Archivi categoria: VIAGGI

Viaggi: in economia, style&luxury, terme…extra Europa, Europa, Italia,

VIAGGI E INFORMAZIONI – A Torino dal 23 al 25 settembre evento sul Vietnam

Vietnam 7yh

Vietnam vb

Vietnam 6df

Vietnam 10 bh

Dal 23 al 25 settembre 2016, si svolgeranno le giornate vietnamite a Torino e in Piemonte con la collaborazione e il patrocinio dell’Ambasciata R.S del Vietnam a Roma e del Consolato a Torino.

Gi eventi si inseriscono nel Quadro di Terra Madre/Salone del Gusto 2016 che si svolgerà nel capoluogo piemontese dal 22 al 26 settembre.

In particolare, domenica 25 settembre ore 15.30, a “Vietnam, un paese da scoprire”, l’evento conclusivo delle giornate vietnamite, a cura di Asiatica Travel, al Jazz Club Torino, (Piazzale Valdo Fusi) Via S.Francesco Da Paola ang. Via Giolitti Torino.

5 LUNGHI WEEKEND D’AUTUNNO IN SVEZIA ARTE MUSICA E GASTRONOMIA STELLATA

5 eventi per 5 week-end lunghi in Svezia questo autunno!

672 CIBO ARAGISTA SVEZIA fredrik_broman-lobster-326

fredrik_broman-lobster

Pacchetti da 280 a 350 euro a persona senza i trasporti.

Sarà anche arrivato il momento del rientro dalle vacanze, ma non significa che ci si debba negare delle piccole fughe autunnali! Direzione: le tre principali città della Svezia dove abbiamo selezionato i 5 eventi più interessanti della stagione. 5 occasioni per partire per un week-end lungo a tema, a ciascuno il suo, in base ai propri desideri.

Svezia citare fotografo Ostriche Svezia occidentale Grebbestad_low_ foto Mikael Almse

fotografo-Ostriche-Svezia-occidentale-Grebbestad_low_-foto-Mikael-Almse

WEEKEND D’ARTE A GÖTEBORG
Gli amanti dell’arte sono caldamente invitati a visitare Göteborg questo autunno in occasione della Biennale Internazionale di Arte Contemporanea di Göteborg (GIBCA), che si svolge dal 12 settembre al 22 novembre. GIBCA è una delle maggiori biennali d’arte del Nord ed è considerata una delle più entusiasmanti giovani biennali europee.

L’ottava edizione di GIBCA, che ha preso il titolo di ”A story within a story…”, è curata da Elvira Dyangani Ose e tratta dell’apertura a cambiare la storia attraverso racconti personali e la messa in discussione della memoria collettiva fissa.

Il metodo prende ispirazione dal concetto di “opera aperta” di Umberto Eco, nel quale il pubblico influenza l’opera e l’opera viene influenzata a sua volta dal pubblico, creando un’opera d’arte in continua trasformazione. Più di 30 artisti svedesi ed internazionali sono stati invitati a presentare opere sia già realizzate che da realizzare negli spazi designati, dove la specificità locale di Göteborg e la regione della Svezia Occidentale sono un importante punto di partenza.

Le mostre, il programma e le attività della Biennale avranno luogo nella galleria Röda Sten Konsthall (allestita in una vecchia caldaia industriale del 1940), nell’ Hasselblad Center, nella Göteborgs Konsthall, nella galleria 3:e Våningen e in altri luoghi di Göteborg. C’è tanta arte da scoprire a Göteborg durante un fine settimana.

La città ha una vivace scena artistica con un mix interessante di musei, gallerie d’arte ed eventi relativi all’arte.

Il Konstmuseet ha una delle più significative collezioni di arte nordica di fine secolo e vanta 3 stelle nella Guida Verde Michelin.

Konstepidemin è un’area di 4000 m2 sede degli studi di oltre 130 artisti, di 3 gallerie ed una caffetteria.

Järnhallen Ringön’s art centre è una nuova iniziativa privata aperta la scorsa primavera, ed è una scena per opere contemporanee in un distretto industriale poco conosciuto.

Alcuni alberghi e ristoranti a Göteborg legati al mondo dell’arte: Linnea Art Restaurant: l’arredamento di interni di questo ristorante è stato creato insieme ad uno dei migliori artisti del vetro. Mr P: un ristorante molto apprezzato dai locali situato nello stesso edificio del Museo d’Arte di Göteborg ed arredato con copie delle opere d’arte più famose in mostra al museo.

Avalon hotel: hotel di design centrale con diverse istallazioni artistiche.

Dorsia Hotel & Restaurant: un hotel unico in cui l’amore per l’arte e l’artigianato del proprietario si riconosce dappertutto. Tutte le opere d’arte esposte sono state scelte accuratamente per l’hotel.

Info su Göteborg: www.goteborg.com/en
Foto GIBCA:: http://www.gibca.se/en/press/images

WEEKEND CROSTACEI TRA LA COSTA OCCIDENTALE E GÖTEBORG

Foodie incallito o più semplicemente amante dei crostacei?

Göteborg e la Costa occidentale offrono dei soggiorni gastronomici che combinano l’assoluto relax del mare e il ritmo pulsante della seconda città della Svezia.

Come ogni anno, l’autunno è il periodo in cui le prelibatezze del mare sono più saporite e i “soggiorni crostacei ” sono al centro dell’attenzione e delle attività dei pescatori, ristoranti e alberghi della zona.

Si può partecipare a un safari ai crostacei o ai frutti di mare in compagnia dei pescatori locali che insegnano a pescare e poi anche come cucinare i piatti più gustosi, passare la notte in un hotel di charme, per poi tornare in città e assaggiare questi prodotti della pesca nei ristoranti alla moda e dormire in un design hotel urbano. La più ricercata è la pesca dell’astice, che quest’anno si apre il 21 settembre.

Tra tante proposte si può prenotare un “Pacchetto crostacei” che dà la possibilità di combinare un soggiorno di relax sul mare nel meraviglioso paesino di Fjällbacka (luogo in cui sono ambientati i gialli di Camilla Läckberg e dove Ingrid Bergman scelse di trascorrere le sue estati) in cui vivere l’emozione del safari al gambero o all’astice (21/9-7/11), con un soggiorno cittadino nella vivace Göteborg.

Il pacchetto include:1 pernottamento a Fjällbacka presso Stora Hotellet Bryggan; 1 pernottamento a Göteborg presso l’hotel Gothia Towers, situato vicinissimo a diverse attrazioni e ai quartieri più frequentati la sera (e il cui sky bar serve i panini ai gamberetti più grandi della Svezia!); safari all’astice o ai gamberi; 1 pranzo e 2 cene, il tutto per circa 350 € a persona.

Ancora più vicino a Göteborg, sulla piccola isola di Marstrand (50 minuti da Göteborg) il Grand Hotel Marstrand propone un “soggiorno astice” a circa 280 €/persona che include pernottamento, safari, aperitivo e cena a base di astice. Cliccare qui per altri “pacchetti crostacei”.
Info su dove degustare crostacei e frutti di mare a Göteborg qui.

WEEKEND JAZZ A STOCCOLMA

Appuntamento a Stoccolma in occasione del suo famoso Jazz Festival che si svolge dal9 al 18 ottobre!

I più importanti jazz club e sale da concerto della capitale (Fasching, le Glenn Miller café, Södra Teatern, Konserthuset ecc), ma anche alberghi e ristoranti alla moda e molti altri luoghi culturali come Cinemateket, propongono un ricco programma musicale con grandi nomi sia internazionali, come Chick Corea, Alice Russell, Rickie Lee Jones, Lizz Wright, che svedesi: Lisa Nilsson, Goran Kajfes Subtropic Arkestra, Per Texas Johansson. L’intero programma del festival su: www.stockholmjazz.com/english

Magnifica opportunità di camminare lungo le strade di Stoccolma alla scoperta dei negozi di dischi di culto in città. Specializzati in musica jazz: Andra Jazz e House of Oldiesa Vasastan. Per una scelta più ampia: a Södermalm Pet Sounds Records, che ha di tutto, dall’indie al rock alternativo passando per la techno e il pop; a Vasastan Record Hunterper dischi in vinile retrò e di seconda mano. Per tutti i fan degli ABBA una visita al museo ABBA the Museum a Djurgården è un must che regala una sessione disco davvero memorabile!
Consigliamo di soggiornare in uno degli alberghi associati al festival per potersi godere i concerti offerti nella loro lobby o sala ristorante: Hotell Hellsten, Hotell Birger Jarl, Scandic Grand Central!

Info su Stoccolma: www.visitstockholm.com
Foto jazz festival: https://drive.google.com/folderview?id=0B741tScTrPNEaVJ1SFVlcVljQWs&usp=sharing
Foto Stoccolma: http://imagebank.sweden.se/search/stockholm

WEEK-END MODA E TENDENZA A MALMÖ

Voglia di shopping?

L’occasione giusta per partire per Malmö, terza città della Svezia, nel sud del Paese, a 20 minuti di treno da Copenhagen, in occasione del primo Modelive il 24 e 25 ottobre, nuovo salone dedicato a moda, bellezza e lifestyle, organizzato nel recentissimo Clarion Malmö. In programma: sfilate, concorso di design-progettazione, audizioni e presentazioni di marchi svedesi. Per acquistare i biglietti.

Prima o dopo le passerelle, si possono scoprire a piedi le boutique di tendenza nelle vie dello shopping della città intorno a piazza Davidshall Torg e specialmente in via Kärleksgatan (tradotto: via dell’amore!). Qui c’è tutta la moda svedese e scandinava a portata di mano, con marchi come: Head to Aplace,Tjallamalla, Meadow o anche Liebling, che mostrano le ultime tendenze del casual chic alla svedese in materia di vestiti, accessori, scarpe e gioielli. Per coloro che preferiscono il vintage, appuntamento da Mani dove trovare abbigliamento svedese realizzato tra la fine dell’Ottocento e l’inizio degli anni ‘70, o al variopinto Love street Vintage. Altro quartiere da non perdere: Friisgatan e Möllevången con la galleria Mitt Möllanche riunisce progettisti, designer e concept store locali.
Sistemazione: Renaissance Malmö Hotel , albergo a tinte forti,in pieno centro.

Info su Malmö: www.malmotown.com/en/
Foto Malmö: http://imagebank.sweden.se/search/malm%C3%B6

WEEKEND HALLOWEEN A GÖTEBORG

In cerca di emozioni e adrenalina? Liseberg,

il più grande parco di divertimenti in Scandinavia, riapre le sue porte per nove giorni, dal 24 ottobre al 1 novembre e indossa i colori di Halloween.

Ad attendere i visitatori case dell’orrore e montagne russe. L’attrazione più recente Helix, il roller coaster più lungo e più veloce della Scandinavia, garantisce 2 minuti di brivido con picchi di velocità a 100 km/h.

Soggiorno Halloween all’Hotell Liseberg Heden, in vicinanza del parco e del centro città, per 2 persone: 1 notte in camera doppia, 1 drink, colazione a buffet, accesso gratuito al centro benessere, ingresso al parco, pass per le attrazioni e biglietti per le 3 case dell’orrore e l’Express Pass. Prezzo: 98 € / persona. Cliccare qui per tutte le tariffe.

Info su Göteborg: www.goteborg.com/en/
Foto Liseberg: http://liseberg.resolutmrm.com/www/Liseberg/default.asp

COME ARRIVARE:

A Göteborg: Voli non stop con Ryanair da Bergamo, Pisa e Roma e con Norwegian da Roma;

con SAS voli con scalo a Copenaghen da diverse città italiane. Per raggiungere Fjällbacka e Marstrand è meglio noleggiare un’auto.

A Stoccolma: Voli non stop con SAS da Milano e Roma, con Ryanair da Bergamo, Pisa e Roma e con Norwegian da Roma.

A Malmö: Voli non stop a Copenaghen con SAS, Alitalia, Easyjet e Ryanair + 20 minuti in treno

Copertina:fotografo-Fjällbacka-Photo-Frank-Heuer

CATANIA SECONDA PARTE – ETNA DINTORNI ALBERGHI E INDIRIZZI VARI

Moltissime foto e altre informazioni su Catania le trovate nella prima parte al link: http://www.donnecultura.eu/?p=29057

Catania CIBO cannoli 450

Cannoli.

Catania Monastero Benedettini decori esterni f

Monastero dei Benedettini.

Catania Monastero Benedettini esterno f

Ingresso del Monastero dei Benedettini.

Catania Monastero Benedettini esterno 2

Catania Monastero Benedettini 300 scalinata

Scalone del Monastero dei  Benedettini.

Catania Monastero Benedettini cortile

Monastero dei Benedettini.

Catania 2 Monastero benedettini caffé js

Monastero dei Bendettini.

Catania Monastero dei benedettini decorazioni lussuose

Monastero dei Benedettini.

Catania Monastero benedetttini refettorio architettura lussuosa

Soffitto del refettorio del Monastero deu Benedettini.

Archeologia Ok 672 Monastero Benedettini Catania resti villa romana

Villa Romana nei sotterranei del Monastero dei Benedettini.

Catania Monastero Benedettini camere dei monaci

Le camere dei frati del Monastero.

Catania Monatsero Benedettini ok cantine volte a V

Cantine del monastero.

Catania Monastero benedettini ok 400 ceramica

Ceramica del monastero; riproduzione fedele di antiche piastrelle.

Catania Teatro ok 450 insieme ok

Il bellissimo teatro di Catania: Teatro Bellini in stile Liberty.

Catania Teatro Bellini 300 colonne Liberty

Catania teatro 300 firma vertrate Liberty antiche

Catania Teatro 400 architetto progettista

Catania Teatro 400 ingresso k

Catania Teatro fronte ok Liberty k

Esterno del Teatro Bellini.

Catania Sant Agata 450 particolari 2w

Festa di Sant’Agata.

Catania 450 processione notte fg

La festa di Sant’Agata.

Catania sant agata gioielli f d

Festa di Sant’Agata; la Santa e i suoi preziosissimi ex voto.

Catania sant agata vescovo

Sant’Agata; la festa.

Catania 450 Immagini della Feta di Sant'Agata

Catania sant Agata croccante cucinato al momento cibo

Cibo di strada, durante la festa di sant’Agata; croccante preparato al momento.

CATANIA PALAZZO BISCARI decorazioni pareti g

Palazzo Biscari.

Catania Palazzo Biscari ritratto e lampadario hg

Catania palazzo Biscari interni antichi arredo s

Arredi di Palazzo Biscari.

Catania Palazzo Bicari antico mobile con porcellane cinesi

Catania Palazzo Biscari  boiserie in legno antica ok

Boiserie in legno che riveste le pareti di una stanza di Palazzo Biscari.

Catania palazzo Biscari bagno del 1500 antico

La sala da bagno dl ‘500 a Palazzo Biscari.

Catania Palazzo Biascari ok letto ok

Catania Palazzo Biscari 450 quadro antico vulcano vesuvio

Quadro di un’eruzione dell’Etna nel Palazzo Biscari.

————–

Catania Etna okok 672 migliore  copia

Etna in inverno.

Catania Etna 672 panorama mare vulcano ok bg copia

Catania Etna 450 impianti sci

Catania Etna 450 rifugio Cai

Rifugio CAI sull’Etna

Catania Etna okok 450 incendio rifugio vulcano fuoco

Il rifugio raggiunto dalla lava; durante una delle eruzioni dell’Etna; oggi il rifugio è perfettamente ricostruito e funzionante.

Catania Etna 450 panorama strada lava vulcano

ETNA VISITE AL VULCANO E DINTORNI.

Rifugio Sapienza, 1920 metri sul livello del mare; uno spettacolare panorama; dal vulcano alla costa catanese, sino a Siracusa. Per dormire sulle pendici del vulcano o solo per un delizioso pranzo tutto siciliano; indimenticabile. tel. 095.915321 www.rifugiosapienza.com Dal rifugio: escursioni in bici, a piedi per raggiungere il vulcano, per sciare o fare snowboard in inverno.

catania 500 Duomo tramonto h

Catania  il Duomo

Catania 672 ok notte Duomo folla

Piazza del Duomo la notte della festa di sant’Agata.

Catania sant'Agata 300 la folla s

La folla per i festeggiamenti di sant’Agata.

Catania Candele 300 k

I ceri della festa di Sant’Agata a Catania.

Catania Hotel REGINA MARGHERITA  cibo dolci cucina ùs

Dolci squisiti; il migliore, secondo noi, si chiama IRIS.

Catania cibo 450 caponata verdure

La caponata, un piatto delizioso; mai mangiato buono come a Catania.

CIBO 672 FRUTTA DOLCE TAVOLA J

CATANIA

La nostra pasticceria e il nostro caffè preferiti: Prestipino VECCHIA DOGANA; piazza del Duomo 9, tel. 095.32 05 55; www.prestipinoeventi.com PRESTIPINO@LIVE.IT; qui trovate una calda accoglienza, tutta siciliana e paste di mandorle con la più accurata riproduzione del frutto originale: tanto belle che meriterebbero die essere tenute come decorazione. Ovviamente non mancano dolci di ogni genere. Si organizzano anche eventi e catering.

Catania PASS: da 1 a 5 giorni, da 12,50 a 20 euro; uso illimitato dei mezzi pubblici urbani, metropolitana e Ferrovia Circumetnea, prezzo speciale per famiglie. Alcuni musei sono gratuiti, con la tessera; Diocesano, Terme Achilliane, Castel Ursino, Museo Belliniano, Museo Emilio Greco. www.cataniapass.it bureau.turismo@comune.catania.it tel. 095. 74 255 73.

IL MARE

Catania dintorni 450 mare rocce

Catania dontorni 450 sdk

Catania dintorni castello lm

Acicastello e Acitrezza:

LA COSTA DEI CICLOPI: da Catania, andando verso ovest, si trovano le bellissime spiagge frequentate anche dai locali.

Su questa bella costa, molti catanesi possiedono una seconda casa dove trascorrere i weekend o le stesse vacanze,

Qui il clima permette i bagni in mare anche nel mese di ottobre ed oltre;  per i più coraggiosi.

La zona è famosa per i suoi piatti di pesce e specialmente di frutti di mare; ricci in particolare.

