Archivi categoria: VIAGGI

Viaggi: in economia, style&luxury, terme…extra Europa, Europa, Italia,

La Repubblica Dominicana promuove il turismo del cacao

Repubblica 672 Dominicana Santo Domingo bahia de las aguilas 76

Non solo spiagge di sabbia bianca e paesaggi unici ma la destinazione caraibica offre anche percorsi sostenibili alla scoperta dei segreti del cioccolato.

REPUBBLICA DOMINICANA 672 nature (2)

 – La Repubblica Dominicana, nota principalmente per le sue splendide spiagge dorate, un clima caldo tutto l’anno, paesaggi mozzafiato, natura rigogliosa è anche una delle leader mondiali nelle produzioni di zucchero di canna, rum, caffè banane, riso, aloe vera e cacao.

Cibo 672 Cacao Rep Dominicana cioccolato 7u

In particolare il cacao, il “cibo degli dei”, come veniva chiamato dagli indigeni della regione, oltre a costituire il 60% della coltivazione del paese, sta diventando una delle tante attrazioni della destinazione caraibica, attraendo golosi da tutto il mondo.

Dal 22 al 25 maggio in Repubblica Dominicana si terrà la terza edizione del World Cocoa Conference, la Conferenza Mondiale del Cacao. La manifestazione raggrupperà esperti, stakeholder e consumatori nella più grande kermesse dedicata al prezioso ingrediente. La Conferenza, che si svolgerà al Barceló Bávaro Convention Center a Bávaro, ospiterà più di 1.500 produttori provenienti da tutto il mondo.

Per valorizzare la produzione del cacao sono nati dei veri e propri musei e le “Rutas”, percorsi guidati che consentono di far conoscere e vivere da vicino tutte le fasi, dalla coltivazione alla produzione, e rappresentano l’occasione per i viaggiatori di entrare ancora di più in contatto con la popolazione e le tradizioni locali. A Bávaro si trova il ChocoMuseo, uno spazio dedicato al cacao, alle sue origini, alle sue proprietà e agli usi odierni.

Gli amanti del cioccolato potranno scegliere di fare un tour gratuito o dei workshop dedicati, nei quali potranno creare prodotti artigianali, quali barrette, burro di cacao, cioccolatini o creme per il corpo; anche i gusci si possono usare per fare un tè speciale con delle proprietà benefiche tra le quali quella di favorire una buona circolazione sanguigna e perdita di peso.

Un’altra occasione per abbinare l’esperienza in Repubblica Dominicana a un viaggio alla scoperta dei segreti del cioccolato è il Sendero del Cacao, un percorso nato nel 2005 a Duarte nel cuore dell’isola con l’obiettivo di promuovere il turismo, la cultura e la conoscenza del prodotto.

Il sentiero si sorge tra panorami mozzafiato e una vegetazione lussureggiante fino a San Francisco de Macorís, dove si trovano le piantagioni dell’Hacienda La Esmeralda García Jiménez.

Qui si svolgono diverse attività che illustrano come avviene la raccolta dei frutti, il taglio dei cabossidi, l’estrazione delle fave, la fermentazione, l’essiccazione, il confezionamento del cacao e infine dei gustosi assaggi.

Per maggiori informazioni:
Ente del Turismo della Repubblica Dominicana
Piazza Castello, 25, 20121 Milano
Tel. 02 8057781/ www.godominicanrepublic.com

Ufficio Stampa
C/O AIGO
Giulia Cosseddu g.cosseddu@aigo.it / Debora Agostini d.agostini@aigo.it
Tel. +39 02 669927.1 – Fax. +39 02 6692648
www.aigo.eu

Note:
Materiale fotografico disponibile su
http://www.drsmartlibrary.com/
Scarica la nostra APP gratuita per Apple e Android: GoDominicanRepublic
Seguici su Facebook: www.facebook.com/turismorepubblicadominicana
QR-Code Repubblica Dominicana

UBICAR EN EL MAPA
AGREGARPer maggiori inf

KLM e Facebook Messenger – NUOVA fornitura di servizi social

Ricevere via Facebook Messenger la conferma del check-in e della prenotazione, la carta d’imbarco e gli aggiornamenti sullo stato dei voli… 

KLM e Facebook Messenger: strategico passo avanti nella fornitura di servizi social

 KLM Royal Dutch Airlines offre ai propri clienti in tutto il mondo la possibilità di ricevere via Facebook Messenger la conferma del check-in e della prenotazione, la carta d’imbarco e gli aggiornamenti sullo stato dei voli: un servizio che raggruppa le informazioni facilitandone la reperibilità, che sia in aeroporto, in viaggio o a casa. In caso di domande, i clienti possono contattare gli addetti del servizio social media di KLM via Messenger.

l servizio, inaugurato da pochi giorni, sarà a pieno regime nelle prossime settimane. KLM è la prima compagnia aerea globale a fornire tali servizi su Messenger.

Questo testimonia l’ultima espansione di Messenger per il business, come annunciato per la prima volta lo scorso anno.

“Il nuovo servizio di Messenger è un’aggiunta perfetta alla strategia social di KLM.

Riteniamo di dover essere dove sono i nostri clienti e, per questo motivo, Messenger e KLM rappresentano un ottimo connubio. I nostri clienti si sentono a loro agio nel condividere informazioni con noi tramite una piattaforma più personale come Messenger.

Lo scorso anno, abbiamo attivato il pulsante Messenger sulla nostra pagina Facebook, permettendo così ai clienti di contattare KLM in maniera ancora più diretta attraverso messaggi privati.

I contatti sono aumentati del 40%, il che dimostra l’apprezzamento dei clienti per questa forma di comunicazione. Ora stiamo compiendo un ulteriore passo avanti con questo servizio, offrendo ai clienti la possibilità di ricevere tutte le informazioni e i documenti relativi al volo tramite un unico accesso a Messenger”.
Pieter Elbers, Presidente e CEO di KLM

“Riteniamo che Messenger sia il luogo migliore per parlare alla gente e, ancor di più, per le questioni di maggior interesse. Siamo lieti di dare il benvenuto a KLM come prima compagnia aerea partner sulla piattaforma in espansione di Messenger. Ora, i clienti KLM potranno fare conversazioni rapide e puntuali riguardo ai propri voli, il tutto grazie a una comoda app che già conoscono e amano: Messenger”.
David Marcus, vicepresidente Messaging Products di Facebook

Il nuovo servizio di Messenger è disponibile per tutti i clienti KLM che prenotano biglietti sul sito www.klm.it ed hanno utilizzato Facebook almeno una volta negli ultimi 90 giorni.

KLM ha oltre 15 milioni di fan su Facebook.

