Archivi categoria: nel mondo

viaggiare nel mondo, traveling the world, viaggi nel mondo,

BELIZE seconda barriera corallina al mondo

Stagione secca: dicembre-maggio; piogge: giugno-novembre;

Belize Tourist Board New Horizon Investiment Building, 31/2 Miles, Northen Highway, Belize city; info@travelbelize.org; www.travelbelize.org

Ambasciata: Roma 06.691 90 776

http://www.travelbelize.org

l Belize offre uno dei più spettacolari reef del mondo.

BELIZE Vbest-beach-placencia-01-big

ANIMALI pesce reef viola

CayoMarket-san-ignacio-02-big

I primi ad arrivare furono i Maya.

Le maya Mountains sono attraversate dal suggestivo rumore

delle grandi cascate tra foreste di pini.

Le rovine di Caracól sono impressionanti: tra tappeti di fiori selvatici e liane che giungono a terra dalla sommità degli alberi. Qui si incontra il più alto edificio del Belize: il Canaa, ovvero il Palazzo del Cielo.

Sul fiume New River si è circondati da tunnel di mangrovie e bellissime orchidee.

-Le Caves Branch sono il più esteso sistema di grotte del Belize.

-I cayes sono bellissimi microsistemi ecologici ricchi di fauna e flora sottomarine. Ambergris è il più turistico, altri sono hotel o privati; un paradiso per i sub.

I voli aerei dall’Italia passano attraverso gli USA. Continental Airlines: 0666 05 3030, www.continental.com, via New York.

Purtroppo in una zona tanto ricca di

vegetazione vergine non possono mancare gli insetti;

-è molto consigliato l’uso di repellenti e un abbigliamento adeguato.

Una rilassante vacanza invernale nelle calde acque tropicali che circondano l’isola di Ambergris in Belize è davvero indimenticabile

Qui si incontrano

– la barriera corallina più lunga dell’Emisfero Occidentale,

– una popolazione multietnica dal carattere caloroso ed ospitale,

-una storia plurimillenaria che affonda le proprie radici nelle primissime forme di civilizzazione Maya.

BELIZE con i Maya in casa loropartner_42_page_304_gallery_aquacate_02-big

Il Belize, è un’ex-colonia britannica in centro-america.

Il clima è dolce e gradevole tutto l’anno, ma particolarmente favorevole durante la stagione secca da novembre a febbraio, è la destinazione ideale per una fuga invernale tra tiepide acque turchesi, paesaggi tropicali e antiche rovine Maya.

Belize può anche essere un rilassante soggiorno sull’isola di Ambergris, la maggiore di un vasto arcipelago situato a poca distanza dalla costa settentrionale del paese centroamericano. Proprio in quest’area si distende la lunghissima barriera corallina, che arriva quasi a lambire Ambergris presso Mexico Rocks, a Nord dell’isola.

-Sulla costa occidentale si trova l’unico villaggio, San Pedro, noto per le sue “cantinas” che sembrano uscite da un fumetto e per l’omonima laguna collegata al Mar dei Caraibi da un piccolo fiume salato ed accessibile in barca o kayak.

-Sull’isola non mancano neppure le vestigia dei Maya, che qui giunsero circa 1500 anni fa. Si ritiene che in quel tempo Ambergris fosse collegata direttamente alla penisola dello Yucatan e che i Maya abbiano scavato un canale per separare l’isola dalla terraferma.

-Non molto lontano da Ambergris si trova, infine, il

Blue Hole”: una fossa quasi perfettamente circolare di acque cristalline situata al centro dell’atollo corallino di Lighthouse. Per il suo diametro di 300 metri e  profondità oltre i 125 metri il Blue Hole , acquistò notorietà grazie ad un celebre documentario di Jacques Costeau ed è uno dei siti più amati dai subacquei di tutto il mondo per le sue pareti verticali ricoperte di stalattiti lunghe anche 12 metri. La spettacolarità dell’isola è completata da verdeggianti foreste di mangrovie, savane tropicali e candide spiagge bianche.

Ad Ambergris: sistemazioni di charme in boutique hotel e piccoli resort dalle atmosfere uniche e caratteristiche.

-Il Mata Rocks Resort è un tre stelle di qualità, dall’ambiente conviviale. Offre la possibilità di escursioni in canoa, in kayak ed in barca. Il Sunbreeze Beach è, invece, un tre stelle superiore dall’architettura coloniale, arredato con uno stile semplice ma elegante. Qui è possibile visitare una galleria d’arte, partecipare a gite ed escursioni o dedicarsi un massaggio rilassante.

– Il Portofino, infine, è un 4 stelle davvero particolare: accessibile unicamente in traghetto, accoglie i suoi ospiti in caratteristiche capanne che ricordano le tradizionali dimore Maya. Un servizio di navetta è previsto da e per San Pedro. Anche qui gli ospiti possono godersi massaggi ritempranti. I tre hotel sono tutti dotati di spiaggia privata ed offrono la possibilità di effettuare immersioni e snorkeling. I primi due hanno anche una piscina ed organizzano battute di pesca d’altura. Questi hotel sono disponibili a partire da 69,- € per notte a persona in camera doppia con trasferimenti da e per l’aeroporto inclusi.

Il soggiorno si abbina splendidamente, magari in chiusura di viaggio, con il tour “Il meglio del Belize”, un  itinerario alla scoperta delle radici Maya del paese, quando il Belize contava fino a 2 milioni di abitanti – oggi ne ha ca. 270.000 -.

-Il viaggio permette anche di conoscere la società multietnica del paese centroamericano, che annovera popolazioni Creole, Meticcie, Garifuna – un mix di etnie indios, caraibiche e africane -, Maya, Indiane Orientali, Cinesi, e Mennoniti – una singolare rappresentanza di una chiesa protestante/anabattista -.

 -Dormire:

Radisson Fort George amindredge@radisson.com

Maruba resort & Jungle spa maruba@btl.net oasi di pace nella giungla, molto “in”

Creek Cottage reservations@chaacreek.com, 79€ per 2 pax , 45€ per eleganti tende per 2 pax; oltre s. Ignacio.

Dirigetevi verso la costa centrale per maya , scimmie e cultura .

 -Home per le scimmie urlatrici e molte specie rare di uccelli, Centrale Belize è perfetto per coloro che vogliono entrare nel selvaggio .

 -I templi Maya a Altun Ha sono l’ideale per gli amanti degli uccelli che vogliono vedere amici pennuti e check-out cultura antica .

-Belize City è conosciuta per l’architettura dei nostri giorni coloniali , la sua cultura ” Kriol ” prospera ancora oggi. Già che ci sei , chiedere ad un locale per insegnare un po ‘di Kriol . Anche se Belize è un paese di lingua inglese , parliamo ancora che a modo nostro .

T-shirt , scarpe e le preoccupazioni sono opzionali .

 ” Perfetto Barefoot “: Penisola Placencia

 Conosciuto localmente come “A piedi nudi perfetta” la Penisola Placencia ospita

le uniche spiagge di sabbia dorata sulla terraferma Belize.

-Dopo la spiaggia,

-lo snorkeling e le immersioni subacquee, una  visita per avere un’idea di quello che un tradizionale villaggio di pescatori Kriol. Ci sono anche ristoranti del villaggio , bar e gallerie d’arte. L’unica cosa che Placencia non offre è lo stress .

Barefoot perfetto “

Un gruppo eterogeneo di persone buone e buoni tempi .

Punta Gorda è il gateway per tutto, dalla pesca off -shore , per escursioni sul fiume , così come la speleologia , birdwatching e Maya siti archeologici . Per non parlare, alcune delle persone più belle che si possano incontrare.

-Qui  Maya, Garifuna e gli indiani Belizeans vivono in armonia pur mantenendo le loro singole culture.

Vai a ovest; per il giovane viaggiatore .

Il Belize occidentale è sede di

numerosi siti archeologici , come Cahal Pech .

-Quando hai finito di conoscere il passato,

-visita la Butterfly Farm e

-i sentieri della foresta pluviale con piante medicinali.

Quindi, puoi andare al Nachuch Che’em Park.

 Qui, c’è molto da fare. Basta fare in modo di trovare il tempo per relax.

 San Ignacio ( Cayo ) è vicino  un poco a tutto .

 -Sia che stiate visitando gli antichi templi Maya, o percorsi di speleologia, trekking, kayak, canoa o andando a cavallo, San Ignacio è un ottimo posto per rilassarsi, prendere un cibo e bevande  e preparavi per un altro giorno.

– E se volete trascorrere la giornata qui, ci sono un sacco di negozi e persone amichevoli per passare il tempo.

suggerimenti / salienti

• Scoprire Carocal e vedere la splendida vista dalla cima .

• Fai speleologia nelle grotte .

• Per alcuni dei migliori BBQ del web è imprendibile provare il Rodriguez barbecue a Santa Elena .

• Vai a Sweet Ting per i migliori dolci della città .

• Burns Avenue. per le bevande e la conversazione con i locali .

• canoa lungo il fiume Mopan .

Beach o Jungle ? Cinque stelle o sotto le stelle ?

Allo stesso modo ci sono molte cose da fare qui troverete un sacco di opzioni diverse per luoghi di soggiorno .

Con tutto dai resort di lusso agli hotel per famiglie, case vacanze, condomini, alberghi, campeggi e vita a bordo di navi.

Con le spiagge della costa caraibica , o vicino mistici templi Maya , ogni località in Belize offre numerosi e unici posti in cui stare .

Ci sono alloggi adatti a tutti , comprese le persone in cerca di avventura , subacquei , vacanzieri da spiaggia, eco -turisti , famiglie, viaggi di nozze e altro ancora.

Per maggiori informazioni , si prega di chiamare 1-800-624-0686 .

