Archivi categoria: SCIENZE E RICERCA

Computer batte uomo 5 a 0 – Avanza l’intelligenza artificiale

COMPUTER E FUTURO DELL’UOMO

Considerazioni su questo argomento nel libro ” HOMO DEUS ”

Per la prima volta un programma di Google ha vinto sull’uomo al difficilissimo gioco giapponese ” Go “.

” Go ” è un antico e complesso gioco giapponese, un gioco che richiede particolari doti cerebrali; un gioco di strategia.

Nel gioco ” Go “, in media, ogni mossa non ha le 35 alternative degli scacchi, ma ben 250 !

Il programma, ideato da Google, AlphaGo ha battuto 5 a 0 il campione europeo Fan Hui. Una possibilità che appariva impossibile, sino a poco tempo fa.

Il gioco ” Go ” è nato, circa, nel VI secolo avanti Cristo.

Questo fatto è un chiaro segno che l’intelligenza artificiale non è utopia, ma un fatto che, prima o poi si imporrà all’umanità e cosa siccederà poi ???

Considerazioni su questo argomento e sul possibile futuro ci vengono chiarite dallo scrittore e storico israeliano Yuval Noah Harari della Hebrew University di Gerusalemme nel libro ” HOMO DEUS “:

GIA’ IN CALIFORNIA (MA ANCHE  NELLA PIU’ VICINA GENOVA) LE MACCHINE STANNO SILENZIOSAMENTE SOSTITUENDO LE FUNZIONI SVOLTE DALL’UOMO.

BANCHE SOLO VIA INTERNET, NEGOZI SENZA COMMESSI, AUTO-BUS-TRENI-AEREI GUIDATI DA ROBOT, ANZIANI CURATI DA ROBOT-BADANTI…I FISIOTERAPISTI IN ALCUNI OSPEDALI (ITALIANI) SONO GIA’ SOSTITUITI DA MACCHINE; QUALE E’ IL FUTURO DELL’UOMO LAVORATORE?

-“RANCE AGAINST THE MACHINE” in questo libro due professori del Mit sostengono che “ l’impatto delle tecnologie  sul lavoro è molto sottovalutato”.

Da leggere, per capire,   ” HOMO DEUS “; dello scrittore e storico israeliano Yuval Noah Harari della Hebrew University di Gerusalemme.

In molti aeroporti già le macchine prevalgono sull’uomo nel servizio biglietteria. Si arriva e una serie di macchine attendono il passeggero per servire biglietti:

-denaro già cambiato nella moneta locale dai bancomat

-biglietti per il bus o il treno ( e non si può sbagliare altrimenti nessuno ti rimborsa sia il biglietto sbagliato sia la ricevuta non richiesta…prima bastava spiegarsi e il bigliettaio provvedeva!) Ma come fai a spiegare a una macchina che hai sbagliato a digitare?, MOLTO PIU’ DIFFICILE SE   si tratta di lingua straniera e in luoghi sconosciuti.

-anche i bed & breakfast più moderni hanno sostituito il portiere con un codice da digitare; e se perdi il codice?

-è vero che con internet puoi collegati e controllare e trovare quasi tutto, ma se non sei abile o non riesci a collegarti o hai il telefono energeticamente scarico o non hai la ricarica sufficiente?

-se per caso sporchi il pavimento un robot-inserviente provvede a ripulire (basta schiacciare un bottone), ma la cameriera disponibile ai piani ha perso il posto.

Non stiamo scrivendo sciocchezze,  e lo conferma il documentario del prof. Robert Reich, professore aBerkeley ed ex Ministro del Lavoro di Clinton “Inequality for all“, nel quale si dice: “Scegliere di non fare il biglietto alle macchinette è un atto politico”.

Mentre a Genova in ben due ospedali i robot sostituiscono i fisioterapisti, perché vi sono test scientifici che hanno dimostrato come il lavoro dei robot sia più efficiente di quello dei fisioterapisti ( e sai quanti stipendi risparmiati… e quanti posti di lavoro in meno!)

-A San Francisco all’University of California esiste già la farmacia più  robotizzata del mondo. All’University of California migliaia di dosi di medicinali per altrettanti pazienti vengono preparate, ogni giorno, da robot; e il robot non sbaglia.

Qui siamo già nel futuro con codici a barre, barre Qr ed etichette Rfid, come quelle antifurto degli abiti nei supermercati.

Il vanto dei tecnici è la riduzione di personale …  questo robot fa il lavoro di 6 tecnici  e 4 infermieri, ora ridotti a 1 + 1.

-A questo proposito il mensile “Fortune” scrive: “Una farmacia il cui unico personale è un robot“.

-Una compagnia di Chicago ha messo a punto un software che dai dati di base realizza un articolo completo = annullamento della redazione di giornalisti, altra gente che sarà, in parte lo è già, senza lavoro. E questo  vale  anche per  ottenere dati finanziari e chissà quanto altro in futuro.

-A noi questo fatti ricordano tanti i tempi, lontani…, quando i giornali ci assicuravano che l’arrivo dei computer non avrebbe tolto posti di lavoro, ma aumentato il tempo libero, settimane di 5 giorni per tutti e tanto tempo libero e tutti saremmo diventati almeno tecnici specializzati. Peccato che   ai disoccupati creati dai computer sia rimasto solo il tempo libero senza soldi per utilizzarlo al meglio..

-E che dire dei professori che già, non solo in Australia, sono sostituiti da web-video.

-A Silicon Valley,  Coursera, che ha appena raddoppiato i suoi uffici, offre lezioni universitarie a 4 milioni di persone.

