Archivi categoria: MODA

moda, faschion,

Moda – Autunno inverno 2017 cosa fa moda ?

 

Foto: Disegual, un completo che va bene per ogni occasione; dona soprattutto alle magre con gambe lunghe o almeno tacchi alti (solo se siete piccole).

Zara: per essere original-chic e spendere relativamente poco

Zara: esotico con lunghi stivali

Zara; esotico simil seta

Zara; pantaloni alla moda da abbinare anche a un TUTTO-NERO

Zara: vestaglia da giono da sera e … da camera !!!!

::::::::::::::::::::::::::::::

Cosa non buttare delle stagioni precedenti ?

Sempre elegante con uno stile e colori classici. La scarpa décolleté slancia  la gamba e fa sembrare più alte.

Risposta semplice e low cost: se avete capi belli, non buttateli mai. Basteranno piccoli particolari di moda e sarete sempre ben vestite.

Cosa buttare ?

Tutto quell’abbigliamento che non  avete mai indossato (se ne avete); non lo indosserete di certo nei prossimi anni.

PRIMA REGOLA: BUTTATE TUTTO QUELLO CHE E’ ADERENTE SE NON AVETE UNA LINEA PIU’ CHE PERFETTA

Non c’è niente di più brutto di una maglietta o un abito che sottolineano le pieghe di adipe …. decisamente meglio indossare qualcosa di morbido che non “segni”, che scivoli bene sul corpo.

Buttate tutte quelle magliette e abiti aderenti in tessuto sintetico; magari acquistate al mare o al mercato a pochi soldi. Ricordatevi che, oltre ad essere tessuti poco sicuri per la vostra salute, non faranno mai di voi una persona elegante. Idem per gli accessori di basso livello; non è necessario acquistare la grande firma, basta una bella borsa, ben rifinita, di un colore sempre portabile. Meglio avere due sole borse, belle, che tante ed evidentemente mal fatte e mal rifinite; senza stile.

In italia ci sono ancora, putroppo pochi sopravvissuti, bravi industriali ed artigiani, che producono prodotti di qualità, senza avere i prezzi delle grandi firme.

Tornando a cosa tenere per il prossimo autunno-inverno 2017 – 18, ecco i temi che la moda riconosce; ovvero un poco di tutto:

Se non potete permettervi questa bella e costosa borsa, potreste arricchire una vostra borsa con un bordo di pelo sintetico (lo trovate al mercato o merceria),  applicatelo con pochi punti o un adesivo adeguato. Per le decorazioni; trovate, sempre in merceria o al mercato, decorazioni già pronte, non vi resta che incollarle con molta cura senza che dai bordi esca la colla o usare quelle autoadesive; basterà un ferro caldo e molta attenzione …

-bianco e nero sempre un must, sempre elegante

-colore: sempre bello in inverno, accende anche l’umore – rosa, giallo (meglio se siete bionde), arancione … basta una borsa o un cappotto o le scarpe; pericoloso mescolare i colori forti se non siete sicure di quello che fate

-borse grandi; non per moda, ma per comodità di tutte le donne che vivono intensamente, viaggiano e necessitano di tante cose a disposizione nel corso della giornata; anche di un piccolo computer, dell’e-book per i momenti di attessa  ecc…

-tutto floreale; meglio se a fondo nero

-sneakers: indispensabili per le più modaiole, ma non usatele a tutti i costi; le signore non più giovanissime possono cadere nel cattivo gusto; meglio una bella décolleté che allunga la gamba – DA NON DIMENTICARE: anche il colore e lo stile delle snakers deve adeguarsi a come site vestite; NON sono un Passepartout a prescindere !!!

-orecchini lunghi; donano a quasi tutte

-tornano le spille; sceglietele bene e sarete eleganti con un solo abito nero o golfino e gonna (come diceva la grande Chanel)

-fiocchi; sempre molto femminili, basta un fiocco per fare chic; sulle scarpe o in vita o sulla borsa

-sandali, anche in inverno; se sono belli saranno sempre eleganti, ma evitate di prendere una bronchite pe rindossare dei sandali a ogni costo

-stle rock, sempre di moda a chi piace

-leopardato; ritorna sempre, non stanca mai; meglio se indossato con un pizzico di ironia; bellissimo se accostato ad una tintaforte come fa Blugirl con il cappotto dai grandi bordi azzurro squillante

-oro e argento; attenzione a non esagerare o si cade nel cattivo gusto

-militare; se non portato con leggerezza e ironia può essere pesante

-guanti anche molto lunghi, cinture e cappelli a tesa larga e maschili.

RICORDATEVI CHE COPIARE LE SUPERDONNE DELLE COPERTINE A VOLTE RENDE RIDICOLE: loro hanno quasi sempre il fisico per indossare anche i capi più difficili, ma non sempre il buon gusto.

Ciò che è sulle copertine NON deve essere copiato per forza; prima domandatevi se a voi sta bene e se è adeguato a dove state andando …

E non dimenticate che una bella semplice camicia appena stirata, vi farà sempre fare bella figura; a parte le serate importanti, dove anche la camicia deve essere all’altezza.

Prima di tutto sarà fondamentale non mescolare gli stili; a meno che non siate delle campionesse di stile; in caso contrario rischiate di diventare ridicole.

