Archivi categoria: VIAGGI

Viaggi: in economia, style&luxury, terme…extra Europa, Europa, Italia,

Laos 672 7 Mr Bonny Seng

VIAGGI CULTURALI: GRANDE TOUR DEL LAOS

DUE SETTIMANE INDIMENTICABILI.

14 Giorni / 13 Notti

TUTTE LE FOTO SONO DI: Mr Bonny Seng.

Laos 450 3

Laos 2 Mr Bonny Seng

Laos 450 6

Laos 8 Mr Bonny Seng

Laos 450 Mr Bonny Seng5

Laos 450 1

Laos Mr Bonny Seng4

Destinazioni: CHIANG RAI – HUAY XAY – PAKBENG – LUANG PRABANG – XIENG KHOUANG – VANG VIENG – VIENTIANE – PAKSE – PAKXONG – WAT PHU – DON KHONE

Questo è il Grande Tour del Laos, a dimostrazione della grande varietà di attrazioni ed attività che il Paese ha da offrire, per trascorrere due settimane indimenticabili in questo incantevole Paese.

Dalla lussuosa Mekong Cruise, ai villaggi Hmong, ai misteriosi siti archeologici, ai templi decorati e alle cascate mozzafiato, questo tour è veramente completo! 

Tipo di tour: Tour avventura
Itinerario in breve:

Itinerario in Dettaglio:

Giorno 1: Chiang Rai – Arrivo in Thailandia.


Al vostro arrivo e trasferimento in hotel dove. Giornata libera a disposizione. 
Pernottamento a Chiang Rai .

Giorno 2: Chiang Rai – Chiang Khong – Huay Xai – Pakbeng, LAOS (Colazione) 
In mattinata trasferimento alla città di confine di Huay Xay (il viaggio dura circa 2 ore, su strada). 
Arrivo a Houy Xay in Laos, ci imbarchiamo sulla nostra barca da crociera tradizionale a valle, sul fiume Mekong.

Questa parte del fiume Mekong è abbastanza stretta ed entrambe le rive dei fiumi sono circondate da splendidi scenari di belle foreste verdi e colline. Il ritmo della navigazione è molto rilassato, perfetto per osservare la vita rurale. Lungo la strada, ci fermiamo sopra a Ban Houeilampen per visitare i Hmong, popolo tribale.

Sono molto poveri, ma hanno una cultura e una storia interessante. 
Pernottamento in Pakbeng (sistemazione standard). 

Opzione 1: 3 * barca charter privata. 
Opzione 2: 4 * crociera Luang Say. 
Stay overnight in Pakbeng (Very standard accommodation).

Option 1: 3* Private charter boat.
Option 2: 4* Luang Say cruise.

Giorno 3: Pakbeng – Pak Ou – Luang Prabang (Colazione)

Dopo colazione si naviga lungo il fiume, costeggiando aree di foresta incontaminate con piccoli villaggi lungo le rive del fiume.

Si visita un villaggio di pescatori e un villaggio che produce la vinificazione del riso, con la possibilità di assaggiare la bevanda conosciuta come il “vino Lao Rice”.

Potete anche visitare le grotte di Pak Ou-, dove sono conservate migliaia di statue di Buddha.

Si arriva a Luang Prabang intorno al tramonto, trasferimento in hotel. Luang Prabang, questa incantevole città, patrimonio mondiale dell’UNESCO, è una piccola città onirica posizionata sui Fiumi Mekong e Nam Khan, in una splendida cornice di montagna.

Dal 1353 fino al 1545 fu la capitale del Lane Xang prima che potere fu trasferito a Vientiane.

Nonostante la scelta politica Luang Prabang è rimasta la sede del potere monarchico e quando il regno si sciolse, nel 1694, uno dei nipoti del re defunto istituì un regno rivale a quelli di Vientiane e Champasak. Anche se indebolita, la regalità di Luang Prabang ha resistito fino al 1975, e dopo il regno di 63 re, è stato formalmente sciolto.

Giornata di visita ai templi e ai siti, in quello che viene chiamato uno degli ultimi Shangri-La del sud-est asiatico. 
Pernottamento a Luang Prabang.

Giorno 4: Gita in bici e visita al villaggio locale (Colazione)

Oggi esploriamo Luang Prabang con le bici elettriche, un modo ecologico di esplorare la città divertendosi. Visitiamo il Wat Visun, il Wat Aham ed il bellissimo Wat Xieng Thong.


Ci dirigiamo verso il villaggio Phone Say, un villaggio nascosto, specializzato in bellissimi intrecci tessili, a pochi chilometri da Luang Prabang.

Phone Say è ancora uno dei villaggi tradizionali più intatto del Lao, l’incantevole borgo non può essere raggiunto dai veicoli, dista solo 20 minuti a piedi dalla strada principale.

Incontriamo la signora Ting, che ha ereditato le sue abilità di tessitura a mano da sua madre quasi 30 anni fa, e che ora insegna alle giovani donne laotiane la sua preziosa competenza ed arte.

Dopo una visita al suo laboratorio godiamo di un pranzo casalingo cucinato da sua sorella minore, la signora Bounkhong.

Lei insegna anche la cucina in un college a Luang Prabang.

Pranzo casalingo sulla terrazza di bambù, sul fiume Mekong, un’altra esperienza indimenticabile, con assaggio della vera cucina tradizione Lao.


Dopo pranzo, visita al villaggiodi Ban Xai, dove ci uniamo un tradizionale classe Stencil laotiana per saperne di più sulla carta Saa.

Al nostro ritorno in città saliamo sulla montagna Phousi per godere della fantastica vista di Luang Prabang, il fiume Nam Kan ed il Mekong. Ritorno con la bici elettrica in città, seguirà un rilassante e tradizionale massaggio Lao e sauna. 
Pernottamento a Luang Prabang.
Giorno 5: Escursione in elefante e kayak alle cascate Tad Sae (Colazione)

Dopo la prima colazione, la vostra guida locale vi incontrerà in hotel (alle 08:30.),

Si procederà nella valle del Nam Khan, a circa 15 km dalla città, per raggiungere il bellissimo “Elephant Village”, dove, con le aspre montagne di fronte a voi e la lussureggiante campagna verde, vivrete l’esperienza degli elefanti.

Qui troviamo il tempo per rilassarsi e il posto giusto per grandi attività.

Ora sarete introdotti nell’area del progetto degli elefanti asiatici, con giro panoramico sull’elefante.

Godetevi la nuova prospettiva dall’alto della meravigliosa natura in questa ora di passeggiata, attraverso il fiume Nam Khan e la foresta.

Successivamente una barca vi porterà alle spettacolari cascate e piscine delle cascate Tad Sae (cascata secca tra febbraio e agosto).

Durante la pausa pranzo potete godere sia delle cascate rinfrescanti o della vista panoramica dalla nostra terrazza della montagna.

Dopo una breve istruzione potrete sperimentare la vita lungo il fiume Nam Khan, con l’escursione morbida di 3-4 ore del tour in kayak che vi porterà in città, con poche piccole rapide (a seconda della stagione).

Anche per i rematori inesperti, questa è un’occasione per provare. Fermate ai villaggi lungo la strada sono inclusi, nonché un servizio di pick up presso il punto di arrivo a Luang Prabang.


Intera giornata di attività con morbida discesa in kayak (difficoltà facile a moderata) ed escursione in elefante di circa 1 ora. 
Pernottamento a Luang Prabang. 


Giorno 6: Riso – esperienza della coltivazione in fattoria (Colazione)

Per conoscere cosa ci vuole per piantare, coltivare, raccogliere e preparare il riso prima che sia pronto da mangiare.

Questa attività unica di mezza giornata vi invita ad una profonda e manuale esperienza, dove potrete partecipare a 14steps del ciclo del riso nelle terre di vita comunitaria nella Fattoria di apprendimento.

Dopo la prima colazione, ci uniremo ai locali per fare l’esperienza di coltivazione del riso interattiva nei terreni agricoli.

Potrete vedere e conoscere la tessitura del bambù, degli utensili da giardinaggio e persino fabbri. Sarete coinvolti nella piantagione manuale del riso a fianco dei nostri agricoltori.

Dopo questa esperienza si prosegue verso la cima della cascata Kwang Si, e, se vi sentite avventurosi, chiedete alla vostra guida che vi porterà fuori dal sentiero, alle piscine nascoste. Rientro in tuk tuk e pernottamento a Luang Prabang.

Giorno 7: Luang Prabang – Xieng Khuang, Scenic Drive a Piana delle Giare (Colazione) 
Partiamo presto questa mattina, intorno alle 8 per Xiengkhuang, famosa per la ‘Piana delle Giare’.

La strada segue un percorso di montagna tortuoso e faremo la nostra prima tappa a Houi Hei, che offre una splendida vista sulle montagne circostanti.

Si prosegue per Ban Kiu Maknao e Khmu Village per esplorare, prima di arrivare a Phou Khoun, per il pranzo.

Proseguiremo sulla strada della provincia di Xiengkhuang, raggiungendo la nostra quota massima di 1500 mt sul livello del mare, poco dopo Phou Khoun.

