Archivi categoria: WEEKEND

dove vado per il weekend?

TRAGHETTI E’ ORA DI PRENOTARE !!! – Corsica Sardinia Elba Ferries è tempo di prenotare … a rate !

Corsica Sardinia Elba Ferries: con tre rate per pagare è tempo di prenotare!

Un servizio semplice, sicuro, conveniente e senza interessi.

Savona-Vado, 16 gennaio 2017 – Corsica Sardinia Elba Ferries conferma il pagamento in 3 rate del biglietto: Corsica, Elba e Sardegna sono a portata di click!

Più in dettaglio: il pagamento in 3 rate è possibile, al momento della prenotazione, a condizione che l’importo del biglietto sia superiore a 200 euro, che la data di partenza sia superiore ai 70 giorni e che si sia in possesso di una carta di credito (Visa, Mastercard o American Express). Nessun costo aggiuntivo per i biglietti a tariffa Flex; negli altri casi, per accedere al servizio, viene addebitato un importo di 6 euro.

Queste le scadenze delle rate:
1° scadenza – Il giorno dell’acquisto, alla conferma della prenotazione;
2° scadenza – 30 giorni dopo la data d’acquisto;
3° scadenza – 60 giorni dopo la data d’acquisto.

“Questo servizio è molto apprezzato dai nostri clienti, poiché è semplice, sicuro, conveniente e senza interessi. La nostra politica commerciale è sempre stata orientata alla soddisfazione dei passeggeri e con questa soluzione rendiamo più conveniente l’acquisto delbiglietto per Corsica, Sardegna e Isola d’Elba” commenta Raoul Zanelli Bono, Direttore Commerciale di Corsica Sardinia Elba Ferries.

Maggiori dettagli e condizioni su www.corsica-ferries.it

§§§

Dal 1968 Corsica Sardinia Ferries è la prima Compagnia di navigazione privata per il numero di passeggeri trasportati, che serve tutto l’anno Corsica e Sardegna.
La Corsica è collegata da Tolone, Nizza, Savona e Livorno; la Sardegna è collegata da Livorno, Nizza e Tolone e, in estate, da Piombino. L’isola d’Elba è collegata da Piombino e da Bastia (Corsica) nella stagione estiva.
Corsica e Sardegna sono unite da collegamenti annuali.
Corsica Sardinia Ferries gestisce una flotta di 13 navi e si occupa direttamente di tutti i servizi all’utenza: dalla prenotazione, all’imbarco, all’accoglienza, al servizio di catering a bordo.
Tutte le attività di Corsica Sardinia Ferries sono certificate ISO 9001:2008.
A Savona Vado, in un’area di 50.000 mq in concessione alla Compagnia, sono concentrate le attività organizzative, amministrative e logistiche della società che nel 2016 ha trasportato oltre 3.700.000 passeggeri.

A TOKYO SOLO PER ASSAGGIARE – Innamorati della cucina giapponese ? Il massimo per voi è un volo …. un lusso per pochi

UNA PAZZIA PER SOLI INTENDITORI

Con circa 450 euro potete trovare, se vi informate per tempo, un volo dall’Italia a Tokyo.

Quello che vi proponiamo non è per tutti, ma per pochi appassionati che sinao in grado di apprezzare questo vaiggio  culturale nella cucina giapponese.

——–

SIAMO A TOKYO E COMINCIAMO DALL’ APERITIVO

Bar Higt Five:

– uno dei migliori bar-cocktail del mondo; fantastica la pina colada, ma non solo. Qui i cocktail non sono serviti con ombrellini; sono solo per seri intenditori.

L’eccentrico capo-barman, Hidetsugu Ueno San, ha reso il Bar Higt Five uno dei bar in stile classico più apprezzati e popolari di Tokyo.

Non chiedere un menu, non esiste;  vi chiederanno i vostri gusti, fidatevi.

Bar Higt Five: Efflore Ginza5 Bldg. BF, 5-4-15 Ginza Chuo-ku, Tokyo, Tokyo (situato nelle avenue del quartiere bilionario di Ginza, ma non cercate l’indirizzo su google maps) – Telefono: +81 3-3571-5815 – controllate orari di apertura (di solito dalle 17 alla 1 di notte).



” nagi “ in zona:  Golden Gai

PER MANGIARE IL RAMEN

” nagi “; il Ramen che servono è davvero unico.

Se siete apapssionati di rame potreste pensare che: varrebbe la pena di fare un viaggio Italia- Tokyo solo per mangiare questi favolosi ramen di ” nagi “

Consigliato: super Ramen ai frutti di mare.

Il Golden Gai era una zona riservata ai giapponesi; ora è molto cambiata e i bar (anche con solo 3 posti- 4) li trovate lungo la strada, ma anche al primo piano; non c’è più l’atmosfera di una volta (ai tempi era anche una zona di prostituzione); ma può essere una buona idea alla ricerca del vero Giappone; anche di come sta cambiando).

Indirizzo ” nagi ” : Giappone, 〒160-0021 Tokyo, 新宿区Kabukicho, 1−1−10 – Orari: Aperto 24 ore su 24- Telefono: +81 3-3205-1925


AL MERCATO PER COMPRARE IL KOMBU, il Kombu non è un’alga, ma è molto simile e serve pe rfare il brodo; IL KOMBU CHE PROVIENE DA HOKKAIDO è il  migliore del mondo.

Alga NORI; indispensabile per il Ramen (quello coreano è condito; più saporito), lo potete trovare ottimo anche a Tokyo.


UNA PUNTATA A KYOTO CON IL TRENO SUPER-VELOCE

Siamo qui anche per l’alta cucina giapppnese; qui a Kyoto è presente uno dei ristoranti più raffinati e migliori del mondo (ovviamente il costo è adeguato).

Ma prima andiamo al mercato Nishiki Market; tutto è super: coltelli, cibo … Qui trovate ogni specialità, anche a base di uova biologiche.

Non perdete il negozio che vende solo verdure sott’aceto; provate.


