Archivi categoria: vedere i grandi capolavori

capolavori d’ arte

Arte imperdibile a Milano – Caravaggio a Villa Reale

Dal 28 settembre 2017 al 29 gennaio 2018

«Dentro Caravaggio»

In occasione del VI centenario dalla morte di Caravaggio.

—  20 opere provenienti da tutto il mondo. Un’occasione unica per vedere i capolavori del maestro senza muoversi dall’Italia.

La mostra riunisce la carriera di un grande e controverso maestro dell’arte, dai suoi anni lombardi al soggiorno romano e napoletano , per arrivare a Malta e alla Sicilia. Solo 14 anni di una carriera “fulminante”, come la sua vita.

Caravaggio; uomo dalla vita inquieta e dai capolavori affascinanti,  capace di scandalizzare, forse, anche a distanza di 400 anni.

MOSTRA CARAVAGGIO MILANO ORARI:

Lunedì: 14.30–19.30;Martedì, mercoledì, venerdì e domenica: 9.30-19.30; Giovedì e sabato: 9.30-22.30

ARTE E L’IMPEGNO OGGI PERDUTO – RICORDO DI GUERNICA CHE SEGNO’ UNA SVOLTA NELL’ARTE

80 ANNI FA PICASSO CREAVA ” GUERNICA

Il 26 aprile 1937 la cittadina di Guernica veniva distrutta dai bombardamenti. Appoggiati dai fascisti italiani, i raid tedeschi fecero 1.654 morti e circa 900 feriti. Trenta o quaranta tonnellate di bombe ( incendiarie o a scheggia ) furono sganciate di lunedì; giorno di mercato. Una strage di civili. Lo scopo di tanta violenza fu solo la volontà di  stroncare il morale tra le forze repubblicane.

Un mese di lavoro intensissimo e Picasso presentò la sua opera ” Guernica “. Un capolavoro che fu stroncato dalla critica, anche dalla sinistra.

Oggi, al Museo Reina Sofia di Madrid, c’è sempre folla di fronte al grande dipinto di Picasso; moltissime le scolaresche.

Oltre 7 metri di lunghezza per tre metri e mezzo di altezza; queste sono le dimensioni di uno dei più significativi lavori artistici della storia dell’arte.

Arte a Parigi al Louvre – ” Vermeer e i maestri della pittura di genere ” – Mostre da non perdere

“Vermeer e i maestri della pittura di genere”

AL MUSEO DEL LOUVRE

DAL 22 FEBBRAIO A 22 MAGGIO 2017

Evidenziare il rapporto tra gli artisti della  tendenza pittorica che conobbe il massimo sviluppo nel Seicento; che fu il  secolo d’oro della pittura olandese ”

L’ esposizione permette ai visitatori di capire come Vermeer e gli altri artisti attivi nella stessa epoca, si misurassero nel dipingere scene eleganti e raffinate; come una rappresentazione ingannevolmente innocua del quotidiano.

Nei primi anni del 1650, gli artisti cominciano a concentrarsi su scene idealizzate e superbamente realizzate che riguardano la vita privata messa sulla scena del quadro.

I membri delle élite olandese, volevano mostrare il loro status sociale, richiedendo un’arte che riflettesse  la loro immagine del mondo benestante.

Sala Napoleone Museo del Louvre

dal 22 febbraio a 22 maggio 2017

orari mostra e Museo del Louvre Aperto tutti i giorni tranne il martedì dalle 09:00 alle 18:00. Notturne il mercoledì e venerdì fino alle 21:45.
costo biglietto Museo del Louvre € 15

ARTE in OLANDA – Noordbrabants Museum acquista uno straordinario acquerello di Vincent van Gogh

van-gogh-olanda-450-il-giardino-della-canonica-a-nuenen

Il Noordbrabants Museum acquista uno straordinario acquerello di Vincent van Gogh.

Il Museo festeggia la sua nuova acquisizione aprendo gratuitamente le sue porte al pubblico sabato 10 dicembre

 – Il Noordbrabants Museum ha acquistato da un privato Il giardino della canonica a Nuenen di Vincent van Gogh (1853-1890), che risale al periodo tra ottobre e novembre del 1885.

È l’ultimo acquerello di cui si sa con certezza che fu dipinto a Nuenen ed è particolarmente significativo nell’opera dell’artista.

Questa acquisizione, la più importante in assoluto per il Noordbrabants Museum, rispecchia la sua aspirazione a mostrare una panoramica rappresentativa del periodo trascorso da Van Gogh nel Brabant alla luce di opere originali dell’artista.

