Archivi categoria: salute dopo i 50 anni

SALUTE mantenersi giovani – come funziona l’ormone della longevità ?

Scoperto come funziona l’ormone della longevità.

L’ormone della longevità è capace di allungare la vita del 40% nei topi.

Questa molecola è presente in tutti i mammiferi, uomo compreso, e la sua azione sta nel contrastare l’indebolimento delle difese immunitarie; dovuto all’invecchiamento.

L’ormone della longevità si chiama Fgf21 ed è una proteina; prodotta dal fegato e dal timo.

Con l’invecchiamento, il timo tende a diventare “grasso” perdendo la capacità di produrre nuovi linfociti T: uno dei motivi che aumentano il rischio di sviluppare infezioni e alcuni tipi di tumore.

La degenerazione della ghiandola timica può essere arrestata nei topi aumentando i livelli di Fgf21.

L’ormone Fgf21 è prodotto anche dal fegato quando si trova in una situazione di mancanza di cibo (per bruciare le calorie di riserva e aumentare la sensibilità all’insulina); ecco perché il digiuno è tanto raccomandato pe mantenere la salute !

Per il futuro si parla di farmaci che mimeranno la restrizione calorica.

——

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

SALUTE – La base è l’equilibrio tra acido e basico – Pericolo acidosi

MANTENERSI IN SALUTE A TUTTE LE ETA’

Le note qui sotto sono scritte volutamente con linguaggio semplice e, speriamo, efficace. Sono state abolite parole e  spiegazioni troppo specialistiche.

L’acidità rallenta le attività biologiche; favorisce la malattia.

L’acidità favorisce anche la formazione dei tumori.

Tutte le proteine animali favoriscono l’acidità; salvo quelle provenienti dai vegetali come fagioli, banane,  lenticchie, soya … ecc. (ma si tratta di aminoacidi non completi che hanno bisogno di essere associati a pasta, riso o pane).

Cibo acidificante per eccellenza: aceto e cibi pronti

Come sapere se abbiamo un eccesso di acidità ?

Acquistare in farmacia una cartina tornasole o stik misuratori del PH; bagnare la punta della striscia con pipì e confrontando con la scala di colori di riferimento. Fare 2 prove al giorno per almeno 3 giorni.

Sotto il 7 l’acidità è troppa.

DEACIDIFICANTI:
Spinaci molto deacidificanti
Uva 7 volte più deacidificante degli spinaci.

I vecchi facevano una giornata mangiando solo uva, ma si può fare con qualunque altro frtto.

Il massimo: mangiare tanto ananas (molto depurativo)

L’organismo acidificato è predisposto anche all’ artrosi.

Eccesso di acidità

Il nostro organismo si difende dall’eccesso di acidità prelevando calcio dalle ossa e favorendo processi di indebolimento e malattie alle ossa.

L’INTESTINO PULITO E’ ESSENZIALE PER VITA SANA

Più dannosi di tutto sono i fecalomi che occludono l’orifizio anale (ammassi di feci non espulse).

Nell’intestino ci possono essere fecalomi anche di vecchia data,  che favoriscono l’infiammazione.

Quando si infiamma l’intestino diviene poroso e lascia passare porcherie nei vasi sanguigni che portano in circolo sostanze che favoriscono intolleranze e malattie.

FOTO DI COPERTINA:

Alessandra Angelini_Insalata-mista_Plexiglass-foglia-d’oro-e-tecnica-mista_2013.

Salute – Cervello giovane e attività fisica – Non solo palestra !

MEGLIO CAMMINARE NELLA NATURA CHE FARE GINNASTICA IN UNA PALESTRA

Lo studio è pubblicato su Trends in Neurosciencies da David Raichlen, antropologo, e Gene Alexander, psicologo; entrambi ricercatori alla University of Arizona.

Il movimento facilita lo sviluppo di nuovi neuroni; grazie all’aumentata produzione di un fattore della crescita chiamato Bdnf.

La seleziona naturale ha sempre premiato i cervelli che più velocemente si adattavano a mutate condizioni; ovvero la capacità di fronteggiare l’imprevisto.

Se ne è dedotto che l’esplorazione di nuovi ambienti, stimoli la neurogenesi.

