Archivi categoria: malattie tropicali

Salute virus Zika – Lavoro scientifico sul virus Zika e preziose informazioni

Infezione Zika: completamente asintomatica in circa l’80% dei casi.

Virus Zika contagi e conseguenze

Trasmissione più sostenuta dell’epidemia nelle aree più tropicali, che favoriscono la presenza costante della zanzara durante tutto l’anno, e in quelle con afflusso sostenuto di voli aerei nazionali e internazionali …  la percentuale di casi nella popolazione varia dal 5% in Messico al 49% ad Haiti … percentuale di casi in Brasile, lo stato maggiormente popolato, è stimata attorno al 18%, con un numero di casi di microcefalia neonatale che varia da 1300 a 6200 … gli autori stimano che il numero di casi di Zika importati negli Stati Uniti potrebbe essere di circa 60.000 …

FBK sul virus Zika
pubblicato dalla rivista internazionale PNAS

(v.l.) Altro importante riconoscimento internazionale per la Fondazione Bruno Kessler nell’ambito degli studi sulla diffusione dei virus.

I risultati di un lavoro scientifico sul virus Zika condotto dai ricercatori FBK Stefano Merler e Piero Poletti, in collaborazione con la Fondazione ISI di Torino, l’Università Northeastern di Boston, l’Università della Florida e l’Università di Washington, sono stati pubblicati sull’ultimo numero della rivista PNAS (Proceedings of the National Academy of Sciences), una delle più citate al mondo nel campo della ricerca.

Il virus Zika è trasmesso principalmente dalle zanzare Aedes.

L’infezione nell’uomo si manifesta generalmente con sintomi molto blandi, come febbre leggera, rash cutaneo o congiuntivite, ed è completamente asintomatica in circa l’80% dei casi.

Ciò nonostante, ha generato molto allarme l’associazione tra virus Zika e casi di microcefalia osservati in neonati da madri infette durante la recente epidemia del 2015-2016 in Sudamerica.

Lo studio “Spread of Zika virus in the Americas” a cui ha partecipato FBK ha analizzato le cause della complessa diffusione spazio-temporale del virus in Sudamerica e stimato quante persone hanno contratto l’infezione e quanti sono i possibili casi di microcefalia neonatale nei diversi paesi del Sudamerica, “anche se”, specifica Merler “le stime sul numero di microcefalie neonatali devono essere interpretate con estrema cautela in quanto c’è ancora molta incertezza su quale sia la reale probabilità di sviluppare questi deficit a seguito dell’infezione da virus Zika durante il periodo di gravidanza”.
“Questi risultati”, spiega Merler, “sono stati ottenuti dall’analisi di un complesso modello matematico di diffusione del virus Zika e sono cruciali per comprendere da un lato le complesse dinamiche che regolano la diffusione delle malattie infettive e dall’altro per valutare con maggior accuratezza il rischio di contrarre l’infezione a seguito di viaggi nelle aree affette, con particolare riguardo per le donne incinte.

Nel lavoro si dimostra che l’andamento spazio-temporale dell’epidemia è stato determinato principalmente da fattori climatici e legati alla mobilità umana. In particolare, sono stati registrati un avvio anticipato e una trasmissione più sostenuta dell’epidemia nelle aree più tropicali, che favoriscono la presenza costante della zanzara durante tutto l’anno, e in quelle con afflusso sostenuto di voli aerei nazionali e internazionali.

Di conseguenza, le stime del numero d’infezioni sono molto eterogenee: la percentuale di casi nella popolazione varia dal 5% in Messico al 49% ad Haiti.

La percentuale di casi in Brasile, lo stato maggiormente popolato, è stimata attorno al 18%, con un numero di casi di microcefalia neonatale che varia da 1300 a 6200.

Inoltre, gli autori stimano che il numero di casi di Zika importati negli Stati Uniti potrebbe essere di circa 60.000.

“Per quanto riguarda il futuro dell’epidemia”, spiega Merler, “è probabile che l’incidenza cali notevolmente, seguendo l’evoluzione tipica verso lo stato endemico di altre malattie trasmesse dalle zanzare Aedes, come Dengue o Chikungunya”.

I ricercatori FBK hanno condotto anche in passato importanti lavori scientifici sul virus Zika, pubblicati dalla rivista scientifica Eurosurveillance, sulla valutazione del rischio di trasmissione locale del virus Zika.

Link allo studio scientifico pubblicato su PNAS: http://www.pnas.org/content/early/2017/04/24/1620161114

VACANZE AI TROPICI? PERICOLO DENGUE e ZIKA

Più sotto: VIRUS ZIKA – IL VIRUS ZIKA è SOTTOVALUTATO

——-

DENGUE

Due quinti della popolazione mondiale sia a rischio di dengue.

Le zanzare femmine possono trasmettere l’infezione alle generazioni successive.

L’uomo è ospite amplificatore dell’infezione insieme ad alcune scimmie

La misura preventiva più efficace contro la Dengue e altre malattie molto diffuse nei paesi tropicali mete di viaggi (es. Chikungunya e malaria) :

-evitare di entrare in contatto con le zanzare vettore di queste malattie.

-con l’uso di repellenti, vestiti adeguati e protettivi, zanzariere e tende.

La forma classica di dengue:

-regredisce in 3-10 giorni, anche senza assunzione di farmaci
La forma emorragica di dengue è una variante grave della malattia, che può essere letale.

Misure volte ad eliminare o a ridurre l’infestazione delle zanzare (vettore della dengue):

  1. Bonifica delle aree con elevata densità di popolazione
  2. Rispetto delle norme igienico-sanitarie
  3. Rimozione dei rifiuti urbani
  4. Smaltimento delle acque di fogna
  5. Disinfezione
  6. Applicare sulla cute repellenti per zanzare (a base di dimetilftalato ogni 2-3 ore)
  7. Spruzzare insetticidi (formulati con piretro) nelle stanze

Il rispetto di queste semplici regole diminuisce di molto il rischio di contrarre la dengue.

—  La prevenzione è SEMPRE il miglior farmaco

— Soprattutto in America Centrale e Meridionale, negli ultimi decenni, la Dengue si è imposta come emergenza di sanità pubblica.

Vettore primario per questa malattia è

una zanzara espansa in tutti i tropici e  zone urbane.

-Il processo di urbanizzazione, lasciando la popolazione senza acqua, fognature e sistemi di recupero dei rifiuti, ha favorito la formazione di nuovi luoghi dove la zanzara può insediarsi, velocizzando l’espandersi dell’infezione.

Agente infettivo

Si tratta di un virus della famiglia dei Flaviviridae.

Quattro sono i principali sierotipi molto simili tra loro: DEN-1, DEN-2, DEN-3, and DEN-4.

Ciclo vitale

La puntura delle zanzare che hanno, a loro volta, punto una persona infetta.

Non c’è contagio diretto tra esseri umani, ma l’uomo è il principale ospite del virus.

Il virus resiste nel sangue della persona infetta per 2-7 giorni, è questo il  periodo in cui la zanzara può prelevarlo e trasmetterlo ad altri uomini.

Quando il virione entra nel sangue va a legarsi alle membrane cellulari dell’ospite stesso.

Il virione rimane momentaneamente bloccato nella cellula ospite all’interno di una vescicola.

Poi avviene la fusione fra la membrana cellulare e l’involucro esterno del virione.

Dopo la fusione il virus perde il rivestimento esterno e comincia la traduzione del suo genoma.

Il risultato finale sono i virioni che si accumulano nelle cellule dell’ospite.

Alla fine avviene la fusione delle vescicole contenenti i virioni con le membrane delle cellule plasmatiche.

 Da ora in poi  le particelle sono  libere di infettare altre cellule.

Distribuzione

L’Organizzazione mondiale della sanità ci avverte che la dengue causa circa 50 milioni di casi ogni anno in tutto il mondo;

– la maggior parte dei quali nei continenti del sud del mondo, in particolare nelle zone tropicali e subtropicali.

La  malattia è drasticamente aumentata negli ultimi anni, tanto che la dengue è divenuta endemica in più di 100 Paesi del sud del mondo.

-Le Americhe, il sud est asiatico, le isole del pacifico occidentale, l’Africa e il mediterraneo occidentale.

-L’Oms stima che i due quinti della popolazione mondiale sia a rischio di dengue.

Nell’Europa continentale non abbiamo le condizioni per un aumento della diffusione della malattia; se escludiamo i pazienti che ritornano dopo aver acquisito l’infezione all’estero.

 Dal 1999 TropNetEurop ha riportato 1117 casi di dengue fra i viaggiatori europei.

Le infezioni sono state contratte (in ordine di numeri di infettati), in

-India,

-Thailandia,

– Indonesia,

– Messico e

-Brasile.