-Già nel 1958 Isaac Asimov ci parlava di un futuro, remoto, dove le macchine avrebbero fatto tutto, anche la progettazione di altre macchine meglio di loro, mentre l’umanità  sarebbe regredita dimenticando tutto …

-Il pericolo è divenire, ma non lo siamo già, totalmente dipendenti da qualcosa (tecnologia) che divienti assolutamente nullo appena si stacca la spina (blackaut)!

-Secondo molti dopo l’auto che si guida da sola arriveranno i sostituti robotici di tassisti e  camionisti, proprio come è già avvenuto per molti agenti di viaggio e cassieri di banca: senza lavoro.

– Già esistono i robot-sommozzatori e si stanno progettando robot che sostituiranno la mani, a volte non fermissime, del chirurgo

-I robot manifatturieri sono arrivati alla perfezione e non necessitano nemmeno di essere riprogrammati.

-Le centraliniste virtuali rispondono alle chiamate senza bisogno di alcuna pausa e non hanno mai una voce stanca o nervosa!

-Qualcuno prevede che i medici in carne ed ossa visiteranno sono le persone molto abbienti, per gli altri ci sarà il dottore su internet.

-“RANCE AGAINST THE MACHINE” in questo libro due professori del Mit sostengono che “ l’impatto delle tecnologie  sul lavoro è molto sottovalutato”.

IL FUTURO DEL LAVORO: ROBOT AL POSTO DI UOMINI?

SCIENZE 500 ROBOT GE ROSSO

GIA’ IN CALIFORNIA (MA ANCHE  NELLA PIU’ VICINA GENOVA) LE MACCHINE STANNO SILENZIOSAMENTE SOSTITUENDO LE FUNZIONI SVOLTE DALL’UOMO.

BANCHE SOLO VIA INTERNET, NEGOZI SENZA COMMESSI, AUTO-BUS-TRENI-AEREI GUIDATI DA ROBOT, ANZIANI CURATI DA ROBOT-BADANTI…I FISIOTERAPISTI IN ALCUNI OSPEDALI (ITALIANI) SONO GIA’ SOSTITUITI DA MACCHINE; QUALE E’ IL FUTURO DELL’UOMO LAVORATORE?

-“RANCE AGAINST THE MACHINE” in questo libro due professori del Mit sostengono che “ l’impatto delle tecnologie  sul lavoro è molto sottovalutato”.

Da leggere, per capire,   ” HOMO DEUS “; dello scrittore e storico israeliano Yuval Noah Harari della Hebrew University di Gerusalemme.

In molti aeroporti già le macchine prevalgono sull’uomo nel servizio biglietteria. Si arriva e una serie di macchine attendono il passeggero per servire biglietti:

-denaro già cambiato nella moneta locale dai bancomat

-biglietti per il bus o il treno ( e non si può sbagliare altrimenti nessuno ti rimborsa sia il biglietto sbagliato sia la ricevuta non richiesta…prima bastava spiegarsi e il bigliettaio provvedeva!) Ma come fai a spiegare a una macchina che hai sbagliato a digitare?, MOLTO PIU’ DIFFICILE SE   si tratta di lingua straniera e in luoghi sconosciuti.

-anche i bed & breakfast più moderni hanno sostituito il portiere con un codice da digitare; e se perdi il codice?

-è vero che con internet puoi collegati e controllare e trovare quasi tutto, ma se non sei abile o non riesci a collegarti o hai il telefono energeticamente scarico o non hai la ricarica sufficiente?

-se per caso sporchi il pavimento un robot-inserviente provvede a ripulire (basta schiacciare un bottone), ma la cameriera disponibile ai piani ha perso il posto.

Non stiamo scrivendo sciocchezze,  e lo conferma il documentario del prof. Robert Reich, professore aBerkeley ed ex Ministro del Lavoro di Clinton “Inequality for all“, nel quale si dice: “Scegliere di non fare il biglietto alle macchinette è un atto politico”.

Mentre a Genova in ben due ospedali i robot sostituiscono i fisioterapisti, perché vi sono test scientifici che hanno dimostrato come il lavoro dei robot sia più efficiente di quello dei fisioterapisti ( e sai quanti stipendi risparmiati… e quanti posti di lavoro in meno!)

-A San Francisco all’University of California esiste già la farmacia più  robotizzata del mondo. All’University of California migliaia di dosi di medicinali per altrettanti pazienti vengono preparate, ogni giorno, da robot; e il robot non sbaglia.

Qui siamo già nel futuro con codici a barre, barre Qr ed etichette Rfid, come quelle antifurto degli abiti nei supermercati.

Il vanto dei tecnici è la riduzione di personale …  questo robot fa il lavoro di 6 tecnici  e 4 infermieri, ora ridotti a 1 + 1.

-A questo proposito il mensile “Fortune” scrive: “Una farmacia il cui unico personale è un robot“.

-Una compagnia di Chicago ha messo a punto un software che dai dati di base realizza un articolo completo = annullamento della redazione di giornalisti, altra gente che sarà, in parte lo è già, senza lavoro. E questo  vale  anche per  ottenere dati finanziari e chissà quanto altro in futuro.

-A noi questo fatti ricordano tanti i tempi, lontani…, quando i giornali ci assicuravano che l’arrivo dei computer non avrebbe tolto posti di lavoro, ma aumentato il tempo libero, settimane di 5 giorni per tutti e tanto tempo libero e tutti saremmo diventati almeno tecnici specializzati. Peccato che   ai disoccupati creati dai computer sia rimasto solo il tempo libero senza soldi per utilizzarlo al meglio..

-E che dire dei professori che già, non solo in Australia, sono sostituiti da web-video.

