Archivi categoria: Europa

europa viaggi, viaggi in Europa, travels in Europe,

Esperienze Gourmet a Maiorca 
Ristoranti stellati

Esperienze Gourmet a Maiorca 
Ristoranti stellati nella maggiore delle Isole Baleari

 All’indiscussa fama internazionale delle spiagge eccellenti delle isole Baleari, si unisce una ricca offerta gastronomica e un viaggio in questo arcipelago può diventare un’esperienza gourmet di alto livello.

La cucina locale è il risultato di un mix perfetto tra materie prime di grande qualità e antiche ricette.

Tutte le quattro isole si caratterizzano tra le destinazioni ambite tra coloro che amano e ricercano l’esclusività a tavola, ma in particolare a Maiorca è possibile trovare ristoranti riconosciuti dalla celebre Guida Michelin e premiati con ben dieci stelle.

La cucina a Maiorca è ricercata e prestigiosa:

-sull’isola le proposte gastronomiche sono variegate grazie al talento di professionisti che sono in grado di dare un tocco di creatività alle ricette di una volta.

L’esperienza gourmet sulla maggiore delle isole Baleari è un continuo fondersi sperimentale di tradizione e innovazione tipica dei nostri giorni, in una combinazione perfetta tra i molti prodotti locali, tra i quali abbondano quelli riconosciuti con marchi di denominazione di origine protetta.

Ben nove ristoranti sull’isola sono stati premiati con la stella Michelin e dal 2017 uno di questi, lo Zaranda ne vanta addirittura due. Situato a Calvía, all’interno dell’hotel 5 stelle Castel Son Claret, questo ristorante di alta cucina è gestito dallo chef Fernando Pérez che prima di approdare a Maiorca ha avuto la possibilità di collaborare con molti ristoranti stellati a livello internazionale, fino ad avviare il proprio locale nella Spagna continentale e lì guadagnare la prima stella della sua carriera professionale.

Lo Zaranda consta di un’unica sala, con vista sulle attività della cucina, e di un sobrio dehors. Il fine talento dello chef conquista il palato tramite un’offerta culinaria originale, basata su alcuni menù aperti che lasciano al commensale la possibilità di comporre la propria selezione di piatti.

Al Jardín, Macarena de Castro – riconosciuta tra le migliori 10 giovani chef di Spagna – propone ricette tradizionali maiorchine riviste in chiave moderna: il comune denominatore dei piatti del Jardin è la semplicità degli ingredienti, che devono essere pochi, locali e rigorosamente di stagione. Questo grazioso ristorante fondato nel 1996 da Dani de Castro, fratello sommelier della chef, si trova in una delle zone più turistiche di Maiorca, Port d’Alcudia, e da qualche anno ha incluso tra i propri servizi anche quello di catering per eventi in varie location isolane.

Presso il ristorante Fosh dell’hotel Convent de la Missió, lo chef Marc Fosh propone ai commensali un delizioso e suggestivo menù ispirato a ricette mediterranee ricche di originalità e creatività. La sala del Fosh è situata in un seminario del Seicento che dopo una attenta ristrutturazione presenta un’estetica avanguardista, con spazi spogli decorati in stile minimalista nei toni del bianco e del nero, e affaccia su un’ampia terrazza in cui un muro di acqua a cascata accoglie gli ospiti in un ambiente suggestivo.

Gli altri ristoranti stellati sull’isola di Maiorca sono l’Es Molí d’en Bou, presso l’hotel Protur Sa Coma Playa Hotel & Spa, il Es Fum a Costa d’en Blanes e il Es Racó des Teix a Deia, il Predi Son Jaumell dove è di casa lo chef Andreu Genestra, il Restaurante Argos e il Restaurante Adrián Quetglas.

Per informazioni sull’isola di Maiorca, visita www.infomallorca.net

Rayanair – Vacanze rovinate da ritardi aerei – Farsi rimborsare anche due anni dopo ….

Avete tempo fino a 3 anni dall’accaduto per procedere al rimborso …

Rayanair voli cancellati per 400 mila passeggeri – settembre 2017

La compagnia aerea rimborserà i passeggeri che si vedranno cancellati il volo o offrirà un volo alternativo per evitare il più possibile i disagi ai propri clienti. I voli cancellati saranno circa il 2% del totale.

:::::::::::

Quali sono gli aeroporti che hanno registrato maggiori disagi (statistiche generiche del 2016) ?

Partenze estive:

-i migliori e peggiori aeroporti secondo AirHelp

-

Il 70% dei viaggiatori prenderà un aereo per raggiungere la propria meta delle vacanze

Lo scorso anno, i piani estivi di quasi 265.000 passeggeri sono stati rovinati da ritardi e cancellazioni:gli italiani avrebbero diritto a rimborsi per oltre 94 milioni di euro

 – Valigie pronte per quasi 33,5 milioni di italiani.

Si prevede che il 70% dei viaggiatori prenderà un aereo per raggiungere la meta desiderata: non sempre però questo passaggio è esente da problemi.

Sono stati quasi 265mila (per l’esattezza 264.255) i viaggiatori che nell’estate 2016 hanno visto i loro piani estivi rovinati da un forte ritardo, dalla perdita di una coincidenza o addirittura da un volo cancellato.

Gli italiani avrebbero diritto a rimborsi per oltre 94 milioni di euro dalle compagnie aeree per questi disagi e hanno tempo fino a 3 anni dall’accaduto per procedere.

Un diritto in molti casi sconosciuto ai passeggeri e omesso dalle compagnie aeree (meno del 2% degli aventi diritto ha richiesto ed ottenuto il risarcimento).

Tutte le compagnie aeree, comprese le low cost, devono infatti corrispondere da 250€ a fino 600€ di rimborso a prescindere dal prezzo pagato per il biglietto acquistato.

Lorenzo Asuni, Country Manager di AirHelp, sottolinea:

È ora di muoversi per ottenere quanto in nostro diritto in caso di problemi, le leggi esistono e tutelano i passeggeri con disagi nei loro voli ed esistono strumenti che rendono queste richieste sempre più facili e veloci anche per voli di 3 anni fa”.

Quali sono gli aeroporti che hanno registrato maggiori disagi?

Nel periodo estivo dello scorso anno, due aeroporti in Italia si sono distinti per la grande quantità di disagi:

-Roma Fiumicino: 77.636 passeggeri aventi diritto ad un risarcimento per un totale di 32,4 milioni di euro di rimborsi potenziali;

Milano Malpensa: 61.088 passeggeri e rimborsi per 23,9 Milioni di euro nello scalo milanese.

Spiccano anche le destinazioni tipicamente estive come Olbia quasi 9 mila passeggeri con disagi sui loro voli ed una percentuale di voli afflitti da problemi tra le più alte in Italia.

A Napoli potenziali risarcimenti per 4,3 milioni di euro e non se la passano meglio le destinazioni siciliane con Palermo (1,4 milioni) e Catania (1,5 milioni).

 

AirHelp, società che ha aiutato oltre 3 Milioni di passeggeri ad ottenere il rimborso per i loro voli in ritardo o cancellati, ha voluto analizzare i dati della scorsa estate per determinare quali sono state le mete con maggiori problemi.

AirHelp

AirHelp. è stata fondata nel 2013 da Henrik Zillmer, Nicolas Michaelsen, Greg Roodt e Morten Lund ed ha aiutato negli utlimi 4 anni oltre 3 milioni di passeggeri ad ottenere oltre 200 milioni di € in risarcimenti.

L’azienda è parte di Y-Combinator, il più grande accelleratore di start up al Mondo, ed aiuta i passeggeri di tutto il mondo ad ottenere il risarcimento dovuto in caso di volo in ritardo, volo cancellato o in overbooking. Il lavoro di AirHelp è quello di far rispettare ai vettori aerei i loro obblighi, online e attraverso organismi di controllo nazionali, con l’obiettivo di rendere le domande di risarcimento il più semplice e fluide possibile.