Ovvero: fare attività fisica in luoghi diversi o dove il paesaggio offre stimoli sempre nuovi (come camminare nella natura osservando quello che ci circonda), sia meglio che fare attività fisica in luoghi sempre eguali (come in una palestra).

IL DIGIUNO CI RENDE PIU’ SANI E FORTI. COME LIBERARCI DALLE TOSSINE.

Saltare i pasti, 2 o 4 giorni ogni 6 mesi,, serve a

rendere il sistema immunitario più forte.

Il gerontologo Valter Longo, della South California University, attraverso esperimenti fatti su topi e volontari umani, ha dimostrato che il digiuno “rigenera” il nostro sistema immunitario.

Il digiuno

obbliga in nostro corpo a “sciogliere” i grassi per alimentare il cervello.

Il nuovo esperimento dimostra come l’organismo, in condizioni di scarsità di alimenti, distrugga anche i globuli bianchi; partendo da quelli più vecchi e poco efficienti.

Alla fine del digiuno succede che il midollo osseo venga stimolato a

produrre miliardi di nuovi globuli bianchi.

Se ne può dedurre che brevi digiuni possano aiutare chi ne necessita, come gli anziani e chi è in chemioterapia, a rendere più forte il sistema immunitario.

Di conseguenza, anche le tossine verranno eliminata più facilmente.

Ovviamente questo meccanismo funziona benissimo anche sulle persone sane che posso trarne grande giovamento e migliorare il proprio stato di salute generale; pure dimagrendo.

 

Salute e ospedali che funzionano – CENTRO DI CARDIOCHIRURGIA DI PADOVA

COMPLESSI TRATTAMENTI CHIRURGICI SUL CUORE NEI TEMPI ATTESI

La cardiochirurgia è annoverata come primo Centro in Italia per numero di trapianti (39) effettuati nel 2016

ABBATTERE LA LISTA D’ATTESA

REGIONE DEL VENETO
AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA

FORTE AFFLUSSO DI PAZIENTI REGISTRATO PRESSO IL CENTRO DI CARDIOCHIRURGIA DI PADOVA.

L’AZIENDA OSPEDALIERA HA RIORGANIZZATO IL SISTEMA E IN ALCUNI MESI E’ RIUSCITA AD ABBATTERE LA LISTA D’ATTESA PER FORNIRE AI NUMEROSI PAZIENTI I COMPLESSI TRATTAMENTI CHIRURGICI SUL CUORE NEI TEMPI ATTESI.

Luciano Flor, Direttore Generale dell’A.O. di Padova ha come obiettivo la riduzione dei tempi d’attesa in chirurgia. “Il paziente deve essere la centralità per quanti operano in questa complessa organizzazione. La nostra offerta è ampia, essendo un Centro Hub ma dobbiamo migliorare con l’obiettivo di ridurre i tempi d’attesa di chi si rivolge a questa struttura”.

L’organizzazione ospedaliera in accordo con la Regione del Veneto e in sinergia con il team cardiochirurgico che dispone di 2 sale operatorie, 35 posti letto, 12 posti in terapia intensiva e 7 in terapia sub-intensiva per i trapianti, oltre a 198 figure professionali tra medici e sanitari, ha potenziato la struttura e riorganizzato il sistema allungando l’orario di attività nelle sale operatorie passando da 80 a 100 ore/sett. dalle 8/14 alle 8/18 con almeno 6/7 sedute in più a settimana. Sono stati aumentati inoltre i posti letto di terapia intensiva da 7 a 12 e inseriti nel team che contava già 110 infermieri, ulteriori 18 collaboratori professionali infermieristici garantendo sempre nei turni di tutto il personale, l’orario di 38 ore settimanali.

In pochi mesi da settembre 2016 la lista d’attesa, stimata in 8/9 mesi di tempo, ha raggiunto i 30 giorni previsti al netto delle emergenze.

La Cardiochirurgia dell’Azienda Ospedaliera/Università di Padova diretta dal Prof. Gino Gerosa è intervenuta in soli 6 mesi su più di 200 pazienti in lista scongiurando così pregiudizio alla prognosi sul 90% delle persone in classe di priorita’ A: casi clinici con possibilità di aggravamento al punto da diventare emergenti.