KIKUNOI

” Al Kikunoi trattiamo ognuno dei nostri piatti come espressione della vita stessa, senza mai dimenticare quanto dobbiamo natura.

Evoluzione della cucina vegetariana-buddsita. Qui la natura viene esaltata al massimo. Ogni tavolo è in una stanza riservata. Locale raffinato; come i piatti serviti da cameriere in kimono.

Esiste da 300 anni.

Uno dei migliori ristoranti al mondo

Spesa media 850 euro in due persone.

Esperienza mistica.

Indirizzo: Giappone, 〒605-0825 Kyoto Prefecture, Kyoto, 東山区 下河原通八坂鳥居前下る下河原町459
Telefono: +81 75-561-0015
Orari: Oggi aperto · 11:30–13, 17–20

E’ possibile prenotare direttamente online: https://translate.googleusercontent.com/translate_c?depth=1&hl=it&prev=search&rurl=translate.google.it&sl=en&sp=nmt4&u=https://kikunoi.jp/reserve/en/agree&usg=ALkJrhjeU0JiA_x9ytmtU6C_IhqsFsW-6g


Giardini d’Autore torna a Rimini – Parco Federico Fellini – 17 – 19 marzo 2017

Giardini d’Autore torna a Rimini, a Parco Federico Fellini, per l’edizione di primavera 2017 il 17.18.19 marzo. Tre giorni, durante i quali, si parlerà di giardino, di piante, di paesaggio, di territorio e di cultura del verde.

Giardini d’Autore, l’ormai riconosciuta mostra di giardinaggio che accoglie i migliori vivaisti italiani rinnova l’appuntamento a Rimini presso lo storico Parco Federico Fellini, cuore pulsante dell’identità e della storia riminese e location dal fascino intramontabile.

La manifestazione giunge al suo ottavo anno aprendo la stagione delle mostre di giardinaggio in Italia con la sua edizione primaverile. Un appuntamento fisso per tutti gli amanti del giardino vissuto come un’occasione non solo per reperire piante ed essenze rare ma anche per condividere la conoscenza della cultura del verde in tutte le sue forme ed espressioni.

Passeggiando a Parco Fellini sarà possibile reperire: piante aromatiche e per l’orto, bulbi, semi, rose antiche e moderne, piante acquatiche, piante tropicali, frutti antichi, piante da ombra, e ancora arbusti insoliti a fioritura precoce primaverile, ellebori, piante grasse, varietà insolite di camelie e azalee, piante rampicanti, agrumi storici e ornamentali, piante commestibili e tantissime altre curiosità vegetali, capaci di ispirare tutti nella creazione di veri e propri Giardini d’Autore

Accanto ai vivaisti Giardini d’Autore è infatti un appuntamento di richiamo per designer, architetti, paesaggisti e artigiani con l’obiettivo di offrire al suo pubblico tante idee e spunti per ripensare e vivere gli spazi verdi.

Tra esposizioni e progetti sul territorio Giardini d’Autore si fa anche scenario di incontri, dibattiti e conferenze sul tema del verde e del giardino nonchè di laboratori creativi per adulti e bambini che animeranno tutte le giornate trasformando la manifestazione in una vera e propria officina a cielo aperto.

Le novità continuano con il concorso Riminingreen 2017 e il circuito #Offgiardinidautore

Una delle novità lanciate per l’edizione di primavera 2016 e che ha già riscosso risultati davvero interessanti è “riminingreen”, il concorso per la realizzazione di giardini urbani, dove il verde diventa protagonista ed espressione della città. Giardini d’Autore lancia la seconda edizione del concorso rivolgendo la partecipazione ad architetti, designer, paesaggisti, vivaisti e giardinieri: chiunque abbia esperienza nel settore e, soprattutto, voglia esprimersi attraverso le molteplici forme, colori e significati del verde.

I progetti realizzati a Parco Federico Fellini durante Giardini d’Autore, saranno giudicati da una commissione tecnica e dal pubblico per un totale coinvolgimento degli appassionati all’interno della manifestazione.
L’iscrizione al concorso è aperta a tutti e si può effettuare tramite email all’indirizzo concorsogiardini@gmail.com, i progetti potranno essere inviati entro il 19 febbraio 2017.

Il circuito #Offgiardinidautore è l’altra grande novità nata dalla collaborazione tra Giardini d’Autore e la città di Rimini: gallerie d’arte, teatri, locali, spazi urbani e location inedite che per due giorni parlano di verde, di design e di natura con serate e appuntamenti tutti da vivere in un weekend dedicato al giardino.
__________________________________________
Info:
La mostra sarà aperta al pubblico: Venerdì 17 – dalle 11:00 alle 19:00
Sabato 18 e domenica 19 marzo con orario continuato dalle 9:00 alle 19:00
Ingresso valido per un’intera giornata: 4 euro – abbonamento weekend: 8 euro- gratuito under 16
Laboratori e attività gratuite per il pubblico di Giardini d’Autore
Info: www.giardinidautore.net | www.facebook.com/giardini.dautore

SAN VALENTINO IN IRLANDA – Castelli da favola e lusso – Passeggiate nel verde – Cascate e ….

Fuga in un castello da favola

Incredibilmente suggestivo, antico e lussuoso: è difficile esprimere a parole la bellezza incantata dell’Ashford Castle. Questa residenza signorile trasuda romanticismo, sia negli alloggi che nei giardini. Non c’è da stupirsi che sia considerato una fra le location più romantiche al mondo, per una proposta di matrimonio.

Una passseggiata a Claddagh

Il borgo di Claddagh, nella Contea di Galway, ha visto nascere il famoso Claddagh Ring, un simbolo irlandese, per eccellenza, di amore e amicizia. Dopo aver visitato, con la vostra dolce metà, il delizioso villaggio che ha dato il proprio nome all’anello, fate un salto da Thomas Dillon’s, artisti orafi più antichi d’Irlanda nonché primi creatori dell’anello.