VEDI COME AL LINK:

AirHelp – Ottieni fino a 600€ per il ritardo dei tuoi voli

Non conosci l’Irlanda se non hai visto anche Belfast

Cultura, natura e vita notturna: Belfast offre spunti di ogni tipo, per conoscere davvero ogni aspetto dell’isola d’Irlanda.

La capitale dell’Irlanda del Nord è una città tutta da scoprire, qualsiasi sia il motivo della vostra vacanza: storia, natura, divertimento, gastronomia e molto altro ancora. È una città ricca di spunti, dove ogni strada e ogni quartiere raccontano una storia.
Gallerie d’arte, locali notturni e ristoranti si susseguono nel Cathedral Quarter: qui si potrà apprezzare la vita notturna, scoprendo artisti emergenti o ascoltando musica in compagnia. È questa la parte della città che è nota per il suo appeal culturale, i suoi club e wine bar. Qui sarà anche possibile gustare i piatti della rinnovata scena gastronomica nordirlandese: carne, formaggi, frutti di mare, birra e distillati tutti prodotti localmente e preparati con passione.
La storia recente si potrà ripercorrere nel quartiere dei murales, immergendosi negli anni Settanta, quelli dei “Troubles”. La maggior parte dei murales, che ricordano personaggi e momenti di quel contrastato periodo storico, si potranno vedere girovagando a piedi o con un tour organizzato, a bordo di un black taxi. Il tour prevede anche la visita ai murales più recenti che ravvivano la città e celebrano icone sportive e culturali.
Un altro importante capitolo della storia cittadina è custodito nel Titanic Quarter, un’area di fronte al mare che custodisce la gloriosa tradizione cantieristica di Belfast. Qui si trova il Titanic Belfast, il centro nominato “World’s Leading Tourist Attraction” nel  2016, che ha accolto dalla sua apertura nel 2012 più di 3 milioni e mezzo di visitatori, provenienti da oltre 145 paesi. Più che di un museo tradizionale si tratta di un’attrazione esperienziale: 9 gallerie interattive, un trenino interno con audioguida (anche in italiano), per visitare i moli ed esperienze immersive rivivendo il mito del Titanic, dalla costruzione al varo e infine alla tragedia.
Nell’ex sede di Harland & Wolff, dove sono stati progettati il Titanic e oltre 1.000 altre navi, è stato inaugurato il 10 settembre il Titanic Belfast Hotel, un prestigioso boutique hotel.
Altri due monumenti di ingegneria navale si possono ammirare nei loro moli d’origine: la SS Nomadic e la HMS Caroline, quest’ultima sopravvissuta alla battaglia dello Jutland. Titanic Belfast è una meta in continua evoluzione, un vero e proprio punto di riferimento per tutti coloro si sono appassionati alla vicenda storica e al film di James Cameron. Di recente, grazie ad accurato lavoro di ricerca, sono stati acquisiti nuovi preziosi reperti: due biglietti d’ingresso per la cerimonia del varo e un orologio d’oro, appartenuto a Lord Pirrie che fu il presidente della Harland e Wolff, la società cantieristica che varò il Titanic il 31 maggio del 1911. Secondo i banditori d’asta, Henry Aldridge & Sons, i due biglietti sono tra i più desiderati nella loro categoria.
Per promuovere in Italia il Titanic Belfast, Turismo Irlandese e Titanic Belfast lanciano un concorso: basterà registrarsi sul sito www.irlanda.com/concorso-titanic, rispondere ad un semplice domanda e si parteciperà all’estrazione di un viaggio per due persone a Belfast. C’è tempo fino al 14 ottobre per tentare la fortuna e vincere una vacanza memorabile.
Anche gli immediati dintorni di Belfast offrono idee di viaggio di tutti i generi. Per i fan della mitica serie TV Trono di Spade, sono addirittura una tappa imprescindibile. Ora che la settima stagione si è conclusa e che si dovrà ingannare il tempo almeno fino al 2019, in città all’ Ulster Museum (ingresso gratuito) sarà possibile ripercorrere i principali eventi dei Sette Regni ammirando l’arazzo che ne celebra le gesta. Ogni settimana, di pari passo con la messa in onda degli episodi, è stato svelato un pezzo del prezioso lavoro di ricamo. A breve distanza dalla città si trovano le location della serie che si possono visitare anche utilizzando i numerosi tour tematici organizzati. Tra le principali segnaliamo: Cushendun,  Dark Hedges, Ballycastle, Ballintoy Harbour e il settecentesco Castle Ward che si trova in uno dei paesaggi più dolci e rilassanti dell’Irlanda del Nord: Strangford Lough.
Strangford Lough, è una profonda insenatura, simile quasi ad un lago, che si raggiunge con un’ora circa di automobile dalla città. Piccole baie e isolette punteggiano la costa: questa meravigliosa area naturale protetta è il luogo ideale per il birdwatching, per visitare giardini e dimore storiche, per ammirare il paesaggio o fare shopping. Per quanto riguarda la gastronomia, assolutamente da provare sono le specialità della zona come le celebri ostriche di Strangford o i gamberetti di Portavogie, le patate Comber, la qualità più pregiata e saporita delle patate irlandesi, il tipico burro di Abernethy.
Un servizio di traghetti, tra Strangford e Portaferry permetterà di visitare entrambe le coste, per un’esplorazione completa di questa meta ancora poco conosciuta.
I collegamenti tra l’Italia e Belfast sono resi ancor più facili dall’accresciuta disponibilità dei voli: Ryanair offre voli diretti con partenze da Orio al Serio due volte alla settimana e Jet2.com volerà da Verona a partire da gennaio 2018. Anche i collegamenti da Dublino a Belfast, via treno e bus, garantiscono un servizio veloce e frequente.
Belfast vi aspetta, con la sua effervescente vita notturna, le sue attrazioni e la sua storia.
www.irlanda.com/belfast

 

Weekend d’autunno – Ticino festa per tutti i golosi

L’AUTUNNO IN TICINO,UNA FESTA PER TUTTI I GUSTI
Castagne, polenta, formaggi, salumi, merlot: un ottimo motivo per recarsi in Ticino e assaggiare queste prelibatezze! Leccornie che si possono gustare anche in autunno durante le numerose feste popolari.

Image

Grottini, Gnocchi e Gourmet
Lugano, Festa d‘autunno | 29.09. – 01.10.2017
La Festa d’autunno che si svolge ai primi di ottobre a Lugano, rappresenta tradizionalmente la fine della lunga stagione dei festival Open Air. In molti luoghi del centro città si possono gustare le specialità che offre la cucina ticinese.

Nei tipici grottini è possibile assaporare piatti come: la büsecca (zuppa ticinese di trippa con verdure), i formaggi dell’alpe, la luganiga e molte altre prelibatezze, accompagnati da vini e liquori della regione. All’interno di una piccola distilleria si ha la possibilità di assistere alla produzione della grappa. Gli ospiti della festa d’autunno che desiderano esplorare la città, hanno anche la possibilità di effettuare escursioni in barca sul Lago Ceresio comunemente chiamato anche Lago di Lugano.
www.luganoturismo.ch

„Sagra del Borgo“ – La festa del vino a Mendrisio

Mendrisio, Sagra del Borgo | 22.09. – 24.09.2017
Quasi tre quarti dei grappoli di Merlot del Ticino si coltivano nel Mendrisiotto. Non c’è nulla da meravigliarsi dunque, se nella punta più a sud della Svizzera si festeggia la vendemmia così in grande stile. Le origini della “Sagra dell’uva” risalgono ai tempi della seconda guerra mondiale e tra il 22 e 24 settembre 2017 si festeggerà il suo 61° anniversario. Dalla festa contadina di una volta che dava la possibilità a quest’ultimi e ai viticoltori della regione di mettere in mostra i loro prodotti, la sagra si è trasformata in una festa popolare che attrae gente da tutto il circondario. L’ultimo fine settimana di settembre le strade del centro di Mendrisio si animano per l’occasione come vuole la tradizione. Nei numerosi padiglioni e cortili interni sono servite specialità locali ai molti visitatori, con sottofondo musicale. Va da sé che non può certo mancare un bel brindisi con un bicchiere di Merlot.
www.sagradelborgo.ch

