Archivi categoria: VIAGGI

Viaggi: in economia, style&luxury, terme…extra Europa, Europa, Italia,

Weekend di primavera dove ? – Rovigo: piccola destinazione – grande emozione! – Mostre – eventi – tour culturali ed enogastronomici

ROVIGO

Partono con la mostra dedicata al Delta del Po gli eventi che rendono ancora più imperdibile la città de Polesine e i suoi dintorni

Palazzo Roncale

Quante ricchezze custodiscono e rivelano le piccole destinazioni italiane suscitando meraviglia per tanta bellezza che lascia intravedere storie del passato e di popoli provenienti da ogni dove?

Anche Rovigo e il Polesine, terra tra due fiumi, sono legate alle antiche civiltà sviluppate dove la terra era fertile.

Una storia che emerge osservando i numerosi reperti custoditi nei Musei Archeologici di Rovigo, Adria e Fratta Polesine in cui il visitatore, grande o piccolo che sia, viaggia indietro nel tempo.

Dall’Età del Bronzo ai commerci del sale e dell’ambra provenienti da Oriente.

Stili di vita… vissuta si svelano negli oggetti di uso e di culto che abbattono i confini avvicinando Occidente e Oriente. L’acqua scorre ovunque: Adria, FrattaPolesine, il centro storico di Lendinara attraversato dall’Adigetto.

Lungo questi corsi, oggi, eleganti edifici costruiti da grandi Mecenati sono stati valorizzati da sapienti restauri promossi da amministrazioni attente a rendere queste sedi sia luoghi di cultura, sia spazi perfetti per eventi aziendali.

Con diverse azioni di marketing, dalla fine del 2015, Rovigo Convention & Visitors Bureau promuove con grande impegno le ricchezze storiche, artistiche, culturali della città e dei borghi limitrofi oltre al Delta del Po, definito da Mab Unesco scrigno prezioso di biodiversità.

Un enorme patrimonio che comprende monumenti, teatri, palazzi pubblici e privati sede di mostre d’arte temporanee e di eventi culturali. Per coloro che non sanno ancora che Rovigo è una piccola destinazione che da grande emozione, ecco che sorprese riserva l’arrivo della primavera.

PRIMAVERA DA NON PERDERE …A ROVIGO

Mostre, eventi, tour culturali ed enogastronomici.

Arte e territorio si fondono nella affascinante Rovigo, icona di un Polesine tutto da scoprire e da gustare, in una primavera in fiore pronta ad offrire straordinarie bellezze e un programma spettacolare.

Prende il via il 25 marzo a Palazzo Roverella la mostra fotografica Terra senz’ombra, il Delta del Po negli anni 50, 100 scatti di Pietro Donzelli dove i paesaggi sono esaltati dai forti chiaro-scuri del bianco e nero.

La Mostra, che terminerà il 2 luglio, è promossa da Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo che, da oltre 10 anni, anima e sostiene la proposta artistica della città, grazie a mostre a tema che diventano anche occasione per visitare la Pinacoteca dell’Accademia dei Concordi. Al suo interno tele del Tiepolo e del Bellini, capolavori della nostra pittura spesso richieste da importanti musei oltremare.

Contestualmente, a Palazzo Roncale, gli appassionati d’arte potranno ammirare i tesori artistici della Fondazione stessa.

Un pretesto già di per sé interessante per un insolito week end tra marzo e aprile, magari in occasione dei ponti di Pasqua.

Senza dimenticare i grandi tesori che la città offre nell’accogliente centro storico.

Da Piazza Vittorio Emanuele II a Piazza Garibaldi e insieme la Camera di Commercio, il Templio della Beata Vergine del Soccorso, detto la Rotonda, il Teatro sociale, infine il Museo dei Grandi Fiumi all’interno del Chiostro degli Olivetani, una visita a dire poco incantevole per comprendere storia, ambiente, eccellenze del territorio.

A Maggio ogni weekend sarà animato da una seria eventi che sapranno incontrare i gusti di un pubblico trasversale e giovane con un grande contenitore il “Maggio rodigino”.

Si comincia con Rovigoracconta​, festival di cultura e spettacolo organizzato dal 2014 dall’Associazione Liquirizia​ e ospitato dal 4 al 7 maggio nel centro storico di Rovigo.

Si tratta di uno dei principali appuntamenti culturali della città e non solo e vede la partecipazione di importanti artisti, tra cui musicisti e scrittori di fama nazionale, che si esibiscono in una “quattro giorni no stop” di grande appeal.

Si prosegue, dall’11 al 14 maggio, all’insegna delle suggestioni, nel calore e nelle emozioni che la musica è in grado di suscitare. Animeranno la città con intrattenimenti ludico-musicali il Conservatorio F. Venezze e l’Associazione Musicale Venezze. In programma concerti pomeridiani e serali nel centro, con proposte che spazieranno dalla lirica al jazz ai repertori più cult della musica classica. Non passeranno inosservati i momenti dedicati ai più giovani​ come lo spettacolo “Musica a Fumetti”, i cui protagonisti saranno le note e il disegno.

Dal 18 al 21 maggio toccherà​ poi al Festival Biblico​, significativa iniziativa nata a Vicenza e da 4 anni tappa obbligata anche a Rovigo, dove propone momenti di riflessione e incontro con grandissimi scrittori, saggisti e personalità della cultura.

Si tratta di un festival che è già capace di attirare nei weekend tanti appassionati di libri, radio, cinema e musica. La quarta edizione affronterà il tema del Viaggio​, metafora di relazione e incontro, di ricerca continua con grandi nomi tra cui Pupi Avati, Lorenzo del Boca e Angelo Moia e, per la musica, Chiara Galiazzo e la Banda Rulli Frulli.

Dal 26 al 28 maggio, la sesta edizione della rassegna Rovigo Comics​, kermesse di rilievo nazionale dedicata al fumetto e ai mondi a esso connesso: cinema, cartoon, sceneggiature, tecniche dell’illustrazione manuali, digitali e travestimenti dedicati ai 40 anni di Guerre Stellari.

A fare da contorno ad un’offerta già così ricca ci saranno infine due iniziative dedicate al maestro Gabbris Ferrari, pittore e scenografo, persona di spicco della vita culturale della città.

Tanti sono i motivi per un tour imperdibile a Rovigo e dintorni. Per trovare le proposte speciali da marzo a giugno consultate il sito www.rovigoconventionboureau.com o chiedete informazioni turistiche a eventi@rovigoconventionbureau.com

Alla scoperta della città e del territorio

Rovigo, meta ancora tutta da scoprire, offre itinerari culturali di grande suggestione immersi in un’atmosfera che privilegia la qualità della vita e l’amore per la terra. La vivace proposta turistica di Rovigo, capoluogo di quel magico sud del Veneto, riserva continue sorprese.

Perché non lanciarsi in un suggestivo programma di itinerari alla scoperta dell’anima della città e del territorio?

Alla ricerca delle sue tracce medievali, ma non solo. Per comprendere la storia antica che lega le civiltà sviluppatesi lungo i fiumi e dunque anche il territorio della provincia di Rovigo, stretto tra i corsi terminali dei due maggiori fiumi italiani, l’Adige e il Po, basta visitare il Museo dei Grandi Fiumi, all’interno del Chiostro degli Olivetani che raccoglie prevalentemente materiali archeologici provenienti, quasi esclusivamente, da ricerche e raccolte effettuate in anni diversi nel Medio e Alto Polesine.

I materiali archeologici presenti documentano la storia del Polesine dall’età del Bronzo al periodo rinascimentale.

Questo lo rende interessante anche per i più piccoli che vogliono percorre un lungo pezzo di storia antica grazie a una serie di bellissimi allestimenti scenografici e videoclip.

L’anima di Rovigo si vede poi addentrandosi verso il centro.

