Archivi categoria: WEEKEND

dove vado per il weekend?

Lago di Como – VILLA CARLOTTA CELEBRA I 90 ANNI

VILLA CARLOTTA CELEBRA I 90 ANNI DELL’ENTE:

LA RICCA RASSEGNA DI EVENTI PROSEGUE CON LA MOSTRA

SFUMATURE DI SETA E DI CARTA

 

 

Villa Carlotta (www.villacarlotta.it), bene demaniale dello Stato gestito e valorizzato dall’Ente Villa Carlotta che quest’anno celebra i suoi 90 anni di fondazione, presenta per l’occasione un ricco calendario di eventi speciali e mostre temporanee che completano l’offerta ai visitatori.

La stagione delle mostre continua con una prima interessante rassegna dal titolo “Sfumature di seta e di carta”: partendo dalla bachicoltura, praticata fino agli Cinquanta in molte case contadine e in diversi paesi del Lago di Como, è possibile seguire un processo di lavorazione della seta. Un filo di seta che lega il capoluogo lariano alle sponde del lago fino a Villa Carlotta.

 

La rassegna si compone di diversi appuntamenti aperti al pubblico:

 

–          Venti farfalle. Giovanna Gadda (6 maggio – 28 maggio) – Un insieme di opere, dipinti disegni e farfalle in forma di libro, messi a colloquio con materiali e curiosità. Un veicolo leggero di immagini, pensieri e parole che come farfalle mutano in desiderio di bellezza. Una piccola mostra, a cura di Michele Caldarelli, che rappresenta un semplice ed effimero battito d’ali, preludio di venti rigeneranti.

–          Storie di fiori e farfalle (6 maggio-18 giugno) – Dalla raccolta di materiali in giardino e nel bosco prendono spunto le creazioni della pittrice botanica Marina Fusari, in una ricerca continua dell’essenza e dell’anima della natura, con particolare attenzione a delicate composizioni dove elementi naturali si accostano a variopinte farfalle.

Il 20 maggio e il 18 giugno, gli appassionati potranno seguire anche il laboratorio “Natura sulla carta” che consente di svolgere un breve corso di pittura botanica

–          Sul filo di seta (6 maggio – 18 giugno) – In collaborazione con il Museo della Seta di Como e la Cooperativa Sociolario è stato progettato un percorso interattivo alla scoperta della storia dei bachi da seta che inizia con il ciclo dell’annullamento del baco fino alle fasi di lavorazione del prezioso filato. L’iniziativa è rivolta soprattutto ai più giovani per leggere un importante spaccato di storia che ha caratterizzato la vita contadina del Lago di Como.

–          Farfalle di carta (13 maggio – 18 giugno) – laboratori per adulti e bambini che insegnano l’arte complessa e affascinante dell’origami, con la realizzazione di delicate farfalle con la carta decorata con acquarelli.

Villa Carlotta è un luogo di rara bellezza: qui capolavori della natura e dell’ingegno umano convivono armoniosamente in 70.000 mq tra giardini e strutture museali.

In una conca naturale, tra lago e montagne, il marchese Giorgio Clerici fece edificare alla fine del 1600 una splendida dimora, imponente ma sobria, circondata da un giardino all’italiana, di fronte ad uno scenario mozzafiato sulle dolomitiche Grigne e Bellagio.

Con Giovanni Battista Sommariva, il successivo proprietario, la villa toccò il sommo dello splendore, arricchendosi di opere d’arte e divenendo meta irrinunciabile per una visita sul lago di Como.

Sommariva, che acquisì la proprietà agli inizi dell’Ottocento, volle che parte del giardino fosse trasformato in uno straordinario parco romantico e che la villa venisse impreziosita con capolavori di Antonio Canova, Bertel Thorvaldsen e Francesco Hayez.

Il parco di villa Carlotta è celeberrimo per la stupefacente fioritura primaverile dei rododendri e delle azalee in oltre 150 varietà. Tuttavia ogni periodo dell’anno è adatto per una visita: antichi esemplari di camelie, rose, ortensie, e poi cedri e sequoie secolari, platani immensi ed essenze esotiche si propongono ai visitatori in un alternarsi di ambientazioni create nei secoli dagli architetti dei giardini.

Nel 2016 è stato aperto al pubblico l’oliveto della Villa, che è stato recuperato con il contributo di Fondazione Cariplo attraverso una attenta opera di ripristino dei terrazzamenti, delle piante e delle strutture architettoniche di origine agricola. Il progetto di ampio respiro, mira a far rivivere l’attività agricola dell’entroterra lariano, con uno dei prodotti tipici del lago: l’olio e tutti i suoi derivati.

Sotto la direzione di Maria Angela Previtera, oltre alla conclusione del recupero dell’oliveto, è stata avviata anche un’attenta campagna di catalogazione informatizzata e revisione del patrimonio culturale della Villa, che conta oltre mille beni storico-artistici suddivisi in diverse collezioni (dipinti, sculture, porcellane…).

Villa Carlotta

Via Regina, 2

22016 Tremezzina – Loc. Tremezzo, Como

www.villacarlatta.it

tel. (+39) 0344 40405

segreteria@villacarlotta.it

 ORARI 2017 

DAL 1 APRILE AL 1 OTTOBRE

APERTURA: 9.00-19.30 (chiusura biglietteria ore 18.30)  (chiusura museo ore 18.30)

TUTTI I MARTEDÌ DEI MESI DI GIUGNO E LUGLIO

APERTURA: 9.00-21.00(chiusura biglietteria ore 20.00)

DAL 2 OTTOBRE AL 5 NOVEMBRE

APERTURA: 09.30 – 17.00 (chiusura biglietteria ore 16.00)

TUTTI I WEEKEND DI NOVEMBRE

11-12-18-19-25-26 novembre

APERTURA: 10.00 – 16.30  (chiusura biglietteria ore 16.00)

APERTURA PONTE DELL’IMMACOLATA 2017

8-9-10 dicembre

APERTURA: 10.00-16.30  (chiusura biglietteria ore 16.00)

Nel periodo di chiusura possibilità di visita su prenotazione a segreteria@villacarlotta.it

Weekend e vacanze a Lisbona per “chicche” gastronomiche poco note

LISBONA, CAPITALE DEI BUONGUSTAI

Mini tips per gustare delle “chicche” gastronomiche poco note della cucina lusitana

– Quando si pensa a Lisbona vengono subito in mente tre costanti:

il sole, i magnifici panorami e…la qualità del cibo!

Ottima meta per chi si avventura armato di macchina fotografica e partner a braccetto per scoprire i segreti che nasconde ogni antico rione e perfetta per passeggiare su e giù per i 7 colli su cui poggia la città dopo un bel pranzo sostanzioso che solo in Portogallo ci si può concedere di fare.

I portoghesi iniziano il pranzo e la cena con una serie di piccoli antipasti, come formaggi, gamberetti e verdure , accompagnati da buonissimo pane fresco, o dal più famoso bolo do caco, pane servito con del burro e condito con aglio e prezzemolo .

Uno dei piatti più gustosi che introducono alle portate principali è quello delle vongole à bulhão pato (dal nome del poeta del 19° secolo Raimundo António de Bulhão Pato); una ricetta semplice che porta tutto il sapore fresco dei frutti di mare. Servito con crostini di pane caldo, il sapore delle vongole si sposa benissimo con il limone, il vino bianco e il prezzemolo e lo rende l’inizio perfetto per il pasto.

Un altro piatto tipico della tradizione gastronomica portoghese, che potrete gustare in molti dei ristoranti di Lisbona e che vi permetterà di assaggiare il re della cucina lisboeta in una variante sfiziosa e piena di gusto è rappresentato dai Pasteis de bacalhau: bocconcini di baccalà impanato e fritto, crocchette dal cuore tenero e dal sapore delicato, ma dalla impanatura dorata e saporita, che mette subito l’acquolina.

Il baccalà a Lisbona viene cucinato in numerosissime varianti e tradizione vuole ci sia una ricetta diversa a base di baccalà per ogni giorno dell’anno.

Saporita la variante del Bacalhau á gomes da sá , un filetto di baccalà cotto in casseruola con cipolle, patate e uova, oppure una ricetta più tradizionale: il Bachalau á Brás, con patatine fritte tenuti insieme da uova, prezzemolo e cipolla.

Altro emblema della cucina lusitana sono le sardine, soprattutto se cucinate alla griglia e degustate sul pane mentre ci si perde nel loro aroma gironzolando tra un vicolo e l’altro.

Le più famose sono quelle che vengono dalla cittadina di Setúbal, ma Lisbona ne è invasa soprattutto nel mese di giugno, durante le celebrazioni dei Santos Populares, con gran clou nelle giornate del 12 e del 13. Le sardine vengono arrostite sulla brace e servite con verdure, oppure disposte semplicemente su fette di pane bianco e mangiate con le mani.