Il giardino della canonica a Nuenen è stato acquistato grazie al sostegno finanziario di BankGiro Loterij, Mondriaan Fonds, VSBfonds, gli Amici del Museo, Renschdael Art Foundation e Coen Teulings. BankGiro Loterij ha contribuito erogando quasi la metà della somma totale di 1 milione di euro devoluta per l’acquisto. Per festeggiare la sua nuova acquisizione.

Importanza per Collectie Nederland (Patrimonio culturale dei Paesi Bassi)
Vincent van Gogh abitò per quasi un anno e mezzo presso i suoi genitori nella canonica a Nuenen.

Il giardino dietro la canonica era un luogo prediletto dall’artista che vi compose parecchi lavori, a volte molto ambiziosi.

Per motivi diversi l’acquerello è particolarmente significativo nell’opera di Van Gogh.

In una lettera al fratello Theo egli scrisse: “Ho fatto anche uno studio dello stagno nel giardino della casa in autunno.

Questo luogo è senza dubbio adatto per un dipinto.

In un secondo momento egli realizzò da questo acquerello un quadro – di grandi dimensioni, che conosciamo soltanto da riproduzioni in bianco e nero – andato perduto durante la seconda guerra mondiale.

L’acquerello può dare un’impressione, seppure approssimativa, di quale fu la gamma cromatica del dipinto.

Entrambe le opere erano intese come preparazione per una composizione ben ponderata con figure, il tipo di raffigurazione che Van Gogh fin dall’inizio della sua carriera artistica mirava a dipingere.

È inoltre il suo primo esperimento con un soggetto che avrebbe raffigurato anche a Parigi e ad Arles, persone e coppiette che passeggiano in un bel giardino o in un parco idilliaco. Il foglio, una delle ultime opere che l’artista realizzò a Nuenen – e l’unico acquerello – mostra come Van Gogh avesse adottato una gamma di colori più chiari dopo avere visitato il Rijksmuseum nell’ottobre del 1885.

Lo studio dei maestri del passato in quel museo gli aveva fatto comprendere che la sua tavolozza era troppo scura e, una volta tornato a Nuenen, egli mise immediatamente in pratica quanto aveva intuito.

L’attraente ricchezza dei colori (ben conservata) nella raffigurazione ne è il risultato.

Si presume che l’acquarello sia stato acquistato dal rinomato critico e pedagogo d’arte H.P. (Hendrik) Bremmer, che più tardi fu consulente di Helene Kröller-Müller. Dopo la sua morte divenne proprietà degli eredi. Intorno al 1969 l’acquerello entrò a far parte della collezione da cui ora è stato acquistato.

Importanza per il Noord-Brabant

Cinque istituzioni culturali del Brabant – Van Gogh Village (il paese di van Gogh) a Nuenen, Vincents Tekenlokaal (l’aula di disegno di van Gogh) a Tilburg, Van Goghkerk (la chiesa di Van Gogh) a Etten- Leur, Vincent van Goghhuis (la casa di Van Gogh) a Zundert e il Noordbrabants Museum a ’s- Hertogenbosch – hanno unito le loro forze creando Van Gogh Brabant per conservare e condividere il patrimonio culturale legato a Van Gogh nel Brabant.

L’associazione collabora in misura crescente con Van Gogh Europe, un’alleanza internazionale tra diverse organizzazioni nei Paesi Bassi, in Belgio e Francia, impegnata nella conservazione e nella promozione comune del patrimonio culturale legato a Van Gogh. L’acquisto è inoltre in linea con la politica della regione Noord-Brabant, che nei prossimi anni si propone di dare maggiore rilievo al legame tra il pittore e il Brabant. Un dettaglio interessante dell’opera acquistata è che vi è raffigurata una località del patrimonio culturale legato a Van Gogh nel Brabant.

Van Gogh nel Noordbrabants Museum

Il Noordbrabants Museum espone come unico museo nel sud dei Paesi Bassi opere originali di Vincent van Gogh nella sezione Storia del Brabant, più precisamente nel padiglione dedicato all’artista e al periodo che egli trascorse in questa regione. Oltre a un dipinto di sua proprietà (Contadina che zappa), il Museo ha due opere in comodato d’uso permanente dal Rijksdienst voor het Cultureel Erfgoed, l’agenzia nazionale olandese per il patrimonio culturale, e alcune in comodato temporaneo dal Van Gogh Museum. L’acquisto verrà ad aggiungersi alle opere nel padiglione dedicato a Van Gogh. A causa della sua fragilità, l’acquerello verrà esposto soltanto per un determinato periodo, vale a dire fino al 19 marzo 2017. Dopo alcuni mesi lontano dalle luci della ribalta, l’acquerello verrà nuovamente esibito al pubblico in una vetrina speciale dove può rimanere più a lungo.