Queste località sono facilmente raggiungibili anche con i mezzi pubblici; partendo da Catania.

——–

TOUR BUS, ORGANIZZATI PER TURISTI, DA CATANIA

-30 euro: Tour Etna e Zafferana, in partenza da piazza Duomo a Catania; www.katanelive.it tel. 095.35 47 04

-15 euro: Catania, Acicastello e Acitrezza; visita della città e dintorni. www.katanelive.it tel. 095.35 47 04

-Lemontour da Catania, 75 euro; Siracusa e Noto/ 75 euro Vendicari, Marzameni e Noto / 75 euro; Pantalica e Sortino www.lemontour.it, tel. 349.19 77 283

NOLEGGIO AUTO, MOTO O SCOOTER
Catania, aeroporto, v. Bellini, tel. 095.28 11 61

in città a Catania: piazza Cavour tel. 095.44 27 20, stazione Centrale tel. 095.53 42 59; anche ad altri indirizzi e a Siracusa.

NOLEGGIO BICI

www.etnabiketribe.com tel 095.83 62 956; comprese nelle quote anche le navette, dall’hotel, per raggiungere varie destinazioni da cui partire, come l’Etna o altre destinazioni.
anche per: BIKE TOURS

BARCHE

Escursioni in mare: imbarco a Catania per varie proposte.
www.infinitomare.it cell. 342 327 1048. Orario continuato dalle 9 alle 22,30.
Visite alle isole dei Ciclopi, immersioni, Snorkeling, tramonto sul mare ecc…

———

DOVE DORMIRE A CATANIA

catania hotel ok IL PRINCIPE scalinata Liberty

Hotel Principe; in stile Librty.

Catania hotel IL PRINCIPE il migliore sd

Catania Hotel IL PRINCIPE scalinata liberty

Catania hotel NH ??

IL PRINCIPE; bellissimo albergo, nella zona più elegante del centro città, stile Liberty; ideale per vacanza elegante o week end; via Alessi 24, Catania, Premio Ospitalità Italiana, www.ilprincipehotel.com, Da 109 euro la camera, con colazione, in bassa stagione. Dispone anche di saloni per congressi e altro.

—-

Catania Hotel Grand Hotel  Baia Verde letto

Grand Hotel Baia Verde, il migliore se volete stare sul mare e in città (lungo la riviera dei Ciclopi), cucina eccellente, camere da 80 euro con ricca colazione (in bassissima stagione), ampio roof garden sul mare, piscina talassoterapica (acqua di mare), spa: centro benessere, idromassaggio, percorso emozionale, sala cardio-fitness…; diving school,discesa a mare direttamente dall’albergo; via Musico 8/10, www.baiaverde.it DISPONIBILI ANCHE SALE PER CONGRESSI.

———–

Mercure Hotel, in centro cittò, un albergo per viaggiatori che amano lo stile dei grandi alberghi del secolo scorso; un poco fanné, della catena Accord, piazza Verga 39, www.mercure.com

——–

Catania Hotel Una hotels vista dla terrazzo

Panorama dalla terrazza dell’Una Hotel.

Catania hotel ok chef centrale chef

Catania hotel centrale ok chef piatto ceramiche

Decorazioni in ceramiche locali sono la caratteristica dell’Una Hotel.

Catania hotel centrale ok chef

cibo 672 Bar coktail Hotel Catania UNA hotel

UNA HOTEL PALACE; si affaccia sulla via principale della città e possiede una terrazza panoramica, da qui si può vedere la scenografica illuminazione che caratterizza la famosa festa di Sant’Agata dei primi di febbraio. Caratteristiche e originali ceramiche locali decorano gli interni. Molto frequentato lo speciale aperitivo che viene servito sulla terrazza coperta dell’Hotel.- Via Etnea 218, Catania centro. www.unahotels.it

———-

“Piccola perla” B&B; nel cuore di Catania, colazione siciliana, wi-i gratis, via F.Crispi 234, www.bbpiccolaperla.com; info@bbpiccolaperla.com; tel. 095 8364033.

——–

Catania hotel Regina Margherita entrata

ROMANO PALACE LUXURY HOTEL

Catania hotel Regina Margherita camere f

Catania hotel Regina Margherita dc

Catania hotel Regina Margherita interni sd

Catania hotel Regina Margherita vicino spiaggia città

Catania hotel dolce RMH ???

ROMANO PALACE LUXURY HOTEL; un albergo lussuoso, ricco di antiche, preziose opere d’arte. 25 ettari di giardini. Sulla grande piscina si affacciano i balconi delle camere. La lunga e larga spiaggia della città di Catania si trova subito oltre la strada; con adeguate attrezzature. L’albergo dispone di locali per congressi, conferenze e meeting. Viale Kennedy 28, Catania; 5 minuti di auto dall’Aeroporto Fontanarossa di Catania.  A 4 km dal porto di Catania, l’Hotel Romano, dispone di un servizio navetta gratuito dell’hotel. Eccellente la cucina.

———-

Hotel Nettuno; sul lato della strada opposto al mare, in stile internazionale, le camere hanno una bella vista mare. Inoltre: piscina e ottimo cibo siciliano. L’albergo è adatto anche a congressi; via Ruggero di Lauria 121, www.hotel-nettuno.it

——-

Catania hotel NH Hotels piscina

Catania hotel NH ok entrata

NH Hotels; Catania centro, ex Bellini, Parco; degli Aragonesi ,vicino all’aeroporto e alla bella spiaggia della città di Catania.

Hotel Parco degli Aragonesi: piscina, spiaggia, eleganza; organizzato anche per convegni, meering e conferenze.
www.nh-collection.com
SPECIALE. L’hotel NH di TAORMINA: ENCANTADO ! 5 stelle, spa, anche piscina interna riscaldata; dal 7° piano, con piscina a sfioro, si vede tutto il panorama della città, del teatro greco e del mare. s.messina@nh-hotels.com. Da 300 euro; 160-170 euro in bassa stagione.

———–

PER CONGRESSI, EVENTI, MEETING turismo culturale e ricreativo: prontoturismo.it Soc. Cooperativa a.r.l.; tel. 095.37 30 11

———

Catania palazzo Biscari ingresso j

Palazzo Biscari.

Catania Palazzo Biscari quadro antenato d

Quadro con antenato.

Catania Palazzo Biscari ok ok scala LIBRTY ok s

Scala Liberty di palazzo Biscari.

PALAZZO BISCARI, per visite turistiche o per eventi eleganti; un unicum di speciali stanze; magistralmente decorate, suggestive e originali. Il palazzo è ancora abitato dall’antica famiglia proprietaria; fu visitato da Goethe e dalla regina Elisabetta che espresse il desiderio di possedere alcune speciali stanze decorate di boiserie in pregiato legno intagliato.; Via Museo Biscari 16, info@palazzzobiscari.com tel.095.71 15 25 08.

Prossimamente pubblicheremo un articolo dedicato all’annesso museo.

————

Palazzo Storico, anche per congressi: Regina Margherita Hotel 3 stelle, mezza pensione da 70 euro, camere 55 euro con colazione, V.le Regina Margherita 2d, www.reginamargheritahotel.it

———

Hotel Plaza: ideale per congressi, vista scogliera, non in centro storico, sul lungomare in città, piscina in giardino, Lido Bikini,da 70-80 euro la camera con colazione, viale Ruggero di Laurea 43, www.plazahotelcatania.it

———

Catania Hotel Villa del Bosco j

Villa del Bosco Hotel; grande, scenografica struttura, 4 stelle, via del Bosco 42, Catania, anche per eventi, meeting ecc… www.hotelvilladelbosco.it

———-

www.siciliaconvention.com
Sicilia Convention Bureau s.c.ar.l. Piazza Ludovico Ariosto, 3 95127 Catania – Italy
Ph. +39 095 22 76 420 Fax +39 095 22 76 416
info@siciliaconvention.com

———–

FUORI CATANIA

Catania Giardini Botanici 450 RADICEPURA nome

Catania Giardini Botanici interno ricevimenti hj

Catania giardino Botanico ok 450 antico ulivo s

Catania giardini botanici limoni 450 khg piante

BOTANICA centro per congressi, matrimoni e futuro Giardino Botanico, con grande serra ricca di piante tropicali e mediterranee; Strada 17, N.19, Frazione di S. Leonardello (Catania) www.radicepura.com

Donna Carmela THE BOTANIC HOTEL -RADICEPURA, fuori Catania, Contrada Grotte 5, Carruba di Riposto (CT) www.donnecarmela.com

Programmare un WEEKEND o vacanza a CATANIA per la FESTA DI SANT’AGATA

Catania 2 500  Palazzo bBscheri

Palazzo Biscari

CATANIA Etna bocca laterale 350 km

catania Etna 500

Il vulcano Etna in inverno.

Catania la folla Sant'Agata 450 j

La folla per Sant’Agata.

CATANIA 672 Etna e Mare panorama k

Dall’Etna si vede la città di Catania e golfi verso sud-est

catania 500 Duomo tramonto h

Duomo.

Catania dintorni castello lm

Dintorni di Catania.

Catania sant'Agata Candelori hj

Sant’Agata.

Catania 672 ok notte Duomo folla

La processione di Sant’Agata.

CATANIA

“…l’impressione di questo giardino incantato…lo stesso odore tutto particolare di mare vaporante, tutto mi richiamava…l’isola beata dei Feaci. Andai subito ad acquistare un Omero, lessi con ineffabile rapimento quel canto e ne improvvisai una traduzione per Kniep…” Così scrive il grande Goethe della Sicilia.

Di Catania, guardando le antiche rovine, immagina le “…ripetute distruzioni della città per opera di lave, dei terremoti…”

Perché la storia di Catania, è scritta soprattutto dal grande vulcano che la sovrasta; l’Etna.

Il nostro weekend a Catania.

Montagna che a noi è apparsa nella sua veste più suggestiva; quella invernale. Un manto di neve ne riveste le parti più alte, ma il fumo continua ad uscire, creando qualcosa di magico.

Magico come la capacità dell’antica lava di concimare e favorire la crescita di profumatissimi limoni, aranci, mandarini, anche verdura e viti che producono un’uva irripetibile.

Ma Catania è anche la sua popolazione con tutte le sue vivaci tradizioni; come la festa di Sant’Agata.

Catania Sant0Agata Candele 450 l

Grandissime e pesanti candele sono portate a spalla dai devoti vestiti di bianco

Catania Candele 300 k

S.Agata è, per partecipazione, la seconda festa della cristianità al mondo!

I devoti restano in attesa della messa dall’aurora del quattro febbraio, per rivedere, dopo un anno, la “Santuzza” ricoperta di preziosissimi gioielli; doni dei credenti dai tempi più antichi.

E’ difficile spiegare l’atmosfera creata dalla partecipazione collettiva di tutta la popolazione; colore e vita, credo e folclore.

Una festività da vedere per emozionarsi insieme a tutta la popolazione che vive per due giorni nelle strade, anche di notte.

Da vivere nella piazza del Duomo, da dove cominciano le visite guidate della città e da dove è iniziata la ricostruzione della città; dopo il disastroso terremoto del 1693. Questo è il centro dei poteri Domo e palazzo del Municipio. Due monumenti da visitare; entrambi parti importanti della storia della città.

Nel settecento, i più capaci architetti, artisti e artigiani provenienti da tutta la Sicilia, hanno disegnato e realizzato lo splendido barocco della città; che oggi è divenuto Patrimonio dell’Umanità Unesco.

Non può sfuggire, al centro della piazza del Duomo, la Fontana dell’Elefante; simbolo di Catania.

Qui nel sottosuolo, si trovano le terme Achilliane, e dietro la Fontana dell’Amenano. In zona, anche la Pescheria, a pochi passi dal mare; pittoresco mercato giornaliero della frutta e del pesce.

Tornando alla festa di Sant’Agata, nelle chiese si tengono speciali funzioni religiose e per le strade sfilano le candelore (immense e pesanti tipiche costruzioni), accompagnate da allegre bande musicali. Non possono mancare i dolci tipici e le olivette in pasta reale. Perché qui il cibo è una cosa seria; quasi sacra.

Nessuno potrà lasciare Catania senza il suo pacchetto di frutta o verdura fatta di marzapane, di deliziosi arancini al ragù ed almeno qualche cannolo e l’ ”Iris” un dolce fritto … speciale.

Come non si può lasciare Catania senza averne visitato il Municipio. detto: Il Palazzo degli Elefanti e costruito dopo il terremoto del 1693 in sostituzione del  cinquecentesco Palazzo Senatorio; opera di diversi architetti: tra i quali Giovan Battista Vaccarini, che ha progettato molti dei più pregevoli edifici del centro storico. All’ingresso due carrozze del Senato; usate il 3 febbraio dalle autorità cittadine, durante i festeggiamenti di S.Agata, per raggiungere la chiesa di S. Biagio in piazza Stesicoro ed offrire la cera alla Santa.

Sempre nella piazza del Duomo si incontra il primo Seminario dei Chierici; fondato nel 1572 e che si trovava nell’antica Platea Magna, oggi corrispondente a Piazza Duomo.
Dopo il terremoto del 1693 venne ricostruito in parte sulle antiche mura ed in parte su un’area occupata dall’antico Vescovado; i lavori furono iniziati   dall’architetto Alonzo di Benedetto e proseguirono con Francesco Battaglia.

Salendo verso il culmine di una piccola collina, si raggiunge il nucleo originale di Catania; storia che si perde nei tempi più antichi,.

Qui si trova il Castello Ursino; costruito per volere di Federico II di Svevia, tra il 1239 e il 1250. Il primo castello difensivo, sorgeva vicino al mare; circondato da un fossato. Durante l’eruzione del 1669 fu circondato dalla lava; una lunga campagna di scavi lo ha riportato al suo aspetto originario; in altra sede.
Nel ‘400 il castello fu abitazione dei reali aragonesi, poi fu adibito a vari usi. Dal 1934 è diventato Museo Civico cittadino, con reperti d’età greca, romana e di varie epoche; compresa una parte della produzione artistica catanese. L’opera più interessante è la “Madonna con bambino” di Antonello da Saliba (1466-1535).
Sempre al Castello, si alternano importanti mostre d’arte, come la mostra “CHAGALL. LOVE AND LIFE” Opere dalla Collezione dell’Israel Museum
Dal 18 ottobre 2015 –  3 aprile 2016.

Altro edificio da non perdere, nella visita della città di Catania, è Il Monastero dei Benedettini; fondato nel 1558.

Catania 2 500 Monastero Benedettini dn

Monastero dei Benedettini.

Catania 2 Monastero benedettini caffé js

Catania 2 450 Benedettini dove si mangiava

Il refettorio, dove mangiavano i monaci figli delle più importanti famiglie di Catania.

Catania 2 Benedettini scavi archeologici k

Reperti archeologici romani; nelle cantine del monastero.

catania Monastero Benedettino 450 j

Dopo l’eruzione dell’Etna del 1669 e del successivo terremoto del 1693 buona parte dell’edificio viene distrutto.
La ricostruzione inizia nel 1702, ad opera dei maggiori architetti siciliani: Ittar, Battaglia, Battaglia Santangelo, Palazzotto e Giovan Battista Vaccarini; il più famoso tra gli architetti del barocco siciliano settecentesco. Al Monastero si aggiungeranno un nuovo Chiostro, un giardino, il Caffeaos, la biblioteca, le cucine, l’ala del noviziato, i refettori, il coro di notte.

Visitando i piani interrati si scoprono interessanti reperti romani; uno dei Cardines  e il Decumanus Maximus e resti di domus di età tardo ellenistica e di epoca imperiale. Inoltre si vedono bene i resti delle colate laviche; che furono opportunamente deviate dai monaci.

Il Monastero è uno dei conventi più grandi d’Europa.

Tutti i secondogeniti delle famiglie più prestigiose della zona furono qui accolti e il loro alto ceto è ben dimostrato dagli imponenti scaloni all’ingresso, dalla grandiosa cucina e dall’imponente refettorio, ma non solo.

San Nicolò

La chiesa di San Nicolò si ispira ai modelli architettonici romani; iniziata nel 1687 su disegno di G.B. Contini, dopo il terremoto del 1693 i lavori proseguirono con l’ausilio di diversi architetti come Francesco Battaglia e Stefano Ittar; quest’ultimo realizzò la cupola alta 62 metri. Il progetto rimase, comunque, incompiuto (1796); per difficoltà di ordine tecnico e gravi problemi economici.

Da notare: la grandiosità delle partizioni architettoniche e la luce diffusa proveniente dagli alti finestroni.

Il grande altare maggiore è stato realizzato con materiali molto preziosi.

Celeberrimo l’organo realizzato dall’abate Donato del Piano; 72 registri, cinque ordini di tastiere, 2.916 canne.

DOPO IL GRANDE TERREMOTO LA VIA ETNEA DIVIENE LA VIA DEI PALAZZI NOBILIARI; MENTRE LA VIA CROCIFERI LA SEDE RISERVATA ALLE AUTORITA’ ECCLESIASTICHE (3 monasteri, 1 collegio e 4 chiese; in soli 200 mt.). Negli anni successivi la via Crociferi è anche punto di incontro per cerimonie e cortei religiosi.

La prospettiva offerta dalla zona è tanto bella che fu usata come “location” per molti film; tra i tanti nomi: Zeffirelli “Storia di una capinera”, “I Vicerè” di Faenza e “Il bell’Antonio” di Bolognini.

QUI SI TROVA UNO DEI LUOGHI PIU’ SUGGESTIVI DELLA FESTA DI SAN’AGATA: durante la mattinata, le suore benedettine intonano per la santa canti soavi.

SEMPRE IN VIA CROCIFERI:

Il monastero delle Benedettine; fondato nel 1355.
Alla fine del XVII sec. una ricostruzione determinò l’inglobamento dell’odierna badia piccola; grazie alla costruzione dell’arco, 1704. Quest’ultimo, fu considerato abusivo dal governo vigente; abusivismo che fu bellamente ignorato dai religiosi dell’epoca, tanto che oggi è diventato un simbolo per la città di Catania.
La leggenda racconta che, per allontanare il popolino da questa zona; allora assai trafficata di notte, si raccontasse di una leggenda di fantasmi. Chi osò presenziare per appendere inchiodo, come scommessa, fu egli stesso trovato morto e appeso al chiodo il mattino successivo.

