Archivi categoria: VIAGGI

Viaggi: in economia, style&luxury, terme…extra Europa, Europa, Italia,

COVER TONGA b1f6acb835cdda99ecc88220c785845a

TONGA: una delle mete meno care del Pacifico.

REGNO DI TONGA:  l’ultima destinazione incontaminata nel Sud del Pacifico e

 una delle mete meno care del Pacifico.

TONGA 450 KML

TONGA 450Yachts aerial

Tonga.450 Flora. Fauna. Vavau. Whale. 6 week calf

Tonga. 450  Arial. Haapai

TONGA 450 Areal_6

Tonga 450.Places. Haapai. Bird Island

TONGA heavy  450 sailfish

TONGA 450 Areal_8

TONGA 450 MKJ

Tonga. 450 People. Vavau. -Eneio Gardens Beach

TONGA 450 MK

Tonga. 450 People. Vavau. -Kids Neiafu Harbour_

Tonga 450.Places. Haapai. Bird Island

TONGA 450 KO

Tonga. 450 Places. Vavau. Market

Tonga. 450 Culture. Feast

Tonga.450 Places. Haapai. Sandy Beach Resort

Places. Haapai. Sandy Beach Resort.

http://www.tongaturismo.info

 Quasi i 2/3 degli abitanti vivono nell’isola più grande, Tongatapu.  Nuku’alofa è il centro nel quale lo stile di vita locale si avvicina a quello europeo.

I legami familiari e le tradizioni del villaggio sono ancora molto importanti nella cultura tongana.

Per la costituzione tongana il giorno sacro è il sabato, ma si festeggia anche la domenica per motivi religiosi.

I tongani derivano dal gruppo di stirpe polinesiana con qualche traccia di sangue della Melanesia e rappresentano il 98% della popolazione.

Il 2% è rappresentato da: meticci europeo-tongani e gente proveniente dalle altre isole del Pacifico. Poche le  centinaia di cinesi.

Il turismo è  abbastanza importante per l’economia di Tonga.

-Tonga è soprannominata la “Perla del Pacifico del Sud

-Il Regno di Tonga è visitato da 100.000 turisti ogni anno. 

Lingue
Il tongano è la lingua ufficiale del Regno , anche se l’inglese è  parlato dalla maggior parte degli abitanti di Tonga .

Valuta
Il dollaro tongano è il Pa’anga .

La maggior parte delle principali carte di credito sono accettate .

I centri principali hanno sportelli per il cambio di denaro e altri servizi bancari.

Clima 

Da dicembre ad aprile è estate

Le temperature sono più calde e più umide in estate

-Nei mesi invernali, da maggio a novembre, il clima è  fresco e asciutto . 

-Tonga gode di un clima che è estremamente confortevole e piacevole sempre intorno ai 23 °

Orari d’apertura degli uffici
Lunedi a Venerdì 8:30-04:30 . Il Sabato dalle 8.30 alle ore 12 .

-La domenica la maggior parte delle caffetterie e bar è chiusa.

-La domenica il cibo è disponibile solo in hotel e resort .

Acqua potabile
Nei centri e località principali l’acqua del rubinetto è trattata e sicura.

- Nelle zone più periferiche , è consigliabile bere acqua solo in bottiglia .

 Elettricità

Elettricità a Tonga è 240 volt AC ciclo Hz/50 . Portare gli adattatori internazionali per le prese locali.

Aeroporto Internazionale
Situato sull’isola principale di Tongatapu , Fua’amotu International Airport riceve voli internazionali da Fiji , Nuova Zelanda, Australia , Samoa e Stati Uniti.

ATTENZIONE: a Tonga si è molto conservatori, soprattutto nel vestiario:

-la legge tongana (non si tratta di limitazioni dovuti alla religione islamica, qui la popolazione è prevalentemente cattolica)vieta di apparire in pubblico senza una camicia e non son accettati: 

 -abiti corti,  pantaloncini o gonne, bikini ecc in pubblico o quando si nuota in spiagge pubbliche.

Mance a Tonga
La mancia non è prevista, ma è sempre apprezzata per un servizio molto gradito.

 Lo sapevate che 

A differenza di Fiji , Samoa e Tahiti , il Regno di Tonga è non mai stato influenzata dalla colonizzazione . 

Tonga è ancora fedele alle sue antiche culture e tradizioni . 

In gran parte sconosciuta dalle orde turistiche ,

-Tonga rimane l’ultima destinazione incontaminata nel Sud del Pacifico.

I collegamenti aerei sono il meglio per spostarsi da un’isola all’altra.

Due compagnie aeree si occupano di voli interni:

-Airlines Tonga Air Fiji (Airlines Tonga; 23690; www.airlinestonga.com; Teta Tours, Railway Rd angolo Wellington Rd, Nuku’alofa) e Peau Vava’u (www.peauvavau.to).

ATTENZIONE: I voli spesso sono annullati o riprogrammati all’improvviso, ci si deve adattare.

Numerosi traghetti garantiscono i collegamenti interni tra i principali arcipelaghi, ma hanno un numero cabine limitato e il viaggio normalmente costa di più rispetto alle tariffe aeree.

-I traghetti partono dal Queen Salote Wharf a Nuku’alofa, gli orari non sono fissi; controllate prima della partenza.

-Le compagnie sono varie noi segnaliamo:

-Shipping Corporation of Polynesia(Nuku’alofa; 23853; scp@tonfon.to; Queen Salote Wharf; Vava’u; 70128; Ha’apai; 60699) che collega Tongatapu (Nuku’alofa), Ha’apai (Ha’afeva e Lifuka Islands) e Vava’u (Neiafu), quelli della Uata Shipping Line (Walter Line; 23855; uataline@kalianet.to; Queen Salote Wharf) che collega Tongatapu a Vava’u ed ‘Eua, e quelli della Tofa Shipping (21326), che collega Nuku’alofa a ‘Eua.

Sulle isole più grandi, è presente una fitta rete di linee di trasporti pubblici (come minibus) e di taxi, questi ultimi si riconoscono per la lettera ‘T’ sulla targa di immatricolazione.

-In ogni isola  è possibile affittare un cavallo (che deve essere domato, dal momento che sono consegnati senza briglie e sella e quindi occorre essere davvero abilissimi cavallerizzi)

-l’automobile è la scelta più sicura.

Le agenzie di autonoleggio sono numerose nelle capitali e negli aeroporti.

-Le bici sono facilmente nolleggiabili sulle isole.

A Tonga si arriva in prevalenza passando per l’Aeroporto Internazionale di Fua’amotu, a circa 15 km in autobus a sud-est del centro di Nuku’alofa (alcuni voli atterrano anche all’Aeroporto Internazionale di Lupepapau’u, sull’isola di Vava’u).

Per chi proviene da Nuova Zelanda, Australia, Isole Fiji, Samoa, Hawaii e Los Angeles, il collegamento aereo per Tonga è diretto.

Per chi proviene da altre parti del mondo è necessario fare scalo in una di queste località.

Auckland (Nuova Zelanda) e Nadi/Suva (Isole Fiji) sono gli aeroporti con più voli per Tonga.

Il miglior modo per raggiungere il sud Pacifico,  per il vero viaggiatore,  è farlo a bordo di una nave merci; ulteriori informazioni sul sito della compagnia californiana Freighterworld (800-531 7774; www.freighterworld.com)

CAMBIO

Le valute più gradite per il cambio:

-il dollaro statunitense

-dollaro neozelandese

-dollaro delle Fiji

-sterlina inglese

In seconda battuta sono scambiati anche: yen ed euro  senza troppe difficoltà.

I travellers’ cheque sono cambiati a condizioni molto vantaggiose: la commissione è di soli 10 seniti.

-Sono accettati tutti i maggiori tipi di assegni.

Le carte di credito si possono usare in molte strutture turistiche.

- Le carte Visa e MasterCard sono le più diffuse.

-Per completare la transazione vi verrà addebitato il 4-5% di commissione.

-Esistono anche  sportelli bancomat, che accettano Visa, MasterCard e Cirrus, a Tongatapue alle Vava’u.

La Western Union ha filiali in tutto il paese, mentre MoneyGram è rappresentata dalla Westpac Bank of Tonga.

Suggerimenti

Tonga è una delle mete meno care del Pacifico.

-Si può vivere anche con T$35 (14 euro)al giorno, esclusi i trasferimenti tra le isole.

-Sistemazione a due letti a prezzi medi con la possibilità di svolgere alcune attività costa intorno ai T$110 (44 euro c.a.) al giorno a testa

-soluzioni più lussuose con  una spesa di almeno T$240 (97 euro) al giorno.

Non si usa lasciare mance e contrattare i prezzi. Secondo le usanze locali una mancia è considerata come un regalo e impone  l’obbligo di contraccambiare il favore.

-Un prezzo, è quello definitivo richiesto dal negoziante. Chiedere lo sconto qui è da maleducati

NORVEGIA AURORA BOREALE HB

AURORA BOREALE UNA APP PER SAPERNE DI PIU’ E PER VEDERLA.

Aurora boreale assicurata con la esclusiva App di Visit Norway

NORVEGIA 450 aurora_872x400

Scaricala e scopri come sarà facile avvistare la tua aurora boreale!

NORVEGIA AURORA BOREALE HB

“Norway Lights”, non poteva chiamarsi in altro modo la App gratuita che Visit Norway dedica agli appassionati delle aurore boreali!

D’ora in poi questo spettacolare fenomeno naturale non avrà più segreti per i nostri amici che, grazie all’applicazione, avranno una panoramica dei numerosi luoghi in cui è certo poter vedere l’aurora boreale e la potranno prevedere con tre giorni di anticipo rimanendo aggiornati ad ogni ora del giorno.

Con l’aiuto di questo nuovo strumento i cacciatori delle “luci del Nord” avranno suggerimenti per capire se le aurore sono attese in un determinato giorno oppure no, una mappa che mostra la posizione e la distanza dai luoghi delle più belle aurore boreali oltre a tantissime informazioni utili sul fenomeno e utili consigli su come fotografarle.

L’App è completamente gratuita e può essere scaricata in lingua inglese nelle versioni per iOS e Android.

http://www.visitnorway.com/it/Games-and-more/App-di-Visitnorway/

Aumentate le chance di vedere l’aurora boreale grazie alla nuova app Norway Lights.

Norway Lights è una app di previsione delle aurore boreali facile da usare, con una panoramica dei posti conosciuti come “città dell’aurora boreale” in Norvegia. La sua interfaccia è moderna e semplice, concepita per fornire agli amanti della natura consigli su dove, quando e come trovare l’aurora boreale.

Tra le caratteristiche dalla app Norway Lights troviamo:

  • Previsioni estese a tre giorni
  • Previsioni orarie per la giornata
  • Suggerimenti sull’anticipazione oppure no delle attività dell’aurora boreale in determinate città in Norvegia
  • Informazioni generali su questo fenomeno naturale
  • Mappa con la vostra posizione relativa alle città in Norvegia
  • Trucchi e consigli su come scattare le vostre foto dell’aurora boreale
  • Offerte per voli e tour

Scaricate gratuitamente Norway Lights e partite a caccia di aurore boreali.http://www.visitnorway.com/it/Games-and-more/App-di-Visitnorway/

COVER VILLACH_450 Inverno_Gerlitzen_9

WILLICH SUGLI SCI, TERME E SPORT OGGI E ANCHE PER LA PROSSIMA ESTATE.

SCI, SOLE E NATURA: L’IMPERDIBILE INVERNO DI VILLACH PROMETTE

QUESTO E MOLTO DI PIÚ!

TESTATA senza titolo VILLACH_450 AI1011_mercatini_di_Natale_34

Mercati di Natale, sci, gastronomia e terme.

Villach_450 Ossiach_img_3

KarntenTherm450 e_Warmbad-Villach_Ph Credit (13)

KarntenTherm; Warmbad-Villach.

L’inverno a Villach per: 

-amanti delle discese sugli sci

-chi preferisce la tranquillità di una ciaspolata immerso nella natura,

-chi muove i primi passi sugli sci

-chi vuole solo rilassarsi e utilizzare le terme

Weekend o la classica settimana le proposte per la stagione sciistica:

-dalle piste per una tintarella sugli sci 

-al nuovo campeggio invernale sul lago di Ossiach. 

Tre comprensori accontenteranno le esigenze di grandi e piccini, esperti e principianti, per giornate all’insegna di divertimento, un’offerta a 360 gradi per tutti gli amanti della neve!

-Alpe Gerlitzen: scivolare su piste innevate con il sole sempre sul viso.

Villach è la meta ideale per le vacanze di chi, durante i mesi più freddi, non vuole rinunciare all’attività all’aria aperta e naturalmente allo sci. L’Alpe Gerlitzen, con le sue 25 piste adatte a tutti i livelli di preparazione, è senz’altro il paradiso per gli instancabili dello sci e per chi ama prendere la tintarella anche d’inverno!

- Tredici delle sue piste, ribattezzate “Stella Ronda”, hanno infatti la particolarità di formare un vero e proprio circuito “a margherita” dove si può sciare sempre nella direzione del sole, spostandosi in senso antiorario da est (al mattino) al versante ovest (nel pomeriggio), con una sosta di tanto in tanto in uno dei rifugi dove gustare un pranzo tipico, scaldarsi con una tazza di te o lasciarsi tentare dai golosi dolci tradizionali.

-Eccellente qualità delle sue piste sempre innevate e ben battute, ha consentito all’Alpe Gerlitzen di acquisire il marchio di qualità “Welcome Beginners” ovvero di luogo consigliato a tutti i principianti dello sci, grandi e piccoli. Qui si trovano infatti piste larghe e ben preparate, pendii dolci, skilift per principianti, funivie ad accesso facilitato e scuole di sci preparate con metodi di insegnamento rapidi, efficaci e duraturi.

-L’apertura delle piste è prevista per il 6 dicembre 2013, a seconda delle condizioni della neve.

A tutta velocità sul Dreiländereck

Il Dreiländereck e il 3-Länder-Jet che porta gli sciatori fino alla cima a quota 1506 metri, in tutta sicurezza e comodità. “Dreiländereck” significa angolo delle tre nazioni, in quanto il monte si trova esattamente tra Austria, Italia e Slovenia.

PER LE FAMIGLIE:

-A disposizione delle famiglie un vero e proprio asilo sulla neve dove personale attento e preparato (tutti gli educatori parlano più lingue) coinvolgerà i bimbi in giochi e attività costruttive, così da lasciare mamma e papà liberi di godersi una giornata sulla neve in piena libertà. L’asilo sulla neve sarà aperto dal 25 dicembre 2013 al 16 marzo 2014.

-Da non dimenticare infine la pista per slittini che supera addirittura gli 8 chilometri! L’apertura delle piste è prevista per il 7 dicembre 2013, a seconda delle condizioni della neve.

NATURA.

Parco Naturale del Monte Dobratsch: immergersi nella natura più incontaminata fino a 2.166 metri.

Fino a qualche anno fa era un comprensorio sciistico tra i più apprezzati. Oggi il Monte Dobratsch è un’area protetta per la tutela del grande patrimonio faunistico e delle preziose falde acquifere, una scelta coraggiosa che ha riscosso grandi consensi.

-A quota 1.732 metri il parcheggio Rosstratte (N.11), raggiungibile tramite l’Alpenstrasse di Villach (in inverno accesso gratuito) e con i mezzi pubblici, è diventato il punto di partenza strategico per escursioni a piedi o con le ciaspole.

SCIALPINISMO.

 -Rosstratte è anche il ritrovo per tutti gli appassionati di scialpinismo che possono raggiungere la vetta tra natura e scenari mozzafiato. L’itinerario si snoda per circa 430 metri di dislivello e richiede almeno un’ora di salita. 

-I più allenati invece potranno partire da Heiligengeist risalendo con le pelli di foca lungo il vecchio tracciato delle piste da sci. È un itinerario magnifico e senza alcun rischio di valanghe, ma ci vogliono gambe ben allenate per superare i circa 1.180 metri di dislivello fino alla vetta.

-I fondisti potranno fermarsi al parcheggio Alpengarten da dove parte una pista di fondo lunga 5,4 km. Il Rosstratten piace molto anche ai bambini: per loro vi è stato realizzato un parco giochi invernale con una collinetta per gli slittini.

-In vetta il nuovo rifugio Gipfelhaus, dove legno chiaro e pietra locale si fondono con acciaio e vetro, una miscela di stili per un risultato senza paragoni e assolutamente a basso impatto ambientale anche grazie ai pannelli fotovoltaici installati per fruire dell’energia solare. Qui è inoltre possibile gustare saporiti piatti tradizionali o golosi dolci tipici.

Disponibili stanze doppie e camerate per ospitare compagnie numerose. Per avere maggiori informazioni sul Parco Naturale del Monte Dobratsch visitare il sito  HYPERLINK “http://www.naturparkdobratsch.info” www.naturparkdobratsch.info, a breve anche in versione italiana.

-Da non dimenticare la rinnovata Villacher Alpen Arena ( HYPERLINK “http://www.villacheralpenarena.at/” \o “http://www.villacheralpenarena.at/” www.villacheralpenarena.at),adagiata ai piedi del Dobratsch, con i suoi trampolini di salto con gli sci da 90, 60, 30 e 15 metri, dove si allenano anche più grandi atleti, e la sua

-nuovissima pista da sci di fondo lunga ben 5 km, di cui 3 km da gara omologata dalla FIS e dotata di impianti di innevamento e illuminazione.

NOVITA’ CAMPEGGIO INVERNALE.

Camping- & Strandbad Ossiacher See: il campeggio a soli due passi dalle piste da sci!

Il Camping- & Strandbad Ossiacher See, situato sulle sponde del Lago di Ossiach, apre al pubblico anche durante la stagione invernale, dal 20 dicembre 2013 al 3 marzo 2014. Rinnovato e ampliato in alcune sue aree, il campeggio offre strutture moderne ed è attrezzato in vista della stagione più fredda. I viali sono sempre sgombri dalla neve e tutti gli ambienti, privi di barriere architettoniche, sono adeguatamente riscaldati e confortevoli. All’interno del camping c’è un servizio ristorante che propone piatti tipici della cucina carinziana e una sauna sul lago, il modo migliore per recuperare le energie dopo una giornata di sport!

-Disponibili depositi per l’attrezzatura e gli sci con serratura, e appositi alloggi riscaldati per gli scarponi. A pochi chilometri dall’Alpe Gerlitzen e dai suoi impianti sciistici, è il punto di partenza strategico per divertenti giornate di sole e grandi sciate. Un servizio di navetta porta gli ospiti direttamente alla cabinovia per raggiungere gli impianti ed è possibile acquistare gli skipass direttamente alla reception del campeggio, evitando così lunghe code e consentendo di lanciarsi subito in adrenaliniche discese. Per chi invece preferisce lo sci di fondo e le ciaspole allo sci alpino, la meta si sposta al vicino Parco Naturale del Monte Dobratsch. Per informazioni:  HYPERLINK “http://www.camping-ossiachersee.at/it” www.camping-ossiachersee.at/it

Villach in veste natalizia.

ANCHE UN MERCATO GASTRONOMICO E TANTE ATTENZIONI PER I BIMBI.

Quest’anno il mercatino d’Avvento di Villach aprirà i battenti il 22 novembre e occuperà quasi tutto il centro storico. Il mercatino tradizionale, con le sue bancarelle in legno, si svilupperà in cerchio intorno alla chiesa parrocchiale.

-Il mercatino gastronomico (Villacher Nasch Advent) occuperà la piazza centrale Hauptplatz e il mercatino dell’artigianato sarà allestito nel parco del Parkhotel. I mercatini saranno aperti dal 22 novembre al 24 dicembre, dalla domenica al giovedì dalle 10.00 alle 19.00, venerdì e sabato dalle 10.00 alle 20.00. Il mercatino dell’artigianato sarà aperto dal giovedì alla domenica dalle 10.00 alle 19.00.  A fine novembre aprirà al pubblico anche il campo di pattinaggio davanti al municipio. Il programma per i bambini è completato da minizoo, pony da cavalcare e teatrino delle marionette. Il mercatino d’Avvento non può fare a meno della giornata delle maschere Krampus e Perchten, il 29 novembre, in cui l’attenzione si concentra sulla tradizione folcloristica e sui personaggi mascherati. Sui palchi illuminati si possono inoltre osservare gli intagliatori di maschere al lavoro. Durante una visita a Villach, è d’obbligo una passeggiata attraverso i vicoli della città, dove deliziosi locali e osterie invitano alla sosta e a gustare piatti della cucina tipica. Naturalmente i tanti negozi del centro offrono numerose occasioni per lo shopping più sfrenato. Da non dimenticare lo Shopping Center ATRIO con i suoi 80 punti vendita e il parco giochi “Lollipop-Kindererlebniswelt”, uno spazio in cui i bambini passano il tempo divertendosi, mentre per i genitori il tempo vola facendo acquisti in tutta tranquillità.

