Archivi categoria: antibiotici con cautela

SALUTE – Batteri intestinali resistenti – Clostridium difficile

QUALE E’ LA CAUSA DEI DISTURBI da Clostridium difficile ?

Il Clostridium difficile è un batterio che può sopravvivere nel nostro intestino, senza dare problemi; ma in alcuni casi, come dopo forti trattamenti con antibiotici, può ” risvegliarsi e moltiplicarsi “.

Il Clostridium difficile diventa un problema quando qualcosa sconvolge il normale equilibrio intestinale, in questo caso il batterio può proliferare in modo incontrollato, rilasciando tossine che attaccano la mucosa intestinale.  Questa è la causa dell’’infezione da Clostridium difficile.

CAUSE:

uso di antibiotici, specie quelli ad ampio spettro (quelli cioè che sono in grado di eliminare diversi tipi di batteri), anche protratto nel tempo,
-interventi chirurgici a carico dell’apparato digerente,
-interventi all’addome che coinvolgono l’intestino,
-ricovero in ospedale,
-permanenze in asilo, in asilo nido o in casa di riposo,
-problemi al colon, ad esempio sindrome del colon irritabile o tumore del colon-retto,
-immunodeficienza,
-precedenti infezioni da Clostridium difficile,
-età superiore ai 65 anni.

COME SI EVITA ?

Lavarsi sempre le mani quando si è stati in locali molto frequentati: ospedali, scuole, treni, alberghi ecc…

Usare disinfettanti a base di cloro per pulire le superfici o gli oggetti che possono essere entrati in contatto con un paziente infetto.

Usare il sapone e un disinfettante a base di cloro per lavare le mani entrate in contatto con le feci.

Non usate gli antibiotici se non sotto prescrizione medica. USARE GLI ANTIBIOTICI SOLO SE STRETTAMENTE NECESSARI E NON INTERROMPERE MAI LA CURA.

Se siete stati infettati lavatevi le mani con acqua e sapone prima di mangiare e dopo essere andati in bagno. Usate un disinfettante a base di cloro per pulire le superfici con cui siete entrati in contatto (ad esempio maniglie, telefoni, telecomandi, sanitari del bagno..) per evitare di diffondere l’infezione.

SINTOMI:

-diarrea acquosa e frequente (tre o più volte al giorno, per diversi giorni),
-mal di pancia o dolore addominale.

SINTOMI IN CASO DI INFEZIONE GRAVE: 

-dissenteria acquosa e frequente (anche sino a 15 scariche al giorno)
-mal di pancia o dolore addominale intenso,
-diminuzione dell’appetito,
-febbre lieve, fino a 38 °C nei bambini o da 37 °C a 39 °C negli adulti,
-sangue o pus nelle feci.

COME SAPERE SE NE SIAMO AFFETTI ?

Un esame delle feci è normalmente sufficiente capire se è in corso un’infezione da Clostridium difficile.

A volte sono necessari ulteriori esami per confermare la diagnosi.

Per alcuni casi il medico potrebbe prescrivervi una radiografia o una TAC del colon.

CURA

Antibiotico prescritto dal medico.

Alcuni probiotici (fermenti lattici), come il Saccharomyces boulardii, possono essere utili per combattere le infezioni da Clostridium. LA CURA NON PUO’ FUNZIONARE SE ASSUNTA IN CONTEMPORANEA CON L’ANTIBIOTICO.

Salute – COLON IRRITABILE – COME SI CURA IL COLON IRRITABILE ?

Le statistiche ci dicono che sarebbero milioni le persone, in Italia, a soffrire di colon irritabile.

Il colon irritabile è quindi una malattia ad ampia diffusione.

COME SI RICONOSCE IL CLON IRRITABILE ? QUALI SONO I DISTURBI DEL COLON IRRITABILE ?

Ecco i disturbi più comuni:

-stitichezza o diarrea
-flatulenza
-meteorismo
-dolori addominali
Questi sintomi si possono presentare anche in modo alternato o contemporaneo.

Si tratta di disturbi comuni ad altre patologie e quindi solo il bravo dottore saprà capire e individuare se si tratta veramente di colon irritabile o di altro.

Una delle cause del colon irritabile potrebbe essere una barriera intestinale danneggiata.