Il trend della Cardiochirurgia nel 2017 è di 1296 ricoveri e di 1532 atti cardiochirurgici.

La cardiochirurgia è annoverata come primo Centro in Italia per numero di trapianti (39) effettuati nel 2016, dati riportati dal CNT – Centro Nazionale Trapianti, e primo Centro in Italia per numero di impianti VAD effettuati (100) dal 2010 al 2015 – dati ITAMACS registro italiano delle assistenze meccaniche e cuore artificiale totale. Due primati che conferiscono a Padova il ruolo di Centro leader nel trattamento dell’insufficienza cardiaca

terminale, patologia ad elevata complessità assistenziale che, in assenza di trattamenti specifici, è a prognosi infausta.

Da anni in prima linea nell’impiego di VAD e cuori artificiali, la Cardiochirurgia dell’Azienda Ospedaliera/Università di Padova, ha visto il Prof. Gino Gerosa all’opera con numerosi primati:

2002 – trapianto di cellule staminali nel cuore;
2007 – 1° trapianto di cuore totale artificiale 70 cc in Italia;
2012 – 1° trapianto al mondo di Jarvik 2000 (LVAD) con rivoluzionaria tecnica mini-invasiva chirurgica e di perfusione;
2014 – nuovo intervento mininvasivo impianto di Neocorde mitraliche TOP-MINI per riparazione valvola mitrale a cuore battente, unico Centro in Italia;
2015 – 1° Cardiowest 50 cc impiantato in Italia e per la prima volta al mondo su giovane trapiantato di 26 anni;
2015 – 1° intervento al mondo combinato, microinvasivo, dalla punta del cuore, senza aprirlo. In contemporanea correzione delle valvole aortica e mitralica sempre a cuore battente;
2016 – 1° intervento al mondo di riparazione della valvola mitrale con anello rigido inserito a cuore battente per via trans catetere.

Il Centro di Cardiochirurgia di Padova è annoverato tra i più all’avanguardia del mondo e offre trattamenti chirurgici per la totalità delle cardiopatie (circa 800 TAVI dal 2007 ad oggi, 150 plastiche mitraliche TOP-MINI dal 2014 ad oggi – maggior casistica al mondo; 3 casi di anello mitralico trans apicale Amend) ed è attrezzato di ECMO macchina cuore-polmone anche trasportabile per pazienti extra Regione, consentendo l’utilizzo a pazienti in arresto cardiaco.
912 sono i trapianti eseguiti ad oggi in questo Centro.

La Cardiochirurgia di Padova sta attualmente sviluppando nuove prospettive terapeutiche di medicina rigenerativa, tessuti e organi riprodotti in vitro. Vengono utilizzate le tecniche di ingegneria tissutale e il ripopolamento con IPS (cellule staminali pluripotenti) con possibilità di testare in questi modelli nuovi farmaci. Nel Centro vengono impiegate le stampanti 3D per planning chirurgico.

Dal 2 al 5 dicembre 2017 (50 anni dopo il primo trapianto di cuore al mondo effettuato dal Prof. Christian Barnard) a Città del Capo, Sud-Africa – le celebrazioni ufficiali. Padova è stata invitata a portare un contributo: “Padova ancora pioniera” per il merito che la Cardiochirurgia patavina ha esportato nell’innovazione sul cuore.

Visto, si autorizza la diffusione ai Media – il Capo Ufficio Stampa dr.ssa Luisella Pierobon

Malati immaginari di intolleranze ! ? – Tutti celiaci & c. ? O è molto business ?

Un rapporto dell’Isitituto Superiore di Santà, spiega che in Italia ci sono circa 5 MILIONI di malati immaginari, che comprano prodotti privi di glutine, senza averene un valido motivo.

Sono solo 180.000 i VERI celiaci, intolleranti al glutine, in Italia ( lo dice Marco Silano, direttore del Dipartimento di Sicurezza Almentare all’Iss ).

Gino Roberto Corazza, del Policlinico di Pavia, ha riunito 60 consumatori di prodotti senza glutine e ha somministrato loro una pastigia, senza specificarne il contenuto, solo due persone hanno dichiarato di avere avuto problemi. La pastiglia era un concentrato di glutine.

