Archivi categoria: salute dopo i 50 anni

Salute è nella flora intestinale – cosa è la flora intestinale ?

BASTEREBBE CONSUMARE ALMENO 20 ALIMENTI (SALUTARI) DIVERSI PER SETTIMANA, QUALCHE VOLTA SALTARE IL PASTO E IL NOSTRO ORGANISMO SAREBBE PIÙ SANO.

Quanto più la nostra flora intestinale è varia e ricca, tanto più godiamo di buona salute e metabolizziamo (ovvero bruciamo) le calorie che ingeriamo con il cibo (ovvero rimaniamo in forma, senza ingrassare).

Dopo molti anni di ricerca sulle diete, Tim Spector, docente di epidemiologia al King’s College di Londra e con 500 studi scientifici pubblicati, è giunto alla conclusione di cui sopra.

E’ noto come  i francesi abbiano una dieta a base di vino, formaggi, salse e carni grasse; vedi anatra, oca  ecc.. , nonostante questo hanno meno malattie cardiache rispetto agli inglesi ed una vita media più alta di quattro anni rispetto agli americani.

PERCHÉ ?

Secondo il prof. Spector tutto si spiega con i microbi contenuti nei formaggi, nello yogurt e nel vino.

Più la produzione di questi cibi è artigianale più vario e alto è il numero dei batteri che nello stomaco e nell’intestino favoriscono una sana assimilazione del cibo.

Anche la dieta mediterranea è ricca di batteri; ma solo se i prodotti sono genuini; l’olio extra vergine deve esserlo veramente e non solo sull’ eltichetta ecc..  ( a questo proposito vedi al link: http://www.donnecultura.eu/?p=8439 ).

I polifenoli, contenuti nell’olio extravergine anche di arachidi (purché di sole arachidi si tratti veramente e non solo perchè scritto in etichetta !! ), ma anche nella frutta  e verdura, sono ricchi di batteri.

Per batteri intendiamo quelli buoni, quelli che aiutano a mantenerci in salute e non i batteri dannosi.

COSA UCCIDE I BATTERI BUONI ?

 Gli alimenti industriali , l’eccesso di zuccheri, le bibite come la Coca Cola, i thè preconfezionati pieni di zuccheri …  tutti i cibi pronti … gelati, biscotti anche artigianali; perché quasi sempre contengono molti ingredienti eguali e quelli industriali (costano molto meno).

COSA AIUTA I BATTERI BUONI ?

Correre, camminare, muoversi, anche fare le pulizie di casa, le scale invece dell’ascensore… tutto il movimento fisico aiuta la produzione di batteri buoni che producono il butirrato, un acido grasso che aiuta a mantenere in forma il nostro sistema immunitario.

LA RICERCA DEL PROF. SPECTOR HA EVIDENZIATO UNA CONTINUA DIMINUZIONE DI VARIETA’ MICROBIOTICA (batteri), NEGLI ULTIMI DECENNI.

QUALI SONO GLI EFFETTI DELLA DIMINUZIONE DELLA VARIETA’ DI BATTERI PRESENTI NEL NOSTRO ORGANISMO ?

L’EPIDEMIA DI ALLERGIE CHE È IN ATTO è una delle tante evidenze di cosa vuol dire avere meno varietà di batteri a disposizione.

Malattie autoimmuni, diabete, obesità …

E PENSARE CHE BASTEREBBE CONSUMARE ALMENO 20 ALIMENTI (SALUTARI) DIVERSI IN OGNI SETTIMANA, QUALCHE VOLTA SALTARE IL PASTO E IL NOSTRO ORGANISMO SARÀ PIÙ SANO !

SALUTE NUOVA PATOLOGIA OFTALMICA DANNI DA LUCE BLU

0Il “disturbo da luce blu” colpisce anche i bambini, in età prescolare e scolare.

La causa è l’uso continuo di dispositivi elettronici.

La sovraesposizione alla luce blu può dare origine a disturbi anche molto gravi:

-insonnia

-irritabilità

-cali di attenzione

-patologie gravi come:

-alterazioni qualitative e quantitative del film lacrimale

-fotofobia

-bruciore

-congiuntiviti croniche e ricorrenti

-cataratta precoce

-degenerazione maculare.

In commercio esistono occhiali speciali per questo tipo di luce e schermi protettivi per i computer

un aiuto importante può’ arrivare anche dalla dieta se ricca di antiossidanti ( frutta e verdura: carciofi, uva nera, mele, frutti rossi, peperoni, prugne, broccoli, cavolo rosso, pomodori, carote, patate dolci, zucca, melograno prezzemolo…spezie, cioccolato amaro…).ed in particolare di luteina ( la luteina è presente soprattutto nella verdura a foglie verdi, ma  è anche in vendita in farmacia).

