Archivi categoria: Italia

Ostuni, arrivano giornalisti da India, Germania e Italia In un educational tour

Dopo il successo del Comune di Ostuni alla Itb di Berlino, arrivano in città giornalisti italiani e internazionali per vedere dal vivo la bellezza della nostra terra. India, Germania, Italia. E’ questa la provenienza dei quindici giornalisti e opinion leader che saranno ospitati dal 21 aprile sino al 23 grazie al Bando ospitalità della Regione Puglia, assessorato al turismo.

In mostra i gioielli di famiglia:

-il parco delle Dune Costiere, il centro storico, il museo delle civiltà preclassiche della Murgia meridionale dove si conservano i resti della mamma più antica del mondo.

-Ma non mancano Oria, dove i giornalisti saranno accolti in occasione dell’inaugurazione del rinnovato museo archeologico comunale, presente il sindaco e l’assessore regionale al turismo, Loredana Capone, e Gallipoli con il suo castello sul mare e il centro storico isola.

Dicono il sindaco Coppola e l’assessore al turismo, Nichi Maffei: “Siamo felici di accogliere i giornalisti internazionali, grazie al progetto della Regione Puglia. “Li faremo innamorare della nostra terra, così ricca di risorse naturali e culturali”.

Ad interessare particolarmente i giornalisti tedeschi è stato anche il Museo delle civiltà preclassiche della Murgia meridionale rappresentata a Berlino dal presidente Michele Conte. E’ noto infatto l’amore che i tedeschi nutrono per l’archeologia.

L’educational è stato realizzato dal Comune di Ostuni in partenariato con Carmen Mancarella, direttrice della rivista di turismo e cultura del Mediteraneo Spiagge (www.mediterraneantourism.it) grazie al Programma operativo regionale FESR-FSE 2014-2020 “Attrattori culturali, naturali e turismo” Asse VI – Tutela dell’Ambiente e promozione delle risorse naturali e culturali – Azione 6.8 Interventi per il riposizionamento competitivo delle destinazioni turistiche – Programma di promozione turistica nei mercati intermediati.

I giornalisti parteciperanno domenica mattina anche alla decima edizione della Maratonina tra gli ulivi secolari. Sarà l’occasione buona per far apprezzare la bellezza degli ulivi monumentali che abbracciano la città di Ostuni.

Sabato mattina alle 9.30 conferenza stampa nella sala consiliare del Comune per presentare ai giornalisti locali e agli ospiti il viaggio.

Weekend gastronomico nelle Marche – 22 aprile – 1° di maggio 2017 – Fritto misto

Le Marche sono molto di più che una festa per il fritto misto, ma la festa potrebbe essere l’occasione per conoscere meglio la regione.

ASCOLI PICENO

FRITTO MISTO 2017, CASINI: “RICCA E ARTICOLATA LA PARTECIPAZIONE DELLA REGIONE CON IL PSR MARCHE 2014/2020”

Dal 22 aprile al 1° di maggio, la Regione Marche sarà tra i protagonisti dell’edizione 2017 di Fritto Misto:

la kermesse dedicata alle più importanti fritture delle tradizioni regionali italiane e internazionali, che si svolgerà nella splendida cornice del centro storico di Ascoli Piceno.

La rassegna, giunta ormai alla sua tredicesima edizione, è stata caratterizzata, negli anni, da un significativo successo di pubblico (le presenze dell’edizione 2016 hanno superato i 90.000 partecipanti, registrando la vendita di circa 150.000 assaggi), che ha premiato una formula semplice ed efficace, il cui obiettivo principale è quello di presentare la più ampia carrellata possibile sulle specialità fritte partendo da materie prime di qualità, sempre provenienti dalle regioni di origine. “Il legame con il territorio è una peculiarità dell’agricoltura italiana da valorizzare.

A Fritto Misto questo connubio viene esaltato con la dovuta attenzione e con l’originalità di una manifestazione che ha saputo ritagliarsi una propria identità nel panorama nazionale”, commenta la vice presidente Anna Casini, assessore regionale all’Agricoltura.

La Regione Marche, oltre a patrocinare l’evento, parteciperà con uno stand istituzionale dedicato al Programma di Sviluppo Rurale Marche 2014/2020, “che sarà allestito – anticipa Casini – con le immagini della nuova campagna istituzionale e animato da un calendario di appuntamenti all’insegna della convivialità, dell’approfondimento e della degustazione, realizzati grazie alla collaborazione con i produttori delle eccellenze agroalimentari regionali”.

Inoltre saranno organizzati due seminari di approfondimento, sempre “a firma” PSR Marche: il giorno di apertura, sabato 22 aprile alle ore 15.30, presso l’Area Eventi si terrà “L’IGP MARCHE: un nuovo inizio per l’olivicoltura regionale – Una risorsa per il PSR Marche 2014/2020” dedicato a illustrare questo importante traguardo raggiunto dall’olivicoltura regionale marchigiana, comparto d’eccellenza.

Una nota dolente: nonostante la gentilezza e competenza della persona che rappresentava la stampa alla BIT 2017 (fiera del turismo a Milano), i comunicati e il materiale stampa ricevuto NON hanno MAI una foto allegata !!!

