Archivi categoria: cibi sani

Formaggi a latte crudo senza frontiere

DOPO LA FIERA CHEESE

Diciassette testimonianze dai cinque continenti: casari, affinatori, produttori ed esperti hanno preso parte agli Stati Generali, il più importante incontro internazionale sui formaggi a latte crudo.

A partire dagli Stati Uniti. Fino a pochi anni fa i produttori americani dovevano lottare contro una legge che vietava l’utilizzo del latte crudo. Dopo anni di battaglie, anche grazie a Slow Food USA quel divieto è caduto in diversi stati, tra cui il Wisconsin da cui proviene Andy Hatch, produttore del Presidio Slow Food: «Ogni giorno lavoro per offrire sapori più autentici e complessi, ma c’è ancora molto da fare perché i formaggi della mia fattoria siano riconosciuti sul mercato».

In Australia la battaglia è ancora più difficile. Nel Paese di Kris Lyiod fino al 2013 la produzione di formaggi a latte crudo era vietata. Da allora qualcosa si è mosso, grazie anche al suo impegno. «In Australia dovremmo federarci per avere più forza e proporre i nostri prodotti».

Dal Sudafrica arriva l’esperienza di Brian Dick formaggiaio e referente di Slow Food Raw Milk Cheese. «In Sudafrica abbiamo una decina di produttori che usano latte crudo» racconta, «ma i problemi in questo momento sono ben altri. A causa del cambiamento climatico e della siccità uno dei nostri produttori recentemente ha interrotto l’attività».

E mentre la giornalista e attivista brasiliana Débora de Carvalho Pereira realizza una Guia de cura de queijos e lotta al fianco dei 258 produttori di formaggio a latte crudo del suo Paese, da Cuba Kent Ruiz ha iniziato da poco un percorso di sensibilizzazione e informazione per sostenere la produzione di formaggi a latte crudo.

Non solo produttori e consumatori. Fondamentale il contributo degli esperti.

Aldo Grasselli, presidente dell’associazione italiana veterinari, invita i produttori di formaggio a latte crudo a costituire dei comitati scientifici indipendenti in grado di supportare con tesi e ricerche la salubrità e la sicurezza dei propri prodotti. E aggiunge: «Il latte crudo è stato demonizzatoper la pericolosità di alcuni batteri, tra cui l’Escherichia coli. Eppure quel batterio forse è maggiormente connesso alla carne degli hamburger fatti con la carne di vacche portate allo stremo macellata industrialmente».

«Il tempo è maturo per formare un’internazionale dei formaggi a latte crudo, per creare una rete in grado di mobilitarsi per condividere battaglie, problemi e soluzioni, di esercitare una pressione internazionale. Occorre ricordare, però, che accanto al latte crudo l’altro grande tema di Cheese 2017 sono i fermenti industriali. I formaggi naturali, liberi da fermenti selezionati, sono un qualcosa in più rispetto al latte crudo. A tendere, l’internazionale del latte crudo deve diventare l’internazionale dei “formaggi naturali”». Così Piero Sardo, presidente della Fondazione per la Biodiversità, tira le somme del pomeriggio di lavori che ha inaugurato l’undicesima edizione dell’evento.

Per Paolo Ciapparelli, del Presidio Slow Food dello Storico Ribelle, il latte crudo è una filosofia di vita: «Forse perderemo la nostra battaglia perché siamo troppo piccoli. Facciamo un formaggio caro perché è senza fermenti e prodotto da vacche alimentate solo a erba, senza mangimi».

Come lui Bronwen Percival, in rappresentanza di uno dei più importanti affinatori del pianeta, Neal’s Yard Dairy, che pone l’accento sulla biodiversità microbica come elemento cardine del formaggio e della sua territorialità. E che lancia un’iniziativa bellissima: «Neals’ yard, in questi giorni, venderà a Londra solo formaggi a latte crudo per promuovere la filosofia di Cheese».

Infine gli strumenti pratici. Carlos Yescas, messicano e referente della Oldways Cheese Coalition, lancia un sondaggio a livello planetario per conoscere chi fa latte crudo (il sondaggio si trova su www.oldwayscheese.org/bra); l’organizzazione europea FACE network, che raccoglie sotto il suo ombrello numerose associazioni che lottano per il riconoscimento del latte crudo e pubblica un manuale di buone pratiche, in collaborazione con la Commissione europea, per sapersi orientare tra le norme igieniche in piena legalità.

Peter Thomas dall’Irlanda, Guvener Isik dalla Turchia, Maria Procopio dall’Italia e Jean Bernard Maitia dai Paesi Baschi chiudono il cerchio delle testimonianze, sottolineando come la questione del latte crudo sia essenzialmente politica e la necessità di un coordinamento internazionale che abbia, appunto, più forza politica.

 

MANGIARE SOIA ? Natto:  cibo giapponese molto sano

SOIA E’ SANA O SOLO MODA ?

Ricordiamo che la soia non sempre è raccomandabile, anche perché è uno dei più forti allergizzanti (può causare allergie), ma la fermentazione ne riduce i rischi.

Quindi  meglio utilizzare con più frequenza i prodotti fermantati; perché fanno bene alla vostra  salute.

Se siete giovani mamme, soprattutto se vegetariane o vegane, ricordate che  dovete fare estrema attenzione con i cibi a base di soia; anche se li usate anche solo per voi, e sono OGM, li trasmettete a vostro figlio attraverso la placenta, prima, e con il latte dopo. 

Dobbiamo sempre ricordare che la  soia è ricca di fitoestrogeni, come gli isoflavonoidi, che possono causare nocivi effetti effeminanti, ma anche aiutare la donna nelle crisi della menopausa.

Natto:  cibo giapponese di fagioli di soia, fatta fermentare da alcuni batteri. Dal sapore caratteristico e pungente; tanto amato dai giapponesi quanto insolito e sgradito a molti occidentali. Ma basta la solita regola, assaggiarlo per una quantità minima per 10 volte, in tempi dilatati, e il vostro palato lo accettarà.