ARTRITE REUMATOIDE ORA SI CURA CON FARMACI… BIOTECNOLOGICI

L’Artrite Reumatoide (AR), è un’infiammazione cronica, causata dalla fine dell’equilibrio tra proteine pro-infiammatorie e anti-infiammatorie.

L’Artrite Reumatoide (AR) è caratterizzata da dolore, tumefazione e rigidità articolare.

Per la maggioranza delle persone questa artrite porta ad alterazioni invalidanti delle articolazioni, con notevole peggioramento della qualità della vita.

L’infiammazione cronica porta anche al precoce invecchiamento delle arterie (aterosclerosi).

Questo genere di artrite (AR) causa enormi costi dovuti alle cure :

-ricoveri, visite, farmaci, contributi di invalidità

-perdita di giornate lavorative

-precoci abbandoni del posto di lavoro.

Con l’aggravarsi della malattia e l’aumento della disabilità, si aggravano anche gli impegni per la famiglia.

E’  possibile cambiare il decorso della malattia e prevenire, o quantomeno ritardare, l’evoluzione di questa malattia.

Il segreto è la  diagnosi precoce e l’ impostazione di una corretta terapia con farmaci anti-reumatici (ma sono medicinali con pesanti effetti collaterali).

Nella cura devono essere coinvolti i Medici di Medicina Generale e gli Specialisti che avranno cura di sorvegliare l’evoluzione della malattia e gli effetti tossici dei farmaci.

Ecco i nuovi farmaci biologici:

-Roactemra (Tocilizumab) assai potente nei casi di elevata infiammazione e anemia secondaria;

-Orencia (Abatacept) pare abbia un un buon profilo di tollerabilità;

-Simponi (Golimumab)  si impiega sottocute una volta al mese;

-Cimzia (Certolizumab) medicinale di  ultima generazione.

 Alcuni farmaci sono attivi solo sui sintomi:

-cortisone e anti-infiammatori non steroidei (con effetti collaterali anche molto pesanti) e NON CURANO; non vanno impiegati da soli.

PER ORA I FARMACI BIOLOGICI SOLO DOPO CHE GLI LATRI FARMACI RISULTANO INUTILI

E’ possibile impiegare i farmaci biologici, SOLO DOPO NUMEROSI TENTATIVI DI ASSOCIAZIONE DI ALTRI FAMACI FALLITI.

I farmaci biologici inducono un soddisfacente controllo dell’artrite e della sua evoluzione .

SALUTE in cucina – Eliminare gli eccessi di proteine animali – Brodo per purificarsi – disintossicarsi – migliorare lo stato di salute

Molte persone onnivore, oggi, decidono, se non di smettere, almeno di diminuire il consumo di proteine animali.

Questo brodo aiuta a purificare l’organismo dagli eccessi di pasti abbondanti e ricchi di grassi.

Abbiamo provato un brodo, dalla ricetta semplice, che cerca di riunire gli ingredienti sani della cucina giapponese.

La ricetta è facile e non ha certo la raffinatezza della cucina più ricercata, ma ci è parsa abbastanza buona e sana; da preparare senza troppe complicazioni.

Semplice e breve cura disintossicante; da copiare per tre sere la settimana; sino all’estate.

Questo brodo potrà sostituire, per almeno tre giorni, il primo piatto serale e potrà essere seguito da un secondo leggero con verdura e frutta per terminare (meglio se cotta).

Ovviamente chi mangia poco il mezzogiorno e poco a colazione non potrà rinunciare ad un secondo piatto più nutriente, almeno la sera.

INGREDIENTI PER IL BRODO

500 gr. di acqua

200 gr.  di alga Kombu (nei supermercati ben forniti)

1 cipolla tritata

1 cipollotto tritato

2 carote tritate

2 gambi di sedano tritati

se siete carnivori:

-1 osso con nervi e carne (senza grasso); oppure un pezzo di carne da bollito

se siete vegetariani o vegani:

-100/150 gr. di legumi vari ammollati la sera precedente, sia quelli di soia sia i comuni fagioli borlotti  mescolati con lenticchie  e/o ceci a piacimneto.

-un paio di chicchi di pepe

  • da aggiungere a fuoco spento: uno o due cucchiai di miso (oggi in tutti i supermercati ben forniti); secondo il votro gusto, assaggiate e decidete la quantità di sapore che preferite.

