Archivi categoria: menù disintossicante

Ricette vegane – Mangiamo leggero – CARNE SE VOGLIAMO MANGIARNE DI MENO O NON MANGIARLA DOBBIAMO SOSTITUIRLA CON ELEMENTI ALTRETTANTO RICCHI DI PROTEINE

SE TUTTI CI LIMITASSIMO A RIDURRE IL CONSUMO DI CARNE E PESCE IL MONDO INTERO GUADAGNEREBBE IN SALUTE ….

LA SALUTE NOSTRA E DEL MONDO E’ NEL NOSTRO CARRELLO DELLA SPESA !

SE vogliamo mangiare meno carne, dobbiamo documentarci per avere un’ alimentazione completa e sana.

Noi non siamo nati mangiando solo vegetariano o vegano; quindi se decidiamo per questa scelta dobbiamo informarci per evitare errori e carenze alimentari.

Nel dubbio, non dimentichiamo la possibilità, assai ragionevole, di semplicemente limitare il nostro consumo di carne, pesce e / o latticini, sostituendoli con semi vegetali come 5 mandorle al giorno e/o 5 noci ecc… fagioli e pasta, riso, lenticchie, ceci, verdure in genere ecc…

Ricordiamo che la banana è un ottimo alimento per chi mangia poca carne e pesce; ricco di proteine, sali minerali e vitamine (unico handicap; proviene da lontano e necessita di molte spese e consumi di carburante per il trasporto).

RICETTA DEL PARMIGIANO VEGAN

Premesso che il Parmigiano è uno dei cibi più ricchi e completi che ci permettono di alimentarci bene, mangiandone piccole quantità;, senza parlare dell’eccellente gusto che ha incantato il mondo intero, il parmigiano vegan può essere mangiato solo crudo, non usatelo in cottura.

Ingredienti:

25 gr. di lievito alimentare in scaglie

25 gr. di germe di grano

25 gr. di mandorle pelate o pinoli o germe di grano o semi di zucca o semi di lino o noci o sesamo

10 gr. di sale integrale

Sminuzzate tutto in un robot da cucina; ne otterrete una gamella uniforme.

In frigo, chiuso in barattolo, si conserva sino ad un mese.

—-

PANNA DI SOYA

Ingredienti:

200 gr. di tofu non aromatizzato

50 ml. di latte di soya

20 ml. di olio di vinacciolo o di riso o di soya

Tagliare il tofu a cubettini e frullare tutto, ma non l’olio,  con frullatore classico o a immersione .

L’olio va poi incorporato aggiungendolo a filo, come per una maionese.

Si conserva 2 o 3 gg in frigo.

—-

POLPETTE VEGETALI

Ingredienti:

120 gr di lenticchie corallo (il peso si intende da cotte)

120 gr. di cavolfiore (peso netto grattugiato, solo le cimette bianche)

1/ peperone rosso o giallo

60 gr fiocchi di avena; non quelli grossolani (altrimenti frullateli nel mixer o robot)

2 cucchiai di anacardi macinati

1 cucchiaio di puré di anacardi o arachidi

1 cucchiaio di concentrato di pomodoro

2 cucchiai di farina di ceci

sale pepe

olio di sesamo o arachidi per la cottura.

Mettere le lenticchie corallo un una pentola con 3 volte del loro  volume di acqua .

Cuocere 15′

Tagliare le cimette bianche del cavolfiore a piccoli pezzi e frullarle in un robot.

Tagliare il peperone a pezzettini piccoli.

Pesare 120 gr. di cavolfiore e aggiungerlo nella pentola con il peperone a pezzetti.

Versare le lenticchie cotte in una insalatiera dopo averle scolate.

Mescolare con i fiocchi d’avena e riposare 30′.

Quindi unire tutti gli ingredienti, aggiungere sale e pepe e dividere in 6 porzioni.

Dorare le polpette nell’olio  versatele solo quando l’olio è caldo tanto da dorare un pezzettino di pane buttato nell’olio; cuocere le polpette 3-4 minuti per lato.

OPPURE:  cuocetele in forno con un filo d’olio distribuito sulle polpette a 180° sino a doratura.

Volendo, condire con : rondelle di pomodoro, coriandolo fresco o prezzemolo o pesto, ma anche salsa di yogurt  (yogurt vegano o normale) + 1 cucchiaio di Tahina (salsa di sesamo), 1 cucchiaino di cumino, 1/2 cucchiaio di salsa di soya.

Servire con verdura bollita, insalata ecc…

Le polpette si possono anche inserire con salsa e verdure in un piccolo panino integrale con semi vari o fette di pane nero.

