Archivi categoria: Europa

europa viaggi, viaggi in Europa, travels in Europe,

Weekend e vacanze a Lisbona per “chicche” gastronomiche poco note

LISBONA, CAPITALE DEI BUONGUSTAI

Mini tips per gustare delle “chicche” gastronomiche poco note della cucina lusitana

– Quando si pensa a Lisbona vengono subito in mente tre costanti:

il sole, i magnifici panorami e…la qualità del cibo!

Ottima meta per chi si avventura armato di macchina fotografica e partner a braccetto per scoprire i segreti che nasconde ogni antico rione e perfetta per passeggiare su e giù per i 7 colli su cui poggia la città dopo un bel pranzo sostanzioso che solo in Portogallo ci si può concedere di fare.

I portoghesi iniziano il pranzo e la cena con una serie di piccoli antipasti, come formaggi, gamberetti e verdure , accompagnati da buonissimo pane fresco, o dal più famoso bolo do caco, pane servito con del burro e condito con aglio e prezzemolo .

Uno dei piatti più gustosi che introducono alle portate principali è quello delle vongole à bulhão pato (dal nome del poeta del 19° secolo Raimundo António de Bulhão Pato); una ricetta semplice che porta tutto il sapore fresco dei frutti di mare. Servito con crostini di pane caldo, il sapore delle vongole si sposa benissimo con il limone, il vino bianco e il prezzemolo e lo rende l’inizio perfetto per il pasto.

Un altro piatto tipico della tradizione gastronomica portoghese, che potrete gustare in molti dei ristoranti di Lisbona e che vi permetterà di assaggiare il re della cucina lisboeta in una variante sfiziosa e piena di gusto è rappresentato dai Pasteis de bacalhau: bocconcini di baccalà impanato e fritto, crocchette dal cuore tenero e dal sapore delicato, ma dalla impanatura dorata e saporita, che mette subito l’acquolina.

Il baccalà a Lisbona viene cucinato in numerosissime varianti e tradizione vuole ci sia una ricetta diversa a base di baccalà per ogni giorno dell’anno.

Saporita la variante del Bacalhau á gomes da sá , un filetto di baccalà cotto in casseruola con cipolle, patate e uova, oppure una ricetta più tradizionale: il Bachalau á Brás, con patatine fritte tenuti insieme da uova, prezzemolo e cipolla.

Altro emblema della cucina lusitana sono le sardine, soprattutto se cucinate alla griglia e degustate sul pane mentre ci si perde nel loro aroma gironzolando tra un vicolo e l’altro.

Le più famose sono quelle che vengono dalla cittadina di Setúbal, ma Lisbona ne è invasa soprattutto nel mese di giugno, durante le celebrazioni dei Santos Populares, con gran clou nelle giornate del 12 e del 13. Le sardine vengono arrostite sulla brace e servite con verdure, oppure disposte semplicemente su fette di pane bianco e mangiate con le mani.

Altra ricetta tipica da provare è l’ Arroz de Marisco, un piatto a metà strada fra il cremoso risotto italiano e la più asciutta paella spagnola.

Viene preparato con molluschi, crostacei e verdure, prima di essere servito fumante, con una spolverata di prezzemolo tritato. Altra variante portoghese è il riso al pomodoro con sardine.

Tradizionale e più ricercato il Polvo à Lagareiro, polipo stufato in pentola e grigliato, così tenero che si può tagliarlo con la forchetta. Viene servito con una salsa a base di olio, prezzemolo e aglio e comunemente accompagnato da patate novelle cotte al forno.

Giocando di contrasto al “pescado” per chi vuole fare un tuffo nelle tradizioni culinarie portoghesi il formaggio di Azeitão è una specialità DOP.

Formaggio di latte di pecora portoghese, gustato sul pane o cracker è un ottimo aperitivo da accompagnare con del vino rosso.

Ma il viaggio alla scoperta del gusto è solo all’inizio: la città Setúbal, sempre nella zona di Lisbona, offre un altro piatto di portata che vale la pena sperimentare … le seppie fritte! Servite con patatine fritte e insalata, avvolte da una fine pastella, si degustano con del succo di limone e non sono tipiche al 100% se non sono accompagnate dalla meravigliosa vista che si gode sul porto della cittadina rigorosamente all’ombra delle montagne di Arrábida.

A i palati più golosi dedichiamo dei sapori unici che provengono da antiche ricette medievali: il pastel de nata e i dolci conventuali.

Il pastel de nata è tanto emblematico quanto buono, e si deve gustare rigorosamente alla portoghese: caldo, con un pizzico di cannella e una spolverata di zucchero a velo, senza eccezione alcuna. Immaginatevi in un bar al sole, mentre state ordinando una bica (il tipico espresso di Lisbona) e di fronte a voi questo magnifico e delizioso cestino di pasta sfoglia ancora fumante a base di uova. Impossibile non innamorarsene all’istante.

I dolci conventuali, anch’essi a base di uova, sono particolari per i loro gusti tutti diversi e ancor di più dalla loro storia: dovete sapere che nel XV secolo nei conventi femminili portoghesi, per passare le giornate e vincere la noia, s’inventavano e si producevano una svariata quantità di dolci, ciascuno di essi con una consistenza propria e dal gusto unico. A Lisbona ne esistono di svariati, tra cui: i Fradinhos di Mafra, i Pasteis de Belém, le Nozes di Cascais, la Marmelada Branca e il Toucinho do Céu di Odivelas, solo per citarne alcuni.

Da accompagnare ad ogni piatto non ci si può dimenticare dei vini della regione, che dispone di etichette di alta qualità e possiede diverse zone DOC dalle caratteristiche più disparate, abbinabili perfettamente ai diversi sapori e alle delizie che riserva la capitale portoghese. Per accompagnare un pasto gustoso durante il vostro soggiorno a Lisbona è d’obbligo provare un buon bicchiere di Bucelas, un vino della zona giovane e fruttato, non forte e molto piacevole.
E a fine pasto non vi lasceranno mai alzare se ammetterete di non aver ancora provato il liquore di amarene, il Ginjinha, tipicissimo e immancabile soprattutto nelle taverne, da provare freddo o a temperatura ambiente, con o senza ciliegia, e per i più golosi si può richiedere in un bicchiere di cioccolato. Provare per credere!

Per maggiori informazioni visitate il sito Turismo de Lisboa: www.visitlisboa.com
O seguiteci su Facebook

Weekend lusso e musica – Stelle della musica classica ad Andermatt dal 25 gliugno al 1 ° luglio 2017

Le stelle della musica classica ad Andermatt
per un festival senza precedenti.

Dal 25 giugno al 1 luglio. Il pianista Igor Levit ospite d’onore a The Chedi Andermatt

The Chedi Andermatt, l’iconico 5 stelle lusso nel cuore della Svizzera centrale, annuncia la partnership ufficiale con “Andermatt Swiss Alps Classics”, ispirante e inedito festival di musica classica organizzato dal 25 giugno al 1 luglio 2017 nella Valle di Orsera.

È Igor Levit, pianista germano-russo di fama internazionale, ad aprire la kermesse.

Ospite di The Chedi Andermatt, sarà anche invitato d’onore al gala dinner che l’hotel organizzerà per i propri ospiti il 25 giugno.

Oltre a lui, sul palco si alterneranno musicisti da tutto il mondo per offrire un momento davvero speciale all’ombra dell’arco alpino svizzero.

Non solo concerti, infatti.

Gli ospiti potranno intrattenersi con artisti e personaggi di spicco della musica classica: Dominique Meyer (Direttore della State Opera di Vienna), Rolando Villazón (Ambasciatore della Salzburg Mozart Week e della Mozarteum Foundation), Martin Haselböck (pluri-premiato direttore d’orchestra austriaco) e Olga Peretyatko (soprano russo tra le nuove stelle dell’opera lirica).

“Andermatt Swiss Alps Classics” è senza dubbio uno dei festival più rappresentativi in Svizzera e si snoda in un piacevole percorso intorno al borgo di Andermatt, il cui apice si disegna negli scenografici ambienti di The Chedi Andermatt.

The Chedi Andermatt, partner d’elezione di “Andermatt Swiss Alps Classics”, disegna per i suoi ospiti regie esclusive per vivere il festival in modo privilegiato perché a diretto contatto con gli artisti.

L’offerta Gala Concert by Igor Levit comprende i biglietti per il concerto di apertura del 25 giugno e permette inoltre di partecipare alla cena di gala in compagnia del celebre pianista (CHF 590).