Passando per Piazza Vittorio Emanuele, piazza principale del centro storico, vero cuore pulsate di Rovigo su cui si affacciano il Palazzo Roverella e il Palazzo Roncale, la Loggia dei Nodari, sede del Municipio, l’Accademia dei Concordi, principale istituzione culturale della città.

Spicca poi, quasi a dare il benvenuto, la colonna con il leone veneziano, testimone dell’ex appartenenza alla Repubblica Ducale di Venezia.

Pochi passi e si incontra Piazza Garibaldicon la statua finanziata nel 1896 da tutti i comuni polesani.

Spazio di formazione ottocentesca risale al 1808 e nel pavimento si possono intravedere i resti della chiesa demolita di Santa Giustina.

Guardandosi attorno, oltre allo storico Caffè Borsa, si trova il Teatro Sociale, uno dei più famosi della tradizione veneta, dove sono giunti molti nomi della lirica divenendo una grande passione dei rodigini.

Venne eretto fra il 1817 ed il 1819, rispecchiando la convinzione dell’epoca che considerava il melodramma come il genere di spettacolo meritevole della massima considerazione ed è la migliore testimonianza della melomania dei rodigini, nonostante le ristrettezze economiche, coltivavano fin dal seicento.

La costruzione, di stile neoclassico, presenta un atrio a portico, un fastoso foyer decorato con pitture e una sala con platea e quattro ordini di palchi.

Nel portico alcune lapidi ricordano avvenimenti rilevanti nella storia del teatro come ad esempio l’incendio che lo distrusse nel 1902 o il debutto, nel 1914 del tenore Beniamino Gigli.

Adiacente al Teatro Sociale, la Camera di Commercioil cui insediamento risaleintorno alla metà dell’800 costringendo una ristrutturazione del piano terra e la conseguente nuova disposizione degli spazi.

Fu creato il Salone della Borsa e ampi spazi per le contrattazioni dei commercianti. Furono riservati altresì dei locali per l’Ufficio di Posta e Telegrafo che vi rimase fino al 1931.E’ del 1929 la realizzazione del Salone del grano nel corpo centrale, con la grande volta a botte vetrata, costituita da riquadri di vetro sostenuti da una struttura in legno e ferro, e il pavimento a mosaico con al centro gli stemmi della Provincia e della Camera.

Un vero spettacolo!

Dal 2014 il Salone del Grano, dopo 5 anni di ristrutturazione è diventato spazio per meeting ed eventi.

Ma c’è un vero tesoro nascosto tra le viuzze del quartiere ebraico. E il Tempio della Beata Vergine del Soccorso detto La Rotonda, un vero gioiello dalla pianta ottagonale che all’interno sorprende con un doppio ciclo pittorico del ‘600 costituito da 22 grande tele che celebrano i Podestà o provveditori veneziani che si sono susseguiti a capo della città e 8 tele che raccontano le storie della Maria, oltre all’altare tutto dedicato alla Madonna come segno di devozione per i 115 eventi ritenuti prodigiosi e pubblicati nel 1595 in un opuscolo illustrato dal cronista locale Celio Nicolo. Il Tempio, realizzato nel XVI secolo da Francesco Zamberlan, allievo di Palladio, è davvero emozionante.

Entrando si nota subito il contrasto tra l’essenzialità degli esterni e la ricchezza decorativa dell’interno, vero e proprio scrigno d’arte dove nessuna superficie è lasciata libera di dipinti e sculture. Da sottolineare il ciclo pittorico del seicento ad opera di diversi protagonisti della pittura veneta tra cui Francesco Maffei, Andrea Celesti e Alessandro Varotari.
Pochi passi per riprendersi da tanta bellezza e dall’altro lato delle piazze si giunge in uno spazio arioso e sempre verde. All’orizzonte si scorgono le Due Torri, resti dell’antico castello medievale: Torre Donà, la più alta delle due torri, e Torre Grimani detta Torre Mozza, la più piccola, sono circondate dai resti di un muro fortificato. La nobile famiglia d’Este di Ferrara fece fortificare la città di Rovigo nel Medioevo e fece costruire un castello insieme alle torri di difesa. Rovigo riuscirà a sorprendere anche per i suoi esempi di archeologia industriale come il quartiere polivalente, detto Cen.ser (Centro Servizi – Rovigo Fiere), un complesso di edifici, oggetto di recupero e trasformazione d’uso dell’antico zuccherificio di Rovigo: qui trovano sede, oltre a differenti spazi per convegni ed esposizioni, il consorzio universitario CUR ed il polo tecnologico che conta un incubatore di start-up, un PopLab ed un centro di nanotecnologie.
I dintorni di Rovigo

I dintorni di Rovigo fanno parte di quel patrimonio artistico culturale di cui talvolta si ignora la grandezza e unicità. Dove storia e natura, tradizione e innovazione si fondono in un territorio ricco di eccellenze ancora poco conosciute, alla scoperta di un turismo capace di sorprendere diversamente nelle varie stagioni.

A soli 16 km da Rovigo è possibile raggiungere Fratta Polesine, famosa anche per la presenza di Villa Badoer e per le vicende di personaggi illustri legati alla storia del Risorgimento italiano.
Villa Badoèr, detta La Badoèra, firmata da Antonio Palladio e costruita tra gli anni 1556-1563 su commissione di Francesco Badoèr. È la prima villa in cui l’architetto vicentino utilizza pienamente un pronao con frontone in facciata. Le sale del piano nobile sono finemente decorate da grottesche di bellissima invenzione dal Giallo Fiorentino. L’edificio, insieme alle altre ville palladiane del Veneto, è inserito dal 1996 nella lista dei patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

Villa Badoer Fratta PolesineVale la pena di visitare anche il Museo Archeologico Nazionale di Fratta, inaugurato nel 2009 presso le Barchesse di Villa Badoer. Rappresenta l’esito di oltre 40 anni di ricerche in Polesine, in particolare relativa alla tarda età del bronzo. I materiali esposti, sicuramente tra i più considerevoli in ambito europeo, sono riconducibili ai villaggi che popolano l’antico fiume tra il XII e il X secolo a.C.

Il nucleo di manufatti più importanti risalgono al villaggio di Frattesina e alle due necropoli ad essa correlate rinvenute in località Narde e Fondo Zanotto. L’occhio verrà attratto anche da Villa Grimani-Molin-Avezzù, col suo prezioso ciclo di affreschi e la sua magnifica architettura risale al XVI secolo. Contemporanea alla vicina Villa Badoer, è diventata, anch’essa, edificio di prestigio di Fratta Polesine. Gli ambienti interni presentano una decorazione ad affresco basata principalmente sui temi dell’amore e della fecondità.

Poco distante la Casa Museo Giacomo Matteotti, recentemente restaurata nelle strutture e negli arredi, ospita eleganti e sobrie ambientazioni originali nei primi due piani e nel sottotetto l’ampia e approfondita sezione documentaria. La Casa Museo, permette di immergersi, nella vicenda umana e politica di Giacomo Matteotti, straordinario protagonista della storia italiana del novecento.Fratta è terra di Risorgimento ed ogni secondo weekend di novembre viene rievocato l’evento storico di una cena carbonara a Villa Grimani Molìn Avezzù e la festa di San Martino la domenica.

Da visitare assolutamente il Santuario della Beata Vergine del Pilastrello, luogo di devozione mariana sia in passato che tutt’oggi, sviluppatasi già a partire dal ‘500 attorno ad una scultura lignea della Beata Vergine con il Bambino, divenuto in seguito sede di una comunità monastica benedettina olivetana e arricchitosi di una ricca collezione di opere d’arte di scuola veneta tra i quali i pittori Paolo Veronese e il Tintoretto e gli scultori veneziani Morlaiter e Marchiori.

