Archivi categoria: Italia

TRAGHETTI E’ ORA DI PRENOTARE !!! – Corsica Sardinia Elba Ferries è tempo di prenotare … a rate !

Corsica Sardinia Elba Ferries: con tre rate per pagare è tempo di prenotare!

Un servizio semplice, sicuro, conveniente e senza interessi.

Savona-Vado, 16 gennaio 2017 – Corsica Sardinia Elba Ferries conferma il pagamento in 3 rate del biglietto: Corsica, Elba e Sardegna sono a portata di click!

Più in dettaglio: il pagamento in 3 rate è possibile, al momento della prenotazione, a condizione che l’importo del biglietto sia superiore a 200 euro, che la data di partenza sia superiore ai 70 giorni e che si sia in possesso di una carta di credito (Visa, Mastercard o American Express). Nessun costo aggiuntivo per i biglietti a tariffa Flex; negli altri casi, per accedere al servizio, viene addebitato un importo di 6 euro.

Queste le scadenze delle rate:
1° scadenza – Il giorno dell’acquisto, alla conferma della prenotazione;
2° scadenza – 30 giorni dopo la data d’acquisto;
3° scadenza – 60 giorni dopo la data d’acquisto.

“Questo servizio è molto apprezzato dai nostri clienti, poiché è semplice, sicuro, conveniente e senza interessi. La nostra politica commerciale è sempre stata orientata alla soddisfazione dei passeggeri e con questa soluzione rendiamo più conveniente l’acquisto delbiglietto per Corsica, Sardegna e Isola d’Elba” commenta Raoul Zanelli Bono, Direttore Commerciale di Corsica Sardinia Elba Ferries.

Maggiori dettagli e condizioni su www.corsica-ferries.it

§§§

Dal 1968 Corsica Sardinia Ferries è la prima Compagnia di navigazione privata per il numero di passeggeri trasportati, che serve tutto l’anno Corsica e Sardegna.
La Corsica è collegata da Tolone, Nizza, Savona e Livorno; la Sardegna è collegata da Livorno, Nizza e Tolone e, in estate, da Piombino. L’isola d’Elba è collegata da Piombino e da Bastia (Corsica) nella stagione estiva.
Corsica e Sardegna sono unite da collegamenti annuali.
Corsica Sardinia Ferries gestisce una flotta di 13 navi e si occupa direttamente di tutti i servizi all’utenza: dalla prenotazione, all’imbarco, all’accoglienza, al servizio di catering a bordo.
Tutte le attività di Corsica Sardinia Ferries sono certificate ISO 9001:2008.
A Savona Vado, in un’area di 50.000 mq in concessione alla Compagnia, sono concentrate le attività organizzative, amministrative e logistiche della società che nel 2016 ha trasportato oltre 3.700.000 passeggeri.

Giardini d’Autore torna a Rimini – Parco Federico Fellini – 17 – 19 marzo 2017

Giardini d’Autore torna a Rimini, a Parco Federico Fellini, per l’edizione di primavera 2017 il 17.18.19 marzo. Tre giorni, durante i quali, si parlerà di giardino, di piante, di paesaggio, di territorio e di cultura del verde.

Giardini d’Autore, l’ormai riconosciuta mostra di giardinaggio che accoglie i migliori vivaisti italiani rinnova l’appuntamento a Rimini presso lo storico Parco Federico Fellini, cuore pulsante dell’identità e della storia riminese e location dal fascino intramontabile.

La manifestazione giunge al suo ottavo anno aprendo la stagione delle mostre di giardinaggio in Italia con la sua edizione primaverile. Un appuntamento fisso per tutti gli amanti del giardino vissuto come un’occasione non solo per reperire piante ed essenze rare ma anche per condividere la conoscenza della cultura del verde in tutte le sue forme ed espressioni.

Passeggiando a Parco Fellini sarà possibile reperire: piante aromatiche e per l’orto, bulbi, semi, rose antiche e moderne, piante acquatiche, piante tropicali, frutti antichi, piante da ombra, e ancora arbusti insoliti a fioritura precoce primaverile, ellebori, piante grasse, varietà insolite di camelie e azalee, piante rampicanti, agrumi storici e ornamentali, piante commestibili e tantissime altre curiosità vegetali, capaci di ispirare tutti nella creazione di veri e propri Giardini d’Autore

Accanto ai vivaisti Giardini d’Autore è infatti un appuntamento di richiamo per designer, architetti, paesaggisti e artigiani con l’obiettivo di offrire al suo pubblico tante idee e spunti per ripensare e vivere gli spazi verdi.

Tra esposizioni e progetti sul territorio Giardini d’Autore si fa anche scenario di incontri, dibattiti e conferenze sul tema del verde e del giardino nonchè di laboratori creativi per adulti e bambini che animeranno tutte le giornate trasformando la manifestazione in una vera e propria officina a cielo aperto.

Le novità continuano con il concorso Riminingreen 2017 e il circuito #Offgiardinidautore

Una delle novità lanciate per l’edizione di primavera 2016 e che ha già riscosso risultati davvero interessanti è “riminingreen”, il concorso per la realizzazione di giardini urbani, dove il verde diventa protagonista ed espressione della città. Giardini d’Autore lancia la seconda edizione del concorso rivolgendo la partecipazione ad architetti, designer, paesaggisti, vivaisti e giardinieri: chiunque abbia esperienza nel settore e, soprattutto, voglia esprimersi attraverso le molteplici forme, colori e significati del verde.

I progetti realizzati a Parco Federico Fellini durante Giardini d’Autore, saranno giudicati da una commissione tecnica e dal pubblico per un totale coinvolgimento degli appassionati all’interno della manifestazione.
L’iscrizione al concorso è aperta a tutti e si può effettuare tramite email all’indirizzo concorsogiardini@gmail.com, i progetti potranno essere inviati entro il 19 febbraio 2017.