Suggellate il vostro amore a Doagh

“The Celtic hole stone”, ovvero la roccia forata di epoca celtica, situata su una collina di Doagh, nella Contea di Antrim, è una destinazione da non perdere per tutti coloro alla ricerca della felicità e dell’amore eterno. La tradizione – che impegna ad amarsi per sempre – vuole che la donna inserisca la mano attraverso il foro e l’uomo la raggiunga con la sua.

Una sorpresa al Santuario di San Valentino

Il giorno di San Valentino, le coppie da tutto il mondo si recano a far visita al santo protettore degli innamorati. Ebbene sì, il Santuario di San Valentino esiste e si trova nella Whitefriar Carmelite Church di Aungier Street. Contiene un reliquiario del santo, i cui resti furono trasportati a Dublino molto tempo fa. Il 14 febbraio c’è una cerimonia speciale in cui si benedicono gli anelli di tutte le coppie in visita.

Un salto alle Cascate di Glencar

Il grande poeta romantico d’Irlanda, W.B. Yeats, in gioventù visitò queste cascate nella Contea di Leitrim, cogliendone il misticismo e traendone ispirazione. E sarà così anche per voi, se deciderete di raggiungerle con il vostro partner. Il luogo, testimone di tante proposte di matrimonio, è location popolare, per documentare la richiesta con tanti scatti fotografici. Il lago circostante ed i boschi sono meta ideale per passeggiate e picnic.

In posa sul Titanic

Il Titanic Belfast, recentemente premiato come World’s Leading Visitor Attraction ai World Travel Awards, è la location ideale ove ricreare l’immagine romantica che ha eletto Leonardo Di Caprio e Kate Winslet, icone universali dell’amore nel film colossal Titanic. Per un’esperienza estremamente romantica, invitate la vostra metà lungo la copia dell’elegante scalone centrale ed attraverso il Titanic Quarter, il quartiere che ospita la replica del Titanic.

Arte in Olanda – “Da Mondrian al Dutch Design”

Nel 2017 si celebrano in Olanda i 100 anni del movimento De Stijl (in inglese “The Style”). In occasione di questo centenario, il paese ha organizzato un vasto e vario calendario di eventi e mostre incentrate sul tema “Da Mondriaan al Dutch Design”.

Il Gemeentemuseum Den Haag (Museo Municipale de L’Aia), che custodisce la più vasta collezione di opere del De Stijl e più di 300 opere di Piet Mondriaan, è indubbiamente la dimora internazionale di questo artista e del movimento e sarà il fulcro delle celebrazioni del 2017.

Presso il museo verranno organizzate tre diverse mostre per rendere omaggio agli artisti appartenuti al movimento e ai loro grandi risultati. La prima mostra, “Piet Mondriaan e Bart van der Leck Inventing a new art”, avrà inizio l’11 febbraio e sarà dedicata alla genesi di questa muova arte che ha cambiato per sempre il mondo in cui viviamo.

La mostra sarà la prima ad esaminare la natura e la durata del rapporto tra Mondriaan e van de Leck: grazie alle ben 80 opere d’arte esposte si potrà non solo approfondire la conoscenza di entrambi gli artisti, ma anche scoprire in che modo si siano influenzati e contestati reciprocamente fino ad arrivare a costruire una solida amicizia.

L’incontro dei due artisti e la nuova arte
Piet Mondriaan e Bart van der Leck, forse i due esponenti più celebri del movimento De Stijl, si incontrarono durante la Prima Guerra Mondiale nel villaggio olandese di Laren. I due artisti avevano background differenti: Van der Leck aveva lavorato a lungo come vetraio mentre Mondriaan era divenuto un artista paesaggista.

Essi si ammiravano a vicenda e riconobbero un interesse comune nell’esplorare nuove forme d’arte: entrambi rappresentavano forme geometriche ed utilizzavano pochi colori primari. I due artisti condividevano la convinzione che il mondo moderno avesse bisogno di una nuova forma d’arte e che il loro modo di dipingere rappresentasse un passo verso il progresso.

Lavorarono per tre anni in stretta collaborazione fino a quando cominciarono ad emergere alcune idee divergenti che li portarono ad allontanarsi. Seppur breve, la loro collaborazione ha avuto un ruolo fondamentale nella nascita del movimento della nuova arte lanciata da Theo van Doesburg con la pubblicazione della rivista De Stijl nel 1917. I loro esperimento con l’astrazione e i colori prepararono infatti la strada per il movimento “De Stijl” e l’invenzione della oggi famosissima combinazione tra rosso, giallo e blu.

Il museo

Il Gemeentemuseum Den Haag possiede opere dei più grandi protagonisti dell’arte moderna: da Monet a Van Gogh, da Kandinsky a Picasso.

Oltre alle importantissime opere d’arte custodite nel museo, anche l’edificio stesso, in stile Art Déco del celebre architetto Berlage, vale già una visita. Con 35 mostre all’anno e 160.000 oggetti d’arte, il Gemeentemuseum Den Haag è uno dei principali musei olandesi.

Indirizzo
Stadhouderslaan 41
2517 HV, Den Haag
Prezzi del biglietto
Adulti: 13,50 euro
Ragazzi fino ai 18 anni: ingresso gratuito
www.gemeentemuseum.nl

Maratona Internazionale di Gerusalemme

La Maratona Internazionale di Gerusalemme si affida alla tecnologia training di MilestonePod per aiutare i runner a prepararsi alla gara

Un numero record di partecipanti da tutto il mondo si è già iscritto alla prossima edizione della Maratona, giunta alla sua settima edizione, che si terrà il 17 marzo.

Mancano appena due mesi alla prossima, emozionante edizione della Maratona Internazionale di Gerusalemme e già un numero record di aspiranti vincitori, oltre 1200 (più del doppio dell’anno scorso), si è iscritto. Provenienti da più di 40 nazioni, i partecipanti si sfideranno quest’anno in diverse tipologie di gara: la Maratona, la Mezza Maratona, la 10km oltre ad altri percorsi più brevi, perfetti per le famiglie con i bambini e i più pigri.

