Archivi categoria: RICETTE DIETE CIBI SANI CIOCCOLATO E…

Ricette, cibi sani, il cioccolato e la sua storia, menù disintossicante, ottime ricette per la dieta, ristoranti & bistrò.

SALUTE – Intossicazioni alimentari – MENU’ AVVELENATO – Mangiare fuori casa a caso può essere pericoloso

VINO A DUE SOLDI, PUO’ ESSERE VINO D’ UVA ???

Menù avvelenato
Siete stati vittima di un’intossicazione alimentare in un ristorante ?

Purtroppo il fatto  non è poco frequente.

Andare a cena in un ristorante e uscirne con una bella intossicazione alimentare e magari anche un conto salato.

Ancora più frequente è l’intossicazione per panini conditi con salse rimaste troppo al caldo, ma anche carne scaduta, uova di dubbia provenienza, pesce surgelato di pessima qualità spacciato per fresco (magari con la dicitura: surgelato solo nel caso il fresco non sia disponibile; un bel trucco)  ecc..

Vomito, diarrea, dolori e per riprendersi servono gli antibiotici, ma a volte rimangono delle spiacevoli conseguenze che continuano, a tratti alterni, nel tempo; questo significa che il battere è ancora vivo nel nostro stomaco o tratto intesinale.

PURTROPPO E’ BUONA REGOLA PORSI DELLE DOMANDE O INFORMARSI BENE  PRIMA DI ENTRARE A CASO IN UN RISTORANTE O BAR CHE SERVE CIBO.

Cosa guardare ?

Per prima cosa evitate i bar e ristoranti sulle vie più frequentate delle città turistiche (a meno che non abbiate buone e sicure informazioni); grande passaggio e la gente NON torna. Guadagni sicuri e poche lamentele.

Se il prezzo è ridicolmente basso, anche la qualità lo potrebbe essere; con una buona probabilità.

Può sembrare assurdo, ma è meglio un Mac Donald, con tutti i controlli che deve subire, di qualunque altra scelta economicissima.

Guardate il locale, sentite se odora di buono o di fritto scadente o ha odori di birra o vino che sono rimasti sul pavimento …

Oggi internet vi può aiutare con le recensioni.

Cercate di andare a mangiare in posti noti e frequentati regolarmente da gente che conoscete.

Vedi altro ai  link:

 http://www.donnecultura.eu/?p=7829

http://www.donnecultura.eu/?p=35642

—————-

VINO A DUE SOLDI, PUO’ ESSERE VINO D’ UVA ???

Sugli scaffali più bassi del supermercato, ecco i prezzi più bassi.

Uno o due euro per una bottiglia di vino rosso italiano, francese, spagnolo, sudamericano…

Se l’uva costa intorno ai 2 euro al chilo, come si può produrre del vino a questi prezzi ?

Anche tenendo conto che all’ingrosso i prezzi sono molto più bassi; la bottiglia, il tappo, l’etichetta hanno un costo, magari c’è anche la pubblcità e allora come si può produrre un vino  vero a questi prezzi ?

Sul mercato c’è davvero di tutto: vini di cui spesso non si conosce affatto la provenienza.

Quando il vino costa così poco, sono anche poche le informazioni.

E questo, nell’epoca della tracciabilità, non può che farci riflettere.

” Un’amica sommellier mi ha spiegato che un vino passabile, fatto con l’uva e senza altre aggiunte, non può costare meno di 7-8 euro la bottiglia “101000.

Da: VINI LOW COST | PUNTATA INTERA DEL 14.10.2016

Dieta vegana – La vita è come andare in bicicletta … – Antonella Bellutti

Autobiografia alimentare di una vega – atleta

Scritta da Antonella Bellutti, due volte campionessa olimpionica: due medaglie d’oro olimpiche come ciclista e poi con il bob a due; settima nel 2002 a Salt Lake City

Nel mondo sportivo, l’alimentazione può diventare una vera ossessione

Antonella Bellutti, sin da giovanissima, forzatamente onnivora e concentrata sulle calorie, si trasforma in una matura donna vegana, rispettosa del proprio corpo e di tutte le forme di vita e ne va orgogliosa.

Si può essere vegani e in ottima forma fisica; da leggere per capire e poi … ovviamente liberi di scegliere, ma con cogniziona di causa.

Un’atleta che ha trovato il coraggio di sfidare l’ovvio, il collaudato, in un ambiente esageratamente rigido per seguire la propria inclinazioan naturale, decidendo di condividere la sua scelta  con tutti i lettori.

Antonella Bellutti, Sonda edizioni, pp.116, 14 euro.