 

 

SALUTE – I CIBI e i COSMETICI sono ricchi di particelle di PLASTICA come l’ acqua del rubinetto – da dove viene tutta questa plastica che ingeriamo ?

Le numerosissime particelle di plastica che riempiono quasi tutto quello che ingeriamo, ma anche: mari, fiumi e laghi… vengono dalle pellicole per avvolgere i cibi, dalla carta d aforno, dai cosmetici, spray deodoranti per la casa, dai profumi nei detersivi, dai detersivi, dagli ammorbidenti …dalle salviettine per non trasferire il colore da un tessuto ad un altro in lavatrice; anche dai dentifrici…dalle tettarelle dei bimbi in palstica, dai biberon (la cessione di molecole di plastica aumenta con il riscaldamento della superficie della plastica; come quando introduciamo un liquido o cibo caldo).

E’ stato dimostrato che i topi allevati con acqua che proveniva da bittiglie di plastica si ammalavano di cancro molto più delle generazioni precedenti che non bevevano da bottiglie di plastica.

In tutti i prodotti per la casa, la cosmesi, dentifricio compreso, ci sono microparticelle di plastica che servono per pulire o addensare il prodotto.

Nel 1999 solo 1 bambino su 500 era autistico; oggi siamo arrivati a 1 su 88 (dati USA), ma anche noi abu-siamo  delle materie plastiche.

Dati USA degli ultimi 45 anni:

aumento delle malattie nei bambini

il cancro al cervello è aumentato del 38%

leucemia                                                             74%

deformità genitali                                       122%

Sottoposti a test è risultato che il 93% degli americani ha del BPA nel sangue.

PBA: Bisfenolo (interferente endocrino; porta alla sterilità e alla deformazione dell’apparato sessuale), lo si trova in tutto quanto nominato più sopra.

La legge (negli USA) non obbliga a fare test prima di vendere un prodotto.

Diversi gruppi di consumatori e cittadini ammalati, si sono costituiti per combattere la piaga della chimica dilagante indiscriminatamente, ma al momento i risultati sono irrisori a causa di una legislazione che tutele al di sopra di tutti le compagnie produttrici.

Qando si scoprì che l’amianto era cancerogeno, dopo 10 anni di indagini, si riuscì a toglierlo dalla circolazione per breve tempo, ma poi in breve tempo fu di nuovo messo in circolazione per molti anni (oggi è proibito).

L’industria chimica negli USA produce per un totale di 720 miliardi di dollari all’anno. La sua potenza eocnomica è indiscutibile. 

Il polietene (più noto come polietilene o politene) è il più semplice dei polimeri sintetici (derivati dal PETROLIO) ed è la più comune fra le materie: LA PAROLA NON SI LEGGE MAI, ma dovrebbe essere scritta in quasi tutti i prodotti per la pulizia della casa, detersivi per la lavatrice, detergenti per la pelle, creme, dentifrici, shampoo ecc…

SEMBRA SCHIUMA  MA E’ PALSTICA !!!

Questo materiale, passa dal lavandino all’ambiente, distribuito poi insieme ai fertilizzanti, il vento lo sparge nell’atmosfera…

PER PRECISAZIONI SU CONTENUTI IN PALSTICA DEI PRODOTTI VEDI AL LINK https://translate.google.it/translate?hl=it&sl=de&u=http://www.codecheck.info/&prev=search

LA MARCA NIVEA HA EMANATO UN COMUNICATO DOVE SI DICE COME INTENDA ELIMINARE TUTTE LE PARTICELLE DI PLASTICA NEI PRODOTTI PER LA CURA DELLA PELLE.

La plastica in cosmetica è inutile e DEVE ESSERE TOLTA DALL’AMBIENTE.

ANCHE NELLE ACQUE ARRIVANO QUESTE PARTICELLE DI MICROPLASTICA E ARRIVA ANCHE NEI NOSTRI RUBINETTI; baypassando anche i depuratori.

Le particelle di plastica finiscono anche negli alimenti:

anche nel miele sono state trovate minuscole particelle di plastica (lo ha dimostrato una famosa trasmissione televisiva svizzera, con prove scientifiche).

LE PARTICELLE DI PLASTICA SONO DAPPERTUTTO.

ANCHE L’ACQUA DEL MARE è PIENA DI MICROPLASTICA.

ANCHE NEL LATTE SI TROVANO DEI MICROGRANULATI DI PLASTICA.

La plastica, assai diffusa nell’ambiente anche come sacchetti, con gli anni si sbriciola e viene sparsa nell’ambiente.

Da anni alcuni specialisti studiano gli effetti sull’uomo:

-non può essere valutato ancora

-ma non ci sono ancora prove che sia innocua.

A NOI NON PARE CHE UN PRODOTTO DERIVATO DEL PETROLIO POSSA FARE BENE ALLA NOSTRA SALUTE, TANTO PIU’ SE INGERITO O ASSORBITO DALLA PELLE QUOTIDIANAMENTE IN VARI MODI.

Può essere importante sapere che la Francia, nella legislazione che riguarda le materie plastiche e dannose nei cosmentici, al momento è molto più severa di quella italiana.

 L’articolo è scritto dalla giornalista G. Seregni, iscritta all’ORDINE dei Giornalisti e all’associazione di categoria UGIS (Unione Giornalisti Italiani Scientifici).

