Archivi categoria: VIAGGI

Viaggi: in economia, style&luxury, terme…extra Europa, Europa, Italia,

SHE BIKE – 28 novembre SPECIALE: IN BICI CON FILIPPA PEDALANDO FRA VOLPEDO CASTELLANIA E NOVI LIGURE SKY 214 – BIKE CHANNEL

image003
Arriva in tv She Bike – Speciale: in Bici con Filippa pedalando fra Volpedo, Castellania e Novi Ligure, Sky 214 – Bike Channel, sabato 28 novembre alle ore 21.

Filippa Lagerback torna in sella su Bike Channel di Sky 214 per esplorare i territori della nostra Italia.

Riparte dal Piemonte ed in particolare in provincia di Alessandria dove, pedalando con una speciale guida “mitica” come Michela Moratto (del comitato tecnico della ciclostorica LaMitica di Castellania) andrà alla scoperta delle sue mille variazioni di paesaggi, colore, sapori, profumi e storia.

Riparte da Volpedo il viaggio a due ruote con Filippa, in questo piccolo borgo antico conosciuto per aver dato i natali al pittore Pellizza, celebre per la sua opera immensa “Quarto Stato”, fra Val Curone e Val Grue e Colli Tortonesi.

Lo speciale di Bike Channel della durata di 24 minuti propone un triangolo di cicloturismo lento e ricco di gusto che ha come apice il mitico paese natio di Fausto e Serse Coppi, Castellania, e come punto di arrivo Novi Ligure, la cittadina che ospita il Museo dei Campionissimi e che propone con il suo Distretto Novese una varietà di prodotti enogastronomici, vere e proprie eccellenze del Territorio.

Da Sabato 28 novembre, alle ore 21, in prima serata, tutti in bici con Filippa nel nostro Piemonte alessandrino. Il reportage è promosso da Alexala, Atl per la promozione del turismo in provincia di Alessandria, nell’ambito del progetto Piemonteciclabile.com, il sito che segnala tutti gli itinerari giusti e da pedalare con gusto da soli o in compagnia, anche in famiglia, alla scoperta di un meraviglioso territorio che finalmente ospita anche un consorzio di strutture bike friendly.

Web www.piemonteciclabile.com

Le repliche: 29 novembre H9;

30 novembre H3,00 – H15;

4 dicembre H22,30;

5 dicembre H10,30;

6 dicembre H4,30 – H16,30;

7 dicembre H23,00;

8 dicembre H11,00;

9 dicembre H5,00 – H17;

15 dicembre H22,00;

16 dicembre H10,00;

17 dicembre H4,00 – H16;

27 dicembre H18,30;

28 dicembre H6,30;

29 dicembre
H0,30 – H12,30

Il pomo di Bike Channell Sky 214
QUI: https://youtu.be/7TPzikAhjwU

PONTE DELL’IMMACOLATA A FIRENZE WEEKEND MAGICO E INDIMENTICABILE ANCHE PER I VOSTRI BAMBINI

IL PONTE DELL’IMMACOLATA A FIRENZE

tante idee anche pe ri vostri bambini

MERCATINI DI NATALE ORIGINALI DALLA GERMANIA E TANTE GOLOSITA’ – MOSTRE D’ARTE E

FIRENZE WINTER PARK PATTINAGGIO AL COPERTO

COVER NATALE IMAG0915

Meglio in un hotel da sogno…

La città di Firenze, magica in ogni periodo dell’anno, a Natale acquista un fascino ancora più seducente.

Chalet in piazza Santa Croce.

Aria di Natale sin dal 2 dicembre in uno degli angoli più celebri di Firenze: fino al 20, infatti, in Piazza Santa Croce si terrà il mercatino tedesco Weihnachtmarkt che da quattordici anni scalda il cuore di adulti e bambini.

Nella piazza viene allestito un tipico villaggio natalizio arricchito da decorazioni e illuminazioni che scintillano sulle bancarelle.

Un giocoso percorso fra oggetti per il presepe e addobbi natalizi, idee-regalo e tentazionigastronomiche, per un viaggio nel gusto e nelle tradizioni a tutto tondo.

Di grande atmosfera è anche “Florence Noël”, allestito presso l’ex Stazione Leopolda: ad accogliere il visitatore è una finta nevicata che immerge nelle atmosfere del profondo nord e all’interno un caldo gioco di luci ed alberi di Natale preparano alla parte più pittoresca della mostra, ovvero la ricostruzione della Casa di Babbo Natale, completa di camera da letto e studio, e con tanto di ufficio postale per le letterine.

Il Firenze Winter Park

Per il quarto anno consecutivo “Firenze Winter Park” sarà il centro del divertimento natalizio fiorentino con la grande pista di pattinaggio coperta, le due emozionanti piste di snowtubing ed un ristorante con specialità gastronomiche di montagna.

L’impianto, situato nel giardino dell’Obihall Teatro di Firenze, offre la possibilità di acquistare abbonamenti settimanali o giornalieri alla pista di pattinaggio e di scegliere fra le due piste di snowtubing: una, più veloce, per gli adulti o per tutti coloro che desiderino un brivido in più.

Per i bambini, invece, una pista a minor pendenza con la possibilità di avere gommoni a due posti per i piccoli accompagnati dai genitori. Accanto alle piste numerosi stand espositivi per gli ultimi acquisti natalizi e per un gustoso spuntino.

DORMIRE A FIRENZE NEL LUSSO E MOLTO DI PIU’… 

Firenze 450 hotel Brunelleschi 4_Deluxe vista duomo e campanile front

L’Hotel Brunelleschi offre panorami unici ed un pacchetto ad hoc
per un weekend fra mercatini e divertimento per grandi e piccoli.

L’Hotel Brunelleschi, nel cuore della città, propone un pacchetto per ritagliarsi una piccola pausa prima delle impegnative festività natalizie.

Una scusa in più per visitare questa affascinante città ed alloggiare in un hotel senza tempo? I mercatini di Natale ed il Firenze Winter Park, vere attrazioni dell’inverno fiorentino.

Il Pacchetto Ponte dell’Immacolata dell’Hotel Brunelleschi comprende:
Uno o più pernottamenti nella tipologia di camera prescelta; prima colazione a buffe negli storici saloni Liberty e Stemma; Wifi gratuito; utilizzo dell’area fitness. In più, l’8 dicembre, una tazza di cioccolato caldo al Tower Bar per una dolce Immacolata.

Prezzo del pacchetto a partire da euro 144,00 a persona a notte.
Valido dal 4 all’8 dicembre 2015.

L ’Hotel Brunelleschi
Situato in un’armoniosa piazzetta nel centro storico fiorentino, su Via de’ Calzaiuoli, a pochi passi dal Duomo, Palazzo della Signoria e Galleria degli Uffizi, l’hotel è attorniato dalle vie dello shopping e dai musei più famosi della città. L’Hotel Brunelleschi ingloba nella facciata una torre circolare bizantina del VI secolo e una chiesa medievale, interamente ristrutturate nel rispetto delle caratteristiche originali. All’interno, un museo privato conserva reperti rinvenuti durante il restauro della Torre e un calidarium di origine romana, oggi incastonato nelle fondamenta. L’Hotel Brunelleschi fa parte degli Esercizi Storici Fiorentini. L’albergo è stato rinnovato in uno stile classico contemporaneo estremamente elegante, dove predominano i colori chiari e il grigio della tipica pietra serena.

Il Ristorante Santa Elisabetta è il ristorante gourmet dell’hotel e si pone come uno degli indirizzi gastronomici più interessanti su Firenze. Situato in una sala intima consolo 7 tavoli al primo piano della torrebizantina facente parte dell’hotel, alla location invidiabile aggiunge un’atmosfera ricercata e la cucina dello chef Giuseppe Bonadonna. È aperto dal martedì al sabato, dalle 19.30 alle 22.30.

Lapiù informale “Osteria della Pagliazza” apre tutti i giorni dalle 12.30 alle 22.30. Situata al pianterreno dell’hotel propone un menu sfizioso di piatti dichiaratamente a base di ingredienti del territorio.

Hotel Brunelleschi
Via de’ Calzaiuoli – Piazza Santa Elisabetta 3 – 50122 Florence
Tel. 055/27370 – Fax 055/219653
e-mail info@hotelbrunelleschi.it – Internet www.hotelbrunelleschi.it

GASTRONOMIA IN ALTO ADIGE LE MALGHE NELLA GUIDA ESPRESSO 2016

TOP DELL’ACCOGLIENZA GASTRONOMICA DI MALGHE, RIFUGI E BAITE GOURMET

La gastronomia tradizionale delle malghe:

novità assoluta della Guida Espresso 2016 per l’Alto Adige

Un significativo riconoscimento per le eccellenze della tipica cucina di montagna altoatesina a base di prodotti genuini dal sapore antico

Ancora una prestigiosa affermazione per la gastronomia altoatesina, in particolare quella declinata “in quota” nelle accoglienti malghe di montagna dove tradizione, sapori e genuinità si fondono in un unicum indimenticabile per gli ospiti.

Ormai in vista fine dell’anno, l’uscita delle guide de “L’Espresso” dedicate a ristoranti e vini d’Italia, è certamente una pubblicazione imperdibile per gli amanti della buona tavola.

Ma, in particolare, la novità assoluta nel volume dedicato all’Alto Adige, curato da Gigi Costa – che si può acquistare nelle edicole o in libreria al prezzo di 6,20 euro – è proprio il capitolo dedicato al top dell’accoglienza gastronomica di malghe, rifugi e baite gourmet (aperte tra l’altro anche nel periodo invernale). Un riconoscimento per la professionalità e la passione di chi gestisce strutture in alta quota, che hanno davvero tutto per “scalare le vette del gusto”.