-A Silicon Valley,  Coursera, che ha appena raddoppiato i suoi uffici, offre lezioni universitarie a 4 milioni di persone.

-Già nel 1958 Isaac Asimov ci parlava di un futuro, remoto, dove le macchine avrebbero fatto tutto, anche la progettazione di altre macchine meglio di loro, mentre l’umanità  sarebbe regredita dimenticando tutto …

-Il pericolo è divenire, ma non lo siamo già, totalmente dipendenti da qualcosa (tecnologia) che divienti assolutamente nullo appena si stacca la spina (blackaut)!

-Secondo molti dopo l’auto che si guida da sola arriveranno i sostituti robotici di tassisti e  camionisti, proprio come è già avvenuto per molti agenti di viaggio e cassieri di banca: senza lavoro.

– Già esistono i robot-sommozzatori e si stanno progettando robot che sostituiranno la mani, a volte non fermissime, del chirurgo

-I robot manifatturieri sono arrivati alla perfezione e non necessitano nemmeno di essere riprogrammati.

-Le centraliniste virtuali rispondono alle chiamate senza bisogno di alcuna pausa e non hanno mai una voce stanca o nervosa!

-Qualcuno prevede che i medici in carne ed ossa visiteranno sono le persone molto abbienti, per gli altri ci sarà il dottore su internet.

-“RANCE AGAINST THE MACHINE” in questo libro due professori del Mit sostengono che “ l’impatto delle tecnologie  sul lavoro è molto sottovalutato”.

Tecnologia – Siamo padroni del tempo e del clima ?

04Ioduro d’argento pericoloso per la salute umana ?

Siamo già in grado di dominare gli elementi atmosferici ?

1896: primo serio tentativo di modificare il clima con l’invenzione del cannone antigrandine di Albert Stiger, sindaco di Windisch-Feistritz (Austria) e viticoltore.

Novembre 1946: Bernard Vonnegut, scienziato americano della General Electric,   capì che i nuclei di ioduro d’argento erano in grado di catalizzare l’umidità contenuta nelle nubi per produrre pioggia.

Nel 2009, a Pechino, nel tentativo di tramutare in pioggia alcune nubi di passaggio sulla città, afflitta da due mesi di siccità,  ha cambiato la pioggia in neve a causa di un improvviso fronte freddo; così Pechino si è fatta cogliere impreparata, causa paralisi titale dei dei trasporti …

Oggi, lo sfruttamento dello ioduro d’argento per produrre pioggia è divenuto un processo molto utilizzato.

 

Soprattutto grazie ad Israele che utilizzò moltissimo questa tecnologia negli anni 50 e 60 per sfruttare ogni possibile risorsa idrica del suo terreno desertico.

Oggi non meno di 40 paesi utilizzano questa tecnica, con  un consumo mondiale annuo di circa 50 tonnellate di sali d’argento.

Purtroppo si vanno anche moltiplicando le denunce sulla loro possibile pericolosità per la salute umana.

Sono circa 2 milioni i “trattamenti” con sali d’argento che si effettuano ogni anno; la metà dei quali effettuati dalla Cina.

L’agenzia d’informazioni cinese valuta in 250 miliardi di tonnellate la pioggia artificiale prodotta tra il 1999 e il 2006.

La Cina ricorre continuamente a questa tecnica per contrastare la desertificazione.

Negli aeroporti viene usata l’inseminazione delle nuvole principalmente per ridurre la nebbia.

Un metodo che appare meno pericoloso, è nato in Sudafrica e si è diffuso fino in Messico; in questo caso si usano sali igroscopici (calcio e sodio).

Anche limitare le piogge è una necessità molto sentita, in questo periodo di pericolosi e numerosi tifoni e uragani.

Tutto questo è possibile cospargendo le nuvole con un  polimero polverizzato, capace di assorbire acqua fino a 1.500 volte il proprio peso. Si crea così una sostanza gelatinosa che cadendo al suolo, riduce l’intensità delle precipitazioni.

QUALCOSA DI BUONO 

Pare che sia riuscito il disperato tentativo dell’ex Unione Sovietica d’inseminare di ioduro d’argento le nubi causate dall’incidente di Chernobyl, per circoscrivere la diffusione di dosi micidiali di radioattività.

Cosa è utile sapere al riguardo della nostra salute ?

Ci sono molte teorie complottistiche sull’inseminazione delle nubi ma nessuna è mai stata dimostrata.

Le vari etcniche utilizzate possono essere perfezionate perché diventino il più possibile innocue per l’ambiente e per l’uomo.

IODURO D’ARGENTO:

pericoloso per l’ambiente acquatico – pericolo acuto.

Questa sostanza viene immessa nell’atmosfera soprattutto attraverso produzioni industriali e non per le inseminazioni di nuvole.

Lo ioduro d’argento ha una bassa tossicità; così dicono alcune note stampa; ovviamente dipende sempre dai quantitativi.

 

 

Fondazione Bruno Kessler – Centro CREATE-NET – Centro di eccellenza per le telecomunicazioni del futuro

CREATE-NET
un centro di eccellenza per le telecomunicazioni del futuro
Da quest’anno è entrato a far parte della Fondazione Bruno Kessler. Ottenuto un finanziamento europeo sulle tecnologie 5G.

(v.l.) Il Centro CREATE-NET (Center for REsearch And Telecommunication Experimentation for NETworked communities) ha ottenuto un nuovo finanziamento per un progetto europeo H2020 nell’ambito delle future reti radiomobili di quinta generazione “5G”.

