Archivi categoria: RICETTE DIETE CIBI SANI CIOCCOLATO E…

Ricette, cibi sani, il cioccolato e la sua storia, menù disintossicante, ottime ricette per la dieta, ristoranti & bistrò.

FORMAGGI INDUSTRIALI E UN FORMAGGIO DA PASCOLI ALL’APERTO

FORMAGGI INDUSTRIALI E UN FORMAGGIO DA PASCOLI ALL’APERTO – EMMENTALER DOP
EMMENTALER DOP:
-da non confondere con nomi similari, molto più economici, ma di inferiore valore nutritivo.

Molti formaggi sono fatti utilizzando latte in polvere o latte proveniente da allevamenti intensivi; le mucche di questi allevamenti NON hanno mai mangiato l’erba fresca, NON hanno mai provato a pascolare libere nei campi. Il loro nutrimento e la loro razza è frutto di calcolati incroci e misture; perché producano sempre più latte.

Il vero Emmental Dop è preparato solo con latte crudo, proveniente da mucche che pascolano libere nei prati.

La lavorazione segue le antiche tradizioni artigianali e la stagionatura non è mai inferiore ai 120 giorni. Questo particolare ne fa un prodotto che contiene meno acqua e più sostanze nutritive.

Inoltre, è stato da tempo dimostrato come le parti grasse prodotte da animali che pascolano liberamente, siano anche ricche di sostanze che combattono il colesterolo. Al contrario, gli animali provenienti da allevamenti intensivi, sono caratterizzati da un prodotto grasso fatto di puro colesterolo, grasso saturo, senza alcuna percentuale di grassi insaturi che, notoriamente, favoriscono il mantenimento di arterie pulite da pericolosi depositi di grasso.

Tempi di maturazione dell’Emmentaler DOP:
-Classico 4-5 mesi
-Reserve 8 mesi
-Grotta 1 anno
-Forme per palati esigenti, sino a 18 mesi di stagionatura.

Moltissime le semplici e accattivanti ricette e indicazioni per weekend golosi sul sito:

www.formaggisvizzeri.it

SE SAPETE APPREZZARE L’EMMENTALER DOP, APPREZZERETE ANCHE UN WEEKEND NELLA ZONA DELLA SUA PRODUZIONE, ALTRETTANTO VALE PER IL GROUVIERE E TUTTI I PIU’ FAMOSI FORMAGGI SVIZZERI.

Vi aspettano pianure e montagne verdeggianti, con lo sfondo di cime innevate.
Attraverserete zone dove le mucche pascolano libere nei prati e potrete così vedere personalmente da dove proviene il latte che è alla base di questi saporiti formaggi.

Non perdete l’occasione di assaggiare la tipica fonduta e i piatti regionali.

::::::::::::::::::

Gourmet goloso – Finocchiona IGP e scoprire le birre artigianali

Due settimane di eventi per gustare la Finocchiona IGP e scoprire le birre artigianali alla Diana di Siena
Maggio “a tutta birra”: la Finocchiona IGP incontra gli artigiani del luppolo

Siena. La Finocchiona IGP incontra la birra artigianale per un ‘matrimonio’ di gusto che sarà celebrato alla Birreria La Diana di Siena, in via della Stufasecca 1. A maggio, due settimane di eventi, laboratori, degustazioni guidate e assaggi golosi per scoprire l’originale abbinamento tra Finocchiona IGP e birre artigianali selezionate e prodotte dal birrificio senese.

Le degustazioni e gli incontri didattici.

La rassegna golosa si è aperta venerdì 19 maggio alle ore 11 con l’incontro dedicato agli studenti dell’Istituto Professionale per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera di Colle di Val d’Elsa.

Giovedì 25 e venerdì 26 la Finocchiona IGP salirà in cattedra con un doppio appuntamento riservato agli studenti dell’Istituto di istruzione superiore statale “Bettino Ricasoli” di Siena che, per l’occasione, potranno assistere alla “lezione di gusto” guidata da Francesco Seghi, direttore del Consorzio Tutela Finocchiona IGP. L’appuntamento con gli artigiani della birra si rinnoverà anche nei pomeriggi di giovedì 25 e venerdì 26 maggio con l’aperitivo guidato dagli esperti sommelier dell’Unione Degustatori Birre, sempre in abbinamento alla Finocchiona IGP.

Finocchiona IGP, birra, ma non solo.

Gran finale venerdì 26 maggio a tavola con Rossella Giulianelli, chef della sezione Lady Chef dell’Unione Regionale dei Cuochi Toscani, che dalle ore 18.30, si cimenterà ai fornelli de La Diana per preparare una mini cheesecake alla Finocchiona IGP, la ricetta che poche settimane fa ha vinto la prima edizione del contest “La Finocchiona in cerca di ricette”.

“La Finocchiona IGP e la birra artigianale – spiegano Alessandro Iacomoni e Francesco Seghi, rispettivamente presidente e direttore del Consorzio – sono una coppia perfetta. Siamo partiti da questa convinzione per costruire un’iniziativa nella quale crediamo molto e che prende vita, non a caso, con la bella stagione. Un panino con la finocchiona e una bella birra fresca, magari consumati in qualche angolo suggestivo della Toscana, sono il miglior modo per promuovere un prodotto adatto alla convivialità e all’incontro.

Quello delle birre artigianali è un mondo affascinante e tutto da scoprire. Da tradizione il nostro salume si sposa al meglio con il vino e con altri prodotti tipici del nostro territorio, ma siamo certi che la Finocchiona IGP possa e debba percorrere anche strade nuove e meno battute, come quelle sicuramente gustose legate alle birre artigianali”.

Gli abbinamenti tra Finocchiona IGP e le birre. Per tutto il mese, inoltre, all’interno della birreria senese sarà possibile sperimentare degustazioni culinarie e ‘da bere’ che uniranno la Finocchiona IGP al sapore unico delle birre artigianali. Per celebrare il profumo e il sapore dette terre toscane sono state selezionate la rossa Pia, birra ambrata doppio malto con aggiunta di luppoli americani, da accompagnare al gusto tutto toscano del panino con Finocchiona IGP, Pecorino e crema di baccelli e la bionda Beatrice, chiara e morbida dal colore giallo paglierino che ben esalta il gusto del tagliere speciale, dove spicca la Finocchiona IGP, regina dei salumi toscani.

Info utili. Per conoscere il programma completo della rassegna “A tutta Finocchiona” è possibile consultare il sito www.finocchionaigp.it e seguire la pagina Facebook (Consorzio Finocchiona IGP) e il profilo Twitter (FinocchionaIGP).

Cioccolato gourmet ?? E cibi che amiamo – Tanto fumo e poco arrosto

 – L’industria ci fa dimenticare il vero gusto di tutto
PASTA DI CIOCCOLATO: questa è la base di tutti i cioccolati che comprate normalmente.

Anche se vi sembrano sempre più cari e sempre più “raffinati”; in realtà HANNO TUTTI LA STESSA BASE INDUSTRIALE: PASTA DI CIOCCOLATO

QUASI LA META’ E’ GRASSO SCADENTE E MOLTO ECONOMICO !!!

COSA CONTIENE LA PASTA DI CIOCCOLATO: la legge non obbliga, e nessuno lo fa, alla dichiarazione degli ingredienti che compongono questo preparato industriale; SICURAMENTE MOLTO ECONOMICO PER CHI LO VENDE.

Leggete le etichette: la quantità di grassi totali del cioccolato che comprate è intorno al 40 % !!!

STATE PAGANDO CARO UN PRODOTTO CHE E’ QUASI LA META’ GRASSO SCADENTE E MOLTO ECONOMICO !!!

Poi i cioccolati vengono differenziati con un poco di: vaniglia (ma non è anche vanillina; ovvero vaniglia sintetica che può provocare allergie ??), peperoncino, pistacchi, cacao di nota provenienza ecc…

IL PEGGIO SONO I CIOCCOLATI RIPIENI (con il cuore MORBIDO !!): ovvero un gran quantitativo di grasso a basso costo (magari olio di palma) e aromi e/o piccoli quantitativi di lampone, fragola ecc…

Leggete le etichette e vedrete che la maggioranza dei cioccolati in vendita dichiara un quantitativo totale di grassi che si aggira sul 40 /45 % !!!

:::::

Rimane molto seria la qualità del cioccolato di MODICA e pochi altri di alta gamma artigianale; ma il cioccolato di Modica, che non ha burro di cacao e grassi vari, risulta un poco granuloso, ma i veri intenditori apprezzano questo come un pregio.

Calcolate che un sacchetto cacao puro, non di cioccolato, di VERA OTTIMA qualità, oggi costa anche oltre 6 euro per 250 gr.

E noi ci facciamo una bella cioccolata, con un minimo di sforzo e tanta gioia per il gusto, il borsellino e la salute !!!

Poi quando andiamo al bar, quasi sempre, la cioccolata che ci viene servita sa solo di zucchero e surrogato di cacao … ma la maggioranza dei clienti non se ne accorge e paga, anche caro perché magari è aromatizzata con i soliti aromi naturali (di solito in quantità infinitesimale) e SINTETICI (tutto mescolato tanto chi legge le informazioni; quando ci sono ?!).

Per ultimo non dimentichiamo che le materie prime, cacao, caffé ecc.., che sono tanto aumentate sui nostri mercati, sono sempre PAGATI MENO AI POVERI CONTADINI CHE LI PORDUCONO !!

MA NON E’ SOLO IL GUSTO E LA QUALITA’ DEL CIOCCOLATO CHE E’ SEMPRE PIU’ SCADENTE.

L’industria ha interesse a standardizzare il nostro gusto sin da piccoli, su sapori esageratamente dolci o comunque forti, per cui non percepiamo più le sfumature … e il gioco loro è fatto: questa persona mangerà tutta la vita prodotti idustriali anche di scarsa qualità, ma che al gusto lo rassicurano.

Attenti agli yogurt alla frutta;

di un dolce spaventoso e con “futta aggiunta” che è, soprattutto, piccoli o grandi, ma con TANTI AROMI ARTIFICIALI ! La percentuale di frutta aggiunta è ridicola, il resto sono aromi e zucchero … alla faccia della dieta SANA!!!

ATTENTI A TUTTI I SUCCHI DI FRUTTA, THE e bevande varie CHE, in buona fede, SI DANNO ANCHE AI BAMBINI:

sono ricchi di zuccheri e concentrati di frutta; il resto è acqua … TANTA …!!!

Contengono conservanti, che causano acidità di stomaco

I succhi e le bibite varie:

— NON contengono le vitamine della frutta (gli antiossidanti) e  la quantità di fibre che aiutano la nostra salute.

UN LIBRO PER CAPIRE MEGLIO:

  • Bread, Wine, ciocolate. La lenta scomparsa dei cibi che più amiamo, di Simran Sethi, 12 euro c.a.

SI CONCLUDE SEEDS&CHIPS 2017

Assegnati 13 premi alle startup più innovative nella food innovation

L’annuncio per l’edizione 2018: John Kerry tra gli ospiti d’onore

 

Milano, 12 maggio 2017– Si è svolta ieri mattina la Cerimonia conclusiva dell’edizione 2017 di Seeds&Chips-The Global Food Innovation Summit, che ha visto la consegna dei Seeds&Chips 2017 Awards, i premi alle startup più innovative a livello globale nel settore food e ag tech. Al termine della cerimonia, l’ideatore di Seeds&Chips, Marco Gualtieri, ha fatto un bilancio dell’edizione appena conclusa, che ha visto la straordinaria partecipazione dell’ex Presidente USA Barack Obama, e ha annunciato il primo dei grandi ospiti della prossima edizione 2018: l’ex Segretario di Stato degli Stati Uniti John Kerry.