Tutti sanno che uno dei più classici modi di alterare la naturale protezione della barriera intestinale è l’uso e l’abuso di antibiotici; che distruggono i batteri dannosi, ma anche ciò che è utile all’equilibrio del nostro intestino.

Una volta distrutta la naturale barriera intestinale, germi e sostanze nocive possono liberamente penetrare all’interno della parete intestinale provocando gravi disturbi.

Non si ripeterà mai abbastanza il consiglio di mangiare yogurt e/o bere probiotici nella vita di tutti i giorni, durate e dopo i trattamenti di antibiotici in particolare.

Anche i fermenti lattici, acquistabili in farmacia sono un utilissimo alleato.
Ma lo yogurt fatto in casa è il migliore e il più economico; basta un poco di organizzazione e buona volontà. Se ne avvantaggerà anche la pelle di tutto il nostro corpo.

Moltissimi sono i prodotti in commercio per la cura del colon irritabile dovuto ad alterazione della barriera intestinale; il medico saprà suggerirvi il migliore per il vostro caso.

Il vostro medico saprà darvi la cura migliore per voi.

Tra i vari trattamenti, segnaliamo il Kijimea Colon Irritabile, che contiene un ceppo di bifidobatteri che si pone sulla parete intestinale come il cerotto sulla ferita; reperibile in farmacia.

Salute – raffreddore – tosse – febbre- influenza – Tutte le medicine tradizionali dicono che … migliorano con un brodo

Forse non è un caso se, la maggioranza delle medicine tradizionali nel mondo, suggeriscono di bere un brodo di pollo quando si soffre di malattie da raffreddamento: influenza, tosse, raffreddore, mal di gola ecc…

Ovviamente se la febbre persiste o è molto alta è chiaro che serve un medico, ma se non ci sono sospetti di polmonite o broncopolmonite o altre complicanze pericolose, il vecchio rimedio di stare a riposo al caldo è sicuramente la strada più saggia; almeno per chi può permetterselo.

Ma perché, proprio  il brodo di pollo può aiutarci ?

Bere qualcosa di caldo quando si deve combattere una malattia da raffreddamento è la cosa più normale; scalda.

Inoltre il brodo di pollo contiene sali minerali e proteine che aiutano l’organismo a favorire la guarigione. Non va dimenticata l’azione idratante, necessaria soprattutto se si ha anche la febbre.

Il consiglio è quello di fare un buon brodo di pollo con aggiunta di carote, sedano e cipolla. Meglio anche anche rosmarino e salvia.

Una volta cotto il brodo, raffreddarlo e metterlo in frigorifero.

I grassi si solidificano in superficie e li potete facilmente asportare.

Ora riscaldate il vostro brodo e buon appetito ( si consiglia di berlo in più volte tenendolo in frigorifero) e buona guarigione. Ovviamente non bevete solo brodo aggiungete frutta, verdura, pesce, la carne del pollo ecc… secondo come vi sentite.

Anche un bel cucchiaio di miele, di ottima qualità, vi farà molto bene; è come un’aspirina naturale.

Ma state al caldo e a riposo sino a che vi sentite di nuovo in forma.

Altrimenti potete imbottirvi di tutti i nuovi ritrovati della farmaceutica, la febbre e i sintomi scompariranno molto più in fretta, ma il vostro organismo avrò subito una violenza, ingerito anche sostanze che il fegato dovrà smaltire e avrà accumulato stress e tossine …

————————–

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti   e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici.
L’autrice, ha presentato una delle sue tesi, presso l’ Università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”; tesi firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

Raffreddore – influenza e malattie tipiche della stagione fredda – Cure naturali o medicine che ci guariscano il più in fretta possibile ?

CIBI BASICI PER LA NOSTRA SALUTE

Aiuti dalla natura contro i malanni invernali.

Premesso che se abbiamo la febbre alta dobbiamo ricorrere al medico e se ci troviamo di fronte a bronchiti e broncopolmoniti, ovvero a qualunque sintomo di malattia grave, è indispensabile una adeguata cura con medicinali, vediamo come curare i malanni più comuni.

A volte bastano una o più giornate a letto al caldo. Come prescriveva il vecchio dottore.

