tel: 0332 260270 Email claudio.azzolini@uninsubria.it
Unità Operativa di Oculistica Clinica Mediterranea di Napoli
Via Orazio, 2 –  80122 – Napoli
Tel: 081 7611251 – 081 7259206 Email studio.orfeo@alice.it
ARNAS Garibaldi Nesima – UOC di Oculistica
Via Palermo 636 – 95122 – Catania
Tel: 095 7595660 Email e.gallo@ao-garibaldi.ct.it

Come
Le visite gratuite si effettuano solo su appuntamento. Contatta il centro oculistico più vicino a casa tua direttamente dal sito www.centroitalianoocchiosecco.it .

Prima della visita:
Se si usano lenti a contatto, toglierle almeno 24 ore prima
Non truccarsi il giorno della visita
Portare con sé eventuali esami di laboratorio recenti, l’elenco dei farmaci attualmente in uso e delle terapie già praticate sia oculari che generali.

A seconda del caso specifico, saranno svolti tutti gli esami ritenuti necessari da parte del medico al fine di valutare la gravità della patologia e indicare la terapia più efficace.

SALUTE – Occhi danneggiati da tablet e smartphone – Campagna prevenzione occhio secco

Dal 3 aprile 2017

Grande campagna di Prevenzione e Cura dell’Occhio Secco

L’occhio secco in Italia colpisce il 90% delle donne in menopausa e il 25% della popolazione over 50.

Fra le cause acquisite dell’occhio secco, sta assumendo un ruolo sempre più importante, soprattutto fra adolescenti e bambini, l’utilizzo troppo assiduo di smartphone, tablete computer.

Sotto accusa l’uso di tablet e smartphone

il Centro Italiano Occhio Secco (CIOS) promuove dal 3 aprile la campagna della Prevenzione e della Cura della Sindrome dell’Occhio Secco (www.centroitalianoocchiosecco.it) una patologia che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha recentemente definito “tra i più ignorati e sottovalutati disturbi della società moderna”.

La campagna nazionale di screening gratuiti promossa dal CIOS, la prima struttura completamente dedicata alla cura di questa patologia, è sostenuta e promossa anche da altri centri di eccellenza di Catania, Napoli, Roma, Varese.

Al riguardo si terrà una apposita conferenza stampa alla quale parteciperanno:

Dr Lucio Buratto – Direttore Scientifico del Centro Ambrosiano Oftalmico

Dr. Giuseppe di Meglio – CIOS- Centro Italiano Occhio Secco

Prof. Vincenzo Orfeo – Direttore Clinica oculistica Mediterranea Napoli

Dr.sa Alessandra Balestrazzi –Responsabile patologie corneali Oftalmico di Roma

Con il patrocinio della Società Oftalmologica Italiana (SOI), del Comune di Milano, dell’Azienda Socio Sanitaria Territoriale (ASST) Sette Laghi della Regione Lombardia, dell’Università degli Studi dell’Insubria,

INFERTILITA’ MASCHILE – BAMBINI DESTINATI AD AVERE PROBLEMI ORMONALI – I COLPEVOLI SONO ….

INFERTILITA’ MASCHILE UN PROBLEMA DILAGANTE 

I COLPEVOLI SONO LE SOSTANZE CHE UTILIZZIAMO QUOTIDIANAMENTE

L’Italia è uno dei paesi meno sensibili a questo argomento; rispetto ad altre nazioni europee.
NELL’UOMO CI SONO GIA’ MODIFICAZIONI ANTROPOMORFE; SI VA VERSO UNA FEMMINILIZZAZIONE DELL’UMANITA’

LA CAUSA SONO LE SOSTANZE CHIMICHE PERICOLOSE, MA NON RICONOSCIUTE COME TALI DALLA LEGGE, CHE NON CALCOLA GLI EFFETTI GRAVI DOVUTI ALL’USO CONTEMPORANEO DI MOLTE SOSTANZE CHIMICHE

Da un servizio di Presadiretta Rai 3, sabato 18 marzo 2017

I bambini prima di nascere hanno già definito molto delle loro future caratteristiche riproduttive.

I genitori non capiscono quanti veleni mettono nel corpo del figlio e nel loro, con saponi, dentifrici, shampoo, detergenti per bucato, pellicole trasparenti, carte da forno, cartoni per trasportare la pizza ecc…

Le mamme trasmettono al bambino, prima che nasca, elementi molto dannosi che cambiano la messaggistica ormonale come bisfenolo, ftalati ecc… TUTTE SOSTANZE PERICOLOSE, MA L’EUROPA NON RIESCE A LEGIFERARE PERCHE’ NON ESISTE ANCORA UN ELENCO DI SOSTANZE PERICOLOSE (nessuna legge europea regola i prodotti e i pericoli di interazione nell’uso di tanti prodotti chimici pericolosi)

Donne gravide che assumono dosi consistenti di antidolorifici come il paracetamolo, rischiano di far nascere figli con problemi ormonali e di fertilità ecc…

Si assumono sostanze pericolose anche tramite scarpe e pantaloni colorati con coloranti non sani.

Il Bisfenolo A si trova anche nei sigillanti dentali per i bambini (per evitare la carie)
Anche le scatole per alimenti (tonno in scatola, sughi, pelati ecc…) all’interno hanno una pellicola fatta di bisfenolo A, MOLTO PERICOLOSO.

La legge italiana, a differenza della Francia, non considera il bisfenolo A pericoloso.

FLUORURATI: carta da forno, pacchetti di pop corn, cartone per trasportare la pizza, ecc… contengono PFC che danneggia e compromette il DNA e la qualità dello sperma negli uomini.

DERIVATI DEL PETROLIO SONO CONTENUTI NELLE CAPSULE DEL CAFFE’ … quelle non costruite con derivati dal petrolio costano di più … a concentrazioni diverse tutte le capsule in vendita in Italia per caffè contengono Ftalati.

Le donne che hanno alte concentrazioni di sostanze nominate sopra hanno avuto più aborti rispetto alla media.