Emilia e Romagna tre appuntamenti gastronomici imperdibili !!! Porcini scalogno cipolla

Cipolla, Scalogno e Porcino: la natura ci delizia

dal 6 al 9 luglio a Medicina (BO) prenderà vita “Medicipolla”

dal 20 al 23 luglio a Riolo Terme (RA)

19 e 20 e il 26 e 27 agosto a Castel del Rio (BO)

In luglio e agosto, fra Emilia e Romagna tre appuntamenti gastronomici con altrettanti prodotti eccellenti

 A cavallo fra Emilia e Romagna, nell’area compresa fra i comprensori di Imola (BO) e quello di Faenza (RA), dove è da poco attiva la società di promozione IF Imola Faenza Tourism Company, c’è un territorio ricco di eccellenze gastronomiche.

Nei mesi di luglio e agosto ne verranno celebrate 3, nel corso di altrettanti eventi gustosi: dal 6 al 9 luglio a Medicina (BO) prenderà vita “Medicipolla”, dal 20 al 23 luglio a Riolo Terme (RA) si celebrerà la “Fiera dello Scalogno IGP di Romagna”, il 19 e 20 e il 26 e 27 agosto a Castel del Rio (BO) doppio weekend con la “Sagra del Porcino”.

Dal 6 al 9 luglio a Medicina si celebrerà la “Antica Fiera di luglio” e la XVII° edizione di “Medicipolla”, un omaggio gustoso a sua Maestà la Cipolla di Medicina, che per l’occasione sarà proposta in tutte le sue varianti e in numerosi menù a tema. Nel corso dell’evento, inoltre, ci saranno l’esposizioni di macchine agricole d’epoca e moderne, spettacoli d’intrattenimento, mercatini e specialità gastronomiche da degustare…

Fra i tanti appuntamenti, quelli di maggior interesse sono: “Cipolla d’autore”, la cena a tema a cura dello chef Riccardo Facchini (6 luglio ore 20.30, prenotazione obbligatoria al 345.3865090); il 14° Simposio della Confraternita della Magnifica Cipolla di Medicina (7 luglio ore 21.15); symposium sulla canapa e le sue straordinarie lavorazioni, con relatrice Manuela Pierobon, e a seguire degustazione di crostini (8 luglio ore 18.45); laboratori di cosmesi utilizzando prodotti tipici del territorio come la cipolla, il foraggio e la Patata di Medicina (8 luglio dalle 19)

Per informazioni: Pro Loco Medicina tel. 051 857529; info@prolocomedicina.net

Lo Scalogno IGP di Romagna, che non è un aglio né una cipolla, è un piccolo bulbo che appartiene sempre della famiglia delle Liliacee.

Una prelibatezza enogastronomica tutta locale e assolutamente unica nel panorama nazionale.

A Riolo Terme (Ra),cuore produttivo di questa meraviglia per il palato, dal 20 al 23 luglio si svolgerà la Fiera dello Scalogno IGP di Romagna.

Nelle vie centrali del paese ci sarà la mostra mercato dello Scalogno di Romagna dove, per tutte e quattro le giornate, saranno presenti i produttori di questa prelibatezza. I ristoratori del paese non mancheranno di proporre pietanze a base di Scalogno mentre al Parco Pertini ci sarà lo stand gastronomico della Pro Loco tutto dedicato al piccolo bulbo, con ricchi menù a tema. Si potranno assaggiare, tra le varie pietanze: riso allo Scalogno, tagliolini allo Scalogno, frittata allo Scalogno, arrosto aromatizzato allo Scalogno. E poi tutte le sere: musica, spettacoli e intrattenimento.

Da sempre coltivato in Romagna, la Pro Loco di Riolo Terme nel 1992 decise di organizzare una festa ad hoc per promuovere questo prodotto tipico della tradizione locale, che nel 1997 ha anche ottenuto il riconoscimento IGP (Indicazione Geografica Protetta).

Per informazioni: IAT Riolo Terme tel. 0546 71044

Il porcino è sicuramente uno dei funghi più celebri e apprezzati. Le colline dell’imolese, lungo la dorsale ai confini con la Toscana, ne sono ricche.

Ecco allora che il comune appenninico di Castel del Rio nel mese di agosto dedica un doppio fine settimana a questo prelibato fungo. Il 19 e 20 e poi il 26 e 27 agosto tra gastronomia, musica e intrattenimento si svolgerà la 32esima edizione della “Sagra del Porcino”.

Per informazioni: 338 3384123 www.prolococasteldelrio.it

Divertente weekend con i bambini – “Cuochi per un giorno” – Festival nazionale di cucina per bambini

“Cuochi per un giorno”: torna a Modena il Festival nazionale di cucina per bambini. Appuntamento il 7 e 8 ottobre
"Cuochi per un giorno": torna a Modena il Festival nazionale di cucina per 
bambini. Appuntamento il 7 e 8 ottobre

 

Sabato 7 e domenica 8 ottobre Modena è ancora una volta la capitale della cucina 0-12 con la sesta edizione di “Cuochi per un giorno”, il Festival nazionale di cucina per bambini.

