Archivi categoria: TECNOLOGIA

tecnologie per vivere meglio ?

Tecnologia – Siamo padroni del tempo e del clima ?

04Ioduro d’argento pericoloso per la salute umana ?

Siamo già in grado di dominare gli elementi atmosferici ?

1896: primo serio tentativo di modificare il clima con l’invenzione del cannone antigrandine di Albert Stiger, sindaco di Windisch-Feistritz (Austria) e viticoltore.

Novembre 1946: Bernard Vonnegut, scienziato americano della General Electric,   capì che i nuclei di ioduro d’argento erano in grado di catalizzare l’umidità contenuta nelle nubi per produrre pioggia.

Nel 2009, a Pechino, nel tentativo di tramutare in pioggia alcune nubi di passaggio sulla città, afflitta da due mesi di siccità,  ha cambiato la pioggia in neve a causa di un improvviso fronte freddo; così Pechino si è fatta cogliere impreparata, causa paralisi titale dei dei trasporti …

Oggi, lo sfruttamento dello ioduro d’argento per produrre pioggia è divenuto un processo molto utilizzato.

 

Soprattutto grazie ad Israele che utilizzò moltissimo questa tecnologia negli anni 50 e 60 per sfruttare ogni possibile risorsa idrica del suo terreno desertico.

Oggi non meno di 40 paesi utilizzano questa tecnica, con  un consumo mondiale annuo di circa 50 tonnellate di sali d’argento.

Purtroppo si vanno anche moltiplicando le denunce sulla loro possibile pericolosità per la salute umana.

Sono circa 2 milioni i “trattamenti” con sali d’argento che si effettuano ogni anno; la metà dei quali effettuati dalla Cina.

L’agenzia d’informazioni cinese valuta in 250 miliardi di tonnellate la pioggia artificiale prodotta tra il 1999 e il 2006.

La Cina ricorre continuamente a questa tecnica per contrastare la desertificazione.

Negli aeroporti viene usata l’inseminazione delle nuvole principalmente per ridurre la nebbia.

Un metodo che appare meno pericoloso, è nato in Sudafrica e si è diffuso fino in Messico; in questo caso si usano sali igroscopici (calcio e sodio).

Anche limitare le piogge è una necessità molto sentita, in questo periodo di pericolosi e numerosi tifoni e uragani.

Tutto questo è possibile cospargendo le nuvole con un  polimero polverizzato, capace di assorbire acqua fino a 1.500 volte il proprio peso. Si crea così una sostanza gelatinosa che cadendo al suolo, riduce l’intensità delle precipitazioni.

QUALCOSA DI BUONO 

Pare che sia riuscito il disperato tentativo dell’ex Unione Sovietica d’inseminare di ioduro d’argento le nubi causate dall’incidente di Chernobyl, per circoscrivere la diffusione di dosi micidiali di radioattività.

Cosa è utile sapere al riguardo della nostra salute ?

Ci sono molte teorie complottistiche sull’inseminazione delle nubi ma nessuna è mai stata dimostrata.

Le vari etcniche utilizzate possono essere perfezionate perché diventino il più possibile innocue per l’ambiente e per l’uomo.

IODURO D’ARGENTO:

pericoloso per l’ambiente acquatico – pericolo acuto.

Questa sostanza viene immessa nell’atmosfera soprattutto attraverso produzioni industriali e non per le inseminazioni di nuvole.

Lo ioduro d’argento ha una bassa tossicità; così dicono alcune note stampa; ovviamente dipende sempre dai quantitativi.

 

 

Fondazione Bruno Kessler – Centro CREATE-NET – Centro di eccellenza per le telecomunicazioni del futuro

CREATE-NET
un centro di eccellenza per le telecomunicazioni del futuro
Da quest’anno è entrato a far parte della Fondazione Bruno Kessler. Ottenuto un finanziamento europeo sulle tecnologie 5G.

(v.l.) Il Centro CREATE-NET (Center for REsearch And Telecommunication Experimentation for NETworked communities) ha ottenuto un nuovo finanziamento per un progetto europeo H2020 nell’ambito delle future reti radiomobili di quinta generazione “5G”.

