Archivi categoria: le mie ricette

Ricette facili, veloci, tradizionali, cucina esotica, ricette per la dieta

PIZZA PIZZA PIZZA – Segreti di una buona pizza

Per principianti

Non vi diamo una ricetta della pizza, ne trovate di ottime in internet, ma vi vogliamo svelare alcuni importanti particolari per un’ottimo risultato.

Fondamentale è la temperatura ambiente, sarà più facile avere una buona lievitazione in estate.

Se avete una cucina fredda, l’impasto subirà degli sbalzi termici che possono gravemente danneggiare la lievitazione; lavorare l’impasto in un ambiente più caldo può fare la differenza.

Il sale è un antagonista del levito, quindi non mettete mai lievito e sale insieme.

Meglio aggiungere il sale dopo avere già mescolato una parte della farina con il lievito.

Sull’impasto che deve lievitare è opportuno mettere un panno umido; previene l’evaporazione.

Il meglio sarebbe poter appoggiare la pizza da cuocere nel forno elettrico su di una pietra refrattaria invece che la solita teglia da forno (si crea così la condizione ideale per la cottura della pizza).

Cuocere la pizza in forno dove avete preventivamente inserito, sul fondo, una pentola con acqua (nel forno ci sarà così  una umidità ideale).

Il forno deve essere MOLTO caldo !

Usate solo prodotti di qualità.

Ricette falafel piatto vegetariano – ospiti, cosa cucino?

Felafel o Falafel ovvero golose polpette economiche di origine araba.

Ingredienti per 4 persone:

300 gr di ceci ammollati una notte e asciugati (io lo faccio anche con le lenticchie)

2 cipolle a pezzetti

2 spicchi d’aglio

pepe una bella grattata (io preferisco quello verde e rosa che è più delicato)

1 cucchiaino di cumino in polvere

1 mazzetto di prezzemolo

-Qualcuno aggiunge la farina per avere più consistenza; io preferisco la farina di mais tostata, che trovo al supermercato e uso solitamente per impanare; perché assorbe meno olio quando friggo): quantitativo 3/4  cucchiai.

-1/2 cucchiaino di bicarbonato

Olio  extra vergine (io preferisco quello di arachidi, ma è difficile trovarlo di ottima qualità)

CONTORNO:

-verdure crude a fettine da servire con salsa di olio, aceto e sale.

-verdure ripiene

SALSA FACOLTATIVA PER I FALAFEL: pasta di sesamo, detta tajina; mescolare aggiungendo acqua e succo limone sino a che diventa fluida, ma non troppo.

Altra salsa: yogurt frullato con foglie di menta, pepe facoltativo.

COME SI PROCEDE

1-metto tutto nel mixer

2-frullo e riduco tutto molto sottile

Falafel 300 IMG_0006

3-se non riuscite a farne palline consistenti aggiungere farina o mais tostato

4-riposare 30′

5- fare delle palline che schiaccerete e metterete a friggere nell’olio o sulla teglia ben unta con olio abbondante, irrorando ancora con un filo d’olio prima di infornare.

Falafel al forno IMG_0007

Falafel al forno.

Servire calde; se volete  con una salsina fatta sbattendo la pasta di sesamo (tahina) con acqua e limone aggiunti poco alla volta per ottenere la consistenza di una maionese.

La salsa di yogurt la ottente frullandolo con pepe, sale e foglioline di menta o basilico, secondo il vostro gusto.

Marmellata di albicocche

Le mie marmellate sono lunghe da preparare perché cerco di aggiungere meno zucchero possibile e concentrare solo gli zuccheri naturali della frutta.

Inoltre le mie marmellate, sono sempre aromatizzare con qualche spezia e/o aroma che le distingua dalle altre.

Compero la frutta al mercato, perché i fruttivendoli che sanno che faccio le marmellate mi chiamano, se mi vedono passare, per informarmi che hanno dell’ottima frutta a basso prezzo; poiché è a completa maturazione e devono venderla in giornata. Al supermercato sarebbe esageratamente costoso comprare la frutta per le marmellate come le preparo io.

Inoltre il mio fruttivendolo preferito del mercato, mi regala sempre una cassetta di frutta al limite della maturazione e con qualche segno che, una volta tolto, non cambia il sapore della marmellata.

Ecco la marmellata di albicocche.

Ingredienti:

4 kg, di albicocche

4 mele; per la pectina naturale che aiuta ad addensare la marmellata

più (per mia scelta ma non è indispensabile) 5 belle pesche che mi sono state regalate (la pesca contiene più acqua dell’albicocca e richiederà una cottura più lunga della marmellata), ma a me piace questo mix di sapori

2 kg di zucchero o 1,5 Kg. se la farò cuocere a lungo

4 stecche di vaniglia (facoltative)

2 bicchierini di liquore alle mandorle (facoltativo)

Vasi sterilizzati, di varie misure secondo l’utilizzo; per i regali uso vasi piccolini; altrimenti non mi basta mai !