Decine gli eventi, gli stand e i laboratori in programma: grandi chef come Ascanio Brozzetti, Franco Aliberti, Carlo Alberto Borsarini insegneranno ai piccoli cuochi a cucinare numerose ricette, dagli antipasti ai dolci. L’appuntamento è presso il club la Meridiana, alle porte della città.

Parte del ricavato andrà a Dynamo Camp, un luogo di vacanza per bambini con gravi patologie

Cucinare coinvolge i cinque sensi, migliora concentrazione, manualità e precisione, arricchisce il vocabolario e allena al rispetto delle regole e alla pazienza, ecco perchè vale la pena cominciare da piccoli: torna a ottobre “Cuochi per un giorno”(www.cuochiperungiorno.it), il Festival nazionale di cucina per bambini. Cinque edizioni, un grande successo: per il 2017 l’appuntamento è sabato 7 e domenica 8 ottobre a Modena, presso il club la Meridiana (Via Sant’Ambrogio 66, a Casinalbo): una villa settecentesca e un parco secolare faranno da sfondo alle creazioni culinarie dei piccoli cuochi. L’evento è ideato da Laura Scapinelli e dallo staff de “La Bottega di Merlino”, libreria per ragazzi e laboratori creativi di Modena.

Due giornate, decine di appuntamenti e laboratori in cui gli chef in erba potranno annusare, toccare, dosare, impastare, miscelare, modellare, cuocere e mettersi alla prova, imparando tante cose nuove. Non mancheranno vere e proprie lezioni di cucina con chef stellati da tutta Italia, per incuriosire anche mamma e papà: tra gli altri hanno  già confermato la loro presenza Ascanio Brozzetti, pastry chef del ristorante Le Calandre di Padova, Franco Aliberti, pastry chef del ristorante Evviva di Riccione e Carlo Alberto Borsarini del ristorante La Lumira di Castelfranco Emilia (MO); a loro si aggiungeanno molti altri nomi importanti.

Ogni piccolo partecipante potrà cimentarsi in fantasiose ricette con la supervisione di uno chef e di un’animatrice, vivendo un’esperienza ludica ma allo stesso tempo formativa e con la possibilità di imparare le regole del mangiar sano. Non mancheranno attività interattive collaterali: al Festival saranno presenti numerosi stand per avvicinarsi alla cucina attraverso diversi linguaggi espressivi. Ci sarà una libreria golosa spettacoli e storie in cucina, angoli sensoriali e giochi.

“Cuochi per un giorno” è un’occasione per tutti gli uder 12: ” I bambini posseggono le doti giuste per cucinare: passione, creatività e curiosità – spiega Laura Scapinelli, ideatrice del festival – Stare ai fornelli coniuga il “fare davvero” con il desiderio di imitare l’adulto e realizza quelli che Maria Montessori definiva “esercizi di vita pratica”, cioè azioni concrete con scopi precisi, che aiutano il corpo e la mente a crescere. Nei due giorni del festival i bambini si divertono a mescolare con le mani, spianare, dar forma alla frolla o alla sfoglia, tramandare le ricette locali. Il nostro, poi, è un festival ecosostenibile: insegnamo ai piccoli chef anche a cucinare con gli avanzi, proponendo diverse attività legate al recupero e al riuso”. Ma c’è molto di più, perché cucinando s’impara: tra pentole e ingredienti i bambini, infatti, imparano a mangiare e ad avere un rapporto sano con il cibo.

Inoltre, attraverso la loro partecipazione, i bambini aiutano altri bambini: parte del ricavato della manifestazione verrà infatti devoluto a Dynamo Camp, l’unica struttura italiana di Terapia Ricreativa pensata per ospitare bambini affetti da patologie gravi o croniche nel periodo di post ospedalizzazione e/o in fase di remissione dalla cura; qui minori che convivono con la malattia possono praticare attività ludiche e sportive: è un’esperienza di svago, divertimento, relazione e socialità in un ambiente naturale e protetto.

Dove e quando: sabato 7 e domenica 8 ottobre dalle 10.00 alle 20.00 alle porte di Modena, presso il club la Meridiana, Via Sant’Ambrogio 66, a Casinalbo.
Quanto: Il prezzo del biglietto varia a seconda delle attività a cui si sceglie di partecipare.

Tutte le informazioni e il regolamento si trovano sul sito www.cuochiperungiorno.it.
Infoline e prenotazioni: La Bottega di Merlino, tel. 059.212221 www.cuochiperungiorno.it

Ricette – Simone Rugiati per Häagen-DazsTM

PRODOTTI SANI E GENUINI DA PICCOLI PRODUTTORI DEL NORD DELLA FRANCIA

Le ricette ideate da Simone Rugiati
per Häagen-DazsTM

 – Häagen-DazsTM non smette mai di stupire.

E per l’estate 2017 presenta le gustose ricette ideate dallo chef Simone Rugiati.

UN GELATO BUONISSIMO E SANO CHE SEMBRA UN POMODORO CON MOZZARELLA

Il gelato #buonodentro si traveste da salato per sorprendere gli ospiti con creazioni straordinarie.