Abbiamo tempo per fare una sosta a Ban Son Boom, un villaggio Hmong. Le nostre tappe finali del tour sono un ricordo perchè questa regione ha svolto un ruolo importante durante la guerra del Vietnam e visiteremo anche la Cava di Buddha nascosta, che è servita come ospedale militare durante la guerra.

Arrivo in hotel nel tardo pomeriggio. 
(Il viaggio di oggi è di circa sette-otto ore, comprese le soste lungo il percorso). 
Pernottamento in Xieng Khuang.

Giorno 8: Xieng Khuang – Vang Vieng (Colazione) 
La “Piana delle Giare” è un suggestivo sito archeologico dove centinaia di grandi giare di pietra sono sparse su tutto l’ altopiano.

Questi enormi vasi hanno presumibilmente più di 2.000 anni, ma la maggior parte degli archeologi ancora discute sul loro scopo.

Abbiamo tempo oggi per esplorare il sito e alcuni villaggi vicini, popolati dalle tribù di collina Hmong ed il popolo Tai Dam. Essi sono molto poveri, ma in possesso di una cultura locale vivace e una storia interessante.

Lasciamo Xieng Khouang per la nostra strada panoramica di Vang Vieng, una piccola e tranquilla cittadina, che si trova in un’ansa del fiume Nam Song. I suoi paesaggi mozzafiato, con una miscela di acqua e calcare tranquille rimane ancora intatta, nonostante i recenti sviluppi per l’avvento del turismo.

A seconda delle condizioni della strada e del traffico, si arriva a Vang Vieng a metà pomeriggio o in serata. 
(Il viaggio oggi è di circa sette-otto ore, comprese le soste lungo il percorso). 
Pernottamento in Vang Vieng.

Giorno 9: Vang Vieng – Vientiane (Colazione)

Un modo suggestivo per iniziare la giornata è una passeggiata al vivace mercato centrale. Fuori della città faremo un breve tragitto su una zattera di bambù lungo il fiume Namsong, che ci dà un assaggio di avventura. Le scogliere calcaree e le valli che circondano il complesso turistico di Vang Vieng ospitano numerose grotte e caverne.

La più famosa a Vang Vieng è la grotta di Tham Jang, che è stato utilizzata nei primi anni del 19° secolo in difesa contro gli invasori cinesi.

Attraversiamo anche il fiume di Ban Huai Ngai, un piacevole villaggio dove possiamo esplorare i diversi stili di vita locali.

Si parte per Vientiane. Situata sulle rive del fiume Mekong, la capitale evoca immagini esotiche, con un curioso mix di Lao, thailandese, cinese, vietnamita ed influenze francesi. 
(Il viaggio oggi è di circa quattro-cinque ore, comprese le soste lungo il percorso). 
Pernottamento in Vientiane.

Giorno 10: Vientiane City Tour (Colazione, Pranzo) 
Situato a 25 km a sud est della città, visita al Buddha Park dove si possono ammirare 200 immagini buddiste e religiose risalenti a più di 500 anni fa, la maggior parte dei quali sono stati introdotti dall’India, visita consigliabile.

Seguirà la visita al Lao – Thai Friendship Bridge, per fare foto e riprese. Più tardi potrete godere di una crociera sul fiume Nam Ngum, con pranzo privato, lungo il fiume. 

Faremo anche una visita al villaggio che vende banane e frutti locali ed anche un villaggio dove cucinano un mix di bambù, riso con noci di cocco, cotto sul fuoco della brace (Koalam), si consiglia un assaggio.

Sulla via del ritorno per Vientiane faremo una breve sosta al mercato di Dong Mak Khai, dove i locali vendono verdura, animali della fauna selvatica, artigianato e pollame. 
Pernottamento a Vientiane.

Giorno 11: Vientiane – Pakse – Wat Phu – Pakxong (Colazione) 
In mattinata volo per Pakse.

Godetevi una gita in barca per l’antica capitale reale di Champasak, dove potrete esplorare le rovine di Wat Phu, uno dei templi tra i più interessanti del sud-est asiatico.

Tempo a disposizione per scoprire le rovine Khmer intriganti arroccate sul monte Phu Kao. WatPhu, sito di eredità mondiale riconosciuto dall’UNESCO, è un sito archeologico fantastico della civiltà khmer risalente al 9° secolo, molto più angico del leggendario Angkor Wat in Cambogia.

Un festival si tiene ogni anno durante la luna piena nel mese di febbraio che attira numerosi pellegrini da tutto il Laos meridionale.

Pomeriggio trasferimento a Pakxong. Durante il tragitto incontreremo molte piantagioni, lussureggianti colline e foreste pluviali. Sosta ad alcuni villaggi vicini, sede dei gruppi Kato Hill tribal che ancora conservano le loro antiche tradizioni. Continuiamo il nostro viaggio attraverso gli altipiani Paksong e Boloven.

L’altopiano Boloven è noto per la sua temperatura più fredda, in quanto si trova sopra il livello del mare. Diversi fiumi scorrono da questo altopiano in tutte le direzioni e poi si tuffano nelle foreste pluviali, creando una serie di spettacolari cascate impetuose. 
Pernottamento a Pakxong.

Giorno 12: Pakxong – Don Khone (Colazione) 
Dopo colazione si proseguire fino a Khone Island, con fermata alla cascata Tad Fan, a Tad Yeung, per visitare le piantagioni di tè e di caffè. Il paesaggio intorno alla cascata Tad Fan è spettacolare con le cascate gemelle precipitando in una profonda gola, circondato da una vegetazione rigogliosa.

Grande opportunità di osservare la coltivazione del caffè, tè, cardamomo, banane e la possibilità di avventurarsi fuori dai sentieri battuti e scoprire alcune delle zone incontaminate del Laos, esplorando così la bellezza selvaggia di questa regione meridionale.

All’arrivo a Ban Nakasang, faremo un’escursione con la barca a motore per Don Khone, l’isola più grande nella regione del Sud del fiume Mekong conosciuta come la regione delle 4000 isole, una delle zone più panoramiche del Laos. 
Pernottamento a Don Khone Island.

Giorno 13: Don Khone – Pakse (Colazione) 
Dopo la prima colazione, esploriamo i villaggi locali di Ban Khone, dove potrete vedere una serie di reperti di epoca coloniale francese e ripercorrere l’antico passato coloniale, tra cui vecchi edifici coloniali francesi e i resti della prima ferrovia Lao con la sua locomotiva.

Continuiamo a scoprire l’area delle 4000 isole in barca per visitare la cascata Liphi, una delle più belle cascate che segnano la fine del confine tra il Laos e la Cambogia, noto anche come il Samphamith.

Se saremo fortunati, potremo anche vedere il raro delfino d’acqua dolce, l’Irrawaddy Mekong, a Ban Hang Khone. Rientro a Ban Nakasang e visita alla famosa cascata Khone Phapeng, la più grande cascata del Sud Est Asiatico, conosciuta come il “Niagara d’Oriente”. 
Rientro e pernottamento a Pakse.

Giorno 14: Pakse – Partenza (Colazione) 
Dopo colazione, trasferimento in aeroporto per la partenza. Saluti alla vostra guida laotiana e all’autista e….. arrivederci alla prossima destinazione!!
Fine dei servizi.

COSTO PER TOUR PRIVATO in Dollari USA – Senza commissione
Costo netto per persona in camera doppia /due letti

I prezzi variano secondo il periodo, la stagionalità  e il numero dei partecipanti da 937 (16-20 persone)  euro, senza i voli dall’Italia a 1.700; preventivi : T: +855 23 426 456, F: +855 23 432 242
gm@eurasietravel.com.kh / www.eurasietravel.com.kh

IL COSTO DEL TOUR INCLUDE: 
• Alloggio con prima colazione 
• Servizio Ristorazione: colazione come descritto nel programma (B: colazione, L: pranzo e D: cena) 
• trasferimenti aeroportuali e trasporti con veicoli con aria condizionata, come da programma 
• Itinerari e biglietti d’ingresso, dove specificato 
• Guida locale di lingua inglese come da programma 
• Tutte le gita in barca come indicato nel programma 
• Acqua fredda e asciugamano durante le escursioni

IL COSTO DEL TOUR NON INCLUDE: 
• Il costo del visto per il Laos 
• biglietto aereo internazionale in-out Laos 
• volo nazionale: Vientiane – Pakse: 140 $ 
• Altri pasti, bevande, spese personali, assicurazione di viaggio 
• Altre voci non indicate ne “la quota comprende”

Consultant/Emergency Contact:
Eurasie Travel – Head office
“ Best for the Best “
#AC04, Street 55, Borei Sopheak Mongkul, Chroy Changva, Phnom Penh, Cambodia.
T: +855 23 426 456, F: +855 23 432 242
gm@eurasietravel.com.kh / www.eurasietravel.com.kh

Hot lines:
+ Mr. Bonny +855 12 608 108

vario panorama 672 IMAG1281

MALDIVE che cambiano introduzione della CENSURA !

MMM, ovvero: Maldive, Mare e Malintesi.

CHI SCRIVE HA VISITATO LE MALDIVE OLTRE 35 ANNI FA PER FARE FOTO SUBACQUEE E HA VISTO LO SVILUPPO DEGLI ANNI SUCCESSIVI, CONSTATATO IL SEMPRE MAGGIORE DEGRADO AMBIENTALE  E  IL PASSAGGIO DALLA LIBERTA’ DI COSTUMI ALLE ATTUALI RESTRIZIONI RELIGIOSE.

