Archivi categoria: nel mondo

viaggiare nel mondo, traveling the world, viaggi nel mondo,

Vacanze al caldo e lusso delle Isole Vergini – app “Isole Vergini Britanniche” – la prima interamente in italiano

The British Virgin Islands Tourist Board & Film Commission è orgogoglioso di annunciare il lancio dell’app “Isole Vergini Britanniche”, la prima interamente in italiano dedicata alle BVI, realizzata dalla rivista online Latitudes Travel Magazine in forma di e-book interattivo.

Scaricabile gratuitamente su smartphone e tablet da Google Play e Apple Store, questa smart guide si propone come strumento innovativo, intuitivo e user-friendly per aumentare la conoscenza di questo straordinario arcipelago caraibico tra i viaggiatori italiani e gli operatori di settore.

L’app “Isole Vergini Britanniche” è stata sviluppata come guida pratica e versatile per andare alla scoperta dei “Piccoli Segreti della Natura” di quest’angolo di paradiso, un arcipelago di oltre 60 isole incastonate nel blu del mar dei Caraibi. Questo e-book di oltre 250 pagine, dotato di informazioni e approfondimenti utili che svelano il fascino delle Isole Vergini Britanniche, presenta le isole in modo accattivante, grazie ai suoi numerosi contenuti video e fotografici di grande impatto visivo ed emotivo, che riescono a rendere al meglio la vivace esplosione cromatica della destinazione.

Le quattro sezioni in cui è diviso l’e-book (Le Isole, Attività Acquatiche e Outdoor, Food e Romance) descrivono in modo allo stesso tempo puntuale e coinvolgente le Isole Vergini Britanniche. Dal mix di natura incontaminata e cultura British agli usi e costumi locali, lo straordinario appeal che questo arcipelago sa esercitare sui viaggiatori emerge pagina dopo pagina.

In particolare, nella sezione “Le Isole” gli utenti potranno scoprire le quattro principali (Tortola, Virgin Gorda, Jost Van Dyke e Anegada) e la costellazione di isole minori dell’arcipelago, con suggerimenti su dove alloggiare, sulle spiagge più belle e sulle esperienze assolutamente da provare.

La seconda sezione, “Attività Acquatiche e Outdoor”, presenta le BVI come la meta perfetta non solo per oziare su strepitose spiagge assolate, in pieno stile caraibico, ma anche per cimentarsi in emozionanti attività e sport: dalla vela, trasportati dai dolci alisei, allo snorkelling in acque cristalline e al diving a caccia di relitti, passando per il biking e il trekking nei 21 rigogliosi Parchi Nazionali delle isole.

A tutti i buongustai verrà l’acquolina in bocca anche solo sfogliando le pagine dedicate al “Food” e scoprendo la cucina dagli influssi creoli: nel menù locale spiccano Sua Maestà l’Aragosta Spinosa di Anegada, gustosissima nella versione grigliata, le conch fritters (polpette di mollusco) e il pescato del giorno, elemento principe del piatto nazionale fish and fungi. Il tutto da accompagnarsi con i famosi coktail locali a base di rum, come il celebre Pusser’s Painkiller®.

Infine, nella sezione “Romance” tutti gli innamorati scopriranno perchè le British Virgin Islands sono la destinazione romantica per eccellenza, che desiderino visitarle per suggellare il proprio amore, per festeggiare un importante anniversario o anche semplicemente per concedersi una fuga romantica in paradiso.

L’applicazione offre sia una panoramica delle isole per i viaggiatori sia un comodo strumento formativo per i professionisti del settore, che avranno sempre a portata di mano un’esaustiva guida alle isole dotata di informazioni utili, indirizzi e contatti delle strutture locali, con collegamenti diretti ai loro siti web.

L’app “Isole Vergini Britanniche” è scaricabile gratuitamente da Google Play e da Apple Store.

Per ulteriori informazioni sulle BVI, visitate il nuovo sito www.bvitourism.it.

A proposito delle British Virgin Islands

Arcipelago composto da 60 isole e caratteristici isolotti, le Isole Vergini Britanniche (BVI) si trovano a circa 50 miglia a est di Puerto Rico, nell’area nord-occidentale del Mar dei Caraibi.

Le isole principali sono Tortola – sulla quale sorge la capitale, Road Town – Virgin Gorda, Anegada e Jost Van Dyke. Destinazione celebre a livello mondiale, acclamata dagli appassionati di barca a vela e yachting, le BVI presentano una topografia così varia e dinamica da offrire l’opportunità unica di “saltellare” con facilità tra le varie isole che compongono l’arcipelago.

Infatti, ogni isola si contraddistingue per l’etereogeneità delle sue bellezze culturali e naturali.

Tra queste, troviamo l’unicità di The Baths, a Virgin Gorda; il caratteristico Anegada Flamingo Pond, che sorge sull’omonima isola; la spettacolare spiaggia di White Bay, a Jost Van Dyke; la sommità del Sage Mountain, a Tortola.

Oltre agli appassionati di yachting, le BVI richiamano sulle loro coste gli amanti di snorkeling, escursionismo e turismo sostenibile nonchè coloro che desiderano vivere esperienze subacquee di rara intensità, grazie ai fondali dell’arcipelago che custodiscono alcuni dei più affascinanti relitti sommersi dei Caraibi, come il celebre RMS Rhone.

Questo paradiso incontaminato, che evoca storie di pirati e gloriose epoche passate, è attualmente raggiungibile con comodi e frequenti collegamenti dalle vicine isole di St. Thomas (USVI), Porto Rico, Antigua o St. Maarten verso il Terrence B.

Lettsome International Airport (EIS), l’aeroporto principale delle BVI.

A partire dall’autunno 2017, le BVI saranno comodamente raggiungibili con volo diretto da Miami.

I visitatori possono raggiungere l’arcipelago anche in traghetto dall’isola di St. Thomas (USVI).

SEGUICI ATTRAVERSO LE NOSTRE PAGINE SOCIAL IN ITALIANO
@BVITurismo #BVI_Turismo

The British Virgin Islands Tourist Board & Film Commission
Tel: +39 (02) 43458332 | Fax: +39 (02) 43458340
Email: bvi.italy@aviareps.com | www.bvitourism.it

Vacanze esotiche e nella natura in Africa – Il Botswana è per tutti – Bambini e safari

Il segreto meglio conservato d’Africa

Anche famiglie e disabili:
con African Explorer il Botswana è per tutti

L’estate è il periodo ideale per visitare il Botswana, perché durante la stagione secca il clima è caldo e gradevole e gli animali selvatici non si allontanano mai molto dalle pozze d’acqua.

Ecco allora che nascono due partenze estive di African Explorer dedicate agli amanti dell’Africa autentica, quella della savana, degli enormi parchi e dei safari alla ricerca dei Big 5.

Il tour è adatto anche alle famiglie con bambini: la tenda family può, infatti, ospitare 2 adulti e 2 bimbi e le guide sono esperte nell’intrattenere i più piccoli.

Informatevi sempre, molto bene, sulle vaccinazioni da fare anche 3 settimane prima e le eventuali controindicazioni per i bambini piccoli.

A loro è dedicato un pacchetto regalo con activity book, matite per colorare e libretto.

African Explorer è, infine, l’unico ad aver adattato le tende e i veicoli per rendere i safari accessibili anche ai disabili. Tutti, ma proprio tutti, potranno innamorarsi di questo Paese ancora lontano dalle rotte turistiche di massa che, grazie ad una politica per il turismo rivolta alla tutela e alla conservazione ambientale, può ancora vantare aree completamente selvagge ed intatte.

Per scoprire luoghi ancora incontaminati, il modo migliore è sicuramente il safari in tenda nel cuore della natura. L’itinerario, ricco ed articolato, propone lodge eco-friendly di grande fascino, dotati di tutti i confort e immersi in contesti straordinari.

Il viaggio si apre alla vista delle spettacolari Cascate Vittoria, in Zimbabwe, un fronte di acque roboanti lungo quasi 1700 metri, il “fumo che tuona” – questo il nome che le popolazioni locali hanno dato alle cascate – è uno spettacolo maestoso ed affascinante. Altra meraviglia naturale è il Chobe National Park, un vero miraggio di 11.000 kmq, dove la coesistenza di elefanti, leoni, ghepardi, ippopotami e centinaia di altri animali rende lo scenario vario ed emozionante.

Anche la Moremi Game Reserve regala bellissime sorprese: un santuario di foreste di mopane, praterie, pianure alluvionali e habitat fluviali, uno degli ambienti più accoglienti per gli animali in tutto il continente africano.

Uccelli, elefanti, zebre, bufali, gnu, giraffe, ippopotami e kudu: questi sono solo alcuni degli esemplari che potrete ammirare durante il safari sul più ampio delta interno del mondo, quello dell’Okavango, che vi aspetta con il suo labirinto di lagune, canali e isole brulicanti di animali.

L’ambiente umido e fertile, completamente diverso dal resto del territorio arido del Paese, si mostra in tutta la sua bellezza, con i suoi colori intensi, le sue forme lunari, i mille piccoli corsi d’acqua che lo alimentano e rendono così vario il paesaggio.

Risulterà davvero inaspettato il contrasto con il deserto del Kalahari, un’enorme distesa di sedimenti sabbiosi con una grande presenza di animali e non solo… Venite a scoprire quell’angolo di Africa in cui la potenza della natura si è espressa al suo meglio!

NON TUTTI SANNO CHE…
nel deserto del Kalahari vivono i Boscimani, gruppo etnico dell’Africa australe che vive ancora secondo antichissime tradizioni. Durante il tour si avrà modo di entrare in contatto con questo popolo nomade per conoscerne la cultura, la capacità di sopravvivenza e le tecniche di caccia. Scoprirete che usano ancora arco e frecce, le cui punte vengono rese velenose con un composto di succo di euforbia, veleno di serpenti e ragni pestati.

CHECK-IN: BOTSWANA – partenze speciali con guida parlante italiano
Durata: 12 giorni – 9 notti
Itinerario 27 luglio 2017: Italia – Maun – Central Kalahari Game Reserve – Maun – Delta dell’Okavango – Maun – Moremi Game Reserve – Chobe National Park – Cascate Vittoria – Italia
Quota: a partire da € 6.290 a persona

Itinerario 17 agosto 2017: Italia – Cascate Vittoria – Chobe National Park – Moremi Game Reserve – Delta dell’Okavango – Central Kalahari Game Reserve – Maun – Italia
Quota: a partire da € 5.990 ( + 70 euro + 630 + 35 + assicurazione + mance e bibite e extra) a persona, da conteggiare in più anche quanto segue:

Quota d’iscrizione Euro 70.00Tasse aeroportuali indicative630,00Visto d’ingresso in Zimbabwe US$ 35.00 (il visto si ottiene e paga direttamente in loco) – Assicurazione annullamento, medico, bagaglio e ritardo volo – Bevande, mance ed extra in genere – Tutto ciò non espressamente indicato nella proposta di viaggio.

La quota include: Trasporto aereo con voli di linea in classe economica da Milano, Roma, Venezia, Bologna – Trasporto interno con voli di linea in classe economica: Johannesburg/Victoria Falls – Maun/Johannesburg – Trasferimento a bordo di piccoli voli interni: Kasane/Khwai – Tutti i trasferimenti via terra – Sistemazione nelle strutture (Camp/Lodge) specificate nel programma in camera doppia con servizi privati – Pensione completa in Botswana. Pernottamento e  colazione a Victoria Falls – Tasse d’entrata ai Parchi/Riserve in Botswana – Safari fotografici in veicolo 4X4, a piedi, in barca a motore (sempre accompagnati da guide professioniste di lingua inglese) – Traduttore di lingua italiana durante tutto il viaggio

La quota non include:

Quota d’iscrizione Euro 70.00 – Tasse aeroportuali indicative € 630,00 – Visto d’ingresso in Zimbabwe US$ 35.00 (il visto si ottiene e paga direttamente in loco) – Assicurazione annullamento, medico, bagaglio e ritardo volo – Bevande, mance ed extra in genere – Tutto ciò non espressamente indicato nella proposta di viaggio.

