Archivi categoria: WEEKEND

dove vado per il weekend?

Weekend e vacanze per arte – design – musica e danza – Dove ? In Svizzera il meglio designed for you

Swiss cities – Designed for you

Cosa sarebbe il mondo senza la cultura in tutte le sue declinazioni?

Arte, design, musica e danza vanno a braccetto con l’offerta turistica delle città svizzere che vantano musei e manifestazioni di richiamo internazionale in contesti “a misura d’uomo”. Protagoniste di riqualificazioni urbane innovative ed ecosostenibili, alcune città sono diventate un punto di riferimento nel panorama dell’architettura contemporanea

Basilea: la città d’arte svizzera per eccellenza

A Basilea l’arte si respira: è, infatti, in questa città che si trova la più alta densità di musei. Per non parlare di Art Basel! Molti però non sanno che nella città sul Reno l’arte ha una lunga tradizione.

Già nel 1967, al fine di mantenere due quadri di Picasso al Kunstmuseum Basel, gli abitanti manifestarono scandendo lo slogan «All You Need Is Pablo». Da allora l’amore per l’arte non ha fatto che crescere e, ora, è culminato nella monumentale nuova costruzione del Kunstmuseum.

Lugano, una città in fermento artistico.

Sole, relax, clima e cibo mediterranei: questa è solo una piccola parte dell’eccezionale offerta turistica luganese.

Negli ultimi anni a Lugano si è infatti formata una comunità di giovani artisti del territorio che, arricchiti di esperienze fatte all’estero, sono ritornati in città con l’intento di espanderne il panorama artistico. Dal 7 aprile la cittadina ticinese organizza il suo fuori salone.

Zurigo: da quartiere industriale ad avamposto del design.

Negli ultimi anni è nato un nuovo quartiere illuminato a Zurigo, chiamato Zürich-West.

Là dove un tempo si costruivano navi e si avvitavano motori, oggi i riflettori sono puntati su arte, gastronomia, shopping e architettura. Esemplare la trasformazione dell’ex birrificio Löwenbräu in centro per l’arte contemporanea con gallerie, il Museo Migros e la Kunsthalle.

Losanna: la danza dietro ogni angolo.

Dai Ballets Russes durante la prima guerra mondiale al prestigioso Prix de Lausanne, fondato nel 1973, dal Béjart Ballet Lausanne alla danza contemporanea di Philippe Saire, la città sul Lago di Ginevra accoglie tutti i generi di danza.

Al tema è dedicato un nuovo tour guidato per il pubblico che “debutterà” in occasione della Fête de la Danse (5-7  maggio 2017) e verrà replicato per il Festival de la Cité (4-9 luglio 2017).

Berna

Sulle tracce di Paul Klee.
ll Centro Paul Klee ospita la più grande collezione di opere dell’artista che trascorse metà della sua vita a Berna. E qui non ci si limita ad ammirare i quadri ma ci si può anche dedicare alla pittura.

Ginevra

Quartier des Bains.
Ginevra vi aspetta con uno dei quartieri artistici più innovativi d’Europa: il Quartier des Bains. Qui ha sede il MAMCO, museo per l’arte contemporanea, numerose gallerie, bar alla moda e caffé trendy.

Lucerna

Lucerne Festival.

Le migliori orchestre e i migliori direttori del mondo, il centro di cultura e congressi KKL dell’architetto di fama mondiale Jean Nouvel, la vista sulla città vecchia, il lago e i battelli a vapore: sono molti i motivi per cui innamorarsi del Lucerne Festival.

Con la realizzazione del Centro cultura e congressi KKL Lucerna alla fine degli anni 90, questa storia d’amore musicale si è arricchita di un ulteriore capitolo: i lucernesi sono orgogliosi dell’opera progettata dalla star dell’architettura Jean Nouvel e situata direttamente sul Lago dei Quattro cantoni. Il KKL Lucerna riunisce sotto lo stesso tetto una sala da concerti, un centro congressuale e un museo d’arte – e ogni anno corona la propria splendida offerta con il Lucerne Festival. L’acustica della sala da concerto, concepita dall’architetto ed esperto di acustica di New York Russell Johnson, è fra le migliori del mondo.

Lucerne Festival 2017

1 – 9 aprile 2017
Festival Pasquale

11 agosto – 10 settembre 2017
Festival estivo

18 – 26 novembre 2017
Festival pianistico
www.lucernefestival.ch

Weekend aprile e maggio low cost – LA VAL DI NON SALUTA LA PRIMAVERA CON TANTI APPUNTAMENTI DEDICATI AI FIORI…

Weekend da 120 Euro a persona per due notti con colazione; il prezzo include due pernottamenti in primavera e due pernottamenti in autunno e l’adozione di un melo.

www.apriledolcefiorire.com

7 aprile – 2 maggio 2017

APRILE DOLCE FIORIRE:
 LA VAL DI NON SALUTA LA PRIMAVERA
CON TANTI APPUNTAMENTI DEDICATI AI FIORI…
NON SOLO DI MELO!

NOVITÀ 2017: A castello con gusto!

Parco Fluviale Novella: passeggiata lungo i sentieri delle orchidee selvagge
—————————–

Gustosi menu che mettono insieme fiori di melo e altri fiori autoctoni.

Fiorinda, un’intensa due giorni dedicata ai fiori, alla cultura
e all’agricoltura della Val di Non.

ADOTTA UN MELO:


Weekend in Val di Non presso un’azienda agricola Melinda a partire da 120 Euro a persona: adozione della pianta inclusa!

– Prima dei frutti ci sono i fiori e, proprio per questo, una terra di frutti per eccellenza come la Val di Non, chiamata anche non a caso, la valle delle mele, dedica l’intero mese di aprile ai fiori.

Momento hype del periodo sarà naturalmente la fioritura dei meli che letteralmente imbianca tutta la valle, inondandola di un intenso profumo. Per aspettarlo e accompagnarlo nel migliore di modi ci saranno tantissimi eventi. E non solo dedicati ai fiori di melo!

Tra le novità più belle del 2017, “A castello… con gusto”, visita guidata allo spettacolare Castel Valer – che nel 2017 apre per la prima volta le sue porte al pubblico – , abbinata a una passeggiata tra i meleti in fiore circostanti e a una squisita merenda curata da La Strada della Mela e dei Sapori.

“Aprile dolce fiorire” è una scatola magica en plein air che racchiude appuntamenti legati alla floricoltura e alle piante selvatiche, passeggiate tra i filari di melo, menù a tema, weekend in agriturismo in cui è possibile adottare un melo, running (o slow walking) in campagna…

Un consiglio perfetto per apprezzare la fioritura in modalità aromaterapia? L’essenza dei boccioli di melo è particolarissima e un’esperienza da provare appena fa buio e l’aria della sera si fa frizzante, è uscire all’aria aperta, chiudere gli occhi e concentrarsi solo sull’olfatto: il naso si inebrierà immediatamente, trasmettendo una sensazione straordinaria a tutto il corpo. Provare per credere!

