Archivi categoria: diabete

Salute diabete – SVOLTA EPOCALE PER IL DIABETE

Vera e propria “rivoluzione” nella gestione del monitoraggio della glicemia

Il sistema Eversense invia allarmi, avvisi e notifiche relativi ai valori del glucosio visibili in qualsiasi momento sull’app

Attraverso suoni e/o vibrazioni avvisa l’utilizzatore quando i livelli di glucosio raggiungono valori troppo elevati o troppo bassi

EVERSENSE: UNA SVOLTA EPOCALE PER IL DIABETE
Roche Diabetes Care annuncia il primo impianto di Eversense-Senseonics in Italia, la rivoluzione nel monitoraggio della glicemia

– Roche Diabetes Care annuncia l’arrivo in Italia di Eversense, il primo sensore per il monitoraggio continuo della glicemia (CGM) impiantabile, progettato per la misurazione dei valori di glucosio fino a 90 giorni senza necessità di sostituzione del sensore ogni settimana.

Il sistema di monitoraggio continuo del glucosio Eversense misura h24 i livelli di glucosio.

I dati sul glucosio acquisiti dal sistema vengono automaticamente inviati al dispositivo mobile.

Il sistema Eversense invia allarmi, avvisi e notifiche relativi ai valori del glucosio visibili in qualsiasi momento sull’app.

Gli algoritmi predittivi avvertono il paziente di probabili episodi di ipo o iperglicemia.

Il paziente può condividere questi dati con il proprio diabetologo in ogni momento attraverso il portale dedicato.

Il sistema Eversense viene inserito durante una seduta ambulatoriale di pochi minuti.

Il sensore viene impiantato a livello sottocutaneo sulla parte superiore del braccio. È sufficiente un’incisione millimetrica per l’inserzione del sensore.

La prima grande novità del sistema Eversense è la sua capacità di monitorare costantemente i livelli glicemici per un periodo di 90 giorni, rispetto ai 7 o 14 giorni dei sistemi CGM non impiantabili disponibili sul mercato fino a questo momento.

La seconda grande novità è che il sensore è sottocutaneo e non necessita di alcun ago che lo colleghi al trasmettitore ricaricabile, che è interamente rimovibile in modo semplice e senza rischi.

I dati e l’andamento glicemico sono poi visibili sull’app di Eversense. Il trasmettitore attraverso suoni e/o vibrazioni avvisa l’utilizzatore quando i livelli di glucosio raggiungono valori troppo elevati o troppo bassi.

Questo è un aspetto fondamentale soprattutto per coloro che soffrono di ipoglicemia inavvertita. Poiché essere avvisati in caso si determini il rischio di ipoglicemia contribuisce a evitare complicanze acute gravi e aiuta i familiari ad acquisire uno stato di maggiore serenità nella gestione quotidiana della malattia.

I pazienti impiantati con Eversense nella prima settimana di marzo sono in tutto 5.

Tre sono stati impiantati a Padova dal team della Dr.ssa Bruttomesso dell’Unità Operativa Complessa di Malattie del Metabolismo diretta dal professor Avogaro e due sono stati impiantati a Olbia presso il centro di Diabetologia dell’Ospedale San Giovanni di Dio di Olbia diretto dal Dr. Giancarlo Tonolo. L’impianto è indolore, infatti, i primi pazienti al termine della seduta hanno dichiarato di non aver avuto alcun dolore o problemi di altro tipo, sono consapevoli e felici di essere attori di un cambiamento importante.

L’impianto di per sé è molto semplice fatto in anestesia locale con un taglio microscopico, la procedura occupa solo qualche minuto – ha affermato il Dr. Giancarlo Tonolo. – Si tratta di un’evoluzione molto interessante, lo strumento è molto preciso, rispetto ai sistemi tradizionali ha il vantaggio che il sensore non rischia di staccarsi in quanto è impiantato sotto cute. A mio avviso l’evoluzione del sistema permetterà in un prossimo futuro di condurre una vita ancora migliore”.

Stiamo assistendo ad una vera e propria trasformazione nella gestione del diabete. Essere i primi in Italia a poter contribuire a questo cambiamento epocale ci riempie di orgoglio e di soddisfazione. Credo di esprimere il pensiero di tutte le persone che in Roche Diabetes Care Italy hanno lavorato con impegno e dedizione per la riuscita di questa vera e propria “rivoluzione” nella gestione del monitoraggio della glicemia dicendo che siamo certi di aver portato in Italia un enorme beneficio per le persone con diabete – ha affermato Massimo Balestri, General Manager di Roche Diabetes Care Italy. – Questa tecnologia garantisce un livello elevato di accuratezza delle rilevazioni, i primi riscontri da parte dei pazienti, recentemente impiantati, ci dicono che abbiamo imboccato la strada giusta”.