Prodotti di soia fermentata che fanno bene alla salute:

• Natto: tipico cibo giapponese di fagioli di soia, fatta fermentare da certi batteri.
• Miso: pasta di soia, preparato con riso o orzo e soia e lasciato fermentare per parecchi mesi.
• Tempeh: ottenuto dalla fermentazione dei semi di soia.

Il tamari (che si ottiene dalla soia fermentata) è molto valido per l’elevatissimo contenuto di antiossidanti e per le sue proprietà digestive. Fate attenzione al fatto che sia vero tamari e non salsa di soia che potrebbe contenere il glutammato; anche cancerogeno.

Il natto è  ricco di vit B, C e K2 quest’ultima; eccezionale vitamina, molto simile alla Vit D;  migliora la densità ossea e riduce il rischio di attacchi cardiaci e di cancro.

Il Natto è forse il cibo con la maggiore concentrazione di vit K2.

Miso e tempeh non contengono la vit K2, ma sono eccellenti fonti di probiotici naturali, promotori di buona salute.

Non dimentichiamo che la maggior parte della soia (coltivata in USA) è OGM e  irrirata di Rundup;  tremendo erbicida della Monsanto.

Quindi, anche se abbiamo solo il dubbio,  NON usiamo soia OGM.

COME SI MANGIA E CUCINA IL NATTO ?

Il nattō può essere mangiato da solo, con pochissima senape e salsa di soia, già presenti nelle confezioni che si acquistano al supermercato.

Lo si deve mescolaro con le bacchette velocemente sino ad ottenere una consistenza cremosa e compatta e poi lo si mangia così o lo si mescola ad una ciotola di riso; è’ possibile aggiungere  anche un uovo crudo, di solito si usano quelli di quaglia.

Utilizzato anche nelle omlette ripiene  o nell’impasto di uovo per una frittata.
In alcuni ristoranti è facile trovare anche dei maki preparati con il Nattò.

Nella colazione tipica giapponese è servito da solo o con il riso, così si ottiene un buon apporto proteico, con vitamine (B, C, K), calcio e tante altre sostanze nutritive.

 

Fonte:
http://articles.mercola.com/sites/articles/archive/2010/10/13/soy-controversy-and-health-effects.aspx

Salute – Frutti di bosco – Una ciotola al giorno toglie il medico di torno

 200 mg di vitamoina C ; il quintuplo delle arance …

Il ribes rosso è il più dotato di vitamine; quello nero abbonda particolarmente di vitamina C.

100 g di bacche in genere contengono  200 mg di vitamoina C , il quintuplo delle arance.

Ancora più importante:

  • questi frutti contengono elevate quantità di sostanze antiossidanti, i polifenoli, in grado di proteggere l’organismo dalle infiammazioni e dai danni prodotti dai radicali liberi.

I piccoli frutti di bosco hanno pochissime calorie (al massimo 30 per 100 g) quindi ci aiutano anche a mantenere al linea.

Ottimi anche in forma di succo; anche frullati con altra frutta.

Il mirtillo (sia rosso sia nero) è impiegato per combattere le infezioni urinarie, secondo una ricerca presentata di recente al Meeting of the American Society for Microbiology, pare possa essere utilizzato anche per combattere i virus gastrointestinali.

Mangiar sano e cruelty-free – Vegan – friendly

Le capitali europee più vegan-friendly secondo Hundredrooms

La scelta di mangiare sano e  cruelty free è in forte crescita ed è in grado di aumentare il turismo

• La classifica è stata stilata in base al rapporto tra popolazione e numero di ristoranti che offrono menù privi di ingredienti animali.

–  Quando arriva il periodo estivo, sempre più italiani decidono di mangiare leggero, seguendo diete vegan e scegliendo percorsi gastronomici alternativi.

Hundredrooms suggerisce per questo le capitali europee che stanno diventando sempre più  vegan-friendly, grazie alla richiesta crescente di ristoranti che offrono piatti privi di ingredienti animali nel proprio menù.

Per questa ragione, Hundredrooms  ha stilato la classifica delle capitali europee meglio preparate per questo universo.

Numerose ricerche dimostrano che la scelta di mangiare sano e  cruelty free è in forte crescita ed è in grado di fomentare il turismo.

Non si tratta più soltanto di una moda del momento, bensì di una necessità di una parte della popolazione mondiale che va dunque soddisfatta.

1. Lisbona, Portogallo. Sul podio delle città più vegan-friendly d’Europa vi è la capitale portoghese, esistono più di un centinaio di ristoranti e negozi per vegani e vegetariani su una popolazione di appena 550.000 abitanti. Uno dei tantissimi ristoranti è il Jardim das Cerejas, nel centro della città offre un buffet di piatti vegani caldi e freddi, insalate e dolci di ogni tipo.

2. Praga, Repubblica Ceca. Bisogna spostarsi più a est per trovare la seconda città in cui chi predilige una dieta vegana si troverà a proprio agio. E pensare che la gastronomia ceca si basa su piatti a base di carne! Invece negli ultimi tempi, le vie della capitale ceca si stanno riempiendo sempre più di prodotti bio. Questi negozi offrono prodotti naturali di stagione, ricette nuove che hanno trasformato Praga in una città vegan-friendly. Camminando per le vie della città, si riescono a trovare menù a meno di 5 euro. I clienti non valutano solo la preparazione artigianale come l’insalata di Avocado del Lehka Hlava,ma anche l’aspetto etico e la qualità degli ingredienti. A Praga vi sono 34 ristoranti vegani riconosciuti su circa 1.260.000 abitanti.

3. Varsavia, Polonia. Persino il Financial Times, nel suo giro del mondo gastronomico si è accorto del cambiamento culinario della capitale polacca.  Il fenomeno vegan-friendly si sta espandendo a macchia d’olio, con tendenze sempre più in crescita. Per esempio, nel Charlotte de Plac Zbawiciela, si può bere un ottimo caffè combinato con un delizioso dolce vegan fatto in casa, con prezzi più che economici. Nella città, oltre il luogo citato, si trovano più di un centinaio di ristoranti e negozi che stanno riscrivendo la storia culinaria polacca, non fatta solo di vodka e pesce.