Benessere e relax. TERME per grandi e bambini.

Per chi cerca relax a 360 gradi ecco le

-nuove KärntenTherme di Warmbad-Villach ( HYPERLINK “http://www.slot1.aaron.demserver.net/link.php?M=1642255&N=4309&L=24554&F=H” \o “http://www.slot1.aaron.demserver.net/link.php?M=1642255&N=4309&L=24554&F=H” www.kaerntentherme.com) dove benessere e relax si coniugano a divertimento e fitness.

-Tre aree andranno a soddisfare le esigenze sia di grandi che bambini. L’area “FUN” è dedicata a chi ama il divertimento senza rinunciare al benessere; qui a disposizione degli ospiti piscine, vasca idromassaggio termale, scivoli d’acqua, il divertente “Crazy River”, e al primo piano la piscina sportiva di 25 metri. La zona “FIT” è dedicata a sport e forma fisica; qui attrezzi di ultima generazione e un’ampia scelta di corsi.

-Infine l’area “SPA” con il suo ampio centro benessere, saune e hammam; disponibili anche dieci diverse cabine luminose per massaggi e trattamenti mirati di bellezza.

Esclusivo Hotel Karawankenhof.

-Da non dimenticare la possibilità di soggiornare presso l’esclusivo Hotel Karawankenhof, attiguo alle terme e completamente rinnovato.

-Sempre al passo con i tempi anche la stazione termale di Bad Bleiberg, in linea con le più nuove tecniche curative così da soddisfare le richieste dei suoi ospiti.

-Al Kurzentrum trovano ottime cure pazienti che soffrono di disturbi dell’irrorazione sanguigna, affezioni delle vie respiratorie o problemi dell’apparato motorio e di sostegno. Di ultima generazione la crioterapia, soluzione contro problemi articolari e muscolari, alle tecniche più innovative e efficaci per chi soffre di dolori di vario genere. L’offerta si completa con due gallerie climatiche in cui regna una temperatura costante di 8°C e un’umidità relativa del 99%, un luogo di soggiorno ideale per chi soffre di allergie e di ogni sorta di disturbo delle vie respiratorie ( HYPERLINK “http://www.bad-bleiberg.at” www.bad-bleiberg.at).

 Come arrivare

In treno: ogni giorno collegamenti con le maggiori città italiane (es. Milano, Venezia, Udine, Bologna, Firenze, Roma).

Per dettagli e approfondimenti:  HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln366.h3a.42-kpNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln366.h3a.42-kpNCLM” \t “_blank” www.dbitalia.it  e  HYPERLINK “http://www.obb-italia.com” www.obb-italia.com
In auto: per pianificare il viaggio consigliamo di utilizzare il cerca percorsi sul sito ufficiale della regione di Villach  HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln3e9-:bc4j&ac45:64gqNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln3e9-:bc4j&ac45:64gqNCLM” \t “_blank” www.region-villach.at

Informazioni turistiche per il pubblico (in italiano):
Villach-Warmbad / Faaker See / Ossiacher See Tourismus
Töbringer Straße 1, 9523 Villach-Landskron, Austria
Tel.: +43 / (0)4242 / 42000 – 0, Fax: +43 / (0)4242 / 42000 – 42
E-Mail:  HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=/rt/lf&x=pv&=:khc1spb0::59@i89-fb/k..&x=pv&59&25kNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=/rt/lf&x=pv&=:khc1spb0::59@i89-fb/k..&x=pv&59&25kNCLM” \t “_blank” office@region-villach.at

PER LA PROSSIMA ESTATE CI SONO GIA’ DELLE PROPOSTE

PER SOGNARE E PROGRAMMARE PER TEMPO.

Villach_450 Lago_Faak_Kayak

Villach_450 parco_naturale_dobratsch_ (15)

Parco naturale Dobratsch.

Villach_450 Estate_Mittagskogel_ (4)

Mittagskogel.

Villacha_450Lago_Faak_barche

VILLACH

Ossiach.

Villach_450 estate_img_10

FERRATA, CANOA E NATURA: UN WEEKEND D’AVVENTURA A VILLACH

 Dalle vie ferrate, al trekking, fino a una rilassante gita in canoa. A pochi chilometri dal confine italiano di Tarvisio, facile da raggiungere in poco tempo, accoglierà tutti i vacanzieri più sportivi con la promessa di lasciarli davvero senza fiato!

Ferrata sulla cascata Rotschitza, una sfida adrenalinica!

-Adrenalina, sfidare se stessi e la natura, ovviamente nel pieno rispetto di essa. Questa è una ferrata, un percorso di accesso a una meta alpinistica attrezzato con scalette, cavi, catene, staffe, ed altri ancoraggi fissi che consentono la progressione in parete.
La via ferrata è una soluzione “artificiale” per rendere praticabile un terreno roccioso o un percorso esposto, mettendo così l HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=rzw_&8e.=pr_tzji.=0ikd_qskjl66bb&h3ei8fh66bbsdh6c:5q7.&x=pv&9-4g-s7b7jpSALEWAnPEs1qqpm:3p:8eg7h34q:cNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=rzw_&8e.=pr_tzji.=0ikd_qskjl66bb&h3ei8fh66bbsdh6c:5q7.&x=pv&9-4g-s7b7jpSALEWAnPEs1qqpm:3p:8eg7h34q:cNCLM” \t “_blank”  HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=rzw_&8e.=pr_tzji.=0ikd_qskjl66bb&h3ei8fh66bbsdh6c:5q7.&x=pv&9-4g-s7b7jpSALEWAnPEs1qqpm:3p:8eg7h34q:cNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=rzw_&8e.=pr_tzji.=0ikd_qskjl66bb&h3ei8fh66bbsdh6c:5q7.&x=pv&9-4g-s7b7jpSALEWAnPEs1qqpm:3p:8eg7h34q:cNCLM” \t “”_blank”"  HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=rzw_&8e.=pr_tzji.=0ikd_qskjl66bb&h3ei8fh66bbsdh6c:5q7.&x=pv&9-4g-s7b7jpSALEWAnPEs1qqpm:3p:8eg7h34q:cNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=rzw_&8e.=pr_tzji.=0ikd_qskjl66bb&h3ei8fh66bbsdh6c:5q7.&x=pv&9-4g-s7b7jpSALEWAnPEs1qqpm:3p:8eg7h34q:cNCLM” \t “_blank” a montagna alla portata anche di un non alpinista.

-Per tutti gLi appassionati di montagna, sarà imperdibile risalire la via ferrata Rotschitza e l’omonima cascata, ammirando scenari e panorami meravigliosi. Partenza dalla Baumgartnerhöhe, dopo una breve camminata di circa 30 minuti, ha inizio un’esperienza davvero indimenticabile. Ovviamente attrezzatura adeguata e buona forma fisica sono richiesti, anche se il percorso non è particolarmente difficile. I più esperti potranno risalire la ferrata in maniera autonoma, mentre chi lo fa per la prima volta potrà rivolgersi alla Scuola d’alpinismo Vierjahreszeiten: guide esperte spiegheranno ai partecipanti all’escursione, le basi della disciplina,  come utilizzare l’attrezzatura e li accompagneranno in questa avventura. Inclusa nel prezzo dell’escursione, una ricca e tipica merenda carinziana al rifugio Baumgarntnerhof, un’occasione davvero imperdibile per unire sport a buona tavola! Per informazioni:  HYPERLINK “http://www.vjz-alpin.at” www.vjz-alpin.at.

Alba sul Mittagskogel, un’esperienza da lasciare senza fiato.

Circondati dal silenzio e dal buio della notte, illuminati solo dal tenue chiarore della luna e del lontano primo albeggiare, camminando su fino alla vetta per ammirare uno degli spettacoli naturali più emozionante: l’alba. Da soli o accompagnati da una guida esperta, sarà davvero un’esperienza senza paragoni risalire il sentiero che porterà alla cima Ferlacher Spitz per aspettare il sorgere del sole e per vedere tutta la valle illuminarsi pian piano dei suoi raggi. Il Mittagskogel alle proprie spalle risplenderà della prima luce mattutina, meta ideale per tutti gli appassionati di trekking e alpinismo. Questa è una tra le cime più belle della Regione: la parte sommitale dalle bianche rocce calcaree si staglia sui dolci pendii ricoperti da verdi pascoli e fitti boschi. Il sentiero parte dalla località di Untergreuth, passando per Altfinkenstein, Outeschena, Greutherbach e per l’ex rifugio Annahütte, fino a raggiungere la vetta (Kleiner Mittagskogel) a 1815 metri di altezza. Per i più sportivi che non vogliono assolutamente fermarsi e perdersi la vista a 360 grandi sulla Carinzia e sui monti dell’Alpe-Adria, un piccolo tratto con circa 300 metri di dislivello condurrà fino in vetta. Per la discesa, qualora non si volesse ripercorrere la stessa strada, si potrà optare per il sentiero Hornerweg passando per il rifugio Bertahütte.

Canoa lungo le sponde del Lago di Faak: tranquillità e sole.

Dopo tanto camminare, davvero piacevole sarà passare una mattinata immersi nella quiete del Lago di Faak, cullati dalle sue calde (fino a 28 gradi!) e cristalline acque, ammirando gli splendidi monti che lo circondano. Questo quello che aspetta chi deciderà, smessi imbraghi e caschetto, di misurarsi con una divertente e allo stesso tempo rilassante gita su uno dei tre laghi principali della regione di Villach. Dopo aver noleggiato la canoa in uno dei tanti punti attrezzati presenti, si potranno esplorare in tutta sicurezza le sue sponde, scoprendo scorci davvero mozzafiato.

-Imperdibile l’esplorazione del suggestivo “sentiero” sull’acqua tra i canneti del lago, al termine del quale ci si potrà rilassare bevendo qualcosa all’attrezzato bar sulla sponda. Sul lago si incontreranno solo piccole imbarcazioni elettriche in quanto la circolazione dei motori a scoppio è vietata per mantenere inalterato l’equilibrio di questo specchio d’acqua turchese e assolutamente potabile.

3 LAGHI: pedalò, barche a remi e kayak.

-Su tutti i tre laghi principali della regione di Villach, Faak, Ossiach e Afritz, è possibile fare divertenti escursioni anche con pedalò, barche a remi e kayak. Tra una pagaiata e un’altra, si potrà sostare su una delle spiagge che costeggiano il lago, per riposarsi e concedersi un po’ di tempo per una meritata tintarella. Un vero e proprio tuffo nella natura! Sul Lago di Faak sarà possibile noleggiare l’attrezzatura al Kajakcenter Faaker See, dove sono anche organizzati corsi ( HYPERLINK “http://www.kajak-faak.com” \o “http://www.kajak-faak.com/” www.kajak-faak.com).

Tante altre attività mozzafiato aspettano chi deciderà di passare qualche giorno a Villach: dalle escursioni a piedi, alla bicicletta; dall’arrampicata al parapendio, fino ad arrivare al sub!

Come arrivare
In treno: ogni giorno collegamenti con le maggiori città italiane (es. Milano, Venezia, Udine, Bologna, Firenze, Roma). Per dettagli e approfondimenti:  HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln366.h3a.42-kpNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln366.h3a.42-kpNCLM” \t “_blank” www.dbitalia.it
In auto: per pianificare il viaggio consigliamo di utilizzare il cerca percorsi sul sito ufficiale della regione di Villach  HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln3e9-:bc4j&ac45:64gqNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln3e9-:bc4j&ac45:64gqNCLM” \t “_blank” www.region-villach.at

Informazioni turistiche per il pubblico (in italiano):
Villach-Warmbad / Faaker See / Ossiacher See Tourismus
Töbringer Straße 1, 9523 Villach-Landskron, Austria
Tel.: +43 / (0)4242 / 42000 – 0, Fax: +43 / (0)4242 / 42000 – 42
E-Mail:  HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=/rt/lf&x=pv&=:khc1spb0::59@i89-fb/k..&x=pv&59&25kNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=/rt/lf&x=pv&=:khc1spb0::59@i89-fb/k..&x=pv&59&25kNCLM” \t “_blank” office@region-villach.at

SEGUE ESTATE 2014 ;  UN PO’ PER SOGNARE UN PO’ PER PROGRAMMARE PER TEMPO.

A VILLACH IN CAMPEGGIO, PER UNA VACANZA 100% OUTDOOR!

A pochi chilometri dal confine italiano di Tarvisio, sorgono i migliori campeggi della zona, apprezzati da famiglie e gruppi di amici. 

Numerose e variegate le attività da poter svolgere: 

-dagli sport acquatici al trekking, passando per le gite in bicicletta. La meta ideale per tutti gli amanti delle vacanze attive che cercano divertimento, natura e relax! 

Cosa c’è di più rilassante che dormire distesi sotto le stelle, cullati dai rumori della notte e risvegliati dai primi raggi dell’alba? Per gli amanti della vita all’aria aperta questa è la vacanza perfetta. Un ritorno alle origini, alla ricerca del contatto vero con la natura senza disdegnare la possibilità di fare attività divertenti e coinvolgenti con famiglia o amici.

- Proprio per questo, gli amanti delle vacanze 100% outdoor troveranno in Villach la meta ideale per qualche giorno lontani da casa e caotiche città.

-Sulle sponde dei laghi di Ossiach, di Faak e di Afritz si trovano infatti i più qualificati campeggi della Regione. Un’ offerta di 30 camping, di cui ben 20 certificati ADAC 2013 e otto “Eco-Label 2013” a dimostrazione di una gestione rispettosa dell’ambiente che garantisce l’utilizzo razionale ed ecologico dell’acqua potabile, e ancora un servizio interno di noleggio biciclette, la vicinanza a una fermata d’autobus e un limitato traffico a motore nell’area del campo.

-In particolare 5 campeggi hanno ottenuto il distintivo ADAC, e questo significa che nel corso dell’esame dell’anno precedente hanno ottenuto il primo o secondo livello nella valutazione delle strutture sanitarie, e che per quanto riguarda la “struttura del campo“ hanno ottenuto almeno 3 stelle.

-Uno su tutti il Strandcamping Arneitz titolato “Best 2013”, la riprova che trascorrere le vacanze in campeggio non significa accontentarsi, ma vivere in modo diverso e divertente dei giorni in pieno relax senza rinunciare a comodità, servizi, sicurezza e soprattutto a tanto divertimento. La regione di Villach per la sua attenzione al rispetto e alla conservazione della natura, è tra le preferite dai campeggiatori senza contare

-l’eccellenza dei servizi, 

-la pulizia 

-e l’ottima organizzazione dei camping dove trovano spazio non solo le tende, ma anche camper e roulotte (in Austria la legge vieta di sostare nelle aree non adibite al campeggio e di conseguenza ogni struttura è aperta ad ogni tipo di vacanziere). Grande attenzione anche al soggiorno dei più piccoli! Per loro sono organizzati quotidianamente programmi e attività ad hoc, coinvolti e seguiti nelle varie attività ludiche e sportive da un divertente team di animatori.

Per visionare l’elenco completo dei campeggi della regione di Villach:

  HYPERLINK “http://b3d2i.s44.it/f/tr.aspx/?06ie-d=xyq406b-=vus_gk-=0hfizopipi2f6.0bb_o0&x=pv&.2&924fu0gp49&x=pv&c88.0bphh8&x=pv&:265&149&x=pv&c:.._pvwyuyv1af..NCLM” \o “http://b3d2i.s44.it/f/tr.aspx/?06ie-d=xyq406b-=vus_gk-=0hfizopipi2f6.0bb_o0&x=pv&.2&924fu0gp49&x=pv&c88.0bphh8&x=pv&:265&149&x=pv&c:.._pvwyuyv1af..NCLM” \t “_blank” www.region-villach.at/it/campeggio/voglia-di-camping-1694706.html

COSA FARE…

Pedalare tra natura e storia lungo le coste

-Lungo le sponde del lago di Ossiach si snodano i

-27 chilometri della sua pista ciclabile, collegata alla ciclabile della Drava.

-Gli scorci e i panorami lasceranno sicuramente senza fiato: da una parte montagne verdi e dall’altra parte uno specchio d’acqua cristallino.

Questa potrebbe essere l’occasione ideale di fare un viaggio nel passato visitando le suggestive rovine del castello di Landskron (XVI sec.) e l’Abbazia di Ossiach con la sua chiesa tardo-barocca dove, durante l’estate, si tiene il festival musicale dell’”Estate Carinziana”. Così come il Lago di Ossiach, anche il Lago di Faak ha diversi percorsi ciclabili da scoprire.

-Pedalando lungo questo itinerario si potrà ammirare l’isola al centro del lago e sostare presso i molti ristoranti per degustare le delizie culinarie locali. Imperdibile una visita al castello di Finkenstein che da secoli troneggia sul sottostante lago: nella sua arena il proprietario organizza da più di trent’anni manifestazioni di musica e cabaret. Per gli appassionati di botanica invece, sarà interessante soffermarsi ad ammirare l`agrumeto “Zitrusgarten“: su una nuova superficie di ben 5.000 m2 è la collezione più grande in Austria e ospita 240 specie circa di agrumi. E’ il luogo ideale per gli amanti dei frutti agrodolci e un punto di incontro per gli appassionati delle piante del Mediterraneo è suddiviso esattamente secondo genere, varietà e specie.

Trekking ed escursionismo sul Monte Dobratsch e l’Alpe Gerlitzen.

Il Parco Naturale del Monte Dobratsch si distingue per la sua particolare flora e fauna, e per le sue diverse fasce climatiche; qui tutti gli amanti del trekking potranno seguire facili itinerari alla scoperta delle numerose specie animali che lo abitano. Guide esperte accompagneranno, su richiesta, i turisti svelando i segreti dell’ambiente che li circonda e mostreranno loro, senza farli scappare, camosci, aquile e altri uccelli. ( HYPERLINK “http://b3d2i.s44.it/f/tr.aspx/?06ie-d=xyq406b-=vus_gk-=0hfizopipi2b2mged2k:6c3k2gg4a1&b7hnNCLM” \o “http://b3d2i.s44.it/f/tr.aspx/?06ie-d=xyq406b-=vus_gk-=0hfizopipi2b2mged2k:6c3k2gg4a1&b7hnNCLM” \t “_blank” www.naturparkdobratsch.info). Per chi invece vuol coniugare della sana attività all’aria aperta alla buona cucina tradizionale irrinunciabile un’escursione lungo il “Kostale Weg” letteralmente “Sentiero degli assaggi” sull’Alpe Gerlitzen. In prossimità delle sponde del lago di Ossiach infatti partono impianti di risalita che in breve tempo porteranno i turisti in quota, dove potranno seguire le indicazioni di facili escursioni o sostare per un pranzo presso i rifugi che offrono piatti tipici della cucina carinziana. Tre rifugi offrono una carrellata di piatti della cucina locale tradizionale: dalla bistecchina di bue alpino del rifugio Neugartenstüberl, ai tortelloni carinziani del rifugio Pöllingerhütte fino ai dolci proposti al rifugio Gipfelhaus. Ma non solo Dobratsch e Gerlitzen, la regione di Villach offre tanti altri itinerari per tutti gli amanti delle escursioni in alta quota tra cui quelli sul Monte Dreiländereck, il Verditz e il Mittagskogel.

