Archivi categoria: anziani e depressione

SALUTE – ALZHEIMER E MORBO DI PARKINSON – La scienza spiega e prepara nuove cure

PARKINSON E ALZHEIMER UNA CURA IN COMUNE ?

DEPRESSIONE CAMPANELLO DI ALLARME
La depressione sarebbe il segnale per la malattia
LA DOPAMINA E’ ALLA BASE DELL’ORIGINE DI PARKINSON E ALZHEIMER
La morte dell’area del cervello che produce la dopamina, sarebbe la causa dell’Alzheimer

Se manca la dopamina la memoria se ne va.

Lo rivela uno studio dell’Università Campus Bio-Medico di Roma in collaborazione con Irccs Santa Lucia e Cnr

Scoperta l’origine dell’Alzheimer e del Parkinson ?

Cosa è la dopamina ?

La dopamina è un neurotrasmettitore indispensabile per il funzionamento dell’ippocampo; da essa dipende la memoria.

La dopamina è un neurotrasmettitore che controlla: il movimento, la sensazione di piacere, la ricompensa, la produzione di prolattina, i meccanismi di regolazione del sonno, alcune facoltà cognitive e la capacità di attenzione.

La depressione sarebbe un potenziale segnale della malattia a causa del legame, dimostrato scientificamente, tra l’assenza di dopamina e le disfunzioni dell’area neuronale che riguarda i disturbi della gratificazione e dell’umore.

Infatti: la degenerazione dei neuroni che producono dopamina, aumenta le possibilità di andare incontro ad una progressiva perdita di iniziativa; che è poi il segnale di alterazione patologica dell’umore (depressione).

PARKINSON E ALZHEIMER

I fenomeni depressivi nella diagnosi di Alzheimer, potrebbero andare di pari passo con la perdita della memoria ed essere la causa anche del Parkinson; a causa della  morte dei neuroni che producono la dopamina.

Tutto questo fa pensare a strategie terapeutiche comuni; ovvero una sola cura per Parkinson e Alzheimer.

Lo studio scientifico è pubblicato su Nature Comunication al link: http://www.nature.com/articles/ncomms14727

SALUTE CHE FUNZIONA – Non più attese per visite mediche e … costa meno del tiket – Santagostino Poliambulatorio Specialistico

Basta code e attese di mesi per avere un esame o una visita medica ... funziona benissimo e … costa meno di un tiket E’ POSSIBILE ?

— SI

Il Centro Medico Santagostino è una realtà sanitaria innovativa, che offre salute accessibile e di qualità in oltre 40 specialità.

SENZA FONDI PUBBLICI: si tratta solo di una gestione dove tutti guadagnano e accettano delle regole economiche moralmente ragionevoli (anche per il cliente).

Un’offerta di qualità in cui il prezzo è un ulteriore elemento di valore. Qualche esempio? Visite specialistiche a 60 euro!

NIENTE ATTESE COSTA MENO DEL TIKET; qui è possibile accorpare diversi esami e/o visite specialistiche, per risolvere tutto  in una sola volta.

NE HA PARLATO ANCHE IL PROGRAMMA REPORT della brava giornalista Milena Gabbianelli.

Merita più di un’occhiata il sito  dei Centri Polispecialistici Santagostino a Milano, Sesto San Giovanni, Bologna …  http://www.cmsantagostino.it

NUMEROSI SEDI A MILANO (anche Sesto san Giovanni) E BOLOGNA.

Esempio di una sede di  Milano:

Piazza Sant’Agostino, 1,
Telefono:02 8970 1702
Orari: Oggi aperto · 08–21

CENTRO PRENOTAZIONI

Telefoni:

02 89 701 701

02 89 701 702

Dal lunedì al venerdì
dalle 8.00 alle 20.00.
Sabato dalle 8.30 alle 15.30.

PRENOTA VIA SMS

366 5860316

PRENOTA VIA WHATSAPP

344 1003172

PRENOTA VIA EMAIL

prenotazioni@cmsantagostino.it

INFORMATI VIA EMAIL

informazioni@cmsantagostino.it

UN BUON RICOSTITUENTE? PER LO STRESS E LA MEMORIA.

STRESS, STANCHEZZA CRONICA, PROBLEMI DI MEMORIA, AFFATICAMENTO, CAPELLI DEBOLI, UNGHIE DEBOLI ECC..

Attenzione ai molti prodotti da banco, che sono tanto pubblicizzati come aiuto in casi di stanchezza (pappa reale compresa); potrebbero contenere stimolanti o agire come stimolanti, che non fanno sentire a stanchezza, MA ESAURISCONO SEMPRE DI PIU’ UN FISICO AFFATICATO. In alcuni casi serve proprio il vecchio ricostituente, che non è più di moda e tutti sconsigliano.

Sappiamo bene che oggi quasi tutti mangiamo più del necessario, ma questo non è valido per tutti; inoltre potremmo avere una dieta ricca di calorie, ma povera di principi nutritivi ... frutta, verdura, carni, latte, formaggi in genere non sono più nutrienti come una volta perché provengono da coltivazioni forzate e da alimentazioni  non sane ecc…

Più sotto vi diamo il parere del nostro vecchio medico di famiglia; che è anche nostra esperienza personale;  assumere una o due fiale, al giorno, di Sargenor.

NON DIMENTICATE MAI CHE LA PRIMA REGOLA PER STARE BENE E’ DORMIRE A SUFFICIENZA  e mangiare poco la sera !!!

IL CIOCCOLATO E’ UN OTTIMO STIMOLANTE E RICOSTITUENTE NATURALE (più stimolante di diversi caffè; con una tavoletta di cioccolato avrete energia come da un normale pasto)

Un piccolo segreto che costa poco e fa sempre bene: mangiate cioccolato (meglio quello ad alta concentrazione di cacao), il meglio è farsi, da soli, una cioccolata per colazione , con cacao e latte (cuocere 5 minuti e sta in frigorifero almeno per 3 gg); ovviamente sono calorie che vanno sottratte alla vostra dieta normale: meno pane meno pasta … meno formaggio.

IL CACAO E’ UNO STIMOLANTE NATURALE, ovviamente calcolate che una tavoletta intera vale quanto un piatto di pasta; quindi adeguate la vostra dieta.

———

PER CHI HA PROBLEMI DI MEMORIA.

Se si hanno problemi di memoria per prima cosa è bene cercarne la causa.

Dopo i cinquant’anni quasi tutti registrano una leggera perdita della memoria; si tratta di un fatto assolutamente fisiologico legato all’età.

Anche durante o dopo un forte periodo di stress, anche psicologico, è normale avere dei vuoti di memoria. In questo caso si risolveranno appena ci si riprende. Provate  a leggere più sotto cosa diciamo del ricostituente Sargenor che potrebbe fare al vostro caso, non avendo controindicazioni. Ma è sempre bene chiedere al medico se si prendono altri medicinali.

SE MANGIATE POCO E VI SENTITE DEBOLI:

ZETAVITAL può aiutarvi.

Contiene vitamine esali minerali in grado di stimolare l’organismo.

———————–

Legegndo tutto quanto riportato sotto, troverete anche altre possibilità.

———————–

BRAINIL è il prodotto farmaceutico che abbiamo provato personalmente. Dovete sempre chiedere prima al medico se prendete medicinali, in questo caso, ad esempio, il medicinale non può essere assunto insieme a fluidificanti del sangue.

Lo abbiamo scelto per i suoi componenti L-Acetil-Carnitina (NAC) che favorisce la sintesi dell’Acetil-Colina (ACh), preservando l’attenzione e la memoria di breve termine (quella che da problemi); a livello periferico interviene aiuta le cellule nervose a produrre energia  e quindi a bruciare i grassi (mantiene funzionalità motoria e sensoriale).

Il Ginkoselect Phytosome, mantiene la fluidità del sangue e favorisce la circolazione sanguigna periferica e a livello cerebrale.

Inoltre preserva la buona circolazione del microcircolo retinico e dalla trofizzazione delle strutture nervose oculari (un buon vantaggio per chi si avvicina alla vecchiaia e potrebbe andare incontro a questo tipo di problemi).

L’IMPORTANZA VITALE DI UN SONNO REGOLARE E RISTORATORE; OGGI QUASI IGNORATA DALLE NUOVE GENERAZIONI, MA E’ INDISPENSABILE PER LA MEMORIA.

Un messaggio anche per i nostri giovani: dormite a sufficienza, meglio le classiche 8 ore al giorno o pagherete caro il vostro vivere anche di notte!

Studiando i problemi della memoria degli anziani, gli scienziati dell’Università di Berkeley (USA) hanno scoperto che il rimpicciolimento del lobo frontale, corrispondente alla perdita di sonno profondo (quello che precede la fase Rem, durante la quale iniziano i sogni) è la causa, o è tra le cause, della cattiva memoria degli anziani. Il tutto è stato pubblicato su Nature Neuroscience.

Di fatto tutti sappiamo che è una caratteristica della tarda età il sonno irregolare e anche piuttosto breve, quindi la relazione tra sonno prolungato e tranquillo e buona memoria sicuramente ha una sua logica che merita attenzione.

In Germania in passato hanno dimostrato che blandissime scosse elettriche possono aiutare il cervello a raggiungere il sonno profondo, quello che fissa la memoria, ma la cosa ci ricorda troppo l’antico elettrochoc e le sue terribili conseguenze; preferiremmo soluzioni più traquillizzanti!

PRECISAZIONI E ALTRI SUGGERIMENTI.

ANCHE LA MEDICINA SUBISCE LE “MODE”, NEGLI ULTIMI ANNI IL VECCHIO RICOSTITUENTE  E’ STATO CONSIDERATO COME QUALCOSA DI SUPERATO A CAUSA DI UN’ ALIMENTAZIONE MEDIA BEN AL DI SOPRA DI QUANTO NECESSARIO.

FINITA L’EPOCA DEI RICOSTITUENTI, PERCHE’ LA MAGGIORANZA MANGIA TROPPO?

TUTTI POSSIAMO AVERE DEI MOMENTI DI DEBOLEZZA, DOVUTI ANCHE A CIBI TROPPO POVERI DI NUTRIENTI.

Peccato che la media sia qualcosa di ipotetico, infatti continuano ad esistere persone che mangiano poco anche a causa di una malattia, o persone debilitate per vari motivi, anziani che hanno una dieta povera di elementi importanti ecc…

pericolosissime si possono rivelare drastiche diete che, per tentativi ed errori, vogliono assolutamente ricercare ipotetiche, e scientificamente indimostrabili, intolleranze alimentari.

