Archivi categoria: VIAGGI

Viaggi: in economia, style&luxury, terme…extra Europa, Europa, Italia,

MADAGASCAR – SCAPPARE AL CALDO – SOLO MARE E SOLE O NATURA con un viaggio esclusivo e comleto

Kenya SUB PESCI 672 Parco Marino di Malindi FIRMA

cibo-672-frutta-ok-ok-esotico

ESOTICO 672 CASCATA DCIM100GOPRO

MADAGASCAR ESCLUSIVO da 3775 euro

Un itinerario studiato per coinvolgere il viaggiatore in un’ esperienza indimenticabile.

Ogni tappa, ogni momento è un susseguirsi di paesaggi incantevoli che si alternano seguendo il ritmo scandito dalla natura.

Da Antananarivo si parte in aereo per il Sud, dove insieme alla vostra guida si partirà in auto per ammirare il bush e la foresta spinosa, i boabab e le distese di mangrovie, lungo la pista che segue la barriera corallina.

Risalendo verso nord si incontrano il deserto dell’Horombè con il parco dell’Isalo, l’altipiano centrale e le foreste pluviali d’alta quota nel Parco Ranomafana, i caratteristici villaggi e le botteghe di artigianato tradizionale.

Poi sulla Costa Orientale la riserva di Andasibe e il Canale di Pangalana, per terminare con un soggiorno di mare e relax sull’Isola incantata di Nosy Komba.

1° giorno: Antananarivo
Arrivo all’aeroporto Internazionale di Ivato; dopo il disbrigo delle formalità doganali, accoglienza in italiano e trasferimento in città; sistemazione presso l’hotel Le Combava (boutique) o similare, pernottamento in hotel


giorno
Antananarivo/Tulear
Dopo la prima colazione, trasferimento in aeroporto ed imbarco su volo domestico a destinazione di Toliary; all’arrivo, accoglienza e trasferimento in hotel; sistemazione presso il Bakuba Concept (boutique) o similare; pranzo in hotel; secondo orario del volo, nel pomeriggio, partenza verso Ifaty per visitare la foresta di Reniala per ammirare dei Baobab in mezzo a questa foresta spinosa; proseguimento e visita della Mangrovia lussureggiante in un habitat fragile, tra mare e terra, con possibilità di avvistare alcune specie di animali selvatiche, come i rari periophthalmus (pesci-anfibi); rientro in hotel in tempo utile; in serata, cena e pernottamento in hotel.


giorno
Tulear/Parco Isalo
Dopo la prima colazione, partenza per il Parco Nazionale dell’Isalo, percorrendo il paesaggio tipico del Sud malgascio: vegetazione arida e foresta spinosa; nella savana si incontrano le caratteristiche forme di Alo Alo, le stele in legno scolpito che adornano le sepolture della gente Sakalava, Mahafaly e Antandroy, poi si attraversa i villaggi dei cercatori di Zaffiri; all’arrivo in fine mattinata, sistemazione presso il Jardin du Roy (3*Sup) o similare; pranzo in hotel; al termine, visita di mezza-giornata al parco nazionale; in serata, cena e pernottamento in hotel


giorno
Parco Isalo
Prima colazione in hotel; intera giornata dedicata alle escursioni nel parco, un massiccio di guglie calcaree dalle forme più bizzarre che assumono bellissime forme scolpite dalla pioggia e dal vento e che racchiude rarità botaniche come i Pachypodium, le Aloe e le tipiche palme “Satrana” che si ammirano nella savana sconfinata, bush arbustivo caratterizzato da canyons, corsi d’acqua, laghetti naturali alimentati da fiumi e cascate, dove si potrà fare il bagno, foreste abitate da lemuri di varie specie; pranzo in ristorante; in serata, cena e pernottamento in hotel


giorno
Parco Isalo / Fianarantsoa
Dopo la prima colazione, percorso da Isalo a Fianarantsoa, passando attraverso l’altopiano dell’Horombe, la cittadina di Ihosy, quindi sosta prima di arrivare ad Ambalavao per la visita della foresta di Anjà, che offre l’occasione di avvistare un’importante colonia di lemuri Catta; pranzo in ristorante; proseguimento dell’itinerario con arrivo ad Ambalavao e possibilità di assistere alla fabbricazione della carta Antemoro, ottenuta da una fibra vegetale ricavata dalla avoha, una pianta locale simile al papiro; al termine, continuazione stradale per Fianarantsoa; sistemazione presso il Zomatel (3*) o similare; in serata, cena in ristorante locale e pernottamento in hotel.


giorno
Fianarantsoa:escursione al Parco Ranomafana
Dopo la prima colazione, partenza per Ranomafana che si raggiungerà in circa un’oreta; intera mattinata dedicata all’escursione nel parco di Ranomafana, tra corsi d’acqua, cascate impetuose, lungo i sentieri che attraversano la foresta pluviale, dove si osserveranno varie specie di lemuri e altri animali endemici; pranzo in ristorante; nel pomeriggio rientro a Fianarantsoa e all’arrivo, visita della città alta, iscritta nel “World Monument Watch” fra i 100 siti storici più vulnerabili al mondo; in serata, cena e pernottamento in hotel.


giorno
Fianarantsoa/Antsirabe
Dopo la prima colazione, partenza per Antsirabe con sosta ad Ambositra per la visita della caratteristica cittadina dell’Altopiano, famosa per i pregevoli oggetti d’artigianato in legno, tra i quali quello Zafimaniry, Patrimonio Mondiale Intangibile dell’UNESCO; pranzo in ristorante; al termine, proseguimento stradale per Antsirabe; secondo il tempo a disposizione, breve visita della città; sistemazione presso il Couleur Café (boutique) o similare; in serata, cena e pernottamento in hotel


giorno
Antsirabe/Riserva Andasibe
Prima colazione in hotel; partenza per la riserva di Andasibe, risalendo l’altopiano centrale, tra campi coltivati e risaie, ricavate nelle pianure dagli abitanti di queste regioni, i Merina; pranzo in ristorante ad Antananarivo; al termine, proseguimento dell’itinerario per Andasibe, tra boschi di pini ed eucalipti, risaie nelle pianure allagate e i tipici villaggi delle popolazioni locali Merina e Bezanozano; sosta a Marozevo per ammirare un allevamento di animali, quali camaleonti, gechi, rettili, coccodrilli e splendide farfalle colorate, alla fine, proseguimento con arrivo in fine giornata ad Andasibe; sistemazione presso l’ Andasibe Hotel (3*) o similare; in serata, cena e pernottamento in hotel.


giorno
Riserva Andasibe/Manambato/Toamasina
Prima colazione in hotel; nella mattinata, escursione nella riserva speciale di Andasibe, caratterizzata da foresta pluviale di altitudine costellata di corsi d’acqua, in una profusione di alberi lussureggianti, felci gigantesche, fiori profumati e mille varietà di orchidee; durante l’escursione si potrà avvistare tra l’altro il più grande lemure vivente, l’Indri-Indri, dal caratteristico richiamo che pervade tutta la foresta; al termine, proseguimento dell’itinerario per Manambato; pranzo picnic lungo strada; all’arrivo, imbarco e navigazione di un paio d’ore lungo il canale di Pangalana per Toamasina, in un ambiente di selvaggia bellezza fino al porto fluviale; arrivo in fine pomeriggio e trasferimento in hotel sistemazione presso il Calypso Hotel (4*) o similare; in serata, cena e pernottamento in hotel.

10°
giorno
Toamasina/Antananarivo
Prima colazione in hotel; partenza in direzione del nord per un’escursione alla spiaggia di Mahavelona; pranzo in ristorante; in tempo utile, ritorno verso Toamasina e trasferimento in aeroporto, volo per Antananarivo; all’arrivo, accoglienza e trasferimento in hotel; sistemazione presso Le Combava (boutique) o similare; in serata, cena e pernottamento in hotel.

11°
giorno
Antananarivo/Nosy Be/Nosy Komba
Prima colazione in hotel; in tempo utile, trasferimento in aeroporto ed imbarco per il volo a destinazione di Nosy Be; all’arrivo, accoglienza e trasferimento in macchina verso il porto di Andoany (Hell-Ville), quindi proseguimento in barca per l’isoletta di Nosy Komba; sistemazione presso il Tsara Komba Lodge (ecolodge) o similare; trattamento di pensione completa in hotel.