Alla scoperta di macachi e rapaci con mamma e papà

Per gli amanti degli animali imperdibile una visita al castello di Landskron dove il Falcon Show lascerà tutti con il naso all’insù! Un’emozionante esibizione di rapaci tra cui aquile, gufi, civette, falchi e tanti altri splendidi volatili, che si esibiranno in volo libero nelle correnti ascendenti del castello. Durante lo show gli istruttori illustrano le abitudini alimentari, il comportamento e il modo di vivere di questi animali in parte minacciati dall’estinzione ( HYPERLINK “http://b3d2i.s44.it/f/tr.aspx/?06ie-d=xyq406b-=vus_gk-=0hfizopipi245e6e4d-.334h&x=pv&oNCLM” \o “http://b3d2i.s44.it/f/tr.aspx/?06ie-d=xyq406b-=vus_gk-=0hfizopipi245e6e4d-.334h&x=pv&oNCLM” \t “_blank” www.adlerarena.com). In alternativa suggestiva la riserva di Affenberg con i suoi oltre 140 macachi giapponesi. Per il microclima del tutto simile a quello della loro terra d’origine, queste simpatiche scimmiette in pochi anni hanno conquistato i cuori di grandi piccini con le loro evoluzioni sugli alberi e i divertenti tuffi nelle acque dei laghetti presenti nella riserva. La riserva di Affenberg è stata inaugurata nel 1996 riscuotendo subito grande successo. ( HYPERLINK “http://b3d2i.s44.it/f/tr.aspx/?06ie-d=xyq406b-=vus_gk-=0hfizopipi247&x=pv&6a56k826afnNCLM” \o “http://b3d2i.s44.it/f/tr.aspx/?06ie-d=xyq406b-=vus_gk-=0hfizopipi247&x=pv&6a56k826afnNCLM” \t “_blank” www.affenberg.com).

Con la KÄRNTEN CARD l’Ingresso libero ad oltre 100 delle mete turistiche più belle delle Carinzia

Con la Kärnten Card avete in mano la chiave per avventure, divertimento e tanti vantaggi. Vi apre la porta ad oltre 100 mete turistiche carinziane, che potete visitare liberamente, gratis e anche più volte. Si potrà accedere ad esempio alla riserva di Affenberg, usufruire dei servizi navetta sul lago di Ossiach e sul fiume Drava, transitare sulla strada alpina del Dobratsch e accedere alle funivie sulla Gerlitzen Alpe, sul Dreiländereck e tanto altro. Ma non è finita qui: i partner selezionati – più di 50 – vi concedono riduzioni esclusive. La Kärnten Card è acquistabile in oltre 140 punti vendita di tutta la Carinzia – per esempio negli uffici turistici. In alcuni campeggi otterrete la Kärnten Card gratis per la durata del vostro soggiorno.

La Kärnten Card sarà valida dal 14 aprile al 27 ottobre 2013

Kärnten Card 1 settimana: 36,00 Euro adulti, 15,50 Euro bambini (1998- 2006)

Kärnten Card 2 settimane: 44,00 Euro adulti, 20,00 Euro bambini (1998 – 2006)

Kärnten Card 5 settimane: 56,00 Euro adulti, 28,00 Euro bambini (1998 – 2006)

La Kärnten Card è gratuita per i bambini di età inferiore ai 6 anni (2007).

Per informazioni:  HYPERLINK “http://b3d2i.s44.it/f/tr.aspx/?06ie-d=xyq406b-=vus_gk-=0hfizopipi2&x=pv&2-dah6g43f582gpNCLM” \o “http://b3d2i.s44.it/f/tr.aspx/?06ie-d=xyq406b-=vus_gk-=0hfizopipi2&x=pv&2-dah6g43f582gpNCLM” \t “_blank” www.kaerntencard.at

Come arrivare
In treno: ogni giorno collegamenti con le maggiori città italiane (es. Milano, Venezia, Udine, Bologna, Firenze, Roma). Per dettagli e approfondimenti:  HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln366.h3a.42-kpNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln366.h3a.42-kpNCLM” \t “_blank” www.dbitalia.it
In auto: per pianificare il viaggio consigliamo di utilizzare il cerca percorsi sul sito ufficiale della regione di Villach  HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln3e9-:bc4j&ac45:64gqNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln3e9-:bc4j&ac45:64gqNCLM” \t “_blank” www.region-villach.at

Informazioni turistiche per il pubblico (in italiano):
Villach-Warmbad / Faaker See / Ossiacher See Tourismus
Töbringer Straße 1, 9523 Villach-Landskron, Austria
Tel.: +43 / (0)4242 / 42000 – 0, Fax: +43 / (0)4242 / 42000 – 42
E-Mail:  HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=/rt/lf&x=pv&=:khc1spb0::59@i89-fb/k..&x=pv&59&25kNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=/rt/lf&x=pv&=:khc1spb0::59@i89-fb/k..&x=pv&59&25kNCLM” \t “_blank” office@region-villach.at

SCI, SOLE E NATURA: L’IMPERDIBILE INVERNO DI VILLACH PROMETTE QUESTO E MOLTO DI PIÚ!

L’inverno a Villach per: 

-amanti delle discese sugli sci

-chi preferisce la tranquillità di una ciaspolata immerso nella natura,

-chi muove i primi passi sugli sci

-chi vuole solo rilassarsi e utilizzare le terme

Weekend o la classica settimana le proposte per la stagione sciistica:

-dalle piste per una tintarella sugli sci 

-al nuovo campeggio invernale sul lago di Ossiach. 

Tre comprensori accontenteranno le esigenze di grandi e piccini, esperti e principianti, per giornate all’insegna di divertimento, un’offerta a 360 gradi per tutti gli amanti della neve!

-Alpe Gerlitzen: scivolare su piste innevate con il sole sempre sul viso.

Villach è la meta ideale per le vacanze di chi, durante i mesi più freddi, non vuole rinunciare all’attività all’aria aperta e naturalmente allo sci. L’Alpe Gerlitzen, con le sue 25 piste adatte a tutti i livelli di preparazione, è senz’altro il paradiso per gli instancabili dello sci e per chi ama prendere la tintarella anche d’inverno!

- Tredici delle sue piste, ribattezzate “Stella Ronda”, hanno infatti la particolarità di formare un vero e proprio circuito “a margherita” dove si può sciare sempre nella direzione del sole, spostandosi in senso antiorario da est (al mattino) al versante ovest (nel pomeriggio), con una sosta di tanto in tanto in uno dei rifugi dove gustare un pranzo tipico, scaldarsi con una tazza di te o lasciarsi tentare dai golosi dolci tradizionali.

-Eccellente qualità delle sue piste sempre innevate e ben battute, ha consentito all’Alpe Gerlitzen di acquisire il marchio di qualità “Welcome Beginners” ovvero di luogo consigliato a tutti i principianti dello sci, grandi e piccoli. Qui si trovano infatti piste larghe e ben preparate, pendii dolci, skilift per principianti, funivie ad accesso facilitato e scuole di sci preparate con metodi di insegnamento rapidi, efficaci e duraturi.

-L’apertura delle piste è prevista per il 6 dicembre 2013, a seconda delle condizioni della neve.

A tutta velocità sul Dreiländereck

Il Dreiländereck e il 3-Länder-Jet che porta gli sciatori fino alla cima a quota 1506 metri, in tutta sicurezza e comodità. “Dreiländereck” significa angolo delle tre nazioni, in quanto il monte si trova esattamente tra Austria, Italia e Slovenia.

PER LE FAMIGLIE:

 -A disposizione delle famiglie un vero e proprio asilo sulla neve dove personale attento e preparato (tutti gli educatori parlano più lingue) coinvolgerà i bimbi in giochi e attività costruttive, così da lasciare mamma e papà liberi di godersi una giornata sulla neve in piena libertà. L’asilo sulla neve sarà aperto dal 25 dicembre 2013 al 16 marzo 2014.

-Da non dimenticare infine la pista per slittini che supera addirittura gli 8 chilometri! L’apertura delle piste è prevista per il 7 dicembre 2013, a seconda delle condizioni della neve.

NATURA.

Parco Naturale del Monte Dobratsch: immergersi nella natura più incontaminata fino a 2.166 metri.

Fino a qualche anno fa era un comprensorio sciistico tra i più apprezzati. Oggi il Monte Dobratsch è un’area protetta per la tutela del grande patrimonio faunistico e delle preziose falde acquifere, una scelta coraggiosa che ha riscosso grandi consensi.

-A quota 1.732 metri il parcheggio Rosstratte (N.11), raggiungibile tramite l’Alpenstrasse di Villach (in inverno accesso gratuito) e con i mezzi pubblici, è diventato il punto di partenza strategico per escursioni a piedi o con le ciaspole.

SCIALPINISMO.

-Rosstratte è anche il ritrovo per tutti gli appassionati di scialpinismo che possono raggiungere la vetta tra natura e scenari mozzafiato. L’itinerario si snoda per circa 430 metri di dislivello e richiede almeno un’ora di salita. 

-I più allenati invece potranno partire da Heiligengeist risalendo con le pelli di foca lungo il vecchio tracciato delle piste da sci. È un itinerario magnifico e senza alcun rischio di valanghe, ma ci vogliono gambe ben allenate per superare i circa 1.180 metri di dislivello fino alla vetta.

-I fondisti potranno fermarsi al parcheggio Alpengarten da dove parte una pista di fondo lunga 5,4 km. Il Rosstratten piace molto anche ai bambini: per loro vi è stato realizzato un parco giochi invernale con una collinetta per gli slittini.

-In vetta il nuovo rifugio Gipfelhaus, dove legno chiaro e pietra locale si fondono con acciaio e vetro, una miscela di stili per un risultato senza paragoni e assolutamente a basso impatto ambientale anche grazie ai pannelli fotovoltaici installati per fruire dell’energia solare. Qui è inoltre possibile gustare saporiti piatti tradizionali o golosi dolci tipici.

Disponibili stanze doppie e camerate per ospitare compagnie numerose. Per avere maggiori informazioni sul Parco Naturale del Monte Dobratsch visitare il sito  HYPERLINK “http://www.naturparkdobratsch.info” www.naturparkdobratsch.info, a breve anche in versione italiana.

-Da non dimenticare la rinnovata Villacher Alpen Arena ( HYPERLINK “http://www.villacheralpenarena.at/” \o “http://www.villacheralpenarena.at/” www.villacheralpenarena.at),adagiata ai piedi del Dobratsch, con i suoi trampolini di salto con gli sci da 90, 60, 30 e 15 metri, dove si allenano anche più grandi atleti, e la sua

-nuovissima pista da sci di fondo lunga ben 5 km, di cui 3 km da gara omologata dalla FIS e dotata di impianti di innevamento e illuminazione.

NOVITA’ CAMPEGGIO INVERNALE.

Camping- & Strandbad Ossiacher See: il campeggio a soli due passi dalle piste da sci!

Il Camping- & Strandbad Ossiacher See, situato sulle sponde del Lago di Ossiach, apre al pubblico anche durante la stagione invernale, dal 20 dicembre 2013 al 3 marzo 2014. Rinnovato e ampliato in alcune sue aree, il campeggio offre strutture moderne ed è attrezzato in vista della stagione più fredda. I viali sono sempre sgombri dalla neve e tutti gli ambienti, privi di barriere architettoniche, sono adeguatamente riscaldati e confortevoli. All’interno del camping c’è un servizio ristorante che propone piatti tipici della cucina carinziana e una sauna sul lago, il modo migliore per recuperare le energie dopo una giornata di sport!

-Disponibili depositi per l’attrezzatura e gli sci con serratura, e appositi alloggi riscaldati per gli scarponi. A pochi chilometri dall’Alpe Gerlitzen e dai suoi impianti sciistici, è il punto di partenza strategico per divertenti giornate di sole e grandi sciate. Un servizio di navetta porta gli ospiti direttamente alla cabinovia per raggiungere gli impianti ed è possibile acquistare gli skipass direttamente alla reception del campeggio, evitando così lunghe code e consentendo di lanciarsi subito in adrenaliniche discese. Per chi invece preferisce lo sci di fondo e le ciaspole allo sci alpino, la meta si sposta al vicino Parco Naturale del Monte Dobratsch. Per informazioni:  HYPERLINK “http://www.camping-ossiachersee.at/it” www.camping-ossiachersee.at/it

Villach in veste natalizia.

ANCHE UN MERCATO GASTRONOMICO E TANTE ATTENZIONI PèER I BIMBI.

Quest’anno il mercatino d’Avvento di Villach aprirà i battenti il 22 novembre e occuperà quasi tutto il centro storico. Il mercatino tradizionale, con le sue bancarelle in legno, si svilupperà in cerchio intorno alla chiesa parrocchiale.

-Il mercatino gastronomico (Villacher Nasch Advent) occuperà la piazza centrale Hauptplatz e il mercatino dell’artigianato sarà allestito nel parco del Parkhotel. I mercatini saranno aperti dal 22 novembre al 24 dicembre, dalla domenica al giovedì dalle 10.00 alle 19.00, venerdì e sabato dalle 10.00 alle 20.00. Il mercatino dell’artigianato sarà aperto dal giovedì alla domenica dalle 10.00 alle 19.00.  A fine novembre aprirà al pubblico anche il campo di pattinaggio davanti al municipio. Il programma per i bambini è completato da minizoo, pony da cavalcare e teatrino delle marionette. Il mercatino d’Avvento non può fare a meno della giornata delle maschere Krampus e Perchten, il 29 novembre, in cui l’attenzione si concentra sulla tradizione folcloristica e sui personaggi mascherati. Sui palchi illuminati si possono inoltre osservare gli intagliatori di maschere al lavoro. Durante una visita a Villach, è d’obbligo una passeggiata attraverso i vicoli della città, dove deliziosi locali e osterie invitano alla sosta e a gustare piatti della cucina tipica. Naturalmente i tanti negozi del centro offrono numerose occasioni per lo shopping più sfrenato. Da non dimenticare lo Shopping Center ATRIO con i suoi 80 punti vendita e il parco giochi “Lollipop-Kindererlebniswelt”, uno spazio in cui i bambini passano il tempo divertendosi, mentre per i genitori il tempo vola facendo acquisti in tutta tranquillità.

Benessere e relax. TERME per grandi e bambini

Per chi cerca relax a 360 gradi ecco le

-nuove KärntenTherme di Warmbad-Villach ( HYPERLINK “http://www.slot1.aaron.demserver.net/link.php?M=1642255&N=4309&L=24554&F=H” \o “http://www.slot1.aaron.demserver.net/link.php?M=1642255&N=4309&L=24554&F=H” www.kaerntentherme.com) dove benessere e relax si coniugano a divertimento e fitness.

-Tre aree andranno a soddisfare le esigenze sia di grandi che bambini. L’area “FUN” è dedicata a chi ama il divertimento senza rinunciare al benessere; qui a disposizione degli ospiti piscine, vasca idromassaggio termale, scivoli d’acqua, il divertente “Crazy River”, e al primo piano la piscina sportiva di 25 metri. La zona “FIT” è dedicata a sport e forma fisica; qui attrezzi di ultima generazione e un’ampia scelta di corsi.

-Infine l’area “SPA” con il suo ampio centro benessere, saune e hammam; disponibili anche dieci diverse cabine luminose per massaggi e trattamenti mirati di bellezza.

Esclusivo Hotel Karawankenhof.

-Da non dimenticare la possibilità di soggiornare presso l’esclusivo Hotel Karawankenhof, attiguo alle terme e completamente rinnovato.

-Sempre al passo con i tempi anche la stazione termale di Bad Bleiberg, in linea con le più nuove tecniche curative così da soddisfare le richieste dei suoi ospiti.

-Al Kurzentrum trovano ottime cure pazienti che soffrono di disturbi dell’irrorazione sanguigna, affezioni delle vie respiratorie o problemi dell’apparato motorio e di sostegno. Di ultima generazione la crioterapia, soluzione contro problemi articolari e muscolari, alle tecniche più innovative e efficaci per chi soffre di dolori di vario genere. L’offerta si completa con due gallerie climatiche in cui regna una temperatura costante di 8°C e un’umidità relativa del 99%, un luogo di soggiorno ideale per chi soffre di allergie e di ogni sorta di disturbo delle vie respiratorie ( HYPERLINK “http://www.bad-bleiberg.at” www.bad-bleiberg.at).

 Come arrivare

In treno: ogni giorno collegamenti con le maggiori città italiane (es. Milano, Venezia, Udine, Bologna, Firenze, Roma).

Per dettagli e approfondimenti:  HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln366.h3a.42-kpNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln366.h3a.42-kpNCLM” \t “_blank” www.dbitalia.it  e  HYPERLINK “http://www.obb-italia.com” www.obb-italia.com
In auto: per pianificare il viaggio consigliamo di utilizzare il cerca percorsi sul sito ufficiale della regione di Villach  HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln3e9-:bc4j&ac45:64gqNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln3e9-:bc4j&ac45:64gqNCLM” \t “_blank” www.region-villach.at

Informazioni turistiche per il pubblico (in italiano):
Villach-Warmbad / Faaker See / Ossiacher See Tourismus
Töbringer Straße 1, 9523 Villach-Landskron, Austria
Tel.: +43 / (0)4242 / 42000 – 0, Fax: +43 / (0)4242 / 42000 – 42
E-Mail:  HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=/rt/lf&x=pv&=:khc1spb0::59@i89-fb/k..&x=pv&59&25kNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=/rt/lf&x=pv&=:khc1spb0::59@i89-fb/k..&x=pv&59&25kNCLM” \t “_blank” office@region-villach.at    

PER LA PROSSIMA ESTATE CI SONO GIA’ DELLE PROPOSTE.

 FERRATA, CANOA E NATURA: UN WEEKEND D’AVVENTURA A VILLACH

Dalle vie ferrate, al trekking, fino a una rilassante gita in canoa. A pochi chilometri dal confine italiano di Tarvisio, facile da raggiungere in poco tempo, accoglierà tutti i vacanzieri più sportivi con la promessa di lasciarli davvero senza fiato!

Ferrata sulla cascata Rotschitza, una sfida adrenalinica!

-Adrenalina, sfidare se stessi e la natura, ovviamente nel pieno rispetto di essa. Questa è una ferrata, un percorso di accesso a una meta alpinistica attrezzato con scalette, cavi, catene, staffe, ed altri ancoraggi fissi che consentono la progressione in parete.
La via ferrata è una soluzione “artificiale” per rendere praticabile un terreno roccioso o un percorso esposto, mettendo così l HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=rzw_&8e.=pr_tzji.=0ikd_qskjl66bb&h3ei8fh66bbsdh6c:5q7.&x=pv&9-4g-s7b7jpSALEWAnPEs1qqpm:3p:8eg7h34q:cNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=rzw_&8e.=pr_tzji.=0ikd_qskjl66bb&h3ei8fh66bbsdh6c:5q7.&x=pv&9-4g-s7b7jpSALEWAnPEs1qqpm:3p:8eg7h34q:cNCLM” \t “_blank”  HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=rzw_&8e.=pr_tzji.=0ikd_qskjl66bb&h3ei8fh66bbsdh6c:5q7.&x=pv&9-4g-s7b7jpSALEWAnPEs1qqpm:3p:8eg7h34q:cNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=rzw_&8e.=pr_tzji.=0ikd_qskjl66bb&h3ei8fh66bbsdh6c:5q7.&x=pv&9-4g-s7b7jpSALEWAnPEs1qqpm:3p:8eg7h34q:cNCLM” \t “”_blank”"  HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=rzw_&8e.=pr_tzji.=0ikd_qskjl66bb&h3ei8fh66bbsdh6c:5q7.&x=pv&9-4g-s7b7jpSALEWAnPEs1qqpm:3p:8eg7h34q:cNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=rzw_&8e.=pr_tzji.=0ikd_qskjl66bb&h3ei8fh66bbsdh6c:5q7.&x=pv&9-4g-s7b7jpSALEWAnPEs1qqpm:3p:8eg7h34q:cNCLM” \t “_blank” a montagna alla portata anche di un non alpinista.

-Per tutti gLi appassionati di montagna, sarà imperdibile risalire la via ferrata Rotschitza e l’omonima cascata, ammirando scenari e panorami meravigliosi. Partenza dalla Baumgartnerhöhe, dopo una breve camminata di circa 30 minuti, ha inizio un’esperienza davvero indimenticabile. Ovviamente attrezzatura adeguata e buona forma fisica sono richiesti, anche se il percorso non è particolarmente difficile. I più esperti potranno risalire la ferrata in maniera autonoma, mentre chi lo fa per la prima volta potrà rivolgersi alla Scuola d’alpinismo Vierjahreszeiten: guide esperte spiegheranno ai partecipanti all’escursione, le basi della disciplina,  come utilizzare l’attrezzatura e li accompagneranno in questa avventura. Inclusa nel prezzo dell’escursione, una ricca e tipica merenda carinziana al rifugio Baumgarntnerhof, un’occasione davvero imperdibile per unire sport a buona tavola! Per informazioni:  HYPERLINK “http://www.vjz-alpin.at” www.vjz-alpin.at.

