Archivi categoria: ristoranti & bistrò

ristoranti, trattorie, ristoranti tradizionali, dove si mangia bene?, mangiare bene,

Dieta vegana – La vita è come andare in bicicletta … – Antonella Bellutti

Autobiografia alimentare di una vega – atleta

Scritta da Antonella Bellutti, due volte campionessa olimpionica: due medaglie d’oro olimpiche come ciclista e poi con il bob a due; settima nel 2002 a Salt Lake City

Nel mondo sportivo, l’alimentazione può diventare una vera ossessione

Antonella Bellutti, sin da giovanissima, forzatamente onnivora e concentrata sulle calorie, si trasforma in una matura donna vegana, rispettosa del proprio corpo e di tutte le forme di vita e ne va orgogliosa.

Si può essere vegani e in ottima forma fisica; da leggere per capire e poi … ovviamente liberi di scegliere, ma con cogniziona di causa.

Un’atleta che ha trovato il coraggio di sfidare l’ovvio, il collaudato, in un ambiente esageratamente rigido per seguire la propria inclinazioan naturale, decidendo di condividere la sua scelta  con tutti i lettori.

Antonella Bellutti, Sonda edizioni, pp.116, 14 euro.

A TOKYO SOLO PER ASSAGGIARE – Innamorati della cucina giapponese ? Il massimo per voi è un volo …. un lusso per pochi

UNA PAZZIA PER SOLI INTENDITORI

Con circa 450 euro potete trovare, se vi informate per tempo, un volo dall’Italia a Tokyo.

Quello che vi proponiamo non è per tutti, ma per pochi appassionati che possono e sono in grado di apprezzare questo viaggio  culturale nella cucina giapponese.

——–

SIAMO A TOKYO E COMINCIAMO DALL’ APERITIVO

Bar Higt Five:

– uno dei migliori bar-cocktail del mondo; fantastica la pina colada, ma non solo. Qui i cocktail non sono serviti con ombrellini; sono solo per seri intenditori.

L’eccentrico capo-barman, Hidetsugu Ueno San, ha reso il Bar Higt Five uno dei bar in stile classico più apprezzati e popolari di Tokyo.

Non chiedere un menu, non esiste;  vi chiederanno i vostri gusti, fidatevi.

Bar Higt Five: Efflore Ginza5 Bldg. BF, 5-4-15 Ginza Chuo-ku, Tokyo, Tokyo (situato nelle avenue del quartiere bilionario di Ginza, ma non cercate l’indirizzo su google maps) – Telefono: +81 3-3571-5815 – controllate orari di apertura (di solito dalle 17 alla 1 di notte).

::::::::

SUSHI DI ALTISSIMO LIVELLO

Jiro Sushi, Jiro Sukibayashi Ginza.

Le prenotazioni iniziano il primo giorno di ogni mese, per il mese successivo e si esauriscono molto in fretta. E’ possibile prenotare solo telefonicamente, se dormite a Tokyo e il vostro hotel  è di buon livello è molto probabile che possano fare la prenotazione per vostro conto, ma dovete avvisate con largo anticipo. C’è solo un menu fisso, al costo di 30,000yen ( 240 EURO ), per il sushi migliore, scelto dallo chef.

:::::::

NON TUTTO E’ ORO QUELLO CHE LUCCICA

Tre stelle Michelin; Sukiyabashi Jiro Honten, il sushi restaurant è relativamente spartano.

Perfetto meccanismo per fare soldi, a tempo cronometrato; imposto anche con  maleducazione.

Per qualcuno, solo un fast food ottimo e per ricchi; alcuni clienti si lamentano di essere stati sollecitati a finire in fretta le 21 portate in 15′ perché c’erano altri prenotati subito dopo … poco giapponese come esperienza di alto livello !

 20 minuti sempre con la bocca piena !

Indirizzo:

4-2-15 Ginza | Tsukamoto Sogyo Bldg. B1F, Chuo 104-0061, Prefettura di Tokyo
+81 3-3535-3600

Orari: da controllare

:::::::

OVVIAMENTE SONO MOLTI I RISTORANTI ECCELLENTI A TOKYO, GLI APPASSIONATI LI CONOSCONO E SANNO CHE BISOGNA PRENOTARE CON MOLTO ANTICIPO.

Qui si può non prenotare; secondo l’orario:

c’è molto da aspettare, spesso le attese sono più lunghe del previsto , ma questo tipo di pasto è un’esperienza da fare senza fretta.

più economico di tanti altri: 100-120 euro per un vero pranzo di sushi di alto livello. Uno dei posti migliori e più popolari, frequentato da turisti e giapponesi, è il Ginza Kyubey, una vera istituzione (ex stella Michelin). A pranzo ha un prezzo tutto sommato accessibile  100 euro a testa (per la cena si raddoppia). Aspettatevi l’mmancabile, lunga attesa (si prenota solo per le 11,30, poi in coda). Quando toccherà a noi:  si verrà serviti da uno chef interamente dedicato a noi (o max quattro, cinque persone in tutto) che prepara ogni singolo pezzo di sushi al momento e lo serve immediatamente; perché è così che dovrebbe essere mangiato.  L’intera esperienza dura circa due ore.