La prestigiosa segnalazione per la cucina di montagna altoatesina è così toccata alla Malga Capanna/Neuhütte ad Aldino, situata a 1791 metri in un’idilliaca radura con vista sul Catinaccio e il Latemar, gestita da Peter Franzelin, discendente da una storica famiglia di albergatori (info: www.gasthof-krone.it/it/baita-aldino.htm); alla Malga Getrum, appollaiata alla ragguardevole quota di 2083 metri a Reinswald in Val Sarentino, per merito delle imperdibili delizie casalinghe preparate da Heini e Anni Gruber (info: 04711880639); infine alla Malga Isi di Redagno, a 1850 metri, ai piedi del Corno Nero, di Isolde Daldoss e Philipp Vescoli, che offre una scelta di piatti a base di ingredienti biologici e biodinamici, rinunciando consapevolmente a qualsiasi esaltatore di sapidità (info: www.isi.st/).

Informazioni:
Consorzio Turistico Bolzano Vigneti e Dolomiti
tel. 0471 633 488
info@bolzanodintorni.info
www.bolzanodintorni.info

ROMA O ATENE? Al centro della cultura moderna aspira DOHA…in QATAR !

aereo 450 Quatar airlines in partenza da aeroporto di Doha

QATAR AIRWAYS LA COMPAGNIA CON GLI AEREI PIU’ MODERNI DEL MONDO.

I PAESI DEL GOLFO, SONO ACCUSATI DI AVERE UN ATTEGGIAMENTO AMBIGUO A CAUSA DEI FINANZIAMENTI AI TERRORISTI.

ANCHE L’ITALIA, UNO DEI PAESI OCCIDENTALI CHE VENDE ARMI ALL’ ARABIA SAUDITA, E’ SICURAMENTE COINVOLTA IN IMPORTANITISSIMI AFFARI ECONOMICI CON TUTTI PAESI DEL GOLFO.

Qui sotto vi parliamo di uno dei Paesi del Golfo, il QATAR CHE SI STA LANCIANDO NEL MONDO COME FUTURA META TURISTICA.

TRA LE TANTE IMMENSE OPERE, SI STA COSTRUENDO UNA INTERA GALLERIA VITTORIO EMANUELE, COPIA ESTTA DI QUELLA DI MILANO … forse un po’ inquietante .. alla luce degli ultimi fatti politici…

GUARDIAMO COME IL QATAR SI PREPARA AL FUTURO… che, quasi sicuramente,  prevede anche uno dei primi posti al mondo nella classifica degli spostamenti delle masse turistiche … un futuro dove il turismo andrà a guardare le copie della nostra civiltà ?

Appariranno  musei che raccoglieranno i reperti archeologici oggi venduti dall’ISIS ?

Questi Paesi. così ricchi ed in forte crescita economica  e demografica, cosa permetteranno che rimanga dell’Europa ? !

QUATAR grattacieli da lontano m

La nuova Doha, capitale del Qatar.

SL Quatar isola artificiale

Doha. Nuove urbanizzazioni dall’aereo.

Un’altrenativa raffinata e colta alla straconosciuta e superpubblicizzata Dubai; eccovi Doha !

Qatar yact sotto casa

Lo yacht per fare lo shopping.

Qatar teatro marmo italiano s

Il teatro in marmo italiano.

Qatar uomini a cavallo m

Qatar souk abiti m

Qatar nuovo centro culturale 1

Nuovo centro culturale.

Qatar nuovo centro culturale coperture dal sole ok ok

Nuovo centro culturale con copertura per il sole.

Qatar muri rivestiti di disegni di tappeto ok ok

Disegni tradizionali riprodotti sui muri.

Quatar grande catiere 2014 n

Doha, un enorme cantiere; segno di prosperità.

Qatar ok torri grattacieli n

Qatar nuvi centri espositivi m

Nuovi centri espositivi.

Qatar nuovo centro espositivo mostre

Qatar nuovo centr culturale programma

Qatar mostra rosso

Opere in mostra.

Qatar mostra maschera scura

Qatar centro antico ristrutturato cavallo

Antico souk ristrutturato e pieno di bar per turisti; con aria condizionata.

Qatar antico souk ristrutt case

Qatar antico souk ristrutt

Qatar barca sotto casa n

Qatar grattacieli gemelli blu

Qatar grattacieli blu

Qatar centro culturale ok parole  teste

Qatar grattacieli ok 21

Qatar grattacieli 2

Qatar una rotonda s

Una rotonda in città.

Qatar torri grattacieli blu n

Qatar antico souk b

Qatar preziosi tessuti nel souk n

Qatar scarpe di ogni colore in palstica vIMG_9594

Scarpe, anche di plastica, di tutti i colori e forme; nel souk.

Qatar centro o moschea n

Elementi di architettura tradizionale, ripresi in chiave moderna.

Qatar centro culturale coprtura

Qatar grattacieli bello b

Qatar grattacieli 3d

Qatar la guida tour city j

La guida del City Tour offerto dalla linea aerea Qatar Airways ai passeggeri che abbiano lunghe soste diurne o notturne..

Qatar aeroporto varie b

E’ STATO APPENA INAUGURATO UN NUOVO AEROPORTO: GRANDIOSO !

Le donne possono girare per le strade anche vestite all’occidentale, ma tutte le donne locali appaiono velate e vestite completamente di nero (tessuti preziosissimi, anche ricamati, Rolex d’oro, gioielli da mille e una notte….).

I mesi migliori vanno da novembre-dicembre a marzo-aprile; poi il caldo imperversa, si può stare comunque benissimo, l’aria condizionata è ovunque; purché non si pretenda di camminare per le strade o comunque all’aperto … un clima molto diverso dal nostro.

Moltissimi italiani vivono e lavorano, con grande successo, per i Paesi del Golfo.

————–

IL TURISTA E’ IL BENVENUTO, MA PIU’ SI E’ RICCHI PIU’ IL PAESE SI FA INTERESSANTE…

Da non perdere a Doha:

-il MUSEUM OF ISLAMIC ART: splendido esempio di raffinatezza antica e moderna.

-City Centre: una selva di grattacieli firmati dai più prestigiosi architetti del mondo, in continua crescita; palazzi e gru si competono il poco spazio rimasto vicino al centro.

-KATARA CULTURAL VILLAGE: un immenso teatro in marmo italiano, palazzi rivestiti di piastrelle policrome secondo tradizione, eleganti strutture e musei con le strade ricoprite di scenografici teloni per ombreggiare il tutto ! I più eleganti negozi del mondo nel centro commerciale con aria condizionata: lusso allo stato puro. Ristoranti e bar.

www.katara.net

-SOUQ WAQIF, l’antico centro commerciale, ripulito e rivisitato, ricco di fantastici tessuti e altro, ma dovete saper trattare; gli arabi sono maestri. Bar occidentali con aria condizionata, passaggio di guardie a cavallo per la gioia dei fotografi.

-Comunque il Qatar è anche molto altro; vedi più sotto le informazioni sulle diverse possibilità di soggiorni circondati da una natura incontaminata.

Il Qatar si raggiunge comodamente con la compagnia di bandiera Qatar Airways: la compagnia 5 stelle dal servizio impeccabile.

Ai passeggeri in transito, in caso di lunghe attese, sono offerti interessanti  tour gratuiti in città e/o alberghi; informarsi in Italia telefonando alla compagnia. Comunque in aeroporto è presente l’ufficio turistico che organizza i tour con efficienza.

-L’arte ha una grande importanza nel moderno Qatar ed i musei sono al di sopra di ogni aspettativa.

-Rimarrete stupiti nel vedere eleganti grattacieli,  grandi musei e centri d’arte: sempre raffinati; mai pacchiani, come nella vicina Dubai.

-Lo shopping qui permette ogni stravaganza immaginabile e per gli sportivi non mancano gli sport più inusuali, mentre gli amanti della natura troveranno incantevoli paesaggi incontaminati.

La storia del Qatar  comincia 4.000 anni a.C.

Attraverso i secoli, la pesca e le ostriche perlifere hanno fatto del Qatar un porto molto importante nel Golfo.

Ora con lo sfruttamento del petrolio l’importanza internazionale del paese è aumentata.

Le modernissime architetture rispettano sempre l’equilibrio dell’eleganza anche nei modernissimi e ricchi musei.

-La famiglia Al-Thani iniziò a governare nel 18° secolo ed ancora oggi è ben visibile il moderno e positivo lavoro dell’attuale Emiro, Sua Altezza Reale Sheik Hamad Bin Khalifa Al-Thani che ha trasformato questo paese in un sito ideale per eventi sportivi, conferenze internazionali e come destinazione per un turismo a cinque stelle.

Anche la seconda moglie dell’Emiro Sceicca Mozah bint Nasser al Missned è aperta al futuro, con un occhio particolare per le donne, tanto che ha realizzato anche un sito completamente dedicato a loro e gestisce cultura e educazione.

-Donna bellissima, sofisticata e coltissima indossa sempre eleganti copricapi, ma non il velo. A lei si deve la creazione di EDUCATIONAL CITY, vedi più sotto i particolari. A questa donna si devono anche i numerosi musei-capolavoro, tra i quali spicca per bellezza e ricchezza quello di ARTE ISLAMICA dell’archistar IEOH MING PEI.

-La natura in Quatar offre moltissimo, dall’Arabian Onixrarissima antilope che fu alla base delle leggende sull’Uncorno, 

-alle varie qualità di pesci e crostacei (gamberi, aragoste e granchi), -all’arte del “falconry” di cui i locali sono espertissimi, 

-sino agli immensi scenari offerti dal deserto e dal pescosissimo mare.

Al Zubara è il più importante sito archeologico del paese. A soli 100 km da Doha si possono ammirare le tre torri rotonde e la quarta quadrata di un forte eretto sulle rovine di un precedente e più antico maniero, oggi è sede di un museo.

