Archivi categoria: SCIENZE E RICERCA

Inquinamento idrico – Hidro Carbon Solvent neutralizza gli gli idrocarburi

vanna@agenziapressplay.it

info@agenziapressplay.it

 Inquinamento idrico: con Hidro Carbon Solvent gli idrocarburi sono neutralizzati

Il lavaggio di superfici sporche d’olio e grasso in ambito industriale può causare la dispersione di idrocarburi in acqua, rappresentando un grave danno per l’ecosistema.

Per questo Airbank ha lanciato sul mercato HCS (Hidro Carbon Solvent), il solvente surfattante che riesce a  decomporre gli idrocarburi presenti sulle superfici, limitando l’impatto ambientale.

Neutralizzare gli idrocarburi limitando il più possibile l’impatto ambientale: è quanto è in grado di fare HCS (Hidro Carbon Solvent), la soluzione innovativa studiata da Airbank, azienda leader in Italia nel settore dell’antinquinamento e della sicurezza ambientale, per le pulizie industriali di scafi e sentine, serbatoi, impianti di raffinazione, autocisterne e vasche.

Agendo sulla tensione superficiale degli idrocarburi, il liquido surfattante HCS riesce a rompere la catena molecolare di idrogeno e carbonio: una volta scissi gli elementi, vengono incapsulati in un cuscino di acqua e ossigeno e quindi resi “biodisponibili”.

Questo significa che in pochi minuti HCS riesce a decomporre l’idrocarburo presente sulle superfici.

Senza le dovute precauzioni, il lavaggio di superfici sporche d’olio e grasso in ambito industriale e artigianale può portare al rilascio di idrocarburi in acqua che rappresenta un grave danno per l’ecosistema”, spiega Gloria Mazzoni, Presidente di Airbank. Con HCS invece viene eliminata ogni traccia di idrocarburo, la parte contaminata è resa chimicamente neutra e il potere infiammabile degli idrocarburi viene quasi totalmente abbattuto.

HCS è un concentrato ad azione veloce, è non infiammabile e, oltre ad eliminare istantaneamente i composti organici volatili, è in grado di migliorare la degradazione naturale degli idrocarburi.

Il prodotto è stato creato anche in versione “foam”, perfetto per superfici verticali o laddove si necessita di una schiumosità aggrappante e persistente.

Airbank
Airbank è l’azienda leader in Italia nel settore dell’antinquinamento e della sicurezza ambientale, ma soprattutto un’azienda a bassissimo impatto ambientale.

Grazie al suo impianto fotovoltaico, infatti, è autonoma dal punto  di vista energetico.

Da sempre percorre le vie della ricerca, dell’innovazione tecnologica e della qualità con l’unico obiettivo di produrre articoli in grado di elevare gli standard qualitativi del lavoro dell’uomo. Tra i suoi clienti la Protezione Civile, Enel, Erg, Parmalat, Amsa e Trenitalia.

Maggiori informazioni sul sito istituzionale www.airbank.it

NANOPARTICELLE – La forma geometrica di nanovettorI per migliorare l’efficienza di trasporto di farmaci

Studio internazionale, coordinato dall’Istituto ‘Mario Negri’, pubblicato su ACSNano

La forma geometrica del nanovettore può migliorare  l’efficienza di trasporto di farmaci verso l’organo bersaglio.

La validazione della relazione tra la struttura del nanovettore e il trasporto all’organo specifico potrà avere un’importante ricaduta nell’ambito dello sviluppo di farmaci e agenti diagnostici di nuova generazione.

 – Forma geometrica e dimensione sono due fattori fondamentali per indirizzare nanovettori a uso biomedico verso uno specifico organo bersaglio.

Questa interessante scoperta nel campo della nanomedicina e della diagnostica per immagini è il frutto di una collaborazione tra il Dipartimento di Biochimica e Farmacologia dell’IRCCS – Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, il “Centro di Interazione Bio-Nano” dell’University College di Dublino e il gruppo di Biofotonica dell’Università di Marbuurg. Lo studio è stato finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del Seventh Framework Programme (FP7).

I risultati di questo studio sono stati recentemente pubblicati dalla prestigiosa rivista di nanotecnologia e nanomedicina ACSNano “Influence of Size and Shape on the Anatomical Distribution of Endotoxin-Free Gold Nanoparticle DOI: nn-2017-00497m. 30 Maggio 2017”.

Lo studio ha mostrato che, modificazioni minime nel diametro, nella forma o addirittura nella regolarità della superficie esterna (rugosità) possono influenzare significativamente l’accumulo di farmaco in un organo specifico, la sua persistenza nell’organismo, l’escrezione ed il rilascio. Ad esempio, è stato osservato che le nanoparticelle a forma di stella, ma non quelle a forma sferica o cilindrica, si accumulano selettivamente nel parenchima polmonare.

Nonostante nell’ultima decade siano stati fatti molti tentativi per favorire il trasporto diretto del nanofarmaco verso il bersaglio terapeutico, in particolare mediante il legame di molecole affini a specifici strutture delle cellule di interesse, l’impatto di tale strategia nella pratica clinica è stato pressoché nullo.

“Il presente studio – commenta Paolo Bigini, Responsabile dell’Unità di Nanobiologia dell’IRCCS Istituto di ricerche Farmacologiche ‘Mario Negri’ e coordinatore del progetto – si è focalizzato sul comportamento di nanoparticelle d’oro di differente forma o dimensione dopo somministrazione sistemica nel topo monitorando parametri estremamente importanti quali, l’accumulo in organi filtro, il passaggio di barriere biologiche e la cinetica di smaltimento.

La scelta dell’oro non è stata casuale. L’oro è infatti un materiale che può combinare proprietà di agente di contrasto, visualizzabile con Tomografia Computerizzata, con caratteristiche atte a favorire il rilascio di sostanze farmacologicamente attive in un area anatomica estremamente localizzata previa stimolazione magnetica focalizzata”.

“Sebbene ci sia ancora molta strada da percorrere – aggiunge Mario Salmona, Responsabile del Dipartimento di Biochimica e Farmacologia Molecolare dell’Istituto Mario Negri -, questo studio rappresenta un importante riferimento verso lo sviluppo di nanovettori intelligenti, in grado di raggiungere preferenzialmente un organo bersaglio e rilasciare il farmaco di interesse – E’ inoltre è importante non trascurare l’elevata qualità tecnologica, in particolare la produzione di nanovettori microbiologicamente sicuri. Questo è sicuramente un importante passo in avanti verso una seria e responsabile ricerca traslazionale”.

Galaxy Tab S3 Samsung – Per un mercato difficile

Samsung Galaxy Tab S3 è un gioiellino estetico e tecnico

Pesa 429 grammi, meno del nuovo iPad 2017.

Con l’aggiunta di una tastiera, questo tablet, dallo schermo migliore dell’iPAD PRO 9,7 Apple, può fare più o meno tutto, come un vero computer.