4. Barcellona, Spagna. Barcellona è considerata la città più vegan-friendly di tutta la Spagna. Quasi un anno fa il municipio catalano ha onorato la città di questo titolo, promuovendo le opportunità di questo nuovo tipo di commercio sia per gli abitanti che per i turisti. A questa svolta green hanno contribuito più di cento ristoranti e locali come il Cat Bar, specializzati in cucina vegana e birre di importazione sin dal 2009. Tra i piatti più domandati si trova una grande varietà di hamburgers vegani; se si arriva in bicicletta si può addirittura godere di un 10% di sconto.

5.  Roma, Italia. Riuscirà il Paese con la cucina più buona al mondo ad adattarsi all’universo vegano? La sfida è aperta, dato che la capitale d’Italia conta già una cinquantina di ristoranti di questo tipo. Tra le varie proposte, vi è il Margutta Vegetarian Food & Art, che propone il brunch della domenica e il “Green Aperitif” il mercoledì. Gli ingredienti biologici sono più del 70%, tra cui il pecorino romano in crosta di mandorle con agretti e mostarda di albicocche.

A seguire le altre destinazioni vegan-friendly sono Amsterdam, che vede l’incremento di negozi vegan-friendly e in cui è possibile passare del tempo leggendo un bel libro e sorseggiando ottimi tè.

 Berlino è una delle mete con il più alto numero di ristoranti che offrono un menù completamente vegano: 56 esercizi plant-based attualmente aperti.

Vienna, nel regno della Sacher stanno nascendo sempre più ristoranti totalmente vegani.

Londra, la multietnicità della cucina londinese consente al mercato vegan di espandersi con rapidità. Nella capitale inglese esistono ben più di 100 ristoranti e 200 negozi che consentono agli amanti della cucina vegetariana e vegan di potersi sbizzarrire nella scelta adeguata.

Fanalino di coda Parigi, con i suoi 37 ristoranti vegan, la capitale francese è comunque una buona scelta per chi vuole viaggiare mantenendo il proprio stile di vita a tavola, accompagnando il tutto con un ottimo vino francese.

Cos’è Hundredrooms
Hundredrooms ( https://www.hundredrooms.it/) è un comparatore online di alloggi turistici. La start up è nata nel 2014 come risposta all’aumento esponenziale della domanda di alloggi alternativi alle strutture tradizionali. L’obiettivo è rendere la vita più facile ai consumatori, che con un’unica ricerca accedono a tutte le offerte disponibili, comparando i prezzi di una stessa proprietà presente in diverse piattaforme.

CIBO CRUDO : SOLO CON GRANDE ATTENZIONE !

Premesso che non vogliamo demonizzare il cibo crudo; che a noi piace moltissimo.

In realtà ci pare corretto informare dei possibili pericoli al fine di mettere in atto quelle cautele che ci permettano di avvicinarci al cibo crudo con sicurezza.

Il cibo crudo va di moda, soprattutto grazie alla cucina giapponese che ci ha reso familiari parole come il sushi.

Anche la nostra cucina mediterranea prevede l’uso della carne e del pesce crudo.  Basti pensare alla tartare e ai frutti di mare serviti crudi.

La prima regola è che in estate l’attenzione deve essere ancora più severa.  Il caldo aumenta i pericoli.

Il pesce crudo, che deve essere freschissimo (ovvio), ma non solo, ci deve essere un serio abbattimento termico nel surgelatore o nell’abbattitore prima del consumo; esattamente come prevede al legge. In caso contrario potrebbero essere presenti epricolosi batteri.

E’ comunque regola generale mangiare pesce o carne cruda solo in un ristorante che si conosca molto bene, o che sia di un tale livello o di frenquentazione, per cui non avrebbe interesse a danneggiare il cliente.

Il primo segnale positivo è un ristorante sempre affollato; denuncia un buon ricambio di merce.

Se non possiamo permetterci ristoranti costosi e non abbiamo un ristorante di assoluta fiducia, è meglio riservare il crudo per una preparazione casalinga.

Carni particolarmente pregiate sono già un buon indizio di sicurezza, infatti a causa dei costi non avrebbe senso risparmiare sull’igiene.

Pesce crudo

I molluschi bivalvi (cozze, vongole ecc…) trattengono organismi e microorganismi patogeni, che possiamo uccidere con la cottura.

Pericoli da conoscere per evitarli con il buon senso, non per farsene un’ossessione:

Anisakis (SI ELIMINA CON IL CONGELAMENTO a -20 per 24 ore)

Epatite virale

Salmonella (febbre tifoide e salmonellosi)

Colera

Escherichia Coli (infezione tossica da coliformi fecali: fogne)

Vibrio Parahaemoliticus (riguarda solo il Giappone)

ANISAKIS:

l’anisakis è un organismo presente in forma larvale solo nell’intestino del pesce

l’anisakis non è in grado di perforare l’intestino dei pesci ancora vivi

ma al momento della morte del pesce il parassita può migrare all’interno dei muscoli dell’animale

VA RICORDATO CHE:

l’eviscerazione immediata non cancella la possibilità di parassitosi come con la difillobotriasi (tenia del pesce) e l’infestazione da Clonorchiasi sinensis. 
L’uomo si può infettare alimentandosi di larve plerocercoidi contenute nelle carni dei pesci malati come può accadere nel salmone. Ma, ripetiamo, se abbattuto a -20 per 24 ore NON ci sono pericoli.
La malattia da Clonorchiasi (Opistorchiasi) sinensis è causata da un verme piatto in grado di infestare sangue, polmoni e fegato. 

-Sono specie molto diffuse in Asia ( Cina, Corea, Giappone e parte del Sud-Est Asiatico); si parla di 80 milioni di infettati.

-Comunque questi problemi sono molti presenti soprattutto nei paesi tropicali.