Quest’anno c’è però una novità: a chi si iscrive in anticipo verrà offerto un aiuto extra per prepararsi al meglio alla gara che è, notoriamente, una delle più difficili al mondo, ma anche una delle più affascinanti. Per questa edizione, infatti, gli atleti che si registreranno prima del 1 febbraio riceveranno un MilestonePod: un piccolo congegno di facile utilizzo che da applicare sulle scarpe e che, in automatico, tiene traccia di valori quali la misura del passo, la cadenza e il tasso di impatto della falcata sui piedi, ma fornisce anche dati utili relativi alla performance come, per esempio, il tempo, la velocità, la distanza e le calorie bruciate.

Il MilestonePod non ha pulsanti, non necessita di essere ricaricato e non dispone di segnale GPS, semplicemente si sincronizza velocemente alla MilestonePod App, che si può tranquillamente scaricare su smartphone o tablet.

I runner che parteciperanno alla Maratona e alla Mezza Maratona riceveranno il MilestonePod gratuitamente, mentre coloro i quali si registreranno per la 10 km o per gli altri percorsi minori avranno l’opportunità di acquistare il Pod ad un prezzo scontato.

La Maratona è un evento estremamente importante per Gerusalemme, dal punto di vista turistico, tenuto conto del fatto che, per esempio, nei giorni dell’evento in città vengono prenotati circa 10.000 pernottamenti in più. Nel 2016, approssimativamente 30.000 persone hanno partecipato alla maratona, di cui 2.600 corridori provenienti da 65 diverse nazioni. La maratona venne lanciata nel 2011 e, in quell’occasione, vi parteciparono “appena” 10.000 persone.

Il record per gli uomini, nella Maratona, venne stabilito nel 2014 da Ronald Kimeli Kurgat, keniano, con un tempo di 2:16:09, mentre quello delle donne è stato stabilito l’anno scorso da Joan Jepchirchir Kigen, keniana anche lei, con un tempo di 2:38:30.

La partenza della gara si trova davanti al Parlamento Israeliano, il Knesset, e i partecipanti alla Maratona passeranno intorno al Giv’at Ram campus dell’Università Ebraica, lungo la Valle della Croce e attraverso diversi quartieri disposti lungo la strada in salita che conduce al Campo del Monte Scopus dell’Università Ebraica. Il percorso, quindi, scenderà verso la Città Vecchia, accompagnando i maratoneti attraverso la Porta di Giaffa e il Quartiere Armeno e fuori dalla Porta di Sion, sulla strada verso la Foresta di Gerusalemme. Il traguardo si trova in Sacher Park.

Per maggiori informazioni visitare il sito ufficiale dell’evento alla pagina https://jerusalem-marathon.com/Default.aspx

Per maggiori informazioni sul Milestone Pod cliccare qui.

Per maggiori informazioni sulla città e le sue proposte, visitare il sito www.itraveljerusalem.com/itwww.gerusalemmeora.it

Per assaporare quotidianamente l’effervescenza di Gerusalemme: www.facebook.com/itraveljerusalem.it

Programmare un WEEKEND o vacanza a CATANIA per la FESTA DI SANT’AGATA

Catania 2 500  Palazzo bBscheri

Palazzo Biscari

CATANIA Etna bocca laterale 350 km

catania Etna 500

Il vulcano Etna in inverno.

Catania la folla Sant'Agata 450 j

La folla per Sant’Agata.

CATANIA 672 Etna e Mare panorama k

Dall’Etna si vede la città di Catania e golfi verso sud-est

catania 500 Duomo tramonto h

Duomo.

Catania dintorni castello lm

Dintorni di Catania.

Catania sant'Agata Candelori hj

Sant’Agata.

Catania 672 ok notte Duomo folla

La processione di Sant’Agata.

CATANIA

“…l’impressione di questo giardino incantato…lo stesso odore tutto particolare di mare vaporante, tutto mi richiamava…l’isola beata dei Feaci. Andai subito ad acquistare un Omero, lessi con ineffabile rapimento quel canto e ne improvvisai una traduzione per Kniep…” Così scrive il grande Goethe della Sicilia.

Di Catania, guardando le antiche rovine, immagina le “…ripetute distruzioni della città per opera di lave, dei terremoti…”

Perché la storia di Catania, è scritta soprattutto dal grande vulcano che la sovrasta; l’Etna.

Il nostro weekend a Catania.

Montagna che a noi è apparsa nella sua veste più suggestiva; quella invernale. Un manto di neve ne riveste le parti più alte, ma il fumo continua ad uscire, creando qualcosa di magico.

Magico come la capacità dell’antica lava di concimare e favorire la crescita di profumatissimi limoni, aranci, mandarini, anche verdura e viti che producono un’uva irripetibile.

Ma Catania è anche la sua popolazione con tutte le sue vivaci tradizioni; come la festa di Sant’Agata.

Catania Sant0Agata Candele 450 l

Grandissime e pesanti candele sono portate a spalla dai devoti vestiti di bianco

Catania Candele 300 k

S.Agata è, per partecipazione, la seconda festa della cristianità al mondo!

I devoti restano in attesa della messa dall’aurora del quattro febbraio, per rivedere, dopo un anno, la “Santuzza” ricoperta di preziosissimi gioielli; doni dei credenti dai tempi più antichi.

E’ difficile spiegare l’atmosfera creata dalla partecipazione collettiva di tutta la popolazione; colore e vita, credo e folclore.

Una festività da vedere per emozionarsi insieme a tutta la popolazione che vive per due giorni nelle strade, anche di notte.

Da vivere nella piazza del Duomo, da dove cominciano le visite guidate della città e da dove è iniziata la ricostruzione della città; dopo il disastroso terremoto del 1693. Questo è il centro dei poteri Domo e palazzo del Municipio. Due monumenti da visitare; entrambi parti importanti della storia della città.

Nel settecento, i più capaci architetti, artisti e artigiani provenienti da tutta la Sicilia, hanno disegnato e realizzato lo splendido barocco della città; che oggi è divenuto Patrimonio dell’Umanità Unesco.

Non può sfuggire, al centro della piazza del Duomo, la Fontana dell’Elefante; simbolo di Catania.