———————————————————————————————————————-

CGM
Il CGM, acronimo di “Continuous Glucose Monitoring” ovvero monitoraggio in continuo della glicemia, è considerato la maggiore innovazione nella gestione del diabete degli ultimi anni.

Può fornire alle persone affette da diabete e sottoposte a terapia insulinica preziose informazioni aggiuntive per un controllo glicemico ottimale, oltre a contribuire a ridurre il rischio di grave ipo/iperglicemia. I dispositivi CGM trasmettono letture frequenti dei livelli glicemici da un piccolo sensore inserito sotto la cute che misura la glicemia del fluido interstiziale. Il CGM ha il vantaggio di fornire utili informazioni in tempo reale su pattern e tendenze nei livelli di glucosio nel corso della giornata. I dispositivi CGM possono essere programmati per avvisare l’utente quando i livelli glicemici raggiungono valori troppo alti o troppo bassi.

Senseonics
Senseonics Holdings, Inc. è una società di tecnologia medica incentrata sulla progettazione, lo sviluppo e la commercializzazione di prodotti per il monitoraggio glicemico destinati ad aiutare le persone affette da diabete a vivere la propria vita in modo più facile e in sicurezza. La prima generazione del sistema per il monitoraggio in continuo della glicemia (CGM), Eversense®, comprende un piccolo sensore, un trasmettitore intelligente e un’app per dispositivi mobili. Basandosi sulla tecnologia di rilevazione della fluorescenza, il sensore è progettato per essere inserito sotto cute e comunicare con il trasmettitore intelligente per trasmettere in modalità wireless i livelli di glicemia a un dispositivo mobile. Dopo l’inserimento, il sensore è progettato per misurare in modo costante e accurato i livelli glicemici.

Per maggiori informazioni su Senseonics, visitare il sito web http://www.senseonics.com.


Roche
Roche è un gruppo internazionale pionieristico nella farmaceutica e nella diagnostica dedicato al progresso della scienza per migliorare la vita delle persone. L’unione degli elementi di forza della farmaceutica e della diagnostica all’interno della stessa organizzazione ha portato Roche a essere leader nella medicina personalizzata, una strategia che mira a fornire il trattamento più appropriato per lo specifico paziente nel miglior modo possibile.

Roche è la più grande azienda biotech al mondo con un portafoglio davvero diversificato di medicinali in oncologia, ematologia, immunologia e sistema nervoso centrale. Roche è anche leader mondiale nella diagnostica in vitro, nella diagnostica oncologica su tessuti ed è all’avanguardia nella gestione del diabete.

Fondata nel 1896, Roche continua a ricercare migliori soluzioni per prevenire, diagnosticare e trattare le malattie e dare un contributo sostenibile alla società. Roche punta a migliorare l’accesso alle innovazioni mediche da parte dei pazienti attraverso la collaborazione con tutti gli stakeholder rilevanti. Ventinove farmaci sviluppati da Roche compaiono negli elenchi dei medicinali essenziali dell’Organizzazione Mondiale della Sanità tra cui farmaci oncologici, antimalarici e antibiotici salvavita. Roche è riconosciuto Gruppo Leader per la sostenibilità nel settore Farmaceutici, Biotecnologie & Scienze della Vita secondo gli Indici di Sostenibilità Dow Jones (DJSI) da otto anni consecutivi.

Il Gruppo Roche ha sede centrale a Basilea, in Svizzera, ed è attivo in oltre 100 Paesi.
Nel 2016 il Gruppo Roche contava oltre 94.000 addetti nel mondo, ha investito 9,9 miliardi di franchi svizzeri in R&S e registrato un fatturato pari a 50,6 miliardi di franchi svizzeri. Genentech, negli Stati Uniti, è una società interamente controllata del Gruppo Roche. Roche è l’azionista di maggioranza di Chugai Pharmaceutical, Giappone. Ulteriori informazioni sul sito www.roche.com.

Roche Diabetes Care
Roche Diabetes Care, parte del Gruppo Roche, è pioniere nello sviluppo di sistemi di monitoraggio della glicemia e leader mondiale nell’offerta di sistemi e servizi per la gestione del diabete. Da oltre 40 anni, il brand Accu-Chek® è sinonimo di impegno volto a consentire alle persone con diabete di condurre una vita il più possibile normale e attiva, oltre che ad agevolare i professionisti del settore sanitario nella gestione ottimale dello stato di salute dei loro pazienti.