Occhiali da sole di qualità al giusto prezzo – HAWKERS

HAWKERS è un brand spagnolo nato con l’obiettivo di rivoluzionare l’industria degli occhiali da sole con una chiara proposta: occhiali di marca e qualità ad un giusto prezzo. 

Modelli classici in TR90 dalla particolare resistenza al calore, leggerezza ed elasticità con lenti coloratissime a specchio. 

In soli due anni e mezzo, è diventata una delle marche più valutate e riconosciute dai giovani in tutto il mondo, fatturando 60 milioni di euro nel 2016, con più di 4,5 milioni di occhiali venduti, che ha permesso loro di posizionarsi in più di 50 paesi.

 

 

SCARPE COMODE BELLE E AFFIDABILI – Vibram FUROSHIKI

Partenza per l’Asia con
Vibram FUROSHIKI The wrapping sole

Collezione SS2017
Vibram®, azienda leader nella produzione di suole in gomma ad alte prestazioni, presenta le novità della collezione Spring Summer 2017 di Vibram FUROSHIKI The wrapping sole. L’innovativa “suola avvolgente” rappresenta un concept inedito di calzatura, unicum assoluto nel settore del footwear. Ispirata all’antica arte giapponese furoshiki di avvolgere oggetti in un tessuto per poterli trasportare, Vibram FUROSHIKI The wrapping sole Collezione SS2017 si concretizza nella compagna di viaggio ideale, non solo per qualità di comfort e praticità, ma anche grazie a colori che richiamano suggestioni e scoperte multi etniche tipiche dei viaggiatori di tutto il mondo.

Quattro sono i key concept di questa calzatura: portable, easy on, multi use e multi fit. Le FUROSHIKI The wrapping sole by Vibram sono confortevoli da portare con sé e si adattano facilmente ad ogni superficie, grazie alla sicurezza della suola in mescola Vibram® XS City: perfette in tutte le occasioni “in between”, nel tempo libero, la vita di tutti i giorni e per viaggiare.

In un tour multiculturale, dall’India al Giappone fino al Vietnam, la collezione FUROSHIKI The wrapping sole by Vibram SS17 si arricchisce, attraverso stampe digitali, d’influenze cromatiche e disegni tipici di tecniche secolari di ricamo, tintura e tessitura di diverse etnie a diverse latitudini, declinandosi in nuovi modelli dal mood esotico. Il risultato è una collezione che è incontro di culture e di arti.

Il modello Gruwoodcut di Vibram FUROSHIKI The wrapping sole prende il nome da un’antica tecnica di stampa su tessuto in auge in Giappone tra il Seicento e l’Ottocento. La grafica mantiene gli stilemi di quest’arte giocando su disegni bidimensionali dai toni profondi su un tessuto leggero e confortevole.
Dalla popolazione Hmong, dalla terra del Vietnam, e dall’omonima arte di ricamo, Vibram FUROSHIKI The wrapping sole trae ispirazione per creare una texture dai colori giocosi e allegri che richiamano il vestiario di questo storico popolo.
Con il modello Phulkari viaggiamo verso la regione del Punjab, in India, in cui nasce la millenaria tecnica di tintura e tessitura Phulkari a più strati, origine di questa texture di FUROSHIKI The wrapping sole by Vibram. I colori brillanti e le forme replicano l’effetto caleidoscopico dei piccoli specchi inseriti nel tessuto.
Scopri di più su www.vibram.com

LA “BELLEZZA ITALIANA” VALE IL 16,5% DEL PIL

ECONOMIA: LA “BELLEZZA ITALIANA” VALE

IL 16,5% DEL PIL E PUÒ ANCORA CRESCERE

Beni di consumo, tecnologie d’ingegno, creatività e turismo valgono 240 miliardi di euro. Il margine di crescita potenziale è di ulteriori 130 miliardi.

Uno studio della Fondazione Italia Patria della Bellezza, in collaborazione con Prometeia, per la prima volta definisce la Bellezza come una dimensione concreta e misurabile della nostra economia.

 – In Italia “l’economia della bellezza” vale 240 miliardi di euro, equivalenti al 16,5% del nostro prodotto interno lordo annuo. Una cifra importante che potrebbe crescere ulteriormente di circa 130 miliardi di euro se le aziende italiane raggiungessero le prestazioni delle migliori aziende europee.

Lo rivela una ricerca di Fondazione Italia Patria della Bellezza, realizzata in collaborazione con Prometeia e presentata a Milano presso la sede di Assolombarda, con il Patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

“L’impegno della nostra Fondazione – e l’obiettivo di questo studio – è dimostrare che la Bellezza del nostro Paese non è un valore effimero, ma una risorsa solida e strategica su cui costruire crescita, sviluppo e benessere: in una parola futuro. Questa ricerca trasforma per la prima volta la bellezza in una dimensione concreta e misurabile, ne valuta la forza e la definisce quale nuova categoria economica in grado di contribuire in modo significativo al PIL del Paese.” Afferma Maurizio di Robilant, presidente della Fondazione Italia Patria della Bellezza, committente della ricerca.

QUANTO VALE LA BELLEZZA ITALIANA?