Il tema è quasi scabroso; in un momento in cui va di moda parlare di intolleranze, noi vi riportiamo alcuni dati scientifici per aiutarvi a guardare questo problema nella giusta dimensione.

Le persone con il colon irritabile vengono spesso invogliate a seguire una dieta gluten free che, sempre secondo  Marco Silano, non ha nessuna spiegazione scientifica valida.

Inoltre va detto che moltissime persone soffrono di digestione lenta, ma per mille motivi diversi, anche se il glutine, in questo caso, può veramente peggiorare la situazione. Ma sono le cause della digestione lenta che andrebbero individuate; non usare un palliativo per alleggerire un disturbo, comunque presente e causato da altro.

 

 

DETOX MANIA – I ” BEVERONI ” SERVONO DAVVERO ?

E’ DI MODA PURIFICARSI CON I ” BEVERONI “, MA QUANTO SONO SALUTARI E QUANTO SOLO MODA ?

Più sotto varie ricette; una delle dive di Hollywood degli anni ’50:

MANGARE BENE E BERE CIBI SANI E’ IL SEGRETO DELLA SALUTE.

Quindi benevenuti  “beveroni ” ?

——-

Non dimentichiamo che, già nella prima metà del secolo scorso, le attrici di Hollywood avevano questi beveroni nella loro dieta !

La prova è in quanto scritto nelle ultime pagine di una vecchia edizione de ” Il cucchiaio d’argento “, uno dei classici libri della cucina italiana. Libro, presente in tutte le cucine delle signore che se lo potevano permettere; perché negli anni 50′ non erano molti gli italiani che potevano spendere dei soldi per un costoso libro di cucina.

Oggi si vende, con grande successo, la medesima idea, anche se non è originale, ma scopiazzata. Magari aggiungendo qualche novità che segua le mode del momento.

In breve, qualunque tipo di spremuta di frutta e/o verdura fresca non può fare che bene alla nostra salute; anche se non è una scoperta moderna !

L’importante è imparare a farselo da soli, se non si vuole spendere eccessivamente.

Perché le sane abitudini costano; devono essere quotidiane, magari anche due volte al giorno.

Il cibo crudo, NON i succhi pronti che contengono ANTIOSSIDANTI ACIDI per conservarli, fa benissimo alla salute e apporta anche microrganismi utili alla digestione ed aiuta ad eliminare le tossine; ovvero a  mantenere giovane l’organismo

RICETTE

Noi vi suggeriamo la più semplice e veloce che conosciamo.

Tutti avrete in casa un frullatore.

1 grossa mela

2 arance

1 tazza da tè, scarsa, di acqua

se volete aggiungete a piacere anche al posto della mela:

-banana, lamponi, fragole, mirtilli, pera ecc.. anche un avocado, un mango (attenzione a usare solo la parte morbida e non quella filamentosa)… quello che preferite

Pelate e tagliate a piccoli pezzi una grossa mela, due arance e, se li avete, 2 mandarini (ma benissimo anche con banane, limone, pere, fragole, lamponi, mirtilli ecc… ), aggiungete un poco di acqua e, se volete migliorare il sapore 4 gocce di dolcificante liquido o altro dolcificante da voi preferito; miele, zucchero…

Frullate tutto per qualche minuto.

Bevete.

Questa bevanda aiuta l’organismo a mantenersi sano, grazie alla sua ricchezza in vitamina C e al grande apporto di fibre e altri minerali e vitamine preziosi per la  salute.

SE VOLETE ESSERE SCURI DI BERE QUALCOSA DI RICOSTITUENTE; RICCO DI PROTEINE, SALI MINERALI E VITAMINE. Meglio di quanto in commercio, perché si tratta di sostanze fresche e quindi vive; irripetibili con sostanze conservate!!!

BIBERONE NUTRIENTE PROTEICO, RICCO DI VITAMINE E SALI MINERALI

-4 cucchiai di latte fresco INTERO

-1 uovo

-frutta a scelta: dalla mela (piccola) ai mirtilli, lamponi, alla frutta esotica (anche un fico secco o due cucchiai di uvetta secca per dolcificare il tutto senza usare lo zucchero)

-1 o 2  cucchiai di bacche Goji, se le avete (oggi le vendono anche nei supermercati). Sulle loro specialissime proprietà vedi al link: http://www.donnecultura.eu/?p=27528

3 cucchiai di latte in polvere (proteine, sali minerali come il calcio, vitamine); prodotto pronto, ma in questo caso indispensabile per concentrare tanto nutrimento in un solo bicchiere; ma abbinato  una grande prevalenza di prodotti freschi.