Il programma completo del Festival; https://www.thechediandermatt.com/en/Special-offers/Just-Launched/Andermatt-Swiss-Alps-Classics
The Chedi Andermatt: tariffe a partire da CHF 500 a camera a notte con trattamento di prima colazione

The Chedi Andermatt

Vera e propria opera d’arte architettonica, The Chedi Andermatt, aperto a dicembre 2013, ha ridisegnato gli standard del design e dell’ospitalità di lusso nell’arco alpino.

Progettato da Jean Michel Gathy, del premiato studio Denniston International Ltd di Kuala Lumpur, il primo 5 stelle lusso della destinazione e prima struttura completata del progetto Andermatt Swiss Alps offre un servizio personalizzato ed esclusivo.

Con le sue 123 camere e suite, l’incredibile The Spa & Health Club con piscina interna panoramica di 35 metri, piscina riscaldata esterna, 10 Spa suite private e palestra di ultima generazione, una proposta F&B d’elezione in grado di unire le tradizioni gourmet d’Oriente e Occidente, The Wine & Cigar Library e The Wine & Cheese Cellar, The Chedi Andermatt si propone come mecca per viaggiatori esigenti:

hub ski in/ski out nella stagione invernale, grazie alla posizione prossima alle piste del Gemssto ck e del comprensorio di Andermatt-Sedrun, ma anche perfetta destinazione estiva per gli amanti del Golf, cui è riservato l’accesso esclusivo al campo da campionato 18 buche di Andermatt.
The Chedi Andermatt è affiliato The Leading Hotels of The World e Swiss Deluxe Hotels.

Crociere di lusso e vacanze con programma di benessere gratuito sul mare

Oceania Cruises presenta il più completo programma di benessere gratuito sul mare

Da yoga a pilates e molto altro, gli ospiti possono scegliere tra oltre 24 attività tenute da professionisti del settore

– Oceania Cruises, la compagnia di crociere leader per i suoi itinerari incentrati sulle esperienze gastronomiche e sulle destinazioni più affascinanti in tutto il mondo, propone ai viaggiatori alla ricerca di esperienze wellness una nuova e unica gamma gratuita di attività per il benessere a bordo delle sue sei navi, che navigano verso oltre 370 porti in tutto il mondo.

Bob Binder, Presidente e CEO di Oceania Cruises ha dichiarato: “Oceania Cruises offre il più ampio e completo programma wellness sul mare.

I menu vegani recentemente introdotti e le esperienze di destinazione uniche offerte sui nostri Tour Wellness ispirati a Canyon Ranch Spa Club, Oceania Cruises e Canyon Ranch hanno stabilito un nuovo punto di riferimento per l’eccellenza nel campo del benessere proprio come realizzato con la cucina del Canyon Ranch Spa Cuisine per colazione, pranzo e cena”.

Kathleen Shea, Chief Marketing Officer di Canyon Ranch Spa Club ha a sua volta dichiarato: “Questo nuovo programma a bordo di Oceania Cruises permette ai nostri ospiti di vivere l’approccio olistico al wellness applicato da Canyon Ranch Spa Club e rappresenta il nostro impegno per portare in crociera il benessere in tutte le sue sfaccettature”.

Oltre all’uso gratuito della palestra e dell’area fitness all’interno di Canyon Ranch Spa Club, Oceania Cruises introduce una grande novità rendendo disponibili senza costi aggiuntivi anche le lezioni di fitness e wellness.

Ci sono più di ventiquattro diverse opzioni a scelta per gli ospiti, tutte con istruttori professionali;  dal Sunrise Stretch and Relax al Sunrise Yoga sul ponte, all’Indoor Cycling o programmi più completi come Boot Camp, Full Body Strength Training o Core Conditioning, in cui gli istruttori guideranno i participanti con consigli e suggerimenti utili.

“Sia gli esperti che i neofiti delle vacanze all’insegna del benessere scopriranno una sorprendente gamma di opzioni salute per migliorare la loro esperienza di crociera. Vogliamo offrire una combinazione unica di ringiovanimento, scoperta personale e piacevolezza ai nostri ospiti in viaggio verso le destinazioni più esotiche in tutto il mondo” ha aggiunto Binder.

Highlights lezioni gratuite

 Morning Stretch – tecniche di stretching base – 25 minuti

Stretch and Relax – 25 minuti

Sunrise Stretch and Relax – 25 minuti

Sunset Stretch – 25 minuti

Walk a Mile – 25 minuti

Indoor cycling – 45 minuti

Boot Camp – 45 minuti

Strength Body Training – allenamento per tutto il corpo (con manubri) – 45 minuti

Full Body Strength Training – allenamento completo – 45 minuti

Body Weight Training – allenamento per tutto il corpo (con pesi) – 45 minuti

Upper Body Strength Training – 25 minuti

Upper Body Strength Training – 45 minuti

Total Tubes – allenamento per tutto il corpo con il supporto di bande elastiche – 45 minuti

Pilates – 45 minuti

Mat Pilates – Pilates con materassino (livello medio) – 45 minuti

Introduction to Yoga – 45 minuti

Yoga – 45 minuti

Sunrise Yoga – 45 minuti

Awesome Legs – allenamento per gli arti inferiori con pesi e manubri – 45 minuti

Awesome Legs – 25 minuti

Stronger Legs – 45 minuti

Fit Ball Body Workout – esercizi con fit ball – 45 minuti

Stronger Legs – allenamento per gli arti inferiori – 25 minuti

Sole Energizer Class – esercizi  per i piedi con Sole Energizer – 45 minuti

Sole Energizer Class – esercizi  per i piedi con Sole Energizer – 25 minuti

Awesome Abs – esercizi con tappetino per tonificare gli addominali -25 minuti

Six-pack Challenge – esercizi con tappetino per tonificare gli addominali – 25 minuti

Total Abs – esercizi con tappetino per tonificare gli addominali – 25 minuti

Fit Ball for Your Core – allenamento focalizzato sugli addominali con fit ball – 45 minuti

Core Conditioning – 45 minuti

Le navi del benessere

Ospitando a bordo il famoso Canyon Ranch SpaClub e le sue proposte gastronomiche da quasi un decennio, Oceania Cruises ha una vasta esperienza nelle crociere che permettono di mantenere uno stile di vita sano ed equilibrato, all’insegna di fitness e benessere. Con l’espansione dell’offerta vegetariana e senza glutine, la recente aggiunta di Tour Ispirati a Canyon Ranch e il debutto dei menu vegani, Oceania Cruises offre programmi benessere ancora più completi sul mare.

Per ulteriori informazioni su Oceania Cruises visitare www.oceaniacruises.com o contattare un’agenzia di viaggio.

###

A proposito di Oceania Cruises

Caratterizzata da una flotta di navi di lusso, Oceania Cruises offre un’esperienza di vacanza impareggiabile, rinomata per la cucina raffinata e i suoi itinerari in tutto il mondo. I viaggiatori più esperti sono attratti dalle proposte di viaggio ideate con estrema cura da Oceania Cruises; esse coprono più di 365 porti in Europa, Asia, Africa, Australia, Nuova Zelanda, Sud Pacifico e Americhe.

Le ampie ed eleganti sistemazioni a bordo di Regatta, Insignia, Nautica e Sirenada 684 ospiti – e Marina e Rivierada 1.250 passeggeri – invitano a esplorare il mondo con soluzioni di comfort e uno stile senza eguali.

Vacanze a Malta – Esplorare l’isola di Gozo via mare e via terra

GOINGOZO PRESENTA I PACCHETTI

BOAT AND BREAKFAST

La novità dell’estate 2017 per esplorare Gozo via mare e via terra

 – Goingozo, il tour operator “concierge” nato per promuovere l’isola di Gozo (www.goingozo.com), presenta la grande novità per l’estate 2017: i pacchetti vacanze Boat and Breakfast pensati per tutti coloro che desiderano scoprire Gozo nella sua autenticità sia via mare che via terra.

Il pacchetto in B&B e barca a vela prevede la possibilità di unire il soggiorno in Bed&Breakfast selezionati, ricavati in lussuose ville con piscina e terrazze con vista sull’isola di Gozo, all’emozione di trascorrere due notti a bordo di una confortevole barca a vela.

La nuova proposta vacanza è pensata per esplorare totalmente l’isola e scoprire le spiagge, le bellezze culturali e l’offerta culinaria sulla terraferma e allo stesso tempo solcare le onde e visitare luoghi indimenticabili e raggiungibili solo via mare.

Una vacanza fuori dal comune e personalizzabile in base alle proprie esigenze grazie allo speciale Concierge Service offerto dal tour operator Goingozo.com che permette di usufruire di molteplici vantaggi oltre alla partecipazione a diverse attività organizzate.