::::::::

STELLATO 2 stelle, indimenticabile

Hamadaya; obbligatoria la prenotazione

Cucina tradizionale giapponese; siamo ai più alti livelli.

Pranzo: 15.000 yen 120 euro – 25.000 yen 200 euro ( più tasse )

L’anguilla  fresca viene cotta seguendo la ricetta originale nella sytle di Tokyo.

Cena:  30.000 yen = 240 euro – 40.000 yen – 50.000 yen = 400 euro.

· Anguilla  e manzo 5,600yen (52 euro, tassa non inclusa)
· Congelina di manzo, tonno e alghe di anguille 8,900yen (80 euro, tasse escluse)

1 minuto. A piedi dalla stazione metropolitana Ningyo-cho Exit A4



” nagi “ in zona:  Golden Gai

PER MANGIARE IL RAMEN

” nagi “; il Ramen che servono è davvero unico.

Se siete apapssionati di ramen potreste pensare che: varrebbe la pena di fare un viaggio Italia- Tokyo solo per mangiare questi favolosi ramen di ” nagi “

Consigliato: super Ramen ai frutti di mare.

Il Golden Gai era una zona riservata ai giapponesi; ora è molto cambiata e i bar (anche con solo 3 posti- 4) li trovate lungo la strada, ma anche al primo piano; non c’è più l’atmosfera di una volta (ai tempi era anche una zona di prostituzione); ma può essere una buona idea alla ricerca del vero Giappone; anche di come sta cambiando).

Indirizzo ” nagi ” : Giappone, 〒160-0021 Tokyo, 新宿区Kabukicho, 1−1−10 – Orari: Aperto 24 ore su 24- Telefono: +81 3-3205-1925


AL MERCATO PER COMPRARE IL KOMBU, il Kombu non è un’alga, ma è molto simile e serve per fare il brodo; IL KOMBU CHE PROVIENE DA HOKKAIDO è il  migliore del mondo.

Alga NORI; indispensabile per il Ramen (quello coreano è condito; più saporito), lo potete trovare ottimo anche a Tokyo.

::::::::::::

Botan

UN’ESPERIENZA VERA GIAPPONESE COME AI VECCHI TEMPI, SENZA PAGARE UNA FORTUNA

Se non siete più di 4 persone, non potete prenotare; dovrete aspettare il vostro turno.

Un piccolo braciere di hibachi vecchio stile. Servizio tradizionale; un’immersione nell’antica cultura.

In nessun posto a Tokyo questa tradizione vive più seriamente che a Botan.

Botan si è sempre concentrata su un piatto: sukiyaki di pollo.

Pasto completo:  ¥ 6.700 (55 euro circa).

Pranzo 3.000 yen (24 euro  circa) o più; cena 5.000 (40 euro) o più

Selezione di base: birra, sake (caldo o freddo) o shōchū (ma solo dalla bottiglia )  I piatti: pezzi di pollo, cubi di tofu, fettine di porro di negi e tagliatelle di shirataki.

La pentola  è posta sopra i carboni. È l’ora dello sukiyaki: viene versata  la giusta quantità di salsa; tutto quello che devi fare è aspettare che cuocia.

La carne sul primo piatto include diversi tagli, sia carni di muscolo che di organi (cuore e gizzardo). La seconda piastra è solo pollo tritato, che la tua cameriera si lega con il tuorlo d’uovo; piccole palle simili al tsukune, ma qui sono lisci e non contengono pezzi di cartilagine crunchy.

Generoso piattino di verdure marinate e tè verde fresco. Il dessert è una piccola porzione di frutta di stagione.

Un pasto da Botan richiede più di un’ora.

La terza caratterizza i gustosi morsel di una carne della coscia (più più del tofu e del negi) e viene servita con il riso

Da 100 anni  il Botan prepara un impeccabile torisuki; stufato dell’epoca Edo. Una delle esperienze gastronomiche più significative a Tokyo. È bene prenotare.  Telefono: 03 3251 0577

1-15 Kanda-Sudacho, Chiyoda-ku, Tokyo. Tel. (03) 3251-0577 – http://r.gnavi.co.jp/g198900/lang/en

:::::::::::

Seryna

Diverse sedi in città anche con nomi diversi

Kobe beef steak & seafood teppanyaki

Anche se ha un’aria d’altri tempi, come l’ottimo manzo di manzo Kōbe o pesce; sempre secondo l’antica tradizione.

Il Seryna è famoso anche per: shabu-shabu, al sukiyaki e al teppanyaki (pietanze cotte alla piastra al tavolo). Il ristorante è disposto attorno a un bel giardino roccioso.