-1 cucchiaio di miele, che sia di alta qualità (altrimenti potrebbe essere zucchero aromatizzato, con un poco di miele.. !!!)

Frullare tutto e bere subito; entro 10′.

Da consumarsi, almeno una volta al giorno: al mattino o nella pausa pranzo o come merenda o appena tornati a casa la sera (per avere il tempo di smaltire le calorie prima di andare a dormire; la cena sarà sempre e comunque, se volete anche dimagrire, a base di zuppe di verdura, un piatto di proteine carne o pesce o formaggio, NON MOLLE, meglio formaggi di sicura composizione come il  Parmigiano, l’ Emmentaler svizzero originale … mai più di 50 grammi); insalata o verdura cotta condita con 1 cucchiaio di olio e limone e sale. Oppure saltata in olio con uno spicco d’aglio.

Ma ricordatevi anche di mangiare cibo buono, che vi piace  e soddisfi il palato, ma non in quantitativo eccessivo.

Una ricetta delle dive di Hollywood degli anni ’50:

2 arance

2 cucchiai di spinaci crudi

qualche foglia di prezzemolo

1 cucchiaio di miele

Frullare bene e  bere: DONA UN MERAVIGLIOSO INCARNATO, NOI LO ABBIAMO VERIFICATO, MA DOVETE PROSEGUIRE PER UN ANNO E VEDRETE GLI OTTIMI RISULTATI.


Il frico, per esempio, ogni tanto, è un cibo veloce da preparare e sano.

FRICO: formaggio duro a pezzetti piccoli o grattugiato (35-50 gr a testa), cipolle a velo ( 1 a testa), vino bianco o cognac o altro del genere.

Rendere trasparente la cipolla sottile, 1 cucchiaio di olio extra vergine a testa in padella antiaderente, aggiungendo dopo un  primo rosolamento 1|2 bicchiere di vino o acqua per terminare la cottura della cipolla.

Aggiungere il formaggio quando la cipolla è cotta ed il liquido è evaporato.

Sciolto il formaggio, servire subito su piatti caldi. E’ un piatto ideale per i climi freddi.

Potete aggiungere quello che preferite: anche due fette di speck, tartufo …

 

_________________

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

 

Salute – Sovrappeso – a rischio la salute delle ginocchia

Il sovrappeso: a rischio la salute delle ginocchia

La spesa sanitaria sostenuta da un obeso è in media il 25% più alta di quella di un soggetto normopeso

Più che per un fattore estetico, dimagrire è fondamentale per la salute delle ginocchia

Il cambiamento deve partire dalla testa

Le conseguenze per la salute del ginocchio se non si perde peso

Accumulare chili di troppo può essere una scelta davvero rischiosa per la salute, ormai è noto a tutti.

Ma quello di cui si parla meno è che a subire ingenti danni sono soprattutto le ginocchia e le anche- oltre ovviamente al cuore, al sistema cardiovascolare, il fegato e i reni.

Le persone che ingrassano, aumentando peso e massa corporea, hanno maggiori probabilità di sviluppare dolore a carico delle ginocchia rispetto a chi perde peso o lo mantiene relativamente stabile nel tempo.

Il rischio maggiore, infatti, è che le ginocchia non riescano a sostenere il peso dei chili di troppo accumulati causando così sintomi dolorosi difficilmente sopportabili.

L’obesità non ha un impatto negativo solo sul singolo, ma anche sulla collettività dal punto di vista dei costi legati al trattamento della malattia e delle sue complicanze (assistenza medica personale, assistenza ospedaliera, servizi sanitari e farmaci).” Afferma Federico Valli, medico chirurgo specialista in ortopedia e traumatologia presso l’Ospedale Galeazzi di Milano.

I costi sanitari nazionali legati all’obesità rappresentano una quota compresa tra il 2 e l’8% dei costi totali a livello mondiale (dati OMS).