Noi abbiamo sopperito con nostre foto fatte al loro catalogo; peccato, con tutti i soldi che le Regioni spendono per il turismo …  (e non solo) fa benissimo il suo mestiere e invia e mette a disposizione foto di grandi fotografi, spesso riceviamo foto, da regioni e istituzioni italiane, che è evidente come siano maldestramente aggiornate con un poco di Photoshop … impresentabili, nemmeno foto fatte da bambini  (almeno oggi con i telefonini ..)

EVENTO sul lago di COMO a Lecco – Bici elettrica protagonista per tutti – Da non perdere dal 12 al 14 maggio 2017

Corsi di e-mtb

Test ride e prove

Anche speciali eventi riservati ai più piccoli; dai 18 mesi in su !!!

Dal 12 al 14 maggio 2017

E-BIKE ANCORA PROTAGONISTE
A LECCO
UN FINE SETTIMANA RICCO DI EVENTI

Novità del 2017:
TrailUP e-powered by Bosch: escursioni di mezza giornata
in compagnia di una guida alla scoperta del territorio

WOW: escursione in bicicletta solo per ragazze con pausa relax nel boutique hotel Casa sull’albero

Mamma Sprint, divertente iniziativa tra birilli.

RideUp, lessons di e-mountain bike con la Gravity School

La bicicletta elettrica sarà ancora protagonista dal 12 al 14 maggio di Bike-Up il primo festival europeo interamente dedicato alla bicicletta a pedalata assistita.

Molte le novità di questa 3 giorni.

Il calendario infatti degli appuntamenti si presenta molto ricco e la manifestazione sarà un’occasione unica per appassionati, sportivi e famiglie per “toccare con mano” e sperimentare, attraverso test ride e prove, cosa significhi utilizzare una bicicletta a pedalata assistita.

Ci saranno attività per tutte le età… a partire dai 18 mesi!

Unico requisito richiesto: la curiosità di provare.

CALENDARIO DEGLI APPUNTAMENTI:

TrailUP e-powered by Bosch
È l’iniziativa che ha l’obiettivo di dare a tutti la possibilità di esplorare il territorio, visitare aree d’interesse culturale e paesaggistico senza eccessivo sforzo o allenamento grazie all’utilizzo delle biciclette elettriche.

Escursioni di mezza giornata guidati da una guida esperta alla scoperta del territorio sia dal punto di vista culturale e paesaggistico che enogastronomico. L’obiettivo è quello di estendere l’esperienza dell’escursione in bicicletta anche a chi non è ciclista grazie all’ausilio dell’assistenza alla pedalata.
Quando: sabato e domenica con una partenza la mattina (ore 10.30) e una il pomeriggio (ore 14.30)
Costo: guida, noleggio e-bike, degustazione, 25€

Up-E cicloraduno elettrico
Sarà organizzato UP-E il cicloraduno elettrico che invita tutti i proprietari di biciclette a pedalata assistita a partecipare. Un’escursione in compagnia sulle rive del Lago di Como.
Quando: domenica mattina alle ore 10

RideUP lesson by Gravity School
Durante BikeUP saranno realizzati anche dei corsi di e-mtb (per imparare a sfruttare le potenzialità delle mtb elettriche) aperti sia a principianti sia a biker di livello avanzato in possesso già di una e bike. Si svolgerà su percorsi con salite scorrevoli e tecniche e discese non impegnative ma complete. Si potrà apprendere o migliorare la postura in sella e l’assetto di guida, l’uso dei freni, come affrontare le curve. Inoltre si apprenderà come gestire il motore, le modalità e l’uso dell’assistenza. Ogni corso ha la durata di 3 ore con un massimo di 15 persone e 2 Coach.
Quando: sabato e domenica, ore 10 e 15
Costo: 35€

Mamma Sprint
Uno slalom pensato ad hoc per tutte le mamme che vorranno cimentarsi in sella a una e-bike, munita di un cestino pieno di generi alimentari. L’obiettivo di ogni mamma è terminare l’insidioso percorso senza perdere la propria spesa. Mamma Sprint è un modo per testare l’abilità delle donne cicliste e mamme allenatissime nei mille impegni quotidiani. Al termine della gara la mamma che avrà fatto il tempo migliore riceverà un premio… sorprendente!
Quando: domenica mattina dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 17

WOW
“Woman on Wheels” è nuovo format di eventi pensato appositamente per le biker e per tutte le donne che vogliono avvicinarsi al mondo della bicicletta. L’appuntamento pensato durante Bike Up prevede un tour in bicicletta che porterà il gruppo, sino a Malgrate, dove nella suggestiva location del boutique design hotel “Casa sull’albero”, ci si rilasserà nella spa dell’hotel, gustando un (meritato!) aperitivo.
Quando: sabato mattina alle ore 10

Bike UP www.bikeup.eu
QUANDO 12 – 14 MAGGIO 2017
DOVE LECCO
Festival Piazza Cermenati, XX Settembre e Piazza Garibaldi
Workshop e conferenze Sala Conferenze presso Palazzo delle Paure – Piazza XX Settembre, 22

COMO – Passeggiata creativa del ciclo “Sulle orme di Volta”

– Sono aperte le iscrizioni alla terza passeggiata creativa del ciclo “Sulle orme di Volta”, presentata questa mattina a Villa del Grumello assieme a tutto il ricchissimo programma del Festival della Luce – Lake Como.

