Archivi categoria: RICETTE DIETE CIBI SANI CIOCCOLATO E…

Ricette, cibi sani, il cioccolato e la sua storia, menù disintossicante, ottime ricette per la dieta, ristoranti & bistrò.

Slow Food Milano – I corsi d’autunno

Cucinare – imparare – divertirsi

Panificazione, Fish Shopping e Spezie:

-le proposte di Slow Food Milano per imparare a “mangiarli e comprarli giusti”.

Con l’arrivo dell’autunno ripartono le attività della Condotta di Slow Food Milano presso la sede di via Piranesi 12, ospitata all’interno dei Frigoriferi Milanesi.

Oltre all’appuntamento ormai fisso del giovedì per coloro che fanno la spesa tramite L’Alveare che dice Sì! (progetto a cui Slow Food Milano ha aderito lo scorso maggio e che unisce tecnologia e agricoltura sostenibile favorendo lo scambio diretto fra produttori e consumatori), arriva un programma di appuntamenti formativi studiati per i nostri soci e per tutti coloro che desiderano imparare e scoprire i segreti del cibo secondo la filosofia del “buono, pulito e giusto”: dal corso di panificazione domestica per apprendere come usare il lievito madre a casa a una vera e propria lezione itinerante presso i banchi del pesce della nostra città per scoprire cosa comprare e perchè, passando attraverso il mondo affascinante delle spezie in diversi appuntamenti dedicati a diverse aree geografiche.

SETTEMBRE

25 e 26 Settembre 2017, ore 19
Corso base di panificazione domestica con Niccolò Grazioli del Panificio Grazioli

Il corso è pensato per essere suddiviso in due lezioni di circa due ore e mezza, nelle quali si tratteranno i principali argomenti relativi alla panificazione domestica, con l’obiettivo di fornire un insieme di nozioni, trucchi e chiarimenti al fine di rendere la panificazione alla portata di tutti.
Nel modulo verranno approfondite tematiche come il lievito madre, i rinfreschi e la conservazione nel tempo; l’utilizzo e alcuni trucchi per riportare il Ph al giusto livello. Inoltre verranno illustrate altre tecniche di panificazione quali l’autolisi, la biga a lunga lievitazione e i polish.
Nel secondo modulo invece si tratteranno temi quali la catalogazione e la suddivisione delle varie farine e le lavorazioni che più si prestano per esse, i vari tipi di cereali, la fase di impastamento e cottura del pane.
Costo: 50 euro per i soci SF, 65 euro per i non soci (tessera Slow Food in omaggio)

30 Settembre 2017, ore 10

Visita guidata ai  banchi del pesce con Roberto Di Lernia
Rivolto a tutti coloro che almeno una volta si sono chiesti “che pesci prendere”, l’incontro ha l’obiettivo di verificare insieme ad un gruppo di persone interessate all’acquisto di prodotti della pesca, nei diversi punti vendita, la facilità con cui partendo da un “buon acquisto” si possa passare ad un piatto di piena soddisfazione. Slow Food da anni pone la questione del “buono, pulito e giusto” nei consumi ittici: sul pescato ed il suo utilizzo sono state prodotte diverse guide di cui l’ultima “Pesce” (di Cinzia Scaffidi, Slow Food Editore) ben descrive la problematica e i relativi temi di sostenibilità; il volume, coerentemente corredato da una serie di ricette tratte dalla tradizione della cucina italiana, verrà dato in omaggio ai partecipanti e servirà da testo base durante la visita.

Il progetto prevede che operativamente un gruppo minimo di 8 persone e un massimo di 15, accompagnate da un biologo, compiano delle osservazioni comparative sulla qualità, biodiversità, sostenibilità e piacevolezza al palato in diversi punti vendita dell’area milanese.

Come tipologia di questi vengono identificati: a)- la pescheria di alta qualità o presunta tale, b)- il banco pesce di un grande supermercato, c)- la bancarella di un mercato rionale. L’osservazione in parallelo metterà in evidenza le costanti e le varianti ed il relativo confronto prezzi.
L’appuntamento è per le ore 10 presso il mercato comunale di Piazza Wagner davanti ai banchi pesce della struttura; successivamente, e con breve percorso a piedi, ci si recherà nella vicina via Washington presso il supermercato Esselunga. Oltre ai confronti sul “fresco” nel supermercato si porrà l’attenzione anche sul “surgelato” ed il conservato.
Costo:  € 20,00 soci Slow Fod, € 25,00 non soci (libro in omaggio per tutti)

OTTOBRE

12 Ottobre 2017, ore 19

India: primo incontro di cucina e cultura speziale con Eleni Pisano
Al fine di avvicinarsi a un nuovo approccio al cibo e ancora prima alla selezione degli ingredienti è necessario capire da dove vengono e quali sono i benefici che danno al corpo e alla mente, perché l’antico detto Mens sana in corpore sano continua ad essere di assoluta contemporaneità. Il corso realizzato con la collaborazione della cheffa e foodwriter Eleni Pisano si propone di raccontare il mondo delle spezie, la loro storia, gli evidenti e riconosciuti benefici per la salute e l’uso pratico in cucina. Eleni ama realizzare i suoi incontri mischiando narrazioni, testimonianze, selezione e presentazione dei prodotti, tecniche di preparazione e conservazione e molta creatività.
Il primo dei quattro appuntamenti previsti è dedicato all’India, la culla delle spezie, dove nasce la cultura dell’uso delle spezie come alleate di benessere e di gusto. Dagli ayurveda (testi sacri) sino al riconoscimento istituzionale dell’importanza di usare le spezie in cucina. Ricette in programma: riso Pulaoo con verdure al curry dolce servito con raita, Pane indiano Chapati con lenticchie rosse coriandolo in semi e limone; Dolci di riso con latte e spezie servito con Chai Indiano.
I prodotti utilizzati nel corso  provengono dai presidi Slow Food. Le spezie sono selezione da produttori certificati.
Costo: 25 euro soci Slow Food, 30 euro non soci.