African Explorer: Tel: + 39 02 43319474
info@africanexplorer.com – www.africanexplorer.com

VIAGGI INDIMENTICABILI – Tokyo e i ciliegi in fiore – La città si mostra nel suo massimo splendore







Notizie Turistiche dal Tokyo Tourism Representative, Milan Office

Tokyo: ecco i ciliegi in fiore, la città si mostra nel suo massimo splendore

Con l’arrivo dei primi cenni della primavera, Tokyo vi invita ad ammirare uno dei più longevi e importanti simboli della cultura e tradizione giapponese, il fiore di ciliegio.

Il rito dello hanami (letteralmente “ammirare i fiori”) è una tradizione longeva che consiste nel trascorrere del tempo di qualità, bevendo e mangiando insieme ai propri cari, familiari oppure amici o, ancora, insieme ai colleghi di lavoro, seduti sotto gli alberi di ciliegio (in giapponese sakura) ad ammirarne i fiori, simbolo di bellezza effimera e al contempo della caducità del mondo reale che ci circonda.

Lo hanami, inizia gradualmente intorno a febbraio, con la più precoce fioritura dei pruni, e prosegue verso il suo picco con la fioritura dei ciliegi che annuncia l’arrivo ufficiale della primavera.

Poiché il Giappone è un’isola molto lunga che comprende più fasce climatiche, il periodo di fioritura dei ciliegi varia in base alla regione geografica.

A Tokyo questa si colloca verso tra fine marzo e gli inizi di aprile, sempre che condizioni metereologiche straordinarie non causino un anticipo o un ritardo sulle tempistiche.

Lo hanami è uno dei periodi dell’anno più importanti per il popolo giapponese, così importante che le televisioni e i giornali nazionali gli dedicano un servizio di previsioni quotidiano, alla stregua delle previsioni meteo.

Per chi visita Tokyo in questo periodo, da non perdere sono i menù tematici e i dolci ispirati al fiore di ciliegio offerti da innumerevoli ristoranti e caffè della città, come quelli di KIHACHI, una pasticceria di alta classe con numerosi punti vendita in città che offre per questa primavera due dolci con fiori di ciliegio, il montblanc SAKURA e il verrine SAKURA.

Sebbene Tokyo sia famosa per la sua immagine di giungla di grattacieli, la città è anche sinonimo di natura.

Tokyo abbonda infatti di luoghi dove ammirare la fioritura, tra cui il parco di Ueno, il fiume Megurogawa e molti altri.

Se vi state chiedendo cosa vedere a Tokyo, ecco a seguire alcuni dei luoghi da non perdere in questa occasione, alcuni più conosciuti e altri tutti da scoprire.

Chidorigafuchi – l’antico fossato Edo e la passeggiata di ciliegi

Chidorigafuchi, nel quartiere di Chiyoda, è una passeggiata che si snoda per 700 metri lungo il fossato del Palazzo Imperiale, e il suo nome (lett. “fossato dei pivieri”) deriva dalla forma del fossato che ricorda quella di un piviere.

È uno dei luoghi più famosi a Tokyo, raccogliendo più di un milione di visitatori ogni anno, dove è possibile ammirare i ciliegi in fiore con i suoi oltre 260 alberi appartenenti a numerose varietà di ciliegio. Durante la fioritura gode di un’illuminazione artificiale notturna che crea una leggendaria atmosfera.

Per la fioritura del 2017, sono previsti anche tour in inglese dedicati ai visitatori stranieri, tramite i quali sarà possibile accedere a punti scenografici normalmente non accessibili per scattare fotografie uniche o, ancora,

 

Notizie Turistiche dal Tokyo Tourism Representative, Milan Office

partecipare ad una cerimonia del tè tradizionale.

Passeggiata Chidorigafuchi

Indirizzo: Kudan Minami 2-chome—Sanbancho Chiyoda-ku, Tokyo http://www.gotokyo.org/it/kanko/chiyoda/spot/10059.html

Rikugi-en – l’imperdibile cascata di petali di ciliegio

Rikugi-en (“il giardino dei sei princìpii”) è un giardino, capolavoro dell’epoca Edo, voluto dal quinto shogun Tsunayoshi Tokugawa in stile kaiyuu (lett. “circolare”), lo stile in cui la disposizione degli elementi del giardino ruota intorno ad un centro.

Occorsero 7 anni per completarlo e presenta anche collinette e laghetti.

Nel giardino c’è un ciliegio, simbolo della fioritura primaverile, alto 15 metri con una fronda ampia 20 metri, i cui rami durante la fioritura si tramutano in una cascata di petali di colore lievemente tendente al rosso.

Giardino Rikugi-en

Indirizzo: 6-16-3 Hon-komagome, Bunkyo-ku, Tokyo

http://www.tokyo-park.or.jp/english/park/detail_08.html#rikugien

Tokyo Midtown – la fioritura nel centro di Tokyo

Tokyo Midtown, il centro polifunzionale di 6 edifici composto da negozi, ristoranti, uffici, hotel e musei, costituisce una vera e propria città nella città.

Si trova nel centro del distretto di Roppongi ed ospita, tra gli altri, il Suntory Museum of Art, il Ritz-Carlton Hotel e la Midtown Tower, uno degli edifici più alti di Tokyo con i suoi 248 metri di altezza.

Il Tokyo Midtown è una delle aree riqualificate più verdi di Tokyo. Proprio dietro al complesso, si cela un giardino giapponese, il parco Hinokicho, che un tempo era luogo in cui sorgeva una antica villa di un signore feudale e, accanto al parco, si trova il Midtown Garden che offre ancora più spazi verdi e una splendida fioritura durante il periodo primaverile, con circa 140 alberi di ciliegio e altri forma uno dei luoghi più verdi o meglio… rosa della città.

Tokyo Midtown Garden

Indirizzo: 9-7-1 Akasaka, Minato-ku Tokyo http://www.tokyo-midtown.com/en/

TOKYO TOURISM REPRESENTATIVE, Milan Office

ACCORD INC. Tokyo Kotsu Kaikan Building 608, 2-10-1 Yurakucho, Chiyoda-ku, Tokyo 100-0006 IXI S.R.L.

Via Pinamonte da Vimercate 6, Milano 20121

 

EGITTO – Barriera corallina – Port Galib

PORT GALIB (vicino alla nota stazione turistica di Mars Salam)

2017 marzo

Siamo appena arrivati da Port Galib; Mar Rosso, Egitto.
Sappiamo bene che l’Egitto oggi, non è una delle mete più raccomandabili a causa del rischio terrorismo.

Al di là delle considerazioni ufficiali, per vari motivi, che poi elencheremo, molti italiani continuano a frequentare questa parte del mondo.

Port Galib,  meta vicina all’aeroporto (15 minuti di bus) e isolata nel deserto, nonché strettissimamente sorvegliata e di proprietà araba, dà molte più garanzie di altre destinazioni con molto più turismo come Sharm, Hurgada o la stessa vicina Mars Salam.

Altri motivi che hanno determinato la nostra scelta:
vedere la barriera corallina; anzi quello che nel mondo ne rimane …
-questo è il luogo più vicino all’Italia, anche come fuso orario, dove si possa già fare il bagno in marzo
-le temperature qui raggiungono già i 30°, anche se qualche volta è abbastanza ventoso, ma si può prendere il sole tranquillamente
-le strutture turistiche sono nuove ed offrono un buon confort
-l’Egitto è un Paese che vogliamo (nel nostro piccolo) aiutare; se crollasse completamente il turismo, il Paese entrerebbe nel buio della povertà più estrema, favorendo così la crescita dei fondamentalisti (che qui comunque sono sempre stati combattuti).

Purtroppo, come dicevamo sopra, la barriera corallina, anche qui subisce le devastanti conseguenze del riscaldamento globale; rimangono ancora poche madrepore (dette comunemente coralli) vive e colorate, il resto è GRIGIO ! Parliamo di quanto visibile nei primi metri di profondità; ovvero quanto si vede facendo snorkeling.

Barriera corallina morta; lo si vede dal colore grigio delle madrepore.

SOPRAVVIVONO anche solo pochi dei numerosissimi pesci che abitano la barriera corallina; molti sono stati pescati e mangiati, i più belli e rari sono stati sterminati per venderli ai proprietari di acquari (molti) incapaci di tenerli vivi (ma molti sono morti nel trasporto).

Comunque noi, che avevamo fotografato le barriere coralline di diversi oceani quando erano ancora vive, non riusciamo a dimenticare, né a privarci della visione di quello che comunque ci appassiona ancora.

VOGLIAMO COMUNQUE PRECISARE CHE, per chi non ha mai visto la barriera corallina completamente viva, anche oggi gode di quanto rimane (qualche bel pesce colorato, una o due taratrughe, delfini …) e torna assai contento dalla vacanza. 

CHI FA IMMERSIONI GODE APPIENO della barriera in profondità  che non è stata uccisa dall’aumento delle temperature dell’acqua superficiale.

DURANTE LA VACANZA ABBIAMO SCRITTO:

Esequie ironico-serie alla barriera corallina

Cara barriera e cari pesciolini, tartarughe e dugonghi,

siete stati sempre i miei compagni preferiti, la tavolozza dei vostri colori e la vostra compagnia mi hanno rallegrato durante tutti gli anni più belli della mia vita.

Vi ho inseguito nei vari oceani e sempre vi ho trovato allegri e vivaci compagni delle mie nuotate.

Avevo letto sui libri del grande pioniere oceanografo Jaques Cousteau, che la vostra vita era appesa ad un filo, quello della devastazione umana: inquinamento, uccisioni per diletto e per portarvi negli acquari .

Purtroppo tutto si è avverato ancora più in fretta di quanto avevo potuto immaginare.

Oggi fate ancora la felicità di chi, non avendovi visto nel vostro splendore, si accontenta di qualche sprazzo di madrepora ancora viva e dei pochissimi pesci, tartarughe ed altri sopravvissuti, nel grigiore generale.

Grazie a questi pochi reietti, posso ancora godere del ricordo di quel brulichio di vita che ho tanto ammirato.

Pace all’anima di tutti i morti immolati da un’umanità sempre più aggressiva e devastante.

E’ stato bellissimo passare ore in acqua guardando i gialli, i rossi, i viola, gli azzurri, i verdi e tutte le loro sfumature possibili.

Come un appassionato d’arte guarda un grande capolavoro dell’uomo artista, io guardavo a voi come ad uno dei più gradi capolavori della natura.

Che la pace sia con voi; amen !!!

P.S. Quest’anno, la corrente fredda dell’Oceano pacifico che doveva formarsi lungo le coste del Perù è caldissima … una temperatura assassina che si disperderà nell’oceano causando altri danni. Ma c’è ancora chi sostiene che il cambiamento climatico è solo una fissazione della mente malata degli ecologisti.

Volare ecologico e con stile – Finnair – Bangkok e Pechino a partire da 429 € a/r** e altre destinazioni in Asia

Da Helsinki,  la rotta polare garantisce un tempo di volo ridotto e collegamenti agevoli per i passeggeri di tutta Europa.

Finnair ti porta alla scoperta di Singapore e Bangkok e tante altre destinazioni asiatiche

ECONOMY CLASS DESTINAZIONE HELSINKI
Voli da Roma validi per viaggi a Helsinki dal 15 marzo 2017 fino al 30 giugno 2017
Helsinki a partire da 209 € a/r**

Fino 27 marzo sono in vendita i bigliettiFinnaircon tariffe davvero sorprendenti per volare verso l’Asia e Helsinki.

Fra le tante fantasticheofferte, un ventaglio completo di tariffe speciali (Business, Economy e One Way)per viaggiare verso le incantevoli Singapore eBangkok. La prima è una giovane città stato (ha da poco festeggiato i suoi primi 50 anni) che offre un mix di moderno e antico, con grattacieli altissimi e antiche tradizioni.