Samsung Galaxy Tab S3 , dipone di una nuova S Pen con 4096 livelli di pressione, punta da 0.7 mm e la piacevolezza dei Galaxy Note con una presa da vera matita e più punte a disposizione.

Chi non avesse bisogno della S Pen può pensare al vecchio Tab S2 per risparmiare ben 400 euro.

Primo tablet con Snapdragon 820 e con dispositivo mobile con schermo HDR, pronto per; Netflix e Amazon Prime Video.

Supera le 10 ore di autonomia e dispone di digitalizzatore Wacom su Android.

Non scalda.

Schermo: 9.7 pollici Super AMOLED / 2048 x 1536 pixel / Digitalizzatore Wacom 4096 livelli.

Memorie: 32 GB eMMC / microSD fino a 256 GB / RAM 4 GB.

Processore: Snapdragon 820 Quad Core 2.15 GHz + 1.6 GHz / Adreno 530.

Memorie: 32 GB eMMC / microSD fino a 256 GB / RAM 4 GB.

Batteria 6000 mAh / Alimentatore 9-5V 1.67-2A / Sensore impronte digitali.

Prezzo di lancio: 799 euro in Italia (ma il prezzo si abbasserà in breve tempo) nella versione LTE con penna inclusa (ma tastiera da acquistare a parte).

Come tutti i tablet, il Galaxy Tab S3 non potrà mai sostituire un notebook. Ma è ottimo per le cose veloci.; controllare e  vedere contenuti, crearne con la penna per  note, testi, appunti all’università, correzioni di bozze, e disegnio schizzi.

Un Chromebook da 300 euro basta per dimostrare quanto il notebook sia più comodo, più pratico e più veloce. Il Chromebook ( inventato da Google ) può essere una valida alternativa per sostituire il normale computer.

Il Chromebooks può servire a chi vuole pendere poco e disporre di un vero computer, veloce come un buon Mac, ma più semplice nell’utilizzo rispetto ad un PC Windows.

Bambini a Milano per uno spettacolo indimenticabile al …

Cosa fare a Milano in un fine settimana – weekend con figli e nipoti ?

IL FIORE PIU’ GRANDE DEL MONDO CHE EMANA UN ODORE PESTILENZIALE (ma qui non ha odore) …. LE VIPERE PIU’ VELENOSE DEL MONDO (qui sono solo perfette riproduzioni, non morderanno mai …)

Può cominciare con una visita ad un indimenticabile … museo !!!

E finire con una folle passione per la ricerca scientifica

Ma solo se il museo, sarà in grado di affascinare il bambino.

E’ quello che accade, dal  1838, con i diorami ( perfette riproduzioni che sembrano vive ) del Museo di Storia Naturale di Milano.

Oggi c’è anche una grande novità che affascinerà ancora di più piccoli, ma anche i grandi che li accompagnano. Nuovi diorami, sempre più affascinanti.

SEI NUOVE VETRINE COMPLETANO IL GIRO DEL MONDO IN 83 VETRINE

83 vetrine per vedere, come fossero vivi e nel loro ambiente naturale, leopardi, elefanti, tigri, giraffe, foreste vergini con fiori, piante, uccelli, insetti ecc… e il deserto con tutti i suoi esseri viventi … oraghi e balene, pinguini e ghiacci … come se si vivesse una grande avventura in giro per il mondo.

COSA OFFRIRE DI PIU’ AFFASCINATE AD UN BAMBINO ???

 L’ingresso è GRATUITO tutte le prime domeniche del mese !!!

ISMETT IRCCS festeggia e amplia

ISMETT IRCCS festeggia i primi vent’anni con l’ampliamento della struttura, alla presenza del presidente della Regione Sicilia  Rosario Crocetta e dell’Assessore alla Salute della Regione Siciliana, Baldo Gucciardi.

Il nuovo reparto di pediatria comprende anche una sala giochi.

SICILIA ECCELLENZA E AVANGUARDIA NEI TRAPIANTI 

ISMETT è il primo ospedale italiano dedicato interamente ai trapianti di tutti gli organi solidi (fegato, rene, cuore, polmome, pancreas)

INAUGURAZIONE DEL NUOVO:  Dipartimento di Pediatria, dispone di 10 ampie stanze di degenza singole, un’area ambulatorio e Day-Hospital, due ludoteche

ISMETT IRCCS festeggia i primi vent’anni con l’ampliamento della struttura

Sono stati anni di grandi successi e riconoscimenti per l’Istituto Mediterraneo dei Trapianti che si prepara ad affrontare un futuro di sfide e nuovi traguardi da sempre impegnato con le più innovative terapie ad alta specializzazione. Al via i nuovi spazi di cardiochirurgia e chirurgia pediatrica.

1997-2017, ISMETT (Istituto Mediterraneo per i Trapianti e Terapie ad Alta Specializzazione) festeggia 20 anni di successi e lo fa con l’ampliamento della struttura per curare più pazienti, garantire più servizi,  e aumentare ancora di più l’efficienza. Sono passati 20 anni da quando, nel 1997, nasce ISMETT IRCCS (Istituto Mediterraneo per i trapianti) frutto di una partnership fra la Regione siciliana e UPMC (University of Pittsburgh Medical Center).

Nel corso di questi primi venti anni la struttura si è accreditata quale centro di eccellenza nel settore dei trapianti ed è diventata punto di riferimento nel bacino del mediterraneo, ricevendo nel 2014, dal Ministro della salute, l’accreditamento come Istituto di Ricerca e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS).

Oggi ISMETT è il primo ospedale italiano dedicato interamente ai trapianti di tutti gli organi solidi (fegato, rene, cuore, polmome, pancreas).

I numeri sui trapianti effettuati da ISMETT IRCCS in questi anni, infatti, parlano chiaro: dal primo trapianto di fegato in Sicilia (1999) sono stati effettuati oltre 1900 trapianti di cui 207 trapianti pediatrici e oltre 300 da donatore vivente, di fegato e rene. Anche i posti letto nel corso degli anni sono aumentati arrivando agli attuali 114 rispetto ai 20 posti di quando ISMETT IRCCS è nato.

Ogni anno oltre un terzo dei pazienti viene ricoverato in modalità d’urgenza, circa il 18% viene trasferito da altri ospedali, il 4,5% viene da fuori regione e l’1,5% sono pazienti internazionali.

“L’Istituto – sottolinea Angelo Luca direttore di ISMETT è un ospedale per acuti, dove il 21% dei posti letto sono di terapia intensiva, che offre cure avanzate e promuove innovazione e ricerca e dove da sempre si sperimentano nuovi modelli organizzativi e gestionali. ISMETT è pienamente integrato nella rete del Sistema sanitario regionale ed è un riferimento internazionale per molti paesi del bacino del mediterraneo e non solo. Fin dal 1999 abbiamo investito in ICT, sviluppato un sistema di telemedicina che ci collega con Pittsburgh ma anche con il territorio, e implementato un sistema di Business intelligence che ci consente di aumentare l’efficienza e la qualità delle cure.