Il Festival delle Luci torna ad illuminare Gerusalemme – 28 giugno – 6 luglio 2017

Dal 28 giugno al 6 luglio la manifestazione trasforma strade ed edifici storici in un’enorme, luminosa opera d’arte.

– Cinque percorsi caratterizzati da una tonalità di colore diverso: verde, bianco, blu, rosso e viola.

Vedi: http://www.lightinjerusalem.org.il

Migliaia di visitatori che camminano lungo le caratteristiche stradine della Città Vecchia di Gerusalemme e, all’esterno, costeggiandone le mura.

Un’atmosfera magica resa ancora più indimenticabile grazie alle superbe installazioni luminose, prodotte ed elaborate da artisti locali ed internazionali.

Il Festival delle Luci di Gerusalemme è un’occasione irripetibile per vivere l’accostamento unico tra storia millenaria e opere d’arte contemporanea.

Oltre alle installazioni, di dimensioni imponenti e spesso caratterizzate da proiezioni tridimensionali, video, suoni e luci, il Festival propone anche spettacoli e presentazioni curati dagli stessi artisti, oltre ad una fiera d’arte che consente di ammirare e comprare oggetti particolarissimi.

Il Festival permette, inoltre, di visitare in via eccezionale, al calar del sole, alcune attrazioni della Città Vecchia normalmente chiuse dopo il tramonto.

Giunto alla sua nona edizione, l’evento è perfetto per turisti, famiglie con bambini e amanti dell’arte e l’ingresso è completamente gratuito.

Tra le soste cult di quest’anno da non perdere si ricordano: la Porta di Damasco (sul percorso verde), sulla quale sarà proiettato l’Albero della Vita, simbolo di longevità, salute, pace, le Fontane d’Acqua (percorso bianco) appena fuori la Porta di Giaffa, che propongono uno spettacolo di musica e luci sincronizzate che si ripete ogni 10 minuti.

E poi ancora il Circo del CardoRomano (percorso blu), con l’antica strada arricchita da 5 scenografiche sculture realizzate in cartone ondulato che prenderanno vita in una moltitudine di colori e forme grazie alla proiezione di video animati.

Le Luci del Nord (percorso rosso) che ricreano sulle mura esterne della Città Vecchia, nei pressi della Torre di Davide, l’effetto magico e sorprendente dell’aurora boreale che, per l’occasione, diventa simbolo di amicizia.

Infine, le Palle di Luce (percorso viola), che illumineranno l’area pedonale di Yoel Moshe Solomon Street, appena fuori Zion Square, con centinaia di palle multicolore a LED disposte in maniera esteticamente asimmetrica tra due edifici, a circa 7 metri di altezza.

Tra gli spettacoli imperdibili, invece, si segnala Pyromania, una surreale e luminosa sfilata di musicisti che si terrà tutte le sere, a ripetizione, presso il Quartiere Armeno: il passaggio degli artisti sarà arricchito da luci, suoni e ritmi coinvolgenti, che invoglieranno i visitatori a ballare.

Il Tour Operator Go Asia propone il pacchetto Go Gerusalemme, Città Mozzafiato, 5 giorni / 4 notti, comprensivo di trattamento b/b presso il Dan Boutique Jerusalem 4*, visita della Città Vecchia con guida e assicurazione di viaggio, costo a persona a partire da 750 €.

Per maggiori informazioni sulla città e le sue proposte, visitare il sito www.itraveljerusalem.com/itmedia.itraveljerusalem.com

Per assaporare quotidianamente l’effervescenza di Gerusalemme:
www.facebook.com/itraveljerusalem.it

GIAPPONE – TOKYO – Da non perdere 10 must

Crociera nella città di Tokyo

panorama
Exif_JPEG_PICTURE

10 cose da non perdere a Tokyo

I turisti italiani che decidono di visitare il Giappone sono sempre di più ogni anno, registrando nel 2016 una ulteriore crescita del +15%. In occasione di un viaggio in Giappone la capitale Tokyo è sicuramente un must da visitare che offre innumerevoli luoghi di interesse e, per non perdersi nulla, ecco alcuni suggerimenti su cosa vedere e su cosa sperimentare durante il soggiorno.

1. Palazzo Imperiale

Il Palazzo Imperiale è la dimora dell’Imperatore del Giappone. L’attuale edificio del Palazzo Imperiale fu costruito nel 1888 sulle ceneri del precedente palazzo, distrutto da un incendio nel 1873.

Di fronte all’ingresso principale si trova il famoso ponte Nijubashi (lett. “doppio ponte”) e intorno al Palazzo si trovano gli splendidi giardini imperiali.

2. Meiji Jingu

Il luogo migliore dove trovare l’unione tra natura, tradizione e religione è il santuario shintoista Meiji. Situato nelle vicinanze della stazione di Harajuku, è il santuario dove si onorano l’Imperatore Meiji e consorte, la costruzione risale al 1920.

Le aree del giardino esterno del santuario sono coperte da fusti sempreverdi di oltre 100.000 alberi donati dal popolo giapponese in occasione della tumulazione dell’Imperatore Meiji e piantanti singolarmente a mano e la foresta che si è venuta a creare in quasi un secolo copre ora oltre 700.000 metri quadrati.

All’ingresso del tempio si trova una caratteristica la collezione di botti di sake, bevanda spesso usata nelle cerimonie religiose, frutto delle donazioni da parte delle varie prefetture giapponesi al santuario.

3. I giardini Kiyosumi

Il popolo giapponese ha un forte rapporto con la natura e i suoi cambiamenti dovuti al passare delle stagioni. Per cogliere questo spirito è sicuramente d’obbligo una tappa in almeno uno degli innumerevoli giardini e parchi, in stile giapponese e non, che Tokyo offre, come i giardini Kiyosumi, in stile “circolare” che comprendono anche un bellissimo laghetto. Il giardino ospita un’ampia varietà di piante che garantiscono una fioritura lungo tutto l’anno, da gennaio a dicembre.

4. Sumida Hokusai Museum

Il quartiere di Sumida, a Tokyo, ha dedicato recentemente un intero museo all’artista di fama mondiale Katsushika Hokusai, nel quartiere di Sumida dove nacque. Oltre a conservare le sue opere pittoriche e xilografiche in stile ukiyo-e, come “La grande onda presso la costa di Kanagawa” e “Fuji Rosso (Giornata limpida col vento del sud)” tratte dalla serie Trentasei vedute del Monte Fuji, il museo racconta la storia personale dell’artista, della sua vita nel quartiere di Sumida e di come si mostrasse la città, allora chiamata Edo, tra il 1760 e il 1849.

5. Tecnologia

La tecnologia è l’incarnazione dello spirito di innovazione che il popolo giapponese ha abbracciato senza timore a partire dalla fine della seconda guerra mondiale. I simboli della tecnologia giapponese sono ovunque nella città di Tokyo, soprattutto nella rete ferroviaria con i treni superveloci shinkansen oppure la futuristica monorotaia Yurikamome che collega la città con l’isola artificiale di Odaiba, nella baia di Tokyo. Sull’isola di Odaiba è consigliatissimo il Miraikan – il Museo Nazionale delle Scienze Emergenti e dell’Innovazione – dove vengono approfondite le tendenze più recenti della scienza e anche della robotica.

6. Quartiere di Shibuya

Shibuya, dinamico quartiere cuore della cultura pop giovanile e casa di molti luoghi di intrattenimento e locali, accoglie i visitatori che escono dalla stazione con la statua di Hachiko, il noto cane di razza Akita. La storia di Hachiko è una storia di fedeltà: ogni giorno partiva da casa ed andava ad attendere il suo padrone di ritorno dal lavoro alla stazione di Shibuya. Anche dopo la morte del padrone Hachiko continuò a recarsi alla stazione, comportamento che rese famosa la sua storia, da cui sono stati tratti anche romanzi e film di successo internazionale. La statua di Hachiko è oggi il punto di ritrovo per antonomasia ed è possibile vedere molte persone in attesa di amici o colleghi in quell’area.

Sembra strano, ma un’altra delle attrazioni principali del quartiere di Shibuya è un incrocio. Non si tratta di un comune incrocio ma del celeberrimo scramble crossing, uno degli attraversamenti pedonali incrociato più famosi al mondo, che può essere attraversato contemporaneamente da migliaia di pedoni ad ogni semaforo verde.

7. Quartiere di Shinjuku

In occasione di un viaggio in Giappone sicuramente da non perdere è il quartiere di Shinjuku, sede del Palazzo del Governo Metropolitano di Tokyo, che offre al 45° piano una terrazza panoramica gratuita. Da non perdere, inoltre, i vivaci quartieri dei divertimenti, il Kabuki-cho, detto il “quartiere che non dorme mai”, e il Golden-Gai, nato nel secondo dopoguerra e costellato di piccoli bar.

Sempre a Shinjuku, da non farsi sfuggire la scultura LOVE dell’artista americano Robert Indiana!

8. Bagni pubblici – Atami-yu

È usanza in Giappone concludere la giornata con un rilassante bagno caldo per eliminare lo stress, tra le mura di casa propria oppure in uno dei numerosi bagni pubblici (sento) della città.

A Tokyo esiste un bagno pubblico particolare, molto famoso tra i giapponesi, dove oltre ad un buon bagno è anche possibile ammirare il monte Fuji… senza lasciare il centro di Tokyo! Si tratta del sento Atami-yu nel quartiere di Iidabashi, al cui interno si cela un murales con vista del monte Fuji.

9. Crociera sui corsi d’acqua

Per vedere la capitale del Giappone da un altro punto di vista è possibile usufruire dei numerosi servizi di crociera sulle vie d’acqua. I più famosi prendono luogo nella baia di Tokyo, per ammirare il Rainbow Bridge, e sul fiume Sumida. Percorre quest’ultimo l’interessantissima la crociera che collega passato e futuro, con partenza dallo storico quartiere di Asakusa e arrivo alla futuristica isola di Odaiba.

