Archivi categoria: fibrillazione atriale

LA RIGENERAZIONE DEL MUSCOLO CARDIACO INFARTUATO.

Intervista al Prof. Mauro Giacca, ricercatore presso l’International Center Genetic Engineering and Biotechnology (ICGEB), di  Trieste, autore di uno studio pubblicato su Nature (dicembre 2012) nel quale ipotizza la rigenerazione del muscolo cardiaco infartuato.

di Renata Palma

Da: IL GALILEO http://www.ilgalileo.eu/n25/infarto.html

salute Cuori iniettati con miRNA

Foto da Il Galileo. Effetto dei microRNA in grado di stimolare la replicazione dei cardiomiociti. A sinistra: cuore normale; a destra: cuore trattato con uno dei microRNA in grado di stimolare la proliferazione delle cellule cardiache. In verde: apparato contrattile della cellula; in blu: nuclei; in magenta: nuclei dei cardiomiociti durante il processo duplicazione del DNA. La parete del cuore trattato con il microRNA si mostra ispessita, quale risultato dell’aumentata proliferazione cellulare.

Print

Foto da:  Il Galileo.

L’ International Centre for Genetic Engineering and Biotechnology (ICGEB) di Trieste. Il Centro è situato presso il Parco Scientifico “AREA Science Park”

Alcuni organi del nostro corpo dimostrano l’incapacità di riparare il danno subito. Accade per il cervello, l’occhio (retina), l’orecchio (le cellule sensoriali di quello interno), il pancreas (le cellule beta) e il cuore.

Le malattie cardiovascolari, secondo l’Organizzazione mondiale della Sanità, sono la 

-prima causa di morte al mondo.

Ogni volta che questo organo perde cellule contrattili, solitamente

per l’occlusione improvvisa di un’arteria coronaria, che causa un infarto, oppure in maniera più cronica, quando le cellule cardiache muoiono per esempio a causa della pressione arteriosa troppo elevata, o come conseguenza di un’infezione virale, la capacità del cuore di riparare il danno è minima. Al posto dei cardiomiociti si forma un tessuto connettivo, fibroso, spesso una vera e propria cicatrice.

Farmaci biologici innovativi per il trattamento dell’infarto del miocardio o dello scompenso cardiaco. Gli obiettivi finali sono quelli di stimolare la formazione di nuovi vasi sanguigni, proteggere il cuore da ulteriori episodi di ischemia o stimolare la rigenerazione delle porzioni di cuore danneggiate.

Non essendo più in grado di funzionare in maniera efficiente,

il cuore si sfianca; il paziente lamenta di avere le gambe gonfie, prova affanno quando fa uno sforzo, respira male sdraiato, prova un senso progressivo di debolezza.

-È il quadro clinico dello scompenso cardiaco, una condizione che ogni anno è diagnosticata a più di 15 milioni di persone al mondo.  Ne soffre il 2-3 per cento della popolazione generale, il 10-20 per cento di chi ha più di 70 anni.

-La prognosi è molto severa: più della metà dei pazienti muore entro cinque anni dalla diagnosi, una condizione quindi molto più grave della maggior parte dei tumori.

Il quadro descritto è allarmante, soprattutto perché la medicina sembra avere poche armi per contrastare la degenerazione dei tessuti. 

I farmaci per pazienti con scompenso cardiaco sono stati sviluppati almeno vent’anni fa, e non agiscono sulla rigenerazione delle cellule cardiache. 

Non ci sono nemmeno farmaci in grado di stimolare la rigenerazione dei neuroni in pazienti con Alzheimer o Parkinson, o di cellule della retina o cellule beta del pancreas. Né sembra facile concepire che farmaci tradizionali possano essere sviluppati per queste condizioni, perché la rigenerazione dei tessuti è un processo complesso, difficilmente attivabile da una semplice molecola. 