 

L’edizione 2017 di SaC ha visto la partecipazione di oltre 200 speakers internazionali, investitori, policy maker e startup da tutto il mondo, dall’Italia aIsraele, dagli Stati Uniti alla Giordania fino all’Iraq.

“Questa straordinaria edizione di Seeds&Chips, e la partecipazione di Barack Obama, hanno confermato Milano e l’Italia come capitale e punto di riferimento mondiale del food, ma anche come laboratorio per trovare le soluzioni alle grandi sfide globali, dalla produzione alla nutrizione, dall’uso sostenibile delle risorse ai cambiamenti climatici”,ha commentato Marco Gualtieri, fondatore di Seeds&Chips. “Oggi più che mai esistono strumenti e competenze tecnologiche, soprattutto tra le nuove generazioni, per permetterci di affrontare e superare queste sfide. È nostro compito investire e supportare i giovani e l’innovazione, in particolare in un settore chiave come quello del cibo, per garantire un miglioramento della nostra vita e di quella dell’intero pianeta. Il Presidente Obama mi ha personalmente chiesto di collaborare sui temi dei giovani, del cibo e dell’innovazione. Una grande opportunità per Milano e per il nostro Paese e un impegno per la prossima edizione di Seeds&Chips, che vedrà un grande keynote speaker ogni giorno: il primo confermato è l’ex Segretario di Stato John Kerry”.

I Seeds&Chips 2017 Awards

13 i Premi conferiti suddivisi in altrettante categorie. Tra i vincitori, progetti italiani e internazionali che rappresentano il meglio dell’innovazione di oggi nel food.  La cerimonia ha visto la partecipazione dell’ideatore di Seeds&Chips, Marco Gualtieri, e della giornalista Rula Jebreal che ha annunciato i nomi dei vincitori.

12 startup hanno ricevuto il riconoscimento dalla propria azienda “sponsor” che ha contribuito a sostenere e promuoverne il progetto. Al vincitore del Nextfood Award by Image Line il riconoscimento da parte degli ideatori del contest, capofila del network che riconoscerà il premio. I vincitori sono stati selezionati da una giuria composta da membri di Seeds&Chips, dalle aziende, e dal CNR come consulente scientifico.

 

L’elenco dei Premi e dei vincitori:

1.“SEEDS&CHIPS VISIONARY AWARD”

Vincitore: Ingredient Optimizedby Plasma Nutrition (USA), premiati da Alessandro Russo, Presidente Gruppo CAP

Plasma Nutrition sta trasformando le prestazioni di polveri proteiche attraverso uno speciale ingrediente in attesa di brevetto: un processo di ottimizzazione per aumentare la sostenibilità e migliorare la salute.

2.PREMIO “BEST DISRUPTIVE STARTUP”

VINCITORE: Food Pairing and Tailor Made (Belgio) premiati da Marcello Pincelli, Italy General Manager, PepsiCo

Foodpairing è un’azienda di automazione specializzata nel settore delle ricerche di mercato, che identifica le combinazioni di sapori del futuro, attraverso la combinazione di intuizioni scientifiche e dati sui consumi.

  1. PREMIO “FUTURE FOOD AWARD”

VINCITORE: Flatev (Svizzera), premiato da Fabio Ziemssen, Head of Food Innovation and Foodtech, Metro Group

Flatev Artisanal Bakery e Flatev Dough sono sistemi di cottura personalizzati (PBS). Il sistema di cottura chiuso provvede alla preparazione di singoli porzioni di tortillas fresche, rotis, flatbreads, biscotti e molto altro. Il consumatore deve solo aprire un contenitore di pasta monouso riciclabile nella Flatev Artisanal Bakery, selezionare le impostazioni desiderate e godere di una deliziosa e fresca delizia in pochi secondi.

 

4.PREMIO “BEST FOOD EXPERIENCE”

VINCITORE: The Vegetarian Butcher (Italia), premiato da Niccolo Longoni, Innovation Manager di Just Eat

Entro il 2022, il valore del mercato dei prodotti sostitutivi della carne sarà di circa 6 miliardi di dollari. Dopo una ricerca di dieci anni, The Vegetarian Butcher, ispirata dal fondatore Jaap, ha sviluppato e trovato innovativi sostituti di carne con un’ottima consistenza e texture. Obiettivo è che gli amanti della carne sperimentino e apprezzino anche i prodotti sostitutivi, e che gli animali siano rsparmiati. Facendo ciò si punta anche a ridurre l’impronta di anidride carbonica causata dall’allevamento intensivo.

 

  1. PREMIO “EAT HEALTHY – BEST HEALTH AND DIET SOLUTIONS”

VINCITORE: INDI (Israele), premiato da Gabriella Bartoccelli, Responsabile comunicazione e relazioni esterne, CAMST

INDI è la prima formula al mondo di non-soia non a base di latte, sviluppata da una squadra di esperti nutrizionali infantili con oltre 60 anni di esperienza. Prodotto sia in polvere che in forme liquide, INDI è una soluzione completa per i neonati allergici, sensibili e vegani (0-36m). La formula è vegetale al 100% (2 composizioni vegetali), senza ormoni, senza OGM, senza antibiotici, con un gusto ottimo e a prezzo competitivo. INDI è stato approvato dal Ministero della Salute israeliano, approvato dai principali esperti medici nutrizionali per l’alimentazione infantile, in quanto conforme alle rigorose norme internazionali per la nutrizione infantile. La formula è brevettata in 85 paesi in tutto il mondo.

 

6.PREMIOBEST MORNING SOLUTION”

VINCITORE: RISE Products (USA), premiato da Franck Bocquet, direttore generale Délifrance Italia

RISE è una start up green verde che ricicla le rimanenze di orzo dei piccoli birrifici trasformandole in farina per prodotti da forno, producendo una farina sostenibile, organica, altamente proteica, nutriente e poco costosa, con una vasta gamma di utilizzi, dai biscotti alla pasta.

 

  1. 7. PREMIO “INCREDIBLE GROWTH – FASTEST GROWING STARTUP”

VINCITORE: Blue Cart (USA), premiati da Francesco Spadaro e Giovanni Rebay, Partner di KPMG

BlueCart è una piattaforma mobile SaaS di approvvigionamento chiavi in mano che collega gli acquirenti all’ingrosso con la loro rete esclusiva di fornitori nel settore dell’hospitality. Ogni giorno, gli acquirenti all’ingrosso, i ristoranti, gli alberghi, ecc trascorrono ore, mandando ordini a ciascuno dei loro fornitori tramite e-mail o messaggi di testo. BlueCart consente di comunicare questi ordini con un semplice clic sul cellulare. I distributori ricevono quindi tutti gli ordini su un’unica piattaforma senza la necessità di immettere dati manuali. Questa organizzazione digitale del lavoro garantisce trasparenza, efficienza e affidabilità nel processo di approvvigionamento all’ingrosso.

 

  1. PREMIO “FARMING OF TOMORROW – BEST INNOVATION IN FARMING”

VINCITORE: Agrologies (Grecia), premiati da Anders Nilsson, Partner di GROW IT UP

I prodotti e servizi di Agrologies offrono soluzioni per il settore agricolo. Agrologies ha sviluppato una piattaforma di irrigazione automatica che combina un dispositivo basato su Internet of Things, il Cloud e una app per consentire agli agricoltori di pianificare l’irrigazione delle loro colture a seconda delle condizioni meteorologiche. Inoltre, in occasione di Seeds&Chips, growITup in partnership con New Holland Agriculture apre la #CallForGrowth sul Precision Farming: una chiamata per tutte le startup e PMI italiane impegnate nello sviluppo di soluzioni innovative nella catena del valore dell’agro-alimentare. Per aderire alla call, startup e PMI devono avere attività rilevanti in Italia e presentare la loro candidatura entro il 6 giugno sul sito www.growITup.it.

 

  1. PREMIO “SMARTER RETAIL EXPERIENCE”

VINCITORE: Coffee Hat (Italia), premiati da Federica Palermini – Head of Brand&Communication and Digital Innovation, CARREFOUR

Coffee Hat nasce per distribuire le migliori specialità di caffè con caratteristiche innovative. La capsula di Coffee Hat rappresenta la sintesi tra eccellenza degli aromi, genuinità e tracciabilità dei chicchi di caffè.

 

  1. PREMIO “BEST VERTICAL FARMING INNOVATION”

VINCITORE: Robonica (Italia), premiati da Association for Vertical Farming (AVF)

Linfa è la serra domestica intelligente dal bellissimo design realizzata da Robonica, che può incidere fortemente sulle abitudini delle persone. Permette infatti di far crescere ogni tipo di vegetale, come erbe aromatiche, peperoncino o insalata, pronti da mangiare in soli 5 giorni. Linfa è un sistema di coltura idroponica che prevede l’illuminazione a luce LED in sostituzione della luce naturale, dove il micro ambiente ricreato è totalmente controllato.

 

  1. PREMIO “BEST SMART CITY VISION”

VINCITORE: AeroFarms (USA)premiati da Ingegner Marco Moretti, A2A

AeroFarms produce deliziosi ortaggi a foglia e erbe aromatiche senza luce solare, terreno o pesticidi. I raccolti ottengono la quantità perfetta di umidità e sostanze nutritive direttamente sulle loro radici in un ambiente completamente controllato. Grazie ad una tecnologia brevettata, AeroFarms è in grado di portare l’agricoltura verticale al coperto ad un nuovo livello di precisione e produttività con un minimo impatto ambientale e senza rischi.

 

  1. NEXTFOOD AWARD by Image Line”

VINCITORE: Seamore Food, premiati da Roberto Ghioni, Socio e Graphic Designer, 63De-Sign e Paolo Rumi, Direttore Creativo, 63De-Sign

Seamore Food vince un percorso completo di accompagnamento verso il posizionamento e l’industrializzazione del prodotto. Con il loro prodotto – I SEA PASTA, tagliatelle 100% vegetali da alghe -, si è distinta tra tutti i partecipanti a questa 1^ edizione internazionale di NEXTFOOD AWARD sul tema Food Innovation, le innovazioni dal campo al piatto, tenuto in concomitanza di Seeds&Chips e rivolto a tutte le start up che si misurano in questo ambito con almeno un prodotto a proprio marchio. NEXTFOOD AWARD è voluto da 63DE-SIGN, un team di communication designers con esperienza in settori differenti e convergenti. Con Seeds&Chips e la partecipazione del Politecnico di Torino, Dip. di Architettura e Design, e l’Osservatorio Ecopak (OEP). Nextfood Award by Image Line è realizzato con il contributo del main sponsor Image Line, dal 1988 mani sulla tastiera del computer, piedi in campo e occhi rivolti al presente e al futuro dell’agricoltura. In quest’ottica l’azienda sviluppa soluzioni digitali per i professionisti del settore: da innovativi software per la gestione sostenibile delle aziende agricole, a motori di ricerca verticali e portali per la condivisione di conoscenze tecniche.