FIORINDA: FIORI DA AMMIRARE, ASSAGGIARE, IMPARARE E… PEDALARE

Per “Aprile dolce fiorire”, a Mollaro va in scena la quinta edizione di Fiorinda, il dolce spettacolo della fioritura dei meleti! Dall’8 al 9 aprile il borgo della Val di Non, che è interamente circondato da campi pieni di alberi di melo, si mette in festa e diventa un’allegra vetrina incentrata su agricoltura, prodotti locali, enogastronomia, cultura, artigianato, sport e innovazione. Tra le novità di quest’anno, un Castello animato da streghe e mangiafuoco e Fiorinda Social Walk, una biciclettata e camminata tra i meli. Da non perdere inoltre gli spettacoli di show cooking, i laboratori didattici e le tante animazioni per i più piccoli. www.fiorinda.org

PARCO FLUVIALE NOVELLA: SUI SENTIERI DELLE ORCHIDEE SELVAGGE
Aprile è anche il mese in cui il Parco Fluviale Novella dedica, ogni weekend, le sue escursioni ai fiori e ai loro segreti. Lungo il percorso tra i suoi spettacolari canyon, oltre ad ammirare i meleti in bianco, protagoniste dell’escursione saranno le prime orchidee selvatiche, avvistate e raccontate dalle guide, e le incredibili strategie che alcune piante mettono in atto per assicurarsi la propagazione.

AL MELETO: UNA VERA MELAVVENTURA – VISITA GUIDATA!

Pensando ai più piccoli, ma anche ai loro accompagnatori adulti, nell’evento dedicato alla fioritura, non poteva mancare una visita guidata divertente e istruttiva focalizzata sui campi di melo, da vivere all’aria aperta in compagnia di una guida bravissima. Ingredienti speciali: gli scorci di paesaggio, i particolari punti di osservazione giocosamente interattivi e una squisita merenda con prodotti del territorio.

MENÙ A TEMA FLOREALE E SHOW COOKING A BASE DI PIANTE E FIORI LOCALI

Le mele antiche, gli ortaggi e altre produzioni agricole locali saranno invece protagonisti di alcuni interessanti itinerari tematici. Alcuni ristoranti soci della Strada della Mela proporranno per tutto il periodo primaverile menu ad hoc con abbinamenti floreali tra fior di melo e altri fiori autoctoni. Tra le ricette, maltagliati all’ortica fatti in casa con mortandela, tarassaco e fiorellini, fortaie alle erbe di campo con salumi e formaggi, petto di faraona ripieno al tarassaco spontaneo dei prati della Predaia, semifreddo al sambuco con marmellata di mele cotogne.

E tra quelle per lo show cooking con il senior Family chef Mattia Sicher dell’Hotel Pineta: ravioloni alla carbonara liquida e cime di luppolo selvatico, spatzle tricolori della cucina aromatizzati con le verdure di stagione.

ADOTTA UN MELO – VACANZA GREEN BELLA, BUONA E DIVERTENTE!

Uno dei momenti più belli del mese di aprile in Val di Non è sicuramente il ritorno dei weekend di “Adotta un melo” – www.adottaunmelo.com. Prenderanno il via dal 7 aprile, per un’idea di vacanza “green 100%” – promossa dall’ APT della Val di Non, dalla Strada della Mela e dei Sapori della Val di Non e da Melinda – che vede coinvolte le aziende agrituristiche che si fregiano del riconoscimento “Ambasciatori di Melinda”, grazie all’anima eco del loro modo di intendere l’ospitalità.

Questo weekend country style dà la possibilità di trascorrere qualche giorno in un’azienda agricola impegnata nella coltivazione delle mele e di vivere in diretta i suoi ritmi e i suoi rituali. Per adottare un melo della Val di Non – che sarà corredato di una targhetta con il nome della nuova mamma o del nuovo papà – è sufficiente prenotare un weekend dal 7 aprile al 4 giugno 2017, facendo ritorno in autunno per raccogliere le propria frutta insieme ai contadini co-genitori della pianta e portarsi a casa 15 kg di croccanti mele di cui, nel corso dei mesi, si è seguita l’evoluzione, grazie agli aggiornamenti ricevuti via web.

Durante i fine settimana di “Adotta un melo”, gli ospiti degli agriturismi vivranno i frutteti in compagnia degli agricoltori affiliati al progetto e scopriranno con loro alcuni “segreti” delle tecniche di coltivazione nello spirito di provare un’esperienza “living as locals”.

Pacchetti a partire da 120 euro a persona, con trattamento B&B, adozione inclusa. Il prezzo include due pernottamenti in primavera e due pernottamenti in autunno.

Sconti del 50% per bambini da 3 a 12 anni.

4 VILLE IN FIORE, EDIZIONE NUMERO 42: PASSEGGIATA TRA I MELETI IN FIORI, PER RUNNER E SLOW WALKER
Nel mese fiorito, un grande classico è La “Quattro Ville in Fiore”, evento amato da runner super allenati, ma anche di chi vuole godersi una tranquilla passeggiata primaverile! In programma, nel 2017, il 23 aprile, nasce ben 42 anni fa come evento creato per sposare idealmente sport e bellezza, mettendo insieme atleti provetti e persone di tutte le età che hanno voglia di vivere la fioritura dei meli, ammirandone i profumi e i colori lungo un percorso che si sviluppa nell’area definita delle “Quattro Ville”, cuore della Val di Non e luogo storico per la coltivazione delle mele in tutto il Trentino.
Il percorso – 11 o 5 km – tocca alcuni dei più bei castelli della Val di Non, come Castel Nanno e l’imponente Castel Valer, congiungendo ad anello i suggestivi borghi contadini che formano le Quattro Ville d’Anaunia. Speciali corner gastronomici per fare un break di bontà dopo il percorso. Tra le novità del 2017, visite guidate ad alcuni monumenti artistici della zona.

MOSTRA MERCATO DELL’AGRICOLTURA: la più grande fiera dedicata all’agricoltura della Val di Non.
In un calendario così fitto di eventi, non poteva mancare una grande esposizione dedicata agli appassionati di agricoltura e giardinaggio, ma anche alle famiglie e ai bambini. L’1 e 2 maggio, la fiera di Cles ospita le più importanti novità del settore, le macchine agricole, il mercato delle piante da frutto, animali da cortile e focus dedicati alle tecniche della coltivazione dell’orto fatto in casa. Anche le attività didattiche per i più piccoli la rendono un interessante laboratorio a cielo aperto per grandi e bambini.

INCONTRI CON GLI AGRICOLTORI “A PORTE APERTE”

Oltre ai tre eventi principali, “Aprile dolce fiorire” proporrà numerose iniziative legate alla Strada della Mela. Le aziende agricole e produttrici di derivati della mela daranno vita a incontri a “porte aperte” per i visitatori, accompagnandoli nei luoghi di produzione e illustrando loro le tecniche di coltivazione e di lavorazione della frutta.