Informazioni su KLM e sui social media
Dal 2009 KLM ha acquisito una forte esperienza sui servizi offerti tramite social media e sulle campagne condotte nel panorama social. Ogni settimana, KLM riceve oltre 100.000 citazioni sui social media, di cui 10.000 sono domande o commenti, a cui rispondono personalmente i 200 agenti KLM addetti al servizio, che formano il team social media più grande al mondo. KLM offre ai propri clienti uno “sportello unico” attivo 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 in 13 lingue diverse: olandese, inglese, tedesco, spagnolo, portoghese, italiano, francese, norvegese, russo, giapponese, cinese, coreano e thai.

MANTOVA CAPITALE DELLA CULTURA 2016 – da non perdere – mille iniziative culturali per grandi – bambini – ragazzi

Si è aperto ufficialmente  l’anno di Mantova Capitale Italiana della Cultura 2016!

Mantova, gioiello del Rinascimento famoso in tutto il mondo.

100 PPUNTAMENTI PER I PIU’ GIOVANI E BAMBINI.

Mantova 500 arte sd

MANTOVA GIGANTI 500

Patria di Virgilio, corte dei Gonzaga che attirò geni della pittura e dell’architettura – Leon Battista Alberti, Andrea Mantegna, Giulio Romano – della letteratura e della musica – Torquato Tasso e Claudio Monteverdi – insieme a Sabbioneta patrimonio mondiale dell’umanità per l’Unesco:

Uno dei primi eventi

Domenica 10;

 fino a domenica sera il centro storico di Mantova sarà il suggestivo palcoscenico di

-spettacoli performance d’autore,

-luogo per riscoprire percorsi inediti e

-per rivivere palazzi e monumenti restituiti al loro splendore.

Non mancheranno tante iniziative e giochi per tutte le età.

anche una caccia al tesoro attraverso la città dalle 16,30.

——

Mantova, gioiello del Rinascimento famoso in tutto il mondo per la sua storia, gli inestimabili tesori d’arte e le bellezze naturali, è stata insignita del titolo di Capitale Italiana della Cultura per l’anno 2016 www.mantova2016.it.

Patria di Virgilio, corte dei Gonzaga che attirò geni della pittura e dell’architettura – Leon Battista Alberti, Andrea Mantegna, Giulio Romano – della letteratura e della musica – Torquato Tasso e Claudio Monteverdi – insieme a Sabbioneta patrimonio mondiale dell’umanità per l’Unesco: questa è la Mantova più conosciuta, che incanta e stupisce turisti da tutto il mondo.

Ma la città è molto di più: l’odierna identità multiforme è frutto di una stratificazione culturale avvenuta nei secoli, che il progetto di Mantova 2016 permetterà di conoscere appieno.

L’unicità di Mantova non è solo nelle opere dell’uomo, ma anche nelle bellezze del suo territorio e nella varietà della sua cucina: centro nato sull’acqua, circondato da una vera e propria oasi verde, è meta di un turismo naturalistico, enogastronomico e sportivo per tutte le età.

Mantova è già una città a misura d’uomo; come Capitale Italiana della Cultura sarà un laboratorio, un polo aperto e sostenibile di innovazione e coinvolgimento di cittadini e visitatori.

Questi ultimi potranno essere davvero protagonisti della vita della città grazie all’app Mantova, una delle componenti della piattaforma tecnologica ideata per l’anno del titolo, che permette di sperimentare un’interazione inedita tra mondo fisico e mondo digitale.

Creata appositamente sia per chi vive la città che per il turista che ne vuole scoprire i luoghi d’interesse e gli eventi, fornisce informazioni utili e permette di verificare disponibilità e orari dei siti prescelti.

 

Il cuore pulsante sarà il centro storico, con i suoi palazzi, i suoi portici, le sue chiese e le sue piazze: un museo diffuso e interattivo in cui l’espressione artistica dialogherà con il patrimonio architettonico. Sei percorsi tematici permetteranno di scoprire il fascino di Mantova nelle diverse età: dalla Mantova del Settecento alla Mantova della creatività contemporanea, dalla Mantova ebraica alla Mantova antica di Virgilio, dalla Mantova del Risorgimento a quella del Rinascimento.

La prima produzione del Centro Internazionale di Arte e Cultura di Palazzo Te e Museo Civico di Palazzo Te per Mantova Capitale è l’installazione che porta la firma di Stefano Arienti, “Quadri da un’esposizione”: un omaggio alla pittura mantovana del Novecento, con oltre 200 opere di artisti locali finora conservate nei depositi del Museo Civico di Palazzo Te (aprile – Fruttiere di Palazzo Te).

I giardini e le sale di Palazzo Te ospiteranno a giugno il progetto espositivo “Un sogno fatto a Mantova”, ideato da Cristiana Collu e curato da Saretto Cincinelli, nel quale artisti internazionali ideeranno interventi di forte impatto visivo, in interazione con la struttura architettonica che li ospita.

Il secondo momento del progetto prevede una mostra nelle Fruttiere di Palazzo Te: artisti emergenti italiani e stranieri realizzeranno installazioni e progetti site-specific.

Palazzo Ducale propone una serie di mostre che spaziano dall’arte moderna a quella contemporanea, con un’attenzione particolare alla produzione locale.

Tra quelle in programma: “Mantovarte – studi aperti” (aprile), che inaugurerà il nuovo spazio dedicato all’arte contemporanea del Museo; “Sonia Costantini/Josef Schwaiger chromospazio”, con opere appositamente realizzate dai due artisti contemporanei (giugno) e un’esposizione dedicata ad Albrecht Dürer, “Incisioni e influssi”, che indagherà le reciproche influenze tra l’arte del Mantegna e quella dell’artista tedesco.

Nella Casa del Mantegna in aprile sarà allestita una mostra sulla Grande Guerra, cui faranno seguito fino alla fine dell’anno numerose altre esposizioni di arte contemporanea.

Il Museo Archeologico Nazionale con l’esposizione Salvare la memoria (La bellezza, l’arte, la storia) affronterà, a partire dal devastante terremoto del 2012, il tema universale della conservazione della memoria e delle attività di salvaguardia e ricostruzione (fine marzo).

La musica avrà un ruolo di particolare rilievo:

— a giugno si terrà la quarta edizione del Mantova Chamber Music Festival “Trame Sonore” che invita il pubblico a scoprire capolavori della grande musica classica in location suggestive.

Uno dei progetti portanti del 2016 è Mantovamusica, che fino a dicembre propone più di 45 concerti nei luoghi più belli della città, espressione di una rinnovata stagione creativa. E last but not least lo storico Mantova Jazz Festival nei mesi di ottobre, novembre e dicembre.

EVENTI PE RI VOSTRI BAMBINI

GLI EVENTI MANTOVA LABORATORIO DELLE NUOVE GENERAZIONI

Stimolare le nuove generazioni a comprendere, apprezzare e godere di quanto di buono l’arte e la creativi- tà possono offrire è un dovere. Progettare il futuro prossimo a partire dai bambini è un privilegio.