Illusione di Pomodorino alla fragola con spuma di burrata e basilico fresco preparato con Häagen-DazsMT strawberries & cream e Bon Bon di vaniglia al cioccolato bianco con succo di piselli alla menta preparato con il classico Vanilla: il dolce incontra il salato per un piacere fresco e naturale.
ILLUSIONE DI POMODORINO ALLA FRAGOLA CON SPUMA DI BURRATA E BASILICO FRESCO

Foto: il piatto preparato da Simone Rugiati.

Ingredienti finger food per dieci persone

430gr gelato Häagen-DazsMT strawberries & cream
1 lt salsa pomodoro
14gr gelatina K E407
10 foglie di basilico fresco
300gr burrata
200gr latte fresco
olio EVO
10 pincioli di pomodoro datterino
300gr pane grattugiato grossolanamente
50gr polvere di pomodoro
sale qb

Preparazione

In una pentola miscelare, con l’aiuto di una frusta, la salsa di pomodoro insieme alla gelatina K.
Riempire di gelato le mezze sfere di silicone del diametro di 3cm.
Congelare a -18.
In un frullatore a campana emulsionare il latte con la burrata, regolare di sale fino ad ottenere una crema liscia e fluida, caricarla in un sifone.
Saltare il pane grattugiato con olio extravergine in una padella, renderlo croccante e mischiarlo alla polvere di pomodoro.
Unire le mezze sfere di gelato per ottenere una pallina rotonda.
Infilzare con uno stuzzicadente, immergere le sfere nella soluzione di pomodoro.
Lasciare i pomodorini a temperatura ambiente per 10 minuti. Servire in una fondina con alla base il pane croccante, il pomodoro con il relativo pinciolo, foglie di basilico fresco e spuma di burrata.

UN APERITVO CHE NON SI DIMENTICA 

scenografico e buonissimo !

BON BON DI VANIGLIA AL CIOCCOLATO BIANCO CON SUCCO DI PISELLI ALLA MENTA

Ingredienti finger food per dieci persone
430g gelato Häagen-DazsTM Vanilla
200g piselli freschi
10 foglie di menta fresca
olio EVO
sale qb
500gr cioccolato bianco

Preparazione
In una pentola sciogliere il cioccolato a fiamma dolce.
Sbianchire i piselli freschi ed emulsionarli in un frullatore a campana insieme alla menta fresca, fino ad ottenere una salsa liscia ed omogenea, raffreddare.
Riempire di gelato le mezze sfere in silicone.
Congelare a -18.
Unire le mezze sfere di gelato per ottenere una pallina rotonda.
Infilzare con uno stecco.
Immergere le sfere nella cioccolata a temperatura di 60°C.
Servire il bon bon con a parte il bicchierino shot di succo di piselli alla menta.

 

CIBO CRUDO : SOLO CON GRANDE ATTENZIONE !

Premesso che non vogliamo demonizzare il cibo crudo; che a noi piace moltissimo.

In realtà ci pare corretto informare dei possibili pericoli al fine di mettere in atto quelle cautele che ci permettano di avvicinarci al cibo crudo con sicurezza.

Il cibo crudo va di moda, soprattutto grazie alla cucina giapponese che ci ha reso familiari parole come il sushi.

Anche la nostra cucina mediterranea prevede l’uso della carne e del pesce crudo.  Basti pensare alla tartare e ai frutti di mare serviti crudi.

La prima regola è che in estate l’attenzione deve essere ancora più severa.  Il caldo aumenta i pericoli.

Il pesce crudo, che deve essere freschissimo (ovvio), ma non solo, ci deve essere un serio abbattimento termico nel surgelatore o nell’abbattitore prima del consumo; esattamente come prevede al legge. In caso contrario potrebbero essere presenti epricolosi batteri.

E’ comunque regola generale mangiare pesce o carne cruda solo in un ristorante che si conosca molto bene, o che sia di un tale livello o di frenquentazione, per cui non avrebbe interesse a danneggiare il cliente.

Il primo segnale positivo è un ristorante sempre affollato; denuncia un buon ricambio di merce.

Se non possiamo permetterci ristoranti costosi e non abbiamo un ristorante di assoluta fiducia, è meglio riservare il crudo per una preparazione casalinga.

Carni particolarmente pregiate sono già un buon indizio di sicurezza, infatti a causa dei costi non avrebbe senso risparmiare sull’igiene.

Pesce crudo

I molluschi bivalvi (cozze, vongole ecc…) trattengono organismi e microorganismi patogeni, che possiamo uccidere con la cottura.

