Archivi categoria: style & luxury

Crociere ai Caraibi – MSC grandi novità per novembre 2018

Una destinazione unica nei Caraibi che ospiterà in esclusiva i passeggeri di MSC Crociere
da novembre 2018

MSC CROCIERE, INIZIANO I LAVORI ALLA RISERVA MARINA DI OCEAN CAY

– MSC Crociere,  ha dato il via oggi ai lavori alla Riserva Marina di Ocean Cay. Situata a sud di Bimini nelle Bahamas, l’isola è destinata a diventare – da novembre 2018 – un paradiso naturale eslcusivo per gli ospiti di MSC Crociere.

Gianluca Suprani , Head of Global Port Development and Shore Side Activities di Msc Crociere, ha aggiunto:

  • Situata a sole 65 miglia ad est di Miami, in Florida, Ocean Cay MSC Marine Reserve ha 3.8 chilometri di litorale con acque cristalline e un ecosistema marino unico.
  • L’isola ha alcune delle più belle spiagge di aragonite in tutto il mondo e, una volta che avremo completato i lavori, le acque circostanti potranno essere nuovamente la casa di coralli e di una ricca varietà di specie aquariche.
  • Ocean Cay Marine Reserve, diventerà una meta davvero esclusiva permettendo agli ospiti di MSC Crociere di vivere il meglio che i Caraibi hanno da offrire.”

A completare il tutto, il piano paesaggistico vedrà la piantumazione più di 80 alberi, erbe, fiori e arbusti tipici dei Caraibi, che consentiranno di ricreare un habitat naturale lussureggiante.

Lo sviluppo della Riserva Marina Ocean Cay fa parte del piano industriale di MSC Crociere del valore di 9 miliardi di euro, che prevede la costruzione di fino a 11 navi nuova generazione la cui entrata in servizio è prevista tra il 2017 e il 2026. La prima fase di sviluppo del riserva marina prevede la demolizione delle infrastrutture industriali esistenti così da poter ricreare nuovamente una riserva marina incontaminata.

Parlando alla cerimonia inaugurale, Pierfrancesco Vago , Executive Chairman di MSC Crociere, ha commentato: ” Lavorando a stretto contatto con il Governo delle Bahamas, il nostro obiettivo è quello di trasformare un deserto industriale in un ambiente accogliente sia per l’uomo che per la natura, riportando l’isola e le acque circostanti al loro stato originale. In questo modo, potremo rafforzare l’importante investimento del nostro Gruppo per l’economia delle Bahamas, offrendo anche opportunità di lavoro a lungo termine per la popolazione locale .

“A testimonianza della nostra capacità innovativa, il molo appositamente costruito consentirà alle nostre navi da crociera di attraccare direttamente a Ocean Cay MSC Marine Reserve. L’isola diventerà così una vera e propria estensione della nave”.

MSC Seaside e le altre navi di MSC Crociere operative ai Caraibi inseriranno regolarmente Ocean Cay MSC Marine Reserve nei loro itinerari da novembre 2018. Per maggiori informazioni sugli itinerari e la destinazione, è possibile visitare il sito https://www.msccrociere.it/it-it/Destinazioni-Crociera/Caraibi-Cuba-Antille/Bahamas/Ocean-Cay-MSC-Marine-Reserve.aspx

QATAR INVESTE SUL TURISMO ANCHE CULTURALE

Qatar Tourism Authority

Cultura
Dia al-Azzawi: A Retrospective (from 1963 until tomorrow) Exhibition
Qatar Museums presenta la mostra dell’acclamato artista iracheno Dia al-Azzawi intitolata “I am the cry, who will give voice to me? * Dia al-Azzawi: A Retrospective (From 1963 until tomorrow)”. Le 500 opere distribuite su 9.000m2, saranno esposte fino al 16 aprile 2017 al MATHAF: Arab Museum of Modern Art e alla QM Gallery Al Riwaq.
Per maggiori informazioni: www.qm.org.qa/en

Picasso-Giacometti Exhibition
Qatar Museums in collaborazione con Musée National Picasso e la Foundation Giacometti presentano la prima mostra interamente dedicata a Pablo Picasso e ad Alberto Giacometti. L’esibizione si terrà dal 22 febbraio al 21 maggio 2017 presso la Fire Station Artist in Residence di Doha, il primo museo del Medio Oriente a dedicare una rassegna a questi due artisti, con oltre 80 opere esposte.
Per maggiori informazioni: www.qm.org.qa/en

Le notizie sul nostro viaggio e foto in Qatar al link: http://www.donnecultura.eu/?p=10787

– Il Qatar è una delle destinazioni turistiche emergenti più interessanti, perfetta per coloro che vogliono scoprire le tradizioni e la cultura locale, ma anche per chi vuole concedersi una vacanza all’insegna dell’avventura o semplicemente partire per una fuga di relax.

L’incredibile varietà di eventi e attrazioni, e il recente lancio del visto di transito da novembre 2016, rendono il Qatar una delle destinazioni assolutamente da visitare nel 2017.
Maggiori informazioni sul Qatar su www.visitqatar.qa/it

STOP OVER – SCOPRI IL QATAR– É molto semplice!

I passeggeri in stop over hanno oggi un motivo in più per fermarsi in Qatar. Grazie alle nuove disposizioni, è possibile ottenere il visto di transito gratuito di 96 ore per immergersi nella cultura e nelle tradizioni del Paese. Come fare? Per godersi questa perla del Golfo prima di raggiungere la destinazione finale del proprio viaggio, è sufficiente procedere con la richiesta online almeno 7 giorni prima della partenza. Il visto di transito gratuito è un’opzione esclusiva per i passeggeri che volano con Qatar Airways. Per maggiori informazioni: www.qatarairways.com

Eventi
Shop Qatar

Fino al 7 febbraio 2017 è in programma la prima edizione di Shop Qatar con sconti fino al 50% su abbigliamento e accessori, prodotti di tecnologia e cosmesi. I centri commerciali che aderiscono all’iniziativa sono: Mall of Qatar, Ezdan Mall, Hyatt Plaza, AlKhor Mall, Lagoona Mall, Gulf Mall, Landmark, Dar Al Salam Mall, The Gate e The Pearl-Qatar.

Shop Qatar ha anche l’intento di promuovere le creazioni realizzate da studenti e designer qatarioti attraverso la vendita in alcuni pop-up store all’interno dei centri commerciali che partecipano all’iniziativa.

Il Festival prevede inoltre una serie di spettacoli tra cui Cats, classico di Broadway, concerti di musica dal vivo, stand-up comedy con star internazionali come Trevor Noah e un fashion show a conclusione della manifestazione. Tra i partner del festival ci sono il nuovissimo Mall of Qatar, Qatar Airways e Ezdan World.
Per maggiori informazioni: www.shopqatar.qa

Doha Jewellery & Watches Exhibition

Dal 20 al 25 febbraio 2017 si terrà presso il Doha Exhibition and Convention Centre (DECC) la 14a edizione della Doha Jewellery and Watches Exhibition (DJWE 2017) in cui saranno messi in mostra orologi di lusso e gioielli di oltre 500 brand provenienti da tutto il mondo. Alla manifestazione saranno esposti anche pezzi unici che rappresentano la creatività e l’abilità degli artigiani, edizioni limitate e le ultime novità dell’industria del lusso.

L’evento di quest’anno presenterà una lista di grandi brand internazionali che includono Chanel, Cartier, Rolex, Van Cleef & Arpels, Boucheron e David Webb a cui vanno aggiunti brand locali e regionali.
Per maggiori informazioni: www.djwe.qa

Qatar International Food Festival (QIFF)

Dal 23 marzo al 7 aprile 2017 si terrà invece il Qatar International Food Festival (QIFF), giunto all’ottava edizione. Il festival darà risalto alle diverse proposte culinarie del Qatar, unendo prodotti locali e cucina internazionale.

I visitatori avranno così l’opportunità di assaporare e conoscere la gastronomia del Medio Oriente, ma anche di intraprendere un tour del mondo culinario grazie alle specialità internazionali presenti in tutti gli stand. Alla vasta offerta culinaria si aggiungono show cooking di rinomati chef per delle vere e proprie dining experience. Per maggiori informazioni: www.qifoodfestival.com

Sport
Commercial Bank Qatar Masters
Dal 26 al 29 gennaio 2017 torna il Commercial Bank Qatar Masters, uno dei più attesi eventi sportivi e di golf del Qatar che quest’anno è giunto alla sua ventesima edizione.