La spesa sanitaria sostenuta da un obeso è in media il 25% più alta di quella di un soggetto normopeso (Withrow e Alter, 2010).

Per risparmiare sul bilancio traballante del servizio sanitario nazionale in Inghilterra il governo ha proposto di rimandare il più possibile gli interventi su pazienti in sovrappeso perché le loro condizioni potrebbero richiedere maggiori spese per il recupero e l’assistenza.”

L’obesità è causata, nella maggior parte dei casi, da stili di vita scorretti: da una parte, un’alimentazione scorretta ipercalorica e dall’altra un ridotto dispendio energetico a causa di inattività fisica.

“Le persone in sovrappeso devono prima di tutto il cambiare il modo di pensare. Il primo passo per imparare ad affrontare, gestire e superare il dolore causato dalle ginocchia e dalle anche- e per scongiurare una futura operazione chirurgica- deve partire dalla testa. ” Continua il Dottor Valli.

Prima di cambiare il proprio stile di vita bisogna cambiare mentalità perché il paziente in sovrappeso deve comprendere che perdere i chili di troppo gioverà non solo al sistema cardiovascolare ma soprattutto alle articolazioni, quindi potrà tornare a camminare e praticare sport senza sentire dolore.

Un aspetto non da poco su cui vale la pena lavorarci. Infatti, prima si comprende e si razionalizza la gravità che hanno i chili di troppo sul nostro fisico e prima si potrà cambiare stile di vita.
Solo così le persone saranno pronte mentalmente a prestare maggiore attenzione verso il tipo di cibo che ingeriscono e praticare con piacere esercizi fisici adeguati che andranno a modificare lo stile di vita migliorandone la qualità. Infatti, controllando il proprio peso il paziente sarà in grado di gestire il dolore fisico.

Spesso il dolore non permette di iniziare un esercizio fisico costante volto al raggiungimento della perdita del peso corporeo e allora si consiglia un’attività fisica a basso impatto come il nuoto la bicicletta o cyclette o utilizzando attrezzi ed esercizi meno pesanti.

Quali possono essere le conseguenze negative per la salute del ginocchio?

Un notevole aumento del peso significa aumento dell’artrosi del ginocchio, cioè l’invecchiamento dell’articolazione.

L’articolazione del ginocchio è la più grande del corpo umano e anche una delle più complesse. Le tre ossa del ginocchio sono rivestite da uno spesso strato di cartilagine nel punto in cui si toccano tra loro e sono quindi sottoposte a usura. Sono molte le patologie in grado di assottigliare questo strato di cartilagine, causando dolore, zoppia, limitazione del movimento e deformità.

Se diventa dolente e tende a bloccarsi in seguito a deformità causate da fratture, si prova a rimediare con cure mediche e fisioterapiche. Ma quando le terapie non funzionano e l’articolazione risulta rigida e compromessa in modo irrimediabile, la protesi al ginocchio è spesso l’unica via da percorrere.

Federico Valli Medico Chirurgo – Specialista in Ortopedia e Traumatologia
Si occupa di patologia degenerativa di anca e ginocchio e traumatologia sportiva.
Sito web: http://www.federicovalli.it/

********************

Salute – HELICOBACTER PYLORI – Infetto un adulto su tre – La maggioranza ignora questo grave problema che riguarda al nostra salute

55Bruciori di stomaco o difficoltà di digestione, gonfiori o sonnolenza dopo i pasti … potrebbero essere causati dalla presenza di Helicobatter pylori.

SE NON CURATO IN TEMPO, l’Helicobatter pylori può causare GRAVI PATOLOGIE GASTRICHE, 

HELICOBACTER PYLORI

Oggi, purtroppo la medicina, in questo caso, propone delle terapie che non risultano essere più efficaci come un tempo. La causa sta nei nuovi gruppi di batteri resistenti.

L’ Helicobatter pylori è un battere che si localizza nello stomaco e che può essere trasmesso da un individuo all’altro con un semplice scambio di saliva o attraverso il consumo di acqua o alimenti contaminati (via oro-fecale).

Questo battere si ancora negli strati sottostanti la parete interna allo stomaco e non è facilmente raggiunto dal sistema immunitario; quest’ultimo, deputato ad uccidere tutto ciò che è pericoloso  per il nostro organismo.