Ricerca e presentazione Radiografia di Van Gogh

Tra il 1884 e il 1888 Van Gogh riutilizzò con una certa regolarità le tele già dipinte. Il Noordbrabants Museum vuole conoscere meglio quello che si nasconde sotto il colore di una serie di dipinti che fanno parte dell’esposizione permanente.

Per questo la primavera prossima cinque dipinti verranno studiati utilizzando varie tecniche: raggi x, fotografia all’infrarosso, riflettografia in infrarosso, fotografia in luce radente.

La presentazione Radiografia di Van Gogh (dal 24 giugno 2017 al 21 gennaio 2018) esporrà i risultati di questa ricerca.

Informazioni per i visitatori di Noordbrabants Museum
Het Noordbrabants Museum
Verwersstraat 41, ’s-Hertogenbosch
T +31 (0)73 – 6877 877
www.hetnoordbrabantsmuseum.nl

Aperto dal martedì alla domenica, dalle ore 11 alle 17.
Chiuso il lunedì (ad eccezione dei giorni festivi), a Capodanno, durante il Carnevale, la festa del re e a Natale.
Prezzo del biglietto per Noordbrabants Museum
Adulti: € 12,-
Museumkaart (carta musei), Ver. Rembrandt e ICOM: ingresso gratuito
Ragazzi dai 4 ai 17 anni: ingresso gratuito

Il Noordbrabants Museum costituisce insieme allo Stedelijk Museum ’s-Hertogenbosch il quartiere dei musei a ‘s-Hertogenbosch, uno dei principali poli culturali dei Paesi Bassi.
Prezzo del biglietto cumulativo, Combiticket, per il Noordbrabants Museum e lo Stedelijk Museum ’s- Hertogenbosch
Adulti: € 15,-
Museumkaart (carta musei), Ver. Rembrandt e ICOM: ingresso gratuito
Ragazzi dai 4 ai 17 anni: ingresso gratuito

Eventi a Ravenna sino all’ 11 dicembre la città festeggia – Alcuni concerti sono gratuiti – Ravenna celebra il Ventennale dei suoi Monumenti Unesco

Monumenti Unesco di Ravenna
Periodo di svolgimento: dal 07/12/2016 al 11/12/2016
Venti anni fa, il 7 dicembre 1996, l’Assemblea del Centro del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO ha sancito l’iscrizione dei monumenti paleocristiani e bizantini di Ravenna nella Lista del Patrimonio dell’Umanità:

Mausoleo di Galla Placidia, il Battistero Neoniano, la Basilica di Sant’Apollinare Nuovo, il Battistero degli Ariani, la Cappella Arcivescovile, il Mausoleo di Teoderico, la Basilica di San Vitale e la Basilica di Sant’Apollinare in Classe

Dal 7 all’11 dicembre la città festeggia questo anniversario con una serie di iniziative dedicate ai suoi monumenti più eccezionali.
————
I monumenti UNESCO in occasione delle celebrazioni (dal 8 all’11 dicembre) osserveranno i seguenti orari:

Opera di Religione
Basilica di San Vitale | Ore 9.30 – 18
Mausoleo di Galla Placidia | Ore 9.30 – 18
Basilica di Sant’Apollinare Nuovo | Ore 10 – 18
Battistero Neoniano | Ore 10 – 18
Ultimo ingresso 15 minuti prima dell’orario di chiusura
Cappella Arcivescovile | Ore 10 – 18
Ultimo ingresso 30 minuti prima dell’orario di chiusura
Polo Museale Emilia-Romagna (sede di Ravenna)
Solo nella giornata di giovedì 8 dicembre ingresso gratuito ai seguenti monumenti:
Mausoleo di Teodorico | Ore 8.30 – 16.30
Battistero degli Ariani | Ore 8.30 – 16.30
Basilica di Sant’Apollinare in Classe | Ore 8.30 – 19.30 (feriali) / Ore 13 – 19.30 (domenica e festività religiose)

Visite guidate
Giovedì 8 dicembre | Dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 16
I monumenti Unesco illustrati dai giovani FAI
In tutti i Monumenti UNESCO

Venerdì 9 dicembre | Dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 16
Visite guidate dei monumenti Unesco
In tutti i Monumenti UNESCO