-Solo se ne sentite la mancanza aggiungete anche un poco di sale.

PREPARAZIONE

Solo il miso va aggiunto alla fine della cottura.

Cuocere tutto nell’acqua; almeno un’ ora e 1/2.

Con la pentola a pressione consigliati 60′.

Se non vi piacciono i pezzi di verdura e i fagioli interi, toglieteli con una schiumarola e frullateli con l’alga.

La carne, se c’è,  è meglio servirla a piccoli pezzi nel brodo.

Servire in una fondina; se avete molta fame aggiungete un uovo sodo, meglio se  BIO, a fette (le proteine dell’uovo e della carne vi aiuteranno a smorzare la fame).

In forma per l’estate – Facile e salutare mangiando bene secondo il metodo di Frank Laporte Adamski

” Per vivere più a lungo e in forma occorre avere il tubo digerente pulito “

Non è la solita dieta, ma segue i principi delle medicine tradizionali; con un’intestino in ordine anche i chili scendono e si guadagna in salute

Ridurre il gonfiore addominale, ma anche migliorare la circolazione sanguigna, contro la stanchezza e l’insonnia.

Un libro da leggere tutto d’un fiato che vi porterà dritti all’estate e ad un buono stato di salute

Per vivere più a lungo e in forma occorre avere il tubo digerente pulito” – ripete da più di trent’anni Frank Laporte –Adamski, naturopata, osteopata, Heilpraktiker, creatore di una regolazione alimentare che fa funzionare meglio l’organismo migliorando la salute e la forma fisica.

Il benessere fisico e psichico deriva da un apparato digerente pulito

Tutto ciò che mangiamo lascia dei residui nelle pareti del tubo digerente, che finisce per irritarsi o, nel peggiore dei casi, intasarsi.

Pertanto il corpo si ritrova appesantito, meno reattivo e più esposto a disturbi come mal di schiena, emicrania, insonnia e problemi circolatori.

Da oltre trent’anni il naturopata e osteopata Frank Laporte-Adamski promuove unmetodo alimentare finalizzato a trattare nel modo migliore il «secondo cervello» il nostro intestino, da cui dipendono non solo la digestione, ma anche il 70% delle funzioni del nostro sistema immunitario.

Qual è il principio alla base del Metodo Adamski?

Alimentarsi tenendo separati cibi a caduta veloce (30 minuti) e cibi a caduta lenta (4-5 ore).

L’educazione alimentare Adamski si rivela una soluzione efficace non solo nella riduzione del gonfiore addominale ma anche in dermatologia, per la circolazione sanguigna, contro la stanchezza e l’insonnia.

Il Metodo Adamski si sta diffondendo a macchia d’olio e sono già diversi i personaggi dello spettacolo, come Francesca Neri e Claudio Santamaria, che lo seguono con enormi benefici.

«C’è chi dice che per essere felici bisogna ascoltare il proprio cuore e agire di conseguenza, e probabilmente è vero. Ma fidatevi di me quando affermo che il vostro intestino ha cose altrettanto importanti da dirvi. La strada verso la felicità comincia dal luogo più familiare di tutti: il bagno di casa vostra!»
Frank Laporte-Adamski.

NUOVO LIBRO di Frank Laporte Adamski IN DISTRIBUZIONE NELLE MIGLIORI LIBRERIE ITALIANE

LA DIETA ADAMSKY

disponibile anche IN VERSIONE E-BOOK

14,90 euro

Salute – UROLOGIA: CALCOLOSI – CURA AL POLICLINICO SAN DONATO ANCHE PER BAMBINI

“cibo spazzatura” un pericolo !

La calcolosi pediatrica si presenta in bambini anche piccolissimi …

LA CURA AL POLICLINICO SAN DONATO È ANCHE PER I BAMBINI

L’Urologia, diretta dal Professor Luca Carmignani, offre un servizio per il trattamento di questa rara ma sempre più rilevante patologia pediatrica

La calcolosi pediatrica, endemica in Paesi come la Turchia, il Pakistan, l’India e altre aree meridionali dell’Asia, a causa di problemi diffusi come la scarsità di acqua e la malnutrizione, si può considerare ancora rara nel mondo occidentale, dove è però in progressivo aumento.

Pericolo: “cibo spazzatura”

Una delle concause risiede nel sempre più diffuso consumo di “cibo spazzatura” e nel conseguente incremento di disturbi metabolici che colpiscono i bambini sin dalla prima infanzia.