 

Una prima fase dell’indagine si è concentrata sull’individuazione di quelle variabili che fanno della Bellezza una dimensione economica misurabile, identificando nello specifico i comparti produttivi che la sostanziano e il valore da questi generato. Beni di consumo di qualità; beni tecnologici di ingegno; industria creativa e turismo sono i protagonisti di questa nuova categoria del PIL. Vista la specificità strutturale di ogni comparto, per ciascuno è stato definito un criterio ad hoc che ha consentito di isolare, settore per settore, la produzione a maggior valore aggiunto. Nel caso specifico del turismo si è considerato l’intero flusso del leisure.

Il comparto dei beni di consumo di qualità, che include categorie come moda, alimentari e sistema casa, vale 44 miliardi di euro. Il settore dei beni tecnologici di ingegno (es. elettronica, meccanica, mezzi di trasporto) produce ricchezza per un valore pari a 32 miliardi. Si rivela notevole il contributo dell’industria creativa (es. design, editoria, musei spettacoli) con 61 miliardi. Infine, il comparto del turismo produce bellezza per 39 miliardi.

Concorrono, inoltre, al calcolo del valore economico della bellezza due fattori influenti il cui potenziamento incide in modo rilevante sui comparti produttivi citati: investimenti pubblici, con una quota stimata in 60 miliardi, insieme a “altruismo e mecenatismo” che, con le attività di volontariato e le donazioni, generano un valore pari a 3 miliardi.

QUAL È IL POTENZIALE DI SVILUPPO DELLA BELLEZZA ITALIANA?

Partendo da questi dati, una seconda fase dello studio ha voluto fornire un’idea del potenziale di sviluppo dell’economia della bellezza confrontando il nostro Paese con le migliori esperienze europee.

Due gli scenari di crescita disegnati dall’indagine: la prima è un’ipotesi di crescita coraggiosa, in cui tutte le imprese del settore si allineano alle migliori aziende italiane; la seconda è un’ipotesi di crescita ancora maggiore, che abbiamo definito ambiziosa ma comunque verosimile, in cui tutte le aziende italiane di ciascun settore raggiungono le prestazioni delle migliori aziende europee. L’analisi condotta ha portato a stimare il potenziale di crescita tra i 52 miliardi nel primo scenario e i 130 miliardi di euro nel secondo, arrivando dunque a un valore totale stimato tra i 292 e i 370 miliardi: rispettivamente il 19,5% e il 25,4% del PIL.

Dal punto di vista metodologico per ciascun comparto si è inizialmente individuato il Paese benchmark, analizzandone i punti di forza. Isolate le azioni chiave che hanno determinato il successo del Paese modello, è stata dunque valutata la compatibilità di tali misure con il nostro sistema-Paese e individuate le azioni possibili.

Entrando nel dettaglio dei singoli comparti, per quanto riguarda i beni di consumo di qualità si rileva un potenziale di crescita tra i 4,6 e i 7,5 miliardi. Seguendo l’esempio della Francia, tra le azioni da intraprendere appaiono fondamentali uno sviluppo significativo dell’e-commerce e la diffusione di una maggiore cultura del brand, sia a livello di singola impresa sia a livello Paese. È auspicabile, inoltre, l’istituzione di una trading company nazionale che favorisca l’accesso ai mercati esteri delle piccole e medie imprese italiane di qualità.

Altissimo il margine di crescita per i beni tecnologici (20/61 miliardi), complice una certa arretratezza del Paese in questo campo. Una maggior qualificazione dei percorsi tecnico-scientifici e la promozione di una cultura politecnica, la riorganizzazione del sistema dei centri di ricerca pubblici in favore della loro concentrazione in hub di eccellenza specializzati e un potenziamento degli strumenti di fintech e degli incentivi ai brevetti, avvicinerebbero l’Italia al modello tedesco.

Ampia crescita possibile anche per l’industria creativa, dove azioni ispirate al modello britannico come la digitalizzazione dei mestieri creativi, la creazione di hub multidisciplinari della creatività e la costruzione di un sistema di rating per la valutazione delle idee e dei business plan delle giovani imprese, porterebbe al comparto tra i 15 e i 42 miliardi in più.

Un ruolo chiave nella crescita dell’Italia lo gioca, infine, il turismo. La valorizzazione delle bellezze nascoste del nostro Paese con lo sviluppo di percorsi turistici verso mete meno note; il rafforzamento del brand Paese attraverso lo storytelling; la definizione di eventi attrattivi in grado di valorizzare il patrimonio storico e naturale diffuso sul territorio sono alcuni degli elementi che consentirebbero all’Italia di aumentare il proprio fatturato di altri 20 miliardi.

“Miglioramento dell’istruzione, cultura del brand e più tecnologia. Questi, dunque, i capisaldi rilevanti evidenziati dalla ricerca – afferma Alessandra Lanza, Partner di Prometeia, Responsabile dell’area Strategie industriali e territoriali, a capo del progetto di ricerca. – A partire da questi elementi la bellezza del nostro Paese può davvero trasformarsi da patrimonio storico in motore per il futuro”.

 

MODA 2017 primavera estate – Vestirsi alla moda ed eleganti – Anche low cost

Abbiamo visto e fotografato per voi da ZARA – MANGO – OVS

Più sotto i consigli – moda di Ines de Fressange e di altri grandi del settore

Da MANGO: scarpe argento traforate, pantaloni bianchi cotone e camicia gran caldo in cotone; semplice, fresca ed leegante per tutti i giorni

MANGO-scarpe-49-euro.

Da ZARA: stampati cina e pantaloni larghi e corti; meglio se siete alte.