Prime Beef Shabu-shabu, ¥9,720 (80 euro)
Kobe Beef Shabu-Shabu ¥18,360 (160 euro)
Granchio (chele) Crab Shabu-Shabu ¥9,720
Kobe Beef Sirloin ¥20,520
Chateaubriand ¥15,120
Kobe Beef Sukiyaki ¥20,520
Granchio intero
Boiled Hokkaido Horse Hair Crab (whole) ¥15,120 (120 euro)
Assorted Sashimi ¥6,480 (56 euro)
Toro Sashimi (la aprte più tenera del tonno) ¥6,264 (55euro)
Assorted Tempura ¥3,996 (32 euro)

Indirizzo: 3-12-2,Roppongi,Minatoku,Tokyo,Japan

TEL. 03-3402-1051
Aperture
Weekday(12:00~15:00,17:00~23:00)
Sat, Sun, & Holidays(12:00~22:30)
In the afternoon, we are working without rest.

 

Prenotazioni: ikyu.com, tabelog.com

Della medesima proprietà –  indirizzo: Shinjuku Sumitomo Bldg.52nd Floor.2-6 Nishi-Shinjuku Shinjuku-ku,Tokyo,Japan – TEL.03-3344-6761

Aperture
Lunedì – venerdì (11:30~14:00,17:00~22:30)
Sabato (17:00~22:30)
Domenica, & festività(16:30~22:30)
Medesima proprietà, ma a GIZA -Tokyo
Ginza Tiffany Bldg.B1,2-7-17,Ginza,Chuo-ku,Tokyo,Japan
TEL 03-3562-6211
Aperture
Weekday(11:30~15:00,17:00~22:00)
Sat, Sun, & Holidays(12:00~22:00)
In the afternoon, we are working without rest.

 

::::::::::::

Oltre ai ristoranti carissimi ed eccellenti. Un’esperienza ottima, insolita e faticosa (per la coda).

Sushi Dai; dicono il miglior sushi al mercato del pesce, mettersi in coda  alle 4:30 o anche prima; alle 5,30 attesa di 90 minuti in piedi, la coda continua sul marciapiede vicino. Omakase Course: comprende 10 nigiri scelti dallo chef, più un pezzo a scelta vostro, alcuni maki, il tamago (frittata d’uovo) e la zuppa di miso. Costa 3900yen (31,15 euro). Jyou Sushi: come l’Omakase ma ha 7 nigiri e non ha il pezzo a scelta. Costa 2500yen (19,97 euro) Con l’Omakase Course potete scegliere il pezzo finale “gratis“, cioè già compreso nel prezzo, scegliere qualcosa di particolare e costoso: l’Otoro è il pezzo più caro. Le carte di credito non sono accettate.

::::::::::::

SE NON SOPPORTATE LE CODE E NON VOLETE ALZARVI PRIMA DELL’ALBA:

un’esperienza insolita e ottima; ma nulla è paragonabile ai ristoranti dei grandi nomi riconosciuti dalla tradizione

Iso Sushi, Lo riconoscete per le TENDE VERDI.

Non da meno rispetto al Sushi Dai, ma senz acoda; sempr ein zona Tsukiji(MERCATO DEL PESCE).

Sushi è strepitoso, non c’è quasi mai coda e l’atmosfera è molto giapponese.

E’ il primo ristorante che si incontra entrando nella zona del mercato del pesce di Tsukiji provenendo dall’uscita A2 della metropolitana. Da non perdere: l’omakase per provare un po’ di tutto.


UNA PUNTATA A KYOTO CON IL TRENO SUPER-VELOCE

Siamo qui anche per l’alta cucina giapppnese; qui a Kyoto è presente uno dei ristoranti più raffinati e migliori del mondo (ovviamente il costo è adeguato).

Ma prima andiamo al mercato Nishiki Market; tutto è super: coltelli, cibo … Qui trovate ogni specialità, anche a base di uova biologiche.

Non perdete il negozio che vende solo verdure sott’aceto; provate.


KIKUNOI

” Al Kikunoi trattiamo ognuno dei nostri piatti come espressione della vita stessa, senza mai dimenticare quanto dobbiamo natura.

Evoluzione della cucina vegetariana-buddsita. Qui la natura viene esaltata al massimo. Ogni tavolo è in una stanza riservata. Locale raffinato; come i piatti serviti da cameriere in kimono.

Esiste da 300 anni.

Uno dei migliori ristoranti al mondo

Spesa media 850 euro in due persone.

Esperienza mistica.