In alcuni casi la calcolosi pediatrica può essere anche correlata a una malattia genetica chiamata cistinuria, caratterizzata dall’accumulo di calcoli di cistina (un particolare aminoacido) nel rene, nell’uretere o nella vescica

Il dottor Pietro Acquati, da poche settimane entrato a fare parte dell’équipe di Urologia, vanta una solida esperienza nel trattamento della calcolosi urinaria, con particolare attenzione all’ambito prettamente pediatrico.

“Il nostro team conta su un approccio multidisciplinare, tecniche chirurgiche avanzate e mininvasive, stretta sinergia con gli esperti anestesisti rianimatori della divisione di cardiochirurgia pediatrica: queste le solide basi, insieme alla nuova professionalità del dottor Aquati, ci permettono di porci come centro di riferimento per la cura della calcolosi, specialmente guardando ai bambini.” – ha commentato il professor Luca Carmignani, direttore dell’Unità di Urologia dell’IRCCS Policlinico San Donato.

Febbre, perdita di appetito, mancato aumento di peso, urine torbide e maleodoranti, coliche renali ricorrenti sono i sintomi con cui la calcolosi pediatrica si presenta in bambini anche piccolissimi e nei neonati: non sempre, però, viene riconosciuta ed è per questo che una diagnosi accurata da parte di un urologo specializzato diventa fondamentale per trattarla e inquadrarla correttamente.

Di importanza strategica è il ruolo di supporto di altri specialisti, dal pediatra all’endocrinologo, per identificare con la massima precisione le cause del problema e seguire al meglio il paziente durante tutto il trattamento.

“La tecnica chirurgica più indicata per la cura della calcolosi pediatrica è rappresentata da un intervento endoscopico definito con l’acronimo anglosassone “RIR” (litotrissia retrograda intrarenale). É effettuata con strumenti mininvasivi e flessibili digitali, che, grazie all’ausilio di fibre laser dello spessore di un capello, polverizzano i calcoli mediante l’erogazione di energia pulsata (Holmium laser) – commenta il dottor Pietro Acquati –

Questa tecnica si sta imponendo come valida alternativa alla tradizionale litotrissia percutanea, molto più invasiva in quanto prevede l’accesso di strumenti direttamente nel rene”.

L’intervento si effettua in anestesia generale, ma al Policlinico San Donato la divisione di Urologia può contare sul supporto e la consolidata esperienza del team di anestesisti rianimatori che già da tempo opera nella struttura occupandosi dei pazienti pediatrici del reparto di Cardiochirurgia, primo in Italia per volume di attività.

“Il nostro obiettivo, oggi – commenta il Professor Luca Carmignani – è diventare a nostra volta un punto di riferimento per i piccoli pazienti affetti da calcolosi e per le loro famiglie, puntando su un approccio diagnostico e terapeutico accurato e corretto, spazi dedicati, approccio multidisciplinare, tempi di attesa brevi, strumenti chirurgici all’avanguardia e alta qualità nel trattamento. Puntiamo inoltre a “fare rete” con altri ospedali nazionali, collaborando con loro così che si possano sviluppare in modo capillare le competenze legate a questa patologia, ancora rara ma in crescita”.

IRCCS Policlinico San Donato
L’IRCCS Policlinico San Donato è l’ospedale capofila del Gruppo Ospedaliero San Donato.

Conosciuto come “l’Ospedale del Cuore” è il primo centro di cardiochirurgia in Italia per numero e complessità degli interventi ed è un centro di riferimento a livello internazionale per le patologie cardiache congenite dell’adulto e del bambino.

Unico ospedale italiano a vantare l’affiliazione di quattro cardiochirurghi presso l’American Association for Thoracic Surgery, nel 2015 il Policlinico San Donato ha superato il numero eccezionale di 20.000 pazienti trattati con by-pass per patologie ischemiche.

Riconosciuto dal Ministro della Salute come Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) per lo studio e la cura delle “Malattie del cuore e dei grandi vasi nell’adulto e nel bambino”, è un ospedale polispecialistco accreditato con il Servizio Sanitario Nazionale e un polo didattico della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Milano.

Per informazioni

POLICLINICO SAN DONATO

Piazza Edmondo Malan, 1, 20097 San Donato Milanese MI
Telefono:02 527741

 info.psd@grupposandonato.it

SALUTE COME ? CON CIBI ANTINFIAMMATORI

CARNE, SALSICCE, AFFETTATI IN GENERE, FORMAGGI GRASSI; sono cibi ALTAMENTE INFIAMMATORI.

