Archivi categoria: allergie

COSA E’ IL FILM LACRIMALE SANO ? – Occhio secco e le allergie da pollini

Più sotto i consigli per evitare o limitare i problemi dell’occhio secco

S.O.S. primavera:
la sindrome da occhio secco e le allergie da pollini

La primavera può essere accompagnata da infiammazione cronica della superficie oculare, instabilità lacrimale e sofferenza dell’epitelio corneale e congiuntivale.

COSA E’ IL FILM LACRIMALE SANO ?

Un film lacrimale “sano” è costituito da una miscela di lipidi, acqua e mucine.

La secrezione di muco, lipidi e acqua è dunque essenziale per l’idratazione dell’occhio, a sua volta importante per la fisiologia e le funzioni ottiche.

La componente lipidica gioca un ruolo importante nel prevenire l’evaporazione e nello stabilizzare il film lacrimale: quindi, qualsiasi alterazione delle secrezione lipidica si traduce in una più facile evaporazione del film lacrimale e in una sua destabilizzazione. Questa conduce all’occhio secco. 

La componente acquosa costituisce la massa maggiore del film lacrimale e veicola nutrienti e ossigeno alla cornea (che è priva di vasi); inoltre, contribuisce alla rimozione dei detriti, protegge la superficie oculare grazie a enzimi dotati di proprietà antibatteriche e idrata la superficie dell’occhio.

Ovviamente, una diminuita produzione della componente acquosa o una sua eccessiva evaporazione porta alla sindrome dell’occhio secco.
Può anche accadere che l’alterazione del film lacrimale (e il conseguente sviluppo di una sindrome da occhio secco) si verifichi in presenza di una normale produzione e composizione delle lacrime, ciò può avvenire per esempio in seguito a problemi alle palpebre, come per esempio una lassità della palpebra inferiore, un margine palpebrale ectopico, una chiusura palpebrale incompleta, ma anche ad una ridotta frequenza di ammiccamento o a un ammiccamento incompleto.

UN TEST CHE TUTTI POSSONO FARE

SMART TEST PER INDIVIDUARE I SINTOMI DELLA SINDORME DA OCCHIO SECCO
Il questionario DEQ-5 (Dry Eye Questionnaire) per l’individuazione dei possibili casi di occhio secco può essere autosomministrato. La sua compilazione può essere suggerita a tutti coloro che presentino secchezza o fastidi oculari; permette di riconoscere i pazienti in cui sospettare la presenza del disturbo e che dovranno fare riferimento allo specialista.

NELL’ULTIMO MESE CON QUALE FREQUENZA HA PERCEPITO FASTIDIO OCULARE1
0 1 2 3 4
Mai Sempre
IN CASO DI FASTIDIO OCULARE, QUALE ERA L’INTENSITA’ DI TALE FASTIDIO AL TERMINE DELLA GIORNATA?
0 1 2 3 4 5
Nullo Molto forte
CON QUALE FREQUENZA HA AVVERTITO SECCHEZZA OCULARE?
0 1 2 3 4
Mai Sempre
IN CASO DI SECCHEZZA OCULARE, QUALE ERA L’INTENSITA’ DI TALE SENSAZIONE AL TERMINE DELLA GIORNATA, NELLE DUE ORE PRECEDENTI AL MOMENTO DI CORICARSI?
0 1 2 3 4 5
Nullo Molto forte
CON QUALE FREQUENZA LE SEMBRA CHE I SUOI OCCHI SOFFRANO DI LACRIMAZIONE ECCESSIVA ?
0 1 2 3 4
Mai Sempre
Si considera positivo un punteggio complessivo superiore a 6. Nel caso di un punteggio superiore a 12 è necessario considerare la possibilità di una sindrome di Sjogren2

CONSIGLI PRATICI

Dal gruppo P.I.C.A.S.S.O.* alcuni consigli pratici che possono essere utili per limitare i disturbi in chi soffre di occhio secco:

  • idratare l’occhio adeguatamente con sostituti lacrimali/colliri ad azione completa;
  • evitare di stare a lungo in ambienti secchi (riscaldamento, aria condizionata) che peggiorano i sintomi;
  • evitare l’esposizione diretta a fonti di aria o di calore;
    ricordarsi di chiudere gli occhi per qualche secondo quando si legge, si lavora al computer o si è molto concentrati in qualche attività;
  • umidificare gli ambienti in cui si abita e si lavora;
    evitare l’utilizzo di lenti a contatto finché non si ristabilizza la salute della superficie oculare.

 L’arrivo della primavera coincide in Italia con un appuntamento fisso con le allergie da pollinazione per quasi una persona su 5 (il 19,5% della popolazione). Le allergie sono in continuo aumento, secondo la fotografia scattata da Assosalute, l’Associazione nazionale farmaci di automedicazione. Questa costante crescita è da correlare al processo di industrializzazione e a quello di urbanizzazione, che ha trasformato le comuni allergie stagionali in fenomeni perenni e persistenti.

A rimetterci sono molto spesso gli occhi: i gas inquinanti e il microparticolato si depositano sulla congiuntiva innescando una reazione infiammatoria. La persistenza dell’infiammazione altera la barriera epiteliale e attiva le cellule del sistema immunitario.

“Ci sono 4 forme di congiuntivite: la congiuntivite allergica stagionale (SAC), la congiuntivite allergica perenne (PAC), la cheratocongiuntivite Vernale (VKC) e la cheratocongiuntivite atopica (AKC).” – sottolinea la dott.ssa Pierangela Rubino, specialista in oculistica della Sezione di Oculistica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, Direttore Prof. S. A. Gandolfi. – La SAC e PAC sono le congiuntiviti allergiche più comuni e si riscontrano nel 15-20% della popolazione. Sono quasi sempre presenti le IgE specifiche per l’allergene perenne o stagionale e interessano i giovani adulti tra i 20-40 anni, senza predilezioni di sesso, e sono spesso associate a malattie atopiche.”
La cronica stimolazione del sistema immunitario si accompagna al rilascio di istamina e di altri mediatori dell’infiammazione, che sono responsabili della: vasodilatazione e aumento della permeabilità vascolare, e quindi del rossore oculare  stimolazione nervosa, che si traduce nel prurito  ipersecrezione a carico della ghiandola lacrimale, con conseguente lacrimazione