Zara; giacca 79 euro.

Da OVS: borsa capiente con multitasche a prezzo molto contenuto.

Da MANGO: sono di moda le righe.

Moda: tutto bianco con pizzo,  50 euro.

Da Mango: ok alle righe.

Da Mango 29 euro. Bella camicia da portare con jeans azzurro chiaro.

Da OVS. 78 euro anche altri colori; esalta la figura e slancia.

Da MANGO: sui 130 euro, ma bellissima e in pelle; con un semplice tubino nero e scarpe nere o completo tutto nero; sarà elegantissima.

Ancora righe …

Da OVS: pantofole anche in nero … semplice eleganza, prezzi sui 30 euro.

 Basta lo stile … di Ines de Fressange

Ines de Fressange, tutti i segreti della moda e del ben vestire; senza mai sfigurare

Ines de Fressange, un mito nel mondo della moda internazionale; simbolo indiscusso di sempiterna eleganza e raffinatezza. Sempre con un un pizzico di ironia.

Modella da quando aveva 17 anni, quintessenza della donna parigina chic, Ines de Fressange, spiega nel suo libro “Come mi vesto oggi”, come crearsi un look anche con quello che si ha già nell’armadio.

A volte bastano pochissimi capi nuovi, ma ben studiati, per poi utilizzarli con capi base e altro che abbiamo acquistato in passato.

Il segreto sta nel riciclare, con attenta sapienza e gusto, quello che già possediamo.

Sempre alla moda, purché di buona qualità, abiti neri, cappotti dai colori classici, impermeabili neri, camice bianche di buon taglio e tessuto, maglioni a collo alto (che nascondono le prime rughe del collo e fanno sembrare più giovani).

Borse, sandali e stivali classici; sono sempre di moda.

L’importante è studiare gli abbinamenti, non comprare senza pensare a cosa abbiamo già disponibile, sapere sempre quali sono i capi e i colori che segneranno la moda della presente e prossima stagione (seguite le sfilate dell’alta moda on line e lo saprete).

“Come mi vesto oggi”, Ines de Fressange e Sophie Gachet, editore L’Ippocampo.

———————

Per essere eleganti NON è necessario spendere un capitale; lo diceva Chanel e lo diceva anche Saint Laurent: camicia bianca, gonna nera stretta, pantalini classici, un tubino nero, un bel paio di scarpe e una belal borsa, qualche golfino e camice in colori che sono sempre di moda; questa è la base poi sbizzarritevi …

2017 POTETE SCEGLIERE:

-il colore rosa

-tutti i colori pastello

-gli abiti romantici con le arricciature e i pizzi

-tutto coordinato e no, tutto a righe o righe e pois

-tutto bianco anche con pizzo

-la gonna a ruota

-i tacchi alti o le scarpe basse

-pantofole superdecorate o monocolore; molto chic

-le borse super-decorate; ma perché non provate a decorarle voi ???

-tutto quello che è ricamo; (proposto mirabilmente da Dolce&Gabbana), ma si trovano anche tante alternative economiche, provate da OVS o da Zara ecc…

-MESCOLATE E MESCOLATE stili e colori… ma attenzione dovete avere buon gusto o sarete anche ridicole (ricordate sempre le proporzioni del vostro corpo e i colori che vi donano; sono più importanti delle tendenze di moda o rischiate il ridicolo o comunque il cattivo gusto)

prima di comprare guardate cosa avete in casa che potrebbe essere abbinato e riutilizzato …

BELLI I GIOIELLI ECONOMICI E CHE CI FANNO SENTIRE UNA PRINCIPESSA  …

Prima la MODA delle passerelle…  in brevissimo … quello che ci è piaciuto di più

Borsa di Dolce&Gabbana; fiori in risalto e paiettes, ma potete anche usare una base di pizzo. Fate un giro al mercato e con filo e colla potreste inventarvi una borsa bellissima partendo da una base di pura plastica … volontà e fantasia.

Ricami Dolce&Gabbana.

Abito di re Giorgio Armani. Folk anni ’70. Ispiratevi …

Eleganza in finta pelliccia autunno inverno 2017.

Gonne a ruota.

———

Scarpe a prezzo ragionevole e molto carine; nel colore di moda: il ROSA:

Pauls-Boutique; 130 euro circa.


VISTI DA ZARA anche on line

Colori di moda rosa e rosso, pantaloni larghi e corti.

Abito a fiori e sotto particolare della gonna

Elegantissimo abbinamento. ZARA

Semmpre da Zara.

Zara, collo larghissimo.

Collo in evedenza. ZARA.

Righe eleganti.


GIOIELLI – BIJOUX 

Ottone-placcato-oro-cristalli-Svarowski-AURORA-euro-39,98-codice-618633.

De-Liguoro-euro-58,90-resine-e-cristalli-codice-618162.

Abbiamo trovato bei capi a basso costo al sito: http://www.floryday.com/it/Abito-r9872/?not_pop=1&currency=EUR&country_code=IT&utm_campaign=274000850&utm_medium=cpc&utm_source=bing&utm_term=1201766209215947 

Weekend con i profumi artistici a Milano – Entrata gratuita a ESXENCE ESXKIN – The Excellence of Beauty –

 

Questo fine settimana a Milano, 25 – 26 marzo 2017

Per farsi una cultura sui profumi

Abbiamo visitato personalmente questo evento e ne siamo usciti entusiasti

Ci siamo divertiti a cercare, tra i tantissimi, qualcosa di speciale e unico e ve lo segnaliamo, ma molto merita attenzione.


