Archivi categoria: VIAGGI

Viaggi: in economia, style&luxury, terme…extra Europa, Europa, Italia,

Natale dove ? A Stoccolma e Göteborg: mercatini di design – tradizionali e bio – La festa di Santa Lucia

Svezia 450 cirtare fotografo Shellfish Svezia ovest - photo Jonas Ingman

fotografo-Shellfish-Svezia-ovest-photo-Jonas-Ingman.

Svezia citare fotografo Ostriche Svezia occidentale Grebbestad_low_ foto Mikael Almse

Ostriche-Svezia-occidentale-Grebbestad_low_-foto-Mikael-Almse.

Natale a Stoccolma e Göteborg: dai mercatini di design ai marittimi, dai tradizionali ai bio.

L’evento più suggestivo?

La festa di Santa Lucia.

Natale è più magico in Svezia.

Quando tornano buio e freddo in queste latitudini, Stoccolma e Göteborg riscaldano l’atmosfera con lucine e profumi speziati.

Alle finestre si mette il candelabro dell’Avvento e si invitano amici e parenti a bere il glögg, il vino caldo speziato arricchito di mandorle e uvetta.

E fuori?

Anche fuori è un tripudio di luminarie, candele e vendita ambulante di glögg, specialmente nei numerosi mercatini di Natale, dove si acquistano artigianato locale, specialità gastronomiche, candele e decorazioni per la casa.

Mercatino nella Citta vecchia di Stoccolma ©Ola Ericson/imagebank.sweden.se

Il grande mercatino di Liseberg a Göteborg ©Göteborg & co

Il mercatino natalizio più grande e più spettacolare della Svezia si trova a Göteborg nel parco di divertimenti Liseberg, illuminato da ben cinque milioni di luminarie, con apertura già il 18 novembre.

Nella capitale è il suggestivo piccolo mercatino della Città vecchia da aprire per primo nello stesso weekend.

Dal 1 dicembre Göteborg sarà addobbata con 3 chilometri di effetti luminosi all’avanguardia, dal porto fino al Liseberg, combinando illuminazioni natalizie moderne e innovative.

A Stoccolma si può ammirare uno dei più grandi alberi di Natale al mondo, sul mare presso il Palazzo Reale.

Da fine novembre molti ristoranti servono il buffet natalizio, Julbord, che include piatti tipici come aringhe marinate, salmone, salsicce, polpette, prosciutto cotto marinato con senape ed altre leccornie.

A Stoccolma si può combinare l’assaggio dello Julbord navigando con uno dei battello d’epoca ed andare così alla scoperta del meraviglioso arcipelago alla porte della capitale.

Gli svedesi amano cantare e andare ai concerti, specialmente quelli natalizi in programma in moltissimi luoghi in città.

La festa in assoluto più popolare di questo periodo è quella di Santa Lucia, il 13 dicembre, alla quale si può assistere in diversi luoghi tra le chiese delle città e il museo all’aperto Skansen a Stoccolma.

Santa Lucia arriva cantando inni natalizi in una lunga veste bianca e una corona di candele sul capo, insieme alle sue ancelle e paggetti tutti vestiti di bianco con candele in mano. A casa e negli uffici porta i tipici dolci allo zafferano, lussebullar, che si possono anche gustare in tutte le caffetterie.

Subito a nord di Göteborg la stupenda costa dello Bohuslän aspetta chi vuole combinare un soggiorno in città con relax nella natura nella sua veste invernale: passeggiate rigeneranti, paesini di favola, alberghetti accoglienti e gustosi buffet dove i crostacei e frutti di mare sono i protagonisti.

Mercatini natalizi per tutti i gusti

A Stoccolma:

I più tradizionali: Stortorget – la piazza grande della Città Vecchia dove si trova un mercato piccolo ma ricco di atmosfera. Aperto ogni giorno 19/11-23/12. Skansen – aperto per la prima volta nel 1903 nel museo all’aperto Skansen, con i venditori vestiti in costumi d’epoca, concerti nella chiesetta Seglora e festeggiamenti di Santa Lucia. Aperto nei weekend 26/11-18/12.
I più reali: Hovstallet – numerosi artigiani vendono i loro prodotti nella stalla reale dietro il teatro Dramaten. Aperto: 25-27/11 Il palazzo di Drottningholm – a 20 minuti dal centro si trova la residenza reale, patrimonio mondiale dell’Unesco, dove ha luogo un mercatino nel cortile del Palazzo. Aperto: 3-4/12
I più marittimi: Fate un’escursione in giornata per scoprire lo stupendo arcipelago alle porte della capitale e visitare i mercatini tradizionali delle isole di Utö e Sandhamn. Utö: 3-4/12, 10-11/12 Sandhamn: 26/11, 3/12
I più design: Gli amanti del design possono trovare pezzi unici di artigianato e design di alta qualità a prezzi modici nei mercatini degli alunni delle Accademie di design Konstfack26-27/11 e Beckmans 10-11/12.

Natale ai giardini di Rosendal: cibi organici e pane fatto in casa, fiori e artigianato: un’incantevole atmosfera di campagna sull’isola di Djurgården. Aperto dal martedì alla domenica 25/11 – 22 /12. Winter lights, Festa della luce invernale, con lanterne e fuoco, istallazioni di luce e suoni, 18/12.
A Göteborg:

Il più grande: Liseberg.

Questo grande parco di divertimenti invita tutti a un vero Mondo di Natale, illuminato da cinque milioni di lucine.

Qui si può curiosare tra un’ottantina di bancarelle, si può pattinare sulla pista di ghiaccio, incontrare Babbo Natale, mangiare i buffet natalizi, sentire concerti e molto altro. Aperto: 18-20/11, 25-27/11, 1-4/12, 6-11/12, 13-23/12 e 26-30/12.

I più tradizionali: Haga –nel quartiere pittoresco Haga si possono comprare dei prodotti artigianali locali al mercatino lungo la via principale ma anche oggetti e vestiti nuovi, trendy e vintage nei negozietti attorno al mercatino. Aperto durante i weekend dal 26/11 al 18/12. Kronhuset – nell’edificio più antico di Göteborg Kronhuset si trova un bazar tradizionale con espositori in costumi d’epoca che vendono artigianato di tutti i tipi. Aperto 26/11-22/12.

Il più completo: Nordstan – artigiani e artisti espongono in questo centro commercialei loro prodotti di artigianato di tutti i tipi e di design contemporaneo svedese. Aperto ogni giorno dal 14/11 al 30/12.

I più design: nell’ex sala caldaie di Röda Sten, ora un centro d’arte con enormi spazi in cui si svolgono mostre d’arte contemporanea, viene organizzato un mercatino natalizio particolare con oggetti unici d’arte e di artigianato. Aperto il 9-11/12. Un’ottantina tra i designer più promettenti di Göteborg organizzano all’Auktionsverket un mercatino di Natale ispirato dall’atmosfera londinese. Regali di design fatti a mano come vestiti, accessori, arte e decorazioni. Aperto 19-20/11. Mercatino dallo spirito innovativo quello organizzato dagli studenti nella Art library della scuola di design HDK. Aperto 2-4/12

Il più bio: Gunnebo – nella campagna a 30 minuti fuori Göteborg si svolge un mercatino a tema ecologico presso il castello Gunnebo, una delle principali dimore nobiliari di campagna in stile neoclassico del Nord Europa. Aperto il 26-27/11 e 3-4/12.
Dove assaggiare il buffet natalizio, “Julbord”

La scelta è grande, sia piccoli che grandi ristoranti offrono il buffet.

Tre nomi noti a Stoccolma sono Stadshuskällaren, Grand Hotel e il ristorante Solliden allo Skansen.

A molti piace fare un tour con un battello d’epoca e assaggiare il buffet a bordo:partenze dal 21 novembre al 23 dicembre.

Oppure andare alle isole più vicino al centro, Fjäderholmarna, raggiungibili in soli 25 minuti, dove gustare un buffet in riva al mare in un’atmosfera molto calda e accogliente.

Quello che contraddistingue il buffet natalizio della Svezia occidentale è l’abbondanza di piatti di pesce e frutti di mare.

A Göteborg lo stellato Sjömagasinet, Hamnkrogena Liseberg e restaurang Eggers sono tra i ristoranti più noti.

I “locals” vanno volentieri al castello di Gunnebo con il loro buffet biologico oppure alla vicina isola di Styrsö, nell’arcipelago poco a sud di Göteborg, per gustare il buffet della pensione di charme Styrsö Skäret.

Gli amanti di dolcetti, è d’obbligo una visita alla barca di marzapane ancorata presso la baia di Nybrokajen nella capitale durante il mese di dicembre. Vende caramelle, dolciumi e creazioni di marzapane semplice o ricoperto di cioccolato di primissima qualità.Aperto ogni giorno dal 25/11 fino a Natale.

Dove assistere ai suggestivi concerti di Santa Lucia

Tra le tante chiese dove si può partecipare a questa tradizione così importante per gli svedesi proponiamo: A Göteborg : il Duomo il 10, 11 e 13/12 e all’Oscar Fredriks kyrka il 13/12. A Stoccolma: il Duomo Storkyrkan 10-13/12, Adolf Fredrik kyrka 11+13/12, S:t Jacobs kyrka 11-13/12 e presso Skansen, il museo all’aperto, 10-11 + 13/12.

Tre pacchetti natalizi per vivere l’atmosfera di Natale nella Svezia occidentale

Gli amanti delle aringhe adoreranno il pacchetto natalizio del ristorante Salt & Sill in riva al mare, la cui specialità è l’aringa preparata in tutte le maniere.