10. Imparare a fare il sushi

La cucina giapponese è sempre più amata dagli italiani e quale occasione migliore può esserci per imparare direttamente a cucinare i propri piatti preferiti se non un viaggio a Tokyo?

Consigliatissimi a questo scopo i corsi di sushi making della Tsukiji Sushi Academy Tokyo oppure i corsi di cucina giapponese tradizionale organizzati da Chagohan Tokyo ad Asakusa per un’esperienza davvero indimenticabile.

Cocoontower.

Qualche altro suggerimento:

-ottimi cibi da asporto al Grande Magazziono Isetan di Shinjuku

 -nel distretto finanziario di Shinjuku (Shinjuku è uno dei 23 quartieri più emblematici della città; anche sede di uno dei maggiori nodi dei trasporti pubblici di Tokyo, l’area verde del Shinjuku include i giardini alla francese, all’inglese e naturalmente alla giapponese, tutto il quartiere è immerso nel verde ), la  Cocoon Tower di Tokyo ha ricevuto l’Emporis Skyscraper Award come miglior grattacielo del 2008; dall’alto nei giorni tersi è possibile ammirare il monte Fuji e la città circostante, compresa la zona del mercato dle pesce più famoso del mondo

-ottima l’idea di prenotare un albergo nel quartiere di Shinjuku (noi siamo stati al Gracery spendendo in doppia 75 euro a notte; ma normalmente è più caro).

CROCIERA DI LUSSO CON OCEANIA CRUISES – 684 ospiti serviti da un personale qualificato di 400 persone

Oceania Cruises introduce dieci nuovi itinerari su Cuba

I viaggiatori potranno vivere un’esperienza cubana genuina ed autentiche esplorazioni culturali

– Oceania Cruises, la compagnia di crociere leader per i suoi itinerari incentrati sulle esperienze gastronomiche e sulla scoperta delle destinazioni, ha annunciato dieci nuove rotte su Cuba per il 2018.

Con partenza e arrivo da PortMiami, questi nuovi tour con una durata variabile dai 7 ai 10 giorni includeranno scali a L’Avana e nelle leggendarie destinazioni di Cienfuegos e Santiago de Cuba. Intrisa di un profondo senso di cultura e storia, Cuba trabocca di occasioni per vivere incontri autentici ed esperienze indimenticabili.

“Ho avuto il piacere di prendere parte alla prima crociera a Cuba a bordo di Marina e il modo migliore per vivere Cuba dall’interno è immergersi nella sua cultura e nella vita quotidiana dei suoi abitanti – con approfondimenti culturali che invitano a sperimentare la Cuba autentica. È proprio questo ciò che offrono i nostri nuovi itinerari, che includono scali a L’Avana, Santiago de Cuba e Cienfuegos,” ha dichiarato Bob Binder, Presidente e CEO di Oceania Cruises.

Una scelta tra 20 viaggi

Oltre alle crociere elencate qui di seguito, Oceania Cruises ha recentemente aggiunto sei nuove proposte di itinerari a Cuba a bordo di Insignia per l’autunno 2017 e degli scali a L’Avana su quattro crociere a bordo di Regatta previste per la primavera e l’autunno 2018.

In totale, Oceania Cruises offre una scelta di ben 20 viaggi a Cuba tra l’autunno del 2017 e del 2018.

Highlight destinazioni

L’Avana, Cuba

La porta verso il cuore di Cuba, L’Avana, attrae con la sua cultura iperbolica, i suoi ritmi sensuali e la sua bellezza segnata dalle intemperie.

Una passeggiata rilassante lungo il suggestivo Malecòn, la strada principale di Cuba, perdendosi tra le facciate in stile barocco e i ciottoli coloniali nei vicoli della Vecchia Avana.

Visitare il grandioso Capitolio Nacional e scoprire la collezione artistica di fama mondiale al Museo Nacional de Bellas Artes dove è esposto di tutto, dalla pittura coloniale agli innumerevoli capolavori del noto periodo d’avanguardia Cubano.

Vivere memorabili esperienze come per esempio la visita a una delle iconiche aziende di sigari storiche a L’Avana, per poter scoprire il luogo di nascita di questi sigari famosi in tutto il mondiale e l’antica tecnica con cui vengono prodotti.

Un’escursione a L’Avana include un breve viaggio nella lussureggiante Viñales Valley, famosa per la coltivazione di tabacco e per le colline calcaree note come mogotes, un curioso dietro le quinte per scoprire i metodi artigianali di lavorazione dei sigari o un’irresistibile serata di musica cubana in un club leggendario. Interagire con la gente del posto, approfondendo la conoscenza del fiorente scenario artistico in una galleria e scoprire l’affascinante storia del paese attraverso musei, monumenti imponenti e altri luoghi di rilievo.

Cienfuegos, Cuba

Situata in una bellissima baia nel cuore della fertile regione agricola cubana sulla costa meridionale, Cienfuegos ha un fascino silenzioso con il suo spirito francese, il suo quieto paesaggio marittimo e la sua architettura neoclassica.

Conosciuta come La Perla del Sur (la Perla del Sud), Cienfuegos fu originariamente fondata dai colonizzatori francesi e il suo centro è stato dichiarato Patrimonio dell’UNESCO.

Ricca di appuntamenti formativi e coinvolgenti, il suo centro storico custodisce con cura le strutture del diciannovesimo secolo e splendide piazze, con disposizione ispirata all’Illuminismo Spagnolo.

Affascinante sarà scoprire l’eclettico ed elaborato Palacio de Valle, ammirare la favolosa vista da Punta Gorda, il punto perfetto per godere del tramonto; fare un passo indietro nel tempo al Teatro Terry con una performance di artisti locali o scoprire la vicina Trinidad, una città coloniale che si è preservata in maniera sorpendente, riconosciuta come patrimonio dell’UNESCO e ancorata alla sua imponente Plaza Mayor, un museo all’aria aperta dell’architettura coloniale spagnola.

Santiago de Cuba, Cuba

Un energico centro culturale, Santiago de Cuba è la seconda città più grande del Paese e ha rivestito un ruolo fondamentale nell’evoluzione della musica cubana, della letteratura e dell’architettura.

Incastonata tra l’imponente catena montuosa della Sierra Nevada e le acque cristalline del Mare dei Caraibi, la città offre un’ampia e ricca proposta culturale e diverse opportunità di intrattenimento in uno straordinario scenario.

Scoprire l’affascinante storia della città al Castillo de San Pedro de la Roca e al Cementerio Santa Ifigenia, dove furono sepolti l’eroe cubano José Martì ed Emilio Bacardi Moreau della nota dinastia del rum. Innumerevoli musicisti sono nati a Santiago de Cuba, incluso Miguel Matamoros di Trìo Matamoros e Sindo Garay; molti dicono che il cuore di questa fiorente città vive nel suo patrimonio musicale.

Highlights di bordo

Navigare verso Cuba con Oceania Cruises è un viaggio straordinario.

A bordo della strepitosa Sirena, i 684 ospiti privilegiati sono serviti da un personale qualificato composto da 400 persone.

I viaggiatori potranno beneficiare della rinomata esperienza gastronomica di bordo, the Finest Cuisine at Sea, nei quattro ristoranti gourmet che offrono specialità continentali abbinate ai vivaci sapori di Cuba.

Ciascuno di questi itinerari proporrà una vasta gamma di autentici piatti cubani nati da ricette di vecchie generazioni.

Questo stimolante viaggio sarà arricchito da prestigiosi esperti daranno lezioni coinvolgenti sulla storia cubana, sull’arte e sulla musica; avranno la possibilità di unirsi ai propri compagni di viaggio in una pietra miliare della cultura cubana, il gioco del Domino. Durante tutto il viaggio, Sirena è il simbolo di modernità con le sue 342 cabine e suites elegantemente arredate; il 70% di queste offre una veranda privata, la perfetta postazione dalla quale ammirare lo splendido paesaggio marino Caraibico.

Per ulteriori informazioni su Oceania Cruises visitare www.oceaniacruises.com o contattare un’agenzia di viaggio.

Dichiarazione OFAC

Tutte le crociere e le escursioni di terra avverranno nel pieno rispetto della normative federale vigente negli Stati Uniti e delle recenti dichiarazioni dell’Ofac (Office of Foreign Assets Control) del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti d’America. Questi viaggi offriranno ai passeggeri un’opportunità unica non solo di scoprire la ricca cultura, storia e bellezze naturali di Cuba, ma anche di sperimentare il calore e l’ospitalità della sua gente.

###

A proposito di Oceania Cruises

Caratterizzata da una flotta di navi di lusso, Oceania Cruises offre un’esperienza di vacanza impareggiabile, rinomata per la cucina raffinata e i suoi itinerari in tutto il mondo. I viaggiatori più esperti sono attratti dalle proposte di viaggio ideate con estrema cura da Oceania Cruises; esse coprono più di 365 porti in Europa, Asia, Africa, Australia, Nuova Zelanda, Sud Pacifico e Americhe.

Le ampie ed eleganti sistemazioni a bordo di Regatta, Insignia, Nautica e Sirena – da 684 ospiti – e Marina e Riviera – da 1.250 passeggeri – invitano a esplorare il mondo con soluzioni di comfort e uno stile senza eguali.

Filippine prossimo hotspot gastronomico in Asia ?

Filippine come meta gastronomica

La Segretaria per il Turismo, Ms. Wanda Corazon Tulfo-Teo, ha sottolineato come le Filippine siano sempre più riconosciute come un’importante meta gastronomica, con MFM chiamato ad essere una pietra miliare per il riconoscimento delle Filippine come prossimo hotspot gastronomico in Asia.