“La terapia delle congiuntiviti allergiche è quella di evitare l’agente nocivo che le causa, ma questo può risultare difficile per gli allergeni perenni e perché la superficie oculare è troppo ampia per evitare i comuni allergeni (per esempio quelli presenti nell’aria). Tra i principali trattamenti che sono utili per allontanare l’allergene ricordiamo i sostituti lacrimali che hanno la funzione duplice di diluire l’allergene e i mediatori dell’infiammazione e di rimuoverlo dalla superficie; tali trattamento sono coadiuvanti dei trattamenti specifici per le allergie cioè dei colliri antistaminici, di quelli con gli stabilizzatori di membrana e di quelli con il cortisone che sono usati nei casi più gravi di allergia.” – conclude la dott.ssa Rubino.
Per indirizzare verso un corretto percorso diagnostico la dott.ssa Rubino assieme al Gruppo P.I.C.A.S.S.O.* ha promosso, con il contributo di Thea Farma, lo smart test, grazie al quale è possibile misurare la probabilità di soffrire di occhio secco, che spesso è presente nelle congiuntiviti allergiche. E per una corretta gestione della problematica si ribadisce l’importanza dell’oculista come esperto cui fare riferimento.
Proprio nei casi più comuni di secchezza oculare, quali quelli legati alle allergie, è utile l’uso di un sostituto lacrimale che, oltre a diluire e allontanare l’allergene, vada ad agire sull’instabilità lacrimale, il danno epiteliale e l’infiammazione, grazie all’azione del trealosio (un disaccaride con proprietà protettive, antiossidanti e idratanti), e dell’acido ialuronico (ialuronato sodico, un polisaccaride con proprietà di ritenzione dell’acqua) che è in grado di prevenire la denaturazione delle proteine, la degradazione dei lipidi, e di idratare e lubrificare la superficie corneale.

Le lacrime artificiali ad ampio spettro sono efficaci nel ripristinare il film lacrimale e la qualità dell’epitelio.

* Partners Italiani per la Correzione delle Alterazioni del Sistema di Superficie Oculare:
prof. Pasquale Aragona – Professore Ordinario di Oftalmologia, Università di Messina, Dipartimento delle Scienze Biomediche
dott.ssa Emilia Cantera – Ospedale Israelitico, Roma
dott.ssa Rita Mencucci – Clinica Oculistica di Firenze
prof. Maurizio Rolando – Centro Superficie Oculare, IsPre Oftalmica, Genova
dott.ssa Pierangela Rubino – Dirigente Medico, AOU di Parma

UNA SOLUZIONE AL PROBLEMA DELL’OCCHIO SECCO

Forma:
soluzione oftalmica acquosa in flaconcino multidose, da somministrare mediante instillazione nell’occhio o su lenti a contatto.

Principi attivi:
trealosio 3%, un disaccaride con proprietà protettive, antiossidanti e idratanti (stabilizzante delle membrane cellulari, previene la denaturazione delle proteine e la degradazione dei lipidi);
ialuronato sodico 0,15%, un polisaccaride con proprietà di ritenzione dell’acqua (idratazione e lubrificazione della superficie corneale).

Indicazione d’uso:
è utilizzabile in caso di fastidio, bruciore o irritazione degli occhi. Tali sintomi possono essere causati da fattori esterni come vento, fumo, inquinamento, polvere, esposizione al sole o al freddo, caldo secco, aria condizionata, viaggi in aereo, lavoro protratto di fronte allo schermo del computer, ecc. Protegge, idrata e lubrifica a lungo la superficie oculare in tutti questi casi, per un rapido comfort.

Prezzo:
€ 20,00

È un dispositivo medico CE nr. 0459, leggere attentamente le istruzioni d’uso.
Autorizzazione ministeriale del 04.03.2016.

IL GRUPPO THEA E LA FILIALE ITALIANA THEA FARMA

Laboratoires Théa è il primo laboratorio farmaceutico indipendente in Europa specializzato nella ricerca, nello sviluppo e nella commercializzazione di prodotti oftalmici.
La sua storia è da sempre legata alla famiglia Chibret, dinastia nota nell’oftalmologia francese, che negli anni e attraverso le generazioni della famiglia ha condiviso la passione per l’oftalmologia ed ha introdotto grandi novità dal punto di vista dei trattamenti in campo oftalmico.

Il gruppo Théa infatti è da sempre impegnato nella ricerca e nello sviluppo di prodotti e tecnologie innovative. La missione principale del gruppo è quella di soddisfare le esigenze di tutti gli oculisti e dei loro pazienti, offrendo una gamma di prodotti di alta qualità e tecnologie all’avanguardia.
In Italia, il gruppo Théa arriva nel 2002 con l’acquisizione di Farmila, società privata nata nel 1946 e specializzata nella produzione di prodotti oftalmici e prodotti in ORL. In seguito all’acquisizione, Farmila ha subito una riorganizzazione profonda, sia dal punto di vista delle attività commerciali, affidate a Thea Farma, sia dal punto di vista della produzione, dominio di Farmila-Théa, diventando oggi uno dei siti produttivi più performanti d’Europa.
Thea Farma offre agli oculisti un ampio portfolio prodotti coprendo diverse aree terapeutiche: la secchezza oculare, il glaucoma, le infezioni e le infiammazioni oculari, prodotti per il trattamento e la prevenzione della DMLE, le allergie, prodotti utilizzati nella chirurgia oftalmica. Offre tecnologie all’avanguardia (sistema ABAK) che garantiscono la conservazione dei prodotti senza l’utilizzo di conservanti e di conseguenza senza danneggiare la superficie oculare.

SALUTE in primavera – Sindrome da occhio secco e allergie da pollini

S.O.S. primavera:
la sindrome da occhio secco e le allergie da pollini

La primavera può essere accompagnata da infiammazione cronica della superficie oculare, instabilità lacrimale e sofferenza dell’epitelio corneale e congiuntivale. Le lacrime artificiali ad ampio spettro sono efficaci nel ripristinare il film lacrimale e la qualità dell’epitelio.

. L’arrivo della primavera coincide in Italia con un appuntamento fisso con le allergie da pollinazione per quasi una persona su 5 (il 19,5% della popolazione). A rimetterci sono molto spesso gli occhi: i gas inquinanti e il microparticolato si depositano sulla congiuntiva innescando una reazione infiammatoria.

La persistenza dell’infiammazione altera la barriera epiteliale e attiva le cellule del sistema immunitario.

Ci sono 4 forme di congiuntivite: la congiuntivite allergica stagionale (SAC), la congiuntivite allergica perenne (PAC), la cheratocongiuntivite Vernale (VKC) e la cheratocongiuntivite atopica (AKC).” – sottolinea la dott.ssa Pierangela Rubino, specialista in oculistica della Sezione di Oculistica dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, Direttore Prof. S. A. Gandolfi. – La SAC e PAC sono le congiuntiviti allergiche più comuni e si riscontrano nel 15-20% della popolazione. Sono quasi sempre presenti le IgE specifiche per l’allergene perenne o stagionale e interessano i giovani adulti tra i 20-40 anni, senza predilezioni di sesso, e sono spesso associate a malattie atopiche.”