Pericoli da conoscere per evitarli con il buon senso, non per farsene un’ossessione:

Anisakis (SI ELIMINA CON IL CONGELAMENTO a -20 per 24 ore)

Epatite virale

Salmonella (febbre tifoide e salmonellosi)

Colera

Escherichia Coli (infezione tossica da coliformi fecali: fogne)

Vibrio Parahaemoliticus (riguarda solo il Giappone)

ANISAKIS:

l’anisakis è un organismo presente in forma larvale solo nell’intestino del pesce

l’anisakis non è in grado di perforare l’intestino dei pesci ancora vivi

ma al momento della morte del pesce il parassita può migrare all’interno dei muscoli dell’animale

VA RICORDATO CHE:

l’eviscerazione immediata non cancella la possibilità di parassitosi come con la difillobotriasi (tenia del pesce) e l’infestazione da Clonorchiasi sinensis. 
L’uomo si può infettare alimentandosi di larve plerocercoidi contenute nelle carni dei pesci malati come può accadere nel salmone. Ma, ripetiamo, se abbattuto a -20 per 24 ore NON ci sono pericoli.
La malattia da Clonorchiasi (Opistorchiasi) sinensis è causata da un verme piatto in grado di infestare sangue, polmoni e fegato. 

-Sono specie molto diffuse in Asia ( Cina, Corea, Giappone e parte del Sud-Est Asiatico); si parla di 80 milioni di infettati.

-Comunque questi problemi sono molti presenti soprattutto nei paesi tropicali.

 
 
 

Salute – Würstel – hamburger – salumi sono cancerogeni

Cosa date da mangiare a figli e nipoti ?

Le carni lavorate per l’ Organizzazione mondiale della Sanità sono ad alta pericolosità.

Le carni lavorate ( würstel, hamburger, salami ecc… ), sono causa di cancro non meno delle sigarette, benzene, amianto, arsenico e alcol.

Quando si acquistano wurstel o altri alimenti che contengono ripieni a base di carne (tortellini, sughi, lasagne, polpette, ecc…) o piatti pronti conviene sempre leggere l’elenco degli ingredienti sull’etichetta e preferire quelli che non usano carne separata meccanicamente ( più sotto la spiegazione di “ carne separata meccanicamente ” !!! ).

Ma come sempre attenzione agli
ALLARMISMI INGIUSTIFICATI !!!

Molti medici sostengono che dipende sempre dalla quantità.

Un piatto o due di salumi alla settimana, non ha mai fatto male a nessuno.

Diverso è, se abbiamo l’abitudine di cenare e/o pranzare con hamburger, würstel, preparazioni e salse a base di carne e salumi.

La carne rossa fresca, è meno pericolosa dei lavorati, ed è classificata, nella ricerca di cui sopra, solo come “probabile cancerogena per l’uomo”. In realtà gli oncologi italiani consigliano solo di mangiarne poca, non di non mangiarla in assoluto.

La classificazione di cui sopra, è apparsa sulla rivista The Lancet Oncology.

Si chiamano “lavorate” o “processate” tutte le carni che subiscono trattamenti per la loro conservazione come: conservanti chimici, affumicatura, essicazione o salatura.

Si dicono carni lavorate: carne in scatola, salsicce, bresaola, affettato di tacchino/pollo, salame, coppa, mortadella, würstel, ripieni, salse a base di carne, piatti pronti con carni  …

DI COSA SONO FATTI molti würstel e ripieni di carne ?

Ecco cosa scrive, a proposito dei contenuti dei würstel , un noto quotidiano:

— “ impasto” ottenuto mediante un procedimento industriale che mira a recuperare la maggior quantità possibile di carne dalle ossa degli animali macellati (fino a qualche anno fa destinate alla discarica o alle aziende specializzate nella produzione di cibo per animali) … le carcasse di pollo e le ossa carnose di suino o coniglio vengono raccolte e trasferite in una macchina che le spreme, facendo uscire da una parte una “pasta” dal colore rosa e dall’altra  le ossa sminuzzate e pressate … !!!

Secondo  Giordano Iotti, medico veterinario dell’Azienda USL di Modena, intervenuto sull’argomento nel corso della Convention sulla sicurezza alimentare Sicura 2011,

— «il documento europeo evidenzia una certa ambiguità sulla definizione di carne separata meccanicamente nei diversi Stati. In alcune situazioni è possibile che quella a bassissima pressione venga usata per preparazioni crude al posto della carne macinata, senza dichiarazioni in etichetta. L’evoluzione tecnologica, con macchinari sempre più sofisticati, permette ormai di ottenere carne separata meccanicamente con un aspetto molto simile alla carne macinata. Questo vuol dire che la legislazione in materia risulta obsoleta».

«Quando la carne separata meccanicamente è dichiarata in etichetta, possiamo stare tranquilli. Se invece non è dichiarata, è possibile che ne siano state usate comunque piccole quantità, visto che l’impiego del 20% di carne ottenuta da lavorazioni a bassa pressione non è rilevabile attraverso l’esame istologico».”
Da: http://www.ilfattoalimentare.it/carne-separata-meccanicamente-standard-igienici-europa-pollo-maiale-wurstel.html

UNA BELLA CONSOLAZIONE:

-gli italiani, secondo Assocarni e Assica (Associazione industriali delle carni e dei salumi), mangiano in media due volte la settimana 100 grammi di carne rossa e 25 grammi al giorno di carne trasformata. Questo consumo, secondo l’industria alimentare, è meno della metà dei quantitativi considerati potenzialmente a rischio cancerogeno.

