Archivi categoria: novità farmacologiche

Salute – Acquisto dei generici all’estero via libera – Terapie innovative ed epatite C ora cure più economiche

FINALMENTE !!! Dopo una lunga e ingiusta attesa.

Moltissime sono persone le persone interessate alle nuove costosissime terapie (si parla di mezzo milione o addirittura un milione), ma  non tutte ricevono subito la terapia.

In Italia queste terapie sono enormemente più costose che in altri Paesi; in India si trova il generico per la cura dell’epatite C, ma non solo.

Una circolare ministeriale ha riconosciuto, a chi non rientra nei criteri per ottenere il farmaco dal servizio sanitario italiano, o non vuole aspettare tempi lunghi per il trattamento, di andarlo a comprarlo in altri Stati o di farselo spedire.

IMPORTANTE:  ci vuole sempre la ricetta e bisogna mandare al ministero un modulo compiltato dal medico curante.

Milano al centro dell’immunoterapia oncologica per curare meglio i tumori

MILANO AL CENTRO DELL’IMMUNOTERAPIA ONCOLOGICA

Nuovi farmaci per curare meglio i tumori, se ne è parlato a Milano al 31° piano di Palazzo Pirelli in Regione Lombardia.

Occorre fare scelte coraggiose per investire a lungo termine, acquistare farmaci innovativi ma costosi, e che possono migliorare la qualità di vita dei pazienti oncologici.

IMMUNOTERAPIA = stimolazione del sistema immunitario (ovvero delle difese naturali dell’organismo) .

Gli esperti a livello internazionale si sono confrontati sulle nuove cure , su come l’immunoterapia possa rivoluzionare la cura dei tumori.

L’immunoterapia oncologica rappresenta una nuova “arma” a disposizione dell’oncologo medico; si affianca alle terapie tradizionali – chirurgia, radioterapia e chemioterapia – e contrasta la malattia attraverso la stimolazione del sistema immunitario.

Sono stati presentati nuovi dati sui farmaci immuno-oncologici e le eccellenze della sanità lombarda nella cura dei tumori.

Le sfide sono sostanzialmente due: utilizzare l’immunoterapia nelle fasi inizialidel cancro e migliorarne l’efficacia, coordinandola con altre strategie terapeutiche per raddoppiarne i vantaggi.

Un altro punto importante è che finora non sono stati ancora scoperti specifici fattori predittivi – come, ad esempio, i marcatori biologici – per identificare i pazienti che hanno maggiori probabilità di rispondere ad una data terapia immuno-oncologica.

Tra gli esperti il dott. Davide Croce, Direttore CREMS, Univ. C.Cattaneo LIUC, ha evidenziato come sia necessario avere una strategia di gestione dell’innovazione in Sanità per rimanere al passo con gli altri Paesi a livello europeo ed internazionale ed occorra ripensare il modello prevenzione/comportamento/esito.

I risultati della ricerca europea consentono di confermare la rivoluzione che la terapia immuno-oncologica rappresenta oggigiorno.

Il tumore in assoluto più frequente è quello al seno , segue il tumore al colon retto, per gli uomini il tumore alla prostata e a seguire il tumore al polmone come incidenza in Italia. .

Il prof. Filippo de Braud, Direttore del Dipartimento di oncologia medica della Fondazione I.R.C.C.S. Istituto Nazionale Tumori di Milano ha ribadito come le cellule del sistema immunitario possano riconoscere le cellule tumorali e come la collaborazione con la Fondazione I.R.C.C.S. Istituto Neurologico Carlo Besta stia dando esiti di interesse internazionale.

FARMACO ” Sofosbuvir ” – Epatite C

Un ciclo di cure con il ” Sofosbuvir ” cosa tra i 40 e i 45 mila euro !

Con questo farmaco  si guarisce definitivamente dall’epatite C !!!

UN PREZZO CHE NON HA EGUALI NEL MONDO

Un italiano per curarsi si è pagato un viaggio in India; dove aveva preventivamente preso dei contatti con un ospedale, precisando il tipo di farmaco esatto di cui aveva bisogno e con 800 euro si è procurato l’intero trattamento di tre cicli (è stata, da pochissimo, varata una apposita normativa che permette di importare legalmente i tre cicli di cura).