Sabato 10 dicembre | Dalle 14 alle 17
Visite guidate al Museo Arcivescovile e alla Cappella di Sant’Andrea
A cura del Gruppo Pietre Vive

Domenica 11 dicembre | Dalle 11 alle 13
Visite guidate alla Basilica di San Vitale
A cura del Gruppo Pietre Vive

Domenica 11 dicembre | Dalle 14.30 alle 16.30
Visite guidate alla Basilica di Sant’Apollinare Nuovo
A cura del Gruppo Pietre Vive

Celebrazioni in musica

Giovedì 8 dicembre | Ore 18.30
Plaudat nunc organis
Basilica di Sant’Apollinare Nuovo
Concerto del Coro Polifonico Ludus Vocalis
Stefano Sintoni • direttore; Andrea Berardi • organista
A cura di Opera di Religione. Ingresso gratuito

Concerto di Natale | Ore 21
Chiesa di San Giovanni Battista, via G. Rossi
Young Musicians European Orchestra
Jonathan Roozeman • violoncellista; Adriana Cristea • violinista; Giacomo Banella • contrabbassista; Matthieu Mantanus • direttore
Musiche di Paganini, Ciaikowsky, Bottesini, Rossini.
Al Concerto parteciperanno anche piccoli coristi provenienti dalle scuole ravennati e della provincia. A cura di Emilia Romagna Concerti.
Ingresso a pagamento: 10€ (navata laterale non numerata); 20€ (navata laterale numerata); 30€ (navata centrale numerata terzo settore); 50€ (navata centrale numerata secondo settore); 75€ (navata centrale numerata primo settore)
Ingresso a pagamento: tickets@teatroalighieri.org

Sabato 10 dicembre | Ore 18.30

Concerto per 2 Oboi e Organo
Basilica di San Vitale
Luigi Lidonnici e Ilaria da Maximy • oboisti; Stefano Sintoni • organista
A cura di Opera di Religione. Ingresso gratuito

Invasioni musicali
A cura de LaCorelli

Sabato 10 dicembre
Piazzetta del Battistero degli Ariani | Ore 15
Nicola Nieddu e Davide Tardozzi
Improvvisazione per violino e chitarra

Portico della Basilica di Sant’Apollinare Nuovo | Ore 15.45
Michele Soglia
Marimba sola
Giardino del Battistero Neoniano | Ore 16.30

Coro UNICEF Da fratello a fratello
Aspettando “i bimbi per i bimbi”
Piazza del Popolo | Ore 17.30
Accensione dell’albero di Natale donato dalla città di Andalo e ornato da Pandora
Concerto di ODG Big Band
Accendiamo l’albero di Natale

Domenica 11 dicembre

Giardino d’ingresso alla Basilica di San Vitale | Ore 10
Quartetto di ottoni YouBrass Ensemble
Misticanza musicale per ottoni
Piazzetta del Battistero degli Ariani | Ore 10.45
Quintetto di ottoni Romagna Brass
Barock’n’roll
Piazza del Popolo | Ore 11.30
YouBrass Ensemble, Romagna Brass, ottoni della Scuola di Musica G. Sarti di Faenza
Brass Party
Giardino del Battistero Neoniano | Ore 12
Ottoni della Scuola di Musica G. Sarti di Faenza
Christmas carol
Piazza del Popolo | Ore 14
Carlo Botti Piano Solo
in collaborazione con Fondazione Istituto Liszt di Bologna
Albero di Natale
Piazza del Popolo | Ore 14.45
Allievi dell’Istituto Superiore di Studi Musicali G. Verdi di Ravenna
Invasioni pianistiche

Arte da non perdere a Roma – Ingresso gratuito “ Dall’antica alla nuova Via della Seta ” – Palazzo Quirinale

mostra-672-via-della-seta-coppa_procuratoria_venezia-3572-800-600-80

mostra-via-della-seta-16-gh

mostra-via-delal-seta-672-quirinale-16

via-della-seta-mostra-672-roma-quirinale

Mostra “Dall’antica alla nuova Via della Seta”

Dal 6 dicembre 2016 al 26 febbraio 2017 il Palazzo del Quirinale ospita, nella Galleria Alessandro VII, la mostra “Dall’antica alla nuova Via della Seta” che illustra la storia millenaria dei rapporti tra la Cina e l’Occidente, in particolare l’Italia.

UNA MOSTRA DA NON PERDERE; UNA SUMMA DI ELEGANZA E RAFFINATEZZA CHE OGGI POSSIAMO SOLO GUARDARE, MA FORSE NON SIAMO PIU’ IN GRADO NEMMENO DI RIPRODURRE.