Il 14 maggio cammineremo con Gianni Biondillo e Pietro Berra da Villa Olmo di Como al Giardino della Valle di Cernobbio. Info e iscrizioni qui: www.festivaldellaluce.it/il-programma/29-passeggiata-sulle-orme-di-volta.html?date=2017-05-14-14-30
In collaborazione con Fondazione Alessandro Volta e Le Primavere de La Provincia di Como.

Sempre per il ciclo “Sulle orme di Volta” vi ricordiamo che il 22 aprile verrà recuperata la passeggiata all’Oasi del Bassone, rinviata lo scorso 2 aprile causa maltempo. Le prenotazioni che erano state fatte per la data originaria restano valide. Chi dovesse rinunciarvi è pregato di segnalarlo alla mail sulleormedivolta@fondazionealessandrovolta.it , in modo che il suo posto possa essere liberato a favore di chi era rimasto in lista d’attesa. Informazioni qui: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-passeggiate-sulle-orme-di-volta-22-aprile-2017-32718800814

Con la speranza di rivedervi presto in una delle prossime passeggiate,

auguri di buona Pasqua da tutto il nostro staff

Vacanze e weekend in montagna – Sul sentiero “Castelronda” Bolzano – Quindici chilometri tra storia e natura

Nasce il sentiero “Castelronda”, quindici chilometri tra storia e natura nel territorio di Bolzano

Ad arricchire il già ampio ventaglio di itinerari del territorio bolzanino, questa primavera sarà inaugurato il nuovo tracciato “Castelronda”, di cui faranno parte cinque imperdibili castelli.

E il 10 e 11 giugno torna anche l’omonima manifestazione

 – Una proposta per scoprire un patrimonio artistico e un paesaggio unico in un modo diverso, slow, camminando a braccetto con la storia: questo è il nuovo sentiero “Castelronda”, che collegherà il capoluogo altoatesino a Terlano, passando per i castelli Roncolo, Rafenstein, Greifenstein, Helfenberg e Neuhaus.

In tutto 15 km di comodo sentiero, percorribile in singoli step dalla primavera fino all’autunno inoltrato, adatto anche a famiglie con bambini, illustrato con una segnaletica zeppa di spunti curiosi e informazioni sulla storia e sulle leggende di ogni dimora.

Tantissime le cose da non perdere: dagli splendidi affreschi a soggetto profano di Castel Roncolo – che narrano scene di vita cortese, episodi di caccia, tornei cavallereschi e momenti di vita quotidiana – fino ai severi e un po’ spettrali spalti dell’antico Castel Rafenstein.

E poi ancora, in posizione dominante sopra Terlano, si potrà visitare Castel Greifenstein, conosciuto anche come il “castello del porco” (Sauschloss): il soprannome è legato all’assedio del 1420, durante il quale uno degli assediati, viste le scorte quasi esaurite, ebbe l’idea di non uccidere l’ultimo maiale rimasto, ma di gettarlo dall’alto con atteggiamento di sfida al nemico, il Duca Federico d’Austria.

Si narra che gli assedianti, non appena videro una tale ostentazione di ingenti provviste, persero ogni velleità di conquista e si ritirarono.

Sopra il borgo di Settequerce, si ergono invece le rovine del maniero Helfenberg, che offrono un eccezionale scorcio panoramico sulla Valle dell’Adige.

Infine si raggiungerà la roccaforte di Castel Neuhaus, appollaiata su un ripido sperone roccioso: la sua fama è legata a Margarethe Maultasch (attributo che fa riferimento alla bocca informe o, forse, alla sua “linguaccia”), duchessa della Carinzia e del Tirolo, che vi soggiornò spesso, conducendo uno stile di vita fatto di lussi ed eccessi.

Il 10 e 11 giugno un’avventura a spasso nel tempo

Il nome è lo stesso, ma la manifestazione Castelronda è qualcosa di diverso da una semplice escursione di castello in castello.

L’edizione 2017, che si svolgerà nelle giornate di sabato 10 e domenica 11 giugno, conferma infatti la formula che l’ha resa un appuntamento di successo:

— un’esperienza originale, valorizzata da appuntamenti speciali, visite guidate e momenti di intrattenimento, dove stimoli culturali e artistici si coniugano con una full immersion nella natura.

Questa edizione toccherà sei tra i più spettacolari castelli nei dintorni di Bolzano.

Nei pressi di Bolzano, sosta imprescindibile è Castel Firmiano, sede dell’MMM Firmian, cuore pulsante dei cinque musei dedicati alla montagna voluti da Reinhold Messner dove sarà lo stesso alpinista altoatesino ad accogliere i visitatori.

Non lontano, a Castel Roncolo, si rivivranno le scene narrate dal grande ciclo di affreschi medievali a tema profano, grazie a racconti a tema e particolari workshop.

Altre visite guidate a Castel Mareccio, sempre nei pressi del capoluogo e, spostandosi verso Appiano, a Castel Moos-Schulthaus, con una particolare attenzione agli ospiti più giovani.

Imperdibile anche l’imponente fortezza di Castel Trostburg, a Ponte Gardena, scrigno di saloni storici perfettamente conservati e ancora arredati e del più grande torchio esistente in Alto Adige.

