Archivi categoria: LAVORO

lavoro

LE MACCHINE PRENDERANNO IL POSTO DEGLI UOMINI

In molti casi le macchine  già preso il posto dell’uomo; a Genova in ospedale i pazienti dispongono di un fisioterapista robot che, ad esami scientifici, è risultato migliore dell’uomo, ma questo è solo un caso delle milgiaia  già esistenti.

I recenti progressi dell’intelligenza artificiale e della robotica, non danno scampo al lavoro dell’uomo comune.

QUESTE NON SONO AFFERMAZIONI A CASO, MA CONFERMATE DA UN IMPRENDITORE E SCRITTORE DELLA SILICON VALLEY E ALTRI VERI ESPERTI; spiegati con argomenti e dati scientifici.

Chi sostiene che si formeranno tanti nuovi lavori abbastanza per tutti, dice VOLONTARIAMENTE IL FALSO.

Non dimentichiamo che chi parlava di surriscaldamento del clima, fino a poco tempo fa era definito solo un fanatico e che non c’erano evidenze scientifiche…

– Nella scienza e nel giornalismo i Rolex d’oro e le regalie trovano sempre terreno fertile, come in politica …

E questa volta NON sarà una rivoluzione industriale come a fine Ottocento, il lavoro sarà solo per pochi specializzatissimi; ma i posti di lavoro saranno sempre meno.

Per saperne di più, dal punto di vista scientifico e non politico:

Il futuro senza lavoro

Questo libro, vincitore del Financial Times and McKinsey Business Book of the Year Award, dimostra che oggi dobbiamo affronatre un problema di mancanza di lavoro come MAI E’ AVVENUTO NELLA STORIA DELL’UOMO.

L’autore è Martin Ford, imprenditore della Silicon Valley e futurologo.
Ha già pubblicato The Lights in the Tunnel: Automation Accelerating Tacnology and the Economy of the Future.
Il futuro senza lavoro, di Martin Ford, 24 euro.

–Il gene. Il viaggio dell’uomo al centro della vita.

Oggi disponiamo di insperate possibilità di sconfiggere malattie, ma siamo di fronte anche a cruciali interrogativi di carattere etico che riguardano il nostro futuro prossimo.

Questo libro è una salutare riflessione sui dubbi che sorgono dall’indagine scientifica e che rischiano di cambiare per sempre la nostra vita e anche i nostri cervelli; per chi potrà sostenere le spese economiche…

Il libro è scritto da Shiddartha Mukherjee, medico e saggista, ha vinto il Pulitzer nel 2011 con Una biografia del cancro.

-Il gene. Il viaggio dell’uomo al centro della vita, Shiddartha Mukherjee, Mondadori editore,

ITALIA TRA LE PRIME NAZIONI AL MONDO PER INVESTIMENTI IN TECNOLOGIE E RICERCA SCIENTIFICA

FINALMENTE UN GRUPPO DI OLTRE 50 STUDENTI ITALIANI HA VINTO IL PRIMO PREMIO MONDIALE IN PROVE DI MATEMATICA PER LA SCUOLA ELEMENTARI, MEDIE E SUPERIORI ….

SONO LE BUFALE più grandi che, seocndo noi, potevamo scrivere sull’talia degli ultimi vent’anni.

Ci capiranno bene tutti quelle scienziate e scienziati, ricercatori, docenti preparati che vivono in Italia e nel mondo.

Già 20 anni fa era possibile, per chi seguiva un minimo cosa succedeva nel mondo della tecnologia e ricerca scientifica, capire che il nostro Paese rischiava di “ perdere il treno dell’innovazione e del futuro lavorativo “.

Pochi lo avevano capito, anzi chi ne parlava era il solito GUFO … !!!

Non è un discorso di uno o due paritti politici, è una ” lode “al concerto dell’ignoranza e ai suoi suonatori.

OGGI RACCOGLIAMO QUELLO CHE CHI POTEVA DECIDERE NON HA DECISO

GRAZIE ALL’IGNORANZA DI MOLTI DEI RESPONSABILI DELLE SCELTE IMPORTANTI DEL PAESE, OGGI SIAMO UN FANALINO DI CODA TRA LE GRANDI NAZIONI (salvo pochi  e brillantissimi  donne, uomini, scienziati, ricercatori, docenti preparati e imprese coraggiose; che sopravvivono e resitono ancora in Italia; ogni giorno ci domandiamo come facciano).

 

LAVORO ALLARMANTE FUTURO O NO ? – Vivremo meglio o sempre peggio ?

Qui riportiamo solo dati ufficiali controllabili, le conclusioni le trarrete voi stessi.

9 lavori su 10, offerti nel futuro, secondo gli ultimi dati di previsioni scientificamente serie, saranno:

badante e infermiere.

Gli altri lavori (pochi posti rispetto alla massa disoccupata) ricercati saranno:

avvocati specializzati in problemi e divergenze on line

assistenti sociali per emarginati dai social  e pochi altri, sempre di grande specializzazione in settori legati all’informatica e problemi sociali.

OCCUPATI IN ITALIA

CHI TROVA PIU’ FACILMENTE LAVORO ?

Oggi, l’87% di coloro che escono dall’Università “Foro Italico” a Roma e l’87% ,circa, di chi esce dal Politecnico di Torino trova subito lavoro.

Al centro di ricerca della Fondazione Bruno Kessler, Trento, hanno registrato un notevole incremento di posti di lavoro.

COSA SOCCEDE NEGLI USA ?

Le aziende nate dopo il 2000, hanno assunto, a oggi, lo 0,5% della totale forza lavoro degli Stati Uniti.

——-

Forse abbiamo già i dati per immaginare il futuro che ci aspetta  … e se cominciassiomo a ragionarci sopra ? Invece di raccontarci che sarà tutto risolto con la specializzazione ?

LIBRI – AVETE UN LIBRO NEL CASSETTO ? Come promuovere il tuo libro ? – Suggerimenti da ilmiolibro.it

Se hai scritto un libro (o pensi di farlo in futuro) saprai già che è fondamentale trovare il modo migliore per promuoverlo. Pubblicare un libro è solo l’inizio!

La guida a questo link:  http://ilmiolibro.kataweb.it/faq/11094/promuovere-un-libro/

In questa piccola guida troverai alcuni utili strumenti per tirare fuori il meglio dalla tua opera.

Dalla distribuzione su Amazon, Apple e Ibs alla pubblicità su Facebook, Google e la Repubblica, fino all’utilizzo dei social, ecco tutti i consigli, le regole e i trucchi che possono aiutarti a fare del tuo libro un vero bestseller.

Sei pronto? Leggi la guida che abbiamo preparato per te, e mettila subito in pratica!

Ecco i primi consigli:

1) La pagina pubblica
La pagina pubblica dell’autore è il tuo biglietto da visita sul sito e il punto di riferimento di tutte le tue attività di autore e lettore. Il valore della tua pagina pubblica su ilmiolibro è straordinario, cresce nel tempo e moltiplica le possibilità per le persone di trovarti quando cercano su un motore di ricerca, in genere su Google, il tuo nome o il titolo del tuo libro.
Dopo aver pubblicato il tuo libro ricordati quindi di controllare che nella tua pagina pubblica di autore ci siano tutte le informazioni necessarie.

b) Per modificarla e arricchirla clicca su “Modifica profilo”.
In questa sezione puoi impostare e modificare i tuoi dati e arricchire la tua pagina pubblica con le informazioni su di te che vuoi rendere pubbliche.