Indirizzo: Giappone, 〒605-0825 Kyoto Prefecture, Kyoto, 東山区 下河原通八坂鳥居前下る下河原町459
Telefono: +81 75-561-0015
Orari: Oggi aperto · 11:30–13, 17–20

E’ possibile prenotare direttamente online: https://translate.googleusercontent.com/translate_c?depth=1&hl=it&prev=search&rurl=translate.google.it&sl=en&sp=nmt4&u=https://kikunoi.jp/reserve/en/agree&usg=ALkJrhjeU0JiA_x9ytmtU6C_IhqsFsW-6g


Sushi e sashimi speciali pesce crudo SICURO a Milano – Ristorante giapponese Nishiki

Ristorante giapponese Nishiki

Per noi il meglio a Milano del ristorante giapponese SOTTO i 50 euro a testa come media (a pranzo da 12 euro, con contorni)

Pesce crudo sicuro; ecco quello che cerchiamo, ma anche preparazioni che rivelano il rispetto della cucina giapponese e dei suoi gusti.

Il Nishiki, ristorante giapponese, ci accontenta sempre. Lo abbiamo frequentato come clienti normali paganti e non ci ha mai deluso.

Abbiamo constatato con piacere che la nostra opinione è condivisa anche da diversi amici e dai commenti su Tripadvisor;.

Indirizzo: Corso Lodi 70, Nishiki, ristorante che si definisce “giapponese fusion” aperto da quattro anni. Il locale è accogliente e con luci soffuse; si puo’ mangiare anche in una delle salette private, separati da tende. Nel periodo estivo e’ attivo il giardino interno. Ottima anche la carta dei vini.

Qui il pesce fresco e’ sovrano, ma non mancano le alternative anche vegetariane; sempre di ottimo livello e proporzionali al prezzo.

Noi preferiamo: sushi e sashimi speciali, uramaki, tiger roll, carpaccio misto, tempura fiori di zucca, trancio di tonno in crosta di sesamo, nido di capesante gamberi rossi Sicilia, anguilla coperta con avocado e tante altre specialita’

ORARI
SERA: SEMPRE APERTI DALLE 19.00 ALLE 23.00
PRANZO: DA MARTEDÌ A SABATO DALLE 12.15 ALLE 15.00
CORSO LODI, 70
20139 MILANO
TEL:+39 02.87393828

MENU’ di mezzogiorno;
qualche esempio

Menù Teishoku
Sushi e Sashimi
Tutti i menù comprendono: Antipasto del giorno, Insalata mista, Riso saltato,
Zuppa di miso e Thè verde.

Sushi misto (10 pezzi) – 12 euro

Sushi speciale (12 pezzi) – 22 euro

Sashimi misto (10 pezzi) – 13 euro

—————

Menù Teishoku

Piatti caldi

Tutti i menù comprendono: Antipasto del giorno, Insalata mista, Riso saltato,

Yakizakana moriawase Misto di pesce alla piastra – 12 euro
Yakizakana ebi* (6) Gamberoni alla piastra – 13 euro
Tonno alla piastra con crosta di sesamo – 16 euro

Anguilla alla griglia su riso bianco – 12 euro

—————-

MENU’ DELLA SERA
MOLTO PIU’ AMPIA LA SCELTA DEI PESCI E DEL MENU’, RISPETTO AL MEZZOGIORNO (diversi anche i prezzi)

Riportiamo solo pochi esempi (eventuali contorni non sono compresi nel prezzo del piatto; come invece accade al mezzogiorno):

Maguro no teriyaki Trancio di tonno in crosta di sesamo – 14 euro

Jyou sushi sashimi (per 2 persone) Sushi sashimi speciale – 50 euro.

Ristorante in casa – START UP a MILANO – ASSAPORAMI

IL RISTORANTE VIRTUALE

CHE CONSEGNA A DOMICILIO
PIATTI CALDI DI ALTISSIMA QUALITA’

Creata da giovani laureati in Scienze alimentari, serve privati e aziende.

Ordinazioni su sito internet o app e consegna all’ora richiesta,
anche immediata in 20 minuti.

Sito web: www.assaporami.it
App: iOS e Android
Social Media: Facebook – Instagram – Twitter
Hashtags: #assaporami #cloudrestaurant #milano

Milano è sempre ricca di offerte e iniziative nel mondo della cucina, che danno a cittadini e turisti una grande scelta gastronomica. Nell’ultimo anno hanno preso piede i servizi di consegna, le “delivery”, che portano a domicilio i piatti preparati da ristoranti, pizzerie e paninoteche e che riscuotono grande successo in particolare tra i giovani.

Ora ecco una nuova iniziativa per i tempi del 4.0: un servizio di delivery fornito da un vero ristorante ma virtuale. Il servizio si chiama Assaporami, di Rosemary & Thyme Srl ed è pensato per portare velocemente a casa, in ufficio e – perché no – negli alberghi che non dispongono della ristorazione, piatti buoni e caldi, pronti per essere mangiati. Assaporami quindi è un vero e proprio Cloud Restaurant, un ristorante “nella nuvola”, sempre a disposizione, ovunque e in nessun luogo…fisico.

La cucina

La cucina Assaporami è italiana, fatta di piatti sia tradizionali che reinterpretati in chiave moderna da chef esperti.