Vedi al link: http://www.donnecultura.eu/?cat=34

Tornando alla parola “moda”, oggi è invece venuto di “moda” suggerire

-stimolanti, più che ricostituenti, vedi la

-pappa reale che in alcune persone causa disturbi al sonno a causa del suo potere stimolante, altrettanto vale per

-l’alga spirulina e altre sostanze naturali che occupano, alternativamente, il banco della farmacia. ARRICCHENDO IL FARMACISTA E LE CASE FARMACEUTICHE !

Inoltre la moderna farmaceutica propone

-centinaia di prodotti specifici per varie carenze di vitamine, sali minerali ecc.. che non possono essere presi a casaccio. Pare che un eccesso di vitamina A sia addirittura

-causa di aumento della casistica di cancro.

PRIMA REGOLA MAI ACQUISTARE PRODOTTI IN INTERNET; moltissimi sono farmaci economici  contraffatti; altri NON denunciano tutti gli ingredienti o contengono ingredienti che la medicina ha bandito perché pericolosi (causano ictus, infarto…).

Quanto sopra è stato dimostrato in una recente puntata del programma FALO’;  TV della Svizzera Italiana. Un programma che prevede l’intervento di medici specialisti e richiede esami accurati a laboratori certificati.

——–

IL “VECCHIO RICOSTITUENTE” 

Comunque, tornando al “vecchio” ricostituente, ecco la nostra opinione, dopo aver partecipato a numerose conferenze stampa e avere provato, anche personalmente, avendo  una dieta limitata nelle calorie per problemi di età, ma varrebbe anche per una dieta ricca di quantità, ma povera di qualità.

Premesso che

— la buona dieta sia il miglior ricostituente: tanta frutta per la vitamina C, tanta verdura per i sali minerali, pasta/riso/mais o altro cereale e un giusto apporto di proteine attraverso: pesce, uova (fino a 4 la settimana), formaggi (meglio evitare quelli cremosi che sono quasi sempre necessariamente molto grassi o prodotti con vari adittivi per creare la cremosità e per la fusione del formaggio): meglio pochi e buoni, questi hanno ingredienti SICURI: Parmigiano Reggiano, Grana Padano, Trentingrana,  Puzzone di Moena… Emmentaller, Grouviere…

-e carne; senza esagerare con la carne rossa.

-Tante  minestre e verdure per la sera sono la base di una dieta sana.

FATEVI TANTE SPREMUTE E NON BEVETE I SUCCHI DI FRUTTA CHE SONO SOLO RICHHI DI ACQUA E ZUCCHERO…

—-

IL SARGENOR, UN VECCHIO RICOSTITUENTE ANCORA EFFICACISSIMO !

Pù sotto parleremo anche dell’ Aminotrofic.

PRESO LA SERA AIUTA A MIGLIORARE IL SONNO.

-Il Sargenor è un integratore a base di Arginina in fiale da bere; collaudato ormai da almeno tre generazioni.

Utile contro lo stress fisico e psichico e contro la mancanza di forze e la muscolatura debole (astenia). Per adulti, bambini in età scolare, si consiglia 1 fiala di Sargenor 3 volte al giorno, preferibilmente prima dei pasti; ovviamente dopo il consiglio del medico.

Assunto prima di andare a dormire; in molti casi favorisce il sonno.

L’Arginina  (contenuta nel SARGENOR) agirebbe anche positivamente nell’aiutare il cervello e la memoria.

L’Arginina apporta energia ed è utile per migliorare la concentrazione e la memoria, favorendo il recupero del benessere fisico e mentale.

Importante: Sargenor può essere assunto anche senza acqua; la quantità giornaliera di Sargenor consigliata fornisce 2,5 g di Arginina (aspartato di arginina), la giusta quantità per ricaricarsi.

Lo scrivente ha sperimentato personalmente, e sul proprio figlio,  per tutta una vita gli effetti benefici del Sargenor, utilizzato comunque solo nei momenti di vero stress psichico e fisico o di debolezza e stanchezza.

Non sono mai stati riscontrati effetti collaterali.

-Dopo 50 anni di uso (discontinuo) il soggetto scrivente gode di ottima salute ed ha una muscolatura ancora tonica; ovviamente anche grazie ad una seppur leggera, ma continuativa, attività fisica e ad una alimentazione ricca di frutta, verdura, proteine (senza esagerare con salumi e carni rosse) e cereali integrali.

L’ARGININA (contenuta nel Sargenor) E’ UN AMMINOACIDO.

Gli amminoacidi forniscono le sostanze vitali che nutrono i capelli, la pelle e le unghie dall’interno; ma non serve a nulla se la vostra alimentazione non da la disponibilità dei necessari sali minerali, vitamine  e proteine !!!

-Grazie a ciò il tessuto connettivo si rinforza, la pelle si mantiene morbida ed elastica, le unghie sono più resistenti ed i capelli crescono forti e sani.

L’arginina si trova in:  latte, carne, uova, germe di grano, farina di grano, cioccolato, formaggio, noci, mandorle, noccioline, semi di zucca, pesci, etc.

ASPARTATO DI ARGININA (contenuto nel Sargenor). 

L’Arginina si trova in quasi tutte le proteine ed è l’amminoacido che più di tutti riesce a stimolare la secrezione di insulina da parte del pancreas.

 L’Arginina  immagazzina ed elimina l’azoto,  quindi ha un ruolo di primaria importanza:

– nei problemi post-traumatici

-cambiamenti di peso

-nella guarigione dei tessuti

aumenta il collagene, la principale proteina  che si trova nelle ossa, nelle cartilagini, nella pelle ed in altri tessuti connettivi

-stimola il sistema immunitario

-combatte la fatica fisica e mentale

– aumenta la spermatogenesi

-nel trattamento dei disordini epatici (fegato), si trasforma in L-ornitina ed urea, favorendo l’eliminazione dell’ammoniaca che  è un vero veleno per le cellule viventi.

L’Arginina è immunostimolante,  rilascia il nitrossido (NO), partecipa alla sintesi della creatina; rigenera il tessuto del fegato.

——

ALTRO BUON RICOSTITUENTE, soprattutto dopo periodi di debilitazione, dopo ricoveri ospedalieri o diete drastiche dimagranti… meglio assumerlo DURANTE LA DIETA per evitare GRAVISSIME CARENZE CHE FANNO CASCARE L’UMORE E ANCHE LA PELLE DEL VISO !!!

AMINOTROFIC INTEGRATORE DI AMINOACIDI (proteine). E’ un prodotto usato anche negli ospedali, la cui concentrazione è valida e non paragonabile ad altri prodotti da banco e molto pubblicizzati (che contengono concentrazioni, qualità e quantità inferiori nel rapporto qualità prezzo).

Si tratta di una miscela specifica di aminoacidi essenziali con vitamina B1 e B6,.

EFFETTI:

-migliora lo stato energetico

-la forza muscolare

Stimola la sintesi di nuovi mitocondri, permette un migliore utilizzo, degli alimenti assunti con la normale dieta.

E’  MOLTO CONSIGLIABILE nelle diete ipocaloriche, ovvero quelle che servono per dimagrire.

Migliora la performance fisica e la forza muscolare

RACCOMANDABILE anche in condizioni di insulino resistenza correlata a patologie croniche o alla sarcopenia senile (ma lo dovrebbe prescrivere il medico).

-UTILE PER UNA BUONA FORMA MUSCOLARE

-MA ANCHE PER PREVENIRE IL RILASSAMENTO  DEI TESSSUTI MUSCOLARI, TIPICO DOPO I 60 ANNI

_DA  RICORDARE: NESSUN MEDICINALE PUO’ SOPPERIRE ALLA SANA PASSEGGIATA DI ALMENO 30′ AL GIORNO O ALLA CORSETTA ANCHE BREVE (soprattutto se non si è allenati e/o si ha una certa età)

————-

COSA E’ IMPORTANTE PER LA NOSTRA SALUTE IN GENERE 

-IMPORTANTE:  UN FEGATO BEN FUNZIONANTE E’ LA CONDIZIONE IDEALE PER MANTENERE TUTTO L’ORGANISMO IN BUONA SALUTE.

-NON DIMENTICHIAMO CHE IL FEGATO RIMUOVE LE SOSTANZE TOSSICHE DAL SANGUE !

-POICHE’ IL PROCESSO DI INVECCHIAMENTO E’ STATO RIPETUTAMENTE RICONOSCIUTO NELL’ACCUMULO DI TOSSINE, E’ EVIDENTE COME UN

FEGATO BEN FUNZIONANTE SIA INDISPENSABILE PER IL NOSTRO BENESSERE, SOPRATTUTTO NELL’ETA’ AVANZATA.

Protettore del fegato PER eccellenza è il CARDO MARIANO: sia acquista in capsule da inghiottire con acqua in farmacia, senza ricetta, meglio degli estratti liquidi. Al Cardo Mariano sono state attribuite addirittura delle proprietà rigenerative.

-ATTENZIONE: il Cardo Mariano è un prodotto di erboristeria, ma è meglio acquistare le marche vendute in farmacia perché hanno più controlli, NON LO SI DEVE USARE SENZA CONSIGLIO MEDICO,  se si prendono medicine.

-Torniamo al nostro ricostituente Sargenor:

-Possiede una forte azione anabolica (permette all’organismo di utilizzare i principi nutritivi introdotti con gli alimenti per la sintesi di altri materiali complessi come proteine, zuccheri, etc.)

L’arginina è un amminoacido polare basico. La basicità dell’amminoacido è dovuta al gruppo guanidinico, che è fortemente basico.

QUANDO NON ASSUMERE ARGININA

Da evitare in caso di malattie cardiache, problemi ai reni o tumori, se non diversamente indicato dal medico. Idem per chi ha un’infezione seria (es. erpes genitale); secondo alcune fonti, si dovrebbe proibire  di assumere arginina poiché  migliora la crescita di virus (soprattutto quello dell’herpes) e di batteri.

Purtroppo l’Arginino è stata individuata anche come elemento utile per lo sviluppo muscolare e le prestazioni fisiche da body building: una

-tristissima realtà di alcune persone che credono di migliorare il proprio corpo il più velocemente possibile e che scambiano le dimensioni muscolari per una ipotetica bellezza fisica, ma quella vera è data dall’armonia di tutta la muscolatura come ben si vede nelle statue greche e non dalla deformazione, innaturale, di pochi muscoli, come ci fa credere una moda di cattivo gusto e di sicuro basso livello estetico.