Nel 2016 più di 25.000 spettatori e oltre 400 milioni di telespettatori hanno visto trionfare Branden Grace, il primo ad aver vinto due volte il torneo. Quest’anno a contendersi il premio da 3 milioni di dollari gareggerà per la prima volta il pluripremiato Graeme McDowell, oltre alle star della Ryder Cup. Per maggiori informazioni: www.qatar-masters.com

Doha Triathlon
Dal suo debutto alle Olimpiadi di Sidney nel 2000, il Triathlon ha registrato una forte crescita e un grande interesse, e in uno stato come il Qatar, caratterizzato da inverni caldi, acque azzurre ed estese pianure, questo sport ha preso ancora più piede.

Il 20 gennaio 2017 il TriClub Doha organizza il Doha Triathlon. I partecipanti nuoteranno nelle tranquille acque della baia di Doha prima di continuare il percorso in bici lungo la Corniche verso l’imponente torre della West Bay, e da qui torneranno al parco dell’iconico Museum of Islamic Art (MIA) per iniziare la parte conclusiva della gara dedicata alla corsa. Gli atleti correranno nella rigogliosa oasi verde che è il parco del MIA e termineranno di fronte alla celebre scultura “7” dell’artista americano Richard Serra. Per maggiori informazioni: www.dohatriathlon.com

Qatar Tourism Authority (QTA)
Da tempo riconosciuto dalla leadership del Paese come possibile via per sostenere lo sviluppo del Qatar, il turismo è ora stato dichiarato settore di prioritaria importanza per il governo. La missione di Qatar Tourism Authority è quella di posizionare sulla mappa globale in maniera perentoria il Qatar quale destinazione turistica di prim’ordine con forti radici culturali. Nel 2014, QTA ha lanciato Qatar National Tourism Sector Strategy (QNTSS), i cui obiettivi primari sono la diversificazione dell’offerta turistica del Paese e l’incremento dell’apporto del turismo all’economia del Qatar entro il 2030.
Per raggiungere questo obiettivo QTA lavora in collaborazione con stakeholder pubblici e privati, pianificando, regolando e promuovendo un’industria del turismo sostenibile e differenziata.
Sul fronte della pianificazione, QTA identifica diverse tipologie di prodotti e servizi turistici che possono contribuire ad arricchire l’esperienza turistica in Qatar e lavora per attrarre investimenti per la loro realizzazione.
Sul fronte della regolazione, QTA assicura che tutti gli interlocutori del settore del turismo operino secondo i più alti standard, al tempo stesso valorizzando la cultura del Qatar.
QTA promuove il Qatar come destinazione turistica in tutto il mondo attraverso la sua strategia di destination branding, uffici di rappresentanza internazionali, partecipazione a fiere e lo sviluppo di un ricco calendario di festival ed eventi. QTA ha uffici di rappresentanza a Londra, Parigi, Monaco, Milano, Singapore, Istanbul, New York e Riyadh a supporto della promozione di QTA.
Dal lancio di QNTSS, Qatar ha accolto oltre 7 milioni di visitatori e raggiunto una crescita media all’anno dell’11,5% tra il 2010 e il 2015. L’impatto economico del turismo in Qatar è sempre più visibile sulle stime del 2014 con un impatto del 4,1% sul PIL totale.

Stanchi del freddo – Voliamo al caldo – Almeno con il pensiero – USA – Florida Sanibel Island

DCIM101GOPRO

Inverno al caldo – USA – Florida Sanibel Island – Spiagge da sogno e incontaminate – Tra Miami e Tampa sulla costa occidentale della Florida

Sanibel è l’isola “paradisiaca”, cantata da Crosby, Stills, Nash & Young.

Potete volare su Miami o su Tampa; secondo i vostri gusti, i prezzi e i tempi degli aerei che trovate.

L’isola di Sanibel, è caratterizzata da una bellissima spiaggia di conchiglie, disseminate ovunque, mare limpidissimo e caldo.

CAMMINANDO ALL’ALBA:
si possono incontrare esemplari di conchiglie di dimensioni veramente considerevoli, ma anche la concorrenza di altri raccoglitori è notevole.

SPLENDIDI I TRAMONTI

Non solo Sanibel, ma anche la vicina isola di Captiva, offre magnifiche spiagge di sabbia e tanta tranquillità.

Entrambe le isole sono collegate a Fort Myers da una strada di 5 km; molto bella da percorrere.

Captiva vanta due stazioni balneari ben strutturate e numerose gallerie d’arte, mentre Sanibel dispone di diverse possibilità di visite culturali e ricreative; il faro che risale al 1884, il Matthews Shell Museum, il Museo di Storia, il Parco di Tarpon Bay (noleggio di kayak e canoe)e la Riserva Nazionale di JN.

Ancora poco frequentate queste due isole offrono riparo a molti animali selvatici come: alligatori, aironi e egrette.

Sanibel e Captiva sono molto apprezzate dagli appassionati di birdwatching.

NOTA NEGATIVA PER CAPTIVIA: parcheggi inesistenti, solo sulla punta nord dell’isola.

A TOKYO SOLO PER ASSAGGIARE – Innamorati della cucina giapponese ? Il massimo per voi è un volo …. un lusso per pochi

UNA PAZZIA PER SOLI INTENDITORI

Con circa 450 euro potete trovare, se vi informate per tempo, un volo dall’Italia a Tokyo.

Quello che vi proponiamo non è per tutti, ma per pochi appassionati che sinao in grado di apprezzare questo vaiggio  culturale nella cucina giapponese.

——–

SIAMO A TOKYO E COMINCIAMO DALL’ APERITIVO

Bar Higt Five:

– uno dei migliori bar-cocktail del mondo; fantastica la pina colada, ma non solo. Qui i cocktail non sono serviti con ombrellini; sono solo per seri intenditori.

L’eccentrico capo-barman, Hidetsugu Ueno San, ha reso il Bar Higt Five uno dei bar in stile classico più apprezzati e popolari di Tokyo.

Non chiedere un menu, non esiste;  vi chiederanno i vostri gusti, fidatevi.

Bar Higt Five: Efflore Ginza5 Bldg. BF, 5-4-15 Ginza Chuo-ku, Tokyo, Tokyo (situato nelle avenue del quartiere bilionario di Ginza, ma non cercate l’indirizzo su google maps) – Telefono: +81 3-3571-5815 – controllate orari di apertura (di solito dalle 17 alla 1 di notte).



” nagi “ in zona:  Golden Gai

PER MANGIARE IL RAMEN

” nagi “; il Ramen che servono è davvero unico.

Se siete apapssionati di rame potreste pensare che: varrebbe la pena di fare un viaggio Italia- Tokyo solo per mangiare questi favolosi ramen di ” nagi “

Consigliato: super Ramen ai frutti di mare.

Il Golden Gai era una zona riservata ai giapponesi; ora è molto cambiata e i bar (anche con solo 3 posti- 4) li trovate lungo la strada, ma anche al primo piano; non c’è più l’atmosfera di una volta (ai tempi era anche una zona di prostituzione); ma può essere una buona idea alla ricerca del vero Giappone; anche di come sta cambiando).

Indirizzo ” nagi ” : Giappone, 〒160-0021 Tokyo, 新宿区Kabukicho, 1−1−10 – Orari: Aperto 24 ore su 24- Telefono: +81 3-3205-1925


AL MERCATO PER COMPRARE IL KOMBU, il Kombu non è un’alga, ma è molto simile e serve pe rfare il brodo; IL KOMBU CHE PROVIENE DA HOKKAIDO è il  migliore del mondo.

Alga NORI; indispensabile per il Ramen (quello coreano è condito; più saporito), lo potete trovare ottimo anche a Tokyo.


UNA PUNTATA A KYOTO CON IL TRENO SUPER-VELOCE

Siamo qui anche per l’alta cucina giapppnese; qui a Kyoto è presente uno dei ristoranti più raffinati e migliori del mondo (ovviamente il costo è adeguato).

Ma prima andiamo al mercato Nishiki Market; tutto è super: coltelli, cibo … Qui trovate ogni specialità, anche a base di uova biologiche.

Non perdete il negozio che vende solo verdure sott’aceto; provate.


KIKUNOI

” Al Kikunoi trattiamo ognuno dei nostri piatti come espressione della vita stessa, senza mai dimenticare quanto dobbiamo natura.

