Archivi categoria: aspirina “tuttofare”

SALUTE CHE FUNZIONA – Non più attese per visite mediche e … costa meno del tiket – Santagostino Poliambulatorio Specialistico

Basta code e attese di mesi per avere un esame o una visita medica ... funziona benissimo e … costa meno di un tiket E’ POSSIBILE ?

— SI

Il Centro Medico Santagostino è una realtà sanitaria innovativa, che offre salute accessibile e di qualità in oltre 40 specialità.

SENZA FONDI PUBBLICI: si tratta solo di una gestione dove tutti guadagnano e accettano delle regole economiche moralmente ragionevoli (anche per il cliente).

Un’offerta di qualità in cui il prezzo è un ulteriore elemento di valore. Qualche esempio? Visite specialistiche a 60 euro!

NIENTE ATTESE COSTA MENO DEL TIKET; qui è possibile accorpare diversi esami e/o visite specialistiche, per risolvere tutto  in una sola volta.

NE HA PARLATO ANCHE IL PROGRAMMA REPORT della brava giornalista Milena Gabbianelli.

Merita più di un’occhiata il sito  dei Centri Polispecialistici Santagostino a Milano, Sesto San Giovanni, Bologna …  http://www.cmsantagostino.it

NUMEROSI SEDI A MILANO (anche Sesto san Giovanni) E BOLOGNA.

Esempio di una sede di  Milano:

Piazza Sant’Agostino, 1,
Telefono:02 8970 1702
Orari: Oggi aperto · 08–21

CENTRO PRENOTAZIONI

Telefoni:

02 89 701 701

02 89 701 702

Dal lunedì al venerdì
dalle 8.00 alle 20.00.
Sabato dalle 8.30 alle 15.30.

PRENOTA VIA SMS

366 5860316

PRENOTA VIA WHATSAPP

344 1003172

PRENOTA VIA EMAIL

prenotazioni@cmsantagostino.it

INFORMATI VIA EMAIL

informazioni@cmsantagostino.it

Salute – Mal di testa – “ Mangia sano che ti passa ”

Sono 6 milioni gli italiani che ogni giorno soffrono di mal di testa.

Le statistiche dicono che almeno il 15% della popolazione mondiale soffra di attacchi di cefalea ( mal di testa ).

Oggi sono almeno 90 le forme di cefalea classificate, ma non si ha ancora un quadro completo dei meccanismi di azione che portano alle crisi dolorose.

I mal di testa si curano, anche, con nuovi farmaci chiamati triptani; ma lo deve decidere lo specialista.

Fortissima è la differenza tra chi soffre dai 4 ai 6 attacchi di forti mal di testa al mese e chi ne subisce 15 (con dolori forti sino alle lacrime); in questo ultimo caso si tratta di patologia da curare assolutamente e urgentemente in ospedale.

Comunque già con 4 attacchi al mese sarebbe bene rivolgersi allo specialista.

Purtroppo la scienza moderna ha riconosciuto tra le cause delle emicranie anche quelle genetiche.

GLI ATTACCHI DI MAL DI TESTA (in genere e a differenza di quanto alcuni sostengono):

NON SONO CAUSATI DA CEFALEA

NON SONO CAUSATI DA SINUSITI (se si sente il dolore in quella zona non c’entra con le cause della cefalea, semplicemente di lì passano sottilissimi fili; che attraversano le ossa del cranio e sono collegati con il cervello. Questi fili, sottilissimi, sono il motivo per il quale si devono evitare bruschi sbalzi di temperatura)

NON SONO CASATI DA ARTROSI CERVICALE; non è mai la causa primaria delle emicranie

ATTENZIONE: l’assunzione costante dei comuni farmaci che tolgono il dolore, può causare smemoratezza.