12°
giorno
Nosy Komba: escursione sull’isola e a Nosy Tanikely
Prima colazione al lodge; giornata dedicata alla visita del parco dove si possono osservare camaleonti, tartarughe, lemuri; inoltre nel villaggio tradizionale si trovano diversi artigiani che espongono i manufatti locali; quindi proseguimento in barca verso Nosy Tanikely, un vero aquarium naturale circondato dal reef corralino, ricchissimo di pesci colorati dove si potranno fare fantastici bagni; pranzo picnic sulla spiaggia; al termine, rientro in hotel; in serata, cena e pernottamento al Lodge.

13°
giorno
Nosy Komba: escursione a Nosy Iranja
Prima colazione al lodge; navigazione per circa un’ora e mezza di traversata e giornata intera di escursione a Iranja o “isole delle tartarughe”, due isolette collegate da una lingua di sabbia bianca; possibilità per indimenticabili bagni nelle acque trasparenti e turchesi; possibilità anche di continuare fino al gran faro dove c’è un belvedere da non mancare; pranzo picnic lungo la spiaggia; in tempo utile, rientro in hotel in barca; in serata, cena e pernottamento in hotel.

14°
giorno
Nosy Komba/Nosy Be/Antananarivo
Dopo la prima colazione, trasferimento in barca per Nosy Be; quindi, visita della città di Nosy Be o Isola profumata, in auto; partenza verso il capoluogo Andoany (Hell-Ville) per visitare i principali monumenti locali, il mercato dei frutti e legumi, varie spezie e artigianato locale; se il tempo lo consente, proseguimento in direzione nord, si osservano antichi crateri di vulcani spenti che ormai sembrano vegliare sulla tranquillità dell’isola e dei suoi abitanti; pranzo in ristorante; quindi in tempo utile, continuazione verso l’aeroporto ed imbarco con volo domestico a destinazione di Antananarivo; all’arrivo, accoglienza e trasferimento in hotel; sistemazione presso Le Combava (boutique) o similare per il Day Use; cena in hotel; in tempo utile, ritorno in aeroporto ed imbarco al volo intercontinentale di rientro.

———————————–

PER CHI VUOLE SOLO MARE:

Da 1.600 euro circa.

Al centro di Nosy Be, il Mont Passot, antico vulcano spento dal quale inebriarsi del filo dell’orizzonte e lasciarsi sopraffare da un nostalgico tramonto. Ai piedi del vulcano, digradando verso il mare, l’aria si gonfia di canti di uccelli e profumi di spezie, ed è tutto un susseguirsi di piantagioni: canna da zucchero, caffè, vaniglia, pepe, chiodi di garofano, ylang-ylang… Lungo il perimetro dell’isola (30 km da nord a sud e 19 km da est a ovest), e su tutti gli isolotti che si susseguono fino all’orizzonte, lunghe spiagge bianche vegliate dal verde delle palme da cocco. Con soli 45.000 abitanti e una temperatura media di 28°, Nosy Be rappresenta un raro esempio di sviluppo turistico sostenibile, in equilibrio tra atmosfera vacanziera e ambiente incontaminato.

L’albergo con il miglir rapporto qualità prezzo; NOSY KOMBA – JARDIN VANILLE 80 euro mezza pensione

L’hotel si trova sulla spiaggia di Anjiabe, nell’isola di Nosy Komba, raggiungibile in circa 20’ di barca dal porto di Nosy Be e 10’ da Ankify. Offre 8 bungalows standard di 32 metri quadri su palafitta, nascosti nella foresta tropicale abitata dai lemuri Macaco, collegati tra loro da passarelle di legno. Tutti i bungalows sono costruiti in legno e foglie di palma, con mobili in palissandro e dispongono di bagno privato di 8 m2 con acqua calda e terrazza. L’hotel offre inoltre 1 suite di 108 m2 comprendente vasta terrazza, camera spaziosa con spogliatoio, ampio bagno, a pochi metri dalla spiaggia bianchissima, lambita dal mare turchese. Inoltre, bar-ristorante con vista sul mare, centro-escursioni, cassaforte, servizio biancheria. Farmacia fornita e dottore al vicino villaggio. La luce elettrica è erogata da gruppi elettrogeni in funzione alcune ore al giorno. Carte di credito non accettate. Direzione Francese

Economico anche: NOSY BE – SARIMANOK BOUTIQUE HOTEL, 52 euro con prima colazione

Situato nel villaggio di pescatori di Ambatoloaka, questo nuovo boutique hotel si affaccia direttamente sul mare. Dispone di 9 camere standard, 4 superior e 1 suite, tutte spaziose con vista panoramica sul mare e sulla piscina, fornite di porte scorrevoli in vetro a specchio che vi permetterà di guardare fuori mantenendo la privacy nella vostra stanza. Sono fornite di servizi privati, connessione internet, TV satellitare, minibar, cassetta di sicurezza, terrazza o patio. A disposizione dei clienti un grande patio con piscina, beach bar, ristorante “MO TU BA CH” con terrazza sul mare, rinomato per essere uno dei migliori ristoranti dell’isola, biblioteca, lettini e ombrelloni in piscina. Sulla spiaggia davanti all’hotel sono organizzate le partenze per le escursioni alle isole vicine, pesca sportiva e immersioni subacquee. Da qui è semplice raggiungere negozi, bar e ristoranti.

Viaggi organizzati da: DARWIN VIAGGI:

chiamaci allo 064941161
scrivi a
info@darwinviaggi.com

LISBONA STA VIVENDO UN RINASCIMENTO CULTURALE – MAAT il nuovo museo da non perdere

portogallo-672-arte-8

Si chiama MAAT ed è il più nuovo e prestigioso dei Musei d’Arte.

Il MAAT – Museo de Arte, Arquitetura e Tecnologia; è stato voluto per ospitare una collezione permanente di opere d’arte portoghese e mostre temporanee di arte contemporanea, nuovi media, tecnologia e scienza.

Il nuovo Museo di Arte, Architettura e Tecnologia (MAAT) si trova sul lungofiume di Belém a Lisbona.

Il vero punto di forza di questo nuovo edificio è la capacità di dialogare con il paesaggio urbano e naturale che lo circonda.

Una serie di osmosi tra interno ed esterno.

La superficie esterna è rivestita di ceramiche calçada, progettate che riflette la luce nel suo variare di colri e le luci specchiate dall’acqua del fiume Tejo.

Il tetto è vivibile come una piazza, un teatro dove si presentano eventi e con una impagabile vista sulla città.

L’edificio del MAAT è stato disegnato dallo studio britannico AL_A – Amanda Levete Architects.

Nei suoi oltre 7,000 m² di superficie, il MAAT vuole esplorare convergenze tra architettura, tecnologia e arte contemporanea come scacchi della stessa cultura, e ospiterà un programma trans-disciplinare di mostre ed eventi pubblici. Scopo non secondario è anch equello di coinvolgere la comunità locale e quella dei viaggiatori di passaggio o attratti proprio da questo edificio e dalla sua programamzione.

UN VIAGGIO PER VIAGGIATORI – NON PER BANALI TURISTI – TAILANDIA fuori dai soliti percorsi

Alla scoperta della Thailandia più vera e rurale

Questa proposta fa parte di un progetto che si chiama “i giramondo” tour lontani dai percorsi più battuti e che coinvolgono anche progetti di Community Based Tourism.

Fuori dalle solte mete, un contatto più ravvicinato con le popolazioni, i mercati e anche scuola di cucina locale. Paesaggi, etnie, costumi, mecati, templi, cascate, fiumi, tessuti e spezie indimenticabili.

Quote a partire da euro 1.275,00 a persona, con la presenza di una guida.
9 giorni e 6 notti

Viaggio di Amo il Mondo, tour operator specializzato in viaggi su misura www.amoilmondo.it

“INSIGHT BANGKOK E THAILANDIA DEL NORD”

1° giorno: Italia – Bangkok

2° giorno: Bangkok – Area Rurale di Ban Nam Pheung – Bangkok

Arrivo, trasferimento e sistemazione nelle camere.