ESECUZIONE:

  • Pelare le mele  (io preferisco pelarle, perché non si sa mai cosa ci mettono sopra per conservarle) e le pesche
  • denocciolare la frutta
  • tagliare tutta la frutta a pezzi o passarla nel mixer (nel mixer è più veloce)
  • mettere lo zucchero e la frutta mescolando in parti circa eguali in due grandi pentole meglio antiaderenti e con apertura larga  per favorire l’evaporazione; d’altra parte se la pentola è troppo bassa, attenzione può spruzzare e bruciare; (io uso le wok // i guanti: nella fase finale quando la marmellata  scoppietta e le bolle  escono dalla pentola)
  • prima di fine cottura metto tutto in una sola pentola per equilibrare perfettamente la distribuzione dello zucchero.

  • cuocio anche almeno 3-4 ore, sino a che è tanto densa da rimanere ferma, quando è ben raffreddata, su di un piatto).
  • Metto tutto subito in vasi lavati in lavastoviglie; li riempio bene di marmellata con un mestolo di misura adegiata all’apertura del vaso e rovescio subito i vasi sul piano del lavandino; li lascio sino a che sono freddi
  • Se volete potete bollirli 30′ con uno straccio sotto l’acqua nella pentola (a pressione fate più in fretta, bastano 15′) per una perfetta sterilizzazione e lasciarli nell’acqua sino a che diviene fredda
  • io sono abituata a tenerli in frigorifero e non ho mai avuto problemi; anzi quando li apro sento sempre quel blup del sottovuoto.

ORA AVETE UNA MAGNIFICA MARMELLATA CHE NULLA HA A CHE VEDERE CON QUELLE CHE SI COMPRANO; ANCHE LE PIU’ COSTOSE … ormai sono fatte tutte con pectina; ovvero la frutta è per la maggioranza mela poi ci aggiungono piccoli quantitativi della friutta scritta sul vasetto (magari dopo averla spremuta per farne succhi che vendono pieni di acqua e zucchero) … ve lo dice una che fa le marmellate da 40 anni!

BUONE COLAZIONI E TORTE !!!

 

DOLCE FACILE – Per MERENDA o COLAZIONE – CON MENO CALORIE DELLA BRIOCHE

29IL CIOCCOLATO E’ UN OTTIMO STIMOLANTE PER LA MATTINATA, MA POI NON SI DEVE ECCEDERE A PRANZO.

INGREDIENTI:

300 gr di cioccolato fondente o al latte o bianco, secondo il gusto (quello fondente ha meno grassi e meno calorie)

1/2 bicchiere di latte

300 gr. di cereali assortiti soffiati  (anche solo del riso soffiato) senza zucchero aggiunto

2 cucchiai di nocciole tritate fini o due di mandorle.

ESECUZIONE.

Sciogliere nel latte, sul fuoco leggero o a bagnomaria, il cioccolato; togliere dal fuoco.

Aggiungere i cereali e i semi tritati, mescolare.

Mettere in tortiera o farne delle “barrette” su di una piastra imburrata .

Raffreddare e mettere in frigorifero per addensare più velocemente.

Le barrette sono meglio della solita “brioche” come colazione, più stimolanti e con meno grassi ” cattivi “; come l’ormai famoso OLIO DI COCCO RICCO DI GRASSI SATURI o margarine, grassi vegetali non meglio identificati ecc…. UN VERO VELENO PER LE NOSTRE ARTERIE.

 

Cucina leggera – Insalata buonissima dal sapore delicato

E’ buona,è leggera e ha un gusto insolitamente delicato !

Ingredienti

Meglio se gli ingredienti provengono dal frigorifero; così in tavola l’insalata arriva ben fresca. Ottima idea, se avete tempo e spazio, mettere anche piatti e ciotola di servizio in frigo almeno un’ora prima.

insalata belga

carote

1  arancio ogni 2 persone; pelato a vivo (senza pellicola bianca) e fatto a piccoli pezzi

2 – 3  noci a testa ridotte a piccoli pezzetti

10 gr. di gorgonazola piccante naturale o se non vi piace usate quello dolce

1 cucchiaio di olio di nocciola o olio di oliva dal sapore leggero

yougurt naturale

sale pepe

Ovviamente la quantità di verdure è proporzionale alle persone .