IMPORTANTISSIMI PER NON AVERE MAL DI TESTA:

-PERIODI REGOLARI DI SONNO – SVEGLIA

NON SALTARE I PASTI

ATTENZIONE AI PROFUMI

mai esporsi improvvisamente al troppo caldo o troppo freddo

bere a sufficienza e abbondantemente

-molto importante l’ATTIVITA’ FISICA REGOLARE (bastano, come minimo, 60’ di camminata al giorno o almeno 3 volte alla settimana)

Ecco quanto consigliano i professori Barbanti e Jirillo (rispettivamente responsabile del Centro per le diagnosi e terapia delle cefalee e del dolore dell’Ircss San Raffaele alla Pisana di Roma e professore ordinario di Immunologia dell’Università Aldo Moro di Bari), che hanno scritto il libro “ Mangia sano che ti passa ”.

Ribadito il suggerimento di farsi visitare in un ospedale specializzato (come il San Raffaele a Milano ecc…) perché oggi la cura delle cefalee ha fatto grandi passi e vale la pena di curarsi, ecco i consigli più immediati:

-nella fase acuta è consigliato bere caffè anche doppio o lungo con limone (vecchio rimedio sempre valido); anche abbinare l’analgesico al caffè

-per la terapia dell’attacco acuto (MA NON DEVE ESSERE LA SOLUZIONE AL FORTE MAL DI TESTA FREQUENTE) sono disponibili vari farmaci: analgesici e antinfiammatori classici, che bloccano la percezione del dolore come acido acetilsalicilico (Aspirina), paracetamolo, ibuprofene, diclofenac … ma non sono la soluzione per chi soffre seriamente di mal di testa

evitare nitriti e nitrati contenuti in vini, insaccati, (non nel Prosciutto di qualità), cucina cinese, aperitivi, aperi-cene con assunzione di alcol abbinati a stuzzichini vari (non sempre dei buona qualità) e fritti (ovviamente stiamo parlando di abitudini, non di assunzioni assai occasionali)

Il rapporto tra alimentazione e mal di testa è un tema assai complesso; i professori Piero Barbanti e Emilio Jirillo, lo spiegano nel libro “ Mangia sano che ti passa ”.

ASPIRINA; UN FARMACO PREZIOSO PER MOLTE PATOLOGIE

Istituto di Farmacologia, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma

Aspirina come farmaco antitrombotico.

Prevenzione cardiovascolare, ha dimostrato una ridotta incidenza e mortalità da CRC (e altri tumori) nei soggetti trattati con aspirina.

Ridurre il rischio di complicanze trombotiche (sia a livello cardiaco che cerebrale) del processo aterosclerotico (aterotrombosi) con l’aspirina.

L’acido acetilsalicilico, sintetizzato in ambiente industriale nel 1897, è stato commercializzato come Aspirina® nel 1899.

Per i primi 70 anni della sua vita commerciale l’aspirina è stata impiegata come

-farmaco analgesico, antipiretico e anti-infiammatorio, fornendo il modello per lo sviluppo – a partire dagli anni ‘60 del XX secolo – dei farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS).

Le scoperte relative al meccanismo d’azione dell’aspirina negli anni ’70, e successivamente gli studi di farmacologia clinica sulla biosintesi piastrinica di trombossano (TX)A2 e sulla produzione endoteliale di prostaciclina (PGI2), con la dimostrazione della inibizione selettiva del TXA2 con basse dosi di aspirina, hanno fornito un solido razionale per il disegno di numerosi trial clinici in decine di migliaia di pazienti ad alto rischio cardiovascolare a partire dalla seconda metà degli anni ’80.1

Questi studi, condotti per lo più in maniera indipendente dalla comunità medico-scientifica con fondi pubblici, hanno dimostrato -l’efficacia e la sicurezza dell’aspirina a basse dosi (30-100 mg/die) nel

-ridurre il rischio di complicanze trombotiche (sia a livello cardiaco che cerebrale)1 del

-processo aterosclerotico (aterotrombosi).2 Tuttavia, laddove il rapporto beneficio (riduzione di eventi vascolari maggiori)/rischio (aumento di complicanze emorragiche) è decisamente favorevole (>10:1) nel trattamento acuto delle sindromi ischemiche coronariche e cerebrali  e nella loro prevenzione secondaria,3 questo rapporto è sostanzialmente incerto (≤2:1) nella cosiddetta prevenzione primaria in soggetti asintomatici e senza una precedente complicanza aterotrombotica.4

Nel corso degli ultimi 10 anni, sono emerse nuove conoscenze circa un possibile effetto chemiopreventivo dell’aspirina nei confronti de cancro colo-rettale (CRC).