Buffet natalizio e pernottamento con prima colazione nell’hotel di fianco al ristorante, il primo albergo galleggiante in Svezia: da 1.245 SEK/persona (128 euro). Salt & Sill si trova sull’isola di Klädesholmen, 50 minuti a nord di Göteborg. Mercoledì-domenica dal 25 novembre al 18 dicembre.

Le isole Väderöarna sono conosciute per essere il punto più occidentale al largo delle coste svedesi ma anche il più soleggiato e quello maggiormente esposto al vento. Questa stupenda riserva naturale ha un arcipelago di 365 isole e fa parte del parco nazionale marino Kosteröarna.

Il piccolo hotel di charme Väderöarnas guesthouse offre un pacchetto natalizo che include trasferimento in battello da Fjällbacka (30 minuti), pranzo, sauna e bagno nella tinozza con acqua calda, cena natalizia a cinque portate e pernottamento con prima colazione, da 2595 sek/persona (268 euro). Weekend dal 19/11 al 25/12.

Il meraviglioso piccolo Castello di Thorskog sembra uscito da una favola quando viene illuminato e decorato per Natale. Gli ospiti possono iniziare la visita con una passeggiata nel bosco, un bagno rilassante nella tinozza con acqua calda all’aperto e sauna per poi godersi la cena di Natale a lume di candela nelle sale del castello. Il pacchetto include pernottamento con prima colazione, vin brûlé e cena: da 1.895 SEK (196 euro) a persona. Thorskog è situato 30 minuti a nordest di Göteborg. 19/11-18/12

COME ARRIVARE: Voli non stop per Göteborg nel periodo natalizio con la Norwegian da Roma due volte alla settimana oltre a voli con scalo con diverse compagnie. Il modo più semplice per raggiungere i paesini sulla costa o nell’entroterra è in auto.

Tour organizzato per Santa Lucia con il tour operator Il Diamante.

Foto di copertina: Photo_Henrik_Trygg_Low-res

Olanda da scoprire – Dormire a prezzi low cost in camere design

Olanda  student hotel amsterdam city

Student-hotel-amsterdam-city.

Olanda Amsterdam bagagli

Possibilità di lasciare il bagaglio in hotel sino alla partenza dell’aereo.

Olanda 500 Leiden canale ghiacciato

Leiden-canale-ghiacciato.

olanda New_entrance_of_Van_Gogh_Museum

Nuova entrata_al_Van_Gogh_Museum.

—–

La grande diga a 30 anni dalla sua costruzione

La barriera anti tempesta nello Zeeland

Il 4 ottobre 2016 si sono festeggiati i 30 anni dalla costruzione della grande diga di sbarramento Oosterscheldekering (barriera della Schelda orientale), situata nella provincia occidentale dello Zeeland. Questa diga di sbarramento anti mareggiata, formata da 62 enormi paratie scorrevoli, è in grado di chiudere completamente la Schelda orientale in 75 minuti.

La barriera, che collega anche le isole di Schouwen-Duiveland e Noord-Beveland nella provincia dello Zeeland, venne costruita tra il 1976 e il 1986.

Si tratta della barriera anti tempesta più lunga di tutta l’Olanda ed è un progetto unico al mondo, che rispecchia le grandi capacità ingegneristiche degli olandesi.

In origine si pensava di costruire una diga chiusa ma, poiché questo avrebbe creato un bacino d’acqua dolce e di conseguenza determinato la scomparsa della flora e fauna marina, si optò per la costruzione di una diga semiaperta.

Questo ingegnoso progetto è stato fortemente voluto da gruppi ambientalisti, pescatori e ostricoltori che hanno fatto in modo che ancora oggi sia possibile coltivare le deliziose ostriche della Zelanda e pescare pesce prelibato oltre alle aragoste della Schelda orientale.

Questo ha anche consentito che i marinai possano ancora raggiungere il mare aperto attraverso la barriera passando per la chiusa Roompotsluis.

Quest’area è stata dichiarata parco nazionale con il nome di “Parco nazionale della Schelda orientale”.

La diga di sbarramento anti mareggiata è lunga 9 chilometri, è formata da 65 piloni e 62 paratie alte dai 6 ai 12 metri.

Le paratie vengono chiuse in media una volta all’anno quando si prevede un innalzamento del livello dell’acqua di tre metri rispetto al NAP, ovvero il “Livello Normale di Amsterdam”, utilizzato da secoli in Olanda come punto di riferimento per tutte le misurazioni del livello del suolo; in 75 minuti le paratie vengono chiuse completamente, proteggendo quindi il paese da eventuali inondanzioni dal Mare del Nord.

Delizie al profumo di salsedine:

un viaggio tra le specialità zelandesi
Per chi ama la buona cucina, un bellissimo giro in bicicletta o in barca non possono non concludersi in un autentico ristorante dell’Oosterscheldekering, oppure su una delle numerose terrazze che si affacciano sui caratteristici porticcioli. Nella stagione giusta, è possibile gustare tutte le specialità zelandesi come ostriche, cozze o l’aragosta della Schelda orientale.
www.vvvzeeland.nl

Museum Voorlinden nuova apertura

Alla sua guida l’ex direttore del Rijksmuseum, Wim Pijbes

L’11 settembre è stato inaugurato il nuovo Museum Voorlinden in presenza del re William Alexander nella cittadina olandese di Wassenaar, città di residenza del Re poco distante da L’Aia . Il museo custodisce una collezione permanente di arte moderna e contemporanea, raccolta negli ultimi 50 anni dal suo fondatore, Joop van Caldenborgh. Oltre all’alternarsi delle opere della sua collezione, il museo ospiterà mostre temporanee.

Con l’apertura di questo nuovo museo, Joop van Caldenborgh ha realizzato il suo sogno. Fondatore del gruppo chimico Caldic e nominato nel 2012 come uomo più influente nel mondo dell’arte olandese, è stato fin da giovane un appassionato collezionista d’arte. La sua vastissima collezione di arte moderna e contemporanea, composta da dipinti, collage, installazioni, sculture e fotografie, è conosciuta come “Caldic Collection”.
Tra le opere della collezione permanente troviamo ad esempio l’illusionistica Swimming Pool dell’artista argentino Leandro Erlich (1973), l’iper-realistica Couple under an Umbrella di Ron Mueck (1958), Skyspace di James Turrell (1943), un’affascinante scultura in vetro realizzata da Roni Horn (1955) e alcuni capolavori di Maurizio Cattelan (1960).
Per dare maggiore risalto alle opere ciascuna di esse è esposta in una sua galleria.

L’edificio
Il museo si trova all’interno di una grande tenuta di 40 ettari, ai margini di un bosco, e l’edifico moderno che lo ospita è stato progettato dallo studio Kraaijvanger di Rotterdam.
L’idea di van Caldenborgh è stata proprio quella di non scegliere un archi-star per la realizzazione del progetto perché secondo lui l’arte viene sempre prima!
Lo studio Kraaijvanger ha infatti realizzato un edificio dove ogni aspetto è pensato a servizio dell’arte, un edificio di haute-couture architettonica realizzato su misura.
La facciata dell’edificio moderno alterna pietre color sabbia a vetro trasparente, il quale rende possibile una connessione tra l’interno e l’esterno, in modo che la natura che circonda il museo sia visibile anche nello spazio espositivo.
Un elegante colonnato di acciaio circonda il perimetro e sostiene il tetto ingegnosamente costruito; le dimensioni e le proporzioni sono quelle di un campo da calcio e di un tempio greco. Nonostante l’aspetto moderno, l’edificio contiene diversi riferimenti ad elementi classici, come il portico all’ingresso, le sei colonne sul lato corto e una generale simmetria e proporzione.
L’interno è diviso in tre sezioni generali, a seconda del programma del museo: presentazioni di collezioni, mostre temporanee e opere permanenti. Il museo è composto da 20 gallerie dagli alti soffitti e con luce naturale, spazi dedicati alle presentazioni video e ai lavori su carta, un auditorium, una biblioteca, spazi educativi e il museum shop.

Mostra inaugurale dedicata a Ellsworth Kelly

La mostra di apertura del Museum Voorlinden, “Bloemlezing” (Anthology) è dedicata al pittore Ellsworth Kelly (1923-2015), il cui dipinto Blue Ripe fu una delle prime opere acquisite da Joop van Caldenborgh.
La preparazione della mostra era già in pieno svolgimento lo scorso inverno quando Kelly venne a mancare e oggi più che mai rappresenta un omaggio a questo grande artista.
Il curatore ospite Rudi Fuchs ha selezionato attentamente circa 30 dipinti e una serie di opere su carta. La mostra, la prima in Olanda dedicata all’artista dopo il 1979, è stata realizzata in stretta collaborazione con l’Ellsworth Kelly Studio di Spencertown (USA), il cui team si è occupato dell’installazione delle opere al Voorlinden.

Restoration Studio Voorlinden
Presso il Restoration Studio del Museum Voorlinden i visitatori potranno vivere un’esperienza unica:
grazie ad una parete in vetro, si può avere un’anteprima d’eccezione su quanto avviene durante un restauro. Lo studio è diretto da Gwendolyn Boeve-Jones e da un team di restauratori esperti provenienti dallo Studio Redivivus de L’Aia. L’arte moderna presenta sempre nuove sfide in questo campo, sia per l’utilizzo di materiali non convenzionali che per vizi di forma e superfici generalmente molto fragili. Lo studio Redivivus è riconosciuto a livello internazionale per la sua esperienza nel campo del restauro di arte moderna e contemporanea.