LA VERGOGNE E’ CHE QUESTO FARMACO E’ STATO PRODOTTO NEGLI USA USANDO SOLDI DELLA SANITA’ PUBBLICA, POI UNA MULTINAZIONALE SE NE E’ IMPADRONITA E L’HA PORTATO SUL MERCATO A PREZZI SCANDALOSI.

Il costo di produzione del medesimo farmaco non supererebbe i 300 euro ! Il ricarico è assolutamente abnorme e inaccettabile.

Inoltre alcune categorie che ne potrebbero beneficiare sono state escluse, anche se sono in atto cambiamenti della normativa.

CANCRO – LE NUOVE CURE TROPPO CARE ? – Non sempre il farmaco più nuovo e più caro è più efficace

Le cure per il cancro stanno diventando sempre più efficaci; salvano moltissime vite.

Ormai il cancro non è più una malattia incurabile; se preso in tempo.

MA UN GRAVISSIMO PROBLEMA SI OPPONE AD UN FUTURO MIGLIORE PER I MALATI:

— I COSTI.

In una società dove chi guadagna tantissimo, vedi le multinazionali, NON PAGA LE  TASSE; perché hanno le loro sedi nei paradisi fiscali, vengono sempre più a mancare quelle entrate che HANNO PERMESSO UNA SOCIETA’ DOVE SALUTE, SCUOLA E SERVIZI PUBBLICI ERANO ALLA PORTATA DI TUTTI.

OGGI CURARE UN MALATO DI CANCRO COSTA IN MEDIA 50.000 EURO L’ANNO.

La nostra sanità è in rosso; nel 2015 abbiamo speso 4 MILIARDI PER LE TERAPIE ONCOLOGICHE.

 Ma le cifre di cui sopra sono bassissime rispetto alle NUOVE IMMUNOTERAPIE.

Delle nuove immunoterapie va detto che, per sapere se funzionano, dovranno essere somministrate ; quindi tutti i malati le dovrebbero ricevere. Solo dopo si saprà se sono state efficaci; in questo modo i guadagni delle case farmaceutiche produttrici andranno alle stelle, esattamente come i conti della sanità.

 Siamo al punto che gli oncologi italiani a settembre di ogni anno, cominciano ad avere problemi nell’approvvigionamento delle costose medicine già disponibili; perché mancano i soldi per pagarle.

I pazienti vengono inviati nelle strutture più grandi; dove lavorano famosi oncologi e la Regione ha più disponibilità nel chiudere un occhio sulle spese in rosso.

Diversi “paletti”, rallentano l’iter, ma nessuno vienne lasciato senza cure. ” Semplicemente se non ci sono i soldi per i farmaci di nuovissima generazione, si continua con quelli che costano meno.

RISULTATO:

–2 Italie

-una che vive nella zona dove le cure funzionano bene o che può pagarsi le cure perché ha i soldi o un’assicurazione

-l’atra dove le terapie più innovative non sono sempre garantite.

Sino al 7 giugno, 50 mila persone, si incontrano a Chicago al meeting dell’American Society of Clinical Oncology.

Qui sono presenti i cervelli capaci di cancellare il cancro, come lo abbiamo conosciuto sino ad ora.

L’iniziativa è stata finanziata da Obama, con 1 miliardo di dollari, e vi si annunceranno i nuovi farmaci.

L’alto costo di questi nuovi farmaci, è stato battezzato dai medici come “tossicità finanziaria”.

L’ AIOM, associazione degli oncologi italiani, da Chicago lancia la proposta per un Fondo Speciale, fa finanziare con nuove tasse sul fumo; un centesimo in più a sigaretta.

Di fatto, si è rotto un equilibrio commerciale e si deve lavorare per trovare soluzioni.

Il responsabile di oncologia dell’ospedale di Padova, Pier Franco Conte, denuncia l’alto costo dei medicamenti messi in commercio senza prima precisarne i costi.