Per questo molte speranze sono riposte nello sviluppo di farmaci biotecnologici, cioè basati su proteine, in particolare, fattori di crescita; su acidi nucleici, DNA, RNA o cellule come per esempio quelle con proprietà staminale, in grado di instaurare programmi biologici che ripristinino i tessuti danneggiati”. Chi parla è Mauro Giacca, ricercatore presso l’International Center Genetic Engineering and Biotechnology (ICGEB), con sede a Trieste.

Come siete arrivati a questa ricerca?

Analizzando i risultati raggiunti con l’uso di staminali embrionali nell’uomo, processo molto

Cardiomiociti che proliferano2.jpg

complicato e discusso, ci sembrava poco realistico pensare che un farmaco tradizionale, ovvero una molecola relativamente semplice, potesse innescare un processo complesso come la rigenerazione. 

-Ci siamo quindi posti la domanda: la nuova classe dei farmaci genetici, basata cioè su segmenti di DNA o RNA, potrebbe essere in grado di attivare programmi biologici complicati, come appunto quelli coinvolti nella formazione dei tessuti? E’ di qui che siamo partiti. In fondo, sono i geni che durante lo sviluppo embrionale dettano le regole della formazione degli organi; logico quindi pensare di usarli anche per stimolare la riparazione nei tessuti adulti. 

La possibilità dell’impiego degli acidi nucleici come veri e propri farmaci è stata resa possibile dall’enorme sviluppo della terapia genica, una rivoluzionaria modalità terapeutica concepita alla fine degli anni ottanta, inizialmente per la cura delle malattie ereditarie. Se possiamo pensare di curare le malattie causate da un difetto genetico inserendo all’interno delle cellule una copia normale del DNA che invece è mutato nei pazienti, come sembra ormai efficace in molte situazioni, perché non sfruttare le stesse tecnologie per iniettare anche altri tipi di acidi nucleici, in particolare RNA con funzione regolatoria, nel caso specifico in grado di rimettere in moto la replicazione dei cardiomiociti anche nel cuore adulto? 

Nel suo studio, pubblicato su «Nature» a dicembre 2012, che Le è valso anche un brevetto nazionale e presto un’estensione internazionale,  apre uno spiraglio ai tanti pazienti cardiopatici circa la possibilità di indurre la rigenerazione del cuore infartuato senza usare le cellule staminali. Ho capito bene?

La possibilità di indurre la rigenerazione del cuore stimolando la capacità delle cellule cardiache già differenziate a riprendere la proliferazione è basata su due considerazioni. 

Durante lo sviluppo embrionale e poi fino alla nascita, il cuore è un organo che assolve alla sua funzione di pompa e allo stesso tempo contiene più del 35 per cento dei cardiomiociti in fase di attiva replicazione. Questa proliferazione si interrompe alla nascita, per motivi quasi del tutto ignoti, e la successiva crescita del cuore avviene tramite l’ingrandimento del citoplasma delle cellule esistenti. Inoltre, nelle specie in cui la rigenerazione cardiaca avviene anche nell’adulto il processo non è sostenuto dalle staminali, ma dalla proliferazione di cardiomiociti adulti.  

-Il modesto ricambio di cardiomiociti, che si verifica normalmente in un cuore durante la vita adulta, non è alimentato dalle staminali, ma dai cardiomiociti adulti che possono proliferare, anche se in maniera insufficiente a riparare un infarto. Quando pensiamo alle potenzialità rigenerative delle cellule staminali, dovremmo però anche domandarci di quanto possa essere accessibile una medicina basata sul loro uso, specialmente quando il problema è rappresentato dalle malattie cardiovascolari, che colpiscono un terzo dell’umanità e in cui l’80 per cento dei pazienti vive nei paesi meno avanzati. Sviluppare una procedura che preveda il recupero di staminali dal cuore, la loro espansione in laboratori avanzati e certificati e la loro reintroduzione mediante sofisticate procedure non sembra sostenibile in termini di accessibilità e costi.

Come stimolare, dunque, il programma di proliferazione dei cardiomiociti? E che cosa sono i microRNA?