Orari e raggiungibilità del museo
Il museo Voorlinden è aperto tutti i giorni dalle 11.00 alle 17.00 ed è raggiungibile dalla stazione centrale di Den Haag o di Leiden con i bus 43 o 44 della compagnia Veolia; una volta scesi alla fermata Wittenburgerweg Wassenaar, i visitatori potranno raggiungere il museo a piedi in una ventina di minuti.
Museum Voorlinden
Buurtweg 90
2244 AG Wassenaar
+31 (0)70 5121660
press@voorlinden.nl
www.voorlinden.nl

Prezzi:
Adulti €15
Ragazzi dai 13 ai 18 anni €7.50
Bambini fino a 12 anni gratuito
Aperto tutti i giorni dalle 11:00 alle 17:00

The early Van Gogh: “work against indifference”

Al Kröller-Müller Museum dal 24 settembre 2016 al 9 aprile 2017
The early Van Gogh: “work against indifference” mostra come, agli albori della carriera, Vincent van Gogh imparò a tradurre la propria visione del mondo in immagini.

Le circa 120 opere esposte appartengono al periodo 1880-1885 e furono realizzate nel Borinage belga, a L’Aja, nel Drenthe e a Nuenen. Per la realizzazione della mostra, il museo attinge alla sua vasta collezione di oltre 180 lavori su carta e quasi 90 dipinti.

L’importanza dei disegni di Van Gogh

La mostra pone l’accento sui disegni di Van Gogh, che vengono raramente esposti per via della loro sensibilità alla luce. Sono proprio i disegni a mostrare chiaramente come Van Gogh si sforzi di padroneggiare la tecnica per dare volume e movimento alle immagini. Inoltre l’artista non cerca una semplice rappresentazione veritiera della realtà. Egli cerca di dipingere “la vita” stessa, riproducendo imprecisioni che sono “più vere della realtà letterale”. Le opere esposte sono accompagnate da commenti dello stesso Van Gogh con citazioni tratte dalle sue lettere.
A differenza di contemporanei quali Isaac Israels o George Breitner, egli non rivolge l’attenzione alla vita cosmopolita della città, bensì ai margini della società, alle persone che devono lavorare duramente per guadagnarsi da vivere in umili botteghe o nei campi, in qualsiasi condizione atmosferica. Van Gogh cerca di esprimere con sincerità la sua compassione per il loro stile di vita o, come afferma in una lettera al fratello Theo: “Lo ripeto: il lavoro contro l’indifferenza – la perseveranza non è semplice, le cose facili contano poco.”

“Della gente, per la gente”

Auke van der Woud, autore di best-seller sull’Olanda del Diciannovesimo secolo (Een nieuwe wereld, Koninkrijk vol sloppen e De nieuwe mens) e curatore al Kröller-Müller Museum dal 1974 al 1981, è curatore ospite della mostra. Nei testi che accompagnano le opere e con l’aggiunta di fotografie realizzate da Henry Berssenbrugge (1873-1959), van der Woud colloca l’interesse inusuale di Van Gogh per l’uomo della classe operaia nel contesto del tardo Ottocento.

 www.krollermuller.nl, Facebook.com/krollermuller

Prima ruota panoramica d’Europa sul mare

La nuova attrazione di Den Haag

Sulla famosa spiaggia di Scheveningen è appena stata inaugurata la prima ruota panoramica costruita sul mare in Europa.

La ruota è alta quasi cinquanta metri e dispone di 36 gondole chiuse tra le quali una gondola vip, il cui fondo in vetro regala forti emozioni. Le lussuose gondole, dotate di aria condizionata, possono ospitare fino a 6 persone. Dalla ruota si gode di una splendida vista panoramica sul mare, sugli 11 chilometri della spiaggia di Scheveningen e sullo skyline di Den Haag.
Un giro sulla ruota panoramica dura circa 15 minuti e costa per gli adulti 9 €, per bambini fino ai 12 anni 7€.
A breve ci sarà la possibilità di pranzare, cenare e di consumare un high tea direttamente nelle gondole, con una magnifica vista dall’alto sul mare. Questo nuovo concept, unico in Olanda, si chiama “DinnerWheel” e prevede varie opzioni, tra cui la possibilità di pranzare o cenare all’altezza di 50 metri, di avere a propria disposizione tutta la gondola anche se si prenota per solo due persone e di prolungare la durata del giro.
Il molo che ospita la nuova ruota rappresenta la principale attrazione della costa olandese ed è stato totalmente rinnovato nel 2015. Esso ospita una grande varietà di streetfood, ristoranti, bar, terrazze e negozi. Sul molo si tengono inoltre tutto l’anno festival, eventi culturali, mercatini, concerti e attività per bambini. Aperto tutti i giorni dalle 10 in poi con accesso libero.
www.skyviewdepier.nl

Holland Travel Ticket

Una card per esplorare l’Olanda in un giorno

Per garantire ai turisti e ai cittadini olandesi di viaggiare comodamente e senza complicazioni, i fornitori di servizi di trasporto pubblico in Olanda, membri del NOVB (Corpo consultivo del trasporto pubblico nazionale) hanno introdotto una nuova card giornaliera, che permette di viaggiare liberamente sui treni, gli autobus, i tram e le metropolitane su tutto il territorio olandese.

L’obiettivo di questa nuova tessera è quello di incoraggiare i turisti a visitare le diverse attrattive olandesi nell’arco di una sola giornata e apprezzare la versatilità naturale, culturale e architettonica del paese.
La card permette di raggiungere anche località più distanti e risparmiare sui costi di viaggio: navigare sui placidi canali a Giethoorn, fare shopping a Maastricht o lasciarsi stupire dalle opere del Piano Delta nella provincia della Zelanda… tutto questo in un solo giorno!
Sono disponibili due tipi di Holland Travel Ticket:

-l’off-peak Holland Travel Ticket è un biglietto valido dopo le ore 09.00 del mattino nei giorni feriali e tutto il giorno nei week end e costa 39 euro;

l’Holland Travel Ticket normale è utilizzabile tutti i giorni, senza restrizioni orarie e costa 59 euro.
L’Holland Travel Ticket è una smart-card acquistabile presso le biglietterie automatiche NS (ferrovie olandesi) o presso gli NS Tickets & Service Desk presso le stazioni. La card dovrà poi essere convalidata all’inizio e alla fine di ogni viaggio su qualsiasi mezzo trasporto utilizzato.
Il biglietto non è valido sui treni Thalys mentre è valido sugli Intercity Direct e ICE solamente pagando un supplemento.
Maggiori informazioni: www.ns.nl

Nuovo ostello nell’ex sede dell’ABN AMRO

Alloggio economico nel centro di Utrecht

Dal 12 agosto 2016 la catena degli ostelli olandesi Stayokay ha potuto realizzare uno dei suoi più grandi desideri: dotare finalmente il centro di Utrecht di una soluzione economica dove poter soggiornare.

In seguito all’apertura di questo ostello, situato nel cuore di Utrecht nell’edificio che ospitava gli uffici della banca ABN AMRO, la catena di ostelli olandesi Stayokay arriva a contare 24 ostelli.

L’ostello è stato pensato anche per gli abitanti di Utrecht che qui possono trovare uno spazio di lavoro o di studio mobile.

Inoltre nel nuovo ostello i locali possono incontrarsi con amici, bere qualcosa e assistere alle performance di band locali, oltre a fare conoscenza con persone da tutto il mondo e vedere insieme le partite.
Il nuovo Stayokay Utrecht Centrum è un alloggio di tendenza che rispecchia totalmente il concept di Stayokay: è un posto in cui si può sentire, vedere, vivere e gustare Utrecht e dove ognuno si sente a casa. In breve: the place to be!
L’inaugurazione ufficiale dell’ostello Stayokay Utrecht-Centrum è avvenuta il 7 ottobre con uno spettacolo comico, un tour dell’ostello e tante altre sorprese.

Alloggiare allo Stayokay Utrecht-Centrum

Con i suoi 258 posti letto in 60 camere, l’ostello offre diverse possibilità per coppie, gruppi e famiglie: sono disponibili camere per 2, 4, 6 o 8 persone oppure stanze private.

A tutte le camere, che dispongono di doccia e bagno, è stato dato un nuovo e sorprendente look.
I “bunk beds”, disegnati appositamente per Stayokay, sono dotati di attacco USB integrato; nuovi anche i letti doppi del marchio Auping presenti nelle camere doppie e quadruple e combinati con i bunk beds.
Dalle camere si gode di una splendida vista sulla piazza Neude e sul Duomo.
All’arrivo in ostello viene consegnata la biancheria da letto. La biancheria da bagno invece non è inclusa, ma può essere noleggiata. Stayokay Utrecht-Centrum offre diversi servizi tra cui WiFi gratuito, bar, letti extra per bambini su richiesta, noleggio biciclette, lavanderia automatica e biglietteria.

The Fifth

In questo nuovo Stayokay, gli abitanti locali, gli ospiti olandesi e internazionali possono incontrarsi presso il “The Fifth”, una lounge trendy e confortevole situato al primo piano dell’ostello.
Anche da qui si può godere di una splendida vista sul Duomo e su de Neude, una delle piazze più belle della città; ci si può rilassare bevendo cocktail e gustando piatti tipici di Utrecht e dei suoi dintorni. Il The Fifth è però anche un luogo ideale per lavorare in modo piacevole e rilassato, secondo lo stile Stayokay.