Secondo l’Ecdc “Dengue Ferver: Short epidemiological update, 2009”, tra gennaio e giugno 2009 sono stati riscontrati

— nelle Americhe un totale di 480.909 casi di dengue, compresi

— 7547 casi di febbre emorragica da dengue,

— 189 decessi;

— 91% di questi casi è stato segnalato in 

— Argentina, Bolivia, Brasile e Colombia.

Trasmissione

La trasmissione avviene attraverso la puntura di diversi tipi di zanzare di

-genere Stegomyia che si nutrono durante il giorno.

Vettore principale è la

-Aedes aegypti.

Una volta infetta, la zanzara rimane tale per tutta la vita. 

L’uomo infetto si ritrova il virus circolante nel proprio sangue e la zanzara  nutrendosi del sangue infetto è infettata quindi dall’uomo.

L’uomo è quindi ospite 

-amplificatore dell’infezione insieme ad alcune scimmie possono fungere da fonte dell’infezione.

Le zanzare femmine possono trasmettere l’infezione alle generazioni successive.

Da  1/2 giorni a 15 giorni per la Dengue, esordio improvviso per le febbre emorragica.

Sintomi

Si presenta con la febbre di un’influenza.

I bambini hanno anche delle reazioni cutanee.

 Adolescenti e gli adulti possono avere febbre più leggera, sono più comuni;

-febbre alta,

-mal di testa,

-dolore agli occhi,

-dolore alle articolazioni e ai muscoli con reazioni cutanee.

La febbre emorragica da Dengue (DHF), è una infezione molto seria e potenzialmente fatale.

La DHF presenta: febbre alta, fenomeni emorragici, ingrossamento del fegato e collasso del sistema circolatorio:

-febbre  accompagnata da arrossamenti facciali persistente per 2-7 giorni,

-convulsioni febbrili e fenomeni emorragici.

Se la malattia non viene curata, il paziente può subire uno

-shock (DSS) con pulsazioni rapide e lente,

-segue il collasso circolatorio che si presenta con

-pelle fredda ed echimosi.

-Il paziente non ospedalizzato e curato adeguatamente, può morire in 12-24 ore.

-Il tasso di letalità della febbre emorragica dengue può variare dal 6 al 30%;

-la maggior parte dei decessi si verifica nei neonati con meno di 1 anno.

Diagnosi

La sintomatologia, può essere

-confusa con

-la febbre da zecche del Colorado,

-il tifo,

-febbre gialla e con altre febbri emorragiche.

La diagnosi sierologica  è resa difficile da reazioni crociate con altri flavivirus.

L’OMS ha formulato ha formulato criteri clinici per la diagnosi

-esordio acuto di febbre alta e continua per 2-7 gg,

-manifestazioni emorragiche (incluso almeno un test della pinza emostatica)

-DOLORE NELLA PARTE POSTERIORE DELL’ORECCHIO

-almeno uno dei seguenti sintomi e segni:

-petecchie,

-porpora,

-ecchimosi,

– gengive sanguinanti,

-ematemesi o melena;

-epatomegalia;

-trombocitopenia ( 100000/ml);

-o emoconcentrazione (Htc aumentati del  20%).

I pazienti affetti da sindrome da shock da dengue presentano anche un polso rapido e debole con l’abbassamento della pressione ( 20 mm Hg) oppure

-ipotensione con cute fredda e umida e stato di agitazione.

Trattamento

Importante è il riposo assoluto a letto,

-uso di farmaci antipiretici

-somministrazione di liquidi per combattere la disidratazione

-nella maggior parte dei casi si guarisce  in due settimane.

-Purtroppo possono anche manifestarsi

-gravi emorragie in diverse parti del corpo che possono causare veri e propri collassi e, in rari casi, risultare fatali.

Il vaccino dovrebbe essere disponibile entro alcuni anni.

Costa Rica

Le autorità sanitarie del Costa Rica hanno riferito un calo del 75 per cento nei casi di febbre dengue rispetto allo stesso periodo nel 2013. 

Dati del ministero della Sanità:

-tra il 1 gennaio e il 18 luglio, 

-4602 persone si sono ammalate per la dengue.

“I dati mostrano che continuiamo a lavorare bene per quanto riguarda la dengue”,ha detto  il direttore di epidemiologica della Sicurezza presso il Ministero della Salute, Maria Ethel Trejos. 

Nonostante i migliori risultati di quest’anno, alcune regioni del paese continuano ad avere una elevata incidenza del virus, come ad esempio le comunità caraibiche come Matina e la zona meridionale vicino al confine panamense. 

Trejos ha invitato il pubblico a eliminare le pozze d’acqua stagnante che possono diventare terreno fertile per la zanzara Aedes aegypti, che  possono anche trasmettere il chikungunya, un virus simile alla dengue. 

Il Costa Rica ha chiuso l’anno 2013 con un record di 49.993 casi di dengue, ma solo una persona ne è morta. 

La Dengue è apparsa in Costa Rica nel 1993 e da allora ha causato la morte di 23 persone. L’anno con il maggior numero di decessi è stato il 2007, con un totale di otto, secondo i dati ufficiali. 

SINGAPORE

a Singapore il numero di casi di dengue 

— continua ad aumentare, 

— oltre 1.000 casi di dengue oltre i dati  registrati il 10 luglio,                   (Agenzia nazionale per l’ambiente NEA). 

Dal sito web NEA 

– 11.225 casi di dengue sono stati segnalati dall’inizio del 2014.

Il sito spiega che ora ci sono 

-84 gruppi di dengue islandwide, 

-22 di questi considerati “ad alto rischio”. 

LA DENGUE E’ DIFFUSA ANCHE A BALI.

Brasile 

Sono andati in Brasile per vedere i mondiali, tornano a Forlì con la dengue.

Sono state attivate tutte le procedure di sorveglianza previste dal “Piano regionale per la prevenzione di Chikungunya e Dengue”  e sono stati attivati

-trattamenti di disinfestazione intorno alle abitazioni dei due soggetti ammalati.

SINGAPORE

Il Ministro dell’Ambiente e delle Risorse Idriche Vivian Balakrishnan ha spiegayo che il tasso di potenziale riproduzione delle zanzare 

-nei cantieri e 

-nelle case è ancora 

-“inaccettabilmente alto” e ha invitato la città di Singapore a prendere gli adeguati provvedimenti per le  case e i quartieri più colpiti. 

————————–

VIRUS ZIKA

IL VIRUS ZIKA è SOTTOVALUTATO

La Svizzera ha emanato un comunicato nel quale, a differenza di quanto letto in Italia, si spiega che il virus può essere presente anche se ad un test iniziale non risulti positivo. I test vanno ripetuti. Inoltre raccomandano le coppie che vogliono avere figli e che sono state in zone di pericolo di aspettare molto di più delle 3 settimane consigliate, al momento, in Italia.

Anche agli uomini che rientrano dal Brasile dopo le Olimpiadi e avendo avuto rapporti sessuali con donne locali, si consiglia un periodo ben superiore alle 3 settimane, si parla di almeno 9 mesi, prima di poter avere rapporti senza protezione.

———

Tredici Paesi hanno visto un aumento della Sindrome di Guillain-Barrè, un problema neurologico che colpisce gli adulti.

L’appello di 125 scienziati all’Oms: “Rinviare le Olimpiadi di Rio”; lettera a Margaret Chan, direttrice generale dell’Organizzazione mondiale della sanità è stato IGNORATO.

Ecco quanto è stato detto, prima delle Olimpiadi:

“Le segnalazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e le nuove scoperte scientifiche mettono in evidenza quanto sia serio questo problema – scrivono 125 esperti – . Per questo i Giochi di Rio del 2016 dovrebbero essere rinviati o organizzati altrove per una questione di Salute pubblica“.

“Lanciamo questo appello nonostante il fatalismo sulla questione e il convincimento che i giochi Olimpici in Brasile siano una questione troppo importante. La storia ci insegna che questo non è vero: i Giochi Olimpci del 1916, 1940, e 1944 non furono solo rimandati, ma cancellati”.

Per Tom Frieden, direttore del Center for Diseaes Control (Cdc) statunitense, non ci sono LE CONDIZIONI per un rinvio o una cancellazione. “I rischi per le delegazioni e gli atleti non sono nulli, ma nessun viaggio ha rischio nullo” … !!!

Gli interessi economici PER LE OLIMPIADI 2016 IN BRASILE HANNO LA PREVALENZA SULLA SICUREZZA DELL’UMANITA’ ??

Chi dovrebbe informarci correttamente a livello internazionale ha già sbagliato le sue previsioni per quanto riguarda: EBOLA e MOLTE ATRE MALATTIE TROPICALI.