Alba sul Mittagskogel, un’esperienza da lasciare senza fiato.

 Circondati dal silenzio e dal buio della notte, illuminati solo dal tenue chiarore della luna e del lontano primo albeggiare, camminando su fino alla vetta per ammirare uno degli spettacoli naturali più emozionante: l’alba. Da soli o accompagnati da una guida esperta, sarà davvero un’esperienza senza paragoni risalire il sentiero che porterà alla cima Ferlacher Spitz per aspettare il sorgere del sole e per vedere tutta la valle illuminarsi pian piano dei suoi raggi. Il Mittagskogel alle proprie spalle risplenderà della prima luce mattutina, meta ideale per tutti gli appassionati di trekking e alpinismo. Questa è una tra le cime più belle della Regione: la parte sommitale dalle bianche rocce calcaree si staglia sui dolci pendii ricoperti da verdi pascoli e fitti boschi. Il sentiero parte dalla località di Untergreuth, passando per Altfinkenstein, Outeschena, Greutherbach e per l’ex rifugio Annahütte, fino a raggiungere la vetta (Kleiner Mittagskogel) a 1815 metri di altezza. Per i più sportivi che non vogliono assolutamente fermarsi e perdersi la vista a 360 grandi sulla Carinzia e sui monti dell’Alpe-Adria, un piccolo tratto con circa 300 metri di dislivello condurrà fino in vetta. Per la discesa, qualora non si volesse ripercorrere la stessa strada, si potrà optare per il sentiero Hornerweg passando per il rifugio Bertahütte.

Canoa lungo le sponde del Lago di Faak: tranquillità e sole

Dopo tanto camminare, davvero piacevole sarà passare una mattinata immersi nella quiete del Lago di Faak, cullati dalle sue calde (fino a 28 gradi!) e cristalline acque, ammirando gli splendidi monti che lo circondano. Questo quello che aspetta chi deciderà, smessi imbraghi e caschetto, di misurarsi con una divertente e allo stesso tempo rilassante gita su uno dei tre laghi principali della regione di Villach. Dopo aver noleggiato la canoa in uno dei tanti punti attrezzati presenti, si potranno esplorare in tutta sicurezza le sue sponde, scoprendo scorci davvero mozzafiato.

-Imperdibile l’esplorazione del suggestivo “sentiero” sull’acqua tra i canneti del lago, al termine del quale ci si potrà rilassare bevendo qualcosa all’attrezzato bar sulla sponda. Sul lago si incontreranno solo piccole imbarcazioni elettriche in quanto la circolazione dei motori a scoppio è vietata per mantenere inalterato l’equilibrio di questo specchio d’acqua turchese e assolutamente potabile.

3 LAGHI: pedalò, barche a remi e kayak.

-Su tutti i tre laghi principali della regione di Villach, Faak, Ossiach e Afritz, è possibile fare divertenti escursioni anche con pedalò, barche a remi e kayak. Tra una pagaiata e un’altra, si potrà sostare su una delle spiagge che costeggiano il lago, per riposarsi e concedersi un po’ di tempo per una meritata tintarella. Un vero e proprio tuffo nella natura! Sul Lago di Faak sarà possibile noleggiare l’attrezzatura al Kajakcenter Faaker See, dove sono anche organizzati corsi ( HYPERLINK “http://www.kajak-faak.com” \o “http://www.kajak-faak.com/” www.kajak-faak.com).

 Tante altre attività mozzafiato aspettano chi deciderà di passare qualche giorno a Villach: dalle escursioni a piedi, alla bicicletta; dall’arrampicata al parapendio, fino ad arrivare al sub!

Come arrivare
In treno: ogni giorno collegamenti con le maggiori città italiane (es. Milano, Venezia, Udine, Bologna, Firenze, Roma). Per dettagli e approfondimenti:  HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln366.h3a.42-kpNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln366.h3a.42-kpNCLM” \t “_blank” www.dbitalia.it
In auto: per pianificare il viaggio consigliamo di utilizzare il cerca percorsi sul sito ufficiale della regione di Villach  HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln3e9-:bc4j&ac45:64gqNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln3e9-:bc4j&ac45:64gqNCLM” \t “_blank” www.region-villach.at

Informazioni turistiche per il pubblico (in italiano):
Villach-Warmbad / Faaker See / Ossiacher See Tourismus
Töbringer Straße 1, 9523 Villach-Landskron, Austria
Tel.: +43 / (0)4242 / 42000 – 0, Fax: +43 / (0)4242 / 42000 – 42
E-Mail:  HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=/rt/lf&x=pv&=:khc1spb0::59@i89-fb/k..&x=pv&59&25kNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=/rt/lf&x=pv&=:khc1spb0::59@i89-fb/k..&x=pv&59&25kNCLM” \t “_blank” office@region-villach.at

SEGUE ESTATE 2014; MEGLIO PROGRAMMARE PER TEMPO.

A VILLACH IN CAMPEGGIO, PER UNA VACANZA 100% OUTDOOR!

A pochi chilometri dal confine italiano di Tarvisio, sorgono i migliori campeggi della zona, apprezzati da famiglie e gruppi di amici. 

Numerose e variegate le attività da poter svolgere: 

 -dagli sport acquatici al trekking, passando per le gite in bicicletta. La meta ideale per tutti gli amanti delle vacanze attive che cercano divertimento, natura e relax! 

Cosa c’è di più rilassante che dormire distesi sotto le stelle, cullati dai rumori della notte e risvegliati dai primi raggi dell’alba? Per gli amanti della vita all’aria aperta questa è la vacanza perfetta. Un ritorno alle origini, alla ricerca del contatto vero con la natura senza disdegnare la possibilità di fare attività divertenti e coinvolgenti con famiglia o amici.

- Proprio per questo, gli amanti delle vacanze 100% outdoor troveranno in Villach la meta ideale per qualche giorno lontani da casa e caotiche città.

-Sulle sponde dei laghi di Ossiach, di Faak e di Afritz si trovano infatti i più qualificati campeggi della Regione. Un’ offerta di 30 camping, di cui ben 20 certificati ADAC 2013 e otto “Eco-Label 2013” a dimostrazione di una gestione rispettosa dell’ambiente che garantisce l’utilizzo razionale ed ecologico dell’acqua potabile, e ancora un servizio interno di noleggio biciclette, la vicinanza a una fermata d’autobus e un limitato traffico a motore nell’area del campo.

-In particolare 5 campeggi hanno ottenuto il distintivo ADAC, e questo significa che nel corso dell’esame dell’anno precedente hanno ottenuto il primo o secondo livello nella valutazione delle strutture sanitarie, e che per quanto riguarda la “struttura del campo“ hanno ottenuto almeno 3 stelle.

-Uno su tutti il Strandcamping Arneitz titolato “Best 2013”, la riprova che trascorrere le vacanze in campeggio non significa accontentarsi, ma vivere in modo diverso e divertente dei giorni in pieno relax senza rinunciare a comodità, servizi, sicurezza e soprattutto a tanto divertimento. La regione di Villach per la sua attenzione al rispetto e alla conservazione della natura, è tra le preferite dai campeggiatori senza contare

-l’eccellenza dei servizi, 

-la pulizia 

-e l’ottima organizzazione dei camping dove trovano spazio non solo le tende, ma anche camper e roulotte (in Austria la legge vieta di sostare nelle aree non adibite al campeggio e di conseguenza ogni struttura è aperta ad ogni tipo di vacanziere). Grande attenzione anche al soggiorno dei più piccoli! Per loro sono organizzati quotidianamente programmi e attività ad hoc, coinvolti e seguiti nelle varie attività ludiche e sportive da un divertente team di animatori.

Per visionare l’elenco completo dei campeggi della regione di Villach:

  HYPERLINK “http://b3d2i.s44.it/f/tr.aspx/?06ie-d=xyq406b-=vus_gk-=0hfizopipi2f6.0bb_o0&x=pv&.2&924fu0gp49&x=pv&c88.0bphh8&x=pv&:265&149&x=pv&c:.._pvwyuyv1af..NCLM” \o “http://b3d2i.s44.it/f/tr.aspx/?06ie-d=xyq406b-=vus_gk-=0hfizopipi2f6.0bb_o0&x=pv&.2&924fu0gp49&x=pv&c88.0bphh8&x=pv&:265&149&x=pv&c:.._pvwyuyv1af..NCLM” \t “_blank” www.region-villach.at/it/campeggio/voglia-di-camping-1694706.html

COSA FARE…

Pedalare tra natura e storia lungo le coste

-Lungo le sponde del lago di Ossiach si snodano i

-27 chilometri della sua pista ciclabile, collegata alla ciclabile della Drava.

-Gli scorci e i panorami lasceranno sicuramente senza fiato: da una parte montagne verdi e dall’altra parte uno specchio d’acqua cristallino.

Questa potrebbe essere l’occasione ideale di fare un viaggio nel passato visitando le suggestive rovine del castello di Landskron (XVI sec.) e l’Abbazia di Ossiach con la sua chiesa tardo-barocca dove, durante l’estate, si tiene il festival musicale dell’”Estate Carinziana”. Così come il Lago di Ossiach, anche il Lago di Faak ha diversi percorsi ciclabili da scoprire.

-Pedalando lungo questo itinerario si potrà ammirare l’isola al centro del lago e sostare presso i molti ristoranti per degustare le delizie culinarie locali. Imperdibile una visita al castello di Finkenstein che da secoli troneggia sul sottostante lago: nella sua arena il proprietario organizza da più di trent’anni manifestazioni di musica e cabaret. Per gli appassionati di botanica invece, sarà interessante soffermarsi ad ammirare l`agrumeto “Zitrusgarten“: su una nuova superficie di ben 5.000 m2 è la collezione più grande in Austria e ospita 240 specie circa di agrumi. E’ il luogo ideale per gli amanti dei frutti agrodolci e un punto di incontro per gli appassionati delle piante del Mediterraneo è suddiviso esattamente secondo genere, varietà e specie.

Trekking ed escursionismo sul Monte Dobratsch e l’Alpe Gerlitzen.

Il Parco Naturale del Monte Dobratsch si distingue per la sua particolare flora e fauna, e per le sue diverse fasce climatiche; qui tutti gli amanti del trekking potranno seguire facili itinerari alla scoperta delle numerose specie animali che lo abitano. Guide esperte accompagneranno, su richiesta, i turisti svelando i segreti dell’ambiente che li circonda e mostreranno loro, senza farli scappare, camosci, aquile e altri uccelli. ( HYPERLINK “http://b3d2i.s44.it/f/tr.aspx/?06ie-d=xyq406b-=vus_gk-=0hfizopipi2b2mged2k:6c3k2gg4a1&b7hnNCLM” \o “http://b3d2i.s44.it/f/tr.aspx/?06ie-d=xyq406b-=vus_gk-=0hfizopipi2b2mged2k:6c3k2gg4a1&b7hnNCLM” \t “_blank” www.naturparkdobratsch.info). Per chi invece vuol coniugare della sana attività all’aria aperta alla buona cucina tradizionale irrinunciabile un’escursione lungo il “Kostale Weg” letteralmente “Sentiero degli assaggi” sull’Alpe Gerlitzen. In prossimità delle sponde del lago di Ossiach infatti partono impianti di risalita che in breve tempo porteranno i turisti in quota, dove potranno seguire le indicazioni di facili escursioni o sostare per un pranzo presso i rifugi che offrono piatti tipici della cucina carinziana. Tre rifugi offrono una carrellata di piatti della cucina locale tradizionale: dalla bistecchina di bue alpino del rifugio Neugartenstüberl, ai tortelloni carinziani del rifugio Pöllingerhütte fino ai dolci proposti al rifugio Gipfelhaus. Ma non solo Dobratsch e Gerlitzen, la regione di Villach offre tanti altri itinerari per tutti gli amanti delle escursioni in alta quota tra cui quelli sul Monte Dreiländereck, il Verditz e il Mittagskogel.

Alla scoperta di macachi e rapaci con mamma e papà.

Per gli amanti degli animali imperdibile una visita al castello di Landskron dove il Falcon Show lascerà tutti con il naso all’insù! Un’emozionante esibizione di rapaci tra cui aquile, gufi, civette, falchi e tanti altri splendidi volatili, che si esibiranno in volo libero nelle correnti ascendenti del castello. Durante lo show gli istruttori illustrano le abitudini alimentari, il comportamento e il modo di vivere di questi animali in parte minacciati dall’estinzione ( HYPERLINK “http://b3d2i.s44.it/f/tr.aspx/?06ie-d=xyq406b-=vus_gk-=0hfizopipi245e6e4d-.334h&x=pv&oNCLM” \o “http://b3d2i.s44.it/f/tr.aspx/?06ie-d=xyq406b-=vus_gk-=0hfizopipi245e6e4d-.334h&x=pv&oNCLM” \t “_blank” www.adlerarena.com). In alternativa suggestiva la riserva di Affenberg con i suoi oltre 140 macachi giapponesi. Per il microclima del tutto simile a quello della loro terra d’origine, queste simpatiche scimmiette in pochi anni hanno conquistato i cuori di grandi piccini con le loro evoluzioni sugli alberi e i divertenti tuffi nelle acque dei laghetti presenti nella riserva. La riserva di Affenberg è stata inaugurata nel 1996 riscuotendo subito grande successo. ( HYPERLINK “http://b3d2i.s44.it/f/tr.aspx/?06ie-d=xyq406b-=vus_gk-=0hfizopipi247&x=pv&6a56k826afnNCLM” \o “http://b3d2i.s44.it/f/tr.aspx/?06ie-d=xyq406b-=vus_gk-=0hfizopipi247&x=pv&6a56k826afnNCLM” \t “_blank” www.affenberg.com).

Con la KÄRNTEN CARD l’Ingresso libero ad oltre 100 delle mete turistiche più belle delle Carinzia

Con la Kärnten Card avete in mano la chiave per avventure, divertimento e tanti vantaggi. Vi apre la porta ad oltre 100 mete turistiche carinziane, che potete visitare liberamente, gratis e anche più volte. Si potrà accedere ad esempio alla riserva di Affenberg, usufruire dei servizi navetta sul lago di Ossiach e sul fiume Drava, transitare sulla strada alpina del Dobratsch e accedere alle funivie sulla Gerlitzen Alpe, sul Dreiländereck e tanto altro. Ma non è finita qui: i partner selezionati – più di 50 – vi concedono riduzioni esclusive. La Kärnten Card è acquistabile in oltre 140 punti vendita di tutta la Carinzia – per esempio negli uffici turistici. In alcuni campeggi otterrete la Kärnten Card gratis per la durata del vostro soggiorno.

La Kärnten Card sarà valida dal 14 aprile al 27 ottobre 2013

Kärnten Card 1 settimana: 36,00 Euro adulti, 15,50 Euro bambini (1998- 2006)

Kärnten Card 2 settimane: 44,00 Euro adulti, 20,00 Euro bambini (1998 – 2006)

Kärnten Card 5 settimane: 56,00 Euro adulti, 28,00 Euro bambini (1998 – 2006)

La Kärnten Card è gratuita per i bambini di età inferiore ai 6 anni (2007).

Per informazioni:  HYPERLINK “http://b3d2i.s44.it/f/tr.aspx/?06ie-d=xyq406b-=vus_gk-=0hfizopipi2&x=pv&2-dah6g43f582gpNCLM” \o “http://b3d2i.s44.it/f/tr.aspx/?06ie-d=xyq406b-=vus_gk-=0hfizopipi2&x=pv&2-dah6g43f582gpNCLM” \t “_blank” www.kaerntencard.at

Come arrivare
In treno: ogni giorno collegamenti con le maggiori città italiane (es. Milano, Venezia, Udine, Bologna, Firenze, Roma). Per dettagli e approfondimenti:  HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln366.h3a.42-kpNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln366.h3a.42-kpNCLM” \t “_blank” www.dbitalia.it
In auto: per pianificare il viaggio consigliamo di utilizzare il cerca percorsi sul sito ufficiale della regione di Villach  HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln3e9-:bc4j&ac45:64gqNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=xtp/lf&x=pv&=:khc1spjln3e9-:bc4j&ac45:64gqNCLM” \t “_blank” www.region-villach.at

Informazioni turistiche per il pubblico (in italiano):
Villach-Warmbad / Faaker See / Ossiacher See Tourismus
Töbringer Straße 1, 9523 Villach-Landskron, Austria
Tel.: +43 / (0)4242 / 42000 – 0, Fax: +43 / (0)4242 / 42000 – 42
E-Mail:  HYPERLINK “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=/rt/lf&x=pv&=:khc1spb0::59@i89-fb/k..&x=pv&59&25kNCLM” \o “http://dceg.emailsp.net/f/tr.aspx/?:6Uh&f=pw/vq/.7aa=/rt/lf&x=pv&=:khc1spb0::59@i89-fb/k..&x=pv&59&25kNCLM” \t “_blank” office@region-villach.at

NOTA: tutte le foto sosto state gentilmente offerte dall’Ufficio del Turismo locale.

COVER LIONE LUCI TENDE 9

LIONE BIENNALE D’ARTE E FESTIVAL DELLE LUCI: un cocktail imperdibile!

LIONE E’ UNA CITTA’ CHE MERITA UNA VISITA NEI PRIMI GIORNI DI DICEMBRE DURANTE IL FESTIVAL

DELLE LUCI PIU’ IMPORTANTE DEL MONDO, ED ANCHE PER UNA VISITA AI SUOI MONUMENTI, ALLA

BIENNALE D’ARTE, AL MERCATO GASTRONOMICO PIU’ IMPORTANTE D’EUROPA E PER I SUOI

RISTORANTI.

LIONE LUCI ARTE G

LIONE LUCI TENDE 9

LIONE LUCI ARTE 0bartholdi-place-a-la-fontaine warrener_fdl 2010_fred guignard perret

LIONE ARTE LUCI OKun air du large-place de la republique-marie jeanne gauthe-md-80

LIONE LUCI ARTE OK0_un air du large-place de la republique-marie jeanne gauthe-md-67

LIONE LUCI ARTE _le crepucule des marquises01 (2)

LIONE LUCI ARTE OKles incongruites de st paul-gare st paul-emmanuel sautai,thomas bart,frederic sautai-md-23

LIONE LUCI ARTE FG

LIONE LUCI ARTE Herspectives lyriques-theatre des celestins-1024 architecture-md-16

Monument Air-Philippe Rizzoti Architecture-FDL 2010

LIONE LUCI ARTE CHIESA air-eglise st nizier-philippe rizzotti, milosh luczynski, stephane beve-md-03

LIONE LUCI _jungle urbaine-musee des beaux arts-dep-md-224

LIONE LUCI ARTE F_bellecour03

Soleil rdv avec Lune-P Cotten

Lione durante il Festival delle Luci.

LIONE LUCI ARTE PImarecjallyautay01

Lione. Festival delle Luci.

Lione. Festival delle Luci. Uno spettacolo indimenticabile.

LIONE LUCI ARTE 3_lumiere6

LIONE LUCI ARTE OK-95dc933ac42f405f93edbe10270656808e98f42b

SONY DSC

LIONE LUCI ARTE bellecour-fred guignard perretfdl2010

Questo video del Festival delle Luci  merita di essere visto:  http://www.youtube.com/watch?v=IiAfCc1oZjc

Festa delle Luci di Lione

Dal 06 dicembre 2013 al 09 dicembre 2013 Vedi:    http://www.fetedeslumieres.lyon.fr

La Festa delle Luci è la festa più conosciuta e popolare di Lione.
All’inizio di dicembre

-tutta la città s’illumina per festeggiare l’Immacolata Concezione, e annuncia Natale con quattro notti sotto il segno della luce, della festa e dell’incanto.

-Lione non ha rivali nell’ambito dell’organizzazione delle luci, realizza scenografie luminose in ogni quartiere della città, mettendo in rilievo la bellezza dei principali luoghi e monumenti.

-Durante queste giornate, uniche nel loro genere in Europa, sono attesi ben quattro milioni di visitatori, provenienti dalla Francia e dall’estero e in programma ci sono numerose animazioni distribuite in tutta la città di Lione!

Informazioni pratiche: il Festival delle Luci  è assolutamente gratuito e si sviluppa in tutta  la città.