La cronica stimolazione del sistema immunitario si accompagna al rilascio di istamina e di altri mediatori dell’infiammazione, che sono responsabili della: vasodilatazione e aumento della permeabilità vascolare, e quindi del rossore oculare stimolazione nervosa, che si traduce nel prurito ipersecrezione a carico della ghiandola lacrimale, con conseguente lacrimazione

“La terapia delle congiuntiviti allergiche è quella di evitare l’agente nocivo che le causa, ma questo può risultare difficile per gli allergeni perenni e perché la superficie oculare è troppo ampia per evitare i comuni allergeni (per esempio quelli presenti nell’aria).

Tra i principali trattamenti che sono utili per allontanare l’allergene ricordiamo i sostituti lacrimali che hanno la funzione duplice di diluire l’allergene e i mediatori dell’infiammazione e di rimuoverlo dalla superficie; tali trattamento sono coadiuvanti dei trattamenti specifici per le allergie cioè dei colliri antistaminici, di quelli con gli stabilizzatori di membrana e di quelli con il cortisone che sono usati nei casi più gravi di allergia.” – conclude la dott.ssa Rubino.

Per indirizzare verso un corretto percorso diagnostico la dott.ssa Rubino assieme al Gruppo P.I.C.A.S.S.O.* ha promosso, con il contributo di Thea Farma, lo smart test, grazie al quale è possibile misurare la probabilità di soffrire di occhio secco, che spesso è presente nelle congiuntiviti allergiche. E per una corretta gestione della problematica si ribadisce l’importanza dell’oculista come esperto cui fare riferimento.

Proprio nei casi più comuni di secchezza oculare, quali quelli legati alle allergie, è utile l’uso di un sostituto lacrimale che, oltre a diluire e allontanare l’allergene, vada ad agire sull’instabilità lacrimale, il danno epiteliale e l’infiammazione, grazie all’azione del trealosio (un disaccaride con proprietà protettive, antiossidanti e idratanti), e dell’acidoialuronico (ialuronato sodico, un polisaccaride con proprietà di ritenzione dell’acqua) che è in grado di prevenire la denaturazione delle proteine, la degradazione dei lipidi, e di idratare e lubrificare la superficie corneale.

* Partners Italiani per la Correzione delle Alterazioni del Sistema di Superficie Oculare:
prof. Pasquale Aragona – Professore Ordinario di Oftalmologia, Università di Messina, Dipartimento delle Scienze Biomediche
dott.ssa Emilia Cantera – Ospedale Israelitico, Roma
dott.ssa Rita Mencucci – Clinica Oculistica di Firenze
prof. Maurizio Rolando – Centro Superficie Oculare, IsPre Oftalmica, Genova
dott.ssa Pierangela Rubino – Dirigente Medico, AOU di Parma

ALLERGIE DEI BAMBINI – Arachidi ai piccolissimi come prevenzione

CAMBIO DI MARCIA SUI CIBI ALLEGENIZZANTI

Una ricerca chiamata Leap aveva stabilito che dare il burro di arachidi precocemente ai bambini riduceva drammaticamente il rischio di allergia

Lo afferma un editoriale sul New England Journal of Medicine, riportando i risultati di uno studio su 1300 neonati.

Burro di arachidi con le prime pappe ( già a quattro-cinque mesi di vita.), per il nuovo approccio che aiuta a combattere l’eccesso di allergia tra i bimbi delle nuove generazioni.

E’ vero che il burro di arachidi non fa parte della cucina nostrana italiana, ma la nuova scoprta è tutta aamericana; da qui il consiglio delle arachidi.

Quello che vale per gli arachidi, è positivo anche per pesce, latte, uova (considetati ultimamente altamnete allergenizzanti).

Le arachidi erano considerate altamente allegenizzanti e quindi proibite, insieme ad altri cibi allegenizzanti (che favorirebbero le allergie); il nuovo studio americano dimostra che si puà diminuire dell’80% l’allergia tra i piccoli, basterebbe abituarli precocemente ad un cibo considerato allergneizzante.

Caduto così un tabù che si avvicina ai principi delle nostre nonne; condannato dalla moderna pediatria alla ricerca di sempre nuove regole per imporre, a volte molto criticabili, nuove abitudini.

 

 

 

Como pericolo inquinamento ma vale per tutta la Pianura Padana … – INQUINAMENTO – PIU’ PERICOLOSO DELLE SIGARETTE !!!

Il 2017 inizia con i livelli record del Pm10; tre volte oltre i limiti di legge

In 25 giorni a gennaio, nove città lombarde, hanno già superato di ben 15 volte il limite giornaliero di 50 microgrammi per metro cubo (ma ricordiamo che quando il limite è a 49-45 ecc… microgrammi ... si tratta sempre di valori pericolosi per la salute).

Como  ha registrato 213 microgrammi !!!

Il quotidiano La Stampa, scrive che il superamento dei limiti di inquinamento nel 2012 ha causato morte prematura a 84.400 italiani (gli anni successivi non sono ancora contabilizzati .. ).

L’Unione europea, ha in corso due procedure di infrazione contro il nostro Paese, riguardanti i limiti di biossido di azoto (avviata nel 2015) e di Pm10 (in mora da anni). Se si arriverà alla Corte di Giustizia Ue, la condanna porterebbe a una multa che potrebbe arrivare ad un miliardo di euro

INQUINAMENTO DA TRAFFICO – RISCALDAMENTO – INDUSTRIA – SIGARETTE ???

E’ il traffico che fa ammalare, prima di tutto i bambini piccoli e gli anziani, e uccide con il cancro, ha il suo nemico peggiore nei Diesel euro 3, ma sopprimerli sarebbe IMPOPOLARE.

Come IMPOPOLARE sarebbe una decisione a livello regionale, vedi Regione Lombardia, che preferisce demandare ai sindaci che non vogliono farsi malvolere dai cittadini con misure drastiche …

SE TANTI HANNO SMESSO DI FUMARE

PERCHE’ IL CANCRO CONTINUA AD AUMENTARE ???

Lo avevamo scritto e riscritto; vedi i nostri articolo precedenti sull’argomento.

Finalmente, anche un allegato di un popolare quotidiano lo conferma con il titolo: “L’inquinamento uccide, più delle sigarette”.

-l’Organizzazione Mondiale per la Sanità sostiene che l’inquinamento abbia superato la sigaretta come pericolo per la salute.

-600.000 europei sono morti nel 2012 per esposizione ad agenti inquinanti !

-di cui: 482.000 per inquinamento ambientale

117.000 per inquinamento domestico.

-La Direttrice del Dipartimento di Salute Pubblica ed Ambinetale dell’ONU, Maria Neira, sostiene come i rischi dell’inquinamento siano, oggi, di  molto superiori di quanto si stimasse; soprattutto per ictus e ischemie  cardiache.