Qui nel sottosuolo, si trovano le terme Achilliane, e dietro la Fontana dell’Amenano. In zona, anche la Pescheria, a pochi passi dal mare; pittoresco mercato giornaliero della frutta e del pesce.

Tornando alla festa di Sant’Agata, nelle chiese si tengono speciali funzioni religiose e per le strade sfilano le candelore (immense e pesanti tipiche costruzioni), accompagnate da allegre bande musicali. Non possono mancare i dolci tipici e le olivette in pasta reale. Perché qui il cibo è una cosa seria; quasi sacra.

Nessuno potrà lasciare Catania senza il suo pacchetto di frutta o verdura fatta di marzapane, di deliziosi arancini al ragù ed almeno qualche cannolo e l’ ”Iris” un dolce fritto … speciale.

Come non si può lasciare Catania senza averne visitato il Municipio. detto: Il Palazzo degli Elefanti e costruito dopo il terremoto del 1693 in sostituzione del  cinquecentesco Palazzo Senatorio; opera di diversi architetti: tra i quali Giovan Battista Vaccarini, che ha progettato molti dei più pregevoli edifici del centro storico. All’ingresso due carrozze del Senato; usate il 3 febbraio dalle autorità cittadine, durante i festeggiamenti di S.Agata, per raggiungere la chiesa di S. Biagio in piazza Stesicoro ed offrire la cera alla Santa.

Sempre nella piazza del Duomo si incontra il primo Seminario dei Chierici; fondato nel 1572 e che si trovava nell’antica Platea Magna, oggi corrispondente a Piazza Duomo.
Dopo il terremoto del 1693 venne ricostruito in parte sulle antiche mura ed in parte su un’area occupata dall’antico Vescovado; i lavori furono iniziati   dall’architetto Alonzo di Benedetto e proseguirono con Francesco Battaglia.

Salendo verso il culmine di una piccola collina, si raggiunge il nucleo originale di Catania; storia che si perde nei tempi più antichi,.

Qui si trova il Castello Ursino; costruito per volere di Federico II di Svevia, tra il 1239 e il 1250. Il primo castello difensivo, sorgeva vicino al mare; circondato da un fossato. Durante l’eruzione del 1669 fu circondato dalla lava; una lunga campagna di scavi lo ha riportato al suo aspetto originario; in altra sede.
Nel ‘400 il castello fu abitazione dei reali aragonesi, poi fu adibito a vari usi. Dal 1934 è diventato Museo Civico cittadino, con reperti d’età greca, romana e di varie epoche; compresa una parte della produzione artistica catanese. L’opera più interessante è la “Madonna con bambino” di Antonello da Saliba (1466-1535).
Sempre al Castello, si alternano importanti mostre d’arte, come la mostra “CHAGALL. LOVE AND LIFE” Opere dalla Collezione dell’Israel Museum
Dal 18 ottobre 2015 –  3 aprile 2016.

Altro edificio da non perdere, nella visita della città di Catania, è Il Monastero dei Benedettini; fondato nel 1558.

Catania 2 500 Monastero Benedettini dn

Monastero dei Benedettini.

Catania 2 Monastero benedettini caffé js

Catania 2 450 Benedettini dove si mangiava

Il refettorio, dove mangiavano i monaci figli delle più importanti famiglie di Catania.

Catania 2 Benedettini scavi archeologici k

Reperti archeologici romani; nelle cantine del monastero.

catania Monastero Benedettino 450 j

Dopo l’eruzione dell’Etna del 1669 e del successivo terremoto del 1693 buona parte dell’edificio viene distrutto.
La ricostruzione inizia nel 1702, ad opera dei maggiori architetti siciliani: Ittar, Battaglia, Battaglia Santangelo, Palazzotto e Giovan Battista Vaccarini; il più famoso tra gli architetti del barocco siciliano settecentesco. Al Monastero si aggiungeranno un nuovo Chiostro, un giardino, il Caffeaos, la biblioteca, le cucine, l’ala del noviziato, i refettori, il coro di notte.

Visitando i piani interrati si scoprono interessanti reperti romani; uno dei Cardines  e il Decumanus Maximus e resti di domus di età tardo ellenistica e di epoca imperiale. Inoltre si vedono bene i resti delle colate laviche; che furono opportunamente deviate dai monaci.

Il Monastero è uno dei conventi più grandi d’Europa.

Tutti i secondogeniti delle famiglie più prestigiose della zona furono qui accolti e il loro alto ceto è ben dimostrato dagli imponenti scaloni all’ingresso, dalla grandiosa cucina e dall’imponente refettorio, ma non solo.

San Nicolò

La chiesa di San Nicolò si ispira ai modelli architettonici romani; iniziata nel 1687 su disegno di G.B. Contini, dopo il terremoto del 1693 i lavori proseguirono con l’ausilio di diversi architetti come Francesco Battaglia e Stefano Ittar; quest’ultimo realizzò la cupola alta 62 metri. Il progetto rimase, comunque, incompiuto (1796); per difficoltà di ordine tecnico e gravi problemi economici.

Da notare: la grandiosità delle partizioni architettoniche e la luce diffusa proveniente dagli alti finestroni.

Il grande altare maggiore è stato realizzato con materiali molto preziosi.

Celeberrimo l’organo realizzato dall’abate Donato del Piano; 72 registri, cinque ordini di tastiere, 2.916 canne.

DOPO IL GRANDE TERREMOTO LA VIA ETNEA DIVIENE LA VIA DEI PALAZZI NOBILIARI; MENTRE LA VIA CROCIFERI LA SEDE RISERVATA ALLE AUTORITA’ ECCLESIASTICHE (3 monasteri, 1 collegio e 4 chiese; in soli 200 mt.). Negli anni successivi la via Crociferi è anche punto di incontro per cerimonie e cortei religiosi.

La prospettiva offerta dalla zona è tanto bella che fu usata come “location” per molti film; tra i tanti nomi: Zeffirelli “Storia di una capinera”, “I Vicerè” di Faenza e “Il bell’Antonio” di Bolognini.