Riconosciuto a livello internazionale per le competenze nel campo delle Tecnologie dell’Informazione e delle Telecomunicazioni, il Centro rafforza così le proprie attività di ricerca e sviluppo nel settore 5G che sono già in corso all’interno di altri tre progetti europei a cui partecipa: SESAME, COHERENT e 5G-CROSSHAUL.

In particolare, il nuovo progetto 5G-Essence consentirà di evolvere l’attuale rete radiomobile 4G ai fini di ottenere una migliore risposta alle esigenze di servizi in termini di velocità di dati scambiati e tempi di reazione dell’infrastruttura di rete. In sintesi, la tecnologia 5G viene sviluppata per rispondere a molteplici scenari, dalle auto connesse, alle fabbriche intelligenti, alle applicazioni realizzate tramite droni connessi, fino alla telerobotica o la telemedicina in cui i tempi di reattività dell’infrastruttura di rete devono essere inferiori al millisecondo. Il progetto avrà la durata di 30 mesi e insieme a CREATE-NET parteciperanno altre 20 realtà di ricerca e aziende europee del settore.

Nato nel 2003 come associazione no-profit con il supporto della Provincia autonoma di Trento, CREATE-NET dall’inizio di quest’anno è un Centro della Fondazione Bruno Kessler. Principali finalità di CREATE-NET sono raggiungere l’eccellenza della ricerca nel settore delle Tecnologie dell’Informazione e delle Telecomunicazioni (con particolare attenzione per le Infrastrutture Digitali del Futuro quali reti, cloud e Internet delle cose) e promuovere il trasferimento tecnologico verso l’industria grazie all’ingegnerizzazione di tecnologie e soluzioni.

“CREATE-NET”, sottolinea il presidente della Fondazione Bruno Kessler Francesco Profumo, “ha conseguito importanti risultati positivi nell’ambito dei finanziamenti europei e industriali fin dal suo concepimento. Siamo orgogliosi che da quest’anno il Centro sia entrato a far parte della Fondazione Bruno Kessler integrando in piena sinergia le proprie competenze con gli altri centri scientifici e tecnologici della Fondazione”.
“Oltre ai numerosi progetti di ricerca in cui partecipa come coordinatore o partner scientifico,” spiega il direttore Elio Salvadori, “CREATE-NET vanta numerose collaborazioni con importanti realtà del settore, formalizzate con accordi commerciali e progetti internazionali, come nel caso di Cisco System, Siemens, Deutsche Telekom, Orange e Telecom Italia. Per il Centro è fondamentale incentivare la realizzazione di soluzioni tecnologiche innovative in contesti reali di applicazione sul mercato”.

La collaborazione pluriennale con Cisco System rappresenta un particolare punto di forza.

In questo ambito è stato assegnato al Centro l’importante compito di sviluppare i sistemi di controllo delle reti ottiche del futuro ad altissima velocità, rendendone il funzionamento il più possibile automatizzato e omogeneo rispetto a quello delle reti tradizionali a pacchetto con cui le infrastrutture di rete ottica, che costituiscono la cosiddetta spina dorsale di Internet, si interfacciano a livello locale.

Per maggiori informazioni: https://create-net.fbk.eu/

Elio_Salvadori.

Galaxy Tab S3 Samsung – Per un mercato difficile

Samsung Galaxy Tab S3 è un gioiellino estetico e tecnico

Pesa 429 grammi, meno del nuovo iPad 2017.

Con l’aggiunta di una tastiera, questo tablet, dallo schermo migliore dell’iPAD PRO 9,7 Apple, può fare più o meno tutto, come un vero computer.

Samsung Galaxy Tab S3 , dipone di una nuova S Pen con 4096 livelli di pressione, punta da 0.7 mm e la piacevolezza dei Galaxy Note con una presa da vera matita e più punte a disposizione.

Chi non avesse bisogno della S Pen può pensare al vecchio Tab S2 per risparmiare ben 400 euro.