Da qualche anno sappiamo che il nostro DNA, oltre a contenere i geni che codificano per circa 20.000 proteine diverse, include anche qualche migliaio di geni che producono filamenti di RNA con funzioni di regolazione. Prima nel nucleo e poi nel citoplasma, questi RNA subiscono una serie di tagli enzimatici che ne riducono le dimensioni fino a generare piccoli RNA di 21-22 nucleotidi, a doppio filamento, chiamati microRNA. Ciascun microRNA si associa quindi agli RNA messaggeri della cellula che portano una sequenza complementare e, con vari meccanismi, blocca la produzione delle proteine da questi codificate. Dato che un microRNA può avere come bersaglio centinaia o migliaia di diversi RNA messaggeri cellulari, ciascuno di questi RNA può regolare interi programmi cellulari complessi, quali l’identità funzionale di una cellula, la sua morte o sopravvivenza, il suo livello di proliferazione. 

La scoperta di questo meccanismo molecolare di regolazione dei geni, chiamato interferenza a RNA, è valsa nel 2006 ai suoi scopritori, i ricercatori Andrew Fire e Craig Mello, il premio Nobel per la medicina o la fisiologia. 

-Partendo da queste considerazioni, Ana Eulalio e Miguel Mano, nel mio laboratorio all’ICGEB, hanno cercato di capire se, in una collezione di quasi 1000 microRNA umani, ce ne fossero alcuni capaci di stimolare la proliferazione dei cardiomiociti. 

-E hanno scoperto 40 microRNA che possono stimolare la proliferazione dei cardiomiociti isolati dal cuore di topi e ratti neonati, anche cardiomiociti umani, ottenuti dalle cellule staminali. L’effetto di questi microRNA è impressionante: le cellule cardiache continuano a proliferare una volta prelevate e, dopo solo qualche giorno, riempiono le piastre in cui sono coltivate. C’è un duplice interesse in questa scoperta. Da un lato è importante capire come questi microRNA funzionano, qual è il programma genico modificato con la loro somministrazione. A questo proposito, diversi di questi microRNA sono espressi ad alti livelli nella vita embrionale, quando il cuore ancora prolifera, mentre poi scompaiono subito dopo la nascita. -L’altro motivo di interesse è legato alla possibilità di sfruttare direttamente le proprietà dei microRNA per stimolare la rigenerazione del cuore dopo un infarto. A sostegno di questa possibilità, avevamo scoperto che, in maniera sorprendente, alcuni microRNA identificati rimettevano in moto la proliferazione anche dei cardiomiociti prelevati da cuori adulti. 

Sintetizzando si tratta di un nuovo meccanismo che controlla la proliferazione delle cellule del cuore. Il passaggio successivo qual è stato?

Più ambizioso. Volevamo capire se i microRNA identificati promuovevano anche la riparazione del miocardio dopo un infarto. Lorena Zentilin dell’ICGEB ha modificato due virus per veicolare i geni che codificano per i microRNA nel cuore, in modo da consentirne una produzione continuata nel tempo. Come vettore è stato usato il virus adeno-associato (AAV), innocuo, facilmente modificabile grazie all’ingegneria genetica ed efficace per il trasferimento dei geni nel cuore (oltre che in cervello, retina e muscoli). Quando Zacchigna, con l’aiuto di Matteo Dal Ferro, cardiologo clinico della struttura diretta da Gianfranco Sinagra all’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Trieste, ha iniettato i vettori in grado di veicolare due microRNA nel cuore dei topi dopo un infarto, i risultati non ci hanno deluso. L’infarto era ridotto di dimensione, la parete cardiaca, anziché assottigliata da una cicatrice, conteneva ancora una grande quantità di tessuto contrattile e, soprattutto, la funzione cardiaca, misurata con l’ecografia, era quasi simile a quella di un cuore normale.

Senza creare esagerate aspettative i risultati incoraggianti conseguiti finora porteranno dei progressi nella medicina clinica a medio o lungo periodo?