In realtà un bel corpo è il frutto di un’armonico lavoro muscolare, mai eccessivo, di un’armonia interna psico-fisica e di una vita sana.

Nulla a che vedere con ossessionanti sedute in palestra. Non dimentichiamo che solo la vita all’aria aperta ci dona un aspetto veramente sano;

– inoltre l’aria viziata e inquinata delle palestre che non cambiano mai (per motivi economici) i costosissimi filtri dell’aria condizionata, causano gravi danni alla salute.

-L’aminoacido arginina è vitale per la produzione dello sperma.

OLIO DI SEMI DI ZUCCA 

Specialità culinaria tradizionale di Austria Croazia e Ungheria, è tutelato dall’Unione Europea come marchio IGP (Indicazione Geografica Protetta).

-L’olio di semi di zucca, finalmente, comincia ad essere riconosciuto per i suoi valori anche in ambito fitoterapico e nutrizionale, come lo fu nei secoli passati.

 Caratteristiche nutrizionali

In genere ricco di acidi grassi insaturi (73.1-80.5%), soprattutto in termini di acido oleico e linoleico.

Buono il contenuto di vitamina E.

E’ consigliato nella prevenzione dell’arteriosclerosi

Come i semi ha proprietà antinfiammatorie e quindi benefiche per la salute.

Sono anche interessanti le sue proprietà fitoterapiche, derivanti dalla sua ricchezza di betasteroli strutturalmente simili agli androgeni ed estrogeni

– Queste sostanze si sono dimostrate utili per abbassare i livelli di colesterolo, migliorare i sintomi post-menopausa causati dalla carenza di estrogeni e diminuire i sintomi della ipertrofia prostatica.

Da RIZA.it la rivista italiana della salute.

Il miglior ricostituente? Un cucchiaio d’olio a digiuno

 Più alimento che condimento, l’olio extra vergine di oliva ha notevoli virtù curative capaci di mettere in salvo intestino, reni e fegato

 L’olio extravergine di oliva è davvero uno dei migliori alleati della nostra salute: ad esempio, un cucchiaio a digiuno depura l’intestino e ne stimola l’attività, aiutando a risolvere la stitichezza più ostinata. Ma non solo:

— nella medesima dose, seguito da una spremuta di limone, contribuisce a sciogliere i calcoli renali e riequilibra la funzionalità del fegato.

Il suo apporto di grassi insaturi aiuta a ridurre i livelli della glicemia a digiuno ed è ormai provato che un consumo costante, rigorosamente a crudo, abbassa il colesterolo.

L’ olio extra-vergine d’oliva contiene vitamine A, C ed E, dall’effetto antiossidante e antietà.

-Ne completa l’apporto nutritivo la vitamina B, che rigenera il sistema nervoso.

Sfiamma lo stomaco

È attivo contro le infiammazioni dell’apparato digerente; protegge e nutre le mucose dello stomaco favorendo il transito del cibo.

Stimola la cistifellea

L’ olio extravergine di oliva stimola la contrazione muscolare della cistifellea. Così previene la formazione dei calcoli biliari.

Vince la fatica

Ottimo ricostituente per uso interno.

Frizionato lungo la colonna vertebrale due volte al giorno, fa ritrovare vitalità ed energia.

Non dimentichiamo i “vecchi” rimedi che, da sempre, aiutano l’uomo a stare meglio.

MIELE

Oltre trecento elementi compongono il miele: carboidrati, fruttosio, acqua, sali minerali (potassio, calcio, zolfo, fosforo, magnesio e ferro), vitamine (gruppo B soprattutto), acidi organici, enzimi; le loro proporzioni variano a seconda del fiore dal quale proviene, i mieli più chiari sono quelli con minore contenuto di minerali.

-SOSTITUIAMO CON IL MIELE LA DOSE DI ZUCCHERO GIORNALIERO, NE GUADAGNEREMO IN SLAUTE !

-Ma attenzione deve essere miele di ottima qualità non di tipo industriale; il meglio sarebbe conoscere personalmente il produttore

FIENO GRECO.

Il fieno greco, nutritivo e ricostituente, giova a chi è debilitato, convalescente o affetto da disturbi nervosi che portano a magrezza eccessiva.

Lo si trova in farmacia, reparto ERBORISTERIA.

L’ORTICA; VIRTU’ TERAPEUTICHE IMPORTANTISSIME.

Anche l’estratto di ortica si trova in farmacia nel reparto erboristeria.

ANTINFIAMMATORIA, VALIDA CONTRO L’ARTRITE, ANTI-AGE: ELIMINA LE SCORIE,

-STIMOLA LA FORMAZIONE DEI GLOBULI ROSSI,

-CURA I RENI E

-PREVIENE LA PROSTATA,

-CURA FERITE E PIAGHE,

-OTTIMA CONTRO LA DISSENTERIA,

-IRROBUSTISCE I CAPELLI…

Contiene:

calcio, silicio, magnesio, fosforo e ferro, vitamine (C, A, K)  e acido formico, clorofilla, steroli, polisaccaridi a catena lunga, istamina, carotene. 

-Diuretica, ricostituente, rimineralizzante  e antinfiammatoria contribuisce ad  eliminare le scorie e ad abbassare i livelli di colesterolo; contiene anche piccole quantità di creatina.
Utilissima in casi di diarrea, un tempo usata  contro la dissenteria.

-La sua principale azione è contro dell’anemia.

Ricca di clorofilla e ferro, infatti, è di grande utilità per stimolare la formazione di globuli rossi.

Alcune sostanze contenute nell’ortica come i  lignani, hanno il potere di contrastare l’azione del testosterone, il principale responsabile dell’ipertrofia.

-Favorisce il rilassamento del muscolo detrusore vescicale, migliorando l’eliminazione dell’urina. 

— A cena, è di grandissima utilità consumata con tarassaco e borragine: una piatto di queste verdure per una notte serena, sia per la digestione che per l’azione disintossicante e diuretica.

-Nota anche per la salvaguardia  della salute dei capelli e del cuoio capelluto.

-Da non sottovalutare il beneficio in casi di artrite, malattie reumatiche. La positiva azione è causata dall’inibizione che esercita nei confronti  di leucotrieni e citochine,  sostanze che favoriscono l’infiammazione.

Infine, preziosa anche per uso esterno: le foglie pestate possono essere utilizzate per impacchi su ferite e piaghe.

—–

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso l’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

QUALE E’ IL SEGRETO DELLA FELICITA’ ? Cosa rende realmente felici ?

Il più ampio studio che riguarda felicità è quello dell’Università di Harvard; dal 1942.

E’ durato oltre 75 anni ed ha studiato la vita di 268 studenti.

Sponsor dello studio il magnate dei grandi magazzini W.T.Grant; in quanto voleva scoprire cosa rende una persona più felice e sana di un’altra.

La ricerca non ha monitorato solo i rampolli delle migliori famiglie, studenti ad Harvard, ma si è allargata anche a 456 proletari dei ghetti di Boston.

Quali i risultati ?

-il campione dei figli delle più ricche famiglie americane, non è risultato avere una vita più felice dell’altro campione proletario, per non dire indigente.

-a 50 anni, oltre un terzo dei più privilegiati d’America, soffriva di malattie mentali, alcolismo e dipendenza da farmaci; oltre a morti improvvise e suicidi.

-nel 2015 il gruppo era ridotto a 60 soggetti

Cosa rende veramente felici ?

-genetica
-buona educazione (cultura)
-poco alcol
-attività fisica

SOPRATTUTTO LA CAPACITA’ DI SVILUPPARE MECCANISMI DI ADATTAMENTO AI VARI PROBLEMI CHE LA VITA CI PONE, OVVERO:

-CAPACITA’ DI SUPERARE LE DIFFICOLTA’, senza chiudersi in se stessi
-ESSERE APERTI AGLI ALTRI
-MATRIMONI SOLIDI
-RELAZIONI DURATURE.

Cosa fa scendere il rischio demenza senile? LE RELAZIONI CON GLI ALTRI E LA SALUTE.

Secondo la fondatrice dell’European Network of Positive Psychology,
Ilona Boniwell, fattori fondamentali per vivere bene e sani sono:

-SPOSARSI
-ADERIRE A UNA CHIESA
-NON PREOCCUPARSI DI FARE PIU’ SOLDI (ma ovviamente avere di che vivere decentemente)
-MIGLIORARE LA PROPRIA ISTRUZIONE
-ANDARE AVIVERE AL SOLE.

Il Wellington College di Londra, ha provato a sperimentare un’educazione alla felicità, sin dalle elementari. I risultati si potranno conoscere solo tra molti anni.

Vedi anche il libro: “ La scienza della felicitò “, di Ilona Boniwell, Il Mulino editore.

PLACEBO COS’E’ IL PLACEBO ? UNA VERA MEDICINA ?

Sino ai recenti studi, qui sotto riportati, i medici hanno sempre somministrato il “placebo” dicendo al paziente che si trattava di una vera medicina.

Oggi si studia il “placebo open label” : ovvero il paziente è informato che si tratta di “placebo”; ma gli si spiega anche altro.

RIMANE SEMPRE LA REGOLA CHE PER ALCUNE MALATTIE E’ INDISPENSABILE IL FARMACO GIUSTO (esempio: una bronco polmonite la si DEVE CURARE CON GLI ANTIBIOTICI E NON con acqua fresca !).

Nel 2010 un ricercatore di Haward si accorse che le pillole di placebo, ovvero una medicina che corrisponde all’ “acqua fresca”, somministrate al paziente, anche se avvertito che si trattava di una NON medicina, avevano un effetto positivo per la guarigione.

Da allora è stata avviata una sperimentazione dell’ “effetto placebo – consapevole” per quanto riguarda:
-depressione
-emicrania
-mal di schiena
-sindrome da deficit di attenzione
-iperattività
-colon irritabile

Secondo lo specialista di Haward, Ted Kaptcuk, il segreto consiste nello spiegare bene al paziente che il “placebo” è una pratica studiata e provata da moltissimo tempo: “Tutto dipende dalla fiducia che il paziente ripone nel medico”.
Se il rapporto è assolutamente positivo, i risultati potrebbero arrivare ad un miglioramento di un paziente su due.

Il vantaggio del “placebo” è che non può fare male, NON HA EFFETTI COLLATERALI; come invece accade per tutte le medicine.