Al monastero appartiene anche la chiesa di San Benedetto, interamente affrescata da Tuccari fra il 1726 ed il 1729.

Chiesa S.Francesco Borgia
La Chiesa di S.Francesco Borgia (santo spagnolo nato nel 1510, parente di Carlo V),  è opera dell’architetto frate Angelo Italia ed all’interno custodisce il pulpito con il prezioso drappeggio in legno ad imitazione della stoffa, la cappella di S.Ignazio e la cappella di S.Francesco Saverio rivestita di marmi di pregio.

Chiesa di San Giuliano

Secondo alcuni studiosi la chiesa di S. Giuliano può essere attribuita al Vaccarini (1739 e il 1751). La facciata, concava al centro, è movimentata da una loggia che si dispone all’altezza del secondo ordine della facciata.
Le religiose, molte provenienti da famiglie della nobiltà catanese, da qui potevano vedere la processione della festa di S. Agata, durante la notte del giorno 5 febbraio, mentre saliva lungo la via Sangiuliano per svoltare, poi, in via Crociferi.

Badia di S. Agata

Sulla via V. Emanuele, di fronte alla Cattedrale, si incontra la chiesa della Badia di S. Agata la quale, insieme all’annesso ex monastero,  occupa un intero isolato. L’edificio odierno poggia sulle rovine dell’antica chiesa e convento, dedicati a S. Agata; poi crollati.
La chiesa  è un capolavoro architettonico di G.B. Vaccarini (1735-1767): ha la pianta a croce greca allungata inscritta in un ovale. Da notare: l’alternanza di superfici convessa-concava-convessa; caratteristica del Barocco.
Risalta la decorazione interna; semplice ed essenziale, stucchi bianchi alle pareti, statue, altari preziosi e ricami di marmo sul pavimento.

Basilica
S. Maria dell’Elemosina
(Collegiata)

Sul luogo dell’attuale chiesa, nella prima epoca cristiana, sorgeva un’ edicola dedicata alla Madonna dell’Elemosina.
Frequentato dai re aragonesi e dalla loro corte; nel 1396 ebbe il titolo di “Regia cappella”. A seguito del terremoto del 1693 venne ricostruita, ma con la facciata disposta lungo la via Etnea; la via più importante della Catania risorta dopo eruzioni e terremoti. La chiesa settecentesca è dell’architetto Antonio Amato su progetto del gesuita Angelo Italia. La facciata, di Stefano Ittar (1758), mostra le concavità e convessità tipiche del barocco e della sua ricerca di armonia.

———

PALAZZO BISCARI

Catania 2 550 Palazzo Biacheri jn

Catania scala Palazzo Biscari 2

Scala interna di Palazzo Biscari

Palazzo Biscari
Il più bel palazzo barocco catanese.
Recentemente inserito nell’elenco dei beni del patrimonio dell’UNESCO.
Conta circa settecento stanze.
www.palazzobiscari.com info@palazzobiscari.com per prenotare visite, congressi, meeting e matrimoni.
Imperdibile per le sue bellezze; fu visitato anche da Goethe e dalla regina Elisabetta.

Il palazzo è appartenuto alla famiglia Paternò Castello, principi di Biscari, dal XVIII al XIX secolo ed agli eredi indiretti Moncada Paternò Castello a partire dal XIX secolo.

Negli ultimi decenni la famiglia ha aperto le porte, di una parte dei saloni, a catanesi, viaggiatori e turisti.

Catania palazzo Bischeri 300 proprietario

L’attuale proprietario, che apre le porte del suo palazzo per visitatori ed importanti eventi.

Fu voluto da Ignazio Paternò Castello principe di Biscari, per sua dimora. I primi lavori iniziarono nel 1702; a quell’epoca il palazzo comprendeva un solo piano, ma già esisteva il museo, con i reperti archeologici raccolti dal principe nelle terre dei suoi latifondi.
Lo  stile del palazzo è barocco e fu costruito sulle mura cinquecentesche di Catania. Per la sua ampiezza occupa un intero isolato.

Il palazzo si affaccia sul porto e sugli Archi della Marina; qui, fino agli anni Venti, il mare lambiva i bastioni sottostanti.

Oggi, vi si svolgono anche numerosi eventi di grande prestigio; alcuni saloni sono oggetto fotografico di sfarzosi matrimoni internazionali.

Teatro Romano
Il teatro è stato realizzato dal I al IV secolo d.c., è addossato al versante meridionale della collina dove sorgeva l’antica acropoli di Catania. Poteva ospitare circa 7.000 spettatori.

Anfiteatro Romano
Al centro di piazza Stesicoro si nota una grande apertura che lascia intravedere una parte dei resti dell’anfiteatro romano di Catania. Si tratta di uno degli anfiteatri più grandi d’Italia; purtroppo è nascosto quasi interamente sotto le moderne abitazioni. Si è calcolato che poteva contenere 15.000 spettatori seduti e quasi il doppio, con apposite impalcature, per i posti in piedi.
Fu costruito intorno alla metà del II secolo a.C. All’epoca di Teodorico il monumento era già in stato di abbandono. Ruggero il Normanno lo utilizzò per ricavarne pietre per innalzare la cattedrale.
——-

UNO DEI MONUMENTI PIU’ BELLI E CARATTERISTICI DI CATNIA E’ IL TEATRO BELLINI
IMPERDIBILE !

Il TEATRO BELLINI si affaccia sull’omonima piazza. Fu inaugurato il 31 maggio del 1890 con la rappresentazione della Norma di Vincenzo Bellini.

Opera di Carlo Sada è in stile eclettico francese, del “secondo impero”, reso di moda a Parigi da Charles Garnier con l’Opéra di Parigi.

Carico di ornamenti e allegorie; è molto elegante in tutte le sue sfaccettature e particolari.

Il teatro è famoso, a livello internazionale, per la sua eccellente acustica.

Affreschi del soffitto di Ernesto Bellandi. Il pittore Giuseppe Sciuti, nel 1883, vi dipinse un antisipario che narra la leggendaria vittoria dei Catanesi sui Libici.
——

AFFASCINANTE VISITA AL VULCANO

La stagione migliore per visitare il vulcano Etna è sicuramente l’inverno. La neve e i funi che sprigiona il vulcano creano un paesaggio fiabesco.

Sono possibili escursioni di ogni genere e livello, secondo le capacità dei turisti. Dalla tranquilla visita con un piccolo bus, alle faticose arrampicate a piedi, alle visite con le jeep.

STORIA DI CATANIA E DEL SUO VULCANO

La storia di Catania è segnata da diversi cataclismi: terremoti, eruzioni, tsunami.
In breve le più antiche.
Eruzione del 693 a. C. distrusse l’antica Catania (Katane).
Eruzione del 396 a. C. la cui colata lavica arrivò in mare.
Eruzione del 1169 la cui lava arrivò ad Aci Castello.
Eruzione del 1329 ebbe origine presso Rocca Musarra, in Valle del Bove (si formarono numerosi coni secondari).
Eruzione del 1381; la lava raggiunse Catania, arrivò al mare a Ognina coprendo lo storico porto Ulisse.
Eruzione del 1408 la lava raggiunse i settori di Pedara e Trecastagni.
Eruzione del 1444 minacciò Catania.
Eruzione del 1556 la lava giunse fino a Linguaglossa.

4 febbraio 1169, vigilia del giorno di Sant’Agata, adorata Patrona della città. Verso le ore 21 la prima forte scossa sismica, magnitudo stimata intorno a 6.6, Catania è devastata. La cattedrale, piena di fedeli raccolti per la funzione dedicata a Sant’Agata, crolla: muoiono almeno cento persone. L’evento è seguito da uno tsunami che colpisce la città e l’intera costa ionica, da Messina alla foce del fiume Simeto. Le scosse proseguono per diversi giorni e provocano danni e vittime anche a Modica, Lentini, Aci Castello, Siracusa e Piazza Armerina. Circa10mila le vittime stimate. La scossa sismica fa crollare la parte orientale dell’Etna, potenti colate laviche si dirigono verso sud-est, giungono fino al mare ad Aci Castello.

Grande eruzione dell’Etna del 1669, l’evento più catastrofico degli ultimi 500 anni; la lava addirittura raggiunse il mare. Iniziò l’11 marzo e finì il 15 luglio.
Nei pressi di Nicolosi un imponente squarcio formò diverse bocche esplosive (oggi Monti Rossi) ed effusive. Un mese dopo raggiunse Catania.
In totale la lava si portò via le case di oltre 27.000 persone.

Eruzioni dopo il 1669: 1755, con lave nella Valle del Bove, 1763 si formarono i Monti Nuovo e Mezza Luna, sul versante Ovest, e la Montagnola, su quello Sud, 1766: responsabile della formazione dell’apparato eruttivo dei Monti Calcarazzi, 1792-1793, 1811-1812,1819, 1832, 1843,1852-1853, che formò l’apparato eruttivo dei Monti Centenari in Valle del Bove, 1865,1879,1883… e così di seguito con una frequenza impressionante. Per fortuna, normalmente, la lava scende senza esplosioni e quindi la gente ha il tempo di porsi al sicuro e, nel migliore dei casi, anche di deviare la lava dalle abitazioni.
IL TERRIFICANTE TERREMOTO DI CATANIA DEL 1963
1693 un terribile terremoto colpì Catania con due gravi scosse successive; la seconda fu devastante e trovò i fedeli nella Cattedrale a ringraziare Santa Rosalia per essere sopravvissuti; alla prima scossa. Circa 54.000 i morti, se si comprendono anche tutte le zone circostanti; sino a Ragusa e Modica. Successive scosse, nei mesi a seguire, arrecarono altri danni.

Continuate a seguirci, nelle prossime puntate vi parleremo dei dintorni e di tanti indirizzi di alberghi, ristoranti, bar, sedi di congressi, eventi varisono possibili e curiosità.

VENEZIA WEEKEND DA SOGNO

Informazioni indirizzi suggerimenti per una vacanza FUORI DAI SOLITI SCHEMI: per ogni tipo di budget.

Almeno 3 giorni prima della visita acquistate i biglietti di 1-2-3 o più giorni per i trasporti; via internet in bassa stagione ci sono degli sconti, controllare. http://www.actv.it

——-

Tourist city pass: www.veneziaunica.it 

Esempio: San Marco Pack :-Palazzo Ducale-4 musei-3 chiese; 25,90 euro al giorno.

———————–

IMAG0293

IMAG0281

0000 IMG_0119 copy

00 IMG_0137

IMG_0129

Carnevale.

IMG_0059

IMAG0309

IMG_0044

Lo storico  HARRY’S BAR , Calle Vallaresso 1323
San Marco , Venice, Italy

ve redentore IMG_0074

S.ta Maria della Salute a Punta Dogana.

ve redentore IMG_0085

San Giorgio; isola di San Giorgio Maggiore.

Ve S Giorgio IMG_0123

San Giorgio.

IMG_0073

IMG_0061

000000 IMG_0158

000000 IMG_0200

BIENNALE VE Padiglione Centrale

DOPO UN WEEKEND A VENEZIA ECCO I NUOVI INDIRIZZI PROVATI PERSONALMENTE, PAGANDO DI TASCA NOSTRA. QUI ABBIAMO MANGIATO MOLTO BENE E SPESO POCO: (da aggiungere a quanto sotto)

Colazione:

Pasticceria Tonolo;  eccellente colazione; Calle San Pantalon, 3764, Venezia
Telefono:041 523 7209
Orari: Lunedì chiuso

Una catena, ma eccezionale per la qualità, colazioni, ma anche spuntini vari.

Majer Venezia. Dove si trovano i nostri punti vendita:

Majer S.Giacomo 1 Pasticceria – S.Croce, 1630 30135 Venezia – Tel.+39 041 721415 / Mail: s.giacomo1@majer.it
Majer S.Giacomo 2 Gelateria – San Giacomo dell’Orio/S.Croce, 1658 Venezia – Tel.+39 041 2750267 / Mail: s.giacomo2@majer.it
Majer S.Agostino S.Stin – S.Polo, 2307 / 2205 30125 Venezia – Tel.+39 041 710862 / Mail: s.agostino@majer.it
Majer Piazzale Roma – Piazzale Roma S.Croce 287/A 30135 Venezia – Tel.+39 041 722871 / Mail: p.roma@majer.it
Majer Ghetto L. A. Rialto S.r.l. – Ghetto Vecchio Cannaregio 1227 30121 Venezia – Tel.+39 041 5246737 / Mail: ghetto@majer.it
Majer S.Margherita – Dorsoduro 3108 D/B 30123 Venezia – Tel.+39 041 5289014 / Mail: s.margherita@majer.it
Majer Via Garibaldi – Via Garibaldi Castello, 1591 30122 Venezia – Tel.+39 041 2413663 / Mail: v.garibaldi@majer.it
Majer Showroom SHOP ONLINE – S. Stae/Santa Croce 1906 (Salizada Carminati) – Tel.+39 041 5246762 / Mail: shoponline@majer.it

Bacareti:

Al Mercà ottimo prosecco 2 euro

Come cicheti hanno dei deliziosi paninetti con salumi o mus di tonno.

Cantina Do Spade:

Ottima cucina, come cicheti hanno seppioline polipi calamari e verdurine varie molto buoni , vedi la foto.Da accompagnare con un bicchiere di vino o una birra.

Osteria alla Ciurma, vini non ottimi, ma mangiare delizioso, crostini di baccala, tonno affumicato con cipolle rosse, spada affumicato con pere e formaggio, polpette di tonno e fritti vari, tutto buonissimo.

—-

La Biennale.

NOVITA’ A VENEZIA.

OSTELLO ELEGANTE.

L’unico ostello al mondo con affaccio sul Canal Grande.

Sull’Isola della Giudecca esiste un Ostello di Design dal quale vedere San Marco.

-245 posti letto.

Il primo ostello italiano della catena GENERATOR, proprietà: GRUPPO PATRON CAPITAL, ripropone lo sfarzo dei palazzi nobiliari in un ex magazzino del grano.

17 euro per una notte in dormitorio

-c.a. 27 euro per una camera privata

Il bar è aperto sino a notte fonda con concerti di band  locali e DJ; se volete il silenzio cercate accuratamente la camera più lontana dal bar.

Fondamenta Zitelle 86, www.generatorhostels.com/venezia 

DORMIRE ALL’HOTEL DI CHARME.

Hotel Flora, tra Campo Santa Maria del Giglio e Campo San Moisé, 43 stanze ed un meraviglioso giardino, privatissimo, dove si serve la prima colazione.

-43 stanze

San Marco 2283/A, tel. 041 52 05 844; www.hotelflora.it

UNA PENSIONE A VENEZIA.

Buon rapporto qualità prezzo per la pensione La Calcina alle Zattere, qui nell’Ottocento alloggiava John Ruskin;  Fondameta delle Zattere, Dorsoduro 780, tel 041 52 06 466, www.lacalcina.com

ALTRI INDIRIZZI, SU DOVE DORMIRE, IN FONDO ALL’ARTICOLO.

LE SERATE PIU’ ATTESE IN LAGUNA DAI GIOVANI VENTI-TENTENNI

Biglietto d’ingresso 12 euro; comprese 2 consumazioni.

5 euro per i possessori di YOUNG PASS.

Sta riscontrando un grande successo l’aperitivo del lunedì alla Peggy Guggenheim Collection: dalle 19 alle 21 musica ed Aperol conditi on Picasso, Braque, Klee e altri grandi.

BIENNALI architettura e arte ad anni alterni

Foundamentals: 14a Mostra Internazionale di Architettura.

Ai Giardini e all’Arsenale

Ingresso 25/30 /da controllare) euro.

Densissimo il programma di incontri e concerti previsto: concerti, teatro, danza…

Sul sito della Biennale anche il programma per i dibattiti che coinvolgono importanti personalità della cultura contemporanea; vedi WEEKEND SPECIALS. Tel 041.52 18 711.

PALAZZO CINI.

La casa del conte Vittorio Cini, un grande collezionista di Giotto, Guariento, Botticelli; Filippo Lippi,  ecc… a Campo San Vito, Dorsoduro 864,tel. 041 27 0230.

CA’ PESARO sul Canal Grande, Sede in Dorsoduro, 1075 : il secondo piano nobile del Palazzo di Ca’ Pesaro, è sede di mostre temporanee a rotazione e al terzo piano è invece ospitato il Museo d’Arte Orientale*, incluso nel percorso di visita, con biglietto unificato.

MOSTRE Isola di San Giorgio

Sull’isola di San Giorgio Maggiore, nel giardino antistante la galleria, Diverse mostre nell’arco dell’anno.

—-

MANGIARE A VENEZIA: NOVITA’ E TRADIZIONE.

CoVino: piccolo bacaro, nato dal famoso ristorante Al Covo, Si mangia bene si spende il giusto; ingredienti del territorio, cucina a vista. Calle del Pestrin, Castelllo 3829 a , tel. 041 241 27 05, wwwcovinovenezia.com

Bacaro storico: L’antico Dolo a Rialto, vera cucina veneziana con “cicchetti” e baccalà mantecato, Ruga Rialto, San Paolo 778, tel 041 522 6546 www.anticodolo.it 

DOLCI GOLOSITA’ ANCHE COME PRANZO.

Pasticceria Rosa Salva, nel monumentale CampoSanti Giovanni e Paolo, Castello, tel 041 522 7949 www.rosasalva.it

ALTRI INDIRIZZI DOVE MANGIARE A VENEZIA IN FONDO ALL’ARTICOLO.

—–

 MURANO E BURANO DUE ISOLE DA VISITARE

A Murano per vedere i negozi di vetro artistico e visitare le fornaci dove si soffia ancora il vetro.

Burano per il colore delle sue case che garantiscono foto indimenticabili.

IMAG0310

MALAMOCCO VE IMG_0026

Malamocco, sull’isola del Lido.

Venezia Malamocco chiesa

Malamocco. Chiesa.