NON DIMENTICHIAMO CHE IL NOSTRO ORGANISMO CI MANDA MESSAGGI IMPORTANTI: LA FEBBRE CHE CI COSTRINGE A LETTO CI PUO’ AVVISARE CHE ABBIAMO MESSO SOTTO STRESS IL NOSTRO CORPO (per un colpo di freddo, per eccesso di lavoro, per una sofferenza psicologica ecc…) E QUINDI E’ NECESSARIO PRENDERE UN MOMENTO DI RIPOSO.

SE VOGLIAMO MANTENERE IL CORPO IN SALUTE E NON ARTIFICIALMENTE SENZA FEBBRE.

Oggi, per mandare subito i bambini all’asilo o a scuola, per non fare assenze sul lavoro, ecco che si chiede al medico di darci al medicina che ci guarisca il più in fretta possibile.

Dalla natura:

Echinacea e Astragalo, sono veri e proprio alleati del nostro sistema immunitario; ovvero ci aiutano a tenere lontane le malattie (troviamo gli estratti di queste piante in tutte le farmacie).

L’Echinacea è utilizzata in fitoterapia per le sue grandi proprietà immunostimolanti e capacità di aumentare la resistenza alle infezioni; specialmente da malattie da raffreddamento e da stati influenzali.

L’Astragalo è una pianta della famiglia delle Fabaceae conosciuta per le sue proprietà immunostimolanti e disintossicanti; ottimo per evitare le malattie da raffreddamento.

COSA CONSIGLIAVA LA NONNA ?

STARE A LETTO, AL CALDO, sino a che passano la febbre e la stanchezza.

Bere spremute di arancio e mangiare frutta fresca; NO A QUALUNQUE TIPO DI SUCCO (contengono molto zucchero, acqua e comunque, almeno i conservanti, che provocano i bruciori allo stomaco).

PER GUARIRE E MANTENERSI SANI:

Cibi alcalini (ph maggiore di 7),  cibi acidi (con ph minore di 7); non si devono eliminare del tutto i cibi acidi, ma preferire i cibi basici; detti anche  alcalini.

SEGUIRE UNA DIETA CHE ABBIA PIU’ CIBI BASICI CHE ACIDI

Il PH acido è fortemente dannoso perché:

-rallenta il metabolismo (bruciate meno calorie e quindi tenderete ad ingrassare)
favorisce la conservazione del grasso e l’aumento dell’appetito.

Seguire una dieta alcalina:

70-80% di cibi alcalini
20-30% di cibi acidi

Cibi basici:

-frutta, anche mandorle

-verdura

-yogurt

-olio di ottima qualità

CIBI MOLTO ALCALINI: asparagi, pepe di cayenna, meloni e angurie, cetrioli.

Cibi acidi;

acidificano il sangue e sottraggono all’organismo i sali minerali  (solo se hanno la prevalenza sui cibi basici, ovvero: si mangiano più cibi acidi che basici):

-bibite alcoliche, dal vino alla birra

-BIBITE GASATE

-pizza

-scatolame

-cibi pronti

-cereali (pasta, pane, riso, farine  …)

formaggi lavorati con prodotti chimici, come le sottilette (contengono conservanti)

-dolci e gelati (con conservanti, addensanti, coloranti, aromi allergenizzanti e grassi che non favoriscono uno stato di buona salute)

-insaccati

-biscotti…

CIBI POCO ACIDI: carne, pesce, legumi, frutta secca, latticini .

NOTA: Il limone, per esempio, ha un pH molto basso ed è considerato un alimento alcalino, poiché le sue parti acide sono di natura organica e quindi vengono facilmente metabolizzate dall’organismo, mentre quelle basiche e inorganiche permangono nel nostro organismo più a lungo.

Come curarsi e prevenire:

-PRIMO IN ASSSOLUTO; NON FARSI MAI MANCARE UN SONNO RISTORATORE

-evitare, per quanto possibile, ogni situazione che comporta uno stress eccessivo e prolungato nel tempo

-mangiare regolarmente e sano

-evitare di mangiare fuori casa regolarmente; meglio un panino, ma che sia preparato da noi con ottimi ingredienti e magari pane di segale (evitare piatti pronti- espressi, tipo lasagne e pizza che sono di fabbricazione industriale; è difficile che in pizzeria troviate dell’ottima mozzarella e dell’ottimo olio o pomodoro; di solito sono di qualità molto scadente per aumentare i guadagni)

Al mattino sempre un cucchiaio di miele e un frutto o un cucchiaio di buona marmellata (su di una fetta di pane).