Verso le ore 12:30 si partirà per una visita svolta interamente con i mezzi pubblici verso un’area rurale circondata dal fiume Chao Praya a pochi km dal centro città e nota come Ban Nam Pheung.

Durante il trasferimento si proveranno tutti i mezzi di trasporto offerti dalla grande metropoli, passando dall’avveniristico Sky Train fino ai mezzi tradizionali usati dai meno abbienti, come il colorato taxi collettivo “Rot Daeng”, lo spartano autobus di linea, e ancora il pittoresco e rumoroso tuc tuc per concludere con il ferry e la motolancia usati per attraversare il fiume.

La meta di giornata verrà poi attravesata in bicicletta! Ban Nam Pheung è nota soprattutto per il suo mercato, situato sulle sponde dei canali.

Nei fine settimana riceve migliaia di visitatori che formano un compatto brulichio tra le strette vie ricche di bancarelle.

Ma qui si trovano anche quello che i locali chiamano Wat Kao: “il tempio vecchio”, appellativo quanto mai indovinato per un luogo di culto che mostra l’architettura di inizio secolo, nonchè il giardino botanico e ancora una piccola bottega atigianale per la produzione degli incensi.

3° giorno: Bangkok -Sukhothai

Qui troveremo il Mahanak Market, dove ancora oggi giungono i prodotti della campagna attraverso la fitta rete di canali, incorniciato all’interno dell’area storica dove si trovano i templi più antichi tra cui la “Montagna d’oro”, colle artificiale edificato sulle rovine di una gigantesca pagoda crollata nel XIX secolo. Una scalinata di 300 gradini ne raggiunge il santuario che contiene una reliquia del Buddha.

4° giorno: Sukhothai – Chiang Mai

Partenza in bicicletta tra le rovine del parco storico di Sukhothai, tra le quali il Wat Mahathat, tempio del palazzo reale edificato a pianta di Mandala e che un tempo custodiva una reliquia del Buddha, il Wat Sa Sri e la sua celebre pagoda campaniforme ed il Wat Sri Sawai, antico tempio Indu edifcato dai Khmer.

Si continuerà il percorso in bicicletta in direzione dei quartieri vecchi della città, attivi centri di artigianato.

Sukhothai era celebre nell’antichità per la sua produzione di pregiate ceramiche.

Si pedalerà fino ad uno dei laboratori dove sarà possibile ammirare l’opera degli artigiani locali.

La meta seguente, a poco piu’ di un’ora di viaggio, è un pittoresco villaggio con graziose casette in legno che oggi si propone ai visitatori locali e internazionali nel rispetto dell’etica del turismo responsabile.

Si vedranno famiglie dedite alla produzione di oggetti in legno e donne che tessono al telaio.

Ma la più famosa donna del villaggio è una cuoca: Nonna “Thiang” è tra le poche anziane che ancora conservano la ricetta di un succulento piatto tipico di queste terre e che gestisce un piccolo punto di ristoro all’interno del proprio giardino di casa, dove verrà servito il pranzo.

Si visiteranno poi le campagne percorrendo le mulattiere a bordo dell’ “I-ten”, un grazioso camioncino dalle forme inconfondibili e dalle pittoresche decorazioni. Proseguimento per Chiang Mai, la grande “Rosa del Nord” e capitale per diversi secoli del Regno di Lanna.

5° giorno: Chiang Mai

Proseguimento per il possente complesso montuoso del Doi Inthanon, area costellata da villaggi tribali e all’interno della quale si trova l’omonima vetta che segna il punto più alto della Thailandia a 2600 mt.

Si verrà condotti attraverso i vecchi sentieri montani per una camminata di circa 4 Km alla scoperta di estreme bellezze paesaggistiche, accompagnati da un’esperta guida locale di etnia Karen che ci mostrerà come vivere nella jungla utilizzando esclusivamente le risorse naturali reperibili in loco.

Si raggiungerà un’immensa cascata suddivisa su tre livelli che verrà superata scendendo una lunga scalinata rudimentale in legno giungendo così ad una stretta vallata incastonata tra le montagne dove, canalizzando l’acqua della cascata, i Karen hanno dato luogo ad un’estesa coltivazione di riso a terrazzamenti che creano uno spettacolo visivo di forte impatto.

Pranzo al villaggio Karen. Proseguimento per le imponenti cascate Watchirathan.

Nel pomeriggio rientro a Chiang Mai per la visita del celebre e venerato tempio Wat Phratthat Doi Suthep, posto sull’omonimo monte in posizione panoramica sulla città che si potrà ammirare al tramonto.

6° giorno: Chiang Mai – Chiang Rai

Partenza in prima mattinata per raggiungere un vivace mercato locale. Qui si acquisteranno gli ingredienti e le spezie necessarie per prepare uno dei piatti più tipici e gustosi della cucina del nord della Thailandia: il “Lap Muang”, a base di carne tritata e aromatizzata con varie spezie locali sapientemente selezionate e miscelate.

Provviste alla mano, si salirà in alta montagna fino a raggiungere un pittoresco villaggio costituito da case in legno d’epoca ed incastonato tra le rocce.

Gli abitanti, di etnia thai, hanno avviato da alcuni anni un progetto di sfruttamento turistico di questo luogo di assoluta bellezza nel rispetto dei canoni etici e comportamentali del turismo responsabile.

Una guida del villaggio condurrà alla scoperta dello stile di vita. Si verrà quindi ospitati nelle case dei locali dove verrà insegnata la preparazione del Lap Muang cucinando le provviste e avendo l’occasione per cimentarsi ai fornelli.

La cuoca di casa preparerà anche un’altro piatto tipico di queste montagne: il “Kaeng Hang Lay”, una ricetta sconosciuta nelle pianure della Thailandia centrale. Pranzo assieme ai locali a base delle pietanze preparate, sedendo inginocchiati a terra. Proseguimento verso nord facendo tappa lungo il percorso ad un grande villaggio di etnia Hmong al fianco del quale è sorto un progetto governativo (Royal Project) che ne ha avviato la conversione economica e lo sviluppo delle tecniche agricole. A metà pomeriggio, visita al Wat Rong Kun, meglio conosciuto come il “Tempio Bianco”, effige architettoniche di arte moderna del Paese interamente colorato e decorato in bianco. Ultimo trasferimento per un grazioso resort immerso nei campi di riso tra le colline di Mae Salong Nai, nella provincia di Chiang Rai.

7° giorno: Chiang Rai – Chiang khong
Mattinata a disposizione per godere della bellezza e della pace del luogo.

Verso le ore 08:30 visita facoltativa senza supplemento alla montagna del Mae Salong, nota per le stupende coltivazioni a terrazza di tè.

Degustazione di numerose varietà di miscele presso le locali comunità cinesi. Rientro al resort nel corso della mattinata. Check out e partenza verso il grande fiume Mekong fino a raggiungere un villaggio di etnia Thai-Leu dove le donne anziane ancora sono dedite all’antica e tradizionale arte della tessitura, che praticano con grandi e rudimentali telai in legno.

Il ricamo Thai-Leu è considerato uno dei piu’ pregiati nonchè uno dei più difficili da realizzare.

Per le loro produzioni, le donne Thai-Leu coltivano in proprio il cotone necessario nell’orto di casa.

Pranzo presso un grazioso punto panoramico ammirando il Mekong. Proseguimento lungo il fiume in barca a motore per circa 45 min attraversando un’esotica zona paesaggistica dove il Mekong si insinua tra le montagne giungendo fino a Chiang Khong, città di confine con il Laos. Sistemazione in resort locale. Cena libera e pernottamento. La serata potrà essere trascorsa passeggiando lungo il riverside ricco di ristoranti per la cena.

8° giorno: Chiang Khong – Chiang Rai – Bangkok – Italia
Partenza verso sud costeggiando il confine con il Laos dove due catene montuose corrono parallele delimitando tra di esse uno stretto altipiano divenuto rifugio di molte etnie tribali.

Passando per i loro villaggi si scenderà fino a raggiungere un’area montuosa di grande interesse paesaggistico.