 

  1. PREMIO “BEST SOLUTION FOR A BETTER WORLD”

VINCITORE: Impact Vision (UK) premiati da Hugo Doyle, Head of International Public Affairs, Intesa Sanpaolo

La missione di Impact Vision è costruire un sistema alimentare globale più trasparente e sicuro, utilizzando la tecnologia iperspettrale. La piattaforma software di ImpactVision fornisce informazioni rapide e non invasive sulla qualità e le caratteristiche dei diversi alimenti, utilizzando il riconoscimento delle immagini e l’apprendimento predittivo. Con Impact Vision, basta una foto di un prodotto alimentare per comprendere i contenuti nutrizionali, i livelli di freschezza e il contenuto in proteine, grassi, zuccheri o umidità. Un’innovativa soluzione per ridurre gli scarti, aumentando qualità e sicurezza.

 

Weekend goloso a Milano – Tutto Food – Anche per veri gourmet – Evento imperdibile – Intervento di OBAMA

TUTTO FOODSeeds&Chips

Fiera Milano RHO e in tutta le città – moltissimi gli eventi

Abbiamo visitato per voi la fiera TUTTO FOOD

Impossibile riferire di tutto; impossibile anche  visitare tutti gli stad; data la vastità della fiera.

Qui di seguito segnaliamo chi ci ha più colpito

Un piccolo esempio di quello che potete trovare

Presenti sia le grandi industrie che acquistano materia prima anche dall’estero, sia i produttori locali, i consorzi che si affidano, alcuni, solo alla produzione locale

è stato come fare una caccia la tesoro … buonissimo !!!!

COMINCIAMO CON UN’OMAGGIO AD AMATICE; città martoriata dal terremoto. Invitando i visitatori a visitare tutti gli stand delle zone terremotate in segno di solidarietà e magari acquistare poi via internet …

Caseificio Amatrice, “Il pecorino per l’amatriciana”;www,caseificiostoricoamatrice.com

::::::::::::

Salame, ma non solo salame, di suino nero di Calabria: fantastico. MADEO Tenuta Corone, una ditta di una donna che fa lavorare tante, bravissime, donne !!! Informazione e spedizioni info@filieramadeo.it www.suinonerodicalabria.it – www.madefood.com – Abbiamo deciso che qui ordineremo anche alcuni regali per il prossimo Natale.

:::::::::::

Fantastico pecorino stagionato da Catania

IL GAETELLO, Maria Angela Catania, anche questa volta una ditta gestita da una donna. www.ilgaetello.com Anche qui faremo un ordine pe ril pecorino stagionato.

::::::::::::

Dal latte della zona sabaudia

Venduta anche presso Coop e Natura si.

:::::::::::::::

La carne irlandese viene solo dai pascoli liberi; mai nelle stalle.

Alimentazione naturale degli animali.

NATURALE, BUONA E SOSTENIBILE: LA CARNE DI MANZO IRLANDESE.

:::::::

Non tralasciate di visitare le provenienze di nicchia come il consorzio alimentare di Cypro

Genuinità e bontà assolute; anche nei dolci e una novità con l’avocado.

Prodotti da avocado; creme-salse, olio, guancamole, salsa con feta,  ecc… www.avoel.com info@avoel.com

Prodotti caseari: Gypas, petros@gyparaki.gr www.gypas.gr e molto altro.

:::::::::::

LATTE TRENTO

Tutto e solo latte trentino, da piccoli produttori.

www.lattetrento.it

:::::::

INGALAT

burrate e mozzarelle

consegne due volte  la settimana anche a Milano Eataly Smeraldo

::::::

PANEMBORIKI

alimentari di origine greca

www.panemboriki.com


DOLCI GRECI BUONISSIMI CON INGREDIENTI ECCELSI: CHRISANTHIDIS

www.chrisanthidis,gr

::::::::::

Fanatstici alcuni yogurt greci e formmaggi feta: provate e cercate.

:::::::::

TUTTO FOOD è anche: Seeds&Chips

Il cibo ai tempi dei millennials

Sempre più connessi, informati e on the go: le scelte dei nativi digitali

 

I millennials al centro di Seeds&Chips, tra startup innovative e conferenze aperte dagli under 18

 – I millennials – i nativi digitali – stanno rivoluzionando il modo in cui si acquista, si ordina, si cucina, si consuma e si condivide il cibo, lanciando nuove tendenze a livello globale. L’affermazione di internet e l’avvento delle nuove tecnologie hanno infatti stravolto le abitudini alimentari dando il via ad una vera food revolution.

Nell’ambito della terza edizione di Seeds&Chipsthe Global Food Innovation Summit (8-11 maggio a Fiera Milano Rho), saranno esaminati questi i nuovi trend di acquisto e consumo, influenzati dalle abitudini della generazione dei millennials, e si potranno toccare con mano i progetti più interessanti di aziende e start up, in questo campo.

“Tra le sfide che l’industria del cibo si trova ad affrontare oggi – commentaMarco Gualtieri, ideatore di Seeds&Chipsc’è quella di dare una risposta concreta alle esigenze di un nuovo pubblico, i Millennials. Sono loro, che con nuove abitudini di consumo e di acquisto e, grazie ai potenti mezzi tecnologici a disposizione, stanno dando vita ad una food revolution globale e tutti noi dobbiamo essere consapevoli e pronti al cambiamento.”

“How millennials are changing the food industry” è iltitolo della conferenza che l’8 maggio aprirà Seeds&Chips e che vedrà la partecipazione di due millennials diventate guru internazionali nel settore foodtech: Danielle Gould, CEO di Food+Tech Connect, la più grande community al mondo dedicata a tecnologia alimentare e innovazione e Deepti Sharma Kapur, CEO e fondatrice di FoodtoEat, servizio online che permette di ordinare cibo dai migliori ristoranti locali, food truck, chioschi e ristoratori, nato per avvicinare i piccoli venditori alle potenzialità della tecnologia.

La generazione Y sarà la vera protagonista di Seeds&Chips e per ogni conferenza sarà presente almeno un relatore che abbia meno di 30 anni.

Ogni sessione, inoltre, sarà aperta da un “teenovator” under 18 che presenterà la propria visione di innovazione in campo alimentare.

Sempre ai giovani è dedicato lo spazio ‘Give me five’, che consentirà agli startupper di incontrare un leader per 5 minuti, al quale potranno illustrare le proprie idee e strategie.

Oggi i millennials rappresentano un pubblico sempre più attento alla qualità, alla salute, alla sostenibilità e alla novità: rispetto alle generazioni precedenti, i nativi digitali spendono di più in cibo – la spesa annua negli USA è di 1,4 trilioni di dollari – ma sono anche più informati su ciò che mangiano.

Una generazione molto esigente e consapevole, che rivolge grande attenzione alla qualità del prodotto e alle proprietà benefiche e nutrizionali degli alimenti, l’80% vuole infatti sapere di più sulla provenienza e la tracciabilità del cibo che consuma. Tra i food trend: l’alto gradimento di alimenti organici, biologici e a Km zero, l’attenzione per la sostenibilità ma anche la richiesta di un’offerta più ampia di prodotti.

4 start up di successo presenti a Seeds&Chips2017

 

Robonica (http://robonica.it/), giovane startup milanese, con il suo progetto Linfa, un elettrodomestico micro-farm connesso, una sorta di serra in miniatura dal design ricercato, che permette di far crescere ogni tipo di vegetale, come erbe aromatiche, peperoncino o insalata, pronti da mangiare in soli 5 giorni.

Linfa è un sistema di coltura idroponica che prevede l’illuminazione a luce LED in sostituzione della luce naturale, dove il micro ambiente ricreato è totalmente controllato. Una app monitora i tempi di crescita fino alla completa maturazione mentre ogni malfunzionamento del sistema è segnalato direttamente sul cellulare insieme alla tipologia di intervento da effettuare. In questo progetto si incontrano tecnologia, design e food innovation, un mix di ingegno tutto italiano che genera un oggetto tecnologicamente avanzato, sostenibile e anche bello.

Foodpairing (https://www.foodpairing.com/en/home), azienda con sede a Bruges e New York, rappresenta un innovativo approccio alla tecnologia alimentare, uno sguardo nuovo sui cibi del futuro. Foodpairing dispone di uno dei più grandi database di ingredienti e sapori provenienti da tutto il mondo che un algoritmo combina grazie all’elaborazione di dati scientifici. La sua mission è creare cibi e bevande uniche, proporre accoppiamenti sorprendenti, nel rispetto di una dieta bilanciata, per promuovere uno stile di vita sano e sostenibile.

Winnow (http://www.winnowsolutions.com/) società londinese specializzata nella realizzazione di tecnologie all’avanguardia per le cucine professionali.

Lo scopo di Winnow è aiutare gli chef a misurare, controllare e ridurre gli sprechi alimentari.

Grazie al suo utilizzo è possibile sapere esattamente cosa si sta gettando via, tramite un tablet touch screen, e il costo del cibo che finisce in spazzatura.

Un software cloud fornisce dati e analisi degli scarti per dare agli chef le informazioni necessarie per migliorare i propri processi, risparmiando e riducendo l’impatto sull’ambiente.

The Sage Project (https://sageproject.com/), team newyorkese di designer, dietologi e tecnologi creativi con una semplice mission: rielaborare i dati relativi agli alimenti rendendoli smart, chiari e personalizzati. The Sage Proget è quindi un archivio dati che aiuta a tracciare e conoscere i prodotti alimentari fornendo dettagli non solo su ingredienti, allergeni, proprietà nutritive, apporto calorico ma anche su origine e distribuzione.

Per dettagli sul programma: www.seedsandchips.com

Seeds&Chips, The Global Food Innovation Summit, è uno degli eventi di riferimento a livello mondiale nel campo della Food Innovation. Una vetrina d’eccezione interamente dedicata alla promozione di soluzioni e talenti, tecnologicamente all’avanguardia, provenienti da tutto il mondo.  Un’area espositiva e un palinsesto di conferenze per presentare, raccontare e discutere sui temi, sui modelli e sulle innovazioni che stanno cambiando il modo in cui il cibo è prodotto, trasformato, distribuito, consumato e raccontato. La III edizione di Seeds&Chips svolgerà dall’8 al 11 maggio 2017 presso Rho Fiera Milano in forte sinergia con TuttoFood, con l’obiettivo comune di portare a Milano il meglio del Food e dell’innovazione mondiale legata al settore. 

Il Summit è stato scelto dal Presidente Barack H. Obama per una tra le prime uscite pubbliche dopo il suo mandato.

Il Presidente è quindi l’ospite d’onore di Seeds&Chips, a cui prenderà parte con un keynote speech, insieme a Sam Kass, lo chef e consulente nutrizionale della Casa Bianca sotto l’Amministrazione Obama.

 

Evento a Milano – TUTTOFOOD 2017 – LA CARNE DI MANZO IRLANDESE

NATURALE, BUONA E SOSTENIBILE: LA CARNE DI MANZO IRLANDESE SI PRESENTA IN ITALIA CON “UNA STORIA DI LIBERTÀ”

Consumatori, sempre più consapevoli e attenti a ciò che mettono nel carrello.

Animali sono lasciati liberi per 10 mesi l’anno e …

Il risultato è una carne unica nel suo genere: tenera, grazie a una vita trascorsa in libertà e senza stress …

A Tuttofood 2017 ogni giorno, inoltre, un membro dello Chefs’ Irish Beef Club sarà impegnato in uno showcooking dedicato alla preparazione della carne di manzo e agnello irlandese.

Da TUTTOFOOD 2017 Bord Bia – Irish Food Board punta a conquistare il palato degli italiani grazie al gusto distintivo, l’origine tracciata, un allevamento naturale e il racconto di un prodotto dalla qualità premium.