Ovvero cibi che favoriscono l’infiammazione come pure :
panna, grassi saturi, e/o zucchero, contenuti in

-brioches (anche quelle integrali: di solito per superare la sensazione secchezza che è causata dall’abbondanza di crusca, l’industria aumenta di molto i grassi aggiunti… quasi sempre composti da grassi saturi; anche quando scrivono GRASSI VEGETALI !)

-dolci (anche quelli delle migliori pasticcerie, ma quelli che costano poco possono essere peggiori)

-gelati (anche quelli artigianali, che comunque contengono un quantitativo di zuccheri, come tutti gli yogurt alla frutta, che ci aiutano a superare facilmente il quantitativo di carboidrati quotidianamente necessari.

Se poi aggiungiamo pasta, pizza, pane o legumi ecc.. in eccessosiamo quasi sempre oltre il limite delle calorie necessarie; salvo  per chi faccia seriamente dell’attività fisica almeno 2 volte la settimana;

-camminare in montagna dove l’aria è pulita e fresca o  una bella e lunga nuotata ci  aiutano a bruciare molte calorie più di tanto tempo in palestra passato sudando in ambiente chiuso  (con filtri dell’aria condizionata quasi mai puliti).

-Per chi non può fare altro, anche una corsetta ( dai 5′ ai 30′ ; secondo il grado di allenamento ed età) quasi quotidiana in città; ma solo al mattino presto, quando l’aria è fresca e non ancora altamente inquinata !

TORNANDO AI CIBI CHE FAVORISCONO L’INFIAMMAZIONE:

-biscotti (anche quelli che dicono di contenere pochi grassi, se leggete le indicazioni ne contengono troppi e spesso si tratta di olio di palma, margarine, oli idrogenati, grassi vegetali senza specificare quali… tutte perfette PORCHERIE)

OGNI SORTA DI DOLCE, PANE, PASTA, PROVOCANO ALTI TASSI DI INSULINA;

-buoni solo per chi fa molto lavoro fisico e se vivete in un clima freddo, non altrettanto se la vostra vita è prevalentemente sedentaria o se le temperature solo mediamente alte (nelle nostre case e uffici anche in inverno; con il riscaldamento)

PROVOCANO INFIAMMAZIONE :

-I GRASSI TRANSGENICI (detti anche TRANS), MOLTO usati dall’industria che prepara i cibi pronti; sia salati che dolci :

-I GRASSI TRANS DANNO SAPORE E SERVONO A PROLUNGARE LA CONSERVAZIONE DLE PRODOTTO, MA FANNO MALE ALLA SALUTE.

NO ALL’ACETO : oggi non è vero aceto di vino (anche quando è scritto in etichetta) è soloACIDO ACETICO

NO AI SOTTACETI

NO AI PREPARATI PER INSALTA DI RISO E A TUTTI I CIBI PREPARATI

NO ALLO SCATOLAME IN GENERE, ma potete fare delle eccezioni, NON la regola ! (una volta al mese si può mangiare del BUON tonno; anche se il tonno sarebbe da evitare perché in via di estinzione e proveniente da allevamenti pieni di antibiotici e inquinanti !)

NO AI SUGHI PRONTI SENZA PRIMA LEGGERE BENE TUTTI GLI INGREDIENTI (attenzione la parola grassi vegetali NON deve tranquillizzarvi).

—-

NOTA SPECIALE SULLA CARNE ROSSA E I SALUMI IN GENERE:

CARNE ROSSA DANNI AL COLON ; la carne rossa e’ pericolosa? perché?
Perché la carne rossa è più pericolosa di quella bianca?
Premesso che è sempre questione di quantità e, soprattutto, di quanto cibo si ingurgita ogni giorno e di che tipo, quanto alcool si beve…; (altrimenti eschimesi e mongoli, per esempio, che sono sempre vissuti di carni rosse, sarebbero tutti stati flagellati dal cancro; cosa che nessuna ricerca scientifica moderna non è mai riuscita a dimostrare).

L’oncologa N. Ijsennagger, Università di Ultrect in Olanda, sostiene come il rosso della carne provenga dall’eme, una parte dell’emoglobina che ha il compito di trasportare ossigeno ai tessuti.

Sui topi è stato dimostrato come l’eme, mescolato ai batteri dell’intestino, produca idrogeno solforato; un gas dall’odore di uova marce.

QUESTO SOLFORATO ATTACCA E UCCUDE LE CELLULE DELLA PARETE INTESTINALE.

