Archivi categoria: DEPRESSIONE

depressione

SALUTE CHE FUNZIONA – Non più attese per visite mediche e … costa meno del tiket – Santagostino Poliambulatorio Specialistico

Basta code e attese di mesi per avere un esame o una visita medica ... funziona benissimo e … costa meno di un tiket E’ POSSIBILE ?

— SI

Il Centro Medico Santagostino è una realtà sanitaria innovativa, che offre salute accessibile e di qualità in oltre 40 specialità.

SENZA FONDI PUBBLICI: si tratta solo di una gestione dove tutti guadagnano e accettano delle regole economiche moralmente ragionevoli (anche per il cliente).

Un’offerta di qualità in cui il prezzo è un ulteriore elemento di valore. Qualche esempio? Visite specialistiche a 60 euro!

NIENTE ATTESE COSTA MENO DEL TIKET; qui è possibile accorpare diversi esami e/o visite specialistiche, per risolvere tutto  in una sola volta.

NE HA PARLATO ANCHE IL PROGRAMMA REPORT della brava giornalista Milena Gabbianelli.

Merita più di un’occhiata il sito  dei Centri Polispecialistici Santagostino a Milano, Sesto San Giovanni, Bologna …  http://www.cmsantagostino.it

NUMEROSI SEDI A MILANO (anche Sesto san Giovanni) E BOLOGNA.

Esempio di una sede di  Milano:

Piazza Sant’Agostino, 1,
Telefono:02 8970 1702
Orari: Oggi aperto · 08–21

CENTRO PRENOTAZIONI

Telefoni:

02 89 701 701

02 89 701 702

Dal lunedì al venerdì
dalle 8.00 alle 20.00.
Sabato dalle 8.30 alle 15.30.

PRENOTA VIA SMS

366 5860316

PRENOTA VIA WHATSAPP

344 1003172

PRENOTA VIA EMAIL

prenotazioni@cmsantagostino.it

INFORMATI VIA EMAIL

informazioni@cmsantagostino.it

QUALE E’ IL SEGRETO DELLA FELICITA’ ? Cosa rende realmente felici ?

Il più ampio studio che riguarda felicità è quello dell’Università di Harvard; dal 1942.

E’ durato oltre 75 anni ed ha studiato la vita di 268 studenti.

Sponsor dello studio il magnate dei grandi magazzini W.T.Grant; in quanto voleva scoprire cosa rende una persona più felice e sana di un’altra.

La ricerca non ha monitorato solo i rampolli delle migliori famiglie, studenti ad Harvard, ma si è allargata anche a 456 proletari dei ghetti di Boston.

Quali i risultati ?

-il campione dei figli delle più ricche famiglie americane, non è risultato avere una vita più felice dell’altro campione proletario, per non dire indigente.

-a 50 anni, oltre un terzo dei più privilegiati d’America, soffriva di malattie mentali, alcolismo e dipendenza da farmaci; oltre a morti improvvise e suicidi.

-nel 2015 il gruppo era ridotto a 60 soggetti

Cosa rende veramente felici ?

-genetica
-buona educazione (cultura)
-poco alcol
-attività fisica

SOPRATTUTTO LA CAPACITA’ DI SVILUPPARE MECCANISMI DI ADATTAMENTO AI VARI PROBLEMI CHE LA VITA CI PONE, OVVERO:

-CAPACITA’ DI SUPERARE LE DIFFICOLTA’, senza chiudersi in se stessi
-ESSERE APERTI AGLI ALTRI
-MATRIMONI SOLIDI
-RELAZIONI DURATURE.

Cosa fa scendere il rischio demenza senile? LE RELAZIONI CON GLI ALTRI E LA SALUTE.

Secondo la fondatrice dell’European Network of Positive Psychology,
Ilona Boniwell, fattori fondamentali per vivere bene e sani sono:

-SPOSARSI
-ADERIRE A UNA CHIESA
-NON PREOCCUPARSI DI FARE PIU’ SOLDI (ma ovviamente avere di che vivere decentemente)
-MIGLIORARE LA PROPRIA ISTRUZIONE
-ANDARE AVIVERE AL SOLE.

Il Wellington College di Londra, ha provato a sperimentare un’educazione alla felicità, sin dalle elementari. I risultati si potranno conoscere solo tra molti anni.