Qatar offre un’ottima cucina locale, ma anche un approccio internazionale alle varie cucine del mondo dalla cinese, alla mediterranea, alla giapponese, indiana… i prezzi dei ristoranti di lusso (adatti ali occidentali) sono molto alti; la qualità dei prodotti e il servizio, pure.

TAXI

Taxi, limusine services, jeep sono a disposizione del turista con autista privato a prezzi ragionevoli.

Per risparmiare è bene rivolgersi ai taxi bianchi e  arancioni.

SPORT

Ogni appassionato sportivo troverà qui il modo di praticare al meglio il proprio sport preferito. Ben due reef artificiali sono stati costruiti per il divertimento dei sub. E poi: wind-surf, vela, pesca in alto mare, jet-skiing, sci d’acqua, kayak, parasailing, surf, golf e gli splendidi cavalli arabi e FALCONERIA, sono solo una parte dell’offerta.

Il più grande magazzino per lo shopping del Medio Oriente, il City Center Doha, lo troverete nella capitale. I mercati locali, souqs, offrono splendidi prodotti artigianali tappeti, tessuti…e freschissime spezie.Nella capitale troverete anche modernissimi bar, cinema, ristoranti, nigth club, potrete pattinare sul ghiaccio, giocare a squash, tennis o rilassarvi nelle bellissime spa degli hotels, dove troverete anche centri di massaggio cinese e indiano.

Se non fosse per il clima e gli abiti tradizionali, 

-vi sembrerà di essere arrivati in Svizzera: tutto è pulito, efficiente, perfetto.

Qui lo stato paga tutto, con i ricchissimi proventi del petrolio, casa,sanità, trasporti, scuola, borse di studio…nessun suddito paga le tasse.; NEMMENO I NOSTRI CONNAZIONALI CHE VI ABITANO.

EDUCATIONAL CITY

un enorme campus dove hanno sede le migliori università americane.

Qui ha sede anche la televisione satellitare Al Jazeera finanziata da Sua Altezza.

TURISMO

QATAR TOURISM AUTORITY P.O. box 24624, Doha, Qatar, 00974. 4628 555, info@qatartourism.gov.qawww.qatartourism.gov.qa

DOHA

In taxi dall’aeroporto fino all’hotel; prenotabile anche su Booking.com

DORMIRE

Se accettate di adattarvi e trovarvi circondati solo da persone del posto:

Le Mirage Shark, piccolo, ma con grandi camere pulite e personale gentile, non il classico hotel superlussuoso, ma ok, € 50 la camera più tasse e anche ben posizionato;

Al Mourouj Inn Hotel, 3 stelle, (Museum Street), al Museo Nazionale del Quatar, Fulda Hotel, 5 min dal lungomare, 2 stelle, aria condiz. e Tv LCD singola 38 euro, Wifi gratis, bollitori elettrici nelle camere, il ristorante, decorato da arredi di ispirazione cinematografica, propone una varietà di piatti della cucina locale e nazionale per colazione e cena.

Altre attrattive

il Museo Nazionale del Qatar, ubicato nel quartiere di Doha Old Salata, è raggiungibile in soli 10 minuti a piedi, mentre l’Aeroporto Internazionale di Doha dista appena 20′ minuti di auto. Vicino all’hotel è presente anche un parcheggio gratuito, quando è libero. Nei pressi un supermercato per il cibo.

-Se siete donne, sono graditi pantaloni lunghi e maglietta possibilmente con le maniche lunghe; ma non è affatto indispensabile. Molte turiste girano vestite all’occidentale senza alcun problema.

-Portarsi sempre una sciarpa, un maglione o un giacca perché nei luoghi chiusi

– l’aria condizionata è gelida.

-Ricordarsi che il venerdì è la nostra domenica per cui è tutto chiuso fino alle 16. Sicuramente un dettaglio da tenere in considerazione. Come il Ramadan: tutto chiuso, non si mangia sino alle 18 e poca gente per strada di giorno.

pochi camminano, tutti i locali vanno in auto, sul lungomare si possono noleggiare fiammanti bici.

ll visto d’ingresso costa 20 euro e si deve pagare con carta di credito, all’aeroporto.

Il giro della città con il taxi:  60 dynar

Il cambio è per 1 euro 5 monete loro: dynar

-in giro per 2 ore in taxi per vedere i punti più significativi.

La città  è  piena

di lussuosi alberghi, splendidi grattacieli e ville in stile arabe. C’e la città vecchia, con i classici suk e la nuova dove sta nascendo the Perl una città artificiale sull’acqua. Non manca la strada piena di negozi di lusso.

Suk:  i locali dove mangiare  e fumare narghillé

– passeggiare lungo la Corniche: 7 km di mare e palme, con piste ciclabili, per footing, giardini ed un mercato del pesce notturno, attenzione al clima, in estate, da aprile a settembre, è proibitivo per il caldo, ma in inverno è splendido.

Ristoranti:

Al Bandar – E’ una bellissima terrazza sulla baia di Doha. Si magia bene, si spende poco, ma sono le…enti., lenti  aservire

Al Bustan – Una tenda berbera nel centro di Doha, con divani berberi. Si mangia molto bene e si spende poco.

A inizio novembre  il tempo è fantastico, ma nel deserto, in pieno giorno, può fare molto caldo.

-verso nord e a 20 km da Doha  il villaggio di al-Khawr (o Al-Khor), un villaggio di pescatori, un bel lungomare, una bella vecchia moschea. A novembre può fare ancora molto caldo.

-verso Umm’Said, si incontra un bell’albergo tra il mare ed il deserto. Strada facendo : impianto petrolchimico di proporzioni gigantesche.  Alcune dune quasi cancellano la strada asfaltata.

NOTA: I PREZZI, qui citati, SONO AUMENTATI, DOPO L’AUMENTO DEL DOLLARO RISPETTO ALL’EURO.

-L’albergo è davvero bello. In 15 in tutto l’hotel, compreso il personale. Per 260 QR (52€)  una doppia ed un buon pasto di 90 QR (18€)  Il tardo pomeriggio  sulla spiaggia, ma l’attesa è per il dopocena … Con delle torce che gentilmente l’hotel fornisce,  sulla prima duna appena fuori l’albergo: la luna è piena … il vento soffia … un mare bianco…

INLAND SEA – KHOR AL AIDID  è l’ATTRATTIVA del Qatar. Un pezzo di costa che rientra formando una specie di lago tra le dune del deserto. Molto suggestivo si arriva in Jeep sulle dune: guidatore esperto necessario.

-Aametà strada tra Doha e Umm SaidUmm Said

-Umm Said è il centro dell’industria del Qatar, ci sono anche alcune belle spiagge qui. La città è situata ad appena 25 miglia a sud di Doha sulla costa orientale della penisola, ed è sede di strutture di un importante porto commerciale.

-la città di Al Wakra: originariamente si trattava di un piccolo centro di pesca e di raccolta delle perle, che si è sviluppato in una piccola cittadina di circa 30.000 abitanti. Il Museo di Al Wakra è ospitato nel vecchio forte della città e mette in mostra la storia naturale dell’area e della fauna marina. Un certo numero di bellissimi e tipici esempi di arte e architettura fanno parte della mostra-WHAKRA Secondo  la Lonely Planet, sembra che qui (a 20 km da Doha) vi siano gli edifici più vecchi e meglio conservati del Qatar.

-anche chi non ama andare in piscina, specie se è situata di fronte al mare,  in Qatar ci va, a meno che non voglia sentirsi circondato dai tuoi liquidi vitali (ma solo in estate), la piscina è l’unica alternativa.

-senza un uomo al fianco, è difficile passare inosservate, passeggiando impavide, può suscitare interessi non graditi.

-in un souk una turista sola è stata molestata da un inserviente che le è saltato addosso

-se si è sole meglio mettere un abito che copre totalmente se non si vuole essere oggetto di troppe attenzioni.

-Se siete dietiste sappiate che c’ è un grande offerta di lavoro in Qatar.

-il deserto pare non sia bello come il Sahara, la sabbia è più gialla-beige, e il paesaggio viene continuamente rotto da raffinerie, pozzi petroliferi, cantieri, ma non  mancano i luoghi che meritano una visita.

-il resto del Qatar è deserto, piccoli paesi, qualche bella spiaggia (dove ci si impantana con la jeep se non si è provetti guidatori), l’inglese non è parlato da tutti

-a Doha è molto bella la spiaggia dello Sheraton hotel, in generale ci si rinchiude in alberghi per stranieri …

-l’ ambasciata italiana è ubicata accanto a al -jazeera

il Museo Etnografico della città, noto anche come il Wind Tower House, è una struttura molto particolare nella regione del Golfo, con un’enorme torre con arcate aperte per la ventilazione. Vengono spesso qui tenute mostre che narrano l’evoluzione del Qatar e di Doha.

Palm Tree Island: è situata a circa 10 minuti dalla Corniche ed offre strutture per bambini e per le loro famiglie, compresi ristoranti, bar, spiagge e impianti sportivi acquatici. L’Isola è aperta tutti i giorni dalle 09:00-21:30.

Khor Al Udaid: situato a circa 50 miglia a sud di Doha, Khor Al Udaidè visitato spesso per le sue spiagge, che vantano bellissime dune di sabbia che raggiungono altezze di circa 150 metri in alcuni punti. Altre belle spiagge della zona comprendono quelle di Fuwairit e Dukhan

Al Khor: sulla costa orientale, è noto per il suo attivo porto pieno di barche da pesca e di altre piccole imbarcazioni. Le spiagge sono anche qui eccellenti, e troverete una torre di interesse storico, nonché una serie di moschee molto interessanti a livello architettonico.