Per l’occasione saranno presenti il nuovo CEO di Bord Bia Tara McCarthy e l’Ambasciatore Irlandese in Italia Bobby McDonagh.

Le tendenze degli ultimi anni hanno evidenziato un’evoluzione costante e progressiva dei consumatori, sempre più consapevoli e attenti a ciò che mettono nel carrello.

Un fenomeno che ha coinvolto anche i consumi di carne e di carne rossa in particolare: mai come oggi gli italiani prestano grande attenzione alla qualità, alla provenienza e alla sostenibilità del prodotto.

Tre concetti chiave su cui Bord Bia – Irish Food Board, l’ente governativo per lo sviluppo e la promozione dei prodotti alimentari, delle bevande e dell’orticoltura irlandese, ha scelto di puntare per promuovere la carne di manzo irlandese in Italia, valorizzando un prodotto premium e assicurato dal Bord Bia Quality Assurance Scheme, che controlla e verifica la qualità e la tracciabilità lungo tutta la filiera.

La storia dell’allevamento bovino in Irlanda ha origine oltre 5000 anni fa: un’attività millenaria che ha permesso di perfezionare le tecniche e selezionare le migliori razze.

Questa attività si è adattata al territorio, in un Paese che vanta quasi 5 milioni di ettari di superficie agricola, di cui più dell’80% è dedicato al pascolo.

Qui, gli animali sono lasciati liberi per 10 mesi l’anno e seguono un ritmo di vita naturale, cibandosi per oltre l’80% della dieta di erba fresca e sempre verdeggiante grazie alle frequenti piogge.

Queste caratteristiche permettono di ridurre l’impatto ambientale degli allevamenti e di garantire condizioni naturali di benessere ai capi di bestiame, che sono liberi di vivere nella natura.

Il Bord Bia Quality Assurance Scheme, programma di qualità assicurata promosso da Bord Bia, prevede infatti un rigoroso disciplinare che impone criteri di misurazione della qualità negli allevamenti e nelle aziende agricole irlandesi, con un’attenzione anche in termini di sostenibilità.

Gli allevamenti aderiscono inoltre a numerosi programmi di sostenibilità ambientale a livello nazionale.

Il risultato è una carne unica nel suo genere: tenera, grazie a una vita trascorsa in libertà e senza stress, con un sapore intenso e distintivo, dovuto in particolare all’alimentazione naturale, e un colore rosso borgogna grazie all’alto contenuto di betacarotene. Inoltre presenta ottimi valori nutrizionali, grazie al ridotto contenuto e alla migliore distribuzione dei grassi e al contenuto elevato di Vitamina A ed E e Omega 3.
Come parte dell’attività volta alla valorizzazione del manzo irlandese, Bord Bia sarà presente a TUTTOFOOD, la fiera dedicata alle eccellenze agroalimentari che si svolgerà a Milano dall’8 all’11 maggio, per lanciare la nuova campagna di comunicazione: Una storia di libertà è il racconto di un Paese dagli spazi infiniti, di persone che hanno fatto della loro passione una vita, di rispetto delle tradizioni e della natura, di animali al pascolo e di una carne che rappresenta tutto questo.

La nuova campagna di comunicazione, inizialmente focalizzata sul trade, sarà lanciata martedì 9 maggio alle 16.30 presso lo stand Bord Bia (Pad.2, C11 D20) alla presenza del nuovo CEO di Bord Bia, Tara McCarthy, e dell’Ambasciatore Irlandese in Italia, Bobby McDonagh.

Ogni giorno, inoltre, un membro dello Chefs’ Irish Beef Club sarà impegnato in uno showcooking dedicato alla preparazione della carne di manzo e agnello irlandese per dimostrare la versatilità del prodotto e far provare in prima persona tutto il suo gusto e la sua qualità.

Il palinsesto giornaliero si arricchisce con la presentazione delle due iniziative di punta firmate Bord Bia: Origin Green, il primo programma nazionale al mondo per la sostenibilità nell’agroalimentare, e la Meat Academy, il programma educativo rivolto alla filiera della carne.

Bord Bia, Irish Food Board, è un ente governativo dedicato allo sviluppo dei mercati di esportazione dei prodotti alimentari, bevande e prodotti ortofrutticoli irlandesi. Scopo di Bord Bia è quello di promuovere il successo dell’industria food&beverage e dell’orticoltura irlandese attraverso servizi di informazione mirati, la promozione e lo sviluppo dei mercati. Nel 2016 le esportazioni dell’industria food&beverage irlandese hanno registrato un nuovo record, superando 11.25 miliardi di euro.

Tra i settori in maggiore crescita nel 2016 quello della carne che rappresenta il 32% delle esportazioni (3.66 miliardi di euro). L’Italia è il quarto mercato più importante per l’export di manzo irlandese. Ulteriori informazioni sono disponibili sul www.bordbia.ie.

PROGRAMMIAMO UN WEEKEND A SIENA – Mangiare e camminare – ‘A spasso tra le ricette senesi. Alla scoperta di strade e sapori a zero calorie’,

Mangiare e camminare

Otto piatti della tradizione culinaria senese, abbinati a otto percorsi a piedi che è possibile scaricare e consultare dal portale www.enjoysiena.it

Più sotto trovate spiegate tutte le proprietà salutari delle 8 ricette proposte.

Il nuovo progetto del Comune di Siena abbina 8 ricette della tradizione culinaria senese a 8 percorsi per visitare la città e smaltire le calorie accumulate a tavola
‘A spasso tra le ricette senesi’: alla scoperta di Siena e dei suoi sapori a calorie zero

SIENA.

Otto ricette per ‘assaporare’ Siena a zero calorie abbinate a otto itinerari per vivere la città camminando.

Nasce così ‘A spasso tra le ricette senesi. Alla scoperta di strade e sapori a zero calorie’,

il nuovo progetto promosso dal Comune di Siena, Assessorato al Turismo, in collaborazione con Si NutriWells – spin off dell’Università degli Studi di Siena attivo nel campo della ricerca legata alla nutrizione – che unisce la valorizzazione del patrimonio enogastronomico alla scoperta delle bellezze storico-artistiche della città, proponendo otto ricette della tradizione popolare senese e otto itinerari di trekking urbano per ‘bruciare’ le calorie presenti nel piatto.

Mangiare e camminare: il viaggio a Siena è un’esperienza slow e gustosa. Il progetto dedicato ai sapori unisce ai piaceri della buona tavola una sana attività fisica, che fa bene al corpo e all’anima. Un modo originale di vivere e scoprire la città che nasce proprio a Siena, capitale del turismo sostenibile, che ha dato i natali alla Giornata nazionale del Trekking Urbano e dove da oltre mezzo secolo il centro storico è chiuso al traffico, regalando alla città il primato di prima zona blu d’Europa. ‘A spasso tra le ricette senesi’ propone otto piatti della tradizione culinaria senese: due antipasti, due primi, due secondi e due dolci raccontati attraverso foto e schede dedicate che raccolgono gli ingredienti della ricetta, le origini, la storia del piatto e le modalità di preparazione della pietanza, unite ai consigli di un nutrizionista.

Ricette e percorsi a portata di click. Le otto proposte gustose sono accompagnate da tabelle e infografiche che sintetizzano gli apporti nutritivi, le caratteristiche degli ingredienti, le proprietà chimico fisiche degli alimenti e le calorie apportate da una porzione media della pietanza.

Tutte le schede gastronomiche sono, inoltre, corredate da otto percorsi a piedi scelti per scoprire gli scorci più intimi, ma anche gli angoli più insoliti e suggestivi di Siena, attraverso un vero e proprio trekking urbano ‘calibrato’ per smaltire le calorie accumulate dopo la degustazione del piatto. Un’esperienza di gusto e di viaggio che è possibile fare anche a casa propria, cimentandosi ai fornelli nella preparazione della ricetta.

Vivere l’esperienza di gusto è semplice e veloce, basta scaricare dal portale www.enjoysiena.it la raccolta di ricette della tradizione senese e i percorsi a piedi corredati da mappe disponibili su pc e da mobile. Ogni scheda, infine, si chiude con un divertente consiglio, sempre da parte del nutrizionista, che in vista della preparazione del viaggio a Siena, propone attività alternative, come piccoli lavoretti domestici o pratiche sportive, per smaltire le calorie della ricetta a casa propria.

‘Crostini neri’ l’antipasto è servito

Le otto portate di ‘A spasso tra le ricette senesi’ formano un menù legato alla tradizione culinaria senese.

Si parte dal più classico degli antipasti ‘i crostini con la milza’, chiamati a Siena “Crostini neri”. Un piatto che veniva servito, in estate, per il pranzo della battitura del grano, quando le massaie rifocillavano i lavoratori con allegre tavolate nelle aie. Una ricetta semplice da preparare anche a casa che, come spiegano le nutrizioniste dell’Università senese, conserva le proprietà antiossidanti e antinfiammatorie dei capperi, tra gli ingredienti principali dell’antipasto, per un totale di circa 280 Kcal a porzione. Un pezzo di tradizione che si potrà gustare ‘senza sensi di colpa’ visto che per bruciare le calorie del piatto basterà camminare per circa 1 ora a 6 km/h seguendo il percorso consigliato che tocca tutte le Porte della città. In attesa di programmare il viaggio a Siena è possibile gustarsi comunque l’antipasto e tenersi in forma dedicandosi a un piccolo lavoretto quotidiano, come lavare i pavimenti di casa.

Il cavolo: migliora lo stato infiammatorio e la circolazione sanguigna.

A Siena il cavolo è nero e fa bene a pressione e circolazione. Passando dall’estate all’inverno il viaggio nel gusto di Siena prosegue con la seconda proposta: ‘Le fette di pane con il cavolo nero’, antipasto dal sapore inusuale, molto particolare per chi lo assaggia per la prima volta, ricco di benefici effetti antiossidanti e antiinfiammatori legati appunto alla presenza del cavolo nero. Una verdura che si può consumare anche a crudo insieme a rucola e radicchio per una fresca insalata. Nella ricetta originale non può mancare l’aglio a crudo che, come dimostrano recenti studi, riduce la pressione, migliora lo stato infiammatorio e la circolazione sanguigna.

Per chi non vuole rinunciare a un pezzo della storia culinaria di Siena il prezzo da “pagare” sono 309 kcal che sarà comunque possibile smaltire attraverso una passeggiata per le vie del centro storico della città della durata di 1 ora e mezza a 4 km/h. Partenza dai Giardini de La Lizza fino alla Strada dei Cappuccini, per scoprire uno dei punti panoramici più affascinanti di Siena, particolarmente suggestivo nelle ore del tramonto, da cui è possibile godere di un indimenticabile scorcio di Siena e chiudere in “bellezza” il viaggio iniziato a tavola. In alternativa al percorso senese, la quantità di calorie dell’antipasto si potrà smaltire stirando per due ore.

Alla ricerca della forma perfetta:‘I

Malfatti’. Volete scoprire il segreto della pasta fatta in casa? ‘A spasso tra le ricette senesi’ propone uno dei primi piatti più diffusi nel senese: i ‘Malfatti’, detti anche gnudi, perché assomigliano al ripieno dei tortelli maremmani solo “spogliati” della pasta.

Si tratta di “gnocchi” di spinaci e ricotta

Si tratta di “gnocchi” di spinaci e ricotta che le donne impastavo intorno a un tavolo, intrattenendosi con parenti e vicini di casa, alla ricerca della forma perfetta. Un piatto semplice e buono che grazie alla presenza degli spinaci è ricco di fitonutrienti, vitamina A e garantisce una protezione antiossidante per la regione oculare. Come dimostrano alcuni studi scientifici, inoltre, il consumo di spinaci riduce il rischio di malattie ischemiche e di infarti cerebrali. A dare un buon apporto proteico al piatto, inoltre, contribuisce la ricotta che è un formaggio che contiene globuline.