Per saperne di più: tel. 0033 (0)4 72 10 30 30 /   http://www.it.lyon-france.com

A questo link molte informazioni su Lione: http://www.donnecultura.eu/?p=675

Lione panorama lungo ok

Lione, panorama dal ristorante dell’hotel Mercure.

Lione palazzo ok

Lione luci in centro 2

Festival delle Luci.

Lione luci luci volanti

lione 20salone municipio

Lione, Municipio.

BIENNALE DI LIONE 2013.

diho_27_57

BIENNALE: CINQUE SEDI E 77 ARTISTI PER LA 12A EDIZIONE.

Fabrice Hyber, Prototipe de paradis, 2013.IMG_0104

Fabrice Hyber; Prototipe-de-paradis-2013.

DI FRONTE AL PALAZZO DELLA GIUSTIZIA- The weight of oneself, Elmgreen&Dragset.IMG_0106

DI FRONTE AL PALAZZO DELLA GIUSTIZIA-The-weight-of-oneself; ElmgreenDragset

Dan ColenSilhouette wallcuts, 2013.IMG_0102

Dan Colen; Silhouette-wallcuts-2013.

Gabríela Friõriksdõttir Crepusculum sculpture,2013.IMG_0103

Gabríela Friõriksdõttir;  Crepusculum sculpture; 2013

N.B. Le foto si riferiscono a particolari di lavori d’arte della Biennale di Lione 2013.

12a BIENNALE DI LIONE. “LA NARRAZIONE DELL’ARTE CONTEMPORANEA”.

Curatore: Gunnar Kvaran.

Dal 12 settembre 2013 al 5 gennaio 2014, a Lione presso il Museo d’Arte Contemporanea, la Sucrière, la Fondazione Bullukian, la chiesa di Saint-Just e la Chaufferie dell’Antiquaille. 5 luoghi, 5 atmosfere…

“Nel frattempo…, All’improvviso, e Successivamente”

Parole chiave, in sospeso, definiscono la scenografia temporale del racconto, risvegliano l’intreccio e tengono col fiato sospeso… Durata o subitaneità… Prima, durante, dopo… Successione o sovrapposizione d’istanti.

È attorno a questo tema del racconto, scelto da Gunnar B. Kvaran, curatore dell’edizione 2013, che artisti provenienti dai 5 continenti ci forniscono la propria interpretazione, percezione e metodo narrativo attraverso opere personali.

-Ne risulta una grande varietà di proposte, materiali e tecniche. Ognuno dei 52 artisti (si) racconta a modo suo: scultura, pittura, disegno, suoni, filmati, immagini, oggetti e installazioni, performances. Tutte le strade sono valide!

Le esposizioni testimoniano la diversità con la quale vengono percepiti il tempo e il racconto, in base a cultura, età e sensibilità.
Le opere non ci lasciano mai indifferenti, a seconda che siano strane, divertenti, drammatiche o insolite, talvolta iconoclaste, provocatrici, sconcertanti se non addirittura irritanti.

Nell’epoca in cui viviamo, dove la narrazione ad opera dei social network è immediata, questa tematica è decisamente attuale.

L’ingresso ai 5 luoghi espositivi della Biennale è gratuito con la Lyon City Card.

lione 22salone principale municipio

 

Lione, Muncipio.

 

Lione soffitto del municipio sala ricevimenti

Lione, soffitto della sala dei ricevimenti del Municipio.

COVER SICILIA Noto San Nicolò scorcio

SICILIA: BAROCCO, CIOCCOLATO E MOLTO ALTRO.

SIRACUSA, IBLA, NOTO,MODICA…IL MARE,LA GASTRONOMIA, I PARCHI…

E’ la sontuosa musica di Monteverdi che ci indica quanto sia sottile il confine e l’abbraccio fra teatro e vita, fra sogno e veglia, fra luce e ombra, attraverso l’eterno incontro/scontro: guerra/amore, la più adatta ad introdurre una visita alle sorprendenti città del barocco siciliano.

Certamente meno nota di altre parti della Sicilia, la regione del siracusano riserva al visitatore la possibilità di abbinare un mare ancora fuori dal turismo di massa ad uno splendido entroterra ricco di storia. Siracusa, anzi un bed & breakfast nei dintorni, è l’ideale punto di partenza per bagni in un mare cristallino e le visite alle cittadine e ai parchi naturali che la circondano.

SICILIA Ibla-Ragusa panorama notturno dal ristorante Locanda Don Serafino

Ibla-Ragusa; panorama notturno dal ristorante Locanda Don Serafino.

SICILIA Ibla chiesa dei Cavalieri di Malta

Ibla Ragusa Chiesa dei Cavalieri di Malta.

SICILIA Noto San Nicolò scorcio

Noto, San Nicolò.

SICILIA Noto San Nicolò

Noto, San Nicolò.

SICILIA Noto balcone di Palazzo Nicolaci di Villadorata

Noto, il palazzo di Nicolaci di Villadorata.

SICILIA Noto San Domenico

Noto, San Domenico.

SICILIA Noto Santa Chiara le grate che proteggevano le suore di clausura

Noto, Santa Chiara, le grate che proteggevano le suore di clausura.

SICILIA Noto Palazzo Ducezio sede del Municipio

Noto, Palazzo Ducezio, il Municipio.

SICILIA Modica scorcio con ombrellino parasole

Modica, scorcio.

SICILIA Modica dalla scalinata del Duomo San Pietro ornata dalle statue degli apostoli

Modica scalinata di San Pietro decorata con le statue degli apostoli.

sicilia Siracusa piazza Duomo chiesa di Santa Lucia alla Badia con a fianco il Palazzo At Borgia del Casale

Siracusa, piazza Duomo chiesa di Santa Lucia alla Badia con a fianco il Palazzo At Borgia del Casale.

sicilia Siracusa particolare delle colonne greche del tempio di Atena all'interno della cattedrale

Siracusa. Colonne greche del tempio di Atena all’interno dell’attuale Cattedrale.

sicilia Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace e parte dell'antico fossato

Siracusa,isola-di-Ortigia, Castello Maniace.

SICILIA Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace parte del gradioso interno

Siracusa-isola-di-Ortigia, Castello Maniace particolare dell’imponente interno.

SICILIA Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace particolare di capitello esempio di architettura sveva voluta da Federico II

Maniace; capitello, esempio di architettura aveva voluta da Federico II.

SICILIA Cavagrande al tramonto

Parco naturalistico di Cavagrande al tramonto.

SICILIA Cavagrande DIERI vuole dire casa canjon abitato come Mat Mata in Tunisia nelle grotte ogni finestrella nasconde sino a 21 stanze su 3 livelli particolare delle entrate

Cavagrande. DIERI vuol dire casa-canjon abitato come Mat-Mata in Tunisia nelle grotte ogni finestrella nasconde sino a 21 stanze su 3 livelli; particolare di una entrata.

SICILIA Ferla chiesa nella piazza principale

Ferla, piazza principale e chiesa di San Sebastiano.

SICILIA Ferla Siracusa chiesa di S.Sebastiano

Ferla San Sebastiano.

SICILIA Ferla vsita dalla necropoli di  Pantanica

Ferla vista dalla necropoli di Pantanica.

SICILIA Cavagrande necropoli XIII-VIII sec. a.C finiscono le inumazioni multiple si passa dalla cultura del  Clan alla Società.

Cavagrande necropoli XIII-VIII-sec.-a.C; finiscono le inumazioni multiple, si passa dalla cultura del Clan alla Società.

SICILIA Cavagrande necropoli

sicilia Cavagrande Siracusa panorama

Cavagrande, panorama.

L’organizzazione ideale è fare il bagno dopo le 12, al mare c’è sempre una brezza piacevole,  e programmare le visite culturali al mattino presto o verso il tramonto quando i raggi del sole  donano toni rosati alla la pietra calcarea locale.

Si può partire alla scoperta della zona iniziando la giornata su di una delle spiagge del ragusano per poi raggiungere Noto verso il tramonto.

NOTO: 

-L’attuale città di Noto nasce dalla tragedia del terremoto del 1963, quando l’antica città venne rasa al suolo. Secondo la leggenda Neas, l’antica Noto, ebbe origine nell’età del bronzo (2.200-1450 a.C.) sull’altura della Mendola, e diede i natali a Dicezio condottiero siculo, il quale la trasferì sul monte Alveria. Ducezio, inoltre, difese la città dalle incursioni greche (V sec. A.C.). La ricostruzione incominciò a 14 chilometri sul colle Meti  nel 1704 tenendo presente la passata architettura rinascimentale.  La nuova localizzazione fu decisa da Giuseppe Lanza duca di Camastra, rappresentante del viceré spagnolo, nominato Vicario generale per la ricostruzione. Importanti nomi, come l’ingegnere Carlos de Grunenberg, il matematico netino Giovanni Battista Landolina e l’architetto militare Giuseppe Fomenti, studiarono il piano urbanistico. Mentre gli edifici sono opera di numerosi architetti: Rosario Gagliardi, Paolo Labisi, Vincenzo Sinatra e Antonio Mazza sono i più noti.

 -Nasce così un barocco diverso da quello lecchese, ma non meno interessante tanto che, oggi, Noto è città inserita dall’UNESCO nella lista dei Siti Patrimonio Mondiale dell’Umanità, definito da Cesare Brandi come “giardino di pietra”.

-Interessante la traduzione letterale della parola  Barocco dal portoghese: “perla mal riuscita”.

SICILIA Noto Porta Borbonica detta Porta Reale

Noto, Porta Borbonica, detta Porta Reale.

-All’ingresso della città di Noto ci accoglie la Porta Borbonica, “Porta Reale”, le cui decorazioni  comprendono anche un pellicano; segno di abnegazione assoluta verso il potere.

-La strada in salita che ci accoglie dà subito l’idea della magistrale architettura locale.

-Una città costruita come una grande scenografia settecentesca dove i riccioli, le volute, i mascheroni, i putti , i balconi, i parapetti  in ferro battuto, sono solo il decoro di un rigoroso studio di linee-curve  come andamenti sinuosi.

Ad un occhio attento non sfuggirà la differenza di livello tra la strada e alcuni particolari architettonici. Infatti nell‘800 il livello della via principale venne abbassato notevolmente per problemi fognari, secondo alcuni non giustificati.

-Le numerose chiese non sono meno interessanti dei fastosi palazzi nobiliari ed i monumenti civili: Palazzo Ducrezio, sede del Comune, Teatro e molti altri.

 La strada principale è denominata corso Vittorio Emanuele, qui si incontrano ben tre piazze ognuna con una chiesa. San Francesco all’Immacolata è preceduta da una imponente scalinata, il Monastero di SS. Salvatore e l’omonima Chiesa con una volta completamente affrescata, per terminare con il Convento di S. Chiara il cui interno, la caricatura del barocco tradizionale, contrasta mirabilmente con la semplicità della pietra esterna.

Ecco, infine, la più maestosa piazza del Municipio sulla quale domina la Cattedrale la cui ampia facciata  è esaltata da ben due campanili; va ricordato che la cupola crollò nel 1996 e la ricostruzione terminò nel 2007. Ai lato della cattedrale il Palazzo Vescovile, XIX secolo, e Palazzo Landolina di Sant’Alfano, di fronte il già nominato Palazzo Ducrezio la cui Sala di rappresentanza, detta sala degli specchi, merita una visita.

-Sempre in piazza XVI Maggio, o piazza del Municipio, il Teatro Vittorio Emanuele, oggi Fondazione, non è solo un palazzo che merita attenzione per la sua eleganza neo-classica o per il ricordo dei grandi attori, come la Duse, che passarono dal suo palcoscenico, ma anche perché tutt’oggi sede di vivace tradizione operistica, concertistica e teatrale.

 -L’armonioso barocco della Chiesa di S.Domenico  completa il panorama che si estende sino a Punta Passero, estremo lembo della Sicilia a sud di Tunisi.

Nella vicina Via Nicolaci, non deve sfuggire l’omonimo palazzo, famoso per gli splendidi “mensoloni” e luogo dell’ ”infiorata” di maggio.

SICILIA Noto balconi di corso Vittorio Emanuele

Noto, balconi di Corso Vittorio Emanuele.

SICILIA Noto chiesa di San Francesco scalinata

Noto, scalinata della Chiesa di San Francesco.

SICILIA Noto interno della Chiesa di Santa Chiara Madonna con Bambino

Noto. Chiesa di Santa Chiara, Madonna con Bambino.

SICILIA Noto corso Vittorio Emanuele Chiesa di Santa Chiara

Noto, chiesa di Santa Chiara.

SICILIA Noto ristorante Cantuccio involtino di melanzana e tortino di zucca con marmellata e formaggio locale

Noto, ristorante Cantuccio; delizie siciliane.

SICILIA Noto scorcio di un vicolo

Noto, scorcio.

SICILIA Noto scorcio

Noto.

SICILIA Noto vista da un giardino interno

Noto.

MODICA.

 Un’altra escursione, imperdibile, potrebbe cominciare da una mezza giornata trascorsa sulle spiagge di Marina di Ragusa e un pomeriggio dedicato a quella che per i siculi fu Motyka, Mohac per gli arabi e oggi Modica.

-Famosa per il suo barocco, ma forse ancora di più per la sua produzione artigianale di cioccolato, riconosciuto ed esportato in tutto il mondo. Nel medioevo, la potente Contea, si estendeva sino alle porte di Palermo.

-Qui, dal Quattrocento, ebrei, arabi, e poi spagnoli e normanni, introdussero le loro tecniche agricolo-commerciali facendo della Contea un fulcro molto prospero.

Anche Modica subì le conseguenze del terremoto del 1693, ma, a differenza di Noto, fu ricostruita sul medesimo luogo. La prima edizione dell’enciclopedia Treccani la definisce: “la città più caratteristica d’Italia dopo Venezia”.

Allora le attuali strade erano costituite da cave dove scorrevano i fiumi e le sponde erano collegate da numerosi ponti. Bufalino, invece, parla di Modica come di un “melograno spaccato”; azzeccatissima definizione. Infatti la città si presenta distesa in altezza arroccata nella roccia.

Arrivando si resta colpiti dalla torre del castello dei Conti che si presenta insieme alle guglie di San Pietro e S.Giorgio. 

-Modica alta e bassa si presentano all’imbrunire, quando le luci si accendono, come un vero presepe vivente. Non a caso Modica è parte dei Beni dell’Umanità dell’UNESCO. Se c’è tempo l’ideale è cominciare la visita sedendosi ad un bar e ammirando, con calma, uno dei tanti scorci suggestivi. La casa natale di Salvatore Quasimodo, Nobel per la letteratura, è per molti meta imprescindibile.

Altro indirizzo importante è la visita al Museo Civico che conserva L’Ercole di Cafeo, pregevole statua bronzea del periodo ellenistico, mentre il Teatro Garibaldi è la sede di importanti stagioni di prosa e concerti e attira molti visitatori, anche dall’estero.

Il Duomo, dedicato a S.Giorgio e Ippolito, si trova alla fine di una scenografica scalinata, tutta in salita, e che ne accentua l’imponenza sull’abitato  La visita al suo interno non può prescindere dal polittico attribuito a Bernardino Niger (detto Il Greco), dal prezioso altare in argento donato dalla famiglia Cabrera prima del trasferimento in Spagna.

-L’organo, prodotto dalla famosa famiglia Serastri di Bergamo, ha 3.500 canne, 86 registri e 6 tastiere ed è il più prezioso della zona, peraltro ricchissima di queste vere e proprie opere d’arte. Tanto che a dicembre vi è una speciale festa dedicata agli organi prodotti dalla Casa Serassi. Ogni 23 aprile è costume esporre la reliquia di S.Giorgio, qui veneratissimo, mentre il 29 giugno le statue di S.Giorgio e S.Pietro sono portate in una importante processione alla quale non sono ammessi gli abitanti di Modica Bassa; in passato la statua veniva addirittura lapidata per impedirle il passaggio alla zona bassa!

 Il secondo Duomo, intitolato a S. Pietro (la cui prima edificazione è da collocarsi tra il 1301 e il 1350) deve le sue linee eleganti al tardo Barocco, già presente in Austria e Germania, e qui introdotto dall’architetto Gagliardi (figlio). Il tardo Barocco del Gagliardi, oltre ad essere più semplice del Barocco vero e proprio, si caratterizza anche per le colonne con capitello con foglia attorcigliata, quale accenno al ricciolo ionico ed un andamento a mezza luna, nella parte superiore.

SICILIA Modica un angolo

Modica.

sicilia cioccolato impasto

Impasto a mano del cioccolato.

DOLCERIA BONAJUTO

-Una volta scese le scale della cattedrale, abbellite dalle statue dei dodici apostoli, ci si trova quasi di fronte una stretta stradina arredata con molte piante in vaso: qui ha sede la storica “Dolceria Bonajuto” . La vera differenza tra questo cioccolato e quello industriale sta nella lavorazione, qui mai sopra i 45°, mentre quella industriale avviene a 80°. Inoltre nella lavorazione artigianale non si aggiunge burro di cacao, e quindi il cioccolato è più gradito anche in estate perché “non impasta la bocca”; anche la lecitina di soya, usata abbondantemente in pasticceria industriale, qui è abolita.

La cottura del cacao avviene rispettando la tradizione atzeca: 2 giorni per la cottura per non perdere la maggioranza degli aromi. Purtroppo, racconta il proprietario, non sempre l’industria sceglie il meglio; in alcune zone del Venzuela, un’ottima qualità di cacao può essere schiacciata dalle ruote dei camion per estrarne velocemente i semi, con danni sia al sapore finale sia alla salubrità del prodotto.

Dal 1827 la famiglia Bonajuto produce il suo cioccolato  internazionalmente noto. Il loro è un cioccolato puro, senza grassi vegetali né derivati del latte; come lo facevano gli antichi Atzechi. www.biajuto.it

dal 3 all’8 dicembre la festa del cioccolato: www.chocobarocco.it

COME MAI TANTE BELLE CHIESE?

-Tornando alle numerosissime chiese della zona può essere interessante sapere che furono costruite con le donazioni della nuova borghesia che si era creata, nei secoli, dopo che Bernardo Cabrera nel 1400 donò ai contadini degli appezzamenti di terreno affinché li lavorassero a piacimento, riservando il 10% per lo stato. Nasce così l’”enfiteuta” il contadino che, nel suo interesse, fa fruttare il terreno a disposizione, il quale, divenuto ricco imprenditore, si trasferisce in città dove viene guardato dalla nobiltà con disprezzo. 

Ed ecco l’idea di donare il denaro per costruire nuove chiese. In questo modo il prete è obbligato a nominare, dal pulpito, il nome della famiglia benefattrice ringraziandola; riconoscendo così, una sorta di riabilitazione sociale che nessuno può più ignorare. Nel frattempo i nobili sperperavano i loro capitali in suntuose feste e vizi, impoverendosi tanto da essere poi costretti a vendere le loro ricchezze a questa nuova classe emergente. Tutto ciò avviene nel 1600, l’epoca del Barocco.

RAGUSA IBLA

sicilia Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace il ponte d'ingresso

Ragusa-Ibla, Castello Maniace, ponte di ingresso.

sicilia Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace ariete bronzeo ellanistico due arieti come questa copia ornavano il portale marmoreo dell'ingresso

Castello Maniace, uno degli arieti che ornavano l’ingresso.

SICILIA Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace particolare dell'arco d' ingresso con lo stemma di Calo V

Stemma di Carlo V al Castello Maniace.

SICILIA Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace parte del soffitto di una navata realizzato in pietra scura particolarmente leggera

 

Castello Maniace, imponenti navate rivestite di leggera pietra scura.

SICILIA Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace paticolare di interno

Castello Maniace, capitelli.

SIRACUSA Siracusa isola di Ortigia Castello Maniace parte spagnola con batteria a fior d'acqua

Interno del Castello Maniace. Parte progettata dagli spagnoli con batteria di cannoni a fior d’acqua.

SICILIA  fichi d'india

SICILIA fiore della carota selvatica

Fiore di carota selvatica.

SICILIA Cavagrande Euforbia si usava per avvelenare le acque dei fiumi dove bevevano i nemici

Euforbia, la si usava per avvelenare l’acqua potabile dei nemici.

SICILIA Cavagrande radici aeree di carrubo

Radici aeree di carruba.

SICILIA aereo ghiaccio nuvole e sole sulla costa nord della della Sicilia

La Sicilia dall’aereo.

panorama MARE generico

Mare siciliano.