Primo tablet con Snapdragon 820 e con dispositivo mobile con schermo HDR, pronto per; Netflix e Amazon Prime Video.

Supera le 10 ore di autonomia e dispone di digitalizzatore Wacom su Android.

Non scalda.

Schermo: 9.7 pollici Super AMOLED / 2048 x 1536 pixel / Digitalizzatore Wacom 4096 livelli.

Memorie: 32 GB eMMC / microSD fino a 256 GB / RAM 4 GB.

Processore: Snapdragon 820 Quad Core 2.15 GHz + 1.6 GHz / Adreno 530.

Memorie: 32 GB eMMC / microSD fino a 256 GB / RAM 4 GB.

Batteria 6000 mAh / Alimentatore 9-5V 1.67-2A / Sensore impronte digitali.

Prezzo di lancio: 799 euro in Italia (ma il prezzo si abbasserà in breve tempo) nella versione LTE con penna inclusa (ma tastiera da acquistare a parte).

Come tutti i tablet, il Galaxy Tab S3 non potrà mai sostituire un notebook. Ma è ottimo per le cose veloci.; controllare e  vedere contenuti, crearne con la penna per  note, testi, appunti all’università, correzioni di bozze, e disegnio schizzi.

Un Chromebook da 300 euro basta per dimostrare quanto il notebook sia più comodo, più pratico e più veloce. Il Chromebook ( inventato da Google ) può essere una valida alternativa per sostituire il normale computer.

Il Chromebooks può servire a chi vuole pendere poco e disporre di un vero computer, veloce come un buon Mac, ma più semplice nell’utilizzo rispetto ad un PC Windows.

RISPARMIARE all’epoca delle start up – Tutto facile basta un attimo di attenzione – 24 febbraio 2017 Besozzo- Varese truck di street food di Cuochingiro – sharing mobility – carpooling aziendale

Con URBI in regalo il primo pacchetto di mobilità condivisa

24 febbraio dalle 9 alle 18 presso l’Urban Mobility Point, l’angolo informativo gestito da URBI e ospitato presso la succursale di Via Gonzaga 3 di Banca Sella

Jojob, il carpooling aziendale premia la condivisione …

Gnammo, cene al buio contro lo spreco di energia…

Il Comune di Besozzo, in provincia di Varese, per l’occasione aprirà invece il cortile del Palazzo Comunale dove i truck di street food di Cuochingiro

M’Illumino di Meno, tre startup aderiscono e promuovono condivisione e risparmio energetico

Jojob, URBI e Gnammo hanno accolto l’invito di Caterpillar e coinvolgeranno gli utenti organizzando cene collettive senza sprechi, promuovendo la sharing mobility e premiando chi darà un passaggio in auto ai colleghi.

Con URBI in regalo il primo pacchetto di mobilità condivisa

URBI, l’aggregatore dei principali sistemi di mobilità urbana e condivisa, aderisce a M’Illumino di Meno e rilancia il messaggio #condiVivo promuovendo l’utilizzo della sharing mobility e mostrando quanto possa essere facile, per chiunque, rinunciare alla macchina privata.

Scaricando sin da ora la app di URBI sul proprio smartphone sarà possibile prenotare l’abbonamento giornaliero a BikeMi, il servizio di bike sharing di Milano, da ritirare gratuitamente il 24 febbraio dalle 9 alle 18 presso l’Urban Mobility Point, l’angolo informativo gestito da URBI e ospitato presso la succursale di Via Gonzaga 3 di Banca Sella.

Inoltre, ai primi 50 utenti che si recheranno all’Urban Mobility Point il 24 febbraio, URBI regalerà, in collaborazione con BikeMi e Car2Go, il primo “pacchetto di mobilità condivisa” comprendente un abbonamento giornaliero BikeMi, un biglietto del trasporto pubblico ATM e l’iscrizione gratuita a Car2Go con 5 euro di guida omaggio.

Jojob, il carpooling aziendale premia la condivisione

Per la Giornata del Risparmio energetico Jojob, la principale piattaforma italiana di carpooling aziendale, coinvolgerà gli oltre 90.000 utenti per stimolarli a condividere l’auto ed aderire a #CondiVivo, incoraggiando anche nuovi colleghi.