Il circuito #Offgiardinidautore è l’altra grande novità nata dalla collaborazione tra Giardini d’Autore e la città di Rimini: gallerie d’arte, teatri, locali, spazi urbani e location inedite che per due giorni parlano di verde, di design e di natura con serate e appuntamenti tutti da vivere in un weekend dedicato al giardino.
__________________________________________
Info:
La mostra sarà aperta al pubblico: Venerdì 17 – dalle 11:00 alle 19:00
Sabato 18 e domenica 19 marzo con orario continuato dalle 9:00 alle 19:00
Ingresso valido per un’intera giornata: 4 euro – abbonamento weekend: 8 euro- gratuito under 16
Laboratori e attività gratuite per il pubblico di Giardini d’Autore
Info: www.giardinidautore.net | www.facebook.com/giardini.dautore

CALABRIA TERRA DI MARE MONTAGNA E GASTRONOMIA

Mare, montagna e cibi genuini.

G mare  b verde

animali MONTAGNA CIVETTA LEGNO HJV VARIO

Programmare le prossime vacanze estive in Calabria potrebbe essere un’idea vincente.

Meglio ancora le vacanze pasquali o la bassa stagione.

Avrete tutto a disposizione: mare, montagna e cibi genuini.

Oltre alle bellezze e frescure della Sila, che vi rinfresca con i suoi laghi cristallini e fitte foreste di conifere,

-il mare vi offre spiagge bianche ed escursioni gastronomiche come Rocca Imperiale, interessante per la fortezza, l’antico campanile e la sua storia, ma soprattutto per una produzione di particolari limoni (detti l’oro di Federico) di qualità pregiatissima.

Limoni ad elevata percentuale di limonene, apirene e  terpinene, che danno un sapore indimenticabile al frutto. www.consorziolimonerocca-imperialeigp.it Roccaimperiale, provincia di Cosenza.
Roccaimperiale ( a 200 metri di altitudine sul livello del mare), si trova nell’arco che circoscrive il Golfo Tarantino, spiagge di ciottoli, si alternano a spiagge di sabbia con un mare sempre pulito.

La Valle del Crocchio, Cropani, Andali e dintorni (provincia di Cosenza), offre soggiorni a Cropani Marina direttamente sul mare.

Poco conosciuta è l’area compresa tra Catanzaro e Crotone, qui si trova la bella montagna della Sila Piccola.

-L’area comprende foreste incontaminate e villaggi ricchi di tradizioni.
Bei panorami, cascate e canyon sono ricchi di tesori botanici; sino a raggiungere il Mare Ionio.

-Qui si trovano ancora veri prodotti alimentari tradizionali e, sul mare, spiagge senza insediamenti turistici.

L’ideale per godersi il mare è l’area tra Catanzaro Lido e Crotone.
Qui si trovano B&B, hotel e camping.

–Parchi acheologici e musei sono sparsi nella zona a testimonianza dell’antica importante civiltà importata dai greci.

DOLCI E SALATI – ACQUISTI, MA A PREZZI RAGIONEVOLI

L’AZIENDA AGRICOLA ROMANO, produce squisiti salumi veramente genuini, biologici e argianali, con l’antico maiale nero che si ciba anche delle olive che cadono a terra e che non sono usate per fare l’olio o i fichi che sono apprezzati dai maiali e contribuiscono all’ottoneimento di un prodotto sopraffino

NERO DI CALABRIA: a nostro parere troppo  cari, in proporzione a quanto da noi pagato quali normali acquirenti (come rapporto qualità prezzo), salumi da maiali neri autoctoni.

CIBO 450 salumi h

Peccato,  noi abbiamo acquistato un capocollo del quale, come da foto allegata, quasi il 50%, tutto disposto da una sola parte era puro grasso ! Non ben distribuito nella carne, come invece messo dalla società nelle foto in internet. Siamo ovviamente in grado di capire i problemi della piccola produzione artigianale, ma in questo caso siamo a un 50% di grasso; troppo per quello che abbiamo pagato.

Miele: Apicoltura Lucanto Diego, località San Nicola, Zona Ind.; Mesoraca (KR) apiculturalucanto@alice.it Una produzione artigianale che punta alla qualità. Le api vivono solo in zone selvagge, non coltivate, quindi non soggette a trattamenti. Il miele proviene solo da fioriture selvatiche. Gli alveari sono trasportati nelle varie zone selvatiche secondo le fioriture e quindi il tipo di miele che si vuole ottenere.

SOGGIORNARE
Mille e più soluzioni sono possibili; dall’agriturismo, al lussuoso albergo, al campeggio.

— Campeggio, appartamenti e case mobili su di una spiaggia bianca ed invitante a Cropani Marina in provincia di Catanzaro. www.campinglungomare.com
Camping, case vacant: Lungomare a Cropani Marina (CZ), www.campinglungomare.it.
Residence: L’Agave, Cropani Marina, www,residencelagave.it
Agriturismo: Il Vescovo, Andali, provincia di Cosenza. www.agrivescovo.it
Con piscina panoramica, vista mare, residenze private o trattamento alberghiero con ottima cucina.
Il giusto punto per esplorare mare e monti.

Programmare un WEEKEND o vacanza a CATANIA per la FESTA DI SANT’AGATA

Catania 2 500  Palazzo bBscheri

Palazzo Biscari

CATANIA Etna bocca laterale 350 km

catania Etna 500

Il vulcano Etna in inverno.

Catania la folla Sant'Agata 450 j

La folla per Sant’Agata.

CATANIA 672 Etna e Mare panorama k

Dall’Etna si vede la città di Catania e golfi verso sud-est

catania 500 Duomo tramonto h

Duomo.

Catania dintorni castello lm

Dintorni di Catania.

Catania sant'Agata Candelori hj

Sant’Agata.

Catania 672 ok notte Duomo folla

La processione di Sant’Agata.

CATANIA

“…l’impressione di questo giardino incantato…lo stesso odore tutto particolare di mare vaporante, tutto mi richiamava…l’isola beata dei Feaci. Andai subito ad acquistare un Omero, lessi con ineffabile rapimento quel canto e ne improvvisai una traduzione per Kniep…” Così scrive il grande Goethe della Sicilia.

Di Catania, guardando le antiche rovine, immagina le “…ripetute distruzioni della città per opera di lave, dei terremoti…”

Perché la storia di Catania, è scritta soprattutto dal grande vulcano che la sovrasta; l’Etna.