Vedi anche il libro: “ La scienza della felicitò “, di Ilona Boniwell, Il Mulino editore.

Psicologia neurologia e farmaci: depressione; ADHD Sindrome di iperattività; Ansia sociale o Sad…

Non vogliamo sostituirci a nessun specialista, siamo solo dei giornalisti, iscritti all’Ordine, che riportano quanto appreso durante conferenze,  testi scientifici, letture di autorevolissimi quotidiani come il New York Times e, purtroppo, anche per esperienze, se non personali, di molte persone che ci sono vicine.

Oggi la medicina ha fatto passi da gigante e risolve molti gravi problemi, ma come tutte le cose umane è fallibile.

I medicinali possono veramente risolvere tante patologie che la vita moderna ci “regala”, ma solo un onesto, bravo e intelligente specialista saprà aiutarvi ad uscire dai vostri problemi.

Disponiamo di medicinali capaci di aiutarci a superare moltissimi problemi, ma se le medicine scelte non fanno al caso del paziente, o le dosi sono esagerate o la diagnosi è  inappropriata, i danni che ne derivano possono essere irreversibili; proprio a causa della potenza di questi medicinali.

Purtroppo lo specialista e il medico sono informati sugli effetti dei medicinali solo dagli stessi rappresentanti delle case farmaceutiche  che producono il medicinale, e quindi tanto più vendono quanto più guadagnano, ed è quindi evidente quale grave conflitto di interessi vi sia su questo fatto.

NOTA: più sotto trovate anche  articoli con questi titoli:

LA PSICOLOGIA  E I BAMBINI

Negli USA e in tutto l’occidente, aumentano le diagnosi di ADHD (Sindrome di iperattività) e i bambini sono curati con i farmaci !

———

DEPRESSIONE GRAVE O NORMALE MOMENTO DOLOROSO DELLA VITA QUOTIDIANA ?

La semplice depressione oggi, viene affrontata dalla medicina con il martello più pesante che esista: il medicinale.

Dovrebbe essere considerato normale soffrire di depressione subito dopo un grave lutto….

————

SAD O FOBIA SOCIALE O ANSIA SOCIALE; non riguarda solo gli studenti, ma anche gli adulti.

Il New York Times riferisce di “una epidemia di Sad = Social Anxiety Disorder (in italiano: fobia sociale o ansia sociale; difficoltà ad avere normali relazioni con chi ci circonda) nei college americani”; aumentati del 15,2% tra il 2014 e il 2015.

Gli studenti diventano “sociofobici” (incapaci di normali relazioni sociali) per timore di un fallimento scolastico,

Diffusa anche la sindrome FOMO (paura di essere tagliati fuori per avere una vita meno sexy degli altri…o per altri motivi  in relazione agli standard imposti dai social  network.

Si tratta spesso di pazienti non solo giovani, ma spesso particolarmente  intelligenti, SONO PIU’ CREATIVI E SENSIBILI DELLA MEDIA.

Pare che l’intelligenza vada di pari passo con la paura del giudizio altrui; perché applica agli altri i livelli del suo valore.

LA GRANDE DISTINZIONE CHE SI DEVEV FARE E’:

-SI PUO’ TRATTARE SEMPLICEMENTE DI UNA PERSONA DAL CARATTERE INTROVERSO (percepisce un sentimento di diversità dalla media e beneficia della solitudine)

-DIVERSA E’ LA SITUAZIONE PATOLOGICA, CHE RICHIEDE L’INTERVENTO, INTELLIGENTE, DELLO SPECIALISTA.

Ecco alcuni sintomi patologici di chi soffre di fobie sociali:

-in un mondo che pretende sempre risposte brillanti, si autosabotano con una condotta di “evitamento”; abbandonano l’università per non affrontare test ed esami, non si presentano ai colloqui di lavoro…

– problemi a stare con estranei, “attaccare bottone”, malesseri prima di una prova o di un evento importante o percepito come tale, rende problematici o impossibili le relazioni con l’altro sesso, preclude importanti cambiamenti, traslochi, adempimenti burocratici, viaggi, pasti e discorsi in pubblico

-rossori, balbuzie, sudorazioni, palpitazioni, tremito alle mani, stanchezza, vomito… rendono queste persone poco desiderabili agli altri

-nei casi più gravi costringe il paziente a barricarsi in casa.