Gli ingredienti seguono l’alternarsi delle stagioni, vengono scelti con cura privilegiando le produzioni del territorio, e sono approvvigionati costantemente per assicurarne la massima freschezza. I piatti sono più ricercati per la cena, mentre a pranzo sono preparati per garantire un corretto equilibrio alimentare ed una rapida digestione.

Il servizio

Rapido ed efficiente. Fatta la scelta da sito web o app per smartphone, indicando l’orario e l’indirizzo di consegna, il “conto” viene pagato con Carte di Credito o PayPal.

La cucina si mette subito al lavoro e affida i piatti al “cameriere” che parte tempestivamente per assicurare la puntualità.

I piatti arrivano caldi e non devono essere riscaldati, grazie alla minuziosa organizzazione operativa.

Al momento Assaporami è attivo per consegne da lunedì a sabato a partire dalle 19:45 e fino 21:45 in un’area abbastanza ampia di Milano: sul sito web si può verificare se l’indirizzo è nella zona servita. A breve il servizio sarà esteso alla fascia oraria del pranzo.

Il Team

La passione per la buona tavola ma anche il desiderio di un’alimentazione sana dovunque venga consumata, nella frenetica vita di oggi, sono il filo conduttore che lega il team di Assaporami. Un gruppo di professionisti, giovani entusiasti laureati nelle scienze dell’alimentazione, con la mission di rendere migliore il futuro a partire dal presente, se è vero che siamo quello che mangiamo!.

INFO MEDIA
Tel. 02.36.70.41.43 – WhatsApp 373.72.70.534 – mail: press@assaporami.it

Pesce crudo a Milano – CEVICE AD ” INKANTO “

Ristorante incanto Milano tovaglia

Ristorante periviano Milano Incanto 300 interno 2

Inkanto ristorante milano cevice 1

Ristorante Inkanto, il ceviche si fa in sette

Con l’arrivo dell’estate il ristorante peruviano Inkanto aggiorna l’offerta del suo menu e si allarga, sfruttando la recente pedonalizzazione di via Emilio Gola a Milano Pesce crudo a Milano – CEVICE AD ” INCANTO “per creare un piccolo dehors a due passi dal Naviglio Pavese.

Il menu estivo di Inkanto si “rinfresca”, grazie all’introduzione di ben sette diverse tipologie di ceviche.

Il piatto più significativo del Perù si può oggi gustare tradizionale (con il pescato del giorno), oppure di pesce e frutti di mare, o ancora al leche de tigre, ma anche nelle versioni più moderne e creative come quella al tonno – uno dei piatti più rappresentativi della contaminazione nipponica tanto diffusa in Perù – oppure alle capesante, ai gamberi e, per accontentare proprio tutti, anche vegetariano.

Per permettere a chiunque di gustare i nuovi ceviche, il menu prevede la possibilità di ordinare di ognuna una porzione intera oppure di assaggiarne la versione “al bicchiere”, un quantitativo ridotto che invita i commensali a ordinarne più tipologie contemporaneamente, scambiandosele e rendendo il pasto più conviviale.

Di antichissime origini precolombiane, il ceviche viene preparato in molti modi diversi, tutti gustosi e rappresentativi della ricca cultura del Paese.

Sheilla Diaz, che dirige la cucina di Inkanto, ama raccontare il Perù nel piatto offrendo al pubblico italiano i ceviche nella loro forma più pura: niente rielaborazioni fantasiose, scomposizioni o moderne versioni fusion, il ceviche che si mangia da Inkanto porta con sé il profumo e il carattere peruviano autentico, offrendo uno scorcio originale sul modo in cui i peruviani consumano questo celebre piatto nel loro Paese, magari accompagnato da una buona birra ghiacciata come vuole la tradizione.

Patrimonio Culturale della Nazione dal 2004, il ceviche in Perù gode anche di una festa nazionale dedicata (il 28 giugno) ed è certamente l’ambasciatore più noto della cucina peruviana nel mondo.

Da pochi giorni, inoltre, da Inkanto è possibile trovare un menu dedicato esclusivamente all’aperitivo, dalle 18:00 alle 21:00, con stuzzichini che richiamano il cibo da strada del Perù e possono essere gustati nel nuovo spazio esterno.

Un cocktail fresco a base di pisco è l’ideale nelle calde giornate della città, da accompagnare ad alitas del pollo al aji limo (ali di pollo al peperoncino peruviano), boliyucas (palline di manioca fritta ripiene di formaggio), choros a la chalaca (cozze servite con un trito di pomodoro fresco), empanadas de carne (fagottini ripieni di carne), tequeños (bastoncini di formaggio) o ancora wantan frito en salsa agridulce (raviolo fritto in salsa agrodolce).

