Archivi categoria: SMOG UN GRANDE PERICOLO

smog, salute, pericoli per la salute,

INQUINAMENTO E SALUTE

Tanta confusione, come è già accaduto negli Stati Uniti.

Basta guardare quanto si deposita su di una auto non lavata ! Tutto questo arriva nei nostri polmoni.

I CASI DI CANCRO AUMENTANO EPPURE DIMINUISCONO I FUNATORI .. !!! CIO’ VUOL DIRE CHE L’INQUINAMENTO E I VELENI CHE EMETTONO LE AUTO, VEDI ANCHE SCANDALO VOLKSWAGHEN … del quale nessuno più parla .., SIANO  UNA REALTA’ INNEGABILE !

I titoli dei giornali sono diversi secondo l’orientamento politico !

SI PENSA ALLA PROPRIA IDEOLOGIA POLITICA , INVECE DI AVERE COME OBBIETTIVO IL BENE DEI CITTADINI.

E’ evidente a tutti che un tasso di inquinamento alto, a causa del traffico (lo abbiamo visto e sentito, con il naso, tutti nei giorni precedenti il Natale caratterizzati da un’enorme traffico cittadino), DANNEGGIA LA NOSTRA SALUTE E ANCORA DI PIU’ QUELLA DEI BAMBINI.

LE POLVERI SOTTILI PASSANO DIRETTAMENTE NEL SANGUE, con tutti i loro veleni !

Quanto sopra è sostenuto dai più autorevoli medici specialisti.

L’EUROPA NON FAREBBE LEGGI ANTI SMOG SE NON CI FOSSERO DELLE SERIE MOTIVAZIONI.

Basta mettere un tessuto bianco fuori da una finestra vicino al traffico ed ecco che intuiamo cosa entra nei nostri polmoni.

Eppure c’e’ ancora chi fa dell’inquinamento un problema politico !

Gli alberi aiutano ad eliminare lo smog, lo sostengono tutti gli scienziati indipendenti di tutto il mondo; l’ Amazzonia è universalmente conosciuta come IL POLMONE DLE MONDO !

Certo non sono pochi alberi, un bosco in più o meno, che possano migliorare l’impressionante inquinamento delle grandi città ! Questo lo capisce anche un bambino, soprattutto in inverno quando non ci sono le foglie che trasformano l’anidride carbonica in ossigeno ed assorbono moltissimi veleni!!!

Vedi informazioni sugli effetti del traffico sulla salute, anche dei bambini, al  link :

http://www.donnecultura.eu/?p=27511

 ——

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

SALUTE – Occhi e malattie da ufficio …

Esiste una forte correlazione tra i disturbi oculari e i problemi dell’aria all’interno dell’edificio … cambiare regolarmente i filtri dell’aria condizionata …

Per chi lavora ai videoterminali è opportuno favorire l’illuminazione naturale stando attenti a evitare i riflessi delle finestre sui monitor …

La luce artificiale o al neon stressa gli occhi e provoca maggiore affaticamento visivo

S.O.S. lavoro:

la disfunzione lacrimale in un “ambiente professionale malato”

 L’ambiente lavorativo può risultare dannoso per il benessere oculare.

  Descritta nel 1983 dall’OMS, la “Sindrome dell’edificio malato” o “Sick Building Syndrome” (SBS), indica un vasto numero di sintomi irritativi della pelle e delle mucose, fatica, cefalea, difetti di concentrazione e disturbi oculari in una elevata percentuale di persone che occupano un immobile.

Sebbene i sintomi siano di modesta entità, i casi di SBS che si verificano in ambienti lavorativi possono avere un costo più elevato di alcune malattie gravi e a prognosi peggiore, a causa del significativo calo della produttività.

Esiste una forte correlazione tra i disturbi oculari e i problemi dell’aria all’interno dell’edificio;  un sistema di ventilazione non adeguato e la mancata sostituzione e pulizia dei filtri dell’aria condizionatafavoriscono l’accumulo di sostanze inquinanti, sia esterne (smog, prodotti di combustione), sia interne (residui di moquette o lana, legno, carta da parati, pesticidi, fotocopiatrici, stampanti e prodotti per l’igiene, inquinanti biologici come virus o batteri, muffe), che sommati a umidità, temperatura e illuminazione inadeguati, sono responsabili dei sintomi descritti. Alcuni studi condotti su uffici e altri edifici a uso pubblico in diversi paesi hanno rivelato una frequenza di disturbi tra gli occupanti compresa tra il 15 e il 50%.

Nella SBS l’eziologia è ancora sconosciuta, probabilmente multifattoriale e variabile da caso a caso:

  • la percentuale di umidità è importante; deve essere tra il 35% e il 45% per evitare disturbi. I luoghi al chiuso, dove passiamo gran parte della nostra vita, hanno generalmente un basso tasso di umidità. L’uso diffuso di apparecchi di raffrescamento o di riscaldamento ad aria induce una riduzione dell’umidità dell’ambiente e favorisce l’aumento dell’evaporazione del film lacrimale. In questi casi, persone affette da occhio secco subiranno un peggioramento della sintomatologia, e persone “sane” potranno cominciare a sperimentare qualche disturbo oculare;
  • l’uso in maniera continuativa di videoterminali è una causa frequente di occhio secco. Questi dispositivi inducono una riduzione del numero di ammiccamenti, cioè chiusura e apertura delle palpebre (passando da ca. 20 al minuto) e 1 favoriscono l’evaporazione del film lacrimale, portando ad una disfunzione lacrimale e ad una conseguente imperfetta protezione della superficie oculare. Inoltre, quando si lavora al computer la fessura interpalpebrale è più ampia rispetto a quando, per esempio, si legge un libro: questo lascia esposta una più ampia zona di superficie oculare;
  • la luce artificiale o al neon stressa gli occhi e provoca maggiore affaticamento visivo rispetto al lavoro eseguito in ambienti illuminati naturalmente. In caso di illuminazione artificiale è consigliabile tenere l’illuminazione alla minore intensità necessaria, lo stesso vale per l’illuminazione dei monitor;
  • infine, il fumo passivo della pausa-sigaretta coi colleghi provoca una diminuzione della densità delle cellule caliciformi deputate alla formazione di mucine (componenti dello strato mucoso del film lacrimale).

Per evitare o ridurre al minimo la disfunzione lacrimale negli ambienti lavorativi, è fondamentale porre particolare attenzione alla qualità dell’aria e all’umidificazione degli ambienti: se l’ambiente è molto secco un umidificatore può essere di grande aiuto. E’ altrettanto consigliabile aerare naturalmente e quotidianamente le stanze. Per chi lavora ai videoterminali è opportuno favorire l’illuminazione naturale stando attenti a evitare i riflessi delle finestre sui monitor, rispettare le pause (15 minuti ogni due ore), ricordarsi di ammiccare e adottare i consigli ergonomici di postura.

In generale, bere liquidi in abbondanza e avere un’alimentazione ricca di grassi Omega 3 e 6 (pesce azzurro, tonno, salmone, sgombro, frutti di mare, noci o integratori alimentari con analogo contenuto), favorisce la produzione di lacrime e ne migliora la qualità.

Per un rapido comfort, può essere utile l’utilizzo regolare di un collirio idratante e lubrificante, per migliorare la sintomatologia e ripristinare l’equilibrio della superficie oculare. Esiste in commercio un collirio che combina l’azione del trealosio (un disaccaride con proprietà protettive, antiossidanti e idratanti) e quella dell’acidoialuronico (un polisaccaride con proprietà di ritenzione dell’acqua): si chiama Thealoz Duo, ed è in grado proteggere, idratare e lubrificare a lungo la superficie oculare, fornendo un prolungato sollievo a chi soffre di disturbi legati all’occhio secco.

Per aiutare tutti i pazienti che soffrono di disturbi oculari, specie nell’ambiente in cui lavorano, Thea Farma, assieme a un board di oculisti, il Gruppo P.I.C.A.S.S.O.*, ha promosso lo smart test, col quale misurare la probabilità di soffrire di disfunzione lacrimale.

* Partners Italiani per la Correzione delle Alterazioni del Sistema della Superficie Oculare:

  • prof. Pasquale Aragona – Professore Ordinario di Oftalmologia, Università di Messina, Dipartimento delle Scienze Biomediche
  • dott.ssa Emilia Cantera – Ospedale Israelitico, Roma
  • prof.ssa Rita Mencucci – Clinica Oculistica di Firenze
  • prof. Maurizio Rolando – Centro Superficie Oculare, IsPre Oftalmica, Genova
  • dott.ssa Pierangela Rubino – Azienda Ospedaliera Universitaria di Parma

 

Salute in casa – Allergie – Mal di testa – Dermatiti – Mal di gola ?

Avete la mania di disinfettare ogni angolo della vostra casa ?

Amate diffondere profumi insieme ai detergenti o, peggio, con spray o liquidi appositi ?

 Credete che questo sia un bene per la salute ?

La casa deve essere pulita, non disinfettata, non è una sala operatoria.

I bambini a contatto con un numero normale di germi sviluppano dei sani anticorpi.

Quasi tutti i prodotti che vi vendono per disinfettare – pulire e profumare la casa (peggio ancora per i vestiti; che tenete a contatto con la pelle !), CONTENGONO sostanze TOSSICHE !

Monossido di carbonio, biossido di azoto, idrocarburi policiclici aromatici, naftalene, composti clorurati … ecco cosa respiriamo a casa nostra, negli uffici e sulle scale del condominio …

La maggioranza degli italiani non è mai stata molto sensibile ai problemi dell’inquinamento, perlomeno e ne è interessata poco, mentre si lascia suggestionare da quello che gli viene detto nelle pubblicità martellanti … che hanno il solo scopo di vendere più prodotti; meglio se più costosi di quelli già in vendita.

Dietro ogni pavimento appena lavato con i prodotti più disinfettanti e profumati, c’è la diffusione di veleni nell’aria …

Anche l’uso di certi detersivi che garantiscono, da oltre mezzo secolo, di lavare più bianco del precedente prodotto …. non fa bene alla nostra pelle.

Ricordate che le case suggeriscono sempre un uso esagerato nei quantitativi, per vendere di più.

Ricordate che basterebbe aggiungere un poco di bicarbonato e il quantitativo del detersivo si può diminuire di molto.

Ricordate anche che le nuove lavatrici a risparmio d’ acqua, semplicemente sciacquano meno bene !!!

Il consiglio è quello di scegliere prodotti che dichiarano di non danneggiare l’ambiente, evitare di disinfettare qualunque cosa, in qualunque caso.

La verdura va lavata NON disinfettata; mettete un cucchiaio di bicarbonato nell’acqua di lavaggio e non porcherie chimiche !!

Il biberon, meglio di vetro, si può bollire, non immergere in velenose sostanze, pure molto care e che arrivano nell’intestino del piccolissimo bambino…

Informiamoci, leggiamo le etichette e pensiamo sempre che la pubblicità NON FA INFORMAZIONE, MA SEMPLICEMENTE USA OGNI MEZZO PER ASSOGGETTARCI ALLA SUA VOLONTA’ FACENDOCI SENTIRE IGNORANTI …

Dalla pubblicità non avremo MAI informazioni, ma solo suggerimenti, a volte anche prepotenti, che ci tolgono soldi dal portafoglio e possono anche fare molto male a noi e alla nostra famiglia; bambini per primi !

 

SALUTE GRAVE PERICOLO FTALATI PVC PER BAMBINI E ADULTI – REPORT lo ha spiegato con molti dettagli

Salute occhi – OCCHIO SECCO E MENOPAUSA – Inquinamento da PM10 e salute anche dei bambini

OCCHIO SECCO E MENOPAUSA

PERICOLO INQUINANTI PER LA NOSTRA SALUTE E QUELLA DEI BAMBINI

La letteratura scientifica mostra una correlazione tra ormoni sessuali e organo della vista; l’effetto degli ormoni sessuali si manifesta a molteplici livelli, che interessano in senso quantitativo e qualitativo la secrezione lacrimale, i processi accomodativi di messa a fuoco delle immagini, la pressione dell’occhio, la formazione della cataratta.

Nella società moderna le modificazioni a carico del film lacrimale e della superficie oculare sono statisticamente in forte aumento, tuttavia i sintomi nella donna possono comparire anche anni prima in seguito alle modifiche ormonali pre o menopausali.

D’altra parte basti pensare che le attuali generazioni femminili hanno in media uno sviluppo ormonale molto anticipato, intorno ai 12- 13 anni, rispetto a solo una decina di anni fa: dal momento che la vita ormonale ha comunque, in termini temporali, un limite, significa che queste ragazze si avvicineranno all’età menopausale verso i 45-48 anni, con conseguenze disidratative che coinvolgono vari distretti, fra cui anche quello oculare.