Appren- dere da e con loro è un percorso gioioso. Scoprire le potenzialità e i talenti di bambini e ragazzi è una sfida e un’onda che spinge a rinnovare linguaggi, messaggi e atteggiamenti verso tutto ciò che è cultura. Le nuove generazioni sono creatività, sono messa in discussione, sono multi-cultura, sono il cuore e la scintil- la della sopravvivenza culturale di una città e di paese.

La rigenerazione dell’identità, della città, della civiltà è con loro. Mantova capitale italiana della cultura è nuove generazioni, nuove culture, nuove conta- minazioni tra arte e nuovi linguaggi, è cultura digitale.

MANTOVA CITTÀ DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE

Tutto l’anno

Visite interattive, laboratori, escursioni speciali e giochi

Saranno oltre 100 gli appuntamenti dedicati ai più giovani (ma aperti a tutti). Mantova è davvero family friendly tutto l’anno grazie alle proposte sempre nuove delle Associazioni culturali, educative, sociali della città, che ispirandosi alla creatività dei ragazzi propongono occasioni per imparare divertendosi in tutta la città.

E da ottobre a Palazzo Ducale uno spazio magico e unico al mondo, un appartamento composto da piccoli ambienti che per la loro ridotta dimensione, furono creduti abitati dai nani di corte, sarà regalato ai bambini, luogo dove immergersi nella storia dei Gonzaga, da dove partire per nuove avventure e un viaggio nello spazio e nel tempo.

Mantova 2016 è un vero laboratorio giocoso per i bambini e per le loro famiglie, ai quali non sarà consentito annoiarsi.

MADE IN ITALY – MAKE IN MANTOVA

Parte ufficialmente nella “settimana della cultura digitale” (5-10 aprile 2016) il progetto che interpreta il patrimonio culturale come espressione eminente del Made in Italy, e mette alla prova la capacità del territorio, e della scuola in particolare, di ri-produrre e produrre attraverso tecnologie maker alcune opere e suggestioni. Nel corso del 2016, il progetto coinvolgerà 60 giovani “smanettoni” avvicinandoli in paral- lelo all’arte e alle tecniche della digital fabrication. Dal Fab Lab dell’istituto Fermi usciranno produzioni 3D, oggetti e sogni che il pubblico potrà conoscere in occasione di “Fiera Maker Mantova” e durante la “European Maker Week”.

Progetto dell’Istituto Superiore Fermi di Mantova, con il suo costituendo FabLab Mantova – Fermi e il Comune di Mantova, finanziato dal MIUR, asse “Diffusione della cultura italiana”, primo avviso del “Piano nazionale per la promozione della cultura del Made in Italy

EPICENTRO CULTURALE DIFFUSO

Progetto di rigenerazione urbana e di attivazione del protagonismo culturale del quartiere popolare e multiet- nico Valletta Valsecchi. Il progetto coinvolge attivamente gli abitanti, le scuole e le associazioni attraverso il teatro e variegate proposte culturali trasformando il quartiere di Valletta Valsecchi in un Centro Culturale Diffuso. Feste stagionali, compagnie teatrali e artisti in residenza, momenti di convivialità, riflessione e diver- timento per riappropriarsi degli spazi del quartiere e farli scoprire al visitatore curioso.

Con WHAT IS HOUSE? (26-30 aprile), ad esempio, sette attori della Compagnia genovese Teatro del Piccione vengono ad abitare nel quartiere per condurre un percorso teatrale di ricerca sull’identità che parte da una domanda semplice ma profonda: “cos’è casa?”. In una società multiculturale come quella attuale il concetto di spazio, luogo in cui ci si sente a casa, diventa un concetto che si presta a diventare simbolico e a trasformarsi in spunto per performance e narrazioni.

Progetto ideato e coordinato da Segni d’infanzia, realizzato – con il sostegno di Fondazione Cariplo – in partner- ship con Comune di Mantova – Biblioteca Baratta, Coop. Alce Nero, CHARTA Coop. e Parrocchia Gradaro

LIBERTY A CERNOBBIO VILLA BERNASCONI – Vicina alla più famosa VILLA ERBA – LAGO DI COMO

Como Cernobbio Villa Villa Bernasconi Via Regina, 7 | Lungolago Di Fronte Villa Erba 1a

Como Cernobbio Villa Bernasconi Via Regina, 7 | Lungolago Di Fronte Villa Erba 3asw

Como CernobbioVilla Bernasconi Via Regina, 7 | Lungolago Di Fronte Villa Erba 2a

Per altre informazioni sul lago di Como – Como e dintorni vedi al link:

http://www.donnecultura.eu/?p=1612

Villa Bernasconi ( architetto Alfredo Campanini ); uno dei più notevoli dello stile floreale esuberante in Lombardia. I motivi decorativi ricordano il processo di produzione della seta con decorazione che si ispirano a: bachi da seta, farfalle e foglie di gelso.

VILLA BERNASCONI poco conosciuta e preziosa villa Liberty; accanto alla bella Villa Erba dove trascorreva le sue vacanze il regista Visconti (alcune scene dei suoi film furono girati proprio a Villa Erba e nel suo bellissimo gigantesco giardino sul lago di Como.

Nella villa Bernascono, sono stati recentemente, eseguiti impegnativi e costosi restauri ed ora se ne possono ammirare tutti i particolari.

Villa Bernasconi fu costruita dall’industriale tessile Davide Bernasconi.

Oggi Villa Bernasconi ospita: mostre d’arte, eventi e matrimoni.

Villa Bernasconi, Via-Regina, 7; Lungolago di fronte a Villa Erba ; CERNOBBIO ( COMO ).

La Villa Bernasconi è usata anche per matrimoni; richieste al Comune di Cernobbio.

VILLA ERBA

Como Cernobbio 350 Villa Erba 1c

Cernobbio (Como), Villa Erba; dove trascorreva le sue vacanze  Luchino Viasconti.
Cernobbio (Como), Villa Erba; dove trascorreva le sue vacanze Luchino Viasconti.

Cernobbio 672 Villa Erba

Como 300 Villa 89 Erba Cernobbio

Cernobbio 300 Villa Erba 4 c

Villa Erba, fu realizzata a fine 800. Stile: di ispirazione manierista.

In origine fu un monastero, poi acquistato dalla famiglia Peluso, che  già possedeva la famosissima Villa d’Este.

Il complesso fu poi acquistato da Luigi Erba, erede di Carlo Erba, e proprietario della nota casa farmaceutica, il quale vi fece costruire l’attuale villa ( architetti: Angelo Savoldi e Giambattista Borsani ).

In quegli anni, gli Erba usavano ospitare  grandi artisti; vivendovi una intensa  vita culturale e mondana.

Carla Erba (figlia di Luigi Erba), sposò il duca Giuseppe Visconti di Modrone.

La villa divenne così, nei mesi estivi, sede di vacanza del loro figlio, il grande regista Luchino Visconti.

Luchino Visconti vi tornò negli ultimi anni della sua vita e qui terminò  il montaggio di Ludwig;  suo importante capolavoro.