 
 
 

Simone Rugiati propone un gelato con ingredienti sicuramente sani – Garantito Häagen-DazsTM

Tutti i gelati Häagen-DazsTM sono realizzati nel nord della Francia e sono composti dai migliori ingredienti dal latte e dal burro di piccoli produttori del nord della Francia, alla  vaniglia del Madagascar … panna fresca, latte, zucchero e tuorli d’uovo, solo di galline ruspanti al 100%.

E’ gelato, ma sembra pomodoro … squisito !

Nella foto, realizzazione di Simone Rugiati; ” illusione di pomodorino alla fragola con spuma di burrata e basilico fresco ” (realizzato con gelato Häagen-DazsTM ).

Simone Rugiati fa scuola di gelato ai giornalisti.

Più sotto le ricette ideate da Simone Rugiati
per Häagen-DazsTM; da copiare !

Simone Rugiati; bon bon di vaniglia al cioccolato bianco con succo di piselli alla menta.

Häagen-DazsTM: #buonodentro, gli ingredienti fanno la differenza!
I migliori ingredienti naturali, senza conservanti né aromi artificiali

Alta qualità – VERA !
Gli amanti di Häagen-DazsTM riconoscono i suoi gelati come icone di qualità premium. La qualità del prodotto è sempre stata una priorità sin dagli albori, permettendo al marchio di essere associato alla produzione artigianale e ai migliori ingredienti.
Tutti i gelati Häagen-DazsTM sono realizzati nel nord della Francia, in una piccola città chiamata Arras, con i migliori ingredienti accuratamente selezionati. Si tratta di una scelta motivata dagli alti requisiti dei pascoli della zona, per offrire un latte di alta qualità. Da sempre Häagen-DazsTM presta particolare cura alla scelta delle materie prime: il latte, per esempio, condiziona la qualità della crema per colore e sapore, ed è pertanto importante verificare la produzione partendo da ciò di cui si nutrono le mucche.

La nuova pubblicità di HäagenDazs

Inoltre la tradizione gastronomica francese è riconosciuta in tutto il mondo: per questo i prodotti sono Made in France.

Buono dentro, gli ingredienti fanno la differenza!

Da oltre 50 anni Häagen-DazsTM produce gelati senza coloranti né aromi artificiali, offrendo così un’esperienza di alta qualità.
4 sono le principali materie prime utilizzate: panna fresca, latte, zucchero e tuorli d’uovo, solo di galline ruspanti al 100%.
La panna, il latte e lo zucchero provengono da circa 350 aziende agricole che si trovano nelle vicinanze del sito produttivo francese. Gli altri ingredienti sono reperiti nei luoghi del mondo dove è possibile trovare la miglior qualità: la vaniglia dal Madagascar, le noci macadamia dalle Hawaii…

Meno aria, più piacere
La texture delle creazioni Häagen-DazsTM è così densa e cremosa, perché in ogni gelato viene aggiunto il minimo di aria richiesta, garantita per prolungare il piacere al palato il più a lungo possibile.

Häagen-DazsTM
Häagen-DazsTM è un marchio General Mills, uno dei più grandi gruppi mondiali, presente in più di 1000 Paesi, specializzato in alimenti per colazione, pranzo, snack e cena.
Nato negli anni ’60 a New York, Häagen-Dazs è un marchio premium, attualmente distribuito in oltre 80 Paesi attraverso canali complementari: retail, negozi e foodservice. Da oltre 50 anni, produce gelati (creme e confezionati) e sorbetti. Tutti i prodotti Häagen-Dazs venduti in Italia sono realizzati nel sito produttivo nel nord della Francia. Il segreto di tutta la bontà racchiusa nei prodotti Häagen-DazsTM nasce dalla passione e dedizione assoluta per la qualità: per i suoi gelati infatti utilizza solo i migliori ingredienti, attentamente selezionati, senza ricorrere a coloranti o aromi artificiali.
haagen-dazs.it

:::::::::::::::::::::::::

Häagen-DazsTM
La storia del piacere

La storia di Häagen-DazsTM inizia nel 1921, quando il giovane imprenditore Reuben Mattus, grande appassionato di alta qualità, mette al lavoro la sua immaginazione per creare un gelato di eccellenza.

Inizia a lavorare nella gelateria della madre, vendendo ghiaccioli e gelati da passeggio in una carrozza trainata da cavalli nelle animate vie del Bronx di New York.

Per ottenere il gelato migliore è attento ad utilizzare soltanto ingredienti di alta qualità e i più raffinati.

L’attività di famiglia prospera per tutti gli anni ‘30, ‘40 e ‘50. 
Nel 1960, con l’aiuto della moglie Rose, Reuben Mattus decide di creare una nuova azienda in base alla sua idea dei gelati. Chiama il nuovo marchio Häagen-Dazs™ per trasmettere l’idea delle tradizioni e delle competenze del vecchio continente; valori ai quali è molto affezionato.

Inizialmente, il gelato Häagen-Dazs™ è disponibile soltanto in tre gusti: vaniglia, cioccolato e caffè. Poi, la passione per la qualità del suo fondatore lo porta a viaggiare in tutto il mondo.

Le sue esclusive ricette di gelato nascono dalle bacche di vaniglia del Madagascar raccolte a mano e dalle noci Macadamia dalle Hawaii, creando così esperienze di degustazione uniche e sublimi.

Il marchio Häagen-Dazs™ fidelizza rapidamente i suoi clienti.

All’origine del suo successo il passaparola e gli elogi che riceve ovunque. Senza bisogno di pubblicità, la voce di una ghiottoneria incredibilmente ricca e cremosa si diffonde rapidamente. All’inizio, vengono approvvigionate solo le botteghe gastronomiche di New York, ma la distribuzione si diffonde rapidamente in tutta la costa orientale degli Stati Uniti.

Nel 1973, i prodotti Häagen-Dazs™ sono apprezzati dai clienti in tutti gli Stati Uniti.

Nel 1976, la figlia di Reuben Mattus, Doris, apre il primo negozio Häagen-Dazs™.