Oggi, il portafoglio Accu-Chek® propone alle persone con diabete e ai professionisti del settore sanitario prodotti innovativi e soluzioni di impatto per una gestione pratica, efficiente ed efficace del diabete, che spaziano dal monitoraggio della glicemia alla gestione dei dati, fino all’erogazione dell’insulina. Roche Diabetes Care sviluppa e fornisce misuratori della glicemia, sistemi di somministrazione dell’insulina, lancette pungidito, sistemi di gestione dati e programmi educativi, realizzati con l’obiettivo di contribuire a migliorare la cura del diabete.

Per ulteriori informazioni www.roche.it oppure www.accu-chek.it

Tutti i marchi commercializzati o citati in questo comunicato sono protetti a livello legale.

BAMBINI DIABETICI A SCUOLA – L’ESEMPIO DELLA REGIONE LIGURIA

Il bambino diabetico deve assumere il pasto al completo dopo l’ insulina; l’ insegnante deve controllare, ma prima deve sapere… Il bambino diabetico ha necessità di urinare, mangiare zucchero ecc..

La Liguria è la prima regione italiana che si occupa, anche nelle scuole,  di bambini con problemi di diabete.

Con questa umanamente splendida iniziativa, la regione Liguria, l’Ospedale Gaslini di Genova, i genitori dei bambini diabetici, gli insegnati e i medici che hanno vissuto questa esperienza,  si augurano che anche le altre regioni si organizzino in questo senso.

Circa 600 bambini sono in cura al Gaslini di Genova perché diabetici.

Il bambino diabetico deve fare 4 iniezioni al giorno.

E’ necessario anche il controllo della glicemia e cibo adeguato; vi sono alcune regole dalle quali non si può prescindere.

Formare gli insegnanti e il personale scolastico per facilitare la quotidianità scolastica del diabetico è l’unico modo per aiutare questi bambini ad affrontare al meglio la vita.

IL DIABETE È UNA CONDIZIONE NON UNA MALATTIA.

Gli insegnanti erano molto più preoccupati del necessario per la non conoscenza del problema; di primo acchito è stato difficile trovare insegnanti disposti ad assumere un incarico che, a loro, sembrava riservato ad uno specialista.

Oggi sono le scuole che chiamano per avere a disposizione le conoscenze sufficienti per affrontare il problema di allevi diabetici.

L’ informazione comporta un impegno gratuito di un buon numero di ore per informarsi e partecipare agli incontri.

Alcuni infermieri dell’ospedale Gaslini di Genova, hanno formato insegnanti e bambini per evitare problemi e continue telefonate ai genitori del bambino diabetico.

La misurazione della glicemia è vista come compito medico, l’informazione e la formazione, permettono di affrontare il problema nel migliore dei modi.

Possono rimanere alcune perplessità e timori, da parte del personale della scuola, di sbagliare in caso di somministrazione dei necessari componenti farmaceutici, per salvare la vita in caso di grave problema. Con gli adeguati corsi gli stessi insegnanti si sentono sicuri e comrendono l’importanza e il valore umano di questo compito.

Il dott. Minuto, pediatra Gaslini, si occupa di fare i corsi.

Al principio vi erano degli scontri con insegnanti che si rifiutavano di leggere valori medici e si rivolgevano ai sindacati dicendo che non era loro compito. Ma poi tutto è stato superato con la conoscenza chiara del problema.

Bambini diabetici anche al nido.

Una mamma se non può mandare bimbo al nido, può perdere il lavoro.

La somministrazione di insulina al bambino piccolo deve essere fatta da infermiere.

Ma l’ insegnante deve sapere cosa fare per evitare l’emergenza.

ADG Associazione Diabete Giovanile di Genova

Nata nel 1978 da un gruppo di genitori di bimbi diabetici, offre supporto anche psicologico alle famiglie interessate.

Oltre ad agevolare, socializzare e divulgare, organizza campi scuola e attività mirate all’ apprendimento e autocontrollo del bimbo e ragazzo diabetico.

——–

 

 

SALUTE CHE FUNZIONA – Non più attese per visite mediche e … costa meno del tiket – Santagostino Poliambulatorio Specialistico

Basta code e attese di mesi per avere un esame o una visita medica ... funziona benissimo e … costa meno di un tiket E’ POSSIBILE ?

— SI

Il Centro Medico Santagostino è una realtà sanitaria innovativa, che offre salute accessibile e di qualità in oltre 40 specialità.

SENZA FONDI PUBBLICI: si tratta solo di una gestione dove tutti guadagnano e accettano delle regole economiche moralmente ragionevoli (anche per il cliente).

Un’offerta di qualità in cui il prezzo è un ulteriore elemento di valore. Qualche esempio? Visite specialistiche a 60 euro!