MALDIVE CENSURA PER LEGGE SU QUANTO PUBBLICATO.

Dobbiamo tristemente prendere atto del fatto che alle Maldive, paese islamico, è stata approvata una legge che prevede la censura su ogni libro pubblicato sul territorio.

Un commissione controllerà che il libro non contenga: “oltraggi ai principi religiosi e all’etichetta sociale”.

Non dimentichiamo che le isole Maldive sono un paradiso turistico dove i turisti possono bere alcol a volontà e le donne indossare i bikini o l’abito che vogliono, purché rimangano nei resort di lusso.

Se invece un turista vuole andare nelle isole dove vivono i maldiviani è costretto, dalla legge locale, a vestirsi completamente da capo a piedi, anche se è una donna, anche se fa il bagno in mare.

Doppia moralità; cosa non si fa per non rinunciare a un mucchio di soldi…ma allora ha senso o no quello che impongono, solo dove gli fa comodo?

Ultima esperienza alle Maldive.

Per simpatia verso la popolazione (che ricordavamo: gentile, rispettosa, servizievole) e spirito ecologico, abbiamo deciso di alloggiare presso una famiglia maldiviana.

A FRONTE DI PESANTI IMPOSIZIONI, GIUSTIFICATE DALLA LORO RELIGIONE (che eravamo disposti ad accettare, ma si sono dimostrate più pesanti e costose del previsto):

-i prezzi (75 euro al giorno a persona),  si sono rivelati assolutamente superiori rispetto ai nostri super-acceessoriati alberghi, ma la spazzatura dalle spiagge non è mai stata tolta, né le lenzuola sono state cambiate in un periodo di 10 giorni!

Turisti in viaggio di nozze in un  lussuoso resort sono stati accompagnati, a carissimo prezzo e con barca privata, su isole dove nessuno si prende la briga di togliere la spazzatura dalla spiaggia.

Vedi informazioni sullo stato delle barriere coralline al link: http://www.donnecultura.eu/?p=10701

Maldive spazzatura inquinamento IMAG3269

Normali depositi in ogni isola deserta e abitata; ad esclusione degli alberghi occidentali che ripuliscono la spiaggia tutti i giorni da quello che porta il mare, ma hanno buttato il loro pattume in alto mare per decenni.

Maldive 500 isola spazzatura inquinamento IMAG3190

Isola spazzatura di fronte alla capitale Male, ogni genere di pattume è ammassato dai frigoriferi, ai computer, alle pile scariche, ai televisori ecc… senza alcun tipo di protezione, all’aria aperta. Le puzzolenti acque reflue, piene di metalli velenosissimi, scaricano direttamente in mare.

DCIM101GOPRO

Dietro il tavolo del pic hic sull’isola deserta ! Spazzatura.

DCIM101GOPRO

Qualche pesce sopravvive tra la barriera corallina di superficie tutta grigio-bege: MORTA ! Ormai privata dei  suoi bellissimi colori che erano dati dalle alghe contenute nei polipi; quando erano VIVI!

Mare dai colori fantastici e dalla spazzatura sempre presente, anche dove si fanno le escursioni partendo dai resort di lusso.

DCIM101GOPRO

DCIM101GOPRO

Ecco il colore della barriera corallina morta (solo sino a 17 metri) che circonda le isole Maldive dopo il passaggio del Niño e dello Tzunami.

DCIM101GOPRO

Qualche pesce colorato fa la felicità dei nuotatori con maschera  che non hanno mai conosciuto i colori della barriera corallina viva.

DCIM101GOPRO

La vita nelle isole abitate dei maldiviani è regolata dalle ferree imposizioni della religione;

-le donne devono fare il bagno completamente vestite e portare sempre un copricapo e gambe coperte, il che impone, in un clima caldo e umido, un continuo sacrificio. Per loro segno della devozione religiosa;

-peccato che agli  uomini, in nome della retrograda disparità dei sessi, questo sacrificio non sia richiesto.

Pur volendo rispettare ogni tipo di religione,  tutto ciò ci appare come uno dei mezzi per ricordare, continuamente,  alle donne il loro stato di sottomissione. 

Un concetto che le donne occidentali stanno cercando, da secoli, di superare in nome della libertà individuale.

Abbiamo cercato di adattarci, per un breve periodo alle loro regole, per comprendere, a fondo, le scelte di questa religione che,  purtroppo, ci è apparsa solo umiliante nei confronti della donna; e non solo per il tipo di vestiario.

Sconsigliamo a qualunque donna sola di fare questa

-scelta che ci era apparsa eco-compatibile e di aiuto economico alle popolazioni locali, ma si è rivelata come una serie di rinunce,  senza senso e obbligatorie, a nostro svantaggio, anche economicamente parlando.

Il colmo è stato che, nonostante le loro richieste di adattamento ai loro costumi,

-i prezzi che ci sono stati imposti (un aumento improvviso rispetto al pattuito che già era altissimo per la bassa stagione e il trattamento della camera senza finestre e senza cambio lenzuola e pulizia per 10 giorni) si sono rivelati assolutamente in linea con i prezzi in occidente (75 euro al giorno), ma in  compenso la varietà e quantità del cibo, pur buonissimo, era estremamente limitata e monotona rispetto ai nostri standard.

-Non c’era aria condizionata, mentre al medesimo prezzo si può alloggiare in una pensione in Liguria a fine agosto !!! Fronte mare, menù con possibilità di scelta e aria condizionata.

-Non si poteva appendere un abito chiaro in bagno perché l’appendiabiti arrugginito, con l’umidità, lo avrebbe rovinato.

DCIM101GOPRO

Premesso che se cercate solo: sole, mare, spettacolari immersioni e le più lussuose e riservate residenze direttamente sulla spiaggia, le Maldive fanno per voi; meglio ancora se non avete problemi di budget.

Premesso anche che riteniamo quantomeno ridicolo scegliere una sistemazione con piscina privata in un luogo dove il mare è bellissimo e sempre caldo.

Comunque, le Maldive rimangono, nell’immaginario collettivo, una delle vacanze al mare da sempre considerate come ottime alternative al freddo inverno dell’Europa.

Peccato che i maldiviani

-non abbiano fatto buon uso di quella marea di soldi che, soprattutto gli italiani, gli hanno regalato con il turismo degli ultimi anni e ne ha fatto un popolo non più di poveri pescatori ma di commercianti pronti a spennare il turista in difficoltà; come è capitato a noi, durante l’ultimo viaggio.

L’aeroporto ha ancora i bagni dell’ultima ristrutturazione che sembra avere superato i 30 anni.

L’ufficio informazione dell’aeroporto si è rifiutato di chiamare una persona smarrita e

-nemmeno la polizia dell’aeroporto ha dato una mano; anzi ha rimandato facendo perdere il traghetto e proponendo una guest house kich e triste a prezzo più alto dell’hotel di lusso non lontano dall’aeroporto !

Turisti in viaggio di nozze in un  lussuoso resort sono stati accompagnati, a carissimo prezzo con barca privata, su isole dove nessuno si prende la briga di togliere la spazzatura dalla spiaggia.

Dobbiamo riconoscere, comunque,  che la gentilezza e la cortese ospitalità che incontrate nelle famiglie non hanno nulla da invidiare a nessuno; anzi molti avrebbero da imparare dalle cortesie che un paese arabo è capace di riservare all’ospite.

Comunque vale per tutti il fatto che il turismo e la crescita della popolazione, dovuta anche all’improvviso benessere, ha portato un terribile problema di inquinamento e di scarsità di pesce; per l’approvvigionamento quotidiano. 

-Purtroppo, sino ad oggi, la soluzione è una immensa discarica maleodorante, è dir poco, che copre un’intera isola di fronte alla capitale Malé.

-Per non parlare dei pezzi di plastica, che uccidono i pesci una volta nel loro intestino, che ricoprono ogni isola che non sia gestita da un resort di lusso o albergo o villaggio turistico e dei regolari fuochi che vengono appiccati quotidianamente in tutte le isole per distruggere la spazzatura indifferenziata e che producono irrimediabilmente diossina.

Negli ultimi vent’anni, dobbiamo prendere atto che:

-il turismo italiano in particolare, ed occidentale più in generale, ha contribuito in modo determinante all’enorme sviluppo economico di questo Paese, basato sul turismo.

-Oggi la maggior parte dei maldiviani, figlia di poverissimi pescatori, ha raggiunto un livello di vita e di studio  assai più elevato dei loro padri.

-Il turismo offre continuamente nuovi posti di lavoro a vari livelli; cosa impensabile sino a 35 anni fa per un abitante delle isole maldiviane: dal pilotare un idrovolante, ad essere manager o chef in un lussuoso albergo, alle mansioni più umili come le pulizie dei resort.

-Da  povero villaggio, quando l’unico “bar” italiano offriva una toilette dietro una tenda montata su travi di legno infilate nel terreno, la capitale Malé è passata da essere una metropoli congestionata dal traffico e da grattacieli; anche se assai discutibili dal punto di vista estetico. Vedi l’improbabile rossa Torre Eiffel che “troneggia” sul grattacielo delle telecomunicazioni.