Quando hai inserito tutte le informazioni che ritieni utili dai la notizia agli amici e invitali a visitare la tua pagina e a loro volta a condividerla con altri. Scrivi loro una e-mail e dai la notizia su Facebook, Twitter e sui tuoi social network preferiti. Puoi usare la pulsantiera a tua disposizione sulla destra della tua pagina personale.
In media gli autori che utilizzano ilmiolibro.it pubblicano due o tre libri, alcuni molti di più. Pubblicare più libri su ilmiolibro aumenta le possibilità di vendita, perché i lettori interessati al tuo lavoro possono acquistare tutti i libri che hai scritto direttamente dalla tua pagina. I titoli che pubblichi su ilmiolibro avranno infatti visibilità nella tua pagina di autore.
Se hai fatto tutte queste cose, e se la tua pagina pubblica è aperta da un po’ di tempo, quando vai su Google e digiti il tuo nome la tua pagina pubblica di autore risulterà tra i primissimi risultati. Vai alla tua pagina

2) La scheda libro

Sembra scontato, ma non lo è. E’ la cosa più importante da fare se si decide di usare il self publishing: curare al meglio la presentazione del libro inserendo tutti i dati e le informazioni necessarie. La presentazione del libro (o abstract), le parole chiave che aiutano a identificare il tuo libro (Tag), il genere cui appartiene, sono fondamentali per portare le persone a leggere la tua opera. Se fai tutte queste cose, la scheda del tuo libro sarà facilmente rintracciabile dalle persone che cercano su internet utilizzando un motore di ricerca (in genere Google). Un’altra cosa da fare, è evitare di togliere e poi reinserire il proprio libro dalla vendita, o addirittura cancellare il proprio profilo dal sito: si rischia di perdere un grande valore, in termini di indicizzazione sui motori di ricerca e di link al tuo libro sparsi nel web, che si crea nel corso del tempo.
Vai all’area privata e arricchisci le informazioni relative al tuo libro, cliccando su “Modifica prezzo di vendita, tag e presentazione” nella colonna “Vendi” sotto il libro che hai pubblicato.

3) Invia una mail
Pubblicare un libro è un evento, ed è fondamentale che i tuoi amici, i tuoi contatti professionali e tutti i conoscenti vengano a saperlo. Quindi quando avrai inserito tutte le informazioni che ritieni utili scrivi un testo breve, ma con tutte le informazioni principali: cinque/dieci righe di presentazione del libro, il link alla propria pagina pubblica di autore sul sito ilmiolibro (la trovi qui cliccando su “Come ti vedono gli altri”) e il link alla scheda del libro (lo trovi qui, cliccando sul tasto Scheda libro presente in ogni libro che hai pubblicato), e invia una email ai tuoi contatti. Per maggiori informazioni leggi qui
E’ buona cosa ricordare ai tuoi lettori, amici e conoscenti che sul sito è possibile leggere gratis le prime pagine del libro (Tasto “Inizia a leggere” presente in ogni scheda libro). Inoltre, tutti i libri appena pubblicati entrano nel programma Talent scout. Questo vuol dire che saranno disponibili in lettura gratuita (solo online, non è possibile scaricare l’opera) per i primi 30 lettori e per un periodo limitato di 30 giorni. Qui l’elenco delle opere disponibili in lettura gratuita, continuamente aggiornato. Dopo aver letto il libro i lettori scrivono una recensione che viene pubblicata sul sito e viene mostrata sotto la scheda del tuo libro, arricchendo il corredo e il valore della tua opera.
Quello che bisogna evitare è di inviare più volte la stessa email (si chiama spam!). E’ fondamentale invece ricordare a tutti il tuo libro quando ne hai occasione: per esempio quando si parla di letteratura o dell’argomento affrontato nel tuo libro; oppure quando crei una nuova edizione, o se il tuo libro entra in classifica, oppure se il tuo libro ha ricevuto un ragguardevole numero di contatti o di commenti; oppure, infine, se decidi di cambiare il prezzo e fare uno sconto. Puoi vedere le statistiche relative al numero di visite, di commenti e altre informazioni di ogni libro che hai pubblicato nella tua pagina personale riservata.
E infine, la cosa più semplice e più importante. Chiedi agli amici di aiutarti a far conoscere il tuo libro. Loro saranno felici di scrivere una e-mail a tutti i loro contatti o segnalare su Facebook il tuo libro, inserendo una breve descrizione e il link per sfogliarlo ed acquistarlo.

4) Distribuzione del tuo libro: vendi su IBS.it e in libreria, e in ebook su Amazon, Apple e tanti altri store

Il servizio di distribuzione premium di ilmiolibro, acquistabile dalla tua pagina personale, area Scrivere, cliccando il pulsante Distribuzione premium versione cartacea che si trova sotto il tuo libro, ti permette di registrare il tuo libro nel catalogo delle opere pubblicate in Italia, di metterlo in vendita anche sul sito IBS.it, il più grande sito italiano di e-commerce di libri, e in libreria.
Il servizio prevede l’assegnazione del codice ISBN, che è prima di tutto sinonimo di qualità e di rispetto degli standard del mondo del libro.
Se temi che l’assegnazione del codice possa crearti dei vincoli, non è così: è sempre possibile pubblicare un libro con un nuovo codice ISBN. Quindi se decidi che non vuoi più fare self publishing ma intendi affidarlo ad un editore puoi farlo senza nessun vincolo.

La possibilità di ordinare il libro su IBS è un servizio da non trascurare per raggiungere più lettori possibili. Inoltre, è ancora molto elevato il numero di persone che non hanno carta di credito: in questo modo risolveresti i loro timori. Il sito IBS.it, poi, è una vetrina molto visitata dagli appassionati di libri che ti permetterà di avere ancora più visibilità.
Se poi deciderai di realizzare l’ebook potrai allargare la distribuzione a tutti i più importanti ebook stores italiani e internazionali: Amazon, iTunes di Apple, Ibs, Mondadori e tanti altri.
Quindi se non hai ancora creato la versione ebook del tuo libro fallo subito perché le possibilità di vendere e far conoscere il tuo libro si moltiplicano.

5) Promuovi il tuo libro sui social
I social network sono uno strumento potentissimo e flessibile nelle mani degli autori. Per promuovere il tuo libro puoi utilizzare tutti i social più frequentati o scegliere quelli che ti sembrano più adatti. Ecco alcuni consigli per utilizzarli al meglio:

Linkedin
Fondato nel 2003 per aiutare gli utenti della rete a trovare lavoro e valorizzare le proprie professionalità, LinkedIn può considerarsi un mezzo estremamente potente per fare personal branding e networking professionale in generale, con i suoi quasi 330 milioni di utenti registrati e 2 milioni di gruppi. Come usare LinkedIn per promuovere un libro

Slide Share

Perché usare LinkedIn SlideShare?

Oggi più che mai la condivisione di contenuti può essere usata per farsi conoscere e per ampliare il proprio network professionale. SlideShare è un servizio online che ospita “presentazioni” (slide) e che conta più di 70 milioni di utenti. Sulla piattaforma potrai caricare presentazioni, infografiche e documenti relativi alla tua opera seguendo tre semplici step: iscriviti al sito, clicca sul pulsante Upload e ottimizza il design della tua presentazione. Le slide caricate, a questo punto, saranno pronte per essere viste sul sito stesso, su dispositivi mobili o incapsulate in altri siti internet. Ecco alcune idee per utilizzarlo al meglio

Medium
Un posto dove pensatori, esperti e scrittori di ogni tipo possono esprimersi liberamente. Non richieda manutenzione tecnica e offre una diffusione immediata. Ecco alcune idee per utilizzarlo

Pinterest
Perché utilizzare Pinterest? Se sei uno scrittore raccontare la tua storia facendoti aiutare dalle immagini può essere un’attività davvero molto suggestiva ed efficace e rappresenta la naturale estensione del libro. Come usare Pinterest per promuovere un libro

Twitter
Utilizzare Twitter è di fondamentale importanza per chi ha contenuti e idee da proporre: è democratico, informale, popolato da persone con interessi specifici e ben riconoscibili, ed è un posto in cui “prendere la parola” (ma anche perderla, intendiamoci) può avvenire con velocità e efficacia sorprendenti. In più è anche molto divertente. Ecco come utilizzarlo per promuovere il proprio libro.