INKANTO; via Emilio Gola, Milano

Telefono: 02 8363 1695
Orari:
Martedì 19:30–00
Mercoledì 19:30–00
Giovedì 19:30–00
Venerdì 19:30–00
Sabato 12–15, 19:30–00
Domenica 12–16, 19:30–23
Lunedì Chiuso

LINK http://www.inkanto.eu

GOURMET – Food delivery – Non più pizza o hamburger – Cibo di qualità e di ogni regione del mondo

In Italia il giro d’affari si stima tocchi i 400 milioni di euro.

L’ Osservatorio Nazionale del takeaway in Italia, realizzato da Just Eat con la collaborazione di GfK Eurisko, dichiara che il 51% degli italiani negli ultimi 6 mesi ha acquistato cibo da asporto.

L’obbiettivo ora è il digital takeaway; ovvero la possibilità di ordinare direttamente on line da cellulare o pc.

Just Eat, 14 milioni di clienti in 15 Paesi, a Milano ha inaugurato una nuova sede e serve 10 città sino a Palermo.

Deliveroo è una selezione dei migliori ristoranti nelle varie zone.

Foodora; serve a domicilio piatti di alta qualità; oggi solo a Milano e Torino, mentre Uber Eats, per ora, lo si trova solo a Parigi e Londra.

Fanceat, è una startup per ordinare online un box gourmet; preparato nella cucina di un grande ristorante con quanto serve per un preparare un menù stellato.

Quomi,  supportato da Slow Food offre ricette di alto livello.

Con Foorban, gli ingredienti viaggiando a bordo di Ape, vespe e bici.

Gelato d’autore con Foodracers che mira alla provincia; dall’Emilia in su.

 You Eat è anche a Bari.

OSCAR DELLA CUCINA MONDIALE A MASSIMO BOTTURA – IL PLAUSO DI FIPE

“RISTORAZIONE ITALIANA SENZA RIVALI NEL MONDO, UN PREMIO ALL’ARTE DELLA QUALITÀ”

Cucina declinata da Massimo Bottura in senso “Francescano”

 – “La ristorazione che si fa arte conquista il mondo.

E la Fipe, che rappresenta in Italia il mondo dei bar e ristoranti non può che inorgoglirsi per l’importante riconoscimento ottenuto da Massimo Bottura, che attraverso il suo lavoro sta aiutando tutto il settore a recuperare e incrementare consensi presso le istituzioni e l’opinione pubblica”.

Così Lino Enrico Stoppani, Presidente di Fipe – Federazione Italiana Pubblici Esercizi, in una lettera inviata allo chef Massimo Bottura, commenta la scelta da parte della chart americana 50 Restaurant di decretare l‘Osteria Francescana di Modena migliore ristorante al mondo.

“Siamo lieti e orgogliosi di vedere una parte del nostro universo composto di oltre 300.000 pubblici esercizi su tutto il territorio nazionale, diventare il miglior ristorante su scala planetaria – prosegue Stoppani -. L’Osteria Francescana, con i suoi 12 tavoli, la creatività che preserva la tradizione, la selezione delle migliori materie prime è la migliore testimone dell’impegno quotidiano verso la qualità che migliaia di operatori mettono in campo ogni giorno nelle cucine e nelle sale dei ristoranti, ma anche delle pizzerie, delle trattorie, delle tavole calde sparse lungo lo Stivale.

Un riconoscimento dunque pienamente meritato e favorito anche da Expo 2015 che ha valorizzato un approccio illuminato alla professione, fatto di inevitabili aspetti di business ma anche di quelli sociali, con il costante richiamo ai valori delle 3 C (Cultura, Conoscenza e Coscienza) che portano alla responsabilità, declinata da Massimo Bottura in senso “Francescano”, nel senso vero del termine, guardando cioè indietro a chi nella vita è stato meno fortunato. Una passione e un lavoro che, riprendendo le parole del maestro Bottura, è soprattutto un’opera d’arte”.

Con il premio ottenuto dall’Osteria Francescana, che corona un inseguimento che lo vedeva da tempo nel “gruppo di testa”, è la prima volta che un ristorante italiano vince quello che ormai viene definito l’Oscar della Cucina Mondiale, massimo riconoscimento di una classifica che vede ai primi posti altri ristoranti del Belpaese: “Oltre che per Massimo Bottura siamo orgogliosi del fatto che ben altri quattro locali figurino tra i migliori al mondo – prosegue Stoppani -. I nostri migliori complimenti vanno quindi anche a Enrico Crippa (ristorante Piazza Duomo, Alba, 17esimo posto), Max Alajmo (ristorante Le Calandre, Rubano – 39esimo posto), Davide Scabin (ristorante Combal Zero, Rivoli – 46esimo posto).

Concludo con un richiamo per tutto il settore, riferendomi ancora alle parole dello chef Bottura: l’ingrediente più importante per il futuro è la cultura. Cultura vuol dire prima di tutto formazione e professionalità, sui cui sono necessari investimenti qualificanti”.