Gli scienziati sostengono che la numerosa e continua moltiplicazione di cellule; per riparare i danni dell’idrogeno solforato, nel tempo favorisca la nascita di tumori.

Nei topi si è provato a risolvere il problema con gli antibiotici, ma questi distruggono anche tutti i batteri intestinali importanti per la salute generale; quindi non è una buona soluzione.

Il consiglio è di non esagerare con la carne rossa, ricordando che è carne rossa anche il prosciutto e altri insaccati che contengono, da soli, grandi quantitativi di sale, ma la maggioranza anche sofiti e solfati che, nell’intestino formano le pericolose nitrosamine che favoriscono il cancro.

— Quindi carne rossa più salumi in eccesso non è un’alimentazione consigliabile per l’uomo moderno; forse anche per il suo stile di vita, per l’inquinamento cui è sottoposto e, diciamo noi, sopratutto per l’eccesso di cibo in genere (ed anche cibi pronti che contengono molti conservanti, grassi nocivi ecc..).

———————–

CONTRASTIAMO L’ INFIAMMAZIONE PER CONTRASTARE IL CANCRO, ma anche le malattie in genere..

L’ANTICA MEDICINA CINESE HA SEMPRE SOSTENUTO L’IMPORTANZA DELL’EQUILIBRIO TRA acido e basico; se prevale l’acido (l’infiammazione) abbiamo la malattia.

ANTINFIAMMATORI: OTTIME TUTTE LE SPEZIE

ALTAMENTE ANTINFIAMMATORIA E’ LA CAPSAICINA : CONTENUTA NEL PEPERONCINO.

Caffè e tè sono antiossidanti  (non solo il te verde, che è spinto dal mercato soprattutto per questioni commerciali;  contiene solo un poco più di antiossidanti del tè nero, ma il prezzo non vale le promesse della pubblicità).

BENE L’USO ABBONDANTE DI FRUTTA, OTTIMA LA MELA COTTA.

————

ESEMPI DI CIBI CONSIGLIATI NELLA LOTTA CONTRO L’INFIAMMAZIONE

Colazione

-frutta; anche a guscio (NO ai succhi pronti, contengono antiossidanti, per la conservazione, che sono altamente infiammatori !)
-cereali
-yogurt greco senza grassi o qualunque yogurt (meglio se magro: più proteine meno grassi, MA MAI ALLA FRUTTA !!! contengono antiossidanti e TANTISSIMO ZUCCHERO !!!)
-il caffè è l’ antiossidante numero uno; insieme al tè

Pranzo (solo un esempio)

-insalata con ogni tipo di verdura cotta o cruda, anche patate
-fagioli lenticchie e altri legumi; meglio ogni giorno
-NO bibite dietetiche, No a coca cola, aranciata, acqua tonica (ricchissime di zuccheri)
-le carni trattate contengono conservanti con molte sostanze che provocano infiammazione
-uova sode anche 3 volte la settimana; due se avete problemi di colesterolo
-sardine, acciughe… molto ricche di Omega 3
-frutta

Cena (un esempio)

-ECCELLENTE ogni tipo di passato di verdura, solo se PREPARATO IN CASA
-fagiolini e verdure in genere
-pesce ottimo il salmone, ma anche pesci azzurri che contengono omega 5 (ogni tanto anche sardine o acciughe in scatola)
-il formaggio greco “feta” contiene molto meno grassi dei normali formaggi; ma anche un bel pezzo di parmigiano ogni tanto non può far male.
-petto di pollo grigliato, tacchino… ma il pesce è meglio
-frutta

-evitare il mais, soprattutto se è in scatola

OGNI TANTO POTETE MAGIARE ANCHE CARNE, MA NON COSTANTEMENTE (idem per affettati, devono essere un’eccezione non la regola).

————

RICETTA DI HAMBURGHER ANTINFIAMMATORIO, POVERO DI GRASSI  (grazie alle verdure e al pane integrale; la carne bianca è comunque meno pericolosa di quella rossa):

-carne macinata di tacchino magro o pollo (sempre senza pelle); tagliatela anche con il coltello (ben affilato), formate polpette schiacciando bene la carne e cuocere alla griglia o sulla piastra (potete aggiungere erbe varie come aghi di rosmarino o salvia tritati (antinfiammatori aiutano a digerire i grassi della carne), pepe, sale.. se piace anche cipolla tritata

PREPARARE IL PANINO CON:

-maionese; solo quella con olio di oliva
-pomodoro a fette
-cavolo a fette sottili; se piace, è un potente anticancerogeno
-spinaci freschi o insalata
-pane integrale senza grassi
-SE PIACE, ANCHE qualche fettina di cipolla.