23 e 24 Ottobre 2017, ore 19
Corso base di panificazione domestica con Niccolò Grazioli del Panificio Grazioli
Il corso è pensato per essere suddiviso in due lezioni di circa due ore e mezza, nelle quali si tratteranno i principali argomenti relativi alla panificazione domestica, con l’obiettivo di fornire un insieme di nozioni, trucchi e chiarimenti al fine di rendere la panificazione alla portata di tutti.
Nel modulo verranno approfondite  tematiche come il lievito madre, i rinfreschi e la conservazione nel tempo; l’utilizzo e alcuni trucchi per riportare il Ph al giusto livello. Inoltre verranno illustrate altre tecniche di panificazione quali l’autolisi, la biga a lunga lievitazione e i polish.
Nel secondo modulo invece si tratteranno temi quali la catalogazione e la suddivisione delle varie farine e le lavorazioni che più si prestano per esse, i vari tipi di cereali, la fase di impastamento e cottura del pane.
Costo: 50 euro per i soci SF, 65 euro per i non soci (tessera Slow Food in omaggio)

28 Ottobre 2017, ore 10
Visita guidata ai banchi del pesce con Roberto Di Lernia
Rivolto a tutti coloro che almeno una volta si sono chiesti “che pesci prendere”, l’incontro ha l’obiettivo di verificare insieme ad un gruppo di persone interessate all’acquisto di prodotti della pesca, nei diversi punti vendita, la facilità con cui partendo da un “buon acquisto” si possa passare ad un piatto di piena soddisfazione. Slow Food da anni pone la questione del “buono, pulito e giusto” nei consumi ittici: sul pescato ed il suo utilizzo sono state prodotte diverse guide di cui l’ultima “Pesce” (di Cinzia Scaffidi, Slow Food Editore) ben descrive la problematica e i relativi temi di sostenibilità; il volume, coerentemente corredato da una serie di ricette tratte dalla tradizione della cucina italiana, verrà dato in omaggio ai partecipanti e servirà da testo base durante la visita.
Il progetto prevede che operativamente un gruppo minimo di 8 persone e un massimo di 15, accompagnate da un biologo, compiano delle osservazioni comparative sulla qualità, biodiversità, sostenibilità e piacevolezza al palato in diversi punti vendita dell’area milanese. Come tipologia di questi vengono identificati: a)- la pescheria di alta qualità o presunta tale, b)- il banco pesce di un grande supermercato, c)- la bancarella di un mercato rionale. L’osservazione in parallelo metterà in evidenza le costanti e le varianti ed il relativo confronto prezzi.
L’appuntamento è per le ore 10 presso la pescheria “Pesce vivo” in via Sammartini, zona Stazione Centrale. Successivamente verranno visitate altre rivendite di pesce in zona (da definire).
Costo:  € 20,00 soci Slow Fod, € 25,00 non soci (libro in omaggio per tutti)

Per info e iscrizioni: Francesco | +39 334 1753131| milanoslowfood@gmail.com

 

PIZZA PIZZA PIZZA – Segreti di una buona pizza

Per principianti

Non vi diamo una ricetta della pizza, ne trovate di ottime in internet, ma vi vogliamo svelare alcuni importanti particolari per un’ottimo risultato.

Fondamentale è la temperatura ambiente, sarà più facile avere una buona lievitazione in estate.

Se avete una cucina fredda, l’impasto subirà degli sbalzi termici che possono gravemente danneggiare la lievitazione; lavorare l’impasto in un ambiente più caldo può fare la differenza.

Il sale è un antagonista del levito, quindi non mettete mai lievito e sale insieme.

Meglio aggiungere il sale dopo avere già mescolato una parte della farina con il lievito.

Sull’impasto che deve lievitare è opportuno mettere un panno umido; previene l’evaporazione.

Il meglio sarebbe poter appoggiare la pizza da cuocere nel forno elettrico su di una pietra refrattaria invece che la solita teglia da forno (si crea così la condizione ideale per la cottura della pizza).

Cuocere la pizza in forno dove avete preventivamente inserito, sul fondo, una pentola con acqua (nel forno ci sarà così  una umidità ideale).

Il forno deve essere MOLTO caldo !

Usate solo prodotti di qualità.

Weekend gourmet e Gubbio – STAGIONE DEL TARTUFO

Gubbio ospita la MOSTRA MERCATO DEL TARTUFO BIANCO

36esima edizione della Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco

CHE LA STAGIONE DEL TARTUFO ABBIA INIZIO!

Dal 26 ottobre al 2 novembre 2017, il tartufo bianco locale sarà il protagonista all’interno di uno dei borghi medievali più suggestivi d’Italia!

Dal 26 ottobre al 2 novembre Gubbio ospita la MOSTRA MERCATO DEL TARTUFO BIANCO e di tutti i prodotti agro-alimentari autoctoni, un’occasione unica e imperdibile che offre a tutti gli avventori la possibilità di scoprire le ricchezze, le risorse e le tipicità del territorio, dall’ambiente all’artigianato, dalla cultura all’arte, dall’agricoltura alla gastronomia.

Per l’occasione, Park Hotel Ai Cappuccini si prepara ad accogliere i foodies di tutto il mondo: circondato da splendidi paesaggi naturali l’ex convento di frati cappuccini è il luogo ideale per assaporare i piatti della tradizione umbra fra cui il tartufo.

Si tratta di un appuntamento di assoluto rilievo tra le rassegne autunnali, sia per la straordinaria qualità del tartufo bianco locale (Tuber Magnatum Pico) e delle altre prelibatezze presenti negli spazi espositivi (formaggi di pascolo, norcinerie, carni selezionate, olio, miele, dolci tradizionali etc…), sia per la prestigiosa collocazione nel cuore del centro storico di Gubbio.

La 36esima edizione della Mostra Mercato Nazionale del Tartufo Bianco è dedicata al gusto, alla cultura, e all’artigianato e rappresenta un’occasione imperdibile per gli amanti del travel food.

Le 8 giornate prevedono numerosi appuntamenti imperdibili, fra cui degustazioni guidate, dimostrazioni, la mostra dell’artigianato artistico locale, concerti e spettacoli.

::::::::::::::::::::::::::

Per chi vuole

DORMIRE NEL LUSSO 

Immerso nella quiete di un vasto parco di alberi secolari, Park Hotel ai Cappuccini è il luogo dove passato e futuro si fondono in un connubio unico e indimenticabile.

Un tempo antico monastero di frati cappuccini, oggi è uno splendido Resort & SPA che accoglie i suoi ospiti in un ambiente unico avvolto in un’atmosfera di pace.