PER VOI E I VOSTRI BAMBINI BIANCOLATTE e MYNAMETAGS a Milano

MODA Biancolatte 1ca

Moda Biancolatte cibo 600 biscotti dolci

BIANCOLATTE è il notissimo punto di ritrovo per tutti i Milanesi che vogliono sempre IL MEGLIO !

DA BIANCOLATTE ABBIAMO ANCHE SCOPERTO UN AIUTO PREZIOSO PER LE MAMME: MY NAMETAGS, adesivi con disegni sfiziosi che piacciono ai bambini e che resistono a tutto; lavaggi e asciugatrice compresa.

MODA Biancolatte 1 asc

-Per mettere il nome di vostro figlio su tutti i suoi oggetti che porta all’asilo o in palestra... gli adesivi MY NAMETAGS aderiscono a tutto dai tessuti ai giocattoli, dalle scarpe a … TUTTO QUELLO CHE RIUSCITE AD IMMAGINARE e nessuno riuscirà a distruggerli; grazie allo speciale materiale e agli speciali adesivi.

https://www.mynametags.it

Con MY NAMETAGS la scelta dei soggetti è molto ampia e tutti i disegni sono studiati apposta per piacere ai vostri bimbi.

Etichette durevoli, facili da applicare e con 1000 usi diversi.

56 etichette a colori € 16,95 spese di spedizione incluse.

LA FILOSOFIA dell’azienda MY NAMETAGS:

– vogliamo che la vostra esperienza con My Nametags sia ottima.

Cerchiamo di rendere le nostre etichette più semplici ed utili possibile. Passiamo molto tempo a fare delle nostre etichette le migliori sul mercato e possiamo dire onestamente che non conosciamo etichette che siano migliori delle nostre.

Il servizio clienti è molto importante. Cerchiamo di trattare i nostri clienti come vorremmo essere trattati noi, con una risposta pronta ed esaustiva.

MODA Biancomangiare orsetto bambini

—————-

Moda Biancolatte 1cb

BIANCOLATTE PER VOI E I VOSTRI BIMBI

http://www.biancolatte.it

Dalla colazione BIANCOLATTE offre le sue delizie ai milanesi esigenti: torte, biscotti, muffin fatti in casa e croissant di ogni tipo appena sfornati…

Al pranzo: “le milanesine” bocconcini di pollo impanati con  insalatina o gustose patatine,  “le carrozzine”mini mozzarelle in carrozza, ma anche primi piatti più gustosi ci sono le trofie Biancolatte e tanto altro…

MERENDA: mille delizie e ottimi gelati

APERITIVO: l’aperitivo è servito con gli sfiziosi stuzzichini della casa.

Per cena: BIANCOLATTE si trasforma in un ambiente molto romantico con uno speciale menù sfizioso. Una “cena in latteria”; ricette di casa secondo stagione e accompagnate da un buon vino.

La cena inzia ogni giorno (dal MARTEDI’ ALLA DOMENICA) dalle 19:00 alle 24:00 (la cucina chiude alle 23:00). Prenota allo 02 6208617

BIANCOLATTE
VIA TURATI, 30 MILANO
TEL 02 62 086 177
info@biancolatte.i

Vario 672 bianco Biancomangiare

MILANO un ristorante da provare – RISTORANTE INKANTO – Quasi un viaggio in Perù

Ristorante incanto Milano tovaglia

Ristorante Incanto 500

Oggi è di moda il pesce crudo, piace anche perché non appesantisce  e si può mangiare anche se si è a dieta; oppure come sfizio, prima di portate più ricche di calorie.

Memori dei nostri viaggi in Perù, abbiamo voluto riprovare il

” CEVICE ” (leggi sevice): squisito pesce crudo, anche solo gamberi, condito con lime (un limone particolarmente profumato e saporito), il tipico peperoncino peruviano, ma il risultato non è piccante) e poco altro.

Al ristorante peruviano INKANTO, abbiamo trovato esattamente quello che cercavamo; fresco e deliziosamente insaporito.

Ma non fermatevi al cevice.

Sheilla e Cesar, peruviani, professionisti della ristorazione, con esperienze in Perù, Stati Uniti e Italia; vi accoglieranno con la loro esperienza e sapranno consigliarvi al meglio.

Ristorante Incanto proprietari d

Appena vi sedete vi viene offerto un piccolo aperitivo di patate e banane a fettine sottili; ma la vera sorpresa, nel sapore, sta nella salsina:  ottima.

Ristorante peruviano antipasto piccolo

Poi potete scegliere tra aperitivi più consistenti, tra cui il cevice, carpaccio di pesce alle due creme, tartar di tonno, antipasto misto per due, avocado con verdure e maionese, fagottini ripieni di carne (empanadas) ecc…

Per il primo piatto vi suggeriamo il Quinotto; risotto di quinoa. Condito a piacere con asparagi o gamberi.