Il benessere dell’organo della vista è strettamente correlato al tasso ematico degli estrogeni, ma questo dato lo si è solo scoperto solo recentemente, poiché i ginecologi non si occupano di occhi, e gli oculisti non si interessano, in genere, dei problemi ormonali delle loro pazienti.

Già dal periodo pre-menopausale e  dopo la classica  menopausa, ben  il 45% delle donne si lamenta di avere sintomi  come l'”occhio arrossato”, la difficoltà di messa a fuoco, fenomeni di transitorio offuscamento visivo, la sensazione di “occhio secco”, riduzione della tolleranza alle lenti a contatto: si tratta di sintomi talmente comuni e persistenti  da essere stati classificate con il nome di “discomfort syndrome”, che sta ad indicare l’aspetto cronico di un persistente fastidio e disagio oculare.

Il film lacrimale rappresenta una specie di barriera liquida e dinamica, che nutre e protegge la superficie dell’organo della vista dalla polvere, dal vento, dalla disidratazione, dai mille fattori esterni che possono creare problemi.

Le variazioni ormonali legate al periodo menopausale possono facilitare l’insorgenza di cataratta, del glaucoma e delle degenerazioni maculari anche in età precoce, e rendere clinicamente evidenziabili patologie su base immunologia come alcune infiammazioni della tiroide o tiroiditi autoimmuni.

OCCHIO SECCO E INQUINAMENTO
L’inquinamento atmosferico è l’alterazione delle condizioni naturali dell’aria, dovuta alle emissioni dei gas di scarico di autoveicoli, caldaie, centrali elettriche, fabbriche, impianti di incenerimento.

Contaminanti gassosi importanti sono: il monossido di carbonio, il benzopirene e il benzene, sospetti cancerogeni; l’ozono e l’anidride solforosa che hanno effetti a carico del sistema respiratorio come bronchiti, tracheiti, spasmi bronchiali; l’ossido di azoto che causa infiammazione acuta delle mucose respiratorie e dell’occhio e può contribuire all’insorgenza dell’occhio secco.

Tra gli inquinanti particolati il Pm10 (derivante soprattutto dai diesel euro3 che circolano nelle nostre strade), che è un aerosol di piccole particelle solide, è uno degli inquinanti più pericolosi per l’uomo e più diffusi nelle città; uno studio realizzato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità ha stimato che nei grandi centri italiani, quando ci sono concentrazioni superiori ai 20 nanogrammi per m3, muoiono oltre 8 mila persone ogni anno.

Il Pm10 è inoltre responsabile di problemi oculari come occhio secco e congiuntivite.

Secondo uno studio pubblicato sul British Journal, a causa dell’inquinamento, il 42% dei bambini abitanti in città con alto livello di polveri sottili soffre di rossore e prurito oculare, ammiccamento, dolori agli occhi, anomalie della lacrimazione e secrezione oculari (colpevole anche l’uso indiscriminato di piccoli schermi come il telefonino, ma anche computer ecc…).

Milano e Roma sono le città italiane più colpite dallo smog.

I telerilevamenti da satellite mostrano come l’inquinamento nella pianura padana sia il più grave di tutta Europa.

Screening eseguiti nelle città di New York e Chicago hanno riportato una proporzione 4 volte maggiore di pazienti affetti da secchezza oculare rispetto a zone con minor tasso di inquinamento dell’aria.

L’IMPORTANZA DELLE PIANTE IN CASA

Un dato interessante per contrastare l’inquinamento nelle nostre case in città viene dal dipartimento di scienze ambientali dell’Università di Parma, dove hanno testato una settantina di specie di piante da appartamento e stanno preparando un database sulle capacità anti-smog della natura.

Foglie e fusti sarebbero predisposti ad assumere sostanze nell’aria e in alcuni casi a modificarle e disintossicarle.

SALUTE – RENDIAMO L’ARIA PIU’ PULITA – Tutti possono basta impegnarsi per un futuro migliore per figli e nipoti

Oramai lo hanno capito tutti, anche i non ecoclogisti, che l’aria inquinata fa male, anzi malissimo;

-soprattutto a bambini ed anziani.

In moltissimi, negli ultimi anni, hanno smesso di fumare, ma i casi di cancro continuano ad aumentare in modo esponenziale; questa è la più gradiosa prova di quanto l’aria che respiriamo e quello che mangiamo determina molte delle malattie più diffuse.

Inutile ripetere che chi paga di più sono i più deboli:

-bambini

-anziani.

Basterebbe che tutti noi decidessimo, quando dobbiamo cambiare l’auto, di sceglierne una più eoclogica.

All’improvviso nelle strade i livelli di inquinamento si abbasserebbero e tutti godremmo di una migliore slaute !!!

Perché nessuno ci pensa ?

L’uso del metano al posto die carburanti tradizionali poterebbe ad una diminuzioen del 40% di anidride carbonica CO2.

Diminuzine del 94% di NANO PARTICELLE (che entrano direttamente nel sangue,  causando cancro e altre malattie pericolose; sono prodotte soprattuto dai diesel EURO3).

DIMINUZIONE DEL 95% DEL PM (particolato, causa di cancro).

I dati di cui sopra sono stati pubblicati da SNAM.

SALUTE – Inquinamento aumenta casi di demenza lo dice la rivista Lancet – Come difenderci dall’inquinamento ? –

A quanto già scritto più sotto, possiano aggiungere l’utima conferma, data dalla prestigiosa rivista Lancet, sugli effetti riguardo la demenza  per chi abita vicino a strade con traffico intenso (fino a un caso su dieci di Alzheimer potrebbe essere imputabile a questa causa; per chi vive a meno di 50 metri dalle strade più trafficate).

Ma soprattutto, sono i bambini quelli che pagano il prezzo più caro per l’inquianmento atmosferico.

DA LEGGERE, con calma,  SE TENETE ALLA VOSTRA SALUTE E A QUELLA DI FIGLI; NEONATI – BAMBINI O RAGAZZI ED ANCHE NIPOTI 

CONSIGLI DA ESPERTI MEDICI SPECIALISTI – L’inquinamento causa  o peggiora le seguenti condizioni di salute:

-allergie

-bronchite cronica

-tumore polmonare

-mortalità

-sclerosi multipla

-Alzheimer

-demenza senile.06060606

——

Gli inquinanti sono la somma delle particelle sospese nell’aria.

Il micro-particolato è anche inferiore a 0,1 micron; per la maggioranza da combustione dei veicoli.

Il 60% degli ossidi di azoto nelle aree metropolitane è da traffico veicolare.

Il 72% dell’inquinamento nelle città è da traffico veicolare; ovvero: le auto in circolazione inquinano per il 72%.

I più pericolosi sono i motori a diesel e benzina (1/3 – 1/4 dell’inquinamento è dovuto ai motori diesel).

L’ESTATE E’ IL MOMENTO DI MAGGIOR CONCENTRAZIONE DELL’ OZONO, MA ORMAI IN TUTTE LE STAGIONI L’INQUINAMENTO RAGGIUNGE PICCHI PERICOLOSI.

L’ozono, aggiunto all’inquinamento peggiora gravemente la situazione: No2 + O2 = NO + 03. Molto presente nelle autostrade americane in estate, ma anche al centro del Mediterraneo e sulla Pianura Padana.

L’allerta è in questo momento particolarmente alta per le microparticelle.

Nei nostri polmoni entrano ENORMI QUANTITA’ DI PICCOLE PARTICELLE INQUINANTI A OGNI NOSTRO RESPIRO.

I tipi di particolato sono tanti ed hanno una pericolosità diversa; la situazione peggiora, grazie all’aggregazione con altri gas, come il biossido di azoto.

Metalli, endotossine, chinoni, aldeidi sono particolarmente pericolosi.

Metalli di transizione, metalli virus, nitrati … sono tra numerosissimi i componenti del PM10 (micoparticelle).

PIU’ SONO PICCOLE PIU LE PARTICELLE INQUINANTI SONO PERICOLOSE:
-a seconda della grandezza le particelle possono o non possono entrare direttamente nei polmoni e nel sangue; le particelle piccole, solo per sedimentazione, possono raggiungere i bronchi inferiori; le ULTRAFINI 0,1 possono diffondersi dagli alveoli e circolare direttamente nel sangue danneggiando i mitocondri delle nostre cellule. La rivista Lancet ha ben evidenziato anche gli effetti sulla demenza senile e Alzheimer, ma anche di sclerosi multipla. Come pure sono stati confermati pericolosi danni per i più piccoli.

Sostiene Ray Copes, uno degli autori dell’articolo di Lancet: “Gli inquinanti entrano nel flusso sanguigno e provocano infiammazione che sono legati a problemi cardiovascolari e a diabete. Lo studio suggerisce che possono entrare anche nel cervello e causare problemi neurologici“.

Il microparticolato di 10 micron più espandersi; fino a 10 metri dal luogo di produzione.

Ma l’inquinamento da microparticolato; ancora più sottile, 10 micron, può essere portato a centinaia di chilometri; dalla Mongolia è finito Los Angeles.

Nel Pacifico c’è un’isola di inquinanti galleggianti, che causa un problemi a tutto il mondo; per la capacità di trasporto di alcuni inquinanti attraverso l’acqua e l’aria.

Alcuni EFFETTI dell’inquinamento a LUNGO TERMINE:
bronchite cronica
tumore polmonare
mortalità
sclerosi multipla
Alzheimer
demenza senile.

Dopo 10 15 anni di esposizione agli agenti inquinanti si rilevano DANNI CRONICI.

Ogni 10 microgrammi in più di PM10, aumentano dell’ 1 -2% i ricoveri per patologie respiratorie.

RISULTATI SU 10-15 ANNI di esposizione ad elementi inquinanti:

mortalità aumenta per ogni 10ug/m3 di PM10 del 14,2,%; la mortalità aumenta in modo vertiginoso rispetto al tempo di esposizione agli agenti inquinanti del PM10.

Conta molto dove si vive.

Il microparticolato può rallentare la crescita respiratoria dei bambini; due studi scientifici lo dimostrano.

Vivere vicino ad una strada di alto scorrimento è ESTREMAMENTE PIU’ PERICOLOSO CHE VIVERE IN UN LUOGO CIRCONDATO DAL VERDE E SENZA FORTI PUNTE DI TRAFFICO, ma anche vivere a soli due isolati lontani dalla strada molto trafficata, può fare la differenza tra salute e malattia.

Dal 2 al 40% dei soggetti colpiti da cancro al polmone, anche non non fumano, deriva da inquinamento da masse biologiche bruciate per cucinare. Questo effetto colpisce anche bambini e donne e possono danneggiare gravemente anche chi non ha mai fumato; come nei paesi del terzo mondo dove si bruciano prodotti diversi di vari origine in piccole cucine, magari senza finestre).

ARIEGGIARE RIMANE IL MIGLIOR ANTINQUINATE, SEMPRE CHE NON SI VIVA A CONTATTO CON UNA STRADA TRAFFICATA (AI PIANI BASSI VICINO ALLA STRADA) O VICINO AD UN IMPIANTO INQUINANTE.

Gli ultimi studi dimostrano:

-I fattori ambientali giocano moltissimo sulla salute dell’individuo, ma anche alcuni batteri intestinali possono esaltare la risposta infiammatoria: DIPENDE TUTTO DALLA FLORA BATTERICA DEL SOGGETTO.

Il microparticolato (detto anche POLVERI SOTTILI) trasporta anche batteri.

L’inquinamento può provocare anche modificazioni del DNA; ovvero MUTAZIONI ONCOLOGICHE PERMANENTI E TRASMISSIBILI ALLE GENERAZIONI SUCCESSIVE.

In compenso gli esperti del settore precisano anche che trasferendosi in campagna si possono, con il tempo, addirittura eliminare i rischi da inquinamento.

Abbiamo enzimi riparanti; alcuni soggetti hanno forti capacità riparative, altri hanno un deficit nelle capacità riparanti dell’organismo, quindi sono enormemente più esposti alle patologie di cui sopra e vanno maggiormente incontro a danni da stress ossidativo.

MALATTIE CARDIOVASCOLARI:

-l’infiammazione si può diffondere dal polmone alle parti circostanti; inducendo malattie cardio vascolari e aumentando PCR nel fegato; tutto questo favorisce arteriosclerosi, trombosi, fino all’infarto acuto del miocardio.
Lo stress ossidativo accelera anche il processo di arteriosclerosi.

Mamme esposte a elevate concentrazione di PM10, possono generare bambini con scarse difese antiossidanti; ovvero scarsi geni che bloccano i processi ossidativi che sono il primo passo verso la malattia.

Molti studi sono stati fatti a Città del Messico, dove si trova un altissima concentrazione di inquinanti e di traffico, ed è sempre risultato evidente l’effetto dell’inquinamento sulla salute umana.

Cosa si può fare per contrastare le gravissime patologie da inquinamento e quindi lo stesso ossidativi delle nostre cellule ?