IMPERDIBILE UN GIRO ALLE ISOLE: San Giorgio, Giudecca, Murano, Burano, Torcello. Il biglietto è compreso nel giornaliero.

Torcello se amate arte e architettura.

San Giorgio per i dipinti nella chiesa e l’architettura del Palladio.

Giudecca per sedersi di fronte a San Marco, ma senza il suo frastuono e folla, E VEDERE LA CASA DEI TRE OCI, per la sua architettura e le sue mostre.

Giudecca Ve Tre Oci IMG_0101

Giudecca, Casa dei Tre Oci.

IMG_0104

IMG_0115

Giudecca.

IMG_0075

Canale della Giudecca. Mulino Stucky; edificio industriale neo-gotico. Oggi complesso alberghiero.

lunga ve da Giudecca IMG_0102

Dall’isola della Giudecca il bel panorama su San Marco.

DESTINAZIONE INSOLITA E RILASSANTE: SAN LAZZARO, SEDE DEI MONACI ARMENI E DELLA LORO BIBLIOTECA.

Monastero MEKHITARIST: Isola di san Lazzaro degli Armeni, partenza da S.Zaccaria linea 20 Actv ore 15.10; Biblioteca e raccolta di miniature, documenti di storia armena e una struttura architettonica sbalorditiva e rilassante come i giardini.  Feriali e festivi solo con visita guidata ore 15,25.

tel 041. 526 01 04; chiedere per  eventuale alloggio. www.mekhitar.org prenotare!

IL LIDO:

AL LIDO: in estate la spiaggia di Alberoni (in fondo all’isola del Lido, si arriva con un bus che ferma di fronte allo stop del battello da San Marco) ha l’acqua pulita ed è frequentato, anche di notte, da molta gioventù. 

Il bagno-ristorante sulla punta Alberoni; ha prezzi buoni (il pesce fresco non può essere regalato) e solo pesce freschissimo (calcolate 30 euro se mangiate pesce primo e secondo); 

IMPERDIBILE L’ALTERNATIVA DEI BUNGALOW, SOLO IN ESTATE, 20 euro a notte, UN LUOGO “ALTERNATIVO”VICINO A UNA BELLA SPIAGGIA.

Osho Yatriland Venezia, Uno spazio immerso nella natura, selvaggio, pulito e ben curato, con tutti i comfort. Oltre al mare, le rocce e una spiaggia immensa, il centro nasce dove non ci sono auto…dall’ interno puoi sentire il suono delle onde….all´esterno ci sono cavalli, caprette tibetane, aironi, garzette, anatre colorate e svariati altri tipi di uccelli….un’oasi fuori dal tempo….eppure in 30 minuti sei in Piazza San Marco, al centro di una delle più affascinanti città al mondo!, http://www.oshoyatrilandvenezia.com    nfo@oshoyatrilandvenezia.com..oltre a frequentare questo splendido giardino ai piedi del mare per il dolce far nulla, quest’anno l’energy darshan ti propone un campo di meditazione al mese.Tutti i week end di  fine maggio giugno luglio e agosto: Non solo il mare: la natura,il silenzio; musica..danza… ”lo spazio della meditazione” e’ un trucco,uno stratagemma per evolvere, per “fiorire” non un credo o una filosofia, solo energia! i nomi non hanno importanza….magia attorno e dentro te….. campo di meditazione….festival degli amici di osho…degli amanti della meditazione

METE CULTURALI E/O INSOLITE E DA NON PERDERE.

FONDAZIONE QUERINI STAMPALIA  non abbastanza conosciuta, comprende: dimora, biblioteca, archivio, collezioni d’arte, arredi e suppellettili della famiglia; oggi con nuovi spazi disegnati da Mario Botta;  da Rialto, dritto sino a Calle Stagneri (Hotel La Fava) poi verso il Ristorante Nuovo Mondo, Quindi Osteria alle Testiere (Campo Santa dopo aver attraversato il ponte) dritto a sinistra Calle dei Orbi (S.Condinaria Hotel);  all’interno anche una caffetteria.

INDIMENTICABILE PER GLI AMANTI DELL’ARCHITETTURA E DELL’ARTE:

ECLETTICO A VENEZIA: Palazzo Grimani, http://www.palazzogrimani.org

Chiuso solo:  1 gennaio, 1 maggio, 25 dicembre. Lunedì sempre aperto.

-Palazzo Grimani, un GIOIELLO! vicino a Santa Maria Formosa, CASTELLO 4858, fermata Rialto o San Zaccaria. Fu di proprietà della famiglia Grimaldi. Giovanni Grimaldi creò questo palazzo e fu patriarca di Aquileia a metà del ‘500. www.pallazzogrimani.org Info e prenotazioni: +39 041 5200345 email: info@palazzogrimani.org Per contattare il museo:Tel: +39 041 2411507; Da Martedì a Domenica: 8.15 – 19.15 Lunedì: 8.15 – 14.00. Costo, entrata intero: 7 euro. email: sspsae-ve.grimani@beniculturali.it

IMG_0232

Palazzo Grimani.

IMG_0233

CA’ REZZONICO:  chiuso martedì; splendidoe grandioso palazzo, ora sede del Museo del Settecento Venziano, custodisce le opere dei grandi pittori della storia dell’arte: Tiziano, Veronese, Tintoretto ecc..Dorsoduro, linea 1 fermata Ca’ Rezzonico; sul Canal Grande. http://carezzonico.visitmuve.it

IMG_0220

Ve Giovanni Bellini Mad dei cherub rossi IMG_0205

Accademia. Giovanni Bellini. Madonna dei Cherubini rossi.

Ve Bellini processione in S MarcoIMG_0203

Bellini. Processione in San Marco.

Ve Bellini e aiuti Accademia IMG_0176

Accademia. Bellini e aiuti.

VE Canova doi Fabris

Accademia. Fabris: Canova sul letto di morte.

VE Accademia IMG_0198

Accademia. Gerusalemme.

Ve Veronese  Accademia IMG_0190

Accademia. Veronese.

Ve Tiziano Madonna con Bambino IMG_0183

Accademia. Tiziano. Madonna con Bambino.

Ve tintoretto le tentazioni di Adami Eva IMG_0187

Accademia. Tintoretto. Le tentazioni di Adamo ed Eva.

Ve Tintoretto Caiono e Abele Accadem IMG_0185

Accademia. Tintoretto. Caino e Abele.

Ve Tintoretto Accadem IMG_0192

Accademia. Tintoretto; particolare.

ACCADEMIA: imprendibile per gli amanti dell’arte; opere dei più famosi maestri italiani.

PALAZZO GRASSI. Chiuso martedì, mostre d’arte contemporanea. Biglietti acquistabili anche per Punta Dogana: il luogo dell’arte contemporanea, insieme a Palazzo Grassi entrambi di proprietà del francese Pinaut, il grande collezionista e proprietario di  marchi del lusso e dell’arte.  http://www.palazzograssi.it

MUSEO DI STORIA NATURALE: chiuso lunedì. Vi stupirà, più conivolgente di quanto pensiate. Riva Biasio.  http://www.msn.visitmuve.it

La Casa dei Tre Oci, La Casa dei Tre Oci fu sempre  casa della cultura, luogo di produzione artistica, cenacolo di incontri e dibattiti. Bellissima struttura oggi adibita a mostre fotografiche chiuso martedì;informazioni:info@treoci.org tel +39 335 68 24 675

ISOLA DI MAZZORBO (separata da Burano solo da un ponte; comunque c’è la fermata del battello: Mazzorbo) A Venissa, a nord della laguna dove tutto è ancora natura, si trova il ristorante: “VENISSA” dello chef bellunese Paolo Baudel, scuola G.Marchesi e M.Roux, con anche 6 eleganti camere con vista panoramica su vigneto e laguna.

Negli orti si coltivano le materie prime della cucina. Segnalato da How to Spend it (mensile di lusso e stile) allegato al Finacial Times come: una vigna che produce il bianco dei dogi in uno degli angoli più pittoreschi della laguna!

Qui troverete un campanile trecentesco abbandonato e un muro perimetrale in mattoni rossi del 1727 insieme a una pescheria per l’itticultura… qui sono stati recuperati antichi edifici preesitenti e il vigneto è pura archeologia enologica!

novità VAPORETTO DELL’ARTE 24€ c.a., validità 24 ore, salendo e scendendo, a piacere, dal vaporetto dalla Ferrovia ai Giardini. Spiegazioni a bordo. www.vaporettoarte.com

IMG_0017

IMAG0312

IMG_0136

VISITARE UNA VENEZIA INSOLITA

-1 FONDAMENTA NUOVE:  intervento urbanistico cinquecentesco, esposto ai venti di tramontana, è sempre stata una zona di transito e non di sosta. Splendida la vista alle isole San Michele e Murano. Palazzo Donà delle Rose: ancora di proprietà della famiglia fu costruito da un doge nel Seicento come palazzo di austera eleganza in polemica con lo sfarzo dell’epoca.

-2 Imbocchiamo calle della Vida e seguiamo le indicazioni per Rialto: stiamo attraversando  un dedalo di strette calli caratteristico che ci porta alla chiesa di San Canciano, rimaneggiata nel 1700 presenta ancora uno splendido campanile ricostruito nel 1532.

-3 La basilica dei Santi Giovanni e Paolo presenta una facciata incompleta ed il portale segna il passaggio dallo stile gotico a quello rinascimentale.

Attraversando campo Santa Maria Nova già dal ponte possiamo vedere uno dei primi esempi del rinascimento a Venezia: la chiesa di S.Maria dei Miracoli. Costruita da P.Lombardo nel 1489 è caratterizzata da marmi policromi; qui è ancora conservata l’immagine della Madonna dipinta nel 1408 e per la quale conservazione si costruì la chiesa. Accanto un bel esempio di edificio tardogotico: Palazzo Soranzo Van Axel, 1473. A sinistra si raggiunge calle delle Erbe e poi Campo San Zanipolo. I numerosi conventi dell’isola ci ricordano il carattere religioso-assisistenziale nei secoli:  Giovanni e Paolo e la Scuola di San Marco, attuale ospedale civile. Risale alla fine del Quattrocento il monumento equestre al Colleoni, di Andrea Vernocchio, risalente alla fine del Quattrocento.

-4 Si prosegue nella Calle Barbaria delle Tole, nome riferito al legname depositato e lavorato (tole). Dalla calle si può accedere a: Palazzo Morosini, corte gotico fiorita e scala esterna cinquecentesca, Palazzo Muazzo e Palazzo Gradengo edificio seicentesco con ponte privato.

Da vedere anche la facciata della ex chiesa di Santa Giustina del Longhena (1640), costruita alla memoria della vittoria di Lepanto.

-5 da calle del Tedeum si incrocia calle San Francesco i cui frati nel 200 vi costruirono chiesa e convento dedicati a S.Francesco della Vigna. La chiesa attuale risale al 1534 e la facciata, 1572, è del Palladio.

-6 Accanto alla chiesa si incontra Palazzo Gritti o della Nunziatura, rinascimentale voluto dal doge Gritti. Fiancheggiando la chiesa si giunge al campo della Celestia dove si ammira la facciata palladiana dell’ex convento delle monache cistrcensi. Attraversato il rio, dopo campo Santa Ternità, si imbocca calle dell’Olio  raggiungendo salizada delle Gatte che conduce al campiello denominato Ugo Foscolo, qui il poeta visse l’adolescenza. Si giunge quindi a Scuola di S.Giorgio degli Schiavoni che risale al 1551. Nella sala inferiore sono ancora esposti i teleri del Carpaccio con il ciclo di  S.Giorgio risalenti al 1507.

-7 percorse le fondamenta dei Friulani si incontra una calle che testimonia la presenza dei greci  accorsi dopo la caduta di Costantinopoli e la loro chiesa di San Giorgio. Successivamente per calle Bosello si giunge a calle dietro la Pietà e si sbocca in campo S.Giovanni in Bragora costrita nel secolo XI, oggi vediamo solo la ricostruzione della chiesa cinquecentesca. La facciata rappresenta il passaggio tra gotico e rinascimento ed una lapide attesta il battesimo di Vivaldi avvenuto nel 1678. L’interno dopo il recupero dell’impianto gotico ospita capolavori dal Vivarini a Cima da Conegliano.

Da calle della Crosera e calle Erizzo si arriva a campo S.Martino la cui chiesa attuale risale al 1540.

-8 Quindi si giunge al portale dell’Arsenale, del 1460, vero inizio del rinascimento veneziano. La città, dopo la caduta di Costantinopoli, voleva dimostrare tutto il suo potere. I leoni dell’ingresso provenienti dal Pireo e Delo ne sono il segno. Mentre il busto di Dante è memoria di una sua vista riferita nel XXI canto dell’Inferno. Non lontano Campo S.Biagio si fa ammirare per l’omonima chiesa fondata nel 1052, ma ricostrita nel ‘700. Accanto il Museo Storico Navale. Da questo campo è possibile vedere l’isola di S.Giorgio con la sua bella chiesa palladiana, ma anche: San Clemente, San Lazzaroe, più lontano, il Lido.

Dopo il ponte incontriamo una via insolitamente ampia: via Garibaldi che conduce all’isola di S.Pietro. Alla fine della via si incontrano i Giardini pubblici, unica area a parco della città, costruita da Napoleone. Buona parte del parco è occupata dalla Biennale d’Arte i cui padiglioni sono anche un importante esempio di architettura moderna, ma visitabili solo durante l’esposizione.

B&B Malamocco  IMG_0025

B&B Malamocco.

IMG_0227

San Barnaba Hotel, in centro con giardino; comodo e non troppo costoso.

IMG_0224

Giardino dell’hotel San Barnaba.

DORMIRE A VENEZIA? MESTRE ? VICENZA O SU DI UNA ISOLA?

Nota: Affitta da persone reali in 34000 città e 192 paesi in tutto il mondo.Vedi al link: http://www.donnecultura.eu/?p=8390

VENEZIA centro: HOTEL LOCANDA SAN BARNABA 3 stelle, il meglio, elegante, antico e ben rinnovato, delizioso giardino, tel 041. 24 11 233, www.locanda-sanbarnaba.com Calle del Traghetto 2785-86, Sestiere Dorsoduro; singole da 70 B&B in bassa stagione: gennaio febbraio, dicembre (No Natale e Carnevale); marzo, luglio, agosto e novembre. DELIZIOSO!!

Domus Cavanis; in centro 100 euro a notte la doppia, piccolo giardino dove rilassarsi, camere ben arredate, a due passi da Piazza San Marco. Rio Terà Foscarini 895, chiedere di non stare nella dependance, che è molto più banale dell’hotel centrale. domus@cavanis.it

Dormire sull’isola CERTOSA. Se siete disposti a spendere più di 100 euro.

VENICE CERTOSA HOTEL: info@venicecertosahotel.com ;  130 EURO  in doppia, con colazione, nel mese di settembre (alta stagione), SI PUO’ CHIEDERE LA CAMERA CON JACCUZZI, al medesimo prezzo; concordare il prezzo telefonando direttamente in albergo; tel 041.277 86 32. Motoscafo gratis notturno, se fate tardi in centro Venezia.

DORMIRE SULL’ISOLA DEL LIDO DI VENEZIA: 

AGRITURISMO: Le Garzette, frutta e verdure coltivate dai proprietari, meglio dei costosi e affollati alberghi del Lido, Lungomare Alberini 32, tel  041. 73 10 78 www.legarzette.on.to da 95€ la doppia e 70€ a persona in mezza pensione.

DORMIRE IN ECONOMIA, ma con ottimo servizio: 4 stelle da 60€, HOTEL HOUSE COUNTRY CLUB vicino all’aeroporto, con navetta privata a Venezia in 15′, via Triestina vecchia 242 Ca’ Noghera tel 041 5416611 dall’autostrada seguire per Venezia-aeroporto: Bretella Aeroporto Marco Polo A27, all’aeroporto seguire a sinistra via Triestina vecchia. PRENOTABILE SU www.booking.com offerte in bassa stagione 3 stelle Hotel Villa Eden al Lido, da 79€, Hotel Byron 3 stelle bassa stagione da 70€ al Lido via Marcantonio Bragadin 30; da 68€ Ca’Del Moro via Malamocco 83, Lido, con piscina tennis, palestra, moderno.

NEI DINTORNI PER GODERE ANCHE DELLE BELLE SPIAGGE: CAORLE

CAORLE; un ottimo punto di partenza, per visitare Venezia, anche con bus o battello.

CAORLE 300 hotel Cheofe Caorle Hotel Chofe terrazza 400 Caorle bar Hotel Cheofe

CAORLE: Hotel Cleofe 3 stelle (ma è meglio di molti 4 stelle), tel 0421.81082, www.hotelcleofe.it, elegante centrale, ottime prime colazioni, chiuso in inverno, vista mare e Alpi dal terrazzo sul tetto con jacuzzi, molto elegante l’ arredo, via Altinate 2, Caorle centro.

Ottimo anche per un week-end, una settimana o un periodo di soggiorno con visite a Venezia (da qui partono battelli e bus per Venezia e dintorni), Padova e alle terme di Abano o Montegrotto.

——-

Altre soluzioni per dormire vicino a Venezia:

Economicissima, ma dignitosa la sistemazione in case mobili o bungalow nel campeggio (sulla strada per Hotel House Coutry Club) CAMPING VILLAGE ALBA D’ORO con piscina all’aperto; via Triestina vecchia 214G Noghera (9Km da Ve) ben collegato, da 39 € casa mobile 2 persone, internet gratis, navetta per aeroporto e spostamenti per Venezia.

Si può anche alloggiare a Mestre, per risparmiare, e prendere il treno, che funziona come una metropolitana. Dalla stazione di Mestre si raggiunge Venezia in pochi minuti.

In auto: Mestre ha una viabilità piuttosto complessa, meglio avere un buon navigatore. Possibile parcheggiare vicino alla stazione. Treni: come una metropolitana, in continuazione.

Buono l’albergo AURORA: tel 041. 989188 aurora@hotelaurora.com camere singole a prezzi ragionevoli; raffinata semplicità e sorridente accoglienza, in zona a traffico limitato, ma c’è parcheggio, P.tta G. Bruno 5, Venezia Mestre. www.hotelaurora.com

VICENZA-VENEZIA.