Nella villa si ammirano:  antichi affreschi, i preziosi soffitti intarsiati e le stanze di ispirazione manierista.

Oggi è usata per ospitare eventi unici: dai convegni, alle feste.

Milano – 12 aprile 8 e 15 maggio BAMBINI TUTTI ALLA SCALA !!! – musica e grande spettacolo per bambini e ragazzi

Il grande Teatro La Scala, Milano, offre alcuni spettacoli per avvicinare i nostri figli e nipoti ai grandi spettacoli; facendoli sognare.

Musica e spettacolo, studiati per entusiasmare, divertire e capire.

Prossimi concerti:

12 aprile IL FLAUTO MAGICO PER I BAMBINI

8 maggio I Cameristi della Scala

15 maggio Il Coro di Voci Bianche

teatroallascala.org

Pistoia Capitale Italiana della Cultura 2017

La giuria scelta dal Ministero dei Beni Culturali ha proclamato

— Pistoia Capitale Italiana della Cultura 2017,

riconoscendone l’impegno e l’attenzione verso la cultura e la valorizzazione della città,  nonostante una meritevole concorrenza.

Molti i progetti che si concretizzeranno nel corso dei prossimi mesi e molte le iniziative già in atto per promuovere a città.

Il progetto che coinvolge la città di Pistoia è stato premiato grazie alla sua capacità di interpretare le risorse esistenti proiettandole in uno scenario internazionale.

E se Pistoia è già internazionale grazie ai suoi festival più conosciuti, come il Pistoia Blues Festival, le altre iniziative culturali in programma le garantiranno un’aria davvero nuova.

Non stupisce che le iniziative culturali che l’Amministrazione si prepara a mettere in atto coinvolgano anche la diocesi.

Del resto Piazza del Duomo è già una sintesi mirabile dell’integrazione fra le due si entità: in un unico spazio si coniugano sacro e profano: la Cattedrale di San Zeno; il campanile romanico; il Battistero gotico di San Giovanniin Corte con i suoi marmi bianchi e verdi. E ancora il Palazzo dei Vescovi, Palazzo Pretorio che ospita il Tribunale, e Palazzo del Comune, sede del Municipio.

La nomina a Capitale Italiana della Cultura varrà la riqualificazione delle mura urbanee dei percorsi pedonali immersi nel verde storico. In previsione anche lo sviluppo di Palazzo Fabroni con il suo Centro di arti visive contemporanee.

Già in agenda la rinascita dell’antico ospedale cittadino del Ceppo con il suo loggiato rinascimentale ornato dai tondi con le terrecotte invetriate dei Della Robbia e dal fregio di Santi Buglioni.

SE VOLETE ALLOGGIARE NEL LUSSO:

Tenuta San Pietro Luxury Hotel & Restaurant
Via Per San Pietro 22/23, San Pietro a Marcigliano,Capannori (Lucca)
Tel. 0583.926676
www.condenastjohansens.com/tenutasanpietro

L’Hotel Tenuta San Pietro, a soli 40 minuti da Pistoia, non è solamente uno degli alberghi più esclusivi inseriti nella guida Condé Nast Johansens ma, vista la vicinanza, offre la possibilità di visitare Pistoia senza rinunciare a nulla: dalle coccole wellness ai piaceri della gastronomia.

Il luxury hotel Tenuta San Pietro sorge nel piccolo borgo di San Pietro a Marcigliano, a Capannori, a soli quaranta minuti da Pistoia e a pochi chilometri dai più importanti centri d’interesse della regione. Questa incantevole struttura nasce nel cuore di un antico casolare del XVI secolo ed combina perfettamente antichità e modernità.

Le 8 stanze doppie di questo accogliente albergo quattro stelle celebrano l’incontro tra comfort ed estetica, funzionalità ed atmosfera, in una cornice dal design accattivante e dai servizi esclusivi. Le due suite, nate dagli spazi che un tempo ospitavano le stalle del casolare, sono angoli paradisiaci ideati per tutta la famiglia.

Il Ristorante della Tenuta dispone di una confortevole sala interna e di una bellissima terrazza con vista sul verde della campagna. La cucina dà ampio spazio alle tradizioni regionale e mediterranea che si arricchiscono di gusto grazie all’ olio extravergine d’oliva prodotto dalla Tenuta stessa e dalle erbe aromatiche che nascono nel suo orto.

Alloggiando alla Tenuta San Pietro è possibile partecipare a numerose attività come i divertenti corsi di cucina o le degustazioni di vini. È inoltre possibile, prenotando con un giorno d’anticipo, godere di piacevolissimi massaggi, tra cui quelli all’olio d’oliva ed al cioccolato.

Condé Nast Johansens
Pubblicata da 34 anni dagli editori di Vogue, GQ, Condé Nast Traveller e Glamour, Condé Nast Johansens è la principale guida cartacea e multimediale per viaggiatori indipendenti comprendente 551 hotel indipendenti, Spa, residenze d’epoca, location per eventi di grande bellezza in 61 paesi. Il numero dei lettori si attesta oggi a 5,5 milioni con una distribuzione di 28.500 guide in tutto il mondo. Solo ed esclusivamente le migliori strutture sono annoverate nelle tre Guide “Luxury Hotels & Spas UK, Europe & The Mediterranean”, “Luxury Hotels, Inns, Resorts, Spas & Villas The Americas, Caribbean & Pacific”, “Luxury Spas”. Il livello di attenzione è sempre altissimo fin dalla fase di selezione delle strutture e prosegue nel tempo grazie alle visite ispettive annuali di 30 esperti locali.

Il sito www.condenastjohansens.com – rapido e user friendly – è stato creato espressamente per cercare hotel, prenotare, acquistare guide e buoni regalo, senza dimenticare le sempre gradite offerte speciali promosse dagli alberghi affiliati divise per aree d’interesse (arte, luna di miele, eventi e molte altre). Il numero di accessi al sito internet registrato ogni anno significativi incrementi: attualmente 300.000 pagine visitate al mese, prevalentemente da UK, USA, Italia, Brasile, Spagna, Germania, Canada, Francia, Australia, Svizzera.

Per scaricare gratuitamente l’applicazione iPad delle guide 2016 basta visitare iTunes e cercare ‘Condé Nast Johansens’.
Condenastjohansens.com/app

Find us on Facebook Follow us on Twitte

VIAGGI PER GOURMET – Hawaii i migliori suggerimenti per i buongustai

COVER CASCATA 450 HAWAY 036

MANGIARE ALLE HAWAII: ECCO I MIGLIORI SUGGERIMENTI PER I BUONGUSTAI

Celebri per i paesaggi idilliaci e lo stile di vita rilassato, le Hawaii sono anche la mecca culinaria per buongustai curiosi di scoprire gusti nuovi.

Gli abitanti delle Hawaii amano la buona cucina e le isole vantano una grande varietà di ristoranti, esperienze culinarie e prodotti.

