Archivi categoria: menù disintossicante

RUGHE, DANNI DA SOLE, MUSCOLI DEBOLI? MANGIATE SALMONE.

00Il salmo­ne è il migliore rimedio per nutrire il vostro viso e mantenere la pelle senza difetti ad ogni età.

LO SOSTIENE IL DOTT. PERICONE NOTISSIMO TRA I DIVI DI HOLLYWOOD

Qualche ruga in più? Niente panico: la buona notizia è che il consumo di salmone in abbondanza non solo ne rallenta la progressione, ma ripara anche quelle già formatesi.

NORVEGIA RISTORANTI SALMONE AFFUMICATO

A tavola la nostra guerra contro le rughe
Bisogna bere molta acqua (almeno un litro e mezzo al giorno) e privilegiare cibi che aiutano la pelle a restare elastica e a rigenerarsi. Frutta e verdura naturalmente. Ma soprattutto alimenti proteici. In particolare: il salmone.

Perdere peso e ottenere una pelle splendida.

Una porzione di salmone al giorno per una settimana e poi pesce una volta ogni due o tre giorni, nelle settimane successive.

Abbiamo bisogno di 700mg. di omega3 al giorno che possono essere raggiunti con 30 g di salmone.

Il salmone è il rimedio ideale per la bellezza e per la giovinezza, grazie alla sua ricchezza in acidi grassi omega 3 che svolgono una funzione fondamentale nella

protezione e nella riparazione delle membrane cellulari.

Oltre agli omega 3 il salmone ci procura anche notevoli quantità di

vitamina D che promuove l’assorbimento del calcio e favorisce la mineralizzazione dello scheletro.

In casi speciali, però, le dosi consigliate sono più alte.

Ad esempio quando la pelle è stata sottoposta a un superlavoro, ovvero

dopo l’estate o

per effetto di un dimagrimento troppo rapido. 

Nel primo caso necessita di

-nutrimento e riparazione, nel secondo di

-rinforzare le fibre di elastina (per evitare una muscolatura molle e cadente nel corpo e nel viso).

DIETA PERICONE LA DIETA DELLE DIVE E DEI DIVI NEGLI STATI UNITI

Negli Stati Uniti ha avuto grande successo la 

-dieta d’urto salva pelle a base di salmone messa a punto dal dermatologo australiano, Nicholas Pericone, per il suo potente effetto anti età.

Tre giorni consecutivi di salmone come l’ingrediente principale dei tre pasti:

-colazione, pranzo e cena.

Si escludono altre fonti proteiche (carne, uova, formaggi ecc..).

Con questo regime è possibilie

ritardare la comparsa delle rughe e

riparare tutti i danni già fatti.

Il dottor Michael Perricone, professore assistente di dermatologia alla Facoltà di Me­dicina dell’Università di Vale è il pio­niere della ricerca antiage  con il best seller

“II rimedio per le rughe”.

Un approccio scientifico di potenti antiossidanti abbinato ad uno stile di vita attivo, “il rimedio per le rughe” promette di

-sconfig­gere le rughe,

-fermare i cedimenti,

-evitare i danni alla pelle causati dalle radiazioni solari e rimodellare il vostro corpo, il tutto

-senza ricor­rere alla chirurgia estetica e a creme costosissime.

Il salmo­ne è il  migliore rimedio per nutrire il vostro viso e mantenere la pelle senza difetti ad ogni età.

Mangiarne frequentemente è come fare

-“un lifting al viso con la forchetta”.

Le proprietà del salmone per stimolare la pelle sono da attribuire alla sua ricchezza in acidi grassi es­senziali e DMAE (dimetilaminoetanolo) un composto precursore del neurotrasmettitore acetilcolina,

responsabile di un buon tono muscolare.

Mangiate salmone due volte al giorno, come prescritto nella “messa a posto veloce della faccia in tre giorni” (il rimedio delle rughe), e vedrete il vostro aspetto

visi­bilmente cambiato in soli tre giorni. 

“Questa non è una dieta. Questo è uno stile di vita”, assicura Perri­cone.

Se iniziate questo programma a trent’anni e lo man­tenete, quando sarete sulla cin­quantina o sessantina

sembrerete 20 anni più giovani della vostra età anagrafica.