Evoluzione della cucina vegetariana-buddsita. Qui la natura viene esaltata al massimo. Ogni tavolo è in una stanza riservata. Locale raffinato; come i piatti serviti da cameriere in kimono.

Esiste da 300 anni.

Uno dei migliori ristoranti al mondo

Spesa media 850 euro in due persone.

Esperienza mistica.

Indirizzo: Giappone, 〒605-0825 Kyoto Prefecture, Kyoto, 東山区 下河原通八坂鳥居前下る下河原町459
Telefono: +81 75-561-0015
Orari: Oggi aperto · 11:30–13, 17–20

E’ possibile prenotare direttamente online: https://translate.googleusercontent.com/translate_c?depth=1&hl=it&prev=search&rurl=translate.google.it&sl=en&sp=nmt4&u=https://kikunoi.jp/reserve/en/agree&usg=ALkJrhjeU0JiA_x9ytmtU6C_IhqsFsW-6g


SAN VALENTINO IN IRLANDA – Castelli da favola e lusso – Passeggiate nel verde – Cascate e ….

Fuga in un castello da favola

Incredibilmente suggestivo, antico e lussuoso: è difficile esprimere a parole la bellezza incantata dell’Ashford Castle. Questa residenza signorile trasuda romanticismo, sia negli alloggi che nei giardini. Non c’è da stupirsi che sia considerato una fra le location più romantiche al mondo, per una proposta di matrimonio.

Una passseggiata a Claddagh

Il borgo di Claddagh, nella Contea di Galway, ha visto nascere il famoso Claddagh Ring, un simbolo irlandese, per eccellenza, di amore e amicizia. Dopo aver visitato, con la vostra dolce metà, il delizioso villaggio che ha dato il proprio nome all’anello, fate un salto da Thomas Dillon’s, artisti orafi più antichi d’Irlanda nonché primi creatori dell’anello.

Suggellate il vostro amore a Doagh

“The Celtic hole stone”, ovvero la roccia forata di epoca celtica, situata su una collina di Doagh, nella Contea di Antrim, è una destinazione da non perdere per tutti coloro alla ricerca della felicità e dell’amore eterno. La tradizione – che impegna ad amarsi per sempre – vuole che la donna inserisca la mano attraverso il foro e l’uomo la raggiunga con la sua.

Una sorpresa al Santuario di San Valentino

Il giorno di San Valentino, le coppie da tutto il mondo si recano a far visita al santo protettore degli innamorati. Ebbene sì, il Santuario di San Valentino esiste e si trova nella Whitefriar Carmelite Church di Aungier Street. Contiene un reliquiario del santo, i cui resti furono trasportati a Dublino molto tempo fa. Il 14 febbraio c’è una cerimonia speciale in cui si benedicono gli anelli di tutte le coppie in visita.

Un salto alle Cascate di Glencar

Il grande poeta romantico d’Irlanda, W.B. Yeats, in gioventù visitò queste cascate nella Contea di Leitrim, cogliendone il misticismo e traendone ispirazione. E sarà così anche per voi, se deciderete di raggiungerle con il vostro partner. Il luogo, testimone di tante proposte di matrimonio, è location popolare, per documentare la richiesta con tanti scatti fotografici. Il lago circostante ed i boschi sono meta ideale per passeggiate e picnic.

In posa sul Titanic

Il Titanic Belfast, recentemente premiato come World’s Leading Visitor Attraction ai World Travel Awards, è la location ideale ove ricreare l’immagine romantica che ha eletto Leonardo Di Caprio e Kate Winslet, icone universali dell’amore nel film colossal Titanic. Per un’esperienza estremamente romantica, invitate la vostra metà lungo la copia dell’elegante scalone centrale ed attraverso il Titanic Quarter, il quartiere che ospita la replica del Titanic.

Programmare un WEEKEND o vacanza a CATANIA per la FESTA DI SANT’AGATA

Catania 2 500  Palazzo bBscheri

Palazzo Biscari

CATANIA Etna bocca laterale 350 km

catania Etna 500

Il vulcano Etna in inverno.

Catania la folla Sant'Agata 450 j

La folla per Sant’Agata.

CATANIA 672 Etna e Mare panorama k

Dall’Etna si vede la città di Catania e golfi verso sud-est

catania 500 Duomo tramonto h

Duomo.

Catania dintorni castello lm

Dintorni di Catania.

Catania sant'Agata Candelori hj

Sant’Agata.

Catania 672 ok notte Duomo folla

La processione di Sant’Agata.

CATANIA

“…l’impressione di questo giardino incantato…lo stesso odore tutto particolare di mare vaporante, tutto mi richiamava…l’isola beata dei Feaci. Andai subito ad acquistare un Omero, lessi con ineffabile rapimento quel canto e ne improvvisai una traduzione per Kniep…” Così scrive il grande Goethe della Sicilia.

Di Catania, guardando le antiche rovine, immagina le “…ripetute distruzioni della città per opera di lave, dei terremoti…”

Perché la storia di Catania, è scritta soprattutto dal grande vulcano che la sovrasta; l’Etna.

Il nostro weekend a Catania.

Montagna che a noi è apparsa nella sua veste più suggestiva; quella invernale. Un manto di neve ne riveste le parti più alte, ma il fumo continua ad uscire, creando qualcosa di magico.

Magico come la capacità dell’antica lava di concimare e favorire la crescita di profumatissimi limoni, aranci, mandarini, anche verdura e viti che producono un’uva irripetibile.

Ma Catania è anche la sua popolazione con tutte le sue vivaci tradizioni; come la festa di Sant’Agata.

Catania Sant0Agata Candele 450 l

Grandissime e pesanti candele sono portate a spalla dai devoti vestiti di bianco

Catania Candele 300 k

S.Agata è, per partecipazione, la seconda festa della cristianità al mondo!

I devoti restano in attesa della messa dall’aurora del quattro febbraio, per rivedere, dopo un anno, la “Santuzza” ricoperta di preziosissimi gioielli; doni dei credenti dai tempi più antichi.

E’ difficile spiegare l’atmosfera creata dalla partecipazione collettiva di tutta la popolazione; colore e vita, credo e folclore.

Una festività da vedere per emozionarsi insieme a tutta la popolazione che vive per due giorni nelle strade, anche di notte.

Da vivere nella piazza del Duomo, da dove cominciano le visite guidate della città e da dove è iniziata la ricostruzione della città; dopo il disastroso terremoto del 1693. Questo è il centro dei poteri Domo e palazzo del Municipio. Due monumenti da visitare; entrambi parti importanti della storia della città.

Nel settecento, i più capaci architetti, artisti e artigiani provenienti da tutta la Sicilia, hanno disegnato e realizzato lo splendido barocco della città; che oggi è divenuto Patrimonio dell’Umanità Unesco.

Non può sfuggire, al centro della piazza del Duomo, la Fontana dell’Elefante; simbolo di Catania.

Qui nel sottosuolo, si trovano le terme Achilliane, e dietro la Fontana dell’Amenano. In zona, anche la Pescheria, a pochi passi dal mare; pittoresco mercato giornaliero della frutta e del pesce.

Tornando alla festa di Sant’Agata, nelle chiese si tengono speciali funzioni religiose e per le strade sfilano le candelore (immense e pesanti tipiche costruzioni), accompagnate da allegre bande musicali. Non possono mancare i dolci tipici e le olivette in pasta reale. Perché qui il cibo è una cosa seria; quasi sacra.

Nessuno potrà lasciare Catania senza il suo pacchetto di frutta o verdura fatta di marzapane, di deliziosi arancini al ragù ed almeno qualche cannolo e l’ ”Iris” un dolce fritto … speciale.

Come non si può lasciare Catania senza averne visitato il Municipio. detto: Il Palazzo degli Elefanti e costruito dopo il terremoto del 1693 in sostituzione del  cinquecentesco Palazzo Senatorio; opera di diversi architetti: tra i quali Giovan Battista Vaccarini, che ha progettato molti dei più pregevoli edifici del centro storico. All’ingresso due carrozze del Senato; usate il 3 febbraio dalle autorità cittadine, durante i festeggiamenti di S.Agata, per raggiungere la chiesa di S. Biagio in piazza Stesicoro ed offrire la cera alla Santa.

Sempre nella piazza del Duomo si incontra il primo Seminario dei Chierici; fondato nel 1572 e che si trovava nell’antica Platea Magna, oggi corrispondente a Piazza Duomo.
Dopo il terremoto del 1693 venne ricostruito in parte sulle antiche mura ed in parte su un’area occupata dall’antico Vescovado; i lavori furono iniziati   dall’architetto Alonzo di Benedetto e proseguirono con Francesco Battaglia.