Altra ricetta tipica da provare è l’ Arroz de Marisco, un piatto a metà strada fra il cremoso risotto italiano e la più asciutta paella spagnola.

Viene preparato con molluschi, crostacei e verdure, prima di essere servito fumante, con una spolverata di prezzemolo tritato. Altra variante portoghese è il riso al pomodoro con sardine.

Tradizionale e più ricercato il Polvo à Lagareiro, polipo stufato in pentola e grigliato, così tenero che si può tagliarlo con la forchetta. Viene servito con una salsa a base di olio, prezzemolo e aglio e comunemente accompagnato da patate novelle cotte al forno.

Giocando di contrasto al “pescado” per chi vuole fare un tuffo nelle tradizioni culinarie portoghesi il formaggio di Azeitão è una specialità DOP.

Formaggio di latte di pecora portoghese, gustato sul pane o cracker è un ottimo aperitivo da accompagnare con del vino rosso.

Ma il viaggio alla scoperta del gusto è solo all’inizio: la città Setúbal, sempre nella zona di Lisbona, offre un altro piatto di portata che vale la pena sperimentare … le seppie fritte! Servite con patatine fritte e insalata, avvolte da una fine pastella, si degustano con del succo di limone e non sono tipiche al 100% se non sono accompagnate dalla meravigliosa vista che si gode sul porto della cittadina rigorosamente all’ombra delle montagne di Arrábida.

A i palati più golosi dedichiamo dei sapori unici che provengono da antiche ricette medievali: il pastel de nata e i dolci conventuali.

Il pastel de nata è tanto emblematico quanto buono, e si deve gustare rigorosamente alla portoghese: caldo, con un pizzico di cannella e una spolverata di zucchero a velo, senza eccezione alcuna. Immaginatevi in un bar al sole, mentre state ordinando una bica (il tipico espresso di Lisbona) e di fronte a voi questo magnifico e delizioso cestino di pasta sfoglia ancora fumante a base di uova. Impossibile non innamorarsene all’istante.

I dolci conventuali, anch’essi a base di uova, sono particolari per i loro gusti tutti diversi e ancor di più dalla loro storia: dovete sapere che nel XV secolo nei conventi femminili portoghesi, per passare le giornate e vincere la noia, s’inventavano e si producevano una svariata quantità di dolci, ciascuno di essi con una consistenza propria e dal gusto unico. A Lisbona ne esistono di svariati, tra cui: i Fradinhos di Mafra, i Pasteis de Belém, le Nozes di Cascais, la Marmelada Branca e il Toucinho do Céu di Odivelas, solo per citarne alcuni.

Da accompagnare ad ogni piatto non ci si può dimenticare dei vini della regione, che dispone di etichette di alta qualità e possiede diverse zone DOC dalle caratteristiche più disparate, abbinabili perfettamente ai diversi sapori e alle delizie che riserva la capitale portoghese. Per accompagnare un pasto gustoso durante il vostro soggiorno a Lisbona è d’obbligo provare un buon bicchiere di Bucelas, un vino della zona giovane e fruttato, non forte e molto piacevole.
E a fine pasto non vi lasceranno mai alzare se ammetterete di non aver ancora provato il liquore di amarene, il Ginjinha, tipicissimo e immancabile soprattutto nelle taverne, da provare freddo o a temperatura ambiente, con o senza ciliegia, e per i più golosi si può richiedere in un bicchiere di cioccolato. Provare per credere!

Per maggiori informazioni visitate il sito Turismo de Lisboa: www.visitlisboa.com
O seguiteci su Facebook

Weekend enologico – CANTINE APERTE TRENTINO-ALTO ADIGE

PER I 25 ANNI DI CANTINE APERTE ANCHE IL TRENTINO-ALTO ADIGE RADDOPPIA L’APPUNTAMENTO

Oltre alla tradizionale domenica, la maggior parte delle cantine aderenti saranno aperte anche di sabato, per consentire agli enoappassionati di vivere un intero weekend alla scoperta dei vini del territorio. A disposizione, il pratico Enobus, con ben 7 fermate in programma.

– Mancano solo pochi giorni alla nuova edizione di “Cantine Aperte”, l’attesissima manifestazione organizzata dal Movimento Turismo del Vino che quest’anno raggiunge il venerando traguardo dei 25 anni e lo fa chiedendo ai propri soci di ampliare la programmazione anche al sabato.

Un invito recepito dalla sezione Trentino-Alto Adige, guidata dalla Presidente Valentina Togn, e dalla maggior parte delle cantine aderenti. Sulle 18 partecipanti totali, infatti, 11 saranno aperte entrambe le giornate (Bellaveder, Cantine Mezzacorona-Rotari, Cantina Mori Colli Zugna, Cavit, Ferrari, Gaierhof – ospite di Maso Poli – , La Vis , Maso Poli, Borgo dei Posseri, Mas dei Chini e Maso Grener) , mentre altre 7 saranno aperte in esclusiva il sabato (Cantina Sociale di Trento e Cantina Aldeno) o la domenica (Arunda, Cembra Cantina di Montagna, Distilleria Bertagnolli – ospite di Endrizi -, Endrizzi e Distilleria Marzadro).

E per offrire agli enoappassionati un servizio ulteriore, pensato per far vivere l’esperienza delle Cantine Aperte con maggiore serenità, nella giornata di domenica, dalle 10.00 alle 18.00, sarà attivo a flusso continuo l’Enobus, che toccherà ben 7 cantine secondo il seguente percorso: Cavit, Ferrari, Mas dei Chini, La Vis, Maso Poli, Bellaveder, Endrizzi e ritorno.

Tra le aziende aperte tutto il weekend, Bellaveder proporrà visita al vigneto e alla cantina e degustazione e, per la giornata di domenica, ospiterà alcuni laboratori organizzati dalle Donne in Campo Trentino. Le Cantine Mezzacorona-Rotari, che nell’ambito di Mezzocorona Expò 2017 ospiteranno la quinta edizione di Orchids&Wine, la Mostra Internazionale delle Orchidee con esposizione di fiori da tutta Europa, guideranno gli ospiti nella nuovabarricaia con visite di circa un’ora per gruppi di massimo 30 persone seguite da degustazione.

La Cantina Mori Colli Zugna, apertastraordinariamente fino alle 21.00, oltre alla visita alla scoperta della cantina ipogea, proporrà una degustazione dei propri vini abbinati a prodotti dei soci della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino e momenti di intrattenimento: sabato 27, verso le ore 19.00, il concerto pop, rock e jazz degli allievi dei laboratori collettivi della Scuola musicale OperaPrima, mentre domenica pomeriggio, dalle 17.00 in poi, l’esibizione teatrale di Maurizio Zanghielli in “Vinerotìe e altre storie”.

Anche Cavit, dopo la visita alla Cantina Vino e alla Cantina Altemasi, proporrà degustazione di vini e spumanti in abbinamento a prodotti della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino ed ospiterà una mostra di Fabio Vettori, che nel pomeriggio di sabato sarà a disposizione degli ospiti personalizzando i disegni su richiesta, mentre Cantine Ferrari impreziosirà le visite alle cantine, organizzate su prenotazione, con brindisi finale a base di Ferrari Perlè 2010 abbinato a finger food della Locanda Margon. Solo per la giornata di domenica, inoltre, è in programma un’apertura straordinaria di Villa Margon.

Presso la Cantina La Vis visite e degustazioni entrambi i giorni affiancate, solo nella giornata di domenica, da un particolare abbinamento tra cinque vini testimonial e pietanze rappresentative dei cinque continenti e, alle ore 16.00, da un concerto di musica celtica della Banda di Lavis nella piazzetta della Cantina. Maso Poli, che per l’occasione ospiterà anche i prodotti Gaierhof, proporrà visita in cantina e ai vigneti, la degustazione dei vini delle due cantine abbinate, solo la domenica, ad una proposta food conmiele di Apicoltura Girardelli, succhi di mele e persecche de La Mela Vispa e trote di ASTRO-Associazione Troticoltori Trentini, a cura delleragazze della squadra di calcio femminile Unterland-Damen, che intratterranno anche i bambini con la “Scuola di Calcio”.

Borgo dei Posseri offrirà invece la possibilità di accedere ad un percorso “multisensoriale” all’interno di gazebi immersi nelle vigne e Maso Grener proporrà degustazioni e passeggiate nei vigneti, dove si potranno scoprire i princìpi della viticoltura ragionata che guidano la coltivazione delle vigne dell’azienda. Inoltre, domenicaspazio ad arte e musica: alle ore 15.00 inaugurazione dell’opera “Paesaggio” realizzata dal giovane artista Francesco Claus, e concerto del gruppo jazz Orange Pouf Trio.