Da: http://www.massimospattini.it/TREGIORNIPERSPIANARELERUGHE.htm

“IL MENU’

II programma “messa a posto della faccia in tre giorni” è intensivo, ma facile da seguire.

Colazione: frutta fresca e bacche (mirtilli, ribes, lamponi, more) – omelette con bianchi d’uovo, 1/2 tazza di fiocchi d’avena cotti in estate sostituiti con 3 cucchiai di corn flakes magri.

-Pranzo e cena: 1 o 2 tazze di broc­coli, cavolfiori, fagiolini, pepe, saltati in olio di oliva o mangiati crudi; 100-150 g di salmone alla griglia con insalata verde mista (facoltativa) con un cuc­chiaino d’olio e succo di limone.

Spuntini: due al giorno (una fetta di tacchino, una mela e un paio di nocciole, noci o mandorle), 8-10 bicchieri d’acqua,

-illimitata quantità di melone e an­guria per dessert.

Secondo il dottor Perricone, ognuno ha bisogno di tre cose ad ogni pa­sto:

1.    proteine di buona qualità;

2.  acidi grassi essenziali come quelli che sono nel pesce e nell’olio di oliva;

3.  carboidrati a basso indice glicemico, cioè di carboidrati che non mandano i livelli di insulina alle stelle. Tra questi sono compresi mele, melone, broccoli, agrumi, pesche, pere, prugne, kiwi, fagioli, asparagi.

Il consiglio è quello di scegliere i carboidrati che sono brillantemente colorati (carote, pomodori ecc..), ricchi di antios­sidanti, un plusvalore per la vostra pelle e per il vostro corpo. Inoltre le proprietà antinfiammatorie di questi cibi aiutano a combattere gli effetti dell’età.

SBRONZA DA CARBOIDRATI

Perticone propone questo esempio: “Mettiamo che voi andiate fuori a cena il venerdì sera e consumiate

-pasta, vino e dessert:

-la vostra glicemia subirà un brusco innalza­mento che causerà una

brutta in­fiammazione nel vostro corpo.

Il sabato mattina vi alzerete con la sensazione tipica della sbronza, che però non sarà dovuta all’alcol. La colpa è dei “”cattivi carboidrati”, che vi hanno

-gonfiato e fatto tratte­nere acqua, dandovi un aspetto”paffuto” ed una brutta sensazione di rimbambimento.

In tutte le mie ricerche non ho mai visto una pelle invecchiata che non fosse clinica-mente infiammata“.

Nutrizione deficitaria, stress e so­stanze tossiche contribuiscono al­la infiammazione delle cellule,

-all’ori­gine di malattie come le

-malattie cardiache,

-l’Alzheimer e

-l’invecchia­mento.

Per combatterle, occorre affidarsi alle

proprietà antinfiamma-torie delle vitamine C, E ed all’acido alfa lipoico, un potentissimo antios­sidante che si trova naturalmente nelle vostre cellule che è

400 volte più potente delle vitamine C ed E com­binate.

La chiave vincente è ancora una volta il salmone, grazie alle sue proprietà antinfiammatorie.

MANGIATE PROTEINE

“Se la gente mangiasse il salmone due volte al giorno, ogni giorno, sarebbe stupefatta del proprio aspetto” dice Perricone.

Questa dieta potrebbe sembrare iperproteica e iperlipidica ma non bisogna credere al luogo comune secondo il quale “mangiamo troppe proteine”.

La verità è che la maggior parte delle

-donne mangiano la metà delle proteine di cui avrebbero bi­sogno ogni giorno.

 Le donne hanno cronicamente livelli bassi di serotonina, la sostanza chimica cerebrale che le fa sentire serene e che pre­cipita durante il ciclo mestruale.

Questa è la ragione per cui le don­ne

-si buttano sulla pasta, il pane, la cioccolata, tutte quelle cose che alzano la glicemia e che danno una sensazione immediata di benesse­re.

Se consumate proteine a sufficienza non avrete gli attacchi di fame incontallabili.

Il secondo grande mito è che una

dieta ipolipidica o senza grassi sia la giusta via.