Il successo è immediato e questa enorme popolarità permette un rapido sviluppo dei negozi Häagen-Dazs™ in tutto il Paese.
I gelati e i sorbetti Häagen-DazsTM oggi sono un marchio premium, diffuso in più di 80 Paesi attraverso canali complementari: retail, negozi e foodservice. In Italia Häagen-DazsTM è rappresentato da Green Ice, parte del gruppo Eurofood S.p.A.

Innovazioni
Fin dagli inizi, i gelati Häagen-DazsTM hanno fatto conoscere ai propri consumatori una nuova esperienza di dessert, anche con sapori distintivi come Macadamia e Dulce de Leche, per citarne solo alcuni. Ancora oggi, il marchio Häagen-DazsTM mantiene il suo impegno nello sviluppo di eccezionali nuove esperienze super-premium, lanciando ogni anno nuovi gusti, per fornire ogni giorno momenti straordinari di piacere. In questo modo, nel corso degli anni, Häagen-DazsTM ha offerto ai propri consumatori ricette irresistibili.

Tra le novità di Häagen-DazsTM:
1990: Häagen-DazsTM lancia il suo formato simbolo, la pinta da 500ml
1995: Häagen-Dazs TM crea un nuovo formato per il consumo individuale: la mini cup da 100ml 
2004: Häagen-Dazs TM si rinnova con un nuovo formato snack: Cream Crisp™
2008: Häagen-DazsTM lancia le torte gelato di Natale nei negozi francesi, realizzate in collaborazione con i più famosi designer. Questa tradizione è poi continuata ogni anno 
2011: Häagen-DazsTM lancia la collezione Secret Sensations™ con una campagna sulla seduzione
2012: Häagen-DazsTM presenta i macarones gelato, realizzati per il partenariato con Roland Garros
2015: Häagen-DazsTM lancia a livello internazionale la nuova collezione a stecco

Curiosità
Contrariamente alla credenza popolare, il nome del brand Häagen-DazsTM è una pura invenzione di Reuben Mattus. Mattus, infatti, voleva esprimere l’atmosfera delle tradizioni, il patrimonio, la qualità e il know how del vecchio continente, valori a cui era molto legato.

:::::::::::::::::::::::::::::::::::

Ricette ideate da Simone Rugiati
per Häagen-DazsTM

ILLUSIONE DI POMODORINO ALLA FRAGOLA CON SPUMA DI BURRATA E BASILICO FRESCO
Ingredienti finger food per dieci persone
430gr gelato Häagen-DazsMT strawberries & cream
1 lt salsa pomodoro
14gr gelatina K E407
10 foglie di basilico fresco
300gr burrata
200gr latte fresco
olio EVO
10 pincioli di pomodoro datterino
300gr pane grattugiato grossolanamente
50gr polvere di pomodoro
sale qb

Preparazione

In una pentola miscelare, con l’aiuto di una frusta, la salsa di pomodoro insieme alla gelatina K.
Riempire di gelato le mezze sfere di silicone del diametro di 3cm.
Congelare a -18.
In un frullatore a campana emulsionare il latte con la burrata, regolare di sale fino ad ottenere una crema liscia e fluida, caricarla in un sifone.
Saltare il pane grattugiato con olio extravergine in una padella, renderlo croccante e mischiarlo alla polvere di pomodoro.
Unire le mezze sfere di gelato per ottenere una pallina rotonda.
Infilzare con uno stuzzicadente, immergere le sfere nella soluzione di pomodoro.
Lasciare i pomodorini a temperatura ambiente per 10 minuti.
Servire in una fondina con alla base il pane croccante, il pomodoro con il relativo pinciolo, foglie di basilico fresco e spuma di burrata.

::::::::::::::::::::::::::::::::

BON BON DI VANIGLIA AL CIOCCOLATO BIANCO CON SUCCO DI PISELLI ALLA MENTA
Ingredienti finger food per dieci persone
430g gelato Häagen-DazsTM Vanilla
200g piselli freschi
10 foglie di menta fresca
olio EVO
sale qb
500gr cioccolato bianco

Preparazione
In una pentola sciogliere il cioccolato a fiamma dolce.
Sbianchire i piselli freschi ed emulsionarli in un frullatore a campana insieme alla menta fresca, fino ad ottenere una salsa liscia ed omogenea, raffreddare.
Riempire di gelato le mezze sfere in silicone.
Congelare a -18.
Unire le mezze sfere di gelato per ottenere una pallina rotonda.
Infilzare con uno stecco.
Immergere le sfere nella cioccolata a temperatura di 60°C.
Servire il bon bon con a parte il bicchierino shot di succo di piselli alla menta

Ricette gourmet e veloci ? Da ” La Cucina Italiana “

Solo 30′ per cucinare ?

20 ricette veloci e con risultato garantito anche per i più esigenti.

Le propone ” La Cucina Italiana “; una garanzia da oltre un secolo e sempre al ritmo giusto con i tempi e i gusti.

http://www.lacucinaitaliana.it/news/cucina/50-ricette-veloci-da-preparare-in-meno-di-30-minuti/?utm_source=lci&utm_medium=NL&utm_campaign=daily

FORMAGGI INDUSTRIALI E UN FORMAGGIO DA PASCOLI ALL’APERTO

FORMAGGI INDUSTRIALI E UN FORMAGGIO DA PASCOLI ALL’APERTO – EMMENTALER DOP
EMMENTALER DOP:
-da non confondere con nomi similari, molto più economici, ma di inferiore valore nutritivo.

Molti formaggi sono fatti utilizzando latte in polvere o latte proveniente da allevamenti intensivi; le mucche di questi allevamenti NON hanno mai mangiato l’erba fresca, NON hanno mai provato a pascolare libere nei campi. Il loro nutrimento e la loro razza è frutto di calcolati incroci e misture; perché producano sempre più latte.

Il vero Emmental Dop è preparato solo con latte crudo, proveniente da mucche che pascolano libere nei prati.