NIENTE ATTESE COSTA MENO DEL TIKET; qui è possibile accorpare diversi esami e/o visite specialistiche, per risolvere tutto  in una sola volta.

NE HA PARLATO ANCHE IL PROGRAMMA REPORT della brava giornalista Milena Gabbianelli.

Merita più di un’occhiata il sito  dei Centri Polispecialistici Santagostino a Milano, Sesto San Giovanni, Bologna …  http://www.cmsantagostino.it

NUMEROSI SEDI A MILANO (anche Sesto san Giovanni) E BOLOGNA.

Esempio di una sede di  Milano:

Piazza Sant’Agostino, 1,
Telefono:02 8970 1702
Orari: Oggi aperto · 08–21

CENTRO PRENOTAZIONI

Telefoni:

02 89 701 701

02 89 701 702

Dal lunedì al venerdì
dalle 8.00 alle 20.00.
Sabato dalle 8.30 alle 15.30.

PRENOTA VIA SMS

366 5860316

PRENOTA VIA WHATSAPP

344 1003172

PRENOTA VIA EMAIL

prenotazioni@cmsantagostino.it

INFORMATI VIA EMAIL

informazioni@cmsantagostino.it

MANGIARE TROPPO FA MALE ! MEGLIO MENU’ PIU’ LEGGERI RICCHI DI VERDURE ATTENZIONE ALLE PROSSIME FESTIVITA’

Molti di noi mangiano anche per placare i momenti più infelici e la noia delle lunghe ore a tavola per le festività di Natale e fine anno, sono un  pericolo.

Inventiamoci dei trucchi per “sopravvivere alle feste”:

-appena arrivati, prima di sedervi, se potete, rubate un frutto dalla cucina e mangiatelo,  con la scusa che siete a dieta…  dovete dominare la fame

-ogni tanto alzatevi da tavola con una scusa e fate un giro; almeno per la casa

-cercate di sedervi vicino ad una persona con una conversazione brillante, aiuterà a non concentrarsi sul cibo

-mangiate qualcosa prima di andare al pranzo o cena; una mela grattugiata… preparate della frutta cotta, senza zuccheri aggiunti (al limite un poco di dolcificante; poco non fa male)

-inventate o approfittate di un alto tasso di colesterolo, problemi di peso… o dolori allo stomaco del giorno prima, per chiedere alla padrona di casa di mettervi nel piatto solo mezze porzioni e NON derogate nemmeno per i dolci !

-fatevi servire, se potete, un piatto di verdura al posto del primo…

-INIZIATE UNA CONVERSAZIONE SU QUALI SIANO I CIBI CHE FANNO BENE ALLA SALUTE… e cercate di mangiarne meno degli altri.

-la sera prima delle grandi, possibili abbuffate, prima di addormentarvi pensate che sarete più attenti del solito a quello che mangiate, mangerete porzioni piccole e abbonderete solo con i cibi che fanno meno male, come la frutta e la verdura

-gli italiani hanno sempre tanta fantasia … forza è il  momento di metterla in pratica !

PERCHE’ TENDIAMO A MANGIARE PIU’ DEL NECESSARIO ?

Basta accendere la televisione ed ecco che ci viene proposto qualcosa da mangiare; pubblicità di gelati, snack, corsi di cucina ecc…

Il risultato è che una parte della  popolazione mondiale ha problemi di obesità.

Comunque anche chi non arriva all’estremo dell’obesità, facilmente si ritrova a cinquant’anni con problemi di pressione alta, cardiaci, di fegato, colesterolo ecc…

— L’alimentazione è più determinante per la nostra salute,  di quanto la maggior parte di noi possa pensare.

Tutto comincia dalla dieta materna, quando il bimbo è ancora nel grembo.

Una mamma che abbia un’alimentazione sana, equilibrata e variata sarà già una buona garanzia per la salute futura del figlio.

L’uomo  ha vissuto sulla terra per la maggioranza dei suoi millenni di esistenza come raccoglitore cacciatore.

Il suo fisico è adatto a questo tipo di vita; ecco la spiegazione della necessità quotidiana di almeno una passeggiata di trenta minuti. Ma sarebbe meglio camminare più a lungo; peccato che i tempi della nostra società non lo permettano. Ed ecco la spiegazione dell’utilità della corsa: azione forte ed efficace in minor tempo rispetto al cammino.

L’uomo raccoglitore cacciatore aveva una dieta molto varia; a differenza del contadino, che è presente sulla terra da poco tempo; rispetto ai tempi della storia dell’umanità.

— BACCHE, FRUTTA, VERDURE, PESCE E, QUANDO SI RIUSCIVA A CATTURARLA, LA CARNE.