—-

Una ricetta modificata e golosa:

-anelli di cipolla impanati, cotti al forno e NON FRITTI;

-fare una pastella piuttosto consistente con acqua gasata fredda o birra, farina (meglio integrale o metà di farina  di mais, che  da più consistenza), 1 uovo; un pizzico di bicarbonato

-immergervi gli anelli di una grossa cipolla

-appoggiare su carta da forno o piastra antiaderente, oppure basta mettere poco olio sulla teglia, eventualmente un leggero giro di olio sopra; meglio se messo con l’oliera spray,

– fare dorare a 180°

SALUTE – ALZHEIMER E MORBO DI PARKINSON – La scienza spiega e prepara nuove cure

PARKINSON E ALZHEIMER UNA CURA IN COMUNE ?

DEPRESSIONE CAMPANELLO DI ALLARME
La depressione sarebbe il segnale per la malattia
LA DOPAMINA E’ ALLA BASE DELL’ORIGINE DI PARKINSON E ALZHEIMER
La morte dell’area del cervello che produce la dopamina, sarebbe la causa dell’Alzheimer

Se manca la dopamina la memoria se ne va.

Lo rivela uno studio dell’Università Campus Bio-Medico di Roma in collaborazione con Irccs Santa Lucia e Cnr

Scoperta l’origine dell’Alzheimer e del Parkinson ?

Cosa è la dopamina ?

La dopamina è un neurotrasmettitore indispensabile per il funzionamento dell’ippocampo; da essa dipende la memoria.

La dopamina è un neurotrasmettitore che controlla: il movimento, la sensazione di piacere, la ricompensa, la produzione di prolattina, i meccanismi di regolazione del sonno, alcune facoltà cognitive e la capacità di attenzione.

La depressione sarebbe un potenziale segnale della malattia a causa del legame, dimostrato scientificamente, tra l’assenza di dopamina e le disfunzioni dell’area neuronale che riguarda i disturbi della gratificazione e dell’umore.

Infatti: la degenerazione dei neuroni che producono dopamina, aumenta le possibilità di andare incontro ad una progressiva perdita di iniziativa; che è poi il segnale di alterazione patologica dell’umore (depressione).

PARKINSON E ALZHEIMER

I fenomeni depressivi nella diagnosi di Alzheimer, potrebbero andare di pari passo con la perdita della memoria ed essere la causa anche del Parkinson; a causa della  morte dei neuroni che producono la dopamina.

Tutto questo fa pensare a strategie terapeutiche comuni; ovvero una sola cura per Parkinson e Alzheimer.

Lo studio scientifico è pubblicato su Nature Comunication al link: http://www.nature.com/articles/ncomms14727

Salute – Ictus cerebrale – INIZIATIVE IN TUTTA ITALIA

COME PREVENIRE L’ ICUTS ?

Fibrillazione atriale e rischio ictus 

Aprile è il mese della prevenzione dell’ictus cerebrale

______________________________________________________________________

A.L.I.Ce. ITALIA ONLUS, ATTRAVERSO INIZIATIVE IN TUTTA ITALIA, INVITA A TENERE SOTTO CONTROLLO I PIU’ IMPORTANTI FATTORI DI RISCHIO

Aprile è il mese dedicato alla Prevenzione dell’Ictus Cerebrale, patologia grave e disabilitante che, nel nostro Paese, rappresenta la terza causa di morte, dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie.

L’Associazione per la Lotta all’Ictus Cerebrale – A.L.I.Ce. Italia Onlus, che quest’anno celebra i suoi primi 20 anni e nel corso di questo mese organizza nelle diverse città iniziative di prevenzione, di sensibilizzazione e di informazione su quelli che sono i principali fattori di rischio e sull’importanza del riconoscimento dei sintomi, vuole evidenziare come l’ictus non solo si possa curare ma anche prevenire nell’80% dei casi.

E’ però fondamentale seguire stili di vita adeguati, attraverso un’attività fisica moderata e costante e un’alimentazione sana come quella prevista dalla dieta mediterranea.

Il controllo della pressione arteriosa risulta fondamentale, fino dai 40 anni, ancora più importante nei diabetici, così come il riconoscimento della aritmia cardiaca definita fibrillazione atriale e l’astensione dal fumo.

Quasi 200.000 italiani vengono colpiti da ictus cerebrale ogni anno e la metà dei superstiti rimane con problemi di disabilità anche grave.