Pacchetti 2 notti a partire da € 374 per persona comprende:

  • 2 pernottamenti in camera doppia con piccola colazione a buffet
  • 1 cena gourmand tipica con proposte di piatti al tartufo
  • 1 Ingresso al “Cappuccini Wellness & SPA” con libero accesso, piscina Acque emozionali, vasca baby e nuoto controcorrente, area idromassaggio a 30°, palestra con area cardio-fitness e power-training. Percorso con saune finlandesi, bagno turco, bagno mediterraneo, docce emozionali, wasser paradise, area relax con angolo tisane

• percorso Acque: sala vasche idromassaggio con vasca a forma di arca con acqua addizionata di potassio e magnesio, vasca circolare idrojet e vasca talasso
• 1 trattamento corpo detossinante “Terre d’Umbria” della durata di 1 ora ( un impacco speciale preparato con fanghi ricchi di proprietà nutritive che viene applicato su tutto il corpo dopo un’accurata stimolazione della microcircolazione)

Info: www.parkhotelaicappuccini.it
Indirizzo: Via Tifernate, 06024 Gubbio (Perugia) Tel: 075 9234

Formaggi a latte crudo senza frontiere

DOPO LA FIERA CHEESE

Diciassette testimonianze dai cinque continenti: casari, affinatori, produttori ed esperti hanno preso parte agli Stati Generali, il più importante incontro internazionale sui formaggi a latte crudo.

A partire dagli Stati Uniti. Fino a pochi anni fa i produttori americani dovevano lottare contro una legge che vietava l’utilizzo del latte crudo. Dopo anni di battaglie, anche grazie a Slow Food USA quel divieto è caduto in diversi stati, tra cui il Wisconsin da cui proviene Andy Hatch, produttore del Presidio Slow Food: «Ogni giorno lavoro per offrire sapori più autentici e complessi, ma c’è ancora molto da fare perché i formaggi della mia fattoria siano riconosciuti sul mercato».

In Australia la battaglia è ancora più difficile. Nel Paese di Kris Lyiod fino al 2013 la produzione di formaggi a latte crudo era vietata. Da allora qualcosa si è mosso, grazie anche al suo impegno. «In Australia dovremmo federarci per avere più forza e proporre i nostri prodotti».

Dal Sudafrica arriva l’esperienza di Brian Dick formaggiaio e referente di Slow Food Raw Milk Cheese. «In Sudafrica abbiamo una decina di produttori che usano latte crudo» racconta, «ma i problemi in questo momento sono ben altri. A causa del cambiamento climatico e della siccità uno dei nostri produttori recentemente ha interrotto l’attività».

E mentre la giornalista e attivista brasiliana Débora de Carvalho Pereira realizza una Guia de cura de queijos e lotta al fianco dei 258 produttori di formaggio a latte crudo del suo Paese, da Cuba Kent Ruiz ha iniziato da poco un percorso di sensibilizzazione e informazione per sostenere la produzione di formaggi a latte crudo.

Non solo produttori e consumatori. Fondamentale il contributo degli esperti.

Aldo Grasselli, presidente dell’associazione italiana veterinari, invita i produttori di formaggio a latte crudo a costituire dei comitati scientifici indipendenti in grado di supportare con tesi e ricerche la salubrità e la sicurezza dei propri prodotti. E aggiunge: «Il latte crudo è stato demonizzatoper la pericolosità di alcuni batteri, tra cui l’Escherichia coli. Eppure quel batterio forse è maggiormente connesso alla carne degli hamburger fatti con la carne di vacche portate allo stremo macellata industrialmente».

«Il tempo è maturo per formare un’internazionale dei formaggi a latte crudo, per creare una rete in grado di mobilitarsi per condividere battaglie, problemi e soluzioni, di esercitare una pressione internazionale. Occorre ricordare, però, che accanto al latte crudo l’altro grande tema di Cheese 2017 sono i fermenti industriali. I formaggi naturali, liberi da fermenti selezionati, sono un qualcosa in più rispetto al latte crudo. A tendere, l’internazionale del latte crudo deve diventare l’internazionale dei “formaggi naturali”». Così Piero Sardo, presidente della Fondazione per la Biodiversità, tira le somme del pomeriggio di lavori che ha inaugurato l’undicesima edizione dell’evento.

Per Paolo Ciapparelli, del Presidio Slow Food dello Storico Ribelle, il latte crudo è una filosofia di vita: «Forse perderemo la nostra battaglia perché siamo troppo piccoli. Facciamo un formaggio caro perché è senza fermenti e prodotto da vacche alimentate solo a erba, senza mangimi».

Come lui Bronwen Percival, in rappresentanza di uno dei più importanti affinatori del pianeta, Neal’s Yard Dairy, che pone l’accento sulla biodiversità microbica come elemento cardine del formaggio e della sua territorialità. E che lancia un’iniziativa bellissima: «Neals’ yard, in questi giorni, venderà a Londra solo formaggi a latte crudo per promuovere la filosofia di Cheese».

Infine gli strumenti pratici. Carlos Yescas, messicano e referente della Oldways Cheese Coalition, lancia un sondaggio a livello planetario per conoscere chi fa latte crudo (il sondaggio si trova su www.oldwayscheese.org/bra); l’organizzazione europea FACE network, che raccoglie sotto il suo ombrello numerose associazioni che lottano per il riconoscimento del latte crudo e pubblica un manuale di buone pratiche, in collaborazione con la Commissione europea, per sapersi orientare tra le norme igieniche in piena legalità.

Peter Thomas dall’Irlanda, Guvener Isik dalla Turchia, Maria Procopio dall’Italia e Jean Bernard Maitia dai Paesi Baschi chiudono il cerchio delle testimonianze, sottolineando come la questione del latte crudo sia essenzialmente politica e la necessità di un coordinamento internazionale che abbia, appunto, più forza politica.

 

Street food Castel Gandolfo 15-16-17 settembre 2017

CastelliExperience presenta Food Truck Festival
I furgoncini dello street food, le birre artigianali e tante musica animano il lungo lago di Castel Gandolfo dal 15 al 17 settembre


Settembre a tutto gusto ai Castelli Romani! Nel weekend del 15-16-17 settembre, Castel Gandolfo ospiterà la prima edizione di Food Truck Festival, un grande evento per tutte le età che celebra lo street food in tutte le sue declinazioni e coniuga i sapori della tradizione ad altri più innovativi da assaporare in libertà, mentre si passeggia e si gode dell’incantevole vista del lago Albano.

La manifestazione è targata Castelli Experience e realizzata in collaborazione con il Comune di Castel Gandolfo, e la Stanza delle Meraviglie e osserverà i seguenti orari: dalle 18 alle 24 del 15 settembre e nelle giornate del 16 – 17 dalle 11 alle 24, tutto sul Lungolago di Castel Gandolfo.

Il Festival esalta le eccellenze culinarie a 360 gradi: 16 food truck con un menu ricco e variegato. Ad accompagnare le degustazioni dei prodotti gastronomici ci sarà una vasta selezione di birre chiare e scure tutte provenienti dai birrifici del territorio locale.