Qui, una vetta dalla conformazione aguzza ricorda un dito che punta il cielo: il “Phu Chi Fah”. Attraverso un facile sentiero di circa 800 Mt si salirà fino alla sommità per ammirare una vasta panoramica sul Laos. Più a sud le montagne lasciano spazio ad una estesissima pianura coltivata a riso dove si trova Chiang Kham, antica città del periodo Lanna la cui importanza è testimoniata dalla presenza di una lunga serie di antichi templi dei quali uno edificato interamente in legno ed unico nel suo genere. Nel XVIII secolo la città conobbe poi un’importante migrazione di popoli Thai-Leu che ancora oggi risiedono nel rustico centro storico composto da antiche abitazioni in legno alcune trasformate in museo.

Previa verifica apertura, il pranzo sarà presso un piccolo chiosco nella zona antica a base di cucina thai-leu la cui specialità è il “Khao Raem Feun”, ottenuto da un fine impasto di farina di riso mescolato ad acqua e solidificato con sali di calcio fino ad ottenere una consistente gelatina. Visita del centro di Chiang Kham e successivo trasferimento a Chiang Rai. Volo per l’Italia via Bangkok.

9° giorno: rientro in Italia.

WEEKEND DI CULTURA A VERONA – VERONA MINOR HIERUSALEM dal 26 novembre 2016

Dal 26 novembre 2016:

Rinascere dall’Acqua. Verono Aldilà del Fiume

NUOVO ITINERARIO ARTISTICO – SPIRITUALE A VERONA

5 chiese all’esterno dell’ansa dell’Adige.

I luoghi più suggestivi, dove si apprezzerà la Verona del Medioevo: VERONA MINOR HIERUSALEM

Un’esperienza unica per chi ama i tesori sconosciuti. www.veronaminorhierusalem.it

Le chiese sono aperte dal giovedì alla domenica; ore 10-17,30

NEVE GASTRONOMIA STELLA MICHELIN E RICETTE D’AUTORE – Da Madonna di Campiglio il Gallo Cedrone

Il Gallo Cedrone a madonna di Campiglio - piatti, interni, chef
Il Gallo Cedrone a madonna di Campiglio – piatti, interni, chef Sabino Fortunato.

Madonna di Campiglio

DECIMO ANNO: UN NUOVO INIZIO E UNA NUOVA STELLA

Lo chef Sabino Fortunato è la nuova Stella del Gallo Cedrone Dopo un anno, il 2016, caratterizzato dal passaggio di consegne, Il Gallo Cedrone affronta il decimo anno di attività rimettendosi in gioco secondo lo slogan coniato per l’occasione qualche mese fa: squadra che vince, si rinnova! E quale migliore inizio di questo?

La classificazione a una “stella” della Guida Michelin è arrivata al Gallo Cedrone nell’edizione 2013 ed è stata mantenuta dallo chef Vinicio Tenni per gli anni successivi, fino a quando nel 2016 Vinicio, dopo 25 anni di collaborazione con la famiglia Masè ha passato il testimone ai fornelli deI Gallo Cedrone al sous-chef Sabino Fortunato.

Trentotto anni, con alle spalle innumerevoli esperienze, Sabino ha lavorato all’Hotel Bertelli e al Gallo Cedrone insieme a Vinicio per 9 stagioni e ne è quindi il naturale successore.

La cucina. Il forte legame con la montagna, con prodotti tradizionali e la ricerca di piccole realtà locali, per tanti anni cura e divertimento di Marco Masè e Vinicio Tenni, sono rimasti patrimonio del ristorante, in particolare quello dell’hotel, con menù settimanali che offrono agli Ospiti la mela della Val di Non e i piccoli frutti di bosco, il salmerino alpino e la trota marmorata, la selvaggina, i funghi porcini e i finferli, i formaggi di malga affinati e i salumi affumicati, gli ortaggi della Val di Gresta, sempre con un occhio alla stagione.

La novità principale della cucina di Sabino Fortunato è quella di aver introdotto una nota di freschezza e di intensi sapori mediterranei, spaziando su prodotti di qualità scovati tra il meglio di quanto offre il mercato, senza troppi vincoli geografici, ma con una selezione di qualità e prezzo corretti.

I piatti, talvolta sofisticati per tecnica di realizzazione, non perdono la concreta sobrietà che ha fatto del Gallo Cedrone un “casus” nella pur breve storia della ristorazione di qualità di Madonna di Campiglio.

Novità anche all’Hotel Bertelli: in questi mesi abbiamo effettuato un importante rinnovamento della struttura e da dicembre 2016 le vacanze all’hotel Bertelli sono ancora più confortevoli.

cibo-450-panzanella-di-tonno-rosso

Foto: Panzanella-di-tonno-rosso.

LE RICETTE DI SABINO FORTUNATO!

Black Cod e Bacalao, maionese di bottarga e frutto della passione
Per quattro persone
200g di Bacalao Giraldo
400g di Black Cod
8 lingue di baccalà panate al Panko
40g di bottarga di tonno
purea di tre frutti della passione
50g di olive di Taggia
50g di puntarelle
100g di favette
1 Gamba di sedano
1 Carota
1 Cipollotto
1l di composto di alginato per sferificazione

In pentola unire a freddo pari dose di acqua e fave, portare a cottura per circa un’ora, sino a quando si sfalderanno, poi passare al cutter e aggiustare di sapidità.

In un bicchiere da mixer a immersione porre pari quantità di bottarga, olio e acqua calda e frullare fino a che il tutto si sarà emulsionato. Con la metà della purea di frutto della passione marinare il carpaccio ottenuto dal Bacalao Giraldo, con l’altra metà comporre delle sfere con il composto di alginato. Scottare il Black Cod condito con olio e sale aromatico lasciandolo rosa al cuore.
Friggere le lingue in olio extravergine d’oliva e salare subito.

Composizione del piatto: Adagiare il Black Cod sulla purea di favetta, il carpaccio al passion fruit con le puntarelle tagliate alla julienne, le lingue di baccalà sulla maionese di bottarga, guarnire con qualche goccia di purea di passion fruit, le sfere e delle olive bruciate e ridotte in polvere.

SECONDA RICETTA
DI SABINO FORTUNATO!

Panzanella di tonno rosso, intruso di sottobosco e sapori mediterranei

Per quattro persone

300 g di tonno Balfegø da suddividere in 3 preparazioni
2 cetrioli pelati
100 g di pomodorini
10 filetti di acciughe del mar Cantabrico
basilico
cipollotto a rondelle
crostoni di pane toscano
100 g di aceto di lamponi
16 pomodori datterini cotti a 90° per 30 minuti
semi di sesamo, lime, pepe, sale, olive taggiasche, capperi q.b.

Preparare un culis di cetriolo con basilico, sale, olio e zucchero, ripetere la stessa operazione con i pomodorini. Preparare una tartare di tonno con erba cipollina, sale, olio e lime; bollire una parte del tonno in acqua salata e laccare il tonno rimanente con aceto balsamico, panarlo al sesamo e scottarlo in padella.

Composizione del piatto: in una fondina presentare tutti gli ingredienti iniziando da uno specchio di culis di cetriolo.

——

Il Gallo Cedrone | La Taverna dell’hotel Bertelli Via Cima Tosa, 80 38086 Madonna di Campiglio (TN) Tel. +39 0465 441013 – Fax. +39 0465 440564 | www.ilgallocedrone.it – info@ilgallocedrone.it

NOVITA’ NELL’HOTEL:

la sostituzione dei letti, i materassi e la biancheria delle camere la sostituzione della pavimentazione delle camere con l’utilizzo di nuovi materiali la presenza in tutte le camere di set bollitore per la preparazione di bevande calde (prerogativa fino ad oggi delle sole suites) e nuovi TV LED di grandi dimensioni la connessione tramite fibra ottica con 100Mb/s simmetrici (in upstream e in downstream), garanzia di un’ottima connettività wi-fi per tutte le esigenze

Inoltre, per tutti gli sciatori e gli amanti degli sport invernali: sconto del 20% sulla prenotazione on-line su www.noleggiodelbrenta.com (cod. promo bertelli) e sconto del 15% sul noleggio in loco di tutte le attrezzature sportive.