-E’ innegabile, dunque, che i maldiviani debbano parecchio, all’Italia e al mondo occidentale.

-Durante il mio ultimo viaggio, purtroppo ho potuto constatare che questa riconoscenza è dai più assolutamente ignorata; anzi prevale l’istintivo desiderio di arricchirsi il più velocemente possibile, anche molto sfacciatamente proponendo un rapporto qualità prezzo vergognoso per qualunque persona conosca il mondo del turismo e i rapporti qualità/prezzo a livello internazionale.

-Tre esempi:

- su richiesta di una barca privata per raggiungere l’aeroporto distante un’ora e mezza, mi è stato chiesto lo stesso ammontare del volo andata e ritorno dall’aeroporto internazionale di Male alla punta più estrema del Paese che si raggiunge con oltre 10 ore di barca veloce !

- per due ore di una Guest House dall’arredo kitsch-pretenzioso-ma-povero, ho dovuto pagare 85 dollari, ma ne volevano più di cento; quando un vicino hotel come l'”Hulhule Island Hotel” 4 stelle con piscina, spiaggia spa e ristorante vista oceano chiede 65 euro per un’intera giornata !

-Alla mia personale richiesta, al relativo ufficio informazioni dell’aeroporto, di diffondere un messaggio di ricerca di una persona introvabile in aeroporto, mi è stato ripetutamente riposto che non era possibile ! Mentre in altra occasione un diverso dipendente del medesimo ufficio ha riconosciuto che questo è uno dei loro doveri.

-Ovviamente questi disguidi non possono capitare a chi arriva con un viaggio organizzato, ma il pattume sulle spiagge deserte non lo negano a nessuno.

MOTIVAZIONI DEL VIAGGIO NON ORGANIZZATO.

-La scelta di un alloggio presso i locali è dovuta anche al fatto di non voler finanziare la maggior parte dei resort che, ancora, non hanno introdotto nessuna restrizione seria riguardo agli sprechi e alla conseguente enorme produzione di rifiuti di ogni genere.

-Il motivo del mio viaggio non organizzato stava anche nel fatto che, dopo essere stata una delle prime italiane a fare foto subacquee alle Maldive con la mitica Nikonos 4 e  dopo diversi viaggi organizzati, volevo avvicinarmi di più alla popolazione assoggettandomi alle loro pesanti regole di totale restizione, anche durante il bagno in mare, nonostante il clima caldo-umido-appiccicaticcio, pur di conoscere il vero spirito maldiviano e capire meglio la loro scelta di vivere secondo delle regole che a noi appaiono assurde.

-Purtroppo devo confessare che, nonostante una forte dose di buona volontà, ho deciso di tornare prima del previsto perché non sono stata in grado di sopportare le dure e rigide regole impostemi.

-Non ho resistito alla sensazione di essere vista solo come una “mucca da mungere,  per la quale non si è disposti a sacrificare nessuna delle proprie abitudini “:

-pagare 75 euro al giorno, pensione completa ottimo cibo nostrano ma molto limitato in qualità e quantità, per una camera senza finestre con un caldo infernale e il rumore della Tv, della radio dalle 7 del mattino, sino anche dopo la mezzanotte

-nessuna sedia con schienale in camera, ma solo un pesantissimo puf.

-non mi è stato indicato dove trovare degli appendini e dove appendere gli abiti

-nessun tipo di pulizia quotidiano o settimanale

-niente biancheria da bagno

-dopo una settimana nessuno ha cambiato le lenzuola, ma dovevano essere lavate dalla cliente nella lavatrice della casa e stese personalmente su fili assai alti e scomodi

-non è stato permesso fumare nemmeno in giardino, ma solo fuori dalla porta di casa; alla mercé degli sguardi di tutti quelli che passavano, specialmente da quando faceva buio; ovvero dalle 6,45 di sera !

-il cambio di abito doveva avvenire in un bagno caldo e umido, senza mensole e finestre con solo tre spifferi lunghi 30 cm., delle dimensioni inferiori al mezzo centimetro

- ho dovuto rinunciare ad uscire di casa da sola al buio, per potermi godere la notte stellata, camminare lungo la spiaggia raccogliendo il plancton luccicante; nessuna donna lo faceva, tanto meno da sola

-ho ricevuto messaggi anonimi sul telefonino, con numero locale, dove mi si invitava a richiamare  senza alcuna ragionevole motivazione.

—-

Cosa dovete sapere sulle Maldive che le agenzie di viaggio non vi diranno mai.

Oggi è possibile soggiornare alle Maldive anche con una spesa ragionevolmente inferiore alle tariffe dei viaggi organizzati.

-Il governo delle Maldive favorisce lo sviluppo di numerose Guest Houses, presso le quali soggiornare a prezzi competitivi.

-Tutte le Guest Houses si trovano su isole abitate da maldiviani

Tornata per l’ennesima volta, seguendo il consiglio di un’amica tedesca che sostiene di conoscere un’isola dove i coralli (ovvero le madrepore) sono ancora vivi e visibili facendo snorkeling; eccomi alle prese con il primo, si fa per dire, fondamentale malinteso: il corallo è morto stecchito di un orribile colore bege o grigio; almeno in superficie.

La conferma dei malintesi sulle Maldive, la trovo parlando con una signora torinese, che incontro su un’altra isola,  la quale sostiene che il corallo “sia sempre stato così”, e lei viene alle Maldive da tantissimi anni !

La signora non appare affatto sconvolta dalla mia affermazione che il “corallo”, prima del passaggio del Niño (corrente che portò, nei lontani anni ’90, la temperatura dell’acqua a oltre i 27 gradi, uccidendo le madrepore), tutto era differente e fantasticamente più bello e colorato.

Per fortuna questo calore non è arrivato sotto i 17 metri e quindi i sub possono ancora godere del meraviglioso arcobaleno delle madrepore vive.

Comunque non possiamo dare solo la colpa alla corrente del Niño, perché è dall’arrivo dei primi charter che il turista ha cominciato ad uccidere il “corallo”: camminandoci sopra, passandoci attraverso con il motore delle barche e inquinando.

Sta di fatto, che ben prima del  Niño, alcune isole turistiche avevano la barriera corallina vicino a riva completamente distrutta. E questo, sia ben chiaro, non vale solo per le Maldive, ma per quasi tutti i Caraibi e America centrale, Mauritius, Sry Lanka, Bail e isole Gili, Lombok, Tailandia; questo per quanto potuto controllare personalmente.

Un esempio per tutti la laguna antistante Le Morn Brabat a Mauritius, che a suo tempo era un acquario tra i più belli che l’uomo possa vedere.

Ma tornando alle Maldive, si potrebbe decidere di scartare i vari resort di lusso, non per un innato senso dello snobismo, ma per un umano sedimento di avvicinamento e conoscenza delle abitudini locali.

Un modo per stare alle Maldive producendo meno spazzatura possibile. Considerato che già un’intera isola, di fronte alla capitale Male, è completamente ricoperta di spazzatura di ogni genere e rilascia costantemente in acqua i micidiali liquidi provenienti da: frigoriferi, televisori, centinaia di migliaia di pile scariche ecc…

La soluzione migliore potrebbe essere un soggiorno presso un bed & breakfast locale o una Guest House. Niente strutture inutili, giusto quello che serve e tanto spirito di adattamento.

Soprattutto non si deve, affatto, soffrire il caldo; a meno che non si trovi una soluzione con aria condizionata.

Purtroppo devo confessare che era stato sinceramente troppo ottimistico il mio proposito di superare, con dignità e stoicismo, l’adattamento che questa situazione comporta.

Devo precisare anche che:

-la famiglia che mi ha ospitato con  alloggio e pensione completa mi ha accolto con cordialità e gentilezza

-la padrona di casa è una cuoca, maldiviana, perfetta.

I sorrisi e le cortesie si sprecano.

La cena servita  è decisamente deliziosa, a meno che non siate di quelli per i quali:  la-cucina -italiana-è-la-migliore-al-mondo.

Due tipi di curry, fatti in casa con le foglie e le verdure fresche; uno di carne e uno di pesce con riso e speciali “piadine” appena sfornate, pesce azzurro freschissimo, fette di frutto del pane fritte, un budino con cereali locali, banane e papaia questi i cibi che vengono serviti nei vari pasti; non tutti insieme. Qui la gente è abituata a mangiare per sopravvivere; quindi le porzioni sono appena sufficienti, mai abbondanti.

Tutto ottimo, semplicemente non consigliabile per chi è abituato ad abbuffarsi, ma ideale se si vuole tornare dalla vacanza più in forma e magari dimagriti.

Peccato che la camera era senza finestre (in un clima caldo) e dovevo tenere le finestre chiuse di notte per paura dei ladri (come detto dalla padrona!!)

il prezzo richiesto esagerato (75 euro al g. fb) per i non servizi disponibili, nemmeno il cambio delle lenzuola, che avrei dovuto lavare personalmente!

Considerato quanto costa una settimana in una spa dove è garantito il dimagrimento e la messa in  forma, qui  abbiamo anche a disposizione una costante sauna, data dal clima, e con meno di 1.500 euro più volo, mi era stata garantita  una vacanza di un mese.

—-

Prima di decidere di alloggiare presso una famiglia maldiviana, dovete sapere alcune cose.