Le sorprese non finiscono , infatti, accanto all’area del Food Truck Festival, ci sarà un’area lunapark per vivere emozioni che vi lasceranno senza fiato. Come in ogni festival che si rispetti non può di certo mancare la buona musica, sono, infatti, previsti tre appuntamenti musicali con live concert e dj set.

La product manager di Castelli Experience, Tiziana Micheli, si dichiara soddisfatta della prima edizione di quest’evento: “Sono entusiasta dell’iniziativa e voglio ringraziare il sindaco e il comune di Castel Gandolfo per la proficua collaborazione nella realizzazione di un evento giovane e innovativo come il Food Truck Festival. Una manifestazione “young” che riesce a coniugare gusto e divertimento in una cornice straordinaria come il lungo lago di Castel Gandolfo.”.

Il sindaco di Castel Gandolfo, Milvia Monachesi dichiara: “Un evento innovativo per la realtà di Castel Gandolfo, un “esperimento” che ci auguriamo raccolga il gradimento di un target giovane e non solo unendo l’accoglienza turistica e gastronomica per ammirare le bellezze del luogo, con la possibilità di avere la vista privilegiata di un panorama mozzafiato lungolago.”.

Il responsabile dell’associazione “La Stanza delle meraviglie”, SimoneCanestri conclude: “La produttiva sinergia tra CastelliExperience e la Stanza delle Meraviglie, entrambe realtà molto legate al mondo dei Castelli Romani, ha permesso la realizzazione di eventi davvero innovativi che mettono in luce e coinvolgono i luoghi più suggestivi della realtà castellana.”.
Un appuntamento che ha delle ottime premesse e da non perdere per trascorrere un weekend davvero indimenticabile.

Ricette falafel piatto vegetariano – ospiti, cosa cucino?

Felafel o Falafel ovvero golose polpette economiche di origine araba.

Ingredienti per 4 persone:

300 gr di ceci ammollati una notte e asciugati (io lo faccio anche con le lenticchie)

2 cipolle a pezzetti

2 spicchi d’aglio

pepe una bella grattata (io preferisco quello verde e rosa che è più delicato)

1 cucchiaino di cumino in polvere

1 mazzetto di prezzemolo

-Qualcuno aggiunge la farina per avere più consistenza; io preferisco la farina di mais tostata, che trovo al supermercato e uso solitamente per impanare; perché assorbe meno olio quando friggo): quantitativo 3/4  cucchiai.

-1/2 cucchiaino di bicarbonato

Olio  extra vergine (io preferisco quello di arachidi, ma è difficile trovarlo di ottima qualità)

CONTORNO:

-verdure crude a fettine da servire con salsa di olio, aceto e sale.

-verdure ripiene

SALSA FACOLTATIVA PER I FALAFEL: pasta di sesamo, detta tajina; mescolare aggiungendo acqua e succo limone sino a che diventa fluida, ma non troppo.

Altra salsa: yogurt frullato con foglie di menta, pepe facoltativo.

COME SI PROCEDE

1-metto tutto nel mixer

2-frullo e riduco tutto molto sottile

Falafel 300 IMG_0006

3-se non riuscite a farne palline consistenti aggiungere farina o mais tostato

4-riposare 30′

5- fare delle palline che schiaccerete e metterete a friggere nell’olio o sulla teglia ben unta con olio abbondante, irrorando ancora con un filo d’olio prima di infornare.

Falafel al forno IMG_0007

Falafel al forno.

Servire calde; se volete  con una salsina fatta sbattendo la pasta di sesamo (tahina) con acqua e limone aggiunti poco alla volta per ottenere la consistenza di una maionese.

La salsa di yogurt la ottente frullandolo con pepe, sale e foglioline di menta o basilico, secondo il vostro gusto.

Evento imperdibile per golosi – Castel Gandolfo ospiterà prima edizione di Food Truck Festival

UN WEEKEND DAVVERO INDIMENTICABILE

CastelliExperience presenta Food Truck Festival 

I furgoncini dello street food, le birre artigianali e tante musica animano il lungo lago di Castel Gandolfo dal 15 al 17 settembre.

Settembre a tutto gusto ai Castelli Romani! Nel weekend del 15-16-17 settembre, Castel Gandolfo ospiterà la prima edizione di Food Truck Festival, un grande evento per tutte le età che celebra lo street food in tutte le sue declinazioni e coniuga i sapori della tradizione ad altri più innovativi da assaporare in libertà, mentre si passeggia e si gode dell’’incantevole vista del lago Albano.

La manifestazione è targata Castelli Experience e realizzata in collaborazione con il Comune di Castel Gandolfo, e la Stanza delle Meraviglie e osserverà i seguenti orari: dalle 18 alle 24 del 15 settembre e nelle giornate del 16 – 17 dalle 11 alle 24, tutto sul Lungolago di Castel Gandolfo.

Il Festival esalta le eccellenze culinarie a 360 gradi: 16 food truck con un menu ricco e variegato. Ad accompagnare le degustazioni dei prodotti gastronomici ci sarà una vasta selezione di birre chiare e scure tutte provenienti dai birrifici del territorio locale.

Le sorprese non finiscono , infatti, accanto all’area del Food Truck Festival, ci sarà un’area lunapark per vivere emozioni che vi lasceranno senza fiato. Come in ogni festival che si rispetti non può di certo mancare la buona musica, sono, infatti, previsti tre appuntamenti musicali con live concert e dj set.

La product manager di Castelli Experience, Tiziana Micheli, si dichiara soddisfatta della prima edizione di quest’evento: “Sono entusiasta dell’iniziativa e voglio ringraziare il sindaco e il comune di Castel Gandolfo per la proficua collaborazione nella realizzazione di un evento giovane e innovativo come il Food Truck Festival. Una manifestazione “young” che riesce a coniugare gusto e divertimento in una cornice straordinaria come il lungo lago di Castel Gandolfo.”.

Il sindaco di Castel Gandolfo, Milvia Monachesi dichiara: “Un evento innovativo per la realtà di Castel Gandolfo, un “esperimento” che ci auguriamo raccolga il gradimento di un target giovane e non solo unendo l’accoglienza turistica e gastronomica per ammirare le bellezze del luogo, con la possibilità di avere la vista privilegiata di un panorama mozzafiato lungolago.”.