Infine, a Castel Boymont di Appiano, degustazione gratuita di vini per i grandi e istruttive esperienze per i più piccoli.

Appositi servizi navetta consentiranno gli spostamenti tra le varie tappe di Castelronda, in un fitto intreccio di eventi pensati per tramutare la storia in una piacevole esperienza alla portata di tutti.

Residenze di charme e locali gourmet, le piacevoli sorprese di manieri e fortezze

Oltre a essere meta di interessanti escursioni, alcuni dei castelli che punteggiano il territorio di Bolzano e dei suoi dintorni offrono anche la possibilità di romantici soggiorni.

Soprattutto nei pressi di Appiano sono davvero tante le dimore storiche trasformate in alberghi di charme.

Per chi, ad esempio, vuole vivere una notte da cavaliere (o dama) c’è Castel Englar, il maniero gotico meglio conservato di tutto l’Alto Adige, la cui ala ovest ospita un hotel dall’atmosfera chic, impreziosita da arredi e decorazioni d’epoca.

Altre romantiche occasioni di soggiorno sono offerte da Castel Paschbach, con le sue fascinose suite, dal fiabesco Schloss Warth, ovvero Castel Guardia, nascosto tra frutteti e vigneti, con la scenografica torre dominante l’Oltradige o dalla residenza di charme Tschindlhof, sempre nei dintorni di Appiano.

Per chi è invece più interessato all’aspetto gourmet, imperdibile lo Schloss Hotel Korb di Missiano dove, oltre alla possibilità di gustare un menu genuino e insaporito con le spezie dell’orto, si può contare sulla sensazionale scelta di bottiglie della cantina del proprietario Fritz Dellago.

Nei pressi di Bolzano ottimi piatti della tradizione a Castel Roncolo, in una location che riecheggia una taverna medioevale, e a Castel Flavon-Haselburg, al cospetto di antiche mura.

A Caldaro, invece, si trovano Castel Ringberg, magnifico palazzo immerso tra i vigneti (perfetto per una break veloce o uno spuntino freddo), e le cantine di Castel Sallegg, con il meglio della produzione vitivinicola altoatesina.

Infine a Cortaccia, sulla Strada del Vino dell’Alto Adige, Castel Turmhof-Tiefenbrunner, è ideale per una gustosa sosta, con tipica merenda sudtirolese a base di Speck, formaggi locali e Schüttelbrot (pane di segale) servita nell’accogliente stube in legno.

Ulteriori informazioni: www.bolzanodintorni.info

Muoversi green. Le proposte per chi vuole lasciare a casa l’auto

· In treno, con le Ferrovie Austriache e Tedesche
Con i treni DB-ÖBB EuroCity si raggiunge comodamente Bolzano da Verona a partire da soli 9 € (da Bologna e Venezia SL a partire da 19 €). I bambini fino a 14 anni viaggiano gratis, se accompagnati da un genitore o da un nonno. Per maggiori informazioni: www.megliointreno.it
· Mobilcard Alto Adige
Con Mobilcard, si possono utilizzare tutti i mezzi pubblici del Trasporto Integrato per scoprire l’Alto Adige. Biglietto valido per 7 giorni a 28 €, oppure 3 giorni a 23 € e 1 giorno a 15 €. Mobilcard Junior (sotto i 14 anni) costa la metà, mentre i bambini fino a 6 anni viaggiano gratis.

· Winepass PLUS
Abbina museumobil Card e l’offerta lungo la Strada del Vino. Il WinePass PLUS è incluso nel prezzo di pernottamento di strutture scelte e apre le porte al mondo affascinante della Strada del Vino dell’Alto Adige. Per informazioni: www.stradadelvino-altoadige.it

Informazioni:
Consorzio Turistico Bolzano Vigneti e Dolomiti
tel. 0471 633 488
info@bolzanodintorni.info
www.bolzanodintorni.info

Weekend da non perdere a Como – Dal 28 aprile al 14 maggio Festival delle Luci 2017 – Ingressi gratuiti

4a edizione del Festival della Luce a Como

Rapporto tra luce e colore

La sera Como si illumina di luci, un motivo in più per visitare di sera la città e godere delle sue suggestioni.

Un ricco programma di incontri, mostre e laboratori.

Tutto a ingresso gratuito

Sabato 6 maggio: dalle ore 22 – Piazza Grimoldi, conferenza scientifica “Dentro il colore. Viaggio dentro il colore e la visione “. Conferenza e teatro moltimediale di artisti di strada. Un viaggio attraverso la luce e il colore, con sfere colorate, effetti luminosi, farfalle illuminate sui trampoli ecc…

Venerdì 28 aprile – domenica 14 maggio dalle 9.30 alle 18 la mostra interattiva “Colori” in Piazza Broletto con anche un omaggio al grande artista Gerard Richter.

Domenica 14 maggio, ritrovo a Villa Olmo pe rla passeggiata “Ai bordi della città sulle orme del divo Volta”

L’ISCRIZIONE SUL SITO E’ OBBLIGATORIA PER PARTECIPARE

Per saperne di più: http://www.festivaldellaluce.it

Vacanze con i bambini dove ? – In montagna è tutta un’altra cosa !!!