Una piastrella che riproduce il gioco del polo dai tempi dell’antica Persia … alle  raffinatissime babbucce di qualche principessa orientale … sete, ceramiche, pietre, oggetti  preziosi e la perizia dei cartografi e tante altre eleganti sorprese.

Le vie commerciali tra oriente e occidente si perdono nei millenni, vi furono vie della giada e altre vie; ancora prima di quella della seta.

Il termine “La Via della Seta” è stato coniato nel 1877 dal geografo tedesco Ferdinand von Richthofen.

Dai tempi dei romani, la via della seta rappresentò una serie di luoghi di scambi continui di beni, conoscenze, usanze, pratiche, idee e fedi religiose con metodi che oggi ci appaiono molto più tolleranti e aperti di quelli attuali. 

Comunque, il Presidente cinese Xi Jinping ha, da poco tempo, illustrato un progetto della Repubblica Popolare Cinese per l’apertura di una “Nuova Via della Seta” che collegherebbe l’antica città di Xi’an con Rotterdam e con altre grandi città europee; Venezia compresa.

La mostra si articola in diverse sezioni che espongono ottanta capolavori antichi provenienti dalle più importanti istituzioni museali europee e italiane tra cui il British Museum, il Musée du Louvre, il Musée Cernuschi e Guimet di Parigi, il Museo di Berlino, il Museo di Lione, il Museo d’Arte Orientale di Torino, il Museo delle Civiltà / Museo d’Arte Orientale “Giuseppe Tucci” di Roma, la Biblioteca Nazionale Centrale e il Museo del Bargello di Firenze, il Museo del Tesoro di San Domenico di Perugia, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, la Biblioteca Nazionale Marciana di Venezia, i Musei Vaticani.

Saranno presenti anche una ventina di opere moderne provenienti dalla Cina e realizzate da grandi artisti cinesi contemporanei.

Lungo l’antica Via della Seta che attraversava il vasto continente euroasiatico, l’Oriente e l’Occidente sono entrati in contatto e si sono arricchiti rispettivamente con lo scambio di merci, tecniche e informazioni di ogni genere.

Missionari di varie fedi, Cristiani, Confuciani e Buddhisti, seguendo le piste della Via della Seta, si sono conosciuti, hanno dialogato e contribuito a diffondere un clima di tolleranza cha ha scavalcato le frontiere incerte degli Stati e aiutato i popoli a crescere.

Tra gli uomini che hanno affrontato il lungo viaggio dall’Italia alla Cina, Marco Polo, i gesuiti Matteo Ricci e Martino Martini hanno avvicinato i nostri due popoli e il loro ricordo è ancora vivo nel cuore dei Cinesi di oggi.

La mostra è curata da Louis Godart, Consulente del Presidente della Repubblica in materia di iniziative ed eventi culturali ed espositivi, in collaborazione con David Gosset e Maurizio Scarpari.

L’ingresso è gratuito. Occorre prenotarsi con le seguenti modalità: on line sul sito http://palazzo.quirinale.it, tramite Call Center, tel. 06 39.96.75.57, o presso l’Infopoint, salita di Montecavallo 15.

Giorni di apertura dal 6 al 18 dicembre 2016 e dal 10 gennaio al 26 febbraio 2017 : martedì – mercoledì – venerdì – sabato – domenica
Giorni di apertura dal 19 dicembre 2016 al 9 gennaio 2017: 19-20-21-22-23-27-28-29-30 dicembre 2016 e 3-4-5 gennaio 2017

Orario: dalle ore 10.00 alle 16.00 (ultimo ingresso ore 15.00).

Arte a Treviso – Tre le mostre per festeggiare Linea d’ombra – Da Monet a Renoir – da Van Gogh a Gauguin – Tiziano – Rubens – Rembrandt e poi da Guttuso a Vedova e Schifano

mostra-a-treviso-672-fg

29 ottobre al 17 aprile 2017

Storia dell’impressionismo. I grandi protagonisti da Monet a Renoir, da Van Gogh a Gauguin , Tiziano, Rubens, Rembrandt.

L’immagine femminile tra Cinquecento e Seicento.