Per ulteriori informazioni:
APT Val di Non – www.visitvaldinon.it
tel. 0463 830133
www.apriledolcefiorire.com

Alla BIT il 3 Aprile la “BIO SPA”

Green Travel Award per la “BIO SPA”

Appuntamento alla BIT il 3 Aprile

Ancora un prestigioso riconoscimento per il TeviniDolomites CharmingHotel. Il 3 aprile infatti nell’ambito della fiera BIT di Milano, il Gruppo Italiano Stampa Turistica consegnerà il premio per la categoria “Bio-Spa” a Lorenzo Tevini. Il Green Travel Award è il premio che il Gist riconosce alle eccellenze del turismo sostenibile e responsabile. Ancora una volta quindiil rispetto per l’ambiente e l’ecosostenibilità volute dalla famiglia Tevini si dimostrano scelte vincenti insieme alla cura per il dettaglio e alla calorosa accoglienza tramandata da padre in figlio. l Premio consiste in una targa in cristallo con il logo del Premio disegnato da Miriam Mirri. La giuria 2017, che ha deliberato sulla base delle segnalazioni e delle candidature sollecitate dai soci Gist, era così composta: Luca Pollini (presidente), Raffaele D’Argenzio, Diana De Marsanich, Bruno Gambacorta, Graziella Leporati, Edoardo Stucchi. Tutti I vincitori del premio che vede coinvolte diverse categorie, saranno proclamati il 3 aprile a Milano in occasione della Bit (Borsa internazionale del turismo) a Fieramilano City.
Il Green Travel Award come migliore Bio Spa va ad assommarsi agli altri prestigiosi riconoscimenti che l’hotel ha ottenuto per la sua anima green: l’ultimo in termini di tempo aggiudicato a dicembre 2016 dal portale Più Turismo in collaborazione con WWF alla sua Spa “Km zero” e l’ECO LABEL per i consumi a impatto zero sul territorio come l’acqua, che si trova in abbondanza in tutta la valle, o il legno usato al posto del gasolio per il riscaldamento naturale.

PASQUA SCI E CASTELLI – In Val Venosta

La Magia dei Castelli In Val Venosta

La vita di corte e le sue dame, i maestosi ricevimenti ravvivati dai giullari, le pantagrueliche cene dalle portate infinite, le estenuanti battaglie dei suoi cavalieri con le loro imponenti armature non sono un percorso virtuale ma un viaggio reale nelle glorie di un tempo che si snoda tra i castelli della Val Venosta.

Qui il profumo di Medioevo è nell’aria e avvolge il visitatore. E allora diventa facile rivivere la vita di un tempo attraverso le feritoie nelle mura dalle quali i castellani scoccavano le frecce infuocate, le merlature guelfe delle mura pensate per proteggere i soldati a difesa del castello dall’assalto nemico, le affascinanti torri di guardia e di vedetta per avvistare il nemico e prepararsi alla battaglia.

Puntando lo sguardo a nord di Castelbello si scorge, in tutta la sua magnificenza, il Castello di Castelbello.

Passeggiare nella bellissima corte, percorrere le sue scalinate, perdersi tra le arcate dalle diverse altezze è un’esperienza suggestiva e pittoresca. Eretto nel XIII secolo, il castello ospita una mostra permanente dedicata all’antica Via Claudia Augusta, oggi percorribile attraverso la sua pista ciclabile lunga 80 km.

Dirigendoci nel comune di Laces incontriamo il Castello di Coldrano, una residenza nobiliare immersa nei frutteti e vigneti della zona. Un tempo residenza stabile dei Conti Hendl, oggi il castello ospita mostre e convegni e rappresenta il centro culturale dell’Alto Adige occidentale. Una pregiata stufa in maiolica risalente agli inizi del XVI secolo e situata nella “sala degli spiriti” è il fiore all’occhiello di questo meraviglioso castello.

IL PIU’ FAMOSO E FREQUENTATO DAI TURISTI: Castel Juval, una fortezza medievale arroccata a circa 1000 m s.l.m. nel comune di Castelbello, oggi residenza di Reinhold Messner e sede museale del circuito MMM (Messner Mountain Museum), il castello-museo è dedicato al mito della montagna: in compagnia di guide professionali farete un viaggio tra reperti tibetani, vedute delle grandi montagne sacre del mondo e maschere provenienti dai cinque continenti. In prossimità del castello c’è un piccolo parco di animali di montagna. Castel Juval è raggiungibile con una navetta o a piedi percorrendo l’antica roggia di Stava o di Ciardes. Apre il 20 di marzo, chiuso nei mesi di luglio e agosto.

Vinschgau Marketing – Konsortial G.m.b.H. Via Portici, 11 – 39020 Glorenza
Tel. +39 0473 620480
www.venosta.net – info@vinschgau.net

Il nostro viaggio nel tempo prosegue in
direzione di Sluderno dove ci attende il
Castel Coira, uno dei castelli meglio
conservati dell’Alto Adige. Le rivisitazioni
strutturali ed estetiche che ha subito nei
secoli lo hanno reso un’armoniosa
combinazione di elementi architettonici
romanici, gotici e rinascimentali. Portoni
massicci, un grigio dominante contrastato a
tratti da tocchi di rosso e bianco.

Ma a colpire
è anche il coloratissimo e suggestivo colonnato con i suoi affreschi. Una lunga storia di famiglia, un l’albero genealogico dipinto sul soffitto della loggia al piano nobile, ambienti suggestivi illuminati da affreschi e dalle incantevoli stufe di maiolica.

La struttura, eretta a metà del XIII secolo, accoglie la più grande armeria privata d’Europa e fra le più grandi al mondo nel suo genere. Ai piedi di Castel Coira ogni anno (quest’anno dal 18 al 20 agosto) si svolgono i Giochi Medievali dell’Alto Adige che richiamano chi desidera immergersi in una atmosfera di altri tempi. Apre il 20 marzo.

Per scovare le rovine dei Castelli Rotund e Reichenberg, ci vuole una buona dose di curiosità e avventura: Castel Rotund è situato a ben 1.500 metri di altitudine e per questa ragione è uno dei castelli più ad alta quota del Tirolo.

Castel Reichenberg non è da meno: è situato su un ripido pendio, poco più in basso rispetto a Castel Rotund. Oggi è possibile visitare i Castelli dall’esterno, gran parte della fortezza è infatti caduta in rovina, tranne il mastio che è ancora ben conservato.

Raggiungere la Rovina del Castello di Montechiaro risalente al 13esimo secolo richiede una piacevole e romantica passeggiata, uno sforzo ripagato da una vista a 360 ̊sulla splendida Val Venosta e sul quasi dirimpettaio Castel Coira. Oggi le sue rovine sono caratterizzate dal palazzo rialzato e dal bastione circolare ancora ben conservato.