Ricordiamo infine cosa disse l’oncologo Umberto Veronesi :

-«il consumo di carne andrebbe eliminato del tutto, per motivi etici ed ambientali».

Salute – Il glifosato può alterarne il mosto e non fa bene alal salute

Finora l’impatto dell’erbicida sul potenziale fermentativo del mosto d’uva non era mai stato indagato.

Il glifosato è il principio attivo del Round-Up, l’erbicida più utilizzato al mondo perché tiene puliti i filari dalle piante parassitarie.

L’erbicida può rivelarsi utile per la vita del campo.

Ma il suo impiego non resta senza effetti perché, oltre ad inquinare il terreno e ad avere potenziali effetti negativi sulla salute dell’uomo, richiede la programmazione di trattamenti supplementari in vigna con lo scopo di limitare i suoi effetti negativi anche sul mosto dell’uva.

Ricerca sul Gewürztraminer: il controllo delle malerbe con glifosato può alterarne il mosto.

Cattive notizie per i viticoltori che usano glifosato. Il principio attivo, molto usato per il controllo delle malerbe sulle file, potrebbe alterare la qualità del mosto prodotto.

È la conclusione a cui sono giunti ricercatori della Facoltà di Scienze e Tecnologie dopo uno studio sulla fermentabilità di uve di Gewürztraminer.

 La ricerca è stata effettuata dal gruppo di ricerca del prof. Matteo Scampicchio, professore di Scienze e Tecnologie alimentari alla Facoltà di Scienze e Tecnologie, in collaborazione con il gruppo di chimica agraria – diretto dai prof. Stefano Cesco e Tanja Mimmo – che ha ideato la prova e realizzato i trattamenti con il glifosato in campo. Finora, l’impatto dell’erbicida sul potenziale fermentativo del mosto d’uva non era mai stato indagato.

Quattro filari di Vitis vinifera L. cv Gewürztraminer sono stati trattati in maniera distinta:

uno con glifosato,

uno con glifosato e urea,

uno esclusivamente con urea

-e l’ultimo in cui non è stato aggiunto nulla e usato come controllo.

Dopo la raccolta, le uve sono state torchiate con una pressa da laboratorio e ai mosti ottenuti è stato quindi aggiunto il lievito.

“Normalmente, i lieviti trovano nel mosto d’uva tutte le fonti di azoto e carbonio necessarie per la loro crescita e per condurre la fermentazione”, afferma Scampicchio, “Tuttavia, quando il mosto d’uva è carente di alcuni amminoacidi essenziali, il lievito va in difficoltà e la fermentazione fatica maggiormente a partire”.

In questo lavoro sono state studiate le cinetiche di fermentazione dei mosti mediante una tecnica innovativa che si chiama “calorimetria isotermica”. “In laboratorio, abbiamo 24 micro-reattori che permettono di misurare il calore sprigionato dai lieviti durante la fermentazione nel mosto.

Dal confronto dei tracciati, possiamo individuare in quali condizioni il lievito cresce più velocemente e, invece, in quali è in maggiore difficoltà”, sottolinea il docente.

Ciò che i ricercatori del laboratorio di Scienze e Tecnologie alimentari della Libera Università di Bolzano hanno potuto osservare è che nei mosti ottenuti da uve trattate con l’erbicida, il calore sprigionato durante la fermentazione si riduce notevolmente. “Il glifosato è il principio attivo del Round-Up, l’erbicida più utilizzato al mondo perché tiene puliti i filari dalle piante parassitarie. Tuttavia ha un effetto devastante sulla qualità dell’uva perché interrompe la sintesi degli amminoacidi essenziali aromatici quali la fenilalanina, tirosina, e triptofano”, spiega Scampicchio, “I risultati delle nostre misurazioni mostrano l’effetto negativo che l’uso dell’erbicida ha sulla composizione in amminoacidi della bacca d’uva e sulla fermentabilità del mosto risultante”.

Lo studio ha però anche dimostrato che questi effetti indesiderati possono essere bilanciati dai trattamenti d’urea che vengono effettuati in vigna.

L’erbicida può rivelarsi utile per la vita del campo. Ma il suo impiego non resta senza effetti perché, oltre ad inquinare il terreno e ad avere potenziali effetti negativi sulla salute dell’uomo, richiede la programmazione di trattamenti supplementari in vigna con lo scopo di limitare i suoi effetti negativi anche sul mosto d’uva”, aggiunge Scampicchio.