La sera, quando fa freddo, coricarsi con un bicchiere di latte e miele (ma dovete togliere qualcosa alla vostra cena, altrimenti aggiungete calorie alla dieta).

Oggi si demonizza il latte perché costa poco e poi si consigliano i vari latti di soia o altro, la maggioranza di questi, SE LEGGETE BENE L’ETICHETTA, contiene molti zuccheri e acqua … e anche se non lo dicono, sempre contengono antiossidanti come conservanti che provocano bruciori allo stomaco …

SALUTE – SUPERBATTERI e ANTIBIOTICI – Infezioni intestinali e non solo

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), ha definito la resistenza agli antibiotici “un problema sanitario globale“.

Secondo i dati ufficiali dell’ OMS, ogni anno muoiono 700’000 persone, poiché  non esistono più rimedi efficaci contro certi batteri.

Motivo principale delle resistenze:

-utilizzo eccessivo da parte di medici e veterinari

comuni cittadini che interrompono le cure con antibiotici, PRIMA di quanto stabilito e consigliato dal medico.

——-

I farmaci di cui disponiamo non sono più in grado di affrontare i nuovi superbatteri che stanno “invadendo” soprattutto i nostri ospedali, e non solo.

Una delle cause sono i maiali allevati in Cina e riempiti di antibiotici i quali finiscono nei fertilizzanti venduti in  tutto il mondo e contenenti concentrazione di supergermi, resistenti a tutti i farmaci,  28.000 volte superiori alla norma.

Pare che i vertici militari di tutto il mondo stiano organizzandosi per far fronte ad eventuali attacchi bioterroristici a base di batteri farmacorestistenti.

Qualcuno sostiene che si stanno verificando anche dei sequestri di scorte di antibiotici ancora “funzionanti” (per ora) per averne a disposizione in caso di necessità più gravi di una semplice infezione.

Tutto ciò ha già un nome: AMR ANTIMICROBICAL RESISTANCE.

Se gli antibiotici disponibili non potranno più curare, come è avvenuto nello scorso secolo: setticemie da parto, otiti, pesanti conseguenze di punture da insetto ecc…, torneremmo alla situazione sanitaria dell’Ottocento quando si moriva per le conseguenze di complicazioni causate anche da banali malattie.

Banali interventi chirurgici come l’appendicectomia sino ai trapianti di organi, diventano impossibili senza antibiotici efficaci.

Il fatto è che dalla fine degli anni ’80 non si è più fatta ricerca per creare nuovi antibiotici, perché si pensava di avere raggiunto la soluzione del problema.

Purtroppo il cattivo uso (non smettere l’antibiotico sino a che lo dice il medico) e l’abuso (antibiotici per curare una semplice malattia da raffreddamento, hanno portato ad un “irrobustimento” dei batteri esistenti; ovvero i batteri sono divenuti farmaco-resistenti.

Uno dei batteri farmaco-resistenti o superbatteri o antibiotico-resistenti è il CRE CARBAPENEM-RESISTANT ENTEROBACTERIACIAE, ovvero i batteri che non reagiscono ai carbapenemi, gli ex-superantibiotici degli anni ’80.  I quali, utilizzati negli ospedali erano l’ultima risorsa in caso di resistenze a tutti i farmaci normalmente usati. Una loro caratteristica sta nel  fatto che

-uccidono il 50% degli infettati e trasmettono assai velocemente informazioni ad altri tipi di batteri. Come se insegnassero agli altri batteri come difendersi dalle medicine !

Della categoria soprannominata fanno parte:

ESCHERICHIA COLI: Escherichia Coli sierotipo O157:H7  in grado di provocare un grave avvelenamento negli esseri umani;  principale fonte di E. coli O157:H7 è Il bestiame da allevamento, altro tipo di batterio si trova in altri animali domestici e nei mammiferi selvatici.

L’Escherichia Coli O157:H7 causò gravi epidemie negli Stati Uniti,  ogni anno negli USA si verificano circa 70.000 casi di infezione; nel 2007 il 7%  dei disturbi intestinali riferiti alle autorità sanitarie negli USA.