Vivere la magia della Val Venosta vuol dire avventurarsi tra i suoi castelli, ripercorrere le antiche vie, rivivere i fasti medievali in un’immersione senza tempo che non ha eguali…

Vinschgau Marketing – Konsortial G.m.b.H. Via Portici, 11 – 39020 Glorenza
Tel. +39 0473 620480
www.venosta.net – info@vinschgau.net

GRIMALDI LINES – TORNA LA NAVE CARICA DI LIBRI E CULTURA – Da Porto Torres a Barcellona

Dal 21 al 26 aprile a bordo dell’ammiraglia Cruise Barcelona

per l’ottava edizione del grande evento culturale “Una Nave di Libri” per Barcellona

Torna anche nel 2017 “Una Nave di Libri” per Barcellona, il grande evento culturale organizzato dalla testata “Leggere: tutti” a bordo della nave Cruise Barcelona, ammiraglia della flotta Grimaldi Lines, in programma dal 21 al 26 aprile prossimi.

Come ogni anno, l’iniziativa celebrerà la Giornata Mondiale del Libro e la ricorrenza di San Giorgio, festeggiata a Barcellona con una grande festa popolare e con l’allestimento di centinaia di pittoresche bancarelle dove acquistare libri e rose rosse per il tradizionale scambio di doni tra uomini e donne.

Il tempo da trascorrere a bordo, durante la navigazione tra Civitavecchia e la capitale catalana, sarà tutto un susseguirsi di reading e dibattiti, proiezioni di film e spettacoli teatrali, con la partecipazione di scrittori, giornalisti e registi di fama internazionale: tra gli altri saranno presenti le scrittrici Nadia Terranova e Catena Fiorello e gli scrittori Roberto Riccardi e Vittorio Russo.

Ospite d’eccezione di questa ottava edizione è la nostra Sardegna, una sorta di ponte tra l’Italia e la Spagna e per questo ricca di tradizioni antichissime legate alla cultura catalana. Numerosi saranno infatti gli eventi dedicati a questa regione a cura dell’Associazione Samedì.

Sarà inoltre particolarmente folta la presenza a bordo di scrittori sardi, quali Giuseppe Corongiu, Vindice Lecis, Giovanni Follesa e Livy Former, oltre alla produttrice e sceneggiatrice Laura Marcellino, al cantante e scrittore Davide Casu, al critico d’arte Giorgio Pellegrini e allo chef Giovanni Fancello.

L’arrivo a Barcellona è previsto per la sera di sabato 22 aprile.

Qui, in terra catalana, i partecipanti potranno prendere parte alla festa popolare di San Giorgio e vivere l’esperienza unica di passeggiare in una vera e propria libreria a cielo aperto ornata di fiori colorati, curiosando tra centinaia di bancarelle con le ultime novità editoriali, oppure potranno partecipare alle tante iniziative promosse dall’Istituto Italiano di Cultura, dalla Casa degli Italiani di Barcellona e dall’Associazione Samedì. Per due interi giorni Barcellona si lascerà scoprire in tutto il suo fascino, con le Ramblas, il Barrio Gotico e i capolavori di Gaudì.

Le quote partono da 475 euro a persona e comprendono: viaggio a/r da Civitavecchia o da Porto Torres a Barcellona (tasse incluse) a bordo dell’ammiraglia di Grimaldi Lines con pernottamento in cabina interna doppia, 2 prime colazioni, 2 pranzi e 2 cene presso il self-service di bordo, 3 notti in camera doppia presso hotel a Barcellona di categoria tre stelle con trattamento di pernottamento e prima colazione, programma di eventi e animazioni a bordo.

E’ possibile imbarcarsi da Porto Torres la mattina di sabato 22 aprile, con rientro sempre a Porto Torres previsto per la mattina di mercoledì 26 aprile.

Il programma dell’evento è disponibile sui siti internet www.grimaldi-lines.com e www.leggeretutti.it

Il Gruppo Grimaldi ha sede a Napoli, controlla una flotta di 120 navi e ha circa 13 mila dipendenti. Facente capo alla famiglia Grimaldi, il Gruppo è uno dei più grandi operatori di navi Ro/Ro nel mondo. Nel settore Passeggeri, oltre a Grimaldi Lines, il Gruppo controlla Finnlines, leader nel Mar Baltico, e la greca Minoan Lines, operante tra il Pireo (il porto di Atene) e l’Isola di Creta.

Weekend di primavera – Wellness – natura – cibi sani e corsi di cucina a Renon ( Bolzano )

Ponti di primavera sull’altipiano del Renon:

equilibrio, wellness e natura, a due passi dalla città.

Basta una veloce salita in funivia da Bolzano per catapultarsi sull’altipiano “del sole”: meta perfetta per rigeneranti weekend all’insegna di magnifiche escursioni nella natura, aria purissima, cibo sano e trattamenti unici come l’apiterapia o i bagni di lana.

 – Natura incontaminata, magnifica esposizione, boschi profumati, distese di erba a perdita d’occhio e un’ospitalità autenticamente altoatesina: non stupisce che l’altipiano del Renon sia da molti anni una meta apprezzata da chi cerca vacanze all’insegna del benessere, della semplicità, del relax e dell’attività fisica all’aria aperta, lontano dalla folla.

Un piccolo paradiso, per di più a portata di mano: la modernissima Funivia del Renon, con un tracciato mozzafiato di 4.560 metri, impiega meno di dodici minuti per collegare la città di Bolzano a Soprabolzano, uno dei paesi che punteggiano l’altipiano.

E una volta arrivati in quota – l’altipiano del Renon ha un’altitudine media di mille metri – ci si può tuffare in questo vero e proprio scrigno di bellezze naturali: uno straordinario “balcone” panoramico con vista sulle vette alpine, particolarmente apprezzabile in primavera, quando i tanti sentieri, le iniziative speciali come “L’alba sul Corno del Renon” (con la deliziosa colazione in quota) e le proposte wellness degli hotel permettono di goderselo al meglio.

Tra le mete più apprezzate dagli escursionisti e dalle famiglie, vanno sicuramente citate anche le scenografiche (e antichissime, circa 25mila anni) Piramidi di Terra, curioso fenomeno geologico di materiale morenico, formato dall’erosione conica del terreno.

Per osservarle, tre opzioni diverse: nella valletta di Rio Fosco sulla strada per Longomoso e Monte di Mezzo (circa mezz’ora a piedi partendo dalla stazione di Collalbo), e poi ancora nella valletta di Rio Rivellone nei pressi di Soprabolzano e nella valletta di Rio Gasterer ad Auna di Sotto. Incantevoli anche i sentieri per raggiungerle, con punti panoramici e panchine per godersi la vista.