-Seguono, in ordine di importanza, disturbi ostruttivi cronici ai polmoni (11 %),

infezioni respiratorie acute nei bambini: 3%

morti da tumore: 6%.

—————————

-Un recente studio dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (Iarc), ha definito

sicuramente cancerogeno il cocktail di combustioni da traffico, riscaldamento degli edifici ed emissioni industriali.

A livello mondiale, invece, l’inquinamento più pericoloso risulta essere quello domestico:

-a causa dei combustibili solidi come legna  e carbone;

noi ci permettiamo di ricordare che anche

il nostro gas domestico non  CI DA  affatto UNA MANO… come recitava un cero slogan, almeno dal punto di vista dei veleni prodotti (non a caso la legge impone cappe aspiranti e fori per il ricambio dell’aria!!!).

Anche le allergie aumentano con l’inquinamento: secondo l’Anses, Agenzia di Sicurezza Sanitaria  e Alimentare Francese,

le persone che soffrono oggi di allergie sono  raddoppiate nell’ultimo ventennio !

-30% degli adulti

-7-20% nei bambini

Anche il riscaldamento globale, aumentando il periodo di impollinazione, prolunga i tempi di esposizione agli allergeni.

I media, sino ad oggi, ci hanno spiegato che

-la sigaretta è il male assoluto, senza parlare mai di quanto respiriamo semplicemente vivendo in città inquinate come Milano.

Da tempo gli scienziati hanno calcolato che una giornata a Milano vale, in termini di sostanze dannose all’organismo,

-come il fumo di 80 sigarette….!!

-nel 2012, gli scienziati hanno calcolato che 7 milioni di morti sono legati alle combustioni tossiche e allo smog (che fa aumentare anche le allergie soprattutto nei bambini) !!

ASMA ALLERGICO GRAVE: la terapia biologica

ASMA ALLERGICO GRAVE:
la terapia biologica dopo 10 anni di impiego di Omalizumab

· Omalizumab è il farmaco che ha aperto la strada alla terapia biologica per l’Asma Allergico Grave (AAG)

· I dati real life in 10 anni di impiego ne confermano il profilo di tollerabilità e l’efficacia anche in ambito pediatrico

· Ivantaggi consistenti e clinicamente significativi per la qualità di vita dei pazienti con AAG, pongono il farmaco biologico al centro della scelta terapeutica per coloro che non rispondono ai trattamenti tradizionali (Step 5 Linee Guida GINA – Global INitiative for Asthma) (*)

– Omalizumab, farmaco appartenente alla classe degli anticorpi monoclonalianti-IgE (cioè, anti-immunoglobuline E), compie dieci anni, un anniversario da festeggiare poiché ha aperto la strada alla terapia biologica nell’Asma Allergico Grave, come ribadito anchenei recenti Congressi ‘Pneumo Magna Graecia’ e ‘Highlights in Allergy and Respiratory diseases’.

Il suo profilo di tollerabilità e la sua efficacia, dimostrate da anni di utilizzo, lo rendono ancora oggi la scelta principale per la cura ed il trattamento dell’Asma Allergico Grave, anche in ambito pediatrico.

L’asma Allergico Grave è una patologia complessa che colpisce adulti e bambini, caratterizzata dalla iperproduzione di immunoglobuline E (IgE) in risposta agli allergeni ambientali (quali acari della polvere, pollini e muffe).

Le linee guida GINA (Global INitiative for Asthma) (*) stabiliscono il raggiungimento del controllo ottimale della patologia quale obiettivo primario nella gestione del paziente.

Non controllare questa malattia comporta il persistere dei sintomi e l’insorgere di frequenti riacutizzazioni, che spesso possono causare l’ospedalizzazione e addirittura mettere a rischio la vita stessa del paziente.

L’Asma è un problema mondiale e un consistente onere sociale ed economico per i sistemi sanitari; la maggior parte dei pazienti con Asma Grave soffre di Asma allergico.

Secondo l’OMS oltre 300 milioni di persone soffrono di questa condizione nel mondo; la Global INitiative for Asthma (Gina) stima che in Europa ci siano oltre 30 milioni di asmatici.

“Le immunoglobuline E (IgE) hanno un ruolo molto importante nell’Asma Allergico Grave in quanto sono capaci di influenzare la funzione e, di conseguenza, l’attività di molte cellule comunque coinvolte nella patogenesi della malattia asmatica”, afferma Andrea Matucci – Dirigente medico del Reparto di Immunologia AOU Careggi di Firenze.

Il futuro del trattamento delle forme gravi di asma è affidato alle terapie biologiche che permettono di ottenere una migliore gestione della malattia e una medicina – per così dire – personalizzata.

Omalizumab è l’esempio di farmaco biologico diretto su un “bersaglio” preciso, in questo caso le IgE”.

Come rileva Girolamo Pelaia, Professore Ordinario di Malattie dell’Apparato Respiratorio e Direttore della Scuola di Specializzazione in Malattie dell’Apparato Respiratorio presso l’Università Magna Graecia di Catanzaro,“10 anni di impiego dell’anticorpo monoclonale anti-IgE Omalizumab nel trattamento dell’Asma Allergico Grave hanno dimostrato che questo farmaco è caratterizzato da un ottimo pattern di tollerabilità e, soprattutto, da un solido profilo di efficacia, confermato negli anni, che ha consentito di rivoluzionare la terapia dell’asma di natura allergica in oltre 100.000 pazienti nel mondo.

Il trattamento è in grado di ridurre la frequenza e la gravità delle riacutizzazioni dell’asma, migliorando anche i sintomi respiratori dei pazienti e la loro qualità di vita.

Questi effetti dipendono dalla capacità di Omalizumab di legarsi specificamente alle IgE umane, formando così degli immuno-complessi che impediscono alle IgE di attivare i loro recettori ad alta e bassa affinità, espressi dalle cellule immuno-flogistiche quali mastociti, basofili, eosinofili, cellule dendritiche e linfociti B.

Poichè a livello delle vie aeree i recettori per le IgE sono presenti anche sulle cellule strutturali come le cellule epiteliali bronchiali e le fibrocellule muscolari lisce, Omalizumab può modulare gli eventi strutturali relativi al rimodellamento della parete bronchiale, con possibili riflessi positivi sulla storia naturale dell’Asma“.