Esistono anche altri ceppi, per esempio l’Escherichia Coli enteroemorragico i quali pure  causano gli stessi gravi disturbi.

L’E. Coli O157:H7 produce uno o più tipi di tossina (veleno) le quali possono danneggiare seriamente le mucose dell’apparato digerente e i reni: sono detti batteri Escherichia Coli produttori di Shiga-tossine (STEC) e spesso causano diaree con sangue e/o provocare insufficienza renale nei pazienti con il sistema immunitario compromesso.

Le cause sono: agli alimenti o l’acqua contaminata, il contatto con una persona infetta o il contatto con gli animali portatori del batterio.

-Altro grande pericolo è rappresentato dalla temuta KLEBSIELLA PNEUMONIAE, responsabile, come l’Escherichia Coli,  delle gravissime infezioni che stanno contagiando tutti gli ospedali e le comunità (infezioni cutanee, urinarie, polmoniti, diarree).

– I ceppi invulnerabili della KLEBSIELLA PNEUMONIAE sono aumentati dall’1,6% al 27% !

-Per la KLEBSIELLA PNEUMONIAE l’Italia ha il triste primato del secondo posto in Europa dopo la Grecia !!

-Altro problema insormontabile è rappresentato dalla  MRSA STAPHILOCOCCUS AUREUS, resistente alla meticcillina, “abile” in micidiali infezioni cutanee e facilmente riscontrabile nelle case di cura, centri per dialisi,  asili, squadre sportive, carceri.

-La situazione negli Stati Uniti, per ora, è di 2 milioni di americani ammalati annualmente di superinfezioni, dei quali 23 mila muoiono per mancanza di farmaci in grado di combattere queste nuove pericolosissime  infezioni.

-Quotidianamente un ricoverato su 18 contrae un’infezione per la maggioranza dei casi resistente ai farmaci.

-Queste infezioni causano, in Europa, 25.000 decessi l’anno.

-Colpa anche della, tristemente, sempre più frequente superficiale igiene ospedaliera che ci vede agli ultimi posti in Europa.

-La prima regola serene semplicemente lavarsi spesso le mani; senza farne un’ossessione !

-Questa situazione è anche causata dalle case farmaceutiche che hanno preferito investire in farmaci che il paziente prende per tutta la vita come gli antidiabetici ecc. , più redditizi di un antibiotico che si prende solo durante il breve spazio dell’emergenza !!

-La scienza sarebbe in grado di trovare utili soluzioni, se ci fossero adeguati investimenti sui peptidi antibatterici (antibiotici naturali),  vaccini, farmaci biologici ecc..

Ultimo, ma non per gravità, l’H041 è una gonorrea violenta che sta spaventando i medici negli USA e in Estremo Oriente che sostengono stia per causare più vittime dell’Aids. Un morbo, per ora, incurabile.

CONTRORDINE: L’ECCESSO DI IGIENE FA MALISSIMO ALLA NOSTRA SALUTE !!

TOBAGO H2

CONTRORDINE: L’ECCESSO DI IGIENE FA MALISSIMO ALLA NOSTRA SALUTE !!

AUMENTANO:  ALLERGIE, MALATTIE AUTOIMMUNI E CARDIOVASCOLARI, OBESITA’  E DIABETE.

MICHEL POLLAN, SCIENZIATO-GIORNALISTA, DENUNCIA L’IMPATTO NEGATIVO, SULLA NOSTRA

SALUTE, DI TUTTI I PROCESSI INDUSTRIALI DELLA TRASFORMAZIONE DEL CIBO.

MICHEL POLLAN E’ L’AUTORE DEL CELEBERRIMO “DILEMMA DELL’ONNIVORO”;  editore Adelphi ed autore anche di “COOKED”; editore The Pregnum Press.

Finalmente se ne sono accorti anche negli USA, dove la maggioranza mangia solo cibi sterilizzati:

-il cibo trattato industrialmente è deleterio per la nostra salute.