Gozo offre un’ampia scelta di proposte che le hanno già fatto guadagnare il titolo di “isola della Gioia” che non smette mai di ammaliare i suoi visitatori: la lunga spiaggia di sabbia rossa di Ramla Bay, la “piscina” naturale della Blue Lagoon dove anche Brad Pitt ha fatto il bagno, le acque cristalline della Crystal Lagoon, lo spettacolo della Cittadella by night ma anche le saline, i fiordi e i templi megalitici più antichi del mondo.

Dopo una giornata di sole, mare e divertimento, si può cenare nei migliori ristoranti, dove assaggiare le specialità di Gozo e della cucina mediterranea. E’ molto divertente anche assistere e partecipare alle tante celebrazioni e alle feste tradizionali, insieme ai gozitani che sono famosi per la loro calda e amichevole accoglienza.

Per gli amanti della vacanza a tutto mare, Goingozo organizza anche esclusive crociere in barca a vela su misura intorno all’arcipelago maltese.

 Il pacchetto Boat and Breakfast comprende: 

–          5 NOTTI IN B&B CON COLAZIONE

–          2 PERNOTTAMENTI IN BARCA A VELA

–          7 GIORNI DI NOLEGGIO AUTO/SCOOTER A GOZO

–          1 TOUR IN MOTOSCAFO ALLA BLUE LAGOON

–          TRANSFER A/R DALL’AEROPORTO DI MALTA A GOZO

–          1 BIGLIETTO A/R DEL TRAGHETTO PER PARTECIPANTE

–          24H ASSISTENZA MULTILINGUE

A partire da € 480,00 a persona più pasti, costi del volo Italia-Malta e quanto non dichiarato.

Per ulteriori dettagli: https://www.goingozo.com/it/tour/pacchetto-vacanza/vacanza-gozo-bb-e-barca-vela

Per ulteriori informazioni e prenotazioni:

www.goingozo.com

WEEKEND LOW COST A SOFIA

Veloce controllo su internet ed ecco che la meta più “sicura”, interessante a minor prezzo ci appare Sofia (Bulgaria).

Abbiamo prenotato per ottobre: buoni prezzi, anche nei voli, buoni alberghi e ottima cucina con ristoranti niente affatto cari (alcune informazioni le abbiamo avute da amici che ci sono stati).

Volo Rayanair da Milano Malpensa: 42 euro andata giovedì e ritorno lunedì.

La Bulgaria fa parte dell’Unione Europea, ma non è Schengen; in aeroporto ci sarà sempre il controllo passaporti o carta d’identità per gli Italiani.

L’aeroporto è collegato dalla metropolitana e un bus navetta gratuito collega i due Terminal aeroportuali ogni 30 minuti.

Biglietto metropolitana, comodissima e nuovissima: 1.60 Lev (circa 0,80 euro).

In centro:

-Ponte dei Leoni (1889), ponte sul fiume Vladaya, collega la stazione centrale con il centro della città; costruito in pietra, il suo nome si deve alle quattro sculture in bronzo di leoni (da ricordare: la sera non è consigliabile frequentare questa zona) .

-Attraversato il ponte procedendo per il Boulevard Maria Louiza si arriva alla zona della Sinagoga, mercato coperto e Moschea. La Sinagoga Centrale di Sofia (1905) è in stile ispano-moresco con elementi di Art Nouveau (tra le più grandi d’Europa).Non lontano l’unica Moschea Musulmana del periodo Ottomano, la Moschea Basi Bania (1556) (in restauro).

-Da non perdere:
Tsentralni Hali (1911); mercato coperto in stile neo-rinascimentale, con elementi neo-barocchi. Famosa la torre dell’orologio. Questo Mercato Centrale di Sofia offre bancarelle di ogni genere anche fast food, oltre ad alimentari, abbigliamento, accessori e bigiotteria.

-Central Mineral Bath (1913), con elementi bizantini; sino al 1986 ospitò le terme municipali, oggi è stato ristrutturato ed è sede del Museo Storico di Sofia.

-Proseguendo, si incontrano gli scavi archeologici affiorati durante la costruzione della linea metropolitana (tazione Serdika), di fronte, dentro un edificio monumentale, si trova TZUM (1955); grande magazzino decisamente esclusivo e interessante solo per il suo interno elegante e raffinato.

-Dentro la zona degli scavi archeologici e vicino alle entrate della metropolitana, si trova la Chiesa di Santa Petka (XVI sec), piccola chiesa medievale ortodossa. All’interno: pitture murali dal XIV secolo raffiguranti scene bibliche.

-La statua di Santa Sofia (2001), monumento simbolo della Capitale bulgara, si trova al posto della statua che raffigurava Vladimir Lenin durante il comunismo.

-Ed ecco la Sveta Nedelya Cathedral (1933), fine ‘800; nel 1925 fu distrutta parzialmente da una bomba utilizzata pe run attentato terroristico.
All’ interno iconostasi in legno scolpito del1865 e moderni affreschi. Presenti i resti del Re Serbo Stefan Milutin.

-Non lontano, il Palazzo di Giustizia;

DA RICORDARE:

ogni giorno alle 11 e alle 18, alcuni studenti sotto il patrocinio della municipalità, organizzano un tour gratuito a piedi nel centro storico in inglese; si suggerisce sempre di dare una mancia.

-L’ area pedonale Vitosha Boulevard è ricca di negozi, bar, ristoranti e finisce termina nel verde di un bellissimo parco: lo Yuzhen Park. Al suo interno: il Palazzo Nazionale della Cultura (NDK), è un edificio con interni molto decorati che ospita esposizioni d’arte, festival cinematografici e concerti.

DOVE MANGIARE ?

-la Lonely Planet RACCOMANDA il ristorante Manastirska Magernica; le loro ricette provengono dagli archivi di vari monasteri di tutta la Bulgaria. Si può cenare con mano di 50 lev (25 euro); mangiando abbondantemente, bene e bere, in due.

Quando torneremo dal viaggo, pubblicheremo altre informazioni (anche i prezzi) e tutte le foto.

Vacanze e weekend in montagna con la bici – PEDALARE CON GUSTO IN CARINZIA, IL VERSANTE AL SOLE

+49-177-8903840
studio@artinaction.de
www.artinaction.de

Austria /Carinzia 

PEDALARE CON GUSTO IN CARINZIA, IL VERSANTE

AL SOLE DELLE ALPI AUSTRIACHE

In Carinzia le opportunità di pedalare con gusto da soli, con gli amici o con tutta la famiglia, sono più numerose di quel che si crede: itinerari come la ciclabile della Drava, premiata con 5 stelle dal club nazionale tedesco di ciclismo ADFC, la Via Carinzia nell’angolo al sole della Carinzia, o la Ciclovia Alpe-Adria, che attraverso il Salisburghese e la Carinzia giunge fino al mare Adriatico, garantiscono intense esperienze in un fantastico paesaggio di monti e laghi.

Disponibile anche un pacchetto vacanza ad hoc per gli amanti del turismo sui pedali.

hashtag di riferimento: #Carinzia #Karnten

“Drauradweg” la ciclabile della Drava senza frontiere

Una delle piste ciclabili più famose d’Austria è quella della Drava (Drauradweg), lunga 366 chilometri.

Questo magico percorso per tutta la famiglia, che attraversa la Carinzia da ovest a est, ha ottenuto dall’ADFC (club nazionale tedesco di ciclismo) una valutazione di cinque stelle per la sua elevata qualità. In sei tappe, si va dal punto di partenza a Dobbiaco, in Alto Adige, sempre lungo la Drava, fino a Maribor in Slovenia, pedalando quasi sempre in territorio carinziano.

La pista ciclabile è ben segnalata in entrambe le direzioni e si snoda quasi sempre con andamento pianeggiante per dare ai cicloturisti il tempo di gustare fino in fondo il magnifico paesaggio naturale.

Grazie alle 50 trattorie e ristoranti della ciclabile (“Drauradweg Wirten”), lungo l’itinerario si possono assaggiare delizie gastronomiche di ogni sorta. Informazioni dettagliate sulle singole tappe e altre offerte anche su misura per famiglie sono a disposizione sul sito www.drauradweg.com e nell’opuscolo “Ciclabile della Drava“ che si può ordinare gratis sullo stesso sito web.