“Il Congresso si propone di ampliare il discorso su come la gastronomia possa essere fonte di sviluppo, sostenendo le persone, la loro cultura ed un approccio sano e sostenibile all’ecosistema. Si tratta certamente di una piattaforma per l’innovazione, un perfetto punto di partenza per la discussione sul futuro del cibo nel 21° secolo“, ha dichiarato il sottosegretario DOT Benito Bengzon, Jr.

PARLIAMO DI CIBO E DELL’EVENTO:  MADRID FUSION a MANILA

Menu di riso e non solo al centro di Madrid Fusion Manila

Madrid Fusion Manila (MFM), unica edizione asiatica del celebre Madrid Fusion, ha rafforzato la presenza delle Filippine nella scena food internazionale, con un focus sull’eco-sostenibilità gastronomica.

 – Secondo i dati diffusi dal Dipartimento del Turismo delle Filippine sono oltre 1.400 i delegati di tutto il mondo registrati a Madrid Fusion Manila (MFM), terza edizione del festival gastronomico organizzato presso l’SMX Convention Center di Pasay City (Manila) dal 6 all’8 aprile.

I 3 giorni sono stati arricchiti da masterclass dedicate a tendenze culinarie, innovazione tecnologica e nuove tecniche che vanno ad arricchire il mondo della cucina, con oltre 200 stand allestiti dedicati alle diverse prelibatezze filippine e non solo.

Tra le aree sicuramente più interessanti quella dedicata al riso, che ha portato alla ribalta varietà tradizionali, tramandate di generazione in generazione, spesso coltivate senza alcun supporto tecnologico, dal particolare sapore e dall’alto valore nutrizionale. Il riso è stato l’ingrediente base per tantissime ricette, di carne, di riso, vegetariane, dessert.

Sorprendente ad esempio il Barbeque di Capra proposto dallo chef Dino Dizon di The Smoking Joint: la carne di capra è stata marinata in zenzero e sale e messa a cuocere in un focolare a carbone di legna, cosparsa di riso nero, e cotta fino a diventare tenera.

La carne affumicata viene poi insaporita con una salsa barbecue al cocco e servita con insalata di cavolo e con il tipico pan de sal preparato con farina di riso selvatico.

Notevoli anche gli Arancini di Riso Nero Arrostiti con Crema di Cocco e Ragù di Frutti di Mare dello chef Kevin Tuason del Tahanan Bistro o la Coda di Bue con Mousse di Cipolla e Riso Nero Fermentato, proposta da Josh Boutwook di The Test Kitchen.

AJ Reyes, Executive chef di The Commissary and Privatus Dining, ha presentato invece un Tinuktok (tipico involtino dell’area di Bicol) fatto con riso tinawon, polpa e aligue di granchio, avvolto in foglie di taro e cotto in latte di cocco speziato.

Tra piatti serviti su foglie di palma e altri in ciotole di legno, particolare curiosità ha destato il Riso Viola di Montagna con pesce latte affumicato dello chef Nicco Santos.

E ancora, gli chef Paul Samson e David Cruz, chef e partner del 5060 Bar and Restaurant, hanno presentato Riso su Riso: polpette di riso ripiene di kesong puti (formaggio di latte di carabao), cucamelon e pesce gatto con duo di salse, aoli di melanzane affumicate e riso balatinaw fermentato e pesto di mustasa.

La volontà di rendere il lechon un piatto dal sapore internazionale, ha spinto Deded dela Fuente-Santos del Pipita’s Kitchen a creare il Lechon de Leche ripieno di riso Sising, chorizo e Taba ng talangka (caviale di uova di granchio) e la salsa del lechon a base di riso nero, pasta di riso rosso, salsa di riso baby.

Happy Ongpauco-Tiu del Pamana Restaurant and Tsokolateria ha creato i tacos Luz, Vi e Minda, tortillas di riso nero Ifugao ripiene di sottaceti, frutta in gata, e, a scelta, Bulalo di carne delle Batanhas, lechon di Cebu o GenSan di tonno tataki.

Myke Tatung Sarthou di Agos, unico cuoco filippino a partecipare a Madrid Fusion 2017 in Spagna, ha offerto Tausug Junay con utakutak: sticky rise con pamata e nugget di pesce speziate.

Non possono mancare i dolci, come il New York-bred preparato da Raul Matias del Manila Chocolatier, che ha creato un caramello di riso mixato con cacao di Davao e cioccolato della Costa d’Avorio e dell’Indonesia, un prodotto ora disponibile in vendita tramite la catena Rustan’s…un vero souvenir gastronomico (pasalubongs in tagalog) per tutti i turisti.

MFM è l’unica edizione asiatica di Madrid Fusion, nato da una partnership tra DOT, Tourism Promozioni Board (TPB) Philippines e Madrid Fusion Organizers Foro de Debate and Arum. In questa terza edizione si concentra sul tema “Verso un pianeta dalla gastronomia sostenibile”. Il suo obiettivo principale sarà di avviare una discussione verde in merito alla pratica della gastronomia sostenibile in grado di valorizzare le fonti naturali e del patrimonio locale.

Per il calendario completo degli eventi, www.madridfusionmanila.com

VACANZE di Pasqua weekend e vacanze estive SICURE e TRANQUILLE – evitiamo gli aeroporti che creano più problemi di cancellazioni – smarrimento bagagli ecc…

Partire – viaggiare – rilassarsi

Quando il viaggio non va come dovrebbe …

Quali sono gli aeroporti da evitare ?

300.000 i passeggeri con volo cancellato o con ritardo superiore alle 3 ore che avrebbero diritto a circa 98 Milioni di Euro in rimborsi

Quasi 11 milioni di Italiani. Il periodo della Pasqua è, da sempre, tra i preferiti dagli Italiani per partire, viaggiare e rilassarsi.

I problemi nascono quando il viaggio non va come dovrebbe, nel caso di chi prende un aereo, specialmente durante la settimana di Pasqua, non è una rarità.

AirHelp (www.airhelp.it), società che ha aiutato oltre 2.000.000 di passeggeri ad essere risarciti per i loro voli in ritardo o cancellati, ha voluto analizzare i dati dello scorso anno durante la settimana di Pasqua ed ha individuato i 6 peggiori aeroporti dove arrivare, partire o semplicemente far scalo.

Nella scorsa Pasqua, solo in Europa, sono stati quasi 300.000 i passeggeri con volo cancellato o con ritardo superiore alle 3 ore che avrebbero diritto a circa 98 Milioni di Euro in rimborsi.

Ma quali sono gli aeroporti da evitare ?

Londra Heathrow: Lo scalo londinese è il peggiore in assoluto con 21.898 passeggeri rimasti a terra in attesa del loro volo ed oltre 8 milioni di euro di rimborsi dovuti ai viaggiatori per i disagi subiti;

Madrid Barajas: L’aeroporto della capitale spagnola sorprendentemente tra i peggiori a causa dei 130 voli con più di tre ore di ritardo o cancellati per i quali i passeggeri avrebbero diritto a quasi 5 Milioni di Euro;

Parigi Charles de Gaulle: 13.312 passeggeri hanno visto le loro vacanze rovinate e con diritto a 4 milioni ed 815 mila Euro;

Bruxelles National: 90 voli cancellati o con ritardo superiore alle 3 ore e 3 milioni e 200 mila euro di rimborsi dovuti ai passeggeri;

Amsterdam Schiphol: Quasi 3 milioni di rimborsi dovuti ai passeggeri e 61 voli con problemi direttamente riconducibili alle compagnie aeree;

Francoforte Flughafen: Utilizzato in particolare come scalo per voli destinazioni intercontinentali, i suoi 66 voli in ritardo o cancellati hanno fatto perdere numerose coincidenze. 9.901 i passeggeri coinvolti e 4 e 126 mila euro di rimborsi dovuti a passeggeri.

Lorenzo Asuni, Responsabile di AirHelp, sottolinea:

“Sono ancora troppo pochi i viaggiatori che conoscono le leggi che li tutelano contro i disagi subiti negli ultimi 3 anni durante i voli”.

Asuni conclude: “Solo l’1% degli aventi diritto reclama i soldi dei rimborsi, è ora di smettere di lamentarsi ed iniziare a farsi rispettare maggiormente come viaggiatori e cittadini

Prima di viaggiare a Pasqua sarebbe utile informarsi e conoscere questi diritti per un volo più sereno e delle scelte più consapevoli.

 AirHelp (www.airhelp.it)

Israele – Giugno a Gerusalemme per speciali eventi

A giugno Gerusalemme si colora di eventi

Musica, spettacoli, danza, design, mostre e laboratori arricchiscono l’offerta turistica primaverile della città.

5 giorni / 4 notti, comprensivo di volo a/r da Milano o Roma e pernottamento in camera standard presso il Prima Royale Hotel, a partire da 360 € a persona.

Approfittando dei buoni prezzi sui voli e del fatto che, comunque, ai turisti nula è mai accaduto in Isaele, grazie al grande dispiegamento di sicurezza, per giugno si può programmare un viaggio verso questa meta.

– Giugno è un mese effervescente per la città di Gerusalemme, ricco di eventi, happening, spettacoli e appuntamenti che mettono d’accordo tutti i gusti e tutte le esigenze.

Si comincia l’1 giugno con l’attesissimo e prestigioso Israel Festival, rendez-vous annuale imperdibile lanciato per la prima volta nel 1961 come evento prettamente musicale.

Oggi, invece, l’Israel Festival è diventato un momento di incontro multidisciplinare che coinvolge artisti locali ed internazionali con spettacoli di danza contemporanea, performance teatrali, concerti di musica classica e fittissimi programmi artistici che animano pietre miliari della cultura gerosolimitana, come il Jerusalem Theatre, ma anche altre location da Safra Square all’YMCA.

Le passate edizioni del festival hanno ospitato personalità del calibro di Bill Forsythe, Maurice Béjart, Robert Wilson e il “nostro” Romeo Castelluchi, tra gli altri.

L’Israel Festival si terrà dall’1 al 17 giugno.