Il nostro weekend a Catania.

Montagna che a noi è apparsa nella sua veste più suggestiva; quella invernale. Un manto di neve ne riveste le parti più alte, ma il fumo continua ad uscire, creando qualcosa di magico.

Magico come la capacità dell’antica lava di concimare e favorire la crescita di profumatissimi limoni, aranci, mandarini, anche verdura e viti che producono un’uva irripetibile.

Ma Catania è anche la sua popolazione con tutte le sue vivaci tradizioni; come la festa di Sant’Agata.

Catania Sant0Agata Candele 450 l

Grandissime e pesanti candele sono portate a spalla dai devoti vestiti di bianco

Catania Candele 300 k

S.Agata è, per partecipazione, la seconda festa della cristianità al mondo!

I devoti restano in attesa della messa dall’aurora del quattro febbraio, per rivedere, dopo un anno, la “Santuzza” ricoperta di preziosissimi gioielli; doni dei credenti dai tempi più antichi.

E’ difficile spiegare l’atmosfera creata dalla partecipazione collettiva di tutta la popolazione; colore e vita, credo e folclore.

Una festività da vedere per emozionarsi insieme a tutta la popolazione che vive per due giorni nelle strade, anche di notte.

Da vivere nella piazza del Duomo, da dove cominciano le visite guidate della città e da dove è iniziata la ricostruzione della città; dopo il disastroso terremoto del 1693. Questo è il centro dei poteri Domo e palazzo del Municipio. Due monumenti da visitare; entrambi parti importanti della storia della città.

Nel settecento, i più capaci architetti, artisti e artigiani provenienti da tutta la Sicilia, hanno disegnato e realizzato lo splendido barocco della città; che oggi è divenuto Patrimonio dell’Umanità Unesco.

Non può sfuggire, al centro della piazza del Duomo, la Fontana dell’Elefante; simbolo di Catania.

Qui nel sottosuolo, si trovano le terme Achilliane, e dietro la Fontana dell’Amenano. In zona, anche la Pescheria, a pochi passi dal mare; pittoresco mercato giornaliero della frutta e del pesce.

Tornando alla festa di Sant’Agata, nelle chiese si tengono speciali funzioni religiose e per le strade sfilano le candelore (immense e pesanti tipiche costruzioni), accompagnate da allegre bande musicali. Non possono mancare i dolci tipici e le olivette in pasta reale. Perché qui il cibo è una cosa seria; quasi sacra.

Nessuno potrà lasciare Catania senza il suo pacchetto di frutta o verdura fatta di marzapane, di deliziosi arancini al ragù ed almeno qualche cannolo e l’ ”Iris” un dolce fritto … speciale.

Come non si può lasciare Catania senza averne visitato il Municipio. detto: Il Palazzo degli Elefanti e costruito dopo il terremoto del 1693 in sostituzione del  cinquecentesco Palazzo Senatorio; opera di diversi architetti: tra i quali Giovan Battista Vaccarini, che ha progettato molti dei più pregevoli edifici del centro storico. All’ingresso due carrozze del Senato; usate il 3 febbraio dalle autorità cittadine, durante i festeggiamenti di S.Agata, per raggiungere la chiesa di S. Biagio in piazza Stesicoro ed offrire la cera alla Santa.

Sempre nella piazza del Duomo si incontra il primo Seminario dei Chierici; fondato nel 1572 e che si trovava nell’antica Platea Magna, oggi corrispondente a Piazza Duomo.
Dopo il terremoto del 1693 venne ricostruito in parte sulle antiche mura ed in parte su un’area occupata dall’antico Vescovado; i lavori furono iniziati   dall’architetto Alonzo di Benedetto e proseguirono con Francesco Battaglia.

Salendo verso il culmine di una piccola collina, si raggiunge il nucleo originale di Catania; storia che si perde nei tempi più antichi,.

Qui si trova il Castello Ursino; costruito per volere di Federico II di Svevia, tra il 1239 e il 1250. Il primo castello difensivo, sorgeva vicino al mare; circondato da un fossato. Durante l’eruzione del 1669 fu circondato dalla lava; una lunga campagna di scavi lo ha riportato al suo aspetto originario; in altra sede.
Nel ‘400 il castello fu abitazione dei reali aragonesi, poi fu adibito a vari usi. Dal 1934 è diventato Museo Civico cittadino, con reperti d’età greca, romana e di varie epoche; compresa una parte della produzione artistica catanese. L’opera più interessante è la “Madonna con bambino” di Antonello da Saliba (1466-1535).
Sempre al Castello, si alternano importanti mostre d’arte, come la mostra “CHAGALL. LOVE AND LIFE” Opere dalla Collezione dell’Israel Museum
Dal 18 ottobre 2015 –  3 aprile 2016.

Altro edificio da non perdere, nella visita della città di Catania, è Il Monastero dei Benedettini; fondato nel 1558.

Catania 2 500 Monastero Benedettini dn

Monastero dei Benedettini.

Catania 2 Monastero benedettini caffé js

Catania 2 450 Benedettini dove si mangiava

Il refettorio, dove mangiavano i monaci figli delle più importanti famiglie di Catania.

Catania 2 Benedettini scavi archeologici k

Reperti archeologici romani; nelle cantine del monastero.

catania Monastero Benedettino 450 j

Dopo l’eruzione dell’Etna del 1669 e del successivo terremoto del 1693 buona parte dell’edificio viene distrutto.
La ricostruzione inizia nel 1702, ad opera dei maggiori architetti siciliani: Ittar, Battaglia, Battaglia Santangelo, Palazzotto e Giovan Battista Vaccarini; il più famoso tra gli architetti del barocco siciliano settecentesco. Al Monastero si aggiungeranno un nuovo Chiostro, un giardino, il Caffeaos, la biblioteca, le cucine, l’ala del noviziato, i refettori, il coro di notte.

Visitando i piani interrati si scoprono interessanti reperti romani; uno dei Cardines  e il Decumanus Maximus e resti di domus di età tardo ellenistica e di epoca imperiale. Inoltre si vedono bene i resti delle colate laviche; che furono opportunamente deviate dai monaci.