Internamente abbiamo sviluppato 46 applicativi, l’ultimo dei quali è stato brevettato ed ha ricevuto il premio Innovazione Digitale in Sanità 2017 del Politecnico di Milano”

I NUOVI SPAZI

Per migliorare ulteriormente i servizi offerti ai pazienti che scelgono ISMETT quale struttura dove affidare la propria salute, oggi sono stati inaugurati i nuovi spazi, realizzati grazie ad un progetto PO FESR 2007-2013 costato complessivamente 17,5 milioni di euro, di cui 6,5 circa da cofinanziamento regionale e 400.0000 euro da fondi di bilancio ISMETT..

I lavori sono iniziati nel 2012. Il progetto generale è stato suddiviso in 3 lotti funzionali, ciascuno completamente autonomo. I tre lotti di costruzione, pur essendo distinti, si integrano completamente, costituendo un complesso unico armonico e molto funzionale.

A questi si aggiunge il Lotto 4, che riguarda la sola fornitura di apparecchiature mediche altamente specialistiche ed in particolare un avanzato sistema di monitoraggio dei parametri vitali e un apparecchiatura digitale per la telepatologia e altre apparecchiature. Per collegare i nuovi spazi con l’edificio principale di ISMETT, è stato realizzato un avveniristico ponte di collegamento che potrà essere utilizzato per il transito dei pazienti, anche allettati, e dello staff.

Nell’ala sud è ubicata la nuova area dedicata alla chirurgia pediatrica addominale.

Il nuovo Dipartimento di Pediatria, dispone di 10 ampie stanze di degenza singole, un’area ambulatorio e Day-Hospital, due ludoteche una pei i pazienti ricoverati e l’altra per i pazienti ambulatoriali, , una medicheria, oltre uffici e servizi generali di reparto. Nell’ala nord una degenza adulti con 23 posti letto (11 stanze di degenza doppie ed una singola), soggiorno, medicheria, uffici e servizi generali di reparto.

“E’ stata una gara contro il tempo – sottolinea Angelo Luca – perché avevamo tempi strettissimi dettati dalla scadenza del finanziamento della comunità europea. Ringrazio tutti i professionisti di ISMETT e UPMC ed i funzionari degli Assessorati coinvolti che in questi mesi hanno lavorato in piena sinergia e con grande impegno. Oggi è un giorno di festa per i cittadini utenti, le istituzioni regionali e nazionali e tutti gli operatori sanitari dell’Istituto che ogni giorno si impegnano per garantire qualità e assistenza ai nostri pazienti .

::::::::::

Nel mese di maggio 2017, un gruppo di giornalisti iscritti all’UGIS, ha visitato il centro ed ha partecipato all’inaugurazione del nuovo settore; compresa una parte dedicata alla pediatria.

Durante la visita, alcuni specialisti del settore, hanno illustrato ai giornalisti il funzionamento di questo centro di eccellenza.

Uno speciale ringraziamento a coloro che hanno aiutato i giornalisti a capire come funziona questa eccellente “macchina della salute”:

-tour dell’ospedale (a cura di A. Arcadipane, P.G. Conaldi, G. Vizzini)
-C. Scardulla , consulente Direzione di Istituto
-G. Vizzini , Direttore del Dipartimento per la Cura e lo studio delle patologie addominali e dei trapianti addominali
-A. Bertani , Responsabile dell’Unità di Chirurgia Toracica e Trapianto di Polmone
-J. de Ville de Goyet, Direttore del Dipartimento di Pediatria per la cura e lo studio delle patologie addominali e dei trapianti addominali
-S. Gruttadauria, Responsabile dell’Unità di Chirurgia Addominale e trapianto di fegato su pazienti adulti
-P.G. Conaldi , Direttore del Dipartimento di Medicina di Laboratorio e Biotecnologie Avanzate
-B. Ragonese  , Direttore del Dipartimento Accreditamento e Qualità
-A. Pietrosi   , Direttore del Dipartimento Programmazione e Controllo di Gestione
-A.  Padova   , Direttore Generale Fondazione Ri.MED.

LE BARRIERE CORALLINE RISCHIANO DI SPARIRE !

RIFLESSIONI SULLO STATO MONDIALE DELLE BARRIERE CORALLINE.

Quello che le agenzie di viaggio non vi dicono.

E’ con vero dolore che mi accingo a scrivere le mie personali  e recenti esperienze di viaggio su diverse barriere coralline e relativo inquinamento delle acque: dai Caraibi all’isola di Mauritius, alle Maldive, sino a Sry Lanka, Bali, Isole Gili e Lombok, comprese.

A differenza di quanto scritto, dallo stesso Corriere della Sera, le Isole Gili, ad esempio, non sono affatto da paragonare a quello che furono le Maldive 35 anni fa, quando il mare, anche a riva, era un solo immenso acquario.

Certamente per i sub, che vanno in profondità, non mancano grandi possibilità di soddisfazione anche oggi.

Rimane il dolore e la preoccupazione di una persona che è cresciuta leggendo i libri di Jaques Cousteau e facendo foto alla barriera corallina, soprattutto in apnea.

Come Cousteau aveva previsto, molte barriere coralline, in tutto il mondo, sono già quasi totalmente morte a causa di vari fattori.

-Inquinamento umano dovuto, in parte, semplicemente all’aumento della popolazione; anche turistica e acidificazione delle acque (porta alla dissoluzione dei gusci calcarei delle conchiglie di molluschi, echinodermi, alghe, coralli e plancton calcareo)

-Distruzione fisica dovuta al camminamento sopra la barriera, ancoraggio e passaggio delle barche.

-Distruzione totale dovuta alle sostanze chimiche utilizzate per ottenere, per esempio,  banane perfette senza macchie o marcescenza e parassiti;

queste sostanze, in Costa Rica, furono distribuite con gli aerei e causarono anche sterilità nel sesso maschile dei lavoratori.

Inoltre,  le stelle marine che divorano velocemente le madrepore, mentre queste ultime hanno una crescita lentissima, si stanno spaventosamente moltiplicando e crescendo di volume, non solo perché indifferenti all’inquinamento, ma addirittura in quanto ne traggono vantaggio; esattamente come aveva previsto Jaques Cousteau.

MARE STELLA MARINA VARIO JN

L’ultimo grande innalzamento della temperatura dell’acqua, nell’Oceano Indiano, a causa del fenomeno climatico chiamato El Niño ha lasciato tracce molto evidenti: i coralli, anche alle Maldive, sono morti sino a 17 metri di profondità.

Chi non ha mai visto una barriera corallina in ottima salute  si emoziona egualmente ammirando i pochi pesci colorati sopravvissuti e magari qualche chiazza colorata di madrepora ancora viva o appena rinata, ma vi assicuriamo che si tratta di scenografie completamente differenti.

Va detto, però, che negli ultimi tempi si registra un leggerissimo recupero, ma i tempi di crescita del corallo sono centenari; sempre nella speranza che i cambiamenti climatici non ci “regalino” altri passaggi del Niño per i prossimi anni.