In realtà, un’associazione tra uso prolungato di aspirina o altri FANS e ridotta incidenza e mortalità da CRC era già stata documentata da numerosi studi osservazionali in passato.5 I nuovi dati sono emersi da quattro trial clinici randomizzati, controllati con placebo,

-in  soggetti con adenoma colo-rettale sporadico, nei quali il rischio di ricorrenza di un adenoma – dopo asportazione chirurgica – era ridotto dall’aspirina (a dosi giornaliere di 81-325 mg). Risultati analoghi sono stati ottenuti nello stesso modello clinico con l’impiego di coxib, una classe di FANS inibitori selettivi di COX-2.6 Tuttavia, la cardiotossicità dei coxib ne limita l’utilizzo a lungo termine.7  Inoltre, una serie di analisi post-hoc condotte sul follow-up a lungo termine dei soggetti randomizzati nei trial clinici di

prevenzione cardiovascolare, ha dimostrato una ridotta incidenza e mortalità da CRC (e altri tumori) nei soggetti trattati con aspirina per 4-5 anni rispetto ai controlli.8

Le “impronte digitali” dell’effetto chemiopreventivo dell’aspirina includono le seguenti osservazioni:

-1) l’apparente protezione nei confronti del CRC è dimostrabile a dosi giornaliere di 75 mg;

-2) questo effetto è saturabile a basse dosi, cioè dosi fino a 16 volte superiori non risultano più efficaci;

-3) nelle donne apparentemente sane, l’effetto chemiopreventivo è stato documentato anche con un regime posologico di somministrazione di 100 mg a giorni alterni;

-4) l’effetto è dimostrabile con una formulazione a rilascio controllato di 75 mg, sviluppata per massimizzare l’inibizione della COX-1 piastrinica nella circolazione portale e minimizzare l’inibizione di COX-2 nella circolazione sistemica.8

-Queste insolite caratteristiche farmacodinamiche sono virtualmente identiche alle “impronte digitali” dell’

aspirina come farmaco antitrombotico, e suggeriscono un meccanismo d’azione condiviso.8,9

 Bibliografia

 Patrono C. Aspirin as an antiplatelet drug. N Engl J Med 330: 1287-1294; 1994.

Davì G, Patrono C. Platelet activation and atherothrombosis. N Engl J Med 357:2482-2494, 2007.

Patrono C, Garcìa Rodrìguez LA, Landolfi R, Baigent C. Low-dose aspirin for the prevention of atherothrombosis. N  Engl J Med 353: 2373-2383, 2005.

Patrono C. Low-dose aspirin in primary prevention: cardioprotection, chemoprevention, both or neither? Eur Heart J 34:2403-2411, 2013.

Thun MJ, Henly SJ, Patrono C. Nonsteroidal antiinflammatory drugs as anticancer agents: mechanistic, pharmacological and clinical issues. J Natl Cancer Inst 94: 252-262, 2002.

FitzGerald GA, Patrono C. The coxibs, selective inhibitors of cyclooxygenase-2. N Engl J Med 345:433-442, 2001.

Coxib and traditional NSAID Trialists’ (CNT) Collaboration.  HYPERLINK “http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23726390” Vascular and upper gastrointestinal effects of non-steroidal anti-inflammatory drugs: meta-analyses of individual participant data from randomised trials. Lancet 382:769-79, 2013.

Thun MJ, Jacobs EJ, Patrono C. The role of aspirin in cancer prevention. Nature Rev Clin Oncol 9:259-267, 2012.

Patrono C, Patrignani P, Garcìa Rodrìguez LA. Cyclooxygenase-selective inhibition of prostanoid formation: transducing biochemical selectivity into clinical read-outs. J Clin Invest 108:7-13, 2001.