Benvenuti a tavola!
Rassegna Gastronomica del Mendrisiotto | 01.10. – 05.11.2017
“Una tradizione che si rinnova ogni anno”, è il motto della Rassegna Gastronomica del Mendrisiotto e Basso Ceresio che si svolge dal 1 ottobre al 3 novembre 2017. In occasione di questa festa culinaria numerosi grotti e ristoranti offrono una variegata scelta di piatti tradizionali della regione, come pure specialità stagionali sempre accompagnate da un buon vino. Come da tradizione, ogni anno un produttore di vino viene premiato in occasione di un concorso organizzato nell’ambito della Rassegna. Ad ogni visitatore inoltre viene dato in omaggio un elegante calice.
www.rassegnagastronomica.ch

Sagra della castagna in Piazza
Ascona, festa della castagna e sagra autunnale | 7.10. & 14.10.2017
Ad inizio ottobre si svolgerà la Festa delle Castagne ad Ascona. Più di 2000 kg di castagne vengono arrostite sul fuoco dai “maronatt” e le bancarelle del mercatino propongono varie prelibatezze a base di castagne come marmellate, miele, torte e numerosi prodotti enogastronomici della regione. Viene organizzato un pranzo tipico con polenta e gorgonzola o mortadella e nel pomeriggio vari concerti rallegreranno il pubblico. La festa avrà luogo sul lungolago di Ascona sabato 7 ottobre 2017; sabato 14 ottobre vi sarà invece la Sagra d’autunno. Altri piccoli festival della castagna vengono organizzati anche nei villaggi circostanti: a Minusio, Muralto, Ronco sopra Ascona, Indemini, Arcegno, Intragna e Losone.
www.ascona-locarno.com

Vivere le tradizioni della valle
Valle di Muggio, Sagra della castagna | 15.10.2017
Ogni anno, a metà ottobre, e sempre in un comune diverso della Valle di Muggio, si tiene la Sagra della Castagna. Un unico prodotto, in tutte le sue variazioni, è il tema di questa festa: la castagna. Un frutto che, nei difficili anni di guerra, è stato una fonte importante di nutrimento per la popolazione civile e che in questi ultimi tempi viene riscoperto, non solo come caldarrosta, ma anche come castagnaccio, marmellata e ora anche birra. Quest’anno il tradizionale appuntamento si svolgerà il 15 ottobre dalle 10:00 a Vacallo. Chi vuole scoprire tutti i segreti che si celano dietro la presenza del castagno in Ticino, potrà visitare il Museo Etnografico della Valle di Muggio, nel vicino villaggio di Cabbio.
www.mendrisiottoturismo.ch

Maggiori informazioni:

TICINO TURISMO
Cecilia Brenni
Press Office
Tel: +41 (0)91 821 53 30
E-mail: cecilia.brenni@ticino.ch
Via C. Ghiringhelli 7
CH – 6500 Bellinzona

PARIGI WEEKEND – Eventi dedicati ai sapori più squisitamente francesi

In autunno tre eventi dedicati ai sapori più squisitamente francesi

Parigi gourmande: tra ristoranti stellati, la vendemmia in città e (tanto) cioccolato.

“Tous au Restaurant”,per scoprire la vitalità e la creatività degli chef di Parigi e dal mondo;
la “Festa della Vendemmia di Montmartre”, occasione per celebrare il vino tra gastronomia locale, mostre, eventi, balli e concerti;
il “Salon du Chocolat”, che accompagnerà i visitatori lungo un vero e proprio percorso sensoriale alla scoperta del cibo degli dei.

Parigi è la capitale del buon gusto anche a tavola e in autunno ospita tre imperdibili occasioni per celebrare la sua gastronomia, non solo Patrimonio immateriale culturale dell’Umanità, ma anche ingrediente fondamentale dell’art de vivre alla francese. Questo elemento di identità nazionale sarà protagonista a Parigi nei prossimi mesi in tre diverse declinazioni: cucina stellata, buon vino e cioccolato… una città così golosa che piacerà proprio a tutti.

Tous au Restaurant, 18 settembre – 1 ottobre
Giunto all’ottava edizione, è ormai considerato dagli amanti della cucina francese l’evento più importante della stagione: l’anno scorso si sono contate 600mila prenotazioni nei 1200 ristoranti partecipanti e quest’anno ci si aspetta numeri ancora più sorprendenti, con l’adesione di ben 1400 ristoranti.
Al motto de Votre invité est notre invité – per ogni menù acquistato gli chef ne offrono uno identico gratuito – la manifestazione offre al grande pubblico l’occasione di scoprire le diversità gastronomiche francesi: quindici giorni per assaggiare la cucina dei più rinomati ristoranti stellati, dei bistrot dallo stile contemporaneo e delle vivaci brasserie, conoscere da vicino il talento dei giovani chef o riscoprire la tradizione delle cucine regionali.
Tous au Restaurant è un inno all’ospitalità, un’opportunità per i curiosi e per tutti i buongustai di godere dell’eccezionale maestria degli chef che hanno fatto di Parigi la capitale mondiale della gastronomia e che, in questa occasione, offrono al grande pubblico tutta la loro passione, esperienza e creatività.
Quest’anno, inoltre, gli ospiti di Tous au Restaurant saranno invitati a sostenere due coppie di chef che si sfideranno contemporaneamente nella “battaglia delle rive”, una gara trasmessa anche in diretta sulla pagina Facebook dell’evento: una squadra rappresenterà la Rive Gauche della Senna e l’altra la Rive Droite, entrambe avranno in comune il tema su cui gareggiare con i loro menu e dare prova della loro inventiva.
“Tous au Restaurant – ha dichiarato Alain Ducasse – oggi è l’evento gastronomico più atteso e più popolare della stagione. È l’opportunità di condividere la creatività e il talento dei nostri chef francesi e vivere esperienze esclusive. Questa festa promette di dare vita a incontri interessanti e dimostra che la nostra cucina ha un futuro luminoso davanti a sé. In questo senso, non è esagerato dire che Tous au Restaurant contribuisce significativamente alla vitalità della ristorazione francese”.
Info: www.tousaurestaurant.com

Fête des vendanges de Montmartre-La vendemmia di Montmartre, 11-15 ottobre
Uno degli eventi più classici e amati di sempre nell’autunno parigino, gunto all’ottantaquattresima edizione: la festa della vendemmia viene celebrata dal 1934 sulla collina del caratteristico quartiere nel 18ème arrondissement, dove ancora oggi sorge Clos Montmartre, una vigna di 1500 metri quadrati – tra Rue de Saules e Rue Saint-Vincent – da cui si produce un ottimo vino 100% locale.
L’occasione è ghiotta, anche per calarsi nei panni dei veri abitanti del quartiere: i residenti, infatti, in compagnia di turisti e concittadini, raccolgono l’uva e festeggiano con un ricco programma eventi, tra visite ai vigneti, balli e concerti, degustazioni con stand gastronomici, conferenze e mostre.
Info: www.fetedesvendangesdemontmartre.com