Il dottor Bruce Holub, professore di Biologia Uma­na e Scienza dell’Alimentazione all’Università di Guelph, crede che la nostra società sia

diventata grassofobica (paura dei grassi) e dice che mangiare pesce come il salmo­ne, può avere un impatto positivo sulla nostra salute. Insomma:

il problema non è quanti grassi inseriamo nella nostra dieta, ma che tipo di grassi.

LA GRASSOFOBIA

La maggior parte della gente segue

diete ricche di grassi cattivi che si trovano nei cibi pronti e raffi­nati (dolci, gelati,  biscotti, piatti e sughi pronti..), ed è qui che comincia il pro­blema.

Spiega Perticone:

-“la verità è che

le diete con pochi grassi sono pericolose.

I grassi buoni, come quelli nel pesce e nell’olio di oliva,

sono essenziali per regolare l’in­fiammazione,

-stabilizzare la glice­mia ed

-aiutare i neurotrasmettitori cerebrali.

Ed

aumentano realmente lo splendore della vostra pelle”.

E ancora

-“Ognuno, soprattutto le don­ne, è ossessionato dal grasso e dal peso.

Questo dipende molto dal fatto che sono proposti modelli di riferimento come le indossatrici, che sono magrissime, ma cercare di raggiungere questi

livelli di ma­grezza comporta perdita di massa muscolare e intraprendere la peri­colosa via dell’osteoporosi.

Col sistema spiegato in “la cura per le rughe'” nei fatidici tre giorni si per­dono anche 2-3 Kg, che sono so­prattutto d’acqua ma, così,

il corpo si mette a metabolizzare meglio i grassi e diventa più magro e in forma. 

Molta gente usa questo si­stema prima di una festa, una riu­nione, un qualsiasi evento dove si debba essere al massimo della forma, con ottimi risultati, ma è comunque meglio adottare un buon regime alimentare tutto l’anno.

In questa maniera seguendo un igiene di vita salutare che non trascuri l’attività fisica riusciremo a contra­stare l’avanzare dei segni dell’età”.

LA NOSTRA PERSONALE ESPERIENZA ALL’ETA’ DI 63 ANNI.

Secondo noi, dopo avere provato personalmente, la dieta del Salmone e olio purissimo di zucca  (o VERO extravergine di oliva) preso 1 o 2 cucchiai al giorno, anche per condire le verdure è già un primo passo verso un aspetto migliore ed una salute migliore.

L’olio di zucca può essere usato per curare la pelle come maschera una volta alla settimana, o solo al posto della solita crema, se non si esagera nella quantità la pelle assorbe l’oleosità abbastanza velocemente e comunque la si può usare anche solo al sera.

Altro ottimo olio per curare la pelle del viso e del corpo e i capelli è

– l’olio di Argan, controllare bene sull’etichetta che sia  purissimo.

La miglior maschera per il viso è l’albume d’uovo sbattuto un poco con una forchetta e applicato abbondantemente; tenerlo quanto più possibile a partire da 15′.

Se avete al pelle secca aggiungete anche il tuorlo.

L’uovo sbattuto è anche la miglior maschera per i capelli,  apporta molte proteine, vitamine  e grassi.

Ottima maschera per il viso anche il té molto forte applicato con un batuffolo di cotone, buono anche per i capelli scuri, dona riflessi sorprendenti e funge da fissante.

Non a caso la casa cosmetica Clarins, che è una delle pochissime che veramente usano prodotti naturali di alta qualità e concentrazione, ha previsto una serie di oli per il corpo, eccellenti, come pure per il viso.

Sempre meglio della maggior parte degli altri prodotti (che fanno “miracoli” e donano anche una speciale brillantezza e consistenza ai capelli o bianco ai denti ecc…) che sono 

-a base di derivati del petrolio, anche quelli molto costosi; o contengono nanoparticelle, senza dichiaralo, sospettate di essere cancerogene e mutagene.

Comunque una pelle morbida anche dopo una certa età è legata all’assunzione di yogurt, tanta frutta e verdura, acqua, proteine sufficienti, omega3, vitamina E a sufficienza e sali minerali ( noci, nocciole, mandorle…); nessuno è mai ingrassato per assumere 5 noci al giorno o 5 mandorle…anzi possono fungere da togli-fame)

  Come fonti preziose di omega 3 vanno bene anche

— sgombri, acciughe e tonno. Ecco 7 giorni di dieta da 1200-1300 calorie per perdere una taglia e …salvarsi la pelle!