Dall’8 al 15 giugno, inoltre, Gerusalemme ospiterà la Design Week, giunta alla sua quarta edizione.

8 giorni di mostre, eventi, laboratori e incontri, che permetteranno al pubblico di scoprire l’affascinante mondo del design.

La Jerusalem Design Week si tiene presso la storica Hansen House, un tempo ospedale, riaperto al pubblico dopo accurati restauri nel 2013 in qualità di rinomato centro di design, media e tecnologia.

Tra spettacoli audio-visivi, esposizioni d’arte, mostre di design dedicate all’alimentazione ed eventi organizzati per tutta la città, Gerusalemme vedrà coinvolti progettisti affermati, ma anche future promesse del design. Tutti gli eventi organizzati in occasione della Design Week sono ad entrata libera e gratuita.

Infine, il 21 e il 22giugno saranno dedicati al Festival dell’Opera di Gerusalemme, consacrato quest’anno al Rigoletto, popolare opera di Giuseppe Verdi, messa in scena da grandi cantanti internazionali, accompagnati dal coro dell’Israeli Opera e dall’Orchestra Sinfonica di Gerusalemme. Location d’eccezione, la Piscina del Sultano, auditorium open-air che può ospitare fino a 6000 persone.

Per partecipare ad uno degli eventi in programma, il Tour Operator Caleidoscopio Viaggi propone un pacchetto 5 giorni / 4 notti, comprensivo di volo a/r da Milano o Roma e pernottamento in camera standard presso il Prima Royale Hotel, con costo a partire da 360 € a persona (per partenze entro il 15 giugno).

Per maggiori informazioni sulla città e le sue proposte, visitare il sito www.itraveljerusalem.com/itmedia.itraveljerusalem.comwww.gerusalemmeora.it

Per assaporare quotidianamente l’effervescenza di Gerusalemme:
www.facebook.com/itraveljerusalem.it

VIAGGIO in ISRAELE – storia – architettura – gastronomia – terme al … mar morto : bellezza e salute

ISRAELE: le cure termali migliori di tutto il mondo

vedi,  più sotto, le speciali proporietà  del mar Morto

Israele non è solo una meta per un pellegrinaggio, ma ha anche molto altro da offrire; come le cure termali migliori di tutto il mondo (grazie alle speciali acque e clima del Mar morto) e il Mar Rosso con la barriera corallina …  e molto altro …

1.000 anni di storia aspettano il viaggiatore, il turista ed il pellegrino che visiteranno Israele.

ISRAELE  E’ ANCHE IL LUOGO CON I ” BAGNI TERMALI ” PIU’ EFFICACI DI TUTTO IL MONDO: IL MAR MORTO (vedi informazioni più sotto).

Prendiamo atto che in questo momento la destinazione Israele, non è consigliata come la più sicura. Di parere diverso sarebbero gli abitanti, che abituati a convivere con pericoli simili a quelli che abbiamo, purtroppo, visto anche in Europa, a Parigi e Bruxelles, si fidano dell’azione delle forze di sicurezza e non limitano la loro vita e i loro spostamenti.

Noi riportiamo la meta come splendido ricordo di un viaggio fatto tempo addietro.

israele-354cupola-spianata

Gerusalemme.

israele 350 ji gerusalemme moschea. 2

Gerusalemme.

israel tel aviv 450 casa anni 40

Tel Aviv, casa Art Déco.

Palme mare 672 panorama esotico

Tel Aviv , mare.

israele 450 nj geusalemme panorama

Gerusalemme.

deserto-350 panorama--israele-o

Israele, deserto.

Egitto 672 deserto banbino panorama k

Kenya SUB PESCI 672 Parco Marino di Malindi FIRMA

Mar Rosso.

israel tel aviv 450 panor uomo che legge

Tel Aviv.

israel 450 nhbtel aviv mare

Tel Aviv.

ASINO 450 cane animali bv

Foto: una foto curiosa.

TEL AVIVI UNA MODERNA CAPITALE

Tel Aviv è una moderna capitale con grattacieli sul mare e una grande e splendida passeggiata che lo costeggia, ma anche una antica città piena di storia e poesia

www.goisrael.it

www.deadsea.co.il

—–

Israele 672 Gerusalemme da alto b

GERUSALEMME 

 Gerusalemme, la città per eccellenza, aspetta tutti gli uomini di tutto il mondo e di tutte le religioni monoteistiche per stupire e commuovere. Una città che può essere rivisitata più volte e che sempre sorprenderà con nuove prospettive.

-Modernissimi schermi faranno rivivere la storia della “spianata” a partire dal Sancta Sanctorum degli ebrei.  Mentre i nuovi scavi sotto il muro del pianto sorprenderanno anche chi ha già  visto la città.

MASADA;  DOVE AL STORIA PARLA ANCORA DEI SUOI CITTADINI CHE SI UCCISERO IN MASSA PER NON CADERE NELLE MANI DEL NEMICO ROMANO.

Dalla rocca, raggiungibile con una moderna funivia, si spazia lo sguardo sull’ancora percepibile perimetro del luogo dove si trovavano le legioni romane  al momento dell’assedio, per tutto il grandioso deserto e sino al lontano Mar Morto.

Masada è una rocca situata ai piedi della riva occidentale del Mar Morto. Il re Erode, 40-4 a.C., scelse Masada come rifugio dai suoi numerosi nemici e vi costruì fortificazioni e splendidi palazzi. Nel 72 d.C. i romani al comando di Flavio Silva cercarono di conquistare la fortezza e dopo un lunghissimo assedio entrarono in città per verificare che gli assediati avevano deciso per un  suicidio collettivo. Oggi Masada è patrimonio dell’UNESCO.

—–

 NELLE TENDE BEDUINE NEL DESERTO PER GUARDARE LE STELLE E VIVERE MOMENTI MAGICI

Anche il deserto ha molto da offrire: notti in tende beduine sotto il cielo stellato alla luce dei fuochi. Il mattino, la passeggiata con il dromedari seguirà il ricco breakfast beduino.

—–

ISTRAELE IL PARADISO DELLE FRUTTA E DELLA VERDURA

Non dimentichiamo che Israele è il paradiso terrestre per chi ama frutta e verdura: qui potrete trovare il meglio del meglio, sempre freschissimo.

Anche la cucina israeliana sa sorprendere.

Mamshit Camel Ranchwww.mamshit.il, Dimona 86100, P.O.B.71, cell. 050.656 56 77.


EILAT E IL MAR ROSSO

Una importantissima iniziativa si può apprezzare in tutta la sua serietà durante una visita alla città marina di Eilat, si tratta dell’addestramento di delfini, senza alcun premio di merito,  unicamente attraverso la comprensione reciproca, per avvicinare gli uomini ai delfini, ma anche utilizzarli per la rieducazione degli andicappati.

Eilat’s Dophin Reef, tel 08.637 59 35,  info@dolphinreef.co.il , www.dolphinreef.co.it

Ad Eilat vi attende anche uno spettacolo indimenticabile presso il TIMNA PARK: rivivrete la storia dell’Egitto su di uno schermo che vi farà apparire tutto reale, spruzzi d’acqua compresi! tel 08-631 67 56, Hevel Eiliot Regional Council, 88820;  www.tabernacletimna.org , tabernacletimna@pobox.com


Mar Morto, si galleggia… anche se non si sa nuotare

IL MAR MORTO:  LA FONTE DELLA BELLEZZA E DELLA SALUTE.

PRENDERE IL SOLE SENZA SCOTTARSI E SENZA ROVINARE LA PELLE, GRAZIE AL FILTRO NATURALE …

Un “mare” che cura allergie, artrosi…ma soprattutto fa bene la pelle più delle solite terme.

Oltre all’aspetto culturale, certamente il più noto, Israele offre qualcosa di veramente unico a tutte le donne: bellezza e salute. In un momento in cui tanto sono di moda le vacanze nelle beauty-farm e  alle terme, il Mar-Morto offre la miglior alternativa possibile a livello mondiale.

Dopo 10 giorni di permanenza fanghi e bagni

-la pelle appare più pulita e purificata e rimane tale a lungo anche dopo il ritorno a casa.

-I prodotti di bellezza derivati dal Mar Morto sono famosi sin dai tempi di Cleopatra. Qui sono state riportate alla luce le vestigia dell’antica fabbrica egiziana di cosmetici.

Sul  Mar Morto, inoltre, si può prendere

il sole senza timore di scottature, e relativi danni alla pelle, grazie al particolare effetto filtrante dell’aria (per i 416 metri sotto il livello del mare e lo strato di vapore prodotto dal surriscaldamento delle acque.

La stessa aria (con elevatissime concentrazioni di ossigeno e bromo) e la grande concentrazione di sali del Mar Morto, oltre ad essere dispensatori di bellezza, sono anche prodigiose fonti di salute e guarigione, quando possibile, per numerose patologie:

-psoriasi, artrite e reumatismi (anche per l’ambiente secco privo di ogni traccia di umidità), dolori dovuti ad infortuni, allergie…

Il Mar Morto è l’unico mare al mondo che ha una concentrazione di sali minerali del 30% . Inoltre i fanghi presenti,  se applicati a pelle e articolazioni, sono ricchi di minerali altamente terapeutici .

ALBERGHI SUL MAR MORTO:

Isrotel-Dead-Sea-Resort-Spa: lussuoso con eccellenti servizi.

Spa-Club-Experience-The-Tranquillity-Hotel; per ottenere il massimo del rapporto qualità-prezzo.

—–

 INDIRIZZI A EILAT SUL MAR ROSSO: barriera corallina, delfini, tanto sole, divertimento, gastronomia! E il lusso di un albergo con piscina che si trova di fronte a tutte le camere!