Aperte solo il sabato la Cantina Sociale di Trento e la Cantina Aldeno. La prima, in particolare, attende gli ospiti dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 18.00 per una visita guidata nella parte produttiva dell’azienda seguita da degustazione di diversi prodotti simbolo della cantina, abbinati a prodotti gastronomici della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino (prodotti da forno del Panificio Pasticceria Tecchiolli, salumi di Salumeria Fratelli Corrà e formaggi di Azienda Agricola La Quadra) presentati dagli stessi produttori.

Tra le aziende aperte invece solo la domenica, Cembra cantina di montagna propone visite e degustazioni in cantina e lo street food di qualità di KarChef STREET FOOD TRUCK a base di panini gourmet realizzati con prodotti locali e stagionali a “km 0”, alimenti certificati tipo igp, dop, stg e biologici, mentre la Cantina Endrizzi, che per l’occasione ospiterà anche le grappe e i distillati di Distilleria Bertagnolli, proporrà una degustazione itinerante con diverse tappe nel vigneto e in cantina, abbinata ad una proposta food di prodotti tipici trentini.
Le entrate alle cantine sono a pagamento e parte del ricavato viene devoluto in beneficenza.

Weekend lusso e musica – Stelle della musica classica ad Andermatt dal 25 gliugno al 1 ° luglio 2017

Le stelle della musica classica ad Andermatt
per un festival senza precedenti.

Dal 25 giugno al 1 luglio. Il pianista Igor Levit ospite d’onore a The Chedi Andermatt

The Chedi Andermatt, l’iconico 5 stelle lusso nel cuore della Svizzera centrale, annuncia la partnership ufficiale con “Andermatt Swiss Alps Classics”, ispirante e inedito festival di musica classica organizzato dal 25 giugno al 1 luglio 2017 nella Valle di Orsera.

È Igor Levit, pianista germano-russo di fama internazionale, ad aprire la kermesse.

Ospite di The Chedi Andermatt, sarà anche invitato d’onore al gala dinner che l’hotel organizzerà per i propri ospiti il 25 giugno.

Oltre a lui, sul palco si alterneranno musicisti da tutto il mondo per offrire un momento davvero speciale all’ombra dell’arco alpino svizzero.

Non solo concerti, infatti.

Gli ospiti potranno intrattenersi con artisti e personaggi di spicco della musica classica: Dominique Meyer (Direttore della State Opera di Vienna), Rolando Villazón (Ambasciatore della Salzburg Mozart Week e della Mozarteum Foundation), Martin Haselböck (pluri-premiato direttore d’orchestra austriaco) e Olga Peretyatko (soprano russo tra le nuove stelle dell’opera lirica).

“Andermatt Swiss Alps Classics” è senza dubbio uno dei festival più rappresentativi in Svizzera e si snoda in un piacevole percorso intorno al borgo di Andermatt, il cui apice si disegna negli scenografici ambienti di The Chedi Andermatt.

The Chedi Andermatt, partner d’elezione di “Andermatt Swiss Alps Classics”, disegna per i suoi ospiti regie esclusive per vivere il festival in modo privilegiato perché a diretto contatto con gli artisti.

L’offerta Gala Concert by Igor Levit comprende i biglietti per il concerto di apertura del 25 giugno e permette inoltre di partecipare alla cena di gala in compagnia del celebre pianista (CHF 590).

Il programma completo del Festival; https://www.thechediandermatt.com/en/Special-offers/Just-Launched/Andermatt-Swiss-Alps-Classics
The Chedi Andermatt: tariffe a partire da CHF 500 a camera a notte con trattamento di prima colazione

The Chedi Andermatt

Vera e propria opera d’arte architettonica, The Chedi Andermatt, aperto a dicembre 2013, ha ridisegnato gli standard del design e dell’ospitalità di lusso nell’arco alpino.

Progettato da Jean Michel Gathy, del premiato studio Denniston International Ltd di Kuala Lumpur, il primo 5 stelle lusso della destinazione e prima struttura completata del progetto Andermatt Swiss Alps offre un servizio personalizzato ed esclusivo.

Con le sue 123 camere e suite, l’incredibile The Spa & Health Club con piscina interna panoramica di 35 metri, piscina riscaldata esterna, 10 Spa suite private e palestra di ultima generazione, una proposta F&B d’elezione in grado di unire le tradizioni gourmet d’Oriente e Occidente, The Wine & Cigar Library e The Wine & Cheese Cellar, The Chedi Andermatt si propone come mecca per viaggiatori esigenti:

hub ski in/ski out nella stagione invernale, grazie alla posizione prossima alle piste del Gemssto ck e del comprensorio di Andermatt-Sedrun, ma anche perfetta destinazione estiva per gli amanti del Golf, cui è riservato l’accesso esclusivo al campo da campionato 18 buche di Andermatt.
The Chedi Andermatt è affiliato The Leading Hotels of The World e Swiss Deluxe Hotels.

MONTEVERDI FESTIVAL SALPA PER UNA NUOVA CROCIERA MUSICALE SUL PO

NELL’ANNO DELLE CELEBRAZIONI MONTEVERDIANE

MONTEVERDI FESTIVAL SALPA PER UNA NUOVA
CROCIERA MUSICALE SUL PO

In viaggio tra le desiate acque
tra Cremona, Mantova e Venezia
venerdì 2 e sabato 3 giugno

Sull’onda del successo delle precedenti edizioni, il Monteverdi Festival, organizzato dal Teatro Ponchielli di Cremona, salpa per una nuova Crociera musicale sul Po il 2 e 3 giugno, consolidando il legame tra le tre città monteverdiane – Cremona, Mantova e Venezia. Concerti in battello, ma anche nelle città in cui si approda, per rivivere il viaggio del divino Claudio e valorizzare la forte vocazione di turismo culturale del territorio lombardo-veneto. Una vacanza per scoprire il territorio da una prospettiva insolita: un viaggio scandito dal lento scorrere dell’acqua e ritmato dalla musica.
Una impedibile chicca per gli appassionati di musica e… paesaggio.

Partenza da Cremona venerdì 2 giugno per approdare a Mantova in serata e l’indomani a Venezia.

Uno spumeggiante concerto in battello dedicato ai più bei concerti di Vivaldi accompagnerà i passeggeri nel primo tratto di navigazione da Cremona a Casalmaggiore.

Risalendo il fiume Mincio, tra salici piangenti e argentati, si giungerà a Mantova, ammirandone l’orizzonte mozzafiato al tramonto, e approdando a due passi da Palazzo Ducale, luogo monteverdiano per eccellenza. Qui il rinomato ensemble Vox Musica eseguirà celebri brani di Monteverdi e di Henry Purcell.

Sabato 3 giugno, la navigazione prosegue: breve tappa nella pittoresca Chioggia, un salto all’isola di S. Giorgio, per arrivare finalmente in laguna.

L’arrivo a Venezia ha un sapore antico, e restituisce ai naviganti lo stupore di scoprire una città sull’acqua, dall’acqua.

Novità di quest’anno è una visita guidata alla suggestiva Chiesa dei Frari, per rendere omaggio al compositore cremonese qui sepolto.

Il viaggio a ritroso si conclude nella Chiesa di S. Rocco, dove il raffinato ensemble olandese Cappella Pratensis eseguirà la Missa cum jocunditate di Pierre de la Rue, forse il più noto compositore della corte borgognona degli Asburgo.