Alcuni esempi di quello che abbiamo verificato personalmente negli ultimi 5-10 anni:

-le madrepore di superficie, che erano ancora vive all’isola di Tobago 21 anni fa, ora sono completamente morte e distrutte dal passaggio dei turisti e barche;

-anche nel Costa Rica abbiamo trovato abbondanza di inquinamento nelle acque; almeno nelle zone dove sorgono i centri turistici più noti della costa occidentale;

-nel parco protetto di Sharm, sul Mar Rosso, una breve apnea ha permesso di verificare che, pur continuando una notevole vita della barriera, la situazione attuale, che entusiasta tutti i turisti, è solo un pallido ricordo di quello che c’era quando la zona era sconosciuta al turismo;

-per onor del vero va precisato che in Egitto, in  generale, si può ancora ammirare una delle barriere più ricche che esistano sulla terra; ed è anche facilmente raggiungibile da riva;

alle Maldive, sino a 17 metri di profondità,  abbiamo trovato il corallo tutto grigio, con qualche pallido tentativo di ricrescita; parliamo sempre di madrepore in superficie;

-Sry Lanka, dopo 35 anni, ci è apparsa un’isola diversa; arricchita dal turismo, con intere colline di foresta vergine distrutte, prima dai venditori di legnami ormai rari e poi per far spazio ad un popolazione che cresce vertiginosamente a causa di una parvenza di benessere;

-sempre a Sry Lanka abbiamo constatato un visibile inquinamento delle acque nella parte sud ed est, anche se totalmente ignorato dalla maggioranza dei turisti assai distratti al riguardo;

non esistono impianti fognari, la popolazione cresce a dismisura insieme ai turisti, intanto il mare non riesce più a smaltire quanto prodotto dai  numerosi esseri umani presenti;

-a proposito di Sry Lanka non si può ignorare il grande inquinamento che ha investito e investe, da anni, tutta la costa occidentale

-al momento della nostra visita, era prevista un’enorme crescita di alberghi sulla zona dove si è abbattuto l’ultimo tsunami…alla faccia della sicurezza. I locali emigrati e arricchiti hanno acquistato quasi per nulla i terreni abbandonati dalle povere donne vedove che avevano visto mariti pescatori e figli morire a causa dell’onda di Tzunami e non volevano più rimanere sulla costa;

-comuni a moltissimi luoghi, ch efurono incontaminati, sono gli incendi quotidiani per smaltire i rifiuti e/o l’uso della plastica per ravvivare il fuoco dove la legna è bene prezioso e di faticoso e/o costoso reperimento;

le Maldive dispongono di un’intera isola di solo rifiuti che aversano nel mare ogni genere di prodotto introdotto dai facoltosi turisti, dalle pile esauste ai frigoriferi e apparecchi per aria condizionata rotti, computer e tutto il materiale di scarto dai lussuosi resort; torrentelli di liquidi putrescenti e assolutamente maleodoranti attraversano l’isola/pattumiera, situata di fronte alla  capitale Male;

-va precisato che il Governo Maldiviano dice di avere intenzione di prendere provvedimenti a breve da ormai 20 anni ; aspettiamo!

-alle famose isole Gili di Bali, non abbiamo trovato il paradiso acquatico che ci aspettavamo, l’isola più piccola e lontana che abbiamo visitato aveva le acque contaminate dal mercurio proveniente dalla vicina costa dalla quale per anni hanno estratto l’oro, scaricando enormi quantità di questo pericolosissimo minerale (usato nel processo dell’estrazione dell’oro) che vien assorbito dai pesci, mangiati dagli abitanti e quindi diventa un veleno per tutta la popolazione circostante.

-a Gili Travangan, paragonabile ormai a Ibiza, e sulle altre più tranquille isole, si vede ancora qualche tartaruga e pesce colorato, ma la barriera rimane grigia, almeno in superficie;

-la vicina isola di Lombok non è totalmente incontaminata come ci si aspetterebbe;

-noi abbiamo verificato acque non pulite anche sull’isola di Gili Nango, a sud ovest di Lombok;

FOTO DI COPERTINA DI Lill-Haugen- Sub e fotografa professionista.

Ecologia e ricerca scientifica – Airbank – Dai frigoriferi usati la polvere assorbente ecologica

Assorbe l’olio anche in acqua, rendendola limpida e decontaminata al 95%

Economia circolare:

dai frigoriferi usati la polvere assorbente ecologica che rispetta l’ambiente.

Dal recupero del poliuretano dei frigoriferi, Airbank ha creato OKO-PUR,  l’assorbente ecologico per oli e benzine più utilizzato in Europa.

Per produrne 1 Kg si evita l’emissione di 250 kg di CO2 nell’atmosfera, risparmiando su energia e materie prime.

OKO-PUR fornisce un importante contributo nelle situazioni di inquinamento idrico: è studiato per assorbire oli, grassi, benzina, gasolio, vernici e prodotti chimici presenti sul suolo degli ambienti di lavoro ed è certificato come assorbente per sedi stradali trafficate.

Assorbe l’olio anche in acqua, rendendola limpida e decontaminata al 95%.

Recuperare RAEE (Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) per ottenere un prodotto in grado di rispettare l’ambiente e assicurare l’assorbimento di oli, grassi, benzina, gasolio, vernici e prodotti chimici presenti sul suolo degli ambienti di lavoro.

È quanto fa Airbank, azienda emiliana leader in Italia nel settore della sicurezza ambientale, con OKO-PUR, l’assorbente ecologico per oli e idrocarburi più utilizzato in Europa, realizzato dal riciclo del poliuretano, materiale ricavato dalla parte isolante dei frigoriferi in rottamazione.

In media ogni frigorifero contiene 4 kg di poliuretano, che corrisponde a circa il 15% del materiale di cui è composto l’elettrodomestico. In questo modo, OKO-PUR è l’unico assorbente che ha anche un effetto positivo sul clima: per produrne 1 Kg si evita infatti l’emissione di 250 kg di CO2 nell’atmosfera, risparmiando su energia e materie prime e contribuendo a proteggere l’ambiente.

Studiato appositamente per l’assorbimento di oli, grassi, benzina, gasolio, vernici e prodotti chimici presenti sul suolo degli ambienti di lavoro, OKO-PUR è un prodotto di facile impiego, da utilizzare come comune segatura, ma con caratteristiche che lo rendono unico al mondo: è in grado di assorbire l’olio anche in acqua, rendendola limpida e decontaminata al 95% e formando grandi grumi che possono essere poi facilmente recuperati.

Disponibile sia in polvere che in granuli, OKO-PUR ha una capacità di assorbimento molto elevata, che va da 3,7 a 10 volte il proprio peso: con il contenuto di un sacco da 6,8 kg si assorbono 30/80 kg di liquidi.

Le possibilità di utilizzo del prodotto, inoltre, non si limitano agli ambienti di lavoro: OKO PUR può fornire un importante contributo nelle situazioni di inquinamento idrico confinato e in più è stato certificato come ottimo assorbente per sedi stradali trafficate.