Ovviamente una volta in commercio tutti coloro che sono interessati, li vogliono e i prezzi vanno alle stelle. Un sistema che va fermato.

I vari medicinali devono avere un prezzo che permetta, prima di metterli in commercio, di valutare il rapporto efficacia costo.

CONSEGUENZE DELLA SITUAZIONE ATTUALE:

-LE FAMIGLIE AMERICANE HANNO COME PRIMA CAUSA DI FALLIMENTO ECONOMICO LA MALATTIA DI UN PARENTE PER CANCRO.

INOLTRE:

-i nuovi farmaci sono approvati basandosi solo su sperimentazioni cliniche, mai su sperimentazioni di casi concreti

-è quindi necessario OBBLIGARE LE CASE FARMACEUTICHE  a mettere in commercio SOLO FARMACI SPERIMENTATI SU SITUAZIONI E CASI REALI; QUESTO POTREBBE GIA’ ESSERE UN MODO PER LIMITARE I COSTI .

INFATTI PUO’ SUCCEDERE CHE I NUOVI E COSTOSISSIMI FARMACI, NON SEMPRE SIANO MIGLIORI DI QUELLI SUL MERCATO E CHE COSTANO ENORMEMENTE MENO.

———————————-

Le opinioni, di cui sopra, sono state riferite anche dal quotidiano La Repubblica del 3.6.17.

SALUTE – Super – antibiotico necessario – Più morti per infezioni che per tumori

Nel 2050 potrebbero diventare 10 milioni ogni anno, le vittime di infezioni non curabili con gli attuali antibiotici; un numero maggiore rispetto ai morti per cancro.

Lo dice  un rapporto  britannico,  sulla Review of Antimicrobial Resistance; ricerca effettuata su richiesta del premier  David Cameron .

Da quando il progetto è partito (2014), sono morte 1 milione di persone per mancanza di un  farmaco adeguato alla loro infezione.

 Ora si sta studiando un sistema finanziario, anche nuove tasse,  per aiutare la ricerca (quindi le case farmaceutiche poi guadagneranno sulla ricerca finanziata con soldi pubblici …?).

La ricerca andrebbe, subito, finanziata con 2 miliardi di dollari; raccolti anche tassando quelle case farmaceutiche che non investiranno, anche, in questo tipo di ricerca.

L’economista Lord O’Neill ha parlato di un premio di 1 miliardo di dollari da elargire alle case farmaceutiche che risolveranno questo problema.

Inoltre l’uso di antibiotici, negli allevamenti,  andrebbe regolamentato  con il divieto di usare  per gli animali quegli antibiotici che sono ritenuti essenziali per la salute umana.

In poche parole; questo problema lo abbiamo creato utilizzando a sproposito antibiotici negli allevamenti (anche, anzi soprattutto, negli allevamenti di pesci, gamberi ecc..) e curando con antibiotici, per  mezzo secolo,  influenze, febbri e raffreddori causati da virus (per i quali gli antibiotici sono inefficaci).

Purtroppo l’uso di antibiotici a sproposito è consuetudine anche per aumentare il peso degli animali da macello.

Negli USA, il 70% degli antibiotici utilizzati finisce negli allevamenti.

Ma sappiamo bene che questo trucco è utilizzato anche da noi; vedi la bistecca che poi rilascia un sacco di acqua …

Per gli allevatori il trucco è facile; fanno l’iniezione di venerdì, se il controllo passa lunedì o, meglio, martedì, non si trova traccia dell’antibiotico e l’animale viene macellato con tanta acqua addosso (anche il 30% c.a.); un bel guadagno a cui pochi sanno resistere.

Negli allevamenti di pesci e gamberi (soprattutto per gamberi e gamberetti che vengono dall’oriente, ma anche per gli allevamenti europei di tonno, pesci vari, salmone compreso) l’antibiotico evita il diffondersi di malattie nel ristretto spazio dell’allevamento.  PECCATO CHE GLI ALLEVAMENTI SIANO IN MARE E QUINDI L’ANTIBIOTICO SI DIFFONDA ANCHE NELLE ACQUE LIBERE  …

SALUTE CHE FUNZIONA – Non più attese per visite mediche e … costa meno del tiket – Santagostino Poliambulatorio Specialistico

Basta code e attese di mesi per avere un esame o una visita medica ... funziona benissimo e … costa meno di un tiket E’ POSSIBILE ?