La lavorazione segue le antiche tradizioni artigianali e la stagionatura non è mai inferiore ai 120 giorni. Questo particolare ne fa un prodotto che contiene meno acqua e più sostanze nutritive.

Inoltre, è stato da tempo dimostrato come le parti grasse prodotte da animali che pascolano liberamente, siano anche ricche di sostanze che combattono il colesterolo. Al contrario, gli animali provenienti da allevamenti intensivi, sono caratterizzati da un prodotto grasso fatto di puro colesterolo, grasso saturo, senza alcuna percentuale di grassi insaturi che, notoriamente, favoriscono il mantenimento di arterie pulite da pericolosi depositi di grasso.

Tempi di maturazione dell’Emmentaler DOP:
-Classico 4-5 mesi
-Reserve 8 mesi
-Grotta 1 anno
-Forme per palati esigenti, sino a 18 mesi di stagionatura.

Moltissime le semplici e accattivanti ricette e indicazioni per weekend golosi sul sito:

www.formaggisvizzeri.it

SE SAPETE APPREZZARE L’EMMENTALER DOP, APPREZZERETE ANCHE UN WEEKEND NELLA ZONA DELLA SUA PRODUZIONE, ALTRETTANTO VALE PER IL GROUVIERE E TUTTI I PIU’ FAMOSI FORMAGGI SVIZZERI.

Vi aspettano pianure e montagne verdeggianti, con lo sfondo di cime innevate.
Attraverserete zone dove le mucche pascolano libere nei prati e potrete così vedere personalmente da dove proviene il latte che è alla base di questi saporiti formaggi.

Non perdete l’occasione di assaggiare la tipica fonduta e i piatti regionali.

::::::::::::::::::

Mangiare sano vegetariano e vegano – Gustosa ricetta con gli azuki verdi o fagioli o ceci …

PERCHE’ GLI AZUKI ?

Abbiamo scelto gli azuki per questa semplice ricetta perché offrono un’alternativa, sana, alla dieta normale. A piacere potete fare la medesima ricetta con fagioli, lenticchie o ceci; cambiando solo i tempi di cottura. Tutti i legumi hanno proprietà salutari; gli azuki per noi non hanno gli effetti di flautolenza e gonfiore che ci provocano i fagioli (ma si tratta di condizioni che variano da persona a persona.

Gli azuki rappresentano una fonte proteica di straordinaria importanza, anche se non si tratta di amminoacidi completi; hanno quindi bisogno di essere associati a cereali come pasta o riso ecc….

Sono inoltre ricchi di: isoflavonoidi (contro il colesterolo), lipidi e fitoestrogeni (in grado di combattere osteoporosi e problemi della menopausa), sali minerali (per la precisione potassio, fosforo, calcio e magnesio), vitamine (A, la B1, B2, B3, B5, B6 e C).

Anche la presenza di lecitina è molto importante; secondo alcuni studi agirebbe sui grassi e quindi potrebbe migliorare l’attività del cervello e dei neurotrasmettitori.

I fagioli verdi azuki, grazie alla presenza di importanti enzimi, sono in grado di favorire la digestione (quest’ultima uno dei grandi problemi causati dall’alimentazione “moderna” e squilibrata).

RICETTA PER 2 PERSONE

100 gr. di riso basmati o altro; cotto in 200 gr. di acqua salata.

100 gr. di azuki (messi a mollo la sera prima)

3 carote

3 gambi di sedano

1 cipolla o metà porro (se vi piaccioni i sapori dolci)

a piacere una scatola di pelati di ottima qualità

peperoncino dolce in polvere 2 grossi pizzichi o più; secondo gusto

acqua per cuocere

sale, pepe

olio di ottima qualità

solo se piace: cardamomo o cumino o peperoncino piccante.

PREPARAZIONE

-Cuocere il riso in acqua e sale e scolarlo.

-Mentre cuoce il riso:  tagliare le verdure e rosolarle in olio

-Aggiungere gli azuki, regolare salel, pepe e peperoncino e cuocere in pentola a pressione per 15 minuti ben coperti di acqua (che può essere sotituita da una scatola di pelati di ottima qualità e un poco d’acqua per sciacquare la scatola)

– Saltare i semi di cardamomo o il cumino od entrabi in 2 cucchiai di olio, solo se piacciono (oppure sostituirli con un poco di peperoncino piccante), eliminarli dopo pochi secondi i semi se non sono stati tritati e mescolare velocemente nella medesima padella sul fuoco il riso e le verdure per insaporire.

Servire spolverato di peperoncino dolce in polvere o parika.

HAMBRUGER VEGETARIANI E VEGANI

Con la medesima ricetta; volendo il riso può essere sostituito con due/tre  patate schiacciate.

Preparare tutto come sopra, poi mescolare bene e schiacciarlo dandogli la forma e la misura di un hamburger.

Passarlo nel pangrattato e friggerlo in pentola antiaderente con poco ottimo olio.

Servirlo nel piatto, anche al centro di un panino insieme a insalata, pomodoro, e quanto altro si desidera come salsa.

Ottimo e sano con il pesto.

Salute e alimentazione – SEMPRE MENO GRASSI – SALE E ADDITIVI: I SALUMI ITALIANI DOP E IGP

MENO GRASSI – SALE E ADDITIVI

Una porzione di salumi può coprire dal 24% (Pancetta Piacentina) al 68% (Coppa Piacentina) del fabbisogno giornaliero di zinco e che le carni e i suoi derivati rappresentano la principale fonte di selenio nella dieta italiana.

Significativi avanzamenti nelle tecniche di allevamento, nella trasformazione e conservazione delle carni hanno avuto un impatto rilevante per il miglioramento delle caratteristiche nutrizionali dei prodotti finali per i salumi italiani DOP e IGP 

Il contenuto di sale nei salumi italiani risulta notevolmente ridotto in una percentuale che va dal 4% circa fino ad oltre il 45% a seconda del prodotto; confronto effettuato nel 2011 per i prodotti che avevano disponibile anche il dato delle precedenti analisi, datate 1993.