Ecco la dieta dell’uomo raccoglitore e cacciatore.

Oggi, con l’avanzare della vita sedentaria, abbiamo sempre più bisogno di

— un’alimentazione varia e leggera.

Invece di mangiare grandi quantitativo di carne, che sono nocivi anche per il pianeta che non riesce  più (e riuscirà sempre meno) a smaltirne gli svantaggi,

DOVREMMO:

CAPIRE, ANCHE SOLO PER IL PURO EGOISTICO MOTIVO DI PRESERVARE LA NOSTRA SALUTE, CHE E’ BENE SOSTITUIRE PARTE DELAL CARNE CON :

-SEMI: noci (5 al giorno aiutano a prevenire molte patologie), mandorle, pistacchi, pinoli…

-BACCHE: le bacche sono un concentrato di vitamina C e sali minerali; per esempio la marmellata di bacche di rosa, biancospino ecc…

-FRUTTA: un banana può sostituire una fettina di carne, ma è molto meno calorica di un piatto di pasta perché non contiene grassi.

In quanto alla digestione, scopriremo che se mangiamo meno, sarà più facile digerire cibi che prima ci arrecavano disturbi.

-RICORDATE CHE ANCHE LA CARNE CHE SEMBRA PIU’ MAGRA è RICCA DI FIBRE GRASSE ALL’INTERNO DEL MUSCOLO (che non vediamo).

-SONO PROPRIO I GRASSI ANIMALI, QUELLI CHE NON RIUSCIAMO A BRUCIARE A CAUSA DEGLI AMBIENTI RISCALDATI, DEGLI ASCENSORI CHE CI IMPEDISCONO DI FARE DEL SANO MOVIMENTO, DELLE AUTO, DEL LAVORO STATICO, DELLA TELEVISIONE, CINEMA E COMPUTER…

-E’ INVECE DA SFATARE IL MITO DELL’UOVO CHE AUMENTA IL COLESTEROLO

-FINALMENTE ANCHE I DIETOLOGI HANNO COMPRESO CHE DUE UOVA ALLA SETTIMANA NON DANNEGGIANO I NOSTRI LIVELLI DI COLESTEROLO (comunque l’organismo produce del colesterolo ogni giorno per il buon funzionamento dell’organismo e se non glielo diamo in forma si grassi saturi lo ricava da solo da zuccheri o proteine),

-COLESTEROLO CHE E’ AUMENTATO DAI GRASSI CONTENUTI NEI BISCOTTI, NELLE BRIOCHES, NEI GELATI (anche se li definiscono artigianali), NEI PIATTI PRONTI !!!  NEI FORMAGGI MOLLI E GRASSI.

-La carne può essere limitata da un’alimentazione più equilibrata dove coesistano

equilibrati consumi di cereali (pasta, pane, riso…), legumi (lenticchie, fagioli, ceci…), latticini, uova, carne bianca, pesce e…anche carne, ma senza esagerare.

Una fetta di pane con 1 cucchiaio di marmellata al mattino è un menù più sano della brioche del bar ricca di grassi della peggiore qualità e ci farà sentire meno affamati a mezzogiorno, ma attenzione a non abbuffarsi la sera.

La marmellata non è ingrassante se consumata al mattino; a meno che la nostra dieta sia tanto ricca di calorie da soddisfarne l’esigenza quotidiana solo con i due pasti principali.

Ma non è una sana abitudine per lo stomaco, che deve lavorare tanto e in poco tempo.

Il nostro stomaco preferisce vari spuntini, anche a metà mattina e pomeriggio; bastano un frutto, uno yogurt magro (se siete a dieta), una tazza di tè e un biscotto con pochi grassi o mandorle, noci ecc…

-EVITATE GLI YOGURT ALLA FRUTTA CHE SONO RICCHISSIMI DI ZUCCHERI, NE CONTENGONO COME UN PIATTO DI PASTA (che ha zuccheri complessi i quali vengono rilasciati lentamente, causando meno danni). Il fatto che si spaccino per magri non vuole dire nulla,

—  i grassi contenuti nello yogurt sono talmente pochi da non incidere molto sul quantitativo calorico giornaliero, ma l’abbondanza di zuccheri squilibrerà la nostra dieta !

La regola d’oro della salute sino a tarda età è 

— alzarsi da tavola con ancora un poco di fame.

Un uovo sbattuto, alla coque o al tegamino ha molte meno calorie (solo 100) di una bella porzione di gelato (da 350 calorie in su) che non è affatto un cibo naturale e sano come una certa pubblicità ci ha fatto credere.