Al Jassasiya: nota interessante di Al Jassasiya è la serie di colline rocciose che domina la costa nord-orientale del Qatar, situate tra i villaggi di Al Huwailah e Fuwairit. Le colline sono famose per le numerose incisioni e scavi sulle rocce, alcuni dei quali risalgono alla preistoria.

Al Ruwais: è un piccolo villaggio di pescatori, situato nella punta settentrionale della penisola del Qatar, e storicamente è stato un importante base per la pesca delle perle. Fornisce un ottimo esempio di stile di vita tradizionale beduina e merita una visita, in particolare per vedere l’integrazione della cultura tradizionale nel mondo moderno.

Al Zubara: a circa 60 miglia a nord-ovest della capitale c’è la città di Al Zubara, importante sito archeologico noto per la sua vecchia fortezza. Ospita ora un museo che è stato costruito nel 1938 dallo Sceicco Abdullah Bin Jassim Al Thani. Il forte ha una struttura di forma quadrata, con torri circolari a tre dei suoi angoli e una torre rettangolare nel quarto angolo. Le sue mura sono alte e molto spesse: la fortezza serviva una volta come stazione di guardia costiera e ha continuato ad essere utilizzata dai militari negli anni‘80.

Dukhan: dall’altra parte della penisola e circa a 50 miglia da Doha, Dukhan è diventata importante a causa del petrolio trovato nei suoi dintorni. Come Umm Said e Al-Wakrah, la città ha belle spiaggeche attraggono qui la maggior parte dei turisti.

Divertirsi in un safari nel deserto: un viaggio verso il mare interno,  un’enorme insenatura di acqua salata,  senza dubbio uno dei passatempi più popolari da fare durante una visita in Qatar. Il mare è circondato da alte dune, e da il meglio nel tardo pomeriggio fino all’inizio della serata. Molti visitatori  trascorrono anche la notte qui. Disponibili visite guidate con operatori esperti che arricchiscono l’avventura grazie a veicoli a quattro ruote motrici che viaggiano su e giù per le gigantesche dune. Se si sceglie di fare questa come gita di un giorno, è possibile pranzare e fare il bagno nelle calde acque del mare interno, prima di fare ritorno a Doha.

Passeggiata lungo la Corniche: una passeggiata lungo la Corniche obbligatoria durante il vostro soggiorno a Doha. Questa distesa di cinque miglia di costa corre parallela alle acque del Golfo Arabico e solitamente gli abitanti locali si godono belle passeggiate qui,  fanno bike, jogging e rollerblade. Il paesaggio è mozzafiato, nelle vicinanze  un parco per i bambini.

Andare al cinema: è un passatempo popolare e spesso sono in programmazione i film più recenti e di successo. L’ intrattenimento serale può essere piuttosto limitato in Qatar, quindi  si potrebbe preferire andare a teatro al Landmark o al The Mall oppure al Gulf Cinema sulla C-Ring Road.

Rilassarsi in una Caffetteria o Bar o locale notturno: l’’intrattenimento pubblico non è una parte normale della vita islamica e troverete che la maggior parte delle attività serali sono limitate agli hotel. Le caffetterie sono un buon posto per rilassarsi dopo una giornata di visita della città e visto che fanno un orario di apertura prolungato, c’è anche la possibilità di rilassarsi dopo una notte di divertimento presso il vostro hotel. La maggior parte degli Hotel di Doha ospitano locali notturni e bar, dove viene servito l’alcol e viene anche offerta musica dal vivo.

Bagnarsi: il Qatar è circondato dalle acque del Golfo Arabico vi sono un sacco di opportunità per praticare gli sport acquatici e la vela.

– Due scogliere artificiali sono state costruite per incoraggiare lo sviluppo della vita marina e per incoraggiare i subacquei.

-La vela è molto popolare e troverete  gommoni e windsurf a noleggio,  lezioni di vela per principianti e più esperti marinai. In serata, ci sono crociere al tramonto su imbarcazioni tradizionali, dove si possono ammirare viste notturne strabilianti di Doha.

-È  possibile noleggiare yacht di lusso completamente attrezzati sia per mezza che per un’intera giornata di pesca. Sono  disponibili attrezzature per Jet-ski, sci acquatico, kayak, pedalò o se desideri un po’ più di avventura, ci si può cimentare col paracadute o con il wind-surf.

ARTE ARTE ARTE

Visita dei musei del paese: un certo numero di Musei di grande interesse culturale ed estetico offrono anche interessanti collezioni e mostre.

Il Museo Nazionale del Qatar e il Museo delle Armi sono due scelte che meritano una visita,  quest’ultimo esibisce collezioni di antichi pugnali e spade dorate. Chi fosse interessato alla storia del Qatar, può viaggiare fuori Doha fino alle varie fortezze e torri che si trovano su tutto il paese, fornirà una vista migliore sul passato del paese e, presso Jebel Jassassiyeh, si potranno vedere da vicino un migliaio di sculture risalenti a diversi millenni fa.

Omani Market(Wholesale Market St): vicino al Thursday/Friday Market, piccolo mercato che offre un curioso assortimento di prodotti e articoli vari, come datteri e ceste intrecciate a mano di importazione saudita, pesce essiccato, tabacco e limoni provenienti dall’Oman, miele e vasellame iraniani.

Gold Souq(nei pressi di Ali bin Abdullah St): oro d’Arabia, eccoti finalmente! Questo mercato è uno sfoggio di glorioso design orafo e spettacolare maestria artigiana. Divertente da vedere anche se non si ha alcuna intenzione di fare acquisti. Il suq si anima nel tardo pomeriggio, soprattutto prima di una festività,

-City Center-Doha, il centro commerciale più grande del Medio Oriente quando per tradizione gli uomini dimostrano l’importanza che attribuiscono alle loro relazioni acquistando bracciali in oro a 22 carati o ‘parure’ composte da orecchini, collana e braccialetto per le donne della loro famiglia

City Center-Doha(Diplomatic District):il più grande centro commerciale del Medio Oriente, un  tempio dello shopping. 350 negozi che spaziano da Debenhams al Family Development Centre, pavimenti in marmo e ascensori in vetro, una pista di pattinaggio su ghiaccio, bowling e pareti per l’arrampicata su roccia

Landmark Shopping Mall(all’angolo tra Al-Shamal N Rd e Al-Markhiya St): se nel City Center-Doha non trovassi ciò che cerchi, fai un salto in questo immenso centro commerciale. Anche qui trionfa l’opulenza, con un cinema multisala, i grandi magazzini Marks & Spencer e un Virgin Megastore, oltre a decine di altri negozi di catene internazionali. Vi trovi la stessa giacca in vendita a Milano, ma vuoi mettere il fascino di comprarla a Doha

 ALTRI MUSEI

MUSEO ETNOGRAFICO Varcando le soglie del museo etnografico ci si immerge nelle secolari tradizioni, lontane dalla mentalità occidentale, di un luogo in cui la vita nomade ha sancito un indissolubile legame d’amore tra un popolo e la sua terra. La visita riporta i visitatori ai tempi che precedettero il benessere legato ai guadagni sul petrolio, quando la semplicità dello stile di vita si sposava con un paesaggio misterioso, sconosciuto al resto del mondo. Il 1975 ha visto l’inaugurazione di un altro centro di grande interesse, il

Museo Nazionale: all’interno del sontuoso, storico palazzo dello Sheik Abdulla Bin Mohammed. Oltre al magnifico acquario, qui si possono esplorare numerose sale con belle e interessanti collezioni, riguardanti la vita del luogo, dagli aspetti del quotidiano alle occasioni collettive di festa o raccoglimento religioso. Altrettanto valido è il

Forte di Doha: preziosa testimonianza di quanto di più bello e appassionante a produzione artistica e artigianale locale hanno saputo regalare nel corso dei secoli. Infine il

Museo delle armi: raccoglie una nutrita collezione di spade, coltelli, armature e tradizionali fucili arabi.

STORIA DEL  QUATAR

Scavi archeologici hanno dimostrato che la penisola del Qatar fu abitata durante l’età della pietra, allora il caldo della regione era più moderato. Gli archeologi, per ora, hanno trovato poche tracce di insediamento tra i tempi più antichi e l’era moderna.

Il Qatar è l’unico posto degno di importanza nel Golfo a non avere alcun tipo di rovine portoghesi. I portoghesi conquistarono, o almeno tentarono di conquistare, quasi ovunque nel Golfo. Ciò fa pensare che nel XVI secolo il Qatar fosse quasi disabitato. Per la maggior parte della storia conosciuta il Qatar fu governato dalla famiglia Al-Thani, insediatasi a metà del XVIII secolo, quando il Qatar era  centro della pesca delle perle,  attività erano  localizzata a Al-Zubara, nel nord-ovest, con il controllo della famiglia Al-Khalifa (che ora governa il Bahrain). La tensione tra le due famiglie è stata una caratteristica costante della storia del Qatar. Recentemente le Isole Hawar, che si trovano poco lontano dalla costa occidentale del Qatar, sono state riconosciute al Bahrain.

Storicamente Doha  non fu un porto commerciale particolarmente importante, inoltre tra XIX e XX secolo il Qatar rimase assai povero, mediamente più degli altri paesi del Golfo prima dell’era del petrolio. Al-Zubara fu, allora, fortemente contesa perchè controllava l’accesso al mercato che serviva a sfamare la popolazione locale: le perle.

Il primo emiro del Qatar Al-Thani decise che Doha fosse la capitale a metà del XIX secolo e, per accrescere la sua posizione nei confronti delle altre tribù dell’area, firmò un trattato con la Gran Bretagna nel 1867. L’emiro e il figlio che gli succedette furono abili nel mantenere l’indipendenza opponendo gli inglesi ai turchi. Nel 1872 l’emiro firmò un trattato con i turchi e permise loro di stabilire un presidio a Doha.