QUI SI TROVA UNO DEI LUOGHI PIU’ SUGGESTIVI DELLA FESTA DI SAN’AGATA: durante la mattinata, le suore benedettine intonano per la santa canti soavi.

SEMPRE IN VIA CROCIFERI:

Il monastero delle Benedettine; fondato nel 1355.
Alla fine del XVII sec. una ricostruzione determinò l’inglobamento dell’odierna badia piccola; grazie alla costruzione dell’arco, 1704. Quest’ultimo, fu considerato abusivo dal governo vigente; abusivismo che fu bellamente ignorato dai religiosi dell’epoca, tanto che oggi è diventato un simbolo per la città di Catania.
La leggenda racconta che, per allontanare il popolino da questa zona; allora assai trafficata di notte, si raccontasse di una leggenda di fantasmi. Chi osò presenziare per appendere inchiodo, come scommessa, fu egli stesso trovato morto e appeso al chiodo il mattino successivo.

Al monastero appartiene anche la chiesa di San Benedetto, interamente affrescata da Tuccari fra il 1726 ed il 1729.

Chiesa S.Francesco Borgia
La Chiesa di S.Francesco Borgia (santo spagnolo nato nel 1510, parente di Carlo V),  è opera dell’architetto frate Angelo Italia ed all’interno custodisce il pulpito con il prezioso drappeggio in legno ad imitazione della stoffa, la cappella di S.Ignazio e la cappella di S.Francesco Saverio rivestita di marmi di pregio.

Chiesa di San Giuliano

Secondo alcuni studiosi la chiesa di S. Giuliano può essere attribuita al Vaccarini (1739 e il 1751). La facciata, concava al centro, è movimentata da una loggia che si dispone all’altezza del secondo ordine della facciata.
Le religiose, molte provenienti da famiglie della nobiltà catanese, da qui potevano vedere la processione della festa di S. Agata, durante la notte del giorno 5 febbraio, mentre saliva lungo la via Sangiuliano per svoltare, poi, in via Crociferi.

Badia di S. Agata

Sulla via V. Emanuele, di fronte alla Cattedrale, si incontra la chiesa della Badia di S. Agata la quale, insieme all’annesso ex monastero,  occupa un intero isolato. L’edificio odierno poggia sulle rovine dell’antica chiesa e convento, dedicati a S. Agata; poi crollati.
La chiesa  è un capolavoro architettonico di G.B. Vaccarini (1735-1767): ha la pianta a croce greca allungata inscritta in un ovale. Da notare: l’alternanza di superfici convessa-concava-convessa; caratteristica del Barocco.
Risalta la decorazione interna; semplice ed essenziale, stucchi bianchi alle pareti, statue, altari preziosi e ricami di marmo sul pavimento.

Basilica
S. Maria dell’Elemosina
(Collegiata)

Sul luogo dell’attuale chiesa, nella prima epoca cristiana, sorgeva un’ edicola dedicata alla Madonna dell’Elemosina.
Frequentato dai re aragonesi e dalla loro corte; nel 1396 ebbe il titolo di “Regia cappella”. A seguito del terremoto del 1693 venne ricostruita, ma con la facciata disposta lungo la via Etnea; la via più importante della Catania risorta dopo eruzioni e terremoti. La chiesa settecentesca è dell’architetto Antonio Amato su progetto del gesuita Angelo Italia. La facciata, di Stefano Ittar (1758), mostra le concavità e convessità tipiche del barocco e della sua ricerca di armonia.

———

PALAZZO BISCARI

Catania 2 550 Palazzo Biacheri jn

Catania scala Palazzo Biscari 2

Scala interna di Palazzo Biscari

Palazzo Biscari
Il più bel palazzo barocco catanese.
Recentemente inserito nell’elenco dei beni del patrimonio dell’UNESCO.
Conta circa settecento stanze.
www.palazzobiscari.com info@palazzobiscari.com per prenotare visite, congressi, meeting e matrimoni.
Imperdibile per le sue bellezze; fu visitato anche da Goethe e dalla regina Elisabetta.

Il palazzo è appartenuto alla famiglia Paternò Castello, principi di Biscari, dal XVIII al XIX secolo ed agli eredi indiretti Moncada Paternò Castello a partire dal XIX secolo.

Negli ultimi decenni la famiglia ha aperto le porte, di una parte dei saloni, a catanesi, viaggiatori e turisti.

Catania palazzo Bischeri 300 proprietario

L’attuale proprietario, che apre le porte del suo palazzo per visitatori ed importanti eventi.

Fu voluto da Ignazio Paternò Castello principe di Biscari, per sua dimora. I primi lavori iniziarono nel 1702; a quell’epoca il palazzo comprendeva un solo piano, ma già esisteva il museo, con i reperti archeologici raccolti dal principe nelle terre dei suoi latifondi.
Lo  stile del palazzo è barocco e fu costruito sulle mura cinquecentesche di Catania. Per la sua ampiezza occupa un intero isolato.

Il palazzo si affaccia sul porto e sugli Archi della Marina; qui, fino agli anni Venti, il mare lambiva i bastioni sottostanti.

Oggi, vi si svolgono anche numerosi eventi di grande prestigio; alcuni saloni sono oggetto fotografico di sfarzosi matrimoni internazionali.

Teatro Romano
Il teatro è stato realizzato dal I al IV secolo d.c., è addossato al versante meridionale della collina dove sorgeva l’antica acropoli di Catania. Poteva ospitare circa 7.000 spettatori.

Anfiteatro Romano
Al centro di piazza Stesicoro si nota una grande apertura che lascia intravedere una parte dei resti dell’anfiteatro romano di Catania. Si tratta di uno degli anfiteatri più grandi d’Italia; purtroppo è nascosto quasi interamente sotto le moderne abitazioni. Si è calcolato che poteva contenere 15.000 spettatori seduti e quasi il doppio, con apposite impalcature, per i posti in piedi.
Fu costruito intorno alla metà del II secolo a.C. All’epoca di Teodorico il monumento era già in stato di abbandono. Ruggero il Normanno lo utilizzò per ricavarne pietre per innalzare la cattedrale.
——-

UNO DEI MONUMENTI PIU’ BELLI E CARATTERISTICI DI CATNIA E’ IL TEATRO BELLINI
IMPERDIBILE !