Ristorante per una cucina a base di pesce: Fish Restaurant, “Denis Kingdom” http://www.eluna.com/rest/DenisKing.asp?mumu=232

Anche le riserve naturali e parchi nazionali meritano una visita: ADVAT National Park ,

MAKHTESH RAMON Natural Reserve,  HAI-BAR YOTVATA Nature Reserve…vedi www.parks.org.il

HOTELS di lusso:

REGENCY JERUSALEM 32 Lehi st. Jerusalem prezzi speciali per gruppi, famiglie e donne avranno un trattamento di riguardo. $ 238 per persona in una camera doppia con colazione, incluso 1 massaggio, minimo 3 notti.

Mount Zion hotel, Gerusalemme, 4 stelle, uno storico palazzo situato al centro di Gerusalemme con servizi e Beauty Farm di alto livello

HOD HAMIDBAR, Mar Morto, info@hodhotel.co.il , www.hodhotel.co.il

AGAMIN hotel, Eilat, un hotel speciale per chi cerca il meglio, modernissimo e funzionale, camere con accesso diretto alla piscina dalle camere e giardinetto privato.

Moltissime sono le strutture alternative che potete trovare direttamente su internet o presso la vostra agenzia di fiducia.

Brevivet è un operatore che, da sempre si occupa di viaggi in Israele, i suoi cataloghi sono reperibili nelle migliori agenzie.

Le statistiche diffuse dal Ministero del Turismo di Israele dimostrano che Gerusalemme resta la città più visitata del Paese, vi arrivano i  tre quarti di tutti i turisti stranieri .

Gerusalemme è anche sede dei siti più visitati:

·         il Muro Occidentale ( 68 % );

·         il quartiere ebraico di Gerusalemme ( 64 % );

·         la Chiesa del Santo Sepolcro( 57%):

·         la Via Dolorosa ( 55 % );

·         il Monte degli Ulivi (53 % )

Viaggiare tra mari da sogno incontaminati e low cost – Thailandia Isole Similan – Nuovo paradiso d’Oriente – Arcipelago thailandese- Nove isole granitiche

 

La nuova meta esotica per chi vuole mari incontaminati e prezzi accessibili

Le isole Similan si trovano nel Mare delle Andamane, in Tailandia.

Sono considerate uno dei luoghi  “più belli” al mondo per le immersioni, distano 100 km da Phuket e sono raggiungibili in tre ore di navigazione.

Sabbia finissima color borotalco e bagnato dalle acque cristalline.

PERIODO IDEALE:
novembre e aprile ( temperature alcune volte elevate soprattutto in aprile, ma in totale assenza di piogge), quando gli insetti sono in MINORE quantità.
Tra Gennaio e Febbraio, è possibile  ammirare l’indimenticabile fioritura del Loto selvatico (Rafflesia Kerri Meyer); il fiore più grande del mondo.

Il gruppo delle Similan è un parco marino.

Koh Payan e Koh Huyong, sono abitate solo dalle tartarughe marine.

Sull’isola numero 4, sorgono tende e bungalow su una spiaggia incantevole

L’isola numero 8, la più grande,  è famosa per la sua roccia nera che domina la spiaggia. Anche sull’isola numero 8 esiste la possibilità di dormire in tende SE SAPRETE ADATTARVI ALLA NATURA DEL LUOGO ANIMALI COMRPESI..

Khao Lak è nota per le tre spiagge di Bang Niang, Nang Thong e Khao Lak. Bang Niang beach è a solo due chilometri a nord di Nang Thong, cuore commerciale dell’area, è costellata di lussuosi beach resort anche per fare per snorkeling; anche ville con lago artifiiciale e specialissime spa che rispettano anche la tradizione del massaggio tailandese.

Khao Lak è la spiaggai nella zona meno sviluppata e più naturale, separata da Nang Thong da cinque chilometri di giungla tropicale.

La fitta giungla del Khao Sok National Park, incuneata tra Surat Thani a est e Phang-Nga a ovest, è letteralmente cosparsa di limpidi corsi d’acqua dolce e  laghi cristallini balneabili.

L’ecosistema del parco è antico di oltre 160 milioni di anni, considerato da alcuni come il più vecchio e più ricco in biodiversità sia rispetto alle foreste dell’Amazonia sia a quelle dell’Africa Centrale.  Trekking ed escursioni giornaliere ben organizzati.

Oltre a pesci della barriera e tartarughe troverete pe ril vostro birdwatching:

39 sgargianti specie di uccelli, stravaganti granchi escoiattoli conosciuti come volpi volanti.

Lo Small Beach Track, a Ko Miang, è un sentiero di 400 metri per raggiungere un incantevole snorkel spot.

Il Viewpoint Trail e il Sunset Point:

-veloci passeggiate, in alcune parti molto ripide, attraverso la foresta vergine.

IMMERSIONI

Christmas Point è uno dei più spettacolari siti d’immersione della Isole Similan; vicino all’Isola No.9,  più ad Ovest del più noto North Point.

Anita’s Reef ; sul lato Orintale delle Isole Similan Nr. 5 & 6 (Koh Ha & Koh Hok), raggiunge anche l’estremità Sud dell’isola n° 5. Questa barriera è formata da un banco sabbioso che inizia a 5 metri di profondità. Bene anche per snorkeling.


COME ARRIVARE

Se siete a Bangkok, il modo più costoso, per raggiungere Khao Lak è  un volo Bangkok-Phuket. Le compagnie che effettuano il volo: Bangkok Airways, la Thai Airways, la Air Asia e la Nok Air.

DA RICORDARE: le ultime due compagnie aeree, comprendono nel prezzo del biglietto solo  un bagaglio da imbarcare del peso di massimo 15 kg, (160 Bath in più per ogni kg aggiuntivo).

Phuket; dall’aeroporto, di solito consigliano di raggiungere la Bus-station di Phuket e da qui prendere un bus della linea pubblica per Khao Lak.

Ma è uno spreco di tempo, perchè la città di Phuket  si trova a sud dell’aeroporto, mentre Khao Lak è a nord.

Meglio prendere il minibus con direzione: stazione dei bus di Phuket città, ma scendere prima (in corrispondenza alla prima fermata della linea dei bus pubblici sulla strada 402)  circa 25 km da Phuket centro (chiedere maggiori informazioni al conducente; è facile sbagliare).

Poi attraversate la strada e salire su un bus diretto a Khao Lak ( bus  numero 430 per Ranong, 465 per Surat Thani o 436 per Takua Pa, per una durata di circa 2 ore e mezza di vaiggio ).

Da   Kao Lak con barche potenti,  si arriva alle  isole (in tutto 9) dopo circa 1.30 ore di navigazione.

Esiste anche una mini crociera.

Il punto di partenza è il porto Thap Lamu, a 10 km a sud di Khao Lak.

Per dormire sulle isole, da Thap Lamu parte quotidianamente un aliscafo alle 8 del mattino che vi porterà alle isole, per il ritorno l’aliscafo parte da Ko Miang alle ore 15 tutti i giorni. Il prezzo a persona pr un viaggio di andata e ritorno è di 2700 Bath.

DIFFICOLTA’

L’isola N°4  ha strutture ricettive limitate a Bungalows & Tende.

Nelle tende  grandi ci si sta  in piedi e si dorme tranquillamente  in tre.

Il sacco a pelo è utile per rendere più comodo il semplice materassino e per difendersi dagli animali notturni. Tra l’atro, anche tante zanzare; bisogna ADATTARSI E NON AVERE PRETESE.

PRENOTARE LE TENDE E I BUNGALOW:

richiedere direttamente alle guardie del parco marino, oppure nel sito dello della guardia forestale Thai: http://www.dnp.go.th/parkreserve/reservation.asp

————-

 ALBERGO NON TROPPO CARO

A due minuti a piedi dalla spiaggia. The Leaf Oceanside 4 stelle, 28/15 Moo7 soi Nangtong Khukkak, Takuapa, Phang Nga, Nang Thong Beach, 82190 Khao Lak, SU

Con Booking.com l’abbiamo trovato a 70 euro a notte.

Il Leaf Oceanside dista 10 minuti di auto dai ristoranti e dai negozi del centro di Khao Lak e 1,5 ore di auto dall’Aeroporto Internazionale di Phuket.

Secondo booking.com: questa è  la MIGLIOR struttura con il miglior punteggio per il rapporto qualità-prezzo a Khao Lak! Wifi gratis e diverse piscine.

TRINIDAD E TOBAGO: TARTARUGHE, FORESTE VERGINI, CASCATE E BARRIERA CORALLINA MORENTE.

 TESTATA Tartaruga

 TRINIDAD DOVE LA SCOPERTA DEL PETROLIO, E LA CONSEGUENTE 

RICCHEZZA DI POCHI, HA RESO LE CITTA’ PERICOLOSE. UNA TERRA ANCORA

 RICCA DI CASCATE, FORESTE VERGINI E SPIAGGE DOVE LE TARTARUGHE 

DEPOSITANO LE UOVA.

Trinidad e Tobago si trovano a nord del Venezuela: www.gotrinadandtobago.com Turism Development Company Limted, level 1, Maritime Centre #29 Tenth Avenue, Barataria Republic of Trinidad & Tobago tel (868) 675-7034-7, fax (868) 675-7432.

ESOTICO CASCATA 672 DCIM100GOPRO

Trinidad,  cascata.

Bali 672 spiaggia panorama esotico ok

esotico palme 672 DCIM100GOPRO

animali trampoliere

TOBAGO

Tobago: una piccola isola dei Caraibi, ancora lontana dal turismo di massa. Foresta vergine e un mare dove ancora approdano le tartarughe a depositare le uova.

ANIMALI M2

TESTATA ANIMALI TUCANO 10 IMG_4903

TRINIDAD

Trinidad: famosissima per il suo carnevale da gennaio a marzo, è un’isola in parte ancora selvaggia, ma anche  assorbita dal business del petrolio.