Il piccolo presidio turco iniziò a sembrare poco rassicurante e fu eliminato dal Qatar nel 1915, dopo che la Turchia entrò nella prima guerra mondiale con la Germania.  Cambiare  alleanze poteva sembrare buona scelta,  poiché il Qatar si preoccupava del fondatore e futuro re dell’Arabia Saudita, che stava conquistando molte zone dell’Arabia orientale. Dopo l’eliminazione del presidio  turco, l’emiro del Qatar firmò un accordo con gli inglesi nel 1916, dove la Gran Bretagna garantiva la protezione del Qatar in cambio  il sovrano del Quatar non avrebbe esercitato attività di commercio con altre potenze straniere senza il permesso britannico.

Anche prima del collasso del mercato perlifero, avvenuto attorno al 1930, la vita in Qatar era  mediamente povera, con problemi di fame e malattie. Fu così che l’emiro accolse  i primi cercatori di petrolio che arrivarono all’inizio degli anni 30. I cercatori di petrolio scoprirono un giacimento nel 1939. Per i problemi causati dalla seconda guerra mondiale, la produzione non iniziò per almeno altri dieci anni. Poi tutto avvenne molto velocemente.

Le riserve di petrolio del Qatar non erano considerate importanti, ma la ridotta popolazione poté disporre di molto denaro liquido. I primi guadagni furono utilizzati per modernizzare il paese. Lla prima scuola fu aperta nel 1952 e successivamente vennero potenziate e modernizzate le strutture ospedaliere. Dagli anni ’50 il tenore di vita degli emiri e i loro successori aumentò esponenzialmente. Comunque la crescita del benessere ha conquistato tutta la polazione.

Quando gli inglesi decisero di andarsene, verso la fine del 1971, il Qatar fece accordi con il Bahrain e gli Stati Truciali (ora Emirati Arabi Uniti) per una confederazione. Quando il Bahrain uscì dagli accordi, il Qatar seguì l’esempio dichiarando l’indipendenza il 1 Settembre 1971. Sei mesi più tardi Khalifa ibn Hamad Al-Thani, un cugino dell’emiro e per molti anni governatore di fatto  prese il potere con un colpo di stato. Gli anni che seguirono  sono stati contraddistinti da stabilità politica. L’aumento dei prezzi del petrolio nel 1974 diede al governo del Quatar denaro più che sufficiente a costruire uno dei grandi stati autosufficienti del mondo.

 Dall’indipendenza il Qatar ha mantenuto i suoi  legami di difesa con la Gran Bretagna e ha aumentato la cooperazione di difesa con gli Stati Uniti e con la Francia. Per molti anni la politica estera del Qatar seguì l’Arabia Saudita, ma negli anni ’90 vi fu un cambio totale. Doha cercò legami più stretti con l’Iran. Nel 1993 il Qatar divenne il primo paese del Golfo con contatti diplomatici  con Israele e nel 1995 iniziò anche una relazione economica, consentendo di rifornire Tel Aviv di gas naturale. Nel giugno del 1995 l’emiro Sheikh Khalifa venne  deposto dal figlio Hamad, fino a quel momento aspirante principe ereditario e ministro della difesa, con un colpo di stato senza spargimento di sangue. Il nuovo emiro guadagnò rapidamente ampio consenso sia nel paese che all’estero; suo padre donò 3,6 milioni   di dollari USA, come gesto di supporto alla politica di Hamad.

Sheikh Hamad continua a proporre il Qatar come voce più coerente all’interno del Golfo.  Nonostante il difficile rapporto con il precedente Primo ministro di Israele Benyamin Netanyahu, il Qatar mantiene relazioni diplomatiche con Israele, così pure con l’Iran e l’Iraq. Nel maggio del 1998 l’elezione dei diciotto membri della Camera del Commercio e dell’Industria, posizioni prestigiose  soggette ai soli ordini dell’emiro, ha segnato il primo atto di democrazia del Qatar. Le donne non solo esercitarono il diritto di voto, ma si presentarono come candidate nelle storiche elezioni del 1999;  inaugurando  una nuova era politica.

 Il Qatar è la sede della televisione satellitare Al Jazeera che dal 1996 trasmette notizie, salita alla ribalta per le interviste a Osama bin Laden, Colin Powell e Donald Rumsfeld occupando il posto storico che fu della CNN nella prima guerra del Golfo.

Nel  recente conflitto iracheno la sede di Baghdad di Al Jazeera fu  colpita da due missili.

 La guerra in Iraq causò la risistemazione delle forze armate statunitensi in Arabia Saudita, Kuwait e Qatar. E’ stato anche concordato che il comando aereo del Golfo verrà trasferito dalla base saudita di Prince Sultan a quella di Al Udeid nel Qatar.

Nel 2003 venne approvata una nuova costituzione che prevede l’elezione di 30 membri del parlamento su 45. I rimanenti vengono personalmente scelti dall’emiro. La nuova costituzione è entrata in vigore nel giugno 2004.

WEEKEND INVERNO 2015 – 2016 DOVE ? ARTE MOSTRE GASTRONOMIA TRE STELLE E LUCI IN CITTA’ – IN SVIZZERA

ARTE MOSTRE GASTRONOMIA TRE STELLE E LUCI IN CITTA’ 

Più sotto tutte le più importanti mostre d’arte in Svizzera.

Svizzera Natale 672 lucerna luci albero natale

Lucerna by Christmas.

SVIZZERA CHEF 3 STELLE K

Bad Ragaz: nuovo Ristorante Igniv by Andreas Caminada.

Quando cadono i primi fiocchi di neve, le città svizzere si vestono di luci per accogliere i tradizionali mercatini di Natale. Ma non mancano gli appuntamenti legati all’arte e alla cultura.

Nel 2016 occhi puntati su Zurigo, che festeggia i 100 anni del Dadaismo e la biennale d’arte Manifesta, e su Vevey dove si inaugura un museo dedicato a Charlie Chaplin.

Tra i nuovi hotel merita un encomio il Boutique Hotel mARTigny che valorizza non solo l’arte ma anche le persone con un progetto di integrazione dei lavoratori con disabilità.

Proposte e novità.
100° anniversario del Dadaismo e del Cabaret Voltaire.

Zurigo è da sempre fulcro e meta di passaggio di scrittori e artisti d’avanguardia.

Nel 1916 nacque nel Cabaret Voltaire sulla Spiegelgasse il movimento artistico Dadaismo come “protesta nei confronti della follia dell’epoca”.

Questa corrente rivoluzionaria, che rifiutava una visione razionalista e matematica del mondo, venne fondata da profughi politici che si erano rifugiati a Zurigo per sfuggire alle inquietanti avvisaglie dell’imminente Prima Guerra Mondiale. Nel Cabaret Voltaire si riunivano pittori, musicisti, ballerini e letterati che mettevano in discussione tutta l’arte esistente. Zurigo festeggerà il 100° anniversario del Dadaismo con grandi eventi su tutto l’arco dell’anno.

Per informazioni www.dada100zuerich2016.ch

Alcuni appuntamenti

165 Feiertage: Eine Absichtserklärung (eventi vari)

Cabaret Voltaire, 5 febbraio – 18 luglio 2016, cabaretvoltaire.ch

Dadaglobe Reconstructed (mostra temporanea)

Kunsthaus Zürich, 5 Febbraio – 1 maggio 2016, kunsthaus.ch

Dada Universal (mostra temporanea)

Museo Nazionale Svizzero, 5 febbraio – 28 marzo 2016,nationalmuseum.ch/landesmuseum.

—-

Dada Afrika (mostra)

Museo Rietberg, 18 marzo – 17 luglio 2016, rietberg.ch

Dada Tanzt den HB (festa danzante)

Stazione Centrale di Zurigo, 13 maggio 2016, zuerichtanzt.ch

—-

Bad Ragaz: nuovo Ristorante Igniv by Andreas Caminada.

Andreas Caminada – unico chef svizzero con 3 stelle Michelin – apre il 16 dicembre 2015 il suo nuovo ristorante Igniv, all’interno del Grand Resort Bad Ragaz. L’obiettivo ideale di Igniv, che significa “nido” in romancio, è quella di creare un’esperienza di condivisione e di scambio di idee attorno alla tavola come se si cenasse in famiglia. Per questo Caminada propone dei 3 menu con 14 o 18 pietanze da gustare senza fretta.

Il ristorante, con 30 posti a sedere, rimane aperto anche domenica a pranzo, il pasto abituale per i ritrovi in famiglia.

Per informazioni www.igniv.com

——–

Fondukscha: visita guidata di Berna con fondue.

Abbinare la passione per la fondue alla curiosità di perlustrare Berna è l’idea bizzarra su cui si poggia questo nuovo tour guidato a bordo di un rickshaw, proposto dall’ente del turismo.

Da novembre a marzo, su prenotazione, si può percorrere il centro storico e gli altri luoghi d’interesse su questo rickshaw appositamente modificato per servire fondue per due persone e un buon calice di vino bianco.

Il ritrovo è al ristorante Le Lötschberg di Berna che serve specialità al formaggio e piatti della tradizione vallesana.

Per informazioni http://www.bern.com/en/attivita/city-tours/drittanbieter/fonduekscha

———-

Chaplin’s World: apre nella primavera 2016 lo spazio museale dedicato al grande Charlot.

 

Nato in una famiglia di artisti, Charles Spencer Chaplin Junior fu una delle personalità più creative del cinema muto oltre che sceneggiatore, regista, produttore, attore, montatore ed anche compositore delle colonne sonore delle sue pellicole.

Vittima del maccartismo, gli fu impedito di tornare in America dopo un soggiorno a Londra.

Da qui la decisione di stabilirsi, con la numerosa famiglia, sulle rive del Lago di Ginevra, a Corsier-sur-Vevey. Il Chaplin’s World sarà inaugurato nella primavera del 2016 al Manoir de Ban, una dimora con parco di 14 ettari, dove l’artista visse per più di 25 anni fino alla fine dei suoi giorni. L’archivio del Fondo fotografico Chaplin è attualmente custodito al Museo de l’Elysée a Losanna.