Dieta ricca di ossidanti e esercizio fisco lontano da strade ad alto scorrimento.

In queste condizioni si può anche recuperare la funzione respiratoria danneggiata;
dopo 4 – 5 anni il rischio di mortalità si azzera come nella popolazione del luogo senza inquinanti.

———-

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’Ordine dei Giornalisti e all’UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici).

Como pericolo inquinamento ma vale per tutta la Pianura Padana … – INQUINAMENTO – PIU’ PERICOLOSO DELLE SIGARETTE !!!

Il 2017 inizia con i livelli record del Pm10; tre volte oltre i limiti di legge

In 25 giorni a gennaio, nove città lombarde, hanno già superato di ben 15 volte il limite giornaliero di 50 microgrammi per metro cubo (ma ricordiamo che quando il limite è a 49-45 ecc… microgrammi ... si tratta sempre di valori pericolosi per la salute).

Como  ha registrato 213 microgrammi !!!

Il quotidiano La Stampa, scrive che il superamento dei limiti di inquinamento nel 2012 ha causato morte prematura a 84.400 italiani (gli anni successivi non sono ancora contabilizzati .. ).

L’Unione europea, ha in corso due procedure di infrazione contro il nostro Paese, riguardanti i limiti di biossido di azoto (avviata nel 2015) e di Pm10 (in mora da anni). Se si arriverà alla Corte di Giustizia Ue, la condanna porterebbe a una multa che potrebbe arrivare ad un miliardo di euro

INQUINAMENTO DA TRAFFICO – RISCALDAMENTO – INDUSTRIA – SIGARETTE ???

E’ il traffico che fa ammalare, prima di tutto i bambini piccoli e gli anziani, e uccide con il cancro, ha il suo nemico peggiore nei Diesel euro 3, ma sopprimerli sarebbe IMPOPOLARE.

Come IMPOPOLARE sarebbe una decisione a livello regionale, vedi Regione Lombardia, che preferisce demandare ai sindaci che non vogliono farsi malvolere dai cittadini con misure drastiche …

SE TANTI HANNO SMESSO DI FUMARE

PERCHE’ IL CANCRO CONTINUA AD AUMENTARE ???

Lo avevamo scritto e riscritto; vedi i nostri articolo precedenti sull’argomento.

Finalmente, anche un allegato di un popolare quotidiano lo conferma con il titolo: “L’inquinamento uccide, più delle sigarette”.

-l’Organizzazione Mondiale per la Sanità sostiene che l’inquinamento abbia superato la sigaretta come pericolo per la salute.

-600.000 europei sono morti nel 2012 per esposizione ad agenti inquinanti !

-di cui: 482.000 per inquinamento ambientale

117.000 per inquinamento domestico.

-La Direttrice del Dipartimento di Salute Pubblica ed Ambinetale dell’ONU, Maria Neira, sostiene come i rischi dell’inquinamento siano, oggi, di  molto superiori di quanto si stimasse; soprattutto per ictus e ischemie  cardiache.

-Seguono, in ordine di importanza, disturbi ostruttivi cronici ai polmoni (11 %),

infezioni respiratorie acute nei bambini: 3%

morti da tumore: 6%.

—————————

-Un recente studio dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (Iarc), ha definito

sicuramente cancerogeno il cocktail di combustioni da traffico, riscaldamento degli edifici ed emissioni industriali.

A livello mondiale, invece, l’inquinamento più pericoloso risulta essere quello domestico:

-a causa dei combustibili solidi come legna  e carbone;

noi ci permettiamo di ricordare che anche

il nostro gas domestico non  CI DA  affatto UNA MANO… come recitava un cero slogan, almeno dal punto di vista dei veleni prodotti (non a caso la legge impone cappe aspiranti e fori per il ricambio dell’aria!!!).

Anche le allergie aumentano con l’inquinamento: secondo l’Anses, Agenzia di Sicurezza Sanitaria  e Alimentare Francese,

le persone che soffrono oggi di allergie sono  raddoppiate nell’ultimo ventennio !

-30% degli adulti

-7-20% nei bambini

Anche il riscaldamento globale, aumentando il periodo di impollinazione, prolunga i tempi di esposizione agli allergeni.

I media, sino ad oggi, ci hanno spiegato che

-la sigaretta è il male assoluto, senza parlare mai di quanto respiriamo semplicemente vivendo in città inquinate come Milano.

Da tempo gli scienziati hanno calcolato che una giornata a Milano vale, in termini di sostanze dannose all’organismo,

-come il fumo di 80 sigarette….!!

-nel 2012, gli scienziati hanno calcolato che 7 milioni di morti sono legati alle combustioni tossiche e allo smog (che fa aumentare anche le allergie soprattutto nei bambini) !!

SALUTE GRAVE PERICOLO FTALATI PVC PER BAMBINI E ADULTI – REPORT lo ha spiegato con molti dettagli

L’elenco delle sostanze che possono portare al cancro conta ben 116 elementi; ben oltre il fumo e la carne rossa !!! PIU? SOTTO L’ELENCO COMPLETO

 Lo pubblica il Daily Mail dopo una ricerca di 22 esperti provenienti da dieci paesi dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc) dell’Oms.

TUTTI I MARI DEL MONDO SONO ZEPPI DI PLASTICHE CHE SI SGRETOLANO E RILASCIANO SOSTANZE PERICOLOSE ALLA SALUTE. Un’isola grande come l’Europa, vaga al di sopra delle isole Hawaii.

Sui componenti delle plastiche e dei loro gravi pericoli per la nostra salute, avevamo già scritto tempo fa; ora tutto è stato ribadito, con tante informazioni in più, dalla trasmissione REPORT, della famosa giornalista Gabanelli.

Tra l’altro la trasmissione ha messo in evidenza con dovizia di particolari alcuni fatti che dovremmo tutti conoscere:

-TUTTE LE SOSTANZE PLASTICHE RILASCIANO SOSTANZE TOSSICHE

-il pericolo di utilizzare plastiche a contatto con cibi CALDI; bicchieri di plastica, piatti di plastica, posate di plastica 

PELLICOLE DI VARIO GENERE SUPER-ADESIVE (sono le più pericolose), carta per non attaccare il cibo cotto in forno .. la carta che avvolge l’hambuger, il cartone per la pizza calda, TUTTE le pentole antiaderenti (non sono fatte di pietra, è un clamoroso falso), i mestoli di plastica o materiali similari come il silicone  …

-anche le bottiglie dell’acqua minerale (fabbricate con formaldeide, acetaldeide … ), possono enormemente peggiorare (di ben 9 volte) il rilascio di sostanze chimiche pericolose se tenute a temperature sopra i 20 o 30 °; molto cambia anche se l’acqua è in bottiglia da oltre 3 mesi.

-le tende della doccia in PVC, possono contenere sostanze pericolose che si volatilizzano a contatto con l’acqua calda e persistono anche per 28 giorni nell’ambiente: si tratta di 108 sostanze che possono portare danni al fegato all’apparato riproduttivo e respiratorio

-tutti gli imballaggi di plastica possono rilasciare sostanze pericolose, peggio se rimangono al caldo

-gli imballaggi in plastica sono stampati, molto frequentemente, con colori che non dovrebbero mai entrare in contatto con il cibo; addirittura si arriva a mettere un altro strato di plastica come isolamento, ma è attaccato con una colla pericolosa (invisibile)…

——

Breve storia della Formaldeide; presente nelle materie plastiche:

-NEL 1976 SI E’ RICONOSCIUTA LA FORMALDEIDE COME PERICOLOSA

-NEL ’77 CANCEROGENA

-NEL ’95 CORROSIVA

-RISULTATO: L’EUROPA NON HA MAI VIETATO LA FORMALDEIDE.

Le case che producevano pentole aderenti con sostanze pericolose hanno cambiato il nome e la sostanza, che risulta comunque altrettanto pericolosa.

GLI FTALATI

Gli ftalati,ora limitati nei giocattoli in plastica per bambini, sono presenti nelle pellicole per avvolgere gli alimenti.

BIOSFENOLO A

Indurente della plastica; quasi eliminato dai biberon, ma usato ancora nel rivestimento di:

lattine e scatolette, dal tonno al pomodoro.

Alcuni composti del fluoro sono presenti come additivo nel teflon che riveste le padelle.

PERICOLI PER IL FETO

Queste sostanze hanno azioni importanti durante lo sviluppo del feto, nel periodo neonatale e in quello puberale” lo ha detto Paola Palanza, docente all’Università di Parma che fa ricerca sugli interferenti endocrini. In una intervista Panorama. 24.2.14

———————-

Cosa vuol dire Pfas?

Lo Pfas riveste la maggioranze della tenute da trekking, montagna, scarpe, impermeabili da città; è indispensabile per l’impermeabilizzazione.

Significa perfluoroalchiliche; ovvero sostanze chimiche usate nell’industria per rendere impermeabili i tessuti e i rivestimenti.

In Veneto l’Istituto superiore della Sanità ha scoperto elevate concentrazioni di Pfas nelle zone di Montecchio Maggiore, Lonigo, Brendola, Creazzo, Altavilla, Sovizzo e Sarego e nelle acque dei fiumi.

L’agente inquinante è stato riscontrato in grandi quantità nel sangue delle persone; si tratta di persone che hanno bevuto spesso acqua del rubinetto.

il dottor Vincenzo Cordiano esperto di tumori del sangue, rappresentante regionale di “Medici per l’ambiente” e responsabile degli ambulatori di Ematologia Generale ed Oncoematologia dell’ospedale di Valdagno, è stato il primo a lanciare l’allarme Pfas.

Aveva ipotizzato un collegamento tra la presenza di sostanze tossiche nell’acqua ed alcune patologie nella popolazione.

La sua relazione che chiedeva di promuovere una “Indagine epidemiologica sulle malattie ambientali da sostanze chimiche inquinanti persistenti”  risale all’estate 2013. 

PFAS SONO LE SOSTANZE PIU’ PERSISTENTI CHE CONOSCIAMO

I Pfas sono resistenti all’acqua

si trovano anche:

-nella carta del burro

-nella carta di confezione dei dolci

-sacchetti pop corn per microonde

cartoni per pizza … e il contatto CON IL CALDO E’ PIU’ PERICOLOSO !!!!

———

Plastiche tossiche nei cosmetici e in casa : PVC e ftalati

 Gravi rischi presentati dai pavimenti in PVC

—–

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

——-

EFFETTI DEGLI FTALATI:  
-criptorchidismo (testicoli ritenuti), ipospadia (l’apertura dell’uretra è sulla parte inferiore del pene) e oligospermia (basso numero di spermatozoi) e cancro ai testicoli
Interferenze nella differenziazione sessuale in utero
Ipertrofia prostatica
-cicli ovulatori anomali e ovaio policistico (PCOS)
-varie disfunzioni ormonali
-pubertà precoce o ritardata
-cancro al seno e fibromi uterini

MOLTI prodotti per la casa, DETERSIVI PROFUMATI PER PAVIMENTI, SPRAY ANTIPOLVERE PROFUMATI, VARI SPRAY PE RPULIRE CUCINA DOCCIA BAGNO…., ma anche mobili, tappezzerie, materassi e rivestimenti murali, CONTENGONO VELENOSI FTALATI.

COSA EVITARE  (i particolari in fondo all’articolo):

-NESSUN profumo per l’ambiente, NO ammorbidenti, NON candele profumate; le vere fragranze naturali sono vendute a prezzi carissimi e mai nei supermercati e nei negozi facilmente reperibili
-cibi e le bevande nel vetro NON nella plastica ed evitate l’uso della pellicola trasparenti

Avete pavimenti in plastica flessibile, come il vinile o quelli imbottiti (play-mat) per bambini, usati anche negli asili, probabilmente sono fatti con cloruro di polivinile (PVC).

Il PVC contiene ftalati (plastificanti), utilizzate nella plastica per ottenere un PVC più flessibile e resiliente.

MA SONO ANCHE DEI DISTRUTTORI ENDOCRINI ! (sistema endocrino: è deputato all’invio di “messaggi” ai vari organi e tessuti dell’ organismo; ORMONI COMPRESI)

GLI FTALATI, SONO I distruttori endocrini più diffusi finora scoperti.

Alcuni studi svedesi hanno verificato che i livelli di alcuni ftalati risultano più elevati nelle urine di bambini che vivono in case con pavimenti in PVC nella loro camera da letto.

Alti livelli di ftalati nella polvere di casa, risultano legati a condizioni di salute croniche come allergie e asma.

Secondo uno studio scientifico i bambini che vivono in camere da letto con pavimenti in vinile rischiamo di avere il DOPPIO delle probabilità di divenire autistici.