Salon du Chocolat, 28 ottobre – 1 novembre
Dulcis in fundo, Porte de Versailles ospiterà la ventitreesima edizione di quello che è un vero e proprio paradiso per i più golosi, occasione unica per scoprire e gustare diversi tipi di cioccolato provenienti dai cinque continenti: circa cinquecento partecipanti tra mâitre chocolatier, pasticceri e produttori di cacao francesi ed esteri si riuniranno in ventimila metri quadri di spazio espositivo e – insieme ai più grandi chef, designer ed esperti di cioccolato – offriranno ai partecipanti golose ricette, laboratori a tema, conferenze e tante attività rivolte a scoprire la storia e i segreti di questo alimento così sublime.
Nella zona di “Chocosphère”, i visitatori potranno scoprire l’universo del cioccolato in tutte le sue sfumature attraverso una serie di approfondimenti, presentazioni e degustazioni dedicate.
Nell’area “Pastry show”, invece, i più grandi chef, pasticceri e mâitre chocolatier del mondo, insieme ai giovani nomi più promettenti del settore, si avvicenderanno per offrire al pubblico le loro prelibate e originali ricette, mentre i Paesi produttori di cacao si presenteranno nello spazio “Cacao Show” attraverso danze, canzoni, musica e tradizioni locali che lasceranno incantati grandi e piccini.
Proprio per i più piccoli è pensato il Salon du Chocolat Junior: un’area di ottocento metri quadrati interamente dedicata agli chef in erba che qui potranno imparare a preparare deliziose ricette, conosceranno la storia del cibo degli dei e scopriranno tutte le fasi del percorso produttivo che, dal cacao, trasforma la materia prima nel tanto amato cioccolato.
Da mettere in programma anche una visita all’”Espace Japon”, dove a piccoli gruppi di visitatori verranno presentati i segreti dei prodotti iconici della gastronomia giapponese a cui si aggiungeranno insolite combinazioni al sapore di cioccolato.
E per concludere in bellezza, un grande classico verrà celebrato nell’area “Pain et Chocolat”, patrocinata dal Syndicat Patronal des Boulangers-Pâtissiers du Grand Paris: baguette, tartine, chouquette… qui i migliori panettieri della città rivisiteranno le loro creazioni più tradizionali con un tocco cioccolatoso a prova di acquolina in bocca.
Info: www.salon-du-chocolat.com

Tutte le informazioni per raggiungere la Ville Lumière con le migliori tariffe in aereo, in treno e con pacchetti organizzati su http://it.france.fr/it/feelparisregion

Voli ” low cost ” di linea – Strepitose offerte Finnair per volare in Asia e Finlandia

Nuove strepitose offerte Finnair per volare in Asia e Finlandia

 

Milano, settembre 2017Fino al 25 settembre sono in vendita i bigliettiFinnairche permettono di volare verso l’Asia e la Finlandia con tariffe davvero sorprendenti sia in Economy Class sia in Business Class.

Per chi già pensa alle vacanze invernali o a un break primaverile, le offerte in alcuni casi sono valide fine al 31 maggio 2018, Finnair offre un ventaglio completo di tariffe speciali per viaggiare in molte delle destinazioni del network della compagnia.

La strategia di crescita di Finnair ha portato all’espansione del proprio network a lungo raggio. A partire dall’inverno 2017, infatti, sarà possibile volare verso: Puerto Vallarta in Messico, L’Avana a Cuba, Goa in India e Puerto Plata nella Repubblica Dominicana e nell’estate 2018 saranno aperte nuove rotte verso Nanjing, Lisbona e Stoccarda Finnair aumenterà anche la capacità di posti sui i voli verso le mete più popolari del suo network asiatico.  Due frequenze settimanali supplementari saranno aggiunte alla tratta Helsinki Bangkok e Singapore e tre sulla tratta fino a  Hong Kong. Anche gli orari dei voli per Krabi e Phuket sono stati rettificati per abilitare connessioni più efficienti.

Per volare verso le destinazioni asiatiche del proprio network Finnair proponetariffe scontate già acquistabili e valide fino al 25 settembre. Le tariffe sono fruibili per voli dal 7 settembre fino al 31 maggio 2018.

Come sempre, i voli in partenza da Helsinki, percorrono la rotta polare, garantendo così un tempo di volo ridotto e collegamenti agevoli per i passeggeri di tutta Europa.

BUSINESS CLASS ASIA

Voli di Business Class per l’Asia(via Helsinki da Milano e Roma) validi per viaggi fino a maggio 2018* su alcune destinazioni:

Delhi, a partire da 1.299 a/r** (Black out 14.12.2017 – 2.1.2018)

Chongqing a partire da 1.399 a/r**(Black out 14.12.2017 – 2.1.2018)

Canton, Xi’an  a partire da 1.499 a/r**

Bangkok a partire da 1.529 a/r**(Black out 14.12.2017 – 2.1.2018)

Phuket, Krabi e Saigon a partire da 1.599 a/r** (Black out Krabi e Saigon 14.12.2017 – 2.1.2018)

 

Singapore a partire da 1.629 a/r**(Black out 14.12.2017 – 2.1.2018)

Pechino e Shanghai a partire da 1.699 € a/r**

Hong Kong a partire da 1.799 € a/r** (Black out 14.12.2017 – 2.1.2018)

ECONOMY CLASS DESTINAZIONI ASIA – (Black out 20.12.2017 – 7.1.2018)

Voli per l’Asia(via Helsinki da Milano e Roma): validi per viaggi fino a marzo 2018* su alcune destinazioni:

Pechino a partire da 409 € a/r** (Black out 14.12.2017 – 2.1.2018)

Shanghai e Delhi a partire da 419 € a/r** (Black out 14.12.2017 – 2.1.2018)

Chongqing a partire da 449 € a/r**

 Xi’an, Canton e Hong Kong a partire da 459 € a/r** (Black out Hong Kong 14.12.2017 – 2.1.2018)

Singapore, Seoul e Bangkok a partire da 469 € a/r**(Black out Singapore e Seoul 14.12.2017 – 2.1.2018)

E per tutti gli amanti della Finlandia che quest’anno festeggia il suo centenario dell’indipendenza, Finnair permette di raggiungere Helsinki, Kittilä, Rovaniemi e Ivalo con tariffe davvero speciali per partenze da Milano e Roma. La Finlandia è stata eletta Best in Travel 2017 da Lonely Planet.

ECONOMY CLASS DESTINAZIONE FINLANDIA

Voli da Milano e Romaa Helsinki dal 1° ottobre fino al 30 novembre 2017 a partire da 199 a/r**

Voli da Milano e Romaa Kittilä dal 12 gennaio 2018 fino al 31 maggio 2018 a partire da 269 a/r**

Voli da Milano e Romaa Ivalo dal 10 gennaio 2018 fino al 31 maggio 2018 a partire da 279 a/r**

Voli da Milano e Romaa Rovaniemi dal 10 gennaio 2018 fino al 31 maggio 2018 a partire da 289 a/r**

*Per maggiori dettagli sulle condizioni, le destinazioni e sui periodi di viaggio visitare il sito www.finnair.it.

**Tariffe tasse incluse, soggette a restrizioni e disponibilità, posti limitati. La compagnia si riserva di modificare i termini dell’offerta senza preavviso.

Vacanze autunnali ? MARE INCONTAMINATO E TANTA STORIA MACEDONIA

00Macedonia 672 Grecia Stork-and-fishermenSAT

IN VACANZA FUORI DAI SOLITI SCHEMI, NELLA NATURA E NELLA STORIA: MACEDONIA.

La Macedonia è un paese relativamente sicuro.

Non si sono verificati attacchi agli stranieri da molto tempo, ma  sarebbe meglio evitare la parte nord-ovest della Macedonia, lungo il confine con il Kosovo; nessun problema al mare.

La microcriminalità nelle città è piuttosto rara, ma si sconsiglia di percorrere zone isolate o lontano dal centro abitato (regola che vale in quasi tutto il mondo).

I cittadini italiani devono far presente all’Ambasciata d’Italia la loro presenza ed è consigliato comunicare via mail i propri spostamenti per una ulteriore garanzia. Non dimenticare di avvisare del rientro.

MACEDONIA GRECIA MONTAGNA UNKNOWN_06

MACEDONIA Grecia cultura THESSALONIKI_CITY-PHOTOS_101

 

Salonicco:rappresentazione artistica.

macedonia Grecia Pieria32-Olympus

MACEDONIA Vergina_Tafoi_59

Macedonia Grecia 05AGIO_OROS

MACEDONIA GRECIA PANIMG_1183

Macedonia Grecia Thessaloniki

 

Salonicco.

Macedonia Grecia museo bIMG_1113

 

Macedonia Long Distance Path Ε4 at Mt Olympus [Pieria]

 

Mt-Olympus-Pieria.