— SI

Il Centro Medico Santagostino è una realtà sanitaria innovativa, che offre salute accessibile e di qualità in oltre 40 specialità.

SENZA FONDI PUBBLICI: si tratta solo di una gestione dove tutti guadagnano e accettano delle regole economiche moralmente ragionevoli (anche per il cliente).

Un’offerta di qualità in cui il prezzo è un ulteriore elemento di valore. Qualche esempio? Visite specialistiche a 60 euro!

NIENTE ATTESE COSTA MENO DEL TIKET; qui è possibile accorpare diversi esami e/o visite specialistiche, per risolvere tutto  in una sola volta.

NE HA PARLATO ANCHE IL PROGRAMMA REPORT della brava giornalista Milena Gabbianelli.

Merita più di un’occhiata il sito  dei Centri Polispecialistici Santagostino a Milano, Sesto San Giovanni, Bologna …  http://www.cmsantagostino.it

NUMEROSI SEDI A MILANO (anche Sesto san Giovanni) E BOLOGNA.

Esempio di una sede di  Milano:

Piazza Sant’Agostino, 1,
Telefono:02 8970 1702
Orari: Oggi aperto · 08–21

CENTRO PRENOTAZIONI

Telefoni:

02 89 701 701

02 89 701 702

Dal lunedì al venerdì
dalle 8.00 alle 20.00.
Sabato dalle 8.30 alle 15.30.

PRENOTA VIA SMS

366 5860316

PRENOTA VIA WHATSAPP

344 1003172

PRENOTA VIA EMAIL

prenotazioni@cmsantagostino.it

INFORMATI VIA EMAIL

informazioni@cmsantagostino.it

Salute – Mal di testa – “ Mangia sano che ti passa ”

Sono 6 milioni gli italiani che ogni giorno soffrono di mal di testa.

Le statistiche dicono che almeno il 15% della popolazione mondiale soffra di attacchi di cefalea ( mal di testa ).

Oggi sono almeno 90 le forme di cefalea classificate, ma non si ha ancora un quadro completo dei meccanismi di azione che portano alle crisi dolorose.

I mal di testa si curano, anche, con nuovi farmaci chiamati triptani; ma lo deve decidere lo specialista.

Fortissima è la differenza tra chi soffre dai 4 ai 6 attacchi di forti mal di testa al mese e chi ne subisce 15 (con dolori forti sino alle lacrime); in questo ultimo caso si tratta di patologia da curare assolutamente e urgentemente in ospedale.

Comunque già con 4 attacchi al mese sarebbe bene rivolgersi allo specialista.

Purtroppo la scienza moderna ha riconosciuto tra le cause delle emicranie anche quelle genetiche.

GLI ATTACCHI DI MAL DI TESTA (in genere e a differenza di quanto alcuni sostengono):

NON SONO CAUSATI DA CEFALEA

NON SONO CAUSATI DA SINUSITI (se si sente il dolore in quella zona non c’entra con le cause della cefalea, semplicemente di lì passano sottilissimi fili; che attraversano le ossa del cranio e sono collegati con il cervello. Questi fili, sottilissimi, sono il motivo per il quale si devono evitare bruschi sbalzi di temperatura)

NON SONO CASATI DA ARTROSI CERVICALE; non è mai la causa primaria delle emicranie

ATTENZIONE: l’assunzione costante dei comuni farmaci che tolgono il dolore, può causare smemoratezza.