In Italia, le persone che hanno avuto un ictus e sono sopravvissute, con esiti più o meno invalidanti, sono oggi circa 940.000, ma il fenomeno è in crescita sia perché si registra un invecchiamento progressivo della popolazione, sia perché tra i giovani è in aumento l’abuso di alcool e droghe.

Fondamentale per la prevenzione è la adeguata consapevolezza da parte di qualsiasi persona dei fattori che da soli o, ancora di più, in combinazione tra di loro aumentano i rischio di avere un ictus.

Tra i principali la ipertensione arteriosa, l’obesità, il diabete, il fumo ed alcune anomalie cardiache e vascolari.

Da qui l’importanza del ruolo proattivo dei medici di famiglia, affinché, una volta prescritte le terapie appropriate, ne controllino la effettiva ed adeguata assunzione.

A.L.I.Ce. Italia Onlus propone una App, prodotta nel nostro Paese, Ictus 3R – che si può scaricare gratuitamente e che consente di misurare direttamente il proprio rischio di ictus.

L’attenzione al peso corporeo, un’attività fisica moderata e costante, seguire un modello alimentare ispirato alla dieta mediterranea e a basso contenuto di sodio, devono rappresentare regole generali per tutti.

Negli ultimi anni l’attenzione dell’Associazione si è focalizzata in modo particolare sulla Fibrillazione Atriale, aritmia che colpisce il 4% della popolazione sopra i 65 anni ed è la causa di circa il 25% degli ictus ischemici.

Circa la metà degli ictus che si verificano nelle persone di età superiore agli 80 anni è causata dalla fibrillazione atriale.

A.L.I.Ce. Italia ha voluto dedicare una pagina del suo sito (http://www.aliceitalia.org/prevenzione/1/310) e una pagina Facebook (Fibrillazione Atriale – ALICe Italia Onlus) a questa patologia perché chi ne è affetto vede aumentare di 5 volte il rischio di ictus tromboembolico, che risulta generalmente molto grave e invalidante.

E’ importantissimo ‘intercettare’ il più rapidamente possibile i pazienti con FA. Una volta fatta la diagnosi, il passo successivo è quello di stabilire la necessità di una terapia anticoagulante per ridurre il rischio d’ictus.

A.L.I.Ce. Italia Onlus è una Federazione di 20 Associazioni regionali di volontariato – suddivise in oltre 80 tra sedi e sezioni – che ha tra i propri obiettivi statutari: diffondere l’informazione sulla curabilità della malattia; facilitare la informazione per un tempestivo riconoscimento dei primi sintomi come delle condizioni che ne favoriscono l’insorgenza; sollecitare gli addetti alla programmazione sanitaria affinché provvedano ad istituire centri specializzati per la prevenzione, la diagnosi, la cura e la riabilitazione delle persone colpite da ictus e ad attuare progetti concreti di screening; tutelare il diritto dei pazienti ad avere su tutto il territorio nazionale livelli di assistenza, uniformi ed omogenei.

A.L.I.Ce. Italia Onlus è membro della World Stroke Organization (WSO), di cui fanno parte associazioni di pazienti colpiti da Ictus di 85 Paesi e di SAFE, Stroke Alliance for Europe, organizzazione che riunisce 30 Associazioni di pazienti di Paesi europei e che ha diffuso le linee guida per la prevenzione e una migliore cura dell’ictus in un documento rivolto al Parlamento europeo e a tutti i governi dell’Unione, oltre che di ISO, Italian Stroke Organization ed ESO, European Stroke Organization.

L’elenco delle iniziative previste sarà inserito sul sito www.aliceitalia.org

Salute – Acquisto dei generici all’estero via libera – Terapie innovative ed epatite C ora cure più economiche

FINALMENTE !!! Dopo una lunga e ingiusta attesa.

Moltissime sono persone le persone interessate alle nuove costosissime terapie (si parla di mezzo milione o addirittura un milione), ma  non tutte ricevono subito la terapia.

In Italia queste terapie sono enormemente più costose che in altri Paesi; in India si trova il generico per la cura dell’epatite C, ma non solo.

Una circolare ministeriale ha riconosciuto, a chi non rientra nei criteri per ottenere il farmaco dal servizio sanitario italiano, o non vuole aspettare tempi lunghi per il trattamento, di andarlo a comprarlo in altri Stati o di farselo spedire.

IMPORTANTE:  ci vuole sempre la ricetta e bisogna mandare al ministero un modulo compiltato dal medico curante.