“Idrorepellente, antiderapante, non produce fanghi e non solidifica, non assorbe l’acqua in caso di pioggia e ha un costo di smaltimento notevolmente ridotto:

OKO-PUR è un prodotto innovativo che esemplifica il concetto di economia circolare, pensa all’ambiente ed ha una serie di caratteristiche che lo rendono vantaggioso anche dal punto di vista economico”, sottolinea Gloria Mazzoni, presidente di Airbank.

Airbank
Airbank è l’azienda leader in Italia nel settore dell’antinquinamento e della sicurezza ambientale, ma soprattutto un’azienda a bassissimo impatto ambientale. Grazie al suo impianto fotovoltaico, infatti, è autonoma dal punto  di vista energetico.
Da sempre percorre le vie della ricerca, dell’innovazione tecnologica e della qualità con l’unico obiettivo di produrre articoli in grado di elevare gli standard qualitativi del lavoro dell’uomo. Tra i suoi clienti la Protezione Civile, Enel, Erg, Parmalat, Amsa e Trenitalia.

Maggiori informazioni sul sito istituzionale www.airbank.it

BALENA IN SENATO – “Giallo ocra. Il mistero del fossile di Matera” – Fossile di balenottera risalente al Pleistocene

Parigi. Museo di Scienze Naturali; scheletro di balena.

Il più grande animale ad aver mai nuotato nel Mediterraneo

Documentario scientifico

Una balena in Senato

Approda in Parlamento “Giallo ocra. Il mistero del fossile di Matera”, documentario scientifico che racconta la storia di Giuliana, il fossile di balenottera risalente al Pleistocene più grande scoperto al mondo.

Rinvenuta a Matera l’8 agosto del 2006, è ritenuta dagli scienziati il più grande animale ad aver mai nuotato nel Mediterraneo. Ma è ancora chiusa nelle casse…

 È lunga più di 25 metri, misura stimata grazie al ritrovamento del cranio, largo da zigomo a zigomo ben 2,88 metri. Misure raggiunte oggi soltanto dalla balenottera azzurra (Balaenoptera musculus) e la balenottera comune (Balaenoptera physalus) che con i loro 33 e 26 metri circa sono i più grandi animali che vivono sul nostro pianeta.

Giuliana, così chiamata per via della diga di San Giuliano a Matera (Basilicata) in cui fu scoperta l’8 agosto del 2006, è la balenottera fossile risalente al Pleistocene (circa 1 milione di anni fa) più grande rinvenuta al mondo.

A 10 anni dalla sua scoperta, però, questo bene culturale, importante per le implicazioni sulla conoscenza dell’evoluzione di questa specie e per comprendere anche alcuni aspetti dei cambiamenti climatici, prezioso anche in ambito turistico-economico, non è stato ancora studiato, restaurato ed esposto in un museo.

Questa storia, sconosciuta e dimenticata dalle istituzioni, venne consegnata all’opinione pubblica l’8 ottobre 2016, con la proiezione in anteprima nazionale a Futuro Remoto, festival delle Scienze di Napoli, del documentario di divulgazione scientifica “Giallo ocra – Il mistero del fossile di Matera”. Scritto e diretto dal giornalista scientifico, divulgatore e filmaker Renato Sartini, dallo stesso co-prodotto con la Video Eikon di Giovanni Bruno, è stato proiettato in Senato il 26 aprile p.v. presso la Sala Caduti di Nassirya, inizio ore 12:00.

Per approfondimenti sulla balenottera di Matera: www.renatosartini.it.

L’evento è un’iniziativa del Senatore Giovanni Barozzino che, a seguito della prima del documentario, si è da subito impegnato affinché questa storia finisse sotto i riflettori del Parlamento con Interrogazione parlamentare con risposta scritta fatta al Ministro Franceschini (Seduta n.693 del 5/10/2016).

A oggi il documentario sulla balenottera sembra aver “smosso le acque”.

L’importanza di Giuliana
Per il valore scientifico e lo storytelling il documentario ha ricevuto il patrocinato non oneroso delle più importanti Istituzioni scientifiche pubbliche e private italiane: Cnr, Enea, Ingv, Ispra, Società Geografica Italiana, Società Geologica Italiana, Società Paleontologica Italiana. E del Mibact (patrocinio alla presentazione), Regione Basilicata, Comune di Matera, Museo di Storia Naturale di Pisa, Università della Basilicata e Associazione Culturale Divulgo.

«Giuliana è una di quelle innumerevoli e ambiti pezzi seminati da madre natura che ogni ricercatore spera di trovare per poterlo aggiungere al complicato mosaico della storia del nostro pianeta» racconta Renato Sartini, «ma è ancora chiusa nelle casse in cui è stata conservata nel corso delle tre campagne di recupero. Fatte a cavallo tra il 2007 e il 2011. Eppure le premesse, basate sulla misurazione delle dimensioni e valutazione delle caratteristiche e tipo di dei resti fossili ritrovati, già facevano presagire dal primo sopralluogo dei paleontologi ‘una scoperta eccezionale’», come sottolinea nel corso del documentario uno dei protagonisti, il professor Walter Landini, ordinario di paleontologia dell’Università di Pisa, che insieme ai paleontologi Angelo Varola dell’Università del Salento e Giovanni Bianucci dell’Università di Pisa si sono occupati del cetaceo fin dall’estate del 2006, dopo che l’8 agosto fu ritrovata da Vincenzo Ventricelli, un anziano agricoltore del posto.

Cos’è stato trovato della balenottera

«Della balenottera di San Giuliano sono ritrovate 12 vertebre toraciche con un diametro superiore ai 20 centimetri» spiega Bianucci, «diverse costole, di cui una lunga oltre 3 metri.

Ma anche la pinna pettorale costituita da scapola, omero, radio, ulna e diverse falangi.

Del cranio, che è la parte scientificamente più importante dello scheletro, è stata ritrovata la porzione posteriore, cioè quella parte che includeva il cervello, e una parte del rostro: mandibola e mascella, cioè quella porzione del cranio che sosteneva nella bocca i fanoni. Che sono una caratteristica tipica di un misticeto, cioè di un cetaceo che al posto dei denti è dotato di lamine costituite da tessuto di cheratina. A forma ti pettine, servono all’animale come setaccio per espellere l’acqua dalla grande bocca così da poter trattenere i piccoli animali di cui si nutre».

Un altro elemento che è stato ritrovato nel 2008 e che rappresenta una rarità in paleontologia è la bulla timpanica, un elemento molto importante che ha da subito permesso di attribuire questo scheletro al genere balenottera.
«Il cranio è molto importante» sottolinea Varola, l’unico dei tre paleontologi ad aver partecipato anche al recupero del cranio nel 2011. «Per comprendere il tipo di cetaceo è stato importante trovare l’occipite, la parte dei mascellari e pre mascellari e le ossa zigomatiche. Ma soprattutto le bulle timpaniche. Queste si trovano anatomicamente sotto al cranio e sono difficili da trovare perché sono tenute attaccate al cranio da tessuti molli. Motivo per il quale, dopo un certo periodo dalla morte dell’individuo si staccano, ed essendo di struttura molto pesante, un tessuto di tipo pacheostotico, tendono a rotolare verso il basso e ad allontanarsi dallo scheletro».