Il Monastero è uno dei conventi più grandi d’Europa.

Tutti i secondogeniti delle famiglie più prestigiose della zona furono qui accolti e il loro alto ceto è ben dimostrato dagli imponenti scaloni all’ingresso, dalla grandiosa cucina e dall’imponente refettorio, ma non solo.

San Nicolò

La chiesa di San Nicolò si ispira ai modelli architettonici romani; iniziata nel 1687 su disegno di G.B. Contini, dopo il terremoto del 1693 i lavori proseguirono con l’ausilio di diversi architetti come Francesco Battaglia e Stefano Ittar; quest’ultimo realizzò la cupola alta 62 metri. Il progetto rimase, comunque, incompiuto (1796); per difficoltà di ordine tecnico e gravi problemi economici.

Da notare: la grandiosità delle partizioni architettoniche e la luce diffusa proveniente dagli alti finestroni.

Il grande altare maggiore è stato realizzato con materiali molto preziosi.

Celeberrimo l’organo realizzato dall’abate Donato del Piano; 72 registri, cinque ordini di tastiere, 2.916 canne.

DOPO IL GRANDE TERREMOTO LA VIA ETNEA DIVIENE LA VIA DEI PALAZZI NOBILIARI; MENTRE LA VIA CROCIFERI LA SEDE RISERVATA ALLE AUTORITA’ ECCLESIASTICHE (3 monasteri, 1 collegio e 4 chiese; in soli 200 mt.). Negli anni successivi la via Crociferi è anche punto di incontro per cerimonie e cortei religiosi.

La prospettiva offerta dalla zona è tanto bella che fu usata come “location” per molti film; tra i tanti nomi: Zeffirelli “Storia di una capinera”, “I Vicerè” di Faenza e “Il bell’Antonio” di Bolognini.

QUI SI TROVA UNO DEI LUOGHI PIU’ SUGGESTIVI DELLA FESTA DI SAN’AGATA: durante la mattinata, le suore benedettine intonano per la santa canti soavi.

SEMPRE IN VIA CROCIFERI:

Il monastero delle Benedettine; fondato nel 1355.
Alla fine del XVII sec. una ricostruzione determinò l’inglobamento dell’odierna badia piccola; grazie alla costruzione dell’arco, 1704. Quest’ultimo, fu considerato abusivo dal governo vigente; abusivismo che fu bellamente ignorato dai religiosi dell’epoca, tanto che oggi è diventato un simbolo per la città di Catania.
La leggenda racconta che, per allontanare il popolino da questa zona; allora assai trafficata di notte, si raccontasse di una leggenda di fantasmi. Chi osò presenziare per appendere inchiodo, come scommessa, fu egli stesso trovato morto e appeso al chiodo il mattino successivo.

Al monastero appartiene anche la chiesa di San Benedetto, interamente affrescata da Tuccari fra il 1726 ed il 1729.

Chiesa S.Francesco Borgia
La Chiesa di S.Francesco Borgia (santo spagnolo nato nel 1510, parente di Carlo V),  è opera dell’architetto frate Angelo Italia ed all’interno custodisce il pulpito con il prezioso drappeggio in legno ad imitazione della stoffa, la cappella di S.Ignazio e la cappella di S.Francesco Saverio rivestita di marmi di pregio.

Chiesa di San Giuliano

Secondo alcuni studiosi la chiesa di S. Giuliano può essere attribuita al Vaccarini (1739 e il 1751). La facciata, concava al centro, è movimentata da una loggia che si dispone all’altezza del secondo ordine della facciata.
Le religiose, molte provenienti da famiglie della nobiltà catanese, da qui potevano vedere la processione della festa di S. Agata, durante la notte del giorno 5 febbraio, mentre saliva lungo la via Sangiuliano per svoltare, poi, in via Crociferi.

Badia di S. Agata

Sulla via V. Emanuele, di fronte alla Cattedrale, si incontra la chiesa della Badia di S. Agata la quale, insieme all’annesso ex monastero,  occupa un intero isolato. L’edificio odierno poggia sulle rovine dell’antica chiesa e convento, dedicati a S. Agata; poi crollati.
La chiesa  è un capolavoro architettonico di G.B. Vaccarini (1735-1767): ha la pianta a croce greca allungata inscritta in un ovale. Da notare: l’alternanza di superfici convessa-concava-convessa; caratteristica del Barocco.
Risalta la decorazione interna; semplice ed essenziale, stucchi bianchi alle pareti, statue, altari preziosi e ricami di marmo sul pavimento.

Basilica
S. Maria dell’Elemosina
(Collegiata)

Sul luogo dell’attuale chiesa, nella prima epoca cristiana, sorgeva un’ edicola dedicata alla Madonna dell’Elemosina.
Frequentato dai re aragonesi e dalla loro corte; nel 1396 ebbe il titolo di “Regia cappella”. A seguito del terremoto del 1693 venne ricostruita, ma con la facciata disposta lungo la via Etnea; la via più importante della Catania risorta dopo eruzioni e terremoti. La chiesa settecentesca è dell’architetto Antonio Amato su progetto del gesuita Angelo Italia. La facciata, di Stefano Ittar (1758), mostra le concavità e convessità tipiche del barocco e della sua ricerca di armonia.

———

PALAZZO BISCARI

Catania 2 550 Palazzo Biacheri jn

Catania scala Palazzo Biscari 2

Scala interna di Palazzo Biscari

Palazzo Biscari
Il più bel palazzo barocco catanese.
Recentemente inserito nell’elenco dei beni del patrimonio dell’UNESCO.
Conta circa settecento stanze.
www.palazzobiscari.com info@palazzobiscari.com per prenotare visite, congressi, meeting e matrimoni.
Imperdibile per le sue bellezze; fu visitato anche da Goethe e dalla regina Elisabetta.

Il palazzo è appartenuto alla famiglia Paternò Castello, principi di Biscari, dal XVIII al XIX secolo ed agli eredi indiretti Moncada Paternò Castello a partire dal XIX secolo.

Negli ultimi decenni la famiglia ha aperto le porte, di una parte dei saloni, a catanesi, viaggiatori e turisti.