L’ANSIA SOCIALE riguarda in media il 13% della popolazione.

———–

DEPRESSIONE GRAVE O NORMALE MOMENTO DOLOROSO DELLA VITA QUOTIDIANA ?

La semplice depressione oggi, viene affrontata dalla medicina con il martello più pesante che esista: il medicinale.

Dovrebbe essere considerato normale soffrire di depressione subito dopo un grave lutto o dolore di qualunque genere; una situazione transitoria, un dolore che tutta l’umanità ha sempre sopportato considerandolo parte della vita e momentaneo.

Ora la medicina ci vuole dire che anche la depressione momentanea va trattata come una malattia e quindi con adeguati medicinali.

Non dimentichiamo mai che ogni medicinale, se cura o toglie il dolore immediatamente, come tale è un prodotto tossico che immettiamo nel nostro organismo e che può avere anche delle conseguenze gravi.

Va ricordato anche che non sono mai studiate, a sufficienza, le conseguenze delle assunzioni di diversi principi medicinali contemporaneamente e le loro conseguenze oltre i 10 anni di assunzione.

Il risultato del nuovo atteggiamento della medicina verso la depressione è evidenziato dalla

BIG PHARMA che ha registrato PROFITTI RECORD a partire dagli anni ’80, quando

-la timidezza fu battezzata dalla medicina ufficiale: FOBIA SOCIALE !

LA PRIMA EDIZIONE del DSM (Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders) 1952, parlava di

52 disturbi

LA QUANTA EDIZIONE parlava di

300 disturbi

LA QUINTA EDIZIONE

-E’ STATA ACCUSATA DI ABOLIRE LA NORMALITA’ !!!

Dovete sapere che il 70% della commissione di esperti che hanno scritto i testi di cui sopra aveva anche

RAPPORTI LAVORATIVI CON L’INDUSTRIA DEL SETTORE (si chiama conflitto di interessi).

-PER LA SALUTE DI TUTTI

SI DOVREBBE DISTINGUERE TRA 

MALESSERI DOVUTI AD UNA PRECISA LOGICA SITUAZIONE (esempio: morte di un familiare)

dai malesseri che hanno una radice biologica.

Dopo Freud e la psicanalisi si è arrivati a considerare

ANORMALE OGNI DEVIAZIONE DALLA SITUAZIONE DI FELICITA’ !

-Non potrebbe essere che la psicologia,
il lavorare su di sé, faccia parte della
malattia e non della cura? ….
Io credo che per la sopravvivenza del
mondo sia necessario prendersi cura con regolarità di un altro tipo di comunità, quella locale.”

La Medicina Psicosomatica oggi : dall‘Epistemologia alla Clinica

XIV° Congresso Nazionale della SIMP Firenze 1993.

NESSUNO DOVREBBE ESSERE COLPEVOLIZZATO DOPO UN FALLIMENTO (cosa assai frequente nella società attuale, efficentista per definizione), tanto meno convincevo che è malato.

-Fallimenti, dolori, tristezza, rabbia… fanno parte della vita; non devono essere curati come malattie.

Jerome Kagan: “I fantasmi della psicologia”, 26 euro, Bollati Boringhieri editore.

———–

LA PSICOLOGIA LA NEUROLOGIA  E I BAMBINI

Negli USA e in tutto l’occidente, aumentano le diagnosi di ADHD (Sindrome di iperattività) e i bambini sono curati con i farmaci !

-10.000 bambini americani, trai 2 e i 3 anni prendono farmaci per curare la sindrome da iperattività (ADHD). Il dato è stato riportato anche sul New York Times.

-un dato che dovrebbe fare pensare molto !

-il 7,5% dei ragazzi americani tra i 6 ed i 17 anni, secondo il Governo di Washington, assume farmaci per “difficoltà emotive e comportamentali”.

– per contro: negli ultimi vent’anni, l numero dei minorenni che assumono farmaci psicostimolanti è quintuplicato.

Anche in Italia i casi di ADHD sono sempre più segnalati come disturbi specifici dell’apprendimento, per legge vengono “certificati” e quindi finiscono nel nuovo calderone dei cosiddetti Bes: bisogni educativi speciali (ex disabilità).

-Il risultato è che molti bambini finiscono in percorsi di cura, senza averne realmente bisogno.