Oggi la scienza ha dimostrato con assoluta certezza lo stretto rapporto tra mente e corpo; e quindi quanto la mente possa influenzare benignamente una guarigione.

L’ “effetto placebo – consapevole” lo si studia anche a Baltimora; relativamente alla spossatezza che segue il trattamento contro il cancro.

RIMANE SEMPRE LA REGOLA CHE PER ALCUNE MALATTIE E’ INDISPENSABILE IL FARMACO GIUSTO.

Psicologia neurologia e farmaci: depressione; ADHD Sindrome di iperattività; Ansia sociale o Sad…

Non vogliamo sostituirci a nessun specialista, siamo solo dei giornalisti, iscritti all’Ordine, che riportano quanto appreso durante conferenze,  testi scientifici, letture di autorevolissimi quotidiani come il New York Times e, purtroppo, anche per esperienze, se non personali, di molte persone che ci sono vicine.

Oggi la medicina ha fatto passi da gigante e risolve molti gravi problemi, ma come tutte le cose umane è fallibile.

I medicinali possono veramente risolvere tante patologie che la vita moderna ci “regala”, ma solo un onesto, bravo e intelligente specialista saprà aiutarvi ad uscire dai vostri problemi.

Disponiamo di medicinali capaci di aiutarci a superare moltissimi problemi, ma se le medicine scelte non fanno al caso del paziente, o le dosi sono esagerate o la diagnosi è  inappropriata, i danni che ne derivano possono essere irreversibili; proprio a causa della potenza di questi medicinali.

Purtroppo lo specialista e il medico sono informati sugli effetti dei medicinali solo dagli stessi rappresentanti delle case farmaceutiche  che producono il medicinale, e quindi tanto più vendono quanto più guadagnano, ed è quindi evidente quale grave conflitto di interessi vi sia su questo fatto.

NOTA: più sotto trovate anche  articoli con questi titoli:

LA PSICOLOGIA  E I BAMBINI

Negli USA e in tutto l’occidente, aumentano le diagnosi di ADHD (Sindrome di iperattività) e i bambini sono curati con i farmaci !

———

DEPRESSIONE GRAVE O NORMALE MOMENTO DOLOROSO DELLA VITA QUOTIDIANA ?

La semplice depressione oggi, viene affrontata dalla medicina con il martello più pesante che esista: il medicinale.

Dovrebbe essere considerato normale soffrire di depressione subito dopo un grave lutto….

————

SAD O FOBIA SOCIALE O ANSIA SOCIALE; non riguarda solo gli studenti, ma anche gli adulti.

Il New York Times riferisce di “una epidemia di Sad = Social Anxiety Disorder (in italiano: fobia sociale o ansia sociale; difficoltà ad avere normali relazioni con chi ci circonda) nei college americani”; aumentati del 15,2% tra il 2014 e il 2015.

Gli studenti diventano “sociofobici” (incapaci di normali relazioni sociali) per timore di un fallimento scolastico,

Diffusa anche la sindrome FOMO (paura di essere tagliati fuori per avere una vita meno sexy degli altri…o per altri motivi  in relazione agli standard imposti dai social  network.

Si tratta spesso di pazienti non solo giovani, ma spesso particolarmente  intelligenti, SONO PIU’ CREATIVI E SENSIBILI DELLA MEDIA.

Pare che l’intelligenza vada di pari passo con la paura del giudizio altrui; perché applica agli altri i livelli del suo valore.

LA GRANDE DISTINZIONE CHE SI DEVEV FARE E’:

-SI PUO’ TRATTARE SEMPLICEMENTE DI UNA PERSONA DAL CARATTERE INTROVERSO (percepisce un sentimento di diversità dalla media e beneficia della solitudine)

-DIVERSA E’ LA SITUAZIONE PATOLOGICA, CHE RICHIEDE L’INTERVENTO, INTELLIGENTE, DELLO SPECIALISTA.

Ecco alcuni sintomi patologici di chi soffre di fobie sociali:

-in un mondo che pretende sempre risposte brillanti, si autosabotano con una condotta di “evitamento”; abbandonano l’università per non affrontare test ed esami, non si presentano ai colloqui di lavoro…

– problemi a stare con estranei, “attaccare bottone”, malesseri prima di una prova o di un evento importante o percepito come tale, rende problematici o impossibili le relazioni con l’altro sesso, preclude importanti cambiamenti, traslochi, adempimenti burocratici, viaggi, pasti e discorsi in pubblico

-rossori, balbuzie, sudorazioni, palpitazioni, tremito alle mani, stanchezza, vomito… rendono queste persone poco desiderabili agli altri

-nei casi più gravi costringe il paziente a barricarsi in casa.

L’ANSIA SOCIALE riguarda in media il 13% della popolazione.

———–

DEPRESSIONE GRAVE O NORMALE MOMENTO DOLOROSO DELLA VITA QUOTIDIANA ?

La semplice depressione oggi, viene affrontata dalla medicina con il martello più pesante che esista: il medicinale.

Dovrebbe essere considerato normale soffrire di depressione subito dopo un grave lutto o dolore di qualunque genere; una situazione transitoria, un dolore che tutta l’umanità ha sempre sopportato considerandolo parte della vita e momentaneo.

Ora la medicina ci vuole dire che anche la depressione momentanea va trattata come una malattia e quindi con adeguati medicinali.

Non dimentichiamo mai che ogni medicinale, se cura o toglie il dolore immediatamente, come tale è un prodotto tossico che immettiamo nel nostro organismo e che può avere anche delle conseguenze gravi.

Va ricordato anche che non sono mai studiate, a sufficienza, le conseguenze delle assunzioni di diversi principi medicinali contemporaneamente e le loro conseguenze oltre i 10 anni di assunzione.

Il risultato del nuovo atteggiamento della medicina verso la depressione è evidenziato dalla

BIG PHARMA che ha registrato PROFITTI RECORD a partire dagli anni ’80, quando

-la timidezza fu battezzata dalla medicina ufficiale: FOBIA SOCIALE !

LA PRIMA EDIZIONE del DSM (Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders) 1952, parlava di

52 disturbi

LA QUANTA EDIZIONE parlava di

300 disturbi

LA QUINTA EDIZIONE

-E’ STATA ACCUSATA DI ABOLIRE LA NORMALITA’ !!!

Dovete sapere che il 70% della commissione di esperti che hanno scritto i testi di cui sopra aveva anche

RAPPORTI LAVORATIVI CON L’INDUSTRIA DEL SETTORE (si chiama conflitto di interessi).

-PER LA SALUTE DI TUTTI

SI DOVREBBE DISTINGUERE TRA 

MALESSERI DOVUTI AD UNA PRECISA LOGICA SITUAZIONE (esempio: morte di un familiare)

dai malesseri che hanno una radice biologica.

Dopo Freud e la psicanalisi si è arrivati a considerare

ANORMALE OGNI DEVIAZIONE DALLA SITUAZIONE DI FELICITA’ !

-Non potrebbe essere che la psicologia,
il lavorare su di sé, faccia parte della
malattia e non della cura? ….
Io credo che per la sopravvivenza del
mondo sia necessario prendersi cura con regolarità di un altro tipo di comunità, quella locale.”

La Medicina Psicosomatica oggi : dall‘Epistemologia alla Clinica

XIV° Congresso Nazionale della SIMP Firenze 1993.

NESSUNO DOVREBBE ESSERE COLPEVOLIZZATO DOPO UN FALLIMENTO (cosa assai frequente nella società attuale, efficentista per definizione), tanto meno convincevo che è malato.

-Fallimenti, dolori, tristezza, rabbia… fanno parte della vita; non devono essere curati come malattie.

Jerome Kagan: “I fantasmi della psicologia”, 26 euro, Bollati Boringhieri editore.

———–

LA PSICOLOGIA LA NEUROLOGIA  E I BAMBINI

Negli USA e in tutto l’occidente, aumentano le diagnosi di ADHD (Sindrome di iperattività) e i bambini sono curati con i farmaci !

-10.000 bambini americani, trai 2 e i 3 anni prendono farmaci per curare la sindrome da iperattività (ADHD). Il dato è stato riportato anche sul New York Times.

-un dato che dovrebbe fare pensare molto !

-il 7,5% dei ragazzi americani tra i 6 ed i 17 anni, secondo il Governo di Washington, assume farmaci per “difficoltà emotive e comportamentali”.

– per contro: negli ultimi vent’anni, l numero dei minorenni che assumono farmaci psicostimolanti è quintuplicato.

Anche in Italia i casi di ADHD sono sempre più segnalati come disturbi specifici dell’apprendimento, per legge vengono “certificati” e quindi finiscono nel nuovo calderone dei cosiddetti Bes: bisogni educativi speciali (ex disabilità).

-Il risultato è che molti bambini finiscono in percorsi di cura, senza averne realmente bisogno.

-Perché questo succede?

-La maestra che non sa come tenere a bada un bambino irrequieto, magari il più intelligente della classe che si annoia per le lezioni troppo facili per lui, chiama lo psicologo.

-Lo psicologo che ha solo studiato sui libri, sempre più frequentemente a favore delle case farmaceutiche in una società dove l’unica legge riconosciuta è il marketing, diagnostica un caso di ADHD e poi arrivano i farmaci e l’insegnate di sostegno (che ha solo una preparazione magistrale, ma nessuna competenza in psicologia a livello universitario; solo bevi e discutibili corsi di aggiornamento).

-La famiglia raramente è in grado di contrastare l’autorità dello psicologo e non conosce il pericolo che queste diagnosi e medicinali possono comportare.

-Può quindi accadere che la diagnosi sia funzionale alla richiesta di aiuto di un insegnate supplementare.

-La dottoressa Paola Milani, docente di pedagogia all’Università di Padova, sostiene che frequentemente questi bambini provengono da famiglie “negligenti”, ma vengono segnalati addirittura come casi di carattere genetico !!!

Mentre il

— tutto potrebbe essere risolto all’interno del rapporto scuola-famiglia.

PROBLEMI DI SONNO ? NE SOFFRONO 12 MILIONI DI ITALIANI

Tutti conoscono l’importanza di un buon sonno ristoratore.

Tra l’altro, durante il sonno rielaboriamo quanto è successo il giorno precedente e fissiamo quanto vogliamo ricordare nella nostra memoria.
Una buona dormita ci “rimette in sesto”.
Infatti se abbiamo dormito bene e a sufficienza ci svegliamo senza sofferenza e ci sentiamo in forma per affrontare una nuova giornata.
Purtroppo questo accade sempre più raramente.