Salendo verso il culmine di una piccola collina, si raggiunge il nucleo originale di Catania; storia che si perde nei tempi più antichi,.

Qui si trova il Castello Ursino; costruito per volere di Federico II di Svevia, tra il 1239 e il 1250. Il primo castello difensivo, sorgeva vicino al mare; circondato da un fossato. Durante l’eruzione del 1669 fu circondato dalla lava; una lunga campagna di scavi lo ha riportato al suo aspetto originario; in altra sede.
Nel ‘400 il castello fu abitazione dei reali aragonesi, poi fu adibito a vari usi. Dal 1934 è diventato Museo Civico cittadino, con reperti d’età greca, romana e di varie epoche; compresa una parte della produzione artistica catanese. L’opera più interessante è la “Madonna con bambino” di Antonello da Saliba (1466-1535).
Sempre al Castello, si alternano importanti mostre d’arte, come la mostra “CHAGALL. LOVE AND LIFE” Opere dalla Collezione dell’Israel Museum
Dal 18 ottobre 2015 –  3 aprile 2016.

Altro edificio da non perdere, nella visita della città di Catania, è Il Monastero dei Benedettini; fondato nel 1558.

Catania 2 500 Monastero Benedettini dn

Monastero dei Benedettini.

Catania 2 Monastero benedettini caffé js

Catania 2 450 Benedettini dove si mangiava

Il refettorio, dove mangiavano i monaci figli delle più importanti famiglie di Catania.

Catania 2 Benedettini scavi archeologici k

Reperti archeologici romani; nelle cantine del monastero.

catania Monastero Benedettino 450 j

Dopo l’eruzione dell’Etna del 1669 e del successivo terremoto del 1693 buona parte dell’edificio viene distrutto.
La ricostruzione inizia nel 1702, ad opera dei maggiori architetti siciliani: Ittar, Battaglia, Battaglia Santangelo, Palazzotto e Giovan Battista Vaccarini; il più famoso tra gli architetti del barocco siciliano settecentesco. Al Monastero si aggiungeranno un nuovo Chiostro, un giardino, il Caffeaos, la biblioteca, le cucine, l’ala del noviziato, i refettori, il coro di notte.

Visitando i piani interrati si scoprono interessanti reperti romani; uno dei Cardines  e il Decumanus Maximus e resti di domus di età tardo ellenistica e di epoca imperiale. Inoltre si vedono bene i resti delle colate laviche; che furono opportunamente deviate dai monaci.

Il Monastero è uno dei conventi più grandi d’Europa.

Tutti i secondogeniti delle famiglie più prestigiose della zona furono qui accolti e il loro alto ceto è ben dimostrato dagli imponenti scaloni all’ingresso, dalla grandiosa cucina e dall’imponente refettorio, ma non solo.

San Nicolò

La chiesa di San Nicolò si ispira ai modelli architettonici romani; iniziata nel 1687 su disegno di G.B. Contini, dopo il terremoto del 1693 i lavori proseguirono con l’ausilio di diversi architetti come Francesco Battaglia e Stefano Ittar; quest’ultimo realizzò la cupola alta 62 metri. Il progetto rimase, comunque, incompiuto (1796); per difficoltà di ordine tecnico e gravi problemi economici.

Da notare: la grandiosità delle partizioni architettoniche e la luce diffusa proveniente dagli alti finestroni.

Il grande altare maggiore è stato realizzato con materiali molto preziosi.

Celeberrimo l’organo realizzato dall’abate Donato del Piano; 72 registri, cinque ordini di tastiere, 2.916 canne.

DOPO IL GRANDE TERREMOTO LA VIA ETNEA DIVIENE LA VIA DEI PALAZZI NOBILIARI; MENTRE LA VIA CROCIFERI LA SEDE RISERVATA ALLE AUTORITA’ ECCLESIASTICHE (3 monasteri, 1 collegio e 4 chiese; in soli 200 mt.). Negli anni successivi la via Crociferi è anche punto di incontro per cerimonie e cortei religiosi.

La prospettiva offerta dalla zona è tanto bella che fu usata come “location” per molti film; tra i tanti nomi: Zeffirelli “Storia di una capinera”, “I Vicerè” di Faenza e “Il bell’Antonio” di Bolognini.

QUI SI TROVA UNO DEI LUOGHI PIU’ SUGGESTIVI DELLA FESTA DI SAN’AGATA: durante la mattinata, le suore benedettine intonano per la santa canti soavi.

SEMPRE IN VIA CROCIFERI:

Il monastero delle Benedettine; fondato nel 1355.
Alla fine del XVII sec. una ricostruzione determinò l’inglobamento dell’odierna badia piccola; grazie alla costruzione dell’arco, 1704. Quest’ultimo, fu considerato abusivo dal governo vigente; abusivismo che fu bellamente ignorato dai religiosi dell’epoca, tanto che oggi è diventato un simbolo per la città di Catania.
La leggenda racconta che, per allontanare il popolino da questa zona; allora assai trafficata di notte, si raccontasse di una leggenda di fantasmi. Chi osò presenziare per appendere inchiodo, come scommessa, fu egli stesso trovato morto e appeso al chiodo il mattino successivo.

Al monastero appartiene anche la chiesa di San Benedetto, interamente affrescata da Tuccari fra il 1726 ed il 1729.

Chiesa S.Francesco Borgia
La Chiesa di S.Francesco Borgia (santo spagnolo nato nel 1510, parente di Carlo V),  è opera dell’architetto frate Angelo Italia ed all’interno custodisce il pulpito con il prezioso drappeggio in legno ad imitazione della stoffa, la cappella di S.Ignazio e la cappella di S.Francesco Saverio rivestita di marmi di pregio.

Chiesa di San Giuliano

Secondo alcuni studiosi la chiesa di S. Giuliano può essere attribuita al Vaccarini (1739 e il 1751). La facciata, concava al centro, è movimentata da una loggia che si dispone all’altezza del secondo ordine della facciata.
Le religiose, molte provenienti da famiglie della nobiltà catanese, da qui potevano vedere la processione della festa di S. Agata, durante la notte del giorno 5 febbraio, mentre saliva lungo la via Sangiuliano per svoltare, poi, in via Crociferi.

Badia di S. Agata

Sulla via V. Emanuele, di fronte alla Cattedrale, si incontra la chiesa della Badia di S. Agata la quale, insieme all’annesso ex monastero,  occupa un intero isolato. L’edificio odierno poggia sulle rovine dell’antica chiesa e convento, dedicati a S. Agata; poi crollati.
La chiesa  è un capolavoro architettonico di G.B. Vaccarini (1735-1767): ha la pianta a croce greca allungata inscritta in un ovale. Da notare: l’alternanza di superfici convessa-concava-convessa; caratteristica del Barocco.
Risalta la decorazione interna; semplice ed essenziale, stucchi bianchi alle pareti, statue, altari preziosi e ricami di marmo sul pavimento.

Basilica
S. Maria dell’Elemosina
(Collegiata)

Sul luogo dell’attuale chiesa, nella prima epoca cristiana, sorgeva un’ edicola dedicata alla Madonna dell’Elemosina.
Frequentato dai re aragonesi e dalla loro corte; nel 1396 ebbe il titolo di “Regia cappella”. A seguito del terremoto del 1693 venne ricostruita, ma con la facciata disposta lungo la via Etnea; la via più importante della Catania risorta dopo eruzioni e terremoti. La chiesa settecentesca è dell’architetto Antonio Amato su progetto del gesuita Angelo Italia. La facciata, di Stefano Ittar (1758), mostra le concavità e convessità tipiche del barocco e della sua ricerca di armonia.

———

PALAZZO BISCARI

Catania 2 550 Palazzo Biacheri jn

Catania scala Palazzo Biscari 2

Scala interna di Palazzo Biscari

Palazzo Biscari
Il più bel palazzo barocco catanese.
Recentemente inserito nell’elenco dei beni del patrimonio dell’UNESCO.
Conta circa settecento stanze.
www.palazzobiscari.com info@palazzobiscari.com per prenotare visite, congressi, meeting e matrimoni.
Imperdibile per le sue bellezze; fu visitato anche da Goethe e dalla regina Elisabetta.