Alto Adige Balance, programma di rinascita

Cibi sani e puliti, attività fisica in mezzo alla natura e riscoperta delle tradizioni: tutto questo è Alto Adige Balance, programma-contenitore ricco di proposte e iniziative per chi vuole assaporare tutto quello che la primavera altoatesina ha da offrire. Sull’altipiano del Renon, in particolare, la ricchezza di prodotti tipici autenticamente locali permette esperienze gastronomiche uniche: come, ad esempio, “Dal grano al pane”, escursione giornaliera che combina una camminata nei boschi, un pranzo a base di prodotti tipici e l’incontro al maso Trotnerhof con il contadino e panettiere Konrad, per approfondire la conoscenza delle varietà della farina e provare a infornare il pane (dal 1° al 29 aprile).

Altrettanto interessante la gita guidata “Erbe, Kloatzen e formaggio”, che include la passeggiata alla scoperta delle erbe selvatiche, la visita alle Piramidi di Terra, il laboratorio presso un maestro formaggiaio e una degustazione della tipica pera essiccata Kloatze, la cui conservazione viene favorita dal clima mite e secco del Renon (dal 27 maggio al 1° luglio).

E poi ancora il corso di cucina con lo chef Florian del ristorante Wiesenheim (dal 1° aprile al 1° luglio), le visite al maso Troidner ad Auna di Sotto, per assaggiare i succhi di mela monovarietali del “pioniere” Thomas Kohl, che coltiva mele da oltre vent’anni a 900 metri di altezza (dal 29 aprile al 27 maggio) e infine l’imperdibile escursione a tema “miele”, con visita all’apiario e allo storico maso Plattner, sede del museo dell’apicoltura (dal 29 aprile al 27 maggio). Per il programma completo e i pacchetti soggiorno: www.renon.com/balance

Le proposte wellness degli hotel del Renon per la primavera, dall’inalazione dell’aria degli alveari alla paneterapia

Oltre alle attività di Alto Adige Balance, tante le iniziative degli hotel dell’altipiano del Renon per chi cerca una vacanza salutare, all’insegna della rinascita, del detox, dell’equilibrio psicofisico e dei prodotti naturali.

Originale ad esempio la proposta dell’Hotel Rinner con la sua “ApiAir Wellness”: grazie all’inalatore progettato dal proprietario Hans Musch, gli ospiti possono facilmente testare i benefici dell’antica usanza di inalare l’aria degli alveari, ricca di sostanze in grado di curare affezioni respiratorie, allergie e dare sollievo a stress e mal di testa (www.hotel-rinner.it).

Altrettanto unica (e introvabile altrove) è la paneterapia al Waldhotel Tann: qui si sfrutta la presenza di un forno di pietra, dove quotidianamente vengono cotti diversi tipi di pane, molti dei quali a base di farine integrali o arricchiti con semi.

Al pomeriggio gli ospiti sono invitati a rilassarsi sulle poltrone intorno al forno, leggermente intiepidito: questo permette di sfruttare i benefici del calore (ideale per curare reumatismi e contratture muscolari), ma anche di respirare l’aria carica di enzimi, in grado di riattivare il metabolismo e regalare un profondo senso di pace (www.tann.it).

E poi ancora bagni nella lana di pecora e nel fieno al maso Weidacherhof, utili per ridare energia al corpo, riattivare il microcircolo e depurarsi attraverso la sudorazione (www.weidacherhof.com).

Infine relax vista lago al Hotel Weihrerhof, nella cui “SeaSpa” si possono provare trattamenti di bellezza a base di cosmetici realizzati con materie prime del posto, tra cui il pino cembro (www.weihrerhof.com).

Tuffo nel passato con il Trenino del Renon, che quest’anno festeggia i 110 anni

“Il Renon è divinamente bello e accogliente”: con queste parole Sigmund Freud descriveva l’altipiano al suo amico Carl Gustav Jung.

Erano i primi anni del Novecento e, già da tempo, questi luoghi erano diventati il rifugio estivo dei bolzanini: le ville patrizie e le case di villeggiatura in stile liberty testimoniano tuttora la tradizione centenaria dell’altipiano come meta di vacanza.

A questo proposito, non si può non citare il Trenino del Renon, che proprio quest’anno festeggia i suoi 110 anni: la storica ferrovia a scartamento ridotto collega Soprabolzano a Collalbo fin dal 1907 (all’epoca partiva da Bolzano).

Oggi si può ancora salire a bordo delle carrozze d’epoca – ne sono rimaste solo alcune, è necessario verificare gli orari di partenza – per un viaggio che è una full immersion in un paesaggio da fiaba, tra tradizionali masi in legno, prati verdissimi, laghetti alpini e fitti boschi di conifere. Il Trenino del Renon effettua servizio ogni giorno dalle 6 del mattino alle 23, con partenze ogni mezz’ora dalle 10 alle 18 (ogni ora negli altri orari).

Via libera con la RittenCard!

La RittenCard viene consegnata gratuitamente soggiornando nelle strutture partner dell’Associazione Turistica Renon e include una serie di vantaggi, tra cui: libero utilizzo di tutti i mezzi di trasporto pubblici in Alto Adige, compreso il trenino a scartamento ridotto e la Funivia del Renon, una corsa giornaliera di andata e ritorno con la cabinovia del Corno del Renon e l’ingresso in circa 90 musei, castelli ed esposizioni in Alto Adige, quali il museo di Ötzi, il Messner Mountain Museum, il Museo d’apicoltura Plattnerhof, Castel Roncolo e molti altri ancora.

In più offerte stagionali, riduzioni e vantaggi su attività per il tempo libero e sconti presso il Festival Bolzano Danza. Per ulteriori informazioni: www.renon.com/rittencard

Contatti:
Associazione Turistica Renon
Via Paese 5, Collalbo (BZ)
Tel. 0471 356 100
info@renon.com

Vacanze di Pasqua – A Milano campus giornalieri per i bambini da 6 a 10 anni – Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia

CAMPUS DI PASQUA
Aperte le iscrizioni ai campus giornalieri del 13, 14 e 18 aprile per i bambini dai 6 ai 10 anni.
Una giornata al Museo quando la scuola è chiusa, alla scoperta delle collezioni e della scienza nella vita di tutti i giorni.
Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia
Via San Vittore 21, Milano

All’indirizzo http://www.museoscienza.org/areastampa/materiali.asp sono disponibili
alcune immagini e il comunicato stampa
Tornano anche quest’anno, durante le vacanze di Pasqua, i campus giornalieri per i bambini da 6 a 10 anni che potranno trascorre Una giornata al Museo senza i genitori, tra visite animate e attività nei laboratori interattivi. Potranno scegliere di sperimentare tutti i segreti del volo, dagli aerei ai razzi spaziali, scoprire gli antichi mestieri attraverso le collezioni del Museo, realizzare il proprio kit per un teatrino delle ombre, conoscere gli oggetti storici più significativi del Museo e molte curiosità sulle bolle di sapone.
Sono aperte le iscrizioni.