IMPORTANTISSIMI PER NON AVERE MAL DI TESTA:

-PERIODI REGOLARI DI SONNO – SVEGLIA

NON SALTARE I PASTI

ATTENZIONE AI PROFUMI

mai esporsi improvvisamente al troppo caldo o troppo freddo

bere a sufficienza e abbondantemente

-molto importante l’ATTIVITA’ FISICA REGOLARE (bastano, come minimo, 60’ di camminata al giorno o almeno 3 volte alla settimana)

Ecco quanto consigliano i professori Barbanti e Jirillo (rispettivamente responsabile del Centro per le diagnosi e terapia delle cefalee e del dolore dell’Ircss San Raffaele alla Pisana di Roma e professore ordinario di Immunologia dell’Università Aldo Moro di Bari), che hanno scritto il libro “ Mangia sano che ti passa ”.

Ribadito il suggerimento di farsi visitare in un ospedale specializzato (come il San Raffaele a Milano ecc…) perché oggi la cura delle cefalee ha fatto grandi passi e vale la pena di curarsi, ecco i consigli più immediati:

-nella fase acuta è consigliato bere caffè anche doppio o lungo con limone (vecchio rimedio sempre valido); anche abbinare l’analgesico al caffè

-per la terapia dell’attacco acuto (MA NON DEVE ESSERE LA SOLUZIONE AL FORTE MAL DI TESTA FREQUENTE) sono disponibili vari farmaci: analgesici e antinfiammatori classici, che bloccano la percezione del dolore come acido acetilsalicilico (Aspirina), paracetamolo, ibuprofene, diclofenac … ma non sono la soluzione per chi soffre seriamente di mal di testa

evitare nitriti e nitrati contenuti in vini, insaccati, (non nel Prosciutto di qualità), cucina cinese, aperitivi, aperi-cene con assunzione di alcol abbinati a stuzzichini vari (non sempre dei buona qualità) e fritti (ovviamente stiamo parlando di abitudini, non di assunzioni assai occasionali)

Il rapporto tra alimentazione e mal di testa è un tema assai complesso; i professori Piero Barbanti e Emilio Jirillo, lo spiegano nel libro “ Mangia sano che ti passa ”.

Salute – Prevenzione e cura dei dolori articolari – Collagene e proteoglicani quello che non introduciamo nel nostro corpo con l’alimentazione e l’età distrugge …

Dolori articolari, male al ginocchio, alle spalle, ai gomiti, ai polsi … dopo i 60 anni è assai frequente.

Nell’800 un medico americano consigliava di introdurre nell’alimentazione anche i nervetti (nervi attaccati alle parti ossee degli animali); sostanza naturale che contiene le medesime sostanze di cui sono fatti i nostri nervi e possono aiutare a mantenerne lo stato ottimale.

Premesso che in alcuni casi gravi, solo un interventi chirurgico può risolvere il problema, a volte si può cercare di prevenire il peggio assumendo un prodotto che aiuta il mantenimento-rigenerazione delle cartilagini.

Altra soluzione eccellente, solo per chi non è ancora in condizioni di essere operato,  sono le infiltrazioni di acido ialuronico (eseguito  da veri esperti professionisti che conoscano perfettamente quando, come e dove fare l’iniezione).

INOLTRE

CURARE L’ARTROSI E MIGLIORARE LA PELLE DEL VISO CON UN SOLO PRODOTTO? 

Studi scientifici hanno dimostrato che 10gr. di collagene idrolizzato, come quello contenuto in CHONDROVITA, una volta ingerito viene assorbito a livello delle mucose intestinali senza che i peptidi di cui è composto subiscano alterazioni strutturali nella barriera gastrica.

Attraverso il circolo ematico questi peptidi si accumulano a livello delle cartilagini articolari soprattutto di spalla, anca e ginocchio, dove aiutano a stimolare il metabolismo articolare, la sintesi di collagene e dei proteoglicani.

Studi clinici dimostrano che un’assunzione protratta nel tempo previene non solo dolori articolari ma anche la perdita di densità ossea e l’invecchiamento della pelle.

Infatti Adams dimostra che pazienti affetti da artrosi degenerativa alle articolazioni di anca o ginocchio e trattati con CH, presentavano una riduzione del dolore compresa tra l’81-85% accompagnata da una riduzione di più del 60% nell’ assunzione di analgesici rispetto al gruppo di controllo confermati nel successivo lavoro di Moskowitz.