Tre capolavori dalla Scottish National Gallery di Edimburgo

Guttuso a Vedova a Schifano. Il filo della pittura in Italia nel secondo Novecento

De Pictura. 12 pittori in Italia

Treviso, Museo di Santa Caterina e Palazzo Giacomelli
29 ottobre 2016 – 17 aprile 2017

Marco Goldin, storico dell’arte trevigiano ha messo a punto un progetto con il Comune di Treviso, senza sbavature, di impronta storica e anche fortemente didattica: dar conto di questi 20 anni di ricerca in arte.

Nei due decenni considerati, a partire dalla fondazione di Linea d’ombra nel tardo autunno del 1996, Goldin ha seguito tre filoni precisi: l’approfondimento sull’impressionismo, soprattutto nel primo decennio; poi un lavoro sul Novecento in Italia secondo la linea della pittura e al di là dei generi canonici; infine, il rapporto con i grandi musei del mondo.

Più di 10 milioni di persone sono state attratte dalle mostre allestite dapprincipio proprio a Treviso e poi tra l’altro a Torino, Brescia, Genova, Verona, Vicenza, Bologna. A decretare un successo che ha fatto storia.

E tre sono le mostre che Linea d’ombra e Comune di Treviso – con la fondamentale partecipazione di Segafredo Zanetti e UniCredit in qualità di Main sponsor, Generali come Special sponsor, assieme a Unindustria Treviso e Pinarello come partner − dal 29 ottobre al 17 aprile 2017, naturalmente nel bellissimo Museo di Santa Caterina. Inoltre, sempre nelle medesime date, a Palazzo Giacomelli, Unindustria Treviso e Linea d’ombra offrono al pubblico un quarto appuntamento.

A Santa Caterina, fulcro dell’intero progetto del ventennale è la grande mostra dedicata alla Storia dell’impressionismo.

I grandi protagonisti da Monet a Renoir, da Van Gogh a Gauguin.

E’ una mostra di capolavori. 120 opere, tutti i grandi nomi e con lavori fondamentali: da Manet a Degas, da Monet a Renoir, da Pissarro a Sisley, da Seurat a Signac, da Fantin Latour a Toulouse-Lautrec, da Van Gogh a Gauguin.

Una mostra insomma come non si è mai vista in Italia.

Con tagli ogni volta diversi, l’impressionismo è stato da Goldin indagato in questi due decenni.

Ma per il ventennale di Linea d’ombra ha pensato a un progetto che mai prima aveva realizzato così, fortemente radicato nella storia e nella continua concordanza di fatti e date.

Con una partenza che rimonta all’età di Ingres da un lato e Géricault dall’altro a inizio Ottocento, per descrivere quella situazione tra apollineo e dionisiaco in Francia da cui muove poi tutta l’arte dal Salon ufficiale alla scuola di Barbizon di Corot e Millet.

Quindi l’impressionismo – in questa stringente congiuntura di storia e non solo di bella pittura – viene considerato quale punto di arrivo di un percorso che, partito appunto da Ingres e Géricault, giunge, con violenti distacchi e tiepide aperture, fino a Cézanne che spalanca le porte al Cubismo picassiano.

E a Cézanne è infatti dedicata l’ultima delle nove sezioni della mostra, quale tuffo nell’arte del XX secolo.

Uno dei diversi, grandi musei internazionali che con Goldin e Linea d’ombra hanno, in questi decenni, intessuto un rapporto di vera collaborazione, è la Scottish National Gallery di Edimburgo.

Il museo della capitale scozzese ha deciso di mettere a disposizione, come propria testimonianza di amicizia per il ventennale, e su un progetto dello stesso Goldin, tre opere per una mostra dossier che arricchisse le celebrazioni: Venere che sorge dal mare di Tiziano, il Banchetto di Erode di Rubens, Una donna nel letto di Rembrandt.

Una scelta di tele somme ma soprattutto di tre maestri cui gli impressionisti hanno guardato con particolare attenzione nella definizione dell’immagine femminile.

Titolo della mostra:

Tiziano Rubens Rembrandt. L’immagine femminile tra Cinquecento e Seicento. Tre capolavori dalla Scottish National Gallery di Edimburgo.

Da Guttuso a Vedova a Schifano. Il filo della pittura in Italia nel secondo Novecento è il titolo della terza delle mostre, quella naturalmente dedicata alla pittura contemporanea in Italia. Per essa Goldin – che su questo argomento ha speso davvero diverse centinaia di esposizioni e cataloghi negli oltre trent’anni del suo lavoro di curatore – ha individuato una cinquantina di autori importanti, nati tra la fine del primo decennio del Novecento e la fine degli anni trenta.

Quanto a dire due generazioni di pittori, che vanno da Afro e Guttuso fino a Novelli e Schifano.