Per chi ha tempo e vuole anche visitare la bella città di Vicenza, può essere un’idea dormire qui e spostarsi a Venezia con un comodo treno.

VICENZA può essere una economica base per visitare Venezia, che si raggiunge comodamente in treno o auto. B&B AeNoseare info@aenoseare.com www.aenoseare.com : via Adige 37, Marola Torri di Quartesolo,, da Vicenza Est prendere per Cà Balbi, seguire per Marola, (di fronte istituto Effetà) tel 0444.3574 38, cel 339 155 76 91,  , speciale un angolo di accoglienza pochi minuti dal centro storico della città di Vicenza. L’agriturismo offre agli ospiti ristoro, alloggio vendita di prodotti tipici di produzione propria, parco giochi per bambini e splendide passeggiate in azienda per scoprire la realtà contadina. Il nostro Agriturismo propone tour enogastronomici (cantine locali dove assaporare ottimi prodotti tipici), passeggiate in bicicletta tra prati laghetti e gli argini del fiume Tesina,

Vicenza centro: B&B San Rocco, poche camere, ma accogliente da 30 a 60€ singola, doppia 60-90€. Dopo le 20 telefonare per concordare l’orario di arrivo.

info@daigelosi.it Propone cucina tipica Vicentina per ogni cerimonia, matrimonio, serata o evento. tel.+39 0444357438  camere dotate di tutti i confort, compresa la connessione internet e garage, la colazione viene preparata direttamente in camera vostra. E’ possibile inoltre avere una pensione completa o mezza pensione. Possibile sistemazione anche con cucina. Da Vicenza Nord: (consigliata)
– Tenete la direzione per Treviso
– Sul cavalcavia girate a destra per Quinto Vicentino
– Passare Quinto Vicentino
– Dopo 1,5 Km girate a destra direzione Valproto
– Dopo 2 Km sulla destra siete arrivati

MANGIARE A VENEZIA.

PIZZERIA.

AL PROFETA: prezzi ragionevoli, pizzeria e ristorante. Noi abbiamo mangiato la pizza. Calle Lunga San Barnaba Dorsoduro 2671

BARABAO: osteria e B&B; www.barnabao.it medesimi proprietari de Al Profeta, ma dall’altra parte del Canal Grande Cannaregio 5835-5838  vicino a Rialto.

GELATO.

GELATO INDIMENTICABILE: Gelateria NICO, Dorsoduro 922, il gianduiotto è a tranci, dalla zattera del locale si vede la Giudecca: sedetevi e gustate…

RISTORANTE o …

OSTERIA DELL’ARCO: San Paolo 436, tel 041.52 36 119, fermata Rialto,  attraversare il ponte, proseguire dritto e poi al mercato a sinistra; tra le più famose bàcari i locali tipici dove si beve vino veneto-friulano, spritz e si ciàcola mangiando cicheti in piedi.

AL PONTE: Calle Lagra Giacinto Gallina 6378, si spende poco, ma la qualità non  ne risente, frequentato dagli studenti. Fermata Rialto, poi camminare in direzione Campo S.ta Marina, dopo avere attraversato il ponte della piazza. tel 041.52  86157 michli84@gmail.com

LA BIFORA: Campo Sta Margherita Dorsoduro 2930,tel. 041.5236119 ambiente schietto, piatti tipici tris di baccalàa , frequentato da universitari

CANTINA DOMORI:San Paolo 429, il bacaro più antico della città, Casanova fu suo cliente.

VECIO FRITOLIN; 10 euro per il CARTOCCIO DA PASSEGGIO CON PESCE FRITTO, al mezzogiorno. Per il ristorante vedi qui sotto.

VECIO FRITOLIN ,VERA CUCINA VENEZIANA TRADIZIONALE

(Storico, prezzi adeguati ad un buon ristorante): Vecio Fritolin, Calle della Regina 2262-Sestiere Santa Croce (Rialto) al di là dal ponte rispetto al mercato,  tel 041 5222881 www.veciofritolin.it vicino al Museo di Arte moderna Ca’ Pesaro (proseguimento di Calle Corner verso l’interno dal canale)fermata battellino chiuso lunedì e martedì a pranzo, loro è anche il Caffé di Palazzo Grassi.

BAR romantico:

“SERRA MARGHERITA”; è la serra dei Giardini di Castello ( 1 fermata di battellino da San Marco; nome fermata Giardini), dopo il restauro ospita un caffé-fuori-dal-tempo, lontani dalla folla; rilassante e romantico, in mezzo al verde; viale G.Garibaldi tel. 041.2960360, www.serradeigiardini.org

IMG_0167

Bar, ai Giardini.

www.turismovenezia.it

VE S Giorgio IMG_0121

IMG_0052

IMG_0072

IMG_0144

IMG_0195

IMG_0142

IMG_0225

000IMG_0070

verticale IMAG0378

Venezia. Biennale d’arte  2013.

ve IMG_0090

VE alghe da Giudcca IMG_0092

SRY LANKA IL PAESE DEI COLORI

SRI LANKA IL PAESE DEI FIORI  E DEI COLORI.

Cinque secoli prima di Cristo questa terra godeva già di una civiltà ben sviluppata.

Fiori Ninfea piccola Pd

 

Sigirya, antichi capolavori artistici sulla roccia.
Sigirya, antichi capolavori artistici sulla roccia.

Sry-Lanka-Dumballa interno del monastero antico

Dumballa.

Città, palazzi,laghi artificiali, parchi, templi, monasteri, monumenti e capolavori artistici si svilupparono in modo sorprendente.

Tangalle, spiaggia.
Tangalle, spiaggia.

Pochi sanno che la fama di Anuradhapura era già diffusa nel Mediterraneo dalla metà del 3° secolo a.C. e che meno di tre secoli dopo una delegazione di commercianti presentava le sue credenziali all’imperatore Claudio, mentre lo scrittore Plinio parlò con loro.

Dumballa, antico tempio all'interno della roccia.
Dumballa, antico tempio all’interno della roccia.

Oggi della civiltà di Anuradhapura ammiriamo imponenti rocce bucherellate di templi e grotte magnificamene decorate,  Budda giganteschi e raffinatissimi affreschi ritraenti le sembianze di leggiadre fanciulle; abitanti di una città ideale e capaci di affascinare anche il viaggiatore più distratto.

Dumballa, soffitto decorato.
                                                                                                    Dumballa, soffitto decorato.

 Oggi, che siamo abituati a trovare le più rare spezie, qui prodotte,  sotto casa, ricorderemo Sry Lanka per i dolcissimi paesaggi delle piantagioni di tè, valichi di montagna ed imponenti cascate, rododendri giganti di montagna, giunchiglie, gigantesche felci arboree, uccelli come il tordo fischiante, mammiferi come la scimmia-orso, quella dalla faccia rossa e farfalle “blue mormon”.

Fantastici colori della foresta vergine che stiamo velocemente distruggendo.

Fantastici colori della foresta vergine che stiamo velocemente distruggendo.

Tra i tanti parchi, la Foresta pluviale di Sinhara è stata dichiarata Patrimonio Mondiale dall’Unesco. A Sry Lanka è anche possibile fare dei safari sulla groppa di pazienti elefanti, visitare fiabeschi parchi botanici come quello di Kandy o acquistare le gemme di Ratnapura: zaffiri, rubini, occhi di gatto ed ametista…

1 Galle mercato bancarella di frutta copia

1 gente della periferia di Colombo copia

1 negozio di frutta copia

1 SFUMATURASigirya elefante utilizzato come mezzo di tarporto copia

Damigelle e paggetti ad un matrimonio.
Damigelle e paggetti ad un matrimonio.

Poco conosciuto, ma affascinante è il percorso del treno a vapore che in otto ore porta da Colombo, la capitale, a 2.000 metri sul livello del mare, per un totale di 180 chilometri.

Kandy, passeggiata lungo il lago durante un acquazzone.
Kandy, passeggiata lungo il lago durante un acquazzone.

Kandy                                                                                                                                                                                                                                                                  

A Kandy meritano una visita: il tempio del Dente, il lago, il mercato, l’hotel Queen’s ( anche solo per un tè ) e il grandioso Giardino Botanico.

Un alloggio semplice e un ristorante buono ed economico; ricco di storia,  è l’Old Empire Hotel: vi si incontrano i veri viaggiatori low cost: 21,Temple Street, Kandy; inquiry@oldempirehotel.com

Hotel Tilanka 50€ a notte, b/b, utilizzato dai T.O. , una volta era un delizioso e lussuoso albergo, oggi è sovrastato da una enorme e orrenda antenna che emette sicuramente onde non salubri. Docce con acqua fredda, tipica atmosfera d’epoca, cucina accettabile.

1 fiori nell'acqua copia

Dambulla per dormire:

resort@kassapalionsrock.com con piscina e vista sulla roccia di Sigirya. SIGIRYA vedi più sotto:  archeologia.

Anche a Sry Lanka il cambiamento climatico continua a causare gravissimi danni.
Anche a Sry Lanka il cambiamento climatico continua a causare gravissimi danni.

Dati i grandi cambiamenti climatici degli ultimi anni, si consiglia di informarsi bene su internet prima di prenotare una vacanza.

A sud delle piantagioni del tè.
A sud delle piantagioni del tè.

La stagione migliore, in genere, rimane: da febbraio/marzo a luglio. Ricordando che la parte est e centro-nord è piovosa da novembre sino a gennaio e la parte sud e ovest è piovosa da agosto in poi.

Va anche ricordato che nella stagione delle piogge durante le escursioni da Kandy verso l’Hill Country si incontra sempre nebbia al mattino e facilmente pioggia tutto il giorno.

Una strada verso il sud dell'isola durante le fortissime piogge del 2011.
Una strada verso il sud dell’isola durante le fortissime piogge del 2011.

I produttori di tè della zona offrono spiegazioni e costosi te che raramente sono proporzionali alla qualità: si tratta di specchi per allodole, con garantita percentuale per l’autista e la guida.

Coltivazioni di té a nord di Kandy.
Coltivazioni di té a nord di Kandy.

Fondamentale, per chi viaggia per conto proprio, è diffidare sempre , patteggiare e far scrivere su di un foglio il prezzo stabilito precisando che comunque non si pagherà di più di quanto concordato.

Queen's Hotel antico albergo di Kandy.
Queen’s Hotel antico albergo di Kandy.

 

Piscina del Queen's Hotel.
Piscina del Queen’s Hotel.

Hotel Queen’s: centrale, antico e storico. Le camere sulla strada sono le più rumorose.

Interessante la sua storia, che coincide con la storia della città, illustrata da antichi cimeli nel bar che dà sulla bella piscina. Se trattate potete avere la singola a 50 $ con colazione.

Attenzione al banco dell’agenzia posto nella Hall dell’Hotel, come quasi tutti, se siete sprovveduti vi farà pagare tutto più del necessario. Fatevi fare un preventivo e poi controllate i prezzi mandando delle mail agli stessi alberghi e chiedendo cosa costa un trasfer con i loro tassista consigliato; di solito si risparmia.

Queen's Hotel,  ingresso.
Queen’s Hotel, ingresso.

Hotel Queen’s: antico e storico albergo è il più interessante, dal punto di vista architettonico e dell’arredo, di tutta la città di Kandy.

Storia dell’ Hotel Queen’s

-gli edifici originali si trovavano  nelle Dullewa Walwa, dove esistevano le migliori strutture della città, questo, al tempo della conquista inglese. Dopo la conquista, gli edifici  vennero trasformati  in:  Malay Rifle Regiment Offices (1815).

Successivamente la struttura venne usata come ospedale militare. Originariamente fu la casa del Governatore e consisteva in piccoli edifici.

Nel 1840 divenne Malabar House (sulla omonima strada), poi Royal Building House. Nel 1860-70 il complesso divenne proprietà di Miss. Piachaud;  la quale lo convertì in Ms.Piach’s Cottage poi Quenn’s Hotel.

Nel 1895 la struttura fu acquistata dalla Kandy Hotels Company Limited.  Oggi conserva lo stile, molti cimeli della sua lunga storia e gli arredi intatti. Il ristorante

“Queen’s of Herats” è intitolato alla defunta principessa Diana.

Sfilata di Tuk-Tuk.
Sfilata di Tuk-Tuk.

I tuk-tuk dagli alberghi intorno alla città di Kandy, costano  Rs. 200 andata e ritorno, poi in caso di sosta possono pretendere anche Rs. 3.000; quindi concordare anche i tempi.

Un monaco buddista vicino al Queen's Hotel immerso nel traffico. Antico e moderno a Sry lanka si mescolano continuamente.
Un monaco buddista vicino al Queen’s Hotel immerso nel traffico. Antico e moderno a Sry lanka si mescolano continuamente.                                                         
La strada dello shopping a Kandy.
La strada dello shopping a Kandy.
Shopping a Kandy.
Shopping a Kandy.

INQUINAMENTO

-Le zone di mare vicino a Colombo, compresa Negombo, sono inquinate e così pure l’Inner Harbour di Tricomalee.

A sud dell’isola le cittadine non conoscono la parola depurazione e quindi il mare non sempre è poi così pulito come può apparire. Anche il bellissimo lago di Kandy presenta un inquietante inquinamento delle acque.

Ai bordi del lago di Kandy!
Ai bordi del lago di Kandy!

Per fortuna Sry Lanka, a dispetto del dilagante inquinamento, ha ancora moltissimi angoli naturalistici incontaminati dove la natura regna sovrana.

Oasis. Una delle tante cascate a sud di Ella.
Oasis. Una delle tante cascate a sud di Ella.
Cascate a sud di Ella.
Cascate a sud di Ella.

Da ELLA al SUD

Capanna lontano dalla città.
Capanna lontano dalla città.

Partendo da Ella, si possono raggiungere, sia il bellissimo parco Sinharaja, ww.sinharaja.4T.com, dove si può camminare nella giungla incontaminata e trovare animali e moltissimi tipi di orchidee, oppure  il famoso Adam’s Park; ideale per il trekking e il panorama dell’alba.

E' un'orchidea il fiore che produce il baccello della vaniglia.
E’ un’orchidea il fiore che produce il baccello della vaniglia.

 

Bacelli di vaniglia.
Bacelli di vaniglia.

Da Ella si raggiunge anche Tissamaharama.

Lungo il tragitto si incontrano belle cascate, e residui della foresta vergine.

Frutto del cacao.
Frutto del cacao.

fiore99

Nel tratto successivo la strada  e il panorama risultano noiosissimi.In caso di grandi piogge è indispensabile una jeep e non una comune auto.

Paesaggio della pianura verso Tissa.
Paesaggio della pianura verso Tissa.
Tissa  la porta di entrata.
Tissa la porta di entrata.

Tissamaharama è il luogo privilegiato da cui partire per i safari allo Yale Park e al Bundala Sanctuary.

Ricordarsi che durante i mesi delle piogge (Sett. Ott. Nov. Dici e Gennaio) è più difficile avvistare gli animali.

Per vedere i leopardi è necessario scegliere un mese tra febbraio-luglio, ma il meglio è tra marzo e aprile, quando il livello delle acque nel parco è basso; idem per gli elefanti. Prima di prenotare assicurarsi che il parco sia aperto.

1 giardino di una Guest House a Ella sotto la pioggia

Il Parco Bendala è molto apprezzato per il  bird-watching grazie all’enorme numero di uccelli (anche nella stagione delle piogge); in minoranza anche elefanti, scoiattoli giganti, coccodrilli e particolari scimmie. In gennaio vi nidificano 5 specie di tartarughe marine. L’accesso al parco è consigliabile da Tissamaharama o da Kirinda.

Tissamaharama, camaleonte.
Tissamaharama, camaleonte.

A Tissamaharama è consigliabile l’hotel Ibiscus per il buon rapporto qualità prezzo. Elegante e confortevole, ottima la cucina. Si dorme in modernissime villette di fronte alla piscina in un giardino pieno di uccelli e fiori. Mezza pensione € 50.

Il costo del safari allo Yala Park parte da Rs. 4.500 per un fuoristrada mezza giornata, massimo 4 pax, più i costi dell’ingresso al parco, il costo dei battitori e la mancia.

Si consiglia la partenza alle 5,30 del mattino o la sera al tramonto, per vedere il maggior numero di animali.

Partendo da Ella e scendendo verso sud, poco prima di arrivare a Tissa, si incontra la Tissa Wewa (cisterna di Tissa):  immenso lago artificiale; Rs. 500 per un’ora di uscita in barca.

Alla fine del lago a sinistra si vede la gigantesca e bianchissima Dagoba con una circonferenza di 165 metri e un’altezza di 55, 8 metri. Si dice che in passato contenesse le reliquie di un dente e un osso del cranio di Budda. Vale la pena di ammirare la sua suggestiva illuminazione notturna.

Il centro di Tissa.
Il centro di Tissa.
Tissa.
Tissa.

A pochi chilometri a sud di Tissa,  Kirinda accoglie con le sue  vie sabbiose, edifici cadenti, spiagge magnifiche e deserte, solo per passeggiate; a causa di forti correnti.

Bello  il tempio buddista arroccato in cima alle gigantesche rocce rotondeggianti, proprio a lato della cittadina. Salendovi ci si trova a dominare la spiaggia e l’oceano.

1 spiaggia a sud di Tangalle

Al largo si vedono le scogliere delle Great Bases; spazzate dalle onde. Quando il mare è calmo (metà marzo- metà aprile) si possono noleggiare barche per stupende immersioni (Rs.4.000 mezza giornata, attrezzature a Rs: 2.000 al giorno), riservate solo ai veri esperti, causa forti correnti. www.diversrilanka.com

Il responsabile è il proprietario della Temple Flower Guest House. Anche partendo da Kirinda si può raggiungere lo Yale Park, la strada è sconnessa, ma costeggia interessanti spiagge e rientranze del mare, dove potete passeggiare e fotografare anche i pavoni selvatici.

Oasis rivista-di-turismo-ARCHEOLOGIA 

Pitture rupestri di Sigirya.
Pitture rupestri di Sigirya.
Dumballa.
Dumballa.