-Di Ibla colpiscono subito gli elegantissimi giardini pubblici risalenti al XIX secolo, ancora più suggestivi nel buio della notte quando risaltano le luci delle chiese di S.V.Ferreri e S.Giacomo e dei Cappuccini (dove si trova il trittico di Pietro Novelli). Accanto al giardino pubblico si può ammirare il solo portale gotico di quella che fu S.Giorgio Vecchio.

Segue la risalita Commendatore, ed è subito incanto, qui parlano le vie , i massi, le basiliche, i volti dai balconi o dai cornicioni dei palazzi nobiliari. Alla fine Ragusa Ibla è semplicemente la parte bassa della città di Ragusa, dove ancora il barbiere è luogo di incontro e di chiacchiere, dove ancora sono importanti i circoli e si discute di politica, religione o sport.

Anche Ragusa è riconosciuta patrimonio dall’UNESCO insieme ai buoi ragusani, i muri a secco e molto altro. Gesualdo Bufalino dice di Ibla: “Bisogna essere intelligenti per venire a Ibla, una certa qualità d’animo, il gusto per i tufi silenziosi ed ardenti, i vicoli ciechi, le giravolte inutili, le persiane sigillate su uno sguardo nero che spia“.

Oggi Ibla conta 42 chiese ed occupa il territorio che fu di Hybla Heràia, insediamento siculo colonizzato dai gracidi Siracusa.

Qui dominarono: bizantini, arabi e normanni che nel 1091 ne fecero una Contea con Goffredo, figlio di Ruggero, mentre con Manfredi Chiaramente venne unita alla Contea di Modica.

Anche Ibla fu distrutta dal famoso terremoto del 1693 e durante la ricostruzione iniziò ad estendersi verso la città alta. Piazza della Repubblica è il punto di congiunzione tra Ibla e la città alta insieme alla chiesa di S.Maria dell’Idra e a quella del Purgatorio e Palazzo Casentini, quest’ultimo famoso per le sculture dei balconi sardoniche e sbeffeggianti.

La chiesa dei Cavalieri di Malta, eretta nel 1639, ripaga appieno chi la raggiunge, ma sopra tutto si eleva il Duomo dedicato a S.Giorgio; costruito nella seconda metà del ‘700 dall’architetto Rosario Gagliardi, un vero prodigio di vittoria della pietra sul tempo. Prima di lasciare la piazza, nessuno resiste al richiamo della gelateria del Caffè del Borgo con i suoi gusti dal gelsomino al carrubo.

Muovendosi verso via Chiaramente si incontra la facciata gotica della chiesa da S.Francesco all’Immacolata, unica parte lasciata dalla rovina del terremoto. Mentre il corso XXV aprile è la sede del Palazzo Donnafugata, oggi notevole pinacoteca, a piazza Pola si ammira la facciata barocca della chiesa si S.Francesco, dove il luogo di culto è ancora quattrocentesco.

Tra una cittadina e l’altra non si può evitare la visita ad almeno una cantina, in questa regione dove il carrubo e l’olivo sono superati solo dalle serre del famoso pomodoro-Pachino che, oggi per la verità, subisce grande concorrenza da altri pomodori quali: Pixel, Piccadilly, Zatterino, Cuore di Bue e ultima, per produzione, la Valentina.

Noi abbiamo visitato una cantina che è frutto di uno studio del vino dai racconti di Plinio il Vecchio: “bevevano vino che doveva esser tagliato con acqua di mare, perché il sale ne addolciva l’acidità. Le acque erano prelevate in mare aperto perché fossero ben pulite”.

 Anche i greci” continua il proprietario dell’azienda agricola Cos “bevevano vino, ma era riservato ai ricchi; mentre i romani, ma solo verso la fine della loro civiltà, lo dettero anche agli schiavi. Il padrone di casa, dopo aver assaggiato il vino, decideva quanta acqua di mare aggiungere, chi poteva sostituiva il miele all’acqua salata!

Solo secoli dopo si comprese come l’acidità fosse dovuta  all’ossigeno che, per ossidazione, inacidiva il vino.

Quando poi si accorsero che il vino, trasportato per mare con le anfore e i tappi di sughero,  migliorava , gli antichi ringraziavano il Dio del Mare o del Vento, ma mai il tappo!

Oggi chiudendo ermeticamente le anfore e lasciando in fermentazione le bucce, e vinaccia, per 6 mesi,  finita la fermentazione si separa il vino nuovo dalla feccia e si prosegue la maturazione del vino.

Il risultato è un vino senza tannino. Un vino che matura nelle anfore come nell’antichità e che può durare oltre 11 anni”.

L’ultimo giorno, di un ideale long-week-end, andrebbe dedicato, dopo i consueti bagni in mare, alla visita dell’Ortigia e di di Siracusa. 

Partendo dall’isola di Ortigia, il cuore della città, unisce testimonianze architettoniche di epoca greca con quelle normanne, aragonesi e barocche. Vi si accede tramite il ponte nuovo e il porto interno. Tra i luoghi importanti da visitare segnaliamo: Fonte Aretusa una sorgente a pochi  metri dal mare, piazza Duomo è la piazza più importante del centro storico, nonché luogo di ritrovo e corrisponde all’antica acropoli delle città greche. La piazza è circondata da palazzi in stile barocco costruiti dopo il famoso terremoto del 1693: Palazzo Arcivescovile, Palazzo del Senato (oogi Municipio), la chiesa di S.Lucia alla Badia e il Palazzo Benventano. Il Duomo è opera di Andrea palma, con colonne e statue del Marabitti. La sua peculiarità sta nel fatto di sorgere sui resti dell’antico tempio dorico dedicato ad Athena, fatto costruire dal tiranno Gelone.

Ma la vera “chicca” di Ortigia è il Castello Maniace. alle spalle della fonte Aretusa, sulla punta estrema dell’isola.

I recenti scavi, non hanno portato alla luce le narrate precedenti edificazioni. In ogni caso la sua architettura ed il paesaggio che lo circonda, ne fanno una delle opere più importanti del periodo svevo.

-Qui si respira il genio di Federico II, iniziatore della costruzione di una rete di castelli quale sistema di eccezionale controllo del territorio.  La costruzione del Castello si può datare tra il 1232 e il 1240 per opera dell’architetto Lentini su incarico dello stesso Federico II. L’architettura dei castelli, per volontà di Federico II, supera le precedenti esperienze arabo-normanne e gotico-cistercensi per porsi con la qualifica di “sveva”. Ogni castello rappresenterà l’imperatore stesso.

Nel 1288 vi dimorò la famiglia di re Pietro III d’Aragona, successivamente ospitò Le regine Costanza, Maria e Bianca d’Aragona ( 1362-1416). Nel 1540 vi alloggiò Andrea Doria durante una spedizione contro i mussulmani voluta da Calo V. Nel XV secolo fu prigione poi punto importante della cinta muraria di Ortigia. Il 5 novembre 1704 l’esplosione della polveriera sconvolse l’edificio.  Successivamente ricostruito venne munito di bocche da cannone e in età napoleonica  e borbonica venne utilizzato con scopi militari.

 -Una visita fuori dall’ordinario può essere quella dedicata ai bagni di purificazione ebraici. Li si trova nell’antico quartiere ebraico, all’interno del raffinato residence-hotel Alla giudecca, via Alagona n. 52, questa visita può essere anche un’esperienza per conoscere usi e costumi, al femminile, in questo che fu il più importante bagno di purificazione d’Europa in epoca bizantina. Le donne qui trascorrevano molto del loro tempo purificandosi, anche subito dopo il parto, in ambiente umido e, probabilmente, gelido in inverno.

Alla fine della giornata il tramonto va guardato dalla meravigliosa terrazza dell’Hotel-ristorante Des Etrangers et Miramare con un aperitivo in mano di fronte all’isola di Ortigia per apprezzare il vero servizio di alto livello e qualità.

Al mare al Lido Arenella

Chi abita al nord Italia oggi può godere di due situazioni vantaggiose per una vacanza siciliana, o addirittura per un long week-end, sia per i prezzi anche per le navi low-cost T-Linklines che partono da Genova la sera e raggiungono Palermo alle 18 del giorno successivo: cabina per la notte e auto a brodo per una persona in luglio 99 euro, ma il prezzo si abbassa se aumentano le persone per cabina e per auto, con un prezzo base a partire da 65 euro: passeggero in poltrona più auto.

 T-Linklines,low-cost da Genova (Voltri) a Palermo (termini Imerese): partenze giornaliere la sera con arrivo verso le 18 del giorno successivo. Tel 010.59 30 99

Ristoranti: Noto: Il Cantuccio, ottimi la cucina e i vini, via Cavour 12, tel 0931837464,     ristoranteilcantuccio@hotmail.it.

Locanda don Serafino, via avv. G.ottaviano, Ragusa Ibla, tel 0932.248778,  “http://www.locandaserafino.it” www.locandaserafino.it

Des Etrangers et Miramare, albergo-ristorante,

Passeggio Adorno 10/12, Siracusa,

tel 0931.319100,   “http://www.hotel-desetrangers.it” www.hotel-desetrangers.it

Spiaggie con servizio ristorazione: Lido Arenella: vela, canoa, wind-surf, immersioni. Lido attrezzato con cabine-ombrelloni, bar.

Affacciate sul mare  le villette con appartamenti da 500 a 900 euro alla settimana, spiaggia e colazione comprese per 4/5 persone. Tel 0931.67053;  “mailto:residencearenella@simail.it” residencearenella@simail.it

 Residence  a Siracusa: Residence-hotel Alla giudecca, via Alagona n. 52, tel. 0931. 22255,  “http://www.allagiudecca.it” www.allagiudecca.it

Cioccolato di Modica: Dolceria Bonajuto, c.so Umberto I, 159, tel. 0932.941225,  HYPERLINK “http://www.bonajuto.it” www.bonajuto.it.

OLIO: F.lli APRILE un  omaggio a MAMMA TERESA: l’amore per la natura e il rispetto per chi ha tramandato tanto valore sono alla base della produzione di alta qualità nella Sicilia sud-orientale (vicino alla famosa Noto). Olio da meditazione, olio per condimento a crudo: un’esperienza indimenticabile, sapori inconfondibili, nessun retrogusto sgradevole, semplicemente la perfezione dell’olio extra vergine.

 Il modernissimo frantoio rispetta l’antica tradizione del monocultivar, le olive sono raccolte a mano solo quando mature. Il prodotto ha bassa acidità e con caratteristiche uniche come aroma , colore e gusto. F.lli APRILE s.r.l. C.da S.Agata, Scicli (RC) tel 0932.83 38 28,

www.fratelliaprile.it info@fratelliaprile.it

COVER OK PRAGA

WEEK END LOW COST A PRAGA; LA CITTA’ ROMANTICA PER ECCELLENZA.

PRAGA è: torri gotiche, palazzi barocchi, sale Liberty, ma anche molto altro…

PRAGA panorama fiume notte 1

PRAGA centro notte 1

PRAGA centro piazza 1

PRGA CATTEDRALE DI SAN NICOLA

Cattedrale San Nicolò.

PRAGA ARCHITETT case 1

PRAGA panorama centro notte 1

praga MADONNA NERA 06 124

La Madonna Nera.

Praga città alta chiesa 1

Città alta.

praga LIBERTY PORTA 06 100

Liberty

praga LIBERTY 06 108

praga TEATRO L06 113

Teatro.

praga BAR OK 06 116

Bar Liberty alla Municipalità.

praga bar scuro 06 118

PRAGA art decò personaggi 1

Decori Art Decò.

PRAGA municipalità

Municipalità.

PRAGA art decò prticol

Art Decò.

PRAGA catt neo got 3

PRAGA piazza princ torri

PRAGA cattedr neo gotica navata centr

Cattedrale neo-gotica.

PRAGA 1500 case 1

Parte medioevale con case a graticcio.

PRAGA piazza principale

Piazza San Venceslao.

PRAGA panorama città centro

Praga dalla città alta.

PRAGA città alta

La città alta.

PRAGA città alta 5

Città alta.

PRAGA città alta 4

Città alta.

PRAGA città alta diamante fe

Città alta, palazzo con lavorazione a diamante come a Ferrara.

PRAGA chiesa sinagoga

La sinagoga.

In tutto il Paese Ceco si incontrano oltre duecento palazzi e castelli aperti al pubblico, bellissimi centri storici di diverse città, giardini curati o misteriosi ruderi medievali che ci ricordano tempi remoti.

Praga è una città romantica ed affascinate soprattutto al tramonto, quando si “deve” passeggiare lungo il ponte San Carlo per ammirarne il lungofiume.

La città deve molto delle sue bellezze a re Rodolfo II, grande mecenate. 

Re Rodolfo II amava le arti, il mondo dell’alchimia, le stelle e gli oroscopi e fece di Praga un centro di tesori artistici.

Praga fu anche la città del più grande mago nero della scrittura Franz Kafka.

Le strade di Praga sono lastricate con pietre medievali, ma la caratteristica più evidente sono le sue cattedrali gotiche.

Di lei Claudio Magris disse: “Città bloccata, Praga era proprio per questo un centro nevralgico dello stallo che bloccava la vecchia Europa…”.

A Praga, la prima volta, si va perché si è innamorati o giovani con pochi soldi da spendere, in centro vi sono diversi ostelli dignitosissimi, ma anche perché si ama il Liberty o si è alla ricerca di un pezzo di antiquariato “speciale” o “semplicemente” per la sua storia.

Anche la sostanziosa cucina locale è un must, basta evitare i numerosissimi ristoranti turistici.

Qualcuno va a Praga semplicemente perché ha letto “Utz” di Chatwin ed è rimasto affascinato dalle atmosfere.

-Praga è anche meta, ben più prosaicamente scelta, per lo shopping economico, ma non meno interessante delle più conosciute Parigi, Londra e Barcellona.

Una guida vi dirà cosa visitare; qui suggeriamo solo quello che ci ha più  colpito:

klimt la vergine-la meravigliosa rassegna di arte moderna e contemporanea esposta a Palazzo Veletezní (Dukelskych Hrdinu 47, oltre il ponte all’altezza dell’hotel Hilton), dove si ammira soprattutto l’indimenticabile Vergine di Gustav Klimt.

Anche il Museo Etnografico di Praga, non è tra le mete più note, ma merita una visita, sia per l’antichità del quartiere e del palazzo, sia per la ricchezza dei suoi contenuti.

Il Museo delle Arti Decorative è senza dubbio singolare ed interessante; cinque secoli di artigianato di altissimo livello.

Chi ama il Liberty visiterà la Municipal House, Republic square, sia per un concerto, sia per una visita al bellissimo bar o per una cena nell’imponente ristorante.

Imperdibili il quartiere ebraico e la città alta. 

Su internet  è possibile prenotare alberghi a ogni prezzo e voli low cost.

Per chi vuole il massimo, niente di meglio del bellissimo e centralissimo Hotel Paritz, in stile Art Nuveau, camere stupende da 320 € a 3.700 € la notte. Consigliato almeno un caffé (attenzione l’acqua minerale è carissima) come in tutta Praga, per ammirare il prezioso bar in stile. www.hotel-paritz.cz

Turistico Ceco: Ufficio del turismo cieco: http://www.czechtourism.com/it/home/ tel. 02.204 76 80, via Cadamosto 8, 20129 Milano

PRAGA orologio 1

L’orologio.

PRAGA museo etnografico 1

Museo etnografico.

PRAGA casa a graticcio

Casa a graticcio.

PRAGA centro 2

Centro città.

PRAGA città alta 3

PRAGA decorazione portone

PRAGA chiesa neo gotica

PRAGA ontana decorazione

Liberty; ferro battuto.

PRAGA FUORI PRAGA CASTELLO-1

Uno dei tanti castelli della zona intorno alla città.

COVER CHIARA Sharq 450 CHIARA Village_and_Spa_reception_area_hr

Spa ed eccellenza: Six Senses dello Sharq Village & SPA a Doha in Qatar.

Spafinder  Wellness 365

(il portale del  benessere più autorevole del mondo)

http://www.spafinder.com/rewards

ha dichiarato la Spa Six Senses dello  Sharq Village & SPA a Doha

vincitrice  dei  Reader’s Choice Awards 2013 per la sezione Medio Oriente.

Sharq 450 CHIARA Village_and_Spa_reception_area_hr

Spafinder è il portale del benessere più autorevole al mondo, che pubblica ogni anno, sulla base dell’indice di gradimento espresso dai consumatori, i Readers’ Choice Awards,  premiando le migliori mete SPA in ogni continente, nazione e regione.

La selezione ha coinvolto le SPA dei migliori hotel e resort  in 44 paesi e regioni. Questo è il primo anno in cui sono stati assegnati premi anche per  i programmi di fitness, yoga e nutrizione. L’aumento delle categorie premiate riflette la mission dell’azienda di rendere il benessere ogni giorno più accessibile.

Siamo convinti che mantenersi in forma e in salute non sia un lusso ma una necessità per l’individuo affinché possa vivere la propria vita nel miglior modo possibile”, afferma Mia Kyricos, Amministratore Delegato di Spafinder Wellness. “Attraverso  i nostri Reader’s Choice Awards diamo ai nostri utenti la possibilità di premiare ed esprimere apprezzamento per le loro mete benessere preferite”.

-La Spa Six Senses si trova all’interno dello lo Sharq Village & SPA, resort gestito da Carlton Ritz immerso nella lussureggiante vegetazione delle coste del Qatar, affacciato sulla baia di Doha.

-La SPA è composta da quattro edifici bassi, intrecciati in un labirinto di vicoli pittoreschi, adorni di fontane zampillanti che ricreano l’emozionante atmosfera esotica dei tradizionali villaggi del Qatar.

L’ambiente Six Senses unisce l’autentica architettura araba con i comfort moderni per soddisfare le aspettative anche del viaggiatore più esigente: dotata di confortevoli e lussuosi spazi per il relax e i trattamenti, vasche di acqua calda e fredda e una palestra riservata alle donne, la Spa Six Senses offre rituali ispirati alla cultura locale e servizi personalizzati.

spa 450 Treatment_Room_sss_sharq_village_doha_hr

Ogni mese rinomati specialisti si alternano per consigliare agli ospiti i trattamenti di benessere più adatti alle loro esigenze. 

Le SPA del gruppo sono un elemento chiave di tutte le proprietà Six Senses.

-Le SPA offrono una vasta gamma di pratiche fondate sul principio del benessere olistico, e trattamenti dedicati alla bellezza e al ringiovanimento che sono somministrati da esperti terapisti di fama internazionale.

-Le SPA Six Senses sono ospitate da prestigiosi hotel e resort in molte  località del mondo.

COVER fiore

WEEK END TRA NATURA E ARTE, VICINO A BIELLA, CANDELO, OASI ZEGNA, ROSAZZA…

Oasi Zegna, Biella, Candelo, Rosazza, Santuario di Oropa…arte, natura, storia  e religione.

DIARIO DI UN VIAGGIO INSOLITO, INTERESSANTE E DIVERTENTE TRA

NATURA, ARTE E GASTRONOMIA.

http://www.oasizegna.com

o

Santuario di Oropa.

Chalet Bielmonte

Chalet Belmonte.

pranzo

Pranzo e acquisti chilometro zero sotto l’Alpe Belmonte.

città alta casa graticcip

Antico borgo medioevale a Biella-Piazzo.

arredo urb

Biella, palazzo.

archit

Biella, architettura.

decori

Biella, particolare architettonico.

giardini

Biella, il giardino pubblico.

fabbrica

Biella, l’industria.

chiesa ros

Rosazza, interno della chiesa di Maffei.

chiesa3

Rosazza, esterno della chiesa progettata da Maffei.

castello2

Rosazza. L’arco di accesso al castello vorrebbe riprodurre il medesimo della città di Volterra.

R

Candelo, borgo medioevale.

ricetto

ricetto torre 450

Candelo, ricetto.

cimot

L’originale cimitero di Rosazza, progettato dal geniale Maffei.

osped

Il vecchio ospedale di Biella.

fascista arte

Architettura fascista a Biella.

Biella citt alta2

Biella medioevale.

Biella città alta8

Biella medioevale.

decori citàalta

Decori nella Biella medioevale.

pranz locanda

Pranzo alla locanda Bocchetto Sessera dove è anche possibile dormire. Località Bocchetto Sessera.