Qui ognuno presente con un’opera simbolo per ogni anno che va dal 1946 al 2000.

Un’occasione utilissima perché la pittura sia un racconto che si faccia storia.

A questa esposizione storica è direttamente collegata la mostra De Pictura. 12 pittori in Italia, allestita grazie a Unindustria Treviso nello storico Palazzo Giacomelli lungo la Riviera del Sile.

In questa mostra Goldin riprende le fila, a distanza di vent’anni, dell’indagine da lui avviata nel 1995 a Palazzo Sarcinelli di Conegliano, con la mostra Pittura come pittura.

Per quella esposizione Goldin aveva selezionato la presenza di Claudio Olivieri, Claudio Verna, Mario Raciti, Pier Luigi Lavagnino, Attilio Forgioli, Ruggero Savinio, Franco Sarnari, Piero Guccione, Piero Vignozzi, Gianfranco Ferroni.

De Pictura riunisce quindi i dieci artisti allora compresi nel progetto assieme a Piero Ruggeri e Alberto Gianquinto, che avrebbero dovuto prendervi parte.

Per mettere in evidenza la loro produzione da quel 1995 fino ai giorni più recenti. Pier Luigi Lavagnino, Gianfranco Ferroni e proprio Piero Ruggeri e Alberto Gianquinto, che non ci sono più, saranno comunque presenti con opere dalla metà degli anni novanta fino ai primi anni Duemila.

Chiude la carrellata un omaggio al siciliano di Sciacca, Vincenzo Nucci (1941-2015), a un anno dalla morte. Saranno presentati gli ultimi cinque quadri da lui realizzati, fino all’ultima isola che sorge dal mare, del febbraio 2015.

Oltre al ciclo di lezioni di Marco Goldin sulla Storia dell’impressionismo – realizzato con enorme successo a Treviso nel Teatro Comunale – una tournée teatrale di presentazione della mostra, si è svolta dal 20 aprile e la prima settimana di maggio, con lo stesso Goldin in alcuni dei maggiori teatri del nord Italia a raccontare, come sempre gli è capitato nell’ultimo decennio, la bellezza della pittura. La tournée sarà denominata “Generali Tour. Storia dell’impressionismo”, godendo dell’esclusivo sostegno proprio delle Generali. Vedrà sul palcoscenico, assieme a Goldin, attori e musicisti.

Orari mostre:
dal luna gio 9-18
da ven a dom 9-19

Biglietto 14 euro

Prenotazioni 0422 42 9999
www.lineadombra.it

Victoria and Albert Museum – A Londra – Da non perdere se amate l’arte

raffaello-la-pesca-miracolosa-672

Raffaello-La-pesca-miracolosa, paricolare.

arte-donatello-672-ascensione-consegna-delle-chiavi-a-san-pietro-bassorilievo

Donatello-Ascensione-consegna-delle-chiavi-a-San-Pietro.

edgar-degas-672-scena-di-ballo-particolare

Edgar-Degas-672-Scena-di-ballo-particolare.

antonio-canova-672-teseo-e-il-minotauro-particolare

Antonio-Canova-672-Teseo-e-il-Minotauro-particolare.

victoria-and-albert-museum-672-londra-facciata

La facciata del Victoria and Albert Museum.

gian-lorenzo-bernini-672-particolare-nettuno-e-tritone

Gian-Lorenzo-Bernini-672-particolare-Nettuno-e-Tritone.

john-constable-672-valle-di-stour-particolare

John-Constable-672-Valle-di-Stour-particolare.

john-constable-672-valle-di-sour-2-particolare

John-Constable-672-Valle-di-Sour-2-particolare.

john-constable-672-stidio-di-nuvole-particolare-victoria-and-albert-museum

John-Constable-672-Studio-di-nuvole-particolare.

Victoria and Albert Museum  Londra

Un museo che non sempre rientra nelle mete del turista frettoloso, ma se amate l’arte non potete perderlo.

Lo stesso edificio meriterebbe da solo la visita, ma il  contenuto è un tuffo, quanto mai ampio, nella storia dell’arte.

https://www.vam.ac.uk

 

 

Arte a Humlebæk – Copenhagen – Danimarca – GIACOMETTI al museo più bello del mondo

Un museo da vivere: Louisiana Museum of Modern Art

LOUISIANA MUSEUM OF MODERN ART :

-uno dei più importanti musei internazionali dedicati all’arte moderna e contemporanea.

Sulla costa della Selandia del Nord, a picco sul mare, circondato da un guardino  e un panorama che, da soli, meritano la visita.