Ogni utente che quel giorno certificherà di aver condiviso il tragitto in auto con altri dipendenti riceverà sul proprio profilo il badge di M’Illumino di Meno che identificherà la buona azione per la Terra. In più, si vedrà assegnata una “foglia oro”, da convertire in premi speciali.

Alle oltre 100 aziende di grandi dimensioni e alle 1.000 piccole e medie imprese che aderiscono al servizio, Jojob invierà la comunicazione sull’adesione a M’Illumino di Meno, con grafica ad hoc da esporre e divulgare a tutti i dipendenti.

Inoltre, per coinvolgere sempre di più le aziende nel risparmio ambientale, in occasione di M’Illumino di Meno il 24 febbraio Jojob lancerà un nuovo servizio per facilitare la condivisione dell’auto anche nelle trasferte aziendali dei dipendenti: un modo per utilizzare meglio le risorse, tagliare gli sprechi, promuovere la condivisione ed inquinare meno.

Gnammo, cene al buio contro lo spreco di energia

Serata a lume di candela per spegnere le luci ed evitare gli sprechi di energia: questa l’iniziativa lanciata da Gnammo, la piattaforma di social eating più grande d’Italia, in occasione di M’illumino di meno.

Tra gli eventi più curiosi c’è la cena del team di Gnammo, “Noi speGNAMMO”, durante la quale verrà preparata la bourguignonne per non usare gas e corrente elettrica.

Il Comune di Besozzo, in provincia di Varese, per l’occasione aprirà invece il cortile del Palazzo Comunale dove i truck di street food di Cuochingiro spegneranno i generatori e cucineranno solo con fornelli a gas. All’intero della Sala Mostre del Palazzo gli ospiti potranno condividere il piacere di gustare le prelibatezze dello street food insieme ai propri concittadini.

Il primo sistema di soccorso alpino che lega uomo e robot

Localizzazione esatta in pochissimo tempo di una persona sepolta fino a 3 metri sotto la neve

SHERPA è rapidissimo e invia in pochi minuti informazioni che normalmente richiedono ore

Droni, robot e soccorritori insieme in una nuova tecnologia europea nata per i salvataggi ad alte quote: il suo nome è SHERPA

È il primo sistema di soccorso alpino che lega uomo e robot, nato grazie ai finanziamenti dell’Ue sotto l’egida dell’Alma Mater Studiorum di Bologna: adesso, dopo quattro anni di sviluppo, è arrivato a compimento.

– Per la prima volta, uomo e robot collaborano per il soccorso degli individui dispersi ad alta quota grazie ad un progetto coordinato dall’Università di Bologna e finanziato dall’Unione europea: si chiama SHERPA (Smart collaboration between Humans and ground-aErial Robots for imProving rescuing activities in Alpine environments) ed è un sistema a servizio dei soccorritori basato sull’uso di droni, robot, aereomodelli ad ala fissa.

Obiettivo di SHERPA è raggiungere luoghi oggetto di slavine in pochi minuti e localizzare i dispersi travolti dalla neve, mentre sistemi alternativi impiegano ore o sono addirittura inagibili in alcune situazioni. Il tutto salvaguardando anche i soccorritori stessi, grazie all’uso di robot nominati come animali: “falchi” (aeromodelli), “asini intelligenti” (rover) e “vespe” (droni). Elementi che compongono il progetto SHERPA, ideato da giovanissimi ricercatori europei guidati dal DEI (Dipartimento di Ingegneria dell’Energia Elettrica e dell’Informazione) dell’Università di Bologna.

Un’innovazione sociale nata da un progetto partecipato a livello europeo che mette la tecnologia al servizio dei soccorritori e che infatti ha trovato la collaborazione e l’interesse del Soccorso Alpino del CAI (Club Alpino Italiano) e dei Carabinieri. Un progetto scientifico mai così attuale e opportuno visto il grande numero di incidenti in alta quota causati dalla neve.