COVER fiore

Oasi Zegna.

allogg3

Salendo da Rosazza, a piedi o in auto solo per persone con problemi fisici, verso il tunnel progettato dal famoso Meffei, dopo il tunnel si incontra questa bella locanda familiare dove si mangia bene e si dorme tranquillissimi nel verde, isolati dal mondo.

—-

Siamo partite il venerdì da Milano, io non conoscevo Biella e dintorni e mi sono fidata del consiglio della mia compagna di viaggio; ottimo consiglio, abbiamo visitato un sacco di luoghi interessanti e ci siamo divertite molto. E quanto fresco in montagna, alla faccia del caldo milanese!

Appena arrivate abbiamo parcheggiato l’auto nel  sotterraneo dell’hotel Agorà. Depositati i bagagli siamo partite per la visita alla città.

Biella, città famosa per le sue produzioni di tessuti di lane pregiate, nasconde un centro ricco di architetture degli anni ’30, che merita di essere scoperto.

Uscite dall’albergo ci siamo trovate di fronte i giardini pubblici, che abbiamo attraversato per iniziare la visita in centro. Questi giardini furono realizzati nel 1875 e intitolati al botanico biellese Maurizio Zumaglini. Una fontana raffigura l’orso, animale simbolo della città.

Attraversati i giardini eccoci di fronte al “Palazzotto Ripa e Banca” del 1935, progettato dall’arch. Nicola Mosso. Le sue forme severe sono definite da porte e finestre ben incorniciate in granito, mentre la facciata è “tessuta” con un rivestimento di grés rosso. Si tratta di un edificio molto interessante dal punto di vista architettonico, in quanto espressione di uno stile razionalista molto caratterizzato. Piazza Vittorio Veneto 14.

Arrivate alla cattedrale siamo state attratte dal Battistero romanico di notevole valore artistico, costruito anche con il recupero di materiale romano. Alla fine del ’700 vi si inserì una cripta per ospitare le tombe dei Vescovi della città. Il bassorilievo nella lunetta della porta di ingresso risale al II sec. e rappresenta Ercole Bambino e un putto.

Poi abbiamo visitato il “PALAZZO CENTRO” del 1935 in via Gramsci 1, che è caratterizzato da una grande curvatura che abbraccia l’incrocio di due vie centralissime. Rivestito in travertino e tessiture di klinker (mattoni), ha una caratteristica pergola angolare che raccorda le due ali del piano attico.

Attraversate le vie centrali siamo arrivate ad un punto panoramico da dove si ammira tutta la zona industriale.

Proseguendo sulla sinistra, e non riportato nei depliant, merita uno sguardo, anche l’antico ospedale con facciata definita da due imponenti colonne. Uno stile severo, ripreso nell’architettura del nuovo Ospedale degli Infermi del 1937, via Carraccio 5. Progettato dall’ing. Giulio Marcovigi, tipicamente razionalista.

Tra le tante architetture interessanti che si incontrano in città, merita attenzione anche il LANIFICIO SCUOLA PIACENZA, del 1911, in Piazza Lamarmora 5. Di gusto eclettico, si ispira al Rinascimento toscano ed è decorato con motti in latino esortanti gli allievi al buon lavoro. Arch. Carlo Nigra.

Per chi si interessa di architettura, sono da segnalare anche: Unione Industriale del arch. Nicola Mosso, 1938; Torre Littoria 1938 arch. Federico Maggia; Cinema Impero, 1936, arch. Eugenio Faludi; Bagni pubblici 1988 ecc...Piantina e info sul depliant “Identità di pietra architettura del ’900 a Biella” info@atl.biella.it    www.atl.biella.it

BIELLA PIAZZO, LA BIELLA MEDIOEVALE.

La maggiore sorpresa che attende il visitatore a Biella è la parte alta della città, visitabile con una veloce funicolare.

Qui sorge un borgo medioevale di Biella Piazzo. Fondato dal vescovo di Vercelli Uguccione nel 1160, con lo scopo di edificare una residenza in luogo sicuro.

All’arrivo, sulla destra, ecco Porta della Torrazza, del 1780, costruita al posto di un’antica porta medioevale, a ricordo della visita del re Vittorio Amedeo III e della regina Maria Antonia Ferdinanda di Spagna.

Non passa inosservata l’unica casa caratterizzata dalla struttura in travi in legno (a graticcio), stile molto diffuso nel medioevo, poi abbandonato anche a causa dei tetti in paglia che favorivano gli incendi.

Ovunque case e portici decorati con terrecotte di bella fattura.

La piazza principale ci accoglie con numerosi bar-ristoranti caratteristici e qui ci siamo fermate per un breve riposo e una bibita rinfrescante.

page2image17384 page2image17544

INDIRIZZI di Biella centro:

Dormito all’ albergo AGORA’, via Lamarmora 13/a, in centro, di fronte ai giardini pubblici, offre un comodo e grande parcheggio coperto con accesso nella via parallela (via Delleani). In stile anni ’80, offre ogni confort. www.agorapalace.it info@agorapalace.it

A Biella centro: “FRAGRANZE DI PANE”, il miglior pane, qui acquistiamo qualche leccornia per un rapido pranzo.

Abbiamo cenato da: LA MIA CROTA, enoteca-ristorante, piatti tipici, ottima cucina, ambiente gradevolissimo; via Torino 36/c, www.lamiacrota.it tel 015.30588, chiuso domenica e lunedì.

Tra i tanti outlet per l’abbigliamento e la teleria di casa abbiamo visitato il punto vendita Ermenegildo Zegna: a Trivero (nord-est) di Biella, presso il Trivero Centro Zegna tel. 015.47 36 05.

Sabato mattino di buon’ora siamo partite per Candelo; io ero curiosa di capire cosa diavolo fosse un Ricetto.

CANDELO (a sud est di Biella) E LA SUA STORIA DEL RICETTO: un ritorno alle originarie tradizioni vinicole, un’occasione per conoscere antiche tradizioni e architetture: UN MUSEO GRATUITO APERTO A TUTTI

Il RICETTO di Candelo fu costruito nel 1200 c.a. Oggi si presenta con una forma di poligono irregolare con una torre rotonda ad ogni angolo.

Il nome Recetto deriva da receptum: rifugio, ricovero.

Il Ricetto venne edificato, come fortificazione collettiva, dal popolo per volontà della comunità, distruggendo così il concetto medioevale della Rocca voluta e abitata dai soli feudatari. Il che si riallaccia alla nascita e fondazione del Comune come ente sociale organizzativo. Ovvero, al potere partecipano signori e castellani, ma anche i Magistrati del Popolo.

Il materiale di costruzione del Ricetto è stato preso dal letto del vicino torrente Cervo; si tratta di pietre tondeggianti rozzamente squadrate, oltre a mattoni cotti e crudi, legno. Il risultato ha comunque una sua semplice eleganza. page3image17088 page3image17248

Le singole unità edilizie servivano essenzialmente alla conservazione dei prodotti agricoli e, solo eccezionalmente venivano usate come ricovero per abitanti e animali.

Il piano terra o semi-interrato, serviva come cantina disponendo di una temperatura costante di 12-15°, ideale per la vinificazione.

Il piano superiore, invece, era adibito alla conserva di cereali; essendo assai secco e ben isolato poiché non comunicava con la cantina, ma lo si raggiungeva attraverso un balcone esterno.

Caratteristica dei Ricetti, sono anche le fessure che li separano; tanto strette da non permettere il passaggio umano, ma sufficienti per l’aerazione delle cantine.

Il Ricetto comprende anche: strade interne lastricate con ciottoli di fiume, il torchio per le vinacce, la Casa del Principe, il fossato, la casa Comunale, le torri, la cantina-museo e le mura.

Oggi è vivacizzato da botteghe di produzione artigianale bar, ristoranti. Numerosissime sono le manifestazioni organizzate.

Il ricetto di Candelo si è ben conservato anche grazie al fatto di essere stato utilizzato sino a tempi recentissimi e, in parte, lo è ancora oggi.

OASI ZEGNA

Lasciamo la pianura, la natura e i monti ci aspettano! Raccogliamo informazioni e piantine a Trivero e via…verso la via della Sienite, la Valle Cervo, destinazione Rosazza e poi pranzo alla locanda Bocchetta Sessera, per finire la giornata a 1600 mt allo Chalet Bielmonte, che fresco, che panorama…e ottimo cibo, anche per la colazione del mattino.

Due parole sull’Oasi.
L’Oasi Zegna dista un centinaio di chilometri da Milano e Torino.

L’OASI ZEGNA offre una miriade di possibilità di vivere la natura incontaminata delle valli che la costituiscono per tutto l’arco dell’anno.

-Seguiamo la famosa strada panoramica Zegna, arricchita dal suo creatore, Ermenegildo Zegna, con 500.000 piante: conifere, rododendri e ortensie.

L’Oasi Zegna è ad accesso libero, chiunque può godere dei panorami e delle

strutture a disposizione del pubblico.

Nell’Oasi visitiamo: le vallate del Cervo, dello Strona, del Mosso e la zona del Triverese, quest’ultima sede di numerose industrie di fama mondiale legate alla produzione dei derivati della lana.

-Inoltre l‘Alta Valsessera rappresenta una zona ampia e selvaggia di grande valore ambientale; visitabile a piedi, con gli sci o a cavallo.

Al centro dell’Oasi Zegna, a 1550 mt., è situata Bielmonte, stazione turistica dagli anni ’50. Qui, nel totale rispetto per l’ambiente, si sono sviluppati alberghi, ristoranti, strutture turistiche e sportive.

Il punto di partenza per la visita di quanto sopra elencato, è Trivero (a nord-est di Biella, dove si trova il Centro Informazione Zegna che fornisce le adeguate informazioni, piantine (28 itinerari naturalistici) e dépliants sulle numerosissime iniziative. www.oasizegna.com Il Centro di Trivero è aperto tutte le mattine, ma la domenica ci si deve rivolgere al Centro Informazione di Bielmonte (orari 8-17) tel. 015 744 102, icemont@libero.it

IL CARABUS OLYMPIAE SELLA: questo insetto è il simbolo dell’OASI ZEGNA.

Il carabo è un coleottero il cui nome ricorda l’entomologo biellese Eugenio Sella che lo studiò per primo, dopo averlo scoperto presso il Bocchetto Sessera nel 1855. Per la sua rarità e bellezza di colori fu predato indiscriminatamente; oggi è protetto.

LA VIA DELLA SIENITE:

Nella Valle del Cervo, che nella parte bassa si chiama valle d’Androno, dopo la Sella del Cucco (1.251 mt., a 18 km. da Trivero), e dopo il bivio che scende a Oriomosso, la strada punta a nord e si entra nell’Alta Valle del Cervo. Qui ci siamo fermate al Poggio Brunera, per ammirare uno dei tanti spettacolari belvederi della strada.

page5image18528page5image18688

Al km. 26,3 (da Triverio), la panoramica Zegna si immette sulla Provinciale Biella-Piedicavallo all’altezza della frazione Valmosca di Campiglia Cervo (vedi più sotto ROSAZZA). Siamo nella Valle Cervo, l’unica valle della zona con caratteristiche alpine, modellata dai ghiacciai e dal torrente dal quale prende il nome.

In questa valle, 30 milioni di anni fa, si formò un caratteristico e unico tipo di roccia magmatica: la SIENITE. Una roccia durissima e difficile da lavorare, ma i valligiani divennero abili scalpellini, tanto che vennero richiesti anche all’estero. Utilizzando la loro abilità, i valligiani, non tralasciarono di ornare anche le loro case.

-La base della STATUA DELLA LIBERTA A NEW YORK è costituita da SIENITE.

Oggi una intera famiglia cinese continua la tradizione locale della lavorazione della SIENITE.

ROSAZZA UNA SORPRESA

Rosazza è un piccolo centro sulla Via della Senite, nei pressi di Campiglia Cervo e merita una attenta sosta.

-A partire dal 1870 il senatore-filantropo del Regno d’Italia Fedrico Rosazza Pistolet (1813-1899), membro della Giovane Italia mazziniana e Gran Maestro Venerabile della massoneria biellese, finanziò e fece costruire su progetto dell’artista Enrico Maffei: palazzi, ville, giardini, la Parrocchiale, il cimitero, strade, fontane, acquedotti e una galleria.

Prima di entrare nel paese, percorrendo il ponte che porta al cimitero, una delle tante strutture create dall’eclettico Maffei, abbiamo fotografato il paese posto su vari livelli e ben inquadrato dalle limpide acque del fiume Cervo che percorre la valle.

-Subito dopo, sulla sinistra ecco la parrocchiale dei SS.Pietro e Giorgio eretta nel 1876 su progetto di Enrico Maffei, anche autore degli affreschi sulle volte. Meritano attenzione i numerosi pilastri, a forma di rosa, che circondano il piazzale della chiesa e una serie di segni massonici nelle pietre dell’edificio. Stupefacente la volta stellata disegnata dal Maffei.

Di fianco al piazzale della chiesa si erge il monumento dedicato al Rosazza.

La città di Rosazza, nel dettaglio è ricca di simbologie che non si incontrano facilmente: stelle a 5 punte, rose, scale, torri.

Esoterismo e massoneria arricchiscono il luogo di un fascino surreale.

Rosazza è “arredata” da simbologie dai richiami “profondi”; chi crede in queste cose sostiene che camminare per le sue vie sia come percorrere una via iniziatico-spirituale. Noi, ovviamente, ci limitiamo ad ammirare questo stile curioso.

TORRE CIVICA. Anche l’attuale palazzo comunale fu progettato dal Maffei nel 1880-81 e voluto dal Rosazza per ospitare la sede del municipio di Piedicavallo, dal quale Rosazza dipendeva amministrativamente. Sono degne di nota la torre ornata da merlature ghibelline e la bella scala di marmo bianco che conduce ai piani superiori.

Lasciando il paese non si deve ignorare il castello che fu costruito per volere di Federico Rosazza, a partire dal 1833 con l’innalzamento della torre guelfa e della palazzina sottostante. In due successive fasi, la torre fu ampliata e terminò nell’anno della morte di Federico, insieme al completamento della grande galleria che si incontra sulla strada.

L’edificio fu progettato da Giuseppe Maffei avendo come tema l’estetica della rovina. False muratura sbrecciate trattate con acido nitrico per colorarle di un cupo rosso, finti colonnati ed architravi. Lo scopo era il richiamo agli antichi templi di Paestum e alla massoneria.

L’arco di accesso al castello vorrebbe riprodurre il medesimo della città di Volterra. Vi campeggiano le teste di tre valligiane con una stella a cinque punte tra i capelli. Intorno: false rovine di Paestum e due orsi scolpiti in pietra locale vicino al laghetto del giardino, oggi non più visibili per un piena del torrente Pragnetta.

Proseguendo da Rosazza e superata la Galleria Rosazza, 1897, a 1500 mt.;. Isolata tra i monti subito dopo la galleria progettata dal Maffei, raggiungiamo, in auto, un eclettico rifugio, anche questo progettato dal Rosazza. Ideale sosta durante il trekking o il giro in auto, ma anche soggiorno di assoluta tranquillità. Locanda galleria Rosazza: tel.015.4691274: ottima cucina tradizionale. Mezza

pensione da € 45 c.a. Raggiungibile dal santuario di Oropa e dalla Valle Cervo (Bi) www.galleriarosazza.com

———

DA SEGNALARE.

Una ricca serie di eventi accompagna il visitatore dell’OASI ZEGNA: dalla

-”Festa Internazionale dell’Aria” con aquiloni e ...,

-alla notte “Conosciamo le Stelle“, a “Dall’Orto alla Tavola”…chiedere il ricco programma a prolocotrivero@tiscali.it, inoltre: passeggiate in montagna, prodotti a chilometro zero e buona cucina locale. Noi ci siamo limitate ad acquistare del buon miele e dell’ottimo formaggio.

————–

ALLOGGI E RISTORI :

Bielmonte:

Chalet Bielmonte: a 1600 mt.; neve in inverno e fresco in estate. Il luogo ideale dove riposare e camminare godendo dei silenzi e dei panorami della montagna. OTTIMA LA CUCINA, gradevole l’arredo. Luciana accoglie i visitatori con il suo bel sorriso e Teresa con le sue buonissime torte. www.chale-bielmonte.it steu76@hotmail.it  tel. 015.744126. € 50 mezza pensione.

Ristorante e alloggio: Locanda BOCCHETTO SESSERA, Strada panoramica Zegna, Tavigliano (Biella) tel. 015.744115, RISTORANTE NOTO PER IL GARBATO SERVIZIO E LA QUALITA’ DELLA CUCINA TRADIZIONALE, prenotare; da € 40 mezza pensione. Bocchetto Sessera 13811 Tavigliano (BI) tel. +39 015.744115

Campeggi: Campeggio Verde alla Piana del Ponte in alta Valsessera cel. 339.46 02 133

Area Camper nel Piazzale Due di Bielmonte.

Alpe Moncerchio (a pochi minuti a piedi scendendo dallo Chalet Bielmonte): agriturismo famiglia Ferrero, gruppo EcoMseo, cucina tipica veramente genuina, vendita prodotti BIO: Mocetta di Toro da Pezzata Rossa, salame di toro e capra, formaggi: tutto di loro produzione; inoltre miele di rododendro, bosco…. Giada accoglie con cortesia e competenza. ferreroluciano54@gmail.com tel. 015.7289682, Vallanzengo (Bi), raggiungibile a piedi da Bielmonte in 20′ o in macchina per anziani e disabili.

——

Domenica partiamo per Oropa e, in funivia, raggiungeremo un panorama che non sarà facile dimenticare.

SANTUARIO DI OROPA: www.santuariodioropa.it

Al Santuario, solitamente, si giunge per pregare, ma non mancano le occasioni di svago come la panoramica ascesa con le funicolari e il Giardino Botanico Montano N.S. di Oropa (visite da maggio a settembre, lunedì chiuso), un ettaro di pace nella Riserva del S.Monte di Oropa. info@gboropa.it www.gboropa.it Dietro la basilica Superiore di Oropa a 1200 mt, di fianco alla partenza della funicolare. Interessante anche l’annesso GiardinGiocando per le famiglie.

-Con le funivie, (controllare periodi di apertura)www.funivieoropa.it si arriva a dominare tutte le più alte vette delle Alpi circostanti. Il primo tratto porta al Lago del Mucrone, dove si incontra il rifugio Savoia t.015.84 95 131. Con il secondo tratto della funivia si raggiunge la Capanna Renata (2391mt.)t.015.20 437 aperta tutto l’anno sabato e domenica, sempre durante l’estate:

-da qui la vista spazia su 27 vette oltre i 4.000mt. e un centinaio che superano i 3.000! Numerosissime le escursioni in zona.

DORMIRE A OROPA, SOLO PERNOTTAMENTO: singola € 34, doppia € 52, superior da € 70, info@santuariodioropa.com

COVER cascata1

Week-end, o una intera vacanza, tra le Alpi: dall’Austria, all’Italia, alla Svizzera.

Se amate la montagna eccovi alcune interessantissime  proposte per 2  week-end o una intera vacanza, tra le Alpi: dall’Austria, all’Italia, alla Svizzera.

Tanta aria buona, arte, biciclette, bagni termali, piscine, spa e duty free.

ch montagna it ch maggio07 035

Parco dello Stelvio tra Italia e Svizzera.

Parco dello Stelvio Trafoi b

Trafoi, Parco dello Stelvio.

Parco Stelvio maggio07 026

Parco dello Stelvio, chiesa.

castello a Sillian Austria

Sillian, Austria.

CH affreschi del monastero di Munstar

Affreschi del ’400. Monastero di Mϋstair riconosciuto dall’UNESCO come Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Trentino cascata1

Cascata a Sillian.

Glorenza la Torre 2

Glorenza, splendida città medioevale.

cascata2

Cascata a Sillian.

544

Sopra a Sillian.

fiori montagna1

Park hotel prato allo stelvio piscina 07

553

Sporthotel di Sillian.

551

Panorama dall’albergo Sporthotel di Sillian.

h 529

Ristoranti cuoco sporthotel Sillian

Chef del Sporthotel a Sillian.

ch montagna it ch maggio07 013

Panorama dalla spa dello Sporthotel. Sillian.

Per ottenere i migliori prezzi negli alberghi vi consigliamo di leggere anche i nostri suggerimenti al seguente link: http://www.donnecultura.eu/?p=603

PRIMO SUGGERIMENTO: SILLIAN, AUSTRIA; VICINISSIMA A SAN CANDIDO (Brunico).