Quindi l’ Helicobatter pylori non viene ucciso dal sistema immunitario e permane nell’intestino creando gravi problemi.

Si è dimostrato che l’alimentazione e l’uso di Farmaci Antinfiammatori Non Steroidei FANS ( contro i vari dolori muscolari ed articolari ), possono stimolare la produzione di succhi gastrici e danneggiare la mucosa e quindi anche le sue difese naturali.

Anche il sale (in eccesso), i composti nitrosilati e l’alcol, causano danni alla mucosa e promuovono la colonizzazione da parte dell’ Helicobatter pylori.

Senza la protezione del muco, i succhi digestivi arrivano in contato con la mucosa e la danneggiano progressivamente.

Frequentemente la presenza dell’ Helicobatter pylori, è asintomatica; ovvero non provoca bruciori o difficoltà di digestione, gonfiori o sonnolenza dopo i pasti o li provoca occasionalmente.

Purtroppo se non riconosciuta, non viene curata e si sviluppa sempre più.

Nel tempo può anche causare problemi di salute molto gravi come:

-linfoma MALT

-cancro.

Quindi resta molto importante diagnosticare per tempo questa patologia.

Come identificare l’ Helicobatter pylori ?

La gastroscopia è un, pochissimo amato, mezzo di indagine sicura.

Ma  esiste anche l’ Urea Breath Test (o test del respiro); purtroppo il costo di questa diagnosi è molto elevato e se il campione non è raccolto correttamente l’esame può essere un falso negativo.

Esiste anche la ricerca nel sangue di anticorpi diretti contro l’ Helicobatter pylori, ma non è considerata una tecnica adatta perché segnala la presenza di Helicobatter pylori, anche dopo molti anni che il problema è stato risolto.

La soluzione più semplice è un esame che si può trovare anche in farmacia, a pagamento, che ricerca l’antigene HpSA. Questo è uno strumento diagnostico considerato valido.

ERADICARE L’ HELICOBACTER PYLORI

Le cure più comuni segnano un gran numero di insuccessi.

Il medico inizialmente prescrive: antibiotici e farmaci che riducono l’acidità gastrica. I benefici sono immediati, ma frequentemente il problema si ripresenta.

Dopo varie ricadute, al paziente vengono prescritti farmaci che hanno schemi di assunzione giornaliera complessi e si associano a PESANTI EFFETTI COLLATERALI.

La tentazione di sospendere anticipatamente il trattamento porta all’insorgenza di ceppi batterici resistenti agli antibiotici.

IL RIPRISTINO DELL’EQUILIBRIO DELL’AMBIENTE GASTRICO RAPPRESENTA UNA CONDIZIONE OBBLIGATA PER ELIMINARE L’INFEZIONE ED EVITARE RECIDIVE.

COSA DICE IL FARMACISTA, SE CHIEDETE UN RIMEDIO NATURALE ED EFFICACE ?

Esiste un trattamento completamente naturale:

-l’estratto di semi di pompelmo (GSE)

Questo estratto  ha potente attività:

– battericida

-batteriostatica naturale ad ampio spettro.

-ottimo anche come antivirale e antiparassitario

-funziona contro la Candida albicans

A DIFFERENZA DELL’ANTIBIOTICO DISTRUGGE SOLO I BATTERI PATOGENI, SALVANDO QUELLI CHE CI AIUTANO A GUARIRE.

L’azione dell’ estratto di semi di pompelmo (GSE), può essere potenziata con l’aiuto di altri attivi vegetali come:

-Melaleuca alternifolia (Tee Tree Oil)

Aloe vera gel (ma se non lo fate voi dalla foglia di aloe, poterste avere a che fare con prodotti scarsamente affidabili)

Centella asiatica

Ananas (potente digestivo per i suoi enzini, otttimo dopo la carne) inolte favorisce il riassorbimento degli agenti infiammatori

Coriandolo (ottimo per disturbi digestivi in genere)

Cardamomo: da secoli usato per disturbi gasto intestinali, ideale in caso di difficoltà digestive.

———-

LA STORIA DELLA SCOPERTA DELL’HELICOBACTER PYLORI E DELLA CURA

Sino a trent’anni fa i testi di medicina sostenevano che era impossibile, in un ambiente acido come lo stomaco nessun battere poteva sopravvivere.