(*) Linee Guida Internazionali per l’ASMA (GINA – Global Initiative for Asthma Management)

Novartis
Novartis fornisce soluzioni terapeutiche innovative, in grado di far fronte alle esigenze in continua evoluzione dei pazienti e della società. Con sede a Basilea, in Svizzera, Novartis offre un portfolio diversificato, per meglio rispondere a queste esigenze: farmaci innovativi, prodotti per la cura dell’occhio e generici a costi competitivi. Novartis è la sola azienda al mondo a detenere una leadership in tutte queste aree. Nel 2015, le attività del Gruppo hanno registrato un fatturato di 49,4 miliardi di dollari, mentre circa 8,9 miliardi di dollari (8,7 miliardi di dollari escluse le svalutazioni e gli ammortamenti) sono stati investiti in Ricerca & Sviluppo. Le società del Gruppo Novartis contano circa 118.000 collaboratori. I prodotti Novartis sono disponibili in oltre 180 Paesi del mondo. Ulteriori informazioni nei siti www.novartis.it e www.novartis.com.

Novartis Italia è anche su Twitter @novartisitalia.

CELIACI ATTENTI – Con i cibi per celiaci si rischia di diventare diabetici !

GLI ALIMENTI SENZA GLUTINE SONO TROPPO RICCHI DI GRASSI, ZUCCHERI E ADDITIVI

Non è uno scherzo, il problema è stato da poco sollevato, ma ha un suo fondamento scientifico.

Alcuni prodotti confezionati etichettati “senza glutine” e “per celiaci” possono essere molto elaborati e risultare ricchi di grassi, zuccheri e additivi.

Il problema sta nei prodotti per celiaci realizzati a livello industriale senza badare troppo alla qualità degli ingredienti. 

Ecco cosa possono contenere: zuccheri, additivi di dubbia provenienza, grassi poco sani come l’olio di palma, e conservanti superiore alla norma.

Il consiglio ai 165 mila celiaci italiani, arriva direttamente dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Torino: non sottovalutare quanto sopra, controllare sempre ACCURATAMENTE l’elenco degli ingredienti, anche se acquistate in farmacia o in un negozio specializzato.

Inoltre, nei cibi per celiaci, ma non solo,  possono essere presenti anche: gomme, addensanti e aromi artificiali (che causano allergie) che spesso non vengono specificati. 

LA BUONA NORMA PER CELIACI, MA ANCHE PER I NON CELIACI:

– scegliere gli ingredienti e i cibi più semplici.

Prima cosa da fare è non allarmarsi, ma capire di cosa stiamo parlando.

I cereali, hanno la capacità di trasformarsi in ziccheri ababstanza lentamente e quindi il corpo li assimila poco alla volta e non riceve un picco glicemico ( eccesso di zuccheri improvviso).

Secondo le ultime informazioni, pare che le sostanze contenute nelle paste, pane, farne, biscotti, grissini ecc… confezionate per celiaci contengano sostanze che rilasciano velocemente zuccheri.

Qui sta il problema; quindi se siete celiaci, vi farebbe meglio passare al riso e alla polenta, piuttosto che insistere con farine e paste COSTOSISSIME (se non per voi che le scaricate, come permette la legge italiana (in Svizzera non è possibile), almeno per la comunità e per le finanze della medicina sociale).

 

SALUTE GRAVE PERICOLO FTALATI PVC PER BAMBINI E ADULTI – REPORT lo ha spiegato con molti dettagli

L’elenco delle sostanze che possono portare al cancro conta ben 116 elementi; ben oltre il fumo e la carne rossa !!! PIU? SOTTO L’ELENCO COMPLETO

 Lo pubblica il Daily Mail dopo una ricerca di 22 esperti provenienti da dieci paesi dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc) dell’Oms.

TUTTI I MARI DEL MONDO SONO ZEPPI DI PLASTICHE CHE SI SGRETOLANO E RILASCIANO SOSTANZE PERICOLOSE ALLA SALUTE. Un’isola grande come l’Europa, vaga al di sopra delle isole Hawaii.

Sui componenti delle plastiche e dei loro gravi pericoli per la nostra salute, avevamo già scritto tempo fa; ora tutto è stato ribadito, con tante informazioni in più, dalla trasmissione REPORT, della famosa giornalista Gabanelli.

Tra l’altro la trasmissione ha messo in evidenza con dovizia di particolari alcuni fatti che dovremmo tutti conoscere:

-TUTTE LE SOSTANZE PLASTICHE RILASCIANO SOSTANZE TOSSICHE

-il pericolo di utilizzare plastiche a contatto con cibi CALDI; bicchieri di plastica, piatti di plastica, posate di plastica 

PELLICOLE DI VARIO GENERE SUPER-ADESIVE (sono le più pericolose), carta per non attaccare il cibo cotto in forno .. la carta che avvolge l’hambuger, il cartone per la pizza calda, TUTTE le pentole antiaderenti (non sono fatte di pietra, è un clamoroso falso), i mestoli di plastica o materiali similari come il silicone  …

-anche le bottiglie dell’acqua minerale (fabbricate con formaldeide, acetaldeide … ), possono enormemente peggiorare (di ben 9 volte) il rilascio di sostanze chimiche pericolose se tenute a temperature sopra i 20 o 30 °; molto cambia anche se l’acqua è in bottiglia da oltre 3 mesi.

-le tende della doccia in PVC, possono contenere sostanze pericolose che si volatilizzano a contatto con l’acqua calda e persistono anche per 28 giorni nell’ambiente: si tratta di 108 sostanze che possono portare danni al fegato all’apparato riproduttivo e respiratorio

-tutti gli imballaggi di plastica possono rilasciare sostanze pericolose, peggio se rimangono al caldo

-gli imballaggi in plastica sono stampati, molto frequentemente, con colori che non dovrebbero mai entrare in contatto con il cibo; addirittura si arriva a mettere un altro strato di plastica come isolamento, ma è attaccato con una colla pericolosa (invisibile)…

——

Breve storia della Formaldeide; presente nelle materie plastiche:

-NEL 1976 SI E’ RICONOSCIUTA LA FORMALDEIDE COME PERICOLOSA

-NEL ’77 CANCEROGENA

-NEL ’95 CORROSIVA

-RISULTATO: L’EUROPA NON HA MAI VIETATO LA FORMALDEIDE.

Le case che producevano pentole aderenti con sostanze pericolose hanno cambiato il nome e la sostanza, che risulta comunque altrettanto pericolosa.

GLI FTALATI

Gli ftalati,ora limitati nei giocattoli in plastica per bambini, sono presenti nelle pellicole per avvolgere gli alimenti.

BIOSFENOLO A

Indurente della plastica; quasi eliminato dai biberon, ma usato ancora nel rivestimento di:

lattine e scatolette, dal tonno al pomodoro.

Alcuni composti del fluoro sono presenti come additivo nel teflon che riveste le padelle.

PERICOLI PER IL FETO

Queste sostanze hanno azioni importanti durante lo sviluppo del feto, nel periodo neonatale e in quello puberale” lo ha detto Paola Palanza, docente all’Università di Parma che fa ricerca sugli interferenti endocrini. In una intervista Panorama. 24.2.14

———————-

Cosa vuol dire Pfas?