Catania palazzo Bischeri 300 proprietario

L’attuale proprietario, che apre le porte del suo palazzo per visitatori ed importanti eventi.

Fu voluto da Ignazio Paternò Castello principe di Biscari, per sua dimora. I primi lavori iniziarono nel 1702; a quell’epoca il palazzo comprendeva un solo piano, ma già esisteva il museo, con i reperti archeologici raccolti dal principe nelle terre dei suoi latifondi.
Lo  stile del palazzo è barocco e fu costruito sulle mura cinquecentesche di Catania. Per la sua ampiezza occupa un intero isolato.

Il palazzo si affaccia sul porto e sugli Archi della Marina; qui, fino agli anni Venti, il mare lambiva i bastioni sottostanti.

Oggi, vi si svolgono anche numerosi eventi di grande prestigio; alcuni saloni sono oggetto fotografico di sfarzosi matrimoni internazionali.

Teatro Romano
Il teatro è stato realizzato dal I al IV secolo d.c., è addossato al versante meridionale della collina dove sorgeva l’antica acropoli di Catania. Poteva ospitare circa 7.000 spettatori.

Anfiteatro Romano
Al centro di piazza Stesicoro si nota una grande apertura che lascia intravedere una parte dei resti dell’anfiteatro romano di Catania. Si tratta di uno degli anfiteatri più grandi d’Italia; purtroppo è nascosto quasi interamente sotto le moderne abitazioni. Si è calcolato che poteva contenere 15.000 spettatori seduti e quasi il doppio, con apposite impalcature, per i posti in piedi.
Fu costruito intorno alla metà del II secolo a.C. All’epoca di Teodorico il monumento era già in stato di abbandono. Ruggero il Normanno lo utilizzò per ricavarne pietre per innalzare la cattedrale.
——-

UNO DEI MONUMENTI PIU’ BELLI E CARATTERISTICI DI CATNIA E’ IL TEATRO BELLINI
IMPERDIBILE !

Il TEATRO BELLINI si affaccia sull’omonima piazza. Fu inaugurato il 31 maggio del 1890 con la rappresentazione della Norma di Vincenzo Bellini.

Opera di Carlo Sada è in stile eclettico francese, del “secondo impero”, reso di moda a Parigi da Charles Garnier con l’Opéra di Parigi.

Carico di ornamenti e allegorie; è molto elegante in tutte le sue sfaccettature e particolari.

Il teatro è famoso, a livello internazionale, per la sua eccellente acustica.

Affreschi del soffitto di Ernesto Bellandi. Il pittore Giuseppe Sciuti, nel 1883, vi dipinse un antisipario che narra la leggendaria vittoria dei Catanesi sui Libici.
——

AFFASCINANTE VISITA AL VULCANO

La stagione migliore per visitare il vulcano Etna è sicuramente l’inverno. La neve e i funi che sprigiona il vulcano creano un paesaggio fiabesco.

Sono possibili escursioni di ogni genere e livello, secondo le capacità dei turisti. Dalla tranquilla visita con un piccolo bus, alle faticose arrampicate a piedi, alle visite con le jeep.

STORIA DI CATANIA E DEL SUO VULCANO

La storia di Catania è segnata da diversi cataclismi: terremoti, eruzioni, tsunami.
In breve le più antiche.
Eruzione del 693 a. C. distrusse l’antica Catania (Katane).
Eruzione del 396 a. C. la cui colata lavica arrivò in mare.
Eruzione del 1169 la cui lava arrivò ad Aci Castello.
Eruzione del 1329 ebbe origine presso Rocca Musarra, in Valle del Bove (si formarono numerosi coni secondari).
Eruzione del 1381; la lava raggiunse Catania, arrivò al mare a Ognina coprendo lo storico porto Ulisse.
Eruzione del 1408 la lava raggiunse i settori di Pedara e Trecastagni.
Eruzione del 1444 minacciò Catania.
Eruzione del 1556 la lava giunse fino a Linguaglossa.

4 febbraio 1169, vigilia del giorno di Sant’Agata, adorata Patrona della città. Verso le ore 21 la prima forte scossa sismica, magnitudo stimata intorno a 6.6, Catania è devastata. La cattedrale, piena di fedeli raccolti per la funzione dedicata a Sant’Agata, crolla: muoiono almeno cento persone. L’evento è seguito da uno tsunami che colpisce la città e l’intera costa ionica, da Messina alla foce del fiume Simeto. Le scosse proseguono per diversi giorni e provocano danni e vittime anche a Modica, Lentini, Aci Castello, Siracusa e Piazza Armerina. Circa10mila le vittime stimate. La scossa sismica fa crollare la parte orientale dell’Etna, potenti colate laviche si dirigono verso sud-est, giungono fino al mare ad Aci Castello.

Grande eruzione dell’Etna del 1669, l’evento più catastrofico degli ultimi 500 anni; la lava addirittura raggiunse il mare. Iniziò l’11 marzo e finì il 15 luglio.
Nei pressi di Nicolosi un imponente squarcio formò diverse bocche esplosive (oggi Monti Rossi) ed effusive. Un mese dopo raggiunse Catania.
In totale la lava si portò via le case di oltre 27.000 persone.

Eruzioni dopo il 1669: 1755, con lave nella Valle del Bove, 1763 si formarono i Monti Nuovo e Mezza Luna, sul versante Ovest, e la Montagnola, su quello Sud, 1766: responsabile della formazione dell’apparato eruttivo dei Monti Calcarazzi, 1792-1793, 1811-1812,1819, 1832, 1843,1852-1853, che formò l’apparato eruttivo dei Monti Centenari in Valle del Bove, 1865,1879,1883… e così di seguito con una frequenza impressionante. Per fortuna, normalmente, la lava scende senza esplosioni e quindi la gente ha il tempo di porsi al sicuro e, nel migliore dei casi, anche di deviare la lava dalle abitazioni.
IL TERRIFICANTE TERREMOTO DI CATANIA DEL 1963
1693 un terribile terremoto colpì Catania con due gravi scosse successive; la seconda fu devastante e trovò i fedeli nella Cattedrale a ringraziare Santa Rosalia per essere sopravvissuti; alla prima scossa. Circa 54.000 i morti, se si comprendono anche tutte le zone circostanti; sino a Ragusa e Modica. Successive scosse, nei mesi a seguire, arrecarono altri danni.