Da non perdere anche la Piazza Risorgimento, piazza principale con l’antica ed elegante Torre dell’Orologio e l’imponente Palazzo Pretorio (XV sec.),

Palazzo Malmignati, il Teatro Ballarin che ha un programma di spettacoli di tutto rispetto e un altissimo numero di abbonati e Palazzo Boldrin che dopo una encomiabile ristrutturazione è oggi sede della Cittadella della Cultura con una Biblioteca che custodisce libri del 500 e 600. Su tre piani sale meeting di varia capacità e testimonianze del Risorgimento. Infine non si può perdere Villa Dolfin- Merchiori con un parco immenso che d’estate diventa teatro di spettacoli all’aperto.

Ritornando verso Rovigo in una piccolissima frazione di Villamarzana, si scorge una elegante villa cinquecentesca, annoverata tra le ville venete, leggermente nascosta dall’ampio parco piantumato.

E’ Villa Cagnoni Boniotti, un luogo affascinante per cerimonie, concerti ed eventi aziendali.

La Villa nasce in seguito al processo di riconversione dei capitali da mercantili ad agrari che, a partire dalla seconda metà del ‘500, ebbe notevole impulso. Infatti, secondo alcuni documenti, l’anno di costruzione del complesso risalirebbe al 1589. La Villa, inoltre, venne utilizzata dai Carbonari, che hanno lasciato tracce evidenti: durante i lavori di restauro sono emerse tracce dell’esistenza di un tunnel segreto che corre sotto la Villa e si narra che esso continuasse sino a raggiungere Fratta Polesine.

Da Rovigo andando verso est si può visitare Adria, cittadina antica che ha dato il nome al Mare Adriatico.

Fondata dagli Etruschi, è tra le città più antiche del Veneto (X – VI a.C.), porto di fiume, punto strategico dei trasporti fluviali dell’era paleo veneta. Qui sarà possibile la visita guidata al Museo Archeologico Nazionale che raccoglie preziosi reperti di arte greco-romana-etrusca ed una passeggiata nel centro storico, per concludere con la Cattedrale dei SS. Pietro e Paolo e la suggestiva Cripta.

Anche il piccolo comune di Canaro, a 20 km da Rovigo, vale una sosta per visitare il MUVIG, nuovo museo virtuale dedicato alle opere di Benvenuto Tisi da Garofolo che qui, grazie ad installazioni multimediali, si possono ammirare in un percorso suggestivo, particolarmente adatto alle scolaresche.

Infine va menzionato il Museo della Giostra di Bergantino, a 50 km da Rovigo, nell’alto Polesine, che assieme a Melara costituiscono il cuore pulsante del distretto della giostra dove sapienti mani artigiane, contaminate da tecniche di ingegneria aerospaziale, costruiscono giostre per i parchi divertimento di tutto il mondo.

Non solo arte e architettura sul territorio ma agriturismi e fattorie didattiche situate nei dintorni di Rovigo, votati al green, lasciano scoprire i tratti caratteristici della provincia di Rovigo che fonda le sue radici nella ruralità che, oltre a custodire un grande patrimonio di tradizioni, rappresenta una delle voci economiche più importanti della zona legate a distretti orto-frutticoli capaci di offrire prodotti di alta qualità, certificati e presenti nei più importanti mercati nazionali ed esteri, dove si possono fare piccole degustazioni e naturalmente… acquisti!!

Rovigo Convention & Visitors Bureau
www.rovigoconventionbureau.com – eventi@rovigoconventionbureau.com

 

Weekend di giugno 2017 – Dal 2 al 5 giugno Ascona diverrà il palco a cielo aperto

GLI ARTISTI DI STRADA INVADONO ASCONA
Dal 2 al 5 giugno Ascona diverrà il palco a cielo aperto
del 14° Festival degli Artisti di Strada

Figure colorate e ricche di fascino antico, gli artisti di strada sono sempre più rari al giorno d’oggi.

Con i loro strani attrezzi, i costumi, il trucco e i giochi, questi artisti riportano ad un mondo precedente alla televisione, in cui il divertimento andava cercato fuori, nelle strade e nelle piazze. Per fortuna, una volta l’anno, Ascona diventa il palco di una manifestazione che raccoglie artisti di strada da tutto il mondo, che si riuniscono per rendere più colorate le giornate di cittadini e turisti.
Il Festival degli Artisti di strada torna per il 14° anno consecutivo con la sua allegra carovana di spettacoli e magia.

Il Festival degli Artisti di strada
Ascona, 2 – 5 Giugno 2017
Quattro giorni full immersion nell’arte di strada: artisti da tutto il mondo si esibiranno nelle strade e nelle piazze di Ascona. Dal Borgo sino al lungolago, davanti alla biblioteca municipale ed in piazza Elvezia, oltre 100 acrobati, clown, mangiafuoco e giocolieri si esibiranno senza alcun compenso al di fuori del classico cappello che passerà fra il pubblico a fine spettacolo.
Anche quest’anno, nell’ambito del Festival si terrà un concorso per decretare l’artista migliore presente in città ed anche quest’anno non sarà una giuria specifica ma il pubblico a scegliere fra tutti il suo preferito. Le schede di votazione saranno presenti vicino ad ogni palco e presso l’info point e fra i votanti verrà anche estratto qualcuno per vincere un weekend per due ad Ascona.

Ascona, lifestyle sul Lago Maggiore

Famosa per il suo centro storico e per il lungolago dal sapore mediterraneo Ascona è la città più bassa della Svizzera e gode di un dolce clima mite.

Città rinomata per il “bel vivere”, Ascona coltiva la passione per il bello e per i piaceri della vita.

I numerosi locali vista lago, l’offerta culturale e alberghiera, infatti, sono votati sempre alla qualità del servizio. Boutique di moda, negozi con prodotti di lusso internazionali, botteghe artigiane, gallerie d’arte, negozi di souvenir, distillati e vini pregiati si annidano fra il lungolago e i vicoli della città, rendendola meta felice per gli amanti dello shopping e delle tentazioni.
La zona di Borgo, l’antico centro storico, ruota attorno alla mirabile Chiesa di San Pietro e Paolo, una basilica con colonnato del XVI secolo, il cui alto campanile è l’emblema di Ascona. Rappresenta la località di villeggiatura per eccellenza.
Il Monte Verità sovrasta Ascona. All’inizio del XX secolo alcuni originali pensatori vi si stabilirono fondando una colonia che attirò celebrità da tutto il mondo. Attualmente il monte ospita il centro seminariale delle Università di Lucerna e Zurigo ed un museo illustra la storia dell’alternativa colonia e dei suoi fondatori.
Oggi, la stazione di villeggiatura di Ascona, nelle immediate vicinanze di Locarno, propone un bel percorso di golf a 18 buche, campi da tennis, eleganti boutique, una grandissima piazza, hotel di alta gamma e numerosi eccellenti ristoranti, belle passeggiate in un ambiente verdeggiante, sport acquatici come il windsurf e la vela, come pure le crociere sul Lago Maggiore. La bellezza selvaggia delle vicine valli trasversali del Ticino, come la Valle Maggia e Centovalli, è un territorio da sogno per gli appassionati di camminate, escursioni e mountain bike.

Weekend e vacanze per arte – design – musica e danza – Dove ? In Svizzera il meglio designed for you

Swiss cities – Designed for you

Cosa sarebbe il mondo senza la cultura in tutte le sue declinazioni?

Arte, design, musica e danza vanno a braccetto con l’offerta turistica delle città svizzere che vantano musei e manifestazioni di richiamo internazionale in contesti “a misura d’uomo”. Protagoniste di riqualificazioni urbane innovative ed ecosostenibili, alcune città sono diventate un punto di riferimento nel panorama dell’architettura contemporanea

Basilea: la città d’arte svizzera per eccellenza

A Basilea l’arte si respira: è, infatti, in questa città che si trova la più alta densità di musei. Per non parlare di Art Basel! Molti però non sanno che nella città sul Reno l’arte ha una lunga tradizione.

Già nel 1967, al fine di mantenere due quadri di Picasso al Kunstmuseum Basel, gli abitanti manifestarono scandendo lo slogan «All You Need Is Pablo». Da allora l’amore per l’arte non ha fatto che crescere e, ora, è culminato nella monumentale nuova costruzione del Kunstmuseum.