-I microRNA potrebbero essere usati come farmaci genetici, in grado di rimettere in moto la proliferazione cardiaca, e quindi somministrati nelle condizioni in cui il cuore perde parte del suo tessuto contrattile, come nell’infarto e in diverse cardiomiopatie. 

-È ancora presto per capire se e quando i microRNA identificati potranno trasformarsi in farmaci iniettabili.  C’è ancora molta strada da fare prima di arrivare alla sperimentazione clinica. 

-Ma, a differenza di qualche anno fa, oggi il traguardo della rigenerazione cardiaca sembra ragionevole da inseguire.

CONTRORDINE: LO SPORT PUO’ FARE ANCHE MOLTO MALE ALLA SALUTE !

COVER VERDE GENERICO STAME DI FOGLIA IMG_5369
CONTRORDINE: LO SPORT PUO’ FARE ANCHE MOLTO MALE ALLA SALUTE !

Articolo di G.Seregni, giornalista diplomata in Scienze Motorie presso l’Università Statale di Milano e insegnante di ruolo per 15 anni nella scuola statale; con 25 di libera attività in  palestra anche come insegnate di ginnastica dolce.

E’ dai tempi dei primi allenamenti aerobici (sforzo prolungato per potenziare la resistenza cardiaca), anni ’70-80, che nel settore sportivo si raccontava della

emblematica morte per arresto cardiaco di James F. Fixx (il 20 luglio 1984 muore , all’età di 52 anni a causa di un infarto fulminante, dopo la sua corsa giornaliera) il quale, nei suoi libri, si vantava di potersi permettere di giocare a tennis sotto il sole delle tre del pomeriggio di Los Angeles.

Secondo Kenneth Cooper, il famoso medico di Dallas che ha studiato l’attività fisica: “Se si corre per più di 15 chilometri a settimana, lo si fa per qualche altro motivo rispetto alla salute”. Inoltre Cooper sostiene che altri studi stanno chiarendo il dubbio secondo il quale l’esercizio fisico eccessivo possa addirittura rendere il corpo più vulnerabile al cancro.

Basterebbe un poco di buon senso per capire che, comunque, tutti gli sforzi superiori alle nostre normali capacità fisiche possano danneggiarci. Ce lo fa capire il nostro stesso corpo, mandandoci salvifici messaggi di stanchezza.

Oggi, sull’European Heart Journal, quindicinale di OxfordUniversity Press, i ricercatori invitano alla cautela verso gli eccessi nell’attività fisica; finalmente !

A tale proposito è forse inutile rammentare i danno fisici e i rischi di gravi danni cardiaci, che subiscono gli atleti professionisti. Per fare un esempio si sa come gli sciatori vadano incontro a gravi danni alle ginocchia; per eccessi di sollecitazione, mentre i ginnasti possano subire gravissimi danni alla zona lombare ecc…

Ovviamente coesistono tesi opposte da chi sostiene l’attività fisica come unico modo per vivere e invecchiare bene a chi ribadisce i rischi di ogni eccesso. Come la logica ci dovrebbe suggerire, la verità sta nel mezzo e tutto dipende sia dalle caratteristiche fisiche e fisiologiche del soggetto, sia dal tipo di allenamento raggiunto; senza mai scordare quanto l’eccesso possa fare sempre male.

Ne è un chiaro esempio lo studio sugli iscritti alla Vasalopper (famosissima gara svedese di sci di fondo) dal 1989 al 1999; proporzionalmente ai tempi di gara raggiunti, nei dieci anni successivi avevano avuto gravi problemi cardiaci.

Mikah True, conosciuto come Cavallo Bianco e grandissimo ultramaratoneta, morì a 58 anni durante un allenamento.

– L’autopsia rivelò un cuore pieno di cicatrici.

-Infatti l’allenamento estremo, anche nel ciclismo e altri sport, può provocare modifiche vascolari strutturali e innalzamento di alcuni biomaker. Solo nel 10% dei casi queste modificazioni rimangono tali per mesi.