LES INDÉMODABLES, se volete l’assolutamente naturale e di gran classe. Si tratta di un piccolissimo stand che va cercato nella marea di proposte presenti a questo evento, ma merita la visita. Completamente prodotto dalla casa venditrice in Francia ad Annecy.

Ideatrice una raffinata signora: ValériePulvérail. 5 bis, rue Joseph Blanc – 74000 – Annecy – France – tel. +33 (0) 4 50 32 44 16. E’ possibile l’acquisto anche scrivendo; profumi particolarissimi e pregiati, a partire da 190 euro in su.

Per quello che abbiamo potuto constatare è l’unico che pubblica sul profumo gli ingredienti; che sono veramente TUTTI di origine naturale (fatto rarissimo, anche se molti si spacciano per tali).

Più informazioni su LES INDÉMODABLES e ordinazioni al link. www.les-intemporels-parfums.com

APPENA ENTRATI TRA GLI STAND TROVATE, EVIDENTISSIMO, UN ELEGANTE STAND TUTTO NERO con rose bianche: se avete buon naso NON perdetelo:

STEPHANE HUMBERT LUCAS – Paris

Abbiamo avuto il piacere di annusare i loro profumi; tutti eccellenti, ma il nostro preferito è Wish come True da 195 euro per 50 ml.

www.stephanehumbertlucas.com


DA BARCELLONA PROFUMI CHE MERITANO ATTENZIONE:

CARNER – Barcellona

Ricco di proposte, tutte pregevoli e indimenticabili.

www.carnerbarcelona.com / contact@carnerbarcelona.com


MAISON DU SAGE

Tante proposte, tutte da senire, in questo stand che ci ha attirato per la loro cortesia, per poi scoprire che meritava davvero l’attenzione.

Tutto al sito www.mdusage.com / www.verduntrading.com per gli addetti ai lavori.


PROFUMI ESOTICI E INCONSUETI: DHAHER BIN DHAHER (nome della società e del fondatore.

Lo stand è inconfondibile, piccolo con sfondo di vegetali e fiori, gestito da un solo signore arabo, molto gentile.

Un assortimento di essenze esotiche con tante sfumature, un’esperienza unica se siete curiosi; da provare per trovare la più adatta al vostro gusto personale.

Un’ esperienza unica e imperdibile per tutti coloro che hanno buon ” naso “, ma anche l’occasione per imparare a capire essenze diverse da quelle cuisiamo abituati.

Indirizzo: dhaher@tolalperfumery.com / www.tolaperfumery.com

tel. +971 50 644 5252

P.O. Box 35369, Dubai, UAE


UN INTERO STAND E’ DEDICATO A PROFUMI CON DIVERSI MARCHI, TUTTI PROVENIENTI DA DUBAI

Questo stand ci ha attirato per la curiosità di cercare qualcosa di esotico, ma abbiamo scoperto un mondo di profumi, alcuni dei quali presentati in lussuosissime confezioni (con prezzi adeguatamente altissimi).

I profumi partono da 100 euro, ma possono arrivare a cifre vertiginose; dipende molto dalla concentrazione delle essenze.

www.SignaturePerfume.com  – questo è il marchio più ” economico “.

www.guruperfumes.com

www.woodscollections.com


23 – 26 marzo 2017

APERTO AL PUBBLICO SOLO SABATO E DOMENICA

9a edizione di ESXENCE

Evento della Profumeria Artistica internazionale

UN GIARDINO DELL’EDEN DOVE SOGNARE E CERCARE LA PROPRIA PROFUMAZIONE IDEALE

Negli spazi del The Mall, Piazza Lina Bo Baldi, Porta Nuova Milano (dietro all’hotel Principe di Savoia).

Numerosi e gratuiti anche gi eventi che accompagnano la manifestazione.

190 le case presenti a Esxence.

I visitatori e il pubblico generalista possono entrare in contatto con realtà che raccontano storie profumate.

Tra gli eventi, tutti gratuiti, anche una caccia la tesoro per i bambini ( 4-6 ANNI); SABATO 25 MARZO.

Sempre il 25 marzo, alle ore 12 un workshop sulla raffinata profumeria iraniana.

Addetti ai lavori, espositori, retailer, buyer e distributori si incontrano nell’area espositiva di altissimo livello; piazza ideale per incrementare il loro network e concludere affari,.

Oltre 5.000 mq. di operatori e appassionati per un totale di 7.000 presenze nel 2016.

Un settore che nuove gradi interessi economici; nel 2015, in tutta Italia, la profumeria d’autore vale 130 milioni di euro.

Vedi altri particolari e il programma al link: http://www.esxence.com/evento.html

Evento a Milano per nasi raffinati – Esxence The Scent of Excellence – Ingresso gratuito sabato 25 – domenica 26 marzo 2017

Ingresso GRATUITO al pubblico: sabato e domenica, previa registrazione

www.esxence.com

E’ così giunto il momento tanto atteso da tutto il panorama internazionale della Profumeria Artistica:

il Giardino dell’Eden della nona edizione di Esxence – The Scent of Excellence accoglie le 212 case madri provenienti da diversi Paesi

(192 fragrance e 20 skincare) e le migliaia di visitatori che ogni anno si danno appuntamento a Milano, nel segno della più raffinata cultura olfattiva

(più di 7.000 presenze lo scorso anno, di cui il 77% estere).