Gli ftalati si trovano anche in: giocattoli, imballaggi per alimenti, tende da doccia in plastica, apparecchi medicali, detergenti per la casa, cosmetici come shampoo, bagno doccia, creme varie, balsami, deodoranti… detergenti per la biancheria… ammorbidenti…

Gli ftalati sono stati TROVATI ANCHE in alimenti per lattanti e alimenti per l’infanzia, livelli di alcuni ftalati erano minori nei bambini di età inferiore a 2 mesi allattati solo con latte materno.
Anche i biberon non andrebbero sterilizzati con prodotti chimici, ma con semplice BOLLITURA !

I bambini prematuri ricevono alte concentrazioni di ftalati presenti nel materiale plastico medicale utilizzato durante la terapia intensiva neonatale: per esempio ogni tubo di plastica cui un neonato è collegato esala ftalati.
La Food and Drug Administration (FDA) Americana sostiene che il DEHP si trova anche:
-Infusori venosi e sacche da infusione
-Tubature impiegate in procedure di bypass cardiopolmonare
-Sacche di sangue e relative tubi da infusione
-Tubature per ventilazione polmonare
-Sacche per nutrizione enterale
-Tubature usate per l’emodialisi

L’EHHI sostiene che i bambini maschi esposti agli ftalati, a causa di varie procedure mediche sono a maggior rischio per la salute e in particolare verso l’ eccessiva infiammazione.
L’infiammazione comporta:
disturbi cronici polmonari come la displasia broncopolmonare -l’enterocolite necrotizzante, una grave patologia intestinale.

CONSIGLI:
–   giocattoli costruiti con materiali naturali
-per la casa usare materiali “ecologici”, non tossici, al posto delle regolari pitture e NON pavimenti in vinile.-
– tende da doccia in tessuto o possibilmenteuna cabina doccia in vetro
-CERCARE cosmetici, saponi e dentifrici naturali; non usare inutili quantitativi di detregenti lucidanti per capelli, creme per il corpo e viso; meglio l’olio d’oliva, di mandorle, ecc… leggete bene gli INGREDIENTI !!!
-scegliere erogatori da doccia e rubinetterie che non contengano particolari in PVC
-NESSUN profumo per l’ambiente, NO ammorbidenti, NON candele profumate; le vere fragranze naturali sono vendute a prezzi carissimi e mai nei supermercati e nei negozi facilmente reperibili
-cibi e le bevande nel vetro NON nella plastica ed evitate l’uso della pellicola trasparenti
-NON AI CIBI PRONTI !!!
-lattate i bambini al seno
-per i biberon, preferite il vetro.
-IN CASA SI PUO’ PULIRE USANDO LA CANDEGGINA, L’AMMONIACA L’ACETO, IL BICARBONATO E NON PRODOTTI COSTOSI E CHIMICI E PERICOLOSI

———————————————-

Elenco delle 116 sostanze potenzialmente”cancerogene”:
1. Fumo del tabacco
2. Lampade e lettini solari
3. Produzione di alluminio
4. Arsenico nell’acqua 5. Produzione di auramina, disinfettante
6. Produzione e riparazione di scarpe e stivali
7. Fare lo spazzacamino
8. Produzione del gas dal carbone
9. Produzione catrame da carbone
10. Produzione di carbone coke
11. Fabbricazione di mobili
12. Estrazione minerale in miniera con esposizione al radon
13. Fumo indiretto
14. Fusione di ferro e acciaio
15. Produzione di isopropanolo
16. Tintura
17. Dipingere
18. Pavimentare e coprire tetti con catrame
19. Industria della gomma
20. Esposizione a vapori con acido sulfurico
21. Respirare aflatoxine, prodotte naturalmente da una specie di funghi, Aspergillus flavus and Aspergillus parasiticus. Da tempo le aflatoxine erano considerate fra le sostanze più cancerogene al mondo.
22. Bevande alcoliche
23. Noci della palma areca, di solito masticate con le foglie di betel
24. Foglie di betel senza tabacco
25. Foglie di bete con tabacco
26. Pezzi di catrame naturale da carbone
27. Catrame naturale
28. Bruciare carbone in casa
29. Scarico di diesel
30. Oli minerali, non trattati o poco trattati
31. Fenacetina (antidolorifico)
32. Piante contenenti acidi aristolochici (usate nella erboristeria medica cinese)
33. Bifenile policlorinato (fuori legge in molti Paesi) usato in impianti elettrici e carta copiatrice senza carbone
34. Pesce salato alla cinese
35. Olio di scito
36. Particelle non bruciate di carbone
37. Tabacco sena fumo (fiuto, masticazione)
38. Segatura
39. Carne lavorata
40. Acetaldeide (etanale; aldeide acetica)
41. 4Aminobifenil
42. Acidi aristolochici e piante che li contengono
43. Amianto
44. Arsenico e composti con arsenico
45. Azatioprina, usata nei trapianti di fegato
46. Benzene
47. Benzidina
48. Benzopirene
49. Berillio
50. Chlornapazina (N, N-Bis(2-chloroethyl)-2-naphthylamine)
51. Etere bis(chloromethyl)
52. Etere hloromethyl methyl
53. 1,3-Butadiene
54. 1,4-Butanediolo dimethanesulfonato (Busulphan, Myleran)
55. Cadmio and composti di cadmio
56. Chlorambucil
57. Methyl-CCNU (1-(2-Chloroethyl)-3-(4-methylcyclohexyl)-1-nitrosourea)
58. Composti a base di cromo
59. Ciclosporina
60. Anticoncezionali, ormonali, forme combinate (quelli che contengono estrogeni e progestogeni)
61. Anticoncezionali, orali, forme di contraccezione in sequenza (un periodo di soli estrogeni seguito da un periodo di estrogeni e progestogeni)
62. Cyclophosphamide
63. Diethylstilboestrol
64. Tinture a base di benzidina
65. Virus di Epstein-Barr
66. Estrogeni, nonsteroidei
67. Estrogeni, steroidi
68. Terapia con estrogeni per menopausa
69. Etanolo negli alcolici
70. Erionite
71. Ossido di ethylene
72. Etoposide solo e in combinazione
73. Formaldeide
74. Arsenide di Gallio
75. Infezione di Elicobactero del pilori
76. Epatite B cronica
77. Epatitis Cronica
78. Rimedi a base di erbe con piante del genere Aristolochia (vedi punto 42)
79. HIV tipo 1
80. Papilloma virus tipo 16, 18, 31, 33, 35, 39, 45, 51, 52, 56, 58, 59, 66
81. Virus limfotropico tipo-I
82. Melphalan
83. Methoxsalen (8-Methoxypsoralen) con raggi ultravioletti A
84. 4,4′-methylene-bis(2-chloroaniline) (MOCA)
85. MOPP e altre chemoterapie
86. Gas nervino (sulphur mustard)
87. 2-Naphthylamine
88. Radiazioni di neutroni
89. Composti di nickel
90. 4-(N-Nitrosomethylamino)-1-(3-pyridyl)-1-butanone (NNK)
91. N-Nitrosonornicotina (NNN)
92. Infezioni con Opisthorchis viverrini
93. Inquinamento dell’aria
94. Particolato pesante nell’inquinamento atmosferico
95. Fosfati
96. Plutonio-239
97. Radio iodine, isotopi a corto ciclo vitale (esposizione da bambini)
98. Radionuclides, α-particle-emitting, internally deposited
99. Radionuclides, β-particle-emitting, internally deposited
100. Radio-224
101. Radio-226
102. Radio-228
103. Radon-222
104. Schistosoma haematobium
105. Cristalli di silicio
106. Raggi solari
107. Polveri con fibre di amianto
108. Tamoxifen
109. 2,3,7,8-tetrachlorodibenzo-para-diossina
110. Thiotepa
112. Treosulfan
113. Ortho-toluidine
114. Clorato di Vinyl
115. Raggi ultravioletti
116. Raggi X e raggi gamma.

———————————-

L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE  dei Giornalisti   ed all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici.
L’autrice, ha presentato una delle sue tesi, presso l’ Università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”; tesi firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

ECOLOGIA : IL NOSTRO FUTURO E’ QUI.

verde sulle pareti verde verde

LEGGI QUI SOTTO PER CAPIRE MEGLIO QUANTO L’ARGOMENTO SIA IMPORTANTE PER LA TUA SALUTE E QUELLA DEI TUOI CARI.

-LA META’ DEL PM10 E’ PRODOTTO DAL TRAFFICO E NON DAGLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO!

-NEL NOSTRO  MONDO GLOBALIZZATO ORMAI L’INQUINAMENTO SI DIFFONDE VELOCEMENTE ATTRAVERSO I VENTI, LA ROTAZIONE DELLA TERRA, I COLORANTI USATI PER GLI ABITI PRODOTTI IN PAESI LONTANI (ANCHE QUELLI DI GRANDI MARCHE) E IL CIBO.

-LA CINA VIETA LA PUBBLICAZIONE DEI DATI RELATIVI ALL’INQUINAMENTO SOTTERRANEO, LEGGI FALDE ACQUIFERE!!

-IL TUTTO MENTRE L’AUSTRALIA FA GRANDI PASSI VERSO LA PRODUZIONE DI ENERGIA PULITA.

Con l’aumento dell’inquinamento crescono le malattie, eppure non mancano i provvedimenti che potrebbero invertire questa tendenza.

-Nel planisfero terrestre realizzato dalla NASA, la Cina Orientale è di un bel colore rosso cupo, il massimo dell’inquinamento mondiale che raggiunge i 60-90 microgrammi, per metro cubo, di polveri dovute prevalentemente al traffico e all’industria.

Nelle città europee le cifre sono “migliori” e raggiungono i 30 microgrammi per metro cubo; ovvero tre volte il livello raccomandato dall’OMS.

-Tutto è ben spiegato nel libro della giornalista Margherita Fronte: “Aria da morire”, editore Dalai.

-Uno studio europeo dimostra che gli abitanti di Roma guadagnerebbero ben 11,6 mesi di vita se la concentrazione di pm 2,5 dimezzasse.

I rischi più gravi li corrono coloro che abitano entro i 150 metri dalle vie a grande scorrimento o nelle strade strette e fiancheggiate da alti palazzi che impediscono il giro dell’aria.  Qui si trova il minuscolo black carbon pm 0,1 che entra direttamente nei polmoni e quindi nel sangue.

-In pochissime città italiane si sta cercando di risolvere il problema limitando il traffico e con l’obbligo di mezzi a metano per il trasporto delle merci e per i bus, ma siamo ancora lontanissimi da una soluzione radicale anche se basterebbe trasformare così anche tutte le auto.

Il 15-30% dei casi di asma, infarti e angina sono da attribuirsi al traffico.

UNA LOBBY TRANSNAZIONALE HA TRA I PROPRI OBBIETTIVI L’INTRODUZIONE DI NORME PIU’ FLESSIBILI PER VALUTARE GLI INADEMPIMENTI RELATIVI ALLA QUALITA’ DELL’ARIA.

——–
SOS OCEANI; vedi ulteriori precisazioni negli articoli a seguire.

-Dopo il disastro del Golfo del Messico, le compagnie petrolifere continuano ad estrarre petrolio dagli oceani e prepararno lucrosi contratti per l’Artico dove i ghiacci stanno ritirandosi!

-L’ecosistema marino, sino ad ora, è stato il maggior compensatore della crescita dei gas serra: ben la metà delle emissioni di CO2 sono state assorbite dalle acque e dalle foreste.

-Dall’industrializzazione ad oggi: 250 anni, il livello di acidificazione degli oceani è aumentato del 30%!

-In assenza di correttivi nel 2060 sarà salito al 120%! Insostenibile per la vita di molti esseri viventi.

-Inoltre le acque subiscono una vera iniezione di metalli pesanti, pesticidi, diossine, pcb, ftalati ecc… che si concentrano nei grandi pesci e nei mammiferi marini!

“EUROPA 2020” : DECARBONIZZAZIONE

Articolo di Pia Bassi
ridotto Centrale a turbogas della Sorgenia a Bertonico

Centrale-a-turbogas-della-Sorgenia-a-Bertonico. Foto di Pia Bassi.

SIAMO NOI DEL VECCHIO CONTINENTE A DOVER CORRERE AI RIPARI PER ABBASSARE LA TEMPERATURA DEL GLOBO TERRESTRE?

-SI INIZIA CHIUDENDO AL TRAFFICO I CENTRI STORICI DELLE CITTA’
-Una strategia non molto costosa è la riforestazione di intere aree deforestate per creare terreni agricoli, città, vie di comunicazione (aeroporti, porti, strade, autostrade, ecc.), in Paesi che si sono affacciati a uno sviluppo selvaggio.
Tuttavia anche noi in Europa dovremmo avere l’obbligo di ripristinare intere aree abbandonate a boschi e foreste, ma basterebbe ripristinare i lunghi filari di alberi lungo i fossati, fiumi e torrenti.