Se si scegli la ricotta di vaccina invece che quella di pecora è possibile ridurre significativamente anche l’apporto di grassi. Per smaltire le circa 380 Kcal presenti in una porzione di ‘malfatti’ solitamente conditi con salsa di pomodoro basterà seguire un itinerario lungo 5,5 chilometri che permetterà di scoprire gli antichi Terzi della città. Il percorso parte dal Terzo di Camollia, dove sull’arco delle mura si trova la frase “Cor Magis Tibi Sena Pandit”(Siena ti apre il cuore più delle sue porte), passando per il Terzo di San Martino, che raggruppa le strade lungo la Via Francigena, la via che portava i pellegrini a Roma. Il nome non è casuale, visto che San Martino è il protettore di pellegrini e viandanti. Il trekking urbano proseguirà lungo il Terzo di Città dove si dice che sia nata Siena. La leggenda narra, infatti, che nel 700 a.C. i figli di Remo, Aschio e Senio – scapparono da Roma e dallo zio Romolo. Arrivarono nel punto più alto del colle e insieme ad alcuni pastori costruirono un castello intorno al quale sorse la città di Siena.Il tour tocca alcuni dei luoghi più insoliti della città, come l’Orto Botanico, giardino verde a pochi passi dal Duomo di Siena, o come il vicolo degli Orefici, che è una strada senza sfondo ma molto caratteristica, chiamata così per via dell’espansione dell’attività orafa in questa strada. Tappa obbligata del percorso è Piazza del Campo, prima di proseguire verso Banchi di Sopra e Piazza Salimbeni, per ritrovarsi nuovamente su Via Montanini e tornare quindi a Porta Camollia, punto di partenza del percorso. A casa un porzione di ‘Malfatti’ si può bruciare rifacendo i letti per due ore e prepararsi così alla “prova su strada” una volta arrivati a Siena.

la zuppa di fagioli.

La zuppa che racconta i sapori dell’orto. Tra i primi piatti della tradizione senese non poteva mancare la zuppa di fagioli.

Un piatto contadino povero che permetteva di utilizzare le verdure dell’orto e recuperare il pane raffermo. Un ottimo mix di cereali e legumi che insieme creano una buona fonte di proteine.

Alle loro proprietà si aggiunge il potere antiossidante dell’olio extra vergine d’oliva, che completa il piatto.

Per bruciare le circa 500 kcal presenti nella zuppa, viene proposta una camminata di circa un’ora e mezza a circa 5/6 km orari. L’itinerario segue l’andamento della cinta muraria, con partenza da Porta Camollia, passando per tutte le porte di accesso della città: Porta Romana, Porta Ovile, Porta Pispini, Porta Tufi, Porta San Marco e fino a Porta Laterina. Ad arricchire la passeggiata la tappa alla Basilica dei Servi, da dove si gode uno dei panorami più belli della città. Per chi non è ancora arrivato a Siena il consiglio è di gustarsi comunque la zuppa e smaltire le calorie del piatto con una sana attività all’aria aperta, come dedicarsi alla cura del proprio orto.

’Acciughe sotto pesto’

Il pesce azzurro ricco di Omega3 che delizia il palato. Spuntino veloce nei giorni del Palio, ma soprattutto ricetta poco impegnativa da preparare e da gustare in ogni momento della giornata, le ’Acciughe sotto pesto’ non possono mancare nel viaggio tra le ricette senesi. A Siena si trovano ovunque, non solo nei ristoranti e nelle osterie, ma anche nelle botteghe storiche e nei bar. Prepararle è molto semplice, basta aprirle e sistemarle su un vassoio condendo ogni strato di acciughe con un trito a base di aglio, prezzemolo e peperoncino.

Un piatto saporito che fa anche tanto bene, perché come tutto il pesce azzurro, anche le acciughe contengono calcio, ferro, iodio, zinco e Vitamina A.

Le acciughe, inoltre, ai primi posti per contenuto di Omega 3 aiutando a prevenire alcune malattie cardiovascolari, come il diabete.

Altra nota positiva della ricetta è la presenza di aglio, olio e peperoncino che, se assimilati crudi, mantengono integre le proprietà come la Capsaicina che può avere effetti benefici nelle risposte immunitarie, oltre a essere un potente antiossidante e vasodilatatore. Aumenta, inoltre, la termogenesi favorendo la riduzione del tessuto adiposo. Nell’aglio è presente inoltre l’Allina, che agisce sull’organismo riducendo la pressione sanguigna. Un piatto sano con un apporto calorico di 280 chilocalorie che si possono buttare giù camminando per circa un’ora e mezza scoprendo a 4 Km/h il centro storico di Siena. Il percorso tocca due dei luoghi più rappresentativi della città: Piazza del Campo e Piazza Duomo, con visita speciale al complesso San Niccolò, particolarissimo edificio immerso nel verde nato come monastero nel 1300 e poi adibito fino al 1978 a residenza per pazienti psichiatrici. Un luogo dove si praticava l’accoglienza e l’inclusione del paziente che faceva parte di una vera e propria comunità autosufficiente e ricca di servizi e laboratori. Proprio dal complesso San Niccolò si può raggiungere una del luoghi magici di Siena: l’Orto de’ Pecci: un giardino verde ai piedi della Torre del Mangia, da dove si può godere una meravigliosa veduta del Palazzo Pubblico, di Piazza del Campo. Per chi non è ancora arrivato a Siena ma non vuole rinunciare al gusto delle ‘Acciughe sotto pesto’ è possibile smaltire le calorie del piatto dedicandosi a un piccolo lavoretto domestico, come imbiancare le pareti.

Scaloppine alle senese’.

Passione chianina in 200 kcal. Impossibile visitare Siena senza assaggiare una delle sue carni più celebri come la chianina, vera regina delle ‘Scaloppine alle senese’. È qui che il manzo locale, bianco e massiccio, di polpa magra, sacro per gli Etruschi e molto apprezzato anche di Romani, trova la sua massima celebrazione in abbinamento al dragoncello, erba aromatica che secondo la leggenda giunse in Toscana con Carlo Magno nel 774 e fu piantato e coltivato nell’Abbazia di Sant’Antimo.

Il dragoncello è uno degli ingredienti più caratteristici e antichi della cucina senese, da sempre usato per insaporire le pietanze di carne e per aggiungere un tocco di sapore e di “senesità” anche alle ricette più semplici, come le insalate e le uova.

Le proprietà di questa erba aromatica sono conosciute sin dall’antichità, tanto che i Greci la masticavano per curare il mal di denti. Alcune ricerche mettono in evidenza le capacità anti-dolorifiche e antiinfiammatorie dell’estratto di dragoncello.

Uno studio del 2014 riporta che l’estratto di dragoncello ha una funzione antidolorifica, agendo sui recettori del dolore del sistema nervoso centrale e periferico. Il sapore intenso e forte del dragoncello inoltre lo rende un ottimo sostituto del sale, utilizzabile quindi per chi deve seguire una dieta iposodica. Per smaltire le 200 chilocalorie delle scaloppine basterà percorrere a piedi l’itinerario che parte da Piazza del Campo e arriva in Piazza Duomo e si sviluppa “in verticale”, salendo fino in cima alla Torre del Mangia, con i suoi circa 400 gradini. Dopo i 102 metri della Torre che deve il singolare nome al soprannome del campanaro, Giovanni di Balduccio, detto il Mangiaguadagni perché scialacquava tutto il suo stipendio, il percorso prosegue verso il Duomo passando dalle scale del Battistero, dove su uno degli scalini si potrà notare una croce intarsiata nel marmo che segna il punto esatto dove, secondo la tradizione, cadde Santa Caterina. Da qui, entrando nel museo dell’OPA si sale sul Facciatone, quella che sarebbe dovuta essere la facciata del Duomo nuovo che non venne mai completato, dal quale si può godere dello splendido panorama. La camminata ‘saliscendi’ prosegue attraverso Via del Capitano e via San Pietro fino al Vicolo di Castelvecchio, il nucleo più antico della città. Sempre per tenersi in movimento, il percorso tocca anche Via di Fontebranda che una volta risalita permette di arrivare nuovamente in Piazza del Campo. Se pensate di avere già il fiatone allenatevi ai fornelli di casa, preparate le ‘Scaloppine alla senese’ e per smaltire le 200 kcal potete lavare i vetri per un’ora.

‘Ricciarelli

‘Ricciarelli’: la ricetta perfetta per chiudere ogni pasto a passo di trekking. Conosciuti sin dal 1400 e presenti anche al banchetto nuziale di Caterina Sforza i ‘Ricciarelli’ occupano sicuramente un posto di rilievo nella tradizione dolciaria senese.

La loro origine, probabilmente è legata al marzapane o marzipanetti alla usanza senese. Secondo la tradizione è stato il senese Ricciardetto della Gherardesca, di ritorno dalle Crociate, a far conoscere ai senesi questi dolci “arricciati” come le babbucce dei sultani. I ‘Ricciarelli’ sono totalmente privi di farina quindi, adatti anche a chi è intollerante al glutine. L’ingrediente principale sono le mandorle, preziosissima fonte di energia, costituita per il 50% da grassi monoinsaturi e polinsaturi.

Le mandorle sono, inoltre, un’ottima riserva di vitamina E, sali minerali, Magnesio, Ferro, Calcio e fibre oltre che di composti antiossidanti. Alcuni studi dimostrano che l’assunzione di mandorle diminuisce il colesterolo, riducendo così il rischio cardiovascolare, grazie anche al contenuto di acidi grassi Omega-3, che agiscono riducendo il livello di trigliceridi.

Un consumo quotidiano di mandorle, infatti, aiuta a mantenere il cervello giovane e a diminuire i danni prodotti dell’età.

Le mandorle hanno poi un elevato potere saziante e per questo, contrariamente a quanto si pensa, sono amiche della linea, a patto che non si esageri con le quantità I ‘Ricciarelli’ sono un peccato di gola irrinunciabile che possiamo concederci a patto di bruciare 600 kcal impegnandoci in un percorso di 6 km della durata di 45 minuti con un’andatura di circa 8 km/h. L’itinerario si sviluppa all’interno della cinta muraria di Siena e tocca le 17 ‘Fontanine di Contrada’, luoghi tra i più cari ai senesi, perché costituiscono un elemento fondamentali nella vita contradaiola. Proprio qui ogni Priore battezza, con rito laico, i bambini, consegnando a ogni piccolo un fazzoletto della Contrada alla quale, da quel momento in poi, sarà legato per la vita. Per i più golosi che si cimenteranno nella preparazione dei ‘Ricciarelli’ a casa, il consiglio dell’esperto è di salire e scendere le scale per mezz’ora in modo da smaltire oltre 600 calorie contenute nel dolce tipico senese.

‘Pinolata’.

Il dessert della nonna che regala la storia medicea di Siena.. Per chiudere in dolcezza il menù della tradizione senese non si può rinunciare alla ‘Pinolata’. Si tratta di un dolce della tradizione toscana, in particolare di quella senese e del Chianti, anche se ormai è diffusa in tutta Italia.