-Ma le “piccole lesioni” ripetute possono provocare una fibrosi miocardica e quindi una suscettibilità spiccata verso l’aritmia atriale e ventricolare.

-Le fibre muscolari di un cuore in stato di sofferenza durante uno sforzo eccesivo e costante, rilasciano nel sangue un eccesso di troponina (una proteina) che causa danni alle cellule del muscolo cardiaco.

-Pare che ben il12% degli ultramaratoneti, anche se in apparente ottimo stato di salute, abbiano chiare lesioni miocardiche e, dopo pochi anni, soggetti ad eventi coronarici importanti.

-Ma, secondo noi, non è necessario essere grandi e famosi atleti per sottoporre il nostro cuore a sforzi che lo danneggiano.

Basti pensare a tutte le occasioni che la vita moderna ci riserva per sottoporci a forti stress fisici e psichici e alla moda di dedicarsi agli sport, anche estremi, solo nei brevi periodi di vacanza.

-Nemmeno la semplice attività di palestra è esente da rischi; primo fra tutti quello dei filtri dell’aria condizionata che vengono cambiati assai raramente e secondo un genere di allenamento standard con macchinari e/o musiche che ci aiutano a non percepire i messaggi di stress che il nostro corpo ci invia.

-Ultimo, ma non per importanza, il fatto che

-molti assistenti/insegnati in palestra hanno solo fatto dei corsi specifici, ma non hanno le necessarie nozioni di anatomia e fisiologia per comprenderne il funzionamento e quindi i rischi che certi ritmi possono causare.

-La nostra civiltà, forse, ci ha già fatto raggiungere un tale stadio di tensioni e impegni continui da

non essere più in grado di sentire i messaggi di pericolo/stanchezza che il nostro corpo ci invia. Ed ecco anche spiegato il successo di tante filosofie/ginnastiche orientali, come lo yoga e il Tai Chi, che fanno tanti proseliti tra le donne e gli uomini più famosi della nostra epoca, proprio perché aiutano a ritrovare ritmi più consoni al vero benessere del nostro corpo.

SALUTE CHE FUNZIONA – Non più attese per visite mediche e … costa meno del tiket – Santagostino Poliambulatorio Specialistico

Basta code e attese di mesi per avere un esame o una visita medica ... funziona benissimo e … costa meno di un tiket E’ POSSIBILE ?

— SI

Il Centro Medico Santagostino è una realtà sanitaria innovativa, che offre salute accessibile e di qualità in oltre 40 specialità.

SENZA FONDI PUBBLICI: si tratta solo di una gestione dove tutti guadagnano e accettano delle regole economiche moralmente ragionevoli (anche per il cliente).

Un’offerta di qualità in cui il prezzo è un ulteriore elemento di valore. Qualche esempio? Visite specialistiche a 60 euro!

NIENTE ATTESE COSTA MENO DEL TIKET; qui è possibile accorpare diversi esami e/o visite specialistiche, per risolvere tutto  in una sola volta.

NE HA PARLATO ANCHE IL PROGRAMMA REPORT della brava giornalista Milena Gabbianelli.

Merita più di un’occhiata il sito  dei Centri Polispecialistici Santagostino a Milano, Sesto San Giovanni, Bologna …  http://www.cmsantagostino.it

NUMEROSI SEDI A MILANO (anche Sesto san Giovanni) E BOLOGNA.

Esempio di una sede di  Milano:

Piazza Sant’Agostino, 1,
Telefono:02 8970 1702
Orari: Oggi aperto · 08–21

CENTRO PRENOTAZIONI

Telefoni:

02 89 701 701

02 89 701 702

Dal lunedì al venerdì
dalle 8.00 alle 20.00.
Sabato dalle 8.30 alle 15.30.

PRENOTA VIA SMS

366 5860316

PRENOTA VIA WHATSAPP

344 1003172

PRENOTA VIA EMAIL

prenotazioni@cmsantagostino.it

INFORMATI VIA EMAIL

informazioni@cmsantagostino.it

GUARIRE E PREVENIRE CON 85 GRAMMI DI PISTACCHI.