E’ vero che non troverete la discoteca dei villaggi turistici che, se vicino al vostro bungalow, può distruggervi la vacanza; a meno che non ne siate un assiduo frequentatore, ma nella casa maldiviana la televisione sarà accesa sino a ora tarda dal mattino presto.

Se avete la camera confinante, grazie alle troppo piccole aperture per fare circolare l’aria, ma abbastanza grandi per far circolare il suoni, ascolterete il suono delle preghiere del muezzin alternati a quelli  della TV.

Per quanto siate tolleranti, a lungo andare potrebbero essere motivo di disturbo come le partite di calcio che durano sino a notte fonda con le urla dei padroni di casa incuranti di avere degli ospiti; paganti.

Ripeto, perché sia ben chiaro, non sono partita con alcun pregiudizio, ma devo ammettere che gli usi e costumi locali potrebbero mettere a dura prova anche un animo ben disposto e tollerante.

IL SOGGIORNO IN UN BED&BREAKFAST LOCALE.

Arrivo in spiaggia bardata come un’astronauta; con pantaloni lunghi con il fondo che si restringe per non avere il tessuto ballonzolante e frenante in acqua e che si fa fatica a indossare perché, grazie all’umidità, appiccicano alla pelle; obbligatorio costume intero che nel tragitto verso la spiaggia deve essere ricoperto con qualche maglietta, per aumentare la temperatura corporea; forse per godere poi dell’acqua che ormai ha una temperatura che supera anche i 30°; in superficie.

Insomma, se siete signore che hanno problemi di eccesso di calore da menopausa, astenetevi. E non oso pensare a quanto possano soffrire le donne locali bardate pure con un velo che copre capelli e collo impedendo alcuna areazione.

La maschera rivela, a me che ho visto cosa è una la barriera corallina intatta, il penoso disastro degli ultimi 18 anni.

A riva la bella spiaggia di sabbia bianca è interrotta ogni tanto da grandi e piccoli cadaveri di madrepore rotte e vari tipi di spazzatura.

Arrivata alla “fu” barriera, incontro grandi ammassi di antiche madrepore privati del loro rivestimento di vivi e coloratissimi polipetti.

Devo ammettere che sono rimasti alcuni rappresentanti delle miriadi di pesci che volteggiavano intorno alle madrepore e che fanno la gioia di tutti i neofiti in tutto il mondo.

Ho sentito urlare di gioia piccoli e grandi alla vista di pochi pesci colorati anche in molte isole caraibiche.

Purtroppo nell’isola, dove mi trovo, nemmeno la trasparenza dell’acqua è al massimo, così non riesco a vedere, dalla superficie, oltre i 10 metri.

Nuotando noto dei punti dove lo tsunami ha trascinato tutto nelle profondità marine.

Per me quei fiumi di sabbia che scendono verso il mare rappresentano ben più di una fascia desertica, ma tutta la violenza della natura quando si scatena e l’impotenza dell’uomo di fronte ad essa.

Tra i fiumi di sabbia che precipitano verso il blu e i monconi di madrepore, si vedono intere palme avvolte parzialmente dalla sabbia o parti di esse.

Rimane la piacevole sorpresa di vedere spuntare le antenne di una piccola aragosta, l’incontro con un pesce balestra assai raro, mentre grossi pesci pappagallo mi emozionano e rimango sempre incantata dai loro colori.

Coloratissima, di un bel blu squillante, grossa, anzi enorme, con gli aculei neri, mi appare una stella marina.

Proprio una di quelle di cui parlava Jaques Cousteau come l’assassina delle madrepore.

Queste stelle marine infatti, ingrossano anche grazie all’inquinamento delle acque; e non sono certo una buona presenza. Andrebbero uccise, ma è difficile farlo capire, soprattutto in questo luogo dove la comunicazione è assai limitata anche dalla mia difficoltà nel comprendere un accento del loro inglese; assai poco britisch.

LIONE the IMAG4929

Turismo: una carta sempre vincente a Lione.

Turismo: una carta sempre vincente; per chi segua le regole.
Lione inaugura un palazzo-calamita.

Lione arte IMAG4929

Non ci vuole molto a capire che dal Guggenheim di N.Y. al quello di Bilbao e oltre, un palazzo dall’architettura originale e con contenuti culturali validi è un irrefrenabile magnete per il turismo e può fare la differenza da una città all’altra.

I francesi, che da molto tempo ci hanno stra-superato nei flussi turistici, lo hanno capito da tempo.

Ed ecco che la splendida città di Lione, anche capitale gastronomica europea (una delle maggiori concentrazione di ristoranti stellati e il più ricco mercato gastronomico), il 20 dicembre inaugura un palazzo-museo destinato a divenire polo di attrazione.

Alla confluenza tra il fiume Rodano e Saona, si sta terminando una grande costruzione in vetro: THE CRYSTAL.

Ideata dallo studio di architettura austriaco Coop Himmelb(1)au, il CRYSTAL rispecchierà i mille bagliori dello straordinario paesaggio di acqua, palazzi e cielo che lo circondano.

I colori del palazzo varieranno dall’alba al tramonto alle luci della notte, ma sarà sempre qualcosa di immemorabile; come lo è tutta la città di Lione, specialmente durante il famosissimo e copiatissimo, festival della luce di inizio dicembre ( vedi al link:

http://www.donnecultura.eu/?p=6708 )

LIONE ARTE LUCI OKun air du large-place de la republique-marie jeanne gauthe-md-80

LIONE LUCI ARTE G

LIONE LUCI ARTE FG

Come una piazza coperta, come un’astronave scesa dal cielo, il palazzo si snoderà su tre livelli, tra mostre temporanee e collezioni permanenti, in un itinerario altamente scenografico.

All’interno del The Crystal, che rappresenterebbe il software, si incontra The Cloud, che rappresenterebbe l’hardware.
All’interno della Claud una serie di scatole nere si prepara per allestimenti di mostre dal sapore metafisico e, sicuramente, suggestive.

Il compito è : PROMUOVERE IL SAPERE ATTRAVERSO UN PERCORSO CHE SUSCITI CURIOSITA’.
E SIAMO SICURI CHE CI RIUSCIRA’ EGREGIAMENTE.

AUGURI !

jungfrau svizzera 672 montagna s

SCI, anche, LOW COST, MA ALTO LIVELLO, IN SVIZZERA

 Aprono i battenti il wellnessHostel4000 – ostello della gioventù con spa inaugurato il 5 settembre – e il centro termale Brigerbad di Briga completamente rinnovato.

Arosa-Coira: treni d’epoca e moderni percorreranno la «pietra miliare» di questa linea di 26 km…

St.Moritz: sabato e domenica sarà possibile provare diversi marchi di sci…

Vallese: divertenti ciaspolate ed escursionismo invernale…

Spunti, proposte e novità.

pila scil

—-

Vallese: anniversari, nuove aperture e tanta neve.

Il Vallese è un luogo unico, con piste che si snodano tra i 1500 e i 3000 metri di quota e neve garantita tutto l’anno. Un vero sogno innevato – anche per divertenti ciaspolate ed escursionismo invernale.

Nel 2014 ricorrono i 1500 anni dell’Abbazia di St. Maurice e i 30 anni del video “Last Christmas” dei Wham! girato a Saas-Fee. Da questa stagione apre i battenti il wellnessHostel4000 – ostello della gioventù con spa inaugurato il 5 settembre – e il centro termale Brigerbad di Briga completamente rinnovato.

150 anni di turismo invernale: St. Moritz pronta a festeggiare!

A inaugurare la stagione sarà il grande Snow Sports Opening, dal 5 al 7 dicembre 2014, che darà anche il via ai festeggiamenti per l’anniversario dei 150 anni di turismo invernale a St. Moritz. Sabato e domenica sarà possibile provare diversi marchi di sci e snowboard in occasione del grande test di materiali sul Corvatsch.

Il venerdì sera e il sabato, la pista da sci sarà allestita nel villaggio di St. Moritz: in occasione della St. Moritz City Race, personalità famose, ospiti e gente del posto si misurano nello ski cross, abbinato a un giro di sci di fondo che passa nel cuore del paese.

Sabato sera, St. Moritz celebra in grande l’anniversario con, tra gli altri, una rassegna di Willy Bogner sugli ultimi decenni, un film per l’anniversario, impressioni sui 150 anni di turismo invernale passati e il musicista di fama internazionale Xavier Naidoo.

Treno e slittino… what else?

Arrivare a Preda con la Ferrovia retica è già un’esperienza mozzafiato di per sé, non da ultimo per il leggendario attraversamento delle gallerie a spirale e dei viadotti della valle dell’Albula.

Sulla strada chiusa dell’omonimo passo, gli appassionati di slittino si precipitano a valle fino a Berguen, affrontando almeno tante curve quante ne affronta la ferrovia. Ma a velocità è più sostenuta e con più neve.

Una variante è prendere la seggiovia fino a Darlux (da Preda) e ridiscendere a Berguen per la via più ripida.

Compie 100 anni la linea Coira-Arosa.

Un secolo fa, nel giro di soli due anni, i pionieri della ferrovia realizzarono la tratta tra Coira e Arosa.

Da allora, residenti e turisti possono viaggiare in meno di un’ora dalla più antica città della Svizzera fino alla località di sport invernali a 1 739 m s.l.m..