Lo Pfas riveste la maggioranze della tenute da trekking, montagna, scarpe, impermeabili da città; è indispensabile per l’impermeabilizzazione.

Significa perfluoroalchiliche; ovvero sostanze chimiche usate nell’industria per rendere impermeabili i tessuti e i rivestimenti.

In Veneto l’Istituto superiore della Sanità ha scoperto elevate concentrazioni di Pfas nelle zone di Montecchio Maggiore, Lonigo, Brendola, Creazzo, Altavilla, Sovizzo e Sarego e nelle acque dei fiumi.

L’agente inquinante è stato riscontrato in grandi quantità nel sangue delle persone; si tratta di persone che hanno bevuto spesso acqua del rubinetto.

il dottor Vincenzo Cordiano esperto di tumori del sangue, rappresentante regionale di “Medici per l’ambiente” e responsabile degli ambulatori di Ematologia Generale ed Oncoematologia dell’ospedale di Valdagno, è stato il primo a lanciare l’allarme Pfas.

Aveva ipotizzato un collegamento tra la presenza di sostanze tossiche nell’acqua ed alcune patologie nella popolazione.

La sua relazione che chiedeva di promuovere una “Indagine epidemiologica sulle malattie ambientali da sostanze chimiche inquinanti persistenti”  risale all’estate 2013. 

PFAS SONO LE SOSTANZE PIU’ PERSISTENTI CHE CONOSCIAMO

I Pfas sono resistenti all’acqua

si trovano anche:

-nella carta del burro

-nella carta di confezione dei dolci

-sacchetti pop corn per microonde

cartoni per pizza … e il contatto CON IL CALDO E’ PIU’ PERICOLOSO !!!!

———

Plastiche tossiche nei cosmetici e in casa : PVC e ftalati

 Gravi rischi presentati dai pavimenti in PVC

—–

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

——-

EFFETTI DEGLI FTALATI:  
-criptorchidismo (testicoli ritenuti), ipospadia (l’apertura dell’uretra è sulla parte inferiore del pene) e oligospermia (basso numero di spermatozoi) e cancro ai testicoli
Interferenze nella differenziazione sessuale in utero
Ipertrofia prostatica
-cicli ovulatori anomali e ovaio policistico (PCOS)
-varie disfunzioni ormonali
-pubertà precoce o ritardata
-cancro al seno e fibromi uterini

MOLTI prodotti per la casa, DETERSIVI PROFUMATI PER PAVIMENTI, SPRAY ANTIPOLVERE PROFUMATI, VARI SPRAY PE RPULIRE CUCINA DOCCIA BAGNO…., ma anche mobili, tappezzerie, materassi e rivestimenti murali, CONTENGONO VELENOSI FTALATI.

COSA EVITARE  (i particolari in fondo all’articolo):

-NESSUN profumo per l’ambiente, NO ammorbidenti, NON candele profumate; le vere fragranze naturali sono vendute a prezzi carissimi e mai nei supermercati e nei negozi facilmente reperibili
-cibi e le bevande nel vetro NON nella plastica ed evitate l’uso della pellicola trasparenti

Avete pavimenti in plastica flessibile, come il vinile o quelli imbottiti (play-mat) per bambini, usati anche negli asili, probabilmente sono fatti con cloruro di polivinile (PVC).

Il PVC contiene ftalati (plastificanti), utilizzate nella plastica per ottenere un PVC più flessibile e resiliente.

MA SONO ANCHE DEI DISTRUTTORI ENDOCRINI ! (sistema endocrino: è deputato all’invio di “messaggi” ai vari organi e tessuti dell’ organismo; ORMONI COMPRESI)

GLI FTALATI, SONO I distruttori endocrini più diffusi finora scoperti.

Alcuni studi svedesi hanno verificato che i livelli di alcuni ftalati risultano più elevati nelle urine di bambini che vivono in case con pavimenti in PVC nella loro camera da letto.

Alti livelli di ftalati nella polvere di casa, risultano legati a condizioni di salute croniche come allergie e asma.

Secondo uno studio scientifico i bambini che vivono in camere da letto con pavimenti in vinile rischiamo di avere il DOPPIO delle probabilità di divenire autistici.

Gli ftalati si trovano anche in: giocattoli, imballaggi per alimenti, tende da doccia in plastica, apparecchi medicali, detergenti per la casa, cosmetici come shampoo, bagno doccia, creme varie, balsami, deodoranti… detergenti per la biancheria… ammorbidenti…

Gli ftalati sono stati TROVATI ANCHE in alimenti per lattanti e alimenti per l’infanzia, livelli di alcuni ftalati erano minori nei bambini di età inferiore a 2 mesi allattati solo con latte materno.
Anche i biberon non andrebbero sterilizzati con prodotti chimici, ma con semplice BOLLITURA !

I bambini prematuri ricevono alte concentrazioni di ftalati presenti nel materiale plastico medicale utilizzato durante la terapia intensiva neonatale: per esempio ogni tubo di plastica cui un neonato è collegato esala ftalati.
La Food and Drug Administration (FDA) Americana sostiene che il DEHP si trova anche:
-Infusori venosi e sacche da infusione
-Tubature impiegate in procedure di bypass cardiopolmonare
-Sacche di sangue e relative tubi da infusione
-Tubature per ventilazione polmonare
-Sacche per nutrizione enterale
-Tubature usate per l’emodialisi

L’EHHI sostiene che i bambini maschi esposti agli ftalati, a causa di varie procedure mediche sono a maggior rischio per la salute e in particolare verso l’ eccessiva infiammazione.
L’infiammazione comporta:
disturbi cronici polmonari come la displasia broncopolmonare -l’enterocolite necrotizzante, una grave patologia intestinale.

CONSIGLI:
–   giocattoli costruiti con materiali naturali
-per la casa usare materiali “ecologici”, non tossici, al posto delle regolari pitture e NON pavimenti in vinile.-
– tende da doccia in tessuto o possibilmenteuna cabina doccia in vetro
-CERCARE cosmetici, saponi e dentifrici naturali; non usare inutili quantitativi di detregenti lucidanti per capelli, creme per il corpo e viso; meglio l’olio d’oliva, di mandorle, ecc… leggete bene gli INGREDIENTI !!!
-scegliere erogatori da doccia e rubinetterie che non contengano particolari in PVC
-NESSUN profumo per l’ambiente, NO ammorbidenti, NON candele profumate; le vere fragranze naturali sono vendute a prezzi carissimi e mai nei supermercati e nei negozi facilmente reperibili
-cibi e le bevande nel vetro NON nella plastica ed evitate l’uso della pellicola trasparenti
-NON AI CIBI PRONTI !!!
-lattate i bambini al seno
-per i biberon, preferite il vetro.
-IN CASA SI PUO’ PULIRE USANDO LA CANDEGGINA, L’AMMONIACA L’ACETO, IL BICARBONATO E NON PRODOTTI COSTOSI E CHIMICI E PERICOLOSI