RISULTATI:

riduzione statisticamente significativa del dolore e del consumo di analgesici, nonché  miglioramento della mobilità articolare, in tutti i pazienti che hanno assunto 10 g di CH al giorno per un periodo di almeno tre mesi.

Risultati possibili, se il paziente non ha ancora raggiunto stadi gravi:

Sollievo dalla sintomologia dolorosa

Riduzione della rigidità

Miglioramento della mobilità articolare

Mantenimento del corretto trofismo articolare.

IDENTICI RISULTATI ANCHE IN CASO DI:

dolore articolare di origine degenerativa

atleti sottoposti a pesante carico di lavoro con conseguente comparsa di microtraumi articolari.

——

Pubblicazioni scientifiche al riguardo

Carpenter, MR., Carpenter, RL., Mc Carthy, SM., Kline, G., Angelopoulos, TJ.,Rippe, JM. “Collagen hydrolysate supplementation improve symptoms in patients with severe osteoarthritis.”
Med Sci Sports Exerc. 2005; 37 (suppl) S91-S92

Benito-Ruiz, P. et al. “A randomized controlled trial on the efficacy and safety of a food ingredient,
collagen hydrolysate, for improving joint comfort.”
Int J Food Sci Nutr. 2009 Feb 12:1-15

Adam, M. “What effects do gelatin preparations have ? ”
Therapiewoche 41 (1991) 2456-2461

SALUTE E RICERCA – nuova classe di molecole attive contro il virus HIV

Un gruppo di ricerca del Dipartimento di Chimica scopre una nuova classe di molecole attive contro il virus HIV

Attualmente, l’assenza di una terapia profilattica e la mancanza di vaccini in grado di trattare o di prevenire lo sviluppo dell’AIDS accrescono l’esigenza di nuovi farmaci anti-HIV che siano efficaci, poco tossici e non concorrano alla formazione di forme resistenti.

Le ricerche condotte hanno permesso di individuare una nuova classe di principi attivi caratterizzati da una specifica attività anti-HIV e da un grado di tossicità particolarmente basso, che potrà pertanto consentire di effettuare trattamenti anche prolungati, minimizzando gli effetti collaterali sul paziente. I test farmacologici condotti in vitro hanno dimostrato come le nuove molecole presentino un rapporto tra attività anti-HIV e tossicità molto favorevole, anche superiore a quello di molecole antivirali attualmente presenti in commercio come Etravirina e Ripilvirina.

I risultati delle ricerche sono stati oggetto di un brevetto congiunto con gli altri Atenei che partecipano al lavoro di ricerca. L’Università di Parma è il principale soggetto, con la partecipazione al 40 per cento

Il gruppo di ricerca coordinato dal dott. Nicola Della Ca’ del Dipartimento di Chimica dell’Università di Parma ha messo a punto un’efficace strategia per la preparazione di nuove molecole attive nei confronti del virus HIV, responsabile dell’AIDS.

L’importante risultato del gruppo di ricercatori del nostro Ateneo è giunto a coronamento di anni di studi condotti dal dott. Della Ca’ nel campo della catalisi sotto la guida del prof. Mirco Costa, da poco ritirato in pensione.

Il lavoro è stato condotto in collaborazione con altri Istituti di Ricerca italiani, in particolare con il gruppo di ricerca dell’Università della Calabria (prof. Bartolo Gabriele), dell’Università di Roma Tor Vergata (dott.ssa Beatrice Macchi), dell’Istituto di Farmacologia Traslazionale del CNR di Roma (dott. Antonio Mastino) e dell’Università di Messina (prof. Roberto Romeo).

I risultati delle ricerche fin qui ottenuti sono stati oggetto di un brevetto congiunto dell’Università di Parma, dell’Università della Calabria, dell’Università di Roma “Tor Vergata”, del CNR di Roma e dell’Università di Messina, depositato in data 4/3/2016.

Il brevetto depositato, che vede come principale soggetto (40%) proprio il nostro Ateneo, sancisce la proficua collaborazione dei gruppi di ricerca implicati e sarà il trampolino di lancio sia per iniziare i test in vivo sulle molecole ottenute, sia per individuare molecole ancora più attive per il trattamento dell’AIDS.