Se non avete problemi di colesterolo, anche quattro uova alla settimana non possono fare male, ma devono essere almeno di allevamento all’aperto (le galline vivono meglio e le uova sono più buone e sane); costano pochi soldi in più che risparmierete abbondantemente con un minore consumo di carne rossa; che, ripetiamo, fa male a voi, al borsellino e al nostro pianeta.

Imparate a sostituire la carne rossa anche con quella bianca, che contiene meno grassi.

Ma soprattutto mangiate tante verdure, minestre, tanta frutta e buon pane, pasta e riso; meglio se integrali e biologici;

— il vostro corpo non avrà mai bisogno di andare in una costosa beauty farm o spendere soldi in medici e medicine !

E scusate se è poco.

Negli Stati Uniti organizzazioni molto credibili hanno calcolato come sia possibile migliorare la nostra salute e il rapporto con la natura che ci circonda, semplicemente cambiando, anche molto parzialmente, le nostre abitudini.

Questi sono i risultati.

Se gli americani (USA) rinunciassero alla carne per 6 giorni alla settimana sarebbe come risparmiare energia corrispondente a tutta l’energia elettrica utilizzata dagli Stati Uniti.

Non mangiare carne per due giorni sarebbe come sostituire tutti gli elettrodomestici degli USA con elettrodomestici a bassissimo consumo energetico.

Si possono risparmiare gas serra corrispondenti a 90 milioni di biglietti aerei Los Angeles-New York:

solo non mangiando carne per 1 solo giorno alla settimana.

Un  americano che rinunciasse alla carne per una volta alla settimana sarebbe come

togliere gli scarichi di 500 mila auto !

1 miliardo di uomini soffre di obesità, mentre un miliardo soffre la fame ! ! !

Abbiamo veramente bisogno di tanta carne? Il cancro al colon aumenta in proporzione al consumo di carne personale, inoltre i problemi al cuore sono dovuti anche all’eccesso di grassi animali nel sangue.

–NON dimentichiamo che anche la carne più magra contiene grassi saturi  a noi invisibili.

Ridurre i consumi attuali di carne alla metà porterebbe dei benefici alla salute di tutti, senza causare carenze alimentari.

La popolazione mondiale aumenta e ha superato i 7 miliardi; per assecondare le nuove richieste di carne dei paesi emergenti, come Cina e India, dovremo produrre enormi quantitativi di carne a scapito del  degrado della natura e dell’impoverimento delle popolazioni che non potranno permettersi la carne, ma subiranno le conseguenze delle devastazioni ambientali dovute alla produzione di mangimi, produzione di gas serra, inquinamento da escrementi.

Le foreste del sud America scompaiono per produrre mangime per la carne richiesta dal mondo benestante.

Il 18% del gas serra è prodotto dall’allevamento bovino.

-Le foreste vengono tagliate anche per fare spazio all’allevamento di bovini.

-I mangimi sono a base di fagioli di soia prodotti dopo la deforestazione di parte del Brasile.

Imporre tasse sulla produzione di gas serra purtroppo, si è dimostrato, non serve a risolvere il problema.

Una mucca produce tanto gas quanto un’auto che si sposti per  70.000 chilometri (due volte il giro della terra !).

La sola Olanda (500 milioni di animali macellati ogni anno), per portare l’esempio di un piccolissimo Paese,   produce quantitativi inimmaginabili di sterco di maiale; tutte sostanze che devono essere smaltite, altrimenti inquinano i fiumi, le acque potabili e i mari. Ovvero danneggeranno gravemente  i nostri nipoti.

Salute è nella flora intestinale – cosa è la flora intestinale ?

BASTEREBBE CONSUMARE ALMENO 20 ALIMENTI (SALUTARI) DIVERSI IN OGNI SETTIMANA, QUALCHE VOLTA SALTARE IL PASTO E IL NOSTRO ORGANISMO SARÀ PIÙ SANO.

Quanto più la nostra flora intestinale è varia e ricca, tanto più godiamo di buona salute e metabolizziamo (ovvero bruciamo) le calorie che ingeriamo con il cibo (ovvero rimaniamo in forma, senza ingrassare).

Dopo molti anni di ricerca sulle diete, Tim Spector, docente di epidemiologia al King’s College di Londra e con 500 studi scientifici pubblicati, è giunto alla conclusione di cui sopra.

E’ noto come  i francesi abbiano una dieta a base di vino, formaggi, salse e carni grasse; come anatra, oca  ecc.. , nonostante questo hanno meno malattie cardiache rispetto agli inglesi ed una vita media più alta di quattro anni rispetto agli americani.

PERCHÉ ?

Secondo il prof. Spector tutto si spiega con i microbi contenuti nei formaggi, nello yogurt e nel vino.