Instagram
Per la sua facilità di utilizzo Instagram rappresenta un valido e potente strumento perfettamente integrabile in ogni tipo di campagna di comunicazione. Ecco come utilizzarlo per promuovere un libro

Facebook
Prima di lanciarsi nella sterile condivisione di contenuti presumibilmente accattivanti è necessario fermarsi a riflettere su ciò che deve essere fatto, magari compilando un piccolo elenco per punti: cosa, come, quando, dove promuovere su Facebook. Iniziate da qui

Tumblr
Caratterizzato da una naturale propensione all’utilizzo delle immagini, e quindi perfettamente in linea con le attuali tendenze dei social network, Tumblr è stato più volte definito “la perfetta via di mezzo”: un ibrido che ha il pregio di raccogliere in un unico strumento tutto il meglio dei social network più amati dagli utenti fusi con la capacità di diffondere contenuti complessi tipica dei blog. Ecco perché usare Tumblr per raccontare un libro

Spotify
Il rapporto tra musica, scrittura e lettura è stato sempre strettissimo, e fa parte del corredo di emozioni legate all’arte di raccontare storie. Giocando con le parole e la musica possiamo fare molte cose perché si tratta di mondi in stretta connessione, e perché da sempre i libri sono una fonte inesauribile di ispirazione musicale. Ecco come raccontare un libro con una playlist su Spotify

Ci sono cose che invece devi assolutamente evitare di fare quando decidi di promuovere il tuo libro su internet.

Qui trovi i dieci errori più comuni

6) Associazioni, enti, club, circoli, scuole, biblioteche o librerie
biblioteche

Se fai parte di un’associazione, di un club, di un circolo, di un ente laico o religioso oppure di un’università proponigli di inviare una e-mail a tutti gli associati per presentare il tuo libro. Scrivi tu il testo e ricordati di aggiungere il link per acquistare il libro.

Valuta anche l’idea di organizzare un piccolo evento di presentazione presso la sede portando con te alcune copie da vendere.
Nell’ambito della presentazione non dimenticare di spiegare alle persone che possono acquistare il libro anche su internet, andando sulla tua pagina all’interno del sito ilmiolibro.it. E invitale, dopo averlo letto, a tornare sul sito e lasciarti un commento.
Allo stesso modo, potresti coinvolgere una libreria o una biblioteca proponendo una presentazione e cogliendo l’occasione per lasciare un paio di copie alla biblioteca a fini di consultazione. E proprio dal mondo delle biblioteche iniziano a concretizzarsi interessanti opportunità per diffondere il proprio libro anche in formato digitale: il prestito digitale è sempre più diffuso (sono oltre 5 mila le biblioteche in Italia dove puoi già prendere in prestito un ebook gratuitamente). Un motivo in più per creare da subito la versione digitale del proprio libro.
Un altro aspetto da tenere in considerazione, se fai parte di un’associazione, è proporre di pubblicare un libro relativo all’argomento d’interesse per la stessa associazione.

Potresti occuparti tu di pubblicare un libro o un opuscolo di un’associazione o di un ente attraverso ilmiolibro.it, e magari ottenere dall’associazione un piccolo finanziamento, oppure l’impegno a promuovere, distribuire e vendere alcune copie del tuo libro. E tu potresti inserire all’interno del libro un ringraziamento all’associazione. Sarà facile a quel punto trovare acquirenti interessati ad acquistare il libro.

7) Ufficio stampa
Individua siti internet, riviste o testate che trattano argomenti rilevanti per il tuo libro, oppure che operano a livello locale, nella città in cui vivi.

Scrivi alla redazione informandoli dell’uscita del tuo libro, ricordandoti di inserire i tuoi contatti e tutte le informazioni necessarie: la copertina, la descrizione, le indicazioni per acquistarlo.
Su internet esistono servizi gratuiti, chiamati newswire, che raccolgono notizie di ogni tipo e ne danno diffusione in Rete. Non danno garanzia di diffusione, ma sono uno strumento in più, in genere gratuito, per far sapere dell’uscita del libro.
Per scrivere il comunicato ecco alcune regole essenziali: controllare che non vi siano errori ortografici; non utilizzare uno stile marcatamente pubblicitario, ma informativo; scrivere un titolo e ad un sommario attraenti, che facciamo venire voglia di leggere quello che segue. Il testo si deve aprire con un’introduzione che, per quanto possibile, risponda alle classiche 5 domande: chi, cosa, perché, dove e come e si deve concludere rimandando il lettore ad approfondire. Quindi è necessario inserire il link del vostro libro in calce al testo.

8) Attività di marketing
Il self-publishing consente all’autore di guadagnare una percentuale molto più elevata sul prezzo di vendita rispetto a quanto accada normalmente in editoria. Per questo si consiglia agli autori di fare delle attività di promozione, giocando un po’ anche con il prezzo di vendita del libro. Se hai fissato il prezzo di copertina, ora puoi decidere il prezzo di vendita sul sito ilmiolibro.it In generale può essere utile partire con un prezzo non troppo basso, tale da garantire un guadagno di qualche euro per ogni copia venduta. Successivamente, magari dopo un mese dal lancio del libro, ti consigliamo di fare una campagna promozionale: abbassa il prezzo del tuo libro e comunicalo a tutti i tuoi contatti, come hai già fatto in occasione dell’uscita del libro. Nell’occasione potresti anche decidere di acquistare pubblicità in modo da far conoscere a molte persone il prezzo del tuo libro in occasione dello sconto. Lo sconto viene visualizzato nella scheda del tuo libro, in modo da incoraggiare l’acquirente. Nel caso delle vendite su altri store (IBS.it ad esempio), è il negozio a fare gli sconti che molto spesso sono del 15% sul prezzo di copertina del tuo libro. Se non sei interessato ai guadagni, potresti decidere di devolverli in beneficenza e dirlo a tutti. Noi ti accreditiamo i compensi ogni mese, tu potresti una volta all’anno fare un bonifico di importo equivalente ad una associazione o onlus.

9) Il libro come strumento di presentazione
Se sei un professionista esperto di un argomento, oppure un giovane laureato che si affaccia nel mondo del lavoro, la pubblicazione di un libro è uno strumento di arricchimento del proprio profilo professionale e del proprio curriculum.

Curare l’editing e i contenuti del libro, inserirlo nel curriculum, regalare alcune copie alle persone che ritieni possano apprezzarlo sono le mosse giuste da compiere.
Pubblicare un libro non è un atto di vanità, ma un modo serio per mostrare le proprie competenze. Se ritieni di voler aggiornare le persone con sempre nuovi contenuti e informazioni sugli argomenti di cui ti occupi potresti anche aprire un blog, da aggiornare con frequenza e utilizzare come vetrina per il tuo libro, destinato a coloro che intendono approfondire in modo sistematico l’argomento di cui ti occupi.
Se invece ti sei laureato da poco, la tesi di laurea può essere un ottimo punto di partenza per farne un libro da pubblicare. E’ un modo per dare visibilità ad un lavoro di ricerca e di approfondimento che altrimenti rischia di giacere dimenticato
Ecco come trasformare la tesi in un libro e pubblicarla.