La seconda vanta secoli di storia e folclore tailandese che ben si sono fusi con la cultura attuale: Bangkok e Singapore sono città straordinarie, cosmopolite e affascinanti.

Per volare nel resto dell’Asia (Cina, Thailandia, India, Singapore, Corea), Finnair propone tariffe scontate acquistabili da oggi fino al 27 marzo 2017 e fruibili in termini di volo, in alcuni casi, fino al 31 ottobre 2017.

Come sempre i voli, in partenza da Helsinki, percorrono la rotta polare, garantendo un tempo di volo ridotto e collegamenti agevoli per i passeggeri di tutta Europa.

BUSINESS CLASS ASIA
Voli di Business Class per l’Asia(via Helsinki da Milano e Roma) validi per viaggi fino a ottobre 2017*:
Delhi, a partire da 1.299€ a/r**
Chongqing, a partire da 1.399€ a/r**
Xi’an, a partire da 1.419€ a/r**
Bangkok, a partire da 1.449€ a/r**
Canton a partire da 1.499€ a/r**
Singapore a partire da 1.599 a/r**
Hong Kong, Pechino, Shanghai, Seoul a partire da 1.699 € a/r**

ECONOMY CLASS DESTINAZIONI ASIA
Voli per l’Asia(via Helsinki da Milano e Roma): validi per viaggi fino a ottobre 2017 per alcune destinazioni.
Chongqinge Delhi a partire da 419 € a/r** Black out 1.7.2017-31.08.2017
Bangkok e Pechino a partire da 429 € a/r** Volo per Pechino Black out 1.7.2017-31.08.2017
Canton a partire da 439 € a/r** Black out 1.7.2017-31.08.2017
Shanghai e Xi’an e Singapore a partire da 449 € a/r** Black out 1.7.2017-31.08.2017
ECONOMY CLASS DESTINAZIONI ASIA ONE WAY
Bangkok e Singapore a partire da 259 € a/r**
Hong Kong a partire da 299 € a/r**

E per tutti gli amanti della Finlandia che quest’anno festeggia il suo centenario dell’indipendenza, Finnair permette di raggiungere Helsinki con l’offerta speciale Europa tariffe light (senza bagaglio) per partenze da Roma Fiumicino. La Finlandia è stata eletta Best in Travel 2012 da Lonely Planet.

*Per maggiori dettagli sulle condizioni, le destinazioni e sui periodi di viaggio visitare il sito www.finnair.it.
**Tariffe tasse incluse, soggette a restrizioni e disponibilità, posti limitati. La compagnia si riserva di modificare i termini dell’offerta senza preavviso.

Giamaica con i tour dell’isola

Esiste una Giamaica selvaggia e autentica

Dunn’s Rivers Falls; tra le cascate più belle al mondo

Costa nord-occidentale dell’isola, la più selvaggia 

Deliziosa la cittadina portuale di Lucea

Paesaggi mozzafiato sulla  West Coast, con la meravigliosa Seven Mile Beach; una delle spiagge più belle del mondo

 Tramonto dal faro di Negril

Panorama serale dal leggendario Rick’s cafè

Da Montego Bay a Kingston, passando per la meravigliosa Port Antonio e per Treasure Beach,

Scopri l’anima più autentica della Giamaica con i tour dell’isola, da marzo anche in Mini Cooper

Dal 1˚marzo due tour inediti per esplorare l’isola:

 – Dietro lo scintillante comfort dei resort e lo splendore delle spiagge che l’hanno resa famosa, esiste una Giamaica selvaggia e autentica che non può sfuggire a chi decide di vivere fino in fondo il fascino dell’isola.

Il Mini-Routes Ocho Rios prevede la partenza dall’omonima città costiera e come prima tappa la visita delle Dunn’s Rivers Falls, tra le cascate più belle al mondo, dove è possibile risalire per 180 metri le rocce calcaree alternate a splendide cascate e pozze d’acqua.

Dopo l’escursione, le ruote della Mini Cooper si dirigono nuovamente verso Ocho Rios per gustare un pranzo a base di tipici piatti giamaicani. Sempre della gastronomia locale sono i dolci che accompagnano il pomeriggio di escursione culturale al porto dove approdò Colombo per la prima volta.

Atmosfere più wild s’incontrano invece nella tournée della Mini Routes Negril che si concentra sulla costa nord-occidentale dell’isola e sulla “capitale del casual”: Negril.

L’esplorazione dell’isola inizia dalla colazione on the road a base di cocco presso uno dei tipici chioschi locali, e prosegue con la visita della graziosa cittadina portuale di Lucea e dei paesaggi mozzafiato della West Coast: dalla meravigliosa Seven Mile Beach, nota come una delle spiagge più belle del mondo, al tramonto dal faro di Negril fino al panorama serale dal leggendario Rick’s cafè.

Se desiderate inoltrarvi nella Giamaica più genuina, non limitatevi ai tour giornalieri ma avventuratevi in lungo e in largo sull’isola con tour di più giorni, regalandovi l’emozione di alzarvi ogni mattina in un luogo diverso.

Press Tours propone il tour Scopri la Jamaica che vi farà vivere solo il meglio della destinazione: un tour completo che, da Montego Bay a Kingston, passando per la meravigliosa Port Antonio e per Treasure Beach, porta alla scoperta della straordinaria ״terra dei fiumi e dei rasta״. Il costo medio del tour (7giorni/6notti) è di €1.590 a persona.

Per maggiori informazioni sui tour dell’isola organizzati da Press Tour visitate il sito web

Jamaica Tourist Board
Ufficio stampa per l’Italia c/o Interface Tourism Italy
Via Carducci 36 – 20123 Milano
Email: elisa.eterno@interfacetourism.com
Tel. +39 02 83660917 Fax: +39 02 49753598

Vacanze per viaggiatori – Best Birmania – Da 1680 euro un viaggio guidato di 7 giorni

Il meglio della Birmania in questo itinerario di gruppo in italiano

SIC/KPL/ITA
Quote valide dal 01/10/2016 al 30/04/2017
Tour  di gruppo – minimo 2 partecipanti 
Guida parlante italiano – partenza da Yangon il martedì mattina
Totale minimo 1.680 euro
Più ingressi ai musei o altro, dove previsto

Persona in camera doppia Euro 1.570,00
Quota iscrizione Euro 60,00
Assicurazione sanitaria bagaglio e annullamento Euro 50,00

Tour di gruppo con guida parlante italiano. Il meglio della Birmania in questo itinerario di 7 giorni. Arrivo a Yangoon di martedì mattina.

1° giorno:  Yangoon –  Arrivo all’aeroporto internazionale di Yangon, trasferimento in hotel, sistemazione nella camera riservata e pranzo libero.  City tour di Yangon, la città venne fondata nel 1755 ed è una delle più affascinanti città asiatiche. Fino al 2006 Yangon era anche la capitale del Paese, prima che questa venisse spostata ufficialmente a Naypyitaw. Rimane comunque uno dei centri commerciali più importanti. Gran parte delle esportazioni e delle importazioni passano attraverso il porto di Thilawa, il più grande e trafficato della Birmania. La città ha 6 milioni di abitanti di etnie birmane diverse che convivono pacificamente insieme a indiani e cinesi, ed è un affascinante misto di costruzioni di diversi stili: inglese del periodo vittoriano, cinese, birmano, indiano… bagnata da fiumi e con 2 laghi, parchi ombrosi e viali alberati dai quali svettano i pinnacoli delle numerose pagode disseminate ovunque. La Strand Road, la via principale, costeggia il fiume Irrawaddy, che attraversa la città e la frenetica zona portuale fulcro del commercio e comunicazione. Il tour include: il gigantesco Buddha sdraiato e la pagoda Shwedagon. Una miriade di piccole pagode, templi, reliquari, padiglioni e statue, fanno da cornice al possente stupa centrale che si innalza per quasi cento metri, interamente ricoperto da lamine d’oro ed impreziosito di gemme e diamanti nell’ombrello sulla cima. Dopo la visita, dal rooftop di un palazzo si può ammirare il panorama a 360 gradi di tutta la città sorseggiando un cocktail. La giornata si conclude con la cena in ristorante tipico. Pernottamento a Yangon.
2° giorno:  Yangon / Bagan Giro tra i templi in calesse! – Di primo mattino trasferimento in aeroporto e volo Yangon / Bagan, arrivo in circa 1 ora. Si approfitta delle ore più fresche della giornata per la visita di Bagan la località più affascinante della Birmania. Si pensa che probabilmente qui siano stati costruiti più di 13.000 tra templi, pagode e altre strutture religiose, di cui ora ne rimangono circa 2.000. Un patrimonio unico, tra i siti archeologici più significativi del Sud-Est asiatico e del mondo. Nel 2002 le è stato conferito lo status di Patrimonio dell’Umanità. Due principali tipi di strutture architettoniche storiche si trovano nella zona di Bagan. La pagoda, o stupa è uno dei principali monumenti buddhisti. Originariamente un cumulo di pietre è diventato un monumento funebre, poi ha acquisito simbolismo cosmico del Buddha contenente le sue reliquie. L’altra è il tempio, o pahto, che può assumere una varietà di forme.  Non può mancare una sosta presso il colorato mercato a Nyaung-oo, molto animato nelle ore mattutine, quindi visita della splendidapagoda Shwezigon, il cui stupa a forma di campana è diventato il prototipo per tutte le altre pagode in Birmania. Seguirà visita ad altre pagode e templi tra i più importanti e scenografici, e alla fabbrica della bellissima lacca, tipica di Bagan. Visita del tempio di Ananda, del particolare tempio Manuha, fino a concludere con un indimenticabile tramonto panoramico dall’alto di una pagoda. Pranzo in ristorante sul fiume, cena in ristorante tipico con spettacolo. Pernottamento in hotel.
3° giorno: Bagan / Mandalay – Dopo la prima colazione, partenza per Mandalay attraversando i paesaggi del Centro Birmania: si vedono le coltivazioni, i villaggi, e la vita locale. Arrivo a Mandalay  ultima capitale del regno birmano dopo circa 4 ore;  oggi Mandalay è la seconda città del Paese con una popolazione che si aggira intorno al milione. Seconda colazione in ristorante locale, nel pomeriggio inizia la visita che prevede una sosta ai laboratori artigiani delle marionette e degli arazzi, e la visita al monastero Shwenandaw, con splendidi intarsi di legno, meraviglioso esempio di arte tradizionale birmana ed unico superstite degli edifici del Palazzo Reale andati completamente distrutti durante la seconda guerra mondiale. Quindi la Kuthodaw Paya, che fu il risultato di un grande sinodo di 2.400 monaci, chiamati da re Mindon nel 1857 per stabilire il canone definitivo del testo originale più antico dei 15 libri sacri che tramandavano gli insegnamenti del Buddha. Il testo fu scolpito in lingua pali su 729 lastre di marmo. Si è calcolato che, per leggere tutto il “libro”, una persona impiegherebbe almeno otto ore al giorno per 450 giorni. Si prosegue per la vista panoramica su tutta la città dalla collina di Mandalay. Cena e pernottamento in hotel a Mandalay.
4° giorno: Mandalay / Amarapura Mingun / Mandalay – Rito buddhista della donazione del pasto ai monaci. Dopo la prima colazione, inizia subito la visita dell’affascinante Anmarapura, dove si assiste alla processione e al silenzioso pasto comunitario dei monaci in un grande monastero poco turistico, Si prosegue per il ponte U Bein, il ponte tutto in tek più lungo del mondo su cui passeggiare.  Visitata la pagoda Mahamuni, con la grande statua del Buddha seduto proveniente dall’Arakhan ricoperta di sfoglie d’oro votive, si prosegue per il quartiere dove lavorano il marmo. Passeggiata nel mercatino variopinto. Pranzo in ristorante locale. Trasferimento a Mingun, antica città reale, in battello locale. Lungo le rive del fiume si osservano panorami e scene della vita fluviale. Visita alla zona archeologica di Mingun che include l’immensa pagoda incompiuta, la campana più grande del mondo, dal peso di 90 tonnellate, e la pagoda Myatheindan, costruita con particolari spire bianche, simboleggianti monti mitologici. Rientro a Mandalay sempre in battello. Cena in ristorante locale. Pernottamento a Mandalay.
5°giorno: Lago Inle / Stato Shan / Pagode di Taung Tho –  Il lago Inle è uno specchio d’acqua poco profondo, di una ventina di chilometri di lunghezza e una decina nel suo punto piu largo. È limpido e di particolare suggestione a causa di diversi fattori ambientali, della serenità della gente e della soavità dei panorami. In questo luogo eccezionale gli 80.000 abitanti dell’etnia degli Intha che vuol dire “Figli dell’Acqua”, vivono, lavorano, studiano, pregano: tutto sull’acqua! Trasferimento in aeroporto e breve volo da Mandalay per Heho, nello stato Shan, ai confini con la Thailandia, detto la “Svizzera birmana” per i bei paesaggi montani. Arrivo e proseguimento per il lago Inle attraverso percorso panoramico, arrivo in circa 1 ora. Ci si imbarca su motolance e inizia subito il Tour del lago Inle, con seconda colazione in ristorante: il lago è molto bello ed estremamente pittoresco! Si incontra il mondo a sè di una popolazione unica, quella degli Intha, che abita sulle acque del lago, e dal lago trae vita. Si vedono i pescatori che remano con la gamba e pescano con una speciale nassa conica, i giardini galleggianti costruiti con fango e giacinti d’acqua e ancorati al fondo con pali di bambù. Escursione alle remote Pagode di Taung Tho attraversando una delle zone più panoramiche del lago Inle, superando villaggi su palafitte e orti galleggianti. Al rientro ci si ferma al villaggio di Impawkone con le cooperative tessili delle donne Intha: pregiate sete e tessuti da fior di loto. Sistemazione, cena e pernottamento in hotel a Inle.
6° giorno: Sito di Inthein – Prima colazione e partenza in motolancia per  i villaggi della parte centrale del lago, visita delle splendide colline di Inthein, in un braccio secondario del lago. Qui vive la minoranza Pa-Oh, la seconda più grande minoranza etnica nello Stato Shan. Passeggiata nel villaggio prima di avventurarsi su un lungo viale pieno di bancarelle, che conduce alla cima di una collina dove si trova il magnifico complesso buddista d’Inthein composto di centinaia di stupa ricoperti di vegetazione risalenti al XIII secolo, che circondano un antico monastero. Si ritorna al pontile attraversando una foresta di alti bambù. Seconda colazione in ristorante locale. Nel pomeriggio si vedono le famose coltivazioni di frutta e verdura galleggianti sulle acque, si visita il monastero Nga Pha Kyaung, famoso un tempo per i gatti addestrati dai monaci, e la grande pagoda Phaung Daw U Kyaung, la più importante dello Stato degli Shan. Rientro per il pernottamento e la cena in hotel.
7°giorno: Yangon:  Prima colazione, trasferimento in aeroporto per volo per Yangon. Si conclude compatibilmente con l’orario di partenza internazionale la visita della città di Yangon. Seconda colazione in ristorante locale, trasferimento in aeroporto e partenza.