———————————————-

Elenco delle 116 sostanze potenzialmente”cancerogene”:
1. Fumo del tabacco
2. Lampade e lettini solari
3. Produzione di alluminio
4. Arsenico nell’acqua 5. Produzione di auramina, disinfettante
6. Produzione e riparazione di scarpe e stivali
7. Fare lo spazzacamino
8. Produzione del gas dal carbone
9. Produzione catrame da carbone
10. Produzione di carbone coke
11. Fabbricazione di mobili
12. Estrazione minerale in miniera con esposizione al radon
13. Fumo indiretto
14. Fusione di ferro e acciaio
15. Produzione di isopropanolo
16. Tintura
17. Dipingere
18. Pavimentare e coprire tetti con catrame
19. Industria della gomma
20. Esposizione a vapori con acido sulfurico
21. Respirare aflatoxine, prodotte naturalmente da una specie di funghi, Aspergillus flavus and Aspergillus parasiticus. Da tempo le aflatoxine erano considerate fra le sostanze più cancerogene al mondo.
22. Bevande alcoliche
23. Noci della palma areca, di solito masticate con le foglie di betel
24. Foglie di betel senza tabacco
25. Foglie di bete con tabacco
26. Pezzi di catrame naturale da carbone
27. Catrame naturale
28. Bruciare carbone in casa
29. Scarico di diesel
30. Oli minerali, non trattati o poco trattati
31. Fenacetina (antidolorifico)
32. Piante contenenti acidi aristolochici (usate nella erboristeria medica cinese)
33. Bifenile policlorinato (fuori legge in molti Paesi) usato in impianti elettrici e carta copiatrice senza carbone
34. Pesce salato alla cinese
35. Olio di scito
36. Particelle non bruciate di carbone
37. Tabacco sena fumo (fiuto, masticazione)
38. Segatura
39. Carne lavorata
40. Acetaldeide (etanale; aldeide acetica)
41. 4Aminobifenil
42. Acidi aristolochici e piante che li contengono
43. Amianto
44. Arsenico e composti con arsenico
45. Azatioprina, usata nei trapianti di fegato
46. Benzene
47. Benzidina
48. Benzopirene
49. Berillio
50. Chlornapazina (N, N-Bis(2-chloroethyl)-2-naphthylamine)
51. Etere bis(chloromethyl)
52. Etere hloromethyl methyl
53. 1,3-Butadiene
54. 1,4-Butanediolo dimethanesulfonato (Busulphan, Myleran)
55. Cadmio and composti di cadmio
56. Chlorambucil
57. Methyl-CCNU (1-(2-Chloroethyl)-3-(4-methylcyclohexyl)-1-nitrosourea)
58. Composti a base di cromo
59. Ciclosporina
60. Anticoncezionali, ormonali, forme combinate (quelli che contengono estrogeni e progestogeni)
61. Anticoncezionali, orali, forme di contraccezione in sequenza (un periodo di soli estrogeni seguito da un periodo di estrogeni e progestogeni)
62. Cyclophosphamide
63. Diethylstilboestrol
64. Tinture a base di benzidina
65. Virus di Epstein-Barr
66. Estrogeni, nonsteroidei
67. Estrogeni, steroidi
68. Terapia con estrogeni per menopausa
69. Etanolo negli alcolici
70. Erionite
71. Ossido di ethylene
72. Etoposide solo e in combinazione
73. Formaldeide
74. Arsenide di Gallio
75. Infezione di Elicobactero del pilori
76. Epatite B cronica
77. Epatitis Cronica
78. Rimedi a base di erbe con piante del genere Aristolochia (vedi punto 42)
79. HIV tipo 1
80. Papilloma virus tipo 16, 18, 31, 33, 35, 39, 45, 51, 52, 56, 58, 59, 66
81. Virus limfotropico tipo-I
82. Melphalan
83. Methoxsalen (8-Methoxypsoralen) con raggi ultravioletti A
84. 4,4′-methylene-bis(2-chloroaniline) (MOCA)
85. MOPP e altre chemoterapie
86. Gas nervino (sulphur mustard)
87. 2-Naphthylamine
88. Radiazioni di neutroni
89. Composti di nickel
90. 4-(N-Nitrosomethylamino)-1-(3-pyridyl)-1-butanone (NNK)
91. N-Nitrosonornicotina (NNN)
92. Infezioni con Opisthorchis viverrini
93. Inquinamento dell’aria
94. Particolato pesante nell’inquinamento atmosferico
95. Fosfati
96. Plutonio-239
97. Radio iodine, isotopi a corto ciclo vitale (esposizione da bambini)
98. Radionuclides, α-particle-emitting, internally deposited
99. Radionuclides, β-particle-emitting, internally deposited
100. Radio-224
101. Radio-226
102. Radio-228
103. Radon-222
104. Schistosoma haematobium
105. Cristalli di silicio
106. Raggi solari
107. Polveri con fibre di amianto
108. Tamoxifen
109. 2,3,7,8-tetrachlorodibenzo-para-diossina
110. Thiotepa
112. Treosulfan
113. Ortho-toluidine
114. Clorato di Vinyl
115. Raggi ultravioletti
116. Raggi X e raggi gamma.

———————————-

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti   ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici.
L’autrice, ha presentato una delle sue tesi, presso l’ Università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”; tesi firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

ALLERGIE LE CAUSE – Pulviscolo e animali ci difendono è dimostrato scientificamente

Se ne parla da tempo, anche se la maggior parte delle mamme e nonne continua ad usare inutili, anzi dannosi e costosi disinfettanti per casa e indumenti.

Mai nella storia dell’uomo si era arrivati a vivere in ambienti il più possibile asettici ( vedi uso e soprattutto abuso di Amuchina, Napisan ecc…).
Già da tempo i bene informati sanno che le alghe dell’Adriatico sono dovute anche all’abuso di disinfettanti e ammorbidenti (detergenti vari, shampoo, bagni schiuma…), ma le “ brave ” casalinghe hanno continuato ad usarli in quantitativi industriali.

Risultato:
-fiumi inquinati
-mari inquinati
-tutti poi passa alla falda acquifera e ce lo mangiamo; insieme alla pasta che bolliamo nell’acqua … e lo beviamo
-le nuove generazioni soffrono sempre più di allergie varie e dermatiti.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che ci sia un’aumento di casi di asma di origine allergica del 50% ogni decennio.

Secondo la Global Initiative for Asma, ne hanno sofferto più di 300 MILIONI di persone (circa il 4% della popolazione mondiale) e per i BAMBINI LA SITUAZIONE E’ ANCORA PIU’ PESANTE:
ne soffre il 20% della popolazione mondiale.