Continuate a seguirci, nelle prossime puntate vi parleremo dei dintorni e di tanti indirizzi di alberghi, ristoranti, bar, sedi di congressi, eventi varisono possibili e curiosità.

MONTAGNA E SCI LOW COST DOVE ? – Da 275 euro per 4 giorni in pensione completa 4 stelle hotel Schneeberg

4 stelle Wellness & Family Hotel Schneeberg di Ridanna in Alto Adige.

Per coppi e bambini, per single giovani e anziani.

Vacanze – wellness con area di 8.000m² , Spa, sport, numerose attività e un programma per le famiglie e i bambini.

-Area benessere e piscine unica e insuperabile.

-Ottima cucina.

Ma anche una vacanza rilassante all’insegna del benessere e tante escursioni.

Da 275 euro per 4 giorni in pensione completa.

Offerta per un soggiorno di 3 (GI-DO) o 4 (DO-GI) notti allo Schneeberg, comprensiva di un buono wellness di 20 €:

Inverno: sci alpino, sci di fondo, slittate, escursioni con le ciaspole nella natura incontaminata.
Nelle immediate vicinanze: la pista di fondo e biathlon di Ridanna, la città di Vipiteno e l’impianto sciistico di Racines-Giovo.

Offerta prenotabile nei seguenti periodi:
– 08.01 – 23.02.2017 da € 275,-
– 05.03 – 06.04.2017 da € 275,-

PRENOTAZIONE HOTLINE
+39 0472 656232
info@schneeberg.it

http://www.schneeberg.it/it

Breve storia del Parco Nazionale Gran Paradiso e splendide foto

gran-paradiso-1a

gran-paradiso-1b

MONTAGNA COGNE 672 PANORAMA IMG_6685

COGNE CASCATA ARCOBALENO

Cogne, cascata di Lilliaz.
Cogne, cascata di Lilliaz.
COGNE, insegna giardino botanico.
COGNE, insegna giardino botanico.

autunno COGNE

COGNE GIARD BOTAN X

I custodi del Paradiso

Sono uomini e donne appassionati, non temono il freddo e la fatica, dal lavoro dei guardaparco dipende la salvaguardia e il monitoraggio dell’area protetta più antica d’Italia, il Parco Nazionale Gran Paradiso.

Era il 5 agosto 1947 quando un decreto legislativo istituiva l’Ente Parco Nazionale del Gran Paradiso, l’organo a cui è affidata la gestione del Parco nazionale Gran Paradiso (area protetta costituita con un regio decreto-legge il 3 dicembre 1922).

Il Corpo di Sorveglianza, creato nel 1947, è in qualche modo la prosecuzione ‘naturale’ delle Gua rdie Reali, figure istituite con la nascita della Riserva Reale di caccia del 1856.

In questi 70 anni, il lavoro attento e costante dei guardaparco ha evitato l’estinzione dello stambecco, animale simbolo del PNGP, ha permesso la salvaguardia della straordinaria biodiversità che abita le valli del Gran Paradiso, ha contrastato il fenomeno del bracconaggio attraverso un monitoraggio quotidiano e ha offerto un servizio attento e puntuale alle comunità locali e ai turisti.

 Nella loro attività quotidiana, i guardaparco sono spesso accompagnati dai loro cani, compagni fedeli e utilissimi in molte occasioni, come il reperimento di animali feriti e l’individuazione e il soccorso di vittime delle valanghe.

Importante il ruolo a supporto della ricerca scientifica svolto dall’Ente Parco con la partecipazione diretta alle attività insieme al Servizio scientifico dell’Ente ed i suoi ricercatori.

Nel periodo invernale i guardaparco svolgono anche attività di monitoraggio in quota: i rilievi nivo-metereologici, i controlli delle fronti glaciali e le verifiche delle attività valanghive richiedono, oltre a specifiche conoscenze tecniche, capacità di spostamento anche in condizioni meteo proibitive.

Qualche curiosità

Il calendario 2017 del PNGP è interamente dedicato alla figura del guardaparco: disponibile in formato da tavolo 11×16 cm al prezzo di 6 euro e da muro (formato chiuso A4, aperto A3) a 9 euro, il calendario è in vendita presso le sedi del Parco di Torino ed Aosta e nei centri visitatori

Perché lo stambecco è stato scelto come simbolo del Parco?

Perché è stata proprio questa specie la prima ad essere interessata dalle attività di protezione nel territorio del Gran Paradiso, orami 161 anni fa.

Un tempo il sistema tradizionale per l’osservazione della fauna consisteva nell’appoggiare il cannocchiale al bastone tipico denominato ‘canna’; oggi vengono utilizzati i più comodi e agili binocoli, accessorio insostituibile per lo svolgimento dell’attività di osservazione e monitoraggio degli animali.

VACANZE – DOVE TROVARE ALTRI VIAGGIATORI PER VIAGGI INSOLITI ?

GLOBE TROPPER è la risposta, seria, a chi non vuole viaggiare da solo.

www.globetrooper.com

Si tratta di una piattaforma on line per viaggiatori.

Nel sito si inseriscono la propria proposta e le proprie esigenze.

Registrandosi si possono vedere le offerte degli altri utenti.

Qui trovate  anche un forum e un blog, per avere mille utili consigli di viaggio.

Anche i profili Facebook e twitter @globetropper danno utili suggerimenti.