MACEDONIA VINO GRECIA CIBO BAR BERE VINO IMG_5066

 

VINI E GASTRONOMIA.

 

Per vacanze al mare vedi: http://www.donnecultura.eu/?p=3694

UN PAESE RICCO DI STORIA, CON UNA POPOLAZIONE DAL CARATTERE MOLTO SPECIALE: ORGOGLIOSO E GENTILE.

In Macedonia troverete una natura incontaminata

-avrete il piacere di sentirvi viaggiatori e non turisti

-di assaggiare una cucina genuina; non contaminata da internazionali appiattimenti

-musei e archeologia non finiranno di stupirvi,

-ma anche sport d’azione

-o semplice relax circondati dalla storia e dalla natura.

UN ESEMPIO DELLA VITALITA’ E DELL’INGEGNO DELLA MODERNA MACEDONIA A QUESTO LINK:

Per maggiori informazioni turistiche vedi al link del Turismo Macedone.

http://www.verymacedonia.gr

UNA CITTA’ SPECIALE VEDI: http://www.donnecultura.eu/?p=4803

SLOVENIA SPA DESTINATION

SLOVENIA SPA DESTINATION –  CUORE D’ACQUA in EUROPA
Le Terme in Slovenia: dove andare, cosa fare,  come scegliere la tua vacanza benessere perfetta
Di: Cinzia Galletto

Il libro guida sarà presentato all’interno di HUB TURISMO TERME & BENESSERE
Giovedì 21 settembre ore 17,30 
Palazzo delle Stelline Milano

Uno degli appuntamenti di Hub TurismoTerme & Benessere, l’evento dedicato al mondo delle Terme e delle Spa internazionali ospitato dal 20 al 22 settembre al Palazzo delle Stelline di Milano, è quello dedicato a scoprire  il territorio sloveno e le sue tante destinazioni termali.

L’occasione è la presentazione in anteprima del libro guida di Cinzia Galletto “Slovenia Spa Destination “ .

Finalmente un testo dedicato alla molteplice offerta termale slovena.

Il primo libro guida rivolto al pubblico che ama viaggiare nelle destinazioni termali d’Europa per una vacanza o per un short break a stretto contatto con la natura.

Acque sorgive, trattamenti di alta qualità e distese di prati e foreste tutto questo è Slovenia, la meta ideale per una vacanza attiva o culturale in una Spa Destination!

“Slovenia Spa Destination – Cuore d’acqua in Europa” è un testo immediato e di facile consultazione dove trovare tutte le informazioni necessarie per scoprire in modo autonomo il territorio sloveno seguendo il “fil rouge” del benessere e delle medical-spa termali. Da Portorose alla Dolenjska, da Rogaska a Ptuy sono molte le località termali scelte da un numero sempre crescente di italiani per le loro vacanze relax. In Slovenia la “cultura dell’acqua” e il caldo abbraccio della natura creano le condizioni ideali per pensare finalmente a se stessi in uno spazio-tempo che sembra creato apposta per sperimentare una nuova dimensione di “benessere” ed apprendere nuovi stili di vita, più sani. Per ogni destinazione termale viene fornita una breve descrizione della regione e alcuni suggerimenti per identificare l’attività turistica, sportiva o culturale migliore da affiancare durante il soggiorno termale. Ogni capitolo è una sorta di racconto che oltre a fornire le informazioni utili per chi visita la nazione, non tralascia la parte emozionale ed esperienziale per un approccio alla scoperta dell’anima intrinseca del luogo.

Il formato e-book o cartaceo è disponibile in tutte le principali librerie on line
E sui siti  www.turismodelbenessere.com e www.blu-communication.com

Finnair nuove rotte verso Nanjing – Lisbona e Stoccarda

Finnair, la compagnia più ecologica … ma non solo …

Finnair annuncia l’apertura di nuove rotte verso Nanjing, Lisbona e Stoccarda aumenta la capacità di destinazioni popolari in Asia, Stati Uniti ed Europa

 – In linea con la sua strategia di crescita, Finnair ha annunciato l’apertura di nuove rotte per l’estate 2018:

Nanjing in Cina

Lisbona

Stoccarda.

Non solo nuove rotte ma anche un aumento delle frequenze sulle destinazioni più popolari come Tokyo, Bangkok, Delhi, Chicago e San Francisco.

Finnair aumenterà anche la capacità di alcune delle sue destinazioni a corto raggio durante la stagione estiva del 2018.

Il volo inaugurale verso Nanjing avrà luogo il 13 maggio 2018 e sarà operato con un Airbus A330, questa rotta porterà a sette le destinazioni in Cina del vettore Finlandese.

Situata lungo il fiume Yangtse, Nanjing è una dei quattro antichi capoluoghi della Cina e un centro vivace per la cultura e l’economia.

Con una popolazione di oltre 8 milioni di persone, Nanjing è un’importante destinazione sia commerciale sia turistica con una crescente domanda di passeggeri e di carico.

I voli, con ottime coincidenze per chi viaggia dall’Italia, saranno operati tre volte a settimana durante la stagione estive e due volte durante l’inverno.

In totale Finnair nel 2018, collegherà l’Europa con la Cina 38 volte a settimana, con voli verso Shanghai, Pechino, Chongqing, Guangzhou, Xian, Nanjing e Hong Kong.

Dal 1° giugno 2018 Finnair volerà quattro volte a settimana a Lisbona, Portogallo e dal 23 aprile 2018 sarà disponibile un volo quotidiano verso Stoccarda, che sarà la sesta destinazione di Finnair in Germania.

“Il traffico tra Europa e Asia continua a crescere e il network di Finnair offre sempre più scelta ai nostri clienti”, ha dichiarato Juha Järvinen, Chief Commercial Officer di Finnair. “Stiamo inoltre aggiungendo frequenze e funzionalità alle destinazioni popolari europee per soddisfare le esigenze del nostr crescente network di clienti sia in Asia sia in Europa. La capacità totale di Finnair per la prossima estate sarà aumentata del 14% rispetto alla precedente stagione estiva. “

  • Il collegamento per Tokyo Narita diventerà quotidiano insieme a Japan Airlines. Finnair offrirà tre voli giornalieri nell’ambito della joint venture con British Airways e Iberia
  • Tre nuove frequenze settimanali saranno aggiunte a Bangkok, portando a 10 frequenze settimanali durante la stagione estiva e 16 durante la stagione invernale
  • I collegamenti settimanali verso Delhi saranno quattro durante la stagione estiva e sei in inverno
  • Il volo di Finnair a Chicago diventerà quotidiano con l’aggiunta di due nuove frequenze settimanali da aprile a ottobre
  • I tre voli settimanali di Finnair a San Francisco avranno ora una stagione operativa più lunga, volando dal 3 maggio al 27 settembre. Tutti i voli Finnair verso gli Stati Uniti sono gestiti in collaborazione con American Airlines, British Airways e Iberia

Finnair sta inoltre aumentando le frequenze per diverse destinazioni europee: particolamente  popolari durante la stagione estiva 2018:

  • Un volo settimanale supplementare sarà aggiunto alla rotta stagionale di Venezia
  • Diciassette nuovi collegamenti settimanali a Tallinn, volando fino a dieci volte al giorno
  • Due ulteriori frequenze settimanali a Reykjavik, che servono la capitale islandese con più voli giornalieri in partnership con Icelandair
  • Un altro volo quotidiano a Mosca, che è servita con tre voli quotidiani e fino a sei in collaborazione con Aeroflot Russian Airlines.
  • Danzica sarà collegata a Helsinki con due voli giornalieri
  • Quattro ulteriori frequenze settimanali per Edimburgo
  • Quattro frequenze aggiuntive a Barcellona tra giugno e agosto
  • Tre ulteriori collegamenti settimanali a Madrid da giugno a ottobre
  • Un volo settimanale supplementare sarà aggiunto a Dublino, Dubrovnik, Malaga, Tel Aviv, Billund, Chania, Skiathos, Santorini, Rodi, Heraklion e Corfù.