Il palazzo è appartenuto alla famiglia Paternò Castello, principi di Biscari, dal XVIII al XIX secolo ed agli eredi indiretti Moncada Paternò Castello a partire dal XIX secolo.

Negli ultimi decenni la famiglia ha aperto le porte, di una parte dei saloni, a catanesi, viaggiatori e turisti.

Catania palazzo Bischeri 300 proprietario

L’attuale proprietario, che apre le porte del suo palazzo per visitatori ed importanti eventi.

Fu voluto da Ignazio Paternò Castello principe di Biscari, per sua dimora. I primi lavori iniziarono nel 1702; a quell’epoca il palazzo comprendeva un solo piano, ma già esisteva il museo, con i reperti archeologici raccolti dal principe nelle terre dei suoi latifondi.
Lo  stile del palazzo è barocco e fu costruito sulle mura cinquecentesche di Catania. Per la sua ampiezza occupa un intero isolato.

Il palazzo si affaccia sul porto e sugli Archi della Marina; qui, fino agli anni Venti, il mare lambiva i bastioni sottostanti.

Oggi, vi si svolgono anche numerosi eventi di grande prestigio; alcuni saloni sono oggetto fotografico di sfarzosi matrimoni internazionali.

Teatro Romano
Il teatro è stato realizzato dal I al IV secolo d.c., è addossato al versante meridionale della collina dove sorgeva l’antica acropoli di Catania. Poteva ospitare circa 7.000 spettatori.

Anfiteatro Romano
Al centro di piazza Stesicoro si nota una grande apertura che lascia intravedere una parte dei resti dell’anfiteatro romano di Catania. Si tratta di uno degli anfiteatri più grandi d’Italia; purtroppo è nascosto quasi interamente sotto le moderne abitazioni. Si è calcolato che poteva contenere 15.000 spettatori seduti e quasi il doppio, con apposite impalcature, per i posti in piedi.
Fu costruito intorno alla metà del II secolo a.C. All’epoca di Teodorico il monumento era già in stato di abbandono. Ruggero il Normanno lo utilizzò per ricavarne pietre per innalzare la cattedrale.
——-

UNO DEI MONUMENTI PIU’ BELLI E CARATTERISTICI DI CATNIA E’ IL TEATRO BELLINI
IMPERDIBILE !

Il TEATRO BELLINI si affaccia sull’omonima piazza. Fu inaugurato il 31 maggio del 1890 con la rappresentazione della Norma di Vincenzo Bellini.

Opera di Carlo Sada è in stile eclettico francese, del “secondo impero”, reso di moda a Parigi da Charles Garnier con l’Opéra di Parigi.

Carico di ornamenti e allegorie; è molto elegante in tutte le sue sfaccettature e particolari.

Il teatro è famoso, a livello internazionale, per la sua eccellente acustica.

Affreschi del soffitto di Ernesto Bellandi. Il pittore Giuseppe Sciuti, nel 1883, vi dipinse un antisipario che narra la leggendaria vittoria dei Catanesi sui Libici.
——

AFFASCINANTE VISITA AL VULCANO

La stagione migliore per visitare il vulcano Etna è sicuramente l’inverno. La neve e i funi che sprigiona il vulcano creano un paesaggio fiabesco.

Sono possibili escursioni di ogni genere e livello, secondo le capacità dei turisti. Dalla tranquilla visita con un piccolo bus, alle faticose arrampicate a piedi, alle visite con le jeep.

STORIA DI CATANIA E DEL SUO VULCANO

La storia di Catania è segnata da diversi cataclismi: terremoti, eruzioni, tsunami.
In breve le più antiche.
Eruzione del 693 a. C. distrusse l’antica Catania (Katane).
Eruzione del 396 a. C. la cui colata lavica arrivò in mare.
Eruzione del 1169 la cui lava arrivò ad Aci Castello.
Eruzione del 1329 ebbe origine presso Rocca Musarra, in Valle del Bove (si formarono numerosi coni secondari).
Eruzione del 1381; la lava raggiunse Catania, arrivò al mare a Ognina coprendo lo storico porto Ulisse.
Eruzione del 1408 la lava raggiunse i settori di Pedara e Trecastagni.
Eruzione del 1444 minacciò Catania.
Eruzione del 1556 la lava giunse fino a Linguaglossa.

4 febbraio 1169, vigilia del giorno di Sant’Agata, adorata Patrona della città. Verso le ore 21 la prima forte scossa sismica, magnitudo stimata intorno a 6.6, Catania è devastata. La cattedrale, piena di fedeli raccolti per la funzione dedicata a Sant’Agata, crolla: muoiono almeno cento persone. L’evento è seguito da uno tsunami che colpisce la città e l’intera costa ionica, da Messina alla foce del fiume Simeto. Le scosse proseguono per diversi giorni e provocano danni e vittime anche a Modica, Lentini, Aci Castello, Siracusa e Piazza Armerina. Circa10mila le vittime stimate. La scossa sismica fa crollare la parte orientale dell’Etna, potenti colate laviche si dirigono verso sud-est, giungono fino al mare ad Aci Castello.

Grande eruzione dell’Etna del 1669, l’evento più catastrofico degli ultimi 500 anni; la lava addirittura raggiunse il mare. Iniziò l’11 marzo e finì il 15 luglio.
Nei pressi di Nicolosi un imponente squarcio formò diverse bocche esplosive (oggi Monti Rossi) ed effusive. Un mese dopo raggiunse Catania.
In totale la lava si portò via le case di oltre 27.000 persone.

Eruzioni dopo il 1669: 1755, con lave nella Valle del Bove, 1763 si formarono i Monti Nuovo e Mezza Luna, sul versante Ovest, e la Montagnola, su quello Sud, 1766: responsabile della formazione dell’apparato eruttivo dei Monti Calcarazzi, 1792-1793, 1811-1812,1819, 1832, 1843,1852-1853, che formò l’apparato eruttivo dei Monti Centenari in Valle del Bove, 1865,1879,1883… e così di seguito con una frequenza impressionante. Per fortuna, normalmente, la lava scende senza esplosioni e quindi la gente ha il tempo di porsi al sicuro e, nel migliore dei casi, anche di deviare la lava dalle abitazioni.
IL TERRIFICANTE TERREMOTO DI CATANIA DEL 1963
1693 un terribile terremoto colpì Catania con due gravi scosse successive; la seconda fu devastante e trovò i fedeli nella Cattedrale a ringraziare Santa Rosalia per essere sopravvissuti; alla prima scossa. Circa 54.000 i morti, se si comprendono anche tutte le zone circostanti; sino a Ragusa e Modica. Successive scosse, nei mesi a seguire, arrecarono altri danni.

Continuate a seguirci, nelle prossime puntate vi parleremo dei dintorni e di tanti indirizzi di alberghi, ristoranti, bar, sedi di congressi, eventi varisono possibili e curiosità.

Isole Cook: a piedi nudi in paradiso

isole-cook-1a-bn

Premesso che la miglior stagione per l’Oceano Pacifico è la nostra estate; comunque si tratta di climi dove sempre si può fare il bagno e prendere il sole.

Vacanza sostenibile ma all’insegna del lusso “casual”. Alle Isole Cook è possibile! Godetevi il comfort degli splendidi resort posti sulle magnifiche spiagge della Polinesia Neozelandese, sorti in assoluta armonia con la lussureggiante natura che li circonda.

Quale modo migliore di iniziare un’esperienza eco-chic in questo arcipelago esclusivo, lontano dalle rotte convenzionali, se non volare con Air New Zealand in Business Class? Ad attendervi “check-in Premium” ed un kit di cortesia omaggio, comprendente prodotti a base d’ingredienti biologici e imballaggi riciclati che possono essere riutilizzati come adattatore per iPad.

Una volta arrivati alle Cook, non resta che scegliere uno degli stupendi resort che offrono comfort di lusso in un territorio dalla natura travolgente, tra cui il Pacific Resort Aitutaki, vincitore dei World Travel Awards quale miglior Boutique Island Resort del mondo nel 2015.

Il complesso, circondato dalle acque calme e turchesi della laguna di Aitutaki, offre una collezione di 27 bungalow intimi ed esclusivi e di ville lussose. Il luogo perfetto per sedersi e godersi la vita!

Un altro casual luxury resort alle Cook è Etu Moana, la cui filosofia si basa sul rispetto per le persone e per l’ambiente. Anche se sembra incredibile questo lussuoso complesso è ecosostenibile: le sue ville sono costruite, infatti, con materiali naturali e, oltre a riutilizzare il flusso piovano, utilizzano l’energia solare per riscaldare l’acqua.