ISIT presenta l’aggiornamento 2017 dello Studio sui valori nutrizionali dei Salumi italiani tutelati 

SEMPRE MENO GRASSI, SALE E ADDITIVI: I SALUMI ITALIANI DOP E IGP

PROTAGONISTI DI UN’ALIMENTAZIONE SANA, EQUILIBRATA E GUSTOSA

Obiettivo della ricerca è fornire ai consumatori corrette informazioni di carattere scientifico, al di là dei condizionamenti che scaturiscono da opinioni di tendenza che trovano spazio presso la pubblica opinione. Dallo studio emerge con grande chiarezza come il consumo equilibrato dei salumi sia fondamentale in un corretto schema di educazione alimentare”, ha sottolineato Lorenzo Beretta, Presidente ISIT.

Grassi: meno quantità, più qualità

Per quanto riguarda i grassi presenti nei salumi oggetto della ricerca si segnala una sostanziale omogeneità nella composizione di base dei tre Salami (Piacentino, Brianza, Varzi) simile, peraltro, a quella riscontrata nei Salami tipo Milano e Napoli oggetto del precedente studio del 2011.

Un caso rilevante di come le filiere stiano lavorando con attenzione nel percorso virtuoso verso una riduzione dei grassi nei prodotti è quello del Prosciutto Toscano DOP che da un contenuto di lipidi del 22,8% può passare all’8,8% se si allontana lo strato periferico di grasso.

Pur variando per i salumi interi (Coppa, Pancetta, Prosciutto) in funzione del taglio scelto, le analisi nutrizionali hanno inoltre evidenziato nella composizione qualitativa delle carni un equilibrio tra il contenuto dei grassi saturi e insaturi, a conferma del continuo processo di ottimizzazione della qualità compositiva.

Come comparto, dai dati disponibili, è possibile evidenziare che i salumi hanno da tempo intrapreso un percorso di riduzione del contenuto lipidico e di ottimizzazione della qualità compositiva, in particolare nei prodotti cotti.

Il contenuto in acidi grassi saturi si è ridotto fino a quasi il 40% e si è ottenuto un maggiore equilibrio tra contenuto in grassi saturi e insaturi. Questi ultimi sono passati dal 30% a oltre il 60% dei grassi totali (LARN).

In base a quanto evidenziato nella Ricerca dunque, i Salumi italiani tutelati possono senza dubbio ricoprire un ruolo importante nel fornire all’organismo una buona percentuale degli acidi grassi necessari per il corretto funzionamento dell’organismo che, per un adulto sano con moderata attività fisica, corrisponde a una quota di lipidi pari al 25-30% del totale delle calorie consumate.

Sale e additivi sempre meno presenti

Premettendo che il sale è un elemento imprescindibile per la conservazione e la salubrità dei cibi, oltre che per garantirne il sapore tipico, va ricordato che –  se consumato nelle giuste quantità – è anche un elemento importante per il corretto funzionamento dell’organismo.

Tuttavia va assunto con moderazione, come sottolineato anche dall’OrganizzazioneMondiale della Sanità (OMS) che ha raccomandato interventi volti a limitarne il contenuto nei prodotti alimentari.

L’evoluzione della salumeria italiana è andata esattamente in questa direzione, coinvolgendo l’intera filiera per trovare soluzioni in grado di minimizzare l’utilizzo del sale. Questo percorso virtuoso è già stato evidenziato dallo studio condotto dal 2011 ed è oggi confermato dall’addendum 2017 che vede un contenuto di sale che varia da 1,75 grammi per porzione (50gr) della Pancetta Piacentina ai 2,3 grammi per porzione (50gr) del Prosciutto Toscano.

Dai dati complessivamente disponibili emerge che il contenuto di sale nei salumi italiani risulta notevolmente ridotto in una percentuale che va dal 4% circa fino ad oltre il 45% a seconda del prodotto (confronto effettuato nel 2011 per i prodotti che avevano disponibile anche il dato delle precedenti analisi, datate 1993).

Dunque, tenendo conto delle porzioni, della frequenza di consumo e dei nuovi dati di composizione, è possibile affermare che i salumi italiani non sono la più importante fonte di sale nell’alimentazione, considerando che altri alimenti, consumati con maggiore frequenza e quantità (come, per esempio, alcuni derivati dei cereali), contribuiscono a un superiore apporto di sale nell’organismo.

Per quanto riguarda altri additivi, come i nitriti, la ricerca mostra come in tutti i campioni verificati siano al di sotto del limite di rilevabilità. Anche i nitrati, sempre al di sotto dei limiti consentiti, hanno conosciuto una progressiva riduzione nel corso degli anni fino al punto di annullarsi in diversi salumi.

Pur riducendo i conservanti che hanno la funzione di mantenere la salubrità e le caratteristiche organolettiche del prodotto, il miglioramento dei processi di filiera ha reso possibile produrre salumi sempre più sicuri dal punto di vista sanitario, mantenendo inalterati il loro gusto tipico e il sapore inimitabile.

Vitamine e sali minerali per il benessere dell’organismo

I valori rilevati nel 2017 confermano il trend positivo già evidenziato nel 2011 da cui è possibile identificare i salumi come una categoria di prodotti con un contenuto significativo di diverse vitamine e sali minerali necessari per l’organismo.

Dall’analisi sui micronutrienti dei 6 nuovi salumi DOP emerge che il contenuto di vitamine del gruppo B, importanti poiché intervengono sui processi metabolici del nostro organismo, è particolarmente presente.

Nello specifico, la carne suina risulta essere la principale fonte di vitamina B1. Lo studio mette in risalto come una porzione di 50 grammi di Prosciutto Toscano DOP, per esempio, copra circa il 30% del fabbisogno giornaliero di vitamina B1 e B6,mentre si può arrivare al 20% del fabbisogno quotidiano di Niacina (o vitamina B3) grazie a una porzione diCoppa Piacentina o di Salame Piacentino e di Varzi.