Concerti ricercati e di grande qualità, un paesaggio mozzafiato, ma anche degustazioni della cucina tradizionale di fiume e la convivialità da scoprire durante una vacanza “acquatica”, ammirando e vivendo il grande fiume con un ritmo che abbiamo dimenticato…

PROGRAMMA DELLA CROCIERA

11 maggio 2017
IL PROGRAMMA DELLA CROCIERA:
Venerdì 2 giugno
ore 9.00 – Partenza da Cremona ed imbarco sulla Motonave Stradivari
ore 11.00 – Concerto a bordo
ALLA RUSTICA Concerti per archi di A. Vivaldi
IL TETRAONE
– Pranzo a bordo
– Sbarco a Casalmaggiore e Transfer in bus a Sacchetta ed imbarco a bordo della Motonave Andes 2000.
– Navigazione di un tratto del Po. Si risale il fiume Mincio, tra salici piangenti e argentati,
passando per Andes (oggi Pietole, luogo natale di Virgilio) e la Vallazza, nota per le ninfee.
– Arrivo a Mantova e sbarco a due passi dal Palazzo Ducale.

ore 19.00 – Palazzo Ducale (Sala di Manto), Mantova
BEATUS VIR Musiche di C. Monteverdi e H. Purcell
VOX MUSICA – Michael Barman, direttore
Jean Paterson, Susie Carpenter – Jacobs, violini
Helen Verney, violoncello
David Gordon, organo e clavicembalo
– serata libera e successivo transfer in hotel per il pernottamento

sabato 3 giugno
ore 8.00 – Transfer da Mantova a Taglio di Po (RO) con imbarco alle ore 10.30 sulla Motonave Delta Tour. Si raggiunge la laguna di Chioggia per una breve passeggiata nel centro storico di questa antica cittadina di pescatori.
Pranzo a bordo (menù di pesce secondo tradizionali ricette venete). Navigazione verso Venezia.
ore 16.00 – Arrivo a Venezia, transfer a piedi con guide alla Basilica dei Frari e visita alla tomba di Claudio Monteverdi
ore 18.30 – Chiesa S. Rocco, Venezia
VISIONI DI GIOIA Musiche di H. Bosch e P. de La Rue
CAPPELLA PRATENSIS
Stratton Bull, direttore
Ritorno guidato a Pontile Zattere
ore 21.45 – Partenza in bus da Tronchetto per Cremona con arrivo in tarda serata.
INFORMAZIONI PER LA CROCIERA MUSICALE
PREZZO: € 370,00 a persona (supplemento per camera singola)
Il costo include: crociera, pranzi a bordo, pernottamento a Mantova, transfer, concerti, visite guidate.

INFORMAZIONI e PRENOTAZIONI
Call Center Consorzio Navigare L’Adda
Tel. 347 1247156
Orari di apertura: Lunedì – Venerdì 8.30/13 – 14/17.30
e-mail: info@navigareinlombardia.it
sito: www.navigareinlombardia.it

Per ulteriori informazioni:
Fondazione Teatro Ponchielli di Cremona – C.so Vittorio Emanuele II, 52 – 26100 CREMONA
Segreteria: 0372 022010/011 Biglietteria: (10.30 – 13.30 e 16.30 – 19.30) tel. 0372 022001/002
biglietteria@teatroponchielli.it
e-mail: info@teatroponchielli.it -www.teatroponchielli.it – www.monterverdi450.it

 

WEEKEND LOW COST A SOFIA

Veloce controllo su internet ed ecco che la meta più “sicura”, interessante a minor prezzo ci appare Sofia (Bulgaria).

Abbiamo prenotato per ottobre: buoni prezzi, anche nei voli, buoni alberghi e ottima cucina con ristoranti niente affatto cari (alcune informazioni le abbiamo avute da amici che ci sono stati).

Volo Rayanair da Milano Malpensa: 42 euro andata giovedì e ritorno lunedì.

La Bulgaria fa parte dell’Unione Europea, ma non è Schengen; in aeroporto ci sarà sempre il controllo passaporti o carta d’identità per gli Italiani.

L’aeroporto è collegato dalla metropolitana e un bus navetta gratuito collega i due Terminal aeroportuali ogni 30 minuti.

Biglietto metropolitana, comodissima e nuovissima: 1.60 Lev (circa 0,80 euro).

In centro:

-Ponte dei Leoni (1889), ponte sul fiume Vladaya, collega la stazione centrale con il centro della città; costruito in pietra, il suo nome si deve alle quattro sculture in bronzo di leoni (da ricordare: la sera non è consigliabile frequentare questa zona) .

-Attraversato il ponte procedendo per il Boulevard Maria Louiza si arriva alla zona della Sinagoga, mercato coperto e Moschea. La Sinagoga Centrale di Sofia (1905) è in stile ispano-moresco con elementi di Art Nouveau (tra le più grandi d’Europa).Non lontano l’unica Moschea Musulmana del periodo Ottomano, la Moschea Basi Bania (1556) (in restauro).

-Da non perdere:
Tsentralni Hali (1911); mercato coperto in stile neo-rinascimentale, con elementi neo-barocchi. Famosa la torre dell’orologio. Questo Mercato Centrale di Sofia offre bancarelle di ogni genere anche fast food, oltre ad alimentari, abbigliamento, accessori e bigiotteria.

-Central Mineral Bath (1913), con elementi bizantini; sino al 1986 ospitò le terme municipali, oggi è stato ristrutturato ed è sede del Museo Storico di Sofia.

-Proseguendo, si incontrano gli scavi archeologici affiorati durante la costruzione della linea metropolitana (tazione Serdika), di fronte, dentro un edificio monumentale, si trova TZUM (1955); grande magazzino decisamente esclusivo e interessante solo per il suo interno elegante e raffinato.

-Dentro la zona degli scavi archeologici e vicino alle entrate della metropolitana, si trova la Chiesa di Santa Petka (XVI sec), piccola chiesa medievale ortodossa. All’interno: pitture murali dal XIV secolo raffiguranti scene bibliche.

-La statua di Santa Sofia (2001), monumento simbolo della Capitale bulgara, si trova al posto della statua che raffigurava Vladimir Lenin durante il comunismo.

-Ed ecco la Sveta Nedelya Cathedral (1933), fine ‘800; nel 1925 fu distrutta parzialmente da una bomba utilizzata pe run attentato terroristico.
All’ interno iconostasi in legno scolpito del1865 e moderni affreschi. Presenti i resti del Re Serbo Stefan Milutin.

-Non lontano, il Palazzo di Giustizia;

DA RICORDARE:

ogni giorno alle 11 e alle 18, alcuni studenti sotto il patrocinio della municipalità, organizzano un tour gratuito a piedi nel centro storico in inglese; si suggerisce sempre di dare una mancia.

-L’ area pedonale Vitosha Boulevard è ricca di negozi, bar, ristoranti e finisce termina nel verde di un bellissimo parco: lo Yuzhen Park. Al suo interno: il Palazzo Nazionale della Cultura (NDK), è un edificio con interni molto decorati che ospita esposizioni d’arte, festival cinematografici e concerti.

DOVE MANGIARE ?

-la Lonely Planet RACCOMANDA il ristorante Manastirska Magernica; le loro ricette provengono dagli archivi di vari monasteri di tutta la Bulgaria. Si può cenare con mano di 50 lev (25 euro); mangiando abbondantemente, bene e bere, in due.

Quando torneremo dal viaggo, pubblicheremo altre informazioni (anche i prezzi) e tutte le foto.

Arte – Cultura – Natura – Biella e Fondazione Zegna

Mostra alla Fondazione Zegna

Bandiere a strisce di Daniel Buren sui tetti della fabbrica Zegna.

OASI ZEGNA: Chalet-Bielmonte, un weekend tra aria buona e natura 

Oasi Zegna: chiesa di Rosazza (Località Rosazza: a partire dal 1870 il senatore-filantropo del Regno d’Italia Fedrico Rosazza Pistolet (1813-1899), membro della Giovane Italia mazziniana e Gran Maestro Venerabile della massoneria biellese, finanziò e fece costruire su progetto dell’artista Enrico Maffei: palazzi, ville, giardini, la Parrocchiale, il cimitero, strade, fontane, acquedotti e una galleria).

Molte foto, informazioni e indirizzi per l’Oasi Zegna al link: http://www.donnecultura.eu/?tag=rosazza-e-maffei-nelloasi-zegna

::::::::::::::::

Biella medioevale.

UN WEEKEND NELLA NATURA E NELLA CULTURA

BIELLA

Le mostre di SELVATICA e i suoi palazzi

FONDAZIONE ZEGNA – Trivero -Biella e OASI ZEGNA – Un tuffo nella natura incontaminata e nella cultura

Mecenatismo ambientale e sociale, ancora oggi ad uso delle comunità locali e non solo

La Fondazione Zegna nasce nel 2000 per volontà della quarta generazione Zegna con l’obiettivo di migliorare la qualità di vita di comunità e individui in diverse parti del mondo.

Una missione le cui origini derivano dallo spirito del fondatore del gruppo, Ermenegildo, per il quale etica, imprenditorialità ed estetica convivono collegati.

Negli anni ’30, Ermenegildo, lungimirante visionario, attraverso la riforestazione dell’area montana intorno all’omonimo lanificio e la creazione di strutture socio-assistenziali, realizzò uno dei primi esempi industriali italiani di mecenatismo ambientale e sociale, ancora oggi ad uso delle comunità locali e non solo.

Oasi Zegna: fiori, prati e boschi.

Con questo spirito la Fondazione Zegna ha supportato e finanziato – anche nel territorio di origine – progetti sostenibili in cooperazione con organizzazioni non-profit attive in vari campi in Italia e in diverse parti del mondo.