-Perché questo succede?

-La maestra che non sa come tenere a bada un bambino irrequieto, magari il più intelligente della classe che si annoia per le lezioni troppo facili per lui, chiama lo psicologo.

-Lo psicologo che ha solo studiato sui libri, sempre più frequentemente a favore delle case farmaceutiche in una società dove l’unica legge riconosciuta è il marketing, diagnostica un caso di ADHD e poi arrivano i farmaci e l’insegnate di sostegno (che ha solo una preparazione magistrale, ma nessuna competenza in psicologia a livello universitario; solo bevi e discutibili corsi di aggiornamento).

-La famiglia raramente è in grado di contrastare l’autorità dello psicologo e non conosce il pericolo che queste diagnosi e medicinali possono comportare.

-Può quindi accadere che la diagnosi sia funzionale alla richiesta di aiuto di un insegnate supplementare.

-La dottoressa Paola Milani, docente di pedagogia all’Università di Padova, sostiene che frequentemente questi bambini provengono da famiglie “negligenti”, ma vengono segnalati addirittura come casi di carattere genetico !!!

Mentre il

— tutto potrebbe essere risolto all’interno del rapporto scuola-famiglia.

PROBLEMI DI SONNO ? NE SOFFRONO 12 MILIONI DI ITALIANI

Tutti conoscono l’importanza di un buon sonno ristoratore.

Tra l’altro, durante il sonno rielaboriamo quanto è successo il giorno precedente e fissiamo quanto vogliamo ricordare nella nostra memoria.
Una buona dormita ci “rimette in sesto”.
Infatti se abbiamo dormito bene e a sufficienza ci svegliamo senza sofferenza e ci sentiamo in forma per affrontare una nuova giornata.
Purtroppo questo accade sempre più raramente.

I ritmi che ci impone l’attuale società non si conciliano affatto con un buon sonno.

Il nostro corpo mal sopporta il cambiamento di abitudini; andare a letto in orari molto diversi non favorisce un riposo ristoratore.

I rumori notturni della grande città, la vita in appartamenti con vicini che vivono secondo diversi orari dai nostri, il lavoro sempre più stressante, l’abitudine di fare tardi la sera dovuta anche a internet, la televisione, le serate che si protraggono nella notte, problemi gravi nella nostra vita quotidiana, la mancanza di una attività fisica; sono tutti motivi che portano ad un sonno disturbato.

Tra i migliori centri italiani per la cura del sonno segnaliamo il Centro di Medicina del Sonno dell’ospedale San Raffaele di Milano www.hsr.it e quello di TorVergata a Roma www.neuromed.it.

Qui di seguito la tabella diffusa dal National Sleep Foundation, ente no profit che negli Usa, per suggerire le ore ideali necessarie nelle varie fasce di età.

Neonati 0-3 mesi

Sonno raccomandato dalle 14 alle 17 ore; appropriato 11-13 ore e fino a 18-19 ore; non raccomandato al di sotto delle 11 ore e al di sopra delle 19

Dai 4 agli 11 mesi

Sonno raccomandato dalle 12 alle 15 ore; appropriato 10-11 ore o 16-18; non raccomandato meno di 10 ore e più di 18.

1-2 anni

Sonno raccomandato dalle 11 alle 14 ore; appropriato 9-10 ore e fino 15-16; non raccomandato meno di 9 ore o più di 16

3-5 anni

Sonno raccomandato 10-13 ore; appropriato 8-9 ore fino a 14; non raccomandato meno di 8 ore e più di 14

6-13 anni

Sonno raccomandato 9-11 ore; appropriato 7-8 ore fino a 12; non raccomandato meno di 7 ore e più di 12

14-17 anni

Sonno raccomandato 8-10 ore; appropriato 7 ore fino a 11; non raccomandato meno di 7 ore e più di 11



18-25 anni

Sonno raccomandato 7-9 ore; appropriato 6 fino a 10-11; non raccomandato meno di 6 ore e più di 11

26-64 anni

Sonno raccomandato 7-9 ore; appropriato 6 fino a 10; non raccomandato meno di 6 ore e più di 10



65 anni e oltre

Sonno raccomandato 7-8 ore; appropriato 5-6 ore fino a 9; non raccomandato meno di 5 ore e più di 9.