ESECUZIONE

2 o 3 cucchiai di yogurt naturale e testa

mescolare lo yogurt con il gorgonzola

aggiungere le noci a pezzi

tagliare le carote a piccoli pezzi o gratuggiatele

tagliare l’insalata belga a piccoli pezzi

Mescolate bene aggiungere l’olio, il sale e il pepe, se gradito.

E’ rinfrescante !

Buon appetito !!

 

 

 

Ricetta sana e disintossicante – PESTO DI AGLIO ORSINO

Andare nel weekend nei boschi e nei prati, a raccogliere le erbe che ci dona la primavera, è un modo per passare il tempo in modo sano e procurarci un cibo salutare e gratuito.

La pianta dell’aglio orsino, cresce nel mese di aprile-maggio nel sottobosco umido, soprattutto vicino a corsi d’acqua. Le foglie assomigliano a quelle dei mughetti, ma le si riconosce sicuramente per il forte odore di aglio.

Le cipolle (bulbi) dell’aglio orsino si usano come l’aglio, ma si raccolgono ad agosto – settembre.

Chi ha lo stomaco delicato, può versare del latte caldo sulle foglie o sulle cipolle di aglio orsino ben tritate, lasciare riposare almeno 2-3 ore. Bere il liquido a piccoli sorsi.

Le proprietà dell’aglio orsino:

-disintossicante e purificante
-coadiuvante nelle malattie croniche della pelle.

Le foglie di aglio orsino vanno usate fresche o surgelate, non seccate; perché perdono le proprietà.

L’aglio orsino viene usato anche tritato finemente sul pane imburrato come aperitivo o per accompagnare un’insalata.

Le foglie tritate si possono aggiungere, senza cuocerle, al brodo, alle patate, alle insalate, agli gnocchi e altre preparazioni di pasta (normalmente si aggiunge anche un poco di prezzemolo per correggere il forte sapore dell’aglio orsino). Nella preparazione di gnocchi e pasta si aggiunge anche dell’ortica (solo le cimette).

INGREDIENTI PER IL PESTO

Le nostre dosi sono per un pesto per 8 persone, o per 4 e l’altra metà la surgeliamo:

le mandorle hanno il pregio di attutire il sapore pungente dell’aglio

180 gr. di foglie lavate con un cucchiaio di bicarbonato e sciacquate
80 gr. di mandorle
30 gr. di pinoli
100 gr. di Parmigiano Reggino e/o Pecorino
100 gr di Olio Extra Vergine
pepe e sale quanto basta

Frullare tutto

Condire vari tipi di pasta a piacere (fusilli, maccheroni, trofie fresche, mezze penne o gnocchi di patate):

-bavette (volendo anche cotte nell’acqua dove precedentemente sono stati cucinati dei fagiolini e una grossa patata a piccoli pezzi); condire tutto con pesto di aglio orsino.

Buon appetito !!!

FARE IL SAPONE COME ? – Sapone in casa il meglio per la vostra salute

La ricetta per fare in casa il sapone

Avrete così a disposizione, per almeno 2 anni, del sapone che deterge VERAMENTE e aiuta a togliere quotidianamente le cellule morte, senza spendere in scrub e altro.

Inoltre sarà occasione per graditissimi regali.

Senza dimenticare che questo sapone, usato puro sulle macchie  strofinando un poco, le toglie ZENZA DANNEGGIARE IL TESSUTO E SENZA ARRICCHIRE L’AMBIENTE E IL VOSTRO CORPO DI SOSTANZE CHIMICHE DANNOSE.

Servono:

utensili vecchi che non si riutilizzeranno per cucinare (la pentola di acciaio può essere recuperata dopo lungo lavaggio, accurato, anche con aceto)
guanti sicuri di gomma NO ai guanti in lattice; troppo sottili e non coprono gli avambracci !!!

occhialini da piscina

foulard per riparare bocca e naso

cucchiaio di legno

caraffa in pirex

pentola di acciaio

termometro da forno

plastica robusta per numerosi stampi
——–
1 kg.olio extra vergine o altro grasso

300 gr acqua distillata

128 gr di soda caustica

300 gr di infuso di fiori di lavanda o latro

10 ml di olio di lavanda o altro diluito con 1 cucchiaino di amido di riso o di mais

——-

Iniziare ben bardati con il necessario

Far sciogliere la soda nell’acqua.
La soda a contatto conl’acqua 8o qualunque liquido) provoca una reazione chimica che porta il liquido a scaldarsi molto velocemente, anche oltre 80°; sono possibili degli schizzi di acqua calda o pezzetti di soda.

E’ molto importante versare la SODA nell’ACQUA e NON VICEVERSA

In caso di contatto accidentale con la soda caustica sulla pelle mettere la parte colpita sotto abbondante acqua corrente.