10) Farsi conoscere, farsi scoprire: Talent Scout e il concorso editoriale ilmioesordio
Se sei un giovane scrittore o un appassionato di letteratura o di narrativa forse il tuo vero obiettivo non è vendere tantissimo, o ricevere centinaia di commenti.

Forse il tuo obiettivo principale è quello di prendere parte al mondo della scrittura, entrare in contatto con altri appassionati, saperne di più sull’editing e sui segreti della scrittura, farsi pubblicare da un grande editore o presentare il proprio libro di fronte a una platea di esperti competenti. Da questo punto di vista ilmiolibro.it è una palestra, e per alcuni un trampolino di lancio. E’ il luogo dove pubblicare tutti i propri lavori per presentarsi al mondo della scrittura. Non sono poche infatti le case editrici che facendo attività di scouting sulla piattaforma si sono imbattute in opere interessanti e hanno deciso di pubblicarle.

Talent Scout
Sul sito è inoltre presente una community di talent scout attivissima: molte delle opere migliori vengono segnalate dagli stessi lettori, che ne scrivono una recensione.

Se ricevi una recensione da parte di uno dei nostri talent scout vuol dire che probabilmente hai scritto qualcosa di buono.

Se non ricevi recensioni non disperare, qualche buon libro può sfuggire anche ai talent scout della nostra community! I nostri editor sono sempre presenti sul sito e quando troviamo qualche buon libro siamo sempre felici di scriverlo e di dare la notizia. Se invece hai voglia di fare il talent scout, e provare a individuare qualche buon libro uscito sul sito da leggere gratis, puoi partire da qui

ilmioesordio, la più grande operazione di scouting letterario sul web

Un altro modo per farsi conoscere è sicuramente quello di partecipare a ilmioesordio, il concorso letterario più popolare d’Italia. Promosso nel 2011 dalla piattaforma di ilmiolibro è diventato in breve tempo la più vasta iniziativa italiana di raccolta e selezione di nuove opere, dalla narrativa alla saggistica, dalla poesia al fumetto. Un viaggio nella letteratura d’esordio guidato dalle competenze di Scuola Holden, la scuola di scrittura e storytelling fondata da Alessandro Baricco, di Newton Compton Editori, di Scuola Internazionale di Comics, del Festival Internazionale di Poesia di Genova, de L’Espresso e nei primi anni della casa editrice Feltrinelli, e aperto al contributo di lettori curiosi e competenti, che ogni anno possono leggere e valutare gratuitamente le opere in concorso. Il progetto abbraccia diverse attività relative allo scouting che si svolgono sul sito ilmiolibro.it e si basa su due elementi fondamentali: da una parte la presenza di partner editoriali di sicura competenza; dall’altra la partecipazione della community al processo di selezione delle opere in gara. Dalla sua nascita ad oggi sono state valutate quasi 20.000 opere e Gruppo Espresso e i suoi partner editoriali hanno pubblicato e promosso i migliori. Tutti possono prendere parte all’iniziativa, leggere gratis le migliaia di opere in gara, segnalare con una recensione le migliori, supportare scrittori e nuovi talenti, mettere in mostra competenze e passione in materia di libri. Per saperne di più su ilmioesordio vai a questa pagina

11) Pubblicità

Ilmiolibro offre un servizio unico e riservato agli autori del sito per pubblicizzare il libro a prezzi contenuti su alcuni dei più grandi siti del web italiano, visitati da milioni di utenti. Il ritorno dell’investimento va misurato in termini di click ricevuti, ma non solo. La presenza del link al libro su Repubblica.it e su tutti gli altri siti del network offre benefici in termini di posizionamento sui motori di ricerca e in generale di credibilità. In pratica, dopo aver fatto pubblicità è facile che aumenti il numero di persone che arrivano al tuo libro proveniendo da google e da altri motori di ricerca. E’ inoltre possibile acquistare uno spazio pubblicitario sul sito di riferimento della tua regione, molto utile per farsi conoscere in ambito locale. L’acquisto della pubblicità prevede in questo caso una presenza fissa di almeno una settimana sulla home page. Ultima novità: abbiamo ampliato ulteriormente la nostra offerta aggiungendo l’acquisto di parole chiave su Google, e introdotto un sistema di pacchetti che ti offre la più ampia copertura pubblicitaria possibile a prezzi convenienti. Per saperne di più vai nella tua pagina personale, area Scrivere, e clicca sul pulsante Fai pubblicità su Repubblica.it e su Google. Per la versione digitale del tuo libro abbiamo invece creato un nuovo Servizio di pubblicità su Facebook, il social network più utilizzato nel mondo, e su Repubblica.it versione tablet. Acquistando il Servizio di pubblicità per dieci giorni il tuo eBook, grazie ad un post sponsorizzato, sarà visibile su Facebook ma solo dagli utenti interessati all’argomento del tuo libro, e per una settimana in un box dedicato sulla versione per tablet android e per ipad di Repubblica.it, facendoti raggiungere così chi usa regolarmente i dispositivi di lettura digitale ed è quindi abituato ad acquistare gli eBook. Cliccando sull’apposito box gli utenti saranno reindirizzati direttamente nella pagina di acquisto del tuo ebook su Amazon e su iTunes, in base al dispositivo utilizzato, permettendoti così di scalare le classifiche dei due più importanti store digitali.

12) Fai marketing con l’ebook, dai visibilità alla tua opera e scala le classifiche
Hai finalmente pubblicato il tuo ebook (se non sai come fare, vai a questa pagina), adesso però devi occuparti di farlo conoscere ai tuoi lettori, amici, conoscenti. Ilmiolibro ti aiuta ad organizzare le tue promozioni e ti mette a disposizione utili strumenti e servizi per dare visibilità al tuo ebook e compiere un ottimo lavoro di marketing. Dopo averlo pubblicato quindi la prima cosa da fare è dare la notizia via mail scrivendo un testo breve con qualche riga di presentazione e il link alla scheda del libro. Ricorda ai tuoi amici che sul sito è possibile leggere gratis le prime pagine e invitali a condividere la notizia con altri. Ilmiolibro ti consente poi la massima flessibilità nella definizione del prezzo, permettendoti così di poter organizzare delle campagne promozionali ogni volta che lo desideri. Quello che ti consigliamo di fare è di definire un prezzo per il tuo ebook e successivamente lanciare delle promo speciali per un periodo limitato vendendo il tuo libro ad un prezzo molto più basso, per poi rialzarlo non appena conclusa la promozione. Ad esempio, potresti partire con un prezzo compreso tra € 4,99 e 9,99 e dopo un paio di settimane abbassarlo per una promozione a € 2,99 solo per una settimana. Naturalmente, ricordati sempre di darne la notizia a tutti i tuoi lettori via mail, su Facebook, su Twitter e sui tuoi canali social preferiti: “Solo per una settimana, il mio ebook sarà in vendita a € 2,99. Il libro parla di…”. Oppure potresti organizzare una “offerta lampo” e vendere solo per qualche giorno il tuo ebook a € 0,99. Anche in questo caso è necessario che tutti lo sappiamo: manda una mail, parla del tuo libro, fai sapere della promozione. Infine, se vuoi scalare le classifiche di Amazon o di iBooks, mettere in atto un’operazione di grande visibilità e allargare il tuo network di contatti, potresti approfittare dello strumento Portalo a zero, andando sulla tua pagina personale e cliccando sul pulsante Fai marketing con l’ebook, cambia il prezzo. Il tuo ebook sarà disponibile per 30 giorni al prezzo di zero euro su tutti gli store in cui è in vendita, compresi Amazon e iTunes di Apple se hai attivato la distribuzione premium. Una volta attivata la promozione non dimenticarti di comunicarlo a tutti i tuoi amici e conoscenti. Ogni acquisto a zero sarà comunque riportato nel tuo dettaglio vendite e contribuirà ad aumentare la tua posizione in classifica, pur rinunciando temporaneamente ai tuoi guadagni. Puoi revocare la promozione quando vuoi ripristinando il prezzo originario dell’ebook o variandolo a tuo piacimento. Per farlo basta cliccare sul pulsante Modifica prezzo di vendita, tag e presentazione. La nostra piattaforma ti permette di effettuare queste variazioni ogni volta che vuoi.