Raggiungibilità

Grazie alla sua posizione centrale, l’ostello permette di scoprire Utrecht attraverso svariati itinerari. Non manca poi una vasta scelta di ristoranti, terrazze, bar e negozi a pochi passi dall’ostello, aperti sette giorni su sette. Stayokay Utrecht-Centrum si trova a soli 45 minuti da Amsterdam e dall’aeroporto di Schiphol, e camminando per una decina di minuti si può comodamente raggiungere la stazione ferroviaria Utrecht Centraal.

Indirizzo:
Stayokay Utrecht-Centrum
Neude 5
3512 AD Utrecht
Paesi Bassi
www.stayokay.com/en/hostel/utrecht-centrum/features

Il grande fotografo di moda Peter Lindbergh

Una mostra multimediale

La Kunsthal di Rotterdam presenta una grande retrospettiva dedicata a Peter Lindbergh intitolata “A Different Vision on Fashion Photography”.
A partire dal 10 settembre 2016 al 12 febbraio 2017 si terrà la prima volta una mostra in Olanda dedicata al fotografo tedesco Peter Lindbergh, che presenterà più di 220 sue fotografie.
Questa mostra offrirà un’ampia prospettiva sulla vasta opera di Lindbergh e conterrà anche elementi esclusivi quali appunti personali, story board, attrezzature, polaroid, provini a contatto, film e stampe monumentali.
In mostra anche estratti di filmati e interviste a collaboratori, modelle e attori che presentano l’opera di Lindbergh attraverso il racconto della collaborazione con l’artista. Sono anche proiettati alcuni film e interviste.
Un pioniere della fashion photography
La mostra “A Different Vision on Fashion Photography” è un’ode alla multi sfaccettata opera di Lindbergh dal 1978 ad oggi. Dovendo presentare uno dei più influenti fotografi nel campo della moda, questa mostra multimediale è organizzata con un approccio tematico volto a evidenziare lo sviluppo creativo del fotografo, le tematiche da lui trattate, il suo mondo immaginario e le sue passioni nel corso degli anni. Lo spettatore si troverà così immerso in nove sezioni differenti: Supermodels, Couturiers, Zeitgeist, Dance,
La mostra non è soltanto il racconto di un differente punto di vista sulla moda e sulla fashion photography, ma presenta anche una nuova visione della moda e della società”.

La vita

Famoso per le sue memorabili immagini cinematografiche, Peter Lindbergh è riconosciuto come uno dei fotografi contemporanei più influenti. Famoso per le sue serie narrative, il lavoro di Lindbergh è conosciuto soprattutto per i ritratti semplici e rivelatori, le sue nature morte, le forti influenze del primo cinema tedesco e degli ambienti industriali della sua infanzia, della danza e dal cabaret, ma anche dei paesaggi e degli spazi esterni.
Nato a Leszno nel 1944, trascorse l’infanzia a Duisburg. Lavorò come vetrinista per un grande magazzino della città, si iscrisse all’Accademia delle Arti di Berlino nei primi anni Sessanta e, ispirato dalle opere di Van Gogh, si trasferì ad Arles per circa un anno.
Lindbergh ha lavorato per le riviste e i marchi più prestigiosi sin dalla fine degli anni Settanta, tra cui le edizioni internazionali di Vogue, The New Yorker, Rolling Stone, Vanity Fair, Harper’s Bazaar US, Wall Street Journal magazine, Visionaire, Interview e W. Nel 2016, è stato ingaggiato per la terza volta per la realizzazione dell’edizione 2017 del calendario Pirelli, diventando il primo fotografo ad essere scelto più di due volte nei cinquant’anni di storia famoso calendario, per il quale ha già fotografato le edizioni 1996 e 2002. Le sue opere fanno parte delle collezioni permanenti di molti musei nel mondo, e sono anche state esposte in prestigiose gallerie.
www.kunsthal.nl

Capitale Europea della Cultura Aarhus 2017 – Inaugurazione 21 gennaio 2017

citta-della-cultura-europea-2017-_rode-orm_vertical_montgomery

Presentazione del programma di Aarhus 2017

Inaugurazione ufficiale: Aarhus, Danimarca. Sabato 21 Gennaio 2017.

Madrine:

Sua Maestà la Regina Margherita II di Danimarca è Madrina Reale di Aarhus 2017, Capitale Europea della Cultura.

Dagli iconici lavori internazionali al “decisamente danese”

Il programma della Capitale Europea della Cultura Aarhus 2017 è stato presentato oggi in occasione dell’ evento di lancio nella città danese.

“Aarhus 2017 sarà un tour de force creativo, con nuovi lavori, commissioni speciali, premiere, eventi e festival importanti. Il programma includerà moltissimi eventi gratuiti e a pagamento e offrirà tante esperienze, piccole e grandi” – ha dichiarato Rebecca Matthews, Amministratore delegato di Aarhus 2017.

Significativo il sapore decisamente danese che include una stupefacente rivisitazione della classica leggenda vichinga di Frans G. Bengtsons “Il Serpente Rosso”, una splendida performance di musica sull’acqua eseguita dalla cantante e autrice Oh Land e la celebre trilogia della regista premio Oscar Susanne Bier trasposta in opera teatrale con danza e musica.

Il programma prevede anche un’impressionante varietà di talenti internazionali provenienti da tutta la Scandinavia, l’Europa e oltre, che porteranno cultura internazionale nella regione centrale della Danimarca per tutto l’anno. Con lo slogan ‘Let’s Rethink’, Aarhus 2017 incita il mondo ad usare le arti e la cultura per esplorare le possibili scelte per il nostro futuro. Qualunque scelta faremo, avrà un impatto sul modo in cui viviamo e lavoriamo, sui luoghi in cui viviamo e la struttura della società.

“Ci auguriamo che le diverse prospettive e l’energia creativa espressa dagli eccezionali artisti che si troveranno ad Aarhus l’anno prossimo potranno essere dei catalizzatori e delle risorse per i cambiamenti. La regione di Aarhus e i suoi visitatori avranno l’opportunità di conoscere personalmente alcuni dei più rilevanti talenti della cultura contemporanea a livello internazionale. Tra questi l’Artist in Residence Anohni, che ha promesso un vibrante intreccio visivo e sonoro di identità umane; la meravigliosa performance “Distant Figure” creata in collaborazione con una delle leggende del teatro contemporaneo, il regista statunitense Robert Wilson, e due artisti di fama mondiale, la coreografa Lucinda Childs e il compositore Philip Glass; l’attrice australiana Cate Blanchett è l’interprete magistrale del collage di testi di “Manifesto”, il progetto rivoluzionario dell’artista Tedesco Julian Rosefeldt; l’interpretazione del coreografo Wayne McGregor del romanzo “Tree of Codes” di Jonathan Safran Foer in un balletto eseguito dal Paris Opera Ballet, con musiche di Jamie xx e scenografia di Olafur Eliasson; e un concerto con il pianista e direttore d’orchestra Daniel Barenboim con la leggendaria West-Eastern Divan Orchestra, un progetto volto a celebrare la libertà, l’uguaglianza e la coesistenza attraverso la musica.

Durante il lancio del programma della Capitale Europea della Cultura, l’AD di Aarhus 2017, Rebecca Matthews, ha reso omaggio a tutti gli “eroi di ogni giorno”, ai volontari, ai partner e agli sponsor che hanno contribuito a rendere il sogno di otto anni realtà, e a tutti coloro per i quali “lo spirito de Rethinkinking è stato il fondamento del programma”. Ha dichiarato: “siamo veramente emozionati per l’anno che verrà. La qualità e la varietà del programma prevede qualcosa per tutti, cittadini di Aarhus, della Danimarca o semplicemente visitatori. Abbiamo creato un programma molto ricco combinando il contributo di esperti internazionali con il punto di vista dei locali, per determinare cosa significhi qualità nell’arte e nella cultura, qui e adesso.”

Tutti i dettagli sulle centinaia di eventi d’arte e cultura sono presentati nella guida al programma di ben 500 pagine di Aarhus 2017.

Che si tratti di eventi iconici, con star di fama mondiale, o di esibizioni più piccole, dibattiti, attività della comunità, il programma interessa un pubblico molto ampio, famiglie, fun-seekers, e persino gli scettici, incoraggiando tutti a “ripensare”.

In qualità di Madrina di Aarhus 2017, Sua Maestà la Regina Margherita II, ha dichiarato nella sua introduzione al programma: “Ripensate: Pensate al nuovo, Pensate in modo diverso, Pensate di nuovo!”

Capitale Europea della Cultura Aarhus 2017 – Inaugurazione 21 gennaio 2017
La Capitale Europea della Cultura è un progetto culturale internazionale che figura tra i progetti più ambiziosi d’Europa. Rappresenta la ricchezza e la diversità della cultura Europea, e contribuisce ad una più ampia conoscenza reciproca tra i cittadini Europei.

Madrine: Sua Maestà la Regina Margherita II di Danimarca è Madrina Reale di Aarhus 2017, Capitale Europea della Cultura.

Inaugurazione ufficiale: Aarhus, Danimarca. Sabato 21 Gennaio 2017.

Sito web: www.aarhus2017.dk/en

Programma completo: http://www.aarhus2017.dk/en/programme-book/

LISBONA – QUINTESSENZA DI ARTE E CULTURA

Lisbona Portogallo ferro battuto kj

Lisbona Parque das Nacoes

Portogallo lisbona q

La capitale lusitana e i suoi dintorni sono un concentrato di bellezze artistiche

 – E’ difficile trovare una capitale europea in grado di competere con Lisbona, una città poliedrica adatta allo svago, ai viaggi di lavoro e ai weekend fuori porta, ma soprattutto ricca di arte e cultura.