SRY LANKA ARCHEOLOGIA GB

Sigirya.

POLANNARUWA Avendo poco tempo, questa meta è da preferire a Anuradhapura, in quanto quest’ultima è più dispersiva e meno scenografica.

POLANNARUWA; fu capitale del regno chala e singalese. La sua storia risale a quasi 1.000 anni fa, ma è più recente di Anuradhapura ed in migliore stato di conservazione.

La visita è consigliata con una bici;  per le dimensioni delle rovine.

Ingresso 25 $, oppure il biglietto cumulativo, presso l’Archeologica Museum; da visitare per vedere l’aspetto originarle delle strutture che si dice fossero sormontate da tetti in legno.

Meglio acquistare una piantina; trattando sul prezzo.

IGIRYA: entrata 25$. Il luogo è veramente suggestivo e merita la visita, ma è molto in salita e scivoloso in caso di umidità: manca uno scorrimano in molti punti.

In un solo giorno è possibile abbinare la visita a Sigirya e Dambulla. Gli operatori non lo fanno per aumentare i guadagni e permettere altre visite, come quella all’orfanatrofio degli elefanti; molto discutibile dal punto di vista di un amante della natura.

—-

SIGIRYA; famosissima per la grande e scenografica roccia rossa è la meta archeologica per eccellenza a Sry Lanka; impossibile non visitarla.

Sigirya. Pitture rupestri.
Sigirya. Pitture rupestri.

 

Sigirya. La roccia delle pitture rupestri vista dall'immenso giardino.
Sigirya. La roccia delle pitture rupestri vista dall’immenso giardino.

 

Sigirya.
Sigirya.

 

 

IMG_2900

Matal Hindu Temple vicino a Dumballa.
Matal Hindu Temple vicino a Dumballa.

DUMBALLA: famosa per il suo Royal Temple che non è quello kitch e moderno che si vede dal parcheggio.

Per arrivare all’antico tempio, si deve entrare a sinistra del tempio nuovo e cominciare la lunga, faticosa  salita.

Dumballa. Templio antico nella roccia.
Dumballa. Templio antico nella roccia.
Dumballa "preghiere" all'esterno del tempio.
Dumballa “preghiere” all’esterno del tempio.
Dumballa, il tempio antico.
Dumballa, il tempio antico.
Dumballa, il tempio moderno visibile dalla strada.
Dumballa, il tempio moderno visibile dalla strada.
Dambulla, l'antico tempio nella roccia.
Dambulla, l’antico tempio nella roccia.

ANURADHAPURA:  non possiede la grandiosità di luoghi come AngkorWat in Cambogia, ma rimane uno dei luoghi più affascinanti dell’Asia Meridionale.

Fu capitale dello Sry Lanka dal 380 a.C., ripetutamente conquistata dagli invasori dell’India del sud.

Per la parte settentrionale serve il biglietto cumulativo altrimenti si pagano 25$.

I biglietti si trovano vicino al Museo Archeologico sul lato occidentale della città o in un chiosco (Tricomalee road , 7-19,30 apertura),vicino allo Srimaha Bodhi. Consigliamo la visita al museo.

YAPAHUWA: non lontana da Dambulla, ha una bella scalinata monumentale. Uno dei leoni presso la sommità è impresso sulla banconota da 10 Rs. Dietro al Museo c’è il tempio rupestre apribile con offerta. Gli affreschi del 1.200 meritano la visita.        

Galle la fortezza.
Galle la fortezza.

                                                                           GALLE

Galle è una bella e antica città del sud ovest; famosa per la cinta muraria a picco sul mare. Frequentata da intellettuali e artisti, merita una visita anche solo per le antiche architetture coloniali.

Bellissimi gli alberghi storici.

Jetwing Lighthouse Hotel. Vicino a Galle.
Jetwing Lighthouse Hotel. Vicino a Galle.

A chi ne avesse il tempo consigliamo una visita all’albergo JETWING LIGHTHOUSE, della catena Great Hotels of the World, non lontano dal centro di Galle. L’architettura, all’interno, è imponete e straordinariamente aperta sul paesaggio, mentre le scale sono contornate da spettacolari sculture che ricordano Dalì. Tel 91-2223744, www.lighithousehotelandspa.com lighthouse@lighthouse.lk

Budda.
Budda.

ETNOLOGIA

IMG_4123

Pochi sanno che a Sry lanka vivono ancora alcune popolazioni primitive chiamate Veddha.

Per incontrarle si deve entrare nel profondo della giungla nelle zone di : Polonnaruva, nel Mahiyangana o nell’Ampara.

LE AGENZIE DI TURISMO NON PARLERANNO MAI DI QUESTE ZONE PERCHE’ LA POPOLAZIONE CHE VI VIVE  E’ CONSIDERATA AI MARGINI DELLA SOCIETA’.

Disastri del cambiamento climatico e della deforestazione.
Disastri del cambiamento climatico e della deforestazione.

ELLA una sosta, non indispensabile, nel viaggio verso il sud dell’isola con bei panorami e una foresta vergine da visitare, ad esclusione della stagione delle piogge (inverno).

Guest Hause a Ella. La migliore con ottima cucina tailandese.
Guest Hause a Ella. La migliore con ottima cucina tailandese.

ELLA

Al Ravana Heights Guest House la cucina è eccellente. Qui si serve una deliziosa e raffinata cucina Thai (tailandese). Una cena (prenotare) costa mediamente $ 15, la colazione $ 6.50, la camera doppia e singola $ 45. Il piccolo albergo dispone solo di 3 camere ben arredate e di un grande giardino con vista e fiori meravigliosi.

Ravana Heights: Wellawaya road, Ella, Sry Lanka, tel 0094 57 222 8888, cell. 0094 37 309542, www.ravanaheights.com ; senadhi@sit.lk

Fiore del Frangipane, profumatissimo.
Fiore del Frangipane, profumatissimo.

Sconsigliabile, invece, il The Grand Ella Hotel: uno storico albergo, mal tenuto e mal gestito; usato dalle agenzie di viaggio.

La zona delle montagne, chiamata Nuwara Eliya (Hill County), comprende enormi piantagioni di tè, ma vi si incontrano anche pini, eucalipti, pale e altri alberi.

Il versante sud dell’Hill Country è ricco di cascate, particolarmente spettacolari nella stagione delle piogge; che può andare da novembre a febbraio.

Sempre andando verso sud,  si incontrano anche brevi tratti di quello che rimane dell’affascinante foresta vergine. Purtroppo distrutta dall’avidità umana per i suoi legni pregiatissimi e dall’aumento della popolazione che richiede sempre più terre da coltivare e dove erigere una casa.

La famosa località di Ella si trova a sud  dell’Hill Country; qui si incontrano numerose Gust House a buon prezzo, il panorama è magnifico e si vede sino al mare.

I tramonti, quando non piove, sono indimenticabili.

Presso le Guest House si può anche prenotare una gita verso le cascate, dove si può fare anche il bagno e passeggiate nella foresta.

1 ciclista fotografato dal taxi copia

1 albergomodestoper cingalesi  vicino alla fermata del bus

Galle, mercato.
Galle, mercato.
Strade devastate dalle piogge dell' inverno del 2011.
Strade devastate dalle piogge dell’ inverno del 2011.
Da Ella a Tissa, strade nel sud di Sry Lanka devastate dalle piogge del 2011, ma comunque in cattive condizioni.
Da Ella a Tissa, strade nel sud di Sry Lanka devastate dalle piogge del 2011, ma comunque in cattive condizioni.

SRY LANKA FESTA FOLCLORE

Tissamahalama, hotel Ibiscus.
Tissamahalama, hotel Ibiscus.

Hotel

A Tissamaharama è consigliabile l’hotel Ibiscus per il buon rapporto qualità prezzo. Elegante e confortevole, ottima la cucina. Si dorme in modernissime villette di fronte alla piscina in un giardino pieno di uccelli e fiori. Mezza pensione € 50.

—-

 Tangalle

Tangalle, spiaggia.
Tangalle, spiaggia.

Da Colombo a TANGALLE,  estremo sud, il taxi costa 12.000 rupie, per il tragitto lungo l’oceano.

Guest House Paradise di front e all'oceano su di una bellissima spiaggia.
Guest House Paradise di front e all’oceano su di una bellissima spiaggia.

A TANGALLE (località Goyambokka) il Palm Paradise offre bungalow sulla spiaggia a 40 € mezza pensione, spiaggia bella, struttura che richiede adattamento, cucina accettabile, ma piccante. Vicino, ma non sul mare la guest house GOYAMBOKKA (3.500 Rs con colazione, ottimo il cuoco) goyamboccaguest@yaqhoo.com www.goyambokkaguesthouse.page.tl

In fondo alla strada del Palm Paradise si incontra lo ASHTANGA LANKA 60 RS 2pax 40Rs singola sempre mezza pensione. Bungalow 80 Rs.

Anche a MIRISSA si possono trovare buone guest house con una incantevole spiaggia.

Hotel Colombo House a Colombo. In puro stile Art-Deco' è visitato da architetti di tutto il mondo.
Hotel Colombo House a Colombo. In puro stile Art-Deco’ è visitato da architetti di tutto il mondo.

Colombo

Colombo House: arredi interni.
Colombo House: arredi interni.

                                                                                                                            La Colombo House è una Guest House storica, ex sede dell’amministrazione francese prima dell’indipendenza.

Le camere con aria condizionata Rs 4.000 e la colazione 795.

Questa villa è famosa e visitata da architetti di tutto il mondo.

— La struttura è Art Decò purissimo: idem gli arredi.

Da Colombo all’aeroporto il taxi costa 3.000 rupie.

COLOMBO:   come Kandy è città di grande traffico ed inquinamento, ma non ha la poesia della seconda.

Da visitare assolutamente è il National Museum e la vicina galleria Art gallery 106 Ananda Coomarasway Mawatalle  a ingresso libero, nei pressi anche l’ O’Dell Shop.

A sud della galleria l’elegante Lionel Wendt Centre, 18 Guilford Cres (lun-veverdì) presenta  mostre d’arte contemporanea e oggetti di artigianato.

Per lo shopping: House of Faschion angolo tra Ra de Mel Mawatha e Vasak road, col 4, : 3 piani di eccendenze delle collezioni di abbigliamento anche occidentali:  scontatissime.

Le simpatiche proprietarie dell'ottimo ristorante-libreria giapponese a Colombo.
Le simpatiche proprietarie dell’ottimo ristorante-libreria giapponese a Colombo.

CAFE’ JAPAN: ottimo cibo giapponese e pure economico. tel 0777 263565 , chiuso martedì, cafejapanlanka.blogspot.com. Si trova in una bella libreria-biblioteca.

Nihomba Shi il miglior ristorante giapponese di lusso della città.

Da Colombo a TANGALLE,  estremo sud, il taxi costa 12.000 rupie

Per chi viaggia da solo                                                                                                  Sry-Lanka-in-strada

E’  consigliabile la spesa alimentare al supermercato: prezzi buoni e qualità  sicura per quanto è confezionato.

Curd è un delizioso formaggio-yogurt di latte di bufala venduto ovunque al prezzo di 1€ per 500gr.

Il viaggio in questo Paese per una donna sola non né consigliabile.

Comunque non è sicuro salire in particolare sugli autobus, girare al buio, o stare sole in spiaggia.

Per chi non è abituato a viaggiare è opportuno ricordare che anche le agenzie di viaggio, negli alberghi più prestigiosi, possono non essere completamente affidabili;  comunque sul posto si possono trovare molte interessanti alternative.

Il consiglio è di prenotare solo la prima notte di ogni spostamento.

Ricordare che aprile è altissima stagione, tutti sono in vacanza, è difficile trovare posto in tutta l’isola.

Maggio vede il massimo delle fioriture, il clima è buono, salvo che per la costa occidentale.

SPIAGGE                                                                                                                        Pesci Kenya Parco Marino MalindiFIRMA

Tricomalee città, a nord est, appare come una piccola Bagdad, è da poco uscita dalla guerra, ma le spiagge vicine: come UPPUVELI e NULAVELI, offrono uno splendido mare. Bellissime per le immersioni e lo snorkeling all’Isola di Pigenon.

Andando verso sud, sulla costa est, ricordiamo BATTICALOA (le spiagge sono: Kalladie  e Passekudah beach e sono spettacolari, ma necessitano di spray antizanzare. Anche ARUGAM BAY è consigliabile per il paesaggio e per la balneazione; qui vengono i membri delle ONG per il week-end. All’estremità meridionale del porto lungo il Right Point Break, si trova il miglior luogo per il surf di tutto lo Sry Lanka.

Chi vuole stare lontano dalle zone turistiche, ma vuole fare surf può andare a OKANDA a 5 miniti di cammino dal tempio MURUGAM DEVALE; dove si incontra un Poin Break su UNA SPIAGGIA IMMACOLATA.

La zona sud est dell’isola è la meno frequentata dal turismo e la più tranquilla ed economica insieme alle cittadine meno conosciute della costa est, però, le infrastrutture sono scarse.

ATTENZIONE A SUD non tutte le spiagge sono sicure dalle correnti, informarsi e fare il bagno dove si vede altra gente.

Sry Lanka in strada1In fondo alla strada del Palm Paradise si incontra lo ASHTANGA LANKA 60 RS 2pax 40Rs singola sempre mezza pensione. Bungalow 80 Rs.

Sempre sulla medesima via che porta al Palm Paradise, per chi si accontenta, L.Y.Jaya Sena offre le BATTERFLAY CABANAS al modico prezzo di 2.500 rupie a notte con colazione, da qui alla spiaggia solo 300 metri attraverso un stretta stradina.

Tangalle, lusso:

AMANWELLA hotel 5 stelle con baia privata, del famoso architetto Geoffrey Bawa, modernissimo, anche con piscine in camera, da 350€ a 550 € al giorno.  www.amanresorts.com  amanwella@amaresorts.com 

A Pubudu Mawatha, Seenimodara, Nakulugamuwa (nei pressi di Tangalle) si trova un interessante Guest House, la spiaggia è immensa e senza turisti, le camere accoglienti; ma dovete verificare perché si parlava di cambio di proprietà: www.srilanka-vacanze.com manusrilanka@hotmail.com tel 0094 0473 473663

Anche a MIRISSA si possono trovare buone guest house con una incantevole spiaggia.

UNAWATUNA è la spiaggia famosa per le immersioni: si tratta di zona molto turistica e meno bella di quanto era tempo fa.

-AMBALANGODA è IL LUOGO DOVE TROVARE LE MASCHERE ARTIGIANALI PIU’ BELLE DELL’ISOLA.

 

.

 

 

 

 

VACANZE E WEEKEND INSOLITI – IN OLANDA – Dormire in spiaggia vicino a L’Aja

DORMIRE IN SPIAGGIA VICINO A L’AJA

A ROTTERDAM SI DORME A CASA DEGLI ARCHITETTI

TONG TONG FAIR, IL PIÙ GRANDE FESTIVAL EURASIATICO AL MONDO!

NOVITÀ PER KLM: NUOVO VOLO DA GENOVA AD AMSTERDAM

e molto altro…IN OLANDA !!!

———-

Un suggestivo pernottamento nella splendida natura del nord dell’Olanda, tra le dune e il mare

A partire dal mese di aprile fino ad ottobre 2016, gli amanti della natura potranno pernottare in deliziosi cottage sulla grande spiaggia sabbiosa di Kijkduin, località balneare che si trova a sud de l’Aia e seconda spiaggia di Den Haag (l’Aja) in grandezza, dopo quella di Scheveningen.
I lussuosi bungalow sono stati progettati per venire incontro a tutti i gusti e offrono un soggiorno in mezzo alla natura, tra il mare e le dune, con vista sul mare del nord e con il centro della città di L’Aja a soli 30 minuti di bicicletta.

Queste sistemazioni molto moderne, chiamate in olandese “Haagse Strandhuisjes”, (tradotto ‘casette sulla spiaggia di Den Haag), otre ad usare energia pulita, sono costruite con materiali eco-sostenibili. Realizzate in legno, sono dipinte con colori caldi e arredate con cura in stile marittimo.

Ogni bungalow può ospitare 4 o 5 persone, con 2 camere da letto, la prima con un letto doppio e la seconda con letto a castello. Sono provvisti di salotto con angolo cottura open space e bagno con doccia. Essendo ben isolati e con riscaldamento a pavimento, si prestano per pernottamenti anche durante il periodo autunnale. Gli alloggi hanno tutti l’accesso al WiFi.

Prenotazioni

In bassa stagione i bungalow possono essere affittati per 1 settimana, oppure per alcuni giorni infrasettimanali o per un weekend. Mentre in alta stagione, solo a settimana.

Kijkduin

Kijkduin è ideale per lunghe vacanze: la spiaggia è tranquilla e pulita, attorniata da ampie dune che ben si prestano per escursioni a piedi e in bicicletta. Meta ideale per gli amanti del wind e kite surf.

Sul suo boulevard si trovano inoltre numerosissimi ristoranti e beach club alla moda che propongono cucina locale e internazionale.
Da Kijkduin parte la pista ciclabile LF1 che porta da una parte a l’Aia e dall’altra a Hoek van Holland, fino ad arrivare al porto di Rotterdam.
Per ulteriori informazioni e prenotazioni: www.haagsestrandhuisjes.nl

Alla scoperta dei 5 quartieri di Utrecht

Negozi, boutique, locali trendy, ristoranti, cultura e tanto altro. Ecco cosa hanno da offrire i quartieri di Utrecht

Il centro di Utrecht è suddiviso in cinque quartieri, ciascuno con il proprio fascino, con una vasta scelta di negozi e luoghi caratteristici tutti da scoprire.

Qui si può vivere la città dal punto di vista degli abitanti, che spesso si incontrano nelle accoglienti stradine per un aperitivo in compagnia.

Potete trovare locali con terrazzo, boutique esclusive e svariati tipi di sistemazioni per il vostro soggiorno. Le caratteristiche viuzze fanno inoltre spesso da cornice per eventi sorprendenti.