PACCHETTO VACANZA
Pedalare sulla Drava, da locanda a locanda
Un facile itinerario per godersi la pista ciclabile più sud della Austria con le specialità regionali della Carinzia. Il pacchetto comprende:

  • 7 notti con colazione in locande tipiche e accoglienti che si trovano sul corso della ciclabile della Drava
  • Trasporto bagagli (1 pezzo a persona, max. 20 kg)
  • Libretto e pacchetto culinario “Drava” e un buono di 15,00 Euro da consumare presso osterieconvenzionate lungo la Drava
  • Carte ciclistiche e materiale informativo
  • Trasferimento in pulmino da Lavamünd a Sillian (incluse le bici)
  • Assistenza telefonicaPrezzo a partire da 539,00 Euro a persona (a seconda della sistemazione e delle date di partenza).
  • L’offerta non comprende il noleggio delle biciclette.
    Per informazioni: http://www.kaernten-radreisen.at/it/dettagli-it/drava-da-locanda-a-locanda/

Piacevoli itinerari in bicicletta per veri intenditori

Oltre alla ciclabile della Drava, ci sono tanti altri itinerari che invitano a pedalare con gusto e in tutta tranquillità. 162 chilometri di delizie cicloturistiche fra storia e cultura è ciò che promettono i vari itinerari della Via Carinzia, nell’angolo al sole della Carinzia.

Si parte dall’idillica Valle Rosental, caratterizzata dall’impressionante catena alpina delle Caravanche, e in cinque tappe giornaliere si raggiunge il lago Klopeiner See per proseguire quindi attraverso i dolci colli della Lavanttal.

Lungo il percorso numerose attrazioni invitano alla sosta. Tra esse il museo dell’ape Carnica, l’abbazia benedettina di St. Paul e il museo Liaunig, la impressionante collezione di arte moderna a Neuhaus.

Chi desidera combinare una visita al Werner Berg Museum con una gita in bicicletta nel sud della valle Jauntal, può pedalare sulla Kunstradweg, la ciclabile dell’arte a Bleiburg.

Oltre al museo Werner Berg a Bleiburg e il Liaunig a Neuhaus, antiche chiese, monumenti culturali e sculture moderne catturano l’attenzione del cicloturista in cerca di esperienze intense.

Uno scenario incantevole in mezzo alle Alpi Carniche e alle Gailtaler Alpen si presenta agli occhi dei cicloturisti lungo la Gailtal-Radweg, la ciclabile del fiume Gail, che si snoda per 90 chilometri da Kötschach-Mauthen a Villach lungo magnifiche piste riservate alle biciclette.

Durante il viaggio non si dovrebbe rinunciare a una piacevole pausa balneare sul lago Pressegger See, che luccica al sole proprio accanto al tracciato della ciclabile.

Nel Parco Nazionale Alti Tauri, nel nord della regione, si trova la ciclabile del Glockner. Percorribile in una giornata, questo itinerario tocca incantevoli spettacoli naturali come la cascata Jungfernsprung, che precipita a valle per varie decine di metri da un roccione sporgente, e le magnifiche valli alpine circondate da un imponente scenario di montagne di 3000 metri.

Con la Ciclovia Alpe-Adria dal Parco Nazionale Alti Tauri fino al mare

Lunga 410 chilometri, la Ciclovia Alpe-Adria, eletta a Amsterdam pista ciclabile dell’anno 2015 è un’esperienza indimenticabile.

Partendo da Salisburgo, la città di Mozart, in una settimana si attraversa il Parco Nazionale Alti Tauri, si entra in Carinzia nel soleggiato meridione d’Austria, e oltre la frontiera di Tarvisio si scende in territorio italiano.

Il tratto carinziano è particolarmente attraente, anche perché oltre il passaggio con il treno navetta dei Tauri, a Mallnitz, il tracciato si snoda quasi sempre in discesa. Anche l’alternarsi dei paesaggi regala straordinarie emozioni: montagne maestose cedono il passo a soleggiate valli disseminate di laghi.

Man mano si procede verso sud, più dolce e accogliente si fa il paesaggio, fino a quando non si arriva finalmente a immergere i piedi stanchi nelle rinfrescanti acque dell’Adriatico.

Per tornare al punto di partenza si prende tranquillamente il treno che parte due volte al giorno da Udine.

È disponibile buon materiale cartografico cicloturistico mentre ulteriori informazioni e pacchetti forfait si trovano sul sito www.alpe-adria-radweg.com. La Ciclovia Alpe-Adria, finanziata e sostenuta anche dall’Unione Europea, è un simbolo di buona collaborazione senza frontiere.

Ricaricarsi d’energia e partire con la bicicletta elettrica E-Bike

Nella zona turistica della Carinzia centrale, chi ha la passione della bicicletta elettrica può fare gite stupende.

Nove itinerari tematici ben segnalati attraversano la zona, mentre un nuovo servizio noleggio bici elettriche, varie mete turistiche e punti di ristoro promettono momenti di gustoso divertimento sul versante al sole delle Alpi.

Tutti gli itinerari partono dal palazzo Fuchspalast a St.Veit an der Glan e sono ben segnalati. Un comodo servizio di trasporto al punto di partenza, offerto in collaborazione con le ferrovie austriache (ÖBB), è garantito per tutti gli itinerari.

Vivere in bicicletta la magia dei laghi carinziani

In Carinzia un gran numero di laghi balneari con acque che raggiungono i 28°C invitano al divertimento nell’acqua piacevolmente calda e pulita.

Ma anche i dintorni dei laghi luccicanti nascondono tante sorprese, tutte da scoprire in bicicletta: meravigliosi punti panoramici, tranquille aree da picnic e spiaggette nascoste dove fare il bagno.

Sul lago Wörthersee, per esempio, val la pena percorrere il Giro dei Cinque Laghi (Fünf- Seen-Runde), che parte da Velden e tocca i laghi Hafnersee, Keutschacher See, Bassgeigensee e Rauschelesee.

Chi ama fare passeggiate tranquille trova ciò che cerca sul lago Klopeiner See. Cinque diversi itinerari, lunghi da 4 a 55 chilometri, collegano tutti i laghi della zona. Gli itinerari sono ben segnalati, ma sono d’aiuto anche i tracciati GPS e il materiale cartografico gratuito che viene messo a disposizione. Un’altra possibilità sono gli speciali buoni del gusto utilizzabili presso ristoranti e trattorie convenzionate.

Informazioni per il pubblico: www.carinzia.at

Carinzia

La regione della Carinzia è la parte più meridionale dell’Austria e confina con l’Italia attraverso la linea di frontiera condivisa con il Friuli Venezia Giulia. Un territorio esteso che offre ampie e variegate soluzioni turistiche tutto l’anno

Durante l’estate i numerosi laghi balneabili e con acqua potabile (con temperature fino i 28 gradi) diventano meta per gli amanti del campeggio e della vita all’aria aperta, dell’escursionismo e di numerosi sport acquatici come vela, windsurf e canoa.

D’inverno sci e snowboard, ma anche sci di fondo, ciaspole, trekking, gite su slitte trainate dai cani, pattinaggio su ghiaccio e tanto altro. Imperdibili i mercatini di Natale.

La Carinzia è composta da 14 destinazioni turistiche: il lago Wörthersee, Villach-Warmbad/Lago di Faak/Lago di Ossiach, Nassfeld-Hermagor-Presseger See/Weissensee/Lesachtal – Arena Naturale della Carinzia, Lago Millstätter See, Hohe Tauern – Parco Nazionale Alti Tauri; Klopeiner See – Carinzia del sud, Bad Kleinkirchheim, la Carinzia centrale, i Monti Nockberge, Lieser-Maltatal-La Valle per le famiglie, Katschberg-Rennweg, Carnica – la Valle Rosental, la Valle Lavanttal, e Klagenfurt, che è la città capoluogo della Regione con circa 90.000 abitanti. Per informazioni: www.carinzia.at

. Ideale per le vacanze delle famiglie grazie a una lunga tradizione di accoglienza, la

Carinzia vanta un interessante patrimonio culturale e folkloristico. Ma è nella “vacanza attiva” che la regione si contraddistingue.

WEEKEND NELLA NATURA DEL VALLESE; CULTURA, ARIA BUONA E…

Lac de Tanay

Tutte le foto sono fornite dall’Ufficio del Turismo.

Ballade à vélo

 

Randonnée avec les chiens du Saint-Bernard

 

Assiette valaisanne

– Saint-Maurice: il più antico monastero dell’Occidente celebra il 1500° anniversario, 22 settembre 2014 – 22 settembre 2015

– Fondation Pierre Arnaud, il nuovo grande centro d’arte del Vallese a Lens/Crans-Montana: nel segno della sostenibilità. 