Il responsabile dell’’associazione “La Stanza delle meraviglie”, SimoneCanestri conclude: “La produttiva sinergia tra CastelliExperience e la Stanza delle Meraviglie, entrambe realtà molto legate al mondo dei Castelli Romani, ha permesso la realizzazione di eventi davvero innovativi che mettono in luce e coinvolgono i luoghi più suggestivi della realtà castellana.”.
Un appuntamento che ha delle ottime premesse e da non perdere per trascorrere un weekend davvero indimenticabile

Weekend imperdibile per golosi e gourmet – Comacchio torna la Sagra dell’Anguilla

Prime anticipazioni sul programma della XIX edizione

A Comacchio torna la Sagra dell’Anguilla:

… sarà presente anche lo chef Hiroshi Ogata – uno dei massimi esperti giapponesi

la ‘regina delle valli’ in tavola….e non solo

 Dal 29 settembre al 15 ottobre tante occasioni gourmet

… per tre week end sarà un susseguirsi di numerosissimi appuntamenti ed iniziative …

ma anche escursioni, mercatini, tour e regate nei canali

 Se ‘sua maestà la regina delle Valli’ è certamente la protagonista assoluta, anche l’edizione 2017 della XIX Sagra dell’Anguilla – in programma a Comacchio dal 29 settembre al 15 ottobre – si annuncia ricca di appuntamenti ed iniziative non soltanto per gli appassionati gourmet.

Accanto alle golose tentazioni del grande stand gastronomico allestito a pochi passi da Argine Fattibello – le cui cucine (aperte anche il venerdì sera con menu speciali) ogni sabato e domenica proporranno un po’ tutti i più tipici piatti della tradizione locali (marinati alla comacchiese con sarde € 8,00, insalata di mare € 8,00, bragiolette d’anguilla in agro-dolce € 11,00, sedanini al sugo d’anguilla € 7,50, pennette alla pescatora € 7,00, anguilla ai ferri con polenta € 14,50, brodetto d’anguilla “a bec d’aesen” con polenta € 12,00, fritto di valle alla comacchiese € 7,50, fritto di mare € 9,00, seppie con piselli e polenta € 7,00) – il cartellone della kermesse prevede infatti per i tre week end il susseguirsi di numerosissimi appuntamenti ed iniziative con la buona tavola ed il buon bere e non solo: dalle escursioni a piedi, in bici ed in barca alle visite guidate del centro storico navigando lungo i canali, dalle spettacolari gare dei vulicepi, la tipica e velocissima imbarcazione utilizzata dai pescatori di frodo, ai gemellaggi enogastronomici che vedranno approdare a Comacchio specialità e must agroalimentari provenienti non soltanto da altri territori italiani, ma anche da altri continenti.

Per chi si muove in camper, da non perdere in concomitanza con il primo week end di Sagra (29 settembre 1 ottobre) il grande raduno organizzato da Arcer con il patrocinio di Confedercampeggio (info e programma www.arcerbo.it).

Mentre nei pressi di Argine Fattibello (coordinate GPS 44.691583  12.183572) saranno attivate – a pochi passi da stand gastronomico e centro storico – aree riservate per la sosta dotate di pozzetto per lo scarico di acque nere alle quali si potrà accedere fruendo della tariffa speciale week end (euro 23,00 ad equipaggio, con possibilità di arrivo già fra le 17 e le 22 del venerdì – info 345 5684017) preaccreditandosi sul sito www.comacchio.it.

Aggiornamenti sul programma – insieme a proposte di soggiorno e info dedicate – consultando il sito www.sagradellanguilla.it

Di seguito alcune prime anticipazioni su appuntamenti ed iniziative in programma

(aggiornamento al 23 agosto 2017)

 Ogni sabato e domenica – Fra i canali in Batana

Suggestive escursioni in barca attraverso i canali cittadini, con partenza da piazzetta Trepponti di fianco all’Antica Pescheria, dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 18,30. Offerta libera.

Ogni sabato e domenica – Mercatino ‘mon amour’

Tante coloratissime bancarelle di alimentari, artigianato, manufatti artistici, cose d’altri tempi, opere dell’ingegno, articoli da collezione e curiosità ‘invadono’ strade e piazze del centro storico.

Ogni sabato e domenica – Gemellaggi EnoGastronomici

Sagra sempre più internazionale fra show cooking, degustazioni guidate e laboratori dedicati a specialità alimentari locali ma anche provenienti da altre province, regioni, paesi e continenti. Insieme allo chef Hiroshi Ogata – uno dei massimi esperti giapponesi nella cucina dell’anguilla (primo week end) – saranno a Comacchio anche delegazioni provenienti da Croazia, Polonia e non solo.

Ogni sabato e domenica (mattino e pomeriggio) – Nel regno dell’Anguilla

Escursione in Valle Campo (8 km. da Comacchio) con navigazione a bordo di imbarcazione tipica e breve passeggiata lungo sentiero naturalistico. Costo: adulti € 15,00; bimbi (da 4 a 10 anni) € 9,00. Info: tel. 320 7803565.

Ogni sabato (mattino) – Pedalata Gourmet dell’Anguilla

Bici-escursione guidata slow nelle Valli e Salina di Comacchio (km. 18 complessivi) conclusa con pranzo allo stand gastronomico della Sagra (menu: primo piatto a scelta; fritto di valle alla Comacchiese o seppie con piselli e polenta+bicchiere di vino e mezzo litro d’acqua). Costo: € 20,00 a persona Offerta Famiglia (due adulti+1 under 13) € 50,00 Info: tel. 329 9341581.

Ogni sabato (pomeriggio) – Storia&Storie di Comacchio

Aneddoti, curiosità vicende e leggende della ‘piccola Venezia delle Valli’ passeggiando fra strade e piazze del centro storico di Comacchio in compagnia del giornalista e scrittore locale, Luciano Boccaccini.

Sabato 30 settembre (pomeriggio) – Urban Walking sulle tracce dell’Anguilla

A passeggio con i bastoncini nella ‘piccola Venezia delle Valli’: in occasione e nell’ambito della tappa comacchiese del ‘Nordic Walking in Tour’, uno straordinario e curiosissimo ‘urban walking’ fra ponti, piazze e stradine della città dei Trepponti ed i numerosi e suggestivi ‘luoghi del cibo’ che la caratterizzano. Costo € 3,00 a persona. Info: tel. 347 0835343.

Sabato 30 settembre (pomeriggio) – Comacchio. La Città e le sue leggendarie Valli

A Palazzo Bellini presentazione del libro di Andrea samaritani e Lucia Felletti (Minerva Edizioni – Bologna). Sarà presente lo scrittore Marcello Simoni.