Lugano, una città in fermento artistico.

Sole, relax, clima e cibo mediterranei: questa è solo una piccola parte dell’eccezionale offerta turistica luganese.

Negli ultimi anni a Lugano si è infatti formata una comunità di giovani artisti del territorio che, arricchiti di esperienze fatte all’estero, sono ritornati in città con l’intento di espanderne il panorama artistico. Dal 7 aprile la cittadina ticinese organizza il suo fuori salone.

Zurigo: da quartiere industriale ad avamposto del design.

Negli ultimi anni è nato un nuovo quartiere illuminato a Zurigo, chiamato Zürich-West.

Là dove un tempo si costruivano navi e si avvitavano motori, oggi i riflettori sono puntati su arte, gastronomia, shopping e architettura. Esemplare la trasformazione dell’ex birrificio Löwenbräu in centro per l’arte contemporanea con gallerie, il Museo Migros e la Kunsthalle.

Losanna: la danza dietro ogni angolo.

Dai Ballets Russes durante la prima guerra mondiale al prestigioso Prix de Lausanne, fondato nel 1973, dal Béjart Ballet Lausanne alla danza contemporanea di Philippe Saire, la città sul Lago di Ginevra accoglie tutti i generi di danza.

Al tema è dedicato un nuovo tour guidato per il pubblico che “debutterà” in occasione della Fête de la Danse (5-7  maggio 2017) e verrà replicato per il Festival de la Cité (4-9 luglio 2017).

Berna

Sulle tracce di Paul Klee.
ll Centro Paul Klee ospita la più grande collezione di opere dell’artista che trascorse metà della sua vita a Berna. E qui non ci si limita ad ammirare i quadri ma ci si può anche dedicare alla pittura.

Ginevra

Quartier des Bains.
Ginevra vi aspetta con uno dei quartieri artistici più innovativi d’Europa: il Quartier des Bains. Qui ha sede il MAMCO, museo per l’arte contemporanea, numerose gallerie, bar alla moda e caffé trendy.

Lucerna

Lucerne Festival.

Le migliori orchestre e i migliori direttori del mondo, il centro di cultura e congressi KKL dell’architetto di fama mondiale Jean Nouvel, la vista sulla città vecchia, il lago e i battelli a vapore: sono molti i motivi per cui innamorarsi del Lucerne Festival.

Con la realizzazione del Centro cultura e congressi KKL Lucerna alla fine degli anni 90, questa storia d’amore musicale si è arricchita di un ulteriore capitolo: i lucernesi sono orgogliosi dell’opera progettata dalla star dell’architettura Jean Nouvel e situata direttamente sul Lago dei Quattro cantoni. Il KKL Lucerna riunisce sotto lo stesso tetto una sala da concerti, un centro congressuale e un museo d’arte – e ogni anno corona la propria splendida offerta con il Lucerne Festival. L’acustica della sala da concerto, concepita dall’architetto ed esperto di acustica di New York Russell Johnson, è fra le migliori del mondo.

Lucerne Festival 2017

1 – 9 aprile 2017
Festival Pasquale

11 agosto – 10 settembre 2017
Festival estivo

18 – 26 novembre 2017
Festival pianistico
www.lucernefestival.ch

Weekend aprile e maggio low cost – LA VAL DI NON SALUTA LA PRIMAVERA CON TANTI APPUNTAMENTI DEDICATI AI FIORI…

Weekend da 120 Euro a persona per due notti con colazione; il prezzo include due pernottamenti in primavera e due pernottamenti in autunno e l’adozione di un melo.

www.apriledolcefiorire.com

7 aprile – 2 maggio 2017

APRILE DOLCE FIORIRE:
 LA VAL DI NON SALUTA LA PRIMAVERA
CON TANTI APPUNTAMENTI DEDICATI AI FIORI…
NON SOLO DI MELO!

NOVITÀ 2017: A castello con gusto!

Parco Fluviale Novella: passeggiata lungo i sentieri delle orchidee selvagge
—————————–

Gustosi menu che mettono insieme fiori di melo e altri fiori autoctoni.

Fiorinda, un’intensa due giorni dedicata ai fiori, alla cultura
e all’agricoltura della Val di Non.

ADOTTA UN MELO:


Weekend in Val di Non presso un’azienda agricola Melinda a partire da 120 Euro a persona: adozione della pianta inclusa!

– Prima dei frutti ci sono i fiori e, proprio per questo, una terra di frutti per eccellenza come la Val di Non, chiamata anche non a caso, la valle delle mele, dedica l’intero mese di aprile ai fiori.

Momento hype del periodo sarà naturalmente la fioritura dei meli che letteralmente imbianca tutta la valle, inondandola di un intenso profumo. Per aspettarlo e accompagnarlo nel migliore di modi ci saranno tantissimi eventi. E non solo dedicati ai fiori di melo!

Tra le novità più belle del 2017, “A castello… con gusto”, visita guidata allo spettacolare Castel Valer – che nel 2017 apre per la prima volta le sue porte al pubblico – , abbinata a una passeggiata tra i meleti in fiore circostanti e a una squisita merenda curata da La Strada della Mela e dei Sapori.

“Aprile dolce fiorire” è una scatola magica en plein air che racchiude appuntamenti legati alla floricoltura e alle piante selvatiche, passeggiate tra i filari di melo, menù a tema, weekend in agriturismo in cui è possibile adottare un melo, running (o slow walking) in campagna…

Un consiglio perfetto per apprezzare la fioritura in modalità aromaterapia? L’essenza dei boccioli di melo è particolarissima e un’esperienza da provare appena fa buio e l’aria della sera si fa frizzante, è uscire all’aria aperta, chiudere gli occhi e concentrarsi solo sull’olfatto: il naso si inebrierà immediatamente, trasmettendo una sensazione straordinaria a tutto il corpo. Provare per credere!

FIORINDA: FIORI DA AMMIRARE, ASSAGGIARE, IMPARARE E… PEDALARE

Per “Aprile dolce fiorire”, a Mollaro va in scena la quinta edizione di Fiorinda, il dolce spettacolo della fioritura dei meleti! Dall’8 al 9 aprile il borgo della Val di Non, che è interamente circondato da campi pieni di alberi di melo, si mette in festa e diventa un’allegra vetrina incentrata su agricoltura, prodotti locali, enogastronomia, cultura, artigianato, sport e innovazione. Tra le novità di quest’anno, un Castello animato da streghe e mangiafuoco e Fiorinda Social Walk, una biciclettata e camminata tra i meli. Da non perdere inoltre gli spettacoli di show cooking, i laboratori didattici e le tante animazioni per i più piccoli. www.fiorinda.org

PARCO FLUVIALE NOVELLA: SUI SENTIERI DELLE ORCHIDEE SELVAGGE
Aprile è anche il mese in cui il Parco Fluviale Novella dedica, ogni weekend, le sue escursioni ai fiori e ai loro segreti. Lungo il percorso tra i suoi spettacolari canyon, oltre ad ammirare i meleti in bianco, protagoniste dell’escursione saranno le prime orchidee selvatiche, avvistate e raccontate dalle guide, e le incredibili strategie che alcune piante mettono in atto per assicurarsi la propagazione.

AL MELETO: UNA VERA MELAVVENTURA – VISITA GUIDATA!

Pensando ai più piccoli, ma anche ai loro accompagnatori adulti, nell’evento dedicato alla fioritura, non poteva mancare una visita guidata divertente e istruttiva focalizzata sui campi di melo, da vivere all’aria aperta in compagnia di una guida bravissima. Ingredienti speciali: gli scorci di paesaggio, i particolari punti di osservazione giocosamente interattivi e una squisita merenda con prodotti del territorio.