La Fondazione Zegna ha individuato quattro aree di attività entro le quali raggruppa e coordina le iniziative umanitarie internazionali:

– Conservazione e valorizzazione delle risorse ambientali.

– Promozione dello sviluppo sostenibile nelle comunità locali, in Italia e all’estero.

– Salute e Benessere

– Cultura ed educazione per i giovani.

La Fondazione Zegna ha sede a Trivero, in provincia di Biella, dove si trovano anche CASA ZEGNA, archivio storico e polo di aggregazione culturale, e OASI ZEGNA, ”laboratorio all’aria aperta” che copre un’area di 100 km2 e valorizza la relazione tra uomo, cultura di montagna e natura. Qui si può visitare una parte della mostra “ SELVATICA “ 2017

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

UN WEEKEND NELLA NATURA E NELLA CULTURA:

BIELLA E OASI ZEGNA

La città di Biella merita la nostra attenzione per la sua architettura e l’antica parte alta; comodamente raggiungibile.

Se amate l’arte non perdete l’attuale rassegna “Selvatica”; un’occasione unica per una visita ai bei palazzi della città e ai suoi giardini. Una splendida mostra dalle mille sfaccettature, dalla fotografia di grade livello alla pittura di artisti degni di questo nome.

Sempre a Biella, pure la Fondazione Pistoletto – Cittadellarte, merita la visita; sia per ammirare un grande esempio di archeologia industriale, sia per vedere l’arte italiana contemporanea, in una delle sue più note sfaccettature.

Fuori Biella, a Trivero. Ingresso gratuito la prima domenica di ogni mese.
La mostra “Soft life” è presentata negli spazi della Fondazione Zegna. Qui farete un viaggio nelle origini dei vari, sofisticatissimi, filati naturali che servono per produrre i tessuti; poi acquistati dai più facoltosi uomini e donne del mondo.

Un cappotto di preziosa lana pregiata, può costare anche 30.000 euro.

Le misure del Principe Carlo d’Inghilterra; cliente Zegna.

Eleganza Zegna

Tra le migliaia di tessuti a disposizione dei clienti, una seta lavorata con effetto cashmere (nome inglese) o cachemire (in francese) ; fantastica !!!

Sottosci in pregiatissime lane.

OASI ZEGNA

Riforestazione delle pendici della montagna con 500.000 conifere, molte centinaia di rododendri ed ortensie e la costruzione di una strada, “la Panoramica Zegna”, per consentire alla popolazione locale ed ai turisti di godere dell’ambiente naturale montano.

La storia
Le radici dell’Oasi Zegna risalgono agli anni ’30 quando Ermenegildo Zegna, dopo aver creato a Trivero, in provincia di Biella, un’azienda – il Lanificio Ermenegildo Zegna – in grado di affermarsi sui principali mercati internazionali grazie al grande pregio dei suoi tessuti, si dedicò a dare nuova vita al suo paese natale, Trivero, nelle Alpi biellesi.

Oltre alla costruzione di case per i dipendenti e di un Centro dedicato alla salute, alla formazione, allo sport e al tempo libero dei suoi concittadini, il suo progetto ha compreso la riforestazione delle pendici della montagna con 500.000 conifere, molte centinaia di rododendri ed ortensie e la costruzione di una strada, “la Panoramica Zegna”, per consentire alla popolazione locale ed ai turisti di godere dell’ambiente naturale montano.

Il Progetto
Partendo da questo grande patrimonio di idee e realizzazioni concrete, le nuove generazioni della famiglia nel 1993 hanno dato vita al progetto Oasi Zegna che interessa il territorio montano esteso attorno i primi 26 Km della strada “Panoramica”, per un’area di circa 100 Km2. Primo esempio italiano di mecenatismo ambientale, l’Oasi Zegna ha come obiettivo il mantenimento della presenza dell’uomo in montagna e lo studio, la tutela e la valorizzazione dell’area interessata, comunicando con i visitatori attraverso un sistema segnaletico di “alfabeto visivo” che descrive animali, piante e minerali che popolano la montagna e illustra la storia locale, trasmettendo ai visitatori le conoscenze per sensibilizzarli al rispetto per l’ambiente.

Il progetto dell’Oasi Zegna come ambiente comunicante si è sviluppato su due piani strettamente collegati tra loro: l’individuazione di attività a contatto diretto con la natura (sport ecologici e soft tourism) e la promozione dell’educazione ambientale.

Grazie alle peculiarità del territorio e alla notevole presenza di infrastrutture eco-compatibili, l’Oasi Zegna è un “laboratorio dal vivo” per gli amanti della natura e per i giovani, e gli sportivi è un luogo ideale dove praticare attività all’aria aperta, rispettose della natura – escursionismo, trekking d’altura, mountain bike, equitazione, arrampicata su palestre di roccia, percorsi avventura sugli alberi (treeclimbing), aquilonismo, sport invernali etc.

L’accoglienza è garantita da numerose strutture: alberghi, ristoranti e aziende agrituristiche, offrono l’ospitalità tipica della montagna.
L’Oasi Zegna è inoltre una delle cellule dell’Ecomuseo del Biellese, istituito per raccogliere e testimoniare il patrimonio di tradizioni, storia, cultura ed economie tipiche del territorio montano.

Il 20 settembre 2014 l’Oasi Zegna ha ricevuto, unico in Italia, il patrocinio del FAI Fondo Ambiente Italiano, come esempio di tutela e valorizzazione del nostro patrimonio ambientale e culturale.

::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

I PROGETTI IN CORSO
FONDAZIONE ZEGNA

– CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE AMBIENTALI

FAI – FONDO AMBIENTE ITALIANO
Italia: salvaguardare il patrimonio culturale e l’ambiente naturale e il paesaggio.
Fondazione Zegna e FAI condividono da sempre il rispetto della cultura, della natura, dell’arte, della storia e delle tradizioni, a tutela di un patrimonio che è parte fondamentale delle nostre radici e della nostra identità. Negli anni sono stati avviati progetti per la salvaguardia e valorizzazione di importanti luoghi come Villa della Porta Bozzolo a Casalzuigno, il Castello di Masino a Caravino e il Bosco di San Francesco ad Assisi. Nel 2013 la collaborazione si è ulteriormente intensificata con un importante progetto di messa in sicurezza e valorizzazione di un’ampia porzione di territorio delle Cinque Terre attorno a Punta Mesco, tra Levanto e Monterosso a forte rischio di dissesto idrogeologico. Con un piano triennale di messa in sicurezza e recupero di Podere Case Lovara – 45 ettari di macchia mediterranea con vecchie tracce di coltivazioni e 3 fabbricati in forte stato di degrado, nel giugno 2016, dopo attenti e impegnativi lavori, è stato inaugurato un compendio agricolo che servirà come modello per interventi futuri e assicurerà stabilità al terreno e un punto di ristoro e contemplazione per chi passeggerà sugli splendidi sentieri di questa incantevole porzione d’Italia.
Nel 2014, proprio per gli intenti comuni, l’Oasi Zegna ha ottenuto – unico esempio in Italia – il Patrocinio FAI e, sempre dal 2014, FAI e Fondazione Zegna hanno istituito la Giornata del Panorama, per sensibilizzare all’osservazione consapevole dei paesaggi più belli d’Italia e comprenderne le trasformazioni.
Dal 2009 Anna Zegna è membro del Consiglio di Amministrazione del Fondo Ambiente Italiano.

ERMENEGILDO ZEGNA
Italia e Cina: progetto Baby Forest
Per ogni nuovo nato dai 7.000 dipendenti del Gruppo Zegna, la Fondazione Zegna pianta ogni anno un nuovo albero nell’Oasi Zegna per i nuovi nati in Europa e in Cina per i dipendenti che lavorano in oriente. In rappresentaza dei neonati degli anni precedenti, nell’Oasi Zegna, sono stati messi a dimora 180 alberi nel 2011, 190 nel 2012 e così via fino ai giorni nostri. L’opera di rimboschimento ha già aiutato il territorio a contrastare il dissesto idrogeologico e le slavine nella stagione invernale.

WWF
Cina: progetto Corridoio del Panda
Il Progetto Corridoio del Panda è il più grande di WWF Cina e richiede un ampio sforzo per proteggere i panda nelle montagne del Qinling (fonte del Fiume Giallo e del Yangtze) una delle aree con la maggiore biodiversità della Cina. Il turismo smisurato degli ultimi anni ha minacciato l’equilibrio ecologico del territorio e non ha dato alcun beneficio alla popolazione locale. Il Progetto Corridoio del Panda promuove una combinazione di eco-turismo e conservazione, per sviluppare attività che siano sostenibili sia dal punto di vista ambientale, sia sociale ed economico. Fondazione Zegna ha contribuito con il sostegno al Progetto Corridoio del Panda WWF Cina a portare a termine il programma di conservazione e valorizzazione dell’area del Qinling, a supporto della sopravvivenza del panda e delle comunità locali. E’ di questi giorni la notizia che il Panda, grazie proprio alle opere di rimboschimento e salvaguardia del suo habitat, è una specie non più in via di estinzione.