I ritmi che ci impone l’attuale società non si conciliano affatto con un buon sonno.

Il nostro corpo mal sopporta il cambiamento di abitudini; andare a letto in orari molto diversi non favorisce un riposo ristoratore.

I rumori notturni della grande città, la vita in appartamenti con vicini che vivono secondo diversi orari dai nostri, il lavoro sempre più stressante, l’abitudine di fare tardi la sera dovuta anche a internet, la televisione, le serate che si protraggono nella notte, problemi gravi nella nostra vita quotidiana, la mancanza di una attività fisica; sono tutti motivi che portano ad un sonno disturbato.

Tra i migliori centri italiani per la cura del sonno segnaliamo il Centro di Medicina del Sonno dell’ospedale San Raffaele di Milano www.hsr.it e quello di TorVergata a Roma www.neuromed.it.

Qui di seguito la tabella diffusa dal National Sleep Foundation, ente no profit che negli Usa, per suggerire le ore ideali necessarie nelle varie fasce di età.

Neonati 0-3 mesi

Sonno raccomandato dalle 14 alle 17 ore; appropriato 11-13 ore e fino a 18-19 ore; non raccomandato al di sotto delle 11 ore e al di sopra delle 19

Dai 4 agli 11 mesi

Sonno raccomandato dalle 12 alle 15 ore; appropriato 10-11 ore o 16-18; non raccomandato meno di 10 ore e più di 18.

1-2 anni

Sonno raccomandato dalle 11 alle 14 ore; appropriato 9-10 ore e fino 15-16; non raccomandato meno di 9 ore o più di 16

3-5 anni

Sonno raccomandato 10-13 ore; appropriato 8-9 ore fino a 14; non raccomandato meno di 8 ore e più di 14

6-13 anni

Sonno raccomandato 9-11 ore; appropriato 7-8 ore fino a 12; non raccomandato meno di 7 ore e più di 12

14-17 anni

Sonno raccomandato 8-10 ore; appropriato 7 ore fino a 11; non raccomandato meno di 7 ore e più di 11



18-25 anni

Sonno raccomandato 7-9 ore; appropriato 6 fino a 10-11; non raccomandato meno di 6 ore e più di 11

26-64 anni

Sonno raccomandato 7-9 ore; appropriato 6 fino a 10; non raccomandato meno di 6 ore e più di 10



65 anni e oltre

Sonno raccomandato 7-8 ore; appropriato 5-6 ore fino a 9; non raccomandato meno di 5 ore e più di 9.

Salute per tutti: guarire e migliorare la salute non solo con le medicine.

 PSICOSOMATICA.

Approccio generale iniziale:

vedere la persona nella sua interezza (parte sofferente e parte delle risorse personali per risolvere il problema).

Interessa a tutti: 

E’ stato dimostrato che il

-precoce supporto genitoriale ha un effetto positivo su un sano sviluppo dell’ippocampo (parte del cervello umano).
Che è la –regione chiave del cervello per  la memoria e la modulazione della risposta di stress.

FONTE: Luca Minervino
La Segreteria della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Conversazionale di Parma   
Sede: Via Petrarca, 4 – 43121 Parma

La conoscenza professionale di base
del medico e le sue competenze

-devono comprendere gli aspetti sociali, psicologici e biologici per poter decidere e agire nell’interesse del paziente.

Se l’anima si ammala essa consuma il corpo

Epidemie

Gli organi ubbidiscono ai sentimentiSugli Umori

Ippocrate 460-377 a.C.

—–

Professor George L Engel 1913-1999

“..l’unità psicobiologica dell’uomo

-richiede che il medico accetti la responsabilità di valutare qualsiasi problema il paziente presenti e raccomandare una serie di provvedimenti, incluso l’avvio ad altri professionisti dell’aiuto.
Ecco perché la conoscenza professionale di base
del medico e le sue competenze

devono comprendere gli aspetti sociali, psicologici e biologici per poter decidere e agire nell’interesse del paziente che è coinvolto in tutte e tre le dimensioni.”

—-

James Hillman(1926-2011)

1992

“Abbiamo avuto cento anni di psicanalisi, la gente diventa sempre più sensibile
e il mondo peggiora sempre di più …
ogni volta che portiamo la nostra rabbia e la nostra paura in terapia, noi priviamo

di qualcosa il mondo politico …..
-Non potrebbe essere che la psicologia,
il lavorare su di sé, faccia parte della
malattia e non della cura? ….
Io credo che per la sopravvivenza del
mondo sia necessario prendersi cura con regolarità di un altro tipo di comunità, quella locale.”

La Medicina Psicosomatica oggi : dall‘Epistemologia alla Clinica

XIV° Congresso Nazionale della SIMP Firenze 1993.

—–

1993, La Medicina Psicosomatica oggi : dall‘Epistemologia alla Clinica

XIV° Congresso Nazionale della SIMP Firenze 1993.

I ritmi del sé corporeo risuonano con i ritmi del mondo sociale ….
….. non è forse giunto il momento di collocare la psicosomatica nel suo contesto, portandola nella comunità, nella storia stessa ?

Il significato della Malattia e l’esperienza della Sofferenza

Sociosomatica?

“Interazioni psicosomatiche accadono in contesti.

Arthur Kleinman

——-

Alain Ehrenberg

La fatica di essere se stessi

Einaudi

CULTURA E(E’) SALUTE

10 e 17 OTTOBRE 2009

VICENZA

“..la depressione è intrinseca, strettamente
legata a una società come quella contemporanea.
. ..in un contesto in cui l’individuo è schiacciato dalla necessità di mostrarsi sempre all’altezza,
la depressione non è che la contropartita delle grandi riserve di energia che ciascuno di noi
deve spendere per diventare se stesso.”

—-

E il Genere ?

Le donne,

sebbene vivano più a lungo degli uomini, hanno l’onere di un maggior numero di anni di vita in cattiva salute. Talune malattie hanno un’incidenza e una prevalenza più elevate tra le donne, altre non colpiscono le donne e gli uomini nello stesso modo, altre ancora colpiscono esclusivamente le donne.

l’8,3% delle donne italiane denuncia un cattivo stato di salute contro il 5,3% degli uomini.

le allergie(+8%), il diabete (+9%), la cataratta (+80%), l’ipertensione arteriosa (+30%),
alcune malattie cardiache (+59%), malattie della
tiroide (+500%), artrosi e artrite (+49%), osteoporosi(+736%),

calcolosi (+31%), cefalea ed emicrania (+123%), depressione e ansietà(+138%), Alzheimer (+100%).

LO STATO DI SALUTE DELLE DONNE IN ITALIA
Primo Rapporto sui lavori della Commissione “Salute delle Donne” Roma, marzo 2008
Carlo Simionato

E il Genere ?

Ancora minore è l’attenzione data agli eventi patologici connessi con il lavoro domestico, in particolare gli infortuni. Scarsa è ancora l’attenzione alla diversa riposta biologica ai comuni rischi lavorativi come il lavoro pesante, il lavoro a turno, la tossicocinetica. Lo

stress patologico è associato esclusivamente al lavoro produttivo, senza considerare il maggior rischio psico-sociale che colpisce le donne e che è dato dal doppio carico di lavoro.

— La violenza sessuale, fisica, psicologica, economica
contro le donne rappresenta ormai una grande emergenza
e una
grande questione di civiltà per il nostro paese.
I dati 2006 dell’Istat dimostrano che 

in Italia le donne tra 16 e 70 anni vittime di violenza nel corso della vita, sono stimate in quasi 7 milioni.
— Un milione ha subito stupri o tentati stupri; il 14,3% delle donne ha subito violenza da parte di un partner, ma solo il 7% denuncia. La rilevazione del fenomeno da parte dei servizi ospedalieri e territoriali è sottostimata.

La violenza contro le donne ha una forte rilevanza sanitaria, per le conseguenze immediate delle lesioni fisiche e per gli effetti secondari: 

— depressione, ansia e attacchi di panico, disturbi dell’alimentazione, dipendenze, 

— disturbi sessuali e ginecologici, 

—- malattie sessualmente trasmissibili, disturbi gastrointestinali e cardiovascolari.

LO STATO DI SALUTE DELLE DONNE IN ITALIA
Primo Rapporto sui lavori della Commissione “Salute delle Donne” Roma, marzo 2008

Carlo Simionato

—-

Emozioni primarie o Universali:
Gioia, tristezza, paura, rabbia, sorpresa e disgusto.

Le emozioni sono complicate collezioni di risposte chimiche e neurali … hanno

-un ruolo regolatore … riguardano la vita di un organismo..il loro ruolo è assistere l’organismo nella conservazione della vita.

L’apprendimento e la cultura alterano l’espressione delle emozioni I dispositivi che producono le emozioni sono subcorticali
Tutti i dispositivi

si possono innescare automaticamente
Tutte

le emozioni usano il corpo come teatro, anche il cervello

Antonio R. Damasio “Emozione e Coscienza” Adelphi 2000

—-

Il modello Bio-Psico-Sociale ed il paradigma medico-biologico

Carlo Simionato

  Correlati ed effetti fisiologici della stress emozionale

Situazioni acute di stress:

Ipertensione da camice bianco
Ulcera da stress
Immunodepressione da lutto
Instabilità elettrica cardiaca
Sintomi fisici che peggiorano il decorso e la prognosi di altre patologie

Situazioni di stress cronico :

Carico allostatico (Allostasi : capacità di mantenere la stabilità attraverso il cambiamento)

effetto documentato su varie patologie

Sterling P, Eyer J Handbook of Life Stress, Cognition, and Health, eds Fisher S, Reason J(Wiley, New York), pp 631–651.1988

Carlo Simionato

I 4 tipi di danno da CA descritti da Mc Ewen et al. sono:

STRESS CRONICO
MANCATO ADATTAMENTO
INCAPACITA’ DI BLOCCO DELLA RISPOSTA INADEGUATA RISPOSTA ORMONALE

Il CA può essere

incrementato anche da abitudini di vita dannose come lo scarso esercizio fisico, la dieta ricca di grassi, il fumo, l’abuso di alcool.
Si può misurare :

Pressione Arteriosa Sistolica
HbA1C (Emoglobina Glicata) Pressione Arteriosa Diastolica
DEA-S (DeidroEpiAndrosteron-Solfato) (antagonista dell’asse HPA) Circonferenza Vita

Cortisolo Urinario (Urina 12 h)
Colesterolo Totale
Escrezione urinaria di Epinefrina (Urina 12 h) Colesterolo HDL
Escrezione Urinaria di Norepinefrina (Urina 12 h)

Carlo Simionato

—-

Conclusioni

Secondo il modello bio-psico-sociale :

  • 1)  lo stato di Salute e/o di Malattia di ogni Persona Umana (Professionista o Utente) è sempre dovuto al
  • — sommarsi di componenti Biologiche, Psicologiche e Socio-Culturali
  • 2)  la Psicosomatica si occupa della interazione tra mente (cervello) e modificazioni somatiche (neuromuscolari,neurovegetative, neuroendocrine , immunitarie) associate alle risposte emozionali;
  • 3)  ampia gamma di fattori >enfasi sulle relazioni tra i differenti determinanti;
  • 4)  tutti i determinanti di salute sono importanti e nessuno è più importante dell’altro; 
  • 5)   page30image9680.png page30image9880.pngforte risonanza con la definizione di salute dell’OMS.