Convinto sostenitore della dieta del salmone è il famoso dermatologo australiano, Nicholas Pericone, che ha da tempo messo a punto una dieta d’urto che promette di ritardare la comparsa delle rughe, e di

-riparare buona parte dei danni  già fatti.

Il suo regime, per perdere numerosi chili,  è piuttosto drastico perchè di fatto prevede

-giorni e giorni a base di salmone. A colazione, pranzo e cena!

 Anche se

gli effetti sulla pelle sono certamente sorprendenti, in realtà si tratta di un’alimentazione piuttosto squilibrata (ma è ok per un periodo che si può ripetere a intervalli regolari per tutta la vita) e utilizzare comunque il salmone in qbbondanti quantità (sino a 250 gr.)anche nella normale dieta quotidiana 3 volte o 4 la settimana.

LA MIGLIOR DIETA E’ UNA BELLA PASSEGGIATA TUTTI I GIORNI, FARE LE

SCALE E NON ESAGERARE CON CIBO E BEVANDE.

Premesso che la miglior dieta è il movimento regolare e quotidiano, basterebbe una passeggiata di 30-40 minuti al giorno, camminare e/o fare sport per almeno 2 ore il sabato e domenica.

Ottima una nuotata in piscina, tutte le settimane (non è necessario andare 2 volte la settimana, conta maggiormente la regolarità). Bene anche la ginnastica in casa, non costa nulla, almeno il fine settimana (ci sono anche tanti corsi alla televisione e on line).

L’alternativa sono tutti gli sport che fanno bruciare calorie e muovono quasi tutti i muscoli come lo sci, lo sci-nautico, la danza, lo yoga, il tai-ci…

Ricordiamoci che sarebbe consigliabile fare attività fisica in un ambiente non contaminato (chiedete alla vostra palestra ogni quanto cambiano i filtri dell’aria condizionata e pretendete di vedere le ricevute degli ultimi interventi prima di pagare la vostra prima rata. Controllate che le prese di aria condizionata non siano direttamente sulla strada o verso qualche parcheggio).

Comunque a volte la dieta è indispensabile per raggiungere velocemente il peso forma.

Quella che segue è la dieta più equilibrata che mi sia capitato di provare negli ultimi miei 45 anni.

Non è necessario seguire tutto alla lettera, basta non aumentare le dosi, inoltre i piatti si possono intercambiare a piacere.

Per avere buoni risultati la dieta dovrebbe durare almeno 2/4 settimane.

Attenzione al dopo-dieta, pericolosissimo! Di solito si riacquistano velocemente i chili persi con tanta fatica! Mettete in tavola, per sempre, dosi almeno simili a quelle che vi imponeva la dieta e …peccate, ma solo una volta la settimana.

Dopo ogni giorno di sregolatezze almeno 1/2 giorni di dieta e, comunque, 1 giorno di dieta alla settimana vi aiuterà a mantenere la forma conquistata.

Lunedì.

Colazione: 1 tazza di latte intero con 1 cucchiaino di miele, 5 biscotti secchi, 1 mela; spuntino a metà mattina 1 fetta di ananas.

Pranzo: 70 gr. di orcchiette con broccoli conditi con 1 cucchiaio di olio, 2 uova alla coque, 150 gr. di insalata di radicchio e spinaci con 1 cucchiaio di olio, 1 panino integrale; merenda: 1 coppa di frutti di bosco.

Cena: 70 gr. di minestrone di riso integrale e piselli con 1 cucchiaio di olio, 120 gr. di coniglio arrosto, 150 gr. di insalata condita con 1 cucchiaio di olio, 1 panino integrale.

Martedì.

Colazione: 1yogurt con 1 cucchiaino di miele e 30 gr di muesli, 1 spremuta d’arancia; spuntino a metà mattina 1 mela , 2-3 mandorle o noci.

Pranzo: 1 bruschetta con 70 gr. di pane conditi con 1 cucchiaio di olio e 4 pomodorini,  150 gr. di roast-beef, 200 gr di zucchine lessate con 1 cucchiaio di olio e limone, 5 creker; merenda: una fetta di crostata (porzione da ristorante).