SALUTE – OCCHIO SECCO riguarda anche i bambini e donne in menopausa – Da non curare come congiuntivite – esami gratuiti

Occhio epielio medicina 672 scienze dc

OCCHIO SECCO: un disturbo tra i meno conosciuti e sottovalutati (confuso anche e curato come congiuntivite).

Occhio secco 672 oo

Per un mese tutti potranno prenotare una visita gratuita.

E’ stato presentato al Circolo della Stampa di Milano il CIOS; PRIMA STRUTTURA DEDICATA ALLA CURA DELLA PATOLOGIA DELL’OCCHIO SECCO.

Medici specialisti Milano 500

Alla conferenza stampa di questa mattina erano presenti anche i rappresentanti del Comune di Milano, il dottor Giuseppe Landonio e la dottoressa Laura Agalbato, dell’assessorato alle Politiche Sociali.

OCCHIO SPECIALISTA Buratto_Foto_tessera_02

Dott. Buratto

L’importanza della prevenzione e della cura della sindrome dell’occhio secco è stata sottolineata anche dal dottor Lucio Buratto, coordinatore del Centro Italiano Occhio Secco, promotore dell’iniziativa e prima struttura a completamente dedicata alla cura di questa patologia

Una patologia sempre più in crescita, a causa di inquinamento,  aria condizionata, aria secca, stili di vita, aumento dell’età media, MENOPAUSA  ecc…

DAL 21 MARZO AL 21 APRILE, il reparto di oculistica pediatrica DELL’OSPEDALE  ” VITTORE BUZZI ” di MILANO e La CLINICA OCULISTICA  DELL’ UNIVERSITA’ DELL’ INSUBRIA di Varese; accettano le prenotazioni per visite gratuite dal lunedì al venerdì.

Tel. 02.63 611 970; info@centroitalianoocchiosecco.it

Le visite sono riservate a chi sospetta o già soffre di secchezza oculare  e desidera una visita di approfondimento con specialisti e apparecchiature adeguate.

Negli Usa esistono ben 1.000 centri specializzati per la cura dell’occhio secco, in Italia ne abbiamo, finalmente, uno il CIOS.

OCCHIO SECCO E BAMBINI:

Il British Journal ha scritto di come i bambini soffrano di occhio secco a causa di un contatto con l maggiori quantitativi di smog per la loro bassa statura (non si ripeterà mai abbastanza che l’inquinamento più pericoloso è tanto più concentrato verso il basso).

DISTURBI DELL’OCCHIO SECCO:

-BRUCIORE E PRURITO INSISTENTE

-LACRIMAZIONE IRREGOLARE (scatenata soprattutto da agenti atmosferici, ambientali; vento, fumo, smog, variazioni umidità o temperatura)

-BISOGNO DI LAVARSI E STROFINARSI GLI OCCHI CONTINUAMENTE

-DIFFICOLTA’ AD APRIRE GLI OCCHI AL MATTINO

-PRESENZA DI SECREZIONE MUCOSA E DI FILAMENTI.

Quando la sindrome si aggrava:

-SENSAZIONE DI CORPO ESTRANEO

-SENZAZINE DI SECCHEZZA OCULARE

-FOTOFOBIA (sensibilità alla luce)

-DOLORE ANCHE NOTTURNO LEGATO ALLE ALTERAZIONI CORNEALI

-DISTURBI DELLA VISIONE LEGATI ALL’ASTIGMATISMO IRREGOLARE.

CAUSE DELL’OCCHIO SECCO:

-INQUINAMENTO ( soprattutto PM 10, piccole particelle solide, alta montagna senza protezione adeguata, esposizione la sole in genere senza occhiali)

-ETA’ AVANZATA

-MENOPAUSA (la mancanza di alcuni ormoni può causare l’occhio secco)

-GRAVIDANZA

-MALATTIUE AUTOIMMUNI; allergie, ipotiroidismo, ipertiroidismo, artrite reumatoide, lupus, sclerosi multipla…

-ALIMENTAZIONE POVERA DI ACQUA, VIATAMINE E SALI MINERALI. Ricca di alcol.