SOTTOVALUTANDO ALL’INIZIO IL RISCHIO DI CONTAGIO E QUINDI FAVORENDO LA DIFFUSIONE DEL VIRUS.

Secondo il bollettino Oms 60 paesi, nel mondo, hanno già segnalato una trasmissione autoctona del virus, di cui 10 per via sessuale. 

A questi si sono recentemente aggiunti preoccupanti casi a Mami (USA)  e in altre parti del mondo.

Preoccupa l’arrivo di Zika a Capo Verde.

——-

SINDROME DI GUILLAIN-BARRÈ legata anche al virus Zika ?

E’è stato osservato che la malattia di solito appare giorni o settimane dopo una infezione del tratto respiratorio o digerente. Fattori scatenanti possono essere anche un recente intervento chirurgico od una vaccinazione in soggetti predisposti.

È invece notizia più recente che anche il contagio da virus ZIKA ne è un importante fattore di rischio.

Cresce il numero di quelli che hanno registrato malformazioni fetali attribuibili all’infezione, ormai dieci, mentre casi sono sotto indagine a Porto Rico e Venezuela.

Rararo disturbo in cui il sistema immunitario attacca il sistema nervoso dell’organismo. Debolezza e formicolio alle estremità sono, generalmente, i primi sintomi.

Tredici paesi hanno visto un aumento della Sindrome di Guillain-Barrè, un problema neurologico che colpisce gli adulti.

Le cause esatte non sono conosciute, frequentemente si riscontra una precedente infezione (alle vie respiratorie, all’apparato gastrointestinale, …).

Ad oggi non esiste cura.

——

LE NORME DEL NOSTRO MINISTERO SONO TROPPO RASSICURANTI ??? !!!

Norme del nostro Ministero per VIAGGIARE SICURI

Viaggiatori che visitano questi Paesi dovrebbero avvalersi di misure di prevenzione individuale contro le punture di zanzara al chiuso e all’aperto, soprattutto dall’alba al tramonto.

Si consiglia pertanto di:

Utilizzare repellenti per zanzare in conformità con le istruzioni indicate sull’etichetta del prodotto. Repellenti a base DEET non sono raccomandati in presenza di bambini sotto i tre mesi di età, mentre possono essere utilizzati senza controindicazioni specifiche da donne in gravidanza.

Indossare indumenti di colore chiaro che coprano la maggior parte del corpo, soprattutto durante le ore in cui il tipo di zanzara che trasporta il virus Zika (Aedes) è più attivo

Dormire o riposarsi in camere schermate o climatizzate e utilizzare zanzariere, anche durante il giorno

Ulteriori informazioni sulle misure di prevenzione delle punture di insetto sono presenti nella sezione dedicata

I viaggiatori che presentano sintomi compatibili con la malattia da Zika virus entro le tre settimane dal ritorno da aree in cui è stata riportata trasmissione locale del virus, sono invitati a contattare il proprio medico avendo cura di riferire del loro recente viaggio.

Le donne in stato di gravidanza e i viaggiatori accompagnati da bambini piccoli devono consultare il proprio medico prima della partenza, al fine di valutare i rischi collegati al viaggio ed ottenere raccomandazioni sull’uso di repellenti e altre misure preventive.

Alle donne in gravidanza, e a quelle che stanno cercando una gravidanza si consiglia il differimento (rinvio) di viaggi non essenziali verso tali aree.

Le donne in stato interessante che hanno viaggiato in aree in cui è stata riportata trasmissione locale del virus Zika, devono dar notizia del loro viaggio durante le visite prenatali al fine di essere valutate e monitorate in modo appropriato.

Ai donatori di sangue, che abbiano soggiornato nelle aree dove si sono registrati casi autoctoni d’infezione di virus Zika, si raccomanda di attenersi al criterio di sospensione temporanea della donazione per 28 giorni dal ritorno da tali aree [ A NOI PARE UNA MISURA ESTREMAMENTE DEBLE ], nell’ambito delle misure di prevenzione della trasmissione trasfusionale, le indicazioni sono consultabili alla pagina http://www.centronazionalesangue.it/notizie/sorveglianza-zika-virus-002

Ai viaggiatori con disturbi del sistema immunitario o con gravi malattie croniche si consiglia il differimento dei viaggi o, quantomeno, un’attenta valutazione con il proprio medico curante prima di intraprendere il viaggio verso tali aree.

Si raccomanda agli uomini di ritorno di adottare pratiche sessuali sicure (p.es uso del preservativo), per almeno 8 settimane dopo il loro ritorno, anche in assenza di sintomi clinici, per evitare il rischio di ulteriore trasmissione anche in assenza di sintomi clinici, per evitare il rischio di ulteriore trasmissione.

Salute – VIRUS ZIKA SOTTOVALUTATO – RISCHIO CONCRETO – OLIMPIADI DOVREBBERO ESSERE RINVIATE

E’ quanto mai attuale l’articolo che avevamo pubblicato il 21.6.16:

IL VIRUS ZIKA è SOTTOVALUTATO

Tredici Paesi hanno visto un aumento della Sindrome di Guillain-Barrè, un problema neurologico che colpisce gli adulti.

Appello di 125 scienziati all’Oms: “Rinviare le Olimpiadi di Rio”; lettera a Margaret Chan, direttrice generale dell’Organizzazione mondiale della sanità.

Le segnalazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e le nuove scoperte scientifiche mettono in evidenza quanto sia serio questo problema – scrivono 125 esperti – . Per questo i Giochi di Rio del 2016 dovrebbero essere rinviati o organizzati altrove per una questione di Salute pubblica“.

“Lanciamo questo appello nonostante il fatalismo sulla questione e il convincimento che i giochi Olimpici in Brasile siano una questione troppo importante. La storia ci insegna che questo non è vero: i Giochi Olimpci del 1916, 1940, e 1944 non furono solo rimandati, ma cancellati”.

Per Tom Frieden, direttore del Center for Diseaes Control (Cdc) statunitense, non ci sono LE CONDIZIONI per un rinvio o una cancellazione. “I rischi per le delegazioni e gli atleti non sono nulli, ma nessun viaggio ha rischio nullo” … !!!

Gli interessi economici PER LE OLIMPIADI 2016 IN BRASILE AVREBBERO LA PREVALENZA SULLA SICUREZZA DELL’UMANITA’ … !!!

Chi dovrebbe informarci correttamente a livello internazionale ha già sbagliato le sue previsioni per quanto riguarda: EBOLA e MOLTE ATRE MALATTIE TROPICALI.

SOTTOVALUTANDO ALL’INIZIO IL RISCHIO DI CONTAGIO E QUINDI FAVORENDO LA DIFFUSIONE DEL VIRUS.

Da quanto si apprende, scritto anche da diversi media, anche per il virus Zika; gli interessi economici PER LE OLIMPIADI 2016 IN BRASILE AVREBBERO LA PREVALENZA SULLA SICUREZZA DELL’UMANITA’ … !!!

Secondo il bollettino Oms 60 paesi, nel mondo,  hanno già segnalato una trasmissione autoctona del virus, di cui 10 per via sessuale.

Preoccupa l’arrivo di Zika a Capo Verde.

——-

SINDROME DI GUILLAIN-BARRÈ legata anche al virus Zika ?

E’è stato osservato che la malattia di solito appare giorni o settimane dopo una infezione del tratto respiratorio o digerente. Fattori scatenanti possono essere anche un recente intervento chirurgico od una vaccinazione in soggetti predisposti.

È invece notizia più recente che anche il contagio da virus ZIKA  ne è un importante fattore di rischio.

Cresce il numero di quelli che hanno registrato malformazioni fetali attribuibili all’infezione, ormai dieci, mentre casi sono sotto indagine a Porto Rico e Venezuela.

Rararo disturbo in cui il  sistema immunitario attacca il sistema nervoso dell’organismo. Debolezza e formicolio alle estremità sono, generalmente, i primi sintomi.

Tredici paesi hanno visto un aumento della Sindrome di Guillain-Barrè, un problema neurologico che colpisce gli adulti.

Le cause esatte non sono conosciute, frequentemente si riscontra una precedente infezione (alle vie respiratorie, all’apparato gastrointestinale, …).

Ad oggi non esiste cura.

——

LE NORME DEL NOSTRO MINISTERO SONO TROPPO RASSICURANTI ??? !!!

Norme del nostro Ministero per VIAGGIARE SICURI

Viaggiatori che visitano questi Paesi dovrebbero avvalersi di misure di prevenzione individuale contro le punture di zanzara al chiuso e all’aperto, soprattutto dall’alba al tramonto.