Qui potete presentare e trovare ogni tipo di viaggio dal safari in Africa alle spiagge delle isole mediterranee ai viaggi in nord Europa, America, Asia, Australia…

SPECIALE PONTE 7-11 DICEMBRE – Genitori e bambini diventano sperimentatori – Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia

Da mercoledì 7 a domenica 11, bambini e adulti possono creare disegni con la luce nella Tinkering Zone, sperimentare il cibo del futuro, estrarre il proprio Dna e partecipare a
tante altre attività coinvolgenti.

museo-scienza-tecnologia-672-disegni-di-luce

Orari: ogni giorno 9.30-18.30
Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia
Via San Vittore 21, Milano

Mercoledì 7, giovedì 8, venerdì 9, sabato 10 e domenica 11 dicembre il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia propone tante attività interattive per adulti e bambini.
Nella Tinkering Zone potranno realizzare le loro sorgenti luminose per creare immagini sorprendenti in una stanza buia. Una macchina fotografica digitale immortalerà i loro disegni di luce. Il tinkering è un innovativo approccio pedagogico che lavora all’intersezione fra arte, scienza e tecnologia, nato all’Exploratorium di San Francisco da progetti di ricerca in collaborazione con il MIT di Boston, che il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia ha portato per primo in Italia.

La Tinkering Zone del Museo è uno spazio permanente che integra quattro metodologie:

il tinkering, il making, il design e l’ingegneria, intese non come attività mirate alla produzione di qualcosa ma come approcci educativi, metodi per indagare e comprendere scienza, tecnologia e il mondo in generale.

Le attività all’interno della Tinkering Zone, per ragazzi e adulti insieme, mirano a sviluppare creatività, capacità di innovazione, pensiero critico e sistemico. La partecipazione creativa è il motore che dà origine a nuove forme di espressione, di condivisione e di scambio, di idee e di prodotti.

Dal 7 all’11 dicembre i più piccoli (da 4 anni) potranno invece scoprire e conoscere come si allena un astronauta o come si lancia un missile, con una visita loro dedicata

Con il naso all’insù nell’area Spazio.

BAMBINI DAI 3 ANNI

Nell’i.lab Area dei Piccoli i bambini a partire da 3 anni potranno cimentarsi nella costruzione di meccanismi musicali e nella realizzazione di un foglio di carta riciclata oppure potranno far danzare api robot scoprendo i segreti della programmazione e, con l’antico gioco del Tangram, si divertiranno a disegnare e a giocare con figure geometriche colorate. Nell’i.lab Bolle di sapone potranno scoprire le infinite forme delle lamine saponose.

BAMBINI DAI 7 ANNI

Altre attività interattive per bambini più grandi (da 7 anni) e adulti saranno proposte a rotazione negli i.lab Alimentazione, Biotecnologie, Genetica e Leonardo.

Qui si potrà sperimentare come potrebbe essere il cibo del futuro, scoprire quanti microrganismi sono utili all’uomo, quanta biodiversità c’è in natura o, giocando con i modelli di Leonardo, scoprire come le strutture portanti, ponti e architravi, riescano a sostenere enormi pesi oppure potranno mettersi alla prova con le tecniche d’affresco rinascimentale.

Nel biglietto d’ingresso al Museo è inoltre compresa la visita alla mostra I mondi di Primo Levi.

Una strenua chiarezza, che si inaugura mercoledì 30 novembre e che percorre la pluralità di esperienze e di interessi che hanno caratterizzato la vita e l’opera dello scrittore torinese.

PROGRAMMA

Le attività sono comprese nel biglietto d’ingresso al Museo



TINKERING ZONE 
Disegni di luce
Per bambini da 8 anni e adulti | A ciclo continuo senza prenotazione, dalle ore 11 alle 13 e dalle 14 alle 18.

Fai un disegno digitale usando la luce. Costruisci il tuo pennello luminoso, sperimenta colori, scie e traiettorie e crea immagini sorprendenti. Con una macchina fotografica, un po’ di buio e di pratica prova a creare un disegno usando la luce al posto di matite e pastelli.

PER I BAMBINI PIÙ PICCOLI


Attività su prenotazione il giorno stesso alla biglietteria

Ogni giorno negli i.lab Bolle di sapone e Area dei piccoli sono previste attività specifiche per i bambini da 3 a 6 anni in cui scoprire il magico mondo delle bolle di sapone, divertirsi con api robotiche, costruire meccanismi musicali, giocare con la matematica. Dai 4 anni  potranno partire per un’avventura nello Spazio nella visita guidata Con il naso all’insù.

ALTRE ATTIVITÀ

Attività su prenotazione il giorno stesso alla biglietteria | Da 7 anni o più

Nell’i.lab Leonardo (7 dicembre) si costruiscono strutture portanti per scoprire a cosa servono gli archi, si realizza un affresco e si scrive come nel Rinascimento, si scolpisce un particolare del Duomo di Milano e si toccano con mano i grandi modelli delle macchine di Leonardo.

Nell’i.lab Alimentazione (7 e 8 dicembre)si crea il proprio cibo del futuro, si sperimenta come si prepara il gelato, si scoprono le differenze tra le acque e cosa succede quando beviamo.

Nell’i.lab Biotecnologie (9 dicembre)si confrontano gli organismi al microscopio, si esplora il mondo delle biotecnologie, si osserva di cosa è fatto il compost e come si trasformano i rifiuti in terreno fertile, si sperimenta perché il pane lievita e l’aceto fermenta.

Nell’i.lab Genetica (10 e 11 dicembre) si gioca con fiori, frutti e semi per conoscere quanta biodiversità c’è tra le piante, si scopre quante impronte lasciamo, cosa ci identifica e cosa ci accomuna, si osserva di cosa hanno bisogno le piante per vivere, si porta a casa il proprio DNA.

MOSTRE TEMPORANEE
I mondi di Primo Levi. Una strenua chiarezza

La mostra percorre la pluralità di esperienze e di interessi che hanno caratterizzato la vita e l’opera dello scrittore torinese: dalla formazione scientifica alla deportazione, dalla chimica come mestiere al mestiere di scrivere.

Mosso dalla volontà di raccontare con “strenua chiarezza” le esperienze e le riflessioni che hanno animato il suo percorso di vita, Primo Levi offre nelle sue pagine storie straordinarie ai lettori di tutto il mondo.

Sono proprio le sue parole ad accompagnare i visitatori della mostra, riprese dalle pagine di Se questo è un uomo, I sommersi e i salvati, La tregua, Il sistema periodico, La chiave a stella e i racconti di fantascienza.