Adesso, dopo quattro anni di sviluppo, il progetto SHERPA è stato testato nella sua interezza durante l’Integration Week appena conclusa a Davos che ha visto la presenza di tutti i soggetti operativi guidati dal DEI di Bologna: l’Eth di Zurigo, l’Università di Leuven in Belgio, l’Università di Napoli Federico II, l’Università di Linkopings in Svezia, l’Università di Twente in Svizzera, l’Università di Bremen in Germania, quindi due aziende (la Bluebotics di Losanna, specializzata in robotica, e l’Asla Tech di Bologna, specializzata in droni) e il Club Alpino Italiano come “end user” del progetto. Questo network di eccellenze europee ha creato contaminazione tra settori diversi per creare un prodotto originale e unico.

Innovazione tecnologica: l’integrazione adattativa tra uomo e robot per il soccorso

SHERPA è un sistema di droni da cielo e da terra in grado di lavorare in condizioni estreme: il suo obiettivo primario è la localizzazione esatta in pochissimo tempo di una persona sepolta fino a 3 metri sotto la neve.

Questo sistema si articola sull’uso di tre elementi robotici: i “patrolling hawks” (falchi di pattuglia), gli aeromodelli che fanno il primo screening della zona colpita; gli “intelligent donkeys” (asini intelligenti), i rover che trasportano su terra i “trained wasps” (vespe allenate), ovvero i droni in grado di fotografare le aree colpite, riportare dati utili anche in condizioni avverse grazie alle telecamere ad infrarossi e registrare i segnali radio ARVA, cioè gli impulsi del segnalatore che ogni scalatore o sciatore esperto porta con sé.

È la prima volta che si combina un sistema di droni a supporto del soccorritore alpino, che rimane sempre il leader dell’azione: è lui quello che in SHERPA è chiamato il “Busy Genius” (genio occupato), ovvero colui che riceve un supporto tecnologico dalle macchine ma che rimane sempre il leader delle operazioni.

«L’integrazione uomo-robot in SHERPA è adattativa – spiega il prof. Lorenzo Marconi del DEI di Bologna, coordinatore del progetto SHERPA e del corso di studi in Ingegneria dell’Automazione dell’Università di Bologna – cioè quando l’uomo è presente, le macchine sono al suo servizio, viceversa quando il soccorritore è impegnato i robot agiscono in maniera autonoma.

In che modo?

Selezionando informazioni utili e quindi cercando di semplificare il lavoro dell’operatore:

-infatti, la guida dei droni viene fatta attraverso comandi gestuali e vocali e il sistema SHERPA è in grado di capire dal tono di voce e dal comportamento umano se in quel momento l’uomo è troppo impegnato o emotivamente stressato per guidare al meglio le operazioni. Qualora così fosse, SHERPA si regola di conseguenza, cercando di semplificare il lavoro umano.

È importante infatti ricordare che il soccorritore è il “genio” e può sempre bypassare i robot: in SHERPA, l’uomo è sempre più in alto nella scala gerarchica».

Innovazione sociale: la risposta alla crescita degli incidenti in montagna

Il progetto SHERPA nasce come risposta all’esigenza sociale di intervenire in modo più efficace nei soccorsi in alta quota. Infatti, la situazione dei dispersi per valanghe nell’arco alpino è sempre più drammatica: secondo il CAI, si è passati dai 1300 del 1955 ai circa 8mila del 2014. «Sono aumentati i frequentatori della montagna, soprattutto sciatori ed escursionisti.

Così aumentano anche le persone a rischio, senza togliere il fatto che alcune calamità siano dovute al surriscaldamento globale», spiega Adriano Favre, Direttore del Soccorso Alpino Valdostano.

Come alpinista, Favre ha scalato gran parte delle principali montagne al mondo e da oltre quarant’anni si occupa di soccorso: era presente con il suo team anche nelle recenti operazioni di ricerca dei superstiti all’Hotel Rigopiano in Abruzzo. «Il progetto SHERPA – continua – è un aiuto validissimo per la risoluzione ad un problema che nasce dalla domanda dei soccorritori: ottimizzare le ricerche dei dispersi. Siamo così più efficienti con meno persone: e i sistemi di localizzazione di SHERPA arrivano anche laddove non c’è copertura gps».