-Il lodigiano e il basso milanese, per non parlare della pianura padana tutta, fino a qualche decennio fa prima dell’avvento delle colture intensive di mais, poteva vantare uno dei più bei paesaggi tipicamente lombardi, filari di pioppi dischiudevano come velari il paesaggio dal quale emergevano paesi e slanciati campanili. Ora gli alberi non vengono più ripiantati dove abbattuti, distese di campi agricoli non danno più riparo a uccelli e altri animali che fino a qualche decennio fa erano parte integrante della bella campagna lombarda.

RIDOTTO GUFO REALE Gufo Reale. Foto di Pia bassi

-GUFO REALE: UN ABITANTE INUSUALE DI BERTONICO. FORSE LA SUA CASA ERA NEI VECCHI PIOPPI ABBATTUTI LUNGO IL CANALE MUZZA. SI E’ TRASFERITO PER L’INVERNO SUL PINO MARITTIMO VICINO AL COMUNE.

-A BERTONICO (nel lodigiano) QUANDO L’ARIA E’ TERSA, LA FRAZIONE MONTICELLI DIVENTA UN BALCONE SULLE PREALPI BERGAMASCHE .

FIUME ADDAFoto di Pia Bassi

L’ADDA A BERTONICO, L’ACQUA NON E’ PROPRIAMENTE LIMPIDA COME UNA QUARANTINA D’ANNI FA. E’ TEMPO CHE L’UOMO RISPETTI I CORSI D’ACQUA NON TRASFORMANDOLI IN DISCARICHE.

-Secondo l’Unione Europea e precisamente il JRC di Ispra, sì, in quanto siamo i responsabili primi per avere fagocitato buona parte delle risorse del  cosiddetto Terzo Mondo e quindi dobbiamo essere coscienti dei danni causati in nome dello “sviluppo” e intraprendere quei provvedimenti atti a porre rimedio all’aumento della temperatura globale che è una delle cause dello scioglimento dei ghiacci polari definiti fino a qualche decennio fa “ETERNI”.

Secondo l’Unione Europea dobbiamo essere noi i primi:

se non vogliamo essere sommersi oltre che dalle acque da milioni di “rifugiati climatici” che hanno perso case e terre coltivabili situate su isole, delta dei fiumi, coste oceaniche. Anche la civilissima Olanda verrebbe sommersa e non ci sarebbero dighe sufficientemente alte per fermare le invadenti onde oceaniche.

Dal primo congresso internazionale che si è tenuto sull’ambiente a Rio de Janeiro, nonostante i vari protocolli firmati da più Paesi sullo sviluppo sostenibile, le cose sono peggiorate anche perché sono molti i Paesi che non hanno  firmato il trattato di Kyoto (l’ultimo è stato il Canada), per non parlare degli USA che non lo hanno mai sottoscritto. Google ha elaborato alcune mappe della Terra.

– Nel caso il livello degli oceani aumentasse di 50 metri, lo scenario si presenta tragico: molte isole ed atolli scomparirebbero, i delta dei grandi fiumi come il Rio delle Amazzoni, il Mississippi, il Nilo verrebbero sommersi dalle acque salate, pianure e foreste scomparirebbero e le terre adiacenti diventerebbero salate e improduttive. Anche l’Adriatico non sarebbe esente dall’innalzamento e la Valle del Po sarebbe sommersa e il mare arriverebbe a Milano

Chi vuole scoprire sul web gli scenari futuri basta entrare in “Flood Maps”, www.flood.firetree.net, troverete mappe che figurano l’innalzamento da 1 metro a 60 m. Se si sciogliessero i due poli, gli oceani aumenterebbero di 12 metri, ma nel calcolo dobbiamo considerare anche i ghiacciai delle alte vette e catene montuose.

Il ghiacciaio più lungo delle Alpi, l’Aletsch, a Riederalp in Svizzera era lungo 28 chilometri fino cinquant’anni fa, ora è 25. Il ghiacciaio è sempre uno spettacolo da non perdere, scende dalla Jungfraujoch 3.454m, la montagna scavata cent’anni fa per portare in vetta con il mitico trenino che parte da Interlaken, milioni di turisti che non vogliono perdere lo spettacolo di una montagna ammantata di bianco in ogni stagione come una sposa.

Di fronte a questi scenari, come non accettare i consigli degli scienziati che studiano questi eventi catastrofici ai quali, nonostante tutto, molte nazioni non credono: effetto serra? CO2, ozono? Argomenti che gli scienziati devono spiegare in modo semplice affinché tutti possano capire l’importanza dei provvedimenti da intraprendere per limitare l’immissione dei prodotti chimici nell’ambiente.

Obiettivi da sviluppare  e raggiungere a tappe , dice il JRC di Ispra:

1° “La strategia Europa 2020 per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva prevede cinque obiettivi principali che definiscono i traguardi che l’UE dovrebbe raggiungere  entro il 2020.

Uno di questi riguarda il clima e  l’energia: gli stati membri si sno impregnati a ridurre le emissioni di gas serra del 20%, a portare al 20% la quota di energie rinnovabili nel mix energetico dell’UE e ad ottenere un incremento del 20% dell’efficienza energetica entro il 2020. Se attualmente vi sono tutti i presupposti perché l’UE riesca a realizzare due di questi obiettivi, sarà indispensabile intensificare gli sforzi per consentire un miglioramento dell’efficienza energetica . La priorità rimane quindi il raggiungimento di tutti gli obiettivi già fissati per il 2020.”
-2° “Contenimento entro i 2° C del riscaldamento globale prodotto dal cambiamento climatico, il Consiglio europeo ha riconfermato nel febbraio 2011 l’obiettivo UE di ridurre le emissioni di gas serra dell’80-90% entro il 2050   rispetto al 1990.  Alcuni Stati membri si sono già mossi in questa direzione o sono in procinto di farlo in particolare fissando obiettivi di riduzione delle emissioni per il 2050.”
-L’Unione Europea ritiene che per raggiungere quanto ci dobbiamo imporre d’ottenere, è necessario rispettare la tabella di marcia per prospettive d’azione fino al 2050, che ci consentirebbe di ridurre le emissioni di gas serra dell’80-95%. Una di queste azioni è stato quello di istituire aree nei centri storici delle città senza traffico automobilismo con motori inquinanti (vedi Milano con l’area C, appena attuata, ma che per ora non da benefici all’inquinamento dell’aria).
– Come correre ai ripari per limitare i danni dei gas serra e inquinanti atmosferici che riscaldano l’atmosfera, danneggiano la salute gli ecosistemi e limitano la produzione agricola? Ricercare e diffondere in modo tempestivo le nuove tecnologie che permettono la produzione di energie a zero o a  basse emissioni di carbonio, la cattura e lo stoccaggio dello stesso (cosa che non avviene nella centrale a turbogas della  Sorgenia di Bertonico,  che brucia metano espandendo i residui della combustione in tutto il Lodigiano, terra dedita all’agricoltura che lentamente ma inesorabilmente viene acidificata dalla CO2 ), costruire reti intelligenti per la distribuzione dell’energia elettrica prodotta da fonti alternative, non proveniente da combustibili fossili, ricerca di tecnologie per produrre motori per veicoli ibridi ed elettrici per tutti i tipi di trasporto – terrestre, aereo, marittimo – e quando questi sono disponibili permetterne la successiva penetrazione ed utilizzo.

La parola chiave per abbattere la CO2 e tutti gli altri inquinanti è introdurre sul mercato una gamma di tecnologie a bassa intensità di carbonio e utilizzare da subito quelle già esistenti ( per esempio il fotovoltaico), che con il tempo diventeranno più economiche e più competitive.

L’articolo sopra riportato è stato scritto da Pia Bassi.

—–

L’AUSTRALIA SI PREPARA AL FUTURO SENZA PETROLIO E NOI?

Una buona notizia l’Australia ci dimostra come sia possibile risolvere i grandi problemi ecologici della nostra epoca.

L’Australia si sta preparano a divenire un pese ad emissioni zero in soli 10 anni.

Lo sostengono gli scienziati dell’Università di Melburne che hanno pubblicato il rapporto Zero Carbon Australia Stationary Energy Plan.

12 centrali solari termodinamiche, da 3.500 Megawatt l’una, potranno procurare il 58% dell’energia necessaria, compresa anche  quella per i trasporti (convertendoli all’elettrico). Si tratta di impianti dove migliaia di specchi riflettono la luce del sole su di una caldaia posta al centro di una torre fondendo una miscela di sali minerali ad oltre 600° C. I sali fusi e accumulati in grandi sebatoi possono far funzionare delle turbine a vapore per molti giorni di seguito anche con tempo nuvoloso.  L’occupazione di spazio è inferiore al terreno occupato dal più grande ranch del Paese.

50 mila Megawatt potranno essere forniti da centrali eoliche poste lungo la costa fornirebbero il 40% dell’energia necessaria a tutto il Paese.

Per i periodi in cui sole e vento fossero insufficienti l’energia necessaria sarà fornita da centrali a biomassa e idroelettriche.

Il costo del piano è di 290 miliardi di euro, reperiti aumentando di 5 centesimi, per 10 anni, il costo del chilowattora; alle famiglie australiane il tutto costerà 330 euro l’anno in più.

Un piano che paesi senza fonti energetiche, come l’Italia, dovrebbero almeno conoscere e studiare!

—–

OLTRE LA META’ DEL Pm10 E’ CAUSATO DAL TRAFFICO, MA SUI GIORNALI NON SE NE PARLA E LA LEGISLAZIONE  INTERVIENE SOLO SULL’ INQUINAMENTO DA CALDAIE, PERCHE’?

La maggior fonte di emissioni di polveri sottili (quelle che entrano direttamente in circolo nel sangue e causano malattie gravi come il cancro) in Lombardia, una delle regioni con l’ aria più inquinata d’Italia,  è il trasporto su strada. Infatti contribuisce al 47% del Pm10 (scarico dei motori, usura dei freni e pneumatici).

Solo il 17-23% di Pm10 è determinata dalla produzione industriale e dalle caldaie di riscaldamento limitate ai mesi invernali, anche quelle a metano (che non ci da nessuna mano; parafrasando una famosa pubblicità).

Il solo riscaldamento con stufe a camini e legna, anch’esso limitato al solo inverno, contribuisce all’11-13% del Pm10 totale.

Il 6-12% è causato dall’agricoltura.

E’ evidente come il problema della nostra salute sia prevalentemente legato allo scarico delle auto che noi, i nostri figli e nipoti respiriamo costantemente tutto l’anno guidando l’auto, camminando per strada, ma anche spalancando le finestre, soprattutto se siamo ai primi piani; l’inquinamento si concentra verso il basso.

E pensare che basterebbe acquistare, almeno tutti quelli che possono, un’auto GPL per risolvere in gran parte questo pericolosissimo problema! Eppure tutti siamo, anche se solo indirettamente, colpiti dalla gravità della diffusione di certe malattie quali i vari tipi di cancro, malattie respiratorie…allergie.

—-

LIBRI.

-A QUALCUNO PIACE CALDO, prof. Stefano Caserini (docente di mitigazione dei cambiamenti climatici, Politecnico di Milano), Edizioni Ambiente, € 20. Per capire come il clima stia cambiando.
-GLOBAL WORMING: alla domanda gli scienziati sono convinti del cambiamento climatico in atto? Il 97% ha risposto positivamente. Altre informazioni scientifiche su: www.italiaclima.org
-“IL DILEMMA DELL’ONNIVORO” di M.Pollan editore Adelphi per sapere tutto sul cibo che mangiamo e come salvare le future generazioni.


TERREMOTI E PRELIEVI DI IDROCARBURI

Da uno studio di Nature Geosciencie firmato dal geofisico P.Gonzalez, Univ. Western Ontario:
-il sisma a Lorca, Spagna, dell’11 maggio 2011, è stato causato dal prelievo di acqua sotterranea a fini agricoli, ciò avrebbe destabilizzato la faglia tettonica.
-Secondo il prof.M.Ortolani, Univ. Federico II  di Napoli, in Italia corriamo un rischio analogo.
-La nuova strategia energetica italiana sembra dia mano libera alle attività di estrazione nel nostro Paese.
-Secondo il prof. Ortolani l’Italia ha centinaia di falde che rischiano di essere destabilizzate dall’estrazione di idrocarburi e conseguente immissione di liquidi per mantenere la produzione.
-I liquidi si insinuano nelle fratture rocciose lubrificandole e rendendo più probabile un sisma distruttivo!

———

IL PROBLEMA DELL’INQUINAMENTO E’ STRETTAMENTE LEGATO ANCHE A QUELLO DELLA SOVRAPPOPOLAZIONE E DELLA POVERTA’.
NESSUNO SI OCCUPA DI INQUINAMENTO SE DEVE PENSARE, TUTTI I GIORNI, A COME SOPRAVVIVERE.
IL PIANETA E’ UNO E NOI OGGI VIVIAMO COME SE FOSSERO 4!!!