I motivi per visitarla sono tanti e si può farlo in qualsiasi periodo dell’anno:

gli inverni sono miti e le notti estive rinfrescate dalla brezza oceanica.

Ben collegata via aereo, dista 1-3 ore di volo dalle principali città europee.

— Rispetto ad altre capitali europee, è economica, sia per mangiare che per dormire.

Lisbona è anche una città aperta e ospitale: i suoi 800 anni di storia e la posizione strategica l’hanno resa un insieme di influenze culturali diverse, che si riflettono ancora oggi negli edifici di stampo francese e arabo.

Il quartiere di Alfama, il più antico della città, è un ottimo esempio di come le influenze moresche abbiano modellato Lisbona: costruita come un reticolo di viuzze e salite, Alfama oggi ospita monumenti storici, ristoranti e bar dove si suona il fado.

Da non perdere è la piazza Dom Pedro IV situata al centro del Rossio, cuore della città e della vita politica e sociale tra caffè, teatri, fontane e il verde che la circonda.

Buona idea iniziare la visita della città dal Lisboa Story Centre in Terreiro do Paço (ludico e interattivo, rispettando l’accuratezza storica, qui si vede il passato di Lisbona  attraverso il sistema audio guida, 60 minuti di un viaggio nel tempo e spazio ), e godere della vista sulla città dall’Arco da Rua Augusta; al tramonto spettacolare la vista che si gode dai vari miradouros o dal Castello di São Jorge che imperante su una collina domina la capitale.

IMPERDIBILI:

– una passeggiata tra gli edifici manuelini della città – come il Mosteiro dos Jerónimos, la Torre di Belém e il portale della chiesa di Nossa Senhora da Conceição Velha – diventa un vero e proprio tour nel passato, nel periodo d’oro delle scoperte rinascimentali, quando marinai ed esplorazioni mettevano Lisbona al centro del mondo.

A poca distanza da Belém, ha da poco aperto il nuovissimo MAAT – Museu Arte Arquitetura Tecnologia con diverse mostre e spazi di riflessione e dialogo che fanno riferimento sia alle esposizioni che ai trend contemporanei. Info: www.maat.pt

Altro museo da non perdere è il MNAA-Museu Nacional de Arte Antiga, che ospita la più importante collezione portoghese d’arte, con oggetti che spaziano dalla pittura alla scultura, oro e argenteria, così come tessili, ceramiche e mobili provenienti da Europa, Africa ed Estremo Oriente. Composta da oltre 40.000 oggetti, la collezione del MNAA ha il maggior numero di opere classificate come “tesori nazionali” portoghesi. Info: http://www.museudearteantiga.pt

Un altro bellissimo posto da visitare, forse meno conosciuto, è il Museo Nazionale dos Coches (o Museu dos Coches Reais), situato vicino al fiume Tago. Occupa i locali già appartenenti alle Oficinas Gerais do Exército. Ne fa parte l’ala della Cavalleria Reale, parte del Palazzo Reale di Belém, attualmente residenza ufficiale del Presidente della Repubblica, che può essere visitata come un nucleo espositivo del museo. Info: http://museudoscoches.pt

La città conserva tuttora la vivacità e l’energia rinascimentali. Il calendario è ricco di eventi, le strade vibranti.

Uno degli appuntamenti più importanti è il NOS Alive, tre giorni di concerti vicino al fiume Tago in programma in luglio. Definito come uno dei principali festival europei.

Anche i dintorni della capitale sono ricchi di storia e cultura.

Si può, ad esempio, visitare Sintra, patrimonio UNESCO, un luogo talmente magico che il poeta romantico inglese Lord Byron lo definì «giardino dell’Eden».

Nata come insediamento arabo sulla costa a ovest di Lisbona, Sintra fu la residenza estiva dei re portoghesi, e tuttora affascina i visitatori con i suoi palazzi mistici, colorati e unici, che fanno di Sintra la capitale dell’architettura romantica.

Tra i monumenti da non perdere ci sono Palácio Nacional, Quinta de Regaleira, Palácio de Seteais, Castelo dos Mouros e il Palácio da Pena, eletto tra le sette meraviglie del Portogallo. Costruito nel 1840 da re Ferdinando II, Palácio da Pena si erge sulle rocce della Serra De Sintra ed è l’esempio più completo di architettura romantica portoghese, un insieme di stile gotico, neomanuelino, arabo, rinascimentale e barocco.

Lo stile neomanuelino, in particolare, riprende i motivi del tardo gotico portoghese (XVI secolo), chiamato anche manuelino in onore di Manuele I, re all’epoca del suo sviluppo. Caratterizzato da elementi marinari che celebravano le scoperte dei navigatori portoghesi come Vasco da Gama, lo stile manuelino si ritrova nelle chiese, monasteri, palazzi e castelli, ma anche nella scultura e nella pittura.

Per maggiori informazioni visitate il sito Turismo de Lisboa: www.visitlisboa.com

TAIWAN shopping low cost , ma non solo – STREET FOOD IL MEGLIO DEL MONDO A TAIWAN

BALI MERCATO CIBO HSB

Bali street food smz
LA CUCINA DI TAIWAN E’ ECCELLENTE PER : rigore e qualità delle materie prime.

La famosa e prestigiosa rivista TRAVELLER L’HA SCELTA COME “destinazione food” DELL’ANNO 2015.

Taiwan è diventata la regina della gastronomia mondiale.

Lo street food di Taiwan è nella top ten della televisione americana CNN.

Dai baracchini street food di Taipei, all’ispirazione fusion (cinese e giapponese), questa è la ristorazione sull’isola di Taiwan.

———-

Grattacieli, treni superveloci, industrie informatiche all’avanguardia e tanto traffico ovunque in città, ma anche templi con angoli che sembrano fuori dal mondo.

La montagna più alta raggiunge i 3.952 metri e tanta natura intatta riveste tutta l’isola; foreste di bambù, alberi della canfora e sorgenti termali a Beitou e Wulai ( a pochi chilometri dalla capitale ).

Arrivati a Taipei, la capitale, il meglio è andare sul grattacielo 101, per un magnifico panorama di tutta la città. La città è caotica, caratterizzata da ingorghi colossali.

Per muoversi è bene usare le 5 linee metropolitane che uniscono tutti i punti importanti della città.

Da visitare:

-tempio buddista di Longshan (la montagna del drago), è il cuore pulsante della città, qui tutti vengono per festeggiare o chiedere aiuto al cielo

-National Palace Museum; qui si trovano i tesori della civiltà plurimillenaria. Da non perdere

-mausolei dedicati ai due padri della Cina moderna: Chiang Kaishek e Sun Yan-sen

-mercati notturni di Shilin e Huax; ci si trova di tutto, la città vive 24 ore su 24: cibo, abbigliamento, steet food  ecc…

-la via dei serpenti: solo per chi ha fegato. Qui vengono cotti anche rettili velenosissimi.

JIOUN FEN: cittadina montana di Taiwan, situata nella municipalità di Nuova Taipei, vicino alle città di Keelung e Rueifang. In OLD STREET: case da tè con vista sull’oceano.

NELL’ISOLA:

-Alishan National Scenic Area; foresta pluviale, terme, piantagioni di tè di montagna ed alpinismo

-Lago Riyue: villaggi aborigeni.

ALL’ESTREMO SUD DELL’ISOLA:

-belle spiagge di sabbia corallina, barriera corallina e snorkeling

——–

Street Food

Già famosa per il suo street food, oggi Taiwan inizia a imporsi come una delle frontiere culinarie più interessanti al mondo anche per la ristorazione..
Cucina fusion, menù che cambiano con le stagioni e prezzi contenuti attirano turisti da tutto il mondo.
THAI PEI ; il cuoco Andre Chiang, ha studiato in Francia, lavorato a Singapore e ha aperto il suo ristorante “Raw” a Taipei.
Andre Chiang è definito come un re-interprete della cucina tradizionale dell’isola.
Il suo ristorante ha 7 menu che cambiano ogni mese : gamberi in cracker di riso viola, cavolfiori in wafer di pelle di pollo, torta all’ananas in versione cubetti semi-ghiacciati; il menu costa sui 24 euro
Tofu fermentato, dolcetti piccanti, panini con maiale bollente, guava verde caramellato….prodotti sempre freschi; ecco il segreto di Taiwan; da provare !!!
INFORMAZIONI
VISTO NECESSARIO?
Per soggiorni inferiori ai 90 giorni non è richiesto il visto ma solo un biglietto di andata e ritorno e passaporto valido.
All’arrivo a Taiwan dovete mostrare il passaporto e la carta di immigrazione compilata è sempre consegnata a bordo dell’aereo o la potete ritirare all’arrivo). Il funzionario applicherà un timbro di entrata ed una copia della carta di immigrazione sarà graffettata in una pagina del passaporto. Non perdetela perché è necessaria per uscire da Taiwan.

CLIMA 

Il periodo migliore per andare a Taiwan è l’autunno: giornate soleggiate e asciutte.
Anche la prima parte della primavera è un buon periodo per andare a Taiwan mentre l’ultima parte della primavera (maggio) è quasi sempre ricco di forti piogge.
Da evitare: il capodanno cinese, tra gennaio e febbraio; tutti viaggiano e voli e alberghi sono pieni e cari.

Inverno ed estate:

-umidità e pioggia per la maggior parte dell’anno e tifoni in estate.
In inverno fronti freddi (dalla Mongolia) con temperature basse; per un isola tropicale.

Per la maggior parte dell’anno la temperatura è facilmente sopra i 30 gradi.