Ristorante cibo Peruviano Incanto piatto

Come secondo potete scegliere tra carne, pesce o verdura;

-Saltados de pescados y mariscos: filetto di pesce con fruttti di mare, gamberi, polpi e seppie con bastoncini fritti di manioca; pescado a lo macho: filetto di pesce e frutti di mare con salsa speciale, servito con riso bianco ; costata piemontese con sale rosa di Maras; arrosto di girello cotto in  vino rosso e spezie peruviane (mai fotemente picacnti a meno che non lo chiediate esplicitamente); lomo saltado (maiale saltato con peperoni; il piatto più noto in perù)

Noi abbiamo assaggiato uno dei piatti peruviano più popolari: Ajii de galina; straccetti di pollo su patate e crema di peperoncino giallo peruviano servito con riso pilaff.

IL PAN CON CHICHARRON (la prima colazione peruviana che può sostituire un nostro pasto.

Se avete fretta o lo preferite, potete anche mangiare ottimi panini: PAN CON CHICHARRON:  maiale fritto, patata dolce, servito con  manioca fritta; oppure LOMO Y PALTA pezzettini di vitellone, cipolla, pomodori, salsa di soya e avocado, servito con patate fritte della casa. 14 euro più il servizio.

Non mancano le INSALATE MISTE.

I dolci sono vari e accontentano tutti i gusti, frutta tropicale compresa.

I prezzi possono variare di molto; secondo le scelte da 30 a 50 euro per il miglior antipasto di pesce e un secondo.

INKANTO ristorante peruviano: Via Emilio Gola, 4, 20143 Milano
Telefono:02 8363 1695
Orari: Oggi aperto · 12–16, 19:30–23

MAIL info@inkanto.eu

Vedi al link http://www.inkanto.eu

Ristorante periviano Milano Incanto 300 interno 2

CUCINA GIAPPONESE – Ristoranti storici – Wagu Restaurant Ningyocho IMAHAN

Giappone 672 cucina 1aq

Giappone cibo hns

Durante la Expo abbiamo degustato, più volte, la cucina giapponese del ristorante del loro padiglione.

Ne siamo rimasti entusiasti, così abbiamo deciso di riportare le nostre impressioni, gli indirizzi dello storico ristorante che ci ha servito a Milano e altre informazioni.

Purtroppo in Italia non avevamo mai trovato tanta qualità e, per l’occasione della EXPO, un buon rapporto qualità/prezzo.

Dobbiamo premettere che il ristorante si è presentato portando i suoi cuochi e pure la maggioranza degli ingredienti direttamente dal Giappone.

Siamo rimasti stupefatti dal profumo e dal sapore delle zuppe proposte, dall’ “Umami”, dalla leggerezza del fritto; mai avevamo provato una carne tanto morbida e saporita (senza togliere nulla alle eccellenze nostrane), ma qui si tratta di qualcosa di molto diverso come la leggerezza del fritto.

L’Umami è il quinto gusto scoperto in Giappone, dopo il dolce, l’acido, il salato e l’amaro. Questo sapore si ottiene grazie all’alga Kombu, al tonnetto essiccato, ai Diboschi (piccoli pesci bolliti ed essiccati) ed ai funghi secchi Shiitake. Condimenti: Miso, Salsa di Soia, Sakè.

Ichiju Sansai: riso, zuppa, un piatto principale e due contorni; il tutto permette un perfetto equilibrio nutritivo.
Carboidrati dal riso, portata principale: pesce e/o carne; due contorni di verdure come funghi, patate, sottaceti ecc..

Il fritto misto aveva la leggerezza di una nuvola e l’interno dei gamberi, perfettamente croccanti all’esterno, conservava la fragranza del gambero crudo.

Stiamo parlando del ristorante storico Wagu.

Se qualcuno di voi fosse così fortunato da visitare il Giappone, ne possiamo consigliare l’esperienza; anche se i prezzi saranno molto più alti.

http://www.imahan.com

Il ristorante ha diverse sedi a Tokyo, Yokohama, Hakata, Nagoya.

Prodotti giapponesi per la cucina:
www.sagami.co.jp
www.marukome.co.jp

————-
CHEF E FORMAGGI A TORINO – TAM DEL GUSTO -Weekend speciali per le famiglie

Per far conoscere la qualità e l’eccellenza del sapore, ma anche le qualità nutritive dei formaggi delle montagne svizzere, un tram attraverserà Torino sino al 30 aprile
OGNI WEEKEND tragitti speciali per le famiglie.

iltramdelgusto.it
Sulla vettura i visitatori saranno accolti da uno chef, da food blogger ed esperti del settore.
Lezioni, degustazioni di Etivaz Dop, Gruyere Dop, Racchette, Sbrinz Dop e altri formaggi tipici.
Ambasciatore è lo chef Marco Cive, che spiegherà il perché dei particolari buchi nell’Emmental, la temperatura corretta della raclette ecc…