Di questo complesso percorso di vita la mostra propone un quadro ricco e articolato, attraverso immagini private e professionali per lo più inedite, interviste video, citazioni dalle opere.

Il programma dettagliato di tutte le attività del Museo (mostre temporanee, visite guidate, laboratori interattivi) è disponibile all’indirizzo http://www.museoscienza.org/attivita

INFORMAZIONI PER IL PUBBLICO
Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci
Dove siamo: Ingresso Via San Vittore 21 – 20123 Milano

Orario invernale: da martedì a venerdì 9.30-17 | sabato e festivi 9.30-18.30. Dal 26 dicembre all’8 gennaio 10.00-18.30.
Chiuso 24, 25 dicembre e 1 gennaio.

Biglietti d’ingresso
intero 10,00 € | ridotto 7,50 € per giovani sotto i 25 anni; adulti accompagnatori (max 2 persone) dei minori di 14 anni; persone oltre i 65 anni; gruppi di almeno 10 persone; docenti delle scuole statali e non statali; convenzioni

speciale 4,50 € per gruppi di studenti accompagnati dall’insegnante previa prenotazione.

Ingresso gratuito per: visitatori disabili e accompagnatore, bambini sotto i 3 anni, giornalisti solo previo accredito dell’Ufficio Stampa o presentazione del tesserino dell’Ordine dei Giornalisti in corso di validità e compilando il form di accredito.
Visite guidate al sottomarino Enrico Toti

Non è possibile acquistare il biglietto per la visita guidata all’interno del sottomarino Enrico Toti separatamente da quello del Museo.

Il costo è di 8 € + il biglietto del Museo (+ 2€ per prenotazioni anticipate). Info e prenotazioni: : www.museoscienza.org o tel.02.48555330, attivo il martedì e il venerdì dalle 13.30 alle 16.30, o via email all’indirizzo infototi@museoscienza.it

Simulatore virtuale di volo in elicottero

Il costo è di 8 € + il biglietto del Museo. La prenotazione e l’acquisto del biglietto avvengono il giorno stesso alla biglietteria o online sul sito del Museo (fino a esaurimento dei posti disponibili).
Biglietti online                                                                                                                                                                                    Sul sito del Museo è possibile acquistare il biglietto d’ingresso al Museo – intero o ridotto, il biglietto per il sottomarino Enrico Toti e per il simulatore di volo in elicottero.
www.museoscienza.org | info@museoscienza.it | T 02 48 555 1

WEEKEND E VACANZE IN ALTA MONTAGNA CON UN EX CAMPIONE A TRAFOI

…ai piedi dell’ Ortles, la cima più alta dell’Alto Adige (3.905m)

VACANZE PER TUTTI: ARIA BUONA, PANORAMI TRA I PIU’ BELLI DELLE ALPI, OTTIMA CUCINA ANCHE PER I PIU’ PICCOLI, BAMBINI E RAGAZZI.

Escursioni nel cuore del Parco dello Stelvio tra panorami mozzafiato e degustazioni guidate dall’ Hotel Bella Vista di Trafoi.

– In vacanza con Gustav Thoeni.

E’ possibile all’Hotel Bella Vista a Trafoi situato nel Parco Nazionale dello Stelvio e di proprietà del quattro volte campione del mondo di sci alpino.

Gli ospiti dell’hotel possono prenotare un’escursione guidata.

La partenza dell’escursione con Gustav Thoeni ha inizio all’Hotel Bella Vista verso l’antica chiesetta vicino alla “Fontana dei Miracoli”, luogo sacro dove è solito esprimere desideri e sogni personali spesso realizzati, a dire di molte testimonianze.

Si prosegue attraverso il Sentiero del Bosco dove è prevista una grigliata per poi dirigersi verso le Tre Fontane Sacre in un percorso semplice, accessibile anche con i passeggini, e che prevede l’arrivo fino a 1.725 metri di altezza per assistere alla meraviglia di alcune cascate fino al Ponte degli Orsi a quasi 1.900 metricon vista mozzafiato, perché profondo 40 metri, del canyon di Trafoi.

L’esperienza in compagnia del campione di tutti i tempi prosegue, al rientro dall’escursione, nella Spa dell’albergo per distendere i muscoli con dei massaggi rilassanti oppure per disintossicarsi grazie all’effetto purificante del calore e dell´acqua con una sauna finlandese (interna ed esterna) o ancora del vapore di un bagno turco.

Relax e panorama alpino nella vasca idromassaggio all’aperto. E alla sera lo chef del ristorante è pronto a stupirvi con piatti gustosi tipici locali e degustazioni di vini pregiati altoatesini guidata da Gustav Thoeni e da suo genero Stephan Gander. Un viaggio affascinante attraverso il mondo del gusto.

Gustav Thoeni oggi gestisce con la prima figlia Petra il rinomato Hotel Bellavista di Trafoi.

E’ la sua casa natale situata a 1.500 metri di altitudine ai piedi dell’ Ortles, la cima più alta dell’Alto Adige (3.905m).

Thoeni e la sua famiglia gestiscono da cinque generazioni l’Hotel dallo stile alpino dove tradizione e modernità si sposano in modo armonioso.

Per l’escursionista è come un libro aperto di scienze naturali. L’Hotel Bella Vista è un Familienhotel, marchio di garanzia per gli ospiti con bambini. Tante le attività di animazione programmate per i più piccoli: ad esempio il Club degli Orsetti, ossia un ricco parco giochi con la torre per arrampicate e tenda indiana Tipi, oppure uno zoo per bambini con capre, conigli e pony, il laghetto artificiale con la zattera e al ruscello la capanna della strega; solo in estate, ma in invierno ci sono altrettante alternative divertenti.

In inverno la neve regna sovrana e le possibilità sono moltissime dalle ciaspole, allo sci nelle specialità più moderne o tradizionali.

Sempre in estate.

Il Trafoi-Canyon dove ognuno si può sbizzarrire con l’acqua, la sabbia, i sassi e costruire piccole dighe.

Anche la malga dei bambini, un fienile a due piani dove i bambini trovano tutto il necessario per fare bricolage, pitturare, arrampicarsi, saltare, e sfogarsi.

www.bella-vista.it