Siete curiosi di scoprire cosa vi aspetta in questi quartieri? Di seguito le nostre proposte per vivere al meglio la città.
Museumkwartier (quartiere dei musei) – un pezzo di storia

Camminando verso sud lungo l’Oudegracht, giungete al Museumkwartier. Sulle sue vie si affacciano case in stile medievale e cortili nascosti. Qui si possono trovare i musei più famosi di Utrecht.

Se si vuole fare un po’ di shopping, molto consigliata è la Twijnstraat, la via più bella della città. Questo è il posto giusto se si è alla ricerca di specialità culinarie, supermercati bio, winebar molto trendy e numerosi ristoranti. Il cuore pulsante del Museumkwartier è Ledig Erf, un’accogliente piazzetta circondata da pub, dalle più belle terrazze di Utrecht e dal centro cinematografico e culturale Louis Hartlooper Complex.

Domkwartier – il cuore pulsante della città

Nel cuore di Utrecht si trova lo storico Domkwartier (quartiere del Duomo), che offre davvero molto da vedere. Al DOMunder è possibile scendere sotto la piazza del duomo ‘Domplein’, per scoprire una grande raccolta di reperti archeologici.

Un’altra esperienza molto consigliata è la salita dei 465 scalini che portano alla sommità della torre del duomo ‘Domtoren’, la torre del duomo, dove vi aspetta una vista mozzafiato su tutta la città.

Intorno alla piazza del duomo si trovano numerosi monumenti, chiostri e stradine storiche. Lungo la Zadelstraat si possono sbirciare le vetrine di boutique esclusive, e qual’è il luogo migliore per concludere la giornata, se non nel cuore di Utrecht?

Sulla Domplein, ‘t Wed e la Mariaplaats ci sono tantissimi ristoranti dall’atmosfera unica, frequentatissimi dagli abitanti che amano incontrarsi con gli amici e trascorrere la serata in compagnia.

Universiteitskwartier – frizzante e attraente

L’Universiteitsqwartier (quartiere universitario) è molto frequentato e pieno di vita. Bar, tavolini all’aperto con ristoranti pieni di studenti e giovani creativi, e nei pub sulla Nobelstraat e il Janskerkhof è festa ogni giorno.

Al sabato, nella piazza, troverete il coloratissimo mercato dei fiori, mentre, qualche metro un po’ più in là, il famosissimo mercato dei tessuti di Utrecht offre stoffe di qualità a prezzi modici.

Per lo shopping sono molto consigliate la Voorstraat e la Biltstraat, per trovare abbigliamento vintage e creazioni di giovani stilisti. Infine, qui potete concedervi una pausa nei migliori ristoranti della città.

Vredenburgkwartier – l’anima dello shopping

Avente intenzione di fare shopping sfrenato a Utrecht? Eccovi nel posto giusto. Con una vasta scelta di botteghe, negozi specializzati, supermercati, è quasi impossibile lasciare la città a mani vuote. La centrale piazza Vredenburgplein si trasforma tre volte a settimana in un vivace mercato, dove poter acquistare pesce fresco, verdura, frutta, formaggio e stroopwafels (biscotti al caramello) ancora caldi.

E dopo una faticosa giornata di compere, si può concludere in bellezza in un accogliente caffè o al ristorante.

Se scendete le scale e raggiungete le banchine, oppure svoltate in uno de tanti vicoli romantici, troverete sicuramente un locale pronto ad accogliervi per un aperitivo o una cena.

Il nostro consiglio è di recarvi nella Drieharingstraat, tra Vredenburg e l’Oudegracht. Dalle tapas al sushi, dagli hamburger alla pasta: qui ne troverete di tutti i gusti per soddisfare qualsiasi palato.

Stadhuiskwartier – il segreto di Utrecht

Nello splendido Stadhuiskwartier si trova la più vasta offerta in termini di shopping e sistemazioni. Gli abitanti lo definiscono il quartiere che ben custodisce segretamente tanti negozi. Dietro le facciate caratteristiche infatti, si nascondono boutique ricche di stile. Qui si possono trovare capi esclusivi, gioielli unici e accessori favolosi, oltre a rari oggetti di design e squisite specialità culinarie.

Non mancano naturalmente locali e ristornati accoglienti, in grado di offrire cucina contemporanea e piatti tradizionali. Nelle strade secondarie si trovano caffé dall’aspetto molto trendy, winebar e terrazze all’aperto adatte anche per una breve pausa. E non dimenticate di dare un’occhiata alla piazza De Neude, il centralissimo luogo di incontro della città: potrebbe esserci un evento sorprendente.

Maliekwartier

Il Maliekwartier è costituito dalla Nachtegaalstraat da un lato, la Burgemeester Reigerstraat dall’altro e dalla Maliebaan nel centro. Insieme costituiscono il collegamento tra la zona orientale della città e il centro storico, e sono un’ottima alternativa per lo shopping. Oltre ai negozi per le spese quotidiane, preparatevi a scoprire botteghe uniche che non troverete così facilmente da nessun’altra parte.
www.visit-utrecht.com

A ROTTERDAM SI DORME A CASA DEGLI ARCHITETTI

DAL 23 aprile al 10 luglio si può prenotare una camera a casa o negli studi di famosi architetti

Per chi ha sempre desiderato di svegliarsi a casa di un architetto olandese, questo sogno potrà finalmente diventare realtà a Rotterdam. Infatti grazie alla nuova iniziativa “Wake up in architecture” (svegliarsi tra architettura), proposta da “Hotel Rotterdam, Wake up in it” sarà possibile prenotare online, invece che una camera di albergo, un letto a casa o in un ufficio di architetti residenti a Rotterdam. Tra i grandi nomi di artisti che ospiteranno ci sono Fancine Houben (MEcanoo) e Robert Winkel (architetto del Mei).

Questa iniziativa viene proposta dal 23 aprile al 10 di luglio, proprio in concomitanza con la International Architecture Biennale Rotterdam (IABR 2016), che avrà luogo al Fenixloods nel quartiere di Katendrecht.

COME ORGANIZZARSI

Per chi decide di organizzare la propria permanenza a Rotterdam a casa di un architetto prima di poter prenotare e sapere dove alloggerà, dovrà cercare il proprio match (il giusto accoppiamento), sul sito dell’organizzazione, inserendo alcuni dati per trovare l’architetto che si addice di più all’ospite.

Per iscriversi dunque bisogna andare sul sito http://www.wakeupinit.com/. In un primo momento verranno chiesti i dati di base e poi verranno inviate alcune domande alla mail dell’ospite per permettere all’organizzazione di creare la migliore combinazione possibile tra artista e visitatore. L’obiettivo è infatti quello di costruire una vera e propria esperienza per entrambi i partecipanti. I posti sono limitati, quindi bisogna affrettarsi a prenotare.

COSTI

È possibile prenotare al costo di 90€ una camera per un viaggiatore singolo mentre a 140€ una camera doppia (tasse incluse). Il prezzo comprende soggiorno per una notte, colazione e un incontro con l’architetto! Sarà possibile conoscere il nome dell’architetto e la via della residenza solo una volta che è avvenuto il match. Tutti gli artisti che partecipano sono stati selezionati oltre che per le loro capacità come architetti, anche per la loro grande ospitalità.

L’organizzazione e gli eventi
Ad organizzare questa iniziativa è Hotel Rotterdam, Wake up in it che cerca di collegare eventi cittadini ad esperienze dirette con gli artisti o protagonisti dell’evento. Infatti oltre ad organizzare Hotel Rotterdam, Wake up in architecture, essi organizzano simili eventi cambiando semplicemente il nome della città che ospita l’evento e il nome dell’evento; come per esempio per il Rotterdam jazz festival Hotel Rotterdam, Wake up in Jazz. In questo caso invece che dormire a casa di architetti si dorme a casa di talentuosi musicisti!
L’obiettivo di Wibbine Kien e Judith van den Berg, ideatrici di Wake up in it, è quello di mostrare i talenti di un festival in un modo unico, creando un’esperienza esclusiva per il visitatore che potrà vivere a stretto contatto con gli artisti.

Ulteriori informazioni
Per ulteriori informazioni o per prenotare una camera è possibile visitare il sito di Hotel Rotterdam, Wake up in it http://www.wakeupinit.com/ o contattare l’organizzazione a info@wakeupinit.com

TONG TONG FAIR, IL PIÙ GRANDE FESTIVAL EURASIATICO AL MONDO!

Dal 28 maggio al 5 Giugno 2016, L’Aia ospiterà la 58° edizione

La storia e gli obiettivi

L’obiettivo dell’organizzazione Tong Tong è quello di promuovere la cultura e la storia indonesiano-eurasiatica ad un vasto pubblico.
La cultura indonesiano-eurasiatica è una cultura secolare, che ha origine quando i commercianti europei navigarono verso l’arcipelago indonesiano e installarono lì le loro attività commerciali.

Sono dunque tre secoli di stretta unione tra i Paesi Bassi e l’arcipelago Indonesiano (e altre culture come quella Malesiana o dello Sri Lanka) che hanno lasciato il segno sia in Indonesia che nei Paesi Bassi.

L’Aia lo dimostra essendo famosa proprio come “la capitale Indonesiana-eurasiatica del mondo”, non solo per ragioni storiche ma anche per il gran numero di organizzazioni Indonesiane presenti in città, per il numero elevato di ‘Tokos’ e ristoranti indonesiani e ovviamente per la Tong Tong fair. Tutto questo accade perché dal 1945 fino alla metà degli anni Sessanta, circa 300.000 persone di ogni rango ed età sono migrate dall’Indonesia all’Olanda per iniziare una nuova vita. La maggior parte di loro erano di origine mista, nati e cresciuti nelle Indie orientali olandesi rimpatriate in un paese che non avevano mai visto prima.

LA FIERA 

La Tong Tong fair si svolge da ben 58 edizioni a L’Aia, ed è la più grande fiera eurasiatica al mondo. Nasce sotto il nome di Pasar Malam Tong Tong nel 1959, per poi diventare nel 2009 Tong Tong fair.

L’evento è una miscela stimolante tra un festival culturale, esposizioni di differenti generi e una fiera culinaria.

Tutto si svolge tra tende e bancarelle. Per chi non ha tempo o denaro per viaggiare fino al Sud-Est asiatico, Tong Tong Fair a L’Aia è il posto perfetto per sentirsi in Oriente.

In fiera è possibile passeggiare per l’immensa esposizione Gran Pasar, dedicata all’est e all’ovest asiatico: un pullulare di centinaia di bancarelle che offrono e esibiscono merce orientale e tantissimi alimenti tipici. Molti degli espositori vengono direttamente dall’Indonesia e in numero crescente anche dal Vietnam e dalla Malesia.
Molto prestigiosa è anche la Food Court tra le più grandi del suo genere in Europa con decine di ristoranti e ‘warungs’.

IL FESTIVAL

Alla Tong Tong Fair le tradizioni e le culture asiatiche non sono solo rappresentate attraverso oggetti e pietanze, ma anche all’interno dei teatri della fiera. 

Il Tong Tong Podium è infatti il luogo dove si esibiscono i maggiori artisti della musica, danza e moda orientale.
L’intimate Tong-Tong-theatre invece ospita conferenze, interviste e varie performance teatrali.
Nel Bengkel (studio) invece è possibile partecipare a diversi tipi di laboratori: musica, danza, arte, cucina per apprendere tutto sulla cultura orientale. Questo è possibile grazie ad artisti, scrittori professori e studiosi provenienti da Indonesia, Singapore, Malesia, Vietnam, Cambogia, Sri Lanka, Stati Uniti e tanti altri paesi che studiano questa cultura.

Questi teatri ospitano in soli nove giorni centinaia di eventi differenti.

Orari e Biglietti
I biglietti includono sia la visita alla fiera che l’ingresso ai vari spettacoli
Giornaliero settimanale: € 13,5, giornaliero weekend: €16,5
Over 65 settimanale: €11 Over 65 weekend: €12,5
Serale (dopo le 17.30): € 7,5, Studenti: €11, Bambini (4-11 anni): € 4,5

Luogo e orari di apertura:
Koningskade 1, 2596 L’Aia, (a cinque minuti a piedi dalla stazione centrale di L’Aia, 30 minuti dall’aeroporto di Schiphol) Aperta dalle 12.00 alle 22.00.
www.tongtongfair.nl

Grande retrospettiva dedicata a Jan Toorop
Più di 200 opere al Gemeentemuseum Den Haag fino al 29 maggio 2016
Jan Toorop (1858-1928) fu uno dei più importanti artisti olandesi del 1900, ed è spesso annoverato insieme ad illustri colleghi quali Van Gogh e Mondriaan. È conosciuto soprattutto per il suo stile Art Nouveau, ma pochi sanno che ha saputo esprimere la propria arte con molti altri stili. Ispirandosi all’avanguardia internazionale del suo tempo, portò un’ondata di stravaganza all’interno di movimenti contemporanei come il Neoimpressionismo e il Simbolismo, diventando una vera e propria guida per l’innovazione della scena artistica dell’epoca, tanto da influenzare colleghi del calibro di Gustav Klimt.
La mostra dedicata a Jan Toorop presso il Gemeentemuseum Den Haag è stata realizzata grazie ai risultati ottenuti dalla ricerca trentennale del curatore Gerard van Wezel. Pensata con l’intento di evidenziare l’eterogeneità dell’opera di Toorop, questa grande retrospettiva espone più di 200 lavori, includendo anche pezzi importanti provenienti da collezioni nazionali e internazionali.
Le opere di Toorop conoscono una vasta popolarità. Nei Paesi Bassi è spesso associato all’Art Nouveau per via della sua famosa locandina Delftsche Slaolie, che rispecchia in toto il movimento. Ma l’artista si cimentò anche in molti altri stili. Quando ad esempio il gruppo di artisti belgi “LesVingts”, di cui era membro, lo mise in contatto con Seurat e altri esponenti francesi del puntinismo, Toorop ne adottò le tecniche, esprimendole in maniera del tutto distintiva.
L’artista ebbe una forte influenza su altri colleghi, e giocò un ruolo importante per lo sviluppo dell’arte moderna. Fu inoltre tra i promotori della prima mostra dedicata a Van Gogh in Olanda (1892), nonché il portatore del Luminismo ad Amsterdam, dove a lui si ispirarono artisti tra i quali Mondriaan. Fu coinvolto nella fondazione dell’associazione per gli artisti dell’avanguardia olandese Moderne Kunstkring, lavorò alla Beurs van Berlage, oltre a progettare interventi decorativi per diverse chiese. Insomma, Toorop fu l’artista che seppe aprire la mentalità olandese alle tendenze moderniste internazionali.
Tra il 1891 e il 1893, Toorop scoprì il suo personale stile Simbolista. Scene di vita quotidiana scompaiono dalle sue opere, per lasciare spazio a scenari onirici e all’immaginazione stravagante, di cui l’opera Fatalisme (1893) è un esempio. In questo periodo espose a Vienna, e la sua opera divenne fonte di ispirazione per gli artisti dell’avanguardia viennese, tra cui Klimt.
Per quanto possa sembrare che Toorop si sia destreggiato costantemente tra i diversi stili della sua epoca, la ricerca di Gerard van Wezel dimostra una scelta estremamente conscia di ogni variazione stilistica. Toorop si ispirava infatti deliberatamente alle tendenze artistiche internazionali, per adattare ogni sua opera alla funzione specifica che doveva assumere, o all’ambiente nel quale doveva essere presentata. Ciò lo rese uno dei primi veri artisti moderni, che ricoprirono un ruolo fondamentale per le avanguardie del periodo.
Le principali opere in prestito
La mostra è stata finanziata in parte da Fonds 21 e da VSBfonds. Grazie al loro generoso apporto e a quello di K.F. HeinFonds, Stichting De Gijselaar-Hintzenfonds e StichtingGifted Art, il Gemeentemuseum ha potuto includere nella mostra un numero importante delle opere più significative di Toorop, mai esposte prima in Olanda. Per questo motivo, l’esposizione a L’Aja è la più importante retrospettiva che rivela l’importanza del lavoro di questo artista.
Dopo L’Aja, la mostra si sposterà con delle modifiche presso Villa Stuck a Monaco, al Museum Bröhan di Berlino e al Musée d’Orsay di Parigi.
http://www.gemeentemuseum.nl/
A’DAM, una nuova torre spettacolare con vista sulla città
A’DAM è una torre che sorgerà dietro alla Stazione di Amsterdam e che, come il vicino EYE Film Institute, saprà come attirare l’attenzione. Commissionata in origine dalla Royal Dutch Shell, che la utilizzò tra il 1971 e il 2009, A’DAM si presenterà, dopo una significativa ricostruzione, come uno spazio polifunzionale pronto agli inizi di maggio 2016. Oltre a molti uffici, A’DAM ospiterà diversi bar, un hotel (il Sir Adam), ristoranti di qualità, un night-club e uno spettacolare osservatorio panoramico da cui ammirare il centro storico di Amsterdam, il suo porto e il caratteristico paesaggio olandese dei dintorni. Il diciannovesimo piano inoltre, sarà girevole, per un’esperienza ancor più indimenticabile. La torre offre la migliore vista a 360 gradi sulla capitale olandese, e per raggiungerla sarà necessario attraversare il fiume IJ in traghetto, rendendo la visita suggestiva sin dall’inizio. Per completare il quadro, A’DAM ospiterà una mostra interattiva all’avanguardia dedicata alla storia e alla cultura della capitale olandese.
La location è adatta per l’organizzazione di eventi, oltre che per cene e aperitivi di lavoro e il suo nome, A’DAM, acronimo di “Amsterdam Dance and Music”, ben riflette la filosofia dei suoi proprietari: le famose società dell’industria musicale olandese ID&T, AIR Events e Massive Music. A’DAM ospiterà infatti le sedi di queste società creative che hanno in comune la passione per la musica, con lo scopo di creare terreno fertile per collaborazioni sempre nuove.
Sir Adam Hotel
Il Sir Adam è il nuovo hotel che si va ad aggiungere alla gamma degli hotel di lusso e boutique hotel della catena SIR Hotels. Fratello minore del pluripremiato Sir Albert Hotel, il Sir Adam si troverà all’interno della torre A’DAM.
Oltre alle circa 110 stanze, il Sir Adam sarà provvisto di un grande spazio creativo, un ristorante, un terrazzo e un elegante bar. Nonostante non siano ancora stati rivelati i dettagli di questa nuova struttura, una cosa è certa: il Sir Albert offrirà una vista mozzafiato sullo skyline di Amsterdam.
The Loft, 16° piano
The Loft è il nome del lussuoso attico che si troverà al 16° piano della torre A’DAM.