Nel week-end celebrativo del 13 e 14 dicembre la Ferrovia retica inaugura la nuova stazione di Arosa.

Treni d’epoca e moderni percorreranno la «pietra miliare» di questa linea di 26 km. Tutti i visitatori potranno godersi un fine settimana invernale all’insegna dei festeggiamenti con tante sorprese in serbo per loro.

Panama 672 aereo viaggi ok Contadora MAG4528

RIMBORSI AEREI ? Quando, come dove?

Purtroppo pochi sono al corrente delle cifre che le compagnie aeree devono rimborsare ogni volta che si verifichi un ritardo per un problema dovuto a loro negligenza o problemi tecnici.

Ovviamente i rimborsi non valgono in casi di forza maggiore come: condizioni meteo, catastrofi e improvvise o ragioni di sicurezza.

Il capo scalo della compagnia aerea dell’aeroporto dove è avvenuto il disagio dovrebbe rispondere personalmente ai passeggeri.

In realtà sono le hosess e gli steward dei check-in che affrontano i passeggeri.

Ecco le cifre di rimborso stabilite dalla normativa europea:

1.500 km             per attesa superiore a 3 ore       sino a 250 euro
1.500 – 3.500 km.                                  oltre 3 ore      sino a 400 euro
3.500 o più km                                      dalle 3 ore        sino a 300 euro
3.500 km                              superiore alle 4 ore         sino a 600 euro
per tutte le distanze superiori alle 5 ore: rimborso totale del biglietto aereo
Ci sono 18 mesi di tempo per i voli europei e un anno per quelli extra-europei.

COSA FARE:
-inviare una raccomandata alla compagnia aerea
-in questo modo il rimborso dovrebbe essere automatico
-se la compagnia si appella a eventi speciali, non veritieri o non spcificati, dopo 6 settimane si può inoltrare reclamo all’Enac o rivolgersi ad un associazione consumatori

Cavallino Bianco mailing winter

BAMBINI RAGAZZI E GENITORI VACANZE SULLA NEVE: PRENOTIAMO !

Pronti per affrontare la neve
Con il pacchetto “Fun for Kids” la stagione sciistica inizia alla grande: i bambini sotto i dieci anni possono imparare – o perfezionare – la loro tecnica grazie al corso di gruppo al prezzo speciale di 80 euro (dal 7 al 20 dicembre). Mentre per gli adulti, tutti i giorni ski-guiding sulle più belle piste della Val Gardena.

Cavallino Bianco hotel logo mailing

L’hotel si trova proprio nel centro di Ortisei (a 1.234 metri di altitudine), in piena zona pedonale e vicino a un bel parco privato.

Cavallino Bianco hotel con maestro sci low

A disposizione degli ospiti ci sono 104 spaziose camere familiari, dai 25 mq (classic) fino ai 140 mq delle family luxury-suites, arredate con gusto diverso, dal rustico-tirolese al classico-elegante. Anche le camere sono pensate per i più piccoli, con bagni dotati di fasciatoio e, nelle suite, camerette separate per i bambini.

Boutique e locali sono davvero a pochi passi, così come le magnifiche piste da sci della Val Gardena: il comprensorio mette a disposizione circa 175 chilometri tra discese e percorsi di fondo, oltre a impianti di risalita ultramoderni.

Senza dimenticare che con lo skipass Dolomiti Superski è possibile usufruire di tutti gli impianti di risalita delle Dolomiti, per un totale di 1.200 chilometri di piste.

PER SCIATORI IN ERBA: LINO’S FUN SKISCHOOL. Il Cavallino Bianco ha una scuola di sci con corsi esclusivi per i propri ospiti, organizzati in collaborazione con la Scuola di Sci e Snowboard di Ortisei: un servizio che permette a bambini e genitori di godersi ancora di più le giornate sulla neve. Seguiti da veri maestri professionisti, i bambini avranno la possibilità di imparare a sciare o migliorare la propria tecnica. A disposizione:
• Caschi e pettorali “Lino”
• Servizio navetta per i campi scuola con il “Lino-Bus”
• Assistenza pre- e post corso in hotel, da parte dei maestri di sci

Dal 7 al 20 dicembre, c’è lo speciale pacchetto FUN FOR KIDS: i bambini di età inferiore ai 10 anni possono partecipare al corso di sci di gruppo della durata di 5 giorni, comprensivo di attrezzatura da sci, al prezzo speciale di 80 euro. Mentre per gli adulti, tutti i giorni ski-guiding sulle più belle piste del comprensorio.

Prezzo settimanale all-inclusive per adulto in camera Classic a partire da 1.148 euro.

Per i bambini valgono le speciali condizioni come da listino prezzo in vigore (vedi in calce al comunicato).
Inoltre, anche per la stagione invernale 2014/15, a tutti i bambini di età inferiore agli 8 anni (nati dopo il 29.11.2006) sarà concesso uno skipass gratuito di durata pari a quella dello skipass acquistato contestualmente da un familiare (per ottenere la gratuità e/o lo sconto juniores è necessario esibire un documento attestante la data di nascita).

Per ulteriori informazioni sui corsi: valgardenaski.com

In una delle località più incantevoli dell’Alto Adige, circondato dallo spettacolo delle Dolomiti, si trova un hotel tutto dedicato ai bambini: il Cavallino Bianco è la destinazione ideale per le famiglie, da quelle più numerose ai single con bambini, dai neo-genitori alle prese con il loro primo bebè fino a chi, in vacanza, porta i figli adolescenti. Qui vale una sola regola: portare con sé la prole. A tutto il resto penserà lo staff del Cavallino Bianco.

A MISURA DI BAMBINO MA PENSATO PER I GENITORI. Quando si hanno figli piccoli, troppo spesso si pensa di dover obbligatoriamente rinunciare al glamour e ai servizi di un grand hotel.

Il Cavallino Bianco nasce proprio per questo motivo: per far divertire i più piccini, ma soprattutto per permettere ai loro genitori di godersi una vacanza al top.

Con uno staff preparatissimo che può seguire anche i neonati, mamma e papà possono dedicarsi finalmente allo sport, al relax in Spa o possono semplicemente stare un po’ da soli, per un trattamento beauty o una cenetta romantica.

E quando si decide di stare tutti insieme, nessuna preoccupazione o timore: perché al Cavallino Bianco i bimbi sono i benvenuti ovunque, dai ristoranti alle piscine, fino all’area wellness.

Al Cavallino Bianco hanno fatto di questa loro impostazione una vera e propria filosofia di vacanza: si tratta del progetto “Time is Life – Live it now!”, che punta a invogliare gli ospiti dell’hotel a gestire in maniera armoniosa il tempo, cercando il giusto equilibrio tra i momenti che si passano con i propri figli, con il proprio partner o da soli.

Il progetto si concretizza in un albero di legno che viene consegnato alle famiglie ospiti all’arrivo in hotel: a loro il compito di completarlo con le foglioline colorate (consegnate dallo staff in base al tipo di attività che si sceglie di svolgere nel corso della giornata).

WELLNESS & SPA. Coinvolto nel progetto di ampliamento portato a termine nell’estate del 2013, Aqva-Sana è un vero e proprio mondo acquatico, studiato per il relax degli ospiti. Bellissima, innanzitutto, la grande piscina esterna di acqua riscaldata (192 mq), con diversi idromassaggi: un posto in prima fila per godersi le Dolomiti.

Insieme alla nuova “Laguna Familiare” – con triplo scivolo e zone bollicine per bambini/bebè e genitori – e alle altre piscine interne, ora la superficie acquatica dell’hotel è di 660 mq, una struttura senza paragoni nel settore alberghiero. Oltre alle piscine, nell’area benessere Aqva Sana (ampliata fino a raggiungere 2.890 mq) sono a disposizione degli ospiti lettoni extra-large e baby-amache.

Tra le novità, anche la palestra panoramica, la sauna solo per famiglie e la Family Relax Lounge, con caminetto e letti “sogni d’oro”.

Non manca naturalmente un centro benessere all’avanguardia: Theresia’s Beauty & Spa offre tantissimi tipi di trattamenti, con un’attenzione particolare a mamme e bambini.

Dal “pre-maman” alla remise en forme post-parto, fino a romantici momenti wellness pensati per le coppie, senza dimenticare i massaggi, dallo shiatsu all’ayurvedico. Per risultati migliori, sono stati scelti cosmetici di alto livello (Piroche Cosmétiques, Mary Cohr Paris, Ligne St. Barth, Aveda e Hofer Cosmetics). Novità del 2014, la linea beauty BelLino: una linea di cosmetici e detergenti targata “Cavallino Bianco”, pensata su misura per i bambini dai 3 mesi in su.

Sempre per i più piccoli, tanti i trattamenti ad hoc: come il terapeutico massaggio ayurvedico (anche per neonati) o i “momenti di bellezza” per le bimbe (tra questi il “PrincessDream”, un modo per giocare a fare le piccole principesse con un’acconciatura, un po’ di trucco e dello smalto alle manine).

A completare l’offerta, la nuovissima palestra con vista panoramica sulle montagne.

AMPLISSIMA ANCHE L’OFFERTA GOURMET.