Riconosciuto a livello internazionale per le competenze nel campo delle Tecnologie dell’Informazione e delle Telecomunicazioni, il Centro rafforza così le proprie attività di ricerca e sviluppo nel settore 5G che sono già in corso all’interno di altri tre progetti europei a cui partecipa: SESAME, COHERENT e 5G-CROSSHAUL.

In particolare, il nuovo progetto 5G-Essence consentirà di evolvere l’attuale rete radiomobile 4G ai fini di ottenere una migliore risposta alle esigenze di servizi in termini di velocità di dati scambiati e tempi di reazione dell’infrastruttura di rete. In sintesi, la tecnologia 5G viene sviluppata per rispondere a molteplici scenari, dalle auto connesse, alle fabbriche intelligenti, alle applicazioni realizzate tramite droni connessi, fino alla telerobotica o la telemedicina in cui i tempi di reattività dell’infrastruttura di rete devono essere inferiori al millisecondo. Il progetto avrà la durata di 30 mesi e insieme a CREATE-NET parteciperanno altre 20 realtà di ricerca e aziende europee del settore.

Nato nel 2003 come associazione no-profit con il supporto della Provincia autonoma di Trento, CREATE-NET dall’inizio di quest’anno è un Centro della Fondazione Bruno Kessler. Principali finalità di CREATE-NET sono raggiungere l’eccellenza della ricerca nel settore delle Tecnologie dell’Informazione e delle Telecomunicazioni (con particolare attenzione per le Infrastrutture Digitali del Futuro quali reti, cloud e Internet delle cose) e promuovere il trasferimento tecnologico verso l’industria grazie all’ingegnerizzazione di tecnologie e soluzioni.

“CREATE-NET”, sottolinea il presidente della Fondazione Bruno Kessler Francesco Profumo, “ha conseguito importanti risultati positivi nell’ambito dei finanziamenti europei e industriali fin dal suo concepimento. Siamo orgogliosi che da quest’anno il Centro sia entrato a far parte della Fondazione Bruno Kessler integrando in piena sinergia le proprie competenze con gli altri centri scientifici e tecnologici della Fondazione”.
“Oltre ai numerosi progetti di ricerca in cui partecipa come coordinatore o partner scientifico,” spiega il direttore Elio Salvadori, “CREATE-NET vanta numerose collaborazioni con importanti realtà del settore, formalizzate con accordi commerciali e progetti internazionali, come nel caso di Cisco System, Siemens, Deutsche Telekom, Orange e Telecom Italia. Per il Centro è fondamentale incentivare la realizzazione di soluzioni tecnologiche innovative in contesti reali di applicazione sul mercato”.

La collaborazione pluriennale con Cisco System rappresenta un particolare punto di forza.

In questo ambito è stato assegnato al Centro l’importante compito di sviluppare i sistemi di controllo delle reti ottiche del futuro ad altissima velocità, rendendone il funzionamento il più possibile automatizzato e omogeneo rispetto a quello delle reti tradizionali a pacchetto con cui le infrastrutture di rete ottica, che costituiscono la cosiddetta spina dorsale di Internet, si interfacciano a livello locale.

Per maggiori informazioni: https://create-net.fbk.eu/

Elio_Salvadori.

Inquinamento idrico – Hidro Carbon Solvent neutralizza gli gli idrocarburi

vanna@agenziapressplay.it

info@agenziapressplay.it

 Inquinamento idrico: con Hidro Carbon Solvent gli idrocarburi sono neutralizzati

Il lavaggio di superfici sporche d’olio e grasso in ambito industriale può causare la dispersione di idrocarburi in acqua, rappresentando un grave danno per l’ecosistema.

Per questo Airbank ha lanciato sul mercato HCS (Hidro Carbon Solvent), il solvente surfattante che riesce a  decomporre gli idrocarburi presenti sulle superfici, limitando l’impatto ambientale.

Neutralizzare gli idrocarburi limitando il più possibile l’impatto ambientale: è quanto è in grado di fare HCS (Hidro Carbon Solvent), la soluzione innovativa studiata da Airbank, azienda leader in Italia nel settore dell’antinquinamento e della sicurezza ambientale, per le pulizie industriali di scafi e sentine, serbatoi, impianti di raffinazione, autocisterne e vasche.

Agendo sulla tensione superficiale degli idrocarburi, il liquido surfattante HCS riesce a rompere la catena molecolare di idrogeno e carbonio: una volta scissi gli elementi, vengono incapsulati in un cuscino di acqua e ossigeno e quindi resi “biodisponibili”.

Questo significa che in pochi minuti HCS riesce a decomporre l’idrocarburo presente sulle superfici.

Senza le dovute precauzioni, il lavaggio di superfici sporche d’olio e grasso in ambito industriale e artigianale può portare al rilascio di idrocarburi in acqua che rappresenta un grave danno per l’ecosistema”, spiega Gloria Mazzoni, Presidente di Airbank. Con HCS invece viene eliminata ogni traccia di idrocarburo, la parte contaminata è resa chimicamente neutra e il potere infiammabile degli idrocarburi viene quasi totalmente abbattuto.

HCS è un concentrato ad azione veloce, è non infiammabile e, oltre ad eliminare istantaneamente i composti organici volatili, è in grado di migliorare la degradazione naturale degli idrocarburi.

Il prodotto è stato creato anche in versione “foam”, perfetto per superfici verticali o laddove si necessita di una schiumosità aggrappante e persistente.

Airbank
Airbank è l’azienda leader in Italia nel settore dell’antinquinamento e della sicurezza ambientale, ma soprattutto un’azienda a bassissimo impatto ambientale.

Grazie al suo impianto fotovoltaico, infatti, è autonoma dal punto  di vista energetico.