ZANTE, ISOLE SCONOSCIUTE, BORA BORA…SEMZA SPENDERE UNA FORTUNA.

Si chiama Zante, ma in Grecia e nel resto del mondo la chiamano Zakhyntos.

Ma da noi è conosciuta anche di più col nome di Zacinto, grazie al sonetto che il poeta Ugo Foscolo, che qui vi è nato, le ha dedicato.

-L’isola delle Ionie ha dato i natali a uno dei più grandi letterati italiani: esempio emblematico dello stretto legame che c’è tra questo arcipelago e il nostro paese.

Di qui non sono passati i turchi, e la dominazione veneziana ha preso pieno possesso dell’arte e della cultura di un’isola che, di suo, è sempre stata molto vitale sotto questo punto di vista.

Tant’è che Foscolo non è l’unico grande poeta che ha visto qui le proprie origini: Dionysios Solomos, il padre dell’inno greco, è nato su quest’isola che oggi è un gustoso mix di cultura greca e italiana.

continua su: http://travel.fanpage.it/zante-consigli-per-le-vacanze-al-mare-in-grecia-in-agosto/#ixzz2zsJ9hA4P

http://travel.fanpage.itIl clima di Zante riflette bene questo dualismo: caldo e secco d’estate, con piogge intense nel corso dell’anno.

-Durante la bella stagione le temperature arrivano anche a 40°, ma non si soffre l’afa.

Di contro le precipitazioni rendono l’isola una terra fertile, e infatti la fonte di reddito principale oltre al turismo è l’agricoltura. I preziosi uliveti forniscono un olio extra vergine che viene importato anche all’estero.

Mentre le condizioni meteo ottimali erano conosciute fin dai tempi di Omero che la soprannominò “fiore di levante”.

Ancora oggi agli italiani piace chiamarla così.

-I nostri connazionali sono molto ben visti su un’isola dove da tempo come seconda lingua si studia la nostra, dove la maggior parte degli studenti che fa viaggi all’estero sceglie la nostra penisola come meta preferita, e dove la nostra letteratura e la musica si ascolta assieme alle originali composizioni locali.

 continua su: http://travel.fanpage.it/zante-consigli-per-le-vacanze-al-mare-in-grecia-in-agosto/#ixzz2zsJIRc1C

http://travel.fanpage.it Le spiagge di Zante, d’altro canto, sono invece uno dei motivi per cui gli italiani la scelgono come meta per le vacanze estive. Una tra tutte è famosissima nell’intero Mediterraneo, ed è la spiaggia del Naufragio, conosciuta anche come Navagio: qui tempo fa vi si incagliò un mercantile di contrabbandieri che cercava riparo notturno in una piccola caletta e sfuggire alla guardia costiera. Il mattino dopo fu colto da una secca, e in seguito vi si accumulò tanta di quella sabbia da formare questa spiaggia raggiungibile solo via mare: oggi una delle più fotografate, non solo per lo scenario del relitto, ma anche per lo spettacolo intenso dell’azzurro turchese delle acque che si bagnano contro la bianca arena accumulata tra i faraglioni. Le tartarughe sono invece protagoniste di un’altra spiaggia, quella di Kalamaki, nel golfo di Laganas: qui è stato istituito il Parco Nazionale Marino di Zante per proteggere la specie Caretta Caretta che viene a deporvi le uova. Si tratta del primo parco nazionale della Grecia, nato proprio perché il turismo dell’isola mette a rischio questi animali: ne fa parte l’isola di Marathonissi, uno dei luoghi di deposizione.

 Il divertimento e la vita notturna offrono locali, taverne, discoteche e club a un enorme numero di giovani che

-affollano l’isola in agosto attratti dalla Zante by night. La città di Laganas è stata paragonata a Las Vegas per l’enorme numero di locali che si possono incontrare su un’unica strada.

Anche Zante città (Chora) è molto frequentata, di giorno e di sera. Le famiglie che cercano più tranquillità si dirigono nella località di Arg Argassi, comunque non priva di gente. Se non siete animali notturni, e preferite girare di giorno ce ne sono di cose da vedere.

Per gli amanti della speleologia vale una pena un’escursione alla grotta azzurra sul promontorio Skinari, con le acque dai meravigliosi riflessi; e le innumerevoli grotte di Keri sul Capo Marathia.

Chi vuole godere di un meraviglioso panorama deve recarsi sulla collina di Strani, il luogo che ispirò il compositore dell’inno greco.

Ci sono persino delle isole circostanti, le Strofadi, dove oltre ad avere una vista spettacolare c’è la possibilità di visitare un monastero del XIII secolo. Se invece volete scoprire qualcosa di più sulla cultura e la storia di Zante potete visitare il Museo Bizantino, il Museo Dionisyos Solomos e la Biblioteca Pubblica, tutte nel capoluogo. Infine trovate numerosi luoghi di culto: ad Agios Dionysios, il santo patrono, sono dedicati un monastero e una chiesa.

Per arrivare a Zante ci sono

-voli charter stagionali diretti che partono dagli aeroporti di Forlì-Cesena e Brindisi, mentre generalmente il viaggio via aereo prevede un passaggio all’aeroporto di Atene, e poi un volo con la Olympic Air fino all’isola.

Altrimenti potete prendere il traghetto da Ancona fino a Patrasso, e da lì fino a destinazione.

Il servizio di bus è efficiente, ma la soluzione migliore è sempre quella di optare per il noleggio di uno scooter o di una bicicletta, per chi ha voglia di godere delle bellezze dell’isola in totale libertà. Per chi invece sceglie l’auto è consigliabile una jeep 4×4 per superare le strade più impervie.

In generale la rete stradale collega bene i vari villaggi e li mette tutti in comunicazione con Zante città.

 continua su: http://travel.fanpage.it/zante-consigli-per-le-vacanze-al-mare-in-grecia-in-agosto/#ixzz2zsJdmMeL

http://travel.fanpage.it

—-

Gli arcipelaghi greci sono composti da migliaia di piccole isole, ma un viaggio a

Gavdos è il raggiungimento di un confine estremo sotto molti punti di vista.

Si tratta infatti del punto più a sud di tutta l’Europa geografica.

Non solo: è una piccola isola, abitata permanentemente da meno di 100 abitanti. Questi vivono per lo più di agricoltura e pesca, e soffrono la scarsità di acqua potabile e di energia elettrica. In estate l’isola viene visitata da una media di 3500 persone.

E nonostante ciò, al di là di qualche taverna, il turismo non ha messo radici da queste parti. Poche le attrazioni.

La ricostruzione di un vecchio faro che ospita un museo dedicato alla storia di quello originale, e un caffè al suo interno.

Il Capo Tripiti, l’estremo punto meridionale d’Europa, segnato con un’enorme sedia su cui bisogna letteralmente arrampicarsi.

E una marea di spiagge incontaminate: Potamos, Agios Ioannis, Pyrgos, Sarakinikos… Alcune hanno dei “servizi” (le summenzionate taverne), altre sono del tutto vergini e raggiungibili solo via barca o tramite avventurosi sentieri. Indovinate che tipo di persone viene a trascorrere le vacanze in Grecia su quest’isola?

 continua su: http://travel.fanpage.it/isole-in-europa-estate-vacanze-al-mare/#ixzz2zsIk2vMo

http://travel.fanpage.it

—-

 Conosciuta localmente col nome di Gökçeada è la più grande delle isole turche, situata proprio all’imbocco dello stretto dei Dardanelli.

-Come gran parte della costa turca anche Imbro si divide tra gli appassionati delle spiagge, e quelli del trekking.

Non che le due cose non possano essere compatibili naturalmente: la spiaggia di Yıldızkoy, ad esempio, è raggiungibile attraverso un sentiero che si percorre in dieci minuti, e tutto attorno è circondata da rilievi montuosi.

A sud dell’isola si trova la spiaggia di Aydıncık: qui il mare è separato da una stretta striscia di dune sabbiose da un lago salato.