La prova di tutto è il consiglio dei medici di ripristinare la flora batterica dopo una cura di antibiotici:

-ovvero nel nostro intestino abbiamo dei batteri che sono amici della nostra salute

OGGI LA SITUAZIONE E’ ESTREMAMENTE GRAVE A CAUSA  DEI SUPERBATTERI, RESISTENTI AI NORMALI ANTIBIOTICI  E CHE, ORMAI, SONO ABBASTANZA DIFFUSI; SOPRATTUTTO NEGLI OSPEDALI.

Nel corpo umano vivono ben 100.000 miliardi di batteri, dei quali solo il 10% è di origine umana; quindi tutti provenienti dall’esterno.

I popoli che vivono ancora non seguendo le norme igieniche più elementari, ovviamente si ammalano più di noi ed hanno una aspettativa di vita molto più bassa, ma sono decisamente meno soggetti ad allergie e malattie del sistema immunitario, ormai diffusissime nell’occidente ALTAMENTE STERILIZZATO.

Infatti le malattie del sistema immunitario, nello sviluppatissimo occidente, colpiscono almeno 50 milioni di persone.

Moises Velasquez-Manoff, giornalista scientifico, ha scritto “An Epidemic of Absence”, editore Scribner, sulle malattie autoimmuni con componenti allergici che colpiscono un americano su cinque.

Ogni ragazzo americano viene sottoposto a 20 cicli di antibiotici dai 10 ai 18 anni, ma anche da noi non si scherza.

Inoltre non dobbiamo trascurare il quantitativo di antibiotici che introduciamo consumando carne e pesci di allevamento.

Negli USA gli antibiotici vengono addizionati, a volte,  anche all’acqua potabile.

La diffusione di alimenti industriali, e molti cibi (anche i gelati), che si dichiarano ARTIGIANALI, sono costituiti da una base di prodotti industriali;

– le nostre leggi lo permettono !

Un altro grava problema si sta creando per la non utilizzazione dell’ultima parte dell’intestino a causa del consumo di cibi privi di fibra.

Il libro di Michel Pollan deriva anche da un viaggio attraverso i centri di ricerca come il Biofrontiers Institute della Università del Colorado a Bulder.

Questa ricerca ha permesso a Pollan di comprendere come gli squilibri microbici possano influenzare il metabolismo, ovvero sviluppare patologie come il diabete e le malattie cardiovascolari.

Ne è derivata la presa di coscienza che anche emulsionanti e polisorbato sono da considerarsi un pericolo; e stiamo parlando di sostanze presenti in quasi ogni tipo di alimento industriale.

 

 

 

 

 

 

SALUTE – Elicobacter pylori – rinforzare le difese immunitarie – dissenteria – salmonella – candidosi – irritazione e infezioni intestinali ecc… – L’IMPORTANZA DEI PROBIOTICI

I probiotici migliorano la nostra salute.

Lo dice la moderna ricerca che ha scoperto come, la flora intestinale, sia alla base di una vita sana e longeva.

Non a caso lo yogurt, quello vero, non quello ricchissimo di zuccheri e povero di culture batteriche,   è acido e fa parte dell’alimentazione di molte popolazioni famose nel mondo per la loro longevità.

Secondo la rivista “L’integratore nutrizionale”, un articolo di Alfa Wasserman, riferisce di una grande indagine fatta tra 1.000 medici di medicina generale italiani, che rivela le reali conoscenze di medici e pazienti sulle disbiosi intestinali, ovvero alterazioni della flora intestinale.

E’ bene precisare le cause delle alterazioni della flora intestinale:

-cattiva digestione dovuta ad errata alimentazione, alimentazione contaminata o  troppo industrializzata ( cibi pronti )

-dissenteria

-candidosi vaginale

-irritazione della mucosa intestinale

-stress

-antibiotici, anticoncezionali, vaccini ecc…

Secondo l’indagine di cui sopra, la sindrome dell’intestino irritabile è la più diffusa e comprende il 63% delle alterazioni della flora intestinale.  Colpisce il 7-10% della popolazione. Molti studi hanno dimostrato una stretta relazione tra questa sindrome ed uno squilibrio del microbiota intestinale (” flora intestinale”). Il  termine  flora intestinale è il più usato, ma non è il più corretto, in quanto si tratta prevalentemente di batteri ( qui è stato usato per essere compresi da un maggior numero di persone ).

PROBIOTICI UNA CURA MOLTO USATA

L’86% dei medici ha prescritto, in un anno, ad almeno 5 pazienti dei probiotici, rilevando in 3 casi su 4 un risultato positivo.