Per informazioni http://www.chaplinmuseum.com/en/

———–

I nuovi hotel.

Omaggio a Charlie Chaplin al nuovo Modern Times Hotel**** di St-Legier.

A pochi km da Vevey, a St-Legier, aprirà a febbraio 2016 un hotel contemporaneo, lineare nelle forme e funzionale nella disposizione degli spazi.

Il suo nome strizza l’occhio al famoso film di Chaplin “Tempi moderni” che ne detta lo stile.

L’arredamento, sobrio ed elegante, integrerà il grande Charlot attraverso immagini e foto inedite. Dotato di 138 camere, centro fitness e sale per eventi ospita al suo interno anche una boutique che 7 giorni su 7 vende prodotti alimentari del territorio e oggetti regalo. L’hotel 4 stelle, costruito in vista dell’apertura del Chaplin’s World di Vevey, offrirà anche un servizio navetta gratuito agli ospiti che vorranno visitare il nuovo museo.

Per informazioni http://www.moderntimeshotel.ch/

——

Hôtel Nomad**** a Basilea.

 

Urbano, cosmopolita e informale: apre a gennaio 2016 il nuovo 4 stelle di Basilea, Nomad, nel cuore della città vecchia.

Sarà il nuovo punto di incontro per una clientela giovane e internazionale che apprezzerà l’innovativa offerta gastronomica della sua Eatery basata sul concetto di sharing: tavolate con pietanze al centro per condividere e socializzare.

Il nome non è casuale. L’interior design delle 65 stanze privilegia l’uso di stoffe e di tappeti ispirandosi ai toni e al materiale usato dalle popolazioni nomadi del deserto per costruirsi le tende. L’effetto ottenuto è duplice: assorbimento dei rumori e un’atmosfera molto accogliente.

Per informazioni: http://www.nomad.ch/en/home/ Boutique Hôtel mARTgny : arte e integrazione sociale.

Frutto di una partnership con la Fondazione Gianadda, l’hotel ha aperto i battenti a Martigny nell’ottobre 2015. Le 52 camere portano il nome di un’artista e sono decorate con le locandine delle esposizioni fatte alla Fondazione. Oltre all’arte si valorizzano anche le persone! Nell’hotel lavorano stabilmente 30 persone, portatrici di handicap, con un ruolo attivo nell’accoglienza e nella ristorazione. Un progetto di integrazione e di accoglienza che può fare da modello in altre città.

Per informazioni: http://www.martigny-hotel.ch

——–

Principali mostre in corso.

In Search of 0.10 – the last futurist exhibition of painting (fino al 10.01.2016)

Fondazione Beyeler, Basilea

Joseph Beuys (fino al 31.01.2016)

Museum für Gegenwartskunst, Basilea

Da Cézanne a Richter (fino al 21.02.2016)

Museo fur Gegenwartskunst

Ben Vautier (fino al 17.01.2016)

Museum Tinguely, Basilea

Joan Mirò (fino al 24.01.2016)

Kunsthaus, Zurigo

Akabar’s Golden Legacy (fino al 14.02.2016)

Museum Rietberg, Zurigo

Gabriel Sierra (dal 21.11.2015 al 07.02.2016)

Kunsthalle Zurich, Zurigo

Klee in Bern (fino al 12.01.2016)

Centro Paul Klee, Berna

Paul Signac (dal 29.01.2016 fino al 22.05.2016)

Fondation de l’hermitage, Losanna

Anthony Mc Call. Solid Light Works (fino al 30.01.2016) LAC Lugano Arte e Cultura, Lugano

Zao Wou-Ki (dal 04.12.2015 al 12.06.2016)

Fondazione Gianadda, Martigny

—————–

Natale nella Regione di Lucerna.

La regione di Lucerna è una Svizzera in miniatura: offre la possibilità di praticare sport invernali in montagna, fare romantiche gite in battello e vivere le tante proposte culturali e ricreative che fanno di Lucerna una meta di eccellenza. Nel periodo natalizio il centro storico si anima con mercatini e decorazioni sfavillanti, il lago è percorso da nostalgici battelli a vapore e le cime si ammantano di bianco. Quest’inverno si potrà unire un soggiorno in città all’esplorazione della regione grazie al Winter Tell Pass che permette di usufruire dell’intera rete di trasporti (impianti di risalita inclusi).

Per informazioni www.luzern.com/natale
Mercatini di Lucerna fra tradizione e design (20 novembre – 23 dicembre).

A Lucerna si respira l’atmosfera natalizia in ogni angolo. Lo shopping inizia in Stazione con il Mercato del Bambin Gesù dal 20 novembre al 23 dicembre. Gli stand offrono un mix di dolci e cibo piccante ma anche candele, lampade ad olio ed utensili da cucina. La piazza adiacente alla Chiesa francescana – la Franziskanerplatz – si anima di luci e bancarelle per tutto il mese, dal 3 al 20 dicembre, con il Mercato di Natale.

Dal 4 al 6 dicembre si tiene invece il festival “Design Schenken” (Design da regalare) presso la Kornschütte (municipio): nella tre giorni oltre 90 marchi svizzeri propongono idee regalo creative.

Durante i weekend a dicembre e il giorno dell’Immacolata in Weinmarkt ha luogo l’Handcraft Market per chi è alla ricerca solo di oggetti fatti a mano. Dal 17 al 20 dicembre gruppi musicali di diverse nazionalità suonano in Kapellplatz all’interno della manifestazione “Venite”.

Altro higlights è il Live on Ice, la pista da pattinaggio sul ghiaccio direttamente sul lago, di fronte al Centro Cultura e Congressi (KKL) – progettato da Jean Nouvel nel 2007. È aperta dal 26 novembre 2015 al 10 gennaio 2016. Il “Live on Ice” di Lucerna è presentato dall’artista di light art di fama internazionale Gerry Hofstetter.

Per informazioni www.luzern.com/natale
Pilatus: il mercatino di Natale più alto d’Europa (20 – 22 novembre).

La sua particolarità è l’altitudine. Si trova, infatti, in cima al monte Pilatus il Mercatino di Natale più alto d’Europa a 2’132 metri: oltre quaranta stand riccamente decorati, un mondo di giochi variegato e musica festosa ad ogni angolo. Si può visitare in giornata salendo con la

Svizzera Turismo

Via Palestro 2, IT-20121 Milano, Telefono +39 02 7601 3203, Svizzera.it

Cabinovia da Kriens oppure pernottare all’Hotel Pilatus Kulm abbinando lo shopping alle proposte outdoor (slittino, passeggiate invernali e con le racchette da neve).

Per informazioni http://www.luzern.com/it/arte-cultura/natale-1/christmas-markets- region/christmasmarket-pilatus

Mercatino di Einsiedeln (28 novembre – 6 dicembre).

Di fronte all’imponente monastero barocco del XVIII secolo si svolge uno dei più suggestivi mercatini di Natale della Svizzera.

Le 140 bancarelle si snodano sulla piazza e lungo l’arteria principale di Einsiedeln – cittadina nota fin dal Medioevo come luogo di pellegrinaggio dedicato alla Madonna Nera -che per l’occasione è decorata con luminarie e angioletti.

A dare il via al mercatino è la cerimonia di benedizione del San Nicola che il 28 novembre esce dal monastero, attorniato dai bambini.

Nei nove giorni si susseguono concerti di organo e di gruppi corali, sfilate con lanterne e esibizioni di suonatori di campanelli. Unico nel suo genere è il Diorama Bethlem, un presepe con oltre 450 statuine di legno, allestito in un piccolo museo adiacente al monastero. La ricostruzione scenografica è davvero impressionante.

Il Klausjagen di Küssnacht: caccia a San Nicola (4 dicembre).

Il venerdì antecedente il giorno di San Nicola, il villaggio di Küssnacht sulle sponde del Lago di Lucerna risplende del bagliore emanato da quasi duecento enormi mitre di cartone illuminate.

Le mitre, dette “Iffele” o “Infuln”, vengono trasportate da uomini e donne che accompagnano San Nicola nel suo cammino attraverso il villaggio. Per le vie rimbomba il suono di pesanti campane, dei corni e di altri strumenti a fiato. Non esistono testimonianze scritte sull’origine del Klausjagen. Si ipotizza che sia nato in epoca pre-cristiana: i pagani cacciavano con un gran baccano gli spiriti maligni durante le notti del solstizio invernale per propiziarsi la stagione della raccolta. Dopo la conversione al Cristianesimo, il rituale venne osteggiato per turbamento dell’ordine pubblico dovuto agli eccessi. Si aggiunse, allora, un significato cristiano introducendo la figura del vescovo San Nicolao di Myra. L’usanza si trasformò dalla caccia sfrenata al più ordinato Klausjagen.

Per informazioni http://www.luzern.com/it/klausjagen-in-kuessnacht-am-rigi Winter Tell Pass incluso a partire da 2 pernottamenti (novità 2016!).

Pernottare a Lucerna da gennaio a marzo 2016 è un’ottima occasione per esplorare monti e borghi che attorniano il Lago di Lucerna.

A partire da 2 pernottamenti in uno degli hotel di Lucerna, aderenti all’iniziativa, si riceve gratuitamente il Tell Pass – per un valore di 100 CHF – che permette di circolare liberamente su treni, autobus, battelli e impianti di risalita dell’intera regione.

Si può, per esempio, salire sul monte Rigi e godersi qualche ora di relax alle terme Mineralbad & Spa Rigi-Kaltbad oppure fare una passeggiata nei sentieri innevati del monte Pilatus.