In inverno non di rado si raggiungono i 5-10 C, almeno a Taipei; nel Nord.
DA TENERE PRESENTE: le case non sono riscaldate e il vento è molto frequente.
Piovosità massima al Nord.
Taiwan è più umida della foresta pluviale.

ABBIGLIAMENTO: abiti caldi, a strati, IN INVERNO AUTUNNO E PRIMAVERA.
In estate SOLO abiti molto leggeri.
L’aria condizionata è freddissima, soprattutto d’estate; portate un golfino, una scarpa leggera e un cappello.

SHOPPING: abbigliamento, a costi molto molto convenienti; articoli sportivi, giacche a vento e piumini; QUI TUTTO è PIU’ CONVENIENTE CHE IN EUROPA: RIFATEVI IL GUARDAROBA ! Partite con la valigia semi vuota !

ELETTRICITA’ : corrente elettrica a Taiwan è a 110 V, la presa simile all’ americana (ma spesso senza la terra). NESSUN PROBLEMA per i moderni alimentatori per computers portatili, carica batterie, per telefonini; ma DOVETE avere un adattatore che trovate in aeroporto o in Taiwan.
TELEFONO: da Taiwan in Italia : prefisso 00239 oppure 01939; quest’ultimo con una tariffa leggermente più conveniente.
SIM prepagata : fornire 2 documenti di identità con foto (patente passaporto o passaporto e carta identità).
———
SALUTE :
L’acqua del rubinetto non è potabile LA SI DEVE BOLLIRE.
-consigliata è la vaccinazione per l’epatite A
-COME IN OGNI VIAGGIO E’ DOVEROSO portare le proprie medicine
-I medici parlano quasi tutti inglese (molti hanno studiato in America)
-le cure mediche non sono costose
——–
MONETA
L’Euro viene comunemente cambiato.
Potete usare la vostra carta di credito per ritirare contante.
——-
VOLI
Una soluzione veramente low cost (tipo Ryan Airi) è la malese Air Asia che vola da Londra Stansted o Parigi Orly a Taipei via Kuala Lumpur.
Abbiamo cercato un volo per fine settembre (21.9/ 1.10.2015) e abbiamo trovato questo prezzo :
-Expedia: 616 euro andata/ritorno con Air China 1 solo scalo 18 ore e 55′ per l’andata (586 euro con Tripadvisor, ma senza sconto per hotel)
-più confortevole con Emirates: 718 euro A/R; 23 ore e 30′ per l’andata. 1 scalo.
-Cathay Pacific è il meglio, ma anche il più caro, 960 euro A/R ; 14 ore e 35′ per l’andata, 1 scalo.
Con Expedia si ha lo sconto fino a 282 euro se si prenotano anche gli alberghi.
COLLEGAMENTI DA AEROPORTO
Taoyuan Airport ha due terminali (Terminal 1 e 2). L’aeroporto è collegato a Taipei da frequenti autobus e dai taxi; a efficiente e comoda la metropolitana di Taipei (Taipei MRT).
SPOSTAMENTI IN TAIWAN:
THSR ; Ferrovia ad Alta Velocità da Taipei a Kaohsiung
– collega le principali città della costa occidentale
-da Taipei a: Hsinchu, Taichung, Tainan, Chiayi o Kaohsiung il meglio è il treno ad alta velocità (anche 300Km ora)

-BUS: diverse società private, le più importanti: Ubus, Ho-hsin e GuoGuan.

TAXI E PRUDENZE

Tra Taichung e l’aeroporto di Taoyuan (circa un ora e mezza) costa tra 2000 e 2500 NTD, pedaggi autostradali inclusi; non è caro.

-pochi tassisti non usano il tassametro o “fanno i furbi” allungando l’itinerario; attenzione spessissimo non parlano inglese
-DOVETE sempre avere un biglietto da visita con la vostra destinazione scritta in cinese.

AUTO NOLEGGGIO

Occorre la patente internazionale, non derogate !
-noleggio auto e moto
-guidare a Taiwan è scoprire regole locali molto diverse dalle nostre e, a volte impegnativo, è sicuramente possibile per chiunque abbia preso la patente in Italia.

LINGUA: lingua ufficiale Cinese Mandarino, il Taiwanese è un dialetto della Cina Meridionale
-circa 250.000 persone parlano una delle diverse lingue aborigene chenulla hanno anche vedere con il cinese.
————–
RELIGIONE:
-credenze Taoiste, Buddiste e Confuciane con forte substrato animistico
—————
MONETA:
-Il codice ufficiale ISO ( per conoscere il cambio attuale) è TWD.
—————
SALARI: stipendio medio ammonta a circa 40.000 NTD (CIRCA 820 euro)
————–
COSTO DELLA VITA:
-minore che in Italia.

Vacanze in Romania – In inverno o nella prossima estate – Un Paese low cost

La Romania è un Paese affascinante:

ricco di città medievali con castelli e fortezze, chiese in legno e monasteri dipinti,

città nascoste tra le colline, ideali per trascorrere delle vacanze rilassanti

centri termali e  passeggiate tra la natura incontaminata

Il viaggio in Romania offre piacevoli scoperte come l’enogastronomia locale dei sapori tradizionali.

Inoltre la Romania è sicuramente un paese low cost.

Vedi anche al link http://www.romaniaturismo.it

La Romania, una destinazione unica ed attraente per il mercato italiano:

-la misteriosa Transilvania medioevale disseminata di castelli; una Regione di rara bellezza e avvolta dal mistero ai piedi dei Carpazi, caratterizzata da un bellissimo paesaggio naturale

-i villaggi sassoni,

-le chiese fortificate,

-i siti dell’antica Dacia,

la Bucovina artistica e spirituale con i suoi monasteri affrescati anche all’esterno, unici al mondo; il Maramureş con l’arte del legno esibita nelle chiese, già patrimonio UNESCO, e nella vita quotidiana contadina, le sue tradizioni ben conservate

-Mocăniţa, lo storico trenino a scartamento ridotto

la capitale Bucarest col suo interessante centro storico dall’architettura “fin de siècle” e che quest’anno ha ospitato il celeberrimo Festival di musica classica “George Enescu”;

-le variegate zone dei Carpazi con i paesaggi mozzafiato

-il paradiso naturalistico del Delta del Danubio

-in Romania si trovano numerosi centri termali e centri benessere, alcuni risalenti ai tempi degli antichi Romani . Un terzo delle sorgenti minerali d’Europa si trovano nel territorio rumeno e attualmente sono circa 70.

Le sorgenti termali della Romania e i laghi con acque e fanghi con proprietà terapeutiche attraggono ogni anno numerosi pazientiper curare malattie di tipo: cardiovascolare, reumatico, respiratore, digestivo e neurologico.

Le località termali

Eforie, Neptun, Mangalia, Techirghiol, località sulle sponde del Mar Nero, note per le proprietà delle acque salate simili a quelle del Mar Morto; le migliori al mondo.
Buzias o Baile Herculane, località nel sudovest della Romania, furono fondate dai Romani.
Spa Baile Felix, nel nordovest del Paese, rinomato per le sue acque termali a 60°.
Ocnele Mari, Govora e Olanesti nella Valle dell’Olt, famose per le cure contro l’asma, la bronchite e alcune allergie.
Borsec: acque minerali a base di calcio e magnesio, Tusnad nota per il mofeta, il biossido di carbone che fuoriesce dal suolo, Balvanyos e Sovata, conosciuta per cure ginecologiche e contro la sterilità, si trovano nella Romania centrale.

La Romania si è rivelata anche quest’anno una meta con tanto di appeal per il mercato italiano.

Gli italiani in viaggio in Romania scelgono la capitale Bucarest per le vacanze brevi, mentre per le vacanze che superano i 3 pernottamenti preferiscono abbinare alla città di scalo, in base alla durata del viaggio, una o più regioni storiche. La più ricercata è sicuramente la Transilvania, seguita dalla Bucovina e del Maramureş.

I numeri turistici registrati nei primi sette mesi del 2016 confermano,  un aumento di circa l’11% rispetto allo stesso periodo del 2015. L’Italia si posiziona al secondo posto, dopo la Germania, a livello di flussi turistici registrati nelle strutture ricettive romene.

Anche quest’anno i visitatori dello stand della Romania, alla fiera TTG di Rimini, sono invitati alle degustazioni enogastronomiche di prodotti tipici romeni il 13 ottobre alle 15:30 e il 14 ottobre alle 11:30. Per questa edizione abbiamo creato, infine, una zona fotografie/selfie presso cui verranno stampate istantaneamente delle foto-calamite come ricordo.

La Romania sarà presente alla 53° edizione della fiera TTG Incontri di Rimini con uno stand di 64 mq che accoglierà ben 13 partner tra tour operator romeni ed italiani specializzati nella destinazione, la catena alberghiera Karpaten Hotels e la compagnia aerea romena low cost Blue Air.

Gli operatori presenti allo stand, quali A-Trip2Ro, Dagecom Travel Services, DAL Travel, Estland, Invitation Romania Travel, Karpaten Turism, Liberty International Tourism Group, Ramanic Tour, Romania for All, Severin Travel e World Travel Group, presenteranno le offerte per Halloween e per le prossime feste invernali. Gli interessati potranno trovare un vasto palinsesto di pacchetti per tour culturali e religiosi, city break, settimana bianca, per il turismo rurale e tante proposte di nicchia che rispondano alle esigenze del mercato italiano: tour in motocicletta e camper, proposte per turismo ecosostenibile, attivo e termale.