E’ IMPORTANTE ASSUMERE I PROBIOTICI CORRETTAMENTE

Assumerli per 3 o 4 giorni, non è sufficiente; lo dice il Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Gastroenterologia ed Epatologia Pediatrica del Policlinico Umberto I di Roma, Salvatore Cucchiara.

“Sono necessari almeno 3-4 settimane di tratatmento; stile di vita e alimentazione corretta fanno il resto”.

—–

I probiotici sono utilizzati anche per evitare le diarree infantili, eradicare l’Elicobacter pylori e infezioni intestinali ricorrenti ( Colostridium difficile).

I trattamenti più efficaci prevedono cure per 3-8 mesi con probiotici.

Questo genere di cura può ridurre del 7% il ricorso ad antibiotici, ma sarà il medico  a decidere.

Conclusione:

-ottima l’abitudine di consumare yogurt o similari, purché ricchi di culture batteriche vive: il Lactobacillus bulgaricus e lo Streptococcus thermophilus o altri.

-usare appositi integratori alimentari in vendita in farmacia come il BIFICOL (dotato di una speciale protezione gastrica), ma ne esistono diversi.

Il miglior consiglio ve lo darà il vostro medico di fiducia.

VEDI ANCHE AL LINK: http://www.donnecultura.eu/?p=16576

SALUTE CHE FUNZIONA – Non più attese per visite mediche e … costa meno del tiket – Santagostino Poliambulatorio Specialistico

Basta code e attese di mesi per avere un esame o una visita medica ... funziona benissimo e … costa meno di un tiket E’ POSSIBILE ?

— SI

Il Centro Medico Santagostino è una realtà sanitaria innovativa, che offre salute accessibile e di qualità in oltre 40 specialità.

SENZA FONDI PUBBLICI: si tratta solo di una gestione dove tutti guadagnano e accettano delle regole economiche moralmente ragionevoli (anche per il cliente).

Un’offerta di qualità in cui il prezzo è un ulteriore elemento di valore. Qualche esempio? Visite specialistiche a 60 euro!

NIENTE ATTESE COSTA MENO DEL TIKET; qui è possibile accorpare diversi esami e/o visite specialistiche, per risolvere tutto  in una sola volta.

NE HA PARLATO ANCHE IL PROGRAMMA REPORT della brava giornalista Milena Gabbianelli.

Merita più di un’occhiata il sito  dei Centri Polispecialistici Santagostino a Milano, Sesto San Giovanni, Bologna …  http://www.cmsantagostino.it

NUMEROSI SEDI A MILANO (anche Sesto san Giovanni) E BOLOGNA.

Esempio di una sede di  Milano:

Piazza Sant’Agostino, 1,
Telefono:02 8970 1702
Orari: Oggi aperto · 08–21

CENTRO PRENOTAZIONI

Telefoni:

02 89 701 701

02 89 701 702

Dal lunedì al venerdì
dalle 8.00 alle 20.00.
Sabato dalle 8.30 alle 15.30.

PRENOTA VIA SMS

366 5860316

PRENOTA VIA WHATSAPP

344 1003172

PRENOTA VIA EMAIL

prenotazioni@cmsantagostino.it

INFORMATI VIA EMAIL

informazioni@cmsantagostino.it

API E’ STRAGE ? DAL MIELE AGLI ANTIBIOTICI…

NELLA SOLA EUROPA ALCUNE POPOLAZIONI DI API SONO CALATE DEL70 %
Negli ultimi decenni si stima che la popolazione mondiale di api sia diminuita del 10%.

Niente più api = niente impollinazione = niente più frutta e vegetali (quasi tutti).

Valore commerciale dell’impollinazione nel mondo = 190 miliardi di euro
Valore commerciale dell’impollinazione in Europa = 22 miliardi di euro.

Il 75 % delle specie agricole necessita dell’impollinazione.

LE CAUSE:
-RECENTI PESTICIDI DI PRODUZIONE CINESE
-ALTRI PESTICIDI che l’Unione Europea sta cercando di vietare
-diminuzione delle zone dove vivono le api per l’aumento dell’urbanizzazione, produzione di veleni industriali dispersi nell’aria…
-aumento dei predatori
-maggior diffusione di virus (probabilmente dovuti all’ indebolimento del sistema immunoprotettivo a causa dei pesticidi).