La gestione responsabile delle risorse naturali che è parte dell’essenza di queste isole caratterizza anche la loro economia. Persino un’esperienza di lusso qui può creare un commercio equo tra il viaggiatore e le piccole imprese, come nel caso di Moana Gems, azienda che nella remota e incontaminata laguna diManihiki coltiva le famose perle nere, ilprincipale prodotto di esportazione dell’arcipelago.

Questo angolo del Sud Pacifico offre la possibilità di vivere numerose esperienze.

Per la stagione 2016-2017, ad esempio, sono state introdotte quattro nuove visite guidate private in lingua italiana attraverso Rarotonga – Alla Scoperta di Rarotonga!; Rarotonga: tra Mito e Leggenda; Rarotonga: tra Terra e Mare; Arte e Artigianato di Rarotonga – un modo comodo e personalizzato per vivere e scoprire l’isola e i suoi abitanti, approfondendone storia e cultura.

Le Cook non riservano meraviglie solo per gli occhi ma anche per il palato!

Se siete alla ricerca di un’indimenticabile esperienza gastronomica in grado di accendere i vostri sensi, vi consigliamo di cenare al Nautilus Restaurant di Rarotonga, con vista sulla laguna, dove l’essenza della Polinesia Neozelandese viene riscoperta in ogni dettaglio, dal design all’arredamento, alla cucina, dove interessanti combinazioni di sapori ispirati alle diverse culture utilizzano prodotti locali ed ingredienti freschi e biologici. Oppure provate il Flambé Restaurant che propone un menu locale con un’atmosfera che richiama antiche legende Maori.

Un viaggio in quello che è considerato il paradiso per antonomasia del relax non è, però, completo senza una visita ad una Boutique Spa.

Sulla bellissima costa sud orientale di Rarotonga dalle spiagge bianchissime vi aspetta il Te Manava Luxury Villa & Spadove potrete farvi coccolare in un centro benessere elegante e lussuoso, circondato da un tranquillo giardino d’acqua, che offre una varietà di trattamenti di bellezza con prodotti Te Tika, una linea di prodotti biologici a base di ingredienti provenienti esclusivamente dalle isole Cook.

Sull’isola di Aitutaki, invece, sono da segnalare il Pacific Resort Aitutaki, premiato in passato fra i migliori Boutique Hotel al mondo, con la sua rinomata “Tiare SPA” nell’inconfondibile stile polinesiano, che propone differenti trattamenti in luogo magico con vista sulla famosa laguna, e l’Aitutaki Lagoon Resort&Spa con la sua “SpaPolynesia”, l’unico resort a possedere la sua isola privata, Motu Akitua, il luogo perfetto per chi è alla ricerca del relax.

Oggi vi proponiamo per un viaggio alle Cook…
CIVIDIN VIAGGI – Le Lagune Turchesi di Rarotonga e Aitutaki di 9 giorni comprendente:
– Voli intercontinentali dall’Italia in classe economica
– Trasferimenti
– Voli interni
– Sistemazione al Nautilus Resort di Rarotongacon colazione
– Tour di Rarotonga in italiano
– Cena a Rarotonga con danze polinesiane
– Sistemazione al Pacific Resort Aitutaki di Aitutaki
– Crociera The Vaka nella laguna di Aitutaki con pranzo incluso

Per info: www.cividin.it – Tel: 040 3789344 – Email: booking@cividinviaggi.it
(Quote a partire da € 4.000 a persona in camera doppia. Offerta valida fino al 30/11/2017)

PER INFORMAZIONI:
NICHOLAS COSTANTINI – COOK ISLAND Rep&Marketing per l’Italia
@: nick.costantini@cookislands.travel – W: www.cookislands.travel
Segui anche #IsoleCook su: www.facebook.com/isolecook – twitter.com/isolecook – https://instagram.com/isolecook

Cook Islands Tourism Corporation commercializza il prodotto in Italia in collaborazione con: Alidays, Alpitour-Viaggiidea, Amo Oriente, Ares Viaggi, Auratours, Australia World, Billabong, Bluewings, Caleidoscopio, Chiariva, Cividin, Club Paradiso, Eden Viaggi, Etnia Viaggi, Fiji Time, Gastaldi 1860, Glamour Viaggi, Go Australia-Go Pacific, GoGo Travel, Gorgonia Viaggi, Grace Travel, Hotelplan, Islas Do Sol, I Viaggi del Delfino, I Viaggi dell’Airone, Il Tempo Ritrovato, Karisma, Kuoni, Mappamondo, Master Explorer, Mistral International, Mundo Escondido, Naar, Nuova Zelanda Viaggi, Oltremare Tour Operator, Pan Pacific, Prestige Italia Gold, Racconti dal Mondo, Travel Experience, Viaggi dell’Elefante, Viaggidinozze.net, Viaggi Sintesi, Zarpar Viaggi oltre ai Tour Operator che fanno parte di JTeam e Destination Specialist.

CENA A NEW YORK CITY CON GLI CHEF VIP – Alta cucina e lusso a New York

ny-ristoranti-1aswestlight_

Foto: Westlight

flora-bar-ny-ristoranti-450

Foto: Flora-Bar-NY

Per molte e insolite informazioni su cosa fare e dove comprare a New York, vedi al link http://www.donnecultura.eu/?p=5106

L’occasione giusta per provare i migliori ristoranti di New York City è la NYC Restaurant Week, in programma dal 23 gennaio al 10 febbraio 2017, l’iniziativa che prevedere menu a tre portate a prezzi fissi a pranzo e cena in oltre 200 location. Maggiori informazioni sul sito nycgo.com/restaurantweek

All’interno di nuovi hotel e musei di Manhattan e Brooklyn,
esperienze culinarie uniche proposte dagli chef più famosi

New York City conferma il suo ruolo di rilievo all’interno del panorama della ristorazione internazionale, con un’offerta sempre più ampia, variegata e di alto profilo.

Spiccano i ristoranti di celebrity chef come Carla Hall e Tom Colicchio, resi popolari dalla loro partecipazione a programmi televisivi, e i nuovi indirizzi di guru della ristorazione newyorkese, come April Bloomfield e Keith McNally.

Tra i celebrity chef che hanno aperto un ristorante a New York City negli ultimi mesi, si menzionano:

Andrew Carmellini
Lo chef italo-americano Andrew Carmellini vanta nel suo curriculum diversi ristoranti a Manhattan, da Madison Square Park, a Soho e Noho. Recentemente ha inaugurato due spazi a Williamsburg, Brooklyn, all’interno del nuovo William Vale Hotel: Leuca, il ristorante principale, propone un menu ispirato ai piatti dell’Italia meridionale, mentre Westlight, rooftop bar al 22° piano dell’hotel, offre piccoli piatti in stile street food (leuca.com; westlightnyc.com)

Anne Burrell
L’esuberante chef bionda, famosa in America per il suo show Worst Cooks in America, aprirà il suo nuovo ristorante, Phil & Anne’s Good Time Lounge entro la fine dell’anno a Boerum Hill, Brooklyn. Il menu sarà ispirato alla cucina italiana e mediterranea e includerà pizzette grigliate e brasato di pollo servito con purea di mandorle. Il ristorante avrà una capienza di 85 coperti.