“Surrealismo e arti primitive” inagura il ciclo di esposizioni estive, 

13 giugno – 5 ottobre 2014

Gastronomia, nel segno della tradizione: le Ricette della nonna, tour itinerante nell’Aletsch Arena (7 – 20 giugno 2014)

Eventi sportivi in montagna: maratone con vista.

28. Mezza maratona dell’Aletsch (29 giugno 2014) e 13. Maratona di Zermatt (5 luglio 2014)

Saint-Maurice: il più antico monastero dell’Occidente celebra il 1500° anniversario (22.9.2014-22.9.2015)

-Pochi sanno che il più antico monastero dell’Occidente ancora in attività si trova in Vallese. Nel 515 Sigismondo, primo re cattolico dei Burgundi, fondò l’abbazia di San Maurizio sulla tomba del martire Maurizio e dei suoi compagni ad Agaunum, l’odierna Saint-Maurice. Maurizio, comandante romano di origine egiziana a capo della leggendaria Legione tebea, che operò in Mesopotamia prima di essere trasferita nella zona a nord delle Alpi, venne massacrato insieme ai suoi 6’600 soldati dopo essersi rifiutato di compiere qualsiasi atto di violenza nei confronti dei confratelli cristiani. Il luogo del martirio divenne in breve tempo un’importante meta di pellegrinaggio e l’abbazia si trasformò nel più importante centro spirituale del regno di Borgogna, raccogliendo grandi ricchezze.

Con i suoi quindici secoli di ininterrotta vita spirituale, l’abbazia di San Maurizio rappresenta una pietra miliare tra le istituzioni religiose dell’arco alpino.

-In occasione dell’anniversario l’esposizione del celebre Tesoro, noto a livello internazionale e composto da opere uniche donate da pellegrini e benefattori, parte delle quali sono esposte al Louvre di Parigi fino al 16 giugno di quest’anno, verrà totalmente rinnovato. Riconoscendo il grande contributo fornito dal monastero all’arricchimento culturale e all’avvicinamento tra i popoli,

-l’UNESCO ha deciso di patrocinare il giubileo di Saint-Maurice. Oltre che per l’abbazia, St-Maurice è nota per il castello (1476), le diverse fortificazioni (1831-1941) costruite per controllare lo stretto passaggio nella gola del Rodano e la spettacolare Grotta delle Fate, che quest’anno festeggia i 150 anni di apertura al pubblico. In occasione delle celebrazioni per i 1500 anni del monastero di Saint-Maurice, l’ufficio del turismo proporrà dei pacchetti turistici che, accanto all’abbazia e ai suoi tesori, permetteranno di scoprire anche i punti di interesse meno noti della località.

Informazioni:

Anniversario dell’abbazia di Saint-Maurice: www.abbaye1500.ch

Saint-Maurice Turismo: www.saint-maurice.ch

Castello e fortificazioni di Saint-Maurice: www.forteresse-saint-maurice.ch

Grotta delle Fate: www.grotteauxfees.ch

Fondation Pierre Arnaud, il nuovo grande centro d’arte del Vallese a Lens/Crans-Montana: nel segno della sostenibilità.

“Surrealismo e arti primitive” inaugura il ciclo di esposizioni estive (13.6-5.10.2014)

Nel cuore del piccolo villaggio di montagna di Lens, sull’altopiano di Crans-Montana,

-il Centro d’arte della Fondation Pierre Arnaud ha optato per un’architettura decisamente contemporanea, senza per questo alterare l’armonia del luogo. L’architetto Jean-Pierre Emery ha elaborato un progetto che, sul lato settentrionale,

-permette all’edificio di scomparire letteralmente sotto un giardino, mentre la facciata sud riflette le montagne circostanti e le acque del lago di Louché come in un quadro. Questo grazie

-a specchi di vetro fotovoltaico che filtrano la luce diurna in maniera attiva, in modo da proteggere le opere e fornire un’illuminazione ottimale degli spazi interni,

-garantendo allo stesso tempo la totale autosufficienza energetica del complesso. Si tratta di una facciata unica nel suo genere in Europa. 

Il Centro, inaugurato nel dicembre 2013, si pone accanto alla Fondation Gianadda di Martigny come ulteriore punto di riferimento nel panorama culturale del Vallese.

-Realizzato con un investimento di circa 13,5 milioni di franchi (oltre 11 milioni di euro), offre una superficie espositiva di circa 1000 metri quadrati. La filosofia espositiva è particolare e prevede, per il primo ciclo quinquennale, una mostra invernale e una estiva all’anno. Le esposizioni invernali sono dedicate alle grandi correnti pittoriche che hanno segnato l’arte tra il 1800 e il 1950, con un confronto tra i pittori dell’arco alpino e i maestri internazionali. In quelle estive, invece, l’arte dell’Occidente si incontra con quella di regioni lontane e il presente cerca le sue origini nel passato o nell’altrove.

E’ con il surrealismo e le arti primitive che la Fondation Pierre Arnaud inaugura il suo ciclo di esposizioni estive. Il grande interesse dei surrealisti, a cominciare da André Breton, per le forme di espressione artistica di paesi lontani, permette di scoprire la ricchezza di significati del dialogo tra l’arte occidentale e le culture extra-europee.

-Da una parte opere – quadri, disegni, collage, fotomontaggi, sculture e oggetti – di una cinquantina di artisti surrealisti, tra cui Salvador Dalì, Max Ernst, Alberto Giacometti, Yves Tanguy e Wilfredo Lam; dall’altra maschere, statue, tamburi, reliquiari, pagaie cerimoniali, cucchiai e figure di avorio provenienti da Canada, Alaska, Groenlandia, Messico, America del Nord, Isola di Pasqua, Africa, Oceania e India.

Informazioni: Fondation Pierre Arnaud, Route de Crans 1, 1978 Lens.

Tel. +41 (0)27 4834610, www.fondationpierrearnaud.ch

“Surrealismo e arti primitive”, dal 13 giugno al 5 ottobre 2014.

Orari di apertura: lunedì-domenica, 10:00-19:00; giovedì chiusura ore 21:00.

Gastronomia, nel segno della tradizione

Le ricette della nonna – specialità vallesane da scoprire con un tour itinerante nell’Aletsch Arena, dal 7 al 20 giugno 2014:

-a giugno le prelibate ricette vallesane (Walliser Choscht) tramandate dalle nonne saranno protagoniste nell’Aletsch Arena.

ch 672 aletch Riederalp09p (445) copy

Riederalp. Villa Cassel, oggi museo e albergo con meravigliosi gli interni Liberty.
Riederalp. Villa Cassel, oggi museo e albergo con meravigliosi gli interni Liberty.

-In alcuni ristoranti di Riederalp, Bettmeralp e Fiesch-Fiescheralp verranno serviti antipasto, piatto principale e dessert preparati secondo le antiche tradizioni locali.

-Grazie al “Gourmet Pass”, i partecipanti potranno gustare le varie portate in diversi ristoranti, spostandosi tra le località dell’Aletsch Arena grazie agli impianti di risalita.

I piatti più votati verranno premiati con l’assegnazione del “cucchiaio d’oro”. Il “Gourmet Pass” – 49 franchi (40 euro) per gli adulti, 39 CHF (32 euro) per bambini e ragazzi da 6 a 16 anni – comprende il menù di tre portate e permette di utilizzare gli impianti di risalita dell’Aletsch Arena, salendo ai tre punti panoramici che si affacciano sul ghiacciaio di Aletsch e permettono di ammirare i più bei quattromila della Svizzera – da Moosfluh e Bettmerhorn la vista spazia sulle Alpi vallesane mentre dall’Eggishorn lo sguardo si spinge verso Eiger, Mönch e Jungfrau.

http://www.aletscharena.ch/sites/it/aletscharena/events.html?event:view=details&id=0642e926-6429-4c1d-bdd2-51cfc391c454

Eventi sportivi in montagna: maratone con vista

Mezza maratona dell’Aletsch, 29 giugno 2014: giunta alla ventottesima edizione, questa corsa in montagna di 21,1 chilometri e 1’050 metri di dislivello è ormai una delle più amate dell’arco alpino, anche grazie al magnifico scenario rappresentato dal più lungo ghiacciaio delle Alpi (23 chilometri). Non è un caso, quindi, che vi prendano parte atleti di oltre 20 nazioni e che sia dovuto introdurre un tetto massimo di 2’500 partecipanti.