SkiArea Campiglio: in molte settimane le offerte Skipass incluso che faranno risparmiare fino a 200 euro a persona !

Il menu e le altre iniziative sono visionabili al rinnovato sito www.ilgallocedrone.it Vi aspettiamo, come sempre, a Madonna di Campiglio!

 Il Gallo Cedrone apre i battenti il primo dicembre 2006 dopo una lunga e complessa fase progettuale curata dall’architetto Enrico Fogagnolo. Parte del legname destinato agli arredi è recuperato da Armando Masè a seguito di alcuni lavori di ristrutturazione presso la “casa da mont Stablel” di proprietà della famiglia dal 1838.

Di particolare pregio il portone e le “scandole”, assicelle in larice destinate alla copertura del tetto, ancora in ottimo stato di conservazione, nonostante gli oltre 200 anni di storia.

Con un investimento di circa 3 milioni di euro, è stato realizzato un locale accogliente ed elegante, dedicato alla sofisticata clientela internazionale che sceglie Madonna di Campiglio per le vacanze sulla neve e le Dolomiti di Brenta per il relax estivo. Il ristorante è attivo per circa 150 giorni l’anno nelle due stagioni turistiche, estiva ed invernale.

Dà lavoro mediamente a 6 persone a tempo pieno e due part-time, con apertura serale ed un numero di circa 40 coperti.

Il team è guidato fin dal primo giorno dallo chef Vinicio Tenni, dal maître Giuseppe Greco e dal titolare Marco Masè con passione, affiatamento e competenza. L’hotel Bertelli, gestito dal 1979 dalla famiglia Masè, fornisce inoltre il supporto logistico e importanti sinergie operative.

Nel corso di questi 10 anni sono state organizzate, per conoscere e farsi conoscere, oltre 400 tra degustazioni guidate, presentazioni di libri, vini e prodotti alimentari, cene a tema, dibattiti e incontri con grandi nomi della cultura e della gastronomia. In ogni occasione un prezioso insegnamento per noi e per il pubblico presente, sotto il titolo ormai conosciuto di “Sapore di Sapere”.

Nel novembre 2008 viene pubblicato il libro della giornalista e scrittrice Francesca Negri “Oro Giallo – farina di mais: dalla polenta al gelato” (ed. Curcu & Genovese) che coinvolge tutto lo staff e raccoglie, tra le altre, una trentina di ricette del Gallo Cedrone.

Il libro vince il Premio Selezione Bancarella della cucina 2009.

Nel 2009, della stessa autrice ed editore, con la collaborazione in veste di sommelier di Marco Masè viene pubblicato “Il Menu del Vino”, che si aggiudica il Premio Bancarella del Vino 2010.

L’offerta negli anni si è lentamente evoluta e affinata, senza però abbandonare il “concept” iniziale, fatto di concretezza e sobrietà, ma proposto con allegria ed entusiasmo. Il menu, pochi piatti a rotazione poco più che settimanale, con vino a bicchiere in abbinamento, privilegia i gusti

 15 ANNI DÉPOSITAIRES DOM PÉRIGNON Moët Hennessy Italia ha scelto Il Gallo Cedrone quale “dépositaire”del marchio Dom Pérignon per il Trentino Alto Adige, uno tra i circa venti ristoranti in Italia a potersi fregiare di questo titolo. Il circuito “Dom Pérignon Dépositaires”, nato nel 2001, riunisce alcuni tra i migliori ristoranti italiani che condividono con Dom Pérignon la ricerca della perfezione e dell’eccellenza.

I Dépositaires sono parte del mondo Dom Pérignon e partecipano a iniziative particolari ideate per loro dalla Maison, avendo la certezza di un trattamento assolutamente privilegiato. Il legame esistente fa sì che i membri siano costantemente informati in merito alle attività e ricevano in anteprima tutte le novità oltre ad avere il privilegio di accedere alle etichette più pregiate della Maison.

 ESPERIENZE LAVORATIVE Apprendista cuoco Hotel Levante – Gatteo a Mare (RN) dal 02/06/94 al 01/09/94 Hotel Savoia – Ponte di Legno (BS) dal 17/07/95 al 31/08/95 Hotel Redivalle – Passo del Tonale/Vermiglio (TN) dal 20/07/96 al 25/08/96 Aiuto cuoco Hotel Terme – Bresimo (TN) dal 17/07/97 al 31/08/97 Ristorante Al Tabia’ – Ponte di Legno (BS) dal 06/07/98 al 31/08/98 Albergo Bellavista – Ponte di Legno (BS) dal 04/12/98 al 06/04/99 Hotel Sorriso – Lido di Classe (RA) dal 16/06/99 al 25/08/99 Hotel Koumbara Sunset – Ios Cyclades (Grecia) dal 08/05/01 al 21/09/01 Hotel Continental – Andalo (TN) dal 20/12/01 al 15/03/02 Hotel Du Lac – Molveno (TN) dal 25/05/02 al 08/10/02 CuocoHotel Della Torre – Folgarida/Dimaro (TN) dal 02/07/00 al 31/08/00 Hotel Della Torre – Folgarida/Dimaro (TN) dal 06/12/00 al 29/03/01 Sous chef Ristorante Le Manoir – Luzern (Svizzera) dal 01/12/02 al 31/04/03 Hotel Du Lac – Molveno (TN) dal 20/05/03 al 27/09/03 Ristorante Bistrot – Molfetta (BA) dal 20/11/03 al 20/03/04 Hotel Du Lac – Molveno(TN) dal 20/05/04 al 25/10/04 Palace Hotel Villa Cortine***** Sirmione (BS) dal 02/04/07 al 17/10/07 Palace Hotel Villa Cortine***** – Sirmione (BS) dal 01/04/08 al 21/10/08 Hotel Ciasa Salares**** La Siriola San Cassiano (BZ) Ristorante 1 stella Michelin dal 01/12/08 al 14/04/09 Hotel Bertelli **** Madonna di Campiglio dal 2/12/09 al 31/03/10 Ristorante Vitale Jasmin 2 stelle Michelin, Chiusa (Bolzano) dal 1/12/2011 al 10/03/2012 Grand Hotel Quisisana*****L Capri dal 19/03/2012 al 29/10/2012 Ristorante Vitale Jasmin 2 stelle Michelin, Chiusa (Bolzano) dal 5/12/2012 al 14/04/2013 Chef di partita Hotel Bertelli – Madonna di Campiglio dal 1/12/04 al 15/04/05 Hotel Bertelli – Madonna di Campiglio dal 20/06/05 al 15/09/05Hotel Bertelli – Madonna di Campiglio (TN) dal 2/12/05 al 19/04/06 Hotel Biodola Hermitage – Isola d’Elba (LI) dal 04/05/06 al 10/10/06 Hotel Bertelli – Madonna di Campiglio (TN) dal 01/12/06 al 23/03/07 Hotel Bertelli – Madonna di Campiglio (TN) dal 01/12/07 al 29/03/08 Capo partita saucier Ristorante Gourmet “Quisi”Grand Hotel Quisisana*****L Capri dal 25/04/09 al 1/11/09 Responsabile di cucina Ristorante La Ghiotta Hotel Hermitage***** Isola d’Elba dal 25/04/10 al 15/10/10 Ristorante La Ghiotta Hotel Hermitage ***** Isola d’Elba dal 04/05/11 al 15/10/11 Chef

Giordania cultura e caldo – Nuove scoperte archeologiche

Giordania: magnifica scoperta archeologica nel nord del paese, ma anche Paese sicuro che merita la nostra attenzione per scegliere una meta invernale.

E’ più sicuro cammonare di sera ad Amman piuttosto che  in città italiane come Milano o europee come Parigi e Londra.

I crimini qui sono quasi inesistenti:

-50 crimini ogni 10000 persone; compresi gli affitti non pagati!

Qui tira ancora l’aria dei racconti biblici, di città scomparse e di Lawrence d’Arabia.

Tra le mete imperdibili:

Petra IMG_0070

-Petra è la meta per eccellenza del vero viaggiatore; imperdibile !!!