Da sempre percorre le vie della ricerca, dell’innovazione tecnologica e della qualità con l’unico obiettivo di produrre articoli in grado di elevare gli standard qualitativi del lavoro dell’uomo. Tra i suoi clienti la Protezione Civile, Enel, Erg, Parmalat, Amsa e Trenitalia.

Maggiori informazioni sul sito istituzionale www.airbank.it

NANOPARTICELLE – La forma geometrica di nanovettorI per migliorare l’efficienza di trasporto di farmaci

Studio internazionale, coordinato dall’Istituto ‘Mario Negri’, pubblicato su ACSNano

La forma geometrica del nanovettore può migliorare  l’efficienza di trasporto di farmaci verso l’organo bersaglio.

La validazione della relazione tra la struttura del nanovettore e il trasporto all’organo specifico potrà avere un’importante ricaduta nell’ambito dello sviluppo di farmaci e agenti diagnostici di nuova generazione.

 – Forma geometrica e dimensione sono due fattori fondamentali per indirizzare nanovettori a uso biomedico verso uno specifico organo bersaglio.

Questa interessante scoperta nel campo della nanomedicina e della diagnostica per immagini è il frutto di una collaborazione tra il Dipartimento di Biochimica e Farmacologia dell’IRCCS – Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, il “Centro di Interazione Bio-Nano” dell’University College di Dublino e il gruppo di Biofotonica dell’Università di Marbuurg. Lo studio è stato finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Seventh Framework Programme (FP7).

I risultati di questo studio sono stati recentemente pubblicati dalla prestigiosa rivista di nanotecnologia e nanomedicina ACSNano “Influence of Size and Shape on the Anatomical Distribution of Endotoxin-Free Gold Nanoparticle DOI: nn-2017-00497m. 30 Maggio 2017”.

Lo studio ha mostrato che, modificazioni minime nel diametro, nella forma o addirittura nella regolarità della superficie esterna (rugosità) possono influenzare significativamente l’accumulo di farmaco in un organo specifico, la sua persistenza nell’organismo, l’escrezione ed il rilascio. Ad esempio, è stato osservato che le nanoparticelle a forma di stella, ma non quelle a forma sferica o cilindrica, si accumulano selettivamente nel parenchima polmonare.

Nonostante nell’ultima decade siano stati fatti molti tentativi per favorire il trasporto diretto del nanofarmaco verso il bersaglio terapeutico, in particolare mediante il legame di molecole affini a specifici strutture delle cellule di interesse, l’impatto di tale strategia nella pratica clinica è stato pressoché nullo.

“Il presente studio – commenta Paolo Bigini, Responsabile dell’Unità di Nanobiologia dell’IRCCS Istituto di ricerche Farmacologiche ‘Mario Negri’ e coordinatore del progetto – si è focalizzato sul comportamento di nanoparticelle d’oro di differente forma o dimensione dopo somministrazione sistemica nel topo monitorando parametri estremamente importanti quali, l’accumulo in organi filtro, il passaggio di barriere biologiche e la cinetica di smaltimento.

La scelta dell’oro non è stata casuale. L’oro è infatti un materiale che può combinare proprietà di agente di contrasto, visualizzabile con Tomografia Computerizzata, con caratteristiche atte a favorire il rilascio di sostanze farmacologicamente attive in un area anatomica estremamente localizzata previa stimolazione magnetica focalizzata”.

“Sebbene ci sia ancora molta strada da percorrere – aggiunge Mario Salmona, Responsabile del Dipartimento di Biochimica e Farmacologia Molecolare dell’Istituto Mario Negri -, questo studio rappresenta un importante riferimento verso lo sviluppo di nanovettori intelligenti, in grado di raggiungere preferenzialmente un organo bersaglio e rilasciare il farmaco di interesse – E’ inoltre è importante non trascurare l’elevata qualità tecnologica, in particolare la produzione di nanovettori microbiologicamente sicuri. Questo è sicuramente un importante passo in avanti verso una seria e responsabile ricerca traslazionale”.

Galaxy Tab S3 Samsung – Per un mercato difficile

Samsung Galaxy Tab S3 è un gioiellino estetico e tecnico

Pesa 429 grammi, meno del nuovo iPad 2017.

Con l’aggiunta di una tastiera, questo tablet, dallo schermo migliore dell’iPAD PRO 9,7 Apple, può fare più o meno tutto, come un vero computer.

Samsung Galaxy Tab S3 , dipone di una nuova S Pen con 4096 livelli di pressione, punta da 0.7 mm e la piacevolezza dei Galaxy Note con una presa da vera matita e più punte a disposizione.

Chi non avesse bisogno della S Pen può pensare al vecchio Tab S2 per risparmiare ben 400 euro.

Primo tablet con Snapdragon 820 e con dispositivo mobile con schermo HDR, pronto per; Netflix e Amazon Prime Video.

Supera le 10 ore di autonomia e dispone di digitalizzatore Wacom su Android.

Non scalda.

Schermo: 9.7 pollici Super AMOLED / 2048 x 1536 pixel / Digitalizzatore Wacom 4096 livelli.

Memorie: 32 GB eMMC / microSD fino a 256 GB / RAM 4 GB.

Processore: Snapdragon 820 Quad Core 2.15 GHz + 1.6 GHz / Adreno 530.

Memorie: 32 GB eMMC / microSD fino a 256 GB / RAM 4 GB.

Batteria 6000 mAh / Alimentatore 9-5V 1.67-2A / Sensore impronte digitali.

Prezzo di lancio: 799 euro in Italia (ma il prezzo si abbasserà in breve tempo) nella versione LTE con penna inclusa (ma tastiera da acquistare a parte).