PER PRIMA COSA, ALCUNI CONSIGLI SUL GERGO FOOD:

Plate Lunch: è composto da due palline di riso, insalata di maccheroni, e ogni tipo di carne come il maiale di Kalua, il pollo katsu, il manzo in salsa teriyaki, o il pesce mahimahi, il plate lunch è un assaggio di cibo locale.

Pupu: “Pupu” è il termine hawaiano per indicare l’aperitivo, e tutti i ristoranti locali alle Hawaii offrono un’ampia scelta di sfiziosi “pupu” con cui poter anche cenare, dai poke (insalate di pesce) al sushi.

Loco Moco: per quando si è affamati, si può provare un “loco moco”: un hamburger ricoperto da uovo fritto, riso bianco e salsa gravy. È possibile gustare un “loco moco” in tutte le isole, ma si dice che il nome sia nato al Café 100 ad Hilo sulla Big Island.

Shave Ice: non importa su quale isola si è, alle Hawaii bisogna prendere una granita per rinfrescarsi. Tanti gusti tra cui scegliere con la possibilità di aggiungere una cucchiaiata di gelato o addirittura fagioli azuki sul fondo.

Malasadas: una Malasada calda (una ciambella portoghese) è davvero una golosa tentazione. Anche se il più famoso è Leonard’s Bakery di Kapahulu su O’ahu, ogni abitante del posto può suggerire il panificio preferito su ogni isola per gustare questa leccornia.

E IN SECONDO LUOGO…UNA SELEZIONE DI METE DA NON PERDERE:

Koko Head Café (O‘ahu) Nel cuore del distretto di Kaimukī ad Honolulu, questo è un piccolo ritrovo hawaiano guidato dallo chef Lee Ann Wong.

I fan dei brunch rimarranno sorpresi dalle proposte fusion asiatico-hawaiano che aggiungono un tocco speciale in più ai piatti classici del brunch. Piatto preferito: pancake in stile hawaiano. ($12) www.kokoheadcafe.com

Moon & Turtle (Hawai‘i Island) Situato nel centro di Hilo, il menù di questo ristorante varia ogni giorno per riflettere la stagionalità degli ingredienti locali e offrire ai clienti un’esperienza unica di cucina hawaiana diversa ad ogni visita. È questo uno dei posti favoriti dagli abitanti del luogo ed è facile capire perché www.facebook.com/moonandturtle

Mama’s Fish House (Maui) Mama Fish House si trova sulla parte anteriore della riva del Pa’ia, sulla strada per Hana.

Considerato come uno dei migliori ristoranti gourmet degli Stati Uniti, il Mama Fish House acquista ogni giorno il pesce direttamente dai pescatori locali, per garantire la massima freschezza di ogni piatto. Un antipasto da non perdere è il tradizionale mahimahi alla griglia con cinghiale di Big Island cotto lentamente in una foglia ti, polpo luau, ahi Poke e patate dolci. ($52) www.mamasfishhouse.com

Side Street Inn on Da Strip (O‘ahu) Dal nome sembra una strada di un film di danza anni ‘90, ma Side Street Inn on Da Strip propone autentico cibo tradizionale hawaiano.

Restando su Kapahulu Ave, a Waikiki, Side Street Inn offre a buon prezzo ottime pietanze fritte. Piatto preferito: tutto (piatti da $ 11) www.sidestreetinn.com/locations/side-street-inn-on-da-strip

Merriman’s Restaurant (Hawai‘i Island) fiore all’occhiello dello chef Peter Merriman da oltre 20 anni è uno dei ristoranti preferiti dagli hawaiani, lo stimato chef è stato uno dei primi a far affermare la cucina regionale Hawaiana.

Molto simile a Moon & Turtle e Mama’s Fish House, Merriman utilizza ingredienti tutti provenienti da agricoltori locali, allevatori e pescatori, cercando di offrire solo prodotti freschi e della zona. L’agnello Kahua Ranch è decisamente il piatto più buono ($40+) www.merrimanshawaii.com/waimea

Fleetwood’s (Maui) Di proprietà di Mick Fleetwood, della leggendaria band inglese Fleetwood Mac, è il luogo ideale per prendere un paio di cocktail originali e accompagnati da un succulento manzo alla wellington ($ 65), e forse anche incontrare Mick Fleetwood stesso. Mick frequenta il ristorante e in queste occasioni suona per i commensali i brani con la sua blues band. www.fleetwoodsonfrontst.com

Kauai Grill (Kaua‘i) È questo un elegante rifugio con una vista spettacolare di Hanalei Bay e Bali Hai, e caratterizzato da un’atmosfera stravagante perfettamente in linea con il menù del ristorante, creato dal talentuoso Noelani Planas, Chef de Cuisine. Kauai Grill è un ristorante delizioso con piatti squisiti.

Da provare il pollo abbrustolito con noce di cocco, caramello, ananas speziato e lime ($45) www.kauaigrill.com

Alan Wong’s Honolulu (O‘ahu) Situato al 3° piano di un edificio per uffici, potrebbe non sembrare l’ambiente ideale per trascorrere una serata gustando cibo tipico hawaiano, ma il ristorante è celebre per la sperimentazione di nuovi sapori che lascia i clienti con l’acquolina in bocca di fronte a queste creazioni innovative. Alan Wong’s Honolulu è il luogo giusto per chi vuole sperimentare piatti locali unici, e un ambiente alternativo. www.alanwongs.com

Pueo’s Osteria (Hawai‘i Island) L’osteria dello Chef Jim Babian combina gli ingredienti più freschi provenienti da agricoltori e pescatori locali con sapori italiani. Questo ristorante offre un elegante alternativa ai gusti locali, presentando ai visitatori un po’ di fascino mediterraneo. (Piatti a partire da $ 13) www.pueososteria.com

The Dolphin (Kaua‘i) Luogo preferito da locali e turisti, The Dolphin è rinomato per il pesce fresco e l’ineguagliabile Sushi Lounge. Situato sulle idilliache rive del fiume Hanalei, The Dolphin è perfetto per rilassarsi e godersi il magnifico paesaggio gustando aragoste appena pescate e gamberetti, o un filet mignon finemente tagliato, per gli amanti della carne. www.hanaleidolphin.com/index.htm
Per maggiori informazioni sulle Hawaii, visita www.gohawaii.com/uk

VIAGGI – NOVITA’ L’IRAN E’ LA NUOVA META

IRAN TOMBA RE DAVIDE 7A

TOMBA DI RE DAVIDE.

IRAN 450 S23

IRAN 1A

IRAN 4AV

iran5ab

IRAN3ABC

IRAN 8A

IRAN3A

IRAN 6A

IRAN 6 A

IRAN 450 O10

L’IRAN E’ UN PAESE RICCHISSIMO DI STORIA

Miti, leggende, saggezza e filosofia, poesia, musica, letteratura popolare, artigianato, architettura e arti decorative sono i tesori di questa terra favolosa.