Si consiglia pertanto di:
Utilizzare repellenti per zanzare in conformità con le istruzioni indicate sull’etichetta del prodotto. Repellenti a base DEET non sono raccomandati in presenza di bambini sotto i tre mesi di età, mentre possono essere utilizzati senza controindicazioni specifiche da donne in gravidanza.

Indossare indumenti di colore chiaro che coprano la maggior parte del corpo, soprattutto durante le ore in cui il tipo di zanzara che trasporta il virus Zika (Aedes) è più attivo

Dormire o riposarsi in camere schermate o climatizzate e utilizzare zanzariere, anche durante il giorno

Ulteriori informazioni sulle misure di prevenzione delle punture di insetto sono presenti nella sezione dedicata

I viaggiatori che presentano sintomi compatibili con la malattia da Zika virus entro le tre settimane dal ritorno da aree in cui è stata riportata trasmissione locale del virus, sono invitati a contattare il proprio medico avendo cura di riferire del loro recente viaggio.

Le donne in stato di gravidanza e i viaggiatori accompagnati da bambini piccoli devono consultare il proprio medico prima della partenza, al fine di valutare i rischi collegati al viaggio ed ottenere raccomandazioni sull’uso di repellenti e altre misure preventive.

Alle donne in gravidanza, e a quelle che stanno cercando una gravidanza si consiglia il differimento di viaggi non essenziali verso tali aree.

Le donne in stato interessante che hanno viaggiato in aree in cui è stata riportata trasmissione locale del virus Zika, devono dar notizia del loro viaggio durante le visite prenatali al fine di essere valutate e monitorate in modo appropriato.

Ai donatori di sangue, che abbiano soggiornato nelle aree dove si sono registrati casi autoctoni d’infezione di virus Zika, si raccomanda di attenersi al criterio di sospensione temporanea della donazione per 28 giorni dal ritorno da tali aree, nell’ambito delle misure di prevenzione della trasmissione trasfusionale, le indicazioni sono consultabili alla pagina http://www.centronazionalesangue.it/notizie/sorveglianza-zika-virus-002

Ai viaggiatori con disturbi del sistema immunitario o con gravi malattie croniche si consiglia il differimento dei viaggi o, quantomeno, un’attenta valutazione con il proprio medico curante prima di intraprendere il viaggio verso tali aree.

Si raccomanda agli uomini di ritorno di adottare pratiche sessuali sicure (p.es uso del preservativo), per almeno 8 settimane dopo il loro ritorno, anche in assenza di sintomi clinici, per evitare il rischio di ulteriore trasmissione anche in assenza di sintomi clinici, per evitare il rischio di ulteriore trasmissione.

SALUTE CHE FUNZIONA – Non più attese per visite mediche e … costa meno del tiket – Santagostino Poliambulatorio Specialistico

Basta code e attese di mesi per avere un esame o una visita medica ... funziona benissimo e … costa meno di un tiket E’ POSSIBILE ?

— SI

Il Centro Medico Santagostino è una realtà sanitaria innovativa, che offre salute accessibile e di qualità in oltre 40 specialità.

SENZA FONDI PUBBLICI: si tratta solo di una gestione dove tutti guadagnano e accettano delle regole economiche moralmente ragionevoli (anche per il cliente).

Un’offerta di qualità in cui il prezzo è un ulteriore elemento di valore. Qualche esempio? Visite specialistiche a 60 euro!

NIENTE ATTESE COSTA MENO DEL TIKET; qui è possibile accorpare diversi esami e/o visite specialistiche, per risolvere tutto  in una sola volta.

NE HA PARLATO ANCHE IL PROGRAMMA REPORT della brava giornalista Milena Gabbianelli.

Merita più di un’occhiata il sito  dei Centri Polispecialistici Santagostino a Milano, Sesto San Giovanni, Bologna …  http://www.cmsantagostino.it

NUMEROSI SEDI A MILANO (anche Sesto san Giovanni) E BOLOGNA.

Esempio di una sede di  Milano:

Piazza Sant’Agostino, 1,
Telefono:02 8970 1702
Orari: Oggi aperto · 08–21

CENTRO PRENOTAZIONI

Telefoni:

02 89 701 701

02 89 701 702

Dal lunedì al venerdì
dalle 8.00 alle 20.00.
Sabato dalle 8.30 alle 15.30.

PRENOTA VIA SMS

366 5860316

PRENOTA VIA WHATSAPP

344 1003172

PRENOTA VIA EMAIL

prenotazioni@cmsantagostino.it

INFORMATI VIA EMAIL

informazioni@cmsantagostino.it

EBOLA: CONOSCIAMOLA PER NON AVERNE PAURA.

Il 2014 sarà ricordato come un ‘‘annus horribilis“per il virus Ebola.

Il numero di morti accertati è di oltre 7.700 su un totale di quasi 20mila casi di contagio nei Paesi dell’Africa occidentale colpiti: Liberia, Sierra Leone e Guinea.

Oltre un miliardo di euro di aiuti sono stati impegnati  dall’Unione europea.

Un dramma umanitario ma anche economico che alla fine del 2015 potrebbe costare secondo la Banca Mondiale oltre 800 milioni di dollari.

———-

PRIMO: ATTENZIONE AI FACILI ALLARMISMI, NON CI SI AMMALA SE NON SI VIENE IN CONTATTO DIRETTO CON: MUCO, FECI, LACRIME, SALIVA, VOMITO, SANGUE.

I contatti sociali,  NON sono occasioni di trasmissione del virus.

Sino a poco tempo fa i casi di contagio con il virus dell’Ebola erano “solo” 1.400, per giunta limitati a zone africane molto arretrate e quindi economicamente non interessanti perché il marketing delle case farmaceutiche si muovesse con adeguati investimenti.

Ecco il vero motivo per il quale oggi ci troviamo farmologicamente impreparati ad affrontare l’Ebola.

Purtroppo la mente umana a volte gioca brutti scherzi.

Soprattutto quando dobbiamo affrontare qualcosa che non conosciamo bene, dentro l’animo umano si scatenano tutte le paure ancestrali che la parte razionale del nostro cervello non sempre riesce a dominare.
Con questo non si vuole sminuire il pericolo dell’Ebola, si vuole solo aiutare a considerarla per quello che è; uno dei tanti, gravi, rischi ai quali la vita ci sottopone.
Ogni estate prendiamo allegramente la nostra auto per affrontare lunghi viaggi che ci porteranno ad una località di vacanza.
Ogni anno la televisione trasmette una serie di incidenti mortali lungo quelle vie, ma non per questo partiamo terrorizzati che possa capitare a noi.
Sappiamo bene che il rischio esiste, ma ne conosciamo anche le misure e il nostro cervello rimane sereno perché ha deciso che è veramente scarsa la probabilità che capiti proprio a noi. Ecco un esempio di reale pericolo del quale conosciamo i termini e le dimensioni; siamo abituati ad averci a che fare ogni volta che saliamo su di un’automobile e ci fa meno paura.
Per l’Ebola è diverso, la maggioranza di noi non ha ancora ben capito i vari metodi di trasmissione, è un male esotico, arriva dalla lontana Africa, da oscure foreste che non abbiamo mai visto, ma che spesso riteniamo pericolose.
Eppure migliaia di uomini nascono e crescono nelle foreste pluviali e godono delle loro bellezze incomparabili.
Addirittura i più temerari di noi vi si avventurano, pagando anche viaggi molto costosi, ma sono una minoranza che almeno in teoria le ha studiate o ne ha letto, visto filmati e fotografie, ne conosce i pericoli e ritiene che non siano inferiori a quelli delle nostre giungle d’ asfalto.
Ovviamente è pure sbagliato, fatto realmente accaduto negli ultimi anni, ignorare il problema dell’Ebola.
E’ stato sbagliato avere considerato l’Ebola un affare che riguardasse una minoranza lontana da noi la quale, purtroppo, da molti occidentali non è mai stata considerata degna di attenzione.
Le case farmaceutiche non vi avevano visto nessun buon investimento, data la ristrettezza della zona colpita.
Il mondo globalizzato ci ha portato di fronte anche a queste realtà.
Non possiamo più permetterci di ignorare quello che accade lontano da noi e considerarlo qualcosa di assolutamente estraneo; da ignorare.
Tutto questo accade, nonostante molti di noi si professino credenti in un Dio misericordioso che riconosce tutti gli uomini come eguali.
Ma tornando alle paure esagerate, non dimentichiamo che tutto questo può limitare la nostra libertà di vita in una maniera sproporzionata.
Il pericolo reale è che qualcuno prenda questa occasione per soffiare sul fuoco, innescando i più perversi meccanismi di esclusione e razzismo; indotti da xenofobia.
Ricordiamo sempre che con più ne sappiamo del nostro nemico, in questo caso l’Ebola, meno ne avremo irrazionalmente paura.
Come spiegato negli articoli precedenti, il contagio avviene solo per contatto diretto, quindi non potremo ammalarci di Ebola anche se il nostro vicino di casa è contagiato. A meno che non viviamo insieme e lo curiamo. Cosa, al momento, quasi impossibile nel calcolo delle probabilità.