ANIMALI UCCELLO BLU TOBAGO 47

-lontano dalle città la natura è ancora intatta: la foresta offre uccelli, farfalle, scimmie, alberi immensi e foreste di bambù…splendide cascate, ma alcune povere di acqua in bassa stagione

-Anche a Trinidad, come a Tobago, si possono vedere le tartarughe depositare le uova da aprile a maggio, e la loro dischiusa da fine giugno ad agosto.

DCIM100GOPRO

 Tobago, il mare.

A Port of Spain, la capitale sull’isola di Trinida, convivono grattacieli, antiche strutture caraibiche e del periodo coloniale. Merita una visita, se siete in zona, il giardino botanico con annesso zoo. (vicino all’hotel Normandie). Al National Museum troverete informazioni sulle antiche popolazioni locali, la storia del Paese e informazioni geologiche sull’industria petrolifera.

Il mare vicino alla città è particolarmente inquinato e scuro per i depositi di un vicino estuario Venezuelano che hanno anche sommerso la  barriera corallina.

Da Port of Spain si raggiunge Maracas Bay  in 20′ di auto, su questa grande e bella spiaggia nel fine settimana migrano tutti i locali per nuotare, fare sport, mangiare il “panino con lo squalo”, a poco prezzo, e ascoltare musica sino all’alba.

èANORAMA FORESTA TOBAGO3

Trinidad, le mangrovie.

Il CDA ovvero il Chaguarama Development Autority, prevede visite alle isole del Chaguarama Natural Park, prenotate via internet, costa poco e si è con guide esperte: www.chagdev.com

Proseguendo da Marcas Bay lungo la costa, in 30′, ci ci addentra nella foresta per un bagno tonificante sotto una delle tante cascate dell’isola (15′ a piedi dal parcheggio, guadando il piccolo fiume.

Proseguendo da Marcas Bay lungo la costa, in 30′, ci ci addentra nella foresta per un bagno tonificante sotto una delle tante cascate dell’isola (15′ a piedi dal parcheggio, guadando il piccolo fiume.

Per vivere a contatto con la natura è bene scegliere una struttura turistica lontano dalle città, meglio al nord.

DCIM100GOPRO

ALTA VISTA RESORT www.come.to/alta-vista offre una vera esperienza e alloggio nella foresta; prenotare con anticipo, pochi posti a buon prezzo.

panorama 87

Da giugno inizia la stagione delle piogge che termina a ottobre

-a settembre vi è sempre un periodo in cui brilla il sole ed è un momento magico per osservare la natura a prezzi di bassa stagione, anche se il mare può essere ricco di alghe, vale anche per Tobago e solo per alcune spiagge

Non accettate passaggi da persone non autorizzate! Non uscite di notte in città, meglio stare in albergo. Purtroppo la ricchezza, dovuta al gas e petrolio, e la povertà degli emarginati, hanno causato un notevole incremento della delinquenza, prima sconosciuta.

-se affittate una villa isolata, ce ne sono di splendide, controllate che sia inserita in un contesto con le guardie private o che abbia sistemi di allarmi, luci esterne notturne e inferiate a tutte le finestre, questo avvertimento vale per Trinidad & Tobago.

tobago jn40

Trinidad boaIMG_8912

-House of Jaipur, ristorante indiano, 29 dollari USA (c.a. € 22 più tasse) per il pranzo con una portata completa, 14 O’ Connor Street, Woodbrook, sobborgo vicinissimo al centro di Port of Spain, zona dei ristorantini, tel (868) 624 7465, www.houseofjaipur.com 

-HAKKA, ristorante giapponese, tre portate 17 € c.a., 4 Taylor Treet, Woodbrook (zona ristoranti), Port of Spain, www.akkarestaurant.com

– Sunday Kitchen & SAI SAI TIEN, ristorante cinese, molto curato, buffet della domenica 99TT$ + tasse (40 €c.a.),level 5,Long Circular Mail, Long Circular Road www.singholdtd.net  tel. 628 20 77, domenica per il sunday buffet solo dalle 19 alle 20,30.

-Tamnak Thai, ristorante tailandese, raffinato, elegante, da 150 TT$ (€ 45 più tasse) per 2 portate; 13 Queen Park East, tel (868) 625 0647.

DCIM100GOPRO

—-

TOBAGO

DCIM100GOPRO

-qui si trovano le tartarughe del peso di 700kg che possono superare i 2 metri di lunghezza (sono sulla terra da 150 milioni di anni); da marzo-aprile a giugno, quando depositano le uova e da maggio ad agosto è possibile vederle alla presenza di esperti (al Tortue Beach Hotel si è svegliati di notte dalle guardie per vederle sulla spiaggia)

-una visita alle cascate Raibow www.rainbownatureresort.com e alle cascate Argyll www.argylewaterfall.com nonché alla foresta vergine, è sempre interessante

-esiste anche una sub-specie di caimano, con una lunghezza max di 3 mt, 47 tipi di serpenti di cui solo 4 velenosi, ma che non causano mai la morte in quanto molti non sono aggressivi e vi è una buona organizzazione fornita di appositi sieri, qui vive anche il boa conscrictor lungo sino a 10 metri, ma solo nei punti più remoti dove non arrivano i turisti

PANORAMA GB

-l’accesso, più noto, alla foresta vergine si trova a Gilpin Trace, calcolate 2h 30′ di cammino e buone scarpe ben chiuse, pantaloni lunghi, cappello, antirepellenti e maniche lunghe; tutti gli alberghi organizzano tours

-da visitare anche le cascate di Argyle, vicine al Tobago Cocoa Estate, al nord, poco distante da Little Tobago Island

Il meglio dell’isola, per pescare e fare immersioni,  si trova all’estremo nord davanti alla Little Tobago Island, la parte meno turistica:

-di fronte a Little Tobago Island si trova Speyside, e lo Spey Side Inn, sulla Main Road, un ristorante-hotel a prezzi bassi; qui si trovano anche due buoni e semplici ristoranti di cucina locale con pesce freschissimo.

-uno dei due ristoranti a Speyside, sulla Main Road, appartiene ad un pescatore che accompagna, con la barca all’isola che conosce benissimo, per lo snorkeling e il diving

-in questa zona esiste un pregevole boutique hotel, direttamente sul mare, il “Blue Waters Inn” www.bluewatersinn.com Batteaux Bay Speyside; costoso, ma con buone offerte speciali e ottima cucina

Se volete conoscere l’isola di Tobago il meglio è fare il giro completo in un giorno; se intendete fare snorkeling calcolate come punto migliore Little Tobago, che necessita di una barca per essere raggiunta e quindi  almeno una ora di tempo tutto compreso, concordate prima con l’autista, gli autisti vogliono evitare lo snorckeling per guadagnarci un altro viaggio, faticoso e costoso per il viaggiatore: insistete.

DCIM100GOPRO

Altre spiagge interessanti: Castara Bay, Englishman’s Bay, Charlotteville all’estremo nord

-la gita in barca a Pingeon Point e a Nylon Pool può essere risparmiata se siete conoscitori della barriera corallina e dei mari del sud

-tra Pigeon Point e Plymouth, il villaggio di Bucoo merita una visita se siete alla ricerca di un piccolo luogo dove trovare la vera vita locale nella sua semplicità, i giovani lo conoscono per la discoteca all’apero “Sunday School”

-la cucina è internazionale, con forte caratterizzazione caraibica, non pensate di trovare dei buoni spaghetti! E’ l’occasione per apprendere una nuova cultura

Pigenon Point è la destinazione più conosciuta, ma non merita più una visita da quando è stato invaso dai turisti che ne hanno devastato la barriera corallina e deturpato le rive con alberghi di dubbio gusto; comunque, in genere, i Caraibi non offrono la barriera corallina del Mar Rosso o delle Maldive;

-la lunga frequentazione turistica ha portato molto degrado, se non la distruzione quasi totale di molte piccole barriere; i locali parlano anche di un surriscaldamento che ha ucciso molti coralli (madrepore), ma ogni tanto si vedono dei piccoli tentativi di rinascita; comunque sono visibili alcuni pesci della barriera e qualche madrepora viva

-anche se a Trinidad la delinquenza è limitatissima, si sconsiglia di raggiungere punti isolati (cascate isolate e Back Bay) senza un accompagnatore locale, comunque chiudere sempre l’auto e non opporre resistenza in caso di rapina

-da aprile ad agosto possono verificarsi degli arrivi sulle spiagge della famosa: Portuguese man o’ war (Physalia physalis), considerata ingiustamente come medusa, ma si tratta di un agglomerato di diversi individui con differenti specializzazioni; non causa morte, salvo rarissimi casi di allergia, ma solo dolore molto persistente, come le meduse del  Mediterraneo; questa presenza è solo occasionale.

DCIM100GOPRO

DCIM100GOPRO

DCIM100GOPRO

DCIM100GOPRO

DCIM100GOPRO

DCIM100GOPRO

Trinidad indirizzi:

-polizia tel. 999,555 / ambulanza tel. 990

-il più sveglio tra i taxisti, risolve ogni problema, se risolvibile, prezzi modici, JERRY tel 331 9148

-molto gentile e puntuale VICTOR, prezzi modici,tel. 764 0279

-nella via denominata French, in fondo, si trova un buon supermercato e un Mac Donald

-intono, verso la città, iniziano le strade dove potete accontentare un palato affamato

Trinidad, Hotel Normandie.
Trinidad, Hotel Normandie.

-a Port of Spain l’hotel Normandie nmcdowell@normandiett.com è vicino al centro, ma fuori dal traffico, con piscina; allontanarsi dall’albergo e fermare un MaxiTaxis (pulmini con strisce colorate, qui sono gialle) è il modo più economico per raggiungere il centro, oppure fermare un’auto con la targa che inizia con la H, chiamare il taxi dall’albergo è costoso.