Cena: 100 gr. di ricotta fresca,  150 gr. di insalata riccia e cavolo cappuccio condita con 1 cucchiaio di olio, 1 panino integrale.

Mercoledì.

Colazione: 1 tazza di latte intero con 1 cucchiaino di miele, 3 fette biscottate con 2 cucchiai di marmellata; spuntino a metà mattina 2 kiwi.

Pranzo: 60 gr. di riso condito con 10 gr. di burro e 2 cucchiai di parmigiano, 120 gr. di pollo ai ferri. 150 gr. di insalata mista con 1 cucchiaio di olio, 1 panino integrale; merenda: 150 gr. di frutti di bosco.

Cena: 1 pomodoro ripieno di riso, 200gr. di salmone al cartoccio, 200 gr. di barbabietole rosse condite con 1 cucchiaio di olio, 1 panino integrale.

Giovedì.

Colazione: 1 yogurt con 1 cucchiaino di miele, 30  gr. di cereali, 1 spremuta ; spuntino a metà mattina 1 mela.

Pranzo: 70 gr. pasta e fagioli conditi con 1 cucchiaio di olio, 50 gr. di tonno al naturale, 100 gr. di insalata di  spinaci con 1 cucchiaio di olio, 1 panino integrale, 1 spremuta; merenda: 1 coppa di frutti di bosco.

Cena: passato di verdura a volontà con 30 gr di crostini, 120 gr. di merluzzo lessato con 1 cucchiaio di olio, 2 carciofi con 1 cucchiaio di olio, 1 panino integrale.

Venerdì.

Colazione: 1 tazza di latte intero con 1 cucchiaino di miele, 5 biscotti secchi, 1 mela; spuntino a metà mattina 1 fetta di ananas.

Pranzo: 70 gr. di pasta con cime di rapa saltate con aglio e peperoncino e con 1 cucchiaio di olio, 70 gr. di prosciutto crudo, 150 gr. di insalata di finocchi con 1 cucchiaio di olio, 4 creker; merenda: 1 cspremuta.

Cena: 70 gr. di minestrone di cereali e legumi con 1 cucchiaio di olio, 150 gr. di pesce spada ai ferri, 200 gr. di broccolini di Bruxelles conditi con 1 cucchiaio di olio, 1 panino integrale.

Sabato.

Colazione: 1yogurt con 1 cucchiaino di miele e 30 gr di muesli, 1 spremuta d’arancia; spuntino a metà mattina 1 pera.

Pranzo: insalata caprese con 70 gr. mozzarella con  150 gr. pomodori con 1 cucchiaio di olio e limone, 2 fette di pane integrale; merenda: una coppetta di fragole con 1 pallina di gelato.

Cena: 1minestra con 40 gr di orzo,  100 gr. di patate e prezzemolo condita con 1 cucchiaio di olio, 150 gr. di bistecca ai ferri, 150 gr di lattuga con 1 cucchiaio di olio, 1 panino integrale.

Domenica.

Colazione: 1 tazza di latte, 3 fette biscottate con 2 cucchiai di marmellata ; spuntino a metà mattina spremuta.

Pranzo: 70 gr. pasta integrale  conditi con zucchine e 1 cucchiaio di olio, 70 gr. di bresavola, 100 gr. di insalata con 1 cucchiaio di olio, 1 panino integrale, 1 spremuta; merenda: 1 coppa di macedonia.

Cena: 150 gr di verdura cruda mista con 1 c. di olio, 1 trancio (200 gr.) di pizza margherita o marinara.

Buona dieta! E ricordatevi che il mantenimento è ancora più importante della dieta, altrimenti si vanificano tutti gli sforzi!

Ricette vegane – Mangiamo leggero – CARNE SE VOGLIAMO MANGIARNE DI MENO O NON MANGIARLA DOBBIAMO SOSTITUIRLA CON ELEMENTI ALTRETTANTO RICCHI DI PROTEINE

SE TUTTI CI LIMITASSIMO A RIDURRE IL CONSUMO DI CARNE E PESCE IL MONDO INTERO GUADAGNEREBBE IN SALUTE ….

LA SALUTE NOSTRA E DEL MONDO E’ NEL NOSTRO CARRELLO DELLA SPESA !

SE vogliamo mangiare meno carne, dobbiamo documentarci per avere un’ alimentazione completa e sana.