CAMPUS GIORNALIERI
Durante le vacanze di Pasqua il Museo propone campus giornalieri per i bambini da 6 a 10 anni. I piccoli partecipanti potranno trascorrere una giornata speciale tra visite animate e attività nei laboratori interattivi per scoprire quanta scienza e tecnologia si nasconde nella vita di tutti i giorni.
È possibile scegliere tra tre differenti programmi.
1. In volo al museo (novità)
Giovedì 13 aprile
Ali, eliche, aerei e razzi: visitiamo il museo senza mettere i piedi per terra e con la testa tra le nuvole. Costruiamo modellini di vecchi aerei e lanciamo il nostro razzo spaziale. Scopriamo tute, caschi e l’unico frammento lunare esistente in Italia.
3. Esplorazione al museo
Venerdì 14 aprile
Officine meccaniche, vecchie fucine, forni e trafile. Un viaggio tra le collezioni del Museo alla scoperta di antichi mestieri. In laboratorio scopriamo i segreti di luci e ombre e realizziamo il nostro personale kit per creare un teatrino delle ombre.
2. Viaggio al museo
Martedì 18 aprile
Il Museo come una macchina del tempo, alla scoperta dei mezzi di trasporto per conoscere com’è cambiato il nostro modo di viaggiare.
Con attività, giochi ed esperimenti sveliamo tutti i segreti delle bolle di sapone e realizziamo il nostro personale kit del bollologo.

Quando
Il 13, 14, 18 aprile 2017. Dalle 8.30 alle 17.30.

Quanto costa
45 € al giorno per ciascun partecipante. Ogni partecipante dovrà portare con sé due merende e il pranzo al sacco.
Come
Prenotazioni e informazioni: prenotazioni@museoscienza.it
T. 02.48.555.558 | www.museoscienza.org/attivita/giornata-al-museo

Le attività si svolgono in gruppi composti da minimo 5 e massimo 30 ragazzi.
L’effettivo svolgimento viene confermato dalla Fondazione entro i 7 giorni precedenti la data prenotata.
In caso di annullamento della giornata di attività, la Fondazione darà tempestiva comunicazione alle famiglie e restituirà le somme pagate.

Il programma dettagliato di tutte le attività del Museo (mostre temporanee, visite guidate, laboratori interattivi) è disponibile all’indirizzo http://www.museoscienza.org/attivita

INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci

Dove siamo: Ingresso Via San Vittore 21 – 20123 Milano

Orario Invernale: da martedì a venerdì 9.30-17 | sabato e festivi 9.30-18.30.

Biglietti d’ingresso

intero 10,00 € | ridotto 7,50 € per giovani sotto i 25 anni; adulti accompagnatori (max 2 persone) dei minori di 14 anni; persone oltre i 65 anni; gruppi di almeno 10 persone; giornalisti in visita personale dietropresentazione del tesserino dell’Ordine dei Giornalisti in corso di validità e compilando il form di accredito; docenti delle scuole statali e non statali; convenzioni |

speciale 4,50 € per gruppi di studenti accompagnati dall’insegnante previa prenotazione.

Ingresso gratuito per: visitatori disabili e accompagnatore; bambini sotto i 3 anni; giornalisti che stanno realizzando un servizio sul Museo, accreditati in precedenza.
Programma membership card: alla biglietteria sono in vendita 3 tipologie di card per l’accesso gratuito e illimitato al Museo in compagnia di una persona a scelta o della famiglia.
Biglietti online
Sul sito del Museo è possibile acquistare il biglietto d’ingresso al Museo – intero o ridotto, il biglietto per il sottomarino Enrico Toti e per il simulatore di volo in elicottero.

www.museoscienza.org | info@museoscienza.it | T 02 48 555 1

Evento anche per i vostri figli a Milano – Dinosauri al MUDEC – “Dino-polis”

DINOSAURI AL MUDEC

… dalle origini fino alla loro estinzione

… dal Triassico al Cretaceo

22 marzo – 9 luglio 2017

Per la prima volta insieme in “Dino-polis”
MUDEC, Museo di Storia Naturale di Milano e 24 ORE Cultura. Un progetto culturale unico e innovativo

Il MUDEC-Museo delle Culture di Milano continua a sorprendere i visitatori con il racconto della storia più antica.

Dopo il successo di “Homo Sapiens”, il museo milanese si fa promotore di un progetto culturale unico e assolutamente innovativo, “Dino-polis”, che coinvolge anche il Museo di Storia Naturale di Milano, in una delle più importanti esposizioni scientifiche sull’evoluzione dei dinosauri, dalle origini fino alla loro estinzione.

La tematica dei grandi sauri viene illustrata sia sul versante naturalistico che antropologico attraverso due esposizioni, visitabili dal 22 marzo al 9 luglio: “Dinosauri. Giganti dall’Argentina”, la nuova mostra che racconterà ai visitatori l’intera storia dell’evoluzione dei dinosauri attraverso reperti originali e unici provenienti dall’Argentina e ora in Italia; e la mostra “Rex and the city. I sauri e noi”, a cura di un comitato scientifico costituito da conservatori del Comune di Milano ed esperti e allestita nello spazio Focus, che darà ai visitatori la possibilità di riflettere anche sulla figura del dinosauro nell’immaginario culturale collettivo, nel corso dei secoli; un aspetto antropologico che il MUDEC – per la natura stessa del museo – tiene particolarmente a raccontare al proprio pubblico.

“Dinosauri. Giganti dall’Argentina”, promossa dal Comune di Milano | Cultura e da 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE che ne è anche il produttore, Contemporanea Progetti e Cubo, società autrici anche del progetto espositivo, è realizzata in collaborazione con il Museo di Storia Naturale di Milano e in particolare con la consulenza scientifica di Cristiano Dal Sasso, paleontologo del museo naturalistico milanese più grande e importante d’Italia e uno dei più prestigiosi in Europa.

L’esposizione vanta la collaborazione con il sistema dei musei pubblici di paleontologia argentini e il Conicet (CNR Argentino), sotto la supervisione di Edgardo J. Romero, del Museo Argentino de Ciencias Naturales Bernardino Rivadavia.

La mostra inoltre ha ottenuto il riconoscimento della Marca Paìs del Governo dell’Argentina e i patrocini del Consolato Generale e Centro di Promozione della Repubblica Argentina a Milano.

La mostra “Dinosauri. Giganti dall’Argentina”

“Dinosauri. Giganti dall’Argentina” ripercorre l’intera storia dell’evoluzione dei dinosauri, partendo dal Triassico, passando poi nel Giurassico per concludersi con il Cretaceo, periodo che ha visto il massimo livello di biodiversità nel mondo dei dinosauri.

In questo periodo sono vissuti i giganti di cui sono esposte le ricostruzioni degli scheletri in dimensioni reali: l’erbivoro forse più grande del mondo, l’Argentinosaurus huinculensis, che poteva raggiungere i 38 metri di lunghezza, e il Giganotosaurus carolinii, che secondo alcuni paleontologi è stato il più grande predatore di terraferma, ancora più grande del famoso Tyrannosaurus Rex.