13) Commenti
E’ poi un’ ottima abitudine invitare le persone che hanno letto il tuo libro a scrivere un commento appropriato.
Invitali ad andare su ilmiolibro e a cercare la tua pagina (o invia loro la url della scheda libro), e a cliccare “Inserisci commento” nella scheda del tuo libro. Non servono commenti celebrativi o scritti da chi non conosce il libro. Servono commenti sinceri e veri. Sfrutta il passaparola e fatti aiutare dai tuoi amici e lettori! Se un lettore ha un blog o un sito invitalo a pubblicare la recensione anche sul suo sito, inserendo il link del tuo libro. Se un lettore, come ormai tutti, ha una pagina Facebook o Twitter, invitalo a segnalare il libro ai propri amici e contatti, inserendo il link al tuo libro.

14) Il tuo libro su siti e blog
Se hai un blog la prima cosa da fare è inserire una breve presentazione del tuo libro, con un link all’acquisto. Se invece non ce l’hai, conoscerai sicuramente persone che hanno un blog, un’associazione, un club o un ente che hanno un sito internet. Chiedi loro di pubblicare una breve presentazione del tuo libro, con un link all’acquisto. Avere dei siti con un link al tuo libro moltiplica la visibilità del tuo libro sui motori di ricerca.
Ancora meglio, ed è semplicissimo, è possibile fare una vetrina di presentazione del tuo libro, con tanto di anteprima e prime pagine da sfogliare. Come fare?
Vai all’area privata, sezione Scrivere, e clicca su “Promuovi il libro sul tuo blog o nel blog di un amico”: troverai il link della tua scheda libro da condividere e il link al codice da inserire nel tuo blog e da inviare a siti e blog amici. Se invece non hai ancora un blog, ti consigliamo di aprirlo. Puoi usare siti come blogger.com: è facile e gratuito.

15) Facebook e Google: la pagina del tuo libro
Oggi più che mai i social network sono delle realtà di marketing consolidate per chi, come te, ha bisogno di comunicare in modo virale l’esistenza del tuo nuovo libro.

Ti consigliamo quindi di creare una pagina del tuo libro all’interno dei social network. Ecco come fare! Prima di tutto devi essere iscritto sia a Facebook che a Google.

Iniziamo da Google.
Vai su gooole.it e clicca su “accedi” in alto a destra (oppure clicca su “Tu” in alto a sinistra). Clicca su “crea un account gratuitamente” e registrati. Adesso hai creato un account Google con una pagina personale con cui potrai aggiungere gli amici e le persone più interessanti.
Clicca in alto sul tuo nome ed entra nella tua pagina personale, dalla quale potrai creare la pagina del tuo libro. Ecco come si fa: nel menù in verticale nella colonna a sinistra della pagina clicca su “Pagine” (trovi il pulsante cliccando su “altro”).
Clicca su “Crea una nuova pagina” e segui tutte le istruzioni del sito. Adesso che hai creato la pagina del tuo libro su Google Plus tutte le ricerche effettuate sul motore di ricerca che riguardano il titolo del tuo libro verranno indicizzate meglio da Google.

Ed ecco Facebook.
Iscriviti su Facebook seguendo la loro procedura standard (vai su facebook.com e clicca su registrati). Una volta che avrai registrato il tuo profilo potrai creare la pagina del tuo libro: clicca su “Crea una pagina” e segui le indicazioni. Per semplicità inseriamo qui il link che ti farà arrivare direttamente alla pagina di gestione/creazione di una nuova pagina su Facebook. Una volta creata la tua pagina invita tutti gli amici a mettere “mi piace” e crea sempre tanti post di qualità invitando le persone a leggere e commentare il tuo libro su ilmiolibro.it.

” food scout ” un lavoro per pochi – Passione e altissime competenze

” food scout ” o cacciatore di cibi, ovvero: scoprire e assaggiare alimenti e poi segnalarli ai cuochi di alto livello.

Un lavoro difficile, che richiede grande competenza e conoscenza; non per tutti.

Viaggiare per scoprire nuovi sapori, nuove idee, nuove e antichissime ricette e produttori di eccellenza.

La curiosità è ceratmente una caratteristica fondamentale per essere un bravo “food scout “, ma non basta, serve anche tanta competenza; da acquistarsi sul campo.

Indispensabili le conoscenze di base, ma anche una forte sensibilità del gusto e di tutti gli altri sensi.

Non esiste nessuna scuola per ” food scout “.

 

LAVORO e AFFARI IN RETE – Per grossisti – importatori – produttori o distributori – SENZA SPENDERE UN EURO

Ideale per attività all’ingrosso e dunque grossisti, importatori, produttori o distributori.

jtoo.com è una piattaforma per aprire un negozio virtuale.; senza commissioni sul venduto ( 90mila utenti, con 900mila visualizzazioni al mese e 1.200 negozi virtuali ).

In iBarter si possono barattare servizi e prodotti.

Da un accordo tra le due piattaforme è nata una rete con più di 3.000 contatti che spazia sul mercato cinese e le imprese se ne avvantaggiano.

Le aziende che ricorrono al baratto crescono del 50% all’anno.

Basta esporre i propri prodotti sulla vetrina virtuale ed usare l’iBcredit, moneta complementare che equivale ad un euro.

Non serve liquidità, non serve un credito bancario.

Quale lavoro ? – Il food ( cibo ) vegano sta crescendo in modo esponenziale

OGNI SETTIMANA 6.000 PERSONE IN ITALIA DECIDONO DI ELIMINARE LA CARNE

Un’idea vincente, in un momento di assoluta scersità di lavoro, potrebbe essere dedicarsi a tutto quello che gira intono al mondo vegano.

Sia per questioni morali, sia per questioni di salute, sia per moda, sono sempre più le persone che decidono di abbandonare la dieta consueta e puntare al vegano.

Che sia un negozio che vende prodotti per vegani o che sia un locale che cucina vegana od entrambi; pare sia l’idea economicamente vincente di questo momento.

Ma attenzione, anche i cibi vegani possono contenere sostanze che fanno male alla nostra salute; dovete leggere bene l’etichetta, informarvi ( meglio da un nutrizionaista ) e leggere qualche libro sull’argomento.

Il grave pericolo del vegano; soprattutto nei bambini e adolescenti o donne incinte, è l’equilibrio ottimale dei vari elementi nutritivi.

L’indiano che mangia vegetariano da quando è nato, per istinto e per abitudine sa cosa mangiare e combina i cibi nel modo ottimale. NOI non abbiamo queste caratteristiche e quindi il FAI DA TE SENZA LE NECESSARIE CONOSCENZE E’ SICURAMENTE UNA SCELTA A RISCHIO.