Per informazioni http://www.luzern.com/it/tellpass-inverno

 

VIAGGIARE CON UN LIBRO – ” Trans Europa Express ” di P. Rumiz un vero viaggiatore

“TRANS EUROPA EXPRESS” di Paolo Rumiz.

L’autore viaggia tra il Nord e il Sud dell’Europa, tra paesaggi sconosciuti e personaggi inaspettati.

Un’ Europa che noi, probabilmente, non vedremo mai, ma che ci aiuta a comprendere chi sono i nostri vicini di casa oltre frontiera.

La storia dell’Europa in un racconto affascinante e ricco di dettagli che ci fanno vivere il viaggio insieme all’autore.

Scoprirete usi e costumi diversi, ma anche il fascino del vero viaggio  e le tradizioni di un’ Europa che scomparirà per sempre; ingoiata dall’omologazione dilagante e dalle devastazioni del cambiamento climatico.

Il libro fa anche parte della collana del National Geographic per conoscere luoghi e popoli;  scritta da  grandi nomi della letteratura di viaggio..

VIAGGI – BRASILE Rio de Janeiro non è esclusivamente sinonimo di spiagge

ALLA SCOPERTA DELLA CITTÁ MERAVIGLIOSA

Rio de Janeiro non è esclusivamente sinonimo di spiagge magnifiche e Carnevale.

Brasile 672 Rio de Janeiro montagna grigio

La città ospita moltissime attrazioni turistiche “unconventional”,
perfette per i viaggiatori più curiosi.

Siete pronti per partire alla scoperta di Rio de Janeiro?

QUELLO CHE FANNO TUTTI:  passeggiare lungo le spiagge di Copacabana e Ipanema, salire in cima al Corcovado e ammirare la baia di Rio e il suo Pan di Zucchero dai piedi del Cristo Redentore.

MA VOI POTETE ANCHE:

-Cimentarvi con il samba o ascoltare il dolce ritmo della musica bossanova nei club di Rio, per scoprire la parola “saudade”, usata per descrivere la nostalgia di qualcosa o qualcuno.

Tuttavia, se pensate che Rio de Janeiro si limiti a queste uniche meraviglie, rimarrete sorpresi.

La Cidade Maravilhosa nasconde innumerevoli attrazioni in grado di rapire anche i turisti più curiosi ed esigenti.

I QUARTIERI DI FLAMENGO E BOTAFOGO

L’attrazione principale del quartiere di Flamengo è il parco Brigadeiro Eduardo Gomes, conosciuto come Parque do Flamengo.

Si estende per oltre un milione di metri quadrati di area verde, proprio alle spalle del lungomare, dall’aereoporto Santos Dumont fino al golfo di Botafogo.

Questi quartieri sono particolarmente amati dagli appassionati di sport grazie ai percorsi per le passeggiate e per praticare jogging e skateboard.

Ospita campi da basket e da calcetto, parchi gioco per i bambini, una pista per l’aeromodellismo, un anfiteatro e numerosi chioschi per il relax. I visitatori potranno ammirate il Parco e le sue 190 specie di piante come frutto del progetto paesaggistico di Burle Marx, celebre architetto e botanico brasiliano.

Il parco comprende anche il porto turistico di Marina da Glória, bagnato dalle acque della Baia di Guanabara.

LA LAGOA, IL GIARDINO BOTANICO E IL QUARTIERE DI GAVEA

Una delle grandi passioni degli abitanti di Rio, che merita una visita per sentirsi davvero parte della metropoli brasiliana, è la Lagoa Rodrigo de Freitas.

Questa laguna è un amato punto di incontro, incorniciato da bellezze paesaggistiche uniche, tra cui formazioni rocciose come la Pedra da Gávea, la collina Dois Irmãos, oltre che il più famoso Corcovado.

Al tramonto, gruppi di amici, coppie e famiglie confluiscono nei chioschi disseminati intorno alla zona, che offrono musica dal vivo e specialità di differenti tipi di cucina etnica e locale.

Il giardino botanico, che presta il nome al quartiere, è diventato un vero e proprio polo gastronomico di Rio. Ospita, tra gli altri, sofisticati ristoranti di cucina internazionale.

Nel vicino quartiere di Gávea, le note di spicco sono costituite dai teatri e dal Jockey Club, palcoscenico di eventi straordinari, e dalla zona “Baixo Gávea”, costellata da numerosi pub e ristoranti e frequentata soprattutto dai più giovani.

“FUORIPORTA” A PETROPOLIS E TERESOPOLIS

Teresòpolis si trova su un magnifico altopiano, a circa 900 metri di altitudine e a 95 km di distanza da Rio de Janeiro.

La città risale al XVI secolo e oggi è tra le mete preferite in Brasile per praticare le escursioni in montagna.

Situata nel cuore del parco nazionale della Serra dos Órgãos, il suo picco più famoso è chiamato Dedo de Deus.

La conformazione delle altre cime ricorda delle canne d’organo, da cui deriva il nome del parco.

Allo stesso modo, la vicinissima Petropolis è molto amata dalla popolazione e dai turisti per sfuggire al caldo estivo di Rio.

Gli imponenti edifici storici del centro storico sono circondati da una natura ancora incontaminata. Inolte, la città vanta una vivace vita notturna grazie a molti ristoranti e bar.

Petropolis e Teresopolis, costellate di bellissime pousadas di montagna, sono i punti di partenza per praticare escursioni per ogni livello di difficoltà, dalle tranquille passeggiate nella natura alle discese in doppia corda per i professionisti dell’escursionismo.

Con uno dei trekking più scenografici del Brasile, effettuato lungo la parte superiore della Serra dos Órgãos, i più avventurosi possono raggiungere Teresopolis percorrendo 30 km in tre giorni “zaino in spalla” e pernottamento in tenda. L’itinerario, particolarmente ambito nelle notti di luna piena grazie alla luce suggestive sulle montagne circostanti, può essere percorso in entrambe le direzioni e sono ammesse solo 100 persone alla volta, per cui è preferibile prenotare appena arrivati in loco. Un’esperienza incredibile!

Per maggiori informazioni sul Brasile si prega di visitare il sito www.visitbrasil.com

SCI offerte ponte dell’Immacolata ad Andermatt: 7 – 11 dicembre sconti su skipass e hotel ad ANDERMATT SVIZZERA

SCONTI NOVITA’  E SCI NELLA ZONA DI  ANDERMATT

Dal 7 all’11 dicembre 2015, lo skipass costa la metà per tutti i cittadini italiani.

Euro 28 (29,50 CHF) al posto di Euro 55 (59 CHF)

La regione turistica di Andermatt si trova nel cuore delle Alpi svizzere ed è raggiungibile in sole due ore d‘auto da Milano.

Andermatt offre le condizioni ideali sia in inverno che in estate, per chi cerca del relax e per gli amanti della natura che sono alla ricerca di momenti indimenticabili in un fantastico scenario alpino.

La regione turistica di Andermatt è una delle stazioni sciistiche più innevate delle Alpi.

Grazie alla sua posizione, la neve è assicurata già da inizio novembre fino alla fine di aprile.

Lo sci alpinismo è praticabile fino ad inizio estate. Grazie alla vicinanza con l’Italia è possibile raggiungere le piste da sci anche per un solo giorno!

I comprensori sciistici del Gemsstock, Nätschen e Sedrun si completano nell‘offerta: le piste, ampie e soleggiate dei comprensori del Nätschen e Sedrun sono ideali per le famiglie; il comprensorio del Gemsstock, con i suoi quasi 3‘000 m di altitudine, è conosciuto come una delle migliori destinazioni svizzere per il freeride!

Dal punto più alto della funivia si possono ammirare oltre 600 cime della catena alpina.

Nei prossimi tre anni verranno uniti i comprensori sciistici di Andermatt e Sedrun, con quattro nuovi impianti di risalita e nuove piste da sci. Attuali impianti verranno sostituiti e di conseguenza tutta la SkiArena Andermatt-Sedrun modernizzata. Nell’estate 2015 si è iniziato con i lavori di costruzione e ad inizio stagione 2015/16 verrà già messa in funzione la nuova seggiovia a 6 posti al Gemsstock.

Gli appassionati di sport invernali potranno così praticare le loro attività sulla neve nel più grande comprensorio sciistico della Svizzera centrale.

La regione offre, oltre ai circa 120 km di piste da sci, piste da sci di fondo, sentieri per escursioni invernali, trails per ciaspole e altre attrazioni per un’esperienza indimenticabile.

www.skiarena.ch | www.andermatt.ch
Il nuovo Resort: uno sguardo al futuro.

Con il progetto di Andermatt Swiss Alps sta sorgendo il nuovo Resort di Andermatt. Al termine dell’ampliamento, il Resort comprenderà sei hotel a 4 e 5 stelle, circa 500 appartamenti per le vacanze suddivisi in 42 edifici, 25 ville esclusive, infrastrutture congressuali, una piscina e un campo da golf a 18 buche. Il campo da golf e il primo hotel, The Chedi Andermatt, sono già in funzione. L’apertura del secondo hotel a 4 stelle è prevista nel 2018.

www.andermatt-swissalps.ch

The Chedi Andermatt

L’hotel a 5 stelle deluxe è unico, con un suo concetto originale e elementi di design personalizzati. Le 123 camere e suite ideate dall‘archistar Jean-Michel Gathy del celebre studio di architettura “Denniston International Architects and Planners Ltd”, combinano lo chic alpino con l’eleganza asiatica. L’hotel offre due ristoranti unici nel loro genere: il cuore è il The Restaurant, nel quale vengono preparati piatti della cucina svizzera, europea e asiatica contemporanea. L’esclusiva oasi wellness e spa include un moderno centro fitness e delle sale adibite ai trattamenti di bellezza per una grandezza totale di 2‘400 m2.

www.chediandermatt.com

Offerte Ponte dell’Immacolata ad Andermatt: sconti su skipass e hotel.