La quota comprende: voli interni – sistemazione in camere doppie negli hotel 04* –
-trasferimenti da/per aeroporto
trattamento pasti come da programma
tour effettuato di gruppo con guida parlante italiano
tasse e percentuali di servizio – ingressi ove previsto.
La quota non comprende: volo – visto – mance – bevande – extra di natura personale e quanto non indicato nella voce” la quota comprende”.

 

AZERBAIJAN vacanza insolita cultura natura birdwatching artigianato terme

Una  meta poco conosciuta con una città modernissima, tanta cultura e artigianato, ma anche splendida natura, ricco di animali anche rarissimi, il paradiso per il birdwatching: l’AZERBAIJAN (CAUCASO), merita di essere conosciuto.

Baku-oggi Azerbaijan

BAKU LA CAPITALE CITTA’ MODERNA, MA HA CONSERVATO ANCHE L A PARTE  ANTICA.

Bakula-sede-del-governo-dal-1936-al-1952 Azerbaijan -300x192

Antica Baku.

TAPPETI,  LAVORAZIONE DEL METALLO, TERME E…

Baku: nuova metropolitana quasi psichedelica.

Il vecchio delle costruzioni dell’ex Unione Sovietica è sovrastato dal nuovo di giganteschi grattacieli.

shirvan-Azerbaijan

Tappeti.

flamingo_natura Azerbaijan animali varie

Natura.

Azerbaijan Ismayilli

Storia: Ismayilli.

Sul lato est (centro-sud) del Mar Caspio, l’Azerbaijan si protende nel mare con una caratteristica forma che lo fa sembrare il becco di un rapace; il cui corpo è l’entroterra dello stato.

A nord confina con la Georgia e la Russia, a ovest con l’Armenia, a sud con l’Iran.

Occupando la parte sudorientale del Caucaso, sul confine tra Europa e Asia, l’Azerbaigian gode di una posizione geograficamente e geopoliticamente vantaggiosa.
Dai tempi antichi ha svolto un ruolo importante nei rapporti internazionali sia economici che culturali.

Da tre lati, il territorio azerbaigiano è circondato dalle montagne; a nord il Gran Caucaso con la vetta più alta del paese, il Monte Bazarduzu. Nella parte sudoccidentale si trova la regione montuosa transcaucasica. A Sud s’innalzano i Monti Talish, confinante con l’Iran. La vetta più alta dei Monti Talish, in territorio azerbaigiano, è il Monte Gizyurdu che raggiunge i 2433 m.

La bassa pianura dei fiumi Kur-Arazfa del territorio azerbaigiano uno scivolo gigante in  pendenza verso il Mar Caspio, il lago più grande del mondo.

Il Mar Caspio ha più di 70 denominazioni: Mare di Khazar, Mar Caspio, Mare di Khvalynsk, Mare di Baku, Mar di Gyurgyan, Mare di Derbent.

Le coste dell’Azerbaigian si estendono per oltre 800 km e, in inverno. il mare è molto mosso e le tempeste  frequenti.

– Il Caspio ha un’influenza benefica per l’Azerbaigian: mitiga il clima, favorisce notevolmente i trasporti, è ricco di pesce, di petrolio e favorisce il turismo con: case di cura, centri di riabilitazione e strutture ricreative.

-Il fiume più importante del Caucaso è la Kur, che nasce in Turchia e attraversa il territorio georgiano e poi l’Azerbaigian, buttandosi nel Caspio.

-I magnifici boschi che formano i numerosi Parchi Nazionali, si trovano lungo le sponde del fiume Kur e sono famosi per l’aria fresca e pura.

– Il territorio azerbaigiano è disseminato di migliaia di fiumi e decine di laghi e cascate.

– La temperatura media annuale va da 14,5°C nelle zone di bassa pianura a 0°C (anche meno sulle montagne). A luglio la temperatura media nei territori in pianura va da 25-27°C a 5°C; con massime di 40-43°C.

-In Azerbaigian si incontrano: zone umide subtropicali, nevi perenni e i ghiacciai Shakhdag e Murovdag, boschi di Ismailli, Lachin, Kalbajar, convivono con le torride steppe di Mil, Mughan e Shirvan. nebbie e piogge sulle piantagioni di tè,  agrumi nelle zone pedemontane di Talish si alternano alle tiepide raffiche del vento marino Khazri che attraversa la penisola di Absheron.

FLORA E FAUNA

Prati alpestri e subalpestri, una fitta fascia di boschi ripariali, giuncheti e canneti, macchie di ninfee e loto vicino al Caspio.

-Molte le  piante officinali con proprietà curative; diffuse nell’intero territorio azerbaigiano, nelle aree desertiche e semidesertiche: Guba-Khachmaz, Sheki-Zagatala, Karabakh, Talish, ma anche nelle regioni aride.
I frutti della rosa selvatica possono essere raccolti in grandi quantità, ma anche: i fiori della camomilla caucasica, i fiori e i frutti di biancospino, timo, origano, zafferano, valeriana, menta, asperula, pimpinella.

– La foce della Kur e le rive del Caspio sono il regno degli uccelli e del birdwatching; nel bassopiano di Lankaran svernano oltre 200 specie d’uccelli migratori.

-Qui si caccia il cinghiale, ma anche il castorino, l’anatra, l’otarda minore, la folaga.

-Il Mar Caspio e la Kur sono ricchi di pesce come: salmone, storione, storione stellato, storione ladano e vi si trova anche la foca.

-4 sono le specie di serpenti velenosi; il più diffuso  è la macrovipera lebetina. Il suo veleno è una preziosa materia prima nel campo farmaceutico. Inoltre si incontrano: crotalo comune e il crotalo adamantino, le bisce d’acqua. Colubridi non velenosi: colubride di Schmidt, il Platyceps najadum, Hemorrhois ravergieri, Elaphe quatuorlineata, Elaphe dione. L’Hemorrhois ravergieri è sottile come una frusta (detto: serpente freccia) ed altri.

PARCHI NAZIONALI
Il territorio protetto è di 699.329 ettari, l’8,1% complessivo, con sette parchi nazionali, undici riserve e ventuno santuari della natura.
Parco Nazionale di Absheron
piante fluviali nelle zone paludose, sabbiose o paludose e salmastre.
-sulla terraferma: gazzelle dalla coda nera, sciacalli, volpi, tassi e lepri. Nel Caspio: foche e svariati pesci.
-Uccelli: gabbiano reale nordico, cigno trombettiere,  folaga, pantera grigia, anatra nera, moretta grigia, moriglione testarossa, beccaccia di mare, falco di palude e altri uccelli migratori.
Parco Nazionale di Ag-Gol Si estende sulla steppa di Mil, in territorio semidesertico ed è il più importante luogo per lo svernamento e la nidificazione degli uccelli di tutto il paese.
-140 specie d’uccelli
-negli ecosistemi nelle zone umide nidificano uccelli migratori, acquatici e limicoli.
Parco Nazionale di Altyaghach
Qui vivono: caprioli, orsi, cinghiali, linci, procioni, volpi, serpenti, scoiattoli, lupi e molte altre specie.
Parco Nazionale di Hirkan
-Tra le sue caratteristiche è da segnalare la presenza di: bosso sempreverde di Hirkan, alberi dal legno duro, quercia dalle foglie di castagno, fico di Hirkan, pero di Hirkan, albizia,  loto caucasico, ontano e altri.
-Fauna: leopardo, fagiano di Talish, cinciallegra, cicogna nera, aquila reale, ecc.
Parco Nazionale di Ordubad
Si tratta di un territorio montagnoso.

-Qui si può incontrare il rarissimo: leopardo asiatico, ma anche: la pecora argali, il muflone, l’egagro, l’aquila di mare dalla coda bianca, l’aquila reale e la grande otarda.