LA MONTAGNA A PORTATA DI BAMBINO: PASSEGGIATE ED ESCURSIONI PER LA FELICITA’ DEI PIU’ PICCOLI

Trentino Alto Adige, Veneto, Valle d’Aosta, Friuli Venezia Giulia: tanti buoni motivi per scegliere le migliori escursioni per famiglie selezionate da Bimboinviaggio.com…anche con passeggino!
Image

Passeggiate per famiglie in montagna, di un’ora o di una giornata.

Nel cuore delle Dolomiti o sulle sponde del Lago di Garda, tra gli alpeggi della Valle d’Aosta o seguendo il corso di rii e il richiamo di boschi fatati.

Escursioni facili e per tutte le gambe, perfino per le mamme (e i papà) con passeggino.

Quali sono i migliori sentieri per le famiglie che desiderano trascorrere un fine settimana in montagna?

Per migliori si intendono quelli attrezzati con aree di sosta e segnaletica, curati e senza il passaggio di veicoli a motore e privi di pericoli oggettivi come strapiombi o punti scoscesi.

Ma soprattutto sentieri in grado di accendere la fantasia e l’interesse dei più piccoli.

C’è un piccolo segreto per scoprire se le passeggiate fanno la felicità dei bambini. Basta leggere i segni del viso una volta tornati alla base.

Se, inevitabilmente un po’ stanchi dopo il cammino, si abbandonano sulla sedia o sul divano e incrociando il nostro sguardo sollevano leggermente gli angoli della bocca per formare un piccolo spontaneo sorriso, allora ne è valsa la pena. Una piccola miniera di ricordi li accompagnerà per molto tempo.

I bei panorami e gli orizzonti senza fine piacciono a tutti, certo, ma le storie dei segreti dei boschi, i racconti di gnomi e folletti, le favole degli abitanti della natura, le gare a chi avvista più animali offrono quella spinta in più per passeggiare senza pensare troppo alla fatica.

Perché anche camminare è una forma di divertimento, insegnamolo (fin da piccolissimi) ai nostri figli e sapranno apprezzarlo.

Se i percorsi di una giornata sono da preferire per le piccole gambe, la Valle d’Aosta fornisce un ampio ventaglio di opportunità di vita all’aria aperta tra prati e boschi, cascate d’acqua e rocce scoscese (solo da ammirare!).

Basta un’oretta di facile cammino per raggiungere la diga di Place Moulin fiancheggiando il lago artificiale dalle acque color verde giada. Naturalmente questa strada è solo per camminatori: è vietata ai veicoli. Il sentiero dalla chiesa di La Magdeleine a Chamois unisce invece l’utile al dilettevole: è una passeggiata tematica per i bambini che ha come filo conduttore il tema dell’energia. Fa parte della Gran balconata del Cervino e lungo il sentiero sono collocate sette installazioni su acqua, fuoco, terra e sole.

E se le gambe fanno un po’ male, la doppia funicolare offre la possibilità di volare per 20 metri.

Andare in montagna con altri bambini ovvero con famiglie amiche con piccoli al seguito dà una spinta in più perché si presentano nuove occasioni di gioco. E così un’altra piacevole passeggiata di gruppo è quella tra le praterie e gli alpeggi sulla collina soleggiata da Saint-Vincent a Emarèse.

Ovunque si vada è sempre meglio preferire percorsi semplici e larghi evitando quelli scoscesi. E l’Alto Adige ha molto da offrire. Una interessante escursione per tutta la famiglia è quella che da Obereggen arriva al famoso Lago di Carezza detto il Lago dell’Arcobaleno, casa della bella ninfa ondina, di cui si era innamorato lo stregone Latemar.

È una bella storia da farsi raccontare così come quelle che accompagnano le Tre Cime di Lavaredo, da raggiungere anche con i bambini.

Per aumentare il tasso di divertimento si può partecipare alla caccia al tesoro al Rifugio Lee muovendosi da San Leonardo (Badia) con tanto di visita alla grotta della neve. T

ra sogno, mistero e spazi infinti è la passeggiata alla scoperta dell’Alpe Seceda da Santa Cristina in Val Gardena. Lo sguardo di grandi e piccoli viene inevitabilmente catturato dalle imponenti Odle con le cime svettanti, i prati verdi e le caratteristiche malghe. Tutto molto facile e tutto molto bello.

Ma poi, diciamola tutta, se un bambino confessa di essere stanco, molte volte è solo annoiato.

Non si capisce altrimenti perché in pochi secondi riesce a passare dai capricci alle corse a perdifiato.

Succede anche in Trentino dove i più piccoli hanno chilometri di sentieri da percorrere e centinaia di metri quadrati di prati senza fine dove camminare e correre senza una meta, ma solo per il piacere di essere bambini.

Come amano ripetere da queste parti, chi dice che per far respirare l’aria buona al nuovo arrivato, tu debba restare senza fiato?

Una passeggiata comoda è allora quella panoramica tra i campi coltivati della Val di Gresta fino a Malga Somator. Avviandosi da Passo Bordala (siamo a 1.253 di altezza), ci si incammina lungo un percorso in falsopiano costeggiando i prati coltivati a ortaggi bio: patate, carote, cavoli cappucci, radicchio. E poi, giungendo verso la malga, si presenta una doppia possibilità: il bel bosco sulla destra o il grande prato a sinistra?