Noi non siamo nati mangiando solo vegetariano o vegano; quindi se decidiamo per questa scelta dobbiamo informarci per evitare errori e carenze alimentari.

Nel dubbio, non dimentichiamo la possibilità, assai ragionevole, di semplicemente limitare il nostro consumo di carne, pesce e / o latticini, sostituendoli con semi vegetali come 5 mandorle al giorno e/o 5 noci ecc… fagioli e pasta, riso, lenticchie, ceci, verdure in genere ecc…

Ricordiamo che la banana è un ottimo alimento per chi mangia poca carne e pesce; ricco di proteine, sali minerali e vitamine (unico handicap; proviene da lontano e necessita di molte spese e consumi di carburante per il trasporto).

RICETTA DEL PARMIGIANO VEGAN

Premesso che il Parmigiano è uno dei cibi più ricchi e completi che ci permettono di alimentarci bene, mangiandone piccole quantità;, senza parlare dell’eccellente gusto che ha incantato il mondo intero, il parmigiano vegan può essere mangiato solo crudo, non usatelo in cottura.

Ingredienti:

25 gr. di lievito alimentare in scaglie

25 gr. di germe di grano

25 gr. di mandorle pelate o pinoli o germe di grano o semi di zucca o semi di lino o noci o sesamo

10 gr. di sale integrale

Sminuzzate tutto in un robot da cucina; ne otterrete una gamella uniforme.

In frigo, chiuso in barattolo, si conserva sino ad un mese.

—-

PANNA DI SOYA

Ingredienti:

200 gr. di tofu non aromatizzato

50 ml. di latte di soya

20 ml. di olio di vinacciolo o di riso o di soya

Tagliare il tofu a cubettini e frullare tutto, ma non l’olio,  con frullatore classico o a immersione .

L’olio va poi incorporato aggiungendolo a filo, come per una maionese.

Si conserva 2 o 3 gg in frigo.

—-

POLPETTE VEGETALI

Ingredienti:

120 gr di lenticchie corallo (il peso si intende da cotte)

120 gr. di cavolfiore (peso netto grattugiato, solo le cimette bianche)

1/ peperone rosso o giallo

60 gr fiocchi di avena; non quelli grossolani (altrimenti frullateli nel mixer o robot)

2 cucchiai di anacardi macinati

1 cucchiaio di puré di anacardi o arachidi

1 cucchiaio di concentrato di pomodoro

2 cucchiai di farina di ceci

sale pepe

olio di sesamo o arachidi per la cottura.

Mettere le lenticchie corallo un una pentola con 3 volte del loro  volume di acqua .

Cuocere 15′

Tagliare le cimette bianche del cavolfiore a piccoli pezzi e frullarle in un robot.

Tagliare il peperone a pezzettini piccoli.

Pesare 120 gr. di cavolfiore e aggiungerlo nella pentola con il peperone a pezzetti.

Versare le lenticchie cotte in una insalatiera dopo averle scolate.

Mescolare con i fiocchi d’avena e riposare 30′.

Quindi unire tutti gli ingredienti, aggiungere sale e pepe e dividere in 6 porzioni.

Dorare le polpette nell’olio  versatele solo quando l’olio è caldo tanto da dorare un pezzettino di pane buttato nell’olio; cuocere le polpette 3-4 minuti per lato.

OPPURE:  cuocetele in forno con un filo d’olio distribuito sulle polpette a 180° sino a doratura.

Volendo, condire con : rondelle di pomodoro, coriandolo fresco o prezzemolo o pesto, ma anche salsa di yogurt  (yogurt vegano o normale) + 1 cucchiaio di Tahina (salsa di sesamo), 1 cucchiaino di cumino, 1/2 cucchiaio di salsa di soya.

Servire con verdura bollita, insalata ecc…

Le polpette si possono anche inserire con salsa e verdure in un piccolo panino integrale con semi vari o fette di pane nero.

Tutto è tratto, liberamente, dal libro “Veggie Burger”, editore Sonda.

www.sonda.it

Erbe aromatiche: i benefici che non ti aspetti

Le erbe aromatiche sono un vero e proprio concentrato di principi salutari e una fonte di vitamine e sali minerali benefici …

 Quante volte vi siete ritrovati a dover organizzare una cena importante e nel bel mezzo della preparazione vi siete accorti di aver dimenticato l’ingrediente che avrebbe dato quel tocco in più per stupire i commensali?