Parco Nazionale di Shakhdag
Qui troviamo: il tasso, la betulla, il frassino, il salice, il melo, il pero, il susino, e una molteplicità di piante che producono bacche.
Tra gli animali: cinghiali, lepri, orsi bruni, procioni, volpi, lupi, tassi, linci, scoiattoli, cervi, ecc
Uccelli: quaglie, tordi, colombacci, picchi, succiacapre, rigogoli e altri.
Parco Nazionale di Shirvan
-Il paesaggio è semidesertico e va segnalata la presenza delle gazzelle gozzute e altre specie di flora e fauna di questa unica zona.
-Tra gli anfibi: il rospo smeraldino, la raganella, la rana verde maggiore
-Rettili: la testuggine d’acqua, la tartaruga greca, la tartaruga caspica, la lucertola striata, la biscia comune e la biscia d’acqua, il colubro lacertino, la macrovipera lebetina, il Pelobates syriacus.
-Ma si trovano anche: cinghiali, i rari lupi rossi, volpi, tassi, gatti della giungla, lepri comuni, sciacalli e rare specie d’uccelli.
Parco Nazionale di Goygol
Caratteristica di questo parco sono i laghi contornati da boschi montani con: faggi, querce e carpini;  boschi di querce e betulle, sorbo selvatico, rosa selvatica, caprifoglio e altro.
-Animali: caprioli, il cervo del Caucaso, la capra del Caucaso orientale, l’orso bruno, la lontra, la donnola, la martora e altri animali.
-Uccelli più caratteristici: il gipeto, l’avvoltoio monaco, il tetraogallo del Caucaso e il chukar.

Riserva di Besitchay
L’età media degli alberi è di 170 anni, ma vi sono anche esemplari vecchi di 1200/1500 anni. SI TRATTA DEL BOSCO DI PLATANI PIU’ ESTESO AL MONDO.
Riserva di Garagol Il lago Garagol si è formato nel cratere del vulcano spento, la sua flora comprende 102 specie e sottospecie di piante, appartenenti a 68 generi e 27 famiglie.

Riserva di Garayazi La riserva comprende 9.658 ettari di superficie nella golena della  Kur e nella bassa pianura di Garayazi, con: salici, crespini, elaeagnus, biancospino, il pioppo bianco, la quercia, l’ontano, la robinia, boschi di querce, pioppi, acacie, olmi, pioppi tremuli e salici.

-Animali: cervi, cinghiali, lupo, sciacallo, gatto della giungla, donnola, faina, lepre comune, riccio, e nutria. Tra gli uccelli ; l’aquila di mare a coda bianca, la cicogna nera, la grande otarda e il fagiano.
Riserva di Gizilagach 240 specie di uccelli, e più di 50 specie di pesci, per un clima mite subtropicale con fitti canneti e giuncheti .
Inclusa nella lista dei 12 territori acquatico-palustri della Convenzione relativa alle zone umide di importanza internazionale quale habitat per uccelli acquatici; qui svernano enormi stormi di uccelli migratori: anatre e cigni, oche e galline prataiole, pellicani crespi, fenicotteri rosa e rossi, pollo sultano viola (con una meravigliosa tavolozza delle piume).
Riserva di Zagatala Boschi di faggi, carpini, querce, aceri, tigli, castagni, cachi e altro.
-Animali: la capra del Caucaso orientale, il camoscio, il capriolo, l’orso bruno, la volpe e la lince, il gufo, il gheppio, il capovaccaio, il grifone, l’avvoltoio monaco, il gipeto, l’aquila reale, il falco pellegrino.
Riserva di Ilisu Querce, faggi e carpini, frassini, aceri, noci, salici e alberi da frutto selvatici: il melo, il pero, il ciliegio, il nocciolo turco, il loto, il castagno, la rosa canina dell’Azerbaigian e molti altri qui sono protetti, insieme all’orso e al capriolo, il cervo, la capra del Caucaso orientale, il cinghiale, il lupo, la volpe, lo scoiattolo, il tasso, il procione, la lepre, il riccio.

Riserva di Turyanchay

Tra le piante: il melograno comune e il ginepro odoroso.

Gli uccelli: il chukar, il piccione, la tortora, il gheppio, il grifone e l’avvoltoio monaco. I mammiferi: cinghiale, l’orso bruno, il tasso, la faina, la lince, lo sciacallo, il gatto selvatico, la lepre, ecc…
Riserva Statale Di Shahbuz Il paesaggio è montano e di campagna.
-Flora: piante officinali e querce; fauna: uccelli come pernici e usignoli, e mammiferi come l’orso bruno, il tasso, la lince.

Riserva Naturale Nazionale “Pino di Eldar” Luogo unico al mondo per quanto concerne l’insediamento naturale del pino di Eldar.
Riserva Naturale Statale Kerchay Il suo territorio è di 4.833,6 ettari nella Regione di Goranboy e possiede rari ecosistemi.

SANTUARI NATURALI STATALI
Numerosi e tutti interessanti per la protezione del territorio

MONUMENTI GEOLOGICI
Le rocce più antiche risalgono al paleozoico inferiore.  L’epoca delle rocce montane dell’Azerbaigian va da 570 milioni di anni (scisti, rocce metamorfiche) sino alle più nuove formazioni marine (calcare, limo, sabbia, ciottoli). Famosi i sedimenti sarmati nello Shakhdag, che si sono conservati a 3.600 metri.

-Molto originali sono i vulcani di fango nella penisola di Absheron.

POZZI DI PETROLIO: zoroastrismo, cultura del fuoco

Già alla fine dell’Ottocento, il petrolio di Absheron veniva estratto tramite pozzi scavati a mano. I pozzi sono conservati presso i villaggi di Khirdalan, Balakani, Binagadi, Fatmai e Hokmeli.

Le fuoriuscite del gas naturale furono divinizzate come luoghi di culto; i pellegrini provenienti dall’India vi costruirono un tempio del zoroastrismo.

Bocche di gas metano si vedono anche nei crateri dei vulcani di fango attivi, sul versante meridionale dell’altopiano Gyzylgaja, a 2200 m sul livello del mare, qui fuoriesce il gas naturale, le cui fiamme creano un paesaggio irripetibile.

Il monte Kapaz, di calcare del giurassico, attira i turisti per la sua bellezza. Fonti di acque minerali sono  monumenti idrogeologici. Nel territorio azerbaigiano, sono stati scoperti oltre 10 tipi di sorgenti minerali. La maggior parte delle sorgenti di acque minerali emette gas di zolfo, carbonio e solfuro di carbonio e le acque si utilizzano per la cura di malattie reumatiche, dello stomaco, l’intestino, della pelle e per curare il sistema cardiocircolatorio. Tra le tante sorgenti minerali  curative segnalaimo anche: Darydag, Sirab, Badamly, Turshsu, Shirlan-Istisu, Slavianka, Agkerpju, Khaltan, Khashi, Gimi, Khalkhal, Beshbarmag, Girkbulag.

CASCATE E ACQUE
In territorio azerbaigiano esistono due tipi di cascate: quelle perenni tipiche dei fiumi di montagna e quelle temporanee. Tra le maggiori: Afurja (fiume Velvele), Michig (Damiraparan), Khamzali, Katek, Kirintov e Sarygun (Kish) e Ilisu (Kurmuk). ANCHE I LAGHI SONO DI UNA INCOMPARABILE BELLEZZA.

LA CAPITALE MODERNISSIMA, RICCA DI GRATTACIELI E CON UNA PREZIOSA ZONA ANTICA

Baku oggi

Baku si estende tra colline e il mare. Città moderna, emergente,ma anche antica e viva. Il suo nome in farsi significa città dei venti, mentre in turco significa città capitale.

Per conoscere Baku è bene iniziare dalla baia dalle acque cangianti, ora grigio-madreperla, ora azzurre, ora grigio piombo.

E anche possibile camminare lungo la costa per i 4 chilometri del parco nazionale (gli abitanti lo chiamano Boulevard).
I viali del parco sono ricchi di: castagni, rododendri, platani e palme, mentre chi lo desidera può andare in barca per i canali della cosiddetta “Venezia di Baku”, con le sue isolette.

Caratteristica la fontana con musica e colori; vi si ascoltano musiche classiche, opere di compositori azerbaigiani e stranieri.

Di fronte al Centro Museale c’è un’altra fontana musicale: i getti d’acqua puntano in alto, si contorcono e s’intrecciano creando “magiche danze” al ritmo di musiche di Tchaikovsky, Strauss e Sviridov, del mugham di Alim Gasimov.

Una funicolare porta al Parco montuoso di Kirov, dal quale si può ammirare un bellissimo panorama.

-La Città Vecchia (Icheri Sheher) è il posto più interessante di Baku: un labirinto dove si rischia di perdersi. Qui furono girate le scene di film molto famosi e popolari come: “Crociera di lusso per un matto”, “Nido di spie”, “Uomo anfibio”.

La Città Vecchia è un museo a cielo aperto: moschee, caravanserragli, torri orientali, case e monumenti unici come la Torre della Vergine e il Palazzo degli Shirvanshah. I venti forti e le calde estati hanno determinato il carattere particolare delle costruzioni nella Città Vecchia; le case sono addossate le une alle altre, con innumerevoli stradine e vicoli ciechi

La Città Vecchia è stata decretata dall’Unesco patrimonio dell’umanità.

L’attuale via Boyuk Gala fu il centro della vita sociale e il luogo più animato della cittàe. Oggi vi si trovano negozietti che vendono souvenir e tappeti, gallerie d’arte e il celebre ristorante “Karavan-sarai”.
Il complesso del Palazzo degli Shirvanshah, costruito nel XV secolo, conferisce alla Città Vecchia particolare bellezza. Nella Città Vecchia la Torre della Vergine (Giz Galasy) è divenuta il simbolo di Baku

LE SPIAGGE DI ABSHERON

La penisola di Absheron, da tempo ha fatto innamorare di sé i turisti per le sue spiagge, i moderni alberghi costruiti recentemente e i villaggi turistici

-La stagione balneare inizia a metà maggio e termina a metà settembre. Spiagge bellissime si susseguono lungo tutta la costa della penisola.
A nord troviamo le località balneari di Novkhany, Bilgah, Pirshaga e Zagulba; a nord-est Buzovna, Shuvalan e Mardakan; a sud Sahil, Govsan, Shihovo.

Le più famose sono Mardakan, Novkhany e Zagulba.

Gobustan

Il Gobustan, territorio collinare di dirupi e burroni, situato a 60 km da Baku. Qui si incontrano testimonianze del passato come: raffigurazioni rupestri, grotte e insediamenti di uomini preistorici e manufatti artigianali di grande qualità.
– Nel Gobustan ci sono più di quattromila raffigurazioni rupestri: persone, animali, scene di lavoro, di caccia in gruppo e di danza. Si tratta di petroglifi, ovvero di “incisioni sulla pietra”: del X-VIII millennio a.C..
Gli uomini sono in tenuta da caccia con archi e frecce; alti, slanciati e con una muscolatura ben sviluppata. Delle donne si esagerano i fianchi e i seni. La donna è intesa come simbolo del bene e della prosperità, prosecutrice della specie.

-Le incisioni rupestri raccontano la danza popolare azerbaigiana di girotondo Yalli, la caccia con vari tipi di armi, il raccolto, i combattimenti tra animali, l’attacco dei predatori agli erbivori, ecc.

-Il sole, le stelle, le croci, i carri a due ruote, i pesci, i serpenti, le lucertole e le tavolette da gioco rappresentati sulle pareti ci danno un’idea della varietà dei disegni.

-Della medesima epoca le barche fatte di canne intrecciate

-Lo scienziato norvegese Thor Heyerdahl venne nel Gobustan per conoscere i disegni delle barche tipo “Tigris” e osservò che, a differenza di altri luoghi, nel Gobustan il sole non viene raffigurato sull’albero della barca, ma a prua. Questo lo portò a pensare un legame tra i popoli della Norvegia e dell’Azerbaigian
-Vi è una roccia con un’incisione in latino che testimonia la presenza di una centuria romana nel Gobustan nel I secolo d.C.
I Dintorni di Baku

Amirajan

Circondato su quattro lati da colline e ubicato esso stesso su una collina, il villaggio di Amirajan, un tempo si chiamava Khila, dal nome della tribù locale.

Tra edifici ad uno o due piani che si sviluppano orizzontalmente, risalta il profilo della moschea, fatta costruire dal mecenate M. Mukhtarov, con due minareti verticali alti 40 metri.

Buzovna

Il villaggio di Buzovna, ubicato a 38 km da Baku, è formato da tre quartieri: Tapinti, Dashli e Nazranli. Tapinti è il quartiere superiore del paese, Dashli quello inferiore e Nazranli quello centrale.