Noi ci siamo fermati qui per la spa, la gastronomia e le passeggiate, anche in bici,  dello Sporthotel.

 SILLIAN IN AUSTRIA, subito dopo Brunico. Prezzi buoni, qualità e buona cucina; un buon punto di partenza per conoscere tutta la Val Pusteria, il Plan de Corones e Brunico.

La funivia, fuori dall’albergo Sporthotel,  porta comodamente in quota  per far godere dello splendido panorama anche chi non può fare lunghe camminate o sciate.

COVER 512

PER GLI SPORTIVI:

A Sillian  ha origine l’alta via “Karnischer Höhenweg“, un sentiero escursionistico plurigiornaliero di 155 km.

- la ciclabile della Drava è un percorso ciclistico di 200 km che porta a Maribor in Slovenia.

L’area sciistica “Hochpustertaler Bergbahnen“ é una delle attrazioni invernali:  oltre 45 km di piste perfettamente preparate

-I bambini  si divertiranno allo sci-club Bobo.

-Una piscina scoperta vi aspetta in estate a Sillian.

-Dal punto di vista culturale Sillian è una località interessante anche per la chiesa parrocchiale barocca Maria Himmelfahrt che risale al 1431 e  le numerose feste religiose vi sono celebrate, come la festa di Sacro Cuore nel mese di giugno, quando i fuochi illuminano le montagne ed il cielo notturno creando un paesaggio suggestivo e indimenticabile. Turisti da tutto il mondo vengono si qui per questa data.

L’albergo dove noi ci siamo trovati molto bene come spa, gastronomia e accoglienza: Dolomiten Residenz****
Sporthotel Sillian http://www.sporthotel-sillian.at/italian0 Ulrich Walder A-9920 Sillian

Nel prezzo è incluso l`accesso alle seguenti strutture: la piscina, la piscina all`aperto, il lago naturale, la piscina con grande scivolo per bambini, piscina per neonati con scivolo piccolo, stazione di sudore dell`Osttirol, bagno a vapore alle erbe, bagno a vapore di cavaliere, docce di vario tipo, bacini di Kneipp, grotta salgemma, gli attrezzi per il fitness, vani per il riposo.

Sporthotel Sillian: 7 pernottamenti incl. pensione gourmet, skipass per 6 giorni da 845 euro con uso della spa.-In estate potrete partire dall’albergo Sporthotel e scendere con la bici sino al centro del paese passando da una bella e tranquilla strada dove potrete fermarvi per ammirare le orchidee di montagna , la bella cascata, un aperitivo al bar, ma anche un bagno turco come fecero i viandanti del Medioevo che passavano da queste parti.

cucina trota

Da Sillian, visite a: BRUNICO, PLAN DE CORONES E TUTTA LA VAL PUSTERIA.

Il paesaggio in estate è caratterizzato dal verde dei boschi e dei prati, ma in inverno si trasforma in un  paradiso totalmente bianco. Alberi ricoperti di neve e montagne innovate fanno della Val Pusteria un luogo unico per praticare lo sport invernale e per il relax.

-Brunuco viene nominata per la prima volta in un documento del 1256.

Nel 1370 ottiene il diritto a un mercato settimanale.

Con Carlo IV Brunico ha il diritto di giurisdizione e di esilio

Nasce così un cittadina dedita al commercio e all’artigianato e, successivamente,  all’alpinismo e la turismo.

Nel 1370 la città ottiene il diritto di tenere un

Prossime manifestazioni a disposizione degli ospiti:

30.11.2013 – 24.12.2013 – DOLOMITI SUPER PREMIÈRE

15.03.2014 – 21.04.2014 – DOLOMITI SUPER SUN

15.03.2014 – 21.04.2014 – DOLOMITI SUPER KIDS

27.03.2014 – 17.04.2014 – KRONPLATZ DELUXE

Alto Adige. Inizio stagione invernale: 30.11.2013

PLAN DE CORONES

Non è solamente la montagna sciistica dell’Alto Adige per eccellenza, ma anche la più moderna:

- 116 chilometri di piste e 31 impianti di risalita d’ultima generazione garantiscono un fantastico divertimento sulle piste.

-numerosi centri per il noleggio degli sci e accessori anche a  2.275 m della cima di Plan de Corones, non mancano gli ultimissimi modelli di caschi

Il Plan de Corones è raggiungibile facilmente con i mezzi pubblici, con un  collegamento della rete ferroviaria agli impianti di risalita, permettiamo ai nostri ospiti di

-rinunciare all’automobile e di utilizzare il treno per trasferirsi giornalmente nel comprensorio sciistico.

-scendendo dal treno nel paese di Perca si può salire direttamente sulla cabinovia Ried.

-Il collegamento in treno permette di percorrere il tragitto tra i due comprensori sciistici del Plan de Corones e dell’Alta Pusteria ogni 30 minuti.

-Potrete ammirare nuovi paesaggi anche dal calduccio del treno.

ESTATE AL PLAN DE CORONES: musei, antichi castelli e fortezze dove si respira ancora l’antica storia dell’Alto Adige.

DA VISITARE in zona.

Museo Ladino “Ciastel de Tor”: la cultura, la storia e la lingua della Val Badia a Castel Tor a San Martino. Dai primi insediamenti risalenti all’età della pietra a tutta  la storia di queste terre sino ai giorni nostri.

Casteldarne con una ricca decorazione di interni per una gloriosa residenza barocca.

Bergila – distilleria di olio di pino mugo e giardino delle erbe. L’azienda è a conduzione familiare Bergila di Issengo, vicino a Falzes, d produce purissimi oli essenziali e prodotti a base di erbe da tre generazioni.

Maso delle Erbe di Montevila, vicino a Perca, offre il mondo delle erbe attraverso fiabe e leggende e un percorso erboristico educativo e  meditativo.

Piramidi di terra & mulini a Terento qui a natura ha creato piramidi sorprendenti e il sentiero dei mulini permetterà una bella passeggiata lungo le rive del torrente per vedere i 7 antichi mulini risalenti  a 500 anni fa.

Lago di Anterselva & Lago di Braies: due dei più bei laghi delle Alpi. Il sentiero circolare permette una piacevole passeggiata lungo le loro rive.

Il Plan de Corones è il luogo ideale per fare lunghe passeggiate DI OGNI TIPO, anche con la moderna cabinovia fino alla cima e raggiungere così il bellissimo altipiano dove fermarsi ad ammirare i, panorama o fare qualche lunga o breve escursione.

-Il Plan de Corones gode di uno dei più bei panorami della Val Pusteria. 

-I sentieri sono ben segnalati sino a  2.275 m di altitudine.

-Per i più spericolati il percorso Bike-Downhill oppure un volo tandem con il parapendio.

PLAN DE CORONES è la  montagna sciistica dell’Alto Adige più bella, ma anche la più moderna con 116 chilometri di piste e 31 impianti di risalita d’ultima generazione che garantiscono piste sempre perfette.

-noleggio sci attrezzatissimi :  sci, scarponi da sci e gli ultimissimi modelli di caschi sono facilmente nolleggiabili  e rendono la vostra vacanza ancor più bella.

Il Plan de Corones è raggiungibile facilmente con i mezzi pubblici. 

-Il collegamento della rete ferroviaria agli impianti di risalita, permette agli ospiti di non usare l’automobile, ma utilizzare il treno per trasferirsi giornalmente nel comprensorio sciistico.

-Scendendo dal treno nel paese di Perca può salire direttamente sulla cabinovia Ried.

-Il  treno permette di percorrere il tragitto tra i due comprensori sciistici del Plan de Corones e dell’Alta Pusteria ogni 30 minuti.

Le novità della stagione invernale 2013/2014: La nuova cabinovia „Alpen“

http://www.plandecorones.com/it/ VAL PUSTERIA. www.bruneck.com/italiano/contatto-richiesta/index.html‎

ch montagna it ch maggio07 068

Monastero di Mϋstair.

ch montagna it ch maggio07 065

CH Mustar del monastero

Monastero di Mϋstair.

CH montagna it ch maggio07 091

Monastero di Mϋstair, affreschi del ’400.

ch montagna it ch maggio07 086

Museo del Monastero di  Mϋstair.

ch montagna it ch maggio07 082

Museo del Monastero di Mϋstair.

ch montagna it ch maggio07 085

CH montagna it ch maggio07 098

CH montagna it ch maggio07 064

Hotel Mϋstenrhof, Mϋstair.

Animali trota ok

Secondo suggeriemnto: Valvenosta e Val Müstair o Muestair.

Per la loro posizione sia la Val Venosta, in Italia, che la vicina Val Müstair o Muestair, in Svizzera, godono di un clima invidiabile durante tutto l’anno.

2 o 3 GIORNI DALL’ITALIA ALLA SVIZZERA BELLEZZE NATURALI, TERME E ARIA BUONA.

VALVENOSTA: natura, cultura, cordialità e buoni prezzi

VAL MUESTAIR ED ENGADINA (Svizzera): natura, sport, terme e cultura; buon rapporto qualità prezzo.

www.valvenosta.is.it www.val-muestar.ch www.engadin.com

PARCO DELLO STELVIO E GLORENZA.

-Da 1 a 7 e più giorni per visitare il Parco dello Stelvio dall’Italia alla Svizzera, ma anche per ammirare la bellissima cittadina medioevale di Glorenza e il monastero di Mϋstair riconosciuto dall’UNESCO come Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Dormire in Italia: un buon albergo con una bella piscina interna e spa, buona cucina:

- GARDEN APRK HOTEL: famiglia Boscolo, Prato allo Stelvio, fitness e beauty center, tel 0473.618228 www.gardenparkhotel.com; speciali prezzi in bassa stagione.

Glorenza case medioevali

Glorenza, portici medioevali.

Glorenza Trentino torre

Glorenza.

Glorenza particolare con arco

Glorenza.

ch montagna it ch maggio07 118

Panorana dalle piscine termali di Scuol.

ch Scoul ch entata hotel

Scuol.

CH montagna it ch maggio07 116

Scuol.

CH montagna it ch maggio07 114

TRAFOI, GLORENZA, MONASTERO DI MÜSTIAR, TERME DI SCUOL, SAMNAUN; da non perdere.

Da visitare a Trafoi: il centro visitatori Parco dello Stelvio “NATURATRAFOI”,

-imperdibili la bellissima cittadina medioevale di GLORENZA (Italia) e il MONASTERO DI MÜSTAIR (Svizzera, dopo Glorenza), PATRIMONIO UNESCO,

-LE TERME DI SCUOL (si incornano provenendo dal Monastero di Münstar in direzione Samanaun):

-offrono piscine calde interne ed esterne, da dove ammirare un paesaggio da favola con le montagne sempre innevate; saune turche, finlandesi, lettini con lampade riscaldanti, bar… Scuol offre anche la possibilità di abbeverarsi a fonti di acqua ferruginosa che si incontrano visitando la parte medioevale del paese.

Ristoranti  foundutaKOTA/BELLAVISTA,località Ftan, bar con apposita costruzione per suggestive cene a base di fonduta, gelati bio; tel 0041.81.864 0133.

-SAMNAUN: a 1845 mt., dove fa sempre fresco, anche in estate e l’aria è pura. Dove lo shopping è tax free e si scia tra la Svizzera e l’Austria, dove in estate gli impianti servono anche per gli appassionati della bici di montagna.

Alberghi di ottimo livello da 60 euro al giorno. A Samnaun, Svizzera-Engadina, negozi duty-free e benzina a prezzo speciale come a Livigno.

In Italia, vicino a Prato allo Stelvio:

Cibo montagna it ch maggio07 101PENSIONE GOMAGOJER HOF,  una cucina strepitosa, specialmente per la selvaggina, Gomagoi-Ortlergebiet, via Principale 36, www.gomagoierhof.it tel 0473.611 761

In Svizzera: Hotel Mϋstenrhof, Mϋstair, tel 0041.41.81 858 55 41, dove il tempo si è fermato, a tre minuti a piedi dal famoso Monastero di Mϋstair (St Johann, San Giovanni) dove ammirare le originali strutture dei secoli XV e XVI; arredi e affreschi.

HOTEL AURORA, Ardez, Engadina, tel 0041.81.862 23 23, vicino alle terme di Scuol.

A SAMNAUN, in inverno  si esce dall’hotel con gli sci ai piedi e si arriva a sciare sino in Austria. www.samanaun.ch 

SAMNAUN HOTEL CHASA MONTANA, 4 stelle superiore, ottima cucina, squisiti dolci tipici, da 150 euro a notte (ma telefonado in bassa stagione si può avere il prezzo più basso) , funivie  gratis con le offerte speciali. www.hotelchasamontana.ch  www.zegg.ch

PROFUMI dalle montagne italiane.

Se amate i profumi molto raffinati e solo veramente naturali questo indirizzo fa per voi (i prezzi sono proporzionali alla qualità) www.lorenzodanteferro.com

COVER  MALDIVE GRAZIA 093

MAYOTTE, meglio delle Maldive.

COVER  MALDIVE GRAZIA 093

www.mayotte-tourisme.com

Mayotte è un arcipelago di origine vulcanica, tra il 12°S e il 13°S a nord ovest del Madagascar vicino alle isole Comores, costituito da due isole principali: Grande Terre e Petite Terre e da numerosi altri isolotti di piccole dimensioni (Chissioua, Mtsamboro, Chissioua Mbouzi; i più importanti).

VALENCIA 700 MANTA animali

MAYOTTE 486b56d07cb70

ANIMALI pesce reef viola

MAYOTTE maxresdefault

mayotte-01_510_

Mayotte_isolotto-di_sabbia-530

MAYOTTE photo_3_-_cdtm_-_c.cameo_-_ilot_de_sable_blanc

mayotte b

mayotte island

MAYOTTE 01-GOLD-PORTFOLIO-FMISM2011-DONATI-Gabriele-02

PRINCIPALI ATTRATTIVE:

-la grande laguna al riparo dalle onde dell’oceano, e profonda sino a 70 metri, permette la vita di numerose specie marine dalle tartarughe ai colorati pesci tropicali, dai delfini alle balene

-sono più di cento le splendide spiagge di questo paradiso terrestre; alcune di un bianco abbacinante altre di sabbie dal beghe al nero, ma sempre molto suggestive e…niente albergoni in vista!

-due specie di tartarughe sono frequenti durante tutto l’anno nelle  le acque turchesi della laguna: la tartaruga verde, che può raggiungere i 250 chili, e la Gnant

-punta Saziley unisce una riserva marina e di una riserva di terra(solo passeggiate a piedi nella foresta vergine), qui di notte si assiste alla nidificazione delle tartarughe

-a Bouzy vivono i lemuri, rispettai dalla popolazione che, per tradizione, li considera uomini così trasformati per castigo, e quindi i lemuri sono animali rispettati dalla popolazione (purtroppo in Madagascar i lemuri hanno una vita più difficile a causa dell’aumento della popolazione e delle terre coltivate)

-l’isola di Bandrélé è famosa per le spiagge bianchissime in concorrenza con l’isola di Bambo

-Choasils M’Tsamboro e Rich sono altre isole indimenticabili per le acque cristalline

-le mangrovie, fortunatamente, proteggono e puliscono e proteggono ancora il 30% della costa e degli animali che vi vivono

-Pass “S” è una riserva naturale marina e ha barriere coralline di eccezionale bellezza e di grande diversità

-in stagione molti turisti sono attirati dalla imponente visione delle megattere (nostraestate)

-papaia , mango, frutti della passione, riso, manioca , banane , pesce e carne … e le bancarelle colorate dei mercati locali; colorata , esotica e speziata è la cucina cosmopolita locale , che ha armoniosamente sposato i sapori di spezie, frutta, verdura e pesci tropicali come: cernia, pesce spada, polpo e tonno giallo o rosso; piatti tipici: Mabawa ( ali di pollo ) alla griglia con citronella , cocco e melanzane, Mataba ( brèdes manioca ) o pesce alla griglia kaffir lime , cocco o salsa Toor romanzava; il dolce è a base di  manioca , finénésti  o il haloua, canditi di papaia

-la laguna è punteggiata da un totale di trenta isole

-la temperatura media è di 25° centigradi

-la moneta è l’euro

-il fuso orario è di + 2 ore in inverno e +1 in estate rispetto a Roma

-per i cittadini europei basta la carta di identità, ma ci si deve informare per eventuali altri scali fuori da Mayotte

-il clima è caldo umido durante la stagione delle piogge (novembre-maggio), più fresco da maggio a ottobre

-per arrivare a Mayotte normalmente si fa scalo a La Réunion, collegata Pai con due voli giornalieri di Air France, Air Austral, Air Kenya, Comores Aviation e meno frequente anche Air Madagascar collegano Mayotte con le destinazioni più vicine; la compagnia Corsairfly ha dei voli in luglio agosto e dicembre, in concomitanza con le vacanze scolastiche

-altro vettore: Ethad è quello che ha i prezzi più bassi (1200 euro); comunque in media abbiamo verificato un minimo di 1200/1300 euro per salire anche di molto se si prenota a date ravvicinate o in periodi di alta stagione; Alitalia parte da 1350 c.a.

-la capitale è Dzaoudzi,

-i surfisti di tutto il mondo vanno sulla spiaggia di Moya

-qui si coltiva la base di famosi profumi, l’ylang-ylang; purtroppo i raccoglitori guadagnano meno di tre euro al giorno.

-la religione più diffusa è quella mussulmana 97 %

L’isolamento dal turismo di massa e dai voli charter ha preservato questo arcipelago dalla discutibile trasformazione che ha investito le isole Maldive negli ultimi 25 anni.

L’arcipelago è quasi completamente circondato da una splendida barriera corallina che fa la gioia di qualunque amante dello snorkeling o delle immersioni.

Molto scenografico, per chi ama fotografare, il lago di origine vulcanica: “Lac Dziani” che si trova sulla Petite Terre.

Le isole Comore da tempo rivendicano un diritto di sovranità su Mayotte, ma la Francia, di cui sono un dipartimento, ha posto il veto all’ONU.

La lingua ufficiale è il francese,  ma il 41% legge e scrive in Shimaore e il 33% in arabo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

mayotte nh

DORMIRE:

-LE SOLEIL COUCHANT, 97600 BOUENI MAYOTTE tel: 02 69 61 54 52 cellulare: 06 39 69 24 06 mail : taillandier.pascal@wanadoo.fr 3 BUNGALOWS VENTILATI A PARTIRE DA  30€ (con prima colazione) spiaggia a 100 m.

-LES BAOBABS, 97600 BANDRELE MAYOTTE tel: 02 69 62 19 00 cell: 06 39 69 37 33 mail : contact@lesbaobabs.fr 5 camere climatizzate a bordo mare con vista fantastica sulla laguna da  80€. Compresi: tv, frigo.

-97600 TSOUNDZOU 2  MAYOTTE, 2 stelle, tel: 02 69 61 97 44 cellulare: 06 39 69 33 59 mail : refugetropical@orange.fr  5camere da  40€

-MIMOSAS 12 rue Mimosa 97 600 MAMOUDZOU MAYOTTE , cellulare : 06 39 69 34 06 A Cavani, 4 camere climatizzate da 30€.

-MASARA LODGE Mont Combani, 97600 VAHIBE, cell. : 0639 25 69 09 mail : jullandkhaldi@gmail.com , a 20 minuti da Mamoudzou, bel cuire di uns réserva naturale,  sulle alture del  Mont Combani, un bel lodge da scoprire in mezzo alla natura per visitare  e scoprire la foresta e i suoi abitanti.

DA LEGGERE (in francese9:

Pierrick Graviou e Jean-Philippe Rançon, Curiosités géologiques de Mayotte, Éditions du Baobab, Mamoudzou ;

BRGM, Orléans, 2006;  Pierre Caminade, Mayotte-Comores: une histoire néocoloniale, Marseille, éditions Agone, 2004;

Marie Céline e Yves Moatty, Mayotte en 200 questions-réponses, Orphie, Chevagny-sur-Guye, 2009;

Gilles Nouraud e François Perrin, Mayotte, l’île au lagon, éditions Orphie 2002.

Tour Operator italiano che organizza viaggi a Mayotte: www.viaggiareconstile.it 

 

 

Le foto sono state gentilmente fornite dall’ufficio del Turismo.