Il TEATRO BELLINI si affaccia sull’omonima piazza. Fu inaugurato il 31 maggio del 1890 con la rappresentazione della Norma di Vincenzo Bellini.

Opera di Carlo Sada è in stile eclettico francese, del “secondo impero”, reso di moda a Parigi da Charles Garnier con l’Opéra di Parigi.

Carico di ornamenti e allegorie; è molto elegante in tutte le sue sfaccettature e particolari.

Il teatro è famoso, a livello internazionale, per la sua eccellente acustica.

Affreschi del soffitto di Ernesto Bellandi. Il pittore Giuseppe Sciuti, nel 1883, vi dipinse un antisipario che narra la leggendaria vittoria dei Catanesi sui Libici.
——

AFFASCINANTE VISITA AL VULCANO

La stagione migliore per visitare il vulcano Etna è sicuramente l’inverno. La neve e i funi che sprigiona il vulcano creano un paesaggio fiabesco.

Sono possibili escursioni di ogni genere e livello, secondo le capacità dei turisti. Dalla tranquilla visita con un piccolo bus, alle faticose arrampicate a piedi, alle visite con le jeep.

STORIA DI CATANIA E DEL SUO VULCANO

La storia di Catania è segnata da diversi cataclismi: terremoti, eruzioni, tsunami.
In breve le più antiche.
Eruzione del 693 a. C. distrusse l’antica Catania (Katane).
Eruzione del 396 a. C. la cui colata lavica arrivò in mare.
Eruzione del 1169 la cui lava arrivò ad Aci Castello.
Eruzione del 1329 ebbe origine presso Rocca Musarra, in Valle del Bove (si formarono numerosi coni secondari).
Eruzione del 1381; la lava raggiunse Catania, arrivò al mare a Ognina coprendo lo storico porto Ulisse.
Eruzione del 1408 la lava raggiunse i settori di Pedara e Trecastagni.
Eruzione del 1444 minacciò Catania.
Eruzione del 1556 la lava giunse fino a Linguaglossa.

4 febbraio 1169, vigilia del giorno di Sant’Agata, adorata Patrona della città. Verso le ore 21 la prima forte scossa sismica, magnitudo stimata intorno a 6.6, Catania è devastata. La cattedrale, piena di fedeli raccolti per la funzione dedicata a Sant’Agata, crolla: muoiono almeno cento persone. L’evento è seguito da uno tsunami che colpisce la città e l’intera costa ionica, da Messina alla foce del fiume Simeto. Le scosse proseguono per diversi giorni e provocano danni e vittime anche a Modica, Lentini, Aci Castello, Siracusa e Piazza Armerina. Circa10mila le vittime stimate. La scossa sismica fa crollare la parte orientale dell’Etna, potenti colate laviche si dirigono verso sud-est, giungono fino al mare ad Aci Castello.

Grande eruzione dell’Etna del 1669, l’evento più catastrofico degli ultimi 500 anni; la lava addirittura raggiunse il mare. Iniziò l’11 marzo e finì il 15 luglio.
Nei pressi di Nicolosi un imponente squarcio formò diverse bocche esplosive (oggi Monti Rossi) ed effusive. Un mese dopo raggiunse Catania.
In totale la lava si portò via le case di oltre 27.000 persone.

Eruzioni dopo il 1669: 1755, con lave nella Valle del Bove, 1763 si formarono i Monti Nuovo e Mezza Luna, sul versante Ovest, e la Montagnola, su quello Sud, 1766: responsabile della formazione dell’apparato eruttivo dei Monti Calcarazzi, 1792-1793, 1811-1812,1819, 1832, 1843,1852-1853, che formò l’apparato eruttivo dei Monti Centenari in Valle del Bove, 1865,1879,1883… e così di seguito con una frequenza impressionante. Per fortuna, normalmente, la lava scende senza esplosioni e quindi la gente ha il tempo di porsi al sicuro e, nel migliore dei casi, anche di deviare la lava dalle abitazioni.
IL TERRIFICANTE TERREMOTO DI CATANIA DEL 1963
1693 un terribile terremoto colpì Catania con due gravi scosse successive; la seconda fu devastante e trovò i fedeli nella Cattedrale a ringraziare Santa Rosalia per essere sopravvissuti; alla prima scossa. Circa 54.000 i morti, se si comprendono anche tutte le zone circostanti; sino a Ragusa e Modica. Successive scosse, nei mesi a seguire, arrecarono altri danni.

Continuate a seguirci, nelle prossime puntate vi parleremo dei dintorni e di tanti indirizzi di alberghi, ristoranti, bar, sedi di congressi, eventi varisono possibili e curiosità.

WEEKEND LOW COST A CRACOVIA – Polonia

Cracovia, ex capitale della Polonia, è una delle città più antiche e belle città della Polonia.

Il suo centro storico è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

Merita la visita perché città di altissimo valore artistico e per il rapporto qualità prezzo; assolutamente conveniente.

La cucina è ottima e i ristoranti costano molto meno ch ein Italia.

Molte persone vanno a Cracovia anche per visitare il vicino ex campo di concentramento nazista di Auschwitz.

AEREO

Cracovia è collegata con l’Italia anche da voli low cost (costano poco, ma attenti al peso, alle dimensioni del bagaglio e al suo numero; salvo pagare cifre esagerate di extra).

Per chi ha tempo il BUS

È possibile raggiungere Cracovia dall’Italia grazie alle numerose compagnie internazionali di autobus: Agat, Bermuda, Eurolines, Europa Express, Jordan, Orbis Transport, Radtur, Wactur.

Per chi programma una vacanza itinerante: AUTO

In auto, per raggiungere Cracovia  dall’Italia si devono attraversare: Austria e Repubblica Ceca, o la Slovacchia; 1300 Km da Milano.