Individuato nel corso dello scavo del 2008 ma recuperato soltanto nel 2011, il cranio, al fine della sua conservazione, è stato cosparso di materiali particolari per preservarlo dagli agenti atmosferici. È stato incamiciato con delle resine speciali e del gesso, così come si fa per bloccare una frattura. Tutto quello che è stato utilizzato è materiale reversibile, che potrà poi essere asportato quando verrà studiato il fossile, senza danneggerà le parti ossee. Dopo di ciò è stato chiuso in cassa di legno riempite di materiali resistenti come argilla espansa e poliuretano, imbragato e trasportato nell’area industriale di Matera, presso i magazzini della Soprintendenza. Oggi si trovano presso il Museo Archeologico Nazionale “Domenico Ridola” della città. E non sono state mai aperte per studiare, restaurare e rendere fruibile al pubblico i resti della balenottera.

Cosa ci racconta del nostro pianeta la balenottera di San Giuliano

Dalle sole dimensioni di alcune parti, la balenottera, nonostante non sia ancora stata studiata a fondo, ci dà importanti informazioni sull’evoluzione di questi cetacei e sui cambiamenti climatici.

«È il più grande fossile di balenottera ritrovata al mondo risalente al Calabriano, cioè a quell’arco di tempo dell’epoca del Pleistocene compreso tra 1.8 milioni e 781mila anni fa. Forse la più grande ad aver mai nuotato nel Mediterraneo» spiega nel documentario Bianucci. «Il recupero del cranio ha permesso di stimare in 25 metri la lunghezza della balenottera, misure raggiunte oggi soltanto dalla balenottera azzurra e dalla balenottera comune che, con i loro 33 e 26 metri circa, sono i più grandi animali che vivono sul pianeta. E poiché quanto più grande è la massa di un corpo tanto più lenta è la sua perdita di calore in acque fredde, il ritrovamento di questo fossile confermerebbe la teoria secondo la quale l’aumento delle dimensioni di questi cetacei sarebbe, dal punto di vista evolutivo, una risposta alle glaciazioni registrate sulla Terra negli ultimi 2 milioni di anni». Che rappresenta un importante tassello per comprendere meglio anche l’evoluzione dei cambiamenti climatici.

Il rapporto tra il recente terremoto distruttivo del Centro Italia e la balenottera

Altre importanti informazioni ci vengono da una parziale ricostruzione, da approfondire aprendo le casse in cui è conservata, dell’antico ambiente in cui è morta.

Che ci raccontano anche dei movimenti della crosta terrestre.

Gli stessi che sono alla base dei terremoti lungo tutta la catena appenninica italiana, la spina dorsale di montagne che segna il centro di quasi tutta la penisola.

«La presenza di flora e di fauna fossile presenti nel terreno scavato che avvolgevano la balenottera è risultata significativa per la definizione dell’antico ambiente in cui è morta, e per la ricostruzione del fondale in cui si è adagiata e che è diventato il suo sarcofago d’argilla» spiega Landini. «In particolare abbiamo trovato pesci lanterna, che vivono a qualche centinaio di metri di profondità, zoopycus, che sono resti di organismi limivori che si nutrono di detrito organico sui fondali, anch’essi che vivono ad alcune centinaia di metri.

Ma anche molluschi che vivono, invece, in acque aperte, oceaniche, fresche, e sono gli pteropodi.

Tutto questo indica un ambiente complessivo intorno ai 500, 600 metri di profondità.

Un altro elemento estremamente utile per ricostruire l’intera forma dell’antico bacino in cui è morta è risultato dalla presenza di posidonie: sono resti d’origine vegetali che vivono tra zero e 50, 60 metri di profondità. Questa grande presenza può essere spiegata con l’esistenza di un fondale molto molto ripido, quindi che scendeva quasi in verticale dalla parte emersa fino all’ambiente in cui abbiamo trovato il reperto».

Che quindi si trovava in un fondale profondo, cosa che spiega la presenza di argille che si formano per pressioni elevate.

Ma cos’è successo allora?

E come ha fatto ad arrivare una balenottera sulle colline della Basilicata, a 100 metri sul livello del mare e a circa 40 chilometri dalla costa del Mar Jonio?

È stato a causa di un’antico maremoto con relativo tsunami, o per un passato global warming in grado di sciogliere le riserve d’acqua congelate nelle calotte polari o sui ghiacciai alzando il livello del mare fino a 100 metri?

Il documentario spiega proprio questo aspetto al profano che, abituato a sentir parlare sempre di climate change e scioglimenti, non riesce a pensare a una causa diversa. Perché la soluzione del mistero e “sotto i piedi di tutti”.

Ed è legata a stretto giro con il recente terremoto che ha colpito il Centro Italia. La balenottera di San Giuliano, infatti, è un “regalo” di quelle stesse forze che il 24 agosto hanno scosso il centro Italia con un sisma di grado 6 della scala Richter. Distruggendo i paesini di Accumuli, Amatrice e Arquata del Tronto. Causando quasi 300 morti e mettendo fuori uso, come ha comunicato la Protezione Civile italiana, 1486 edifici e rendendone temporaneamente o parzialmente inagibili altri 713. Sono state proprio loro in milioni di anni a sollevare di circa 600 metri il fondale su cui si adagiò la balenottera. Diventata, poi, la sua tomba.

La Fossa Bradanica
Per scoprire questo incredibile sollevamento di un territorio basta andare a Miglionico, un paese a circa 500 metri d’altitudine. Da dove si vede oltre che la piana dove si trova la diga di San Giuliano la città di Matera. Ai tempi della balenottera tutto il territorio che da questo paesino si vede, che fa parte della cosiddetta Fossa Bradanica, era completamente sommerso.

Ma a quelle altezze in mare non ci è mai arrivato. In molti credono di si: chi credendo alla storia dell’Arca di Noè, chi pensando a uno tsunami o allo scioglimento delle calotte polari e dei ghiacciai.

Pochi, invece, riescono a immaginare che immense forze interne alla Terra, in milioni di anni, siano state capaci di sollevare al di sopra delle acque un vasto fondale marino profondo centinaia di metri: quello su quale si depositò la balenottera dopo la sua morte.

«I resti della balena sono stati ritrovati nella valle del fiume Bardano a circa 100 metri sul livello del mare.

Ma come ci sono finiti lassù, e proprio in quei sedimenti?» racconta Federico Boenzi, già Ordinario di Geomorfologia Università degli Studi di Bari.

Uno dei protagonisti del documentario. «L’area appenninica, in particolare l’Appennino Meridionale, può essere distinta, dal punto di vista della struttura geologica, in tre parti: l’Appennino propriamente detto, l’Avanfossa Bradanica, e poi l’Avanpaese pugliese. La balena è stata trovata esattamente nei sedimenti della cosiddetta Avanfossa Bradanica.