Più la produzione di questi cibi è artigianale più vario e alto è il numero dei batteri che nello stomaco e nell’intestino favoriscono una sana assimilazione del cibo.

Anche la dieta mediterranea è ricca di batteri; ma solo se i prodotti sono genuini; l’olio extra vergine deve esserlo veramente e non solo sull’ eltichetta ecc..  ( a questo proposito vedi al link: http://www.donnecultura.eu/?p=8439 ).

I polifenoli, contenuti nell’olio extravergine anche di arachidi (purché di sole arachidi si tratti veramente e non solo perchè scritto in etichetta !! ), ma anche nella frutta  e verdura, sono ricchi di batteri.

Per batteri intendiamo quelli buoni, quelli che aiutano a mantenerci in salute e non i batteri dannosi.

COSA UCCIDE I BATTERI BUONI ?

 Gli alimenti industriali , l’eccesso di zuccheri, le bibite come la Coca Cola, i thè preconfezionati pieni di zuccheri …  tutti i cibi pronti …

COSA AIUTA I BATTERI BUONI ?

Correre, camminare, muoversi, anche fare le pulizie di casa, le scale invece dell’ascensore… tutto il movimento fisico aiuta la produzione di batteri buoni che producono il butirrato, un acido grasso che aiuta a mantenere in forma il nostro sistema immunitario.

LA RICERCA DEL PROF. SPECTOR HA EVIDENZIATO UNA CONTINUA DIMINUZIONE DI VARIETA’ MICROBIOTICA (batteri), NEGLI ULTIMI DECENNI.

QUALI SONO GLI EFFETTI DELLA DIMINUZIONE DELLA VARIETA’ DI BATTERI PRESENTI NEL NOSTRO ORGANISMO ?

L’EPIDEMIA DI ALLERGIE CHE È IN ATTO è una delle tante evidenze di cosa vuol dire avere meno varietà di batteri a disposizione.

Malattie autoimmuni, diabete, obesità …

E PENSARE CHE BASTEREBBE CONSUMARE ALMENO 20 ALIMENTI (SALUTARI) DIVERSI IN OGNI SETTIMANA, QUALCHE VOLTA SALTARE IL PASTO E IL NOSTRO ORGANISMO SARÀ PIÙ SANO. 

TROMBOSI MALATTIE CARDIOVASCOLARI ; COME EVITARLE ?

L’articolo è scritto da un giornalista iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

—–

Con il caldo aumenta il rischio di trombosi : 400.000 DECESSI OGNI ANNO NEL MONDO.

Cosa fare ?

L’ASSOCIAZIONE PER LA LOTTA ALLA TROMBOSI E ALLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI (ALT),  ha elencato 10 consigli di base per dare un aiuto concreto.

Ecco come noi li abbiamo interpretati:

– 1° preferire cibi  come frutta e verdura (almeno 5 porzioni al giorno) e bere molta acqua. Evitare salse, patate, riso e mele, preferendo invece pere con buccia (ma se non sono bio è meglio toglierla), yogurt, semi di zucca (non salati), mandorle e pistacchi.

NON MANGIARE GELATI REGOLARMENTE ANCHE SE ARTIGIANALI CONTENGONO UN ENORME QUANTITATIVO DI ZUCCHERI E INGREDIENTI QUASI MAI NATURALI (anche se  si usa dire  il contrario), meglio grandi quantitativi di frutta !!!

– 2°   pasti leggeri e movimento; non  sport pesanti, affaticanti o stressanti, nelle  serate estive consigliate  le lunghe passeggiate lontano dal traffico. Pedalare lontano dal traffico e nelle ore più fresche.

Anche in casa si può fare “sport”:

semplici movimenti di ginnastica, tenere le gambe sollevate da terra, dormire con un cuscino sotto le gambe e usare quella   cyclette che tutti comprano e mai usano, meglio se lo si fa guardando la TV, per alleviare la noia.

– 3° in estate potete sfruttare le feste e l’incontro con parenti lontani per approfondire la storia di patologie pregresse e diffuse in famiglia.

– 4° andare in spiaggia nelle ore meno calde della giornata, con un cappello ( avrete anche meno rughe in viso) o la testa bagnata; lunghe nuotate (solo se siete allenati, altrimenti meglio brevi e frequenti nuotate) o passeggiate in acqua.

Chi resta in città:

tenere le persiane socchiuse,
– uscire SOLO la mattina presto o nel tardo pomeriggio, NON fare lavori faticosi nelle ore più calde e misurarsi la pressione, specie se si è sotto cura.