In moltissime coltivazioni, la pratica agronomica basata sull’impiego di erbicidi quali il glifosato ha rimpiazzato il controllo meccanico delle malerbe e ha portato indubbi effetti positivi sui livelli delle rese dei raccolti. “Poiché per la nostra prova le foglie delle piante di vite non sono entrate in contatto diretto con l’erbicida, appare evidente la possibilità che il composto chimico, tal quale o parzialmente metabolizzato, possa influenzare l’uva passando dalle malerbe alla vite attraverso un processo di trasferimento pianta-suolo-pianta, influenzando, di conseguenza, l’uva”, precisano Stefano Cesco e Tanja Mimmo.

La ricerca è stata condotta al Freisingerhof di Termeno (Bolzano) che ha permesso ai ricercatori di applicare la pratica agronomica del controllo delle malerbe con glifosato su alcune file di vite.

Carbonara con guanciale o pancetta ? Penne o rigatoni? Festival della carbonara

Chiunque potrà  cimentarsi nella preparazione della sua carbonara …

SOLO PER VERI GOLOSI !!!

Prima regola per una buona carbonara:

evitare che il tuorlo si rapprenda e assuma la consistenza dell’uovo strapazzato … più sotto la ricetta della Cucina Italiana.

Con l’uovo a crudo o in cottura?

Guanciale o pancetta? 

Con un tocco di latte per renderla più cremosa, pecorino fresco a volontà o parmigiano?

Penne o rigatoni?

Con il pesce o con le verdure di stagione? Stiamo parlando della carbonara.

NON ESISTE UNA REGOLA, MA MILLE VARIANTI; alcune ottime, altre meno.

Tutti vi diranno che la loro è la unica vera carbonara ….

Rimangono invece degli obblighi come: L’UOVO NON DEVE ESSERE TROPPO COTTO !!!

LA RICETTA DELLA CUCINA ITALIANA:

Per la ricetta della carbonara classica, tagliate il guanciale a fette spesse circa 0,5 cm, dunque a listerelle lunghe 5 cm.

Mescolate i tuorli con i formaggi grattugiati e un pizzico di pepe. A piacere potete aggiungere 2 cucchiai di latte per rendere ancora più cremoso il risultato finale.

Scaldate in una padella un cucchiaio di olio e rosolatevi il guanciale a listerelle per circa 2’, fino a che non sarà croccante, spegnete il fuoco e lasciate intiepidire.

Cuocete la pasta in abbondante acqua salata; tenete da parte un mestolo di acqua di cottura, quindi scolate la pasta al dente.

Versate l’acqua calda tenuta da parte nella padella con il guanciale intiepidito: questa operazione manterrà la pasta umida.

Trasferite la pasta nella padella e mescolate.

Unite alla pasta anche il composto di tuorli e formaggio

amalgamando velocemente.

La padella ancora tiepida e la pasta calda cuociono leggermente le uova rendendole cremose. È importante compiere queste operazioni velocemente per evitare che il tuorlo si rapprenda e assuma la consistenza dell’uovo strapazzato.

Insaporite con il pepe nero macinato e servite immediatamente nei piatti ben caldi.

Sino al 25 giugno Eataly Roma ospita il Festival della carbonara.

Gara tra ristoranti, ma non solo:

chiunque potrà  cimentarsi nella preparazione della sua carbonara mentre i più piccoli potranno sbizzarrirsi, guidati da Rossella Nalin, nella realizzazione del Corn Dog, una rivisitazione, con gli ingredienti della carbonara, della pietanza americana.

Il piatto per eccellenza della tradizione culinaria laziale, nato come ricetta popolare, caratterizzato da ingredienti poveri e diventato negli anni un piatto pregiato, riguardo la cui preparazione è stato scritto e sperimentato tantissimo.

Dalle origini alle rivisitazioni

A Roma ogni trattoria ha la «sua» carbonara.

Sino al 25 giugno Eataly Roma ospita il Festival della carbonara: con contest e sfide a colpi di uova e guanciale (ma non solo) per aggiudicarsi il titolo di «miglior carbonara».

Da: http://www.lacucinaitaliana.it/ricetta/primi/carbonara-classica/#step-1 

Weekend da veri golosi intenditori – MANTOVA GOLOSA – Dal tortello al lambrusco a Matilde di Canossa

MANTOVA GOLOSA 

Fiera Millenaria di Gonzaga

https://www.fieramillenaria.it

Storica manifestazione agricola che si terrà a Gonzaga

dal 2 al 10 settembre 2017

da non perdere !

Abbiamo assistito all’ anteprima presso la Factory House del famoso chef toscano  Simone Rugiati

Abbiamo visto preparare  alcuni cibi mantovani e li abbiamo assaggiati insieme a  salumi, formaggi, mostarde, salse e vini; non li dimenticheremo !

Siamo riusciti anche ad apprendere molto, anche per la nostra salute.