Quest’ultima è una conseguenza del movimento delle placche terrestri. In particolare di quello che è il movimento geo dinamico della placca Apula che, muovendosi verso ovest, s’infila (subduzione) sotto la placca europea corrugandola e spingendola verso l’alto.

Questa corrugazione sono gli Appennini, la spina dorsale della penisola italiana.

La spinta è, invece, la causa dei terremoti che scuotono questa catena montuosa, quindi, praticamente, tutta l’Italia.

Quando la balenottera è morta l’attuale Puglia era un arcipelago di isolette e c’era un ampio canale di mare profondo anche 600 metri che univa quello che oggi è il Mar Jonio con il Mare Adriatico. È in questa situazione che la balenottera si è depositata sul fondale. In centinaia di migliaia di anni, poi, questo fondale è stato sollevato al di sopra del livello del mare dalle dinamiche spiegate prima, mentre i corsi dei fiumi “tagliavano” i depositi accumulatisi nel tempo fino ad arrivare al fondale dove si depositò la balenottera. Dove oggi l’abbiamo trovata».

«Sembra quasi che la scienza italiana, nonché le Istituzioni nazionali e regionali della Basilicata, abbiano deciso di stringersi tutti in un grande abbraccio simbolico a Giuliana» conclude Sartini. «Con la speranza che, finalmente, venga studia, restaurata e restituita al mondo in un tempo sufficiente affinché venga esposta quando, nel 2019, Matera sarà la capitale europea della cultura».

LA STORIA DELLA PRESA DI COSCIENZA DELL’IMPORTANZA DELLA SCOPERTA

A seguito della disponibilità della Regione Basilicata nella persona del Presidente Marcello Pittella a trovare dei finanziamenti, la Soprintendenza di Basilicata ha predisposto una scheda di valutazione sulle prime attività da svolgere, poi sottoposta alla Regione stessa:
«Agli inizi di gennaio del 2017» dichiara l’Architetto Francesco Canestrini, Soprintendente per i Beni Architettonici e Paesaggistici della Basilicata «Abbiamo consegnato alla Regione Basilicata una richiesta di budget pari a 30.000 euro per effettuare uno studio preliminare. Questi soldi serviranno per aprire le casse in cui il fossile è custodito e comprendere le condizioni in cui si trova. Così da poter valutare una strategia per procedere nel percorso di studio, restauro e musealizzazione. A oggi non sono a conoscenza dei passaggi fatti dalla Regione: se la richiesta sia già stata inoltrata, quali canali di finanziamento siano stati attivati e i tempi necessari affinché questo finanziamento possa essere effettivamente disponibile».

Per quanto riguarda l’impegno preso dalla Regione Basilicata, il canale di finanziamento sembrerebbe quello dei fondi FESR, Piano Operativo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale. Sulla cifra richiesta, non è dato sapere se, oltre al budget iniziale indicato dalla Soprintendenza, sia stato contemplato un finanziamento più ampio in grado di accompagnare il fossile di Matera dai laboratori fino all’esposizione. Che sarebbe auspicabile avvenisse in occasione dell’evento Matera Capitale Europea della Cultura 2019. Un palcoscenico importante per presentare Giuliana al mondo.

Renato Sartini (breve biografia)
È di Sant’Arcangelo in Basilicata (Regione dell’Italia), classe 1970, giornalista scientifico e divulgatore. È esperto in comunicazione della conoscenza scientifica e tecnologica. “Giallo Ocra – Il mistero del fossile di Matera” è la sua prima opera da regista e autore.
Vive e lavoro a Roma dove attualmente dirige www.renatosartini.it, blog-magazine innovativo di divulgazione della scienza.
Ha firmato, tra gli altri, per La Repubblica, Il Venerdì di Repubblica, Popular Science, Nòva de Il Sole 24 Ore, Wired, Finmeccanica Magazine. È attivo nella divulgazione di frontiera su Social Network quali Twitter e Facebook. Ingegnere gestionale, si è occupato di economia della scienza per la rivista di geopolitica ed economia internazionale Il Nodo di Gordio.
In ambito comunicazione ha supportato la direzione operativa del MARS Center di Napoli e la presidenza del Polo High Tech di Napoli Est.
Ha firmato il capitolo Global Warming sulla comunicazione dei cambiamenti climatici del libro “Parola di scienziato – La conoscenza ridotta a opinione” a cura di Marco Ferrazzoli e Francesca Dragotto (Universitalia, 2014).
È iscritto all’Ordine Nazionale dei Giornalisti dal 2003 e socio SWIM – Science Writers in Italy e UGIS – Unione Giornalisti Italiani Scientifici. È Presidente dell’Associazione Culturale Divulgo, per la disseminazione di temi di scienze, natura e tecnologie.

Hanno dichiarato l’8 ottobre 2016 in occasione della prima del documentario a Futuro Remoto:
Dr. Gerardo Travaglio, Capo di Gabinetto della Presidenza della Regione Basilicata: «Il Presidente della Regione Basilicata, compresa l’importanza e l’unicità del reperto fossile ritrovato a Matera, tant’è che ha ritenuto fondamentale dare il patrocinio al documentario stesso, si rende disponibile all’utilizzo di fondi europei già individuati al fine di un progetto di studio, restauro e musealizzazione del bene. Quindi a sostenere economicamente un progetto complessivo e completo in grado di consegnare all’Umanità il bene culturale entro l’evento Matera Capitale della Cultura 2019. Affinché tutti possano venire a Matera per conoscere una pagina importante della storia del nostro Pianeta. A tal fine la Regione si renderà promotrice di una serie d’incontri con le parti interessate, su tutti la Soprintendenza affinché ci fornisca nel più breve tempo possibile uno studio di fattibilità in cui vengano messi in evidenza i costi dell’operazione complessiva senza i quali non possiamo attivare le procedure necessarie a rendere disponibili i fondi stessi.»

Architetto Francesco Canestrini, Soprintendente per i Beni Architettonici e Paesaggistici della Basilicata: «La Soprintendenza attraverso l’allora Soprintendente Dr. Antonio De Siena ha svolto un ruolo importante per il recupero, anche se poi, negli anni, per carenza di fondi, non si è potuto intervenire sui resti fossili. Si era ottenuto un primo finanziamento di 30.000 euro da destinarsi alla balenottera ma che per fatti burocratici sono ritornati indietro. Ho inoltrato a fine luglio una nuova richiesta di finanziamento di 30.000 euro al MIBACT. Il 7 ottobre, però, ho ricevuto dal Ministero una nota di non disponibilità di fondi da destinare alla balenottera».