Qui le mamme e i papà possono proseguire con il passeggino, i bambini sbizzarrirsi all’aria aperta e tutta la famiglia gustare i piatti tipici della tradizione trentina.

Un secondo itinerario consigliato percorre il borgo di Frapporta, nel cuore del paese di Tenno, proprio la parte più antica. Qui si trovano grandi case in pietra percorse da stradine strette e caratteristiche.

Il borgo è dominato dal castello, ideale conquista per i piccoli camminatori.

Nella zona archeologica di Fiavé c’è invece un piccolo sentiero che oltrepassa il Doss dei Gustinacci, dove riposano i resti di abitazioni in pietra risalenti a oltre tremila anni fa: è uno dei 111 siti palafitticoli preistorici dell’arco alpino, Patrimonio mondiale dell’umanità dell’Unesco.

E che dire dell’itinerario delle streghe, dalla località Le Cross, poco sopra il paese dipinto di Balbido e caratterizzato da murales sulle pareti delle case? Sorprenderà (e spaventerà) i più piccoli? Qui, nel 1656, vennero erette cinque croci in ferro per tenere lontane le streghe che importunavano i contadini alla ricerca di legna e fieno.

Ovunque si vada, un altro piccolo segreto per rendere partecipi i bambini dell’esperienza del cammino è coinvolgerli in quello che si fa, dalla preparazione dello zainetto fino all’illustrazione della mappa passando per la spiegazione del significato dei cartelli e delle indicazioni.

È naturalmente importante che le aree di montagna siano adeguatamente attrezzate e il Veneto recita una parte da protagonista.

Le Cinque Torri, speroni rocciosi che dominano Cortina d’Ampezzo, sono visitabili anche dai bambini con un facile percorso ad anello: si ritorna sempre al punto di partenza.

Siamo nel cuore delle Dolomiti bellunesi e un altro itinerario da segnare sul taccuino va dritto alla scoperta del Lago Sorapis, uno degli specchi d’acqua più belli della zona e tra i più apprezzati dalle famiglie per le numerose possibilità di risorse.

Quella da Col Drusciè al lago Ghedina, tra boschi incantati e paesaggi fiabeschi, è un’altra facile camminata nelle vicinanze di Cortin. Così come quella all’interno della profonda gola dei Serrai di Sottoguda: lo spettacolo della natura lascia felicemente interdetti.

Una facile escursione nel Friuli Venezia Giulia è quella intorno al rifugio Giaf, proprio all’ingresso delle Dolomiti friulane.

Le ragioni sono due: c’è tanta natura che aspetta di essere conosciuta e la stanchezza accumulata viene compensata con tante delizie gastronomiche.

Il Bosco Romagno a Cividale del Friuli è un parco naturale ricreativo gestito dalla Direzione delle Foreste e della Caccia della Regione Friuli Venezia Giulia.

Perché visitarlo con i bambini?

Semplicemente perché, come suggerisce il nome, è un Parco ricreativo ovvero un luogo di conoscenza, di esplorazione e di divertimento.

Dall’entrata nord sono due le strade percorribili. La prima conduce passo dopo passo in un’area giochi attrezzata. La seconda segue il corso del rio Cornizza e porta verso il Centro Visite, sempre accompagnati dai rassicuranti pannelli didattici sulla flora e la fauna della zona.

Da tenere in considerazione anche i laghi di Fusine con tanto di gita in barca e quel presepe reale rappresentato dal borgo nel comune di Tarvisio sul Monte Lussari.

Se il secolare santuario dà un senso di pace e il panorama che si ammira è una finestra a cielo aperto sulla bellezza delle Alpi Giulie, i passeggini che spuntano rassicurano di come questo sia un angolo di mondo per le famiglie.

Referenze: Homepage www.bimboinviaggio.com

Bimboinviaggio.com, portale leader nella prenotazione di Hotel per famiglie con oltre 300 strutture recensite in Italia e nel mondo, da hotel indipendenti a catene alberghiere fino a sistemazioni in villaggi, campeggi, residence e agriturismi, propone consigli, esperienze e informazioni per organizzare un soggiorno perfetto.
Bimboinviaggio.com è composto da persone innamorate degli Hotel di qualità. Delle loro storie, delle tradizioni, delle donne e degli uomini che li organizzano, dei posti in cui questi nascono e si rinnovano, dei bambini che in quei luoghi si divertono.
Image

Weekend per la musica in Alto Adige il ritmo di Lana Meets Jazz – Maggio 1 – 7 – 2017

Appuntamento irrinunciabile per gli amanti dle Jazz

A maggio torna in Alto Adige il ritmo di Lana Meets Jazz .

Lana è provincia in di Bolzano.

Giunge alla sesta edizione Lana Meets Jazz ( 1-7 maggio 2017) il festival internazionale dedicato ai giovani talenti e ai grandi artisti del jazz.

Per un’intera settimana le note improvvisate di sax, trombe e contrabbasso risuonano per le strade e i locali di Lana in un dialogo “open air” fra jazzisti affermati e nuove promesse della musica.

Lana e dintorni (BZ) 10 aprile 2017 –

Dal 1° al 7 maggio 2017 le vie e i locali di Lana ospitano la sesta edizione del festival musicale Lana Meets Jazz.