Da giovedì 23 a domenica 26 marzo, nuovi business e profumate scoperte, negli oltre 6.000 metri quadri del The Mall,

cuore del nuovo skyline milanese, attirano un numeroso pubblico di operatori e appassionati di questo magico settore

capace di affascinare, con racconti, emozioni, novità e personaggi, ma anche di rappresentare una significativa voce in termini economici.

www.esxence.com

Ingresso libero previa registrazione

Ingresso pubblico: sabato e domenica

La manifestazione inizia giovedì per gli addetti al settore.

Orari: da giovedì a sabato dalle 10.30 alle 18.30, domenica dalle 10.30 alle 16.30

The Mall, Piazza Lina Bo Bardi, Milano (vicino a Piazza Repubblica).

Abbigliamento sportivo e non senza PFC e sostenibile – No al PFC dannoso per la nostra salute

PFC – per l’eliminazione di queste sostanze pericolose dai capi di abbigliamento sportivo

Purtroppo, i più resistenti ed efficaci trattamenti impermeabilizzanti (vedi anche tutto l’abbigliamento sposrtivo) contengono sostanze chimiche conosciute come PFC (DANNOSI ALLA SALUTE) e impiegate in particolar modo nei prodotti destinati all’outdoor.

——————–

Be Nordic a Milano

EVENTO CHE RIGUARDA TUTTO IL MONDO DEL NORD EUROPA: dal cibo all’abbigliamento al turismo ecc…

Dal 24 al 26 marzo 2017 presso UniCredit Pavilion, piazza Gae Aulenti – Milano!  #BENORDIC17

———————-

ABBIGLIAMENTO SENZA PFC E SOSTENIBILE: se ne parla sabato 25 marzo alle 14.45
a Be Nordic con Fjällräven

In occasione di Be Nordic, l’evento organizzato da Visit Denmark, Visit Finland, Visit Norway e Visit Sweden all’Unicredit Pavillion a Milano, il marchio svedese Fjällräven presenterà la conferenza “The Fjällräven Way – in viaggio con la sostenibilità” a cura di Aiko Bode, capo della sostenibilità dell’azienda svedese.

In una giacca shell, vi siete chiesti come mai l’acqua si raggruppa in perle e poi scivola via velocemente?

È l’impermeabilizzazione che rende questo possibile.

Purtroppo, però, i più resistenti ed efficaci trattamenti per le superfici contengono sostanze chimiche conosciute come PFC e impiegate in particolar modo nei prodotti destinati all’outdoor.

Il marchio svedese Fjällräven, specializzato nella produzione e fornitura di capi di abbigliamento, accessori e attrezzature outdoor nel rispetto dell’uomo, degli animali e dell’ambiente, già nel 2012 si è profondamente attivato per l’eliminazione di queste sostanze pericolose. Ma è nel 2015 che si è reso protagonista della svolta, bandendo completamente dalla sua produzione l’utilizzo di nocivi PFC.

Decidere di non utilizzare quest’impregnante così efficace, ma gravemente dannoso per l’ambiente, impone la necessità di re-impregnare l’indumento con un trattamento privo di fluorocarburi ogni volta che lo si lava; un compromesso ragionevole che non intacca l’efficienza del prodotto, ma evita la diffusione di tossine nocive nell’ambiente e nel nostro organismo.

Per scoprire di più su questo tema e sulla via della sostenibilità tracciata da Fjällräven per consentire ai viaggiatori di tutto il mondo di fare escursioni in qualunque luogo e in ogni condizione climatica senza lasciare tracce del proprio passaggio, l’appuntamento è fissato per sabato 25 marzo alle ore 14.45 presso l’Unicredit Pavillion a Milano.

A presentare l’impegno dell’azienda svedese ai fini della diffusione di una cultura aperta alla vita outdoor, ma con l’impegno di agire rispettosamente nei confronti dell’uomo, della natura e degli animali, sarà Aiko Bode, direttore della sostenibilità di Fjällräven.

La presentazione si inserisce all’interno di Be Nordic, la manifestazione unica in Italia dedicata al grande Nord e organizzata da Visit Denmark, Visit Finland, Visit Norway e Visit Sweden. Dal 24 al 26 marzo Milano sarà infatti protagonista di eventi, workshop ed esperienze rigorosamente nordiche, per portare i visitatori, grandi e piccoli, in viaggio verso queste meravigliose mete alla scoperta di usi e costumi, tradizioni e innovazioni.

Fjällräven – www.fjallraven.com
Nel 1960, Ake Nordin fonda Fjällräven nello scantinato di casa a Örnsköldsvik, nel nord della Svezia.

Oggi i capi outdoor dell’azienda – intramontabili, funzionali e robusti – sono apprezzati in tutto il mondo e distribuiti in oltre trenta Paesi.

La gamma di prodotti Fjällräven propone capi di abbigliamento e accessori outdoor per uomo e donna, zaini, tende e sacchi a pelo.

Per Fjällräven è prioritario agire responsabilmente nei confronti delle persone, degli animali e della natura, incoraggiare e sostenere l’interesse per le attività all’aria aperta.