Vedi foto e informazioni al link http://www.donnecultura.eu/?p=14812

-Mar Morto; prezzi invidiabili ed alto livello nei servizi. Il luogo migliore dove avere ottimi risultati dalle terme nel mondo.

E molto altro …

i colori e le suggestioni di

Tomba con affreschi della prima epoca romano-bizantina ritrovata a Beit Ras, l’antica Capitolias della Decapoli romana.

Un’antica tomba è stata recentemente scoperta a Beit Ras, nel nord della Giordania, nel corso di un progetto di scavo per espandere una rete di risanamento delle acque reflue locali.

La tomba comprende una caverna con due camere sepolcrali.

La camera più grande contiene una tomba di basalto decorata con incisioni, due teste di leoni, e contenente diverse ossa umane.

Il ritrovamento di questa tomba è tuttavia sensazionale per gli affascinanti affreschi in olio che decorano le pareti della camera.

Gli affreschi raffigurano figure umane, cavalli e altre scene mitologiche, alcune delle quali sono erose dal tempo, ma che per la maggior parte sono intatte, dandoci ricche informazioni sui riti di sepoltura del passato. La seconda camera contiene due ulteriori tombe scavate nella roccia senza artefatti.

Questi affreschi mozzafiato, appartengono all’Età Classica e comprendono figure di di viti che rappresentano la vita sociale e agricola dell’epoca risalente con tutta probabilità al primo periodo romano-ellenistico.

Le iscrizioni e alcuni reperti trovati nella tomba sono stati analizzati per approfondire il periodo esatto in cui è stata eretto questo sepolcro .

Sua Eccellenza, il Ministro del Turismo e delle Antichità Lina Annab, dopo una visita al sito, ha confermato che il Dipartimento delle Antichità continuerà a scavare, ampliare e preparare il sito per renderlo fruibile ai visitatori. Il Ministro ha inoltre confermato che, tenuto conto del valore archeologico della scoperta, il sito è stato chiuso al pubblico e che sono in corso ulteriori studi per proteggere l’integrità archeologica della tomba e per reperire ulteriori informazioni sulle sue origini.

Il Direttore Generale per il Dipartimento delle Antichità della Giordania, Dr. Munther Jamhawi, ha sottolineato il fatto che la città di Beit Ras è una delle antiche città ellenistico-romane che facevano parte della Decapoli, nota a quei tempi come Capitolias.

Questa città, menzionata, nella poesia araba, era situata in una posizione geografica strategica e comprendeva un teatro risalente al II° secolo e i resti di una chiesa bizantina, il cui stile architettonico è stato in seguito utilizzato durante l’epoca islamica e in particolare nel primo periodo della dinastia omayyade.

Per informazioni: www.visitjordan.com

JORDAN TOURISM BOARD ITALY
italy@visitjordan.com

Ponte dell’Immacolata dove vado ? Shopping e divertimento a New York

catania-672-etna-volagratis-vulcano-italia-sicilia

Foto: Catania tra le mete di Volagratis

Ponte dell’Immacolata sognando New York

 – Novembre è arrivato ed è finalmente iniziato il conto alla rovescia per le feste di Natale.

La voglia di partire però è tanta e il ponte dell’Immacolata, da giovedì 8 a domenica 11 dicembre, troppo invitante per non pensare a trasformarlo in un anticipo delle vacanze.

“Come emerge dalle analisi del nostro Osservatorio Volagratis”, commenta Fabio Cannavale, CEO di lastminute.com group “gli italiani hanno tutta l’intenzione di sfruttare al meglio questo lungo ponte, volando verso destinazioni affascinanti: le preferite sono le capitali europee come Londra, Parigi e Amsterdam, o New York per un anticipo di shopping natalizio, complici anche i prezzi favorevoli dei voli“. “La novità” aggiunge Cannavale “è che quest’anno l’Italia rappresenta il 30% delle prenotazioni sulla nostra piattaforma, contro il 21% dello scorso anno e con spostamenti nord-sud e viceversa”.

Shopping selvaggio tra New York e Dubai

Chi decide di regalarsi un volo intercontinentale punta decisamente sulle capitali dello shopping, unendo il divertimento della vacanza all’altrettanto divertente (ma anche utile) corsa ai regali di Natale.

Nel lungo raggio è New York a farla da padrona, che vede prenotazioni quasi raddoppiate rispetto all’anno scorso, con una spesa media per un volo a/r di 467 € e una permanenza di cinque giorni.

Seguono L’Havana, che conserva ancora il suo fascino antico nonostante i primi effetti della fine dell’embargo e Dubai (423 € a/r), con il suo fascino esotico e i suoi sterminati centri commerciali,

Appena giù dal podio la cosmopolita Tel Aviv, che vede un netto aumento delle prenotazioni rispetto all’anno precedente, scalando ben 37 posizioni in classifica, grazie anche ai costi contenuti (241 € per un volo andata e ritorno).

Entrano nella top 10 dei voli a lungo raggio anche due destinazioni che è difficile immaginare più diverse tra loro: San Pietroburgo, con il suo fiabesco paesaggio invernale e i grandi musei (e voli a/r a 208 €), e l’estate piena delle Mauritius, con il loro sole e le loro spiagge (841 € a/r). Anche in questo caso la fuga è a due, anche se aumentano le coppie di amici che decidono di viaggiare insieme per il mondo.

Scoprendo il sud dell’Italia con gli amici

La maggior parte degli spostamenti interni è da e per la Sicilia: Milano-Catania e Milano-Palermo sono le tratte più battute, con un costo medio del volo rispettivamente di 106 e 78 € (al terzo posto c’è chi fa il percorso inverso, da Catania a Milano).

La permanenza media è di cinque giorni e ci si organizza in modo da coprire perfettamente il ponte, strappando il maggior numero di ore possibili: da mercoledì a domenica (31%) o da giovedì sempre fino a domenica (21%). In aumento rispetto all’anno scorso soprattutto le prenotazioni da Milano per Catania e Brindisi, entrambe più che raddoppiate (con prezzi medi rispettivamente di 102 e 112 € per un volo a/r).

Accanto alle vacanze di coppia e agli spostamenti dei singoli emergono i viaggi da fare in gruppo, magari assieme a una coppia di amici (+100% rispetto all’anno scorso). Per quanto riguarda i pacchetti comprensivi di volo e hotel, la prima destinazione italiana è Roma, avvantaggiata anche da prezzi più competitivi rispetto all’anno scorso (-30% di costo medio per passeggero).

Un benvenuto all’inverno: le capitali del nord
A scegliere le tratte a medio raggio, per visitare qualche capitale europea, sono soprattutto le coppie (il 42% delle prenotazioni). Ci si ferma in media tre o quattro giorni e anche in questo caso si parte il mercoledì o il giovedì per tornare immancabilmente di domenica.

Oltre a Londra, sia come meta finale che come visita lampo tra uno scalo e l’altro, la meta più gettonata è Parigi che risale la classifica anche grazie ai prezzi piuttosto contenuti (130 €), tallonata da Amsterdam Barcellona e Berlino. Bucarest, che si può raggiungere con solo 73 € a/r, vede raddoppiate le prenotazioni rispetto all’anno scorso. In aumento marcato anche l’interesse per Copenhagen (143 €), particolarmente romantica sotto il clima invernale.

La destinazione più prenotata in volo + hotel è Praga, che totalizza da sola il 13% delle prenotazioni, superando la seconda classificata Barcellona, in testa alle preferenze l’anno scorso. Segue Londra, che sale di ben due posizioni, anche per effetto del forte calo del prezzo medio per passeggero (quasi -16%): una conseguenza dell’andamento della sterlina che incide fortemente sui costi degli hotel.

Chi è Volagratis.com
Volagratis è stato lanciato in Italia nel 2004. Da allora il sito pioniere dei motori di ricerca per voli low cost è diventato un portale con un’ampia offerta integrata che permette ai propri clienti di ottimizzare il proprio budget e usufruire di un servizio premium.

È la soluzione ideale per trovare rapidamente offerte eccezionali per voli, hotel, city break, pacchetti vacanze e crociere.