Come tutti i tablet, il Galaxy Tab S3 non potrà mai sostituire un notebook. Ma è ottimo per le cose veloci.; controllare e  vedere contenuti, crearne con la penna per  note, testi, appunti all’università, correzioni di bozze, e disegnio schizzi.

Un Chromebook da 300 euro basta per dimostrare quanto il notebook sia più comodo, più pratico e più veloce. Il Chromebook ( inventato da Google ) può essere una valida alternativa per sostituire il normale computer.

Il Chromebooks può servire a chi vuole pendere poco e disporre di un vero computer, veloce come un buon Mac, ma più semplice nell’utilizzo rispetto ad un PC Windows.

Bambini a Milano per uno spettacolo indimenticabile al …

Cosa fare a Milano in un fine settimana – weekend con figli e nipoti ?

IL FIORE PIU’ GRANDE DEL MONDO CHE EMANA UN ODORE PESTILENZIALE (ma qui non ha odore) …. LE VIPERE PIU’ VELENOSE DEL MONDO (qui sono solo perfette riproduzioni, non morderanno mai …)

Può cominciare con una visita ad un indimenticabile … museo !!!

E finire con una folle passione per la ricerca scientifica

Ma solo se il museo, sarà in grado di affascinare il bambino.

E’ quello che accade, dal  1838, con i diorami ( perfette riproduzioni che sembrano vive ) del Museo di Storia Naturale di Milano.

Oggi c’è anche una grande novità che affascinerà ancora di più piccoli, ma anche i grandi che li accompagnano. Nuovi diorami, sempre più affascinanti.

SEI NUOVE VETRINE COMPLETANO IL GIRO DEL MONDO IN 83 VETRINE

83 vetrine per vedere, come fossero vivi e nel loro ambiente naturale, leopardi, elefanti, tigri, giraffe, foreste vergini con fiori, piante, uccelli, insetti ecc… e il deserto con tutti i suoi esseri viventi … oraghi e balene, pinguini e ghiacci … come se si vivesse una grande avventura in giro per il mondo.

COSA OFFRIRE DI PIU’ AFFASCINATE AD UN BAMBINO ???

 L’ingresso è GRATUITO tutte le prime domeniche del mese !!!

ISMETT IRCCS festeggia e amplia

ISMETT IRCCS festeggia i primi vent’anni con l’ampliamento della struttura, alla presenza del presidente della Regione Sicilia  Rosario Crocetta e dell’Assessore alla Salute della Regione Siciliana, Baldo Gucciardi.

Il nuovo reparto di pediatria comprende anche una sala giochi.

SICILIA ECCELLENZA E AVANGUARDIA NEI TRAPIANTI 

ISMETT è il primo ospedale italiano dedicato interamente ai trapianti di tutti gli organi solidi (fegato, rene, cuore, polmome, pancreas)

INAUGURAZIONE DEL NUOVO:  Dipartimento di Pediatria, dispone di 10 ampie stanze di degenza singole, un’area ambulatorio e Day-Hospital, due ludoteche

ISMETT IRCCS festeggia i primi vent’anni con l’ampliamento della struttura

Sono stati anni di grandi successi e riconoscimenti per l’Istituto Mediterraneo dei Trapianti che si prepara ad affrontare un futuro di sfide e nuovi traguardi da sempre impegnato con le più innovative terapie ad alta specializzazione. Al via i nuovi spazi di cardiochirurgia e chirurgia pediatrica.

1997-2017, ISMETT (Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione) festeggia 20 anni di successi e lo fa con l’ampliamento della struttura per curare più pazienti, garantire più servizi,  e aumentare ancora di più l’efficienza. Sono passati 20 anni da quando, nel 1997, nasce ISMETT IRCCS (Istituto Mediterraneo per i trapianti) frutto di una partnership fra la Regione siciliana e UPMC (University of Pittsburgh Medical Center).

Nel corso di questi primi venti anni la struttura si è accreditata quale centro di eccellenza nel settore dei trapianti ed è diventata punto di riferimento nel bacino del mediterraneo, ricevendo nel 2014, dal Ministro della salute, l’accreditamento come Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS).

Oggi ISMETT è il primo ospedale italiano dedicato interamente ai trapianti di tutti gli organi solidi (fegato, rene, cuore, polmome, pancreas).

I numeri sui trapianti effettuati da ISMETT IRCCS in questi anni, infatti, parlano chiaro: dal primo trapianto di fegato in Sicilia (1999) sono stati effettuati oltre 1900 trapianti di cui 207 trapianti pediatrici e oltre 300 da donatore vivente, di fegato e rene. Anche i posti letto nel corso degli anni sono aumentati arrivando agli attuali 114 rispetto ai 20 posti di quando ISMETT IRCCS è nato.

Ogni anno oltre un terzo dei pazienti viene ricoverato in modalità d’urgenza, circa il 18% viene trasferito da altri ospedali, il 4,5% viene da fuori regione e l’1,5% sono pazienti internazionali.

“L’Istituto – sottolinea Angelo Luca direttore di ISMETT è un ospedale per acuti, dove il 21% dei posti letto sono di terapia intensiva, che offre cure avanzate e promuove innovazione e ricerca e dove da sempre si sperimentano nuovi modelli organizzativi e gestionali. ISMETT è pienamente integrato nella rete del Sistema sanitario regionale ed è un riferimento internazionale per molti paesi del bacino del mediterraneo e non solo. Fin dal 1999 abbiamo investito in ICT, sviluppato un sistema di telemedicina che ci collega con Pittsburgh ma anche con il territorio, e implementato un sistema di Business intelligence che ci consente di aumentare l’efficienza e la qualità delle cure.