Coltivare erbe aromatiche in casa significa avere sempre a disposizione una fonte vitale di aromi e sapori:

-il loro profumo e il loro aspetto le rendono piante appariscenti e ornamentali; offrono fragranze, forme e colori che illuminano l’ambiente e lo rendono gradevole; in più sono piante poco costose, alla portata di tutte le tasche.

Inoltre le erbe aromatiche sono un vero e proprio concentrato di principi salutari e una fonte di vitamine e sali minerali benefici per il nostro organismo.

Citronella. Originaria dell’America sud occidentale, la citronella si usa con moderazione per dare sapore di limone alle pietanze; in medicina le sue foglie sono curative in caso di gonfiore e indigestioni, possono essere usate anche come sedativo o per preparare tisane da bere la sera. Il suo profumo persistente aiuta anche ad allontanare le zanzare nella stagione estiva.

Basilico.

Questa pianta è conosciuta in tutto il mondo per il suo utilizzo in cucina, associato alla cucina mediterranea e a quella italiana in particolare.

È una pianta che cresce in pieno sole e può essere coltivata sia in vaso che in piena terra, l’importante è che sia un terreno fertile a ph neutro. È ricco di potassio che serve a regolare l’equilibrio idrico nel corpo, inoltre fornisce fosforo che è un elemento fondamentale per la costituzione delle ossa.

Menta.

Può curare disturbi come tosse e raffreddore, per via delle sue proprietà sedative e spasmodiche.

Per chi soffre di alitosi, quest’erba molto profumata strofinata sui denti aiuta a prevenirla e a combatterla. Può essere coltivata sia in giardino che in vaso. Leggermente afrodisiaca, se consumata cruda, è un ottimo condimento per piatti di formaggio, per insalate, macedonie e cocktail.

Erba cipollina.

Predilige terreni freschi e ricchi, ama il sole, ma tollera anche una posizione a mezz’ombra. L’erba cipollina si coltiva senza problemi anche in vaso.
Viene utilizzata per insaporire piatti caldi e freddi, al contrario della cipolla e dell’aglio è molto digeribile e da secoli è preziosa contro l’alito cattivo. Rinforza i muscoli, aumenta la circolazione sanguigna e allevia i dolori addominali

Rosmarino.

Calma i reumatismi e il torcicollo; è un eccellente tonico cerebrale: in caso di stanchezza, affaticamento e difficoltà di concentrazione è utile un infuso di rosmarino da consumare tutti i giorni. Grazie alla presenza di flavonoidi e altri antiossidanti, il rosmarino aiuta a disintossicare il fegato. Con la carne è ideale, perché migliora la digestione dei grassi.

Timo limone.

Il timo limone è una pianta perenne che cresce bene in qualsiasi terreno purché ben soleggiato.

Si utilizzano in cucina le sommità fiorite e le foglie, dall’intenso sapore di limone che lo rende ideale per insaporire le pietanze di carne, pesce e insalate. Una volta essiccato, mantiene il suo aroma che, anzi, risulta più forte e concentrato. Gli infusi con foglie e fiori sia secchi che freschi sono ottimi curativi per tosse, raffreddore e problemi digestivi.

Salvia.

Il nome latino Salvia Officinalis significa “pianta che salva”, infatti alcuni popoli credevano che potesse resuscitare i morti se usata durante i riti magici. Aiuta a proteggere dalle infiammazioni di bocca e gola, a calmare i crampi addominali e a tonificare il sistema nervoso. Inoltre sembra che la salvia sia in grado di risvegliare gli ardori maschili e femminili. In cucina viene usata per aromatizzare sia primi che secondi piatti.

A proposito di salvia, ecco il suggerimento di un’originale ricetta che Michela Carta, blogger di Giallo Zafferanno, ha preparato con questo ingrediente:
http://blog.giallozafferano.it/dolcesalatomiky/2016/10/23/ravioli-di-zucca-e-gorgonzola/

Tutte le erbe aromatiche sono disponibili su ManoMano.it, il più grande marketplace a livello europeo di giardinaggio e bricolage.