Dal fondo del lago sale uno strano odore, non sgradevole, causato da delle sostanze chimiche naturali che sembra abbiano ottime proprietà curative per la pelle.

L’attività migliore qui è farsi un bagno di fango per risciacquarsi poi a mare.

Su Imbro vive una piccola comunità greca, circa 250 persone sparse in vari villaggi: si tratta di luoghi tipici, nei quali si può respirare l’atmosfera del paese d’origine. Un consiglio per quando andate in giro in visita nei vari paesini: portatevi da bere, perché le fonti di acqua potabile sono molto scarse sull’isola

 continua su: http://travel.fanpage.it/isole-in-europa-estate-vacanze-al-mare/#ixzz2zsIQiB00

http://travel.fanpage.it

 Concludiamo il nostro excursus sul mar Baltico con l’isola più grande della Estonia.

Saarema è conosciuta storicamente per essere stata la patria di un popolo guerriero che ha resistito alla dominazione di svedesi, danesi, tedeschi e russi, tanto da essersi guadagnato l’appellativo di vichinghi orientali.

Gli osiliani conservano ancora oggi le proprie tradizioni uniche, osservabili nei costumi locali.

In effetti una vacanza a Saaremaa è più un viaggio culturale, e ce ne si rende conto visitando la città di Kuressaare: qui vi troviamo chiese, mulini ed edifici antichi, tra i quali un vecchio stabilimento termale per le cure ai fanghi. Dal punto di vista naturalistico l’isola è impressionante: l’80% di tutta la flora dell’Estonia è rappresentata qui, e quasi metà dell’isola è ricoperta da piante.

La fauna è altrettanto ricca, con numerose specie di uccelli, anche endemiche, e vari animali marini. Il perimetro dell’isola è ricco di scogliere, tra cui le più spettacolari sono quelle di Panga, con un’altezza di 20 metri e lunghe 2,5 km. Nel villaggio di Kaali si possono osservare nove crateri millenari causati dall’impatto con meteoriti. Ma non dimentichiamo le spiagge: la più bella è quella di Järverand, ad appena 14 km dal centro principale.

 continua su: http://travel.fanpage.it/isole-in-europa-estate-vacanze-al-mare/#ixzz2zsIBO2bn 

http://travel.fanpage.it

 Torniamo al nord, in un paese che nell’immaginario collettivo è perennemente ricoperto di neve.

Ma il mar Baltico chiama, e i turisti rispondono.

Troppi, anzi: ecco perché scegliamo l’isola di Fårö. Adiacente alla più grande Gotland, l’isola è meta dei bagnanti che si dirigono verso la lunga striscia di sabbia di Sudersand.

La meta è alquanto popolare, tanto che ogni anno, a settembre, si tiene la Fårönatta, una vera e propria notte bianca, durante la quale negozi e ristoranti restano aperti fino a tardi e si celebra una speciale messa di mezzanotte.

Da Fårö si può raggiungere in traghetto l’isola disabitata di Gotska Sandön, sede di un Parco Nazionale dominato da ampie foreste di pini e spiagge sabbiose popolate da foche grigie.

 continua su: http://travel.fanpage.it/isole-in-europa-estate-vacanze-al-mare/#ixzz2zsHrzIeh

http://travel.fanpage.it

 La Repubblica di Malta non è un’isola, ma un arcipelago, e questo in molti lo ignorano. Ecco perché sfuggono le due isole più piccole. Ma mentre Gozo vive di un turismo tutto suo, indipendente da Malta, Comino è la vera meta per eletti.

Che non vuol dire che non possiate provarle entrambe.

Sono infatti a un tiro di schioppo l’una dall’altra, ed elicottero e traghetti sono gli unici mezzi di trasporto. Gozo ha due città principali, Marsalforn e Xlendi, ma per il resto è stata ampiamente preservata dall’urbanificazione. La spiaggia vergine di Ramla il-Ħamra, con la sua sabbia rossiccia, è indubbiamente la più bella. Con Malta, Gozo condivide l’antichissima cultura megalitica, che ritroviamo nei tempi di Gġantija.

Comino ha solo quattro residenti stabili, ma il suo unico albergo richiama i visitatori che possono vantarsi di aver dormito dove pochi lo hanno fatto.

Neanche a dirlo entrambe le isole sono meta di trekker, ciclisti e sub. Si dice addirittura che Gozo fosse l’isola dove la ninfa Calipso trattenne Omero nell’Odissea. La sua caverna è oggi visitabile, e come ci si può immaginare il mare tutto intorno è fantastico.

continua su: http://travel.fanpage.it/isole-in-europa-estate-vacanze-al-mare/#ixzz2zsHhNOyR

http://travel.fanpage.it

 Tutti vanno in vacanza a Hvar, a Brac, a Krk.

Nomi impronunciabili, che assomigliano più a delle onomatopee, ma che nascondono un turismo ricco e pieno di movida.

Quindi inflazionato. Il vero gioiello delle isole croate è Sansego, o meglio Susak, in lingua locale.

Una lingua strana, a dire il vero, unica: un dialetto composto da croato antico e prestiti dell’inglese, il francese e l’italiano, comprensibile solo agli abitanti del luogo.

-Che poi sono concentrati tutti in un piccolo villaggio dalle strade strette, dove solo carretti e uomini possono passare. Non ci sono strade asfaltate a Sansego, figuriamoci discoteche.

-Ed è qui che volevamo arrivare:

-un luogo ancora non invaso dai turisti, le cui spiagge sabbiose e ricche di canneti ci fanno dimenticare che siamo a pochi passi dalla più animata Lussino. Fate presto, però, perché il segreto non verrà mantenuto ancora a lungo.

continua su: http://travel.fanpage.it/isole-in-europa-estate-vacanze-al-mare/#ixzz2zsHboHXQ

http://travel.fanpage.it

 Dimenticate le chiccherie e l’ostentata ricchezza di Saint Tropez e dintorni: la

Costa Azzurra ha molto meglio da offrirvi.-

-Proprio dalla blasonata località per vip si può prendere un traghetto per raggiungere questo paradiso naturale che può vantarsi di essere uno dei luoghi abitati meglio salvaguardati del pianeta.

Arricchita da una folta macchia mediterranea e bagnata da acque cristalline, l’isola di Porquerolles tiene alla larga ogni contaminazione di tipo turistico.

I veicoli a motore non possono circolarvi, e le spiagge sono prive di qualsiasi servizio.

L’unico centro abitato è un piccolo porto di duecento persone, che si godono il silenzio e la tranquillità di un panorama sul Mediterraneo.

L’isola è naturalmente ampiamente battuta dai trekkers, che si divertono soprattutto a raggiungere le spiagge della costa sud, isolate e selvagge.

Ma ce n’è per tutti: anche chi non ha voglia di spingersi molto lontano può percorrere dei rapidi sentieri che portano verso le spiagge settentrionali, come quella de la Courtade, che si trova a pochi minuti di bici dal villaggio.

 continua su: http://travel.fanpage.it/isole-in-europa-estate-vacanze-al-mare/#ixzz2zsHV1FwV

http://travel.fanpage.it

Non solo Azzorre e Madera: ben più vicino alle sue

-coste il Portogallo nasconde un altro piccolo gruppo di isole. Siamo nell’Algarve, a sud del paese: qui, sulla punta occidentale del golfo di Cadice, bagnato dalle acque dell’Atlantico, troviamo il Parco Nazionale Ria Formosa.

Un breve viaggio dall’aeroporto di Faro ci porta a

-Olhão, il più grande porto di pescatori della regione. Da qui sono quindici minuti di traghetto per raggiungere l’isola. Un piccolo paradiso silenzioso dove i portoghesi amano trascorrere le vacanze cercando di tenere lontano il turismo. Non ci sono bar, locali o negozi sull’isola. Solo tre ristoranti.

L’attrazione maggiore è naturalmente la fauna selvatica che popola il parco: piccoli tour sono offerti da ambientalisti e biologi del luogo, che aiutano a individuare pesci, uccelli e piante del circondario.