Inoltre, SHERPA è rapidissimo e invia in pochi minuti informazioni che normalmente richiedono ore: così, chi di solito morirebbe, vive. Perché una persona sepolta dalla neve può essere recuperata ancora in vita entro 30 minuti dal fatto ed entro 90 può presentare ancora funzioni vitali: ma è il reperimento entro i primi 15-20 minuti ad essere il più rilevante in termini di sopravvivenza. Per questo SHERPA fa la differenza in termini di efficacia rispetto alle tecnologie esistenti comparabili.

VACANZE – DOVE TROVARE ALTRI VIAGGIATORI PER VIAGGI INSOLITI ?

GLOBE TROPPER è la risposta, seria, a chi non vuole viaggiare da solo.

www.globetrooper.com

Si tratta di una piattaforma on line per viaggiatori.

Nel sito si inseriscono la propria proposta e le proprie esigenze.

Registrandosi si possono vedere le offerte degli altri utenti.

Qui trovate  anche un forum e un blog, per avere mille utili consigli di viaggio.

Anche i profili Facebook e twitter @globetropper danno utili suggerimenti.

Qui potete presentare e trovare ogni tipo di viaggio dal safari in Africa alle spiagge delle isole mediterranee ai viaggi in nord Europa, America, Asia, Australia…

TRENTO HA OSPITATO LA PREMIAZIONE DELLA WORLD WIND EUROPA CHALLENGE 2016

VALORIZZARE L’ENEGIA SOLARE, SPERIMENTARE NUOVE APPLICAZIONI DEI DRONI E MONITORARE I CAMPI MAGNETICI NELLE AREE SISMICHE. IL 22 SETTEMBRE TRENTO HA OSPITATO LA PREMIAZIONE DELLA WORLD WIND EUROPA CHALLENGE 2016

Ottimizzare l’uso di impianti fotovoltaici in azienda e offrire a tutti i cittadini la possibilità di donare lampade solari alle popolazioni in difficoltà.

Il progetto Sunrise, realizzato da Marcus Vukojevic, Sabrina Rungaldier, Chiara Masci e Thomas Zulian, ha conquistato il primo posto nella categoria “studenti” della NASA World Wind Europa Challenge, competizione internazionale promossa dalla NASA e ospitata per la prima volta in Trentino su iniziativa dell’Assessorato provinciale alla ricerca e istruzione e con l’organizzazione di Hub Innovazione Trentino, Politecnico di Milano e Trilogis.

Nella sezione dedicata alle imprese il primo posto è andato all’azienda di Rovereto (TN) Skysense Inc., rappresentata da Michele Dallachiesa e Federico Fiorini, che propone un innovativo sistema di conduzione autonoma dei droni, con interessanti applicazioni nel monitoraggio degli animali sul territorio e in caso di emergenze in montagna.

L’ambito accademico punta invece sull’analisi dei campi elettromagnetici in relazione all’incidenza degli eventi sismici premiando i progetto statunitense Earthquake Signal Precursors.

Trovare nuove soluzioni ai problemi reali del territorio, mettendo poi a disposizione di tutto il pianeta il frutto della propria ricerca. Il concorso internazionale NASA World Wind Europa Challenge lancia un messaggio forte legato al concetto di open source, quello di unire le forze per il futuro del pianeta condividendo le competenze. Il tutto utilizzando una tecnologia per la creazione di mappe virtuali 3D messa a disposizione dalla NASA.

La sfida è stata accolta dal territorio trentino che ha scelto di ospitare la 4^ edizione della manifestazione aprendosi a ricercatori, imprese e studenti di tutto il mondo e promuovendo la partecipazione in particolare delle scuole, con un percorso dedicato curato da HIT-Hub Innovazione Trentino. L’evento finale ha avuto il suo momento clou il 22 settembre a Palazzo delle Albere.