Una settimana dedicata al sound d’oltreoceano interpretato da giovani talenti affiancati da grandi nomi del jazz internazionale come Fabrizio Bosso, Antonelo Salis e Francesco Bearzatti.

Appuntamento irrinunciabile per gli amanti del genere con numerosi concerti ed eventi collaterali fra cui la presentazione di un libro con musica dal vivo, un jazzbrunch il sabato mattina e il saggio del corso di jazz della scuola di musica di Lana.

«Tutto è nato 10 anni fa, quando la scuola di musica di Lana organizzava una rassegna mensile di concerti che si è evoluta in un’intera settimana di appuntamenti all’insegna della musica jazz.

Concerti non più limitati all’interno della struttura, ma anche all’aperto e nei locali di Lana» spiega Michael Lösch, co-direttore artistico del festival con Helga Plankensteiner.

«Negli anni abbiamo notato che il nuovo format funziona, perciò lo riproponiamo nel 2017 per la sesta edizione del festival. L’obiettivo è mettere in relazione jazzisti affermati a livello internazionale con giovani musicisti e allievi della scuola di musica.

È emozionante assistere a episodi di intesa fra grandi e piccoli artisti; ricordo quando l’anno scorso ci fu un momento di improvvisazione del tutto spontaneo fra Stefano di Battista, che si stava esibendo al suo sassofono, e alcuni bambini del pubblico.

Questo è lo spirito con cui è nato Lana Meets Jazz».

Ecco alcune band che partecipano all’iniziativa:

The Disaster, Tiger Dixie Band, Fabrizio Bosso Tandem, Marina & The Kats, Bigband Giovanile dell’ Alto Adige, Antonello Salis Solo, Revensch, Bebo Ferra Trio, Soko Dixie, Maiband, Francesco Bearzatti Tinissima Quartet, DJ Ah.so, Bored Society, Wolfgang Schmidtke Orchestra.

L’ intero programma di Lana Meets Jazz è consultabile sul sito web dell’Associazione Culturale Sudtirolese SWEET ALPS , organizzatrice del festival e da anni promotrice della musica jazz tramite eventi e produzioni discografiche.

Partner sono il Comune di Lana, l’ APT Lana e dintorni , l’APT Tesimo/Prissiano, la Scuola di Musica, la Biblioteca di Lana e il Centro Giovanile JUX.

Per approfondimenti:
www.lana.info/it
Programma dettagliato del festival:
https://www.sweetalps.com/lana-meets-jazz-2017/

VACANZE di Pasqua weekend e vacanze estive SICURE e TRANQUILLE – evitiamo gli aeroporti che creano più problemi di cancellazioni – smarrimento bagagli ecc…

Partire – viaggiare – rilassarsi

Quando il viaggio non va come dovrebbe …

Quali sono gli aeroporti da evitare ?

300.000 i passeggeri con volo cancellato o con ritardo superiore alle 3 ore che avrebbero diritto a circa 98 Milioni di Euro in rimborsi

Quasi 11 milioni di Italiani. Il periodo della Pasqua è, da sempre, tra i preferiti dagli Italiani per partire, viaggiare e rilassarsi.

I problemi nascono quando il viaggio non va come dovrebbe, nel caso di chi prende un aereo, specialmente durante la settimana di Pasqua, non è una rarità.

AirHelp (www.airhelp.it), società che ha aiutato oltre 2.000.000 di passeggeri ad essere risarciti per i loro voli in ritardo o cancellati, ha voluto analizzare i dati dello scorso anno durante la settimana di Pasqua ed ha individuato i 6 peggiori aeroporti dove arrivare, partire o semplicemente far scalo.

Nella scorsa Pasqua, solo in Europa, sono stati quasi 300.000 i passeggeri con volo cancellato o con ritardo superiore alle 3 ore che avrebbero diritto a circa 98 Milioni di Euro in rimborsi.

Ma quali sono gli aeroporti da evitare ?

Londra Heathrow: Lo scalo londinese è il peggiore in assoluto con 21.898 passeggeri rimasti a terra in attesa del loro volo ed oltre 8 milioni di euro di rimborsi dovuti ai viaggiatori per i disagi subiti;

Madrid Barajas: L’aeroporto della capitale spagnola sorprendentemente tra i peggiori a causa dei 130 voli con più di tre ore di ritardo o cancellati per i quali i passeggeri avrebbero diritto a quasi 5 Milioni di Euro;

Parigi Charles de Gaulle: 13.312 passeggeri hanno visto le loro vacanze rovinate e con diritto a 4 milioni ed 815 mila Euro;

Bruxelles National: 90 voli cancellati o con ritardo superiore alle 3 ore e 3 milioni e 200 mila euro di rimborsi dovuti ai passeggeri;

Amsterdam Schiphol: Quasi 3 milioni di rimborsi dovuti ai passeggeri e 61 voli con problemi direttamente riconducibili alle compagnie aeree;

Francoforte Flughafen: Utilizzato in particolare come scalo per voli destinazioni intercontinentali, i suoi 66 voli in ritardo o cancellati hanno fatto perdere numerose coincidenze. 9.901 i passeggeri coinvolti e 4 e 126 mila euro di rimborsi dovuti a passeggeri.