Si inizia con un magnifico buffet per la colazione, per deliziare chi si sveglia affamato: per i bimbi più piccoli sono a disposizione omogeneizzati e pappe bio della HIPP. Inoltre tanti tipi di latte, da quello privo di lattosio al latte di riso, per qualsiasi tipo di intolleranza.

Naturalmente la cucina è perfettamente preparata per far fronte a qualsiasi tipo di allergia: è sufficiente comunicarlo.

Dopo il pranzo, sempre a buffet, si può spezzare il pomeriggio con una merenda (fino alle 17): a disposizione degli ospiti frutta fresca, yogurt, dolci e biscotti, oltre a un’ottima selezione di pane, sempre freschissimo.

Per la cena, invece, si può scegliere se cenare nel ristorante principale (con menu di cinque portate) o in una delle incantevoli sale in tipico stile sudtirolese, perfette per chi preferisce un’atmosfera più intima e rilassata. Infine, a disposizione delle mamme e dei papà, c’è una piccola cucina (con pappe, omogeneizzati e vari tipi di latte) per sfamare i piccolini in qualsiasi momento della giornata.

IL MAGICO MONDO DI LINO LAND.

Ma è nell’attenzione ai bambini, di tutte le età, che il Cavallino Bianco fa la differenza: family-hotel di altissimo livello, si avvale di uno staff di persone qualificate, che si prendono cura dei più piccoli dal mattino fino alla sera. L’area giochi Lino Land è stata ampliata e ora supera i 1.250 metri quadrati, di cui 175 mq sono spazi pensati appositamente per permettere ai genitori di giocare con i propri figli (Family Play Room).

Nelle aree comuni ci sono naturalmente tantissimi giochi: dalla casetta di Heidi con cucinino e falegnameria al laboratorio per le arti creative, e poi ancora una grande casa delle bambole, la zona Play-Station, il ping-pong, il mini-biliardo e, non ultimo, il ristorante per bambini con bevande e gelati gratuiti durante tutto il giorno.

Fantastico anche il Beach Club, con la grande Laguna Familiare, con zone idromassaggio e fondale morbido, e la baby piscina con decorazioni Disney, dove anche i neonati possono sguazzare tranquillamente. Infine arriviamo al reparto bebè (Baby Lino), curato nei minimi dettagli, con zona delle coccole, camerette dei sogni d’oro, giochi sensoriali, il classico mare delle palline e tanto altro ancora.

L’assistenza per i piccoli da 1 a 42 mesi viene garantita tutti i giorni dalle 8.30 fino alle 21.00, da parte di sei assistenti professioniste (mentre dopo i 42 mesi si può restare fino alle 22 e assistere allo spettacolo serale).

Altra novità la sala Teenager per ragazzi dagli 11 anni in su (per loro vengono proposte anche una serie di attività speciali, come la serata-pizza o la gita in paese per lo shopping serale).
Non va dimenticato un ultimo dettaglio: l’hotel è interamente per non-fumatori.

Tariffe inverno 2014/2015 (valide dal 30.11.2014 al 11.04.2015)
Il pacchetto Week-Start, per soggiorni di 4 notti con arrivo di domenica e partenza di giovedì, parte da 560 euro per persona, in camera Classic, con trattamento all-inclusive.

Nel periodo dal 21.12. al 25.12.2014 è prenotabile soltanto sotto data, al massimo 14 giorni prima dell’arrivo.
Nel periodo dal 28.12.2014 al 10.01.2015 e dal 15.02.2015 al 21.02.2015 compreso non prenotabile.


Tariffe per bambini: da 0 a 2 anni, 50 euro al giorno; 60 euro al giorno dai 3 ai 5 anni; 70 euro al giorno dai 6 ai 14 anni; mentre per i ragazzi dai 15 anni in su, si applica la tariffa adulti con il 30% di sconto.

Dal 21.12.2014 al 10.01.2015 e dal 01.02.2015 al 07.03.2015, valgono i seguenti prezzi: da 0 a 2 anni, da 60 euro al giorno, 75 euro al giorno dai 3 ai 5 anni, 95 euro al giorno dai 6 ai 14 anni.

CAVALLINO BIANCO
Family Spa Grand Hotel ****Sup.
via Rezia 22, Ortisei – ValGardena – tel. +39 0471 783333
email info@cavallino-bianco.com www.cavallino-bianco.com

ostello 672 RL_OstelloLaPenicina_CasamattiDiRomagnese_PV

VIAGGI ECO: ABBAZIA SPAGNOLA CON ORTO BIOLOGICO.

Ambientalista e tecnologica, ecco l’Abbazia di Poblet, Tarragona (Spagna): 12 mila mq. per il monastero più grande d’Europa, immerso nel verde.
I monaci hanno appena ricevuto un premio dall’Associazione Europea per le Energie Rinnovabili.
-32 frati per un edificio che è Patrimonio dell’Umanità.
-Come ripete il priore: “Dio è anche ecologista”.
Sono i pannelli fotovoltaici che illuminano di notte l’abbazia cistercense di Poblet, in Catalogna.
Il complesso è medioevale, ma non la qualità dei servizi modernissimi, ma invisibili.
Le stanze sono economiche, pulite e molto spartane, come si addice ad un luogo, da secoli,  dedicato alla preghiera ed al raccoglimento.
In cucina il detergente per le stoviglie è composto da acqua, buccia d’arancia, aceto e sale.
L’orto provvede a fornire frutta e verdura bio.
Il merito di tanta tecnologia è di padre Troncal, con dottorato in fisica quantistica.
Le docce sono senza sapone, ma con palline nere che rilasciano ioni negativi.
Nel negozio dell’abbazia sono già state vendute più di mezzo migliaio di queste docce ecologiche che lasciano la pelle pulita e perfettamente idratata.

Arte 672 BLU   Van Gogh Autunno, paesaggio al crepuscolo, 1885 IMG_0085

VIAGGIO COME FUGA? Vacanze come?

TTT – Tourism Think Tank
www.tttourism.com
30 settembre – 1 ottobre 2014 – 9.30/17.30
Lariofiere – Viale Resegone – 22036 Erba (CO) – Italy

Il viaggio come fuga ed evasione dalla realtà è un concetto assai noto in ambito letterario, filosofico e cinematografico che ha fornito nel tempo spunti di riflessione talvolta tramutatisi in capacità da parte degli operatori turistici di offrire esperienze di vita al di là del mero prodotto commerciale preconfezionato.

Anche su questi temi di grande spessore ci si confronterà nell’ambito dell’edizione 2014 del TTT, la due giorni dedicata all’intera filiera turistica che andrà in scena presso il Centro Espositivo Lariofiere di Erba.

E’ noto come l’esperienza turistica venga percepita non solo come allontanamento dai vincoli stretti della quotidianità, ma anche come fuga da una condizione che spesso lascia poco spazio alla libertà e che si concretizza nel distacco temporaneo da quello che è il proprio sistema sociale.

Questo è un concetto chiave sul quale gli operatori del comparto turistico non possono esimersi dal riflettere, tanto semplice quanto spesso messo in secondo piano per lasciare spazio ad artifici di poco interesse per i viaggiatori sempre più attenti al lato esperienziale del proprio soggiorno.

Lo dimostrano i più recenti dati e studi sul tema: è crescente la ricerca da parte degli utenti di forme di turismo anticonvenzionale lontano dalle logiche di massa e ciò deve dunque tramutarsi nella capacità delle strutture ricettive di fornire servizi esclusivi nella forma e nella sostanza che possano fare la differenza.

L’evasione dalla routine, dalla città, dal rumore, dal traffico che nasce dalla necessità interiore di cambiare scenario e di recuperare energie staccando la spina: questo è quello che cerca il cliente ed è per questo che il sistema turistiche deve munirsi di strumenti e adottare strategie che possano rispondere a questa sempre più crescente esigenza.

Agriturismi, spa nel cuore della montagne, soggiorni in ville di pregio, diverse forme di soggiorno ma tutte con un comun denominatore: il calore esperienziale del viaggio.

Nell’ambito della kermesse che andrà in scena nel Centro Espositivo Lariofiere ci si vuole focalizzare proprio su questo tema e sulla capacità di rispondere a questa crescente tendenza.

La filiera turistica deve dunque focalizzarsi e adottare gli strumenti adeguati e più che mai concreti tramutando il concetto di ospitalità in attenzione ai dettagli, scelta minuziosa di particolari servizi, capacità di far vivere all’ospite un’esperienza di vita che ricorderà con piacere.
“Il turismo contemporaneo è passato da “turismo di massa” a “una massa di turisti che cercano una esperienza di turismo individuale” – ha affermato Renato Andreoletti, giornalista ed esperto nel settore turistico – oggi il turista è consapevole e alla continua ricerca di esperienze e emozioni da vivere”.

C’è dunque un nuovo potenziale da sfruttare che il comparto turistico forse non ha ancora colto a pieno.

Ed è proprio in quest’ottica che il TTT vuole essere il volano per approfondire la tematica attraverso un THINK TANK formativo sul tema che si terrà il primo ottobre a partire dalle ore 14.00.

L’argomento verrà presentato attraverso una case history di successo che ha saputo sfruttare la crescente ricerca di servizi esclusivi, particolare, dall’alto valore esperienziale.