Volagratis è parte di lastminute.com group, una travel company con l’intento di ispirare e arricchire la vita dei propri clienti, tra i leader nel settore dei viaggi online e del tempo libero a livello mondiale. Il Gruppo opera attraverso un portafoglio di brand noti come lastminute.com, Bravofly, Rumbo, Volagratis e Jetcost.

Maggiori informazioni: www.volagratis.com

CAPODANNO NEL LUSSO – CASTELLO NERO NEL CHIANTI

prco_italy_capodanno_1

IL CAPODANNO 2017 A CASTELLO DEL NERO SARÀ “SOTTO UNA BUONA STELLA”, QUELLA MICHELIN!

Due notti nel cuore del Chianti per accogliere il nuovo anno

A Castello del Nero, la storica dimora del XII secolo situata nel cuore del Chianti, il Capodanno 2017 sarà celebrato “sotto una buona stella”, quella Michelin.

Per l’occasione, infatti, questo hotel a 5 stelle membro di The Leading Hotels of the World ha organizzato una Cena di Gala al Ristorante stellato La Torre e una proposta speciale di due notti.

Durante la serata, la musica dal vivo accompagnerà il raffinato menu di sei portate ideato dallo Chef Giovanni Luca Di Pirro, in un poetico intreccio di sapori pensati per stupire e incantare gli ospiti, dall’astice blu con spuma di patate, croccante di pane arso, lime ed emulsione al dragoncello ai tortelli ripieni di gamberi rossi e cocco, burrata in osmosi, triglie al rosmarino e acqua di zafferano di San Gimignano fino alla costata di rombo chiodato, soffice di topinambur alla vaniglia, funghiepolenta della Garfagnana. Dulcis in fundo, “La Marchesa si veste di rosso”, una bavarese al Dulcey, pralinato al pistacchio, glassa di cioccolato rosso brillante e gelato ai lamponi.

Non mancherà, dopo la mezzanotte, il brindisi “beneaugurante” a base di Spumante, cotechino e lenticchie!

E se il 2016 a Castello del Nero si chiuderà all’insegna dell’alta cucina, anche il 1° gennaio sarà caratterizzato da una sorpresa gourmet: appuntamento da non perdere con il brunch di inizio anno, sempre incluso nel pacchetto e ideato dello Chef di Pirro, con una proposta di piatti freddi e caldi in un perfetto mélange di tradizione e modernità, tra cui insalata di pomodoro e ventresca di tonno, uovo in camicia con crema al parmigiano e tartufo e merluzzo all’isolana con pomodoro, olive e capperi, solo per citarne alcuni.

Anche i winelover potranno vivere la loro vacanza ideale, visitando l’enoteca dell’hotel, una delle più affascinanti in Toscana, per una degustazione dei migliori vini del Chianti o dell’olio extravergine d’oliva prodotto nella tenuta.

Ma a Castello del Nero Hotel & Spa gli ospiti potranno anche dedicarsi alla cura di sé, abbandonandosi ai percorsi relax alla Spa ESPA e provando alcuni dei trattamenti proposti, come il Trattamento Riequilibrante dei Chakra con pietre calde o il Castello del Nero Gold Package creato quest’anno in occasione del 10° anniversario.

Il tutto in un contesto d’eccellenza, risultato di un meticoloso restauro curato dalle Belle Arti che ha portato alla luce una collezione inestimabile di tesori artistici. Peculiarità che ha permesso a Castello del Nero di affermarsi quale location unica e ricca di magia, in cui gli affreschi autentici, l’uso del legno, della terracotta, dei marmi e dei mosaici ben si sposano con il servizio personalizzato e attento nella creazione di un’esperienza unica.

Quote a partire da 1.314€ per due notti in camera doppia, prima colazione, Cena di Gala e Brunch per due persone serviti al ristorante La Torre (1 Stella Michelin).

www.castellodelnero.com

Per prenotazioni

Castello del Nero Hotel & Spa
Strada Spicciano, 7 – 50028 Tavarnelle Val di Pesa, Firenze, Italy
Tel. +39 055 806470
info@castellodelnero.com; www.castellodelnero.com

Castello del Nero, boutique hotel 5 stelle lusso e membro di The Leading Hotels of the World, si trova a Tavarnelle Val di Pesa, nel cuore del Chianti.

È un tipico esempio di residenza signorile della campagna Toscana del XII secolo, circondato da 300 ettari di terreno con uliveti e vigneti. Dispone di 32 camere e 18 suite tutte restaurate e arredate con eleganza; una Spa a marchio ESPA; due ristoranti, La Torre, 1 Stella Michelin che propone una cucina gourmet e La Taverna, dove assaggiare piatti tipici Toscani; una piscina esterna riscaldata con bordi a sfioro (aperta in estate).

VIAGGI E TURISMO IN BASSA STAGIONE ? – Forse ci non sarà più la bassa stagione come una volta

Tecniche di destagionalizzazione: dove e perché andare al mare fuori stagione in Italia

Uno studio realizzato da PaesiOnLine in collaborazione con Datameteo per allungare la stagione balneare di alcune località.

Destagionalizzare si può.

È questa la conclusione che emerge dallo studio realizzato da PaesiOnLine, in collaborazione con Datameteo, su alcune destinazioni di vacanza italiane che potrebbero proficuamente allungare la propria stagione balneare, legando la propria attrattività sia ai fattori climatici e meteorologici sia alla presenza di eventi ad alto impatto turistico.

Premessa metodologica
Le destinazioni prese in esame da PaesiOnLine e Datameteo per il presente studio sono rappresentative di alcune zone della penisola che fanno del turismo una delle principali leve di sviluppo economico e che sono molto legate alla stagionalità del turismo balneare. Per ciascuna di queste zone è stata individuata una località di riferimento, per la quale Datameteo ha individuato alcuni valori climatici: temperatura media, temperatura massima, temperatura minima in °C e giorni di pioggia registrati nel corso di ciascun mese.

I mesi presi in considerazione sono quelli che vanno da aprile a ottobre. In questo modo è possibile analizzare se e come le località considerate possano “fare turismo” in mesi diversi da quelli prettamente estivi e di alta stagione, anche grazie alla presenza di eventi che arricchiscono l’offerta complessiva. Infine i valori medi riportati sono relativi al quinquennio 2011/2015; per ciascun valore di riferimento è stata effettuata una media dei cinque anni considerati. I dati climatici sono stati validati con processi proprietari nella filiera modellistica di Datameteo, al fine di escludere valori anomali e/o errati.

Di seguito le sette zone italiane prese a riferimento con le relative località:

  • Sicilia Orientale – Catania
  • Isola di Lampedua
  • Sicilia Occidentale – San Vito Lo Capo
  • Calabria Meridionale – Palmi
  • Cilento – Palinuro
  • Salento – Otranto
  • Sardegna Sudorientale – Villasimius

    Per verificare l’effettiva possibilità di queste località di attirare turisti nel periodo indicato, i medesimi valori climatici sono stati calcolati anche per cinque destinazioni di prima fascia del turismo internazionale. Nel periodo indicato, i valori delle destinazioni italiane sono in alcuni casi anche più favorevoli rispetto a quanto avviene per l’estero.

Di seguito le cinque destinazioni individuate:

  • Malè – Maldive
  • Playa del Carmen – Riviera Maya – Messico
  • Praslin – Seychelles
  • Varadero – Cuba
  • Zanzibar – Tanzania

    La ricerca: dati climatici e meteorologici
    Il primo elemento a supporto della tesi della destagionalizzazione è rappresentato dalle temperature medie delle località individuate.

  • È interessante soprattutto il dato relativo al mese di settembre.
  • Nel quinquennio 2011/2015, le temperature medie del mese di settembre sono sempre superiori ai 23° C. per tutte le destinazioni analizzate mentre le massime superano i 27,5° C.; l’unica eccezione è rappresentata dalla media delle temperature massime di Palinuro, che a settembre si ferma a 26,4° C., un valore che permette comunque di godere al meglio delle spiagge cilentane.