– 5° chi fa un uso abituale di farmaci che servono per fluidificare il sangue, DEVE mettere in valigia un foglio nel quale siano scritti i nomi e le dosi dei farmaci assunti abitualmente, la patologia di cui si soffre e i numeri da contattare in caso di bisogno.

– 6° chi invece dovesse avvertire sensazioni strane:
– giramenti di testa
-mancanza del respiro,

dovrebbe provare a tastarsi il polso e sentire il ritmo del cuore; deve essere regolare come quello di un tic tac; se le pause fra un battito e l’altro fossero disordinate, provate a respirare profondamente e lentamente, distendete bene il diaframma.

-Se dopo quanto sopra, non si trova giovamento, consultare SUBITO il medico.
NON andate a piedi dal medico o in ospedale nelle ore calde, prendete il taxi eventualmente provate a chiedere uno sconto; la vostra vita VALE PIU’ DELLA SPESA DI UN TAXI.

– 7° l’altitudine PUO’ provocare un rialzo della pressione in chi ne soffre e richiedere un aumento della dose del farmaco che si prende di solito, meglio fermarsi in farmacia e verificare l’opportunità di aumentare la dose abituale del farmaco antiipertensivo (MOLTO MEGLIO CHIEDERE AL PROPRIO MEDICO-SPECIALISTA PRIMA DI DECIDERE QUALUNQUE ESCURSIONE IN MONTAGNA).

La montagna fino a 1000 metri è salubre.

Oltre i 1.000 metri il respiro può diventare difficoltoso, potreste avere sensazioni di vertigini o senso di instabilità.

Meglio una vacanza prolungata ad alte quote (SOLO DOPO AVERNE PARLATO CON IL VOSTRO MEDICO O SPECIALISTA), MAI poche ore, l’organismo necessita di tempo per adattarsi alla diversa altitudine.

—-

– 8° immersioni subacquee; sport proibito per chi ha già avuto una Trombosi cerebrale, un’ischemia, un difetto delle valvole del cuore o un forame ovale pervio.

Meglio evitare di andare sott’acqua se

-si sono subiti interventi chirurgici al cuore
-si è in sovrappeso
-si deve affrontare un lungo volo nelle ore successive.

TERME: meglio in montagna dove l’aria è più fresca e permette di sopportare meglio l’acqua calda che non fa bene alla circolazione del sangue, in generale.

EVITATE DI FARE CURE TERMALI IN PIANURA NELLE STAGIONI CALDE (ora anche giugno o inizio settembre possono presentare periodi di grande calura)

Chi ha già avuto una trombosi può rilassarsi con linfodrenaggio, massaggi, bagni in acque solforose, impacchi di alghe e trattamenti con i Sali del Mar Morto che sgonfiano, guariscono le malattie della pelle.

LE PICCOLE STANZE DOVE SI FANNO I FANGHI POSSONO RAGGIUNGERE ALTE TEMPERATURE IN ESTATE, ATTENZIONE.

I FANGHI NON FANNO BENE ALLA CIRCOLAZIONE DELLE GAMBE, IN PARTICOLARE.

NON STATE A MOLLO IN ACQUA CALDA QUANDO FA CALDO FUORI, SOPRATTUTTO NON STATE FERMI; MUOVETEVI SEMPRE, FATE ANCHE SOLO DEI SEMPLICI MOVIMENTI, SE NON SAPETE NUOTARE.

—-

– 9° IMPORTANTISSIME le calze elastiche

-consigliabili in gravidanza perché aiutano il sangue a tornare rapidamente al cuore e riducono la probabilità che le vene profonde delle gambe perdano elasticità (soprattutto per donne che hanno problemi di circolazione di sovrappeso ecc.. )
sceglierle di cotone o di microfibra, e di prima classe di compressione.

—-

– 10° i sintomi della Trombosi sono vari:

-una gamba gonfia più dell’altra,

-un dolore forte a un polpaccio o sulla schiena,

-un cordone dolente lungo il decorso di una vena su una gamba o su un braccio,

-in alcuni casi la mancanza di respiro o un improvviso mal di testa, con la difficoltà di tenere aperti gli occhi e di mantenere l’equilibrio.

IN QUESTI CASI DOVETE RIVOLGERVI SUBITO AD UN MEDICO per eseguire un ecocolordoppler e un prelievo che indichi la probabilità di trombosi.

«La Trombosi – conclude la dott.ssa Vender – si può curare, prima di tutto con la testa. Per questo è importante sospettarla, diagnosticarla e poi intervenire, se necessario, per un periodo adeguato e con un farmaco adatto, assunto nella giusta dose. Ecco perché non bisogna sottovalutare alcun segnale. E dopo, saremo ancora più contenti e spensierati, pronti a goderci l’estate».

 Articolo scritto da G Seregni