La ricchezza e la varietà di attrazioni turistiche iraniane hanno comportato il paese di considerare il turismo come una delle priorità nello sviluppo economico.

L’Iran è un paese vasto 1.648 milioni di km quadrati e si trova nel sud-ovest dell’Asia. Confina con: Afghanistan, Armenia, Azerbaigian, Azerbaijan, Iraq, Pakistan, Turchia, Turkmenistan e, al sud, con il Golfo di Oman e il Golfo Persico.

Quella iraniana è riconosciuta come una delle più antiche civiltà asiatiche ed è molto considerato per la sua ricca archeologia.

L’abilità di tessitura di tappeti, il know-how della tradizione, anche la raffinata cucina; sono solo una parte delle immense conoscenze che questo Paese trasmette al mondo moderno.

Numerosissimi sono i musei, i palazzi-museo, collezioni private, i giardini della tradizione si trovano nella maggior parte delle città grandi e vecchie dell’Iran.

Le attrazioni naturali in Iran sono altrettanto numerose dei reperti storico- archeologici.

A causa della diversità di clima e situazione geografica, durante l’inverno in alcune città il tempo è quello del periodo estivo, mentre diverse città in estete godono di un clima mite; come in primavera.

SOUVENIR iraniani: tappeti, argenterie, intarsiato e sculture in legno a Isfahan; Qashqai tappeti e tessiture e tappeti di Shiraz; , Kilim e vari tipi di frutta secca a Tabriz; tappeti e pistacchi a Kerman; Zafferano in Mashad e qualsiasi tipo di souvenir è disponibile nella grande Tehran.

L’ artigianato iraniani è manifestazione della sua: arte, cultura e civiltà antica che colpisce ogni visitatore per il suo design elegante.

L’artigianato iraniano è ben noto da secoli per i suoi tappeti e Kilim. Il tappeto persiano con il suo design e colore permanente è apprezzato in tutto il mondo.

Più di 229 manufatti sono stati riconosciuti in Iran, tra cui tappeto persiano-tessitura della provincia di Fars e modelli di tappeti di Kashan, sono stati iscritti nella lista UNESCO. Altri notevoli tipi di artigianato iraniani sono: smalto vetroso, tessitura del velluto, e ceramica.

Oltre 400 diversi tipi di cibo e dolci caratterizzano la raffinata cucina iraniana. Iran. Gli ingredienti sono generalmente cereali, cereali, ortaggi e proteine. L’esistenza di varie tribù ha reso la cucina iraniana molto diversificata.

Alimenti più popolari e famosi in Iran sono: Aab-Gousht, Ghormesabzi e molti tipi di kebab. Dolci coperti con le noci, i pistacchi e altre delizie.

Gli iraniani sono molto ospitali. Le etichette e comportamenti verso i viaggiatori sono radicati nella loro cultura e rendono il viaggio memorabile e incoraggiano il turista a ripetere le sue esperienze.

8.000 SPECIE DI PIANTE, 520 ANIMALI COMRESO IL LEOPARDO ASITICO

Il Paese comprende: più di 8000 specie di piante, 520 di uccelli mammiferi specie, 174 specie di pesci, 433 specie di farfalle e circa 25000 specie di insetti.

Più di 500 sorgenti si trovano in aree assolutamente ancora vergini, decine di cascate, fiumi selvaggi con scenari accattivanti, laghi naturali, boschi sempre verdi; ma anche montagne imponenti; dove si può anche sciare.

Damavand Mount; la foresta umida nel nord del paese, il deserto nel centro, Lout Deserto, il Parco Nazionale di Golestan, Miankaleh Stagno, Touran è una Riserva della Biosfera.

Inoltre: specie rare di fauna selvatica, come il leopardo asiatico.

L’Iran è sempre stato uno dei paesi più attivi nello sport in genere; in particolare tiro con l’arco ed equitazione.

Pahlevani e rituali zoorkhaneh significano “sport eroico”; una sorta di sport antico iraniano e il luogo dedicato ad esso è chiamato the Zurkhaneh letteralmente la “casa di forza”. Questo tipo di sport, simbolo di eroismo, è ancora comune in Iran e iscritto sulla lista del patrimonio culturale immateriale.

Praticati anche: il wrestling, calcio, pallavolo, pallamano, tennis e la maggior parte delle città sono dotate di strutture e servizi necessari.

E’ notevole sviluppato anche lo sci sulla neve, sull’acqua o sull’erba.

Gli sport avventurosi possono essere considerati delle vere attrazioni sportive, assai comuni.

L’Iran è abbastanza moderno da essere riconosciuto come destinazione un il turismo della salute.; alta qualità e prezzo competitivi.

L’esistenza di diverse sorgenti minerali ha aperto all’Ian, la strada per sviluppare centri di idroterapia.

I centri Spa a Sar’eyn a Ardebil e Larijan in Mazandaran sono i più famosi.

Inoltre: fangoterapia in Uramieh, terapia con la sabbia e quella del sale nei deserti sono altri rimedi naturali utilizzati nel paese.

L’Iran è anche famoso per la sua medicina tradizionale. centri ricreativi, sono situati in zone come Alborz e Zagros in montagna; con servizio sanitario.

Nel settore del turismo medico Iran gode di notevoli potenzialità per lo studio delle cellule staminali, lesioni del midollo infertilità, rene e trapianto di fegato, oculistica e di radiologia, oltre a costi facilmente accessibili, insieme all’efficienza negli ambulatori specialistici, dimostrano una precisa competenza dell’Iran per poter sviluppare un turismo della salute.

Il turismo sanitario in grado di offrire una buona occasione per coloro che sono alla ricerca di speciali terapie e il relax; numerosi sono anche i centri benessere ben attrezzati.

COSA VISITARE ?

TeppeSialk a Kashan, TeppeHesar in Damghan, TorangTeppe in Gorgan, TeppeHasanlou in Azarbaijan, TeppeMarlik in Roudbar sono siti del Patrimonio Mondiale iscritti nella World Heritage List dell’UNESCO e testimoniano l’antichità della storia dell’Iran.

Nella Lista del Patrimonio Mondiale troviamo i seguenti monumenti: Armenian Monastic Ensembles dell’Iran, Bam e il suo paesaggio culturale, Bisotun, Palazzo Golestan, Gonbad-e Qabus, Masjed-e Jame di Isfahan, MeidanEmam, Esfahan, Pasargadae, Persepolis, Shahr-iSokhta , Santuario e tomba dello sceicco Safī al-Dīn in Ardabil, Shushtar storico sistema idraulico, Soltaniyeh, Tabriz storico Bazaar Complex, Takht-e Soleyman, TchoghaZanbil, The Persian Garden.