È la tipica torta cavallo di battaglia del menù della domenica a casa della nonna, ma a Siena si trova anche al ristorante o in pasticceria. Il dolce se consumato in eccesso, favorisce l’incremento della massa grassa vista la composizione di ingredienti ad alto indice glicemico, come la farina e lo zucchero.

Al suo interno, inoltre, è presente una buona quantità di burro che determina un apporto calorico importante.

La presenza della crema, sebbene apporti ulteriori calorie, fornisce anche una buona quantità di proteine attribuibili alle uova. Gli alimenti proteici, a livello digestivo, possono favorire un rallentamento dell’assorbimento degli zuccheri e portare a un aumento della glicemia più
graduale e della massa grassa inferiore. Tra gli ingredienti della torta c’è anche l’uvetta che è ricca di acido oleanolico, ha effetti antiinfiammatori e producono un effetto antiossidante. Per “bruciare” le circa 450 kcal a Siena è possibile percorrere un itinerario dedicato ai luoghi di epoca medicea. Il percorso parte da Porta Ovile per continuare lungo Via Vallerozzi, una delle salite più ‘temute’ di Siena per la sua ripida pendenza. L’itinerario mediceo in città toccherà i giardini de La Lizza, fino alla Fortezza Medicea che, con i suoi quattro bastioni, regala un panorama mozzafiato. Uscendo dalla Fortezza merita una visita la Basilica di San Domenico e una sosta il “murello” per ammirare la splendida vista sul Duomo e la Torre del Mangia. Per gli appassionati dell’epoca imperdibile il
il palazzo sede del governo mediceo che si affaccia su Piazza Jacopo della Quercia. Completano il percorso la visita alle Basilica di Provenzano e San Francesco dove si conservano le Sacre Particole, rimaste intatte dal 1730. Per chi vuole preparare la ‘Pinolata’ e smaltire le calorie della ricetta a casa propria il consiglio è di tagliare l’erba del giardino per un’ora e mezzo.

Info utili ‘A spasso tra le ricette senesi.

Alla scoperta di strade e sapori a zero calorie’ il nuovo progetto promosso dal Comune di Siena, Assessorato al Turismo, in collaborazione con Si NutriWells. ‘A spasso tra le ricette senesi’ propone otto piatti della tradizione culinaria senese, abbinati a otto percorsi a piedi che è possibile scaricare e consultare dal portale www.enjoysiena.it. Ogni scheda gastronomica raccoglie gli ingredienti, la ricetta, le foto e sintetizza apporti nutritivi, caratteristiche degli ingredienti, proprietà chimico fisiche degli alimenti e calorie apportate da una porzione media della pietanza.

Ogni piatto è legato a un percorso a piedi corredato da mappe disponibili su pc e da mobile.

Per info è possibile contattare l’ufficio dell’assessorato al turismo del Comune di Siena ai numeri 0577 292128-178-206, scrivere una mail a turismo@comune.siena.it. Sui social è possibile seguire i profili EnjoySiena e #ricetteaspassopersiena su Facebook, Google+, Tumblr, Instagram, Pinterest e YouTube.

Il calendario di visite guidate, in programma ogni sabato dal 6 maggio al 24 giugno, abbina 8 ricette della tradizione culinaria senese a 8 percorsi a piedi alla scoperta dei luoghi, delle storie e dei personaggi senesi

Otto ricette per otto percorsi: a Siena le visite guidate per “gustare” la città

SIENA. I sapori e le strade di Siena si scoprono camminando. Ogni sabato, dal 6 maggio e fino al 24 giugno, gambe in spalla a caccia dei luoghi più suggestivi della città partendo dalle ricette della tradizione culinaria senese. Il calendario di visite guidate, a cura di Federagit e dell’associazione Centro Guide e AGT, nasce dal nuovo progetto del Comune di Siena, Assessorato al Turismo ‘A spasso tra le ricette senesi. Alla scoperta di strade e sapori a zero calorie’, che unisce la valorizzazione del patrimonio enogastronomico alla scoperta delle bellezze storico-artistiche di Siena, proponendo otto ricette della tradizione popolare a otto itinerari a piedi. Gli otto piatti scelti per raccontare la città sono: due antipasti, due primi, due secondi e due dolci, tratti dal “Ricettario di Siena. Testimonianze e tradizioni di un popolo” che saranno la fonte d’ispirazione per i tour guidati con partenza alle ore 18, sempre da Piazza del Campo.

Prima tappa dedicata ai ‘crostini neri’ per scoprire i personaggi senesi “di carattere”. Il calendario delle visite guidate si aprirà sabato 6 maggio con il percorso dedicato a uno dei più classici antipasti senesi: i crostini con la milza, che saranno l’occasione per andare sulle tracce degli “Uomini e delle donne difficili”. Il tour, infatti, parte a un detto tipicamente senese secondo cui quando si dice: “Sei proprio un bel crostino…” significa che si ha a che fare con una persona, per così dire, un po’ complicata. Da questo modo di dire l’itinerario, con partenza alle ore 18 da Piazza del Campo, porterà i visitatori alla scoperta dei personaggi della storia senese dalla personalità spiccata e dal carattere talvolta difficile. Per l’occasione il Centro Guide Siena racconterà la storia di Giovanni di Balduccio detto “Il Mangiaguadagni”, il campanaro della Torre del Mangia , che deve il suo singolare soprannome al fatto che era solito scialacquare tutto il suo stipendio. La camminata proseguirà in Salicotto per parlare di Caterina delle due spade, amante di Pandolfo Petrucci; con il passaggio dalla chiesa di San Martino e davanti al Museo della Misericordia per raccontare la storia del profeta Brandano. L’itinerario toccherà Via Cecco Angiolieri per ricordare il famoso poeta autore del celebre “S’i’ fosse foco” e prevede un rapido passaggio di fronte alla lapide dantesca che ricorda Sapia, in cima a Vallerozzi fino alla tappa in Piazza Matteotti per parlare di Passitea Crogi. Il percorso proseguirà per Via dei Pittori dove sarà raccontata la storia di Duccio di Buoninsegna e fino a Palazzo del Magnifico, in via dei Pellegrini.

Gli altri appuntamenti di maggio a spasso per la città. Sabato 13 maggio i trekker avranno l’opportunità di andare alla scoperta del percorso abbinato alla zuppa dei fagioli, classico della cucina povera senese. Partenza alle ore 18 sempre da Piazza del Campo per il percorso intitolato i “Miracoli della miseria” dedicato alle zone che nel Medioevo erano le più povere della città come Salicotto e Ovile, luoghi in cui ancora oggi i toponimi ci ricordano di antiche miserie e geniali espedienti di sopravvivenza. Il calendario dei tour guidati proseguirà sabato 20 maggio con il trekking urbano dedicato all’acqua, elemento che si lega al piatto delle acciughe sotto pesto, che per la sua freschezza richiama l’antico rapporto di Siena con le sue fonti d’acqua. L’appuntamento sarà alle ore 18 in Piazza del Campo per andare alla scoperta delle fonti medievali della città: da Fonte Gaia, all’antica Fonte del Ghetto, passando per Fonte Serena e Fontebranda. Il tour si concluderà con le visite speciali alla lapide con la sirena, in Via dei Rossi; alla Fontana del Monte dei Paschi e alla Fonte nuova d’Ovile.

Dalla Pinolata al sapore inusuale del cavolo nero, Siena si scopre dai suoi sapori. Ai dolci degli speziali sarà dedicato il percorso di sabato 27 maggio che partendo da uno dei dolci classici della cucina senese, come la Pinolata, porterà alla scoperta delle antiche spezierie della città. Dopo il dolce l’appuntamento con la buona tavola torna sabato 3 giugno per un nuovo itinerario dedicato a uno degli antipasti della tradizione culinaria senese: le fette di pane con il cavolo nero. Un piatto delle cucina povera a cui sarà collegato un percorso dedicato alla scoperta dei luoghi che hanno ospitato le rivolte del popolo e sono stati teatro dei contrasti tra le famiglie nobili della città. Un viaggio nella storia e tra i personaggi senesi, a partire dalle lotte tra Salimbeni e Tolomei, passando da Via di Salicotto, dove si trova quella che era la finestra della camera delle torture, fino al Vicolo dei Malcontenti, per mostrare il percorso dei condannati a morte, verso Via di Porta Giustizia.

I percorsi dal gusto green e dulcis in fundo i ricciarelli per indagare il rapporto di Siena con la magia. Sabato 10 giugno giornata green con il giro degli orti urbani, delle colonie agricole e delle valli verdi della città che per molti secoli fornirono sostentamento alla popolazione grazie alle loro coltivazioni. Un tour che si lega ai malfatti, o gnudi, che sono appunto a base di spinaci e ricotta. Sempre alle erbe sarà dedicato il percorso di sabato 17 giugno, che partendo dal dragoncello, uno degli ingredienti caratterizzanti le scaloppine alla senese, racconterà gli elementi magici, le storie di santi, amanti e streghe con le loro pozioni e piante dai poteri soprannaturali. Gran finale in dolce compagnia dei ricciarelli che sabato 24 giugno saranno la fonte di ispirazione dell’itinerario alla scoperta dei fasti dell’antica nobiltà senese e i legami di Siena con l’Oriente, da dove, forse, proviene la ricetta dei ricciarelli.

Info utili: costi e prenotazioni. Il calendario di visite guidate, a cura di Federagit e dell’associazione Centro Guide e AGT, è in programma ogni sabato, dal 6 maggio al 24 giugno, con partenza alle ore 18 sempre da Piazza del Campo. La partecipazione alle visite guidate ha il costo di 5 euro. Per informazioni e prenotazioni è possibile contattare l’associazione Centro Guide e AGT al numero di telefono 0577 43273 o via mail all’indirizzo di posta elettronica info@guidesiena.it. Per i tour a cura di Federagit è possibile chiamare il numero 334 8418736( anche WhatsApp) o scrivere una mail a federagitsiena@libero.it

Info utili ‘A spasso tra le ricette senesi. Alla scoperta di strade e sapori a zero calorie’ il nuovo progetto promosso dal Comune di Siena, Assessorato al Turismo, in collaborazione con Si NutriWells. ‘A spasso tra le ricette senesi’ propone otto piatti della tradizione culinaria senese, abbinati a otto percorsi a piedi che è possibile scaricare e consultare dal portale www.enjoysiena.it. Ogni scheda gastronomica raccoglie gli ingredienti, la ricetta, le foto e sintetizza apporti nutritivi, caratteristiche degli ingredienti, proprietà chimico fisiche degli alimenti e calorie apportate da una porzione media della pietanza.

Ogni piatto è legato a un percorso a piedi corredato da mappe disponibili su pc e da mobile.

Per info è possibile contattare l’ufficio dell’assessorato al turismo del Comune di Siena ai numeri 0577 292128-178-206, scrivere una mail a turismo@comune.siena.it.

Sui social è possibile seguire i profili EnjoySiena e #ricetteaspassopersiena su Facebook, Google+, Tumblr, Instagram, Pinterest e YouTube.

Mangiare sano vegetariano e vegano – Gustosa ricetta con gli azuki verdi o fagioli o ceci …

PERCHE’ GLI AZUKI ?

Abbiamo scelto gli azuki per questa semplice ricetta perché offrono un’alternativa, sana, alla dieta normale. A piacere potete fare la medesima ricetta con fagioli, lenticchie o ceci; cambiando solo i tempi di cottura. Tutti i legumi hanno proprietà salutari; gli azuki per noi non hanno gli effetti di flautolenza e gonfiore che ci provocano i fagioli (ma si tratta di condizioni che variano da persona a persona.