Tutto è tratto, liberamente, dal libro “Veggie Burger”, editore Sonda.

www.sonda.it

Erbe aromatiche: i benefici che non ti aspetti

Le erbe aromatiche sono un vero e proprio concentrato di principi salutari e una fonte di vitamine e sali minerali benefici …

 Quante volte vi siete ritrovati a dover organizzare una cena importante e nel bel mezzo della preparazione vi siete accorti di aver dimenticato l’ingrediente che avrebbe dato quel tocco in più per stupire i commensali?

Coltivare erbe aromatiche in casa significa avere sempre a disposizione una fonte vitale di aromi e sapori:

-il loro profumo e il loro aspetto le rendono piante appariscenti e ornamentali; offrono fragranze, forme e colori che illuminano l’ambiente e lo rendono gradevole; in più sono piante poco costose, alla portata di tutte le tasche.

Inoltre le erbe aromatiche sono un vero e proprio concentrato di principi salutari e una fonte di vitamine e sali minerali benefici per il nostro organismo.

Citronella. Originaria dell’America sud occidentale, la citronella si usa con moderazione per dare sapore di limone alle pietanze; in medicina le sue foglie sono curative in caso di gonfiore e indigestioni, possono essere usate anche come sedativo o per preparare tisane da bere la sera. Il suo profumo persistente aiuta anche ad allontanare le zanzare nella stagione estiva.

Basilico.

Questa pianta è conosciuta in tutto il mondo per il suo utilizzo in cucina, associato alla cucina mediterranea e a quella italiana in particolare.

È una pianta che cresce in pieno sole e può essere coltivata sia in vaso che in piena terra, l’importante è che sia un terreno fertile a ph neutro. È ricco di potassio che serve a regolare l’equilibrio idrico nel corpo, inoltre fornisce fosforo che è un elemento fondamentale per la costituzione delle ossa.

Menta.

Può curare disturbi come tosse e raffreddore, per via delle sue proprietà sedative e spasmodiche.

Per chi soffre di alitosi, quest’erba molto profumata strofinata sui denti aiuta a prevenirla e a combatterla. Può essere coltivata sia in giardino che in vaso. Leggermente afrodisiaca, se consumata cruda, è un ottimo condimento per piatti di formaggio, per insalate, macedonie e cocktail.

Erba cipollina.

Predilige terreni freschi e ricchi, ama il sole, ma tollera anche una posizione a mezz’ombra. L’erba cipollina si coltiva senza problemi anche in vaso.
Viene utilizzata per insaporire piatti caldi e freddi, al contrario della cipolla e dell’aglio è molto digeribile e da secoli è preziosa contro l’alito cattivo. Rinforza i muscoli, aumenta la circolazione sanguigna e allevia i dolori addominali

Rosmarino.

Calma i reumatismi e il torcicollo; è un eccellente tonico cerebrale: in caso di stanchezza, affaticamento e difficoltà di concentrazione è utile un infuso di rosmarino da consumare tutti i giorni. Grazie alla presenza di flavonoidi e altri antiossidanti, il rosmarino aiuta a disintossicare il fegato. Con la carne è ideale, perché migliora la digestione dei grassi.

Timo limone.

Il timo limone è una pianta perenne che cresce bene in qualsiasi terreno purché ben soleggiato.

Si utilizzano in cucina le sommità fiorite e le foglie, dall’intenso sapore di limone che lo rende ideale per insaporire le pietanze di carne, pesce e insalate. Una volta essiccato, mantiene il suo aroma che, anzi, risulta più forte e concentrato. Gli infusi con foglie e fiori sia secchi che freschi sono ottimi curativi per tosse, raffreddore e problemi digestivi.

Salvia.

Il nome latino Salvia Officinalis significa “pianta che salva”, infatti alcuni popoli credevano che potesse resuscitare i morti se usata durante i riti magici. Aiuta a proteggere dalle infiammazioni di bocca e gola, a calmare i crampi addominali e a tonificare il sistema nervoso. Inoltre sembra che la salvia sia in grado di risvegliare gli ardori maschili e femminili. In cucina viene usata per aromatizzare sia primi che secondi piatti.

A proposito di salvia, ecco il suggerimento di un’originale ricetta che Michela Carta, blogger di Giallo Zafferanno, ha preparato con questo ingrediente:
http://blog.giallozafferano.it/dolcesalatomiky/2016/10/23/ravioli-di-zucca-e-gorgonzola/

Tutte le erbe aromatiche sono disponibili su ManoMano.it, il più grande marketplace a livello europeo di giardinaggio e bricolage.