L’aeroporto dista circa 10 km. dal centro, che si raggiunge con bus o treno.

Cambiare in aeroporto solo il necessario per bus o taxi; è poco conveniente. Meglio cambiare negli appositi locali del centro antico della città.

Il taxi costa meno che da noi: 20 euro per raggiungere l’Hotel Columbus (3 stelle, perfettamente centrale per visitare Cracovia; l’hotel è anche a pochi passi dal fiume Vistola, la passeggiata più nota a Cracovia) ; link hotel: https://translate.google.it/translate?hl=it&sl=pl&u=http://www.hotelcolumbus.pl/&prev=search) .

Da non perdere al centro di Cracovia la SPLENDIDA chiesa di Santa Maria (continue modifiche hanno lasciato l’impronta di vari stili, fino all’Art Nouveau; l’altare maggiore è un polittico composto da cinque pannelli in legno scolpiti), la chiesa si trova in piazza Rynek Główny (“Piazza Grande”) e  la sua stutttura è in stile gotico.

Anche la Torre del Municipio, la piazza del Mercato( la più grande piazza medievale d’Europa), la chiesa di Sant’Alberto, il Collegium Maius (bello il cortile interno con ingresso gratuito) e relativo famoso orologio e la Chiesa di Sant’Anna, non si possono tralasciare.

Una meta tra le più usuali sono le Miniere di Sale di Wieliczka (da prenotare la visita solo organizzata).

 

 

 

MONTAGNA E SCI LOW COST DOVE ? – Da 275 euro per 4 giorni in pensione completa 4 stelle hotel Schneeberg

4 stelle Wellness & Family Hotel Schneeberg di Ridanna in Alto Adige.

Per coppi e bambini, per single giovani e anziani.

Vacanze – wellness con area di 8.000m² , Spa, sport, numerose attività e un programma per le famiglie e i bambini.

-Area benessere e piscine unica e insuperabile.

-Ottima cucina.

Ma anche una vacanza rilassante all’insegna del benessere e tante escursioni.

Da 275 euro per 4 giorni in pensione completa.

Offerta per un soggiorno di 3 (GI-DO) o 4 (DO-GI) notti allo Schneeberg, comprensiva di un buono wellness di 20 €:

Inverno: sci alpino, sci di fondo, slittate, escursioni con le ciaspole nella natura incontaminata.
Nelle immediate vicinanze: la pista di fondo e biathlon di Ridanna, la città di Vipiteno e l’impianto sciistico di Racines-Giovo.

Offerta prenotabile nei seguenti periodi:
– 08.01 – 23.02.2017 da € 275,-
– 05.03 – 06.04.2017 da € 275,-

PRENOTAZIONE HOTLINE
+39 0472 656232
info@schneeberg.it

http://www.schneeberg.it/it

Breve storia del Parco Nazionale Gran Paradiso e splendide foto

gran-paradiso-1a

gran-paradiso-1b

MONTAGNA COGNE 672 PANORAMA IMG_6685

COGNE CASCATA ARCOBALENO

Cogne, cascata di Lilliaz.
Cogne, cascata di Lilliaz.
COGNE, insegna giardino botanico.
COGNE, insegna giardino botanico.

autunno COGNE

COGNE GIARD BOTAN X

I custodi del Paradiso

Sono uomini e donne appassionati, non temono il freddo e la fatica, dal lavoro dei guardaparco dipende la salvaguardia e il monitoraggio dell’area protetta più antica d’Italia, il Parco Nazionale Gran Paradiso.

Era il 5 agosto 1947 quando un decreto legislativo istituiva l’Ente Parco Nazionale del Gran Paradiso, l’organo a cui è affidata la gestione del Parco nazionale Gran Paradiso (area protetta costituita con un regio decreto-legge il 3 dicembre 1922).

Il Corpo di Sorveglianza, creato nel 1947, è in qualche modo la prosecuzione ‘naturale’ delle Gua rdie Reali, figure istituite con la nascita della Riserva Reale di caccia del 1856.

In questi 70 anni, il lavoro attento e costante dei guardaparco ha evitato l’estinzione dello stambecco, animale simbolo del PNGP, ha permesso la salvaguardia della straordinaria biodiversità che abita le valli del Gran Paradiso, ha contrastato il fenomeno del bracconaggio attraverso un monitoraggio quotidiano e ha offerto un servizio attento e puntuale alle comunità locali e ai turisti.

 Nella loro attività quotidiana, i guardaparco sono spesso accompagnati dai loro cani, compagni fedeli e utilissimi in molte occasioni, come il reperimento di animali feriti e l’individuazione e il soccorso di vittime delle valanghe.

Importante il ruolo a supporto della ricerca scientifica svolto dall’Ente Parco con la partecipazione diretta alle attività insieme al Servizio scientifico dell’Ente ed i suoi ricercatori.

Nel periodo invernale i guardaparco svolgono anche attività di monitoraggio in quota: i rilievi nivo-metereologici, i controlli delle fronti glaciali e le verifiche delle attività valanghive richiedono, oltre a specifiche conoscenze tecniche, capacità di spostamento anche in condizioni meteo proibitive.

Qualche curiosità

Il calendario 2017 del PNGP è interamente dedicato alla figura del guardaparco: disponibile in formato da tavolo 11×16 cm al prezzo di 6 euro e da muro (formato chiuso A4, aperto A3) a 9 euro, il calendario è in vendita presso le sedi del Parco di Torino ed Aosta e nei centri visitatori

Perché lo stambecco è stato scelto come simbolo del Parco?

Perché è stata proprio questa specie la prima ad essere interessata dalle attività di protezione nel territorio del Gran Paradiso, orami 161 anni fa.

Un tempo il sistema tradizionale per l’osservazione della fauna consisteva nell’appoggiare il cannocchiale al bastone tipico denominato ‘canna’; oggi vengono utilizzati i più comodi e agili binocoli, accessorio insostituibile per lo svolgimento dell’attività di osservazione e monitoraggio degli animali.