Svizzera: la casa degli sport invernali e per gli snow lovers – Sant’Ambrogio e vacanze invernali con tutti i lussi

montagna 672 neveBACKFLIP SCI

Trenino rosso del Bernina
99 euro per 2 persone!
Fino al 30 novembre; vedi più sotto.

Sci, slittino, escursioni invernali o ice climbing e snowbike:

le Alpi svizzere sono un vero paradiso per gli sport invernali.

Ma esiste un’altra faccia della neve, meno sportiva ma altrettanto affascinante. Il motto di Svizzera Turismo per il 2016/17 è l’inverno come piace a te.

Dedicato agli snow lovers che vanno in cerca di aria salubre, di rifugi gourmet, di terrazze al sole o semplicemente di relax in uno scenario da favola.

Engadin St. Moritz: una stagione elettrizzante.

In attesa dei Campionati mondiali la destinazione sfodera tante novità: nuova seggiovia Porsche Designsul Corvatsch, riapertura del Museo Engadinese, al Badrutt’s Palace nuovo Vintage Cigar Lounge (con sigari cubani “pre-embargo”) e nuovo ristorante dello chef tristellato Caminada;

il Kulm Hotel St. Moritz e il Grand Hotel Kronenhof propongono corse su slitte trainate da cani sul passo del Bernina mentre per tutto l’inverno si potrà percorrere la Via del ghiaccio di Madulain.

 Campionati mondiali FIS di sci alpino che St. Moritz ospita – per la quinta volta – dal 6 al 19 febbraio 2017.

Sant’Ambrogio a St. Moritz: offerta speciale!

Offerta dal 7 all’11 dicembre 2016 per sciare e rilassarsi a St. Moritz durante il ponte di Sant’Ambrogio. Svizzera Turismo e Engadin St. Moritz hanno ideato l’iniziativa Sant’Ambrogio a St. Moritz per invogliare gli ospiti dell’area milanese a scoprire o riscoprire l’Engadina approfittando della vicinanza – solo 165 km da Milano – e delle ottime offerte in 4 hotel a bordo pista di diversa categoria: dal lussuoso Grand Hotel Kempinski di St. Moritz all’Inn Lodge Celerina, ideale per famiglie.

Per prenotazioni: Svizzera.it/santambrogio

Kempinski Grand Hotel des Bains*****, St. Moritz: camera doppia a 249 euro a notte.

Hotel 5 stelle ski in ski out, situato accanto alla funivia del Signal che conduce nel comprensorio di Corviglia/Piz Nair. Colazione a buffet, rinomata in tutta la Svizzera, e Alpine SPA su una superficie di 2800 m2 con piscina, sale fitness, spazio sauna, salotto, terrazza SPA, spa riservata al pubblico femminile, sauna bio, grotta aromatica, massaggi all’olio di marmotta e molto altro ancora.

L’offerta Sant’Ambrogio a St. Moritz comprende:

  • –  Pernottamento in camera doppia Resort Room.
  • –  Upgrade gratuito.
  • –  Colazione a buffet.
  • –  Libero accesso all’area wellness Alpine SP A.
  • –  Skipass a 32 euro al giorno/persona (al posto di 73 euro) prenotando almeno 2 notti, valido su tutti gli impianti di risalita e sui mezzi pubblici.
  • –  Prezzo a notte per due persone in camera doppia: 249 euro.
  • –  Late Check Out: fino alle 16h00.
  • –  Validità: dal 7 all’11 dicembre 2016.Per prenotazioni: Svizzera.it/santambrogioInn Lodge Celerina: camera doppia a 150 euro a notte con pensione completa!Un nuovo concetto di alloggio che propone soluzioni per gruppi e per ospiti individuali. Ambiente informale e camere dal design urbano e minimalista. Ideale per famiglie e per una clientela di sportivi.

    L’offerta Sant’Ambrogio a St. Moritz comprende:

  • –  Pernottamento in camera doppia Economy Room.
  • –  Colazione e cena in hotel.
  • –  Pranzo sulle piste a Marguns presso Pizzeria Chadafö o Self Marcho Allegra.
  • –  Skipass a 32 euro al giorno/persona (al posto di 73 euro) prenotando almeno due notti, valido su tutti gli impianti di risalita e sui mezzi pubblici in Alta Engadina.
  • –  Prezzo a notte per due persone in camera doppia: 150 euro.Svizzera TurismoVia Palestro 2, IT-20121 Milano, Telefono +39 02 7601 3203, Svizzera.it

Validità: dal 7 all’11 dicembre 2016. Per prenotazioni: Svizzera.it/santambrogio

Hotel Nira Alpina****S, Silvaplana: camera doppia a 500 euro per 2 notti.

Hotel contemporaneo con accesso diretto alle piste del Corvatsch e con ogni genere di comfort. La Nira Spa è dotata di 5 cabine per i trattamenti, sauna, bagno turco, sala relax, bagno Rasul, vasca idromassaggio e Gym con attrezzature ultramoderne. La sera ci si rilassa nel modaiolo “Bar at Stars”.

L’offerta Sant’Ambrogio a St. Moritz comprende:

  • –  Minimo due pernottamenti in camera doppia.
  • –  Upgrade gratuito.
  • –  Colazione a buffet.
  • –  Libero accesso all’area wellness Nira Spa.
  • –  Voucher vin brûlé.
  • –  Skipass a 32 euro al giorno/persona (al posto di 73 euro), valido su tutti gli impianti di risalita esui mezzi pubblici in Alta Engadina.
  •  Prezzo a notte per due persone in camera doppia: 250 euro.
  • –  Validità: dal 9 all’11 dicembre 2016.Per prenotazioni: Svizzera.it/santambrogioHotel Reine Victoria****, St. Moritz: soggiorno 4 notti per 2 persone a 756 euro.Hotel storico in stile Art Nouveau a 100 metri dalla funivia del Signal e vicino al centro OVAVERVA. Offre 147 camere (singole, doppie e multi-letto) e una vista spettacolare sul paesaggio alpino.

    L’offerta Sant’Ambrogio a St. Moritz comprende:

  • –  Minimo quattro pernottamenti in Economy Room.
  • –  Colazione a buffet.
  • –  Ingresso gratuito al centro OV A VERV A con Spa, piscina coperta e area fitness.
  • –  Skipass a 32 euro al giorno/persona (al posto di 73 euro), valido su tutti gli impianti di risalita esui mezzi pubblici in Alta Engadina.
  • –  Prezzo a notte per due persone in camera doppia: 189 euro.
  • –  Validità: dal 7 all’11 dicembre 2016.Per prenotazioni: Svizzera.it/santambrogio

N. verde 00800 100 200 30 (non eliminare “00” iniziale), www.svizzera.it, info@myswitzerland.com

————–

Snowbike
Le migliori destinazioni in Svizzera per andare in Mountain Bike anche d’inverno: Gstaad, Andermatt, St. Moritz, Aletsch Arena

———-

Trenino rosso del Bernina
99 euro per 2 persone!
Fino al 30 novembre offerta speciale sulla spettacolare tratta, patrimonio UNESCO, da Tirano a St. Moritz: viaggio A/R e pranzo inclusi!

Non solo weekend con i bambini e i ragazzi – Settimana del Pianeta Terra – 16 – 23 ottobre – “Geoeventi” in tutta Italia

Settimana del Pianeta Terra, dal 16 al 23 ottobre tornano i “Geoeventi” in tutta Italia

Avvicinare adulti e ragazzi alle Geoscienze

Torna per il quarto anno la Settimana del Pianeta Terra, il Festival nazionale della Scienza che quest’anno coinvolgerà con più di 300 “Geoeventi” oltre 230 diverse località, enti di ricerca, associazioni, università.

Obiettivo: avvicinare adulti e ragazzi alle Geoscienze e promuovere le risorse naturali più spettacolari e poco conosciute del Paese.

Sette giorni di manifestazioni in tutta Italia e decine di migliaia di persone coinvolte: torna per il quarto anno la “Settimana del Pianeta Terra”, il Festival della Scienza che dal 16 al 23 ottobre 2016 trasformerà le città italiane in laboratori a cielo aperto.

Obiettivo del Festival è avvicinare adulti e ragazzi alle Geoscienze, trasmettendo l’entusiasmo per la ricerca e la scoperta scientifica.

Per farlo, oltre 230 località italiane per una intera settimana verranno animate dai “Geoeventi” organizzati da università e scuole, enti di ricerca, enti locali, associazioni culturali e scientifiche, parchi e musei, mondo professionale.

Dalle escursioni alle visite guidate, dai laboratori didattici e sperimentali alle attività musicali, passando per conferenze, workshop e spettacoli: la “Settimana del Pianeta Terra” offrirà eventi adatti a tutti, valorizzando il patrimonio geologico italiano e mettendo a disposizione l’offerta naturalistica del Paese, fatta di montagne e ghiacciai, grandi laghi, fiumi, colline, coste e paesaggi marini, isole, vulcani. Il festival intende infatti promuovere un turismo culturale, sensibile ai valori ambientali, diffuso su tutto il territorio italiano.

Con i Geoeventi saranno messe in risalto le risorse naturali più spettacolari e poco conosciute che spesso, senza saperlo, si nascondono proprio a due passi da casa.

“Siamo felici e orgogliosi di come questa manifestazione stia crescendo, edizione dopo edizione, soprattutto per il significato di coinvolgimento nazionale che sta assumendo e consolidando”, spiega Silvio Seno, professore ordinario di Geologia strutturale presso l’Università degli Studi di Pavia e co-responsabile della Settimana del Pianeta Terra.