HYPERLINK “http://www.aletsch-halbmarathon.ch/” \h www.aletsch-halbmarathon.ch

Maratona di Zermatt, 5 luglio 2014: giunta alla 13. edizione viene considerata una delle più impegnative dell’arco alpino ed è molto seguita dal pubblico. Prevede diverse formule – maratona, 42’195 metri; ultra marathon, 45’595 metri; staffetta; mezza maratona, novità di quest’anno – con partenza da St. Niklaus, a quota 1’116 metri, e arrivo al Riffelberg (2’582 metri) o al Gornergrat (3’089 metri). Saranno quasi 2000 i corridori che prenderanno parte alla manifestazione percorrendo gli oltre 1900 metri di dislivello.

HYPERLINK “http://www.zermattmarathon.ch/” \h www.zermattmarathon.ch

Valais/Wallis Promotion 

Rue Pré-Fleuri 6, 1950 Sion – Svizzera

Tel. +41 27 327 35 70, Fax +41 27 327 35 71

HYPERLINK “http://www.vallese.ch” www.vallese.ch

“ Festa della MAMMA sconto per i BIMBI ! ” – Corsica Sardinia Elba Ferries

Festa della MAMMA, sconto per i BIMBI!

Su moltissimi viaggi e solo per bimbi sino a 11 anni; dal 7 al 14 maggio, sconto del 100% sul passaggio dei bambini, verso Corsica, Elba e Sardegna.

Corsica Sardinia Elba Ferries anticipa i festeggiamenti, con una nuova promozione:

prenotando dal 7 al 14 maggio 2017, i bambini fino a 11 anni di età viaggeranno gratis!

 – “Festa della MAMMA, sconto per i BIMBI!” è la nuova promozione che la Compagnia dedica alle mamme che, prenotando dal 7 al 14 maggio, potranno approfittare dello sconto del 100% sul passaggio dei loro bambini, verso Corsica, Elba e Sardegna.

A bordo delle navi gialle i bambini sono, da sempre, ospiti molto graditi:

— nuove aree giochi per i più piccini, sale videogames, menu speciali per incontrare i loro gusti, la nuovissima offerta navy bag: moderno zainetto che comprende un pasto con bevande e la sorpresa del Capitano, sedie per la pappa, scalda biberon e personale attento a tutte le esigenze sono solo alcune delle attenzioni dedicate ai piccoli ospiti.

Per le prenotazioni effettuate dal 7 al 14 maggio, su moltissimi viaggi, per Corsica, Elba e Sardegna, fino al 31 ottobre 2017, il passaggio dei bambini fino a 11 anni sarà GRATUITO!

La promozione non è retroattiva ed è soggetta a condizioni e alla disponibilità dei posti.

Per viaggi fino al 31 ottobre 2017. Tasse e diritti sono esclusi.

Il biglietto deve comprendere almeno 1 passeggero adulto e 1 bambino.

 Prenotazioni e informazioni su: www.corsica-ferries.it

Dal 1968 Corsica Sardinia Ferries è la prima Compagnia di navigazione privata per il numero di passeggeri trasportati, che serve tutto l’anno Corsica e Sardegna.

La Corsica è collegata da Tolone, Nizza, Savona e Livorno; la Sardegna è collegata da Livorno, Nizza e Tolone e, in estate, da Piombino. L’isola d’Elba è collegata da Piombino e da Bastia (Corsica) nella stagione estiva.

Corsica e Sardegna sono unite da collegamenti annuali.

Corsica Sardinia Ferries gestisce una flotta di 13 navi e si occupa direttamente di tutti i servizi all’utenza: dalla prenotazione, all’imbarco, all’accoglienza, al servizio di catering a bordo.

Tutte le attività di Corsica Sardinia Ferries sono certificate ISO 9001:2008.

A Savona Vado, in un’area di 50.000 mq in concessione alla Compagnia, sono concentrate le attività organizzative, amministrative e logistiche della società che nel 2016 ha trasportato oltre 3.700.000 passeggeri.

 

 

Vacanze con i bambini – Valencia come migliore città del 2017 da visitare con i bambini

BIMBOINVIAGGIO.COM ASSEGNA IL “TOP DESTINATION FAMILY AWARD ®”
A VALENCIA COME MIGLIORE CITTÀ DEL 2017
DA VISITARE CON I BAMBINI

Dormire con gli squali e … cimentarsi nei primi esperimenti con la scienza …

Dormire con gli squali, indossare il camice bianco, cimentarsi nei primi esperimenti con la scienza, costruire case con le gru giocattolo. Divertimento, arte, ironia e occasioni di crescita: ecco tutti i motivi del riconoscimento di Bimboinviaggio.com.

Image

Valencia è la migliore città europea del 2017 da visitare con i bambini.

Ad assegnare il riconoscimento è l’Osservatorio di Bimboinviaggio.com, portale leader nelle vacanze delle famiglie, a oggi visitato mensilmente da oltre 280.000 genitori. Bimboinviaggio.com incoraggia a scoprire l’Italia, l’Europa e il mondo perché ha capito che il saper vivere che nasce e si sviluppa durante un viaggio aiuta a trovare momenti di vera felicità.

Purché si scelga la destinazione giusta nella struttura più adatta e nel periodo migliore.

E Bimboinviaggio.com, con oltre 300 strutture recensite in Italia e nel mondo, da hotel indipendenti a catene alberghiere fino a sistemazioni in villaggi, campeggi, residence e agriturismi, propone consigli, esperienze e informazioni per organizzare un soggiorno perfetto. È composto da persone innamorate degli Hotel di qualità. Delle loro storie, delle tradizioni, delle donne e degli uomini che li organizzano, dei posti in cui questi nascono e si rinnovano, dei bambini che in quei luoghi si divertono. Viaggiare con i bambini rafforza il senso di famiglia e aiuta a capire nuovi punti di vista sin dalla giovanissima età. E allora, perché Valencia?

Dormire con gli squali, indossare il camice bianco e cimentarsi nei primi esperimenti con la scienza, costruire case con le gru giocattolo. Ma anche fare yoga all’aria aperta, perdersi tra specchi e figure dalle strane forme, visitare la Casa dei gatti,arrampicarsi come i lillipuziani su un Gulliver gigante di 70 metri. Valencia è questo e anche altro: è una città in cui attraversare con tutta la famiglia la savana africana, vedere oltre 500 specie dell’ecosistema marino, diventare cavalieri e principesse. Se non è un enorme gioco a cielo aperto o una favola diventata realtà, poco ci manca.

Valencia è una città per bambini, il cui divertimento passa anche dall’acquisizione di confidenza con gli spazi e le forme che stanno attorno. Sempre in un’atmosfera di gioco, intendiamoci. Ed è da queste basi che il Centre del Carme ha deciso di fare da apripista e diventare il primo centro spagnolo di arte a dedicare un’area creativa permanente per i bambini. E allora, dopo aver messo piede in questo spazio culturale (calle Museo, 2) è indispensabile andare subito alla ricerca dell’Espai de telles ovvero la sala di questo speciale progetto per i bambini fino ai 3 anni di età.

Si tratta di un invito per i più piccoli alla scoperta, alla partecipazione, all’ascolto e all’osservazione dello spazio che li circonda con l’aiuto di tavoli, specchi, figure poliedriche e particolari oggetti di cartone con cui costruire, esplorare e toccare la creatività con mano. Familiarizzare con l’arte è un modo intelligente per lo sviluppo intellettuale nell’infanzia. Mai come in questa età, le menti dei bambini sono aperte alla fantasia e all’armonia e allora l’idea è di stimolare in modo attivo l’immaginazione. Insomma, se non è questo un buon modo per le famiglie di visitare i musei insieme ai bambini, cos’altro può essere? Pollice in su.

A proposito: nella via che conduce al Centre del Carme si incontra uno degli angoli più curiosi della città di Valencia: la Casa dei gatti. L’indirizzo? Questa volta non lo indichiamo e suggeriamo di andare alla sua ricerca. Scoprirla e vedersela apparire d’improvviso, mano nella mano con i propri bambini, è una meraviglia nello spettacolo.

Quando si dice che Valencia è una città per piccoli turisti le ragioni sono tante. Il Giardino Botanico dell’Università (Quart, 80) ospita ad esempio sessioni collettive di yoga per bambini in un contesto di gioco e relax accompagnato da musiche e storie. In realtà Valencia dispone di molti parchi e giardini in cui trascorrere piacevoli giornate in famiglia. In fin dei conti è la terza città della Spagna. Il Parco Gulliver è un classico, ma è realmente divertente perché i bambini si trasformano in felici lillipuziani che si arrampicano sul gigante Gulliver per poi lanciarsi a tutta velocità dai tantissimi scivoli allestiti sul suo enorme corpo.