Ma la comunità amisch ne è COMPLETAMENTE ESENTE.

Studi adeguati dell’Università di Chicago, hanno dimostrato che un’esposizione bassa, da parte di bambini, ad agenti patogeni e parassiti (come ACARI ecc…), DISABITUI IL SISTEMA IMMUNITARIO A RICONOSCERE QUELLE CHE SONO LE VERE MINACCE. IN QUESTO MODO AUMENTA ENORMEMENTE LA PREDISPOSIZIONE ALLE ALLERGIE. Quindi: vivere in ambienti sterili danneggia la nostra salute e ci rende più deboli.

Perché solo gli amisch sono esenti dalle patologie di cui sopra ?

Perché vivono a contatto con animali; ovvero gli animali sono negli stessi ambienti dove crescono i bambini.

Infatti un’altra popolazione che vive con animali, ma posti tutti lontano dalle abitazioni, come gli hutteri, sono soggetti ad allergie.

Gli studi sugli amisch e hutteri, sono serissimi in quanto si tratta di popolazioni che hanno uno stile di vita comune ed eguale per tutti.

Gli hutteri si avvalgono di grandi fattorie e le abitazioni sono ben distinte dalle stalle.
Gli amisch, invece, vivono in piccole fattorie dove i bambini vanno e vengono dalle stalle dove buoi e cavalli sono allevati come animali domestici.

NON E’ UNA QUESTIONE DI SPORCIZIA, LE CASE DEGLI AMISCH SONO MOLTO PULITE, E’ IL PULVISCOLO AD ESSERE DIVERSO.

Già nel 2013, uno studio aveva fatto scuola:

-i topi di laboratorio che avevano respirato la polvere proveniente da case abitate anche da cani, si sono rivelati insensibili alle stimolazioni da sostanze allergeniche.

QUINDI: benvenuti gli animali e un poco di polvere esterna; anche nella nostra casa !!! Se vogliamo figli più sani.

————————-

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti   e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici.
L’autrice, ha presentato una delle sue tesi, presso l’ Università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”; tesi firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

SALUTE – INTOLLERANZE ALIMENTARI – Una garanzia assoluta dai cibi Kosher

Le regole ferree dell’alimentazione kosher, sono la migliore garanzia contro le frodi alimentari che, purtroppo imperversano anche nei prodotti che dovrebbero essere i più sicuri.

Il rabbino, per motivi religiosi, deve controllare che tutti i cibi  siano cresciuti in ambienti non contaminati e non causino alcun problema alla salute. Questo ha fatto scoprire il cibo kosher a vegani, celiaci, induisti ecc…

Ora questo sta per diventare un business che nulla ha a che vedere con la religione.

Il boom dei prodotti Kosher, ha fatto nascere una app che vende i prodotti certificato BOOM di kosher.

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha creato un ente certificatore nazionale a marchio K.it, dedicato a tutte le imprese che vogliono avvicinarsi a queste rigide regole di produzione e mettere tutto a disposizione dell’utente.

CONTRORDINE: L’ECCESSO DI IGIENE FA MALISSIMO ALLA NOSTRA SALUTE !!

TOBAGO H2

CONTRORDINE: L’ECCESSO DI IGIENE FA MALISSIMO ALLA NOSTRA SALUTE !!

AUMENTANO:  ALLERGIE, MALATTIE AUTOIMMUNI E CARDIOVASCOLARI, OBESITA’  E DIABETE.

MICHEL POLLAN, SCIENZIATO-GIORNALISTA, DENUNCIA L’IMPATTO NEGATIVO, SULLA NOSTRA

SALUTE, DI TUTTI I PROCESSI INDUSTRIALI DELLA TRASFORMAZIONE DEL CIBO.

MICHEL POLLAN E’ L’AUTORE DEL CELEBERRIMO “DILEMMA DELL’ONNIVORO”;  editore Adelphi ed autore anche di “COOKED”; editore The Pregnum Press.

Finalmente se ne sono accorti anche negli USA, dove la maggioranza mangia solo cibi sterilizzati:

-il cibo trattato industrialmente è deleterio per la nostra salute.

La prova di tutto è il consiglio dei medici di ripristinare la flora batterica dopo una cura di antibiotici:

-ovvero nel nostro intestino abbiamo dei batteri che sono amici della nostra salute

OGGI LA SITUAZIONE E’ ESTREMAMENTE GRAVE A CAUSA  DEI SUPERBATTERI, RESISTENTI AI NORMALI ANTIBIOTICI  E CHE, ORMAI, SONO ABBASTANZA DIFFUSI; SOPRATTUTTO NEGLI OSPEDALI.

Nel corpo umano vivono ben 100.000 miliardi di batteri, dei quali solo il 10% è di origine umana; quindi tutti provenienti dall’esterno.

I popoli che vivono ancora non seguendo le norme igieniche più elementari, ovviamente si ammalano più di noi ed hanno una aspettativa di vita molto più bassa, ma sono decisamente meno soggetti ad allergie e malattie del sistema immunitario, ormai diffusissime nell’occidente ALTAMENTE STERILIZZATO.

Infatti le malattie del sistema immunitario, nello sviluppatissimo occidente, colpiscono almeno 50 milioni di persone.

Moises Velasquez-Manoff, giornalista scientifico, ha scritto “An Epidemic of Absence”, editore Scribner, sulle malattie autoimmuni con componenti allergici che colpiscono un americano su cinque.

Ogni ragazzo americano viene sottoposto a 20 cicli di antibiotici dai 10 ai 18 anni, ma anche da noi non si scherza.

Inoltre non dobbiamo trascurare il quantitativo di antibiotici che introduciamo consumando carne e pesci di allevamento.

Negli USA gli antibiotici vengono addizionati, a volte,  anche all’acqua potabile.

La diffusione di alimenti industriali, e molti cibi (anche i gelati), che si dichiarano ARTIGIANALI, sono costituiti da una base di prodotti industriali;

– le nostre leggi lo permettono !

Un altro grava problema si sta creando per la non utilizzazione dell’ultima parte dell’intestino a causa del consumo di cibi privi di fibra.

Il libro di Michel Pollan deriva anche da un viaggio attraverso i centri di ricerca come il Biofrontiers Institute della Università del Colorado a Bulder.

Questa ricerca ha permesso a Pollan di comprendere come gli squilibri microbici possano influenzare il metabolismo, ovvero sviluppare patologie come il diabete e le malattie cardiovascolari.

Ne è derivata la presa di coscienza che anche emulsionanti e polisorbato sono da considerarsi un pericolo; e stiamo parlando di sostanze presenti in quasi ogni tipo di alimento industriale.