MENÙ A TEMA FLOREALE E SHOW COOKING A BASE DI PIANTE E FIORI LOCALI

Le mele antiche, gli ortaggi e altre produzioni agricole locali saranno invece protagonisti di alcuni interessanti itinerari tematici. Alcuni ristoranti soci della Strada della Mela proporranno per tutto il periodo primaverile menu ad hoc con abbinamenti floreali tra fior di melo e altri fiori autoctoni. Tra le ricette, maltagliati all’ortica fatti in casa con mortandela, tarassaco e fiorellini, fortaie alle erbe di campo con salumi e formaggi, petto di faraona ripieno al tarassaco spontaneo dei prati della Predaia, semifreddo al sambuco con marmellata di mele cotogne.

E tra quelle per lo show cooking con il senior Family chef Mattia Sicher dell’Hotel Pineta: ravioloni alla carbonara liquida e cime di luppolo selvatico, spatzle tricolori della cucina aromatizzati con le verdure di stagione.

ADOTTA UN MELO – VACANZA GREEN BELLA, BUONA E DIVERTENTE!

Uno dei momenti più belli del mese di aprile in Val di Non è sicuramente il ritorno dei weekend di “Adotta un melo” – www.adottaunmelo.com. Prenderanno il via dal 7 aprile, per un’idea di vacanza “green 100%” – promossa dall’ APT della Val di Non, dalla Strada della Mela e dei Sapori della Val di Non e da Melinda – che vede coinvolte le aziende agrituristiche che si fregiano del riconoscimento “Ambasciatori di Melinda”, grazie all’anima eco del loro modo di intendere l’ospitalità.

Questo weekend country style dà la possibilità di trascorrere qualche giorno in un’azienda agricola impegnata nella coltivazione delle mele e di vivere in diretta i suoi ritmi e i suoi rituali. Per adottare un melo della Val di Non – che sarà corredato di una targhetta con il nome della nuova mamma o del nuovo papà – è sufficiente prenotare un weekend dal 7 aprile al 4 giugno 2017, facendo ritorno in autunno per raccogliere le propria frutta insieme ai contadini co-genitori della pianta e portarsi a casa 15 kg di croccanti mele di cui, nel corso dei mesi, si è seguita l’evoluzione, grazie agli aggiornamenti ricevuti via web.

Durante i fine settimana di “Adotta un melo”, gli ospiti degli agriturismi vivranno i frutteti in compagnia degli agricoltori affiliati al progetto e scopriranno con loro alcuni “segreti” delle tecniche di coltivazione nello spirito di provare un’esperienza “living as locals”.

Pacchetti a partire da 120 euro a persona, con trattamento B&B, adozione inclusa. Il prezzo include due pernottamenti in primavera e due pernottamenti in autunno.

Sconti del 50% per bambini da 3 a 12 anni.

4 VILLE IN FIORE, EDIZIONE NUMERO 42: PASSEGGIATA TRA I MELETI IN FIORI, PER RUNNER E SLOW WALKER
Nel mese fiorito, un grande classico è La “Quattro Ville in Fiore”, evento amato da runner super allenati, ma anche di chi vuole godersi una tranquilla passeggiata primaverile! In programma, nel 2017, il 23 aprile, nasce ben 42 anni fa come evento creato per sposare idealmente sport e bellezza, mettendo insieme atleti provetti e persone di tutte le età che hanno voglia di vivere la fioritura dei meli, ammirandone i profumi e i colori lungo un percorso che si sviluppa nell’area definita delle “Quattro Ville”, cuore della Val di Non e luogo storico per la coltivazione delle mele in tutto il Trentino.
Il percorso – 11 o 5 km – tocca alcuni dei più bei castelli della Val di Non, come Castel Nanno e l’imponente Castel Valer, congiungendo ad anello i suggestivi borghi contadini che formano le Quattro Ville d’Anaunia. Speciali corner gastronomici per fare un break di bontà dopo il percorso. Tra le novità del 2017, visite guidate ad alcuni monumenti artistici della zona.

MOSTRA MERCATO DELL’AGRICOLTURA: la più grande fiera dedicata all’agricoltura della Val di Non.
In un calendario così fitto di eventi, non poteva mancare una grande esposizione dedicata agli appassionati di agricoltura e giardinaggio, ma anche alle famiglie e ai bambini. L’1 e 2 maggio, la fiera di Cles ospita le più importanti novità del settore, le macchine agricole, il mercato delle piante da frutto, animali da cortile e focus dedicati alle tecniche della coltivazione dell’orto fatto in casa. Anche le attività didattiche per i più piccoli la rendono un interessante laboratorio a cielo aperto per grandi e bambini.

INCONTRI CON GLI AGRICOLTORI “A PORTE APERTE”

Oltre ai tre eventi principali, “Aprile dolce fiorire” proporrà numerose iniziative legate alla Strada della Mela. Le aziende agricole e produttrici di derivati della mela daranno vita a incontri a “porte aperte” per i visitatori, accompagnandoli nei luoghi di produzione e illustrando loro le tecniche di coltivazione e di lavorazione della frutta.

Per ulteriori informazioni:
APT Val di Non – www.visitvaldinon.it
tel. 0463 830133
www.apriledolcefiorire.com

Alla BIT il 3 Aprile la “BIO SPA”

Green Travel Award per la “BIO SPA”

Appuntamento alla BIT il 3 Aprile

Ancora un prestigioso riconoscimento per il TeviniDolomites CharmingHotel. Il 3 aprile infatti nell’ambito della fiera BIT di Milano, il Gruppo Italiano Stampa Turistica consegnerà il premio per la categoria “Bio-Spa” a Lorenzo Tevini. Il Green Travel Award è il premio che il Gist riconosce alle eccellenze del turismo sostenibile e responsabile. Ancora una volta quindiil rispetto per l’ambiente e l’ecosostenibilità volute dalla famiglia Tevini si dimostrano scelte vincenti insieme alla cura per il dettaglio e alla calorosa accoglienza tramandata da padre in figlio. l Premio consiste in una targa in cristallo con il logo del Premio disegnato da Miriam Mirri. La giuria 2017, che ha deliberato sulla base delle segnalazioni e delle candidature sollecitate dai soci Gist, era così composta: Luca Pollini (presidente), Raffaele D’Argenzio, Diana De Marsanich, Bruno Gambacorta, Graziella Leporati, Edoardo Stucchi. Tutti I vincitori del premio che vede coinvolte diverse categorie, saranno proclamati il 3 aprile a Milano in occasione della Bit (Borsa internazionale del turismo) a Fieramilano City.
Il Green Travel Award come migliore Bio Spa va ad assommarsi agli altri prestigiosi riconoscimenti che l’hotel ha ottenuto per la sua anima green: l’ultimo in termini di tempo aggiudicato a dicembre 2016 dal portale Più Turismo in collaborazione con WWF alla sua Spa “Km zero” e l’ECO LABEL per i consumi a impatto zero sul territorio come l’acqua, che si trova in abbondanza in tutta la valle, o il legno usato al posto del gasolio per il riscaldamento naturale.

Traghetti e vacanze – Navi di Corsica Sardinia Ferries con chef a bordo

 – Dalla primavera 2017, le navi di Corsica Sardinia Ferries sorprenderanno i passeggeri grazie al moderno e attento restyling dei locali dedicati alla ristorazione, che avranno un nome rappresentativo, un logo dedicato e una precisa personalità.

Anche il personale vestirà nuove divise, confortevoli e alla moda, che avranno uno stile più contemporaneo ma con un richiamo al passato: accessori classici si accosteranno a capi moderni e pratici.

Maître, camerieri, barman, hostess e responsabili di sala si presenteranno con un look accattivante, che avrà come colori dominanti il giallo e il blu, da sempre elementi identificativi del brand Corsica Sardinia Ferries.