Una gita può essere organizzata sulla vicina isola di Culatra, ma non si respira la stessa atmosfera di relax, essendo un porto più affollato e dedito agli affari. Su Armona si dorme in una delle 400 case sulla spiaggia, si bevono i migliori vini portoghesi e ci si rilassa pigramente sulle spiagge. Questo è quanto.

 continua su: http://travel.fanpage.it/isole-in-europa-estate-vacanze-al-mare/#ixzz2zsHCsMXv

http://travel.fanpage.it

 Scovarli tutti è molto difficile senza una guida del posto. Ma potete comunque provarci. Come dicevamo, una volta sull’isola si può giocare al risparmio: il modo migliore è abbandonare le agenzie turistiche e fare tutto da soli. Nuotare nella laguna, dare da mangiare ai pesci, passeggiare lungo i sentieri: sono tutte attività che non hanno bisogno di intermediari e possono essere svolte in maniera completamente gratuita. Se scegliete la bici, provate a farvi prestare una mountain bike da qualche locale: quelle dei noleggi sono buone solo per la strada asfaltata che attraversa l’isola.

Scalare il vulcano, d’altro canto, vi verrà sconsigliato se non quasi proibito se non avete una guida con voi. Nessuno al Comune o alla Gendarmeria vi dirà come farlo se non avete qualcuno del posto che vi accompagni: anche i più esperti trekker si sono persi o addirittura rischiato la vita nel tentativo. In effetti si tratta di un percorso abbastanza isolato, che per un tratto passa anche attraverso una proprietà privata, per cui dovete chiedere il permesso al suo proprietario. Il passaggio finale è molto scosceso e accidentato, e c’è rischio di scivolare sul crinale. Ma una volta raggiunta la cima si viene ripagati da una vista fantastica su tutta l’isola. Cos’altro c’è di gratuito? Rilassarsi sulla spiaggia, naturalmente: le vacanze al mare restano comunque la nostra priorità.

Dove dormire

Veniamo ora ai resort e ai villaggi turistici.

Ragazzi, Bora Bora è per chi ha i soldi, e i prezzi degli hotel vanno dalle poche centinaia di euro a notte a qualche migliaia per quelli extralusso.

Un momento, ma non avevamo affrontato il discorso dicendo che Bora Bora poteva anche essere alla nostra portata? Sì, e lo confermiamo. Se riuscite ad arrivarci, il resto della vacanza può essere speso a godersi la natura senza gettare soldi in superflue comodità. Esiste una

-guesthouse, chiamata Sunset Hill Lodge, dove si può soggiornare con prezzi che vanno dai 50 ai 70 euro a notte

-E non parliamo di una catapecchia. Immersa in uno splendido giardino zen con cascata, le sue camere sono eleganti, curate e pulite e fornite di tutto: bagno, cucina accessoriata, aria condizionata, soggiorno e connessione wifi. E vi è comunque anche la possibilità di spendere un po’ di più e dormire in una palafitta, anche se non siete dei petrolieri. Chiunque sia stato lì vi parlerà del proprietario, Gerard: un francese sempre sorridente, che cucina, mette a disposizione le sue biciclette per esplorare l’isola, accompagna in giro con la sua auto, prenota escursioni a prezzo ridotto, e tutto questo in cambio della gratificazione dei suoi ospiti.

Foto di apparena

I resort costosi sono sette in tutto.

Ma anche qui fate attenzione, perché il fatto

-che siano costosi non significa che siano tutti perfetti e incredibili. C’è chi ha riportato di

staff scortese e inadeguato, e non tutti hanno una splendida vista dalle loro camere.

-Quelli classificati tra i migliori sono il Four Season Bora Bora, e il St. Regis Bora Bora.

In particolare il secondo è conosciuto per avere i prezzi più alti sull’isola: le sue camere più costose sono le palafitte che hanno al loro interno

-piscina e spa personali, più un fondale di vetro per ammirare la laguna, la quale la notte è illuminata dal basso dando l’impressione di risplendere nella stanza.

Questa è la struttura preferita per i viaggi di nozze.-

Nel resto dell’isola vi sono poi

-altri alloggi di media categoria: tenendo presente che il paragone è fatto con quelli dai prezzi improponibili, ma parliamo comunque di almeno 200€ a notte minimo.

Altri consigli per risparmiare. Oltre alle attività in solitaria, senza affidarsi a nessuna agenzia turistica, evitate anche di fare altre spese di ogni tipo.

Persino i piccoli supermarket lucrano sulla gente con prezzi fuori dall’ordinario.

Se alloggiate al Sunset Hill, portatevi tutto il cibo da casa, perché avete la possibilità di cucinarvelo da solo.

Anche se uno strappo alla regola si può fare qualche volta:

-vi sono alcuni ristoranti che, sebbene cari, vi delizieranno con la loro cucina di stampo francese e polinesiano.

Per bere la sera il posto migliore è il Bloody Mary’s di Pofai Bay, sul lato ovest dell’isola: il ristorante si distingue per i suoi sapori americani e per la velocità e qualità del servizio.

È meta di molte celebrità: ancora una volta, occhio ai prezzi. L’unica discoteca dell’isola è la Rècife Discothèque, 1 km a nord di Vaitape: apre solo il venerdì e il sabato dalle 23 alle 3.

-L’alternativa low cost è quella di cercare di unirvi a quei festini locali di cui vi abbiamo parlato sopra.

Come e quando andare

Per arrivare a Bora Bora bisogna per forza passare per Tahiti: Air Tahiti infatti è l’unica compagnia che collega, quattro volte al giorno, il Motu Mute di Bora Bora con l’aeroporto internazionale di Fa’a’ā.

-Quest’ultimo a sua volta è collegato con Parigi e altre grandi città come Auckland, Tokyo, Los Angeles, Santiago del Cile. Un volo dall’Italia terrà conto di almeno un paio di scali, per un viaggio complessivo di 40 ore. Una volta atterrati sull’isoletta di Motu Mute, dovete prendere un traghetto verso la vostra isola di destinazione. Questi sono solitamente servizi shuttle gratuiti inclusi nel prezzo del vostro albergo. Altrimenti prendete la vostra barca fino al molo di Vaitape, e da lì esplorate l’isola. C’è solo un servizio di trasporto pubblico, un bus che va avanti e indietro ogni ora. Sono disponibili dei taxi: questi tornano utili se andate a mangiare fuori, e sarà il ristorante stesso a chiamarvelo. Se non sapete dove riposare le vostre stanche membra, l’isolotto di Matira è quello con le spiagge più belle, nonché i resort più costosi.

Il periodo migliore per andare a Bora Bora per quanto riguarda le condizioni meteo è l’inverno polinesiano, che va da marzo a ottobre: si tratta della stagione secca, con piogge meno frequenti e temperature tra i 24 e i 28°.

Questo è il periodo di alta stagione, con prezzi alle stelle e turisti che popolano l’isola. Gli stessi polinesiani celebrano numerosi eventi durante tutto il mese di luglio per la festa conosciuta come Tiurai.

A giugno invece si tiene l’Heiva, una manifestazione multiculturale di canto, danza, sport e artigianato. L’estate polinesiana va da novembre ad aprile, con la maggior parte delle piogge che cade in questo periodo e i mesi più caldi di febbraio e marzo.

Questa è la bassa stagione, ma anche a dicembre si tengono due eventi importanti: il Bora Bora Liquid Festival, una quattro giorni dove atleti da tutto il mondo si incontrano per una serie di gare in vari sport acquatici; e i mercatini di Natale, dal 16 al 23 dicembre, dove potete acquistare un regalo originale comprando un artefatto locale. Vantaggi della bassa stagione? Molta meno gente e prezzi decisamente più bassi. E non piove tutti i giorni, il sole c’è comunque. Come vedete, anche un sogno che sembra impossibile può essere realizzabile.

 continua su: http://travel.fanpage.it/bora-bora-polinesia-viaggio-prezzi-ridotti/#ixzz2zsFKFeoi

http://travel.fanpage.it