Attenzione: i vegani, per la maggioranza, sono persone molto ben informate e raffinati intenditori.  Se volete lavorare nel campo NON POTETE IMPROVVISARVI, DOVETE SAPERNE.

Esistono anche raffinatissimi ristoranti vegani, come il JOIA, di Pietro Leemann · Alta Cucina Naturale con stella Micheline. 

Mangiare vegano non vuole dire mangiare senza sapore, è solo questione di conoscere il settore e si può scoprire che un vegano può mangiare anche molto gustoso; deliziosi dolci compresi.

NOTA: per la nostra esperienza e parere assolutamente personale, i prodotti vegani hanno prezzi sproporzionati rispetto alla normale alimentazione (noi abbiamo fatto il paragone-prezzo espresso in chili: una bistecca di soia costa più di una di carne, è assurdo, se pensiamo a quanto lavoro sta dietro l’allevamento di un animale.

Altrettanto se guardiamo le bevande che sono composte di acqua e zucchero e pochi altri ingredienti vegetali … costano più del latte !

Idem se pensiamo al tempo di stagionatura del Parmigiano Reggiano e alla sua concentrazione in sali  minerali e proteine … se lo paragoniamo a una crescenza vegana di scarsa qualità ( e se ne vendono tante ) … non c’è proprio proporzione.

CONCLUSIONE:

riconosciamo i meriti della cucina vegana, in linea di principio è la soluzione dieale per un futuro migliore, ma …

qualcuno ha recepito che la salute e la moda fanno miracoli e ci sta facendo una speculazione PAZZESCA. Abbiamo visto pacchettini di biscotti a oltre 15 euro al chilo … merendine di frutta secca a prezzi da gioielleria …

NON SIAMO CONTRO LA CUCINA VEGANA CHE ABBIAMO APPREZZATO ANCHE AL RISTORANTE JOIA di Milano, ma siamo indignati che la soia costi più di lunghe lavorazioni e stagionature.

UNESEMPIO,  L’ABUSO DI OLI NON BUONI COTTI IN FORNO:

-biscotti, crekers e grissini con olio di palma o soia o altri oli che quando sono cotti in forno producono sostanze VELENOSE PER IL FEGATO …  e questo è solo un esempio.

Altro problema è che non sempre abbiamo il tempo per studiare, per poi preparare dei piatti che non siano modesti come sapore. Una buona cucina non si improvvisa; ci vuole tempo e costanza.

CONCLUDIAMO INVITANDO TUTTI A DIMINUIRE IL PROPRIO CONSUMO DI CARNE, perché in genere ne mangiamo troppa, ma il meglio sarebbe, soprattutto, mangiare MENO  DI TUTTO !!!

DOVE VADO A VIVERE con la pensione ? Perche’ trasferirsi in Portogallo ?

Portogallo lisbona we

Lisbona

Portogallo lisbona q

Lisbona

portogallo Alentejo_spiagge

Spiagge di Alentejo; consigliabili dalla primavera all’autunno; spiagge frequentate anche da numerose personalità della cultura. Un’ora a sud di Lisbona.

Gastronomy_450  CIBO Portogallo

Portogallo dintorni regina sepolcro m

Portogallo colonna

Portogallo chiesa gb

Lisbona Parque das Nacoes

Lisbona Parque des Naciones.

Con € 1000 al mese si riesce a vivere tranquillamente.

I portoghesi
Popolo con mentalità europea, colti, gentili, ospitali e sorridenti.
E’ possibile parlare inglese, ma faranno di tutto per capirti anche in italiano.

Gli aeroporti di  Lisbona, Faro e Porto sono a livello degli standard delle più grandi città europee e hanno collegamenti con le principali città del mondo.

Clima
Il Portogallo può vantare un clima temperato e inverni miti (raramente scende al di sotto dei 10°) e il calore estivo, anche se con picchi di 45°, è secco e sempre ventilato.

Al sud, l’Algarve, pur presentando una grande massa di turisti e pensionati trasferiti, rimane une destinazione molto tiepida per tutto l’inverno. Nell’entroterra si evitano le folle della costa, ma i paesini sono tanti e si può troivare una buona soluzione.

Delinquenza
Nelle cittadine dell’Algarve, la zona più turistica, la percezione è quella di essere al sicuro, anche di notte, e la Polizia è estremamente presente e vigile.

Qualità della vita
L’economia del Portogallo è al numero 40 al mondo per PIL.
Secondo una statistica dell’ Economist Intelligence Unit o EIU il Portogallo è al 19° posto per qualità della vita.

Milano e Roma sono intorno al 40-50° posto !!!

—————–

 

Prodotti tipici
Il vino è ottimo.
Uno dei vini da provare è il Porto.
Il liquore tipico è il Beirao.
In Portogallo si producono anche diverse varietà di formaggio, ottimi ed a prezzi molto convenienti.

Costo della vita
Gli stipendi medi sono di € 300/ 400 per un massimo di € 900.
l costo della vita in Portogallo, pur in aumento, rimane ancora inferiore rispetto ad altri paesi europei.

Con € 1000 al mese si riesce a vivere tranquillamente.

Lisbona è più cara, ma nel nord del paese si può vivere a basso costo.
Con € 300 si può fare la spesa per due adulti per un mese.
Il caffè espresso costa € 0,60, al tradizionale bancone di un bar.

Un “galão”, bicchiere di caffè e latte, può costare da € 0,70 a € 1,20, mentre il prezzo di un tè varia da € 1,00 a € 1,50.

Un succo d’arancia naturale costa intorno ai € 2 e una birra o una coca cola tra € 1 e 1,50.

Un pasto completo varia dai € 14 ai € 22 se si sceglie un ristorante di cucina casalinga, dai € 25 ai € 50 per un ristorante di buona categoria o una “casa de fado”.

Costo degli alloggi
Nelle città principali gli alloggi sono cari.
Con € 300 – € 500 al mese è possibile già affittare un bell’appartamentino e con altri € 100 al mese pagare le bollette di  acqua, energia elettrica e gas.

Tassazione
Hanno aliquote fiscali molto favorevoli, per attirare investitori e pensionati stranieri.

Vantaggi fiscali:

La tassazione IRS (IRPEF) ha una aliquota fissa del 20% sul reddito prodotto in Portogallo per un periodo di 10 anni
Assenza di doppia imposizione per le pensioni
Assenza di doppia imposizione per il lavoro dipendente e indipendente realizzato all’estero

Come si può ottenere lo status di Residente non Abituale?
Non bisogna aver vissuto in Portogallo negli ultimi 5 anni
Bisogna essere registrati come residenti fiscali in Portogallo
Bisogna risiedere in Portogallo almeno 183 giorni anche non consecutivi, o nel caso di un numero inferiore di giorni si deve, entro il 31 dicembre dell’anno in corso,  dimostrare di avere un’abitazione per risiederci come residente abituale.

-Richiedere l’attribuzione dello status di Residente non abituale insieme al momento in cui ci si iscrive come residenti in Portogallo, o entro il 31 marzo successivo.

Permesso di soggiorno per investimenti (Golden Visa)
Il Governo ha recentemente creato un nuovo regime per la concessione e rinnovazione delle Golden Visa ai cittadini di Paesi terzi disposti ad investire in territorio portoghese.
AI fini dell’attribuzione della Golden Visa si esige che sia sviluppata un’attività di investimento, direttamente da un individuo o attraverso una società, per un periodo minimo di 5 anni.
– Trasferimento di capitali per un valore uguale o superiore ad € 1.000.000, compresi gli investimenti nel capitale sociale delle società.
– Creazione di almeno 10 posti di lavoro
– Acquisto di immobili per un valore minimo di € 500.000 che include le seguenti situazioni:
b) ipoteca di ammontare superiore a €500.000
c) affitto di immobili per fini commerciali, turistici o agricoli.