Ogni domenica (pomeriggio) – Gara dei Vulicepi

L’arte di condurre imbarcazioni nei canali si fa gara: nel pomeriggio dell’1 ed 8 ottobre i migliori barcaioli comacchiesi si sfidano in batterie eliminatorie per conquistare l’accesso alla regata di finale che – nell’ultima giornata della XIX Sagra dell’Anguilla – decreterà il ‘miglior paradello di Comacchio 2017’.

Domenica 1 ottobre (mattino) – Nordic Walking in Tour nelle Valli di Comacchio

Il “Nordic Walking in Tour’, circuito di manifestazioni organizzate appositamente per gli appassionati delle camminate con i bastoncini, fa tappa per la prima volta alla Sagra dell’Anguilla. Con una passeggiata non competitiva (km. 15 complessivi) con possibilità di ristoro finale che, partendo da Comacchio attraverso le Valli raggiungerà l’antica Salina per poi rientrare nella città dei Trepponti. Costo: € 5,00 (solo passeggiata); € 12,00 (passeggiata+pasta party Sagra: primo piatto a scelta/bicchiere vino/0,5 lt. acqua); €  17,00 (passeggiata+menu Sagra: primo piatto a scelta/fritto di valle alla Comacchiese o seppie con piselli e polenta/bicchiere di vino/mezzo litro d’acqua). Info: tel. 347 0835343.

Domenica 1 e 8 Sabato 14 ottobre (pomeriggio) – Gli antichi mestieri e tradizioni comacchiesi (in bicicletta)

Bicipasseggiata guidata – con aperitivo finale – fra piazze, strade e storici laboratori dove si fabbricano alcuni dei più tipici manufatti locali: la forcola, la nassa e gli altri attrezzi per la pesca in valle e, naturalmente, la lavorazione dell’anguilla. Costo: € 10,00 a persona. Info: tel. 329 9341581.

Domenica 1 ottobre (sera) – Sing&Sound: la finale

Aspiranti cantanti di tutti gli stili ed età – selezionati nel corso dell’estate attraverso appuntamenti itineranti ai Lidi organizzati da Agua Do Mar ed accompagnati dall’animazione di Radio Sound 98.1 Fm – si contendono il titolo di miglior voce nuova della costa comacchiese 2017.

Domenica 15 ottobre (mattino) – Magnalonga (in bici) dell’Anguilla

Cicloescursione guidata (km. 30 complessivi) con transfer in bus da Comacchio a Goro e bici-itinerario fra natura e cultura con soste enogastronomiche a Lido Volano (cozze alla marinara), Lido delle Nazioni (pasta del pescatore) e Porto Garibaldi (fritto del marinaio) prima dell’arrivo allo Stand Gastronomico della Sagra (trancio di anguilla ai ferri con polenta). Costo € 38,00 a persona. Info: tel. 329 9341581.

Musei e Valli

 

Museo Delta Antico

via Pescheria, 2 – tel. 0533 311316

orario: domenica dalle 9,30 alle 18,30; dal martedì al sabato dalle 9,30 alle 13 e dalle 15 alle 18,30. Chiuso il lunedì. Tariffe: intero € 6,00 – ridotto € 3,00 (11-18 anni, over 65) – gratuito per minori di 11 anni accompagnati.

Manifattura dei Marinati

via Mazzini, 200 – tel. 0533 81742

orario: sabato e domenica dalle 9 alle 20; dal martedì al venerdì dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 15 alle 19. Chiuso il lunedì. Tariffe: intero € 2,00 – ridotto € 1,00 (11-18 anni, over 65, gruppi min. 25 pax) – gratuito per minori di 11 anni accompagnati. Ogni sabato e domenica alle 10,30 e 16 visita guidata compresa nel prezzo del biglietto e, dalle 12 fino ad esaurimento, degustazione di pesce fritto di valle: € 5,00.

Casa Museo Remo Brindisi

via Nicolò Pisano 51 (Lido di Spina) – tel. 0533 330963

orario: venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 12,30 e dalle 15 alle 17,30.Tariffe: intero € 4,50 – ridotto € 2,50 (11-18 anni, over 65) – gratuito per minori di 11 anni accompagnati.

In Barca nelle Valli di Comacchio

Stazione Foce – tel. 340 2534267

Escursione in barca e itinerario guidato lungo i canali interni dello specchio vallivo, con sosta agli antichi casoni da pesca. Orario: tutti i giorni, con partenza Stazione Foce (a 4 chilometri da Comacchio) alle ore 11 e 15; domeniche di Sagra ogni ora dalle 10 alle 17; durata 1 ora e 45 minuti. Tariffe: intero € 12 – ridotto € 9 (7-16 anni) – gratuito per minori di 7 anni accompagnati.

 

GLI STRANIERI E IL FOOD DELIVERY

Ordinare a domicilio una varietà di piatti che spazia da quelli tipici del proprio paese, passando attraverso le cucine internazionali più amate …

LA MAPPA DEL CIBO A DOMICILIO ALL’ESTERO

 Just Eat fotografa i gusti del cibo a domicilio in 6 paesi stranieri.

Il fenomeno del digital food delivery tra piatti e cucine preferite dalla Spagna all’Irlanda, fino al Canada

 Le evidenze:

  • Cinese, pizza e piatti italiani sono le prime tre cucine ordinate all’estero
  • La cucina locale piace a domicilio in ogni paese, rientrando nei primi 8 posti, ma i più affezionati alla propria tradizione sono canadesi, spagnoli e inglesi
  • La cucina italiana, in particolare la pizza, si conferma come una delle preferite: primo posto in Danimarca, secondo in Canada e in Spagna
  • Impazzano all’estero alcuni insoliti piatti italiani come le stravaganti pizza barbecue e carbonara in Spagna, quella ai pepperoni in Danimarca, ma anche lasagne e tiramisù

Il food delivery è ormai una tendenza che sta caratterizzando tutto il globo, non solo l’Italia.

Un trend che vede i cittadini del mondo ordinare a domicilio una varietà di piatti che spazia da quelli tipici del proprio paese, passando attraverso le cucine internazionali più amate ovunque, e arrivando fino ad alcuni piatti noti della cucina italiana, spesso rivisitati secondo i gusti stranieri.

Queste le tendenze emerse dalla “Mappa del cibo a domicilio all’estero”*, studio realizzato da Just Eat, leader nel mercato dei servizi per ordinare pranzo e cena a domicilio presente in Italia dal 2011, analizzando i comportamenti della community di Just Eat in 6 paesi (Regno Unito, Danimarca, Norvegia, Irlanda, Spagna, Canada).