Un esempio che potrà essere di spunto per l’intera filiera sarà appunto presentato da Flavio Tognon, imprenditore e proprietario di Laida Weg Experience Hotel.

Conta solo 69 abitanti il comune di Rima San Giuseppe, antico borgo Walser, in provincia di Vercelli, in Piemonte dove la famiglia Tognon ha realizzato uno splendido albergo in Classe A+, nel quale vi lavorato molti walser, tutti sotto i 32 anni.

Anche questo è un indice di grande originalità.

Del tutto autosufficiente dal punto di vista energetico, Walser dal punto di vista architettonico e dell’interior design, modernissimo per i servizi, compresa la splendida Spa, cosmopolita per l’incredibile collezione di 350 etichette del miglior whisky scozzese che Tognon acquista in botte dai produttori del luogo e fa imbottigliare con una propria etichetta certificata.

Il pub offre anche una guinness perfetta sotto tutti i punti di vista. Si tratta di un esempio di successo che ben mette in evidenza l’aspetto esperienziale del viaggio al passo con la più avanzata cultura dell’accoglienza e dell’ospitalità alberghiera, spunto per tutto il comparto poiché ben esprime la capacità di creare un struttura ricettiva in luogo del tutto anticonvenzionale che risponda alla necessità del mercato.

Il workshop sarà un momento di confronto per cogliere quelle nuove opportunità che si configurano essenziali per l’intero sistema turistico italiano e soprattutto Lombardo.

Un’edizione di Tourism Think Tank così concepita supera senza dubbio la mera esposizione e la banale promozione settoriale divenendo un contesto attivo e prolifero nel quale si da il via all’innovazione, a nuovi stimoli, spunti e programmi concreti, focalizzando l’attenzione sul ruolo fondamentale che da sempre il turismo riveste nella crescita economica di ogni paese.

PESCE 672 CROSTACEI ARAGOSTE RISTORANTE CIBO

WEEKEND PER GOURMAND. Crostacei svedesi: i migliori al mondo.

Il 22 settembre apre l’attesa pesca all’astice.

Il miglior posto dove acquistare i frutti di mare a Göteborg è il mercato del pesce ”Feskekörka, risalente al 1874, con numerosi pescivendoli e due ristorantini tra cui il ristorante Gabriels fisk- o skaldjursbar, gestito da Johan Malm, esperto di ostriche

Norvegia cibo 450 Anna_Skoog_ima52806_A5

Foto: Anna_Skoog_

SVEZIA cibo Bjertorps slott10_7_julbord_photocred_Anneli_Johansson

Foto: _Anneli_Johansso

CIBO 672 PESCE CROSTACEI RISTORANTI

Foto: G.Seregni

I crostacei della Svezia occidentale sono tra i migliori al mondo, grazie alla lunga maturazione nelle acque fredde.

Il 22 settembre apre l’attesa pesca all’astice quando in tanti, sia pescatori professionisti che privati, escono con le loro barche lungo la costa a nord di Göteborg, Bohuslän, per gettare le nasse nel mare sperando in una ricca raccolta.

Dal 22 settembre a novembrei pescatori, ristoranti e alberghi della regione propongono pacchetti weekend all’insegna dell’astice in diversi paesini pittoreschi.

Il pacchetto comprende un safari all’astice in barca con un pescatore partecipando alla cattura, seguito da una cena a base di questa prelibatezza in un ristorantino di charme a lume di candela, per poi concludere la giornata in un grazioso alberghetto.

Due proposte di pacchetti:
Safari all’astice a Fjällbacka, il paese di Camilla Läckberg: gli amanti dei gialli della Läckberg non posssono perdersi un weekend autunnale a Fjällbacka dove sono ambientati i suoi romanzi.

Pranzo, safari all’astice che include bollitura del proprio pescato, cena a base di astice più pernottamento. Info e prezzo su: Stora Hotellet Bryggan
Pacchetto astice a Smögen: soggiorno in una delle località più famose lungo la costa, piena di turisti in estate e di tranquillità e relax in autunno.

Safari all’astice, cena a quattro portate a base di astice, accesso alla spa e pernottamento. Tutti i dettagli su: Smögens Havsbad

Info su tutti i pacchetticon relativi prezzi:
http://www.vastsverige.com/en/Shellfishjourney/Lobster-packages/
È consigliata la prenotazione prima dell’arrivo in Svezia!

L’autunno è il periodo ideale per gustare anche altri frutti di mare della regione, in particolare gamberi, ostriche, cozze e gamberetti, tutti freschissimi e molto saporiti. Oltre ai safari dell’astice la costa occidentale invita ad ulteriori soggiorni gastronomici con uscita in barca con un pescatore (“Shellfish Journey”), tutti i prodotti garantiti a kmzero!http://www.vastsverige.com/en/Shellfishjourney

Un esempio:
Safari alle cozze con pernottamento in hotel art decò: con la barca M/S Märta da Ljungskile si arriva agli allevamenti di cozze nel fiordo Scanfjord. Dopo averle raccolte insieme al pescatore si torna a riva dove vengono bollite sopra fuoco vivo. Cena a base di prodotti locali e pernottamento in un romantico alberghetto dell’inizio del ‘900. I dettagli su: Villa Sjötorp.

Chi sceglie un pacchetto a Fjällbacka ed è appassionato dei gialli best seller di Camilla Läckberg può anche partecipare a un tour guidato a Fjällbacka per scoprire i luoghi descritti nei libri e nella fiction.

Il Läckberg murder mystery tour dura 45 minuti con prenotazione necessaria al info@kustguiden.eu, 120 sek (13 euro).
Si può anche scegliere di girare da soli con una cartina dei luoghi dei libri.Per chi ama la vista dall’alto da non perdere una passeggiata sulla cima di Vetteberget che sovrasta il paese e che offre uno stupefacente panorama dell’arcipelago.
A 30 minuti in barca da Fjällbacka si trova la riserva naturaleVäderöarna, le isole più occidentali della Svezia – luogo del delitto nel settimo libro della Läckberg “Il guardiano del faro“, che esce in Italia il 15 ottobre (Marsilio).
Un meraviglioso paesaggio con rocce estese di granito, un faro da dove ammirare l’arcipelago e un ottimo ristorante Väderöarnas värdshus.
A pochi chilometri dalla costa, a Tanum, si trovano le interessantissime incisioni rupestri dell’età del bronzo, Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO, in mezzo alla natura.

NOVITÀ AUTUNNO 2014:
Weekend con safari al gambero e ritmo urbano!Chi decide per un weekend sulla costa deve assolutamente fare un salto a Göteborg, città di partenza per raggiungere i vari paesini lungo la costa.

La seconda città della Svezia, è una città molto giovane e dinamica dove la maggior parte delle attrazioni, negozi e ristoranti sono raggiungibili a piedi. Göteborg è anche una della destinazioni culinarie più apprezzate della Svezia (con 4 ristoranti stellati) grazie ai sempre più numerosi chef innovativi e agli ingredienti di alta qualità.
Ora si può prenotare un pacchetto che combina un soggiorno di relax sul mare a Fjällbacka dove vivere il safari all’astice (22/9-2/11) oppure safari al gambero (maggio-ottobre) con un soggiorno nella vivace Göteborg presso il grande hotel Gothia Towers situato vicinissimo a diversi attrazioni e a quartieri molto frequentati la sera (e il cui sky bar serve i panini ai gamberetti più grandi della Svezia!).
Il pacchetto include:1 pernottamento a Fjällbacka e 1 a Göteborg, safari all’astice o ai gamberi, 1 pranzo e 2 cene.Vedere: http://www.vastsverige.com/en/products/176897/Crayfish-safari-with-city-pulse-Gothenburg-meets-Bohuslan/
Il miglior posto dove acquistare i frutti di mare a Göteborg è il mercato del pesce ”Feskekörka, risalente al 1874, con numerosi pescivendoli e due ristorantini tra cui il ristorante Gabriels fisk- o skaldjursbar, gestito da Johan Malm, esperto di ostriche e campione del settore.
Altri ristoranti specializzati in pesce e frutti di mare sono Fiskekrogen, Lilla Torget 1, Sjömagasinet (una stella Michelin), Adolf Edelsvärds gata 5, Sjöbaren i Haga, Haga Nygata 25, e, per un pranzo fast food tipico della zona, raccomandiamo “Strömmingsluckan”, carrettino ambulante, che serve aringa fritta in burro servita sul pane o con purè di patate, Magasinsgatan 17.

COME ARRIVARE:

Per raggiungere Göteborg dall’Italia si vola non stop con la Ryanair da Orio al Serio (Bergamo) 2 volte alla settimana (fino al 3 novembre) e da Roma (Ciampino) 2-3 volte a settimana (tutto l’anno).
Con la Norwegian da Roma (Fiumicino) 2 voli non stop alla settimana. Con la SAS si raggiunge Göteborg via Copenaghen ogni giorno da diversi aeroporti italiani. Il modo più veloce e facile per arrivare da Göteborg a Fjällbacka e Smögen è in macchina (1 h30 min).

INFO: pacchetti weekend http://www.vastsverige.com/en/Shellfishjourney
Göteborg: http://www.goteborg.com/en/Languages/Italiano/Start/
Dove mangiare a Göteborg: http://www.goteborg.com/en/Eat/Eat-Startpage/