Durante il regno dello Shirvanshah Khalilullah (1487) vi furono costruiti palazzi sontuosi. Ci sono ancora i resti del famoso parco “Khan bagi”, un tempo appartenente all’avo Abbas Gulu Aga Bakikhanov, sultano di Baku, figlio di Dergah Gulu Bey Geibat. Le rovine dei monumenti storici risalgono ai secoli XIV-XIX. Nel 1306, nel villaggio venne costruito il mausoleo-santuario di Garapaltar.

Ricordiamo ancora il bacino di raccolta delle acque, il mulino, le terme, il mausoleo, il palazzo dei Khan di Baku a Khan bagi, costruito nel 1758-1759. Secondo una testimonianza, nel villaggio erano state costruite diverse torri difensive, i cui resti sono giunti fino a noi. A Buzovna ci sono quattro moschee dei secoli XVI-XVII, l’antico santuario di Alyagi e una moschea del XX secolo, meta di pellegrini provenienti da tutte le regioni dell’Azerbaigian, e da altri paesi.

Gala

Gala, uno dei villaggi più antichi della penisola di Absheron, ed è situato nella zona centrale della penisola. Qui il clima è più caldo e secco.
-Nell’antichità il villaggio era attraversato da un’animata carovaniera che andava dal porto marittimo nord-orientale nella penisola di Absheron a Baku.

– Prodotto tipico era l’allevamento degli ovini, producevano lana, ma gli abitanti si occupavano anche dell’estrazione del sale; allora Gala era famosa per i suoi laghi di sale.
A Gala vi sono numerosi monumenti storici: la moschea del Venerdì, sei moschee rionali, le terme, sotterranei, mausolei e bacini di raccolta dell’acqua; di questi il più antico si trova nel cimitero. Fu costruito al tempo dello scià Abbas II nel 1665.

-Tra le terme ricordiamo quella di Shor khamami (terme salate), vicino al lago salato, le cui acque erano usate per fini curativi. Alcune terme antiche sono ancora oggi funzionanti.

-La torre di Gala del XIV secolo è simile alle torri quadrangolari di Mardakan e Raman. Oggi della torre resta soltanto una parete alta 2-3 metri.

Mardakan

Mardakan è uno dei centri abitati più grossi nei pressi di Baku e uno dei villaggi più antichi nella penisola di Absheron.

Deve il suo nome alla tribù dei Mardi, stabilitasi qui nei primi secoli dopo Cristo.
Sulle rocce adiacenti è possibile vedere incisioni rupestri raffiguranti capre e archi risalenti all’età del bronzo.

– I monumenti più belli di Mardakan sono i suoi due castelli: uno con torre tonda al centro, e l’altro con torre quadrilatera. Queste torri sono solo una piccola parte di una catena di torri e altre fortificazioni di Absheron, che si estendeva su tutta la penisola.

Mardakan e il vicino villaggio di Shuvalan sono le località dove gli abitanti di Baku erano soliti costruire le loro dacie. Questa tradizione risale alla fine del XIX secolo quando i milionari, arricchitisi con il petrolio, cominciarono a costruire ville lussuose a Mardakan.
Erano attratti dal microclima favorevole di questi luoghi, dai frutteti e dai campi. Mardakan è una località balneare e climatica.

–Sono sempre attivi i centri di cura, creati durante il regime sovietico, dove gli ospiti vengono curati con fanghi naturali e acqua di iodio e bromo.
Oggi, sulla riva del mare, sono stati realizzati centri benessere moderni e confortevoli.

Surakhany

Il villaggio di Surakhany si trova tra i campi petroliferi attivi. Fin dall’antichità Surakhany era abitata dai Tati di lingua farsi e il termine Surakhany deriva dal loro lessico. Surakhany vuol dire “sorgente che zampilla da un buco”.

Un tempo in Azerbaigian lo zoroastrismo (adorazione del fuoco) era la religione principale. A Surakhany il tempio degli adoratori del fuoco esisteva molto prima del XVII secolo, quando venne eretto il tempio degli adoratori del fuoco di Ateshgah, giunto fino a noi.

L’isola Pirallahi
L’isola Pirallahi, grazie alla presenza di acqua potabile, è stata abitata fin dall’antichità.

Già nel primo secolo dopo Cristo gli storici romani Pomponio Mela e Caludio Tolomeo scrivono che nel Caspio c’è l’isola Talhe con acqua potabile, e che in questa terra sacra cresce moltissima frutta e verdura.

L’isola Talhe che s’incontra nei documenti antichi è proprio l’isola Pirallahi. Durante il califfato arabo, l’isola si chiamava Pirallahi.

Nel 914 gli slavi che avevano invaso la costa del Mar Caspio conquistano e saccheggiano alcuni centri abitati, tra cui l’isola Pirallahi.

— Nel 1723, durante le crociate verso sud dello Zar Pietro I, i marinai russi indicano sulla mappa l’isola di Pirallahi con il nome di “Santa”.

–Durante il regime sovietico l’isola è denominata Artyom, riacquistando la sua denominazione iniziale nel 1991. L’estrazione di petrolio, ha interessato anche, seppur in quantità non significative, l’isola Pirallahi.

Nardaran

Villaggio caratteristico a 25 km da Baku.

Uno dei monumenti più importanti è il castello di Nardaran, fortezza medievale; fu costruito nel 1301. L’iscrizione sulla parete cita il nome dell’architetto, Mahmud ibn Saad, che costruì anche la moschea di Bibi- Heybat e di Molla Ahmed a Baku. Per la soluzione costruttiva e compositiva il castello, ricorda il complesso del Palazzo degli Shirvanshah a Baku.
A Nardaran si trovano ancora i resti di alcune moschee antiche. La più interessante è la moschea di Hajji Bakhshi, costruita nel 1663 dall’architetto Murad Ali, in cui la cupola della sala delle preghiere poggia su quattro eleganti colonne.

-Da segnalare anche le terme Khan Khamami, caratterizzate dalla particolare precisione delle forme architettoniche e costruite nel 1388 dall’architetto Kashtasif Musa oglu, il caravanserraglio del XVII secolo e la moschea Pirsaid (1363-1364) , tutti monumenti storici di Nardaran.

Sumgayit

Sumgayit, è città industriale, il clima secco e di tipo semidesertico. In gennaio si registra la temperatura più bassa, -13°C, ed in agosto quella più alta, +40°C.
Le precipitazioni hanno luogo prevalentemente in autunno-inverno.
Sono frequenti i venti del nord.

–La città è attraversata dal fiume Sumgayitchay. Il letto del fiume è sempre asciutto, si riempie solo dopo forti piogge.
La vegetazione naturale nei pressi della città è costituita da assenzio e piante botaniche; in collina, tra i canneti, vivono animali della steppa, quali volpi, sciacalli, lepri, lupi e uccelli (anatre, piccioni, stornelli, tarabusi, folaghe).

— Manufatti in ceramica, vasellame, stoviglie e monete, rinvenuti durante gli scavi di fondazione dell’edificio sede dell’attuale esecutivo, hanno dimostrato l’esistenza di un antico insediamento.

Nel XX secolo gli abitanti di Baku soffrirono la mancanza d’acqua potabile. Le autorità furono costrette a costruire sulla riva del Caspio un impianto per dissalare e purificare l’acqua marina.

la Regione di Shirvan

–Shirvan è uno dei centri famosi per la tessitura dei tappeti azerbaigiani.
Shirvan, Gobustan, Shamakhi, Agsu, Ismailli, Kurdamir, Goychay, Ujar, Agdash, Zardab
Shirvan è una regione d’importanza storica in Azerbaigian, a nord-ovest di Baku.

-Qui vi fu uno dei regni più famosi dell’Azerbaigian, il regno degli Shirvanshah con capitale a Shamakhi. Il loro regno durò fino al XVI secolo ed ebbe un ruolo importantissimo nella storia medievale dell’Azerbaigian.

— I tappeti di Shirvan si caratterizzano per la ricchezza di elementi decorativi, che spesso formano piccole zone di colore, producendo l’effetto mosaico. Le raffigurazioni di foglie, decori che richiamano la lettera S, rosette e triangoli sono i motivi caratteristici dei tappeti di Shirvan.

La regione di Shirvan è spesso denominata Gulistan, ovvero “aiola”, famosa come località di montagna adatta in tutte le stagioni dell’anno e capacità fisiche; dalle passeggiate a piedi alle arrampicate estreme, alle scalate su cascate ghiacciate.

Qui si trovano fabbriche e stabilimenti, ma anche l’allevamento del bestiame e degli ovini. Lungo le rive del fiume Kur, ci sono buone possibilità per la caccia e la pesca. Tra gli antichi mestieri ricordiamo la tessitura dei tappeti, l’incisione della pietra e la produzione di ceramiche.

Gobustan

Il distretto del Gobustan si trova a est di quello di Shamakhi.
Il distretto è situato sull’arteria stradale Baku-Gazakh. Gobu in azerbaigiano significa “burrone”.
Da qui la denominazione “Gobustan”, ovvero terra di burroni e dirupi.

— Qui in primavera fioriscono gli iris rosso porpora, grossi papaveri e margherite.

Non lontano da Maraza, c’è una fonte di acque minerali salmastre. I turisti sono attratti dai labirinti di grotte dall’altro lato di Maraza, collegati tra di loro da passaggi e bocche d’accesso intrecciate ingegnosamente. E’ un vero e proprio sistema di gallerie, attraversamenti, labirinti sotterranei, costruito ancora nel Medioevo. Pascoli estivi e invernali creano condizioni favorevoli per l’allevamento degli ovini. Il distretto è uno dei principali centri di tessitura di tappeti. Sono famosissimi tappeti locali quali Maraza, Nabur, Chukhanli, Jigirli e Jemjemli.

Shamakhi

Non ci sono freddi intensi o estati afose.

— Nei villaggi di Demirchi e Archiman, la tessitura dei tappeti e la forgiatura dei metalli sono antiche tradizioni che continuano a essere tramandate.

Il distretto di Shamakhi è il cuore della regione di Shirvan. Il capoluogo del distretto, Shamakh non è attraversato dalla ferrovia. C’è una strada statale di 34 km. La maggior parte delle merci trasportate attraverso questo territorio avviene tramite il settore di trasporto non convenzionale.

Conferiscono particolare fascino la natura del tutto speciale, il clima mite e le sorgenti di acque minerali.

La neve cade 40-80 giorni all’anno (max. 30-50 cm). Da primavera fino in autunno l’alta montagna è rallegrata da boschi di latifoglie (quercia, faggio, carpine), e da prati e cespugli. Nei boschi vivono innumerevoli animali e uccelli. Ricordiamo il capriolo, il cinghiale, l’orso, il gatto selvatico.
– Qui troviamo una delle vette preferite dagli alpinisti di Baku, il monte Babadag, dove nascono i fiumi Garachay, Velvelichay, Girdimanchay. D’inverno è possibile praticare lo sci alpino, mentre in estate si possono fare divertenti passeggiate a cavallo.

— La pittoresca località di Girkh-bulag, è caratterizzata da moltissime fonti con acqua di sorgente e tra le querce e i carpini crescono il melo selvatico, il pero, la mirabella, il nocciolo e il corniolo. Nel bosco vivono renne, capre, cinghiali, volpi e lupi. Oltre il bosco, a nord inizia la gola con sorgenti d’acqua sulfurea. Gli scavi archeologici hanno dimostrato l’esistenza di un insediamento risalente a 2500-3000 anni fa.

Shamakhi, città dell’Albània Caucasica, viene menzionata negli scritti dello storico greco Tolomeo.

–Fin dall’antichità Shamakhi è nota per i suoi giardini e i tessuti di seta. Il nome della città è stato cambiato innumerevoli volte e s’incontrano anche nomi quali Shirvan, Sharvan, Khairvan, Ashmakh, Shah-Makh, Shamukh e altri ancora.