Il numero di musei in Iran supera il numero di 430; i più notevoli sono i seguenti:

-Museo di Tabriz, Maragheh, Urumieh, KhoyMiandoab in Azerbaigian; Chehel-Sotoun e Kashan nella provincia di Isfahan, Kermanshah; a Teheran Reza Abbasi, Moquette, arte contemporanea, Museo del Cinema, Museo dei Gioielli nazionali, Museo Nazionale d’Arte e Museo Nazionale dell’Iran, ecc

L’antica Persia è l’origine della religione “zoroastriana”.

Oggi la religione ufficiale dell’Iran è l’Islam e la maggioranza è sciita; ma non mancano anche altre religioni come: Ebraismo, Cristianesimo e zoroastrismo; tutti ufficialmente riconosciuti con i diritti civili, politici ed economici uguali.

Uno degli scopi principali del viaggio in Iran è di pellegrinaggio.
Le principali mete di pellegrinaggio in Iran sono: Santuario Santa Complesso inMashad, Fatima Masumeh Santo Santuario di Qom, Shah Ceragh Santo Santuario, Tomba di Danielthe Profeta a Susa. Ta’ziehrituals e Qalishuyan in Ardehal Rituali iscritta sulla lista del patrimonio culturale.

WEEKEND 7 – 17 APRILE A LISBONA – PESCE ED I MIGLIORI CHEF – Festival gastronomico del pesce

Portogallo lisbona we

Portogallo lisbona q

Lisbona Parque das Nacoes

Portogallo Lisbona Jerónimus Lis0630_o

LISBONA CITTÀ D’ACQUA
Dal 7 al 17 aprile al “Lisbon Fish and Flavours” i migliori Chef e ristoranti
celebrano il pesce e l’identità culinaria portoghese

Lisbon Fish & Flavours in Praça do Comércio

Impossibile immaginare Lisbona senza pensare subito all’acqua, presenza costante storicamente, visivamente e…gastronomicamente.

Lisbona è una città aperta e luminosa, sviluppatasi sull’estuario del fiume Tago a due passi dall’Atlantico, vivendo di commerci, navigazione, turismo e pesca.

Ogni anno la capitale portoghese celebra i prodotti del mare con riconoscenza e gioia, dando vita ad un Festival tanto gustoso quanto importante per conoscere la cultura gastronomica del paese: il “Lisbon Fish & Flavours”, dal 7 al 17 aprile 2016, che richiama sempre migliaia di visitatori internazionali.

È l’occasione ideale per avvicinarsi all’identità portoghese attraverso la sua cucina tipica; e per visitare al meglio Lisbona, la si può guardare dall’acqua e scegliere tra uno dei cinque alberghi Heritage situati nelle location migliori della città.

Lisbon Fish & Flavours – 7/17 aprile 2016

Grazie alla sua posizione geografica, il Portogallo ha una grande varietà di prodotti dal mare, di grande qualità.

Da nove anni Lisbon Fish & Flavours è un appuntamento imperdibile della primavera lisboeta: è una kermesse dedicata a pesce e frutti di mare, interpretati con piatti tradizionali e creativi dai migliori chef portoghesi e internazionali.

Undici giorni di degustazioni, corsi di cucina per apprendere i migliori abbinamenti, show-cooking, eventi, musica dal vivo, un mercato ben rifornito per gli acquisti e ben 10 ristoranti di pesce diversi fra cui scegliere.

Anche la location è altamente rappresentrativa dell’identità della città:

si svolge nel Pàtio da Galé – Terreiro do Paço, un edificio storico che si trova in Praca do Comercio, grande e scenografica piazza affacciata sul fiume Tago.

È aperto tutti i giorni da mezzogiorno a mezzanotte.
www.peixemlisboa.com

Non solo baccalà: il mare a 360 gradi

I lisboeti hanno un vero culto per il baccalà (bacalhau), ritenuto uno dei simboli del paese: la tradizione popolare dice che ci sono 366 modi diversi di cucinarlo, uno per ogni giorno dell’anno. Viene preparato à braz (alla brace), al forno, com natas (con patate e besciamella), con cipolle, con uova e prezzemolo, oppure se ne fanno tortine da servire anche fredde (pasteis de bacalhau). Si trova nelle tascas, trattorie dove si gustano piatti tipici e si assiste a spettacoli di fado.

Nelle marischerie si possono assaggiare i fantastici crostacei e frutti di mare pescati nell’Atlantico, ma in generale tutto il pesce è squisito a Lisbona, fra cui il polpo o le tipiche sardine asade, cioè alla griglia.

I crostacei, il polpo e il pesce si mangiano come secondo, con il riso oppure in succulente zuppe per le quali il Portogallo è famoso, fra le quali la più tradizionale è la Caldeirada (zuppa di pesce con patate).

CONOSCERE LISBONA GUARDANDOLA DALL’ACQUA

Sono tanti i punti di vista da cui guardare al capitale portoghese.

Dall’alto dei numerosi miradouros(le tante terrazze panoramiche), o dal castello che offre un panorama sulla città e sul fiume.

Ma anche dall’interno, cioè dai tram che la attraversano sfrecciando su e giù per le ripide stradine del centro storico, oppure nei vecchi palazzi ricoperti di azulejos (tipiche maioliche bianche e azzurre).

Un altro punto di vista da cui osservare Lisbona è dall’acqua: la città si adagia in un’ansa del fiume Tejo,

Tago in italiano, il più esteso fiume della penisola iberica, chedopo pochi chilometri sfocia imponente nell’Oceano Atlantico.L’ampio corso d’acqua è parte integrante della vita di Lisbona: si possono fare piacevoli crociere e lunghissime passeggiate, fermandosi in più locali all’aperto con tavolini e divanetti vista fiume.

PER DORMIRE, SE VOLETE QUALCOSA DI SPECIALE da 99 euro in su.

Heritage Hotels
Heritage propone cinque deliziosi boutique hotel nelle migliori location della capitale. Le strutture si trovano in piccoli palazzi o dimore storiche e assicurano un’atmosfera speciale, familiare ed allo stesso tempo ricca di charme, dove il rispetto della tradizione e il comfort offerto della modernità procedono di pari passo e garantiscono alla clientela un caloroso benvenuto. Con un soggiorno minimo di due notti gli Heritage offrono il biglietto per la funicolare a loro più vicina.

AS JANELAS VERDES – L’hotel As Janelas Verdes (ossia “finestre verdi”) è ubicato accanto al National Art Museum, in un piccolo palazzo di fine Ottocento, ed offre un’atmosfera romantica e accogliente. Qui trovò ispirazione anche Eça de Queirós, uno dei più famosi romanzieri portoghesi; la memoria della sua presenza rivive nei tanti oggetti d’arte sparsi per le stanze, nei libri, nei dipinti e negli oggetti che riportano con la fantasia ad altre epoche. Tutte le camere sono soleggiate e vivaci, il Tago è a un passo, in primavera la giornata inizia con un meraviglioso breakfast servito nel giardino, mentre vi godete la tranquillità della Lisbona di un tempo. Prezzi per la camera doppia a partire da 118,00 euro inclusa la prima colazione.