Dall’analisi emerge che all’estero chi ordina cibo da consumare a casa preferisce in assoluto la cucina cinese, seguita dalla nostra pizza e dalla cucina italiana, tendenze che mantengono alto l’onore della nostra tradizione culinaria fuori dai confini nazionali.

In particolare, il cinese risulta al primo posto nel Regno Unito con uno dei piatti più ordinati, il riso fritto con l’uovo, in Irlanda con le famose nuvole di drago, in Spagna con gli involtini primavera e in Canada con il riso fritto al pollo;

  • la pizza è invece al primo posto in Norvegia con la classica margherita, un trend che è tipico anche in Danimarca dove piace molto anche la stravagante pizza pepperoni (con salame), mentre i piatti della cucina italiana sono ordinati soprattutto dai nostri cugini spagnoli con pizza, tiramisù e lasagne.

La curiosità è che alcune di queste preferenze non si distanziano di molto da quelle degli italiani che vedono nella classifica delle cucine più ordinate a domicilio cinese, italiano e pizza come protagonisti della top 5 della Mappa del Cibo a domicilio in Italia.

Oltre a queste evidenze, Just Eat svela alcune nuove abitudini di consumo nel food delivery che stanno crescendo e cambiando gli ordini all’estero.

In crescita infatti risulta la passione per la cucina greca in Canada, seguita da quella Thai e Indiana che rientrano nelle prime 8 cucine più apprezzate; inoltre la cucina Turca sta conquistando sempre più gli spagnoli, posizionandosi al quinto posto.

Ma come per i nostri connazionali, anche all’estero la cucina locale non può mancare a tavola, anche quando si ordina a domicilio, affermando in alcuni Paesi un forte attaccamento alla tradizionale locale e ad alcuni piatti “must have” di cui non si può fare a meno.

Tra i più campanilisti, ci sono i canadesi che adorano il Poutine, un contorno a base di patate e formaggio, gli spagnoli con le note Patatas Bravas, tipica tapas accompagnata da salsa piccante, e gli inglesi con l’intramontabile piatto britannico Fish and Chips, il filetto di pesce bianco fritto in pastella servito insieme ad abbondanti patatine fritte.

E se la cucina italiana si è affermata all’estero per il perfetto connubio tra qualità e stile sano dato dalla tanto invidiata dieta mediterranea, anche molte cucine estere stanno spopolando in Italia con alcuni piatti davvero tipici e strani ordinati da Nord a Sud quando si sceglie il food delivery nel nostro Paese.

Tra le città della Penisola più avanti nella sperimentazione di specialità curiose di tutto il mondo c’è Torino con il tequeňos della cucina venezuelana, ovvero bastoncini di formaggio avvolti in pastella fritta, Milano con il piatto etiope degli Zighini doro Alicha e purè di lenticchie, un particolare spezzatino di carne, Roma con Nasi Goreng, il riso fritto indonesiano cucinato con pollo e gamberetti, e infine Palermo con le Dita di Fatima, ricetta tunisina di involtini di carne.

Mentre guardando alle cucine estere che già da diversi anni hanno conquistato i palati degli Italiani, troviamo un’insolita Moussakagreca tra gli ordini dei Padovani, il sapore piccante del Chilimessicano a Napoli, le verdure cotte e speziate del Sabijiindiano nel food delivery veronese, il bacon cheesburger americano a Firenze e infine un ormai classico riso cinese alla cantonese a Bologna.

“Dal nostro osservatorio privilegiato stiamo riscontrando una tendenza a utilizzare il food delivery per sperimentare e scoprire nuovi gusti e culture culinarie diverse anche in Italia, così come in molti altri paesi in cui il nostro servizio è presente” afferma Daniele Contini, Country Manager di Just Eat in Italia. “La Mappa del Cibo a domicilio all’estero conferma infatti una varietà gastronomica sempre più alta e differenziata negli ordini digitali della food community internazionale, mettendo d’accordo popolazioni con tradizioni alimentari e preferenze di gusti molto diverse che amano variare, ordinando spesso cucine e piatti similari”.

* Mappa del cibo a domicilio all’estero (luglio 2017) è stata realizzata su un campione rappresentativo di oltre 25.000 ristoranti partner, sulla base delle ordinazioni a domicilio totali elaborate da Just Eat Italia in 6 Paesi (Regno Unito, Danimarca, Norvegia, Irlanda, Spagna, Canada).

 

A proposito di JUST EAT:

JUST EAT (www.justeat.it), azienda leader nel mercato dei servizi per ordinare pranzo e cena a domicilio, è presente in Italia dal 2011 e oggi opera con più di 6.500 ristoranti affiliati in oltre 600 comuni. JUST EAT è accessibile da pc e da mobile tramite l’applicazione dedicata o la versione mobile del sito per garantire a tutte le persone affamate un’ampia varietà di cucine tra cui scegliere. JUST EAT plc, con sede a Londra, usa una tecnologia proprietaria per offrire un servizio per ordinare online velocemente e in modo efficiente in 13 mercati, a 17 milioni di utenti e oltre 68.000 ristoranti partner. JUST EAT fa parte del FTSE 250 Index.

 

 

Weekend autunno per golosi o gourmet – Fiera tartufo bianco pregiato Acqualagna 

52^ FIERA NAZIONALE
DEL TARTUFO BIANCO PREGIATO

ACQUALAGNA (Pesaro e Urbino)
29 ottobre/ 1. 4. 5. 11. 12 novembre

UN EVENTO DAL SAPORE UNICO E INCONFONDIBILE

Acqualagna, capitale del tartufo fresco tutto l’anno, crocevia internazionale della produzione, del commercio e della degustazione del prezioso tubero, è già pronta per una nuova grande edizione: la 52° Fiera Nazionale del Tartufo Bianco in programma il 29 ottobre, 1, 4, 5, 11 e 12 novembre 2017.

Nel cuore dell’Appennino marchigiano, in provincia di Pesaro e Urbino, nella splendida cornice della Riserva naturale della Gola del Furlo, Acqualagna è un vero giacimento tartufigeno: detiene il primato italiano nella vendita del tartufo, patrimonio fondamentale dell’economia e della cultura gastronomia dell’area. Qui si concentrano, infatti, i due/terzi della produzione nazionale, destinati nei luoghi più lontani e diversi del mondo.

Tra i più importanti appuntamenti del settore a livello internazionale, la Fiera del Tartufo di Acqualagna può vantare un’offerta ampia e innovativa: all’eccellenza del tartufo (sia dal punto di vista commerciale che gastronomico) si uniscono le altre preziosità italiane attraverso un calendario ricco di eventi, performance gastronomiche e culturali, super ospiti del mondo dello spettacolo insieme ai Maestri che hanno fatto grande la cucina italiana, a celebri cuochi divenuti veri personaggi televisivi che qui trovano la location perfetta per esprimere il meglio di sé attraverso l’oro della Terra nonché il re della tavola, il Tartufo Bianco Pregiato, tanto amato dai gourmand di tutto il mondo.