April Bloomfield
April Bloomfield è una veterana della ristorazione di New York e proprietaria di diversi ristoranti di successo come The Spotted Pig, Breslin Bar e John Dory Oyster Bar. Il suo nuovo White Gold, nell’Upper West Side a Manhattan, non è un ristorante con 38 posti a sedere e una macelleria. Oltre a carne e salumi fatti in casa, la macelleria venderà anche brodo di ossa e carne, Kombucha, sottaceti e altro ancora. (whitegoldbutchers.com)

Carla Hall
Carla Hall è conosciuta in America come concorrente di Top Chef e più recentemente come co-conduttrice di The Chew. Ora si sta affermando anche come ristoratrice, con l’apertura di Southern Kitchen nel Columbia Waterfront District a Cobble Hill, Brooklyn. Il suo cavallo di battaglia, l’hot chicken, è disponibile in diverse varianti, una più piccante dell’altra, da Hootie Hoot a Boomshakalaka. Il resto del menù comprende alcuni dei piatti preferiti della chef come banana pudding, pimento cheese e cavolo. (carlahallsouthernkitchen.com)

Dale Talde
Dale Talde è un personaggio televisivo di Top Chef e Top Chef: All Stars e proprietario di Talde, un ristorante di successo a Brooklyn. Il suo nuovo progetto, Massoni, ispirato alla cucina italiana, ha aperto nel novembre 2016 all’interno di Arlo Hotel NoMad a Midtown Manhattan. (massoninyc.com)

Harold Moore
Harold Moore è entrato nella ristorazione newyorkese lavorando in alcune delle più celebri cucine della città come Daniel, Jean-Georges e Commerce. Ha anche partecipato ai programmi televisivi The Dish e Knife Fight. A settembre di quest’anno ha aperto il suo ristorante Harold’s Meat + Three, all’interno di Arlo Hotel Hudson Square a downtown Manhattan dove è possibile ordinare un piatto a base di carne con tre contorni a scelta. (haroldsmeatandthree.com)

Ignacio Mattos e Thomas Carter
Ignacio Mattos e Thomas Carter sono i ristoratori visionari che stanno dietro a successi come Estela e Cafè Altro Paradiso, quest’ultimo recentemente visitato dal presidente Obama. La loro nuova avventura si chiama Flora Bar and Coffe all’interno del nuovo museo Met Breuer nell’Upper East Side di Manhattan. Il Flora Bar è un ristorante prevalentemente di pesce e il menu comprende capesante, ravioli di aragosta e ricci di mare; mentre al Flora Coffee sono disponibili diverse opzioni per un pranzo veloce con sandwich e insalate. (florabarnyc.com)

Keith McNally
Keith McNally, ristoratore newyorkese con un’esperienza trentennale conosciuto soprattutto per Balthazar, ha inaugurato a novembre 2016 Augustine presso il Beekman Hotel di Lower Manhattan. Il menu è caratterizzato da prodotti tipici delle brasserie francesi con diversi piatti del giorno. In linea con lo stile dell’hotel, Augustine è arredato con candelabri in ferro battuto e vetro colorato. (thompsonhotels.com)

Todd English
Todd English, star del programma televisivo Cooking Under Fire, a ottobre 2016 ha aperto il suo primo concept restaurant focalizzato sui cocktail, The Stinger Cocktail Bar and Kitchen, all’InterContinental New York Times Square Hotel a Midtown Manhattan. Lo chef, vincitore del premio James Beard, utilizza gli alveari situati sul rooftop dell’hotel come punto di partenza per preparare i suoi menu e i drink. Il menu include barbecue chicken nachos, un piatto con formaggi locali serviti con miele Stinger e numerosi cocktail originali. (thestingernyc.com)

Tom Colicchio
Tom Colicchio è stato giudice di tutte le stagioni di Top Chef. Ha co-fondato nel 1994 il celebre ristorante Gramercy Tavern ed è stato premiato cinque volte ai James Beard Foundation Awards. Ha da poco aperto Fowler & Wells, ristorante all’interno nel nuovo Beekman Hotel a Lower Manhattan dove sono proposti piatti della cucina americana tradizionale come ostriche Rockefeller e foie gras, oppure piatti più contemporanei come il coniglio schnitzel. (thompsonhotels.com)

Wolfgang Puck
Wolfgang Puck è il proprietario di diversi ristoranti CUT a Los Angeles, Las Vegas, Londra, Singapore e Bahrain. Ora ha portato il suo brand di lusso anche a New York City, la capitale mondiale delle steakhouse. CUT a New York City si trova al Four Seasons New York Downtown a Lower Manhattan e il suo menu comprende la miglior scelta di carne giapponese e americana cotta alla griglia. Il ristorante può ospitare fino a 86 persone ed è arredato con poltrone di velluto rosso, comodi divanetti, pavimenti in parquet e tende di seta dorata. (fourseasons.com)

Foto fornite dall’Ufficio Stampa

Mauritius l’isola dei sogni – Natale e Capodanno … a piedi nudi nella sabbia e al caldo nel lusso

croazia-mare-672-alba-panoramaÈ INIZIATA LA FESTA A MAURITIUS
Eventi al ritmo della joie de vivre mauricienne

 Se non siete amanti delle temperature vicine allo 0 e non ne potete già più di cappotti e maglioni, il periodo invernale è l’occasione ideale per festeggiare Natale e Capodanno, ma anche i primi eventi del 2017, con un tocco di joie de vivre mauricienne al caldo delle temperature tropicali dell’isola.

Inizio anno … multietnico!

Mauritius è davvero l’isola dell’Armonia: etnie e religioni da tutto il mondo convivono in un clima sereno e pacifico e … ogni occasione è buona per festeggiare! Non mancano infatti feste nazionali in occasione delle festività di tutte le religioni, da quella induista a quella cattolica o orientale. Il 28 gennaio 2017 la città festeggerà nuovamente l’inizio del nuovo anno secondo il calendario cinese: in occasione del Capodanno Cinese l’isola si colorerà di lanterne rosse e il quartiere di China Town a Port Louis sarà più vivo che mai e ricco dei profumi dei cibi tipici della tradizione.

Celebrato dalla popolazione tamil dell’isola, il Thaipoosam Cavadee (9 febbraio 2017), è secondo la tradizione una giornata dedicata alla penitenza e al ringraziamento: i fedeli si recano in processione portando vasi di latte o imponenti composizioni floreali sulla testa, in omaggio al dio tamil Murugan. La festa viene celebrata ogni anno in occasione della prima luna piena del calendario tamil e i fedeli si preparano ad essa con 48 giorni di preghiera e digiuno.

Il 24 febbraio 2017 si terrà Maha Shivaratri, letteralmente “La Grande Notte del Dio Shiva”, la festa indù più popolare a Mauritius.

DA NON PERDERE:

Ogni anno, la notte tra il 13 e il 14 dell’11° mese indù, migliaia di fedeli si recano presso il Ganga Talao, il lago sacro di Grand Bassin, per onorare e pregare il dio Shiva, animando le strade dell’isola con i sari colorate delle donne indù.

—–

DORMIRE NEL LUSSO

Natale e Capodanno … a piedi nudi nella sabbia

Presso il Veranda Pointe Aux Biches Hotel, la sera della Vigilia avrà un sapore tropicale: gli ospiti potranno ammirare le stelle con i piedi nella morbida sabbia e sorseggiando il tipico rum mauriziano; in sottofondo, non possono mancare le canzoni natalizie della tradizione. Per aggiungere un tocco glamour alla serata, gli ospiti potranno partecipare alla cena di gala a base di prodotti locali e accompagnata da musicisti mauriziani.

Quale modo migliore per salutare il 2016 che se ne va se non ammirando l’ultimo tramonto dell’anno a Mauritius?

– Per un’esperienza a tutto lusso, Shangri La’s le Touessrok Resort & Spa mette a disposizione l’isola di fronte al resort, Ilot Mangénie, che può essere prenotata in esclusiva per festeggiare in tranquillità e privacy con i propri amici o la propria dolce metà. Aragoste, ricci di mare, tartufo, ananas flambè al rum saranno accompagnate da Dom Perignon e un DJ animerà la serata sull’isola per regalarvi un Capodanno da veri VIP.

Dall’altra parte di Mauritius, sulla costa ovest, The Oberoi Mauritius propone invece ai suoi ospiti un Capodanno a ritmo di segà, la tipica danza locale: le ballerine con le loro coloratissime gonne ampie e i musicisti con ravanne e maravanne animeranno l’atmosfera di festa aspettando i fuochi d’artificio di mezzanotte. La cena di gala del 31 dicembre seguirà il tema delle festività dell’hotel, il “Festive Marine” e sarà caratterizzata da portate di pesce tra cui ostriche, aragoste e molto altro, che soddisferà i gusti più raffinati.

MTPA – Ente del Turismo Isola di Mauritius

L’Ente del Turismo Isola di Mauritius (MTPA – Mauritius Tourism Promotion Authority), costituitosi in base al “MTPA Act” nel 1996, fa capo al Ministero del Turismo, guidato dall’Onorevole Xavier-Luc Duval. L’obiettivo dell’Ente, la cui Direzione è affidata a Kevin Ramkaloan, è di promuovere in tutto il mondo l’isola di Mauritius come destinazione turistica, con lo scopo di incrementare il flusso di arrivi, aumentare la permanenza media e l’indotto generato dal turismo con particolare attenzione all’impatto ambientale e al turismo di alto profilo.