L’azienda è promotrice di due famosi eventi outdoor, Fjällräven Classic e Fjällräven Polar, che ogni anno attirano migliaia di partecipanti.

Moda e borse di lavoro per pc e ogni tipo di dispositivo digitale Moleskine espande collezione Traveling con una nuova linea di borse

CONNETTI LE TUE IDEE, IN MOVIMENTO

con un contenitore agile, comodo e sicuro 

Moleskine

Moleskine espande la collezione Traveling con una nuova linea di borse disegnate per contenere gli oggetti di ogni giorno e come ufficio mobile.

Come in tutte le borse Moleskine, la collezione ID gioca con elementi iconici presi in prestito dai taccuini: angoli arrotondati, elastico di chiusura, attenzione al dettaglio.

Che sia per necessità o per scelta, il lavoro in movimento può potenziare la creatività e aprire la mente a nuove idee, ma può essere anche molto frustrante, se gli strumenti di lavoro non sono comodi da estrarre, non adeguatamente protetti o male organizzati.

Questa collezione è stata disegnata invece come contenitore agile, comodo e sicuro per tenere sempre ben organizzati gli oggetti che compongono il nostro ufficio mobile, senza sacrificare lo stile: device digitali, taccuini, penne, chiavi, cuffie, portafogli, barrette energetiche, ecc, sempre a portata di mano.

DIMENTICA LE PREVISIONI DEL TEMPO.

Tutte le borse della collezione ID sono di nylon impermeabile e di tela cerata, materiali impermeabili e durevoli, piacevoli al tatto, per tenere gli oggetti protetti con qualsiasi condizione di tempo. La base solida conferisce struttura e dà protezione aggiuntiva alla borsa quando la si appoggia, anche all’aperto.

CONNETTI LE TUE IDEE, IN MOVIMENTO.

Ogni borsa della collezione ID è disegnata per trasportare in sicurezza ogni tipo di dispositivo digitale, con compartimenti imbottiti e una tasca esterna con chiusura lampo.

Le mani intruse sono mantenute a distanza dalla banda elastica, dalle cerniere e dallo speciale bottone magnetico che sigilla la copertura esterna.

All’interno, la tasca Moleskine Notes mantiene ben organizzati e facili da estrarre gli strumenti di scrittura.

Fanno parte della collezione anche tre speciali ID Device Bag, disegnate specificamente per varie misure di laptop e device, con ampio spazio per documenti e taccuini, nei compartimenti posteriori con chiusura a bottone.

DETTAGLI DI DESIGN INTUITIVI.

La collezione è stata concepita avendo in mente comodità e funzionalità.

Due occhielli metallici all’esterno di tutti i modelli offrono la possibilità di agganciare chiavi e altri oggetti da tenere sottomano.

Maniglie e spallacci sono sempre regolabili e imbottiti, per un’ottimale portabilità anche durante lunghi trasferimenti.

Il modello ID Messenger Bag ha una cintura adattabile per maggiore stabilità.

Entrambi i modelli di zaini ID Backpack hanno un occhiello per il passaggio dei cavetti per le connessioni digitali.

La ID Tote Bag ha anche una tasca esterna aperta, per oggetti e accessori cui accedere al volo.

UNA CLOUD ANALOGICA: IL GIOCO “MY ANALOG CLOUD”.

Lo stile pulito della collezione ID si adatta alle diverse identità e alle diverse occasioni d’uso, facilmente personalizzabile a seconda delle esigenze e dei gusti.

Le borse sono definite dagli oggetti che contengono, che a loro volta sono espressione delle personalità unica dei loro proprietari.

Per questo la collezione è linkata al gioco online My Analog Cloud: seleziona una serie di oggetti che ti definiscono, la borsa che meglio ti rappresenta e divertiti a guardare e condividere il tuo profilo personale. http://myanalogcloud.com/

Nome: ID Bag Collection
– ID Backpack: disponibile in Nero, Grigio Ardesia, Blu Boreale.
– ID Small Backpack: disponibile in Nero, Grigio Ardesia, Blu Boreale.
– ID Messenger Bag: disponibile in Nero, Grigio Ardesia.
– ID Reporter Bag: disponibile in Nero, Grigio Ardesia, Blu Boreale.
– ID Briefcase Bag: disponibile in Nero, Grigio Ardesia.
– ID Tote Bag: disponibile in Nero, Grigio Ardesia.
– ID Horizontal Device Bag: 15”/13”; Nero, Grigio Ardesia, Blu Boreale.
– ID Vertical Device Bag: 15”; Nero, Grigio Ardesia, Blu Boreale.

Moleskine® è una marca creata nel 1997 con l’idea di riportare in auge gli anonimi taccuini neri usati da famosi scrittori e artisti come Vincent van Gogh, Pablo Picasso, Ernest Hemingway e Bruce Chatwin, che erano stati per molto tempo fuori stampa. Oggi la marca Moleskine include una famiglia di strumenti per la creatività e la produttività: taccuini, agende, quaderni, borse, strumenti per scrivere e oggetti per leggere. La sede di Milano in Italia, comprende le filiali controllate, Moleskine America, Inc. (fondata nel 2008), Moleskine France (2013), Moleskine Germany (2013) and Moleskine Asia Ltd (2011), che controlla Moleskine Shanghai e Moleskine Singapore.