ALTRE INFORMAZIONI SU EBOLA: 

Ora che il virus ha raggiunto l’occidente è partita la corsa, da parte delle grandi case farmaceutiche, per produrre un vaccino.

Il virus Ebola si è sviluppato più velocemente di quanto le autorità avessero previsto ed è fuori controllo.

Al momento il paziente, negli USA, è stato curato con un siero messo a punto dagli anticorpi dei sopravvissuti, il cosiddetto siero Zmapp, dall’azienda californiana che lo produce.

Purtroppo la medicina internazionale non ha ancora messo a punto studi clinici che chiariscano quali siano i possibili effetti a lungo termine.

Comunque ci risulta che, al momento, le cure possibili, siano tutte derivate dagli anticorpi dei pazienti sopravvissuti.

COME AVVIENE IL CONTAGIO?

Per essere contagiati dall’Ebola si deve entrare in contatto diretto con i fluidi corporei di una persona visibilmente infetta. I fluidi che contengono il virus sono: muco, sangue, lacrime, saliva, vomito e feci.

QUANTO DURA L’INCUBAZIONE DLE VIRUS?

L’incubazione che può arrivare fino a 21 giorni tra il momento del contagio e la visibilità dei sintomi, min genere è di molto inferiore.

QUALI SONO I SINTOMI DELLA MALATTIA?

Febbre, mal di testa, senso di debolezza, dolori alle ossa e ai muscoli.

ATTENZIONE perché questi sintomi sono anche riscontrabili con altre malattie, molto meno pericolose dell’Ebola; solo gli esami possono dare un risultato certo.

SUCCESSIVAMENTE compaiono diarrea (talvolta con presenza di sangue), vomito, perdita di appetito e mal di stomaco.

————————————————————

PERCHE’ IN AFRICA CONTINUANO I CONTAGI?

-1a causa: la diffidenza da parte della popolazione locale verso la medicina occidentale

-La gente preferisce affidarsi alla medicina tradizionale

-Si cerca di nascondere i casi di persone infettate o si ricorre ai presidi medici solo quando il malato sta già molto male ed è ormai tardi per curarlo.

-I malati vengono curati in famiglia, per tradizione e uso locale, ciò, purtroppo, aumenta il diffondersi dell’epidemia”.

-Momento di contagio è anche il funerale: per tradizione, il lavaggio del cadavere è un aspetto importante, purtroppo ciò causa un contatto diretto con i fluidi corporei.

A PROPOSITO DI EBOLA ABBIAMO RICEVUTO QUESTO MESSAGGIO, MOLTO INTERESSANTE, DA PARTE DI UNA SERISSIMA ASSOCIAZIONE FRANCESE CHE SI OCCUPA DELLA DIFESA DEI DIRITTI DIE CITTADINI.

Un invito ad aiutare l’umanità, accettando di assumere rischi per gli altri esseri umani.

Cari amici, cari amici di Avaaz,

L’Ebola potrebbe presto minacciare tutti noi.

Per fermare l’epidemia, abbiamo urgente bisogno di volontari.

Se solo si trovassero 120 medici tra noi come volontari, questo raddoppierebbe il numero di medici attualmente in Sierra Leone.

Altre giurisdizioni – in materia di salute, igiene e la logistica – potrebbero anche aiutarci.

Questo messaggio è un invito ad aiutare l’umanità, accettando di assumere rischi per gli altri esseri umani.

In tre settimane abbiamo avuto mail da centinaia di migliaia di persone che hanno dimostrato quanto gli stia a cuore la lotta contro il cambiamento climatico offline. L’azione offline è un’altra volta il metodo che useremo questa settimana per frenare Ebola.

Ogni 2 o 3 settimane, il numero di casi di contaminazione è doppio nell’Africa occidentale, e secondo le ultime stime, 1,4 milioni di persone potrebbero aver contratto il virus da metà gennaio. A questo ritmo, questo mostro minaccia il mondo intero.

I precedenti focolai di Ebola sono stati tutti contenuti e limitati ad un piccolo numero di casi, ma i sistemi sanitari dei paesi dell’Africa occidentale sono stati sopraffatti dalla virulenza e ampiezza dell’epidemia.

La Liberia ha meno di un medico per 100.000 persone.

I governi potrebbero fornire fondi, MA mancano ancora i professionisti sanitari adeguatamente formati per affrontare il flagello.

E questo è dove operiamo.

39 milioni di persone riceveranno questo messaggio.

I nostri sondaggi mostrano che il 6% di noi sono operatori sanitari – medici o infermiere (s) – 2 milioni di membri di Avaaz.

Se solo 120 medici si offrissero volontari, raddoppierebbero il numero di medici in Sierra Leone.

Altri volontari possono anche aiutarci – tecnici di laboratorio, logisti, esperti di igiene e professionisti del trasporto.

Volontariato, questo significa ovviamente tempo che donate all’umanità..

Ci sono rischi. Il virus Ebola è altamente contagioso. Molti operatori sanitari sono già morti dopo aver lottato contro il virus.

Ma se c’è un gruppo di persone che possono prendere il rischio per gli altri esseri umani, è la nostra comunità. Io e alcuni membri del team di Avaaz, siamo disposti a condividere il rischio con voi e vi accompagneremo in prima linea di questa crisi.

Se sei un operatore sanitario, o hai altre abilità per intervenire in Africa occidentale, ti chiedo di dedicarci un momento per ascoltare dentro te stesso e seguire la tua ispirazione.

Il link sottostante ti serve se vuoi impegnarti come volontariato, visualizzazione di messaggi da altri volontari o semplicemente lasciare loro una nota di incoraggiamento:

https://secure.avaaz.org/fr/ebola_volunteers_thank_you_3/?bLTjkib&v=47389

Per essere volontario dovrai padroneggiare la lingua inglese o francese, e dovrai ricevere e fornire un sacco di informazioni, PER SVOLGERE AL MEGLIO il lavoro.

Probabilmente avrai bisogno di discutere la tua decisione con la famiglia SAPPI CHE CI SI PUO’ RITIRARE dal processo di selezione in qualsiasi momento.

Avaaz sta lavorando con Partners in Health, Save the Children e la International Medical Corps, tre organizzazioni in prima linea nella lotta contro questa malattia mortale. Siamo anche in contatto con i governi di Liberia, Sierra Leone e la Guinea e l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Il virus Ebola si trasmette attraverso il contatto fisico, il che significa che se questi contatti sono gestiti con grande meticolosità, il rischio di contaminazione può essere minimizzato.

Ad oggi, più di 94 operatori sanitari sono morti dopo aver contratto il virus in Liberia, ma era per quasi tutti i lavoratori locali.

Purtroppo, essi sono meno attrezzati dei volontari internazionali. Le probabilità di sopravvivenza di un paziente infetto sono il 50% con il trattamento adeguato.

Molti di noi fanno un lavoro che ci fa rischiare la nostra vita per il nostro Paese: la polizia, attivisti, militare …

E ‘l’espressione più sincera di ciò per cui vale la pena vivere. Rischiare la sua vita per combattere contro Ebola, è la stessa cosa: questo equivale a dire che gli altri esseri umani come sono, meritano IL TUO IMPEGNO

https://secure.avaaz.org/fr/ebola_volunteers_thank_you_3/?bLTjkib&v=47389

Se il virus Ebola continua a crescere fuori controllo, potremmo presto essere tutti minacciati.

A causa del sistema sanitario fragile di un paese povero, questo mostro è stato in grado di espandersi per minacciare il mondo.

Ciò dimostra come siamo tutti interdipendenti.

Ma questa interdipendenza va ben oltre gli interessi solo privati​​.

Siamo tutti collegati all’interno di una comunità di esseri viventi.

Tutte le bugie che ci dividono – sulla nazionalità, la religione o la sessualità – vengono ridimensionate, e noi a poco a poco ci rendiamo conto che tutti siamo veramente un unico popolo.,

Una giovane madre e sua figlia in Liberia hanno paura e amano le stesse cose che una giovane madre e sua figlia in Brasile o nei Paesi Bassi.

Dal buio più profondo scaturisce la luce più luminosa.