-per chi vuole spendere meno, ma ricerca aria condizionata, cucina e vista mare, piccola piscina, la soluzione può essere il Tara’s Beachouse a Lambeau Village che ha prezzi contenuti, un panorama incantevole, ma sulle rocce; tra la capitale e l’aeroporto;  le spiagge vicine non sono invitanti; per 1 o 2 persone 450 TT$ (80 euro) con cucina e aria condizionata, prenotare 2 mesi prima.

-un grazie alla signora Patricia Villarnel tel. 273/19- 3629319 che ha dato un prezioso aiuto sull’uso dei mezzi pubblici, lavora al bar del Giardino Botanico

-MARACAS BAY la spiaggia più vicino alla capitale, ha un albergo di fronte alla spiaggia, 92 $ USA per 2 persone a notte, ottimo in bassa stagione www.maracasbay.com  per la singola si può trattare sui 55 $ USA, il vicino villaggio di pescatori fornisce sempre pesce fresco.

Tobago indirizzi:

Nota: Affitta da persone reali in 34000 città e 192 paesi in tutto il mondo.Vedi al link: http://www.donnecultura.eu/?p=8390

DCIM100GOPRO-taxi Mr. Forrest, giovane e affidabile, meno caro di molti altri, ha una bella grande auto Nissan per 5 persone comode, offre il giro dell’isola, compreso il pasto, con sosta per lo snorkeling a Little Tobago per 200 TT$ per 2 persone, da telefono italiano: 001868 7222539

-MR. NOEL DUMAS, taxista di Plymouth, gentile con buoni prezzi, giro  dell’isola con sosta per snorkeling e pranzo a Little Tobago (extra il trasporto con barca) 180TT$ per 2 persone, buon  prezzo con pasto. noeldumas@tstt.net.tt tel da telefono italiano 001868 785 7350 oppure: 390 5858

-Buccoo è il posto ideale dove stare, se volete la tranquillità durante la settimana e un poco di allegria la domenica e se volete spendere poco: alcune Guest Houses sono particolarmente confortevoli

-Il miglior rapporto qualità/prezzo, se volete uno standard da albergo europeo: TURTLE VIEW -T. +1868  7361917 JASON WILLIAMS, $400tt per notte c.a. 45 sterline, senza colazione.

DCIM100GOPRO

-Seaside Garden, Guest House, theseasidegarden@tstt.net.tt  la migliore: aria condizionata, cucina a disposizione degli ospiti con enormi frigoriferi, microonde…anche lavatrice, spiaggia vicina bella e tranquilla, anche per donne sole, si può fare il bagno alle 6 del mattino senza nessun pericolo. Qui viene ogni anno una ragazza tedesca e si trova benissimo.

Il Seaside Garden, standard europei; a 20 mt dalla spiaggia

-Guest House Buccoo,: tel.770 1302, debbiecharles@hotmail.com , 350TT$ (€ 42 c.a.) senza  la colazione che si può fare in cucina, sempre a disposizione o farsi preparare colazione e/o pasti 

-pescatore  Mr. Super 001868 7202560, sulla spiaggia di Great Courland Bay vicino alla città di Plymouth, dove si trova il Turtle Beach hotel; Super è un giovane affidabile per ogni richiesta, ha lavorato a NY e ora possiede 2 case e affitta stanze.

-i MaxiTaxis, i più convenienti, non sono presenti nelle zone più remote dove si trovano i Route Taxi, per fermarli dovete capire quali sono i punti di stop nella direzione che dovete prendere e mettere fuori la mano poi chiedere se vanno nella -direzione- che volete

-se volete mangiare con poco a Scarborough: Ciao Café & Pizza, Burnett Street, tel 635 23 23, www.cre-ole.com

-Il Turtle Beach hotel è direttamente sulla grande spiaggia di Couland (Coulloden) Bay  e tutte le camere hanno un balcone vista mare, non aspettatevi il lusso, ma è sufficientemente confortevole, silenzioso e si magia decentemente, ma è meglio farsi preparare i pasti anche dai locali, sempre trattando il prezzo, mai più di 200 dollari di Tobago (€ 28) per 2 pax, pretendere anche almeno 2 cocchi per berne il succo: res.tbhtab@rexresorts.net

-The Seahorse Inn, vicino a Plymouth: ottimo ristorante, forse il migliore dell’isola, con vista sul mare e tramonto, (prenotare) tel1 868 639 0686 seahorseinntobago@gmail.com www.seahorseinntobago.com bar con happy hour e solo 4 meravigliose camere, con vista, a due passi da una bella spiaggia, costo 600TT$ (€ 85) con colazione continentale, il posto li vale tutti, il prezzo è eguale per 1 o 2 persone nella medesima camera. Ristorante aperto solo la sera, da 35 a 50€ più tasse, compresa aragosta.

-Paradise Tour Tobago, si può prenotare al desk del Turtle Beach Hotel: 7ore di tour e visita alle cascate più suggestive 69$, Tour dell’isola il martedì a 69,95$, foresta vergine il mercoledì 4 ore a 45,95$, crociera di 1 giorno compreso il pasto e bevande a 59,95$.

Informazioni per un viaggio.

€ 1= TT$ 9 moneta locale

Tenete presente che da un’isola caraibica all’altra, in genere, si trovano voli, ma solo sul posto, a prezzi stracciati.

La permanenza in città a Trinidad non è entusiasmante, anche se potete prendere un albergo appena fuori dal traffico del centro, come il Normandie (con piscina).

Il meglio dell’isola si trova lontano dalle città.

Se volete risparmiare dovete rivolgervi ai MaxiTaxis (mini bus), li riconoscete dalle strisce colorate che segnalano la zona di competenza. Comunque li potete fermare e dire la vostra meta.

Le auto con la targa che inizia con la H sono dei taxi abbastanza a buon prezzo, ma dovete trattare e farvi precisare bene, prima, il costo della corsa.

I più economici sono i bus che portano per tutta l’isola, ma non sono frequenti e dovete informarvi bene; di solito gli alberghi non danno questo tipo di informazione. Si deve salire con il biglietto, vedi: www.ptsc.co.tt A Port of Spain al City Gate, vicino a dove partono i traghetti per Tobago, si fanno i biglietti e si trovano tutti i bus e gli orari. Non tutti hanno l’aria condizionata e se soffrite il caldo o avete fretta il bus non fa per voi.

Noleggiare un’auto necessita della patente internazionale che può costare dai 200 ai 300 euro, le strade non sempre sono in buone condizioni e il traffico è vivace e si guida a sinistra, meglio un autista locale.

Il cibo, in genere costa poco, ovunque si trovano supermercati, più o meno grandi e sulla strada si può comprare cibo e frutta.

Il ferry per Trinidad costa pochissimo, ma con 20 euro potete trovare un volo che vi evita le 4-5 ore totali del trasporto via traghetto.

A Port of Spain avrete una scelta incredibile, anche nei prezzi quasi sempre abbastanza bassi, tra diversi ristoranti: cinesi, indiani…

TOBAGO:

DCIM100GOPRO

-lunga 42km e larga 5, Tobago si trova a 34 km dalla costa di Trinidad

-Colombo la battezzò Bellaforma nel 1498

-agli inizi del XVII secolo i coloni olandesi e inglesi tentarono inutilmente di conquistare questa terra, infatti furono cacciati dai Caribe,

-ma poi 80 famiglie riuscirono ad insediarsi a Cortland Bay nel 1650 per piantare canna da zucchero, tabacco, pepe e cotone

-seguirono avventurieri e pirati, molti dei quali morirono per le frecce dei Caribe

-100 anni dopo nelle piantagioni vennero impiegati degli schiavi importati dall’Africa

-nel 1777 lo schiavismo portò alle inevitabili ribellioni, sedate con amputazioni, roghi e impiccagioni

-nel 1793 gli inglesi si impadronirono dell’isola che contava 14.700 neri (schiavi importati perché i locali non si riusciva ad assoggettarli), 850 bianchi e 5 ameridi (la popolazione originaria era stata evidentemente uccisa quasi al completo)

-nel 1834 venne dichiarata la fine della schiavitù e molte piantagioni andarono in rovina; si crearono invece delle piccole coltivazioni familiari e molti ex-schiavi si dedicarono alla pesca, altri ex-schiavi preferirono continuare a lavorare nelle poche  piantagioni rimaste

-gli schiavi liberati vissero con un’agricoltura e pesca di sussistenza

-nel 1847 le piantagioni di Tobago vennero distrutte da un terribile uragano

-i piantatori francesi acquistarono le terre a prezzi bassissimi e avviarono la coltivazione del cocco, ritirandosi, successivamente, a vivere di rendita nei bei palazzi di Trinidad

-nel 1879 Tobago divenne una Colonia Inglese

-quando gli inglesi tolsero le tariffe protezionistiche, la libera concorrenza fece soccombere Tobago la cui produzione non era sufficientemente competitiva

-all’inizio del ‘900 Tobago esportava frutta e verdura a Trnidad

-dal 1962 la Repubblica di Trinidad & Tobago è indipendente

-nel 1963 l’uragano Flora rase al suolo villaggi e parti della foresta, ancora oggi si vedono i segni, iniziò così il primo tentativo di promozione turistica

-Tobago gode di buoni margini di autonomia, rispetto a Tobago, ma solo per le questioni interne e gode ancora dei sussidi provenienti da Trinidad; è amministrata dalla Tobago House of Assembly THA

-Oggi Tobago subisce la concorrenza turistica delle altre isole caraibiche, più attrezzate per le esigenze del turista: villaggi vacanza, alberghi esclusivi e costosissimi, ma super attrezzati…anche se riceve sempre sussidi dall’isola madre  Trinidad

-nel 2005 a 10 km a nord di Tobago è stata scoperta una riserva di gas naturale, conosciuta come Blok22, non si può prevedere che influenze avrà sul turismo.

DCIM100GOPRO