Lo dice l’Università della Pennsylavania, proponendo ai pazienti con diabete di tipo 2 un’alimentazione più sana.

I pistacchi sono ricchi di grassi buoni, fibre, antiossidanti e potassio.

Dopo un’esperimento a base di una dieta arricchita con 85 grammi di pistacchi al giorno, i medici hanno riscontrato notevoli miglioramenti della pressione durante il sonno e della risposta vascolare allo stress.

Inoltre un aumento dell’attività del nervo vago.

Tutte queste sono condizioni che riducono il rischio di malattie cardiache.

NOI AGGIUNGIAMO CHE, PER ESPERIENZA PERSONALE, PREFERIAMO FARE UN MISTO DI SEMI (non salati):

 MANDORLE, NOCCIOLE, NOCI, SEMI DI ZUCCA, SEMI DI GIRASOLE, PINOLI, PISTACCHI ECC… ACQUISTATELI SEPARATAMENTE (costano meno che nelle miscele) E ASSUMETELI MESCOLATI O CAMBIANDO OGNI TANTO, NOI AGGIUNGIAMO ANCHE UN POCO DI UVA SECCA.

E’ un fantastic mix saluter, ma poi non abbuffatevi…altrimenti sono solo calorie in più e non serve o serve a poco.

TROMBOSI MALATTIE CARDIOVASCOLARI ; COME EVITARLE ?

L’articolo è scritto da un giornalista iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

—–

Con il caldo aumenta il rischio di trombosi : 400.000 DECESSI OGNI ANNO NEL MONDO.

Cosa fare ?

L’ASSOCIAZIONE PER LA LOTTA ALLA TROMBOSI E ALLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI (ALT),  ha elencato 10 consigli di base per dare un aiuto concreto.

Ecco come noi li abbiamo interpretati:

– 1° preferire cibi  come frutta e verdura (almeno 5 porzioni al giorno) e bere molta acqua. Evitare salse, patate, riso e mele, preferendo invece pere con buccia (ma se non sono bio è meglio toglierla), yogurt, semi di zucca (non salati), mandorle e pistacchi.

NON MANGIARE GELATI REGOLARMENTE ANCHE SE ARTIGIANALI CONTENGONO UN ENORME QUANTITATIVO DI ZUCCHERI E INGREDIENTI QUASI MAI NATURALI (anche se  si usa dire  il contrario), meglio grandi quantitativi di frutta !!!

– 2°   pasti leggeri e movimento; non  sport pesanti, affaticanti o stressanti, nelle  serate estive consigliate  le lunghe passeggiate lontano dal traffico. Pedalare lontano dal traffico e nelle ore più fresche.

Anche in casa si può fare “sport”:

semplici movimenti di ginnastica, tenere le gambe sollevate da terra, dormire con un cuscino sotto le gambe e usare quella   cyclette che tutti comprano e mai usano, meglio se lo si fa guardando la TV, per alleviare la noia.

– 3° in estate potete sfruttare le feste e l’incontro con parenti lontani per approfondire la storia di patologie pregresse e diffuse in famiglia.

– 4° andare in spiaggia nelle ore meno calde della giornata, con un cappello ( avrete anche meno rughe in viso) o la testa bagnata; lunghe nuotate (solo se siete allenati, altrimenti meglio brevi e frequenti nuotate) o passeggiate in acqua.

Chi resta in città:

tenere le persiane socchiuse,
– uscire SOLO la mattina presto o nel tardo pomeriggio, NON fare lavori faticosi nelle ore più calde e misurarsi la pressione, specie se si è sotto cura.

– 5° chi fa un uso abituale di farmaci che servono per fluidificare il sangue, DEVE mettere in valigia un foglio nel quale siano scritti i nomi e le dosi dei farmaci assunti abitualmente, la patologia di cui si soffre e i numeri da contattare in caso di bisogno.