L’Osservatorio astrofisico di Shamakhi è situato tra i contrafforti orientali del Gran Caucaso, 22 km a nord-ovest della città di Shamakhi, a un’altitudine di circa 1435 m. L’Osservatorio si occupa principalmente di tre discipline: fisica del Sole, fisica delle stelle variabili, fisica e dinamica dei corpi del sistema solare. L’Osservatorio è dotato di telescopi di prim’ordine: telescopio-riflettore con diametro dello specchio di 2 m, telescopio fotoelettrico stellare, telescopio orizzontale solare, ecc.

-E’ altresì sviluppata la viticoltura e la produzione di vino. Inoltre, l’avicoltura è uno dei settori in crescita.

— Nel piccolo villaggio di Jangi, situato all’uscita della strada di Shamakhi in pianura, i turisti possono conoscere abili maestri che tessono i famosi tappeti Shirvan, Gobustan, Shamakhi, Israfil, Arjiman.

Nelle famiglie dei pastori si fanno a maglia i jorabi, calzettoni colorati di lana, decorati con motivi nazionali.

Agsu

— Oggigiorno, nonostante le difficoltà, a Lahich ci sono ancora artigiani locali che portano avanti il mestiere dei loro antenati: ramai, conciatori, cesellatori, vasai, fabbri, papakhchi (artigiani che fabbricano antichi copricapo), intarsiatori, incisori di legno e metallo.


Sulla strada che porta a nord-est da Kurdamir in direzione Shamakhi, a 37 km da Shamakhi, sulla riva del fiume Agsu, troviamo la città di Agsu, capoluogo del distretto omonimo.
Il territorio non è attraversato dalla ferrovia.

E’ percorso per 38 km dalla strada statale Baku-Gazakh, e per 18 km dalla strada Agsu-Kurdamir. Il territorio è caratterizzato da monti e pianure.
In inverno e in estate la temperatura media è di +13/14°C, l’umidità è del 50-81%, le precipitazioni raggiungono i 400- 800 mm annui.
In Azerbaigian ci sono molti fiumi denominati Agsu. Si chiamano così semplicemente perché nascono da monti innevati. Agsu significa acqua pulita, trasparente.

A Dilman c’è una veduta bellissima delle cascate Durchay, dove nasce il ruscello Gurju. Quando il cielo è limpido c’è una vista straordinaria sulla vallata di Shirvan. Quando la nebbia avvolge il valico, chi lo attraversa ha la sensazione di trovarsi tra le nuvole.

Nel distretto ci sono impianti per la trasformazione dell’uva e dei bozzoli del baco da seta.

— Agsu è famosa per i tappeti birjo, hashed e pirsaganli.

A 4 km dalla città, c’era un tempo il villaggio Eni Shamakhi. Nel 1734, lo scià persiano Nadir, dopo aver distrutto Shamakhi, ordinò ai sopravvissuti di trasferirsi là. Si sono conservate le rovine di questo villaggio che i locali chiamano Haraba-sheher. Tra gli antichi mestieri ricordiamo la tessitura dei tappeti e la forgiatura dei metalli. A Gasad e Bidjo gli abitanti sono dediti alla tessitura dei tappeti.

Ismailli

Lahich Piccola cittadina circondata dai monti, e uno dei più interessanti centri artigianali dell’Azerbaigian, da sempre famosa per la produzione di armi e utensili cesellati in rame.

Gli utensili e le armi degli artigiani di Lahich erano particolarmente richiesti in tutto il Caucaso. Da qui partivano per tutto il mondo giachi a doppia maglia, armature resistenti e lame di straordinaria qualità: tutte lavorazioni molto raffinate.

A Lahich, il sistema centrale di fognatura funziona dal VI secolo. Gli abitanti locali dicono con orgoglio che è uno dei sistemi fognari più antichi del mondo.

Gli scarichi di tutte le abitazioni vengono convogliati in un enorme tubo e inviati lontano nella gola della montagna. Proprio come nella Roma antica.

— Le case, costruite nel XVIII sec., sono davvero particolari. Alcune file di pietre si susseguono ad uno strato di legno allo scopo di evitare la distruzione dell’abitazione in caso di terremoto; il legno infatti riduce la forza delle scosse e in un certo qual modo le ammortizza. Grazie a questa tecnica sui generis di costruzione delle case, a Lahich non si è mai verificato un crollo.

Situato sulle pendici meridionali dei monti del Gran Caucaso, circondato da boschi e montagne, il distretto di Ismailli è uno dei più affascinanti dell’Azerbaigian.

Il territorio è fondamentalmente montuoso e non c’è la ferrovia, ma solo le strade statali Mughanli-Ismailli e Garamariam-Ismailli- Sheki.

Le principali risorse naturali sono i giacimenti di argilla e le sorgenti di acque minerali.
— La natura, i fiumi montani, le superfici boschive, i monti, i laghi naturali ed artificiali, le cascate, la flora e la fauna lasciano un ricordo indimenticabile a tutti coloro che visitano questi luoghi.

La temperatura media di gennaio è -0,1°C in pianura e -0,7°C in montagna. La temperatura media di luglio è rispettivamente +25,6°C e +20,5°C. In media le precipitazioni annuali raggiungono i 584 mm.

–Ci sono le cascate di Galajig, Chaigovushan, Istisu, Burovdal, Mudrusa. I fiori all’occhiello del territorio sono tre laghi naturali, disposti uno vicino all’altro, sul monte Babadag a 3.400- 3.500 m., e due laghi artificiali vicino ai villaggi di Kudmashi e Ashigbairamli.

—Questi laghi offrono buone opportunità per gli appassionati di pesca.

Nei boschi troviamo lo stambecco, il cervo, il capriolo, l’orso, il cinghiale, la volpe, lo scoiattolo, la lince, il lupo, il procione, il gatto selvatico, il gallo cedrone, l’aquila e molte altre specie di animali e uccelli.

Kurdamir
Il distretto di Kurdamir, istituito nel 1930, si estende sulla bassa pianura del Kur-Araz (pianura di Shirvan), lungo la riva sinistra del fiume Kur. Lungo questo fiume troviamo i boschi.

Il clima è subtropicale con estati calde.

Gli animali che vivono in queste terre sono il lupo, la volpe, lo sciacallo, il cinghiale.

Tra gli uccelli ricordiamo il fagiano, il francolino, l’oca, l’anatra, ecc.

La temperatura media in inverno è di -5°C, mentre a luglio oscilla tra +35°C e +40°C. Le precipitazioni medie annue raggiungono i 250-300 mm.

Villaggio di Shahargah; cittadina medievale situata vicino ad Arabgubali. Al 13° km dell’autrostrada Baku-Gazah ci sono i resti dell’antica città di Shirvan. In questo luogo, durante gli scavi archeologici, sono state ritrovate monete, brocche, oggetti d’uso quotidiano e frammenti delle mura di cinta della città. A Sigirli troviamo l’antico insediamento di Garatepe e un antico cimitero risalente all’inizio del Medioevo.

L’economia si basa fondamentalmente su coltivazione del cotone, orticoltura e viticoltura.

Il distretto di Kurdamin è famoso per il vino Shirvanshahi.

L’industria manifatturiera è sviluppata.
Ci sono impianti per la produzione di succhi e bevande.
E’ in costruzione un caseificio e una fabbrica per la produzione di ascensori.

Vengono tessuti i seguenti tipi di tappeti: Azerbaigian, Guba, Karabakh, Piravadi, Golu Chichi. Sono da sempre rinomati i tappeti Shilan, il cui nome deriva dall’omonimo villaggio.

— A Mollakend, sulla riva della Kur, a 25 km dal capoluogo, troviamo il centro di cure Ulusu (prima Shefget) che utilizza per fini curativi l’acqua arricchita di radon della sorgente calda che zampilla a Jarli.

Goychay

Il capoluogo, Goychay, deve il suo nome all’omonimo fiume sulla cui riva è situato.
L’acqua del fiume è limpidissima e azzurra.
Il distretto di Goychay si trova al centro dell’Azerbaigian, nella parte settentrionale della pianura di Shirvan, ai piedi dei monti del Gran Caucaso.
Il territorio si divide in due diverse aree geologiche: montagna e pianura. L’area montana comprende Bozdag e l’altipiano del Garamaryam, mentre l’area di pianura include tutte le restanti zone.

-Il clima è secco, di tipo semidesertico e sub-continentale. Gli inverni sono miti e le estati calde e secche. Le precipitazioni annuali raggiungono i 400-600 mm.
La fauna non è molto ricca.

Ogni anno, a partire dal 2006, alla fine di ottobre a Goychay si svolge la “Festa del melograno”; la strada che porta alla piazza principale tradizionalmente viene decorata ai lati con ceste di melograni maturi, succosi e lucidi.

Viene allestito anche un mercato del melograno dove è possibile conoscere la produzione di melograni delle aziende “Goychaysud”, “Goychay-cognac”, “Goychay-konserv”, e della fabbrica di prodotti alimentari di Goychay.

Durante la festa viene organizzato il concorso per il melograno più grande e ai vincitori vengono consegnati premi di valore.

Come sempre, nel giorno della festa a Goychay giungono le stelle del varietà dell’Azerbaigian; un grande concerto, con canti, danze e fuochi d’artificio chiude la festa.

Ujar
Il distretto è situato nella pianura di Shirvan. Il territorio è attraversato dalla ferrovia Baku-Tbilisi e dall’autostrada Baku-Gazakh.

— Il distretto si trova sull’antica Via della Seta.

Il territorio è al di sotto del livello del mare.

Il clima è semidesertico, caratteristico della steppa, con estati calde. In inverno la temperatura media oscilla tra -5°C e -10°C, d’estate tra +30°C e +38°C.

Il nome di Ujar viene menzionato dal poeta azerbaigiano Shirvani (XV sec.) nelle sue opere. Si presume che il nome derivi da quello dell’antica tribù degli Uchari, che visse a Shirvan. Secondo un’altra teoria, il nome deriva dalla parola ujgar (periferia), in quanto benché oggi si trovi al centro del distretto di Ujar, in realtà nel passato la città si trovava nella parte più periferica di Shirvan. Nel libro del geografo arabo Al-Sitakrin “Le vie del paese”, Ujar viene menzionata come città medievale.

Agdash
Il distretto di Agdash occupa la parte nord-occidentale della pianura di Shirvan. Il distretto è attraversato dalla linea ferroviaria Baku-Tbilisi. Qui scorrono il canale principale di Shirvan e il canale superiore di Shirvan. La riserva di Turianchay si estende prevalentemente tra i fiumi Alinjachay e Turianchay. In questa riserva troviamo essenze di alberi resistenti alla siccità, tra cui il famoso pino di Eldar. La flora e la fauna sono molto diversificate. Ci sono 11 specie di mammiferi, 10 specie di rettili, 95 specie di uccelli, 800 specie di piante. La temperatura media in inverno oscilla tra -1°C e -3°C, mentre in estate tra +30°C e +35°C.

—Fin dall’antichità l’uomo si stabilì in queste terre grazie alle favorevoli condizioni naturali e climatiche.

-Lo scrittore greco Strabone (I sec. a.C.) nei suoi scritti parla di popoli che vivevano qui e che si occupavano di attività economiche, dell’utilizzo del tratto alto e medio del fiume Turianchay per finalità economiche e per la navigazione.

Dai tempi più remoti questo territorio è stato dedito all’agricoltura, all’allevamento del bestiame, e alla coltivazione del frumento di qualità, con particolare diffusione della coltivazione del cotone.

Nel tardo Medioevo questo territorio si chiamava Arash. Questa città viene menzionata nelle opere di Evliya Chelebi, Sharafkhan Bidlisi, Connely de Bruin, Anthony Jenikson, ecc.

— Situata sulla carovaniera, in Medio Oriente Arash era famosa per le sue sete. All’inizio del XVII secolo la città era costituita da 10 mila case e 800 botteghe.