Galleria Alberto Giacometti

Le opere di Alberto Giacometti costituiscono un grande pilastro della Collezione Louisiana.

La galleria, occupa due piani, e contiene la maggior parte delle figure più importanti dell’autore.

Humlebæk Copenhagen Danimarca

Humlebæk,, si trova a 35 minutri di treno da Copenaghen.

La collezione permanente del museo Luisiana è di 3.500 opere (di Giacometti, Asger Jorn, Picasso, Oldenburg tra gli altri).

Orari del Museo d’Arte Contemporanea Louisiana
Martedì – venerdì 11 – 22
Sabato, domenica e festivi 11-18
Lunedì chiuso

luisiana.dk

Arte – In memoria di un grande artista che ha amato l’Italia – Kengiro Azuma grandissimo scultore: poco rumore e tanta vera arte

Vogliamo rendere omaggio ad un uomo che ha amato l’Italia e, senza far rumore, come per tutta la sua vita, se ne è andato.

Un lutto per tutti coloro che amano l’arte e sanno riconoscere i veri talenti.

Kengiro Azuma, è morto nella notte tra venerdì 14 e sabato 15 ottobre, nel sonno, nella sua abitazione. Aveva novant’anni.

Arruolato come pilota durante la Seconda Guerra Mondiale era destinato a diventare un kamikaze, ma la fine della guerra gli salvò la vita.

Si formò come artista all’Università di Tokyo tra 1949 e 1953, dove ottenne una borsa di studio per l’ Italia nel 1956. Qui giunse, ancora giovanissimo, dopo aver conosciuto la scultura di Marino Marini.

Divenne poi allievo di Marini, presso l’ Accademia delle Belle Arti di Brera.

arte gaipponese in Italia Kengiro Azuma arte giapponese in Italia Kengiro Atzuma arte scultore giapponese in Italia sd Kengiro Atzuma Kengiro Atzuma arte artista giapponese in Italia s

DI LUI AVEVAMO SCRITTO:

Azuma Kenjirō, (italianizzato in Kengiro Azuma) è, nato a Yamagata, il 12 marzo 1926, ed è uno scultore e pittore giapponese naturalizzato italiano.

La sua è una famiglia di artigiani del bronzo; il padre creava campane per i templi in Giappone.

Alla fine della seconda guerra mondiale, quando in Giappone si copre l’umanità  dell’imperatore, considerato sino ad allora di origine divina, causò uno shock in tutta la popolazione;  Azuma percepì un grande vuoto spirituale e cominciò ad interessarsi all’arte.

Si laureò in scultura all’Università di Tokyora nel 1953 e nel 1956 con una borsa di studio dal governo italiano si stabilisce nel nostro Paese.

Una volta giunto a Milano, diviene allievo di Marino Marini all’Accademia di Belle Arti di Brera; poi suo assistente.

Le sue opere solo una  sintesi tra l’arte Zen e le lezioni di Marino Marini e Fontana.

Nel 1962 partecipa alla mostra Sculture  organizzata da Giovanni Carandente nell’ambito del V Festival dei Due Mondi a Spoleto.

In occasione di questa importante manifestazione internazionale,  Kengiro Azuma presenta l’opera MU in gesso patinato.

E’ da questo momento che tutte le sue opere prendono il nome di “MU” con numero, a fianco intero per le sculture, e 0 per i rari dipinti, come il MU 0.000 è il nome del primo dipinto del 1961; ora ai Musei Vaticani, o il MU 0.103 per una collezione privata.

Kengiro Azuma ha insegnato alla Nuova Accademia di Belle Arti di Milano tra il  1980 e il  1990.

Oggi Kengiro Azuma, vive e lavora a Milano.

Nel 2015, dopo aver esposto opere permanenti in diverse città nrl mondo, ha presentato la sua  la prima opera a Milano nel piazzale del Cimitero Monumentale; la MU 141.

Considerato troppo moderno e difficile da capire, ora  il suo stile ha finalmente attirato l’attenzione che merita; anche per una sua svolta stilistica che lo ha maggiormente avvicinato al suoPese di origine.

Il maestro Kengiro Azumastato è stato premiato dall’imperatore del Giappone, premio “Shijuhosho”, nel 1995.

 A Matera, davanti a Palazzo LanfranchiUna, si incontra una sua importante e famosa scultura: “La Goccia” .

Nel Parco Naturale di Montemarcello e della Magra, frazione di Ameglia – La Spezia,  si può ammirare  la scultura “Il Sogno”.