L’Algarve è presa d’assalto dai turisti durante l’estate e questo ha portato a una cementificazione sconsiderata di molti tratti di costa; selvaggia e rocciosa a ovest, con villaggi di pescatori e scogliere, ma sabbiosa e dolce a est, avvicinandosi all’Andalusia.

Principali città:
Albufeira  Centro storico ancora ricco di fascino grazie alle sue stradine tortuose.
Principale stazione balneare dell’Algarve; meravigliose spiagge e calette incorniciate con scogliere e faraglioni. Alcoutim
Aljezur
Castro Marim
Faro Distrutta dal terremoto del 1755.
Il turismo e le costruzioni moderne, non cancellano le facciate antiche del centro storico, nei vicoli acciottolati, sulla piazza della cattedrale e nei nidi delle cicogne.
Lagoa
Lagos
Casette gialle, verdi, rosse e bianche; cittadina cosmopolita.Troppo turismo, ma incanta i visitatori per le meravigliose spiagge, baie nascoste fra le rocce, rannicchiate ai piedi delle scogliere.
Loulé
Loulé, cittadina nell’interno, grazioso centro città con vie affollate per lo shopping, piazze con molti alberi e strette vie acciottolate. Il mercato coperto è di ispirazione moresca.
Monchique
Olhão
Portimão
Quarteira
Quarteira; grande lo sviluppo negli ultimi anni.

Palazzine di pregio sul lungo mare, bar, ristoranti, alberghi… ma mantiene il suo carattere portoghese. Tanti i turisti portoghesi. Bella e famosa la passeggiata costeggiata da palme. São Brás de Alportel
Silves
Tavira
Questa tranquilla cittadina vanta 37 chiesette, un bel castello, le case bianche, un corso d’acqua con ponte medievale. Meritevole.

Forse la migliore:

Vilamoura
Una delle più importanti località di villeggiatura d’Europa.
Campi da golf, tennis, equitazione, attrezzature per il tiro e la pesca, un casinò, un aerodromo e un porto, bar e ristoranti.
E’ stata eletta capitale della qualità di vita del Portogallo.
Vila do Bispo
Vila Real de Santo António

Requisiti per la Residenza

I cittadini di un paese dell’Unione Europea, Islanda, Liechtenstein, Norvegia o Svizzera dopo 3 mesi in Portogallo devono obbligatoriamente richiedere al Comune di residenza un documento per Formalizzare il diritto di soggiorno in Portogallo.
Dopo cinque anni consecutivi di residenza si può chiedere al Servizio Stranieri e Frontiere il certificato di residenza permanente.

Fatte salve disposizioni di legge speciali, il permesso di soggiorno temporaneo è valido per un periodo di un anno ed è rinnovabile per periodi successivi di due anni.
Dopo cinque anni di residenza temporanea, i titolari possono presentare domanda di residenza permanente.

————

LAVORO QUALE FUTURO? UN MONDO CON POCHI RICCHI E MASSE CHE FATICANO A SOPRAVVIVERE

CHE CI PIACCIA O NO DOBBIAMO RENDERCI CONTO DI COME SI STA EVOLVENDO IL MONDO DEL LAVORO; SPERANDO DI TROVARE MIGLIORI SOLUZIONI DI QUELLE CHE CI STANNO PROSPETTANDO.

Lo scrivono gli esperti del McKinsley Global Institute, basati rispettivamente a Londra, San Francisco e Shanghai. Tutto scritto in “No Ordinary Distruption”, edito da PubblicAffairs, 27,99 dollari; studio a cura di R.Dobbs, J.Manyika e J. Woetzel.

4 forze stanno rivoluzionando il mondo:

1-l’asse del mondo si sta spostando versi sud e verso est (non più USA e Europa) e procede a velocità stratosferica, tra 10 anni la metà delle grandi imprese mondiali sarà in quei Paesi che oggi definiamo “emergenti”
2-metà della crescita mondiale verrà da città ancora oggi quasi sconosciute: da Santa Caterina, in Brasile a Hsinchu a Taiwan
3-il crollo della natalità, dopo Europa, Giappone e USA raggiungerà anche Cina e America Latina
4-la velocità del cambiamento tecnologico non da alle imprese alcuna possibilità di stabilizzarsi, insieme all’enorme complessità legata agli scambi internazionali.

COME SALVARCI DA LAVORI SEMPRE PIU’ INESISTENTI PRECARI, MENO PAGATI E GARANTITI ? Infatti: FANNO E FARANNO sempre di più’ i ROBOT.

L’età dell’oro della produttività e dell’aumento degli stipendi è finita già dal lontano 1973, PERCHE’ LE TECNOLOGIE DIGITALI (dal computer in poi), NON RIESCONO A FAR NASCERE SUFFICIENTI NUOVI POSTI DI LAVORO; anzi li riducono a vista d’occhio.

Non regge il paragone con l’epoca della nascita industriale, quando treni, automobili, macchinari vari e elettricità aumentarono enormemente la richiesta di manodopera e di terziario.

NESSUNA PERSONA DOTATA DI BUON SENSO PUO’ CREDERE ALLA FAVOLETTA DEL “SUSSIDIO GENERALIZZATO DI 10.000 DOLLARI L’ANNO”, visto cosa oggi succede davanti alla disoccupazione …e alle nuove classi povere.

Dimentichiamo anche le belle parole dei soliti rabbonitori ben pagati che ci raccontavano che con l‘EPOCA DEL COMPUTER AVREMMO AVUTO TUTTI LA SETTIMANA CORTISSIMA E TANTO TEMPO LIBERO PER ANDARE IN PALESTRA VIAGGIARE…

10 mila dollari sarà il prezzo dei nuovi ROBOT CINESI, presto sul mercato; camerieri, badanti, poliziotti privati…senza stipendio, ferie, malattia…

Marti Ford, autore di “Rise of the robots” appena uscito negli USA, parla di un futuro mondo Neo-feudale, con i pochi ricchi abbarbicati in abitazioni superprotette, superblindate e grandi masse umane che faticano a sopravvivere.

LO SCENARIO DOVREBBE PREOCCUPARE TUTTI QUELLI CHE HANNO A CUORE LA SOPRAVVIVENZA DEL CAPITALISMO E LA TENUTA DEI SISTEMI DEMOCRATICI.

MA E’ PIU’ SEMPLICE DIRE CHE SI TRATTA DELLE SOLITE CASSANDRE…lo abbiamo appena sentito a proposito di coloro che avvertivano della pericolosità degli estremisti islamici ; ben ignorata perché toccava regioni che ci parevano tanto lontane…

DEPRESSI ? DELUSI ? SFIDUCIATI ? – Normale per questi tempi

PER QUANTO CI RIGUARDA, PREFERIREMMO SAPERE CHE SAREMO SMENTITI; FOSSE SOLO PER IL BENE DEI NOSTRI FIGLI.

Stiamo vivendo un periodo di grandi cambiamenti; probabilmente i più stravolgenti e veloci che mai l’uomo abbia visto sulla faccia della terra.

E’ anche vero che l’uomo ha sempre dimostrato di avere un’ enorme capacità di adattamento, ma non per questo possiamo affermare con certezza che supereremo al meglio anche questo momento. Mai avevamo tanto popolato e distrutto questo mondo.