Il Museo delle Scienze Príncipe Felipe (Av Profesor López Piñero, 7) è un’altra di quelle visite obbligatorie per chi viene qui a Valencia. E anzi, è una delle ragioni per cui accorrere con la famiglia. Pochi spazi come questi offrono occasioni di divertimento e di scoperta sia per genitori e sia per bambini. Qui si parla, si guarda e si respira la scienza ed è vietato non toccare, non sentire, non pensare. Il museo è uno strumento reale di educazione alla capacità critica. E chissà se dopo un’approfondita visita i bambini non scoprano una vocazione per il futuro.

Qui si trova anche l’Espai dels Xiquets, un’area per soli bambini da 3 a 6 anni. Affiancati da istruttori, imparano a costruire la loro prima casa con gru giocattolo o a esplorare il corpo umano, a scoprire i segreti del mondo degli animali e quelli degli elementi. La chiave per catturare la loro attenzione è lo stimolo della curiosità con giochi e concorsi, dialoghi tra scienziati famosi e passeggiate, simulazioni ed esperimenti, trucchi di magia e indovinelli. Viene voglia di tornare piccini o magari di intrufolarsi nel gruppo dei bambini.

E siccome qui a Valencia nulla è lasciato al caso, l’Oceanogràfic non è solo il più grande acquario d’Europa e non consente solamente di scoprire le differenze tra lo squalo toro e lo squalo grigio, tra il pesce serra e il pesce luna, ma anche di trascorrere una notte con loro, dormendo circondati dalle specie più spettacolari che popolano la Torre Oceanos. L’esperienza in questo enorme acquario con corridoi di vetro è unicae, crediamo noi, ogni tanto non si resisterà alla tentazione di aprire un occhio. Almeno per essere sicuri che i denti taglienti degli squali siano al loro posto.

Ma i bambini (e i genitori) avranno questo coraggio? L’Oceanogràfic si trova in Carrer Eduardo Primo Yúfera, 1.

 Referenze: Homepage www.bimboinviaggio.com

Bimboinviaggio.com, portale leader nella prenotazione di Hotel per famiglie con oltre 300 strutture recensite in Italia e nel mondo, da hotel indipendenti a catene alberghiere fino a sistemazioni in villaggi, campeggi, residence e agriturismi, propone consigli, esperienze e informazioni per organizzare un soggiorno perfetto.
Bimboinviaggio.com è composto da persone innamorate degli Hotel di qualità. Delle loro storie, delle tradizioni, delle donne e degli uomini che li organizzano, dei posti in cui questi nascono e si rinnovano, dei bambini che in quei luoghi si divertono.

BARCELLONA – UNA CITTA’ PER TUTTI

barcellona Palau_de_la_Musica_Catalana_-_interior_2

Palau de la Musica Catalana; da non perdere se amate il Modernismo (Liberty). Un vero capolavoro. Visite prenotabili, anche sino al tetto con vista panoramica sulla città.

BARCELLONA.

UNA CITTA’ VIVA E SEMPRE SORPRENDENTE COME IL SUO MUSEO DELLE CERE E L’ANNESSO BOSCO DELLE FATE, UN BAR CHE E’ DIVENTATO UN LUOGO DI INCONTRO INTERNAZIONALE. 

Barcellona Casa Milà

Casa-Milà.

barcellona Torre_Agbar

Torre  Agbar.

Barcellona casa con sculture

 

Fantasie disegnate sulle case ristrutturate e fonte mare.

Barcellona monumento a Cristoforo Colombo

Monumento a Cristoforo Colombo; monument a Colom.

Barcellona centro

Placa del Portal de la Pau.

Barcellona funivia sul mare

Barcellona sul mare, il porto ristrutturato e la panoramica funivia che offre la possibilità di sorvolare la città.

sagradafam_barcelona_s13367101

Vetrate della Sagrada Familia. Prenotare l’ingresso per non affrontare code di ore.

barcellona 672 mn boqueria

La Boqueria.

Barcellona El+Bosc+de+les+Fades

BAR: “El Bosque de les Fates” ovvero Il Bosco delle Fate. Di fianco al museo delle Cere.

Barcellona Bar Las Fatas lievitazione del cadavere

El Bosque de les Fates: lievitazione.

Barcellona bar de las Fatas

El Bosque de les Fates.

Moltissimi conoscono Barcellona almeno per la sua vita notturna,  o per il fascino artistico del “Modernismo“, la versione spagnola dello stile “Liberty“. L’UNESCO ha dichiarato Patrimonio dell’Umanità gli edifici più rappresentativi degli architetti catalani Antoni Gaudí e Lluís Doménech i Montaner. 

Barcellona dove?

-la cattedrale neogotica di Santa Maria del Mar (da non perdere se amate l’arte) e  il Barrio Gotico con il Museo Picasso, da non dimenticare anche il bellissimo Palau de la Música Catalana in stile modernista

-la “Sagrada Familia” (lunghissime code !), famosa opera di Gaudì 

-La Rambla per fermarsi al Mercato della Boqueria; anche a mangiare e il Gran Teatre du Liceu

-il quartiere Passeig de Gracia: Casa Battlò e La Pedreira, le due famose case costruite da Gaudì, a poca distanza una dall’altra. La visita è un poco costosa, ma imperdibile se amate l’architettura e gli arredi insoliti.

-BARCELLONA LETTERARIA: Carlos Ruiz Zafón è LO SCRITTORE MODERNO PIU’ LETTO dagli italiani, soprattutto tra i più giovani: uno stile scorrevole per intricate e sorprendenti trame gotiche…vedi a questo proposito http://traveldifferent.it/itinerari-alternativi/barcellona-zafon-ombra-del-vento.html

-SCENOGRAFICA: la funicolare che porta a Montjuic.

-Il nuovo RENAISSANCE BARCELONA FIRA (www.marriot.com) Plaza Europa, 50-52,L’Hospitalet de Llobregat  Barcelona (zona sud ovest, 10′ di auto dal centro), assomiglia ad una foresta tropicale: si tratta di un nuovo edificio realizzato da Jean Nouvel:

due grattacieli vicini sono collegati tra loro da un ristorante panoramico nel punto più alto. Impagabile la vista sulla città  !

-Per i bambini e per chi si sente tale:il famoso Park Guell, non in centro; ci si arriva con i mezzi pubblici: all’aperto con sorprendenti sculture multicolore.

-fronte mare: la modernissima struttura architettonica, nata dal rifacimento del vecchio porto e delle spiagge in occasione delle Olimpiadi del ’92; tutta da godere passeggiando.

Per il viaggiatore attento esiste anche una Barcellona meno nota, ma forse più interessante che può offrire a giovani, adulti e bambini mille sorprese come il MUSEO DELLE CERE  (vedi sotto).

Per i più piccoli sono da segnalare lo zoo, l’acquario dove, sotto un tunnel di vetro, si vedono gli squali che nuotano al fianco del visitatore, e il

– “Maremagnun” dove i bimbi giocano e i genitori prendono l’aperitivo, il sole o fanno shopping; intorno parchi e molto altro. Chiedere l’agenda degli spettacoli per bambini al tel. 0034.93.481.00.01 o rivolgersi ai tanti uffici di informazione sparsi per la città.

-Il “Museo delle Cere”, alla fine della Rambla verso il mare sulla sinistra, è una curiosa sorpresa per grandi e piccini che gradiranno moltissimo una sosta al vicinissimo:

-“El Bosque de les Fates” ovvero Il Bosco delle Fate: fulmini, alberi fatati, specchi con fantasmi e molto altro attirano l’attenzione e non si faranno  dimenticare.

– “Museo delle Cere”: alla fermata del metrò Drassanes, proprio dove la Rambla finisce, vicino al mare. http://www.museocerabcn.com info@museocerabcn.com

-Per il piacere degli adulti, amanti del ben mangiare, è opportuno ricordare che alla ” Boqueria”, cioè al mercato coperto della città, situato su di un lato della Rambla, si può mangiare dell’ottimo pesce, molluschi pregiati compresi, per una cifra che può partire da 10 euro, ma che aumenta in proporzione alla specialità richiesta. Un luogo che merita una visita, sia per il fascino della sua struttura, che per l’ambiente e le varietà di merce offerte; qui si possono trovare ottimi e certamente graditi souvenir gastronomici.