Internamente abbiamo sviluppato 46 applicativi, l’ultimo dei quali è stato brevettato ed ha ricevuto il premio Innovazione Digitale in Sanità 2017 del Politecnico di Milano”

I NUOVI SPAZI

Per migliorare ulteriormente i servizi offerti ai pazienti che scelgono ISMETT quale struttura dove affidare la propria salute, oggi sono stati inaugurati i nuovi spazi, realizzati grazie ad un progetto PO FESR 2007-2013 costato complessivamente 17,5 milioni di euro, di cui 6,5 circa da cofinanziamento regionale e 400.0000 euro da fondi di bilancio ISMETT..

I lavori sono iniziati nel 2012. Il progetto generale è stato suddiviso in 3 lotti funzionali, ciascuno completamente autonomo. I tre lotti di costruzione, pur essendo distinti, si integrano completamente, costituendo un complesso unico armonico e molto funzionale.

A questi si aggiunge il Lotto 4, che riguarda la sola fornitura di apparecchiature mediche altamente specialistiche ed in particolare un avanzato sistema di monitoraggio dei parametri vitali e un apparecchiatura digitale per la telepatologia e altre apparecchiature. Per collegare i nuovi spazi con l’edificio principale di ISMETT, è stato realizzato un avveniristico ponte di collegamento che potrà essere utilizzato per il transito dei pazienti, anche allettati, e dello staff.

Nell’ala sud è ubicata la nuova area dedicata alla chirurgia pediatrica addominale.

Il nuovo Dipartimento di Pediatria, dispone di 10 ampie stanze di degenza singole, un’area ambulatorio e Day-Hospital, due ludoteche una pei i pazienti ricoverati e l’altra per i pazienti ambulatoriali, , una medicheria, oltre uffici e servizi generali di reparto. Nell’ala nord una degenza adulti con 23 posti letto (11 stanze di degenza doppie ed una singola), soggiorno, medicheria, uffici e servizi generali di reparto.

“E’ stata una gara contro il tempo – sottolinea Angelo Luca – perché avevamo tempi strettissimi dettati dalla scadenza del finanziamento della comunità europea. Ringrazio tutti i professionisti di ISMETT e UPMC ed i funzionari degli Assessorati coinvolti che in questi mesi hanno lavorato in piena sinergia e con grande impegno. Oggi è un giorno di festa per i cittadini utenti, le istituzioni regionali e nazionali e tutti gli operatori sanitari dell’Istituto che ogni giorno si impegnano per garantire qualità e assistenza ai nostri pazienti .

::::::::::

Nel mese di maggio 2017, un gruppo di giornalisti iscritti all’UGIS, ha visitato il centro ed ha partecipato all’inaugurazione del nuovo settore; compresa una parte dedicata alla pediatria.

Durante la visita, alcuni specialisti del settore, hanno illustrato ai giornalisti il funzionamento di questo centro di eccellenza.

Uno speciale ringraziamento a coloro che hanno aiutato i giornalisti a capire come funziona questa eccellente “macchina della salute”:

-tour dell’ospedale (a cura di A. Arcadipane, P.G. Conaldi, G. Vizzini)
-C. Scardulla , consulente Direzione di Istituto
-G. Vizzini , Direttore del Dipartimento per la Cura e lo studio delle patologie addominali e dei trapianti addominali
-A. Bertani , Responsabile dell’Unità di Chirurgia Toracica e Trapianto di Polmone
-J. de Ville de Goyet, Direttore del Dipartimento di Pediatria per la cura e lo studio delle patologie addominali e dei trapianti addominali
-S. Gruttadauria, Responsabile dell’Unità di Chirurgia Addominale e trapianto di fegato su pazienti adulti
-P.G. Conaldi , Direttore del Dipartimento di Medicina di Laboratorio e Biotecnologie Avanzate
-B. Ragonese  , Direttore del Dipartimento Accreditamento e Qualità
-A. Pietrosi   , Direttore del Dipartimento Programmazione e Controllo di Gestione
-A.  Padova   , Direttore Generale Fondazione Ri.MED.

LE BARRIERE CORALLINE RISCHIANO DI SPARIRE !

RIFLESSIONI SULLO STATO MONDIALE DELLE BARRIERE CORALLINE.

Quello che le agenzie di viaggio non vi dicono.

E’ con vero dolore che mi accingo a scrivere le mie personali  e recenti esperienze di viaggio su diverse barriere coralline e relativo inquinamento delle acque: dai Caraibi all’isola di Mauritius, alle Maldive, sino a Sry Lanka, Bali, Isole Gili e Lombok, comprese.

A differenza di quanto scritto, dallo stesso Corriere della Sera, le Isole Gili, ad esempio, non sono affatto da paragonare a quello che furono le Maldive 35 anni fa, quando il mare, anche a riva, era un solo immenso acquario.

Certamente per i sub, che vanno in profondità, non mancano grandi possibilità di soddisfazione anche oggi.

Rimane il dolore e la preoccupazione di una persona che è cresciuta leggendo i libri di Jaques Cousteau e facendo foto alla barriera corallina, soprattutto in apnea.

Come Cousteau aveva previsto, molte barriere coralline, in tutto il mondo, sono già quasi totalmente morte a causa di vari fattori.

-Inquinamento umano dovuto, in parte, semplicemente all’aumento della popolazione; anche turistica e acidificazione delle acque (porta alla dissoluzione dei gusci calcarei delle conchiglie di molluschi, echinodermi, alghe, coralli e plancton calcareo)

-Distruzione fisica dovuta al camminamento sopra la barriera, ancoraggio e passaggio delle barche.