– PROMOZIONE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE NELLE COMUNITA’ LOCALI

CARE & SHARE
India: nutrizione/educazione per i bambini.
Grazie al finanziamento continuativo dal 2004, la Fondazione Zegna supporta Care&Share in India, nello Stato di Andrha Pradesh. Gli obiettivi principali del progetto sono:
– migliorare la qualità di vita delle persone nelle comunità indiane svantaggiate attraverso progetti che incoraggino l’auto-sostentamento.
– garantire educazione e cure per i bambini indiani bisognosi, spesso orfani o abbandonati, soprattutto nelle aree rurali e nei sub-quartieri urbani, dove le condizioni risultano peggiori, come il Distretto di Krishna e lo Stato di Andhra Pradesh.

CESVI
Italia: formazione e inserimento professionale per minori non accompagnati.
La collaborazione tra Cesvi, la onlus siracusana AccoglieRete e Fondazione Zegna, accoglie un piccolo numero di giovani immigrati che attraverso il progetto “Un tutore per ogni minore” garantisce velocemente una formazione in grado di dotarli di capacità comportamentali e relazionali, competenze linguistiche, formative e professionali.

OXFAM
Palestina: un aiuto concreto alle comunità beduine.
Fondazione Zegna promuove le attività tradizionali legate alla lavorazione della lana presso le comunità beduine nei Territori Palestinesi al fianco di Oxfam, storico partner con il quale sono stati realizzati in passato altri progetti nelle Filippine, nelle isole Vanuatu e in Nepal. L’iniziativa, definita “cronica” e di “emergenza”, vuole fornire un aiuto concreto alle comunità beduine attraverso attività volte a differenziarne le fonti di reddito, mantenendo allo stesso tempo vive le tradizioni locali.

SAN PATRIGNANO
Italia: insieme per rinascere.
La tessitura a mano è praticata a San Patrignano da oltre trent’anni e fa parte di quei mestieri artigiani antichi che si sono sempre insegnati nella Comunità. Attraverso la manualità, i ragazzi si confrontano con valori importanti: il saper fare, la disciplina richiesta per raggiungere l’obiettivo, la ricerca della perfezione nella realizzazione e la conseguente abitudine al bello, che li aiuta a recuperare la loro bellezza interiore e l’amore per se stessi. Nel settore tessitura di San Patrignano, 30 ragazze quotidianamente tessono e cuciono i prodotti destinati al mondo esterno e, quindi, a supportare l’indipendenza economica della Comunità. Da quattro anni, Fondazione Zegna sostiene il laboratorio della comunità con l’obiettivo di valorizzare questo mestiere artigianale antico, attualizzandolo secondo i gusti del mercato, della moda e del design.

– SALUTE E BENESSERE

AMREF
Africa: Acqua e Sanità e prevenzione delle morti materne
In Africa, quattro morti su cinque sono legate alle malattie dovute alla contaminazione dell’acqua. Il Progetto Acqua e Sanità Amref / Fondazione Zegna ha consentito di costruire pozzi e cisterne d’acqua per i villaggi rurali nell’Africa Orientale e proteggerne la qualità, garantendo alla popolazione locale una fornitura costante. L’accesso a questa risorsa ha ridotto significativamente i rischi sanitari, soprattutto per i bambini, ed ha contributio allo sviluppo sociale ed economico delle comunità locali.
In Mozambico, la Fondazione Zegna, per contrastare la mortalità materna, ha avviato un processo di formazione professionale di giovani ostetriche che, nell’ottica più ampia del raggiungimento della propria emancipazione sociale, sono destinate a diventare le attrici principali del cambiamento. Due le principali attività previste:
– erogazione di corsi di formazione e aggiornamento per ostetriche, e programmi di educazione di qualità a 275 giovani studentesse
– rafforzamento delle competenze degli istituti di formazione sanitaria statali impegnati nell’erogazione dei corsi, attraverso la dotazione di materiale e attrezzature, e la formazione diretta di 180 formatori di ostetriche.
– CULTURA ED EDUCAZIONE PER I GIOVANI

FONDAZIONE PISTOLETTO – CITTADELLARTE
Italia: Università delle idee UNIDEE e progetto VISIBLE
Fondazione Zegna ha intrapreso da diversi anni una collaborazione creativa con Cittadellarte – Fondazione Pistoletto. Ne è nato un innovativo modello di investimento culturale basato su un impegno condiviso di creatività responsabile, tra arte e business. Il lavoro creativo di Cittadellarte e la strategia di Zegna, un’impresa responsabile per natura, impegno, tradizione e visione, sono complementari e basati su obiettivi condivisi. Ogni anno, Ermenegildo Zegna inoltre finanzia una borsa di studio tramite UNIDEE – Università delle Idee di Cittadellarte, che ospita giovani creativi da tutte le parti del mondo.

ALL’APERTO
Italia: progetto di arte contemporanea in situ
Il progetto ALL’APERTO (a cura di Andrea Zegna e Barbara Casavecchia) nasce con l’intento di rendere più fruibile l’accesso all’arte contemporanea e ai suoi valori. Dal 2008 il Progetto sviluppa, nell’area attorno a Trivero, una serie di opere permanenti site specific di pubblica fruizione, realizzate “su misura” da autori di calibro internazionale. Per il debutto, la scelta è caduta sul francese Daniel Buren (Boulogne-Billancourt, 1938), che ha incorniciato il perimetro delle terrazze panoramiche del Lanificio Zegna con l’installazione “Le banderuole colorate, lavoro in situ, 2007, Trivero”: un arcobaleno di 135 bandiere, fluttuante tra verdi e azzurri di sette tonalità diverse, che sembrano fondersi in un unico colore, inedito e variabile a seconda delle condizioni di luce. Le edizioni successive hanno visto interventi di Alberto Garutti, Stefano Arienti, Roman Signer, Marcello Maloberti, Dan Graham, Liliana Moro.

TEATRO REGIO DI TORINO
Italia: promuovere la musica, i messaggi, i valori e le eccellenze
Fondazione Zegna è impegnata a sostenere lo sviluppo artistico dell’Orchestra del Regio attraverso un contributo per il sostegno del vincitore del Concorso per Prima viola. Nato nel 2012, il progetto vuole offrire un contributo concreto a quel percorso di costante miglioramento che, grazie al lavoro e alla passione del Direttore musicale Gianandrea Noseda, ha permesso al Teatro Regio di ottenere numerosi riconoscimenti in campo internazionale, diventando un vero e proprio ambasciatore nel mondo dell’eccellenza italiana. Una formula già diffusa nel mondo anglosassone ma del tutto nuova per il mondo musicale italiano, che nel 2012 ha portato al sostegno del vincitore del “Concorso per Prima viola dell’Orchestra del Teatro Regio”, Enrico Carraro.

Per maggiori informazioni www.fondazionezegna.org
+39 0289077394

Evento anche per i bambini VIVALDI a Venezia

In una Venezia fantasmagorica

Immagini, musica e architetture si: “animano”  !!!

Il 13 maggio, a Venezia, esordisce un modo nuovo di fruire dei beni culturali

Nelle sale del Museo diocesano di Venezia, a pochi passi dalla Basilica di San Marco

Vedi la musica ed ascolta le immagini

Un grande affresco di segni, forme e colori

Un sorprendente viaggio seguendo le musiche del compositore delle Quattro stagioni.

Prete, impresario, virtuoso del violino, compositore, educatore…
Ma chi era veramente Antonio Vivaldi?

Antonio Vivaldi, il Prete Rosso

Compositore veneziano (1678-1741), autore de Le Quattro Stagioni, una delle opere più eseguite al mondo. Ha composto quasi 600 tra concerti, opere e sonate.

Questa pietra miliare dell’offerta culturale si chiama “VivaVivaldi” ed è una mostra immersiva e multisensoriale dedicata al musicista veneziano Antonio Vivaldi (Venezia 1678-Vienna 1741), massimo esponente del barocco italiano, celebre per le sue “Quattro Stagioni”, il concerto più eseguito al mondo. VivaVivaldi aprirà al pubblico da sabato 13 maggio nelle sale del Museo diocesano di Venezia, a pochi passi dalla Basilica di San Marco.