La presentazione dei progetti finalisti è stata introdotta da Patrick Hogan, dirigente della NASA coordinatore della piattaforma World Wind e promotore del concorso a livello internazionale. “

Siamo qui per cercare soluzioni in grado di trasformare la nostra relazione con il pianeta in un rapporto più intelligente – ha detto Hogan – e offrire una prospettiva a chi verrà dopo di noi. La condivisione delle conoscenze e delle idee attraverso l’open source è fondamentale per questo percorso”.

L’azienda Skysense Inc. di Rovereto si è aggiudicata il premio nella sezione “imprese” proponendo un innovativo sistema open source di controllo in remoto dei droni.

Le possibili applicazioni sono diverse e potrebbero riguardare, ad esempio, il tracciamento degli animali selvatici presenti sul territorio o il supporto alle operazioni di intervento in caso di slavine in alta montagna, con l’individuazione immediata della posizione in cui intervenire. Il secondo e terzo posto sono andati entrambi a gvSIG Association, con due soluzioni per la gestione dei dati spaziali. Nella categoria dei ricercatori grande attenzione è stata dedicata ai terremoti con il progetto vincitore curato da un team statunitense dedicato all’analisi delle variazioni nei campi magnetici in relazione al verificarsi di eventi sismici e il secondo team, sempre americano, dedicato ad una mappatura innovativa delle aree sismiche. Il terzo riconoscimento è stato vinto, a parimerito, dal progetto Spacebirds, dedicato al tracciamento degli oggetti in orbita intorno alla terra, e dall’italiano MuVias per la visualizzazione e l’analisi di dati multidimensionali. Nella sezione studenti, premiata dal direttore di HIT Alessandro Commito, Sunrise ha conquistato il primo posto con uno studio dedicato all’energia solare. Il progetto si rivolge alle imprese, offrendo informazioni utili per stimare la produzione del proprio impianto fotovoltaico in base a una serie di parametri, per capire meglio come mettere la produzione in relazione al proprio fabbisogno.

Gli studenti del team, iscritti in parte all’Istituto comprensivo ladino di Fassa e in parte all’Istituto Artigianelli di Trento, hanno pensato anche ad un applicazione solidale della piattaforma World Wind con la possibilità di donare fondi per la fornitura di lampade solari in aree del continente africano in difficoltà.

Il progetto è stato realizzato in collaborazione con commissione Europea, Enea, Solaraid, Ecogriddi.

Secondo e terzo posto sempre in chiave trentina rispettivamente con il team Land of Glaciers (Tommaso Battistotti, Anna Martinatti, Luisa Cicolini, Martina Melzani in collaborazione con il ricercatore e glaciologo del Muse Christian Casarotto) attivo nel monitoraggio dei ghiacciai locali e Wimp (Carlo Corradini, Michela Pezzato, Tereziu Mirazh, Andrea Calzetta, Luca Santoro) per il tracciamento dei pacchi in consegna.

La cerimonia è stata anche l’occasione per presentare il frutto della sessione “Ideas Camp” tenutosi ieri al Muse, nel corso del quale i partecipanti hanno lavorato insieme su due temi legati al territorio trentino.

Il ricercatore della Fondazione Edmund Mach Duccio Rocchetti ha guidato un team nell’ideazione di un progetto per la mappatura del territorio trentino mentre Skysense ha proposto la creazione di un sistema di mappatura che renda più sicuro l’uso dei droni nel territorio provinciale.

Attenzione la rete NON E’ SICURA ! Yahoo : rubate mail e password e dati personali di mezzo miliardo di persone

RUBATI DA YAHOO:

-nomi di utenti

-indirizzi email

-numeri telefoni

-dati personali

-password.

NON sono sicuri i dati on line ! Un hacker MOLTO bravo può violare qualunque chiave di accesso.

DANNO INCALCOLABILE PER GLI UTENTI CHI CI DIFENDE ?? Chi ci rimborsa per i danni, anche morali ?  Nessuno !

L’attacco hacker è avvenuto nel 2014; lo abbiamo saputo solo ORA !