AL CALDO IN INVERNO – VACANZE SICURE – CUBA anche per il viaggiatore più esigente – Isole paradisiache fuori dai soliti itinerari

maldive tramonto palme ok

Gili Travangan 672 spiaggia esotico ok ok 2s

trinidad-cuba-classic-american-car-and-blue-colonial-building-in-streets-of-trinidad-253778359

CUBA … anche una crociera tra piccole isole per scoprire che non tutto è inquinato … il mare più  pulito è qui.

“ISLA JUANA”: CUBA

– Scoperta da Cristoforo Colombo nel 1492, nel suo primo viaggio verso le Indie, Cuba divenne parte del Regno di Spagna e fu chiamata “Isla Juana” in onore di Juan Principe delle Asturie. Nel 1555 l’isola fu conquistata dai francesi, nel 1762 dai britannici per poi ritornare agli spagnoli.

Terra natale di Italo Calvino, Cuba è un arcipelago che si compone di un’isola principale e di oltre un migliaio di isole e isolette (cayos), che fanno tutte parte della Repubblica di Cuba, a parte la baia di Guantanamo, che è stata data in “prestito” agli Usa nel 1903 come punto di rifornimento per le navi americane e ceduto definitivamente nel 1934.

Ecco qualche proposta  su Cuba:

CROCIERA NEI GIARDINI DELLA REGINA

Lungo la costa dell’isola di Cuba si trovano, protetti dalla terza barriera corallina del mondo per estensione, Los Jardines de la Reina è un arcipelago composto da centinaia di isolotti assolutamente vergini (cayos) che rimangono senza nome anche sulle migliori carte geografiche locali.

L’acqua è limpidissima e il paesaggio di una bellezza che toglie il respiro: tunnel, canyon profondi ricoperti di coralli, gorgonie e spugne di ogni colore, ci fanno sentire parte integrante di questo mondo meraviglioso.

Per il dormire si può scegliere tra l’albergo galleggiante Tortuga e le barche da crociera, La Reina, Halcon, Caballones e Avalon Fleet I.Tortuga è una barca in acciaio, ancorata in un canale ben protetto, di circa 1.000 metri quadrati divisi su 2 piani, con 7 cabine per gli ospiti; La Reina è uno yacht a motore di 65 piedi con 4 cabine doppie; l’Halcon è uno yacht a motore di lusso di 75 piedi, con 6 cabine doppie; Caballones è uno yacht a motore di 60 piedi 6cabine doppie con bagno; Avalon Fleet I è uno yacht di lusso, a motore, di 108 piedi, con 8 cabine doppie/triple. Il soggiorno di 7 giorni/6 notti parte da 2.292 euro per persona in cabina doppia, in pensione completa con trasferimenti nautici e 15 immersioni.

L’AVANA & CAYO COCO
L’Avana e Cayo Coco, per conoscere la capitale cubana e godere del mare in una delle più belle spiagge del paese.

Situata nella parte orientale di Cuba, Cayo Coco è un’isola che fa parte dell’arcipelago detto Jardines del Rey ed è collegata alla terra ferma da una strada costruita sull’acqua lunga 17 chilometri.

L’hotel Sol Cayo Coco (4 stelle) si trova su una spiaggia di fine sabbia bianca, circondata da palme da cocco. Le camere si affacciano sul giardino, sulla piscina o sul mare. Tre i ristoranti a disposizione degli ospiti e tre i bar. Completano l’offerta le due piscine (con sezione per bambini), ampia gamma di sport (vela, catamarano, canoa, pedalò, windsurf, tennis, ping-pong, beach-volley, aerobica, water polo, tiro con l’arco, snorkeling, ecc.), baby e mini club, palestra, sauna, idromassaggio e massaggi, un centro internazionale d’immersioni vicino all’hotel. Il soggiorno di 9 giorni/7 notti parte da 1.760 euro per persona, in camera doppia (2 notti all’Avana in b&b e 5 a Cayo Coco in all inclusive), voli e trasferimenti.

lavana-centro-storico-patrimonio-unesco-2

TOUR CON AUTO D’EPOCA IN CASE PARTICULAR
A spasso per Cuba, con l’autista, a bordo di una cabriolet degli anni ‘50 per conoscere il Paese e la sua popolazione e dormire nelle Case Particular, selezionati b&b. Si comincia da L’Avana (la cui parte “vecchia”, Habana Vieja” è Patrimonio UNESCO) con la visita del centro città (Vedado), il Capitolio, la Plaza de la Revolucion, il Malecon, Plaza de Armas, Plaza de San Francisco de Asis, Plaza Vieja e Plaza de la Catedral. Quindi Pinar del Rio, dove viene coltivato il famoso tabacco Cubano (con visita di una fabbrica di sigari), poi la valle di Viñales per ammirare la bellezza dei mogotes (montagne di pietra tipiche di questa zona), il Parco Montemar e la città di Cienfuegos per visitare il Parco Marti, il Teatro Terry, il boulervard e il lungomare. Si prosegue per Trinidad (Patrimonio UNESCO) per camminare lungo le stradine in ciottolato e ammirare le sontuose residenze dei ricchi coltivatori che erano padroni della città (lasciate quasi integre dopo la decadenza a causa dell’abolizione della schiavitù nel 1883 e il successivo abbandono), il museo Historico Municipal, la Piazza Maggiore, il Museo Romantico, la Chiesa della Santissima Trinidad, il Bar la Canchánchara. Si prosegue per la Valle de Los Ingenios (Valle dei Mulini), quindi per Santa Clara con visita del mausoleo dedicato a Ernesto Che Guevara. L’itinerario di 10 giorni/8 notti parte da 1.380 euro per persona, in camera doppia in b&b, con voli, in auto d’epoca con autista.

“LA CHIAVE DEL GOLFO”
“La Chiave del Golfo”: così fu definita Cuba dai colonizzatori spagnoli per la sua posizione strategica, posta all’imboccatura del golfo del Messico, in un punto dove convergono le tre Americhe. L’itinerario parte da L’Avana e arriva a Santiago de Cuba, per scoprire l’architettura coloniale, la natura, il folklore e la vita quotidiana di un popolo assolutamente unico. Si visita L’Avana: la parte coloniale passeggiando per il centro storico (Patrimonio UNESCO), il Castello della Reale Forza, il Campidoglio, il Palazzo dei Governatori, la Piazza della Cattedrale e il Mercatino d’artigiani, la Bodeguita del Medio e il Palazzo dell’Artigianato; la parte moderna: la Piazza della Rivoluzione, la Rampa e il lungomare. Si parte per Viñales, la valle caratterizzata dai “Mogotes”, massicci rocciosi con pareti verticali e cime arrotondate, considerati le più antiche formazioni rocciose di Cuba, visita al Murale delle Preistoria (una grande pittura rupestre moderna che rappresenta l’evoluzione geologica e biologica dell’uomo e della specie). Quindi Santa Clara, con visita della città e della piazza della Rivoluzione (dove si trova il Mausoleo del “Comandante Ernesto Che Guevara”). Si prosegue per Trinidad (Patrimonio UNESCO), conosciuta come città museo, avendo conservato intatte le sue case, le strade e le piazze come erano secoli fa. Si prosegue per Sancti Spiritus per arrivare a Camaguey, uno dei primi sette villaggi fondato a Cuba dagli spagnoli, il cui centro storico è Patrimonio UNESCO, un insieme di diversi stili architettonici: dal neoclassico all’art déco, dall’art nouveau al razionalismo. Si riparte per la cittadina di Bayamo con Parque Cespedes, la piazza principale su cui si affacciano la casa del Poder Popular, la Casa de la Trova, il Museo Historico e la Casa de la Cultura. Quindi il Santuario de la Virgen de la Caridad del Cobre (Madonna del Rame, patrona di Cuba), che si trova nel villaggio del Cobre, in cima a una collina panoramica, di fronte alle antiche miniere di rame. Si arriva a Santiago per visitare il centro storico, con la caratteristica piazza della cattedrale, la Piazza Centrale Carlos Manuel de Céspedes, con i palazzi più celebri e le strade più importanti, con visita alla Caserma Moncada e al Morro di Santiago. L’itinerario di 9 giorni/7 notti parte da 2.087 euro per persona in camera doppia, in pensione completa, voli, trasferimenti e tour in pullman.

I PREZZI SI RIFERISCONO AL T.O. EVOLUTION TRAVEL

http://cuba.evolutiontravel.it

www.evolutiontravel.it