“Dopo il successo dello scorso anno, che ha registrato più di 80.000 presenze, siamo passati dalla programmazione biennale a quella annuale e i numeri del 2016 confermano la scelta: contiamo oltre 309 Geoeventi, 72 in più rispetto allo scorso anno. Sono aumentate anche le località coinvolte nel progetto, passate dalle 180 del 2015 alle 230 del 2016. Un’iniziativa che diventa anche un significativo volano economico per molte associazioni geo-naturalistiche attive nel nostro Paese”, ha continuato Rodolfo Coccioni, professore ordinario di Paleontologia all’Università di Urbino e co-responsabile della Settimana del Pianeta Terra.

Con i Geoeventi sarà possibile vestire i panni del “Geologo per un giorno” con escursioni per conoscere dal vivo come il geologo raccoglie i dati da Gaia e ne trae una miniera di informazioni per la ricostruzione degli ambienti del passato. Saranno raccontate le mille sfaccettature del territorio italiano: dal Nord al Sud si racconteranno i vulcani, anche attraverso la poesia e la pittura, i laghi e le lagune, le frane e le loro cause. Un occhio di riguardo sarà rivolto alla Basilicata e a Matera con una giornata che presenterà al grande pubblico le peculiarità geologiche della regione, attraverso un viaggio che dal capoluogo lucano condurrà fino alla Capitale Europea della Cultura per il 2019.

Cos’è la Settimana del Pianeta Terra

La “Settimana del Pianeta Terra – L’Italia alla scoperta delle Geoscienze – Una società più informata è una società più coinvolta” è un festival scientifico che coinvolge tutta l’Italia, vive dal 2012 ed è diventato il principale appuntamento delle nostre Geoscienze.

Per una intera settimana di ottobre diverse località sparse su tutto il territorio nazionale sono animate da manifestazioni per diffondere la cultura scientifica, i “Geoeventi”: escursioni, passeggiate nei centri urbani e storici, porte aperte nei musei e nei centri di ricerca, visite guidate, esposizioni, laboratori didattici e sperimentali per bambini e ragazzi, attività musicali e artistiche, degustazioni conviviali, conferenze, convegni, workshop, tavole rotonde.

I Geoeventi sono organizzati da università e scuole, enti di ricerca, enti locali, associazioni culturali e scientifiche, parchi e musei, mondo professionale.

Maggiori informazioni su
Sito: www.settimanaterra.org
Facebook: Settimana del Pianeta Terra
Twitter: @SettimanaTerra

Per i vostri Bambini o nipoti – Almeno un weekend a Padova – Dinosauri come non li avete MAI visti !!!

SE VOLETE ASSICURARVI LA TOTALE FELICITA’ DEI VOSTRI BIMBI O NIPOTI

PORTATELI A PADOVA

Mai mostra di dinosauri fu tanto SPETTACOLARE !!!

dinosauri-450-padova-2016-mostra-da-argentina

Dall’8 ottobre2016  al 26 febbraio 2017

”  DONOSAURI. GIGANTI DALL’ARGENTINA “

Presso il Centro Culturale Altinate San Gaetano

Mai mostra di dinosauri fu ricca di tante emozioni.

Grazie alle più moderne tecnologie sarà possibile vedere la nascita, dall’uovo, di uno dei più grandi predatori mai visti sulla faccia della terra.

Come se fossero vivi: 

in dimensioni reali, cinque dinosauri, compreso il Argentinosaurus huinculensis, lungo anche 38 metri, IL PIU’ GRANDE CARNIVORO CONOSCIUTO SECONDO LE ULTIME SCOPERTE SCIENTIFICHE.

PADOVA E’ DOTATA ANCHE DI UN PRESTIGIOSO MUSEO DI GEOLOGIA E PALEONTOLOGIA, con anche splendide palme fossili, DA NON PERDERE !

Per informazioni e foto su cosa vedere e fare a Padova e dintorni,  vedi al link http://www.donnecultura.eu/?p=8459

 Informazioni sulla mostra

LUOGO: Centro Altinate/San Gaetano
Via Altinate 71, Padova

Infoline e prenotazioni:
049 2010010

Orari:
LUNEDI 9:00 – 19:00
MARTEDI 9:00 – 19:00
MERCOLEDI 9:00 – 22:00
GIOVEDI 9:00 – 19:00
VENERDI 9:00 – 19:00
SABATO 9:00 – 22:00
DOMENICA 9:00 – 19:00

Biglietti:
Intero 10,00 €
Ridotto 8,00 €
Ridotto speciale 6,00 €
Gruppi 8,00 €

Weekend dove ? – Scopriamo le cittadine – gioiello della bella Italia a Maccagno – Lago Maggiore –

MACCAGNO ( Varese ) , uno dei primi luoghi abitati del Verbano, VANTA UNA STORIA MILLENARIA.

Nel 962, Ottone I sbarcò nel piccolo villaggio di pescatori e artigiani, che si chiamava Maccagno; gli abitanti erano alla servitù dei conti Mandelli.

Ottone qui trovò rifugio e ospitalità; quindi concesse l’indipendenza al feudo e il diritto di coniare moneta. Maccagno divenne così un piccolo  staterello.

OGGI:

-Le vie del centro storico sono trasformate in una galleria d’arte a cielo aperto; dipinti spuntano sui portoni e in qualche caso addirittura sulle finestre. Per iniziativa dell’artista Savi Arbola e dell’associazione milanese Ponte degli Artisti. Il progetto si chiama “Porte dipinte per il borgo di Maccagno – Camminando nell’arte“.

Presso la Contrada Maggiore,  si incontra il nucleo antico del borgo.

Da visitare:

-Torre imperiale

-piccolo santuario della Madonnina della Punta (sec. XVI)

-scorci sui Castelli di Cannero, posti su di un isolotto di fronte a Maccagno.

Maccagno superiore, è la parte moderna del paese e sede del Municipio.

Da visitare e osservare:

-la Casa Branca, con cortile a loggiati.

-il panorama mozzafiato, su quasi tutto il Verbano: dalle vette del Canton Ticino, al golfo Borromeo.

-la spiaggia, creata dal torrente Giona, è introvabile, per la sua lunghezza e larghezza.

Ogni anno, migliaia di turisti arrivano a Maccagno, dove trovano alberghi, campeggi e case di vacanza.

DA NON PERDERE, UN GIOIELLO POCO CONOSCIUTO:

– dal 1979 il Civico Museo Parisi Valle, che ospita la ricca collezione d’arte moderna donata dal suo ideatore: Giuseppe Vittorio Parisi; SI tratta di un avveniristico edificio-ponte sul torrente Giona.

EVENTI:

-il “risotto con luganega” ogni Carnevale

-presso il Parco delle Feste, si organizzano molti eventi che fanno la gioia di locali e visitatori (vedi calendario su internet)

CAMMINATE SEMPLICI O IMPEGNATIVE, MOUNTAIN BIKE:

le cartine dei sentieri sono reperibili presso l’ufficio turistico locale

– da Maccagno partono diversi sentieri per le valli circostanti. Alcuni di essi sono percorribili in mountain bike.

LAGO E VENTO PER WIND SURF E VELA:

-la posizione ventilata rende la zona di Maccagno uno dei luoghi favoriti per gli amanti del windsurf e della vela.

POSTI BARCA, UN PROGETTO PER UN PORTO GALLEGGIANTE:

– il porto galleggiante nello splendido golfo della Gabella a Maccagno superiore non è più un sogno.

-entro il prossimo 15 novembre dovrebbero iniziare i lavori;  si prevede che circa venticinque posti barca saranno assegnati pubblicamente entro la prossima stagione estiva.

 

——————

ARTE E ARTISTI A MACCAGNO E IN TUTTA ITALIA IN UN PERCORSO DI RICERCA CONTINUA

Il Ponte degli Artisti, associazione culturale con sede a Milano, organizza la mostra “Pinocchio Giramondo” alla Corte di Ottone I.

Dal 20 settembre al 19 ottobre 2014  nella bellissima Maccagno.

Prima tappa di un tour artistico che toccherà tutta l’Italia. 

Nel corso del viaggio, come Pinocchio, si incontreranno:
-affetti,
-tesori,
-talenti
-la voglia di crescere.

Pinocchio Giramondo trasferisce, questa riflessione, alla Corte di Ottone, permettendo agli artisti che parteciperanno con opere di pittura, scultura, narrazione, poesia e fotografia, di esprimere liberamente il loro mondo.

Vedi al link www.facebook.com/pages/Pinocchio-Giramondo-by-Lino-Monopoli

Savi Arbola, presidente dell’associazione spiega:

“E’ questa la forza del personaggio di Pinocchio, nella sua semplicità descrive in modo inequivocabile il cammino dell’individuo dalla sua nascita, l’adolescenza e lo sviluppo fino alla piena maturità, come metafora della vita nella ricerca di se stessi. L’idea è di “viaggiare o vagabondare” insieme ai Pinocchi realizzati da Lino Monopoli affidandoli ad Artisti e Viaggiatori, per creare un percorso comune di ricerca e narrazione. Un percorso documentato da simpaticissime fotografie che potete trovare sui nostri siti. Pinocchio trasmette simpatia, affetto, ci porta inevitabilmente a rivisitare le nostre esperienze passate, a ripercorrere i momenti più importanti della nostra crescita e delle scelte sia personali che artistiche, passando qua e là fra il mondo della fiaba e il mondo della realtà in un dialogo continuo che arricchisce il nostro modo di vedere le cose che ci capitano ogni giorno. Ed è per questo che la nostra iniziativa veicola un messaggio importante di comunicazione. Da una parte all’altra del mondo, un continuo confronto, una continua misura delle proprie possibilità.”