Con speranza e determinazione,

Ricken, John, Alice, Danny e tutto il team Avaaz

Informazioni

Secondo il Centro per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie Infettive, 1,4 milioni di persone avrebbero potuto essere infettati con il virus Ebola entro gennaio (The Guardian, inglese)

http://www.theguardian.com/society/2014/sep/23/ebola-cdc-millions-infected-quarantine-africa-epidemic

Cronologia di nota e crescente epidemia di casi di Ebola (Centro di controllo e prevenzione delle malattie infettive, in inglese)

http://www.cdc.gov/vhf/ebola/outbreaks/history/chronology.html

Ebola divora tutto sul suo cammino ‘(Al Jazeera English)

http://www.aljazeera.com/news/africa/2014/09/ebola-divora-tutto-percorso-201499161646914388.html

Il tasso di mortalità di Ebola è stato del 70% – studio dell’OMS (BBC – English)

http://www.bbc.com/news/world-africa-29327741

Il numero di operatori sanitari infettati con il virus Ebola ha raggiunto il picco (OMS, in inglese)

http://www.who.int/mediacentre/news/ebola/25-agosto-2014/en/

Il mondo intensifica gli sforzi contro Ebola (BBC)
http://sante.lefigaro.fr/actualite/2014/10/08/22882 loro-sforzi-contro-ebola mondo-intensifica-

EBOLA: TUTTI DOBBIAMO CONTRIBUIRE, ANCHE CON POCHISSIMO !

L’EBOLA E’ UN PROBLEMA CHE RIGUARDA TUTTO IL MONDO.
In questo momento l’ONU prevede 10.000 nuovi casi di Ebola a settimana.
I governi stanno iniziando a muoversi MOLTO lentamente !

Altre informazioni per capire quanto l’Ebola sia pericolosa e come evitarla al link:

http://www.donnecultura.eu/?p=15864

— l’ONU dice che dobbiamo solo settimane per contenere questo o milioni possa essere minacciata.

DOBBIAMO RINGRAZIARE TUTTI DONNE E UOMINI CORAGGIOSI CHE SONO SUL POSTO PER SALVARCI DA QUELLA CHE POTREBBE ESSERE UNA MALATTIA MORTALE CHE COLPISCE CHIUNQUE IN TUTTO IL MONDO.

SUL DIVENTA UN ERORE DELL’EBOLA CON UN PICCOLO DONO !
Materiali igienico-sanitari – guanti, sapone, cloro; dispositivi di protezione individuale (PPE) kit; ambulanze; e letti, attrezzature e forniture per il trattamento Centri Ebola.
E ‘praticamente penoso che la comunità internazionale non sia ancora riuscita a ottenere abbastanza di queste forniture BASILARI !
…Interi sistemi sanitari stanno crollando sotto lo sforzo. Operatori sanitari locali sono morti cercando di trattare i pazienti senza l’attrezzatura e il medicinale giusto.

NOTIZIE DAL SITO DI AVAAZ; una delle organizzazioni in prima linea nella guerra contro l’Ebola.

Nelle ultime due settimane, migliaia di membri coraggiosi del nostro movimento si sono offerti volontari per volare in Africa occidentale e contribuire a contenere il virus Ebola mortale.

UN ATTO DI EROISMO DI POCHI DONNE E UOMINI IN PRIMA LINEA.

E ‘un atto di eroismo e di un testamento per l’interdipendenza che tutti noi sentiamo come parte di questa comunità globale.

Ma non tutti noi potremmo viaggiare o avere le giuste competenze per aiutare, così Avaaz, una delle principali organizzazioni in prima linea, si è domandata

–come possano contribuire anche gli altri 39 milioni di noi per sostenere questi operatori sanitari per salvare vite umane e di arginare la diffusione.

La risposta è stata così semplice, tangibile:

—materiali igienico-sanitari – guanti, sapone, cloro; dispositivi di protezione individuale (PPE) kit; ambulanze; e letti, attrezzature e forniture per il trattamento Centri Ebola.

E ‘praticamente penoso che la comunità internazionale ancora non sia ancora riuscita a ottenere abbastanza di queste forniture BASILARI !.

— Ma TUTTI possiamo aiutare! I Kit di DPI costano $ 280 USD, meno di 230 euro, un’inezia per i bilanci di tante ricche società occidentali e non solo.

Quindi, fondamentalmente, se solo 50.000 di noi danno solo $ 20 USD in questo momento, possiamo comprare 10 ambulanze e 2.000 abiti protettivi.

Questa è la scena:
— interi sistemi sanitari stanno crollando sotto lo sforzo.
Operatori sanitari locali sono morti cercando di trattare i pazienti senza la marcia giusta.

E la risposta internazionale è stata inadeguata – alcune delle nazioni più ricche del mondo hanno commesso un minor numero di medici rispetto al numero di membri di Avaaz che si sono offerti di fare volontariato.

In questo momento l’ONU prevede 10.000 nuovi casi di Ebola a settimana, e ci sono solo 4.300 posti letto sono impegnati a trattarli!

I governi stanno lentamente iniziando a muoversi, grazie all’attenzione del pubblico intenso sulla crisi, ma la maggior parte non stanno fornendo abbastanza veloce.

La verità spaventosa è l’ONU dice che dobbiamo solo settimane per contenere questo o milioni possa essere minacciata.

È per questo che impegnarsi ora è così importante

– se tutti noi partecipassimo con pochissimo, Avaaz potrebbe fornire i fondi alziamo alle organizzazioni in prima linea a poche ore dal raggiungere il nostro obiettivo.

Ecco quello che abbiamo potuto fare l’acquisto:
$ 2 USD potevano acquistare sapone per prevenire l’infezione.
$ 29 USD in grado di fornire la formazione di un insegnante sulla prevenzione Ebola in modo che i bambini imparano come mantenere al sicuro dalla malattia.
$ 280 USD potrebbe pagare per un kit completo dispositivo di protezione individuale per consentire ai lavoratori sanitari di prima linea per la cura in modo più sicuro per le persone con Ebola.
$ 50,000 USD potevano acquistare, consegnare e attrezzare un’ambulanza.
$ 120,500 USD potrebbero fornire le attrezzature e le forniture necessarie per contribuire alla creazione di un centro di trattamento di 50 posti letto.
Avaaz sta lavorando con diverse organizzazioni umanitarie nel campo, e la consultazione con i governi della Liberia e Sierra Leone. Insieme, siamo in grado di sostenere chi nel bel mezzo della battaglia contro Ebola. Partecipa cliccando qui sotto. I nostri impegni saranno raccolti solo se alziamo abbastanza per fare la differenza:

— Gli eroi volontari di Avaaz hanno dimostrato che per ognuno di noi vale la pena rischiare tutto per salvare l’umanità.

Alice Mia, Ricken, Emma, Patricia, Ari, Emily e tutto il team di Avaaz RINGRAZIANO.

Informazioni:

https://secure.avaaz.org/it/ebola_volunteers_thank_you_3/?fpla

Fino a 1,4 milioni di persone potrebbero essere infettate con Ebola entro gennaio, CDC avverte (The Guardian)
http://www.theguardian.com/society/2014/sep/23/ebola-cdc-millions-infected-quarantine-africa-epidemic

Nuovi casi di Ebola potrebbe presto raggiungere 10.000 a settimana, funzionari Indovina (New York Times)
http://www.nytimes.com/2014/10/15/world/africa/ebola-epidemic-who-west-africa.html

Nonostante i nuovi impegni, contributo alla lotta contro Ebola in ritardo di (Inter Press Service)
http://www.ipsnews.net/2014/09/despite-new-pledges-aid-to-fight-ebola-lagging/

Conosciuto casi e focolai di Ebola, in ordine cronologico (Centers for Disease Control and Prevention)
http://www.cdc.gov/vhf/ebola/outbreaks/history/chronology.html

Diffusione di Ebola in Africa occidentale supera di gran lunga le risorse (CBS News)
http://www.cbsnews.com/news/ebola-epidemic-much-more-needs-to-be-done/

Ebola tassi di mortalità del 70% – di studio OMS (BBC)
http://www.bbc.com/news/world-africa-29327741

Numero senza precedenti di personale medico infetto da Ebola (OMS)
http://www.who.int/mediacentre/news/ebola/25-august-2014/en/

EBOLA COSA SIGNIFICA? QUALI PERICOLI? COME AVVIENE IL CONTAGIO ?

PRIMO: ATTENZIONE AI FACILI ALLARMISMI, NON CI SI AMMALA SE NON SI VIENE IN CONTATTO DIRETTO CON: MUCO, FECI, LACRIME, SALIVA, VOMITO, SANGUE.

I contatti sociali, come stare vicini, persino darsi la mano, NON sono occasioni di trasmissione del virus.

Sino a poco tempo fa i casi di contagio con il virus dell’Ebola erano “solo” 1.400, per giunta limitati a zone africane molto arretrate e quindi economicamente non interessanti perché il marketing delle case farmaceutiche si muovesse con adeguati investimenti.