Al Cretaceo risalgono anche le molte uova provenienti dallo straordinario sito di Auca Mahuevo nella provincia di Neuquén in Patagonia, dove è stato rinvenuto anche il primo embrione di titanosauro, un dinosauro erbivoro gigante. Questo straordinario fossile è esposto in mostra assieme alla rappresentazione virtuale del suo sviluppo nell’uovo.

150 milioni di anni di storia naturale raccontati attraverso reperti e copie accuratissime provenienti da alcuni dei giacimenti più ricchi ed importanti per lo studio dei dinosauri.

In nessun altro Paese si può infatti trovare una tale ricchezza di esemplari appartenenti ai tre periodi dell’Era Mesozoica.

Si tratta di testimonianze insostituibili dell’origine e dello sviluppo di questi rettili nell’emisfero australe, appartenenti alle collezioni scientifiche di alcune delle più prestigiose istituzioni museali argentine, insieme a riproduzioni ottenute con tecniche sofisticate a partire dai resti fossili, pezzi unici scientificamente rilevanti ricostruiti dai paleontologi, che hanno partecipato attivamente alla realizzazione della mostra.

L’itinerario della mostra avrà anche un percorso illustrato pensato appositamente per i bambini, a cui sarà dedicato un ricco calendario di iniziative didattiche e ludiche per i più piccoli e per le famiglie, a cura di Education Mudec.

La mostra “Rex and the city”

Al MUDEC, i visitatori potranno esplorare il mondo dei dinosauri attraverso un originale percorso dal taglio antropologico che indagherà il nostro atteggiamento nei confronti dei sauri mostruosi attraverso la storia. Si tratta dell’esposizione “Rex and the city. I sauri e noi”, visitabile nello Spazio Focus del museo in concomitanza con la mostra “Dinosauri. Giganti dall’Argentina”, dal 22 marzo al 9 luglio.

L’esposizione, a cura di un comitato scientifico costituito da conservatori del Comune di Milano ed esperti e allestita nello spazio Focus, è un vero e proprio omaggio alla figura del “sauro” nella storia. Dalle prime scoperte ai dibattiti scientifici sull’origine della vita sulla Terra, fino alle diverse rappresentazioni dell’immaginario novecentesco.

La mostra indaga infatti con taglio antropologico il nostro atteggiamento nei confronti di questi animali mostruosi, per i quali si è creato un immaginario diffuso a livello planetario che nel tempo cambia profondamente. “Rex and the city” continuerà con eventi, conferenze e una rassegna cinematografica a indagare la figura del sauro mostruoso nella nostra cultura fino al 9 luglio 2017.

MUDEC

 

MUDEC – Museo delle Culture di Milano (Via Tortona, 56) Dal 22 marzo al 9 luglio 2017

LUN 14.30-19.30 | MAR, MER, VEN, DOM 09.30-19.30 | GIO, SAB 9.30-22.30 Il servizio di biglietteria termina un’ora prima della chiusura

Intero € 12,00 | Ridotto € 10,00 INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI www.ticket24ore.it | Tel. +39 0254917

Solo per “veri” gourmet – La pizza firmata RELAIS & CHATEAUX

Dalla margherita sbagliata alla pizza fritta

NASCE NEL RESORT L’ALBERETA RELAIS & CHATEAUX UNA NUOVA ESPERIENZA:

IL CHIOSCO “LA FILIALE”

LO ANNUNCIA CARMEN MORETTI DE ROSA CHE NE HA IDEATO IL CONCEPT CON LA SOCIETÀ ATCARMEN

L’Albereta Relais & Châteaux inaugura una nuova eccezionale esperienza culinaria all’interno del suo parco: il 9 marzo apre il chiosco “La Filiale”, con un menu totalmente dedicato alla pizza firmato da Franco Pepe.

Il progetto La Filiale nasce dalla profonda amicizia tra Martino de Rosa e Franco Pepe.

Un feeling cementato da una visione comune sull’importanza del territorio, sul concetto di ospitalità e dal costante desiderio di mettersi in gioco e sperimentare: da qui l’idea di abbinare il meglio della pizza a grandi vini, un omaggio alla Franciacorta ma anche un’apertura a nuove frontiere del gusto.

Il chiosco La Filiale, che si sviluppa su due piani, è stato realizzato all’interno del contesto de L’Albereta: al suo interno è immediatamente visibile il voluto legame con la natura circostante, dove pietra, legno e marmo sono i principali materiali utilizzati.

All’ingresso il banco bar accoglie gli ospiti che potranno ammirare il regno di Pepe, grazie alla cucina a vista, e nello stesso tempo fermarsi al banco per un aperitivo, tra assaggi di pizza, drink, birra e vini, non solo Franciacorta, ma la migliore selezione italiana.

Dalla margherita sbagliata alla pizza fritta, l’unione di due grandi nomi come Franco Pepe e dello Chef Fabio Abbattista, che già firma i sapori del Ristorante LeoneFelice e del VistaLago Bistrò del Resort, porta a grandi sorprese per tutti i palati: come la creazione della pizza Curtefranca, condita con il fatulì, tipicoformaggio della Val Camonica e presidio Slow Food, già utilizzato dallo Chef in cucina e per la prima volta protagonista del gustoso mondo della pizza.

Oltre alle normali pizze in carta, gli ospiti avranno la possibilità di intraprendere un viaggio fra i sapori delle pizze di Franco Pepe grazie al “percorso degustazione”; il team di sala, confrontandosi con i clienti, selezionerà una serie di pizze da condividere al tavolo, in base a preferenze, intolleranze o curiosità espresse.

“La prima volta che ho incontrato Franco sono rimasto colpito dalla professionalità e dall’amore che mette nel suo mestiere. Sono entusiasta per questa nuova avventura che mi porterà a conoscere da vicino uno dei più grandi esponenti del mondo della pizza”, afferma lo Chef Fabio Abbattista.

E Franco Pepe continua:“In continuità alle mie precedenti collaborazioni con gli chef e in tandem all’ottimo lavoro di Fabio Abbattista al LeoneFelice, avrò l’onere e l’onore di trasferire la qualità del mio prodotto dalle colline caiatine a quelle della Franciacorta, nella struttura dedicata alla mia pizza. Un impegno estremamente stimolante che ho deciso di affrontare per l’affinità che mi lega ai concetti chiave de L’Albereta”.

“Quando ho pensato a questa idea sono stato colpito dall’entusiasmo di Fabio e dal binomio perfetto che poteva nascere, se pur in location separate, all’interno dello stesso Resort. Non abbiamo avuto esitazioni e con l’amico Pepe siamo pronti a presentare agli ospiti La Filiale”, afferma Martino de Rosa, che dopo la vincente esperienza sviluppata all’interno del Gruppo Terra Moretti, ha creato con la moglie Carmen, l’omonima società.