Yahoo sostiene che l’attacco hacker dipenda da una persona sostenuta da uno Stato.

Domani pubblicheremo un articolo che cercherà di spiegare cosa rischiamo in questo mondo super-tecnologico e cosa ci potrebbe aspettare nel futuro.

Intanto potete leggere i nostri precedenti articoli sull’argomento:

-SPOKEO – ABBIAMO TUTTI I TUOI DATI – ATTENZIONE A QUELLO CHE METTETE SU INTERNET

al link: http://www.donnecultura.eu/?p=33890

—-

-WEB – IL WEB TI INGANNA – INTERNET È UNA GRANDE LIBERTÀ ?? !! – E’ INTERNET CHE DECIDE QUALI INFORMAZIONI DOBBIAMO GUARDARE

al link: http://www.donnecultura.eu/?p=37682

—-

-LA RETE PUO’ UCCIDERE – UN LIBRO CI AIUTA A CAPIRE MEGLIO – ” BACIAMI SENZA RETE ” DI PAOLO CREPET

al link: http://www.donnecultura.eu/?p=37475

—-

-LA TECNOLOGIA CI SFRUTTA E NON CI PAGA! INTERNET STA TOGLIENDO LAVORO A TUTTI

al link: http://www.donnecultura.eu/?p=13182

—–

-APRIRE UN NEGOZIO IN INTERNET COME FARE ? – VENDERE CON INTERNET

al link: http://www.donnecultura.eu/?p=36718

—–

 

WEB – IL WEB TI INGANNA – Internet è una grande libertà ?? !! – E’ internet che decide quali informazioni dobbiamo guardare

Quando cerchiamo informazioni, è internet che decide cosa vuole farci leggere … ! Ma noi possiamo …

Se facciamo la stessa ricerca su due computer diversi, il risultato sarà diverso.

Perché  ?

E’ colpa dell’algoritmo.

Cos’è l’algoritmo ?

Si tratta di un mezzo, usato dai motori di ricerca per farci vedere quello che pensano sia di nostro maggiore interesse; basandosi sulle nostre scelte e visualizzazioni precedenti in internet.

CON QUESTA TECNICA IL NOSTRO CAMPO DI RICERCA SI RESTRINGE

OVVERO: quello che vediamo è solo una parte e sempre indirizzata in un certo modo = NON SIAMO LIBERI DI TROVARE A CASO E QUINDI ABBIAMO SEMPRE MENO POSSIBILITA’ DI SCELTA

In questo modo ognuno crede di sapere come va il mondo, ma in realtà continua a ricevere solo le informazioni che riguardano le sue scelte precedenti e i suoi amici.

——

I TRUCCHI PER NON ESSERE IMPRIGIONATI DAI MOTORI DI RICERCA:

-CERCARE PAGINE FACEBOOK DI GIORNALISTI STRANIERI

-ALLARGARE IL GIRO DI CONSOCENZE INSERENDO ALTRI INTERESSI COME LE NOTIZIE E NON SOLO I SOLITI:  calcio, moda ecc…

-DIVERSIFICARE LE FONTI DELLE NOTIZIE: leggere anche fonti che non coincidono con il tuo punto di vista, anche un quotidiano di schieramento politico opposto a quello personale

-ISCRIVERSI A feedly.com così decidi gli argomenti sui quali vuoi essere aggiornato e ogni tanto cambia argomenti … è in inglese, ma esiste Google traduttore che traduce quasi sempre in modo, almeno,  comprensibile.

PER SAPERNE DI PIU’ :

Libro: ” Il Filtro. Quello che internet ci nasconde ” di Pariser, editore Il Saggiatore, 18 euro.

Questo testo spiega i meccanismi che regolano il flusso delle informazioni e che fine fanno e a cosa servono tutti i dati che i grandi del web raccolgono su di noi e sui nostri gusti e scelte, ogni volta che ci affacciamo sulla rete.

—–

Per ampliare la scelta NON trascurate:

-giornali

-televisione

-radio

-dibattiti

-amici meno digitali che prendono informazioni anche da altre fonti.

LEGGERE anche i libri !!!