– 6° chi invece dovesse avvertire sensazioni strane:
– giramenti di testa
-mancanza del respiro,

dovrebbe provare a tastarsi il polso e sentire il ritmo del cuore; deve essere regolare come quello di un tic tac; se le pause fra un battito e l’altro fossero disordinate, provate a respirare profondamente e lentamente, distendete bene il diaframma.

-Se dopo quanto sopra, non si trova giovamento, consultare SUBITO il medico.
NON andate a piedi dal medico o in ospedale nelle ore calde, prendete il taxi eventualmente provate a chiedere uno sconto; la vostra vita VALE PIU’ DELLA SPESA DI UN TAXI.

– 7° l’altitudine PUO’ provocare un rialzo della pressione in chi ne soffre e richiedere un aumento della dose del farmaco che si prende di solito, meglio fermarsi in farmacia e verificare l’opportunità di aumentare la dose abituale del farmaco antiipertensivo (MOLTO MEGLIO CHIEDERE AL PROPRIO MEDICO-SPECIALISTA PRIMA DI DECIDERE QUALUNQUE ESCURSIONE IN MONTAGNA).

La montagna fino a 1000 metri è salubre.

Oltre i 1.000 metri il respiro può diventare difficoltoso, potreste avere sensazioni di vertigini o senso di instabilità.

Meglio una vacanza prolungata ad alte quote (SOLO DOPO AVERNE PARLATO CON IL VOSTRO MEDICO O SPECIALISTA), MAI poche ore, l’organismo necessita di tempo per adattarsi alla diversa altitudine.

—-

– 8° immersioni subacquee; sport proibito per chi ha già avuto una Trombosi cerebrale, un’ischemia, un difetto delle valvole del cuore o un forame ovale pervio.

Meglio evitare di andare sott’acqua se

-si sono subiti interventi chirurgici al cuore
-si è in sovrappeso
-si deve affrontare un lungo volo nelle ore successive.

TERME: meglio in montagna dove l’aria è più fresca e permette di sopportare meglio l’acqua calda che non fa bene alla circolazione del sangue, in generale.

EVITATE DI FARE CURE TERMALI IN PIANURA NELLE STAGIONI CALDE (ora anche giugno o inizio settembre possono presentare periodi di grande calura)

Chi ha già avuto una trombosi può rilassarsi con linfodrenaggio, massaggi, bagni in acque solforose, impacchi di alghe e trattamenti con i Sali del Mar Morto che sgonfiano, guariscono le malattie della pelle.

LE PICCOLE STANZE DOVE SI FANNO I FANGHI POSSONO RAGGIUNGERE ALTE TEMPERATURE IN ESTATE, ATTENZIONE.

I FANGHI NON FANNO BENE ALLA CIRCOLAZIONE DELLE GAMBE, IN PARTICOLARE.

NON STATE A MOLLO IN ACQUA CALDA QUANDO FA CALDO FUORI, SOPRATTUTTO NON STATE FERMI; MUOVETEVI SEMPRE, FATE ANCHE SOLO DEI SEMPLICI MOVIMENTI, SE NON SAPETE NUOTARE.

—-

– 9° IMPORTANTISSIME le calze elastiche

-consigliabili in gravidanza perché aiutano il sangue a tornare rapidamente al cuore e riducono la probabilità che le vene profonde delle gambe perdano elasticità (soprattutto per donne che hanno problemi di circolazione di sovrappeso ecc.. )
sceglierle di cotone o di microfibra, e di prima classe di compressione.

—-

– 10° i sintomi della Trombosi sono vari:

-una gamba gonfia più dell’altra,

-un dolore forte a un polpaccio o sulla schiena,

-un cordone dolente lungo il decorso di una vena su una gamba o su un braccio,

-in alcuni casi la mancanza di respiro o un improvviso mal di testa, con la difficoltà di tenere aperti gli occhi e di mantenere l’equilibrio.