-Distruzione totale dovuta alle sostanze chimiche utilizzate per ottenere, per esempio,  banane perfette senza macchie o marcescenza e parassiti;

queste sostanze, in Costa Rica, furono distribuite con gli aerei e causarono anche sterilità nel sesso maschile dei lavoratori.

Inoltre,  le stelle marine che divorano velocemente le madrepore, mentre queste ultime hanno una crescita lentissima, si stanno spaventosamente moltiplicando e crescendo di volume, non solo perché indifferenti all’inquinamento, ma addirittura in quanto ne traggono vantaggio; esattamente come aveva previsto Jaques Cousteau.

MARE STELLA MARINA VARIO JN

L’ultimo grande innalzamento della temperatura dell’acqua, nell’Oceano Indiano, a causa del fenomeno climatico chiamato El Niño ha lasciato tracce molto evidenti: i coralli, anche alle Maldive, sono morti sino a 17 metri di profondità.

Chi non ha mai visto una barriera corallina in ottima salute  si emoziona egualmente ammirando i pochi pesci colorati sopravvissuti e magari qualche chiazza colorata di madrepora ancora viva o appena rinata, ma vi assicuriamo che si tratta di scenografie completamente differenti.

Va detto, però, che negli ultimi tempi si registra un leggerissimo recupero, ma i tempi di crescita del corallo sono centenari; sempre nella speranza che i cambiamenti climatici non ci “regalino” altri passaggi del Niño per i prossimi anni.

Alcuni esempi di quello che abbiamo verificato personalmente negli ultimi 5-10 anni:

-le madrepore di superficie, che erano ancora vive all’isola di Tobago 21 anni fa, ora sono completamente morte e distrutte dal passaggio dei turisti e barche;

-anche nel Costa Rica abbiamo trovato abbondanza di inquinamento nelle acque; almeno nelle zone dove sorgono i centri turistici più noti della costa occidentale;

-nel parco protetto di Sharm, sul Mar Rosso, una breve apnea ha permesso di verificare che, pur continuando una notevole vita della barriera, la situazione attuale, che entusiasta tutti i turisti, è solo un pallido ricordo di quello che c’era quando la zona era sconosciuta al turismo;

-per onor del vero va precisato che in Egitto, in  generale, si può ancora ammirare una delle barriere più ricche che esistano sulla terra; ed è anche facilmente raggiungibile da riva;

alle Maldive, sino a 17 metri di profondità,  abbiamo trovato il corallo tutto grigio, con qualche pallido tentativo di ricrescita; parliamo sempre di madrepore in superficie;

-Sry Lanka, dopo 35 anni, ci è apparsa un’isola diversa; arricchita dal turismo, con intere colline di foresta vergine distrutte, prima dai venditori di legnami ormai rari e poi per far spazio ad un popolazione che cresce vertiginosamente a causa di una parvenza di benessere;

-sempre a Sry Lanka abbiamo constatato un visibile inquinamento delle acque nella parte sud ed est, anche se totalmente ignorato dalla maggioranza dei turisti assai distratti al riguardo;

non esistono impianti fognari, la popolazione cresce a dismisura insieme ai turisti, intanto il mare non riesce più a smaltire quanto prodotto dai  numerosi esseri umani presenti;

-a proposito di Sry Lanka non si può ignorare il grande inquinamento che ha investito e investe, da anni, tutta la costa occidentale

-al momento della nostra visita, era prevista un’enorme crescita di alberghi sulla zona dove si è abbattuto l’ultimo tsunami…alla faccia della sicurezza. I locali emigrati e arricchiti hanno acquistato quasi per nulla i terreni abbandonati dalle povere donne vedove che avevano visto mariti pescatori e figli morire a causa dell’onda di Tzunami e non volevano più rimanere sulla costa;

-comuni a moltissimi luoghi, ch efurono incontaminati, sono gli incendi quotidiani per smaltire i rifiuti e/o l’uso della plastica per ravvivare il fuoco dove la legna è bene prezioso e di faticoso e/o costoso reperimento;

le Maldive dispongono di un’intera isola di solo rifiuti che aversano nel mare ogni genere di prodotto introdotto dai facoltosi turisti, dalle pile esauste ai frigoriferi e apparecchi per aria condizionata rotti, computer e tutto il materiale di scarto dai lussuosi resort; torrentelli di liquidi putrescenti e assolutamente maleodoranti attraversano l’isola/pattumiera, situata di fronte alla  capitale Male;

-va precisato che il Governo Maldiviano dice di avere intenzione di prendere provvedimenti a breve da ormai 20 anni ; aspettiamo!

-alle famose isole Gili di Bali, non abbiamo trovato il paradiso acquatico che ci aspettavamo, l’isola più piccola e lontana che abbiamo visitato aveva le acque contaminate dal mercurio proveniente dalla vicina costa dalla quale per anni hanno estratto l’oro, scaricando enormi quantità di questo pericolosissimo minerale (usato nel processo dell’estrazione dell’oro) che vien assorbito dai pesci, mangiati dagli abitanti e quindi diventa un veleno per tutta la popolazione circostante.

-a Gili Travangan, paragonabile ormai a Ibiza, e sulle altre più tranquille isole, si vede ancora qualche tartaruga e pesce colorato, ma la barriera rimane grigia, almeno in superficie;

-la vicina isola di Lombok non è totalmente incontaminata come ci si aspetterebbe;

-noi abbiamo verificato acque non pulite anche sull’isola di Gili Nango, a sud ovest di Lombok;

FOTO DI COPERTINA DI Lill-Haugen- Sub e fotografa professionista.