Gli azuki rappresentano una fonte proteica di straordinaria importanza, anche se non si tratta di amminoacidi completi; hanno quindi bisogno di essere associati a cereali come pasta o riso ecc….

Sono inoltre ricchi di: isoflavonoidi (contro il colesterolo), lipidi e fitoestrogeni (in grado di combattere osteoporosi e problemi della menopausa), sali minerali (per la precisione potassio, fosforo, calcio e magnesio), vitamine (A, la B1, B2, B3, B5, B6 e C).

Anche la presenza di lecitina è molto importante; secondo alcuni studi agirebbe sui grassi e quindi potrebbe migliorare l’attività del cervello e dei neurotrasmettitori.

I fagioli verdi azuki, grazie alla presenza di importanti enzimi, sono in grado di favorire la digestione (quest’ultima uno dei grandi problemi causati dall’alimentazione “moderna” e squilibrata).

RICETTA PER 2 PERSONE

100 gr. di riso basmati o altro; cotto in 200 gr. di acqua salata.

100 gr. di azuki (messi a mollo la sera prima)

3 carote

3 gambi di sedano

1 cipolla o metà porro (se vi piaccioni i sapori dolci)

a piacere una scatola di pelati di ottima qualità

peperoncino dolce in polvere 2 grossi pizzichi o più; secondo gusto

acqua per cuocere

sale, pepe

olio di ottima qualità

solo se piace: cardamomo o cumino o peperoncino piccante.

PREPARAZIONE

-Cuocere il riso in acqua e sale e scolarlo.

-Mentre cuoce il riso:  tagliare le verdure e rosolarle in olio

-Aggiungere gli azuki, regolare salel, pepe e peperoncino e cuocere in pentola a pressione per 15 minuti ben coperti di acqua (che può essere sotituita da una scatola di pelati di ottima qualità e un poco d’acqua per sciacquare la scatola)

– Saltare i semi di cardamomo o il cumino od entrabi in 2 cucchiai di olio, solo se piacciono (oppure sostituirli con un poco di peperoncino piccante), eliminarli dopo pochi secondi i semi se non sono stati tritati e mescolare velocemente nella medesima padella sul fuoco il riso e le verdure per insaporire.

Servire spolverato di peperoncino dolce in polvere o parika.

HAMBRUGER VEGETARIANI E VEGANI

Con la medesima ricetta; volendo il riso può essere sostituito con due/tre  patate schiacciate.

Preparare tutto come sopra, poi mescolare bene e schiacciarlo dandogli la forma e la misura di un hamburger.

Passarlo nel pangrattato e friggerlo in pentola antiaderente con poco ottimo olio.

Servirlo nel piatto, anche al centro di un panino insieme a insalata, pomodoro, e quanto altro si desidera come salsa.

Ottimo e sano con il pesto.

Salute e alimentazione – SEMPRE MENO GRASSI – SALE E ADDITIVI: I SALUMI ITALIANI DOP E IGP

MENO GRASSI – SALE E ADDITIVI

Una porzione di salumi può coprire dal 24% (Pancetta Piacentina) al 68% (Coppa Piacentina) del fabbisogno giornaliero di zinco e che le carni e i suoi derivati rappresentano la principale fonte di selenio nella dieta italiana.

Significativi avanzamenti nelle tecniche di allevamento, nella trasformazione e conservazione delle carni hanno avuto un impatto rilevante per il miglioramento delle caratteristiche nutrizionali dei prodotti finali per i salumi italiani DOP e IGP 

Il contenuto di sale nei salumi italiani risulta notevolmente ridotto in una percentuale che va dal 4% circa fino ad oltre il 45% a seconda del prodotto; confronto effettuato nel 2011 per i prodotti che avevano disponibile anche il dato delle precedenti analisi, datate 1993.

ISIT presenta l’aggiornamento 2017 dello Studio sui valori nutrizionali dei Salumi italiani tutelati 

SEMPRE MENO GRASSI, SALE E ADDITIVI: I SALUMI ITALIANI DOP E IGP

PROTAGONISTI DI UN’ALIMENTAZIONE SANA, EQUILIBRATA E GUSTOSA

Obiettivo della ricerca è fornire ai consumatori corrette informazioni di carattere scientifico, al di là dei condizionamenti che scaturiscono da opinioni di tendenza che trovano spazio presso la pubblica opinione. Dallo studio emerge con grande chiarezza come il consumo equilibrato dei salumi sia fondamentale in un corretto schema di educazione alimentare”, ha sottolineato Lorenzo Beretta, Presidente ISIT.

Grassi: meno quantità, più qualità

Per quanto riguarda i grassi presenti nei salumi oggetto della ricerca si segnala una sostanziale omogeneità nella composizione di base dei tre Salami (Piacentino, Brianza, Varzi) simile, peraltro, a quella riscontrata nei Salami tipo Milano e Napoli oggetto del precedente studio del 2011.

Un caso rilevante di come le filiere stiano lavorando con attenzione nel percorso virtuoso verso una riduzione dei grassi nei prodotti è quello del Prosciutto Toscano DOP che da un contenuto di lipidi del 22,8% può passare all’8,8% se si allontana lo strato periferico di grasso.

Pur variando per i salumi interi (Coppa, Pancetta, Prosciutto) in funzione del taglio scelto, le analisi nutrizionali hanno inoltre evidenziato nella composizione qualitativa delle carni un equilibrio tra il contenuto dei grassi saturi e insaturi, a conferma del continuo processo di ottimizzazione della qualità compositiva.

Come comparto, dai dati disponibili, è possibile evidenziare che i salumi hanno da tempo intrapreso un percorso di riduzione del contenuto lipidico e di ottimizzazione della qualità compositiva, in particolare nei prodotti cotti.

Il contenuto in acidi grassi saturi si è ridotto fino a quasi il 40% e si è ottenuto un maggiore equilibrio tra contenuto in grassi saturi e insaturi. Questi ultimi sono passati dal 30% a oltre il 60% dei grassi totali (LARN).

In base a quanto evidenziato nella Ricerca dunque, i Salumi italiani tutelati possono senza dubbio ricoprire un ruolo importante nel fornire all’organismo una buona percentuale degli acidi grassi necessari per il corretto funzionamento dell’organismo che, per un adulto sano con moderata attività fisica, corrisponde a una quota di lipidi pari al 25-30% del totale delle calorie consumate.

Sale e additivi sempre meno presenti

Premettendo che il sale è un elemento imprescindibile per la conservazione e la salubrità dei cibi, oltre che per garantirne il sapore tipico, va ricordato che –  se consumato nelle giuste quantità – è anche un elemento importante per il corretto funzionamento dell’organismo.

Tuttavia va assunto con moderazione, come sottolineato anche dall’OrganizzazioneMondiale della Sanità (OMS) che ha raccomandato interventi volti a limitarne il contenuto nei prodotti alimentari.

L’evoluzione della salumeria italiana è andata esattamente in questa direzione, coinvolgendo l’intera filiera per trovare soluzioni in grado di minimizzare l’utilizzo del sale. Questo percorso virtuoso è già stato evidenziato dallo studio condotto dal 2011 ed è oggi confermato dall’addendum 2017 che vede un contenuto di sale che varia da 1,75 grammi per porzione (50gr) della Pancetta Piacentina ai 2,3 grammi per porzione (50gr) del Prosciutto Toscano.

Dai dati complessivamente disponibili emerge che il contenuto di sale nei salumi italiani risulta notevolmente ridotto in una percentuale che va dal 4% circa fino ad oltre il 45% a seconda del prodotto (confronto effettuato nel 2011 per i prodotti che avevano disponibile anche il dato delle precedenti analisi, datate 1993).

Dunque, tenendo conto delle porzioni, della frequenza di consumo e dei nuovi dati di composizione, è possibile affermare che i salumi italiani non sono la più importante fonte di sale nell’alimentazione, considerando che altri alimenti, consumati con maggiore frequenza e quantità (come, per esempio, alcuni derivati dei cereali), contribuiscono a un superiore apporto di sale nell’organismo.

Per quanto riguarda altri additivi, come i nitriti, la ricerca mostra come in tutti i campioni verificati siano al di sotto del limite di rilevabilità. Anche i nitrati, sempre al di sotto dei limiti consentiti, hanno conosciuto una progressiva riduzione nel corso degli anni fino al punto di annullarsi in diversi salumi.

Pur riducendo i conservanti che hanno la funzione di mantenere la salubrità e le caratteristiche organolettiche del prodotto, il miglioramento dei processi di filiera ha reso possibile produrre salumi sempre più sicuri dal punto di vista sanitario, mantenendo inalterati il loro gusto tipico e il sapore inimitabile.

Vitamine e sali minerali per il benessere dell’organismo

I valori rilevati nel 2017 confermano il trend positivo già evidenziato nel 2011 da cui è possibile identificare i salumi come una categoria di prodotti con un contenuto significativo di diverse vitamine e sali minerali necessari per l’organismo.

Dall’analisi sui micronutrienti dei 6 nuovi salumi DOP emerge che il contenuto di vitamine del gruppo B, importanti poiché intervengono sui processi metabolici del nostro organismo, è particolarmente presente.

Nello specifico, la carne suina risulta essere la principale fonte di vitamina B1. Lo studio mette in risalto come una porzione di 50 grammi di Prosciutto Toscano DOP, per esempio, copra circa il 30% del fabbisogno giornaliero di vitamina B1 e B6,mentre si può arrivare al 20% del fabbisogno quotidiano di Niacina (o vitamina B3) grazie a una porzione diCoppa Piacentina o di Salame Piacentino e di Varzi.

Significativo anche l’apporto dei salumi all’organismo di alcuni importanti sali minerali tra i quali ferro, zinco, selenio e potassio.

Si pensi che una porzione di salumi può coprire dal 24% (Pancetta Piacentina) al 68% (Coppa Piacentina) del fabbisogno giornaliero di zinco e che le carni e i suoi derivati rappresentano la principale fonte di selenio nella dieta italiana.

(Le specifiche tabelle nutrizionali sono allegate al comunicato stampa)

Salumi italiani DOP e IGP: un alimento di consumo “trasversale”

Partendo dal presupposto che i salumi sono di per sé un alimento “gratificante” per il palato e particolarmente apprezzato, è evidente come facilmente incontrino il gusto di tutte le fasce di consumatori.

Se a questo si aggiunge anche il costante miglioramento delle caratteristiche nutrizionali, si comprende come possano essere inseriti in una dieta varia ed equilibrata, ad esempio di bambini e adolescenti per soddisfarne l’alto fabbisogno di energia e nutrienti (proteine nobili, sali minerali e vitamine).

Gli anziani, invece, attraverso una scelta mirata dei salumi possono assumere alimenti con un apporto caloricocontrollato che, tuttavia, assicurano nutrienti e possono supportare la funzione plastica – fornita in particolare da proteine, calcio e ferro –  necessaria per costruire, sostituire e riparare tessuti e strutture corporee.

Anche una categoria in forte crescita come quella degli sportivi può guardare ai salumi italiani come a un alimento che contribuisca a far recuperare, facilmente e in modo naturale, i nutrienti persi con l’attività fisica.