I DATI SCIENTIFICI E IL PROBLEMA DELLA SOVRAPOPOLAZIONE MONDIALE ( da Storia minima della popolazione mondiale, di M.L. Bacci, ed. Il Mulino )
1 milione gli abitanti della terra nel Paleolitico
-10 milioni nel Neolitico
-100 milioni nell’Età del Bronzo
750 milioni all’inizio della rivoluzione industriale
-2 miliardi alla fine della Prima Guerra Mondiale
più di 7 miliardi oggi con una credibile prospettiva  di raggiungere i 10 milairdi alla fine del secolo.
GLI INCREMENTI ANNUI :
-0,1 per mille dal Paleolitico al Neolitico
-0,6  per mille nei 17 secoli precedenti l’avvento delle macchine a vapore
6 per mille sino al 150
-18 per mille dal 150 ad oggi !

ALTRI DATI IMPRESSIONANTI SONO QUELLI SULLA CONCENTRAZIONE URBANA CHE HA RAGGIUNTO IL 50,5% NEL 2010

Il nostro cervello funziona bene per interagire con gruppi di 100-150 individui in comunità gerarchiche, ma molto solidali tra loro.
Oggi, al contrario di quanto detto qui sopra, viviamo in sovraffollate comunità claustrofobiche ed alienanti!

Tutto questo e l’introduzione del p.c. e robot causano: minore necessità di manodopera, rilancio della natalità (Cina e Francia) per proteggere l’identità nazionale o religiosa, problemi ecologici, problemi economici e lavorativi, squlibri razziali ed estremismi religiosi, anziani che non lasciano il lavoro non favorendo il ricambio generazionale,  gestione di anziani che sopravvivono a lungo anche con gravi patologie, ma che non sono più autosufficienti in un mondo che non ne rispetta l dignità, problemi economici nazionali per il pagamento di pensioni prolungato, oltre ogni previsione, a causa di una impennata della longevità (anche se ristretta alla popolazione dei benestanti), popolazioni sempre più povere per carestie e cambiamenti climatici…grandi movimenti migratori ecc…
Non dobbiamo dimenticare che, ancora oggi, tendiamo per istinto ad una alimentazione supercalorica, utile solo quando eravamo cacciatori predatori.
La popolazione dell’Africa sta aumentando in modo esponenziale, nel 2050 saremo in 10 milardi! Ci saranno più indiani che cinesi, che stanno limitando le nascite. La Nigeria sarà la nazione più popolosa del mondo. Non è difficile prevedere le masse di migranti, ma i governi non stanno facendo nulla, mentre i protestanti fondamentalisti americani, ricchi e potenti, mandano in Africa missionari che predicano contro l’uso dei sistemi di controllo delle nascite e non sono i soli.

PICCOLA NOTA, IMPORTANTE PER L’AMBIENTE.
Ricordate che: la spina inserita nella TVlcd 15′, anche se spenta, costa 6 watt, 13 watt se è accesa, 6 watt con lo stand by, altra TV di tipo medio: accesa 105 watt, spenta 0 watt, in stand by 15 watt, se dimentichi la spina inserita, la stampante spenta consuma 11 watt, 20 watt se accesa, scollegando il tutto si risparmiano c.a. 1 kWh  al giorno!!!!!!!!!!

MENTRE MILANO E TORINO SONO LE PIU’ INQUINATE CITTA’ EUROPEE…

–  HAMMARBY SJÖSTAD (sobborgo di Stoccolma), Svezia, è la città bio per eccellenza.
-affacciata su di un lago, che fu inquinatissimo, e dove oggi si pescano i salmoni
ha un metabilismo circolare, come una foresta: tutto si ricicla
-la pioggia serve per la toilette, acque nere e umido producono  biogas per i bus e per riscaldare le case, si ricicla anche il calore umano!
-qui l’auto è un reperto archeologico
80% dei residenti non usa l’auto
760 km. di piste ciclabili
-2030 la data per portare Stoccolma a emissioni zero
-nelle abitazioni un sistema pneumatico sotterraneo spara i rifiuti a 70 km l’ora verso gli impianti di riciclo e di conversione energetica!
A HAMMARBY SJÖSTAD convergono gli architetti di tutto il mondo per apprendere come costruire la cità a consumo zero.

A JÖNKÖPING (SVEZIA) IL 24% DEGLI ABITANTI USA LA BICI(IN ITALIA IL 4%) E SI STANNO CREANDO PISTE CICLABILI PROTETTE DA VETRI, SPAZI LIBERI, SONO IN CORSO RISTRUTTURAZIONI PER RENDERE MIGLIORE E PIU’ ABITATO IL CENTRO;  JÖNKÖPING  VUOLE ARRIVARE DIVENIRE LA CITTA’ PIU’ ECOLOGICA D’EUROPA!

—-
QUALCUNO DICE ANCORA CHE L’INQUINAMENTO NON E’ IL VERO PROBLEMA!!!

Per coloro che non hanno visto personalmente come i ghiacciai  si siano ritirati negli ultimi 50 anni, per chi non ha potuto vedere le conseguenze delle piogge tropicali nei paesi bagnati dall’Oceano Indiano, Maldive comprese con nebbia come a Milano! nel gennaio 2011, o le conseguenze dei tornado americani…
leggete qui di seguito:
Le Compagnie Petrolifere stanno scavando dalla Namibia alla Mongolia, immaginate con quali scarsi o nulli controlli, e questi erano i pochi paesi non contaminati dall’inquinamento!

ALLE MALDIVE UN’INTERA ISOLA E’ DEDICATA AI RIFIUTI: che contaminano direttamente il mare…

Marea nera: si cerca e si cercherà il petrolio sempre più lontano e in profondità, con sempre maggiori rischi per l’ambiente.
I CAMION e I SUV DISEL INQUINANO FINO A 200 VOLTE IN PIU’ DI UN’AUTO A BENZINA Euro 4. Carabelli dirigente della Regione Lombardia  sostiene: “Oggi ci sono in circolazione 150 mila diesel pre-Euro che producono polveri 200 VOLTE IN PIU’ DELLE AUTO A BENZINA Euro 4…sulle strade lombarde girano anche 1 milione e 250 mila macchine diesel immatricolate dopo il 1993: anche se meno inquinanti, hanno emissioni di Pm 10 comunque di 45 VOLTE SUPERIORI RISPETTO AI VEICOLI A BENZINA Euro 4″.

SE VOGLIAMO UN FUTURO SERENO PER I NOSTRI FIGLI E NIPOTI DOBBIAMO SAPERE QUANTO STA ACCADENDO, PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI, E FORSE GIA’ E’ TROPPO TARDI…

Un rapporto commissionato dall’ONU 4 anni fa si è concluso con la dimostrazione che “Siamo alle soglie dell’estinzione di massa di numerosissime specie animali e vegetali”.
La FAO ci informa che: “I nostri consumi sono superiori alle risorse”.
Siamo in possesso di tecnologie che, se ben utilizzate, potrebbero aiutarci a risolvere molti di questo problemi, soprattutto se unite ad una particolare attenzione verso il risparmio di acqua e fonti energetiche. Tutto dipenderà da come ci comporteremo nel prossimo futuro.
In molte aree del mondo consumiamo ogni giorno più acqua, più minerali, più energia di quanto il nostro pianeta può offrire senza alterare il suo equilibrio.
Secondo il direttore generale della FAO: “…rischiamo di ipotecare  il futuro delle prossime generazioni…ma esistono le risorse scientifiche per far fronte alla sfida…quasi un quarto del pianeta è coltivato. Abbiamo occupato uno spazio enorme senza risolvere i problemi di base. Al contrario la disponibilità di acqua, suolo e cibo rischia di declinare”.
Tra il 2.000 ed il 2002, 856 milioni di esseri umani hanno sofferto di denutrizione, mentre nel periodo 1995-97 i denutriti erano “solo” 32 milioni. Stiamo parlando di una crescita impressionante anche per chi non ha dimestichezza con i numeri!
Il Comitato glaciologico italiano sostiene: “La riduzione del calderone, del Gran Sasso, non è un problema turistico: mette a rischio la portata delle sorgenti ai piedi della montagna. Sull’Appennino la diminuzione del permafrost (terreno ghiacciato) “sembra” avere reso più frequenti frane e crolli…!!
Lucy Jones è la scienziata dell’United States Geological Survey che ha l’incarico, dallo stato Americano, di studiare il fenomeno anche in considerazione del fatto che per ogni grado Celsius in più nella temperatura dell’Atlantico le precipitazioni e gli uragani aumentano dal 6 al 18%
LA CALIFORNIA RISCHIA IL DILUVIO: non c’è solo il pericolo big-one (terremoto), pare che qui, ogni 100-150 anni si scateni anche una supertempesta (l’ultima nel 1861). Le inondazioni australiane e quelle californiane, non sono state le uniche dell’inverno del 2010-11, tutti i paesi del sud dell’Asia e il Brasile, ne hanno risentito.

IL TUTTO MENTRE IL GENIO  ITALIANO SI E’ TRASFERITO ALL’ESTERO E NESSUNO FA NIENTE PER FERMARLO !!

DALLE ALGHE 250 KG. DI BIOFLUEL con 1 solo ettaro di vegetazione marina! A

ALICANTE:WILLER BORDON, italiano,ha fondato la ENALG che produce “olio di alghe”e pregiati sottoprodotti come acidi grassi omega. Il prodotto è privo di zolfo e benzene, facilmente raffinabile come carburante per veicoli ed aerei. Inoltre si sottraggono all’atmosfera 2 kg. di CO2, che sono assorbiti dalle alghe, vi restano fissati e non sono destinati alla combustione. Ancora una volta IL GENIO ITALIANO SI E’ TRASFERITO ALL’ESTERO!

Dove nasce la battaglia del CIBO: a Ginevra lo dice il prof. E.Fragnière della Haute Ecole di Ginevra “Quasi la metà dei silos di stoccaggio appartengono alle banche…nessuno ammette, ma le performance di alcuni istituti di credito parlano chiaro“.

Secondo i banchieri il raddoppio delle materie prime alimentari è dovuto solo ai cataclismi naturali. In un anno i prezzi dei cereali sono cresciuti del 57% gli olii e i grassi del 56%, lo zucchero del 77%.

Case fatte con legnami di scarto, boschi in verticale…la proposta è dell’arch. Stefano Boeri per Milano, ma il progetto è stato abbandonato !

“Il fatto di avere una cortina di alberi crea un microclima con2-2,5 gradi in meno d’estate” sostiene Boeri…inascoltato! www.stefanoboeri.it

-Due torri di Bosco Verticale ospiterebbero 900 alberi, alti sono a 9 metri, come una superficie boschiva di 10mila mq., tutta Italia potrebbe imparare, dal progetto di S.Boeri, a costruire in altezza. La diversità e le caratteristiche delle piante scelte produrrebbero ossigeno e umidità, assorbirebbero CO2 e polveri, proteggerebbero dall’irraggiamento e dalla polluzione acustica, migliorando il confort e risparmiando energia.
PALAZZI VERDI dall’Accademia delle scienze di California (Renzo Piano) al palazzo del Tribunale di Manchester alla californiana OFF THE GRID HOUSE, ovvero scollegata dall’energia elettrica.
PALAZZI VERDI: sono 70 quelli illustrati nel libro ATLANTE DI ARCHITETTURA ECOSOSTENIBILE (LOGOS, 39.95 €)

—-

UNA SERIA PROPOSTA PER RISOLVERE IL PROBLEMA DELL’INQUINAMENTO.
LA BLU ECONOMY PATROCINATA ANCHE DAL  PRINCIPE ALBERTO DI MONACO…MA POCHI NE PARLANO.

L’economia “rossa” era basata sul consumo indiscriminato, quella “verde” è di prodotti ecosostenibili, ma costosi quindi per pochi, l’economia “BLU” vuole prodotti di massa per tutti.
“BLU ECONOMY”:
1-fare buisiness 2-prodotti e sevizi realizzati senza sfruttare manodopera in modi disumani 3-niente uso di sostanze tossiche 4-no all’inquinamento di oggi e di domani
Per depurare l’acqua immettiamo sostanze chimiche che vi annientano tutte le forme di vita
Per produrre una batteria impegniamo un’energia di gran lunga superiore a quella che fornirà.
BLU ECONOMY: buisiness globale con consumi sostenibili anche economicamente per tutti gli abitanti del pianeta
La Blu Economy non chiede alle aziende di investire di più per salvare l’ambiente, ma vuole creare maggiori flussi di reddito:
-coltivare funghi sui fondi di caffè
-usare un cellulare che sfrutta il calore del corpo…
-in natura non esistono disoccupati e neppure rifiuti. Tutti svolgono un compito e gli scarti degli uni diventano materia prima per gli altri. IL PRINCIPE DI MONACO ALBERTO SOSTIENE LA “BLU ECONOMY” E LA PROMUOVE NEL SUO STATO.