Significativo anche l’apporto dei salumi all’organismo di alcuni importanti sali minerali tra i quali ferro, zinco, selenio e potassio.

Si pensi che una porzione di salumi può coprire dal 24% (Pancetta Piacentina) al 68% (Coppa Piacentina) del fabbisogno giornaliero di zinco e che le carni e i suoi derivati rappresentano la principale fonte di selenio nella dieta italiana.

(Le specifiche tabelle nutrizionali sono allegate al comunicato stampa)

Salumi italiani DOP e IGP: un alimento di consumo “trasversale”

Partendo dal presupposto che i salumi sono di per sé un alimento “gratificante” per il palato e particolarmente apprezzato, è evidente come facilmente incontrino il gusto di tutte le fasce di consumatori.

Se a questo si aggiunge anche il costante miglioramento delle caratteristiche nutrizionali, si comprende come possano essere inseriti in una dieta varia ed equilibrata, ad esempio di bambini e adolescenti per soddisfarne l’alto fabbisogno di energia e nutrienti (proteine nobili, sali minerali e vitamine).

Gli anziani, invece, attraverso una scelta mirata dei salumi possono assumere alimenti con un apporto caloricocontrollato che, tuttavia, assicurano nutrienti e possono supportare la funzione plastica – fornita in particolare da proteine, calcio e ferro –  necessaria per costruire, sostituire e riparare tessuti e strutture corporee.

Anche una categoria in forte crescita come quella degli sportivi può guardare ai salumi italiani come a un alimento che contribuisca a far recuperare, facilmente e in modo naturale, i nutrienti persi con l’attività fisica.

Il significativo e progressivo miglioramento delle caratteristiche nutrizionali dei Salumi italiani viene rilevato anche da autorevoli esperti della comunità scientifica. Luca Piretta, noto medico specialista in Scienza della Nutrizione Umana presso l’Università Campus Biomedica di Roma, evidenzia: “Per quanto riguarda i salumi in particolare è necessario sottolineare come negli ultimi trent’anni la composizione nutrizionale di questi prodotti sia andata modificandosi notevolmente in termini di sicurezza e di qualità, grazie alla selezione genetica dei suini e della loro alimentazione mirata e selezionata. Inoltre, gli additivi si sono fortemente ridotti negli anni come risulta dalla ricerca congiunta CREA e SSICA promossa da ISIT; basti pensare che il calo dei nitrati tra il 1993 e il 2011 è stato dell’87% nel prosciutto cotto (da 110ppm a 14ppm), del 73% per la Mortadella Bologna IGP (da 40ppm a 11ppm), del 90% per la coppa e del 95% per lo Zampone Modena IGP (da 80ppm a 4ppm). Inoltre, i grassi sono diminuiti notevolmente e la presenza dei grassi saturi ha lasciato in parte il posto a quelli insaturi, ottimizzandone pertanto la qualità compositiva complessiva. Infine, la quantità di sale nei salumi si è ridotta fino alla metà in alcuni prodotti come la pancetta. I dati ora disponibili sui 6 nuovi salumi DOP permettono di avere un quadro di insieme ancora più completo sul comparto, che conferma il miglioramento compositivo e i positivi apporti nutrizionali”.

Il gusto della tradizione

Il miglioramento nutrizionale dei Salumi DOP e IGP è una tendenza ormai consolidata che contribuisce a valorizzare ulteriormente queste eccellenze, simbolo della tradizione gastronomica italiana famosa e apprezzata in tutto il mondo.

Inimitabili rappresentanti del loro territorio, i Salumi italiani tutelati sono ambasciatori del gusto e della convivialità che fa del nostro Paese un punto di riferimento internazionale del “buon vivere”.

Consumati da soli o come preziosi ingredienti in preparazioni tradizionali o creative, i Salumi italiani tutelati si confermano una valida e gustosa alternativa per un’alimentazione sana ed equilibrata.

L’aggiornamento 2017 della ricerca condotta da CREA e SSICA, che si è concentrata su 6 nuovi salumi a denominazione tutelata, ha confermato i trend già registrati nello studio 2011: i Salumi italiani sono alimenti che – a seguito del continuo miglioramento delle tecniche di allevamento, dei processi di trasformazione e conservazione – consentono un apporto nutrizionale equilibrato anche grazie alla loro varietà e versatilità di consumo, in abbinamento ad esempio a frutta e verdura.

 – Gusto, tradizione, convivialità, controlli e qualità certificata, ma non solo:costante riduzione nel contenuto di grassi, sale e dei nitriti/nitrati abbinata a un apporto di vitamine e sali minerali preziosi per la salute.

Salumi italiani tutelati (DOP e IGP) sono alimenti che, grazie a un continuo miglioramento nutrizionale, si prestano a rispondere in maniera adeguata alla crescente attenzione dei consumatori per prodotti agroalimentari di qualità, con un forte legame con il territorio e in linea con regimi alimentari nutrizionalmente corretti ed equilibrati.

Ad evidenziare la continua evoluzione del comparto della salumeria italiana, la presentazione dell’aggiornamento 2017 relativo alla Ricerca sui Salumi tutelati che, già nel 2011, aveva rilevato sensibili miglioramenti nutrizionali dei prodotti.

Promossa dall’Istituto Salumi Italiani Tutelati (ISIT) e realizzata dal Centro Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (CREA) e dalla Stazione Sperimentale per l’Industria delle Conserve Alimentari (SSICA), questa edizione dello studio si è focalizzata in particolare su 6 nuovi Salumi DOP, fornendo una visione del comparto ancora più completa: Coppa Piacentina, Pancetta Piacentina, Salame Piacentino, Salame Brianza, Salame di Varzi e Prosciutto Toscano.

L’analisi sulla composizione nutrizionale dei salumi ha confermato la linea di tendenza in atto: i significativi avanzamenti nelle tecniche di allevamento, nella trasformazione e conservazione delle carni hanno avuto un impatto rilevante per il miglioramento delle caratteristiche nutrizionali dei prodotti finali.