DA EVITARE:

-ambienti inquinati (anche i filtri dell’aria condizionata possono essere scadenti o non cambiati secondo le regole igieniche)

-luoghi ventosi, ambienti secchi

-fumo sigarette

-CREME IRRITANTI PER L’OCCHIO, TRUCCHI PESANTI

-DETERSIVI; ANCHE QUELLI DELLA BIANCHERIA, TROPPO FORTI

-al sole USARE SEMPRE OCCHIALI DA SOLE CON FILTRI E LENTI SCURE

-IMPACCHI DI ACQUA TIEPIDA CON MALVA BICARBONATO O ACQUA BORICA

-AUMENTARE ASSUNZIONE DI ACQUA ANCHE ATTRAVERSO FRUTTA E VERDURA FRESCHE

-TENERE PIANTE IN  CASA E UFFICIO CHE ASSORBONO LE PARTICELLE INQUINANTI.

———————–

A PROPOSITO DI OCCHIO SECCO L’IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE:

Un occhio secco, asciutto, vede male e se è vero che questo può essere causato dall’età e da scompensi ormonali, dobbiamo ricordarci che tra le principali cause vi sono anche lo smog, l’inquinamento e il microclima: siamo sempre più usi a tenere chiuse porte e finestre di casa e questo mancato ricircolo dell’aria può causare secchezza oculare. Un altro fattore di causa sono i device elettronici o meglio l’uso esagerato che se ne fa: l’attenzione durante la lettura è molto intensa e questo porta ad ammiccare (sbattere le palpebre) molto meno del solito, causando una secchezza oculare. A questo va aggiunto il nostro regime alimentare, spesso carente di vitamine, di acqua e di tutti quei nutrienti essenziali per l’idratazione del nostro organismo e quindi dei nostri occhi. Senza contare alcuni farmaci che se usati troppo possono peggiorare questo disturbo, come gli ansiolitici, gli antidepressivi o i sostituti ormonali.

Per le donne in menopausa, la categoria più colpita da questa patologia, il problema è ancora più grave, perché la secchezza oculare peggiora nel tempo e non è reversibile”.
E’ una patologia grave e troppo sottovalutata – ha concluso Buratto – per questo ci è sembrato fondamentale promuovere una campagna di screening gratuiti, in modo che si possa sensibilizzare di più sull’importanza della prevenzione e della cura dell’occhio secco”.
Un occhio secco non curato infatti può comportare anche gravi lesioni della cornea.

RISCHI GRAVI PER I BAMBINI:

“Secondo recenti studi pubblicati sul Britich Journal – ha affermato Luigi Marino, direttore scientifico del Centro Italiano Occhio Secco – esiste la Urban Eye Allergy Syndrome che colpisce soprattutto le persone (ma anche gli animali che vivono in città, come i cani) sotto il metro di statura, cioè ad altezza dei tubi di scarico delle automobili. A rischio quindi sono soprattutto i bambini. Questa sindrome colpisce infatti il 42% dei bambini che vivono nelle aree urbane e causa soprattutto secchezza oculare e alcune difficoltà respiratorie”.

Per Giuseppe Landonio, consulente dell’Assessore Piefrancesco Majorino del Comune di Milano, questa campagna e il Centro Italiano Occhio Secco sono in linea con la vocazione generale della città di puntare sui centri di eccellenza: “Questa campagna per la città di Milano è significativa soprattutto per il discorso sullo smog. I livelli di smog hanno raggiunto livelli notevoli, lo sappiamo, e il Comune di Milano ha fatto molto per arginare la situazione. Quello che ci auguriamo è che si possa fare ancora di più per diminuire lo smog in città e, di conseguenza, limitare una delle cause scatenanti dell’occhio secco”.

Il Mese della Prevenzione e Cura dell’Occhio secco parte il 21 marzo e termina il 21 aprile.
Per informazioni chiamare lo 02 63611970 oppure scrivere a info@centroitalianoocchiosecco.it

————-

L’articolo è scritto da G. Seregni, giornalista iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.