HOTEL BRITANIA – Situato in un palazzo progettato negli anni Quaranta del secolo scorso dal famoso architetto portoghese Cassiano Branco, è un hotel per molti versi unico che assomiglia molto a un club esclusivo. E’ stato restaurato valorizzando il suo stile originale Art Deco, così da affiancare all’ambiente che richiama la squisita atmosfera originale d’epoca, le comodità e il comfort richiesti oggi a un hotel d’alto livello. Le camere sono spaziose e dai colori caldi, arredate con splendidi mobili classici; i bagni, originali, sono in marmo, restaurati fin nel minimo dettaglio.
Prezzi per la camera doppia a partire da 125,00 euro compresa la prima colazione.

HOTEL LISBOA PLAZA – A due passi da Avenida da Liberdade, è un “classico” tra i migliori hotel della capitale portoghese. Aperto all’inizio degli anni Cinquanta, è stato concepito dal suo progettista come “un luogo nel quale il concetto di modernità si concretizza in soluzioni pratiche che favoriscono il pieno benessere”. Il costante miglioramento del servizio e l’attenzione al cliente fanno di questo affascinante hotel uno dei più particolari di Lisbona, vera oasi di charme e tranquillità.
Prezzi per la camera doppia a partire da 99,00 euro compresa la prima colazione.
SOLAR DO CASTELO – Durante la seconda metà del XVIII secolo venne costruita una bella casa signorile all’interno delle mura del castello di San Giorgio, sul terreno dove un tempo sorgevano le ex cucine del Palazzo Alcacova. Ecco perché è ancora conosciuto con il nome di Palacete das Cozinhas (“Palazzo della Cucina”). La struttura unisce elementi dello stile razionalista di Pombal (i sobri infissi delle finestre e dell’entrata principale) con altri che esprimono maggiore libertà. Il palazzo, classificato come edificio storico, è stato trasformato in hotel e riportato agli antichi splendori grazie a un design contemporaneo di alta qualità.
Prezzi per la camera doppia da a partire da 149,00 euro compresa la prima colazione.

HERITAGE AV LIBERTADE – L’ultimo nato della catena Hoteis Heritage Lisboa si trova sul corso principale, Avenida da Liberdade. Il suo design porta la firma di Miguel Câncio Martins, architetto portoghese celebre per il proprio lavoro in locali mitici come il Buddha Bar o il Thiou a Parigi, lo Strictly Hush a Londra e il Man Ray a New York. L’aspetto esterno del palazzo è stato lasciato inalterato, mentre gli interni si ispirano alle residenze urbane della borghesia portoghese. Le camere sono in pieno equilibrio tra tradizione e modernità e presentano uno stile personalizzato. Nella lobby Câncio Martins ha creato un’atmosfera che richiama la “way of life” portoghese, di nuovo in bilico tra passato e futuro. Obiettivo: ideare uno stile che affondi le proprie radici nell’identità lusitana e lisboeta.
Prezzi per la camera doppia a partire da 136,00 euro compresa la prima colazione.

Hotel As Janelas Verdes – Rua Janelas Verdes 27, Lisbona, tel. +351/21/3968143
Heritage Av. Liberdade – Avenida da Liberdade 28, Lisbona, tel. +351/21
Hotel Britania – Rua Rodrigues Sampaio17, Lisbona, tel. +351/21/3155016
Hotel Lisboa Plaza – Tv. Salitre/Av. Liberdade, Lisbona, tel. +351/21/3218218
Hotel Solar do Castelo – Rua das Cozinhas 2 (ao Castelo), Lisbona, tel. +351/21/8806050

VIRUS ZIKA – Cosa dice l’Ufficio del Turismo Brasiliano

VIRUS ZIKA: SECONDO COMUNICATO STAMPA UFFICIALE

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e l’Organizzazione Mondiale del Turismo (WTO) non raccomandano restrizioni di viaggio per le zone colpite da Zika, tranne una particolare attenzione per le donne incinte.

Consigli per tutte le zone del mondo dove ci sono zanzare che possono infettare:

adottare misure di base per rafforzare la protezione contro le zanzare, utilizzando repellenti, tenendo porte e finestre chiuse o schermate, indossando pantaloni e camicie a maniche lunghe.

Le Olimpiadi si terranno durante l’inverno brasiliano, periodo di scarse precipitazioni e quindi con una minore incidenza dei vettori della malattia.

I turisti provenienti da tutto il mondo che hanno intenzione di recarsi in Brasile possono confermare i loro viaggi.

Il Paese è seriamente impegnato nell’affrontare la zanzara Aedes aegypti, agente trasmettitore del virus Zika, e sta coordinando gli sforzi internazionali per condurre studi scientifici.

Il settore del turismo brasiliano intensifica le azioni del Governo Federale con un focus sulle attrazioni turistiche, attraverso la formazione di agenti e l’organizzazione di ispezioni.

Embratur – Ufficio Brasiliano del Turismo ha monitorato in modo sistematico, attraverso i suoi 13 Uffici all’estero, i casi di cancellazione o di rinvio di viaggi in Brasile.

Fino a oggi, le cancellazioni si sono verificate soprattutto in relazione alle donne in gravidanza.

Il flusso di comunicazione con gli operatori, agenzie di viaggio e i partner internazionali è stato potenziato per poter meglio comprendere il comportamento dei consumatori in ogni mercato. Così, l’Istituto si propone di tranquillizzare i viaggiatori durante la loro permanenza in Brasile.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e l’Organizzazione Mondiale del Turismo (WTO) non raccomandano restrizioni di viaggio per le zone colpite da Zika, tranne una particolare attenzione per le donne incinte.

Indipendentemente dalla destinazione o dallo scopo del viaggio, i turisti dovrebbero adottare misure di base per rafforzare la protezione contro le zanzare, utilizzando repellenti, tenendo porte e finestre chiuse o schermate, indossando pantaloni e camicie a maniche lunghe. Se si osserva la comparsa dei sintomi della malattia, il Brasile offre un sistema pubblico sanitario universale e cure gratuite.

Embratur ribadisce inoltre che le i Giochi Olimpici e Paralimpici di Rio 2016, nei mesi di agosto e settembre, si svolgeranno con la massima attenzione per la salute di coloro che parteciperanno alla più grande festa dello sport del mondo.

Stiamo lavorando in modo che i Giochi si possano svolgere in sicurezza e tranquillità per atleti, staff e turisti.

Le misure adottate dal Comitato di Rio 2016, in combinazione con la mobilitazione nazionale, garantiscono l’efficace lotta contro Zika a Rio de Janeiro, che ospiterà il grande evento, così come nell’intero Paese.

Inoltre, le Olimpiadi si terranno durante l’inverno brasiliano, periodo di scarse precipitazioni e quindi con una minore incidenza dei vettori della malattia.