Lorenzo Asuni, Responsabile di AirHelp, sottolinea:

“Sono ancora troppo pochi i viaggiatori che conoscono le leggi che li tutelano contro i disagi subiti negli ultimi 3 anni durante i voli”.

Asuni conclude: “Solo l’1% degli aventi diritto reclama i soldi dei rimborsi, è ora di smettere di lamentarsi ed iniziare a farsi rispettare maggiormente come viaggiatori e cittadini

Prima di viaggiare a Pasqua sarebbe utile informarsi e conoscere questi diritti per un volo più sereno e delle scelte più consapevoli.

 AirHelp (www.airhelp.it)

Weeekend insolito a Vigevano – castello – prigioni e falconiera dal 14 aprile 2017


Il Castello di Vigevano viene considerato uno dei complessi fortificati più grandi d’Europa

potrebbe contenere due volte Buckingham Palace e sei volte il Duomo di Milano

VIGEVANO: castello, prigioni e falconiera

APRONO AL PUBBLICO

Dal 14 aprile, visite guidate a disposizione dei visitatori

Il costo del biglietto di ingresso è pari a €2 per gli adulti e €1 per i bambini (non è ancora stabilito, al 10.4.17, se la vista guidata sarà o no gratuita) . La durata del tour guidato è di circa 40 minuti.

 – La città di Vigevano è lieta di annunciare l’apertura al pubblico della Falconiera, delle Prigioni e di alcune parti del Maschio del Castello, maestose aree del centro storico che, a partire dal 14 aprile2017, saranno per la prima volta visitabili con tour guidati.

Il tour propone la visita del Maschio, ammirando la spettacolare Sala dell’Affresco, dove è stato possibile recuperare un’ampia parte di affresco risalente all’epoca medievale che raffigura una scena di caccia ambientata nel Parco del Ticino.

Da qui si accede al camminamento medievale che costituisce una strada sopraelevata per raggiungere la parte interna del Maschio; situate nell’intercapedine tra la strada sopraelevata e quella sotterranea, si possono ammirare durante la visita le Prigioni, realizzate da architetti medievali ma utilizzate probabilmente da fine Ottocento, e all’interno delle quali è possibile osservare le incisioni sulla pietra lasciate dai militari prigionieri in città.

Proseguendo il tour, si raggiungono i piani nobili del Maschio, che comprendono le sale degli alloggi del Duca e della sua corte che regalano un’ampia vista sulla Loggia delle Dame, sul Giardino della Duchessa e tutte le vie del centro storico. Attraverso il camminamento sotterraneo si accede poi alla Falconiera, osservando dal suo loggiato l’intera area del Castello.

ll Maschio di Vigevano sorge in corrispondenza dell’antico castrum altomedievale e grazie all’intervento di Ludovico il Moro con il contributo di Donato Bramante, divenne un importante palazzo ducale rinascimentale, abbellito con l’opera di artisti e artigiani lombardi che affrescarono gli ampi saloni magnificamente arredati per accogliere la corte ducale, personaggi illustri e sovrani, ospiti del Duca.

Ne fanno parte le prigioni, vaste e sapientemente restaurate, visitabili con guida per la prima volta in assoluto.

La Falconiera era invece l’edificio destinato all’allevamento dei falchi da preda.

La sua costruzione è databile intorno al 1488, sempre all’epoca di Ludovico il Moro.

La parte più antica è costituita dal piano terreno che si presenta diviso in ampie sale coperte da volte a lunetta.

Il leggiadro loggiato aereo superiore, recentemente restaurato, è attribuito a Donato Bramante e presenta arcate a tutto sesto sostenute da esili colonnine di granito con capitelli simili a quelli delle scuderie ducali. Sulle arcate sono state recuperati affreschi con motivi decorativi d’epoca rinascimentale.

Le cronache del tempo narrano che dall’edificio della Falconeria venivano fatti levare in volo i falconi per accompagnare la corte ducale nelle battute di caccia che si tenevano nei boschi lungo il fiume Ticino e nelle campagne della Lomellina.

Il Castello di Vigevano viene considerato uno dei complessi fortificati più grandi d’Europa, infatti potrebbe contenere due volte Buckingham Palace e sei volte il Duomo di Milano, e si presenta come un insieme di edifici che occupano una superficie di oltre 70 mila metri quadri.

All’interno di esso è ospitato gran parte del patrimonio museale della città, tra cui il Museo Internazionale della Calzatura, la Pinacoteca Civica e Leonardiana.

Per prenotare la visita, rivolgersi all’Info Point del Castello(Piazza Ducale 1 – tel: 0381 691636; contattare Giovanna Ognibene gognibene@comune.vigevano.pv.it

– Orari di apertura: da martedì a venerdì 10:00 -12:00, 15:00- 17:00, sabato domenica e festivi 10:30 – 12:30, 14:00 – 18:00); oppure all’ufficio IAT Pro Loco (Via Cesare Battisti 6; Tel./Fax: 0381/690269; mail: iat@comune.vigevano.pv.it – Orari: lunedì a venerdì: 10.00-13.00 – giorno di chiusura settimanale: martedì).

Il costo del biglietto di ingresso è pari a €2 per gli adulti e €1 per i bambini. La durata del tour guidato è di circa 40 minuti.