Conclusioni

Secondo il modello bio-psico-sociale :

  • 1)  la Cura si basa sempre su una forte relazione terapeutica;
  • 2)  si considera importante non contrapporre intervento farmacologico ad intervento psicologico;
  • 3)  si valutano altri interventi corporei efficaci (biofeedback, terapie di rilassamento, agopuntura, esercizio fisico ecc);
  • 4)  si associano sempre interventi possibili sul piano relazionale, sociale, ambientale.

Una relazione supportiva annulla l’elevazione del cortisolo da frustrazione

• 20 soggetti normali eseguono un test di prestazione, monitorati sono sistematicamente frustrati nonostante ogni loro sforzo (il test è truccato).

Un gruppo però è “trattato” con frasi
di “sostegno”, l’altro è lasciato solo
con i suoi errori.
Il cortisolo nel gruppo stressato sale, in quello “supportato” invece scende.

Biondi e al 1986

 —-

CONSTITUTION DE L’ORGANISATION MONDIALE DE LA SANTÉ

Gli Stati partecipanti alla presente costituzione dichiarano, conformemente alla Carta delle Nazioni Unite,
che alla base della felicità dei popoli, delle loro relazioni armoniose e della loro sicurezza, stanno i principi seguenti:

La Salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, e non consiste solo in un assenza di malattia o d’infermità.

Il possesso del migliore stato di salute possibile costituisce un diritto fondamentale di ogni essere umano, senza distinzione di razza, di religione, d’opinioni politiche, di condizione economica o sociale.

La salute di tutti i popoli è una condizione fondamentale della pace del mondo e della sicurezza …..

Lo sviluppo sano del fanciullo è d’importanza fondamentale; l’attitudine a vivere in armonia con un ambiente in piena trasformazione è essenziale per questo sviluppo.

Capo II Delle Funzioni

Art. 2 m) Favorisce ogni attività nel campo dell’igiene mentale, specialmente le attività che si riferiscono allo stabilimento di relazioni armoniose tra gli uomini;

——–

Centro Studi P.I.I.E.C.

Il modello P.I.I.E.C. in psicosomatica: Le Tecniche integrate

Conduttori: T.Agazzi; E.Faretta; E.Ferrari; P. Molinari

Cremona, 17-18 maggio 2014

IL CASO DI ADA

@ Ada é una donna di 44 anni che ne dimostra tra i 30 o 35 anni, costituzionalmente tendente al gracile, alta circa un metro e sessanta per 42 kg di peso.
Ha capelli lisci, biondo slavato un poco opachi; gli occhi sono di un azzurro pallido

@ Si muove e parla a scatti, alternando periodi di silenzio anche prolungato a momenti in cui é come se si parlasse addosso, incessantemente, e non importando di quale argomento si possa trattare.

@ Sarebbe difficile definirla come brutta o bella, ha denti abbastanza regolari, le labbra sottili, sorride di rado e, quando ciò avviene é come se però mancasse qualche cosa.

@ Il corpo appare abbastanza proporzionato nelle sue varie parti anche se la poca cura che mette nel vestire non contribuisce alla valorizzazione del suo aspetto esteriore.

@ Seconda figlia tra due maschi che sposati vivono in altre città, ha avuto una vita familiare che definisce abbastanza normale con un padre spesso lontano da casa per il lavoro di rappresentante ed una madre casalinga senza apparenti interessi al di fuori della famiglia, piuttosto riservata e preoccupata di tutto.

@ Ha frequentato le scuole magistrali che ha dovuto interrompere per la morte del padre (incidente) per contribuire, lavorando come commessa, al bilancio familiare.

@ La madre vive attualmente e da tempo con il fratello maggiore a cui é stata sempre molto legata. Non ha mai avuto grossi problemi di salute anche se da piccola mangiava poco,accusava spesso male alla pancia durante la settimana nel periodo scolastico e ha qualche leggero disturbo in occasione delle mestruazioni, prima delle quali, a volte, si sente un poco triste.

@ Ha sempre avuto invece qualche problema nel dormire, da piccola voleva la luce accesa perché aveva fatto sogni che l’avevano spaventata e da cui si era svegliata tutta sudata, ma non ne ricorda il contenuto.

@ Ancora oggi a volte fa un poco di fatica ad addormentarsi e si sveglia stanca.

@ È sposata da una decina d’anni con un uomo che definisce “buono ma…” e anche lui é spesso assente per lavoro.
Ha due figli:una bambina di 9 anni”voluta”e un bambino di cinque” arrivato”.

@ Abita alla periferia di una grande città settentrionale ove si é trasferita col matrimonio provenendo da un piccolo centro urbano dell’Abruzzo.

@ Da quattro anni convive con la suocera che, rimasta vedova si é trasferita da loro e con la quale “non c’é molta confidenza”.
La suocera è una donna di 65 anni energica, abituata a comandare che gestiva un negozio e che “vuole mettere il becco in tutte le cose ed avere sempre ragione”

@ Alle lamentele di Ada, il marito risponde che ci vuole pazienza, che la madre è fatta così, che in fondo é buona e anche generosa e che in un momento di difficoltà lei li ha aiutati, e che, poi “é sempre mia madre”.
Quando avvengono queste discussioni Ada sente una specie di “groppo” dentro e non sà più cosa dire o fare se non “mandare giù”.

@ In genere, in queste circostanze, dopo un poco, avviene che, inavvertitamente, Ada fa cadere, mandandolo in pezzi qualche oggetto a cui la suocera teneva molto, “uno di quegli insopportabili soprammobili con cui mi ha riempito la casa”.

@ Per questi fatti si sente dare della sbadata, dall’uno o dall’altra senza però che, “stranamente”, senta particolare fastidio.

@ Da qualche mese a questa parte, alla stanchezza che fà da costante sottofondo alle sue giornate, sembra essersi aggiunta una certa difficoltà a digerire, come un “senso di pieno” dopo mangiato, una certa sonnolenza, ed un aumento delle difficoltà che ha sempre avuto nell’andare di corpo.
A volte lontano dai pasti sente come un senso di “languore” alla bocca dello stomaco, altre volte come se ci fosse qualcosa che “stringe”.

Si reca dal medico di base che le diagnostica una gastrite e le prescrive alcuni rimedi farmacologici.

@ Un giorno, mentre sta facendo la spesa al supermercato, sente una specie di giramento, una debolezza e un tremore alle gambe, uno stringimento alla gola, una sensazione di doloroso fastidio per il rumore dell’ambiente e per la troppa gente che la “soffoca” come l’ambiente da cui vorrebbe scappare.

@ Riesce a resistere e a non farlo per paura di cosa potrebbe dire la gente e, con molta fatica facendosi forza riesce a pagare alla cassa ed uscire all’ aperto, dove l’aria fredda la fa riprendere, anche se le rimane una forte spossatezza e una sensazione in tutto il corpo “come se avessi preso delle bastonate” .

@ “Sarà l’influenza” pensa.
La suocera la convince a ritornare dal medico per farsi misurare la pressione e farsi dare anche qualche ricostituente per tenersi su;. cosa che lei fa,seppure a malincuore, non osando rifiutarsi.

@ Il medico a questo punto le prescrive una serie di esami, oltre a misurarle la pressione (leggermente bassa) e, in attesa dei risultati, le suggerisce di prendere anche un epatoprotettore e un ricostituente intramuscolare perché a più veloce azione.

2

@ Poiché i risultati degli esami risultano negativi, ma i disturbi rimangono “tali e quali” e anzi quel languore a digiuno continua, il medico le prescrive una gastroscopia ed altri ulteriori esami.
Il tutto con esito negativo.

@ A questo punto, le viene ‘proposta’ la diagnosi di “disturbo psicosomatico” che viene dal medico di base trattato con qualche altro farmaco e il Lexotan.
La diagnosi é presa per buona sia da Ada che dal marito e soprattutto dalla suocera, che vede così accentuarsi la sua posizione direttiva, mentre Ada si sente in qualche modo autorizzata a rinunciare ad una battaglia impari con la stessa suocera.

Il marito si sente inoltre più libero non essendo più al centro della competizione tra le due donne di casa.

@ Per un certo tempo, forse a seguito dell’azione psicofarmacologica, la vita di Ada trascorre con una certa opaca tranquillità.
Un giorno però, improvvisamente, mentre sta percorrendo un viale per recarsi alla stazione della metropolitana, Ada viene colta da una strana sensazione:

é come se le cose attorno a lei, alberi case persone assumessero un aspetto strano, come se, quel viale che percorreva tutti i giorni, quella strada che era solita attraversare non fossero più gli stessi, come se le fossero estranei, come se lei stessa si sentisse estranea e non si riconoscesse…
@ Prova un senso di “terribile smarrimento”, una sgradevole sensazione di freddo che si trasforma subito in un’altrettanto sgradevole sensazione di calore in tutto il corpo che la lascia sudata e come svuotata.

@ La strada attorno le sembra enorme,le porte dei negozi ove potrebbe rifugiarsi sembrano lontanissimi, irraggiungibili, l’ingresso del metrò che é più vicino le fa paura, quasi una bocca spalancata che potrebbe ingoiarla, la sensazione incombente ed insostenibile che qualche cosa di terribile stia per accaderle…..e pensa che sta impazzendo o morendo..