Il raffinato ristorante “à la carte”Dolce Vita, dove i piatti della tradizione sono rivisitati in chiave moderna, sotto la supervisione di uno chef stellato; l’ampio buffet La Verandacon la formula“All you can eat”; l’elegante e classico Riviera Lounge; il dinamico self service gourmand Yellow’s; il mediterraneo “pasta e pizza” Gusto; il Lido Beach Bar, posto sul ponte solarium, e l’allegro Sweet Café si distingueranno per gli arredi, lo stile e la tipologia di offerta.

I nuovi locali avranno una precisa personalità ed esprimeranno i moderni concetti di ristorazione, rispettando le mode, le filosofie di vita, le esigenze salutistiche e le voglie della clientela più attenta.

Le navi gialle accoglieranno la serena unione tra Slow Food, per i passeggeri più tradizionalisti e amanti della buona cucina, e Fast Food, per i passeggeri più giovani o dinamici, che desiderano solo una pausa snack.

Sebastien Romani – Direttore del Catering – commenta “Sono stati creati nuovi concetti di accoglienza e ristorazione. Ogni locale avrà il suo stile, servirà cibo e bevande di qualità e presenterà una grande varietà di prodotti” e prosegue “Il nostro catering è motivo di vanto e orgoglio: da sempre curiamo l’immagine e le proposte di ristoranti e bar, garantendo la scelta delle migliori materie prime, la massima cura nella preparazione dei piatti – che sono tutti cucinati a bordo – con uno sguardo curioso alle novità e il desiderio di rispondere alle attese di tutti i tipi di clientela”.

§§§

Dal 1968 Corsica Sardinia Ferries è la prima Compagnia di navigazione privata per il numero di passeggeri trasportati, che serve tutto l’anno Corsica e Sardegna.
La Corsica è collegata da Tolone, Nizza, Savona e Livorno; la Sardegna è collegata da Livorno, Nizza e Tolone e, in estate, da Piombino. L’isola d’Elba è collegata da Piombino e da Bastia (Corsica) nella stagione estiva.
Corsica e Sardegna sono unite da collegamenti annuali.
Corsica Sardinia Ferries gestisce una flotta di 13 navi e si occupa direttamente di tutti i servizi all’utenza: dalla prenotazione, all’imbarco, all’accoglienza, al servizio di catering a bordo.
Tutte le attività di Corsica Sardinia Ferries sono certificate ISO 9001:2008.
A Savona Vado, in un’area di 50.000 mq in concessione alla Compagnia, sono concentrate le attività organizzative, amministrative e logistiche della società che nel 2016 ha trasportato oltre 3.700.000 passeggeri.

NORWEGIAN CRUISE LINE – LE NUOVE NAVI

NORWEGIAN CRUISE LINE SVELA LE PRIME IMMAGINI DELLE NUOVE NAVI DI CLASSE PROJECT LEONARDO

Le quattro nuove navi saranno consegnate rispettivamente nel 2022, 2023, 2024 e 2025

16 marzo 2017 – Ieri Norwegian Cruise Line ha mostrato i primi rendering delle nuove navi di classe Project Leonardo in occasione del Seatrade Cruise Global, il salone dedicato all’industria crocieristica che quest’anno ha luogo a Miami. Le quattro navi saranno consegnate da Fincantieri S.p.A. a partire dal 2022. La compagnia ha un’opzione per la costruzione di due ulteriori navi con consegna nel 2026 e 2027.

“Non vediamo l’ora di dare vita a questa nuova generazione di navi.

Il loro design mozzafiato offrirà ai nostri ospiti un’esperienza flessibile a bordo grazie a una varietà incredibile di proposte e ulteriori spazi interni ed esterni integrati che permetteranno loro di entrare maggiormente in contatto e sintonia con il mare”, afferma Christian Böll, Managing Director per l’Europa, Medio Oriente e Africa di Norwegian Cruise Line.

Le quattro navi avranno un peso di 140.000 tonnellate lorde e potranno accogliere circa 3.300 ospiti ciascuna.

Questa nuova categoria di navi consoliderà l’idea di libertà e flessibilità che caratterizza le ultime navi di classe Breakaway Plus della compagnia, e vanterà numerose caratteristiche innovative per offrire agli ospiti un’esperienza premium di qualità ancora superiore.

Una delle priorità del design del prototipo sarà l’efficienza energetica, allo scopo di ottimizzare il consumo di carburante e ridurre l’impatto ambientale. Maggiori dettagli sull’innovativa gamma di servizi e funzionalità per gli ospiti, disponibili per la prima volta in mare, saranno annunciati prossimamente.

__________________________________________________________________

Norwegian Cruise Line

Da 50 anni Norwegian Cruise Line è un innovatore radicale del segmento crocieristico: la sua è una storia di superamento dei canoni e dei limiti connessi alla tradizionale vacanza in crociera particolarmente con l’introduzione di un nuovo e innovativo concept di crociera, garantendo agli ospiti più libertà e flessibilità. Oggi, Norwegian invita gli ospiti a Feel Free su una delle 14 navi; queste navi, tra le più nuove e moderne dell’intero comparto, offrono ai passeggeri la possibilità di godersi una rilassante crociera. Nel dicembre del 2016, Norwegian ha vinto per la quinta volta il premio di “Compagnia di crociere leader di grandi navi” e per la prima volta il premio di Compagnia di crociere leader mondiale”. A settembre 2016, la compagnia è stata eletta “Compagnia di crociere leader in Europa” ai World Travel Awards per il nono anno consecutivo; inoltre, la compagnia ha ricevuto per la prima volta il premio come “Compagnia di crociere leader in Nord America” nonchè il premio di “Compagnia di crociere leader nei Caraibi” per il quarto anno consecutivo. La seconda nave più grande della flotta Norwegian Cruise Line, la Norwegian Epic, che attualmente è impegnata in Europa, ha fatto il suo debutto

ufficiale nel giugno 2010 e negli Stati Uniti è stata proclamata “Migliore Nave da Crociera Globale” dai lettori di Travel Weekly per due anni consecutivi e “Migliore Nave per Giornate di Mare” da Cruise Critic. La compagnia ha recentemente completato la costruzione di due navi da 4.000 passeggeri, la Norwegian Breakaway, che ha debuttato alla fine di aprile 2013, e la Norwegian Getaway, consegnata nel primo trimestre del 2014 così come la Norwegian Escape da 4.200 passeggeri alla fine di ottobre 2015. La compagnia è in attesa di altre tre grandi navi: la Norwegian Joy progettata per il mercato cinese nella primavera del 2017, la Norwegian Bliss nella primavera del 2018 e una quarta nave della stessa classe nell’autunno del 2019. La compagnia ha recentemente stipulato un contratto con Fincantieri S.p.A. per la consegna di altre quattro navi di nuova generazione nel 2022, 2023, 2024 e 2025, oltre all’opzione per due ulteriori navi.

Per ulteriori informazioni e prenotazioni contattare la propria agenzia di viaggi di fiducia oppure:

NCL (Bahamas) Ltd., Wiesbaden Office Continental Europe Branch
Kreuzberger Ring 68, 65205 Wiesbaden, Germany Tel: 010 897 65 19

Numero verde fax: 00800 0310 21 22 E-mail: prenotazione@ncl.com
Sito internet: www.ncl.com

Norwegian Cruise Line su facebook e twitter:
seguici su www.facebook.com/NorwegianCruiseLineItalia o www.twitter.com/ncl_it e non ti perderai nessuna novità.

Contatti stampa Norwegian Cruise Line:

Valentina Gazzola

PR Account Executive

Tel.: +39 02 43 45 8395

Fax: +39 02 43 45 8340

E-mail: Ncl.italy@aviareps.com

PASQUA SCI E CASTELLI – In Val Venosta

La Magia dei Castelli In Val Venosta

La vita di corte e le sue dame, i maestosi ricevimenti ravvivati dai giullari, le pantagrueliche cene dalle portate infinite, le estenuanti battaglie dei suoi cavalieri con le loro imponenti armature non sono un percorso virtuale ma un viaggio reale nelle glorie di un tempo che si snoda tra i castelli della Val Venosta.