—-

NON MANGIAMO GAMBERETTI CHE PROVENGONO DA ALLEVAMENTI!!!

Siamo alla bancarotta ecologica, negli ultimi 25 anni abbiamo visto sparire una foresta di mangrovie su tre (le aree vengono anche usate per allevare gamberetti di mare utilizzando quantitativi eccessivi di antibiotici), una barriera corallina su cinque(ma alcuni turisti continuano a raccogliere di nascosto le madrepore e camminano sulla barriera corallina distruggendo migliaia di anni di crescita), due ecosistemi su tre evidenziano segni di declino,il 25% dei mammiferi il 12% degli uccelli ed il 32% degli anfibi sono a rischio di estinzione.
Questo è quanto emerge dal Millennium Ecosystem Assessment, la valutazione dell’ecosistema dell’ultimo millennio che il segretario dell’ONU ha voluto e che dopo quattro anni di lavoro per 1.360 esperti è stata presentata alla FAO.

—-

SMALTIMENTO FOTOVOLTAICO IN GERMANIA

136 mila tonnellate: questo è il quantitativo di impianti fotovoltaici da smaltire in Germania nei prossimi anni. Il vetro e la pellicola che ricoprono le celle si opacizzazano e il rendimento si abbassa. Con la sostituzione dell’inverter, comunque, si può allungare la vita dei pannelli da 10-15 a 30 anni, con una piccola riduzione di rendimento.
La Germania già ha risolto il problema smaltimento pannelli solari. Il loro 90% può essere facilmente riciclato, oppure si inseriscono triturati nell’asfalto: con ottimi risultati di resistenza per l’asfalto!
—-
2 MILIARDI DI ESSERI UMANI…
Nelle zone aride della terra vivono 2 miliardi di esseri umani: 1 miliardo non ha accesso ad un accettabile rifornimento idrico; circa 2 miliardi soffrono di penuria idrica.
—-
TRIPLICATO L’USO DEI  FERTILIZZANTI A BASE DI FOSFORO, ALTAMENTE INQUINANTE!
Dal 1985 abbiamo utilizzato più della metà di tutti i fertilizzanti a base di azoto prodotti nella storia e creati nel 1913. Dal 1960 al 1990 il consumo di fertilizzanti a base di fosforo è praticamente triplicato.

—-

VECCHI COMPUTER il Banco Informatico Tecnologico e Biomedico è una ONLUS che raccoglie computer, fax, stampanti…da aziende li ricondizionano con l’aiuto di volontari e li spediscono nel terzo mondo perché possano essere ancora utilizzati.

—-

VANDANA SHIVA: troppo pochi ne parlano.
VANDANA SHIVA: una donna per il pianeta terra.

VANDANA SHIVA: paladina dell’ambiente con laurea in fisica quantistica, denuncia la schiavitù del petrolio e  l’uso degli OGM. Una filosofia del divieto dello spreco dei beni collettivi: aria, acqua, campi coltivati.

-VANDANA SHIVA ha ricevuto l’equivalente del premio Nobel per la Pace: Right Livelihood  award.

VANDANA SHIVA: sostiene 500 mila contadini indiani contro i fertilizzanti chimici; anche lei predica una allegra sobrietà di vita (che è poi quello che ha predicato il papa Francesco appena salito al soglio pontificio!!) come Serge Latouce per un mondo migliore.
UN’IDEA CONCRETA
L’80% di energia GRATIS per la vostra casa con Eolienne il mini mulino a vento firmato Philippe Stark:costa 500/800 euro www.autocostruzionesolare.it

——-
VECCHI ERRORI DA NON DIMENTICARE!!!
IL NOBEL RUBBIA IN SPAGNA PER IL SOLARE, E L’ITALIA SE LO E’ LASCIATO SFUGGIRE  !!!

-Perché il solare e non l’idrogeno? Secondo il premio Nobel Rubbia esistono solo due fonti di energia che ci permetteranno di abbassare la temperatura del pianeta.
-Il nuovo solare ed il nuovo nucleare
-Il nuovo nucleare deve essere in grado di eliminare il problema dei rifiuti e separare il rapporto tra energia nucleare ed usi militari, a questo proposito Rubbia pensa alla fissione fatta sul torio e non sull’uranio.
-L’idrogeno andrebbe bene, ma produrre idrogeno partendo dal gas naturale e dal carbone non serve a nulla perché rilascia la medesima quantità di anidride carbonica
-L’idrogeno secondo Rubbia deve essere prodotto dall’energia solare per essere” pulito”. In questo modo si produce ossigeno che si mette nell’aria e l’idrogeno recuperato può divenire un gas naturale sintetico da utilizzarsi nelle case.

in Italia è stato studiato quello che si chiama “solare termodinamico”, non quello attualmente più conosciuto, ovvero il fotovoltanico, ma un sistema molto più efficicente. Il premio Nobel Carlo Rubbia avrebbe voluto mettere in piedi con la collaborazione di Enea ed Enel a Priolo, vicino a Siracusa.

Si sarebbe così realizzata un’idea partita da Archimede, quella degli specchi ustori, per produrre calore che successivamente genera energia. Il progetto non richiedeva dal Governo grandi somme, perché finanziato in gran parte dalle banche.
Purtroppo trattandosi di nuova tecnologia nessuno del Ministero delle Attività produttive e dell’Ambiente ha voluto esprimersi alla fine di un anno e mezzo lasciato per la risposta.

La Spagna nel frattempo ha fatto, VELOCEMENTE!!, una legge che afferma che il solare termodinamico è verde e quindi interessante perciò è stato permesso a Rubbia di sviluppare il suo lavoro lontano dall’Italia.
Si tratta di un impianto di rilevanza mondiale che porterà anche posti di lavoro alla nazione che lo sviluppa, in questo caso la Spagna.

—-
EFFETTO SERRA QUALCUNO CI VUOLE IMBROGLIARE…E CI GUADAGNA PURE!

Private Empaire“, 700 pagine, è il libro-denuncia da poco uscito negli Stati Uniti. L’autore è Steve Coll, grande firma che ha già vinto 2 premi Pulizer, e un libro-inchiesta su Bin Laden e uno sulle guerre di Georg Bush.

-“Private Empaire” è frutto di anni di ricerche e 400 interviste, comprese numerose fonti interne della compagnia Exxon (petrolio)
-Più volte le Organizzazioni Internazionali a Scopo Umanitario hanno denunciato la Exxon per legami con despoti, come (in passato) in Indonesia, Venezuela, Guinea Equatoriale, Ciad e la Russia di Putin.
-E’ capitato anche che la stessa politica estera degli Stati Uniti sia stata sabotata dalla stessa Exxon!
Lo stesso Bush disse al primier indiano: “Nessuno riesce a influenzare le scelte della Exxon” !!!
Il dittatore del Ciad fu messo sotto pressione da Bush  e dalla Banca Mondiale perché dedicasse almeno una parte degli introiti del petrolio all’istruzione e alle cure mediche del popolo, invece di acquistare solo armi. In quel caso la Exxon lasciò 700 milioni di dollari al dittatore Déby perché potesse permettersi di ignorare le richieste di Busch e della Banca Mondiale.
-Comunque l’argomento centrale del libro di Coll è la guerra della Exxon contro la scienza e le prove di tale guerra condotta in segreto, utilizzando come schermo dei non precisati “Centri di Studio”, in realtà potenti agenzie di Lobbing con scopi di finanziamenti politici.
-L’organizzazione di questa guerra contro la scienza seria ebbe un carattere militare, con tali regole di sicurezza da poterle paragonare alle “scatole nere” delle intellicence delle super-potenze.
-E quanto detto sopra non è fantasia, ma tutto dimostrato da uno dei più conosciuti giornalisti americani e riportato anche, in Italia, dal Corriere della Sera nelle pagine “R2 L’ambiente” del 4.5.12
Lo Chief executive fu Lee Raymond, un ingegnere chimico, “convinto di avere personalmente le conoscenze sufficienti per giudicare gli scienziati climatologi”

Con mezzi economici quasi illimitati si organizzò una campagna di DISINFORMAZIONE, DEPISTAGGIO, DENIGRAZIONE; cercando di imporre una NUOVA SCIENZA utilizzando una serie di pseudo-esperti ben pagati dalle compagnie petrolifere (giornalisti, scienziati..) che accettarono di assecondare gli interessi delle compagnie petrolifere.

-La prima campagna fu organizzata nel 1997, durante gli accordi di Kioto, che infatti videro gli USA starsene in disparte e non accettare le regole proposte
-La Exxon attraverso l’American Petroleum Instiute ( una sorta di Confindustria dei petrolieri) finanziò una serie di piccole e grandi associazioni neo-liberiste per diffondere il dubbio sulla validità dell’annunciato cambiamento climatico e mettendo in  dubbio la relazione tra inquinamento industriale e riscaldamento da CO2
Coll, nel libro, porta le prove che vennero usate tecniche e tattiche simili a quelle usate per discreditare l’industria del tabacco. Addirittura vennero usate anche le medesime persone della campagna antitabacco.
La Exxon mobilitò e finanziò scienziati scettici privi di adeguate competenze, offrendo campagne di comunicazione e relazioni pubbliche ben pagate.
-Il risultato fu, ed è ancora, brillante, l’opinione pubblica americana è ancora molto divisa e incerta sulla serietà delle motivazioni che accusano l’industria di catastrofismo ecologico, insomma non riescono più a capire chi ha ragione e chi ha torto; che è proprio l’obbiettivo della Exxon
Anche con Obama la Exxon si è rivelata capace di non far passare alcuna norma ecologica per la limitazione del CO2
-Coll osserva come gli USA abbiano una Compagnia Petrolifera di Stato capace di condizionare prepotentemente la politica del Paese medesimo!

-La tragica sorpresa è che ora sappiamo che la Exxon e le compagnie petrolifere in genere, hanno già fatto degli accordi con Putin per trarre beneficio, in produzione di petrolio, dal ritiro dei ghiacci artici.

Negli USA, in alcuni Stati, è passata la regola per la quale nelle scuole si deve parlare imparzialmente delle due teorie sugli effetti dell’industria e del petrolio sul pianeta: sia quello negativo che quello che lo mette in dubbio, il tutto al 50%
-Come se i ghiacci, i ghiacciai non si stessero ritirando o alcune isole non fossero già quasi sommerse per il riscaldamento del pianeta e per l’eccesso di produzione di CO2 !!
-Nessuna azienda, nella storia, ha mai avuto tali disponibilità economiche come la Exxon-Mibil per depistare: politici, giornalisti, imprenditori e cittadini

Greenpeace è riuscita a vedere un documento nel quale si parlava di campagna per il “foraggiamento” di scienziati e centri-studio per mettere in dubbio le basi scientifiche della necessità di riduzione delle emissioni di gas (Corriere della Sera pag. 41 del 4.5.12).

—–
EDIFICI AUTOSUFFICIENTI per la casa “EARTHSHIP”, ecologica www.earthship.org (FORNISCE INFORMAZIONI, SCAMBI DI OPINIONI, AIUTA A PROGETTARE CASE CON TECNICI E AUTODIDATTI)

a TAOS, nel NEW MESSICO (USA), da 40 anni i pionieri dell’abitare ecologico costruiscono case autosufficienti
-Taos è divenuto il quartier generale di Michel Reynolds, il luogo è soprannominato “The Land of Enchantment”, qui Reynolds è “bioarchitetto” per autodefinizione, ed ha anche fondato la Earthship Biotecture, diffusa in tutto il mondo
CARATTERISTICHE PRINCIPALI:
-muri esterni di pneumatici e lattine, seminterrati: le gomme riempite di terra sono accatastate come mattoni e coperte con intonaco di terra cruda, così si crea massa termica che permette di stabilizzare una temperatura interna di 20°, indipendentemente dalla temperatura esterna, non servono né riscaldamento né raffreddamento
-muri con bottiglie di vetro: sono di spessore inferiore a quelli sopra citati; si uniscono i colli tagliati di due bottiglie e si sigillano con scotch largo e rinforzato, il cilindro ottenuto è largo quanto la profondità del muro e viene usato come un mattone lasciando libere le due estremità così si ottiene anche una buona illuminazione interna
-le finestre esposte a sud sono inclinate in modo che il sole, in inverno, le irraggi verticalmente, determinando così un sistema termico passivo; il raffreddamento può anche essere affidato a sistema dei camini in uso anticamente nei paesi arabi (una torre dalla quale risale l’aria calda mantiene fresco l’interno)
-l’acqua piovana è riciclata più volte per la cucina, la  lavanderia, il bagno, l’innaffio della serra esposta a sud che fornisce cibo, ossigeno, umidifica e offre ombra alla casa
-l’elettricità è fornita dal fotovoltaico o dall’eolico e viene anche stoccata in batterie
-l’acqua del WC è trattata e usata come concime
-nel villaggio di Tao esiste una connettività a banda larga via satellite per internet e VoIP per telefonare
– gli abitanti di questo villaggio sono tutti convinti che si devono porre veloci rimedi per salvare il pianeta dall’inquinamento totale
E’ POSSIBILE TRASCORRERE UNA VACANZA A TAOS  PER TESTARE QUESTE CASE.