1) Pacchetto Ponte dell’Immacolata hotel + skipass
Quest’offerta è valida dal 5 dicembre all’ 8 dicembre 2015 e comprende: – 3 pernottamenti con colazione
– 2 Skipass giornalieri SkiArena Andermatt-Sedrun

Prezzo del pacchetto: da 112 Euro (121 CHF) per persona in camera doppia

Per prenotazioni e informazioni contattare l’albergo per telefono o per email. Questo pacchetto è valido solamente nei seguenti alloggi:

Sust Lodge

Tel. +41 41 887 05 02

info@sust.ch www.sust.ch

Hotel Schweizerhof

Te. +41 41 887 11 89

hotelschweizerhof@bluewin.ch

www.schweizerhof-andermatt.ch

Skiklub

Tel. +41 41 887 03 30

info@gasthaus-skiklub.ch www.gasthaus-skiklub.ch

2) Pacchetto Winter Wonderland Meets Asia – The Chedi Andermatt

Quest’offerta è valida dal 5 dicembre all’8 dicembre 2015 e comprende: – 3 pernottamenti in camera Deluxe, colazione al The Restaurant
– 60 min./persona di massaggio Ancient Balinese
– cena asiatica di 4 portate al The Restaurant

– Sake & Sushi tasting
– accesso libero al centro spa e wellness
– diversi room benefits
Prezzo del pacchetto: da 1’075 Euro (1’160 CHF) per persona in camera doppia

Per prenotazioni e informazioni:

The Chedi Andermatt

Tel. +41 41 888 74 77

reservations@chediandermatt.com
www.thechedi-andermatt.com
Per approfittare di questa offerta speciale, fare riferimento al codice promozionale “Italian Special”.

3) Offerta Ponte dell’Immacolata per tutti gli italiani: skipass da 1 o 2 giorni con 50% di sconto.

Dal 7 all’11 dicembre 2015, lo skipass costa la metà per tutti i cittadini italiani. Basta recarsi alla cassa e mostrare la carta d’identità o il passaporto per beneficiare dello sconto nel comprensorio di Andermatt-Sedrun, a due ore da Milano.

Lo sconto del 50% è relativo allo skipass SkiArena Andermatt-Sedrun da 1 o da 2 giorni, valido su tutti gli impianti di risalita del comprensorio di Sedrun-Oberalp (Sedrun, Dieni, Oberalp, Valtgeva), Andermatt- Nätschen, Andermatt-Gemsstock e Realp. Lo skipass permette di circolare anche sui treni della Matterhorn-Gotthard-Bahn sulla tratta tra Disentis-Sedrun-Andermatt-Realp-Niederwald e Andermatt- Göschenen.

Esempio: Skipass di 1 giorno SkiArena Andermatt-Sedrun per un adulto a Euro 28 (29,50 CHF) al posto di Euro 55 (59 CHF).

EGITTO IL MINISTRO DEL TURISMO EGIZIANO INVITA ALLA FIDUCIA

DICHIARAZIONE DEL MINISTRO DEL TURISMO EGIZIANO

Il Ministro del Turismo Egiziano Hisham Zaazou ha espresso la sua fiducia nella ripresa dell’industria del turismo in Egitto.

Il Ministro ha anche aggiunto che, l’area dei resorts del Mar Rosso come Hurghada, Marsa Alam, Safaga, Quseir oltre ai resorts del Sinai di Sharm El Sheikh, Dahab, Taba, e la zona di Nuweiba, Luxor e Aswan sono aperte al turismo. Le crociere sul Nilo sono operative oggi come ogni settimana, gli hotel sul Mar Rosso sono aperti e operativi come sempre.

Per concludere, il Ministro del Turismo Hisham Zaazou ha esortato tutte le parti coinvolte a continuare a perpretare gli sforzi per sostenere l’eccellente cooperazione tra l’Egitto e tutti i suoi partners del turismo di tutto il mondo.

Ente Turismo Egiziano – Via Barberini 47 – 00187 Roma
Tel. 06/4827985-4874219 – Fax 06/4874156
www.egypt.travel

LOW COST – 29 EURO CON TGV A PARIGI PER I SALDI DI GENNAIO

I SALDI invernali di PARIGI cominciano in treno

29 EURO PER RAGGIUNGERE PARIGI CON IL TGV !!!

Shopping happy woman holding bags. Winter sales.
Shopping happy woman holding bags. Winter sales.

lo shopping di gennaio nella capitale transalpina a bordo del tgv, prenotando su voyages-sncf.com dal 17 al 25/11, vai in francia durante i saldi a soli 29 euro

350 viaggi

Dici saldi e pensi allo shopping più sfrenato, da consumare, magari, fra le più prestigiose boutique di uno dei principali poli della moda a livello globale. Quindi viene in mente Parigi.

Il massimo poi risulta trovarsi in una delle città più glamour alla scoperta dei suoi grandi outlet o frugare tra le più dettagliate mappe della moda locale fino a scovare le boutique più nascoste per uno shopping senza limiti all’insegna del lusso, o di un look più casual. Questo a prezzi finalmente accessibili. Un sogno per molti.

La capitale francese sembra ancor più bella durante i saldi di gennaio per le persone di stile, quando apre i battenti a un pubblico internazionale accorso per cogliere le migliori opportunità offerte dalle principali etichette del prêt-à-porter di tendenza.

Il modo ottimale per realizzare questo sogno: arrivare a Parigi con un Tgv!

Approfittando dell’impeccabile servizio offerto da SNCF, cliccando su Voyages-sncf.com si accetta di usufruire dei benefit che può racchiudere un viaggio in treno rispetto agli altri mezzi di trasporto.

In tema di saldi, il vantaggio principale riguarda il bagaglio.

Se al ritorno si ha qualche pacco o sacchetto in più non ci si deve scervellare a trovare soluzioni per farli stare in un’unica valigia. Un plus in grado di far la differenza cui si aggiunge la completa libertà di movimento durante il viaggio e la possibilità di viaggiare da centro città a centro città nel comfort più totale di un mezzo di trasporto ecosostenibile.

Tutte prerogative appartenenti al viaggiare in treno, prima di scendere a Parigi e sbizzarrirsi tra le più esclusive boutique che la rendono famosa nel mondo.

Tenendo conto chiaramente anche delle altre località nell’hinterland facilmente raggiungibili negli immediati dintorni, come
Marne-la-Vallée e il suo famoso “Village”, outlet di lusso a due passi da Disneyland o ancora Troyes, Lille… Quale migliore shopping experience esiste rispetto a questa?!

Come non bastasse acquistando il ticket del TGV dal 17 al 25 novembre sarà possibile beneficiare della promozione speciale pensata da SNCF per i fashion dipendenti, che potranno viaggiare verso Parigi a soli 29 euro proprio nel periodo dei saldi parigini di Gennaio (dall’8 al 23), con tratte da Milano, Torino, Novara, Vercelli.

Si chiama “Offerta 100% Mini”, sarebbe un peccato farsela scappare….

Mini Guida sugli outlet della capitale e nelle immediate vicinanze

a Parigi:
Il Marais, il quartiere delle boutique trendy di moda e di design

Le mitiche Galeries La Fayette
-Il Printemps shopping center: sei piani di 200 brand fashion e collezioni uomo donna
-La Vallée Village, l’outlet di lusso a mezzora da Parigi

A Troyes
Il  “Factory shops” nato negli anni sessanta con prodotti locali e marchi divenuti internazionali come LACOSTE, DD, BABYGRO, ABSORBA, PETIT BATEAU,GIL, MARINER, VITOS…

A Lille
Il celebre Usine Roubaix !

Per prenotazioni Voyages-sncf.com:
Online su www.voyages-sncf.com
Tramite call center chiamando il numero 02 40 32 64 35
A Milano: nella Boutique SNCF della stazione di Milano Garibaldi
A Torino: presso i centri servizi GTT
Presso le agenzie di viaggio affiliate Voyages-sncf.eu
Trovaci su Facebook e su Youtube
Voyages SNCF è la società del gruppo SNCF – (Società nazionale delle ferrovie francesi) specialista dei viaggi a lunga percorrenza in Francia ed in Europa. Con 440 convogli ad alta velocità e 700 TGV quotidiani è il leader in Europa. Nel 2014 Voyages SNCF ha trasportato per il continente 129 milioni di viaggiatori e dal 1981 oltre 2 miliardi di persone hanno viaggiato in TGV.

Voyages-sncf.com è parte di Voyages SNCF ed è il principale sito di e-commerce francese e distributore ufficiale online dei biglietti TGV per e dalla Francia. Voyages-sncf.com ricopre un ruolo centrale nell’industria del turismo europeo, con oltre 1.000 persone impiegate nei suoi uffici in Europa. Voyages-sncf.com conta 15 siti web in 7 lingue, siti su mobile, app, e un servizio integrato di call center.

Voyages SNCF è parte di SNCF, uno dei maggiori player al mondo per il trasporto di persone, merci e per la logistica con oltre 32 miliardi di euro di fatturato previsti per il 2015, di cui il 27% proveniente da attività al di fuori della Francia. Presente in 120 paesi, con 240.000 dipendenti, SNCF si avvale di 3 principali società e di 6 attività: SNCF Voyageurs (Voyages SNCF, Transilien, TER et Intercité), Keolis (Mass transit in Europa e nel mondo), SNCF Logistics (trasporto e logistica di merci), Gares&Connexion (gestione delle stazioni), SNCF Réseau (gestione della rete ferroviaria francese) e SNCF Immobilier (gestione e valorizzazione del patrimonio immobiliare). www.sncf.com

Contatti stampa: Havas PR
Paola Calore paola.calore@havaspr.com
Fabio Miceli fabio.miceli@havaspr.com