Zardab
Il distretto di Zardab è situato in territorio pianeggiante, a sud-ovest di Shirvan.
La maggior parte del territorio si trova sotto il livello del mare.
Il clima è di tipo steppico secco.
L’area è attraversata dai fiumi Kur e Garasu. La temperatura media in gennaio è di +1,8°C, mentre in luglio è di +30,2°C.

La vegetazione è di tipo semidesertico. I boschi ripariali si estendono sulle rive del fiume Kur. La fauna è rappresentata da animali quali il lupo, la lepre, la volpe, la gazzella gozzuta, il cinghiale, la pernice e il fagiano. Il capoluogo è la città di Zardab.
Il villaggio di Zardab viene menzionato nei documenti a partire dal 1578. La popolazione locale da sempre si occupa dell’allevamento del bestiame e della coltivazione di piante.

— In passato Zardab aveva un’importanza strategica, in quanto si trovava nel punto di incrocio di strade funzionali.

In città c’erano 500 case e vicino al villaggio Alvand passava una delle carovaniere.
Zardab è la patria del celebre scrittore azerbaigiano Hasanbek Zardabi, che nella metà del XIX secolo fondò il primo giornale azerbaigiano “Ekinchi” (Contadino). I ponti sui fiumi Garasa e Kur collegano il capoluogo con Agjebedi e, in generale, con il Karabakh. A partire dagli anni ’60 del XIX secolo si assiste allo sviluppo della coltivazione del cotone, della pesca e della produzione della radice di liquirizia.

Informazioni anche da http://www.azembassy.it/?page_id=479

VACANZE ESTATE 2017 IN GIAPPONE – LOW COST da 1.400 euro

Bassa stagione Euro 1.290,00 (1.400 IN TOTALE)
Gennaio / Febbraio / Giugno / Luglio / Settembre / Dicembre

Al costo del viaggio, 1.290,00 VA AGGIUNTA la quota scrizione e spese gestione pratica Euro 60,00 – Assicurazione sanitaria bagaglio e annullamento Euro 50,00

Un viaggio breve ma intenso ideale anche per viaggi di nozze e combinarlo con un soggiorno mare

Alla scoperta di Kyoto, Monte Fuji & Tokyo con un viaggio breve ma intenso ideale anche per viaggi di nozze e combinarlo con un soggiorno mare.

Il Giappone easy, un breve ma intenso viaggio per scoprire le principali città del Giappone.

Questo tour può essere combinato con un soggiorno mare in Malesia, Thailandia, Filippine, Micronesia, Indonesia, Nuova Caledonia, Fiji…

1°giorno: Osaka / Kyoto – Arrivo all’aeroporto di Osaka, incontro con il nostro corrispondente che vi aiuterà a prendere lo shuttle bus che vi porterà in circa 90 minuti al vostro hotel a Kyoto. Sistemazione nelle camere riservate. Pernottamento.

2°giorno: Kyoto / Nara / Kyoto – La stazione di Kyoto è proprio difronte al vostro hotel, partenza con il treno “Kintetsu Express” per Nara, antica capitale del Giappone dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.
Walking Tour e visita del Tempio Todai-ji edificato nel 752 ed attualmente l’edificio in legno più grande al mondo. Passeggiata nel Nara Park dove vivono oltre 1000 cervi (animale simbolo della città considerato un messaggero divino) che girano liberamente. Visita al Tempio Kofuku-ji, un’imponente pagoda a 5 piani la seconda più alta del Giappone. Ritorno a Kyoto in treno e pomeriggio partenza per la visita della città. Con un bus locale trasferimento a Kiyomizu, visita del tempio da cui si può ammirare una splendida visita panoramica della città, del Tempio di Kodaiji che commemora il generale del XVI secolo Toyotomi Hideyoshi, e del Santuario shintoista di Yasaka celebre per ospitare il Gion Matsuri, il festival più importante del Giappone. Passeggiata nel distretto di Gion, uno dei più esclusivi e rinomati quartieri di geishe di tutto il Giappone che conserva ancora il suo antico fascino, le architetture caratteristiche, le forme di intrattenimento tradizionali e le antiche case da tè. Fine del tour a Gion e ritorno in hotel per proprio conto. Pernottamento.

3°giorno: Kyoto / Tokyo – Il vostro bagaglio principale sarà spedito da Kyoto a Tokyo, con il treno in un’ora e mezza arriverete a Tokyo, trasferimento per proprio dalla stazione centrale di Tokyo in hotel. Potrete prendere un taxi o la metro. Sistemazione nella camera riservata. Pomeriggio Tokyo city tour, la partenza ed il rientro sarà dal vostro hotel. Visita della Tokyo Tower, del Santuario Meiji, un’esempio di architettura tradizionale giapponese, Hama-Rikyu Garden, crociera sul fiume Sumida dove si potranno ammirare i contrasti tra la vecchia e la nuova Tokyo. Pernottamento in hotel.

4°giorno: Tokyo / Monte Fuji / Hakone / Tokyo – Partenza con il Tomei Expressway per il Monte Fuji, durante il viaggio si attraverserà il Giappone rurale con i suoi suggestivi paesaggi fino ad arrivare a circa 2800 metri di altezza. Salita al monte Hakone con Sky Gondola per godere a 360° del bel panorama della montagna vulcanica. Crociera sul Lago Ashi, un delizioso lago vulcanico. Pranzo incluso. Ritorno in hotel e pernottamento.

5°giorno: Tokyo – Giornata libera per escursioni per proprio conto. Pernottamento.

6°giorno: Tokyo – Trasferimento in pullman per il vostro aeroporto di partenza.

Quote valide per partenze dal 03/01/2017 al 23/12/2017
Partenza libera su base privata – Minimo 2 persone
Quota per persona in camera doppia

– Bassa stagione Euro 1.290,00
Gennaio / Febbraio / Giugno / Luglio / Settembre / Dicembre

– Alta stagione Euro 1.410,00
Marzo / Aprile / Maggio / Agosto / Ottobre / Novembre
Supplemento colazione in hotel Euro 150,00

La quota comprende: Trasferimento di gruppo con shuttle bus dall’aeroporto Kansai di Osaka all’hotel di Kyoto – Sistemazione in hotel in camera doppia hotel categoria standard – Trasferimento bagaglio: da Kyoto a Tokyo – 1 pranzo – Trasferimenti con i mezzi pubblici ed ingressi durante le visite guidate come da programma – Trasferimenti in treno come da programma (biglietto di seconda classe, posti prenotati) – Trasferimento con shuttle bus di gruppo dall’hotel di Tokyo all’aeroporto

La quota non comprende: visto – voli – mance – pasti – bevande – quanto non indicato nella voce” la quota comprende”

Hotel previsti da riconfermare al momento della prenotazione: Kyoto: New Miyako Hotel – Tokyo: Shiba Park Hotel

ORGANIZZATO DA:

per prenotazioni booking@originaltour.it

Originaltour – Tour Operator
Roma, Via Angiolo Cabrini 38 – tel 0688643905
website www.originaltour.it

Giappone sempre più di moda – Calendario ricco di eventi a Tokyo

Treno in Giappone.

L’undicesima maratona di Tokyo il 26 febbraio con 26mila maratoneti

In go-kart travestiti come il celebre Super Mario. Scoprire Il Ninja Trick House in Tokyo, dove in meno di mezz’ora si impara a lanciare il shuriken come un vero ninja

La celebre bellezza dei fiori fra il festival delle camelie e la fioritura dei pruni


FLOWER FESTIVALS IN TOKYO il festival delle camelie e dei pruni

I primi timidi cenni di primavera si apprestano a far capolino anche a Tokyo, prima della famosa fioritura dei ciliegi che avverrà tra marzo e aprile.

Nel quartiere di Bunkyo, fino all’8 marzo sarà in scena la 59° edizione dello Ume Festival, il festival dei pruni, presso il santuario shintoista Yushimatenjin.

Il santuario è famoso per la fioritura dei pruni sin dal periodo Edo e il festival raccoglie ogni anno circa 400 mila visitatori in un solo mese.

Oltre alla possibilità di ammirare i boccioli bianchi dei 300 alberi di pruno nel giardino del tempio e assistere alla cerimonia del tè, ci sarà anche l’occasione di ammirare il trasporto dell’altare sacro in processione.

FESTIVAL DELLA CAMELIA

Ad Oshima, la più grande delle isole Izu, un piccolo arcipelago di isolette sotto la giurisdizione di Tokyo e a sole due ore di aliscafo dalla capitale, fervono i preparativi per il prossimo Tsubaki Festival, il festival della camelia, fiore simbolo dell’arcipelago.

Per tutta la durata dei mesi di febbraio e di marzo, i prodotti della camelia come l’olio, ottimo in cucina e nella cosmesi, saranno in mostra, così come danze e intrattenimenti tradizionali.

Ume Festival 2017

Address: Yushimatenjin, 3-30-1 Bunkyo-ku, Tokyo

http://www.yushimatenjin.or.jp/pc/eng-page/english.htm

Oshima Tsubaki Festival 2017

Indirizzo: Isola di Oshima, arcipelago Izu

http://www.gotokyo.org/it/kanko/oshima/event/tubakifes.html

————————–

MARATHON IN TOKYO – L’undicesima Maratona di Tokyo

Il 26 febbraio si tiene l’undicesima edizione dell’evento che attira atleti di livello mondiale, la Maratona di Tokyo. Quest’anno il percorso è rinnovato, con partenza davanti all’edificio del Governo Metropolitano di Tokyo e un percorso che scorrerà tra le tante tappe per Iidabashi, Nihombashi, Asakusa, Ginza per arrivare in fine alla Stazione di Tokyo. Le selezioni per partecipare si sono concluse ad agosto con più di 3 milioni di candidature, ma solo 26,370 sono i fortunati atleti che percorreranno il percorso, seimila maratoneti in più rispetto a quelli della scorsa edizione della Milano Marathon 2016.

Tokyo Marathon Foundation

http://www.marathon.tokyo/en/

UNIQUE EVENTS IN TOKYO – La corsa di Mario Kart, il treno-ostello e il covo ninja

Tokyo, si sa, è davvero unica nel suo genere. Nella grande metropoli orientale è possibile trovare davvero innumerevoli tipi di intrattenimento, dal più maestoso al più bizzarro.

Tutt’altro genere di corsa, quella che è possibile percorrere in go-kart travestiti come i personaggi del celebre videogiocoSuper Mario Kart con MariCAR, se in possesso di patente valida in Giappone. La corsa è un’attività che è possibile far durante tutto l’anno, noleggiando i veicoli per 12 ore e girando la città in libertà o, in alternativa, comprando un pacchetto tour guidato per visitare i più famosi punti di interesse della città, registrandoli magari con la GoPro Hero disponibile per il noleggio.

Per un’esperienza unica anche durante il pernottamento nella capitale del Giappone, a Tokyo si può dormire anche in treno! Utilizzato un tempo per collegare Tokyo con Hokkaido, il Train Hostel Hokutosei a Bakurocho, Nihombashi, è oggi un ostello per giovani e meno giovani ma, soprattutto, una location davvero unica dove pernottare.

In mezzo ai vicoli di Kabukicho, Shinjuku, si nasconde un covo ninja. Il Ninja Trick House in Tokyo è un locale singolare, molto amato sia dai giapponesi sia dai turisti stranieri, dove in poco meno di mezz’ora si può imparare a maneggiare armi e a lanciare shuriken come un vero ninja!

MariCar

http://it.maricar.com/

Train Hostel Hokutosei

Indirizzo: 1-10-12 Bakurocho, Nihombashi, Chuo-ku, Tokyo

http://trainhostelhokutosei.com/en/

NINJA TRICK HOUSE IN TOKYO

Address: Daiichi Wako Bld. 4F 2-28-13 Kabuki-cho, Shinjuku-ku, Tokyo

http://ninja-trick-house.com/en