Qui il profumo di Medioevo è nell’aria e avvolge il visitatore. E allora diventa facile rivivere la vita di un tempo attraverso le feritoie nelle mura dalle quali i castellani scoccavano le frecce infuocate, le merlature guelfe delle mura pensate per proteggere i soldati a difesa del castello dall’assalto nemico, le affascinanti torri di guardia e di vedetta per avvistare il nemico e prepararsi alla battaglia.

Puntando lo sguardo a nord di Castelbello si scorge, in tutta la sua magnificenza, il Castello di Castelbello.

Passeggiare nella bellissima corte, percorrere le sue scalinate, perdersi tra le arcate dalle diverse altezze è un’esperienza suggestiva e pittoresca. Eretto nel XIII secolo, il castello ospita una mostra permanente dedicata all’antica Via Claudia Augusta, oggi percorribile attraverso la sua pista ciclabile lunga 80 km.

Dirigendoci nel comune di Laces incontriamo il Castello di Coldrano, una residenza nobiliare immersa nei frutteti e vigneti della zona. Un tempo residenza stabile dei Conti Hendl, oggi il castello ospita mostre e convegni e rappresenta il centro culturale dell’Alto Adige occidentale. Una pregiata stufa in maiolica risalente agli inizi del XVI secolo e situata nella “sala degli spiriti” è il fiore all’occhiello di questo meraviglioso castello.

IL PIU’ FAMOSO E FREQUENTATO DAI TURISTI: Castel Juval, una fortezza medievale arroccata a circa 1000 m s.l.m. nel comune di Castelbello, oggi residenza di Reinhold Messner e sede museale del circuito MMM (Messner Mountain Museum), il castello-museo è dedicato al mito della montagna: in compagnia di guide professionali farete un viaggio tra reperti tibetani, vedute delle grandi montagne sacre del mondo e maschere provenienti dai cinque continenti. In prossimità del castello c’è un piccolo parco di animali di montagna. Castel Juval è raggiungibile con una navetta o a piedi percorrendo l’antica roggia di Stava o di Ciardes. Apre il 20 di marzo, chiuso nei mesi di luglio e agosto.

Vinschgau Marketing – Konsortial G.m.b.H. Via Portici, 11 – 39020 Glorenza
Tel. +39 0473 620480
www.venosta.net – info@vinschgau.net

Il nostro viaggio nel tempo prosegue in
direzione di Sluderno dove ci attende il
Castel Coira, uno dei castelli meglio
conservati dell’Alto Adige. Le rivisitazioni
strutturali ed estetiche che ha subito nei
secoli lo hanno reso un’armoniosa
combinazione di elementi architettonici
romanici, gotici e rinascimentali. Portoni
massicci, un grigio dominante contrastato a
tratti da tocchi di rosso e bianco.

Ma a colpire
è anche il coloratissimo e suggestivo colonnato con i suoi affreschi. Una lunga storia di famiglia, un l’albero genealogico dipinto sul soffitto della loggia al piano nobile, ambienti suggestivi illuminati da affreschi e dalle incantevoli stufe di maiolica.

La struttura, eretta a metà del XIII secolo, accoglie la più grande armeria privata d’Europa e fra le più grandi al mondo nel suo genere. Ai piedi di Castel Coira ogni anno (quest’anno dal 18 al 20 agosto) si svolgono i Giochi Medievali dell’Alto Adige che richiamano chi desidera immergersi in una atmosfera di altri tempi. Apre il 20 marzo.

Per scovare le rovine dei Castelli Rotund e Reichenberg, ci vuole una buona dose di curiosità e avventura: Castel Rotund è situato a ben 1.500 metri di altitudine e per questa ragione è uno dei castelli più ad alta quota del Tirolo.

Castel Reichenberg non è da meno: è situato su un ripido pendio, poco più in basso rispetto a Castel Rotund. Oggi è possibile visitare i Castelli dall’esterno, gran parte della fortezza è infatti caduta in rovina, tranne il mastio che è ancora ben conservato.

Raggiungere la Rovina del Castello di Montechiaro risalente al 13esimo secolo richiede una piacevole e romantica passeggiata, uno sforzo ripagato da una vista a 360 ̊sulla splendida Val Venosta e sul quasi dirimpettaio Castel Coira. Oggi le sue rovine sono caratterizzate dal palazzo rialzato e dal bastione circolare ancora ben conservato.

Vivere la magia della Val Venosta vuol dire avventurarsi tra i suoi castelli, ripercorrere le antiche vie, rivivere i fasti medievali in un’immersione senza tempo che non ha eguali…

Vinschgau Marketing – Konsortial G.m.b.H. Via Portici, 11 – 39020 Glorenza
Tel. +39 0473 620480
www.venosta.net – info@vinschgau.net

Vacanze al caldo e lusso delle Isole Vergini – app “Isole Vergini Britanniche” – la prima interamente in italiano

The British Virgin Islands Tourist Board & Film Commission è orgogoglioso di annunciare il lancio dell’app “Isole Vergini Britanniche”, la prima interamente in italiano dedicata alle BVI, realizzata dalla rivista online Latitudes Travel Magazine in forma di e-book interattivo.

Scaricabile gratuitamente su smartphone e tablet da Google Play e Apple Store, questa smart guide si propone come strumento innovativo, intuitivo e user-friendly per aumentare la conoscenza di questo straordinario arcipelago caraibico tra i viaggiatori italiani e gli operatori di settore.

L’app “Isole Vergini Britanniche” è stata sviluppata come guida pratica e versatile per andare alla scoperta dei “Piccoli Segreti della Natura” di quest’angolo di paradiso, un arcipelago di oltre 60 isole incastonate nel blu del mar dei Caraibi. Questo e-book di oltre 250 pagine, dotato di informazioni e approfondimenti utili che svelano il fascino delle Isole Vergini Britanniche, presenta le isole in modo accattivante, grazie ai suoi numerosi contenuti video e fotografici di grande impatto visivo ed emotivo, che riescono a rendere al meglio la vivace esplosione cromatica della destinazione.

Le quattro sezioni in cui è diviso l’e-book (Le Isole, Attività Acquatiche e Outdoor, Food e Romance) descrivono in modo allo stesso tempo puntuale e coinvolgente le Isole Vergini Britanniche. Dal mix di natura incontaminata e cultura British agli usi e costumi locali, lo straordinario appeal che questo arcipelago sa esercitare sui viaggiatori emerge pagina dopo pagina.

In particolare, nella sezione “Le Isole” gli utenti potranno scoprire le quattro principali (Tortola, Virgin Gorda, Jost Van Dyke e Anegada) e la costellazione di isole minori dell’arcipelago, con suggerimenti su dove alloggiare, sulle spiagge più belle e sulle esperienze assolutamente da provare.

La seconda sezione, “Attività Acquatiche e Outdoor”, presenta le BVI come la meta perfetta non solo per oziare su strepitose spiagge assolate, in pieno stile caraibico, ma anche per cimentarsi in emozionanti attività e sport: dalla vela, trasportati dai dolci alisei, allo snorkelling in acque cristalline e al diving a caccia di relitti, passando per il biking e il trekking nei 21 rigogliosi Parchi Nazionali delle isole.

A tutti i buongustai verrà l’acquolina in bocca anche solo sfogliando le pagine dedicate al “Food” e scoprendo la cucina dagli influssi creoli: nel menù locale spiccano Sua Maestà l’Aragosta Spinosa di Anegada, gustosissima nella versione grigliata, le conch fritters (polpette di mollusco) e il pescato del giorno, elemento principe del piatto nazionale fish and fungi. Il tutto da accompagnarsi con i famosi coktail locali a base di rum, come il celebre Pusser’s Painkiller®.

Infine, nella sezione “Romance” tutti gli innamorati scopriranno perchè le British Virgin Islands sono la destinazione romantica per eccellenza, che desiderino visitarle per suggellare il proprio amore, per festeggiare un importante anniversario o anche semplicemente per concedersi una fuga romantica in paradiso.