    Nel complesso si tratta quindi di valori che permettono a queste località e alle zone che rappresentano di “fare turismo balneare” a settembre, allungando di un mese la stagione. L’ipotesi è rafforzata dal fatto che tendono a essere in numero contenuto anche i giorni di pioggia medi:

  • a settembre la media delle località prese in esame è di 7 giorni di pioggia, con Lampedusa e Palinuro ampiamente sotto la media (rispettivamente 3 giorni e 5 giorni).

    Se si paragonano i valori ottenuti dalle località italiane con le top destination estere prese in esame, si ha un’ulteriore conferma di quanto affermato: nel periodo preso in esame (aprile/ottobre) le temperature medie delle cinque località estere sono più alte (si va dai 25,8° C. di Zanzibar ai 28,3° C. di Malè) ma sono molti di più anche i giorni di pioggia medi al mese (dai 6 di Zanzibar ai 21 di Varadero, con una media di 16 giorni).

    Non si vuole qui affermare che le località italiane siano in assoluto preferibili alle top destination analizzate ma che nel periodo preso a riferimento scegliere il nostro paese può essere una valida alternativa e questo a prescindere dal parametro economico, che qui non è preso in considerazione. Fin qui abbiamo concentrato la nostra analisi sul mese di settembre, quello che più agevolmente può essere incluso nella stagione estiva.

  •  

    BAGNI A OTTOBRE

  • Dai dati forniti da Datameteo emerge come anche il mese di ottobre possa essere attrattivo per chi vuole ancora fare un bagno: le temperature medie sono quasi sempre sopra i 20° C. Di particolare interesse il dato di Lampedusa che, sia per valori medi sia per valori massimi, è una destinazione che può fare concorrenza alle top destination internazionali, con valori di poco inferiori a quelli di Varadero o Playa del Carmen e un numero di giorni di pioggia decisamente più basso. Da questo punto di vista Lampedusa potrebbe attirare turisti fino a ottobre inoltrato pur in assenza di eventi di particolare rilievo, cosa che invece caratterizza le altre località osservate.

Dai dati climatici forniti da Datameteo emerge quindi come paradossalmente siano i mesi considerati autunnali quelli che più facilmente possono allungare la stagione: le temperature medie di settembre e ottobre sono sensibilmente più alte di quelle rilevate ad aprile e maggio e lo stesso vale per le temperature massime. Giocano a favore dei mesi primaverili i giorni di pioggia, seppure non in modo determinante (8 giorni/mese di media ad aprile contro i 10 giorni/mese di media a ottobre).

Gli eventi
Fin qui ci siamo concentrati sui valori climatici, evidenziando come le località individuate per l’Italia possano allungare la loro stagione turistica fino a comprendere settembre e ottobre.
Un altro elemento a favore di questa tesi è costituito dalla presenza di eventi che rendono ancora più attrattivi questi mesi (settembre e ottobre) come pure quelli primaverili (aprile, maggio e una parte di giugno).

È bene premettere che non si vuole qui affermare che i migliori eventi sono quelli organizzati nei mesi che vanno da aprile a giugno e da settembre a ottobre; i mesi di luglio e agosto in queste zone turistiche sono ricchi di manifestazioni e appuntamenti. Tuttavia l’offerta nei mesi presi in esame è tale da rendere possibile una destagionalizzazione fatta di spiagge ed eventi nei dintorni. Partiamo dunque da Catania. I mesi di settembre e ottobre sono quasi “ideali” per visitare questa zona;

-a inizio settembre ad Aci Castello, circa 10 chilometri da Catania, si tiene la Sagra dell’Arancino mentre a ottobre si svolgono due degli eventi più importanti della provincia.

-A cavallo fra i due mesi a Bronte si organizza la Sagra del Pistacchio

-Per tutto il mese di ottobre c’è l’Ottobrata Zafferanese a Zafferana Etnea (a circa 30 chilometri dal capoluogo): un intero mese con tanti appuntamenti, dalla sagra dell’uva a quella del miele.

Se la zona di Catania si segnala per ottobre, a San Vito Lo Capo, dall’altra parte della Sicilia, il mese migliore è quello di settembre: temperature massime che sfiorano i 29° C. e la possibilità di partecipare al Cous Cous Festival che si tiene ogni anno nella seconda metà di settembre proprio nel paese in provincia di Trapani.

Anche la costa tirrenica della Calabria è piuttosto attiva nel periodo di settembre e ottobre, grazie a un particolare “mix” tra i paesi dell’interno e la città di Reggio Calabria: ottobre è il mese delle sagre a Santo Stefano in Aspromonte, che ospita la Sagra dei Funghi e la Sagra del Cinghiale, mentre a settembre la città capoluogo si anima con la festa della Madonna della Consolazione, chiamata più semplicemente “Festa di Madonna” dai cittadini di Reggio Calabria: dieci giorni di festeggiamenti per tutta la famiglia, da alternare a qualche tuffo nello splendido mare della punta d’Italia. Nelle restanti località prese in esame (Otranto, Palinuro e Villasimius) gli eventi più interessanti si concentrano nel periodo primaverile.

Nella zona di Otranto, e in tutta la Puglia, l’ultima domenica di maggio si tiene “Cantine Aperte”, per degustare gli ottimi vini prodotti in questa zona. Da segnalare anche, però a metà ottobre, la Sagra della Volia Cazzata, ovvero dell’oliva ripiena, che si tiene a Martano a circa 20 chilometri da Otranto.

Anche nel Cilento gli eventi più interessanti nel periodo considerato sono quelli che precedono l’alta stagione; si segnala in particolare la Sagra del Pescato di Paranza che si tiene a metà giugno a Castellabate.

Chiudiamo la nostra carrellata con la costa sudorientale della Sardegna; tra gli eventi che si segnalano ci sono la Sagra degli Agrumi, che si svolge a inizio aprile a Muravera, e la Fiera Internazionale della Sardegna, un appuntamento storico che si tiene a Cagliari tra la fine di aprile e l’inizio di maggio ed è facilmente raggiungibile dalle cittadine e dai paesi della costa.

Maggiori approfondimenti
Con la presente ricerca, PaesiOnLine e Datameteo hanno voluto dimostrare come alcune località e alcune zone italiane abbiano la possibilità di destagionalizzare la propria offerta turistica, sfruttando dei valori climatici comparabili con quelli di top destination internazionali e accrescendo il numero di eventi e manifestazioni per differenziare la proposta.

Maggiori informazioni e tante altre curiosità sul fenomeno del meteo saranno disponibili nel corso di “Roma Meteo Capitale” – 1° Giornata della Meteorologia a Roma, evento a ingresso libero organizzato da TempoRoma.it, Geok edi cui Datameteo è partner tecnico.
L’evento si terrà sabato 26 novembre 2016 presso la Link Campus University, in Via del Casale di S. Pio V, 44 a Roma.

Il ricavato dell’evento sarà devoluto alla Onlus Una Mano Per i Bambini http://www.unamanoperibambini.it.
Sito web dell’evento – http://www.romameteocapitale.com.

VOLI LOW COST IN ECONOMICA O BUISNESS – Quali sono le migliori compagnie aeree ? Quali le più sicure ?

AirHelp ha creato quello che milioni di passeggeri richiedevano:

-uno strumento in grado di far conoscere davvero cosa aspettarsi quando si sceglie una compagnia aerea, il prezzo del biglietto non può essere la sola discriminante.

Quali sono quindi le peggiori compagnie aeree al Mondo?
Quali voli sono sempre in ritardo?
E chi invece tratta meglio i propri clienti?

Di seguito le migliori 5 compagnie aeree al mondo.

1° QATAR

2° AUIDOLOMITI

3° AUSTRIAN

4° SINGAPORE

5° KLM

Danilo Campisi, che coordina il marketing di tutti i paesi in cui AirHelp è presente, oltre ad avere una gestione diretta sull’Italia, ha dichiarato “E’ un piacere e grande soddisfazione vedere un’Italiana alle vette della classifica dell’AirHelp Score.

Dopo i risultati piuttosto deludenti riportati da Alitalia nella nostra precedente edizione, la posizione di Air Dolomiti dimostra come non sempre sono le maggiori compagnie aeree ad offrire un servizio migliore”.

Qui puoi controllare l’ultima classifica delle compagnie aeree secondo seri criteri di selezione:

https://www.airhelp.com/it/airhelp-score