@ Immobile, in preda ad una sensazione di “terrore”, per un tempo che sembra incredibilmente lungo, Ada vede girare tutto: le case, gli alberi,i visi deformi di strani esseri finché………….. Comincia a sentire,come ovattate e lontane, delle voci, delle parole di cui non comprende il significato e quando riesce ad aprire gli occhi, vede delle facce preoccupate chine su di lei che, non più deformate la guardano, mentre cominciano a comparire i contorni e gli elementi dell’ambiente in cui si trova, allungata alla meglio su due sedie, nel negozio del salumiere da cui era uscita poco tempo prima, che però ora sembrava un’eternità, per recarsi al metrò.

@ Va anche cominciando a comprendere dei frammenti di frasi che parlano di lei e della opportunità di chiamare un’ambulanza.

Con una estrema fatica,in preda ad una debolezza estrema,riesce a convincere quelle soccorrevoli e preoccupate persone che non era il caso,che ormai si sentiva abbastanza bene, che abitava lì vicino e che preferiva tornare a casa anche per non allarmare i suoi familiari.
Sforzandosi di sorridere, ed assicurando la premurosa moglie del salumiere che avrebbe chiamato il medico, alla fine riesce a tornare a casa scortata da due signore che, “casualmente” abitavano proprio vicino a lei.

A casa cerca di minimizzare al massimo l’accaduto anche se non sa bene perché.
Pur essendo molto spaventata non ne vuole parlare quasi che la rievocazione dell’evento potesse farlo riapparire.

@ Nei giorni successivi prova difficoltà sempre maggiori ad uscire di casa e quando, facendosi 3

forza, cerca di farlo lo stesso comincia a risentire una sensazione che teme di riconoscere e rientra precipitosamente in casa.
Da allora Ada trova sempre nuovi motivi per non uscire di casa da sola e per farsi accompagnare,cosa che la suocera fa con sollecitudine.

@ E la suocera l’accompagna anche da vari medici specialisti e no che comincia a consultare, un po per i vari smistamenti prescritti dalle strutture dell’ASL un po “in privato” seguendo questo o quel consiglio però sempre senza risultati

@ Questo per qualche mese finché la suocera, che ormai cominciava anche ad essere stanca di questa situazione che, oltre ad impegnarla molto non poteva però controllare, scoprì sempre casualmente su un giornale dalla “parrucchiera” un articolo che parlava di “psicoterapia”.
Lesse l’articolo, ne comprese più o meno il contenuto ma tornò a casa con una idea ben precisa in testa: Ada doveva fare la psicoterapia.

E fu ciò che impose alla nuora

————————————————–

Sintesi di un caso clinico seguito

con l’approccio psicosinte1co Ca1a Camarri

Psicologa Psicoterapeuta

Centro di Psicosintesi Clinica Via San Domenico 14 – 50133 – Firenze

www.scuolapsicosintesi.com

EstraB dalla Cartella Clinica I

• Diagnosi giugno 2006

da Ambulatorio di Medicina Psicosoma1ca – AOU Careggi, Firenze per pz donna di 54 aa., lì seguita e in traNamento da inizio 2006 c/o U.O. di Gastroenterologia dell’AOUCareggi per reNo-colite ulcerosa cronica con vari episodi di riacu1zzazione con ansia generalizzata All’Intervista MINI PLUS per Asse I del DSM-IV presentava : disturbo di ansia generalizzata

All’MMPI-2 erano evidenziabili: traB ossessivi, passivo- dipenden1, introversione sociale. In par1colare, dal report narra1vo : “l’ansia si esprime prevalentemente soNo forma di una patologica tendenza a polarizzare la propria aNenzione sui disturbi soma1ci e ad u1lizzare ciò come mezzo di comunicazione non verbale”.

All’Intervista per i Diagnos2c Criteria for Psychosoma2c Research(DCPR): ansia per la salute, negazione di malaBa, tanatofobia, nosofobia, umore irritabile, demoralizzazione, comportamento di 1po A

Estratti dalla Cartella Clinica II

• Even1 stressan1 recen1 significa1vi:
– nel 2005, estate: crisi nel rapporto coniugale (la paziente sospetta

un tradimento del marito, che di lavoro fa il macellaio), poi superata; da settembre: fiacchezza costante successivamente collegata a inizio di retto-colite; da novembre: aumento di responsabilità sul posto di lavoro (ingresso come membro del Consiglio d’Is1tuto; la pz è insegnante di scuola materna)

– nel 2006, primavera: primi episodi di diarrea, ricoveri di approfondimento in gastroenterologia, diagnosi di reNo-colite ulcerosa, dopo alcuni mesi: intervento chirurgico (colectomia parziale)e assunzione successiva costante di un farmaco (Asacol) con remissione della sintomatologia.

– nel 2008, marzo: manifestazione dell’epilessia del figlio diciassettenne con episodio di convulsioni; 

-luglio: peggioramento stato di salute della madre; novembre: peggioramento dei contrasti in ambito lavorativo, 

-morte della madre.

Estratto dalla Cartella Clinica III

Richiesta di psicoterapia (febbraio 2009): per: migliore gestione dei conflitto con colleghe e delle preoccupazioni emerse su più fronti, in par1colare riferimento all’ultimo anno precedente all’invio; gestione dei forti livelli di ansia; elaborazione del luNo materno

MODELLO PSICOSINTETICO: MAPPA DELL’OVOIDE

– campo di coscienza limitato

–  irruzione contenu1 inconscio inferiore disturban1 (es. ansia ed emozioni nega1ve come rabbia e invidia)

–  accenni di contaNo con inconscio superiore (es. fede religiosa, senso di unione e armonia quando immersa nella natura)

–  integrazione iniziale tra i livelli scarsa

MODELLO PSICOSINTETICO: MAPPA TIPOLOGICA

Rifacendosi ai 7 1pi umani sec. Assagioli, dai primi colloqui emergono maggiormente aspeB del “1po organizza1vo”

e del “1po amore” (quest’ul1mo a livello involuto)

MAPPA STELLA FUNZIONI PSICHICHE

–  polarizzazione su funzioni: pensiero, emozione/sen1mento, impulso/ desiderio, sensazione

–  scarso contatto con intuizione e volontà

–  u1lizzabile a scopo terapeu1co la funzione immagina1va

MAPPA CORPO-EMOZIONI-MENTE

–  forte attenzione all’elemento corporeo sopraNuNo nel senso di allarme per possibili problemi di salute (ansia per la salute)

–  difficoltà a gestire ed esprimere correttamente le emozioni nega1ve spesso giudicate e represse, vissute però intensamente (in par1colare ansia e rabbia)

–  presenza di pensieri ripettivi e inerenti alle preoccupazioni

–  influenza nega1va reciproca dei tre livelli: le tensioni emotive e mentali vengono vissute sul piano fisico ed i segnali corporei interpretabili in senso sintoma1co suscitano a loro volta pensieri nega1vi e preoccupazioni

Percorso psicoterapeutico Piano e processo terapeutico:

•  maggiore acceNazione e progressiva migliore espressione emozioni nega1ve (in particolare la rabbia)

•  riduzione del livello di ansia e delle preoccupazioni sia nell’ambito dei rapporti interpersonali che in quello della salute

•  Elaborazione del ruolo materno e riflessioni sul ruolo materno della stessa paziente

•  presa di coscienza ed analisi dei complessi e dei conflittti naturali e loro collegamenti e parallelismi con vissuti e relazioni relativi alla famiglia d’origine (in par1colare con madre e sorelle)

•  accrescimento di: livello di autostma, sicurezza interiore, fiducia

•  prosecuzione dell’affiancamento medico-psichiatrico (Ambulatorio di Medicina Psicosoma1ca) per supporto farmacologico con SSRI e benzodiazepine (l’SSRI è stato gradualmente scalato nel dosaggio dopo i primi sei mesi di psicoterapia fino alla sospensione nell’ultimo anno; l’ansiolitico è stato gradualmente ridotto nei primi due anni e poi ne è stata concordata l’assunzione al bisogno).

Percorso psicoterapeutico

• Principali tecniche utilizzate:
-colloquio (rivolto al processo di consapevolezza e anali1co)

-rapporto terapeutico (alleanza terapeutica sugli obieBvi concorda1 e transfert positivo di fiducia e affidamento)

-scrittura (es.  da non consegnare al destinatario con espressione di emozioni)

-dialogo con subpersonalità e con altri interlocutori intrapsichici (tecnica gestaltica della “sedia vuota”)

-tecnica psicocorporea:training autogeno

-tecnica immagina1va con uso di simboli (visualizzazione simbolica)

-meditazione riflessiva (es. sulle qualità)

Decorso e Conclusioni

•  Già dopo i primi sei mesi di trattamento migliorano le interazioni sul posto di lavoro, si riducono i livelli di ansia ed aumenta la sicurezza in se stessa; diminuisce fino a scomparire la demoralizzazione

•  Col procedere del lavoro psicoterapeutico, protratto per un totale di circa due anni e mezzo, aumentano gradualmente la consapevolezza, il livello di autonomia e le capacità di coping anche davanti a nuovi problemi di salute (agli occhi, con intervento di cataraNa nel 2010), diventano più sporadici gli episodi di umore irritabile pur rimanendo la pz una personalità di base con tendenza al comportamento di 1po A, per cui da un settimanale si passa prima ad uno quindicinale, dopo i primi sei mesi di lavoro, e infine mensile, l’ultimo anno, fino allo scioglimento del rapporto

•  Alla conclusione la persona non manifesta sintomi sul piano soma1co riguardo alla retto-colite e mostra di gestire in maniera sufficientemente adeguata le situazioni potenzialmente ansiogene nei vari ambi1 di vita e alcuni aspetti dello stile di vita risultano stabilmente modifica1 (ad es. diversa attenzione e cura verso il corpo e maggiore capacità di ritagliarsi tempi e spazi solo propri rispeNo alle vicissitudini lavora1ve e familiari)

IL PARADIGMA RELAZIONALE. IL GRUPPO BALINT

Quanto identificarci?

• “Nessuno è stato da me curato diversamente da come vorrei essere curato io, se mi capitasse la stessa mala7a”.

• Medico inglese del XVII° secolo citato da K. Jaspers nel libro “ Il medico nell’età della tecnica” ed. CorAna, 1991

Quanto identificarci?

• Questa frase fonda la sua efficacia sul possibile scambio di ruoli fra l’essere medico e l’essere paziente e rimanda al fenomeno dell’identificazione che consente, se ben conosciuto, di comprendere meglio l’altro.

Quanto identificarci?

• In altri termini, medico e paziente, quando si incontrano, a[vano una relazione che a sua volta, come cercheremo di vedere, diventa una componente importante dell’a\o medico.