MACBA Museo di Arte Contemporanea di Barcellona anche solo la sua struttura architettonica merita la visita; all’interno una vera carrellata del contemporaneo: moltissimi video di qualità www.macba.cat Piazza dels Angels 1

-Se amate la fotografia artistica: FONDACIO’ FOTO COLECTANIA www.colectania.es J.Romea 6 tel93.217.1626

Molte altre, ovviamente, sono le sorprese che a Barcellona attendono sia il viaggiatore attento che il turista curioso; noi parliamo di quello che ci ha più colpito.

DIVERTENTE:

Museu de Cera de Barcelona, p.te de la Banca 7, La Rambla; tel. 0034.93.317.26.49 e “Bar delle Fate”.

Presso un’antica edicola sulla Rambla, a lato dell’edificio del Museo delle Cere, è possibile avere le prime informazioni sul medesimo  Museo. Se si è osservatori attenti si è attratti anche dal magnifico “risciò”, posto a fianco dell’edicola, con seduto il grande viaggiatore Stevenson in tenuta coloniale, la maschera è perfetta nei minimi particolari ed è un assaggio della bravura di tutti coloro che hanno contribuito e contribuiscono alla realizzazione dei personaggi di questo museo. Un museo che vanta una storia millenaria, la cui costruzione è del secolo XIX, ma soltanto al principio degli anni ’70 lo scenografo Enrique Alarcon decise che quel palazzo sarebbe stato il luogo ideale dove realizzare un progetto simile a quello londinese di Madame Tussaud, ben più di duecento anni prima. Fu così che l’antica sede del Banco di Barcellona trovò un’adeguata valorizzazione, grazie anche ad una certa aria di mistero che si percepisce quando dalla Rambla si intravede, tramite una breve, stretta e buia viuzza, la particolare piazzetta ottagonale dove è situata l’entrata all’edificio che fa parte del Patrimonio Architettonico Nazionale come struttura di Interesse Storico e Artistico.

-Qui si danno appuntamento giovani di tutto il mondo, in particolare nel tardo pomeriggio e la sera al vicino ” El Bosc de les Fades”, Il Bosco delle Fate; intrigante e stupefacente, di fianco al MUSEO DELLE CERE .

-Il Museo delle Cere, a differenza di quanto qualcuno potrebbe immaginare, è quanto mai “vivo”, grazie anche ad una intelligente e brillante gestione.

Feste a tema, effetti speciali, attori del Liceo (l’Opera House di Barcellona), su richiesta, evocano eventi particolari, sempre con una nota di colto e brillante umorismo; chiunque vi può organizzare un anniversario, un compleanno o un incontro di lavoro, certo che, una volta conseguiti i dati necessari, l’ospite festeggiato sarà stupito con sorprese “su misura”, compresa la possibilità di apparire in un numero, appositamente stampato, della rivista del museo, sempre con una evidente impronta di cultura e ironia ben dosata.

Visitare il MUSEO DELLE CERE è un poco come fare un breve viaggio nella storia, utilissimo per i bambini in età scolare, ma anche agli adulti. Si tratta comunque di un viaggio piacevole e ricco di sorprese che non annoia, anzi diverte.

-Salito il monumentale scalone ci si trova “faccia a faccia” con papi, re e regine, l’imperatore Reza Pahlawi, Hailè Selassiè, dittatori e politici illuminati, grandi musicisti e pittori tutti adeguatamente ambientati, anche gli abiti meritano un attento sguardo, siamo di fronte ad una vera a propria “messa in scena” delle vari epoche storiche.

-La ricostruzione dell’ambiente dove viveva l’uomo delle caverne merita una segnalazione da estendersi anche al dinosauro che precede, per amore del contrasto, l’ingresso alla navicella con Jurij Gagarin e Neil Armstrong.

Per la gioia dei bambini non poteva mancare l’intero set cinematografico di Star Wards e un magnifico Et in cera.

-Luci diffuse e intriganti per il Medio Evo, ricostruzioni di interni di galeoni e, poi ecco Giulio Verne con il suo sottomarino, da un oblò del quale si vedono fondali marini con sirene, tesori, coralli e altro.

Tra l’altro, nel museo, incontrerete i grandi viaggiatori ed esploratori: Marco Polo, James Cook, Magellano e molti altri.

L’invenzione del cinema è rappresentata anche con le copie dei personaggi attuali da Indiana Jones alla Monroe e poi: Spilberg, Marlon Brando, Charlie Chaplin, Giulia Roberts, Richard Geere, per nominarli a caso.

Gli amanti dell’orror troveranno un’intera sezione è dedicata a questo argomento. Si scendono le scale circondati da luci, oggetti e animali inquietanti, quindi si cominciano ad intravedere il conte Dracula, il dott. Frankenstein, fantasmi, Giovanna d’Arco sul fuoco, Marat nel bagno di sangue, Maria Antonietta sul patibolo, Chessman nella camera a gas ed altri soggetti adeguati al tema.

Se siete impressionabili basta non scendere le scale che portano a questa sezione del museo.

BAR: “Bosc de les Fades” ovvero il Bosco delle Fate.

Ed eccoci a parlare del lato più venale: panini e bibite si possono consumare nel bar annesso al museo, il “Bosc de les Fades” ovvero il Bosco delle Fate.  Alberi giganteschi, i cui tronchi ricordano un profilo umano, rivestono il soffitto e, a tratti, sono illuminati da lampi e scossi dai tuoni di un temporale immaginario; in uno specchio appare e scompare il fantasma di turno, mentre l’unico lampadario gira su se stesso. Il resto è meglio scoprirlo personalmente.

Dormire a Barcellona

Nota: Affitta da persone reali in 34000 città e 192 paesi in tutto il mondo.Vedi al link: http://www.donnecultura.eu/?p=8390

Sempre utile dare un occhiata alle offerte di booking.com : consigliamo la bassa stagione per offerte incredibili.

Se volete risparmiare: Hotel Aneto 1 stella Carmen 38, tel 0034.93.301 98 62 www.hotelaneto.com aneto@hotelaneto.com vicino alla Rambla, parcheggio a 20 metri.

Molto economico per dormire, raccomandato soprattutto ai giovani che non possono spendere molto: Pensione Lourdes, Princesa 14,pral; tel 93.319.33.72. Al mattino presto, più difficile in lugio/agosto, è possibile trovare posto senza prenotare; solo per persone che si sanno adattare.

Banys Orientals, tel 0034. 93. 268 84 60,

Trendy: in un edificio antico della vecchia città, Casa Camper, tel 0034.93. 342 62 80, www.camper.com, design hotel, da 190 € la doppia. 

Milano-Barcellona 

Numerosissimi i voli low-cost.

-su Trenhotel ELIPSOS  per viaggiare in Treno, svegliandosi al mattino in centro città.

Mangiare a Barcellona.

-per chi viaggia low cost: una cena da 100 Montaditos, la domenica offre una quantità di panini e bevande; tutto al costo di 1 euro

LA BOQUERIA E’ IL FAMOSISSIMO MERCATO IN STILE LIBRTY SULLA RAMBLA: da non perdere anche se non siete golosi !

El Quim de la Boqueria: ottimo il pesce a basso prezzo, mercato della Boqueria.

Piratas: un omone di nome Luis prepara il cibo a casa sua, max. 4/5 piatti, eccellenti, ottimo il gelato al mandarino; buona scelta di vini e grappe. Zona: quasi di fronte all’ Auditorium; Ausias Marc, tel. 93.245.76.42, chiuso sabato e domenica. http://www.piratasbarcelona.com

Agullers: buon prezzo e buon cibo; C/ Agullers, 8; tel. 93. 268.03.61

Escribà: pasticceria in stile “modernista”, ottimi dolci e ottima orciada (simile alla nostra orzata di produzione artigianale), Rambla de les Flors,83, fermata metro Liceu, a lato della Boqueria.

—-

SE POTETE SPENDERE E AMATE LA GRANDE CUCINA.

MERITA FARE QUALCHE CHILOMETRO VERSO NORD, SULLA COSTA, PER MANGIARE IN UNO DEI “The World’s 50 Best Restaurants” 2014:  al secondo posto El Celler de Can Roca di Girona (Spagna),  giunto primo lo scorso anno.

—-

HOFMANN ristorante di grande qualità, stellato, c/La Granda del Penédes 14, tel0034.93 218 71 65 panorama sul mare e sulla città, altissimo livello in ogni senso, anche se siete un vero gourmet vi sorprenderà; World Trade Center, Moll de Barcelona, tel 93.508.82.68

UNA DISCOTECA:

-una delle tante discoteche lungo la spiaggia, Opium è la più famosa e decisamente il costo dell’ingresso non  lascia dubbi in proposito. Merita.