Lo spazio sviluppato su 2 livelli sarà arioso, accogliente e invitante, essendo fatto di finestre che vanno dal pavimento al soffitto, che mostreranno ampie vedute della città di Amsterdam.
Questo attico, affittabile sia da aziende che da privati sarà completo di una cucina open space e di due lussuose camere da letto.

Filosofia
Lo sviluppo di A’DAM può essere considerato un progetto di trasformazione e riqualificazione di uffici davvero unico nel suo genere. Spazio monofunzionale originariamente concepito per ospitare 400 impiegati, A’DAM viene ora trasformato in edificio polifunzionale che sarà frequentato mediamente da circa 2.500 persone ogni giorno.
Il progetto di rinnovo rispetta la visione e l’architettura originale ideata da Arthur Saal. La caratteristica tricotomia della struttura scura poggiata su basi bianche, così come l’inconfondibile corona nella parte superiore dell’edificio, rimarranno caratteristiche principali della torre.
www.adamtoren.nl

I CENTO ANNI DELLO STILE “LA SCUOLA DI AMSTERDAM”

Con il termine “Scuola di Amsterdam” si designa uno stile di architettura espressionista reso popolare ad Amsterdam tra il 1910 e il 1930, e ancora oggi molto presente nella capitale olandese. Per celebrarne il centenario, l’iconico museo Het Schip presenterà al pubblico i risultati della sua ristrutturazione ed espansione il prossimo 12 marzo. Lo Stedelijk Museum inoltre, dedicherà una mostra alla Scuola di Amsterdam, in esposizione dal 9 aprile al 28 agosto. 

Amsterdam è sempre stata una città ricca di spirito creativo dal quale, cento anni fa, è scaturito uno stile architettonico battezzato Amsterdamse School (Scuola di Amsterdam). Sviluppatosi tra il 1910 e il 1930, questo stile ha le proprie radici nell’architettura espressionista, arricchita da elementi dello Jugendstil (Art Nouveau) e dall’estetica del design dell’Art Deco.

I festeggiamenti per i cento anni della Scuola di Amsterdam vedono l’impegno di importanti istituzioni: Amsterdamse School Museum Het Schip, Stedelijk Museum, Architectuur Centrum Amsterdam (ARCAM), Grand Hotel Amrath, Monumenten en Archeologie (Dipartimento Monumenti e Archeologia) e Stadsarchief (l’archivio cittadino). Per l’occasione, il museo Het Schip (tradotto ‘la barca’) riapre il 12 marzo dopo importanti lavori di ampliamento e ristrutturazione, mentre lo Stedelijk Museum ospiterà, dal 9 aprile al 28 agosto, una mostra dedicata agli interni della Scuola di Amsterdam, dove si potranno vedere mobili, lampadari , orologi e oggetti vari. La rassegna rappresenterà infatti più di 500 oggetti di questa corrente artistica, nello specifico di artisti come Louis en Willem Bogtman, Joseph Crouwel, Michel de Klerk e Piet Kramer.
Le origini

La Scuola di Amsterdam vide i suoi natali all’interno dell’ufficio del famoso architetto Eduard Cuypers, sebbene quest’ultimo non ne sia stato il fondatore. Sin dall’inizio del XX secolo molti giovani designer, artisti, architetti e politici vollero sovvertire l’ordine sociale prestabilito. Ciò scaturì in una esplosione di creatività che venne identificata col nome di “Amsterdamse School”.

Nel 1911, Johan van der Mey divenne il primo responsabile per l’estetica della città. A lui fu commissionata la realizzazione dello Scheepvaarthuis, l’edificio che doveva fungere da quartier generale per le sei principali compagnie navali della città. Con la collaborazione di Michel de Klerk e Piet Kramer, Van der Mey realizzò uno dei principali esempi di architettura della Scuola di Amsterdam. La prima area dello Scheepvaarthuis aprì ufficialmente nel 1916, e ospita oggi il Grand Hotel Amrâth.
De Klerk, Van der Mey e Kramer volevano distaccarsi dall’architettura tradizionale. Per questo la Scuola di Amsterdam è caratterizzata dall’utilizzo di mattoncini sia come elementi strutturali che di design, da una forma tondeggiante, da decorazioni in pietra, ferro lavorato, guglie e finestre “a pioli” con barre orizzontali. Esempi emblematici di questo stile sono visibili nel quartiere “Rivierenbuurt”.
Lo stesso Museum Het Schip, progettato da De Klerk nel 1919, ne è un esempio. Costituito in origine da 102 appartamenti destinati alle famiglie della classe operaia, ospita oggi un museo dedicato alla “Amsterdamse School”.
www.100jaaramsterdamseschool.nl

INOLTRE IN BREVE
Vedi precisazioni su www.holland.com/it

NOVITÀ PER KLM: NUOVO VOLO DA GENOVA AD AMSTERDAM

Dal prossimo 22 aprile 2016 la compagnia aerea olandese collegherà il capoluogo ligure ad Amsterdam tutti i giorni della settimana.

L’“HOTEL DEL FUTURO” FA IL SUO DEBUTTO AD AMSTERDAM

CITYHUB crea un’esperienza di viaggio rivoluzionaria per la Generazione Y

Il Festival della Birra nella chiesa di Groningen

Il festival si svolgerà l’8 e il 9 aprile 2016, preceduto il 7 da una cena di birra per 600 persone

Nuovo tunnel ciclabile sotto la stazione di Amsterdam

Dalla Stazione Centrale di Amsterdam, un tunnel per ciclisti e pedoni porta dal centro alle banchine sull’IJ.

Alla scoperta dei 5 quartieri di Utrecht

Negozi, boutique, locali trendy, ristoranti, cultura e tanto altro. Ecco cosa hanno da offrire i quartieri di Utrecht

A Rotterdam si dorme a casa degli architetti

Dal 23 aprile al 10 luglio si può prenotare una camera a casa o negli studi di famosi architetti

Tong Tong Fair, il più grande festival eurasiatico al mondo!

Dal 28 maggio al 5 Giugno 2016, L’Aia ospiterà la 58° edizione della fiera euroasiatica

L’Aia, grande retrospettiva dedicata a Jan Toorop

Più di 200 opere al Gemeentemuseum Den Haag fino al 29 maggio 2016

A’DAM, una nuova torre spettacolare con vista sulla città

A’DAM è una torre che sorge dietro la Stazione di Amsterdam con ristoranti, hotel e un osservatorio panoramico

I cento anni della corrente architettonica “La scuola di Amsterdam”

L’iconico stile architettonico della Scuola di Amsterdam al Museo Het Schip e allo Stedelijk

A Maastricht una mostra dedicata al grande chef Ferran Adrià: Note sulla creatività

Per la prima volta in Europa dal 10 marzo al 3 luglio una mostra sulle creazioni del leggendario cuoco dell’ex ristorante spagnolo El Bulli

VACANZE OPEROSE; PAGARSI LE VACANZE LAVORANDO NELLE FATTORIE.

SI CHIAMA WWOOF, WORLD WIDE OPPORTUNITIES ON ORGANIC FARMS.

www.wwoof.net

Si tratta di una rete mondiale di fattorie biologiche che accettano aiuti, concreti, al posto della solita tariffa per il soggiorno.

Si tratta di fare lavori agricoli; come aiutare a raccogliere il fieno (assai gravoso), ma anche aiutare  a preparare le marmellate ( e se sono grandi quantitativi non è solo divertimento, ma anche fatica).

Premesso questo, basta mettere bene in chiaro, prima, le ore di lavoro e il tipo di lavoro che siamo disposti ad accettare. Magari chiedendo una foto della camera dove saremo alloggiati e del suo bagno; meglio essere prudenti, come per le ragazze alla pari è sempre possibile incappare in veri sfruttatori di queste opportunità che pretendono orari e ritmi da lavori forzati.

SE vi informate bene e siete prudenti, potreste trovare una soluzione per molte vacanze attive ed economiche !

LOW COST STREET FOOD PER VACANZE E WEEKEND a … Copenaghen

A POCHI PASSI DAL NOMA…

offrire alla gente del cibo di qualità con il giusto prezzo e il motto dell’iniziativa è “Genuino, onesto ed estetico”.

Dal chiosco dei burritos alla signora che serve ostriche fresche.

A pochi passi dal Noma, il ristorante dello chef René Redzepi che con due stelle Michelin è arrivato a raggiungere il tetto dei The World’s Best Restaurants, sorge il

nuovo mercato del cibo di strada sull’isola di carta, Papirøen, che deve il suo nome al precedente utilizzo dell’area come stoccaggio di carta.

Copenaghen cph-street-food-truck

Copenaghen cph-street-food-thewinebar

copenhagen-street-food1

Copenaghen cph-street-food-tallerk-2

Ora la struttura racchiude

-vecchi truck americani e alcuni chioschi, dove acquistare

-a poche corone il gustoso pasto.

Qui infatti si trovano

cibo cubano, il classico

-Fish & Chips,

panini di ogni sorta,

pollo allo spiedo,

pizza cotta nel forno a legna,

zuppe del giorno,

salsicce artigianali e hot dog, patatine fritte, carne alla griglia, tacos messicani e

-gli immancabili smørrebrød (fette di pane imburrate farcite di ogni bendidio).

Copenhagen Street Food non è solo cibo: un ricco calendario di eventi – dagli appuntamenti del Jazz Festival al Kulturhavn,

http://www.visitdenmark.it/it/denmark/copenhagen-jazz-festival-gdk474738

il festival estivo fronte mare dedicato alla cultura offre una piacevole esperienza senza svuotare le tasche.

Insomma una valida

-alternativa economica ma gustosa in un ambiente easy e colorato per godersi anche l’ottima vista sull’Operahouse e sul Teatro di Prosa Reale.

 — Copenaghen è la capitale gastronomica del Nord Europa, ospita il ristorante più premiato del mondo, il Noma, e ha rilanciato la gastronomia nordica.

La fama del Noma, ha fatto nascere tante nuove e più economiche idee:

-l’apertura del mercato coperto di Torvehallerne è la volta di una nuova mecca del cibo: Copenhagen Street Food, il nuovo regno del cibo di strada a prezzi contenuti.

 Cibo di strada a Copenaghen. Cosa ti va di mangiare?

Le bancarelle del nuovo spazio dedicato allo Street Food servono differenti tipologie di cibo di strada che possono variare in base alle disponibilità del mercato.

 Il mercato dello Street Food è stato inaugurato nella primavera 2014 nell’area di Papirøen, un complesso industriale dedicato in passato allo stoccaggio della carta, ampio a sufficienza per 40 camioncini. Papirøen si trova sul porto di Copenaghen, non lontano dal Noma di Redzepi.

Creatività e prezzi bassi

Il concetto del Copenhagen Street Food è stato ideato dal ristoratore Jesper Møller che guida il ristorante del National Museum of Denmark e Toldboden in collaborazione con Dan Husted, che tra le altre cose ha progettato i ristoranti Paté Paté, Bibendum e Falernum sempre a Copenaghen.

-L’idea di fondo è quella di

-offrire alla gente del cibo di qualità con il giusto prezzo e il motto dell’iniziativa è “Genuino, onesto ed estetico”.

Un nuovo punto di riferimento per la gastronomia di Copenaghen, sulle orme di celebri esempi come il Borough Market di Londra.

La varietà dell’offerta è anche uno dei punti di forza di questo nuovo paradiso gastronomico, proprio perché si va

-dal chiosco dei burritos alla signora che serve

-ostriche fresche. Tutto con l’attenzione al prezzo, infatti l’obiettivo è di dare

— l’opportunità di trovare piatti a meno di 7/8€ (50dkk), e ai gusti di tutti,

-dai palati più sofisticati ai bambini.

Inoltre, al Copenhagen Street Food non si mangia soltanto ma c’è un ricco calendario di eventi – dagli appuntamenti del Jazz Festival al Kulturhavn, il festival estivo fronte mare dedicato alla cultura.

Orari

Lunedì-giovedì: 10.00-24.00
Venerdì e sabato: 10.00-24.00/02.00
Domenica: 10.00-22.00

Aperture differenziate per i chioschi
Food Trucks: 12.00-22.00, qualcuno chiude prima
Bar & Cocktail: 12.00-24.00/02.00
Coffee Truck: 10.00-24.00

Gli orari possono variare causa maltempo

Dove

Copenhagen Street Food
Papirøen/The Paper Island
Warehouse 7 & 8
Trangravsvej 14, 1436 Copenhagen K

Partner

Copenhagen Street Food è sostenuto da Copenhagen Cooking, Kulturhavn, Wonderful Copenhagen, ArtRebels, Danish Documentary, By & Havn. Inoltre Copenhagen Street Food supporta la conservazione della razza bovina rossa danese e in particolare l’azienda Thorshøjgaard.

Vuoi aprire un tuo stand?

Se hai voglia di unirti all’avventura del Copenhagen Street Food, perché non provi a fare domanda per un tuo stand o furgoncino? Trovi tutte le informazioni sul sito Copenhagen Street Food

Informazioni pratiche

Pagamenti:
la maggior parte dei chioschi accetta contanti e carte di credito
Trasporti:
5 minuti in bici da Højbro Plads; 3 minuti a piedi dalla fermata 9a su Prinsessegade; 15 minuti a piedi dalla fermata della metro di Christianshavn
Trasporti su battello:
l’harbour bus 993 arriva direttamente a Papirøen da Nyhavn/Havnegade. Salta su una barca ogni giorno della settimana tra le 9 e le 18. Il battello parte ogni 20 minuti da Nyhavn – Experimentarium City – The Opera.

 Tour sui canali vedi: http://www.visitdenmark.it/it/denmark/canal-tours-copenhagen-gdk410731

Una crociera speciale e insolita – ANCHE PER GOLOSI – Con HURTIGRUTEN in Norvegia

Un viaggio ideale in tutte le stagioni per scoprire la Norvegia .

Con Hurtigruten ci si sente veramente parte integrante della Norvegia.

E’ ANCHE POSSIBILE  EFFETTUARE LA CROCIERA PIU’ COMPLETA: Geirangerfjord, Alesund, Trondheim, Isole Lofoten, Tromso, Capo Nord, ecc.

UNA CROCIERA A CONTATTO CON LA POPOLAZIONE; USI E COSTUMI, GIA’ A BORDO, ANCHE PER LA CUCINA.

UNA VALIDA E INTERESSANTE ALTERNATIVA ALLA SOLITA CROCIERA “STERILIZZATA”.

000NORVEGIA OKOKOK

NORVEGIA OK PAESINO OK

NORVEGIA OK PONTE OK

NORVEGIA RISTORANTE SALMONE MARINATO PRIMO

 – Scoprire i fiordi norvegesi a bordo del

— Postale dei Fiordi rappresenta un modo unico e incantevole per entrare in contatto con questa terra, bella in ogni stagione dell’anno.

Da 120 anni le navi del Postale dei Fiordi Hurtigruten viaggiano lungo la costa norvegese: questo itinerario è considerato il viaggio più bello del mondo.

— Con Hurtigruten ci si sente veramente parte integrante della Norvegia, in quanto è possibile vivere a fondo la tradizione di questa terra: equipaggio, cibo ed esperienza sono tutti norvegesi.

Per altre foto e suggerimenti vedi al link: http://www.donnecultura.eu/?p=4535

Dal 1878 Chiariva offre soluzioni di viaggio autentico, destinate a rimanere nella mente e nel cuore dei propri clienti: la crociera con il Postale dei Fiordi, che fa parte delle proposte del T.O. milanese da diversi anni, è da sempre stato molto apprezzato da parte dei viaggiatori.

Chiariva propone tre itinerari:

la CROCIERA VERSO SUD, della durata di 8 giorni con partenze giornaliere. Si parte da Kirkenes e si toccano Capo Nord, le Isole Lofoten, Trondheim e si arriva a Bergen.

Quote per persona in cabina doppia interna con trattamento di mezza pensione in cabina interna

 La CROCIERA VERSO NORD, della durata di 9 giorni con partenze giornaliere.

Si parte da Bergen, per giungere a Geirangerfjord, Alesund, Trondheim, Isole Lofoten, Tromso, Capo Nord e si sbarca a Kirkenes.

Quote per persona in cabina doppia interna con trattamento di mezza pensione in cabina doppia interna a partire da euro 1.406,00 (nel mese di agosto)

 La CROCIERA CIRCOLARE, tour di 14 giorni con partenze giornaliere. E’ il più completo, si parte e si ritorna a Bergen, toccando tutte le città e i luoghi più importanti lungo la costa: Geirangerfjord, Alesund, Trondheim, Isole Lofoten, Tromso, Capo Nord, ecc.

Quote per persona in cabina doppia interna con trattamento di mezza pensione in cabina doppia interna a partire da euro 2.005,00 (nel mese di agosto)

 Le quote comprendono:

-1 pernottamento a Bergen,

-1 ad Oslo per le crociere verso Sud e Nord

-o 2 pernottamenti a Bergen per la crociera Circolare, il pernottamento in cabina doppia interna con trattamento di mezza pensione.

-Le quote non comprendono: i voli dall’Italia con le tasse aeroportuali, la quota d’iscrizione e l’assicurazione.

Le quote speciali per la crociera Hurtigruten sono soggette a disponibilità.

PRENOTATE A PARAGONATE I PREZZI:

http://www.crociere.com/crociera/comp_39/hurtigruten.html

https://www.visitnorway.it/pianifica-il-viaggio/come-muoversi/sponsors/hurtigruten/in-crociera-con-hurtigruten/

Se volete tutto organizzato:

BOOKING  CHIARIVA: Telefono 02 80581002 / 02 8056280  – Fax 02 80581954 – email:  “mailto:info@chiariva.it” info@chiariva.it

Per informazioni al pubblico:

Chiariva by Vivamondo

Via Meravigli 16 – 20123 Milano