AtCarmen, che gestisce oggi l’offerta food del Resort, continua a proporre così soluzioni adeguate ad ogni realtà locale, che valorizzano le eccellenze, come avviene nel nuovo chiosco La Filiale.

www.albereta.it

Per prenotazioni La Filiale – dal 9 marzo

Da martedì a sabato dalle ore 19:00

Domenica 12:00 – 15:00 e dalle 19:00

Email: pizza@lafiliale.it

Tel: +39 030 7762608

Presso L’ALBERETA RELAIS & CHATEAUX

Via Vittorio Emanuele, n° 23

25030 Erbusco (Brescia)

Terra Moretti Resorts – È una storia di Famiglia, tutta italiana, dove i valori, la passione e l’amore per l’ospitalità diventano un fil rouge tra magnifiche realtà, diventate, nel mondo, vere icone della bellezza italiana: L’Albereta, Casa Badiola Tuscan Inn e L’Andana. Dal lago d’Iseo alla Toscana, Carmen Moretti de Rosa ha creato un nuovo concetto nel settore dell’ospitalità, che non solo esalta il territorio, ma rapisce e sorprende gli ospiti con il suo lifestyle, le esperienze gastronomiche, i percorsi benessere, gli eventi.

L’Albereta Relais & Chateaux, il suggestivo resort di 57 camere e suite, immerso nelle colline della Franciacorta seduce i suoi ospiti con raffinati percorsi all’insegna dell’alta cucina, dal ristorante gastronomico LeoneFelice al più semplice VistaLago Bistrò, curati entrambi dall’Executive Chef Fabio Abbattista coordinato da atCarmen, società di consulenza nata dal desiderio di Carmen Moretti e Martino de Rosa di creare, in Italia e all’estero, format inediti che si sviluppano dall’ideazione di un concept unico che comprende gli aspetti relativi all’offerta eno-gastronomica ma anche e soprattutto, l’accoglienza e il servizo. Inoltre si prende cura del benessere del corpo e della mente offrendo la massima espressione della ricerca nel campo, all’interno de l’Espace Chenot Health Wellness SPA.

L’Andana Tenuta La Badiola ammalia gli ospiti fin dall’arrivo, con l’ininterrotta cornice di cipressi e pini marittimi, che si trova all’interno dei 500 ettari di Tenuta La Badiola; qui l’anima della Toscana si fonde perfettamente con l’atmosfera del Resort, un tempo tenuta di caccia che accoglieva Il Granduca Leopoldo II e la sua corte. L’Andana oggi offre 33 camere e suite, percorsi benessere all’avanguardia, nella ESPA SPA e sapori gastronomici sorprendenti, nella Gourmand “La Trattoria Enrico Bartolini”, un campo pratica di golf e la possibilità di vivere un vero Wine Resort unitamente alla Cantina dell’Acquagiusta, accolta all’interno della Tenuta. L’Andana fa parte della collezione “The Leading Hotels of the World”. All’interno di questa stessa Tenuta, Casa Badiola Tuscan Inn cattura la magia del territorio maremmano e conquista i suoi ospiti con quella rara intimità che ha il vero sapore di “casa”. Con le sue 14 camere e suite, è la meta ideale per le famiglie, gli amanti della natura, dello sport, tra cui il golf, gli insofferenti a qualsiasi formalismo.

Evento a Cernobbio – Como – 1 aprile 2017 Villa Bernasconi valorizzata da Wikipedia

Villa Bernasconi in puro stile Liberty a Cernobbio – Como.

Iscriversi per l’occasione

Scrivere nuove voci dedicate alla Villa, al suo proprietario …

Villa Bernasconi come gli Uffizi: un’editathon per valorizzarla su Wikipedia

Sabato 1 aprile 2017 la dimora liberty di Cernobbio ospiterà
una giornata per la creazione e l’approfondimento
di voci dell’enciclopedia on-line

Sabato 1 aprile 2017 Villa Bernasconi a Cernobbio ospiterà la sua prima editathon per la compilazione e la revisione di voci di Wikipedia, la più grande enciclopedia gratuita della rete internet.

Si tratta di una maratona di scrittura in cui volontari wikipediani esperti insieme a nuovi utenti, che si potranno iscrivere per l’occasione, lavoreranno alla creazione di nuove voci dedicate alla Villa, al suo proprietario, l’industriale tessile Davide Bernasconi ed alla sua azienda, le Tessiture Bernasconi.

Si tratta di un format già sperimentato più volte da Wikimedia Italia: tra gli appuntamenti più recenti, quello alle Gallerie degli Uffizi di Firenze, al Politecnico e all’Università Statale di Milano.

L’evento è organizzato da Wikimedia Italia, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Cernobbio e la Cooperativa Sociale Mondovisione, nell’ambito del progetto Liberty Tutti, finanziato da Fondazione Cariplo che ha l’obiettivo di rendere Villa Bernasconi una struttura strategica per il territorio e il suo sviluppo turistico, attraverso il coinvolgimento dei giovani e l’applicazione delle moderne tecnologie. In particolare, il progetto Liberty Tutti mira a consolidare il ruolo della Villa come centro per lo sviluppo culturale e per l’innovazione per un bacino di utenti sempre più ampio.

Il programma prevede al mattino, dalle ore 10.00 alle ore 12.30, un workshop di formazione per i nuovi redattori e dopo pranzo, dalle ore 13.30 alle ore 17.30, l’editathon vera e propria, durante la quale ci si concentrerà anche su altri monumenti di Cernobbio, come la Chiesa di San Vincenzo, e su voci inerenti ad alcune delle ville più famose della città, quali Villa Erba e Villa d’Este.

«Cernobbio è una località turistica nota in tutto il mondo, ma purtroppo Wikipedia non ha ancora un’ampia copertura degli edifici di valore architettonico presenti nella città” – commenta Maurizio Codogno, portavoce di Wikimedia Italia -. Siamo lieti che i contatti col Comune di Cernobbio, avviati in occasione di Wiki Loves Monuments e proseguiti con una Wikigita, portino ora a questa iniziativa: le conoscenze tecniche dei wikipediani e quelle storiche dei cernobbiesi produrranno un risultato fruibile da chiunque, in tutto il mondo.»

Con questo evento il comprensorio del lago di Como conferma l’impegno a valorizzare il proprio territorio attraverso i progetti wiki, già mostrato ospitando il raduno di Wikimania ad Esino Lario e altri importanti appuntamenti per la comunità.

Informazioni utili

La partecipazione all’Editathon è gratuita ed è riservata a 20 persone con iscrizione obbligatoria on-line, fino ad esaurimento dei posti disponibili, sul sito https://www.eventbrite.it/e/biglietti-editathon-a-villa-bernasconi-32649441358

Per maggiori informazioni è possibile contattare l’Ufficio Cultura del Comune di Cernobbio al numero 031.343250 dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle 14.00.