Il significativo e progressivo miglioramento delle caratteristiche nutrizionali dei Salumi italiani viene rilevato anche da autorevoli esperti della comunità scientifica. Luca Piretta, noto medico specialista in Scienza della Nutrizione Umana presso l’Università Campus Biomedica di Roma, evidenzia: “Per quanto riguarda i salumi in particolare è necessario sottolineare come negli ultimi trent’anni la composizione nutrizionale di questi prodotti sia andata modificandosi notevolmente in termini di sicurezza e di qualità, grazie alla selezione genetica dei suini e della loro alimentazione mirata e selezionata. Inoltre, gli additivi si sono fortemente ridotti negli anni come risulta dalla ricerca congiunta CREA e SSICA promossa da ISIT; basti pensare che il calo dei nitrati tra il 1993 e il 2011 è stato dell’87% nel prosciutto cotto (da 110ppm a 14ppm), del 73% per la Mortadella Bologna IGP (da 40ppm a 11ppm), del 90% per la coppa e del 95% per lo Zampone Modena IGP (da 80ppm a 4ppm). Inoltre, i grassi sono diminuiti notevolmente e la presenza dei grassi saturi ha lasciato in parte il posto a quelli insaturi, ottimizzandone pertanto la qualità compositiva complessiva. Infine, la quantità di sale nei salumi si è ridotta fino alla metà in alcuni prodotti come la pancetta. I dati ora disponibili sui 6 nuovi salumi DOP permettono di avere un quadro di insieme ancora più completo sul comparto, che conferma il miglioramento compositivo e i positivi apporti nutrizionali”.

Il gusto della tradizione

Il miglioramento nutrizionale dei Salumi DOP e IGP è una tendenza ormai consolidata che contribuisce a valorizzare ulteriormente queste eccellenze, simbolo della tradizione gastronomica italiana famosa e apprezzata in tutto il mondo.

Inimitabili rappresentanti del loro territorio, i Salumi italiani tutelati sono ambasciatori del gusto e della convivialità che fa del nostro Paese un punto di riferimento internazionale del “buon vivere”.

Consumati da soli o come preziosi ingredienti in preparazioni tradizionali o creative, i Salumi italiani tutelati si confermano una valida e gustosa alternativa per un’alimentazione sana ed equilibrata.

L’aggiornamento 2017 della ricerca condotta da CREA e SSICA, che si è concentrata su 6 nuovi salumi a denominazione tutelata, ha confermato i trend già registrati nello studio 2011: i Salumi italiani sono alimenti che – a seguito del continuo miglioramento delle tecniche di allevamento, dei processi di trasformazione e conservazione – consentono un apporto nutrizionale equilibrato anche grazie alla loro varietà e versatilità di consumo, in abbinamento ad esempio a frutta e verdura.

 – Gusto, tradizione, convivialità, controlli e qualità certificata, ma non solo:costante riduzione nel contenuto di grassi, sale e dei nitriti/nitrati abbinata a un apporto di vitamine e sali minerali preziosi per la salute.

Salumi italiani tutelati (DOP e IGP) sono alimenti che, grazie a un continuo miglioramento nutrizionale, si prestano a rispondere in maniera adeguata alla crescente attenzione dei consumatori per prodotti agroalimentari di qualità, con un forte legame con il territorio e in linea con regimi alimentari nutrizionalmente corretti ed equilibrati.

Ad evidenziare la continua evoluzione del comparto della salumeria italiana, la presentazione dell’aggiornamento 2017 relativo alla Ricerca sui Salumi tutelati che, già nel 2011, aveva rilevato sensibili miglioramenti nutrizionali dei prodotti.

Promossa dall’Istituto Salumi Italiani Tutelati (ISIT) e realizzata dal Centro Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (CREA) e dalla Stazione Sperimentale per l’Industria delle Conserve Alimentari (SSICA), questa edizione dello studio si è focalizzata in particolare su 6 nuovi Salumi DOP, fornendo una visione del comparto ancora più completa: Coppa Piacentina, Pancetta Piacentina, Salame Piacentino, Salame Brianza, Salame di Varzi e Prosciutto Toscano.

L’analisi sulla composizione nutrizionale dei salumi ha confermato la linea di tendenza in atto: i significativi avanzamenti nelle tecniche di allevamento, nella trasformazione e conservazione delle carni hanno avuto un impatto rilevante per il miglioramento delle caratteristiche nutrizionali dei prodotti finali.

 

Salute – PERICOLI DELLA CYBER-NUTRIZIONECIENZIATI A NUTRIMI 2017: ATTENZIONE AI PERICOLI DELLA CYBER-NUTRIZIONE

“3 prugne secche al giorno rappresentano una delle 5 porzioni di frutta e verdura; 5 prugne al giorno, favoriscono il benessere delle ossa e 8-12 sono ottimali per il sistema digestivo”: provare per credere (sempre che non abbiate particolari problemi ad assumere questo frutto)

2 porzioni settimanali da 150g di pesce, preferibilmente grasso … un’ottima fonte di Omega3; meglio di qualunque integratore !!!

Riportiamo quanto ci viene comunicato in relazione ad un incontro scientifico sul tema alimentare

La popolazione è disorientata rispetto a cosa faccia bene o meno … su questo siamo assolutamente d’accordo; la colpa è della complessità del tema e delle informazioni che, nella maggior parte dei casi, riflettono solo un unico punto di vista e si rifanno ad un preciso settore o tendenza.

L’APPELLO DEGLI SCIENZIATI A NUTRIMI 2017: 

ATTENZIONE AI PERICOLI DELLA CYBER-NUTRIZIONE

XI edizione di NutriMI: oltre 50 relatori e 600 professionisti per dibattere su nuovi modelli e trend alimentari.

 – L’XI edizione di NutriMI, Forum di Nutrizione Pratica tenutosi al Palazzo delle Stelline a Milano, ha riscosso un forte interesse di pubblico da parte degli oltre 600 partecipanti .

CONSAPEVOLEZZA, EQUILIBRIO E… DIETA MEDITERRANEA

Un messaggio corale emerso dai diversi interventi riguarda il fatto che la popolazione è disorientata rispetto a cosa faccia bene o meno, e invece di affidarsi alle indicazioni degli esperti, ‘autogestisce’ la propria alimentazione affidandosi al web.

Ma non c’è niente di più sbagliato che seguire le mode:

l’aderenza alla Dieta Mediterranea è una scelta salutare, sostenibile e garanzia di riduzione del rischio di diverse patologie, come hanno dichiarato gli esperti a più riprese.

Secondo il Prof. Luca Piretta, Gastroenterologo e Nutrizionista, Docente di Allergie e Intolleranze Alimentari presso l’Università Campus Biomedico di Roma:

Non ci sono delle evidenze di miglioramenti in termini di salute nel seguire una dieta vegetariana piuttosto che una mediterranea, anzi la carne ha preziosi nutrienti e micronutrienti che nei vegetali sono meno assorbibili: noi non siamo quello che mangiamo, siamo quello che assorbiamo.”

A furia di sentire che una fetta di salame fa male, la popolazione ha perso di vista cosa faccia male davvero” ha fatto eco il Prof. Carlo La Vecchia, Ordinario di Statistica Medica ed Epidemiologia presso il Dipartimento di Scienze Cliniche e di Comunità all’Università degli Studi di Milano.

DIETA VEGANA SI O NO? IL CASO DEGLI SPORTIVI

Sempre più persone adottano una dieta vegetariana e vegana, anche quando si tratta di atleti amatoriali e agonisti: non a caso l’American College of Sport Medicine ha ideato una piramide alimentare vegetariana ad hoc.

In generale, il fabbisogno energetico di un atleta vegetariano non si discosta da quello di un onnivoro: sono i carboidrati infatti la quota percentualmente maggiore che deve essere presente nella loro dieta (55-65% dell’energia totale).

Per quanto riguarda invece il fabbisogno proteico, è necessario effettuare scelte alimentari che prevedano il consumo di legumi, cereali, noci e semi, oltre a latticini e uova per chi segue una dieta latto-ovo-vegetariana.

Gli esperti italiani della SINU (Società Italiana di Nutrizione Umana), hanno sottolineato l’importanza di effettuare degli accorgimenti sul proprio piano alimentare nel caso in cui, per motivi etici, si scelga di seguire una dieta vegana: non sarebbe consigliabile invece seguire questo modello alimentare per motivi salutistici, perché per il nostro benessere è meglio nutrirsi… secondo il modello mediterraneo.

I NUOVI SUPERFOOD? PRUGNE SECCHE, PISTACCHI E…SARDINE!

I superfood sono al centro dell’attenzione dei media negli ultimi tempi ma…siamo sicuri di sapere quali siano?

Le prugne secche, ad esempio, non solo sono un’eccellente fonte di fibre, come noto, ma “3 prugne secche al giorno rappresentano una delle 5 porzioni di frutta e verdura, 5 favoriscono il benessere delle ossa e 8-12 sono ottimali per il sistema digestivo” ha raccomandato la Dr.ssa Annamaria Acquaviva, Dietista libera professionista.

I pistacchi invece, purtroppo ancora troppo poco consumati, come tutta la frutta secca, sono ricchi di grassi monoinsaturi e insaturi, ma anche di fibre e micronutrienti: una porzione di pistacchi apporta la stessa quantità di fibre di 100 gr di broccoli cotti e la stessa quantità di potassio contenuta in una banana.

Il pesce azzurro, infine, è una fonte necessaria di Omega 3, assolutamente preferibile agli integratori, da consumare anche nella versione in conserva:

“L’obiettivo nutrizionale per la prevenzione raccomanda l’introduzione di una quantità di EPA e DHA che può essere facilmente raggiunto inserendo nella propria dieta 2 porzioni settimanali da 150g di pesce, preferibilmente grasso, come indicato nella Dieta Mediterranea.

In quest’ottica, il consumo di sardine e sgombro in scatola può essere un alleato della nostra salute a basso prezzo. Infatti, il pesce in conserva mantiene un buon contenuto di EPA e DHA, quindi presenta analoghi vantaggi nutrizionali rispetto al pesce fresco”, ha spiegato la Prof.ssa Bordoni, del Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro-Alimentari dell’Alma Mater Studiorum presso l’Università di Bologna.

Aggiungiamo che, purtroppo, la nostra esperienza ci insegna che oggi si usano prodotti chimici per mantenere “fresco” il pesce … prima di acquistare, attenzione ai ristagni di acqua (e prodotti chimici) nelle casse di pesce azzurro … chi conosce il sapore del pesce fresco se ne accorge, soprattutto con gli sgombri.

Per informazioni: www.nutrimi.it

PREMIAZIONI E RICONOSCIMENTI
Nel corso dell’ultima giornata del congresso sono stati assegnati quattro premi:
Il premio “Migliore Comunicazione Nutrizionale” è stato assegnato al Consorzio Patata Italiana di qualità Selenella grazie all’ideazione di strumenti di comunicazione completi e accattivanti.
Il premio “Migliore Innovazione Nutrizionale” è stato assegnato ex aequo a Florvis (integratore alimentare a base di Lactobacilli GG, probiotico che aiuta a favorire il riequilibrio della flora batterica intestinale) e Philadelphia, per l’ideazione e la commercializzazione di una linea di prodotti senza lattosio.
Il premio “Professionista della Nutrizione 2017” è stato assegnato alla Dott.ssa Claudia Ranucci, dell’Università di Perugia e ai ricercatori dell’istituto C.U.R.I.A.M.O. per la ricerca “Aderenza alla Dieta Mediterranea prima e dopo un intervento multidisciplinare sullo stile di vita di bambini e adolescenti obesi”.
Il premio DivulgScience 2017 è stato assegnato alla giornalista Vera Martinella per il suo articolo “A tavola si aiuta la cura del tumore” pubblicato su Corriere della Sera.