“ Consensus statement su medicina psicosomatica e formazione psicologica del medico” (AA.VV.,1977).

• – riumanizzare il rapporto medico-paziente
• – recuperare lo sAle di un’arte sanitaria centrata più

sul malato che sulla malattia

• – a restuire la giusta e opportuna dignità sia a chi soffre sia a chi cura

– integrare, tra i fa\ori di rischio delle mala[e fisiche, le variabili di personalità, gli sAli di vita, i modelli comportamentali, le relazioni interpersonali.

   “ Consensus statement su medicina psicosomaAca e formazione psicologica del medico” (AA.VV.,1977).

• Da ciò deriva con ogni evidenza la centralità della relazione: essa definisce il campo relazionale, ovvero la scena all’interno della quale l’agire professionale si a[va.

Le competenze

• Una professionalità che possa assicurare prestazioni di qualità, efficienA ed efficaci deve essere sostenuta da adeguate competenze.

• Ne propongo tre:
• la competenza del sapere
• la competenza relazionale
• la competenza conversazionale.

La competenza del sapere

•  La “competenza del sapere”, è quella competenza che consente di conoscere gli aspe[ tecnici Apici di quella professione e che quindi va curata con conAnui aggiornamenA e revisioni.

•  L’ogge\o di tale competenza, è naturalmente molto diversificato a seconda delle professioni ed è quello che proprio per questo può più facilmente essere “prestato” (ogni specialista conosce molto meglio il proprio ambito di sapere rispe\o ad altre specialità).

La competenza conversazionale

• E’ quella competenza che consente di saper usare le parole che si scambiano durante le a[vità professionali e per la cui acquisizione ci si rifà alla ricerca di Lai nel Conversazionalismo ed all’a[vità dell’Accademia delle Tecniche Conversazionali.

Minervino 2005 9

Narrare la mala[a

• La medicina somaAca, e buona parte della psichiatria e della psicologia, non hanno ancora preso nella dovuta considerazione l’aspe\o dell’ammalarsi consistente nel racconto, la narrazione che il paziente fa della propria esperienza di mala[a sia al medico sia a chiunque altro possa trovarsi nella condizione di raccogliere questa narrazione (familiari, amici, altre professioni sanitarie).

La competenza relazionale

• Ogge\o della competenza relazionale è la relazione medico-paziente. Definisce il campo relazionale, ovvero la scena all’interno della quale l’agire professionale si a[va e proprio in questa trova l’ambito migliore per essere efficace. Ne deriva che la qualità del campo relazionale diventa una variabile importante e che la relaAva “competenza relazionale” è uno strumento professionale non accessorio.

 La competenza relazionale

• Possiamo condividere che nell’incontro professionale fra curante e paziente, fra chi porta un bisogno ed esprime una domanda e chi è nella posizione di raccogliere quella domanda e di formulare una risposta a quel bisogno, sempre si verifica un coinvolgimento relazionale che impegna la persona dell’uno e dell’altro.

La competenza relazionale

• La naturale conseguenza di ciò è che le componenA affe[ve, emoAve, cara\erologiche di ogni paziente e di ogni curante sono decisive, in posiAvo ed in negaAvo, ai fini dell’efficacia degli intervenA.

La competenza relazionale

• E che le conoscenze tecniche e le competenze specifiche a[nenA alle varie funzioni degli operatori socio-sanitari, per quanto sofisAcate e complesse, possono essere corroborate, ma anche fortemente ostacolate, dal cosidde\o fa\ore umano che trova nella relazione il suo campo d’azione.

La competenza relazionale

• La consapevolezza dell’esistenza di questo fa\ore (la sua conoscenza), ma sopra\u\o la gesAone e l’uso, ai fini terapeuAci, della propria personalità, delle proprie risorse umane, delle proprie capacità relazionali sono tu[ elemenA che raramente, e solo in sogge[ naturalmente dotaA, si sviluppano e si accrescono solo con l’esperienza di vita e professionale.

La competenza relazionale

• Per la verità si è portaA più comunemente a pensare che sia sufficiente ed opportuno affidare al cosidde\o buonsenso la componente relazionale della propria professione e che proprio l’accumulo dell’esperienza di vita e professionale cosAtuisca una buona garanzia in questo senso

Il ruolo terapeuAco del medico

•  Del ruolo terapeuAco, la funzione psicologica è elemento connaturato ed imprescindibile.

•  Non c’è infa[ un ruolo terapeuAco che possa esercitarsi senza a[vare una funzione psicologica che è, a sua volta, condizione per la presa in carico della persona del paziente e la cui a[vazione, insieme alle altre funzioni ( come quella di criAca e di giudizio) , consente di effe\uare quella che viene definito un ‘approccio globale’.

Il ruolo terapeuAco del medico

• Non penso che si debba essere capace di fare anche delle terapie psicologiche in senso specialisAco, ma che, nel proprio ruolo terapeuAco, si sappia esercitare quella funzione psicologica che indubbiamente completa la professione, che è nelle aspe\aAve dei pazienA e che può essere acquisita grazie ad un iter formaAvo che ha un suo inAmo meccanismo e delle peculiarità dalle quali non si può prescindere.

Il ruolo terapeuAco del medico

• Se pensiamo alle terapie psicologiche in senso specifico, alle psicoterapie di questa o quella impostazione, l’esercizio di quella funzione psicologica cui abbiamo fa\o cenno rimanda ad una valenza psicoterapica aspecifica che si a[va nella relazione col paziente.

Il medico psicoterapeuta nonostante sé stesso!

• In maniera provocatoria potremmo chiederci se il medico, nell’esercizio della sua professione ed in virtù del ruolo terapeuAco che si a[va nel campo relazionale non possa essere definito psicoterapeuta nonostante sé stesso!

IL Gruppo Balint

•  L’esperienza del ”metodo Balint” viene descri\a nel libro “Medico, paziente, mala[a” (1957), che esce in Italia per la prima volta nel 1961.

•  “Tecniche psicoterapiche in medicina” e “Sei minuA per il paziente”.

•  A\ualmente la metodologia dei gruppi Balint come strumento di formazione psicologica si é ampiamente diffusa e la le\eratura é ricca di tesAmonianze in questo senso.

Gli Incontri Internazionali Balint di Ascona

• B. Luban-Plozza va a Londra nel 1960 per fargli visita e l’invita in Svizzera

• nel 1961Balint fa il suo primo viaggio in Svizzera e sceglie il Monte Verità di Ascona come regolare soggiorno di studio e di vacanza .

• Nel 1975 alla presenza della vedova di Balint , Enid, venne dedicata a Michael Balint il salone del centro Monte Verità, sopra Ascona.

Minervino 2005 23

Gli Incontri Internazionali Balint di Ascona

•  Il Monte Verità ha rappresentato e rappresenta un luogo di grande tradizione per l’applicazione del metodo Balint e per la conAnuazione della ricerca nella direzione tracciata da Balint .

•  Dal 1972 iniziano gli incontri internazionali Balint coordinaA da Boris Luban-Plozza e ben presto l’OMS ed il Consiglio d’Europa guardano a tali iniziaAve con interesse e dando il loro sostegno. E’ da queste a[vità che nascono il ” modello di Ascona” e l’esperienza dei Gruppi Monte Verità ( Luban-Plozza).

S.I.M.P. e la scelta balinAana

•  Nel 1965, durante la VI conferenza dell’European Group for Psychosoma8c Research di Atene, venne affidato agli italiani Antonelli e Cimica il compito di organizzare la successiva conferenza a Roma due anni dopo. In occasione di quell’evento, fu deciso di cosAtuire una società italiana,

•  La SIMP fu cosAtuita il 6 giugno 1966 come Associazione da F. Antonelli

•  Nel 1967 si tenne a Roma la Se[mana Internazionale di PsicosomaAca in coincidenza del I° Congresso Nazionale che vide la partecipazione di M Balint

•  Acta Medica PsychosomaAca
(1968) a cura di F. Antonelli e L. Ancona

Le giornate Balint Parmensi

• Dal 1989 al 2000 la sezione A[vità FormaAve- Gruppi Balint della S.I.M.P. ha organizzato a Parma una giornata nazionale di informazione-sensibilizzazione al Gruppo Balint sul modello di Ascona, esperienza che è ripresa da alcuni anni.

Il gruppo Balint

Elemen= di base

• Centralità della persona e non della mala[a • Il medico come farmaco
• Esercizio consapevole di tale funzione
• Approccio globale

• Stare meglio per fare bene

Il Gruppo Balint

Cos’è e come funziona

• Composizione
• Racconto del caso
• La guida del condu\ore • La frequenza

Il Gruppo Balint

Cos’è e come funziona • In sintesi:

• lo si definisce un piccolo gruppo, di formazione, con conduBore,

con=nuo, eterocentrato e di orientamento psicoanali=co

Il Gruppo Balint

– la processualità dell’esperienza formaAva del Gruppo Balint;

– la moAvazione dei partecipanA;
– la scrupolosa a\enzione alla relazione

condu\ore gruppo; – l’eterocentratura.

Il Gruppo Balint

• l’informazione,
• la sensibilizzazione,
• la formazione vera e propria

• la formazione dei formatori (Rusconi, 1973).

——

CONSTITUTION DE L’ORGANISATION MONDIALE DE LA SANTÉ

Signée à New York le 22 juillet 1946
Approuvée par l’Assemblée fédérale le 19 décembre 1946 Instrument de ratification déposé par la Suisse le 29 mars 1947 Entrée en vigueur pour la Suisse le 7 avril 1948

Gli Stati partecipanti alla presente costituzione dichiarano, conformemente alla Carta delle Nazioni Unite,
che alla base della felicità dei popoli, delle loro relazioni armoniose e della loro sicurezza, stanno i principi seguenti:

La Salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, e non consiste solo in un assenza di malattia o d’infermità.

Il possesso del migliore stato di salute possibile costituisce un diritto fondamentale di ogni essere umano, senza distinzione di razza, di religione, d’opinioni politiche, di condizione economica o sociale.

La salute di tutti i popoli è una condizione fondamentale della pace del mondo e della sicurezza …..

Lo sviluppo sano del fanciullo è d’importanza fondamentale; l’attitudine a vivere in armonia con un ambiente in piena trasformazione è essenziale per questo sviluppo.

Capo II Delle Funzioni

Art. 2 m) Favorisce ogni attività nel campo dell’igiene mentale, specialmente le attività che si riferiscono allo stabilimento di relazioni armoniose tra gli uomini.