Ecco il vero motivo per il quale oggi ci troviamo farmologicamente impreparati ad affrontare l’Ebola.

Ora che il virus ha raggiunto l’occidente è partita la corsa, da parte delle grandi case farmaceutiche, per produrre un vaccino.

Il virus Ebola si è sviluppato più velocemente di quanto le autorità avessero previsto ed è fuori controllo.

Al momento il paziente, negli USA, è stato curato con un siero messo a punto dagli anticorpi dei sopravvissuti, il cosiddetto siero Zmapp, dall’azienda californiana che lo produce.

Purtroppo la medicina internazionale non ha ancora messo a punto studi clinici che chiariscano quali siano i possibili effetti a lungo termine.

Comunque ci risulta che, al momento, le cure possibili, siano tutte derivate dagli anticorpi dei pazienti sopravvissuti.

COME AVVIENE IL CONTAGIO?

Per essere contagiati dall’Ebola si deve entrare in contatto diretto con i fluidi corporei di una persona visibilmente infetta. I fluidi che contengono il virus sono: muco, sangue, lacrime, saliva, vomito e feci.

QUANTO DURA L’INCUBAZIONE DLE VIRUS?

L’incubazione che può arrivare fino a 21 giorni tra il momento del contagio e la visibilità dei sintomi, min genere è di molto inferiore.

QUALI SONO I SINTOMI DELLA MALATTIA?

Febbre, mal di testa, senso di debolezza, dolori alle ossa e ai muscoli.

ATTENZIONE perché questi sintomi sono anche riscontrabili con altre malattie, molto meno pericolose dell’Ebola; solo gli esami possono dare un risultato certo.

SUCCESSIVAMENTE compaiono diarrea (talvolta con presenza di sangue), vomito, perdita di appetito e mal di stomaco.

————————————————————

PERCHE’ IN AFRICA CONTINUANO I CONTAGI?

-1a causa: la diffidenza da parte della popolazione locale verso la medicina occidentale

-La gente preferisce affidarsi alla medicina tradizionale

-Si cerca di nascondere i casi di persone infettate o si ricorre ai presidi medici solo quando il malato sta già molto male ed è ormai tardi per curarlo.

-I malati vengono curati in famiglia, per tradizione e uso locale,  ciò, purtroppo, aumenta il diffondersi dell’epidemia”.

-Momento di contagio è anche il funerale: per tradizione, il lavaggio del cadavere è un aspetto importante, purtroppo  ciò causa un contatto diretto con i fluidi corporei.

A PROPOSITO DI EBOLA ABBIAMO RICEVUTO QUESTO MESSAGGIO, MOLTO INTERESSANTE, DA PARTE DI UNA SERISSIMA ASSOCIAZIONE FRANCESE CHE SI OCCUPA DELLA DIFESA DEI DIRITTI DIE CITTADINI.

Un invito ad aiutare l’umanità, accettando di assumere rischi per gli altri esseri umani.

Cari amici, cari amici di Avaaz,

L’Ebola potrebbe presto minacciare tutti noi.

Per fermare l’epidemia, abbiamo urgente bisogno di volontari.

Se solo si trovassero 120 medici tra noi come volontari, questo raddoppierebbe  il numero di medici attualmente in Sierra Leone.

Altre giurisdizioni – in materia di salute, igiene e la logistica – potrebbero anche aiutarci.

Questo messaggio è un invito ad aiutare l’umanità, accettando di assumere rischi per gli altri esseri umani. 

In tre settimane abbiamo avuto mail da centinaia di migliaia di persone  che hanno dimostrato quanto gli stia  a cuore la lotta contro il cambiamento climatico offline. L’azione offline è un’altra volta il metodo che useremo questa settimana per frenare Ebola.

Ogni 2 o 3 settimane, il numero di casi di contaminazione è doppio nell’Africa occidentale, e secondo le ultime stime, 1,4 milioni di persone potrebbero aver contratto il virus da metà gennaio. A questo ritmo, questo mostro minaccia il mondo intero.

I precedenti focolai di Ebola sono stati tutti contenuti e limitati ad un piccolo numero di casi, ma i sistemi sanitari dei paesi dell’Africa occidentale sono stati sopraffatti dalla virulenza e ampiezza dell’epidemia.

La Liberia ha meno di un medico per 100.000 persone.

I governi potrebbero fornire fondi, MA mancano ancora i professionisti sanitari adeguatamente formati per affrontare il flagello.

E questo è dove operiamo.

39 milioni di persone riceveranno questo messaggio.

I nostri sondaggi mostrano che il 6% di noi sono operatori sanitari – medici o infermiere (s) – 2 milioni di membri di Avaaz.

Se solo 120 medici si offrissero volontari, raddoppierebbero il numero di medici in Sierra Leone.

Altri volontari possono anche aiutarci – tecnici di laboratorio, logisti, esperti di igiene e professionisti del trasporto.

Volontariato, questo significa ovviamente tempo che donate all’umanità..

Ci sono rischi. Il virus Ebola è altamente contagioso. Molti operatori sanitari sono già morti dopo aver lottato contro il virus.

Ma se c’è un gruppo di persone che possono prendere il rischio per gli altri esseri umani, è la nostra comunità. Io e alcuni membri del team di Avaaz, siamo disposti a condividere il rischio con voi e vi accompagneremo  in prima linea di questa crisi.

 Se sei un operatore sanitario, o hai altre abilità per intervenire in Africa occidentale, ti chiedo di dedicarci un momento per ascoltare  dentro te stesso e seguire la tua ispirazione.

Il link sottostante ti serve se vuoi impegnarti come volontariato, visualizzazione di messaggi da altri volontari o semplicemente lasciare loro una nota di incoraggiamento:

https://secure.avaaz.org/fr/ebola_volunteers_thank_you_3/?bLTjkib&v=47389

Per essere volontario dovrai padroneggiare la lingua inglese o francese, e dovrai ricevere e fornire un sacco di informazioni, PER SVOLGERE AL MEGLIO il lavoro.

Probabilmente avrai bisogno di discutere la tua decisione con la famiglia SAPPI CHE CI SI PUO’ RITIRARE dal processo di selezione in qualsiasi momento.

Avaaz sta lavorando con Partners in Health, Save the Children e la International Medical Corps, tre organizzazioni in prima linea nella lotta contro questa malattia mortale. Siamo anche in contatto con i governi di Liberia, Sierra Leone e la Guinea e l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

 Il virus Ebola si trasmette attraverso il contatto fisico, il che significa che se questi contatti sono gestiti con grande meticolosità, il rischio di contaminazione può essere minimizzato.

Ad oggi, più di 94 operatori sanitari sono morti dopo aver contratto il virus in Liberia, ma era per quasi tutti i lavoratori locali.

Purtroppo, essi sono meno attrezzati dei volontari internazionali. Le probabilità di sopravvivenza di un paziente infetto sono il 50% con il trattamento adeguato.

Molti di noi fanno un lavoro che ci fa rischiare la nostra vita per il nostro Paese: la polizia, attivisti, militare …

E ‘l’espressione più sincera di ciò per cui vale la pena vivere. Rischiare la sua vita per combattere contro Ebola, è la stessa cosa: questo equivale a dire che gli altri esseri umani come sono, meritano IL TUO IMPEGNO

https://secure.avaaz.org/fr/ebola_volunteers_thank_you_3/?bLTjkib&v=47389

Se il virus Ebola continua a crescere fuori controllo, potremmo presto essere tutti minacciati.

A causa del sistema sanitario fragile di un paese povero, questo mostro è stato in grado di espandersi per minacciare il mondo.

Ciò dimostra come siamo tutti interdipendenti.

Ma questa interdipendenza va ben oltre gli interessi solo privati​​.

Siamo tutti collegati all’interno di una comunità di esseri viventi.

Tutte le bugie che ci dividono – sulla nazionalità, la religione o la sessualità – vengono ridimensionate, e noi a poco a poco ci rendiamo conto che tutti siamo veramente un unico popolo.,

Una giovane madre e sua figlia in Liberia hanno paura e amano le stesse cose che una giovane madre e sua figlia in Brasile o nei Paesi Bassi.

 Dal buio più profondo scaturisce la luce più luminosa.