Due differenti tipi di peste hanno recentemente aggredito le nostre api:
-la peste americana
-la peste europea (che richiede una lunga e minuziosa disinfestazione)-

E’ un fatto che nel mondo, dagli USA alla Francia, passando anche per la Svizzera, si stanno studiando delle soluzioni.

Come consumatori di miele ci auguriamo un soluzione efficace.

Purtroppo dobbiamo segnalare anche tristi vicende nei confronti della qualità del miele, sempre più caro sul mercato:
-molti allevatori usano antibiotici per proteggere le api dalle malattie
-inoltre è usanza, più comune di quanto si pensi, dare alle api dello zucchero sciolto nell’acqua per produrre un miele senza i principi organolettici benefici che lo caratterizzano.

ANTIBIOTICI NELL’AMBIENTE ARRIVANO AL MIELE
Nel solo anno 2.000 sosto state consumate, nel mondo, 50.000 tonnellate di antibiotici per il trattamento delle malattie umane, animali e vegetali.
Una percentuale di tali medicamenti si è diffusa nell’ambiente.
Residui di antibiotico si rintracciano facilmente nel miele, pare in quantità troppo basse per arrecare danni alla salute.

L’impiego regolare di antibiotici favorisce l’accrescimento degli animali da allevamento.
La metà degli antibiotici venduti oggi viene utilizzata nel trattamento e l’accrescimento di animali.

ANTIBIOTICI SOMMINISTRATI AGLI ANIMALI:
-nell’acqua dei pesci d’allevamento
-negli allevamenti di bovini, e non solo…
– per la cura e la prevenzione di tutti gli animali d’allevamento

Il “New Scientist”, parla di pericolosi cocktails di medicinali rintracciati nei fiumi e nelle acque di consumo umano in forma attiva a soglie inquietanti.

Gli antibiotici consumati dall’umanità e dagli animali, è espulso attraverso le urine; ma in forme che possono essere più reattive e più tossiche dell’antibiotico preso come medicinale.

L’acqua proveniente dal Tamigi presenta un cocktail di 170 diversi medicinali; compresi antibiotici e medicinali per la chemioterapia.

Inoltre il grande uso di antibiotici, anche fuoriluogo, ha prodotto batteri che sopravvivono agli antibiotici.

Tale resistenza, all’antibiotico, si trasmette da un batterio all’altro

Il risultato è che oggi alcune malattie come la tubercolosi, un tempo facilmente curabile tramite antibiotico, diventano sempre più difficili da controllare e curare.

LEGIONELLA O LEGIONELLA PNEUMOPHILA ; ricerca per combatterla

Nel 2014 sono stati segnalati 1.450 casi di Legionella, con un rischio di morte che va dal 10 al 44 % a seconda delle condizioni fisiche del paziente; meglio sta più probabilità ha di cavarsela.

La Legionella colpisce soprattutto le persone anziane e immunodepresse (debilitate da una malattia ecc…).

Oggi si cerca di sconfiggere la Legionella con potenti disinfettanti negli impianti idraulici dei condizionatori di ospedali, alberghi, case di cura per anziani  ecc…

Limitare l’uso dei disinfettanti e sconfiggere egualmente la Legionella è stata la proposta vincente perché la prof. Maria Luisa Ricci, si aggiudicasse il premio della Società Europea di Microbiologia Clinica e Malattie Infettive.

L’idea è quella di favorire la diffusione di microrganismi antagonisti (noi apprezziamo l’idea e siamo fiduciosi che tutto andrà per il meglio, ma da bravi realisti, guardando a quanto è accaduto in passato,  non vorremmo poi trovarci a combattere contro i microrganismi antagonisti !; comunque prendiamo atto che la situazione della Legionella sia tanto grave da richiedere una soluzione).

Il batterio della Legionella ha ormai sviluppato numerose strategie di resistenza ai normali disinfettanti.

ORIGINI DELLA LEGIONELLA

La Legionella apparve per la prima volta nel 1976, negli impianti di condizionamento in un albergo americano di Philadephia.

Tra i clienti presenti, 221 si ammalarono, 34 morirono.