Poi mettere in pentola di acciaio i grassi e la soda a 40 /50°

mescolare molto bene

quando si addensa, piano piano, si arriva allo stadio detto “nastro”.

Solo ora si possono aggiungere gli olii essenziali, i coloranti e altro, mescolare.

Versare negli stampi.

Coprire il tutto con vecchie coperte

Riposo per 4/5 settimane

8 settimane se si usa solo olio d’oliva.

Ricetta gourmet vegana con seitan

Ingredienti

fette di seitan al naturale; noi abbiamo acquistato una confezione di preparato per setain (330gr), lo abbiamo ben mescolato e messo in strofinaccio ben chiuso, messo in acqua bollente abbonante e ben salata e bollito per 50 minuti.

Lo abbiamo fatto a fette, ma si può acqustare già pronto

salsa di soia

2 foglie di alloro

scorze di limone

semi di sesamo

Abbiamo immerso le fette di seitan alte circa 1/2 cm, nella slasa di soia, scorza limone gratuggiata (meglio il limone BIO), 2 foglie di alloro spezzettate; le abbiamo lasciate per un pomeriggio, ma può bastare anche mezz’ora.

Quindi abbiamo cotto VELOCEMENTE le fette sulla piastra per una cottura croccante (attenzione a non seccarle).

Abbiamo passato di nuovo le fette nella soia e nei semi di sesamo.

Appena il sesamo si è dorato, abbiamo tolto tutto dalla piastra.

Decorare con un po’ di maionese, se vi piace; la maionese può essere al latte di soia, se siete vegani.

Maionese al latte di soia e olio extravergine(vegana)

Ingredienti

200 g latte di soia

240 g olio a piacere, purché senza un sapore forte; riso, arachidi ecc…

60 g olio extravergine di oliva

15 g succo di limone

sale

una presa di peperoncino in polvere

Unire:  latte e succo limone, sale e peperoncino.

Frullare con il minipimer per pochi secondi.

Iniziare a versare gli oli insieme,  poco alla volta alla massima velocità.

Riposare in frigorifero almeno 50 minuti.

TORTA FACILISSIMA – La torta che si misura con il barattolo dello yogurt

E’ facilissima, è velocissima e non si può sbagliare !

La torta ideale anche per chi non ha mai cucinato.

INGREDIENTI:

-teglia tonda con 20 cm di diametro o forma da Plumcake; imburrata e infarinata

-1 vasetto di yogurt

-1 vasetto di olio di semi di arachide o mais o girasole

-2 vasetti di zucchero

-3 vasetti di farna 00

-1 busta di levito per dolci

un pizzico di sale.

PREPARAZIONE:

Mescolare bene yogurt, zucchero, uova intere; anche con robot da cucina usando la lama per gli impasti.

Aggiungere: olio, sale, farina e lievito.

Versare nella teglia imburrata e infarinata.

Cuocere a 180° per 30′ circa; guardare quando la superficie è ben dorata, ma non bruciata.

Servire a fette; volendo aggiungere un  contorno di frutti di bosco e miele o panna o crema pasticcera.

Antipasto appetitoso dalla cucina iraniana con le melanzane

INGREDIENTI:

per 4 persone

-olio di semi per friggere (meglio arachidi o mais)

3 o 4 melanzane di quelle lunghe (dipende da quanto sono grandi)

1 cipolla e 1 o 2 spicchi d’aglio TRITATI

mezzo cucchiaio di menta tritata

mezzo cucchiaino di curcuma

70 gr. di gherigli di noci

250 gr. di yogurt intero e compatto

-carta assorbente da cucina per appoggiarvi le melanzane fritte.

PROCEDIMENTO:

-tagliare le melanzane alte 1 cm. e lasciarle a scolare dopo averle salate (ma non è indispensabile)

— per chi è a dieta o vuole mangiare un piatto leggero: 

Cuocendo le melanzane sul gas direttamente o in forno; sino a che sono morbide, pelarle e così si evita di friggerle; procedere come da ricetta.

PROCEDIMENTO CON FRITTURA:

-friggerle in olio sino alla doratura

-scolare in carta cucina

PROCEDIEMNTO ANCHE PER MELANZANE COTTE AL FORNO O SUL FUOCO E PELATE:

-nel medesimo olio friggere la cipolla e l’aglio tritati

-aggungere la menta tritata e la curcuma e il sale

-aggiungere poi anche le melanzane e mescolare bene

-bagnare con poca acqua per cuocere ancora per 10′

-aggiungere i gherigli di noci

-FRULLARE IL TUTTO

-SERVIRE IN UNA CIOTOLA MESCOLANDO, POCO, CON LO YOGURT

Il frullato e lo yogurt NON devono amalgamarsi, ma si devono vedere i due ingredienti sono legegrmente uniti.