—-
CINA

8.572 persone sono morte in Cina quest’anno per inquinamento.

Lo sostiene uno studio pubblicato dalla Scuola di Sanità Pubblica dell’Università di Pechino insieme a  Greenpeace. Il forte inquinamento ha causato perdite economiche per c.a. 6,8 miliardi yuan (oltre 700 milioni di euro). L’analisi si è svolta in quattro grandi città: Pechino, Shanghai, Guangzhou (la ex Canton) e Xi’an.
La Cina avvolta dallo smog nasconde un mostruoso fantasma: l’inquinamento del suolo e delle falde acquifere causato da metalli pesanti.
Le autorità di Pechino hanno i dati di questo inquinamento, ma che i cittadini non potranno conoscerli in quanto è stato coperto da “segreto di stato”.
Il ministero dell’Ambiente cinese ha condotto un’ampia ricerca  dal 2006 a oggi.
Ma Jun, direttore  dell’Istituto di affari pubblici e ambientali di Pechino, sostiene che la contaminazione del suolo potrebbe comportare un rischio maggiore rispetto ad altre forme di inquinamento, perché meno visibile.
“L’inquinamento del suolo danneggia pericolosamente la popolazione – dice Ma Jun – poiché colpisce: cibo, coltivazioni e falde acquifere”.
L’inquinamento del suolo è subdolo. Chi mangia cibo contaminato è esposto a gravi rischi per la sua salute, ne sono danneggiati in particolare  fegato e reni, mentre nei bambini possono verificarsi gravi problemi di crescita.

TUMORI MEGLIO SAPERE COME EVITARLI

L’articolo è scritto da un giornalista iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici); inoltre, l’autrice, ha presentato una tesi presso L’università Statale di Milano sul tema “Alimentazione dello sportivo”, la tesi era firmata dall’allora rettore prof. Rodolfo Margaria.

Sicuramente l’invecchiamento della popolazione aumenta il numero dei tumori, ma questo non completa le statistiche che vedono anche tante persone giovani morire di tumore.

Anche persone che non hanno mai fumato una sigaretta e che non sono state a contatto con fumatori, muoiono di cancro al polmone… quali i motivi dunque?

L’ OMS (Organizzazione Mondiale per la Sanità), fa sapere che la causa dei tumori sta anche nelle numerose sostanze chimiche immesse in aria [anche il traffico nelle grandi città avvelena come fumare 90 sigarette al giorno, ma questo pochi lo dicono], acqua e cibo; a queste ragioni dobbiamo almeno il 7-10 % dei casi di tumore.

NANOPARTICELLE : gli esperimenti di laboratorio mostrano fenomeni di modificazioni evidenti nei figli degli animali che hanno ricevuto nanoparticelle, ma lo sviluppo dei protocolli necessiteranno di 10 anni di lavori per certificare la sicurezza di materiali che sono già di uso normale contenuti anche nei filtri solari, negli spazzolini con argento, balsami per i capelli e in molti prodotti di igiene-bellezza, nuovi tessuti tecnologici vedi più sotto altre precisazioni.

VEDI ANCHE ALTRE INFORMAZIONI SUGLI EFFETI DEI PRODOTTI COMUNEMENTE USATI AL NOSTRO ARTICOLO AL LINK: http://www.donnecultura.eu/?p=21730

Molte sostanze tossiche-velenose con le quali veniamo in contatto, spesso si combinano tra loro creando nuovo composti dei quali poco conosciamo.

12 ricerche pubblicate su Carconogenesis, condotte da 174 ricercatori, tra i quali anche le italiane Chiara Mondello e Ivana Scovassi (Istituto di Genetica molecolare del CNR).

Sono stati identificati 50 composti che influenzano uno o più’ meccanismi che causano il cancro.

Tra i principali:

——bisfenolo A (mattone fondamentale nella sintesi di alcune materie plastiche e di alcuni additivi. La sua produzione annua di 2–3 milioni di tonnellate , serve anche per produrre policarbonato…)
-ftalati (Il nostro Ministero della salute dice: gli ftalati vengono aggiunti alle pellicole alimentari, materiali per la pavimentazione, tubi, cavi, vernici, lacche ma anche cosmetici per unghie e capelli. Inoltre, sono utilizzati come lubrificanti, diluenti ma anche come vettori liquidi in pesticidi.n passato, lo ftalato impiegato di gran lunga con maggior frequenza era il DEHP.  Tuttavia, per il rischio di sterilità che rappresentava, l’industria lo ha parzialmente sostituito negli anni scorsi con il DiNP e il DiDP.

Anche i prodotti alimentari potrebbero esserne contaminati a causa della migrazione da polimeri contenenti ftalati, durante il confezionamento dei prodotti o lo stoccaggio.

Non trascuriamo nemmeno la possibilità che queste sostanze possano essere presenti nell’ambiente, assorbite dal suolo o ingerite dagli animali.
Pensiamo ad esempio alle minuscole particelle di plastica che, scambiate per plancton, vengono ingerite da piccoli pesci, vermi e invertebrati, entrando in questo modo nella catena alimentare umana.

Negli indumenti: un recente rapporto presentato da Greenpeace, ha rivelato la presenza di ftalati anche in alcuni capi di abbigliamento per bambini, riconducibili a grandi marche: gli articoli sono risultati prodotti in 12 Paesi. Il campionamento comprendeva marchi popolari come American Apparel, C&A, Disney, GAP, H&M, Primark, e Uniqlo e marchi di abbigliamento sportivo come Adidas, LiNing, Nike e Puma, per arrivare a marchi del lusso come Burberry (LO SCRIVE GREENPEACE AL LINK: http://ambientebio.it/sostanze-tossiche-nei-vestiti-per-bambini-lultimo-rapporto-di-greenpeace/
Gli ftalati sono prodotti chimici che vengono aggiunti alle materie plastiche per migliorarne la flessibilità e la modellabilità.
Sono sostanze tossiche per la riproduzione, soggette a restrizione europea: il loro utilizzo non è consentito a concentrazioni superiori allo 0,1%, né nei giocattoli, né negli articoli destinati all’infanzia; il motivo della restrizione è dovuto al pericolo di esposizione che può derivare dal masticare o succhiare per lunghi periodi di tempo oggetti che contengono ftalati.

La presenza di ftalati nei giocattoli
Si tratta prevalentemente di articoli di origine cinese.
Dal 2008 una media di più di 110 notifiche l’anno riguarda questa categoria di prodotti pericolosi, per la presenza degli ftalati oltre al limite consentito.
Nel 2011 essi hanno rappresentato il 27% delle notifiche totali relative ai giocattoli (488).
Nel primo trimestre del 20121 sono stati notificati nel RAPEX 47 articoli pericolosi per presenza di ftalati, provenienti per la quasi totalità (94%) dalla Cina e diffusi nel mercato europeo.

—molti insetticidi usati in agricoltura

—-fungicidi, idem come sopra

—–erbicidi

—–ritardanti di fiamma bromurati : E’ stata pubblicata sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea la Raccomandazione della Commissione del 3 marzo 2014 sul monitoraggio di tracce di ritardanti di fiamma bromati negli alimenti.
Detti anche BFR, sono miscele di sostanze chimiche artificiali che vengono aggiunte a molti prodotti, anche per uso industriale, per renderli infiammabili; nelle plastiche, negli articoli tessili e nelle apparecchiature elettriche/elettroniche,isolamento termico nell’edilizia, circuiti stampati, termoplastiche (soprattutto nei televisori)

Prodotti trattati con BFR, ancora in uso o sotto forma di rifiuti, lasciano “filtrare” i BFR nell’ambiente e contaminano l’aria, il suolo e l’acqua che poi successivamente penetrano nella catena alimentare, dove si rinvengono soprattutto negli alimenti di origine animale come il pesce, la carne, il latte e i prodotti derivati.

—-triclosano (disinfettante !) un antibatterico presente in molti prodotti per l’igiene personale e domestica. Secondo queste informazioni, le manifestazioni della tossicità del triclosan vanno da ”irritazioni gravi della pelle, al collasso, alle convulsioni, al coma fino a causare il cancro’‘. Esistono in letteratura informazioni che possano fare un po’ di chiarezza?

Il triclosan è un clorofenolo attivo su molti batteri, impiegato da tempo come antisettico e disinfettante. Viene utilizzato in alcuni paesi in concentrazioni fino al 2% per disinfettare le ferite, la cute e le mani. Si tratta di un antimicrobico molto diffuso anche in Italia in una grande varietà di prodotti di uso comune come saponi, deodoranti, detersivi per la casa e nei dentifrici e collutori per la prevenzione e il trattamento della placca e delle gengiviti.

Nei cosmetici ne è consentito l’impiego ad una concentrazione fino allo 0,3%. Il triclosan agisce bloccando un enzima necessario per la crescita dei batteri e sono sufficienti piccole quantità per esercitare una spiccata azione antibatterica.

Riassumendo: il triclosan è il disinfettante più diffuso: saponi, dentifrici, shampoo e cosmetici, carta igienica, detergenti liquidi, prodotti per la pulizia della casa, deodoranti e nei tessuti più complessi, in quest’ultimo caso come parte del processo di lavorazione perché si conservino meglio. Mentre si è parlato molto del pericolo dei parabeni o delle paraffine il triclosan è passato sotto silenzio, nonostante sia noto ai dermatologi perché può causare allergie da contatto.

—–alcol

——nicotina

-NANOPARTICELLE (presenti in quasi tutti i filtri solari, lucidanti per capelli, shampoo, balsami, detersivi, creme e trucchi …)

Inoltre la ricerca sulle nanoparticelle ha già fruttato la possibilità di ricoprire la carta di polimeri naturali biocompatibili, estratti dalle alghe, con lo scopo di ottenere carta impermeabile o magnetica, con importanti effetti anti-contraffazione nel denaro.

Altra applicazione delle nanoparticelle è il trasporto nel sangue di sostanze medicinali, attivabili solo a certe temperature, che possono, ad esempio, raggiungere le cellule cancerogene e rilasciare il medicinale, ma si prestano a molte altre cure localizzate all’interno dell’organismo.

Non meno significativa è la produzione di celle solari di plastica che possono portare il costo dagli attuali 2,50 euro a solo 30 centesimi per cella.

Un’ulteriore prova della serietà del lavoro dell’ iit sta nel fatto che non evitano di parlare anche dei PROBLEMI CHE QUESTE nuove tecnologie, come LE NANOPARTICELLE POTREBBERO CAUSARE ALL’ORGANISMO UMANO. MA precisano, giustamente, che nel caso di un paziente a rischio di morte per cancro, starà al medico a valutare i benefici effetti della cura ed i possibili rischi anche lontani nel tempo.

-Comunque, in attesa di più precisi dati ufficialmente accettabili, all’ iit si è fatto mangiare, alla mosca drosofila, [foto, gentilmente fornita da iit: particolare di occhio di drosofila con evidenti segni di mutazione genetica] delle nanoparticelle di oro mescolate alla polenta.

La drosofila è una mosca con un ciclo vitale particolarmente breve e quindi adatta a comprendere velocemente eventuali problemi genetici. Purtroppo i primi esperimenti hanno dimostrato l’effetto mutageno ( MODIFICAZIONE EVIDENTI NELLA FORMAZIONE DLE CORPO NEI FIGLI ) sulle generazioni successive.

-A fronte del fatto che, oggi, nulla si sa sulla sicurezza del 30% dei nuovi materiali, l’ iit sta creando dei protocolli che necessiteranno di 10 anni di lavori per certificare la sicurezza di materiali che sono già di uso normale contenuti anche nei filtri solari, negli spazzolini con argento, balsami per i capelli e in molti prodotti di igiene-bellezza, nuovi tessuti tecnologici…

Le ricerche condotte all’iit sono di fondamentale importanza per la cura di importanti patologie, abbiamo accennato più sopra al cancro e all’aiuto dei robot nella riabilitazione, ma molti altri sono i campi interessati.

Quanto sopra sulle nanoparticelle è stato ri-preso da un nostro articolo sull’ iit (CENTRO INTERNAZIONALE DI RICERCA) di Genova vedi al link :

http://www.donnecultura.eu/wp-admin/post.php?post=2691&action=edit

G.Seregni