Ora è anche possibile viaggiare nella cultura mantovana, con tour organizzati o magari seguire le strade del Parmigiano (www.parmigiano-reggiano.it), ma anche quelle del riso, del vino ….  e scoprire perché i Gonzaga furono amanti dell’arte, ma anche della buona tavola.

APPUNTAMENTO A MANTOVA DAL 2 SETTEMBRE 2017; da segnare subito in agenda

::::::::::::::::::::::::

Risotto alla zucca amntovana con zenzero, spuma di Parmigiano Reggiano e spalla cotta; ricetta ed esecuzione di Simone Rugiati

Ecco lo chef Simone Rugiati, che mescola il riso nella pentola facendolo “volare”.

::::::::::::::::::::::::

TORTELLI DI ZUCCA

Pasta e sfoglia lavorati a mano !

1 uovo per ogni 100 gr. di farina è la regola base.

Un maestro pastaio con mani esperte impasta rapidamente.

La sfoglia di pasta si può colorare con verdura varia.

:::::::::::::::::::

PANE – PANE – PANE – VERO – VERO – VERO -VERO !!

Il pane fatto  con il lievito madre, la lunga lievitazione e una farna senza adittivi, è un pane che ci aiuta a vivere sani.

NON sono solo le modifiche delle spighe (per adattarle alle nuove trebbiatrici), NEMMENO solo l’eccesso di glutine (sempre per adattarlo alle macchine che preparano la pasta industriale), ma è anche IL LIEVITO DI BIRRA il COLPEVOLE di tutte quelle “intolleranze”, gonfiori, ma anche salute cagionevole …

Perché il lievito di Birra? E’ l’unico modo per poter preparare il pane il giorno prima e poi cuocerlo la notte per servirlo fresco al mattino.

Il lievito madre, invece, obbliga a lunghissimi tempi di preparazione.

Il maestro del pane presente alla manifestazione ci ha spiegato che il Lievito di Birra contiene quantità di lievito enormemente superiori rispetto al lievito madre.

Il Lievito di Birra nello stomaco e nell’intestino distrugge tutta la flora batterica presente (la flora serve per digerire e ben assimilare i cibi); da qui problemi digestivi e intestinali, ma anche di salute in generale.

Nello stomaco, la giusta quantità di succo gastrico, composto dall’enzima pepsina, acido cloridrico e muco; digerisce bene se le sostanze addette alla digestione NON vengono DISTRUTTE (come fa il lievito di birra).

Nell’intestino umano SANO dovrebbero albergare infatti circa 400 specie batteriche. Inoltre, nel nostro intestino sono presenti miceti, clostridi e virus che non sono affatto pericolosi; se tutto funziona come dovrebbe. Se la flora batterica e l’organismo vivono in armonia si può anche parlare di buona salute e facile digestione e assorbimento dei primncipi nutrienti, con conseguente sana e regolare espulsione di quanto non serve.

Vedi e acquista farina e pane da: http://molinomagri.com

IL SEGRETO PER MIGLIORARE LA DIGESTIONE: mangiare sano !

Molino Magri S.r.l. Strada Mantova 13, Marmirolo MN, 46045 Marmirolo MN

Produzione e Vendita Farine

Tel. +39 0376 466022 – Fax +39 0376 467981

::::::::::::::::::::::

I SALUMI …

Ciccioli

La cipolla di Sermide e il suo museo

www.prodottoinfattoria.it

www.agriturismomantova.it

::::::::::::::::::::::::

VINO – LAMBRUSCO – LAMBRISCO – VINO 

Da troppo tempo sottovalutato e non conosciuto nelle sue qualità migliori

Durante la manifestazione abbiamo bevuto un Lambrisco di alta qualità e lo stesso chef  Simone Rugiati ha auspicato che tutti i ristoranti conoscano e propongano il Lambrusco di qualità. Un vino dal prezzo non alto; peccato non servirlo. Invece di propore Lambrischi scadenti; come spesso accade !!!

Lambruschi di alta qualità.

Consorzio vini mantovani, www.vinimantovani.it

Cantine di Quistello (MN), www.cantinasocialequistello.it

::::::::::::::::::

DELIZIOSI FORMAGGI e MOSTRADE

Di capra, di pecora, di mucca, stagionati, freschi e “speciali”, ma sempre sicuri della alta qualità; vera!

Proposti da COSE BUONE; un luogo dove assaggiare e comprare specialità e formaggi; non solo per l’aperitivo, Piazza  Mazzini 13, Polesine (Mantova).

I formaggi da noi assaggiati si trovano da: allevamentocaprino@invind.it

:::::::::::::::::::::::

WEEKEND ORGANIZZATI  

Due o più girorni guidati nella cultura e nella gastronomia mantovane.

I VIAGGI DEL GUSTO

Dalla strada del riso, alla splendida Sabbioneta, da Castel Goffredo, ma sempre passando dalla splendida e golosa MANTOVA.

Prenotazioni: www.ontheroadtravel.it 

MANTOVA GOLOSA