Con speranza e determinazione,

Ricken, John, Alice, Danny e tutto il team Avaaz

Informazioni

Secondo il Centro per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie Infettive, 1,4 milioni di persone avrebbero potuto essere infettati con il virus Ebola entro gennaio (The Guardian, inglese)
http://www.theguardian.com/society/2014/sep/23/ebola-cdc-millions-infected-quarantine-africa-epidemic

Cronologia di nota e crescente epidemia di casi di Ebola (Centro di controllo e prevenzione delle malattie infettive, in inglese)
http://www.cdc.gov/vhf/ebola/outbreaks/history/chronology.html

Ebola divora tutto sul suo cammino ‘(Al Jazeera English)
http://www.aljazeera.com/news/africa/2014/09/ebola-divora-tutto-percorso-201499161646914388.html

Il tasso di mortalità di Ebola è stato del 70% – studio dell’OMS (BBC – English)
http://www.bbc.com/news/world-africa-29327741

Il numero di operatori sanitari infettati con il virus Ebola ha raggiunto il picco (OMS, in inglese)
http://www.who.int/mediacentre/news/ebola/25-agosto-2014/en/

Il mondo intensifica gli sforzi contro Ebola (BBC)
http://sante.lefigaro.fr/actualite/2014/10/08/22882 loro-sforzi-contro-ebola mondo-intensifica-

La diffusione di Ebola fuori dell’Africa mostra l’importanza di sradicare i focolai, ha detto che la Croce Rossa (CBC)
http://m.radio-canada.ca/nouvelles/International/2014/10/08/006-ebola-croix-rouge-victime-occident-agir.shtml

Ebola: Cronologia di un’epidemia (Spedizione Internazionale Express)
http://www.courrierinternational.com/article/2014/10/08/ebola-cronologia-di-un-epidemia

NOTA: Avaaz è una rete cittadino globale di 38 milioni di membri che conduce campagne per garantire che le opinioni e i valori dei popoli influenzino decisioni globali. (“Avaaz” significa “voce” in molte lingue).

I nostri membri provengono da tutto il mondo; il nostro team è sparso in 18 paesi e 6 continenti, ed opera in 17 lingue. Per vedere alcuni dei nostri più grandi campagne, clicca qui o seguici su Facebook o Twitter.

Africa, virus pericoloso: potrebbe ripartire una malattia che si credeva debellata.

Anche se le cronache si stanno occupando solo del terribile virus dell’Ebola, in realtà un’altro serio pericolo si potrebbe star sviluppando in Congo.

-Qui è stata scoperta una variante molto letale del virus della poliomielite.

Questo virus è in grado di sopravvivere anche al vaccino.

Il poliovirus colpisce soprattutto i bambini al di sotto dei 5 anni di vita ed è molto contagioso.

La sua trasmissione è possibile tramite il tocco delle mani, cibo e oggetti che possono arrivare alla bocca; come feci o saliva di persone infette, ma non necessariamente ammalate.

In un caso su 200, circa, questa nuova variante del virus attacca il sistema nervoso, provocando paralisi permanente e la morte nel 5-10% dei paralizzati.

Oggi la malattia della poliomielite, grazie ai vaccini Salk e Sabin, è concentrata solo nei Paesi dive è endemica, come il Pakistan, la Nigeria e l’Afghanistan,

Purtroppo l’estremismo islamico contrasta duramente ogni tipo di vaccinazione, in Pakistan sono stati uccisi medici e infermieri.

Secondo gli studiosi C. Drosten e J.F.Drexler, nel 2010, un’epidemia di pollo insolita per gravità e mortalità ha causato, sorpendentemente, morti anche tra i vaccinati contro la poliomielite.

-La nuova variante del virus si chiama: Pvl-Rc2010 ed è meno sensibile alla vaccinazione.

Anche un quinto dei giovani tedeschi vaccinati, non ha nel sangue abbastanza anticorpi per combattere la nuova variante del virus.

Le persone colpite in Africa, sono state sottoposte ad una ulteriore vaccinazione, ma il virus potrebbe essere sopravvissuto in qualche zona molto remota.

Comunque il ceppo asiatico da cui questo virus ha avuto origine esiste ancora e quindi potremmo sempre trovarci di nuovo davanti alla sua mutazione.

Non si deve creare alcun allarmismo, ma le autorità preposte dovrebbero tenere pronti dei collaudati piani di emergenza, nel caso di improvvise nuove impennate.

A tutti noi piace viaggiare e molti lo devono fare per lavoro, per motivi familiari; il mondo globalizzato è una realtà e con essa dobbiamo razionalmente organizzarci al riguardo, senza inutili aggravamenti del problema, ma con seri piani di emergenza che, comunque potrebbero servire anche per altre malattie ancora più gravi come l’Ebola.

DENUGUE : VACCINO RIFIUTATO .

DENUGUE : VACCINO RIFIUTATO A SINGAPORE.

La Dengue è una malattia tropicale trasmessa dalla zanzara; particolarmente pericolosa solo per bambini e anziani.

Gli adulti in buone condizioni di salute  guariscono dalla Dengue dopo un periodo di riposo durante il quale si devono bere grandi quantitativi di acqua per evitare la disidratazione.

La sua diffusione è in aumento nei centri abitati dove vige una scarsa igiene.

Informazioni sulla Dengue al link: http://www.donnecultura.eu/?p=13859

Vivien Balakrishanan è il Ministro per l’Ambeinte e l’Acqua di Singapore, ed ha negato la commercializzazione del nuovo vaccino contro la Dengue : “Data l’efficacia limitata del vaccino”.

La Dengue è mortale solo nell’ 1 – 5% dei casi.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità 4 uomini su 10 sono esposti alla Dengue.

La Dengue infetta ogni anno 100 milioni di persone, delle quali il75% nell’area indo-pacifica.

La casa farmaceutica Sanofi Pasteur ha messo a punto un vaccino per i bambini dai 2 ai 14 anni, che garantisce l’ 88,5 % dei casi trattai sino alla terza dose

Di fatto il vaccino funziona solo su 3 delle 4 tipologie di Dengue conosciute.

I paesi più interessati sono: Malesia, Thailandia, Vietnam, Filippine.

AUMENTANO LE MALATTIE INFETTIVE TRASMESSE ALL’UOMO DAGLI ANIMALI.

Virus e Globalizzazione

il pericolo dei 

PATOGENI EMERGENTI NELL’ERA GLOBALIZZATA”

Conferenza della Prof.ssa Ilaria Capua ai Lincei 14 marzo ore 15.00 via della Lungara,10 Roma

 “Negli ultimi anni l

-incremento delle malattie infettive causate da agenti patogeni che trovano il loro serbatoio negli animali e che possono trasmettersi all’uomo,

-è diventata una emergenza sanitaria”.

Lo afferma la Prof.ssa Ilaria Capua che terrà venerdì 14 alle ore 15.00 una conferenza ai Lincei su

‘Incontri ravvicinati del terzo tipo-Virus e Globalizzazione’.

Questa emergenza ha impegnato sempre più gli organismi internazionali che si occupano delle politiche sanitarie globali.

“In particolare – prosegue la prof.ssa Capua –

dopo le  epidemie di SARS, influenza aviaria, Rift Valley Fever e la pandemia influenzale A/H1N1 degli anni scorsi,

aumentata la consapevolezza sulla necessità di  sostenere infrastrutture veterinarie adeguate nei paesi meno sviluppati, in quanto le insufficienti condizioni igieniche e le condizioni di allevamento degli animali favoriscono l’emergenza degli agenti infettivi.

-Inoltre, a livello di principali organizzazioni internazionali quali FAO, OIE ed OMS, sono state identificate sinergie operative volte a migliorare la comunicazione e l’efficienza dei servizi attraverso un approccio transdisciplinare in linea con la visione “One Health”.

-Investimenti internazionali stanziati per contrastare l’epizoozia sostenuta da A/H5N1 hanno portato allo sviluppo ed al potenziamento di laboratori diagnostici e ad un miglioramento del know how nel campo della virologia diagnostica nei paesi in via di sviluppo.

Sarebbe quindi auspicabile – secondo Ilaria Capua – che

la comunità internazionale sfruttasse al meglio gli investimenti fatti per l’emergenza causata dall’influenza aviaria, ampliando le aree di competenza diagnostica, possibilmente su base regionale, per creare sistemi di allerta rapida e

migliorare le capacità di gestire malattie infettive a forte impatto sociale.

Nell’era della globalizzazione le malattie emergenti e ri-emergenti costituiscono un problema sia per i paesi in via di sviluppo sia per le economie più avanzate.

Queste malattie sono una

-minaccia globale reale a causa della stretta interdipendenza economica su scala mondiale e dei movimenti internazionali di merci, animali vivi e persone e, con questi, di vettori e patogeni.

Probabilmente la sfida più grande che dobbiamo affrontare – conclude la professoressa Capua – è quella di

trovare nuovi modi per ottimizzare la condivisione e l’uso delle informazioni che derivano dalle migliorate capacità diagnostiche e di comunicazione tra laboratori al fine di generare una base di conoscenza più ampia e rispondere in tempi sempre più veloci alle emergenze sanitarie”.

ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI, Roma.