Una Kermesse dal sapore unico, quello del celebre Tuber Magnatum Pico, e dai grandi numeri per un territorio che ha saputo distinguersi al mondo come distretto economico del prezioso tubero. Si contano duecentocinquanta tartufaie coltivate (di tartufo nero e una decina di tartufaie sperimentali controllate di Bianco pregiato), dieci punti vendita specifici di tartufo e otto aziende (la prima del 1961, l’ultima del 2014) che lo trasformano e lo commercializzano in tutto il mondo.

A partire da domenica, per un totale di sei giorni, Acqualagna si apre all’Italia e al modo e invita i visitatori italiani e stranieri a immergersi in una tradizione secolare attraverso la grande mostra mercato, il salotto da gustare tra cooking show con chef stellati, esibizioni, sfide tra vip in cucina, spettacoli e degustazioni, percorsi, mostre, laboratori didattici e creativi per adulti e bambini, esperienze sensoriali, visive e olfattive insieme a momenti di grande passione nell’assaggio di un sapore unico, il più prezioso di questa terra.

Vediamo le diverse mete del sapore e del sapere dove potere assaggiare e acquistare il prezioso tubero: piazza Enrico Mattei, cuore pulsante della cittadina e anima dell’evento con gli stand dei commercianti di tartufo fresco e dei ristoratori alle prese con ricette prelibate.

Altre mete imperdibili sono il Palazzo del Gusto, antica dimora restaurata e utilizzata come base per gli itinerari del gusto della Repubblica Gastronomica di Acqualagna, dove il cibo di qualità è protagonista indiscusso. Il palazzo è sede di degustazioni enologiche e birre artigianali da abbinare all’Olio DOP di Cartoceto, il Prosciutto di Carpegna, la Casciotta di Urbino, i salumi del Nino e, ovviamente, l’immancabile tartufo nero e bianco di Acqualagna.

E poi ancora il Salotto da gustare, un teatro di sapori unico, un palcoscenico esclusivo e un’importante occasione di conoscenza del tartufo attraverso l’aiuto di validi esperti. Sono i Cooking show con protagonisti le superstars italian chef e poi ancora assaggi di cucina dei famosi in tv insieme alle chef celebrity dal mondo oppure attraverso la simpatica sfida ai fornelli di personaggi noti che vestiranno per un giorno i panni da cuochi. Ospite affezionatissimi sono due ambasciatori di Gambero Rosso: Giorgione (Orti e Cucine) e Max Mariola che fanno tappa ogni anno ad Acqualagna.

Altra meta da non perdere è il Palatartufo, per scoprire le migliori produzioni legate al tartufo, tipiche del territorio e per conoscere da vicino i produttori artigiani.  Sono grandi e piccole realtà commerciali provenienti dalle altre regioni italiane che mettono in mostra e in vendita i propri prodotti, alimenti preziosi che raccontano le proprie esperienze e differenze di un territorio ricco e variegato come quello italiano.

La Fiera di Acqualagna è un grande contenitore per turisti che vogliono vivere un’esperienza unica e indimenticabile. Sarà possibile acquistare il Profumo al Tartufo, un profumo fresco e intenso che si apre con una nota di Tartufo Bianco, ambasciatore del made in Italy sempre più forte. Una fragranza d’ambiente creata appositamente da MUMO, spinoff dell’Università di Camerino con una nota di Tartufo Bianco di Acqualagna. Un modo nuovo e assolutamente originale per raccontare la natura e la storia di questo territorio.
Vivere l’appassionante ricerca del tartufo, scoprirne i segreti, gli aneddoti con i tartufai di Acqualagna che guideranno i turisti all’interno delle tartufaie con il loro cani per simulare la caccia all’oro bianco. Un’esperienza che potranno vivere anche i bambini dai 4 ai 14 anni in pieno centro, dove sorge il Parco della Repubblica. Ai bambini sarà consegnato vanghino e giubbottino del tartufaio. Trovare il tartufo è diventato anche un gioco da tavolo. Si chiama Dig It Out ed è stato inventato da tre giovani acqualagnesi (THM Games).

Con l’iscrizione gratuita al “Club Amici di Acqualagna Capitale del Tartufo”, si possono ricevere info  e suggerimenti utili come il pratico “Ricettario del tartufo” oppure le quotazioni del mercato del Tartufo. Per essere sempre informati sui prezzi esiste, infatti, la Borsa del Tartufo online, unica in Italia e consultabile al sito del comune.

Informazioni complete sul programma dell’edizione 2017 saranno presto disponibili sul sito del comune: www.acqualagna.com

 

La 52° edizione si aprirà, domenica 29 ottobre, a Teatro Antonio Conti, con la cerimonia inaugurale e la tradizionale consegna della Ruscella d’Oro 2017 (il vanghino con il quale si estrae il tartufo e, in questo caso, quello d’oro rappresenta simbolicamente la faticosa attività del cavatore e il valore di un prodotto unico e prelibao). Le ultime in ordine di tempo sono state: Arrigo Sacchi, Al Bano Carrisi, Gian Marco Tognazzi, Oscar Farinetti, Enzo Iacchetti, il Maestro della cucina italiana Gualtiero Marchesi e Alessandro Borghese.

Tra gli ospiti d’onore hanno brillato le stelle Michelin Errico Recanati, Cristiano Tomei, Massimo Bottura, Mauro Uliassi, Davide Oldani, Stefano Ciotti del Nostrano di Pesaro, Alessandro Borghese e il celebre giudice di Master Chef, Carlo Cracco alle prese con il tartufo bianco di Acqualagna.

Verrà assegnato per la seconda volta, il Premio biennale Enrico Mattei nato per promuovere l’impegno di imprenditori innovativi che operano nel territorio. Vuole altresì rendere tributo alla gloriosa memoria di Enrico Mattei, al cui coraggio e alla cui tenacia devono molto sia i marchigiani che l’Italia intera”. Nato ad Acqualagna il 29 aprile 1906, Enrico Mattei, fondatore e presidente di Eni, è stato grande protagonista della storia del sistema industriale nazionale ed internazionale.

Per contattare l’Ufficio del Turismo:
Tel. (+39) 0721 796741 –  turismo@acqualagna.com
www.acqualagna.com