Invece due ricercatori, Barry Marshall e Robin Warren, dimostrarono, avendo prima contro tutta la comunità scientifica, che  era possibile farvi attecchire i batteri. Uno dei due si auto-iniettò una cultura del microrganismo e si ammalò di gastrite, che si trasormò in ulcera.

Riuscì poi ad isolare il batterio dall’ulcera che si era formata.

Questa fu la prima dimostrazione che a formare gastriti e ulcere era un bactere; ovvero un’infezione.

I ricercatori poi, nel 2005, vinsero il Nobel per questa scoperta.

———–

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti   ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici.
00

Salute è nella flora intestinale – cosa è la flora intestinale ?

BASTEREBBE CONSUMARE ALMENO 20 ALIMENTI (SALUTARI) DIVERSI PER SETTIMANA, QUALCHE VOLTA SALTARE IL PASTO E IL NOSTRO ORGANISMO SAREBBE PIÙ SANO.

Quanto più la nostra flora intestinale è varia e ricca, tanto più godiamo di buona salute e metabolizziamo (ovvero bruciamo) le calorie che ingeriamo con il cibo (ovvero rimaniamo in forma, senza ingrassare).

Dopo molti anni di ricerca sulle diete, Tim Spector, docente di epidemiologia al King’s College di Londra e con 500 studi scientifici pubblicati, è giunto alla conclusione di cui sopra.

E’ noto come  i francesi abbiano una dieta a base di vino, formaggi, salse e carni grasse; vedi anatra, oca  ecc.. , nonostante questo hanno meno malattie cardiache rispetto agli inglesi ed una vita media più alta di quattro anni rispetto agli americani.

PERCHÉ ?

Secondo il prof. Spector tutto si spiega con i microbi contenuti nei formaggi, nello yogurt e nel vino.

Più la produzione di questi cibi è artigianale più vario e alto è il numero dei batteri che nello stomaco e nell’intestino favoriscono una sana assimilazione del cibo.

Anche la dieta mediterranea è ricca di batteri; ma solo se i prodotti sono genuini; l’olio extra vergine deve esserlo veramente e non solo sull’ eltichetta ecc..  ( a questo proposito vedi al link: http://www.donnecultura.eu/?p=8439 ).

I polifenoli, contenuti nell’olio extravergine anche di arachidi (purché di sole arachidi si tratti veramente e non solo perchè scritto in etichetta !! ), ma anche nella frutta  e verdura, sono ricchi di batteri.

Per batteri intendiamo quelli buoni, quelli che aiutano a mantenerci in salute e non i batteri dannosi.

COSA UCCIDE I BATTERI BUONI ?

 Gli alimenti industriali , l’eccesso di zuccheri, le bibite come la Coca Cola, i thè preconfezionati pieni di zuccheri …  tutti i cibi pronti … gelati, biscotti anche artigianali; perché quasi sempre contengono molti ingredienti eguali e quelli industriali (costano molto meno).

COSA AIUTA I BATTERI BUONI ?

Correre, camminare, muoversi, anche fare le pulizie di casa, le scale invece dell’ascensore… tutto il movimento fisico aiuta la produzione di batteri buoni che producono il butirrato, un acido grasso che aiuta a mantenere in forma il nostro sistema immunitario.

LA RICERCA DEL PROF. SPECTOR HA EVIDENZIATO UNA CONTINUA DIMINUZIONE DI VARIETA’ MICROBIOTICA (batteri), NEGLI ULTIMI DECENNI.

QUALI SONO GLI EFFETTI DELLA DIMINUZIONE DELLA VARIETA’ DI BATTERI PRESENTI NEL NOSTRO ORGANISMO ?

L’EPIDEMIA DI ALLERGIE CHE È IN ATTO è una delle tante evidenze di cosa vuol dire avere meno varietà di batteri a disposizione.

Malattie autoimmuni, diabete, obesità …

E PENSARE CHE BASTEREBBE CONSUMARE ALMENO 20 ALIMENTI (SALUTARI) DIVERSI IN OGNI SETTIMANA, QUALCHE VOLTA SALTARE IL PASTO E IL NOSTRO ORGANISMO SARÀ PIÙ SANO !