L’applicazione offre sia una panoramica delle isole per i viaggiatori sia un comodo strumento formativo per i professionisti del settore, che avranno sempre a portata di mano un’esaustiva guida alle isole dotata di informazioni utili, indirizzi e contatti delle strutture locali, con collegamenti diretti ai loro siti web.

L’app “Isole Vergini Britanniche” è scaricabile gratuitamente da Google Play e da Apple Store.

Per ulteriori informazioni sulle BVI, visitate il nuovo sito www.bvitourism.it.

A proposito delle British Virgin Islands

Arcipelago composto da 60 isole e caratteristici isolotti, le Isole Vergini Britanniche (BVI) si trovano a circa 50 miglia a est di Puerto Rico, nell’area nord-occidentale del Mar dei Caraibi.

Le isole principali sono Tortola – sulla quale sorge la capitale, Road Town – Virgin Gorda, Anegada e Jost Van Dyke. Destinazione celebre a livello mondiale, acclamata dagli appassionati di barca a vela e yachting, le BVI presentano una topografia così varia e dinamica da offrire l’opportunità unica di “saltellare” con facilità tra le varie isole che compongono l’arcipelago.

Infatti, ogni isola si contraddistingue per l’etereogeneità delle sue bellezze culturali e naturali.

Tra queste, troviamo l’unicità di The Baths, a Virgin Gorda; il caratteristico Anegada Flamingo Pond, che sorge sull’omonima isola; la spettacolare spiaggia di White Bay, a Jost Van Dyke; la sommità del Sage Mountain, a Tortola.

Oltre agli appassionati di yachting, le BVI richiamano sulle loro coste gli amanti di snorkeling, escursionismo e turismo sostenibile nonchè coloro che desiderano vivere esperienze subacquee di rara intensità, grazie ai fondali dell’arcipelago che custodiscono alcuni dei più affascinanti relitti sommersi dei Caraibi, come il celebre RMS Rhone.

Questo paradiso incontaminato, che evoca storie di pirati e gloriose epoche passate, è attualmente raggiungibile con comodi e frequenti collegamenti dalle vicine isole di St. Thomas (USVI), Porto Rico, Antigua o St. Maarten verso il Terrence B.

Lettsome International Airport (EIS), l’aeroporto principale delle BVI.

A partire dall’autunno 2017, le BVI saranno comodamente raggiungibili con volo diretto da Miami.

I visitatori possono raggiungere l’arcipelago anche in traghetto dall’isola di St. Thomas (USVI).

SEGUICI ATTRAVERSO LE NOSTRE PAGINE SOCIAL IN ITALIANO
@BVITurismo #BVI_Turismo

The British Virgin Islands Tourist Board & Film Commission
Tel: +39 (02) 43458332 | Fax: +39 (02) 43458340
Email: bvi.italy@aviareps.com | www.bvitourism.it

NASCE LA FOUR SEASONS HOTELS AND RESORTS GLOBAL SPA AND WELLNESS TASK FORCE

Costituita da professionisti visionari provenienti da tutto il mondo, la Spa and Wellness Task Force guida la strategia globale delle Spa firmate Four Seasons, che nomina Michael Newcombe, Presidente della Global Spa and Wellnes Task Force.

Dal design delle spa, alla ricerca degli ingredienti locali, privi di sostanze chimiche, al menu dei trattamenti, ogni spa Four Seasons è progettata per essere in armonia con la destinazione, incorporandone le tecniche locali e le più recenti scoperte scientifiche, in modo tale da rendere l’esperienza il più autentica possibile.

“Il servizio e l’autenticità sono sempre stati principi fondamentali e la chiave del nostro successo gl obale per l’esperienza legata alla ricerca del benessere. Con l’espansione del nostro portfolio globale, abbiamo approfondito la conoscenza del wellness, sviluppando nel contempo le terapie più avanzate e adattando l’offerta alle tradizioni locali, in ognuna delle nostre destinazioni. Aiutare gli ospiti ad essere informati e sempre più a conoscenza di questo mondo dedicato al benessere è una parte vitale delle nostre esperienze”, afferma Michel Newcombe.

In prima linea nella gestione e nel posizionamento dell’approccio olistico al benessere, eterno sostenitore del wellness, Newcombe racconta: “Il Wellness non è solo apparenza o sentirsi bene, ma piuttosto mirare a raggiungere e mantenere un equilibrio fisico e mentale.

Questo stato parte dall’alimentazione sana e dall’attività fisica, sia durante un viaggio di lavoro o una vacanza.

Il nostro obiettivo è di creare delle esperienze spa olistiche personalizzate in base alle neces sità di ognuno dei nostri ospiti, per aiutarli a mantenere il proprio equilibrio, ritrovando la tranquillità, anche durante un viaggio.”

Offrendo una varietà di opzioni per rispondere alle necessità di ogni cliente, i menu delle spa dei Four Seasons Hotels and Resorts sono sempre più orientati alla ricerca del giusto equilibro tra mente e corpo, tra salute e bellezza.

• MASSAGGIO A OTTO MANI al Four Seasons Resort Mauritius at Anahita:
uno degli unici massaggi a 8 mani nel mondo, il trattamento “Let it Go” al Four Seasons Resort Mauritius at Anahita comprende un’esperienza sensoriale da quattro terapisti sincronizzati, portando le antiche tecniche ayurvediche a un livello superiore di ringiovanimento e rilassamento.

• TERAPIA D I BIO MEDITAZIONE al Four Seasons Hotel Los Angeles at Beverly Hills:
una pratica di guarigione innovativa, perfezionata dalla terapista Jeannette von Johnsbach, la meditazione bioenergetica è disegnata per rimuovere i blocchi energetici e correggerne gli input sbagliati, aiutando il corpo a riconoscere gli squilibri e a rigenerare il proprio “core”. La terapia è anche conosciuta per attivare naturalmente la propria auto-guarigione e a fortificare il sistema immunitario, il sistema nervoso e il metabolismo, per concedere agli ospiti di ritrovare l’armonia interiore durante il loro viaggio.

• IL SUONO DELLE CAMPANE DI CRISTALLO al Four Seasons Resort The Nam Hai, Hoi An, Vietnam: prende ispirazione dagli insegnamenti del maestro Vietnamita zen Thich Nhat Hanh; nella Spa The Heart of the Earth la mission è di aiutare gli ospiti ad allinearsi con i ritmi della natura, per migliorare l’armonia interna e quella con il resto dell’umanità. Tutti i trattamenti vengono effettuati con le campane di cristallo, in tono con l’intonazione armonica della natura, per conciliare il corpo e la mente con il battito cardiaco della terra.

• I TRATTAMENTI PER LA TUA ENERGIA al Four Seasons Resort Maui at Wailea: sapendo che non esiste un solo metodo per raggiungere il benessere, la Spa del Four Seasons Resort Maui, offre diversi programmi personalizzabili, come i trattamenti spa energetici, una vasta gamma di corsi fitness, meditazione guidata e consulenze di nutrizionisti in loco.

www.fourseasons.com

Four Seasons Hotels and Resorts

Fondato nel 1960, il gruppo Four Seasons continua a definire il futuro dell’ospitalità di alto livello, con un’immaginazione straordinaria e un costante impegno verso l’offerta dei più alti standard in termini di qualità e di servizio, altamente personalizzato. Four Seasons attualmente gestisce 104 hotel, resort e residenze private in 43 paesi, comprendendo più di 50 progetti attualmente in corso di realizzazione. Dagli ultimi sondaggi, Four Seasons risulta essere tra i migliori gruppi alberghieri al mondo. Per ulteriori informazioni e prenotazioni, visitare fourseasons.com. Per le ultime notizie, press.fourseasons.com e per seguire le pagine dedicate sui social media @FourSeasonsPR.