Novità assoluta e inedita nel panorama dell’industria culturale internazionale, “VivaVivaldi The Four Season Mystery” è un format artistico con il quale viene coniata una forma espressiva che si serve del linguaggio dell’immagine – ma anche del suono, dell’esperienza olfattiva e della percezione d’ambiente – per raccontare la musica.

L’avvio di quest’esperienza culturale è nello spettacolare chiostro di S. Apollonia, dove si viene accompagnati nella vita del musicista veneziano dalle parole del poeta Davide Rondoni, direttore artistico del progetto. «Una religiosità inquieta dinanzi al mistero stupendo della natura e della vita: questo – sostiene Rondoni – è ciò che può comunicare, ancora oggi, il genio di Vivaldi. Ed è proprio da questa inquietudine che scaturisce la sua creatività».

Poi si giunge alle sale nel primo piano del museo diocesano e si inizia un percorso immersivo di luci e musica. Qui il visitatore entra nell’immagine, viene rivestito da essa e si ritrova quasi nella mente del Prete rosso. Vive cioè quel che Vivaldi aveva in mente e sperimentava nel momento in cui componeva: i colori, gli odori, i rumori, i suoni della sua Venezia…: il remo che solca l’acqua, il ritmo della gondola, il chiacchiericcio in calle…

Un passaggio nel linguaggio cinematografico è riservato ad un’altra delle sale: il video è del regista Marco Pozzi. Nel suo racconto, attraverso i simboli di un bambino e di una giovane donna, la potenza immaginifica e creativa di Vivaldi, sospeso tra paura e meraviglia. «Del musicista – afferma Pozzi – ho voluto raccontare i vincoli ma anche il sogno, la vita compressa dalla fatica ma anche la voglia di scardinare tutto e di volare».

In un’altra sala l’emozionante spettacolo di videomapping. Per la prima volta al mondo viene applicato ad un ambiente interno, attraverso l’uso combinato di 12 proiettori, del suono dolby surround e di alcuni effetti speciali. Sono riprodotti e fanno parte dell’esperienza del visitatore anche le sensazioni d’ambiente e i profumi delle quattro stagioni. Registi e artefici, due tra i massimi esperti internazionali nell’utilizzo dell’hi-tech a supporto della creazione artistica spettacolare: i francesi Jean-François Touillaud e Gilles Ledos. «Abbiamo cercato – dicono – di tradurre un genio in luce e immagini. La tecnologia oggi consente di accendere l’emozione, unendo musica e natura. Perché questa è stata la vita di Antonio Vivaldi. E perché questa è Venezia: un’emozione, un feeling».

Ad accompagnare questo viaggio alla scoperta della vita e dell’opera del grande virtuoso del violino, che in tutto ha una durata di circa 40 minuti, c’è la musica, una fusione di brani del “Prete rosso” secondo un percorso musicale originale, con “zone di cesura inedite” create dal compositore Cristian Carrara. «Ho cercato di individuare – spiega – le pagine musicali che meglio si adattavano alle situazioni umane sottolineate dallo storyboard di Davide Rondoni. Per cui chi viene alla mostra non entra in un museo vivaldiano, ma vive l’interpretazione che abbiamo dato della musica di Vivaldi, collegata al suo essere uomo. La musica, insomma, parla di Vivaldi stesso.

VivaVivaldi è prodotta da Emotional Experiences, il cui presidente è Francesco Bernardi, ingegnere con la passione per l’arte e per la sua comunicazione. «La cultura – spiega Bernardi – è di tutti, perciò Viva Vivaldi è una mostra pop. Non un’alternativa alle mostre d’arte che celebrano le opere originali degli autori. Vuole invece dare all’uomo d’oggi le ragioni per andare a vedere anche le altre mostre o per assistere ad un concerto».

La realizzazione del nuovo format dedicato al Prete rosso si avvale della competenza e dell’esperienza di un ampio team, guidato dal generale manager di Emotional Experiences, Gianpiero Perri, che nella sua storia professionale ha tra l’altro operato al fianco del tre volte premio Oscar Carlo Rambaldi. «Con “Viva Vivaldi four season mystery” – afferma Perri – abbiamo inteso presentare sulla scena nazionale ed internazionale una nuova proposta di fruizione culturale, un’esperienza capace di incuriosire ed introdurre ad una maggiore conoscenza della figura e dell’opera di questo grande musicista, avvalendoci di una chiave poetica e, al contempo, di una illustrazione artistica e spettacolare».

Da segnalare la collaborazione dello storico del cinema e studioso della comunicazione Gianni Canova; inoltre la consulenza sulla figura e la personalità di Vivaldi fornita da Francesco Fanna, direttore dell’Istituto italiano Antonio Vivaldi presso la Fondazione Cini, e dalla musicologa Micky White.

Sponsor della mostra è Illumia, operatore attivo nel mercato libero dell’energia elettrica e del gas naturale, da sempre attento a valorizzare creatività ed innovazione.

Un po’ come il passaggio dall’analogico al digitale in tanti ambienti della vita di ogni giorno, VivaVivaldi è un cambio di marcia di cui non si potrà non tenere conto nel prossimo sviluppo dell’offerta culturale italiana e internazionale.

La mostra sarà aperta tutti i giorni dalle 10 alle 22 (da maggio ad ottobre) e dalle 10 alle 20 (da novembre ad aprile).

Tutte le informazioni su www.vivavivaldivenezia.com

 

Musica a Mantova – Mantova Chamber Music Festival – 31 maggio – domenica 4 giugno

Mantova Chamber Music Festival_Trame Sonore a Palazzo_30 maggio_
Palazzo Ducale; Galleria dei Fiumi.

EVENTO IMPERDIBILE SE AMATE AL MUSICA

Mantova Chamber Music Festival Trame Sonore

V edizione – mercoledì 31 maggio/domenica 4 giugno 2017

-5 giorni,

-180 eventi,

-400 musicisti da tutto il mondo nei più bei luoghi d’arte di Mantova

Palazzo Ducale, Palazzo Te, Teatro Bibiena, Palazzo D’Arco, Rotonda di San Lorenzo, Palazzo della Ragione, Palazzo Castiglioni, Biblioteca Teresiana, Museo Archeologico e le piazze del centro storico aprono le porte alla musica

Inaugurazione con l’Orchestra da Camera di Mantova che si fonde con la Simon Bolivar Sinfonietta, espressione europea del Sistema di Abreu, qui al debutto.

Una tavola rotonda fra operatori e associazioni musicali.

La prima data dei concerti estivi di Ezio Bosso, che torna dopo anni di assenza dalle fila dell’Orchestra da Camera di Mantova nella veste di direttore.

Un campus per bambini e progetti per le scuole a Palazzo Ducale.

Cicli di concerti dedicati alla musica contemporanea, antica e di confine.

Focus su Monteverdi nei 450 anni della nascita.

Con “Trame Sonore” tutta la città risuona!

Visualizza e condividi il trailer della V edizione https://www.youtube.com/watch?v=qNDZZNWIJpA

Programma dettagliato su www.mantovachamber.com

 www.mantovachamber.com

Vacanze e weekend in montagna con la bici – PEDALARE CON GUSTO IN CARINZIA, IL VERSANTE AL SOLE

+49-177-8903840
studio@artinaction.de
www.artinaction.de

Austria /Carinzia 

PEDALARE CON GUSTO IN CARINZIA, IL VERSANTE

AL SOLE DELLE ALPI AUSTRIACHE

In Carinzia le opportunità di pedalare con gusto da soli, con gli amici o con tutta la famiglia, sono più numerose di quel che si crede: itinerari come la ciclabile della Drava, premiata con 5 stelle dal club nazionale tedesco di ciclismo ADFC, la Via Carinzia nell’angolo al sole della Carinzia, o la Ciclovia Alpe-Adria, che attraverso il Salisburghese e la Carinzia giunge fino al mare Adriatico, garantiscono intense esperienze in un fantastico paesaggio di monti e laghi.

Disponibile anche un pacchetto vacanza ad hoc per gli amanti del turismo sui pedali.

hashtag di riferimento: #Carinzia #Karnten

“Drauradweg” la ciclabile della Drava senza frontiere

Una delle piste ciclabili più famose d’Austria è quella della Drava (Drauradweg), lunga 366 chilometri.

Questo magico percorso per tutta la famiglia, che attraversa la Carinzia da ovest a est, ha ottenuto dall’ADFC (club nazionale tedesco di ciclismo) una valutazione di cinque stelle per la sua elevata qualità. In sei tappe, si va dal punto di partenza a Dobbiaco, in Alto Adige, sempre lungo la Drava, fino a Maribor in Slovenia, pedalando quasi sempre in territorio carinziano.