È da ricordare che il 4 ottobre 2016, il Sindaco di MATERA Dr. Raffaele De Ruggieri, in occasione della diretta al TGBuongiorno Regione del 5 ottobre, che mi ha visto quale protagonista in studio, mi aveva inviato una dichiarazione ufficiale via e-mail:
«Vi è una concreta possibilità di ottenere risorse per restaurare e valorizzare la balenottera di Matera. La somma disponibile per il Comune di Matera ricade nella scheda 22 (Beni Culturali) del Patto per la Basilicata a suo tempo sottoscritto in Matera tra il Presidente Renzi e il Presidente Pittella. La voce di spesa di euro 100.000 è sotto il numero 22.6 e ha come titolo: “Progetto per la valorizzazione della balena fossile di San Giuliano”».

WEEKEND E PICCOLO TREKKING a Crespi d’Adda

Crespi d'Adda 672 Ingressojpg

Foto: entrata dell’antico stabilimento.

Molte le ville in stile eclettico che appartennero ai dirigenti della fabbrica.

Seguendo l’Adda e la comoda strada pedonale costiera.

Le chiuse dell’Adda. Anche Leonardo soggiornò da queste aprti e ne progettò alcune.

Qui il lungimirante industriale Benigno Crespi, fece costruire case, scuole e altro per i dipendenti; anche un cimitero.

Crespi d'Adda operaio 1800 industria

Foto: il lavoro in fabbrica.

Crespi d’Adda

Un luogo di archeologia industriale.

Esempio eccezionale di città industriale, perfettamente conservata.

Il sito è Patrimonio dell’Umanità.

I L  LU O G O

Il villaggio operaio di Crespi d’Adda.

Il villaggio operaio di Crespi d’Adda è stato fondato, intorno allo stabilimento che ospitò, in origine, il Cotonificio Benigno Crespi, da Cristoforo Benigno Crespi nel 1878 e venne completato, dal figlio di quest’ultimo Silvio Benigno, verso la fine degli anni Trenta del Novecento. È collocato in prossimità del fiume Adda, proprio sul confine tra le provincie di Milano e Bergamo, nella quale è incluso, facendo parte del Comune di Capriate San Gervasio.

Crespi d’Adda rappresenta un esempio eccezionale di città industriale, perfettamente conservata, ed è principalmente per questa ragione che venne inserita, nel 1995, nel Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco.

L’impianto regolare delle strade e la sua fisionomia urbanistica permette di individuare in modo chiaro tutti gli edifici che formano il paese, composto, oltre che dalla fabbrica e dalle abitazioni, anche da strutture sociali e, un tempo, a uso pubblico, come il lavatoio, il dopolavoro, l’albergo, il piccolo ospedale, la scuola, il teatro, la chiesa, i bagni pubblici con piscina, il cimitero.

Dopo essere stato chiuso definitivamente nel 2003, vandalizzato e depredato per un decennio, lo stabilimento è stato acquistato, nel 2013, dall’imprenditore bergamasco Antonio Percassi con l’idea di farne la sede operativa delle proprie aziende nonché un campus dell’innovazione e dell’arte aperto ad altri partners, con museo e zone espositive accessibili al pubblico.

Il luogo è visitabile tutti i giorni dell’anno prenotando una guida al numero 02/90939988 oppure a mezzo mail a info@crespidadda.it. A partire dal mese di Aprile e fino a tutto Ottobre, ogni domenica e giorno festivo è aperto un punto informazioni che distribuisce mappe e organizza visite guidate anche senza prenotazione.

SEMPLICE TREKKING

Abbiamo seguito un semplice itinerario costeggiando il fiume Adda. Il percorso può essere più o meno lungo, secondo le resistenze personali. Tutto in pianura non presenta diffcoltà.

Partendo dal Villaggio di Crespi trovate itinerari lungo il fiume Adda da percorrere a piedi o in bicicletta.

Lungo la via Alzaia:

-sterrato quasi sempre in piano, si costeggia l’Adda (sponda milanese) e si risale il fiume.
Partenza da Crespi (zona castello) in direzione della passerella in ferro si raggiunge la via Alzaia e si risale il fiume verso Lecco.

CORNATE
Tra Cornate e Paderno d’Adda si incontrano le centrali idroelettriche della società Edison (centrale idroelettrica Esterle, quindi Bertini, quindi Semenza) e il naviglio di Paderno, oggi  ecomuseo (Ecomuseo Adda di Leonardo).

IMBERSAGO
Qui trovate il traghetto Leonardesco.

Da Crespi verso Milano
Lungo l’Adda e il Martesana lungo la via Alzaia, seguendo poi il naviglio Martesana (facili sterrati  in piano) per ridiscendere i due corsi d’acqua.

VAPRIO
Si può anche ridiscendere il fiume verso Vaprio seguendo l’itinerario  tra l’Adda e il Martesana.
A Vaprio da visitare la Villa Melzi (vi risiedette Leonardo da Vinci) e lo stabilimento ex Visconti di Modrone (informarsi per le date delle visite).

Foto: alcune gentilmente fornite dall’Ufficio stampa per Festival Scienze Bergamo che si è svolto anche in queste località, altre di G.Seregni.

SALUTE – Bambini e nipoti eliminiamo i cibi ricchi di fruttosio o rischiano l’obesità e fegato gravemente ammalato

Bambini sovrappeso a rischio il fegato

Uno studio dell’ Ospedale Bambin Gesù di Roma, ha rivelato che il fruttosio usato in tanti cibi, causa danni epatici simili a quelli dell’alcol.

271 bambini sovrappeso; dagli 8 ai 12 anni, dopo i  controlli avevano rivelato fegato ingrossato e indicatori ematici di sofferenza epatica. ESATTAMENTE QUELLO CHE CAPITA A CHI ABUSA CON L’ALCOL

 ANCHE L’ACIDO URICO AVEVA LIVELLI TROPPO ALTI ; questo problema, detto iperuricemia, alla lunga danneggia il sistema cardiocircolatorio e le articolazioni.

L’acido urico viene anche prodotto dal fegato, quando degrada il fruttosio.

Esaminando le diete dei bambini in questione si è scoperto che comprendeva un’eccesso di merendine e bevande zuccherate (anche i succhi di frutta, spesso sono (acqua zucchero – fruttosio e un poco di frutta con antiossidanti che fanno male allo stomaco e provocano bruciori).

Altri cibi ricchissimi di zucchero e fruttosio:

-yogurt alla frutta

-gelati

-te zuccherati

-biscotti

-dolci

-caramelle …

Il fruttosio è  ECONOMICO E PIU’ DOLCE DEL SACCAROSIO, quindi l’industria alimentare lo usa IN GRADISSIME QUANTITA’ PER ACCONTENTARE E “DROGARE” LE PAPILLE GUASTATIVE DEI BAMBINI.

BIBITE Yogurt alla frutta E MERENDINE FANNO ARRIVARE AL FEGATO UNA BOMBA DI PURO FRUTTOSIO, INFIAMMANDOLO, E ALLA LUNGA CREANDO DEPOSITI DI GRASSO COME NEGLI ALCOLIZZATI …

Nessun bambino dovrebbe mangiare più di 25 grammi di fruttosio al giorno; un solo grammo in più aumenta di 1,5 volte IL RISCHIO DI DANNI AL FEGATO.