Mai si sono verificati cambiamenti climatici tanto veloci, ce ne sono stati di catastrofici, ma quasi tutti gli esseri viventi sono morti (vedi i dinosauri; a causa del cambiamento climatico morirono quasi tutti gli esseri viventi; si salvarono anche piccoli mammiferi perché vivevano sotto terra, come i topi).

L’inquinamento non è certo un problema che si possa negare, come pure la sempre maggiore carenza di acqua  bevibile in molte parti della terra; a causa di pericolosi inquinanti per produrre materiale che serve al mondo industrializzato (lago Titicaca in Perù e Bolivia, molti Paesi africani, Mongolia, India, Bangladesh…).

Sempre maggiore carenza di pesci nei mari di tutto il mondo.

I poveri, sempre più poveri, per carestie, guerre, mancanza di piogge o  territori alluvionati …

Non si tratta di essere ottimisti o pessimisti, di un partito o di un’altro. Si tratta di essere realisti e di guardare in faccia alla realtà delle cose.

Che la qualità della vita della maggioranza della popolazione occidentale sia peggiorata e ci siano gli elementi matematici per pensare che possa solo andare verso il peggio, è un fatto evidente per quasi tutti coloro che facevano parte della classe media.

Se le grandi imprese e quell’1% che detiene la ricchezza mondiale, del presente e del futuro, NON pagano le tasse o le pagano in maniera infinitesimale (grazie ai paradisi fiscali ed alla stessa concorrenza tra gli Stati per averli paganti anche accettando uno 0,0 2.. %), i Paesi si impoveriranno sempre di più. NON ci saranno più soldi per le scuole, gli ospedali, le strade …

Non per niente già si dice che il well-fare (ovvero pensioni sicure, ospedali e cure mediche gratuite, scuole e università a prezzi accessibili …) siano ormai un ricordo del passato.

Non fanno parte delle categorie di lavoratori colpiti dalla crisi, molti liberi professionisti (che aumentano le tariffe in proporzione o più, rispetto al costo della vita), idem per chi è andato all’estero (una buona parte anche grazie a suggerimenti dei familiari; come consigli perché avevano ben intuito l’andazzo e/o con aiuti economici per gli studi o per aprire attività), chi è nel commercio e ha scelto bene il segmento di settore in sintonia con questo nuovo mondo tecnologico, i bravissimi e pochi artigiani, i soliti raccomandati figli di … che hanno i pochi posti di lavoro sicuri ancora disponibili ecc… ma si tratta di una minoranza.

Ma anche per chi oggi occupa un posto di lavoro ben pagato, il futuro NON è affatto sicuro, quando avranno 40 / 50 anni o occuperanno un posto dirigenziale molto alto, tanto da “non poter” essere licenziato, o saranno soppiantati dalle nuove generazioni giovani e rampanti che saranno più efficienti, appetibili e aggiornate di loro; ed al quel punto della vita la pensione è lontana! Cosa faranno ?

Ultima, ma prima per importanza: l’introduzione dei robot in quasi tutti i campi lavorativi:
già oggi esistono robot che lavorano negli ospedali al posto dei fisioterapisti, da anni hanno iniziato a sostituire gli operai nelle fabbriche. I numerosissimi impiegati, segretarie ecc…  sono stati sostituiti da piccoli numeri di assunti che accettano straordinari, orari pesanti, paghe basse, per poter mantenere il posto di lavoro davanti ad un computer dove devono inserire continuamente dati più come robot che come esseri pensanti.

Ma i robot soppianteranno quasi tutti i lavoratori attuali, perché costano meno: niente pensione da pagare, niente ferie, niente riposo settimanale … per fare moltissimi lavori, più di quelli che oggi riusciamo ad immaginare.

Un robot badante è già pronto per soli 10.000 euro (tra poco sarà sul mercato); qualunque famiglia lo preferirà ai 2.700 euro da pagare, mediamente e mensilmente, per il ricovero di un anziano.

Ecco cosa sanno già fare i robot (qualche attività ha solo bisogno di poco tempo per raggiungere soddisfacenti capacità che lo faranno preferire al molto più costoso essere umano):
-produzione industriale
-badante
-colf
-fisioterapista
-autisti vari (già molte funivie funzionano senza il guidatore)
-giornalista – fotografo
-attività finanziarie; investimenti
-progettazioni varie
-acquisto di biglietti per ogni genere di attività
-attività bancarie
-attività infermieristiche; vedi i robot che già distribuiscono i farmaci necessari in interi grandissimi ospedali
-operazioni chirurgiche a distanza
-diagnosi dei pazienti al posto del medico … (già testati, ma molto discutibili)
-vendite (vedi Amazon) ecc…

A chi, ancora sostiene che comunque la vita media è aumentata è facile spiegare che:
-i dati più recenti mostrano un’inversione di rotta
-le generazioni che ora hanno superato gli 80 anni, sono figli di una selezione sopravvissuta a due guerre mondiali e che ha goduto di tutti i vantaggi e l’ottimismo della grande crescita economica che è seguita alla Seconda Guerra Mondiale.

Completamente diverso il quadro per le nuove generazioni:
-stipendi da fame per la maggioranza: call center, piccoli lavoretti mal pagati e magari non più sopportabili con l’avanzamento degli anni (come le consegne a domicilio in bicicletta), comunque lavori a termine e cosa faranno quando arriveranno le nuove generazioni che accetteranno di essere pagare ancora meno e saranno più appetibili di loro come giovane forza lavoro ?

-impossibilità o gravi rischi nell’ acquistare una casa; se non si ha un lavoro sicuro, inconciliabilità tra costi degli affitti e guadagni, peggio ancora quando i figli saranno grandi e costeranno molto di più di quanto costa un bambino piccolo… Per ora, in Italia moltissime giovani famiglie, si avvalgono della pensione dei genitori e quando questi non ci saranno più ?

Oggi si compra a rate, ma quando succedono gli imprevisti ? Come far fronte a pagamenti che, comunque, non si possono annullare ? Gli Stati Uniti ci hanno ben dimostrato cosa succede: famiglie che si rompono, interi quartieri di case abbandonate, aumento degli homeless (persone senza una casa) … a noi europei questi fatti sono arrivati solo in piccola parte, ma la realtà è sconvolgente.

Insomma non è questione di pessimismo se già oggi solo l’1% della popolazione è ricca e tutti gli altri sono infinitamente lontani dal godere anche solo delle briciole di quella ricchezza.

Buttarsi a capofitto in un falso ottimismo nel tentativo di esorcizzare i problemi giganteschi che ci stanno di fronte è come assumere l’atteggiamento dello struzzo. Ma sicuramente è la soluzione più semplice.

Al cervello umano, purtroppo piacciono le soluzioni più immediate e più semplici e chi lo sa ne approfitta a piene mani.

Anche noi siamo stati accusati di pessimismo, ma i più onesti hanno già riconosciuto che vent’anni fa avevamo ragione.

PER QUANTO CI RIGUARDA, PREFERIREMMO SAPERE CHE SAREMO SMENTITI; FOSSE SOLO PER IL BENE DEI NOSTRI FIGLI.

Comunque, se non volete precipitare nel più nero pessimismo o ci siete già, vi suggeriamo la lettura di un libro che, con tutti i suoi limiti, può aiutarvi ad affrontare meglio il vostro futuro. Una serie di esercizi che aiutano a trovare la strada migliore … o la meno peggio ? Per non macerarsi nel pessimismo distruttivo.

Leggere e pensare non fa mai male; anche se non può risolvere i problemi più gravi.

“Fenomeno in 21 giorni”, Speling & Kupfer, euro 12,90.