La pista ciclabile è ben segnalata in entrambe le direzioni e si snoda quasi sempre con andamento pianeggiante per dare ai cicloturisti il tempo di gustare fino in fondo il magnifico paesaggio naturale.

Grazie alle 50 trattorie e ristoranti della ciclabile (“Drauradweg Wirten”), lungo l’itinerario si possono assaggiare delizie gastronomiche di ogni sorta. Informazioni dettagliate sulle singole tappe e altre offerte anche su misura per famiglie sono a disposizione sul sito www.drauradweg.com e nell’opuscolo “Ciclabile della Drava“ che si può ordinare gratis sullo stesso sito web.

PACCHETTO VACANZA
Pedalare sulla Drava, da locanda a locanda
Un facile itinerario per godersi la pista ciclabile più sud della Austria con le specialità regionali della Carinzia. Il pacchetto comprende:

  • 7 notti con colazione in locande tipiche e accoglienti che si trovano sul corso della ciclabile della Drava
  • Trasporto bagagli (1 pezzo a persona, max. 20 kg)
  • Libretto e pacchetto culinario “Drava” e un buono di 15,00 Euro da consumare presso osterieconvenzionate lungo la Drava
  • Carte ciclistiche e materiale informativo
  • Trasferimento in pulmino da Lavamünd a Sillian (incluse le bici)
  • Assistenza telefonicaPrezzo a partire da 539,00 Euro a persona (a seconda della sistemazione e delle date di partenza).
  • L’offerta non comprende il noleggio delle biciclette.
    Per informazioni: http://www.kaernten-radreisen.at/it/dettagli-it/drava-da-locanda-a-locanda/

Piacevoli itinerari in bicicletta per veri intenditori

Oltre alla ciclabile della Drava, ci sono tanti altri itinerari che invitano a pedalare con gusto e in tutta tranquillità. 162 chilometri di delizie cicloturistiche fra storia e cultura è ciò che promettono i vari itinerari della Via Carinzia, nell’angolo al sole della Carinzia.

Si parte dall’idillica Valle Rosental, caratterizzata dall’impressionante catena alpina delle Caravanche, e in cinque tappe giornaliere si raggiunge il lago Klopeiner See per proseguire quindi attraverso i dolci colli della Lavanttal.

Lungo il percorso numerose attrazioni invitano alla sosta. Tra esse il museo dell’ape Carnica, l’abbazia benedettina di St. Paul e il museo Liaunig, la impressionante collezione di arte moderna a Neuhaus.

Chi desidera combinare una visita al Werner Berg Museum con una gita in bicicletta nel sud della valle Jauntal, può pedalare sulla Kunstradweg, la ciclabile dell’arte a Bleiburg.

Oltre al museo Werner Berg a Bleiburg e il Liaunig a Neuhaus, antiche chiese, monumenti culturali e sculture moderne catturano l’attenzione del cicloturista in cerca di esperienze intense.

Uno scenario incantevole in mezzo alle Alpi Carniche e alle Gailtaler Alpen si presenta agli occhi dei cicloturisti lungo la Gailtal-Radweg, la ciclabile del fiume Gail, che si snoda per 90 chilometri da Kötschach-Mauthen a Villach lungo magnifiche piste riservate alle biciclette.

Durante il viaggio non si dovrebbe rinunciare a una piacevole pausa balneare sul lago Pressegger See, che luccica al sole proprio accanto al tracciato della ciclabile.

Nel Parco Nazionale Alti Tauri, nel nord della regione, si trova la ciclabile del Glockner. Percorribile in una giornata, questo itinerario tocca incantevoli spettacoli naturali come la cascata Jungfernsprung, che precipita a valle per varie decine di metri da un roccione sporgente, e le magnifiche valli alpine circondate da un imponente scenario di montagne di 3000 metri.

Con la Ciclovia Alpe-Adria dal Parco Nazionale Alti Tauri fino al mare

Lunga 410 chilometri, la Ciclovia Alpe-Adria, eletta a Amsterdam pista ciclabile dell’anno 2015 è un’esperienza indimenticabile.

Partendo da Salisburgo, la città di Mozart, in una settimana si attraversa il Parco Nazionale Alti Tauri, si entra in Carinzia nel soleggiato meridione d’Austria, e oltre la frontiera di Tarvisio si scende in territorio italiano.

Il tratto carinziano è particolarmente attraente, anche perché oltre il passaggio con il treno navetta dei Tauri, a Mallnitz, il tracciato si snoda quasi sempre in discesa. Anche l’alternarsi dei paesaggi regala straordinarie emozioni: montagne maestose cedono il passo a soleggiate valli disseminate di laghi.

Man mano si procede verso sud, più dolce e accogliente si fa il paesaggio, fino a quando non si arriva finalmente a immergere i piedi stanchi nelle rinfrescanti acque dell’Adriatico.

Per tornare al punto di partenza si prende tranquillamente il treno che parte due volte al giorno da Udine.

È disponibile buon materiale cartografico cicloturistico mentre ulteriori informazioni e pacchetti forfait si trovano sul sito www.alpe-adria-radweg.com. La Ciclovia Alpe-Adria, finanziata e sostenuta anche dall’Unione Europea, è un simbolo di buona collaborazione senza frontiere.

Ricaricarsi d’energia e partire con la bicicletta elettrica E-Bike

Nella zona turistica della Carinzia centrale, chi ha la passione della bicicletta elettrica può fare gite stupende.

Nove itinerari tematici ben segnalati attraversano la zona, mentre un nuovo servizio noleggio bici elettriche, varie mete turistiche e punti di ristoro promettono momenti di gustoso divertimento sul versante al sole delle Alpi.

Tutti gli itinerari partono dal palazzo Fuchspalast a St.Veit an der Glan e sono ben segnalati. Un comodo servizio di trasporto al punto di partenza, offerto in collaborazione con le ferrovie austriache (ÖBB), è garantito per tutti gli itinerari.

Vivere in bicicletta la magia dei laghi carinziani

In Carinzia un gran numero di laghi balneari con acque che raggiungono i 28°C invitano al divertimento nell’acqua piacevolmente calda e pulita.

Ma anche i dintorni dei laghi luccicanti nascondono tante sorprese, tutte da scoprire in bicicletta: meravigliosi punti panoramici, tranquille aree da picnic e spiaggette nascoste dove fare il bagno.

Sul lago Wörthersee, per esempio, val la pena percorrere il Giro dei Cinque Laghi (Fünf- Seen-Runde), che parte da Velden e tocca i laghi Hafnersee, Keutschacher See, Bassgeigensee e Rauschelesee.

Chi ama fare passeggiate tranquille trova ciò che cerca sul lago Klopeiner See. Cinque diversi itinerari, lunghi da 4 a 55 chilometri, collegano tutti i laghi della zona. Gli itinerari sono ben segnalati, ma sono d’aiuto anche i tracciati GPS e il materiale cartografico gratuito che viene messo a disposizione. Un’altra possibilità sono gli speciali buoni del gusto utilizzabili presso ristoranti e trattorie convenzionate.

Informazioni per il pubblico: www.carinzia.at

Carinzia

La regione della Carinzia è la parte più meridionale dell’Austria e confina con l’Italia attraverso la linea di frontiera condivisa con il Friuli Venezia Giulia. Un territorio esteso che offre ampie e variegate soluzioni turistiche tutto l’anno

Durante l’estate i numerosi laghi balneabili e con acqua potabile (con temperature fino i 28 gradi) diventano meta per gli amanti del campeggio e della vita all’aria aperta, dell’escursionismo e di numerosi sport acquatici come vela, windsurf e canoa.

D’inverno sci e snowboard, ma anche sci di fondo, ciaspole, trekking, gite su slitte trainate dai cani, pattinaggio su ghiaccio e tanto altro. Imperdibili i mercatini di Natale.

La Carinzia è composta da 14 destinazioni turistiche: il lago Wörthersee, Villach-Warmbad/Lago di Faak/Lago di Ossiach, Nassfeld-Hermagor-Presseger See/Weissensee/Lesachtal – Arena Naturale della Carinzia, Lago Millstätter See, Hohe Tauern – Parco Nazionale Alti Tauri; Klopeiner See – Carinzia del sud, Bad Kleinkirchheim, la Carinzia centrale, i Monti Nockberge, Lieser-Maltatal-La Valle per le famiglie, Katschberg-Rennweg, Carnica – la Valle Rosental, la Valle Lavanttal, e Klagenfurt, che è la città capoluogo della Regione con circa 90.000 abitanti. Per informazioni: www.carinzia.at

. Ideale per le vacanze delle famiglie grazie a una lunga tradizione di accoglienza, la

Carinzia vanta un interessante patrimonio culturale e folkloristico. Ma è nella “vacanza attiva” che la regione si contraddistingue.