IN QUESTI CASI DOVETE RIVOLGERVI SUBITO AD UN MEDICO per eseguire un ecocolordoppler e un prelievo che indichi la probabilità di trombosi.

«La Trombosi – conclude la dott.ssa Vender – si può curare, prima di tutto con la testa. Per questo è importante sospettarla, diagnosticarla e poi intervenire, se necessario, per un periodo adeguato e con un farmaco adatto, assunto nella giusta dose. Ecco perché non bisogna sottovalutare alcun segnale. E dopo, saremo ancora più contenti e spensierati, pronti a goderci l’estate».

 Articolo scritto da G Seregni

INFARTO ; COME CURARSI ? COME PREVENIRLO? SEMPLICI SUGGERIMENTI

I grassi del colesterolo possono ostruire le arterie coronarie che   si trovano sulla superficie del cuore, impedendone l’afflusso al cuore: ecco l’infarto. Anche le sostanze stupefacenti possono avere un effetto similare.

-L’intervento del pronto soccorso deve essere immediato

COME SI MANIFESTA L’INFARTO?

-DOLORE AL PETTO: acuto o con sensazione di oppressione.

-DOLORE O FASTIDIO AD UN BRACCIO O AD ENTRAMBE LE BRACCIA ; particolarmente grave se il dolore passa anche al collo, spalle o alla parte superiore dello stomaco.

-NAUSEA, SUDORE FREDDO, SPOSSATEZZA E SENSO DI CONFUSIONE.

CHI RISCHIA DI PIU’ ?

QUALI LE CAUSE ?

-gli uomini dopo i 45 anni e le donne dopo i 55

-rischi alto per chi ha:

-UN ALTO TASSSO DI COLESTEROLO Ldl o di TRIGLICERIDI (obesità e inattività fisica sono le prime cause).

-LA PRESSIONE ALTA AIUTA A FAVORIRE I DANNI ALLE ARTERIE  CHE ACCUMULANO PLACCHE DI GRASSO

PREVENZIONE COME ?

-riduzione del 40% del rischi se si smette di fumare ( vale per accaniti  fumatori, non per chi fuma 2 o 3 sigarette al giorno; infatti il solo vivere in una città come Milano comporta un “avvelenamento da gas pericolosi” come fumare 90 sigarette al giorno !!!).

-DIMAGRIRE , se è necessario.

-MANGIARE ALMENO 5 FRUTTI O VERDURE AL GIORNO

-CAMMINARE ALMENO UN’ORA AL GIORNO O L’EQUIVALENTE RIDOTTO IN MENO GIORNI

QUALI SONO LE CURE CHE, GENERALMENTE,  DA IL MEDICO ?

-STATINE : abbassano il colesterolo, ma a molte persone causano pesanti disturbi; meno se si chiedono gli ultimi ritrovati (più costosi per la sanità pubblica)

-FARMACI ANTIAGGREGANTI : aspirina, clopidogrel e  prasugrel  che ostacolano l’azione coagulante delle piastrine

-FARMACI ANTIPERTENSIVI

-BETABLOCCANTI

COME COMPORTARSI IN CASO DI INFARTO?

INTERVENIRE SUBITO !!! CHIAMARE SUBITO L’AMBULANZA O UN TAXI, SE NON SI TROVA L’AMBULANZA…

-MASTICARE SUBITO PER 30” L’ASPIRINA, MENTRE SI ASPETTANO I SOCCORSI

DOPO L’INFARTO SI PUO’ VIVERE NORMALMENTE ?

-Oggi la medicina permette di ritornare ad una vita normale, purché si seguano i  consigli dei medici e il buon senso.

-NON TORNARE ALLE VECCHIE E SBAGLIATE ABITUDINI

Tutto questo e molto di più sul libro:

 “L’infarto, piccola guida per evitarlo o, mal che vada sopravvivergli felici”, ed. Il Mulino,” di Claudio Cuccia, dir. del Dipartimento cardiovascolare della Fondazione  Poliambulanza di Brescia.

——

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.